Fesserie appriesso appriesso

Stampa questo copione

LOGO COMPAGNIA

 


COMMEDIA COMICA IN DUE-TRE ATTI DI

PASQUALE CALVINO(Posizione SIAE n.180531)

da “UNA BUGIA TIRA L’ALTRA” di Pasquale Calvino e Francesco Romano. Per ulteriori adattamenti:dimunuzione o aumento numero personaggi maschili e femminili, battute…scrivere a:

 calvinopasquale@gmail.com

Pagina facebook: pasquale calvino giordano

(Per evitare problemi la commedia va dichiarata alla SIAE con il titolo originale “UNA BUGIA TIRA L’ALTRA”(2013) di Pasquale Calvino(180531) e Francesco Romano(non iscritto SIAE) depositata alla SIAE di Napoli)

Liberamente ispirata a

“’NU FIGLIO A POSTICCIO”

di EDUARDO SCARPETTA

(1903)

Versione napoletana di

PAOLO DI PERNA(2015)

PERSONAGGI E INTERPRETI

(In ordine di entrata)

MARIO, padre di Renata          e suocero di Dante                            _____________________

ALBERTO MARENGHI, amico di Dante                         _____________________

LUIGI CARUSO                                                            _____________________

ARTEMIO SCHIAVONE, nipote di Dante                      _____________________

GISELLA, figlia di Dante                                                        _____________________

NINA SPOSITO, giornalista free-lance                        _____________________

DANTE FORTUNA                                                     _____________________

CARLA, moglie di Alberto                                              _____________________

RENATA, moglie di Dante                                              _____________________

GIORGINO, figlio di Luigi                                             _____________________

SIMONA ROSSI, in arte FANNY                                 _____________________

LAURA, moglie di Luigi                                                  _____________________

L’azione nei primi due atti si svolge a Portici. il terzo atto sul Monte Faito all’albergo Stabia.

LA STORIA

Un signore per spillare soldi alla ricca moglie la impietosisce dicendo di aver avuto in giovane età un figlio e di dover provvedere al suo mantenimento… ma le bugie quasi sempre creano complicazioni…

Ambientazione porticese, per questa trasposizione napoletana della più classica e frizzante farsa francese dalla quale prende spunto l’intreccio della nostra storia.

“Una bugia tira l’altra”, ovvero “Fesserie appriesso appriesso” e quando ci si è fatta l’abitudine è difficile smettere. Un primario ospedaliero ha accettato di fare il medico in provincia, vive la doppia vita di bravo dottore, onesto padre di famiglia e di viveur nei locali più alla moda di Sorrento. Una serie di eventi sfavorevoli però, mineranno il suo castello di bugie quotidiane alla famiglia, facendolo entrare in una gigantesca spirale che coinvolgerà, loro malgrado, tutti i personaggi che gli gravitano intorno, in una serie di situazioni grottesche ed esilaranti. Verrà smascherato il nostro protagonista? Chissà…

ATTO PRIMO

SCENOGRAFIA CONSIGLIATA

Un interno di casa dei giorni nostri. L’azione si svolge in casa Fortuna.

A destra un divano, una poltrona, un tavolino con dei giornali. Sulla sinistra tavolo / scrittoio. Al centro una vetrata dalla quale aprendola si vede il giardino e si accede allo stesso sia da destra che da sinistra (Nel primo atto la vetrata rimane chiusa). A sinistra della scena, in fondo, c’è la comune, accanto alla porta della cucina. A destra della scena due porte, una della camera matrimoniale di Dante e Renata, l’altra della camera di Gisella. Alle pareti ci sono dei quadri ed in giro elementi d’arredo vari.

SCENA PRIMA

(MARIO, poi ALBERTO)

A sipario ancora chiuso con il buio parte il sottofondo musicale “Donna” del Quartetto Cetra, si apre il sipario, si accendono le luci e dalla cucina entra Mario. Ha un vassoio in mano con sopra tutto il necessario per la colazione, che dispone sul tavolo. Sfuma il sottofondo musicale.

Mario             (Lamentandosi borbotta, appoggia il vassoio sul tavolo e inizia a sfogarsi) Ma addò steva scritto: io ca songo stato capo ‘e ll’ufficio personale d’‘a ditta addò aggio faticato 40 anne… io ca songo stato ‘o sinneco d’‘o paese mio… io ca aggio vissuto dint’‘a città pe’ ‘nu cuofeno ‘e anne, abituato a tutt’‘e cummudità… (Sconsolato) Stongo ccà, dint’ ‘a casa ‘e figliema e d’‘o marito (Con tono quasi canzonatorio) ‘o miedeco… ca nun ce sta maje… m’aggio arredutto a m’appriparà io sulo ‘a colazione, e chesto pecché? (Facendo segno verso l’interno) Pecché lloro… hanno licenziato ‘a cammarera pe’ sparagnà. (Squilla il telefono, va a rispondere) Pronto?... Il dottore non c’è, ma dite pure a me che è comme si parlasseve con lui… siamo la stessa cosa… Come?!... Avete un forte mal di testa?... Tenete in casa un analgesico?... Comme?... State vuje sola?... Ma ch’ avite capito?! L’analgesico non è una persona, è ‘na pillola! Andate in farmacia a comprarlo, l’analgesico, e pigliatavenne uno per via orale… Ho detto orale, non anale… Signora via orale significa v’avite ‘a piglià ‘e ppillole pe’ bocca… No, no, nun pozzo venì a ve fà ‘a visita!... Sì, sì, pigliatevi l’analgesico e telefonate cchiù tarde… (Riattacca) Nun sulo aggio ‘a fà ‘o servitore, mò aggio ‘a fà pure ‘o segretario a mio genero. Mia figlia ha ereditato una fortuna ‘a ‘na zia d’‘a soja, s’ha spusato ‘nu miedeco e isso dice ca dobbiamo fare economia… avimmo ‘a sparagnà! Ma io aggio indagà, aggio ‘a capì… figliema piglia ‘o pesone ‘a ‘nu palazzo sano sano… 24 appartamenti tutti affittati, negozi affittati… (Sta per sedersi ma squilla di nuovo il telefono e va a rispondere) Pronto?... Il dottore non c’è, di che cosa avevate bisogno?... Vostro figlio scotta come una brace, secondo voi tene ‘a freva alta e vulite sapè chello ca s’ha da fà?... (Risponde innervosito) mettitece ‘nu termometro, accussì ‘o ssapite si tene ‘a freva! (Riattacca, va verso il tavolo) Arrivo a me vevere ‘na tazzulella ‘e ccafè stammatina?

Alberto        (Entrando dalla comune con un mazzo di fiori in mano) Buongiorno Mario.

Mario             Addio caffè… Ueh, Albè…si venuto ampressa stammatina? Scommetto ca t’han-no jettato ‘a coppa ‘o lietto.

Alberto        (Sospirando) Eh, proprio jettato no, però poco c’è mancato! Ormai è accussì, cu’ muglierema a ‘na certa ora m’aggio aizà a fforza. Io nunn’‘o saccio, ma ultimamente tene ‘nu nervoso ‘ncuollo… Continua a menà cavece pe’ ttramente je dormo!

Mario             (Ridacchiando) ‘O vuò ‘nu cunziglio? Quanno accummencia a menà cavece, dancenne pure tu a essa ‘nu paro fatti bene lloco (Indica il sedere), e vide come lle passa ampresso ‘o genio ‘e menà cavece!

Alberto        Caro mio, si ‘e cavece fossero carte ‘e cinche euro a chest’ora saraggio milionario! Figurati ca a furia ‘e ce ne dà m’aggio struppiato sotto ‘o pede! Chella, quando dorme, nun sente manco ‘e ccannunate!

Mario             (Ridacchiando) E allora l’hê attaccà.

Alberto        Comme si fosse ‘na cosa facile… ‘O fatto è ca quanno dorme tira cavece, e quanno sta scetata votta pure ‘e mmane!... Me chiava cierti cazzotte ca me fanno avutà ‘a capa pe’ ttre gghiuorne e lassano ‘o segno (Si tocca una guancia) pe’ ‘na semmana… Io tengo paura ‘e fà ‘nu femminicidio e allora incasso pe’ nun fà quacche fesseria… (A mezzo tra un sospiro e un rammarico) Ah! Si putesse turnà addereto cu’ ll’anne… (Cambiando discorso) Ma dimme ‘na cosa, Dante nun ce sta?

Mario             Sì, ma sta ancora dint’‘o lietto… E pure ‘a mugliera, Renata, cioè figliema… (Indicando il mazzo di fiori) Scommetto ca chillo è pe’ essa, è ‘ovè?

Alberto        Eh già, oggi festeggia ‘o nomme e ‘a nascita.

Mario             ‘O saccio bbuono, è figliema. Santa Renata vergine e martire!

Alberto        Vergine sicuramente no, visto ca tene ‘na figlia, ma martire sì. Povera femmena!... A figlieta m’avevo ‘a spusà, no a chell’arpia ‘e muglierema! (Passeggiando su e giù nervosamente, guarda l’orologio) Ma nunn’‘o ssaje quanno s’aiza? (Guarda l’orologio) ‘O tiempo passa e io… Ah, si tu sapisse…

Mario             Che cosa?

Alberto        Niente, niente… Nun t’‘o pozzo dicere. (Guarda l’orologio) ‘O tiempo passa e isso nun vene, vò dicere ca torno ‘n’ata vota. (Va verso il fondo, poi tornando verso Mario) Ah, si sapisse… robba ca nun se crede, caro il mio Mario! (Esce)

Mario             Mah, si nun songo normale nunn’‘e vulimmo. Io vulesse sapè chi è stato chillu scemo ch’ha fatto ‘nzerrà ‘e manicomie… (Rivolgendosi al pubblico) Chesta è ‘na gabbia ‘e matte… (Va per andare a sedersi. Si sente suonare il campanello) Aeh, ce mancava sulo ‘o campaniello… (Mario esce per ritornare subito dopo)

SCENA SECONDA

(LUIGI e detto, poi ARTEMIO)

Luigi               (Comparendo dalla comune) Scusate, il signore è in casa?

Mario             Sì e no.

Luigi               Come sì e no?... O sì o no!

Mario             Sì, è in casa, ma è comme si nun ce stesse, sta ancora a letto.

Luigi               Non fa niente, posso chiedere anche a voi. Sa per caso se è lui il proprietario di una villetta a Ercolano in via Panoramica?

Mario             Quella che vuole vendere o affittare?

Luigi               Precisamente.

Mario             Sì, è lui. Veramente ‘a villa è di mia figlia, comunque lui è il marito, il capo di casa, volete che lo vada a chiamare?

Luigi               No, non lo disturbate, tornerò più tardi, tanto devo trattenermi a Nola per degli altri affari. (Esce. Mario ritorna a sedersi per fare colazione)

Artemio        (È un ragazzotto non più giovanissimo, molto miope. Porta degli occhiali molto spessi, cappellino e calzoni alla zuava con calzettoni colorati. Entra rivolgendosi a Mario e nascondendo dietro la schiena un mazzo di fiori) Scusate giovanotto…

Mario             (Stupito) Giovanotto?

Artemio        (Riconoscendolo) Ah, seì tu?

Mario             (Ridendo) Sì, songh’io…

Artemio        C’era la porta aperta… Scusa eh, ma sono un poco distratto… Scusa, sai dove sta la-zia?

Mario             Sta a letto.

Artemio        Scusa, e lo zio?

Mario             Pur’isso.

Artemio        (Timidamente) Scusa, scommetto che pure mia cugina Gisella sta ancora a lietto…

Mario             Allora, pe’ primma cosa ferniscela ‘e dicere “scusa” ogni due parole.

Artemio        Ah, sì, scusa… scusa no…

Mario             (Gesto di stizza) Tua cugina Gisella si è già alzata.

Artemio        (Contento) Ah sì? E dov’è?... Dov’è?...

Mario             Sta in giardino, sta cuglienno ‘e sciure p’‘a festa d’‘a mamma.

Artemio        (Mostrando il mazzo di fiori che teneva nascosto) Pure io sono venuto per farle gli auguri. Dimmi, scusa… No, scusa no… Dimmi una cosa, ma parla mai di me?

Mario             Chi, zieta?

Artemio        Nooo… Gisella…

Mario             (Seccamente) Mai!

Artemio        Mai?! (Sospirando) Peccato, ero venuto per farle sentire una poesia d’amore che ho iniziato a scrivere per lei… La vuoi sentire?

Mario             (Controvoglia) Si proprio nun ne può ffà a meno… Sentimmo ‘stu poema…

Artemio        Non è un poema, è una poesia comme quelle di Giacomo Leopardi… (Estrae dalla tasca un foglietto, si schiarisce la voce) Titolo: “ Gisella”. “Gisella sei la più bella… Gisella sei meglio di una caramella…” (Attimo di sospensione) Comme te pare?

Mario             (Falso) Non c’è male… è sintetica… mi ricorda (Fa versacci mimici) Quasimodo… grande poeta…

Artemio        Grazie del ricordo, ma avrei preferito somigliare a Leopardi… (Riponendo il foglietto in tasca) Scusa… no, scusa no! Vado a finire di scriverla, torno più tardi… (Esce dal fondo facendo un altro sospiro lunghissimo, sbatte contro la piantana dell’attacca-panni) Oh, scusate reverendo, non vi avevo visto. (Esce)

Mario             (Osserva la scena, poi al pubblido) Povero guaglione, me fa ‘na pena!... Non capisce manco si quaccheduno ‘o sfotte…

SCENA TERZA

(GISELLA e detto)

Gisella          (Entra dal giardino con un bel mazzo di fiori, mostrandoli a Mario) Ciao nonno, come ti sembrano? Belli no?

Mario             Bellissimi!

Gisella          (Guardando il mazzo compiacendosi) Chissà come sarà contenta mammà!

Mario             Contenta? Contentissima!... Sono i suoi preferiti!

Gisella          Con chi parlavi?

Mario             Prima con l’amico del cuore di tuo padre, Alberto, che è venuto a portare un mazzo di fiori per tua mamma, poi con un signore che vuole comprare o affittare la villa a Ercolano… (Pausa, poi allusivo) e poi con il tuo affezionatissimo cugino Artemio.

Gisella          (Indiferente) Ah, sì?

Mario             Povero guaglione… è innamorato di te, è cotto… è stracotto comme ‘nu… pede ‘e puorco… Sospira sempre, me pare ‘nu mantice… Ha detto che fra poco torna ‘n’ata vota ccà.

Gisella          E vò dicere che quando ritorna io non ci starò più.

Mario             Ma comme? Chillo vene pe’ tte…

Gisella          E io non lo sopporto, è scocciante, è… antico!

Mario             Ma chillo stravede pe’ tte!...

Gisella          (Stizzita) E io no! A me nun me piace e poi è pure ridicolo! (Pausa) E poi, se vuoi sapere la verità, io la mia scelta l’ho già fatta…

Mario             (Con vivace curiosità) ‘Overo? Chi è?... Lo conosco?

Gisella          No, nun ‘o conosce nisciuno!

Mario             Neanche papà e mamma?

Gisella          Soprattutto loro! Si ‘o venessero a ssapè fossero capaci ‘e me fa spusà ‘e pressa espressa a fforza cu’ chillu coso quequero ‘e mio cugino… (Con energia) Perfino ‘o nomme me sta antipatico! Artemio… Dimmi tu comme fa uno a se chiammà accussì!... (Incominciando a tradirsi) Invece per esempio… Giorgino! Senti come suona bene… Giorgino!

Mario             (Al pubblico, poco convinto) Mah, a me me pareno tuttt’e dduje ‘e stesse… Artemio, Giorgino...

Gisella          Giorgino… (Scandendo) Gio r gi no!

Mario             (Assecondandola) Sì, sì, hai ragione è un bel nome… è pure elegante…

Gisella          Elegante e bello… (Estasiata) ma soprattutto è intelligente e colto. Ha due occhi che non si possono guardare per come sono belli… ti fulminano!

Mario             Scommetto ca nun è ‘e Portici!

Gisella          (Abbracciandolo) Nonno m’arraccumanno, nun te fa scappà niente…

Mario             (Calmandola) Stai tranquilla… lo sai che io tifo per te, no? (Cambiando tono di voce) Ma dimmi, addò l’hê cunosciuto?

Gisella          A Napoli, ad una festa all’università. (Estasiata) Ah, nonno, si tu ‘o vedisse, che bellu guaglione… Distinto, istruito, spiritoso, riservato… Abbiamo ballato tutta la sera insieme, poi ad un certo punto mi ha guardata fissa negli occhi e mi ha detto…

Mario             Aspetta… ti ha detto… ti amo?

Gisella          Ma che dici? Quando mai! Cheste so cose veccchie, banali, ca se dicevano ‘e tiempe tuoje, mò non si usano più!

Mario             (Stupito) ‘Overo? A furia ‘e stà luntano d’‘a città nun saccio niente cchiù… E mò cosa si dice?

Gisella          Tante cose… Ad esempio, mentre ballavamo un lento stretti stretti mi sussurrò con una voce tremante in un orecchio: (Cambia tono) “Sente anche lei che caldo c’è questa sera signorina?”

Mario             (Meravigliato) E chesto è tutto? Pure ai miei tempi s’abballava stretti stretti, si chiamava il ballo del mattone, e ‘o calore se senteva p’ati ccose…

Gisella          (Felice, continua il suo discorso) E poi, quando mi ha accompagnato al tavolo tutto commosso, mi ha detto: “Grazie signorina”.

Mario             (Incredulo, al pubblico) A confronto ‘e chisto Artemio è ‘nu scienziato. Chisto me pare proprio ‘nu chiochiero!

Gisella          (C.s.) E poi mi ha detto: “Adesso vado a casa e le scriverò una bella lettera”… (Cambiando tono) M’arraccumanno, guarda bene la posta… (Trasognata) Aspetto con ansia quella lettera…

Mario             E se non arriva?

Gisella          Arriva, arriva, me lo sento! Il cuore me lo dice e quando il cuore parla bisogna crederci, seguirlo… (Lirica) Và dove ti porta il cuore!

Mario             (Da dentro si sente fischiettare) Zitta, zitta, sta arrivando tuo padre, ‘o miedeco assenteista ca sta sempe luntano, fuori città… Ma addò va? Chi ‘o ssape? Nisciuno!

SCENA QUARTA

(DANTE e detti, poi ALBERTO)

Dante             (Entrando vede la figlia) Buongiorno Gisella!

Gisella          (Corre ad abbracciarlo) Buongiorno papà!

Mario             Buongiorno.

Dante             Buongiorno Mario… (Lo guarda) Buongiorno papà!

Mario             Ben alzato…

Gisella          Hai dormito bene?

Dante             Come un ghiro, però mò mi sento come una tartaruga, lento nei movimenti…

Gisella          E mammà, non si vuole alzare oggi?

Dante             Eh, che vuoi, oggi è la sua festa e allora se la prende un po’ più comoda.

Gisella          Papà ti sei ricordato dei fiori? Li hai prenotati?

Dante             Tutto fatto! Sono già pronti di là. (Indica una stanza) M’arraccumanno… (Si mette un dito davanti alla bocca per indicare di fare silenzio)

Mario             Io sarò muto come un pesce, anzi come una tomba, meglio ancora: come un pesce in una tomba!. Anzi, sapete che faccio? Vado giù al bar a prendermi un caffè, visto che qua nun sò stato cacchio ‘e m’‘o vevere! (Esce)

Gisella          Sai come sarà contenta mammà quando li vedrà?

Dante             E soprattutto quando le darò chello che tengo in tasca! (Toccandosi la tasca)

Gisella          (Molto curiosa) Che cosa è?... Dai, fammi vedere…

Dante             Nun se ne parla proprio! Quann’è ‘o mumento lo vedrai pure tu.

Gisella          (Abbracciandolo) Sai papà, sono orgogliosa di avere due genitori così. Tu vuoi un gran bene a mammà, è vero?

Dante             Ma che domande fai? Lo vedi tu stessa se le voglio bene, no?

Gisella          Oggi come oggi è proprio raro vedere due sposi che dopo tanti anni di matrimonio si vogliono ancora bene come voi due. Siete due mosche bianche.

Dante             (Ridendo) Più che mosche io direi mosconi…

Gisella          Papà quando mi sposo spero di trovare un uomo che assomiglia a te. Un uomo dolce, gentile e soprattutto fedele comme a tte.

Dante             (Imbarazzato, dà un colpo di tosse) Uhm… ma ce sta tiempo… La cosa importante è voler bene molto alla moglie, alla mamma dei propri figli. La fedeltà è… (Tossisce di nuovo)

Gisella          Dicevi?

Dante             No, niente, ‘nu poco ‘e tosse… (Altro finto colpo di tosse) perché stanotte abbiamo dormito con la finestra aperta. Avrò preso un po’ di umidità e sono un po’ rauco…

Alberto        (Da fuori) Non disturbarti, conosco la strada. (Entra con un mazzo di fiori in mano e va a stringere la mano a Dante) Buongiorno vecchia canaglia, comme jammo ogge?

Dante             (Dando un finto colpo di tosse) Si nun fosse pe’ cchesta tosse, bene.

Gisella          E voi come state, signor Alberto?

Alberto        Come vuoi che stia? Ringrazianno a Ddio ancora in piedi. Potrei stare meglio… ma potrei stare anche peggio… e allora m’accontento.

Gisella          Chi si contenta gode… E la signora Carla?

Alberto        Meglio ca nun ne parlammo. Nervosa come non mai! Ma che dico nervosa? Dovrei dire folle… schizofrenica… paranoica!... Comunque gode di ottima salute fisica, non mentale… purtroppo!

Gisella          (Ridendo e facendosi più in là) Ma che marito cattivo che siete… Vostra moglie è buona, è dolce…

Alberto        Seh (Ironico) è ‘na sfugliatella… (Si avvicina a Dante e a bassa voce) Dante…

Dante             Che c’è?

Alberto        (Piano) T’aggio dicere ‘na cosa urgente.

Dante             (Sussurrando) Aggio capito. (Ad alta voce) Gisella…

Gisella          Sì, papà…

Dante             Quando sò venuto qua dentro, mamma si stava vestendo ancora. Vai a vedere se ha bisogno di qualcosa.

Gisella          (Ridendo) Va bene. Ho capito, sono di troppo… Vado, vado… Arrivederci signor Alberto, salutatemi vostra moglie Carla. (Esce a destra ella camera di Dante e Renata)

Alberto        Grazie, riferirò. Ciao.

Dante             Allora, che c’è di tanto urgente?

Alberto        (Misterioso, sussurrando) Dante…

Dante             Eh…

Alberto        (C.s.) Dante…

Dante             (Spazientito) Sto ccà, dimme, ch’è succieso?

Alberto        Guardame bbuono ‘nfaccia.

Dante             Manco fusse ‘na bella femmena… (Guardandolo fisso) Jamme bello, te sto guardanno, e allora?

Alberto        Secondo te sono uno che fa mettere appaura?

Dante             No, sì uno ca fa vummecà… Infatti, guardannote bbuono, ‘overamente sì brutto!

Alberto        Allora tengo ragione io.

Dante             Jamme, nunn’‘a tirà a luongo, dice…

Alberto        (Dopo un attimo di sospensione) Muglierema Carla è addeventata gelosa all’inverosimile. Mò tene pure ‘o “delirio ‘e gelusia”, comme ‘a mugliera ‘e Luigi Pirandello…

Dante             Gelosa… (Ridendo) ‘e te?

Alberto        Sissignore, ‘e me, pecché, che ce sta ‘a ridere? (Bussano alla porta)

Dante             (Si guarda intorno e dato che non vede Mario va ad aprire) Quanno serve papà Mario nun ce maje! (Apre)

SCENA QUINTA

(NINA SPOSITO e detti)

Nina               (Donna sexy vestita da giornalista) Scusate tanto… Oh che bell’uomo! Mi dedicherebbe gentilezza solamente tre minuti del suo tempo prezioso? Sono una giornalista e vorrei farle una domanda… posso entrare? Le rubo solamente tre minuti.

Dante             (Inorgoglito e interessato) Ma certamente, si accomodi pure, con chi ho il piacere?

Nina               Nina Sposito, giornalista free-lance, il piacere è tutto mio. Lei è il signor…?

Dante             Dante Fortuna, a servirla, sono un medico.

Nina               Dante Fortuna, medico… allora sono fortunatissima!

Dante             Perché, stava cercando un medico?

Nina               No, ma perché ho capito subito che lei è una persona squisita, oltre ad essere, davvero affascinante, è medico e ha un cognome che è tutto un programma… “Fortuna”!

Dante             Le presento un mio carissimo amico, Alberto Marenghi. Non è fortunato ma è una brava persona.

Nina               Ma il suo cognome è “Marenghi”?

Dante             (Alberto non sa rispondere) Sì, “Marenghi”, le piace?... Il cognome…?

Nina               Mi piace il cognome, ma soprattutto mi piacciono i marenghi… i soldi… (Sorride)

Dante             E quello Alberto è ricchissimo! (Fa cenno all’amico di acconsentire) Mi presta sempre soldi che non riesco mai a restituire… me li porta fino a casa… Pure stamattina è venuto a portarmi 3.000 euro che mi servivano!

Nina               Benissimo, allora dopo (Lo guarda e si accarezza il decolletè) intervisterò, anche il simpaticissimo amico. (Le gambe di Alberto fanno “giacomo giacomo”) Dunque, sarò breve, io lavoro per una casa editrice che pubblicherà un libro sulla situazione economica delle famiglie campane… io vorrei sapere, sono sottoposta a segreto professionale e vi garantisco che non saranno fatti nomi, i vostri dati serviranno solo a fini statistici, dunque dicevo, vorrei sapere le vostre entrate. (Si accarezza il petto)

Dante             (Cerca di non rispondere) Ma vede, io non mi curo molto delle entrate… sono mia moglie e la mia commercialista che curano le cose là… le entrate.

Alberto        (Eccitato) Sì, s’, confermo! È vero, posso testimoniare che lui non cura le entrate… non sa niente… lui spende, cura le uscite!

Nina               (Enfatica, erotica) A me interessano sia le… (Allusiva) le entrate che le uscite… non voglio la precisione, mi interessa sapere, approssimativamente… più di centomila l’an-no… più di duecentomila…

Dante             Diciamo tra i 150 e i 200mila euro l’anno… Noi poi abbiamo molte spese…

Nina               (Scrive) E lei, simpaticissimo Alberto?

Alberto        Ma non so… fa tutto mia moglie…

Dante             (Piacione) Sì, è così, lui ha una moglie megera, ‘na strega… quelle donne che una volta si mandavano al rogo… mò che non esistono più la caccia alle streghe e i roghi… Lui ne ha sposata una… (Alberto gli fa cenno di no) Sì, ma tra poco sarà libero… Sta divorziando.

Nina               Capisco. Le donne devono essere dolcissime e comprensive verso i maschietti… Comunque, (Si alza) io tornerò per altre eventuali notizie e per sapere se vorrete comprare, a prezzo particolare, questo libro che sto scrivendo… Sapete, l’editore mi dà anche questo incarico di una prevendita a prezzi particolari… Ora devo salutarvi. (Dà la mano a Dante e lo abbraccia e lo bacia calorosamente, poi dà la mano ad Alberto ma non vorrebbe abbracciarlo, però Alberto si butta e l’abbraccia e la bacia, poi Nina esce)

Dante             Albè, tiene famma?

Alberto        No grazie, Dante, aggio fatto ‘na bella colazione stammatina.

Dante             E se vede ca nun t’è abbastata… t’‘a stive magnanno chella povera guagliona…

Alberto        E chella me piaceva assaje! Ma tu hê visto chill’uocchie? Parevano dduje fanale… e chella vocca? ?Na cerasella rossa e zucosa…

Dante             Pecché mò me vulisse fa credere ca cu’ chillu bbene ‘e Ddio tu hê guardato ll’uoc-chie e ‘a vocca…

Alberto        Pure ll’uocchie e ‘a vocca! Ma tu hê visto che cosce? E che bellu paro ‘e zizze? A me ‘e zizze me fanno ascì pazzo, ch’aggio ‘a fà, sono “colline di piaceri”… Che femmena meravigliosa! (Dante ride) E che tiene ‘a ridere?

Dante             Pecché, nun pozzo ridere?

Alberto        (Pensando alla moglie) A Carla nun ‘a supporto cchiù! È addeventata accussì gelosa che dint’‘a casa va truvanno sulamente cammarere vecchie e brutte.

Dante             E infatti chella ca tenite mò fa proprio schifo…

Alberto        Chi, Teresa? Chella è ‘nu Cesso cu’ ‘a C maiuscola… (Ripensandoci) Anzi no, nun è ‘nu cesso, i cessi cierti vvote sò belli… è peggio ‘e ‘nu cesso!

Dante             Nun aggio capito, ma è questa chella cosa urgente ca me vulive dicere?

Alberto        Nooo, ‘o problema è ‘n’ato.

Dante             ‘E che se tratta?... Parla!...

Alberto        Chella vipera ‘e muglierema, nun aggio capito ancora si ‘o ffà pe’gelusia o pe’ tirchiaria, ‘a ‘nu poco ‘e tiempo a chesta parte s’è misa ‘capa ca ha da tenè essa ‘e denari d’‘a famiglia e me passa sulamente 500 euro ‘o mese pe’ ‘e sfizie…

Dante             P’‘e vizie, vuò dicere… 500 euro ‘o mese?

Alberto        ‘A vierno, tutto sommato, ponno pure abbastà, ma quann’è ‘a primavera… Quanno rinverdisce tutte cose e ‘o sanghe accummencia a vollere dint’‘e vvene, capisce bbuono ca 500 euro ‘o mese nun songhe niente. ‘Na miseria! Manco ‘e pensionati s’ accuntentano ‘e 500 euro!

Dante             Effettivamente… Però mò stammo a settembre!

Alberto        Eh, ma pe’ mme ‘a primavera dura fino a Natale…

Dante             (Dandogli una pacca sulla spalla) Ih che bellu fetentone!...

Alberto        Allora, ajere m’aggio fatto prestà 200 euro da ‘o mostro…

Dante             ‘A chi?

Alberto        ‘A Teresa, ‘a cammarera… ‘o Cesso!… Mamma mia , è cchiù brutta ‘e ‘na multa ‘e ‘nu milione d’euro! Vabbuò, stevo dicenno, cu’ ‘sti 200 euro aggio cercato ‘e fà ‘o colpo: sò gghiuto ‘o circolo, aggio jucato a ccarte e…

Dante             Hê perduto tutte cose.

Alberto        Di tutto e di più! Pe’ me rifà aggio jucato sulla parola (Disperato) e aggio perzo ancora… Dante, aggio perzo ‘nu sacco ‘e denare! Tengo tre gghiuorne ‘e tiempo pe’ pavà ‘e diebbete… (Piange, abbraccia Dante) Comme faccio?... Io sorde nun ne tengo, a muglierema nun ce ‘o pozzo dicere … (Risoluto e tragico allo stesso tempo) Aggio deciso: m’ accido! Me sparo! (Fa per uscire, si ferma) No, nun ‘o pozzo fà, nun tengo ‘e sorde pe’ m’accattà ‘na rivoltella! (Breve pausa, tenta di nuovo di uscire) M’impicco!

Dante             (Lo prende per la giacca) Ma addò vaje? Viene ‘a ccà! Ma che morire e morire? Non dicimmo strunz… fesserie, mò ce ‘nventammo quacche ccosa, nun te preoccupà!

Alberto        No! No! Nun è possibile! (Piange)

Dante             Quanto hê perzo?

Alberto        (Affranto) 2000 euro.

Dante             2000 euro?

Alberto        (Abbassando la testa) Miettece po’ ‘e 200 d’‘a cammarera, 2200 euro.

Dante             E tu per una miseria ‘e chesta te vulisse accidere? Ma ‘o ssaje ca sì strunzo c’‘o core?! (Prende il libretto degli assegni e ne compila uno) Quanto hê ditto, 2200? Io te ne desse pure 3000…

Alberto        E comme faccio a te turnà addereto tutti ‘sti sorde?

Dante             Quanno me putarraje restituì m’‘e ddaje… Si nun ce aiutammo fra vecchi amici… Dunque, 2200…

Alberto        Ma tu hê ditto pure 3000…

Dante             (Rimane di stucco) E va buono, 3000…

Alberto        (Abbracciandolo) Dante… Dantuccio, tu sì ca sì ‘nu vero amico, m’hê salvato ‘a vita! (Piange)

Dante             E mò che faje, te miette a chiagnere? Jamme, nun fà ‘o criaturo…

Alberto        (Cambiando tono) Sinte, visto ca hê fatto trenta facimmo trentuno… Me vulisse dà 200 euro in contanti accussì ‘e ddongo alla cameriera?

Dante             (Prendendo il portafogli e porgendogli altri soldi) Ecco qua! Mò staje a posto? (Cambiando tono) Siente, ma ‘o ssaje ca sì ‘overamente ‘nu Strunzo cu’ ‘a esse maiuscola?

Alberto        E pecché?

Dante             Pecché nun te saje truvà ‘nu sistema pe’ te garantì ‘nu poco ‘e denare ‘a fore mano! Io, per esempio, p’avê cchiù denare ‘a muglierema, m’aggio inventato ‘nu sistema infallibile… (Ride soddisfatto) ‘nu stratagemma  diabolico…

Alberto        E allora dimmello pure a me ca ‘o faccio subbeto subbeto!

Dante             E io po’ fusse scemo?! Tu te facisse sgamà dint’a niente … No no, tu nun può ausà ‘o stesso stratagemma mio… però putisse dicere che sei molto malato, ca tiene bisogno ‘e mmedicine…

Alberto        Staje pazzianno? Già ce aggio pruvato e muglierema m’ha ditto: “Ci sta Dante, il tuo amico del cuore ca è miedeco… tiene pure ‘a cassa mutua, che vaje truvanno ‘e cchiù?” Dimmi ‘o stratagemmo atujo, nun ce ‘o ddico a nisciuno! Quanno io nun voglio dicere ‘e ccose sò comme ‘na tomba, t’‘o giuro ‘ncoppa… ‘ncoppa ‘e sorde ca t’aggio ‘a dà!

Dante             E va bene! Dunque, tu hê ‘a sapè ca, pure si songo spusato ‘a cchiù ‘e vinticinch’anne, ‘a vita e i piaceri d’‘o scapolo nun me l’aggio putute maje scurdà. Che t’ aggio ‘a dicere… (Si alza, pavoneggiandosi) è cchiù forte ‘e me. ‘E ffemmene pe’ mme songo tutte cose! (Sospirando) Specialmente po’ si songhe giovani e belle… Si po’ ce miette ca io piaccio… Che ce pozzo fà si piaccio… Dunque te dicevo, quanno muglierema, doppo 12 anni vissuti a Napule se n’è vuluta turnà a Puortece, me sò sentuto ‘n’ommo muorto. Io, abituato a Napoli… Quasi tutte ‘e sabbate partenze: ‘na volta Capri, ‘n’ata vota Amalfi, n’ata ancora Sorrento… Io jevo dint’a cierti posti addò ce stevene femmene cu’ ‘a pelle liscia, cu’ cierti ccosce ca parene dduje culonne, cu’ dduje muzzarelle e bufala… anzi, comme dice tu, cu’ dduje colline ‘e piacere… (Mima i seni)

Alberto        (Al colmo dell’eccitazione) Basta Dante, basta! Sennò…

Dante             (Continuando) …ed io pe’ ce putè annà aggio fatto credere a muglierema ca tengo ‘nu figlio ‘e ‘na trentina d’anne ca avette ‘a ‘na guagliona primma ca cunuscevo e me spusavo a essa.

Alberto        Nooo! E essa ce ha creduto?

Dante             Ehhhh! Figurati ca mò è essa ca m’arraccumanna ‘e nun abbandunà ‘stu guaglione e d’‘o jì a truvà si no tutte ‘e ssemmane almeno ogni quinnece juorne, e soprattutto ‘e nun le fà mancà mai niente!

Alberto        (Orgoglioso) Ma allora è cchiù cretina ‘e me?!

Dante             No, nun è cretina. È sulamente ‘na perzona cu’ ‘nu core gruosso assaje. Songh’io, invece, ‘nu criminale matricolato! ‘A ‘na parte me pento assaje ‘e chello ca faccio, tengo assaje rimorsi. Però in compenso amo mia moglie, l’ammiro, ‘a stimo, vulesse essere comme a essa… Ma po’ che vvuò, mica simmo tutte eguale… (Orgoglioso) Che colpa tengo si nun pozzo sta senza ‘e me spassà e soprattutto senza belli ffemmene?

Alberto        Ma pure a me me piaceno ‘e ffemmene, ‘a fore ‘e muglierema, se capisce… Aaah, le donne!... (Canta) “Donna, tutto si fa per te”…

Dante             (Continuando il discorso) Primma pe’ putè havê cient’euro avevo ‘a fà ‘e zumpe mortale, mò… (Vantandosi) tengo pure ‘nu cunticiello mio personale cu’ paricchie zeri…

Alberto        Che disgraziato, ‘e pienze proprio tutte… Comme hê fatto?

Dante             Ce aggio fatto credere ca tene bisogno ‘e cchiù ‘e cient’euro p’‘a machina, 200 p’‘e libbre… 1000 p’‘o monolocale… po’ miettece l’abbigliamento, ‘e ttasse universitarie… ‘Nu giovane medico, pure si sta fuori corso, tene bisogno ‘e tanti ccose, ‘e tanti denare…

Alberto        E essa t’‘e ddà ogne mese?

Dante             Sempre! Comme piglia ‘e pesone d’‘e ccase e d’‘e negozzie ca tene me versa chello ch’aggio havê pe’ chsitu mio… ipotetico figlio favezo.

Alberto        ‘A faccia mia! Te costa ‘n’uocchio d’‘a fronte ‘stu figlio!

Dante             (Fregandosi le mani dalla gioia) Libbertà, denare e divertimenti cu’ ‘a pala! (Mettendosi una mano alla bocca) Pe’ mmò a Surriento tengo sotto mano ‘na ballerina ‘e lap-dance ca è ‘nu zuccariello: se chiama Fanny!

Alberto        Ma fa ‘o spogliarello?

Dante             (Seccato) ‘O spogliarello ‘o fa sulamente a mme… comme a chillo ‘e Nove settimane e mezzo t’‘o ricuorde?... Fanny è ‘na stella del teatro, Primma ‘e venì a Surriento essa era ‘na stella d’‘o Moulin Rouge, ‘o locale cchiù famoso ‘e tutta Parigge. (Estasiato) Vedisse che ccosce… Ato ca chelle ‘e Lulù!

Alberto        Ma si primma faticava ‘o mulino… faceva ‘a farina?! (Dante lo guarda inebetito e Alberto cambia argomento) Tene ‘e ccosce cchiù belle ‘e chelle ‘e Lulù?! Me pare logico… Vuò mettere ‘e ccosce d’‘e ffemmene cu’ chelle d’‘e cane?...

Dante             Mulino… cani… ma ch’hê capito?

Alberto        Lulù, ‘o pastore tedesco ca tene…

Dante             Parlà cu’ tte e parlà cu’ ‘o muro è ‘a stessa cosa! Lulù era ed è ‘na cantante ‘e piano bar. M’è custata ‘n’uocchio d’‘a fronte!... (Sospirando) Lulù… Che portamento ca teneva… (Indica i fianchi) teneva quatt’uocchie, ddoje ‘nfronte e ddoje ccà… (Indica i seni) purtava ‘a quinta, nun saccio si me spiego… io ‘a guardavo quasi sempe ccà… (Indica il petto) Poi però ‘a lassaje pecché ‘a ‘ncucciaje ca me tradiva c’‘o pianista, (Con disprezzo) ‘nu musicante ‘a strapazzo, ‘nu certo Giorgino… Giorgino Caruso!

Alberto        Ma lieveme ‘na curiosità, tutti ‘sti ffemmene ‘o ssanno ca sì ‘nzurato? E si po’ sanno ‘o nomme tujo e te ricattano?

Dante             ‘O nomme mio? Fusse pazzo?! Arricuordate, ‘a primma regola è chella ‘e nun dicere maje ‘o nomme tujo ‘overo. Quanno sto cu’ lloro auso ‘nu nomme mio ‘e battaglia: Michele Trapano, industriale d’‘o settore metalmeccanico… (Portando la mano alla bocca ed avvicinandosi ad Alberto e facendo con la mano ed il braccio il gesto della trivella) Trapano, capisce a mme!... (Ride)

Alberto        Vuò sapè ‘na cosa? Nun me credevo ca tu ire accussì furbo.

Dante             (Vedendo Carla entrare con un mazzo di fiori) Statte zitto, sta venenno mugliereta Carla!

SCENA SESTA

(CARLA e detti)

Carla             (Sulla porta, bruscamente) Buongiorno!

Dante             Buongiorno, ueh, ciao Carla, come stai?

Carla             (Secca) Bene, grazie. (Ad Alberto) Ah, tu staje ccà, eh?

Alberto        (Timido) Perché, mi cercavi Carletta?

Carla             Sì, ti cercavo! (Con un bastone, furiosa, strattonandolo) Dice ca t’hê fatto prestà duicient’euro d’‘a cammarera, è ‘overo?

Dante             (Al pubblico) Mò siente!

Alberto        (Al pubblico) Uh anema d’‘a miseria, ‘o mostro l’ha sbruvignato tutte cose!

Carla             Allora vuò rispondere, sì o no?

Alberto        (Titubante) No… Cioè… sì.

Carla             Scommetto ca te servevene pe’ gghì a t’‘a spassà cu’ quacche femmena! (Gli dà uno schiaffo) Puorco!

Alberto        (Massaggiandosi la guancia) Ma che staje dicenno, Carletta, io…

Carla             E allora a che te sò servute ‘e duiciento euro?

Alberto        (A Dante) E mò che lle dico?

Carla             E allora?... Sto aspettanno ‘a risposta!

Dante             (Intervenendo per salvare l’amico) Carla tu non ci crederai, ma ‘a colpa è pure ‘nu poco ‘a mia. L’atu juorno a’mmo sfidato ‘na coppia d’amice a bocce, chi perdeva pavava ‘a cena… Io stevo cu’ Alberto…

Alberto        (Assecondandolo) Ecco… sì… ‘e bbocce…

Dante             Purtroppo, (Indica Alberto) isso a bocce è proprio negato, nun sape addò stanno ‘e casa e avimmo perduto. Io nun tenevo ‘o portafogli, isso nemmanco, pe’ cumbinazione ce steva Iolanda, ‘a propietaria d’‘bar o ca l’ha pigliate ‘a dint’‘a cassa, e Alberto se l’ ha fatte ‘mprestà ‘a essa. Po’ ce ha addimannato ‘o scarrafone… vulevo dicere a Teresa, ‘a cammarera vosta ‘e soldi pe’ ce ‘e restituì a Iolanda. Ma mò ‘nce è ppò restituì, proprio mò mò aggio saldato ‘o debbito mio.

Alberto        (Prendendoli) ‘E bbì ccanne ‘e duicient’euro, stanno ccà.

Carla             Non aggio capito ‘o riesto ‘e niente, comunque… (Prendendo i soldi) Vabuò, ‘nce ‘e ddongh’io a Teresa. (Cambiando tono, a Dante) Ma Renata addò sta?

Dante             Sta di là che si sta vestendo.

SCENA SETTIMA

(ARTEMIO e detti)

Artemio        (Entra, si guarda intorno e si dirige verso Dante) Senti zio, avrei bisogno di parlarti a quattro occhi e con cervello…

Dante             P’‘e quatt’uocchie nun ce stanno probblemi, ma p’‘e ccerevella ‘a veco nera.

Artemio        Dai, non scherzare, sono cose serie… Ho bisogno di parlare con te di cose urgenti e importanti e serie.

Dante             Artè, ‘e ccose importanti d’‘e ttoje oramai ‘e ssaccio a memoria comme l’Ave Maria… Dice, jamme…

Artemio        (Indicando Alberto e Carla) Ma veramente…

Dante             Parla, tanto Alberto e Carla oramai ‘o ssanno pure loro che cos’è l’amore.

Alberto        (Sospirando) È ‘a cosa cchiù soave d’‘a vita! “Amor omnia vicit”… L’amore tutto vince… “Amor che al cor gentile ratto s’apprende prese COSTEI (Indica la moglie) della bella person che mi fu tolta e il modo ancor m’offende…”

Artemio        Dante, il mio collega poeta… Come vorrei conoscerla anch’io questa gioia soave dell’amore ricambiato! E invece ancora niente. Sono proprio sfortunato!

Alberto        (Ad Artemio prendendolo amichevolmente sotto braccio) Nun t’hê abbattere accussì. Guarda ca ‘a gioia dura sulamente quanno sìte ‘nnammuratielle… fidanzati… poco doppoca te sì ‘nzurato, ‘e ffemmene (Accompagnando con il gesto della mano) cagnano ‘a così a così. Te cumannano a bacchetta, te sequestrano ‘o portafogli e quanno tiene voglia ‘e fà quaccheccosa lloro teneno mal’‘e capa… Artè, ‘o vuò ‘nu cunsiglio d’amico? Pienzece bbuono…

Carla             (Interrompendolo) Ma che ce staje dicenno?

Alberto        (Intimidito) Io? Niente!

Artemio        (Ansioso) Allora zio, si fa o non si fa questo matrimonio?

Dante             Mah!

Artemio        Come “Mah!?

Dante             Artè, ‘o ssaje bbuono ca sia io ca zieta fosseme cuntente ‘e te vedè ‘nzurato cu’ Gisella nosta, ma…

Artemio        Ma… ma… sempre ma! A me sembra che Gisella non sia troppo entusiasta di me? Io sono un poeta, dovrebbe essere felice di sposare un poeta e invece non mi calcola proprio. Vorrei sapere perché… perché?

Dante             Addimannancello a essa, anzi a sua madre. Sai, tra femmene si cunfidano sempe tutte cose… (Spingendolo) Và, và, addimammancello!

Artemio        Hai ragione, glielo domanderò, perché così non posso più vivere. (Sospira, si avvia e sulla porta prima di uscire si ferma e sospira di nuovo, poi esce verso il giardino)

SCENA OTTAVA

(MARIO e detti, poi LUIGI)

Mario             (Entra con un mazzo di fiori) Di là ci sta ‘o signore ca è venuto primma, dice ca vulesse affittà ‘a villa d’Ercolano.

Dante             Fallo trasì. (Ad Alberto e Carla) Scusatemi ‘nu mumento…

Carla             Fai pure, nuje ce jammo a ffà ‘na passeggiata dint’‘o ciardino. (Escono)

Dante             (A Mario) Può dicere pe’ piacere a Renata ‘e se dà ‘na mossa ca ce stanno visite?

Mario             Prego signore, accomodatevi. (Esce)

Luigi               (Entrando) Disturbo?

Dante             Ma vi pare, anzi… Prego accomodatevi, non fate complimenti…

Luigi               Grazie, troppo gentile.

Dante             Con chi ho l’onore?

Luigi               (Al pubblico) Io nun ce ‘o ddico ca me chiammo Luigi Caruso, non si sa mai… Lle dongo ‘o nomme ‘e battaglia.

Dante             Dunque, con chi ho l’onore?

Luigi               Antichi, commerciante di mobili.

Dante             Moderni?

Luigi               No, antichi.

Dante             A me piacciono assai i mobili antichi…

Luigi               Si vede che avete buon gusto, ma Antichi è il mio cognome.

Dante             Oh, scusatemi.

Luigi               Sono venuto per l’affitto della sua villa… villetta… se ci mettiamo d’accordo.

Dante             Vedrete che una soluzione la troviamo. E scusatemi l’indiscrezione, è per voi e vostra moglie?

Luigi               (Titubante) Sarebbe per… Vabbè, voglio essere franco. Io sono felicemente sposato, ma mangiare tutti i giorni la solita minestra… sapete com’è?... E allora…

Dante             (Dandogli un colpetto) Capisco benissimo. Voi vorreste la villetta per cambiare, diciamo così, pasto ogni tanto, eh? Delinquente!

Luigi               Vedo che avete centrato subito il problema. (Cambiando tono, eccitato) Posso farvi una confidenza? Tengo ‘na guagliuncella che mi adora!

Dante             (Dandogli un colpetto) Donnaiolo! (Al pubblico) Comme a mme…

Luigi               Allora facciamo l’affare?

Dante             Ma sì! Mi siete simpatico e allora vi faccio un prezzo speciale, 2000 euro al mese!

Luigi               (Al pubblico) Alla faccia d’‘o… prezzo speciale! E menu male ca lle songo simpatico, e si lle stevo antipatico?... (A Dante) Mi sembra un po’ caro, ma in certi casi non si guarda alla spesa. (Dandogli la mano) Sta bene, affare fatto! (Al pubblico, con soddisfazione) Chissà comme sarrà cuntenta Fanny! (A soggetto, gli firma una caparra o altro)

SCENA NONA

(GISELLA e detti, poi ALBERTO, CARLA e MARIO, indi RENATA ed infine ARTEMIO)

Gisella        (Rientrando) Sta arrivando mamma… (Riprende il suo mazzo di fiori passando davanti a Luigi) Signore…

Luigi               (Salutandola) Signorina…

Dante             (A Luigi) Mia figlia.

Luigi               (Al pubblico) Bella piccerella!

Gisella          (Chiamando verso il giardino) Signora Carla, signor Alberto, Artemio, nonno, venite!...

Tutti (dal giardino)           Eccoci!

Dante             (A Luigi) Sapete, oggi mia moglie festeggia il compleanno e l’onomastico.

Luigi               Allora se permettete rimango per farle i miei auguri. (Intanto Alberto e Carla entrano con i loro mazzi di fiori, poi Mario)

Gisella          Allora… Mettiamoci tutti in fila. (Tutti si schierano) Eccco, bene così! (Si apre la porta della camera) Attenti, eccola, eccola! Uno, due e… tre! (Compare Renata dalla camera)

Tutti              (Cantano) Tanti auguri a te, tanti auguri a te…

Renata           (Entra, ha in mano la caffettiera, la dà a Luigi che si scotta. Poi, facendo finta di essere sorpresa) Che bella sorpresa!

Gisella          (Dandole il proprio mazzo di fiori e baciandola) Auguri mammina!

Dante             Auguri!

Mario             Cento di questi giorni!

Renata           (Baciandoli) Grazie, sono commossa!

Alberto        (Facendosi incontro con la moglie) Tanti tanti auguroni!

Renata           Grazie, grazie tanto! (Baci)

Artemio        (Entrando un po’ trafelato con un mazzo di crisantemi) Ci sono anche io zia, tanti auguri! (Abbraccia Carla poi, guidato da lei, sbatte i fiori in faccia alla zia) Tieni, ti ho portato i fiori che ti piacciono tanto, guarda come sono belli…

Renata           (Prendendoli e facendo finta di nulla per non farglielo pesare) Grazie anche a te, Artemio, grazie a tutti!

Gisella          (Solo ad Artemio) Ma ti sembra il caso di portare un mazzo di crisantemi? Sì proprio ‘nu babbasone… ‘nu cretino!

Artemio        Crisantemi? Oh, mannaggia, che vergogna, mi sono sbagliato! Mentre ero in giardino ho posato sul tavolo i fiori che avevo comprato dal fioraio: le rose per la zia e gli altri da portare al cimitero alla nonna, allora invece di prendere le rose ho preso i crisantemi. Che vergogna!... Vorrà dire che mi rifarò con la poesia in versi fatta appositamente per te da parte mia.

Gisella          (Al pubblico) Sai che roba!

Renata           Leggi… sono tutta orecchi!

Artemio        (Legge emozionato) “Gisella sei la più bella, Gisella sei dolce come una caramella…”

Dante             Alèè!

Artemio        (Mortificato) No, no, scusatemi, ho sbagliato biglietto… (Tira fuori dall’altra tasca un altro foglietto) Eccolo: “Cara zia, tu non sai cosa ho nel cuore, ma è tanto il mio amore…”

Dante             (Togliendogli il foglio di mano ed applaudendo) Bene, bravo! Bellissima poesia!...

Artemio        Ma non ho finito!

Dante             Nun fa niente, ‘o riesto ‘o liegge dimane…

Renata           Povero guaglione!... (A Dante) ‘O putive fà fernì però!

Luigi               (A Dante) Scusatemi, ma io andrei anche via… (Gli dà la caffettiera)

Dante             Ohhh, perdonatemi… (Alla moglie) Vedi Renata, questo signore prende in affitto la nostra villetta di Ercolano. (Mette la caffettiera sul tavolo)

Renata           Ah, sì? Vedrete come vi troverete bene…

Luigi               Lo spero tanto. Allora ripasserò quanto prima per fare il contratto. Arrivederci a tutti. (Esce)

Carla             Beh, ce ne andiamo pure noi…

Renata           Perché? Restate un altro poco!

Gisella          Pranzate con noi!

Carla             Nun è possibile, aggio ditto ‘a cammarera ca jevo cu’ essa a ffà ‘a spesa.

Alberto        (Al pubblico) ‘A bestia e ‘o mostro! Appena torno a casa me sente ‘o mostro, Avite‘a vedè comme me sente!

Dante             Allora rimanimmo accussì: dimane ssera ‘a via ‘e ll’otto ce vedimme a piazza San CIro; jammo a magnà ‘o ristorante e po’ ce ne jammo a ballà. ‘A festa ‘e Renata s’ha da chiudere in allegria!

Carla             Puntuali m’arraccumanno! (Andandosene) Ciao…

Ren. + Gis.     Arrivederci. Ricordatevi che domenica siete tutti invitati a pranzo… (Tutti annuiscono)

Dante             (Ad Alberto, piano) Torna ccà tra mez’ora.

Alberto        Va bene.

Carla             (Da fuori con voce spazientita) Albertooo!... Vieni o no?

ALberto        Eccomi Carletta! (Esce insieme a Dante, Mario e Gisella)

Artemio        (A mezza voce) Zia…

Renata           Dimmi caro.

Artemio        (Sempre con tono dimesso e quasi balbettando) Hai saputo per caso qualcosa da Gisella?

Renata           Eh?

Artemio        Sì… insomma, sai mica se Gisella mi vuole bene o no?

Renata           E me l’addimanne a me?... Addimannancello a essa!

Artemio        (Con le mani raccolte dondolandosi) Ma io sono timido, mi vergogno…

Renata           Ma he vaje dicenno?... All’età toja, timido… Mò vatte a ffà ‘na bella passeggiatina dint’‘o ciardino…

Artemio        Ma io non ho voglia di andare in giardino, è tutta la mattina che passeggio!

Renata           Vai, ti dico. Po’ te manno Gisella, accussì parlate cujete cujete…

Artemio        (Con la gioia sul volto) Dici veramente?... Grazie! Speriamo che stavolta mi dica di sì…

SCENA DECIMA

(GISELLA e detta, poi DANTE, indi MARIO)

Gisella          (Rientra) Ooh, finalmente da soli!

Renata           (Sedendosi) Jamme, vieni a ffà colazione che il caffè e i cornetti sono ancora caldi.

Gisella          (Sedendosi) Ho una fame…

Renata           (Entra Dante) Dai caro, vieni pure tu a fare colazione insieme a noi.

Dante             ‘Nu mumento! (Mostrando a Renata un astuccio) Questo lo vuoi prima o dopo colazione?

Renata           Uuuh, pure il regalo? (Felice si alza e va verso il marito, prende l’astuccio, lo apre) Un anello d’oro! Bellissimo! (Bacia il marito) Grazie!

Gisella          Fammi vedere, mamma… (Si sente suonare il campanello)

Renata           (Alla figlia) Vedi che uomo speciale è tuo papà? Ti auguro che un giorno tu possa trovare un marito affettuoso e fedele come lui!

Gisella          È un augurio che mi faccio anche io.

Mario             (Entra, ha in mano delle lettere) Ecco la posta! (A Dante) Chesti ccà songhe ‘e ttoje…

Dante             Quanta roba oggi! Vediamo, vediamo… (Si mette a leggere)

Mario             (Continuando la distribuzione della posta) ‘Sta rivista è d’‘a toja. (La dà a Renata) Chesti ddoje lettere songhe pe’ Gisella, ‘sta rivista è pe’ mme e m’‘a vaco a leggere dint’‘o ciardino. Si me cercano nun ce stongo pe’ nisciuno. (Esce)

Gisella          (Prende le lettere e si mette a leggerle avidamente. Renata sfoglia la sua rivista. Gisella tra sé, sottovoce) Io lo sapevo!

Dante             (Dopo aver letto la prima pagina della lettera, tra sé) Quant’è bellella la mia Fanny! (Una fotografia esce dalla lettera e cade a terra)

Renata           Chi t’ha scritto, Gisè?

Gisella          Una mia amica di Roma…

Renata           (A Dante) Oh, guarda, t’è cascato qualcosa… ‘na fotografia…

Dante             (Prende la foto frettolosamente) Grazie, grazie… (Lontano, fra sé) È ‘na fotografia ‘e Fanny!

Renata           (Al marito) E a te chi ti scrive?

Dante             (Ammiccando per non essere visto da Gisella) È chill’amico ‘e Positano, t’arrricuorde?…

Renata           Aggio capito. (Prendendogli la lettera di mano) Famme vedè.

Dante             (Cercando di riprendere la lettera) Ma no… damme ccà… sarrà ‘a solita pubblicità…

Renata           (Legge) “Caro Trottolino, è inutile che tu venga a Positano perché sto partendo per Roma. Spedisci comunque sul mio conto bancario i soldi che mi hai promesso. Grazie e arrivederci, pensami… Fanny.”

Dante             Hê visto?... Fesserie!

Renata           Trottolino?!... Fanny?!...

Dante             (Agitato) Ma sì, strunzate… cose ca se fanno fra amici… Songo ‘e soprannomme ca ce devemo quanno ereme guagliune…

Renata           E l’amico tuo te chiede denare, è accussì? (Intanto Gisella passeggia per la stanza leggendo assorta la sua seconda lettera)

Dante             (Improvvisando) E che ce sta ‘e male?... ‘O padrone ‘e casa ‘e ll’amico mio ‘e Positano se chiamma… Fanny (Pronuncia come se fosse un nome maschile) Cavalli…

Renata           A me Fanny me pare ‘nu nomme ‘nu poco strano pe’ ‘n’ommo…

Dante             (Sudando freddo ma confermando) Pur’io ‘a prima vota ca ho sentette avette ‘a stessa impressione, e invece è accussì… (Improvvisando) Pecché hê ‘a sapè ca ‘o nomme sujo ‘e battesimo è Fantino, e ‘o cugnomme è Cavalli… Quanno se dice ‘o caso… (Risatina da ebete) A suo padre lle piaceveno ‘e ccorse d’‘e cavalle e l’ha vuluto chiammà a tutti i costi Fantino. Però pe’ ll’amice è stato sempe Fanny, pure pecché Fantino che razza ‘e nomme è…

Renata           Ah, aggio capito, ‘e denare songhe pe’ figlieto…

Dante             (Indicando Gisella) Statte zitta, ce sta Gisella! (Cerca di riprendersi la lettera) Ridammi chella lettera!

Renata           Aspetta, aspetta ‘nu mumento… (Leggendo) “Sperando di farti felice, ti mando la foto che mi hai chiesto…” Ma ‘a foto ‘e chi, ‘e figlieto?

Dante             Ma no! (Cerca di riprendersi la lettera)

Renata           Statte fermo!

Dante             (Disperato) È inutile, tanto nunn’‘o cunusce…

Renata           (Prendendo la foto) ‘Na femmena? E pure meza annuda!

Dante             Ma quà nuda! Sta in costume… in intimo…

Renata           Ma chi è?

Dante             Siente Renà, ‘o fatto è serio e grave assaje… Se tratta ‘e ‘nu sicreto ‘e famiglia…

Renata           (Spaventata) ‘N’atu figlio?!

Dante             No!... Ma quà figlio e figlio?!...

Renata           Ma allora ‘e chi è ‘sta fotografia?

Dante             (Fra sé) Maannaggia ‘a fotografia!... E mò che m’invento?!

Renata           Allora?...

Dante             (A bassa voce continuando ad improvvisare) M’arraccumanno, ha da rimmanè fra me e te…

Renata           Te vuò movere o no?!

Dante             E va bene Alberto… Pur’isso quann’era guaglione ha fatto ‘o stesso sbaglio mio. Pur’isso, poveru disgraziato, tene ‘na figlia.

Renata           Noo! Pure Alberto? Ma allora all’epoca era ‘nu vizio!?

Dante             Purtroppo sì! Pur’isso prima ‘e se ‘nzurà avette ‘na criatura ca ha fatto crescere ‘e nascosto d’‘a mugliera. E siccome teneva ‘o desiderio ‘e havê ‘na fotografia d’‘a creatura, aggio incarirecato l’amico mio p’‘a fà mannà a mme. ‘N’atu ppoco vene Alberto e s’‘a vene a ppiglià. (Fingendo commozione) Saje comme sarrà cuntento…

Renata           ‘O ccredo puveriello!... Ma chi l’avesse ditto maje ca pure Alberto…

Dante             Peccate ‘e gioventù, cara mia… Quanno uno è guaglione ‘o giudizio nun ‘o tene ‘ncapa ma dint’‘e cazune, cara la mia Renatina…

Gisella          (A parte, leggendo commossa fra sé) Gisella, ti amo… non faccio altro che pensarti. Con amore, Giorgino. (Saltellando di felicità) Il cuore me lo diceva che mi voleva bene!.

Renata           Belli nutizie Gisè? Chi te scrive pe’ te mettere accussì ‘e buon umore?

Gisella          (Ricomponendosi) Niente… un’altra amica che studia con me.

SCENA UNDICESIMA

(ARTEMIO e detti))

Antonio         (Appare sulla porta del giardino) Zia, è un’ora che aspetto, allora arriva o no?

Renata           (Sorridendo) Uh, m’ero scurdata! (Alla figlia) Gisella, vai in giardino a ffà vedè ‘e rrose nove a tuo cugino

Gisella          (Contrariata) Ma veramente…

Renata           Vai Gisella, vai… (Sottovoce alla figlia) T’ha dà parlà ‘e ‘na cosa seria e importante.

Gisella          Del suo amore per me, vero? (Avvicinandosi ad Artemio, lo prende per mano e lo porta a centro scena) Allora, ascoltami bene. Tu sei un bravo uomo, onesto, intelligente… (Al pubblico) mica molto… (Ad Artemio) Allora te lo dico una volta per tutte: miettete ll’anima in pace, perché il matrimonio fra me e te non si farà mai! (Sostenuta) Hê capito? Mai!

Artemio        (Barcollando e appoggiandosi al tavolo fa un grosso sospiro) Eeeehhh!

Renata           (Alla figlia) Figlia mia, e ‘nu poco ‘e tatto, e che marina! Accussì lle vene ‘n’infarto… ‘n’ictus… ‘n’aneurisma… ‘nu colpo a polpetta!

Gisella          Mi dispiace, ma è bene che lo sappia, così non rompe più. E poi, se lo volete sapere, (Estasiata ai genitori) sono innamorata di un ragazzo che ho conosciuto a ballare a Napoli. Bello, intelligente, (Mima) con due occhi meravigliosi, un naso, una bocca…

Artemio        Tutte cose che tengo pur’io!!

Gisella          Ma la sua è tutta un’altra cosa! (Sospira) Lo amo alla follia!

Renata           (Con le braccia al cielo) Alla follia?! Dante, hê ‘ntiso? Lo ama alla follia!

Dante             (Eccitato, al pubblico) Tutta suo padre!

Artemio        (Addolorato) Allora io…

Gisella          (Prendendolo sotto braccio, con tono dolce) Vedi Artemio, tu sei un gran bravo ragazzo, gentile, educato… Io ti voglio bene ma come cugino… Come fidanzato, marito… non sei il mio tipo, non abbiamo le stesse idee. Ad esempio, vai in discoteca?

Artemio        No.

Gisella          Vai a teatro?

Artemio        No.

Gisella          Ti piacciono le ballerine, le veline, ecc? (Occhiataccia di Renata)

Artemio        No.

Gisella          Vai al mare, in montagna?

Artemio        (Mortificato) No.

Renata           (Sobbalzando) Gisè, e basta!

Dante             (Al pubblico) Tutta suo padre!

Artemio        Ma io sono un ragazzo per bene!

Gisella          E chi lo mette in dubbio?!

Renata           (A Gisella) Ma nun m’hê parlato maje ‘e ‘stu guaglione.

Gisella          Perché non ero sicura che lui mi amasse, ma ora (Mostrando le lettere) ho saputo che an-che lui mi vuol bene e mi vuole sposare!

Dante             Spusà?!... Fermammoce ‘nu mumento! Prima ‘e se ‘nzurà vedimmo…

Renata           Certamente! Senza sapere chi è, chi nun è… Sposarsi…

Gisella          Ma io lo amo! (Esce di corsa piangendo a dirotto)

Artemio        (Goffamente tragico) Zia! Zio! Gisella mi ha dato una coltellata al cuore e una alla schiena! (Piagnucola)

Dante             (Al pubblico) Menu male ca ll’ha sparagnato ‘o fecato!

Renata           Viene ‘a ccà, nun te mettere a chiagnere, vedrai ca se sistemerà tutte cose…

Artemio        (Continuando a piangere) No! Me lo sento! Non mi vuole! (Batte i piedi in maniera infantile) Gisella… Gisella…

Renata           (Spazientita interrompendolo) Basta! Mò vattenne e torna cchiù tarde, po’ essere ca cagna idea…

Artemio        (Andandosene) Speriamo, se no mi faccio frate, frate di clausura! Mi taglio… una mano! (Esce)

Dante             (Passeggiando irritato) Chesta nun ce vuleva proprio. Purtroppo s’ha da fà in modo ca Gisella se sposa cu’ chillu ritardato cronico ‘e nepoteme, o si no chella capa tosta ‘e cainatemo me lassa senza manco ‘nu centesimo! E po’ ‘e beni suoje songhe diece vote ‘e nuoste… Nuje tenimmo sulamente ‘nu palazziello, quacche terreno, quacche negozietto… (La moglie lo guarda male) ‘e nuoste… ‘e tuoje… simmo ‘nzurate, chello ca è d’‘o tujo è pure d’‘o mio… è nuosto… (Pensieroso) ‘O ssaje ca doppo ca murette sorema sta tutte cose intestato a isso…

Renata           Ma si nun le piace, comme s’ha da fà?

Dante             S’‘o fa piacere ‘o stesso! Alla fine nuje ‘o ffacimmo p’‘o bene sujo! (Al pubblico) e p’ ‘o bene nuosto…

Renata           Nun te preoccupà, vedrai ca se tratta sulamente ‘e ‘nu capricciello passeggero. E po’ Gisella è accussì brava e ubbidiente ca alla fine farà chello ca lle dicimmo nuje.

Dante             Sperammo!

Renata           (Sospirando) Eh, si se potesse fà accussì pure pe’ chell’ata criatura, figlieto…

Dante             (Assecondandola e sospirando anche lui) Eh, ‘overo!

Renata           (Si va a sedere, poi con tono dolce) Dante, dint’a ‘sta casa manca quaccheduno… Quaccheduno ca nun è responsabile d’‘e sbaglie d’‘o pate e d’‘a mamma.

Dante             (Al pubblico, preoccupato) E mò addò vò arrivà?

Renata           Sienteme buono Dante, viene ‘a ccà, assettate vicino a mme. (Dante siede) È paricchiu tiempo ca te vulevo dicere ‘na cosa ca te farrà felice assaje. (Cambio luci e poi parte un sottofondo musicale che accompagnerà la scena seguente)

Dante             (Preoccupato, si alza, si risiede) Dimmi amoruccio.

Renata           Nun t’aggio ditto mai niente pecché m’aspettavo ca primma o doppo me l’avisse addimannato tu.

Dante             (Titubante) Io? Che cosa?

Renata           (Riprendendosi) Già… Forse nun ‘o ffacive pe’ delicatezza nei miei confronti.

Dante             (Deglutendo vistosamente) Io veramente ancora nun aggio capito…

Renata           Comme nun hê capito? Sto parlando ‘e figlieto!

Dante             (Al pubblico) Chesto me pareva ca ll’hevo capito, ‘o riesto ‘nu poco ‘e meno…

Renata           Dicevo, è arrivato ‘o mumento d’‘o fà venì dint’‘a casa nosta chillu povero guaglione. Ll’anne passano, tu accummience a invecchià e gghì annanze e addereto a Firenze, addeventa tuosto, tuosto assaje… Visto ca figlieto se sta pe’ se laureà, è meglio ca ‘o facimmo venì ‘e casa ccà, cu’ nuje. Po’ ‘e cliente tuoje te tradiscono pecché tu nun ce staje maje, e pe’ ffà ‘a libbera professione s’ha da stà ‘ncoppa ‘o posto… Figlieto te putesse pure aiutà… (Ripensando al figlio del marito) Quanno hê avuto figlieto io nun ce stevo, nun me canuscive… Ormai chello ca è stato è stato, o no?

Dante             (Agitato, sorridendo nervosamente) Ma tu ‘o ddice sulo pe’ me fà ‘nu piacere… Mica staje parlanno ‘overamente, è ‘overo?

Renata           Nun songo stata maje accussì seria! Ma che d’è, nun sì cuntento?

Dante             (Fingendo) Oooh… Contentone! (Preoccupato, si alza; al pubblico) E mò comme faccio?

Renata           Allora, che me dice? Pecché nun ce scrivimmo ‘na bella lettera e ce dicimmo ‘e venì ccà?

Dante             (Tentando di raddrizzare la situazione) No, nun se po’ ffà! E facimmo cunto ca se putesse fà, a Gisella che ce cuntammo?

Renata           Lle dicimmo ca è ‘nu cugino ca steva in America, in Francia, a Milano… ca rimanette orfano ed è venuto a stà cu’ nuje.

Dante             No, no, ‘nu guaglione dint’‘a casa cu’ ‘a figlia nosta io nun ce ‘o metto!

Renata           (Insistendo) Ma pecché, qual è ‘o probblema? (Cambiando tono, accarezzando il marito) Nun tene manco ‘a mamma…

Dante             (Subito) Vulata ‘ncielo!... Murette quann’isso nascette… (Cerca di piangere per finta ma fa ridere)

Renata           (Facendosi il segno della croce) Pace all’anima sua! Che lavoro faceva?

Dante             ‘A sarta, ‘a sarta da uomo. Io ‘nu juorno jette a me misurà ‘nu paro’e cazune, e prova ogge e prova dimane, arrivaje ‘o guaglione…

Renata           A proposito, ma comme se chiamma? ‘O ssaje ca nun me l’hê ditto maje?

Dante             Comme se chiamma? (Al pubblico) Bella chesta, comme se chiamma? (Alla moglie, sorridendo nervosamente) Se chiamma… se chiamma…

Renata           Comme?

Dante             (Agiutato) Ma vuò ca nun ‘o ssaccio comme se chiamma?

Renata           E allora? Comme se chiamma?

Dante             (Prendendo tempo, poi con difficoltà) Me pare ‘nu marisciallo d’‘e carabbinieri cu’ tutte ‘sti ddomande! Nun me lasse manco respirà! (Al pubblico) E che nomme ll’ammocco mò? (A Renata) Tu ‘o vvuò sapè proprio comme se chiamma?

Renata           E certamente! È comme si fosse ‘nu poco pure figlio mio.

Dante             Se chiamma… se chiamma… (Al pubblico) Mò l’ammocco ‘o nomme ‘e chillu miezu scemo ca faceva sempe ‘o cascamorto cu’ Lulù, ‘o carusiello… (A Renata) Se chiamma Giorgino!

Renata           Giorgino, e di cognome?

Dante             Caruso!... Giorgino Caruso! (Prende la moglie sotto braccio) Viene dinto ca te conto tutte cose. (Escono, mentre esce al pubblico) Mò vene ‘o bello, che l’ammocco? (Attimo di scena vuota, poi si sente suonare il campanello per due volte)

SCENA DODICESIMA

(MARIO, poi GIORGINO, indi DANTE e RENATA, infine ALBERTO)

Mario             (Si sente la voce dal giardino) ‘O campaniello!... Stanno sunanno… (Entra) Ueh, ma nun ce sta mai nisciuno ca arape ‘a porta, sa?! (Esce per ritornare subito) Prego, desiderate?

Giorgino       (Appare sulla porta) Cerco la signorina Gisella.

Mario             Chi devo dire?

Giorgino       Dite che ci sta Giorgino Caruso.

Mario             Aaah, ma allora tu sei quello della lettera!

Giorgino       Ma allora voi sapete…

Mario             Tutto, dalla A alla Zeta.

Giorgino       E come ha reagito?

Mario             Benone, adesso la vado a chiamare. (Uscendo, al pubblico) Nepotema tenarrà ll’uocchie foderate ‘e murtadella. Hêva ditto ca è bello, ma pe’ mme ‘e belle songhe fatte ‘e ‘n’ ata manera! (Esce)

Giorgino       (Si frega le mani) Meglio ‘e accussì nun poteva jì. (Sente la voce di Dante, va verso il giardino) Oh Madonnina Santa!... L’amante furioso ‘e Lulù! È meglio ca me ne vaco… (Esce di corsa)

Dante             Hê capito allora?

Renata           Sì, però tu…

Dante             Sissignore, aggio ‘ntiso pur’io. (Girandosi) Chi ha parlato? (Momento di silenzio)

Alberto        (Da fuori) Permesso?

Renata           Avanti, chi è? (Entra Alberto)

Dante             Ah sì ttu.

Alberto        Songh’io!

Renata           Lupus in fabula! (Battendo sulla spalla ad Alberto) Dunque pure tu, eh? Nun l’avesse mai ditto!...

Alberto        Che cosa?

Renata           Guarda che ce sta ‘ncoppa ‘o tavolo…

Alberto        Che ce sta?

Renata           ‘A fotografia, è arrivata proprio oggi.

Alberto        Quà fotografia?

Dante             (Piano ad Alberto) State zitto, fai finta ‘e niente, dici sempe ca sì… Po’ te spiego.

Renata           Jamme, nun fà ìp scemo pe’ nun ghì ‘a guerra, è arrivata ‘a fotografia ca stive aspettanmo.

Alberto        Ah, sì… quale?

Renata           Comme quale? (Gli dà la foto) Chella ‘e figlieta! Nun ‘a siente ‘a voce d’ ‘o sanghe yujo? (A Dante) Dante, viene cu’ mme, jammo a scrivere chella lettera…

Dente             (Seguendo la moglie, si rivolge al pubblico guardando Alberto) Povero Alberto! (Escono)

Alberto        (Gira e rigira tra le mani la foto e dopo averla osservata bene) ‘A fotografia è figliema? (Spaventato) E mò addò l’hê truvata questa mia sconosciuta figlia?... Dante!... Dante!... (Mentre scappa via si sente un sottofondo musicxale e si chiude il sipario)

Sipario

FINE DEL PRIMO ATTO


ATTO SECONDO

La stessa scena del primo atto.

SCENA PRIMA

(DANTE e RENATA

A sipario ancora chiuso parte il sottofondo musicale “Nessuno mi può giudicare” di Caterina Caselli, si apre il sipario e in scena ci sono Dante seduto sul divano con aria affranta e disperata che si asciuga gli occhi e si lamenta. Renata invece va su e giù per la scena, anche lei disperata ed agitata, che cerca di consolare Dante. La scena va avanti per qualche secondo poi sfuma il sottofondo musicale.

Dante             (Ha un telegramma in mano, piange) Che disgrazia!... Che disgrazia!... (Sulle gambe ha sette fazzoletti di lacrime)

Renata           Chi l’avesse maje ditto!

Dante             A chi ‘o ddice?... (Piange in modi diversi)

Renata           È proprio ‘overo, dint’a ‘stu munno nun se po’ desiderà ‘o riesto ‘e niente. (Pausa, poi a Dante) Purtroppo ce ne avimmo ‘a fà ‘na raggione.

Dante             Pe’ fforza! Dicevano ‘e viecchie: “Chi muore giace, chi vive si dà pace!”

Renata           Oppure se dice: “Male a chi resta!”… cioè a nuje. Alla fine però ‘a colpa nun è stata ‘a nosta.

Dante             (Risentito) No, no!

Renata           (Sospirando) Eh, ormai nun ce putimmo fà niente cchiù! (Avvicinandosi a Dante) Povero Dante, t’hê ‘a fà forza! Perdere ‘nu figlio accussì …

Dante             ‘Overo è stato ‘nu brutto colpo. (Esagerando) Sto tremmanno ancora, nun ce pozzo credere… Steva pe’ se laureà in medicina… Povero figlio mio! (Pianti a soggetto)

Renata           Pensa che mò isso sta riposanno in pace mentre pe’ nuje ce sarrà ‘nu periodo ‘e depressione luongo assaje, specialmente pe’ tte ca ire ‘o pate… Mò sai che faccio? Te vaco a priparà ‘na tazza ‘e cammummilla.

Dante             Grazie, accussì è capace ca me calmo ‘nu poco... Miettece 10 gocce ‘e ansiolitico.

Renata           Vado. (Esce)

Dante             (Appena la moglie è uscita, si alza di scatto, si frega le mani allegramente e incomincia a saltellare) E vai! È andata, è andata! Songo ‘nu mago, so meglio ‘e Silvan e Casanova mise ‘nzieme!

Renata           (Rientrando) Ma che staje facenno, te miette a ballà?

Dante             (Colto di sorpresa, improvvisando) Noo! È ca ‘o nervoso ca tengo ‘ncuollo (Muovendosi a scatti) me fa fà ‘sti ccose!... Guarda, guarda… (Gesticola in maniera buffa) ‘e ffaccio automaticamente!...

Renata           Vò dicere ca ‘a cammummilla ‘a faccio cchiù carica e ce metto 20 gocce ‘e ansiolitico. (Ritorna in cucina)

Dante             (Appena la moglie è uscita va a controllare che non ritorno e ricomincia a saltellare e a cantare)

SCENA SECONDA

(ALBERTO e detto)

Alberto        (Entrando dalla comune tutto allegro, a voce alta) Dante!

Dante             (Prende paura, poi vedendo l’amico) Tu hê murì ‘e subbeto!

Alberto        Dante, t’aggio ‘a fa ‘e complimenti, sì ‘o nummero uno! Aggio capito tutte cose: ‘a fotografia… ‘a guagliona…

Dante             E famme sentì, ch’hê capito?

Alberto        Ca si me vulesse addivertì pur’io aggio fà finta ‘e tenè ‘na figlia comme a tte, e vuò sapè ch’aggio fatto?

Dante             (Preoccupato) Ce l’hê ditto già a mugliereta?

Alberto        A muglierema?!... Ma pe’ cchi m’hê pigliato, mica so fessso?! Avesse pigliato sulo mazzate! Nun l’hê visto ‘o bastone ca se porta sempe appriesso?... Io ‘e fesserie ‘e ffaccio viaggià, che te cride?... (Piccola pausa con Dante che tira un sospiro di sollievo) Ce l’ aggio scritto!

Dante             (Sobbalzando) Ch’hê fatto? Ce l’hê scritto?

Alberto        Sì! L’aggio mannato ‘na raccomandata espresso anonima, senza firma… (Fregandosi le mani ingenuamente) E Mò vedimmo chello ca ne esce fore!

Dante             (Preoccupato) Ma ch’hê fatto?! Che ll’hê scritto?! Ma sì asciuto scemo allora?

Alberto        Ce aggio scritto ‘na lettera commovente, addò lle cunfesso il mio errore prematrimoniale. Ce aggio scritto ca quann’ero guaglione avette ‘na figlia cu’ ‘na cumpagna ‘e scola, ca po’ ‘a mamma è morta e ca perciò è rimasta sola al mondo e s’hadda aiutà. (Contento) Comme hê fatto tu… Aggio fatto buono?

Dante             Comme vulesse vedè ‘a faccia ‘e mugliereta quanno ‘a legge.

Alberto        Schiatta! (Fregandosi le mani soddisfatto) Accussì rimango io sulo! (Canta) “Libero, sono libero…” (Dante ride) Siente che bell’idea ca m’è venuta. (Ridendo) Pecché nun facimmo spusà figliema cu’ figlieto? Sai che bella coppia ‘n’ascesse? (Ride)

Dante             ‘Na coppia ‘e fantaseme… Nun se po’ ffà, nun è possibile.

Alberto        E pecché?

Dante             Pecché figliemo è muorto!

Alberto        (Stupefatto) Tu che staje dicenno? E quanno? (Inizia a piangere)

Dante             ‘Nu paro d’ore fa…

Alberto        Quando me dispiace, ch’è succieso? ‘N’incidente? ‘N’infarto? (Cerca di abbracciarlo)

Dante             No… L’aggio accisoo io d’urgenza!

Alberto        Comme comme comme?! Tu… tu hê acciso a figlieto?... E pecché?

Dante             (Con tono grave) Pe’ muglierema!

Alberto        Muglierema? Che ce azzecca Renata mò?

Dante             Pe’ ccolpa soja aggio avuto ‘a fa ‘nu figlicidio. Muglierema hêva deciso d’‘o fà venì a vivere dint’‘a casa cu’ nuje.

Alberto        Sò sicuro ca muglierema nun tenarrà maje ‘m’idea ‘e chesta!

Dante             Allora, doppo ca te ne sì gghiuto, songo asciuto cu’ ‘na scusa, aggio chiammato ‘o servizio dettatura telegrammi e ll’aggio dettato chesto facendo abbedè ca ero l’amico mio ‘e Roma. (Mostra il telegramma) “Tuo figlio morto questa mattina in un incidente stradale. Condoglianze”. Muglierema ha chiagnuto comme a ‘na funtana… e io m’ aggio libberato ‘a chillu burdello ca steva pe’ succedere. (Con aria soddisfatta) Che ne pienze? Songo ‘nu genio o no?

Alberto        (Dubbioso) Sissignore, sì meglio ‘e Leonardo da Vinci, però… mò quanno te vuò spassà ‘nu poco a Amalfi o a Surriento comme faje?

Dante             (Battendogli sulla spalla) Nun te preoccupà, quacch’ata cosa pure m’‘a ‘nvento. Pe’ ttramente c’‘a storia d’‘o funerale me ne vaco pe’ ‘nu paro ‘e juorne, po’ aggio fà dicere messe ogne mese, ogne anno… E invece me ne vaco a me spassà cu’ Fanny a Positano, ad Amalfi, a Capri, ecc…

Alberto        Nientemeno ca Pinocchio vicino a tte era ‘nu dilettante! Tu sì ‘o rre d’‘e buscie, tu ‘a buscia ‘a tiene dint’‘o sanghe, dint’‘o DNA!

Dante             (Soddisfatto) Nun esagerammo! Dicimmo ca songo ‘nu genio. Arricuordate: regola numero 1. Se devi dire una bugia dilla grossa. Cchiù è grossa e cchiù pare ‘overa!

Alberto        (Tirando fuori dalla tasca un blocchettino per appunti e una penna) Aspetta… (Scrivendo) …cchiù grossa… cchiù vera.

Dante             (Con aria da professore) Regola numero 2… (Sobbalzando perché sente che Renata sta rientrando in scena dalla cucina) Zitto! Sta venenno muglierema!... Leva ‘sta rrobba ‘a miezo!

SCENA TERZA

(RENATA e detti, poi GISELLA, indi, di passaggio, ARTEMIO)

Renata           (Entra con la tazza di camomilla che porge a Dante) Bive tesò, ca te fa bbene. (Ad Alberto sospirando mentre Dante beve) Albè, hê saputo d’‘a disgrazia?

Alberto        (Indifferente) Sì, mò mò me l’ha ditto.

Renata           (Piangendo e abbracciando Dante) Poveru Dante, chesta proprio nun ce vuleva!...

Dante             (Facendo finta di piangere) ‘Overamente… (Ad Alberto) E chiagne, scè, chiagne pure tu...

Alberto        Ah, aggio ‘a chiagnere pur’io? (Poi facendo finta di piangere) E ghiammo, ‘nu poco ‘e curaggio… Ce vò curaggio! Simmo uommene, primma o poi attocca a tutte quante!

Renata           Albè ce pienze? Proprio mò ca steva pe’ vven’ dint’‘a casa nosta!...

Dante             E ches’è ‘a vita! L’ommo propone…

Alberto        (Al pubblico) E ‘a femmena dispone.

Renata           (Piangendo) Fosseme state felice assaje! Poveru guaglione, doppo tant’anne se puteva godè finalmente ‘o pate… avesse truvato in me ‘na mamma e in Gisella ‘na sora… (Ad Alberto) Albè prego chella bella Madunnella ‘e Pumpei ca tu nun putesse pruvà maje ‘nu dulore accussì gruosso … pecché saccio ca pure tu tiene ‘na figlia…

Alberto        (Ingenuamente) Sì, ma pe’ mò sta bbuono, ringrazianno a Ddio!

Renata           (Asciugandosi gli occhi) Menu male!

Gisella          (Entra sorpresa) Beh? E perché piangete tutti?

Renata           Gisella… (Abbracciandola) Si tu sapisse!...

Gisella          Ma ch’è successo, ‘na disgrazia?

Renata           ‘Na disgrazia grossa assaje! È morto il figlio di… (Dante le dà una gomitata)

Gisella          (Insistendo) Il figlio di…?.

Renata           (Esitando) Il figlio di… Ma che te lo dico a fare, tanto non lo conosci…

Gisella          Non fa niente, dimmelo, il figlio di…?

Dante             (Irrompendo con forza) Alberto!... (Indicando) Suo figlio…

Alberto        (A parte) Eh?

Renata           Ieri stava benissimo…

Dante             E oggi trac! Kaputt, morto! (Piano ad Alberto) E vuò chiagnere, strunzo, si no commme ce crede?!

Alberto        (Confuso) Mah! (Piange esageratamente, a tratti comicamente, poi al pubblico, piangendo) Nun abbastava ‘na figlia, mò ne tengo dduje… Aggio fatto ‘’a coppietta

Gisella          (Ad Alberto con dolore) Mi dispiace signor Alberto… (Riprendendosi) Non sapevo che avevate un figlio…

Alberto        (Ingenuamente) Manco io…

Gisella          Come neanche voi?

Dante             (Intervenendo, alla figlia) Lascialo stare, non vedi che p’‘o dulore nun sape manco chello ca dice? (Ad Alberto) E chiagne, miezu scè! (Alberto piange esageratamente) Jamme, Albè… (Porgendogli la sua tazza di camomilla) Tiè, bivete ‘nu poco ‘e cammummilla, te farrà buono.

Gisella          Immagino il dolore di vostra moglie, poverina!

Alberto        Lei non lo sa.

Gisella          Non sa ancora che è morto?

Alberto        Non sa ancora che è nato!

Gisella          (Ai genitori) Ma che sta dicendo?

Alberto        L’ho avuto (Piangendo) di stramacchio… alla chetichella… fuori sede…fuori mano…

Dante             (Dà un calcio ad Alberto) Niente, niente… Per il troppo dolore straparla. È in stato confusionale. (Facendo finta di dare una pacca sulla salla ad Alberto) Su, su con la vita! Dai, andiamo al bar a fare una bella partita a scopa.

Alberto        (Sopra pensiero) Oh, chesta sì che è ‘na grande idea, jammuncenne!

Gisella          (Sorpresa) Come? È morto vostro figlio e voi pensate a giocare a carte?

Alberto        (Accortosi della gaffe si mette a piangere esageratamente) Lo faccio per distrarmi, altrimenti sto male… molto male…

Renata           Giusto! (Al marito) Puortalo ‘nu poco fore… (I due escono, Dante tiene la mano sulla spalla ad Alberto)

Gisella          Mammà, io nun arrivo a capì ‘stu fatto ca ‘o signor Alberto tene ‘nu figlio e ‘a signora Carla nun ne sape niente!

Renata           (Al pubblico) E mò che ce dico a chesta? (Alla figlia) Devi sapere che sia Alberto che Carla, non avendo figli propri… (A fondo scena Artemio passa non visto dai due e manda baci a Gisella. Renata va avanti con il discorso) avevano adottato un orfanello.

Gisella          E gli hanno dato il loro cognome?

Renata           Noo, teneva il cognome della madre naturale… morta.

Gisella          Aaah, ho capito. E comme se chiammava?

Renata           (Al pubblico) Bella domanda, comme se chiammava? (Alla figlia) Se chiammava… aspetta ca m’ha da venì a mente… (Al pubblico) Mò lle dico ‘o nomme d’‘o figlio ‘e Dante, che tengo ‘a vedè??

Gisella          Si chiamava…?

Renata           Se chiammava… (Facendo finta di pensare) Giorgino! Sì, Giorgino Caruso. (Gisella barcolla, lancia un grido acuto e si lascia cadere tra le braccia di Renata) Gisella!... Gisè, che ttiene?... Dincello a mamma toja! (Chiamando) Papà... Papà… curre, viene subito ccà!

SCENA QUARTA

(MARIO e dette, poi GIORGINO)

Mario             (Entrando) Oh Mamma d’‘o Carmene! È svenuta Gisella!... Gisella!... Gisè!...

Renata           Damme ‘nu poco d’aceto… Addò sta l’aceto?

Mario             (Confuso) Nun ‘o ssaccio, starrà ‘a llà, dint’‘a cucina!

Renata           Dacce ‘nu sguardo e si se sceta nunn’‘a fa movere, ‘o vaco a ccercà… (Mario prende il posto di Renata che va in cucina. Nel frattempo Gisella ritorna in sé e si guarda intorno smarrita)

Mario             Gisè, a nonno tuo, comme staje?

Gisella          Addò sta mammà?

Mario             È gghiuta dint’‘a cucina a ppiglià acito.

Gisella          (Piange) Nonno, che disgrazia!... Che disgrazia!

Mario             Ch’è succieso?

Gisella          Giorgino, il mio Giorgino!... nun ‘o vedarraggio maje cchiù! (Piange)

Mario             E pecché?

Gisella          Pecché è muorto! Capisci, nonno?! È muorto!

Mario             Ma quanno? ‘Nu paro d’ore fa steva ccà!

Gisella          Forse avrà saputo ca mammà e papà mi vogliono far sposare Artemio e isso s’è suicidato. Nonno, voglio murì! (Piange sulla spalla di Mario, intanto Giorgino appare dalla comune)

Renata           (Centra con la boccetta dell’aceto in mano) Ccà sta acito…

Giorgino       (Dal fondo, non visto, entra) Sperammo ca chella faccia ‘e alloccuto scemo e ‘mbriacone d’‘o signor… m’aggio scurdato ‘o nomme … ex amante ‘e Lulù se n’è gghiuto! Si chillo me vede, certamente s’arricorda ‘e quanno l’aggio purtato via a Lulù! (Poi forte) Permesso.

Renata           (Girandosi) Avanti… Neh, ma vuje chi site?

Giorgino       Io? Io sono Giorgino Varuso. (Scompiglio generale: Renata urla, nella furia versa l’aceto negli occhi a Giorgino e scappa in camera sua; Gisella corre nella propia camera seguita da Mario che cerca di spiegare. Giorgino asciugandosi gli occhi) Che cancaro è sucieso?! Se ne fujene tutte quante… Che razza d’accoglienza è cchesta? Pe’ poco nun m’accecavano!

SCENA QUINTA

(DANTE e detto, poi ARTEMIO)

Dante             (Comparendo dal fondo con il giornale in mano) Mamma mia e che fetumma d’aceto! (A Giorgino, voltato di schiena) Prego, desiderate? (Giorgino si gira) Giorgino Caruso? E che ce fa ccà?!

Giorgino       (Al pubblico) L’ex amante ‘e Lulù! (Si ricorda il nome) ‘O signor Michele Trapano? Sperammo ca ll’è ppassata…

Dante             (Al pubblico) E io ca aggio ditto a muglierema ca era muorto!

Giorgino       (Cercando di sdrammatizzare) Oh, il signor Trapano, come state?

Dante             (Meravigliato) Trapano? (Rammentandosi, tra sé) Ah, già, isso me cunosce comme Michele Trapano… (A Giorgino) Bene, bene…

Giorgino       (Tendendogli la mano) Mica state ancora arrabbiato cu’ mme?

Dante             Veramente, signor Caruso… signore pure si nun site stato maje… Signore… ce vò ato pe’ ffà ‘nu signore… caro Caruso… caro se fa pe’ ddicere…

Giorgino       E jamme, due uomini di mondo come noi, due donnaioli di serie A, non devono litigare si uno porta via l’amante all’ato! Oggi pò capitare a te, dimane a ‘m’ato… E po’, appena aggio saputo che Lulù era la tua amante, l’aggio lassata a morte ‘e subbeto!

Dante             Pur’io, ‘o ssaje?

Giorgino       Nun s’hadda mai fa questione pe’ ‘na femmena! (Ridendo) Dicono che ce ne stanno sette per ogni uomo ‘ncoppa ‘a faccia d’‘a terra. E infatti doppo dduje juorne m’ag-gio miso subbeto cu’ ‘na guagliona ca è ‘nu zuccarioello. (Mimando) Bella, cu’ cierti ccurve ca me pare ‘a Custiera Amalfitana… Bona dint’a ll’anema d’‘a mamma… ‘na certa Fanny…

Dante             (Scattando) Fanny? Chella ca abballa ‘a lap-dance?

Giorgino       (Calmo) Bravissimo, Fanny, ballerina ‘e lap-dance. ‘O nomme Fanny ce l’aggio suggerito io ricordando ‘o rumanzo “Fanny Hill, memorie di una donna di piacere di Cleveland”… È ‘nu piacere… è stupenda Fanny quanno abballa ‘a lap-dance!

Dante             (Furioso) Cheste so ccose ‘e pazze! Robba ca nun se crede! Robba ‘a Santi Uffizzi! Ma allora è ‘nu vizio, m’‘o ffaje apposta? Te piglie tutte ll’amante meje!... Primma Lulù e mmò Fanny!

Giorgino       E vabbuò, ma tu tiene cchiù amanti ca capille ‘ncapa! Comunque te pozzo assicurà ca pure cu’ Fanny nun c’è stato niente, anzi, si vuò sapè ‘a verità è fernuto tutte cose!

Dante             (Infervorato) Chesto è chello ca dice tu!

Giorgino       Chesta è ‘a verità! Anzi, te dico ‘n’ata cosa: Fanny m’ha ditto ca aveva jì…

Dante             …a Roma…

Giorgino       Te l’ha ditto pure a tte?... È ‘na buscìa! Aggio saputo ca s’è sistemata cu’ ‘nu riccone ottantenne… Io caro amico, si proprio ‘o vvuò sapè, m’aggio scucciato ‘e chesta vita ‘a scapestrato. Aggio deciso ‘e mettere ‘a testa a posto, ‘e me fà ‘na famiglia!

Dante             ‘E te fà ‘na famiglia… (Allusivo) In che senso?

Giorgino       Nel senso normale… Me voglio ‘nzurà!

Dante             (Ironico) Ah, te vuò ‘nzurà?... E cu’ cchi?

Giorgino       Sì, me songo ‘nnammurato.

Dante             E chi è chesta, ‘na ballerina ‘e “pole-dance”, ‘e lap, ‘na spogliarellista o ‘n’attrice porno?...

Giorgino       No, è ‘na splendida guagliona ca aggio canusciuto ‘na vota ca jette a Napule a ballà.

Dante             (Sospettoso, fra sé) A Napule a ballà? Tengo ‘nu bruttu presentimento.

Giorgino       Tu come collega playboy m’avisse ‘a fa ‘nu piacere…

Dante             Io? ‘Nu piacere a tte?

Giorgino       Sì! Je penzo ca tu sì ‘n amico d’‘o patrone ‘e ‘sta casa.

Dante             Dicimmo ca ce canuscimmo ‘nu poco, ecco…

Giorgino       Allora me putisse mettere ‘na bbona parola pe’ mme cu’ ‘o pate e ‘a mamma pe’ me fà spusà ‘a figlia lloro, Gisella.

Dante             (Si trattiene a stento, al pubblico) È isso! È isso ‘o carugnone ca ha fatto ‘nnammurà a figliema… Mò t’aggarbo io!

Giorgino       Allora m’‘a faje ‘sta cortesia? ‘O ppassato è passato, chello ca è stato è stato! Tanto fra me e te nun ce stanno cchiù rivalità, è giusto? Allora me vuò dà ‘na mano o staje ancora ‘ncazzato cu’ mme?

Dante             (Fingendo clamorosamente) Ma quà ‘ncazzato, viene ccà, assettammoce, dammoce ‘o ttu… (Ci pensa) No, chillo già ce ‘o simme date… Da colleghi amatori. (Si siedono) Pe’ te fa abbedè ca nun ce ll’aggio cu’ ttico te voglio avvisà ‘e ‘na cosa…

Artemio        (Passa sul retro della scena, ha un retino in mano e cerca goffamente di acchiappare qualcosa)

Giorgino       (Lo vede, quindi a Dante, indicandolo) E chi è chillo?

Dante             (Non vedendo nessuno perché Artemio è dietro di lui) Chi?

Giorgino       (Indicandolo) Chillo…

Artemio        (Viene avanti e saluta Giorgino) Oh, buongiorno signore. Io sono Artemio Schiavone…

Giorgino       (Sorridendo) Ah, Schiavone, che fa pure rima con coo…

Artemio        Con coo…?

Giorgino       (Riprendendosi) No, dicevo… cooomplimenti, bel nome e… soprattutto bel retino! Io sono Giorgino Caruso, piacere… (Gli porge il biglietto da visita)

Artemio        (Ridendo) E fa rima con… (Legge il biglietto) “Giorgino Caruso, amatore – Massima discrezione – Orgasmo garantito e senza bebè – Telefono…” Che bello! Lo farò anch’ io se la mia amata mi dirà di no!

Dante             (Ad Artemio) Se po’ ssapè che stai facendo?

Artemio        Eh, eh, eh… Sto cercando di pigliare un toccaprugnaccole!

Dante             ‘Nu toccaprugnaccole? E che cacchio è?

Artemio        (Ingenuamente) Boh! Ancora non ne ho pigliati, appena ne prendo uno te lo faccio vedere.

Dante             (Spazientito, lo spinge fuori) Va, va, vattenne!... Nun ‘o vvide ca tengo che ffà cu’ ‘stu signore?! (Riprendendo il discorso con Giorgino) Dunque, stamme a ssentì…

Giorgino       Songo tutt’orecchi.

Dante             Io a Gisella ‘a cunosco bbuono assaje, e te pozzo garantì ca è ‘na guagliona ‘overamente d’oro.

Giorgino       Lo so.

Dante             ‘A mamma po’… ‘Na femmena bellissima, onesta, lavoratrice…

Giorgino       Tale figlia, tale madre…

Dante             (Sospirando) Purtroppo però, ‘o pate… (Con tono grave) È ‘nu guajo ‘e notte!... (A mezza voce) È ‘nu femmenaiuolo, ‘nu bbuono figlio ‘e ‘ntrocchia!

Giorgino       (Sorridendo) Comme a nuje…

Dante             Io nun songo ‘nzurato, songo vedovo e pozzo fà chello ca voglio. Isso tene ‘e mmane bucate: machine sportive, belli ffemmene, va ‘o casinò e ai casini…

Giorgino       Ma ‘e sorde songo ‘e suoje e perciò s’‘e spenne comme le pare.

Dante             E ccà sta ‘o fatto! ‘E sorde songhe d’‘a mugliera e d’‘a figlia, nun songhe ‘e suoje! A chella piccerlla nun le restarrà manco ‘nu centesimo…

Giorgino       A me d’‘e denare suoje nun me ne ‘mporta proprio, (Dante fa gesti di disappunto perché le sue storie non attaccano) io stongo bbbuono.

Dante             (Al pubblico) Mannaggia ‘a marina, manco chesta attacca. (Si alza) Ccà avimmo aizà ‘a posta! (Prendendo tempo) Vabbè, d’‘e denare nun te ne mporta, ma ci sta dell’altro, caro mio…

Giorgino       Che altro?

Dante             ‘O pate è stato ‘ngalera per rissa!

Giorgino       (Noncurante) Se sarrà difeso…

Dante             (Al pubblico) Azzò, ma chisto è tuosto… Manco chesta l’ha miso in allrme! Riuncarammo ‘a dose… (Si rimbocca le maniche) Sì, ma è stato carcerato tre vvote, no una!

Giorgino       (Che comincia a preoccuparsi, balbettando) Tre vvote?

Dante             (Con aria soddisfatta, al pubblico) Chesta pare ca funziona, oì. (A Giorgino) ‘A siconda vota pe’ furto: ha rubato addirittura ‘a camionetta ‘e carabbinieri. È ‘nu latro matricolato!

Giorgino       Nun sarrà certamente cchiù ladro ‘e cierte politice… onorevole, senatore…

Dante             Ma nun è sulamente ‘nu grande mariuolo… È pure pedofilo, molesta ‘e ppiccerelle minorenne…

Giorgino       (Alzandosi scandalizzato) Oh, ma allora…

Dante             ‘N’ ommo capace ‘e qualunque cosa! Sicondo me ‘na perzona per bene nun po’ ttenè interessi a se ‘mparentà cu’ ‘n’ommo comme accussì.

Giorgino       E ‘o ccredo, tiene raggione!

Dante             (Al pubblico) Ah, menu male, ce so riuscito!

Giorgino       (Riprendendosi) Però, A ce penzà bbuono, Gisella nun ce azzecca niente cu’ ‘a condotta d’‘o pae …

Dante             (Spazientito, al pubblico) Ma chisto è cchiù tuosto d’‘o, ggranito, azzò! (Ridandosi contegno cercando di fingersi distaccato) Vuò sapè ll’urdema?... Stammatina s’è appiccecato cu’ ‘na femmena per parchiggià ‘a machina. Ha pigliato ‘nu curtiello (Fa il segno) ‘e chesta posta! (Gesto di Giorgino) Sì, perché isso cammina sempe cu’‘o curtiello dint’‘a sacca, chlli llà a scatto… ‘O nonno era ‘nu boss siciliano, ‘o pate ‘nu boss d’‘a camorra, ‘o zio ‘e uno d’‘a ‘ndrangheta, ‘o cuggino è ‘nu capo d’‘a sacra corona unita pugliese, e peggio ancora… ‘o frato è ‘nu politico!

Giorgino       Basta, basta!... Ma allora…

Dante             Io t’aggio avvisato, po’ tu fai chello ca vuò. (Lo prende sotto braccio e in tono confidenziale) Si fusse a tte nun me imparentasse cu’ ‘nu mascalzone ‘e chiste, pure pecché, detto in confidenza, è questione di giorni e poi torna ‘noata volta in carcere.

Giorgino       (Pensieroso) Veramente…

Dante             (Soddisfatto) Cede, cede…

Giorgino       Grazie, grazie, signor Trapano. Pe’ mmò allora nun dicere niente.

Dante             (Fingendo indifferenza) Comme vuò tu.

Giorgino       Arrivederci e grazie pe’ ll’avvertimento. (Gli stringe la mano)

Dante             Statte buono, guagliò, e fatte curaggio… (Esce. Dante si siede con aria soddisfatta) Oooh, finalmente!

SCENA SESTA

(ALBERTO e detto, poi, da dentro, FANNY)

Alberto        (Entra dalla comune, a voce alta) Dante ce staje? Stai a casa? (Annusando) Mamma mia che fieto ‘e aceto!

Dante             (Prende paura. Poi serio, drammatico) Sai chi ce steva primma ccà?

Alberto        Chi?

Dante             Chillo ca io aggio pigliato ‘o nomme ‘e figliemo muorto. Si ‘o vedeva muglierema hêveme fatta ‘a frittata!

Alberto        (Che non ha capito nulla) Ah, bene, bene…

Dante             Ma qua bene e bene?! Bene un corno! Meno male ca ‘e ccerevelle funzionano e allora cu’ ‘n’ata idea d’‘e meje me ne songo sbarazzato ‘na vota e ppe’ ssempre.

Alberto        (Sempre senza capire) Number one… Sì ‘o nummero uno! Tiene ‘n’intelligenza straordinaria, si ‘nu ggenio… Post mortem studieranno ‘ncoppa ‘a ‘sti ccerevelle… Sì ‘nu grande genio… Genione!

Dante             E tu sì ‘n’esaurito, da piccolo hê avuto ‘a meningite, e cu’‘a meningite o se more o s’addeventa sciemie Tu nun sì muorto…

Fanny             (Da fuori si sente la voce) Ci sta qualcuno in casa?... Signore?...

Alberto        He ‘ntiso?

Dante             Sì! Ti dirò, ‘sta voce nun mi è nova… (Si affaccia all’ingresso, poi precipitosamente) Presto Albè fujimmoncenne… Ce sta Fanny!...

Alberto        E chi fosse ‘sta Fanny?

Dante             La mia ultima bella… ca po’ sarebbe figlieta!

Alberto        (Stupidito) Figliema, la tua bella?... Nun aggio capito ‘o riesto ‘e niente! (Escono di corsa)

SCENA SETTIMA

(FANNY, poi MARIO, indi ARTEMIO)

Fanny             (Entra. È giovane, bella, sexy e vestita elegante con uno spacco vertiginoso sul vestito, con il cappello. Parla in italiano, si guarda intorno) C’è permesso?... Nun ce sta nisciuno?... Che fieto!... (Annusando con sdegno) Fieto d’acito!

Mario             (Entra, vede Fanny) Chi cercate?

Fanny             Scusatemi tanto, la porta era aperta e sono entrata. Sto cercando il signor Antichi, Massimo Antichi.

Mario             Il signor Antichi?

Fanny             Sì, il più grande negoziante di mobili. Non è che per caso l’avete visto per caso?

Mario             Nossignora.

Fanny             Sò stata a vedere la villa che il dottore affitta ed il signor Antichi m’ha dato appuntamento qua.

Mario             (Facendo cenno di sedersi) Non s’è visto ancora, ma se lo volete aspettare…

Fanny             (Secca) No grazie, ritornerò… (Entra Artemio che la guarda stupefatto)

Mario             Fate come credete.

Fanny             (Uscendo dalla comune) Ma che puzza terribile! (Guarda con interesse Artemio che entra e la fissa inebetito)

Artemio        Ma chi era, l’essenza dell’erotismo? (Esce di nuovo)

Mario             (Con ammirazione rivolgendosi al pubblico) Mamma bella d’‘o Carmene e che femmenona! E comme steva vestuta bella!... Ccà ddoje songh’‘e ccose: o era ‘na gran signora, o ‘na grande artista, o ‘na grandissima…

SCENA OTTAVA

(GISELLA e detto)

Gisella          (Entrando dalla sua camera, parla da sola) Er’isso… er’isso! Allora nun è morto?! Quindi si nun è muorto significa che è vivo… (Vedendo Mario) È così nonno?

Mario             Che cosa?

Gisella          Dicevo che se Giorgino nun è muorto significa ca è vivo! E siccome io l’ho visto, allora… o è vivo o era ‘nu spireto!

Mario             (Ridendo) Ma sì ssicura ‘e te sentì bbuono?

Gisella          Sto ‘na favola e ti dico che l’aggio visto, er’isso primma! (Eccitata) Io vulesse sapè chi è chill’imbecille ca ha ditto ca era muorto.

Mario            Sarrà stato ‘nu sbaglio. Sarrà muorto uno ca se chiammava comm’a isso, ‘e vvote ca-pita…

Gisella          (Confidenziale) Nonno, ma lo sai di chi è figlio?

Mario            No!

Gisella          (C.s.) È ‘o figlio adottivo d’‘o signor Alberto e d’‘a signora Carla!

Mario            (Stupefatto) Eeeh? ‘Overamente?

Gisella          Me l’ha ditto primma mammà. Povero ragazzo, sai come ci sarà rimasto male quando siamo scappati tutti… Sicondo te s’è offeso? Va a finire ca non torna più?

Mario            Noo, nun credoi proprio. (Malizioso) E poi che problema c’è? Si nun torna Giorgino ce sta sempe Artemio…

Gisella          Piuttosto me faccio monaca ‘e clausura! Me coso ‘a vocca!

Mario            (Al pubblico) Che carattere, tutta suo nonno! (Alla nipote) Statte tranquilla che il tuo Giorgino tornerà.

Gisella          Sperammo!

SCENA NONA

(GIORGINO e detti)

Giorgino       (Apparendo) Permesso?

Gisella          (Soffocando un grido) Giorgino!

Mario            (Sorridendo) Che t’hêvo ditto? Torna!

Gisella          (A Mario) Nonno per piacere ci lasci un poco da soi?... E m’arraccumanno, acqua in bocca, eh?

Mario            Sicuro! Ih che bella coppia! (Esce verso il giardino)

Giorgino       (Impacciato) Scusami se io…

Gisella          (Interrompendolo) Ma che dici?... Songh’io ca m’aggio scusà per la corsa di poco fa, ma accomodati…

Giorgino       (Sedendo) Grazie. (Al pubblico) Sperammo ca nun arriva ‘o pate!

Gisella          (Sedendosi accanto a Giorgino) Chissà che bruttu concetto te sì ffatto d’‘a famiglia mia…

Giorgino       (Al pubblico) Vuò vedè ca chella capera d’‘o signor Michele Trapano già ce ha ditto ca m’ha parlato d’‘o pate?

Gisella          (Coprendosi il viso con le mani) Si sapisse comme me vergogno!...

Giorgino       (Al pubblico) ‘Nce l’ha ditto! (A Gisella) E vabbuò, in fondo ‘a colpa nunn’è d’‘a toja…

Gisella          Grazie! (Tirandosi su) E allora scurdammece tutte cose e nun ce penzammo cc hiù!

Giorgino       (Al pubblico) E no, tutto no… Si po’ vene c’‘o curtiello d’‘o nonno mafiuso comme ‘a metto a nomme?

Gisella          Pensiamo solo alla nostra felicità. (Cambiando tono) L’hê visti ‘e signure Marenghi?

Giorrgino     I signori Marenghi?

Gisella          Sì, ‘o signor Alberto e ‘a signora Carla.

Giorgino       (Secco) No. Ma in compenso aggio visto ‘o signor Michele Trapano…

Gisella          (Sorpresa) ‘O signor Michele?

Giorgino       (Insistendo) Sì, e ho parlato con lui di te.

Gisella          (Indifferente) Già! (Pausa, poi riprendendo il suo discorso riferito ai coniugi Marenghi) Comunque sappi che io nun tengo nisciuno pregiudizio.

Giorgino       (Al pubblico) E ce mancasse pure, c’‘o pate ca tene!...

Gisella          Pe’ mme ‘nu figlio adottivo vale quanto ‘nu figlio legittimo.

Giorgino       (Al pubblico) Ma mò che ce azzecca ‘stu fatto

Gisella          Pure papà e mammà nun tenene ‘sti pregiudizi, specialmente papà, cu’ isso può parlà ‘e qualunque cosa… come vuoi, lui capisce, comprende…

Giorgino       (Al pubblico) Uuuh!

Gisella          A meno che tu non preferisce ca ‘o ffanno primma ‘e Marenghi.

Giorgino       (Al pubblico) E dalle cu’ ‘sti Marenghi!

Gisella          (Continuando il ragionamento per la sua strada) Certo fosse cchiù conveniente…

Giorgino       Mah, che t’aggio ‘a dicere… (Al pubblico) Si almeno sapesse chi songhe ‘sti cacchiarola ‘e Marenghi?!

Gisella          Allora facciamo così?

Giorgino       (Turbato) Mah… veramente io…

Gisella          (Inquieta) Tu che cosa…?

Giorgino       Te lo ripeto… prima aggio parlato cu’ (Calcando) ‘o signor Michele…

Gisella          (Al publico) E dalle cu’ ‘stu signor Michele!

Giorgino       (Esitando) Il quale m’ha ditto…

Gisella          Sentimmo, che t’ha ditto ‘stu (Calcando) signor Michele?

Giorgino       (Continuando a esitare) Che sei una brava ragazza, che tua mamma è una santa donna…

Gisella          E poi?...

Giorgino       E ghiamme, non insistere…

Gisella          E no, mò aggio ‘a sapè tutte cose!

Giorgino       (Rammaricato, al pubblico) Ma vide tu dint’a che burdello m’aggio juto a ‘nfezzà …

Gisella          Forza…

Giorgino       (Titubante) M’ha ditto ‘o signor Michele …

Gisella          Ma se po’ ssapè chi è ‘stu signor Michele e che t’ha ditto?

Giorgino       Pecché, nun ‘o cunusce?

Gisella          (Che sta perdendo la pazienza) Nossignore!

Giorgino       Però isso cunosce benissimo a patete.

Gisella          Meglio accussì.

Giorgino       Meglio accussì un corno! M’ha ditto tutte cose…

Gisella          (C.s.) Tutte cose che?

Giorgino       Forze è meglio si me stongo zitto.

Gisella          (Con rabbia e disperazione) No, tu mò parle!

Giorgino       (Imbarazzato, con grandissimo sforzo) Inzomma, ‘e ccundanne… tre vvote ‘ngalera… ‘o furto d’‘a camionetta… ‘o curtiello d’‘o nonno mafiuso siciliano…

Gisella          (Interrompendolo con vigore) Papà in carcere? Ma che staje dicenno? Papà è ‘nu galantommo, ‘n’illustre medico, in carcere nun c’è stato maje… E mio nonno nun era né mafiuso, nè siciliano! Io poi li adoroo, i siciliani!

Giorgino       (Ingenuamente) Ma me l’ha ditto ‘o signor Michele…

Gisella          (Con impeto) Stamme a ssentì, io nun saccio chi è ‘stu signor Michele, non l’aggio mai visto né canusciuto. Si ce sta ‘nu farabutto in giro è proprio isso, ca va sparlanno ‘e perzone perbene! (Piange) Papà è incensurato ed è una bravissima persona!

Giorgino       (Colpito da una folgorazione, al pubblico) Vuò vedè ca… Vigliacco ca nunn’è ato, s’è vuluto vendicà ‘e Lulù e Fanny… Hê capito ‘o bellillo?! (A Gisella, prendendola per mano) Perdonami, sono tutte calunnie… Aggio capito che è succieso!

Gisella          (Sollevata) Io invece no!

Giorgino       (Abbracciandola) Nun fa niente. L’unica cosa che devi capire è ca te voglio bbene.

Gisella          Però promettimi che quando vedrai chillu fetentone d’‘o signor Michele…

Giorgino       Lassa fà a mme, t’assicuro ca nun se scurdarrà maje ‘e me, chillu vigliacco!... Mò vaco subbeto addu mammà pe’ lle dicere d’‘o fidanzamento nuosto.

Gisella          Sperammo ca sarrà cuntenta ‘a signora Carla, la moglie di Alberto, la sua mammina… non naturale… È accussì permalosa, fosse capace ‘e mannà tutte cose a caete quarantotto!...

Giorgino       (Al pubblico) Ma che sta dicenno? Ma chi è ‘sta signora Carla?... (Esce)

SCENA DECIMA

(ALBERTO e detta, poi RENATA)

Alberto        (Entrando dalla comune e rivolgendosi a Dante fuori) Va bene Dante…

Gisella          (Correndogli incontro abbracciandolo) Oh, caro Alberto, se sapesse come sono felice… che gioia!

Alberto        (Sorpreso) Sono contento per te ma, non per essere curioso, felice perché?

Gisella          Preparatevi ad una grande e bella notizia!

Alberto        (Prontamente) È morta muglierema!

Gisella          Ma quando nai?!... Nun dicite fesserie!

Alberto        Fesserie pe’ tte! Pe’ mme fosse ‘na grandissima fess… festa, ‘na grandissima festa!

Gisella          Si tratta di lui!... È vivo, mi capite?... Vi-vo!

Alberto        Chi è vivo?

Gisella          Vostro figlio!

Alberto        Mio figlio?

Gisella          Sì, quello che credevate morto… È vivo! (Lo prende per la mano e lo fa girare a mo’ di girotondo) Mi vuole bene, mi ama ed io lo amo… e ci sposeremo!

Alberto        (Preoccupato, non capisce, poi grida) Dante, Dante!... Chillu là… ‘o genio… quanno ce ha da stà nun ce sta maje!

Gisella          Sì, andate da papà, andategli a chiedere la mia mano!...

Alberto        (Che non capisce più niente) Che debbo fare? Chiedere la tua mano? Ma ccà so asciutetutte pazze!... Chiammo l’ambulanza, ‘o pronto soccorso psichiatrico… Ma io me ne vaco, e pure ‘e pressa! (Scappa frettolosamente)

Gisella          Ma addò va? (Sorridendo) Aggio capito, va dare la notizia alla moglie …

Renata           (Esce dalla sua camera) Che cose strane…

Gisella          (Eccitata) Ah, mammà, si sapisse… aggio visto a Giorgino!

Renata           (Commossa, con tono comprensivo) ‘O ssaccio, ‘o ssaccio…

Gisella          (Eccitata) Mammà, t’aggio ‘a dicere ‘na cosa…

Renata           Cchiù tardi… Addò sta papà?

Gisella          Non lo so, forse in giardino…

SCENA UNDICESIMA

(DANTE e dette)

Dante             (Compare in scena di schiena chiamando a bassa voce) Alberto!... Albè!...

Renata           Ah, ‘oiccanne!

Dante             (Al pubblico) Mamma d’‘o Carmene, muglierema… mò stammo a posto!

Renata           (Con tono perentorio) Dante, viene ‘a ccà!

Dante             (Esitando) Sai, io… stevo aspettanno…

Renata           Viene ‘a ccà…

Dante             Eccomi… (Falso) Hai bisogno di me?

Renata           T’aggio ‘a parlà.

Dante             (Vago) ‘E che cosa, tesrino mio?

Renata           (A Gisella) Vaje ‘nu mumentino ‘a llà, piccerè, aggio parlà a quattr’uocchie cu’ patete.

Dante             (Al pubblico) Mannaggia, ccà ‘e ccose se mettono male…

Gisella          Va bene mammà. (Esce)

Dante             (Dubbioso, al pubblico) Sperammo ca nun l’ha visto!

Renata           (Secca) Dante!

Dante             (Dolce) Sì, cara?...

Renata           Cara un corno! Tu m’hê ‘ngannata, m’hê ditto ‘na buscìa!

Dante             (Al pubblico) Seh, una sola… (Alla moglie, sforzandosi di sorridere) Ma staje pazzianno?

Renata           (Con tono di rimprovero) No! (Perentoria) Tuofiglio è vivo!

Dante             (Con falsa ingenuità) Ma che staje dicenno?

Renata           (Sicura) L’aggio visto cu’ chist’uocchie!

Dante             (Finge una grande gioia) ‘Overamente?... Ma che bella notizia!

Renata           Basta, fernescela cu’ ‘sta cummedia! Pecché m’hê ditto ca figlieto era muorto? (Incalzando) Pecché?... Rispunne!

Dante             (Al pubblico) Rispunne, comme si fosse facile… (Alla moglie, impacciato) Ecco… Vedi… io… il telegramma… forse hanno sbagliato alle poste… i postini… io, io… tu, tu…

Renata           Tu che cosa?

Dante             (Improvvisando) E va bene, nun t’‘o vvulevo dicere, ma visto ca me staje costringendo… Aggio ditto ‘na buscia a fin di bene… (Cambia tono, falsamente triste) Figliemo è vivo pe’ tutte quante ma non per me. Pe’ mme è muorto e sepolto.

Renata           E pecché?

Dante             Viene ‘a ccà, assettate. (Seggono) Ti ricordi quando me diciste d’‘o purtà dint’‘a casa? Io già ce hêvo pensato primma. Penza ca ll’hêvo scritto ‘e venì ccà…

Renata           (Con aria coinvolta) Già ci avevi scritto?

Dante             Sicuro! Te vulevo fà ‘na surpresa p’‘o compleanno.

Renata           E io ca me credevo… (Baciandolo) Allora m’avive letto dint’‘o pensiero!

Dante             (Sorride) Nun te può credere chello ch’aggio pruvato ogge quanno m’hê fatto scrivere chella lettera p’‘o fà venì ccà addu nuje!

Renata           Sei un amore… (Lo bacia)

Dante             (Al pubblico) S’‘a beve, s’‘a beve… (A Renata) C’‘a scusa ‘e jì a ‘mbucà ‘a lettera l’aggio juto a ppiglià ‘a stazione…

Renata           E po’ ch’è succieso?

Dante             (Al pubblico) Ch’è succieso?... (A Renata) Niente, le solite cose… Isso scenne, me vasa… comme staje, comme nun staje… Bello ‘stu paese… E cammenanno cammenannoo simmo arrivate ‘o bar centrale. (Al pubblico, disperato) E mò che lle conto?!...

Renata           (Presa dal racconto) Continua…

Dante             Ce simmo assettate fore, a’mmo pigliato ‘n’aperitivo, ‘nu panino cu’ ‘e würstel… (Allunga il brodo) e tra ‘na patanella, ‘nu würstel e dduje aulive, chelli llà grosse, ‘e ppugliese… mentre steveme parlanno vedevo quaccheccosa ‘e strano, ca nun jeva… Allora ce aggio ditto: “Che c’è, quaccosa ca nun va?” Isso me guarda, m’abbraccia e me dice: “Papà… songo arruvinato!”

Renata           Noo! Ch’ha fatto? Scommetto ca sta chino ‘e diebbete!

Dante             (Prendendo la palla al balzo) Brava! Comm’hê fatto a induvinà? (Si alza) Chillu disgraziato tene cchiù ‘e cientomila euro ‘e diebbete… cu’… cu’ negozzie, ristorante, alberghi e tutto pe’ ppavà vestiti, cene e vacanze a ffemmene… facili!

Renata           (Alzando gli occhi al cielo) Oh Giesù, ‘a gioventù ‘e oggi è ‘na cosa impossibile!

Dante             E mica sulo chesto?... Ha perduto pure duicientomila euro ‘o poker… ‘e ccarte! Quanno me l’ha ditto m’è venuta ‘na raggia, ma ‘n’arraggia… l’aggio aizato pesolopesolo ‘a coppa ‘a seggia e l’aggio accompagnato ‘e corza ‘n’ata vota ‘a stazione, dicendoce ‘e se ne jì a casa soja e nun se fa cchiù né vedè né sentì ‘a me.

Renata           Però chillu poveru guaglione nun è partuto! Sta ancora ccà, forse pe’ se fa perdunà…

Dante             (Con disappunto, al pubblico) L’ha visto! (Poi, sfacciatamente a Renata) ‘O ssaccio… ‘o ssac-cio ca sta ancora ccà!

Renata           Io nun ce aggio pututo parlà ma…

Dante             (Subito) Nunt’azzardà a ce parlà!

Renata           Ma tu che ll’hê ditto precisamente?

Dante             Niente ‘e particulare, ll’aggio ditto ‘e me cunsiderà muorto…

Renata           (Con tono dolce e comprensivo) E ghiammo, Dante, pure tu sì stato guaglione…

Dante             Sì, ma io chelli ccose nun l’aggio fatte maje. (Al colmo della menzogna) Io nun aggio mai spiso ‘nu sordo pe’ ccierti ffemmene! Quann’ero scapolo erano ‘e ffemmene ca pavavano a mme, e po’… aggio avuto ‘n’ammore sulamente e soprattutto sulamente ‘na femmena… tu. Tu e sempe tu sì stato l’unico ammore mio… tu ca hê fatto assaje pe’ mme, ca m’hê dato tanto… tutte ‘e sorde tuoje … Isso ch’ha fatto pe’ mme?

Renata           Jammo, è sempe figlieto, ‘o sanghe tuo, ‘a carne toja… perdonalo.

Dante             (Perentorio) No, no e poi no! Nun ‘o perdunarraggio maje! Te ringrazio pe’ ll’interes-samento, (Con intenzione) ma dint’a ‘sta casa lui nun ce ha da mettere pede!

SCENA DODICESIMA

(MARIO, ARTEMIO e detti, poi GIORGINO)

Mario             (Entrando dal giardino seguito da Artemio) No Artè, nun l’aggio vista a Gisella e nun saccio addò sta!

Artemio        Ma io volevo dirle che l’amo, così magari ci ripensa e mi sposa!... Allora, me lo dici dov’è?

Mario             Nunn’‘o ssaccio!

Artemio        (Corre verso la zia, inciampa) Zia, allora ci hai parlato con Gisella? Ti ha detto qualcosa? Ci ha ripensato?

Renata           No, non ancora. Vaitte a ffà ‘n’ata passeggiatina e spera. (Si sente il campanello suonare)

Artemio        Va bene zia… (Esce piagnucolando) Uffa! Spera, spera… Ma chi di speranza vive disperato muore… Se Gisella non mi vuole mi fidanzo con quella ragazza che è uscita prima… mi ha guardato con desiderio…

Mario             (Entra e dice) Ci sta il signor Giorgino Caruso, che faccio, ‘o faccio trasì?

Dan. + Ren.    Isso?

Dante             (A Mario) Ditegli che non ci sono.

Mario             (Fa per uscire) Va bene.

Renata           (Trattenendolo) Aspetta ‘nu minuto papà. (A Dante) Nun ‘o può mannà ‘a via ‘e fore accussì, sentimmo almeno che ce vò dicere. (A Mario) Fallo passà.

Dante             (Impaurito) Mamma mia ma nun fernesce maje ‘sta storia?!

Mario             (Facendo passare Giorgino) Prego signore, accomodatevi. (Esce)

Giorgino       (Entra dalla comune e inchiandosi a Renata) Signora…

Renata           (Sedendosi sul divano e facendo cenno) Accomodatevi, prego… (Giorgino esita mentre scorge Dante che rimane in piedi mentre fa finta di nulla dietro la spailliera del divano) Venite, venite a sedersi, non abbiate paura…

Giorgino       (Passa vicino a Dante, minaccioso) Adoppo faccimmo ‘e cunte…

Renata           (A Giorgino) E no, non cominciamo con questo tono sennò si rovina subito tutto.

Giorgino       (Senza ascoltarla, rivolgendosi a Dante) Chesta m’‘a pave, caro il mio signor Michele!

Renata           (Piano a Dante) Pecché te chiamma signor Michele?

Dante             ‘O ffà apposta. Visto ca ce aggio ditto ca nun voglio essere cchiù ‘o pate, me chiamma accussì…

Renata           (C.s.) Ma ‘o ssaje ca t’assumiglia ‘overamente assaje? (A Giorgino) Scusate si so schietta, ma songo fatta accussì.

Giorgino       (Educato) Dite pure signora, a me piacciono le persone sincere. (Al pubblico) Io vulesse sapè che ce fa chill’imbecille dint’a ‘sta casa…

Renata           Io e mio marito sappiamo bene che i giovani devono divertirsi e svagarsi, ma a tutto c’è un limite. Bisogna fare attenzione a non esagerare. Vostro padre ha tutte le ragioni per essere arrabbiato con voi.

Dante             (Al pubblico) Mò stammo a posto!

Giorgino       Mio padre? Perché, voi conoscete a papà?

Renata           Certamente, e molto meglio di voi!!

Dante             (Al pubblico) Se nun me vene mò ‘n’infarto fulminante, nun me vene cchiù!!

Renata           (Continuando) E so anche che è un bravo uomo e che sa anche perdonare, a patto però che promettete di non fare più pazzie.

Gorgino         (Indicando Dante) Scommetto che glielo ha detto lui!

Renata           Sicuro, e ha fatto benissimo! Regola numero uno: Nella nostra famiglia niente inganni, niente sotterfugi, niente bugie. (A Dante) Vero caro?

Dante             (Disperato) Soprattutto niente bugie!

Renata           (Alzandosi) L’avete già vista la mia Gisella?

Giorgino       Sì, poco fa…

Renata           (Sorridendo) E ditemi, vi piace?

Giorgino       (Con passione) Moltissimo.

Renata           (Con entusiasmo) Benissimo, sono sicura che andrete subito d’amore e d’accordo.

Giorgino       D’accordissimo!

Renata           (Soddisfatta) Eeh, ci vuole tanto poco… (Andando a prendere la mano di Dante) Ora non ci resta che…

Giorgino       (Subito) …che andare a chiamare mia mamma!

Dante             (Al pubblico) Tombola!

Renata           (Bloccata dallo stupore) Come avete detto? Vostra mamma?

Giorgino       Sì, sta fuori in macchina che mi aspetta. Con permesso… (Esce)

Renata           (Stupefatta e incredula) ‘A mamma? Ma nun era morta ‘e parto?

Dante             (Disperato, al pubblico, dalla parte opposta del palco rispetto a Renata) pazzo, io addevento pazzo! Comme faccio mò? Dante, inventate quaccheccosa, si no sì futtuto!

Renata           (Riprendendosi, poi duramente, con tono da interrogatorio) Allora ‘a sarta è viva?! Pecché m’ hê ditto ca era morta? Ccà ce sta quaccheccosa ca nun me quadra, caro maritino mio!

SCENA TREDICESIMA

(ARTEMIO e detti, poi GIORGINO e LAURA, indi, di passaggio dietro le quinte, GISELLA)

Artemio        (Irrompe nel mezzo della scena ed esclama) Avete visto Gisella?

Dan. + Ren.    (Insieme, si girano verso Artemio e gridano forte) Nooo!

Artemio        (Impaurito) Forse non era il momento… Ho detto così per dire!...(Scappa via)

Dante             (Falsissimo, si avvicina alla moglie) Io nun t’‘o vulevo dicere, ma si proprio ‘o vvuò sapè… è stato proprio pecché ‘nce steva ‘a mamma ca l’accumpagnava ‘o mutivo ‘overi ca m’ha fatto jì fore c’‘a capa!

Renata           Ma pecché?

Dante             (Continuando ad improvvisare) Pensavo che tu ire gelosa.

Renata           Ma voglio sperà ca nun pruove niente cchiù pe’ chella femmena!

Dante             Ma sì pazza?! Pe’ mme è ‘na vita ca nun non esiste cchiù!

Renata           E allora giuralo.

Dante             ‘Ncoppa ‘a capa ‘e figliemo! (Al pubblico) ‘Nce ha da venì ‘na diarrea acuta e cronica… ‘na sciorda ‘e chelle ca dich’io. (Poi ripendendosi) Anzi, vuò sapè che faccio? Vaco e n’‘e caccio fore ‘a porta a tutt’e dduje, nunn’‘e voglio vedè cchiù! (Fa peruscire)

Renata           (Trattenendolo) Ah no! Mò songh’io ca voglio cunoscere ‘a mamma ‘e figlieto!

Dante             (Disperato, al pubblico) Maledetto ‘o juorno ca me ‘nventaje ca tenevo ‘nu figlio! (Entrano Giorgino e Luisa)

Giorgino       (A Renata) Signora… mia madre. (Al pubblico) Ma chillu deficiente imbecille pecché sta ancora qua?

Laura             Signora, sono onorata di fare la vostra conoscenza. (A Dante) Signore…

Dante             Signora…

Renata           Accomodatevi signora…

Laura             (Sedendosi) Grazie.

Renata           (Sedendosi anche lei) Sarà inutile che vi presenti mio marito, immagino…

Dante             (Al pubblico) ‘O ssapevo, accummencaiammo d’‘o capo!

Renata           (Continuando) Perché voi… lo conoscerete molto bene…

Laura             Ma veramente non ho mai avuto questo piacere.

Renata           (Al pubblico) Quant’è faveza…

Laura             Invece poco fa, mentre ero in macchina, ho visto entrare in casa una bellissima ragazza: sarà certo vostra figlia!

Renata           Immagino di sì, Gisella.

Laura             Che bella ragazza…

Renata           In effetti, no perché è mia figlia, ma è bella e brava…

Laura             Eh! Al giorno d’oggi ragazze come la vostra sono sempre più rare, sapete?... (Indicando Giorgino) Purtroppo non posso dire altrettanto del mio, ma mi ha giurato che col matrimonio metterà la testa a posto… (Giorgino vede Gisella passare dal fondo e la raggiunge) Sono sicura che vostra figlia non si pentirà di averlo scelto come marito.

Dante             (Con le mani nei capelli) Fine delle trasmissioni! Morto… Sò muorto!

Renata           (Spaventata) Ch’ha ditto? ‘O figlio se vò ‘nzurà cu’ figliema? ‘O frate se sposa ‘a sora? Ma io addevento pazza!... Cheste so ccose ‘e ll’atu munno! (Esce gesticolando)

Dante             (A Laura) Non fatecia caso, ogni tanto le prende così… Crisi epilettiche, crisi di delirio… nulla di grave! È molto nevrotica, molto pazza… ma sta bene, fisicamente sta benone, non ha niente! Mangia, beve…

Laura             (Dispiaciuta) Povera donna… Ho avuto un’amica con problemi psichiatrici… Un gior-no era serena, sembrava felice, il giorno dopo delirava… (Imita con enfasi) Satana… Satana… ecco Satana trismegisto… I fantasmi… i fantasmi… diceva: “La vita… la vita… non esiste la vita… È un’illusione o la realtà?... La morte è l’unica realtà!” Che dolore mi provocava la vista di quell’infelice donna! Quand’è così chiedo scusa, non voglio disturbare più. Ritornerò… Che dolore immenso per quella mia amica… Purtroppo è morta! Questi fenomeni di instabilità dell’umore uccidono l’ammalata e chi sta accanto… La mia amica si suicidò!

Dante             Mia moglie non s’è mai suicidata… purtroppo… (Si ravvede) purtroppo la testa è il suo male… Si potrà suicidare? Speriamo di no! Venga quando mia moglie non è in “stato delirante acuto”, cioè mai… no!

Laura             Come?

Dante             (Confuso) Noo… cioè sì… cioè… Tornate tranquillamente un altro giorno, il prossimo mese, quando volete… (Riprendendosi) Cioè, volevo dire, quando volete onorarci… vi faremo sapere quando mia moglie ritorna in sé… Arrivederci!

Laura             Va bene, allora… Arrivederci.

SCENA QUATTORDICESIMA

(ALBERTO, CARLA e detti, poi GISELLA e GIORGINO, indi FANNY, poi LUIGI, indi RENATA ed infine ARTEMIO)

Alberto        (Entra correndo) Aiuto! Aiuto! Chesta m’accide!...

Carla             (Con una lettera con una fotografia in una mano e con il bastone nell’altra minacciando Alberto) Viene a ccà, addò vaje?... Si t’acchiappo t’acconcio p’‘e ffeste! Puorco zuzzuso!

Dante             (Al pubblico) Ce mancavano sulamente lloro!...

Carla             (A Dante mostrandogli la lettera e la foto di Fanny) Guarda! Guarda ch’aggio truvato dint’‘a cascetta d’‘a posta stammatina! ‘Stu coso fetuso tene ‘na figlia… ‘na figlia ‘e 28 anne e nun m’hêva ditto mai niente! (Alzando le mani e il bastone su Alberto) Ma io l’accido!

Alberto        (Piano a Dante) Guarda dint’a quale casino m’aggio miso… anzi, m’hê miso!

Dante             Io te l’hêvo ditto, cretino!

Gisella          (Entra con Giorgino, vede Carla) Ah, Carla… vostro marito v’ha detto che vostro figlio…

Carla             (Scattando) Suo figlio? (Gisella mostra Giorgino) Pecché, tiene pure ‘o masculillo? Hê fatto ‘a coppietta, sì? Brutto schifoso erotomane spuorco ca nun sì ato! Mica uno?... Dduje! Dduje ne tene! Te l’hêveno taglià chillu cusariello fraceto! (Cade svenuta)

Fanny             (Entra dal fondo e rivolgendosi verso l’esterno) Vieni… vieni...

Gisella          (Riferendosi a Carla) È svenuta… Presto, la boccettina dei sali! (Esce di corsa)

Fanny             (Come prima) Massimo… vieni o no?

Dan. + Gio. + Alb.    (Vedendo Fanny esclamano insieme) Fanny! (Dante scappa in giardino e Alberto si nasconde dietro il divano)

Giorgino       ‘A veco nera… ccà fernesce malamente! (Scappa via anche lui)

Fanny             (Voltandosi e vedendoli scappare, spaventata) Michele… Giorgino… ma che succede?! (Cade svenuta anche lei mentre Luigi Caruso entra dal fondo)

Luigi               (Lanciandosi verso Fanny) Amore, chè succieso?!

Laura             (Riconoscendolo) Maritemo? Cu’ ‘na femmena?! Oddio! (Sviene anche lei)

Luigi               Muglierema! (Fugge anche lui ed esce, intanto rientra Renata)

Renata           (Rientra e parla tra sé) No… no… nun è possibile! Sicuramente aggio capito ‘na cosa pe’ ‘n’ata… (Entra di corsa Gisella, ha in mano i sali)

Gisella          (Vedendo la madre) Ah, mammà! S’ sapisse quanto sono felice e quanto lo amo!

Renata           Chi?

Gisella          Giorgino!

Renata           Ma nun è possibile!... È tuo fratello! (Cade anche lei svenuta)

Gisella          Cosa? Mio fratello…? (Sviene anche lei)

Artemio        (Entra precipitosamente) Ziaaaa… sono venuto per quella famosa risposta… (Vedendo molto poco, su questa ultima parola inciampa sulle donne svenute a terra e cade anche lui. Si alza il volume della musica di sottofondo ed accompagna il sipario che si chiude per la fine dell’atto)

Sipario

FINE DEL SECONDO ATTO


ATTO TERZO

Siamo sul Monte Faito all’albergo Stabia, la sera dopo. Vicino alla comune c’è un piccolo bancone con la bacheca delle chiavi. Una porta a sinistra, mentre a destra due porte.

Al centro una sedia, due poltrone e un tavolino. Quadri a tema attaccati alle pareti, elementi di arredo vari.

Il sipario si apre sulle note del brano “Capriccio” di Gianni Morandi.

SCENA PRIMA

(LUIGI, poi FANNY indi, da fuori, LAURA)

Luigi              (Passeggia nervosamente per la scena, poi si siede, apre il giornale, legge, poi) E vabbè me faccio ‘e pparole incrociate. Allora: sono d’oro a cinquant’anni, cinque parole… (Conta con le mani) Denti! (Scrive, poi legge ad alta voce) Un componente della camera, otto lettere… (Pensoso) Mmmh… Comodino! (Scrive, poi legge ad alta voce) È famoso quello di Troia… Figlio! (Ripone il giornale e si rialza pensoso, poi fra sé) M’ha visto o nun m’ha visto? Ih che bella situazione, che problema!… (Guarda l’orologio) Nun arrivo a capì però che ce faceva muglierema dint’a chella casa… Bah, sperammo ca Fanny ne sape quaccheccosa ‘e cchiù… (Guarda l’orologio) Fosse ‘na vota puntuale… mai!. Eppure ce ll’aggio ditto: “M’arraccumanno, ce vedimmo all’albergo Stabia, ‘ncoppa ‘o Monte Faito, puntuali!” (Come se parlasse con qualcuno del pubblico, compiaciuto) Quando tengo quacche pullastrella vengo sempe ccà. Posto tranquillo e discreto. (Guarda l’orologio) Ma pecché nun vene? Avarrà scuperto quaccheccosa? Comunque, io nego…

Fanny             (Entrando dalla comune, è di malumore) Ah, ‘oiccanne ‘o galantommo… Bravo! Complimenti!

Luigi              Pecché?

Fanny             Pecché? E me l’addimanne purelo? Io me sento male, vaco a fernì ‘nterra, svengo e tu invece ‘e m’aiutà che faje? Te ne fuje! E no, caro mio, accussì nun se fa!

Luigi              (Balbettando imbarazzato) Ma io… io…

Fanny             Ma quà io e io?!

Luigi              Fanny, ‘o ssaj ca m’impressiono facilmente, e quanno t’aggio vista ‘e chella manerami è venuta ‘nu tremmuliccio ‘e ccosce ca… (Improvvisando) Ca… me n’aggio avuto ‘a scappà afforza.

Fanny             (Che non l’ha bevuta, prendendolo in giro) Puveriello, ‘nc’è vvenuto ‘o tremmuliccio ‘e ccosce …

Luigi              Che bbuò ‘a me, sò fatto accussì!?

Fanny             (Assecondandolo) E mò te siente bbuono? Nun tremme cchiù?

Luigi              No… (Abbracciandola) Mò pozzo affrontà tutte ‘e battaglie, tutte ‘e nemice. Ma tu piuttosto, patanella mia, comme te siente?

Fanny             (Dandoci dentro) Mò bene, ma ajerressera …

Luigi              (Dandole una strizzatina) Povera patanella mia! Comunque io nun aggio capito pecché stive dint’a chella casa a Puortece e pecché ire svenuta!?...

Fanny             (Inventando) Vulevo jì a magnà ‘nu gelato a Ercolano. Arrivata a Puortece, vicino a chella casa, nun se ferma ‘a machina?... Allora io trasette pe’ chiedere aiuto… tu nun me cridarraje ma una ‘e chelli pperzone era tale e quale alla mia povera mamma: ddoje gocce d’acqua… E appena l’aggio vista sò svenuta.

Luigi              Puverella. Sà che impressione?!

Fanny             (Al pubblico) Menu male ca ‘stu chiochiero m’ha creduta. (A Luigi) Pe’ ffurtuna mò è passato tutte cose. (Cambiando tono e giocherellando con le mani sulle guance di Luigi) Chissà se il mio topolino s’è ricordato ‘e m’accattà chillu gingillino ca me piaceva tanto tanto e ca hêva prummiso ‘e me regalà…

Luigi              (Al pubblico) Azzò, ’o chiamma gingillino!… ‘Nu girocollo d’oro massiccio, 1300 euro!... (A Fanny) Lo sai ca pe’ tte il tuo topolino fa questo ed altro… Il gingillino sta in macchina ad aspettarti.

Fanny             (Baciandolo sulla fronte) Sei un angelo! (Cambiando tono) Tengo famma, che si magna?

Luigi              (Indicando) Aggio prenotato ‘a solita cammera, magnammo llà ddinto, sule sule, comme duje passerotte dint’‘o nido, e po’… t’arrecuorde ll’urdema vota?

Fanny             (Al pubblico) E chi s’‘a po’ scurdà!? Doppo ‘o risotto e dduje bicchiere ‘e champagne s’addurmette e se scetaje ‘a matina appriesso… (A Luigi con vezzo) Spero ca ancora nun hê ordinato niente.

Luigi              No, stevo aspettavo ‘a patanella mia.

Fanny             Bravo! Allora, per primo prendo tortelli burro e salvia e nidi di rondini al sugo di funghi. Per secondo ossi buchi alle verdure con purè di patate e per dolce un bel tiramisù…

Luigi              (Ridendo) Nun te serve ‘o dolce pe’ te tirà su, ce stongh’io, ammore mio… (Fanny lo accarezza facendogli un sorriso per irretirlo ancora di più)

Laura            (Da fuori, si sente la voce) Appena torna mio figlio mi fate il piacere di dirgli che debbo vederlo subito.

Luigi              (Al pubblico) Madonna! ‘A voce ‘e muglierema! (Scappa terrorizzato in camera)

SCENA SECONDA

(LAURA e detta)

Laura            (Entrando dalla comune vede Fanny, poi al pubblico) L’amante ‘e maritemo!? Mò ce facimmo ‘e rresate… (Con amaro sarcasmo, a Fanny) Scusate, avete visto mio marito?

Fanny             Vostro marito?

Laura            Spero che non tenete la faccia tosta di dirmi che non lo conoscete?

Fanny             Certamente! Non l’ho mai visto né conosciuto!

Laura            Ah! Avete pure il coraggio di negare…

Fanny             Negare che cosa?... Vi ho detto che non lo conosco, forse mi avete scambiata per un’ altra!

Laura            (Interrompendola) Non fate la furba con me.

Fanny             Ma voi avete preso un abbaglio, cara signora!

Laura            È inutile che fai la commedia, cara la mia rovina famiglie, con me non attacca. (Minacciosa) Io te cagno ‘e connotate!

Fanny             (Fra sé, continuando a non capire) Ma si sapisse almeno chi è?!

SCENA TERZA

(ALBERTO, CARLA e dette)

Alberto        (Entra, parla da solo. È seguito da Carla) Ma vedite ‘nu poco dint’a qulu casino m’aggio juto a mettere!

Carla            (Appena entra vede Fanny, al pubblico) ‘A figliastra mia? (Si avvicina a Fanny e poi con tono sarcastico) Finalmente ci rivediamo!

Fanny             (Al pubblico) E chest’ata mò chi è?

Laura            (A Carla, indicando Fanny) Pure voi conoscete ‘sta bella cosa?

Fanny             (Furibonda) Ueeh! E mò basta! Che vvulite dicere cu' ‘stu (Facendo il verso a Laura) “bella cosa”?...

Laura            Chello ch’aggio ditto. Ma dico io, non te miette scuorno a t’arrubbà ‘e marite ‘e ll’ati ffemmene?

Fanny             Ma nun staje buono?!

Laura            Sto benissimo invece, l’aggio visto cu’ chist’uocchie a maritemo ca faceva ‘o cascamorto ‘e piede tuoje. Vergognati… Messalina!

Carla            (Ad Alberto) E bravo! Talis pater, talis filius… et talis filias! Figlieta ha da essere ‘na bella galletta ‘e Castellammare… Chi ‘o ssape ‘a chi ha pigliato!

Fanny             (Realizzando, al pubblico) Aggio capito! Chesta è ‘a signora Antichi, ‘a mugliera d’‘o mobiliere!

Laura            (Infuriata ad Alberto e Carla) Ho pizzicato mio marito in ginocchio davanti a questa sver-gognata! Ma io l’accido a chillu disgraziato!... (Esce)

Carla            (Andando verso Fanny, minacciosa) E adesso a noi due, cara la mia bella…

Fanny             (Al pubblico) Nun abbastava chella, mò ce se mette pure chest’ata…

Alberto        (Al pubblico) Ccà se stanno ‘mbriacanno ‘e ccarte, è meglio ca me me vaco… (Fa per avviarsi)

Carla            (Perentoria al marito) Addò vaje?

Alberto        (Fermandosi, poi al pubblico) ‘O ssapevo ca jeva a fernì malamente! (Alla moglie) Vado a comprare le sigarette.

Carla            Ma quanno maje hê fumato?!

Alberto        Voglio accummencià ogge, calma ‘a nervatura… ‘e nierve…

Carla            (Perentoria al marito) Assiettete lloco e nun te movere! (Alberto si mette a sedere. Carla a Fanny) Signorina, io non ho avuto la fortuna di avere un figlio…

Alberto        ‘A colpa nun è stata ‘a mia!

Carla            (Subito, dandogli uno scappellotto) Chi t’ha dato ‘o canzo ‘e parlà? Statte zitto! (Riprendendo) Dicevo, non ho mai avuto la fortuna di avere un figlio, ma l’istinto materno l’ag-gio avuto sempe…

Fanny             Ma scusate, signora…

Carla            Nun m’interrompere, si te sto dicenno ‘sti ccose è p’‘o bbene tujo.

Fanny             Per il mio bene?

Carla            Ti puoi immaginare che sopresa è stata pe’ mme venì a ssapè ca mio marito è padre di due ragazzi che ha avuto senza richiedere la mia collaborazione.

Fanny             Scusate ma io non capisco…

Carla            L’importante è ca me capisco io. Dunque, doppo ‘nu primmo mumento ‘e raggia, mi ero rassegnata e convinta a fare la mamma…

Alberto        Brava!

Carla            (Dandogli uno scappellotto) T’aggio ditto ‘e te stà zitto!

Alberto        Sì Carletta.

Carla            (Riprendendo) Chissà, dicevo tra me e me, ‘sti dduje guagliune putessero essere i bastoni della nostra vecchiaia…

Alberto        (Al pubblico) ‘Ncapa a esse lle desse ‘e bastune …

Carla            …Ma purtroppo vedo, (Prende una foto dalla tasca) ca maggio sbagliata, pecché te sì fatta fotografà meza annuda…

Fanny             (Fra sé continuando a non capire) Fotografare? Mezza nuda? (Arrabbiata a Carla) Ma smettetela di dire fesserie… Andate al diavolo, voi e i vostri figli! (Esce infuriata dalla comune)

Carla            (Furente e allo stesso tempo incredula per quello che ha sentito) Hê ‘ntiso?

Alberto        (Ridendo) Sì, t’ha ditto, in italiano, “andate al diavolo”, ca in dialetto fosse “jate a ffà…” (Ride)

Carla            Bravo, scherza, ridi… Devi essere orgoglioso, anzi, te faccio ‘e cumplimente pe’ comme hê educata a figlieta…

Alberto        (Timidamente) E che ce azzecco io? Te l’hê piglià c’‘a mamma!

Carla            Si ‘o maschio assumiglia ‘a sora, stammo a posto!


SCENA QUARTA

(GIORGINO e detti)

Giorgino       (Compare dal fondo, parla da solo) A Portici m’hanno detto che la signora Caruso è venuta qua.

Carla            Lupus in fabula… Parle d’‘o diavulo e spontano ‘e ccorne. ‘O bbì llanne.

Alberto        Chi?

Carla            Comme chi? Figlieto, ‘o bbì. (Indica Giorgino)

Alberto        Ma quanno maje… nun è isso!?

Carla            È isso te dico, me l’ha presentato Gisella. Mò ‘nce vaco a parlà.

Alberto        Fà chello che vuò…

Carla            (A Giorgino) Scusa, permetti…?

Giorgino       (Gentile) Dite signora…

Carla            Sai, per quell’istinto di madre che sento nel sangue…

Alberto        (Al pubblico) Stammo a posto! Mò lle racconta tutta ‘a storia pure a isso…

Carla            (Continuando) …Pur riconoscendo che l’unico vero colpevole è tuo padre…

Giorgino       (Al pubblico) Porca miseria! Pure chesta cunosce a papà!

Carla            …Io voglio riparà ‘o mmale ca ha fatto, quant’è vero ca me chiammo Carla Marenghi, (Indicando Alberto) chistu ccà è maritemo.

Giorgino       (Al pubblico) Marenghi? Ah, finalmente aggio cunusciuto ‘sti Marenghi!

Carla            Caro giovanotto, io non intendo riconoscere né a tte né a quella svergognata di tua sorella…

Giorgino       Mia sorella?! Ma io non tengo sorelle!

Carla            ‘A tiene, ‘a tiene, crideme… Tuo padre non te l’ha mai detto ma la tieni! (Con tono deciso) Albè… Jammuncenne! (Esce dalla comune)

Alberto        (Fra sé, seguendola) Menu male ca ce ne jamme! (A Carla) Arrivo…

Giorgino       (Fermandolo) Ma nun sta bbuono?

Alberto        Te ne sì accorto pure tu, eh?

Giorgino       Cu’ tutti chilli discorse… Ma ‘a paricchiu tiempo?

Alberto        D’‘o juorno d’‘o matrimonio, purtroppo m’è attuccata a mme!

Giorgino       Mi dispiace…

Alberto        Ma no, ormai ce aggio fatto ‘o callo…

Giorgino       Comunque fatevi coraggio… (Esce)

SCENA QUINTA

(DANTE e detto, poi RENATA, indi CARLA)

Dante            (Entrando dalla parte opposta alla quale è uscito Giorgino) Ueh, Albè, finalmente!...

Alberto        Dante… io nun ce ‘a faccio cchiù!

Dante            Che hai, stai male?

Alberto        Male no, ma tengo ‘a capa ca me scoppia. Ccà stanno succedenno troppi ccose tutte ‘nzieme, non se capisce niente cchiù… Sai ch’ha cumbinato muglierema?

Dante            No, ch’ha fatto?

Alberto        Dint’a ccinche minute m’ha fatto fuori ‘e duje figlie ca m’avive appioppato!

Dante            E te lamiente? A me invece è rimasto ‘o figlio vivo che per di più s’‘a fa cu’ tutte ll’ amante mie e, come si nun abbastasse, s’è ‘nnammurato ‘e figliema Gisella. Ma ‘a cosa cchiù grave è ca muglierema se crede ca songhe frate e sora! (Fermandosi un attimo a pensare) Hê capito che burdello? Comunque dint’a mez’ora metto tutte cose a posto!

Alberto        Ma quà mez’ora?! Mò mò. ‘e pressa espressa!... (Cambiando tono) Isso sta ccà…

Dante            Chi ce sta ccà?

Alberto        Giorgino, figlieto, e ce sta pure Fanny.

Dante            Nooo! Fanny?!... Allora l’unica cosa è chella ‘e nun se fà vedè. Si salvi chi può! (Fa per uscire, Alberto lo blocca)

Alberto        Viene ‘ ccà, addò fuje? È meglio si dice tutte cose a mugliereta…

Dante            Ma tu sì asciuto pazzo? Le verrebbe ‘n’infarto!

Alberto        Ma nun dicere fesserie!

Dante            (Sentendo da fuori la voce di Renata che entra dal fondo) ‘A vì lloca! (Ad Alberto) M’arraccu-manno, faccia tosta e negare, negare sempre, pure l’evidenza! (Va verso la moglie, fintamente premuroso) Come stai Renata?

Renata          (Scossa) Me sento ‘nu peso ‘ncapa…

Alberto        (Al pubblico) E ce credo…

Dante            Forse nun hê digerito… Ma Gisella addò sta?

Renata          L’aggio lassata ‘a llà, nun ha magnato niente. (Sospirando) Poverina!

Carla            (Rientrando dalla comune, al marito) Ma che ce faje ancora ccà? Vuò venì o no? (A Dante e Renata) Ah, vuje state ccà, addò ireve fernute?

Renata          Aggio fatto dduje passe cu’ Gisella, poverina…

Dante            (Cambia subito discorso) Jamme belle, allegria! Jammuncenne ‘a llà a vevere quaccheccosa. (Fa passare tutti, poi da solo) ‘Sta storia nun m’‘a scurdarraggio maje! (Dentro anche lui)

SCENA SESTA

(ARTEMIO, poi LAURA e GIORGINO)

Artemio           (Entra di corsa, si guarda intorno e parla da solo) Non c’è nessuno… Sono già andati via… Lo sapevo che ero in ritardo! (Guarda l’orologio) No, sono in anticipo! Oddio come mi batte il cuore! (Dandosi un colpetto sul petto) Stai buono stupido, cosa batti così forte?! Lo so, lo so che anche tu hai fretta di sapere questa risposta da Gisella… (Sempre rivolto al suo cuore) te la daranno, stai tranquillo! La zia ha detto dopo mangiato… (Toccandosi il cuore) Ti ho detto di smettere di battere così forte! Saranno duecento pulsazioni al minuto… è una tachicardia parossistica!... Me lo sento, la risposta sarà buona, te lo dico io… Speriamo che mi dica di sì… Dove saranno andati? Forse saranno in giardino… (Esce dalla comune)

Laura            (Entra dalla comune seguita da Giorgino) Ti ripeto che sono sicurissima!

Giorgino       Ma no mammà, ti sarai sbagliata… hê visto malamente!

Laura            L’aggio vista benissimo a chella svergognata!

Giorgino       Ma addò?

Laura            A casa di Dante.

Giorgino       (Al pubblico) Ma fosse Fanny?

Laura            Appena è trasuta dint’a chella casa, non saccio pecché è svenuta e patete subbeto s’è ghittato ‘e piede suoje…

Giorgino       (Al pubblico) ‘E piede ‘e Fanny?

Laura            E io quanno aggio visto chella scena sò svenuta… Poi oggi l’aggio vista ccà ‘n’ata vota…! Ah, ma l’acconcio io p’‘e ffeste a patete!

Giorgino       Jamme mammà, calmate …

Laura            M’aggio ‘a calmà? (Furiosa, facendo le corna) Chillo me mette ‘e ccorna sotto ‘o naso e io m’aggio ‘a calmà?

Giorgino       Ma vide ca se tratta ‘e ‘n’equivoco…

Laura            (Andando via arrabbiatissima) Equivoco un corno! Saccio io comme l’aggio ‘a sistemà a chillu don Giovanni da strapazzo!

Giorgino       Povera mammà!... Però è strano… ‘N’ommo serio comme a papà ca s’‘a ‘ntenne cu’ Fanny? Nooo, sicondo me mammà ha pigliato ‘n’abbaglio… (Pensieroso) Mah!

SCENA SETTIMA

(GISELLA e detto)

Gisella          (Entrando, poi tristemente al pubblico) Toh… mio fratello…

Giorgino       (Sorpreso) Gisella!

Gisella          Che ci fai quq?

Giorgino       Ho saputo che stavi qui e sò venuto a trovarti, non sei contenta? (Gisella con la testa fa un gesto come dire sì. Contento) Da oggi in poi ti prometto che starò sempre con te. Il tempo di sbrigare le carte e ce spusammo.

Gisella          (Triste) Ma allora non sai ancora niente?

Giorgino       Cosa?

Gisella          (Calcando l’espressione) Io non posso essere tua moglie.

Giorgino       E pecché?

Gisella          Perché sono tua sorella!

Giorgino       (Inebetito) Eh?! Cos’è? Io tua sorella, cioè tu mio fratello? La sorella che sarebbe… Tu mia sorella?... Ma nun è possibile, ce sarrà stato quacche sbaglio…

Gisella          Nisciuno sbaglio, me l’ha detto mammà.

Giorgino       Tua mamma?

Gisella          Sì.

Giorgino       (Dopo una breve pausa) Mò che ci ripenso, primma m’ha ditto: “Conosco tuo padre da tanto tempo…” Ma allora spiegami…

Gisella          M’ha ditto sulamente chesto: “Giorgino è tuo fratello”. Avessemo chiedere quaccheccosa al signor Alberto e alla moglie…

Giorgino       Sì, pur’essa m’ha ditto ca cunosce a papà! (Non persuaso) Ma guarda tu comm’è ‘o munno: tu mia sorella… Cose ‘e pazze, e io ca vulevo…

Gisella          Forse è pe’ cchesto ca ce vulimmo accussì bene!

Giorgino       Già, la voce del sangue…

Gisella          Io sento di volerti ‘nu sacco ‘e bene e basta! (Si abbracciano teneramente)

SCENA OTTAVA

(RENATA e detti)

Renata          (Entra) Complimenti!

Gisella          (Candidamente) Pecché, nun posso abbraccià mio fratello?

Renata          (A Giorgino) Gisella t’ha detto tutto? Chissà che surpresa è stata pe’ tte…

Giorgino       Ve lo potete immaginare!

Renata          Io nun potevo permettere ‘na cosa ‘e chesta. Comunque vedrai che pure a casa nostra sarai felice lo stesso.

Giorgino       Voi dite?

Renata          Sicuro! Promettimi però ‘e nun purtà rancore contro chi t’ha messo al mondo… Gisella, pe’ cortesia, mi vai a imbucare quella lettera che t’ho dato poco fa? Io pe’ ttramente me vaco a priparà Ciao Giorgino… (Fra sé) Poveri guagliune… (Va in camera)

Gisella          (Triste) Ciao Giorgino… (Esce dalla comune e Giorgino si siede esausto senza più energie nervose)

Giorgino       (Solo, confuso, cerca di fare chiarezza fra sé e si rialza all’improvviso) Allora ricapitolando… Patemo è stato l’amante d’‘a signora Renata e molto probabilmente pure d’‘a signora Carla… Io sono ‘o figlio d’‘a femmena della quale vulevo spusà ‘a figlia, e fino a ccà ‘nce simme. Si io me spusavo a Gisella, ca m’è ssora, mammà addeventava ‘a ‘gnora mia e i figli ca fossero nati nun erano nepute ‘e nonna ma ‘e zia… (Pausa, si gratta la testa, poi riprendendo) E patemo, chi fosse? ‘O nonno… Nun ce capisco niente cchiù… Che bellu mal’‘e capa ca me sta venenno!

SCENA NONA

(LUIGI e detto, poi LAURA)

Luigi              (Rientra in scena dalla camera, non si accorge di Giorgino) Io vulesse sapè che cacchio ce fa muglierema dint’a ‘st’albergo!... (Vedendo Giorgino) Pure figliemo! (Fa per uscire)

Giorgino       (Fra séPapà? (A Luigi) Papà che ce fai ccà?

Luigi              Io? Tu piuttosto che ce fai ccà?

Giorgino       Papà, pecché nun m’hê ditto ‘a verità? Pecché nun m’hê ditto ca io e Gisella simme fratello e sorella?

Luigi              Tu e Gisella fratello e sorella?

Giorgino       Sì! Me l’ha ditto poco fa ‘a signora Renata!

Luigi              (Stupefatto) ‘A signora Renata? T’ha ditto ca…

Giorgino       Ca ‘a figlia è mia sorella, cioè la mia sorellastra.

Luigi              (Fra sé) Ccà ce sta quaccheccosa ca me fete…

Giorgino       M’‘o putive dicere primma! (Via dal fondo)

Luigi              (Solo) Hê capito? Muglierema, ca aggio creduto sempe ‘a femmena cchiù onesta d’‘o munno, ha tenuto ‘n’amante?... ‘O signor Dante Fortuna è stato l’amante ‘e muglierema… Ecco pecché quanno me ne partevo pe’ lavoro me diceva: “Vai, vai caro…”. E Giorgino ca pe’ tant’anne aggio amato comme ‘nu figlio, mò bell’e buono nun è cchiù figlio d’‘o mio? (Scorgendo Laura che entra) ‘Ailloca l’adultera! (A Laura) E l’a-mante tuo addò l’hê lassato?

Laura            (Calma) Il mio amante? Ma ‘o ssaje ca tiene ‘overamente ‘na bella faccia tosta?

Luigi              È inutile ca faje accussì, tanto cu’ mme nun attacca. Io saccio tutte cose!

Laura            Bravo! E che te cride, ca facennome tu ‘na scenata ‘e gelusia a mme, io po’ nun t’‘a faccio a tte?! Me dispiace maritino mio, ma t’hê fatto malamente ‘e cunte.

Luigi              Meno chiacchiere, dimme ‘a verità!

Laura            No no no, songh’io ca voglio sapè tutta ‘a verità, e subbeto, mmò mmò.

Luigi              (Stringendola per un braccio) Allora te vuò movere?

Laura            (Urlando) Aiuto!... Aiuto!... Me vò accidere!...

SCENA DECIMA

(DANTE e detti)

Dante            (Entrando in scena) Ma che sta succedenno? Chi se sente male?

Luigi              (Vedendo Dante, al pubblico) ‘O proprietario d’‘a villa d’Ercolano… (A Dante) Sentite, per caso conoscete un certo signor Fortuna?

Dante            Certo che lo conosco… sono io!

Luigi              Voi siete il signor Fortuna?

Dante            Certamente, signor Antichi, negoziante di mobili…

Laura            Antichi?

Luigi              Macchè Antichi e Antichi?! Io sono Luigi Caruso, e non un negoziante di mobili!

Dante            Eh?

Luigi              Guardate ca saccio tutte cose! Voi siete stato l’amante di mia moglie e saccio puree ca site ‘o pate ‘e mio figlio!

Dante            (Quasi inebetito) Io cosa? (Al pubblico) Mannaggia a mme e a tutte ‘e strunzate ca vaco dicenno!

Laura            (Scuotendo Dante) Ma dite qualcosa! Diteglielo che non sono la vostra amante!

SCENA UNDICESIMA

(RENATA e detti, poi ALBERTO e CARLA, indi GISELLA e GIORGINO, infine ARTEMIO e FANNY)

Renata          (Entra e si rivolge concitata a Dante) Curre, curre, Alberto e Carla se stanno menanno ‘e santa ragione! Volano cazzotti!... (Poi si riaffaccia) Anzi no, essa ‘e ddà e isso ‘e ppiglia… ma curre ‘o stesso, fà ampressa!

Dante            Povero Alberto… vengo subbeto!

Luigi              (Trattenendolo) Addò jate? Vuje nun ve muvite ‘a ccà si nun cunfessate tutte cose! (Alberto e Carla entrano in scena. Alberto si tiene un occhio)

Carla            (Furibonda mentre continua a picchiare Alberto che cerca di ripararsi) Omm’‘e niente!... Disgraziato!... Vigliacco!... Busciardo!...

Alberto        Basta, basta!... Te dico tutte cose, tutt’‘a verità!

Dante            (A Luigi) Sì, sì, è meglio. Mò pur’io ce dico tutte cose a muglierema, pecché si jamme annanze accussì jammo a fernì tutte quante ‘o manicomio!

Carla            (Ad Alberto, mostrando i pugni) Allora, te decidi a pparlà o accummencio d’‘o capo?!

Alberto        (Sta per cominciare) No, no, p’ammore ‘e Ddio! Eh, allora… (Poi a Dante) Parla tu!

Dante            (Piano) Parlammo ‘nzieme, ma chianu chianu… (Parte il sottofondo musicale strumentale. Dante parla piano a Luigi mentre Alberto parla piano a Carla. In seguito Dante parla piano con Renata mentre Luigi parla piano a Laura. La scena va eseguita con grande aria di mistero per circa una trentina di secondi, durante i quali i personaggi a coppie parlano tra loro; sfuma il sottofondo)

Carla            (Autoritaria ad Alberto) Né maschio e né femmena?

Renata          Allora era ‘nu figlio ‘nventato?

Dante            Sissignore.

Dan. + Alb. + Lui.    (Alle loro mogli) Allora ce perdunate?

Laura            (A Luigi) Nun t’‘o mmeretasse…

Carla            (Ad Alberto) Ma io ‘o ssapevo ca nun puteva essere possibile. Nun sì mai stato cacchio ‘e ne fà uno ‘e figlie, figurammoce dduje…

Alberto        (Fra sé) ‘O ddice mò! (A Carla) Allora me perduone, Carletta?

Carla            Statte zitto! (Autoritaria ad Alberto) Jammuncenne a casa a ffà ‘e cunte!

Alberto        (Al pubblico) Menu male tutto torna comme a primma! Chesta nun è ‘na mugliera, è ‘na marescialla, ‘na SS, ‘nu… (Intanto Carla si è avvicinata e lo guarda minacciosa, lui se ne accorge) tesoruccio…

Dante            Aspettate ‘nu mumento… (Alla moglie) E tu me perduone? (Giorgino e Gisella entrano dal fondo)

Gisella          (Piano a Giorgino) Ma che sta succedendo?

Giorgino       (Piano) E che ne saccio?

Renata          (Sorridendo dolcemente, scorgendo i due ragazzi) Sì, ma a patto ca Gisella se sposa ‘o figlio d’‘e signori Caruso!

Dante            E va bene! (Ai ragazzi) Acconsento al vostro matrimonio.

Giorgino       (Stupefatto) Al nostro matrimonio?... Signor Michele, io…

Dante            (Ridendo) Ma quà Michele e Michele… Io mi chiamo Dante Fortuna. Fortuna, hê capito?

Giorgino       No, ma vulesse capì…

Dante            (Con gesto e tono perentorio) Sarebbe fatica sprecata, pecché si aggio ‘a essere sincero ce avimmo capito poco pure nuje! È ‘overo Albè? (Gli dà una pacca sulle spalle mentre sta bevendo facendolo bagnare tutto)

Carla            (Che si è avvicinata ad Alberto) Ma che ffaje?... Nun te pozzo lassà ‘nu momento ca cumbine subbeto quacche guajo. Guarda ccà, te sì macchiato tutto… Raus! A casa!

Alberto        E te pareva ca ‘a colpa nun era ‘a mia!... (Sono tutti in scena che parlano, dalla comune entrano Artemio vestito elegantemente e Fanny)

Artemio        (Da fuori) Per di qua… Per di qua, trottolina…

Dan. + Lui. + Gio.     (Appena entra Fanny, insieme esclamano impauriti) Fanny!? (Fanny fa cenno perentorio di stare zitti)

Artemio        Zio, zia, non avendo ricevuto più risposta sia da voi sia da Gisella, mi sono ritenuto sentimentalmente libero e mi sono fidanzato con questa bella e brava ragazza. Signori, ho il piacere di presentarvi la mia futura sposa…

Dante            Ma ce hê penzato bbuono? E po’ chella nun è ‘na guagliona ca fa pe’ tte…

Renata          (A Dante) Pecché dice accussì, ‘a cunusce pe’ ccaso?

Dante            (Che si ravvede) Io?! No, no…

Renata          E allora, si lle piace s’‘a pigliasse! (Ad Artemio) Si sì cuntento spusatella, accussì invece ‘e ‘nu matrimonio sulo ne festeggiammo dduje!

Artemio        Gente, sentite che bella poesia d’amore ho scritto per la mia fidanzata! (Estrae un foglietto dalla tasca e legge) “Fanny, sei come un supplì…”

Dante            (Interrompendolo) Bella… Originale!... Ma mò basta accussì…

Fanny             Questo giovanotto è ‘nu grande amatore, e poi è tanto gentile e disponibile cu’ mme, non è vero passerotto mio?

Artemio        Sicuro! (Estrae di tasca un anello) Questo è per te, cucciolotta…

Dante            Aaah, mò aggio capito!... (Verso Alberto) Hê visto?

Alberto        (Indicando Artemio che bacia Fanny) Hê capito? Tra i due litiganti il terzo gode!

Dante            (Allarga le braccia, si morde le mani) Teneeveno ragione ‘e nonne nuoste quanno dicevene: “Si ce sta ‘na bella mela fernesce ‘mmocca ‘o puorco!”

Sipario

FINE DEL TERZO ATTO

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno