Filo magico

Stampa questo copione

FILO MAGICO

S.I.A.E.

                                                                                     Teatro Comico Napoletano

FILO MAGICO

Atto unico

di

Colomba Rosaria Andolfi

(1995)

Non sono consentiti adattamenti, modifiche del testo, variazioni del titolo.

Questo atto unico, depositato alla S.I.A.E. l’8 marzo 1995, fu portato quasi subito in scena dalla Compagnia Il Guazzabuglio, perché inserito in un mio spettacolo di CABTEATRO.

S.I.A.E.

                                                                                     Teatro Comico Napoletano

FILO MAGICO

Atto unico

di

Colomba Rosaria Andolfi

(1995)

Personaggi

 

CAMERAMAN (Michele)

MAGA (Carmilina)

GEPPINO (Assistente Giosèf)

GIOVANE DONNA (Antonietta) - voce fuori campo

RAGAZZA (Luisella) - voce fuori campo

VECCHIA (Concetta) - voce fuori campo

GIOVANOTTO (Salvatore) - voce fuori campo

BAMBINA (Mariella) - voce fuori campo

NotaGli attori che interpretano le voci fuori campo potranno recitare dal vivo  grazie a una scena spaccata. In tal caso, la scena principale sarà lo studio dell’emittente televisiva e la scena secondaria sarà un piccolo spazio laterale (in prossimità del proscenio), dove gli attori, con in mano una cornetta del telefono o un cordless, si avvicenderanno utilizzando la quinta di boccascena. Per migliorare l’effetto scenico, questo spazio verrà illuminato, soltanto durante le conversazioni telefoniche e preferibilmente con una luce leggermente bluastra.

FILO MAGICO

Atto unico

di

Colomba Rosaria Andolfi

 (1995)

La scena si svolge a fine maggio nello studio di una piccola emittente televisiva napoletana. La comune è in fondo alla parete sinistra. Quasi al centro della scena, un tavolo rettangolare, ricoperto da un panno rosso, con due sedie a favore del pubblico. Seduta al tavolo, come ad una scrivania, c’è la maga Carmilina che indossa un corpino laminato e un cappello di velluto arricciato con un vistoso spillo al centro; orecchini a pendolo e grossi anelli alle dita completano il suo look. Sul tavolo: un apparecchio telefonico, un mazzo di carte napoletane, una sfera bianca di vetro, amuleti vari (corno rosso-gobbetto - ferro di cavallo), un bicchiere di vetro trasparente, un coltello e un piatto con sopra un cestino, coperto da un tovagliolo, contenente quattro arance tarocchi. A terra, accanto alla sedia della maga, una bottiglia con del vino.  Sulla sedia vuota, vicino alla maga,  un gilet di seta scura con bottoni dorati.

Il cameramen, in jeans e maglietta, con la telecamera a spalla è seduto in platea, sotto il palcoscenico, al centro.

CAMERAMAN (si alza e rivolto alla maga): Io so’ pronto.

         

MAGA (donna sulla sessantina, nervosa): E va buo’, accumminciammo ’o stesso. (Rivolta al cameraman) Michè, nun me piglià troppo ’a vicino, si no se vedeno  ’e rucole ’nfaccia.

CAMERAMAN (ironico): Buono, accussì cu na rucola ce facimmo na bella ’nzalata… Donna Carmilì, io na zummata ogni tanto l’aggi’ ’a fà (si siede).

GEPPINO (in jeans e camicia bianca, entra trafelato in scena): Che corza!... Pe’ venì aggio lassato ’a machina ’mmiez’ ’a via e me l’aggio fatta a père (indossa frettolosamente il gilet di seta scura sulla camicia).

MAGA: Io cu te aggio passato nu guajo!... Vaje sempe ’e pressa... Nun capisce ca chesta è fatica (singhiozzo).

GEPPINO: Azì, staje n’ata vota ’mbriaca.

MAGA: Noo, m’aggio bevuto sulo na goccia ’e vino.

GEPPINO: Seh, seh, na goccia.

CAMERAMAN: Geppì, spiccete e assettete c’avimm’ ’a accummincià!

GEPPINO (prende posto accanto alla maga): ’A colpa nun è ’a mia, si a Napule ce sta sempe traffico!... Doppo tengo n’ appuntamento; nun vulesse fà tarde.  

MAGA: E quanno maje no!... (Rivolta al cameraman) Michè, aspetta nu mumento, m’acconcio stu recchino che stà cadenno... Jammo, songo pronta.

CAMERAMAN (si alza e guarda un punto in alto in fondo alla platea) Regia, simmo pronte, putimmo partì (si siede e inquadra la maga).   

MAGA (si schiarisce la voce e sorride guardando verso la telecamera, cioè verso il pubblico) Bonasera!... Cari tellispettatori, comme putite vedere, pure stasera mi trovo al vostro cuspetto col mio assistento Giosèf.

GEPPINO (sorride con gli occhi alla telecamera, cioè al pubblico): Yes, ciao.

 

MAGA: Pirciò leggite ’o nummero che stà sopra ’a mpressione e tilefonate, tilefonate ’a maga vosta Carmilina ca ve sape cunziglià.

        Squilla il telefono - Il cameraman continua a inquadrare soltanto la maga

MAGA (solleva la cornetta dell’ apparecchio e la poggia sul tavolo): Pronto!... Chi sei? (singhiozzo).

GIOVANE DONNA (voce fuori campo): Me chiammo Antonietta... M’ ’a faje ’a vinomanzìa?

MAGA (prende da terra una bottiglia di vino e la osserva): Cara ’Ntunetta si’ furtunata pecché dint’ ’a butteglia ce stà ancora nu poco ’e vino. (Stappa la bottiglia) Chesta è ’a sola vinomanzia ca ogge pozzo fà (mesce il vino nel bicchiere).

        Geppino guarda la maga con disappunto.

MAGA: Cara ’Ntunetta, che segno sei?

GIOVANE DONNA: Songo d’ ’o cancro.

MAGA (fissa il bicchiere di vino): Tesoro quant’ anne tiene?

GIOVANE DONNA: Tengo trent’ anne e so’ mamma ’e duje masculille.

         La maga Carmilina porta il bicchiere di vino alla bocca, ma riesce a berne soltanto un sorso.

GEPPINO (la ferma, sorridendo): Stop.

MAGA (si lecca le labbra): Cara, pecché m’ hé chiammato?  

GIOVANE DONNA: Vulesse sapé si me cunziglie na casa ’o mare o in muntagna... Io vulesse jì ’o mare, ma mio marito s’è ’ncurnato cu ’a muntagna... Ah, mò me scurdavo, se chiamma Aniello. È toro.

GEPPINO (sorride): Toro, yes.

 

MAGA: Mò vetimmo che se pò fà p’ ’o cunvincere. (Beve un altro sorso di vino  e guarda fisso nel bicchiere mezzo vuoto)  Sì, sì… veco chiaramente ca si’ spusata e tiene duje criature... E stó vedenno pure ’o marito tujo (singhiozzo).

GIOVANE DONNA: Overo!?

MAGA: Cara ’Ntunetta, aje ragione; sta vota isso s’ è propio ’ncurnato… Però si nun te vò accuntentà, io veco ca nu mutivo ce stà… Mò nun t’ ’o pozzo dicere pe’ dint’ ’a tilevisione, pecché  si no ’a gente sente.... Viene ’o stutio mio e te conto ’e ccose comme stanno.

GIOVANE DONNA: Ma ce stà n’ata femmena?

MAGA: No… Però ccà nun pozzo parlà.

GIOVANE DONNA: Forse tene nu problema ’e salute?...  Aniello suda assaje.

MAGA:Viene ti perzona. Tilefona ’o stutio mio e piglia l’appuntamento... Ciao, tesoro (Abbassa il ricevitore e beve tutto d’un fiato il vino rimasto nel bicchiere, prima che Geppino possa fermarla). Cari tellispettatori, tovete sapere che il vino pe’ fà ’a vinomanzìa ha da essere ’e bona qualità, si no nun pozzo vetere chiaramente ’e ccose comme stanno. (Rivolta a Geppino) È overo?   

GEPPINO: Yes (raccoglie le carte e ne fa un solo mazzo).

  Squilla il telefono.

MAGA (solleva la cornetta dell’apparecchio telefonico e la poggia sul tavolo): Pronto! Chi sei? (singhiozzo).

RAGAZZA (voce fuori campo): Io songo Luisella ’e Caivano

MAGA: E quant’ anne tiene, Luisella?

RAGAZZA: Tengo vintitré anne.

MAGA: Dimme, cara, che lavoro faje?

RAGAZZA: Faccio ’a cammarera a ore.

MAGA: Brava, Luisella, ’a fatica ’nnanzi tutto! (singhiozzo). E che vuoi canoscere?

RAGAZZA: Io vulesse sapè si Erricuccio, ’o fidanzato mio, trova na sistimazione, accussì ce putimmo spusà.

MAGA (mischia le carte): Mò vetimmo subbeto…  Quanno è nato Erricuccio?

RAGAZZA: Aspé, ’o ttenevo signato... Però te pozzo dicere ca a nuvembre fa quarantaquatto anne.

MAGA: Cu ssalute!

RAGAZZA: ’O saccio, è grussiciello, ma nun ce pare.

MAGA (poggia il mazzo di carte sul tavolo e dà una gomitata a Geppino): Spacca!

GEPPINO: Yes (spacca in due il mazzo di carte e le porge quello inferiore).

MAGA: Grazie, Giosèf. (Sorride, rivolta alla telecamera) Giosèf nun parla buono ’o taliano, però ’o ccapisce. (Fa tre mazzetti di carte) Cara Luisella, dimme nu nummero.

RAGAZZA: Trentatré... Che me vuò fà na visita?

MAGA: Quà visita! Pe’ telefono nun se pò… (Sorride) Però, si tenite prubleme cu ’a salute, ’a maca Carmilina ve pò curà mali nivralgichi, dulure all’ osse e tant’ ati malanne.

RAGAZZA: Visto ca te truove, mammà tene spisso nu dulore dint’ ’ a spalla... Che diceno ’e ccarte? 

MAGA: Signete ’o sicondo nummero ’e telefono che stà sopra ’a mpressione, accussì me chiamme e ’a faje venì ’o stutio mio. (Sorride) Cari tellispettatori, io stongo sempe a vostro sirvizio...  E mò, Luisella, dimme che nummero vuo’… Uno, duje o tre?

RAGAZZA: Duje.

MAGA (singhiozzo - scosta gli altri mazzetti di carte e comincia a girare le carte di quello centrale): Il tuo racazzo ’o stongo vedenno che viaggia.

RAGAZZA: Qua’ ragazzo!... Chillo è gruosso, nun è nu guaglione.... E po’ chi ce ’e dà ’e sorde pe’ viaggià?

MAGA: Nu mumento; nun me fà perdere ’o filo. (Guarda nella sfera di vetro)  Il tuo fitanzato ’o stongo vedenno pure dint’ a palla… ’O veco quanno era giovane. Forse viaggiava int’ ’o pulmànno o, che saccio, dint’ ’a cumana.

RAGAZZA: E certamente!... Chillo, da guaglione, faceva ’o mariunciello. S’arrubbava ’e portafoglie ’a pietto ’a gente e ’a dint’e borze.

MAGA: Hé visto?... Che ti dicevo?...  Allora pe’ chesto steva prioccupato… Teneva paura d’essere ’ncucciato ’ncopp’o fatto.

RAGAZZA: Ma ’a truvarrà na fatica bona?... Chillo pe’ mò se stà arrangianno cu ’e mmachine.

MAGA: Pecché fà ’o meccanico?

RAGAZZA: Séh, ’o meccanico!... Chillo ll’arrobba e ’e smonta; però fatica sulo su ordinazione, si lle capita.

MAGA (guarda di nuovo le carte aperte sul tavolo): Cara Luisella veco ca è nu mumento brutto.  Purtroppo il tuo fitanzato nun va annanze, pecché tene nu problema... (Tono lugubre) Veco attuorno a isso onte necative grosse assaje.

RAGAZZA: Nun me fà prioccupà!...  Che so’ chest’ onte necative?

MAGA: Josèf, ’o piatto… (Dà una gomitata a Geppino) ’O piatto… E scetete!  (Prende il piatto che Geppino le porge e vi taglia un’arancia a metà) Aspè, voglio fà nu cuntrollo cu ’e tarocchi d’ ’a Sicilia. (Osserva le due metà dell’arancia) Eh, cara Luisella, ’o fitanzato tujo tene propeto ’a scalogna ’ncuollo... L’hanno fatto ’o maluocchio e nun vulesse che t’ ammiscasse pure a te (si pulisce le mani col tovagliolo).

RAGAZZA: Uh, mamma mia, e comme se fà!?

MAGA: Nun ti prioccupare!... ’A maca Carmilina stà a disposizione p’ aiutà a tutte quante.  (Guarda Geppino) È overo, Josèf ?

GEPPINO: Yes.

MAGA: Tu puorteme a Erricuccio e a mammà ’o stutio mio, accussì ’e gguardo a tutt’ ’e dduje. Signete ’o nummero ’e telefono. Ciao, t’aspetto.  (Abbassa il ricevitore e sorride, sempre rivolta alla telecamera) Arricurdateve ca ’a maca Carmilina legge pure dint’ occulto … P’ ’a vinomanzia purtate ’o vino buono, si no nun riesce  (singhiozzo).

GEPPINO (sorride): Yes (raccoglie le carte aperte e i due mazzetti e ne forma un solo mazzo che porge alla maga).

MAGA: ’O stutio mio sta apierto d’ ’a matina fino ’a sera... Pirciò nun ve facite scrupole; chiammate e pigliate appuntamento. (Mischia le carte, sempre guardando la telecamera) Si nun ce stongh’ io, ve risponne quacche assistenta che stà facenno ’a pratica cu mme.

        Squilla il telefono

MAGA (solleva il ricevitore e lo poggia sul tavolo): Pronto!... Chi sei?

VECCHIA (voce fuori campo): Songo nonna Cuncetta… Vulesse sapé si pozzo cammenà n’ata vota senza ’o bastone.

MAGA (singhiozzo): Quant’ anne tiene, Cuncetta?

VECCHIA: Comme?... Parla cchiù forte; io nun ce sento buono.

MAGA (alza la voce): Quant’ anne tiene?

VECCHIA: Uttantacinche sunate.

MAGA (a voce alta): ’A saje ’a data ’e nascita toja?

VECCHIA: Int’ a stu mumento nun me l’arricordo.

MAGA: Va buo’, nun ’mporta… Mò guardo dint’ ’a palla (prende un’aria assorta).

VECCHIA: E allora? 

      Geppino sveglia la maga con una gomitata e le porge il mazzo di carte.

MAGA (sobbalza): ’E ccarte… Forse è meglio ca te faccio ’e ccarte… (Mischia le carte e rivolta a Geppino) Spacca, Giosèf!  

GEPPINO: Yes (spacca in due il mazzo di carte e le porge il secondo).

MAGA: Dimme nu nummero da uno a tre.

VECCHIA: Comme?

        Geppino mima che è sorda.

MAGA (a voce alta): Dimme nu nummero da uno a tre.

VECCHIA: ’E nummere dammille tu da 1 a 90... Io gioco ’o lotto tutt’ ’e semmane.

MAGA (tono professionale): A pruposito d’ ’o lotto, pigliate nutizia ca io dongo ’e nummere ’o stutio mio ogne lunnedì… Si venite, putite vencere terne e quaterne pe’ l’indarcettazione d’ ’ a maca vosta Carmilina (singhiozzo).  

VECCHIA: Pronto!... Che staje dicenno?

MAGA: Vuo’ uno, duje o tre?

VECCHIA: E damme ’o tre ’e denare.

MAGA (ironica): Accussì pazziammo ’a briscula! (prende il terzo mazzetto  e gira le carte) Cara, cara…  

GEPPINO (suggerisce a bassa voce): Cuncetta.

MAGA: Cara Cuncetta, tu tiene nu sacco ’e dulure ca te danno prubleme... È overo?

VECCHIA: E pe’ chesto ca porto ’o bastone.

MAGA: Ma io t’assicuro ca ’ncapo a quacche anno stu bastone nun te servarrà cchiù.... Parola d’ ’a Maca Carmilina!

GEPPINO (sorride e mima una benedizione): Yes.

MAGA (dà una gomitata a Geppino): Pecché ’e mmane mie so’ benedette. Però hé ’a venì ’o stutio mio.

VECCHIA: E comme faccio?... Nun putisse venì tu addu me?... Ma tu viene gratìsse?

GEPPINO: No! No possibile (raccoglie le carte aperte e i due mazzetti e ne forma un solo mazzo).

MAGA: Me dispiace… Io songo ’mpignata assaje... Ciao, cara.

VECCHIA (tono mesto): Statte bona.

MAGA (abbassa la cornetta del telefono e rivolta alla telecamera): Si vulite chiammà, apprufittate mò ca tenimmo ’a linea libera.    

 

         Squilla il telefono

MAGA (solleva la cornetta del telefono e la poggia sul tavolo): Pronto!... Chi sei?

GIOVANOTTO (voce fuori campo): Me chiammo Salvatore.

MAGA (mischia le carte - voce suadente): Da tove chiami, Salvatore?

GIOVANOTTO: Chiammo d’ ’a casa mia.... Io stongo  ’e casa a Cercola.

MAGA: E dimme, Salvatore, che mestiere faje? (frena un singhiozzo).

GIOVANOTTO: Io fatico dint’ ’a ditta ’e papà… ’E sorde dint’ ’a sacca nun me mancano.

        Geppino si sistema meglio sulla sedia.  

MAGA (sorride, contenta): Me fà piacere ca nun tiene prubleme ’e denare!...  Dimme, caro, che vuoi canoscere?

GIOVANOTTO: Voglio sapé pecché nun riesco a quaglià cu ’e ffemmene.

MAGA: Ma ce stà quacche guagliona ca te piace?

GIOVANOTTO: Sì, se chiamma Samantha, ma essa nemmanco me guarda.

MAGA: Embé, si tu staje a sentere ’a Maca Carmilina, te faccio vedé ca, ’ncapo a nu mese, sta Samanta, nun putarrà cchiù campà senza ’e te.

GIOVANOTTO (felice): Overo!?

GEPPINO (sorride): Yes.

MAGA: S’azzeccarrà a te comm’ a l’etera ’nfaccia ’o muro… Dimme, Salvatore, è  ’a primma vota ca tu chiamme a na maca?

GIOVANOTTO: No, veramente, aggio chiammato pure a n’atu nummero.... Era nu mago ca prumetteva miracule; però, mentre parlavo, m’è caduto ’o telefono ’a mano e nun aggio ’ntiso cchiù niente..... Allora aggio penzato ca era stato ’o destino e ca forze chillu mago nun faceva ’o caso mio.

MAGA: Bravo, Salvatore! Se vede ca si’ nu guaglione scetato. (Avvicina il mazzo di carte a Geppino che lo spacca in due) È stato ’o destino che t’ha fatto chiammà a me (prende le carte che le porge Geppino e ne fa tre mazzetti).’A maca Carmilina faciarrà ’a felicità toja cu sta Samanta.

 

SALVATORE: Vulesse ’o cielo!

MAGA (tono professionale): Salvatore, dimme nu nummero da uno a tre, accussì accumminciammo a vedé che diceno ’e ccarte.

GIOVANOTTO: Uno, no...  forse tre... Sì, è meglio tre.

MAGA (apre le carte del terzo mazzetto e assume un’aria assorta): Veco ca tu staje scucciato pecché tiene nu penziero fisso ’ncapo.... È overo?

GIOVANOTTO: Sì, ’o pensiero ’e Samantha.

MAGA: E certamente… Caro dimme quanno si’ nato........ Staje penzanno?... M’abbasta pure ’e sapé quant’ anne tiene..... Pronto!... Pronto!... Salvató, parla!

GEPPINO (grida): Salvató! Salvató!

MAGA (dà una gomitata a Geppino per farlo tacere): Pronto!... (Prende la cornetta del telefono e la porta all’orecchio) Io nun sento cchiù niente!... (Adirata) Mannaggia! (Poggia la cornetta sull’apparecchio) Salvató, chiamma n’ata vota!... Arricuordete ca io sulamente pozzo fà ’a felicità toja cu Samanta.

        Squilla il telefono

MAGA (solleva subito la cornetta e la poggia sul tavolo): Salvató, si’ tu?

BAMBINA (ride): No, so’ Mariella... Voglio sapé si sarraggio promossa.

MAGA (frettolosamente): Sì, Mariè, certamente.

BAMBINA: E nun m’ ’e ffaje ’e ccarte?

MAGA (frenando il nervosismo): No, nun ce stà bisogno... ’A maca Carmilina ’o ssape ca tu sì’ na brava piccerella… E mò attacca, pecché stongo aspettanno na telefonata ’mpurtante.

GEPPINO: Yes, very important.

BAMBINA: No, no e no!.... Primma, famme ’e ccarte.

MAGA (raccoglie e mischia velocemente le carte): E va buo’, tesoro. (Guarda un punto in alto davanti a sè - tono mesto) Me stanno dicenno ca ’o tiempo a tiesposizione è fernuto.   

BAMBINA: Pronto! Maga!

MAGA (rimette la cornetta sull’apparecchio - sorriso forzato) Cari tellispettatori, io e Giosèf vi tobbiamo lasciare. Ma vuje chiammate! Chiammate!... Arricurdateve ca ’a maca Carmilina sape appriparà filtre d’ammore spiciale... Salvató, staje sentenno?... Ciao (saluta con la mano).

GEPPINO (sorride, rivolto alla telecamera e saluta con la mano): Ciao.

CAMERAMAN (spegne la telecamera): Avimmo fernuto… (Si alza) Donna Carmelì, spicciateve ca tenimmo n’ata trasmissione (si siede con la telecamera in grembo).

MAGA: Nu mumento, quanno me levo sta robba ’a cuollo. (Prende una grande borsa che è nascosta dietro la scrivania e ne tira fuori un sacchetto di plastica) Comme ’o piglio ’o pulmànno cumbinata accussì?!  (si toglie il cappello).

 GEPPINO (si sfila velocemente il gilet e lo lascia sulla sedia): Azì, dint’ ’a borza miettece pure chisto… Ciao.

MAGA (si ravvia i capelli con le mani): Geppì, me putisse pure dà na mano!

GEPPINO: Azì, vaco ’e pressa… (Guarda verso la cabina di regia e saluta da lontano) Arrivederci… Bonasera, Miché (esce frettolosamente di scena).

CAMERAMAN: Ato che bonasera!… Ccà fra poco facimmo notte.  

MAGA (si toglie gli orecchini e gli anelli e li mette nel cappello che ripone nella borsa): Michè, nu poco ’e pacienza… Damme ’o tiempo! (si sfila velocemente il corpino laminato, lo piega e lo sistema nella  borsa con le carte da gioco e gli amuleti).  Aggio quase fernuto (piega velocemente il gilet di Geppino e vi avvolge la sfera di vetro che mette delicatamente nella borsa).

CAMERAMAN (impaziente): E ghiammo!... Vedite ’e fà ampressa.  

MAGA: Ancora nu minuto e me ne vaco (mette nel sacchetto di plastica il cestino con le arance, la bottiglia vuota, il bicchiere e il coltello).Aggi’ ’a tené na bustina. (Tira fuori dal sacchetto una piccola busta di plastica e vi infila l’arancia tagliata a metà) Cu chisto arancio ce faccio na spremmuta ’o criaturo’e mia figlia. (Aggiunge nel sacchetto anche il piatto e il tovagliolo)  Ecco fatto!... Rimane sulo chisto (toglie dal tavolo il panno rosso e lo piega)

  

CAMERAMAN (ironico): Si ’o vulite pure stirà, nun facite cumplimente!

MAGA (lo guarda e sorride): Michè, si nun ’a fernisce, te faccio na fattura e po’ vedimmo. (Mette il panno rosso nella borsa e dà una rapida occhiata sulle sedie e sul pavimento) Me pare ca nun m’aggio scurdato niente. (Guarda verso la cabina di regia) Arrivederci! (Rivolta al cameraman)  Ciao, Miché; ce vedimmo martedì (esce di scena, miseramente vestita, reggendo con una mano la borsa e con l’altra il sacchetto di plastica).

CAMERAMAN: Arrivederci.   

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno