Filosoficamente

Stampa questo copione

FILOSOFICAMENTE

Un atto

Di EDUARDO DE FILIPPO

PERSONAGGI

Gaetano Piscopo, impiegato

Peppino Cardaia, dottore

      Maria     figlie di Gaetano

         Margherita

Concetta, moglie di Peppino

Gemma, figlia di Peppino

Salvatore, operaio

Egidio Mazzarelli, commesso di negozio

Palmira, maestra elementare

Arturo Sallustio, giovane cieco

Vincenzino Rendina, giovane miope

Una terrazza al quinto piano. Piccola borghesia napoletana. Gaetano e Peppino, poi Maria.

Commedia formattata da

Gaetano                           - (seduto a destra vicino a Peppino) Mari',.. Mari'... figlia mia, te voglio manna a chiammà 'a vammana...

Maria                               - Sto venendo papà... (Entra dalla destra) Sopra 'o comò non c'era niente. L'avevate messi dentro 'o teraturo della colon­netta. (Gli dà dei biglietti del lotto).

Gaetano                           - 'E llente l'he pigliate?

Maria                               - So' queste?

Gaetano                           - Nonzignore... cheste so' p' 'a luntananza, t'aggio ditto chelli llà cu' nu cristallo rutto, va'.

Maria                               - Uh... papà... mo me facite scendere n'altra volta fino a basso... mo v' 'e leggo io 'e nummere...

Gaetano¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Lascia sta', m' 'o vech'io... siete proprio sfaticate... questa √® la giovent√Ļ d'oggigiorno... (Allontana il giornale in modo da poter leggere) Niente, niente... e questa √® un'altra via ne non spunta... Sabato che vene straccio tutt' 'e bigliette.

Maria                               - Voi ogni sabato al giorno dite lo stesso, poi durante la settimana vi fate un sogno qualunque, andreste pure rubando Per giocare.

Peppino                           - Bisogna avere carattere, don Gaetano.

Gaetano¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Ma quando quella √® la madre che non mi lascia tran¬≠quillo nemmeno dopo morta. Don Peppi', sta settimana mi √® enutain sogno tre notti 'e seguito... e sempre 'o stesso. M'ha tuppuliato ncopp' 'a spalla e m'ha ditto: ¬ęGaitani', io 'o ssaccio che staie disperato, nun t'avvili, Pecch√© quando meno t' 'o , lde e ddoie figlie noste se mmaritano in grazia di Dio. Gio-fyAR ete: 4¬Ľ 78, 43. Nun te scurd√†¬Ľ.

Maria                               - Povera mammà, pure doppo morta penza a nuie.

Gaetano                           - I che piacere, m'ha fatto perdere cinche lire io ne facevo n'ato uso.

Peppino¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Io non gioco pi√Ļ, da circa due anni. Feci giuramento ma quanno veco nu banco lotto, passo all'ato marciapiede A me fu terribile... Giusto come √® successo a voi, per circa quattro notti, me sunnaie nu cliente mio che dopo di avergli curato il tifo con il mio metodo speciale, mori nelle mie braccia: io ‚Äėocuraie e io lle nzerraie ll‚Äôuocchie. Dunque, come vi dicevo mi faccio questo sogno: pare che stu cliente mio, un pezzo d'uo¬≠mo, nu pare 'e spalle tante... teneva 'a capa mia mmano. Sula-mente 'a capa, 'a teneva p' 'e capille, me guardava e diceva: ¬ęE bravo, m'he voluto cura e' 'o metodo tuio... m'he fatto fa' chesta morte... e si' dottore tu?¬Ľ Allora 'a capa mia diceva: ¬ęNo, nun sono dottore; sono un saponaro...¬Ľ ¬ęE io so' muorto pe' causa toja...¬Ľ dicendo queste parole mi sput√≤ in faccia. Capi¬≠rete dopo quattro notti che me facevo sempre 'o stesso suoli¬≠no, m'impressionai e feci: 34 'a capa, 17 'o sapunaro, e 48 morto che parla.

Gaetano                           - No, 48, morto che sputa.

Peppino                           - Precisamente, è lo stesso. La prima settimana mi gio­cai cinquanta lire e non usci niente, la seconda settimana mi giocai altre venti lire e nemmeno usci niente, e la terza settimana dissi: va te fa' friggere e non volli giocare. Quando fu il gior­no, don Gaetano mio, vado per vedere l'estrazione...

Gaetano                           - Usci il terno?

Peppino¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Niente, manco nu nummero. Allora capii che la vinci¬≠ta non era per me e giurai di non giocare pi√Ļ.

Maria                               - Papà col permesso del dottore vi debbo dire una cosa.

Gaetano                           - Dotto', permettete?

Peppino                           - Siete in casa vostra.

Maria                               - Papà, stasera vengono gli amici:

Arturo                              - Sallustio, Rendina, Mazzarella, 'a moglie d' 'o dottore con la figlia...

Gaetano                           - Viene pure 'a mugliera d' 'o dottore? Dotto' vostra moglie viene? -

Peppino¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Con me no. Io tenevo da fare un paio di visite, mia moglie viene pi√Ļ tardi!

Maria                               - E che ci diamo solamente la neve col caffè?

Gaetano                           - E che ce vuó da'?

Maria                               - Come, noi sabato sera dicemmo che stasera manda a fare le pizze,

Arturo                              - disse che lui mandava il vino.

Gaetano                           - E che ce pozzo fa'?

Maria ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Gies√Ļ, pap√†... e che figura facciamo...

Gaetano                           - Ma yuie che nne vulite 'a me? Piglia 'e solde e falle abballà.

Maria                               - Tutto sommato ci vogliono una quindicina di lire...

Gaetano                           - E allora sto parlando francese? Nun 'e ttengo!

Maria                               - ….'a signurina Palmira non v'ha dato 'o mensile, d' 'a cammera?

Gaetano                           - E dopo domani chi 'o paga 'o padrone 'e casa? Nun saccio io stesso comme aggio arrangiato tutt' 'a mesata. Vide si t' 'e ddà

Margherita                       - quinnice lire, l'autriere ha rutto 'o carusiello.

Maria                               - E perché l'ha rotto 'o carosello? Per comprarsi le scarpe e la roba del vestito...

Gaetano                           - Insomma 'e vuó 'a me? E va t' 'e piglie, chest'è 'a chiave, stanno dint' 'o cummò. T'arraccumanno, quinnice lire sulamente. Lunneri, nce ne chiavammo mazzate io e 'o padro­ne 'e casa.

Maria                               - Va bene papà, quando è lunedi, Dio ci pensa...

Gaetano¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Sicuro, chillo Dio penza iusto a nuie... (Maria va a sinistra). Don Peppino mio, nun me ne fido cchi√Ļ! Voi, mo nce vo', siete della famiglia e pozzo parla. La vita mia diventa im¬≠possibile giorno per giorno.

Peppino                           - A chi lo dite...

Gaetano¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Vi giuro che certe volte invidio 'o scupatore, 'o mon¬≠dezzaio... perch√© non hanno esigenze. Chello che se guadagna¬≠no s' 'o mangiano e nun hann' 'a penz√† a niente cchi√Ļ. Dormo¬≠no in una topaia qualunque ed ecco risolto il problema! 'O guaio chi 'o passa? L'impiegato! Deve vestire decente, nun vo¬≠glia maie 'o cielo se presenta cu' 'e scarpe rotte... Si tene figlie, 1‚Äôha dda fa' cumpari, naturalmente quel poco che guadagna ser¬≠re per mantenere come meglio pu√≤ le apparenze... e 'a panza offre. Soffre don Peppi'. E come! Non ho vergogna a dirlo, a, cu' chello che guadagno io, quel poco che mi d√† la prima ^ka facendo la modista, e le centocinquanta lire al mese che ^ d√† 'a signorina Palmira per la camera che tiene fittata, a stento pago 'o padrone 'e casa e riesco a cucinare un piatto a mezzogiorno e n'ato 'a sera. Un piatto don Peppi'... Sen¬≠nino, senza frutta... niente... E pure se fanno 'e capille bianche‚Ķ.

Peppino                           - Ci vuole pazienza... bisogna lottare.

Gaetano                           - Don Peppino mio, io sto facenno 'o lottatore da che so’ nato…. Mo è venuta 'a piccerella a dicere che ce vonno 'e solde e pizze perché vengono gli amici... se ne vanno na quindicina 'e lire... ch'aggi' 'a fa'... domani un piatto a mezzogiorno e a sera ce cuccammo diune.

Peppino                           - Ma voi poi, benedetto Iddio, ve mettete ad invitare gente, a fa' cumunella...

Gaetano¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - E posso fare diversamente? Due figlie da maritare‚Ķ addo 'e porto? Per forza debbo far venire a qualche amico in casa pe' vede si 'e pozzo situ√†. Tanto pi√Ļ che 'a signurina Palmira ha ditto che hann' 'a spus√† primma lloro e po' spusam nuie.

Peppino                           - Ma vuie faci te sul serio cu' 'a signurina Palmira?

Gaetano¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - √ą nu poco bruttulella, ma √® simpatica, istruita... e do' caro don Peppino, m'ha prestato nu sacco 'e solde; diversi guai, essa l'ha apparate... Guadagna discretamente facendo 'a maestrina elementare, capirete che quanno aggio situato 'e gua¬≠glione, con quel poco che guadagno io al municipio e quello che guadagna lei, possiamo vivere tranquilli.

Margherita                       - (dalla sinistra seguita da Maria) Papà, io credo che voi sbariate col cervello... Dotto', scusate...

Peppino                           - Niente per carità!

Gaetano                           - Ch'è Stato?

Margherita¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Come, Maria ha detto che voi non volete far tocca¬≠re pi√Ļ di quindici lire, e che ne accattiamo? Siamo pi√Ļ di dieci persone. Se vogliamo offrire solamente le pizze, pure bisogna farle fare di due lire l'una, mo quelle di una lira le fanno tantelle; e un frutto ce lo volete dare? Quello

Arturo                              - ha mandato tre fiaschi di vino e una guantiera di paste di Caflisch che ce le possiamo buttare per la faccia, noi poi ce ne usciamo con quindi­ci lire... Se poi ci dobbiamo far dire che siamo pirchi di dietro...

Gaetano                           - Insomma, quanto ce vo' pe' fa' stu ricevimento al si­gnor Arturo?

Margherita                       - Voi è inutile che fate caricature, perché cosi succe­de che chiunque si presenta con qualche intenzione... dopo ij secondo giorno se ne scappa, e noi restiamo per la vetrina, u vogliono per lo meno una quarantina di lire per comprare pure i frutti.

Gaetano                           - Pigliateve 'e quaranta lire e nun m'affliggite... Accuss mettimmo U'uoglio 'a copp' 'o peretto

Margherita                       -  Lunedi devo consegnare un cappello e ve do una trentina di lire.

Concetta, Gemma e Maria.

Maria                               - Venite signo'; dotto' 'a mugliera vosta

Concetta                          - Grazie, fateme sede nu poco Pecché sta scala stanca

Maria                                 - Tutt'è l'abitudine, io la faccio quattro o cinque volte al giorno.

Concetta                          - E tu te vuó mettere cu' me, tenesse io l'età tua, figlia mia. Buonasera don Gaeta'.

Gaetano                           - Buonasera donna Conce'.

Concetta                          - (a Peppino) Guè, tu staie lloco... bonasera.

Peppino                           - A faccia 'e mammeta...

Gemma                            - Mammà sta nu poco arraggiata pe' causa vosta.

Peppino                           - Pe' causa mia?

Concetta¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - T'aggio ditto mille vote, compra 'o veleno p' 'e to¬≠pi... ¬ęQuanno maie, in casa mia nun ce ne stanno...¬Ľ E io stase¬≠ra n'atu poco morivo. Neh, io vaco pe' metterme 'o cappiello davanti allo specchio, sapete me lo stavo aggiustando, mi sento una cosa che mi friccichiava in testa, figuratevi tremavo tutta quanta; me so' levato 'o cappiello e possa uscire un topo di questa posta imbrogliato in mezzo ai capelli. Figuratevi 'e stril-le miei... di bello, caduto dai capelli e me lo sono sentito scende¬≠re dietro alle spalle... Don Gaeta', io me so' spogliata sana sa¬≠na, non so' stata crestiana di trovare il topo.

Gaetano                           - Ma ve lo siete inteso scendere dietro alle spalle?

Concetta                                     - Già.

Gaetano                                      - Chissà addo s'è mpezzato...

Concetta¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - √ą stata tale l'impressione che me lo sento ancora muo¬≠vere addosso.

Peppino                           - E che c'entro io?

Concetta                          - Senti, te lo dico davanti alla gente: tu sei nemico della pulizia e se non sarebbe per me dormiresti dentro a una stalla.

Peppino¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - √ą inutile, sei rimasta la meza cazetta...

Concetta                          - Già, perché io m'ero sposato a Cardarelli... o pure questa mente superiore... Io da te non mi farei curare nemme­no un ponticcio.

Maria                               - Va bene, ve vulfsseve contrasta pe' na sciocchezza, stasera ci divertiamo.

Concetta                          - Ah... se capisce, e chi 'o dà retta

Azione di Peppino.

Gaetano                           - Va buo'... don Peppi', quella mo sta sotto l'impressione del topo….

Maria                               - Allora mo scendo io add' 'o pizzaiuolo vicino 'o n i compro pure 'e frutte.

Margherita                       - Frutta scelta, sa'.

Maria                               - E se capisce.

Margherita                       -  Va te piglia 'e solde dint' 'a cammera mia.

Maria esce

Salvatore                         - (dalla loggetta in mutande lunghe) Buonasera.

Gaetano                           - Buonasera don Salvato'. Che si dice?

Salvatore                         - E che s'ha dda dicere, se tira comme meglio se pò. 'O vedite, mo aggio fernuto 'e me magna nu muorzo, mme fu­mo sta pepparella ccà fore, e po' mme vaco a cucca. Aggi' \ munta 'e notte. All'una m'aggi' 'a truvà 'e Granile, a mezza­notte sveglia.

Peppino                           - Dove lavorate?

Salvatore                         - All'azienda elettrica. Tengo pure a moglierema poco bene.

Gaetano                           - Che tene?

Salvatore¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Tene nu fr√Ļngolo sotto la scella che le porta pure 'o poco 'e freva, stanotte nun m'ha fatto durmi, uno lamiento tutt' 'a nuttata, l'avarria menata abbascio. Si accummencia n'a- ta vota mo che mme cocco, cu' nu punio nce 'o schiatto e bona- sera. Pecch√© io aggi' 'a durmi, e si no chi me mantene na nutta¬≠ ta sana all'erta. E 'o stesso dico pure a vuie, avessem' 'a fa a siconda 'e sabbato passato... Che se facettene afferra 'e figlie voste, nzieme cu' chilli quatte bammenielle...

Gaetano                           - Ma chelle s'hann' 'a mmaretà...

Salvatore                         - Ma io aggi' 'a durmi. Si no, caro don Gaetano, cu tutta l'amicizia, io vaco addu 'o padrone 'e casa...

Margherita                       -  Uh! Don Salvato', come siete pesante, fino ' dieci possiamo fare quello che vogliamo noi, possiamo pens a voi che ve ne andate a letto alle sei del giorno? (esce)

Gaetano¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Ma statte zitta. Chillo √® operaio e tene 'o diritto ‚Äėe durmi. Non ve ne incarricate don Salvato', stasera me s attiento io a nun fa' fa' ammuina.

Salvatore                         - Aggiate pacienza. (Siede, mette a posto la persiana e accende la pipa).

Margherita                       - (di dentro) Venite Egidio. (Entra) Papà, è venuto Mazzarella.

Egidio                              - Buonasera signori.

Gaetano                           - Carissimo Mazzarella, accomodatevi. (Presentandolo al dottore e alla moglie) Egidio Mazzarella. Il dottore Giuseppe Cardaia.

Peppino                           - Piacere.

Concetta                          - Fortunatissima.

Egidio                              - Io ho avuto il piacere di conoscere vostra figlia sabato scorso.

Concetta                          - Sta qua... Gemma, vieni qua.

Gemma                            - Che volete mammà?

Egidio                              - Buonasera signorina.

Gemma                            - Come state?

Egidio                              - Cosi, non c'è male... Vi ho portato quattro cinque cam­pioni di voile che mi cercaste, cosi potete scegliere, mi dite qual è, e io ve lo mando fino a casa.

Gemma¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - E questo √® uno pi√Ļ grazioso dell'altro. Margheri', guar¬≠da: so' tutte tinte nuove.

Egidio                              - Ne stiamo vendendo una quantità, perché lo teniamo so­lamente noi.

Concetta                          - Quale magazzino?

Egidio                              - Fattorusso, signo'.

Margherita                       - E questi me li chiami colori nuovi? La pervinca se n'è fatta scarfaccia, una minestra per tutta Napoli; il prugna poi, non ti dico e non ti conto... Io mo me so' comprata certo voile nei Guantai eh'è un amore. Ve lo voglio far vedere, veni­te pure voi Mazzarella, voi ne capite.

Gemma, Margherita - e Egidio- fanno per andare.

Concetta                          - Nossignore. Dove volete andare voi soli? cetano Signo', chelle s'hann' 'a mmaretà. Andate, andate... (Li spinge). Quello sarebbe un buon partito per vostra figlia, è un buonissimo giovane e lavoratore.

Palmira                            - (di dentro) Don Gaetano, don Gaetano.

Gaetano                           - 'A signurina Palmira. (Si affaccia al parapetto in fondo) Signori’, che volete?

Palmira                            - Don Gaeta', mi rincresce tanto ma non posso venire in terrazza.

Gaetano                           - E perché’

Palmira                            - Ho un mal di testa terribile e mi voglio coricare presto.

Gaetano                           - E se vi coricate è peggio, salite, pigliate nu poco di aria e vedrete che vi passa. Qua c'è pure il dottore con donna Concetta.

Peppino                           - (senza muoversi dal suo posto) Salite signuri' che l’aria vi farà bene.

Gaetano                           - E poi ve ne prego io...

Palmira                            - Allora salgo.

Gaetano                           - Grazie, siete troppo amabile...

Peppino                           - Quanto siete curioso!

GAETANO                     - Avess' 'a da' cunto a vuie?

Margherita                       - (con della stoffa) Signo', vedete voi pure, vi piace?

Concetta                          - Bella, è proprio originale... Ma

Gemma                            - dove sta?

Margherita                       -  Sta venendo...

gemma                             - (di dentro) Ah!... (Ride). No, no... (Entra seguita da Egidio).

Concetta                          - Neh Gemma, vieni qua... perché gridavi?

Gemma                            - Perché sono urtata col gomito vicino alla porta.

Peppino¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Tu he ditto: ¬ęNo, no...¬Ľ

Gemma¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Mazzarella voleva sapere se m'ero fatta male e io ho detto: ¬ęNo, no...¬Ľ

Peppino                           - Ah, ecco.

Gaetano                           - Chelle s'hann' 'a mmaretà!

Peppino                           - Don Gaeta', sta venenno 'a signurina Palmira... Quant'è curiosa!

Palmira                            - (dalla sinistra con un fazzoletto legato in fronte) Buo­nasera signori.

Ttutti                               - Buonasera, buonasera.

Palmira                            - Don Gaetano, sono salita proprio per voi.

Gaetano                           - Voi mi confondete, sedetevi qua, parliamo un poco, J cosi vi distraete.

Palmira                            - Grazie. (Siede). Hanno bussato alla porta, ma io non ho voluto aprire perché con questo fazzoletto in fronte som impresentabile. Anzi chiedo scusa a tutti quanti.

Peppino                           - Per carità, fate il vostro comodo.

Gaetano                           - Margheri', dice che hanno tuzzuliato 'a porta, va' arape.

Margherita esce poi torna.

Palmira                            - Don Gaetano mio, poco prima mi sentivo scoppiare la testa, mo me sento nu poco meglio….

Peppino                           - Ne soffrite?

Palmira                            - E’ un poco d’anemia, dovrei fare una cura ricostituente, io sono un guaio caro dottore, le medicine non le resisto perché tengo uno stomaco infame.

Peppino                           - Delle iniezioni... provate qualche puntura. mira Voi scherzate? Io se vedo solamente l'ago, mi viene no svenimento... Io ve l'ho detto, sono un guaio, non capisco perché la morte non mi prende.

Gaetano                           - Per non avere concorrenza.

Palmira¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - II riposo mi farebbe bene. Devo aspettare le vacanze,, mi sembrano mille anni, voi scherzate, dover combattere tutto j'anno scolastico con trenta, quaranta ragazzi... perci√≤ m'√® venu¬≠ta la nevrastenia, e badate che i miei alunni sono i pi√Ļ tranquil¬≠li, perch√© basta che li guardi che muoiono dalla paura.

Peppino                           - E se capisce!

Maria                               - (entra dalla destra) Eccomi qua, aggio ordinato tutte co­se per le nove precise. (A

Margherita                       - ) Ho incontrato

Arturo                              - e Vincenzino, se so' ghiute 'accatta 'e sigarette all'angolo, aggio rimasto 'a porta aperta, staranno saglienno.

Margherita                       -  

Arturo                              - t'ha domandato 'e me?

Maria                               - Chillo Vicenzino nun m'aveva visto, m'ha guardato pe' tre ore e po' m'ha cunusciuta.

Margherita                       - Cu' chi te si' misa a fa' ammore? Cu' uno che nun ce vede manco eh' 'a lente.

Maria                               - Tu impicciati dei fatti tuoi.

Tutti si sono seduti, qualcuno tossisce come per evitare di parla­re, la conversazione è caduta completamente.

Concetta                          - Domani voglio fare pasta e piselli, è un pezzo che non ne mangiamo.

Maria                               - Noi li facemmo l'altro giorno.

Margherita                       - E a papà gli vennero i dolori in corpo.

Palmira                            - A me pure mi fanno male.

Peppino                           - Io li digerisco benissimo.

Pausa. Durante questa pausa si sente russare Salvatore dalla loggetta.

Gaetano                           - E’ don Salvatore, pover’ommo, lavora na giornata sana….

Egidio                              - Io lo detesterei un uomo che russa...

 Palmira                           - (a Gaetano) Voi russate?

Gaetano                           - Quando dormo.

Margherita                       - Ma che bella conversazione, mi sembriamo tante mummie... Egidio, e dite qualche cosa, intavolate una discussione, voi siete giovane, se non parlate voi...

Egidio                              - E che devo dire?

Margherita                       - Mo che viene

Arturo                              - Sallustio vedete come gli argomenti per farci divertire.

Concetta                          - Sentite, quello è veramente un simpaticone... a, do si uniscono, lui e quell'altro amico... come si chiama… coso llà…..

Maria                               - Vincenzino Rendina.

Concetta                          - Brava, quello miope, quando stanno assieme mi fan no morire dalle risate.

Si sente internamente il canto di  Arturo e Vincenzino.

Maria                               - 'E vvi' ccanno, se ne veneno cantanno...

Arturo, Vincenzino e detti.

Arturo¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - √ą permesso?

Vincenzino                      - Buonasera signori.

Tutti                                 - Buonasera!

Arturo                              - Vicenzi', addo sta Margherita?

Vincenzino                      - Aspetta nu mumento... ccà pare che ce sta assaie gente... si nun sbaglio ce sta pure na monaca...

Arturo                              - Na monaca?

Vincenzino                      - Si, sta 'a chella parte! (indica Palmira).

Maria                               - Ve site fatte aspetta nu poco.

Arturo                              - Che ci volete fare, tutto pe' causa 'e Vincenzino che 'o Padreterno me l'ha miso vicino pe' schiuvazione d' 'e peccate mieie...

Vincenzino                      - Ho sbagliato, che vuó 'a me.

Arturo¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Ma che sbagliato... tu 'o cumbine sempe... Simmo iute addu 'o tabaccaro, io 'o Steve aspettanno fore, quanno √® ascia¬≠to invece 'e piglia a me, ha pigliato a na guardia pe' sotto ¬į vraccio e ha ditto: ¬ęNeh bestia, vu√≥ veni si o no?¬Ľ 'A guardia ha ntiso chesto e pe' forza 'o vuleva purt√† in questura, c'√® volu¬≠to 'o bello e 'o buono p' 'o fa' capace eh'√® stato nu sbagli0-

Gaetano                           - Don Vicenzi', corame! Ne facisseve una bbona!

Arturo¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Io dico, na vota ca tiene st'uocchie birbante, te vu assicura primma 'e dicere na parola? Poi non potete credere ‚Äėa paura ca me fa mettere, Pecch√© io so' cecato, isso poco ce vede e va‚Äô trova qua' vote 'e chesta iammo a ferni sott' a nu trammo.

Vincenzino                      -Ma chi l'ha ditto ca poco ce veco, io con le lenti vedo benissimo.

Arturo¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Ma nonzignore, caro don Gaetano, √® questione d'intelligenza, non bisogna mai contentarsi del poco; o tutto o niente; io nun putenno tene na vista impeccabile, so' cchi√Ļ cuntento d'essere completamente cecato, pare che accussi nisciuno tene niente 'a dicere.

Margherita                       - Stavamo aspettando voi per metterci un poco in allegria, qua nessuno dice una parola.

Arturo¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Ma si capisce, cosi non ci divertiremo mai, bisogna pro¬≠seguire per ordine, nun putimme sta' mmiscate viecchie e giuvene... La conversazione che interessa ai giovani, d√† fastidio ai vecchi e viceversa... Per conseguenza ci dobbiamo dividere in due categorie: vecchi e giovani. Tutta la giovent√Ļ passasse da questa parte. (Le ragazze con Egidio¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† e Vincenzo passano al lato sinistro). L'avete fatto?

Le ragazze                       - Si.

Arturo                              - E mo tutte 'e viecchie passasseno 'a ccà. (Nessuno si muove). L'avete fatto?

Nessuno risponde.

Margherita                       - Papà... e volete passare?

Gaetano                           - Dotto', se passo io dovete passare pure voi.

Peppino                           - Eccomi qua.

Concetta                          - E io dove mi devo mettere?

Gaetano                           - Ccà, ccà, signo'... vicino a nuie.

Palmira¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Io preferisco mettermi nella categoria dei vecchi, si sta pi√Ļ tranquilli.

vincenzino                       - (ad Arturo) 'A monaca, 'a monaca.

Arturo                              - So' passati tutti quanti?

Margherita                       - Sì, Sì.

Arturo                              - Mo facimmo accussi; per ogni dama ci vuole un cavalie­re. Vicenzi', addo staie? Miettete vicino alla signorina Maria. wncenzino E aro sta?

Maria                               - Sto qua, che diavolo!

 Vincenzino                     - Parlate, ca io vaco addo sento 'a voce.

Arturo                              - Poi chi ci sta?

Egidio                              - Io, Egidio Mazzarella.

Arturo                              - Guè, caro Mazzarella, mettetevi vicino alla signorina Gemma. Vicino alla signorina Margherita ci sarò io.

Gaetano                           - E noi mo ch'avimm' 'a fa'?

Arturo                              - Voi ve n'avita ji' solamente.

Gaetano                           - Per noi propongo uno scopone, io vaco a comò cu' 'a signurina Palmira e voi con vostra moglie, po' quanno ora ce mangiammo 'e pizze.

Margherita                       -  Papà, intanto possiamo offrire la neve col caffè.

Gaetano¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - E s√¨, io pure tengo sete. Venite, tengo nu mazzo ‚Äėe carte nuovo nuovo.

Peppino                           - (a Palmira) Voi siete forte a scopone?

Palmira                            - Io so' nu guaio... (Esce con Concetta e Peppino).

Margherita                       -  Mari' vieni, mi aiuti a prendere i bicchieri e a rom­pere la neve.

Gemma                            - Mo vengo pur'io.

Egidio                              - Io vi seguo.

Arturo                              - Neh, ma tornate presto, se no è inutile che ci siamo divisi in due categorie.

Margherita¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - La giovent√Ļ sar√† subito di ritorno. (Esce con Ma¬≠ria,

Egidio                              - e Gemma).

Vincenzino                      - Don Gaeta', io v'aggi' 'a parla.

Gaetano                           - Di che si tratta?

Arturo                              - Don Gaeta', è na cosa lunga.

Vincenzino                      - Voi sapete che giovane sono io e se voglio bene la famiglia vostra, ci conosciamo da tanti anni e sapete che rispet­to faccio per voi...

Gaetano                           - Ma proprio mo m'avit' 'a parla... Chille me stanno aspettanno pe' giucà...

Vincenzino                      - Si nun v' 'o dico mo nun v' 'o dico cchiu. Io ho parlato pure con mio padre e lui è contento. Come impiegato alla Rinascente voi sapete quello che guadagno, facilmente sa­rò aumentato, e papà ha detto ca si 'ave 'o piacere ca io me ni vaco d' 'a casa soia, mi fa un assegno di trecento lire al mese.

Gaetano                           - Mi fa piacere, ma che c'entra...

Vincenzino¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Certamente voi non siete un animale che mi mangite: se pu√≤ essere, bene, se no non ne parliamo pi√Ļ.

Gaetano                           - Ma 'e che cosa?

Arturo                              - Don Gaeta', Vincenzino se vo' spusà na figlia vostra.

Gaetano                           - Chest'è tutto?... Quanno t' 'a viene a piglia?

Arturo                              - Ma ch'è na gatta?

Vincenzino¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Al pi√Ļ presto possibile, pe' mo me basta che dici te si.

Gaetano                           - Ma tu parie 'e Margherita ?

Arturo                              - Ma che mettete a fa' Margherita in mezzo, lui parla della signorina Maria.

 Vincenzino                     - La seconda figlia vostra.

Gaetano                           - E va bene, t' 'a dò, t' 'a dongo... Tu sei nu buono giovane. Io vaco a giucà. (Esce)

Vincenzino                      - Aggio fatto o colpo... E tu quando ti decidi?

Arturo                              - Ma che m'aggi' 'a decidere, Vicenzi'...

Vincenzino                      - Spiegati con Margherita   e po' parie cu' don Gaeta­no, comme aggio fatt'io.

Arturo                              - Nun pozzo parla, Vicenzi', nun pozzo parla; cu' tutto che capisco che Margherita me vo' bene, che s'è annammurata 'e me, io nun tengo 'o curaggio 'e parla.

Vincenzino                      - Ma pecche?

Arturo                              - Pecché avarria essere essa a parla, avarria essere essa a menarse dint' 'e braccia meie... essa pò elicere: me voglio spusà a nu cecato... Ma io pozzo dicere: spusateve a nu cecato? vincenzino Certo, hai ragione... pe' me è tutt'altra cosa... io ce veco. Ma io po' te dico na cosa: si aspiette che t' 'o dice essa staie frisco... Chella po' sempe na guagliona è, e se mette scuor-no... Te vo' bene però, l'hanno capito tutte quante.

Arturo                              - Ma ha dda essere na bella guagliona... Vicenzi', com'è?

Pausa.

Vincenzino                      - Bella, bella...

Arturo                              - Viato a te e' 'a vide... Vicenzi', io aggio fatto na penzata, stasera lle voglio fa' na meza dichiarazione, voglio vede si 'a pozzo parla... tu però mi devi aiutare.

Vincenzino                      - In che modo?

Arturo                              - Io voglio dicere che stanotte me ll'aggio sunnata, ma tu m aviss' 'a dicere con precisione essa comm'è, si è chiatta, colorito tene, si tene qualche nievo, che vestito porta stase­ra... he capito?

Vincenzino                      - Tu vuó sape i connotati precisi? Ecco ccà Artu', io ion vorrei sbagliare, faggi' 'a dicere 'a verità pe' nun te fa' fa' , na cattiva figura. Facimmo accussì: mo che vene Margherita a guardo, m' 'a studio bona bona e po' te ne pozzo fa' addi­rittura nu ritratto.

Arturo                              - Bravo.

Margherita, Maria, Gemma ed Egidio.

Margherita                       - (con due ghiacciate) Ecco, vi veniamo a servire fino a qua.

Arturo                              - Grazie.

Maria                               - E questa è la ghiacciata vostra... (a Vincenzino) Vorrei sapere che stai facendo qua... non potevi venire con noi…..

Vincenzino                      - Stavo parlando con Arturo.

Arturo                              - Non sapete niente? Fra poco avrete un rnatrimonio. Vincenzino ha chiesto la mano della signorina Maria.

Margherita                       -  Veramente?

Vincenzino                      - Poco prima ho parlato con papà e ha detto che è contentissimo,

Gemma                            - E a quando i confetti?

Vincenzino¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Al pi√Ļ presto possibile.

Margherita                       - Allora si don Vicenzino s'ammoglia, voi perdete l'accompagnatore...

Arturo                              - Nun fa niente... Embe', si Vicenzino muresse io corn­ine faciarria? Faccio cunto eh'è muorto.

Vincenzino                      - Artu', nun me fa' stu malaurio, io ci tengo.

Margherita                       - Dovete trovare una persona che vi guidi.

Arturo                              - Speriamo. (Margherita lascia il suo posto, sale la scena, Egidio prende il posto di Margherita). Vicenzi', Margherita sta llà... (Indica Egidio) Guardala bbona, mo t' 'a può' studia, mi devi dire solamente che vestito porta stasera e che figura tene.

Vincenzino¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - A me mme pare ch'era cchiu corta, me sarraggio sbagliato Pecch√© mo 'a veco proprio bbona. √ą alta, molto alta, porta nu vestito a giacca scuro, nu taier.

Arturo                              - Ho capito.

Maria                               - Se vogliamo fare il giuoco è arrivato un bastimento carico di….

Margherita                       - Si... si...

Si dispongono per giocare.

Salvatore                         - (dal balcone) Beh... neh... neh... embè io vagj pregato... me vulite fa' durmi, si o no? Sia fatta 'a vulunta cielo! Addo sta don Gaetano... Ha ditto ca se steve attiento isso. Ma che maniera è chesta! Quann'uno l'ha cercato pe piacere... Mannaggia 'a vita mia! (Batte le imposte del balcone ed esce).

Tutti ridono.

Margherita                       - Iammuncénno 'a chella parte, venite.

Egidio¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Che ce vulesse mo? Pigliete nu mellone che tene √¨ppiso ‚Äėo balcone.

Margherita                       - Nun voglia mate o cielo.

Vincenzino                      - Aspetta, mo ce saglio io

Maria                               - Tu sei pazzo, con questi occhi birbanti che tieni...

Vincenzino                      - Nenne', io ce veco... Hanno cacciata sta voce...

Arturo                              - Saghe Vicenzi', ce facimmo ddoie resate.

Vincenzino                      - M'avit' 'a da' na mano.

Egidio                              - Saghe ncopp' 'a spalla mia.

Margherita ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Gies√Ļ, questi sono pazzi, quanto √® certo Iddio!

Le donne fanno gruppo in fondo. Vincenzino aiutato da Egidio riesce a scavalcare il balcone.

Egidio                              - Fa' presto.

Vincenzino                      - Aspetta, na vota ca so' sagliuto, me voglio scegliere 'o meglio.

Margherita                       - Don Vicenzi', ammaturo...

Vincenzino tocca tutti i meloni e vi batte le nocche delle dita.

Vincenzino                     - Chiste so' tutte aciévere.

Egidio                              - Aspetta, mo salgo pur'io ca ne capisco cchiu 'e te.

Vincenzino                      - Vieni... vieni...

Compare sotto l'uscio del balcone Salvatore, vedendo Vincenzi-o si arresta, piega le braccia e lo lascia fare.

Margherita                       - Uh, don Salvatore... (Scappa per il fondo).

Gemma, Maria ed Egidio la seguono.

Vincenzino                      - (prendendo un melone) Chisto è buono! (A Salvatore scambiandolo per Egidio) Mazzare', vide pure tu, chisto ha a essere comm' 'o zucchero. Ce 'o mangiammo doppo cenato alla accia di don Salvatore!

Salvatore gli dà uno schiaffo.

Arturo                                         - (sente il rumore) Vicenzi', he fatto nu sternuto? (Vin­cenzino riconosce don Salvatore, scende in silenzio ed esce pel fondo. Arturo, dopo pausa, guardando fisso sul balcone) Vicenzi', e mine stu mellone e scinneténne, pò essere che ncoccia don Salvatore.

Salvatore                         - I' so' don Salvatore!

Arturo                              - (salutando rispettosamente) Don Salvatore (esce dal fondo).

Salvatore rientra. Margherita  torna in terrazza.

Margherita                       - Aspettate, mo se non vi tenevo io, vi facevate ma­le seriamente... là quei due scalini, li abbiamo misurati tutti quanti.

Arturo                              - Chillo è asciuto don Salvatore e io pe' veni addo stiveve vuie stevo cadenno.

Margherita                       - L'avevo detto di non salire, don Vicenzino ha avu­to nu schiaffo e mo si sta contrastando con

Maria                               - perché lei non lo voleva far salire.

Arturo                              - A n'atu poco... 'e nnammurate accussi fanno... Beati loro! Si sapisseve comme l'invidio; ha dda essere bello assai volersi bene!

Margherita                       - E voi non vi siete innamorato mai di nessuna?

Arturo¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Vedete, per me √® un poco difficile... Comme me pozzo nammur√† 'e na femmena si nun 'a veco... Quacchedun'ato 'o posto mio s' 'a pigliarria a duro... io invece so' cuntento Pecch√© nun vedenno niente, niente desidero. Vuie per esempio vedite nu bell'oggetto dint' a nu negozio, ve n'annammurate, ve vene 'o gulio e si nun v' 'o putite accatta ve dispiace; io invece stu dispiacere nun II'aggio, Pecch√© nun 'o veco e 'o gulio nun me vene. Uocchie ca nun vede, core ca nun desidera... 'O brutto sapite quann'√®? E 'a notte, Pecch√© io 'a notte, quanno dormo ce veco... e allora veco 'e strade, 'a luce, qualche persona cari Insomma, io quanno dormo faccio cunto che sto scetato, e cjuai no 'a matina me sceto, faccio cunto che m'addormo. '0' ¬įrl^ √® quanno quacche matina nun me voglio scet√† Pecch√© dint suonno aggio visto na cosa, me ne so' annammurato e me nuto 'o gulio 'e m' 'a piglia. .

Margherita                       - E come riconoscete qualche persona cara che viene in sogno se non l'avete mai vista?

Arturo                              - Pecché m' 'a figuro comme 'a voglio io... stanotte esempio, v'aggio vista...

Margherita                       -  Vì'sono venuta in sogno?

Arturo                              - E non potete essere differente da comme v'aggio immaginata io…. Ve pozzo dìcere pure 'o vestito che purtate stasera.

Margherita                       - Sentiamo, sentiamo...

Arturo                              - Tenete nu vestito a giacca scuro.

Margherita                       - Nonzignore, vi siete sbagliato!

Arturo                              - Ma l'abito non conta, siete molto alta.

Margherita                       - Quando mai, anzi sono piccolina.

Arturo                              - Forse mi sono sbagliato, ma siete bella, bella assai...

Margherita                       - E che vi ho detto in sogno?

Arturo                              - M'avite ditto che ve site annammurata 'e nu giovene e ve pareno mill'anne 'e v' 'o spusà.

Margherita                       - Si, quando piovono passi e fichi... Chi volete che mi sposi senza dote...

Arturo¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Voi siete giovane, questa √® la pi√Ļ grande dote per una donna; troverete, troverete chi apprezzer√† la vostra bellezza.

Margherita                       - Si, qualche cieco... Uh, scusate, voi siete cosi alle­gro che io mi dimentico sempre...

Arturo                              - Fosse 'o cielo ca v' 'o scurdasseve pe' sempe.

Margherita                       - (cambiando discorso) Tenete la cravatta storta.

Arturo                              - (prendendole la mano) No, vi prego, lasciate sta'... Capi­rete, si sti ddoie manelle l'acconciano mo, domani stongo pun­to e da capo, Pecché io nun tengo a nisciuno,.. Si vuie l'accunciate, dimane po' 'a cravatta va truvanno 'e ddoie manelle... si l'accunciate mo, l'avit'accuncià pe' sempe... (Margherita, dopo pausa, gli aggiusta la cravatta). Margari', tu me vuó bene?

Margherita                       - senza parlare si abbandona nelle braccia di Ar­turo.

Gaetano                           - (di dentro) Scennite, 'o pizzaiuolo ha purtato 'e pizze! (fuori) Guagliu', vulite scennere si o no?

Vincenzino                      - (dal fondo seguito dagli altri) Eccoci qua.

Maria                               - Tengo n’appetito...

Vincenzino                      - (a Gemma) Prego... (Le dà il braccio).

Gemma                            - Grazie.

Vincenzino                      - (ad Arturo) Viene, Artu', appoggiate.

Arturo¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - Grazie... A te conviene dare il braccio alla tua futura sposa, a me √® inutile che m'accumpagne... Pu√≤' spus√† senza rimorsi, pecch√© io non aggio bisogno cchi√Ļ d'accompagnatore‚Ķ. Don Gaeta', io ce veco! Io ce veco! A me me mancavano ll'uocchie e mm' 'ha dato Margherita, mm' 'ha dato ‚Äėa figlia vosta! (Abbraccia Gaetano che √® mezzo intontito per la scena avvenuta).

Margherita commossa abbraccia la sorella. Sipario.

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 84 volte nell' arco di un'anno