Filumena Marturano

Stampa questo copione

I ATTO

FILUMENA MARTURANO

di Eduardo de Filippo

adattamento di Giovanni Romaniello

I° ATTO

DOMENICO-(schiaffeggiandosi ripetutamente con veemenza ed esasperazione).PAZZO, PAZZO, PAZZO!NON UNA MA CENTO VOLTE, MILLE VOLTE PAZZO.

ALFREDO- (con timido gesto interviene) MA CHE FACITE?

Rosalia si avvicina a Filumena e le pone sulle spalle uno scialle che avrà preso da una sedia sul fondo.

DOMENICO- ALFRE’ IO SO N’OMME E NIENTE! IO MAVESSA  METTERE NNANZE A NU SPECCHIO E MAVESSA SPUTA’ NFACCIA.(con un lampo di odio negli occhi a Filumena)VICINO A TE VICINO A TE O BUTTATO  LA VITA MIA: VENTICINQUE ANNI DI SALUTE DI FORZA E CERVELLO DI GIOVENTU’! E CHE ALTRO VUOI’? CHE ALTRO TI DEVE DARE DOMENICO SORIANO? PURE  CHESTA PELLE,CHE NE AVETE FATTO QUELLO CHE AVETE VOLUTO VOI?(inveendo contro tutti, come fuori di se)TUTTI HANNO FATTO QUELLO CHE HANNO VOLUTO!TU,TU,TU, O VICO, O QUARTIERE NAPOLI O MUNNO, TUTTI QUANTI M’HANNO PIGLIATO PE’ FESSO, SEMPRE!(il pensiero del tiro giuocatogli da Filumena gli torna alla mente d’improvviso e gli fa bollire il sangue)IO NON CI POSSO PENSARE!GIA’ ME LO DOVEVO ASPETTARE. SULAMENTE NA FEMMENA COMM’ATTE’, PUTEVA ARRIVA’ ADDO’ SI ARRIVATA TU! NON TI POTEVI SMENTIRE! VENTICINQUE ANNI NON TI POTEVANO CAMBIARE! MA NON CREDERTI CHE E’ VINTO, TU NON HAI VINTO NIENTE PERCHE’ IO T’ACCIDO E TI PAGO TRE SOLDI,.. NA FEMMENA COMM’A TE’ TANTO SI PAGA : TRE SORDE. E A TUTTI QUELLI CHE TI HANNO TENUTO LA MANO, IL MEDICO O PREVETE....(mostrando rosalia che trasale e alfredo che, invece è tranquillo con aria minacciosa)...STI DUE SCHIFOSI , CHE GLI HO DATO A MANGIA’ PER TANTI ANNI.STIPENDIATI TRADITORI V’ACCIDE A TUTTE QUANTE...(risoluto) O. REVOLVER...DATEME O REVOLVER...!

ALFREDO- (calmo) LI PORTAI TUTTE E DUE DALL’ARMIERE PER FARLI PULIRE, COMME DICESTE VOI.

DOMENICO- E QUANTE COSE HO DETTO IO...E QUANTE COSE M’HANNO FATTO DI PE FORZA! MA MO E FINITA, O VI’ MI SONO SVEGLIATO, HO CAPITO....(a filumena) TU TE NE VAIE...E SE NON TE NE VAI TU CON I PIEDI TUOI,  MORTA USCIRAI DA  QUESTA CASA.NUN CE STA LEGGE NUN CE STA PADRETERNO CHE PUO’ PIEGA’ A DOMENICO SORIANO. VE FACCI JI’’ IN GALERA, I DENARE E TENGHE E ABBALLAMMO, FILUME’ABBALLAMMO, TE FACCI’ABBALLA’ COME DICO IO...QUANDO FACCIO SAPE’ CHI SEI STATA TU E DA SOPRA A QUALE CASA TE SO VENUTO A PIGLIA’ M’HANNA DA RAGIONE PER FORZA. E TI DISTRUGGO FILUME’, TI DISTRUGGO!(pausa)

FILUMENA- (niente affatto impressionata, sicura del fatto suo)HAI FINITO? DEVI DIRE NIENTE PIU’?

DOMENICO- STATTE ZITTA,NUN PARLA’, NUN ME FIDO NEMMENO E TE SENTI’.

FILUMENA- IO QUANDO TI HO DETTO TUTTO QUELLO CHE TENGO QUA’ SOPRA O VVI’, NON TI GUARDO PIU’ IN FACCIA, E A VOCE MIA NUN A SIENTE CHIUU’.

DOMENICO- MALAFEMMENA, MALAFEMMENA SEI STATA E TALE SEI RIMASTA!

FILUMENA- E C’E’ BISOGNO DI DIRLO COSI’, COMMO O DICI TU? E CHE E’, NA NOVITA’, NON LO SANNO TUTTI QUANTIIO CHI SONO STATA E DOVE STAVO? PERO’ DOVE STAVO IO CE VENIVE TU.....TU INZIEME AGLI ALTRI ! E COME GLI ALTRI TI HO TRATTATO. PECCHE’ T’AVEVA TRATTA’ E N’ATA MANIERA?NON SONO TUTTI EGUALI GLI UOMINI? QUELLO CHE HO FATTO ME LO PIANGO IO E LA MIA COSCIENZA. MO TE SO’ MUGLIERA. E A CCA’ NUN ME MOVENO NEMMENO E CARABINIERI.

DOMENICO- MUGLIERA? MA MUGLIERA A CHI? FILUME’, A CHI TI SEI SPOSATA?

FILUMENA- A TE..

DOMENICO- MA TU SI PAZZA! L’INGANNO E’ PALESE. TENGO E TESTIMONI.

ROSALIA- IO NUN SAGGIO NIENTE.... SO SULAMENTE CA DONNA FILUMENA SE’ CORICATA, SI E’ AGGRAVATA, E S’E’ MISE IN AGONIA.NIENTE MI HA DETTO E NIENTE HO CAPITO.

DOMENICO-E TU CAPISCI SOLO QUANDO VUOI CAPIRE TU CON TE FACCIAMO I CONTI DOPO,E TU NEMMENO SAI NIENTE? TU NEMMENO SAPEVI CHE L’AGONIA ERA UNA FINZIONE?

ALFREDO- DON DUMMI’ PA AMMORE RA MARONNA. CHELLA DONNA FILUMENA MI TIENE SULLO  STOMACO, FACEVA LA CONFIDENZA A ME?

ROSALIA-E O PREVETE? IL PRETE, CHI ME L’HA FATTO CHIAMARE? NON ME L’AVETE DETTO VOI?

DOMENICO-PECCHE’ ESSA O CERCAVA. E IO PER FARLA CONTENTA....

FILUMENA - PERCHE’ NUN TE PAREVA O VERO CHE IO STAVO ANDANDO ALL’ALTRO MONDO. NUN CE STIVE DINTE E PANNE, PENSANDO CA FINALMENTE MI LEVAVI DI TORNO.

DOMENICO -BRAVA! FINALMENTE L’HAI CAPITO.....  E QUANDO IL ‘PRETE DOPO CHE AVEVA PARLATO CON TE ME DICETTE:” SPOSATELA IN EXTREMIS, POVERA DONNA, E’ L’UNICO SUO DESIDERIO : PERFEZIONATE QUESTO VINCOLO CON LA BENEDIZIONE DEL SIGNORE”... IO DICETTE....

FILUMENA - “ TANTO, CHE CI PERDO? CHELLA STA MURENNE. E’ QUESTIONE E NALTRO PAIO D’ORE E ME LA LEVO DA TORNO”. E’ RIMASTO MALE, DON DOMENICO, QUANDO APPENA SE NE ANDATO IL PRETE ME SO MENATA A DINT’O LIETTO E GLI HO DETTO” TANTI AUGURI DUMMI’, SIMMO MARITO E MOGLIE.” 

ROSALIA -  IO AGGIO FATTO CHILLU ZUMPE! E M’E’ VENUTA QUELLA RISATA! GESU’ MA COME L’HA FATTA NATURALE TUTTA A MALATTIA.

ALFREDO - E PURE L’AGONIA!!

DOMENICO -  VUIE STATEVE ZITTE, SI NO VI METTO IN AGONIA A TUTT’E DUE..CHE C’ENTRATE VOI?...NON PUO’ ESSERE, NUN PUO’ ESSERE,(PAUSA) E IL MEDICO? MA COMME , TU SI MIEDECO ...LA SCIENZA DOVE E’ ANDATA A FINIRE? TU SEI MEDICO E NUN T’ACCORGI CHE QUELLA STA BENE, CHE TI STA FACENDO FESSO.

ALFREDO - FORSE SECONDO ME SE’ SBAGLIATO.

DOMENICO - STATTE ZITTO, ALFRE’ CHE TU SEI RIMBAMBITO, QUA’ SBAGLIATO LA VEDI STA LA’ E’ VIVA CHE SBAGLIATO, E MA IL MEDICO PAGA, LUI PAGA PER QUANDO E’ CERTO IDDIO, PECCHE’ NON PUO’ ESSERE IN BUONA FEDE  E’ STATO D’ACCORDO,  HA MANGIATO E’ VERO?,L’HE DATE   E DENARE?....

FILUMENA - E CHESTO CAPISCI TU: E DENARE! PECCHE’ TU ERI DON DOMENICO SORIANO: I MEGLIO SARTI E MEGLIE CAMMESARE... E CAVALLE TUOI CURREVANO: TU LI FACEVI CORRERE...MA FILUMENA MARTURANO HA FATTO CORRERE ESSA A TE! E CORREVI SENZA CA TE NE ACCORGEVI, E ANCORA E HAI CORRERE, ANCORA HE A J’ETTA’ O SANGE A CAPI’ COME SI CAMPA E SI FA IL GALANTUOMO. O MIDECO NON SAPEVA NIENTE. C’IA CREDUTO PURE LUI, E CI DOVEVA CREDERE! QUALUNQUE FEMMENA DOPO VENTICINQUE ANNI CHE HA PASSATO VICINO A TE, SE METTE IN AGONIA. TI HO FATTO LA SERVA. A SERVA L’HO FATTA PER VENTICINQUE ANNI, E VOI LO SAPETE.QUANDO ISSO PARTIVA PER SPASSARSELA: LONDRA, PARIGI, E CORSE, IO FACEVO A CARABINIERA, DALLA FABBRICA A FORCELLA, A QUELLA DEI VERGINI E DENTRO I MAGAZZINI A TULEDO E A FURIA, SE NO I DIPENDENTI SUOI L’AVREBBERO SPOGLIATO VIVO.” SI NUN TENESSE A TE...” “ FILUME’..SI NA FEMMENA!”..L’AGGIA PURTATA A CASA MEGLIO E NA MUGLIERA! L’AGGIO LAVATE E PIEDE. E NO MO CA SO VECCHIA, MA QUANDO ERO GIOVANE. E MAI CHE MI FOSSE SENTITA  VICINO A LUI APPREZZATA, RICONOSCIUTA, MAI! SEMPRE COME NA CAMERIERA CHE DA UN MOMENTO ALL’ALTRO SI PUO’ METTERE FORA A PORTA.

DOMENICO -  E MAI CHE TI AVESSI VISTO SOTTOMESSA, CHE SO? COMPRENSIVA,(pausa) IN FONDO, DELLA SITUAZIONE REALE CHE ESISTEVA TRA ME E TE..... SEMPRE CON UNA FACCIA STORTA, STRAFOTTENTE... AVESSE VISTO MAI NA LACRIMA DENTRO GLI OCCHI! MAIE! MI DOVETE CREDERE QUANT’ANNE SIAMO STATI INSIEME, NON LO VISTA  GHIAGNERE .MAIE!

FILUMENA - E AVEVA CHIAGNERE PER TE? ERA TROPPO BELLO O MOBILE.

DOMENICO - LASCIA STA O MOBILE. UN’ANIMA IN PENA, SENZA PACE, UNA DONNA CHE NON MANGIA NON DORME  T’AVESSE VISTO MAIE E DURMI, QUANDO TI RITIRE SEMPRE A TE GUARDA’ CU NU PARE E UOCCHI TANTE,COMMA A DUIE FANALE MA CHE E’ MA CHE!!. N’ANIMA DANNATA. QUESTO SEI.

FILUMENA - E QUANDO MI VOLEVI VEDERE DORMIRE, TU? LA STRADA DI CASA TE LA SCORDAVI. LE MEGLIO FESTE, I MEGLIO NATALI ME L’AGGIO PASSATE SOLA COMME NA CANA. ? QUANDO SI CONOSCE IL BENE E NUN SE PO’ AVE’! MA FILUMENA MARTURANO BENE NUN NE CONOSCE...E QUANNO SE CUNOSCE SULO O MALE NUN SE GHIAGNE. A SODDISFAZIONE E CHIAGNERE FILUMENA MARTURANO NON L’HA MAI POTUTA AVERE. COME L’ULTIMA FEMMINA M’HE SEMPRE TRATTATO, SEMPRE! E NON PAROLIAMO E QUANDO ISSO ERA GIOVANE, CHE UNO POTEVA  DIRE: “ TENE E SORDE A’ PRESENZA...” MA MO, ALL’ULTIMO, A CINQUANTADUE ANNI, SE RITIRA COL FAZZOLETTO SPORCO DI ROSSETTO, CA MI FA SCHIFO.... ADDO’ STANNO?.

ROSALIA - STANNO CONSERVATE.

FILUMENA- SENZA NU POCO E PRUDENZA, SENZA PENSARE:” E’ MEGLIO CA E LEVO A MIEZO...SE QUELLA LI TROVA, E CHE FFA? CHI E’ ESSA? CHE DIRITTO TIENE? E SE NZALLANISCE APPRIESSO A CHELLA.......

DOMENICO -A CHELLA CHI?...

FILUMENA- APPRIESSO A QUELLA SCHIFOSA! CHE TI CREDI CHE NON L’AVEVO CAPITO? TU BUGIE NON NE SAI DIRE, E QUESTO E’ IL DIFETTO TUO.52 ANNI, E SE PERMETTE E SE METTERE CU NA FIGLIOLA E VENTIDUE! NON SI METTE SCUORNO! E MA METTE IN CASA DICENDO CHE ERA L’INFERMIERA....PERCHE’ LUI SE CREDEVA DAVVERO CA IO STAVO MORENDO.E NEMMENO UN’ORA FA’, PRIMA CA VENIVA IL PRETE PE CE SPUSA’, SE CREDEVANO CHE IO STAVO PER DARE L’ANIMA A DIO E NON LI VEDEVO, VICINO O LIETTO MIO S’ABBRACCIAVANO E SE VASAVANO! MADONNA... QUANDO ME FAI SCHIFO! E SE IO STEVE MURENNO O VERAMENTE, TU QUESTO AVRESTI FATTO? GIA’ IO MOREVE E A TAVOLA APPARECCHIATA PER LUI E CHELLA MORTA ALLERTA....

DOMENICO- MA PERCHE’, TU MORIVI E IO NON DOVEVO MANGIARE PIU’, NON MI DOVEVO SOSTENERE?

FILUMENA- CO E RROSE MIEZZ’A TAVOLA?

DOMENICO- CO E’ RROSE MIEZZ’A TAVOLA!!

FILUMENA- ROSSE?

DOMENICO- ROSSE, VERDE PAUNAZZE. MA PERCHE’ NON ERO PADRONE DI METTERE E ROSE? MA PERCHE’ NON SONO  PADRONE E MI FA’ PIACERE CA TU MURIVE?

FILUMENA- MA IO NON SONO MORTA. E NON MUOIO PE MO’,DUMMI’.

DOMENICO- E QUESTO E’ IL PICCOLO CONTRATTEMPO. MA IO NUN ME FACCIO CAPACE. SE TU MI HAI TRATTATO SEMPRE COME GLI ALTRI, PERCHE’,,,,,,, SECONDO TE,,,,,, GLI UOMINI SO TUTTI UGUALI, CHE TI IMPORTAVA E TI SPUSA’ A ME’?SENZA RAGIONE ? E SE IO MI SO INNAMMORATO E N’ATA FEMMENA E M’HA VOGLIO SPUSA’, SI PERCHE’ IO A DIANA MA SPOSO, CHE TE NE MPORTA SE TIENE O NON TIENE VINT’ANNE CHE TE NE IMPORTA, CHI SEI TU??

FILUMENA- QUANDO MI FAI RIDERE, E QUANDO MI FAIE PENA.! MA CHE ME NE IMPORTA E TE, D’A FIGLIOLA CA TA FATTE PERDERE A CAPE, E TUTTO CHELLO CA MI DICI? MA TU TI CREDI VERAMENTE CHE IO L’HO FATTO PER TE? MA IO NON TI CURO, NON TI HO MAI CURATO. NA FEMMENA COMMA A MME LE RITTO TU E ME LO STAI DICENDO, A 25 ANNI SE FA I CONTI. ME SIERVE,! TU ME SIERVE... TU TI CREDEVI CHE DOPO 25 ANNI CAGGIA FATTA VAIASSA VICINO A TE, ME NE ANDAVO CON UNA MANO ANNANZE E N’ATA ARETRO?

DOMENICO- E’ RENARE! E NON TE L’AVREI DATE PEZZENTE? SECONDO TE DOMENICO SORIANO FIGLIO DI RAIMONDO SORIANO UNO DEI PIU’ IMPORTANTI E SERI FABBRICANTI DI DOLCI DI NAPOLI, NON AVREI PENSATO A METTERTI SU UN APPARTAMENTINO CON UNO STIPENDIO ADEGUATO  PER  NON FARTI AVERE BISOGNO DI NESSUNO?.

FILUMENA- MA STATTE ZITTO! MA E’ POSSIBILE VOI UOMMENE NON CAPITE MAI NIENTE? QUALI DENARI, DUMMI? CONSERVATELI CON BUONA SALUTE I DENARI. E’ UN’ALTRA COSA CA IO VOGLIO A TE...E M’A DAIE! TENGO TRE FIGLI, DUMMI.

DOMENICO- TRE FIGLI??.. FILUME’, CHE STAI DICENDO?

FILUMENA- TENGO TRE FIGLI DUMMI’.

DOMENICO- E.. A CHI SO FIGLI?

FILUMENA- AGLI UOMINI COME A TE.

DOMENICO- FILUME...FILUME..., TU STAI SCHERZANDO C’O’ FUOCO! CHE VUOL DIRE ALL’UOMMENE COMMA A TE?

FILUMENA- PERCHE’ SIETE TUTTI EGUALI.

DOMENICO- VOI LO SAPEVATE?

ROSALIA- GNORSI’, QUESTO O SAPEVO.

DOMENICO- E TU?

ALFREDO- NO. DONNA FILUMENA MI ODIA, VE L’HO DETTO.

DOMENICO- TRE FIGLI!! E QUANTI ANNI TENGONO?

FILUMENA- IL PIU’ GRANDE TIENE VENTISEI ANNI

DOMENICO- SALUTE!!

FILUMENA- E NON FA’ STA FACCIA! NON TI METTERE PAURA: NON SO FIGLI A TE.

DOMENICO- E TI CONOSCONO? VI PARLATE,SANNO CHE TU SEI LA MAMMA?

FILUMENA- NO. MA LI VEDO SEMPRE E CE PARLO.

DOMENICO- E ADDO’ STANNO? CHE FANNO? COME CAMPANO?

FILUMENA- CON I DENARI TUOI.

DOMENICO- CHE DENARI MIEI?

FILUMENA- EH! CHE DENARI TUOIE. T’HO RUBATO! TI RUBAVO E DANARI DA DENTRO IL PORTAFOGLIO! T’ARRUBBAVO DENTRO AGLI OCCHI.

DOMENICO-  MARIOLA! MARIOLA!!

FILUMENA- T’AGGIA ARRUBBATO,TI VENDEVO I VESTITI E SCARPE! E NON TE NE SEI MAI ACCORTO! QUELL’ANELLO COL BRILLANTE, T’O’ RICUORDE? TI DISSI CHE L’AVEVO PERDUTO: M’O’ VENNETTE. CON I DENARI TUOI HO CRESCIUTO I FIGLI MIEI.

DOMENICO- IO TENEVO LA LADRA IN CASA! MA CHE FEMMENA SEI TU?

FILUMENA- UNO TIENE LA BOTTEGA O VICOLO APPRESSO, FA O STAGNARO.....

ROSALIA- L’IDRAULICHE, COME SI DICE, ACCONCIA I RUBINETTI, SPILA LE FONTANE,,,,L’ALTRO ...COMME SI CHIAMA? A SI RICCARDO. QUANDO E’ BELLO! NU PIEZZE E GUAGLIONE! STA A CHIAIA, TIENE IL MAGAZZINO DENTRO AL PORTONE AL NUMERO 74, FA O CAMMESARO....LE CAMICE. E TIENE UNA BELLA CLIENTELA. UMBERTO POI....

FILUMENA- HA STUDIATO, HA VOLUTO STUDIARE. FA IL RAGIONIERE E SCRIVE PURE SOPRA I GIORNALI.

DOMENICO- CI ABBIAMO PURE LO SCRITTORE IN FAMIGLIA.

ROSALIA- E CHE MAMMA CHE E’ STATA! NON L’HA FATTO MAI MANCARE NIENTE! IO MO CE VO’, SO VECCHIA E, AL PIU’ PRESTO POSSIBILE MI DEVO TROVARE DAVANTI ALLA PRESENZA DELL’ENTE SUPREMO, CHE TUTTO VEDE, CONSIDERA E PERDONA, E CA CHIACCHIERE NON SE NE AMMOCCA....DA QUANDO ERANO PICCOLI, IN FASCE  NON GLI HA FATTO MANCARE IL LATTE DELLE FORMICOLE.....

DOMENICO.- CON I DENARI E DON DOMENICO.

ROSALIA- E VOI LI BUTTAVATE E RENARE.

DOMENICO- E DOVEVO DAR CONTO A QUALCUNO?

ROSALIA- GNORNO’, CON SALUTE! MA MANCO VE NE SIETE ACCORTO.

FILUMENA- MA NUN O DATE RETTA! VOI LO RISPONDETE PURE?

DOMENICO- FILUME’ MA TU A VUO FIRNI, DOBBIAMO USCIRE A FORZA ALL’IMPOSSIBILE? MA TU CAPISCI QUELLO CHE HAI FATTO?TU MI HAI MESSO IN CONDIZIONI E ME FA TRATTA’ COME UN UOMO DI PAGLIA! INSOMMA STI TRE SIGNORI CHE IO NON CONOSCO NEANCHE PER PROSSIMO, CHE NON SO DA DOVE SO’ ASCIUTE, AD UN CERTO PUNTO ME PONNO RIDERE IN FACCIA! PERCHE’ PENZANO...”QUALUNQUE COSA VA BE, CE STANNO E DENARI E DON DOMENICO.”

ROSALIA- GNORNO’, QUESTO NO, E CHE SANNO LORO, DONNA FILUMENA HA FATTO SEMRE LE COSE COMA L’AVEVA FA’: CON PRUDENZA E CA CAPA IN CAPA. IL NOTAIO CONSEGNAIE E SORDE ALL’IDRAULICO QUANDO APRI’ LA BOTTEGAAL VICOLO APPRIESSO, CONDICENDO CHE UNA SIGNORA CA NON SI VOLEVA FARE ACCONOSCERE....E COSI’ FACETTE PURE CON UMBERTOP’O’ FA’ STUDIA’. NO. NO, VOI NON C’ENTRATE PROPRIO.

DOMENICO- IO AGGIO PAGATO SOLAMENTE.

FILUMENA- E L’AVEVA ACCIDERE?... QUESTO DOVEVO FARE,NEH, DUMMI’? LI DOVEVO UCCIDERE COME FANNO TANTE FEMMINE? ALLORA SI, E’ OVE’, ALLORA FILUMENA SARRIA STATA BBONA? RISPUNNE!!... E QUESTO CHE MI CONSIGLIAVANO TUTT’E COMPAGNE MIE, DI LA’ SOPRA,,,” A CHI ASPIETTE? TI TOGLI IL PENSIERO!” ME LO SAREI MESSO IL PENSIERO! E CHI AVESSE POTUTO CAMPA’ CU’ NU RIMORSO E CHILLO? E POI PARLAI CON LA MADONNA “ A MADUNNELLA D’E’ ROSE VA RICURDATE?

ROSALIA- COMME ‘A MADONNA D’E’ ROSE CHELLA CHE FA’ NA A GRAZIA O GIORNO.

FILUMENA- ERANO LE TRE DOPO MEZZANOTTE. PA STRADA CAMMINAVO IO SOLA. D’A CASA MIA GIA’ ME NE JUTA DA SEI MESI. ERA LA PRIMA VOLTA! E CHE FACCIO? A CHI LO DICO? SENTIVO NELLA MIA TESTA E  VOCE DE CUMPAGNE MIEIE:” A CHI ASPIETTE? TI TOGLI IL PENSIERO! IO CONOSCO A UNO CHE E MOLTO BRAVO” SENZA VOLE’, CAMMINANDO CAMMINANDO, ME TRUVAIE DENTRO O VICO MIO, DAVANTI ALL’ALTARINO D’A’ MADONNA DE ROSE. L’AFFRNTAI COSI.” CHAGGIA FA’? TU SAI TUTTO…SAI PURE PERCHE’ MI TROVO NEL PECCATO. CHAGGIA FA’” MA ESSA ZITTO, NUN RISPONNEVA. “ E ACCUSSI’ FAI,? E VERO? PIU’  NON PARLI E PIU’ A GENTE TE CREDE?…STO PARLANNO CU TE! RISPONDI!”” E FIFLI SO’ FIGLIE!” MI GELAI. RIMANETTE ACCUSSI FERMA. FORSE SE MI VOLTAVO AVREI VISTO O CAPITO DA DOVE VENIVA A VOCE DA DENTRO DA UNA CASA COL BALCONE APERTO, DAL VICOLO APPRESSO, DA SOPRA NA FINESTRA…MA PENSAI: “ E PERCHE’ PROPRIO IN QUESTO MOMENTO? CHE NE SA’ A GENTE DEI FATTI MIEI? E? STATA ESSA, ALLORA …E’ STATA A MADONNA! SE VISTA AFFRONTATA A TU PER TU E HA VOLUTO PARLA’…MA ALLORA, A MADONNA PE PARLA’ SE SERVE E NUIE….E QUANDO M’HANNO DETTO TI TOGLI IL PENSIERO, E’ STATA PURE LEI CHE MI HA DETTO, PER METTERMI ALLA PROVA…! E NON SO SE FUI IO O A MADONNA DE RROSE CHE FECE CA CAPA ACCUSSI’.” E FIGLI SO’ FIGLIE!” E GIURAI. E PERCIO’ SO’ RIMASTA TANTI ANNI VICINO A TE…PER LORO HO SUPERATO TUTTO QUELLO CHE MI HAI FATTO E COME MI HAI TRATTATO! E QUEL GIOVANE SI INNAMORO’ DI ME, CHE MI VOLEVA SPOSARE, TI RICORDI? STAVAMO GIA’ INSIEME DA CINQUE ANNI: TU AMMOGLIATO, A CASA TUA, E IO A SAN PUTITO, DENTRO A QUELLE TRE CAMERE E CUCINA…A PRIMA CASARELLA CHE MI METTESTI QUANDO DOPO QUATTRO ANNI CHE CI CONOSCEVAMO, FINALMENTE, MI LEVASTI DA LLA’ SOPRA! E MI VOLEVA SPOSARE O POVERO GIOVANE….MA TU FACISTE O GELOSO. TE TENGO NELLE ORECCHIE: “ IO SO’ AMMOGLIATO, NON TI POSSO SPOSARE. SE QUESTO TI SPOSA…”E TI METTESTI A PIANGERE…PERCHE’ SAI CHIAGNERE TU…TUTTO IL CONTRARIO E ME: TU SAI CHIAGNERE! E IO DICETTE:”VA BUO’, CHISTO E’ O DESTINO MIO! DUMMINECO ME VO’ BENE, CON TUTTA LA BUONA VOLONTA’ NON MI PUO’ SPOSARE, E’ AMMOGLIATO….. E ANDIAMO A S. POTITO NELLE TRE CAMERE!” MA, PO, DOPO DUE ANNI, TUA MOGLIE MORI’. IL TEMPO PASSAVA…E IO SEMPRE A SAN PUTITO. E PENSAVO: “E’ GIOVANE, NU SE VO’ ATTACCA’ PE’ TUTTA A VITA CU NA FEMMENA, VERRA’ IL MOMENTO CA SI CALMA, E CONSIDERA I SACRIFICI CHE HO FATTO!” E ASPETTAVO. E QUANDO IO, A VOLTE DICEVO:” DOMMI’, SAI CHI SI E’ SPOSATO?…QUELLA FIGLIOLA CA STEVE E RIMPETTO A ME DENTRO E FENESTELLE…” TI RIDEVI, TI METTEVI A RIDERE, TALE E QUALE A QUANDO SALIVI, CON GLI AMICI TUOI, SOPRA DOVE STAVO IO, PRIMMA E SAN PUTITO. QUELLA RISATA CHE COMINCIAVA PER LE SCALE….QUELLA RISATA CHE E’ SEMPRE LA STESSA, CHIUNQUE LA FA’! TI AVREI UCCISO, QUANDO RIDEVI COSI’. E ASPETTIAMO. E HO ASPETTATO VENTICINQUE ANNI! E ASPETTIAMO LE GRAZIE DI DON DOMENICO!ORMAI TIENE CINQUANTA ANNI: E’ VIECCHIO! ADDO’? CA POZZA JTTA’ O SANGE, QUELLO SI CREDE SEMPRE UN GIOVANOTTO! CORRE DIETRO E NENNELLE, SI INFESCISCE, PORTA E FAZZULETTE SPUORCHE E RUSSETTO, M’A METTE DINT’A A CASA! MIETTAMMELLA MO’ DINT’A’ A CASA, MO CA TI SO MUGLIERA. TE NE CACCIO A TE  E A ESSA. CI SIAMO SPOSATI. O’ PREVETE CI HA SPOSATI. CHESTA E’ CASA MIA!

“CAMPANELLO”

DOMENICO- CASA TUA? MO MI STAI FACENDO RIDERE TU A ME.

FILUMENA-  E RIDE RIDE! CA ORAMAI ME FA PIACERE E TE SENTI’ E RIDERE PECCHE’ COMM’A TANNO NON SAI RIDERE PIU’

DOMENICO- “verso Alfredo” TU CHE VUO?

ALFREDO- EH...CHE VOGLIO? HANNO PORTATO LA CENA...

DOMENICO- MA PERCHE’ NUN AVEV’A MANGIA’ SECONDO VOI?

ALFREDO- EH…DON DUMMI’!TRASE!

PRIMO FACCHINO- QUA’ STA’ LA CENA. MIETTE CCA’. SIGNO’, IL POLLASTRO E’ UNO SOLO PERCHE’ E’ GRANDE E PUO’ SAZIARE PURE A QUATTRO PERSONE. TUTTO QUELLO CHE AVETE ORDINATO E’ DI PRIMA QUALITA’.

DOMENICO- LASCIA TUTTO SUL TAVOLO E VAI

PRIMO FACCHINO- GNORSI’ SIGNO’ QUESTO E’ IL DOLCE E QUESTO E’ IL VINOE..VI SIETE SCORDATO.?

DOMENICO- E CHE?

P. FACCHINO- COMME? QUANDO SIETE VENUTO OGGI PER ORDINARE A CENA, VI RICORDATE? IO VI HO CERCATO SE TENEVATE NU CAZONE VECCHIO. E VOI AVETE DETTO.” VIENI STASERA, E SE PIU’ TARDI SUCCEDE NA COSA CHE DICO IO, SI AGGIO AVUTA NA BELLA NOTIZIA, TENGO NU VESTITO NUOVO NUOVO…O PILGIO E TO REGALO” NUN E’ SUCCIESSO A COSA CHE DICEVATE VOI? NUN L’AVETE AVUTA LA BUONA NOTIZIA?

DOMENICO- T’AGGIA DITTO VATTENNE. NON VEDI CHE STIAMO PARLANDO? LASCIA LA CENA E VATTENE.ALFRE’ ACCUMPAGNALO

P. FACCHINO- CE NE STIAMO ANDANDO…IAMMUNCENNE, CARLU’, NUN L’HA AVUTA A BBONA NUTIZIA…A FURTUNA MIA BONA SERATA.

DIANA.- FOLLA, FOLLA IN FARMACIA. ROSALIA, PREPARATEMI UN BAGNO. OH! LE ROSE ROSSE…! GRAZIE DOMENICO. CHE PROFUMINO: HO UN PO’ DI APPETITO. HO TROVATO LA CANFORA E L’ANDRENALINA. OSSIGENO NIENTE. PENSAVO: SE …MIO DIO, NON VORREI DIRLA LA PAROLA, MA ORAMAI…SE MUORE STANOTTE, DOMATTINA PARTO DI BUONORA. HO TROVATO UN POSTO NELLA MACCHINADI UNA MIA AMICA. QUI DAREI PIU’ FASTIDIO CHE ALTRO. A BOLOGNA, INVECE, HO CERTE COSETTE DA FARE, TANTI AFFARUCCI DA METTERE A POSTO. TORNERO’ FRA DIECI GIORNI. VERRO’ A VEDERVI, DOMENICO. E…COME STA?…SEMPRE IN AGONIA?..E’ VENUTO IL PRETE?

FILUMENA- IL PRETO E’ VENUTE….E CONFROMME HA VISTO CHE STAVO IN AGONIZZAZIONE…LEVATE O CAMMESE!

DIANA- COME?

FILUMENA- LEVATE O CAMMESE.

ROSALIA- LEVATEVI QUESTO.

FILUMENA- POSALO NCOPPA A SEGGIA.

ROSALIA- METTETELO SOPRA LA SEDIA.

FILUMENA-HA VISTO CHE AGONIZZAVO E HA CONSIGLIATO A DON DOMENICO SORIANO DI PERFERZIONARE IL VINCOLO IN ESTREMITA’. POS’A’ ROSA!

ROSALIA- POSATE LA ROSA

FILUMENA- E DON DOMENICO L’HA TROVATO GIUSTO PERCHE’ HA PENZATO: “ E’ GIUSTO, STA DISGRAZIATA STA VICINO A ME’ DA VENTICINQUE ANNI….”

E TANTE ALTRE CONSEGUENZE E SCONSEGUENZE CHE NON ABBIAMO IL DOVERE DI SPIEGARVI. E’ VENUTO VICINO AL LETTO E CI SIAMO SPOSATI…CON DUE TESTIMONI E LA BENEDIZIONE DEL SACERDOTE. SARANNO I MATRIMONI CHE FANNO BENE, CERTO E’ CHE MI SONO SENTITA SUBITO MEGLIO. MI SONO ALZATA E ABBIAMO RIMANDATO LAMORTE E SICCOME DOVE NON CI SONO INFERMI MALATI NON CI POSSONO ESSERE INFERMIERE…E LE SCHIFEZZE LE PURCARIE…D’AVANTI A UNA CA STA MURENNO…PERCHE’ TU SAPEVI CHE IO STEVO MORENDO…LI VAI A FFA’ A CASA E SORETA. ANDATEVENE CON I PIEDUCCI VOSTRI E TROVATEVI UN’ALTRA CASA NO QUESTA.

DIANA- VA BENE.

FILUMENA- E SE VI VOLETE TRAVARE VERAMENTE BENE, DOVETE ANDARE SOPRA ADDO’ STAVO IO…

DIANA- DOVE?

FILUMENA- VE LO FATE DIRE DA DON DOMENICO CHE QUELLE CASE LE FREQUENTEGGIAVA E LE FREQUENTA ANCORA. ANDATE.

DIANA-GRAZIE.

FILUMENA- NON C’E’ DI CHE.

DIANA- BUONA NOTTE

DOMENICO- ACCUSSI’ L’HE’ TRATTATA, E’ OVE?.

FILUMENA- COMME SE MERITA.

DOMENICO- MA FAMME SENTI’ NA COSA. TU SEI UNA DIAVOLA….UNO CON TE DEVE STARE CU NU PAIO DI OCCHI TANTO APERTI….E PAROLE TUE SI DEVONO RICORDARE.,S’HANNA PESA’. TE CUNOSCHE MO. SI COME NA TARLA VELENOSA CA DOVE SI POSA DISTRUGGE.TU POCO PRIMMA HE DITTO: “…E’ NATA COSA CA IO VOGLIO A TE…E MM’A DAIE!”E DENARE NO, PERCHE’ LO SAI CA TE L’AVREI DATE. CHE ALTRO VUOI DA ME? CHE TE MISE N’CAPO? CHE HAI PENZATO E NON MI HAI DETTO ANCORA?….RISPUNNE!

FILUMENA- DUMMI’ A SAI CHELLA CANZONA?” ME STO CRESCENNO NU BELLO CARDILLO .QUANTA COSE CA L’AGGIA MPARA’……

ROSALIA- HA MARONNA.

DOMENICO- E CHE SIGNIFICA?

FILUMENA- O’ CARDILLO SI TU

DOMENICO- FILUME’, PARLA CHIARO… NUN PAZZIA’ CU MEE….FILUME…

FILUMENA- E FIGLIE SO FIGLIE

DOMENICO- E CHE VUOI DIRE?

FILUMENA- HANNA SAPE’ CHI E’ A MAMMA… HANNA SAPE’ CHELLO CHA HA FATTO PER LORO.M’HANNA VULE’ BENE. NON SI DEVONO METTERE VERGOGNA VICINO AGLI ALTRI UOMINI: NON SI DEVONO AVVILIRE QUANDO VANNO PE CACCIA’ NA CARTA, NU DOCUMENTO: A FAMIGLIA, A CASA…A FAMIGLIA CA SI RIUNISCE PER UN CONSIGLIO, PER UNO SFOGO…S’HANNA CHIAMMA’ COMMA A MME’!

DOMENICO- COMMA E ME CHE?

FILUMENA- COMME MI CHIAMO IO SIAMO SPOSATI: SORIANO!

DOMENICO- E IO LO AVEVO CAPITO! MA O VULEVO SENTERE A TE… LO VOLEVO SENTIRE DA QUELLA BOCCA SACRILEGA PE ME FA’ CAPACE.PURE SE TE NE CACCIO A CALCI PURE SE TE SCAMAZZO A CAPA, E’ COME SI HA SCAMAZZASSE A NA SERPE: UNA SERPE VELENOSA CHE SI DISTRUGGE PER LIBERARE I POVERI CRISTI CHE CI CAPITANO…..CCA’ .CCA’.. DENTRO LA MIA CASA? COL NOME MIO? CHILLE FIGLIE E……

FILUMENA- E CHE?

DOMENICO- TUOIE….SI TUOIE..SI MI DOMANDI E CHE? TE POZZO RISPONDERE .TUOIE! SE MI DOMANDI E CHI? NON TI POSSO RISPONDERE, PERCHE’ NON LO SO. E NEMMENO TU O SSAIE… HA TU TI CREDEVI DI AGGIUSTARE LA FACCENDA E DI METTERTI LA COSCIENZA A POSTO?E TE SALVA’ DAL PECCATO PORTANDO IN CASA MIA TRE ESTRANEI?…SI DEVONO CHIUDERE GLI OCCHI MIEI! NUN CE METTERANNO PIEDE QUA’ DENTRO. NCOPPA A L’ANEMA DI MIO PADRE……

FILUMENA- NUN GIURA’! CA IO PER AVER FATTO NU GIURAMENTO, TE STO CERCANDO L’ELEMOSINA A VENTICINQUE ANNI…NON GIURA’ PERCHE’ E UN GIURAMENTO CHE NON POTRESTI MANTENERE…E MORIRESTI DANNATO, SE UN GIIORNO NON MI POTRESTI CERCARE L’ELEMOSINA TU A ME…

DOMENICO- CHE ALTRO STAI PENSANDO? …STREGA CHE SEI, MA IO NON TI TEMO NON MI FAI PAURA….!

FILUMENA- E PECCHE’ O DICI?

DOMENICO- STATTE ZITTA…DAMM’A GIACCHETTA.. DOMANI TE NE VAI! ME METTO MANO ALL’AVVOCATO, TI DENINCIO. E’ STATO UN TRANELLO. TENGO I TESTIMONI..E SE LA LEGGE MI DOVESSE DARE TORTO, T’ACCIDE FILUME’. TE LEVO D’O’ MUNNO.

FILUMENA- E ADD’ ME MIETTTE?

DOMENICO- DOVE STAVI,…TU DOMANI VAI A CHIAMARE L’AVVOCATO MIO, LO SAI? E ABBALLAMMO FILUME’ ABBALLAMMO.TI FACCIO CONOSCERE CHI E’ DOMENICO SORIANO E DI CHE PANNI VESTE.

FILUMENA- ROSALI ASSETTATE. CA  DEVI TENERE FAME PURE TU…

DOMENICO- STATTE BONA FILUME’……

FILUMENA- ME STO CRESCENNO NU CARDILLO….”

DOMENICO- T’ARRICUORDE STA RISATA FILUMENA MARTURANO HA..HA..HA…

FINE I° ATTO

II° ATTO

ALFREDO- LUCI’ BUONGIORNO

LUCIA- NUN ACCUMINCIATE A CAMMINA’ CON I PIEDI.

ALFREDO- E MO’ CAMMINO CO E MANE.

LUCIA- IO, MO HO FINITO DI BUTTARE IL SANGUE…. VUI VAA PRESENTATE CU STI PEDAGNE!

ALFREDO- E PEDAGNE? IO STA ACCISO! HE CAPITO CHE SIGNIFICA ACCISO? TUTT’A NOTTE APPRIESSO A DON DUMMINECO, SENZA CHIUDERE UOCCHIE, ASSETTATO NCOPPA’ O PARAPETTO D’A’ CARACCIOLO. MO ACCUMENCIA A FA’ PURE FRESCHETTO..CA IL PADRETERNO MI DOVEVA FAR CAPITARE PROPRIO A ME ALLE DIPENDENZE DI LUI. NON CA MI LAMENTO PER L’AMMORE DA MADONNA! IO HO CAMPATO, MI HA DATO A VIVERE, E ABBIAMO AVUTO ANCHE MOMENTI DI FASTI, IO CON LUI E LUI CON ME.” O SIGNORE LO DEVE FAR CAMPARE MILLE ANNI, MA CUIETO, TRANQUILLO! TENGO SISSANTA ANNE, MICA UN GIORNO! CHI E’ PO’ FFA’ CHIU’ E NUTTATE APPRIESSO A ISSO….LUCI, DAMME NA TAZZULELLA  E CAFE’.

LUCIA- NON CE NE’.

ALFREDO- NON CE NE?

LUCIA- NON CE NE’. C’ERA QUELLO DI IERI: UNA TAZZA ME LA SONO PRESA IO, IN’ALTRA DONNA ROSALIA, NON L’HA VOLUTA E LA PORTATA A DONNA FILUMENA, E UN’ALTRA L’HO CONSERVATA A DON DOMENICO, CASO MAI VIENE.

ALFREDO- CASO MAI VIENE?

LUCIA- EH, CASO MAI VIENE. DONNA ROSALIA O CAFFE’ NUN L’HA FATTO.

ALFREDO- E NUN O PUTIVE FA’TU?

LUCIA- E SACCIO FA’ O CAFE, IO?

ALFREDO- MANCO O CAFE’ SAIE FA’? E PECCHE’ NUN L’HA FATTO RUSALIA?

LUCIA- E’ USCITA PRESTO. DICE CHE DOVEVA PORTARE TRE LETTERE URGENTI DI DONNA FILUMENA.

ALFREDO- DI DONNA FILUMENA? TRE LETTERE?

LUCIA- EH, TRE: UNA DOIE E TRE.

ALFREDO- MA IO NU SURZO E CAFE’ ME LO DEVO PRENDERE. SAI CHE VUOI FARE LUCI?---A TAZZA E DON DOMENICO LA DIVIDI IN DUE E DENTRO IL SUO CE MIETTE L’ACQUA.

LUCIA- E SE SE NE ACCORGE’

ALFREDO- QUELLO E’ DIFFICILE CA VIENE. STAVA ARRABBIATO DI QUELLA MANIERA….E PO’ SE VIENE, HO PIU’ BISOGNO IO CA SO VIECCHIO CA LUI. CHI CE L’HA FATTO FARE E STA’ IN MEZZO ALLA STRADA TUTTA A NUTTATA?

LUCIA- IO MO VO SCARFO E V’O’ PORTO. …DONNA ROSALIA….CHE FACCIO? V’O’ PORTO O CAFE’?

ALFREDO- TANTO PIU’ CHE STA VENENDO DONNA ROSALIA! FA IL CAFFE’ FRESCO PER DON DOMENICO. MEZZA TAZZA NE VOGLIO!..ROSALI’, CHED’E’..HE PERZA A LINGUA?

ROSALIA- NUN T’AGGIO VISTO.

ALFREDO- NUN T’AGGIO VISTO? E CHE SO’ NA PULCE NCOPPA A STA SEGGIA?

ROSALIA- EH, NA PULCE CA TOSSE….

ALFREDO- C’A’ TOSSE?…SEI USCITA PRESTO?

ROSALIA- GIA’

ALFREDO- E ADDO’ SI GHIUTA?

ROSALIA- A MESSA

ALFREDO- A MESSA? E POI HAI PORTATO TRE LETTERE DI DONNA FILUMENA…..

ROSALIA- E UNA VOLTA CHE LO SAPEVI, PERCHE’ HAI DOMANDATO?

ALFREDO- COSI’ A TITOLO DI ESPORTAZIONE. E A CHI L’HAI PORTATE?

ROSALIA- TE L’HO DETTO PRIMMA: SI NA PULCE CA TOSSE.

ALFREDO- A TOSSE? MA CHE CENTRA STA TOSSE.

ROSALIA- PARLE, VAIE PARLANNO. E PO’: SI SPIONE!

ALFREDO- PERCHE’, QUALCHE VOLTA HO SPIONATO A TE?

ROSALI- A ME? E AME NUN CE STA NIENTE A SPIUNA’. LIMPIDA COMME L’ACQUA SURGIVA SURGENTE. E FATTE MIEI SO CHIARE, TITO’. NATA IL 70. FATTE O CUNTO QUANT’ANNE TENGO. DA POVERI ED ONESTI GENITORI. MIA MADRE, SOFIA TROMBETTA, FACEVA A LAVANDAIA, E MIO PADRE, PROCOPIO SOLIMENE, O MANISCALCO. ROSALIA SOLIMENE, CA SO IO, E VINCENZO BAGLIORE CHE AGGIUSTAVA OMBRELLE E CUFENATORE, CONTRASSERO REGOLARE MATRIMONIO ADDI’ DUE NOVEMBRE 1887.

ALFREDO- O JUORNO DEI MORTI?

ROSALIA- E CI STA GIORNO PIU’ BELLO.

ALFREDO- NO, ANDIAMO AVANTI.

ROSALIA- DA QUESTA RIUNIONE VENNERO AL MONDO TRE FIGLI IN UNA SOLA VOLTA. QUANDO LA LEVATRICE PORTO’ LA NOTIZIA A MIO MARITO CHE STAVA AL VICOLO APPRESSO, INTENDO AL SUO LAVORO, O TRUVAJE C’A CAPA DENTRO A NA SCAFAREA….

ALFREDO- S’A STEVA SCACQUANNO!

ROSALIA- CU A CAPA DINT’A A NA SCAFARE PER SINCOPE SOPPRAVVENUTA CHE, IMMATURAMENTE, LI RAPIVA. ORFANA DI GENITORI, AMBODUE.

ALFREDO- E TERNO E TRE.

ROSALIA- AMBODUE E CON TRE FIGLI DA CRESCERE,A NDAI AD ABITARE AL VICOLO SAN LIBORIO, BASSO NUMERO 80, E MI MISI A VENDERE SCIOSCIAMOSCHE, CASCETTELLE P’E’ MUORTE E CAPPIELLE E PIDIGROTTA. E’ SCIOSCIAMOSCHE LI FABBICAVO IO STESSA E GUADAGNAVO QUEL POCO PER PORTARE AVANTI I MIEI FIGLI. AL VICOLO SAN LIBORIO EBBI A CONOSCERE DONNA FILUMENA, CHE BAMBINA, GIOCAVA CH’E TRE FIGLIE MIEI. DOPO VENTUNO ANNI, E FILI MIEI, NON TROVANDO LAVORO, SE ANDAJENO UNO IN AUSTRALIA E DUE IN AMERICA..E NON HO AVUTO PIU’ NOTIZIE. RIMANETTE IO SOLA: IO E SCIOSCIAMOSCHE E CAPPIELLE E PIEDRIGOTTA. E NUN NE PARLAMMO SE NO’ MI VA IL SANGUE ALLA TESTA! E SI NUN FOSSE STATO PE’ DONNA FILUMENA CHE MI PRESE CON LEI, IN CASA, QUANDO SI ARRIUNI’ CON DON DOMENICO, SAREI FINITA A CHIEDERE L’ELEMOSINA SOPRA LE SCALE DI UNA CHIESA! ARRIVEDERCI E GRAZIE, E’ FERNUTA A PELLICOLA.

ALFREDO- DOMANI, NUOVO PROGRAMMA. MA A CHI HE PURTATO E TRE LETTERE, NUN SE PO’ SAPE’!

ROSALIA- QUESTA INCOMBENZA DELICATA CHE MI E’ STATA PROFFERTA, NON LA POSSO SPROFFERIRE PER FARLA DIVENTARE DI DOMINIO PUBBLICO.

ALFREDO QUANTO SI ANTIPATICA! A MALIGNITA’ T’HA STURZELLATO TUTTA QUANTA. E QUANTA VOTE SI BRUTTA.

ROSALIA- NON DEVO TROVARE IL PARTITO!

ALFREDO- M’HE COSERE STU BUTTONE VICINO A GIACCHETTA.

ROSALIA- DOMANI, SE TENGO TEMPO.

ALFREDO- E M’HE’ COSERE PURE NA FETTUCCIA SOPRA A MUTANDA.

ROSALI- COMPRATE LA FETTUCCIA E VE LA COSO.

DOMENICO- E’ CAFFE’ QUESTO?

LUCIA- SISSIGNORE

DOMENICO- DAMMI QUA’, LO DESIDERAVO UN POCO DI CAFFE’

ALFREDO- IO PURE

DOMENICO- PUORTALE NA TAZZA E CAFE’

ALFREDO- PORTALO O STESSO

DOMENICO- CHE E’ STATO?

ALFREDO- HA DETTO C’A’ O CAFE’ E’ FREDDO. AGGIO DITTO: PORTALO O STESSO

DOMENICO- E C’E’ BISOGNO DI GRIDARE,LO RISCALDA E LO PORTA……TU CHE HAI FATTO?… SEI STATO DALL’AVVOCATO?

ALFREDO- COME NO’

DOMENICO- E QUANDO VIENE?

ALFREDO- APPENA TIENE TEMPO. MA IN GIORNATA SENZ’ALTRO

DOMENICO- …E SE NON E’ BUONO?

ALFREDO – C’AGGIA FA’ DON DUMI’, NON ME LO PIGLIO, VUOL DIRE CHE QUANDO SCENDO ME LO PRENDO AL BAR…

DOMENICO- CHE COSA?

ALFREDO- O CAFE’

DOMENICO- HA. NON IO  DICO : SI NON E’ BUONO COME MI STO REGOLANDO NEL SENSO CHE L’AVVOCATO MI DICE CHE NON SI PUO’ FARE NIENTE…

ALFREDO-NON E’ POSSIBILE

DOMENICO- GIA’ NON E’ POSSIBILE,CHE NE SAI TU?

ALFREDO-  COME CHE NE SO’? E’ UNA SCHIFEZZA

DOMENICO- BRAVO.HAI DETTO UNA PAROLA GIUSTA E’ UNA SCHIFEZZA.. L’HA FATTO MALE. NON L’HA SAPUTO FARE…

ALFREDO- DON DOMI’ NUN L’HA SAPUTO MAI FA’

DOMENICO- E’ NATURALE, C’E’ MODO E MODO  MA TU ME CUNOSCI IO VADO IN TRIBUNALE,RICORRO IN APPELLO, ARRIVO ALLA CORTE SUPREMA!

ALFREDO- DON DUMI’ PA AMMORE DA MADONNA! PE’ NU SURSE E CAFE’

DOMENICO- MA QUA’ CAFE’ ALFRE’,TU CHE VUO’ CU STU CAFE’?MA CHE ME N’IMPORTA IO STO PARLANDO DEL FATTO DI FILUMENA CE NCETRA U CAFFE’ TI SEI RIMBAMBITO PROPRIO TI SI STUNATO!

ALFREDO- AH.EH….PERDINCI.

DOMENICO- EH! PERDINCI,CHE PARLO A FA’ CON TE?DI CHE COSA SI PUO’ PARLARE CON TECON TE SI PUO’ PARLARE   DEL PASSATO TU DEL PASSATO TI RICORDI OGNI COSA MA  TI POSSO MAI PARLARE DEL PRESENTE?ECCOLO LA’ QUESTO E’ IL PRESENTE ALFREDO AMOROSO,NON SI PUO’ GUARDARE FA IMPRESSIONE GUARDATE CHE E’ DIVENTATO ALFREDO AMOROSO,  A FACCIA APPESA,  GLI OCCHI APPANNATI, MIEZO RIMBAMBITO

ALFREDO- PERDINCI

DOMENICO- GLI ANNI PASSANO NCE’ CHE FA’ E PASSANO PER TUTTI QUANTI…. LEGGE COMUNE.….T’O’ RICORDI ADON  MIMI’ SORIANO IL SIGNORINO DON MIMI’, ALFRE’ TE LO RICORDI A DON MIMI.

ALFREDO- NO PERCHE’ E’ MUORTO?

DOMENICO- SI.. E’ MUORTO, PROPRIO COSI’,.DON MIMI DOMENICO SORIANO CHE’ MI

CHIAMAVANO DON MIMI O SIGNORINO DON MIMI TU DICI CHE E’ MORTO  CHE CENTRA.?.

ALFREDO- PERDINCI

DOMENICO-TI RICOIRDI QUELLA ENERGIA QUELLA VITA   A NOTTE LA FACEVO GIORNO…CHI DURMEVA MAIE?

ALFREDO- M’O’ DICITE A ME?

DOMENICO- T’A’ RICORDE QUELLA GUALIONA  A CAPODIMONTE?QUANTO ERA BELLA: GESUMMINA SI CHIAMMAVA-BELLA BIONDA M’A’ RICORDO  SCAPPAMMO MI DICEVA , SCAPPAMMO IO TE VOGLIO BENE, … E LA MOGLIE DEL VETERINARIO?

ALFREDO- COMME..AH CHE ME FACITE RICURDA’ CHELLA PO TENEVA UNA COGNATA CA FACEVA A PETTINATRICE. IO MI CI MISI APPRESSO MA NUN CE FACEVANO CARATTERE…

DOMENICO- E MEGLIO ATTACCHE ERA I MIEI, QUANDO LA MATTINA  SCENDEVO GIU’ ALLA VILLA ABBASCIA A VITTORIA A VIA CARACCIOLO! ALLORA C’ERA  ANCORA IL  TROTTUARR

ALFREDO- ERAVATE UN FIGURINO.

DOMENICO- IO VESTIVO SEMPLICE, O NUASETTO, O GRIGIO: QUELLI ERANO I COLORI MIEI IO NON SPOSTAVO MAI PE’ CARITA’ CRAVATTA ARRABATA, CAMICIE COLORATE,FAZZOLETTO SEMPRE I GUANTI CAPPELLO A BOMBETTA,  I PIU BEI CAVALLI ERANO MIEI,APPENA C’ERA UN ESEMPLARE RARO IMMEDIATAMENTE I MEDIATORI ME LO FACEVANO SAPERE IO SEGRETAMENTE FACEVO L’ASSEGNO E SOLDI,,,IO HO FATTO TREMARE LE PIU’ BELLE SCUDERIE DI NAPOLI ALFRE’…TU TE LA’RICORDI “UOCCHI E ARGIENTO”?

ALFREDO-A STORNA, CHE BELLA CAVALLA ERA MONUMENTALE, BELLA BELLA ASSAI, AVEVA UN DI DIETRO CHE MI SEMBRAVA UNA LUNA PIENA.

DOMENICO- SI QUELLA ERA STATUARIA,

ALFREDO-DO DUMI MI DOVETE CREDERE.QUANDO SI GUARDAVA DI FACCIA IL DI DIETRO DI QUELLA CAVALLA SEMBRAVA UNA LUNA PIENA NEL MOMENTO DEL RISORGIMENTO!

DOMENICO- SI,SI MONUMENTALE, QUANDO ERA BELLA QUANDO CURREVA QUELLA CAVALLA QUANDO CURREVA…

ALFREDO- CHE CURREVA A CAVALLA?

DOMENICO- EH CURREVA COMME.

ALFREDO-A CAVALLA CURREVA?

DOMENICO-EH!

ALFREDO-  ADDO’,QUELLA VULAVA,CHE RECCHE ACCUSSI’BRUU MANNAGGIA A MISERI CHE BELLA COSA,IO ME NE ANNAMMURAI E CHELLA CAVALLA ME N’ANNAMURAI VERAMENTE, E PERCIO’ME LASSAI CA PETTINATRICE, DICE CHE IO CURAVO TROPPO LA CAVALLA E TRASCURAVO LEI,E QUANDO VOI VI VENDESTE LA CAVALLA, ALFREDO AMOROSO EBBE UN GRANDE DISPIACERE.

DOMENICO- PARIGI LONDRA TI RICUORDI,SI VIAGGIAVA ALFRE’ FAI E VALIGIE, E NOTTE  ADDO  IAMMO? A LONDRA, A PARIGI CI STA IL PREMIO IAMMO… A LONDRA,QUELLA VITA SENZA REGULE SENZA CONTROLLO.MI SENTIVO UN PADRETERNO! CHE  NESSUNO MAI MANCO DIO MI POTEVA LUA’ A COPPA O MUNNO MI SENTIVO PADRONE  DELLE MONTAGNE DEL MARE DELLA MIA VITA STESSA….E MO ALFRE’ MO MI SENTO AVVILITO, SENZA ENTUSIASMO SENZA VOLONTA’! E QUELLO CHE FACCIO, O FACCIO PER DIMOSTRARE A ME STESSO CHE NON E’ VERO, CHE SONO ANCORA FORTE, CHE POZZO ANCORA VINCERE GLI UOMINI, E’ COSE A MORTE…. E LO FACCIO COSI NATURALE, CHE CI CREDO, MI CONVINCO, MI STONO…E COMBATTO..AGGIA CUMBATTERE! DOMENICO SORIANO NON SI PIEGA…FAMME SENTI’ TU HAI POTUTO AVERE QUALCHE NOTIZIA QUA’?

ALFREDO- EH..” HE SAPUTO NIENTE?” QUA MI TENGONO ALL’OSCURO. DONNA FILUMENA O SAPITE NUN ME PO’ VEDE’. VULESSE SAPE’ CHE GLI HO FATTO ROSALIA, PE DITTO E LUCIA E CONFERMATO DA ROSALIA MEDESIMA, DICE CHE HA PORTATO TRE LETTERE URGENTI PE CUNTO E DONNA FILUMENA

DOMENICO-  TRE LETTERE?.. E A CHI L’HA PORTATE?

FILUMENA- LUCI’…( a Rosalia)DATEMI LA CHIAVE

ROSALIA-ECCOMI A VOI.

FILUMENA- E VIDI SI VENE CHELLA…..LUCI’..

LUCIA-CHE E’ STATO, SIGNO’?

FILUMENA- PIGLIETE STI LENZOLE. O SALUTTINO VICINO O STUDIO, CE STA’ N’OTTOMANA, L’ACCUONCE A LIETTO.

LUCIA- VA BENE.

FILUMENA- ASPETTA. LA CAMERA TUA MI SERVE. QUESTE SONO LE LENZUOLE PULITE: DUE MUTE. TU TI FAI LA BRANDA NELLA CUCINA.

LUCIA- E A ROBBA MIA? AGGIA LEVA’ PURA A ROBBA MIA?

FILUMENA- T’AGGIA DITTO CHE MI SERVE LA CAMERA.

LUCIA- E A ROBBA MIA ADDO’ A METTO?

FILUMENA- TE PIGLIE O STIPO DENTRO IL CORRIDOIO.

LUCIA- VA BENE.

FILUMENA-….TU STIVE LOCO’

DOMENICO- , SI PUO’ SAPERE CHE COSA E’ QUESTA TRASFORMAZIONE IN CASA MIA?

FILUMENA- COMME NO? E CHE CI SONO SEGRETI FRA MARITO E MOGLIE? MI SERVONO ALTRE DUE CAMMERE DA LETTO

DOMENICO- E PER CHI SERVONO?

FILUMENA- PE FIGLI MIEI. SAREBBERO STATE TRE, MA SICCOME UNO E’ AMMOGLIATO E TENE PURE QUATTRO GUAGLIONI, SE NE STA’P’E’ FATTE SUOI

DOMENICO- A ECCO CI SONO PURE I NIPOTINI, E DIMMI NA COSA COME SI CHIAMA QUESTA TRIBU’ CHE STAVA NASCOSTA?

FILUMENA- PE MO’ PORTANO IL NOME MIO…PIU’ IN LA’ PORTERANNO IL NOME TUO..

DOMENICO-NON CREDO,SENZA IL MIO CONSENZO, NON CREDO

FILUMENA-  CIO’ D’AIE DUMMI,CE’ DAIE

DOMENICO- NE’ CACCIO! HE CAPITO? N’E’ CACCIO!

FILUMENA- CHIUDETE LA PORTA RUSALI

LUCIA- SIGNO’FORE CE STA’ A SIGNURINA DIANA , CONUN ALTRO SIGNORE

DOMENICO-A DIANA  FALLA ENTRARE

LUCIA- NON VO’ TRASI’, IO HO INSISTITO, MA HA DETTO CHE ANDATE VOI FORE A SALA. SE METTE PAURA E DONNA FILUMENA

DOMENICO- TU HAI CAPITO? DOVE SIAMO ARRIVATI LA GENTE HA PAURA DI ENTRARE IN CASA QUESTE SO COSE E PAZZE, VA DINCELLO CHE CI SONO IO QUA.

ALFREDO- CHELLA SI HA VEDE A SCUTULEA

DOMENICO- CHE COSA? ALFRE’!QUA’ SONO IO IL PADRONE,QUESTA E’ CASA MIA,IN QUESTA CASA COMANDO IO E’ MEGLIO CHE CE LO METTIAMO BENE IN MENTE TUTTI.

LUCIA- SIGNO’, NON HA VOLUTO ENTRARE. DICE CHE LEI NON RISPONDE DEI SUOI NERVI.

DOMENICO- MA CHI CI STA CON LEI?

LUCIA- NU SIGNORE. ESSA L’HA CHIAMATO AVVOCATO. MA ME PARE CA SE METTE APPAURA  PUR’ISSO

DOMENICO- MA E’ UNA ESAGERAZIOE,ALLA FINE  SIAMO TRE UOMINI.

ALFREDO- A ME NON MI CONTATE..PECCHE’ COME STO STAMMATINA VADO TRE SORDE! ANZI, VUIE AVITE A PARLA’..ME NE VADO A FA’ NA SCIACQUATA E FACCIA DENTRO A CUCINA. SE  MI VOLETE MI CHIAMATE… …

LUCIA-  SIGNO’ C’AGGIA’ A FA’?

DOMENICO- MO CI VADO IO…MI DISPIACE  CEH SIETE RIMASTI NELL’INGRESSO,NON  QUESTA E’  SOLAMENTE CASA MIA.

DIANA- NO,CARO DOMENICO, DOPO LA SCENATA NON INTENDO ASSOLUTAMENTE DI RITROVARMI A FACCIA A FACCIA CON QUELLA DONNA

DOMENICO-  NON DOVETE AVERE PAURA.

DIANA- PAURA IO? MA NEANCHE PER SOGNO! NON VOGLIO GIUNGERE A DEGLI ECCESSI.

DOMENICO- NON E’ IL CASO. CI SONO QUA IO.

DIANA- IERI SERA PURE C’ERA LEI.

DOMENICO-GIA’ MA IERI SERA CAPITO’ ALL’IMPROVVISO ERO FRASTORNATO,DATO LA SCENATA CHE SI ERA MA ADESSO E’ PASSATO,ACCOMODATEVI PREGO..

DIANA- DOV’E’?

DOMENICO-MA DOVE’ NON LA PENSATE NEMMENO,SE CI DATE IMPORTANZA E’ PEGGIO, NON C’E’ IN CASA PER ME NON C’E’,DUNQUE?

NOCELLA- IO ABITO NELLA PENSIONE DOVE ABITA LA SIGNORINA. E LA’ CI SIAMO CONOSCIUTI TEMPO FA.

DIANA- L’AVVOCATO PUO’ DIRE CHI SONO E CHE VITA FACCIO.

NOCELLA- CI VEDIAMO LA SERA A TAVOLA. IO, POI, IN PENSIONE CI STO

 RARAMENTE…TRIBUNALE, CLIENTI, E DI SOLITO, NON M’INTERESSO…

DIANA- SCUSI DOMENICO…PREFERISCO SEDERE AL POSTO SUA.HA DIFFICOLTA’

DOMENICO- CAPISCO, PREGO PREGO, E ADDIRITTURA PIU’ TRANQUILLA VA BE?

DIANA –E PROPRIO A TAVOLA, IERI SERA, IO RACCONTAI IL CASO SUO E DI FILUMENA.

NOCELLA- GIA’…CI FACEMMO UN SACCO DI RISATE

DIANA-  ….OH, NO,NO, IO NON RISI PER NIENTE.

DOMENICO- C’ERA POCO DA RIDERE QUELLA FU UNA SCENA TRAGICA LA SIGNORINA SI TROVAVA QUA, PERCHE’ IO LA FECI FINGERE INFERMIERA.

DIANA- MI FECE FINGERE? MA NEANCHE PER SOGNO! SONO INFERMIERA, E COME: CON TANTO DI DIPLOMA! NON GLI E’ L’HO MAI DETTO.DOMENICO?

DOMENICO- NO VERAMENTE NON LO SAPEVO..

DIANA- BHA IN FONDO, PERCHE’ AVREI DOVUTO DIRGLIELO? DISSI IL SUO STATO D’ANIMO E LA SUA PREOCCUPAZIONE DI DOVER RIMANERE LEGATO AD UNA DONNA, SENZA AVERNE AVUTO MAI IL MINIMO DESIDERIO E L’AVVOCATO SPIEGO’ESAURIENTEMENTE…

CAMPANELLO INTERNO..

DOMENICO- NO E’ LINGRESSO. AVVOCA’ IO PENSEREI DI ANDARE NELLO STUDIO MIO NE PARLIAMO CON PIU’ CALMA, E’ UN FATTO CHE MI STA A CUORE,SCUSATE DA QUESTA PARTE PREGO AVVOCA’.

DIANA- SI. FORSE E’ MEGLIO

NOCELLA- GRAZIE

DOMENICO- CI SONO NOVITA?

DIANA- SEI PALLIDUCCIO

DOMENICO- IO AGGIU FATTO A NUTTATA

LUCIA- ACCOMODATEVI.

UMBERTO- GRAZIE

LUCIA- SE VI VOLETE SEDERE...NUN SACCIO SI DONNA FILUMENA ESCE SUBITO.

UMBERTO- GRAZIE,SI, MI SIEDO VOLENTIERI.

RICCARDO- NENNE’, NACOSA E’ GIORNO....NEH, GUE’ SIENTE...A’ QUANTO TEMPO STAIE CCA’?

LUCIA- E’ UN ANNO E MEZZO.

RICCARDO- O’ SAIE CA SI’ NA BELLA PICCERELLA?

LUCIA- SI NUN ME GUASTO C’O’ TIEMPO...

RICCARDO- VIENE A PARTE DO MAGAZZINO MIO....

LUCIA- TENETE IL MAGAZZINO.?

RICCARDO- NUMERO 74, A CHIAIA, DINT’O0 PURTONE...TE FACCIO E CAMMISE..

LUCIA- OVERO? E CHE MME METTITE E CAMMISE DA UOMO? IATEVENNE.!

RICCARDO- EH! IO SERVO UOMINI E DONNE..ALL’UMMENE C’E METTE E’ CAMMISE, E ALLE DONNE C’E’ LEVO!..

LUCIA- NEH!,NHE!,! VUI FUSSEVE PAZZO? PE’ CHI M’AVITE PIGLIATE! IO GLIE LO DICO ALLA SIGNORA.  CU CHILLO LLA’..!

CAMPANELLO INTERNO.

RICCARDO- GUE’ OVERO..IO NON L’AVEVO VISTO.

LUCIA- E VOI NON VEDETE MANCO E FIGLIOLE PER BENE CHE SI FANNO I FATTI LORO....

RICCARDO- CE VIENI O MAGAZZINO ?

LUCIA- A’ NUMMERO 74?..

RICCARDO- A CHIAIA.

LUCIA- EH...CE VENGO!

RICCARDO- E’ CARINA

UMBERTO- E A ME’ CHE ME NE IMPORTA?

RICCARDO- MA PERCHE’ FATE IL PRETE?

LUCIA- TRASE MICHE’, A CHESTA PARTE.

MICHELE- LUCI’, MA CHE STATO? O BAGNO SCORRE UN’ALTRA VOLTA? IO CE FACETTE CHELLA SALDATURA....

LUCIA- NO, FUNZIONA.

MICHELE- E ALLORA CHE ALTRO VE SCORRE?

LUCIA- OI NI’ A NUIE NUN CE SCORRE NIENTE. ASPETTA, MO VADO A CHIAMMA’ A DONNA FILUMENA.

MICHELE- SERVO..TENGO A PUTEGA SOLA,...TENETE UN CERINO?

RICCARDO- NUN O’ TENGO.

MICHELE- E NUN FUMAMMO.VOI SIETE PARENTE?

RICCARDO- E VOI SIETE O GIUDICE ISTRUTTORE?

MICHELE- COME SAREBBE?

RICCARDO- VOI TENETE GENIO E PARLA’, IO NO.

MICHELE- MA UN POCO DI MANIERA LA POTRESTE PURE TENE’. FUSSEVE O PATRETERNO?

UMBERTO- NO NON E’ IL PADRETERNO...E’ SCOSTUMATO.

RICCARDO- COME SAREBBE?

UMBERTO- E SCUSATE, VOI SIETE ENTRATO E, SENZA BADARE CHE VI TROVATE IN CASA DI ALTRI, VI SIETE BUTTATO ADDOSSO A CAMMERIERA,...TRUVATE A ME, EMANCO PA CAPA, MO VI METTETE A SFOTTERE A CHILLU POVERO DIO...

MICHELE- OH, MA PERCHE’, SECONDO TE IO SONO IL TIPO CHE SI FA’ SFOTTERE ...TU VIDE O PADRETERNO..UNO ESCE DA CASA PER I FATTI SUOI...AVITE RAGIONE CA STAMMO CA’ NCOPPA.

RICCARDO- O SSAIE CHE ME’ SCUCCIATO? MO TE DONGO NU BUFFO CCA’ NCOPPA STESSO....

MICHELE- FAMME VEDE’.

RICCARDO- MA PECCHE’..ME METTESSE APPAURA E TE?

MICHELE- STU PIEZZE E....

FILUMENA- CHE’ E’ STATO?.... CHE VI CREDETE? CHE STATE MIEZZA A VIA?

UMBERTO- IO DIVIDEVO.

RICCARDO- IO PURE.

MICHELE- ANCHE IO.

FILUMENA- E CHI DEVE?

I TRE- IO NO...

FILUMENA- PURCARIE! L’UNO CONTRO L’ALTRO!DUNQUE GUAGLIU’....GLI AFFARI COME VANNO’

MICHELE- RINGRAZIAMO IDDIO.

FILUMENA - E I BAMBINI?

MICHELE- BENE. A SETTIMANA SCORSA CI EBBI IL MEZZANO CON UN POCO DI FEBBRE. MA MO STA BENE. SI MANGIO’ DUE CHILE DI UVA DI NASCOSTO D’A’ MAMMA. IO NON CERO. FECE UNA PANZA TOSTA CHE SEMBRAVA UN TAMBURO. SAPETE, QUATTRO BAMBINI...O L’UNO O L’ALTRO, VI DANNO SEMPRE DA FARE.PER FORTUNA CA L’OLIO DI RIGINO PIACE A TUTTI E QUATTRO. FIGURATEVI CA, QUANDO PURGO A UNO GLI ALTRI TRE ARREVOTANO A CASA: PIANTI STRILLI...E SI NUN PURGO PURE A LORO NON LA FINISCONO. SI METTONO TUTTE E QUATTRO IN FILA, SOPRA GLI ORINALINI...SO BAMBINI.

UMBERTO- SIGNORA, IO HO RICEVUTO UN SUO BIGLIETTO. IL SUO NOME, SIC ET SIMPLICITER, NON MI DICEVA NIENTE. PER FORTUNA C’RA L’INDIRIZZO E MI SONO RICORDATO CHE, QUESTA DONNA FILUMENA, L’INCONTRO QUASI OGNI SERA, QUANDO ESCO PER ANDARE AL GIORNALE, E CHE UNA VOLTA, EBBI IL PIACERE DI ACCOMPAGNARLA PROPRIO A QUESTO INDIRIZZO PERCHE’ NON CE LA FACEVA A CAMMINARE, A CAUSA DI UN PIEDE CHE LE DOLEVA. COSI HO RICOSTRUITO E....

FILUMENA- GIA’, ME FACEVA MALE IL PIEDE.

RICCARDO- E CHE SE TRATTA?

FILUMENA- IL NEGOZIO VA BENE?

RICCARDO- E PERCHE’ DOVREBBE ANDARE MALE? CERTO CHE SE AVESSI TUTTI I CLIENTI COME VOI, DOPO NU MESE DOVREI CHIUDERE. QUANDO VENITE VOI DENTRO O MAGAZZINO MIO AGGIO NA MAZZATA NCAPO. MI FATE PRENDERE TUTTE LE PEZZE DI STOFFA: QUESTA NO...QUELLA NO...CI DEBBO PENSARE...E LASCIATE UN NEGOZIO CA PO METTERE A POSTO CE VONNO E FACCHINI.

FILUMENA- VUOL DIRE CHE NON VI DAR’ PIU’ FASTIDIO.

RICCARDO- CHE CENTRA, VOI SIETE LA PADRONA, MA IO SUDO NA CAMMISA A VOTA.!

FILUMENA- DUNQUE, IO VI HO MANDATO A CHIAMARE PER UNA COSA SERIA... SE VOLETE MENTRARE UN MOMENTO QUA.... STIAMO PIU’ TRANQUILLI

DOMENICO- LASCIA STA’ FILUME’, NON E’ IL CASO DI COMPLICARE  MAGGIORMENTE LA SITUAZIONE… IO. SENZA ESSERE AVVOCATO, LO AVEVO DETTO SUBITO….. QUA STA L’AVVOCATO NOCELLA CHE TI DARA’ TUTTE LE SPIEGAZIONI . …LA SIGNORA SI E’ SBAGLIATA, VI HA INCOMODATI INUTILMENTE. VI CHIEDIAMO SCUSA E…. SE VOLETE ANDARE.

FILUMENA- NO NU MUMENTO...IO NON MI SONO SBAGLIATA. LI HO MANDATI A CHIAMARE IO... CHE C’ENTRI TU?

DOMENICO- DOBBIAMO  PARLARE CON LORO PRESENTI’?

FILUMENA- SCUSATE CINQUE MINUTI...VOLETE ASPETTARE FORA IL TERRAZZO?

RICCARDO- SENTITE! MA A ME MI PARE CHE SI ABUSI DELLA CORTESIA ALTRUI. IO HO DA FARE...

FILUMENA- GUE’, CCA’ SI TRATTA DI UNA COSA SERIA, TAGGIO DITTO! CAMMINA FORA O TERRAZZO. COME FANNO GLI ALTRI FAI PURE TU!

RICCARDO- VA BENE!...MA CHI E’ CHESTA?

FILUMENA- DALLE NA TAZZA E CAFE’.

ROSALIA- SUBITO. IATE FORE O TERRAZZO. VI METTETE LAGGIU’..MO VE PORTO NA BELLA TAZZA E CAFE’

FILUMENA- DUNQUE?

DOMENICO- QUA’ STA L’AVVOCATO PARLA CON LUI.

FILUMENA- IO CON LA LEGGE CE TENGO POA AMICIZIA. AD OGNI MODO, DI CHE SI TRATTA?

NOCELLA- ECCO QUA, SIGNORA. RIPETO IO IN QUESTA FACCENDA NON C’ENTRO.

FILUMENA- E ALLORA CHE CI SIETE VENUTO A FARE?

NOCELLA- ECCO, NON C’ENTRO, NEL SENSO CHE IL SIGNORE QUA NON E’ MIO CLIENTE, NE MI HA MANDATO A CHIAMARE.

FILUMENA- ALLORA CI SIETE VENUTO?

NOCELLA- NO

FILUMENA- VE CE HANNO MANDATO?

NOCELLA- NO, SIGNO’. E’ DIFFICILE CHE IO CONSENTA  A QUACUNO DI MANDARMICI.

DOMENICO- SCUSATE AVVOCATO, O VUO’ FA’ PARLA’

NOCELLA- DI QUESTO FATTO ME NE HA PARLATO LA SIGNORINA... DOVE STA’

DOMENICO- LASCIATE STARE AVVOCA’ CHI HA PARLATO HA PARLATO NON HA IMPORTANZA, VENITE ALLA CONCLUSIONE..

FILUMENA- STA LLA’ DINTO, E OVE’? NON TIENE IL CORAGGIO DI USCIRE FUORI, ANDIAMO AVANTI, AVVOCA’.

NOCELLA- PER IL CASO ESPOSTOMI DA LUI...DALL’ALTRA...INSOMMA...P’O’ FATTO CHE E’ SUCCIESSO, C’E’ L’ARTICOLO 101, CHE IO HO TRASCRTITTO QUA. ARTICOLO 101: MATRIMONIO IN IMMINENTE PERICOLO DI VITA.” NEL CASO DI IMMINENTE PERICOLO DI VITA..ECC.ECC.” SPIEGA, TUTTE LE MODALITA’. MA L’IMMINENTE PERICOLO DI VITA NON C’E’ STATO, PERCHE’ LA VOSTRA, SECONDO LA VERSIONE DEL SIGNORE QUA,  E’ STATA UNA FINZIONE.

DOMENICO- TENGO I TESTIMONI, LUCIA LA CAMERIERA,ALFREDO IL PORTIERE, ROSALIA.

FILUMENA- L’INFERMIERA.

DOMENICO- L’INFERMIERA,!! APPENA SI E’ ALZATA DAL LETTO HA DETTO..AUGURI FELICISSIMI SIAMO MARITO E MOGLIE.

NOCELLA- E ALLORA C’E’ A SUO VANTAGGIO L’ART.122: VIOLENZA ED ERRORE. “ ILMATRIMONIO PUO’ ESSERE IMPUGNATO DA QUELLO DEGLI SPOSI IL CUI CONSENSO E’ STATO ESTORTO CON VIOLENZA O ESCLUSO PER EFFETTO DI ERRORE” L’ESTORSIONE C’E’ STATA: IN BASE ALL’ART.122, IL MATRIMONIO VIENE IMPUGNATO.

FILUMENA- IO NUN AGGIO CAPITO.

DOMENICO- IO TI HO SPOSATA PERCHE’ DOVEVI MORIRE.

NOCELLA- NO, IL MATRIMONIO NON PUO’ ESSERE SOTTOPOSTO A CONDIZIONI..C’E’ L’ART....MO NON RICORDO..INSOMMA DICE:” SE LE PARTI  AGGIUNGONO UN TERMINE UNA CONDIZIONE, L’UFFICIALE DI STATO CIVILE, O IL SACERDOTE, NON PUO’ PROCEDERE ALLA CELEBRAZIONE DEL MATRIMONIO”.

DOMENICO- SI MA SICCOME AVETE DETTO CHE L’IMMINENTE PERICOLO DI VITA NON C’E’ STATOI IN BASE A QUEL PERICOLO CHE IO..

FILUMENA- STATTE ZITTO, CA MANCO TU HAI CAPITO. AVVOCA’, SPIGATEVI ALLA NAPULITANA.

NOCELLA- QUESTO E’ L’ARTICOLO. LEGGETELO VOI STESSA.

FILUMENA- IO NON SO’ LEGGERE E PO LE CARTE NON L’ACCETTO.!

NOCELLA- SIGNO’, SICCOME NON SIETE STATA IN PUNTO DI MORTE, IL MATRIMONIO S’ANNULLA, NON VALE.

FILUMENA- E O PREVETE?

NOCELLA- VI DICE LO STESSO ANZI, VI DICE CHE AVETE OLTRAGGIATO IL SACRAMENTO. NON VALE!

FILUMENA- NON VALE? AVEVA MURI?

NOCELLA- ECCO

FILUMENA- SE MORIVO?

NOCELLA- ALLORA SAREBBE STATO VALIDISSIMO.

FILUMENA- E LUI SI POTEVA AMMOGLIARE UN’ALTRA VOLTA, POTEVA AVERE DEI FILI..

NOCELLA- GIA’MA SEMPRE DA VEDOVO. QUEST’ALTRA PROBABILE DONNA AVREBBE SPOSATO IL VEDOVO DELLA DEFUNTA SIGNORA SORIANO

DOMENICO-  SAREBBE DIVENTATA LA SIGNORA SORIANO….MORTA!

FILUMENA- BELLA SODDISFAZIONE! ALLORA IO AGGIO SPISO NA VITA PER FORMARE UNA FAMIGLIA, E LA LEGGE NUN MI PERMETTE? CHESTA E’ GIUSTIZIA?

NOCELLA- MA LA LEGGE NON PUO’ SOSTENERE UN VOSTRO PRINCIPIO, SIA PURE UMANO, RENDENDOSI COMPLICE DI UN ESPEDIENTE PERPRETATO AI DANNI DI UN TERZO. DOMENICO SORIANO NON INTENDE UNIRSI IN MATRIMONIO CON VOI

DOMENICO-NATURALE, SE HAI DEI DUBBI CHIAMA UN AVVOCATO DI TUA FIDUCIA,.... UN LEGALE SUO PERCHE’ SOSPETTOSA COME E’ AVVOCA’.

FILUMENA- NO, CI CREDO. NO PERCHE’ M’O’ DICE TU CHE HAI TUTTO L’INTERESSE..NO PERCHE’ MO’ DICE L’AVVOCATO, PECHE’ IO GLI AVVOCATI NON LI CONOSCO..MA GUARDANDOTI IN FACCIA. TI PENSI CHE NON TI CONOSCO? HAI PIGLIATO N’ATA VOTA A STESSA ARIA DI PADRONE. TI SEI CALMATO...NA BUGIA NON L’AVRESTI DETTA SENZA E ME GUARDA’ IN FACCIA, CON GLI OCCHI A TERRA...PECCHE’ TU BUGIE NON LE HAI MAI SAPUTE DIRE.  E’ OVERO

DOMENICO- AVVOCA’ PROCEDETE.

NOCELLA- SE MI DATE MANDATO

DOMENICO- E’ NATURALE!

FILUMENA- E IO MANCO! IO NEMMENO TI VOGLIO AVVOCA’ PROCEDETE. NUN O VOGLIO NEMMENO IO. NUN E’ O VERO CA STEVO IN PUNTE E MORTE. VULEVO FA’ NA TRUFFA. ME VOLEVO ARRUBBA’ NU COGNOME! MA CONOSCEVO A LEGGE MIA: CHELLA LEGGE CA FA’ RIDERE, NON QUELLA CHE FA CHIAGNERE! A VUI, VENITE A CCAA’

DOMENICO- FILUME MA TU  A VUO’ FIRNI?

FILUMENA- STATTE ZITTO! GUAGLIU’ VOI SIETE UOMINI STATE A SENTI’.QUA’ CI STA’ A GENTE. O MUNNO O MUNNO CON LA LEGGE E CON TUTTI I DIRITTI. O MUNNO CA SE DIFENDE C’A’ CARTA E C’A’ PENNA..DOMENICO SORIANO E L’AVVOCATO...E QUA’ CI STO IO FILUMENA MARTURANO CHELLA CA LEGGE SUA E CHE NON SA’ CHIAGNERE. PERCHE’ A GENTE, DOMENICO SORIANO, ME L’HA DETTO SEMPRE:” AVESSE MAI VISTO NA LACREMA DENTRO AGLI OCCHI!” E IO SENZA PIANGERE...LO VEDETE? GLI OCCHI MIEI SO’ ASCIUTTI COMME L’ESCA?VUIE MI SITE FIGLI

DOMENICO- GUE’…FILUME’

FILUMENA-  E CHI SI TU, CHE MI VUOI IMPEDIRE DI DIRE , VICINE E FIGLI MIEI, CA ME SO’ FIGLI. AVVOCA’, QUESTO LA LEGGE D’O MUNNO M’O’ PERMETTE, NO? MI SIETE FIGLI! E IO SO FILUMENA MARTURANO, E NON HO BISOGNO E PARLA’!VOI SIETE GIOVANOTTI E AVETE SENTITO PARLA’ E ME. DI ME NON DEVO DIRE NIENTE! MA FINO A QUANDO TENEVO DICIASSETTE ANNI, SI AVVOCA’ E SAPITE CHILLE VASCE... I BASSI...A SAN GIUVANNIELLO, AI VERGINI, A FORCELLA, AI TRIBUNALI O PALLUNETTO! NERI, AFFUMICATI..ADDO’ IN ESTATE NON SI RESPIRA PER IL CALORE, PERCHE’ LA GENTE E’ ASSAIE, E D’INVERNO IL FREDDO FA SBATTERE I DENTI...DOVE NUN C’E’ STA’ LUCE MANCO A MIEZZUIORNO...IO PARLO NAPOLETANO SCUSATE....DOVE, NON C’E’ LUCE NEMMENO A MEZZOGGIORNO PIENI DI GENTE! ADDO’ E’ MEGLIO O FRIDDO CHE IL CALDO...DENTRO A NU BASSO DI QUELLO, AL VICO SAN LIBORIO, CI STAVO IO CA’ FAMIGLIA MIA. QUANTI ERAVAMO? NA FOLLA.IO A FAMIGLIA MIA NUN SACCIO CHE FINE HA FATTO. NON LO VOGLIO SAPERE. NUN ME LA RICORDO.. SEMPRE CON LE FACCE STORTE, SEMPRE IN URTO L’UNO CON GLI ALTRI.. CI CORICAVAMO SENZA DIRE BUONA NOTTE, CI SVEGLIAVAMO SENZA DIRE BUONGIORNO!...UNA PAROLA BUONA, MI RICORDO CHE ME LA DISSE MIO PADRE...E QUANDO ME LA RICORDO TREMO ADESSO PER ALLORA...TENEVO TREDICI ANNI. MI DISSE:” TE STAI FACENDO GRANDE, E QUA’ NON CI STA’ DA MANGIARE, LO SAI?” E O CALORE! A NOTTE, QUANDO SI CHIUDEVA A PORTA, NUN SI POTEVA RESPIRA’ LA SERA CI METTEVAMO INTORNO A NA TAVOLA...UN PIATTO GROSSO E NON SO QUANTE FORCHETTE. FORSE NON ERA VERO, MA OGNI VOLTA CA METTEVO A FURCHETTA DENTRO AL PIATTO, MI SENTIVO E GUARDA’. PAREVA COMME SE M’AVESSE ARRUBBATO, CHELLU MAGNA’!.....TENEVO DICIASSETTE ANNI. PASSAVANO LE SIGNORINE VESTITE BENE, CON BELLE SCARPE, E IO LE GUARDAVO..PASSAVANO SOTTO BRACCIO DEI FIDANZATI. NA SERA INCONTRAI NA COMPAGNA MIA CHE NEMMENO A CONOSCETTI TALMENTE STAVA VESTITA ELEGANTE..FORSE, ALLORA, ME PAREVA PIU’ BELLO TUTT...ME DICETTE:” COSI...COSI...COSI....” NON DORMII TUTTA LA NOTTE..E O CALORE...O CALORE...E CUNUSCETTE A TTE.LA’ TI RICORDI? CHELLA “CASA” MI PAREVA NA REGGIA...TORNAI NA SERA IN VICO S. LIBORIO, IL CUORE MI SBATTEVA. PENSAVO:”FORSE NON MI GUARDERANNO IN FACCIA, MI METTERANNO FOR’A PORTA!” NESSUNO MI DISSE NIENTE: CHI MI DAVA LA SEDIA, CHI MI ACCAREZZAVA...E MI GUARDAVANO COME UNA SUPERIORE  A LORO, CHE DA SUGGEZIONE...SOLO MAMMA’, QUANDO L’ANDAI A SALUTARE, TENEVE LL’UOCCHIE PIENI DI LACRIME...A CASA MIA NON CI SO TORNATA PIU’ NUN L’AGGIO ACCISE E FIGLI! A FAMIGLIA...A FAMIGLIA! VENTICINQUE ANNI CI HO PENSATO! E VI HO CRESCIUTO, VAGGIO FATTO UOMMENE, HO RUBATO A LUI, PER CRESCERVI.

MICHELE- E VA BUO’, MO BASTA,! CERTO CHE DOVEVATE FARE PIU’ DI QUELLO CHE AVETE FATTO?

UMBERTO- VORREI DIRVI TANTE COSE, MA MI  RIESCE DIFFICILE PARLARE. VI SCRIVERO’ UNA LETTERE.

FILUMENA- NUN SACCIO LEGGERE.

UMBERTO- E VE LA LEGGERO’ IO STESSO.

FILUMENA- HA! SE NE’ ANDATO?

UMBERTO- E’ CARATTERE. NON HA CAPITO. DOMANI, PASSO IO PER IL SUO NEGOZIO E GLI PARLO.

MICHELE- VOI VE NE POTETE VENIRE CON ME. A CASA E’ PICCOLA, MA C’ENTRIAMO. CE STA PURE O TERRAZZINO. CHILLE E BAMBINI, DOMANDAVANO SEMPRE:” A NONNA....A NONNA..” E IO MO DICEVO NA FESSERIA, MO NE DICEVO N’ALTRA...IO QUANDO ARRICO E CI DICO A NONNA! LLA’ SENTI PIEDIGROTTA!..JAMMO.

FILUMENA- SI, VENGO CU TTE’.

MICHELE- E JAMMO.

FILUMENA- NU MUMENTO. TU ASPETTAMI SOTTO IL PORTONE. SCENDETEVENE INSIEME. DIECI MINUTI. AGGIA DI’ NA COSA A DON DOMENICO.

MICHELE- ALLORA, AMBRESSA AMBRESSA. VOI SCENDETE?

UMBERTO- SI SCENDO, TI ACCOMPAGNO.

MICHELE- SIGNORI A TUTTI....IO MI SENTIVO UNA COSA..PERCIO’ VOLEVO PARLARE...

FILUMENA- AVVOCA’, SCUSATE, DUE MINUTI....

NOCELLA- NO, IO ME NE VADO

FILUMENA- DUE MINUTI SOLAMENTE. MI FA PIACERE CHE CI SIETE PURE VOI, DOPO CHE HO PARLATO CON DON DOMENICO. ACCOMODATEVI......” IO ME NE VADO DUMMI’. DI ALL’AVVOCATO CHE PROCEDESSE PER VIE LEGALI,IO NON NEGO NIENTE E TI LASCIO LIBERO.

DOMENICO- LO CREDO! TI PIGLIAVI NA SOMMA E DENARI SENZA FA’ TUTTE QUESTE COMPLICAZIONI

FILUMENA- DIMANE MI MANDO A PRENDEREA ROBBA MIA.

DOMENICO- SI NA PAZZA, QUESTO SEI, HAI VOLUTO GUASTARE LA PACE DI QUEI TRE

POVERI GIOVANI.NON CAPISCO CON QUALE CRITERIO PER QUALE RAGIONE? PERCHE’ GLIELO HAI DETTO?

FILUMENA- PERCHE’ UNO DI QUEI TRE E’ FIGLIO A TE.

DOMENICO- E CHI TI CREDE?

FILUMENA- UNO E CHILLE TRE E’ FIGLIO A TE.

DOMENICO- STATTE ZITTA.

FILUMENA- TI POTEVO DIRE CHE TUTTI E TRE TI ERANO FIGLI, CI AVRESTI CREDUTO...TE LO FACEVO CREDERE! MA NON E’ VERO. T’O’ POTEVO DIRE PRIMA? MA TU LI AVRESTI DISPREZZATI AGLI ALTRI DUE....E IO LI VOLEVO SENZA PARTICOLARITA’.

DOMENICO- VATTENNE VA CA NUN E’ O VERO.

FILUMENA- E’ VERO, DUMMI’ E’ VERO! TU NON TI RICORDI. TU PARTIVI, ANDAVI A LONDRA, PARIGI, E’ CORSE, E FEMMENE...NA SERA, UNA DI QUELLE TANTE, CA, QUANDO TE NE ANDAVI, MI REGALAVI NA CARTA E CENTO LIRE...NA SERA MI DICESTI:” FILUME’, FACIMMA’A VEDE’ CA CI VOGLIAMO BENE”, E STUTASTE A LUCE. IO QUELLA SERA TE VULETTE BENE OVERAMENTE. TU, NO, TU AVEVI FATTO VEDERE...E QUANDO APPICCIASTE A LUCE N’ATA VOTA MI DESTI A SOLITA CARTA E CENTO LIRE . IO CI SEGNAI LA DATA E IL GIORNO: O SAIE CHE I NUMERI LI SO’ FARE...TU POI PARTISTI E IO TI ASPETTATI COME UNA SANTA!...MA TU NON TI RICORDI QUANDO FU...E NON TI DISSI NIENTE...TI DISSI C’A’ VITA MIA ERA SEMPRE LA STESSA...E INFATTI, QUANDO MI ACCORSI CHE NON AVEVI CAPITO NIENTE,  FUIE NATA VOTA A STESSA.

DOMENICO- E CHI E’?

FILUMENA- E NO,, QUESTO NON TE L’HO DICO, HANNA ESSERE UGUALI TUTTE TRE.

DOMENICO- NON E’ VERO, NON PUO’ ESSERE VERO…ME L’AVRESTI DETTO ALLORA PER TENERMI STRETTO IN UNA  NA MANO PER TENERMI LEGATO L’UNICA ARMA SAREBBE STATO UN FIGLIO ..E FIGURIAMOCI QUESTA ARMA TU FILUMENA MARTURANO L’AVRESTI USATA IMMEDIATAMENTE, VA FILUME’ VA’ CA NUN E’ O VERO.

FILUMENA- ME L’AVRESTI FATTO UCCIDERE...COME PENSAVI TU, ALLORA...E PURE MO! TU NON SEI CAMBIATO! NON UNA, MA CENTO VOLTE, ME L’AVRESTI FATTO UCCIDERE! MI MISI PAURA DI DIRTELO! SULO PE ME, E’ VIVO O FIGLIO TUO.

DOMENICO- E CHI E’?

FILUMENA- HANNA ESSERE UFGUALI TUTTI E TRE.

DOMENICO- E SONO UGUALI SO FIGLI TUOI…SO EGUALI NO? NON LI VOGLIO VEDERE, NON LO VOGLIO VEDERE VA STATTE BONA.

FILUMENA- TI RICORDI IERI, QUANDO TI DISSI:” NUN GIURA’, CHE MORIRESTI DANNATO, SI UN GIORNO NON MI POTRESTI CERCARE L’ELEMOSINA TU AME?” PERCIO’ TE LO DISSI. STATTE BUONO, DUMMI’. E RICORDATI: SE QUELLO CHE TI HO DETTO LO DICI AI FIGLI MIEI TI UCCIDO...MA NON COME LO DICI TU, CHE ME LO HAI DETTO PER VENTICINQUE ANNI...COME TO DICE FILUMENA MARTURANO: T’ACCIDO E CAPITO?  AVVOCA’ VENITE...VIENI PURE TU NON TI FACCIO NIENTE...HAI VINTO TU. ME NE VADO ROSALI. VIENI. ME NE VADO. DOMANI MI MANDO A PIGLIA’ A RROBBA MIA. STATEVI BENE , VE SALUTO A TUTTI QUANTI PURE A VOI AVVOCA’ SCUSATE. HEI CAPITO DUMMI.... TE LO DICO AVANTI ALLA GENTE...NON DIRE NIENTE DI QUELLO CHE TI HO DETTO, TIENITELO PER TE. CI AVEVO SEGNATO SOPRA UN CONTICINO MIO, NU CONTICELLO CA ME SERVE. TIENE, E’ FIGLIE NUN SE PAGANO!BUONA GIORNATA A TUTTE QUANTE.

FINE II° ATTO

III° ATTO

DOMENICO- CHE SIETE USCITA, VOI?

ROSALIA-         SONO ANDATA A FARE UNA COMMISSIONE PER DONNA FILUMENA.

DOMENICO- CHE COMMISSIONE?

ROSALIA-         CHE E’, SIETE GELOSO? SONO ANDATA AL VICOLO SAN LIBORIO.

DOMENICO- A FFA’ CHE?

ROSALIA-         GUE’, CHILLO E’ OVERAMENTE GELUSE!

DOMENICO- MA QUA’ GELUSO, ME NE SO ACCORTO SUBITO.

ROSALIA-         IO SCHERZO.IO V’O’ DICO MA NON DITE NIENTE A DONNA FILUMENA, PECCHE’ NUN O’ VO’ FA’ SAPE’.

DOMENICO- E ALLORA NON ME LO DITE!

ROSALIA-         E NO…IO, PENSO CHE FACCIO BENE A DIRVELO, PERCHE’ E’ UNA COSA CHE LE FA’ ONORE. M’HA FATTO PURTA’ MILLE LIRE E CINQUANTA CANDELE A MADONNA DE ROSE O VICO SAN LIBORIO. E M’HA FATTODA L’INCARICO A NA VECCHIA D’O’ VICO, CHE PROVVEDE SEMPRE P’E’ FIORE, P’A’ LAMPA, P’A’ L’ELEMOSINA, DI ACCENDERE LE CANDELE ALLE SEI PRECISE. E SAPITE PECCHE’? PERCHE’ ALLE SEI CCA’, S’ACCENDONO E CANDELE NNAN’ZA MAODONNA D’E’ RROSE.

DOMENICO- HO CAPITO.

ROSALIA-         NA SANTA, CE PIGLIATE , NA SANTA. E S’E’ ANCHE RINGIOVANITA. PARE NA FIGLIULELLA: QUANT’E’ BELLA! E IO GLILO DICEVO:” VE PARE CHE DON DOMENICO SE SCORDA E VUIE? HA VOLUTO ANNULLA’ O MATRIMONIO PE’ PUNTIGLIO…MA IO A’ FUNZIONE E’ COMME SI A’ TENESSE ANN’ANZE ALL’UOCCHIE.”

DOMENICO- VA BUO’, DONNA ROSALI’, ANDATE DENTRO DA FILUMENA.

ROSALIA-         STO ANDANDO….E SI NUN ERA PER LEI….FINIVO MALE, IO. MI PRESE IN CASA E QUA SO’ RIMASTA, E QUA’ RESTO, E QUA’ MORO.

DOMENICO- FATE VOI.

ROSALIA-         IO TENGO TUTTO PRONTO. C’AGGIA’ FA’. …A CAMICIA BIANCA LUNGA CU’ O PEZZOTTO E’ MERLETTO, A MUTANDA, E’ CALZE BIANCHE A’ CUFFIA. STA TUTTO DINT’A NU TIRETTO CONSERVATO. E LO SAPPIAMO IO E DONNA FILUMENA. ESSA MI DEVE VESTIRE. EMBE’, IONUN TENGO A NISCIUNO. SI TURNASSERO E’ FIGLI MIEI, CHE IO CI TENGO SEMPRE LA SPERANZA….PERMETTETE.

DOMENICO- E VA BENE!

MICHELE-        ALLE SEI LA FUNZIONE E’ ALLE SEI.

RICCARDO-     MA QUANDO UNO DA’ UN APPUNTAMENTO…..

UMBERTO-      MA IO SONO STATO PUNTUALE.

MICHELE-        MA NOI ABBIAMO DETTO ALLE CINQUE. IO TRE QUARTI D’ORA HO TARDATO.

RICCARDO-     E HAI DETTO NIENTE!

MICHELE-        E VA BENE, MA L’APPUNTAMENTO S’INTENDE SEMPRE UNA MEZZ’ORA DOPO.SE E’ ALLE CINQUE…ALLE CINQUE E MEZZA. LE SEI MENO UN QUARTO….

RICCARDO-     …O GIORNO APPRESSO, O MESE CHE TRASE…..

MICHELE-        OI NI. IO TENGO QUATTRO FILI E OROLOGI NUN ACCATTO CHIU’…PERCHE’ QUELLI CHE TENEVO L’HANNO SCASSATE TUTTE QUANTE.

UMBERTO-      DON DOMENICO, BUONA SERA.

RICCARDO-     DON DOMENICO…..

MICHELE-        DON DOMENICO.

DOMENICO-BUONA SERA….BE, E NON PARLATE PIU’? STAVATE PARLANDO….

UMBERTO-      GIA’

RICCARDO-     EMBE’…SI PARLAVA E POI….COSI.

MICHELE-        NA VOTA DOVEVAMO FINIRE DI PARLARE.

DOMENICO-    APPENA MI AVETE VISTO….SEI ARRIVATO TARDI ALL’APPUNTAMENTO.

MICHELE-        SISSIGNORE DON DUMI’.

DOMENICO-    E TU SEI ARRIVATO IN ORARIO.

RICCARDO-     SISSIGNORE DON DUMI’.

DOMENICO-    E TU?

UMBERTO-       IN ORARIO DON DUMI’.

DOMENICO-    E SEDETEVI. LA FUNZIONE E’ ALLE SEI IL TEMPO C’E’. ALLE SEI VIENE IL SACERDOTE…E…NOI SIAMO FRA DI NOI.FILOMENA NON HA VOLUTO NESSUNO. VI VOLEVO DIRE…IO VE L’HO DETTO PURE UN’ALTRA VOLTA…MI SEMBRA CHE QUESTO “DON DOME’”…A ME NUN ME PIACE.

UMBERTO-      GIA’

RICCARDO-     GIA’

MICHELE-        GIA’

UMBERTO-      MA NON CI AVETE DETTO COME VORRESTE ESSERE CHIAMATO.

DOMENICO-    E NON VE LO DETTO PERCHE’ AVREI VOLUTO CHE L’AVESTE CAPITO VOI. STASERA SPOSO VOSTRA MADRE: HO PRESO GIA’ L’APPUNTAMENTO CON L’AVVOCATO PER LA PRATICA CHE VI RIGUARDA. DOMANI VI CHIAMERE COME ME: SORIANO….

UMBERTO-      ECCO.VEDETE…..RISPONDO IO PERCHE’ PENSO CHE TUTTI E TRE SIAMO PERVASI DALLO STESSO SENTIMENTO. NON SIAMO DEI BAMBINI, SIAMO DEGLI UOMINI…E NON POSSIAMO…CON DISINVOLTURA, CHIAMARVI COME GIUSTAMENTE E GENEROSAMENTE, CI PROPONETE DI CHIAMARVI. CERTE COSE….BISOGNA SENTIRLE DENTRO.

DOMENICO-    E TU DENTRO, NON SENTI QUESTO…DICIAMO BISOGNO…QUESTA NECESSITA’ DI CHIAMARE A UNO…A ME PER ESEMPIO…PAPA’?

UMBERTO-      NON VI SAPREI MENTIRE E NON LO MERITERESTE. ALMENO PER IL MOMENTO NO!

DOMENICO-    E TU?

RICCARDO-     NO, IO NEMMENO.

DOMENICO-    ALLORA TU?

MICHELE-        IO NEMMENO DON DOME’.

DOMENICO-    GIA’, COL TEMPO, UNO CI FA L’ABITUDINE. MI FA PIACERE , SONO CONTENTO DI TROVARMI CON VOI,SOPRATTUTTO PERCHE’ SIETE TRE BRAVI RAGAZZI. OGNIUNO DI VOI LAVORA, CHI IN UN CAMPO, CHI IN UN ALTRO: MA CON LA STESSA BUONA VOLONTA’, CON LA STESSA TENACIA. BRAVI. TU SEI IMPIEGATO E ,PER QUANTO MI RISULTA SVOLGI IL TUO LAVORO CON SERIETA’ ED ORGOGLIO. SCRIVI DEGLI ARTICOLI….

UMBERTO-      QUALCHE NOVELLETTA.

DOMENICO-    GIA’, LA TUA AMBIZIONE  SAREBBE QUELLA DI DIVENTARE UN GRADE SCRITTORE.

UMBERTO-      NON HO QUESTA PRETESA.

DOMENICO-    E PERCHE’? SEI GIOVANE. CAPISCO CHE PER RIUSCIRE IN QUESTO CAMPO SI DEVE AVERE TRASPORTO, CI SI DEVE NASCERE….

UMBERTO-      E IO NON CREDO DI ESSERCI NATO. SAPESTE QUANTE VOLTE, PRESO DALLA SFIDUCIA, DICO FRA ME E ME: “UMBE’. HAI SBAGLIATO…LA TUA STRADA E’ UN’ALTRA.”

DOMENICO-    E QUALE ALTRA POTEVA ESSERE? VOGLIO DIRE CHE ALTRA COSA TI SAREBBE PIACIUTO FARE NELLA VITA?

UMBERTO-      CHI LO SA. SONO TANTE LE ASPIRAZIONI DI QUANDO SI E’ RAGAZZI.

RICCARDO-     QUELLA POI, LA VITA, E’ TUTTA UNA COMBINAZIONE, IO PER ESEMPIO, COMME ME TROVO O NEGOZIO A CHIAIA? PERCHE’ FACEVO L’AMORE CON UNA CAMICIAIA!

DOMENICO-    HAI FATTO L’AMORE CON MOLTE RAGAZZE, TU?

RICCARDO-     COSI’ …NON C’E’ MALE …SAPETE CHE E’? NON ARRIVO A TROVARE IL TIPO MIO. VEDO A UNA MI PIACE E DICO :” CHESTA E’ ESSA…”  E SUBITO PENZO:”M’A’ SPOSO”. POI VEDO A UN’ALTRA E ME PARE CHE MI PIACE CHIU’ ASSAIE. NUN ME FACCIO CAPACE: CE STA SEMPRE NA FEMMENA MEGLIO E CHELLA CA UNO HA CONOSCIUTO PRIMA.

DOMENICO-    TU, INVECE, SEI PIU’ CALMO, PIU’ RIFLESSIVO, IN MATERIA DI DONNE.

UMBERTO-      FINO A UN CERTO PUNTO. CON LE RAGAZZE DI OGGI, C’E’ POCO DA ESSERE RIFLESSIVO. VOI PER LA STRADA DOVE VI VOLTATE VOLTATE, VEDETE BELLE RAGAZZE. LA SCELTA E’ DIFFICILE. C’AGGIA’ FA’ TANTE NE CAMBIO FINO A CHE TROVO QUELLA CHE DICO IO.

DOMENICO-    E TU?…A TE PURE PIACCIONO E FEMMENE?

MICHELE-        IO MI INGUAIAI PRESTO PRESTO. CONOBBI MIA MOGLIE E ….TI SALUTO. ADESSO DEVO STARE CON DUE PIEDI IN UNA SCARPA, CON MIA MOGLIE NON SI SCHERZA…E ALLORA, CAPITE, MI FACCIO I FATTI MIEI. NON PERCHE’ LE RAGAZZE NON MI PIACESSERO…MA PERCHE’ MI METTO PAURA!

DOMENICO-    PERCHE’…PURE A TE TI PIACCIONO E FEMMENE….. IO QUANDO ERO GIOVANE CANTAVO. CANTAVO MO…CI UNIVAMO SETTE OTTO AMICI…ALLORA ERA L’EPOCA DELLE SERENATE. SOPRA IL TERRAZZO, SI CENAVA E POI SI FINIVA SEMPRE A CANZONE: MANDOLINI CHITARRE….CHI CANTA DI VOI?

UMBERTO-      IO NO

RICCARDO-     IO NEMMENO.

MICHELE-        IO SI.

DOMENICO-    TU CANTI?

MICHELE-        COMME! E SE NO COME FAREI A LAVORARE? DENTRO LA BOTTEGA CANTO SEMPRE.

DOMENICO-    E FAMME SENTI QUALCHE COSA?

MICHELE-        IO? E CHE VI FACCIO SENTI’.?

DOMENICO-    QUELLO CHE VUOI TU.

MICHELE-        SAPETE CHE E’? QUA MI METTO VERGOGNA.

DOMENICO-    E TU DENTRO IL NEGOZIO NON CANTI?

MICHELE-        MA E’ UN’ALTRA COSA…..”LA SPETE  MUNASTERO E SANTA CHIARA?” QUANTA E’ BELLA!………..

“MUNASTERO E SANTA CHIARA---TEMGO O CORE SCURO CURO- MA PECCHE’, PECCHE’ OGNE SERA- PENZO A NAPOLI COMM’ERA….”

RICCARDO-      E COSI SO CANTARE PURE IO…ADDO’ A TIENE AVOCE?

MICHELE- MA PECCHE’ NON E’ VOCE?

UMBERTO- CON QUESTA VOCE POSSO CANTARE ANCHE IO.

RICCARDO-      E IO NO?

DOMENICO-    CON QUESTA VOCE PUO’ CANTARE CHIUNQUE.NIENTE DI ECCEZIONALE, E’ UNA VOCE… FAMME SENTI’ TU.

RICCARDO-      MA IO NON MI PERMETTO. NON TENGO A FACCIA TOSTA E CHISTO. APPENE APPENA……”MUNASTERO E S. CHIARA-TENGO O CORE SCURO SCURO- MA PECCHE’PECCHE’ OGNI SERA- PENSO A NAPULE COMM’ERA…”in coro” “PENSO A NAPOLI COMM’E’- NO NUN E’ O VERO…NO NUN C’E’ CREDO……….

DOMENICO-    BASTA, BASTA…BRAVI BRAVI....STATEVE ZITTI E’ MEGLIO….STATE EMOZIONATI…NON E’ POSSIBILE…TRE NAPOLETANI CHE NON SANNO CANTARE.

FILUMENA-     TU QUA’ IMPRESSIONE, TERESI’, O DIFETTO CI STA!.

TERESINA-      MA O VIDETE VUIE STU DIFETTO, DONNA FILUME’ MIA, IO MO NCE VO’ SO TANTI ANNI CHE VI SERVO.

FILUMENA- TU TIENI LA FACCIA TOSTA! SI CAPACE  E NEGA’ FACCIA A FACCIA.

TERESINA-  ALLORA AGGIA DICERE CA CI STA’ O DIFETTO?

MICHELE- BUONA SERA MAMMA’.

RICCARDO- BUONA SERA E AUGURI.

UMBERTO- BUONA SERA E AUGURI.

FILUMENA- VOI STATE QUA’? BUONA SERA! E SAI PECCHE’ CE STA’ O DIFETTO? PECCHE’ QUANDO HAI NU TAGLIO E STOFFA MANO, HEI A FA’ ASCI’ O VESTITIELLO P’A’ PICCERELLA TUA.

TERESINA- UH GUARDATE!

FILUMENA-  IO GIA’ CI CAPITAI… A VEDETTE IO A PICCERELLA TOIA CU NU VESTITO CU A STOFFA CA FACISTE RIMMANE’ A’ NU VESTITO MIO.

TERESINA- SI DICITE ACCUSSI’, MI FATE PIGLIA’ COLLERA. CERTO A STOFFA RESTA…MA NON SACRIFICO MAI A CLIENTE… NUN SARRIA CUSCIENZA.

ROSALIA- DONNA FILUME’. VOI STATE NA BELLEZZA SITE PROPRIO A SPOSA.!

TERESINA-MA COMMA AVEVA VENI’ STU VESTITO?

FILUMENA-NON TI DOVEVI RUBARE A ROBBA, HE CAPITO?

TERESINA- E ACCUSSI NON DOVETE DIRE…ALLORA FACCIO A MARIOLA? AGGIA AVEVA’ A MALA NIUTIZIA SI E’ RIMASTA TANTE E ROBBA!

DOMENICO-SCUSA FILUME’. IO TI VOLEVO PARLARE.

FILUMENA- MADONNA STI SCARPE!

DOMENICO- TI FANNO MALE? LEVATELE E TE NE METTI UN ALTRO PAIO.

FILUMENA- CHE ME’ DICERE?

DOMENICO- TERESI’ SE VE NE ANDATE CI FATE PIACERE.

TERESINA- COMME NO? MO ME NE VAGO. AUGURI E BUONA FORTUNA. NHE, E   COMA ERA VENI CHILLU VESTITO:

DOMENICO- VOI ANDATE SOPRA IL TERRAZZO FATE COMPAGNIA AL

COMPARE E LA COMARA. GLI DATE DA BERE QUALCHE COSA. ROSALI’, ACCOMPAGNALI.

ROSALIA- GNORSI.VENITE.

MICHELE-JAMMO VENITE.

RICCARDO-. TU HAI SBAGLIATO PROFESSIONE, DOVEVI ANDARE AL S. CARLO.

DOMENICO- COME STAI BELLA, FILUME’... SEI TORNATA  GIOVANE...E SE IO STESSI TRANQUILLO, SERENO, TI DIREI CHE PUOI ANCORA FAR PERDERE LA TESTA A UN UOMO.

FILUMENA- SO ACCUSSI STUNATA, OGGI.

DOMENICO- E INVECE NON SONO TRANQUILLO  NON SONO SERENO.

FILUMENA- E CHE VUO’ STA’ TRANQUILLO, UNO PO’ FA’ AFFIDAMENTO SOLO SU LUCIA. ALFREDO E ROSALIA SO’ DUE VECCHIE...

DOMENICO- NUN CAGNA’ DISCORSO, FILUME’, NON CAMBIARE DISCORSO PERCHE’ TU STAI PENSANDO PRECISAMENTE QUELLO CHE STO PENSANDO IO....E QUESTA TRANQUILLITA’, QUESTA SERENITA’, ME LA PUOI DARE TU SOLA, FILUME’.

FILUMENA- IO?

DOMENICO- TU HAI VISTO CHE HO FATTO QUELLO CHE HAI VOLUTO TU. DOPO L’ANNULLAMENTO DEL MATRIMONIO, TI SONO VENUTA A CHIAMARE. E NO UNA VOLTA MA TANTE VOLTE...PERCHE’ TU FACEVI DIRE CHE NON CI STAVI. SONO STATO IO, CHE SO VENUTO DA TE E TI HO DETTO:”FILUME’ SPOSIAMOCI”.

FILUMENA- E STASERA CI SPOSIAMO.

DOMENICO-  E STASERA CI SPOSIAMO....E SEI FELICE?...ALMENO CREDO.

FILUMENA- COMME NO?

DOMENICO- E ALLORA MI DEVI FAR STARE FELICE PURE A ME.SIEDITI, SE TU SAPESSI QUANTE VOLTE, IN QUESTI ULTIMI TEMPI, HO PENSATO DI PARLARTI E NON CI SONO RIUSCITO. HO TENTATO CON TUTTE LE MIE FORZE DI VINCERE QUESTO SENSO DI PUDORE E ME N’E’ MANCATO IL CORAGGIO. CAPISCO...L’ARGOMENTO E’ DELICATO E A ME STESSO DISPIACE DOVERTI METTERE DI FRONTE ALL’IMBARAZZO DI CERTE RISPOSTE: MA NOI CI DOBBIAMO SPOSARE. TRA POCO CI TROVEREMO INGINOCCHIATI DAVANTI A DIO, NON COME DUE GIOVANI CHE CI SI TROVANO COSI’ PER AVER CREDUTO AMORE UN SENTIMENTO CHE POTEVA ESSERE SODDISFATTO ED ESAURITO NEL PIU’ SEMPLICE E NATURALE DEI MODI....FILUME’, NOI LA VITA NOSTRA L’ABBIAMO VISSUTA....: DUE COSCIENZE FORMATE CHE HANNO IL DOVERE DI COMPRENDERE IL LORO GESTO E DI AFFRONTARLO,ASSUMENDONE IN PIENO TUTTA LA RESPONSABILITA’. TU SAI PERCHE’IO TI SPOSO: MA IO NO. IO SO SOLO CHE TI SPOSO PERCHE’ MI HAI DETTO CHE UNO DI QUEI TRE E’ FIGLIO A ME....

FILUME’- SOLO PER QUESTO...?

DOMENICO- NO....PERCHE’ TE VOGLIO BENE, SIAMO STATI INSIEME VENTICINQUE ANNI, E VENTICINQUE ANNI RAPPRESENTANO UNA VITA: RICORDI, NOSTALGIE, VITA IN COMUNE....L’HO CAPITO DA ME  MI TROVEREI  SBANDATO...E POI, PERCHE’ CI CREDO: SONO COSE CHE SI SENTONO, E IO LO SENTO. TI CONOSCO BENE E PERCIO’ TI STO PARLANDO COSI’. IO A NOTTE NON DORMO. SONO DIECI MESI, DA QUELLA SERA, TI RICORDI?...CHE NON HO TROVATO PIU’ PACE. NON DORMO, NON MANGIO, NON MI DIVERTO PIU’! TU NON SAI CHE TENGO NEL CUORE ...NA COSA CHE MI FERMA IL RESPIRO....MI DEVI CREDERE FACCIO COSI....E O RESPIRO SI FERMA QUA’....E TU NON MI PUOI FAR CAMPARE COSI’. TU SEI UNA DONNA CHE HA VISSUTO, CHE CONOSCE IL MONDO E SANTO IDDIO M’AVISSE VULE’ PURE UN POCO DI BENE. NON MI PUOI FAR CAMPARE COSI’! TI RICORDI QUANDO MI DICESTI: “NUN GIURA’....” E IO NON GIURAI. E ALLORA, FILUME’, TE LA POSSO CERCARE L’ELEMOSINA...E TE LA CERCO COME VUOI TU: INGINOCCHIATO, BACIANDOTI LE MANI I VESTITI...DIMMELO, FILUME’ DIMMI CHI E’ MIO FIGLIO, LA CARNE MIA...IL SANGUE MIO...E ME LO DEVI DIRE PER TE STESSA, PER NON DARE L’IMPRESSIONE CHE STAI FACENDO UN RICATTO. IO TE LO GIURO,PAROLA DI GALANTUOMO TI SPOSO LO STESSO!

FILUMENA- O VUO’ SAPE’?…E IO TO DICO.A ME BASTA CHE TI DICO :”TUO FIGLIO E’ QUELLO LA’”. ALLORA TU CHE FAI? CERCHERAI DI PORTARTELO SEMPRE CON TE, PENSERAI A DARGLI UN AVVENIRE MIGLIORE E NATURALMENTE STUDIERAI TUTTI I MODI PER DARE PIU’ DANARO  A LUI CHE AGLI ALTRI DUE

DOMENICO- BE’?

FILUMENA- E AIUTALO ALLORA, HA BISOGNO: TENE QUATTRO FIGLI.

DOMENICO- L’OPERAIO?

FILUMENA- L’IDRAULICHE COMME DICE ROSALIA.

DOMENICO- ...UN SIMPATICO GIOVANE, ONESTO LAVORATORE, UN RAGAZZO GENEROSO MA PERCHE’ SI E’ AMMOGLIATO COSI’ PRESTO? CON UNA PICCOLA BOTTEGA CHE PUO’ GUADAGNARE?...MA SI PROVVEDE, SI PUO’ PROVVEDERE, CON UN CAPITALE A DISPOSIZIONE PUO’ METTERE UNA PICCOLA OFFICINA CON OPERAI, LUI FA’ DA PADRONE:UN NEGOZIO DI APPARECCHI IDRAULICI

MODERNI.......GUARDA GUA’....PROPRIO L’IDRAULICO! E GIA’ QUELLO AMMOGLIATO , IL PIU’ BISOGNOSO....

FILUMENA- E NA MAMMA CADDA FA’? DEVE CERCARE DI AIUTARE IL PIU’ DEBOLE. MA TU NON L’HAI CREDUTO… TU SEI FURBO TU...E’ RICCARDO, O COMMERCIANTE.

DOMENICO- O CAMICIAIO?

FILUMENA- NON E’ UMBERTO, O SCRITTORE.

DOMENICO- ANCORA...ANCORA,FINO ALL’ULTIMO MI VUOI METTERE CON LE SPALLE  AL MURO’.

FILUMENA-...SIENTEME BUONO DUMMI’ E POI NON CI TORNIAMO PIU’SOPRA..T’AGGIO VOLUTO BENE CON TUTTE LE FORZE DELLA VITA MIA ! AGLI OCCHI MIEI TU ERI NU DIO…E ANCORA TI VOGLIO BENE,E FORSE MEGLIO E PRIMMA..AH1 CHE E’ FATTO DUMMI’.HAI VOLUTO SOFFRIRE PER FORZA IL PADRETERNO TI AVEVA DATO TUTTO PER ESSERE FELICE: SALUTE, PRESENZA, DENARO…A ME. A ME, CA PE’ NUN TE DA’ DOLORE, MI SAREI STATA ZITTA, NON AVREI PARLATO NEANCHE IN PUNT’E E MORTE…E TU SARESTI STATO L’UOMO GENEROSO C’AVEVA FATTO BENE A TRE DISGRAZIATI….NON MI DOMANDARE PIU’ PERCHE’ NUN T’HO’ DICO. NON TE LO POSSO DIRE E TU DEVI ESSERE GALANTUOMO E NON ME LO DEVI DOMANDARE MAI, PERCHE’ PER IL BENE CHE TI VOGLIO, IN UN MOMENTO DI DEBOLEZZA, DUMMI’..’.E SAREBBE LA NOSTRA ROVINA. MA NON HAI VISTO CHE NON APPENA IO TI HO DETTO CHE O FIGLIO TUO ERA L’IDRAULICO, SUBITO HAI COMINCIATO A PENSA’ AI DENARI…O CAPITALE…IL GRANDE NEGOZIO…PERCHE’ TU TI PREOCCUPI E GIUSTAMENTE, PERCHE’ TU DICI:” I DENARI SONO MIEI”.E COMINCI A PENSA’” E PERCHE’ NON GLI POSSO DIRE CHE SONO IL PADRE?” “E GLI ALTRI DUE CHI SONO?” “CHE DIRITTO TENGONO?”..L’INFERNO!.. TU CAPISCI CHE L’INTERESSE LI METTEREBBE L’UNO CONTRO L’ALTRO…SONO TRE UOMINI, NUN SO TRE GUAGLIUNE. SAREBBERO CAPACI DI UCCIDERSI FRA LORO… NON PENSARE A TE, NON PENZA’ A ME’…PENSA A LORO. DUMMI. O BELLO D’E’ FIGLIE L’ABBIAMO PERDUTO!… E FIGLIE SO CHILLE CHE SI TENGONO IN BRACCIO, QUANDO SO PICCOLI, CA TI DANNO PREOCCUPAZIONE QUANDO STANNO MALATI E NON TI SANNO DIRE CHE SI SENTONO… CHE TI CORRONO INCONTRO CHE BRACCELLE APERTE, DICENNO PAPA’…QUELLI CHE LI VEDI VENIRE DALLA SCUOLA CU E MANELLE FREDDE E O NASINO RUSSE E TE CERCANO A BELLA COSA…MA QUANDO SO GRUOSSE, QUANDO SONO UOMINI, O SONO FIGLI TUTTI QUANTI, O SO NEMICI…TU SEI ANCORA IN TEMPO. MALE NUN TE NE VOGLIO …LASCIAMMO STA’ E COSE COME STANNO E OGNIUN VA’ PA STRADA SUA!.

ROSALIA- E’ VENUTO E’ VENUTO O RICCO SACERDOTE.

MICHELE- MAMMA’

DOMENICO- LASCIAMO STARE LE COSE COME STANNO, E OGNIUNO VA’ PER LA STRADA SUA....IO VI DEVO PARLARE...SONO UN GALANTUOMO E NON MI SENTO D’INGANNARVI. STATEMI A SENTIRE.....

I TRE- SI PAPA’

DOMENICO-    GRAZIE.QUANDO MI AVETE FATTO PIACERE. ALLORA...QUANDO DUE SI SPOSANO E’ SEMPRE IL PADRE CHE ACCOMPAGNA LA SPOSA ALL’ALTARE. QUA GENITORI NON CE NESONO...CI SONO I FIGLI. DUE ACCOMPAGNANO LA SPOSA, E UNO ACCOMPAGNA LO SPOSO.

MICHELE- A MAMMA’ ACCUMPAGNAMMO NUIE.

RICCARDO-. MANCANO 5 MINUTI ALLE SEI.

FILUMENA- ROSALI’

ROSALIA-  NUN CE PENSATE .ALLE SEI PRECISE S’APPICCIANO PURE LLA’

FILUMENA- IAMMO

DOMENICO- E A ME MI ACCOMPAGNI TU...

(RIENTRO DALLA CERIMONIA)

FILUMENA- CHE STANCHEZZA, MARONNA!

MICHELE- E MO VI RIPOSATE. CE NE ANDIAMO PURE NOI. DOMANI TENGO A PUTEGA.

ROSALIA- AUGURI AUGURI AUGURI…CHE BELLA FUNZIONE! CIENT’ANNE EA CAMPA’ FIGLIA MIA, CA NA FIGLIA ME PUO’ ESSERE.

RICCARDO- E’ STATA PROPRIO UNA BELLA FUNZIONE.

FILUMENA- ROSALI’ NU BIECCHIERE D’ACQUA.

ROSALIA-SUBITO,SIGNORA.

DOMENICO- NIENTE INVITATI, NIENTE BANCHETTO, MA UNA BOTTIGLIA IN FAMIGLIA CE LA DOBBIAMO BERE....QUESTO CI ACCOMPAGNERA’ A DORMIRE.

ROSALIA- ECCO L’ACQUA.

DOMENICO- CHE CI DOBBIAMO FARE CON L’ACQUA?

ROSALIA- A SIGNORA.

DOMENICO- CHE E  FA’ CON L’ACQUA,DINCELLO, A SIGNORA, CHE, DI QUESTA SERATA, L’ACQUA E’ MALAUGURIO. CHIAMMA PURE  A LUCIA  A ALFREDO” EI ALFREDO AMOROSO: MONTATORE E GUIDATORE NONCHE’ CONOSCITORE DI CAVALLI DA CORSA.”NUN CAPISCE NIENTE”.

ROSALIA-  ALFRE’ ALFREDO,VIENE, VIENETE A BERE NU BICCHIERE E VINO CO SIGNORE…LUCI’ VIENE  TU PURE..

ALFREDO- ECCOMI PRESENTO.

DOMENICO- THE FILUME’, BEVI, BEVETE.

ALFREDO- SALUTE.

DOMENICO- TI RICORDI ALFRE’, QUANDO I CAVALLI NOSTRI CORREVANO?

ALFREDO- PERDINGI.

DOMENICO- SI SO’ FERMATE...SI FERMARONO TANTO TEMPO FA’. E IO NON LO VOLEVO CREDERE, E NELLA FANTASIA MIA LI VEDEVO SEMPRE CORRERE. MA MO, HO CAPITO CHE SI ERANO FERMATI GIA’ A NU SACCHE E TEMPO! MO DEBBONO CORRERE LORO!! HANNA CORRERE STI CAVALLI QUA’, CHE SONO GIOVANI, SONO PULEDRI DI SANGUE! CHE FIGURA FAREMMO SE VOLESSIMO FA CORRERE ANCORA I CAVALLI NOSTRI? CI FAREMMO RIDERE IN FACCIA, ALFRE’.

ALFREDO- PERDINCI.

DOMENICO- BEVI, ALFRE’.... E FIGLI SO’ FIGLI! E SONO PROVVIDENZA...E SEMPRE, SEMPRE...QUANDO, IN UNA FAMIGLIA, CE NE SONO TRE O QUATTRO, SEMPRE SUCCEDE CHE IL PADRE HA UN OCCHIO PARTICOLARE, CHE SO IO, UN RIGUARDO SPECIALE PER UNO DEI QUATTRO. O PERCHE’ E’ PIU’ BRUTTO, O PERCHE’ E’ MALATO, O PERCHE’ E’ PIU’ PREPOTENTE.....E GLI ALTRI FIGLI NON SE L’HANNO A MALE....LO TROVANO GIUSTO. E’ QUASI UN DIRITTO DEL PADRE. FRA NOI QUESTO NON HA POTUTO ACCADERE, PERCHE’ LA NOSTRA FAMIGLIA SI E’ RIUNITA TROPPO TARDI. FORSE E’ MEGLIO. VUOL DIRE CHE QUEL BENE CHE IO AVREI AVUTO IL DIRITTO DI VOLERE AD UNO DEI MIEI FIGLI...IO LO DIVIDO FRA TUTTI E TRE...A SALUTE!....GUAGLIU’ DOMANI VE NE VENITE A MANGIARE QUA’.

I TRE- GRAZIE.

RICCARDO- ORA VI LASCIAMO PERCHE’ E’ TARDI E MAMMA’ SE VO’ ARRIPUSA’. STATE BONA MAMMA’. AUGURI E CI VEDIAMO DOMANI.

UMBERTO-STATEVI BENE.

MICHELE- BUONASERA E AUGURI.

UMBERTO-BUONA NOTTE PAPA’

RICCARDO E MICHELE- PAPA’ BUONANOTTE.

DOMENICO- E DATEMI NU BACIO!

I TRE- A DOMANI.

DOMENICO- MI RACCOMANDO PUNTUALI.

FILUMENA- TUTTA MO MA SENTO.

DOMENICO-TUTTA LA GIORNATA IN MOVIMENTO...POI

L’EMOZIONE....TUTTI I PREPARATIVI DI QUESTI ULTIMI GIORNI...MA

MO STATTE TRANQUILLA E RIPOSATI. E’ PURE NA BELLA

SERATA!...FILUME’ CHE E’ STATO?

FILUMENA- QUANTO E’ BELLO CHIAGNERE.

DOMENICO- E’ NIENTE...E’ NIENTE. HAI CORSO HAI CORSO, TI SEI MESSA PAURA...SEI CADUTA...TI SEI ALZATA...HAI PENSATO E O PESA’ STANCA...MO NON DEVI CORRERE PIU’, NON DEVI PENSARE PIU’...RIPOSATI!.... E FIGLIE SOO’ FIGLIE...E SO’ TUTTI EGUALI...HAI RAGIONE, FILUME’ HAI RAGIONE TU!.....

FINE III° ATTO

    Questo copione è stato visto
  • 3 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 13 volte nell' ultimo mese
  • 100 volte nell' arco di un'anno