Finalmente ho conosciuto papà

Stampa questo copione

“ GENNARO ESPOSITO “

Finalmente   Ho   conosciuto   papa’

DUE    ATTI    COMICI    DI

SALVATORE   PAOLILLO

                       

                                                                      

PERSONAGGI      E           TIPI

DUDÙ                                  chiromante                                      

FILOMENA                                 moglie di Dudù                    

SASA’                                estetista in incognito                

PISELLINO                                  medico personale di Dudù   

SERENA                                       cameriera del mago Dudù          

RAFFAELE                        fratello di Dudù                      

MOZZATTI                            cliente di Dudù                     

PINUCCIA                                   figlia della signora Mozzatti

PITBULL                                     camorrista di quartiere                  

MARGHERITA PIZZA          infermiera senza diploma    

TINA SCOPA                      cliente di Dudù                     

ALICE   SALATA                 cliente di Dudù                     

Codice opera 929527A

PRIMO   ATTO

Studio di Dudù. La parete di fondo è costituita da un balcone centrale. Alla sx una libreria. Sulla 2° quinta di dx la comune che da nelle altre stanze della casa. Sulla 1° quinta di dx una porta (bagno). Sulla 2° quinta sx una porta (camera da letto). In 1° quinta a dx una scrivania leggermente obbliqua con 2 sedie fianco sx ed una sedia padronale dietro. Arredi vari. All'aprirsi del sipario escono dalla camera da letto Dudù e Raffaele, (Dudù tiene per un orecchio Raffaele).

1° Scena

(Dudù e Raffaele)

Raffaele:      Dudù lascia l’orecchio, mi stai facendo male!

Dudù:          Io me l’aggia fa venì mmano! (1 giro per la scena) Disgraziato ma he capito ca chella è ‘na principessa e sta cchine ‘e paparelle?

Raffaele:      Ma quella sul profilo facebook ha postato notizie mendaci!

 Dudù:         Ched’è ‘stu postato, ‘stu mendaci. Che significano ‘sti pparole? Cu mme parla a prievete paisano… l’avvocato falle dint’‘o tribunale… altrimenti te spacc’‘a capa… he capì nullafacente!

Raffaele:      Dudù io sono un laureato… un avvocato… e tuo fratello!

Dudù:          Si avvocato… avvocato de’ pippe appilate! Tu se vuoi restare in casa mia devi lavorare, se no prendi chelli 4 scarabbattole che tieni dint’‘a camera e vattenne!

Raffaele:      Ma perché io non lavoro? Collaboro attivamente con te. Ti faccio d’assistente. Ed inoltre contribuisco all’economia della casa!

Dudù:          Raffele mio, ma si tu faje ‘na causa ogni morte ‘e Papa, e tra l’altro ‘e pierde tutte quante, pecchè si ‘a schifezza ‘e tutte gli avvocati… me saje dicere a quale economia contribuisce tu?

Raffaele:      Dudù sii buono, fammi la carità di pazientare ancora …..e comunque, ti ricordo che io ti faccio d’assistente!

Dudù:          E facendomi d’assistente, ti paghi il vitto sostanzioso che mia moglie prepara!

Raffaele:      E si… tutti i giorni pasta in bianco, qualche volta anche senza un po’ di burro e formaggio, e uova fritte nell’acqua!

Dudù:          E che vulive ‘o timballo ‘e maccheroni con braciole e funghi porcini. Ringrazio il Padreterno che ti fa mangiare… tutti i giorni!

Raffaele:      No… ma io non è che mi lamento… anzi ti sono grato!

Dudù:          E vulevo vedè ca te lamentavi. Te devo nu cazzotto ‘ncapo!

Raffaele:      Grazie fratello mio. Io l’ho sempre detto che sei buono… che hai un grande cuore!

Dudù:          Si, si… ora vatte a priparà ca tra poco inizia ‘o spettacolo!

Raffaele:      Si Dudù. Sarò un assistente con i fiocchi. Però prima vado in cucina a fare colazione, sai con la gastrite che mi ritrovo, se non mangio qualcosa… e spesso… sono dolori!

Dudù:          Aspetta nu mumento Rafè… nu momento solo... primma ca vaje a fa colazione… viene cca t’aggia fa ‘na mmasciata. (Raffaele si avvicina e Dudù gli molla un ceffone) Pum!

Raffaele:      (perplesso) Ma... che significa questo schiaffo?

Dudù:          ‘A grappa che bevo io dev’essere pura... purissima... se tu l’assaggi, e poi l’allunghi con ll’acqua, offendi il mio liquore e la mia intelligenza. E chesto io nun ‘o tollero... e mo’ vattenne! (Raffaele esce a dx mortificato. Dal bagno esce Serena irata)

2° Scena

(Dudù, Serena e Filomena)

Serena:        (ha in mano della biancheria) Neh, mago Dudù, è vero che io in questa casa sono la cameriera a tempo pieno, ma fino ad un certo punto però!

Dudù:          (padronale) Che vaje truvanne piccerè?

Serena:        Mago Dudù e cazettielli ca ve levate nun l’avite menà ‘nterra. Esiste ‘na cesta addo se mettene tutt’e panni spuorche!

Dudù:          Nennè ‘n’omme super masculone comme mme mette e cazettielle dint’‘a cesta? Chest’è robbe pe’ femmenucce, io ‘e ghiette ‘nterre!

Serena:        Allora vostro fratello, che mette dint’‘a cesta è femmenello?

Dudù:          E tu vuò mettere a chillu sfrantumate ‘e frateme Rafele cu mme? Ma te sii scurdate comme me chiammane dint’‘o quartiere? (entra Filomena da dx e si ferma sull’uscio ad osservare)

Serena:        Si, si… ‘o sapimme ca ve chiammane ‘o mandingo de’ 5 continenti!

Filomena:    E secondo me te sfottene!

Dudù:          Oh. Qua sta pure la mia dolce signora. Bongiorno ammore mio!

Filomena:    Bongiorno ‘o ….. mmmm… è meglio ca me stonghe zitta. (a Serena) Dammelle a mme ‘sti calzini, ‘e mette a post’io!

Serena:        (porge i calzini) Ma insomma… ‘sta storia adda furnì… ‘o mago è proprio nu zuzzuso…altro che super masculone!

Filomena:    (calmandola) Va bbuò, nun te piglià collera Serè… m’‘o vech’io c’‘o mago. ‘O furnesco io ‘o bagno, tu va’ a fa ‘a cucina!

Serena:        Pronta… la schiava di Cartagine esegue… jamme a fa ‘a cucina. Dint’‘a ‘sta casa se fatica 24 su 24… nooo ma io m’aggia truvà ‘n’ata fatica… me n’aggia jre ‘a cca! (esce a dx)

Filomena:    Chella ave ragione ‘a guagliona, tu ‘e essere cchiù sistimato! Mo’ ‘a nu fatto passamme a’ ‘n’ato: mandingo dei 5 continenti, tu stanotte, te sii arrepusate… (cinica) ma staje malato pe’ caso?

Dudù:          (giustificandosi) Ma qua’ malato. M’aggio  pigliato ‘na feria!

Filomena:    E a chi l’he chiesta? Neh ma, nun è ca s’hanne scaricate ‘e ppile?

Dudù:          A mme nun se scaricato niente. Sii tu ca si assatanata… nun te basta maje… tutt’‘e notte!

Filomena:    E pe’ forza, (scenica) si no, che faccio ‘o ghiette ‘sta robba?

Dudù:          Nun ghiettà niente… stanotte m’‘o spuzzeleo io… tu tienimelo in caldo… my darling!

Filomena:    Nun te preoccupà, mago Dudù, ca t’‘o faccio truvà vullente. Si però, tu nun te risparmià, dai tanti morsi, altrimenti (fa il gesto delle corne) te manne a S. Martino!

Dudù:          (serio) Te scanno comme ‘na pecora. E mo’ va, ca tengo che ffa!

Filomena:    (maliziosa) Allora… a stanotte… pescetiello mio!

Dudù:          (in proscenio) Che femmena vullente. Me sta distruggendo… ma io nun m’arrenno.  E mo’ famme jre a priparà pe’ ffa l’opera ‘e pupi! (esce a sx, mentre da dx entra Raffaele)

3° Scena

(Raffaele e Filomena)

Raffaele:      (ha un pezzo di pane in mano. Si lamenta come un bambino) Mannaggia la miseria, mannaggia. In questa casa non si può fare neanche  colazione in santa pace. Serena è una scostumata. Non ha rispetto per me… un professionista… mi ha buttato fuori dalla cucina come  fossi una mappata di panni sporchi! (Filomena ha un piumino in mano)

Filomena:    Neh Rafè ma tu stai ancora magnanne?

Raffaele:      Sto finendo di fare la mia colazione mattutina!

Filomena:    Ancora? Songh’‘e 10.30!

Raffaele:      E per forza, io ho il duodeno stretto, devo mangiare lentamente.  Dammi il tempo che finisco di mangiarmi questa fettina di pane!

Filomena:    All’anema da’ fettina ‘e pane!

Raffaele:      Io devo mangiare, se no mi brucia lo stomaco. Io ho la gastrite!

Filomena:    A si… io me credevo ca tenive ‘o verme sulitario!

Raffaele:      Ma quale verme solitario. (pietoso) Filomena hai 10 € da prestarmi… devo comprarmi le lamette ed il sapone per la barba. Appena vinco una causa, e mi pagano, te le restituisco!

Filomena:    Si, si aspetta e spera… e quanne ‘a vince ‘na causa!

Raffaele:      E che è colpa mia. Quelli sono i giudici che mi danno sempre torto!

Filomena:    Ma forse se vede ca lloro usano ‘n’atu codice!

Raffaele:      Ma che dici?  I codici quelli sono. E che l’interpretano male!

Filomena:    Bah, sarà? (campanello). Sicuramente è Pizza Margherita. Mentre vaco arapì chiamme a fratete, s’adda fa ‘a serenga! (esce a dx)

4° Scena

(Raffaele, Dudù, Serena, Margherita e Filomena)

Raffaele:      (in proscenio) Filomena non sa che al posto di Dudù me le faccio io le iniezioni. Ho fatto un patto con mio fratello, all’insaputa della moglie, in cambio lui mi fa le ricariche telefoniche. Anche l’infermiera è complice! (va a chiamare Dudù a sx) Dudù… Dudù!

Dudù:          (d.d.) Che cacchio vuò?

Raffaele:      Sbrigati… è venuta Pizza Margherita!

Dudù:          (d.d.) E chi l’ha urdinata?

Raffaele:      Dudù non scherzare… tutte le mattine questa solita battuta!

Dudù:          (esce) Sto cca… sto cca. E magnatella ‘na risata… è gratis! (si odono le voci di Serena e Margherita)

Serena:        (da dx, fermandosi sull’ingresso) Mago Dudù è venuta ‘a Pizza Margherita pe’ ve fa ‘a serenghella. A te pizzaiò trase! (esce a dx)

Margherita: (entrando) E dalle cu ‘stu sfuttorio. Ma che colpe tengh’io si ‘e cugnomme faccio Pizza e pateme m’ha fatto ‘stu bellu regalo a chiammarme Margherita?

Dudù:          E menu male ca nun t’ha chiammate 4 stagione!

Margherita: Forza mettimmece all’opera. Buongiorno avvocato. Buongiorno pure a vvuje mago Dudù!

Raffaele:      Buongiorno Pizza Margherita.

Margherita: Avvocà io ‘o permetto solo a vuje e me chiammà Pizza Margherita!

Raffaele:      Lo so, lo so!

Margherita: E già. Altrimente ‘a gente sfruculea… sfotte… quanno me vedono, fanno e spiritosi… diceno… aaah sta venenne ‘a pizzaiola!

Raffaele:      Non dargli importanza. Quello è l’invidia… la gelosia. Shiù schiù come stai?

Margherita: Nun c’è male, grazie. Come siete adorabile. Comme parlate bello avvocà… quanti belli parole pulite sapite dicere cu ‘sta vucchella ‘e zucchero… voi ciatate miele!

Raffaele:      E che vuoi fare pizzaiola mia. Queste sono le conseguenze di oltre 30 anni di studi… perché io ho studiato duramente per diventare l’avvocato di successo quale sono. No come una certa persona!

Dudù:          Rafè invece ‘e fa ‘o cretino fatt’‘a serenga!

Margherita: Avvocà e come vi sentite?

Raffaele:      Debole, debole assai, nonostante l’iniezione di ferro!

Margherita: Comme mai… ‘a cura nun sta facenne effetto?

Raffaele:      (piagnucoloso) Nooo… non è per la cura… è che in questa casa non si mangia mai abbastanza! (prende il pezzo di pane dalla giacca)

Margherita: (guarda il pane) Aggio visto. Secondo me ve tenene a stecchette… beh mo’ nun damme rette… priparateve ca ve faccia ‘na bella serenga. Appusuliate ‘o culetto ca v’infilzo!

Raffaele:      (preoccupato) Ma che infilzi… tu devi fare piano!

Margherita: Nun ve preoccupate, sarò una farfalla… la vostra farfallina. Tatà! (alza il braccio come se impugnasse una spada)

Raffaele:      Ma quale farfallina… fa piano… piano! (scena a soggetto. Nel finale Dudù si sostituisce a Raffaele che velocemente esce a sx. Da dx entrano Serena e Filomena)

Margherita: Ahiiiiiia! (dopo qualche secondo accorono Serena e Filomena)

Serena e Filomena:      (entrano) Ma che succede?

Dudù:          ‘Na sciabolata… m’ha dato ‘na sciabolata!

Margherita: Aaaah… ma quale sciabolata… (mostrando la mano) io m’aggio appezzato l’ago da’ serenga dinto ‘a mano… aaah! (campanello)

Serena:        Io ‘o dico ca tutte e cretini ‘e Napoli veneno a spennere addu nuje… (piglia per un braccio Margherita) jammo jà… viene dinto ca te faccio ‘na medicazione ‘ncoppo ‘o dito! Signò me pare c’hanno sunato ‘a porta… mo’ vado ad aprirla io! (esce a dx)

Filomena:    (a Dudù) E tu che caspita allucchi a ffà? Chella ‘a serenga se le fatta essa dinto ‘a mano!

Dudù:          Che c’entra… io me so’ miso paura… sapessi come ha fatto brutto… (mima il braccio alzato) quella disgraziata ha fatto con il braccio così… io mi  sono spaventato… ma tu lo sai che con uno spavento o si muore o si rimane scemo?

Filomena:    E me pare ca tu nun si muorte!

Dudù:          E che vuò dicere ca so’ rimasto scemo?

Filomena:    Vide tu!

Dudù:          Filomè cca s’adda furnì cu ‘sta cura… chella Pizza Margherita nun ‘e sape fa ‘e serenghe!

Filomena:    Non se ne parla proprio. ‘O ferro te fa bbene!

Dudù:          Neh, ma io nun capisco, me sento bbuono, l’analisi escono bbone, tengo ‘na famme ca nun me lascia ‘e pere, dint’‘o lietto faccio ‘o duvero mio… ‘sti serenghe a che servono!

Filomena:    Dudù aggia parlà?

Dudù:          E parla. Che vuò dicere?

Filomena:    Dudù tu ‘stu mese si stato fermo 3 notte… dico 3. E che facimme cca… ‘a macchinetta se raffredda. Perciò ce vo’ ‘o ferro… ferro tutt’e juorne primma ca io… S. Martino! (esce a dx)

Dudù:          (geloso) T’accide. (si siede sul trono. Gridando a sx) Rafè vutt’‘e mmane c’avimme accumincià l’opera ‘e pupi!

Raffaele:      (d.d.) Arrivo… eccomi… pronto. (esce saltellando) Eccomi qua… Filuccio l’assistente del mago Dudù è pronto!

Dudù:          Fa’ trasì chi è primme!

Raffaele:      (sulla comune) Avanti… chi è il primo? (da dx entra la signora Mozzatti con la figlia Pinuccia)

5° Scena

(Dudù, Raffaele, Mozzatti e Pinuccia)

Mozzatti:     Permesso… buongiorno mago Dudù, buongiorno signor Raffaele. (a Pinuccia) Saluta il mago Dudù!

Pinuccia:      Buongiorno mago Dudù!(Dudù fa segno di sedere)

Dudù:          (mistico) Salute a voi… che il Karma vi sia propizio in questo ciclo ventilato dalla configurazione termodinamica dell’archeotipo cromofuso ad interim… tu tu…. tu tu…. tu tu!

Pinuccia:      Mammà ma che ha detto?

Raffaele:      Ssssh… il mago è in trance… non disturbatelo… sta evocando le anime per voi… si sta collegando con l’aldilà!

Dudù:          Tu tu… tu tu…tu tu!

Pinuccia:      Ma ched’è sta ‘a linea occupata? O tene l’adsl ca nun funziona?

Raffaele:      (scappellotto a Pinuccia)

Pinuccia:      Ahi!

Dudù:          (alla Mozzatti) Fai coprire gli occhi a Pinuccia! (la Mozzatti esegue)

Pinuccia:      Uffà, mammà ma pecchè ogni vota ca venimme addo mago Dudù, io m’aggia coprì gli occhi?

Mozzatti:     Già pecchè Raffele ‘a creatura s’adda cummiglià gli occhi? Nun ‘e po’ tenè apierte?

Raffaele:      (teatrale) Nooo! Per carità… non possono gli occhi di un innocente guardare nel futuro!

Pinuccia:      Ma io mi sono scocciata!                                                                                        

Mozzatti:     Te l’avevo detto di aspettare fuori. (a Dudù) Mago Dudù, io voglio sapere se ‘sta piccerella addiventa ‘n’agente segreto, o no?

Dudù:          (farfugliando in modo mistico) E io che ne saccio!

Mozzatti:     Mago Dudù nun se capisce chella ca dicite!

Raffaele:      (prontamente) Ssssh… silenzio. Il mago Dudù ha parlato!

Dudù:          Confermo!

Mozzatti:     Ma ‘e ffà ‘e missione segrete?

Pinuccia:      (vanitosa) Voglio essere comme James Bond… al femminile!

Mozzatti:     No a mammà. E’ meglio comme Wonder Woman!  

Pinuccia:      Oppure comme Saylor Moon?

Dudù:          (farfugliando in modo mistico) Ma chesta che va truvanne ‘a me?

Mozzatti:     (a Raffaele) Nun aggio capito… ca ditto?

Raffaele:      Il tempo matura le nespole!

Mozzatti:     S’adda magnà ‘e nespole?

Pinuccia:      Mammà a me nun me piacene ‘e nespole… voglio ‘e percoche!

Raffaele:      (scappellotto a Pinuccia)

Pinuccia:      Ahia!

Mozzatti:     Si ‘o mago Dudù ha ditto ca te magnà ‘e nespole, pure ca nun te piacene, vo’ dicere ca te magni ‘e nespole!

Raffaele:      Esatto… confermo!

Mozzatti:     Mo’ aggia ved’è chi ‘e tene ‘sti nespole. Mo’ nun è tiempo lloro! Forse ‘o supermercato. Che dicite, mago Dudù, ca lla ‘e trove?

Pinuccia:      Vidite dint’‘a palla addo ‘e putimme truvà!

Mozzatti:     Ah… si, si… accussì sparagnamme e ce fa nu scarpinetto a piedi!

Pinuccia:      Forza mago Dudù rattate nu poc’‘a palla, e vedite che dice!

Raffaele:      (scappellotto a Pinuccia)

Pinuccia:      Ahi… uffa mammà io me so’ scucciata… chiste me sta abbuffanne ‘e pacchere… io ‘o donghe nu cavece addo nun batte ‘o sole!

Raffaele:      (suona 1 volta  il gong) Il tempo della seduta è scaduto!

Mozzatti:     E manco ‘sta semmana aggio saputo niente. Quant’è?

Dudù:          So’ 50 €!

Mozzatti:     Azz… mo’ ha parlato proprio bello… chiaro, chiaro. Arrivederci mago Dudù. Pinuccia saluta ‘o mago!

Pinuccia:      Bona jurnata! (la Mozzatti paga ed esce con Pinuccia a dx)

6° Scena

(Dudù, Raffaele, Alice, Serena e Pisellino)

Raffaele:      (preoccupato) Dudù qua si deve finire di truffare le persone. Prima o poi qualcuno ci riempe di botte e ci manda all’ospedale!

Dudù:          Pusillanime… io do’ alle persone una speranza… ‘e facce credere in coccosa di bello, che la realtà nun ce lo consente!

Raffaele:      Dudù tu gli dai solo l’illusione. E te la fai pagare a caro prezzo!

Dudù:          E te pare poco? Fa’ trasì ‘o prossimo pullasto!

Raffaele:      (sulla comune) Chi è il prossimo? (da dx entra Alice)

Alice:            (entra e compie 2 giri del palcoscenico) Buongiorno signor Raffaele. Buongiorno mago Dudù. Vi volevo dire che io ho eseguito alla lettera tutte le indicazioni che mi avete dato l’ultima volta, e precisamente: ho dormito 7 notti con il pigiama blù marine e pallini aragosta; ho tenuto una candela rossa accesa sul comodino 38 minuti al giorno; ho mangiato avena e sciuscelle mattina e sera per 5 giorni e pane raffermo almeno di una quindicina di giorni; ho camminato 8 minuti con una pietra lavica in testa 3 giorni; ho bevuto solo caffè con gocce di limone  ed è una settimana che non mi lavo le parti intime. Tutto questo, ma il risultato è zero, anzi zero spaccato. Il fidanzato ancora non si è materializzato.

                      (Dudù alza le mani) Ho capito. E’ tutto chiaro mago Dudù. Devo ancora continuare con le indicazioni impartitemi: dormirò7 notti con il pigiama blù marine e pallini aragosta;  terrò una candela rossa accesa sul comodino 38 minuti al giorno;  mangierò avena e sciuscelle mattina e sera per 5 giorni e pane raffermo almeno di una quindicina di giorni; camminerò 8 minuti con una pietra lavica in testa per 3 giorni; berrò solo caffè con gocce di limone  e per una settimana  non mi laverò  le parti intime.  Perseveranza, molta perseveranza! (da una banconota a Dudù) Ecco qua, questo è l’onorario. Ci vediamo tra 15 gg.! (esce a dx mentre entra Serena che la urta)

Serena:        Levate a ‘nanze Alice Salata. Mago Dudù fore ce stanne ‘o duttore Pisellino,  Sasà l’estetista ed un signore che vuole l’avvocato. A chi facce trasì primme?

Dudù:          Sasà l’estetista nun vene pe’ e cunsulti. Vene pe’ fa ‘o rattuso!

Serena:        ‘O saccio, ‘o saccio. Tene nu debole pe’ l’avvocato!

Raffaele:      Il grande Dudù ha parlato!

Serena:        Avvocà ma site tutte scemo? Vulite fa ‘o mestiere cu mme?

Dudù:          ‘O scè ma nun vide ca nun ce sta nisciuno?

Raffaele:      Scusami Dudù, è la forza dell’abitudine!

Dudù:          Fa trasì a Pisellino, accussi me cuntrolla ‘a pressione!

Serena:        Va bbuò! (sulla comune) Duttò a vuje… trasite… il mago Dudù è tutto vostro! (esce a dx mentre entra Pisellino)

Pisellino:      ‘E permesso… buongiorno grande Dudù. (camminando incespica sui piedi di Raffaele) Mannaggia, mannaggia… nun l’aggio visto proprio… ma l’avete messa stamattina questa pianta qua?

Raffaele:      Caspita Dudù mi ha pigliato per una pianta!

Pisellino:      Chi ha parlato?

Dudù:          Niente, niente duttò. Sto ccà. Attiente a nun cadè. Duttò primme da’ visita, ma vulite musurà nu poca ‘a pressione?                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        pressione… sapite me sento nu poco… (viene interrotto)

Pisellino:      Ma certo… datemi il braccio! (Dudù esegue)

Raffaele:      Dottore, allora mentre misurate la pressione a mio fratello io vado in cucina a mettere qualcosina nello stomaco! (esce a dx)

Pisellino:      (a soggetto prende lo sfigmanometro dalla borsa e anziche metterlo intorno al braccio lo mette in testa di Dudù) Grande Dudù l’ultima volta che ve l’ho misurata a quanto l’avevate la pressione?

Dudù:          (con ironia) Chesta ccà? 1 e 9 a ‘nnanze, e 2 e 2 a ‘rrete!

Pisellino:      (arrabbiandosi) Ma che mi avete preso per il gommista? Voi volete scherzare… beato voi, beato voi… a mme me votano ‘e cervelle… devo fare ancora tante visite… e sto in ritardo! (offeso posa lo sfigmanometro e chiude la borsa)

Dudù:          Duttò ma che facite nun m’‘a mesurate cchiù? Io stevo pazzianno. E comme site cullaruso!

Pisellino:      (arrabbiato) E non dovete pazziare. Specialmente con chi lavora. (tira dal taschino una sveglia) Questi orologi da tasca li fanno sempre più piccoli… un povero cristo che ha qualche piccolo problema di vista ha serie difficoltà per vedere l’orario. Allora… sono… chesta qual’è ‘a lancetta grossa o ‘a piccerella? (a soggetto) Ah… si, si. Adesso ho solo 12 minuti per finirvi di visitare… poi ho altri pazienti che mi aspettano… pazienti che non pazzeano!

Dudù:          Va bbuò… jamme dint’‘a stanza ‘e lietto!

Pisellino:      Molto bene. Fatemi strada, altrimenti va a finire che inciampo e vaco ‘nterra… come tutte le volte che vengo qua!

Dudù:          Ok seguitemi! ( i 2 escono a sx. Da dx entrano Serena e Pitbull)

7° Scena

(Serena, Raffaele e Pitbull)

Serena:        Come avete detto che vi chiamate?

Pitbull:         (con modi guappeschi) Io non mi chiamo… io songhe ‘o Pitbull!

Serena:        Accomodatevi signor Pitbull. Adesso vado a chiamare l’avvocato!

Pitbull:         Se non ti dispiace aspetto fuori al balcone!

Serena:        Come volete. Fate il vostro comodo. (va a dx e chiama Raffaele) Don Rafè… don Rafè… avvocato!

Raffaele:      (d.d.) Che c’è… che vuoi Serena?

Serena:        Avvocà venite cca… ce sta nu signore ca ve vò? Signor Pitbull l’avvocato sta venenne! (tira dalla tasca un fazzoletto)

Raffaele:      (entra da dx e con modi teatrali) Eccomi qua chi è che vuole il principe del foro… il non plus ultra dei patrocinanti in cassazione… il barone dei codici, delle normative… dei…

Serena:        (soffiandosi il naso) Prrrrrr……

Raffaele:      Chi è? Chi è stato ? Chi m’ha fatto il pernacchio? (vede Serena) Ah, sei tu. E come osi, come ti permetti?

Serena:        Ma perché, è vietato ‘a se sciuscià ‘o naso?

Raffaele:      Ma dico io: uno, prima di soffiarsi il naso si guarda attorno, si guarda i fatti suoi, vede se è il caso!

Serena:        Ah sì? E scusate tanto se il naso mio nun v’ha cercato permesso!

Raffaele:      E’ inutile che fai l’ironia...

Serena:        Ma qua’ ironia avvocà, io ‘na sciusciata ‘e naso m’aggio fatto!

Raffaele:      Va bene, non parliamone più. Hai detto che c’era un signore che mi cercava… dov’è?

Serena:        Sta fore ‘o balcone… (va al balcone) a vvuje signor Pitbull… venite l’avvocato sta cca! (Pitbull esce)

Pitbull:         Buongiorno!

Raffaele:      Buongiorno a voi . Tu Serena puoi andare!

Serena:        Agli ordini signor avvocato. Con permesso! (esce a dx)

Pitbull:         Statte bbona, bella piccerè!

Raffaele:      In cosa posso esservi utile signor…

Pitbull:         Pitbull… a servirvi!

Raffaele:      Favorirmi. Molto onorato! (fa per dargli la mano)

Pitbull:         (brusco) Avvocà basta cu ‘sti fesserie… levamme ‘sti mesali ‘a tavola. Io songhe ‘o figlio ‘e Totonno ‘o labrador!

Raffaele:      Ma che stiamo al cinodromo . Bella razza di cane i labrador. Ma veramente non capisco cosa volete da me ?

Pitbull:         Ma qua’ razza ‘e cani. C’avite capito? Totonno sta per Antonio… Antonio Pagliuca… detto ‘o labrador!

Raffaele:      Aaah… il signor Antonio Pagliuca… il mio assistito?

Pitbull:         Esattamente. Avvocà a che stamme c’‘a causa ‘e pateme?

Raffaele:      Ottimamente. Sono in attesa del dispositivo finale!

Pitbull:         E che se prevede? ‘O scagionano a pateme? Jesce ‘a galera?

Raffaele:      Signor Pitbull sono fiducioso… molto fiducioso. Anche se per la verità il P.M. ha chiesto l’ergastolo. Sapete vostro padre è accusato di strage. Ci sono stati 2 morti e 8 feriti!

Pitbull:         Si è trattato di un incidente. A pateme, dint’‘o circolo ricreativo,  ‘a lattina c’‘a benzina c’è caduta ‘a mano… ‘nterra steve nu mezzone ‘e sigaretta appicciato… ed ecco l’incendio!

Raffaele:      Si ma il giudice ha trovato incomprensibile capire cosa ci facesse vostro padre con una tanica di benzina in mano nel circolo ricreativo. Speriamo bene!

Pitbull:         E speriamo bene… se no devo far cantare a Filomena!

Raffaele:      Ma perché mia cognata Filomena canta? Non lo sapevo!

Pitbull:         Ma qua’ cognata e cognata. C’avite capito avvocà? (scosta la giacca e fa intravedere la pistola nella cintura) Chest’è Filumena. Perciò badate a quello che fate. Statevi bbene! (esce a dx)

Raffaele:      (scosso) Madonna benedetta. Sono una famiglia di assassini. Questo mi ammazza se non viene assolto il padre. Povero me. Devo chiedere aiuto a Dudù! (esce a sx da dx entrano Filomena e Sasà) 

8° Scena

(Filomena, Sasà, Raffaele, Serena, Pisellino e Dudù)

Filomena:    (entrando) Trase, trase Sasariello!

Sasà:            E’ permesso…si può?

Filomena:    Accomodati… mi posso preparare per la pulizia del viso?

Sasà:            (frivolo) Signora Filomena, non ce ne bisogno!

Filomena:    Ma comme Sasà, nun vuo’ tastià nu pucurillo (si tocca il seno) ‘e guance? Nun vuo’ cuntrullà se ce stanne miglioramenti. Si ‘a cura della pelle sta facendo effetto?

Sasà:            (femmineo) Signora Filomena lo sapete benissimo che a me questi argomenti non interessano. Perciò datevi una calmata e non fate sciocchezze. E poi io sono un professionista serio!

Filomena:    A te nun interessano, a patete nun interessano, a fratete Genny, manco c’interessano… neh, ma dint’‘a famiglia voste ‘e femmene nun piaceno a nisciuno?

Sasà:            Come no!

Filomena:    Overo? E a chi piaceno?

Sasà:            Piacciono tantissimo a mia sorella Donatella!

Filomena:    Comme? Ma allora site ‘na famiglia tutta streveze?

Sasà:            (risentito) Ma quando mai. Noi, diciamo che… siamo alternativi!

Filomena:    Nooo… vuje site… diciamo controcorrente!

Sasà:            Adesso basta... se no se scummoglie ‘o funucchio e mi cancellano dall’albo degli estetisti!

Filomena:    Sasà e ched’è ‘st’albo?

Sasà:            E’ nu registro. E’ comme l’albo dell’ordine dei medici!

Filomena:    Ah chest’è. E vo’ dicere ca te miette dinto a ‘n’ato ordine!

Sasà:            Signora ma che dite… siete proprio ‘na ‘gnurante. E sì mo’ me metto dinto a l’ordine dei cavalieri!

Filomena:    Si Sasà, accussì vieni ‘ncoppo a nu bellu cavallo bianco!

Sasà:            Ma che avete capito! L’ordine dei cavalieri non sono i cavalieri che vanno a cavallo!

Filomena:    (non capendo) A no! E addo vanno ‘ncoppe ‘o ciuccio?

Sasà:            Oh… Santa ignoranza!

Filomena      E nu poco ‘e pacienza, io ‘na povera femmina casereccia songhe!

Sasà:            Casereccia? Ma come parlate? Mica siete ‘na pagnotta ‘e pane!

                     Uffaaa… i cavalieri degli ordini sono per esempio i cavalieri di Malta, della Repubblica oppure i cavalieri… (entra Raffaele)

Raffaele:      Ma dov’è Dudù? Quando lo cerchi non lo trovi mai!

Sasà:            Avvocato bellissimo, vi posso fare… qualcosa?

Raffaele:      Si Sasà, dammi un’aggiustatina alle unghie delle mani!

Sasà:            Ma certo avvocato. Accomodatevi alla scrivania! (Raffaele si siede)

Filomena:    Sasà, allora mentre fai la manicure a mio cognato, io vado in cucina a cuntrullà ‘o cavolo ‘ncoppo ‘o fuoco! (esce a dx)

Sasà:            (a Raffaele, toccandogli le gambe) Dunque l’ultima volta quando l’abbiamo fatto la manicure?

Raffaele:      (con ironia) Sasà mannaggia la miseria, ci provi sempre. Te lo già detto che io appartengo ad un’altra parrocchia!

Sasà:            (facendo finta di niente, continua a toccargli le gambe con intenzione) Non capisco avvocato!

Raffaele:      (gli scosta le mani dalle gambe) Sasà le mani sono queste!

Sasà:            Uh, che sbadato. E’ stato un errore. Sapete avvocato è la deformazione. (a soggetto gli lancia dei baci) Oggi mi sento proprio in forma… voglio farvi le mani più belle di tutto il tribunale!

Raffaele:      Le mani però!

Sasà:            E ve lo detto: è stato solo un errore! (gli manda altri baci proprio quando da dx entra Serena)

Serena:        (ridendo) Sasà mo’ pure cu ll’avvocato amoreggi? Basta ca vide a ‘n’ommo nun ce vide cchiù. E pure vuje avvocà… mannaggia ‘a capa vosta… e comme ve piace ‘o vino c’‘a neve!

Raffaele:      Ma quando mai. Quello è lui che allunga le mani!

Serena:        Ma po’ Sasà le viste bbuono all’avvocato? Nu scatafascio in persona. Azz… ma nun ghiette niente?

Sasà:            Ma che dici Serena? Io stavo nell’esercizio delle mie funzioni!

Raffaele:      Serena stai a posto tuo. Qua non è successo niente!

Serena:        Se, se… e dimanimme accussì. Comunque addo sta ‘o mago? Fore ce sta ‘a signora Scopa Tina!

Sasà:            (arrabbiandosi) Uffaaa… vorrei sapere che ci sono venuto a fare oggi da donna Filomena… nessuno si è fatto fare niente. E non mi riferisco solo alla manicure! (esce a dx)

Serena:        Avvocà nun c’avite dato neanche nu bacetto a Sasà!

Raffaele:      Serena ti ho pregato di stare a posto tuo!

Serena:        D’accordo. Però nun sta bbene ca nun ‘o salutate cu nu bacetto ‘o ‘nnammuratiello vuosto! (esce a dx)

Raffaele:      Scostumata. Adesso glielo dico a mio fratello che mi manchi di rispetto! (esce a dx, mentre da sx escono Dudù e Pisellino)

Dudù:          Allora duttò comme stonghe? Parlate chiaro, senza usà parolacce mediche, diciteme tutta ‘a verità… ‘a malatia sta avanzanne? E’ ‘o caso ca me faccio nu ketchup completo?

Pisellino:      Si, magari jate ‘o McDonald’s  a vo’ fà!

Dudù:          E ‘o polistirolo l’aggia controllà? Nun me facite jire in anzianità!

Pisellino:      Polistirolo, in anzianità? Ma che dite? Come parlate?

Dudù:          No duttò vulevo dicere ad Anzio!

Pisellino:      E che dovete andare a fare ad Anzio?

Dudù:          Ma quale Anzio e Anzio… comme si dice chella parola… aaah… dinto ‘a coscia!

Pisellino:      Dinto ‘a coscia?

Dudù:          No dinto ‘a spalla. Ma che avete capito? Uffa duttò ma vuje site nu poco ‘gnurante però. Io vuleva dicere: in angoscia!

Pisellino:      Azz… e l’ignorante sarei io? E parlate da cristiano. Comunque voi, mago Dudù, non avete nessuna malattia!

Dudù:          Overo duttò? (teatrale) E giuratammello!

Pisellino:      Ma che devo giurare. E smettetela di fare il bambino mago Dudù. Mi fate venire tutti i giorni per visitarvi e non ce ne bisogno. Voi siete sano come un gruppo eterogeneo di organismi fondamentalmente acquatici!

Dudù:          Ched’è? C’avite ditto duttò?

Pisellino:      Uffa… santa ignoranza. Ho detto che siete sano come un pesce!

Dudù:          E chest’è? Duttò, e vvuje avite fatto nu telegiornale pe’ dicere ‘sta cosa. Che dicite è ‘o caso ca me cuntrollo pure si tengo ‘o ferro, ‘a ramma, ll’attone dint’‘o sanghe?

Pisellino:      E dove andate a controllarvi nella ferramenta?

Dudù:          Io vulesse sapè chi v’ha fatto medico?

Pisellino:      (arrabiandosi) A mme? Chi mi ha fatto medico? Per vostra norma e regola caro mago Dudù io ho sostenuto 55 esami!

Dudù:          E ma l’avite sostenuto manco ‘a chiavica!

Pisellino:      Questo è il colmo. Adesso basta. Ora me ne vado! (esce a dx)

Dudù:          Duttò vinete cca… addo jate? Io stevo pazzianne. E comm’è cullaruso. Po’ dice ca io faccio ‘o criaturo! (da dx entra Raffaele)

Raffaele:      Dudù fuori c’è Scopa Tina. La faccio accomodare?

Dudù:          E comme no. Falla trasì! (assume un aria mistica)

Raffaele:      (sulla porta) Prego signora accomodatevi! (da dx entra Scopa Tina)

9° Scena

(Raffaele, Dudù e Tina)

Tina:            E permesso… buongiorno mago Dudù!

Raffaele:      (ascetico) Shhhh… il mago è in trance!(Dudù la fa sedere)

Dudù:          Ho attraversato l'oceano della vita, scalato le montagne del sapere, solcando i cieli dell’infinito, scrutato l’aldilà per giungere a te sorella Tina. Senti questo forte odore di...

Tina:            Cavolfiore. (annusa)Grande Dudù, cavolfiore. Non sento l'odore dell'incenso. Che significa tutto ciò?      

Dudù:          (farfugliando) Ce l’aggio ditto 100 vote a Filumena e nun cucenà ‘sta robba quanne aggia fa ‘o speziale. Calmati figliola. Questo odore penetrante è un segno per aiutarti a darmi la buona notizia!

Tina:            Ecco, Grande Dudù, io vi ho disubbidito!

Dudù e Raffaele:          (arrabbiandosi) Grrrrrrr!

Tina:            Ieri stavo andando in banca a fare l’operazione che mi avete ordinato ed ho incontrato una ragazza per strada alla ricerca di soldi. Sapete, quelle ragazze che fermano tutti i passanti nella speranza di convincere qualcuno ad offrire un piccolo contributo!

Raffaele:      Il grande Dudù lo sa, lo sa, il mago sa tutto. Tu ovviamente non ti sei fatto abbindolare da quella ragazza, non è vero?

Tina:            No, signor Raffaele, ho pensato che potevo dividere la somma...

Dudù:          …mannaggia chitebbivo… i miei ordini vanno rispettati!

Raffaele:      (teatrale) Vedi, sorella Tina, il grande Dudù ieri ti ha messo alla prova. Ha mandato sul tuo cammino una sirena. E tu, proprio come i marinai di Ulisse, hai ceduto al suo canto! Il grande Dudù è molto arrabbiato con te …. E pure io (sottovoce)

Tina:            Io pensavo che un’associazione vale un’altra!

Dudù:          Ematoma a te!

Raffaele:      (lo strattona) Ma quale ematoma. Devi dire anatema!

Dudù:           (sorpreso) E perché ?

Raffaele:       Perché lo dico io !

Dudù:        Anatema. Io ho scelto quella Associazione per te... ‘a mia!

Raffaele:      Mio fratello… ehm… il grande Dudù non l’ha fatto per caso. Dietro tutte queste associazioni, si nascondono solo peccatori. Gente senza scrupoli devota al Dio denaro!

Dudù:          Il grande Spirito è arrabbiato con te

Tina:            Parlateci voi grande Dudù, spiegategli che non volevo offenderlo!

Raffaele:      Sarà difficile, ma il mago ci proverà. Tu ora fai il tuo dovere!

Dudù:          Sappi che non c’è più tanto tempo. Il mio trisauro l’aveva predetto!

Tina:            Il vostro trisauro? Forse volevate dire trisavolo?

Raffaele:      (strattona Dudù) Ignorante, ma come parli. (a Tina. Mistico) Il mago parla un linguaggio antico, arcaico. Io e il grande Dudù discendiamo dalla famiglia francese dei Notredame. Di cui faceva parte il più Grande, l’Unico, il Solo, Michel…

Dudù:          … Platini! (Raffaele lo strattona)

Raffaele:      Ma che Platini. Michel dei Notredame. Che tu conoscerai col nome latino di Nostradamus! (suona il gong)

Dudù:          All’alba del giorno 36, alla 36° ora, scoppierà la 36° guerra mondiale, e il mondo finirà di esistere!

Tina:            Si lo so, Nostradamus l’ha previsto. Io sono una grande studiosa di Nostradamus. L’equilibrio della pace mondiale sarà definitivamente alterato da un’influenza negativa!

Raffaele:      Sei una grande studiosa di Nostradamus?

Tina:            Si. Io pensavo che ciò doveva accadere già nell’anno 2000!  

Dudù:          Azz… Rafè e nuje nun sapimme niente?

Raffaele:      Scusaci un momento, io ed il mago dobbiamo consultare il Grande Spirito. (vanno fuori al balcone) Oh Grande Spirito fa che noi possiamo parlare con il nostro avo!

Dudù:          (mistico) Oh Grande Spirito mettimi in comunicazione con lui! (Dudù e Raffaele inscenano un duetto muto)

Tina:            (rivolgendosi ai 2) Cosa vi dice il grande spirito? Vi parla di catastrofi, calamità, pestilenze, rigori contro al Napoli?

Dudù:          (illuminato da un’idea rientra con Raffele) Solo i poveri si salveranno da questa imminente sciagura. E gioiranno anche della conquista del 3° scudetto del Napoli!

Raffaele:      Il grande Dudù ha parlato. Ora sta a te crederci o no!

Tina:            Si, si. Io credo nel grande Dudù. Però prima che scoppia la guerra, mi date un risultato esatto, su cui poter scommettere!

Dudù:          E allora va, calma l’ira del Grande Spirito. Gioca il Napoli vincente. Uno più over. 1° marcatore Pepe Reina!

Raffaele:      E prima che sia troppo tardi compi il tuo dovere. Vai. Vai!

Tina:            (alzandosi) Domani mattina farò il versamento Grande Dudù, all’associazione che mi avete consigliato. Voglio essere povera. Voglio salvarmi e voglio godermi il 3° scudetto del Napoli!

Raffaele:      Brava. E la prossima volta che vieni porta 1000…

Dudù:          …2000!

Raffaele:      Già. 2000 € in contanti in una borsa di Luigi Vittozzi!

Tina:            Luigi Vittozzi? E chi è?

Raffaele:      Come chi è? E lo stilista di fama internazionale!

Tina:            Ma forse volevate dire Louis Vuitton?

Dudù:          Esattamente. Quello mio fratello lo chiama in modo confidenziale!

Tina:            Aaaah, ho capito. Scusate mago Dudù ma a che serve?

Dudù:          (teatrale) L’aggia regalà a figliema. Ehm… la vuole lo spirito!

Tina:            Ho capito. E di che colore?

Raffaele:      A gusto tuo!

Dudù:          Si però nun purtà nu mautone. ‘Na bella borsa pe’ ‘na guaglione giovane, chiù o meno ‘e l’età toja!

Tina:            Però. ‘O spirito tene gusti giovanili. Va bene. Ci vediamo la settimana prossima. Grazie, grazie! (fa per uscire)

Dudù:          (a Raffaele) Acchiappa a chesta!

Raffaele:      (urlando) Fermati Scopa Tina, dove vai? Non dimentichi qualcosa?

Tina:            A già. Adesso andavo via senza pagare l’onorario. Quant’è?

Raffaele:      100 €. Dalli pure a me. Vieni t’accompagno!

Tina:            (uscendo) Speramme ca me fa recuperà c’‘a bulletta ‘sti sorde, il grande Dudù! (escono a dx)

Dudù:          E pure chesta è fatta. Mo’ me vaco a fa ‘a barba ca me pare nu cavernicolo. Me servesse pure… (da dx entra Serena)

10° Scena

(Dudù e Serena)

Serena:      (ha un foglio in mano) … a carta po’ cesso…

Dudù:        Nun aggio capito, che ditto Serè?

Serena:      (pausa breve) ‘A carta po’ cesso! ‘A carta igienica. Papier igienic!

Dudù:        Ma qua’ carta igienica?

Serena:      (legge dalla lista) ‘A carta igienica… ‘o sapone pa’ lavatrice, ‘a                             varrecchina… mago Dudù aggia scennere a fa ‘a spesa ‘a                                     merceria… a vuje serve coccosa?

Dudù:        Ah, ‘a merceria. Si, pigliame ‘e lamette e ‘o sapone pa’ barba… fatte                   da’ e sorde da’ signora Filomena!

Serena:      E p’‘a capa nun ve serve niente?

Dudù:        P’‘a capa?

Serena:      Sissignore. ‘A gelatina, ‘a lacca, ‘o shampo!

Dudù:        No, no. Stammatina me staje mannanne ‘o manicomio. Accatteme              solo chello ca t’aggio ditto! (esce a sx)

Serena:       Va bene, va bene. (vede una scatola di metallo sulla scrivania) Uhè ‘na scatola ‘e biscotti… mo’ me ne mangio dduje. (la apre) ‘Na lettera ‘e ll’ORFANOTROFIO DELLE RONDINELLE. Chist’è l’orfanotrofio addo stev’io. E che dice ‘sta lettera? (la legge) Atto notarile n° 21 del 11.04.1992. Con il presente atto, io sottoscritto notaio Stanislao Ricciardelli, alla presenza dei testimoni… ecc. ecc. dispongo che la volontà testamentaria del signor Fernando Zarra,  padre di Armando, detto Dudù, e Raffaele, venga così onorata: Il patrimonio, rimanga congelato fino al compimento del 25 anno di età della piccola Serena, nata il 3.04.1992, ma ccà se parla ‘e me… figlia naturale di Armando Zarra, (pausa breve) m’allora ‘o mago Dudù è mio padre, ed abbandonata nello orfanotrofio di cui sopra.

                   Letto, sottoscritto e confermato. Notaio Stanislao Ricciardelli. Finalmente aggio canusciuto ‘o destino mio. Fra poco compirò 25 anni, e allora tutto sarà chiaro, come la luce del sole. Mi chiamerò Serena Zarra, e non cchiù Serena Esposito, figlia di N.N. E si nun aggio avuto ‘a fortuna ‘e m’abbraccià a mammà… finalmente ho conosciuto papà!

Si ode una musica appropriata, che sfuma lentamente mentre…

CALA LA TELA

FINE   PRIMO   ATTO

SECONDO   ATTO

La scena è la medesima del primo atto. E’ trascorso qualche settimana. All’apertura del sipario sono in scena Filomena che rassetta e Raffaele che gira nervoso per il palcoscenico (2 giri).

1° Scena

(Raffaele, Filomena e Serena)

Raffaele:      E vedi se Dudù si sbriga a vestirsi. Sicuramente mi farà fare tardi!

Filomena:    Pecchè addo ‘e ajre?

Raffaele:      Devo andare in tribunale!

Filomena:    (cinica) Pecchè ‘e jre a fa’ cocche testimonianza dint’‘a qualche causa ‘e tozzi tozzi ‘e machine?

Raffaele:      Filomena questa ironia è del tutto inappropriata. Sappi una buona volta che tu come cognato hai un principe del foro! (da dx entra Serena che si sta soffiando il naso)

Serena:        Prrrr… mannaggia, mannaggia ‘stu catarro nun me lascia ‘e pere!

Raffaele:      Ancora con le pernacchie?

Serena:        Ma qua’ pernacchio… chillo è ‘o catarro! (Filomena ride)

Raffaele:      Ho l’impressione che tu lo fai volutamente Serena!

Serena:        Ma quanne mai. Avvocà ve l’aggio ditto pure juorne fa: ‘o naso mio è scustumato, nun cerca permesso!

Raffaele:      Va bene, soprassediamo. Non voglio rovinarmi la giornata. Oggi  sarà per me, un giorno di grande lustro. La sentenza che emanerà il giudice sarà una pietra miliare della giurisprudenza!

Serena:        (si soffia il naso) Prrrrr…

Raffaele:      (gesticolando) E ti pareva!

Serena:        Scusate avvocà! (Filomena ride)

Raffaele:      Oggi c’è la lettura della sentenza della causa del signor Labrador!

Serena:        Ma ched’è nu cane?

Raffaele:      Ma quale cane. E’ il soprannome del signor Pagliuca. Il padre di quell’altro cane, ehm… del signore Pitbull che è venuto tempo fa.

Serena:        Ah… si, si me ricordo!

Filomena:    Camorrista ‘o pate… camorrista ‘o figlio. Speriamo bene. Chelle ‘sti razze ‘e cane so’ malamente, mozzecano!

Serena:        E sperammo. Però io me sento nu presentimento ca l’avvocato va a furnì ‘o riesto de’ juorne suoje ‘ncopp’‘a ‘na seggia a rutelle!

Raffaele:      Menagramo. Uccello del male augurio taci! (esce a sx)

Filomena:    Ah, ah, ah… ma quanne è curiuso!

Serena:        Ah, ah, ah. Si però è nu brav’ommo… ingenuo, sognatore!

Filomena:    Più che altro un illuso!

Serena:        Signò oggi c’avimme priparà a pranzo?

Filomena:    Po’ mago Dudù nu poco ‘e pasta al sugo e 1 fettina ‘e formaggio cu 1 pummarola all’insalata. Rafele credo ca nun rientra a pranzo!

Serena:        (ironica) Speriamo ca nun ‘o fanne pranzà ‘o pronto soccorso!

Filomena:    (ride) ‘A vuò furnì ‘e f’‘a disgraziata? Pe’ nuje fa ‘na bella  ‘nzalatona mista. Chelle belle insalate miste ca saje fa tu!

Serena:        Nun ve preoccupate signò. Dinto ce metto: nu pero ‘e lattuga, e ‘na ‘ncappucciata, ‘a rucola, ‘o radicchio, ‘a pummarola, ‘a cipolla, ‘o cetriolo, ‘e carote, ‘e fagioli, ‘o tonno, ‘a muzzarella, e funghi e nu buccaccio ‘e mulignane sott’uoglie!

Filomena:    Noooo… pecchè ‘a faje accussì liggera?

Serena:        Voi dite signò? Allora ce piazzo pure due taralli ‘nzogna ‘e pepe e ‘na fella ‘e casatiello!

Filomena:    Brava Serè… e avimmo fatto ‘a pasquetta! (le 2 ridono)

Serena:        Mannaggia ‘a capa vosta signò!

Filomena:    Nuje mo’ avimme mangià poco. Martedì che vene è ‘o compleanno tuoje… faje 25 anne!

Serena:        Già… 25 anni… (sottovoce) i famosi 25 anni!

Filomena:    Io e ‘o mago Dudù t’avimme priparato ‘na bella festa!

Serena:        ‘O saccio. Nun abbasto a ringraziarve!

Filomena:    T’‘o mmierete. Perciò avimme rimanè in linea, altrimenti e vestite p’‘a cerimonia nun ce vanne. Specialmente chillo bello vestito ca t’ha regalato ‘o mago!

Serena:        (seria) E’ proprio tanto bravo cu me ‘o mago Dudù. Nun m’ha maje alluccato, maje fatto nu rimprovero. Pure quanne scassaje ‘o servizio ‘e bicchiere ‘e cristallo. Cu nu surriso ‘ncopp’‘e labbra me dicette: piccerè nun te piglià collera, so’ cosa ca succedono!

Filomena:    ‘O mago Dudù, no pecchè è mio marito ma è ‘n’omme ‘e core… e pe’ me e te se facesse accirere!

Serena:        Già. (esplorativa) ‘E vote me pare come se io fosse ‘na figlia da soja. Nun me fa mancà niente, tutto chello ca ce chiedo m’accatte. E pure vuje signò pe’ me site comme ‘na mamma!

Filomena:    (l’accarezza) Va bbuò. Nun ce penzamme cchiù. Mo’ jamme addo parrucchiere, pe’ vedè che pettinatura ce cunsiglia!

Serena:        Si, si, jamme. Signò me vulesse fa e torshion! (escono a dx, mentre da sx entrano Dudù e Raffaele)

2° Scena

(Dudù, Raffaele, Serena, Pinuccia , Mozzatti e Alice)

Dudù:          Rafè, a me serve l’assistenza p’‘a signora Mozzatti e ‘a figlia!

Raffaele:      Dudù, ma io faccio tardi!

Dudù:          Ma qua’ tarde. Nuje ‘a dicimme 2 stroppele, e c’‘a levamme a ‘nanze. A che ora ‘e ajre ‘o tribunale?

Raffaele:      La lettura della sentenza è prevista per le ore 12.30!

Dudù:          E mo’ so’ ‘e l’8 e 45. Ce la fai! (suono del campanello)

Raffaele:      Dudù dopo la sentenza…

Dudù:          …te ne fujre all’estero. Pecchè Pitbull te scanne!

Raffaele:      (ansioso) Ma è un ipotesi, o l’hai visto nella palla?

Dudù:          E’ ‘na certezza! (entra da dx Serena)

Serena:        Mago Dudù, fore ce sta Alice Salata, ‘a signora Mozzati e Pinuccia!

Raffaele:      Ah, menomale, sono venute. Facciamole entrare subito, così poi me ne scappo al tribunale!

Dudù:          Vaje ‘e pressa pe’ ghire abbuscà? Serè fà trasì ‘a primma!

Serena:        (sulla porta di dx) Prego Alice Salata trase! (entra Alice eccitata)

Alice:            (gag come 1° atto) Mago Dudù voi non siete un mago, ma un magone. Vuje site nu piezz’‘e chiaroveggente accussì. (gesto) Tutto si è avverato. Vi devo ringraziare per tutta la vita. Ho finalmente trovato il fidanzato. Un bel giovane alto un metro e ottanta, capelli biondi, occhi azzurri, fisico palestrato….

Dudù:          ‘O principe azzurro!

Alice:            Meglio del principe azzurro. Ed è pure ricchissimo e mi ama alla follia. Possiede una catena di pescherie. Le rinomate pescherie Chiappariello, conosciute in tutto il mondo!

Serena:        Hanno fatto Alice e Chiapparielli!

Alice:            Grazie, grazie, grazie! (bacia la mano a Dudù)

Dudù:          Ma che m’he pigliato pe’ San Giuseppe!

Alice:            Ho lasciato a vostra moglie 10000 € a titolo di compenso per il lavoro da voi svolto. Ora vado. Non vi incomodate conosco la strada. (sulla comune) A proposito, mago Dudù, vi volevo dire che ho una cugina che vorrebbe essere fatto lo stesso servizio. Ve la porto tra un mese esatto. A tutti la buona giornata! (esce a dx)

Serena:        Nun te preoccupà, chillo ‘o mago Dudù c’‘o fa pure ‘a cugina toja ‘o servizio. (sulla comune) Signora Mozzatti accomodatevi. Nun appujate e piere ‘nterra pecchè ‘o pavimento è stato appena lavato!

Mozzatti:     (entrando si ferma a ca. 1 metro dalla comune e mima il volo degli uccelli) Va bene accussì Serè?

Serena:        Ma che state facenno?

Mozzatti:     Sto vulanne! (Dudù ride)

Serena:        (alterandosi) Signò vuje è inutile ca facite a spiritosa. Cca ce facimme nu core tanto pe’ mantenè ‘a casa pulita!

Dudù:          Nun te piglià collera Serè. Chella mo’ ‘a signora Mozzati cammina sotto, sotto e nun sporca. Va, va!

Serena:        Va bbuono, m’arraccumanne. Mago Dudù, ve vulevo dicere ca io e ‘a signora Filomena ascimme… jamme addo parrucchiere, perciò se sona ‘o campaniello, jate arapì vuje o l’avvocato!

Raffaele:      Non sia mai detto che un principe del foro, si abbassi a fare l’usciere. Una cosa del genere è inaudita!

Serena:        (uscendo si soffia il naso) Prrrrrr… (esce a dx)

Mozzatti:     (spazientita) Allora, mago Dudù, quanne so’ furnute ‘sti jacuvelle familiari, possiamo incominciare la seduta?

Raffaele:      Ma certo. Il grande Dudù è già in trance. E Pinuccia dove sta?

Mozzatti:     Sta aspettanne fore. Ha ditto ca vo’ trasì sol’essa, pecchè adda parlà c’‘o mago Dudù ‘e ‘na cosa privata!

Raffaele:      Ma così perdiamo altro tempo. Io ho da fare!

Dudù:          (a Raffele) Statte zitto. (con voce mistica) Accomodatevi signora Mozzatti e ditemi tutto!

Mozzatti:     (si siede) Allora grande Dudù, cosi come mi avete ordinato, la volta scorsa, aggio purtato nu bello purpo masculo, è quase 3 chili, 10 pezzogne e 2,5 kg. ‘e frittura fresca, 1,5 ‘e vongole, ‘a spasella ‘e frutta, 2 pullaste, 2 butteglie ‘e vino e 1 ‘e grappa!

Dudù:          E i contorni e i dolci?

Mozzatti:     Comme? Nun aggio capito?

Raffaele:      (interviene prontamente) Il grande Dudù ha detto che vede dei contorni dolci nell’aldilà!

Dudù:          Esattamente!

Mozzatti:     Mago Dudù, levateme ‘na curiosità: ma ‘o Spirito ca interpellate pe’ cunsulti, che se n’adda fa tutta ‘sta robba ‘e magnà?

Dudù:          (mistico) Tu tu… tu tu… tu tu!

Raffaele:      Signora Mozzatti, lo Spirito si nutre come noi umani. E decide di volta in volta il menù!

Mozzatti:     (incantata) Caspita! Che grandezza ‘stu Spirito!

Dudù:          ‘A robba addo sta?

Mozzatti:     Ho dato tutto ‘a mugliera vosta!

Dudù:          Brava. (incomincia a farfugliare sfregando la palla) Mmmmmmm… zzzzzz… (Raffaele copre la testa della Mozzatti con un panno nero) comune mortale, essere inferiore, guarda attentamente in questo bicchiere, e dimmi cosa vedi!

Mozzatti:     (muove la testa) Mago Dudù io nun veco niente, manco ‘n’ombra!

Raffaele:      (dà uno scappellotto a Mozzatti) E vedi meglio!

Dudù:          Mmmmm…. grrrrrr… concentrati… perseveranza!

Mozzatti:     (idem) Ah, ecco vedo… delle persone. 2 persone, anzi no 3 persone!

Raffaele e Dudù:          (sorpresi) Overo?

Raffaele:      (a Dudù) E chi sono?

Mozzatti:     Grande Dudù, me pare ca site vuje e l’assistente vuoste Raffaele, ca fujte pe’ tutt’‘a casa, pecchè ce sta ‘na terza perzona ca ve corre addereta cu ‘na mazza mmano!

Raffaele:      (impaurito) Ma tu che dici?

Dudù:          Rafè chist’è Pitbull ca ce vo’ struppià. Pe’ mezza toja mo’ vuo’ vedè c’abbusco pur’io?

Raffaele:      (tremante) Che altro vedete signora?

Mozzatti:     Vedo sangue, molto sangue che scorre dalla testa dell’avvocato!

Raffaele:      Oh, Madonnina mia. Il sangue no, io già sono anemico. Dudù bisogna fare qualcosa!

Dudù:          E cchiù ‘e chiammà ‘a polizia che putimme fa? Signora Mozzatti per completare la magia lo Spirito vuole uno Spellicchione!

Mozzatti:     E che cos’è lo Spellicchione?

Dudù:          Questo lo deve scoprire da sola!

Mozzatti:     E comme faccio?

Raffaele:      Il grande Dudù ha parlato. Ora andate, andate!

Mozzatti:     Si, ma dove si trova questo Spellicchione. E’ un animale, una pianta, un oggetto, o cosa diavolo è?

Raffaele:      Il grande Dudù…

Mozzatti:     …ha parlato. E cheste pure l’avimme già ditto!

Dudù:          So’ 200 €. p’‘a consulenza!

Mozzatti:     Azz. 200 €. (suona il campanello)

Raffaele:      Il grande Dudù…

Mozzatti:     …si, si… ha parlato. (paga) E cca stanne e 200 €.

Raffaele:      Potete andare! (accompagna all’uscita a dx)

Mozzatti:     ‘N’ati 200 € pe’ niente. E pure ve spacc’‘a capa. Non ve scomodate, visto ca stonghe ascenne apro io la porta! (esce a dx)

Raffaele:      Dudù  pure questa ci vuole picchiare!

Dudù:          Ma levate a lloco. C’adda picchià! (da dx entra Pinuccia)

Pinuccia:      E’ permesso!

Dudù:          Trase, trase Pinù!

Pinuccia:      Mago Dudù io non sono qui per voi. Devo parlare urgentemente di una cosa privata con Serena. Dove sta!

Raffaele:      E quella adesso non c’è. Devi venire più tardi!

Pinuccia:      Verso che ora posso venì?

Raffaele:      Quella è andate dal parrucchiere. E quando voi donne andate dal parrucchiere non ci sono previsioni per l’orario di ritorno!

Pinuccia:      Allora mago Dudù torno cchiù tardi! (esce a dx)

Raffaele:      Anche questa è fatta. Allora Dudù io andrei in tribunale! (fa per uscire quando da dx entra Pitbull)

3° Scena

( Pitbull e detti)

Pitt-bell:       (ha una pistola in mano)  Grandissimo fetente!

Raffaele:      Uh Madonna… il Pitbull!

Dudù:          (di spalle) Ma chi è?

Raffele:        Come chi è? E’ il signor Pitbull!

Dudù:          ‘O cacchio! (si nasconde sotto la scrivania)

Pitbull:         (a Raffele) Schifezza ‘e tutt’e gli avvocati. Fetenzia ‘e tutt’‘e tribunali. Cca sta ‘a sentenza. Pateme ha avuto ll’ergastolo. Avive ditto ca t’‘o vedive tu!

Raffaele:      Come l’ergastolo. Ma quando è stata letta la sentenza?

Pitbull:         Munnezza, ajere l’hanno liggiuto e giudici!

Raffaele:      Come ieri. Non era per oggi?

Pitbull:         Ma quale oggi. Viene cca, t’aggia sparà ‘ncapo ‘na diecina ‘e palle!

Raffele:        Signor Pitbull stia calmo… non si agiti… vedrà che tutto si aggiusta. Dudù aiutami, dove sei?

Dudù:          (dal nascondino) Staje frisco bello do’ frate!

Pitbull:         Ma chi è ‘stu Dudù? Sicuramente ‘n’ato fetente!

Raffaele:      Ricorreremo in Appello. (sudando freddo) Farò tramutare l’ergastolo in una pena massima di 30 anni!

Pitbull:         Disgraziato, ma qua’ 30 anni. Chillo papà già tene 75 anne. E quanne jesce ‘a galera, quanne fa 105 anne? Carogna t’aggia sparà ‘ncapo… prega avvocà! (interviene Dudù)

Dudù:          Nooooo… nun fa’ pazzie Pitbull... nun sparà!

Pitbull:         E tu chi si?

Dudù:          Sono il fratello, molto piacere!

Raffele:        Signor Pitbull credetemi in Appello la cosa si aggiusta!

Pitbull:         E va bbene, aspettamme l’appello. Però nel frattempo io coccosa v’aggia fa a tutt’e dduje. Per esempio v’aggia spezzà ‘na coscia. Nu braccio. O v’aggia spaccà ‘a capa!

Raffaele:      Nooo, ma perché non lasciamo stare le cose così come sono!

Pitbull:         Ma che faje me sfutte? Aggio capito. Spugliatevi. Comme a 2 vierme v’aggia accidere. Annure…  levateve e cazune!

Raffaele:      No vi prego signor Pitbull… il pantalone no… vi scongiuro!

Pitbull:         (arrabbiandosi) T’aggio ditto levate ‘o cazone, primma ca te sparo ‘ncapo… muovete fetente!

Dudù:          E levammancello Rafè ‘stu cazone… che ce ne fotte!

Pitbull:         (a Dudù) Aah, tu faje pure ‘o spiritoso? A tte t’aggia accidere c’‘a capa dint’‘o gabinetto!

Raffaele:      Dudù non me lo posso togliere il pantalone!

Pitbull:         E pecchè nun t’ho può levà?

Raffaele:      Perché, signor Pitbull, me la sono fatta addosso !

Pitbull:         (cinico) Meglio… levate ‘o cazone pisciasotto… fai vedè la tua vergogna a tutti quanti! (Raffaele esegue tremando)

Dudù:          Che schifo. E mo’ chi l’adda lavà ‘sti mutande… ‘stu fetente!

Raffaele:      Ma, Dudù sei cretino? Pensi alle mutande, qua stiamo per morire!

Pitbull:         E mo’ lievete ‘a mutanda!

Raffaele:      No… vi prego... la mutanda no!

Dudù:          E levatella ‘sta fetente ‘e mutanda, nun ‘o fa ‘ncazzà!

Pitbull:         (minaccioso) Levate ‘a mutanda primma ca te sparo ‘mpietto!

Raffaele:      (urlando) Non posso signor Pitbull!

Pitbull:         Sentimmo… e pecchè nun t’ha può levà?

Raffaele:      Perché mi vergogno di far vedere il mio minuscolo pipistrello!

Pitbull:         Hai ragione, altrimenti ce faje avutà ‘o stommaco. (a Dudù) A te...  lievate ‘o cazone!

Dudù:          Nooo, e io che c’entro? Chillo è isso ‘o culpevole!

Raffaele:      Che bel fratello di merda che ho!

Pitbull:         Tu c’entri invece, pecchè sii nu truffatore. Dint’‘o quartiere ‘o diceno tutte quante ca si nu ‘mbruglione! (minacciandolo) Lievete ‘o cazone. (Dudù esegue) E mo’ tutte e due trasite dinto ‘o bagno… v’aggia sparà ca capa dinto ‘a tazza!

Raffaele:      Bravo, così andate a fare compagnia a papà in galera, perché vi daranno l’ergastolo pure a voi!

Pitbull:         Ma quanne mai. Tengo le attenuanti…  i giudici capiranno che ho voluto vendicare papà. Al massimo mi becco 2/3 anni e ghiesco!

Raffaele:      Ma che dite signor Pitbull, (cerca di dissuaderlo) non ci sono attenuanti, vi danno l’ergastolo, statene certo!

Pitbull:         (colto alla sprovvista, e perplesso) Come non ce stanne attenuanti? Ma ne siete sicuro? Ce vulimme informà meglio avvocà?

Raffaele:      Oh Santo Iddio. E lo volete sapere meglio di me, che sono avvocato!

Pitbull:         Uffà e mo’? E ma io v’aggia accidere ‘o stesso. Ne va del mio onore!

Dudù:          Facciamo così, signor Pitbull, uccidete solo a lui!

Raffaele:      Fai schifo… non sai neanche morire da uomo. Signor Pitbull, vi avverto che ci sono pure le aggravanti!

Pitbull:         E quali sarebbero queste aggravanti?

Raffaele:      La parentela con il condannato, la premeditazione, le minacce a mano armata, la violazione di domicilio, è ergastolo!

Dudù:          Pitbull sta a sentì a frateme, chillo ha studiato, tu ad occhio e croce sii nu pucurillo ‘gnurante, Rafele tene ‘o codice tutte ‘ncape!

Pitbull:         E io chello c’aggia scassà… ‘a capa!

Dudù:          Pitbull, tu doppe te ne piente!

Pitbull:         (perplesso) Che m’aggia pentì? Io m’aggia magnà o core… grandissimi schifuse faciteve ‘a croce… è fernuta!

Raffaele:      No, vi supplico signor Pitbull. Non spezzate questa mia brillante carriera d’avvocato. Ho tutta una vita davanti a me!

Pitbull:         Ma quale brillante carriera? Tu sii ‘a munnezza ‘e tutt’e gli avvocati. E po’ ad occhio e croce tiene cchiù ‘e 60 anne, qua’ vita tiene annanze a tte. Tu già fiete ‘e putrefazione!

Dudù:          Va bbuò, ma ‘a vita se allungata. E capace c’‘a saluta ca se ritrova, frateme, po’ campà ancora qualche mese. Pure ‘a Fornero ‘o dice ca nuje italiani campamme assaje!

Pitbull:         Ma che me ne fotte da’ Fornero… mo’ l’avvocato adda murì! (sta per sparare quando suona il campanello) Uffa, proprio mo’!

Dudù:          Questo è  un segnale del Signore che t’ha fermato ‘a mano!

Raffaele:      Ha ragione mio fratello... è un segno del destino! (campanello)

Pitbull:         Ve piacesse eh. Vado a vedè chi è, mi libero e ritorno per spararvi! (imbavaglia i 2, e gli lega le mani) Trasite dint’‘o bagno! (i 2 fanno ostruzionismo. Pitbull spazientito li riempie di botte  chiudendoli   nel bagno ) Punfete…. Pum… pum… Ciaf ciaf…(rientrando in scena) E’ proprio vero. Con la dolcezza si ottiene tutto! (Pitbull va ad aprire la porta d’ingresso)

4° Scena

(Margherita, Pitbull, Dudù e Raffaele)

Margherita: (sulla comune) Oh, finalmente, avite araputo. Sto bussanno ‘a ½ ora. Ma voi chi siete? Il nuovo domestico del mago?

Pitbull:         Ma qua’ domestico!

Margherita: E allora chi siete? Tenite ‘na faccia canusciuta!

Pitbull:         (preso alla sprovvista, sottovoce) E mo’ ca dico a chesta? E voi chi siete? Pure vuje tinite ‘na faccia canusciuta!

Margherita: Io so’ Margherita l’infermiera! (non volendo fornisce la soluzione) Ah, forse aggio capito. Site nu cliente do’ mago?

Pitbull:         Ehm… si… esattamente. Sono un cliente del mago Dudù!

Margherita: E Serena e ‘a signora nun ce stanne? E ‘o mago, l’avvocato addo stanne? Nun veco a nisciuno!

Pitbull:         ‘A signora c’‘a signurina so’ scese ‘n’attimo!

Margherita: E ‘o mago e l’avvocato?

Pitbull:         Li dovete scusare, parlanne cu rispetto stanne dentro al bagno!

Margherita: Ma comme? Ma che fanne comm’‘e femmene? Vanno a coppia dint’‘o bagno? Neh, ma nun è ca so’ addiventate frù frù?

Pitbull:         No, ma che dite? Stanno aggiustando ‘o rubinetto! (dal bagno provengono dei rumori) Tump… tump… tump!

Margherita: E bravo ‘o mago… e bravo all’avvocato, sanne fa pure e stagnari!

Pitbull:         Quelli sono dei tubisti provetti!

Margherita: Aaah, se stanne manianne ‘o tubbo?

Pitbull:         Esattamente!

Margherita: Si va be’. Ma ce vo’ tiempo? Io c’aggia f’‘a serenga!

Pitbull:         Perlomeno nu paje d’ore!

Margherita: E ma io nun pozzo aspettà 2 ore!

Pitbull:         Fate ‘na cosa, tornate domani!

Margherita: (alterandosi) Ma qua’ dimane… chella ‘a serenga è già priparata. (la tira fuori dalla borsa) Vedite… cheste so’ vitamine… vitamine ca s’hanna iniettà subbeto… altrimenti vanno acite!

Pitbull:         Signò jettatela ‘sta serenga! (rumori dal bagno)

Margherita: Oh chè. Chella costa centenaie d’euro… ‘a jetta!

Pitbull:         Jettà no, turnà dimane no… e allora che vulite fa?

Margherita: Chesta serenga è comm’‘a grazia e Dio, nun se po’ jettà. Facimme accussì mo’ v’‘a faccia a vuje!

Pitbull:         A mme? Signò io nun aggio bisogno ‘e vitamine!

Margherita: ‘E vitamine fanno sempe bbene. Forza nun ve mettite scuorne, io so’ infermiera, acalateve ‘o cazone!

Pitbull:         Ma quanne maje!

Margherita: Jamme bella jà. Nun ve mettite paura, io tengo ‘a mano delicata!

Pitbull:         (accettando) Ma vide che ghiurnata ca è schiarata. E facimmece ‘sta serenga. Signò facite chianu, chianu!

Margherita: State tranquillo, a mme me chiammene mano di velluto! (esegue)

Pitbull:         Aaaaah…. altro ca mano di velluto… nu carro armato, chesto site!

Margherita: E quanta vuommeche pe’ ‘na pugnutura. Comme ‘e facc’io ‘e serenghe, nun ‘e fa nisciuno. A vvuje po’, pecchè mi site simpatico, v’aggio iniettato pure ‘o pucurillo d’aria, accussì fa cchiù effetto!

Pitbull:         ‘O pucurillo d’aria? Chillo se more… venene e cactus ‘o cervello!

Margherita: (ride) Ah, ah, ah. Ve l’avite creduto eh? Stevo pazzianno!

Pitbull:         M’ha fatto squaglià ‘o sangue ‘a cuorpe. Mo’ jatevenne!

Margherita: (ride) Ah, ah, ah. Stateve bbuono… e salutateme ‘o mago e ‘o frate. Dicitancello c’‘a serenga ve l’avite fatta vuje! (esce a dx)

Pitbull:         (va ad aprire i 2) Ascite fore! (i 2 escono sanguinanti. Pitbull li libera) Dunque, dove eravamo rimasti? (solleva il cane delle pistola) Chi vo’ essere ‘o primmo? (i 2 si indicano l’uno con l’altro) E nu poco ‘e dignità. (tira fuori dalla tasca una moneta) Facciamo così, tiriamo a sorte… (a Dudù) tu si testa, (a Raffaele) e tu si croce, vedimme a chi aggia sparà pe’ primmo. (butta in aria la moneta) Uffà chist’è ‘o gettone do’ carrello do’ supermercato. (si fruga nelle tasche) Nun tengo monete. (ai 2) Tenite ‘na moneta ‘e spicce?

Dudù:          No, io no!

Raffaele:      E neanche io!

Pitbull:         Ah, nun ‘a tinite eh. State cercanne ‘e ve salvà? Ma io tengo ‘a soluzione. Facciamo la conta. (con ritmo) Amblì blò, e l’arincia e l’arancia, quanti fiori ci sono in Francia? ‘Onna Giuseppì, ‘onna Caterì esci fuori Garibaldì… esci fuori Garibaldì. (capita a Raffaele) E me dispiace, tocca a te avvocà!

Raffaele:      No, vi prego signor Pitbull, non mi uccidete. Sparate a lui!

Dudù:          Signor Pitbull, io non c’entro niente, perché non sparate solo a isso, e levamme ‘a frasca a mmiezo?

Pitbull:         Ma che schifo. Site 2 uommene ‘e niente. (suona il campanello)  Gesù, Giuseppe Sant’Anna e Maria... e vedite si m’‘o fanno fa! (lega ed imbavaglia nuovamente i 2  portandoli nel bagno. Va verso la comune ed incrocia Tina)

5° Scena

(Tina e Detti)

Tina:            (entrando)Scusi, cerco il Grande Dudù!

Pitbull:         Dudù non c’è. Come avete fatto ad entrare?

Tina:            Ho bussato, nessuno apriva… poi mi sono accorta che la porta era aperta e sono entrata. Ma Dudù dov'è?

Pitbull:         E mo’ c’ha dico a chesta? Avevate un appuntamento?

Tina:            No. Cioè si. Ma per domani!

Pitbull:         E allora signora tornate domani. Il consulto lo fate domani!

Tina:            Come fate a sapere che devo fare un consulto?

Pitbull:         (imbarazzato)Ehm... io sono un sensitivo!

Tina:            Un discepolo di Dudù?

Pitbull:         Io sono la guida, la sua guida spirituale!

Tina:            Io devo parlare con il grande Dudù. Per carità, non si offenda, ma io posso parlare solo con lui. Ma non torna?

Pitbull:         Oggi non c’è. E’ in ritiro spirituale!

Tina:            E non possiamo rintracciarlo?

Pitbull:         E’ impossibile. Tornate domani. E lui saprà aprire la vostra mente!

Tina:            Peccato. Ci tenevo ad avere l’ultima dose di mondanità, prima dell’eterna povertà!

Pitbull          Eterna povertà? Come sarebbe?

Tina:            Sarebbe che ho fatto tutto quello che mi ha detto il grande Dudù! Pitbull:                     (curioso) Tutto? E che ha detto di fare il grande Dudù?

Tina:            Ma non so se posso dirlo a lei!

Pitbull:         (furbo) E se non lo dice a me che sono la sua guida spirituale a chi lo vuole dire? Si confidi senza indugi!

Tina:            Ah, già. Ha ragione. Dunque deve sapere che io sono ricchissima… o meglio ero ricchissima, ma molto infelice e triste. Ed il grande Dudù per farmi assaporare la felicità, e soprattutto la serenità, mi ha consigliato di liberarmi di tutte le mie ricchezze!

Pitbull:         E come si è liberata da tutte le ricchezze’

Tina:            Il grande Dudù mi ha detto di versare tutto sul conto corrente di una associazione benefica, che si occupa di bambini della Tanzania!

Pitbull:         E lei l’ha fatto?

Tina:            Precisamente. Ho donato tutto. Per essere felice bisogna essere poveri. Così dice il mago!

Pitbull:         (sottovoce) ‘Stu fetente ‘mbriglione. Sicuramente ‘o conto corrente è ‘o suoje! E lei ha versato tutto?

Tina:            Tutto! Non ho neanche più un centesimo!

Pitbull:         (sottovoce) Bella scema. E adesso si sente felice? Lo vedo dagli

                     occhi!

Tina:               Ha proprio ragione. Sono serena. Da domani sarò una donna libera. Il Grande Dudù mi ha fatto rinascere!

Pitbull:         Il grande Dudù vede oltre. Ha visto in lei un’anima da salvare…(sottovoce al pubblico)  e soprattutto ‘na pullastella da spennare… e vi ha scelta. Se veramente si è liberata del male terreno, sono sicuro che non avrà nulla in contrario a concedersi l’ultimo momento di mondanità!

Tina:            Lei dice? Io ho sempre fatto tutto quello che mi ha detto il grande Dudù. Domani tutti i miei soldi saranno trasferiti!

Pitbull:         Bene. Dudù sarà contento. Ora vada pure e divertirsi!

Tina:            Veramente mi posso divertire?

Pitbull:         Certamente!

Tina:            Bene allora me ne vado in crociera. Avevo già acquistato il biglietto un mese fa. Prima del consiglio del mago!

Pitbull:           Scommetto la crociera dei 7 golfi?

Tina:            Ma come avete fatto ad indovinare? Ah, già. Lei è la guida spirituale del grande Dudù!

Pitbull:         (cerca di terrorizzarla) Navi vecchissime. Relitti dell’ultima guerra.  Che armatori faccendieri credono di trasformare in navi da crociera con una semplice mano di vernice!

Tina:            Lei pensa che non dovrei andarci?

Pitbull.         (idem) Onde altissime come montagne!

Tina:            Vabbe’ ho capito, cercherò qualcosa di più sicuro da fare per l'addio alla mondanità. Peccato per il biglietto!

Pitbull:         Quello portatelo a me, domani alle 10.00, a questo indirizzo. (dà un biglietto da visita a Tina) Provvederò io a distruggerlo!

Tina:            Oh, come sono fortunata. In questa casa siete tutti delle bravissime persone! A domani guida spirituale! (esce a dx)

Pitbull:         Statte bbona, tutta scema. Ma comme è possibile ca oggi giorno, ce stanne ancora ‘sti babbasone? E che ‘mbriglione ca è ‘stu mago Dudù! (va verso il bagno e grida) ‘Mbrugliò accussì ‘o faje ‘o mago? Vedimme si mo’ anduvine che sta pe’ succedere? (impugna la pistola e arma il cane) Accummiencia a pregà, pecchè staje pe’ murì, tu e chist’ato bellu mobile ‘e ll’avvocato! (proprio in quel momento da dx entrano Filomena e Serena)

6° Scena

(Pitbull, Serena, Filomena, Raffaele e Dudù)

Filomena:    (entrando) E voi chi siete? Dove sta mio marito?

Pitbull:         (nasconde la pistola velocemente) Comme? Ah, io songhe…

Serena:        ... eh, chi siete? Dove stà il mago Dudù e l’avvocato? (rumori dal bagno) Che so’ ‘sti rumori?

Filomena:    Provengono dal bagno. Neh addo stà Dudù?

Serena:        Signò, mo’ me ricordo… chist’è chillu signore ca venette ‘a semmana passata… vuleva all’avvocato!

Pitbull:         Brava piccerè, ti si arricurdate? (a Filomena) Signò io songhe ‘o Pitbull! (rumori dal bagno)

Filomena:    (preoccupata) Mariteme addo sta?

Pitbull:         (tira fuori dalla cintura la pistola) Vuò sapè addo sta maritete?

Serena:        (impaurita si nasconde dietro Filomena) Uh, Madonna, è armato!

Pitbull:         (apre la porta del bagno) Oiccanno a maritete e ‘o frate. E mo’ (minacciandole con la pistola) jate vicino a lloro! (le 2 donne eseguone. Serena sbavaglia Dudù e Raffaele)

Dudù:          (deciso) Lascia sta ‘e femmene!

Pitbull:         Pecchè si no che faje?

Dudù:          (coraggiosamente) Si aggia murì, vo’ dicere ca te porto appriesso a mme. Comme si dice: more Sansone cu tutt’e Filibustieri!

Pitbull:         Bravo. Apprezzo il tuo coraggio. (Raffaele si nasconde dietro a Dudù) Mo’ saje che facimme? Ve lascio vivere ancora pe’ ‘na semmana… po’ torno e v’accide. E nun chiammate ‘a polizia… altrimenti accire pur’‘e femmene! (esce a dx)

Raffele:        (tra sguardi sgomenti degli astanti) Hai visto Dudù? Lo messo in fuga. Con me non si scherza. Quando mi prendono i 5 minuti sono pericoloso. Divento una belva! (Dudù lo guarda in cagnesco)

Filomena:    Rafè nun te sputo ‘nfacce pecchè songhe ‘na signora!

Serena:        Avvocà site proprio ‘a scumma do’ brore ‘e gallina!

Raffaele:      (fa mosse da culturista) Io sono bello e caro, ma quando c’è da menare le mani…

Dudù:          …te cache sotto! (suona il campanello)

Filomena:    Dudù, viene dint’‘a cucina, te metto nu pucurillo ‘e ghiaccio ‘ncopp’‘o naso… primma ca se ‘ntorza sano sano!

Serena:        Vaco arapì ‘a porta. Chisto mo’ è l’orario c’arrivano e clienti! (esce a dx. Filomena sputa su un fazzoletto e tampona il naso a Dudù)

Dudù:          Ma che faje? Che schifo!

Filomena:    Statte zitte scemo. ‘A saliva disinfetta!

Dudù:          Ah si. Allora disinfetta a Rafele. A mme nun da’ aurienzo!

Raffaele:      (scappa) Ma quando mai. Io non voglio essere disinfettato!

Filomena:    (a Dudù) Viene cca ammore mio. Speriamo ca chillu fetente nun t’ha arruvinato ‘o prufilo!

Dudù.          Chiano… fa chiano. Si ‘na cavallona!

Raffaele:      Dudù, visto che non devo più andare in tribunale, mi preparo!

Dudù:          E io, accussì cumbinato, comm’‘o faccio ‘o mago?

Filomena:    Già. E mo’ comme se fa? Jamme a mettere ‘o ghiaccio… viene viene Dudù! (i 2 escono a dx)

Raffaele:      Ehi, non mi lasciate troppo tempo solo… è capace che ritorna il Pitbull. Quello è pericoloso. (al pubblico) Avete visto? L’ho messo a posto io a quel delinquente! (da dx entra Serena)

Serena:        Avvocà è venuto ‘o duttore Pisellino!

Raffaele:      Ah, meno male. Così mi faccio dare un’occhiata alle ferite che ho riportato durante la sanguinosa colluttazione che ho sostenuto con il feroce Pitbull. Fallo entrare!

Serena:        A fforza vo’ essere sputato ‘nfacce. ‘A colluttazione ‘e chille bbivo. Chill’omme ‘e niente s’è annascunnuto addereta a pateme! (sulla comune) A vuje duttò, trasite! (esce a dx, mentre entra Pisellino)

7° Scena

(Pisellino, Raffaele, Serena, Filomena e Dudù)

Pisellino:      E’ permesso? Si può? (inciampa, mentre entrano Dudù e Filomena da dx) Ahi. Mannaggia. E toglietela ‘sta pianta una buona volta!

Dudù:          (si lamenta) Aaaah… duttò e che m’ha cumbinato chillo delinquente ‘e Pitbull. Me pareva nu purpo… menava pacchere comme si teneva 10 mane!

Raffaele:      (teatralmente) Se non era per me che lo fermavo. Dottore Pisellino con una mossa di judo, una di karate ed una di taekwondo  l’ho bloccato, disarmato e ammanettato!

Filomena:    Rafè addò l’he visto ‘stu film?

Dudù:          E che sii, James Bond tu? O Bruce Lee?

Raffaele:      Dudù io a queste persone che hai nominate, me li bevo nel latte a colazione. Tu lo sai che sono un campione di arti marziali!

Filomena:    Overo? E ‘a quando tiempo?

Dudù:          Filumè nun ‘o da’ retta… chillo è tutto scemo!

Pisellino:      Signori cortesemente, siccome il mio tempo è prezioso, vi dispiace farmi vedere queste ferite riportate! (s’avvicina a Raffaele e gli esplora la testa) Vediamo, vediamo… si, si… effettivamente il capello è secco, molto secco e sfibrato. C’è bisogno di uno shampo appropriato e di un balsamo rigenerante!

Filomena:    (tampona con un fazzoletto le ferite di Dudù) Ma che sta facenne l’analisi do’ capello, invece ‘e guardà ‘e ferite?

Dudù:          Ma chi l’ha fatto miedeco a chisto?

Pisellino:      Non riesco a trovare nessuna ferita, signor Raffaele!

Filomena:    Duttò vedite meglio, ca Rafele tene coccosa mmiezo ‘a capa!

Pisellino:      Forse la forfora. Embhè quella è difficile da curare!

Raffaele:      (mostra il fazzoletto sporco di sangue) Ma quale forfora. Dottore guardate qua. Questo è sangue!

Pisellino:      (guarda il fazzoletto) Effettivamente è sangue. Credo che non c’è bisogno di farlo analizzare. E da dove è uscito? Forse dal naso? Fatemi controllare! (ispeziona il naso e mette un dito nell’occhio)

Raffaele:      Ahi. Dottore il naso sta qua… questo è l’occhio!

Pisellino:      Abbiate pazienza avvocato. Sono incidenti che possono capitare!

Dudù:          Duttò vuttate ‘e mmane, si no io more dissanguato!

Raffaele:      Comunque dottore il naso è a posto. E’ in mezzo alla testa che sono stato ferito. (indicando) Proprio qua!

Pisellino:      Assateme vedè. (borbotta) Vonne ‘mparà ‘o mestiere a mme. Si c’è un piccolo graffiettino… niente di che!

Filomena:    Azz… un piccolo graffiettino… niente di che. Chillo Pitbull l’ha spaccato ‘a capa. Per lo meno ce vonne ‘na 10 ‘e punte!

Pisellino:      Voi dite signora Filomena? A voi ve stonghe a sentì, perché il vostro è nu giudizio obiettivo!

Raffaele:      Oltre che cecato è anche un po’ imbecille questo medico!

Pisellino:      Avvocà, mentre preparo il necessario per suturare la ferita, tenete premuto forte il fazzoletto in testa. (tira fuori dalla borsa strumenti strani, di cui una grossa mutanda) Dunque, l’ago per cucire ce l’ho, il cotone di colore rosso ce l’ho, bottoni di varie misure ce l’ho!

Filomena:    Ma c’adda cosere ‘a cammisa?

Pisellino:      Mi manca il cerotto, l’ho finito. Non è che in casa avete per caso un po’ di nastro isolante?

Dudù:          ‘O nastro isolante? Ma che sta accuncianne e fili da’ currente? Filumè, pe’ favore, pigliace nu poco ‘o spara tracche!

Raffaele:      Povero me, in che mani sono capitato! (Filomena esce a dx)

Dudù:          Duttò parlammece chiaro, ma è cosa vosta curare ‘sti ferite?

Pisellino:      Mago Dudù, ma state scherzando? Io ho al mio attivo più di 1000 ore di camera operatoria. Ho fatto centinaia d’interventi chirurgici nella mia carriera!

Dudù:          E so’ riusciti?

Pisellino:      Neanche uno. Tutti morti i pazienti che ho operato. E ma perché erano tutti casi disperati!

Raffaele:      Andiamo bene!

Pisellino:      Le autopsie… quelle le faccio proprio ad occhi chiusi. Sono specialista nel fare le autopsie! (da dx entra Filomena)

Filomena:    E cca sta ‘o spara tracche! (lo porge a Pisellino)

Pisellino:      Giovanotti andiamo in camera da letto, così vi stendete ed io vi faccio una bella fasciatura!

Dudù:          Speramme bbuono cu chisto! (i 3 escono a sx)

Filomena:    Duttò m’arraccumanne!

Pisellino:      (d.d.) Non dubitate signora Filomena, Dudù e Raffaele stanne mmane all’arte! (da dx entra Serena)

Serena:        Allora comme stanne e feriti? (suona il campanello)

Filomena:    Stanne dinto. ‘O duttore ‘e sta fascianne ‘a capa. Statte cca Serè, per chi sa ‘o duttore Pisellino ave bisogno ‘e coccosa. Mo’ vaco arapì io ‘a porta! (esce a dx)

Serena:        Non dubitate signò, nun me move ‘a cca! (si siede sulla sedia di Dudù e fruga tra le carte) Guardate cca quanta scartoffie tene papà ‘ncopp’‘a scrivania. Formule e formulette magiche pe’ fa fesso ‘a ggente! (da dx Pinuccia caccia dentro dalla comune solo la testa con un paio di occhiali scuri. Si ode una musica appropriata)

8° Scena

(Serena e Pinuccia)

Pinuccia:      (con aria furtiva) Siamo soli? Stiamo sicuri? Ci sono orecchie indiscrete che ci ascoltano?

Serena:        Uhè Pinù. Ma tu qua’ orecchie indiscrete vaje truvanne? Nun vide ca stamme sole? Che vuò?

Pinuccia:      (con fare misterioso) Serè, ascoltami bene perché non posso ripetere: il sole sorge a mezzanotte – barra - cip, cip – BZ - due punti - alici e marmellata sott’olio - nebbia in val Padana!

Serena:        Pinù che so’  ‘sti strunzate?

Pinuccia:      Strunzate? Serè questo è un messaggio in codice… dobbiamo essere caute… il nemico ci ascolta… he guardato for’‘o balcone?

Serena:        For’‘o balcone?

Pinuccia:      Si. E’ capace ca ci sta qualche alieno. Perché questi alieni sono furbissimi, astutissimi… eh, ma  a me non mi fanno… io so’ chiù astutissima e lloro. Serè, il sole sorge a mezzanotte – barra - cip, cip – BZ - due punti - alici e marmellata sott’olio - nebbia in val Padana! Hai capito? Il messaggio scritto l’ho ingoiato per non farlo cadere nelle mani del nemico!

Serena:        Uh, Maronna ce vuleva pure ‘a figlia scema e James Bond! Pinù (l’afferra per il collo) dimme ch’è succieso e vattenne si no te squaglio dint’’a varricchina!

Pinuccia:      No, dint’’a varricchina no! Parlo. Cedo alle torture. Serè, devi correre subito alla polizia.  Cose gravi, drammatiche, stanno per succedere? Forse una Guerra batteriologica!

Serena:        (stringendo di più il collo) Pinù!

Pinuccia:      Ahhh, aiuto. Va bene parlo, ecco: c’è un pazzo nascosto nell’androne del palazzo con una pistola in mano. Quando io, sono entrata, mi ha chiesto dove andavo!

Serena:        E allora?

Pinuccia:      Io ho detto che andavo dalla signora Cipolletta al 4° piano!

Serena:        E ‘sti cacchi?

Pinuccia:      Lui ha risposto meno male. Pecchè se andavo dal mago Dudù mi avrebbe sparato. Ha detto che tra poco sale e uccide tutti quelli che trova in casa. Vuole fare ‘na strage!

Serena:        Uh Madonna. Chisto sicuramente è Pitbull. E mo’ comme se fà? (guarda a lungo Pinuccia e gli viene un’idea) Pinù siente... tu fusse capace e fa ‘n’azione eroica per il bene del Paese?

Pinuccia:      Io? Io so’ meglio e 007! Io l’azione eroiche m’’e magno comm’‘e nucelline! Dimme Serè… e che se tratta? Ufo? Mostri? Vampiri? Spie segrete? Qualsiasi cosa, Super Pinuccia sta a disposizione!

Serena:        Bene! Allora Pinù, (con fare solenne) io  ti nomino super agente segreto. L’uomo nascosto nell’androne non è pazzo, ma è un delinquente, un camorrista!

Pinuccia:      Chillu fetente!                              

Serena:        Allora Pinù… tu m’avisse fa ‘o piacere do’ distrarre, mentre io vaco a’ polizia, e ‘e faccio correre cca!

Pinuccia:      Jamme Serè scennimme e mentre io cu ‘na scusa ‘o distraggo tu passe e vaje a’ polizia!             

Serena:        Bene. Jamme! (escono a dx, incrociando Filomena che entra, mentre da sx entrano Pisellino, Raffaele e Dudù)

9° Scena

(Filomena, Dudù, Raffaele e Pisellino)

Filomena:    Allora, Duttò, so’ grave mio marito e ‘o frate?

Pisellino:      Abbastanza. Vedete signora Filomena, le ferite riportate, specialmente dal signor Raffaele,che sta peggiorando, fanno sospettare un forte trauma cranico. Bisognerebbe eseguire una TAC !

Filomena:    Uh, Madonna chillo già è scemo… mo’ pure ‘o tram ‘ncapo!

Pisellino:      Ma la cosa che non riesco a capire, è come hanno fatto, tutti e 2 a riportare le stesse ferite?

Filomena:    E chillo ‘o Pitbull è stato precise quanne l’ha vattuto!

Pisellino:      Come? Non ho capito!

Filomena:    No, niente duttò!

Pisellino:      Vorrei sapere come se le sono procurate questo tipo di ferite? Per etica professionale, dovrei fare una segnalazione alla Polizia!

Filomena:    (risoluta) Duttò, nun c’è bisogno. State senza pensieri!

Pisellino:      In caso di ulteriori peggioramenti non mi assumo responsabilità!

Filomena:    Duttò, e vi ho pregato. State tranquillo!

Pisellino:      Come volete. Allora, con il vostro permesso, vado in cucina, per bere un bicchiere d’acqua fresca, sapete sono molto accaldato!

Filomena:    Ecco, bravo ‘o duttore. Pigliateve pure nu pucurillo ‘e cafè!

Pisellino:      Gentile come sempre, donna Filomena! (esce a dx)

Filomena:    Gurdate lloco, parite Totò e Peppino!

Dudù:          (lamentandosi) Aaaaaah. Filumè nun te mettere pure tu!

Filomena:    2 e vuje, e v’avite fatte regnere ‘e mazzate do’ Pitbull. Shhiù… p’‘a faccia vosta. Nun ghiate niente! (suona il campanello)

Dudù:          Filumè chillo steve armato. Io nun m’aggio pututo difendere. E meno male ca tu e Serena, eravate scese. Si no chillo, ‘nzamato comme steve, so’ pigliava pure cu vvuje!

Filomena:    Si, si. Famme jre arapì ‘a porta! (esce a dx)

Raffaele:      Una furia. Un ciclone. Sembrava che aveva 10/20 mani. Picchiava come un forsennato. Ed il guaio è che ha detto che ritorna. Ci deve dare il resto. Dudù io ho paura!

Dudù:          Oramai già c’ha vattuto, che ce po’ fa’ cchiù?

Raffaele:      (velocemente) E’ stata pestata quest’estate ed è rimasta come stata pestata in uno stato di appestata!

Dudù:          Comme?

Raffaele:      (velocemente) E’ stata pestata quest’estate ed è rimasta come stata pestata in uno stato di appestata!

Dudù:          Che ditto?

Raffaele:      (velocemente) E’ stata pestata quest’estate ed è rimasta come stata pestata in uno stato di appestata!

Dudù:          Ma che dici? E pugni ‘ncapa t’avesseno fatto addiventà cchiù scemo ‘e chello ca già si?

Raffaele:      (velocemente) E’ stata pestata quest’estate ed è rimasta come stata pestata in uno stato di appestata!

Dudù:          Uh, Madonna… ha perzo ‘a cervella. Famme chiammà ‘o duttore, primma ca se ne và! (esce a dx ed incrocia Sasà che entra)

10° Scena

(Raffaele, Dudù, Sasà, Filomena, Pisellino e Pitbull)

Sasà:            (sulla comune) Buongiorno mago Dudù. E comme site bello stammatina. Venite ccà faciteve dà nu vaso!

Dudù:          (d.d.) Ma va ffà ‘nculo!

Sasà:            Magari. (a Raffaele) Avvocato fresco, vo’ dicere ca v’‘o donghe a vvuje nu bellu bacio. Cu tutt’‘o sentimento! (s’avvicina e lo bacia) Smack… smack. Madonna e comme site bello… nu masculone latino… nu babbà… faciteve abbraccià! (Raffaele si riprende)

Raffaele:      Vade retro… ricchione!

Sasà:            (offeso) Ehhhh… chi disprezza vuol comprare. Vuje nun sapite chella ca ve perdite. Io songhe nu raffinato!

Raffaele:      Sasà te l’ho detto 1000 volte che io ho altri gusti, i classici. Tu sei un bravo estetista, ma devi mantenere le distanze!

Sasà:            Va bene, va bene. Manteniamo le distanze. Maronna e che stanchezza, ‘sti tre piane e scale nun e mantengo cchiù… faciteme assettà. (si siede) ‘E gambe… Maronna mia… ‘e gambe!

Raffaele:      Oggi è stata 1 giornata faticosa. Sei venuto per farmi la manicure?

Sasà:            Anche. (ci riprova) Ma visto che avete avuto una giornata faticosa, vi farei un bel massaggio rilassante… alle parti basse!

Raffaele:      Non t’arrendi mai è vero? (si odono  delle voci da dx) Che cos’è questo vociare? (va verso la comune. Si ferma sull’entrata) Che cosa sono questi schiamazzi? (da dx entrano in ordine Filomena, Pisellino, Dudù e Pitbull che impugna una pistola)

Dudù:          Niente Rafè… è sempe Pitbull ca ce vo’ accidere a tutti quanti!

Sasà:            (spaventato) Come ci vuole ammazzare. Io non c’entro niente. Io faccio l’estetista e mi trovo qui per lavoro!

Pisellino:      Anche io non c’entro niente. Io sono il dottor Pisellino, il medico curante della famiglia. Sono qui in visita domiciliare!

Filomena:    Pitbull è overo, chisti dduje nun appartengono ‘a famiglia!

Pitbull:         (rabbioso) Avita murì tutti quanti. Chiunque frequenta ‘sta casa adda murì. Aggia fa ‘na strage! (Pisellino si nasconde dietro Dudù)

Sasà:            (avvicinandosi) Ma io che c’entro signor cane di presa!

Pitbull:         Ma qua’ cane ‘e presa… io songhe ‘o Pitbull!

Sasà:            (con un dito sulla pistola) E va bene, Pitbull… come volete… non è il caso d’arrabbiarsi. Ma che bel pistolone che avete?

Pitbull:         (sorpreso) Guagliò ma tu fusse nu poco frù-frù?

Sasà:            (accentua per distrarlo) Nu poco?

Raffaele:      Quello è tutto frù-frù!

Sasà:            Se vi calmate signor mastino napoletano, ehm, volevo dire Pitbull, con questa pistola, v’insegno un sacco di bei giochetti… e senza sparare… le palle le usiamo in altro modo!

Pitbull:         Overo? E che facimme che palle?

Sasà:            Facimme ca… (con una mossa fulminea lo disarma) damme ‘sta pistola fetentò. (punta la pistola contro Pitbull, poi prende dalla tasca un tesserino) Fermi tutti. Io sono l’ispettore di polizia Salvatore D’Ambrosio. Mi sono finto estetista, e per giunta gay, per frequentare questa casa e raccogliere le prove contro di voi Dudù. Tengo la scrivania piena di denunzie. Siete accusato di truffa, esercizio della professione di chiromante non dichiarata all’autorità, circonvenzione d’incapace, ecc. ecc.

Raffaele:      Madonna Dudù, ci hanno scoperti!

Dudù:          E che vuò fa. Te l’ho sempre detto Rafè ca niente è per sempre!

Filomena:    E’ fernuta ‘a zezzenella! Mo’ jamme tutti ‘ngalera!

Dudù:          Mia moglie Filomena e Serena, nun c’entrano niente e neanche quello sfrantummato di mio fratello. ‘O culpevolo so’ sol’io. Arrestate solo a mme ispettò! (da dx entra Serena)

11° Scena

(Serena e detti)

Serena:        Pitbull è furnute ‘e fa ‘o prepotente. Lassa sta ‘a eateme e ‘o zì Rafele. St’arrivanne ‘a polizia. (vede Sasà con la pistola in mano) Sasà e che faje cu ‘sta pistola mmano?

Dudù:          (sorpreso) Comme me chiammato?

Serena:        V’aggio chiammato papà. Pecchè vuje site papà mio. Saccio tutto cose. Aggio letto ‘o testamento! (Dudù barcolla)

Dudù:          Faciteme assettà! (si siede)

Filomena:    Serè viene cca. (Serena s’avvicina a Filomena) Sasà nun è ‘n’estetista… è ‘n’ispettore ‘e polizia. Sta cca p’arresta a patete e ‘o zì Rafele. Pe’ tutt’e ‘mbruoglie c’hanno fatto!

Serena:        Uffà. Proprio mo’ c’‘o testamento sta pe’ addiventà esecutivo?

Sasà:            Serè ched’è ‘sta storia do’ testamento?

Dudù:          (piglia il testamento) Ecco ispettò liggite stesso vuje!

Sasà:            (a Pitbull) Tu jesce dint’‘o bagno. (lo ammanetta e lo chiude in bagno) (a Pisellino) Tu vattenne!

Pisellino:      Grazie ispettore. Evviva la giustizia! (esce a dx)

Sasà:            Ecco accussì sto cchiù tranquillo. Dunque, vedimme ‘e che se tratta. (apre il testamento e legge) Io sottoscritto… ecc. ecc.  Caspita. Cosi Serè tu si figlia a Dudù?

Serena:        Sasà nun se po’ apparà tutte cose. Nun m’‘o arrestà a papà!

Dudù:          (cinico) Arrestato solo a frateme Rafele. Tanto chillo è avvocato!

Raffaele:      E che vuol dire? Perché sono avvocato devo andare in galera?

Filomena:    No, è ca manco niente faje comm’avvocato. Nun si spusato!

Raffaele:      E dalle!

Sasà:            Signor Dudù ‘a cosa se po’ apparà. In fondo se tratta ‘e ristabilì e cose comme stevono all’origine!

Dudù:          Sarebbe?

Sasà:            In fondo non è successo niente di grave. Diciamo fatti criminosi non sono accaduti. Delitti non sono stati consumati. Certo ci sono le denunce a vostro carico… ma se analizziamo bene la cosa…

Serena:        …Sasà e analizziamola bene ‘sta cosa!

Sasà:            Ecco… diciamo che se restituite il maltolto ai truffati…

Dudù:          …è ‘na parola!

Sasà:            Eh, eh, eh. Io ve voglio aiutà mago Dudù… ve voglio venì incontro. Però pure vuje avita collaborà!

Serena:        Nun te preoccupà Sasariè m’‘o vech’io cu papà!

Dudù:          Mah… (Filomena strattona Dudù)

Filomena:    Statte zitto. Fa fà a Serena!

Sasà:            Allora, Serena te ne occupi tu? Posso stare tranquillo?

Serena:        Sasà, dormi su 8 cuscini. Stai nelle mie mani!

Sasà:            Bene. Di te mi fido!

Serena:        (sottovoce) E staje frisco! (Dudù, Filomena e Raffaele la guardano)

Sasà:            Allora prelevo questo delinquente di Pitbull dal bagno per assicurarlo alla giustizia! (esegue a soggetto) Statevi bbene. Non incomodatevi, conosco la strada! (esce a dx. Serena si porta in

                     proscenio, e guarda il pubblico per alcuni interminabili secondi, mentre alle sue spalle in un religioso silenzio Dudù, Raffele e Filomena si posizionano dietro la scrivania, poi…)

Serena:        E secondo vuje, ve pare bello ca io aggia aspettato 25 anne pe’ conoscere a papà… e che fa? ‘O facce jre ‘ngalera? Nooo… nun po’ essere. Mo’ pigl’io ‘e redine mmano. Papà e zì Rafele mi faranno d’assistente dint’e consulte… donna Filùmè venite cca!

Filomena:    (avvicinandosi) Ched’è Serè?

Serena:        Vuje capirete ca ‘na figliola ‘e 25 anne nun po’ da sera a’ matina, chiammà mammà a ‘na perzona ca nun è ‘a vera mamma soja. Ma col tempo… (pausa), vuje me capite. Però si m’‘o permettete da oggi ve vulesse chiammà solo Filomena, senza ‘o vuje, comme ‘na sora, nu pucurillo cchiù grossa, ma sempe ‘na sora!

Filomena:    (commossa) E comme no! (l’abbraccia)

Raffaele:      Mi raccomando Serena… da oggi io sono tuo zio Raffaele. Tralascia pure di chiamarmi avvocato, te lo concedo!

Serena:        C’aggia fa, m’aggia sciuscià ‘o naso… o t’‘o faccio nu pernacchio? (a Dudù) Papà viene cca!

Dudù:          Che bella parola: papà!

Serena:        Nun ce perdimme che sentimenti. Tu e zì Rafele da oggi… anzi no, da domani, ogge avimma festeggià, lavorerete per mme… sarete i miei assistenti pe’ quanne faccio e consulti. In questo momento è nata Serenella… la fata del futuro! (Filomene, Raffaele e Dudù all’unisono gridano:)

Dudù, Raffaele e Filomena: Uh, ‘sta piezza ‘e stuppola!

Serena:        (al pubblico) E a vvuje amici che anche questa volta ci avete onorato, e soprattutto sopportato, ve voglio invità tutte quante al mio 25° compleanno, e se la storia vi è piaciuta fateci un grande applauso! SI ODE UNA MUSICA APPROPRIATA MENTRE…

CALA LA TELA

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno