Fino alla morte

Stampa questo copione

FINO ALLA MORTE

S.I.A.E.       

                                                                                    Teatro Comico Napoletano

FINO ALLA MORTE

Atto unico breve

di

Colomba Rosaria Andolfi

(1997)

Non sono consentite modifiche del testo e variazioni del titolo.

Questo testo, scritto nel 1992 e depositato alla SIAE il 21/5/1997, è stato portato in scena per la prima volta nel 1998 con altri atti unici nello spettacolo “Si ride dentro, si ride fuori” (altro titolo “CABTEATRO”), di cui si acclude la scaletta.

S.I.A.E.       

                                                                                 Teatro Comico Napoletano   

FINO ALLA MORTE

Atto unico breve

di

Colomba Rosaria Andolfi

(1997)

Personaggi

Concetta, vedova

Assuntina,  amica di Concetta

Inserviente del Cimitero

Giovane distinto

Questo testo può essere rappresentato anche singolarmente.   

La prima volta è stato portato in scena con altri atti unici, sempre miei, in un spettacolo di arte varia (vedi scaletta acclusa alla fine).

                                                              Colomba Rosaria Andolfi

                                                                 (corandolfi@libero.it)

FINO ALLA MORTE

La scena si svolge in un cimitero. In primo piano due fossi adiacenti con le rispettive croci e foto; poco distante una sediolina e più in là uno sgabello.  Due donne di mezza età avanzano lentamente nel viale verso una tomba. La donna robusta (Concetta), tutta vestita di nero, stringe al petto un grande fascio di fiori. L’amica (Assuntina) cerca di sorreggerla.

CONCETTA : Che dulore, che dulore!...  No, nun ce ’a faccio! Io nun vulevo venì.  Marito mio bello, pecché m’hé lassato?

ASSUNTINA : Chillo nun te vuleva lassà… L’incidente cu ’a machina l’ è capitato pecché steva troppo stanco.

CONCETTA (scoppia a piangere) : Maledetta chella jurnata!  Assuntì, me sento male… Me ne voglio jì.

ASSUNTINA: Cuncè, nun fà accussì. Te pare bello ca propio tu che si’ ’a mugliera nun sì’ venuta maje ô cimitero?.... So’ passate quase duje mise… Mò t’hé ’a fà curaggio!

CONCETTA : E comme faccio!... Te si’ scurdata comme me vuleva bene? Comm’ era geluso!  Nemmanco ’a capa for’ ’ a porta me faceva mettere.

ASSUNTINA : E comme nun m’arricordo!... T’ha fatto fà na vita peggio ’e na monaca ’e clausura… Stive sempe chiusa dint’ ’a casa.

CONCETTA (tira su col naso): E chillo jeva pe’ fore a faticà, però me telefonava in continuazione.

ASSUNTINA:  Mò,  Cuncè, cirche d’ascì…Tu t’ hé ’a distraere; cirche ’e vedé nu poco ’e gente.

CONCETTA : Io nun voglio vedé a nisciuno!...  Marito mio bello, addó staje?

ASSUNTINA: Me pare c’avess’ ’a stà ’a chesti parte…  ’O fuosso tene ’o nummero quarantuno… Me l’arricordo pecché m’ ’o giucaje pe’ tre semmane ’e seguito.

CONCETTA : E vvide ’e t’arricurdà bbuono addó se trova.

ASSUNTINA: Chello che saccio è ca ce stà n’atu fuosso quase attaccato… Che vuo’ ’a me? Io so’ venuta sulamente quanno l’hanno atterrato.

 CONCETTA (appoggiandosi pesantemente al braccio di Assuntina - voce lamentosa): Povero Luigino mio, l’hanno miso sotto terra!

 

ASSUNTINA : Cuncè, nun t’appennere, si no me faje cadé. Io stu braccio nun m’ ’o sento cchiù…  Aspè, me pare ca simmo arrivate....  (Indica due lastre bianche che sono in terra e si abbassa a guardare la foto che è su una croce di legno) Sì, sì, è ccà. Ce stà pure ’a fotografia ca ce mettette io.  

CONCETTA (barcolla): No, nun ce ’a faccio!... Nun me fido d’ ’o vedé ’int’ a nu fuosso.

ASSUNTINA : Cuncè, nun svenì!... Io nun tengo a forza ’e te mantené... Aspé, llà ce stà na siggiulella (Va a prenderla e la sistema davanti al fosso)  Assettete chiano chiano… ’O vvì, m’arricurdavo ca ce steva n’atu fuosso vicino.

CONCETTA (sorpresa, guarda i bellissimi fiori freschi che sono sulla tomba del suo defunto marito): Ma chi ce avrà miso sti sciure? (si siede lentamente).

ASSUNTINA : Sarrà venuta ’a cummara toja.

CONCETTA : Chella tene ’a coscia ’ngessata ’a cchiù ’e nu mese... E po’, cu ’a mano che s’ arritrova,  mò ’e spenneva tanta sorde p’ ’e sciure…. Però comme so’ belle; è propio nu peccato jettarle!  

ASSUNTINA: E pecché l’avessem’ ’a jettà?...  P’ ’e sciure tuje  putimmo piglià stu vaso vacante (si abbassa a prendere il vaso che è sull’altro fosso).

   

CONCETTA (parla con la foto del marito) : Marito mio bello, comm’hé fatto a me lassà!... Io nun tengo cchiù genio ’e fà niente, nemmanco ’e me lavà.

ASSUNTINA (a parte - a bassa voce): E se sente!

CONCETTA : Si mangio è sulo pe’ truvà ’a forza ’e suppurtà ’o dulore.

ASSUNTINA : E ffaje bbuono, si no cade malata.

CONCETTA : Che dulore, che dulore!.... Stammatina, primma d’ascì, aggio appriparato ’o gattò ’e patane (Sempre guardando la foto del marito) Quanno torno ’a casa ’o ’nforno. A te, Luigì, te piaceva assaje. (Voce lamentosa) Mò me l’aggi’ ’a mangià tutt’ io.

ASSUNTINA (ironica - a parte): Puverella!

CONCETTA (affranta, con le mani sul viso): Ajere m’aggio fatto duje puparuole ’mbuttunate… L’aggio fatte penzanno a te... Ll’ata sera, p’ ’o scunforto, me so’ magnato nu ruoto ’e parmigiana sano sano.

ASSUNTINA (col portafiori in mano - a parte): Cu salute!

CONCETTA: Accussì passo ’e giurnate... Magno e chiagno, chiagno e magno. Che dulore, che dulore!... Marito mio bello, che te ne si’ visto d’ ’a vita?! Faticave, faticave e nun apparave maje na lira... Avimmo campato sempe cu ’e sorde mieje, chille ca me lassaje mammà.

ASSUNTINA (a parte) : Si no faciveve ’a famme.

CONCETTA (tamponandosi il naso col fazzoletto - voce rotta): Nun t’aggio fatto mancà maje niente. (Adirata) E tu, doppo tant’anne ’e matrimonio, che faje!... Me lasse e te ne vaje.

 

ASSUNTINA: Cuncé io vaco a vedé addó stà ’a funtana, si no sti sciure s’ammosciano (si allontana).

CONCETTA : Sì, va va…  (Sempre parlando alla foto)  Luigì, si’ cuntento ’e me vedé?… Doppo duje mise aggio truvato finalmente ’a forza ’e te venì a truvà (accarezza la foto).

ASSUNTINA (ritorna col vaso pieno d’acqua) : ’A funtanella stà ccà derèto.

CONCETTA (pensosa, guardando i fiori che sono già sulla tomba): Vulesse propio sapé chi ce ha miso sti sciure?

ASSUNTINA : Aspè, mò ce ’o spiammo a stu giovane che fatica ccà...  Giuvinò, giuvinò!

INSERVIENTE (reggendo un secchio con l’acqua e una scopa con l’altra mano, si avvicina) : Ve serve l’acqua?... Si vulite,  ve scopo nu poco ccà ’nnanze.

ASSUNTINA (mostrando il portafiori): No, grazie, l’acqua l’aggio già pigliata io.

CONCETTA (accarezzando la foto sulla tomba): Giuvinò, sapite chi ha purtato sti sciure?

INSERVIENTE : E comme no!...  È stata ’a vedova. È venuta ajere. Chella vene da Nola ogne semmana. Che brava femmena! A me me regala sempe.

CONCETTA (incredula) : ’A vedova?!

ASSUNTINA (trattiene per un braccio Concetta) : E comm’è?

INSERVIENTE (occhi sognanti) : È bionda; è  propeto na bella femmena.

 Concetta morde il fazzoletto per frenare la rabbia.

INSERVIENTE (rivolto a Concetta) : Vuje site ’a zia d’ ’o muorto?

CONCETTA (risentita) : No, songo ’a nonna!  (Girandosi verso Assuntina) Ma vide che scustumato!

INSERVIENTE (frastornato, allontanandosi): Scusate tanto!... Chisto è ’o ringraziamento (esce di scena).

CONCETTA (adirata) : Assuntì, ma tu hé ’ntiso?

ASSUNTINA : E comme nun aggio ’ntiso! Aspè, m’aggi’ ’a assettà nu poco pur’io (va a prendere uno sgabello che è poco distante)

CONCETTA (minacciosa, fissa la foto del marito): Fetente, disgraziato!  Io te spaccasse ’a capa, muorto e buono... Comm’ hé pututo?!... (Si alza) Io mò scasso tuttecose (afferra la sediolina).

ASSUNTINA (la trattiene) : Ma che faje!

CONCETTA : Io m’aggi’ ’a sfucà!

ASSUNTINA: E te sfuoche â casa.  Assettete!

 Concetta si siede di nuovo.

ASSUNTINA (le siede accanto sullo sgabello): Ah, finalmente!... Sti scarpe me stanno accedenno ’e piede.  

CONCETTA (nervosa, indicando la foto) : Io accedesse a isso…  ’O strafucasse cu sti mmane.   

ASSUNTINA : E chillo già è muorto.

CONCETTA (rivolta alla foto): Ommo ’e niente, fetente! ’A morte ha fatto primma ’e me.   

ASSUNTINA (sottovoce):Zitta, zitta, stà venenno nu giovane.

CONCETTA: E che me ne ’mporta!

GIOVANE DISTINTO (ben vestito): Buongiorno. (Avvicinandosi al fosso) Permettete?

ASSUNTINA: Prego, prego.

GIOVANE DISTINTO (con un sorriso, rivolto a entrambe): Mi dispiace scomodarvi, ma questi due fossi sono così vicini…

ASSUNTINA (indicando il fosso accanto) : Vuje lloco a chi tenite?

GIOVANE DISTINTO (sorride) : A nessuno… Papà mio è sepolto dove siete sedute voi. (Voce leggeremente rotta) È finito due mesi fa.

CONCETTA (trattenendo la rabbia): Papà!!!... E comm’è muorto?

GIOVANE DISTINTO (affranto) : Ha avuto un incidente stradale… Sapete, papà viaggiava molto per lavoro. Noi l’abbiamo saputo dopo cinque giorni... Lui era andato a Milano.

CONCETTA (frenando l’ira) : Ah, era juto a Milano...

ASSUNTINA :  Eh già, se sape, quanno uno viaggia va nu poco ’a ccà, nu poco ’a llà.

CONCETTA : E certamente.

GIOVANE DISTINTO : Abbiamo cominciato a preoccuparci solo dopo qualche giorno, non sentendolo per telefono... Mammà era disperata… Abbiamo fatto indagini presso tutti gli ospedali e poi abbiamo appreso che era stato sepolto a Napoli.... Una sua lontana parente, che nemmeno conosciamo, pare si sia interessata di tutto, anche del funerale.

ASSUNTINA (ironica): Che brava parente!

GIOVANE DISTINTO (continua): Povero papà, non l’abbiamo nemmeno potuto accompagnare nell’ultimo viaggio!... E pensare che lui era così legato a noi figli. Per mammà aveva un’adorazione.

CONCETTA (sarcastica) : Scummetto ca era geluso assaje... papà .

GIOVANE DISTINTO (la guarda con aria interrogativa) : Sì, questo era il solo difetto che aveva, ma lo posso anche capire perchè mammà era molto più giovane di lui. Quando si sono conosciuti, lei aveva appena diciott’anni.  (Sorride) Ancora adesso è una bella donna.

ASSUNTINA : Hé capito, Cuncé!... ’O pate se l’è pigliata tenerella tenerella.

CONCETTA (acida) : Se vede ca teneva gusto.

GIOVANE DISTINTO (indicando la foto sul fosso): Però gli anni che aveva, papà non li dimostrava proprio… Aveva un fisico prestante; era davvero instancabile.  (Voce rotta) Non ci ha fatto mai mancare nulla. A mammà soltanto una cosa  non è riuscito a dare…

CONCETTA (interessata) : Che cosa?

GIOVANE DISTINTO : Non l’ha potuta portare all’altare.

ASSUNTINA (ironica, fingendo interesse): E comme maje?

GIOVANE DISTINTO: Vedete, papà era un galantuomo.

CONCETTA (ironica) : Sicuramente nu galantommo.

GIOVANE DISTINTO: La moglie, in punto di morte, (controscena di Concetta che fa celati scongiuri) si era fatta promettere che non avrebbe sposato nessun’altra donna. E papà…

CONCETTA (a parte) : ca era nu galantommo…

GIOVANE DISTINTO (continua) : Ha mantenuto fede a quella promessa… Per quanto ne so, la moglie aveva otto anni più di lui. Il loro era stato un matrimonio di convenienza;  papà le aveva voluto bene come a una sorella maggiore.

 

CONCETTA (rivolta a Assuntina): Hé capito?  ’A mugliera pe’ isso era comm’a na sora.

GIOVANE DISTINTO : Pare che fosse anche bruttarella.

  Assuntina tiene a freno Concetta, trattenendola per un braccio.

GIOVANE DISTINTO (si inginocchia davanti alla fossa e parla rivolto alla foto) : Papà, non ti ho portato i fiori perché sapevo che mamma era venuta ieri… Domani ho l’esame di Diritto Privato. Ti prego, aiutami a superarlo!...  Ora vado a studiare. Ciao, Martina ti manda un bacio (si alza).

ASSUNTINA : E chi è Martina?

GIOVANE DISTINTO  (rivolto alle due donne) : È mia sorella. Arrivederci. (Manda un bacio alla foto) Ciao, papà! (si allontana, senza voltarsi, uscendo di scena).

ASSUNTINA (seguendolo con lo sguardo - a bassa voce) : Però che bellu giovane!...   Chisà comm’è ’a sora?.... (Raccoglie il fascio di fiori che aveva poggiato a terra)Cuncè, mettimmo sti sciure dint’ a ll’acqua.

CONCETTA (si alza di scatto): Ma fusse pazza! (Rabbiosa, guarda la foto) E già, mò a chillu piezzo ’e fetente ce metto pure ’e sciure!  Io ce mettesse na foca ’nganno...  Traditore, disgraziato, cu mme stive sempe stanco. T’arricuorde?

ASSUNTINA : Che ’mbruglione!

CONCETTA (ad Assuntina): Chillu sfasulato m’ ha sfruttata buono e meglio…  Io sburzavo, sburzavo sulamente. (Decisa) Jammuncenne, Assuntì!... I’ ccà nun ce resisto cchiù.

ASSUNTINA : Sti sciure ce ’e mmetto ô muorto che sta affianco. Che dice?

CONCETTA : E chi ’o cunosce! (si allontana di qualche passo).

ASSUNTINA (prende il fascio di fiori) : Allora m’ ’e pporto ’a casa.... ’E mmetto ’mmiez’ ’a tavola.

CONCETTA : Pe’ me ’e ppuó pure jettà; abbasta che faje ampressa …  Mò me ne voglio vedé bene. Parrucchiere, vestite, viagge...

ASSUNTINA (la raggiunge con il fascio di fiori in mano): E faje buono.

CONCETTA (si gira verso la fossa dove è interrato il marito) : Me ne voglio jì ê Sei scélle, ê Mmaltine…  (Avviandosi fuori scena) e pure alle Òglie.

ASSUNTINA: Sì, aglio e uoglio me faccio pur’io duje spaghette ampressa ampressa (la segue fuori scena).

                                                     F I N E

                                                           Teatro Comico Napoletano

Il CABTEATRO di Colomba Rosaria Andolfi  è un genere di arte varia che si compone di sketch e di atti unici brevi, intervallati da macchiette e tammurriate, scritte dalla stessa autrice, che consentono i cambi di scena a vista. Ecco la scaletta di uno spettacolo, portato in scena:

 Primo tempo                                  Secondo tempo

       (Esterni)                                                         |           (Interni)                 

                                                                                |

* ’A vita è na scazzetta (fuori sipario)                     |  * Mani pulite (corale, fuori sipario)

                                                                                |                      

- Telefono a gettoni                                             |  - Sportello bancario

                                                                                |          

* Vicino â fermata                                                 |  * ’A malalengua (o ’A vita)

                                                                                |          

- Quanno succede a te...                                    |  - Sotto a chi tocca

                                                                                |

<Suono di clacson e rombo di motorini>         |  * Vurrìa 

                                                                                |

* Napule primma e doppo (tammurriata)            |  - Pesa e ammesura!

                                                                                |

- Fossero chiste ’e guaje!                                   |  * Nu mistero                     

                                                                                |                      

* ’E pressa                                                             |  - Quanno se dice ’a ciorta!

                                                                                |

- Fino alla morte                                                   |

           

Un allestimento scenico essenziale con elementi facilmente componibili  potrà velocizzare i cambi di scena a vista. La tammurriata e i versi comici potranno rendere piacevoli le brevi attese. 

I versi e il testo della tammurriata sono tratti da “Teatrando in versi” di Colomba Rosaria Andolfi, pubblicato, come gli altri suoi lavori, sui siti gttempo.it e attori per caso.it.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno