Fiori d’Olanda

Stampa questo copione

Terno secco commedia

S.I.A.E.

                                                                           Teatro Comico Napoletano

Fiori d’Olanda

Atto unico

di

Colomba Rosaria Andolfi

(2013)

Non sono consentiti adattamenti, riduzioni. modifiche del testo, variazioni del titolo. Eventuali traduzioni in altre lingue o dialetti devono essere autorizzati per iscritto dall’autrice. 

--------

Ho sempre pensato che, se un testo funziona, qualsiasi adattamento potrebbe risultare peggiorativo e, se un testo non funziona, qualsiasi adattamento potrebbe risultare inutile. 

Considero le commedie, partorite dalla mia fantasia - belle o brutte che siano - come delle mie creature. È dunque comprensibile che voglia tutelarle al meglio, senza tarpare loro le ali.

S.I.A.E.

                                                                 

                                                                                    Teatro Comico Napoletano

Fiori d’Olanda

Atto unico

di

Colomba Rosaria Andolfi

(2013)

Personaggi

Geppino Scupilli, capo famiglia           

Nunziata,         sua moglie                             

Carluccio, loro figlio                            

Cristina, sorella di Geppino                          

Valeria, figlia di Cristina                                

Pia, sorella monaca di Nunziata                     

Donna Sisina, portiera                                 

Attilio, collega di Geppino                             




ATTO PRIMO

        La scena è ambientata nel soggiorno di casa Scupilli. Sulla parete sinistra, guardando il palcoscenico, una porta.  Sulla parete destra: un divanetto e una finestra. Il tavolo con tre sedie, una cristalliera sul fondale, ninnoli, quadri, un mobiletto sul quale c’è un telefono fisso e, eventualmente una quarta sedia, poggiata a una parete, completano l’arredamento moderno. La comune è sul fondale a sinistra.  

        Carluccio, seduto sul divanetto, sta armeggiando col telefonino.

     

NUNZIATA (esce dalla camera di Carluccio):Carlù, ’o lietto t’ ’o faccio doppo… Voglio fà piglià nu poco d’aria ’a stanza… Mò  arrepuosete nu poco!… Te fa male stà sempe cu ’a capa ’ncopp’ ’e libbre… (Gli si avvicina) Hé visto, bello ’e mammà, comme te guarda ’a guagliona ch’ è venuta ’e casa a fianco a nnuje?... Scummetto ca pure a te essa te piace. 

CARLUCCIO: Mammà, che vaje penzanno!... Io tengo a studià.

NUNZIATA: E che significa?

        Geppino entra in scena con in mano due biglietti del teatro.

CARLUCCIO: Significa ca nun tengo tiempo …  E po’ i’ nemmanco ’a cunosco.

        Squilla il telefono.

GEPPINO (solleva il ricevitore): Pronto!..... No avete sbagliato. Qui è casa Scupilli (abbassa il ricevitore).

NUNZIATA (a parte):S’arregne ’a vocca comme si dicesse Casa Savoia.

GEPPINO (mostrando i biglietti): Attilio, nu cullega mio, m’ha dato sti duje bigliette p’ ’o Sannazzaro.

NUNZIATA: E comme l’ha avute?

GEPPINO: L’ha vinciute giucanno a poker. (Rivolto a Carluccio) Carlù, ’e vvuo’?  

CARLUCCIO: E dammille (prende i due biglietti).

NUNZIATA: Carlù, ce putisse jì cu Martina.

CARLUCCIO: E chi è?

NUNZIATA: È ’a guagliona che stà ’e casa a fianco a nnuje.

GEPPINO: Overo na bella piccerella!... Tenesse io l’età toja!... Pure ’a guagliona d’ ’o piano ’e sotto nun è niente male.

NUNZIATA: Vedite a stu viecchio comme lle prore ’o cupierchio... Ja’, vieneme a dà na mano a fà ’o lietto, ca llà ce duorme pure tu (esce di scena, seguita da Geppino).

CARLUCCIO (guarda i biglietti del teatro e compone un numero sul cellulare): Ciao, Rirì. Stasera vuo’ venì a teatro?… Tengo duje bigliette p’ ’o Sannazzaro…… No, nun ce l’aggio ancora ditto……  Sì, te giuro ca ce ’o  ddico…… Allora, sciusciù,  ce vedimmo all’otto sotto all’albergo tujo. Ciao (schiocca due bacini e chiude il cellulare). Mò m’aggi’ ’a ’nventà na bona scusa… È na parola! (Per concentrarsi passeggia per la stanza) Putesse dicere ca a teatro ce vaco cu Valentina… (Scuote la testa) Noo, se scupresse subbeto ch’è na buscìa… Forse è meglio si dico

NUNZIATA (torna in scena, seguita da Geppino): Geppì, si’ proprio na funa fraceta!

GEPPINO (si tocca la schiena - viso dolorante): Qua’ funa fraceta!... Chella è  n’impresa pe’ fà chillu lietto. ’O matarazzo sta quase ’nterra.

CARLUCCIO: Mammà, m’ha chiammato nu cumpagno mio d’ ’o liceo… Se trova a Napule ’e passaggio. (Rivolto al padre) A teatro ce vaco cu isso… Ah, mò me scurdavo, l’aggio invitato a durmì ccà.

NUNZIATA: Uh, Gesù, e addó ’o mettimmo?… ’A casa è piccerella… Comme se fa?

CARLUCCIO: Se fa, se fa… Pigliammo ’a brandina che stà dint’ ’o stanzino e ’a sistemammo ’int’ ’a cammera mia. 

GEPPINO (rivolto alla moglie): Pigliammo significa pigliate

NUNZIATA: E comme se chiamma st’amico d’ ’o tujo?

CARLUCCIO: Se chiamma Enrico, però se fa chiammà Rirì.

GEPPINO: Rirì… Vedite che razza ’e nomme! (esce di scena).

NUNZIATA: E quanto tiempo se trattene? 

CARLUCCIO: Penzo na settimana.

NUNZIATA: Na settimana!… Povera a me! (esce di scena).

CARLUCCIO (compone il numero del cellulare): E vvide si risponne!… Rirì, appriparete ’a valigia… Da stasera te ne viene ’a casa mia…… Sì, pur’io te voglio bene… Ciao (schiocca due bacini e chiude il cellulare).

Bussata di porta

CARLUCCIO (va ad aprire - voce fuori campo): Zì Cristì, che piacere! (Alza la voce) È venuta zia Cristina.

CRISTINA (entra in scena, seguita da Carluccio): Bello d’ ’a zia, fatte guardà!... Te trovo nu poco sciupatiello.

GEPPINO (entra in scena, spolverandosi il maglione): Cristì, comme staje? (si baciano). Sora mia, propio ajere te vulevo chiammà, ma po’ m’è passato ’e mente.

NUNZIATA (entra in scena): Gué, Cristì! (si abbracciano e si baciano).

CRISTINA (si siede con Geppino e Cristina vicino al tavolo): Stevo dicenno a Carluccio ca ’o trovo nu poco sciupatiello.

GEPPINO: Se vede ca in Olanda s’ è stancato. 

CRISTINA: Chisà quant’è custato chillu viaggio!

NUNZIATA: Niente… Chillo vincette ’o terno.

GEPPINO: Nu terno sicco.

CRISTINA: Ah, già!... Carlù, ma che suonno te faciste?

CARLUCCIO: Me sunnaje na tela cu tre nummere scritte ’ncoppa gruosse gruosse.

NUNZIATA: E siccomme steva a Roma, s’ ’e giucaje p’ ’a rota ’e Roma.

GEPPINO: Senza dicere niente a nisciuno, nemmanco a nnuje.

CRISTINA: E se sape!… Chillo si parlava, ’e nummere nun ascevano cchiù. (Apre la borsa) Carlù, ’a cartulina toja è arrivata stammatina… (Tira fuori la cartolina e guarda il paesaggio) Comm’è bella!

NUNZIATA: Sì, l’Olanda sarrà pure bella, ma certamente nun se mangia buono comm’ a ccà.

CARLUCCIO (si china ad abbracciare la mamma): Propio accussì.

CRISTINA: Comme avesse vuluto tené nu figlio masculo pur’io!… Invece aggio avuto a chelli tre caiòtole ca me fanno sulo dannà….  Mò s’è fidanzata  pure Valeria (ripone la cartolina in borsa).

NUNZIATA: Overo!?... Me fa piacere.

CRISTINA: A me no…  S’è mmisa cu nu coso curto curto e chillu ziracchio se fa pure pretennere…. Tre figlie aggio fatto e tutt’ ’e tre sceme… (Guarda Geppino) Puteveno piglià d’ ’a razza nosta! Invece hanno pigliato d’ ’o pate… (Rivolta a Carluccio) Menumale ca ce staje tu, Carlù, bello d’ ’a zia… Biata a chella femmena ca te piglia!          

CARLUCCIO: Zì Cristì, io mò aggi’ ’a penzà sulo a studià. L’università è difficile (siede sul divano).

CRISTINA: ’O sentite?… E penzà ca io sta suddisfazione nun l’aggio avuto ’a nisciuna ’e chelli tre cajotole… ’A scola jeveno na schifezza. ’E libbre nun l’arapevano maje!

 

NUNZIATA: E va buo’, pò essere ca sarranno cchiù furtunate dint’ ’a vita.

GEPPINO: Ogge ’e scieme vanno annanze… Tuo marito, ’o vvì, ha fatto pure carriera.

CRISTINA (risentita): Si Gustavo mio ha fatto carriera, vò dicere ca se l’ammeretava… Chillo è fesso pe’ ll’ati ccose, no p’ ’a fatica.

GEPPINO (divertito): Sora mia, comme te scarfe!… Me fa piacere ’e vedé ca si’ ancora ’nnammurata.                     

CRISTINA (sorride): Geppì, tu tiene sempe ’a capa fresca.

NUNZIATA (ironica): ’E frisco ll’è rimasto sul’ ’a capa.

CRISTINA (ride): Geppì, che me faje sentì! (Si alza) Mò me n’aggi’ ’a propio jì… Aggi’ ’a ancora urdinà ’a torta… Dimane festeggiammo ’o compleanno ’e Valeria… Si venite, ce fa piacere.

NUNZIATA: Purtroppo nun ce putimmo movere... Da stasera tenimmo n’ospite.

GEPPINO: Carluccio ha invitato ccà n’amico sujo ca se trova ’e passaggio a Napule.

CRISTINA (sorride): Sperammo ch’è nu bellu guaglione, accussì ce ’o presentammo a Valeria. (Abbraccia Carluccio) Ciao, Carlù (esce di scena, seguita da Nunziata e da Geppino - saluti fuori campo).

CARLUCCIO (prende una scatolina dalla tasca del pantalone e ne tira fuori una fede nuziale): Comm’è bella! (La bacia e la infila all’anulare sinistro) Che peccato ca nun m’ ’a pozzo mettere!

        Rumore di ruote. Geppino in fretta si sfila la fede dal dito e rimette la scatolina in tasca.

   

NUNZIATA (entra in scena di spalle, guidando la brandina pieghevole che Geppino spinge): Geppì, fermete; simmo arrivate.

 

GEPPINO: Nunzià addó vaje?… ’A stanza sta llà.

NUNZIATA: Sì, nu mumento.

GEPPINO: Carlù, susete! Arape almeno ’a porta!

CARLUCCIO (si alza pigramente dal divano e apre la porta della sua stanza): Ecco fatto! (aspetta che i genitori entrino con la brandina e richiude la porta).  

 Bussata di porta (campanello)

CARLUCCIO (andando ad aprire): Uffà!… (Voce fuori campo) Gué, Valè, che ce faje ccà? 

VALERIA (entra in scena): Te so’ venuta a truvà… Si’ o nun si’ mio cugino?

CARLUCCIO: E comme no!… Saccio ca te si’ fidanzata.

VALERIA: Sì, ma ’e nnuvità grosse ’e ttiene sicuramente tu ca viene dall’Olanda.

CARLUCCIO: E che nuvità pozzo tené?

VALERIA: Nu matrimonio, per esempio… (Tono confidenziale) A me m’ ’o ppuó dicere… Io aggio sempe saputo ca tu… e llà, in Olanda, tutto è possibile. 

    

CARLUCCIO: Zitta!... Statte zitta!

VALERIA: E chi parla!… Jammo, dimme chi è…  ’O cunosco?

CARLUCCIO: No.

VALERIA: E comm’è?… È bello?

CARLUCCIO: Pe’ me è bello assaje. (Prende dalla tasca un portatessera con delle foto) ’O vuo’ vedé?

VALERIA (contenta): Sì, sì.

CARLUCCIO (tira fuori dal portatessera una decina di foto e le passa una per volta a Valeria): Ccà stammo a Fiumicino… Chesti ccà ce l’avimmo fatte, quanno simmo arrivate in Olanda… Ccà è poco primma d’ ’o matrimonio… Chesta è quanno ce simmo scagnate ’e ffede… (Imbarazzato) Chisto è ’o primmo bacio doppo ’o “sì”.

VALERIA (gli strappa la foto di mano): E fammella vedé buono!… (La guarda e la ripone con le altre accanto a sé sul divano).

CARLUCCIO (le mostra l’ultima foto): Ccà stammo abballanno dint’ a nu locale… Rirì è ’o cchiù bello.

VALERIA: Sì, nun è male… Ma ’e fotografie tiene sulo cheste?

CARLUCCIO: Ll’ate ’e tengo a Roma ’ncopp’ ’o compiùter… Nuje campammo ’nzieme già ’a duje anne.  

VALERIA (ride): E penzà ca mammà vuleva pe’ figlio nu bellu masculone comm’ a te!... Ma stu Rirì che fa pe’ campà?

CARLUCCIO: Fa ’o regista… Mò stà faticanno p’ ’a televisione.  

 VALERIA: Allora è isso ’o terno sicco ca hé vinciuto.

CARLUCCIO (sorride): Già… Damme ’e ffotografie ca ponno trasì mammà e papà… Fa’ ampressa!

VALERIA:  (raccoglie in fretta le foto; una rimane, però, tra il cuscino e il bracciolo del divano): Tié!… E mò comme pienze ’e fà?

CARLUCCIO: L’aggio invitato ccà. (rimette distrattamente le foto nel portatessera).

VALERIA: P’ ’o presentà a tutte quante?

CARLUCCIO: No...  Pe’ mò isso vene comme amico… Po’ Dio penza (nasconde il portatessera in tasca).

NUNZIATA (entra in scena, seguita da Geppino): Gué, Valè! (si baciano).

GEPPINO (abbracciandola): Mammà se n’è ghiuta poco fa.

VALERIA: Ma io so’ venuta pe’ salutà a Carluccio.

NUNZIATA: Nuje stammo accuncianno nu poco ’a casa pecché stasera arriva n’amico sujo.

VALERIA: Sì, me l’ha ditto.

GEPPINO: Carlù, ma st’amico tujo vene ’a luntano?

CARLUCCIO: No, vene ’a Roma.

NUNZIATA (rivolto a Valeria): Era nu cumpagno sujo d’ ’o liceo.

CARLUCCIO: Ce simmo ’ncuntrate a Roma. 

VALERIA: E già, tu a Roma tiene l’Università.

GEPPINO: Ma pur’ isso fa l’università?

CARLUCCIO: No, isso fa ’o regista… Mò sta facenno nu film p’  ’a televisione.

VALERIA: Overo?... ’O voglio cunoscere… So’ sicura ca me piace.   

 

CARLUCCIO: Ma tu oramaje si’ fidanzata.

VALERIA: E che fa?

NUNZIATA: Chillo se trattene na settimana… Tiene tutt’ ’o tiempo d’ ’o vedé.

VALERIA (sorride): Allora nun m’ ’o perdo… Carlù, ma tu l’Università quanno ’a fernisce?…  So’ già sett’ anne (si alza).

GEPPINO: Sett’anne!

NUNZIATA (rivolto a Geppino): E chella l’università è difficile.

VALERIA (ride): Allora aggio fatto buono io a chiudere ’e libbre, si no me facevo vecchia. (Abbraccia Carluccio) Ciao, Carlù… (Abbraccia lo zio) Ciao, zizì.

        Carluccio si ritira nella sua stanza.

NUNZIATA (rivolta a Valeria): T’accumpagno (Voce fuori campo) Ciao, Valè… Allora t’aspettammo... Auguri pe’ dimane!

VALERIA: Grazie… (Dissolvenza) Arrivederci

GEPPINO (fa un calcolo mentalmente, facendo scorrere i polpastrelli sul mento): Overo so’ sett’ anne… Ma quanto dura st’Università?

NUNZIATA (ritorna in scena): ’E gguaglione ’e mò chi ’e capisce! Mentre se mettono cu uno, già guardano a n’ato.

GEPPINO: Nunzià, ’o ssaje, quann’ i’ tenevo l’età ’e Carluccio nuje già evemo spusate?

NUNZIATA: E chille erano ati tiempe… Mò ’e giuvene, primma ’e fà stu passo, riflettono buono.

GEPPINO: A me me pare che Carluccio nun ce penza propio a se ’nzurà… Ll’amice mieje teneno già quacche nepote… Io pure vulesse vedé ’a discendenza.

NUNZIATA (ride): Si no fernesceno ’e scupille.

GEPPINO: Tu sfutte, ma comme masculo dint’ ’a famiglia è rimasto sulo Carluccio.        

NUNZIATA: ’O principe ereditario d’ ’e scupille. 

GEPPINO (risentito): Scupilli è nu cugnome comm’a ll’ate (esce di scena).  

NUNZIATA: Comme no!... I signori Scupilli, hé ditto niente?! (Aggiusta i cuscini sul divano e trova la foto del matrimonio di Carluccio con Rirì): E addó è asciutà sta fotografia?… (La guarda, l’allontana per osservarla meglio ) No, no!... Nun pò essere!!! (si accascia sul divano).

CARLUCCIO (esce dalla sua stanza, vede la mamma svenuta e le si precipita vicino): Mammà!… Mammà! (Si accorge della foto che la mamma tiene  nel palmo aperto della mano)  Povera mammà! (nasconde la foto in tasca - a voce alta) Papà, curre!

GEPPINO (si precipita in scena): Ch’è stato?… Nunzià, arape ll’uocchie, nun me fà spaventà! 

NUNZIATA (si riprende lentamente): Geppì!… Geppì!

GEPPINO (siede accanto a lei sul divano e le prende la mano): Sto ccà!… Comme te siente?

NUNZIATA (apre gli occhi): Aggio avuto nu mancamento (guarda il figlio).

GEPPINO: Forse ’a pressione.

 

CARLUCCIO (si abbassa per accarezzare la madre): Mammà!… Mammà!

NUNZIATA (lo respinge): Va, va!… Va a studià.

CARLUCCIO: Ma io…

NUNZIATA: Va!… Va!.... Me sento già meglio.

      Carluccio si ritira mestamente nella sua stanza.

GEPPINO: Nunzià, te faccio nu poco d’acqua e zucchero?

NUNZIATA: No, no… È già passato.

     Bussata di porta (campanello).

GEPPINO (va ad aprire): Nunzià, nun te movere! (Voce fuori campo) Guè, Pia!… E chi t’aspettava!... Trase.

PIA (monaca, entra in scena, seguita da Geppino): Nunzià, comme staje?

GEPPINO: Ha avuto nu mancamento.

PIA (accarezza Nunziata): Povera sora mia!… Io ’o ssapevo.

NUNZIATA: Che cosa?!

PIA: M’ ’o ssentevo ch’ era succieso quaccosa… Stanotte aggio avuto na visione. Tu tenive na fotografia ’e Carluccio ’mmano e chiagnive.

GEPPINO: Che ce azzecca Carluccio!?... Chella ha avuto sulamente nu sbalzo ’e pressione… Forse è nu poco ’e stanchezza.

PIA: Ma Carluccio nun ce stà?

GEPPINO: Sì, sta studianno.

PIA: Chillu guaglione studia sempe. (Sobbalza) Roma!...  Int’ ’a visione ce traseva Roma.

GEPPINO (ironico): E a Roma ce sta ’o Papa.

PIA: Sì, ma a Roma Carluccio studia; fa l’Università.

NUNZIATA: Mò nun te fissà… M’ha fatto overamente piacere ca si’ venuta.

PIA: ’A Madre Superiora, quanno ce aggio chiesto ’o permesso d’ascì, ha fatto ’a faccia storta… Me pozzo trattené nu paro d’ore sulamente.

NUNZIATA: Allora mange cu nnuje… Appriparo quaccosa ampressa ampressa (fa per alzarsi).   

PIA: No, no; nun ve voglio dà pressa… Semmaje me faje nu panino, accussì m’ ’o porto.

CARLUCCIO (esce dalla sua stanza): Zia Pia, che piacere! (le stringe le mani).

PIA: Fatte guardà!... Che me dice ’e bello?

CARLUCCIO: Niente.

GEPPINO: Comme niente!…Tu si’ stato in Olanda.

PIA: E che si’ ghiuto a fà in Olanda?

CARLUCCIO: Nu viaggio ’e piacere.

NUNZIATA: Già.

PIA (si fa il segno della croce): Olanda, la patria del vizio!…  Il regno del peccato!

GEPPINO: ’O munno è chino ’e peccate… Nu paese vale n’ato.

CARLUCCIO (sorride): Già.

PIA (scrolla la testa): E no! Le tentazioni vanno evitate (Rivolta a Carluccio) Stasera, m’arraccumanno, ditte n’atto ’e dulore.

NUNZIATA (severa): Mò chiudete dint’ ’a stanza e studia.

GEPPINO: Nunzià, ma che te piglia?… Carlù, scinnetenne nu poco… È na bella giurnata… Basta a studià!

CARLUCCIO: Sì, forse è meglio. (Abbraccia la zia) Azì, ma t’hé miso ’o pprufumo?

PIA (imbarazzata): Sulo na goccia; me l’ha dato na nuvizia.

CARLUCCIO: Te trovo, quanno torno?

PIA: Nun ’o ssaccio. È meglio ca ce salutammo mò (si baciano).

CARLUCCIO (uscendo di scena): Ciao, papà… Ciao, mammà… (Voce fuori campo) Gué, Donna Sisì!

DONNA SISINA (voce fuori campo): Stevo tuzzulianno.

CARLUCCIO (voce fuori campo): E trasite.      

DONNA SISINA (si affaccia sotto la comune): Permesso?

 

GEPPINO: Donna Sisì, prego, accomodatevi!

DONNA SISINA: Scusate! (si inchina a salutare la monaca, facendosi il segno della croce).

GEPPINO (indicando Pia): È la sorella di  mia moglie.

DONNA SISINA: Piacere… (Imbarazzata) Sò’ venuta pecché stammatina aggio truvato stu coso abbascio ’o curtile (tira fuori dalla tasca un tanga nero). È ’o vuosto?

PIA: E che robba è?

DONNA SISINA: È na specie ’e slip.

PIA (si fa il segno della croce): Scandaloso!!

GEPPINO: Ma chisto è na cosa ’e femmena.

DONNA SISINA: ’O ppenzavo pur’io, però mia figlia m’ha ditto ca ’o portano pure ll’uommene.

GEPPINO (osserva quel tanga): Overo!?

PIA (tira fuori il rosario dalla tasca): Signore Dio, aiutaci!   

 

GEPPINO (ride): Certo ’o mio nun è.

DONNA SISINA: Che stanchezza         !… Me so’ fatta tutt’ ’a scala. (Mostra il tanga a Nunziata) Vedite meglio… Fosse d’ ’o figlio vuosto?… Aggio visto ca tenite na mulletta d’ ’e panne fore ’o fenestiello d’ ’o bagno.

NUNZIATA: No, io llà ce tenevo appiso nu paro ’e cazette… Se vede ca stu coso l’ha purtato ’o viento da n’atu palazzo.

DONNA SISINA: E sarrà certamente accussì… (Guarda disgustata il tanga) Però vedite che scuorno!… Comme fa n’ommo a se mettere nu coso ’e chiste?!

GEPPINO: Sicuramente tant’ommo nun ha da essere. Ogge nun se capisce cchiù niente.

PIA: È tutta opera del diavolo. (Si fa il segno della croce con il rosario che le pende dalla mano) Signore mio, aiutaci tu!

DONNA SISINA (si fa il segno della croce): Sì, ’o Signore ce ha da penzà isso, ma ha da fà ampressa… Io tengo ddoje figlie femmene e me ne faccio sanghe amaro. (Tono confidenziale) Quanno stanno dint’ ’a casa, stanno tutte cummigliate ca me pareno doje monache (rivolta a Pia) senza offesa. Invece si hann’ ’a ascì, se mettono quase annure.

PIA (scandalizzata): E voi non dite nulla?!

DONNA SISINA: Io e ’o pate strillammo; ma a che serve?... Nemmanco ce sentono. Diceno ca nuje nun capimmo niente…. ’E mascule po’ so’ pure peggio… ricchine, anielle, cullane…

GEPPINO (contento): Nuje cu Carluccio simmo state furtunate.

NUNZIATA: Fino a mò.

PIA: Già, il diavolo è sempre in agguato. (Solleva la mano da cui pende il rosario e con gli occhi al cielo) Che Iddio ci salvi!

DONNA SISINA: Oggi e sempre

NUNZIATA: Oggi e sempre.

 

PIA: Geppì!        

GEPPINO: Sì, oggi e sempre.

DONNA SISINA: Io me ne scengo… (Sorride, guardando il tanga) Mò stu coso l’appenno abbascio ’o purtone. Pò essere c’accussì esce ’o padrone. (Saluta la suora con un goffo inchino) Arrivederci… Bongiorno (esce di scena).  

PIA (fruga nella tasca): Ah, mò me scurdavo, v’aggio purtato a Sant’Eusebio e a Santa Dorotea (tira fuori due immaginette sacre e le poggia sul tavolo).

NUNZIATA (sorride): Grazie! Sti sante nun ’e ttenevemo…. Pia, viene ’int’ ’a cucina cu me… Te voglio appriparà ’o panino (esce di scena, seguita da Pia).

GEPPINO (prende le due immaginette): Avimmo completato ’a collezione… Cu ’e ffigurelle d’ ’e sante, ca tenimmo, putessemo fà nu calendario illustrato.

        Squilla il telefono

GEPPINO (si alza e solleva il ricevitore): Pronto!...  Gué, Attì!...  Se vede ca ’o telefonino ’o tengo stutato….. Sì, stò ’a casa. ’O sabato m’arreposo; nun esco quase maje….. Certo ca può venì. (Abbassa il ricevitore) Chisà che m’ha da dicere?  

NUNZIATA (si affaccia alla comune): Chi era a telefono? 

GEPPINO: Era Attilio, ’o cullega mio… Stà venenno ccà.

NUNZIATA (entra in scena): E pecché?...  Nun puteva aspettà fino a lunnedì?

GEPPINO: Se vede che m’ha da dicere  na cosa importante.

NUNZIATA (ironica): Forse va truvanno arèto ’e bbigliette d’ ’o teatro… Ogge ce mancava sul’isso! (esce di scena).

GEPPINO: Certo, sta visita è strana... Chillo ccà nun è maje venuto.

       

        Bussata di porta

GEPPINO: E che steva sotto ’o palazzo!? (Va ad aprire - voce fuori campo) Ciao,Attì,  trase!

ATTILIO (affranto, entra in scena, seguito da Geppino): Geppì, tu m’hé ’a scusà. 

 

GEPPINO: Ma ch’è stato?...  (Gli porge una sedia) Assettete!  

ATTILIO: Io nun saccio comme me mantengo allerto…  (Siede) Nun aggio chiuso uocchio tutt’ ’a notte.

GEPPINO: Pecché? (gli siede accanto).

ATTILIO: Se tratta ’e mio figlio.

GEPPINO: Chillo che stà a Milano?

ATTILIO: A Milano… Già, io accussì sapevo e invece nun era overo. (Disperato) Chi ce ’o ddice â mamma!

GEPPINO: Attì, spieghete meglio.

  

ATTILIO (Si nasconde il viso fra le mani): Che scuorno!

GEPPINO: E parla!

ATTILIO: Aieressera, quanno so’ turnato ’a casa, aggio guardato dint’ ’a cascetta d’ ’a posta… L’aggio aperta pe’ scrupolo… A nnuje ’a posta ce ’a cunzegna ’o purtiere… Comme infatti era tutta pubblicità; però ce steva pure sta lettera pe’ me (tira fuori dalla tasca una busta aperta e rimane a fissarla).

GEPPINO:E allora?

ATTILIO: D’ ’o timbro aggio capito ca veneva ’a Roma…  L’aggio subbeto araputa e quanno l’aggio letta m’è caduto ’o munno ’ncuollo… (Voce rotta) “Nun è possibile!” me dicevo, chiagnenno... Me so’ assettato mmiez’ ’e scale… Penzavo ca me veneva n’infarto. 

GEPPINO: Pecché?

ATTILIO: Pecchè mio figlio m’ ha scritto ca s’è spusato… Nun ’o voglio cchiù vedé e cchiù sentì… Pe’ me oramaje isso è muorto.

GEPPINO: E va buo’, capisco ca t’è dispiaciuto sapé d’ ’o matrimonio a cose fatte, però nun esagerà… Passece ’ coppa.

 

ATTILIO: Geppì, ma che staje dicenno!

GEPPINO: Sto dicenno ca nu figlio rimane sempe nu figlio e ’o pate chesto nun se l’avess’ ’a maje scurdà... Tu pe’ stu matrimonio ne staje facenno na tragedia.

ATTILIO (disperato): Chella è na tragedia… Enrico nun s’è spusato cu na femmena, s’è spusato cu n’ommo.

GEPPINO: E comm’è possibile!

ATTILIO: In Olanda tutto è possibile. ’O matrimonio l’hanno fatto llà.

GEPPINO (tira fuori il fazzoletto dalla tasca): Hé ditto in Olanda? (Si asciuga la fronte) E t’ha ditto chill’ato comme se chiamma?

ATTILIO: Che vuo’ che me ne ’mporta!... Int’ ’a lettera ha scritto ca int’ a sti giorne vene a Napule e ca, si voglio, ce ’o fa cunoscere.

GEPPINO (balbetta): Ah, Enrico, tuo figlio, vene a Napule. 

ATTILIO: Mò se fa chiammà Rirì.

 GEPPINO: Attì, nun me sento buono (si accascia sulla sedia).

ATTILIO (spaventato): Geppì, che tiene?... Aspè, chiammo a tua moglie.

GEPPINO (lo trattiene): No, pe’ carità!... È cosa ’e niente… Me stà già passanno.

ATTILIO: M’hé fatto spaventà.

GEPPINO: Sarrà stato nu sbalzo ’e pressione.

NUNZIATA (entra in scena, seguita da Pia): Geppì… (S’interrompe, vedendo Attilio) Buongiorno.   

GEPPINO: Attì, ti presento mia moglie... Nunzià, Attilio è nu collega mio.

ATTILIO (si alza e stringe la mano a Nunziata): Piacere.

NUNZIATA: Piacere … Questa è mia sorella Pia.    

ATTILIO (stringe la mano alla suora): Piacere.  

PIA: Piacere… Geppì, te vulevo salutà.

GEPPINO: Già te ne vaje?

PIA: Si, pecché si no faccio tarde. (Indica un sacchetto di plastica) Nunziata m’ha appriparato nu bellu panino e m’ha dato nu poco ’e frutta… (Si abbracciano) Ciao, stamme buono.

        Sirena di un’ambulanza

        Frastuono e vociare proveniente dalla strada

NUNZIATA: Ch’è stato?...  (Si avvicina ai vetri della finestra e guarda giù) Ce stà uno stiso ’nterra… Puveriello! Sperammo ca se salva!

PIA (occhi al cielo): La vita e la morte sono nelle mani del Signore.

NUNZIATA: Ce stà  pure na camionetta d’ ’a Polizia…  ’O fatto sarrà grave.

PIA: Forse è meglio ca me ne vaco.

NUNZIATA (lascia la finestra): Aje ragione… T’accumpagno… Si vide ’a purtiera, dille ’e saglì… Voglio sapé ch’è succieso.

PIA: Sì… Ciao Geppì.

GEPPINO (distratto):          Ciao 

PIA (rivolta ad Attilio): Arrivederci… (esce di scena con Nunziata).

ATTILIO: Arrivederci.

NUNZIATA (voce fuori campo): Ciao… Statte accorta!... Fatte sentì! 

PIA (voce fuori campo): Ciao.

        Sirena dell’ambulanza

 

NUNZIATA (torna in scena e si avvicina di corsa alla finestra): L’ambulanza se n’è ghiuta… Che folla s’è fatta!  

ATTILIO: Quase quase me ne vaco pur’io.

GEPPINO: No, trattienete n’atu ppoco… Nunzià, pecché nun ce faje nu cafè?

NUNZIATA (distratta, guardando giù): Sì, sì… ’A Polizia stà ancora abbascio… Secondo me era uno d’ ’a palazzo ’e rimpetto… Stanno tutte affacciate.

GEPPINO: ’O puveriello avrà avuto n’infarto.

NUNZIATA: E che ce azzecca ’a Polizia?

GEPPINO: Forse ’a camionetta se sarrà truvata a passà.

NUNZIATA (lascia la finestra): Chisà?

GEPPINO: Nunzià, ce ’o faje nu bellu cafè?

NUNZIATA: E comme no! (esce di scena).

 

        Bussata di porta  

NUNZIATA (voce fuori campo): Vengo!...  Ah, Donna Sisì, trasite!

DONNA SISINA (voce fuori campo): Signora mia, che disgrazia!.... Permesso?   (entra in scena, seguita da Nunziata).

GEPPINO: Prego! 

DONNA SISINA: Uh, scusate!

NUNZIATA: È n’amico ’e mio marito…. Allora, Donna Sisì, ch’è stato?

DONNA SISINA: Na disgrazia grossa assaje… Io stò ancora tremmanno… Povero guaglione, comm’era bello!... Teneva appena na ventina d’anne.

GEPPINO: Pecché è muorto?

DONNA SISINA: Pe’ forza!... Chillo s’è vuttato abbascio d’ ’o quinto piano. 

NUNZIATA: E pecché l’ha fatto? 

DONNA SISINA: Pe’ colpa d’ ’a famiglia… Mò s’ ’o chiagneno… E che s’ ’o chiagneno a fà?... (Tono confidenziale) Pare ca ’o guaglione tenesse nu cumpagno, vuje me capite…. ’O pate cchiù ’e na vota l’ha cacciato d’ ’a casa… Me l’ha ditto mia figlia, ’a cchiù grossa…  Na sera l’ammo fatto durmì ’a casa nosta… Pareva nu cane mazziato… (Tira su col naso) Stammatina na vicina ’e casa ha ’ntiso ’o pate c’alluccava “Vattenne, ce hé miso ’o scuorno ’nfaccia!”. (Si asciuga una lacrima) E chillo se n’è ghiuto pe’ sempe.

NUNZIATA (commossa): Povero figlio, chisà comme avrà sufferto!

ATTILIO (si asciuga la fronte): Già.

DONNA SISINA: Io so’ gnurante, ma penzo ca nu figlio rimane sempe nu figlio. Nun ’mporta si è sicco, si è chiatto, si è curto, si è luongo… ’A mamma e ’o pate l’hann’ ’a vulé bene, pecché è sanghe lloro.

GEPPINO: Era biondo; è ovè?

DONNA SISINA: Sì, era biondo… Che belli capille ca teneva!

GEPPINO: Allora l’aggio ’ncuntrato spisso…  Però nun avevo capito ca…

DONNA SISINA: Io ’o ssapevo pecché me l’aveva ditto mia figlia…  Ma che colpa ne teneva ’o guaglione, si madre natura l’aveva fatto accussì?... ’Ncopp’ a stu munno ce avess’ ’a stà posto pe’ tutte quante.

NUNZIATA: Già.

DONNA SISINA: Invece propio ’a famiglia lle s’è avutata contro… Ah, ma io ’o funerale ce vaco.

 

GEPPINO: Ce vulesse venì pur’io.

DONNA SISINA: Allora v’ ’o ffaccio sapè… Mò me ne scengo… Scusate ’e cchiacchiere!

ATTILIO: È stato un piacere ascoltarvi.

DONNA SISINA (lusingata): Grazie… Arrivederci (esce di scena).           

GEPPINO: Arrivederci.

NUNZIATA (a voce alta): Grazie, Donna Sisì… (Rivolta a Attilio) Vaco a fà na bella machinetta ’e cafè (esce di scena).

GEPPINO: M’arraccumanno, fallo stritto.

ATTILIO (si alza, va vicino alla finestra e guarda di fronte): Povero guaglione!

GEPPINO: Nun vulesse stà dint’ ’e panne d’ ’o pate… Sta disgrazia pò essere na lezione ’e vita pe’ tutte quante.

ATTILIO: Mia moglie se ne faciarrà chiagnute, quanno lle conto stu fatto.

GEPPINO: È buono, accussì capisce ca sulo ’a morte è na vera disgrazia. A pruposito ’e figli, te vulesse fà cunoscere a mio figlio Carluccio… Chillo se trattene ccà na settimana… Pecché dimane nun viene cu tua moglie?

ATTILIO: Ma non penso che sia il caso.

GEPPINO: Io penzo propio che sì.

NUNZIATA (entra, portando il vassoio con le tazzine): L’aggio fatto cu ’a mano d’ ’o core; è  già zuccherato. (Si siede) Me ne piglio na goccia pur’io.

GEPPINO (sorseggia): Propio buono!

ATTILIO (prende la sua tazzina e sorseggia): Delizioso!

NUNZIATA: Grazie. (Beve il suo) È ’a miscela ch’è bona.

GEPPINO: Saje, Nunzià, aggio invitato Attilio e ’a mugliera pe’ dimane, accussi ce pigliammo nu cafè ’nzieme… Lle voglio fà cunoscere a Carluccio.

NUNZIATA: E chisà si ’o trovano?… (Rivolta a Attilio) Stasera arriva n’amico sujo ’a Roma, nu certo Enrico.                                                               

        Attilio poggia in fretta sul tavolo la tazzina di caffè e tossisce.     

GEPPINO (gli dà una pacca dietro le spalle): È passato? 

NUNZIATA: Comm’è brutto quanno ’o ccafè va stuorto!

ATTILIO: Già…  (Rivolto a Nunziata) Vostro figlio studia? (riprende la tazzina).

NUNZIATA: Si fa l’Università a Roma… Però mò se n’ è venuto ccà pe’ s’arrepusà nu poco,  pecché ’o viaggio in Olanda l’ha stancato. 

ATTILIO (rimette  la tazzina nel piattino - tossisce): Pecché è stato in Olanda? 

GEPPINO: Già… Pare ca l’Olanda è bella assaje. 

ATTILIO: A me nun m’attira propio. (Guarda l’orologio e si alza) Mia moglie penzarrà ca me so’ perzo p’ ’a via.

 

GEPPINO (alzandosi): Allora starrà cuntenta.

ATTILIO (rivolto a Nunziata): È stato un piacere (le stringe la mano).

NUNZIATA: Pure per me.

ATTILIO: Geppì, allora ce vedimmo.

GEPPINO: Sì, ce vedimmo dimane pomeriggio… T’accumpagno (lo precede fuori scena).   

 

ATTILIO (voce fuori campo): Ciao, Geppì.

GEPPINO (voce fuori campo): Ciao. T’aspetto cu tua moglie.

NUNZIATA: Io a chillo nun ’o capisco propio.

GEPPINO (rientra in scena): Nunzià, comme te siente?

NUNZIATA: Io stò bona, ma a te ’a capa nun t’aiuta…. Se pò sapé pecché l’hé invitato ccà a isso e ’a mugliera?

GEPPINO: Pe’ ve fà na surpresa.

NUNZIATA: Io ’e surprese nun ne voglio cchiù… (Tira su col naso) Ogge n’aggio avuto già abbastanza (si asciuga una lacrima).

GEPPINO (l’abbraccia): Allora tu ’o ssaje?!

NUNZIATA: Che cosa?

GEPPINO: ’E Carluccio.

NUNZIATA (voce rotta): Sì. Aggio truvato na fotografia… Ma a te chi te l’ha ditto?  

GEPPINO: L’aggio capito mentre Attilio parlava… Enrico, Rirì, l’amico ’e Carluccio, è ’o figlio.

NUNZIATA: Tu che dice!

GEPPINO: Dico ca stu munno è accussì gruosso, ma ê vvote addeventa piccerillo piccerillo.

NUNZIATA: Allora Attilio ’o ssapeva?!

GEPPINO: No, però mò l’ha capito… ’A surpresa sarrà p’ ’a mugliera.    

        Bussata di porta

NUNZIATA (agitata): Chisto sarrà Carluccio!... Che faccio?

GEPPINO (le indica il divano): Assettete ccà! (esce di scena). 

Nunziata si siede sul divano con la mano sulla fronte.  

GEPPINO (voce fuori campo): Gué Carlù, già si’ turnato?

CARLUCCIO (entra in scena e si inginocchia davanti alla mamma): Mammà, comme staje? 

NUNZIATA: Stò bona… Stò bona.

        Geppino va alla finestra e guarda giù.  

CARLUCCIO: Overamente staje bona?

NUNZIATA (gli accarezza il viso): Sì, nun te preoccupà.

        Carluccio si alza e si siede accanto a Nunziata.

GEPPINO (disgustato): Guada llà, s’è perzo propio ’o pudore!... ’E giuvene ’e mò fanno ammore mmiez’ ’a via comm’ ’e bestie, ’nnanze a tutte quante.

NUNZIATA: Nuje nemmanco ce abbracciavemo, si quaccheduno ce puteva vedé.

 GEPPINO: Era na quistione ’e  rispetto… Ogge ’e giuvene parlano ’e libertà, ma ’a libertà nun significa mancà ’e rispetto all’ate.  

NUNZIATA: Propio accussì.

GEPPINO: Carlù, hé maje visto a me e a mammà ca ce vasavemo?

CARLUCCIO: No, maje.

GEPPINO: Pecché ’o rispetto è ’a primma cosa…. Tu pe’ nnuje si’ stato ’o scopo d’ ’a vita nosta… Nu pate e na mamma, se sape, vonno bene a nu figlio si è sicco, si è chiatto, si è curto, si è luongo. ’O cresceno, ’o fanno studià, se sforzano d’ ’o capì si tene nu problema… Pe’ lloro conta sulo d’ ’o vedé felice.

NUNZIATA: Già.

GEPPINO: Carlù, ma l’amico tujo addó stà?

CARLUCCIO: Starrà in albergo.

GEPPINO: E vallo a piglià!...  Nun ’o fà aspetta!

CARLUCCIO (si alza): Ma, papà, io…

NUNZIATA: Carlù, va’!… A chi aspiette?

CARLUCCIO: Allora vaco… Ce vedimmo fra poco (Mentre esce di scena, si gira) Grazie.    

Cala il sipario

(Geppino e Nunziata, commossi, si guardano)

FINE

Il napoletano: lingua da studiare. La mia grammatica “Facile facile. Impariamo la lingua napoletana” (ed. Kairòs - 2008), in vendita nelle librerie e on-line, è disponibile anche nella versione Ipad.

Chi ama il mistero troverà avvincente il mio libro di narrativa “L’Antenna del Cuore” (ed. Kairòs - 2012).   

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 4 volte nell' ultima settimana
  • 6 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno