Firenze chiacchierone

Stampa questo copione

1° QUADRO

Firenze

Chiacchierona

due tempi di chiacchiere alla fiorentina di Gabriele Verzucoli

personaggi

ZELMIRA

,ostessa

ANNIBALE

,sensale di civaie,suo marito

PASQUALINA

,comare

ULISSE

,fiaccheraio

ROSA

,sua moglie

STINCHI

,bacalaro

IDA

,loro figlia

BERENICE

LUDUMILLA

,ragazza attempata in cerca di marito

ZENOBIA

,perpetua

IL REPORTER

LAUDOMIA

GESUINO

,sagrestano

CATERINA

,ragazza giovane in cerca di marito

TERESA

,sua amica

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

PASQUALINA  E ZELMIRA

PASQUALINA

Eh , cara signora Zelmira,aver delle figliole che le son già delle ragazze,l’è un be’ pensiero a i’ giorno d’oggi…con tutto quello che si sente dire in giro….

ZELMIRA

Eh…la dice proprio bene..

PASQUALINA

(facendosi il segno della croce) Madonnina Santa, se ne sente dir tante…roba da accapponassi la pelle:quando e vo’ a i’ mercato, tutte le mattine, se ne sente una nova….e si parla sempre di quarche ragazza che l’ha fatto la fine della Violetta..

ZELMIRA

Chi Violetta? La figliola di Gino i’ cenciaiolo?

PASQUALINA

Macchè cenciaio..la Violetta dell’opera di Verdi, sa la Tramviata….e s’andiede l’estate scorsa a vedella a i’ Politeama…quanto mi divertii…ma quanto….e piansi tanto…Poera figliola che brutta fine…

ZELMIRA

Beata lei che la va a i’ teatro! E mi piacerebbe tanto anche a me,ma con quello scorbutico di’ mi’ marito, mi tocca stare sempre in casa….

PASQUALINA

La ringrazi Iddio che la c’ha sempre un brincelluccio d’omo accanto…i’ mi’ poero Agenore invece,m’ha lasciata così presto…ma presto via…(si commuove senza troppa convinzione)

ZELMIRA

Su, su, la si faccia coraggio…e si sa sono i migliori quelli che partan prima……

PASQUALINA

Sie, coresto la lo dice lei..l’avea più difetti lui…ignorante,donnaiolo,giocatore,senza mai un becco d’un quattrino..

ZELMIRA

Co’ un monte di difetti ma la lo ripiglierebbe subito..

PASQUALINA

Pe’ l’amor di’ Cielo!(riprendendosi)Ora lui l’è ni’ mondo de’ più (fra sé) E gliè bene che ci resti!

ZELMIRA

La un creda che sia uno stinco di santo nemmeno i’ mi’ Annibale,…no giocare un gioca…che gl’abbia quarche donna un me ne sono mai accorta..ma gl’ha un caratterino…un gli va bene mai nulla…l’ha da ridire su tutto…un mi porta mai a spasso…gli unici momenti di svago che c’ho l’è quando vo’ a i’ mercato a fare un po’ di spesa e la domenica quando mi conduco alla Messa…bella vita, sì, che fo io….

PASQUALINA

Accidenti come la s’è accalorata…gli son venuti du’ pomelli rossi nell’incarnato di’ viso…Via la m’offra quarcosa da rinfrescassi.

ZELMIRA

(fra sé) Questa unn’ho capita..e mi sono accalorata io….e la si vo’ rinfrescare lei (a Pasqualina)C’ho dell’acqua fresca, fresca,sono andata a piglianne una mezzina ni’ pozzo fori di porta…L’è bella diacciata..

PASQUALINA

No, no se l’è diaccia diaccia un la voglio…un vorrei che la mi facesse venire i granchi allo stomaco…,e preferirei du’ ditini di qui’ rosolio che la c’ha lì  bottega,nella mensola vicino a i’ bancone

 ZELMIRA

Ha voglia lei..e sa l’è anche di quello bono…gliene fece di regalo du’ bottiglie un sensale di maiali a i’ mi’ marito du’ Natali fa..l’è ancora tutto lì perché a Annibale un gli garba,io e la mi’ Caterina siamo astemiche….Vo a piagliaglielo..(entra in bottega)

ZENOBIA

(si affaccia e tende un paio di mutandoni)

PASQUALINA

Son sua que’ braconi Zenobia…si vede dalla misura….(fra sé) Con qui’ deretano  che la si ritrova…..L’è proprio brava…..ave’ fatto digià i’ bucato a quest’ora…

ZELMIRA

(rientrando)Ecco i’ rosolio…

PASQUALINA

Accidenta quanto la c’ha messo…(lo prende e subito se lo versa)

ZENOBIA

Sa..sora lei..io lavoro..un fo come tante che le sculaccian le seggiole dell’osterie…

PASQUALINA

Ignorante l’è quella perpetua…che gli venisse la sperpetua…Bono, bono ,mondiale l’è dorce come un giulebbe…Insomma pe’ fare un passo addietro di quello che si diceva innanzi…e si sente dire di dimorte ragazze che le vanno a finì male(si riempie di nuovo il bicchiere e beve)Bisogna stare dimorto attente con du’ figliole bellocce come la mi’Teresa e la su’ Caterina(ribeve)E se ne sente dire troppe in giro….

ZELMIRA

Parecchie le son calunnie,sora Pasqualina…e bisogna stare attenti perché ci vol poco a ovinare la reputazioned’una creatura….

PASQUALINA

(riempiendosi di nuovo il bicchiere e bevendo)Parole sante,Vangelo,Ma lei la m’avrebbe a conoscere sora Maria…Dio ce ne scampi e liberi se si po’ dire che sia una chiacchierona..Di qua le m’entrano (accenna all’orecchio destro) e di qua le m’escano..(accenna all’orecchio sinistro) Ma che lo sapeva dell’Annina,sa la figliola della Liduina di via de’Macci  pare che la si faccia mantenere da un vecchio generale… (ribeve) e la cognata dell’Isolina…dice che la fa la modella d’un pittore che la dipinge…dice….senza troppe cose addosso..(ribeve) E la nipote della Diomira…Maria de’ Sette Dolori, la se l’intendeva co’ i’ figliolo d’Adrubale ,lui c’ha fatto icchè la vorsuto e  poi arrivederci e grazie…Gesu’ Maria (ribeve)  Eppoi lo sa icchè la m’ha raccontato la  Valchiria…la mi disse che la nipote dell’Orsola,l’ortolana che la c’ha i’ banco in sant’Ambrogio…

ZELMIRA

(fra sé) Sorte che l’ha detto che la si fa gli affari sua…

PASQUALINA

Dio, sora Zelmira come l’è piccino questo bicchiere…

ZELMIRA

L’è da rosolio…..

PASQUALINA

Io un  lo eggo nemmeno da quanto l’è piccino…E unn’è capace di nulla…La un ce n’ha uno più grande?

ZELMIRA

E c’ho quelli da tavola…

PASQUALINA

Bene,la mi dia uno di quelli,vorrà dire che un lo riempirò raso raso …lo farò scemo…E diceodella nipote dell’Orsola..sa quella…..

ZELMIRA

…che la fa l’ortolana in sant’Ambrogio…

PASQUALINA

O che la conosce anche lei?

ZELMIRA

No un la conosco…ma dianzi la m’avea cominciato un discorso….

PASQUALINA

Davvero? O se un me ne ricordo?

ZELMIRA

(fra sé) Sfido io!

PASQUALINA

E un me lo ricordo sicuro,la m’ha empito la testa di discorsi…(fra sè)L’è una bona donna ,ma la un fa che chiacchierare…

ZELMIRA

Sie..attro che di discorsi..la s’è riempita ma di rosolio..la me n’ha tracannato una bottiglia…

PASQUALINA

(si alza barcollando) Ohiemene!!Via ora la lascio perché ho da  andare dalla Zenobia in sacrestia…

ZELMIRA

Così la continua co’ i’  vin santo..(vedendola barcollare)La vienga  l’accompagno io….. (fra sè) sennò invece che in  sagrestia la va direttamente allo spedale…...La vienga via  ( a braccetto di Pasqualina  si avvicina alla  porta della sagrestia e suona)

PASQUALINA

Ma lei che la vista la Tramviata?

ZELMIRA

No,un l’ho vista gnamo!

PASQUALINA

L’ha perso, la sapesse che bella musica…Su libiam…su libiam…In arto i calici!

ZENOBIA

(affacciandosi alla finestra) O che egli questo fracasso…..O che siete ammattite….

PASQUALINA

Son venuta a davvi una mano Zenobia……so che v’avete tanto da fare…..

ZENOBIA

L’è da stamattina alle cinque che frullo fra canonica e sagrestia……se aspettavo voi…….l’è da qui di’ che ho belle messo a posto ugni cosa…..ho preparato tutto pe’ la prucessione di stasera…. E ho anche  quasi belle finito di preparare i’ desinare pe’ don Casimiro…..anzi sora Zelmira,venivo giusto da voi pe’ pigliare du’ fettine di salame pe’ rinforzo……Scendo subito……

ZELMIRA

Mi sa che l’abbia fatto i’ viaggio a voto…..cara sora Pasqualina…

PASQUALINA

Gnorante l’è quella zitellona…l’è gelosa,perché Don Casimiro dice che come accomodo i’ fiori in chiesa io un c’è nissuna,la si rode dalla bile….

ZENOBIA

(è scesa)O che è ancora qui Pasqualina…gl’ho belle detto che un c’è bisogno di lei…..

PASQUALINA

Sì,ma mi fermerei un po’ in sagrestia pe’ riposammi…..c’ho un  dolo alla stiena che mi sale su su….,porammene son vecchia…

ZELMIRA

O  da che parte gliè incominciato…..

PASQUALINA

Dalla parte di piazza di’ Domo,ero andata pe’ la novena di San Pangrazio….mi dovetti fermare a bere un bicchierino de’ frati,quello dice che fa tanto bene a tutto…..io allora vo in sagrestia…(fa per entrare)

ZENOBIA

No,no la un va da nissuna parte…..(a Zelmira)Così la mi schicchera tutto i’ vin santo e stasera pe’ la Messa dopo la prucessione un c’è n’è più una goccia…la vada a bere l’amaro de’ frati…la un c’ha tanti dolori…..Sora Zelmira,andiamo in bottega ,così la mi dà quelle du’ fettine di salame che gl’aveo chiesto……

BERENICE

Bongiorno a tutte…icchè c’è di novo?Icchè c’è?

ZELMIRA

Di novo c’è poco…..c’è la sora Pasqualina che l’arzato un po’ i’ gomito…..pe’ i’ resto l’è tutto vecchio…..La mi faccia i’ piacere sora Berenice,la l’accompagni a casa, io un posso e devo andare in bottega,c’ho da servire la Zenobia…sennò ce l’avrei condotta io……

BERENICE

Volentieri,c’ho da andare proprio dalle su’ parti…..Venga sora Pasqualina,la s’appoggi…si va a casa insieme…..

PASQUALINA

Ma io volevo fa’ una capatina in sagrestia,perché Don Casimiro m’avea detto….

BERENICE

E la ci torna dopo…..la vienga,la s’accomòdi…(la prende a braccetto)Allora arrivedegnene…

ZELMIRA

Grazie,sora Berenice,la m’ha levato un gran pensiero,unn’aveo cuore di mandalla a casa da sola in quelle condizioni che lì…..

BERENICE

Ma di nulla…ci si vede dopo in bottega,vo’  a fare una novena a S.Gesualdo pe’ la mi’ bambina,poerina l’è tanto sfortunata in amore…eppure l’ così giovine  e bellina..…ci si vede dopo….Arrivedella…Arrivedella anche a lei sora Zenobia …(escono)

ZENOBIA

Giovane e bellina?!? Quella a tempi dell’Arca di Noè l’era belle nata…peccato che la sia scampata a i’ diluvio….

SCENA SECONDA

DETTA,ZELMIRA,ZENOBIA POI ULISSE ,ROSA

ZELMIRA

Cara Zenobia, a i’ giorno d’oggi l’è un gran pensiero avere delle figliole in età da marito… c’ho la mi’ Catera che la spasima pe’ i’ garzone di’ civaiolo e la unn’ha più testa pe’ fa nulla…l’ha fatto proprio bene lei a un sposassi,la unn’ha di  questi grattacapi…

ZENOBIA

Cotesto l’è vero……anche se sta d’intorno a Don Casimiro unn’è mica un’impresa facile,con qui’ caratterino che si ritrova…..

ULISSE

Bongiorno  Madonne…che avete visto la mi’ moglie….

ZENOBIA

Stamattina no….strano…di solito d chi passa dalla piazza e un ne perdo uno….no perché sia bracona,’nteso….

ZELMIRA

Siè ci mancherebbe un anima candida come voi…..

ULISSE

Gliè ita  a prendere i’ vino….s’era rimasti a secco…..

ZELMIRA

O che  v’avea fatto una visita la sora  Pasqualina….?

ROSA

(entra ,ha sotto lo scialle un fiasco di vino)Eccomi,eccomi,sono stata a pigliattelo fresco fori porta…e c’ho avuto gusto…..

ZENOBIA

D’icchene?

ROSA

No, sa c’è questo,che quegl’impiegati di’ Comune,quelli che stanno alla porta,gl’hanno saputo che  ci s’ha pe’ quasi genero uno di loro,così ora quando si passa con quarche cosa,chiudano un’occhio ecco icchè c’è….! E  le son cose che le fanno piacere unn’è vero?

ULISSE

Benone…Ora per lei……l’è belle abolito i’ dazio…….

ZELMIRA

Le son fortune che le un capitano a tutti…..

ZENOBIA

Certo quando si risparmia…..Via ho da scappare ,deo finire di prepare i’ desinare….se torna i’ priore e un trova pronto…..c’è da sentillo! i’ salame lo prenderò dopo…..Arrivedelli…(esce)

ULISSE

Noe, unn’è pe’ i’ risparmio, l’è che quando si tratta di mettere di mezzo i’ vah!

Comune, ci sto anch’io

ZELMIRA

L’ha ragione sor Ulisse essai son poco assassini que’ gabellieri…...Ovvia torno

In bottega perché un vorrei che mi c’entrasse quarche gatto…l’attro giorno quel-

Le du’ bestiacce della sora Carolina,m’hanno finito du’ file di sarsicce,accidenta

a loro e alla su’ padrona (va verso la bottega)

ROSA

 E poi se s’aggiunge a questo che si risparmia cinque sordi….

ULISSE

Unn’è mica poco. Io invece i’ damo della tu’ maggiore, un ti passa

che trucioli per accendere i’ foco…..

ROSA

Un lo dico mica per codesto, ma  vu sapessi icché vor dire per una famiglia poter

Andare fori della porta vecchia in S. Niccolò a pigliare tutto icché occorre senza 

aver nessuna nova pe i’ dazio, e vor di’ tanto. Eppoi fa piacere invece d’essere

fermata e tartassata, sentire que’ giovani dire: “Bona sera, sora Rosa”, “Riverita

sora Rosa” e veni’ via tranquilla tranquilla co’ i fagotto sotto.

                           

ULISSE

Sta attenta però co’ i’ vantatti tanto, perché per me a Santa Verdiana tu ci rimani.

ROSA

Tanto con te gliè inutile discorrere, un c’è sugo ….(chiamando) Ida, vai sennò tu

Fa’ tardi.             

ULISSE

Indo’ gl’ha da ire?

ROSA

La va  alla chiesina delle Grazie, alla novena.

ULISSE

Sola tu la mandi?

ROSA

Macché sola! La va con l’Annina la pigionale. Te quest’altre sere t’un c’eri, ma la c’è andata sempre. O icché la fa quest’altra? Stasera vu fate tardi ... (fra sé)

ULISSE

L’arriveranno e a i’ Tantummergo .. . Ma guarda come la  gli  preme a te questa

Novena

ROSA

O icché vo’ tu, giacché s’ha una figliola tanto devota. ..Ida sbrigate sennò un tu

Fai a tempo……

ULISSE

(fermandosi sulla porta e contraffacendo la voce imitando la moglie) Tu fa a 

tempo,tu fa a tempo…… ma la un se lo ricorda che anche l’anno passato ce le

cucinno insieme lei e l’Anita…mi ci vorse un fottio di quattrini pe’ rifagli  i

vestiti….

ROSA

Per questo un la mando più in quella chiesa piena di beceri La va alla chiesina 

Delle Grazie,indoe c’è un pubblico più scerto…..     

ULISSE

Senti tu’ dirai bene, ma tutta questa divozione in casa mia un l’ho mai vista…..

(entra in casa)

LUDUMILLA

(entrando) Ma chè è possibile che i’ sor  Gaetano un mi guardi nemmen pe’ sbaglio…. Un son mica brutta,mamma?

BERENICE

Macchè brutta…ma icchè tu vai a pensare….(si siede e se la mette sulle ginocchia)T’hai de’ riccioli che tiran baci…un personalino da silfide….tu se’ tutta la tu’ mamma…tu’ se’ un bigiù….Tieni va a pigliatti  lo zucchero filato…

LUDUMILLA

No!

BERENICE

Allora ti porterò alla giostra…su un be’ cavallino…cavallino arrì arrò…..

LUDUMILLLA

Attro che cavallino…io voglio un omo e subito…senno dovento matta….(esce)

BERENICE

A me questa figliola la mi farà andare a i’ cimitero…..Figlioli frignoli…Indoe l’è meglio che un lo dica perché sono una signora…..

ROSA

 (uscendo di casa e chiamando )Ida….  mi par di vedere l’Annina che l’arriva……

IDA

(uscendo di casa)Eccomi mamma..Vo via,perché a quest’ora c’aspettano ,la lo sa,  le guardie comunali un possano star fermi….bisogna che passeggin sempre quando son di servizio..

ROSA

Per l’amor di Dio stateci attente,andare dalla parte degli Uffizi corti,c’è meno gente,un v’abbia a veder quarcuno…. Se succedesse  la sentirebbe i’ su’ babbo….

IDA

La stia sicura…..un ci s’avrebbe a movere di lì,fra gl’Uffizi e l’arco delle Carrozze

VOCE

Ida vieni,andiamo….

ROSA

Mi raccomando,che l’una la guardi quell’altra…..(fra sé) Io lo capisco che fo male,ma se aspetto  dell’altro tempo un mi ci rimane nulla di quella figlioluccia,la mi si strugge come una candela…Maledetto  a quando  dissi che prima di riaffacciassi a questa casa,i’ sor Alfredo dovea stasera per armeno nove mesi ni’ corpo della polizia municipale….Qui satanasso d’Ulisse mi prese in parola e un m’è riescito di spuntalla…..

SCENA TERZA

ZELMIRA,CATERINA,POI BERENICE E LUDUMILLA

ZELMIRA

(esce da bottega) Indo’ la sarà  la mi’ figliola….(prende un pezzo di carta e scrive)   ho da andare a i’ comprare un poponcino pe’ i’ mi’ Annibale,lo stufato bisogna che la lo metta lei su i’ foco….Lo sai icchè gli scrivo un biglietto (entra in bottega e ne esce con un foglio e una matita,poi scrive,piega il foglietto ed esce)

LUDUMILLA

 (Entrando con Berenice)L’ha vista,l’ha vista….la “padrona” la parlava con uno dei fornitori della fattoria di Gricciano…..

BERENICE

E l’ho vista,l’ho vista….

LUDUMILLA

Ha visto come la s’accalorava..pareva che la lo rimproverasse di quarche cosa….Ho ragione a dire che da un pezzo a questa parte l’ha preso un gran piede in casa e  nella bottega di’ so’ Claudio,quella servaccia puzzolente di rigovernatura…..Un padrone come quello va’ a ritrovallo,vedovo, bemportante, piacente,ricco ricco da non si dire….poderi ni’ Chianti, magazzini, tre botteghe a Firenze

BERENICE

Invece di stare a chiacchierare va’ subito a sentire icchè la dice…fa’ un giro alla lontana e senti…t’aspetto qui….

LUDUMILLA

Sarà che mi sbagli,ma per me quella la mi fa la finestra su’ i’ tetto….Sarei capace di riprendere i’ regalo che gl’ho comprato pe’ i’ su compleanno e di non farmi più vedere…

BERENICE

Ma indo’ tu’ hai la testa? E’ egli possibile che i’ sor Gaetano voglia perdersi con una serva?….

LUDUMILLA

Si rovina i’ su’ nipote con quella sartina,si pol rovinare lui..tanto son contadini tutta gente bassa…

BERENICE

Lo capisco,ma che ti vorresti giocare anche questa delle occasioni? Ma  me lo dici dove tu ce l’hai i’ cervello?

LUDUMILLA

O che devo servir pe’ rifiuto….

BERENICE

Ma che rifiuto….Che rifiuto! Eppoi non mi far confondere,sennò pianto baracca e burattini e un’occupo di nessuno…..

LUDUMILLA

Ma dovrebbe essere lui a capire che se io lo sposo sarà per me un gran sacrificio e invece…..invece bisogna raccomandassi….Ah cara mamma gli sta’ bene… come la vol lei ma questo per poco, poi basta,prechè l’ho anch’io un po’ di dignità…..(esce)

BERENICE

Ahuf! Disgraziate quelle che c’hanno delle figliole!….Vu’ cercate di sistemalle? Le brontolano.V’un ve ne occupate? E allora c’è ogni pochino i’ dottore pe’ la casa perché gl’hanno gli stenterellini….Quando un omo gliè arrivato a una certa età  unnè possibile icchè la vol la mi figliola….Un si scarda più….ma piglia le cose con carma..e ci pensa….Santo Iddio tempo alle cose……Io so che per abbacinare i’ mi’ Nemesio ci misi più di dieci anni.ma un lo persi d’occhio mai!….E te lo presi…Aho se lo presi….Una sera nell’orto gli dissi:-Tu ci sei?  O stacci!-Preso così pe’ i collo un potè dire di no……Di come si tratta cogl’omini un m’insegna nulla nessuna…..Ludumilla…Ludumilla….

SCENA QUARTA

STINCHI,LAUDOMIA,GESUINO,POI ROSA

STINCHI

(rientrando) I’ legno di Testagli l’è arrivato,sor Ulisse(introduce Laudomia e Gesuino ) Ora un vi’ fate vedere, prima l’è meglio tastallo..

ULISSE

(uscendo in tuba) Siam pronti…indo’ l’è?

STINCHI

L’è  di là nella stalla che la sta sgranando. Dopo gli do’ da bere.

ULISSE

Che gliel’ha dato i’ solito pacchetto di biada?

STINCHI

Sicuro!

ULISSE

Allora si pol’ire   

STINCHI

Un momento sor Ulisse e c’ho da dirgli una cosa….

ULISSE            

Che c’è egli?

STINCHI

Ma la un s’allarmi

ULISSE

Icché c’è?

STINCHI

C’è una persona che l’avrebbe da confidargli du’ paroline, pe’ di’ la verità l’era

venuta aspettallo giù nella rimessa, ma siccome la s’è sbottonata un pochino

anche con me, io ho capito subito che unn’era affare da parlanne nella stalla..

ULISSE            

Ma icché l’è successo?

STINCHI

Ecco la gnene dirrà da sé: c’è la su’ pigionale, la sora Laudomia, che l’è venuta 

co’ i’ su fratello Gesuino, sa lo scaccino di Don Casimiro,ma la un boci perché la su’ moglie la un deve sentire

LAUDOMIA

(si è fatta avanti ) Giù mi spiego subito in du’ parole e lo dico a lei perché ho capito sarebbe inutile con la su’  su’ moglie …….

GESUINO

Icchè tu hai le doglie?

STINCHI

(fa la guardia alla cucina) Le sbuccian le patate, si po’ andare sicuri

LAUDOMIA

Come la sa’, i’ mi’ poero marito morì nell’85 e io rimasi vedova con du’ figlioli

da  tirar su….

GESUINO

Ah…ora un tu ce l’ha più?…Io un capisco prima la c’ha le doglie..poi gli vanno

via….

LAUDOMIA

(urlando) Dicevoi che son rimasta vedova giovane…con du’ figlioli piccini…

GESUINO

Davvero poera Laudomia, l’è rimasta vedova così giovane, ma sempre fedele alla

memoria di poero  Asdrubale…. La un s’è mai lasciata tentare dalla carne!          

STINCHI

(fra sé) Codesto lo dice lui… se la vedo spesso ni’ retrobottega d’Arturo, si vede

che invece che dalla carne, la si fa tentare da i’ macellaio.

ULISSE

Cara Sora Laudomia veniamo a i’ sodo, se la mi comincia dall’85 si fa nottata ...

veniamo a i’ sodo..

STINCHI

(fra sé) Oddio di’ sodo la ce n’ha..un dubitare….

LAUDOMIA

Ebbene,c’è  questo caro sor Ulisse,se la unn’apre bene gli occhi la su’ figliola e

la mia le scappano a Tripoli

ULISSE

A Tripoli?

STINCHI

A fa le pappine.essai le cercano come i’ pane…..

LAUDOMIA

Macchè pappine! Siccome laggiù formano i’ corpoC’è i’ ronzone della su

figliola ,i’ sor Alfredino , e un altro che s’è appiccicato alla mia che vogliono

ingaggialli per fargli fare più presto carriera ni’ corpo della polizia e per

unn’andar soli quei due tentano di strascicassi dietro anche le nostre bambine -

ULISSE

Ma chi gliel’ha detto…la venga via….

LAUDOMIA

Questa lettera che ho scoperto alla mi’ figliola…..

ULISSE

Ma si tratterà della sua ,non dell’Ida…

LAUDOMIA

La vedrà… se la se ne vole rendere conto di persona l’ha andare all’uscita della

Novena alla chiesina delle Grazie e la si persuaderà…..perché secondo me…l’è lì

che fissano pe’ complotta tutto….

ULISSE

(a  Stinchi) Dammi la tuba…dammi la frusta da domare e’ puledri…. e….. questa

vorta e lo butto a fittoni in Arno qui’ pirulino……

ROSA

(entrando) O che egli successo?

ULISSE

E te va via…va via…..poi si farà i conti dopo…..la novena……la bambina tanto

divota…fattelo dire dalla sora Laudomia…ora gnene canto io i’ Tantummergo!

ROSA

Lei icchè la vole…icchè la da’ dimmi….

LAUDOMIA

Gli dico solo che se succede quarcosa,la colpa l’è tutta della ciettona della su’

minore…che l’ha corrotto quell’angiolino della mia….

ROSA                 Angiolino? GI’ha un be’ coraggio a chiamalla angiolino, che da quanti sordatini l’ha praticato gli dovrebbero dare la medaglia a i valor militare…..

LAUDOMIA       La moderi la lingua sa…vecchia befana…L’abbia rispetto di’ mi’ fratello,l’è un’anima innocente….

ROSA                 Innocente? Deficiente la vorrà dire…

LAUDOMIA       (furiosa) Deficiente a i’ mi fratello ... ma io la spettino sa

ROSA                 Ma chi la spettina lei(le due donne s’accapigliano, Stinchi le divide)

LAUDOMIA       (a Stinchi che nel dividerle fa la mano morta con Laudomia) E lei la butti giù le mani

GESUINO          Icchè si torna domani?

LAUDOMIA       Quella donna l’ha infamato l’onore della tu’ nipote, digli quarcosa te ,fatti valere,

GESUINO          Icchè? Si va a  i’ Forte Belvedere…..?

STINCHI            Unn’ha capito nulla come a i’ solito…ma la gli dia retto lo stesso..l’è meglio levassi di torno  La vada sora Laudomia, la dia retta a me!

LAUDOMIA       (uscendo) Che gentaccia! Un ci si po’abbasssare a su’ livelli…

GESUINO          Sì…brava…andiamo a cantare gli stornelli

ROSA                 Fori!

LAUDOMIA       (rientrando) Vien via Gesuino, questi son capaci di sciupare anche te…

STINCHI            Tanto l’è poco sciupacchiato! Però sora Rosa bisogna riconoscilo e son stato bravino a sbolognalli così alla svelta ... pe’ dilla come i’ sor Ulisse:“a me i’ garzone di stalla, mi pare che meglio di cos’ un si possa fare!”( si accomoda sulle sedie  sull’uscio della bottega di Zelmira)

STINCHI

Vediamo di riposassi un po’ le reni..dopo queste faticacce..(prende il foglietto)

Boh….ichhè ci sarà scritto?Va a sappi tu…..Un so leggere,alla prima dell’asilo dell’infanzia aveo già concruso i ‘ mi studi….Ci daano i’ latte….e me appen son nato mi’ paceva digià i’ mommo……ero andato a balia ni’ Chianti…

SCENA QUINTA

STINCHI,LAUDOMIA poi ANNIBALE

BERENICE

Votta c’è Stinchi….ma lo sai che un t’avevo riconosciuto,tu’ ti se’ fatto proprio un be’ ragazzo……che ce n’hai dame?

STINCHI

Dame noe…preferisco le damigiane…..

BERENICE

Facetico…oltre che belloccio tu’ se’ anche un gran simpaticone……perché un tu passi quarche giorno da casa mia…magari a prendere un tè…..così du’ fa du’ chiacchiere con la mi bambina….che l’hai presente…la Ludumilla..oltre che una gran bella figliola l’è anche dimorto simpatica….così poi v’andate a fare du’ passi,a pigliare un sorbetto….la sa’ delle barzellette da stianta da i’ ridere…allora t’aspetto…Addio ..Occhiacci assassini…..(esce)

STINCHi

Addio rificolona…piuttosto che andare a sentire le barzellette della su’ figliola e vo’ a i’ cataclisma di don Casimiro c’è più divertimento….

ANNIBALE

(entrando)Chi vu’ cercate voi?

STINCHI

Nissuno,sono i’ garzone di stalla di’ sor Ulisse quello i’ fiacchere che sta difaccia

ANNIBALE

Se vu’ state difaccia la unn’è ragione pe’ esse qui.

STINCHI

Lo so, ma mi sono accomodato un pochino….

ANNIBALE

E io la scomodo…. Questa l’è la bottega della mi’ moglie…se un si consuma  si deambula…

STINCHI

Allora ci posso stare a vita….quanto consumo io…un c’è nessuno….

ANNIBALE

 Sì ma ora vo’ mangiare e ho  bisogno di codesto tavolino….visto che l’è una bella giornatina,vo’ desinare all’aperto….Ebbene,aete a aver artro?

GAETANO

Io?…..No,no grazie….Arrivedello sor Annibale…

ANNIBALE

Aspettache!

STINCHI

A su’ comandi.

ANNIBALE

Mo, no, vu’ poteche andare….

STINCHI

Io vo….io vo…. Accipicchia come vu’ sieche nervoso….

ANNIBALE

Mondaccio….

STINCHI

Ohè! Icchè  v’è egli successo?

ANNIBALE

O un mi succede una disgrazia!

STINCHI

O che disgrazia…..Un mi diche vu’ siete rimasto senza vino….allora vi capisco l’è una disgrazia a caso….

ANNIBALE

Macchè vino..aveo commesso una partita di fagioli,di quelli belli;roba fine ‘nteso,di’ pian di Pisa…..

STINCHI

Eh,lo credo, li mangio anch’io…dopo ci bevo un par di gotti …..l’è una meraviglia….

ANNIBALE

E si mangia tutti, ce ne fusse…A Firenze e’ fagioli son’oro…

SCENA SECONDA

ZENOBIA,PASQUALINA, STINCHI

STINCHI            Eppure l’è così credete!

ZENOBIA          O icchè l’è successo….

STINCHI            E c’è…e c’è…che i’ sor Ulisse l’è stato arrestato….

ZENOBIA          Madonina santa……Ma icchè gl’ha fatto?

STINCHI            Gl’ha tirato du’ ditache negl’occhi a una guardia di’ corpo!

PASQUALINAMa come gliè potuto succedere

STINCHI            Lei la pensi a vendere i’ su cavoli perché l’origine di ogni cosa l’è stata lei!

PASQUALINAIo?

STINCHI            Ti,ti! Perché se la un metteva qui’ dozzinante un succedeva nulla…

PASQUALINA  Ma icchè tu dici…ma che se’ briaco di mattina…I’ sor Alfredo sembrava tanto un bravo ragazzo,un anima candina,leggeva sempre le avventure di Lanciotto della Commedia dell’Alighiero….

STINCHI            Che amor lo strinse! E infatti s’è visto come gli stringea! Ora però  anadache via

PASQUALINA  Oh adagino! Che maniere son eglino, un siam mica ladri.

ROSA                 (esce da casa; ha gli occhi piangent)

IDA                      (la segue tenendo il fazzoletto agli occhi e piangendo)

ROSA                 Brr che freddo, che freddo….

PASQUALINA  La venga, la venga, la si metta a sedere ... (le porge la sedia) Sù sù sora Rosa!!

ROSA                 L’è una parola sta su’ in questi momenti.

STINCHI            Poi poi sora Rosa unn’ha mica ammazzato nessuno, sarà una question d’ore…

ZENOBIA          Pora sora Rosa…

PASQUALINA  Ma icchè l’è andare alle Murate,bada liè….

STINCHI            La stia carma sora Rosa, tanto gliel’ho detto, la sarà question di minuti, lo intanto vo’  a dare un’occhiata a quella poera bestia, ‘nteso, perché abituata come l’è a andà fori a bruzzico e par che l’abbia l’argento vivo(fra sé). Gli altri dican di no, ma per me la piange anche lei..Nina, eccomi …(piagnucola)

ZENOBIA          Piange anche Stinchi!

ROSA                 E chi un piangerebbe ... perché la un capisce sora Zenobiaa, questa l’è la prima volta, un me l’avevano arrestato mai. Alle Murate sì, c’è stato più di una volta, ma da sé, per risparmiare quarche contravvenzione, ma così no! Poero i’ mi’ Ulisse!!!

ZENOBIA          La ci doveva pensare un po’ prima, la vede icchè un si pena a compromettere gli    animi.

ROSA                 V’avete ragione, v’avete mille ragioni. La colpa l’è tutta mia, un’importa dillo ... però giacché un gli riuscì trovalli insieme, e si potrebbe ancora nascondere..

ZENOBIA          Ma che si sa la verità?

IDA                      No, no un mi vide, un vide né me, nè l’Annina.

ROSA                  La sente Zenobia dunque, in fondo poerina lei la un c’entra ... perché s’ha a dire una cosa quando la unn’è, siamo giusti.

STINCHI            Ma se lasciò la vettura abbandonata in piazza d’Arno e fu pe’ colpa sua. Davanti alla chiesina delle Grazie un potea fermassi perché c’è le verghe di’ tranvai ... allora lui s’arrischiò e lasciò i’ legno accanto a i’ monumento de’ caduti di Mentana, ma pe’ du’ minuti, tanto per entrare in chiesa e dire: v’ho preso! Fu allora che que’ bei du’ chiacchierini che gironzolavano nei pressi degli Uffizi, pe’ via di loro, gli fecero i’ dispetto di portargli a i’ Municipio carrozza e cavallo.

IDA                      (piangendo) Ma che dispetto!

STINCHI            (rientrando) Vai’ la ribela…

PASQUALINAMaria Santa!

STINCHI            Poi tornò senza avelle vistee la s’immagini lei come ci rimase..

ROSA                 Perché unn’era nemmeno i’ su’ legno, l’era quello di’ Testagli, capito sora Pasqualina?

PASQUALINA Un trovò più nulla?

STINCHI            Un c’era altro che quella brutta statua di que’ du’ garibardini condannati a sta lì a fare l’omo serpente con i’ corbello accanto, a lui un gli era rimasto che la tuba e la frusta, perché quelle se l’era portate con sé.Eppoi L’ha mettere un omo a girare, un omo a girare pe’ Firenze con la tuba in capo eppoi se ne ragiona.

ZENOBIA          O un cercò, o un guardò?

STINCHI            E corse subito a i’ Comune pe’ veder di rimedialla, ma pe’ falla breve un gli racconto che questo: appena entrò in Palazzo Vecchio, fatto l’androne, lì in cortile indò que’ du’ boia gli avevano portato i’ legno trovò subito.  E giuè ditache negl’occhi….

ZENOBIA          Uh vergine!!!

IDA e ROSA      (piangono)

ZENOBIA          Chissà che verbale gl’hanno disteso! E sai son poco assassini ni’ Palagio!

ROSA                 Armeno ci fussero e’ caporali, la si potrebbe rimediare…

IDA                      (piangendo) I due Giugno ci sarà l’amnistia.

STINCHI            Sentimela bellina ... la vole aspettare Giugno, se’ mesi la lo vo’ tenere dentro.

IDA                      E chi dice codesto.

STINCHI            E allora aspettiamo che l’abbiano cucinato.

ZENOBIA          Qui per me ci vole qualche amicizia, se un c’è qualche amicizia un si fa nulla!

ROSA                 La dice?

PASQUALINA O la un lo sa che co’ quattrini e l’amicizia.

STINCHI            E un son più codesti tempi, oggi le cose le fanno i’ su’ corso..

ROSA                 O lasciala dire, la dica, la dica, la crede?

PASQUALINA (facendo il gesto con le dita) Io ho sempre sentito dire che quando c’è di questi…..

ROSA                 Codesti un ci sono!

ZENOBIA         Allora ci vole un bon appoggio ... che so io ... qualche persona che l’abbia le mani in pasta ni’ capannone, una persona artolocata…

STINCHI            O perché un vu’ sentite Pulifemo, quell’omone dell’Ulissea, più arto di quello…

PASQUALINA La si cheti, spiritoso!

STINCHI            La m’ha a chiamare spiritoso, l’è da ieri che un metto in bocca un gocciolino.

ROSA                 Chi ci potrebbe essere

ZENOBIA          Un ci sarebbe altro che la marchesa Torrigiani.

STINCHI            Va’, giusto che la disse che l’era alla novena, anche lei la po’ essere testimone de be’ rapai che vu facevi.

ROSA                 Ma che rapai e rapai! In chiesa le portavano i’ su dovuto rispetto.

STINCHI            E lo credo, Io credo, le un c’andavano in chiesa, l’andavano a fare le giratine sotto gl’Uffici, di sera poi, be’ posto v’avevi scelto.

ROSA                 Lascia andare, lascia andare, pensiamo piuttosto a chi ci po’ far risorgere! (pensando) Ma chie? chie? la c’aiuti lei Zenobia..

STINCHI            Risorgere? Ancora un siamo a Natale, e lei la pensa alla Resurrezione!

ZENOBIA          A me l’idea di rivolgersi alla vecchia marchesa Torrigiani un mi dispiacerebbe, poerina l’è tanto bona ... pe’ noi, poeri di S. Niccolò, l’è sempre stata un angelo,po posso chiedere a Don Casimiro di mettici una parola bona….

ROSA                 Ma che si vorrà scomodare per noi?

IDA                      Ci sarebbe i’ marchese Pietro….

PASQUALINA  Si, davvero, un c’avevo pensato…

STINCHI            Si gli è qui che aspetta i’ marchese Pietro..

ZENOBIA          O che è a Roma? Eppure le camere le son chiuse, siamo vicini alle feste.

STINCHI            (fra sé) O ‘ndò va a dormire i poero so’ marchese se gl’ha tutte le camere chiuse

SCENA TERZA

REPORTER E DETTI

REPORTER     E’ permesso, si può (entra tutto allegro con una pelliccia abbastanza rovinata)

ROSA                 Pe’ l’amor di Dio!

ROSA                 Buttatelo fori, sapete!

STINCHI            Ecco un ci mancava che lui per essere a i’ completo.

REPORTER     Calma, calma, un son mica i’ diavolo? Capisco che quando vu vedete un giornalista che s’è fatto un po’ di nomea….

STINCHI             Da retta che pelliccia! La dee ave comprata da i’ Tignoli!

REPORTER     Però v’assicuro che questa volta non vengo per raccattar broccoli

TUTTI                Menomale!

REPORTER     Adesso son passato al “Nuovo” e non sono più una bonavoglia, sono redattore stabile e sto li’ a fare un po’ di tutto, ma i’ mi’ forte l’è la critica drammatica.

STINCHI            O so’ reporterre come sta i’ su babbo, i’ generale rattrappito?

REPORTER     (stizzito) Macché rattrappito ritirato Grazie, grazie, gode ottima salute!

 ZENOBIA         Complimenti, lei farà una bella carriera…Ma se unn’è più reporter io unn’ho capito la ragione perché la si trova qui?

REPORTER     Io sono accorso qui per portare una buona novella..

STINCHI            O chi l’è l’Arcangiolo Gabriele?

PASQUALINADavvero?! Sta a vedere che le querce le fanno i limoni!

ZENOBIA          Icchè  c’è si spieghi?

ROSA                 Bravo, la si sbottoni!

REPORTER     Ecco io ho avuto la fortuna d’aver parlato or ora con il signor Ulisse…. A quest’ora l’avranno già rilasciato…..gliè intervenuta una certa persona che l’ha messo una parolina…anzi una parolona bona…

ZENOBIA          lcché?

ROSA                 La un me lo dica..

PASQUALINA Macché! Questo unn’ è possibile, i’ sor Ulisse gli è staco arrestato e se uno unn’è avvocato , un po’ andare a trovare i galeotti…io lo so bene ne posso parlare in cattedra…..

STINCHI            La scusi, pol essere sortito dalle Murate anche lui..

ZENOBIA          Un critico drammatico?

STINCHI            Quelli son posti indo’ un guardan mica a i’ mestiere!

REPORTER     Dunque, siccome per il mio giornale m’occupo un po’ di tutto, poco fa mi trovavo alla questura centrale

IDA                      I’ babbo l’è trattenuto dalla questura?

ROSA                 Menomale !

STINCHI            La sarà anche una bella cosa,ma io preferirei essere trattenuto da un vinaio....

ROSA                 Andiamo a riscontrallo…..

TUTTI                Si, si, si!

ROSA                 Ida, piglia gli sciallini! Zenobia la venga anche lei ... mamma mia c’ho i’ cuore in gola….

PASQUALINAPer me vu’ fate i’ viaggio a ufo….

STINCHI            Perché?

PASQUALINA  Ma come perché… I’ sor Ulisse gliè corpevole di tre reati, dico tre: contravvenzione, oltraggio ad agente della forza pubbrica, lesioni gravissime,gh’ha messo un dito nell’occhio a una guardia .A quest’ora gli è digià alle Murate……Ioposso parlare in cattedra di queste cose….

REPORTER     Lei ha studiato giurisprudenza?
 

PASQUALINA  No gliè la pratica…..i’ mi’poero Agenore….gli stava più dentro che fora….

STINCHI            Ma se i’ sor Reporterre l’ha visto fori….

PASQUALINA Sie ma c’ha detto che l’ha visto stamani presto, ma il carrettone  che trasporta  gl’incarcerati e passa verso le dieci e mezzo…noe,noe..l’è belle in gattabuia……

STINCHI            O la si cheti…..

PASQUALINA   L’ è alle Murate via…..

VOCE                 Icché c’è stato ?

SCENA QUARTA

ULISSE E DETTI

ULISSE              (Entra)

STINCHI            (balza ritto su una sedia, afferra la tuba di Ulisse e la sventola) Evviva i’ sor Ulisse, evviva i’ sor Ulisse !

ULISSE              Finarmente a casa….vu’ sapessi in  certi momenti…quanto v’ho pensato,unn’aveo che un pensiero…un dubbio,quello di non rivedere  più la mi famiglia.

ROSA                 Anche a me tu ha pensato Ulissino?

ULISSE              A te pe’ prima e diceo fra me e me o perché quell’altra volta invece di rimpolpettalla e basta, un gli tirai i’ collo alla mi’ moglie, così dentro invece che pe’ una ditaca in un occhio, c’andavo pe’ omicidio e ci sarebbe stato più sugo no?

STINCHI            Ma icché la dice…

ZENOBIA          Codeste cose la unne deve dire neanche per ischerzo.

PASQUALINA Ma la un ci pensi più pensiamo a bere l’è meglio.

STINCHI            Ola dica sora  Pasqualina icché la mi vol fare concorrenza?

ROSA                 Ulisse, con codeste parole tu m’hai spezzato i’ core.

ULISSE              L’era meglio se t’aveo spaccato la testa.

ROSA                 (piangente) Un me lo merito, ecco….

ZENOBIA         La un ci pensi più a icché gli è stato la vada innanzi avanti ,su i’ passato ci si deve mettere una bella pietra sopra.

STINCHI            Eh lo so io, indò la vorrebbe mettere la pietra, altro che su i’ passato.. ora che l’è andato tutto bene, o la un si potrebbe decidere…

ULISSE              A fare icchene?

STINCHI            Ad acconsentire a i’ matrimonio della sor’Ida e di’ sor Alfredo .Una volta sposi la vedrà che gli daranno meno grattacapi.

ULISSE              Tu dici?

ROSA                 E dice bene  Stinchi..

ULISSE              Tene chetati!

TUTTI                Via, la si decida!

ROSA                 GI’hanno ragione Ulisse, deciditi!

ULISSE              T’ho detto di sta’ zitta(dopo un lunghissimo slienzio, e dopo che ha minacciato con lo sguardo Ida e Alfredo, rivolgendosi alla figlia) O un tu lo voi e te piglialo..

IDA                      Grazie babbo un so icché divi…

ULISSE              Nulla! L’è bene d’ora innanzi che in questa casa, se c’è quarcuno che l’ha diritto di parlare, quello son io e basta!

ROSA                 (fra sé) Voglio vedere come farà a fammi sta’ zitta…

STINCHI            O sor Ulisse, io prima che soni i’ silenzio, una cosina l’avrei da dilla io un si stappa?

PASQUALINA Certo bisogna stappare in alto i calici,bisogna bere….

STINCHI            I calici un ci sono…..

PASQUALINAIcchè vor dire si berràa boccia(prende le due bottiglie)

ULISSE              No, codeste no! Codeste le son belle fissate!

TUTTI                Fissate?

ULISSE              Pe’ quest’altranno! Per ridere, gioire e divertissi se ci si riuscirà . Vi mettere le mi’ figliole alla gara come du’ cavalli, alla prima che la mi scodellerà un nipotino, gnene stappo..

STINCHI            E ho belle capito! Anche pe’ questa volta, e rimango a bocca asciutta!

SCENA QUINTA

PAQUALINA,ZELMIRA,BERENICE

PASQUALINA

Come son contenta sora Zelmira….l’ha saputo che i’ sor Ulisse l’è stato rilasciato….dovea finire in gattabuia…..l’avea tirata una ditaca in un occhio a una guardia di’ corpo……

ZELMIRA

E lo saputo…tutta pe’ corpa di quella canarina della su’ minore….”L’acqua cheta”, oramai la chiaman tutti così…..

PASQUALINA

La voleva andare a Tripoli….insieme alla figliola della sora Laudomia….quella ciettona…….le voleva anda’ lì insieme a su’ spasimanti…que’ du’ banesi…..e son du’ guardie di corpo……

ZELMIRA

Eh lo so,lo so…Firenze gliè picina le cose belle o brutte le si vengano a sape’ subito…..

PASQUALINA

Peccato…gnene volevo raccontare.……

ZELMIRA

L’ha saputo della mi’ Catera……Unn’è vero nulla che la s’è fidanzaca co’ i’ so’ Lorenzo……l’era tutta una scenetta…..l’avea paura…che  quello che la vol pe’ damo, un fosse innamoraco di lei…ma della su’figliola…della Teresa….Invece no….i’ civaiolino l’è cotto e stracotto della mi’ bambina

PASQUALINA

Potea essere…perché la mi Teresina l’è una gran bella figliola…lo dican tutti…e dican anche che l’è tutta su’ madre……

ZELMIRA

Sa che generino……

PASQUALINA

No pe’ vantazione….ma era una gran bella figliola anch’io…..aveo più dami…….io…….che di capelli in capo……Anche ora….un son mica da buttassi all’ortiche…..vero….

ZELMIRA

No…no……(fra sé) All’ortiche no….nell’immondezzaio sì però…..

BERENICE

Sora Zelmira…..sora Pasqualina……c’ho una notizia..una notizia…..che l’è la fine di’ mondo…

PASQUALINA

O che ha vinto una quaterna a i’ lotto….

BERENICE

Di più…di più…….

ZELMIRA

O c’ha egli visto i’ Papa?

BERENICE

Di più,di più…….la mi’ Ludumilla……

PASQUALINA

L’entra in convento? Bene son contenta,così l’è belle sistemata…perché chi vole che se l’accollasse un catarrone di qui’ genere….

BERENICE

L’ha trovato i’ damo…..

ZELMIRA

O chi egli questo disgraziato…..

BERENICE

I’ sor Lorenzo..i’ macellaio……

PASQUALINA

Sghio?

ZELMIRA

O la un dicea che l’era un mostro quando la lo dovea sposare la mi’ figliola…..

BERENICE

Insomma brutto…..un tipo direi……l’ha in fascino tutto nello sguardo…

PASQUALINA

O se l’è egli strabico…….

BERENICE

Sarà anche strabico….ma c’ha in quegl’occhiacci  un non so che…..Quando una donna la lo guardo,gli sguardi s’incontrano e  frrr…. E producano i’ fluido magnetico…A lui basta guardare una ragazza pe’ un quarto d’ora pe’ magnetizzalla…Un c’è rimedio…..La un pole resistere…Bisogna che l’allarghi subito…..

PASQUALINA

Icchene?

BERENICE

Le braccia….In confidenza quando sono andata in bottega perché lui mi voleva far la chiesta…..ho corso un gran pericolo anch’io..Se m’avesse guardata come sa guara’ lui,m’avrebbe fatto fare icchè gl’avrebbe voluto…

ZELMIRA

Poero omo…..un gli mancava che quella…..la mamma e la figliola..l’è proprio vero che le disgrazie le un vengano mai sole…..

PASQUALINA

Noi si va a i’ mercato….Arrivedella……la mi saluti la su’ figliola…

ZELMIRA

Tante cose a casa e un bacione a i’ bimbo…..

PASQUALINA

Un bacione a i’ bimbo e tanti saluti a casa…

ZELMIRA

La preghi che la su’ figliola l’abbia salute…che poi l’abbia un maschio o una femmina  sarà l’istesso…..

BERENICE

Come sarebbe a dire…..

ZELMIRA

Che somigli a i’ babbo o alla mamma l’è uguale…….tanto di qua o di là indo’ tu vai le son cipolle…son du’ mostri..oltre alla bottega,s’avrà la famiglia di Sghio….un  saluto a casa e un bacione a i’ bimbo……

PASQUALINA

Un bacione a i’ bimbo e tanti saluti a casa Arrivedella……

BERENICE

L’hanno a dire icche’ vogliano…ma m’è riuscito a sistema’ la mi figliola…essai l’è stato un lavoro a caso…. San Gesualdo tu’ se’ stato  grande…un cero così (fa il gesto) un te lo leva nessuno!

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno