Foss… a Maronne

Stampa questo copione

GENNAIO 2015

FOSS…. A MARONNE.

Due atti

di

Raffaele Caianiello

Personaggi

CARMINUCCE     calzolaio marito di Filomena

FILOMENA          moglie di Carminucce

PASQUALE          cognato di Carminucce

TURILLO              oste

ASSUNTINA        moglie di Turillo

MIMÌ                   amico di Pasquale

CATERINA           sorella di Filomena

SALVATORE

LUISELLA

NICOLINO

DON LUCIO        prete

TERESELLA          amica di Filomena

SAVERIO            

Una commedia nella commedia? No, piuttosto: la vita nella commedia! Tutto nasce dalla richiesta di un amico di scrivere qualcosa di immediato, facile da ricordare …  ma tutt’è tranne che qualcosa di facile! Non è facile parlare della vita, dei suoi intrecci, delle sue sorprese; non è facile capire come né perché certe cose accadano eppure … eppure Raffaele Caianiello con una semplicità disarmante riesce ad intrecciare tre commedie in un’unica trama. Partendo dall’avvio di ‘Tiempe belle ‘e na vota’ per sviluppare le parti forti, giunge alla tematica della rappresentatissima ‘E ricchezze da povertà, portando avanti una trama nuova, in cui si incrociano problematiche già dipanate ma con nuovi mezzi.

E’, in fondo, la commedia stessa, la trama che porta allo sviluppo del racconto. Tracce di ricordi, rammarico per quanto perso e sogni disincantati di un futuro non più atteso. E’ l’arte del teatro a fare da personaggio principale, la sensibilità e la dedizione degli attori amatoriali che alla fine rendono viva e vera la storia di Caianiello che racconta nella storia come e perché  sia nata la commedia: qualcosa da fare per raccogliere fondi da destinare in beneficenza ed è questo il motivo principale per cui tante persone comuni si avvicinano al teatro e da qui nascono storie che si intrecciano con quelle quotidiane portando al lieto fine, sempre e comunque, per ciò che  la condivisione dell’esperienza da a quanti vi lavorano.

 Le motivazioni del progetto, le valutazioni per la scelta degli attori e dei ruoli … tutto ha un preciso fine: far sì che non solo la commedia porti allo scopo primario, ma che durante i mesi di prove e di impegno assiduo, costante, possano nascere legami indissolubili e ciò è quanto in realtà può accadere nella vita di quanti si cimentano nell’avventura teatrale.

La vita nella commedia, la commedia come rappresentazione teatrale della vita stessa, con le paure, le angosce, i dolori, le gioie, le attese, i sogni, la disperazione, le consolazioni di chi fingendosi altri, altro non fa se non difendere se stesso e la sua verità ma soprattutto i propri sogni ed i propri sentimenti.

 Qui le gag, le battute a doppio senso, le scene equivoche servono da tappeto ai motivi che in ogni commedia, e quindi soprattutto in questa che ne ‘riprende’ alcune, alla fine vengono fuori ed incoronati: la famiglia, la collaborazione, la generosità …  I valori ed i principi sani, veri, che in ‘Fosse a Maronne’ non hanno contrapposti perché non ci sono personaggi ambigui né ‘cattivi’ ma solo persone fondamentalmente buone che, forse senza nemmeno saperlo, si rendono protagonisti del lieto fine, comune a tutte le commedie di Caianiello.

PRIMO  ATTO

Stanza da pranzo  modesta con tavolo , sedie e qualche quadro alla pareti, Due ppltrone una per lato e una finestra. Carminucce è vicino al pappagallo e cerca inutilmente di farlo parlare

CARMINUCCE: buongiorne….. buongiorne….niente eh? e dammelle na vota na soddisfazione! ….buongiorne …( scuote la testa)  niente eh? ( si avvicina un po di più alla gabbia ) e vafangule  strunze! ( prende un mantesino nero se lo mette e si siede dietro il suo banchetto da calzolaio, guarda il pappagallo) eppure primme o poi e parlà

MIMÌ: (bussa piano dall’entrata principale) Carminù, Carminù ce staie?

CARMINE:  ( con aria scocciata   va a d aprire  ) sssshh, ca vuò trase , e parle chian ca’ si se scete o’ sergente rischio la fucilazione!            

MIMÌ: ( sui cinquanta  e  e ha un occhio bendato)   O’ sergente? E chi è chistate mo’ 

CARMINE: e chi adda esser’, mugliereme scimunite!

MIMÌ:  s’è arruolata?

CARMINE:  Ma che arruolata! Diceve accussì, è na’ metafora.

MIMÌ: ahhhhh dorme? (e fa cenno di si con la testa) meno male! Accussì se po’ parlà cu calma e senza sotterfugi,Pasquale se’ scetate?

CARMINE: 0’ scansafatich’? si, pare che lagge viste movere, chiane però ca’ .. si se sceta ‘o sergente …. !

MIMÌ: (urlando) pecchè ce sta pericolo? Ah ‘donna Filumena!!!!!!!

CARMINE: si, si nun’ a fernisc’ e strillà!!!!

MIMÌ: (abbassando la voce) Siente Carminù nun me dicere niente ma si cierte cose nun ne parle cu te cu chi me sfoghe?

CARMINE: che ate te succiesse’?

MIMÌ: A vire chesta???? (mostra l’occhio che non ha più) nun ce sta’ niente a fa’!! stammatina so’ stato addo’ e fratelli Migliacci e… niente!

CARMINE: Niente? Pure llà!!!!

MIMÌ: Ehhh!! ma’ ditte ca’ dovevo ripassare fra na’ semmana pecchè nun tene niente e me’ mettere a fa’ e tu o’capisce ca’ si nun tengh’ lavoro….so’ costrett’ ammarrangia’! (e con la mano buona fa segno di rubare).

CARMINE: Simme’ costretti a’ ciarrangia’….. Mimì!!!!!!!

MIMÌ: Ehhhh!!!!! ma tu tieni nu’ mestier’ e riesci a t’arrangia’ io invece…

CARMINE:  (con ironia) Mange addo’ me è ‘overe?

MIMÌ: Eh mangio addo te! e che è’ colpa mia se io e ‘a fatica nun c’incontriamo mai, … io la cerco ma……..

CARMINE: Nun se fa’ mai truva’ e ‘ove? mai! Ha ragione o sergente!

MIMÌ: nata vota co’ sergente? Chelle nun me po’ vedè e pare ca quanne mi invita a pranze me jette o piatte nfacce!

CARMINE: Chest’ nun ‘o dicere j’ lagge capite ,chelle fa accussì pe te sprunà a truvà na’ fatica, pe’ te convincere a te sistemà.

MIMÌ: Fosse a Maronne  ca succedesse! Comunque je so venute pe te dicere nata cosa

CARMINE: Nun me chiedere sorde ca busse a vacante! Da quando mugliereme nun fatiche chiù, si nun m’arrangiasse e nata manere stesse che pacche dinta all’acqua

MIMÌ: eh! e a chi o’ ddice! stamme a’ sentì: ieri verso mezzogiorno, Don Lucio ma mannate a chiamma’, so’ jute’ dint’a’ chiesa e ma’ fatte nu bellu discorsetto sull’onestà e compagnia bella e po….. e cheste nun lagge capite, saie ca’ fatte? ma offerte  nu lavore oneste sempe si è overe!

CARMINE: a te?  ahhhh ! Proprio bella sta cosa! O diavole e l’acquasanta!

MIMÌ: Ehh, e mo che fai sfotti! Je lagge chieste come mai a penzate proprio a me che a mala pena ce veche! E Lui  (Cambiando voce) Le vie del signore sono infinite e a volte sono suggerite da anime pure e miserecordiose

CARMINE: se vede ca Don Lucio se sunnate a Maronna!

MIMÌ: a Maromma? O sacce je a chi a date retta!

CARMINE: Agge capite e penzate che ..Tereselle…

MIMÌ: ma fatte a raccumandazione! L’avrà ditte puverielle, tene n’uocchie  sule aiutammele, chille po si fatiche cierte  cose nun ne fa chiù . chille è nu sfortunate e cosi via.

CARMINE: Beh si è state esse mica tene tuorte e po..pare ca tene nu debbule pe te e…

MIMÌ: je nun voglie a llemosine e nisciune! (alzando la voce) Si Don Lucio me dà o lavoro je nun pozz’ rifiutà. ma se c’è un sottorifugio io non accetto!!!! (da dentro si ode la voce di Filomena che dice “ ma chi è che allucca a chest’ora)

CARMINE: Mimì s’è scetato ‘o sergente, vavattenne ca parlamme doppe ca si saccorge ca stamme cca succede a 3 guerra mondiale (entra Filomena, vede Mimì)

MIMÌ: Donna Filomè buongiorno, i miei rispetti

FILOMENA: e te pareva pure ogge che è dummenica stai cca’ e po’ e primma matina? se po sapè che state cuncertanne?

CARMINE: Ma no niente, Mimì ere passate di qua per dirci che oggi ci faceva il piacere…

FILOMENA: di essere nostro ospite….Mimì ma è mai possibile ca tu nun truove nai niente a fa’ pe te abbuscà o pane?

MIMÌ: Donna Filomè mi dovete credere, io ce penze tutte e juorne, ce prove tutte e juorne corr’appressa ‘a essa e……

FILOMENA: E puntualmente nun te riesce maie d’acchiappa’!

MIMÌ: e c’aggia fa si so’ nate sfortunate! Pateme l’unica cosa ca ma rimaste e chella casarella cu quatte mobbili a dinte  niente chiù. Vuie o’ ssapite doppe ca’ murette mammà che succedette.. je ere ancora guaglion’ e papà jeve a cantina se mbriacave tutte e sante juorne e jucanne jucanne ce mannave all’elemosina.

CARMINE: O sapimme Mimì perciò te damme na mane, ma pure nuie e tu o’ ssaie buone nun tenimme lenzole a spannere, E col mio mestiere nun se votte nnanze na famiglie e quatte perzone, po mittece ca’ nun sto buone e salute e chissà qualu juorne me se chiamme o Signore. a proposito Caterina sta ancora dormenno?

FILOMENA: Ca’ mmuina ca avite fatte chissà, va buone ca’ è quase ore e messe e si deve sosere. va buò Mimì c’avimme fa’ viene a pranze e chelle ca ce sta cio spartimme.

MIMÌ: Donna Filomè, o pataterne vo rennne e po’ si va in porto… a proposte e Don Lucio, o primme regale  o’ facce a vvuie!

FILOMENA: qua’ proposta?

CARMINE: Don Lucio  ma procurate o lavore! Me vo fa fa o guardiane  dinte all’azienda e Paulucce o fattore

FILOMENA: Cu nu n’uochie  sule? E comme  ce vide si venene e mariuole!?

MIMÌ: j sente cu nase  Donna Filomè, j sente cu nase  abbaste ca se fatiche!

FILOMENA: Fosse a Maronna accussì nun mbruoglie chiù a nisciune!

MIMÌ: e chi mbroglie!

FILOMENA: Tutte e duie! Tu e chillu scansafatica e frateme Pascale che l’avimme da a mangià nuie pecchè nun vede e se truvà na fatica!

MIMÌ: mbruglià po’, arrangià forse! eh è diverse (esce Pasquale dalla porta accanto)

PASQUALE: (Stessa età di Mimìì ) Mimì nun a da retta a a soreme  nuie nun brugliamme a nisciune! So llate ca so fesse!

FILOMENA: A parlate o’ ‘ ntelligentone do’ quartiere.. comunque pe’ me è o stesse! Mo’ vac’ ca tengh’ e’ arricettà e appreparà nu’ poche e pranze (rientra)

MIMÌ: donna Filomè saro’ puntualissimo!

FILOMENA:  (Da dentro) e quanne mai te sbaglie! Avissa fa’ ca’ nun vieni ne’?

MIMÌ: no, no state tranquilla donna Filomenà, o stommaco mio è comma a ‘n’ orologge

PASQUALE: Mimì che’ ddice jamme a fa chillu servizie?

MIMÌ: e comme no certi servizi si nun e faie e primma matina nun venene buone

CARMINE: Quacche vote e’ cheste o servizie vo fanne a tutte e duie, lavate e stirate!

PASQUALE: seh stanne frische!( si avvicina al pappagallo) buongiorne…. Niente eh?

Carminù ma chiste fosse mute?

CARMINE: o sape isse, secondo me è strunze! ( si siede dietro il banchetto) mah! mettimmece a’ lavoro si no nun se mangia. E comunque sta storia nun me piace e adda fernì! Je so n’omme oneste e capite? Pe campà agge sempe faticate e no’ comme a vvuie ca’ cercate sempe e fottere o’ prossimo!

PASQUALE: si fosseve rimaste a fatica’ ncoppe e nave a chest’ore avesseme fatte e signure

CARMINE: si fosse rimaste mbarcate ie e sorete  Filumena ciavesseme spartute! È overe ‘ncoppe a nave faceve o nostrome e guadagnave

PASQUALE: e invece mo’ facite o sulachianielle e ce puzzamme e famme!

CARMINE: ma si pure tu aiutasse a’ barca…... .ma po’ addo sta scritte ca’ t ‘agge dà a mangià ppure a te!

PASQUALE: e dalle cu’ sta barca, mo capische pecche faie e’ scarpe sempe larghe. Jammuncenne Mimì ca si no cainateme avvie e prereghe, a’ cera se struie e a prucessione nun cammina! (si avviano mentre  Carminucce  piglie na scarpe e gliela  tira appresso  mentre Pascquale se scanse e se ne va)

CARMINE: mascalzoni ca  nun si ate, mangiapane a tradimente, ma tu vire nu poche che sadda suppurtà!( va verso il pappagallo )e capite? eh già tu siente e nun parlee dille na parole di ..buongiorno forza ja che te coste ,di…buongiorne …niente? E vafancule strunze! ( torna al banchetto e si rimette al lavoro poi   entra Luisella)

LUISELLA: (donna belloccia ma  ignorante e grossolana) ha in mano un fagotto)  Carminù ,Filomena è in casa?

CARMINUCCE: cher’è Luisè.si venute pe nate affare a perdere?

LUISELLA: ( si avvicina al banco )stavote il fatte  è serie. Me la  chiammate un  poche?

CARMINUCCE:) ( chiamando a voce alta Filumè,Filume,viene ce stà Luisella ( Filomenta entra e Carminucce riprende il suo lavoro )  

LUISELLA: ( indicando Carminucce ma che lo so antipatiche?

FILOMENA: ma no ,anze ogni vote ca venite le piace e vi sentì, dice ca parlat in taliano perfetto  è vero Carminù? ( Carminucce fa gesti comici)

LUISELLA:e lo so io sono alto allocata  , mio pate, faceva il carabinero e  da piccola ho campato in una grossa città ah che civilezza! Poi siamo venuti a vivere qui e..ci siamo affossate

CARMINUCCE:

FILOMENA:e che ci volete fare be ca m’avite dicere?

LUISELLA: è turnato Filumè …   è turnato!

FILOMENA: chi è tornato?

LUISELLA: quel  bell’ommo che  vediette dinta alla chiesa uh come me piace

FILOMENA: ah si me ne parlaste ma sapite  chi è?

LUISELLA: e comme no, lo aggio chieduto  a Saverio il sagrestano, si chiamme Salvatore e  ma dette ca è pure veduve! Ahhhh  ca bella cose si fosse

FILOMENA: si fosse che?

LUISELLA:  se mi  spusasso a isso!

FILOMENA:  Je me penzave ca bella cosa si…. sorete Carmelina se spusasse a Saverie!

LUISELLA : Carmelina con  Saverie? È una parola …si Carmelina a pruvato  ma quello nun vo sunà?

FILOMENA:  e chi sa pecchè, certe è ca se fatte viecchie e nun sa vulute piglià a nisciune

LUISELLA: ma fosse culleghe a Nicolino? ( fa il segno come a dire che è femminiello) Carminù voi cher dicite?

CARMINUCCE :   e je ca ne sacce?

LUISELLA: comunque …so venute pecchè mi dovete dare  una mane! ( prende il fagotto) ecche qua  guarde che ti aggio purtate!( apre il fagotto) ecco qui ( tira fuori un po alla volta) salame,caciocavalle, pasta e fagioli che staie bona per un  mese!

FILOMENA: si ma ca vuoi che te facce?

LUISELLA: Filumè, je tenco  ormai quarant’anne e fine a adesso  non mi  sono sistemata

CARMINUCCE:  e pe forze! Ogunune che ta fatte a pruposte le rifiutate pecchè te vulive  purtà a sorete in dote

LUISELLA:  e che devo fare  fa la pozze mai abbandunare !Io aggio fatto una prumessa a mia madre prima che muresse. Mi dicette, Luisè belle e mamma tu lo sai che Carmelina è un poco scema perciò se ti sposi portatella con te. E cosi io non mi sono spusata e manco Lei e mo me rode o fegate, tenche tanti e chilli sorde e proprietà e nun tenche nu marite che mi può  proteggere  e …..soddisfare

FILOMENA: je n’idea a tenesse.

LUISELLA: è  sempe a stessa? Spusateve a….

CARMINUCCE: sempe a stessa! Spusateve Pascale

LUISELLA: quello è uno lazzaro….un imbroglione e sfaticato e poi….. sfotte sempre a sorema Carmelina . E’ vero per un po di tiempo mi ha fatto anche la corta  ma solo pecchè  mi voleva fare ..la festa

FILOMENA: E…  nun ve la fatte?

LLUISELLA: ma che dicite io…sono ancora imballata

FILOMENA : imballata?  E cher’è?

LUISELLA:  è …che sono ancora comme mi ha fatto mammà

CARMINUCCE : eh ci tenete e pappice ncoppe! Sentite a me sistematevi

LUISELLA : appunto e  ….  io aveve penzato al furastiero!

FILOMENA: ah no  no  e avete sbagliato indirizzo …eh  eh quello la fidanzata la tiene già e fra poco la sposerà eh

LUISELLA: oh ma che mi dicite  e chi è

FILOMNENA: e cheste nun vo pozze dicere pecchè…..è nu segrete. Se vonne annascuse ma stanne pa via bone pe concludere

LUISELLA: allore mi rimane solo ..Pascale

FILOMENA:  si ve vulite spusà si!  però …… l’avimme convincere. Chille è allergiche o matrimonie . Che dicite

LUISELLA: (prende il fagotto)  si nun incuieta più a sorema  che vi pozzo dire …  vedite vuie

FILOMENA: nun ve preoccupate che lo facciamo cadere!però vuie v’avite fa fa a festa!

LUISELLA: come avite detto? M’avesse fa fa a…..fe….

FILOMENA: avite capite buone, v’avite fa ….sballà

LUISELLA: uh madonna! io non songo abituata e poi….sapite che scandalo ca succede

CARMINUCCE: in compenso……v’addecriate

LUISELLA: no ..no…. e po si soreme o vene a sapè? Quella è una santificata

CARMINUCCE: eh, mo mettimme a esse a poste da Maronne!

FILOMENA: nun ve preoccupate….a questo ci penso io. Non lo saprà nessuno a parte Don Lucio che vi coglierà sul fatto

LUISELLA: Don Lucio? Uh madonna! vuie ca state dicenne?

FILOMENA:stateme a sentì. Piu tardi , quando je e Carminucce ascimme, rimmanimme a Pascale sule a fa a guardie a puteche, vuie venite ,baste che le facite na cerimonie e vedite ca chille subbete se ne va e cape

LUISELLA:  eh ma poi quello mi zompa addosso e….

FILOMENA: e vuie facitele  fa, nuie intante cu na scusa purtamme a Don lucio a casa e nel momento travolgente ,entriamo e lo cogliamo sul fatto e vedrete che Don Lucio lo inchioderà sulle sue responsabilità e a quel punto v’adda spusà pe forze!

LUISELLA:  però nun venite troppo ambresse pecchè a quel punto….rutte pe rutte a festa è megle ca me gode!

CARMINUCCE: e capite Filomè! Chesse nun ne po chiù!

FILOMENA: allora d’accordo? ( Luisella fa cenno di si)  e mo Jate jate tranquilla e quanne ve venghe a chiammà ,venite dinta a puteche, jate ..jate ( esce Luisella) comme se dice stu matrimonio s’addà fa!   Carminù..forse ce simme! Luisella a vizzoche se  decise mo tocca a nuie convincere a Pascale! (va dentro)

CARMINUCCE: (si siede al banchetto) eh..Fosse a Maronne! chelle stanne mpurpate e sorde! ( entra Turillo)

TURILLO:  ( ogni tanto ,ritarda nel parlare come si inceppasse) maste Carminu’, bo  bo  bongiorno, come vanno e co coscie.. e cose ?

CARMINE: (lavorando al banchetto) eh stracciammo, ‘i juorne passen’ e se va’ nnanze

TURILLO: e va buò l’importante è a sa  sa ( si inceppa)

CARMINE:  a salute?

TURILLO: eh  eh a salute!

CARMINE: e chelle è a salute ca nun ce sta! ca pare che jamme arrete arrete comme o funare

TURILLO: maste Carminù ma che  che dicite, je ve veche sempe bbuone, me sa che

vuie vi impressionate penzanne a  ma..ma ( si inceppa)

CARMINE: a mammate e  a sorete !

TURILLO : A malatie e llate!

CARMINE: tu dice? Eh magare po’ pure essere ca tiene raggione, ma intante je e malatie ce penze e..me’ sente! Ah quanne steve mbarcate me senteve nu lione, eh me ne so viste bene e mo’….me so ridotte a sta ncoppe a nu bancarielle da matina a sera

TURILLO: eh penzate a sta buone, magare avesse visto  o mu …o mu

CARMINUCCE:  o munnezzare ? ( entra Filomena con in mano una busta di rifiuti)

FILOMENA:  addo stà?

CARMINUCCE: ma chi adda stà?

FILOMENA: o munnezzare?

TURILLO:  ma no je vuleve dicere ‘o munne !je, nun l’agge gi girate comme a vuie ,je so  sta state   sempe  a ca ca …( si inceppa)

FILOMENA:  Turì ,vattene a casa ca o cesse mie st’appilate!

TURILLO:  a .. a   cantina da matina a sera a se se se ntere e chiacchiere e tutte quante, e nun ve diche quanne se imbriacane!

FILOMENA: se mbriachene? azze! E ce riescene cu tutte l’acqua ca ce mettite a dinte o vine,pecchè cia mitte l’acqua eh di a verità?

TURILLO: eh mo’ nun esageramme do na Fi  Filumena,( Si affaccia Assuntina non vista) si è vere nu poche cia’ mette ma…o facce po’ bbene loro.

CARMINE: e pure pa’ sacca vosta! (entra Assuntina) oh Assuntì, guarde ca chilli paie e scraffine ve lagge sistemate( glieli consegna)

ASSUNTINA: si e’ pe’ cheste avite sistemate pure a Turille! Ecco qua, ( tira fuori da una busta un bottiglione di vino. Vine e mundragone e salute a vuie!(sottovoce a Turille) si proprie nu turze e caurasciore! Grazie Carminù e tu (rivolte a Turille) ce fatte ammasciate a Carminucce?

TURILLO: nun ancore mo cia’ facce su  su su  (Si inceppa e Assuntina gli da un colpo nel fianco e riprende)subbete!

CARMINE: m’avite dicere quacche cosa! Se tratte e chillu sfaticate e Pascale e ove’?

TURILLO: no Carminù. Simme venute pecchè Salvatore Cimmaruta  cia’ incaricate e ve purtà n’amma  namma….

FILOMENA : na marenne?

TURILLO: na ( Colpo di Asuntina) na mmasciata!

 CARMINE: a nuie! E chi è stu Salvatore e po  nun puteve venì direttamente!

TURILLO: Salvatore è padrone e na grande azienda e , trattannese e na’ cosa assai delicata , se fanne  e’ cose pe grade, po’ trattannese e’ matrimonio….

CARMINE: matrimonio? Ah e dicite, dicite!

ASSUNTINA: Salvatore tene ntenzione e chiedere a mano e vostra cognata e si a cosa se putesse fa ….

FILOMENA: vuie ce guadagnasseve a sanzaria è accussì? Ma po je diche ma pecchè stu Salvatore nun le fa direttamente a dichiarazione?

ASSUNTINA:a sanzanarie?  ma ca’ dicite Carminù, Salvatore  nun è chiù na guaglione e mo ce vò ,chelle tene chiù e  quarant’anne, ve pare  che nu vedove se mette appriesse a esse comme a nu guagliuncielle

CARMINUCCE:   azze ,è pure vedove?

TURILLO : e puverielle le mo le mo( colpo di Assuntina)le morte a mugliere duie anne fa

ASSUNTINA:  e nun tene figlie, se truvate a passà pa cantina, ha viste a Caterina ,le piaciute e a chieste informazione e nuie…o sapite a canuscimme a Caterina e l’avimme  ditte tutte cose bone perciò

TURILLO: cia chieste e va fa amma ..  amma ( colpo) ammasciata e

E nuie ve l’avime fatte, mo quanne avite decise cio’ ffacite sapè e nuie cio’ cio’  dicimme.

CARMINE: va buo agge capite, io vi ringranzio, ma cosa nun è facile e po’ avimme parlà cu Caterina  e Pascale  pe’ decidere e ve facce sapè

TURILLO: Carminù cheste e na’ fu  fu ( Asssuntina gli sferra un colpo)furtuna che poche s’aspettene, Salvatore  tene e sorde e tene a rrobba e ca ca… ca

 ( altro colpo) cainatete  faciarria a signora e…….. e mo mo faciteme sta zitte si no mugliereme ma  ma mazzoppe!

ASSUNTINA: E facesseve e signure  pure vuie!( Turillo, si avvicina al pappagallo e tenta con il dito di toccargli il becco)

CARMINE: eh,su cheste avite ragione va buò, grazie p’ammasciata

ASSUNTINA: nuie l’avimme fatte pe vuie e pe donna Filomena, Turì,jammuncenne ca messa è pronta  stateve buone (vanno via)

CARMINUCCE:) l’hanne fatte pe…..( tenta di parlare ma  gli viene un colpo  tosse

FILOMENA: aspette nu poche  ( esce e rientra con in mano una taza di latte che depone vicino al tavolo)tiè, pigliate stu poche e latte caure.

CARMINUCCE: ( prende il latte, fa per bere, poi si ferma) e sentute eh?

FILOMENA : e comme nun lagge sentute?

CARMINUCCE:  L’hanne fatte pe nuie….  seh! l’hanne fatta pa sacca loro. embè ..  tu nun dice niente?

FILOMENA: e che agge dicere? O partite e buone e stu fatte e stu furastiere che è interessata a esse  già o sapeve me l’aveve accenate Teresella ma  a cape e soreme  ca  nun è bone!

CARMINUCCE: eh si! a vizzoche  tene a capa vaute!

FILOMENA: no a tene vacante!  Eh già vuie uommene nun v’accorgite mai e niente!

CARMINUCCE: e..ca me n’avesse accorgere?

FILOMENA:  chelle se scemunute pe Nicolino!

CARMINUCCE: ( si tira una martellata sullla mano)ahia!!!!!!!!! Ma allore nun l’ha capite ancore?  

FILOMENA: eh! te l’agge ditte ca è corte e cerevelle , e ogni vote ca le diche che chille  ( fa segno toccandosi l’orecchio) nun …..è buone, me risponne ca nun l’mporte

CARMINUCCE: nun l’mporte? Ma cheste è proprie scema!

FILOMENA: e che vulisse fa?pose stu martielle! Ce parle je, tu continua a fa finta can un saie niente.tra femmene ce capimme meglie e veche da convincere!

CARMINUCCE: ma si nun a cunvince che bone…..( alza il martello) primme le scasse a cape e po l’ammereche che centrelle!( nello scatto fa cadere i chiodi a terra)

FILOMENA:  una cosa calmete è sempe soreme!

CARMINUCCE:   e chelle e sorete e chille  e fratete ma chi m’aveve dicere a me ca spusanne a te me spusave tutta a famiglia!( entra Caterina)

CATERINA:   ne se po sapè ca succede stammatina? Mo manche a dummenica se po durmì?

FILOMENA:  nun succede niente

CARMINUCCE: però na cosa putesse sucedere si a capa toia fosse bona!

FILOMENA: ( a Carminucce)t’agge ditte ca ce penzave je

CATERINA: insomme me spiegate?

CARMINUCCE:  beh e dincelle …. ormaie

FILOMENA: (  si avvicina a Caterina con fare affettuoso) Caterì, sora mia ,mo proprie

Carminucce  avute na pruposte e matrimonio

CATERNINA: ma pecchè nun è già spusate cu te?

CARMINUCCE:   a siente? E po dice ca nun è scema

FILOMENA: Catarì,stamme a sentere,un certo Salvatore ca nun sacce manche e che paese è te se vulesse spusà. Pare ca tene na grande azienda  e sta sfunnate e sorde

CARMINUCCE:    e fosse a furtuna pe te e tutte quante nuie

CATERINA: e je m’avess spusà a une ca nun canosche sule pecchè tene e sorde?

CARMINUCCE:  e ditte niente!

FILOMENA:  Catarì, chiste pe te po essere l’urteme trene, tu a parole cia daie po si proprie nun te piace….

CATERINA: je nun do a parole a nisciune e po …..je o tenche o nnammurate!

CARMINUCCE:   tiene o nnammurate?

CATERINA:  sissignore? È belle, e sule ca o  guarde me ne struie

FILOMENA: e chi è?

CATERINA: Nicolino!

CARMINUCCE: Nico…Nicolino? Ma è chillu Nicolino che vene sempe cca a farse sistemà e scarpe?

CATERINA: si propeto isso

FILOMENA: ( ride) ahhhh ahhhhhh Nicolino ahhhhh

CARMINUCCE: ( ride anche lui) ahhh ahhhh Nicolino!! Ahhh

CATERINA:  se po sapè pecchè ririte?

CARMINUCCE:  pecchè ahhh Nicolino ahhhh nun è buone!

FILOMENA: è  femminelle !

FILOMENA: ma …. ce parlate? Vi site fidanzate?

CATERINA: no   nu ce l’agge mai ditte, però appena o veche me se gira a capa

FILOMENA: chelle s’avesse bloccà!

CARMINUCCE: ma tu  ce le mai ditte?

CATERINA: no! il mio è un amore plutonico

CARMINUCCE:  cheste è proprie scema!chille manche nu figlie te po dà

CATERINA:pecchè vuie l’avite avute?

FILOMENA: no! ma nun pecchè Carminucce nun è buone

CARMINUCCE : e mo ce vo!

CATERINA:  cheste o dicite vuie

CARMINUCCE( : fa per alzare il martello e Filomena lo trattiene)po dice ca une addevente pazze!

CATERINA:  je intante esco , vache a vede s’incontre a Nicolino  e si m’avesse  spusà ed è femminiello comme dicite vuie  nun fa niente , vorrà dicere ca pozze je appriesse a prucessioine da maronne senza peccate! ( esce)

CARMINUCCE: noo je a chelle a cacce fore! ( si ferma un attimo)Anze no!  cacce fore a esse  e pure o frate! ( bussano alla porta ,Filomena,va ad aprire ed entra Don Lucio )

DON LUCIO: ( porta sempre una catenella d’oro con il Cristo sul petto.entrando fa il segno della benedizione) pace e bene

FILOMENA:  caro Don Lucio, venite, assettateve, site venute comme o furmagge ncoppe e maccarune

DON LUCIO:  ( sedendosi )ah si? veramente so venute pecchè e scarpe me mozzechene o pede

CARMINUCCE:  je  invece me  sto a  mozzecà  a lenghe mmocche

DON LUCIO: (  togliendosi la scarpa) ma che ve succiese?

FILOMENA: Don Lucio, cu vuie ce putimme cunfidà

DON LUCIO:  dicite, dicite

CARMINUCCE: e mo ve conte! Filumè piglie sta scarpe e don Lucio e passamelle ( Filomena esegue e si tura il naso  passando la scarpa a Carminucce) poco fa è venute Turillo e Assuntina e ci hanno portato na pruposte e matrimonio pe Caterina

DON LUCIO:   e da parte di chi?

FILOMENA: da parte e Salvatore Cimmaruta….nu veduve!

DON LUCIO: (con meraviglia!) Salvatore Cimmaruta? embè?  che aspettate, qual’ è o probleme? Na sistemazione meglie e chesse? Fosse a maronne!je o canosche buone, chille tene nu sacche e sorde!

FIULOMENA : o probleme? O prubleme, è che chella scema e soreme , sa pigliate na cotta pe Nicolino

DON LUCIO:  Nicolino….( ammicando) chillu….Nicolino? ma andiamo nun pazziamme proprie o sanne tutte quante ca …. è…femminielle

FILOMENA:e certe ca è femminiello! ,ma sule soreme nun ce crede! O prubleme che stu caspite e Nicolino l’ha capite ca soreme tene o debbule pe isse e a sfotte pure. 

E quanne ce l’agge ditteche ca chille nun è buone,o sapite che mi ha risponnuto? Ca nun l’mporte anze è meglie accussì

DON LUCIO: meglie accussì?

 FILOMENA  eh! dice ca si rimmane vergine  è meglie! Accussì  quanne  va appriesse a prucessione da maronne po cantà senza peccate nzieme all’ate  ( Filomena mima alzando e abbassando le braccia) NOI SIAM LE VERGI…NELLE ,MARIA E’ LA PIU’ BELLAAAA PIU’ BELLA CHE SIA FACCI GRAZIE A NOI  MARIAAA!

DON LUCIO: e verginelle eh?   e chella è rimasta a sola pecche all’ate si a maronne putesse scennere a coppa o pulpite se ncarasse nnanze ate che grazie!( si fa il segno della croce) maronna mia perdoneme!

CARMINUCCE: ( finendo di sistemare la scarpa)Don Lucio, voi ci dovete aiutare, sule vuie a putite cunvincere

DON LUCIO:e va bene, farò quello che posso , avete fatto?

CARMINUCCE:  sissignore ( consegna la scarpa tenendola lontano dal naso) ecco qua, vedite comme và

DON LUCIO:  (fa per mettersi la scarpa e mette il piede su un chiodo e si punge) ahia ..ahia che dolore!

CARMINUCCE:  ve fanne ancore male?

DON LUCIO:  ( si mantiene il piede ) nooo nun so e scarpe e o chiuove che me se nfilate dinto o pede!

FILOMENA: ( si avvicina a Don Lucio, e gli guarda il piede) mannagge se nfilate na centrelle dinto o pede e forse è pure arrezzenute ( entra Pasquale con un sacco pieno a metà in mano, vede la scena e lo  posa a terra in un angolo e si avvicina) Pascà, vide pure tu

PASQUALE: ( si avvicina e sentendo la puzza dei piedi, si allontana mettendo le mani al naso) je chiù e vedè agge sentute! Don Lù, levateve o cazettielle ca se vede meglie)

DON LUCIO: ( lamentandosi si toglie il calzino e lo mette sul banchetto) Filomè vedete voi che io non ci riesco

FILOMENA: (  si tura il naso e si avvicina) eh si è proprie na centrelle arruzzenute e( aspettate ca va leve ( la toglie e la guarda ) eh si è arrezzunute! E ca v’avite fa a serenghe po tetene

DON LUCIO:  e allore chammate o duttore

CARMINUCCE: e chi vo dà? Ve site scurdate ca ogge è dummenica?

DON LUCIO:  uh allore comme se fa?

PASQUALE: dateme  e sorde ca vache a farmacie e a serenghe va fa Filomena

DON LUCIO: ( a malincuore ,tira fuori il portafoglio) e quante vene a serenghe

PASQUALE.: e che ne sacce, vuie dateme vint’eure e si va buone ve porte o rieste!

FILOMENA: Pascà nun fa o strunze mo ta vulisse piglià pure ca chiese? Dateme ccà je vache e venghe( Don Lucio gli da i soldi ed esce)

CARMINUCCE: avitece pacienze, chelle mo vene e va fa

DON LUCIO: e là vene o difficile

 

PASQUALE: ma che difficile, Filumena nun ve fa  na serenghe, ve fa na carezza

 

DON LUCIO: nun è cheste ,è che je appene veche l’aghe  accummince a tremmà …è na cosa che ma fatte sempe da ragazzo e  po tenche pure soggezione a m’avizà a suttane nnanze a na femmene

 

CARMINUCCE:  pe cheste nun ve preoccupate  a suttane l’avite avizà adderete e po ce penze Filumena

DON LUCIO:sarrà  ma Pascà,si m’avesse tremmà, mantieneme tu si no Filumena sbaglie e chissà a serenghe addo ma fa!

PASQUALE. Nun ve preoccupate ve mantenghe je!( rientra Filomena)

FILOMENA:  ecco qui e tenite o rieste mo la preparo subito( prepara la siringa)ah ecco fatto, siete pronto?

DON LUCIO: ( vede la siringa e comincia a tremare) do dove mi metto?

FILOMENA:  mettiteve dietro o tavule ( Don Lucio, si porta dietro il tavolo di lato   alla porta d’ingresso.Filomena alza la sottana e si china per fare la puntura) oh un bel massaggio con lo spirito  ( Don Lucio si gira e vede la siringa e comincia a tremare)Don Lu’ e stateve ferme nu poche

DON LUCIO: Pasquale, trattienimi! ( Pasquale gli si mette davanti , lo blocca con le braccia  e Filomena introduce proprio quando entra Teresella !)ahhhhhh

FILOMENA (  ancora china e non vista da Teresella, massaggia )

PASQUALE:  natu poche , natu poche è fernute!

TERESELLA:( mette le mani   come a coprirsi il viso e scappa via) maronne!!!!!!!!!!

DON LUCIO :  (non vede Teresella) sempre sia benedetta!

CARMINUCCE: ( a Pasquale)curre appriesse a chella ca chissà ca penzate e spiegancelle si no ci mette a cavalle a nu puorche! ( Pasquale esce)

FILOMENA: ma v’ agge fatte male?

DON LUCIO: no! a serenghe nun l’agge manche sentute ma agge allucate o stesse!

CARMINUCCE:  assettateve , calmateve nu poche che fra poche avite dicere a messa

DON LUCIO: eh dica a messe azzuppate! Ma , mo veniamo a noi,voi sapete che fra un mese viene Natale e a parte la nascita di nostro signore , il Natale è un giorno felice, un giorno di pace, di indulgenza, di allegria, di carità verso il prossimo cristiano. Un giorno in cui tutti sono più buoni e disponibili gli uni verso gli altri.

CARMINUCCE: Un giorno in cui, tiranne  e somme, t’accuorge ca te si fatte  cchiù viecchie,cchiù disperate  e cu  tanti ati  prublemi che si assommano a quelli precedenti!

DON LUCIO:  e peccheste dobbiamo confidare nel Signore e aiutare i più bisognosi

FILOMENA:  e chiù bisognosi e nuie Don Lucio?

DON LUCIO:  abbiate fede e speranze

CARMUCCE:  ca si nun succede niente,( alludendo a Caterina che stà entrando) campamme e carità!

 

DON LUCIO: la carità è un insegnamento del Signore e tutti la dovremmo  fare

CARMINUCCE: si è pa scarpe nun ve preoccupate

DON LUCIO:  nossignore, stavo parlando del Natale ( bussano ala porta ,Filomena va ad aprire ed entra Saverio) ah ecco Saverio

SAVERIO: (molto anziano ma distinto) buona giornata a tutti, eccomi qui Don Lucio

CARMINUCCE:  azze allora o fatte è serie!

DON LUCIO: allora, Carminù, tu saie che a Natale, abbiamo sempre fatto qualcosa per i più poveri e quest’ano a Saverio, gli è venuta un’idea

CARMINUCCE:   a Saverio o  Sagrestane? Possibile?( con ironia) ah già e chille perciò l’hanne fatte presidente e gli anziani!

 SAVERIO: e tu  vicepresidente

 FILOMENA: comme stamme nguaiate!

DON LUCIO:  a fernite e fa e scieme? Dunque, dicevo, l’idea è questa: organizzare uno spettacolo teatrale per Natale e raccogliere fondi pe puverielle

CARMINUCCE: è na parola! A fa venì ccà na cumpagnia sai quante ce coste?

DON LUCIO: nun ce coste niente!

FILOMENA:   venene a gratis?

DON LUCIO: no!

CARMINUCCE: noo? E allora?

SAVERIO:   avimme penzate e recità  nuie

CARMINUCCE: nuie?

DON LUCIO:   eh si! te pare che mmieze a ciente anziane nun se trovane na decine disposte a recità?

CARMINUCCE: a truvà se ponne pure truvà,o difficile è a farle  recità buone!

SAVERIO:  e nuie peccheste simme venute cca! Tu da giovene e fatte l’attore e pure o regista e m’arricorda  ca pure Filomena recitava

CARMINUCCE: (  con falsa umiltà) si  ma era na piccola filodrammatica na cosa accussì

FILOMENA: piccola ma brava!  E fu durante e price ca te canusciette E quanne me faciste a dichiarazione  chissà addò a teneve a capa ca subbete accunsettiette!

 CARMUNUCCE: e fu  quanne ca me spusaie ca m’accurgiette do guaie ca aveve fatte ma,,ormaie ere troppo tardi!

DON LUCIO: sentite fernitele e stateme a sentì.  sta cosa mi piace e s’adda fa e tu le organizzà e po…. Na mane lava allate …tu me capisce… tenche gia n’idea  a  comme agge fa pe convincere a Caterina

CARMINUCCE:   e va buone! a condizione che recite pure Saverie

SAVERIO: je pozze pure recità ma arrecuordete ca so nu poche surde

CARMINUCCE: nun te preoccupà, te  mettimme o suggeritore vicine. E addò e facimme e prove

DON LUCIO: a casa di Saverio,Li nun ce disturbe nisciune. Tu accumince a scegliere a cummedie e gli attori e mo facitamenne je ca è ore e messe!  Ah, fa recità pure a Caterina ( esce)

CARMINUCCE: (  a Saverio) j ca bella penzate ca ve venute!

SAVERIO: pecchè nun te piace?

CARMINUCCE:e comme no?  te pare ca doppe na jurnata e fatiche adderete a stu bancarielle  me sente fresco e tosto pe venì a fa prove da cummedia? beate a te ca nun si state spusate e nun puoi capì!

SAVERIO: e chille o Signore accussì ha voluto

FILOMENA:  o Signore? L’avite vuluto vuie!

SAVERIO: e no. je quanne facce  e giuramente e mantenghe!

FILOMENA: giuramente? Ma avite maie avuta na fidanzata?

SAVERIO:   e comme no! e perciò faciette giuramente.

CARMINUCCE:   e qualu giuramente faciste?

SAVERIO: Ca si nun me spusave a esse rimmaneve zitielle!

FILOMENA:    e pecchè po nun ve la site spusate?

SAVERIO:  pecchè partiette pe surdate e le mannaie tante e ma tante e chelli lettere ca chelle pa fine, s’annummurave do postine e se lo sposò!

FILOMENA: eh… curnute e mazziate!

SAVERIO: e che ce vulite fa! Comunque je vache e apprepare a riunione pe vede chi vo recità e ce vedimme dimane a sera dinta a sacrestia. Steteve buone ( esce)

CARMINUCCE:  e chissà che cu sta cummedie nun se risolve a situazione! ( entrano Pasquale e Teresella

PASQUALE: tutto a poste ,ecco qui Teresella

FILOMENA: Terè ma ca è succiese ? t’agge sentute e alluccà e po nun t’agge viste chiù!

TERESELLA: Filumè e agge pacienze je trase e veche a Pascale ca tene a Don Lucio pe mane, po o  veche ca tremme e da n’allucche e morte .. è normale ca me so mise paure e me ne so scappate!

CARMINUCCE: ma chelle Filomena le steve a fa sule na serenghe

TERESELLA: si ,o sacce Pascale ma l’ha ditte e po avimme ncuntrate pure a Don Lucio. E’ o vere ca facite na cummedia?

CARMINUCCE: e accussì è

PASQUALE.: ah si? e tieneme presente ca je so n’attore nate!

TERESELLA: allore faciteme recità pure a me  e… pure a Mimì! anze  mettititece nzieme  a fa na parte e duie  nnammurate!

CARMINUCCE: e comme no, facite Giulietta e Romeo

TERESELLA:  uh che belle!(   si mette a saltare curiosamente per la stanza)

FILOMENA: Terè e fermate , nun o vire ca ta sfuttute

TERESELLA: (a Carminucce) è  overe ? m’avite pigliate in giro?

CERMINUCCE: ma no …. Insomme Giulietta e Romeo no però ….

PASQUALE: e prumesse spose si!

CARMINUCCE: nossignore! Comunque si trove na cummedia addò ce stanne due nnamurate , ce mette a te e a Mimì va buone?

TERESELLA: grazie … grazie e….. nun dicite a Mimì che ve l’agge pruposte je eh!

PASQUALE:  e a me che parte me daie?

CARMINUCCE:  chille do mbruglione! Stai sicuramente dinta a parte!

FILOMENA:  però putisse avè a  parte do ricche si te decide a spusarte a Luisella!

PASQUALE:  nata vota mo? Cherè se cunvinte a gran signora? Je invece so tuoste!

FILOMENA: no tu invece si strunze! Chelle sta mpurpate e denare! E facisse o signore

PASQUALE: ca catenna nganne e e ca sora appriesse!

CARMINUCCE: chiisse nun sule è mbruglione ma pure fesse!

PASQUALE:    e te pareve! ( si guarda intorno) a proposite o sacche addo stà?  Chi sa pigliate?

FILOMENA: l’agge spustate  a chill’atte ncoppe o cantarare

PASQUALE: ( va via di corsa)

CARMINUCCE:  a qualcune a fatte chiagnere

TERESELLA: pa verità primme lagge viste a isse e Mimì vicine o negozie e  Peppe o chianchiere ( si sente la campana che suona) uh mo facce tarde a messa ..ce vedimme ( esce)

CARMINUCCE:  e chiste na cumbinate n’ate!

FILOMENA: famme je avede va! (esce)

CARMINUCCE: qualche vote e cheste o u venene arrestà o le spezzene e coscie ( sente cantare Pasquale) si mo è certe, a futtute a qualcheduno ( entra Pasquale seguita da Filomena e  ha in mano un capo di Salsiccia   del pane e mangiando,fa un giro della tavola e poi depone sul banchetto la salsicccia)

CARMINUCCE: ma..ma..che significa questo? è uno scherzo',na pazzia,nu    pesce d'aprile?

PASQUALE: (alludendo ) no è nu  stuoccolo e sacicce!( riprende a mangiare tranquillo)

CARMINUCCE:   addò le rrubate!

PASQUALE:  ma che arrubate, na vota tante l’agge guadagnate onestamente, je e Mimì,avimme aiutate a scarrecà  o camion da carne a Peppe o chianchiere!

CARMINUCCE: ah e si è accussì alore ma pozze mangià pur’je

FILOMENA: si ma a chill’atte ce sta pure nu mieze piecure ancore dinte o sacche!

PASQUALE: o veramente? U puverielle  ci sarrà capitate sicuramente pe sbaglie

CARMINUCCE: o sapeve , o sapeve! Porte subbete o mieze piecure a Peppe o chianchiere

PASQUALE: ma tu pazzie, je si  o porte arrete chille dice che ce l’agge arrubbate, siente a me ,è meglie ca sta nel dubbio!

CARMINUCCE: e scummette ca llatu mieze dubbie è fernute pe combinazione dinte o sacche e Mimì e o vere?

PASQUALE: po pure essere …

FILOMENA:  e accussì è sparute nu piecure sane!  E si se n’accorge?

PASQUALE: eh mo e tanta piecure c’avimme scaricate sarricordene cheste!

CARMINUCCE: mariuole… mariuole! Niente nun ce sta niente a fa! Sta sicure ca si continue accussì  nun sule faie na brutta fine ma si nun truove nu lavore oneste te muore pure e famme

PASQUALE: pe mo me magne pane e sacicce, po me magne pure o piecure dinte o tianielle

CARMINUCCE : ( a Filomena) tu t’avisse permettere e mettere   il corpo del reato nel tianiello?

FILOMENA: e cher’è mo il corpo del reato

CARMINUCCE: o piecure, ciuccia!

FILOMENA: ma no !  nun sia mai!  Je o facce alla brace!

PASQUALE: brava a chella sora mia! Tu si  ca me capisce ( ride) ahh ahhh ( esce)

CARMINUCCE: (grido di lamento) Aahhhh! Ma che agge fatte e male ma pecchè nun so rimaste zitielle comme a Saverio!

FILOMENA:  pecchè a me u pustine  nun me piaceve” ( entra Nicolino)

CARMINUCCE:  e sule chiste mo ce mancave!

NICOLINO: ( sui cinquanta , veste in modo strano e parla con evidente timbro femminile)posso ….disturbo ?ho portato le mie scarpe a sistemare

CARMINUCCE: ma quale disturbo, sono qui per questo, prego accomodatevi

NICOLINO:grazie, ecco qui, le ho comprate stamattina al mercato ( mostra le scarpe di color bianco) belle vero?

FILOMENA: overe so belle! L’avite regalà a Maronne durante a  processione?

NICOLINO: ma sono mie! Maestro. Ci dovete solo mettere un po di tacco in più e.. qui davanti una bella nocchettina rosa ( a Filomena) ve piace?

 FILOMENA: e comme no! ( girandosi da un lato) che vuotamente e stommache!

CARMINUCCE: eh .. eh pe tacchi va buò ,è na fesseria ma …a nocchettina rosa ve coste nu poche eh je lagge fa e cuoie e po lagge pittà

NICOLINO: e quanne coste coste …. Facite… ma quante coste po?

CARMINUCCE: e …..almene venti  euro

NICOLINO: ( con meraviglia) venti euro eure? Ma comme je lagge pavate 15

CARMINUCCE: embè… ma …..senza o tacche aute e ..senza e nocchettine rosa eh

NICOLINO:  e va buone…( va verso la il pappagallo)ciao…buongiorno!....Carmine ma questo bel  pappagallo  chi ve la dato?

CARMINUCCE:  me lo ha regalato n’aucellare o mercate in cambio e nu paie e scarpe accunciate ha ditte ca è brasiliane e che parlave pure

NICOLINO: e non parla ancora?

CARMINUCCE: niente ancore, je tutte e matine le facce a scola  nun parle ancore ..ma sta monto attento , primma o poi so sicure ca parle

NICOLINO: e me lo volete vendere?

CARMINUCCE: nun se ne parle proprie, primme aggia avè a soddisfazione do sentere e parlà e poi  se vede ( entra Salvatore)

SALVATORE: buongiorno,siete voi mastro Carminuccio

CARMINUCCE: a servirvi, dite

SALVATORE: mi chiamo Salvatore ,mi manda Don Lucio,l’ho incontrato a fine della messa e mi ha detto che state cercando attori per una commedia avete posto?

CARMINUCCE: beh veramente no ( Filomena   fa cenno a Carminucce indicando Salvatore)non  ancora ho scelto ne la commedia i protagonisti,comunque …vi terrò presente

SALVATORE: grazie e allora mi fate sapere qualcosa tramite Don Lucio

NICOLINO: o che bella cosa! E tenetemi presente anche a me (Passa davanti a salvatore e lo guarda con ammirazione poi  si avvicina al pappaggallo e con il dito cerca di toccargli il becco e il pappagallo lo pizzica) ahia scostumato! signor Carmine questo scemo di pappagallo mi ha beccato

CARMINUCCE:  pe forze vuie le state rumpenne o …

FILOMENA:  ( lo blocca )Carmine! (A Salvatore)ma non siete di qui, avete eppure avete una faccia conosciuta

SALVATORE: no  del paese vicino ma sicuramente mi avrete visto qualche volta a messa da Don Lucio

FILOMENA: ah ora mi ricordo, voi siete il signore che ha fatto sistemare l’altare della chiesa

CARMINUCCE: ecco pecchè Don Lucio o canosce buone!

SALVATORE: beh ho contribuito con una piccola spesa

FILOMENA: caspite! vuie l’avite fatte nuovo! (  entra Caterina)

CATERINA: ( vede Salvatore e poi Nicolino) buongiorno Signore, ciao Nicolino

NICOLINO: oh signorina Caterina come state?

CATERINA: signor Nicolino voi qui? ( gli passa davanti come a guardarlo interamente)

FILOMENA:  e o papa sta a Roma! Mo accuminciamme  nata vota!

CATERINA:  che bel vestito che avete e che bella sciarpa

CARMINUCCE( comincia a martellare su una scarpa e poi continua sempre più forte)

NICOLINO: vi  piace? E guardate queste scarpe…(   la invita vicino alla porta per fargliele vedere meglio) mo vostro padre ci mette anche le nocchettine

CATERINA :  oh che eleganza!

FILOMENA: Marò che lagnanze!!! 

CARMINUCCE: (  A Filomena)  me stanne venenne e male e panze

SALVATORE: allora io …vado..aspetto vostre notizie  ( va verso Caterina) arrivederci gentile signora, ( poi si rivolge a Filomena e Carminucce e a Nicolino ) arrivederci signori

NICOLINO: ciao bell’uomo!

FILOMENA E CARMINE: arrivederci  ( Salvatore esce)

CATERINA:  che persona gentile… chi è?

CARMINUCCE: è quello che…( Filomena lo blocca)

FILOMENA:  quello che farà una parte in una commedia che Don Lucio e gli anziani

devono preparare per Natale

CATERINA:  oh che bello! Posso fare pure io una parte?

CARMINUCCE:  ma sicure!

CATERINA:  ma la fa pure Nicolino?

FILOMENA: beh  ….non so

NICOLINO: si si la voglio fare!

CATERINA:  se non la fa Nicolino non la faccio neanche io!

CARMINUCCE: (con rassegnazione) pure Nicolino

CATERINA:  oh…oh   e pure quel signore?

CARMINUCCE: soprattutto!

NICOLINO: allora io vado, ci vediamo . fatemi sapere quando si comincia, ( si avvicina a Caterina) ciao Caterina

CATERINA :  ciao Nicolino

 NICOLINO: ( si avvicina al pappagallo e da una scossa alla gabbia) cattivo!

VOCE DEL PAPPAGALLO: vafancule strunze!

 CARMINUCCE: a parlate.. o  pappavalle ha parlate, brave …brave.. uh marò e che soddisfazione!

NICOLINO: ma mi ha chiamato strunze!

FILOMENA: e chille finalmente na truvate une! 

CARMINUCCE: ( va verso la gabbia) brave  …brave…( Nicolino esce sbraitando)

CATERINA:  ( ridendo ) ah  ah ah ca bellu Natale ca sarrà je mi avvio da Teresella, andiamo a sistemare il presepe   ( esce)

FILOMENA:  e speranne ca sarrà belle pe tutte quante!

CARMINUCCE: (vicino al pappagallo)Che soddisfazione  anzi doppia soddisfazione!( si gira verso Filomena)Filumè, tu e capite pure tu chi era chillu Salvatore ca cia mannate Don Lucio?

FILOMENA:  e comme nnu l’agge capite chi era chillu Salvatore e speriame ca salva  pure a nuie! A Carminù e penzate quale  commedia avimme fa?

CARMINUCCE:  addò le mise chillu copione ca me dette o professore Giacinte?

FILOMENA:  sta dinte casssette do tavule ,mo te piglie( apre il cassetto e tira fuori il copion e lo consegna a Carminucce)

CARMINUCCE: oh eccolo qua! Facimme cheste. Appene lagge lette  me piaciute!

FILOMENA: lagge lette pur’je e na cummedia bella assaie ma mo appena vede Pascale facimme chillu servizie, Luisella è pronte!

CARMINUCE: allore è decise! (entra Don Lucio e sente)

DON LUCIO: che avite decise?

FILOMENA: a cummedia c’avimme fa!

DON LUCIO a si? e qual è?

CARMINUCCE: ( da il copione a Don Lucio) ecco qua

DON LUCIO: ( si mette gli occhiali e legge)”E Ricchezze da povertà” tre atti di Raffaele Caianiello. Ah o titule è belle! E  a cummedia?

CARMINUCCE: belle Don Lucio, bella assaie.

DON LUCIO: ah . e che parle?

CARMINUCCE: parla e na storia d’amore  tra una ragazza molto ricca e un ragazzo onesto e lavoratore ma povero. O matrimonio è osteggiato dai genitori della ragazza

FILOMENA: pecchè le vonne fa spusà o figlie di una ricca famiglia

CARMINUCCE: insomme è na cummedia  che ferma nel tempo concetti di grande nobiltà d’animo e che riconsegna all’uomo la sua dignità e la sua ricchezza: i sentimenti!

DON LUCIO: me piace,facimmele!a proposite ,è venute  nu certe Salvatore a chiederve e fa na parte?

CARMINUCCE: si e mo proprie se ne andate

DON LUCIO: quello ere Salvatore Portella , quello che ha mandato per Caterina

FILOMENA:  ce ne simme accorte

DON LUCIO:   e guardate che già l’gge ditte qualcosa a Caterina circa .. Nicolino e …confidate nel signore e vedrete che tutto andrà nel verso giusto,

CARMINUCCE: speriamo bene  Don Lucio

DON LUCIO: allore d’accorde? Si comincia fra tre giorni e vi aspetto tutti in sagrestia ( entra Pasquale)

PASQUALE: ( continua a mangiare pane e salsiccia) Don Lucio,perché non rimanete a mangiare con noi oggi?

DON LUCIO: ma veramente… non vorrei disturbare

FILOMENA: ma quale disturbo Don lucio,restate, oggi agnello alla brace e vine e Mundragone

CARMINUCCE: agnello alla brace? No..no..

FILOMENA: e bisogna pure far sparire o corpo do reate!

DON LUCIO:   o corpo do reate?

PASQUALE:   ma che avete capito…  ha ditte o riale

DON LUCIO: ah o riale!

CARMINUCCE: ( con rassegnazione) sia fatte a vuluntà a Die

DON LUCIO: ora e sempre ..amen!

CARMINUCCE: (Fa cenni a Filomena ) e ma prima dobbiamo fare le fotocopie del copione e poi si mangia è vero Don Lucio? (Don Lucio fa spallucce) Pasquà, fammi un favore, noi accompagniamo Don Lucio a fare certe fotocopie, tu guardece nu poche a puteche e si vene qualchedune dincelle ca venimme fa na mezore!

PASQUALE:  e va bene ma facite ambresse ca tenche cheffà

CARMINUCCE: tu? E quanme maie nun ne tiene! Andiamo Filomena..andiamo Don Lucio. ( escono)

PASQUALE:  ( si siede dietro il banchetto e gioca con i ferri del mestiere)seh cainateme o ere caspite e me  mparà a fa o scarpare ….a truvate o fesse! ( si alza, va vicino al pappagallo) e tu ca dice eh? te pare ca je me mette arete o bancarielle a fa o sgubbate? Caro pennuto , ( gli tocca il becco) je so dritte eh?

VOCE DEL PAPPAGALLO:  no..si strunze! Mariuole  …mariuole

PASQUALE: ah cheste t’ha mparate eh? ma mo te mpare pure je qualcose p’accumincià o nomme!  .. je me chiammePascale!( entra Luisella mentre è di spalle)   

LUISELLA: ( veste un po scollata e provocante ) Pascale?

PASQUALE: ( Pasquale fa un salto indietro) azze gia te le mparate?  

LUISELLA: scusate Pascale, sono io non il pappavallo

PASQUALE:(si volta sorpreso  e la guarda con avidità)  Donna Luisella? Uh e che fate qui

LUISELLA: Carminucce non ci sta? ( tira fuori un paio di scarpe) le ho portate ad aggiustare ( si scopre un po) oh come fa caldo oggi

PASQUALE:  ( gli si avvicina con ardore) e a chi lo dite …..Donna Luisè, vuie me site sempe piaciute e….. ( fa per abbracciarla e Luisella si scansa)

LUISELLA: ma Pasquale….che fate ….la porta  è araputa e ci pozzono vedere

PASQUALE: ah è sule peccheste ( va e chiude la porta e poi l’abbraccia con impeto e scivolano a terra dietro il divano non visti dal pubblico) oh Luisè e comme si bone ,tagge fa nova nova

LUISELLA:  si Pascà fammna bella sballate ahhh ( sussurri e grida) oh si Pascà..si Pascà  ( bussano alla porta, Pasquale si alza con la camicia in disordine ma Luisella lo tira giu) nun daretta Pascà…. Ahhhh ( bussano di nuovo e non si alzano.poi la porta viene aperta da Filomena che entra con Don Lucio e Carminuccio)

DON LUCIO: (  vede la scena e  si mette le mani al volto) o Signore!  Che scandalo ( scappa via)

FILOMENA: si si che scandalo ( Pasquale e Luisella, si alzano tutti in disordine) bisogna riparare…… ( va verso Pasquale) devi riparare!

PASQUALE:  e comme se fa? Troppo tardi….a festa è fatta e je me ne fuje

LUISELLA: si  si …..ormai …. Ma sballate…. Pascale..Pascale….( gli corre appresso mentre si chiude il sipario

                                                                                                                                                                                                                   

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

 La scena si svolge nel salone di Saverio.All’apertura del sipario ,c’è Don Lucio e Saverio il Sagrestano. C’è una poltrona,un mobile basso con specchio ,delle sedie e un tavolo. Un crocifisso alla parete.  Gli attori entreranno a fare le prove  con i costumi da scena

 

DON LUCIO: (  sta a sistemare le sedie intorno alla sala. Aiutato da Saverio) Savè, sistemele bone si no vene o regista e va truvanne reveglie

SAVERIO: e o regista” vulite dicere  Carminucce

SAVERIO:  e va buone! è passate già  nu mese e spere ca sta storie fernisce ambresse

DON LUCIO:  e tu dinta a nu mese te penzave ca ferneveme!

SAVERIO: stasere ha ditte c’avimme pruvà a scene  chiù difficile e si  e prova vene bone a settimane prossima pruvamme tutte e due gli atti e a Santu Stefane a rappresentamme!

DON LUCIO: sarrà veramente na cosa bella  pecchè cu ricavate da cummedia facimme tanta beneficenza e stanne certe ca quanne jamme all’atu munne o Signore cio rende  e ci accoglierà con amore

SAVERIO: certo, io tenche  quase settant’anni  e… ( voltandosi veso la croce e inginocchiandosi  Signore nun veche  l’ora e  arrivà  addò te

DON LUCIO: (inginocchiandosi anche lui) Signore pure io nun veche   l’ore e arrivà addo te  ma, consideranne  che nzieme avimme  vivere pe l’eternità, famme restà natu poche ccà!

SAVERIO: azze Don Lu’ A sapite longhe eh!( entra Carminucce   e Filomena)

CARMINUCCE: ( con giacca e cravatta) buonasera, ( Don Lucio e Saverio,si voltano  spaventati ) so je do Don Lucio, Ciao Saverio, ancore nun è arrivate nisciune?

DON LUCIO:mo vedi comme venene. Stasera allore pruvamme a scena?

CARMINUCCE: E  si stasera devono venire tutti con i costumi da scena. ! pruvamme pure a scena cu Turille e Assuntina ,speranne ca stasera Turille nun se mbroglie.

FILOMENA :  tene proprie a cape e ciucce e meno male ca lagge mise Caterina vicine a fa suggeritrice

SAVERIO: si se mbroglie pegge pe isse! Assunte ce  penze!

FILOMENA: nun ve preoccupate ca a forze e piglia cauce pe Santu Stefane s’mpare! ( entrano Mimì e Pasquale)

PASQUALE: eccoci qua!siamo pronti

MIMì: Don Lù je sta cummedia la sto facenne ma parlammece chiare a doppe  m’aspette ca mantenite a prumesse

DON LUCIO: è gia fatte Mimì. A settimana prossima può già piglià lavore!

MIMì: o veramente? Pascà e sentute

PASQUALE: agge sentute e si è accussì ….

CARMINUCCE: se scioglie a società! Ma nun te preoccupà Pascà ca comme se stanne mettene e cose pure tu tiene nu future!

PASQUALE:   ah si? Don Lù. State truvanne nu lavore pure pe mmè

DON LUCIO: ( Don Lucio annuisce) in un certo senso

PASQUALE: però senza trucche e senza inganne ….( si avvicina a Don Lucio) je a fine e Mimì nun a voglie fa. Je nun me spose a nisciune!

FILOMENA:tu tiene a capa sciacqua,tiene a furtune pe mane e nun n’apprufitte! Guarde ca si nu te sistieme je te cacce

PASQUALE: cacciame pure  ma je nun me spose ( indicando Mimì),se spose isse ovvì!

MIMì: pecchè je me spose?Don Lù…je me spose?

DON LUCIO: e chi lo sa. stamme dinte e mane do Signore

PASQUALE: no chiste stà dinte e mane e Tereselle, lagge viste dinte a sti juorne de prove …. Se stà facenne fa fesse

FILOMENA : addo ce sta o piacere nun ce sta perdenza!

CARMUCCE: Mimì, nun o da rette a cainateme! Chelle è tutta invidia. ( entra Salvatore)

SALVATORE: ( entra con una busta ) buonasera a tutti , so che stasera non devo provare ma… sono passato a vedere come vanno le prove

PASQUALE. Si va buo, o sapimme pecche site passate Je esco, ce vedimme chiu tarde

FILOMENA: e vide si se fa e fatte suoie!

MIMì: aspiètte Pascà venghe cu te anze facimme na cosa jamme a chiammà a Teresella ca voglier mettere e cose in chiaro (escono)

SALVATORE: permettete ?(prende una busta ) ho pensato che con questo freddo ….qualcosa di caldo fa sempre bene ,ecco qua il caffè e ho voluto prendere anche due dolcini

SAVERIO: ah bene, aspettate nu poche ca piglie due tovaglioli (Va verso il mobiletto e li tira fuori) comme me piacene e dolce a me! (prende un dolcino e comincia a mangiarlo)

DON LUCIO: guardate llà guardate! Tene o diabbete a 300 e nun se fire e fa passe!

FILOMENA:  e lassate o fa, facite ca se ne vere bene, chillu o puverielle sta quase e piede e san Pietre!

SAVERIO: ( rimane bloccato con il dolce in mano) donna Filomè e che caspite!

CATERINA: Savè nun a date rette a soreme,mangiate, e vuie pigliateve o cafè ca se fa fridde ( entra NIcolino) oh Nicolino,vieni c’è anche il dolcino

NICOLINO: buonasera a tutti,( va verso la guantiera) ma chi l’h’avuta questa bella pensata

CARMINUCCE: li ha portati Salvatore,ma mo facimmme ambresse si no stasera se fa tarde ( prendono il dolce e poi il caffè)

NICOLINO: ah Salvatore! (lo guarda con amirazione,poi  sceglie  il dolce) a me è piacece e babbà ca crema, uh ca peccate nun ce stà! ( entra Turillo seguito da Assunta)

FILOMENA:   chi a ditte ca nun ce stà! È arrivate ovvì?

TURILLO: scu..scusate il ritardo

ASSUNTA: buonasera a tutti, simme in ritarde però simme pronte!

SALVATORE: prendete un dolcino e un caffè

NICOLINO: portati del nostro Salvatore solo lui poteva avere questo pensiero

CARMINUCCE: va buo.ma mo pruvamme sta scena e speramme ca va tutto bene.   (A Turillo)  si pronte ?È tutto chiaro!

TURILLO: è ..è tu tutto na chiavica ..è …  è  tutto chiaro!! ( esce)

 CARMINUCCE :  sarrà. Jamme a vede! ( si guarda intorno e fa segno di stare zitti e di andare dietro le porte) via!

E ricchezza da povertà

 1° scena

TURILLO ( entra con il bastone e non si accorge di Mariuccia  la quale porta una borsetta sul braccio sinistro tenendo che ogni tanto lo scuote)

CATERINA: (   gli si avvicina e suggerisce) ah stammatina me sente a frischezza 

TURILLO:  ah stammatine me sente a schifezza ca mi esce a dinte e pacche ehhh   volevo dire tenche a freschezze ca mi esce a tutte parte ( va allo specchio , si guarda  si pettina) Ernè si nu bisciù , nonne…nonne a me! Ehh donne donne a me! ,a me ( si gira e trova Assunta  che lo guarda compiaciuta) oh nu se po esprimere nu desiderio ca subbeto eh, donna Assù ma da dove siete uscita?

ASSUNTA: veramente,  quando siete entrato stavo già all'interno

TURILLO:( si tocca con una mano  la schiena)) stavate all'inferno (colpo di Assunta) stavate all’interno

ASSUNTA:  ( avvicinandosi all'orecchio ) nossignore, ero seduta  sul divano, e voi non mi avete visto  

CATERINA: è vero mia cara

          

TURILLO: è vero,mia capra,  ( un colpo da Assunta ) ahh mia cara però vi stavo pensando e quando vi penso, io non vedo ..sogno, ditemi finalmente siete venuta  solo pereta  pe mè, ( colpo di Assunta) Siete venuta solo per me si?

ASSUNTA:(si avvicina a Turillo e si strofina vicino alla sua spalla ) sono venuta per un consulto, una seduta spiritica,e se tutto va bene,) Don Ernè  finalmente vi permetterò di baciarmi,perchè voi ,volete baciarmi non è vero,voi mi volete , voi mi desiderate è vero? (si avvicinano  si mettono spalla a spalla come a grattarsi a vicenda)me ne sono accorta ma per rispetto del mio povero marito defunto ( imbarazzo) non vi ho dato alcuna occasione ma se tutto va bene, se ottengo il permesso, allora....

CATERINA:allore nun agge capite niente

TURILLO: ( si voltano di faccia)  allora, nun agge capite niente,parlate cchiù forte, e nun ve facite  troppe sotte ca si nò perdo o controlle, mi vene o prurite ..ehh volevo dire   e divento  ardito, pericoloso,

ASSUNTA:  (avvicinandosi) oh anch’io, anch’io, ( si prendono le mani)

NICOLINO: ( entrando) ecco quà un bel bicchiere di limoncello

TURILLO: ( si allontana) puozze sculà e vide chiste si nun sta sempe  a…, qua limoncello , cammina vaie a fare il caffè

NICOLINO: ma veramente..

CATERINA: esegui è un ordine

TURILLO: esegui, è un ordine  Attenti, dietro front ..avati marc… ( Nicolino si mette sugli attenti e poi esce) Mariuccia   mia cara ( si avvicinano) il mio è un tormento , starvi vicino e non potervi avere,datemi almeno un caucio, vi prego soltanto un caucio, per sentirmi una palla di riso  (Assunta gli da un calcio) ahh volevo dire un bacio per sentirmi in paradiso

ASSUNTA: oh Ernesto ( gli prende le mani) voi mi farete impazzire ( fanno per abbracciarsi ed entra Nicolino)

NICOLINO: scusate comme o vulite o cafè ,dolce o amaro? ( i due si scostano)

CATERINA:puozze jettà o sanghe

TURILLO: puozze  ittà o sanghe, vire chiste si nun stà sempe attuorne a scassa  e scatole e cristiane amaro, amaro comme o fele ca nun te vene ( alza il bastone poi si calma e si gratta la schiena)) và và a farme na cammomilla  mò và...o ti fucilo ( Nicolino scappa via)

ASSUNTA: forse è meglio così, meglio che non è successo niente,  fatemi parlare prima  cu Ferdinando, e poi  ( si avvicina) sarò vostra,ho sette anni di arretrati da recuperare ,aahh, aahh 

CARMINUCCE :(alzandosi e andando al centro) stop! Basta! Turì. Ma è maie possibile can un te riesce e di na parola adderizzate? E po cher’è stu fatte ca ogni tante te tuocche arrete?( rientrano Salvatore ,Saverio e Don Lucio)

TURILLO: pecchè me fa male, tenche  na cernia mieze e rine …n ernie mieze e rine!

ASSUNTA; Carminù, nuie a parte ce l’avimme mparate

CARMINUCCE: me ne so accorte ma Turille nun azzecca na parola bone

DON LUCIO:  Carminù je me so ad divertite e pure llate ridevene lassamele dicere chelle ca vò

CARMINUCCE:( guardando Turillo) je vulesse vede cu chella lenghe comme a facimme a cummedia!

DON LUCIO: ma nun te preoccupà, va a fernì ca o pubbliche se diverte e chiù!

FILOMENA:  je so d’accorde, e po chest’è! Chille megle e accussì nun po je

SAVERIO: e certe chille Turille è chelle ca jè!

CARMINUCCE: Salvatò voi ca ne dicite ( Carminucce,distratto , guarda Salvatore che avvicinandosi a Caterina, gli da un dolcino) ah  si , è meglie molto meglio!

TURILLO: allora va.. vache buone a ..accussì?

FILOMENA: ( guarda Salvatore e Caterina) tropo buone, ah    sta cummedia ce fa avè nu sacche e cose!

ASSUNTA:  eh si! pare ca tutte se mette po meglie

TURILLO:  je  o sa  je o  sapeve! ( facendo l’occhialino e indicando Caterina e Salvatore) gua  guardate e ciuncate!  

CARMINUCCE: tanna fa e pompe!

TURILLO :Guardate e giudicate pare ne duie cu cu culumbre ..duie culumbe ca tu.. tu ..tubbano

FILOMENA:   e lassate fa po essere ca fosse a vota bone

CARMINUCCE: Fosse a Maronne!

TURILLO: je ce laveve di ditte a fi  a figliaprene!

SAVERIO: all’anema da lenga ca tene

TURILLO: a Filomena!ca ca Salvatore  ere buone  pa  partute

DON LUCIO: pe fa o surdate!

TURILLO: ere nu buone partite.

ASSUNTA:  ja baste mo, jammuncene ca e prove l’avimme fatte e tenimme cheffà

TURILLO: si      zuccu ..  zuppulella mia!…zuccarielle mie jammuncenne

SAVERIO:  si .. si  Assù portatille si no e cummedie ne facimme doie!

TURILLE: arri arri  arrivederci vi  vi  faccio le mie  ee esequie…i miei ossequi (Tutti fano le corna e i due  escono)

SAVERIO: mamma mia ! je po m’addimmane na cosa: ma chiste comme fa a sta dinta a cantina!

DON LUCIO: a gente là,vanne pe bevere e se mbriacane e quanne stanne mbriache  so pegge e Turille. Beh pare ca  cu sta cummedie  jamme buone

NICOLiNO: basta can un ce tirane pummarole nfacce, beh je agge terminate, regista posso andare? ( Carminucce fa segno di assenso )Esce)

SAVERIO: pe te fossene meglie e banana!beh io mo vengo ho un bisogno corporale di una certa entità e….( emette un suono noto e poi si tocca la pancia)scusate chesse succede quanne me piglie e dolce ( esce)

SALVATORE: se permettete usciamo ache noi, accompagno Caterina a fare una commissione e poi veniamo

FILOMENA:  e andate…andate  ( escono)

CARMINUCCE :  e a seconda prova quane a facimme?  ( entra Luisella) oh cara Signora Luisella,prego…entrate

LUISELLA: grazie assaie gentile. Don Lucio  voi state qui?

DON LUCIO: voi che dite? Mi vedete?

LUISELLA:  e come no…Don Lucio vi aggio parlare  ed è urgente… ah ci state pure voi Filomena? ( Filomena fa segno con le braccia)

DON LUCIO: e dite dite…

LUISELLA: è na cosa in segreto …..ma viste che interessa pure a Filumena e a Carminucce…..pozzo parlare. ( si siede su una sedia e singhiozza in modo comico) Don Lù …..hii hiii   ….. Filumè  ihhhh …ihhhh Carminù ….ihh iihhh je…sono prena!

FILOMENA: site prene?

LUISELLA: si …. Ma ditto o miereche   so prene…. Ihhhh ihhhh

DON LUCIO: ( si avvicina) e non piangete questa è benedizione!

CARMINUCCE:  no cheste è na liberazione!

FILOMENA:  e su nun chiagnite,ormaie è fatte. Mo Pascale nu scappe cchiù

LUISELLA: si m’avimme fa ambresse si no succede o scandale!

FILOMENA:  nun ve preoccupate, ce penzamme nuie  è vero Don Lucio

DON LUCIO:  nuie e o signore. Ma mo jate e nun dicite niente a nisciune ca primme e stasera Pascale starrà addo vuie…jatae  jate e ….shhhh. acqua in bocca

LUISELLA: (si alza) oh grazie ..grazie   ( esce)

FILOMENA: è cotta a pecchia!   Appene venene llate Fernimme sti prove  e po facimme e cunte cu  Pascale  ( entrano Pasquale e Mimì)

PASQUALE: simme pronte?

FILOMENA : e  Teserelle? Nun l’avite ncuntrate?

MIMì:  nun l’avimme viste ,simme jute pure a casa e niente!

CARMINUCCE: chiste chissà a casa e chi so jute?

DON LUCIO: avite viste si steve dinta a chiesa? Chelle m’aveve ditte ca avevene fernì e appriparà o presepie

PASQUALE:  no ,  pa chiesa nun ce simme passate ( entra Teresella)

TERESELLA: Bonasera! pa chiesa no ma po cafè e zi Ntunine si! v’agge viste a jucà che tre carte e a fa fesse a  Tummase o salumiere

SAVERIO: e che le fa a Tummase,sapisseve quanta vote ce fa fesse a nuie

FILOMENA : cheste è overe, ogni vote ca me pese o salame,me fotte doie vote,na vote ncoppe o pese e na vote  ncoppe a carta

DON LUCIO: però po quanne va nu puverielle dinta a puteca soia le fa o panine e  cheste va pe chelle!

MIMì:   ah accussì vanne e cose? E llore pecché quanne je e Pascale ( fa il segno del rubare con le dita) arrangiammo quarche cose invece e cio fa restituì nun ce facite dicere tre paternoste?

PASQUALE: eh e cheste .. ( fa il segno del rubare) … va pe chelle ( fa il segno della

croce)           

DON LUCIO: miscredenti! Cocche e vote e cheste ve scummuneche a tutte e duie

PASQUALE: perdunatece Don Lucio ,perdunatece (  con la scusa di abbracciare Don Lucio, gli sfila la catenella con il Cristo)

DON LUCIO: seh !fosse a primma vota!( entra Nicolino)

CARMINUCCE:Don lù cu chiste perdite o tiempe e o sapone

NICOLINO: eccomi sono pronto

CARMINUCCE: e allre Jamme belle ja  facinne stata prova ca po ..tenimme cheffà!

E ricchezza da povertà 2° scena

NICOLINO: la la lla lla..( Nicolino fa finta di pulire e lo fa in modo comico, muovendo uno scopino poi sente bussare, va ad aprire ed entrano Mimì e Teresella)

MIMì: bongiorno a signuria!

TERESELLA: bongiorno signò ( entrano guarandosi intorno con meraviglia)

NICOLINO: chiste me pare ca so trasute dinta a nu museo, scusate chi vulite?

MIMì: veramente simme state chiammate da don Achille o patrone e stà casa, e nun sapimme manco o pecchè, vuie o sapite?

NICOLINO: no nun saccio niente ma mo subbeto ve lo chiamo, intanto accomodatevi ( si guardono con lazzi) assettateve

MIMì: dove? io nun veco seggietelle

TERESELLA: ( dandogli una gomitata accenna alla poltrona) va benissimo noi intanto ci assettiamo quà ( Nicolino li guarda poi va via)

MIMì: Concè ma cheste so  e poltrone?

TERESELLA: si. e nun c’è stà manco nu poco e polvere( pausa) tu pienze ca quà di zoccole c’è ne stanno?

MIMì: e comme nò, addò ce stà ricchezza c’è sempre da mangiare,e addò ce stà o mangià ,ce stanno e zoccule

TERESELLA: e addò s’annasconnene? io nun veco manche nu pertuse

MIMì: Concettì ,quelle sono furbe, ca venene a mangià e addò nui veneno a ddurmì e a figlià

TERESELLA:haie Ragione Gennà, saie ca penso , che qui se ci sono, sarranne diverse dalle nostre,sarranne chiù signore, chiù lucente, chiù sciupatelle e pure nu poco debolucce

MIMì: sarrà ,ma sempre zoccole sono( pausa)

TERESELLA: Gennà, io me sento nu poco nervose, nun riesco a immaginare, chiste signure ca ponne vulè da poveracci come noi

MIMì : Concettì, i signori da noi vonne sule lavoro e sottomissione,forse ce vonne fà faticà nella loro azienda mah abbastà ca ce pagono bene, comunque basta aspettare per sapere

      

( entrano Carminucce  e Filomena)

  

MIMì: buon giorno a Signuria,( si tiene il cappello e accenna un inchino)

TERESELLA: signò, appena c’è l’hanno ditte siamo subbito corruti, ma come mai ci avite fatti entrare in questa bella casa?

FILOMENA: accomodatevi,stando seduti, si discute meglio

CARMINUCCE: Nicolino, vai a prendere, qualcosa da bere ai signori, vedi se gradiscono una premuta di limoni

MIMì: ( si guarda intorno)  Concettì, ho sentito bene ?ci ha chiamati signori ( Concettina annuisce) io vi ringrazio, ma vedete, io nun pozze ire e cuorpe normalmente, figurateve se mi metto a bevere o zughe e limone, e poi io e mia moglie qua presente ci siamo appena bevuto nu quarte e olio di ricino apperuno per scialare le intestine

NICOLINO: saie  doppe ca contraerea

FILOMENA: ( guardando  Achille) e va bene accettate almeno qualche cosa

TERESELLA: chi non accetta non merita,....io accetto tutte cose, panni ca nun mettite cchiù,scarpe consumate, vestite strappate,pure si sò cazune co buco a culo vanne bbuone o stesso, nuie e usamme pa campagna, facimme lavore pesante e a robba se consuma

NICOLINO:   eh so venute o mercato americane 

FILOMENA: ma certamente ,appena trovo il tempo di rovistare negli armadi, vi metto da parte tutti gli abiti demodè

TERESELLA; signò  si nun e tenite e motè ,vanne buone pure chille e cuttone 

CARMINUCCE : allora che dicevate, vi piace questa casa?

MIMì: assaie ,assaie, è propeto una casa di signori come voi

FILOMENA: e sapessseve cosa ci vuole per tenerla pulita, due inservienti non bastano Tatucce tu te ne puoi ire ( Nicolino esce)

CARMINUCCE:certo è che, chi è abituato in questo lusso,difficilmente potrebbe vivere in una casa di campagna vi pare?così come un villico, non sarebbe capace di vivere una casa così

TEESELLA: però si facesse nu terno o banculotto avesseve vidè comme mi civalizzarei  subbito 

CARMINUCCE: e voi Gennaro, come la pensate?

MIMì: io penso che uno non deve tenere grilli per la testa,e s’addà accuntentà e chella ca tene , per chi s’accuntente, pure na stalla po essere cchiù bella e na reggia

CARMINUCCE:bravo, voi sì che ragionate, ora ditemi voi avete prole?

MIMì: ma veramente, non sò ( guarda la moglie) Cuncè tenimme e prole?

TERESELLA: Gennarì nun o sacce, ma che sò? caciuttelle

CARMINUCCE:  scusatemi,io volevo dire se tenete figli

TERESELLA; ah si,  certamente,  ora ho capito nuie tenimme un prolo e una prola

MIMì: un maschio e una femina

CARMINUCCE: oh ed è proprio di vostro figlio che volevo parlarvi

TERESELLA: Gesù, ca ha fatto, che l’è succiese

CARMINUCCE:per ora niente di grave ma potrebbe mettersi in una situazione incresciosa, se non lascia in pace nostra figlia

MIMì : l’ha mancate forse e rispetto

CARMINUCCE: no! ma le fà la corte eh  ed è questo il guaio

TERESELLA: Gesu’, Gesu’ me stava scuppianno ‘o core ‘mpiette, chissa’  che credeve che avesse fatto,chille so giuvane e ‘o sapite comme vanno sti cose.

CARMINUCCE: Queste cose non vanno, e non vorrei essere costretto a farvi avere una diffida.

TERESELLA: ma questa “sifida” che le vulite manna’ e’ robba ca se puo’ mettere ‘ncuolle, dotto vuje ‘o sapite noi abbiamo bisogno di tutto

CARMINUCCE (ironico fa cenno alla moglie di tacere): sii se la puo’ tenere tutta la vita .

MIMì: e vuje pensata che una vostra diffida puo’ seccare alcuni sentimenti e rinverdirne altri? nuje avimmo sempre ‘mparato a nostro figlio a nun nascondere ‘e sentimenti  buone ,e mo ca sento ‘e vule’ bbene, comme vuje dicite a na fanciulla di rango superiore ‘o vulimme considera’ culpevole ‘e quacche cosa. O ce sta’ na legge che vieta d’amare?

CARMINUCCE: una legge....... una legge scritta non c’e’, ma esiste una legge di natura, “Usucapione”, per cui ognuno deve unirsi ai suoi pari.

TERESELLA: ma quale “Capocchione” ‘o figlie vuoste e’ sicche ,sicche e tene na faccella tunnulella ,tunnulella, e’ a ccussi belle ‘a mamma soje.

CARMINUCCE: immagginate che un cavallo, animale nobile, superbo, pulito ,si metta con una scrofa: non sara’ mai che avvenga una cosa del genere.

MIMì: so daccorde cu vuje, figliema nun ave bisogno di una chic-chic, di una fammena vizziate che spenne  tiempe e denere a truccarsi, a ‘mbalzamarsi e a pittarse le unghie ,ma ha bisogno di una donna ca le tene ‘a casa pulita ,le fa truva’ nu piatto e minestra pronta e le cresce ‘e figlie.

TERESELLA: io ce lo dico sempre si deve trovare una donna sistemata e giudiziosa non come le signore ca so tutte cicciuvettole

FILOMENA: signora ma che dicite? i buoni e i cattivi sono dapperttutto !

TERESELLA: si ma ‘e signore ricche nun teneno masi niente ‘a fa’,tenena ‘e cammarere mentre una cumme a me ca da matine a sera tene ‘a fatica dinte e gambe e ‘a stanchezza  dinte all’uocchie difficilmente penza a fa’ chiacchiere

CARMINUCCE: brava il buon senso non vi manca ,siete davvero persone ragionevoli, anzi visto che siamo tutti d’accordo mi farete un favore: vieterete a vostro figlio di incontrare nostra figlia , non deve guardarla nemmeno da lontano, anzi non appena la vede deve cambiare direzione ed io in segno di riconoscenza vi offro uno cheque ( tira fuori dalla giacca il libretto degli assegni e  comincia a compilarlo)

MIMì: grazie  a vossignoria ma v’aggio gia’ ditte ca nun me posso piglia niente, si no nun vaco ‘e cuorpe

TERESELLA: ma si e’ robba usata datele a me , annuje serve sempe tutte cose ,vestite viecchie, cazune squartate, mutande smullate, in campagna sono sempre utili

FILOMENA: ma no, mio marito intende darvi una mazzetta...., un  po’ di soldi per farvi ricordare l’impegno preso

TERESELLA: Gesu’, Gesu’ ,accussi’ se chiammano ‘e solde de ricchi (rivolta al marito ) Genna’ pigliate chistu “sceicco” ca te fa ire ‘e cuorpe, piglialo,piglialo (Cerca di prendere l’assegno)

MIMì: posa ‘lloca!

TERESELLA: piglialo

MIMì: posa (glielo strappa di mano e lo rimette sul tavolo)

CARMINUCCE: forse e’ poco un milione , facciamo tre, anzi cinque!

TERESELLA: acchiappa, acchiappa ,Genna cu chisti solde  puo’ ghire ‘e cuorpe pure ddoje vote ‘o juorne

MIMì: aggio ditte ca no!

CARMINUCCE: ecco un’assegno uno cheque di dieci milioni accettatelo e non ve ne pentirete

TERESELLA: Gesu’, Gesu’ , e  comn e ce purtamme tutti sti sorde nuje simme venute a piedi

MIMì: Donn’Achi quanno ‘o ciuccio nun vo ‘a paglia aje voglia do a sciuscia’. io nun posso e nun voglio decidere pe figlieme ,nuje simme poveracci, povera gente, si, ma nun simme abbituate a vennere  i nostri sentimenti, percio’ teniteve pure il vostro “ sceicco” ma  lasciatece la nostra dignita’, e se vi fa’ senso sapere ca ‘o filglie nuoste ha osato guardare vostra figlia mette sotto chiave lei e scusate ‘o disturbo( si accinge ad uscire  ma Concetta cerca di prendere l’assegno) t’aggie ditto posa! ( ed escono di scena )

DON LUCIO:   si si bravi… ce simme e penze ca faciarrimme proprie na bella figura

TERESELLA:  avite viste ca bella coppia ca facimme je e Mimì?

PASQUALE: ( sarcastico) e comme no, me parite o vere marite e mugliere!  A proposite ma ve site già fidanzate? A quando le nozze?

MIMì: Pascà non sfottere o susamielle ,cheste so cose  can un te riguardane

DON LUCIO :sentite viste che ce truvamme facimme pute l’ultima prova e po….ce ne jamme

FILOMENA:si ma  facimme na piccola pausa?

CARMINUCCE: sule diece minute però eh

SAVERIO: pe me…. Facite chella ca vulite

PASQUALE: Don Lucio ,  mentre llate se pigliene o cafè, mo facite nu piacere?

DON LUCIO: dimmi figliolo

PASQUALE:  me vulesse cunfessà

DON LUCIO: mo?  È tantu necessarie?

PASQUALE:  molto necessario

DON lUCIO: e fatte accà! ( agli altri) scusate nu poche nuie apprufittame da pause pe na cunfessione ( Caterina e Salvatore si mettono in un angolo mentre gli altri escono o parlano sottovoce fra di loro dietro le quinte )  allore dimme ca peccate accussì gruosse e fatte?

PASQUALE:  agge arrubate don Lucio

DON LUCIO: e cheste mica è na nuvità

PASQUALE: si ma  arrubbà a n’amiche primme  e mo nun l’aveve maie fatte

DON LUCIO: dimme che è fatte?

PASQUALE: Ma so sicuro che po m’assulvite ?

DON LUCIO: Il Signore ha perdonato e assolto anche la Maddalena che tu sai bene che mestiere faceva

PASQUALE: Sì, a storia a conosche ; v’avite scurdate ca  je veneve  pure o catechisme?

DON LUCIO: E allore  o saie buone  ca la ditte  quando l’ha incontrata  vicino al pozzo

PASQUALE: Certo ca o sacce ; la  ditte: "Maddalena, sei su una cattiva strada"

DON LUCIO: E lei cosa rispose?

PASQUALE: E lei rispose: “e pe forze a ccà nu passa maie nisciune?

DON LUCIO: Pascà nun te tire nu schiaffe  pe nun te fa fa na figure e merde! Avanti dimme  stu peccate e facimme ambresse! … Cos’hai rubato ?

PASQUALE: Ho rubato una… catenella di un certo valore

DON LUCIO:  ah e allora non te pozze da  da l’assoluzione, a meno che…

Pasquale: A meno che?

DON LUCIO: A meno che tu non la restituisca subito al legittimo proprietario

PASQUALE: Don lucio  vulite ca  va do a vuie i?si a vulite  mi avete dicere sule  e si!

DON LUCIO: Ma no. nun a voglie!  T’agge ditte ca le dà o proprietarie!

PASQUALE:: Ma, Don Lucio, o proprietario   ma ditte ca  nun a vo

DON LUCIO: Si proprio sicuro che nun a vo?? Te l’ha detto lui?

PASQUALE: Me l’ha detto propeto  lui con le sue pricise parole. Quanne  l’agge  chiesto se la voleva mi ha detto:  non lo voglio”

DON LUCIO: E allora tienilo tu, provolone ! Questo non è peccato e vai in pace

PASQUALE : Amen!( fa per andare via)

DON LUCIO: aspetta, bacia il Cristo  (cerca la catenella al petto con il Cristo e non la trova) disgraziate! Posa a catenelle o te scommunica a vita ( Pasquale prende la catenella e gliela consegna)

PASQUALE: nun è giuste primme me dicite na cosa e po ve ne pentite!

DON LUCIO: stai zitto peccatore e mo stamme a sentì a me, primme ca è venuta Luisella

PASQUALE:  e je c’aggia fa? Ve venute a prià pe ce mettere a bona parole?no Don Lucio je nun me spose

DON lUCIO: ma pure si te dicesse ca aspiette nu figlie?

PASQUALE: no nun ce crede l’ha ditte pe se fa spusà…… e po  chi o dice ca so state je?

DON LUCIO: e chi è state o patreterne! Va va ca po facimme e cunte

PASQUALE:  je nun me spose….nun me spose! ( via)

 

SAVERIO: ( si avvicina a Don Lucio)  Don Lù cher’è? V’agge sentute e alluccà

DON LUCIO: niente, tuttte a poste ( si sistema la catenella al collo) a vide cheste? Si more primme e te, nun ma mettere dinta a cascia, nun se sa maie ca a qualcune le vene  ncape e me venì a truvà pure  doppe muorte .

SAVERIO: Pascale eh? ma no chille cu vuie pazzeie

DON LUCIO: sarrà ma ..nun se po maie sape!

SAVERIO: ma Caterina e Salvatore dove sono andati?

PASQUALE:  me sa che è cotte a pecchia! Chille so ati due ca un me contene juste

FILOMENA:  e lassate e sta, sarranne jute a se fa na passiate e po che ve ne importe mica hanna pruvà!

CARMINUCCE: Pascà, fatte e fatte tuoie e nun sputà ncile ca ncape te vene!

DON lUCIO: Carminucce tene raggione e facitele cocere si pecchie ca doppe

l’abbenedicimme  e cia mangiamme pure!

SAVERIO: ahhh ahhhh a Pascale le damme o meglie piezze

MIMì:   e comme no le damme …. O boccone do prevete

DON LUCIO:  e chi o sape pa fine  quale  bocconese magne!

CARMINUCCE : su pronti? Via ( tutti escono tranne gli interessati alla prova.

PASQUALE: si ma je nun me spose!

E ricchezza da povertà 3° scena

NICOLINO : ( apre la porta) prego ,accumodatevi,voi siete...

PASQUALE: Cesare … Cesare Sanguetta…ragioniere  ma chiamatemi il signor Achille

NICOLINO: (azze e comme va e presse chiste) nu mumento Don Achille viene subbito si è andato a cambiare d’abito, sapete  com’è visto l’evento

CARMINUCCE ( entra Carminucce ) Oh caro ragioniere : ditemi come mai siete venuto a trovarmi, forse avete saputo anche voi del fidanzamento si mia figlia ?

PASQUALE: Dotto’, veramente io sono venuto per un altro motivo , diciamo per dovere  d’ufficio.

CARMINUCCE: E va bene , mentre parliamo una bevanda fresca la possiamo sempre sorbire ,sapete oggi e’ un giorno di festa , si fidanza mia figlia col figlio del commendator Cavalli, intanto ditemi che problemi avete  .

PASQUALE: Io credo che si stia meglio seduti ,se permettete.

CARMINUCCE: Certo.. certo, accomodiamoci qui’.( si siedono sui divani)

PASQUALE: Avete dato uno sguardo ai giornali di oggi?

CARMINUCCE: No! non ne ho avuto il tempo,  e’ caduto forse il Governo?

PASQUALE: No, nella pagina economica ho letto ..........

CARMINUCCE: L’annuncio del fidanzamento?.....

PASQUALE: C’era scritto: Supercrisi del mercato delle mele, crollano le azioni della “Caracci-Boscherecci”..........proprio cosi’.

CARMINUCCE: Che significa Ragionie’....

PASQUALE : Che avete perduto ottocento milioni !....ottocento milioni bruciati

CARMINUCCE: Abbiano perduto tutto?.....

PASQUALE: Avete perduto tutto!

CARMNUCCE: No , non e’ possibile......era stato tutto curato nei minimi particolari, mi sento male, mi sento male....( si mette le mani in testa e si accascia sul divano)

PASQUALE: Meno male che stava seduto ( cerca di farlo rinvenire scuotendolo , senza riuscirci e guardandosi intorno), C’e’ nessuno ...... Signora .......   chi c’e’ in casa....

FILOMENA ( entrando): Mamma mia che succede......

CARMUCCE: Suo marito e’ svenuto!

FILOMENA: Madonna mia facciamo qualche cosa aiutatemi....

CARMINUCCE: Mettiamogli un po’ d’aceto sotto il naso , si riprendera’

FILOMENA: Non ne abbiamo ,in casa non lo usiamo.

PASQUALE:Allora non si potra’ riprendere, mi meraviglio di voi, una famiglia cosi’ agiata non ha un antidoto contro gli svuotamenti.

FILOMENA:Raggionie’ ,come ragionate?  piuttosto pigliate un po’ d’acqua fresca e’ sul tavolo (il ragioniere po rta l’acqua e Sofia gliela spruzza in faccia)

CARMINUCCE: (sospirando) Ahh....! siamo rovinati !

FILOMENA: Che vuol dire ?

PASQUALE: Aspettate Signo’ una sedia.(gli mette una sedia dietro) Dotto’ mo potete parlare.

CARMINUCCE:Siamo finiti in mezzo ad una strada, abbiamo perso tutto!

FILOMENA: No questo no! ( sviene ).

PASQUALE( rivolto al pubblico): Meno male che le ho dato la sedia!

CARMINUCCE: Siamo rovinati........,Ragionie’, come dobbiamo fare....siamo rovinati!

PASQUALE: Eh eh si! Siete proprio rovinati!

CARMINUCCE: A voi anche sembrava un affare.

PASQUALE: Si , ma il capitale era vostro.

CARMINUCCE: Siamo tutti rovinati!

PASQUALE: E dagli , voi siete rovinati non io!

CARMINUCCE: Anche voi raggionie’ : Perche’ siete licenziato!

CESARE: Dotto’ voi non avete piu’ una lira e volete conservare il potere di licenziarmi? Qui’ , chissa  se le proprietà’ che vi restano bastano per la buonuscita che mi dovete , dopo tanti anni di onorato servizio,

CARMINUCCE:  siete…licenziato!

PASQUALE: Dotto’ sono io che vi licenzio, oggi  anzi  vi do un consiglio , cercate di concludere il  matrimonio di vostra figlia con il figlio del cavaliere Trotta  se volete risollevare le vostre sorti .(Si alza ) Vi faccio tanti auguri ( si avvia verso la porta ,poi si  ferma ) non vi scomodate , conosco la strada. Statevi bene:

 

FILOMENA (e’ stata svenuta tutto questo tempo ): Achi’, come hai fatto!....come hai potuto?...Questo non me lo dovevi fare , io non voglio essere povera, non mi si addice, sono una signora!

ACHILLE: Non ti preoccupare,riusciro’ a ricostruire l’azienda, magari con l’aiuto del commendatore., ora dobbiamo stare attenti, a non farci sfuggire questa occasione il fidanzamento cade proprio a puntino

FILOMENA:  e che gli diremo che siamo diventati poveri?

CARMINUCCE: non ti preoccupare ci penso io. ( bussano alla porta) eccoli, Nicolino va ad aprire , ed entra Salvatore e Caterina:

CARMINUCCE: ( facendosi avanti ) Benvenuti nella nostra casa

CATERINA: Finalmente ci siamo .

SALAVATORE: Oggi e’ un gran giorno .

FILOMENA.: Lo ricorderemo per tutti i giorni che ci restano da vivere.

NICOLINO: e speramme ca ne sò assaie!

FILOMENA:su accomodatevi, così possiamo parlare dei preparativi, prima che cominciono ad arrivare gli invitati Don Pasquale voi sedete là vicino a mio marito, mentre donna Rosina stà quì vicino a mè ( siedono)

CARMINUCCE: voi quando pensate che si possa celebrare questo matrimonio?

SAlVATORE: quando  vogliono i ragazzi, per noi anche domani, la casa gliela abbiamo già sistemata, bisogna solo arredarla e preparare le carte

CATERINA: ( rivolta a Sofia) e voi a che punto state con la dote?

FILOMENA: ( guarda il marito) eeemm la dote?... beh... il corredo è tutto pronto, manca solo qualche piccolezza, io veramente volevo comprargli proprio tutto, ma poi sapete comìè ho pensato che era meglio lasciare perdere, questi giovani non apprezzano niente vogliono sempre l’ultima moda

SALVATORE: e poi’

FILOMENA:( guardandosi attorno) e poi? ah e poi dicono perchè hai comprato queste cose che io non volevo!

SALVATORE: no dicevo.... va bene il  corredo, le lenzuole, le coperte, e poi?

FILOMENA:( fingendo di non capire) e poi le camice da notte, la biancheria intima, le maglie di lana,le...

SALVATORE: questo lo abbiamo capito, ma per regolarci, lo sò è scortese  chiederlo, ma per regolarci sulle spese che andremo a fare..... insomma a quanto ammonta in soldi la dote?

NICOLINO:  evilloco ovi  mo bussano a sorde

FILOMENA: Achì siamo arrivati al punto

CARMINUCCE: e va daccapo

CATERINA: donna Sofì, voi ci dovete perdonare  se sembriamo cosi venali, ma noi a a Michelino non vogliamo far mancare niente, perciò ve lo chiediamo, in modo che se manca qualche cosa provvediamo noi

CARMINUCCE; se volete provvedere, provvedete, non fate complimemti

FILOMENA: e stammo sempre o punto e primme

SALVATORE:  ma insomma  in denaro quanto volete dare a vostra figlia

CARMINUCCE: don Pasquale voi ci dovete perdonare, ma le cose sono avvenute così in fretta che non abbiamo avuto neanche il tempo di spiegarci...noi abbiamo avuto..come dire una scivolata per cui oggi non siamo in grado di dare  a Caterina neanche una lira.. ma se voi sarete cosi paziente di aspettare e così generoso di prestarci 50 milioni, appena ci rialziamo Caterina avrà la  dote che si merita

CATERINA: e chi l’avrebbe mai detto che eravate così squattrinati

NICOLINO: chiste so addiventate povero e io nun speve niente

 SAVERIO: E dovrei prestarvi anche cinquanta milioni sai che affare .........facciamo una cosa rinviamo il fidanzamento poi quando vi rimettete in piedi ne riparleremo. Rosina ,Andiamocene,sulo e fesse se pigliano a” mugliera’ncuntante e a rota ‘ncredenza) scusateci ma negli affari non si puo’ sbagliare (escono)

FILOMENA: povera figlia mia, il primo lo abbiamo cacciato perche’ era povero, questo se ne e’ scappato perche’ siamo poveri noi, e cosi’ questa povera figlia e’ restata fuori dalla festa di Cancello e pure da quella di Arnone.

(Filomena e Carminuccio sono seduti   e si consolano a vicenda)

CARMINUCCE: Sofì,perdoneme,agge sbagliate simme ruvinate e nun tenche addò sbattere a cape perduoneme! Te voglie bbene Sofì!

FILOMENA: Achì che t’aggia perdunà! te voglie sempe bene pure je .Nun te preoccupà e na manere o e nate  sempe campamme!( suonano e Nicolino va ad aprire)

NICOLINO: sono i genitori di Vito ..i bufalai

CARMINUCCE: falli entrare ormai…..( Nicolino va ad aprirli)

FILOMENA:  trasite, accomodatevi, Caterina mi ha detto che Lei e Vito sono andati a parlare con il prete e che vorrebbero sposarsi anche se non siamo più in condizioni di darle più niente in dote

MIMì: abbiamo saputo e ce ne dispiace per voi

CARMINUCCE : siamo ridotti sul lastrico

NICOLINO: ma allore è o vero, stò mieze a na via pure io

FILOMENA: tu statte zitte

TERESELLA: non vi preoccupate, a mangià se mangia sempe   

CARMINUCCE: ma voi avete capito bene? noi siamo proprio sul lastrico noi non abbiamo più niente! Siamo rovinati!

FILOMENA e non possiamo dare a Caterina neanche una camicia ,salvo quello che ha addosso

CARMINUCCE: apprezzo la vostra solidarietà e vi ringrazio di essere venuti  ma al momento non abbiamo soldi per maritare nostra figlia.

MIMì: dottò i soldi a che servono,basta a salute, e nu poche e bona vuluntà. e uno si rimette in carreggiata

CARMINUCCE: hai ragione, ma io oltre al commerciante non ho mai fatto niente, e per farlo c’è bisogno  almeno di un minimo di capitale

TERESELLA: Dottò non ve preoccupate vorrà dicere, che chellu poco ca tenimme o mettimme a vostra disposizione quanto alla dote di Caterina o rimedio ce stà, avevo priparato della biancheria per figliema Maria , ma chelle è ancora criatura, vo dicere che mò la piglia Caterina e poi o signore ce penserrà

MIMì: dottò, venite pure voi addò nuie,ce faciarria tanto piacere si restate a mangià cun nuie

CARMINUCCE: grazie , grazie io sono confuso, sono...mortificato.perchè oggi, oltre ad essere  diventato povero di sostanza in questo momento mi accorgo di essere stato sempre  povero nell’animo

MIMì: Don Achì ,non c’è da vergognarsi,   poichè non siamo noi a decidere dove e quando nascere, e come nascere, se ricco se povero, se nobile o se disgraziato,la verità vedete è una sola.: la povertà o la ricchezza è come un vestito che si può cambiare e si può togliere, perciò, quello che conta veramente, è chi lo porta questo vestito!

CARMINUCCE: bravo Mimì  pare che sti parole  te so  asciute a dinta o core!

DON LUCIO: belle parole, piene si sentimenti e di verità! Bravo Mimì!( entrano Caterina e Salvatore)

MIMì: è vere: me so asciute a proprie a dinte o core! Stu core ca fine a mo nun a tenute maie o curagge e dicere qualcose, stu core ca a sufferte in silenzie pecchè   nun puteve parlà. Teresè… je te vurrie dicere tanti cose

TERESELLA:  si Mimì….parle dimmelle

MIMì: Teresè,scusame si fine a mo agge ricambiate o bene ca me vuoie cu noncuranze e  sfuttò o faceve pecchè nun vuleve ca t’annammurave  e nu   sfortunate mieze cecate e senza lavoro ma mo, e cose so cagnate grazie a Don Lucio o tenche o lavore e me venute pure o curagge e te dicere .te voglie bene Teresè

TERESELLA: ( gli si avvicina)  je t’agge sempe vulute bene Mimì! sempe!

MIMì: E allore to vogliodicere annanze a tutte quante  : me vuò spusà Teresè?

TERESELLA: (  abbraccia) cu tutto o core Mimì! ( tutti applaudono)

PASQUALE: e agge perze pure a Mimì!

CARMINUCCE: ca bella cosa!  Savè a tiene na butteglie e spumante?ca s’addà brindà!

SAVERIO: e comm no, a piglia subbete

CATERINA; aspettate, Salvatò,cio dicimme?

SALVATORE: e pecchè no? dicimmancelle

FILOMENA:   e dicite  dicite…

CATERINA: ( si guarda intorno e vede tutti che aspettano) e va bene,sta cummedia è stata na benedizione! Nun sule pe Mimì e Teresella  Ma pure pe me e Salvatore, nuie avimme scuperte ca simme fate ll’une pe  llate e ce vulimme spusà!

CARMINUCCE: è cotta pecchia! Auguri auguri!!

FILOMENA:   ca piacere …ca piacere sora mia

CARMINUCCE: e che furtuna!

NICOLINO: ca bella cosa!

CATERINA:  e viste sora mia ? e tu e Carminucce ca vulevate darme  nu marite ca manche o canusceve. Teneve e sorde ? e che me mporte. Agge truvate A Salvatore ca forse sorde nun ne tene ma o core mie si!

SALVATORE: Catarì, t’aggia dicere na cosa, chille ca te vulevene fa spusà ..so je! Nun te l’agge ditte pecchè vuleve ca t’annamurasse e me e nun de sorde

CATERINA: ( guardando gli altri) allore m’avite mbrugliate?

DON LUCIO: nisciune t’ha mbrugliate, nun t’avimme ditte niente e po a scegliere nun simme state nuie ,  è state o core tuoie

CATERINA:è vere! A scegliere è state stu core!

SALVATORE:  e dinta a sti tre mise e prove  o core mie ha truvate o tuoje! ( si abbracciano)

CARMINUCCE. Evviva evviva!  Savè, pigliene doie e butteglie e spumante!

DON LUCIO: sia fatta la volontà del Signore!

CARMINUCCE: Don Lù,site nu prevete e ore!

FILOMENA: ce stanne prievete e priviete ma a vuie s v’avessene fa cardinale!

CARMINUCCE:  e fosse pure poche!

DON LUCIO:  Carminù, a verità? Je m’accuntente e stà mieze a vuie,

PASQUALE:  e je? E je ca facce? Agge perdute nu cumpagne  e pure na sora

SALVATORE: ma e truvate nu cainate ca te mette subbete al lavoro, l’azienda mia tene bisogne e une furbe comme a te!

PASQUALE: vuò dicere ca …. Me daie nu lavore oneste? E allora si! mo so n’omme e rispette pur’je!

CARMINUCCE: era ora!

DON LUCIO: caro Pasquale mo te putisse sistemà pure tu,trovate na bona guagliole  e spusatella  ca te fa cumpagnia pe tutta a vita

FILOMENA e CARMINUCCE: ( insieme) Fosse a Maronna!

PASQUALE: je spusarme? A me  e femmine nun me fanne fesse! meglio solo che male accompagnato!

NICOLINO: ( va verso Pasquale e cerca di toccarlo) E ti faccio compagnia io !

PASQUALE: ( lo scosta e  cerca di sfuggirgli )  levate a tuorne! ( Nicolino lo vuole accarezzare e Pasquale lo respinge con le mani)  ohe  ma che fai  scostate,   ohe … pigliateve a chiste! Luisella….Luisella….  arrivo!!!!!!!!!( Nicolino insiste e Pasquale ,si da alla fuga e tutti ridono)

CARMINUCCE: assa fa a Maronne se so cotte tute e pecchie!

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 23 volte nell' arco di un'anno