Frédéj cortéj

Stampa questo copione


                                      due atti e un epilogo

Siamo a Castelletto, ipotetico paesino, frazione di Borgovecchio, a pochi chilometri dal confine con la Svizzera.

Sono gli anni dopo la fine del secondo conflitto mondiale.

Qui vive Battistino Fontana, uomo stimato e riverito (apparentemente) da gran parte delle persone. In realtà, egli è un caricatore di "spalloni", il cui capo è un sardo, ex-finanziere, da tutti chiamato "Lepre" per le sue doti in montagna. Battistino è vedovo, e vive con la sorella Lìa, a sua volta pure vedova.

Dopo tanti anni di vagabondare, improvviso ed improvvido appare all'orizzonte Aristide, detto "Rìstico", fratello sbandato di Battistino e di Lìa, assieme alla convivente argentina Consuelo e alla graziosa figlia Paolina, avuta dalla moglie. Egli all'inizio spaccia Consuelo per vera moglie e Paolina per loro figlia. Infatti, sia Battistino che Lìa ignorano le vicende di Aristide per il vasto mondo.

Di Paolina si innamorano, ciascuno a modo suo, sia "Lepre" che Ciro, quest'ultimo finanziere in servizio alla caserma di Borgovecchio, sempre col fiato sul collo della banda del Fontana.

La casa dei Fontana è frequentata con varii pretesti dalla postina Cleofe, invadente e pettegola come poche.

Il fortunoso arrivo di Aristide, che il fratello sperava non tornasse più, riapre, fra l'altro, vecchie questioni di eredità.........non molto ortodosse. Tornano così in ballo il podere della "Cappelletta", il "Prato Grande", la stalla dell'"Ombrone"......

L'epilogo? Beh, la vita a volte si diverte a beffarci, no ?

                         

____________________________________________________________

I personaggi                               Cleofe la postina                battute   87            

con recitazione dialettale:             Lìa Fontana                      battute 121

                                               Battistino Fontana              battute 122

                                               Aristide Fontana                battute 119

                                     

I personaggi                               Consuelo (con spagnolo)     battute   37

con recitazione italiana:                Efisio Pusceddu ("Lepre")    battute   38

                                               Paolina Fontana                 battute   56

                                               Ciro Esposito                     battute   54

Atto primo – Scena prima: Casa Fontana – Sono in scena Lìa e Cleofe; è già in corso una conversazione.............

CLEOFE:               Védet, Lìa,  mì a goo migna un atim de paas; devi corr con la posta, devi regolà i besti, devi dacch a trà a quel rompaball del mè Romualdo.....

LIA:                     Tì, cara la mia Cleofe, ta voeuret fà tropp ropp inzéma; a l'è per quell che ta troeuvet migna requie. Ma dàss là 'na calmada, che taant, mòrt un Papa s'an fà 'n oltro !

CLEOFE:               Ta parlet ben, tì,  che ta ga séet migna déent, ma a vecch a che fà col mè Romualdo, 'na crapa fina com'è una zùca marina, a l'è migna facil!

LIA:                     Ma scùsum, alora se l'éet maridaa de fà?

CLEOFE:               Bèla domanda; a l'è 'na vita che ma la foo anca mì, e oo gnammò trovaa la risposta. A l'è un lavoranton, questo sì, ma l'à migna savùu tirà foeura un ragn dèl boeucc. Al tò pòor Amilcare, inveci................

LIA:                     ..........Al mè pòor Amilcare, inveci, a l'eva pégio del tò Romualdo, o gio' de lì. Ma sa régordet pù cosa al m'à faj penà? A l'eva pùssée amiis del mèzz de ross che de mì e del lavorà. Donca, se diset sù? Cèrta a l'è 'na roba: L'omm al diventa bon de mòrt, propri com'è al porcèll !!!!!

CLEOFE:               (Battendosi la fronte) Oh, ma adèss, vardée che crapa! A ma somm desmentegada che sevi chì per dacch al tò frédèll questo esprèss!

LIA:                     Oh, bèla! E chi l'è che ga scriiv al mè Batistin ?

CLEOFE:               Ah, domandel migna a mì, che somm tegnùda a savé nagott dèla posta che a doo via! Soo domà che al riva de Napoli e.........(facendosi vicina a Lìa) a che......al ga la manda al vòss frédèll Aristide !!!

LIA:                     Per fortùna che tì ta séet nagott di leter che ta portet in giir, eh? Se poeu ta sevet quajcòss, ta ma disevet anca cosa a gh'eva scrivùu sù!

CLEOFE:               Difati, somm migna riussida........(si blocca)

LIA:                     (Grido di trionfo) Aaahh!!, a l'oo dii che quasi ta sevet cosa a gh'eva sù!

CLEOFE:               Ma, t'al séet, la carta al dì d'incoeu a l'è inscì fina, che........

LIA:                     (Beffarda) Ah, oo capii, a l'è fina, eh? Ta séet sempro la

solita, Cleofe, ta cambierée mai...Scià, damm 'sto strafusàri de létera, che senti già che la 'na porterà di bej pastizz!

CLEOFE:               (Finta ingenua) Ah, sììììì? .......E perchè, poeu?

LIA:                     Fà migna la finta tonta, che a l'è migna al caas; a semm nassùu a pochi cà de distanza, e t'al séet anca tì che raza de rogna che a gh'emm, e che speravom de vée perdùu nela pampa argentina..........

CLEOFE:               Oh, beh, ognùn a g'à i sò, de rogn...............

LIA:                     ..........E i s'à j'à tégn, neh?

CLEOFE:               A voeurevi migna dì inscì, a l'è che è passaa talmeent inscì tanto teemp de quaand l'Aristide (che a ga ciamavom Rìstico quaand sevom pinin) a l'è scomparii, che.............

LIA:                     Cleofe, t'al disi ammò 'na volta, perchè mì a somm franca, neh! Tì, dèla nòssa cà, come di oltri cà, t'an sée pùssée che al scioor prevost in confesionaal!

CLEOFE:               (Offesa) Oh, beh, alora al séet cosa ta disi: Rangévess, a i'è poeu ropp vòss. Mì, l'esprèss v'a loo portaa. Che poeu, magari, (ironica) l'Aristide l'à faj fortùna e al va porta 'na sfraca de miglion. Ciao. (esce)

LIA:                     Ma vann a dà via......Signoor, tegnemm, che somm negra. (Agita la lettera) Eco, vardée se doveva rivann tra crapa e coll anca al Rìstico, l'"avventuriero", quell che l'à giraa tùtt al moond. E podi gnanca vèrt 'sta stramaledeta.......busta......(tenta in controluce di leggere in qualche maniera)

Atto primo – Scena seconda:

BATTISTINO:         (Entra, autoritario, come sarà poi sempre) Lìa, 'scolta; preparum i stivaj, che incoeu dommesdì devi nà a vedé........Ma cosa féet con quela busta lì in man?

LIA:                     Che busta?

BATTISTINO:         Com'è che busta? Séet adrée a tomm in giir? Damm scià, damm scià!

LIA:                     Férmet, che ta séet gnanca se l'è per tì o per mì !

BATTISTINO:         (Sgarbato)  Perchè, ricevet léter, tì? De chii? D'en spasimaant del milanoeufcenttrentòtt?  Scià, scià, famm vedé a mì! Moeuvet!

LIA:                     E un zich de bona creanza mai, neh? Varda che somm migna 'na pèza de pè, de tratamm inscì!

BATTISTINO:         De quaand in scià t'a séet diventada sensibila? (le prende la lettera, esclamando, cattivo): Aaaahhh! E questa cosa saréssela, eh?

LIA:                     (Candida) Una létera!

BATTISTINO:         Ah, 'na létera, eh? Scherza migna col foeugh! Eet vist almen chI che la manda?

LIA:                     (Titubante) Al.......nòss....frédèll....Rìstico!

BATTISTINO:         (Corregge) No! Al nòss ex-frédèll Aristide. Perchè Rìstico al ciamavom quaand a l'eva ammò al nòss frédèll!

LIA:                     Batistin, 'scolta...........

BATTISTINO:         (Aprendo la busta)  No, 'scolta tì, inveci......."Caro fratello", la scomencia!

LIA:                     Cèrt, se al ma scriveva a mì, al scomenciava con "Cara sorella"!

BATTISTINO:         Fà migna la stùpida, e 'scolta chì: "Sono appena sbarcato dal piroscafo proveniente dall'Argentina.........." (alza la voce) Aaaahhh! "Dopodomani sarò al paesello natìo, nella magione dei nostri avi". Ma l'è migna possibil!

LIA:                     Coss'è che l'è migna possibil?

BATTISTINO:         Ma capisset migna, donca? L'esprèss a l'è timbraa col timbro del trédess..........Incoeu coss'èl?

LIA:                     Mercoldì!

BATTISTINO:         Oo dii che data a l'è! El migna al quindéss? E alora al riva incoeu......Ropp de migna creed..........."Nella magione dei nostri avi". Delinqueent!

LIA:                     Ma i nòss avi a ma paar migna che i fudéss delinqueent!

BATTISTINO:         Ma migna i nòss avi, scema! Al tò frédèll Aristide!

LIA:                     Ah, perchè t'al ritegnet un delinqueent, alora l'è al mè frédèll. Se ma sbagli migna, a l'è anca al tò frédèll!!!!

BATTISTINO:         (A muso duro) Mì, de frédéj, a g'a n'oo pù d'en pèzz. Per mì, quel'èsser lì, a l'è moort!

LIA:                     Ah, del bon? Complimeent, caro Batistin Fontana, fabricieer dèla gésa de San Vito! Cristian esemplaar, a quanto senti!

BATTISTINO:         Ma cosa c'entra? E varda che nèla létera a gh'è de l'oltro, per completà l'opera!

LIA:                     Ah, sì?

BATTISTINO:         Propri, seent questa: "Vengo con la mia amata sposa e con la nostra figlia adorata". Et capii?

LIA:                     Eh, a somm gnammò diventada storna! E, 'scolta, indoa i sistemom?

BATTISTINO:         (Stupito) Cosa eet dii? T'a crederet migna che a meti sota quel técc chì questa banda de masnadieri, divòlt?

LIA:                     Beh, sota al técc a gh'è al carlon a sugà, però..............

BATTISTINO:         Gh'eet ammò voeuja de scherzacch sora? Lia, mì a t'à cognossi pù!

LIA:                     Se ta ma cognosset pù, métt sù i ogiaa! Piantala, voeuret fà parlà tùtt al paees, a migna dacch un lécc al nòss Rìstico!

BATTISTINO:         Verameent, i lécc a i'è trii. Ma vardée se doveva capitamm adòss questa tegola chì !

Atto primo – Scena terza

LIA:                     Oh, beh,’scolta, Batistin…….(Viene interrotta dall’entrata in scena di “Lepre”, trafelato)

LEPRE:                 Signor Fontana, Signor Fontana!!!!!……..

BATTISTINO:         Beh, cosa a gh’è, adèss, “Lepre”? S’eet vist, al diavol? Ta gh’eet dént ‘na facia………….

LEPRE :                Successa è una cosa molto grave stanotte, don Battistino. Subito venga !!

BATTISTINO:         Eco, semm a post, tücc i vòlt che sucéed una disgrazia, an riva sübit ‘n oltra a roeuda! (Esce con “Lepre”)

LIA:                     (Da sola) Vàrdel lì, al nòss integerrimo Battistino Fontana da Castelletto, consiglieer comunaal da “illo tempore”, fabricieer esimio, nonché a cap de ‘na banda de…….lassém pèrd. Inveci de nà avanti a coltivà la tèra come i nòss poor vécc, lüu l’à trovaa al scürtiroeu, già. E, dopo, sa viif con i oli saant in sacòcia. E poeu riva al Rìstico a completà al teatrin. (Esce)      

ARISTIDE:             (Dopo qualche istante, mette dentro la testa; ha due grosse valigie e chiama): Oh, de cà! A gh’è nissün?

CLEOFE:               (Entra a sua volta e chiama): Oh Lìa!  Lìa!! (poi vede Aristide e, non riconoscendolo subito, dice): Bondì!

ARISTIDE:             (Anch’egli non riconosce Cleofe): Bondì a lée. Che la sapia, a gh’è nissün?

CLEOFE:               A pareréss de no. Anca mì cercava la……(lo riconosce)…Ma…un momeent…..Lüu……….Tì……..ta séet…………….

ARISTIDE:             (A sua volta ricorda):Ma, spécia spécia. Tì ta séet migna la…Cleofe?

CLEOFE:               Tana che sì; e tì…tì… (commossa) ta séet al Rìstico!

ARISTIDE:             (Commosso a sua volta) A l’eva un gran pèzz che ma sentiva pü ciamà inscì! Un gran pèzz! (si abbracciano fraternamente)

CONSUELO:           (Entra in quel momento) Aaahh! “Querido”, non sei ancora arrivato, e fai già il galletto con le tue compaesane?

ARISTIDE:             Ma no, Consuelo cara, cosa dici? Anzi, ti presento una mia vecchia amica, la Cleofe.

CLEOFE:               Beh, somm propri migna decrepita!

CONSUELO:           Non mi pare poi così vecchia. Anzi, è abbastanza giovane per prendersi……..(fa l’atto di mollare un manrovescio. Aristide la ferma)

CLEOFE:               Uheila, ma, Rìstico, che raza de dòna séet naj a catà scià? Podevet migna scernin vüna meno pericolosa? Va ben che a tì al güst del pericol a l’è mai mancaa…………….

ARISTIDE:             Stai buona, Consuelo. Scüsum Cleofe, ma forzi a l’è un zich straca del viacc, a l’è migna abitüada al nòss clima. T’al séet, lée l’è ‘mericana….

CONSUELO:           Ah, devo stare “buena”, eh? Ascolta “bien” Aristide. Tu “es” un “hombre” interessante e variato; ma guarda che la pazienza di Consuelo non è “tan larga” da sopportare qualunque cosa!

CLEOFE:               Caraterin d’òr, neh? Pòra mì, Rìstico, indôa ta séet naj a finì!!

ARISTIDE:             Penzich migna, Cleofe. Pütost, cüntumm sü quajcòss.

CLEOFE:               Cüntatt sü quajcòss! Come se al füdéss facil; varda i ann che è passaa. Semm lassaa che sevüm inscì giovin……….

CONSUELO:           Allora? Non potete “hablar” almeno in italiano? O fai apposta, Aristide, per farmi arrabbiare?

ARISTIDE:             Ma no, cara, cosa dici? Io e la Cleofe non possiamo fare a meno di parlare il nostro dialetto, dopo tanto tempo che non ci vediamo! Ma non diciamo niente che possa offenderti.

CLEOFE:               Ma no, sciôra, a l’è inscì, veh! Nümm semm migna adrée a dì nagott de maa….(rivolta ad Aristide) Off, caar Signoor, come a l’è dificil parlà con chii che a po’ migna taant capitt!

ARISTIDE:             Dimel migna a mì, cara la mia Cleofe, dimel migna a mì!

CONSUELO:           Sapete dunque cosa vi dico? Se nessuno vuole ascoltarmi, io vado a “mirar” un poco questo “pobre païs” (esce)

CLEOFE:               (Arrabbiata) M’è parüu de capì che l’à dii che al nòss paées a l’è un paees de “emme”, eh? Alôra, l’a po’ anca nà de indôa a l’è vegnüda!

ARISTIDE:             (Sospira) Eh, al soo, a l’è propri migna facil………Ma la mia sorèla e al mè frédèll in dôa a i’è? T’al séet migna? T’an séet de nagott?

CLEOFE :              (Esitante) Tana, devi savén de nagott ? I sarà naj via un momeent…….ma i la seva che saréssüff rivaa?

ARISTIDE:             Cèrt che sì! A goo scrivüu l’oltro dì, ‘pena in Itaglia……..

CLEOFE:               ………Un esprèss!

ARISTIDE:             (Stupito) Ah, ma alôra…….t’al sévet anca tì che a rivavum……

CLEOFE:               Sì, scüsum Rìstico, voeurevi migna………però a foo la postina, tra i oltri ropp, e alôra………

ARISTIDE:             Ah, oo capii……..Ma dimm un poo……..come i troveroo al mè fédèll e la mia sorèla? Staj ben?

CLEOFE:               Ma sì, ma sì, per stà ben, i stà ben….ma…….i ta speciava migna e……..

ARISTIDE:             (Scaldandosi) Ma questo cosa a gh’entra? Penzavi migna cèrt che i mandass incontra la banda, ma inzoma….E poeu..(declama) “alla mia patria terra dovevo pur tornare un dì” o no?

CLEOFE:               Perché, a fii cüunt de restà chì…….per sempro ?

ARISTIDE:             (Ancora stupito) Beh, ma paar logich. Ala fin, vün al sa stüfiss anca de passà in rassegna tütt al mapamoond………..

CLEOFE:               (Incerta) Cèrt, Rìstico. Ma, inzoma, ta podevet avisà con un poo püssée de anticip. I ta speciava migna e………

ARISTIDE:             Questo, tée apéna finii de dill. Inzoma: Ta séet drée a famm capì che al mè ritorno a l’è ben vist com’è al füm ‘ni oeucc. El questo che ta voeuret dimm?

CLEOFE:               Beh, per al mè carater, a somm già staja fin tropp diplomatica. T’al séet ben com’è l’è faj al tò Batistin, no?

ARISTIDE:             No, al soo migna com’è l’è faj. Forzi,se t’a m’al spieghet tì, che someja che t’an sapiet püssée tì dela mia famiglia che gnanca mì………

CLEOFE:               (Piccata) Mì, per tua regola, di ropp di oltri, ma n’impaci migna. Però……………

Atto primo – Scena quarta

PAOLINA:              (Entra) E’ permesso? Ah, se qui, papà. Ma dov’è Consuelo ?

CLEOFE:               Oh, Rìstico, ma che bèla la tua tôsa. E com’è l’è già granda! (rivolta a Paolina) Io sono un’amica del tuo papà. Mi capisci quello che dico?

ARISTIDE:             Ma cert che la ta capiss! Lée, la parla ben l’itaglian.

PAOLINA:              Allora? Dov’è? E’ già sparita, eh??

ARISTIDE:             Ma vedi Paolina, la mamma………

PAOLINA:              Ma che mamma e non mamma; avevo bisogno di Consuelo perché ha con sé la mia borsetta.

CLEOFE:               (Si fa curiosa) Ah, al la ciama migna “mamma”? L’è ‘n üsanza che va de moda in Mèrica, Rìstico?

ARISTIDE:             (Confusamente) Ma no, ma no……..a l’è che……(rivolto a Paolina) Dev’essere……..andata giù……..in paese………a girare un po’………

PAOLINA:              Ti pareva! Adesso mi sente, appena la trovo (esce con furia)

CLEOFE:               Ah, ma che raza de geent séet naj a tirà scià, tôos? Ma paar….ma paar…che ta siéss borlaa deent…al soo migna….com’è in un mücc de ledamm, eco!

ARISTIDE:             Molto fina! Vedet, Cleofe, tì ta sée migna come a l’è varia la vita foeura del nòss Castelett. Al moond a l’è graand, veh; ta troeuvet geent de tücc i gener…………..

CLEOFE:               Ah, per quel che ma riguarda, a stoo ben anca chì a Castelett, anca con i rôgn de gratà, come tücc, del rest. Ma tì, caar al mè fioeu, ma someja che t’a g’an abiét püssée di oltri………..Beh, mì devi nà a regolà i besti…….sa vedum, neh, Rìstico. Ciao. Fa…(le viene da ridere) bôna permanenza!

(esce)

ARISTIDE:             (Passeggia nervoso) Ta savèsset, cara la mia amisa, come a t’è indovinaa, in quanto a rôgn! Ma, un “hombre” l’è sempro un “hombre”, come predica la mia insuperabil Consuelo! (in quel momento entra proprio la medesima Consuelo)

CONSUELO:           (Inviperita) Ah, sei ancora qui? Io, in questo paese “de mierda” non ci rimango un momento di più. “Es claro?”

ARISTIDE:             Ma calmati, dunque, mia cara; sai, sarà stata la prima impressione. Perché, cos’ha il paese per essere così brutto?

CONSUELO:           Oh, per l’amore “de Dios”! Povero “pais”, pieno di “lordure”, quattro case, tante stalle, una chiesa che sta in piedi per “milagro”……….E “il pueblo”, poi,……..mi spiavano da dietro le finestre……Gente “pequegna” , che non hanno mai visto “ninguno” oltre al loro “burro”. Tutti sono “burros”, qui!!! “Todo mundo”. (siede imbronciata)

ARISTIDE:             Ma no, cosa dici, non sono tutti asini! C’è anche gente istruita, sai! Il farmacista, il dottore………….

CONSUELO:           Il Parroco…………

ARISTIDE:             Ecco, già, brava, il Parroco; e poi………….

CONSUELO:           ……….E poi? Forza,avanti…….che altre “hermosas” cose ci sono in questo “mayuscùlo” Castelletto?

(Aristide fa per rispondere, quando è interrotto dall’entrata del “Lepre”,che, levandosi il berretto, dice:

LEPRE:                 Scusare mi devono, ma don Battistino cercavo…………..

ARISTIDE:             Com’è “Don Battistino”? Ma, al mè frédèll s’èl faj prèvèt?

LEPRE:                 “Prèvèto” fatto non s’è. Ma io per riverenza così lo chiamo.

CONSUELO:           E questo chi sarebbe? Un “bandido”? Che casa di gente strana!

LEPRE:                 Presentare mi voglio! “Lepre” mi chiamano! (dà la mano a Consuelo e ad Aristide)

ARISTIDE:             (Spiegando a Consuelo, le dice) Sai, Consuelo, quella che corre nei prati………..

CONSUELO:           Già, “Liebre”. L’ho appena detto,io, che questo è un paese di animali!

LEPRE:                 Nobile animale la lepre è, signora. Nobile animale, specialmente se ben cucinata è!

ARISTIDE:             Ma lüu chi èel? Chi è lei?

LEPRE:                 Aiuto e braccio destro di don Battistino sono! Andare a cercarlo ora devo! Ossequi. (esce)

PAOLINA:              (Entrando)(A Consuelo) Ma insomma, ho dovuto fare tutto questo stramaledetto paese in salita due volte, quasi tre. Dov’è la mia borsetta?

CONSUELO:           Calma, “querida”, calma. E cerca di “hablar” meglio con me, con la tua “mamà” (porgendole la borsetta): Ecco, tieni.

PAOLINA:              “Mamà” un fico secco! Papà, ma non sei capace una volta per tutte di farla piantare con la storia della mamma? O no?

ARISTIDE:             (Cerca di mediare) Ma, Paolina, senti un po’. Te l’ho già detto; l’abbiamo anche stabilito, che se dobbiamo ricevere ospitalità da mio fratello e da mia sorella, non dobbiamo in nessun modo rivelare………(in quel momento entra Lìa)

Atto primo – Scena quinta

LIA:                     (Si arresta, sorpresa) Ma……..ma………(esclamazione): Oh, Rìstico, frédèll!!! (si abbracciano, emozionati)

ARISTIDE:             (Scrutando bene la sorella) Oh, Lìa, lassa che ta varda ben. Come stéet? Ta ma sée mancada inscì taant!

PAOLINA:              Allora, tu sei la zia Lìa, non è vero? (abbraccio)

CONSUELO:           (A sua volta abbraccia Lìa) Io sono Consuelo, la…….la……

LIA:                     Tana che sì, la dòna del mè frédèll…….Ta séet propi ‘na bèla dòna, complimenti, tôos (rivolta ad Aristide); a t’ée scernii propi ben.

ARISTIDE:             El migna vera? E troeuvet migna ‘na gran somejanza con la Paolina, eh? Dô gôtt d’aqua, a i’è!

LIA:                     Se devi véss sincera, ma paar migna che i siéss propi dô gôtt d’aqua. Ma se t’al diset tì………..

ARISTIDE:             (Svia l’argomento) Ma parlemm dèla cà, del nòss caar paees, di ropp che m’a interessa de savé!

LIA:                     (Spaventata, una mano che batte la fronte) Oh, Signoor! A proposit de cà, cari i mè geent, a devüff scapà püssée svèlt che in préssa!

ARISTIDE:             Cuss’è? Com’è scapà? Questa l’è sana! Ma alora a gh’eva reson la Cleofe.

LIA:                     Perché, eet già parlaa col “Gazzettino Padano” de Castelett?

ARISTIDE:             In ogni caso, spieghum perché dovressüm scapà.

PAOLINA:              Mi sembra giusto, zia. Siamo appena arrivati, siamo scombussolati, e tu parli di scappare. E’ pazzesco!

LIA:                     Migna propi scapà……Nascondéss, eco!

ARISTIDE:             Nascondéss? Pegio che andar di notte. Varda che semm poeu migna di delinqueent, veh tôsa!

LIA:                     Cerca de capimm, crapon! Devi metuff un momeent…..per esempi, nel cassinèll chì de pôos ala cà, fina che oo parlaa col Batistin.

CONSUELO:           Ah, è così? E’ il grande Battistino che non vuole vederci? Invece dovrà anche sentirci, te lo dico io!

ARISTIDE:             No, ferma, cosa vuoi fare? Ma vardée se dovevum vegnì a trovass in una situazion del gener!

LIA:                     Foeura, donca, foeura un momeent, che ‘pena che oo discorüu col tò frédèll a va ricevi con tücc i onoor. E vardum migna con quela bôca lì sbaratada.

ARISTIDE:             Disturbevess migna però a ciamà la banda de Borgovécc, i foghèti de Castelett i basta e avanza (escono Aristide, Paolina e Consuelo).

Atto primo – Scena sesta

LIA:                     (Torcendosi le mani) Ahé! Com’è se al füdéss facil. Devi avé vendüu al cervèll al mercaa del sabét! “Va ricevi con tücc i onoor!” (più decisa): Oh, bé! Vardi se al confratèll Batistin a l’è armaa de rivoltèla o de sc-iopp,e, se l’è a man biôtt, afronti al leon nèla sua tana!

CIRO:                   (Entra) Permesso? Buongiorno. Finanza !

LIA:                     (Urlo di spavento) Aaaahhh! Che stremizi! ‘Na guardia! Un pelücch in divisa! Co…co….cosa al voeu ?

CIRO:                   Signora mia, mi spiace se l’ho fatta spaventare; ma quel che è successo stanotte, mi obbliga a venirvi a trovare. Proprio così.

LIA:                     Perché, se è sucedüu stanòcc? Và a finì che diventi migna vègia, se la va avanti inscì, in ‘sta cà!

CIRO:                   Questa notte……..(E’ interrotto dall’entrata di Battistino)

BATTISTINO:         (Visto il finanziere, arretra. Poi si decide) Buongiorno !

CIRO:                   Per lei, signor mio, direi non sia un gran buongiorno.

LIA:                     Mì, a voo de là a beev un gôtt de cedro, che ma trema i gaamb (esce con le braccia al cielo)

BATTISTINO:         Ma no, cosa al diis sü…….Ma che al sa comoda, al faga come al füdéss in cà sôa!

CIRO:                   Senta, signor Fontana, parli pure dialetto, che tanto lo capisco, dati gli anni che faccio servizio da queste parti. Ma non cerchi di prendermi in giro, almeno!

BATTISTINO:         Ma, al ma disa, scioor finanzieer, in cosa pòdi véss util?

CIRO:                   Alla Finanza, non può certo essere molto utile. E nemmeno amico, se è per questo, viste le cose che succedono di notte (e di giorno).

BATTISTINO:         (Finge di cadere dalle nuvole) Mì, de nòcc, a dormi.

CIRO:                   E invece, guarda un po’, vi sono delle persone che non dormono mai. Stanotte c’è stato un violento temporale, come avrà ben sentito.

BATTISTINO:         Ah, al sa divertiss a oservà al teemp? Bravo!

CIRO:                   (Alza la voce) Per piacere!!! Lei si crede molto furbo, nevvero?

BATTISTINO:         Inzoma, disemm che somm migna nassüu ieer. Però…..

CIRO:                   ………Però, durante il temporale, un uomo dei suoi (ci intendiamo, eh?) ha avuta la buona idea di perdere l’orientamento nell’uragano e di bussare………..

BATTISTINO:         (Che ovviamente conosce già l’accaduto)…….Sì?…..E di bussare………????

CIRO:                   …….Alla porta della nostra caserma di Borgovecchio!!!!

BATTISTINO:         (Fa l’indifferente) Ah, ma al varda che mì……..de omen…… a goo quajdün che m’à lavora la tèra……….

CIRO:                   La terra, eh? Già! La terra! Le dicevo che, prima che il piantone potesse identificarlo, il tizio, che chiaramente ha sbagliato portone per via del temporale, era già fuggito a gambe levate, lasciando………..

BATTISTINO:         Lassando coss’è?

CIRO:                   Indovini un po’? Lasciando per strada una bricolla piena di bionde svizzere!

BATTISTINO:         Bionde svizzere in una bricolla? Porca vaca!

CIRO:                   Prego?

BATTISTINO:         No, nagôtt, penzavi ala Rôssa, la vaca che deev véch al védèll, là nela stala de l’”Ombron”………..

CIRO:                   La smetta di prendermi per il………..ehm…….in giro! Lei comunque è avvisato,e, come dice il proverbio, uomo avvisato ecc.ecc……

LIA:                     (Rientrando)(A Ciro) Pòdi ofricch un cafè?

CIRO:                   (Esce) Caffè….mi offrono il caffè………No !!!!!!!

LIA:                     Ma…..ma….saral alergich al cafè quela guardia lì ?

BATTISTINO:         Scema. Ta sèet una scema.

LIA:                     Grazie mille.

BATTISTINO:         Al sèvi migna che ta ligavet inscì ben con quii che g’a indòss quela divisa grigioverde lì. Brava! (Accenna ad un applauso)

LIA:                     Ma che ligà e disligà. Cèrt, de giovina a goo avüu (fare sognante) un pèlücch che l’eva inscì bèll…..moro….a l’eva un siciglian.

BATTISTINO:         Mì, a ma regordi migna. Ad ogni modo, in cà Fontana sa offriss migna al cafè a quii bej geent lì, che in pü i’è anca napolitan! Castellamare di Stabia!

LIA:                     Ma, scüsüm, al tò caar “Lepre” èel migna sardegnoo dèla Barbagia? E poeu, èel migna staj anca lü………

BATTISTINO:         ……Un finanzieer, sì, e con questo? Per fortüna, che al s’è convertii………..

LIA:                     ……..Ala tôa religion, eh? ‘Scolta Batistin (con voce che cerca di ammansire) è…..è……è…….

BATTISTINO:         Se gh’è? S’éet incantada? Devi fatt métt sü un zich de oli de parafina sui giuntüur dèla lengua?

LIA:                     E’ ……rivaa……..

BATTISTINO:         (Comprende) No !!!!!

LIA:                     Com’è no? A l’è rivaa sì!

CLEOFE:               (Entra) Cosa faj al Rìstico e i so dònn là nel cassinèll, che pioeuv giô dèla gronda rôta e i sa bagna tücc?

LIA:                     Ta ma mancavet, tôsa. Oh, come ta ma mancavet! (Fa l’atto di mollarle un pugno)

BATTISTINO:         Cosa? In dôa? Chi?

CLEOFE:               (A Lia) Uehila, al Batistin a l’è diventaa storno come ‘na campana!

BATTISTINO:         Ma che storno e storno. A l’è donca vera. E’ rivaa quel balabiôtt con la sua genìa?

LIA:                     A l’è ‘na vita che tenti de fàtel savé.

CLEOFE:               E cosa faj nel cassinèll, che i someja i statüf del presepi?

LIA:                     Piantala, lengua sacrilega. Gh’éet nagott de fà in cà tôa ?

CLEOFE :              No.

BATTISTINO :        Lìa, perchè sa metett a nascoond geent nel cassinèll ?

LIA:                     Già. Adèss varda che tücc i dì, mì a méti nej cassinéj tücc quii che passa per strada. O èel divòlt che ta distürba i tò piani, che al cassinèll al siées frequentaa?

CLEOFE:               Come ta resonet ben, Lìa. Ta gh’éet propi tücc i reson.

BATTISTINO:         Regordet che la reson la sa ga dà domà ai matt.

CLEOFE:               Ta gh’éet reson, Batistin.

LIA :                    Basta ! E tì, frédèll, rispondom a mì.

BATTISTINO:         Fémela finida. Vann là a ciamaj, ‘sti strafüsari, che senti quanto téemp i fa cüunt de stà chì.

CLEOFE:               Oh, bèla! Ma caar Batistin Fontana, che domaand che ta féet ala tua etaa!!! Ma per sempro!

BATTISTINO:         Al sarà migna vera, eh?

CLEOFE:               Se l’è migna vera, l’è anèll. L’è vera sì. A l’è poeu anca la sôa cà, o no?

LIA:                     Cleofe, ta strépi giô……..metich migna déent al béch in ropp che ta riguarda migna.

BATTISTINO:         (Si accascia sulla sedia) Porco can, questa la ga voeureva migna!

Atto primo – Scena finale

CLEOFE:               A voo ‘na corza a vedé se al mè Romualdo a l’è rivaa de Borgovécc. Ciao. Dopo, rivi ammò. (esce)

LIA:                     (Prontamente): Crepa!

BATTISTINO:         (Idem)  S-ciòpa!

LIA:                     Alôra, a voo a ciamaj?

BATTISTINO:         (Sospirando) Eh, se voeutt fach?  Vann a ciamaj!

CONSUELO:           (Entra furiosa) Basta! Qui deve scorrere “sangre”; non può trattarmi come…..(vede Battistino e fa un voltafaccia totale) Non dirmi, Lìa, che questo è il fratello del mio amatissimo Aristide! Quale piacere, quale piacere! (dà la mano all’esterrefatto Battistino)

LIA:                     Che facia de tôla!

BATTISTINO:         Mì…..mì……lée…….

ARISTIDE:             (Entra a sua volta con Paolina) Caar Batistin, lée a l’è la mia adorata moglie Consuelo. Ciao, vécc, come stéet? (abbraccia Battistino)

PAOLINA:              Ehi, ci sono anch’io! (a sua volta abbraccia lo zio)

BATTISTINO:         Oh, inzoma, inzoma, inzoma…..dovréss migna dill, ma ma somm comovüu anca mì, adèss che va vedi. Ta meriteressert nagott, perché ta s’éet mai regordaa de nümm in tanti ann, ma cosa voeuret fach? Al saanch a l’è migna aqua, sa diis!

LIA:                     (Si asciuga gli occhi) L’è vera, oh se l’è vera!

BATTISTINO:         (Riprende il suo fare di uomo pratico) Lìa, ‘compagna la nòssa cugnada e la tôsa a rinfrescass un poo, che mì intaant a parli un atim con al mè frédèll (escono Lìa, Consuelo e Paolina)

ARISTIDE:             Caar Batistin, cèrt che n’è passaa de teemp, eh? ‘Na vita !

BATTISTINO :        (Duramente) ‘Na vita, cèrt. Ma piaseress savé che raza de vita t’ée faj tütt ‘sto teemp chì!

ARISTIDE:             (Stupito del repentino cambiamento) Ma, adèss, come ma parlet? Se un momeent fa…………

BATTISTINO:         Un momeent fa, cara tì, a gh’eva chì i dònn e voeureva migna fa saltà foeura un quarantott. Ma adèss a l’è divèrz, e nümm devom parlà ‘na volta per tücc. Vardum in facia! Tant per scomencià: Paar che t’a gabiét dii al “Gazzettino Padano” Cleofe che a sii vegnüu per restà chì!

ARISTIDE:             Questa la saréss l’idea.

BATTISTINO:         Gran brüta idea, se ta vivet migna de rendita. Vivet de rendita?

ARISTIDE :            Ma, vedet, i ropp i m’è migna naj inscì ben, ultimameent…….

BATTISTINO:         A tì, Aristide, i ropp i’è mai naj ben, per véss ciaar.

ARISTIDE:             Al soo, somm sempro staj un poo dislipaa nela vita.

BATTISTINO:         (Sentenzioso) Esist migna la dislìpa, per chii che g’abia voeuja de fann, cara tì!

ARISTIDE:             Varda, oo faj mila meste; ma somm adataa……..

BATTISTINO:         Roba de riid! E chì, segoond tì,ga saréss püost per vün dela tua etaa, che torna indrée senza nagott in man e in sacòcia?

ARISTIDE:             Qualunque mestée: Lavoreroo con i besti!

BATTISTINO:         Tì, ta séet la bestia! Prima de tütt, che goo bisoeugn de nissün per quii tre besti che goo ammò; e poeu, sevet migna tì quel bel giovin che diceva sempro che la tèra a l’è bassa a lavorà in campagna? Sì o no?

ARISTIDE:             Ma, scusa, féet migna al paesan come al nòss pòor pà? Eet divòlt cambiaa mestée?

CLEOFE :              (Entra di volata) Rìstico, cert che l’à cambiaa mestée!

BATTISTINO:         Citto!

CLEOFE:               Ma cosa voeuret nascoond, che i la sa tütt al paees! A l’è un segreto de Pulcinèla, cara tì.

ARISTIDE:             (Sempre più stupito) Ma cosa féet,donca, caar Signoor!

CLEOFE:               Ma dìghel là, Batistin, se speciet? La venuta del Messìa?

BATTISTINO:         Ma inzoma, séet bona de fatt i afari tò? (rivolto al fratello) Frédèll, semm o no visin ala Svìzera?

ARISTIDE:             Oo capii che semm visin ala Svìzera, e cosa gh’entra?

BATTISTINO:         Ma…..a véss visin ala Svìzera, sa po’ fa…..un…quaj…afari…

CLEOFE:               Rìstico, ‘scoltel migna. Tì, lassa perd quii afari lì. Damm a trà, Batistin: Se al tò frédèll al g’à bisoeugn, ta po’ sempro dacch de lavorà ala masseria dela “Capéléta” o al “Praa Graand” per tegnì ‘na quaj vaca, o la stala de l’”Ombron”. Taant, a i’è tücc ropp che v’à lassaa…al vòss poor…pà…(Battistino reagisce e la spinge fuori)

BATTISTINO:         Basta, l’è ora che ta la môchét, neh? Vann de ‘na quaj oltra paart a spetegolà. In cà de quajdün d’oltri!

CLEOFE:               (Finta ingenua) Séet ofendüu? Alôra, taja via la paart ofésa!

BATTISTINO:         Vann via!

CLEOFE:               Tée propi ciapaa i maneer classich di contrabandée (esce)

BATTISTINO:         Fach gnanca a caas, la straparla. L’è pü lée.

ARISTIDE:             Com’è la straparla? Ma paar propi migna, caar frédèll!

BATTISTINO:         Too dii de migna ‘scoltà………

LIA:                     (Rientrando)  Eco Rìstico, i tò dô dònn i’è adrée a sistemass. A i oo metüu nela stanza dela pòra Faustina. L’evi netada ben e…….(Nota la situazione imbarazzante) Ma cosa a gh’è?

BATTISTINO:         (Nell’uscire, brontolando) Nagott, nagott!

ARISTIDE:             Lìa, cosa sucéed, séet bona a dimel?

LIA:                     (Si siede, sospirando) Eh, a l’è tropp teemp che ta séet via de cà. Vedet, al Batistin a l’è cambiaa……….

ARISTIDE:             ……….In pegio.

LIA:                     Sì, in pegio, ta gh’eet propi reson. In pegio.

ARISTIDE:             Però, ta poderesset dimm come l’è sucedüu………..

LIA:                     Scomenceremm dèla fin. Al tò frédèll…..(si avvicina parlando più piano) a l’è a cap de ‘na banda de contrabandée!

ARISTIDE:             Ah, eet capii al caar frédèll, che al fa al duur con mì? Migna che ma scandaliza, che girando al moond oo vist de quii ropp. De tücc i coloo. Ma inzoma………..

LIA:                     Eh, al fa paré de lavorà la tèra, per svià l’atenzion……….

ARISTIDE:             Capissi. I danée i sa fa püssée svèlt inscì, neh Lìa?

LIA:                     Tana che sì. Ma intaant, a l’è un stremizi via l’oltro; propi inscì.

ARISTIDE:             Adèss ma ciamet pü gnanca “Rìstico” come ai bei tempi?

LIA:                     Scüsüm, Rìstico, a l’è che…..tì……ta sevet scomparii….senza indirizz……chissà indôa…..de inscì tanti ann…………..

ARISTIDE:             La litania a l’è interessanta……Vann avanti. Forzi ta riesset a dì quel che ta devet dimm.

LIA:                     Al Batistin…….l’à penzaa ben…….de fa i cart per l’usucapion!

ARISTIDE:             (Balza in piedi) Eet capii, al caar frédèll? L’è vera alora al proverbi “Frédéj cortéj”. Usucapion! Com’è se füdéss mort! E inveci somm viif e vegeto, e con una famiglia, in pü !

LIA:                     Càlmess, tôos, che a fa inscì ta combinet nagott. Magari al g’à l’intenzion de liquidatt in danée, adèss che ta séet tornaa!

ARISTIDE:             (Beffardo) Figuremess! Se al g’à avüu al coraggio de fa paré che sevi moort………

LIA:                     Ma anca tì, lassan inscì senza notizi……….

BATTISTINO:         (Entra con Consuelo e “Lepre”) Alegro, Rìstico!

ARISTIDE:             Gh’eet preseent un funeraal di pover? Pegio!

BATTISTINO:         Forzi a goo la manera de faff stà ben tücc! A goo in meent una roba……..

LIA:                     chissà cosa l’à penzaa de bèll, al devoto de San Vito.

LEPRE:                 Quel che don Battistino pensato ha, per me bene non va.

CONSUELO:           Eppure, “caballero”, dovrai accettare.

ARISTIDE:             Accettare cosa?

BATTISTINO:         ‘Specia, frédèll, specie. La tôa spôsa, per quel zich che oo podüu vedé, a l’è ‘na dòna ecezionaal, t’al séet…….sveglia…………

LIA:                     Ahia, a senti odoo de rôgn.

LEPRE:                 Le mie dimissioni do.

BATTISTINO:         Respinte. Ta po’ migna daj, in quanto ta séet migna uficialmeent ai mè dipendenz.

CONSUELO:           Coraggio, “Liebre”, non sarà la fine del mondo.

ARISTIDE:             Ma cara, ma Lìa, ma Batistin, cosa è drée a sücéed?

LEPRE:                 (Mugugna) Don Battistino più non conosco!

BATTISTINO:         Dài, “Lepre”, fa migna tanti scen. Inscì ‘n oltra volta ta imparet a mandà i omen davanti ai finanzieer. Ad ogni bon cüunt, naremm avanti a fa afari. Afari grass.

LIA:                     Mì, ma vegn i gòmet domà a sentit. Cosa ta siét adrée a masnà in quel coo lì, al soo gnammò; cert, ropp migna taant per la quale.

ARISTIDE:             Pòra mì. Cosa m’è vegnüu in meent de tornà a Castelett! (Esce con la testa fra le mani) Quanto mai somm vegnüu a cà!

BATTISTINO:         (Gli grida dietro) No, quanto mai ta séet vegnüu a cà mia, a l’è diveers! Per fortüna, che la tôa Consuelo….forzi…..che poeu, l’è la volta che ta meti a post anca tì, strafüsari! ‘Na volta per tücc!

LIA:                     Al séet cosa ta ma somejet? ‘Na scigôla de Com, dopia e tripla. Davanti poeu cà e gésa, e de drée……(esce)

BATTISTINO:         …….E de drée…..off, se t’avess ‘scoltaa tì, g’avress ammò i pezz nel cüu!

CONSUELO:           Battistino, cosa vuol dire “cüu”?

BATTISTINO:         Beh, tôsa….(Indica con un gesto) De drée……..

CONSUELO:           (Pensa) Ah, “posaderas”, “Las posaderas”!!!!!(Ride, uscendo con Battistino)

LEPRE:                 (Desolato) Ancora ripeto, don Battistino più non conosco! Cambiato mi è! Decisioni strane prenderà! Ma delle belle ne vedremo,ecco. Di Pusceddu Efisio detto “Lepre” questa la parola è !!!!!!

                          F i n e

                          D e l   p r i m o   a t t o

Atto secondo – Scena prima

Sono passati sei mesi circa……………

In scena c’è “Lepre”, intento a confezionare un pacchetto-regalo; non si accorge che entra Ciro, in borghese, con un mazzo di fiori)

CIRO:                   (Piglio militaresco, vedendo “Lepre”) Pusceddu Efisio !!!!!!

LEPRE:                 (Balza in piedi) Presente sono! (vede Ciro) Ah, Esposito Ciro sei! Un colpi ti pigli! Come entrato sei?

CIRO:                   Dalla porta. Non rispondeva nessuno. Vedo che almeno la prontezza delle Fiamme Gialle non ti ha lasciato, traditore!

LEPRE:                 Traditore non sono! Ma (nota i fiori che Ciro porta con sé) per campi stato sei? E come nella casa di don Battistino venire osi?

CIRO:                   A dire la verità, guaglione, so di sicuro che il Signor Fontana è fuori paese, e allora….Ma, stai forse confezionando un regalo di sigarette, spallone Efisio?

LEPRE:                 (Divaga) Nooo, non dire devi queste cose. Un regalino fare devo……..ma i fiori tuoi?

CIRO:                   Te l’ho detto. Sono andato per i prati………..

LEPRE:                 A febbraio!

CIRO:                   (Tossicchia) Beh, guaglione, non devo rendere conto a te. E bada a come ti comporti, se non vuoi gli anelli ai polsi, che poco ci manca…….

LEPRE:                 Ai polsi anelli, dici? E per cosa? Perché le bestie curo e i campi di don Battistino Fontana?

CIRO:                   Le bestie, eh? Come le chiamate? Parisienne? Boston? E i campi? Avana? Cuba?

LEPRE:                 Come vuoi pensa, Esposito. Questa, la vita mia è.

CIRO:                   Gran brutta vita, caro Pusceddu!

LEPRE:                 In un mese, io, scommetto che più guadagno di te in sei mesi! (ride)

CIRO:                   Con disonestà.

LEPRE:                 Male non faccio. Onesto invece sono. Don Battistino, pure.

CIRO:                   Già, già. Sono sei mesi ormai che il Signor Fontana è diventato più bianco della neve. Si è rifatto la verginità! E chi ha ritirata la sua anima nera? L’argentina,no? Non è così? Sputa il rospo, “Lepre”!

LEPRE:                 Rospo da sputare non ho, perché mangiato non l’ho!

CIRO:                   Stai tentando (indica il pacchetto) alle volte di conquistare la bella Consuelo,ai danni di quell’imbecille del Signor Aristide, e scalzando il tuo datore di lavoro?

LEPRE:                 (Come morso dalla tarantola) Miei affari sono!

CIRO:                   Sei su una gran brutta strada, ex-commilitone!

PAOLINA:              (Entra, vede i due uomini)….Ma…..”Lepre”…..Signor Ciro, è successo qualcosa? E i fiori?………….Un pacchetto?

(Comicamente, Ciro cerca di rifilare i fiori a “Lepre”, e “Lepre” cerca di liberarsi del pacchetto passandolo a Ciro)

CIRO:                   Sono andato nei prati (Mostra il pacchetto)

LEPRE:                 Questo pacchetto trovato l’ho sulla strada (mostra i fiori di Ciro)

PAOLINA:              (Ridendo di gusto) Signor Ciro! Nei prati a febbraio a cogliere pacchetti? “Lepre” con un pacchetto a forma di fiori…..Ma ragazzi…….mi farete morire dal ridere. Giuro!

CLEOFE:               (Entrando vede la scena) Con permèss. Come ta séet de bon umoor, Paolina! E quisti düu cavicc ? A i’è al diavol e l’aqua santa, e tücc düu tiraa dèla Paolina com’è düu avicc. Oo fai anca rima. Devi cuntaghela sü ala Lìa, questa scénéta chì. (fa per uscire, ma Ciro la trattiene)

CIRO:                   Signora, no, la prego! In verità, questo pacchetto non è mio.

PAOLINA:              Davvero?

LEPRE:                 Già, davvero. (si scambiano gli oggetti). Il fiorista….la Fiamma Gialla qui presente è.

CLEOFE:               Senta, senta. Ma séti giô (effettivamente si siede), perché la roba la sa fa interessanta.

PAOLINA:              Signora Cleofe, andiamo! Avranno le loro brave ragioni, no?

CLEOFE:               Ma dimm un poo, segoond tì: Pénzet che al pelücch al siéss vegnüu a portach i fioo al Batistin? Magari, se l’eva vegnüu a savé che l’eva passaa a miglior vita. E al “Lepre”? Credi migna che al ga regala al pachétt al Ciro, perché al g’a vô ben, dato che al la tegn in esercizi a fall côrr sü e giô per i bricch? Tì, s’en diset?

PAOLINA:              Ma……..signora…….che ne so? Io non capisco davvero un accidente di tuta questa messinscena.

CIRO:                   (Decide di “buttarsi” e porge i fiori) Ebbene, sì; è da tempo che avevo nel cuore……ora rompo gli indugi e……….

CLEOFE:               Cos’è che ta rompet?

CIRO:                   Gli indugi. Insomma, mi decido a dichiararmi alla signorina Paolina!

CLEOFE:               Ah, meno maal! Evi capii che ta rompevet quajcòss d’oltro.

PAOLINA:              Ma, veramente, io………..

LEPRE:                 Ebbene, sì: Questo pacchetto il mio affetto dire deve alla signorina Fontana carissima! (porge anch’egli)

CLEOFE:               Eet capii, che gener de gara che s’è scadenada! Vinceraal al diavôl o l’aqua santa?

PAOLINA:              (Perplessa, rende sia fiori che pacchetto) Ma dico io, siete impazziti tutti, per caso?

CIRO:                   Ma……….ma………ma……….

LEPRE:                 Ma……….ma………ma……….

CLEOFE:               Ma……….ma………ma……….mal traj-inzéma! (ridendo) A sii

                          mal traj-inzéma! Roba de fass vegnì al maa de ventro !

PAOLINA :             Lei, Ciro, andiamo……..un finanziere nella tana del lupo….Lei « Lepre », che se si accorge mio zio saranno guai…….E poi, chi vi ha detto che io penso a voi ?

CIRO:                   E i fiori?

CLEOFE:               Dàghi a quel monumeent ai caduti dèla dòna del tò maresciall, che inscì magari, o al ta dà ‘na promozion una bôna volta, o una pesciada nel cüu!

CIRO:                   No, non mi darò per vinto, signorina Paolina, unica persona di questa casa che…….vedremo! (esce)

LEPRE:                 (Uscendo anch’egli) Male assai rimasto sono, signorina, ma figlio della mia terra rimango. Testa dura. Vedrà! Di Barbagia figlio sono!

PAOLINA:              Cose da matti! Inseguitore ed inseguito, tutti e due inseguono me……..non è così, signora Cleofe?

CLEOFE:               Ah, t’al sée già che mì, di fati altrui…….ma, a proposit, sa diis in giir che la tôa mamm……al Batistin al l’abia metüda al comaand de tütt l’”ambaradan” di bricòll del circondari! Una dòna! Roba de migna créed! Mai sentii!

PAOLINA:              Già…….dico che l’idea del papà di tornare qui non sia stata una granché….certo che anche la vita che ci siamo lasciata dietro…(si ferma, capendo di aver già detto troppo)

Atto secondo – Scena seconda

CLEOFE:               Ah, sì, al tò pà l’è sempro staj un gran sognadoo, e in quanto a praticitaa e a fa danée, zero al quoto!

PAOLINA:              E adesso, mi ritrovo qio, sepolta in un paesino derelitto, con due pretendenti strambi…..ma….ci vediamo, signora Cleofe….(esce)

CLEOFE:               (Guarda verso l’entrata) Oh, varda, varda! Forzi è scià la Lìa! (entra infatti Lìa, accasciata)

LIA::                    Somm morta!

CLEOFE:               Del bon? Tée faj ben a dimel, che oo gnammò vist i manifèst giô in piaza……..Morta che parla………….giügheroo al quarantasett!

LIA:                     Fa migna la scema de guèra! Al mè frédèll al ma maza, al diserà che lüu g’a pareva de savéll………..

CLEOFE:               Chi, al Rìstico?

LIA:                     Ma che Rìstico, indormentada del dì, al Batistin, somm adrée a dì! T’al séet? Oo trovaa pôos al cifon (al sarà borlaa giô) al passaport dèla Consuelo……………

CLEOFE:               ….Ma siccome ta séet migna aruolada ‘ni Carabügneer, la roba la deev migna riguardatt. Mì, del rest, voeuri saven nagott, che meno s’an sa…….Cosa gh’eva sü?

LIA:                     Cleofe, basüm al……….Al séet cosa gh’è sü? Cognome: La Barbera. Nome: Consolata. Stato civile: Nubile!!!!!!!!!

CLEOFE:               Per mila diavôj col forcon! Ma tì, séet bôna de leeng al spagnoo?

LIA:                     Ma che spagnoo di ball! Al passaport a l’è itaglian.

CLEOFE:               Ma dai! Dimel migna.

LIA:                     Ma se somm adrée a ditel. Itaglian che püssée sa po’ migna.

CLEOFE:               Ma oo de sentinn ammò? Che moond, che moond!

LIA:                     Tana che ta devet sentinn ammò.  Professione:Artista. Nata a Bisceglie in provincia di Bari. Basta! Devi per forza setamm giô. (si siede)

CLEOFE:               Alôra, l’Aristide a l’è in giir con una…..ma, ‘scolta, sarala poeu la mamm dela Paolina? Perché a ‘sto punto credi pü a nagott.

LIA:                     Cleofe, famm ‘na caritaa. Lassom deperì. Devi penzà come fa a dighel al mè frédèll.

CLEOFE:               Al Rìstico?

LIA:                     Bamba, al Batistin, quel domà lüu e gésa e……….

CLEOFE:               ………….E tabach e cafè! Alôra, Lìa, ta lassi coi tò gatt de pelà; mì a voo a pelà la mia, de ‘na gata. Che poeu credi che l’abia faj un pato col tò Rìstico, là a l’osteria del Lüiis!; m’an mancava, de piatôl. Sa vedom. Ciao. (esce)

LIA:                     Ahé, ga voeureva anca al Rìstico che passa i dì là del Lüiis. Bôcc, ross e bianchin. E mì, chì a diventà mata per tücc. Ga noo piena la scüfia. (seduta, la testa tra le mani)

CONSUELO:           (Entra battagliera) Lìa !!!!!!

LIA:                     (Sobbalza) Cosa diavôl……Ah, séet tì…cosa voeuret?

CONSUELO:           “Ahora bien”. Ho bisogno di vedere “La Liebre”!

LIA:                     E alôra? A mì cosa m’a n’an cünta? A mì devet domandamm?

CONSUELO:           Devo parlargli “en seguida”, subito, insomma.

LIA:                     Varda che soo tütt. So tutto. Tutto!!!!

CONSUELO:           Tutto? “Todo” cosa?

LIA:                     Desmétela col tò spagnoo de quatro sold. Oo vist al tò passaport. A t’ée bindolaa ben al Rìstico, eh?

CONSUELO:           Così, sei andata a curiosare nelle mie cose? Però !!!

LIA:                     Nooo, a l’è al passaport che l’è vegnüu a trovamm. In soeugn, intaant che dormiva. Quindi, ta séet gnanca sposada col mè Aristide. E la Paolina?

CONSUELO:           Neanche lei è sposata, se è per questo.

LIA:                     Fa migna la tovaja con mì! Disevi se la Paolina l’è tua, l’è del Rìstico, l’è de tücc düu, l’è de nissün….Inzoma, de chi èla?

CONSUELO:           Giusto che tu sappia qualcosa, direi. Ma adesso non ho tempo, ci aspetta un carico importante. E poi domandalo al tuo caro Aristide; lo trovi di sicuro dietro l’osteria a giocare a bocce.

LIA:                     Del Lüiis, al soo.

CONSUELO:           (Uscendo) Guarda, invece sta rientrando in questo momento. (ad Aristide) Ehi, “hombre”, non mi sembri molto franco sulle tue gambe!

ARISTIDE:             (Entra)(visibilmente bevuto) Ci…….ci…….ciaoo (si siede di traverso)

LIA:                     Oh, Rìstico, ma èl mai possibil che ta passee tütt i dì a l’osteria a beev e giügà ai caart e ai bôcc? Ma èla ‘na vita, questa?

ARISTIDE:             No !

LIA:                     Meno maal che ta séet sincéer, almeno.

ARISTIDE:             (Mezzo addormentato) Somm….sempro staj…..sincéer….per quell che oo migna……..faj fortüna……

LIA:                     (Energica) Ehila, sveglia, sennò ta foo passà mì la ciôca, neh?

ARISTIDE:             (Si riscuote) ‘Scolta, sorèla………….

LIA:                     No, ‘scolta tì, inveci! L’unica che v’à ricevüu ben, somm migna staja mì?

ARISTIDE:             Adèss che ga penzi, a l’è vera.

LIA:                     E alôra, perché ta ma tiret in giir, eh?

ARISTIDE:             Ta tiri in giir? Ma paar migna……..

LIA:                     No, eh? Alôra: Tajéméla cürta: Chi l’è verameent quela specie de dòna fataal che ta gh’éet scià? Ma…….la veritaa, neh?

ARISTIDE:             A l’oo trovada…………….

LIA:                     Nèla tòla del rü.

ARISTIDE:             No. L’oo trovada al “Trocadero”, un locaal de Buenos Aires, indôa la balava……….

LIA:                     ………..Biôta.

ARISTIDE:             Ma va là! Lassüm nà avanti. La Paolina………..

LIA:                     Ah, già, la tôsa. Anca questa ta devet spiegàmela.

ARISTIDE:             ………….L’ è migna dela Consuelo.

LIA:                     (Corregge, acida) Consolata!

ARISTIDE:             E va ben, Consolata. La Paolina a l’è la tôsa dèla mia vera dòna, che a l’è morta de tanti ann. Una dòna ecezionaal………..

LIA:                     Se fàvela, la trapezista del circo Togni?

ARISTIDE:             (Sospira) Un angel, a l’eva un angel.

LIA:                     Vedet che l’eva ‘na trapezista? Rìstico, désmett de fà al fioeu pinin e cerca de créss, che ma paar che ta g’abiet l’etaa, o no?

ARISTIDE:             Adèss, a somm scià bèll. Chi che al ga la diis al nòss frédèll?

LIA:                     Indovina?

ARISTIDE:             Grazie, Lìa (le prende le mani)

LIA:                     (Finta burbera) I particolar t’a mai cuntereet sü con comod, neh Rìstico? Adèss, a voo. (esce)

PAOLINA:              (Entrando)  Ciao, papà. Senti, io non ne posso più, né di questo Castelletto, né di nessuno. (supplica) Papà, dammi retta, andiamo via! Presto o tardi si accorgeranno che….

ARISTIDE:             Se l’è per quell, la tua zia la s’è n’è già ‘n incorgiüda.

PAOLINA:              E adesso?

Atto secondo – Scena terza

ARISTIDE:             E adèss, la narà a dighel al tò zio contrabandée; speri con bôna manera. Ma già, la Lìa l’è brava in quii ropp lì. Almeno, speri.

PAOLINA:              A proposito di contrabbando: Lo sai che nella zona, la casa dello zio Battistino viene chiamata la “Privativa numero cinque”, in aggiunta a quella di Castelletto e alle tre di Borgovecchio?

ARISTIDE:             Beh, a l’è migna cèrt ‘na bèla nomina; ma quisti i’è afari del tò zio, che à penzaa ben de diseredamm, al séet?

PAOLINA:              Tra l’altro, sembra che ci sia in vista un colpo grosso. E la Consuelo fa la spola fra Castelletto ed il confine sulla montagna. Da non credersi!

LEPRE:                 (Entra) Meno male, che trovato ho sia padre che figlia! Parlare le voglio, signor Aristide.

PAOLINA:              Ma per l’amor del cielo, Efisio, lasci stare, mi sembra di averglielo detto non molto tempo fa.

ARISTIDE:             Coss’èla ‘sta storia?

LEPRE:                 Storia della vita mia è! Signor Aristide, la mano le chiedo di Paolina.

ARISTIDE:             Ma per l’amoor del cieel, piantala lì de dì sü stüpidaad!

PAOLINA:              Ma guardi che per sposarsi occorre essere in due, sa!!

LEPRE:                 Ah, così è? Fare potrei qualche irreparabile sciocchezza, sapete?

PAOLINA:              L’ unica sciocchezza è corrermi dietro, perdendo tempo, che potrebbe usare (sarcastica) per servire “El Segnor” Fontana.

LEPRE:                 Allora, lei innamorata è di quel fetentone di Esposito.

ARISTIDE:             Ma dì migna sü scemaad. La mia tôsa la véed domà l’ora de nà foeura di………de quel paees chì; a dì poeu la veritaa, al ma piaas pü gnanca a mì.

PAOLINA:              Bravissimo, papà. E poi, che grande uomo è uno che di punto in bianco si lascia sopraffare da una donna e anche comandare a bacchetta, quando avrebbe dovuto comandare lui!

LEPRE:                 (Esce) Io cedere dovrei al Castellamare? Mai! Mai sarà!

ARISTIDE:             Ma vann un poo anca tì a……….tôsa, credi che ta g’abiet reson. L’è pü al paees che ma regordavi mì.

PAOLINA:              Ma è ovvio. Gli anni sono passati. Tienilo presente.

CONSUELO:           (Entra) Aristide, potresti anche darmi una mano, ogni tanto…..

ARISTIDE:             In veritaa, una man ta ma la dée tì: Sì, a metum ‘ni gàbol. T’al séet che la Lìa……….

CONSUELO:           Sì, lo so, lo so. Questa non ci voleva. Ma saprò levarci dai fastidi, adesso che ho conquistata la fiducia di Battistino. E questo è importantissimo, non temere dunque.

PAOLINA:              Senti,Consolata: Ancora una parola. Ma, in passato, non hai già combinati abbastanza pasticci? Questa poi di comandare una banda di contrabbandieri….hai superata te stessa!

CONSUELO:           Ah, davvero, carina? Guarda lì tuo padre: Mai che abbia mosso un dito per noi, senza iniziativa…..adesso suo fratello gli ha portato via anche la camicia….e lui? Niente! Assolutamente niente! E allora, mi sono messa in ballo io!

ARISTIDE:             Verameent, ta balavet già al tango argentino.

CONSUELO:           Tu piantala, che ti ho fatto anche comodo. Meglio che taccia. Ho dovuto fare anche la finta argentina…………

ARISTIDE:             Beh, d’acordi, divòlt ta séet staja anca brava, com’è quela volta dèl gioeuch di valiis……….

CONSUELO:           Proprio così, “querido”, proprio così.

PAOLINA:              Ma che bel quadretto! Onestà commovente.

(Improvvisamente, risuonano nella campagna alcuni colpi di fucile)

LIA:                     (Entra, spaventata) Oh Signor, la finanza….Scapèmm gio’ tücc in cantina…svèlt!!! (sospinge Aristide e Paolina, mentre Consuelo rimane)

CONSUELO:           Andate voi, io resto; magari, c’è bisogno di me.

BATTISTINO:         (Entra di corsa) Ah, ta seet chì, meno male. ‘Scolta: ‘Stavolta a i’è adrée a dann la cacia in graand. Tegn quel pach chì de danée. (le porge un grosso pacco in carta di giornale) Ma fidi domà de tì. A i’è fraanch e liir. Meti per intaant in un post sicuur, che quaand a sa calma i acq, i portom in Svizéra.

CONSUELO:           Non aver paura. Io, di paura, non ne ho. (esce di corsa)

BATTISTINO:         Dòna in gamba. Roba de baticoeur. I miglion de liir e i mila fraanch a i’è migna stüpidaad. Speremm che la Consuelo……

CLEOFE:               (Entrando) Oh, Batistin, per fortüna che ta séet chì.

BATTISTINO:         Perché, in dôa dovréss véss?

CLEOFE:               Eet sentuu i colp de s-ciopp?

BATTISTINO:         No, somm storno. Cert che i’oo sentuu!

CLEOFE:               Pòdi stà chì un momeent? A goo pagüra a stà de foeura.

BATTISTINO:         Tée propi scernii un bel sitt. E poeu, tì, scüsum, cosa gh’entret con i colp de s-ciopp?

CLEOFE:               Perché, un s-ciopp al varda se somm la Cleofe postina o un omm di tò? Mej stà ai prim dagn.

BATTISTINO:         Cert, che tra tì e un omm di mè, gh’è migna tanta diferenza. Famm migna vegnì de trà sü!

LEPRE:                 (Entra, trafelato) Don Battistino, fatta non ce l’abbiamo!

BATTISTINO:         E’ restaa ferii quajdün?

LEPRE:                 Ferito nessuno rimasto è. Ma arrestato hanno tre dei nostri: Il Giusto, il Magagna e il Serafino, e sequestrato hanno il carico!

BATTISTINO:         Porca vaca!

CLEOFE:               Lassa stà la vaca indôa a l’è e damm a trà a mì: Indôa che podi nà per stà al sicür?

BATTISTINO:         (Sgarbato) A l’inferno. Ma vann un poo indôa a t’a vô. I oltri a i’è giô in cantina.

CLEOFE:               Vilan d’en vilan d’en sfrosadoo. (esce)

LEPRE:                 Don Battistino, per me ordini ha?

BATTISTINO:         Per adèss no, cerca domà de migna fass catà!

CIRO:                   (Entra trionfante) Aaahhh!!! Due piccioni con una fava!

BATTISTINO:         Fava…..fava…..fava mej a migna vech a che fa con quii dela vòssa raza!

CIRO:                   Adagio con le ingiurie, prego. Signor Fontana Battista, Signor Pusceddu Efisio, in nome della legge vi dichiaro in arresto!

LEPRE:                 Esposito, gli occhi chiudere devi un poco!

CIRO:                   Ah, si tenta di corrompere, eh? Bene, un reato in più, come del resto sai.

LEPRE:                 Allora, un occhio solo chiudi.

CIRO:                   Ugualmente corruzione.

BATTISTINO:         Mì, oeucc o migna oeucc, ga entri nagott.

CONSUELO:           (Entra, spavalda) Egregio finanziere, arresti me, sempre che ne abbia il coraggio.

CIRO:                   Ma, lei, signora…..veramente……….

BATTISTINO:         Al la sa che lée l’è la mamm dela Paolina, eh?

CIRO:                   Sì, però, il dovere……..il regolamento……..la legge…….

LEPRE:                 Che uomo di grande coraggio! Poco fegato hai, Castellamare!

CONSUELO:           (Aria di sfida) Allora? Cosa decide? Forza, si sbrighi, faccia quel che deve essere fatto!

PAOLINA:              (Entra) Ma, mi scusi, in base a cosa arresta (a Ciro) mio zio e il signor Pusceddu?

 CIRO:                  (Esasperato) Adesso basta! Deciderà il mio superiore! Io, per cominciare, vi porto tutti in caserma.

PAOLINA:              (Stupita) Anch’io?

CIRO:                   Se ho detto tutti….ho detto tutti. Poi, si vedrà.

                          S i p a r i o   s u l   s e c o n d o    a t t o

                          E P I L O G O______________________________________

                          (Qualche giorno più tardi dagli ultimi avvenimenti……..)

(In scena Battistino, Paolina ed Aristide)

BATTISTINO:         Cert, che la vita la inzegna, divòlt, tanti ropp. Quell che la inzegna migna in tanti ann, al la inzegna in pochi oor.

ARISTIDE:             Oo gnammò capii se de l’aventüra de l’oltro dì nela caserma de Borgovécc a ta rincréss püssée la cauzion che t’ée dovüu pagà o se………..

PAOLINA:              Ma è chiaro che allo zio Battistino brucia sia la cauzione, ma ancor di più…………

BATTISTINO:         ……..Ma ammò pussée la figüra de cicolatée che oo faj. In tanti ann……..

ARISTIDE:             ……De onorada criminalitaa………

BATTISTINO:         Tass, lôch. Tì ta séet sempro restaa istess, e al séet perché? Perché ta gh’éet migna i pè ben piantaa per tera, cara tì!

PAOLINA:              Senti,zio. Il papà i piedi per terra li ha, eccome! Perché qui a Castelletto credete di essere voi tutto il mondo; mai mossi dal guscio di queste montagne. Guardate che il mondo prosegue oltre Borgovecchio!

BATTISTINO:         Oh là,là! Che lengua la mia nevôda! E donca al mè frédèll, che l’à vist al moond, finalmeent l’à capii che l’è migna taant rudoond………E alôra? Al riva a cercà la caritaa……. Bel sucèss. E’ propi varü la pena de vé giraa ‘na vita intrega!

ARISTIDE:             Fermet un momeent, fermet un momeent. La caritaa un bel nagott, perchè somm anca mì fioeu di nòss geent, e alôra…….

BATTISTINO:         E alôra coss’è? Chi va via……..pèrd al post a l’osteria!

PAOLINA:              Mai sentito un discorso più disonesto. Vorresti negare al papà la sua parte di eredità?

ARISTIDE:             Anca se mì, in realtaa, vist come va i ropp chì, a ma piaas migna tropp fermamm, ma piaseress almeno che ta ma liquidasset.

BATTISTINO:         Col cifol che ta liquidi! Ta liquidi certameent, ma liberandom de tì, perdigiorno ‘merican!

ARISTIDE:             Ah, a l’è inscì? La tua ültima parola? Anca se ta séet al pussée vécc di frédéj, mì a ta stròzi! Seet migna conteent dela figürascia che tée apena faj, che adèss tücc i sa che tipo ta séet? Voeuret anca fa savé che ta séet un ladro de ereditaa, un fabrica-testameent? Tì ta frequentet la gésa, neh? Mì, se fudéss al prevost, ga staréss ateent, perchè pò anca dass che ta siéet un spaza-büssol di ofèrt. Vün come tì, l’è bon de qualunque roba!

PAOLINA:              Papà, non esagerare! (rivolta a Battistino) Però, il papà non ha assolutamente torto, quando si arrabbia. Non è bello essere defraudati di tutto!

BATTISTINO:         Ah, l’è migna bèll, e scià….e là….ma quanti bej resonameent! ‘Scolta, Rìstico, vèrt i orecc e rispondomm a quel che ta domandi mì.

ARISTIDE:             Sentemm, sentemm.

BATTISTINO:         Quaand che ala “Capeleta” è borlaa giô al técc e al s’è dovüu rifà, che quasi ga resta sôta di geent, tì indôa a sevet?

ARISTIDE:             Al soo migna.

BATTISTINO:         (Prosegue) E quaand la stala de l’ “Ombron” l’è naja a foeugh ‘na nòcc e è morii quatro vach, l’éet smorzaa tì l’incendi?

ARISTIDE:             N..N…no.

BATTISTINO:         E al comün che al voeureva esproprià al “Praa Graand” per fa passà al stradon noeuf, eet faj tì al ricoors?

ARISTIDE:             N..N…no.

BATTISTINO:         Védet, soci dela bira? Intaant che tì ta rimiravet i papagaj coloraa, chì succedeva de tütt, e mì e la Lìa emm dovüu fa front a mila ropp; eet capii l’antifona?

PAOLINA:              Ciò non toglie che non possa privare il mio papà sella sua parte di eredità!

ARISTIDE:             Già, propi inscì.

BATTISTINO:         Ma che lengua sciolta che ghii giî per l’Argentina!

(Momento di silenzio imbarazzato, poi):

PAOLINA:              Beh, zio Battistino, non puoi neanche lasciarci andar via così come siamo arrivati, no?

BATTISTINO:         (Un guizzo di interesse negli occhi) Ah, perché a ghii intenzion de nà via? Beh, podum parlà de un zich de liquidazion, magari!

ARISTIDE :            Molto generoos.

BATTISTINO:         Ma rincréss perché devi fa senza dela Consuelo, e rimett a capo al “Lepre”.

PAOLINA:              Perche’, hai intenzione di………..

ARISTIDE:             ……..De nà avanti con sigarett, cafè, cicolatt e dadi? Ma alôra a tée imparaa nagott!

BATTISTINO:         Cert che a goo intenzion de nà avanti. A crederii migna che ma lassa stremì de quatro pelücch de Castellamare di Stabia, eh? G’a vô oltro con al Fontana!

PAOLINA:              Beh, noi non staremo qui a vedere le tue gesta.

ARISTIDE:             No de sicüur. A g’a noo pien la gloria anca de Castelett, al séet caro frédèll? M’è staj assée quii mees chì per capì che per mì l’è migna aria!

BATTISTINO:         Bravo! Bravo! Adèss ta ma piaset. E indôa a fii cuunt de nà de bell?

ARISTIDE :            Ma, t’al séet, i pareent dela Consuelo, forzi, i ma sistema.

BATTISTINO:         Perché, alôra, tornet in Argentina? Eel migna ora de stà un poo püssée visin?

PAOLINA:              Ma….ma…..quale Argentina? I parenti di Consuelo, come sai, non sono certo in Argentina.

BATTISTINO:         Co….co…coss’è? E indôa a i’è, alôra?

ARISTIDE:             A Bisceglie, in provincia de Bari.

BATTISTINO:         Ma……e l’Argentina?

PAOLINA:              L’Argentina è sempre al suo posto. Solamente che non c’entra affatto con Consuelo. O viceversa.

BATTISTINO:         A gh’è quajcòss d’oltro che dovréss savé?

ARISTIDE:             No, no, per adèss l’è assée inscì. Un stremizi per volta. Sennò, ta vegn un colpett e ta ma restet lì.

PAOLINA:              Stai buono, zio Battistino, che devi sopportarci ancora per poco.

BATTISTINO:         L’è migna la quistion, quasi sévi faj l’abitüdin….T’al séet, sa fa poeu l’abitüdin anca a l’oli de ricin………..

ARISTIDE:             Ta ringrazi del complimeent. Ta séet tropp gentiil. Ta devet migna disturbass. (ironico)

LIA:                     (Entrando) Oh, che bèla compagnia! Ma gh’è quajdün che voeureres uniss ala tavolada.

BATTISTINO:         Ah, sì? Fa migna vegnì deent grass de ròst, neh? E quaand parli de grass de ròst………

LIA :                    ……….Ta parlet dela Cleofe.

BATTISTINO :        Propi. Un quaj dì, ta védet mì cosa g’a foo.

ARISTIDE :            (Prende da parte Lìa) Ma, gh’éet dii nagott ? (indica Battistino)

LIA:                     De cosa?

ARISTIDE::           Com’è, de cosa? Emm capii che al sa de nagott dela veritaa sula Consuelo……..

LIA:                     E…e..e..evi gnammò trovaa al momeent bon….(rivolgendosi a tutti) Alôra, pòdi fa vegnì deent al Ciro Esposito?

BATTISTINO:         Chiiiii ???? (Allibito)

ARISTIDE:             Adèss, i na mena via tücc per ben.

PAOLINA:              Non credo proprio. Zia, se vuoi, fallo pure entrare.

LIA:                     (Affacciandosi all’esterno) Al vegna puur deent!

CIRO:                   (Entra, in borghese, un braccio al collo e zoppicante) Buongiorno a tutti!

BATTISTINO:         Uheila, tôos, s’éet faj? I ta na daj una carga?

CIRO:                   Se intende botte, no. Se intende caduta, sì. Ma stavolta Lei non c’entra per niente.

ARISTIDE:             Eet capii, ‘na volta taant, Batistin, ta séet foeura de ‘na gabola.

LIA:                     E alôra, s’al faj? Al migna divòlt alzaa assée i pè? Un scalin rôtt?

PAOLINA:              Zia, lascialo parlare. Se non lo lasci parlare……….

CIRO:                   Stamattina, mi trovavo di guardia sul sentiero alto della Bolla, quando da un albero è caduto un uccellino, fuori dal nido………

ARISTIDE:             E lüu?

CIRO:                   E io, per rimetterlo nel suo nido, mi sono arrampicato………

PAOLINA:              E poi, ha fatto la fine dell’implume!

CIRO:                   (Mortificato) Già.

LIA:                     Però, che omm delicaa! La ma commoeuf, quela roba chì.

CIRO:                   Uccellini a parte, io vorrei ancora una volta, signorina Paolina……..

PAOLINA:              Senta, Ciro………..

CIRO:                   Se è il caso, posso parlare con sua mamma!

PAOLINA:              (Decisa) Non è mia mamma! 

BATTISTINO:         Cosa? Questo saréssel l’altro stremizi che dovevi speciamm?

ARISTIDE:             Giâ. L’è propi questo.

LIA:                     E, per svoeujà al sacch, al tò frédèll e ‘sta tua capa, Batistin, a i’è gnanca maridaa.

BATTISTINO:         Oh, Gesü! Che an senta pü de ropp, che per incoeu a l’è assée!

ARISTIDE:             Oh, cosa sarà poeu mai sucedüu! Esagera migna, che alôra dovréss anca mì sbaratà i oeucc a savé de vécch un frédèll sfrosadoo!

CIRO:                   Signor Aristide, lei non ha torto.

BATTISTINO:         Uhei, lüu che al tasa, che l’è migna in servizi; e i scemaad, violtri, i disüff domà in servizi, che questo al sa sà.

LIA:                     Batistin, avréss vorüu ditel prima, ma……..

BATTISTINO:         Verameent, a dimel avréss dovüu véss i interessaa. Ma già, dopo i seva che i avréss mandaa via……Pazienza. Però, tì, Paolina, cerca migna de dich de sì a quel Napoli chì; al sarà anca un bravo fioeu, ma…………

PAOLINA:              Zio, so anch’io come regolarmi, non aver paura. Piuttosto, Ciro, per mio zio Battistino come si mettono le cose?

CIRO:                   Non posso parlare, signorina, di cose di servizio.

PAOLINA:              Ma non è in servizio.

CIRO:                   Uguale è.

BATTISTINO:         Al parla come al “Lepre”

CIRO:                   No, per l’amore del cielo, uguale a Pusceddu non voglio essere.

ARISTIDE:             Ma al “Lepre”, a vardà ben, l’è poeu migna un catiif sogètt.

CIRO:                   Ma non è neanche….beh non voglio intavolare discussioni in casa del signor Fontana. Io faccio il mio dovere.

PAOLINA:              Vada, Ciro, vada a curarsi il suo braccio e la gamba.

CIRO:                   (Uscendo) Posso sperare?

PAOLINA:              La speranza è l’ultima a morire, signor Esposito! (sottovoce) Prima, muoiono i pretendenti (ride)

BATTISTINO:         Pütost, quajdün à vist al “Lepre”?

ARISTIDE:             Verameent, oo gnammò vist gnanca la Consuelo. Quaand a somm levaa sü, lée l’eva già giô de bass.

LIA:                     Mî, oo vist nissün.

PAOLINA:              Io, nemmeno.

BATTISTINO:         Strano. Oh, beh, i sa farà viif.

CLEOFE:               (Entra di corsa) Batistin, al tò Fiat mila e vòot !

BATTISTINO:         Quaa mila e vòtt?

CLEOFE:               Com’è quaa mila e vòtt? Al tò, d’en Fiat mila e vòtt. Mì, de mila e vòtt ma g’a noo migna.

LIA:                     Quel con al dopi-foond?

CLEOFE:               (Spazientita) Cosa voeutt che m’a n’a interessa a mì dei trücch di sfrosadoo! Mì soo domà che a l’oo vist che al fava un polveron tremendo süla provinciaal che va a Borgovécc!

ARISTIDE:             E chi che al la guidava?

CLEOFE:               Chì, vegn al bell !

PAOLINA:              Ma non ci tenga dunque sulle spine! Forza!

CLEOFE:               Calma, tôsa. Che guidava a l’eva al sardegnoo.

BATTISTINO:         Chi? Al “Lepre”?

CLEOFE:               Perché, quanti sardegnoo a gh’è a Castelett?

ARISTIDE:             Ma indôa nàvel al “Lepre” senza al permèss del mè frédèll?

CLEOFE:               Per scapà, gh’è bisoeugn del permèss de quajdün?

BATTISTINO:         Per scapà? Ma cosa ta salta in meent, Cleofe?

CLEOFE:               Perché al “Lepre” l’eva migna de per lüu, in machina.

ARISTIDE:             (Teme di sentire la verità) E…….chi l’è che a gh’eva sü?

CLEOFE:               Indovina indovinello……………

BATTISTINO:         G’à sarà migna staj sü divòlt……(si ricorda del denaro consegnato a Consuelo e salta per aria, urlando) I mè danée !!!!!!!!!!!

LIA:                     Quaa danée?

BATTISTINO:         Al soo ben mì….(Esce come un invasato) A mì al s-ciopp del dôdes…ciapi la motociclèta e, se i ciapi, i infilzi com’è düu picitt…..Giüda! Tradidoo!!!!!

ARISTIDE:             (La testa fra le mani) Pòra mì! La mia Consuelo!

PAOLINA:              (Uscendo) Non vale la pena, credi a me! Io ti ho sempre detto che non c’era da fidarsi. Non puoi dire di no!

LIA:                     Cleofe, ma, ‘na volta taant, pòdet migna portà bon notizi, eh?

CLEOFE:               Ma i bon notizi i fa migna notizia; e poeu, a i’è püssée quii brütt che quii béj!

LIA:                     Cleofe, bàsom i ciapp!

CLEOFE:               A goo oltro de fà !

ARISTIDE:             E mì, adèss, cosa foo………..

CLEOFE:               A gh’è magari un post vacante de capo-spallone.Ta convegn fa come al tò frédèll, che forzi a l’è la volta che ta impienissét al borsin.

LIA:                     Védet, Rìstico, a fidass tropp di argentin de Puglia?

CLEOFE:               (Sulle note di “Non pianger più Argentina”, canta): N o n   

p i a n g e r  p i ù,   A r i s t i d e e e e e e ! ! ! ! ! !

                          S I P A R I O

220903

                                                                                                                              

 ©

                         

    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno