Frenaaa!!!

Stampa questo copione

COLLEZIONE DI TEATRO

COLLEZIONE  DI  TEATRO

FRENAAA!!!

tre  atti  di  nuccio  vassallo

da un’idea di enzo la rosa

personaggi

GIOVANNI BEVILACQUA

PAOLA-segretaria

PROF.BRUNI

LULU’

AVV.MULE’

COMM.CIONI

ROSY-dattilografa

CONTE ATTILIO

CAP.NESTI

UN GIORNALISTA

GUARDO-cassiere

TERESA-domestica

PIETRO- commesso

                                            atto primo

La scena, uguale per i tre atti, rappresenta lo scagno del comm.Giovanni Bevilacqua, titolare di una società di trasporti nazionali ed internazionali e proprietario di grossi TIR che viaggiano su e giù per l’Europa. E’ un uomo che si è fatto da solo e, pertanto, particolarmente orgoglioso del suo lavoro. Profondamente onesto, si erge a paladino dei soprusi. La scrivania sarà in fondo ed al centro della scena; un piccolo salottino più in proscenio. In fondo vi sarà una porta di servizio dell’ufficio, in genere utilizzata dal solo Commendatore Giovanni, a destra dello spettatore una porta che conduce nell’appartamento ed a sinistra una porta che conduce nelle altre stanze che compongono l’ufficio.

                             ===============================================

Paola -(la segretaria, sola in scena, sta sistemando la scrivania del Commendatore Bevilacqua)

Pietro -(entra dalla comune portando la corrispondenza)Signorina Paola ancora non haiu vistu u Commendatore ‘sta matina.

Paola -(prende la corrispondenza che Pietro le porge)Avrebbe dovuto essere già qui, per la verità.Se lo vuole aspettare...

Pietro -Non è ppi mia, signurina, ma cci vuleva addumannari ppi mè cugnatu...Sapi...havi tri misi ca è disoccupatu,mischinu. Su u Commendatore vulissi..e macari lei, su cci mittissi ‘na bona parola... E’ n’omu ca s’adatta a fari tuttu, chiddu...

Paola -Stia tranquillo Pietro . Lei lo sa che se il Commendatore può...

Pietro -Pò..Pò..U’ Commendatore su voli po' fari tuttu. Iù per ora mi nni vaiu, signurina. Sugnu dda sutta... Mi raccumannu a lei... E’ n’omu ca s’adatta a fari tuttu....

Paola -Va bene! Ah mi faccia il piacere, Pietro , passando dica alla signorina Rosa di veniri un momento di quà.

Rosy -(Che stava entrando alle ultime parole di Paola, con una lettera dattiloscritta) Rosy, prego! Rosy !

Paola -(La guarda un attimo.Poi rivolta a Pietro )Vada,vada pure Pietro, e grazie lo stesso. (Pietro via. Paola dà un’occhiata alla lettera che la dattilografa ha appena finito di battere) Sarebbe bene, signorina, che lei imparasse ad usare meno la gomma per cancellare.

Rosy -E allora che faccio, lascio gli sbagli?

Paola -Potrebbe, invece, fare meno sbagli. Lo sa che il Commendatore non ama vedere lettere pasticciate. Può andare, signorina.( Rosy esce. Paola forma un numero al telefono) Pronto!Pronto!E’ la Commerciale?Mi darebbe la sterlina?...Grazie. (riaggancia)

Teresa -(viene dall’appartamento del Commendatore )Signorina Paola ,buon giorno.Non s’ha vistu ancora il Commendatore ?

Paola -Oh,buon giorno, Teresa .Come stà?

Teresa -Io sto bene.Chiddu ca non mi piaci è il Commendatore .Haia continuare ancora ccu pastina e pisci scaldatu?

Paola -Eh,sì!Non si vuole convincere a farsi visitare da un medico.L’ho pregato tanto.

Teresa -Ca quali visitari.Iù cridu ca l’unica vota ca si fici visitari fu quannu ivu a passari a visita di leva.

Paola -Piuttosto, Teresa ,deve cercare di fare sparire quelle bottiglie di grappa. Le tiene nei posti più impensati.Ne ho trovata una addirittura nel cassetto della scrivania.

Teresa-E va beni!Pasta ccu ll’ogghiu e pisci scaldatu.E senza grappa Su non cci passa

             prestu ‘u stomucu, u poviru Commendatore , s’ammala di cori. E chiddu chi po' 

             stari senza ‘u sò bravu bicchierinu.(rientra la signorina Rosy )Beh!Iù vaiu dda

             banna!

Rosy -E’ arrivata un’altra lettera, signorina.

Paola -Dia pure a me,signorina Rosa.

Rosy -Rosy,prego.(breve pausa)Ho chiesto venerdi scorso al Commendatore un’anticipo sulla paga.

Paola-Il solito!

Rosy -Già!MA è il solito anche lo stipendio.

Paola -Signorina,pensi che c’è gente che lavora molto di più e prende di meno.

Rosy -Se è per questo c’è anche tanta gente che lavora di meno e prende di più.

Paola -Beh!, cosa vuole, comunque da me?

Rosy -Se lei, signorina,volesse metterci una buona parola...

Paola -E perchè io?

Commendatore - (si sente dall’esterno la voce del Commendatore che parla con Pietro )Va bene,ho caputo, Pietro, appoi ni parramu.Fammi arrivari almenu ‘nto scagnu.

Rosy -Lei penso che possa riuscire meglio.

Commendatore -(entrando)Oh,fici propriu tardu stamatina.Buongiorno.

Paola e Rosy -Buongiorno Commendatore .

Commendatore -Com’è ca stamatina ‘u 640 arristau intra?

Paola -(a Rosy )Può andare signorina Rosa.

Rosy - Rosy ,prego.

Commendatore - Rosy ?

Rosy -Sissignore, Commendatore .

Commendatore -Signorina Paola ,le dispiace prendermi la domanda di assunzione della signorina? Iù non mi ricordo...(la signorina Paola va all’armadio libreria)

Rosy -Ma no, Commendatore ...

Commendatore -No,no accertiamo...E’ megghiu essiri precisi.Non vogghiu ca cci siano equivoci...( Paola gli porge una cartella)Ecco qua..Dunque, vediamo.( prende un foglio) La sottoscritta, Tagliavacca Rosa...Ecco qua “Rosa” e allura?Nuatri a chiamamu Rosa...Tranni ca... se lei propriu cci teni...putissi essiri chiamata signorina “Tagliavacca”...

Rosy -No,no Rosa va bene.

Commendatore -Fuori di qua si può fare chiamare Rosy ..Fify...Chary..comu cci piaci. Ecco, chiarito questo..(fa segno di saluto militare per congedo. Rosy esce) Che gente...che gente...però non è che sia antipatica...

Paola -Ma certo...

Commendatore -Vero? Anzi è quasi simpatica...Vero?Havi i sò fisimi...di carusa...

Paola -Ma certo..perchè dovrebbe essere antipatica? Beh! Piuttosto, Commendatore , vuole vedere qua? (blocchetto appunti) Guardi che la sterlina è scesa di tre punti.

Commendatore -Ah!Bene!

Paola -Sangiorgio,l’autista che ha avuto l’incidente ai primi del mese,è ripartito stamani.

Commendatore -Sì, ma a chistu cci facemu fari ‘stu viaggiu e basta...E’ troppu cca testa ‘nte nuvuli...sbadato...

Paola -Va bene, Commendatore .Ma il mezzo non ha avuto danni seri.

Commendatore -L’uovo che non puzza oggi può puzzare domani...e intossica...

Paola -E poi sembra che non guidasse lui in quel momento, ma l’aiuto...

Commendatore -Responsabile del viaggio è l’autista.Su tutto va bene ù merito è sò, macari ca ha durmutu tuttu u tempu e ha guidatu l’aiuto; ma se qualche cosa ‘mpinci, a culpa è tutta a sò... macari ca non c’entra..Sbagghiau picchì cci ava trasiri...

Paola -Ah,guardi che ha scritto il Comm.Cioni ...

Commendatore -Bene,e cosa dice?

Paola -Mi pare che...

Commendatore -Nenti ah? Nenti!Metti ‘mmenzu ‘na strada un bravo giovane ppi ‘ncapricciu... e ccu ddu figghi...cci lu facissi vidiri iù... cci la facissi passari tutta a sò prosopopea... u ‘ssumissi iù...

Paola -MA lei sà Commendatore ...

Commendatore -’U sacciu...u sacciu ca è ‘mpisci troppu grossu...Non mi facissi campari cchiù!

Paola -E allura?

Commendatore -E allura...( fa l’atto d’ingoiare)Agghiuttu!Damu ‘na bella frenata e caminamu alleggiu, alleggiu...in zona prudenziale...Signuri mei, s’ha magiatu cinqu....

Paola - Commendatore ...

Commendatore -U sacciu...u sacciu!Non si pò!Basta!Chistu è u munnu...Viaggiamu ppi na strada china di scaffi e di fangu...Non si po' aviri fiducia di nuddu..masculi e fimmini..

Paola -Beh!Tutti poi...

Commendatore -Tutti...macari i fimmini,sissignori...Capirle poi, le donne...

Paola -Ora sono io,per la verità, che non capisco lei.

Commendatore -Lo so che non mi capisce...Ci vulissi ‘na bella disinfestazione ca ammazzassi tutti i microbi...Inveci cci avemu a campari ‘nsemi ‘e microbi...

Paola -Ah,dimenticavo...Mezz’ora fa è stata qui...quella signorina... Lulu’ ... Lulu’ Pacelli mi pare...

Commendatore -Ah,sì?

Paola -Sì, è venuta con un cappellino rosso!...Carina,però...

Commendatore -Carina?Carissima...autru ca carina.(suona il telefono)

Paola -(risponde al telefono)Pronto...pronto...Sì.. sì un momento...( mette una mano sulla cornetta) Commendatore è proprio lei.

Commendatore -Ah.dica che non ci sono...Non ci sono.

Paola -(al telefono)Pronto...il Commendatore mi dice...cioè,beh sì, mi ha lasciato detto che... sì... provi a telefonare più tardi...Cosa?... sì? Pronto...ma sì, sono io... io... ma pronto...(chiude) Commendatore ,dice che la colpa è mia e che verrà qui accompagnata dalla mamma.

Commendatore -Dalla sua... accompagnata dalla mamma?Ha un bel coraggio quella lì... Fa la vittima mentre proprio ieri ho saputo delle cose sul suo conto...E la madre! La madre che le tiene l’amministrazione...Che scemi.. che scemi che sono gli uomini... Mah!Non si po' diri nenti... s’ha frinari e rallentari.Ah,su si putissi diri ‘nfaccia a genti chiddu ca si pensa...che soddisfazione...e invece nò...non si può.Non si po' mancu diri a chidda ddà...Vede, iù fazzu u trasportatore e si po' diri:trasportatore!’O salumeri si cci po' diri:salumeri!E’ u sò misteri,no? Chidda ca è...ca fa... è u sò misteri,no? Ma non si po' diri...Non si po'!  E così (mimica di inghiottire e frenare) Fussi bello,vidi,signorina, putiri viaggiari sempri in strade dritte,ampie... sgombre... Si stassi comu ‘nmparadisu... e invece,no... Ogni tantu s’hannu grapiri tutti ddu occhi... frinari... e caminari ccu prudenza... annunca si va a finiri ‘nta qualche scarpata...

Paola -Già,ma forsi è megghiu accussì,no?Dire quello che si pensa?E lei saprebbe dire delle cose belle,se potesse dire quello che pensa?

Commendatore -Posso dire,per esempio, che...lei è buona...bella...e guardi...anche se ho sempre detto che è valida la massima:cu va in guerra preghi una volta, chi va in macchina preghi due volte,chi si marita preghi tre volte..Beh!Penso che...certo iù non sugnu cchiù carusu...haiu i mè 55 anni...ma cridu ca putissi ancora pinsari di farimi ‘na famigghia...no?

Paola -Certo, perchè no?Lo credo bene!

Commendatore -Il mio grande dispiacere sà qual’è?Che non ci sia un continuatore della ditta...Giovanni Bevilacqua!Va beni ca mè frati è ancora giovane, ma si chiama Filippo...non è Giovanni...A ditta nascivu Giovanni Bevilacqua e vulissi ca continuassi Giovanni Bevilacqua.

Paola -Va bene, Commendatore ,ma lei scusi,poteva pensarci prima.

Commendatore -Iù cci haiu pinsatu...Ma è strano,sà? Quannu unu è giovane,non pensa ca ha divintari vecchiu...e poi...iù (la guarda con intenzione) Iù...non haiu mai... mi capisci?

Paola -No,mi dispiace, Commendatore .

Commendatore -No,eh? E va bene,si vidi ca era destino...A mè vita ha statu sempri ammenzu a strada...alla guida di qualche mezzo...Senza ‘mposto fissu...non haiu avutu mai tempu ppi l’affetti...ppa famigghia...Machina macari iù, ammenzu ‘e machini...e comu ‘e machini a ‘ncertu momento veni macari ppi mia u tempo di essiri misu di parti...di essiri purtatu ‘o sfasciu...(Ha una fitta di dolore)

Paola -(Se ne accorge) Commendatore ... Commendatore ...le fa male?

Commendatore -(si riprende)No...no,nenti!Anzi, vidi,ogni tantu cci voli... Mi servi ppi distrairimi.

Paola -Oh,ma perchè,invece, non si decide a farsi visitare...

Commendatore -Ma cchi ‘nna fari? Ppi sintirisi diri:Si pigghiassi ‘sta pillula e poi videmu...

Paola -E poi Commendatore , cc’è pure che lei continua a bere... e facendo così...

Commendatore -Farò quello che fanno tutti... Ma tanto cosa vuole che sia?...Quando sarà il momento...

Paola -E’ molto facile a dirsi...ma poi...

Commendatore -No,no! Dico veramente, signorina. Guardi più vivo e più conosco la gente... brutta gente...Tanto vale...E poi che vita è...solo...

Paola -Perchè solo, Commendatore ,ha un fratello...Ha un fratello che la vuole molto bene.

Commendatore -Sì..sì,certo...non dico di no.

Paola -E poi...poi ci sono anch’io...

Commendatore -Anche lei mi vuole bene?

Paola -Certo!

Commendatore -Ma che bene mi vuole lei?

Paola -Io le voglio bene perchè è buono...

Commendatore -Buono?

Paola -Perchè lei è stato per me come....

Commendatore -...come un padre.(Ancora fitta di dolore)

Paola -Oh,beh,guardi se non ci pensa lei,ci penso io,sa?Così vedrà se c’è qualcuno che le vuole bene.(Prende l’elenco telefonico e cerca)

Commendatore -(Che si è ripreso)Lasci...lasci perdere.Guardi, se lo vuole sapere cci sono stato da un dottore.

Paola -Ah,c’è stato?

Commendatore -Sì,sono stato dal prof.Lorenti.

Paola -Ah,Lorenti? Sì!

Commendatore -Non picchì mi scantava,guardi,no,no,no!E mi fici fari macari a (mima) fotografia...

Paola -La radiografia.

Commendatore -Sì...ecco la radio...E sono andato macari a ritirarla...ppi vidiri comu sugnu fattu di intra...

Paola -Sì,va bene.Ma lei, poi, con il professore ha parlato?

Commendatore -Certo...parrai ccu chiddu dè lastri...Il prof.Lorenti era partutu...

Paola -E ha detto che può stare tranquillo?

Commendatore -Beh! Sa come sono i professori...Parrunu sempri a mità... Dici ca hava mustrari i lastri al medico...

Paola - Commendatore ,me li faccia vedere...

Commendatore -I lastri? A lei?Picchì ni capisci?

Paola -Beh! Così, per curiosità.

Commendatore -(fa per alzarsi)Sì ora...(ci ripensa)Ma no,cci l’haiu dda banna, ‘nta l’appartamentu...E poi..poi no! Non cci li fazzu vidiri...

Paola -E come mai?

Commendatore -E’ brutta...brutta...pari ‘ntilaru di machina senza carrozzeria...Lasci perdere.

Pietro -(entrando) Commendatore ...ci sarebbe l’avv.Mule’ ..

Commendatore -Ci dicisti ca ci sugnu?

Pietro -Sì.

Commendatore -E va bene, fallu trasiri. (Pietro esce) L’ avv.Mule’ ...ma iù non capisciu com’è ca a chistu no ‘ttaccunu...non capisciu...Forsi non cc’è cchiù postu...

Paola - Commendatore ... Commendatore ,senta avrà bisogno di me?

Commendatore -No,..no...può andare..Se mai chiamo..Vada.

Paola -Va bene.(si avvia)

avv.Mule’ -(entrando)Saluti al Commendatore Bevilacqua...(alla signorina Paola che sta uscendo)Buongiorno.

Paola -Buongiorno a lei.(via)

Commendatore -Chidda ca manca è propriu chissa: a saluti.

avv.Mule’ -Sempre allegro,lei Commendatore .Bravo,fa bene!

Commendatore -Ora ca mi dissi ca fazzu beni,mi sentu macari cchiù tranquillo.Aveva ‘mpinseri...S’accomodi!(Lui intanto non si è nemmeno alzato)

avv.Mule’ -Grazie,ma le faccio perdere pochissimo tempo.(Siede)Ieri l’abbiamo aspettato un bel pezzo.C’era assemblea.

Commendatore -C’era assemblea?Ieri?Ma iù non nni sapeva nenti.

avv.Mule’ -Ma no, Commendatore ,glielo avevo detto io stesso ieri mattina.

Commendatore -Veru!E’ veru!Mi lu dissi!Cci stai pinzannu ora...cci stai pinzannu... Ah,ma a ‘st’ura appa finiri.(Guarda l’orologio)

avv.Mule’ -Al commendatore piace scherzare.Ma stia tranquillo, l’ho scusato io.

Commendatore -Mi scusau lei? Grazie!

avv.Mule’ -Sì,sì!Ecco qua Commendatore (esce dalla cartella un voluminoso registro)non c’è che da firmare.

Commendatore -E chi fussi ‘stu cosu?

avv.Mule’ -Il bilancio.(lo porge)

Commendatore -Ah,il bilancio...già...U vidu..u vidu, ma ci vulissi vidiri megghiu...

avv.Mule’ -Prego?

Commendatore -Cci vulissi vidiri cchiù chiaru...cci vulissi vidiri cchiù chiaru... Si fa prestu a mettiri ‘na firma...Ma poi,na vota misa non si po' cchiù cancillari...

avv.Mule’ -Ma Commendatore ...

Commendatore -Insomma vulissi fari onestamente il mio dovere.Onestamente!  Comu d’altra parte facissi macari.... comu facissi macari...lei (subito)No?!No! Lei non facissi onestamente u sò dovere...Dumannu.

avv.Mule’ -Ma chi dice,no? Lei è sindaco...

Commendatore -Bene!E u menu ca putissi fari,in qualità di sindaco, è sindacare...

avv.Mule’ -MA quannu mai un sindaco...Lei deve firmare.

Commendatore -Devo?

avv.Mule’ -Così è l’ordine, mi permetta, l’ordine del Commendatore Precordi,l’amministratore delegato.

Commendatore -Io, devo?

avv.Mule’ -Deve!

Commendatore -Io sono sempre stato agli ordini,finu a quannu dui e dui fannu quattru...ma quannu cuminciunu a fari macari vintidui...

avv.Mule’ -Ma che dice?

Commendatore -Voci...Voci che circolano...

avv.Mule’ -Oh,ma lei è troppo intelligente per...

Commendatore -No!No!Non sugnu troppo intelligente...Non cc’è bisognu di fari politica... ma non vulissi essiri mancu troppu scemu.Quindi se lei crede, mi lassa i registri...iù fazzu ‘mpocu... comu si dici, u san Tommaso, ci mettu ‘mpocu  i manu di intra e...

avv.Mule’ -Ma non capisco.Lei in passato ha sempre firmato...

Commendatore -Sì,è vero.Ma io ho sempre creduto di avere a che fare con persone oneste...

avv.Mule’ -E chi le dice...

Commendatore -Voci...

avv.Mule’ -E poi,quando lei avrà firmato, qual’è quell’azionista che si permetterà di mettere in dubbio...

Commendatore -(interrompendolo)Insomma, su u voli lassari, u lassa;su non u voli lassari...

avv.Mule’ -(rassegnato)Va bene...Riferirò all’amministratore delegato.Però tengo a dirle che se questo suo ritardo a firmare dovesse portare,come porterà certamente, pregiudizio, lei ne risponderà, Commendatore .

Commendatore -Ne risponderò.E poi domani non è martedì?

avv.Mule’ -Sì.

Commendatore -E u martedì non c’è assemblea degli azionisti?( avv.Mule’ assentisce) Bene!Ni videmu dumani all’assemblea.Su chiddu ca cc’è scrittu ccà è giustu...beh! Allura...

avv.Mule’ -Sta bene.Servo suo.(fa per uscire)

Commendatore -Servo?Comu serva mi basta donna Teresa a mia...

avv.Mule’ -(Si ferma davanti alla porta,quindi torna indietro)Lei Commendatore ,permette una telefonata?

Commendatore -(Fa segno che può,poi mentre Mule’ fa il numero)Stia attento di non fari ppi sbagghiu,u nummiru da questura.

avv.Mule’ -Come dice?

Commendatore -Nenti!Pò succediri ca unu si sbagghia.

avv.Mule’ -(Al telefono)Pronto!Pronto!, Commendatore sono Mule’...sì...sì..appunto...ma non intende firmare...ho insistito... sì..gliel’ho detto... sta bene... sta bene... (al Commendatore Bevilacqua)Il Commendatore Precordi dice che il bilancio DEVE essere firmato oggi.

Commendatore -E allura su firmassi iddu.

avv.Mule’ -(al telefono) No!No,non intende assolutamente firmare...Sta bene...sta bene..(a Bevilacqua)Il Commendatore desidera parlare con lei.

Commendatore -Ah,si?

avv.Mule’ -Sì.

Commendatore -Lui desidera parlare con me?Ma io non desidero parlare con lui.

           ( avv.Mule’ fa per riferire al telefono,ma il Commendatore glielo leva di mano)No,no.. aspetti...dia a me.(Parla al telefono)Pronto..sì sono io...no..no... enne o...no!..Beh, un motivo ci sarà certamente...Insomma io non ammetto che si aumenti il numero delle azioni quannu i cosi vannu comu vannu...nè che si costringano le società di trasporti a servirsi della associazione... unni s’hanna pagari centu, i cosi ca all’autri banni costunu cinquanta... E tuttu chistu ppi fari ‘ngrassari a cui? Non si sapi!...Non si sapi, ma si sapi!Ah...sì...sì...ma varda...Oh,senta io sarei prontissimo a rilevare il suo pacchetto d’azioni...Sì cci l’haiu propriu netti netti...Ma cci li dassi con vero piaciri, accussì mi lu livassi di...sì, insomma...va bene, va bene.. Certo,anzi, mentre ca c’è ccà u sò...u sò... tiraperi...sì...sì dò subito ordine..(alla signorina Paola che è entrata in quel momento) Signorina,signorina...guardi là nel cassetto c’è il libretto degli assegni...Faccia due assegni di cinque milioni cadauno, a nome...sente che dò ordine?..a nome del Commendatore Prec...a nome...Eh?Cosa?Cento.. centocinquanta?(con un filo di voce) Da quando?

avv.Mule’ -(si intromette)Da ieri il Commendatore Precordi ha assorbito le azioni del gruppo Parodi-Mercenaro ed è tra i maggiori azionisti della società.(gli toglie la cornetta e la posa con sussieguo)Prego Commendatore ...signorina,per cortesia, la penna.

Commendatore -(Mentre Paola gli porge una penna)No!No,voglio prima parlare con il Commendatore Precordi.Sarò da lui stasera stessa.

avv.Mule’ -Sta bene.Come vuole.Riferirò.Buon giorno.(Porge la mano che viene ignorata dal Commendatore ,e via)

Commendatore -(a Paola )Ha capito?

Paola -E allora?

Commendatore -E allora:o trovare contocinquanta milioni o,come dice lui, vendere la mia parte di azioni.

Paola -Ma scusi, Commendatore ,non sarebbe più conveniente firmare?

Commendatore -Firmare?Firmare fussi u stissu ca essiri complici dè latri... firmare fussi come dare del ladro a Giovanni Bevilacqua.Ma non m’arrennu, signorina, non m’arrennu senza commattiri.Si sulu putissi cunvinciri... ma sì,comu si dici, l’unione fa la forza...Non sugnu sulu iù ca non ammetto stu modu di amministrare... ma unu sulu non po' aviri a forza e u curaggiu...Ah, ma cci la fazzu vidiri iù al Commendatore Precordi... a stu farabuttu... farabuttu e (fa le corna con la mano)

Paola -Ma che fà Commendatore ?

Commendatore -Non ha visto?Non ha visto?...Guardi( rifà il gesto)Eh,bisogna dare a Cesare quello che è di Cesare ed a Precordi quello che è di Precordi.(Viene assalito dalla solita fitta)

Paola -Ecco vede?Ma come può pensare di dedicarsi seriamente al suo lavoro se prima non si fa curare...Ah, ma basta,lasci fare a me.(Prende l’elenco telefonico) Lasci fare che adesso ci penso veramente io.

Commendatore -Ma lasci perdere.LAsci perdere. Ma a chi telefona?

Paola -Ad un dottore...ad un dottore qualunque...Ma sì..Non si può farsi fare una radiografia e poi tenerla chiusa in un cassetto.

Commendatore -Ma chi dutturi...’ndutturi qualunque...Poi macari capita n’ostetricu... E mi tocca pagaricci macari a scaruzzata finu a ccà.Ma lasci perdere.

Paola -(Gli viene un’idea) Commendatore , Commendatore ...perchè non chiamiamo il Prof. Bruni .Sì, quello che sta qui sopra....Almeno non ci sarebbero scarozzate.

Commendatore -Bruni? Bruni,chiddu ca sta cca supra?...Ma non mi faccia ridere...

Paola -Perchè?

Commendatore -Bruni ca sta cca supra...Ma chiddu è maestru, sa?

Paola -Ma,no! No, Commendatore , è primario all’ospedale.

Commendatore -Bruni?

Paola -Sì.

Commendatore -Ma su ogni vota ca u ‘ncontru ppè scali, u salutu:Buon giorno signor maestro... E non m’ha dittu mai nenti.

Paola -Ma no, cosa dice Commendatore .Glielo chiamo...glielo chiamo (fa per cercare il numero sull’elenco telefonico)

Commendatore -Aspetti, signorina. Per ora mi dia la copia del bilancio che ha lasciato quel galantuomo... ed i verbali delle assemblee...Per ora mi sbrigo questa di faccenda.

Paola -Va bene, Commendatore .E’ questione di poco.Le preparo tutto e quindi pregheremo il Prof.Bruni di visitarla.(esce per al comune)

Commendatore -(Rimasto solo va all’elenco telefonico e, con fare misterioso cerca il numero del Prof.Bruni .Non vuole fere partecipe la sua segretaria del suo male. Trova il numero e chiama)Pronto... pronto.E’ il Prof.Bruni ?Parlo proprio con il Prof.Bruni ?..Quello che sta qui sop... sì,insomma, io sono il Commendatore Bevilacqua dell’ufficio proprio sotto di lei...sì...avrei proprio bisogno di parlare con lei...sì...vengo...come?...ma perchè vuole disturbarsi...vengo io... ah,deve uscire... allora mi faccia il piacere non venga dalla porta degli impiegati... venga dalla parte della vetrata... c’è scritto PRIVATO...sì... sì... e tante grazie...e scusi (chiude il telefono mentre entra Paola )

Paola - Commendatore qui c’è il bilancio... e qui vi sono i verbali delle ultime assemblee... Il foglio di riepilogo lo sta preparando la signorina Rosa.

Commendatore - Rosy !

Paola -Ah,già! Commendatore, guardi che la signorina insiste ancora per quell’anticipo (il Commendatore annuisce) Adesso, Commendatore ,ha bisogno d’altro?

Commendatore -No,no vada pure. (Entra Rosy con il foglio dattiloscritto)

Rosy -Ecco qua, signorina.

Paola -E’ pronta?

Rosy -Prontissima.

Paola -Dia pure al Commendatore .(Esce per la comune)

Rosy -Ecco, Commendatore .(Porge) Posso andare?

Commendatore -Certo.( Rosy fa per uscire) Signorina, scusi...

Rosy -(si ferma e torna indietro)Sì,dica.

Commendatore -Scusi...io.. come uomo... come uomo.... le sembro troppo... sì,insomma troppo vecchio?

Rosy -Vecchio lei? A mè pare di no.

Commendatore -Quanti anni mi dà?

Rosy -Beh, non saprei... Ma io la vedo ancora tanto giovane.

Commendatore -..Il soldato già u fici..(ride con Rosy )

Rosy -Voglio dire...che se fosse proprio vecchio... non verrebbero ancora delle belle signore a cercarla in ufficio...

Commendatore -A mia?

Rosy -Certo.Non più tardi di stamattina...una tutta vestita di rosso...

Commendatore -Ho capito... ma se mai quella non veniva per me.

Rosy -Ma allora quella porta di contrabbando...(indica la vetrata)

Commendatore -Quella?..( ride) Signorina..mi ha fatto un po' ridere...Brava, brava signorina Rosy ...

Rosy -Oh,grazie.

Commendatore -E cosa diceva qua la signorina Paola ...

Rosy -Cosa?

Commendatore -Parlava di un acconto...

Rosy -Ah,sì Commendatore ...vede...mi dispiace...(si sente bussare alla porta a vetri)

Commendatore -Vado io...lasci... Vada, vada pure...E se mi cercano, non ci sono per nessuno.

Rosy -Contrabbando, eh?..(con allegria)Va bene Commendatore ...E allora per ...

Commendatore -Ne parliamo dopo...Vada...vada...

Rosy -Grazie...e auguri.(via)

Commendatore -(Apre la porta “privata” e fa entrare il Prof.Bruni )Il profess...

Prof.Bruni -(presentandosi)Sono il Prof.Bruni ...lei...lei è il Commendatore Bevilacqua.

Commendatore -Sì.

Prof.Bruni -Ma noi ci conoscevamo già come inquilini, mi pare...

Commendatore -Mi scusi professore, sarei venuto io sù...

Prof.Bruni -Oh,non si preoccupi.Io stavo uscendo.Mi dica, piuttosto, in che cosa posso esserle utile.

Commendatore -S’accomodi professore.( Gli indica il divano) Ha tempo vero?

Prof.Bruni -Sì,sì, certo. Devo fare una visita... ma ho tempo...ho tempo.

Commendatore -Dunque! Circa tre mesi fa ho fatto un viaggio...ho fatto un viaggio con uno dei miei TIR...

Prof.Bruni -TIR?

Commendatore -Sì, sa quei grossi mezzi di trasporto... quei bestioni...

Prof.Bruni -Ah,sì!Ho capito.E quanti ne ha di questi “bestioni”?

Commendatore -Oh,beh, quattro o cinque.E poi un po' di mezzi più leggeri. Vede, professore, se io ho un merito, è quello di essermi fatto da me.Ho cominciato proprio dalla base, da aiuto, fino ad arrivare a padrone, come si dice.

Prof.Bruni -Ah,bene bravo.

Commendatore -Sà, ai miei tempi, io, e quelli come mè, non abbiamo avuto il tempo di studiare la “Divina Commedia”, ca poi non servi a nenti, semu sinceri...

Prof.Bruni -E’ vero.( ride)

Commendatore -E’ bello, professore, acchianari supra unu di ‘sti bistiuni...Ti dununu l’impressione di dominare tutta a strada dall’alto di dda cabina comoda e spaziusa. Pochi cosi cci ponnu essiri ca ti dununu questo sensu di potenza.Quasi ca tutti i cavalli ca rombano dda sutta u cofunu fussuru i muscoli dè tò iammi, u cori ca ti batti ‘mpettu...

Prof.Bruni -Eh sì, l’immagino.

Commendatore -Beh, aveva n’appuntamentu a Roma, ppi firmari ‘ncuntrattu, e, vistu ca passava di ddà unu di sti bistiuni ca turnava di ‘nviaggiu in Germania... pinsai: ”Ora tornu ccu iddu”. U tempu di pinsarlu e già era tuttu organizzatu. Vaiu in cabina e pigghiamu a strada di pettu.( Guarda il professore che sembra annoiato) Lei, professore...havi tempu, veru?

Prof.Bruni -Sì,sì ho tempo. Anche se, per la verità, ancora non ho capito...

Commendatore -Un momento..cci arrivo.(continua) Ad un certo punto mi veni vogghia di mittirimi al volante... di guidari iù....L’autista, ca era macari mè figghiozzu, si metti vicinu e pigghiamu allegramente a strada dò ritorno....’U cassuni era menzu carico e quindi la guida era propriu ‘ndivertimentu...si viaggiava senza nessuna difficoltà..

Prof.Bruni -Bene!

Commendatore -Arrivo a lei!Ad un certo punto all’uscita di una delle tante curve cieche della zona di Lagonegro, mi trovo davanti una macchina... una macchina ferma ca aveva sbandato un attimo prima e mi bloccava la carreggiata. Riflessi ancora pronti, risposta immediata... brusca frenata e mezzo che si incolla alla strada.

Prof.Bruni -Bravo!

Commendatore -So...solo che il contraccolpo provoca un urto violento proprio qui (indica il petto)

Prof.Bruni -A lei?

Commendatore -(dopo un attimo)No...a quel mio figlioccio che non aveva allacciato le cinture e non ha avuto la prontezza di attutire il colpo.

Prof.Bruni -Ho capito.

Commendatore -Ecco!Vorrei sapere se cci può essere pericolo... ppi ‘ncolpo pigghiatu ccà... accussì...

Prof.Bruni -Pericolo?Beh, non credo. Ha fastidi?

Commendatore -No,niente. Mangia, beve...

Prof.Bruni -E allora?

Commendatore -Solo..ogni tanto... dice... avverte come una fitta qui al petto... Questione di pochi secondi... e poi basta... passa subito... Cosa ne dice?

Prof.Bruni -Beh, non è che possa dire molto... Sarebbe un’imprudenza da parte mia emettere un giudizio così, senza visitare questo vostro figlioccio... Ma da quello che mi dite, si tratterà di qualche forte contusione interna... forse di una lacerazione muscolare... insomma... speriamo non si tratti di peggio...

Commendatore -Peggio? Ma sta bene...

Prof.Bruni -E allora?

Commendatore -Senta, la madre, per scrupolo, gli ha fatto fare sà una di ddi fotogr..

Prof.Bruni -Una radiografia?Ah, bene!E che cosa ha detto il radiologo?

Commendatore -Ma sà come sono i profess...oh,scusi!...Insomma la madre non ha capito troppo bene... io credo, invece, che sia stato il professore a non spiegarsi chiaramente.

Prof.Bruni -Può darsi.Può essere propabile... Quando c’è qualche cosa di grave, in genere, agli intimi, ed a una madre specialmente, non è facile dire certe cose...

Commendatore -Grave? Ma grave non credo...

Prof.Bruni -Non crede?

Commendatore -No!...No!..e poi a me...a me... potrebbero anche dirlo...

Prof.Bruni -Certo, a lei credo proprio di sì.Tanto più, trattandosi di un suo figlioccio, è quasi un dovere non nascondere la verità.

Commendatore -Allora...cce la faccio...cce la faccio vedere?

Prof.Bruni -La radiografia? Ce l’ha lei?

Commendatore -Sì,vede trattandosi di un mio figlioccio cci tegnu particolarmente...

Prof.Bruni -Ma vediamola allora...Vediamola!

Teresa -(Entra dalla porta che conduce all’appartamento del Commendatore ) Commendatore ,cci aveva dumannatu a signurina chi vuleva priparatu ppi mangiari.

Commendatore -Chiddu ca vuliti priparari... Prof.Bruni le dispiace accomodarsi in appartamento?(suona il telefono.A Teresa )Arrispunniti al telefono...E non ci sugnu ppi nuddu.

Prof.Bruni -(si è alzato)Andiamo pure.

Teresa -Ma chi rispunnu?

Commendatore -Facitivi aiutari dalla signorina...Faciti chiddu ca vuliti...(al Prof.Bruni ) Mi dispiaci ca s’ha disturbari...E’ cosa di’nminutu, sa?(vanno per l’appartamento, mentre il telefono coninua a suonare)

Paola -(Entra di corsa)Ma che cosa succede?Non risponde nessuno?(Prende la cornetta) Pronto... sì?L’assicurazione?... Certo.. certo... se la polizza è pronta mando subito a ritirarla... Mi dia il totale del premio...(prende un’appunto) Bene, grazie.( Chiude) Ma il Commendatore dov’è?

Teresa -Ha detto che non c’era per nessuno.

Paola -Va bene, ma dove è andato?

Teresa -E’ in appartamento, ccu unu...

Paola -Chi?

Teresa -Ma, sapi, ddu dutturi ca sta cca supra...

Paola -Il Prof.Bruni ? Ah, Teresa ,finalmente si è deciso.

Teresa -Ma è bravo, signorina?

Paola -Bravissimo...(suona il telefono) Pronto...pronto...sì Bevilacqua..Eh,già, signorina, sono sempre io, se non le spiace... beh, se vuole parlare con lui provi a telefonare più tardi... io non sò cosa dirle... riverita signorina (chiude) Oh, Teresa ,che insistenza...(entra Pietro )Venga, venga Pietro .

Pietro -Signorina, ci sarebbe ancora l’ avv.Mule’ ca vulissi parrari ccò Commendatore ...

Paola -Ah,no...no, Pietro ,vengo io (esce per la comune)

Pietro -(a Teresa )E allura, Teresa , addivintasti impiegata ora?

Teresa -Cc’è u Commendatore ..mutu!

Prof.Bruni -(entra con il Commendatore )Risulta purtroppo, e senza tema di smentita l’aneurisma dell’aorta...per cui, intervenire con un’operazione... sarebbero sofferenze inutili... anche se l’ammalato è giovane, come appunto quel vostro figlioccio... Mi dispiace di averle dato una notizia che non è... beh, arrivederla, Commendatore ..

Commendatore -(Che è visibilmente provato dalla notizia)Arrivederla...Ah, professore...per il suo disturbo...

Prof.Bruni -Oh, ma non si preoccupi...cc’è tempo.

Commendatore -Speriamo.(il Prof.Bruni esce)

Teresa - Commendatore ,allura.... ppi mangiari?

Commendatore -(la guarda in silenzio,quindi) Prosciutto...baccalà...

Teresa -Ma comu? Ma tempo fa u dutturi, dissi ca...

Commendatore -Tempo fa...Ma chistu...chistu...dissi ca pozzu mangiari... chiddu ca vogghiu...

Teresa -Ah, bene..Veni a diri ca va megghiu...

Commendatore -Tri o quattru misi...

Teresa -Bene..bene...

Commendatore -Quindi da oggi pozzu mangiari chiddi ca mi piaci...bere... chiddu ca vogghiu... e dire...dire...(con forza) e dire chiddu ca mi fa piaciri...

Teresa -Bene...bene...

Commendatore -E a buttigghia dà grappa unni a mittistuvu? Unn’è a buttigghia dà grappa?

Paola -(entrando) Commendatore , ci sarebbe l’ avv.Mule’ .

Commendatore -Non lo ricevo!

Paola -Oh,Dio mio, Commendatore ,io ho detto che lei c’era...

Commendatore -Ha fatto bene.Ha fatto bene.Lei ora va nautra vota dda banna cci dici ca cci sugnu...sugnu sulu... ma che oggi ricevo solo persone perbene.... Ladri, farabutti, delinquenti dumani matina dalle dieci alle undici... iddu dalle dieci alle undici. ( Paola non sa cosa rispondere, mentre suona il telefono)

Paola -(risponde)Pronto...pronto... sì...sono sempre io...No..no, signorina il Commendatore non è ancora venuto...

Commendatore -(togliendole la cornetta dalle mani)Aspetti..Aspetti... Ca ora cci sugnu. Pronto... pronto...sono io...sì sono stato io a dire che per lei non ero in ufficio.... ah,si? Bene!...quando vuole.....Anche la mamma... ma si..,si faccia accompagnare dalla sua mamma.... dalla mamma che con tanto amore la illumina.... nel senso ca cci fa lustru... io sono qua...addio...(chiude)

Paola -Ma Commendatore ...ma cosa fa...

Commendatore -Mi livai u primu mattuni...Non cc’è cchiù motivu d’agghiuttiri vileni o di frinari ‘nta ogni curva...oramai... sta machina è da rottamare...pò sbattiri unni voli, tantu sempri o sfasciu a iri ha finiri...( sugli interventi di circostanza di Paola si chiude velocemente il sipario per la

                FINE DEL 1° ATTO

                                                  II° ATTO

La scena è uguale per i tre atti.E’ trascorsa qualche settimana dal primo atto.

All’aprirsi del sipario la scena è vuota.Dopo qualche secondo entra con circospezione

la sig.na Paola che si avvia al telefono e compone un numero.

Paola -(al telefono)Pronto...Sì..E’ lo studio del Prof.Bruni ?..Bene.Signorina può farmi parlare con il professore?Io sono la signorina Paola ...sì dell’ufficio Bevilacqua... certo,brava...proprio qua sotto...Grazie.(Sta attenta che non venga nessuno mentre aspetta al telefono)Pronto..pronto professore....sì,sono io....Sempre peggio... No,per mangiare mangia...mangia e beve... anche troppo beve...io,professore, vorrei fare un salto su da lei.... (sente rumore)Aspetti...aspetti...temo sia lui... (dall’appartamento esce la Teresa )Ah,no...niente era la Teresa... il guaio è che sta compromettendosi con tutti...si prende di petto con chi non le va a genio... regala quattrini per il solo gusto di regalare.... professore...ho paura che finirà per provocare qualche cosa di irreparabile..... Il fratello?... Sì certo... è stato avvertito... dovrebbe essere qua a giorni ...allora a tra poco professore... mi raccomando....grazie e mi scusi... (a Teresa ) E allora, Teresa ?

Teresa -Questa mattina mi ha ordinato, ppi ‘nmezzogiorno: ‘nsalata di rapanelli, citrola e pipi...e ppi fari a spisa mi grapiu u casciolo e mi dissi:” Servitevi...servitevi senza fari cunti..Accussì almeno ‘nta stì pochi misi sugnu sicuru ca non m’à rrubbati ‘nta spisa.... facemu ‘nforfetto”.

Paola -E agli impiegati che regala a chi cinquanta, a chi cento...

Teresa -Cci desi soldi?

Paola -Beh,no, ancora no.Ma tra due o tre mese quando, secondo lui,... non ci sarà più...

Teresa -Ah,ma iù a grappa a fici spariri....

Paola -Brava...avete fatto bene...(si sente aprire la porta riservata) Eccolo qua...

Commendatore -(entra)Buongiorno... signorina Paola buongiorno...

Paola e Teresa -Buon giorno Commendatore .

Commendatore -E la grappa? Pigghiatimi a grappa....

Teresa -No, no mi dispiaci Commendatore ,ma a grappa ppi oggi basta...

Commendatore -Ah,sì? Basta? E allura da domani i cunti precisi alla lira...

Teresa -Certo, si capisce...fino all’ultima lira...macari ora...Ma a grappa ppi oggi... nenti...

Commendatore -Signorina Paola telefoni in drogheria e mi nni facissi mannari ‘na cascia...

Paola -No Commendatore ...mi dispiace ma io...

Commendatore -Alè! Repubblica,ah? A serva ca non serve e l’impiegata ca fa di testa sò...

Paola -(a Teresa ) Teresa andate...andate pure...

Commendatore -(mentre Teresa fa per uscire) La distinta...la distinta ccu tuttu chiddu ca hata spinnutu... i cunti alla lira...(a Paola ) Mi dassi a lista di l’impiegati...

Paola -Ma Commendatore ...ci ripensi...Ma perchè vuole mettersi in testa una cosa simile?

Commendatore -In testa? Sulla carta! Sulla fotografia. La fotografia è ‘na cosa ca  non po' sbagghiari... ca dice ancora pane al pane...

Paola -Sì, ma io vorrei ancora provare a fare altre visite a interrogare altri professori...

Commendatore -Tre! Tre professori interrogai... a tutti tri cci fici vidiri i lastri sempri cca truvata del figlioccio e tutti e tri...perfettamente d’accordo ... macari supra u prezzu... (entra Teresa con il vassoio con bichiere e grappa) Guardi..guardi l’amore di questa donna... come pensiero: affettuoso, non c’è che dire... Però mi purtau a grappa... no i cunti...

Teresa -Oh,guardi ca ppi mia quannu voli... (fa per tornare indietro)

Commendatore -State ferma..... ccà...pusati ccà..(indica il tavolino)

Paola -(mentre Teresa esegue)Ma Commendatore ... Commendatore dia retta a chi le vuole bene...

Teresa -Ascutassi, Commendatore ...

Commendatore -Va bene...basta...Ora basta..E stasira fagioloni e sasizza arrustuta... (Teresa va via borbottando.Il Commendatore si versa da bere e quindi a Paola ) L’elenco..signorina....

Paola -(Glielo consegna) Come vede Commendatore, ci sono tutti tranne il rag.Guardo che, come lei sa, il sabato ha quel lavoro in banca...Ma dovrebbe essere qui tra poco.

Commendatore -Vedo...vedo... che qui manca anche lei...

Paola -Ah,no Commendatore io non ne voglio neanche sentire parlare...

Commendatore -Va bene...va bene...veni a diri ca poi per lei metterò io la cifra...Sono rimasti contenti?

Paola -Beh, si sà, Commendatore ,secondo loro ognuno meritava più dell’altro...ma credo che siano usciti tutti abbastanza contenti.Solo il nostro bravo Pietro, bisogna dirlo, era veramente addolorato...

Commendatore -Eh,sì.. Pietro è affezionato...havi ‘na vita ca travagghia ccu mia... di quannu era sulo ‘n’autista...E gli altri?

Paola -Dagli altri..dagli altri avrà tanta gratitudine...

Commendatore -Gratitudine? Ppi carità...Non vogghiu gratitudine..E’ scemu chiddu ca ‘nto munnu pretende gratitudine dal prossimo...E poi picchì? Iù non haiu fattu autru ca u mè dovere...Destinando a loro quello che destino io faccio quello che è giusto... Bisogna pensare che intanto che io guadagnavo cento,loro guadagnavano dieci....

Paola -Già, ma se non ci fosse stato lei a farci lavorare...

Commendatore -E su non c’eruvu vuatri a lavorare per me...

Paola -Sì,va bene...Ma lei lavora di più Commendatore ...

Commendatore -Ed è per questo che prendo cento, mentre gli altri prendono dieci...Senza cuntari ca a fari il dipendente cci sono meno soddisfazioni...

Paola -Ma ci sono anche meno preoccupazioni e fastidi.

Commendatore -Ecco che la partita pareggia...Io non devo niente a loro e loro non devono niente a me.

Paola -Eh, ma almeno non mugugnassero...come dice lei.

Commendatore -Mugugnano? E li lasci mugugnare...Cci voli livari macari u piaciri di mugugnare... li lasci fare...non costa nenti e mugugnano..

Paola -Sì..però altro è mugugnare..altro è...

Commendatore -Altro è?..Ah, ho capito...Ho capito..hanno fatto dei discorsi...Ma chistu è u munnu...U voli canciari lei?...Lei metta due persone insieme, legati da interessi morali o materiali, e presto o tardi unu dè dui comincia a sparlare dell’altro...sempre. Guardi,su unu fussi obbligato a vivere sulu...non potendo sparlare di nuddu...ogni tantu si mittissi davanti o specchiu e si caricassi di mali paroli....

Paola -Sarà, sarà Commendatore ..Ma io intanto vorrei andare un po' in fondo a certi discorsi e a certe malignità.

Commendatore -Sbaglio! Sbaglio!Ognuno le dirà :”Veramente iù non haia dittu nenti...fu Tizio”...e su chiama Tizio :”Ah,no iù non c’entru...fu Caio...” Accussì lei avrà sempre in mano la coda della malignità...ma la testa mai....E questa malignità, si capisce, riguardava me...

Paola -Lei...e anche me...

Commendatore -Lei?Ah! Bene, se lei si voli pigghiari sta soddisfazione, quannu venunu gli impiegati vada a fondo e vedrà...

Paola -L’ho già fatto Commendatore ...L’ho fatto stamattina.

Commendatore -E allora? Ha trovato la testa della malignità?

Paola -No..Ancora no.

Commendatore -Visto?

Paola -Però tutti hanno fatto il nome del rag. Guardo , giurando e spergiurando che loro non c’entravano.

Commendatore -E dica un pò.Quando hanno fatto il nome del rag. Guardo ...Il Guardo era presente?

Paola -Beh,no...

Commendatore -Ecco! Adesso quando arriva il Guardo provi ad andare a fondo con lui...

Paola -Ma allora, Commendatore ...

Commendatore -E allora, s’ha divintari suddi a sti discursi della piccola gente e iri avanti senza badare a tutto il marcio ca cc’è nel mondo...Ora lei mi fa fari quasi della filosofia...ora... alla vigilia di rendere i conti...

Paola -No, Commendatore la smetta...la smetta... e vada piuttosto un pochino a riposare...

Commendatore -Riposare? Dormire? Guardi, adesso che sò, io non vorrei nemmeno più dormire di notte...io più dormo e più mi rubo ore di vita...

Guardo -(Entra alle ultime parole del Commendatore  e rimane ad osservarlo intimidito)

Commendatore -Beh..cos’à? Perchè mi guarda così?Le hanno detto qualche cosa? E’ così...A machina è in avaria...havi u muturi fusu...va o sfasciu... non cc’è cchiù nenti di fari...putissi iri ‘nto megghiu meccanicu... sta machina non s’aggiusta cchiù... (Guardo abbassa gli occhi commosso)Non si commuova...non c’è niente da commuoversi... tanto più che...cc’è da ..(fa segno per dire soldi)

Guardo -Oh,ma io creda...

Commendatore -Rinuncia? Rinuncia come qua la signorina Paola ?( Guardo rimane silenzioso) Lei accetta? Accetta? Bene.(alla signorina Paola )Ecco guardi, segni al rag. Guardo ...rag. Guardo ...lire 200 mila...(lo guarda)Va bene? Cci parunu picca? Picca? ( lo guarda) Sì e no...vero?

Guardo -Ma no, Commendatore ..mi rincresce...veramente...guardi che quando Pietro mi ha detto... io ho detto subito :”Poveretto...”

Commendatore -Poveretto? E picchì?Guardi ca iù pi tri o quattru misi... ma lei...lei è sicuro ca cci l’havi sti tri o quattru misi? No!E allura? Guardi ca iù quasi quasi mi sentu cchiù privilegiato....E ppi chistu ca,prima di lassari cca a mè frati, ....picchì quannu cci sarà iddu stati certi ca tutti cc’à cintura di sicurezza hata guidari... e allura ai miei collaboratori ho voluto assegnare, in proporzione ai meriti, qualche cosa... beh, lassamu stari...allura chi stavumu dicennu?Ah, sì..rag. Guardo avevumu dittu...

Guardo -Duecentomila...

Commendatore -(lo guarda)Ah,già... stava dicennu tricentomila... Già...già... stava cunfunnennu lei ccu Platania...

Guardo -Picchì Platania...

Commendatore -Tricentomila...

Guardo -Ma,...

Commendatore -Havi ddu figghi...ha più bisogno...

Guardo -Ma, se è per questo, Commendatore io contavo di sposarmi tra un paio di mesi...

Commendatore -Tra un paio di mesi? Cerchi di non rimandare troppo...picchì allura rischia di perdiri macari il probabile regalo di nozze...

Paola -Oh,ma Commendatore , ma che discorsi...

Commendatore -Discorsi? Quali discursi...chisti sunnu fatti! (Guardando Guardo )A proposito...videmu suddu arriniscemu a truvari dda famusa testa della maldicenza...

Paola -Ma no..

Commendatore -Come no? Dal momento che qui cc’è l’uomo...Dunque, vediamo un po'; Le malelingue prolificano, caro il mio ragioniere.. Circolano delle voci malevoli e tendenziose su di me e sulla signorina Paola.... e sembra ... le voci...voci... attribuiscono a lei la paternità di queste voci....

Guardo -A me? A me? Guardi, Commendatore, non è per sparlare...ma io le giuro...le giuro che mai mi sono permesso di....anzi, guardi... io l’ho sentito dire, mi dispiaci accusare, ma l’ho sentito da Platania...

Commendatore -(ride di gusto) Ma guarda...lui l’ha sentito da Platania... ha capito signorina? E si sciglivu propriu chiddu dè trecentomila...( ride) Vada..Vada ( Guardo esce) Ma chi puddicineddi... chi puddicineddi ca semu...bah!...Però vidi su mi ringraziau..Cci attuccaunu...

Guardo -(E’ tornato indietro) Grazie Commendatore ...

Commendatore -(lo guarda,e poi)Vada... vada...( Guardo esce.Rivolto a Paola ) Chiddu su potissi parrari comu pozzu parrari iù...Dicissi: “Comu a mia duecentomila e a chiddu tricentu.. Non ci putissi veniri ‘ncolpu....Ma non può e perciò.. (fa segno d’inghiottire e di sterzare. Suona il telefono)

Paola -(rispondendo) Sì qui è l’ufficio del Commendatore Bevilacqua... chi? Ah, il Commendatore Cioni...(il Commendatore Bevilacqua le fa segnale di passarglielo)

Commendatore -(al telefono) Pronto...sì, parlo con il signor Cioni? (ad un gesto di Paola fa segno che va bene) Sì appunto il signor  Cioni....  Sì...sì ma  il Commendatore Bevilacqua non c’è ... non c’è...Senta vuole saperlo meglio di me se ci sono o non ci sono?...  Ah, aveva capito.... bravo... dalla voce aveva capito... bravo...è intelligente...farà strada... Mi accorgo però che lei non sa ancora leggere... infatti nella mia raccomandata c’era scritto che lei deve venire qua... e non telefonare... ma faccia quello che vuole... anzi...ma sì..forse è megghiu ca non veni...sì!... accussì mi fazzu ‘na bella gita a Roma e mi levu ‘nmadduni do stomucu...altro non le saprei narrare.. e la smetta di importunare!(chiude senza aspettare replica)

Paola -Ma Commendatore , quello solleverà mezza Sicilia...

Commendatore -Ma tanto, oramai...(dopo una pausa)Però...ah? Telefonau... Dda telefonata veni a diri ca ..ah? U scantu su sta pigghiannu! (amaramente) Chisti sunnu oramai l’unichi e l’ultimi soddisfazioni ca mi pozzu pigghiari...Mah! Pigghiamanninni ‘nbicchierinu.(Si versa un po' di grappa).

Pietro -(entrando) Commendatore ci sarebbe ancora l’ avv.Mule’ ...

Commendatore -Ma chi hai Pietro ca fai sta faccia? Veni ccà... viviti ‘mbicchierinu ccu mia... ( Pietro scuote la testa sinceramente dispiaciuto) Veni ccà... varda mi sentu megghiu... mi sentu megghiu..

Pietro -Daveru? (prende il bicchierino che le porge il Commendatore )Mi fa piaciri mi fa tantu piaciri...

Commendatore -Eh, lo so che voi due mi volete veramente bene...lo so... Bene! E ora fai accomodare ddu farabutto... Fallu trasiri e.... diccillu...cci dici:” Signor farabutto... avanti...”(si versa ancora da bere)

Paola -Ma Commendatore ....( Pietro si allontana scuotendo la testa.Il Commendatore si riempie un altro bicchierino,provocando lo sguardo di disapprovazione di Paola )

avv.Mule’ -(Entrando)Permesso?

Commendatore -(Dopo un attimo, durante il quale beve tranquillamente) Avanti... avanti...

avv.Mule’ -(con aria di rimprovero) Grazie...

Paola - Commendatore ...io posso...

Commendatore -Sì..sì,certo vada pure... signorina.. Aspetti di là e vedrà come esce quello da questa stanza..

avv.Mule’ -Cosa esce?

Commendatore -’na quaterna... sabato...non si sà mai...( Paola via)

avv.Mule’ -Dunque...lei Commendatore ,immaginerà certamente lo scopo della mia visita..., vero?

Commendatore -(rimanendo seduto a sorseggiare il suo bicchiere)No.

avv.Mule’ -Come,no?

Commendatore -E allora, sì.

avv.Mule’ -E che cosa intende fare?

Commendatore -Viviramminni ‘mbicchierinu?..(Beve) E non cci nni offru..no. Picchì chistu è di ‘na qualità....

avv.Mule’ -Non capisco.

Commendatore -Parli lei...Videmu su capisciu iù. Però sia chiaro e...breve. Picchì iù haiu pocu tempu...Iù sugnu unu di chiddi ca hannu i minuti cuntati...(fa una smorfia di dolore)

avv.Mule’ - Commendatore ... lei si sente male?( il Commendatore fa segno di “no” con la testa) Una infreddatura?

Commendatore -(Lo guarda) No! Una frenatura!

avv.Mule’ -Beh,non capisco...Ma spero che ci intenderemo lo stesso. Dunque,per andare al nostro discorso, lei ieri, Commendatore, oltre a mettere il consiglio in imbarazzo per questo suo inspiegabile rifiuto a firmare, lei ha anche offeso gravemente l’amministratore delegato. Lei,infatti, ha quasi lasciato capire....

Commendatore -(interrompendolo) Ho quasi lasciato capire?...Ma comu? Dissi ca è ‘nlatru! Su non nni capemu cchiù mancu a parrari accussì...allura...Iù dissi” latru”. Anzi cci vuleva diri ‘na parola cchiù difficili...ca m’hava priparatu...”cleptomane”...mi pari... ma poi pinsai:” Macari ca iù arriniscissi a dirla ‘sta parola, semu sicuri ca poi tutti a capisciunu?” E allura dissi “latru” ca a capisciunu tutti.

avv.Mule’ -Ma come, Commendatore ,io vengo qua con tutte le buone intenzioni per vedere di aggiustare questa incresciosa faccenda,e....

Commendatore -Aggiustare...ma chi voli aggiustari... Vuliri aggiustari sta faccenda è u stissu di vuliri asciugari l’oceano cca cartasciuga...lo stesso..

avv.Mule’ -(incalza) E si fosse limitato a cose d’amministrazione....Lei, prima, anzichè Felice, come si chiama, lei...parecchie volte, fingendo di non ricordare, lo ha chiamato Commendatore Cornelio Precordi. Poi ha quasi fatto pensare...

Commendatore -(interrompe)Quasi? Nautra vota,quasi....oh, ma allura erunu tutti scemi... tutti! Va bene ca c’era macari lei...Dunque...prima u chiamai Cornelio...poi fici d’accussì..(fa il gesto delle corna) E non si scurtassi ca u fici a semicerchio...ah? Picchì pinsai, fattu daccussì davanti, chiddi di latu vidunu ‘nditu sulu (fa il gesto), inveci accussì u vidunu bonu tutti...(ride divertito)

avv.Mule’ -Senta...senta Commendatore , è inaudito...lei non si rende conto...Ma sa che la cosa si è risaputa...perchè uno della stampa è venuto da me....io naturalmente ho negato....

Commendatore -Perchè non lo mandava da me...Pirchì nò mannava ‘nti mia? N’avissa parratu macari ‘u correri dè piccoli...

avv.Mule’ -Ma non lo dica nemmeno per scherzo, Commendatore. E le voglio anche dire che l’opinione della maggioranza è che lei voglia fare un ricatto.

Commendatore -(Serio)No!!....Davvero?...Me lo giuri...

avv.Mule’ -Glielo giuro.

Commendatore -Non m’interessa un fico secco.(Scoppia a ridere)

avv.Mule’ -(esaasperato)Insomma lei insiste a non volere firmare e a non avanzare le scuse al Comm.Precordi?

Commendatore -Bravo!...Bravo!...Finalmente sta cuminciannu a capiri qualche cosa.

avv.Mule’ -MA facendo così, provocherà una catastrofe.

Commendatore -Già, e non sarà nemmeno difficile che finalmente qualcuno vada a dormire al fresco...

avv.Mule’ -Già...Ma io penso che lei è sindaco..

Commendatore -(interrompendolo)No!Lei pensa che LEI ne è consulente legale.Ecco quello che pensa.E se qualcuno porterà i sucarri all’amministratore delegato,qualche autru cci ll’ha purtari a lei.Eh! Caro mio, tutti dui ‘ncarciri ci stassuvu magnificuni.... (pausa) E se poi....si vaiu a finiri macari iù... beh, veni a diri ca ni facemu ‘u trissetti cco mortu...

avv.Mule’ -Ma se lei ha firmato i bilanci l’anno passato...

Commendatore -...ecco picchì dicu: se cci sarò anch’io....farabutto macari iù...Ma iù senza sapillu... mentri vuatri farabutti consenzienti e recidivi...

avv.Mule’ -Ma lei firmando eviterebbe...

Commendatore -E’ inutile insistere.Oramai ‘u sterzu l’haiu ‘nmanu iù.... semu diretti ritti ritti ‘nta burruni.... si salvi chi può...Caro consulente legale....si salvi chi può...Lei s’attaccassi ‘nte corna di l’amministraturi delegato.(Ride di gusto)

avv.Mule’ -(Perplesso ed incredulo) Commendatore ,io non mi raccapezzo più.Sembrerebbe che lei non si rende conto a che cosa va incontro con questo atteggiamento....

Commendatore -Ma, sono io adesso a non capire...Quindi se io, per assurdo, mi rimangiassi il ladro ed il cornelio, il Commendatore Precordi sarebbe soddisfatto?

avv.Mule’ -Beh, certamente..il codice cavalleresco.... la cavalleria...

Commendatore -Iù sugnu dà marina...Ecco picchì non nni putemu sapiri sentiri..( ride) Macari ca iù ritirassi ‘u latru, chiddu oramai latru è e latru resta...e su macari ritirassi u cornelio,chiddu oramai cornelio è e cornelio resta....(lo accomiata) A stu puntu, caro avvocato, mi pari ca si fici tardu...

avv.Mule’ -Beh, Commendatore ,io ho fatto il possibile.A questo punto posso solo esortarla a riflettere meglio prima che sia troppo tardi.

Commendatore -Addio,caro avvocato. E’ già troppo tardi.( si affaccia alla porta comune) Pietro..Pietro..rimorchia... (l’avv.Mule’ esce frastornato) Che buffoni...che buffoni... U cchiù assai è fattu...( si rivolge alla bottiglia di grappa, mentre si versa un bicchierino)Tu chi dici? Oramai arreri non si torna cchiù!Aspittamu e videmu. (batte il bicchiere nella bottiglia)Cin cin!Alla salute. (Resta un attimo perplesso) A chidda tò, si capisci.

Paola -(entrando) Commendatore , Commendatore ma che cosa è successo? Che cosa ha detto lei all’ avv.Mule’ ? Io ho cercato di calmarlo....

Commendatore -Brava!...Brava..iù mi levu i madduni e lei si li pigghia....

Paola -Ma che c’entra, Commendatore ..in tutte le cose ci vuole un minimo dI misura...

Commendatore-Non haiu tempu di perdiri...haia fari i cosi di primura...

Paola -Ma non deve vedere tutto nero...

Commendatore -Cci sono ancora tante cose che devo fare...Macari lei mi deve perdonare tante cose...

Paola -Ma che dice?

Commendatore -Tutti avemu qualche cosa di farini perdonari...Iù vulissi ca tuttu chiddu ca cc’è statu di pocu bellu ‘nta mè vita, iù facissi ‘ntempu a cancellarlu. Ca tuttu divintassi lisciu, pulitu, trasparente... Vede, pensu ca ppi potiri divintari cchiù boni, almenu ‘na vota nella vita s’avissa moriri...

Pietro -(Entrando, preoccupato) Commendatore... Commendatore ..cci fussi il Commendatore Cioni...(scena di meraviglia di Paola )

Commendatore -(con manifesta soddisfazione) Eccolo...eccolo qua...Chiddu ca fa trimari ‘na città...eccolo...

Paola - Commendatore ...e ora comu si fa?

Commendatore -Comu si fa? Intantu cci dici ca aspetta...picchì ‘nta ‘stu mumentu haiu genti...

Paola -Ma...

Commendatore -Sì...cc’è genti..(fa segno a Pietro di eseguire) Chiddu ca fa fari anticamera a tutta la città... oggi è iddu ca a spetta...La vita...La vita è ‘na farsa...Oggi,per esempio accuntrai ‘o signor Rivalta... ‘U signor Rivalta cci l’havi ccu mia ppi ‘ntrasporto...’na cosa...beh, stamatina m’incontra, si leva ‘u cappeddu e mi fa “bongiorno”...e iù mi calcai u mè cappeddu ‘ntesta e cci arrispunnu “vai all’inferno”...E iddu non protestau... Il che significa ca sutta u sò “bongiorno” mi mannava all’inferno macari a mia...Va bene!..Ora faccia accomodare il Commendatore Cioni .

Paola -Va bene, Commendatore ...Però mi raccomando...

Commendatore -Stia tranquilla. ’Nta stu casu,vidi, oltri ca livarimi ‘mmattuni...fazzu macari ‘na bona azione...

Paola -(apre la porta)Prego Commendatore Cioni , si accomodi.(richiude ed esce)

Cioni -(si avvicina,impettito)Buongiorno..(il Commendatore fa appena un cenno con la testa)Premetto che se sono venuto qui è perchè dovevo venire da queste parti...

Commendatore -No...no... lei è venuto qui appositamente...

Cioni -La prego! E la invito, per il uo bene, a  mutare atteggiamento...sennò...

Commendatore -Sennò cosa?

Cioni -Sennò lei sà benissimo che ad urtarsi con me ha tutto da perdere...

Commendatore -Già...(amaro)Ma quando uno non ha più niente da perdere...ha tutto da guadagnare...

Cioni -(forte)Insomma...meno parole,perchè io non ho tempo da sprecare...

Commendatore -Ed io ne ho ancora meno di lei da sprecare.

Cioni -Ma se non dovevo neppure salirle queste scale...

Commendatore -Le ridiscenta...Vorrà dire che salirò io, a Roma, quelle di qualche Ministero...

Cioni -E quando le avrà salite?Le ridiscenterà con le pive nel sacco.

Commendatore -Non credo! Perchè le salirò con certi documenti...’Na carpetta auta tanta...

Cioni -E lei crede veramente che io, con le aderenze che ho a Roma, non abbia già provveduto a parare il colpo...

Commendatore -E allura iù pozzu iri tranquillamente a Roma...

Cioni -Si accomodi...io sono tranquillissimo...

Commendatore -Non è vero...non è vero...Se lei fosse tranquillissimo...non sarebbe arrivato sino a qui.

Cioni -(tagliando corto)Insomma...lei cosa desidera da me?

Commendatore -Io non desidero niente...io voglio...

Cioni -Cosa?

Commendatore -Voglio! Voglio che lei riprenda in servizio quel povero giovanotto...quel padre di famiglia...

Cioni -Ma è impossibile!!! Lei lo sa benissimo perchè è stato messo alla porta quell’individuo...

Commendatore -Lo sò benissimo...Ma se è stato costretto a trattenersi una parte dell’incasso del trasporto che aveva effettuato è stato per estrema necessità. Lei sà bene che cosa sta patendo per la sua bambina...e a chi sirvènu ddì 5000 lire che si è trattenuto, e che ha anche restituito....Ma finemula...Iù canusciu certi individui (con chiaro sottinteso) ca hannu rubatu i 5000 liri seguiti da un bel numero di zeri, ca non hannu nudda intenzioni di turnalli, ca sunnu tranquilli: mangiunu, bevono..all’ora del tè si pigghiunu u sò bellu tè...E su lei non i canusci... cci portu bellu specchiu e ni vidi unu...

Cioni-( alterato e sorpreso) Ma dico...lei non sa con chi parla...

Commendatore -Io  so bene con chi parlo...Io parlo con un fior di farabutto...

Cioni -(andandogli su con la voce) Ma è impazzito!!!

Commendatore -Io posso parlare in forza di un documento...Di un solo documento...quello delle cooperative FILOGRANAI e dei contributi relativi...( Cioni si affloscia e lo guarda smarrito-Dopo una pausa) Mi pari ca cumincia a calari l’ali... Lei capisci ca quel tale figuro ca all’ura dò tè si pigghia u tè... potrebbe fare svariati anni di vita tranquilla in qualche bell’isolotto della nostra bella Italia...E adesso se ancora si sente tanto tranquillo...ddà cc’è a porta...

Cioni -(dopo una pausa.Titubante)Ma ...insomma... Commendatore ....

Commendatore -(con sufficienza)Dica...signore...

Cioni -Noi due ci siamo sempre trovati daccordo...Non capisco...

Commendatore -Già..è vero... Anche allora..sapevo..ma per il quieto vivere....(fa segno d’inghiottire) Adesso...adesso che ho rinunciato al quieto vivere...ora mi vogghiu livari qualche soddisfazione... Oh, e non si tratta di soddisfazioni di nenti potiricci diri in faccia :farabutto (ride con soddisfazione)

Cioni -(interdetto) Ma ...insomma... che cosa si vuole da me?

Commendatore -E va bene cci lu dicu per la seconda volta...attenzioni ca alla terza aumento a dosi...Dunque iù vogghiu ca lei riprenda in servizio ddu bravo giovane... che ha tanto bisogno di lavorare...

Cioni -Ho capito...è un ricatto!

Commendatore -Ricatto...sì.

Cioni -E come dovrei fare?

Commendatore -E’ semplicissimo: havi ‘mbiglietto di visita?

Cioni -Sì, certo.

Commendatore -Un semplice biglietto al suo capo del personale perchè rimetta in servizio il nostro giovane...

Cioni -(rassegnato, scrive il biglietto) E sta bene.

Commendatore -E con un aumento di stipendio.

Cioni -(Lo guarda) E sta bene.(scrive il biglietto e lo consegna)

Commendatore -(Lo guarda.Quindi prende la penna e cancella il titolo) Commendatore .. non c’è bisognu...i tituli si fannu stampari ppi fari guadagnari u tipografu...ma poi si cancellunu ppi modestia....E ora su lei si voli iri a pigghiari u tè... non faccia complimenti...

Cioni -Ma... in merito a quei documenti....

Commendatore -Voli diri chiddi dè Filogranai?

Cioni -Già...

Commendatore -I scicai almeno tri anni fa...

Cioni -(con un sospiro di sollievo,fa per riprendere il biglietto)Ahhhh...

Commendatore -(lo blocca)Sunnu ddà... in cassaforte...( Cioni si blocca...A Pietro che si affaccia alla porta) Pietro ...rimorchia...( Pietro si avvicina e gli dice qualche cosa a bassa voce) Un giornalista? Ah, ma bene...facemulu trasiri ca ni facemo ‘na fotografia a gruppo...

Cioni -(spaventato dallo scandalo) Ma Commendatore ...

Commendatore -Ma sì...stassi tranquillo...lei ha a che fari con un gentiluomo...(Indicando la porta di servizio)Venga...esca di qua...( Cioni va via velocemente)Bene, e adesso: avanti la stampa!...( Pietro fa entrare e si allontana)

Giornalista -(entrando)Permesso!!(potrà essere accompagnato da un fotografo, che potrà scattare delle foto)

Commendatore -Venga, venga...(assume alcune pose) Dunque lei mi prepara un bell’articolo a quattro colonne: Chiunque fosse  vittima di angherie, soprusi, ingiustizie...si pò rivolgere al Commendatore Bevilacqua, ca cci pensa iddu a mettiri tutto a posto...( ride di gusto,con il giornalista)

Paola -(entrando)Scusi... Commendatore, se lei non ha bisogno di mè..Io andrei un minuto sù dal dott.Bruni ..

Commendatore -Va bene signorina..( al giornalista) Mi dica che cosa la interessa.

Giornalista -Vorrei qualche ragguaglio in merito allo scandalo scoppiato all’ultima assemblea dell’associazione...

Commendatore -Scriva...(dettando) Alla prossima assemblea.. fare circondare il palazzo...e con un furgone...portare tutti in prigione...

Giornalista -(ridendo)Ma che dice? Lei scherza...

Commendatore -Non scherzo...Guardi che io nella mia vita haia schirzatu raramente...e poi il poco tempo ca mi resta lo voglio usare ppi fari cosi serie...ppi diri tutta la verità.

Giornalista-(sorride)Va bene..Comunque,guardi che ho già pronto il cappelletto dell’articolo: ”Scandalo all’associazione trasporti siculi riuniti”...

Commendatore -Cosa è questo?

Giornalista -Il cappello...

Commendatore -E ora io le dò il vestito.Dunque...questo bello grosso in testa...e sotto...sotto metta: Con accompagnamento di corni....corni che saranno forniti dall’amministratore delegato... e cioè.. dal Commendatore CORNELIO Precordi..

Giornalista -Felice Precordi.

Commendatore -Felice? E cuntentu macari...Però vede...prima di tutto è Cornelio...è Cornelio ppi parti di sò muggheri...cce lo metta.

Giornalista -Ma non è possibile...

Commendatore -Cce lo metta.Cce lo metta...Cci facissi macari ‘ndisegninu..(fa segno con le dita della mano)

Giornalista -(ridendo) ma no...

Commendatore -No?...E allura iù non haiu nenti di diri..

Giornalista -Ma no, aspetti.Troverò io la forma...Ma così non si può proprio...

Commendatore -Dunque..il cappello come dice lei è bello: Scandalo...ecc...Poi; Circondare il palazzo....Potemu fari un racconto a puntati...alla fine cci mittemu:continua alla prossima puntata...Ora potemu parrari dei cinque corni del comm.Precordi...

Giornalista -(ridendo)Cinque? Semmai due...

Commendatore -No..no! Cinque. Picchì pare...pare...che anche l’amica...cci li facissi senza ritegno...

Giornalista -E allora sono quattro.

Commendatore -Un momento,che non ho finito. All’ultima riunione ad alcune mie affermazioni il Commendatore Precordi si è risentito ed ha cercato di mollarmi uno schiaffo.

Giornalista -A lei?

Commendatore -Già.Ma lo schiaffo ha preso in piena faccia l’avv.Mule’ che si era intromesso. Io ho afferrato un calamaio dal tavolo, l’ho lanciato...l’avv.Mule’ si è abbassato ed è finito proprio qui in testa (segna la fronte )al Commendatore Precordi: ed ecco il quinto corno! (grandi risate dei due mentre cala il sipario della

                        fine del secondo atto

                  atto terzo

 La scena è sempre uguale.Qualche giorno dopo.La scena è vuota.Suona il telefono.

                                   -----------------------------------

Rosy-(entra dall’interno per rispondere)Beh, ma non c’è nessuno?E dove è andata la signorina Paola ?(Prende la cornetta) Pronto!Pronto! Sì...sì... no il Commendatore non c’è...Non lo so...La signorina?..No..non c’è nemmenno la signorina.....Io? Io sono l’altra signorina d’ufficio.. Cosa? Ma si certo... Per la verità sono due o tre giorni che è veramente molto strano....Come?...Maleducato?...Villano?...Oh, se è per questo, maleducato e villano lo è stato sempre...No,no...non c’è...Ma signorina se non c’è...non posso certo tirarlo fuori dal cassetto...(chiude con rabbia) Oh,ma che gente!!

Pietro -( porta un telegramma)Signorina... prenda questo telegrammma...

Rosy -Un telegramma per me?

Pietro-No...per il Commendatore ..(Posa il telegramma sulla scrivania)Ma cu era al telefono?

Rosy -Una signorina che cercava il Commendatore.Però,eh? E’ un uomo ancora molto ricercato il nostro Commendatore !(Suona ancora il telefono) Ancora? Sarà un’altra donna...(prende la cornetta)Pronto...Ah, è lei Guardo? No, sono la signorina Rosy ...Non sta bene? Mi dispiace..Va bene lo dirò io alla signorina Paola ...Va bene... Auguri per la sua salute. (chiude)

Pietro -Non sta bene?Ma chi successi aieri... Cci fu ‘na confusione ‘nta l’ufficio..

Rosy -Già...già...

Pietro -Ma picchì?

Rosy -Ma per quello che si è detto del Commendatore con la signorina Paola ... Ognuno scaricava la responsabilità all’altro, fino a che ad un’accusa precisa e più velenosa, qualcuno non ha resistito ed ha mollato un pugno al Guardo...Ed ecco che oggi non sta bene....

Pietro -Oh, Dio mio...E la signorina Paola?

Rosy -Credo sia andata di sopra dal Prof.Bruni.Ma per cosa, poi, non si sà.

Lulu’- (da dentro, con voce alterata)Non posso sentirmi prendere in giro. Se il Commendatore non è in ufficio,lo aspetterò..(entra con furia in scena. Rivolta a Pietro )Il Commendatore Bevilacqua?

Pietro -Il padrone non c’è!

Lulu’ -Non c’è, vero? Bene io sono certa che c’è e si nasconde.( si siede) Lo aspetterò.Se c’è uscirà!

Rosy -Ma, insomma, che modi! Se le dicono che non c’è, non c’è!(Si vede il Commendatore attraverso la porta di servizio in fondo mentre tenta di aprire) Oh,Dio!E ora che succederà?

Lulu’ -Ah,eccolo!Lo dicevo io che c’era...

Rosy -Ma che c’era? Non vede che stà arrivando adesso?

Commendatore -(entrando si accorge di un estraneo seduto sul divano e, automaticamente, si leva il cappello per salutare. Rendendosi conto della persona con cui ha a che fare si rimette con furia il cappello in testa)Oh, scusi! E’ qui?

Lulu’ -Già.

Commendatore -Si accomodi!

Lulu’ -Sono già comoda....Dunque...

Commendatore -(prendendo un telegramma dalla scrivania)Aspetti! C’è un telegramma...

Lulu’ -Ma io...

Commendatore -Il telegramma ha sempre la precedenza...( Lulu’ batte nervosamente il piede per terra) Guardi che qua sotto vi sono degli ammalati. ( Lulu’ smette con un gesto nervoso. A Rosy ) E la signorina Paola ?

Rosy -Non sò. Credo che sia andata dal Prof.Bruni ,ma ha detto che sarebbe tornata subito.

Commendatore -Novità? (a Lulu’ che fa per intervenire) Un momento...un po' di pazienza...

Rosy -Due o tre telefonate...Ho preso nota....Ah, e poi ha anche telefonato una signora...

Commendatore -Una signora?

Rosy -Già.E si è permessa di dire:”Questo suo principale è un gran maleducato...un gran villano...” Ma io l’ho messa a posto.Ho detto che non permetto che si parli così del mio padrone e che una gran maleducata sarà lei.

Lulu’ -(interviene)Guardi che la signora del telefono ero io..

Rosy -Ah! E vuole negare forse...

Lulu’ -No...no...E’ vero che ho detto quello che lei ha riferito....Ma lei ha risposto:” Villano, maleducato quello lo è sempre stato”

Rosy -Ma ....

Commendatore -(Preparandosi il solito bicchierino)Lasci...lasci...Tutto a posto... Può andare...

Lulu’ -Grazie ma io non bevo...

Commendatore -Ma cu cci nni sta dannu!!

Lulu’ -(inghiotte amaro) Dunque...Dopo aver telefonato non sò più quante volte... e dopo essermi presentata almeno sei volte all’ufficio per sentirmi dire che non c’è da quell’idiota del suo fattorino...

Commendatore -(a Pietro ) Non ti agitare Pietro .. Veni ccà, avvicina: Vidi stà signorina? Guardala bene. Qualora s’avissa presentare in ufficio a qualunque ora, giorno o notte, ricordalo bene: iù non ci sugnu...

Lulu’ -Questo è il colmo!

Commendatore -No! Il colmo è vidilla ccà. Iù pinsava ca doppu chiddu ca cci dissi ppi telefunu avissa avuto il buon senso di non farisi vidiri... di non vuliri canusciri autru... Ma si vidi ca...

Lulu’ -E invece è proprio per questo che sono venuta.

Commendatore -Bene. Mi dica. A proposito non avissa dovutu veniri macari a mammina... la scuola guida...

Lulu’ -La prego di evitare di offendere sia me che la mia mamma. Mi dica, piuttosto, dove si trova suo fratello.

Commendatore -A Madrid...A Madrid... u mannai iù ppi ‘mpustari ‘na littra urgente... e ppi livallu dalle sue grinfie... picchì i mè soldi vogghiu ca venunu spinnuti megghiu.. Cc’è autru?

Lulu’ -E già.In questo modo si sarebbe accomodata ogni cosa, secondo lei. Troppo comodo! Approfittare così di una signorina... comprometterla e poi sparire...

Commendatore -Comprometterla..Oh..oh... Ma non mi facissi ridiri... Mè frati havi a sò età, ma è ancora ‘mpicciriddu...

Lulu’ -E che cosa vuol dire?

Commendatore -Voglio dire ca avissa capiri ca su parru accussì è picchì ho preso le mie informazioni..no?

Lulu’ -Ebbene?

Commendatore -Vuole ppi forza ca continuo? E va bene.Allora: Prima di canusciri a mè frati lei era a Palermo, sposata.... sposata con un uomo che, per le gioie matrimoniali che lei ha saputo offrirle è, in atto, rinchiuso, furioso, ‘nta manicomiu...

Lulu’ -((scossa)Beh! E che c’entra?

Commendatore -C’entra...c’entra...Un attimo e videmu su c’entra. Dunque mio fratello l’ha compromessa...poveretta...Lei è una povera creatura che soffre...soffre...s’offre con l’apostrofo: s’offre! (ride di cuore) E innamorata vero? E’ innamorata di mio fratello.Bene!(esce un notes) Ecco qua! Sa leggere?... Dumannu! Ora videmu. (Le dà il notes aperto. Lulu’ sobbalza) Sà leggere. E’ innamorata macari di ‘sti cincu?...E questo è il frutto delle prime indagini... picchì suddu avissa iutu avanti non mi bastava ‘stu librettu... (scena di Lulu’ )Uh! Comu semu scemi l’omini... sugnu sicuru ca ognunu di chisti è cunvintu di essiri l’unico grande amore... Mah! (la guarda ironico) Ccu mè frati....chiuso!

Lulu’ -Beh!( si dà un contegno)L’hava caputu ca oramai Chicco non era per me...Vorrà dire che da ora in poi potrà dedicarsi a tempo pieno all’orto di casa... o meglio dell’ufficio...(ad uno sguardo interrogativo del Commendatore ) Non avrà solo lei il diritto di assumere informazioni...Lei ha assunto le sue... ed io le mie. Ma del resto era un bel pezzo che lo sapevo...Il caro fratellino con la signorina d’ufficio... Sarebbe stato meglio lasciarlo nel mio orto...Con me non correva pericoli...Qui si arriverà certamente ad un matrimonio...Anzi credo proprio che il matrimonio sia inevitabile...

Commendatore -Addirittura ora mi fa nascere ‘mpicciriddu...

Lulu’ -E perchè no?

Commendatore -Senta su non havi altri argomenti di discussioni cci cummeni arrendersi e mettiri in moto.

Lulu’ -Per conto mio, già fatto....e....(melliflua) se il posto che ha lasciato libero suo fratello lo volesse prendere lei... per conto mio... ben felice... l’indirizzo lo conosce bene... E se di quanto ho detto vuole essere sicuro... nomini alla signorina d’ufficio una via: via Lucrezia Borgia e vedrà l’effetto.

Commendatore -Va bene.

Pietro -(entrando) Commendatore ,ci fussino ddu signori seri...vistuti di niuru...

Commendatore -Chiama a signurina...Dicci di veniri ccà!

Pietro -Sì, ma ddi dui...

Commendatore -Falli aspittari... si ponnu diri ‘u rusariu..( Pietro via)Ora videmu...Picchì quannu vuatri vi mittiti ‘ntesta di ruvinari ‘na pirsuna...

Lulu’ -Va bene.(entra Rosy )

Commendatore -Signorina: via Lucrezia Borgia... (ripete con intenzione) Via Lucrezia Borgia..( Rosy lo guarda senza capire. A Lulu’ ) Beh?

Lulu’ -Lo credo bene. Io non intendevo questa signorina, ma l’altra.

Rosy -Forse intende la signorina Paola ?

Lulu’ -Ecco!Paola. E con questo mi ritiro. (Si ferma sulla porta)

Commendatore -(Scosso, a Rosy ) Dov’è la signorina Paola ?

Rosy -E’ prima andata dal prof.Bruni... poi è passata dall’ufficio dicendo che si allontanava sempre con il professore e che se lei l’avesse cercata dovevamo riferire che tornava subito. Mi pareva piuttosto nervosa.

Lulu’ -(dalla porta) Commendatore ,si ricordi che c’è un posto vacante.

Commendatore -Porterò anche degli amici.( Lulu’ esce con furia) E mi saluti la mammina.

Rosy - Commendatore,con quei signori che devo fare?

Commendatore -Suddu finenu di dirisi u rusariu...falli passari.

Rosy -(Dalla porta) Si accomodino.

Attilio -(entra con altro signore con fare serio, compassato) Il Commendatore Giovanni Bevilacqua?(Si inchina in forma ufficiale senza tendere la mano) Permette? Conte Attilio ,presidente del circolo della caccia.

Commendatore -Piacere! ...Mi pari ca...con quella barbetta... mi pari ca l’haia vistu...

Attilio -(presentando)Questi è il cap.Nesti.(indicando il divano)Permette?

Commendatore -Come vogliono.Su volunu stari additta... non m’affennu.Su ssi sentunu stanchi, si ponnu assittari.

Attilio e Nesti -(Siedono) Grazie.

Commendatore -(quasi fra sè) Però iù ‘sta barbetta...Mah!

Attilio -(con ufficialità)Dunque, il nostro mandante, il Commendatore Precordi...

Commendatore -Ah! Vi manda il Commendatore ...il Commendatore Cornelio Precordi.

Nesti -No, scusi.Felice...Felice Precordi.

Commendatore -Felice? E cuntentu, macari.

Attilio -(taglia corto)Durante l’ultima riunione della Assemblea Trasporti Siculi, pare che lei abbia pronunciato verso di lui delle parole molto gravi.

Nesti -(controscena)Gravi!

Attilio -Ed a peggiorare la situazione, lei...non si è accontentato di dargli apertamente del...

Commendatore -Ladro...gli ho dato del ladro.Parliamo chiaro.

Attilio -Ma Commendatore ...

Commendatore -Avanti, ca lei u sapi, ca è u primu ca si cci ha fattu ‘na posizioni...’U sapiti!...Su non u sapiti vuatri ca siti amici... ca siti amici...e poi...Ecco! Ora mi stai arriurdannu unni a visti ‘sta barbetta... Ma sì!Sì! Ahi!ahi!!! Dunque:lei stava tre mesi fa con la moglie del Commendatore Precordi a Taormina, in un alberghetto di seconda mano...

Attilio -Ma Commendatore ...mi meraviglio...

Commendatore -Si po' meravigghiari...ma era lei.(Ride di cuore) A cosa cchiù bella è, ca mi lu manna iddu stissu ppi tutelare il suo onore...Chi buffuni... Chi buffuni....

Attilio -(In palese disagio)Io la invito a ripensare meglio a quanto ha detto...se no...

Commendatore -Se no?Chi fa,mi manna macari lei i sò padrini? Faccia...faccia pure... Pero’...dicemu a virità...unu si po' macari sbagghiari...

Attilio -Ecco!

Commendatore -Cci nni sunnu tanti ca hannu a barbetta... cci nni sunnu tanti... Ma chidda di Taormina era a sò!( ride)

Nesti -Non confondiamo le cose...Noi siamo qui per un motivo preciso...

Attilio -(inghiotte amaro) Certo!Noi quali rappresentanti del Commendatore Precordi, la invitiamo formalmente ad indicarci i suoi secondi con i quali stabilire le modalità dell’incontro. A meno che...lei non ritiri quanto ha detto e non intenda chiedere pubblicamente le sue scuse.

Commendatore -Iù non ritiro nenti...Anzi ci mettu qualche altra cosa accussì facemu bon pisu...

Attilio -Allora intende battersi?

Commendatore -Certo...certamente... Accuminciamu all’alba e finemu al tramonto.

Attilio -Bene: allora ci indichi i suoi secondi.

Commendatore -(rivolto verso Pietro che intanto sta entrando) Beh!Cca cci nn’è unu...Veni...veni Pietro...

Nesti -Un fattorino?Ma noi non possiamo assolutamente accettare che un fattorino...

Commendatore -Eppure io mi fido solo di lui... Che c’è Pietro ?

Pietro - Commendatore ,hanno portato questa raccomandata a mano...Dicono che si tratta di cosa urgentissima.(gli consegna una busta)

Attilio -Ad ogni modo i padrini devono essere due....

Commendatore -Va bene...u facemu passari ddu voti.’Na vota ccò cappeddu e ‘na vota senza...(ride) A meno che...a meno che... Pietro tu non avissi n’amico... vidi.

Pietro -(che non capisce)N’amicu?

Commendatore -Cca sti signori hannu bisognu di unu...

Pietro -E comu no.Cci fussi mè cugnatu.(rivolto ai due)Avi tri misi ca è disoccupatu... fussi ‘na furtuna...

Nesti -Ma chi sarebbe questo cognato?

Pietro -Si chiama Cristoforo... era carruzzeri...poi travagghiau ‘nte trasporti... ora è a spassu... ma sugnu sicuru...

Nesti -Ma trasporti di che?

Pietro -Era ‘nte trasporti funebri...

Commendatore -Chistu cci mancava... cci mancava propriu... Va bene Pietro ...Vai...vai... semmai ti chiamamu (via Pietro )

Attilio -Senta Commendatore ,noi non possiamo...La preghiamo di metterci in contatto con persone più...Sia gentiluomo...come vuole essere il suo avversario... Già!Pensi che, nonostante sia lui l’offeso e avrebbe,quindi, diritto alla scelta delle armi...

Commendatore -Ma quello che vuole...quello che vuole:pistola,fucile, mitragliatrice... cannone...Cannone...all’alba: boommm!(ride)Chiddu ca voli:bombe a mano... gas, luce elettrica... non importa.

Attilio -(frastornato) Forse lei non sà che il Commendatore Precordi è campione di pistola:E malgrado questo, cede a lei la scelta delle armi.

Commendatore -U sacciu...u sacciu... L’anno scorso ppi Sant’Aita erumu ‘nsemi a giostra a sparari ‘nte pipe... Non nni sbagghiava una... Bravissimo! Nonostante questo. Pistola.

Nesti -(Dopo uno sguardo con Attilio )Va bene. E come località, si sarebbe pensato alla villa del conte Attilio , a Bronte. Va bene?

Commendatore -(a Attilio )Ah, havi ‘na villa a Bronte? Bene?

Nesti -Dunque:rivoltella...a venti passi... un colpo a venti passi...

Commendatore -No...no... ‘ncolpu sulu? e su si sbagghia? Facemu sei... sei colpi a 15 passi... E ogni colpo ‘npassu avanti, fina ca ni truvamu accussì: faccia a faccia.

Attilio -Ma non si può.

Commendatore -Non posso... di meno non posso... Non ci pozzu livari nenti... Chiuttostu circamu di fari prestu... picchì dopudumani mi scadi ‘u portod’armi e poi finisci ca non pozzu cchiù sparari. Bene! E ora su hannu cchi fari... non facissunu complimenti... si nni ponnu iri.

Attilio e Nesti _(si alzano per uscire) Ma Commendatore ,creda, che non sono condizioni accettabili.

Commendatore -Stia tranquillo. Vorrà dire ca poi, ppi lei, farò delle condizioni di favore. (Chiama) Pietro ... rimorchia...( I due escono borbottando. Il Commendatore apre la busta) Uh!...Buffoni!...(entra Paola ) Ah, signorina.... Pensavo che, conoscendo la mia situazione... avissa iutu a circarisi ‘n’autru posto.

Paola -Scusi Commendatore ,ma non è così. Comunque io vorrei, per il momento, non dirle dove sono stata.

Commendatore -Lei è padrona di fare quello che vuole... e (marcato) con chi vuole.

Paola -Un momento. In modo che lei non debba pensare chi sà che, glielo posso anche dire. Sono stata dal prof. Bruni e, insieme, siamo stati dal prof.Mirenda. Visto che lei rifiuta di farsi visitare... noi volevamo...

Commendatore -Nessuno vi aveva incaricato di fare questo.

Paola -Dovere di professionista serio, da parte del professore e dovere d’impiegata affezionata da parte mia. Dunque dal prof.Mirenda c’era molto da aspettare e, quindi, il prof.Bruni è rimasto là ed io ho pensato bene di venire perchè poteva aver bisogno di me.

Commendatore -Infatti.

Paola -Ha bisogno di me?

Commendatore -(le consegna la lettera)Mi legga un po' questa.

Paola -(legge)Dunque:”L’assemblea degli azionisti ha il piacere di comunicarle che,in data odierna, riunitasi d’urgenza a seguito delle rivelazioni della S.V., ha sciolto il Consiglio d’amministrazione della società ed in pari tempo, ha nominato all’unanimità la S.V. ad amministratore delegato” Ma questa è una vittoria.

Commendatore -Buffoni!

Paola -Ma come...non le fa piacere?

Commendatore -Sì. Sà che mi fa l’impressione chista?Di una onorificenza alla memoria.

Paola -Ma allora, non accetta?

Commendatore -No.E ci bevo sopra.(si versa)

Paola -Fa male Commendatore .Ci pensi.Ma era questa la cosa che riguardava me?

Commendatore -(serio)No.

Paola -E allora?

Commendatore -Mi dica...quella signora vestita di rosso... che è venuta qua... qualche volta... la conosce?

Paola -Beh!Sì e no... Commendatore .. perchè me l’ha indicata una volta suo fratel... il signor Chico...

Commendatore -E le ha detto come la conosceva?.. Glielo ha detto?

Paola -Beh,io.. Commendatore ... non so....se...

Commendatore -Dica...dica.

Paola -Mi disse che la conosceva perchè si trattava di una sua conoscenza.

Commendatore -Sua? Sua di chi?

Paola -Sua. Di lei.

Commendatore -Le ha detto,in pratica, due bugie. La prima dicendole che si trattava di una mia conoscenza..e l’altra, non dicendole che si trattava, invece, di una sua conoscenza... e che conoscenza.

Paola -Ma...

Commendatore -Ho capito... ho capito anche che è vero il resto che quella donna ha detto. E cioè che tra lei e mio fratello... Da quanto tempo?

Paola -(abbassa gli occhi vergognosa) E’ da poco più di un anno...

Commendatore -Più di un anno? E io...

Paola -Avrei forse dovuto dirle qualche cosa io stessa... ma, adesso, le posso chiedere perdono...Sola.. sola al mondo ho creduto di avere diritto anche io ad un po' di felicità... Ho perso la testa... ma le assicuro che in me non vi era assolutamente un secondo fine e nessun calcolo... E deve credermi perchè io, ora, Commendatore ,tengo più alla sua considerazione che all’amore di suo fratello.

Commendatore -(consolante) Ma non è cattivo...non è cattivo...

Paola -E’ meglio che io non lo veda più....

Commendatore -Ma no, non deve dire questo.. così sola com’è... sola...( Paola lo guarda e abbassa la testa timida)No?

Paola -Non si preoccupi, Commendatore ..Lavorerò.

Commendatore -Io non la lascio andare... Mio fratello farà il suo dovere... farà il suo dovere... se vorrà farlo... e riconoscerà... riconoscerà... (commosso) mio nipote...con il nome di Giovanni Bevilacqua... picchì si chiamerà Giovanni.

Paola -Ma no, no Commendatore ...Così lui si sentirebbe obbligato...

Commendatore -No..no... Ma che obbligato? Ma chi vulissuvu ca mè niputi issi ‘nta casa di l’orfani? L’obbligo... l’aviti l’uno e l’altro... obbligati l’uno e l’altro...e ‘nto menzu... Giovannino... il continuatore della ditta...

Paola -Lei è buono Commendatore ....Grazie...Ma ... ma se non fosse un Giovannino?

Commendatore -Suddu non fussi un Giovannino... veni a diri ca vi dati tantu da fari ‘nfina ca veni Giovannino.

Paola -(sorride) Ad ogni modo.. Mi perdona Commendatore ?

Commendatore -La conosco troppo bene... per non perdonarla (le fa una carezza) Vado un attimo in casa...Haiu propriu bisogno di sciacquarimi l’idei (esce per il suo appartamento)

Bruni -(Bussa con insistenza dalla porta di servizio) Commendatore ... Commendatore ...apra...

Paola -Professore è lei?...Un momento..(apre la porta)

Bruni -(irrompe nella stanza)Il Commendatore ... dov’è il Commendatore ? Lo chiami! Il Commendatore sta benissimo...

Commendatore -(sente le grida ed esce)Che succede?

Bruni - Commendatore ... Commendatore .. c’è stato un errore... lei non c’entra.

Commendatore -(si sente mancare) Ma chi dici... Non facemu scherzi... Chi sta dicennu?

Bruni -Le hanno consegnato per errore le radiografie di un’altro... Lei sta bene.(Dalla cartella tira fuori due lastre)Ecco qua...guardi...( il Commendatore e Paola , prendono in mano le lastre)Che soddisfazione salvare un individuo!

Commendatore -Professore... professore... ma è sicuro?

Bruni -Legga...legga la lastra.

Commendatore -(in controluce) 7236.

Bruni -A destra...a destra...

Commendatore - Commendatore Giovanni Benvenuto... Ma come?

Bruni -Legga l’altra.

Commendatore -(Se la fa dare da Paola ) Commendatore Giovanni Bevilacqua...

Bruni -Ha capito, adesso? Sono state scambiate le lastre...

Commendatore -Scambiate... Un bicchierino...datemi un bicchierino.

Paola -Posso professore?

Bruni -Ma sì, perbacco.

Commendatore -(beve d’un fiato)Ancora...ancora... Professore...professore... lei mi ha ridato la vita... Professore lei è la mia seconda mamma... (beve)

Bruni -Lei deve prima di tutto, ringraziare la signorina Paola .. che non ha avuto pace finchè non mi ha trascinato dal prof.Mirenda...

Commendatore -Lo so...lo so che mi vuole bene...(respirando profondamente) Ma sà... sarà stata la grappa... ma sono alcuni giorni che non sento più nemmeno dolori...

Bruni -Si spiega benissimo.

Commendatore -Certo ca si spiega...è la grappa...Lei la raccomandi ai suoi pazienti... fa miracoli.(guarda ancora le lastre) E poi taliannuli boni... ‘nta chista cci assumugghiu cchiù assai.. sì..sì...

Bruni -(ride)Piuttosto mi raccomando a lei signorina Paola di preoccuparsi della restituzione delle lastre... E’ roba delicata.

Commendatore -Ma dica un po'. Dicu semu sicuri ca ora non si nni venunu a diri ca si sbagghianu nautra vota a scriviri i nomi e a mia è chista?

Bruni -Ma no, stia sicuro. Vede che in controluce in quella lastra c’è scritto “Benvenuto”?

Commendatore -Però... puvureddu... mi dispiaci ppi stu puvureddu...

Paola -Ma certi errori, professore, mi consenta, non dovrebbero farsi.

Bruni -Ha ragione.Ma vede l’equivoco si può anche spiegare: Commendatori tutte e due, tutti e due Giovanni,l’uno Bevilacqua l’altro Benvenuto... La conclusione è, comunque, che ora lei Commendatore ,deve mettersi l’animo in pace e pensare a vivere, vivere tranquillo.

Commendatore -Grazie...grazie...e... per il suo disturbo?

Bruni -Ma no, c’è tempo..c’è tempo.

Commendatore -Speriamu...speriamu.

Bruni -Arrivederla Commendatore , io scappo.

Commendatore -Arrivederci professore... e quando passa di qui... non faccia complimenti...entri pure...

Bruni -Va bene, arrivederci.(si avvia per uscire dalla porta di servizio)

Commendatore -Arrivederci Commendatore .

Bruni -(fermandosi)Ma no. Io non sono Commendatore .

Commendatore -L’ho fatta io....sì...sì lei è Commendatore .(il professore esce ridendo)

Paola -(Rimasta sola con il Commendatore )Si sieda Commendatore ...(affettuosamente) E’ contento?

Commendatore -Chi discursi...(dopo un attimo)E invece...ecco...aveva ancora due o tri soddisfazioni di livarimi.... e ora? Troverò il coraggio ppi farlo? Mah! Ora stirzamu, rallentamu e rimettemu u camiu in carreggiata... E occhio alle curve!

Paola -E certe cunette...

Commendatore -S’hanna sapiri pigghiari...(suona il telefono)

Paola -(si avvia) Cc’è Commendatore ?

Commendatore -Cci sono...cci sono!

Paola -Pronto!Si? ...Questo è l’ufficio del Commendatore Bevilacqua... cosa?... Conte Attilio ! (Guarda interrogativamente il Commendatore che fa scena) Sì...io sono la segretaria... Mi dice il Commendatore qua presente che può dire a me... Sì...sì... Ripeto:”Il loro rappresentato si sente obbligato ad accettare qualunque condizione pur di avere soddisfazione e ,quindi, resta fissato per dopodomani mattina alle cinque nella località verbalmente convenuta” Commendatore ,sta bene? (il Commendatore fa un cenno con la testa) Va bene...Pronto..pronto...Il Commendatore dice che va bene...Arrivederla. (chiude il telefono)Ma che succede?

Commendatore -Succede...succede che ora che non dovevo più morire... forse mi tocca morire lo stesso. Quello che ha telefonato è uno dei padrini del Commendator Precordi.... capirà doppu chiddu ca dissi in assemblea.... o mi sfidava o si sparava.

Paola -Ma come? Un duello con il Commendator Precordi?

Commendatore -Ca ppi supra tavola è campione di pistola... L’hava viiri sparari ‘nte pipe... non nni sbagghiava una... Ma iù non signu ‘na pipa.

Paola -Ma Commendatore , bisogna assolutamente impedire...

Commendatore -Ma comu si fa...Oramai...

Paola -Beh, se lei inserisse la marcia indietro e chiedesse delle scuse...

Commendatore -Sarebbero accettate, certo.Ma dopo quello che è successo... la considerazione... Mi hanno appena offerto il posto di amministratore delegato... non si può..no...no. E allura veni a diri ca iù dopudumani matina alle cinque...

Paola -Alle cinque,dove?

Commendatore -A bronte...nella villa del Conte Attilio... S’accattuno i villi... e poi cci mannunu l’amici a spararisi... bella roba... bella roba... ca suddu a sapissi a questura cci issi ‘nto menzu macari iddu ca cci metti u terreno... Picchì non è ca a questura... (la guarda con intenzione) Già picchì a questura non permetterebbe mai... la questura... Ah?( c.s.) suddu u sapissi... Ah?...Ma iù non pozzu iri... a diricci... viditi ca dopodomani matina... alle cinque... non pozzu... iù...

Paola -Capisco.

Pietro -(entrando)Signorina, c’è un signore ca dici ca veni ppi cuntu del prof.pirèl...

Paola -Mirenda... Mirenda...sì,sì vengo...

Pietro -Dici ca ha ritirari non sò cosa.

Paola -Sì’, le lastre.(Le prende dal tavolo e le sistema)Vado io.(esce)

Pietro -(Si avvicina) Commendatore ,scusi, allura per quel mio parente da sistemare?

Commendatore -(segue un suo pensiero fisso) Cosi di pazzi...Susirisi ‘e cincu...

Pietro -(fraintende)Non importa... sa, Commendatore ,mè cugnato è unu ca s’adatta a tutto... macari prima... vedrà ca arresta cuntentu... E poi ddi signori mi parevunu abbastanza interessati.

Commendatore -(c.s.)Ca certu, chiddi s’addivettunu cca peddi di l’autri... Mettunu ‘ncampioni di pistola... contro...

Pietro -Contro chi?

Commendatore -(lo guarda) Contro n’amico.

Pietro -Ma annunca si tratta di ‘nduellu?

Commendatore -Chiddi hannu bisognu di dui ca stannu a vidiri... ad assistere cu mori prima.

Pietro -Mi dispiaci, Commendatore , ma iù di stì cosi non nni fazzu.

Commendatore -E ppi chistu cci vulissi ‘nsitema per impedire.... picchì l’amicu... chiddu sì ca è ‘na pirsuna a postu... chiddu sì ca attruvassi u modu ppi sistimari u cugnatu... e ppi salvallu u mezzu cci fussi...

Pietro -Si?

Commendatore -(a bassa voce) Ora tu fai ‘na cursa in questura... cci dici ca ha fari una comunicazione importanti... Ti fannu parrari cco commissariu e tu cci dici: Ppi casu, mentri era supra u trammi, ‘ntisi ddu signori ca dicevunu “Allora il duello...Arricorditi IL DUELLO resta fissato per dopodomani mattina alle cinque.” Ripeti” il duello resta fissato per dopodomani mattina alle ...”

Pietro -Alle cinque.

Commendatore -Non mi sbagghiari iornu.

Pietro -Il duello resta fissato per dopodomani mattina alle cinque.

Commendatore -Bravo ripetulu.

Pietro -Il duello resta fissato per dopodomani mattina alle cinque.

Commendatore -Bravo. Aspetta ca ora ti lu scrivu. Vidi è megghiu ‘nta sti casi, essiri sicuri e precisi. Il duello resta... (scrive) Il duello resta fissato per dopodomani mattina alle ...alle...

Pietro -Alle cinque.

Commendatore -...alle quattru e tre quarti.A Bronte, nella villa del conte Attilio ... si prega di non mancare.”Vidi accussì quannu chiddi che pistoli arrivunu dda, trovunu i vardia e la cerimonia viene rimandata.( gli dà il biglietto) Dunque, mentri vai dda, ti leggi chistu dui o tri voti.. in modo da imparallo bene a memoria, accussì appoi davanti o commissario: pò..po...pò... cci lu dici a memoria.

Pietro -Va beni cci lu dicu a memoria.

Commendatore -E poi cci cunsegni u bigliettu. Il commissario ti ringrazierà.. ed è capaci di dariti ‘na medaglia... facennu accussì... salviamo l’amico e sistemiamo il cognato.

Paola -(entra) Commendatore ...

Commendatore -(cambia discorso) Dica, dica pure.

Paola - Commendatore ,naturalmente senza fare nomi, ho telefonato in questura...

Pietro -Allora io vado?

Commendatore -( a Paola )Ha telefonato in questura?

Paola -Si.

Commendatore -(a Pietro )Aspetta Pietro . Scica, scica... scica u biglietto... facemuni i fatti nostri... Sunnu cosi ca s’aggiustunu..( a Paola ) Ha telefonato in questura?

Paola -Sì ho telefonato ma il commissario non c’era.

Commendatore -(allarmato) Non c’era il commissario?(grida a Pietro che sta uscendo) Pietro ... Pietro ..Vai... vai a fare chiddu ca ti dissi... Povera gente... vai...

Paola -Ma c’era il questore.

Commendatore -C’era il questore?

Paola -Già.

Commendatore -Ha parlato con il questore?

Paola -Certo.

Commendatore - Pietro scica... scica ca sunnu cosi ca s’aggiustunu...(scena di Pietro )Scica...(via Pietro )

Paola -Il questore non mi ha nemmeno lasciato finire. Appena ha sentito di un duello a Bronte ha detto subito: “ Precordi-Bevilacqua? Grazie ma lo sappiamo già”.

Commendatore -(lunga pausa)E comu facevunu....??

Paola -Il Commendatore Precordi, si vede, che mi aveva in qualche modo preceduta.

Commendatore -Ma che vigliacco...Che vigliacco.

                 fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno