Stampa questo copione

GELUSIA

Gelusia

Ovvero

Amore sposalizio e gelusia

Commedia in tre atti

Personaggi

D. Asdrubale, padre di

Giulietta

Rosina, nipote di D. Asdrubale

D. Giammatteo, padre di

Feliciello e di

Annetta, amante di

Errico Fiorino

Eduardo

D. Nicolino, maestro di scuola

Gesummina, cameriera

Saverio, servo

Pulcinella

Due servi, che non parlano

La scena è in Napoli, epoca presente

ATTO PRIMO

Camera di D. Asdrubale. In fondo due porte, una va al giardino, l’altra nella sala. Tre porte laterali ed una finestra, due mensole, un tavolino con fodero, sedie ecc.

SCENA PRIMA

Saverio ed Asdrubale, di dentro poi fuori con Eduardo.

ASDRUBALE (di dentro, chiamando): Saverio, Saverio...

SAVERIO (uscendo): Eccome ccà, eccome ccà. Vì comme cancaro allucca! Dalle, dalle... Tu vi che s’have fatto afferrà... So’ tre ghiuorne che quase quase me pare no pazzo... Eccome ccà, ecco me ccà... (Per entrare.)

ASDRUBALE (uscendo): E che eccome ccà; tiene le rrecchie mpottonate quanno te chiammo io?

SAVERIO:Aggiate pacienzia: che commannate?

ASDRUBALE:Niente; jeva trovanno lo bastone e l’aggio trovato. Vattenne.

SAVERIO:So’ lesto. (Via.)

EDUARDO:Ma addonca se pò sapè pecché ieri sera me dicisteve co tanta premura: Eduà, viene dimane immancabilmente? Parlate, zì Asdrù... so’ curioso de saperlo.

ASDRUBALE:Embé, già che mò è troppo priesto, assettete, e siente.

EDUARDO: (Che se fosse addonato che io faccio all’ammore co la figlia?). (Seggono.)

ASDRUBALE:Haje da sapè che sett’anne fa io steva a Beneviento in casa de no cierto Giammatteo Sciosciammocca, ommo ricchissimo; e negoziavemo assieme de vino sicuro da cinch’anne. Doppo chisto tiempo, sto tale me dicette che voleva sciogliere la società, e voleva negozià isso sulo: io non avette che dirlo, e fuie costretto de venirmene a Napole. Pe grazia de lo Cielo, la fortuna m’è stata propizia, e so’ ghiuto mpoppa co l’affare. Sto Giammatteo, dinto a sti sett’anne ha fatto fortuna, e s’è fatto ommo de migliara; m’ha scritto spisse vote, pecché, a dì la verità, nce avimmo voluto sempe bene. Ora mò, indovina che lettera me scrive tre ghiuorne fa? (Prende una lettera, e legge:) «Benevento, 13 settembre 1872. Mio caro Asdrubale, dopo di aver caramente salutato te e tua figlia, vengo a proporti un affare. Io, come già sai, tengo due figli, un maschio ed una ragazza: quando mi lasciasti sette anni fa erano bambini, adesso non lo sono più...».

EDUARDO:Grazie della notizia.

ASDRUBALE:Siente. «E vedendo che le mie forze giorno per giorno incominciano a lasciarmi, e riflettendo che quando io morirò essi probabilmente sciuperanno quel ben di Dio che erediteranno da me, ho pensato di dar moglie a mio figlio Felice, sposandolo se vuoi, a Giulietta tua figlia. (Sorpresa di Eduardo.) Tu sai che io mi ho fatto una fortuna di 80 mila ducati, da cui togliendo la metà che serve per la dote dell’altra mia figlia Annetta, il resto è di Felice appena sarà ammogliato.»

EDUARDO:(Ah! Ch’e tutto è perduto!).

ASDRUBALE (seguitando): «Se tu acconsenti, scrivemelo, io vengo a Napoli e in poco tempo combineremo il tutto».

EDUARDO:(Cielo mio, che sento!).

ASDRUBALE:Che te pare? E na fortuna nzuonno che m’è venuto? N’ommo accossì ricco, n’ommo che possiede 80 mila ducate, apparentarse co me! Ah! Figlia mia fortunata!

EDUARDO:Ma zì Asdrù, diciteme na cosa... Giulietta acconsente a sto matrimonio?

ASDRUBALE:Eh! L’autro jeri nce lo dicette; sul principio, a dì la verità, faceva no poco la sostenuta, ma mò pare che s’è capacitata.

EDUARDO:S’è capacitata! (Ah! Nfama!)

ASDRUBALE:S’ha da capacità pe forza: se tratta de na fortuna, e pò Giulietta lo vò bene, pecché so’ state aunite tanto tiempo a Beneviento, se pò dì che se so’ cresciute nzieme, e specialmente co Annetta la figlia. Oh! Che bene che me voleva chella guagliona, non te può credere: essa vene a Napole pure pe maritarse, e co la stessa dote de lo frate, Giammatteo me lo screvette e io gli proposi il marito.

EDUARDO:E a chi se vene a piglià?

ASDRUBALE:A chi se vene a piglià? A uno che tu non puoje maje figurarte. Dietro le belle azioni che aggio ricevuto da te, vedendo che tu haje fatto sempre tutto il possibile per contentarmi, che sei stato attento agli interessi miei... ho voluto compensarti, facendo la tua fortuna.

EDUARDO:Cioè?...

ASDRUBALE:Dannote Annetta per mogliera.

EDUARDO:Che?

ASDRUBALE:Sì: quando l’altro ieri scrissi la risposta a questa lettera, dopo aver consentito pe Giulietta co lo figlio, le proponette a tte pe Annetta. Gli dissi che tu eri un bravo giovine, e non aggio ditto buscia, che eri un giovinotto di talento, e che ti lucravi tanto da potere mantenere comodamente una moglie.

EDUARDO:E isso?

ASDRUBALE:E isso è contento, e me scrive: (apre un’altra lettera) «Caro Asdrubale, ho ricevuta la tua lettera, con la quale acconsenti a tutto quello che ti aveva proposto: io n’era sicuro; ho parlato pure con mia figlia Annetta per quel giovine che mi hai proposto, e tutto è combinato. Il giorno di lunedì 16 corrente saremo in Napoli ed in casa tua. Se vuoi venirmi ad incontrare alla stazione, regolati: o alle 9 a.m. o all’una p.m. Tuo aff.mo ecc.».

EDUARDO:Ma... la figlia...

ASDRUBALE:La figlia è n’angelo, si la guarde solamente te nnammora, e chesto era 7 anne fa, figurete mò che è cchiù grossa. Va, che ne dice de sta penzata?

EDUARDO No... vedite... la penzata è... (Cielo mio, chisto che sta dicenno? e Giulietta?) Sentite zizi, io...

ASDRUBALE:Tu, che?... N’avisse dispiacere forse? Oh! Non dubità pecchesto. Appena essa vede a te, appena tu vide a essa, accomminciate a dirve na parola doce, no squasillo, no ciancetiello, e subeto trase l’ammore; e pò llà se tratta de 40 mila ducale, non se pazzea, sà — Alò, s’è fatto ora, jammoncenne. (Si alza.)

EDUARDO:Nzomma, addò jammo?

ASDRUBALE:E non l’haje ntiso? A la stazione a ncontrarle. Si non venene pe li 9, aspettammo nfino all’una. Oh, li voglio ricevere comme se commene. Tu pe tre ghiuorne non te ne incaricà d’arapì lo negozio, starrà chiuso... Haje da magnà ccà, lo capisce che tu si lo sposo? Va, jammoncenne, non perdimmo cchiù tiempo, (chiamando:) Saverio...

SCENA SECONDA

Saverio e detti.

SAVERIO:Comannate.

ASDRUBALE:Avvisa mò proprio a monzù Luigi che all’una e mezza, o al massimo per le due voglio che il pranzo sia pronto. Io l’ordinaje tutto ajersera... Curre... priesto... Aspetta... tu arresediate meglio la casa, fà tutte li liette, arma chill’autri duje lettini che stanno ncoppa a lo mezzanino, co la biancheria pulitissima...

SAVERIO:Va bene, non dubitate.

ASDRUBALE:Jammo, jammo, facimmo priesto... Oh! Che fortuna, che fortuna!...

EDUARDO:(E intanto Giulietta non sape...).

ASDRUBALE:Jammo, jammo. (Viano.)

SAVERIO:Vuje vedite sto cancaro de viecchio che s’ha puosto ncapo! So’ 3 ghiuorne che m’ha levato li chiocche! Pulizza ccà, scopa llà, prepara chesto, prepara chello, fa trovà tutto pronto a li spuse che hanno da venì. Ah! Non voglia mai lo cielo e sapesse che la figlia fa l’ammore co D. Eduardo!... Uh, che mbruoglio che ha da succedere!

SCENA TERZA

Gesummina, poi Pulcinella e detto.

GESUMMINA:Savè, haje visto a Pulecenella?

SAVERIO:No, Gesummì, starrà ancora dormenno.

GESUMMINA:Ancora dormenno? A chest’ora? Poco nce vò pe li nove, e ancora s’ha da scetà.

SAVERIO:E tu non lo saje, neh, Gesummì? chillo dorme sempe. Non fa niente, tutto le dà fastidio, è no vero sfaticatone. Lo padrone cchiù de na vota have ditto che ne lo mannava, e si no juorno de chisto le saglie la mingria, chillo overo lo licenzia, e si se ne va da ccà, addo và? Chi se lo piglia, famme capace?

GESUMMINA:(Lo vi lloco, co chella vocca non fa autro che forfìcià. Volarria che io lassasse a Pulicenella, e me mettesse a fa l’ammore co isso). E no fatto, si se ne va da ccà, addò và?

SAVERIO:Tu pò, che dicenno la verità, non sì brutta, sì figliola, te sarrìa mancato no giovane aggraziato, amoruso? Te sì miso justo co isso co chella faccia, co chella figura!... Vattene, Gesummì, che brutto gusto che tiene.

GESUMMINA:(E già, è meglio isso che me pare no scopettino!). Eh! Ma che buò che te dico, l’ammore è comme a lo discenzo.

SAVERIO:Cioè?

GESUMMINA:Addò te vene, llà t’afferra.

SAVERIO:Oh!

GESUMMINA:E vattene a mmalora! Sì, che buò, me piace Pulicenella, nce faccio l’ammore, te fa dispiacere?

SAVERIO:Tu sì pazza! A me che me ne preme... fance l’ammore, spusatillo; io l’aggio ditto pe na cosa.

PULCINELLA (di dentro): Saverio...

GESUMMINA:La voce soja.

SAVERIO:S’è sosuto lo marchese!

PULCINELLA (c.s.): Saverio...

SAVERIO:Che cancaro vuò, pecché me chiamme?

PULCINELLA (fuori in camicia lunga e berretto da notte): Saverio.., ma mi porti il caffè, o no?

SAVERIO:Scusate, Princepì, mò ve lo porto.

PULCINELLA:E fa priesto, che tengo sete.

SAVERIO:Eccellenza, e co lo cafè ve levate la sete? (Ridendo.)

PULCINELLA:Non debbo dar conto a te. Andiamo.

SAVERIO:Vattenne, famme sto piacere! Mò le portave pure lo cafè: si lo buò, va te lo piglia dinto a la cucina.

PULCINELLA:Si lo buò, va te lo piglia dinto a la cucina? Savè, ma quanta vote t’aggio da dicere che a me m’haje da rispettà. Tu lo capisci io chi songo dint’a sta casa?

SAVERIO:Chi sì?

PULCINELLA:Songo lo servitore.

SAVERIO:Bravo, comme avesse ditto songo lo segretario.

PULCINELLA:Vuò sape, Gesummì, pe causa soja l’autriere che me succedette?

GESUMMINA:Che te succedette?

SAVERIO:Non contà lo fatto de l’autriere, se no me faje schiattà de rise.

PULCINELLA:Haje da sapé che l’autra matina, io me scetaje verso li sette, me vutaje, me giraje, ma non me potette cchiù addormì, no poco pecché senteva calore, e no poco pe cierte monacelle che tengo dinto a lo lietto. Steva mpacchiato de suonno, vene sto turzo de spica a portarme lo cafè, pecché io la sera nce l’aveva ditto, me pigliaie la tazza e isso se ne jette; io co l’uocchie mieze nzerrate, pigliaje la tazza e ghieva trovanno quacche cosa pe nce lo nfonnere da dinto, me credeva che m’aveva portato lo pagnottino, stennette la mano ncoppa a la colonnetta, e pigliaje lo paccotto de li fiammifere, credennome che era pagnottino, accommenciaje a nfonnere dinto a lo cafè... Ah? Sora mia... appena jette pe mozzecà, io non sapeva che m’era succieso, li fiammifere s’allummajene, io vedenno lo fuoco jettaje la tazza, lo cafè me jette ncuollo che era cucente, me scottaje tutto quanto, me credeva che me stava abbruscianno, zumpaje da coppa a lo lietto, la gatta me jette pe sotto a li piede, io pe non la fa male me tiraje lo pede, chella fuiette pe dereto, io me mbrugliaje, jette nterra, e le scamazzaje la capa.

GESUMMINA:Ah, ah, ah! (Ridendo.)

SAVERIO:Haje visto si non fa ridere sto fatto? Ah, ah, ciuccione. (Via.)

PULCINELLA:Neh, chillo pecché ride?

GESUMMINA:Pecché tu nce daje motivo.

PULCINELLA:A proposito, che nce facive ccà co Saverio?

GESUMMINA:Era venuta ad addimmannarlo si t’aveva visto: e si sapisse che m’ha ditto...

PULCINELLA:Che t’ha ditto?

GESUMMINA:Che tu sì no ciuccio.

PULCINELLA:Che! No ciuccio! A me?... No, tanto male non ha ditto, pecché quase tutte quante me chiammano accossì. E appriesso?

GESUMMINA:Che non sì buono a niente.

PULCINELLA:Oh! Chesto pò... comme! nfaccia a me! Io non so’ buono a niente?... No, pe verità io non saccio fà niente.., e doppo?

GESUMMINA:Che sì antipatico, brutto, e che io faceva male a fà l’ammore co tte.

PULCINELLA:Comme comme? Tutto chesto ha ditto? Oh! Uocchie miei, e che sentite mai!... E tu?

GESUMMINA:E io l’aggio fatto n’asciuta de quarto, ma proprio a licchetto.

PULCINELLA:Evviva, evviva chella Gesummina, aggraziatona mia. Ma dimme na cosa, pecché non vedimmo de spusà, accossì nisciuno pò parlà cchiù.

GESUMMINA:Oh! Pe mò non potimmo sposà.

PULCINELLA:Pecché?

GESUMMINA:Pe mille ragioni.

PULCINELLA:E qua songo sti ragioni, sentimmo.

GESUMMINA:La primma, pecché non tenimmo li mezzi...

PULCINELLA:E l’aute ragione, che me le dice a fà. Chesta è la ragione cchiù forte.

GESUMMINA:E intanto tu non ce pienze.

PULCINELLA:Ma che aggio da fà?

GESUMMINA:Comme, che haje da fà? Avarrisse da vedé de non fà cchiù ciucciarie, de farte volè bene da lo patrone. Già, tu lo servitore non l’avarrisse da fà, tu primieramente a me non m’avarrisse da fà fà chiù la serva, io avarria da stà a la casa, e tu avarrisse da fà n’arte... per esempio trovarte n’impiego mmece de fà lo servitore... capisce?

PULCINELLA:No, haje ragione... me faje capace, m’avarria da mpiegà a qualche parte. E ma che buò da me, se io so’ sfortunato a tutto. Facette na supplica a lo Sinneco, e chillo non me risponnette.

GESUMMINA:E che volive essere fatto?

PULCINELLA:Voleva no posto allo spazzamento, o pure all’inaffiamento della città.

GESUMMINA:No, bella cosa che avive sceveta. Vattenne, Pulicené, non pazzià. Dimme na cosa, tu saje scrivere?

PULCINELLA:Comme! Gué, te pare... io dico che sì... che d’è non sapeva scrivere.

GESUMMINA:Ah! Saje scrivere?

PULCINELLA:Sicuro. Ma una cosa, uno me l’ha da fà co lo lappese, e io pò nce passo la penna pe coppa.

GESUMMINA:Nientemeno! E senza lappese?

PULCINELLA:No, senza lappese non saccio scrivere.

GESUMMINA:Uh! Non pazzià, parlammo seriamente. Pulecené, vide de mpararte a fà na cosa. Chesto che cos’è, n’ommo non sape scrivere.

PULCINELLA:è no fatto, è no scuorno... haje ragione, ma non te ne ncarricà, che quanno vene lo masto de scola D. Nicolino, le voglio dicere che me mparasse.

GESUMMINA:Evviva Pulicenella. Pare brutto n’ommo che non sape tené manco la penna mmano; è na femmena, va buono, ma n’ommo...

PULCINELLA:Già, io songo n’ommo?

GESUMMINA:E se capisce.

PULCINELLA:Va buono, non te ne ncarricà, nce penso io. Ma tu me volarraie sempe bene?

GESUMMINA:Sempe... sempe... mascolone mio; e tu me vuò bene?

PULCINELLA: Ma sì, palummella mia de zucchero, io pe te non pozzo chiudere cchiù l’uocchie la notte, pe te non trovo cchiù pace, tu m’haje apierto lo pietto comme a no cascettino, e t’hai pigliato lo core.

GESUMMINA:E tu pure te l’haje pigliato lo core senza farmene addonare, bello, accuoncio, aggraziato!

PULCINELLA:Oh! Parole che decreano! Oh, parole che me fanno saglì lo sango fino ncoppa a l’uosso pezzillo! Damme n’abbraccio.

GESUMMINA:Chisto è isso... Oh! Pulicené, esceno le signorine ccà fora, trasetenne, non te fà trovà combinato accossì, va te vieste; faje vedé che nnanze a loro staje mmaneche de cammisa. Vattenne priesto, che venene.

PULCINELLA: Sì, dice buono. (Andandosene:) Gué, Gesummì, pò addò te trovo?

GESUMMINA: Ccà dinto... Vattenne.

SCENA QUARTA

Giulietta, Rosina, e detti.

PULCINELLA (vedendo le due donne): Buon giorno. (A Gesummina:) Non te movere da ccà, sà. (Piano a lei:) Io me ne vaco a vestere: pare brutto a farme vedè accossì a le signorine. (Via.)

GESUMMINA:(Siente, siè! Chelle già l’hanno visto).

GIULIETTA:Che è stato neh, Gesummì?

GESUMMINA:Niente signori, l’aggio co chille scemone de Pulicenella che non ne fà una bbona.

GIULIETTA:Saje si papà è asciuto?

GESUMMINA:Credo de sì pecché la cammera soja sta aperta, dinto non nce sta nisciuno. (Guardando.) Signori, io vaco ad arrecettà la cammera, si me volite me chiammate. (Via da dove sono uscite le donne.)

GIULIETTA:Rosì, papà è asciuto, sarrà ghiuto certamente a la stazione, comme dicette ajere.

ROSINA: Addonca, sta jornata arriverà D. Giammatteo co lo figlio, se combinarrà ogne cosa, e te l’avarraje da sposà pe forza?

GIULIETTA:Pe forza! Uh! Rosì, tu comme me faje perdere subito lo coraggio. Pe forza? Seh, sta frisco papà; have voglia d’alluccà, de strillà comme vò isso, pecché io non dicirraggio maje de sì. Vuje vedite papà che s’ha puosto ncapo, me vò dà a chillo mausoleo accossì brutto, accossì antipatico, e pecché? Pecché tene li denare. Mannaggia li denare, che a li vote, pe causa lloro fanno succedere tanta guaje. Io pò dico, D. Giammatteo pe tanto tiempo non se n’è ncarricato, mò l’è venuto lo capriccio de nzurà lo figlio, e pò lo vò dà justo a me!

ROSINA: Neh, Giulié, dimme na cosa, non te lo potarisse piglià pe fà contento a papà, e pò doppo no pare de mise le dice: stateve bene, non ve voglio cchiù?

GIULIETTA:Seh, l’ha pigliato pe no servitore, lo licenzio e ne lo manno. Sora mia, lo marito non è no cappiello, che quanno è asciuto de moda, lo lasso e te ne faje n’autro: no, lo marito è sempe chillo, e sulo la morte te pò fà spartere da isso.

ROSINA: Uh! Mamma mia! E tu avarrisse da stà pe tutta la vita toja vicino a uno che non può vedé?

GIULIETTA:E se capisce. Intanto è chest’ora, e Eduardo non se vede ancora! Io pò dico, tu saje sto fatto, viene priesto, pe vedè de penzà quacche cosa, de trovà no mezzo; non signore: và te trova addò sta, che sta facenno. Quanno vene, te voglio fà vedé che asciuta de quarto le voglio fà. A momento a momento te vedarraje venì a papà co D. Giammatteo e lo figlio. Ah! Che io stongo ncoppa a le spine!

ROSINA:Giulié, aggio pensata na cosa, tu pecché non nce lo dice a zio Asdrubale che faje l’ammore?

GIULIETTA:Meglio! Accossì non nce faciarria accostà cchiù Eduardo ccà ncoppa. Chesto avarria da sentere papà: chillo è tanto attaccato all’interesse, Eduardo non tene niente, sta pe commesso a no magazzino; ma capisce o non capisce che papà non tene ntenzione de darme dote? Va trovanno a uno ricco, che me sposa senza niente.

ROSINA:E comme faje?

GIULIETTA:E che buò che te dico. Chillo mpiso non se vede manco. Beh l’ammore veramente. Ah! Che si venarria mò, comme stongo la pigliarria a schiaffe.

SCENA QUINTA

D. Nicolino e dette.

NICOLINO:è permesso? (Di dentro.)

ROSINA:D. Nicolino lo maestro.

GIULIETTA:E chisto nce mancava.

ROSINA:Favorite, D. Nicolì.

NICOLINO (fuori): Vi saluto belle ragazze.

GIULIETTA:Buongiorno, D. Nicolì.

NICOLINO:Che cos’è? Vi vedo non sò come stammatina. V’è successo qualche cosa?

GIULIETTA:Niente D. Nicolì... so’ ghiornate che beneno. (Voltata.)

ROSINA:Gnorsì, so’ ghiornate che beneno (c.s.).

NICOLINO (a Giulietta): Papà è uscito?

GIULIETTA:Gnorsì.

NICOLINO (a Rosina): E siete sole?

ROSINA:Gnorsì.

NICOLINO:(Gran guaio hanno passato!). Ragazze, se stammatina potessimo fare presto presto, mi fareste somma grazia, perché, come sapete, oggi è lunedì, tengo la solita lezione a Portici.

GIULIETTA:Ecco ccà. Rosì, piglia li cartolari.

ROSINA (tira il fodero del tavolino e prende l’occorrente): Eccoli ccà. (Seggono.)

NICOLINO (guardando i quaderni): E che avete fatto? Qua stanno i quaderni perfettamente come li lasciai sabato.

GIULIETTA:Maestro, non avimmo tenuto capo de fà niente.

NICOLINO:E perché?

GIULIETTA:Pe cierte affare nuoste particolare.

NICOLINO:E allora che ci sono venuto a fare stammatina? Via, facciamo un poco di lettura. Dove sta la storia sacra? (Prende un libro, e l’apre.) Leggete... via.

GIULIETTA. A che pizzo?

NICOLINO:Qua, dove rimanemmo: «Sacrifizio di Abramo».

GIULIETTA (leggendo): «Sacrifizio di Abramo». (Cchiù sacrifizio de lo mio addò stà? Ma fino a che voglio io però, ma si me sagliene li canchere!) (Calpesta i piedi a Nicolino e lacera una pagina del libro.)

NICOLINO:Ahi!... D. Giulietta, voi mi rovinate!

GIULIETTA Aggiate pacienzia. (Per leggere.) Addò sta lo sacrifizio?

NICOLINO (prende la pagina lacerata): Lo vi ccà. Ah! Povero sacrifizio di Abramo! D.a Giulié facimmo priesto, perché io debbo spicciare pure a D. Rosina. Sà che nc’è de nuovo? Lasciamo stare la lettura. Facciamo un poco di analisi... Mò io vi domando, e voi mi rispondete.

GIULIETTA (non badando a Nicolino): (Io non m’arraggio pe niente, m ‘arraggio pe causa de D. Giammatteo).

NICOLINO (col quaderno in mano): Ogni... ogni che cos’è?

GIULIETTA:Ogni... Ogni non lo saccio maestro.

NICOLINO:è aggettivo...

GIULIETTA:(Tu haje da nzorà sto figlio tujo, nzoràlo a n’autra parte).

NICOLINO:Uomo... Uomo che cos’è?

GIULIETTA:(Non nce venì a tormentà a nuje).

NICOLINO:Uomo?

GIULIETTA:Aggettivo.

NICOLINO:No, è articolo... D.a Giulié voi che dite? Uomo è nome comune.

GIULIETTA:Nome comune.

NICOLINO (c.s.): Deve?

GIULIETTA (seguitando a parlare con Rosina): (Ma si me nfoco, non saccio a che ghiarrà a fernì la cosa, pecché io le dico bello bello: papà, vuje me commannate a tutto, e io v’ubbedisco, ma chesto pò no).

NICOLINO:D.a Giulié... Deve?

GIULIETTA:(Ché me volite nfelicità a me poverella? Che male aggio fatto io che m’aggio da chiagnere la vita mia vicino a uno che m’è antipatico?...).

NICOLINO:D.a Giulié, deve che cos’è?

GIULIETTA:(Pecché tene denare? E che me ne preme a me de li denare suoie? Caro papà, io cchiù priesto me vaco a menà a mare, ma a chillo non me lo piglio.., e...).

NICOLINO:D.a Giulié, deve?

GIULIETTA:Uh!... Nome comune, maestro...

NICOLINO:Vuje qua nomme comune. Che state dicenno?

GIULIETTA:Maestro, è meglio che sta lezione pe stammatina la lassammo stà, pecché non è cosa.

NICOLINO:Meglio così, cara D.a Giulietta, si no vuje mò me facite scordà chello che saccio. Ma che è stato se pò appurà?

GIULIETTA:Avite da sapè che papà me vò dà a forza pe marito a uno che io non voglio, a no figlio de n’amico sujo chiamato Giammatteo, pe ve fà capì, no turzo de carcioffola.

NICOLINO:E perché?

GIULIETTA:Pecché tene li denare.

NICOLINO:Ah! E voi perciò state così arrabbiata?

GIULIETTA:Ma se capisce, caro D. Nicolino.

NICOLINO:Ma è brutto assaje sto tale?

GIULIETTA:Oh! Assaie! Ma non sulo pecchesto io non lo voglio: faccio l’ammore co no giovene chiammato Eduardo.

NICOLINO:Sarà quello che qualche volta ho trovato qua sopra.

GIULIETTA:Già...

NICOLINO:E papà non vuole?

GIULIETTA:No...

NICOLINO:E come và che lo fà entrare in casa?

GIULIETTA:Pecché avite da sapé che chillo è commesso; e sta co papà dinto a lo negozio, e pò chillo m’è frate cucino.

NICOLINO:Ah!...

GIULIETTA:Gnorsì, pecché è figlio a na sora cucina de la bonarma de mammà.

NICOLINO:Allora è cugino largo. Ho capito; come cugino largo e come commesso de lo negozio de papà, vene dinto a la casa, papà non ne sape niente, e fate l’amore comodamente. Ma vostro padre perché non vuole acconsentire a farvelo sposare?

GIULIETTA:Perché non tene denare, lo capite? Intanto vedite si se rompe le gamme: io sto ncoppa a le spine. D. Nicolì, dateme no consiglio. Diciteme comme m’avarria da regolà?

NICOLINO:E che vj posso dire, cara D.a Giulietta? Io vi consiglierei di dire tutto a papà.

GIULIETTA:Tutto de che?

NICOLINO:Che fate all’amore.

GIULIETTA:Maestro site no ciuccio.

NICOLINO:Tante grazie.

GIULIETTA:Papà si saparria chesto, non lo faciarria trasì cchiù dinto a la casa.

NICOLINO:E allora che volite che ve dico?

ROSINA: Maestro, non potete vedere co na scusa de dircelo a zio Asdrubale?

NICOLINO:Io debbo aspettarlo, vedremo, cercherò con un sotterfugio di dirgli tutto. Intanto speriamo che venga presto. Io debbo andare fino a Portici, tengo una lezione che non posso mancare assolutamente, perché stamattina appunto debbo esigere la mesata.

ROSINA:Ma pecché aspettate a zi Asdrubale?

NICOLINO:Perché mi trovo senza un centesimo, e poiché non vorrei andare fino a Portici a piedi, vorrei essere anticipato qualche cosa in conto della corrente mesata.

ROSINA: Ah! Vuje pecchesto aspettate? E non diciveve niente, neh D. Nicolì? Mò ve li dongo io.

NICOLINO:Meno male.

ROSINA: Quanto ve serve?

NICOLINO:Non più di due lire.

ROSINA:Doje lire! D. Nicolì, vuje che dicite? E chi me la dà sta somma?

NICOLINO:Sta somma? Nenné, tu avisse ntiso malamente? Avisse ntiso duemila?

ROSINA: No, ma maestro mio, io me credeva cchiù poco, vuje che dicìte.

NICOLINO: E quanto te credive?

ROSINA: Io me credeva che ve servevene 5 o 6 solde.

NICOLINO:Nientedimeno! D.a Rosiné, jatevenne, faciteme sta finezza.

ROSINA: Allora avite da aspettà a zi Asdrubale.

NICOLINO: Aspettero.

SCENA SESTA

Pulcinella e detti.

PULCINELLA:Signò, Gesummina, addò sta?

GIULIETTA: Sta dinto arrecettanno li cammere.

PULCINELLA: Uh! D. Nicolì, justo justo, non te movere, t’aggio da parlà.

NICOLINO:(Che volarrà chist’autro?).

PULCINELLA:E comme và? Essa m’ha ditto che m’aspettava ccà.

GIULIETTA: Rosì, jammece ad affaccià a lo barcone de la cammera nosta. Vedimmo chi sà stesse Eduardo dinto a lo cafe dirimpetto.

ROSINA: Sì, dice buono, jammo. Maestro, permettete. (Viano.)

NICOLINO:Serviteve.

PULCINELLA:Oh! D. Nicolì, meno male che se ne so’ ghiute; t’aggio da parlà. Assettete lloco, e non te movere.

NICOLINO:Ma che buò? (Siede al tavolino.)

PULCINELLA (siede): Haje da sapé che io non voglio fà cchiù lo servitore... cioè non lo pozzo fà cchiù... pecché essa ha da stà a la casa, io... Oh! E ognuno diciarria: gué, sì ommo, non sì na femmena, eh... meno male... io pò tengo no poco de... pecché pare accossì... ma io capisce... dico mò... senza lappese saje? No... non me trovo.., basta... io si vene lo... che site vuje... io nce parlo, e... Oh! Mò che... ve l’aggio ditto e bona sera.

NICOLINO:Tu che haje ditto?

PULCINELLA: Abbuoniconte... io volarria essere mparato a scrivere e a leggere.

NICOLINO:Tu?... E staje frisco!

PULCINELLA:Pecché? Che te pienze che lo voglio essere fatto pe senza niente? Io te voglio pagà.

NICOLINO:Io non parlo pe chesto, dico che tu non sì ommo che te può imparà.

PULCINELLA:E pecché?

NICOLINO:E pecché sì no turzo, non capisce niente.

PULCINELLA: Che te l’ha ditto? Io quanno voglio fà na cosa bona la faccio. Addonca, jammo, non perdimmo tiempo.

NICOLINO:Ma che buò fà?

PULCINELLA:Io te l’aggio ditto, mparame a scrivere, jammo.

NICOLINO:Gué, dì la verità, tu pe te mparà a scrivere, l’haje pigliato che t’haje da mparà a fà la cazetta? Chello nce vò tiempo.

PULCINELLA: Comme! Nce vò tiempo! Ma tu pò che te cride che io non saccio fà niente? Io so’ stato tanto tiempo in collegio.

NICOLINO:Ah! Mò va buono: allora è n’auto paro de maneche, vale a dire che ti vuoi perfezionare nella calligrafia, vuoi riprendere lo studio? Ho capito.

PULCINELLA:Oh! perciò, fà lesto lesto. Già che nce trovammo facimmo la prima lezione.

NICOLINO:(Chisto è no ciuccione, le potesse sceppà quacche cosa). Eh, ma m’avarisseve da dare n’anticipo.

PULCINELLA:è giusto. Tiene, chisto so’ duje solde.

NICOLINO:Tu che staje combinanno! Che haje pigliato che vaco cercanno la lemmosena?

PULCINELLA: Tu haje ditto n’anticipo.

NICOLINO:N’anticipo. E tu piglie duje solde, e me li miette mmano? L’anticipo non pò essere meno de 5 franche.

PULCINELLA: Cinche franche? E io sta somma non me la trovo.., basta famme lezione che quanno vene lo patrone nce li cerco e te li dongo.

NICOLINO:Mò va buono. (Tanto pe tanto aggio da stà ccà.) Oh venimmoncenne a nuje, io mò t’aggio da provà.

PULCINELLA:E che m’haje pigliato pe mellone?

NICOLINO:Nonsignore, t’aggio da provà, aggio da vedè a che staje co li studie. Dimme na cosa, la grammatica la saje?

PULCINELLA:La grammatica?... No, la grammatica no.

NICOLINO:Oh! E chesto è lo forte, la grammatica è la prima cosa.

PULCINELLA:La primma cosa?... e io non la saccio... Ah! Caspita! mannaggia quanno male! Me sento no corrivo!...

NICOLINO:Eh, ma non te piglià collera sà, che non sì sulo. Si sapisse quante, meglio assaje de te, non sanno manco addò sta de casa. Dunque allora, quando vengo mercoldì, porterò la grammatica di Adone, e t’imparerai qualche cosa. Oh! Venimmo a nuje. La storia l’haje fatta?

PULCINELLA:Quale storia?

NICOLINO:La storia d’Italia.

PULCINELLA: No.

NICOLINO:E la storia sacra?

PULCINELLA: No.

NICOLINO: E lo nuovo e lo viecchio testamiento?

PULCINELLA:Chi ha fatto testamiento?

NICOLINO: Nisciuno. Che staje dicenno! Tu a chello che beco non saje niente?

PULCINELLA:Io che saccio tu che staje dicenno: io t’aggio ditto mpareme a scrivere e a leggere.

NICOLINO:Aggio capito. Va, vedimmo a che staje co la lettura.

PULCINELLA:Quà lattuca?

NICOLINO:No, la ncappucciata! La lettura... Giannetto lo sai?

PULCINELLA:E comme! Mò sta malato, povero guaglione, ajere fuie sciaccato!

NICOLINO:Chi?

PULCINELLA: Lo figlio de lo barbiere.

NICOLINO:Vattenne, ciuccione. Io parlo de lo libbro.

PULCINELLA:Ah! Lo libro? No.

NICOLINO: E a Taverna.

PULCINELLA:Doppo fatto lezione, nce ne jammo nzieme.

NICOLINO:Addò?

PULCINELLA:A la Taverna.

NICOLINO No, a la trattoria. Tu che capa tiene? Io dico le prime letture di Taverna. Basta, liegge ccà. (Apre un libro.) Il libro delle favole. (Leggendo:) «Il cane ed il gatto».

PULCINELLA:Addò stanno? Passa llà m’avesse da dà no muorzo?

NICOLINO:Nonsignore, sta scritto dinto a lo hibbro: hiegge: Il cane ed ilgatto, andiamo.

PULCINELLA (guarda il libro senza parlare).

NICOLINO:E quanno?

PULCINELLA:Addò aggio da leggere?

NICOLINO: Te l’aggio ditto, addo sta lo cane e la gatta.

PULCINELLA:Io non veco né lo cane, né la gatta.

NICOLINO:Qua... qua... (Indicando nel libro.)

PULCINELLA:Forse sarrà che non ce veco buono stammatina, ma io, parola d’onore, che non veco né lo cane, e né la gatta.

NICOLINO:Dì la verità, tu li volisse vedè veramente?

PULCINELLA:Non dico veramente, ma almeno pittate.

NICOLINO:Nonsignore, tu l’haje da leggere non l’haje da vedè.

PULCINELLA: Oh! E tu mò me l’haje ditto. (Si cala il berretto sino all’occhio.)

NICOLINO:Andiamo. Il cane ed il gatto.

PULCINELLA:Il cane ed il gatto.

NICOLINO:Appresso.

PULCINELLA:Appresso.

NICOLINO:Seguita.

PULCINELLA:Seguita.

NICOLINO:E quanno?

PULCINELLA:E quanno?

NICOLINO:Gué, tu che dice chello che dico io? Uh! chillo ha chiuso l’uocchie!

PULCINELLA:E tu me l’haje ditto.

NICOLINO:Io?

PULCINELLA:Già, tu haje ditto, l’haje da leggere, non l’haje da vedè.

NICOLINO:Uh! Mamma mia; tu me faje perdere la capa! E che d’è, volive leggere co l’uocchie nzerrate?

PULCINELLA:E io che ne sapeva, tu me l’haje ditto. Io pò quanno maje aggio letto?

NICOLINO:Me l’aveva figurato. Vattenne, bestione. Tu non saje fà niente, tu haje abbesuogno dell’abbecedario. Se n’era venuto che sapeva quacche cosa, che era stato a lo collegio. A te ti mancano i principii...

PULCINELLA (scena di rimprovero a soggetto): Embé, comme faccio?

NICOLINO: Quando verrò mercoldì porterò l’abbecedario, e incominceremo piano piano.

PULCINELLA:Miercorì?... Allora miercorì accominciammo. (Da sé.) Miercorì, giovedì, vienarì, sabato e domenica... (A Nicolino.) Pe domenica saccio scrivere?

NICOLINO:(Lasseme dicere chello che dice isso). Sicuro; pure pe sabato.

PULCINELLA:Pure pe sabato? Evviva, evviva D. Nicolino!

NICOLINO: Pulicené, saje cchiù o meno quanto autro tiempo pò tricà D.Asdrubale?

PULCINELLA:E io che ne saccio. (Voglio ire a dicere a Gesummina che pe domenneca saccio scrivere.) Maestro, permettete; io mò vengo. (Via.)

NICOLINO:Vuje vedite che aggio passato sta jornata!... Ho trovato pure che D. Asdrubale è asciuto, justo oggi, che aveva da jre fino a Puortece. Come è possibile che vaco fino a llà a piede? Io arrivo muorto. Ah! Sorte, sorte! e quando lascerai di perseguitare questo misero mortale? Lo bello sà che è, che io jenne a Puortece a fà chella lezione, mangiava llà, non andandoci starò digiuno. E sarebbe niente stare digiuno stamattina, ma quando da ieri non tengo nemmeno una bricciola di pane in corpo.

SCENA SETTIMA

D. Asdrubale, prima dentro, poi fuori, poi Saverio, Giulietta e Rosina, indi Giammatteo, in ultimo Annetta, Eduardo, Errico, Feliciello, e detto.

ASDRUBALE (di dentro): Gesummina... Saverio, Pulicenella... mmalora!...

SAVERIO (di dentro): Eccome ccà. (Attraversa la scena.)

ASDRUBALE (fuori): Priesto, priesto, lloro mò trasene. Saverio, curre da lo cuoco e dille che approntasse tutto. (Saverio via.) Giulietta, Rosina... priesto ascite ccà fora.

GIULIETTA:Che è succiesso?

ROSINA:Che è stato?

ASDRUBALE:So’ arrivate, stanno saglienno li grade, ricevetele comme se commene.

GLIULIETTA:Chi?

ASDRUBALE D. Giammatteo co lo figlio. (Vedendo Nicolino.) Uh! D.Nicolì, ve saluto. (Per andare.)

NICOLINO: D. Asdrubale, io...

ASDRUBALE:Uh! Maestro, non è momento de parlà mò. (Via correndo, poi torna.)

GIULIETTA:E chillo assassino manco se vede. Ah! Che stammatina faccio succedere n’aggrisso!

NICOLINO:Ma io debbo andare a Portici.

GIULIETTA:Uh! D. Nicolì, mò me la sconto co buje.

NICOLINO:Vuje vedite che aggio passato sta jornata!

ASDRUBALE: Trase, trase, Giammatteo, chesta è na stalla pe te.

GIAMMATTEO:Asdrù, Asdrù fra di noi non nce hanno da essere ste cerimonie. (Vedendo Giulietta.) Oh! Bravo! Chesta è chella figlia toja piccerella? Oh! comme s’è fatta bella, evviva veramente! (La carezza.)

ASDRUBALE:E Annetta! E Feliciello?

GIAMMATTEO:Stanno sagliendo li grade.

ASDRUBALE:Mò vaco io. (Via, poi torna.)

GIAMMATTEO:E chest’autra giovene chi è!

GIULIETTA: è na sora mia cugina.

ROSINA Vostra serva.

GIAMMATTEO:Padrona mia. E chillo signore?

NICOLINO:Nicolino de Corno... al vostro servizio.

GIAMMATTEO:Grazie tante.

NICOLINO:Maestro di scuola delle due ragazze.

GIAMMATTEO:Bravo, bravo! Facite scola co isso? Pure figliema fà lezione co no cierto D. Errico, che mò vedarrate, no buono giovene, sapite; e che volite che ve dico, tanto io che figliema nce avimmo puosto tanta affezione da non credersi. è n’anno e miezo che le fà scola, l’ha mparata bona assaje, l’ha mparata pure a parlà de n’autra manera... che saccio... Francese... e quanno me vonno cuffìà no poco pe ridere, se mettono a parlà tutti li duje francese, io pò non capisco, non posso risponnere, e loro se schiatteno de risa!

NICOLINO:Ed è venuto ad accompagnarvi?

GIAMMATTEO:Già, se capisce, sempe co nuje, non ghiammo a na parte senza portarce a isso.

ASDRUBALE (fuori con gli altri): Eccome ccà: favorite, favorite.

GIULIETTA (vedendo i due): (Che!... Eduardo!...).

ANNETTA (a Eduardo): Grazie. (A Giulietta:) Carissima amica, ti rivedo dopo sette anni. (La bacia.)

GIULIETTA:Ah!... sì doppo... (Guardando Eduardo.)

EDUARDO:(Cielo mio! Si potesse dire qualche cosa a Giulietta!). (Le fà dei cenni.)

ASDRUBALE: Neh, se credete, perché non nce assettammo? (Prende le sedie e tutti seggono.)

GIAMMATTEO:Seh, dice buono, co tutto che songo assettato da li seje de stammatina, pure me sento stanco. (Seggono, Feliciello vicino a Giulietta, Asdrubale vicino a Giammatteo, Errico ad Annetta, Eduardo, Nicola, Rosina.)

ERRICO (piano ad Annetta): (E potrò soffrire tanto io?).

ANNETTA:(Zitto).

ERRICO:(Crudele!).

GIULIETTA: (Ma comme è possibile, Eduardo pe sotto a lo vraccio co Annetta! Ah! Briccone!).

ROSINA (guardando Felice): (Quanto me piace chillo giovene!).

NICOLINO:(Io vorria sapè qua che faccio! In ogni modo debbo mangiare).

ASDRUBALE:E accossì, non se chiacchiarea? Nisciuno dice na parola? Parlate, dite qualche cosa?

GIAMMATTEO:Eh! Eh!... Asdrù... che vuoi che dicessero? Le vorrisse fà fà li squase mò nnanze a nuje? Se sape, si è pe Feliciello, povero guaglione, non ha fatto mai all’amore.

ASDRUBALE:E manco Giulietta.

GIAMMATTEO:E donche! Si è pe figliema Annettuccia, povera piccerella, se vede mbrogliata, manco ha fatto all’amore ancora: quel giovine non sò poi se a fatto all’ammore con qualchedun’altra: credo che sì, non è vero?

GIULIETTA: (Che sento!).

EDUARDO:Io?... (Guarda Giulietta.) Io no... questa è la prima volta che... (Ah! Si Giulietta sapesse...)

GIULIETTA:(Ah! Che io mò crepo!).

GIAMMATTEO: Dunque, vide mò comme li vuò fà parlà... Aspetta che pigliassero confidenza, e vide pò... non è vero Felicié?

FELICIELLO:Sì... se sa... se.

NICOLINO:(Chillo che ha ditto?).

ROSINA:(Oh! Quanto è aggraziato chillo guaglione. Maestro, comme ve pare D. Feliciello?).

NICOLINO:(Figlia mia, chillo è no turzo de carcioffola).

ROSINA:(Site cchiù bello vuje. Sciù pe la faccia vosta!).

NICOLINO:(Gué, nfaccia a lo maestro!).

GIULIETTA:(Assassino! E perché m’ha fatto chesto? Ma me l’ha da pagà!).

ASDRUBALE:Giammatté, tu sei del mio parere?

GIAMMATTEO:De che cosa?

ASDRUBALE:Chisti matrimmonie l’avimmo da combinà dinto a poco tiempo, dinto a manco no mese: comme te pare?

GIAMMATTEO:Sicuro, pure dinto a na settimana. Pé me, quanto cchiù priesto è, meglio è. Si sapisse che premura m’ha fatto Fehiciello pe venì ccà! Non è vero neh, Felicié?

FELICIELLO:Sissignore, sissignore...

GIAMMATTEO:Pe na settimana intera, appena se scetava la matina diceva: papà, quanno partiamo, quanno jammo da D. Asdrubale, quanno veco a Giulietta? Quanno me facite nzorà? E io le diceva: a n’autre duje juorne jammo a Napole, e isso zumpava, steva allegro. S’ha mparato tanta cose che ha da dicere alla sposa, D. Errico l’ha mparato pure lo sonetto.

ASDRUBALE:Uh! E sentimmolo, va.

GIAMMATTEO:Felicié, dì lo sonetto che t’haje imparato.

FELICIELLO:No... io non me lo ricordo.

GIAMMATTEO:Comme, tu appunto stammatina dinto a lo vapore l’haje ditto? Meh, priesto non te piglià scuorno.

FELICIELLO:Ma vedete... io...

ASDRUBALE:Non te mettere scuorno, meh: lassece sentere lo sonetto.

FELICIELLO: Vedite, io m’aggio d’alzà, lo debbo dire con le mosse.

ASDRUBALE:E sì, susete.

GIAMMATTEO:Jammo, miettete ccà. (Lo situa nel mezzo.) Mò sentite come declama bene.

GIULIETTA: (Cielo mio! Io mò moro!).

FELICIELLO:Io incomincio?

ASDRUBALE:Zitti tutti!

NICOLINO:(Ccà nisciuno sta parlanno!).

FELICIELLO (con enfasi infantile):

Sposa vezzosa, allegrati,

Giunto è il felice istante

Che i tuoi compensa e i palpiti

Del tuo fedele amante;

L’istante felicissimo,

Che in tenere catene

Stringe due cuor che s’amano

Uniti Amore e Imene!

TUTTI (meno Giulietta): (Bene! Bene!).

FELICIELLO:Grazie a tutti. (Va a sedersi.)

GIAMMATTEO:Avite ntiso?

ROSINA:(Oh! Quanto me piace! Maestro, comme s’è portato?).

NICOLINO:(Comme a no birbante).

ROSINA:(Ah, neh? Mò nce lo dico a lo patre!).

NICOLINO:(Statte zitto p’ammore de lo Cielo! No; s’è portato buono!).

ASDRUBALE:Bravo veramente! E chisto signore nce l’ha mparato?

GIAMMATTEO:Già: ma chesto è niente, bisogna vedè comme m’ha strutta Annetta.

ERRICO:Oh! a...

GIAMMATTEO:Oh! Non è perché sta presente, ma è nu buono maestro. Vide, Asdrù, l’ha mparata per fino a parlà francese. Vi che èforte, sà...

NICOLINO:(Vi che abilità!).

GIAMMATTEO: Volite sentere no poco? Andiamo, parlate no poco francese.

ANNETTA:Oh! Papà...

GIAMMATTEO:Eh! essa pure se mette scuorno! Maestro, ve ne prego, facitece sentì no poco. Ma ve prevengo vuje non ne capite niente, sa... ma nce trovate piacere. Andiamo.

ERRICO: Facciamoli contenti. (Ad Annetta:) Mademoiselle, comment trouvez vous ce séjour?

ANNETTA: Beau, tre beau.

ERRICO:Mais qu ‘est ce que tu songe de faire pour ce que nous arrive icì?

ANNETTA: Laisse que la chose aille en avant, et apres l’on verra. Moi, je te serais toujours fidèle.

ERRICO:Le jure tu?

GIAMMATTEO:Che! Comme ve pare?

ASDRUBALE:Bene! Benissimo.

TUTTI (meno Giulietta) Bravissimo.

ERRICO:Oh! grazie.

SCENA OTTAVA

Saverio e servi con tavola imbandita e detti.

SAVERIO:Signori miei, vuje permettete?

ASDRUBALE: Ah! Sì, la tavola. (Tutti si alzano, i servi portano nel mezzo la tavola, Saverio prepara le sedie al loro posto.)

SAVERIO:Signò, lo cuoco ha ditto che è lesto.

ASDRUBALE:è lesto... Bravo! signori miei, pigliate posto. (Saverio via poi torna.)

NICOLINO:D. Asdrù,. io...

ASDRUBALE:Vuje restate co nuje. E che d’è, ve ne voliveve ire? Assettateve, e mangiate vuje pure.

NICOLINO: Grazie dell’onore. (Tutti seggono nella stessa posizione di prima.)

GIULIETTA:(Ah! Che mmece de mangià vorria veleno!).

ERRICO:(Oh! Dio mio, quali terribili momenti!).

EDUARDO:(Chi sà che sta pensanno Giulietta de me! Oh! Si sapesse che so’ nnocente!).

ANNETTA:(Io non sò che risolvere. Povero Errico! Misera me, in quale posizione mi trovo!).

SCENA NONA

Pulcinella, Gesummina e detti.

PULCINELLA: Neh, ccà se mangia?

ASDRUBALE:Non ancora: e tu intanto vì si te muove!

PULCINELLA:Io non ne sapeva niente, permettete. (Sta per sedere.)

ASDRUBALE:Gué, susete da lloco. E che cos’è sta confidenza? Andiamo. (Pulcinella si alza.)

GIAMMATTEO:Chi è chisto?

ASDRUBALE: è no servitore mio.

GIAMMATTEO:Nientemeno! Servitore!

ASDRUBALE:Già, e se steva assettanno ccà. Jesce fora.

GESUMMINA (piano a Pulcinella): (E comme sempe ciucciarie haje da fà? Arremedia mò, dì che li volive servì ntavola).

PULCINELLA:Signò, io ve voleva servì ntavola.

ASDRUBALE:Ah! Mò va buono. E va, va da Saverio, vide che te dà, e lo puorte.

PULCINELLA: Eccome ccà. (Per andare incontra Saverio con zuppiera di maccheroni.) Damme ccà, Savé.

SAVERIO:Che haje da fà?

PULCINELLA:L’aggio da portà a tavola.

SAVERIO:Io te ringrazio tanto dell’ajuto che me vuò dà. Songo arrivato. (Mette la zuppiera in tavola.)

PULCINELLA:Comme! Io aggio da servì ntavola...

SAVERIO: Oh! Mò va buono. Mentre io vaco dinto, tu li sierve. (Via.)

ASDRUBALE Signori miei, ve voglio fà pruvà li maccarune che fà lo cuoco mio. Oh, non faccio per dicere, ma cucina buono assaje. (Fa le porzioni a tutti.) Mangiate, mangiate. (Dando il piatto ad Annetta:) A la sposa.

ERRICO: (Ah! La bile mi soffoca!).

ASDRUBALE (dando il piatto ad Eduardo): A lo sposo!

GIULIETTA: (Ah! Cielo mio! L’arraggia me schiatta ncuorpo! Chillo nfame me fà sto sorte de tradimento nnanze all’uocchie mieje stesse, senza na ragione. Nfame! Assassino! Ah! Che non ne pozzo cchiù). (Si alza, getta la sedia per terra, e via su tutte le furie.)

ASDRUBALE: Che è succiesso?

GIAMMATTEO:Pecché se n’è ghiuta dinto?

GESUMMINA (guardando): Uh! Cielo mio! Chella è caduta nterra co na convulzione! (Via correndo.)

ASDRUBALE: Uh! E pecché?

EDUARDO (alzandosi): E pecché? Pecché vuje nce avite colpa, vuje che mmece d’essere padre, site..., pecché si fusseve veramente padre, non avarrisseve permesso... è meglio che me ne vaco, si no ccà succede brutto!... (Via in collera.)

ASDRUBALE (a Rosina): Ma tu almeno saje quacche cosa?...

ROSINA: Io?... Io che saccio? Che volite sapè da me? Vuje facite li bestialità, vuje non sapite fà lo padre, e pò volete sapè da me... che aggio da dicere io? Che volite che ve dico?... E meglio che non parlo, si no... (Via correndo.)

ASDRUBALE: Giammatté, pacienza; vedimmo che è stato, io non ne capisco niente! (Viano.)

FELICIELLO: Papà, vengo con voi. (Via.)

ERRICO (alzandosi con Annetta): Crudele questo mi tocca soffrire! Dopo 18 mesi di amore, dopo tanti giuramenti ora vieni a maritarti con un altro.

ANNETTA: Sì, ma che non amo, e non amerò giammai. Ho contentato mio padre venendo qui, ma sposarlo giammai! E potrei dimenticarti?

ERRICO: Dunque, tu mi sarai sempre fedele?

ANNETTA: Sempre... eternamente! (Viano.) (Pausa. Nicolino guarda Pulcinella, il quale dopo essersi assicurato che nessuno può sorprenderlo, va alla tavola, prende tutti i piatti e ne versa il contenuto nella zuppiera, prende una forchetta, ne dà un’altra a Nicolino, e gli fa cenno di mangiare. Alla prima forchettata, si sente la voce di Asdrubale: i due rimangono a guardarsi intimoriti.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

La stessa scena del primo atto.

SCENA PRIMA

Rosina indi Gesummina, dalla porta a destra in fondo.

ROSINA: Sì, aggio pensato, le scrivo na lettera e le dico tutto. Oh! Quanto me piace, quanto me piace! Appena l’aggio visto, me ne songo nnammorata. Uff! Ciuccia che songo, me metto a alluccà de chesta manera! Si quaccheduno m’avesse ntiso... non voglia lo Cielo e lo sapesse zì Asdrubale.

GESUMMINA: Signori, comme sta la sora vosta?

ROSINA: Sta bona, sta bona: chella è stata na piccola convulsione.

GESUMMINA: Ma pecché l’è venuta non se sape?

ROSINA: Pecché? E tu non lo saje lo pecché? Pecché zì Asdrubale vò pe forza che se sposa a lo figlio de don Giammatteo; Giulietta non lo vò, non pecché fosse brutto, pecché dicimmo la verità, chillo è aggrazziato, ma pecché fà l’ammore co Eduardo.

GESUMMINA: Io lo saccio che fà l’ammore co D. Eduardo, ma non sapeva che lo padre le vò dà pe forza a chill’autro... Aggio capito... chella pe chesta ragione...

ROSINA: E pò, chella povera Giulietta pe forza l’aveva da venì la convulsione, si chillo nfame de lo nnammorato se n’è benuto pe sotto a lo vraccio de chella Donna Squinzia... E và cride all’uommene! Chillo ajere a lo juorno se ne jette accossì bello mpace; pò stammatina tutto nzieme se ne vene co la figlia de D. Giammatteo pe sotto a lo vraccio, a riseco de farle venì no moto a chella poverella.

GESUMMINA: Vuje che me contate! Oh, io chesto non lo sapeva! Allora have ragione la signorina.

ROSINA: Sicuro che have ragione.

GESUMMINA: E diciteme na cosa: a D. Asdrubale che l’avite ditto, che pe quale ragione s’era sosuta da la tavola, e l’era venuto chillo svenimento?

ROSINA: L’avimmo ditto che s’era disturbata, che l’era venuto no forte votamiento de capo, ed è stata costretta de soserse da la tavola.

GESUMMINA: E se l’ha creduto?

ROSINA:Non sulo isso, ma tutte quante l’autre.

GESUMMINA: Meno male... Ah, la vi ccà la signorina.

SCENA SECONDA

Giulietta e dette, poi Annetta.

GIULIETTA: Oh, Rosì, tu staje ccà?

ROSINA: Sì, Giuliè, che vuò quacche cosa?

GESUMMINA: Signorì, volite niente?

GIULIETTA: No, niente... niente. Volarria solamente chillo ngrato, chill’assassino dinto a li mmane meje. Haje visto che m’ha fatto neh, Rosì?

ROSINA:Comme, io aggio visto tutto!

GESUMMINA: Signorina mia, volite che ve dongo no consiglio? Lassatelo, non lo guardate cchiù nfaccia, pecché n’ommo che arriva a fà chesto, è capace de tutto.

GIULIETTA: Sì, sì, dice buono... Non l’aggio da guardà cchiù nfaccia, non l’aggio da fà sentere cchiù la voce mia. Ma io non me pozzo ancora fà capace! E comme!... Metterse a fà l’ammore co n’autra mentre ajere me strignette la mano... e... (Piange.)

GESUMMINA: Signori, non chiagnite, che n’avite da fà? Uommene e tanto avasta. Quanno te stanno vicino, core mio, anema mia, tesoro, angioletto, e pò appena vedono na figliola che le dà cchiù genio, trovano na scusa qualunque, e te lassano. Oh! Quanto sarrìa meglio si uommene non nce ne stessero, che fossero sule femmene: non nce sarriano dispiacere, non nce sarriano contraste, non nce sarriano gelosie.., non... Eh! mannaggia... nce vonno a forza... che s’ha da fà! (Via.)

GIULIETTA: Rosina mia, aggio pensato, isso m’ha fatto sto sorte de tradimento, e io nce l’aggio da fà chiagnere; papà che bò, che io me sposo a lo figlio de D. Giammatteo, e io me lo sposo, e lo volarraggio bene cchiù de isso... (Piange.)

ROSINA: (Povera Giulietta!). Gué, Giuliè: la figlia de D. Giammatteo vene da chesta parte, non fà vedè che staje chiagnenno.

GIULIETTA:Essa! (Si asciuga le lagrime.)

SCENA TERZA

Annetta e dette, poi Eduardo.

ANNETTA: Mia cara amica, se...

GIULIETTA: Amica? Amica! Ed haje lo coraggio de chiamarme tale? Haje lo coraggio de venirme a parlà? Briccona! Ma te pienze che l’affare camminarrà sempe accossì? No! Io strillarraggio, io farraggio no chiasso, e quanno se saparrà lo fatto, tu sarraie chiammata na civetta.

ANNETTA: Giulietta, come parli?

GIULIETTA: Parlo comme parlarria chiunque autra a lo caso mio... Già io non me l’aggio da piglià co tte, pecché... Io non saccio io stessa che aggio da dicere. (Via.)

ROSINA: Figlia mia, chella have ragione, pecché chella poverella mentre... venite tutte nzieme, e... vestiteve de li panne suoje... chesto che cos’è! Che saccio... vuje manco nce parite. (Via.)

ANNETTA: E che diavolo è avvenuto non si può sapere? Ma che cosa ha voluto intendere Giulietta con quelle parole? L’avesse fatto per divertirsi con me, per ridere alle mie spalle? Oh! E impossibile, Giulietta parlava seriamente.

EDUARDO (uscendo) Signorina... (chesta sta ccà! Si lo sapeva non ce sarrìa trasuto.)

ANNETTA: Signore... (Lui! Quanto sarebbe stato meglio se non mi avesse trovata qui.)

EDUARDO: (Chesta have ragione, poverella, ma lo core è de Giulietta).

ANNETTA: (Poveretto, mi fà compassione, ma io non potrò mai amarlo).

EDUARDO: (Eh, ma io aggio da dà colore alla furberia, si no chesta è capace de dì tutto a zì Asdrubale).

ANNETTA: (Bisogna lusingarlo un poco, altrimenti può dire tutto a papà). E così non parlate? Siete rimasto fermo e muto come un sasso.

EDUARDO: Ah! Sì... vedete... io...

ANNETTA: (Poveretto, quanto lo compiango!). Voi siete sempre gentile, sempre compito!

EDUARDO: (Poverella, me fà proprio pietà!). Per carità, volete confondermi.

ANNETTA: Vogliamo sedere?

EDUARDO: Sedere?... (Si esce Giulietta!...) Come volete. (Seggono.)

ANNETTA: Questo matrimonio, dunque?

EDUARDO: Quale matrimonio? Il nostro?

ANNETTA: Sicuro, domando quando si farà?

EDUARDO: (Pe me manco si me sparano). Eh, quando vuole mio zio Asdrubale!

ANNETTA: (Stai fresco!). Bravo. Ma vedete la combinazione, questo sarà un matrimonio fatto proprio su due piedi, senza conoscerci... Fortunatamente appena vi ho veduto ho inteso un certo affetto per voi, e posso dire che ambisco... bramo queste nozze... (Bisogna fingere, non ci è che fare.)

EDUARDO: (E staje fresca!). E io pure, vedite, senza conoscervi, appena vi ho veduta mi sono innamorato di voi... (Capisco che faccio male, ma è la necessità.)

ANNETTA: Oh! L’amore, è una gran bella cosa! La più grande felicità sulla terra, è quella di amare ed essere riamato.

EDUARDO: Ah! Bravo. (Marcato.) Ed essere riamato!

ANNETTA (marcato): Ed essere riamata! Alle volte però si trova, per esempio, un giovine che ama perdutamente, ma che non è riamato.

EDUARDO: Parimenti alle volte si trova una giovinetta che ama pazzamente, ma che non è riamata affatto.

ANNETTA: E sapete com’è brutto?

EDUARDO: Oh, bruttissimo!

ANNETTA: Ma io poi vorrei dire a quest’uomo che ama e che non è riamato: Senti amico mio, se colei non ti ama, non è perché sei brutto, no; ma non t’ama, perché forse amerà un altro: perciò mettiti il cuore in pace, fà scemare cotesto amore che hai per lei, giacché ella non potrà mai amarti, no, no, no!

EDUARDO: Ma sicuro: questo è quello che vorrei dire io pure a quella tale giovinetta, che ama e non è riamata: Ragazza mia, chillo non pò volerte mai bene, non perché sì brutta, ma pecché tene dinto a lo core una femmena, una sola femmena che per esso è tutta la vita soia, e sulo la morte nce la pò fà scordà!

ANNETTA: Ma perché vuoi farti lusingare?

EDUARDO: Ma pecché te vuò fà ngannà?

ANNETTA: Voi non siete brutto, e troverete, siatene certo, una giovine che corrisponderà al vostro amore.

EDUARDO: State pure sicura che troverete un giovine che vi amerà come voi lo amate, perché siete bella, graziosa, e soprattutto ricca!

ANNETTA: Ricca! E come sapete voi che quella donna alla quale rivolgereste queste parole, possa essere ricca?

EDUARDO: (Uh! M’è scappata!). Immagino, immagino solamente.

ANNETTA: La ricchezza! Ma che cosa vuol dire questa parola? Io sono ricca, sì, ma figuriamoci che io non vi amassi, che cosa fareste voi della mia ricchezza?

EDUARDO: Ah! è un fatto!

SCENA QUARTA

Errico, in fondo in osservazione, e detti.

ANNETTA: Il nostro matrimonio dunque, è vicino?

EDUARDO:Vicinissimo.

ERRICO: (Che sento!).

ANNETTA: In quanto a me, vi accerto che saprò essere moglie ubbidiente ed affettuosa.

EDUARDO: Ed io marito affezionatissimo.

ANNETTA (alzandosi): Permettete?

EDUARDO: Accomodatevi.

ANNETTA: (Povero giovine. Quanto è infelice!). (Via.)

EDUARDO: (Povera figliola, me fà pietà!). Intanto io era venuto ccà pe vedè de parlà co Giulietta, e dirle tutto, e non l’aggio vista ancora! Potesse sapè da Saverio, se... (Per uscire.)

ERRICO: Signore, un momento.

EDUARDO: Oh! Carissimo maestro...

ERRICO: Debbo dirvi due parole, se pur non vi è d’incomodo.

EDUARDO: Incomodo affatto. Parlate.

ERRICO: Pochi momenti or sono, io stava qui, ed ho intese le ultime parole che ha detto a voi quella giovine.

EDUARDO:Come: voi?

ERRICO: Lasciatemi dire. Sappiate dunque che io sono Errico Fiorino di Benevento; ero un misero maestro di letteratura, e vivevo con quel poco che mi davano cinque o sei ragazzi del paese, ai quali faceva lezione. Due anni fà conobbi il signor Giammatteo, questi mi guardò di buon occhio fin dal primo giorno che entrai in sua casa, volle farmi dare lezione ai suoi due figli Annetta e Feliciello, mi teneva a pranzo quasi ogni giorno con lui, mi trattava, mi amava come un suo terzo figlio... Signore, in poche parole, io m’innamorai di Annetta, Annetta s’innamorò di me ed entrambi ci amammo di un amore immenso, indicibile... Ma io non poteva andare da suo padre, perché la mia posiziohe non lo permetteva... pur tuttavia sperav’amo. Il giorno 8 corrente... Oh! giorno fatale; Don Giammatteo fece leggere una lettera a sua figlia in cui si parlava del suo matrimonio con voi. Oh! Signore, se avete cuore nel petto, se avete amato veramente, figuratevi la mia posizione e quella di Annetta. Obbligati a partire, siamo venuti, qui, dove ho perduto ogni speranza, ogni felicità!

EDUARDO:Affatto! Voi che dite! Oh! Fortuna! Voi dunque amate Annetta?

ERRICO:Oh! Più di me stesso.

EDUARDO:Annetta ve vò bene?

ERRICO:Oltre ogni credere.

EDUARDO:Oh! Sorte! Oh! Contento!

ERRICO:Ebbene?

EDUARDO:Voi dovete sapere che Annetta... se voi l’amate assai, a me non me passa manco pe la capo.

ERRICO:Che!

EDUARDO:Sissignore, sappiate che io faccio l’ammore co... ma silenzio...

ERRICO:Oh! Vi pare!

EDUARDO:Io faccio l’ammore co Giulietta.

ERRICO:Che sento! Come, la sposa del fratello di Annetta?

EDUARDO:Perfettamente... è n’anno e miezo: lo padre non ne sape niente, pecché io non nce l’ho potuto dire.

ERRICO:E perché?

EDUARDO:Per l’istessa vostra ragione.

ERRICO:Oh! Benissimo, per bacco! Signore, voi mi avete consolato!

EDUARDO:Voi mi avete addecriato!

ERRICO:Voi mi avete data la vita!

EDUARDO:Voi mi avete data la salute.

ERRICO:Permettetemi, vado a dir tutto ad Annetta. (Via.)

EDUARDO:Solamente io non pozzo dicere niente a Giulietta. Vuje vedite che combinazione io me credeva che chella... Ah! Pecchesto ha parlato de chella manera co me. Ah! Si potesse vedè a Giulietta.

SCENA QUINTA

Feliciello, e detto, indi Giulietta.

FELICIELLO:Neh, scusate sapete dove sta Giulietta?

EDUARDO:(Chisto mò me ndispone! Io la vaco trovanno, e chillo vò sapè da me addò sta!). Nonsignore, non lo so.

FELICIELLO:Neh, ma scusate, ve vorria dì na cosa... Vedete, io non sò perché non se fà trovare.., è certo che noi facciamo all’amore, è vero?... Dunque dobbiamo pure sposare... che sò... non ci parliamo... non ci vediamo... non.., che sò... me pare na cosa curiosa... è vero?

EDUARDO:Io che saccio... vuje che volite da me?

FELICIELLO: No... ecco ccà... io ragiono.., perché io dico... è certo che tu m’ami, è vero? Io pure... papà pure me vò bene... D. Asdrubale, tutti mi vogliono bene e dunque voi pure, è vero?.., voi pure m’amate...

EDUARDO:E io cchiù de tutte quante.

FELICIELLO:E dunque perché non sposiamo?

EDUARDO:Io e buje?

FELICIELLO: No, io e lei... e come! Io e voi! (Ride.) Noi siamo tutti e due uomini.., no, con voi non può essere, voi siete uomo..., vedete, fusseve donna.

EDUARDO:(Vuje vedite che turzo che è chisto!).

FELICIELLO (guardando): Ah! Si è lei... Giulietta... finalmente; la vedete llà, sta venenno.

EDUARDO:(Essa! Oh! Cielo mio, te ringrazio! Comme faccio pe nce parlà mò, co chisto nnanze?).

GIULIETTA (vedendo Eduardo): (Isso! Oh! sorte, nce sta pure D. Feliciello).

FELICIELLO:Giulietta mia, come stai, ti è passata quella convulsione?

GIULIETTA:Sì, sì, mio caro D. Feliciello.

FELICIELLO:Giulietta mia, dove sei stata fino adesso che non ti ho potuta trovare?

GIULIETTA:Stava dentro. E perché non siete venuto? Me faciveve assaje piacere; dinto a sto tiempo io non aggio pensato che a buje... a buje sulo!... (Seggono.)

FELICIELLO:E io pure.

GIULIETTA:(L’aggio da fà schiattà ncuorpo!).

FELICIELLO (piano a Giulietta): Neh, pecché non se ne và quello là?

GIULIETTA:(E si se ne va chillo, staje frisco!).

FELICIELLO (a Eduardo): Neh, scusate, jatevenne, lassatece parlà.

EDUARDO:(Mò le chiavo no punio sotto a le mmole!).

FELICIELLO:Andate da Annetta mia sorella, quella vi starà aspettando.

GIULIETTA:Ah! Annetta dunque è a nnammorata de chillo signore?

FELICIELLO: Sicuro. E come, tu non lo sai? Già, Annetta e lui fanno all’amore, e si debbono sposare.

EDUARDO:(Uh! Puozze passà no guaio!).

GIULIETTA: Ah! Neh?

FELICIELLO:Sì, ma parliamo di noi, bella Giulietta. (Le bacia la mano.)

EDUARDO (correndo a sedersi accanto a Giulietta): Ma me vuò sentere, o no? Ma capisce che io so’ stato forzato da zì Asdrubale de fà chesto. Capisce che stamattina venenno ccà, m’ha voluto pe forza portà co isso a la stazione pe ghì a scontrà a D. Giammatteo, ma capisce che io non aggio avuto comme avvisarte, ma te pare che io te tradeva de chesta manera? E io me poteva scordà de te? A me chella femmena non me passa manco pe la capo, comm’essa non pò vedè a me pecché ama n’autro.

GIULIETTA:Comme! Tu che dice?

EDUARDO: Dico la verità.

GIULIETTA:Comme! Tu?...

EDUARDO:Io sono stato obbligato da zì Asdrubale; che volive che le diceva de no, acciò chillo non me faceva cchiù trasì dinto a la casa, fenevemo de vederce? Aggiò ditto de sì, ma co la vocca, ma tu sì lo core mio, tu sì la sola femmena che aggio amato, e che amarraggio nfino a la morte.

GIULIETTA (alzandosi): Veramente?

EDUARDO (c.s.): Te lo ghiuro!

GIULIETTA:E Annetta non la può vedé?

EDUARDO:Manco pe suonno.

GIULIETTA:E fa l’ammore?

EDUARDO:Co n’autro, co no giovane che mò nce aggiò parlato. (Viano parlando sempre con calore.)

FELICIELLO (si alza e va dove sono entrati i due): No, fate i comodi vostri, sapete... Bella figura che nce aggio fatta! Dunque vale a dì che Giulietta fa l’ammore co chillo... eh, ma comme pò essere se quel signore è l’innamorato di mia sorella... e che fa... Oh! No, io per me non la voglio sposare più. Nce lo dico a Papà... quella fà l’amore con un altro...

SCENA SESTA

Pulcinella, poi Asdrubale, Giammatteo e detto.

FELICIELLO (vedendo Pulcinella che esce): Bell’uomo, abbi pazienza, vieni qua, levami una difficoltà!

PULCINELLA:Fate presto presto, perché aggio che fà...

FELICIELLO:Dimmi una cosa, Giulietta la figlia di D. Asdrubale fà l’amore?

PULCINELLA:Non me lo ricordo bene. Permettete. (Per andare.)

FELICIELLO:Vieni qua, aspetta. Come non te lo ricordi? Senti, se mi dici la verità, ti darò cinque lire.

PULCINELLA:Cinco lire! Ah, sissignore, fa l’ammore.

FELICIELLO:Ah! Da tempo assai?

PULCINELLA:Uh! Da trent’anne. Dateme li cinche franche.

FELICIELLO:No momento. Quanto hai detto? 30 anne? Eh!

PULCINELLA:No, voleva dì 30 juorne!

FELICIELLO:Trenta giorni, ah! Mò va bene.

PULCINELLA:(Vì si me dà le cinche lire!).

FELICIELLO:Ah! Birbante!... Trenta giorni... e intanto me fà venire a me qua, mentre faceva l’amore con quell’altro... e perché l’ha fatto?

PULCINELLA: Sapete, cinche franche. (Si lega alla giamberga di Feliciello.)

FELICIELLO:Papà non ne sa niente, papà si crede che quella mi vuol bene... oh! Io ce lo dirò: caro papà, io ci ho fatto una figura infelicissima.

PULCINELLA:Amico, li cinche lire.

FELICIELLO E Annetta... la povera Annetta... che non ne sa niente. Ah! Povera sorella mia! Oh! no! Vado subito a dirle tutto. Annetta mia, lascialo subito, quello fà l’amore con Giulietta, con quella che mi doveva sposare io. Papà, voi avete preso uno sbaglio, D. Asdrubale vi ha ingannato.

PULCINELLA:Li cinche franche. (E chi te lassa!) (Viano in giardino.)

ASDRUBALE (uscendo): Dunque quanno volimmo combinà sti matremmuonie?

GIAMMATTEO: E n’autra vota mò... quanno vuò tu; pe me songo indifferente, o sposare mò, o n’autro mese, per me è sempe lo stesso.

ASDRUBALE:Io diciarria quando cchiù priesto potimmo.

GIAMMATTEO: Sì, sì, quanno vuò tu Asdrù, te dico la verità, tu tiene na bella casa.

ASDRUBALE:Te piace?

GIAMMATTEO:Assaje, è ariosa e comoda.

ASDRUBALE:Eh, ma tu non haje visto ancora lo riesto; io ncoppa tengo no quartinetto aggraziatiello, so’ doje stanze e na loggia da dò se vede tutto lo munno. Ah! è proprio na bella cosa! Che vuò che te dico, io so’ stato sempre amante de tenè case granne, e tu lo saje a Beneviento comme steveme. A me me piace l’aria.

GIAMMATTEO: Ma sto quartino che tiene ncoppa, comme va che appartiene pure a te?

ASDRUBALE:Ecco ccà; tu haje da sapè, che tre anne fà morette no frato mio, e rummanette na mogliera co na piccerella chiammata Rosina, che doppo la morte de lo padre rummanette mmiezo a na strata nzieme co la mamma. Io, avennone compassione, dicette: Venitevenne a la casa mia. Per sorta steva sfittato sto quartino che t’aggio ditto, e lo facette occupà da lloro, facenno l’affitto pe quatt’anne. Lo credarrisse? Doppo seje mise vene na malatia a la mamma de sta piccerella, e doppo poco tiempo se ne morette pure essa. La povera guagliona se metteva paura de dormire llà ncoppa, e fuje costretto de farla scennere da nuje.

GIAMMATTEO: Intanto mò t’è rummaso lo quartino ncoppa a lo stommaco?

ASDRUBALE:Ogn’anno l’aggio affittato, st’anno no.

GIAMMATTEO: Ma dimme, chi è sta piccerella, chella guagliona chiamata Rosina che aggio visto, è essa, che non tene né padre e né mamma?

ASDRUBALE:Già... Ah! La vi ccà, mò vene.

SCENA SETTIMA

Rosina, e detti.

ASDRUBALE (a Rosina): Viene ccà, Rosì, D. Giammatteo te vò vedé.

ROSINA: Eccome ccà.

GIAMMATTEO: Viene ccà assettete. E bravo! Io sta guagliona non la conosceva, è aggraziata proprio, non te mettere scuorno. (Poverella, senza mamma e senza padre.) (Ad Asdrubale, piano.) Asdrù, saje si fà l’ammore?

ASDRUBALE: (Tu che dice, Giammatté, te pozzo assicurare io che non fà l’ammore co nisciuno).

GIAMMATTEO:(Certo?).

ASDRUBALE: (Certissimo. Ma pecché me l’hale addimmandato?).

GIAMMATTEO: (Pecché aggio penzata na cosa... aspetta). Nenné, me faje no favore? Và a chiammarme no momento a lo maestro D. Errico, vide stesse fora a lo ciardino. Dille che venesse subito cca.

ROSINA: Ve servo. (Io aveva portata la lettera pe darla a D. Feliciello... Basta, si lo trovo ce la dongo.) (Via.)

ASDRUBALE:Giammatté, che haje pensato de fà?

GIAMMATTEO: Ho pensato pure de mmaretà a sta povera figliola.

ASDRUBALE:Veramente e chi le vuò fà sposà?

GIAMMATTEO: A no buono giovane, no giovine d’oro, che so’ certo le farrà na bona compagna.., a lo maestro de figliema D. Errico... è vero che non sta tanto buono in finanze, ma io pecché le songo obbligato d’averme mparato Annetta proprio alla perfezione, lo faccio sposà co Rosina nepoteta, e me li metto dinto a la casa mia: con me mangiaranno, dormarranno, e tutto chello che l’accorre.

ASDRUBALE: Ebbiva! Ebbiva chillo Giammatteo, chill’amico mio caro.

GIAMMATTEO: Caro Asdrubale, io so’ portato a fà bene. In questo modo farò una posizione a chillo povero giovelìe, e nell’isteso tempo mmaretammo pure a n’autra.

ASDRUBALE:Oh! Quanta matrimonie! Ah! Quanta contentezza! Evviva veramente!

SCENA OTTAVA

Errico, Rosina, e detti.

ERRICO:Mi avete fatto chiamare?

GIAMMATTEO:(Lo vi ccà: comme te pare?).

ASDRUBALE: (è un bel giovine).

GIAMMATTEO: Sì, v’aggio fatto chiammà... assettete. (Seggono.) Te farrà certamente sorpresa...

ROSINA:Io me ne vaco. (Per uscire.)

GIAMMATTEO:Aspetta. Te farrà certamente sorpresa chesto che te vaco a dì? Non è vero?

ERRICO:Ma... se... non so...

GIAMMATTEO:Haje da sapè che non era giusto che l’autre sposavano, e tu giovane pure, stive accossì.

ERRICO: Ebbene?

GIAMMATTEO: Ebbene, ho pensato pure pe te.

ERRICO: Per me?

GIAMMATTEO: Sì, pe te. Tu farraje lo sposo nzieme co l’autre.

ERRICO:Che?

GIAMMATTEO: Sì, tu sposerai la nipote di questo signore qua presente, Rosina.

ROSINA: A me?

GIAMMATTEO: Gia... eh! Comme te pare? è una bella ragazza, sà, graziosa, simpatica. Acciette?

ERRICO: Ma... se voi... (Oh! Dio mio!)

GIAMMATTEO:(Vì la consolazione che fa fà... L’ha mbriacato!). Va bene, va bene, abbiamo capito. Tu chesto stive aspettanno, e sarrà subito fatto. Venite ccà, D. Rosì, fente de stà de male umore. Farraie la sposa tu pure. Te piace sto giovinotto? Iammo, dimme chiaramente, te va a lo genio?

ROSINA:Sì... io... ma. (Covrendosi il volto.)

GIAMMATTEO:Io... ma... va bene, avimmo capito, li solite cose... (Asdrù, jammoncenne, lassamele sule, si no se metteno scuorno!)

ASDRUBALE:(Sì, dice buono).

GIAMMATTEO:Asdrù, puorteme no poco a vedè la loggia che tiene ncoppa.

ASDRUBALE:Sì, viene co me.

GIAMMATTEO:Noi andiamo sopra, e voi?.., voi restate?

ROSINA: Sì.

GIAMMATTEO: E io lo sapeva. (Ridendo.) (Lo guarda, non c’è dubbio le piace.) (Viano.)

ERRICO:(Oh! Che altro imbroglio è questo!).

ROSINA:(Comme l’è venuto ncapo a D. Giammatteo. A me chisto non me piace! Fosse stato D. Feliciello!).

ERRICO:(Comme gli è venuto in mente quest’altro matrimonio io non sò. Basta, simuliamo per poco). E così, bella Rosina, che cosa ne dite voi di questo matrimonio?

ROSINA:Io... dico... che... (Oh! Quanto è antipatico! Quanto è antipatico!)

ERRICO: Si farà unito agli altri. (Oh! Se Annetta ascoltasse qualche cosa, potrebbe credere diversamente la cosa: tronchiamo presto questo colloquio.) Signorina, permettetemi un momento, vado per un affare urgente del signor Giammatteo, vado a disbrigarlo, e ritorno subito. (Le bacia la mano e via.)

ROSINA:Io chesto jeva trovanno che se ne jeva. Uh! Mamma mia, io comme faccio! Comme me regolo! Chisto m’è tanto antipatico, e pò io aggio fatto la lettera a Don Feliciello. Oh! Quanto è aggraziato!... A me me piace quanno parla, quanno ride, quanno declama. Uh! comme ha declamato bello... E chillo ciuccio de D. Nicolino l’ha chiammato turzo de carcioffola... è meglio isso llà... Aspè, mò vaco a trovarlo, le consegno la lettera, e veco che risposta me dà; basta che tengo lo coraggio de darcela io stessa. (Via pel giardino.)

SCENA NONA

Saverio dal fondo, e Gesummina dalla sinistra con lumi.

GESUMMINA:Neh, Savé, saje Pulicenella addò sta?

SAVERIO: E tu m’addimanne sempe de Pulecenella! Dì la verità, m’ avisse pigliato pe lo guardiano sujo?

GESUMMINA Aggie pacienza. Io non t’aggio ditto niente.

SAVERIO:No, agge pacienza tu. Io te voleva addimmandà comme steva la signorina D. Giulietta.

GESUMMINA: Sta bona, sta bona.

SAVERIO:Ma che è stato, pecché l’è venuta chella convulsione stammatina?

GESUMMINA:E non lo saje, pe causa de lo nnammorato.

SAVERIO: Aggio capito, pecché fà l’amore co D. Eduardo, e lo patre...

GESUMMINA: Lo patre le vò dà pe forza a n’autro... pe forza, comme si pò lo core se comannasse.

SAVERIO Eh, tu parle bello, Gesummì. Lo saje che D. Eduardo sta disperato assai. Va bene che lo core non se comanna, ma a fà no matrimonio accussì disperato, manco sta.

GESUMMINA: Pecché manco sta? Chillo sta disperato, è lo vero, ma essa tene quacche cosa; D. Asdrubale sta buono, e li potarria fà contente.

SAVERIO:Sì, ma tu capisce che denare vonno denare.

GESUMMINA:Intanto, vì comme l’ha saputo abbarrucà a la figlia de D. Giammatteo, che D. Eduardo non le passa manco pe la capo, e pecché? Tene li denare. Basta, lasseme ire a vedè addò sta chillo mpiso de Pulicenella... Pe niente lo vide sparì. (Via pel fondo.)

SAVERIO:Vì che non lo spierde a chillo bello soggetto. Va, lasseme ire ad allummà lo lume fora a la sala che s’è accommenciato a scurà l’aria. (Via pel fondo.)

SCENA DECIMA

Pulcinella, poi Rosina, indi Nicolino.

PULCINELLA:Aggio avuto li cinche lire finalmente. Mall’arma de la mamma, non li vedeva maje de caccià, m’ha fatto ire correndo nzieme co isso pe trovà lo padre, lo fatto si è che non l’avimmo potuto trovà. L’aggio ditto che si me deva li cinche franche nce parlava io, accossì sentenno chesto, subito ha mise mano a la sacca e me l’ha dato. Quanno vene D. Nicolino lo maestro, le dongo l’anticipo, chillo vedenne li denare, è capace che me mpara a scrivere pe giovedì.

ROSINA (dal giardino con lettera): (Uh! mamma mia! L’aggio visto, e non aggio tenuto coraggio de darcela, io me metto scuorno, isso vene appriesso... Ah! si potesse...). Pulicenè, dalle sta lettera, famme sto piacere, che te regalo. (Per uscire.)

PULCINELLA:Aspetta... a chi?

ROSINA:Ah!... a chillo che trase mo... priesto. (Via correndo.)

PULCINELLA:A chillo che trase mò... E chi è?

NICOLINO (dal fondo): Gué, Pulicené, saje si D. Asdrubale ce sta?

PULCINELLA:Non saccio. D. Nicolì io t’aggio da dare na lettera.

NICOLINO:A me?

PULCINELLA:A te... sì... pecché tu sì trasuto, ovè?

NICOLINO:Eh, me pare.

PULCINELLA: Embè, tiene. (Gli dà la lettera.)

NICOLINO:Ma chi me la manna?

PULCINELLA:D. Rosina, la nepote de D. Asdrubale.

NICOLINO:La nepote de D. Asdrubale. E quanno maje avimmo tenuto corrispondenza? Aspetta... aggio capito, avarrà fatto li doje lire, e pe non me fà mettere scuorno me li manna dinto a la lettera. Oh! Sorte! (Apre la lettera.) Ccà non nce sta niente... vide, è ghiuto niente nterra?

PULCINELLA:No...

NICOLINO (legge): «Mio caro angioletto». (Guarda Pulcinella.)

PULCINELLA:Mall’arma dell’angioletto!

NICOLINO:Vattenne che chesta non è roba mia, tu avarraie pigliato no sbaglio.

PULCINELLA:Nonsignore, vene a te, tu si trasuto mò? E a te spetta. D.Rosina te la manna.

NICOLINO: Vedimmo che dice. (Seguita.) «Dal momento che siete venuto in questa casa, io non ho trovato più pace.» (Guarda Pulcinella.)

PULCINELLA: Liegge.

NICOLINO: «Il vostro modo di parlare, la vostra fisionomia mi ha colpito il cuore! Io non sapeva come dirvelo, pensai di scrivervi e l’ho fatto. Perdonate il mio ardire. Rispondetemi presto, e datemi una buona risposta, che se negherete di amarmi, io mi ucciderà, e sarò pure contenta perché morirò per voi, mio unico bene. Vostra aff.ma Rosina». Faje che D. Rosinella fosse iuta mpazzia?

PULCINELLA:Pecché?

NICOLINO: Pecché? Chella me scrive chesta lettera.

PULCINELLA: Embè, che nce vuò fà, s’è nnammorata de te. No, siente, chella non nc’è male, sà.

NICOLINO:Lo saccio che non c’è male, ma io so’ nzurato, tengo duje figlie, comme l’è venuto ncapo, io non lo saccio... Quanno maje?... se pò dì che io le so’ stato sempre antipatico... Oh! Povera figliola! Vuje vedite che fà l’amore, fà ire ampazzia a una.

PULCINELLA:E intanto mò l’haje da risponnere?

NICOLINO Tu sì pazzo? Seh, me metteva a risponnere. Vattenne, appena la veco nce lo dico, che è impossibile pecché io songo nzurato e bona sera. Vuje vedito lo diavolo! Non voglia maje lo Cielo e l’appura lo zio, chillo non me fà venì cchiù, e io poverello perdo 10 lire a lo mese, pari a carlini 23 e grana 5.

PULCINELLA: Ma tu haje ntiso che chella ha ditto che s’accide?

NICOLINO:E che me ne preme a me. Io so’ nzurato, tu lo capisce, o no?

PULCINELLA: Embè, non te può piglià la seconna mogliera?

NICOLINO:Uh! Non accommincià a dì ciucciarie! Che d’è, uno se piglia doje mogliere?

PULCINELLA: Comme, non se dice, per esempio, chillo tale ha avuto doje mogliere?

NICOLINO:Ah! Pecché la seconna vota se nzuraie vidovo, perdette la prima.

PULCINELLA: E pò comme sonava cchiù?

NICOLINO:E che aveva da sonà?

PULCINELLA: Tu haje ditte perdette la prima; che teneva quacche chitarra.

NICOLINO No, teneva lo violino... Vattenne, Pulicenè, non me fà pendere la capo, voglio ire a vedè si trovo D. Asdrubale, da stammatina che non l’aggio potuto dì na parola.

PULCINELLA: Lassemenne jre pure a me, pò essere che vene D. Feliciello, e vò sapè si aggio parlato co lo patre. (Viano.)

SCENA UNDICESIMA

Feliciello, indi Rosina, poi Annetta.

FELICIELLO (dal giardino): Non vi è stato mezzo di trovare a papà, che sò dove può stare... No, io gli dirò tutto. Questo che cos’è, io so’ venuto ccà pe me nzurà, e trovo che la prossima sposa mia fà l’amore co n’autro. Pulcinella credo che avrà fatto qualche cosa, ha ditto che nce parlava isso.

ROSINA:(Lo vi ccà... sta sulo... mò sarrìa lo momento de... Rosì, e non te mettere scuorno... Alla fine che male nce sta?). Io ve saluto.

FELICIELLO:Oh! Buongiorno.

ROSINA:(Me metto paura che non vene zì Asdrubale. No, chillo sta ncoppa a lo quartino co D. Giammatteo).

FELICIELLO:(Và trova pecché me tene mente... Oh! Non me dispiace chella guagliona... Se debbo dire la verità me piace cchiù chesta che Giulietta).

PULCINELLA: (Pulicenella l’avarrà dato la lettera... la spiegazione è fatta, non aggio bisogno de dircelo). Dunque vuje ve sposate a Giulietta?

FELICIELLO:Giulietta! Sposare! Doveva sposare.

ROSINA:E pecché... mo...

FELICIELLO Mò no, pecché D. Giulietta fà l’ammore co n’autro.

ROSINA:Veramente? E vuje comme lo sapite?

FELICIELLO:Lo saccio, pecché poco primma m’hanno fatto tenere na cannela niente indifferente. E quella povera Annetta non ne sapeva niente. No, belli matrimonie che combina D. Asdrubale! Scusate che v’è zio, ma è un porco.

ROSINA:Vuje che me decite! Oh! Chesto pò non se fà; ingannare no giovane.., no bello giovane comme site vuje.

FELICIELLO:E questo dico pure io, ingannare no bello giovane come sono io.

ROSINA:Veramente... vuje si parlate facite nnammorà...

FELICIELLO:Se parlo?

ROSINA:Facite nnammorà... la verità s’ha da dicere. (Bassa la testa.)

FELICIELLO:(Vuje vedite quanto è aggraziata sta guagliona. Oh! Se potessi invece... di...). Vedete, a me non me dispiace per niente, ma pecché me n’aggio da tornà a lo paese senza mogliera.

ROSINA:Senza mogliera? Ah, ah, me facite ridere proprio, comme pò a Napole nce fosse una sola femmena; comme nce fosse solamente Giulietta... Si non è chella... fuorze sarrà n’autra... la trovarrate e che ve vò bene, che ama sulo a vuje, che non vede pe autre uocchie che pe li vuoste... che... (Con calore, rimettendosi ride.) Ah, ah, me facite ridere... la trovarrate! La trovarrate!

FELICIELLO:(Mamma mia! chesta quanto è aggraziata!).

ROSINA:(De la lettera non ne parla. Coraggio Rosì). Diceteme na cosa, a chella che avite avuta non c’è risposta?

FELICIELLO: Che cosa?

ROSINA:Comme... io ve l’aggio mannata.

FELICIELLO:Ma si non me dice che cosa?

ROSINA:Vedite... pe Pulicenella... io... v’aggio mannata na lettera.

FELICIELLO: Na lettera!

ROSINA:Sì, na lettera, che diceva.., ma l’avite avuta?

FELICIELLO: No.

ROSINA:(Ah! Chillo mpiso la tene ancora isso).

FELICIELLO:No, posso assicurarti che Pulcinella non mi ha dato niente.

ROSINA:E... ve la darrà...

FELICIELLO:E... famme no piacere... dimme che steva scritto dinto a sta lettera?

ROSINA:No, non diceva niente...

FELICIELLO:Qualche cosa doveva dicere... dimmelo.

ROSINA:Embè... quanno lo volite sapè... diceva.., si vuje.. si vuje voliveve fà l’ammore co me. (Si copre il volto con le mani.)

FELICIELLO:Sì io voleva fà l’ammore co tte! Sì, bella mia, a ciente mane, pecché tu me piace, tu sì aggraziata, tu me volarraje bene, tu... ma dimme na cosa, faje l’ammore co nisciuno?

ROSINA: Vedite, zì Asdrubale, e papà vuosto D. Giammatteo me vonno fà sposà pe fora a chillo D. Errico lo maestro de scola vuosto. A me non me piace, m’è antipatico.

FELICIELLO:Comme! Papà e D. Asdrubale vonno... non te ne incaricà, pensarraggio io. Mò jammo a trovà Annetta e le dicimmo che se chiamasse a D. Errico, e le dicesse che tu non lo vuò bene, che vuò bene a me, perciò che te lassasse stà.

ROSINA:Avite da vedè si chillo pò lo fà chesto.

FELICIELLO:Eh autro! Haje da sapè che appena soneria apre la vocca, e dice quacche cosa, D. Errico subeto la contenta, doppo che le dicesse minete da coppa a bascio, chillo se nce menarria.

ROSINA: Ah! allora stammo a cavallo!

FELICIELLO: Sì non sbaglio è essa... Annetta; miettete lloco, e non te movere.

ANNETTA (uscendo): felice, che fai qui? Oh, cara Rosina.

FELICIELLO:Pe mò steva cca... ma adesso veniva.., no, venivamo da te.

ANNETTA:Venivate da me, e perché?

FELICIELLO:Pecché t’avevemo da parlà.

ANNETTA:Ebbene, parlate.

FELICIELLO: Annetta mia, mò te parlo lesto. Comme già t’aggio ditto, Giulietta fà l’ammore co n’autro.

ANNETTA:Me l’hai detto.

FELICIELLO: E chist’autro è appunto chillo che t’haje da sposà tu... Assassino! Io non sò tu come puoi resistere!

ANNETTA:Avanti.

FELICIELLO:Avanti, io me so’ nnammorato de Rosina qui presente.

ANNETTA:Oh! E voi?

ROSINA:Io pure.

ANNETTA:E va bene... ma questo lo devi dire a papà, non a me.

FELICIELLO:Aspetta. A te l’aggio da dicere, pecché haje da sapè che D.Errico lo maestro nuosto vò pe forza sposarla isso.

ANNETTA:Come!

FELICIELLO:Già, se la vò sposà; ha parlato co D. Asdrubale; co papà, i quali hanno acconsentito; ma lo fatto sta che Rosina non lo pò vedè, l’è antipatico... non è vero?

ROSINA:Sicuro.

ANNETTA: Ma come... egli voleva...

ROSINA:Sposarme, sissignora.

ANNETTA:E vi ha parlato? Che vi ha detto?

ROSINA:M’ha ditto: bella Rosina, il nostro matrimonio si farà unito agli altri.

ANNETTA:(Ah, crudele!). E voi vorreste?

FELICIELLO: Vularriemo che tu nce parlasse, e le decisse che non cimentasse a Rosina, pecché Rosina vò bene a me, e a me s’ha da sposà,

ANNETTA:Oh! Va bene! (Passeggia furiosa.) Lo farò... lo farò... (Oh, briccone! Oh, perfido! E diceva che...)

FELICIELLO:Uh! Annè, sta venenno, mò nce lo può dicere. Nuje nce ne jammo pe non nce fà vedè. Rosì, jammoncenne. (Viano.)

SCENA DODICESIMA

Errico, poi Pulcinella, Feliciello, Nicolino e detti.

ERRICO:Mia cara Annetta...

ANNETTA:Scostatevi, io non sono più la vostra Annetta, come voi non siete più il mio Errico! Scostatevi, e non vi fate più vedere da me!

ERRICO: Che dici?

ANNETTA:Dico tutto quello che può dirsi ad un traditore quale voi siete.

ERRICO: Ma, Annetta, per amor del Cielo! Tu come parli?... Io...

ANNETTA: Voi siete un uomo perfido, un uomo crudele! Scostatevi, non voglio vedervi mai più! (Compariscono in fondo Pulcinella, Feliciello e Nicolino.)

ERRICO: Ma se... (Accorgendosi di quelli in fondo.) (Anche questi son venuti adesso!... Come far sapere... Ah!) (Parla francese:) Mais pourrais-je savoir pourquoi je mérite ces atroces paroles? Mais que t’ai je fait?

ANNETTA:Qu’est-ce que tu as fait? Et tu me le demandes?

ERRICO: Mais je n’en sais rien...

ANNETTA: Comment... ne veux-tu pas épouser Rosine, la nièce de Monsieur Asdrubale?

ERRICO: Moi!! Oh! Tu me fais rire: ton père me l’a dit et moi...

ANNETTA: Et toi, tu as dit que oui. Cela veux dire que tu ne m‘aimes pas, que tu ne m‘as jamais aimé que tu m‘as trompée jusqu‘à ce moment ci, homme perfide, cruel, lâche. (Via.)

ERRICO:Oh! ça c’est trop! Annette, tu ne me verras plus de ma vie! (Via.)

PULCINELLA: D. Nicolì che hanno ditto?

NICOLINO:(Non fà sentere a Feliciello, chille fanno l’ammore e stevene parlanno, è venuto lo fraté e hanno parlato francese).

FELICIELLO:D. Nicolì, scusate quelli che hanno detto?

NICOLINO:Hanno parlato francese.

FELICIELLO:Francese! Neh, che hanno ditto?

NICOLINO:Hanno detto che... Pulicené, dincello tu. (Via.)

PULCINELLA:Quelli hanno parlato francese: e parlanno francese, nce hanno fatto smiccià no cannelotto in lingua francese!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La stessa scena degli atti precedenti.

SCENA PRIMA

Errico, Annetta, Eduardo, Giulietta, Feliciello e Rosina.

GIULIETTA:Va buono, Annè, fenìtela mò, haje visto che è nnocente.

ERRICO: Ma poteva dire di no a tuo padre? Poteva contradirlo?

ANNETTA:E per non contradirlo avresti sposata un’altra?

ERRICO:No, io mi trovava all’istesso caso tuo.

EDUARDO:E lo caso mio pure.

ROSINA: Sentite, si deve dire la verità, lo poveriello non nce ha avuta colpa isso: D. Giammatteo nce l’ha ditto. E pò io si sapeva che nce faciveve l’ammore, non v’avarria ditto niente.

FELICIELLO:Ah, il maestro è tuo innamorato? E io non ne sapeva niente? Meno male che mi sono provveduto io pure.

EDUARDO:Intanto, che se fà, che se penza? Signori miei, non facimmo passà cchiù tiempo, giacché simmo tutte d’accordo, dammoce da fà.

GIULIETTA: Chello che dico io pure.

FELICIELLO: L’unione fa la forza. Io direi presentiamoci tutti quanti da D. Asdrubale e papà, e dicimmole tutto.

ANNETTA: Mi persuade quello che dice mio fratello.

GIULIETTA: Sì, ma nce volarria primma uno che nce lo dicesse; ma non avarria da essere nisciuno de nuje.

EDUARDO: Già, me persuade, nce volarria uno estraneo che nce parlasse e le dicesse qualche cosa, pò doppo nce presentammo nuje.

ANNETTA:Questo tale che deve andare chi sarebbe?

ROSINA: E che chisto nce vò. Avarria da essere uno ardito, pecché, sapite, chillo sta mpericolo d’essere vattuto.

GIULIETTA:Co lo fatto.

ERRICO (che ha guardato): Viene D. Nicolino il maestro da questa parte... Non potrebbe lui?

GIULIETTA:Sì, bravo... isso è buono, promettennole quacche cosa de denaro.

ROSINA:Zitto, mò nce lo dico io, le prometto quacche cosa e sperammo che non se nega. Vuje annasconniteve, non ve facite vedé.

GIULIETTA: Sì, nuje facimmo la spia. (Si ritirano e fanno capolino.)

SCENA SECONDA

D. Nicolino, e detti.

NICOLINO:(La vi accà! Oh! chesta mò ha perduta la capo!).

ROSINA: (Io nce l’aggio da appresentà chiano chiano). Maestro, ve saluto.

NICOLINO:Buongiorno, Rosina.

ROSINA:Maestro, io v’avarria da dicere na cosa...

NICOLINO:(La vi, mò se ne vene!). Parlate.

ROSINA: Maestro, vuje m’avite da ajutà!

NICOLINO:Ajutare! Ed in che cosa?

ROSINA: Si vuje ve negate a chello che ve cerco, io me ne moro.

NICOLINO:(è pazza! è pazza). Morire? Come!

ROSINA: Si sacciate, che io ardo, abbrucio d’ammore pe uno che pure me vò bene...

NICOLINO:Fermati qua, figlia mia... già che ci siamo incontrati, io ti debbo parlare francamente e da vero galantuomo qual sono. Io sò che cosa significa amare saccio che non se pò scordà,,. sì... ma chisto che tu vuò bene scordatillo, lievatillo da capo.

ROSINA: E perché?

NICOLINO:Pecché non pò essere.

ROSINA:Comme non pò essere?

NICOLINO:E ma... no...

ROSINA: Non pò essere? Chi ve l’ha ditto? Pecché non pò essere?

NICOLINO: Rosiné, io so’ nzurato, figlia mia.

ROSINA: E che me ne preme de vuje? (I nascosti ridono.)

NICOLINO:Comme! Tu non vuò fà l’ammore co mme?

ROSINA: Io? Co buje! Maestro, vuje state mbriaco?

NICOLINO: No?... Comme! Tu m’haje mannata na lettera pe Pulicenella «Mio caro angioletto».

ROSINA: Uh! Chillo l’ha dato a vuje? Ah, ah, ah. (Ride: tutti si fanno avanti ridendo.)

GIULIETTA:Maestro!... Ah, ah, ah...

EDUARDO:Comme! Vuje! ah, ah...

ROSINA: E ve crediveve ah, ah...

TUTTI: Ah, ah! (Ridono.)

NICOLINO:E redite n’autro poco. Nzomma, chesta lettera a chi jeva?

ROSINA: Io l’aveva fatta pe Feliciello.

NICOLINO: Io l’aveva ditto... Chullo ciuccione me l’ha voluto dà pe forza a me!

SCENA TERZA

Pulcinella, e detti.

PULCINELLA: Gué, D. Nicolì...

NICOLINO: Viene ccà, ciuccione... tu che arma de mammeta haje fatto!

PULCINELLA:De che?

NICOLINO:Comme! Haje ditto che sta lettera me la mannava D. Rosina.

PULCINELLA: Pecché non veneva a tte?

NICOLINO:Nonsignone.

PULCINELLA: D.a Rosì, vuje m’avite ditto, dà sta lettera a chillo che trase mò, D. Nicolino è trasuto, e io nce l’aggio data.

ROSINA: Uh, vedite che combinazione! Comme, allora è trasuto D. Nicolino?

PULCINELLA:Sissignore, pecché chi aveva da trasì?

ROSINA:D. Feliciello.

PULCINELLA:Ah mò va’ buono; e tu pecché sì trasuto primma d’isso?

NICOLINO: E io sapeva chesto.

PULCINELLA (a Feliciello): E vuje pecché non site trasuto primma?

FELICIELLO:Come, io sono entrato.

PULCINELLA: No, scusate, non siete entrato.

FELICIELLO: Sissignore. (A Nicolino.) Neh, io non sono entrato?

NICOLINO:Io che ne saccio.

ROSINA: Basta chi è trasuto, è trasuto, non ne parlammo cchiù.

NICOLINO: Ma allora vuje mò che me voliveve dicere?

ROSINA: Ecco ccà, se tratta. Uh, meglio, nce sta pure Pulicenella... isso potarria...

NICOLINO:Ma nzomma?

ROSINA: Diciteme na cosa; vuje ve volite abbuscà no bello rialo?

NICOLINO: Vì che bella addimanna! Sicuro.

PULCINELLA:Non t’ammoinà, chella ha ditto a me.

ROSINA: A tutte li duje.

NICOLINO:E che s’ha da fà?

ROSINA: Non avite da fà autro che ghire da Zì Asdrubale e D. Giammatteo, e dirle che nuje non nce volimmo piglià a chille che nce vonno dà lloro, che io voglio a Feliciello mmece di Errico, che D. Annetta vò a D. Errico mmece de D. Eduardo, che Giulietta vò a D. Eduardo mmece de Feliciello.

PULCINELLA: Teh a stà frittata! Nuie le jammo a dicere chesto, chille pigliano na mazza e nce la danno ncapo.

GIULIETTA: Oh, chesto papà non lo fa.

FELICIELLO:E doppo che lo fa, che fa?

PULCINELLA: Vi che piezze de baccalà! Comme! Io abbusco.

NICOLINO: No, no, questo no, perdonate.

PULCINELLA: No, no, scusate.

ANNETTA:Maestro, fateci questo favore.

ROSINA: V’abbuscate diece franche pedono.

NICOLINO:Diece franche!... No, no.

PULCINELLA: Diece franche!... No, no. (Piano a Nicolino.) Vennimmoncello caro! (Forte.) No, no, è poco, è poco.

EDUARDO: E sieno quindici.

NICOLINO:Quindici! No, no.

PULCINELLA: Quindici! è poco... llà se tratta de... no, no, è poco... è poco.

ERRICO: Venti franchi per ciascheduno.

NICOLINO:Venti franchi!... (Pulcinella e Nicolino a due.) No, no.

GIULIETTA:E sieno 25... sieno 30... basta mò.

NICOLINO:Trenta franchi! (Pulicené?)

PULCINELLA: No, no... non pò essere.

ROSINA (agli altri piano): (Asseconnateme). (Forte.) E allora non fà niente... nce parlammo nuje... Sì, sì, è meglio, nce mettimmo a spennere denare, jammoce nuje e nce parlammo.

GIULIETTA: Sì, sì, è no fatto, pò essere che le diceno che no, o pure che non sanno fà la mmasciata, sì, si, jammoce nuje. (Tutti per andare.)

NICOLINO: No momento, signori miei, venite qua, già che si tratta di 30 franchi, che s’ha da fà, facimmo lo sacrifizio.

ROSINA: No... no, vuje pazziate, 30 franche a vuje, e 30 a Pulicenella so’ sissanta franche, pe na mmasciata... no, no.

PULCINELLA:Aspettate, allora nce vaco io sulo.

NICOLINO: Lo guastamestiere lo vì... Allora nce date 20 franche pe ciascheduno e finisce.

ROSINA: No, no, D. Nicolì, sempe 40 franche songo, non è cosa, non è cosa, jammoce nuje.

GIULIETTA:Sì, jammoce nuje.

NICOLINO: No momento, allora datece 30 franche a tutte li duje.

ROSINA: Trenta franche! No, no, è troppo, è troppo.

GIULIETTA: No, no... è troppo... (Per andare.)

NICOLINO:E siano dieci a lui, e dieci a me.

ROSINA: Dieci peduno? (Agli altri.) Che volite fà? (Segno di no.)

GIULIETTA:No, no...

TUTTI: No, no...

NICOLINO:Ma comme, nemmeno dieci franchi?

ROSINA: Si nce volite jre, ve dammo 5 lire a vuje e 5 lire a Pulicenella.

NICOLINO:Cinche lire pedono, che ne dice?

PULCINELLA:Pigliammoncelle, si no arrivammo a no soldo.

NICOLINO:E va bene, sia come voi dite. Da 30 franche so’ arrivate a cinche.

ROSINA: Dunche, avite capito che v’aggio ditto?

NICOLINO: Va bene, ho capito: na parola dice Pulicenella, na parola dico io, e cercheremo di capacitarli.

PULCINELLA: Ma si diceno che no?

ROSINA:Vuje l’avite da fà dicere de sì.

PULCINELLA:L’ha pigliato pe dueje pupazzielle, l’acala le cape.

GIULIETTA: Uh, zitto, la voce lloro.

ROSINA: Veneno ccà.

FELICIELLO:E comme facimmo?

GIULIETTA:Meglio accossì, parlatece mò, nuje annascunnimmece e sentimmo che diceno.

NICOLINO:Ma io...

ROSINA:Zitto...

PULCINELLA:Ma si...

FELICIELLO. Zitto.

GIULIETTA:Non parlate. Nuje nce annascunnimmo, portateve buone e li diece franche so’ pronte. (Si nascondono.)

PULCINELLA: Tu mò che te cride che non abbuscammo?

NICOLINO:Sperammo che no... li bì ccà... zitto, dì chello che dico io.

SCENA QUARTA

D. Giammatteo e D. Asdrubale e detti.

GIAMMATTEO:Asdrubale mio, sta casa toja me piace assaje! Che bell’aria, che bella cosa!

ASDRUBALE:E la loggia?

GIAMMATTEO: Oh! La loggia è bellissima! Che magnifica veduta!

ASDRUBALE: Uh! D. Nicolì vuje state ccà?

NICOLINO:Ai vostri comandi.

PULCINELLA: Ai vostri comandi.

ASDRUBALE: E tu che c’entri. Indietro.

GIAMMATTEO:Vattenne fora tu.

PULCINELLA: No... io debbo stare pure io, pecché si no li cinche franche...

ASDRUBALE: Quale cinche franche?

NICOLINO:Ah! No, mi deve dare 5 lire che gli prestai.

ASDRUBALE: Ah, neh? E vuje jate a mprestà cinque franche a chillo. Giammattè, chisto signore pure è maestro de scola de le peccerelle meie, pure è di molto talento.

NICOLINO:Bontà vostra.

PULCINELLA: Bontà vostra.

NICOLINO: (Statte zitto!).

GIAMMATTEO: Oh, ma caro Asdrubale, sto signore a fronte a D. Errico è zero.

NICOLINO:Grazie tante.

PULCINELLA: Sempe è buono a parlà nfaccia.

GIAMMATTEO: No, non già per levarvi merito, ma chillo D. Errico è no maestro co le cciappe.

ERRICO: (Oh, che parole inutili!).

FELICIELLO: (Neh, nce l’hanno ditto?).

ROSINA:(Non ancora. Zitto!).

NICOLINO:D. Asdrù... vedete.., tanto a voi che a D. Giammatteo, noi dobbiamo pregarvi una parola.

ASDRUBALE:Parlate.

GIAMMATTEO: Che v’accorre?

NICOLINO:Eccomi qua: (Cielo mio, mannammella bona!) vedete, caro D. Asdrubabe... io... (Non saccio comme aggio da accommincià!) Io, dovrei... cioè... non solo io... Pulcinella pure... siamo... Pulcinella, incomincia tu.

PULCINELLA: Ecco qua... chillo D. Nicolino se mette scuorno de parlà... se penza che abbuscammo... ma io non credo, pecché alla fine,.. non... e si vuje dicite... ecco ccà... io e isso simmo state mannate, e... si vuje... Cioè... Si nuje arrivammo a... senza... D. Nicolì, spiegatencello vuje meglio.

NICOLINO: Qua, insomma si tratta che...

PULCINELLA:Simmo state mannate...

NICOLINO:Da D. Rosina, D. Giulietta...

PULCINELLA: E D. Annetta...

NICOLINO:Le quali, ci hanno detto...

PULCINELLA: Jate da D. Asdrubale e D. Giammatteo...

NICOLINO:E dite loro ogni cosa...

ASDRUBALE:Ma che cosa?

PULCINELLA:(E ccà chisto è lo mbruoglio! Chi nce lo dice?).

NICOLINO:Le ragazze vorrebbero... Pulicenè, che vorrebbero?

PULCINELLA: Vorrebbero… a loro...

ASDRUBALE:A chi?

GIAMMATTEO: A chi?

NICOLINO:Invece di quelli, vorrebbero quegli altri.

PULCINELLA:Si vorrebbero cogliandre.

NICOLINO:(A uso puorce!).

ASDRUBALE:Quegli altri? Che state dicenno?

PULCINELLA: (Lo bì? Mò s’ammaturane).

ASDRUBALE: Che cancaro dicite, parlate.

NICOLINO:Piano piano, caro D. Asdrubale, se voi gridate non parleremo mai.

PULCINELLA:Non per niente, perché ci mettiamo paura.

ASDRUBALE:Nonsignore, io non allucco, parlate.

NICOLINO:Eccomi qua... Sappiate che noi siamo stati mandati da

D.Giulietta, D. Rosina e D. Annetta.

ASDRUBALE:Chesto me l’avite ditto, appriesso.

NICOLINO:Sissignore. (Vì chillo mbiso si parla.., coraggio!) D. Asdrubale, l’ambasciator non paga pena, vostra figlia Giulietta, vostra nipote D. Rosina, e D. Annetta vostra figlia (a Giammatteo) non hanno piacere di maritarsi e pigliarse a chille che le volite da vuje, ma invece amano altre persone... (Teh, mmoccatella!)

PULCINELLA:Oh! Avite capito? Si non parlava io, che te cride che se moveva?

ASDRUBALE:Che sento! Tutto chesto nce steva! E voi...

GIAMMETTEO: Asdrù, non te piglià collera.

ASDRUBALE:No, io non me piglio collera.., loro v’hanno mannato da nuje, embè tornate n’autra vota da lloro, e dicitele che è impossibile, chi dico io s’hanno da piglià.

GIAMMATTEO: Ma se fanno l’amore, caro Asdrubale, non vorrei poi...

ASDRUBALE:Nonsignore, non credo, non fanno l’ammore.

NICOLINO:Oh! E vi pare, io...

PULCINELLA:Oh! E vi pare, io...

ASDRUBALE: Ma almeno diciteme chi songo chiste, che lloro fanno l’ammore.

NICOLINO:Ecco qua, vi dirà...

PULCINELLA:Ecco qua, vi dirò...

ASDRUBALE:Zitto tu, non voglio che parli...

PULCINELLA: Ve servo, ma però li cinche franche m’attoccano sempe.

ASDRUBALE:Che saccio che dice tu. Zitto! D. Nicolì, parlate.

NICOLINO: Dovete sapere che D. Felice vostro figlio (a Don Giammatteo) si è innamorato di Rosina vostra nipote (ad Asdrubale).

GIAMMATTEO:Come!

FELICIELLO (avanzandosi): Sì, papà è vero, io mi voglio sposare Rosina.

GIAMMATTEO: Tu! Eh, per te sarebbe niente, io acconsenterria...

ASDRUBALE: No momento. Avimmo da vedè Giulietta che dice?

GIULIETTA (avanzandosi): No, papà, pe me nce lo cedo a Rosina...

ASDRUBALE: Nce lo ciede? No momento, avimmo da vedè D. Errico che dice riguardo a Rosina.

ERRICO: No, per me, fateli sposare.

PULCINELLA:Evviva la sciampagnaria.

ASDRUBALE: Ah! Neh? E sposate allora... Comme te pare Giammattè?

GIAMMATTEO: Eh!... sposate. O chella, o chell’autra, una s’aveva da sposà,

ASDRUBALE (a Giulietta): Mare a te che rimane senza marito.

GIULIETTA:Papà...

PULCINELLA: Voglio l’auciello.

ASDRUBALE:Che d’è?

GIULIETTA:Io faccio l’ammore...

ASDRUBALE: Fai l’ammore! E co chi?

GIULIETTA:Co Eduardo.

ASDRUBALE: Che sento! Co Eduardo! Comme? Oh! è impossibile.

GIULIETTA:Papà, facitemmillo sposà.

GIAMMATTEO:No momento, avita vedè che dice Annetta.

ANNETTA: Per me cedo con tutto il cuore Eduardo a Giulietta.

PULCINELLA: Chiste comme se facessero no giro de polca pedono.

EDUARDO: Zì Asdrù, datemella; avito ditto che m’era portato buono che me voliveve bene, e perciò me faciveve nzurà.

ASDRUBALE: (Io mò che faccio vedè a Giammatteo che le deva figliema pe li denare!). Che aggio da fà, ve volite bene, e sposateve.

PULCINELLA: E s’è mbarcato n’auto.

GIULIETTA: Ah! Finalmente!

GIAMMATTEO:Picceré, teniveve chesto ncuorpo e ve stiveve zitto. (Ad Asdrubale:) Piezzo de pastenacone, figlieta e nepoteta facevano l’ammore, e tu non ne sapive niente. (Ridendo.) Ah, ah, ah, ntroglione!

ANNETTA: Papà...

GIAMMATTEO:Che è stato?

ANNETTA: Io, ed Errico ci amiamo da un anno e mezzo, fateci sposare anche a noi.

GIAMMATTEO: Comme! Che sento! Da n’anno e mmiezo che faciveve l’ammore annascuosto... e io...

ASDRUBALE: Piezzo de pastenacone! comme, figlieta faceva l’ammore, e tu... (Ridendo.) Ah, ah, ah, ntruglione!

PULCINELLA: In confidenza, site doje rapeste.

GIAMMATTEO: Haje ragione, sì, ma io non acconsentirà maje a sto matrimonio!

ANNETTA:Padre mio.

ERRICO:Signor Giammatteo...

TUTTI: Acconsentite.

ASDRUBALE. Giammattè, aggio acconsentito io a duJe matremmuone, acconsiente tu pure a lo terzo, e pò, tu spisso haje ditto che D. ErRico farRia na bona compagnia a na mogliera, che è no buono giovene, no giovene d’oro...

GIAMMATTEO: Sì, l’aggio ditto, e lo ripeto sempe.

TUTTI:E dunque?

GIAMMATTEO: Dunque sposateve, e lo Cielo ve pozza benedì...

NICOLINO:Oh! Evviva D. Asdrubale.

TUTTI:Evviva!

NICOLINO:Viva D. Giammatteo.

TUTTI: Evviva!

NICOLINO:Evvivano gli sposi.

tutti:Evvivano gli sposi.

SCENA ULTIMA

Gesummina e detti.

GESUMMINA: Evvivano i sposi? Comme ccà se sposa?

NICOLINO:Sì, vi sono tre matrimoni.

PULCINELLA: Tre matrimoni! Gesummì, e nuje facimmo sputazzelle.

GIAMMATTEO: Che d’è vuje pure facite l’ammore?

GESUMMINA:Gnorsì, Signò, nce volimmo bene, nce volimmo piglià, ma non tenimmo li mezzi.

GIAMMATTEO: Ve volite bene? Non tenite li mezzi? Oh! Non sia pe ditto, o tutti, o nisciuno. Va bene, sposate vuje pure, io ve darraggio li denare.

GESUMMINA:Vuje che dicite, Signò nuje ve ringraziammo, lassate che ve vaso la mano. (Piano a Pulcinella.) Pulicenè, mò sposammo.

PULCINELLA (c.s.): (E io non saccio scrivere, comme faccio?).

GESUMMINA: (Statte zitto).

NICOLINO: Signori miei, non vi dimenticate di noi.

PULCINELLA: A proposito, cinche franche...

ROSINA:è ghiusto, l’avimmo prommiso lo rialo, e se lo mmeretano.

FELICIELLO:Va bene, che regalo, ringraziateli, e buonanotte.

PULCINELLA: No, bonasera, che ne faccio de lo ringrazio.

GIULIETTA: Non dubitate, che sarrite ricompensati de tutto chello che avite fatto pe nuje. (Ad Asdrubale:) Papà, site rimasto scontento de sti matrimonii?

ASDRUBALE: No, anzi, contentone!

GIULIETTA (a Giammatteo): E buje?

GIAMMATTEO:Contentissimo!

GIULIETTA: Oh! Bravo! Bravo accossì, chiste songhe li vere spusarizie, de vero ammore nfra l’una, e l’auta parte. Lo core non se fa commannà da li denare. Volerse bene no marito e na mogliera senza nteresse, de vero core, chesta è la sola ricchezza chesta è la vera felicità de lo matrimmonio.

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 36 volte nell' arco di un'anno