Gennareniello

Stampa questo copione

GENNARIEL

GENNARENIELLO

di Eduardo De Filippo  (1932)

Personaggi:

ANNA MARIA – bella ragazza

GENNARO - pensionato

CONCETTA – sua moglie

TOMMASINO – loro figlio

FEDORA – Sorella di Gennaro

MATTEO – Maestro di disegno

MICHELE – giovane ingegnere

O’ RUSSO – “saponaro”

Scena::

Un angusto terrazzino tra i tetti,  “sfogo” della famiglia di Gennaro che abita all’ultimo piano.

A sinistra, una piccola sopraelevazione affaccia sul terrazzino per mezzo di una finestrella. A destra, la porta che conduce alle scale. Sul fondo, lontano, il panorama di Napoli.

Note del compilatore: Per esigenze delIa Compagnia, nel testo che segue, alcune parole e poche frasi sono state tradotte poiché il dialetto risultava troppo stretto. Ma sono stati leggeri ritocchi: si è avuto cura di cambiare il meno possibile  e di rispettare al massimo il testo dell’Autore.

Adele Pastore

Teatro Officina Canova – Sirtori LC

Giugno 2006

ATTO UNICO

Concetta sta facendo il  bucato; Anna Maria apre la finestrella e si affaccia

ANNA MARIA – Donna Concetta, state ancora lavando?

CONCETTA – E che vi credete, portare avanti una casa non è una pazzièlla…..Mo che ho finito questa colata debbo cucinare, poi si devono rinacciare diversi panni, e fino a stasera dovete vedere quante altre cose escono da fare!

ANNA MARIA – Eh, ma io la colata non la farei mai! Sapete le mani che diventano!

CONCETTA – Io quand’ero signorina come voi, pure ci tenevo e dicevo: “la colata non la faccio neanche si che”….Ma poi con una famiglia sulle spalle si cambia idea.

ANNA MARIA – Certo….

FEDORA  (con scatola di pittura e cavalletto)    Mo me metto qua, dentro non c’è luce….

ANNA MARIA – Che state dipingendo?

FEDORA – Un ciclamino gigante. Natura morta.

ANNA MARIA – Come mi piacerebbe dipingere…….

FEDORA – Si Capisce…. La pittura dà grande soddisfazione! (A Concetta) Il lenzuolo te l’ho lasciato in camera tua. Ho cercato di salvarlo, ho fatto l’impossibile!  (Ad Anna Maria) Gennarino, mio fratello, l’altra notte gli venne la voglia  di scrivere a letto, e siccome fumava il sigaro ci fece una bruciatura di questa posta.

ANNA  MARIA – Che peccato! Ma perché, don Gennaro la notte scrive?

CONCETTA – E che saccio…. Cosa vi posso dicere: io credo che a tra un po’ lo portiamo al manicomio.  Stamatina ha fatto rivoltare la casa pecchè nun ha truvato gli scarponi vicino  al letto. Poi ha sbattuto la porta e se n’è andato dicenno: “Tu non mi ha mai compreso!”

FEDORA – Certo, Gennarino è stato sempre un’anima sensibile.

CONCETTA – Sicuro, se n’è accorto presto…..

FEDORA – ‘O maestro voleva sapere da me che cosa si mangia…..Io gliel’ho detto che è pasta e cocozza….ma ha fatto la faccia amara….

CONCETTA – E già! Mo le facimmo  uno sturione…..Invece di mettersi in regola con le mesate….Tiene una cammera fittata…..ccà mangia, ccà dorme e nun se po’ avè na lira! Certamente, cara signorina, se noi fittiamo una camera è per bisogno….non c’illudiamo….qua nessuno è milionario! Capirete, fa piacere un aiuto alla fine del mese, e invece quello si è messo in casa e so tre mesi che non caccia nu soldo.

ANNA MARIA – Chi, il maestro di disegno?

CONCETTA – Proprio. E mio marito non tiene il coraggio di mandarlo via, perché dice che le fa pena….

FEDORA – Ma cara cognata, mio fratello Gennarino ha ragione! Come si può cacciare di casa un pover’uomo….

CONCETTA – E quando poi noi non  teniamo come fare, chi ci dà a mangiare, il pover’uomo?

ANNA MARIA – Permettete, donna Concetta, adesso faccio io pure il mio bucato…..

FEDORA – Fate il bucato?

ANNA MARIA – Qualche camicina mia, qualche fazzoletto, con il lux.

FEDORA – Io pure la mia biancheria non la faccio toccare da nessuno.

ANNA MARIA – Si capisce, sono cose delicate. Permettete….(Esce) 

CONCETTA – Fate, fate…..Chesta me  fa proprio avutà ‘o stommaco c’ ‘a nobilità soia….

FEDORA – Ma che nobiltà! Quella fa la dattilografa, cioè….faceva….perché ne fu cacciata dall’ufficio, dopo uno scandalo…che so….mio fratello non me l’ha voluto dire.

CONCETTA – E pecchè?

FEDORA – Concetta, io sono signorina….

CONCETTA – ‘O sapimmo, ‘o sapimmo! Si’ zetella (vede entrare Tommasino) Che c’è Tummasi’?

TOMMASINO – Tengo famma…..

CONCETTA – Tu t’è mangiato chillo zuppone ‘e latte, stammatina…..

TOMMASINO – E tengo famma, ch’aggia fa’?

CONCETTA – Nella  credenza ci sta la frittata di ieri sera.. Vai a prenderla  e mangiatella.

TOMMASINO – Già l’ho mangiata, e nun ce aggio  fatto niente….

FEDORA – Ma figlio mio, tu devi farti visitare…..questo è sfunnolo!

TOMMASINO – Tu statte zitta, he capito? Io voglio mangià quanno me pare e piace….

FEDORA – Sei scostumato e lazzaro, e sono scema io che ti do confidenza.

TOMMASINO – Io tengo famma….

CONCETTA – Aspetta nu poco, mo jamme in cucina e te faccio na pummarola  mmiezo ‘o pane con nu filo d’olio.

TOMMASINO – Già m’aggio fatta. Mo voglio nu  poco ‘e  pane, olio e acite….

FEDORA – Ma non lo strafogate  tanto, che gli può venire una dilatazione di stomaco.

TOMMASINO – Penza a te! Tu stai pittanno? E devi cècare, n’grazia  ‘e Dio!

FEDORA – Pensa per te, che cieco già lo sei!

TOMMASINO – Mammà, guardate zia Fedora…..mi ha chiamato “cèco”!

CONCETTA – Nun ‘a da’ retta…. Vieni che ti do pure due cicorelle  (a Fedora) Non sta bene, in faccia al ragazzo che già non ci vede tanto bene, “cèco”, non “cèco”…..

MATTEO (entrando) Buongiorno, donna Concetta….signorina Fedora……Donna Concetta, se è possibile, la mia pasta me la fate scaldata pepe e formaggio….perché la cocozza  non mi va proprio giù ……quel dolciazzo sullo stomaco…

CONCETTA – Va bene, ve la facciamo pepe e formaggio…..Andiamo Tommasì…..Invece di pagare le mesate…. (Via).

TOMMASINO – Invece di pagare le mesate. Metteteve a posto con le mesate: ccà s’adda cucinà ‘a matina.. Allora perché si affitta la camera? Ccà s’adda magnà.  (Via).

MATTEO – Sta un po’ di malumore vostra cognata?

FEDORA -   Credo….

MATTEO  - (osservando il dipinto) Benissimo…Sono fiori a campanello?

FEDORA – La botanica non è il vostro forte….Sono ciclamini giganti.

MATTEO – Questi?! Belli veramente….

FEDORA – Gli alunni come si portano?

MATTEO – Discretamente.

FEDORA – Chissà come vi fanno disperare!

MATTEO  - Non tanto. Io poi li tratto bene, faccio la lezione di disegno senza sforzarli e me ne vado…

GENNARO - (entrando) Don Matteo, a voi cercavo.

MATTEO – Stavo ammirando la pittura di vostra sorella.

GENNARO – Non per dire, è piena di virtù…..Ha dipinto quadri importanti! Mo  sta facendo dei papaveri…

FEDORA – Ma no, Gennarì, sono ciclamini giganti: natura morta!

GENNARO – Ah! Dunque, don Matteo: ci dobbiamo interessare molto di questa mia invenzione: Mi devo arricchire e vi devo far guadagnare belli soldi! ‘o disegno l’avete fatto?

MATTEO – Lo devo ultimare.

GENNARO – Ho trovato anche la persona che caccia i soldi: un simpatico giovane. Don Matteo, diventeremo ricchi! Vi faccio smettere di andare alla scuola municipale la mattina….E io finisco di stringere la cintura con quel poco di pensione che tengo e che non basta più a niente. Io ho inventato diverse cose, ma che non avevano grande utilità commerciale, tutte piccole invenzioni che ho applicato in casa mia stesso… Per esempio, io ho inventato il sistema per non fare ammalare i meloni che si appendono.

MATTEO – Come sarebbe a dire?

GENNARO – Perché quando appendete il melone, quella parte che tozza nfaccia ‘o muro si ammala e in quel punto ‘o mellone diventa amaro. Io tanto che scavaie, truvaie ‘o sistema….

MATTEO – (servile) Eh, eh! E quale sistema?

GENNARO – Nu chiovo luongo, in modo che il mellone viene appeso sì, ma scostato dal muro.

MATTEO – Vedete che va pensando….

GENNARO – Ma questa qua ci farà arricchire sul serio! Voi scherzate….Il sistema per evitare le bucature alle gomme delle automobili!

MATTEO -  Si capisce…quando abbiamo perfezionato l’apparecchio, scriviamo subito a Ford, in America.

TOMMASINO – (entra mangiando del pane)  Questo è poco, non lo voglio…..io me mor’ ‘e famma….

GENNARO – Ch’è stato?

TOMMASINO – Mammà mi ha dato sulo questo….ha ditto che si no  mi fa male…

GENNARO – E se capisce! Noi tra un po’ ci mettiamo a tavola….Po’ succede ca te passa l’appetito e non te mangie ‘o  cucenato.

MATTEO- Quello? Don Gennà, chillo tene nu stommaco ‘e fierro…quello è capace di farci stare digiuni quanti ne simmo.

GENNARO – E’ di buon appetito.

MATTEO – Chillo è sfunnato propio.

GENNARO – Mangiate chesto, pe’ mo, poi se ne parla.

FEDORA – Io ci togliere pure questo…che porcheria: un ragazzo che mangia dalla mattina alla sera!

TOMMASINO – Voglio mangià! Scola! Ntrinchete d’ ‘e fatte tuoie….!

FEDORA – Guè? Statti al posto tuo…

GENNARO – Io nun capisco da chi ha preso chillu  guaglione….Tene diciott’anni….le femmine per lui comme se non esistessero, e pure è grosso….mo gli sta crescendo pure il mustaccio….

MATTEO – E’ tardivo…..

CONCETTA  - (fuori scena) Fedo’, Fedo’…Fedora!

FEDORA – Che c’è….Come grida, Dio mio!

CONCETTA – (c.s.) Vieni un momento che non posso lasciare la carne sul fuoco. E ti metti con sto pennellino in mano…Ah!

FEDORA – Non  ne posso più! Tua moglie, caro Gennarino, è diventata insopportabile. Vi giuro, caro don Matteo, qua mo sta mio fratello presente, e sa per il passato quanti partiti ho scartato…ma adesso, pure di andarmene da questa casa, mi sposerei a chiunque. Chi tiene qualche intenzione per me, può mettere a parte la soggezione…passo sopra a qualunque cosa…Condizione, età, difetti fisici…pure di andarmene da questa casa mi sposo chiunque….Permesso don Matteo….(Via)

GENNARO – Mettete da parte la sugggezione, parlate….

MATTEO – di che?

GENNARO – (a don Matteo) Non tenete intenzione? Io ve la do’!

MATTEO – Grazie…troppo onore…ma…io non ho i mezzi (Come in segreto, interessato e un po’ sfottente) Don Gennarì, avete scritto niente più?

GENNARO – Eh ….qualche cosetta. Prima di dormire stanotte…Sentite questa! (Tira fuori dalla tasca un foglio, si guarda intorno e legge)

            Cuore, mio cuore, canta!

            Ora lo puoi.

            Il tempo fu insegnante e professore.

            Canta quella canzone che a vent’anni

            Era stonata e senza impostazione.

            Non arrossire, intonala!

            Il ridicolo è una spirale:

            gira su se stessa non penetra,

            ma gira, gira, gira su se stessa…

            Rosso cinabro il cuore,

            ora che la pupilla è semispenta,

            ma la parole lenta e pensata, è cantata….

            Cuore, mio cuore, canta!

            Ora lo puoi!

MATTEO – Bravo! E’ bella overamente…

ANNA MARIA – (entra, Gennaro intasca la poesia furtivamente) Don Gennaro, state prendendo un poco d’aria? Siete sempre bello….

GENNARO – Ma voi siete una simpaticona!

ANNA MARIA – Tommasino, come al solito state mangiando.

TOMMASINO – Aggio da’ cunto a vuie?

GENNARO – Né, Tummasì…così si risponde?

TOMMASINO – E chella quant’è seccante! Voglio mangià  quanno voglio io!

GENNARO – Niente, non ne vuole sapere….Quella è pure una bella ragazza…E guarda quello come la tratta.

MATTEO – E’ meglio, dovete esserne contento.

GENNARO – Voi mi credete: non lo riconosco proprio per figlio.

ANNA MARIA – Ho fatto pure io il bucato. Ho lavato la biancheria mia….Questa è una camicia….

GENNARO – All’anema d’ ‘a cammisa! Chesta è nu fazzoletto….

MATTEO – E guardate ‘a mutandina….

GENNARO – E’ niente proprio!

ANNA MARIA – Ne ho delle altre anche più piccole.

TOMMASINO – Io pure tengo ‘e mutande corte.

ANNA MARIA – Tutti i giovanotti le portano corte, estate e inverno.

TOMMASINO – Papà no, le porta longhe, se no gli vengono i dolori.

GENNARO – Chi ti ha detto di intrometterti? ‘E porto longhe pe’ mo, ma forse le nuove me le farò fare corte….

ANNA MARIA – E diventerete certamente più attraente.

GENNARO – Lo spero….

CONCETTA - (entra con altra biancheria) Tummasì, damme na mano.

ANNA MARIA – Donna Concè, vostro marito si deve comperare le mutande corte, perché così è la moda….Voi lo fate andare ancora con le mutande lunghe?

CONCETTA – Non date retta, quello mio marito oramai non deve andare più alla moda…S’è fatto vecchio.

TOMMASINO – A n’atu ppoco adda murì….

CONCETTA – Questa è la biancheria che deve portare…(Fa vedere delle mutande lunghe e colorate con rattoppi).

GENNARO – E c’e bisogno d’e fa’ l’esposizione? Io non capisco….so’ cos’ ‘e pazze….

ANNA MARIA – Non  vi prendete collera, don Gennaro. Voi siete sempre un bell’uomo….

GENNARO – Se non fosse per questo….

CONCETTA – Abbiate pazienda, don Matte’: dentro la cucina, sopra ‘o ffuoco, ce sta la pentola  con la lisciva…Andatela a prendere.

GENNARO – C’è il ragazzo là….

CONCETTA – Quello è n’ammurrone….Fa cadè ‘a pentola nterra, nun voglia mai o’ cielo!

TOMMASINO – Io faccio cadè tutte cose, ched’’e, nun ‘o ssapite?

MATTEO – Mo ci vado io (Via).

GENNARO – Non vuoi fare niente eh! Vuò mangia sulamente. Si gruosso…io mi vergognerei.

ANNA MARIA – Appena si metterà a fare l’amore con una ragazza vedrete come cambierà carattere.

TOMMASINO – Mi mett’a fa’ ‘ammore? Si...

FEDORA – (Entrando) Insomma, tu non la vuoi finire di entrare in camera mia?

CONCETTA – Ch’è stato?

FEDORA -  Si è mangiato la coda del pesce di cioccolato che mi regalò mio fratello il primo di aprile…..

TOMMASINO  - Quando mai?

FEDORA – Eccolo qua, il pesce senza coda! Lo puoi negare, adesso? E poi hai messo sottosopra il cassetto del comò….Va scavando sempre nella roba  mia per vedere se c’è niente da mangiare L’altro giorno sparì il pacchettino delle caramelle svizzere….

TOMMASINO – Nun è overo…nun aggio tuccato niente ….Mo verimmo, dint’a sta casa!

FEDORA – La roba mia non la devi toccare! (A Concetta) Vieni a vedere che sottosopra ci stà nel cassetto del comò…

TOMMASINO – Stà vecchia nun ‘a vo’fernì….

FEDORA – Vecchia a me?

TOMMASINO – Eh! E nun te si spusata pecché si’ brutta!

FEDORA – Io ti piglio a schiaffi, capisci?

TOMMASINO – Guè, guè!

CONCETTA -  Finiscila! (Via con Fedora e Tommasino  come in concerto).

GENNARO – E’ ragazzo ….troppo ragazzo.

ANNA MARIA – Quanti anni tiene?

GENNARO – Diciotto…E non fa l’amore con nessuno….

ANNA MARIA – Uh! Don Gennaro, m’è caduto il reggiseno…per favore….

GENNARO – Questo è il reggipetto….Beato lui!

ANNA MARIA – Eh, don Gennaro….!

GENNARO - (le dà il reggipetto, e canta) “Nun me dicite no – uocchie che arragiunate, senza parlà, senza parlà… (Entra Matteo con la caldaia e si ferma a osservare la scena). Nun me dicite no, guardateme nu poco, comme dich’io, comme vogl’io, comme sacc’io….(entra Concetta e si ferma anche lei a guardare) Nun me dicite no – uocchie che arragiunate senza parlà, senza parlà (Entra Tommasino e anche lui guarda la scena). Nun me dicite no, guardateme nu poco, comme vogl’io, comme dich’io, comme sacc’io (Gennaro si accorge dei tre che lo guardano, è impacciato; per cercare di rimediare si avvicina alla moglie, la cinge alla vita con un braccio, accennando qualche passo di danza e cantarelando la canzone di prima).

CONCETTA – (Si libera del marito) Sia fatta la volontà d’ ‘o cielo!

ANNA MARIA – Donna Conce’, ha una bella voce vostro marito.

CONCETTA – Sicuro, adda  cantà ‘o mese ‘e maggio….Invece di pensare all’affanno ca tene….Non si fida manco di muoversi e fa ‘o cascante….

TOMMASINO - A n’atu ppoco adda murì….

GENNARO – Qua’ cascante, io scherzo….

MATTEO – Non fa seriamente.

CONCETTA – Nun pò fa’ seriamente…. Abbiate pacienza, don Matteo, aspettate: mettete qua dentro.

Matteo esegue. Anna Maria va via, dopo scene c.s.

MATTEO – Voi non vi dovete adombrare, don Gennaro scherza.

CONCETTA – Sì, sì…. Voi poco sapete quanto è vizioso quello!

GENNARO – Statte zitta, guarda che ragionamento….Quella e nà guagliona….

CONCETTA – Portatella ‘a casa.

GENNARO – Io m’a purtasse…..

MATTEO – Basta, don Gennarì, non vi pigliate collera.

GENNARO – Io? La collera fa male….

FEDORA - (entra) E’ venuto Russo….’o saponaro.

CONCETTA – Proprio adesso…. Gli dissi al guardaporta che quando passava Russo lo doveva far salire….Tengo certa rubicella  vecchia ….. ma mo aggio che fa’….Basta, fallo venì.

FEDORA – E’ venuto pure quel signore che venne l’altro giorno…come si chiama….? L’ingegnere Aiello.

GENNARO – Fallo trasì. (Fedora via). Aiello ….questo è l’ingegnere che caccia i soldi per perfezionare la mia invenzione.

MATTEO – Si chiama Aiello.

GENNARO – Michele Aiello. Un giovanotto molto serio.

CONCETTA – ‘I’ comme te piace ‘e perdere tiempo….

GENNARO – Cuncè, lasseme fa’…. Nun portare scarogna.

CONCETTA – Io? Chi te penza?

RUSSO (entrando con Michele) Prego signorino, prima voi.

MICHELE – Grazie. Signore…..Caro don Gennaro….

GENNARO – Vi presento il nostro inquilino: il professore Matteo Penna, maestro di disegno. Lui ha fatto il disegno della mia invenzione.

MICHELE – Bravo….

Si salutano.

CONCETTA  (a Russo) Si, ma se sei venuto con l’intenzione t’accattà  Parige pe’ tre soldi, te ne puoi pure andare.

RUSSO – Chi vi ha detto che me voglio accattà Parigi per tre soldi? Cosa volete vendere?

CONCETTA – Certi vestiti vecchi (A Gennaro) Guè, guè….bellu  mobile…..Te lo metti ancora il vestito marrone?

GENNARO – Concè, facci parlare….

RUSSO – Fatemi vedere.

CONCETTA – Stanno nel ripostiglio. Viene, pigliele tu stesso.

RUSSO - (Depositando il sacco) Permettete… (Via con Concetta).

MICHELE – Dunque, prima cosa spiegatemi bene di che si tratta.

GENNARO – Gesù….noi parlammo due ore di seguito, l’altra sera….

MICHELE – Ma io non capii niente.

GENNARO – Benfatto….

MATTEO – Ecco qua: si tratta di un’invenzione utilissima.

MICHELE – Questo sta bene.

GENNARO – Questo l’arrivaste a capire?

MICHELE – Certo. Non mi ricordo bene….mi parlaste di automobili….parafanghi….

GENNARO – Voi ci pensate, il sistema per evitare le bucature di gomme di automobili!

CONCETTA – (entra con gli abiti usati) Nu cappotto, due vestiti completi e tre gilè spaiati….

RUSSO – (entra portando una spalliera di letto) Lasciatemi vedere….magari (osserva la roba).

CONCETTA – Chille so’ nuovi….

RUSSO – Signo’, ma che pazziate? Qua ci sta pure un bel buco….

CONCETTA – Sulo a questo.

RUSSO – Quattro lire tutte cose.

CONCETTA – Ma che si’ pazzo? Quattro lire….

RUSSO – Ma perché, vale più assai, sta robba?

CONCETTA – E’ inutile, con te non si può fare nessun affare.

GENNARO – Ma ti pare il momento giusto per vendere la roba vecchia?

CONCETTA – Chi vi sta disturbando?

MICHELE – Ma non fa niente.

RUSSO – Signorino, vedete: questi sono quattro mappine vecchie e la signora, per poco, ne vuole un milione.

GENNARO – Quelli sono i vestiti miei e me li chiami mappine?

RUSSO – Io proprio adesso mi sono comprato certi bei vestiti per dieci lire che davvero sono nuovi…Guardate (prende i vestiti  dal sacco).

GENNARO – Ma che devo guardare…Tu non hai il diritto di denigrare la roba mia.

MATTEO – Si intende….E poi,  vuoi  mettere questa roba con gli abiti dell’amico mio? Questi davvero sono mappine!

RUSSO – E io questo dico….

GENNARO – Lasciate don Matteo….questi sono i vestiti miei….

RUSSO – Per cinque lire…me li date?

CONCETTA – Ne faccio stracci per la cucina….Uh, ma tu veramente si’ mariuolo!

RUSSO – Signo’. Abbadate comme parlate. E io nun me voglio imparare che ccà ncoppa  non ci devo venire più….Questa, tutta la casa come sta, dovete trovare un saponare scemo per darvi diciassette lire.

GENNARO – Mo’ la potreste pure finire.

MATTEO –Se non se ne va lo piglio a calci (Via come in concerto).

GENNARO – Sia fatta la volontà di Dio….Uno si deve litigare col saponaro….

MATTEO – (Tornando) Ma che scostumato, l’avrei pigliato a calci.

MICHELE – Non ne vale la pena.

GENNARO – Certo. Dunque…vogliamo parlare dei nostri affari?

Si affaccia Anna Maria, nota Michele, Michele nota lei e entrambi cominciano una scena muta a base di occhiate e gesti.

MICHELE – Sono a voi….

GENNARO – Don Matte’, avete preso il disegno?

MATTEO – Si, non è completo. Eccolo qua.

MICHELE – E questo che sarebbe? (Guarda Anna Maria).

GENNARO – L’apparecchio per evitare le bucature di gomma alle automobili.

MICHELE – Quale? (Guarda Anna Maria che fa segni).

GENNARO – Questo…Voi dove guardate?

MICHELE – Bellissima….

GENNARO - ….ssimo….

MATTEO – Sicuro:  ssimò! Voi dite ssimà….

MICHELE – Già, bellissimo. E a che serve?

MATTEO – Uh, mamma miua! A evitare le bucature di gomme alle automobili.

GENNARO – Io lo voglio chiamare: il parapanna a buco.

MICHELE - (sempre attento ad Anna Maria) Ma come funziona?

GENNARO – Ecco qua….questa è una domanda giusta….Vicino alle ruote, e precisamente ai due lati dell’asse, vengono applicate queste due spazzole, che sono una specie di scope di piccoli fili d’acciaio, non di saggina….Quando l’automobile si mette in moto, mediante un semplice ingranaggio si muovono. L’automobile cammina e queste due spazzole davanti alle ruote fanno così (indica col gesto) in modo che se c’e un chiodo, un pezzo di vetro qualunque, viene spazzato immediatamente.

Intanto Michele fa gesti ad Anna Maria come per prendere un appuntamento con lei.

MATTEO – E’ chiaro, anzi io avevo pensato poi di mettere da qua e da là un piccolo cacciamondezze, così uno ha la soddisfazione di vedere se sulla strada ci stavano chiodi, pezzi di vetro….

GENNARO – Che facimmo, ‘o carro d’ ‘o spazzamento? Don Matte’, non scherziamo!

MICHELE – Dunque…a che serve stu coso?

MATTEO – Chisto non ha proprio sentito…..

GENNARO- E se capisce, vuie state guardanno ‘a signurina….che nun ‘ave che fa’….(Alla ragazza) Non avete che fare a casa vostra?

ANNA MARIA – Don Gennaro, con me non c’e niente da fare….e poi io sono innamorata di voi e non farei certamente il cambio…..

MICHELE – ‘E capito? Don Genna’, voi fate queste conquiste?

GENNARO – Quella, ‘a signurina le piace ‘e scherzà….

ANNA MARIA – No, io dico seriamente….E quando siamo a questo vi dico che don Gennaro mi fa soffrire perché non mi ha voluto dare mai un bacio!

MICHELE – Neh, don Gennà’! Sta bene far soffrire una ragazza come quella?

GENNARO – Io vi ripeto, la signorina scherza…..pecchè si vulesse fa’ seriamente….

ANNA MARIA – Su coraggio, andiamo! Io faccio seriamente: datemi un bacio.

MICHELE – Don Gennà, e che aspettate?

MATTEO – Ci vorrebbe una scalella piccerellla….

GENNARO – No, io salirei….semmai salirei su una sedia….

ANNA MARIA – E salite, andiamo su, che sto morendo….

MICHELE – Salite!

GENNARO -. Nenne’….nun pazzià cu’ me ca io salgo veramente.

ANNA MARIA – E quando?

Gennaro si avvia alla finestra con la sedia.

MICHELE – Oh, bene! Non vi perdete l’occasione: una volta si campa.

MATTEO – (mentre Gennaro dà un bacio alla ragazza) Bravo don Gennaro!

Entra Concetta.

GENNARO – Guè, Cuncè’…..

ANNA MARIA – Donna Concetta, che spasso…..Vostro marito mi ha dato un bacio!

CONCETTA – Mo me pare che stu scherzo putesse fernì. Ogni bel gioco dura poco.

ANNA MARIA – Donna Concetta….siete gelosa?

CONCETTA – So’ tre mise che dura sta jacuvella…e me pare che basta, mo!

GENNARO – Quella, ‘a signurina…..

CONCETTA Statte zitto si no me faie fa’ ‘a pazza….Viziuso!

ANNA MARIA – Donna Concetta….ma che volete dire? Questo è stato uno scherzo innocente….

CONCETTA – Innocente? Sicuro…io po’ so’ scema….

GENNARO – Ma tu fosse pazza…..

CONCETTA  – Mo so’ pazza appriesso? Vedite…..nu vecchio ‘e chell’età!

ANNA MARIA – Donna Concetta, io sono una ragazza onesta….

GENNARO – Insomma, dobbiamo litigare davanti alla gente?

CONCETTA – Un’altra volta ti stai al posto tuo….

GENNARO – Mo m’è seccato, mo! Eh! Dio ‘o sape la vita sacrificata che faccio….

CONCETTA – E sì, è venuto il giovanotto….mo ‘o facimmo spassà con le ragazze….Invece….invece di mettersi con un rosario in mano!

ANNA MARIA – Donna Concetta, è meglio che non vi rispondo.

CONCETTA – Io non c’è l,’ho con voi…..l’aggio cu’ stu viecchio rimbambito.

GENNARO – Cuncè, bada a quello che dici, se no mi fai fare quello che non ho fatto mai!

CONCETTA – E che fai?

GENNARO – Me ne vado!

CONCETTA – Te ne vaie? E vattènne, che aspetti?

GENNARO – Cunce’, non mi spingere agli estremi che io overo ‘o faccio….

CONCETTA – Fallo, fallo e se non lo fai tu, ‘o faccio io.

GENNARO – E me ne vado, si, me ne vado!

MATTEO – Ma non è il caso…..

MICHELE – Finitela.

TOMMASINO (entra con un piatto in mano e mangia) Ch’è stato?

GENNARO – ‘O guaglione vene cu’ me, però!

CONCETTA – I figlie spettano alla mamma.

GENNARO – Le figlie femmine! Ma chisto è masculo e vene cu’ me…..Jammo.

CONCETTA – Guè, lascia stare il ragazzo, si no fernimmo malamente….

TOMMASINO - (piange) Papà, che è succieso?

GENNARO – Tummasi’, vieni con me. Vieni, Tummasi’. Per ora devi sapere solo che questa pazza di tua madre m’ha costretto ad abbandonare il focolare….quando poi sarai più grande conoscerai le altre ragioni…..Vieni con papà tuo: lavoreremo e mangeremo quel poco che riusciremo a cucinare, se no, digiuni!

TOMMASINO – Papà….forse è meglio che resto cui’ mammà….

GENNARO – Vuoi stare con tua madre? Va bene. Deciderà il tribunale. Addio. (Via).

CONCETTA – Che ommo, che ommo! Voi ci pensate….a quell’età!  (Piange).

MATTEO – Ma aspettate….(Corre dietro a Gennaro) Don Genna’….Don Genna’!

MICHELE – Ora lo facciamo salire noi …..Non fate ridere la gente. (Via).

ANNA MARIA – Ah! Che voltamento di stomaco…(Via).

FEDORA – (entra stupita)  Ho visto uscire Gennaro tutto arrabbiato --.Cos’è successo?

CONCETTA – Ch’è successo? Niente….Mo ci sta il ragazzo e non posso parlare: Tuo fratello è nu birbante….Se n’é andato da casa e ha fatto buono.

FEDORA – Se n’è andato?

TOMMASINO – Mo te ne devi andare tu solamente….

FEDORA – Tu statte zitto!

CONCETTA – Ha ragione, ha ditto buono: vattènne pure tu. Vogliamo restare soli…..

FEDORA – E me ne vado….me ne vado….mo proprio. Gennaro come fratello deve pensare a me…Mo me ne vado, in questo momento: me faccio le valigie e me ne vado. (Via a soggetto).

TOMMASINO – Mammà, nun ve pigliate collera….Papà se n’è andato? E nun fa niente. Io me metto a faticà e penso per voi. Mammà, me voglio mettere a fa’ ‘o cuoco…..

MATTEO – (entra, trascina, assieme a Michele, Gennaro) Venite, e che maniere è questa…siete un uomo, alla fine. Per uno scerzo innocente…..

GENNARO – Vi prego di non mettervi in mezzo.

MATTEO – Noi invece abbiamo il dovere di metterci in mezzo perché siamo amici e vi vogliamo bene.

GENNARO – Io so quello che faccio, perciò lasciatemi andare. (si divincola e fa per andare).

I due lo riafferrano e lo costringono a tornare indietro.

MATTEO – Smettetela, su. Guardate come è rimasta addolorata donna Concetta.

MICHELE – Non vi fate pregare, don Gennaro.

GENNARO – Ma perché non vi fate i fatti vostri? Se insistete, significa che non avete capito niente. In questa casa non ci posso stare più. Sono un uomo finito.

MATTEO – Non esageriamo. Don Genna’.

GENNARO – Lasciatemi andare. (Savvia deciso).

MATTEO – (di nuovo trattiene Gennaro, assieme a Michele) Don Gennaro, noi non vi facciamo uscire.

MICHELE – Ma certamente.

MATTEO – Ci mettiamo davanti alla porta e non vi facciamo passare.

I due si dispongono davanti alla porta con le braccia piegate come due poliziotti.

GENNARO – E va bene. Vuol dire che quando ve ne andate voi me ne vado io. La decisione l’avevo presa già da un pezzo. (Prende una sedia e la piazza al centro del terrazzo) Vediamo chi si stanca prima…..(Siede piegando a sua volta le braccia).

MATTEO - (dopo una lunga pausa, durante la quale ha scambiato occhiate di intesa con Michele, attraversa il terrazzo alle spalle di Gennaro e raggiunge Concetta) Donna Conce’, qua sta don Gennaro…..

MICHELE – Prego, prego: Gennareniello!

MATTEO – Gennareniello…..ma come…!

MICHELE – Donna Conce’, è stata una pazzeria di gioventù….(Matteo ride). Di prima gioventù….

MATTEO – Riflettendovi bene, voi assomigliate a Ramon Novarro….

Michele ride

MICHELE – Mo, la sera, Gennareniello lo vedremo spesso al Trocadero….Però dovete essere più elegante….Ci vuole un fiore in petto….camicie di seta….

MATTEO – Si deve tingere i capelli…..una bella scatola di cromatina nera…..

MICHELE – Mettetevi così….. (Lo aggiusta con un bastoncino e un cappello vecchio che si trova in scena fra la roba tirata fuori per il saponaro, ed un paio di calzini spaiati in mano come guanti).

MATTEO – Donna Conce’, qua ci sta Gennareniello….

CONCETTA – Ma voi a chi credete di prendere in giro…? Ma lo sapete che io, femmina e bona tengo ‘o core ‘e ve picglà a pacchere a tutti e due…..Mio marito è un uomo serio….ed è l’uomo mio …. Ghiatevenne!

MATTEO – Signo’, noi abbiamo creduto di scherzare….

MICHELE – Sono mortificato….

CONCETTA – Jatevenne….

MATTEO – Donna Cunce’!

CONCETTA – Jatevenne! (Forte)

Michele fa cenno di noncuranza a Matteo e viano insieme.

GENNARO (guarda con riconoscenza la moglie; ha vergogna di avvicinarsi, poi si fa animo, le si avvicina e canta) “Nun me dicite no …. Uocchie che ragiunate….senza parlà….senza parlà…”

CONCETTA – (lo guarda commossa e mormora) Gennari’….

Il marito abbassa la testa.

TOMMASINO  (che è seduto in fondo a cavalcioni del parapetto) Papà …te piaceva ‘a signurina, eh….?

TELA

           

    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 7 volte nell' ultimo mese
  • 58 volte nell' arco di un'anno