Gente di porto

Stampa questo copione

Gente di Porto

Gente di Porto
(storia d’amore e di coltelli)

commedia in due atti di

Carlo Barbera


col contributo di alcuni spunti tratti da Nino Martoglio


Personaggi

Don Salarino
proprietario del caffè
Amalia
cliente
Mastro Tano
maestro d’ascia
Liberata
cliente, amante di Mastro Tano
Taddarita
donna di strada
Cecè
mafioso
Pàllica
sorella di Amalia, amante di cecè
Basaloccu
ladro








A T T O P R I M O
Il caffè di don Salarino: a sinistra il bancone, al centro la comune, con porta a vetri, sulla quale si vede la scritta: “Caffè del Porto”; a sinistra, tra il bancone e la comune, un uscio interno; tavolini e sedie in giro per la stanza. Al levarsi della tela don Salarino mesce il caffè a Mastro Tano, mentre Amalia dorme, appoggiata su un tavolino. L’azione si svolge a Messina nel 1920.

SALARINO: (Porgendogli il caffè) Ecco a voi.

TANO: (Gli da una monetina) Grazie! (Lo assaggia e lo sputa subito) Cicoria
perfetta! Oh, non si po’ biviri! E’ cchiù lascu d’’i mutanduni ‘i me’ nonna!

SALARINO: Bonu è, Mastru Tanu!

TANO: Pi lavarisi ‘a facci!

SALARINO: Avanti, ‘mbivitavvillu e ringraziati a Diu chi c’è.

TANO: Si almenu ci fussi ‘u zuccuru...

SALARINO: Ci nn’è puru troppu.

TANO: Ma unni? Si è amaru comu ‘o vilenu? Mi staiu ‘ntussicannu l’anima!
Mittiticcinni n’autru cucchiarinu! Forza!

SALARINO: Si mi dati n’autru soddu...

TANO: Vi nn’haiu datu quattru, ebreu!

SALARINO: E io v’haiu datu un cafè di quattru soddi. Si vuliti ‘u gileppu l’avit’a
agari cchiù assai. Il caffè, amico mio, è come tutte le cose della vita: cchiù si
spenni e cchiù si godi.

TANO: Siete un usuraio! (Gli porge altri soldi) Ecco qua, tiniti, latru!
Mittiticci l’autru zuccuru, chì io mi pigghiu ‘u cafè pi tinirimi svigghiu.
Vui m’’u dati amaru...

SALARINO: (Eseguendo) Si mi criditi, non ci guadagnu mancu un soddu a tazza.

TANO: E stati cca p’’a me’ bedda facci?

SALARINO: Fazzu notti e ghiornu pi serviri sta bella clientela. Ma c’haiu’a fari?
La notte ci sto io, così me’ mugghieri si riposa. E poi, sapiti com’è?
Sunnu orari in cui ponnu capitari tanti malandrini e fimmini di mala
razza! Si rischia l’assassinio, la rissa, l’ammazzatina di coltello...
TANO: Ma voi non pagate la protezione a don Cecè?

SALARINO: Si. Ma i mal’occasioni ponnu sempri capitari.

TANO: Ringraziati a Diu chi aviti clienti puru comu a mia. Teniri un cafè ‘o
portu non è cosa facile, me ne rendo conto. Purtroppo, ormai, proprio
questo porto, altro non è che un covo di ruffiani, puttane e ladri.

SALARINO: Povira Missina! Di stu passu, cu’ sapi unni annamu a finiri.
Brutti tempi arrivunu! Brutti tempi! Così, ‘a notti stamu cca e ci damu
cunfortu a cu’ travagghia...

TANO: E v’arricchiti.

SALARINO: Ma chi m’arricchisciu?

TANO: E bonu, picchì vi ‘mmucciati? Non è piccatu, quannu unu s’arricchisci
travagghiannu.

AMALIA: (Sbadigliano) ‘A notti s’aviss’a dormiri.

SALARINO: ‘Nto lettu.

AMALIA: Pi cu’ l’havi, ‘u lettu. E pi cu’ non havi unni cadiri e unni murìri?

SALARINO: Veni cca e si ‘ddummenta, veru?

AMALIA: No, veni unni vui e si bivi un cafè p’arruspigghiarisi.

SALARINO: Ma a tia ti fici l’effettu cuntrariu.

AMALIA: Significa chi vinniti orgiu pi cafè. E’ giustu, mastru Tanu?

TANO: E tu comu ‘u sai ‘u me’ nomu?

AMALIA: Vi sintia chiamari di don Salarinu. Io, invece, mi presento da sola, mi
chiamo Amalia.

TANO: Piaciri!

AMALIA: La prima caratteristica del caffè qual’è? Chidda di teniri svigghi
l’animi addurmisciuti. E allura, dico, se il vostro caffè fa l’effettu
cuntrariu, vo’ diri chi non è bonu.

SALARINO: Senti, Amalia, finemula cu sta fisolofia!

TANO: No, no, havi ragiuni, picchì stu cafè è propriu lascu.

AMALIA: Acqua bugghiuta, ci putiti calari i maccarruni!

SALARINO: Ora vi damu ‘a ciccolatta!

AMALIA: Chistu, no, ma, almenu, ‘u ciauru d’’u cafè ci deve essere.

TANO: (Guardando la tazza) Cca non c’è mancu ‘u culuri.

SALARINO: E vui picchì viniti cca?

TANO: Picchì siti l’unicu disgraziatu, chi ‘a notti sta apertu.

SALARINO: Spatti! Bellu ringraziamentu!

AMALIA: E anticchia di cafè, di notti, lascu o strittu, ci voli comu u pani.

SALARINO: Soprattutto si poi è pure arricchito da un bel tavolino dove poter
dormire, senza spenniri soddi di lucanna!

AMALIA: Vi dissi chi io non durmia: mi riposavo.

TANO: Runfannu comu un sirraccu.

AMALIA: Runfu picchì haiu ‘u nasu ‘ntuppatu.

TANO: E ‘u ciriveddu?

AMALIA: Un brillanti, mastru Tanu! (Si riappoggia)

SALARINO: Chi facemu, Amalia?

AMALIA: Chi vuliti? ‘U cafè v’’u pagai?

SALARINO: Ma ‘u lettu, no.

AMALIA: Vaia, don Salarinu! M’appinnicai senza vulillu.

TANO: Evviva la sincerità!

SALARINO: Oh, ‘a chiama appinnicata! Runfava comu un contrabbassu...

TANO: Violoncello, direi, don Salarinu.

AMALIA: ‘A stanchizza è!

SALARINO: Di fari chi?

AMALIA: (Va verso il bancone) Datimi ‘na lacrima d’acqua.

SALARINO: (Eseguendo) Cca c’è l’acqua.

AMALIA:(Sbadigliano) Chi ura è?

SALARINO: L’ura d’aieri a st’ura.

TANO: (Guarda l’orologio) ‘I tri menu vinti.

AMALIA: Quantu ci voli p’agghiurnari?

TANO: N’autri tri uri e menza.

AMALIA: Sta beni...(Si reca al tavolino e si riappoggia) Don Salarinu, quannu
agghiorna mi ruspigghiati.

SALARINO: E chi fu? N’autra vota ti curcasti? Ma chi parru turcu?

AMALIA: E bonu, aspittati! Chi fazzu, arrobbu? Bedda sugnu; pulita puru...
E vi fazzu fari macari bella figura.

SALARINO: Ah, si? Ora nni mancava ‘a to’ biddizza e ‘a to’ pulizia.

AMALIA: Certu, picchì ‘a genti, chi trasi, pensa: “Vadda chi beddi fimmini
chi ci sunnu unni don Salarinu!”.

TANO: Ma so’ mugghieri non la pensa così.

SALARINO: Me’ mugghieri non ci trasi.

TANO: ‘I mugghieri ci trasunu sempri.

SALARINO: Ma si tutta a genti senza casa vinissi a dormiri cca, staria friscu.
C’è ‘u dormitoriu pubblicu? A curchiti dda.

AMALIA: C’era bisognu chi m’’u diciu vui. ‘U dormitoriu è chiusu.

TANO: Ah, clienti è, don Salarinu. E picchì è chiusu?

AMALIA: Assira si ‘mpiccau unu.

SALARINO: Unni?

AMALIA: ‘O dormitoriu. ‘Ncudduriau un linzolu e si ‘mpiccau.

TANO: E non si nn’accurgiu nuddu?

AMALIA: Si, si nn’accurgeru...quann’era bellu e ghiacciatu. E comu ‘mpinnuliava!
(Mima il fatto) Pari chi battia menzanotti! Tisu!

TANO: Ma ci dastu cafè o grappa?

SALARINO: Chissacciu? Pari ‘mbriaca chista.

AMALIA: Signuri, è veru. Si non mi cacciavunu i guardii, m’arristava dda.
Mi stava ‘nsunnannu ‘a bonanima ‘i me’ patri chi mi dava du’ numira.

SALARINO: E avissi durmutu c’’u mortu a latu?

AMALIA: E chi veni a diri? ‘U sonnu è sonnu.

TANO: E si ti svigghiavi?

AMALIA: Mi vutava ‘i l’autru latu.

SALARINO: (Si segna) Gesù...Giuseppi e Maria! E chi si?

AMALIA: V’avit’a scantari d’’i vivi, non d’’i morti!

TANO: Chistu è veru.

AMALIA: Figurativi si mi putia fari speci ‘nu ‘mpinnutu, chi mancu canuscia.
Cu stu sonnu, poi...

TANO: Sonnu arretratu è.

AMALIA: Arretratissimu, mastru Tanu! Havi tri ghiorna e tri notti chi caminu.
Vegnu a pedi di Santu Stefunu di Camastra!

TANO: Benedica!

AMALIA: E arriva un mumentu ‘nt’’a vita chi s’hav’a caminari. E chi po’ fari ‘na
cristiana? Si metti ‘a strada ‘nt’’e pedi e camina.

LIBERATA: (Entrando) Baciamu li manu!

SALARINO: Oh, Libirata, chi ti servu?

LIBERATA: ‘Na schizza di cafè c’’u ‘na lacrimedda ‘i latti. Staiu murennu d’’u
friddu.

TANO: Comu t’’a passi? Comu si cumporta ‘a signura?

LIBERATA: Ah! Bedda, daveru! Non putia acciuncari dda iurnata, ca misi
pedi dda intra? ‘A patruna cchiù tinta di Missina ‘a truvai io!
Qualunqui cosa fazzu trova a chi diri: “Svinturata! Sgraziata!”...
Cumincia di prima matina. Appena è l’alba sona ‘u svigghiarinu:
“Non t’’a susutu ancora, Libirata? Priparicci ‘u cafè p’’u signurinu”...
Cafè? Anticchia d’acqua culurata, fatta di zzucu d’orgiu e anticchia di
cicoria atturrata!

AMALIA: I ricchi su’ tutti accussì: pricchi!

LIBERATA: Finutu ‘u cafè, accuminciunu l’autri guai: t’attocca di vistiriti e scinniri
‘a cagnola, chi fa: “Guai! Guai!...a farici fari ‘i so’ bisogna. Brutta! Nica!
Pari un surici!
SALARINO: Ah, dda cagnuledda è soi?

TANO: Chidda cu tutti ddi ‘nnocchi, chi camina tisa, pari chi si ‘nghiuttiu ‘u
manicu d’’a scupa?

LIBERATA: Si, si...’A soi è! Ch’è bidditta! Pari ‘na schiccaredda parata a festa!
E dda cucina? Dicissi ‘na vota ch’è pulita! Talia ddi cassalori...
ddi pignati...quattru cosi fracidi di crita...e sempri dici chi su ‘nzunzati.
‘A casa è lorda; ‘u cessu ci fa fetu...Ma poi, dicu io, si manciunu pani e
cipudda...Si vuliti ‘u retrè chi vi fa ciauru, manciati capituni cu
l’addauru, inveci di dda cipuddazza stantia e fidusa e di ddu vinu
acitazzu. Ci pirciassi ‘i budedda!

SALARINO: Nenti ‘i menu! Si risparmiunu ‘u manciari?

LIBERATA: Allura...allura...E ‘u manciari mei? Oh, lu pisa! E dici chi l’arrobbu
supra ‘a spisa! Ma chi ci haiu a rubari? Ddu furmaggiazzu, chi ‘u
‘ccattau a quattru soddi? ‘A saimi, chi ‘ccattau a un soddu? Oppuru
l’ogghiu, chi ‘u teni sutta chiavi? Chi ci haiu a rubari ‘u fumu d’’u
carbuni? O ‘a tintaria chi havi? E mi dici chi manciu quantu un
mammaddrau!

TANO: (Col doppio senso) Eh, ‘na picciotta comu a tia, hav’a manciari.

LIBERATA: Ma unni? Dopu chi haiu sirvutu a tutti, ‘u me’ piattu m’attocca
friddu. Poi ci trovu quarche musca, quarche pilu, io sugnu schifiltosa
e l’hai’a ghittari.

TANO: Bucca dilicata!

LIBERATA: Ognunu pensa p’’a soi!

SALARINO: Certu chi è un piccatu ittari ‘u manciari di sti tempi.

LIBERATA: Ittari, pi modu di diri. Ci l’hai’a dari a Baggiana, dda cani tinta e
sdilittusa! Ma io, quarche vota, arricogghiu anticchia ‘i stricchinnina
e ci fazzu attisari i paleddi. Così! (Fa il gesto)

TANO: E bonu, bonu, Libirata, chi voi fari?

LIBERATA: Chi bonu e bonu? Non è bonu affattu.

AMALIA: Vi dugna a dormiri? A manciari?

LIBERATA Ci manchiria...

AMALIA: Accuntintativi, chì chisti sunnu brutti tempi, amica mia!

LIBERATA: Ci curpa ddu curnutu di me’ ziu, chi si maritau a dda tinta serva!
Si no, io, a sta ura, facia ‘a signura!

SALARINO: Non ti biliari!

LIBERATA: (Beve il caffè) Stu cafè è stranu!

TANO: Veru?

AMALIA: E’ lascu.

TANO: Forsi ti capitau a tia così, picchì l’autru era bonu, veru, Amalia?

AMALIA: Mizzica! Nni fici un cafè chi era crema di ciccolatta!

SALARINO: Spiritusi!

LIBERATA: Allura, non mi vuliti beni...

TANO: Non nni voli beni.
AMALIA: Nni fici un cafè chi paria acqua ‘i gebbia.

SALARINO: E bonu, ora mi fazzu pirdunari. Io sacciu chi ti piaci giucari ‘a riffa.
Si voi ti pozzu dari numira belli frischi: trenta di linzolu; sittantanovi
durmitoriu e vintinovi ‘mpisu. Ternu siccu!

LIBERATA: Non capia.

SALARINO: Ieri sira si ‘mpiccau unu ‘o dormitoriu pubblicu.

LIBERATA: Oh Matri di Diu! Veru è? Chista si chi è furtuna! Nn’aviria succediri
unu ‘o iornu di sti ‘mpiccatini! E inveci? Sempri morti ammazzati!
I numira puru si siddiunu a nesciri sempri i stissi. (Friggendo)
Scrivitimi sti numira, forza!

SALARINO: (Prende un lapis e della carta e scrive) Teni cca. Si vinci mi dugni
quarche cosa a mia e a Amalia.

AMALIA: Grazii!

LIBERATA: Quantu mi nni ritornu a casa. Pagu?

TANO: Tuttu pagatu.

LIBERATA: (Civettuale) Vaia, mastru Tanu!

TANO: (Avvicinandosi) Vatinni tranquilla! (Sottovoce) Cchiù tardu nni videmu!

LIBERATA: Stanotti non po' essiri.

TANO: Picchì?

LIBERATA: Picchì, no!

TANO: Havi ‘na simana...

LIBERATA: E chi voi? Ci su’ ‘i patruni svigghi.

TANO: Sta beni, comu voi tu. (Fra se) Io haiu ‘i baschi...

LIBERATA: ‘Nsicchiti ‘a testa sutta ‘o ghiacciu, così ti rinfrischi! Bonanotti. (Esce)

TUTTI: Bonanotti.

SALARINO: Sta carusa nn’ha vistu di tutti i culuri. Ora capitau a sta tinta
parrucchiana...

TADDARITA: (Entrando) Salutamu all’amici!

TUTTI: Salutamu.

TADDARITA: M’ha circatu quarchedunu?

SALARINO: No.

TADDARITA: Sta beni. Si mi cercunu, io sugnu cca fora. Don Salarinu, io non mi
movu. Mi raccumannu! Mi capistu?

SALARINO: Taddarita, comu dici tu.

TADDARITA: (A sfottò) Mastru Tanu, e vui chi faciti cca?

TANO: Mi pigghiu ‘u cafè.

TADDARITA: Viditi chi cu’ mancia fa muddichi.

TANO: E chi voi diri?

TADDARITA: Chi cu’ non mancia havi ‘a tavula pulita.

TANO: ‘A bucca l’hai sulu pi diri fissarii!

TADDARITA: Don Salarinu, nn’aviti rummulu?

SALARINO: Chi è stu rummulu?

TADDARITA: Il liquore.

SALARINO: Ah, Rum!

TADDARITA: ‘A ‘Merica...Cca si chiama rummulu.

SALARINO: L’haiu, l’haiu.

TADDARITA: Niscitilu ‘o largu, chì cchiù tardu vegnu.

TANO: Ma si mancu ‘u sai chiamari...A ‘mbiviti un bicchieri ‘i vinu ‘i Caddonia ...

TADDARITA: Io ‘u chiamu: Rummulu. Baciamu li manu...(Sfottendolo) Mastru
Tanu! (Esce)

TANO: E’ cchiù storta d’un ferru ‘i cavaddu!

AMALIA: Ma cu’ è?

SALARINO: Pippina ‘a Taddarita.

TANO: Bellu spicchiu d’agghiu!

AMALIA: E picchì, Taddarita?

TANO: Picchì di iornu dormi e di notti sta svigghia. Non ci poti sturdimentu!

SALARINO: E così, tu veni di Santu Stefunu?

AMALIA: Cercu a unu, chi facia tuttu ‘u riccu, appaltaturi, e, comu fu e comu
non fu, canusciu a me’ soru. Idda, babbasunazza, chi cridi a tuttu
chiddu chi ci dicunu, si fici ‘nfinucchiari. Io non c’era, me’ matri è
‘na povira orva...Se ne approfittò e, finito il lavoro, turnau in città.

TANO: E chi avia a fari, scusa?

AMALIA: Dici che era stato in continente, ma non vosi diri picchì.
E cu sta scusa: chi ancora non havia turnatu pi vidiri ‘a famigghia,
lassau a me’ soru sula, dopu chi si fici i comodi suoi.

SALARINO: (Fra se) Fussi don Cecè?

TADDARITA: (Rientra) Fa troppu friddu, non si po' stari fora. Si veni, mi trova
cca. (Sempre a sfottò) Mastru Tanu!

TANO: Chi voi?

TADDARITA: Cu mancia fa muddichi!

TANO: Cuntinua, Amalia.

AMALIA: Mia sorella è pazza, pi curpa soi. Sapiti chi fici? Dopu chi iddu partiu, me’
soru è scomparsa di casa, purtannusi ddi quattru soddi chi s’avia sabbatu,
tissennu ‘a tila.

TADDARITA: Chiamatila pazza! Scattra, scusati.

AMALIA: Vui non sapiti ‘u fattu.

TADDARITA: Parrati, facitimi capiri.

AMALIA: Quannu io turnai e non truvai cchiù a Pàllica...

TADDARITA: Cu è Pàllica?

AMALIA: Me’ soru.

TADDARITA: Piaciri! E vui vi chiamati Amalia?

AMALIA: Si. Vi piaci?

TADDARITA: Assai...ma cuntinuati.

AMALIA: Stava dicennu chi, quannu turnai a casa e non truvai a Pàllica, annai unni
‘u Diligatu, unni ‘i Carrabineri...nenti. E mi nasciu ‘u suspettu chi putia
essiri cca. Pigghiai ddi chinnici soddi d’’a simanata e partia a pedi.

SALARINO: ‘U viditi, Mastru Tanu? Vui, chi putiriu fari la furtuna di ‘na fimmina,
siti schettu. I mascalzoni nni trovunu quantu nni vonnu.

TADDARITA: Non è schettu Mastru Tanu...

TANO: (Cercando di non risponderle) E com’è chi annasti a finiri ‘o dormitoriu?

AMALIA: Mi rubaru i soddi. Non m’arristaru mancu chiddi giusti giusti pi pagaricci
‘u cafè a don Salarinu.

SALARINO: Ah! A postu! E aviv’a cadiri giustu giustu cca?

AMALIA: Si mi faciti dormiri cca, io aspettu chi agghiorna e vaiu ‘a Questura per
denunciare il fatto.

SALARINO: Puru?

AMALIA: E unni vaiu a sta ura?

SALARINO: Ma figghia mia! Ti voi persuadiri chi chista è putia? Cu tutta ‘a
bona volontà, non ti pozzu aiutari.

TANO: Don Salarinu havi ragiuni.

SALARINO: Non poi stari cca. Ora levunu manu unni don Citu e venunu l’operai
pi pigghiarisi ‘u cafè. Poi arrivunu chiddi d’’a matina...

TADDARITA: Aviti ‘u cori comu ‘e petri! Amalia, vardati chi faciti, cca ‘nfacci
c’è ‘na straduzza. Pigghiatila, a centu passi truvati ‘na lanterna
russa. Ddocu c’è ‘na lucanna...

SALARINO: Taddarita, ma unni ‘a manni a sta carusa?

TADDARITA: Mutu, vui! ‘A lucanna si chiama “Al bel soggiorno”. Vui ci battiti e ci
diciti chi vi manna Taddarita, pi dormiri. Mi raccumannu: pi dormiri.
‘A Questura prima d’’i deci non truvati a nuddu. Quannu iapri,
annati a circari il Brigadiere Mandanici e ci diciti chi vi mannu io.

AMALIA: Grazii, ‘u Signuri v’’a renni.

SALARINO: Aspetta...Io non t’haiu mannatu pi malu cori...tu capisci chi...

AMALIA: Ma certu.

SALARINO: Certi cosi non si ponnu fari, puru vulennu...(Prende dei soldi)
Teni cca, cu chisti ti fai ‘na bella colazioni...

AMALIA: Grazii!

TANO: (Dandole altri soldi) Aspetta, pigghiti puru chisti, p’’u viaggiu di ritornu,
almenu, ti poi pagari ‘na vittura currera.

AMALIA: Grazii, bona genti. Vi ringraziu, Taddarita. (Esce)

TADDARITA: Povira carusa! ‘U Signuri m’’a varda!

TANO: Eh, mischina! A sta ura so’ soru ha fatto festa e quaranturi!

SALARINO: Certi voti, ragiuna cchiussai ‘na paddottula chi na fimmina.

TADDARITA: ‘A missa è ditta! Si l’omini non fussiru baccalari, i fimmini
ragiuniriunu sempri.

TANO: Cu quali testa?

TADDARITA: Cu chidda chi vi manca a vuiatri masculi. La donna, un giorno,
dimostrerà di essere più intelligente dell’uomo.

SALARINO: ‘U voi ‘u rum?

TADDARITA: E datimmillu, vah!

SALARINO: (Eseguendo) Teni, ‘mbriachiti!

TADDARITA: Avete saputo del suicidio?

SALARINO: Abbiamo saputo.

TANO: Così è ‘u munnu: genti chi s’ammazza (Insinuante ed ironico)e genti chi
parti pi curarisi.

TADDARITA: E bravu a Mastru Tanu! Vardati chi ormai tra mia e Cecè non c’è
cchiù nenti. Puru ‘u picciriddu mi muriu. Dunca? Ormai io sugnu di
tutti e di nuddu.

TANO: E picchì non veni cu mia?

TADDARITA: Voi siete impegnato.

TANO: Megghiu chi non ti rispunnu!

TADDARITA: E poi, non mi piacete.

TANO: ‘Bituata!

SALARINO: (Cambiando discorso) Taddarita, hai saputo niente dal tuo amico
professore?

TADDARITA: Una nuova, fresca fresca.

SALARINO: E chi è?

TADDARITA: Eh, signuri mei! Ormai la scienza è arrivata al punto chi po' pittari
‘n’aceddu ‘nta l’aria. Caru don Tanu, senza midicinali, vi fa stari bonu
e beddu macari a vui chi siti bruttu.

TANO: Taddarita, non esageramu!

TADDARITA: Sicunnu mia i iettichi pigghiaru un ternu siccu. Ora si fa ‘u
sanatoriu e ognunu d’iddi già si senti riccu.

TANO: Stanotte parla in rima!

SALARINO: Bonu, vah! Taddarita non diri fissarii.

TADDARITA: Non ci criditi? Vardati chi cca la cosa è seria. Floriu fici ‘nu spitali,
La Ninfa Egeria, unni si sviluppa un certu fetu, chi pari fetu, ma
é ciauru. E cu sta cura, seppiru truvari il sistema di darici ‘e iettichi
‘u culuri e ‘u pitittu.

SALARINO: E pigghiasti ‘a cinchina! Senti, Taddarita, a nui, chi nni ‘ssicuta ‘u
pitittu, non nni ‘nteressa comu veni, ma comu passa.

TANO: Aviti ragiuni! I pantaluni ‘i ‘na vota non mi trasunu cchiù.

TADDARITA: E vui annaticci alleggiu c’’a furchetta. Aumh!

TANO: Ma si manciu quantu a ‘n’aciddittu...

TADDARITA: Nuncinteddu! Un cardiddittu! Cip...Cip...Cip...

CECE’: (Entrando) Baciamu li manu a tutti!

(Taddarita, nel vederlo s’incupisce e si va a sedere in disparte)

SALARINO: Don Cecè, comu stati?

TANO: Vi ricugghistu?

CECE’: Ho girato tutta la Toscana e, dopo, mezza Sicilia.

SALARINO: (Fra se) ‘U dissi io.

TANO: Vi passastu un pocu di tempu, ah?

CECE’: (Con fare gradasso) Taddarita, comu t’’a passi?

TADDARITA: M’’a passava megghiu prima, quannu non c’era ‘a to’ brutta facci
in giru.

CECE’: Grazie, sempre gentile sei!

TADDARITA: Già è assai chi ti rispunnu.

CECE’: Dici ‘n’autri du’ minchiati e ti fazzu cadiri ‘i denti!

TADDARITA: Sugnu tutta scantata!

CECE’: Megghiu chi non ti dugnu addenzia: ciatu persu è!

TADDARITA: E risparmitillu, allura.

SALARINO: Chi vi biviti, don Cecè?

CECE’: Cognac.

TANO: Ora chi siti bonu...

CECE’: Rifatto, amici miei, rifatto!

TADDARITA: Io ti vidu sempri ‘u stissu.

CECE’: Cu l’occhi d’’u cori!

TADDARITA: Pi tia? I tempi canciunu.

CECE’: Cari amici miei, si ristava cca, ‘u dutturi Puleggia mi spidia p’’u caddiddaru.
Evviva Firenze e tutta la sua medicina! E’ inutili, in Sicilia ‘i spitali non
servunu e non sirvirannu mai. Cca si trasi addritta e si nesci ‘nt’’o cappottu
‘i lignu. Santu Libiranti! Amaru a cu’ havi a chi fari con i medici in Sicilia!
Neanche al peggior nemico! Prima cosa, quannu trasiti cca ‘nta ‘nu spitali, ci
voli ‘a rittera...Surici? Zucculuni di sta posta, di chiddi chi c’un muzzicuni
ti scippunu un pedi. Poi, l’assistenza! Cca, si chiami ‘e ‘nfirmeri, te ne
fanno pentire per il resto dei tuoi giorni. Arrivunu ddi capusala cu ddi gran
panzuni e ddi minnazzi a usu virina: “Ci c’è? Chi vi mancau?”...E chistu a
mia, chi sugnu ‘u boss. Figuramuni a un poviru disgraziatu.
Cca ti poi sarvari sulu si hai un parenti, chi travagghia ‘o spitali oppuru si
trasi c’un mazzu ‘i carti ‘i centu liri ‘nt’’e manu e distribuisci.
A Firenze, invece, appena soni ‘na butticedda ‘u campanellu, spuntunu ddi
beddi monichi vistuti di bianco, educate...”Signor Cesare, vi aggiusto il
‘uscino?”...Perchè i toscani non pronunciano la “C”. Tutta n’autra cosa,
vi dico: l’oru c’’u ghiummu. E la cosa che più mi ha fatto arrabbiare è
che la maggior parte dei medici, in continente, vengono dal meridione.
‘U prufissuri chi mi curau a mia è di Caltanissetta e tri quarti di repartu
è ‘mmiscatu tra Napuli, Calabria e Sicilia. E’ l’aria di dda che li migliora!
Altro mondo, altra coltura, altra lussuria! Insomma, amici miei, voi avete
il piacere di avere qui il vostro amico Cecè, picchì ebbi l’ispirazione di
di andarsene a Firenze. Si no, a sta ura era mortu!

TADDARITA: (Tira un sospiro di sollievo) ‘Na facci brutta ‘i menu.

TANO: Finiscila, Taddarita!

SALARINO: E dicitimi ‘na cosa, stu bellu cappeddu unni ‘u truvastu, a Firenzi?

TANO: Nenti coppula, don Cecè?!

CECE’: Ma quali coppula, Mastru Tanu? Don Salarino, dda supra, chi fa friddu
piddaveru, coppuli, scuzzitti, papalini, non ne usa nessuno.
Su’ così ridiculi di qualche vecchio, ma in testa dei giovanotti, niente.

SALARINO: Ma nuiautri chi semu giuvinotti?

CECE’: Ognunu pigghia bonu pi iddu. Io mi sentu un picciottu ‘i vint’anni!

TADDARITA: E questo è il tuo male: chi non vulisti mettiri sennu e capiri chi
l’anni passunu pi tutti, te compreso.

CECE’: Taddarita, avem’a fari l’opira?

TADDARITA: Divintasti tenori?

CECE’: Non mi sembra il posto e mancu l’orariu!

TADDARITA: Cu tia non vali a pena mancu di sciariarisi.

CECE’: Finiscila, ti dissi!

TADDARITA: Non ti scantari, chi non ti fazzu fari malafigura davanti ai tuoi amici.
Don Salarinu, pi gintilizza, datimi a chiavi d’’u cessu!

SALARINO: Apertu è.

TADDARITA: Con permesso. (Esce)

TANO: Lassatila stari, don Cecè, l’avit’a cumpatiri: fimmina è!

SALARINO: E certi voti ragiuna megghiu ‘na paddottula di ‘na fimmina.

CECE’: E chi voli diri? Vui pinsati chi ‘i fimmini sunnu bestia?

SALARINO: Non sunnu omini.

TANO: Ddocu v’’a ‘mpoggiu!

SALARINO: L’uomo è il corrispondente di iaddu, mi capiti, no? E ‘a fimmina d’’u
iaddu non è ‘a iaddina? E ‘u ciriveddu d’’a iaddina quant’è?

TANO: E poi, ‘u picciriddu ci muriu...

CECE’: E già! Idda m’’u vulia ‘ncullari a mia. Io chi nni sacciu s’’è figghiu mei?
Amici, idda, comu vinia cu mia, po’ essiri puru chi annava cu autri.
Cca supra (Si tocca il naso) musca non nni passa! A Cecè non ci ‘u dici
nuddu “Curnutu”.

SALARINO: (Versandogli del cognac) Chistu v’’u offru io, come augurio per la
vostra guarigione.

CECE’: E cu sbagghia, si l’hav’a vidiri cu chistu (Esce il coltello) o cu chista
(Esce la pistola).

TANO: (Terrificato) Sabbativvilli tutt’i dui, chi piccamora c’è schifiu in giru.

CECE’: Chi successi?

SALARINO: Ieri notti ‘o dormitoriu pubblicu si ‘mpiccau unu.

CECE’: Bellu cretinu!

SALARINO: Non ghiabbu e non maravigghia.

CECE’: E no, caro don Salarino, tutto si può ammettere, ma chi unu si leva ‘a vita...
Io pozzu capiri chi veni unu, ti spara e ti leva d’’u munnu. Ma che motivo
può spingere un uomo a mettersi una corda attorno al collo e ‘mpiccarisi?
Ma comu, io mi fici milli chilometri, ho speso un sacco di soldi per curarmi,
e chistu si ‘mpicca? Ci voli curaggiu, ma, soprattutto, ci voli babbaria.

SALARINO: (Con pettegola curiosità) E in Sicilia unn’aviti statu?

CECE’: Du’ iorna a Mistretta e ‘u restu a Santu Stefunu di Camastra.

(Tano e Salarino si danno uno sguardo d’intesa)

TADDARITA: (Entra e va al bancone) Cca c’è ‘a chiavi. Datimi n’autru rum.

CECE’: Non servi a nenti chi ti ‘mbriachi.

TADDARITA: Tu chi voi capiri?

CECE’: Si tu si bestia di sobria, figuramuni di ‘mbriaca.

TADDARITA: Almenu non pensu a certi cosi.

CECE’: E inveci ci ha pinsari.

TADDARITA: L’affari toi non t’’i sai fari?

CECE’: Si.

TADDARITA: E fattilli, allura.

SALARINO: (Versandole il rum) Questo lo offre la ditta per festeggiare...

TADDARITA: Che cosa?

SALARINO: Nenti, stava dicennu ‘na fissaria.

TADDARITA: Bravu. (Beve) ‘A facci ‘i cu’ non voli! (Esce)

CECE’: Criditimi, amici mei, quannu vidu sti cosi mi nni scappiria n’autra vota pi
supra. Ma sapiti comu? A currennu. Quanta ‘gnuranza chi c’è ‘nta sti
fimmini nostri! S’attaccunu ‘ncoddu com’è sanghetti e non si strogghiunu
cchiù. In Toscana la donna è ‘ntiligenti: l’omu ‘u lassa libiru di fari
e sfari, senza gilusia e senza malacrianza. Oggi ti piaci l’amica di to’
mugghieri? Idda stissa ti spinci: “Vacci, vacci, divertiti”. Tu vai, ti passi ‘u
capricciu e ti nni torni a casa cuntentu e più innamorato di prima di tua
moglie.

SALARINO: Aviria mannari a me’ mugghieri.

CECE’: Eh caru miu! Cu sti picciotti non si ci po' cummattiri.

SALARINO: Don Cecè, fimmini su’. Ricurdativillu, fimmini.

LIBERATA: (Entrando) E chi fu? Visti nesciri a Taddarita...Oh, don Cecè!

CECE’: Libiratedda! (L’abbraccia) Comu t’’a passi?

LIBERATA: Bona, bona...

CECE’: (Le da una pacca sul sedere) ‘U vidu! Datimi ‘na grappa. (Va al bancone)

TANO: (Traendola in disparte) Non c’è bisognu chi ti fai muddiari comu ‘na
ficadinnia!

LIBERATA: Scimunitu ‘i guerra, vinni pi diriti chi poi ‘nchianari. I patruni stannu
durmennu.

TANO: Ah, si? E comu facemu?

LIBERATA: Io vaiu avanti e dopu anticchia veni tu.

TANO: Sta beni.

LIBERATA: Don Cecè, chi nni sapiti, vui chi viniti d’’u cuntinenti, di stu telefricu
senza fili?

CECE’: E chi nni sacciu? E’ un apparato, attraverso il quale, si po' parrari a
distanza. Al posto dei fili ci sono le antenne.

LIBERATA: E vabbeni. Ma io non capisciu ‘na cosa. Chiovi, mintemu, s’abbissa
l’aria, com’è che il messaggio arriva sciuttu com un lignu?

CECE’: Figghia mia, ci l’hai ’a dumannari a cu’ ‘u ‘nvintau.

SALARINO: Chi ti servi, Libirata?

LIBERATA: (Facendo finta di essere li per un’altro motivo) Don Salarinu, aviti
latti? ‘U picciriddu si ruspigghiau e cianci e ‘a nora d’’a patruna
mi sta facennu nesciri pazza. (Rimarcando l’avarizia dei padroni)
Arristaru senza latti.

SALARINO: Teni, Libirata.

LIBERATA: Quantu pagu?

SALARINO: Menzu soddu.

LIBERATA: (Paga) Ecco a voi. Bonanotti. (Esce)

TUTTI: Bonanotti.

TANO: Puru ‘u latti p’’u picciriddu!

CECE’: Mastru Tanu, cu’ mancia fa muddichi!

TANO: Puru vui?

CECE’: Eh, si vi vidu manciari...

TANO: Don Cecè! Megghiu chi vaiu e mi curcu. Bonanotti. (Esce)

TUTTI: Bonanotti.

CECE’: Chisti mi fannu moriri! C’è bisognu di fari sta farsa? Tantu, si sapi in giru
chi su’ ‘ngazzati. Ormai chi c’è, s’’a putiria pigghiari...

SALARINO: E vui pinsati chi idda ‘u voli?

CECE’: Ora ci damu ‘u Principi ‘i Colariali!

SALARINO: Chidda, comu minimu, voli un prufissuri!

CECE’: Allura, picchì è idda, ci damu ‘u Principi Umbertu di Savoia, futuro Re
d’Italia. Però a Mastru Tanu havi ‘na picca chi ‘a testa ci va a bampugghi.

SALARINO: Comu mai? Ha mancato di ripetto?

CECE’: Don Salarinu, parramuni chiaru: Mastru Tanu fa troppu ‘u scattru!
‘U pizzu si paga.

SALARINO: Io aspittava a vui...

CECE’: ‘U sacciu. Stasera ho fatto finta di niente, perchè sono arrivato da poco e
non mi vogghiu ‘ntussicari. Dumani, c’’a matina, vaiu e ci parru per come si
deve.

SALARINO: (Esce dei soldi) Ecco qua.

CECE’: Bravu, bravu a don Salarinu.

SALARINO: Io haiu statu sempri precisu.

CECE’: Lo so. Ma i tempi canciaru! Sapiti, in giru c’è tanta delinquenza...
Ci sunnu puru tanti sbirri...Ma, soprattutto, ci sunnu assai latri.
Poi macari capita chi quarche robaiaddini del quartiere o di fora ci fa
la rapina e s’’a pigghiunu cu don Cecè. Se voi non pagate la protezione,
comu vuliti essiri tranquillu chi non vi succedi nenti? Un uomo che cammina
di notte, s’aviria vardari ‘i spaddi, perchè ci sono tanti pericoli in giro.
Ma si iddu non lo sa fare, ci voli quarcunu chi cc’’i varda a postu soi.
Vi ricurdati a Nicola ‘u scarparu?

SALARINO: Certu chi mi ricordu.

CECE’: “Don Cecè” mi dissi “io non pagu nudda protezioni a nuddu. Io non ho
nemici e, anche se li avessi, non vi preoccupate, picchì io mi sacciu
difenniri sulu”. Mischinu! ‘U truvaru ‘mpinnutu ’a nuciara chi c’era
‘nto so’ giardinu. Quantu mi dispiacia!

SALARINO: Ma vui chi ci curpau?

CECE’: Io? Nenti. Si iddu mi dissi di dda manera, io mi sono disinteressato.

SALARINO: Chi bella cosa aviri ‘n’amicu comu a vui!

CECE’: Chi trova un amico trova un tesoro.

SALARINO: E voi siete un tesoro, io l’ha dittu sempri.

CECE’: Amico mio, in Sicilia è necessario avere degli amici veri. (Minaccioso)
Cca, quannu tira ‘a Tramuntana, si rischia di morire di freddo...
quannu tira ‘u Sciroccu, si rischia di moriri ‘nniati...
Insomma, cu qualunqui tempu, ‘n’amicu fa sempri piaciri.

SALARINO: Aviti ragiuni. ‘A tramuntana è tinta, ‘u sciroccu puru...
Figuramuni quannu si mischiano i due venti! (Pausa) Don Cecè, ‘u tempu
chi vaiu a pigghiari ‘u zuccuru. Mi vardati cincu minuti ‘a barracca?
Se non vi chiedo troppo...

CECE’: Fate con comodo.

(Si riempie il bicchiere, mentre Salarino esce ed entra Taddarita)

TADDARITA: Si t’avissur’ammazzatu i dutturi, era megghiu.

CECE’: Che cosa vuoi?

TADDARITA: (Dandogli un foglio) Cca c’è ‘u cuntu.

CECE’: Di chi?

TADDARITA: ‘U funerali di to’ figghiu.

CECE’: To’ figghiu.

TADDARITA: Nostru figghiu. E comunqui, io non haiu soddi.

CECE’: E pretendi che lo paghi io?

TADDARITA: Preferisci che vada io a pagarlo in natura da quel porco di Vito?

CECE’: Non sunnu affari mei.

TADDARITA: Sei un animale, Cecè! Tu mi faresti prostituire per pagare il funerale
di mio figlio?
CECE’: Io non ti fazzu prostituire di nenti. Ti dissi chi chiddu non era figghiu chi
mi putivi ‘ncullari, picchì non sacciu di cu è...(Ride) e mancu tu ‘u sai.

TADDARITA: Bastardu! Bastardu ‘nfami! Era precisu a tia!

CECE’: Leviti d’arreti; ‘u sai chi non mi piaci ‘a genti chi mi sta ‘e spaddi.
(Vedendo che lei non si leva, la afferra per un braccio e la tira)
Ti dissi, non mi stari arreti ‘e spaddi!

TADDARITA: Non mi tuccari!

CECE’: Non l’haiu stu disideriu!

TADDARITA: Dunque, non voi nesciri un soddu?

CECE’: (Prendendosi il foglio) Vabbeni, facemu sta ‘limosina. C’è altro?

TADDARITA: Hai ‘a facci di quannu cummuni dannu.

CECE’: Taddarita, scumpari. Ha fattu assai stanotti.

TADDARITA: ‘Na vota non mi parravi così.

CECE’: ‘Na vota era ‘n vota.

TADDARITA: Senti: c’è in città ‘na picciotta chi si chiama Pàllica. E’ cosa toi?

CECE’: Pensa ai fatti tuoi e non ti pigghiari ‘mpicci chi non ti riguardunu.
Ormai, fra me e te non c’è più nulla.

TADDARITA: Picchì non mi voi cchiù?

CECE’: Vatinni.

TADDARITA: No, non mi nni vaiu.

CECE’: E allura, mi nni vaiu io. (Si avvia)

TADDARITA: Grazii di pagare il funerale di nostro figlio.

CECE’: Chi partimentu ‘i testa! (Esce)

SALARINO: (Entra col pacco dello zucchero) Vi ringrazio, don Cecè...Unn’è?

TADDARITA: Nisciu fora.
AMALIA: (Entra felice) Don Salarinu! Don Salarinu! ‘A truvai! E’ cca, vicinu,
unni alloggiu io! Ah, biniditta Taddarita! Sono venuta per ringraziarvi.

TADDARITA: Di nenti, quannu si po' fari un beni...

AMALIA: Ora tornu ‘a lucanna. Si me soru aviri’a veniri, mi raccumannu...

SALARINO: La mando?

AMALIA: No, non deve sapere che sono qua, si no chidda scappa.

SALARINO: Comu voi.

AMALIA: Ora vaiu e mi fazzu ‘na para d’uri di sonnu...tranquilla. Bonanotti.
(Don Salarino l’accompagna e guarda fuori)

TADDARITA: Si nn’annau ‘u mafiusu?

SALARINO: Si. (Va dietro il bancone)

TADDARITA: Megghiu così. Don Salarino, ho la gola secca. Datimi un rummulu.

(Si siede al bancone, mentre Salarino le versa da bere)

Tela

Fine del primo atto




















A T T O S E C O N D O

La medesima scena del primo atto. Sono passati pochi minuti. Taddarita è seduta al banco e Salarino dietro. Entra Pàllica.
******************
PÀLLICA: (Entra e va a sedersi subito ad un tavolo) Bonasira! Un cafè!

SALARINO: Subitu.

TADDARITA: V’’u putiti livari ‘u sciallu di supra ‘a testa, cca intra non nni fa
friddu.

PÀLLICA: Si m’’u tegnu vo’ diri chi haiu ‘i me’ ragiuni.

TADDARITA: Scusati!

PÀLLICA: Ho l’impressione che in questa città nessuno si sa fare gli affari suoi.
E sapiti comu si dici ‘o me’ paisi? Fatti i fatti toi chì campi cent’anni.

TADDARITA: Caro don Salarino, vali beni a porci chi ‘limosina a parrini!

PÀLLICA: No, non vi offendete: la cosa non è rivolta solo a voi.

BASALOCCU: (Entra di corsa) Don Salarinu! Don Salarinu, ammuciatimi sta roba.
(Gli porge una borsa)

SALARINO: Chi c’è cca intra?

BASALOCCU: Il risultato di una notte di lavoro.

SALARINO: (Facendo il segno del ladro) Lavoro!

BASALOCCU: Non si nni po' cchiù. Stasira ci sunnu in giru cchiù carrabineri chi
latri. E chi semu divintati? Continuannu di stu passu, non nni fannu
cchiù travagghiari.

TADDARITA: Di solito, carabinieri non se ne vedono mai, mancu a circalli.

SALARINO: E quannu non servunu su’ sempri a menz’’e pedi!

BASALOCCU: Si pensa chi l’impiccatu di ieri notti non fu suicidiu, ma
ammazzatina.

TADDARITA: Quantu sentu...

BASALOCCU: Questioni d’onore.

SALARINO: Ma non dicemu fissarii. Un poviru Cristu, chi dormi ‘o dormitoriu,
a cu’ ci putiria ‘nfangari ‘u nomu?

BASALOCCU: Eppuru, tanti voti, non è tuttu oru chiddu chi luci e non è tutta
munnizza chidda chi feti. Pare che questo Giuseppe Calderone, così
si chiamava, s‘’a facia con la figlia di un pezzu ‘rossu d’’a Prefettura.

TADDARITA: Mih! Pi nenti si misi!

BASALOCCU: ‘U patri lo ha minacciato...Naturalmenti, i cristiani i fatti soi non s’’i
sannu fari...

PÀLLICA: ‘U viditi?

BASALOCCU: Quarche cunfidenti e tintu sbirru annau a cuntaricci tutti cosi ai
carabinieri, pertanto questi pensano che il padre avesse il movente.
Difatti lo stanno ricercando.

SALARINO: Certi voti ragiuna cchiussai ‘na paddottula di ‘na fimmina.

BASALOCCU: E un signore si deve rovinare la vita pi ‘na figghia.

PÀLLICA: E si è signori, non ci fannu nenti.

TADDARITA: Macari ‘ncurpunu a quarche poviru disgraziatu.

BASALOCCU: ‘I giudici su’ fatti per la povera gente. ‘U riccu ruba pi spassu e ci
battunu i manu; ‘u puvireddu ruba pi manciari e lo mettono in galera.
Capistu? Io, per esempiu, haiu setti figghi e lavoravo come scaritore.
Mi licinziaru, picchì mi pigghiai un chilu ‘i patati ‘nta ‘na cufinedda
chi avia scaricatu. Ma vui chi pinsati, chi ‘i me’ figghi hann’a moriri
di fami? E no! Stasira mi nn’annai ‘o Tiatru Vittorio Emanueli e passai
paru. E ho fatto il bottino! Ma ora comu fazzu cu sti carrabineri?
Taddarita, taliati fora si si nn’annaru.

TADDARITA: (Va a guardare) Ancora dda sunnu.

BASALOCCU: Don Salarinu, si mi dati trenta liri, vi dugnu tutta dda roba.

SALARINO: Ma chi si pazzu? Io non faccio il ricettatore!

TADDARITA: Vacci unni Cecè, iddu s’’a ‘ccatta.

PÀLLICA: (Tradendosi) E che fa, il ricettatore?

TADDARITA: Cecè fa tutto.

BASALOCCU: No, facemu così, vui l’ammucciati e io vaiu a chiamari a don Cecè.

SALARINO: Vabbeni, facemu così. (Nasconde la roba sotto il banco)

BASALOCCU: Ma don Cecè turnau?

TADDARITA: Turnau, turnau.

BASALOCCU: Ora vegnu.

SALARINO: Aspetta. (Lo trae a se) Scusati, ci hai’a diri menza parola.
Senti, Basaloccu, prima d’annari unni don Cecè, passa ‘a lucanna
cca vicinu e dicci alla signorina Amalia...

BASALOCCU: E cu’ è?

SALARINO: Cercaccilla ‘a patruna, chi è dda chi dormi. Te la fai chiamare e ci dici
di veniri subitu cca.

BASALOCCU: Sta beni (Esce)

SALARINO: (Va a portare il caffè a Pàllica) Cca c’è ‘u cafè.

PÀLLICA: Grazie. E’ troppu brucenti, ‘u fazzu arrifriddari!

SALARINO: (A Pàllica) Comu ti chiami?

PÀLLICA: Pàllica.

TADDARITA: Comu?

PÀLLICA: Picchì, mi canusciti?

TADDARITA: (Riprendendosi) No, è un nome curioso.

PÀLLICA: Sta vinennu don Cecè?

SALARINO: Si, picchì, ‘u canusci?

PÀLLICA: Si, ‘u canuscia ‘o me’ paisi, a Santu Stefunu di Camastra.

SALARINO: (Fra se) E chi sugnu, mavaru?

TADDARITA: Ah, sei forestiera...e comu mai vinisti a Missina?

PÀLLICA: Cercu propriu a iddu.

SALARINO: Si ‘a so’ fimmina?

PÀLLICA: (Con orgoglio) Sissignori, n’avem’a maritari.

TADDARITA: Quindi a iddu non l’hai vistu?

PÀLLICA: Di quannu scappai d’’u paisi, no.

TADDARITA: E picchì scappasti? Non vi putiu maritari dda?

PÀLLICA: ‘I so’ parenti non vonnu, picchì io sugnu puviredda. Ma vui cu siti?
Picchì mi faciti tutti sti dumanni? Chi vi ‘nteressa?

TADDARITA: Non ti scantari, sugnu ‘na povira criatura di Diu, comu a tia.
Io non ti tradisco, puoi stare tranquilla.

PÀLLICA: L’ultima vota chi nni vistumu mi dissi di veniri cca a Missina e di
pigghiari ’na stanza ‘a lucanna cca vicinu. Poi mi dissi di circallu di
notti ‘nto cafè di Don Salarinu.

SALARINO: Giustu giustu cca...E chi c’è ‘u meli?

PÀLLICA: Ieri notti mi scantai di veniri cca, ma stanotti pinsai chi era inutili
ristari dda a ‘spittari. ‘I soddi mi stannu finennu; non sacciu unni sta
di casa... Ora aspettu cca.

SALARINO: (Fra se) E divintau sala d’attesa stu cafè pi idda e pi so’ soru.

TADDARITA: E certu. Essennu chi ‘i parenti su’ cuntrarii, non ti putia dari ‘u
so’ indirizzu.

PÀLLICA: Piccamora. Ma dopu chi ni nni fuiemu, s’hann’a calari. Giustu?

SALARINO: Giustissimu!

PÀLLICA: Cecè mi dissi chi iddu cumanna ‘nt’’a so’ famigghia.

SALARINO: E puru ‘nt’’o quarteri.

PÀLLICA: Mi dissi chi iddu è ‘na speci di parrinu, che protegge la gente
indifesa. Ma non mi dissi chi si ‘ccattava ‘a roba rubata.

TADDARITA: Chiddu ‘u fa a passatempu!!

SALARINO: Veru è!

TADDARITA: E matri nn’hai?

SALARINO: Certu, no? Orva...

PÀLLICA: E vui comu ‘u sapiti?

AMALIA: (Entrando) Pàllica! (Va ad abbracciarla)

PÀLLICA: E tu chi fai cca?

AMALIA: Vinni a circariti.

PÀLLICA: Vattene, vatinni! Io mi debbo sposare.

AMALIA: Ma cu cui?

PÀLLICA: Cu Cecè!

AMALIA: Ma sei pazza?

TADDARITA: Ci voi beni assai, ah?

PÀLLICA: E si non ci vurria beni, faria chiddu chi staiu facennu? (Assaggia del
caffè) Ma stu cafè non si po' ‘mbiviri.

TADDARITA: Non vali nenti, fussi cosa di tirariccillu ‘nt’’a facci!

SALARINO: Bucca ‘i cafè! N’ha bivutu acqua ‘i saia!

AMALIA: Almenu l’acqua ‘i saia sapi di lippu.

BASALOCCU: (Entrando) Don Salarinu, sta arrivannu Don Cecè.

CECE’: (Entrando, resta sorpreso) Baciamu li...Ah, che bella imboscata, don
Salarinu! Bell’amicu! Grazie!

SALARINO: Don Cecè, non è come voi pensate...

BASALOCCU: No, no, don Cecè, ‘a roba c’è daveru.

CECE’: E nescila, prima chi ti fazzu divintari roba a tia!

SALARINO: Cca è. (La mette sula banco)

CECE’: Videmu. (La studia) Voi trenta liri? E vabbeni, veni cu mia chi t’’i dugnu.
Aspettimi cca, chi vaiu a pigghiari i soddi e tornu. (Fa per uscire, ma Pàllica
lo ferma)

PÀLLICA: Chi è, non mi vidisti?

CECE’: Ti visti, ma non mi piaci ‘a genti chi c’è cca intra. Pertanto, aspettami, che
sistemo quest’affare e dopo vengo a prenderti.

PÀLLICA: Aspetta du’ minuti...

CECE’: Ti dissi chi non mi piaci ‘a cumpagnia. Ho cose più importanti da fare, che
stare qua a vidiri certi maschiri.

AMALIA: Ah, non ti piaci ‘a cumpagnia?

TADDARITA: ‘A prossima vota ti purtamu ‘u Re c’’a Rigina.

CECE’: Conserva le tue battute per altre occasioni e mettiti un sirragghiu davanti
a dda bucca di funnicu. T’’u dissi prima, stai esagerando; stai approfittando
della mia bontà. Finiscila, cerca di rientrare nei ranghi.

AMALIA: Quindi, sta genti non ti piaci.

CECE’: Non battiri sempri a coppi. No, non mi piaci.

AMALIA: E perchè, se è lecito?

CECE’: Mi faciti puzza di sbirri.

TADDARITA: Sbirru ci si tu e cu non t’’u dici.

AMALIA: Brava, Taddarita.

CECE’: Taddarita, vidi chi mi staiu stancannu. E tu sai chiddu chi succedi quannu
Cecè comuncia a stancarisi piddaveru.

TADDARITA: Ma certo, ne porto ancora i segni. Volete vedere? (Si alza una
manica e scopre un braccio con cicatrici di frusta) Ecco qua! Tu, picciotta
‘nnamurata, sai chi sunnu chisti? No? T’’u dicu io: corpa di nerbu.

CECE’: E dumannicci picchì ci desi corpa di nerbu. Ah, non lo dici?

TADDARITA: Non lo posso dire, picchì non c’era ragiuni.

CECE’: Fausa! Si ‘na mula fausa! (Taddarita fa per aggredirlo, ma la fermano)
Stai calma, non ti agitare. Che è, la verità ti fa male? Quietati, ddaunara!
Pàllica, quant’havi chi si cca?

PÀLLICA: Du’ iorna.

CECE’: Don Salarinu, chi si pigghiau?

SALARINO: Un cafè.

CECE’: Poi v’’u pagu io, ‘nto me’ cuntu.

SALARINO: Comu vuliti.

TADDARITA: Sua Eccellenza tiene il conto!

AMALIA: Persona importante!

CECE’: Pàllica, ‘i senti? Ora puru ‘i pulici hannu ‘a tussi. E siccomu i pulici mi
fannu manciaciumi, ora mi siddiu e ‘i scacciu. (Ad Amalia) Ti ha dato tanto
fastidio che abbia scelto tua sorella e non te?

AMALIA: M’avia fari ‘u brodo!

TADDARITA: ‘A mal’erba non fa brodu.

CECE’: Amuninni, Pàllica, stasira non haiu intenzioni di ‘llurdarimi ‘i manu,
sono troppo contento. E poi, cu sta genti...(Ad Amalia) Tornatinni ‘o paisi
e dicci a to’ matri e a to’ ziu chi Pàllica è felice e fra qualche giorno
farà felice anche me: mi sposa. Pàllica, amuninni.

AMALIA: Unni? Me’ soru si nni torna ‘a casa. Si la voi spusari, devi fare tu
regolare richiesta a so’ matri e a so’ ziu, chi sostituisci ‘a bonanima
di nostru patri.

CECE’: Io non fazzu rischiesti a nuddu, picchì chiddu chi vogghiu m’’u pigghiu.
Don Cecè non ha bisogno di permessi. E ora leviti ‘i cca e fammi passari.

AMALIA: Vidi chi fora ci su’ du’ carrabineri e mi putiria mettiri puru a fari
vuci. E tu sai chi quannu ‘na fimmina fa vuci havi sempri ragiuni.

CECE’: Non qua...Ricorditi chi cca ‘a ragiuni l’haiu io sulu.

TADDARITA: ‘A ragiuni è d’’u sceccu.

SALARINO: Don Cecè, amicu miu, stati attentu, chi vi stati mittennu a malu passu.

CECE’: Don Salarinu, io ha canusciutu tutti ‘i mali passi e ha firriatu
tutti ‘i scifi cchiù schifiati. E sugnu cca, bellu, friscu e pittinatu.
Non è ‘na fimminedda chi mi fa scantari, minazzannu di chiamari du’
tinti sbirri. Io a chiddi m’’i bagnu ‘nto latti a matina; e si non sunnu
almenu graduati, mi restunu tra un denti e l’autru. Pinsati ‘a vostra
cicoria, don Salarinu, chi io pensu ‘e me’ puddastri. Amuninni, gioia.
(Prende Pàllica per mano, sposta, bruscamente Amalia e fa per uscire.
Ma Taddarita lo blocca, chiamandolo)

TADDARITA: Statti fermu, Cecè, chi t’hai’a parrari. Stanotti io e tu chiudemu
‘u cuntu ‘na vota pi tutti.

CECE’: Io non nn’haiu cunti cu tia, picchì si analfabeta e non sai cuntari.

TADDARITA: Tu mi hai chiesto di essere civile e io lo sono sempre stata.
Ma ora mi stancai. Ora mi devi ascoltare.

CECE’: Havi assai chi non vi dugnu sta cunfidenza di parrarimi di tu.

TADDARITA: Senti, puddastru, lassa iri st’aria di spacca e lassa e ‘scutimi, chi
è megghiu pi tia.

CECE’: Vi dissi chi non vi dugnu udienza, Taddarita.

TADDARITA: Senti, si cridi chi mi scantu di tia, si sbagghiatu. Finu a ieri t’haiu
lassatu iri, picchì eri patri di dd’anima ‘nnucenti...

CECE’: Statti muta, si no ti scafazzu comu ‘na serpi! Ti pistu sutta ‘a pedi;
ti fazzu nesciri ‘i butedda ‘i fora e poi c’’i dugnu ‘e iatti.

TADDARITA: Avanti, saria cuntenta si m’ammazzassi! E sai picchì? Picchì passirivi
‘u restu d’’a to’ vita in galera!

CECE’: (Pausa) Fatti ammazzari ‘i n’autru, chì io non haiu tempu.

BASALOCCU: Taddarita, lassati stari.

AMALIA: Finitila, è acqua passata. Ora è cu mia chi hav’a parrari.

PÀLLICA: Tu non ci trasi nenti, ti dissi. Lassimi stari. Quannu tu lassasti
a to’ maritu io non mi ‘ntricai.

AMALIA: Ma picchì si così bestia!? Picchì si così cretina!?

TADDARITA: Non è idda, cara Amalia! E’ la natura umana. Siamo noi donne, che,
quando incontriamo un tintu masculu, che ci fa vedere la luna a tre
spicchi, perdiamo la testa; nni mittemu ‘i par’occhi e tiramu avanti
comu ‘i scecchi.

CECE’: Chista si chi è filosofia! Ah, mi nni inchia un saccu e ‘na bettula.
Vo’ diri, stesimu tant’anni assemi e mai mi sono accorto della tua coltura.
Ma si, certo, frequentando il tuo amico scienziato...

AMALIA: Senti, Pàllica? Senti? Apri la testa e cerca di capire. Varda chi omu
chi hai davanti: un pallone gonfiato, e basta!

PÀLLICA: Non m’interessa chiddu chi ci ha statu tra iddi, io ‘u vogghiu beni
e iddu voli beni a mia. E lo seguirò ovunque, nel bene e nel male.

CECE’: Eccu comu parra ‘na fimmina.

AMALIA: Eccu comu parra ‘na cretina, una stupida, chi si ‘nnamurau d’un
tintu malantrinu ‘i quattru soddi.

CECE’: Amalia, ora mi scordu chi si fimmina e ti stampu ‘o muru.

TADDARITA: ‘A bucca è menza forza, pavuni!

CECE’: In conclusioni, si ti lassai è segnu chi non mi piacivi cchù.
E si non mi piacivi tannu, figuramuni ora!

TADDARITA: Comu? Cu’ sciancati, orbi, lordi, immaruti, bavusi, ma non cu tia!
Ma chi cridi? Ah?

CECE’: Chiddu chi mi fai cridiri tu. Si gilusa! ‘A gilusia ti sta manciannu ‘u cori.
E allura ci fai ‘a difisa a dda speci ‘i ghiapparedda di so’ soru.

AMALIA: Vidi chi ‘i ghiappareddi punciunu!

TADDARITA: Mi fai schifu! Si tu fussi l’ultimu omu d’’u munnu e io l’ultima
fimmina, si putiria perdiri ‘a razza umana.

CECE’: E allura, lassimi stari.

TADDARITA: No, nn’ha fattu tanti, ma chista non t’’a fazzu fari!
Nesci fora, vigliaccu!

CECE’: Ah, ah, ah, ah, ah, chista è bella! Mi sfidi? E comu, c’’a pistola o c’’u
cuteddu? (Sfottendola) Fuori i secondi! Cu’ sunnu? Una è la sorella
invidiosa e l’altra?

AMALIA: C’è d’aviri invidia di una chi si ‘nfurca c’’i so’ manu!

PÀLLICA: Ognunu pensa p’’i so’ ‘nfurcatini.

AMALIA: ‘U viditi? ‘U viditi chi havi ‘a testa dura comu l’acciaiu?

CECE’: Brava, Pàllica! (Ride)

TADDARITA: Non ridiri, chi non mi scantu di tia. Nesci fora.

CECE’: ‘U vidi, Taddarita, chiddu chi voli diri: fimmina? Una femmina, quando ama
un uomo, lo segue nel bene e nel male. Brava! Brava! Sa stare vicino a lui
e lo aspetta. (Indicando Pàllica) Chista è ‘na fimmina.

TADDARITA: Nesci fora, ti dissi!

CECE’: (Dandole il coltello, le mostra il petto. Musica) Teni cca. Avanti, colpisci!

PÀLLICA: No...(Si mette in mezzo)

AMALIA: (Tirandola) Leviti, tu.

CECE’: Forza, colpisci!

TADDARITA: (Lo fissa ed è quasi pronta a farlo, ma dopo lascia cadere il
coltello per terra. Si va a sedere ad un tavolino)

CECE’: (Raccogliendo il coltello) Don Salarinu, tinitilu vui, come ricordo di questa
nottata d’onore. (Estrae la pistola) E tiniti puru chista, tantu, non mi servi
cchiù. Haiu vistu tanti voti ‘a morti cu l’occhi: brutta è! Basaloccu, cerca
a n’autru p’’a to roba. Don Salarinu, (gli da dei soldi) chisti v’’i giru.
E diciticci a Mastru Tanu, chi non vogghiu cchiù nenti.
Mi nni vaiu, canciu vita. Taddarita, fai finta chi mi ‘mmazzasti, se questo ti
può tranquillizzare. Del resto, ci sono tante persone che vorrebbero farlo.
E allura, cunvincitivi chi don Cecè, quello che voi conoscevate, è morto.
Baciamu li a tutti. (Abbraccia Pàllica ed escono insieme)

AMALIA: Pirdia ‘na soru!

(Entrano Tano e Liberata, abbracciati)

TANO: Don Salarinu, si deve brindare!

SALARINO: Mastru Tanu, non è mumentu.

TANO: E no, scusate, io voglio festeggiare con gli amici.

LIBERATA Don Cecè unni annava?

SALARINO: ‘A casa.

TANO: E picchì?

LIBERATA Non ci ha dato nemmeno il tempo di chiamarlo.

TANO: Abbiamo un evento grandioso da festeggiare.

AMALIA: Non è nuttata.

LIBERATA: E no, io e Tanu abbiamo deciso di sposarci.

SALARINO: Tanti auguri! E ‘a patruna?

LIBERATA: A ddu paisi. Non nni putia cchiù! Quannu si capita ‘na tinta patruna
comu a chidda, è megghiu spaccari ‘a fami. Pinsati chi mi dissi:
“Si ti mariti, te ne devi andare da questa casa. Non ti vogghiu mancu a
menzu sirviziu!”...Certu, non ci piaciu cchiù ‘u discursu; vulia ‘na
schiava, non ‘na criata.

TANO: Ormai, non hai cchiù bisognu di travagghiari.

AMALIA: Viditi com’è ‘u munnu? Una tragedia si consuma ed una gioia si prepara.
E tutto nella stessa stanza!

TANO: Ma picchì aviti sti facci?

SALARINO: Mastru Tanu, livati manu.

LIBERATA: Ci sposeremo al più presto. E vogghiu, o minimu, cincu figghi.

TANO: Quattru masculi e ‘na fimmina.
(Musica)

CECE’: (Rientrando da solo, si avvicina a Taddarita e gli pone un medaglione sul
tavolo)

LIBERATA: Don Cecè, vuliti brindari cu nui?

CECE’: A che cosa?

TANO: Al nostro matrimonio.

CECE’: Tanti auguri! Ora, pure io mi sposo!

LIBERATA: Congratulazioni.

CECE’: Taddarita, t’’u ricordi chistu? (Alludendo al medaglione)

TADDARITA: Certu chi m’’u ricordu, t’’u rigalai io, quannu facisti trent’anni.

CECE’: Pigghitillu! Mi vogghiu scurdari puru chi tu esisti.

TADDARITA: Ma picchì, chi ti fici?

CECE’: Tu, nenti...Ma to’ matri, si.

TADDARITA: Me’ matri? Chi c’entra me’ matri?

CECE’: Ti misi ‘o munnu!

SALARINO: Don Cecè, ma chi diciti?

AMALIA: Non ti basta chiddu chi ci facisti?

CECE’: A chista non la canusciti. E’ ‘na pesti! Genti comu a idda saria megghiu chi
non nascissi. Quannu canuscia a idda io era un picciottu di vinticincanni,
lindu, pulitu...Ma lei mi ha rovinato la vita! Voleva fare la signora.

TADDARITA: Non è veru, ‘nfami! Chi stai ‘mbrugghiannu? Non mi spinciri unni
non vogghiu arrivari! Ero una signora e, ‘nt’’e to’ manu, divintai ‘na
fimmina di strada.

CECE’: ‘A matina, quannu si suggia, passava un’ura davanti allo specchio per farsi
bella. E io facia ‘u mafiusu pi pagari sta biddizza. Lo puoi negare?

TADDARITA: Carogna! Non è vero! Non è vero! Credetemi! Era lui che voleva che
io apparissi la più bella di tutte!

CECE’: Poi mi dissi chi si vulia spusari. E io mi maritava cu una comu a tia?
Criditimi, non ci poti sonnu, stanchizza, fami...Chista è un diavulu.

TADDARITA: Sta parrannu l’anciuleddu! Picchì non ci dici chi io ti mantinia?
Vigliacco!

CECE’: Tu? Tu mantinivi a mia? Io ti ho amata, Taddarita, ma tu non sei stata
capace di ricambiare. T’avissi pigghiatu ‘a luna, solo se tu me lo chiedevi.
Era comu ‘a crita ‘nt’’e to’ manu: putivi fari di mia chiddu chi vulivi.
Infatti, ne hai fatto un delinquente. ‘A vita mi manciasti!

TADDARITA: E inveci tu m’’a futtisti, ‘a vita, e la ittasti ‘e cani!

CECE’: (Va a prendere il coltello) Teni puru chistu, rigalu toi è.
‘A notti ti poi difenniri di quarche mal’intenzionatu. (Glielo pone sul
tavolo ed esce) Taddarita, nni videmu all’autru munnu!

(Musica)

TADDARITA: (Afferra il coltello, in preda alla folia e fa per uscire. Inutilmente
cercano di fermarla) Si, nni videmu all’autru munnu! Picchì io
t’ammazzu! Carogna! T’ammazzu! (Esce)

(Ci sarà qualche attimo di silenzio, Liberata e Basaloccu scapperanno fuori
per fermare Taddarita, mentre Tano e Salarino cercheranno di consolare Amalia. Dopo pochi istanti rientrerà Liberata)

LIBERATA Don Salarinu! Notti di numira!

SALARINO: Chi fu? Chi successi?

LIBERATA Chinnici di strata, vintunu di fimmina e diciottu di sangu.

SALARINO: Fimmina firuta?

LIBERATA No, fimmina omicida.

AMALIA: Pàllica! (Fa per scappare, ma Taddarita le spunta difronte)

TADDARITA: Non ti scantari: giustizia è fatta! (Lascia cadere il coltello sporco di
sangue) To’ soru è viva e non curri piriculu. (Va al banco)
Don Salarinu, rummulu!

Tela
Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno