Gente strana

Stampa questo copione

Gente strana

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

                                              (detto Ezio)

28/05/2006

Personaggi:   12

Roberto Incielo, custode del cimitero di Napoli

Marianna Incielo, moglie di Roberto

Assunta Incielo, figlia di Roberto e Marianna

il commendator Alessandro Panico

la duchessa Ida Ittosango

il signorino Francesco Panico

Manfredi Caricotta, infermiere

il prof. Bacco Barbera, chirurgo estetico

Margherita Pronta, mendicante

Gino Cologo, operatore ecologico

Annetta Tonaso, ex collega università Francesco                    

Aronne Ellarco, senza fissa dimora

Cimitero di Napoli, dimora del custode Roberto Incielo. Questi vive con sua moglie Marianna e sua figlia Assunta, la quale è innamorata del figlio del commendator Panico. I due ragazzi si vogliono bene, mentre la vita matrimoniale di Roberto e Marianna è turbata dai loro continui dissapori. Il colpo di grazia lo assesta una operazione chirurgica alla quale si sottopone Roberto. Un’operazione chirugica sbagliata che gli fa cambiare sesso. Cosicché Marianna lascia Roberto e decide di stare insieme all’operatore ecologico Gino Cologo, alle prese con l’inizio della raccolta differenziata. Ma anche quest’ultimo, come i tanti personaggi presenti, dimostra stranezze caratteriali che lo rendono antipatico ed irascibile.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

            Cimitero di Napoli, salone “tetro” di casa Incielo. Alla stanza si accede da una comune centrale. Sulla destra, una porta conduce in cucina e camera da letto. A sinistra, una porta conduce in bagno e alla stanzetta. Al centro del salone vi è un tavolo contornato da quattro sedie. Sulla sinistra vi è un divanetto, sulla destra, alla parete, vi è la credenza.   

ATTO PRIMO

1. [Roberto e Marianna. Poi Assunta]

                    Da destra, entra Roberto, vestito, assonnato, con una caffettiera e una tazzina.

                    Va al tavolo e si siede.

Roberto:     So’ ‘e ssette e meza. Io so’ napulitano, e si nun me faccio ‘a solita tazzulella ‘e

                    café, nun me sceto! E a me me piace amaro. (Sbadigliando) ‘E che suonno!

                    Assonnato, prende la caffettiera, versa il caffè, ma… sbaglia mira e lo versa sul

                    tavolo. Non se ne accorge. Così prende la tazzina e beve. Alla fine commenta.  

                    ‘E chi schifo ‘e café! Nun sape ‘e niente! (Osserva dentro la tazzina) Guarde

                    ccà, niente di meno ‘a tazzina è pulita! Nun ‘o ffanne cchiù ‘o ccafé ‘e ‘na vota!

                    Si assopisce e russa. Da destra, entra Marianna. Lo nota dormire e va da lui.

Marianna: Robé, mò t’adduore ‘n’ata vota?! (Nota il caffè versato sul tavolo) Deficiente!

Roberto:    (Si spaventa e salta in piedi) Ch’è succieso? ‘O terremoto?!

Marianna: Guarde ccà, invece ‘e mettere ‘o ccafé ‘int’’a tazzina, l’hai buttato sul tavolo!

Roberto:    Ah, picciò nun sapeva ‘e niente!

Marianna: A proposito, he’ araputo ‘o cimitero?

Roberto:    Ma si io mò me songo scetato!

Marianna: E ffa’ ambresso, che mò hanna venì ‘e ggente. (Sbuffa) M’era spusà justo ‘o

                    custode d’’o campusanto ‘e Napule, io!

Roberto:    A proposito, ma Assunta s’è scetata?!

Marianna: No, tua figlia tene ‘a stessa malatia toja: ‘o ddurmì!

                   E invece entra Assunta, tutta assonnata, ancora in pigiama e pantofole.

Assunta:    Chi parla male di me?! (E si abbatte sul divanetto)

Marianna: ‘A vi’ lloco, ‘a vi’! Ha fatto apposta ‘e se scetà!

Roberto:    Uhe’, a te, Assù, scitete. Ma oggie nun he’ ‘a ì a faticà? 

Assunta:    (Assonnata) Ehm… oggi è festa. E’ il 2 novembre.

Marianna: Ma quanno maje? ‘O duje ‘e novembre è passato ‘a ‘nu mese!

Assunta:    Ah, già, allora è il 15 agosto.

Marianna: Ma pecche’, doppo novembre vene aùsto?!

Assunta:    (Si alza spazientita e si avvicina ai due) Sentite, so’ stata licenziata. Vabbuò?

Marianna: Licenziata? ‘N’ata vota? Chisto è ‘o terzo lavoro che pierde ‘int’a tre mmise.

Assunta:    E menu male che me chiammo Assunta Incielo!

Roberto:    E invece t’ira chiammà Licenziata Interra!

Marianna: E allora, Assù, chesta è ‘a vota bona che puo’ dda’ ‘na mana a me e a pateto.

Assunta:    E io avessa faticà ‘int’a ‘nu cimitero?!

Marianna: (Ironica) No, fatte assumere all’Alitalia comme direttrice generale!

Assunta:    Ma io voglio fare la ballerina alla televisione.

Roberto:    E tu preferisce ‘o mondo d’’o spettacolo a ‘nu bellu posto ‘ncoppa ‘o cimitero?

                   Figlia mia, nun capisce proprio niente!

Marianna:   E nun he’ vuluto manco studià. E penzà che nuje amme fatto tanta sacrificie

                      pe’ te. Io m’aggio levato peffìno ‘o ppane ‘a vocca.

Roberto:      E io m’aggio levato peffìno ‘e puparuole! Si ‘o ssapeve, m’’e gghiuttevo!

Assunta:      Ma io ho deciso, basta, non cercherò mai più lavoro. Voglio fare la mantenuta.

Marianna:   ‘E che suddisfazione, tengo a ‘na figlia mantenuta. E chi t’ha da mantené, a te?

Assunta:      E voi non lo sapete, ma io sto frequentando Francesco Panico, figlio del

                     commendatore Alessandro e della duchessa Ida.

I due:           (Stupiti) ‘O vero?

Roberto:      E famme sentì, Assù, ma a te ‘stu conte te vo’?

Assunta:      E si capisce.

Marianna:   Brava, a mammà. Io li conosco bene, i signori Panico.

Roberto:      Apié, ‘nu mumento. ‘O figlio ‘e ‘sti Panico ha da cunoscere primma a nuje. Ha

                      passà primma ‘ncoppa ‘o cadavere nuosto!

Marianna:   E già, giustamente!

Assunta:      E li vedrete, li vedrete. I signori Panico li farò venire presto. Anzi, prestissimo!

                      (Va verso destra) Quelli sono blasonati. Anzi, blasonatissimi!  

                     Esce a sinistra beatamente, sotto lo sguardo sorpreso dei due.

Marianna:   Ma tu he’ capito, Robé? I Panico hanna venì ccà. 

Roberto:      E già. He’ ‘ntiso a Assunta? Quelli sono bastonati! Anzi, bastonatissimi! E

                      allora mò saje che faccio? Vado a fare la spesa. (Prende la giacca) Va’ a arapì

                      tu ‘o cimitero. Però nun te scurdà, t’arraccummano.

Marianna:   Aspié, primma che scinne, accuònciame ‘n’attimo ‘o fierro ‘a stiro. S’è to.

Roberto:      Ma pe’ me ‘o puo’ pure ittà! Tanto, che te n’he’ ‘a fa’? Chella mò Assunta se

                      sposa ‘o figlio d’’e Panico, e ‘o fierro ‘a stiro t’’o puo’ accattà nuovo nuovo!

                     Ed esce di casa. Marianna resta perplessa.                

Marianna:   E io, pe’ m’accattà ‘nu fierro nuovo, aggia aspettà che mia figlia se sposa?  

                     Esce a sinistra perplesa.

2. [Marianna e il commendator Alessandro Panico. Poi Gino Cologo]

                      Marianna sbarazza la tavola.

Marianna:   Ma ch’è passato ‘ncoppa a ‘stu tavolo? ‘Nu tifone? (Le casca un tovagliolo)

                      Uffa! (Si piega a raccoglierlo)  

                      In casa entra il commenda Alessandro Panico (parla con la erre moscia). Le

                      guarda il sedere mentre lei sistema sedie e divanetto. Intanto lei parla da sola.

                      Mio marito e ‘nu guajo ‘e notte. E… (Si sente osservata, si volta, lo nota e si

                      ricompone) Ah, ehm… buongiorno, commenda.

Alessandro: Ma prego, se volete, continuate, continuate! Senza vergogna!

Marianna:   No, no, ho finito.

Alessandro: E allora, un saluto a voi, signora Incielo.

Marianna:   Per voi solo Marianna. Come state? Che si dice? Tutto bene? No? Mi dispiace!

                      A proposito, scusate un poco il disordine. Ma accomodatevi. Vi offro il caffè?

                      I due si accomodano su altrettante sedie.

Alessandro: No, vi ringrazio. Passavo di qua per chiedervi se avete visto per caso mia

                      moglie. Doveva andare al cimitero.

Marianna:   Embé, ma ‘o cimitero sta fora. Mica sta ‘int’’a casa mia?!

Alessandro: Già, come sono stonato. Eppure io sono un uomo con una merdalità vincente.

Marianna:   Biato a vuje! Io invece so’ stitica!

Alessandro: No, che avete capito? Non ci fate caso, io ho uno strano difetto di pronuncia a

                      causa di una testata sui denti che mi ha spaccato due incisivi. Mi è successo

                      due estati fa. Ero in vacanza nel Mar Merditerraneo!

Marianna:   Ah, forse volete dire Mediterraneo?

Alessandro: Esatto. Ero in spiaggia e un tizio mi ha rapinato. Si trattava di un merdicante!

Marianna:   Sarebbe un mendicante?

Alessandro: Esattamerde! Quell’infame. Va bene, dimerdichiamo tutto!

Marianna:   E sì, cambiamo discorso.

Alessandro: A proposito, non avete visto nemmeno a mio figlio Francesco?

Marianna:   No, veramente, no. Scusate, ma pecché ‘o jate cercanno ‘int’’a casa mia?

Alessandro: No, niente, ho notato una cosa strana: da un po’ di tempo, viene molto spesso

                      al cimitero. E’ strano, nun c’è maje venuto, e mò invece ce vene sempe!

Marianna:   E si vede che tiene qualche persona che gli interessa da queste parti.

Alessandro: Ho capito, state parlando di vostra figlia. Oh, che merdaviglia!

Marianna:   Eh?! Ah, già, voi volete dire meraviglia.

Alessandro: Esatto. (Si alza) E va bene, ora vogliate scusarmi. Devo andare al caseificio.

Marianna:   (Si alza anche lei) Dovete comprare del formaggio?

Alessandro: Sì, un poco di emmerdal!

Marianna:   Ho capito. Va bene, allora passate quando volete, voi e vostra moglie.

Alessandro: Ma certo, così conosciamo la vostra figlia meravigliosa. E pure vostro marito.

Marianna:   Sì, però mio marito non è “merdaviglioso”*!    (detto con la erre moscia per rifargli il verso)

Alessandro: Non fa niente. Allora, lasciate che vi saluti. (Le fa il baciamano)

                      Alessandro va via. Lei resta sognante con la mano alzata lateralmente.

Marianna:   Come siete galante, commendatore. Scusate se mi puzzano le mani di cipolla!

                     Entra l’operatore ecologico Gino Cologo con alcune buste per rifiuti vuote.

Gino:           (Avvicinandosi a lei) Signò.

Marianna:   (Pensa sia ancora il commenda) La mia mano è ancora a vostra disposizione!

Gino:            (Le mette i sacchetti in mano) Signò, ‘e bbuste p’’a raccolta differenziata!

Marianna:   (Lo nota) Uh, ma è Gino ‘o munnezzaro! Ehm… vulite ‘a munnezza mia?

Gino:            (Ironico) E sì, io me ce so’ tanto affezionato! Menu male che dimane

                      accummencia ‘a raccolta differenziata!

Marianna:   E già, aspettate ccà. Io vi vado a prendere la mia ultima munnezza!

                     Va a destra. Gino la osserva andar via, poi tira fuori una lettera imbustata.

Gino:            Chesta è ‘na lettera d’amore p’’a signora Marianna, nun fa niente ch’è spusata.

                      A me chella me fa’ ‘mpazzì. E’ una donna fina, nun dice maje parole volgare.

                      Torna Marianna con due buste della spazzatura chiuse.

Marianna:   ‘E comme cacchio fete ‘sta munnezza! Ma comme fanne ‘e munnezzare?!

                      Gino, eccomi di ritorno. Tenite, chesta è ‘a munnezza mia! (Gliela consegna)

Gino:            E chesta invece è ‘na lettera mia pe’ vuje. Acchiappate! (Gliela consegna)

Marianna:   ‘Na lettera pe’ me? (La odora e sente un odoraccio) E da parte di chi è?

                      Gino getta le due buste in terra e le afferra le mani (e lei lo guarda sorpresa).

Gino:            Ma smettiamola con questo voi. Marianna, io muoio per te.

Marianna:   Ma che dite, Gino? Anzi, a questo punto, ma che dici, Gino? Io sono sposata.

Gino:            Io invece no: sono cebile!

Marianna:   (Infastidita dalla puzza) Siente, nun te puo’ alluntanà ‘nu poco?

Gino:            Aggio capito: nun te vuo’ compromettere cu’ tuo marito!

Marianna:     No, veramente, s’è mmiso ‘o fieto d’’o sudore che tiene tu, ‘o fieto d’’a

                        munnezza che tiene sempe tu, ‘o fieto d’’e doje buste d’’a munnezza, e

                        peffìno ‘o fieto d’’a lettera…! Praticamente, me sento ‘e svenì!

Gino:              Quanno faje accussì, me faje ascì pazzo! E allora adesso leggiti la mia lettera

                        e sogna. E’ una poesia! (Raccoglie le due buste della spazzatura e le odora)

                        Marianna, ‘a munnezza toja, nun saccio pecche’, ma addora comm’a te!  

                        Va via. Marianna lo osserva, poi, interdetta, estrae la lettera dalla busta.

Marianna:     E comme scrive brutto, chisto! (Legge) “Cara Marianna, io lo so che tu lo sai

                        che io lo so che tu lo sai! Lo sai? Io ti penso sempre. Lo so, sei sposata. Ma

                        io non sono geloso! E se un giorno ti dovresti spartere con tuo marito, ci

                        sono io pronto”! (Ci pensa) Embé, me sta facenno venì ‘o genio d’’o ffa’!

                        E se ne torna via a sinistra dubbiosa, con la lettera in mano.

3. [Assunta e Francesco. Poi Roberto e Margherita]

                       Dalla comune entra Francesco Panico. Ha una cartellina in mano.

Francesco:    Speriamo che Assunta sia pronta. Devo accompagnarla al lavoro. Sono fiero

                       di lei, è una ragazza lavoratrice che non dorme mai fino a tardi. Brava, brava!

                       E dalla sinistra, torna Assunta: si è vestita, ma ha ancora le pantofole.

Assunta:        ‘E che suonno!

Francesco:    (La nota in quello stato) Assunta, ma… ma…!

Assunta:        (Entusiasta) Ciao, Francesco!

Francesco:    Vedi di muoverti, se no fai tardi al lavoro.

Assunta:        Ehm… ti arrabbi se ti dico che non lavoro più dalla signora Izzo?

Francesco:    Sei stata licenziata?

Assunta:        No, mia madre mi ha consigliato di diventare direttrice generale dell’Alitalia!

Francesco:    Capisco!

Assunta:        A proposito, cos’hai in questa cartellina?

Francesco:    Il mio volantino elettorale.

Assunta:        Bravo, come sono contenta che entri in politica.

Francesco:    Grazie. Ora però mi accompagni dal tipografo.

Assunta:        Ma devo farmi ancora la zuppa di latte.

Francesco:    No, dobbiamo andarci adesso. Marsch!

Assunta:        Ma ho ancora le pantofole…

Francesco:    Meglio, così stai più comoda!

                       Lui la tira per il braccio, escono di casa. Da destra torna Roberto.

Roberto:        Come sono contento, finalmente tra poco arriva la mia bella Margherita! 

                       Dalla comune (al centro) entra Margherita e gli si avvicina.

Margherita: Amico, eccomi qua.

Roberto:       E tu chi si’?

Margherita: Margherita Pronta!

Roberto:       ‘A Margherita già è pronta? Ma comme, io aggio ditto ‘e ll’una!

Margherita: Ah, ma allora aggia passà cchiù tarde?

Roberto:       No, nun fa niente, facimme mò. E allora, jamme, quanto t’aggia da’?!

Margherita: Quello che vuoi tu.

Roberto:       Chello che voglio io? Ma che d’è, ‘na Margherita in offerta?!

Margherita: Sì!

Roberto:       Aggio capito, mò te dongo cinch’Euro, accussì ce sta pure ‘a mancia pe’ te!

                      (Glieli da) Contenta?

Margherita: Uh, sì, grazie, grazie!

Roberto:       E mò damme ‘a Margherita!

Margherita: (Non capisce) Quala Margherita?

Roberto:       ‘A pizza!

Margherita: E ‘a vuo’ ‘a me?

Roberto:       Ma comme, tu poco fa he’ ditto “Margherita pronta”!

Margherita: E Margherita Pronta songh’io! E te ringrazio assaje assaje ‘e ‘sti cinch’Euro!

                       Puozze campà cient’anne e miezo! Arrivederci! (Si avvia fuori)

Roberto:       (La segue) Néh, uhe’, addò vaje? Damme ‘e cinch’Euro!

                       Così lei esce di casa. Lui rimane sorpreso.

                       E mò? Aggio spiso cinch’Euro e nun aggio avuto manco ‘a pizza. Figùrate!

                       E se ne esce a destra imbronciato.

4. [Bacco e Margherita. Infine Aronne]

                     In casa entra Gino, zitto, zitto, con delle fotocopie.

Gino:           Chi sa si Marianna ha liggiuto ‘a lettera? Secondo me, l’aggio folgorata! E io  

                     n’aggio fatte cinche fotocopie. Mò ‘e distribuisco addò vaco, vaco! Speramme

                     ch’’e legge ‘o marito, accussì lassa ‘a mugliera e Marianna addiventa sulo mia!

                     Le sparpaglia sul divanetto, sulle sedie, una nella cartellina di Francesco ed

                     infine una nella credenza. Alla fine, soddisfatto, commenta!   

                     Uahm, so’ meglio ‘e Giacomo Casalnuovo!

                     Dalla comune entra Bacco Barbera, chirurgo estetico, con tanto di valigetta. 

Bacco:          E’ permesso?

Gino:            Chi è?

Bacco:          Uh, scusate, voi state prima di me? Allora aspetto il mio turno.

Gino:            Ma che site trasuto add’’o dentista?

Bacco:          Dicevo per educazione. Permettete? Dottor Bacco Barbera, chirurgo estetico.

Gino:            Io sono Gino Cologo.

Bacco:          Davvero? (Lo osserva attentamente) Aspettate un momento, non vi muovete.

Gino:            (Imbarazzato) Ma che d’è? Pecche’ me guardate accussì?

Bacco:          Stavo pensando che voi avreste bisogno di un bel ritocchino col bisturi.

Gino:            E pure vuje, però ‘ncapa!

Bacco:          Andiamo, io vi faccio pure un prezzo di favore.

Gino:            E chi ‘e ttene, ‘e sorde? Caro mio, io campo cu’ ‘a moneta mia!

Bacco:          Capitalista?

Gino:            No, capita ‘nu sordo ogni tanto!

Bacco:          Ma pecche’, che mestiere facite? 

Gino:            Operatore ecologico e arrotondo facendo la raccolta differenziata porta a porta.

Bacco:          Ma vuje nun ate ditto che facite ‘o ginecologo?

Gino:            No, io me chiamme Gino Cologo. E scusate, secondo voi, accussì vestuto, io

                      facesse ‘o ginecologo?

Bacco:          E allora nun me facite perdere tiempo. Io devo incontrare la signora Marianna.

Gino:            (Ingelosito, lo guarda male) A chi ata ‘ncuntrà?

Bacco:          ‘A signora Marianna.

Gino:          (Adombrato) E… che c’avita fa’ cu’ essa?

Bacco:        Niente, vorrebbe qualche ritocchino. Per cui, devo osservarle il seno e il sedere.

Gino:          Uhe’, levate ll’uocchie e ‘e mmane ‘a cuollo ‘a signora Marianna. Ate capito?

Bacco:        Ma a vuje che ve ne ‘mporta? Mica site ‘o marito?

Gino:          Non ancora, pecche’ nun è succieso ancora niente. Ma prima o poi succederà.

Bacco:        Ma pecche’, che ha da succedere?

Gino:          ‘O ssaccio io, picciò lassate sta’ ‘a signora Marianna.

Bacco:        Va bene, non vi arrabbiate. Ma ce pozzo parlà, almeno, cu’ essa?

Gino:          Ve lo concedo! Ma io ve cuntrollo. Picciò, facite ‘o bravo. Intesi? Arrivederci.

                    Gino esce, guardando male Bacco. Bacco è perplesso.

Bacco:        ‘E che tipo. Speriamo di incontrare di meglio, in questa casa!

                    In casa entre Aronne. E’ un clochard vestito male e spettinato.  

Aronne:      E’ permesso? (E comincia a grattarsi addosso)

Bacco:        (Lo osserva) Aéh, amme jute a peggiorà, ccà!

Aronne:      (Gli si avvicina) Salve, io sono Aronne Ellarco. (E si gratta addosso)

Bacco:         Ma t’he’ ‘a rattà afforza vicino a me?

Aronne:      Fraté, a proposito, ma pe’ caso nun avite visto manco a Margherita Pronta?

Bacco:         Si vaje ‘int’’a pizzeria, vide quante ne truove!

Aronne:      No, ma Margherita Pronta è ‘na femmena, la mia amorosa.

Bacco:         Ah, ho capito, è quella ragazza che cerca la carità qua fuori. No, non l’ho vista.

Aronne:      Fraté, ‘o custode d’’o campusanto, nientemeno, ancora ha da arapì ‘o cimitero.

Bacco:         E mi dispiace, ma non lo so dove sta.

Aronne:      (Si gratta addosso) E chisto mò è ‘nu problema!

Bacco:         (Riparandosi con la valigetta) E infatte, è proprio ‘nu problema!

Aronne:      E mò comme faccio?

Bacco:         E aggie ‘nu poco ‘e pacienza, tanto, i tuoi cari defunti non se ne scappano di là.

Aronne:      Ma quali defunti? Io, ‘int’’o cimitero, ce aggia durmì!

Bacco:        Come sarebbe a dicere?

Aronne:      Io ci abito. Aiére e sera però aggio fatto ritardo e so’ rimasto fora. (Spazientito)

                    E picciò,stongo comm’a ‘nu pazzo. Tengo genio ‘e scassà coccosa.

                    Incomincia a ribaltare di nuovo le sedie e il divanetto. Bacco prova a fermarlo.

Bacco:        Uhe’, uhe’, stattu qujeto. Ma che staje facenno? Aiésce mommò ‘a ccà ddinto!

                    Aronne esce e Bacco lo rincorre fino alla comune. Da destra entra Marianna.

Marianna: E l’ora ‘e arapì ‘o cimiter…! (Nota il disordine) ‘N’ata vota tutto cose pe’ terra?

Bacco:        (Parla fuori alla comune) Mò, si vene ‘a signora Marianna, trova ‘e sseggie e ‘o

                    divanetto pe’ terra!

Marianna: (Lo ha ascoltato) Ah, è stato isso? (Gli si avvicina da dietro e grida) Néh, uhe’!

Bacco:        (Si volta spaventato) Ch’è succieso?!

Marianna: Dottor Barbera, pecché ate ittato tutte ‘e sseggie e ‘o divanetto ‘nterra?

Bacco:        Ma non sono stato io. E’ stato un pazzo che è venuto poco fa.

Marianna: Nun voglio sape’ niente. Mò m’aiutate a mettere a posto ccà ddinto. E’ chiaro?

Bacco:        (Intimorito) Va bene. (Posa la valigetta a terra) Non vi arrabbiate. Vi aiuto.

                    Si mettono all’opera. Marianna nota le fotocopie lasciate da Gino in terra.

Marianna: E che sso’ ‘sti ffotocopie ccà ‘nterra? L’ate lassate vuje?

Bacco:        No, io no. Ancora non ho aperto la mia valigetta. Ma leggete cosa c’è scritto.

Marianna: (Ne legge una, si spaventa) Ma chesta è ‘a lettera ‘e Gino. Ha fatto le fotocopie!

Bacco:        Gino ha fatto ‘e ffotocopie? E chi è ‘stu Gino? Faciteme leggere pure a me.

Marianna: (Le raccoglie e le strappa) Ehm… no, ma che vvulite leggere? Lassate sta’.

Bacco:        E va bene. E allora, signora, ce lo facciamo questo bel lifting? Se non erro,              

                    dovete rifarvi: seno, natiche, naso, cosce, mani e piedi!

Marianna: E che songo accussì brutta, io?!

Bacco:        Ma queste cose me le avete chieste voi un mese fa. Non vi ricordate?

Marianna: Ah, già, avete ragione. E quanto mi costerebbe?

Bacco:        Circa 120.000 Euro!

Marianna: (Ride) Duttò, ma io aggio pazziato! Chi se vo’ rifa’ niente? Io so’ accussì bella!

Bacco:        E allora perche’ mi avete chiesto queste cose? Con voi c’era pure vostro marito.

Marianna: Ma forse ‘o seno, ‘e nnatiche e ‘e ccosce s’’e vvuleva rifa’ isso!

Bacco:        Vostro marito se vo’ rifa’ ‘o seno, ‘e nnatiche e ‘e ccosce? Ma che ddicite?

Marianna: E allora, come non detto. Ci siamo sbagliati. Vi abbiamo incomodato per niente.

Bacco:        (Offeso) E io ve stongo aiutanno pure a accuncià ‘e sseggie? Ma mò ‘e

                    scòngeco ‘n’ata vota! (Ribalta di nuovo le sedie e il divanetto)

Marianna: No, ma che ffacite? Stateve fermo!

Bacco:        Ecco qua! (Poi prende la valigetta) Stateve bona!

                    E se ne va. Marianna rimane di sasso. Poi ricorda qualcosa.

Marianna: Oddio, e chi ‘o sente a Roberto? M’aggio scurdata ‘e arapì pure ‘o cimitero!

                    Corre a destra a prendere le chiavi, poi esce via di casa frettolosamente.

 

5. [Assunta e Francesco. Poi Roberto e Bacco. Infine Aronne e Gino]

 

                    Da sinistra riecco Francesco ed Assunta che si è vestita, però è in pantofole.

Francesco: Grazie ai miei volantini, farò conoscere ai napoletani il mio programma               

                    elettorale e… (Nota Assunta pensierosa) Assù, tu nun me staje sentenno.

Assunta:     Nun capisco, ma pecche’ ‘e sseggie e ‘o divanetto stanne pe’ terra?

Francesco: Assù, ma io sto’ parlanno ‘e cose importante.

Assunta:     Scusa, hai ragione, ma io, intanto, sono preoccupata. Tra poco i nostri genitori

                    si incontreranno. E se poi i miei non piaceranno ai tuoi?!

Francesco: E perche’ non dovrebbero piacergli?

Assunta:     Perche’ sono rozzi. Soprattutto mio padre! Mia madre, poi, è una “vasciaiola”!

Francesco: E noi, allora? Ormai apparteniamo ad una nobiltà decaduta. Mio padre, poi, ha   

                     quel difetto di pronuncia, per cui le parole diventano merdicina, merdicante,

                     emmerdal…! E mia madre nememno scherza. Perciò, non ti preoccupare. Ora

                     pensiamo solo alla riunione di stasera al partito. Ma prima devo passare dal

                     tipografo per fotocopiare il volantino elettorale. Per cui, adesso usciamo, forza!   

Assunta:     E aspetta, mi devo mettere le scarpe. Mica posso uscire con le pantofole?!

Francesco: Non fa niente. (Prende la cartellina dal tavolo) Cammina, non c’è tempo!

                    La tira per mano fuori casa (lei riesce a prendere la giacca dall’appendiabiti).

Assunta:     (Uscendo) Piano, piano, mi fai cadere!

                    Da destra torna Roberto: mangia un tozzo di pane. Nota il disordine lì dentro.

Roberto:     Ce stanne ancora ‘e sseggie e ‘o divanetto pe’ terra? Secondo me, chisto sarrà

                    ‘nu scherzo ‘e Marianna! A proposito, ma s’è arricurdata ‘e arapì ‘o cimitero?!

                    Morde il pane raffermo. Intanto entra Bacco che gli va vicino lamentandosi.

Bacco:         (Lo nota) Ah, bene. Signor Roberto! (Va da lui) Roba da matti, roba da matti!

Roberto:     Oh, carissimo dottor Bacco Barbera. Ma ch’è stato? Ve veco tutto ‘ntussecato!

                     Aspettate ‘nu sicondo. (Prepara due sedie) Ecco qua. Prego, accomodatevi.                 

Bacco:     Grazie.

                 I due si siedono.

Roberto: E allora, vi ascolto. Faciteme sentì. Ch’è succieso? (E mangia un pezzo di pane)

Bacco:     E’ successo che questo è un mondo di cacca, con le città di cacca, dove si respira

                 cacca, piena di gente di cacca. Voi, per esempio, state mangiando cacca!

                 Roberto, schifato, sputa tutto.

                 Ma che fate? Sputate?

Roberto: E vuje m’’ate fatto venì ‘o schifo ‘e magnà!

Bacco:     Scusatemi tanto. Io sono nervoso perché mi fu data, in una certa data, una data

                 parola! E data questa cosa, pensavo che fosse andata, e invece… 

Roberto: (Lo interrompe spazientito) Dottor Barbera, me state ‘mbriacanno!

Bacco:     Io voglio dire che la vostra signora mi aveva detto che voleva rifarsi le mani, il

                 seno, i piedi, eccetera, eccetera…! E invece s’è rimangiata tutto.

Roberto: Ma no, chella, mia moglie, diceva accussì pe’ dicere. Non la pensate proprio.

Bacco:     (Lo osserva) Ma voi non è che vi fareste qualche piccolo ritocchino?

Roberto: Io? Beh… a me me piacesse ‘e me rifa’ ‘e ttonsille!

Bacco:     ‘E ttonsille? Ma mica sono una cosa estetica? Quelle stanno all’interno.

Roberto: Ho trovato: il naso. A me me piacesse alla francese.

Bacco:     Vi starebbe molto bene. Voi avete pure un bel profilo. Allora rifacciamo il naso?

Roberto: Duttò, ma io l’aggio ditto accussì. E chi ‘e ttene ‘e sorde?

Bacco:     Ma si tratta solo di 2400 Euro, me li date a 50 Euro al mese in quattro anni.

Roberto: (Pian piano si convince) Vabbuò, va’! (Gli stringe la mano) Affare fatto!

Bacco:     Bravo. Allora domani vi aspetto in clinica e dopo domani facciamo l’intervento.

Roberto: Che bellezza! (Si alza) Aggia fa’ ‘na sorpresa a mia moglie e a mia figlia!

Bacco:     (Si alza) E lo sarà di certo, parola mia. Ora però scusatemi, ma io devo volare.

Roberto: E aroppo v’accumpagno io all’aeroporto!

Bacco:     No, io dicevo che ho fretta, perche’ ho altri clienti. Allora, arrivederci a domani.

                Una stretta di mano veloce e poi va via a passo spedito. Roberto lo osserva.

Roberto: E vabbuò, ormai aggio fatto. Mò famme mettere a posto ccà ddinto.

                Mette a posto con pazienza nella stanza. Intanto entra Aronne e gli si avvicina.

Aronne:  Ah, finalmente ce staje!

Roberto: (Sorpreso) Chi è?

Aronne:  Sono Aronne Ellarco. (E si gratta addosso)

Roberto: E gghiette ‘e perucchie ‘a parte ‘e fora!

Aronne:  E allora, ‘o vulimme arapì ‘stu cimitero?

Roberto: Ma sta ancora chiuso? Mannaggia a mia moglie, l’era arapì essa.

Aronne:  Compà, tu he’ ‘a essere cchiù preciso. Io ce dormo, ‘int’’o cimitero!

Roberto: ‘O vero? Ma allora tu sì chillo che va scavanno ‘int’’a munnezza mia?

Aronne:  Io? (Si gratta addosso) No, nun songh’io!

Roberto: Mò se fa ‘n’ata rattata! Ma allora chi è che scava ‘int’’a munnezza mia?

Aronne:  Mò t’’o ffaccio vedé. Aspiette ‘nu sicondo.

                Esce via frettolosamente. Roberto resta sorpreso.

Roberto: E addò è gghiuto, chisto? Primma se fa doje rattate e ppo’ se ne va!

                Poco dopo rientra Aronne che tira a sé Gino.

Aronne:  (Arrabbiato) Viene ccà, mò facimme ‘e cunte, io e te!

Roberto: Néh, ma ch’è succieso?

Aronne:  Ch’è succieso? (Gli mostra Gino) T’aggio purtato ‘o colpevole.

Gino:          (A Roberto) Ma chi è chisto?

Aronne:     Aronne Ellarco. (E si gratta addosso)

Gino:          E tu viene d’’a Maronna ‘e ll’Arco fino e ccà pe’ te rattà?!

Aronne:     (Indica Gino a Roberto) Compà, è isso che scava sempe ‘int’’a munnezza toja!

Gino:          E se capisce. Io aggia scavà pe’ forza ‘int’’a munnezza soja.

Aronne:      E pecche’?

Gino:          E pecche’ io faccio ‘o munnezzaro! Scé!

Aronne:     ‘O munnezzaro? (Si gratta addosso)

Gino:          Néh, ma che tene ‘ncuollo, chisto? (E comincia a grattarsi pure lui)

Roberto:     E che ne saccio? (E comincia a grattarsi pure lui)

Gino:          (Grattandosi) E’ meglio che me ne vaco. Chisto m’ha ammiscato ‘e ppulce!

                    Gino esce via grattandosi, mentre Roberto ed Aronne smettono.

Roberto:     Ma comme, vaje a scagnà ‘o munnezzaro p’uno ch’arrevòta ‘in’’a munnezza?

Aronne:      (Imbarazzato) E forse me so’ sbagliato! A proposito, e Margherita Pronta?!

Roberto:     No, ancora me l’hanna purtà!

Aronne:      E allora mò ci penso io. La vado a prendere.

Roberto:     Ah, finalmente! Nun ce ‘a faccio cchiù! E allora quanto t’aggia da’?!

Aronne:      Tu me vuo’ pavà pe’ gghì a piglià a chella Margherita Pronta?

Roberto:     E pecche’, secondo te è gratis? Ce vonno 3 Euro e 50. Te dongo cinch’Euro.

                    Tié, piglia. (Glieli consegna) Però t’arraccummanno, puorteme ‘o riesto!

Aronne:      E allora vaco, t’’a piglio e t’’a porto a vedé. Cià, compà!

                    Aronne esce via frettolosamente.

Roberto:     Menu male. E intanto, ‘o sapevo: Marianna s’è scurdata ‘e arapì ‘o cimitero. ‘E

                    che capa che tene! Vabbuò, mò vaco a piglià ‘e cchiave e l’arapo io.  

                    Roberto esce a destra.

 

6. [Marianna, Francesco e Assunta. Poi Alessandro, Ida, Roberto, Aronne e Margherita]

 

                     Dalla comune torna Marianna. E’ stanca. Nota la stanza rimessa in ordine.

Marianna:  E che d’è, mò ccà ddinto sta tutto cose a posto? Mah! (Si siede sul divanetto)

                    E che c’è vuluto p’arapì ‘o canciello d’’o cimitero! E già ce steva ‘nu sacco ‘e

                    folla che steva aspettanno! Ma addò ‘eva trasì, ‘int’’o cinema?!

                    Si rilassa. Dalla comune tornano Assunta e Francesco (con un pacco di fogli).

Francesco: Allora è tutto a posto. I primi volantini sono pronti.

Assunta:     Sì, ma adesso non parlare più. C’è mia madre. Ehm… ciao, mammà.

Marianna:  Uhe’, cià. (Le guarda i piedi) Assù, ma si’ asciuta cu’ ‘e scarpune ‘o pero?

Assunta:     E già. Per la fretta, ho dimenticato le scarpe.

Marianna:  (Nota Francesco) Ah, ma ci sta pure il duchino? 

Francesco: Già, ci sto ancora io.

Marianna:  E che tenete di bello in mano?

Francesco: E’ una cosa che svelerò più tardi, quando ci sarete proprio tutti.

Marianna:  Proprio tutti? (Dubbiosa, si alza in piedi) Ma proprio tutti chi chi?

Assunta:     Tu, papà e i genitori di Francesco che ora stanno venendo a pranzo qua da noi.

Marianna:  Che? A pranzo qua? Il commenda e la duca? Ma io non tengo pronto niente.  

Francesco: E non vi preoccupate, i miei genitori non ci tengono proprio.

Marianna:  Ma almeno voglio preparare un ragù veloce e una carne veloce. Scusatemi.

                    Ma mentre si avvia a sinistra, entrano i genitori di Francesco e lei si blocca.

Alessandro: E’ permesso? Si può?

Marianna:    Amme fernuto ‘e fa’! (Poi si avvicina i due cordialmente) Signor commenda,

                      signora duchessa, bentornati. Stavolta state tutti e due insieme.

Ida:               Già. E come state? Tutto bene?

Marianna:    Sì, grazie. Vi posso fare qualche litro di caffè?

Ida:               Qualche litro? No, non ne fate proprio, caffè. Noi non ne beviamo.

Marianna:    E va bene, tanto, io non lo so fare nemmeno!

Assunta:       Mammà, perche’ non chiami pure a papà?

Marianna:    Aspié, mò ‘o chiammo. (Lo chiama gridando) Robé, curre subito ccà!

Assunta:       Mammà, ma che maniere! Ci sono degli ospiti in casa.

Marianna:    Stattu zitta! He’ fa’ sempe ‘a passaguaje, tu! Ma addò sta chillu ‘mbranato?

                      Scusate ‘nu sicondo! (Si avvicina alla porta di destra, chiamandolo) Robé!

                      Roberto entra da destra e si ferma appena uscito dalla porta.

Roberto:       Néh, ma che cacchio allucche a ffa’?

Marianna:    Ma che staje facenno ‘a parte ‘e dinto?

Roberto:       Aggia arapì ‘o cimitero, cosa che dovevi fare tu, però nun trovo ‘e cchiave.

Marianna:    E già l’aggio araputo io, ‘o cimitero, nun te priuoccupà, nun m’aggio scurdata.

                      Però mò nun ‘o penzà, ‘o cimitero. Devi conoscere i genitori di Francesco.

Roberto:       Speramme che venene cchiù tarde possibile, chilli scassapalle!

Marianna:    (Gli fa segno) No, ma che dici? Quelli già stanno qua.

Roberto:       (Dà un’occhiata) Uahm, ‘e che figura ‘e diarrea!

Marianna:    Jamme addù lloro. (Se lo tira verso di loro) Ehm… ecco mio marito Roberto.

Roberto:       (Imbarazzato) Salve, buongiorno a tutti! Io sono Roberto Incielo. Piacere.

Alessandro: Commendator Alessandro Panico. E come sapete, Francesco è il mio rampollo.

Roberto:       Sì, lo so, Francesco è il vostro pollo!

Alessandro: Qualu pollo?! E che tengo a ‘nu figlio pollo?! Ho detto “rampollo”.

Francesco:   Vabbé, andiamo avanti. Signor Roberto, lei è mia madre, la duchessa.

Ida:               Ida Ittosango!

Roberto:       (Capisce male) A vuje e a tutta ‘a famiglia vosta!

Ida:               A me? Aspettate, ma io non ho finito. 

Roberto:       Pecche’, ce sta ancora ‘o riesto? E faciteme sentì.

Ida:               Mavaffa!

Roberto:       Comme?

Ida:               Mavaffa!

Roberto:       Ma vaffa a te, a mammeta e a soreta! Fuori da questa casa!

Ida:               Ma…

Roberto:       Duchessino, mettite a posto ‘a mamma vosta! Mi dice le parolacce!

Assunta:       Ma no, papà. Quello è il nome suo completo: Ida Ittosango Mavaffa in Panico.

Roberto:       Ah, ecco. E va bene, allora prego, accomodiamoci.

                      Tutti si accomodano. Roberto e Marianna si siedono al divanetto.

Marianna:    E allora, Roberto, dici qualche cosa per dare il benvenuto ai nostri ospiti.

Roberto:       E che posso dire? E’ meglio che me stongo zitto! Facciamo parlare a loro.

Alessandro: Scusate la curiosità: ma la vostra casa, quante stanze ha?

Roberto:       Questa casa è quattro divani e accessori!

Alessandro: Noi invece abitiamo in una casa con giardino. Però è una casa con usufrutto.

Roberto:       E cioè?

Alessandro: Noi viviamo in un appartamento concesso.

Roberto:       E pure nuje, ‘o tenimme. Scardato, ma ‘o tenimme!

Alessandro: Vabbé, lasciamo stare. Ci rinuncio!

Ida:               Sentite, allora vogliamo parlare dei nostri figli?

Marianna:    Infatti. State parlando di tutte cose inutili. Va’, continua a parlà tu, Robé.

Roberto:       E che devo dire più? A me mi fa piacere che mia figlia se la fa con una

                      famiglia bella come la vostra. Quella, poi, Assunta è figlia unica.

Marianna:    Io poi l’ho avuta con mio marito qui presente.

Ida:               Allora è figlia di primo letto.

Marianna:    No, di secondo letto, pecche’ ‘o primmo s’è scassato! E’ ‘o vero, Robé?

Roberto:       E già, l’aggio sfunnato io pe’ ffa’ ‘nu tuffo a “cufaniello”!

Alessandro: (Guarda Ida, perplesso, poi parla a Roberto) Bene, e per concludere?

Roberto:       E che devo dire più? Marià, e dice pure tu coccosa. Nun guardà sulamente!

Marianna:    E che devo dire? Francesco è un bel ragazzo. Se gli piace davvero Assunta…!

Francesco:   Ma scherzate? Io la amo. Lei è la mia agognata!

Roberto:       ‘A cognata? Ma ‘a cognata ‘e chi?

Marianna:    Robé, ma si’ scemo? ‘A cognata ‘e isso!

Roberto:       Francé, ma Assunta comme po’ essere ‘a cognata toja, si è figlia a nuje!

Francesco:   Ma quala cognata? Io ho detto “agognata”, cioè desiderata.

Assunta:       Mammà, papà, ma che state dicenno? Nun ne state azzeccanno una!

Roberto:       Forse è meglio ca io e mammeta nun parlamme cchiù!

Marianna:    Infatte. Parle ‘nu poco tu, Assù. E allora, si’ felice ‘e te fidanzà cu’ chillo?

Assunta:       Felicissima.

Ida:               E tu, Francesco, sei felice?

Francesco:   Felicissimo.

Ida:               Bravi, come sono commossa!

Alessandro: (Si alza in piedi, solenne) E allora, a questo punto, se permettete, parlo io.

Roberto:       Ma voi dovete! Siete il personaggio più importante… dopo me!

Alessandro: Grazie. Intanto, signori Roberto e Marianna, voglio dirvi che siamo molto

                      felici di avervi conosciuti. Assolutamerde!

Roberto:      (Sorpreso) Assolutamerde?

Alessandro: Assolutamerde! Voi non siete gente merdiocre!

Roberto:      (Sorpreso) Merdiocre?

Alessandro: Merdiocre! Il matrimonio dei nostri figli sarà indimerdicabile! Sarà come una 

                      una merdaglia d’oro! Del resto, noi non siamo più nel Merdio Evo!

Roberto:       (Marià, ma comme cacchio parle, chisto?!).

Marianna:    Eh… beh!

Alessandro: Io intesterò loro una delle mie case. E sapete dove? A Via Merdina!

Roberto:       Tenite ‘na casa a Via Merdina? E speramme che nun è ‘na casa fetente!

Alessandro: Insomma, per concludere, noi faremo di tutto per i nostri figli, affinche’ loro

                      non ci possano mai dimerdicare. Tenetelo sempre in merde!

                      Gli altri si alzano in piedi, lo applaudono. Roberto, non convinto, fa lo stesso.

                      Vi è piaciuto come ho parlato, signor Roberto?

Roberto:       Assai! Caro mio, voi e la vostra famiglia… siete all’altezza di farvela con noi!

Ida:               Grazie. A proposito, domani mattina vi vogliamo tutti a casa nostra.

Alessandro: E già, così facciamo una bella merdenda!

Roberto:       Scusate, ma invece ‘e fa’ ‘a merdenda, nun se putesse fa’ ‘a merenda?

Alessandro: E io questa dicevo!

Ida:              Vabbé, insomma, alla fine, siamo tutti d’accordo. I nostri figli sono fidanzati.

Marianna:   (Commossa) Menu male, comme so’ cuntenta! Sta jenno tutto cose buono!

Roberto:      Marià, invece ‘e chiagnere, prendi una bottiglia di liquore dalla credenza.

Marianna:   Sì, subito. (Si alza e va alla credenza) Adesso vi faccio assaggiare un liquore

                      che… (Vi trova un foglio lasciato da Gino) E che d’è ‘stu coso? (Legge)

                      Oddio, ‘a lettera ‘e Gino! (La appallottola, la posa di nuovo nella credenza e

                      poi torna dagli altri) Ehm… mi dispiace, ma è finito il liquore. 

Roberto:      Ma comme, io aiére e mmatina l’aggio accattato.

Marianna:   Ehm… e me l’aggio bevuto io aiére e sera!

Roberto:      Tu? Susatela, cari amici, mia moglie sta addiventanno ‘na ‘mbriachessa!

Assunta:      Ora però voglio la vostra attenzione su Francesco. Deve darvi una notizia.

Francesco:  Esatto. Papà, mamma, signori Incielo, io sto per entrare in politica.

Ida:              Bravo, figlio mio. Io e tuo padre siamo fieri di te.

Alessandro: Indubbiamerde!

Francesco:   E ora vi mostro i volantini. (Apre il pacco) Eccoli qua. (Li distribuisce) Allora,

                      adesso voglio sentire il vostro giudizio.

                      Tutti leggono il volantino: restano sorpresi. Roberto legge il suo ad alta voce.

Roberto:      “Cara Marianna…”.

Marianna:   (Sconvolta) Uh, Maronna mia!

Roberto:      “Io lo so che tu lo sai che io lo so che tu lo sai…! Lo sai? Io ti penso sempre.

                      Lo so, sei sposata. Ma io non sono geloso! E se un giorno ti dovresti

                      spartere da tuo marito, ci sono io pronto”!

Francesco:   Porca miseria, ho fatto stampare i volantini sbagliati.

Roberto:      (Ingelosito) Marià, e chi è chisto che t’ha scritto ‘sta scimmità?

Marianna:   Ehm… boh! Non si firma nemmeno. Sarà un mio ammiratore.

Roberto:      Ma chi t’ha da ammirà, a te? ‘E che bella figura me staje facenno fa’ annanzo

                      a chisti ccà. Menu male che so’ lloro e nun so’ ata gente!

Marianna:   Ma io…

Roberto:       Nun parlà cchiù. M’aggio accattato ‘na pizza. Mò aspetto che m’’a portene e

                       m’’a vaco a magnà ‘int’’o cimitero, luntano ‘a te. E poi faremo i conti.

                      Dalla comune entra Aronne portando per mano Margherita.

Aronne:        Eccomi qua, compà.

Roberto:       Justo a te steve penzanno. Me l’he’ purtata ‘a Margherita? 

Aronne:        Eccola qua, sta vicino a me: Margherita Pronta.

Roberto:       E che me magno, io? A chesta?

Aronne:        Ma chesta è l’ammore mio.

Roberto:       Inzomma, io t’aggio dato cinch’Euro a te e cinch’Euro a essa pe’ me fa’ purtà

                      ‘na pizza, ma nun aggio avuto niente. Picciò, voglio ‘e diece Euro ‘n’ata vota.

Aronne:        No, no, ma ‘e sorde so’ ‘e nuoste!

Alessandro: (Nota Aronne) Cosa? E’ isso, ‘o merdicante, chillo che m’ha ‘nguajato ‘e

                      diente. Pe’ mezza soja, io parlo malamerde! Allora l’aggia accidere!

Aronne:        Aiuto!

                      Aronne fugge via fuori casa, rincorso da Alessandro e Roberto.

FINE ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

1. [Marianna e Assunta. Poi Bacco. Infine Roberto]

                    Sul divanetto sono sedute Marianna ed Assunta. Sono in febbrile attesa.

Assunta:     Mammà, io nun riesco a capì: ma pecche’ papà s’ha vuluto fa’ st’intervento ‘e

                    chirurgia estetica? Che ha da fa’?

Marianna: E che t’aggia dicere, a mammà?! Io nun ere proprio d’accordo.  

Assunta:     Ma tu nun t’’iva fa’ ‘n’intervento ‘o seno, ‘o naso e tutto ‘o riesto appriesso?

Marianna: Ma io l’aggio ditto pe’ pazzià. Invece pateto lo’ha fatto overamente.

Assunta:     E dopo tre giorni di clinica, oggi esce. Almeno adesso avrà un naso invidiabile!

Marianna: E già, alla francese. So’ proprio curiosa d’’o vedé.

                    Dalla comune entra Bacco (con la valigetta). Tutto preoccupato, va dalle due.

Bacco:        Ehm… è permesso?

Assunta:    (Si alza) Ah, ecco il dottore.

Marianna: (Si alza, scherzosa) Oh, dottore. E allora, è finita l’operazione di mio marito?

Bacco:        Niente di meno? Io l’ho operato tre giorni fa.

Marianna: Embé, e mò già lo fate uscire? Nun v’’o putisseve tené ‘n’ati tre gghiuorne?

Assunta:    Mammà, ma che dici? E allora, dottore, che dice papà? E’ contento?

Bacco:        Sentite, io debbo dirvi una cosa a tale proposito.

Marianna: (Preoccupata) Uh, Giesù, duttò, ma pecche’ facite chella faccia? Ch’è stato?

Bacco:        No, non vi spaventate. Prima di tutto, è ancora vivo. Però non è più lui.

Le due:      (Sospettose) Cioè?

Bacco:        Beh, vedete, io oggi dovevo operare due pazienti: un tale signor Rossi e subito

                    dopo il signor Roberto. Il primo doveva subire un intervento difficilotto, mentre

                    il signor Roberto doveva fare solo un intervento al naso, detto Rinoplastica.

Marianna: E chesto ‘o ssapimme. E allora?

Bacco:        Sentite, io ve lo dico, però mi promettete che non vi arrabbiate?

Marianna: Ve lo giuriamo. E mò parlate, pe’ piacere.

Bacco:        Purtroppo… ho invertito i pazienti!

Assunta:     E va bene, ma che cosa si doveva fare quell’altro?

Bacco:        Ve ne accorgerete tra poco. (Lo chiama) Signor Roberto, entrate!

                    Dalla comune entra Roberto: è effeminato e vestito in modo equivoco. Ha le

                    labbra rosse di rossetto. Marianna e Assunta restano sorprese.

Roberto:    Ciao, ragazzette! Come state?

Assunta:    (Sconvolta) Mammà… ma chisto… è papà?!

Marianna: (Sconvolta) Nun ‘o ssaccio! Pare isso! ‘A vocia è ‘a soja!

Roberto:    Néh, ma pecche’ me guardate accussì? Nun ve piace comme stongo mò?

Le due:      No.

Roberto:    E pacienza, faciteve capace! Chillo, ‘o duttore, m’’eva rifa’ sulo ‘o naso. E

                    invece, cu’ chillu bisturi, è sciso troppo abbascio!

Marianna: Uh, mamma mia! Embé, e mò?

Roberto:    E mò me manca coccosa! So’ addiventato cchiù liggiero! ‘O duttore m’ha miso

                    pure ‘nu poco ‘e silicone: m’ha abbuffato ‘o musso!

Marianna: (Sconvolta, se la prende con Bacco) Disgraziato! (E sviene)

Assunta:    (Spaventata) Mammà!

Bacco:        E l’altro paziente voleva tutto questo. In più, al signor Roberto ho fatto pure dei

                     bombardamenti ormonali con siringhe di feromone: ora è donna quasi al 100%.

Roberto:     Vabbé, ma tanto, che ce la prendiamo a fare? Visto che il dottore si è sbagliato,

                     io non gli devo nemmeno un Euro! E’ ‘o vero, duttò?

Bacco:         (Vergognato) Sì.

Marianna:  (Si riprende) E ce mancasse pure!

Roberto:      A proposito, “nennelle”, pe’ caso tenisseve cocche mutanda ‘e pizzo? Uh, che

                     domanda scema aggio fatto! Mò m’’a vaco a piglià. Ciao, belle! Ciao, dottore!

                     Gli fa un occhiolino e gli lancia un bacio. Poi esce a sinistra, sculettando.

Marianna:  (Si arrabbia) Duttò, e chisto fosse l’intervento che c’ireva fa’?

Bacco:         Ehm… però restiamo calmi!

Marianna:  (Arrabbiata, si alza in piedi) Aggia sta’ calma? Ma comme pozzo sta’ calma?

Assunta:     (Arrabbiata, si alza in piedi) E già. Vuje l’ate cumbinato ‘e chella manera!

Bacco:         E vabbé, sono cose che capitano. Se volete, lo opero di nuovo.

Marianna:  ‘O vero? E comme facite? Ce ‘o ‘zzeccate cu’ ‘a colla?!

Assunta:     Mammà, nun spustà cu’ ‘a vocca, pe’ piacere.

Marianna:  No, io nun sposto cu’ ‘a vocca. (Minacciosa) Io a chisto ‘o ‘ccido sulamente!

                     Si toglie una scarpa e lo rincorre intorno al tavolo.

Bacco:         Si-signora, ca-calmatevi!

Marianna:  T’aggia primma scannà e ppò me calmo!

Bacco:         No, no, no…!

                     Ed esce fuori di casa. Marianna arriva fino alla comune e lo minaccia.

Marianna:  Quanno t’acchiappo, te faccio addiventà pure a te femmena, ma senza bisturi!

                     He’ capito? (Rimette la scarpa e torna da Assunta) ‘Stu fetente!

Assunta:      Mammà, adesso calmati, che tutto si aggiusta.

Marianna:  E ch’accuònce? Chillo, già pateto nun era buono. Mò amme fatto ‘o finale!

                     E se ne esce a destra imbronciata. Assunta appare molto preoccupata.

Assunta:      Oh, mamma mia, e come si fa? A papà, come lo mostro ancora ai miei futuri

                     suoceri? E a Francesco? Che penseranno, adesso? Mannaggia, che figura!

                     Ed esce via a sinistra con la testa bassa.

2. [Francesco e Annetta. Infine Gino e Aronne]

                    Dalla comune entrano Annetta e Francesco.

Annetta:     Caro Francesco Panico!

Francesco: (Stupito) Tu? Ma tu sei Annetta Tonaso.

Annetta:     Già, sono proprio io. E’ quasi un anno che non ci vediamo. Come stai?

Francesco: Senti, sono anni che cerco di sbarazzarmi di te. Ora come hai fatto a trovarmi?

Annetta:     Ti ho seguito. E sai perché l’ho fatto? Tu sei il figlio del commendator Panico.

Francesco: E questo ti da diritto a perseguitarmi? Io sono già impegnato sentimentalmente.

Annetta:     Guarda, che non mi interessi tu, ma il conte Alessandro Panico.

Francesco: Ma non farmi ridere. Mio padre è sposato. E poi ha gli anni che ha.

Annetta:     Ma io voglio solo parlargli, ma lui rifiuta ogni contatto con me.

Francesco: Mio padre è una persona seria.

Annetta:     E allora fammici parlare. Ti dò 24 ore di tempo.  

Francesco: Io non sono uno che accetta ricatti.

Annetta:     E allora, tra 24 ore, segui i telegiornali e saprai. Ciao, caro Francesco Panico.

                    Gli lancia un bacio e va via. Francesco rimane turbato.

Francesco: Ma cos’ha combinato mio padre? Annetta sta cercando di incastrarlo. Devo fare

                    qualcosa, ma non ne farò parola con Assunta.

                    Francesco esce a sinistra. Dalla comune entra Gino, immalinconito.

Gino:          Marianna mia, ma quann’è che te libbere ‘e mariteto?! Nun ce ‘a faccio cchiù.

                    Si siede al divanetto, mentre entra Aronne che va dietro lui. Gino continua.

                    Io nun voglio essere l’amante tuojo. Voglio la tua anima e il tuo corpo.

                    Aronne comincia a grattarsi addosso e comincia a farlo pure Gino.

                    ‘O vì, Marià, sto’ penzanno a te e me prore pe’ tutto parte! Sarrà l’ammore!

Aronne:      No, sarranne ‘e zecche!

Gino:          (Salta in piedi) Chi è? Ah, si’ tu? Staje ‘n’ata vota ccà?

Aronne:      E pe’ forza ‘o custode ha già chiuso ‘o cimitero e io so’ rimasto fora!

Gino:          Ma vide ‘e te ne ì. E puortete ‘e perucchie appriesso, nun ‘e lassà ccà!

Aronne:      Me ne vaco, però voglio parlà cu’ ‘a signora Marianna. (Si gratta addosso)

Gino:          No, ‘a signora Marianna l’he’ lassà sta’. (Si gratta addosso) Si te vede a te, se

                    ratta pure essa. Facimme ‘o “ratta, ratta”!

Aronne:     (Grattandosi) E allora, almeno, pozzo parlà cu ‘o marito?

Gino:          (Grattandosi) Cu’ ‘o marito ce puo’ ffa’ chello che vvuo’ tu!

                    Da sinistra torna Roberto (Sempre con movenze e parlata da effeminato).

Roberto:     Néh, oh, ma ch’è stato? (Nota i due grattarsi) Uh, ma ce sta ‘na festa ‘e ballo?

                    Gino ed Aronne smettono di grattarsi e lo osservano sconvolti.

Gino:          Ma… chisto è ‘o marito d’’a signora Marianna. Oppure… ‘a mugliera!

Aronne:      Ma che ce fa accussì cumbinato?

Roberto:     (Avvicinandosi ai due, seccato) Maronna ‘e ll’Arco!

Aronne:      Sì?

Roberto:     Ma chi t’ha chiammato?

Aronne:      E tu he’ ditto Aronne Ellarco.

Roberto:     No, io aggio ditto: Maronna ‘e ll’Arco! Pecché state facenno chella faccia?

Gino:          E tu nun pare cchiù ‘o custode d’’o campusanto, ma ‘nu trans ‘e Via Marina!   

Aronne:      (Si gratta addosso) Confermo!

Gino:          (Si gratta addosso pure lui) Mò accummience a te rattà ‘n’ata vota?

Roberto:     (Si gratta pure lui) Uhe’, ma che d’è? M’’ite fatto venì ‘o genio ‘e me rattà!

Gino:          E te staje facenno ‘na gratta checca!

Aronne:      (Smette di grattarsi) Compà, nun m’’o puo’ arapì ‘nu sicondo ‘o cimitero?

Roberto:     (Smette di grattarsi) No, io cu’ te stongo comm’a ‘na pazza! Ll’ata vota m’’iva

                     purtà ‘na pizza, invece me purtaste a ‘na femmena. A me! E che me faccio, io?

Aronne:      E mica era pe’ te? Chella era pe’ me: la mia Margherita Pronta! Io m’’a vulesse

                    spusà proprio. Però nun tengo ‘n’Euro. Compà, tu nun puo’ ffa’ niente?

Roberto:     Io? Pe’ carità!

Aronne:      (A Gino) E tu nun puo’ ffa’ niente?

Gino:          Ma mò t’’a vulisse spusà a spese mie?

Aronne:      Come non detto. Compà, allora ‘o vulimme arapì ‘stu cimitero?

Roberto:     Ma che? Io tengo che ffa’. M’aggia ì a limà ‘nu poco ll’ogne d’’o pero!

Aronne:      E io addò me vaco a cuccà?

Roberto:     Uhe’, ma tu ‘o cimitero l’he’ pigliato p’’o Grand Hotel? E mò facitemmenne ì.

                    Ciao, mascoloni!

                    Roberto esce via a sinistra sculettando. I due lo osservano sconvolti.

Aronne:      Compà, pe’ me chillo nun è cchiù normale.

                      Aronne si gratta addosso ed esce così di casa. Gino trama qualcosa.

Gino:            Azz, è succieso coccosa ‘o marito ‘e Marianna. Questo è un segno del destino.

                      E allora, si cambia abito. Tanto, io sto fuori servizio. Cara Marianna, il tuo

                      sogno di avermi, sta cominciando. (Si gratta addosso) Ma che d’è? Chillu

                      scemo ‘e primma s’ha scurdato duje perucchie ‘ncuollo a me! E’ assurdo!

                     Esce di casa continuando a grattarsi dappertutto.

 

3. [Marianna, Ida e Alessandro. Poi Roberto, Assunta e Francesco]

 

                     Da destra, entra Marianna. Appare sconvolta.

Marianna:  Marò, nun ce pozzo penzà! Tengo pure ‘o marito effeminato! (Si siede sul

                     divanetto) Nun ce ‘a faccio! Io ere accussì cuntenta che mia figlia s’è

                     fidanzata, e mò invece sto’ triste. E chi ‘a tene ‘a faccia ‘e ‘ncuntrà ‘e signori

                     Panico? Speramme ‘e nun ‘e vvedé pe’ duje-tre anne!

                     E invece, dalla comune, entrano proprio Ida e Alessandro (medicato al volto).

Ida:              E’ permesso?

Marianna:  (Si volta e nota i due) Me l’aggio chiammate!

Ida:              Possiamo?

Marianna:  (Si alza in piedi) Ehm… prego, prego.

Ida:              Grazie. (Poi a Alessandro) Uhe’, a te, viene appriesso a me. Nun he’ ‘a stà

                     cchiù ‘e diece centimmetre luntano ‘a me! He’ capito?

Alessandro: (Rassegnato) E va bene.

                      I due si avvicinano a Marianna.

Ida:              Signora Marianna, come state?

Marianna:   Ehm… bene! Ma… nun saccio comme ‘o veco, ‘o marito vuosto! Ch’è stato?

Ida:              Uff! Nun me ce facite penzà. Anze, nun ne parlamme proprio. (Si siede al

                      tavolo) Signò, aggio ricevuto ‘na lettera anonima.

Marianna:   Ma allora vulite parlà? (Si siede di nuovo sul divanetto)

Alessandro: E certo, nuje ormai simme consuocere. Ida, me pozzo accomodà pur’io?

Ida:              Ma si, va’!  

Alessandro: Come sei umana! (Si siede al tavolo)

Marianna:   E allora, duchessa, dicevate che avete ricevuto una lettera anonima.

Ida:              Signò, nun ne parlamme. (Ma invece…) Dunque, praticamente il fatto sta così:

                     ‘sta lettera anonima dice che mio marito ha fatto ‘na figlia femmena cu’ ‘n’ata

                      perzona. Mò nun aggio capito si già è nata o ancora ha da nascere. Però, ci sta!

Marianna:   Uh, guardate! Commendatore, e pecche’ ate fatto chesto, po’?

Alessandro: (Timoroso) Ida, pozzo parlà cu’ ‘a signora?

Ida:              Sì, te dongo ‘o permesso.

Alessandro: Signò, io sono vittima di un ricatto tremerdo!

Marianna:   ‘Nu ricatto? E intanto vuje state tutto struppiato.  

Alessandro: Il merdico mi ha riempito di merdicine. E ho lasciato la macchina fuori al suo

                      studio, in seconda fila. E così mi sono preso una ammerda per divieto di sosta!

Ida:               E te sta bene! Piglie esempio d’’o marito d’’a signora Marianna: è esemplare!

Marianna:   Esemplare?! Aéh!

                     Sa sinistra entra proprio Roberto: ha indossato la vestaglia di Marianna.

Roberto:      Mary, ho indossato un pochettino la tua vestaglia!

                     Alessandro e Ida lo vedono e si alzano in piedi increduli. Lui va da Marianna.

                      Senti, non avresti lo smalto perlato? M’aggia pittà ‘nu poco ‘e mmane!

Alessandro: Scusate, ma chi è costui?

Marianna:   (Rassegnata) Chisto ‘essa essere mio marito!

I due:           (Sorpresi) Che?

Roberto:      Néh, e che sso’ ‘sti facce ‘e zombi?! Marià, famme ‘nu poco ‘e spazio vicino a

                      te, pe’ cortesia! (Le siede accanto, alla sua sinistra)

                      Alessandro e Ida si guardano in faccia, poi si siedono sconvolti.

Marianna:   Ecco, mò ‘a sapite pure vuje, ‘a verità! Non mi giudicate. Non dite niente.

Alessandro: E che tenimme ‘a dicere? Tu vuo’ dicere coccosa, Ida?

Ida:              Pe’ carità! E chi m’’o ffa’ fa’!

Alessandro: Scusate, signor Roberto, ma che vi è successo, in faccia?

Roberto:      Innanzitutto, sono singora! Poi che c’è, non vi piace la mia faccia? Beh, forse

                      dite bene voi, è un po’ pallida. Devo proprio farmi la lampada a raggi frutta!

Alessandro: No, volete dire raggi UVA.

Roberto:      E pecchè, l’uva nun è frutta?

Marianna:   Beh, giustamente ave raggione mio marito, ‘sta vota!

Roberto:      Oh, è ‘a primma vota che me daje raggione. Era addivintà femmena! E intanto, 

                      lo sai? Oggi mi iscrivo a danza. M’aggià ‘mparà a ffa’ ‘a danza d’’a panza!

Marianna:   (Si dispera) Uh, Marò!

Roberto:      Ma che chiagne a ffa’, chesta?!

                     Da sinistra tornano Assunta e Francesco.

Francesco:  Hai capito, Assunta? Voglio proporre una cosa a tuo padre.

Roberto:     (Si alza, interessato) Sì?

Francesco:  (Lo nota e vi si avvicina sorpreso) Ma…!

Assunta:      Oh, no! (Vi si avvicina anche lei)

Roberto:      Cià, comme staje, a papà, Susy?!

Assunta:      Susy?

Roberto:      Sì, Susy! (Poi a Francesco) Néh, ma che tiene ‘a guardà, tu?

Francesco:  Signor Roberto, ma… che vi è successo?

Assunta:      Ehm… non farci caso. E’ uno scherzo che papà ha voluto fare a voi tre.  

Roberto:      Senti, duchessino, ma che cosa mi devi proporre? Me lo dici?

Francesco:  Si tratta di una cosa che riguarda le elezioni politiche. Ma forse non è il caso.

Roberto:      E perche’ non è il caso? Io ‘a voglio fa’, ‘a voglio fa’!   

Marianna:  (Si spazientisce e si alza) E mò basta, ‘a vuo’ fernì ‘e parlà comm’a ‘nu scemo?

Roberto:      Néh, ma che he’ passato?

Assunta:      Ehm… calmati, mammà.

Alessandro: (Si alza in piedi) Beh, Ida, io direi di andare via. Lasciamo parlare i signori.

Ida:              (Si alza anche lei) E sì, forse è meglio.

Marianna:   Ma come, già ve ne andate?

Ida:              Volete che restiamo?

Marianna:   No, andate, andate pure!

Alessandro: Benissimo. E’ stato un piacere. Verremo a trovarvi quanto prima.

Ida:              Arrivederci.

                     I due escono via celermente.

Francesco:  Beh, Assunta, ci vediamo più tardi per andare al partito. Aspettatemi!

                     Francesco esce via di casa celermente. Assunta guarda i genitori, poi esce via

                     a destra senza dir niente.

Roberto:    He’ visto? Pe’ ciolpa toja se n’hanne jute tutte quante.

Marianna: E pecché?

Roberto:    Nun he’ fatto manco ‘na tazza ‘e café! 

                   Marianna gli volta la faccia ed esce a sinistra. Roberto commenta.

                   Mamma mia, che brutti ggente!

                   Esce via a sinistra pure lui.

4. [Assunta e Gino. Infine Aronne]

                   Da destra torna Assunta. Pare parecchio turbata.

Assunta:    Marò, nun po’ essere! Nun ce pozzo crerere: mio padre non è più lui! E’ tutta

                   ‘n’ata perzona. Ma a me accussì nun me piace. (Si siede al tavolo) Che incubo!

                   Dalla comune (al centro), ben vestito, entra Gino che le si avvicina.

                   (Sente una strana puzza) E che d’è ‘sta puzza ‘e munnezza?

Gino:         Ma chillo è ‘o prufumo mio!

Assunta:    (Si alza di scatto) Oddio! Ah, ma siete voi? Gino lo spazzino?

Gino:         No, operatore ecologico!

Assunta:    (Lo osserva bene) Alla faccia! Come siete elegante! E dove dovete andare?

Gino:         Ehm… a piglià ‘a munnezza!

Assunta:    In giacca e cravatta?

Gino:         E io tengo assaje rispetto p’’a munnezza!

Assunta:    Ma adesso c’è la raccolta differenziata. Oggi mi pare che ci sono i rifiuti

                   organici. Più tardi mettiamo la busta fuori alla porta e ve la venite a prendere.

Gino:         Ma pecche’, io pozzo venì ccà sulo p’’a munnezza? Nun ve pozzo venì a truvà?! 

Assunta:    No, non dico questo. Però mia madre e mio padre… ehm… sono usciti.

Gino:         Che peccato! Ma non per tuo padre, bensì per tua madre.

Assunta:    Guardate che io ho capito tutto. Voi siete un suo ammiratore.

Gino:         Assù, mammeta me piace assaje. Come dicono gli spagnoli? Me gusta mucco!

Assunta:    Si dice “mucho”. Ma lei è sposata con mio padre. 

Gino:         E pe’ mezza ‘e ‘sta scimmità, nun se vo’ mettere cu’ me?

Assunta:    (Sorride) Embé, vuje site tale e quale a papà!

Gino:         Io so’ tale e quale a pateto? Ma l’he’ visto? Chillo me pare ‘a sora ‘e Platinette!

Assunta:    E già. Purtroppo è diventato così a causa di un’operazione di chirurgia estetica.

Gino:         Aggio capito: pateto ha vuluto addiventà femmena.

Assunta:    Ma no, c’è stato uno scambio di persona. Lui voleva farsi la Rinoplastica.

Gino:         Ah, ecco: ‘stu Rino se vuleva fa’ ‘a plastica e invece ce ll’hanne fatta a pateto!

Assunta:    No, ma mio padre si voleva rifare il naso.

Gino:         E invece ‘stu Rino vuleva addiventà femmena!

Assunta:    No, era un altro paziente che voleva diventare femmina.

Gino:         Néh, ma allora ‘stu Rino che se vuleva fa’?

Assunta:    Ma chi è ‘stu Rino? Nun esiste nisciunu Rino. In linguaggio chirurgico,

                   l’operazione al naso si chiama Rinoplastica. E papà si voleva rifare il naso.

Gino:         E intanto, ‘o naso ‘e pateto è rimasto tale e quale, però tutto ‘o riesto è cagnato!

Assunta:    E il fatto triste è che non tornerà mai più com’era prima.

Gino:         (Interessato) Assù, ma tu si’ sicura?

Assunta:    E certo.

Gino:         Nun è che t’’issa sbaglià?

Assunta:   Purtroppo, no. E mammà ce l’ha a morte con lui.

Gino:        (Felice) ‘O vero?

Assunta:   Questa sembra una domanda molto interessata. Voi ci sapete fare con le donne.

Gino:        Vuo’ sape’ comme me chiammene? Rodolfo Valtellino!

Assunta:   Come padre non sareste male. Sentite, se volete veramente conquistare mia

                  madre, regalatele il profumo. E’ la sua passione. Arrivederci.

                  E se ne va un po’ più tranquilla a destra. Gino pare speranzoso.

Gino:        M’ha dato ‘na speranza! (Si inginocchia e chiude gli occhi) Comme so’ felice!

                  So’ troppo felice! Mò ‘o custode d’’o campusanto se leva ‘a tuorno!

                  Intanto entra Aronne. Va verso Gino che intanto continua a parlare da solo. 

                  E intanto, comme sculetta bello, chillo! Fa accussì… (Sculetta) Ondulatorio e

                  sussultorio, ondulatorio e sussultorio! Uh, so sculettare pure io! (Nota Aronne)

Aronne:    (Interdetto) Si’ addiventato pure tu femmeniello?

Gino:        Néh, ma femmeniello a chi?

Aronne:    E nun te mettere scuorno. (Si gratta addosso)

Gino:        (Si gratta addosso) Oh, io tengo ‘o vestito buono!

                  I due, grattandosi, pare ballino il Twist. Nel mentre, Gino rimprovera Aronne.

                  Néh, ma che t’he’ purtato, ‘e perucchie ballerini?!

Aronne:    (Grattandosi, gli parla in faccia) Néh, amico…!

Gino:        (Investito da un’alitata) Mamma bella, ma te fete pure ‘o ciato?!

Aronne:    (Smette di grattarsi) Ecco qua. M’è passato!

Gino:        (Smette pure lui) Guagliò, ma tu si’ tremendo. Ma ‘a quantu tiempo nun te lave?

Aronne:    ‘A quanno m’aggio battezzato!

Gino:        Se vede e se sente pure! Vatte a ffa’ ‘na doccia sotto ‘a funtana d’’o cimitero.

Aronne:    E comme ce traso? Chillo sta chiuso. A proposito, tenisse ‘n’Euro?

Gino:        (Dalla tasca estrae una moneta) No, tengo duje Euro. Ma a che te servene?

Aronne:    M’aggia accattà ‘nu Gratta e Vinci!

Gino:        E tu vaje buono cu’ ‘o Gratta e Vinci! Tu te ratte una continuazione! Po’ essere

                  che rattanno, rattanno, vince pure coccosa ‘e sorde!

Aronne:    Spero di vincere qualcosa per la mia Margherita Pronta, la donna della mia vita.

Gino:        Io invece aggia accattà ‘na butteglia ‘e prufumo.

Aronne:    E pe’ chi è? P’’o custode d’’o campusanto?

Gino:        No, p’’a signora Marianna. Viene cu’ me e te spiego.

                  Ed escono di casa.

5. [Marianna e Ida. Poi Gino. Infine Roberto]

                    Marianna parla con Ida al telefono. 

Marianna: (Sconvolta) Giesù, duchessa, ma vuje che me state dicenno?! Francesco nun è

                    overamente figlio vuosto?

Ida:            Mi pare di aver detto così. E vi raccomando, tenetevelo per voi.

Marianna: E se capisce. Sulo che sto’ sconvolta. Ma allora comm’è nato?

Ida:            Francesco è figlio di mio marito, solo che l’ha avuto con un’altra donna. Dovete

                    sapere che io e Alessandro teniamo quattro figli, avuti con quattro partner

                    diversi: uno a Napoli, uno ad Avellino, uno a Caserta e uno a Salerno.

Marianna: E allora mò ne manca sulo a Beneviento e ate completato ‘a regione Campania!

Ida:            Perfettamente.

Marianna: Scusatemi se mi stupisco, ma io non sono abituata a sentire queste cose. In

                    questa famiglia, siamo gente all’antica.

Ida:            Gente all’antica cu ‘nu marito femmeniello?

Marianna: E che significa? Quello è capitato. Invece voi lo fate apposta.

Ida:            Però vi raccomando, non raccontate a nessuno quello che vi ho detto.

Marianna: Duchessa, ma ‘e che ve mettite appaura? Noi siamo gente seria.

Ida:             Brava. Allora ci vediamo prossimamente. E Grazie.

                    Riaggancia. Marianna si rattrista.  

Marianna: Mio marito? E addò sta cchiù mio marito? Che schifo di mondo è diventato

                    questo! Uomini che diventano donne, donne che diventano uomini, gente che

                    si tradisce a vicenda e fa i figli con altre persone…! ‘E che munnezza!

                    Si siede sul divanetto, sconsolata. Entra Gino (con un pacchetto), va da lei.

                    (Marianna sente una strana puzza) ‘A proposito ‘e munnezza! ‘E che fieto!

Gino:          Ammore mio, m’he’ riconosciuto!

Marianna: Tu? E che ce faje ccà?

Gino:          E cheste so’ domande ‘a fa’? So’ venuto pe’ m’assettà vicino a te! (Così fa)

Marianna: (Nota il pacchetto) E che ce sta dint’a ‘stu pacchetto?

Gino:          ‘Na cosa ch’a te te piace assaje: ‘na butteglia ‘e prufumo Chanel!

Marianna: Numero 5?

Gino:          Nun ‘o ssaccio che nummero è, nun l’aggio cuntato! Comunque è Chanel!

Marianna: Buongustaio!

Gino:          E mica me l’aggia magnà?! Te l’aggia regalà a te.

Marianna: E’ pe’ me? Gino, ma tu accussì me miette in difficoltà.

Gino:          Pe’ mezza ‘e tuo marito?

Marianna: Ma che me ne ‘mporta ‘e mio marito? Io mò te zumpasse ‘ncuollo, ma nun ‘o

                    ppozzo fa’! (Gli tira di mano il pacchetto) Comunque grazie p’’o regalo!

Gino:          (Eccitato) Marià, nun fa’ accussì che me faje perdere ‘e ccerevelle! Io mommò

                    te vulesse vedé annanzo a me quase seminuda!

Marianna: Lussurioso!

Gino:          E poi vorrei ascoltare insieme a te il mio cantante preferito: Fausto Conleali!

Marianna: (Eccitata) Gino, me staje stuzzicanno troppo assaje!

Gino:          (Eccitato) E pure tu.

Marianna: Embé, saje che te dico? Ma si’, voglio fa’ comm’’a duchessa: me ne voglio  

                    vedé bene! Mio marito nun me merita cchiù!

Gino:          E sì, facimmele, facimmele!

                    Stan quasi per baciarsi, ma da sinistra riecco Roberto.

Roberto:    Marianna, addò stanne ‘e ccepolle?

                    Cosicche’ i due si distanziano e fanno finta di niente.

Marianna: Oddio, siamo stati scoperti! Mio marito mi ha visto insieme ad un altro uomo!

Roberto:    E dove sta l’altro uomo? Saresti tu? Ah, e allora nun m’aggia prioccupà!

Gino:          (Si alza in piedi) Robé, vattenne, ca io songo ‘nu tipo geluso.

Marianna: (Si alza in piedi) Gino, ma sì scemo?

Roberto:    E che stiveve facenno, tutt’e dduje?

Marianna: Ehm… niente ‘e male.

Gino:          E invece sì. Stamme cercanno ‘e fa’ ‘na nuova unione!

Roberto:    E bravi, continuate, pecche’ v’ate fermate?

Gino:         (Sorpreso) Che? Nun te ne ‘mporta niente?

Roberto:      No.

Marianna:  (Piange) Marò, nun se ne ‘mporta cchiù niente ‘e me!

                     Corre via piangendo a sinistra.

Gino:           He’ visto che he’ cumbinato? Mò vaco addù essa. L’aggia asciuttà ‘e llacreme!

Roberto:      E caccia ‘o farzuletto!

Gino:           E certo. (Dalla tasca estrae uno straccio bianco, sporco) ‘O vi’ ccanno!

Roberto:      E chistu coso tutto spuorco fosse ‘nu farzuletto.

Gino:           E’ ‘nu poco usato, però è ‘nu farzuletto rustico! (A Marianna) Ammore mio,

                     sto’ venenno addù te!

                     E corre dietro di lei per raggiungerla.  

Roberto:      Ma ch’è succieso? Pecché Marianna chiagneva? Mah! E’ meglio che me ne  

                     vaco a magnà! Oddio, come parlo male! Ora vado a “mangiucchiare”!

                     Ed esce via a destra sculettando.

6. [Bacco e Margherita. Poi Assunta. Poi Aronne e Annetta. Infine Gino]

                       Dalla comune entrano Bacco (sbuffando) e Margherita che lo segue.

Margherita: Fate la carità, datemi qualche cosa di soldi, quello che volete…!

Bacco:           Inzomma, so’ privo ‘e trasì ‘int’a ‘sta casa, che m’aggia truva’ a te appriesso!

Margherita: E io ormai sono di casa, qua dentro.

Bacco:           Siente, ja’, quanto te serve?

Margherita: A piacere vostro.

Bacco:           Sì, saje che piacere! Su, forza, spara una cifra.

Margherita: Ma pecche’, si io ve dico che voglio 1000 Euro, vuje m’’e ddate overamente?

Bacco:           Esattamente. (Li prende dalla tasca della giacca)

Margherita: Nun ce credo manco si ‘e vvec…! (Li vede) Uh, Marò, me sento ‘e svenì!

Bacco:           No, nun svenì. Pigliatille e vavattenne! (Glieli da)

Margherita: E lo dite pure? (Glieli tira di mano) Volete venire pure voi a godervi la vita?

Bacco:           No, va’ a godé tu sola, va’, va’!

Margherita: Allora, grazie, grazie, grazie…!

                      Margherita se ne va contandosi i soldi. Bacco appare preoccupato.

Bacco:           Ho saputo che quell’incosciente del signor Roberto non si è voluto fare le

                       punture di antibiotici, perche’ ha paura delle siringhe. Ma è scemo? Rischia di

                       pigliarsi una brutta infezione. Allora adesso devo convincerlo assolutamente.

                       Da destra entra Assunta, triste.

Assunta:        No, nun m’’o firo d’’o vedé a papà accussì!

Bacco:           (Le si avvicina) Perfetto, meno male.

Assunta:        (Acida) Ancora voi? Che c’è, avete trovato il modo di far tornare papà uomo?

Bacco:            Purtroppo ancora no.

Assunta:        E allora la vostra presenza non è gradita, qua dentro.

Bacco:            Aspetta, fammi almeno spiegare la situazione. Tuo padre si è rifiutato di farsi

                       le punture di antibiotici, perche’ odia le siringhe. Le punture di antibiotico si

                       fanno sempre quando uno si opera. Servono contro le infezioni. Hai capito?

Assunta:        Oddio! Ma allora non c’è tempo da perdere. Venite in cucina con me.

Bacco:            E chi tene genio ‘e magnà, figlia mia?!

Assunta:        Ma non dovete mangiare voi. Sta mangiando lui.

Bacco:            Uh, e allora facciamo presto, dobbiamo avvisarlo.

                I due corrono in cucina. Dalla comune entra Aronne esultando come un matto.

Aronne: Ho vinto! Ho vinto 1.000.000 di Euro! Alééé!

                Continua a saltare di gioia mentre entra Annetta che lo nota e gli va vicino.

                Ce l’ho fatta! (Nota Annetta e le parla) Ho raggiunto il mio scopo.

Annetta: Scusa, ma che è successo?

Aronne:  Ho vinto, ho vinto, ho vinto, ho vinto, ho vinto…!

Annetta: Ma che d’è, s’è ‘ncagliato ‘o disco?

Aronne:  Sono diventato ricco grazie ad un Gratta e Vinci. Mentre cu’ ‘na mana me rattavo

                 pe’ cuollo, cu’ chell’ata aggio rattato ‘o Gratta e Vinci! E ora sono milionariooo!

Annetta: E allora domani uscirai sui giornali.

Aronne:  Esattamente. Scriveranno: “Povero disgraziato vince al Gratta e Vinci e diventa

                 ricco: Aronne Ellarco!

Annetta: E secondo te, possono mai scrivere su un giornale “Maronna ‘e ll’Arco”?!

Aronne:  No, ma Aronne Ellarco è ‘o nomme mio! A proposito, e tu comme te chiamme?       

Annetta: Annetta Tonaso!

Aronne:  Complimenti! (E si gratta addosso)

Annetta: (Si ripara con le mani) Fermo, fermo, fermo, fermo, fermo…!

Aronne:  E famme rattà p’’a felicità! Adesso finalmente potrò avere la mia Margherita

                Pronta! (Esulta) E vai!

                Esce di casa felice lasciando Annetta interdetta.

Annetta: Niente di meno, pe’ s’accattà ‘na pizza, ha avuta vencere ‘o Gratta e Vinci?

                Da sinistra torna Gino, commosso, soffiandosi il naso.

Gino:      Marianna s’è mmisa a chiagnere e m’ha fatto commuovere pure a me!

Annetta: (Lo nota e gli sia vvicina) Senti, scusa, è successo qualcosa?

Gino:      E tu chi si’?

Annetta: Annetta Tonaso.

Gino:      Pecche’, ‘o tengo spuorco? E allora aspié! (Si soffia il naso)

Annetta: Ma no, Annetta Tonaso.

Gino:      Ancora? Aspié! (Si soffia il naso)

Annetta: Ti ho detto, Annetta Tonaso.

Gino:      E m’’o stongo annettanno! (Si soffia il naso più forte)

Annetta: Ma sei sordo? Ho detto Annetta Tonaso.

Gino:      (Spazientito) Oh, e basta! ‘O naso mio è addiventato vacante!

Annetta: Ma no, io mi chiamo Annetta di nome e Tonaso di cognome. Hai capito, adesso?

Gino:      E m’’o vvuo’ dicere? A furia ‘e sciuscià, a ‘n’appoco se ne fujeva ‘o naso ‘a  

                coppa ‘o musso!

Annetta: Senti, posso sapere chi sei?

Gino:      Io sono Gino Cologo. (Si soffia ancora il naso e poi posa il fazzoletto in tasca)

Annetta: Hai detto ginecologo? Ma allora potresti vedere se io sono in stato interessante?

Gino:      Nun ‘o ssaccio si si’ interessante! Mia cara…

Annetta: Annetta Tonaso.

Gino:      No, basta, nun m’’o voglio annettà cchiù. Vabbuò?

                E se ne esce di casa. Annetta resta interdetta.

Annetta: Ma non capisco. E intanto, non riesco a rintracciare né Francesco e né suo padre.

                E non è bastata nemmeno la lettera anonima o le prime foto sui giornali. Va bene,

                allora si cambia tattica: parlo con la fidanzata di Francesco. Io, quando voglio una

                cosa, o me la danno oppure me la prendo. (Si guarda a destra e a sinistra) Di là!

                 Sceglie di andare a sinistra.

7. [Assunta, Bacco e Roberto. Poi Francesco. Poi Marianna e Gino, Manfredi e Annetta]

                  Da destra entrano Bacco, Roberto (che mastica) e Assunta.

Assunta:   Hai capito tutto, papà? E smettila di masticare!

Roberto:   Ma io sto magnando. E poi gia ve l’ho detto: io, ‘a serrenga, nun m’’a faccio!

Bacco:       Ma vi ho detto che rischiate un’infezione.

Roberto:   Ma voi sapete perché ho paura delle siringhe? Perché da piccolo sono stato

                   punto da un calabrese!

Bacco:       ‘Nu calabrese v’ha pugnuto? E comme? Cu’ ‘nu spillo?

Roberto:   No, cu’ ‘o pungiglione!

Bacco:       Ma allora v’ha pugnuto ‘nu calabrone! Embé, e non vi siete curato?

Roberto:   No.

Bacco:       Stupido, voi avete rischiato uno choc anafilattico!

Roberto:   ‘O choc d’’o profilattico?!

Bacco:        Anafilattico! Ma inzomma, signurì, comme ‘o facite a suppurtà ‘o pato vuosto?

Assunta:    Non me lo chiedete. A questa domanda non c’è risposta.

Roberto:    E vabbuò, allora ve stongo a sentì. M’’a faccio, ‘a serrenga. Però chi m’’a fa’?

Bacco:        Va bene un infermiere?

Roberto:    (Allettato) Un uomo? Ma certo! L’idea mi allerta!

Bacco:        E allora cercatevelo. Statemi bene.

                    Esce via di casa pensieroso.

Assunta:     Papà, e allora cerchiamo questo infermiere. Così ci facciamo la siringa.

Roberto:     E addò ‘o vaje a truva’, a st’infermiere?

Assunta:     Non lo so, non ne ho idea. Dovrei chiedere a Francesco.

                    E in casa entra proprio Francesco che va da lei.

Francesco: E allora eccomi qua.

Assunta:     Francesco, ma dov’eri finito?

Francesco: Niente, ho avuto una discussione con mia madre. E allora, che cosa è successo?

Assunta:     Mio padre deve farsi delle siringhe di antibiotico. Ha bisogno di un infermiere.

Roberto:     (Interessato) Francé, se mi porti un infermiere bonazzo, ti riempio di baci!

Francesco: (Inorridito) Signor Roberto, io v’’o trovo all’infermiere, però m’’ita giurà ‘na

                    cosa: niente baci! Va bene?

Roberto:    (Deluso) E vabbuò.

Francesco: E allora presto, Assunta, accompagnami. Conosco un infermiere in gamba.

Assunta:     Ah, certo, certo. Papà, tu aspettaci qua.

Roberto:     No, e chi se move?

Francesco: Allora a tra poco. Con permesso.

                    Francesco e Assunta escono di casa frettolosamente.

Roberto:    E facimmece ‘sta serrenga!

                    Pian piano, da sinistra, entra Marianna che va da Roberto, che parla da solo.

                    Speriamo solo che questo sia un bell’infermiere alto, biondo, muscoloso, pieno

                    di denti in bocca! Saje che faccia ‘e scema che ffa’ Marianna appena ‘o vede!

Marianna:  (Si arrabbia e gli grida contro) Voglio divorzià!

Roberto:     (Si spaventa) Ch’è stato?

Marianna:  (Grida) Voglio divorzià, voglio divorzià, voglio divorzià!

Roberto:     Ma ch’allucche a ffa’?

Marianna:  Aiuto, salvatemi da quest’uomo! Anzi, no, salvatemi da quest’individuo!

                    Esce via a destra, piangendo.

Roberto:     Ma chesta comme s’è fatta chiagnazzara!

                    Da sinistra torna Annetta.

Annetta:     Mi scusi, signore. (E gli si avvicina)

Roberto:     Sono signora!

Annetta:     Ma… ma tu non sei il custode del cimitero?          

Roberto:     Sono la custodessa! E ‘o cimitero sta chiuso. Sei fuori orario.

Annetta:     No, ma io non voglio andarci. Voglio solo chiederti una cosa: per caso conosci

                    il duca Francesco Panico?

Roberto:     Il mio futuro genero? Sì, ‘o cunosco.

Annetta:     E la signorina Assunta?

Roberto:     Mia figlia? Sì, ‘a cunosco. Pecche’?

Annetta:     Ah, è tua figlia? Bene, voglio candidarla come depositaria di un segreto. E

                    voglio eleggerla come messaggera.

Roberto:     ‘O vero? Vuo’ purtà pure a mia figlia all’elezione? Che spasso!

Annetta:     (Sorpresa) Come?

                    Dalla comune tornano Assunta e Francesco.

Francesco: Niente, l’infermiere non c’è… (Nota Annetta) Tu?

Assunta:     E chi è lei?

Roberto:     No, niente, Assù, è una che te vo’ candidà all’elezione!

Assunta:     A me?

Annetta:     Ma no, aspettate, lasciatemi spiegare.

                     Francesco la guarda male. Da destra torna Marianna, ha una valigia in mano.

Marianna:  Basta, nisciuno m’ha da fermà. Me ne vogl’ì pe’ sempe.

Assunta:     Mammà, ti sei impazzita?

Marianna:  No, nun ‘o voglio vedé cchiù, a pateto.

Assunta:     Ma lui ha bisogno di un’iniezione, se no rischia un’infezione.

Marianna:  (Indica Annetta) E ‘sta signurina fosse l’infermiera che ce l’ha da fa’?

Roberto:     No, io voglio l’infermiere maschio. Me l’hanno promesso e ora lo pretendo!

Francesco: Ed io mantengo la promessa. (Lo chiama) Entra pure, Manfredi!

                    Entra in casa con una siringa nella mano tremante per il morbo di Parkinson.

Manfredi:   Eccomi qua.

Roberto:     (Si spaventa) Uh, Marò, e ‘a do’ è asciuto, chisto?

Marianna:  E tu che vvuo’? Nun vulive a ‘n’infermiere ommo? E l’he’ avuto.

Roberto:     E chisto m’’essa fa’ ‘na serrenga a me? Chisto me buca tutto ‘o popò!

Manfredi:   Ma io sono bravissimo.

Roberto:     Pe’ carità, io me ne fujo!

Assunta:     Ma no, aspetta.

Roberto:     Ma ch’aggia aspettà? Arrivederci.

                    E fugge via di casa.

Marianna:  Uhe’, tuorne ccà!

                    Tutti lo inseguono per convincerlo a farsi la puntura.

FINE ATTO SECONDO

Salone di casa Incielo, tre mesi dopo: Marianna ha divorziato da Roberto ed ha sposato Gino. Questo è il giorno in cui i due tornano dal viaggio di nozze.

ATTO TERZO

1. [Marianna, Gino e Assunta. Poi Roberto, Bacco e infine Manfredi]

                    Dalla comune, entrano Marianna e Gino, ben vestiti e con una valigia trolley.

Marianna: Ginuccio mio, che bel viaggio di nozze ci siamo fatti! (Si siede al divanetto)

Gino:          E già, bello assaje! (Accosta la valigia al divanetto) Sulo che Roma nun m’è

                    piaciuta tanto. Ce sta troppa acqua!

Marianna: E nuje mica simme state a Roma?

Gino:          Ah, no? E addò simme state?

Marianna: A Venezia.

Gino:          Ah, picciò nun ce steva ‘a Torre Eiffel!

Marianna: Ma no, staje facenno confusione. ‘A Torre Eiffel sta a Milano!

Gino:          Siente, fa’ ‘na cosa: distrugge ‘o rullino cu’ ‘e ffotografie ch’amme fatto.

Marianna: E pecche’?

Gino:          E pecche’, si coccheduno ‘e vvede, vo’ sape’ io e te ch’amme visitato e nuje

                    nun ce ‘o ssapimme spiegà. E facimme ‘na brutta figura.

Marianna: E allora, chiunque ce domanda, dicimme che simme state a Roma!

Gino:          Brava! A Roma ce stanne ‘e monumente cchiù facile. Per esempio, ce sta ‘a

                    Statua d’’a Libertà!

Marianna: E ce sta pure chillu bellu fiume: ‘o Danubio! 

Gino:          E ppò ce sta ‘a Grande Muraglia!

Marianna: E c’è stata l’apparizione d’’a Maronna!

Gino:          E pure l’apparizione d’’o Papa! Chillo appare tutt’’e ddummeneche, dice

                    l’Angelus e ppò sparisce ‘n’ata vota! E’ proprio ‘nu miracolo! 

Marianna: E allora, he’ raggione tu: dicimme che simme state a Roma!

                   Dalla comune entra Assunta che va a salutare i due con baci sulle guance.

Assunta:    Ciao mammà, ciao Gino. Bentornati dal viaggio di nozze a Catania!

Marianna: Catania? Ma nuje simme state a Venezia!

Gino:          Ma che Venezia? T’he’ scurdata? Nuje simme state a Roma!

Assunta:     A Venezia, a Roma…? Ma addò site jute a fernì?

Gino:          Sapite che ve dico? Chiunque domanda, nuje nun simme state a nisciuna parte!

Assunta:     Va bene, ora vi porto la valigia in camera da letto e poi vi preparo da mangiare.

Marianna: No, Assù, a mammà, io nun tengo famme. Stò sulo ‘nu poco stanca.

Assunta:     E tu, Gino, vuoi mangiare qualcosa?

Gino:          No, sulo ‘nu bicchiere d’acqua, pe’ favore!

Assunta:    (Tira a sé la valigia) Te lo porto subito.

                    Assunta esce a destra. Gino estrae dalla giacca un quotidiano, legge a tavola.

Marianna: Eccoci qua. E penzà che tre mmise fa’, steveme currenno appriesso a Roberto

                    pe’ ce fa’ ‘a serrenga ‘e antibiotico. T’arricuorde? Ma me staje sentenno, o no?   

Gino:          (Disinteressato) Sì, sì, te sto’ sentenno.

Marianna: Mò sto’ ‘nzieme a te e so’ felice. E pure mia figlia è felice. E’ ‘o vero, Assù?

                    Da destra entra Assunta con un bicchiere d’acqua e lo posa sul tavolo.

Assunta:    Sì, mammà. Gino, qua sta l’acqua.

Gino:         (Posa il quotidiano sul tavolo, guarda il bicchiere) Ma chesta è acqua semplice?

Assunta:    Sì.

Gino:         Ma a me me piace chella cu l’addizione! Chella cu’ ‘o surdo ‘a dinto!

Assunta:    Ah, col sodio? Sulla bottiglia c’è scritto che in quest’acqua c’è lo stronzio!

Gino:         (Contrariato) Chi schifo!

Assunta:    E che c’è di male?

Gino:         Pe’ carità, a chi ‘a vuo’ da’, st’acqua?

Assunta:    Ma perché?

Gino:         (Spazientito) E tu t’’o vevisse ‘nu bicchiere d’acqua cu’ ‘nu stronzio ‘a dinto?!

Assunta:    Vabbé, fai come vuoi tu, io mi vado a mangiare qualcosa.

Marianna: T’accumpagno io, a mammà!

                    Escono a destra. Gino commenta le notizie del quotidiano ad alta voce.

Gino:          Tié, tié, siente ccà: (Legge) “Scoperta l’identità del vincitore al Gratta e Vinci di

                    tre mesi fa a Napoli: trattasi di un senza fissa dimora dal nome Aronne Ellarco”.

                    (Gino si alza in piedi) Beato lui. Si ‘o ssapevo, me spusavo a isso!

                    Esce a sinistra. Dalla comune entrano Roberto (effeminato), Bacco e Manfredi.

Bacco:         Ve voglio bene, signor Roberto, faciteve fa’ st’urdima puntura ‘ngrazia ‘e Dio!

Roberto:     Dottor Barbera, chesta è ‘a trentesima! Guardate ccà, aggio fatto ‘o popò ‘e

                     l’ippopotamo! (E mostra il suo di dietro diventato enorme)

Manfredi:   (Dalla tasca tira fuori una siringa) E forza, che sono finite.

Roberto:     Ma che ffa’, chisto? Cammina cu’ ‘e sserrenge ‘int’’a sacca?!

Bacco:         Andiamo, non ci fate perdere tempo. Manfredi ha fretta.

Roberto:     Ma chisto fa impressione, cu’ sta mana che tremma! E si po’ se spezza l’ago?

Bacco:         Nun se spezza niente.

Roberto:     E vabbuò, facimmece ‘sta puntura.

Bacco:        (Ripete) E facimmece ‘sta puntura.

Roberto:     Però jatevella a ffa’ ‘int’’o bagno.

Manfredi:   ‘Int’’o bagno? E gghiamme.

Bacco:         Però, signor Manfredi, chianu chiano, v’arraccummanno! Io so’ delicato.

                     Bacco e Manfredi si avviano a sinistra, poi si fermano e tornano da lui.

                     Ma che me state facenno fa’? ‘A serrenga ve l’ata fa’ vuje!

Manfredi:   E ffacite ambresso, ca chesta piglia friddo!

Roberto:     (Ironico) Povera criatura, chella piglia ‘o catarro! Jamme ‘int’’o bagno, jamme.

                     E i tre escono a sinistra.

2. [Roberto, Manfredi, Bacco e Gino]

                    Da sinistra tornano Roberto, Manfredi e Bacco, e Gino arrabbiato, di corsa.

Roberto:    Maronna, ‘o bagno era occupato! (Si defila accanto alla porta di destra)

Gino:         (Si sta abbottonando i pantaloni) Ma inzomma, uno se scorda ‘a porta d’’o

                   bagno aperta, e s’ha da truva’ a ‘sti tre che trasene cu’ ‘na serrenga ‘nmana?

Bacco:       E quella se la deve fare il signor Roberto!

Gino:         E cu’ tantu spazio, proprio ‘int’’o bagno te l’he’ ‘a fa’?

Roberto:   (Avvicinandosi pian piano) Questa è casa mia e posso fare quello che voglio. ‘O

                   custode d’’o campusanto, songh’io. Allora basta, nun m’’a voglio fa’ cchiù, ‘a

                   puntura! (E si siede al tavolo)

Bacco:       Avite visto? S’è offeso! Mò nun s’’a fa cchiù, ‘a puntura.

Roberto:   Pe’ carità! Io ho il sedere delicato. Il mio sedere è così tenero, ma così tenero…

Gino:        (Ironico) Che se taglia cu’ ‘nu grissino!

Roberto:   (Ripete) Che se taglia cu’ ‘nu grissin…! No, nun se taglia cu’ ‘nu grissino!

Bacco:       Insomma, signor Roberto, non ci fate perdere tempo. Ve la fate questa puntura?

Roberto:   Sì, me la faccio. Però devo rimanere da solo con l’infermiere qui presente.

Bacco:       Aggio capito, signor Gino, chisto se mette scuorno ‘e nuje.

Gino:         Ma chi ‘o vo’ guardà? Ascimmencenne mommò.

Roberto:   Gino, e visto che te truove, me può chiudere ‘o cimitero? S’è fatta ora. Le chiavi

                  stanno vicino ‘o canciello. Famme ‘stu piacere!

Gino:        ‘E che pacienza! Vaco a chiudere ‘o cimitero! Jammuncenne, dottor Barbera.

Bacco:       Un attimo solo, signor Gino. (Lo osserva bene) Ma voi siete proprio sicuro che

                   non volete un ritocchino di bisturi? Sinceramente, siete proprio brutto!

Gino:         E invece a vuje, si ‘a “bruttezza” ve guarda d’’a capa ‘o pero, ve sputa ‘nfaccia!   

                   E così escono di casa. Manfredi e Roberto si guardano perplessi.

Manfredi: Allora, siete pronto per farvi questa puntura?

Roberto:   No, ‘a putìte ittà! Primma aggio ditto ‘e sì pe’ me sbarazzà d’’o dottor Barbera.

Manfredi: Ho capito, va’! (Se la rimette in tasca) Ecco fatto!

Roberto:   Infermié sono tre mesi che mi appizzate siringhe sul sedere, ma io ancora non

                   so come vi chiamate.

Manfredi: Manfredi Caricotta!

Roberto:   Manfredi Caricotta? Vi chiamate come il mio piatto preferito. (Poi, triste) Avite,

                   visto comme sto’ cumbinato pe’ colpa ‘e ‘n’operazione sbagliata?

Manfredi: Non ve la prendete. E allora che cosa dovrebbe dire il mio bisnonno? Purtroppo,

                   un mese fa se n’è andato. Teneva appena 110 anni.

Roberto:   E vabbuò, però era vicchiariello.

Manfredi: Ma pecche’, addò sta scritto ca uno a cienteddiece anne ha da murì pe’ forza?!

Roberto:   (Ironico) Scusate tanto si l’aggio fatto murì accussì giovane!

Manfredi: Prego! Sentite, ho da chiedervi una cosa: scrivete una lettera a vostra moglie.

Roberto:    E pecché?

Manfredi: Lo leggo dal vostro viso: voi non siete felice. Vorreste tornare con lei.

Roberto:   No… cioè, sì. Però io nun saccio scrivere buono. Ma po’ che ll’aggia scrivere?

Manfredi: Ci penso io. Prendete carta e penna.

Roberto:   Vuje me vulite aiutà? E io ve ringrazio! Ve pozzo vasà ‘nu sicondo?!

Manfredi: No!

Roberto:   (Deluso) E vabbé. Allora piglio ‘a carta e ‘a penna. (Prende il necessario dalla

                   credenza. Poi si siede al tavolo) Eccomi qua, sono pronto. Dettate!

Manfredi: Dunque…

Roberto:   Sentite, ma “dunque” se scrive cu’ ‘a “q” o cu’ ‘a “c”!

Manfredi: Ma vuje nun ata scrivere “dunque”. Dovete scrivere “Cara… cara…”.

Roberto:   Cara Mella!

Manfredi: Eh, accatteme ‘e cciucculatine! Ma no: “Cara Marianna”.

Roberto:   E vabbuò. (E scrive) 

Manfredi: Ed ora che cosa gli possiamo scrivere?

Roberto:   Ho trovato: “Buon anno a te e a tutta ‘a razza toja!”…

Manfredi: E che stamme a Capodanno?

Roberto:   No, è pe’ ffa’ ‘a cosa cchiù importante.

Manfredi:    Ma no, scrivete così: “Dammi ancora una chance*”.                          *(leggi: scians)

Roberto:      ‘Na stanza? E che me n’aggia fa’ ‘e ‘na stanza? Io voglio tutta ‘a casa mia!

Manfredi:    Ma quala stanza? Una “chance” è un’altra possibilità. E poi metteteci il punto!

Roberto:      E che ce ‘o mettimme a ffa’, ‘o punto? Tanto, nun se legge!

Manfredi:    E se mette ‘o stesso. E poi scrivete: “Io amo la nitidezza dell’aria”.

Roberto:      (Ha capito male, e scrivendo, legge ad alta voce) “Io amo la nettezza urbana”!

Manfredi:    Eh, ‘a raccolta differenziata! Ho detto la nitidezza dell’aria.

Roberto:      La nitidezza dell’aria. E ppo’?

Manfredi:    “Al mio posto hai un altro uomo? Mi hai sostituito con quel “negletto””.

Roberto:      ‘O negretto? Qualu negretto?

Manfredi:    Chi l’ha nnummenato a ‘stu negretto?

Roberto:      Vuje! E mica Gino è negretto?

Manfredi:    Ma no, negletto vuol dire oscuro, lurido! Avete capito?

Roberto:      Ho quasi capito! E ppo’?

Manfredi:    “Ho perso troppo tempo con te. Io ho bisogno di meno pausa”!

Roberto:      (Scrive e legge ad alta voce) “…Vado in menopausa”!... ‘A menopausa? Io?

Manfredi:    Ma quala menopausa? Vabbuò, lassate stà. Accattate ‘na busta postale add’’o

                      tabbaccaro. E vi raccomando, consegnategliela il prima possibile.

Roberto:      Grazie, Manfredi. Che peccato che non siete il mio tipo, se no…!

                     Dalla comune entra Bacco che va dai due.

Bacco:          E allora, l’abbiamo fatta questa puntura?

Roberto:      Ehm… no.

Bacco:          (Si arrabbia) Ma come no? E ch’ate fatto fin’e mò?

Manfredi:    La puntura!

Bacco:          E si chillo mommò ha ditto che nun se l’ha fatta cchiù!

Manfredi:    E invece se l’è fatta. Non è vero? (Gli fa l’occhiolino)

Roberto:      Ehm… sì, sì, che bella puntura mi sono fatto! Si primma io teneve ‘o popò ‘e

                      l’ippopotamo, mò m’aggia accattà sulo ‘nu paro ‘e cazune taglia “sittanta”!

Bacco:          Bene, allora possiamo andare, caro infermiere.

Manfredi:    Caro signor Roberto, tanti saluti, tanti auguri e figli maschi!

Bacco:          Che c’entra? Arrivederci, signor Roberto.

Roberto:      Arrivederci, arrivederci.

                     Ed escono via tutti e due di casa. Roberto commenta.

                     Mò aggia truvà ‘o modo ‘e fa’ leggere ‘sta lettera a Marianna.

                     Esce a sinistra.

3. [Margherita e Aronne]

                      I due escono a sinistra. Dalla comune entra Aronne ben vestito.

Aronne:        Ua’, e comme so’ addiventato bello! Mò che so’ ricco, me pozzo permettere

                      tutto cose! E nun aggia durmì manco cchiù ‘int’’o cimitero! Mò dormo ‘o

                      Grand Hotel. Purtroppo però mi manca solo la mia Margherita Pronta. Il fatto

                      è che da quando ho vinto al Gratta e Vinci, è come scomparsa.  

                      Dalla comune entra Margherita: gli si avvicina e gli chiede la solita cosa:

Margherita: Fate la carità. Datemi qualche cosa di soldi. Quello che volete voi!

Aronne:        (Sorpreso e felice) Margherita!

Margherita: Sì?

Aronne:        Io stavo dicendo che voglio la mia Margherita squisita e tu sei comparsa qui!

Margherita: Vulite ‘a Margherita squisita? E a chi ‘o ddicite?! Io me puzzo ‘e famme!

Aronne:        Ma no, io voglio te.

Margherita: Vulite a me? In che senso?

Aronne:        Ma perche’ mi dai del “voi”? Non mi riconosci più? Io sono Aronne.

Margherita: Aronne? E che t’è succieso? Tu nun si’ cchiù zuzzuso e fetente!  

Aronne:        E io aggio vinciuto ‘o Gratta e Vinci. Mò so’ milionario.

Margherita: Tu? E allora tenisse coccosa ‘e spiccie pe’ me?

Aronne:        Ma io te voglio do’ tutto ‘o patrimonio mio!

Margherita: E mò nun te piglià ‘o dito cu’ tutta ‘a mana! Damme sulo cinquanta centesimi!

Aronne:        Ma no, io te voglio spusà. Io già t’’o vvuleve dicere, però ero troppo povero, e

                       allora me metteve scuorno! Ma mò so’ addiventato ricco e t’’o ppozzo dicere.

                       Lo sai? Io dò del tu al Presidente della Repubblica!

Margherita: Overamente?

Aronne:         Vuo’ vedé? Mò ‘o chiammo cu ‘o cellulare mio. (Così fa) Uhé, compà!

                       Comme staje? ‘Na chiavica? Io invece no. Sto’ vicino ‘a femmena cchiù bella

                        d’’o munno. Se chiamma Margherita Pronta! Aspié, mò t’’a passo! Tié!

Margherita:  (Sorpresa) A me? (Prende il telefonino) E che c’aggia dicere?

Aronne:         E che ce vuo’ dicere? Innanzitutto, dici “pronto”!

Margherita:  Ehm… pronto! Uhe’, fraté! Comme staje?... Pronto! Pronto! Ha attaccato! 

Aronne:         (Si riprende il telefonino) E se capisce, sul’io ‘o pozzo chiammà “fraté”!

                       Siente, e allora te si’ decisa? Me vuo’ spusà?

Margherita:  (Confusa) Ma no, siente, Aronne, io ce voglio penzà ‘nu poco.  

Aronne:         Ma che c’è che non va? Non mi vedi? Io nun me ratto cchiù ‘ncuollo!

Margherita:  Sì, ma io ti ho conosciuto povero. Tu, così combinato, mi fai paura. Scusami.

                       E se ne esce di casa frettolosamente. Aronne ci rimane male.

Aronne:         He’ visto? Po’ dicene ch’’e sorde danne ‘a felicità!  

                       Esce anche lui di casa, deluso.

4. [Alessandro e Ida. Poi Francesco e Assunta. Poi Annetta. Infine Gino e Margherita]

                     Dal centro entrano Alessandro e Ida. Al solito, stanno litigando.

Ida:              E allora, pozzo sape’ finalmente chi è chella Annetta?

Alessandro: ‘N’ata vota?! So’ tre mmise che t’’o sto’ dicenno. ‘A cunosco sulo ‘e vista.

Ida:              Ma chella dice che tu he’ fatto ‘na figlia cu’ essa, o ‘na cosa del genere.

Alessandro: E comm’’a faceve ‘sta figlia cu’ essa? ‘A luntano? Pe’ telefono? Pe’ posta?

Ida:              Insomma, tu vuoi dire che non hai mai toccato quella ragazza?

Alessandro: Ma fosse ‘o Dio? Chella è accussì bona!

Ida:              E va bene, te voglio sta’ a sentì. Ma nun è fernuta ccà. La mia è una fiducia a

                     termine. Io m’aggia mettere cu’ tanto impegno, e si riesco a appurà che tu me

                     staje facenno fessa, io te faccio fa’ ‘a stessa fine d’’o signor Roberto.

Alessandro: (Con atteggianto di sfida) Veramerde?

Ida:              Esatto, “veramerde”, comme dice tu! E mò cammina, jesce ‘a casa!

Alessandro: No, jesce tu, ‘a casa!

Ida:              No, tu!

Alessandro: No, tu!

                     Ed escono via litigando. Da destra tornano anche Francesco e Assunta.

Francesco:  Non c’è niente da fare, i miei genitori litigheranno sempre. Sono fatti così.

Assunta:      A proposito, ma perche’ quella Annetta dice quelle cose su tuo padre? E

                     perche’ ogni giorno rilascia interviste a TV e giornali? E poi perche’ un paio di

                     volte l’ho sorpresa a parlare con te?

Francesco:  Che domande difficili che mi fai! Adesso vai nella tua stanzetta a prenderti la

                     giacca.Tra un’ora ho il mio comizio elettorale a Piazza Dante.

Assunta:      Appena si parla di quella tizia, cambi discorso. E lascia stare. Io torno subito.

Francesco:  Senti, prepara pure qualche bomba a mano e qualche mitra! Possono servire!

Assunta:      D’accordo.

                     Ed esce a sinistra. Francesco appare preoccupato.

Francesco:  Speriamo che vada tutto bene.  

                     Dalla comune entra Annetta che va da Francesco.

Annetta:      E già, speriamo che vada proprio tutto bene!

Francesco:  Tu?

Annetta:      Il tempo è scaduto e tu non hai convinto tuo padre a darmi retta.  

Francesco:  Annetta, ma tu che vvuo’ ‘a me?

Annetta:     Mi sono messa in contatto con un ginecologo che frequenta questa casa.

Francesco: Un ginecologo in questa casa?

Annetta:     Ma certamente. E lui dimostrerà che io sono incinta da tuo padre.

Francesco: Ma tu si’ ‘na pazza!

Annetta:     E’ l’unica maniera per fargli accorgere di me. Io voglio solo i miei diritti.

Francesco: Ma quali diritti? Tu vuoi ricattare la mia famiglia solo per avere un uomo che ti

                    mantenga. Pensi di essere così sexy da avere tutti gli uomini che ti pare?

Annetta:     Vuoi sfidarmi?

Francesco: No, perché ho già vinto la scommessa.

Annetta:     Ah, sì? E allora siediti e osserva. Il primo uomo che entra, lo seduco.

Francesco: Benissimo. (Si siede al divanetto) Voglio proprio farmi quattro risate.

                    Annetta, mani sui fianchi, attende… ma non molto perche’ in casa entra Gino.

Gino:          Ecco fatto. Cimitero chiuso!

Annetta:     Ah, giusto te cercavo.

Gino:          A me? E pecché? Ch’aggia fa’?

Annetta:     (Sexy) Senti, guardami negli occhi. Mi stai guardando?

Gino:          (Esegue) Sì, però tu sì ‘nu poco strabica!

Annetta:     Ma no, che dici? (Sexy) Sono tutta bagnata!

Gino:          E pecche’ nun t’he’ purtata ‘o ‘mbrello?!

Annetta:     Se andiamo a letto insieme, faremo grandi cose.

Gino:          Ma no, io, quanno me metto ‘int’’o lietto, subito piglio suonno!

Annetta:     E allora, usciamo, andiamo nel bosco. Così raccogliamo qualche bacca, là!

Gino:          (Sorpreso) ‘O baccalà ‘int’’o bosco?!

Annetta:     Ma insomma, sei di marmo? Non ti stupisce che una bella ragazza ti seduce?

Gino:          E certo, io  sono proprio stuprato!

Francesco: (Si alza divertito e va dai due) Annetta, ma a chi hai cercato di conquistare? Lui

                    è il nuovo marito di mia suocera. Buongiorno, signor Gino.

Gino:          Buongiorno, duchessino!

Annetta:     Tu conosci Francesco?

Gino:          Come no. Pure la sua famiglia. Quelli sono gente di alto ragno!

Annetta:     Rango.

Francesco: E va bene, allora vi saluto, signor Gino. E a te, Annetta, arretirete ch’è meglio!

                    E se ne esce a sinistra ridendo.

Gino:          Ma che rire a ffa’, chillo?

Annetta:    (Controlla se Francesco è veramente uscito) Senti, ho fatto bene la mia parte?

Gino:          Quala parte?

Annetta:     Ho finto di sedurti per fregare Francesco, ma in realtà mi ricordo molto bene di

                    te. Tre mesi fa non mi hai voluto dire se sono in stato interessante.

Gino:          ‘O vero? E ppo’ essere che me so’ distratto!

Annetta:     Adesso basta con gli scherzi. Lo sai? Io non sono per niente incinta.

Gino:          Complimenti!

Annetta:     E invece, col tuo aiuto, lo sarò. Dovresti fare un documento nel quale scriverai

                    che io sono incinta.

Gino:          Ma perche’, scusa?

Annetta:     Ti prego, io dopo vi faccio un bel regalo. Hai capito, dottore?

Gino:          Dottore? A me? Pe’ ‘nu poco ‘e munnezza ch’aggio ittato ‘int’’a vita mia?

Annetta:     E forza. Vieni con me, così ti spiego tutto… e ti dò un bacio sulle labbra!

                    La tira per mano, escono di casa. Da destra torna Marianna (col cellulare).

Marianna: Adesso mi sento meglio. E mò famme telefonà a mammà.

                    Fa il numero sul suo telefonino, intanto rientra Gino che ascolta la telefonata.

                    Pronto, uhe’! comme staje?! E sì, pur’io te voglio bene. Sapisse comme so’

                    felice. Chi, Gino? Fa tutto chello che vogl’io! L’aggio rimpiazzato buono, a

                      Roberto! Siente, mò me n’aggia ì. Cià, te manno ‘nu vaso! (Posa il cellulare) Gino:          (Le si avvicina dubbioso) Marià!

Marianna: Ammore mio! (Poi lo guarda bene) Ma che tiene ‘ncoppa ‘o musso? ‘Na

                    macchia ‘e russetto?

Gino:          Chi è? Ehm… no, è ‘o rraù!

Marianna: ‘O rraù? Ma si nuje ancora amma mangià!

Gino:          E me so’ sbagliato, voglio dicere ch’è ‘a marmellata ‘e more! (Poi, geloso) E

                    mò famme sentì: cu’ chi stive parlanno a telefono?

Marianna: Cu’ mammà.

Gino:          Non mentire, io t’aggio ‘ntiso, tu tiene l’amante. E aggio ‘ntiso pure ‘o nomme.

Marianna: ‘O nomme? Qualu nomme?

Gino:          Tu he’ ditto: “Pronto, Uhé…”. E mò chi è ‘stu “Uhé”? Che bruttu nomme, tene!

Marianna: Ma no, aspié. (Prende un fazzoletto dalla tasca e si asciuga il sudore) Nun

                    essere accussì geluso pe’ senza niente.

Gino:          Famme vedé ‘stu fazzoletto. (Glielo tira di mano) Ecco qua la prova: chesta

                    nun è rrobba toja!

Marianna: (Glielo tira di mano di nuovo) E pecche’, ce sta scritto cocche nomme ‘a coppa?

Gino:          Marià, guarde ca io te sorveglio! Te spio!

Marianna: Eh, m’aggio spusato a 007!

                    E se ne esce a destra.

Gino:          Tu faje ‘a spiritosa? E ppo’ vide! Intanto mò aggia mantené ‘a prumessa. Aggia  

                    scrivere ‘nu documento condicente che chella Annetta è incinta. Chi sa pecché?

                    (Va alla credenza e prende un foglio A4 da stampante e un pennarello nero) E

                    allora… (Si siede al tavolo, lo scrive e poi lo legge) Ecco qua, il documento è

                    pronto. Semplice e breve: (Legge) “Questa ragazza è incinta”! Che ci voleva?

                    Esce via a destra soddisfatto.        

5. [Francesco e Assunta. Poi Aronne. Dopo Roberto e Gino. Infine Margerita]

                    Da sinistra tornano Francesco e Assunta.

Francesco: Marò, Assù, ma comme si’ moscia! Io devo parlare alla gente.

Assunta:     Eccomi qua, sono pronta.

Francesco: Facciamo presto, che qua fuori devo evitare un tizio che da un mese mi sta

                    letteralmente perseguitando: va’ truvanno ‘na Margherita!

Assunta:     ‘A te? E che ffaje, ‘o pizzajuolo?! Ma forse sarrà ‘nu pazzo!

Francesco: No, è un povero sfaccendato. Pensa, si è comprato un vestito tutto nuovo. E per

                    forza, con tutta l’elemosina che gli ho fatto io in questi mesi!

Assunta:     Potrebbe essere un voto in più per la tua campagna elettorale.

Francesco: Sai che hai ragione?

                    E dalla comune entra proprio Aronne che corre dritto verso Francesco.

Aronne:      Ah, duchesso, finalmente vi ho trovato.

Francesco: Oh, no! Eccolo, Assunta, è lui.

Assunta:     Senti, scusaci, ma adesso non abbiamo proprio tempo per te. Torna domani.

Aronne:      E no, mò nun ve ne putit’ì. Il duchesso mi ha promesso Margherita Pronta.

Francesco: (Deciso) E va bene, adesso basta. Manterrò la promessa. Già ho preparato tutto

                    prima di venire qua. Vuoi la tua Margherita? E la tua Margherita avrai!

                    Esce di casa mentre Aronne esulta.

Aronne:      Maronna ‘E ll’Arco, mò ‘o desiderio mio se realizza!

Assunta:     E sei stato fortunato che il mio fidanzato è un uomo di parola.

Aronne:      Il tuo fidanzato? E a chi aspiette a t’’o spusà? Chillo è ‘n’ommo eccezionale!

Assunta:     Bravo, puoi dirlo forte.

Aronne:      Ce aggia fa’ acchiappà tante ‘e chilli vote all’elezione, che ha da saglì sulo isso!

                    Torna Francesco con una pizza Margherita nel cartone da pizzeria.

Francesco: Eccola qua.

Aronne:      E che d’è ‘sta cosa?

Francesco: ‘A Margherita Pronta!

Aronne:      E che me n’aggia fa’?

Francesco: Te l’he’ ‘a magnà!

Assunta:     Mangia, mangia! Buon appetito!

Aronne:      (Si arrabbia) E secondo vuje, io jeve cercanno ‘sta Margherita ccà?!

Francesco: (La posa sul tavolo) E forse ho capito male. ‘A vulìve cu’ ‘e puparuole?

Aronne:      Ma io vuleve a ‘na femmena! He’ capito?

Francesco: Uhe’, nun aizà ‘a voce.

Aronne:      Ah, sì? Embé, nun puozze acchiappà nisciunu voto all’elezione!

Assunta:     Ehm… Francé, è meglio ca ce ne jamme! Sta accummincianno ‘o cumizio!

Francesco: E già, ascimme, o si no a chisto ‘o faccio addiventà overamente ‘na pizza!

                    I due escono via. Aronne ci resta male.

Aronne:      Ho perso la speranza. Mò vaco a chiedere ‘nu poco ‘e conforto ‘a signora

                    Marianna. Chella mò è felice pecche’ s’è spusata. Io invece… no.

                    Va a destra, deluso. Dalla comune entra Roberto con la busta per lettere.

Roberto:     Ecco la busta con la mia lettera dentro. E l’ho sigillata pure bene. Però ‘a colla

                    nun l’aggio truvata, accussì ce aggio miso ‘o silicone! Sulo che mò tengo ‘a

                    mana destra tutta azzeccata! (Tenta di sbloccarla) Mannaggia ‘a miseria!

                    Da destra entra Gino col “documento” di Annetta in mano.

Gino:             Speriamo che Annetta viene prest… (Nota Roberto, diventa freddo) Ah, cià!

Roberto:       (Freddo anche lui) Uhe’, sì tu? E che faje ancora ccà?

Gino:            Che ce faccio ccà? Io songo ‘o marito ‘e Marianna. E tu?

Roberto:       Questa casa è mia al 50%!

Gino:            (Nota la lettera) E che tiene ‘nmana?

Roberto:       No, niente, ‘na lettera accussì. (Nota il documento in mano a lui) E tu, invece?

Gino:            No, niente, ‘nu documento accussì. Pecché, tu saje scrivere pure ‘e llettere?

Roberto:       Pecche’, te dà fastidio? E già, tu ne capisce sulo ‘a munnezza!

Gino:            E tu, invece? Che specialità tiene?

Roberto:       Nisciuna. Però nun songo ‘n’attore comm’a te. ‘O matrimonio tuojo cu’

                      Marianna è stata tutta ‘na farsa. ‘Na cummedia. ‘Na pochade.

Gino:            Guagliò, ma va’ a poscià ‘a ‘n’ata parte!

Roberto:       Ma mò t’azzecco cinche dete ‘nfaccia!… Me dispiace sulo che tengo ‘a mana

                      destra azzeccata! E’ pe’ colpa d’’o silicone.

Gino:            Ma ‘o silicone se mette ‘int’’o musso. Tu te l’he’ miso pure ‘int’’e mmane?

Roberto:       No, chillo m’è servuto pe’ chiudere ‘a lettera.

Gino:            Aspié, famme vedé ‘nu poco.

                      Con la mano sinistra gli prende la destra: i due si ritrovano mano nella mano.

                      Uh, mannaggia ‘a miseria! ‘A mana mia s’è azzeccata ‘a toja!

Roberto:       E mò comme facimme? Tira, tira!

Gino:             E aspié, me faje male!

                      Entra Aronne che nota i due e gli si avvicina sorpreso. I due continuano.

Roberto:       E muovete, cercamme ‘e arriva’ ‘int’’o bagno.

Gino:             E nun me tirà. T’aggio ditto che me faje male! Tu he’ ‘a essere cchiù delicato!

Roberto:       Sì, però tu he’ ‘a collabborà ‘nu poco! Dobbiamo partecipare tutti e due.

Gino:             Embé, si se trova a passà qualcuno ccà, chi sa che se penz…! (Nota Aronne)

Roberto:       (Lo nota anche lui) Ah, ce sta chisto!

Aronne:        Ma allora qusta è la casa dei femminelli. Ua’, e quante ce ne stanne in giro!

I due:            Guagliò, ma vattenne…!

Aronne:        E intanto, beati a voi che siete felici. Io invece sono solo e così resterò.

                      Ma dalla comune entra Margherita e gli va vicino.

Margherita: E invece ti sbagli. Adesso ci sono io.

Aronne:        Margherita? Tu? Ma allora mi vuoi sposare?

Margherita: Sì. Non fa niente che sei ricco, mi ci abituerò!

Aronne:        (Ironico) Scusate tanto! E va bene, adesso andiamo a coronare il nostro sogno.

                      Margherita, guarda a questi due: mano nella mano. Si amano!

I due:            Ma chi?

Margherita:E va bene, non vi vergognate! L’amore è bello lo stesso, anche nel vostro caso.

Aronne:        Ce ne vulimm’ì, Margherì?

Margherita: Sì, andiamo. E a voi due, appena noi usciamo, senza complimenti: baciatevi! 

                      Margherita a Aronne vanno via sottobraccio. Gino e Roberto decidono.

Gino:             Robé, jàmmece a libberà mommò!

                       E corrono come matti a sinistra.

Scena Ultima. [Alessandro, Ida, Marianna e Annetta. Infine Gino e Roberto]

                     Dalla comune entrano Alessandro e Ida. Si sono riappacificati.

Alessandro: E allora, abbiamo fatto pace?

Ida:              Ma sì. Come siamo scemi quando litighiamo, io e te!

Alessandro: E che ci vuoi fare? Gli equivoci nascono quando non ci sono i chiarimerdi!

Ida:              E allora adesso incontriamo i neo coniugi Cologo: il signor Gino e la signora

                     Marianna. Ci dobbiamo scusare perché abbiamo litigato qui in casa loro.

Alessandro: E non solo: dobbiamo conoscere bene il signor Gino. E’ troppo simpatico.

Ida:              Fanno una coppia meravigliosa. E poi abitano in questa casa pulita e ordinata.

                     Da destra entra Marianna calpestando degli insetti a terra (e non nota i due).

Marianna:   Chi schifo, ma quanta scarrafune ce stanne ‘int’a ‘sta casa! (Poi s’accorge di

                      loro) Ehm… commenda, duchessa, buongiorno! (E gli si avvicina)

Alessandro: Come sta la bella sposina?

Ida:               Chi t’ha dato ‘o permesso ‘e parlà? (Poi a lei) Come sta la bella sposina?

Marianna:    Ma quala bella sposina? Non sono vecchia, però ho i miei anni.

Ida:               Ve li portate benissimo.

Marianna:    E io vi ringrazio. Ma volete accomodarvi?

Alessandro: No, grazie. Passavamo di qua per un saluto veloce.

Marianna:    E pecche’ rispunne tu ‘nmiezo? Chella steva parlanno cu’ me!

Alessandro: No, veramente, ha ditto: “Ma volete accomodarvi?”… cioè, tutt’e dduje!

Marianna:    E vabbuò, nun v’appiccecate. Ma nemmeno una tazza di caffè posso farvi?

Alessandro: No, grazie. Signora Marianna, io e mia moglie, ma soprattutto mia moglie,

                      vorrebbe scusarsi con voi per il fatto che noi litighiamo sempre in casa vostra.

Marianna:    Ma non lo dite nemmeno. Anzi, scusatemi voi per il mio ex marito Roberto.

Alessandro: E ditemi una cosa, signora Marianna: il signor Gino?

Marianna:    No, Gino nun è femmeniello!

Alessandro: No, dico, non c’è?

Marianna:    Nun ‘o ssaccio. A proposito, commenda, scusateme si me faccio sempe ‘e

                      fatte vuoste: l’avite cacciata all’amante vosta?

Alessandro: Annetta? Ma vi ho già detto che non è la mia amante.

Ida:               Embé, e allora pecche’ te sta currenno appriesso?

Alessandro: Ma che ne so?

Ida:               E quando l’hai vista, l’ultima volta?

Alessandro: Beh… diciamo… merdoledì! Io stavo vedendo un film sulle reti Merdaset!    

                      Secondo me, quella è malata di merde!

                      Entra proprio Annetta.  

Annetta:       E invece non sono malata di “merde”, come dici tu.

Ida:               Ah, tu staje ccà? E che vvuo’?

Annetta:       Voglio confidarvi una cosa: sono stata io a spedirvi la lettera anonima.

Alessandro: Tu? E perché hai scritto che io ho avuto una figlia con un’altra donna? 

Annetta:       Perche’ io non sono né la tua amante, né quella di Francesco. Sono tua figlia.

Ida:              (Sconvolta) Sua figlia? Alessà, e cu’ chi l’he’ avuta?

Alessandro: E chi s’arricorda?!

Marianna:    Aspettate, forse lo so io: siente, nenné, ma pe’ caso si’ nata a Beneviento?

Annetta:       E voi come lo sapete?

Marianna:    Lo so, lo so! Signori Panico, ho il piacere di annunciarvi ch’ate completato ‘a

                       regione Campania! Mò tenite figli sparpagliati pe’ tutt’e cinche province!

Annetta:       Sì, ma io sono solo nata a Benevento. In realtà, però, la madre di Francesco è                  

                       pure madre a me. 

I tre:             (Sorpresi) Che?

Annetta:       Già. Io e lui siamo fratello e sorella.

Ida:               Ma allora perchè l’hai minacciato?

Annetta:       Perche’ non ha voluto ascoltarmi e nemmeno aiutarmi. Ma anch’io ho il diritto

                      di stare con mio padre, così come ce l’ha lui.

Alessandro: E allora vieni qua. (La abbraccia calorosamente)

Marianna:    (Commossa) Duchessa, che bella scena! (Chiama) Gino, viene a vedé pure tu!

                      Da sinistra entra dalla porta, per metà, timidamente Gino. Pare costernato.

Gino:            Ch’aggia vedé, Marià?!

Marianna:   Guarde chi ce sta: ‘na bella sorpresa pe’ te.

Gino:            (Preoccupato) Ah, ‘o commenda e ‘a duchessa!

Alessandro: Salve! Guardate qua, signor Gino, ci sta pure Annetta.

Gino:            (Mostra il “documento”) Sì? E io tengo pure il suo documento: lei è incinta.

Annetta:       Ma no, non occorre più, il documento. Ormai gli ho detto la verità: sono la

                      figlia del commenda. Comunque ti ringrazio lo stesso, dottore.

Marianna:    Ma qualu duttore? Chillo è mio marito e fa’ ‘o munnezzaro!

Ida:               Signor Gino, ma perche’ ci parlate da lontano? Venite vicino agli amici.

Gino:             Ehm… non posso!

Marianna:    (Va da lui) Gino, nun fa’ ‘o scustumato! Aiésce mommò ccà ffora! Forza!

Gino:             No, no e no…

Marianna:    E invece sì!

                       Se lo tira per il braccio e viene fuori pure Roberto (i due si tengono ancora

                       per mano). Nel tirarli, i tre vanno vicino Alessandro, Ida e Annetta, sorpresi.

Marianna:    (Imbarazzata) Ma… che state facenno, tutt’e dduje?

Gino:             (Imbarazzatissimo) Ehm… niente, stamme piglianno ‘na boccata d’aria!

Roberto:       E già, ce sta ‘n’aria viziata, ‘int’’a ‘sta casa!

Alessandro: E perche’ vi tenete per mano?

Roberto:       (Confuso) No, perche’ io ho scritto una lettera e dovevo incollare la busta. Ma  

                       la colla non c’era, così ho usato il silicone, però la mia mano stava avanti e…!

Marianna:    (Sospettosa) Ma allora…

Gino:             No, non pensare male, Marianna.

Roberto:        Tu pensi che io e lui…?

Marianna:    (Disperata) Comme so’ sfurtunata! Aggio avuto duje marite femmenielle!

                       Piange sotto gli occhi degli altri, mentre Gino e Roberto provano a staccarsi.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno