Gesù di Napoli

Stampa questo copione

GESU' DI NAPOLI

GESÙ DI NAPOLI

Atto Unico in dieci scene

di

Salvatore Macri

Autore Posizione SIAE 184727 - Codice Opera SIAE 883365A

mail: macrisa@libero.it - anno 2008

Personaggi (in ordine di apparizione):         Banditore, Angelina, Caterina, Rosa, la Strega, Don Nicola Palomba, Francesca, quattro Ragazzi, Antonio, Capitano.

Comparse:     Anziani, signore, ragazze, bambini, alcuni uomini, sei militari in divisa neoborbonica.

Scena:           Una vuota piazza di una cittadina del Sud, vicina ad un fiume, non visibile; il fondale rappresenta la parete laterale esterna o il portone di ingresso di una chiesa, due uscite laterali.

La narrazione si incentra su un fatto storico: la sanguinosa restaurazione del potere Borbonico di Ferdinando IV nel Regno delle Due Sicilie alla fine del 1799, dopo un inadeguato e sfortunato tentativo di instaurare una Repubblica Napoletana sulla base di quanto fatto a Roma ed a Milano.

Il nome del sacerdote è autentico, come l’elenco dei martiri fino al 14 ottobre 1799; non sono stati citati i giustiziati di Procida, né tutti coloro che poi perderanno la vita perché sostenitori dei nuovi ideali di libertà, eguaglianza e fraternità importati dalla Francia nella capitale del Regno delle Due Sicilie dai grandi intellettuali napoletani, che scelsero un motto mai prima utilizzato: “L'Italia è una e indivisibile".

Sono state introdotte delle varianti riguardo al luogo e alle modalità di esecuzione del sacerdote; tutta la trama e gli altri personaggi sono di pura fantasia, e non si riferiscono ad eventuali avvenimenti reali.

Le parti in versi sono state specificamente composte in vernacolo traendo talvolta spunto da antichi Laudari del XIII secolo (Laudario Jacoponico, Laudario di Cortona, Laudario di Orvieto), nel rispetto della metrica originale; durante la recita di queste parti è necessario un opportuno sottofondo musicale, appena udibile.

Prima scena: INTRODUZIONE

(Entra il banditore reale, con un tamburo a tracolla che suonerà ad intervalli durante la lettura del bando; porta inoltre un grande ombrello chiuso ed una sedia, sulla quale salirà mentre declama. Sistema la sedia al centro del palco, e si asciuga il sudore con un fazzolettone)

BANDITORE:            Madonna d’ ‘o Carmene, che calimma! (si volge intorno, e cerca di radunare qualcuno in piazza per poter fare il suo annuncio)

                               Gente, ge’, sentite a me! (suona il tamburo, poi si ferma in  attesa; non esce nessuno) Aje voglia! Chisti so’ muorti ‘e suonno, o muorti ‘e paura! (suona il tamburo più a lungo)  Gente, ge’, sentite a me!

                               Addì quattuordece ottobre millesetteciento nuvantanove,

                               pe’ vuluntà d’ ‘o Re Ferdinando!

(Alcune signore entrano lentamente e fanno gradualmente circolo intorno al banditore, mettendosi ai suoi lati; un paio di esse tengono per mano dei bambini o dei ragazzi)

ANGELINA:              Cummà, ma che dicite? So’ ati tasse?

CATERINA:              Eh, cummarella mia… chisti veneno sulo a dimannà sorde…

ROSA:                     Sì, ma almeno cocche vota sapimmo pure comme vanno ‘e fatti…

STREGA:                  (entrando con spavalderia)  Uè, bell’ ‘o, che si’ venuto a vennere?

BANDITORE:            Io nun vengo niente, e nun accatto… Io songo ‘o Bannetore Reale!

(Senza muoversi, le signore stringono i figli a sé)

CATERINA:              Ailloco!

ROSA:                     Ce mancava sul’essa, stammatina!

ANGELINA:              Cicci’, nun te movere ‘a cca’, ‘e capito?

(Nel frattempo entra e si avvicina al gruppo un sacerdote in tonaca, con un libro di preghiere in mano. Il banditore, soddisfatto del gruppo radunatosi, si schiarisce la gola ed esordisce)

BANDITORE:            Sentite ‘o Proclama Reale, e stateve buoni accuorti!

(Sale sulla sedia, dandosi aria d’importanza e, aprendo un foglio spiegazzato; legge con voce stentorea, interrompendosi alla fine di ogni periodo per sottolineare con scoordinati rulli di tamburo la solennità dello scritto)

BANDITORE:            Pe’ festeggia’ la pace arritruvata

                               mo’  che li Giacubini scurnacchiate

                               abballano appisi int’ ‘o Mercato

                               dint’alla piazza ‘e chesta cuntrada

                               facimmo festa tutta ‘na jurnata!

                               Verimmo si ci esce ‘a prucessione

                               e a dimostra’ ‘a santa devozione

                               se recita ‘o cunto d’ ‘a Passione!

                               D’ ‘a vita ‘e Cristo, fatta a perfezione

                               sarrà tenuta ‘a rappresentazione!

                               ‘O Santo Dio sarrà cca’ ringraziato

                               e ‘o cunto de li cunti raccuntato

                               pe’ deliziare chistu vicinato,

                               pecchè Isso ‘a bene cunservato

                               ‘a Santa e benedetta Majestate!

                               E sentenne ‘sti pene ‘amma penza’

                               a quanto ‘o Cristo ‘etta suppurta’

                               e alli duluri de nosta Maestà,

                               d’ ‘o nuosto Re avimmo ave’ pietà;

                               ‘a avuto quasi ‘o segno ‘e santità!

                               Pur’isso fuje ferito ‘ncopp’ ‘e mani

                               jettanne ‘o sanghe p’ ‘e napulitane,

                               ma Dio ‘a vuluto che turnasse sano!

                               P’ ‘e Giacubini ‘a morte comm’ ‘e cani,

                               e p’ ‘o Re nuosto, vita longa e sana!

                               Popolo d’ ‘a campagna e d’ ‘a città,

                               chesto ve dice ‘o Re, nosta Maestà:

                               chi nun tradisce, isso ‘o premierà;

                               chi aiuta ‘e Giacubini, ‘e mannerà

                               ‘ncopp’ ‘a ‘na forca, e ll‘acciderà!

                               ‘E Giacubini songo senza Dio;

                               pe’ lloro sta giranne ‘a pulizia;

                               s’ ‘i verite fui’ pe’ ‘mmiez’ ‘a via,

                               chiurite ‘a porta, senza bonomia,

                               si no sparano a vuje, e accussì sia!

                               Gente, ge’, sentite a me!

                               Addì quattuordece ottobre millesetteciento nuvantanove,

                               pe’ vuluntà d’ ‘o Re Ferdinando!

                               C’ ‘o santo aiuto ‘e Dio, nuosto Signore

                               ‘a spada d’ ‘a giustizia difensore

                               ‘a fatto riturna’ pace e ll’onore

                               scennenne ‘ncapo a chisti traditori:

(le signore commentano tra loro)

Francesco Caracciolo, Ammiraglio;

Antonio Tramaglia, Avvucato;

Oronzio Massa, Duca ‘e Galugnano, Maggiore d’artiglieria;

Eleonora Fonseca Pimentel, femmena nobbile;

Michele Natale, Vescovo ‘e Vico Equense;

Nicola Pacifico, Prevete e Prufessore ‘e botanica;

Antonio Piatti, Banchiere;

Gaetano De Marco, Mast’ ‘e spata;

Gaetano Russo, Colonnello d’ ‘o Reggimento ‘e fanteria d’ ‘o Re;

Gabriele Manthoné, Capitano d’artiglieria;

Giuseppe Sieyes, putecaro e Vice Console ‘e Francia;

Francesco Antonio Astore, Avvucato;

Ercole D'Agnese, Prufessore ‘e litteratura;

Pasquale Matera, Generale ‘e fanteria;

Pasquale Assisi, Ufficiale ‘e fanteria;

Felice Mastrangelo, Miedeco;

Nicola Palomba, Prevete…

(Viene interrotto da una risata corale; interdetto, si ferma)

DON NICOLA:          Sì’ sicuro? A me me pare che don Nicola Palomba nun è muorto!

STREGA:                  Comme sarebbe? Don Nicola ‘o prevete sta appiso ‘nzieme a tutte ll’ate traditure comme a isso! Ce sta pure ‘a tabella ch’ ‘e nommi ‘e tutte quante! Vuje sapite leggere?… Jate a vedè ‘mmiez’ ‘o mercato!

DON NICOLA:          Jatece vuje, signo’, jate a vede’ meglio… magari vuje nun ‘o cunuscite buono a don Nicola… Chisti so’ tiempi brutti! Abbasta che coccheduno dice che vuje site ‘nu traditore, senza sape’ comme, né quanne, ve truvate ‘ncopp’ ‘a forca, ‘o posto ‘e n’ato! Io ne saccio cocche cosa… Pecchè don Nicola ‘o prevete songh’ io!

STREGA:                  Vuje?

BANDITORE:            Ma comme, ve mettite contr’ ‘o Re, vuje che site prevete?

DON NICOLA:          Embe’, so’ prevete, e allora? E me so miso contr’ ‘a isso! E ‘o Re tuoio, che s’ è miso contro a Dio, nun te meraviglia? Vacce pure tu ‘o mercato, e guarda tutta chella povera gente; chi ‘a fatta accidere? Se fossero suicidati tutt’nzieme pe’ chello sangue che ‘a jettato ‘o Re? E po’, isso, mo’ mo’ ‘a jastemmato ‘a grannezza d’ ‘o Pataterno, e tu l’ ‘e dato ‘na mano!

BANDITORE:            Io?

DON NICOLA:          Tu, tu! Tu, che si venuto a dicere a ‘sta gente che sentenn’ ‘e duluri ‘e Cristo, avevano penza’ ‘e patenze d’ ‘o Re! ‘E patenze soje, Ferdinando ‘e mette a pari cu’ chelle ‘e Gesù Cristo! Ma te riendi conto? Te siente quanne parli, o no?

BANDITORE:            Ma chello, chesto ce sta scritto ‘ncopp’ ‘a cca’! Io faccio ‘o bannetore pe’ mestiere, e chello che ce ‘a scritto ‘o Delegato, chello ‘aggia leggere, vuje che vulite ‘a me? Sentite a me, don Nico’, penzate a vuje, cchiuttosto! Ma ‘ate capito, o no, che sta arrivanne ‘nu battaglione ‘e surdate che vene a pizzeca’ tutt’ ‘e Giacubine?

DON NICOLA:          ‘Aggio capito, l’aggio capito buono… ’A quann’ ‘e francisi se stanno jenne, sta succerenne chesto, pe’ tutte parti!

BANDITORE:            E fanno buono! Chilli fetienti ‘e Francise ‘anno acciso a chella puverella ‘e Maria ‘Ntunetta… ‘A sora d’ ‘a Rigina nosta, accisa ‘ncopp’ ‘a ‘na ghigliottina comm’ ‘a ‘na lazzara! Puverella, chella Maria Carulina, ‘n ‘atu poco  asceva pazza p’ ‘o dulore! Mo’ cu’ ‘o Re Ferdinando ca sta turnanne ch’ ‘e surdate ‘a Roma e ‘o Cardinale Fabbrizio Ruffo ca sta saglienne d’ ‘a Sicilia cu ll’esercito suojo, ch’ ‘e palate che ‘anno avuto a Milano, pe’ forza ca ‘e Francisi se ritirano ‘a Napule…! ‘On Nico’, ‘a Repubblica ‘e Napule è fernuta! Mo’ ‘anno incuminciato, e chi sa quanne fernisceno ‘e appennere ‘a gente! A nuje, chesti cose, c’ ‘e dicene bone, ‘e Delegati… dice ca ‘amma sape’ buono, pecchè si no nun leggimmo justo! Mo ce stanno ‘e Repubbliche a Roma e a Milano, ma ‘amma vede’ ca succede, c’ ‘o Papa, ch’ ‘e Francisi ca lla’ stanne vincenne, e po’ ce sta chill’Ammiraglio ingrese… chillo Nelsòn, ca sta contr’ ‘e Francisi e pare ca vo’ aiuta’ ‘o Re nuosto…

STREGA:                  Embe’ don Nico’, e allora, che aspettate pe’ ve ne fui’? Jatevenne a Roma, a Milano, lla’ ce stanno ll’ati comme a vuje!

DON NICOLA:          E chi v’ ‘a ditto che me ne voglio fui’?

(Anche dalle donne viene un accorato invito)

CATERINA:              Don Nico’, jamme, nun cunviene che rimmanite…

ROSA:                     Almeno annascunniteve! Io tengo ‘a cantina c’ ‘o spurtiello segreto! Venite addo’ me!

ANGELINA                Ma quanne maje? Don Nico’, ‘nta cantina mia ce stanno otto uommene, venite addo’ me,  che state cchiù ‘o sicuro!

ROSA:                     Si, ‘on Nico’, è meglio che v’annascunnite pure vuje… o ve ne jate ‘nu poco fore paese!

DON NICOLA:          Grazie, site proprio angeli, ma nun è chesto, chello che aggia fa’!

BANDITORE:            (interdetto) E che vulite fa’?

DON NICOLA:          Voglio fa’ chello che s’adda fa’! A me nun me ne ‘mporta ca arrivano ‘e surdati, d’ ‘e guerre, sulo ‘na cosa è ‘mpurtante! Tu ‘e ritto che s’adda cunta’ ‘a vita ‘e Cristo pe’ vuluntà d’ ‘o Re? ‘A comme stann’ ‘e cose chillo ‘a fa’ cunta’ a modo suojo! E invece mo’ ‘o Vangelo ‘o conto io, comme vo’ Dio e no comme vo’ ‘o Re! Nun pazziammo cu’ chesti cose! Nisciuno s’adda permettere ‘e jastemma’ ‘o santo nomm’ ‘e Dio, penzanne d’ ‘o pute’ ausa’ comme vo’ isso, facenne pure sacrilegi e struppiann’ ‘e Scritture!

Oggi Gesù Cristo parlarrà pe’ vocca mia a chilli p’ ‘e quali s’è fatto omme, e s’ è fatto ‘nchiuva’ ‘ncopp’ ‘a ‘na croce, pe’ tutte chilli muort’ ‘e famme che se portano ‘o dulore d’ ‘a fatica tutt’ ‘e juorne ‘ncopp’ ‘e spalle, chilli che overo jettano ‘o sangue, senza ‘na speranza, pe’ tira’ annanze! P’ ‘e lazzeri, p’ ‘e cafuni, p’ ‘e migliara e migliara e pover’anime ‘e Dio, che contr’all’ingiustizia d’ ‘e putiente teneno sulo a Isso!

BANDITORE:            Don Nico’, ‘o Re è Re pe’ vuluntà ‘e Dio!

DON NICOLA:          Aro’? Chest’è chello che dice ‘o Re, nun è chello che dice Dio! Si fosse stato overo, Cristo nasceva ‘nta ‘na reggia d’oro e argiento e San Giuseppe ‘o masterascio, faceva ‘o Rignante! E invece no! Gesù ‘a ritto ca nuje c’ ‘amma vule’ bene comme ce vo’ bene Isso, ca ce ‘amma rispetta’, ca dinto a ognuno ‘e nuje è comme si ce stesse Isso stesso! E chesto, l’ ‘a fatto vede’ ch’ ‘e fatti, quann’ è venuto a suffri’ comm’all’urdemo ‘e ll’uommene! E quann’ è muorto era n’omme, n’omme overo, pure si era Dio! E tu, sulo pe’ ‘nu battaglione ‘e surdati, me dice «fuitevenne»? Ma tu ‘o ssaje che vo’ dicere, essere prevete? Vo’ dicere che Isso ce ‘a chiammato pecchè, pe’ vocca nosta, a gente putesse senti’ ancora ‘a voce soja ca dice chesti cose! Pure pe’ Cristo so’ arrivati ‘e surdate; e Isso se n’ è fiuto quann’ ‘a visti? No! S’ è stato zitto? No! E allora, io nun me ne pozzo fui’ e nun me pozzo sta’ zitto!

(Si rivolge alla fine ad alcune donne) ’Ngiuli’, Rosa, Catari’, France’, v’ ‘a sentite ‘e me da’ ‘na mano?

ANGELINA:              ’On Nico’, e se rice?

ROSA:                     Cu’ piacere, ‘on Nico’, vaco a chiamma’ pure a ‘Ntunetta!

CATERINA:              Don Nico’, ma che avessema fa’?

DON NICOLA:          Ve mettite vicino a me, fore d’ ‘a chiesa, mentre io leggo ‘o Vangelo a tutt’ ‘o paese, pure a chilli che nun vonno asci’, e pure vuje dicite…

CATERINA:              Ah, don Nico’, io nun saccio leggere!

ANGELINA:              Manch’io…

FRANCESCA:           Io saccio leggere sulo ‘o scritto gruosso!

ROSA:                     Io cocche cosa ‘o saccio leggere, cumma’, pozzo aiuta’ pur’ io!

STREGA:                  Ma state pazzianne… vi’ che bell’esercito… senza scuppette e senza palle! Ma che vulite fa’, e comme ‘o facite? Addo’ pigliate ‘a gente che ve da’ ‘na mano? Chi so’? Chesti quatto scuorfane? Lassate perdere, don Nicola, nun è cosa che putite impruvvisa’! E’ meglio che aspettammo ‘a festa d’ ‘o Re; chillo fa munta’ ‘nu bello palco cca’ mmiezo, ‘ncoppa ce vanno duje o tre schiuvati, e mentre ca loro parlano, zompano e se guaragnano ‘a jurnata, nuje ce divertimmo, ce assettammo ‘o frisco, magnammo ‘e nucelle, sentimm’ ‘e musicanti, abballammo pure, facimmo tanti cose…

DON NICOLA:          E proprio chesto è chello che nun ‘adda succerere! Io saccio chi si’, e saccio che manco te ne ‘mporta d’ ‘o Re, a te te piace sulo che ‘a storia ‘e Cristo se conta pe’ fa’ rirere ‘a gente! T’ ‘a ditto cocche cosa ‘o padrone tuojo, è overo?

STREGA:                  Ma che state dicenne? (ride beffardamente) Io so’ comm’ ‘a ‘na lazzara… Padruni nun ne tenco!

ANGELINA:              Jamme, piccere’, ‘o sapimmo tutte quante che si’ na strega… (sibilando) ‘na janara!

CATERINA:              ‘Ammo passato ‘o guajo, cu’ te!

ROSA:                     Era meglio si rummanivi ‘ncopp’ ‘a chillo pizzo ‘e muntagna… Che si’ venuta a fa’, cca’? (sdegnata) E po’ nuje nun simmo scuorfane!

STREGA:                  Stateve zitte vuje! Si no ve faccio vede’ io che so’ venuta a fa’… Don Nico’, che dicite? Fuitavenne, è meglio pe’ vuje,… ‘a cummedia ‘a facite n’ata vota, quanne tornano ‘e Giacubini… ‘a ll’atu munno! (esce ridendo)

DON NICOLA:          ‘A cummedia! Ma tu vidi che se passa…  (si gira intorno, quasi a fare un inventario delle persone disponibili)  Chella ‘a ditto che nun simme capace… Ma vuje v’ ‘a sentite ‘e me da’ ‘na mano?

CATERINA:              Ma, don Nico’, ‘ate capito che io nun saccio leggere? E pure ‘Ngiulina…

DON NICOLA:          Nun ve preoccupate, pe’ leggere ‘o Vangelo ce stongh’io, vuje che venite ‘a Messa tutt’ ‘e juorne, ‘e Salmi ‘e sapite a memoria e ‘ata fa’ sulo ‘e voci d’ ‘e femmene che accumpagnano! Mo’ però me servesse ‘e sape’ ‘na cosa… Si ‘o Re facesse munta’ ‘o palco, chi venesse a vede’… ‘o spettaculo?

ROSA:                     Mah… Nuje si’, almeno a vere’ comm’ancummincia,… Tutt’ ‘e guagliuni, pure chilli cchiù piccirilli… E po’ ‘e viecchi, si’, ‘e viecchi, che nun danno cchiù fastidio a nisciuno,… ‘e guagliuncelle d’ ‘o paese, ca nun teneno niente ‘a fa’… e po’ quacche ommo pure ce venesse!... (sconsolata) Don Nico’, cca’ nun ce sta niente, sulo campagne abbrusciate e ‘nu sciumme ca fete! Stammo ‘nguaiati, e vuje ‘o sapite buono! Cca’ quanne vene ‘a carrozza ch’ ‘e cummedianti, ce vene tutt’ ‘o paese a vere’ ‘o spettacolo, e chesto è ‘a stessa cosa! Po’ chillo, ‘o Re, quanne ‘adda fa’ ‘na cosa, nun è scemo e ce penza ‘ncoppa! Chillo cca’ nun ce manna chilli ca parlano ‘o latino comme a vuje, o chellu ‘taliano furastiero ca nun se capisce… ‘Ate ‘ntiso ‘o bannetore? Mai ‘na vota ca parlasse latino…

BANDITORE:            (mima per dire che non lo conosce)

ROSA:                     Chillo è capace ca fa appripara’ ‘na cosa comm’ ‘a chelle ca dice isso, ca nuje ‘a capimmo pure… Si cca’ s’apprisenta coccheduno c’ ‘o latino, bonanotte! Se ne fujeno tutte quante…  e po’ si manna pure ‘o poco ‘e musica, due urzi che abballano ch’ ‘e ballarine…

DON NICOLA:          Eh, si! Mo’ ce mettimmo pure ll’animali e ‘e ballarine a cunta’ ‘a vita ‘e Cristo… E pe’ caso ‘e vulessemo mettere pure dint’ ‘a prucessione, vicino ‘o Santissimo?

BANDITORE:            Don Nico’, però io putesse cunta’ cocche cosa, io saccio chelli storie antiche, ‘o ssapite, chelle che se cuntavano ‘na vota, fatte c’ ‘o dialetto nuosto…, quanne montano ‘o palco, però!… No mo’, pecchè stanno arrivanne ‘e surdati!

DON NICOLA:          Io nun pozzo aspetta’; si vene tutt’ ‘o paese a sèntere ‘e fessarie che fa cuntà ‘o Re, faccio peccato murtale si nun ‘o conto primma io, ‘a storia overa ‘e Gesù e ‘o Vangelo… e s’adda fa’ mo’! (rivolgendosi alle donne, perplesso) Però ‘stu cristiano ‘a ditto ‘na cosa bona overamente… ce vulesse ‘na cosa fatta c’ ‘o dialetto nuosto… ‘nu Vangelo scritto comme si Gesù nun fosse nasciuto ‘nta Palestina, a Nazareth, ma fosse nasciuto ‘a chesti parti… a Napule… ‘na storia ‘e Gesù ‘e Napule! Ma nun ‘a tenimmo… nun ce sta… Comme se fa…?

(Le donne si consultano con gli sguardi, poi si chiudono in circolo e cominciano a parlare tra loro, prima a bassa voce, poi sovrapponendosi con discorsi incomprensibili e ricchi di gestualità; il banditore, incerto, cerca di comprendere, orecchiando di lontano, ma viene respinto con silenzi e sguardi sdegnosi appena cerca di avvicinarsi.)

DON NICOLA:          Eh, bello mio, è inutile che vuo’ trasi’ pe’ mmiezo, quanno ce stanno chesti femmene… 

(All’improvviso il gruppo si scioglie; a parte Rosa, le donne con i ragazzi escono disordinatamente; prima che il prete possa domandare, la signora Rosa lo informa, sintetizzando tutti i loro discorsi)

ROSA:                     ’On Nico’, se po’ fa’! Però nun ausammo ‘e libri p’ ‘a Messa e ‘o Vangelo! Ognun’ ‘e nuje tene almeno ‘nu libro viecchio ‘a casa, chilli libri ‘e preghiere, chilli antichi overamente, scritti c’ ‘o dialetto nuosto ca ‘o capisceno tutte quante… (rivolgendosi al banditore, con le mani sui fianchi) Nun ce stanno ‘e libri proibiti, ‘e libri francisi, cca’!

BANDITORE:            (arretrando, a disagio) Signo’, io so’ sulo venuto a fa’ ‘o bando d’ ‘o Re, ll’ata vota, ca ne saccio si’ tenite robba francesa… E po’ io nun songo na’ spia, nun ve cunosco manco!

ROSA:                     ‘On Nico’, mo’ sentite ‘nu poco; stevo ricenne… ognuna mo’ piglia ‘o libro o chelli carte soje, ‘e sapimmo a memoria, tanti vote ‘ammo cuntato ‘e piccerille a «ninna nonna» chelli belli poesie fatte c’ ‘o dialetto nuosto! E primma, a nuje, ce l’anno cuntati ‘e mamme noste, e pure a loro, ce l’anno cuntate ‘e nonne…! Chilli so’ antichi overamente, se sò pure cunsumati! Però ce date ‘na mano a leggere addo’ nun ce arricurdammo… Ce stanno cierti poesie che io m’aggio scurdato, e pur’ ‘e cummarelle mie! Senza ‘o palco e senza niente, comme puverelle ‘e Giesù, ognuno fa’ a parta soja… ce mettimmo cca’ fore…, (indicando con un largo gesto la piazza; il banditore si scansa, per evitare un manrovescio) … E tutt’ ‘o paese ce vene a sentere! ‘On Nico’, so’ sicura… simme sicure che accussi’ va buono! Vulite a Gesù ‘e Napule? E v’ ‘o facimme nuje, anzi ‘o facimme ‘nzieme cu’ vuje! Accussi’ veneno tutte quante a senti’, e quanne ‘o Re fa fa’ ‘o spettacolo suojo, nun ce va nisciuno, e se ‘mpara! (Improvvisamente urla, rivolta verso le quinte, facendo trasalire il banditore che si è avvicinato a lei)  ‘Ngiuli’, Lisu’, Catari’!

BANDITORE:            E va’ allucca’ int’ ‘a ‘n’ata recchia! M’ è ‘nzurduto!

ROSA:                     (incurante, continua a voce alta) Ate chiammato a tutte quante? (rivolta al banditore) E tu, ca stai sempe ‘mmiezo, mo’ nun te ne fui’! Pure tu ‘e fa’ ‘a parta toja!

BANDITORE:            Chi, io? State pazzianne? Ma comme, chilli arrivano ‘e surdati, e vuje vulite fa’ ‘o triato ch’ ‘e poesie? Ma io l’aggio ditto che ‘o putevo fa’… ma quanne ce steva ‘o palco d’ ‘o Re! Aggia ave’ pure ‘o permesso d’ ‘o Delegato; adda vede’ primma isso, e sulo quann’ ‘e doppo, ‘i pozzo parla’! Mo’ nun è cosa, aggia ‘i pure a fa’ ‘o bando a ‘n ‘ato paese cca’ vicino…

DON NICOLA:          Ca nun se fa ‘o triato! Cca’ se prega, e se conta ‘a vita ‘e Gesù pe’ tutt’ ‘a gente d’ ‘o paese! Mo’ vulissemo vede’ ca ‘o Delegato tuojo se mette pure a dicere si se po’ prega’ o no? E si chesti femmene ‘anno ditto che ‘e fa’ pure tu ‘a parta toja, tu ‘a faje come dicene lloro… ‘e capito?

BANDITORE:            (rassegnato) Si, aggio capito… ma comme ‘a mettimmo nomme ch’ ‘e surdate?

(la risposta del sacerdote è impedita dall’ ingresso delle altre comari, con anziani, ragazze, una madre con due bambini ed altre comparse in funzione dello spazio disponibile sul palco; ciascuno porta una sedia, uno sgabello rustico o una panca; entrano dei ragazzini che portano una panca in gruppo, levata sulle loro teste e facendola ondeggiare pericolosamente, separando il sacerdote ed il banditore, urlando frasi festose)

RAGAZZO 1:            Ue’, ce mettimo cca’ annanze!

RAGAZZO 2:            Forza, jammo pe’ fore, che cca’ stann’ ‘e segge!

RAGAZZO 3:            Guagliu’, spicciammuce, ca chesta pesa!

RAGAZZO 4:            E nun tirate accussi’, cap’ ‘e chiuovi!

(Alla fine, sedendosi in file disordinate, questo pubblico forma una platea rivolta al fondale, dando le spalle al pubblico di sala e mettendosi ai lati della scena, curando di non coprire troppo la visuale. Le comari che formeranno il coro, portando ciascuna un libro sdrucito o una raccolta di fogli spiegazzati ed una vecchia sedia, si sistemano di fronte a questo pubblico con gli antichi testi aperti sulle ginocchia. Quando sono tutti seduti, ed anche i ragazzini sono tranquilli, ridacchiando per l’attesa, cominciano ad affluire per l’occasione anche gli uomini ed i giovanotti; qualcuno troverà posto sulle panche, comunque essi si terranno vicini alle quinte da dove sono usciti, per poter rientrare agevolmente nei loro nascondigli)

ROSA:                     Don Nico’, venite, putimmo accummincia’… e purteteve ‘o bannetore cu’ vuje!

(Il prete raggiunge il gruppo del coro, composto da Angelina, Caterina, Francesca e Rosa, alla destra del banditore; questi, mogio e rassegnato, va a sedersi sulla sua sedia, con la testa bassa, nun sapendo bene cosa fare. Il posto del sacerdote sarà alla sinistra del banditore, in modo che lo copra durante le azioni successive, e questo darà modo al banditore stesso di accennare proteste gestuali)

ROSA:                     (mostrando al prete il suo volume) Ecco cca’, don Nico’, nuje ‘ammo penzato e abbia’ ‘all’anime d’ ‘o Priatorio! Po’ facimmo ‘Annunciazione, po’ ‘a nascita ‘e Giesù… inzomma c’ ‘e facimmo tutte quante!

DON NICOLA:          (scorre i fogli che gli vengono presentati a turno, ed assentisce o nega il consenso) Va buono accussi’! Chesto si… Chesto invece nun va buono, dint’ ‘o Vangelo nun ce sta… Chesto si… Chesto pure…, basta fino cca’, fermateve si no vene troppo luongo…. Va buono, aviveve ragione! Mo’ tenimmo proprio chello che ce vo’! Po’, pe’ chello che ce manca, o che ve site scurdate, ce ‘o metto io! (poi ritornando al suo posto, si rivolge al pubblico) Guagliu’, mo’ ancuminciammo: stateve zitti e sentite! Sentite buono, che sulo dint’ ‘e libri ‘e chiesa comm’ ‘a chisti ce sta ‘a verità, nun v’ammuccate ‘e fessarie che putesseve senti’ ‘a copp’ ‘a ‘nu palco ‘e cummedianti ch’ ‘e ballarine! Chisto nun è ‘nu triato ‘e buscie, chisto è ‘o cunto d’ ‘e verità, è chello che ‘a fatto e comm’ ‘a campato Gesù Cristo, che è stato puveriello comm’ ‘a vuje, ‘a suppurtato ll’ingiustizie comm’ ‘a vuje, è stato acciso e marturiato pe’ tutte nuje, pe’ ce da’ ‘a forza ‘e campa’ senza ferni’ all’inferno, ce ‘a dato ‘a libertà e ‘a verità! E chesti brave femmene v’ ‘anno fatto ‘o regalo ‘e v’ ‘o fa’ senti’ c’ ‘o dialetto vuosto… comme si fosse ‘na storia ‘e Gesù nasciuto ‘mmiez’ ‘a nuje, a Napule! Mo’ ancuminciammo, e cercammo ‘e ferni’ primma ca arrivano ‘e surdate d’ ‘o Re!

(nell’improvviso silenzio che si è creato dopo le parole del sacerdote, si sente un preghiera recitata in solitudine dal banditore, sempre a capo chinato e con tono lamentoso:

BANDITORE:            Mamma d’ ‘o Carmene, aiutaci tu, Mamma d’ ‘o Carmene, aiutaci tu…

(il sacerdote non mostra di aver sentito; fa un cenno al coro delle signore, ed esse intonano in coro)


Seconda scena: L’INVOCAZIONE

CORO:                     Quanne scinni giù, Signore, chesta gente a liberare?

                               O promesso Salvatore,          nun ce fare cchiù aspettare!

                               Tu si’ chillo che ce sciuoglie, chi ‘o dulore ‘mpietto squaglia!

                               Chi te prega dint’ ‘e doglie, chi pe’ te rinuncia ‘e voglie!

ROSA:                     Tanti anni so’ passati, cinchemila, chi ‘a cuntati,

                               sott’ ‘a sferza cundannati, dint’ ‘o male d’ ‘e peccati!

CORO:                     Tu svacanti ‘o Purgatorio, tu lle manni ‘o refrigerio,

sienti ‘o nuosto desiderio, ferma a satana che infuria!

Salva ll’anime innocenti, e perdona tutt’ ‘e genti;

                               nun t’abbastano ‘e lamienti ‘e chest’anime dolenti?

ROSA:                     Tanti anni so’ passati, cinchemila, chi ‘a cuntati,

                               sott’ ‘a sferza cundannati, dint’ ‘o male d’ ‘e peccati!

CORO:                     Dacce Tu, nostro Signore, chillo frutto, chillo sciore,

      scigli ‘na guagliona ‘e core, che sia mamma dell’Ammore!

E pe’ te che vuoi che sia, diventa’ figlio ‘e Maria?

                               Bella e santa, mamma mia, ‘o dicette ‘a prufezia!

ROSA:                     Tanti anni so’ passati, cinchemila, chi ‘a cuntati,

                               sott’ ‘a sferza cundannati, dint’ ‘o male d’ ‘e peccati!

CORO:                     Tu si’ santo e tu si’ bello, si’ ‘o pastore ‘e ll’ainielli,

leva ‘a cca chistu flagello, malerici a Farfariello!

      Tu ce dai ‘o vero ammore, tu cunsuoli int’ ‘o dulore

                               miette ‘a pace dint’ ‘o core, Tu s’ ‘o vero Salvatore!

ROSA:                     Tanti anni so’ passati, cinchemila, chi ‘a cuntati,

                               sott’ ‘a sferza cundannati, dint’ ‘o male d’ ‘e peccati!

STREGA:                  (entra, rivolgendosi al coro) E chesta ‘addo’  ‘ate cacciata?

DON NICOLA:          Vavattenne e statte zitta! Nun sulo tu tieni ‘e libri viecchi… (rivolgendosi al Banditore) ‘E visto? ‘E sentuto? Pe’ cinchemila anni s’ è parlato ‘e libertà!

BANDITORE:            Don Nico’, ma comme, vuie parlate ‘e libertà… annanz’ ‘a casa ‘e Dio, che prutegge ‘o Re?

STREGA:                  Ue’, venite a senti’ tutte quanti ‘o prevete che jastemma!

DON NICOLA:          Tu, vavattenne e statte zitta, ‘e capito? (rivolgendosi al Banditore)  E addo’ vuo’ parla’ ‘e libertà, si no? Add’ ‘o Re, addo’  ‘nu generale, addo’ ‘nu padrone? Sulo dint’ ‘a casa ‘e Dio ce sta ‘a libertà!

STREGA:                  Mo’ ‘a verimmo, a libertà! (rivolta al pubblico) Ue’, sentite… ‘e surdate so’ arrivate fino ‘o sciumme! Quanne fernisceno ‘e passa’, arrivano pure cca’ ‘nta cinche minuti!

DON NICOLA:          E pure tu ‘e fatto ‘na cosa bona! (al banditore) ‘E sentuto? Facimmo ampressa: ‘a sai dicere l’Annunciazione? E’ ‘o mestiere tuoio!

BANDITORE:            Don Nico’, ma si po’ arrivano ‘e surdate? Chilli po’ me trovano cu’ vuie!

DON NICOLA:          E tu fa’ ampressa, accussi’ fernimmo, e trovano sulo a me!

BANDITORE:            (sale molto velocemente sulla sedia, senza usare il tamburo, guardando intorno preoccupato) E menu male ca chesta ‘a saccio… Gente, venite a sèntere! Currite, venite; venite a sèntere ‘a storia ‘e Cristo nostro Signore, che se cunta pe’ volontà d’ ‘o Re Ferdinando…

DON NICOLA:          Aspetta, primm’ ‘e tutto accussi’ fa schifo, ‘e suna’ pure ‘o tammuro, e po’, pe’ vuluntà ‘e chi?

BANDITORE:            …d’ ‘o Re…

DON NICOLA:          Pe’ vuluntà ‘e Dio!

BANDITORE:            Aggio capito…(declama) pe’ vuluntà di Dio e d’ ‘o Re Ferdinando…

DON NICOLA:          T’aggio ditto sulo pe’ vuluntà ‘e Dio!

BANDITORE:            Don Nico’… (scende dalla sedia) Chilli m’accirono! I‘ tengo na famiglia, sette figli… me metto appaura!

DON NICOLA:          Aggio capito, vavattenne, va’! ‘Sto cunto ‘o faccio io, che figli nun ne tengo…

BANDITORE:            Don Nico’…

DON NICOLA:          Vavattenne, vai… ‘o ssaje ca nun pozzo perdere tiempo!

                               (il Banditore riprende ombrello e tamburo, dà uno sguardo di addio alla sua sedia ed esce)

DON NICOLA:          (dopo essersi concentrato per un momento) Ma nun se po’ parla’ d’ ‘a vita ‘e Gesù senza parla’ ‘e Dio! ‘O Dio vero, però, no chillo che se fa ognuno a modo suojo, comme si fosse ‘nu pupazzo! E quanti ne cunosco, ‘e chisti dio-pazzielle! (rivolto al coro) Mo’ abbio primma io e poi vuje dicite ‘o riesto…


Terza scena: IL DIO PUPAZZO

DON NICOLA:          Primma che Cristo fosse ‘mmiez’ ‘a gente,

                               ‘e Dio se cunusceva poco o niente;

                               ce steva ‘a Bibbia, cu’ tutt’ ‘e cummienti,

                               ma era cosa sulo p’ ‘e sapienti!

                               Chi nun aveva mai cuntato niente,

                               senza istruzione, figlio de pezziente

                               ‘eva sta sotto a chillo cchiù putente:

                               «Si vuo’ magna’, o tu fai chesto, o niente!

                               Po’ va’ int’ ‘a chiesa, zitto, prega e implora

                               ca nun sai niente, fatica, e doppo muori!»        

                               Chesta gentaglia, chillo dio d’allora,

                               ll’evano fatto tale e quale a loro!

                               E ‘o cchiù benigno e saggio ‘e tutt’ ‘e Re

                               lle piace sulamente ‘e fa’ vede’;

                               isso sta buono; e ll’ati? «Po’, see, see…

                               ‘o Pataterno ‘a penza cumm’ ‘a me!»

CORO:                     Ce steva ‘o dio d’ ‘e piante e d’ ‘e sorgenti

                               ca parlava p’ ‘enigmi sulamente;

                               si le mancava ‘a voce d’ ‘o sciamano,

                               se steva zitto, ch’ ‘e spogne dint’ ‘e mmani!

                               Ce steva ‘o dio d’ ‘e lampi forti e tuoni,

                               ca, mo’ ce vo’ , parevano cannuni!

                               «Chest’arma è santa, pure chesta ausate,

                               si no’ chilli cafuni, n’ammazzate! »

                               Ce steva ‘o dio d’ ‘a caccia int’ ‘a campagna,

                               caccia ‘e chi accire e no di chi nun magna;

                               cafuni a pieri, pronti a ogni comando…

                               ‘e bello a cavalca’, ne’ Ferdinando?

                               Ce steva ‘o dio d’ ‘e sorde e d’ ‘e banchieri,

                               ‘sti puverielli vanno poco a pieri,

                               pe’ nun se consuma’ d’ ‘e scarpe ‘e sole,

                               p’ ‘ave’ ‘nu sordo, tu ce riala’ doje mole!

Ce steva ‘o dio d’ ‘a gente di successo

senza ricchezza, steva bona ‘o stesso:

gruossi poeti, artisti o mantenuti.

Stennive ‘a mano? E mo’ ch’avive aiuto!

ROSA:                     E invece, mo’ ce sta ‘nu Dio ch’ è overo,

ca fa cu’ te, a pieri, ‘o tuojo sentiero;

‘nu Dio d’ammore, che nun fa mai tuorto:

te piglia ‘mbraccio, specie si si’ muorto!

DON NICOLA:          E chisto è Dio, è Cristo puveriello;

‘o Santo Spirito facette comm’auciello,

purtanne a tutti Ammore e Verità,

pe’ ce fa’ liberi, pe’ ‘i ‘ncielo a campa’!

                               Oj bella ge’, a ‘sta pupulazione

mo’  ‘nce dicite tutt’ Annunciazione!

Però facite ampressa , che po’ cca’,

arrivano ‘e surdati ‘e Sua Maestà!

Quarta scena: L’ANNUNCIAZIONE

CORO:                     Salutammo in carità la gran Vergine Maria

e dicimmo in umiltà: «Beneritta ca tu sia!»

                               A te overo ‘o Pateterno ‘m palma ‘e mano t’ ‘a purtata!

‘Ncopp’ ‘a te ci ‘a fatto ‘o pierno, Dio ‘e te s’ è ‘nnamurato!

                               Mannaje ll’angelo a parla’ dint’ ‘a chella casarella,

e a Maria putette da’ finalmente ‘sta nuvella!

                               «Maria salve, gioia a te, si’ d’ ‘e grazie benedetta!

‘O Dio nuosto ‘a ditto che d’ ‘e peccati si’ prutetta!

                               Tutt’ ‘e grazie che tu ‘e avuto t’anno fatta assaje speciale;

comme ‘o giri o comm’ ‘o vuoti, nun ce sta femmena uguale!

                               ‘O Signore sta cu’ te, fin’ ‘a quanne tu si’ nata;

m’ ‘a mannato cca’ pecchè ll’ora santa mo’ è arrivata!»

                               Ma Maria s’appauraje, nun capeva ‘sti parole;

chi sa quante ne penzaje, chella povera figliola!

                               Sola ‘a casa, chiusa ‘a rento, chisto cca’ pe’ ddo’ è passato?

Si uno passa, pure ciento; ma ‘o caletto sta ‘nzerrato!

                               Chisto parla, ma che vole? Cu’ ‘na faccia stralunata

e cchiù janca d’ ‘e lenzole, se mettette addenucchiata…

                               «Dio t’ ‘a scelto, Santa Mamma, dello Spirito spusina;

senza allucchi e senza drammi, tu concepirai un bambino,

                               e Gesù lo chiamarraje, nomme scelto da suo Padre;

sempe pura resterai, pure quanne sarrai Madre!»

ROSA:                     «Ma non songo ammaritata, manco fidanzata ancora!

Ma è pe’ me chest’ammasciata? Nun po’ essere n’errore? »

CORO:                     «Nun capisci? Nun fa niente; tu sarrai ‘e Dio la sposa,

e sapisse quanta gente vularrìa capi’ ‘sta cosa!

                               Chist’ è ‘o fatto; mo’ tu puoi, c’ ‘a cchiù grossa libertà,

ritornare ‘e fatti tuoi, o fa’ chesta Vuluntà!»

ROSA:                     «Che aggia fa’? So’ puverella, songo ‘a serva d’ ‘o Signore!

Ca sia fatto! Diciancello, ringraziannolo ‘e ll’onnore!»

                              

(il pubblico di scena applaude)

 


Quinta scena: IL NATALE E I MAGI

ANTONIO:                (entra alla fine dell’applauso) Addo’ sta don Nicola? Faciteme passa’! Vaco ‘e pressa…

DON NICOLA:          Ue’, donn’Antonio! Ma tu nun stivi a Procida?

ANTONIO:                Me ne so’ fiuto… don Nico’, cca’ stanno arrivanno ‘e surdate ‘e Ferdinando… chilli nun guardano ‘nfaccia a nisciuno! A Ischia e a Procida so’ arrivate ‘e navi, ‘anno sbarcato ‘nu centenaro ‘e surdate e duiciento galiotti siciliani! ‘Anno lassato sulo muorti, pe’ do’ so’ passati!

DON NICOLA:          Povera gente…

STREGA:                  ‘Ate visto? ‘E francisi v’anno lassati overamente! Se ne so’ turnate ‘areta e ‘e surdati nuosti pure Ischia e Procida ‘anno pigliate! Che bella nutizia! Ma vuje che vulite fa’ cchiù… Jatevenne, che ‘ate perzo tutte cose!

ANTONIO:                E chesta aro’ è asciuta? Siente, belle’, ma tu che parli accussi’, nun te fa mai male ‘a lengua?

STREGA:                  Eh? Ma che vai dicenne? Ma te chiammasse pure tu Michele ‘o Pazzo… Cca’ nun ce sta ‘o carcere ‘e Napule ‘a piglia’, o n‘ata rivoluzione ‘a fa’… E po’ so’ fatti tuoi?

ANTONIO:                No, è pe’ ‘na gentilezza (poggia la mano sul coltello che ha in cintola), casomai te facesse male, io tengo ‘a cura… e po’ ‘o piezzo tagliato ‘o dammo ‘a jatta mia, che tene ‘nu poco famme!

STREGA:                  (lo affronta, squadrandolo, con le mani sui fianchi) Guaglio’, tu nun me cunusci, statte accuorto! ‘A jatta toia se magna ‘a carne? Io tengo ‘na jatta cchiù grossa, che ave bisogno ‘e magna’ cchiù d’ ‘a toja, e se magna pure ll’ossa!

DON NICOLA:          Ue’, fernitela, stammo annanz’ ‘a chiesa!…

FRANCESCA:           Ma che ce si’ venuta a fa’? Vavattenne!

CATERINA:              Ma io vulesse sape’ aro’ stann’ ‘e surdate…

ROSA:                     Basta cu’ ‘sti parole…!

ANGELINA:              Fernitela, cca’ ce stanno pur’ ‘e guagliuni!

(anche qualche uomo del pubblico si avvicina, pronto ad intervenire; i ragazzini, in piedi e con tono acceso, guardano il contello, cercando di stimarne le dimensioni)

RAGAZZO 1:            E’ luongo quant’ ‘a ‘nu vraccio!

RAGAZZO 2:            No, è cchiù piccirillo!

RAGAZZO 3:            Si’ no comme s’ ‘o leva, senza se taglia’?

RAGAZZO 4:            M’aggia accatta’ accussi’ pur’io!.

STREGA:                  Don Nico’, stammo ‘mmiez’ ‘a ‘na via! Si vulite fa ‘na predica, trasite int’ ‘a chiesa, e purtateve pure a chisti schiuvati… Jatevenne primma ‘e mo’!

ANTONIO:                Overo… Don Nico’, lassatece suli, jatevenne ‘nu mumento… Ce sta ‘na cosa che vulesse fa’… ‘Na cosa riservata, senza fa’ vede’ a n’omme ‘e chiesa!

DON NICOLA:          Ue’, che vulisse fa’? Nun te permettere manco ‘e penza’ a cierti ccose! ‘E capito… Nun è cosa… (rivolto al pubblico, ancora agitato) Stateve zitti! Assettateve… Guagliu’, assetteteve, aggio ritto! E po’ tu nun te ce mettere cu’ chesta… femmena!

ANTONIO:                Don Nico’, ma vuje ‘ate sentuta?

DON NICOLA:          Embe’? Essa è ‘na fedele suddita d’ ‘o re… suojo! E nun le piaceno ‘e Giacobini… ma tene ‘a capa ‘ncopp’ ‘e spalle, e sape chello che sta facenne… e sape pure addo’  se truvarra’, ‘nu juorno!

STREGA:                  (con tono da ragazzina dispettosa) Pe’ mo’ io stongo meglio ‘e tutte quante, specie ‘e vuje, Don Nico’! Cca’ stann’ arrivanne ‘e surdate! E quanne ve ne jate?

ANTONIO:                Don Nico’, è overo, so’ curzo annanze p’auna’ ‘e cumpagni... stammo aspettane ‘na nutizia… chilli, ‘e surdate, stanno passanne ‘o sciumme… ce vo’ paricchio tiempo, pe’ via ca ce stanno poche varchetelle, e po’ essere che jesce ‘na via ‘e scampo pe’ tutte nuje!

(questa informazione fa rilassare un po’ tutti; il pubblico torna a sedersi, le signore del coro commentano tra loro)

DON NICOLA:          Ah, e allora ce sta tiempo! (rivolto al pubblico e poi fissando la strega) Assettateve! E putimmo continua’!

(dopo che anche le signore del coro si sono sistemate, Antonio si siede sulla sedia del banditore)

DON NICOLA:          E’ ‘o mumento d’ ‘a Natività! Sentite a me!

                               Maria e Giuseppe stevano a Betlemme

                               pe’ via che s’ ‘eva fa ‘nu censimento.

                               Fuje lla’ ca essa diventaje la Mamma

                               d’ ‘o vero Salvatore della gente!

                               Jettati int’ ‘a ‘na stalla, ‘ncopp’ ‘a paglia,

                               chella santa famiglia senza uguali,

                               teneva pe’ cuperte sulo ‘e foglie,

                               e se scarfava ‘o sciato ‘e ll’animali.

                               D’ ‘o cielo friddo, ‘e stelle semmenato,

                               cu’ ‘na cometa grossa comm’ ‘o sole,

                               dall’angeli cantanti popolato,

                               tutto signato ‘e mille capriole,

                               scennette ‘a voce, a dicere ‘e pasturi

                               ‘e ‘i a vede’ ‘o Re che l’era nato;

                               int’ ‘a ‘na stalla, ‘ncopp’ ‘a paglia, annuro,

                               capace ‘e cancella’ tutt’ ‘e peccati!

                               Ma chesta voce ‘o ricco nun sentette;

                               e manco ‘o generale cumandante;

                               chillo putente manco s’accurgette,

                               nun ne parlammo po’ de lu rignante!

                               Pe’ chilli che sentettero ‘sta voce,

                               scennette pure ‘a pace, ‘a ‘ncopp’ ‘a llà;

                               ce steva ‘a rento, annaccuvata, ‘a croce,

                               ma c’ ‘a prumessa d’ ‘a vera libertà!

CORO:                     Venimmo dalle parti dell’ Uriente

                               cercanne de truva’ chisto Messia,

                               seguenne passo passo ‘a stella ardente

                               c’ ‘a ci ‘a ‘nzignato fino cca’ la via!

                               Scusate si facimmo ‘sta dumanda:

                               sapite dov’ è nato ‘o nuovo Re?

                               Nuj nun sapimmo buono aro’ sta ‘a tenda,

                               simmo venuti proprio p’ ‘o vede’!

DON NICOLA:          Nun ‘o cercate ‘a tenda d’ ‘e riccuni,

                               chisto nun è, comm’ ‘a chill’ ati Re!

                               Vedite chella fila di cafuni?

                               Jate cu’ loro, e vo’ fanno vede’!

                               Sta ‘ncopp’ ‘a paglia, tutt’ ‘e cosce ‘a fore;

                               ‘na stalla, ma tenuta in pulizia;

                               vicino a Isso stanno ‘e genitori,

                               se chiammano Giuseppe e ‘onna Maria!

                               Insieme a Isso, ma nun se fa truva’,

                               vola ‘o Spirito Santo a palummella,

                               cu’ Dio e Gesù cumpleta ‘a Trinità;

                               Vi’ che famiglia sta ‘nta stalletella!

ROSA:                     Facite ampressa, jate add’ ‘o neonato,

                               ca nun ce sta ‘nu posto comm’ ‘a chillo;

                               tenite ‘sta furtuna, Dio ‘ncarnato!

                               Date ‘nu bacio ‘nfronte ‘o Piccirillo!

CORO:                     Cantate tutti osanna Emmanuele,

                               sia gloria ‘n cielo a Dio, vera Maestà,

                               ‘a redenzione parte da Israele,

                               e arriva ‘a gente ‘e bona vuluntà!

 


Sesta scena: La maddalena

ANTONIO:                (mentre il pubblico applaude, si alza e, dopo aver confabulato con qualcuno non visibile, all’interno di una quinta, ritorna al centro) Don Nico’, Don Nico’, ce simmo! Scusate… ma è impurtante!

DON NICOLA:          Ma comme, justo mo’? Dici, che è succieso?

ANTONIO:                Don Nico’, ‘a salvezza! Don Nico’, ce ne jammo! E’ arrivata ‘a cunferma!

STREGA:                  Era proprio ll’ora!… Chisti, ‘sti surdati, nun se vereno…

ANTONIO:                Stevo dicenne… (rivolgendo un’occhiataccia alla strega) Don Nico’, ‘nu cuttèr ‘e ll’ingresi! S’ è incagliato a sciumme, cca’ vicino, ‘e cumpagne nuoste ‘anno pigliato, justo mo’ l’ ‘anno fatto asci’ d’ ‘a secca, e mo’ po’ parti’! Chillo è veloce!

STREGA:                  E d’ ‘e ll’equipaggio che n’ate fatto? Ll’ate accise, è overo?…

ANTONIO:                Tu, si nun ‘a fernisce, te truovi c’ ‘a lengua tagliata!

STREGA:                  (incalzandolo) E io invece cu’ te, ne faccio sasicce e presutti, e po’… m’ ‘e magno!

DON NICOLA:          Basta! Toto’, ferniscela, cu’ chesta nun ce stanno santi…

ANTONIO:                Don Nico’, stevo dicenne… tenimmo ‘sta varchetella, è veloce assaje, si facimmo ampressa, ce ‘mbarcammo mo’ mo’, putimmo arriva’ pure a Anzio quann’ ‘e dimane, lla’ mo’ nun ce stanno ‘e surdate d’ ‘o Re! ‘E marenare ingrese c’ ‘e purtammo, accussì si ce fermano, facimmo parla’ a loro, e passammo! Forza, Don Nico’, jammucenn’ ‘e corza!

DON NICOLA:          Toto’, tu che facive, primma d’ ‘a guerra?

ANTONIO:                Don Nico’, ‘i so’ zappatore…

DON NICOLA:          E io so’ prevete! E aggia fa’ senti’ ‘a voce ‘e Dio! Mo’ e cca’, si no sai che fine faccio?

ANTONIO:                Don Nico’, ‘o ssacio che fine facite… Ma nun è meglio ‘nu prevete zitto che uno muorto?

STREGA:                  Pe’ me è meglio che ve ne fujte!

ANGELINA:              Sì, don Nico’, jatevenne cu’ loro, tanto è pe’ poco!

FRANCESCA:           ‘On Nico’, cocche cusarella ‘a dicimmo nuje, ve ne putite ‘i!

ROSA:                     Don Nico’, nun facite fessarie… a nuje ce serve ‘o prevete vivo! Po’ Anzio… Roma… nun ce vo’ assaje pe’ turna’, quann’ è fernuta ‘sta guerrra!

DON NICOLA:          Giesù Cristo nun se ne fujette, mai! Jatevenne vuje, e purtateve chi vulesse veni’! Io aggia ‘sta cca’ e aggia continua’ fino ‘a fine, (guarda la strega) …pecchè tutti ‘anna sape’ che Cristo è muorto pe’ lloro! Si me ne vaco, chisti ‘e ‘mbrogliano, e chesto nun ‘adda succerere mai!

ANTONIO:                Don Nico’, vuje tenite cchiù curaggio ‘e tutte quante nuje!

DON NICOLA:          Tu dici? Io sto tremmanne p’ ‘a paura! Vavattenne, va’! Stann’arrivann’ ‘e surdate! (Antonio bacia la mano a Don Nicola ed esce)

STREGA:                  E uno ca se n’ è ghiuto! E nun se conta!

DON NICOLA:          E già! Comme Dio nun se mette a cunta’ i peccati! Ricuordatello, Isso vo’ bene pure a te… sienti ‘o fatto ‘e Matalena! E sentite tutti quanti, che ‘na Matalena sta ‘arinto a ognuno ‘e nuje!

                               Gesù criscette cu’ sapienza e grazia;

                                      quanne fuj gruosso, jette a predica’;

                               ce stevano paricchi pregiudizi,

                               pure c’ ‘o riavulo, s’etta appicceca’!

                               Facette a pieri tutt’ ‘a Galilea,

parlanne spicialmente ‘e puverielli,

pure int’ ‘a sinagoga, all’assemblea,

purtanne annanze ‘a soja bona nuvella.

                               Parlava ‘e Dio, facenne assai miraculi,

sananne chella sfurtunata gente

e annunziava ‘a verità ‘n parabole,

guarenne ‘o corpo ‘nzieme co’ lla mente.

CORO:                     Chi sa quanti prudigi che facette

chist’omme Dio, ‘mpastato cu’ ll’ammore!

Parecchie songo state pure scritte

ma va’ a vede’, ca ce ne stanno ancora!

                               Pur’oggi ne succereno miraculi,

e pure a chi lle fa le malazioni!

Gente che se ne scansa d’ ‘e periculi,

o, all’intrasatta, jesce a cunversione!

DON NICOLA:          E già! Comm’ ‘o pericolo cchiù gruosso;

                               v’arricurdate Lazzaro, che ciorte?

Gesù chiagnette, tanto fuje commosso,

e s’ ‘o chiammaje, scetannolo d’ ‘a morte!

                               Ma pure nuje, coccosa ci ‘amma mettere

p’ essere veramente perdunati!

A Isso ‘n serve niente, pe’ rimettere,

però ce vo’  ‘o dulore d’ ‘e peccati!

CORO:                     ‘Na guagliuncella ‘e nomme Matalena

senza ‘na casa, senza ‘nu parente,

coccosa s’ ‘a magnava a malapena,

teneva ‘na figura appariscente!

                               E che vuo’ fa’? E dalli, oggi e dimani,

p’ ‘ave’ coccosa ‘e sorde pure essa,

e nun muri’ de famme comm’ ‘a cane,

jeva a durmi’ cu l’uommene assai spesso!

                               ‘E sordi s’ ‘e facette overamente,

ca essa faticava cu’… passione!

Ma ne facette tante, ca la gente

decise ‘a morte pe’ lapidazione!

                                      Allora ‘n ze pazziava cu’ ‘sti cose,

Dio stesso ll‘eva data ‘st’ istruzione,

‘a legge era proprio rigorosa,

ce steva ‘a morte, comme punizione!

                               Perciò dint’ ‘a ‘na strada se truvaje;

attuorno, tanta ggente cu’ lli prete;

uno a Gesù ‘na cosa addimannaje,

e senza prete, po’, turnaje arreto!

DON NICOLA:          «Chi nun tene peccati int’ ‘a cuscienza,

allora ‘a primma preta po’ jetta’!»

Carette ‘nterra tutta la sapienza,

annanze a chella santa carità!

CORO:                     ‘A Matalena, ll’Ammore ‘eva ‘ncuntrato

assaje cchiù gruosso della sua passione;

ce rimmanette comme ‘na stunata:

«Ma comme, salva, e senza punizione?»

ROSA:                     Pover’ ‘a me! E che aggio fatto mai!

Vicino a chisto, io veco ciò che sono!

Povera Maddalena, mo’ addo’ vai,

mo’ che tu ‘e ricevuto ‘stu perdono?

                               Signore mio, ma comm’ ‘e suppurtato

mentre ca io facevo ‘sti scemenze?

Gesù, so’ veramente addolorata,

p’ ‘ammore tujo, mo’ faccio penitenza!

                               Chist’uocchie miei, c’ ‘o male ‘anno guardato,

‘anna caccia’ ‘e lacreme ‘nu sciumme!

Gesù, io t’aggio offeso, e ‘e perdunato

ll’azioni mie, quann’aggio perso ‘o lumme!

                               Chiagnite tutt’ ‘o tiempo male spiso,

‘o mmale fatto senz’ ave’ riguardo;

quanto ce manca che nun t’aggio acciso,

e tu ‘e sanato tutto cu’ ‘nu sguardo!

                               Pure ch’ ‘e recchie, io aggio peccato;

sempe a senti’ parole maliziose,

senza penzare a Te, me so’ scurdata,

‘e fa’ pe’ Dio ‘nu canto religioso!

                               N’aggio magnato ‘e cusarelle a sfizio!

N’aggio sentuto assai, fragranti addori!

Signore, ‘o santo juorno d’ ‘o giudizio,

perdona tutto e lassa che t’ ‘onori!

                               Mo’ sento ‘a voce ‘e Dio che me chiammava,

‘na voce fina e doce, ma luntana;

Mmiez’ ‘e peccati io me rotolava,

sott’ ‘e lenzola e senza ‘na suttana!

                               Gesù, fare peccati me piaceva,

t’aggio sbattuto ‘nfaccia pure ‘a porta!

Gesù, perdona chesta figlia d’Eva,

basta ch’ ‘e colpe; preferisco ‘a morte!

DON NICOLA:          Allora ‘e pieri ‘e Cristo se mettette,

facenne lacrimoni a centenara,

e cu’ chell’acqua ‘a pulizia facette,

usanne ‘e suoj capelli p’ asciugare!

                               ‘A Matalena, femmena ‘e passione

addiventaje ‘na femmena d’ammore;

facette ‘na perfetta cuntrizione,

a Gesù Cristo le rialaje ‘o core!


Settima scena: La passione di Gesù

DON NICOLA:          (si rivolge al pubblico di scena e poi alla strega) ‘Ate sentuto? E tu ‘e sentuto buono?

STREGA:                  (colpita dal racconto) Mah, ‘sta cosa nun m’ ‘arricurdavo… chi ‘o ssape comm’era bella…

BANDITORE:            (entrando di corsa, senza tamburo e senza ombrello) Don Nico’, Don Nico’… aggio ‘ncuntrato ‘e surdate! Me ne stevo fujenne, ma chilli m’anno ‘ncucciato; è stata ‘na furtuna ca ce steva ‘nu caporale, ‘o cumpariello mio… io l’aggio fatto ‘o cumpare d’aniello e ll’aggio fatto ‘o meglio brinnese ‘o matrimonio, ‘na cosa sciccosa! Figurateve, ce stevano ‘nu sacco ‘e gente e nisciuno ‘a fatto ‘nu brinnese comm’ ‘o mio…

DON NICOLA:          Siente ‘nu poco, ‘e chisto matrimonio… ne putimmo parla’ n’ata vota?

BANDITORE:            Avite regione, ‘on Nico’, ‘O fatto è ca chillo è stato propeto ‘na cosa ‘e lusso! Figurateve, ‘mmiez’ ‘a gente ce steva…

ROSA:                     ‘A vuo’ ferni’ o no? ’E surdate, ch’ ‘e fatto, che ‘anno ditto…?

BANDITORE:            Si, si, avite regione!... Chillo cumpariello mio m’ ‘a purtato add’ ‘o Capitano pe’ dicere ca io songo fedele ‘o Re, ca faccio pe’ prufessione ‘o bannetore reale… Ca me cunusceva… Ca ce simmo pure visti a Palazzo Riale ‘nu sacco ‘e vote… ‘On Nico’, chillo è ‘nu furastiero carugnone! Chillo ‘adda muri’ appiso, nun se ne po’ cchiù d’ ‘a prepotenza ‘e cierta gente ca cumanna; sulo pecchè teneno duje scippi ‘ncopp’ ‘e spalle e ‘e surdate ‘a reto, te scamazzano, te levano pure ll’aria, t’accirono pure ‘e palate, e tu nun puo’ dicere…

DON NICOLA:          Ma inzomma se po’ sape’ cocche cosa, o c’ ‘e dicere primma tutt’ ‘o rumanzo? Che ‘a fatto, ‘stu Capitano?

BANDITORE:            M’ ‘a cunfiscato ‘o tammuro! Vuje capite, chillo è comm’ ‘a ‘nu frato pe’ me… nun c’ ‘aggio visto cchiù, aggio prutestato, aggio ditto ca era ‘e proprietà d’ ‘o Re, ca me serveva, e che isso jeva contro ‘e regolamenti d’ ‘o Delegato, ca chillo, ‘o Delegato, l’ ‘a dato propeto a me, ca io aggio pure firmato ‘na carta…! Don Nico’, chillo fetente s’ è ‘nquartato com’ ‘a ‘nu cane, ‘a abbiato a allucca’ dicenne ‘nu sacco ‘e cose ca io nun capevo manco, parlava ‘nu ‘taliano troppo furastiero e forze me vuleva pure mettere ‘n galera, ‘a chiammato ‘na chiorma ‘e surdate, se so’ misi a parla’ tutt’inzieme, chi ‘o ssape ca dicevano! ‘A fine m’ ‘a scassato ‘o ‘mbrello ‘ncapo e m’ ‘a cacciato fore! Sapisseve comme me fa male ‘a capa! ‘On Nico’, però aggio saputo d’ ‘o cumpariello mio ca chilli stanno venenno cca’, propeto ‘a chiesa! Don Nico’, io aggio penzato a vuje, e me ne so’ turnato!

DON NICOLA:          Ma che onore che me fa ‘o Re,… e tu ‘e penzato a me? Grazie, ma…

BANDITORE             Embe’, mo’ Don Nico’ ce ne putimmo ‘i ‘nzieme; ‘nzieme cu’ me, vuje state ‘o ssicuro!Chilli, pure ‘e surdate so’ furastiere, cca’ nun canoscene a nisciuno… A me m’anno visto c’ ‘o cumpariello e c’ ‘o Capitano, cu’ tutta chell’ammuina ca c’ è stata, chilli s’arricordano buono, pirciò a me nun me fanno niente e me fanno pure passà! Nuje ce ne jammo ‘nzieme, jammo a fà ‘o bando a chillo paisiello cca’ vicino e si l’incuntrammo, e io lle dico ca site l’aiutante mio,… ca chella seggia è pesante, nun ‘a pozzo purtà sempe io! Vuje… ve levate ‘a tonaca, ve mettite ’n atu vestito, ‘na coppola, accussi’ nun se vere ‘a chierica ‘int’ ‘e capilli… e ve faccio passa’ io! Putimmo arriva’ pure a Roma, si vulimmo! Se po’ fa’, overamente! L’ ‘a fatto pure ‘o Re quanne se n’ ‘e fiuto a Palermo, s’ è miso ‘e panni d’ ‘o Duca d’Ascoli!... A nuje bannetori ‘ste cose c’ ‘e dicene tutte quante!

STREGA:                  Ma ‘e surdate addo’ stanno?

BANDITORE             Miezo battaglione già è passato! Vanno chiano overamente, chelle ‘e varchetelle so’ propeto poche! Quanne fernisceno, allora ‘ncuminciano a se movere. ‘O cumpariello mio m’ ‘a ditto che fanno tanti plotoni… e uno adda veni’ propeto ‘a chiesa, comme v’aggio ditto! Allora, Don Nico’, ce ne vulimme ‘i?

DON NICOLA:          Ma io aggia resta’ cca’! Nun ‘ammo fernuto manco nuje!

STREGA:                  (meno aggressiva) Jammo, Don Nico’, è ‘na bella occasione pe’ vuje… Overamente pare ca Roma ve sta aspettanne!

BANDITORE             Don Nico’, chilli so’ surdate… nun ve danno ‘o tiempo manco ‘e dicere «Maronna, aiutame…»

DON NICOLA:          Ma io nun pozzo lassa’ ‘sta gente… aggia continua’, fin’ ‘a fine!

BANDITORE             Don Nico’, state danno ‘nu caucio ‘a furtuna! Ma che ‘ata fa’? Chilli manco ve ce fanno arriva’, ‘a fine…

DON NICOLA:          Basta! Nun ce ‘a faccio cchiù! ‘O vvuo’ capi’, che ‘e saccio ‘stì cose? Io tengo cinquantatre’ anni, a n’atu poco so’ cinquantaquatto e  me metto paura, sissignore! Me ne vulesse ‘i primm’ ‘e mo’, ma si me ne vaco, moro overamente! Tutt’ ‘a vita l’aggio dedicata a fa’ sulo ‘na cosa, e mo’ ‘essa perdere tutto chello che aggio fatto? ‘I non songo n’eroe, nun songo ‘nu martire, so’ sulo ‘nu povero prevete, ma aggio capito buono ‘na cosa: aggia parla’ pe’ cunto ‘e Dio! E m’essa sta’ zitto? E doppo Isso che me dice? E me n’essa fuì? ‘O ssai che si’ fai na’ vita perfetta secondo ‘e regole di Dio, te puo’ perdere tutte cose pe’ ll’uldimo mumento ‘e debulezza? Tutta na’ vita ‘e sacrifici, privazioni, servizio pe’ ll’ati… e te pierdi tutto int’ ‘a ‘nu mumento sulo? Comme ‘e peggio peccaturi, nun ce sta differenza, chillo l’inferno è gruosso, ce sta ‘o posto pure pe’ me, si nun me stongo accuorto! E pure si’ me cuntrollo, chi songo io, pe’ dicere a Dio che aggio campato buono? Ma tu si’ pazzo! Primma fernisco chello che aggia di’, e sulo doppo, me ne vaco! Arrivano ‘e surdate? E sia fatta ‘a vuluntà ‘e Dio! Mo’ nun me fa’ perdere ancora tiempo… vaco ‘e pressa pur’ ‘io! Me vuo’ aiuta’? E allora statte zitto!

STREGA:                  Allora tenite paura pure vuje? Don Nico’, io penzavo che eravate ‘nu scemo! Allora vuje overo ve ne vulisseve fui’? E nun ve ne jate? Ma allora ce crerite overamente…

DON NICOLA:          E tu? Ce criri veramente… ‘e cose toje?

STREGA:                  Ma io… Cierti cose… ‘E veco, ‘e tocco… Vuje prievete parlate ‘e cose che nun se vereno, nun se capisceno manco… Io pozzo cumanna’ a chi voglio… E sceglio chello che voglio, e m’ ‘o piglio overamente! Don Nico’… Ma ‘a Matalena era bella, vuje che dicite?

BANDITORE:            Eh, si’, mo’ chillo Don Nicola tene ‘o ritratto!

ROSA:                     (tra le risate del pubblico, si alza sdegnata) Tu si’ ‘nu ‘nfamone, nun te mettere a dicere chesti cose! Pecchè ‘on Nicola ‘essa tene’ ‘o ritratto ‘e ‘na femmena comm’ a chelle?

BANDITORE:            Ma io nun aggio ditto… io vulevo dicere…

STREGA:                  (inviperita, al banditore) Statte zitto tu! Voglio senti’ che me risponne!

DON NICOLA:          Matalena? So’ sicuro che era bellissima, ‘na guagliona che faceva gira’ ‘a capa all’uommene… ma doppo che ‘a ‘ncuntrato Gesù, è addiventata ancora cchiù bella ‘a rinto… addo’ l’uommene nun ce vereno, addo’ vede sulo Dio! E chella è ‘a bellezza vera, che sta pure ‘nta ‘na povera vecchia, chiena ‘e rughe e duluri… E chella è ‘a bellezza che tu ‘e perzo… Tu nun viri niente, pover’anima… ca Dio te desse ‘o dono ‘e capi’ che ‘e pigliato ‘na brutta strada, ‘a strada che porta ‘a perdizione ‘e ll’anema… Povera anima toja… Si nun te cagni e fai comm’ ‘a Matalena, io ce veco chiaro… tu vai all’inferno!

STREGA:                  Don Nico’, sentite, ll’aggio capito che jate ‘e pressa, ma io aggia sape’… Però nun me saccio spiega’…

(il pubbico rumoreggia)

DON NICOLA:          (rivolto al pubblico) Si, si, ‘aggio capito ca tenite pressa!  (alla strega) Facimmo accussì: tu mo’ sienti ‘o riesto, e po’ me faje ‘a dumanda, va buono? Accussì ammagari, t’arricuorde cocche ‘ata cosa che t’ ‘a ditto ‘a nonna, quann’iri piccerella (accenna una carezza) e te cantava ‘a «nonna nonna» pe’ te fa’ durmi’… Io nun perdo tiempo, manco mo’, a parla’ cu’ chi me sente… E sente parla’ ‘e Gesù!

                               Ue’, bandito’, attacca ‘a Passione!

BANDITORE:           (rinvigorito, sale sulla sedia)

                                      Chesta ‘a saccio bona! ‘Onna Ro’, io faccio Giuvanni, e ‘a Madonna ‘a facite vuje!

                              Maronna, che succere, se sape e nun se crere,

                              è stato aieri sera, Giesù Cristo arrestato!

                              'Ngalera è stato miso, nun sulo 'anno deriso,

                              pe’ poco n'anno acciso, tanto ch'anno frustato!

ROSA:                     Chi 'avuto 'stu vulìo? Po’ fa’ mai male, Dio?

                              ‘Stu bello figlio mio, pecchè l'anno pigliato?

BANDITORE:           Giuda, chillo curnuto, tradenne, l' 'a vennuto,

                              e trenta sorde 'avuto, comme robba 'e mercato!

ROSA:                     Aiuto, Matalena,          è troppo forte 'a pena,

                              e pure ch' 'e catene me diceno attaccato!

BANDITORE:           Nisciuno che l'aiuta, ce sta pure chi 'o sputa

                              è d' 'o Sinedrio asciuto, 'o portano a Pilato.

ROSA:                     Pilato, aggie pietà, nun 'o fa’ tortura’,

                              te pozzo dimostra’; a tuorto, isso è accusato!

CORO:                    A ‘nu Re, se pareggia! Gesù se crocifigge!

                              É chest' 'a nosta legge, ce vene d' 'o Senato!

ROSA:                     Ma comme nun capite,         nun 'ata mai suffrito?

                              Cagnate, e nun facite chello ch' 'ate penzato!

BANDITORE:           Inzieme a duje ladroni mo’ và ll'esecuzione!

CORO:                    Ca scunti 'a malazione 'e spine 'ncurunato!

ROSA:                     Oj figlio, figlio, figlio! Figlio, adorato giglio,

                              figlio, comme ripiglio, ‘stu core mio 'nguajato?

                              Tu, sole r' 'i miei anni, pecchè nun me rispunni,

                              pecchè tu t'annascunni 'a chi t' 'a generato?

BANDITORE:           Maronna, ajllanne 'a croce, chillo strumento atroce,

                              addo’ 'a luce e 'a voce sarra’ mo’ sullevata.

ROSA:                     Oj croce che farai? Mio figlio piglierai?

                              E comme 'o manterrai? Isso n' 'a mai peccato!

BANDITORE:           ‘Sta gente nun se 'mbroglia, 'o figlio tuoio lo spoglia,

                              e strilla, 'o tuoio germoglio, ca sia 'n croce 'nchiuvato.

ROSA:                     Si m' o lassate annuro, ve prego, ve scongiuro,

                              vole vede’ 'stu core comm' 'a frusta 'a signato!

BANDITORE:           'O boia l' 'a stiso 'a mano, ‘nu chiuovo d' 'e romani

                              'a pelle e 'a carne sgrana, 'nta croce è penetrato!

                              E ll'ata mano ancora 'nchiuvata cu’ furore.

                              Maronna, che dulore, è ancora cchiù aumentato!

                              Mo stanno 'a 'nchiuva’ 'e pieri, e n'esce sanghe niro,

                              p' 'o chiuovo gruosso overo, comm' ‘anno maltrattato!

ROSA:                     'Stu core è pugnalato, 'o sciore mio tagliato,

                              figlio, chi t'ammazzato, guaglione delicato?

                              Meglio stracciarme 'o core, ca senti’ ‘stu dulore,

                              vede’ chillo mio amore sta’ llà, comm' 'a squartato!

DON NICOLA:         Mammà, cca’ si’ venuta? Nun essere abbattuta,

                              ca chesto nun m'aiuta, te veco addulurata.

ROSA:                     Figlio ch' 'a me si’ nato, figlio, marito e pate,

                              figlio mio dissanguato, figlio, r' 'a me strappato!

DON NICOLA:         Mammà, forza, nun chiagne, ‘na cosa aggio bisogno,

                              statte ch' 'e miei cumpagni, cunforta 'e riscattati.

ROSA:                     Niente voglio senti’, voglio cu’ te muri’,

                              stongo cu’ te a pati’, fino a che tengo sciato!

                              'Sta mamma nun te lascia, insieme dint' 'a cascia,

                              duje cori int' 'all'angoscia, mamma e figlio ammazzato!

DON NICOLA:         Mammà, te voglio bene, mo’ n'atu figlio tiene,

                              Giuvanni te sustiene, tuo figlio sia chiammato.

                              Giuva’, chesta è toia mamma, tienela comm' 'a gemma,

                              ca doppo chisto dramma, tene 'o core straziato.

ROSA:                     Figlio, pecchè si’ muorto? Figlio, m' 'e fatt' 'o tuorto,

                              figlio pecchè 'n te puorti ‘stu core arruvinato?

                              Figlio arrussato e janco, figlio, squarciat' 'o scianco,

                              figlio, quanto me manchi, figlio, tu m' 'e lassato!

                             

                              Figlio mio biondo e bello, figlio, si’ ‘nu gioiello,

                              figlio, chistu maciello, t' 'a proprio prufanato!

                              Figlio, dolce e innocente, figlio, ca nun me siente,

                              figlio, pecchè 'a gente t' 'a tanto maltrattato?

                              Giuva’, mio nuovo figlio, ce sta muorto 'n famiglia,

                              sento d' 'a lama 'artiglio, ca fuje profetizzato.

CORO:                    'A acciso 'u figlio e madre, cu’ morte che dissacra,

                              ferni’ 'ncopp' 'a ‘na squadra, mamma e figlio abbracciato!


Ottava scena: L’inferno

(il pubblico non applaude; le comari del coro tirano fuori i loro fazzoletti, asciugandosi le lacrime)

DON NICOLA:          (rivolto alla strega) Che dici, ‘a Maronna era bella?

STREGA:                  Don Nico’, ma io nun me ricurdavo tutte ‘sti cose… Chella ‘a passato overo ‘stu guaio?

DON NICOLA:          «Chella», si chiama «Madonna», pe’ precisione! Nun t’arricuorde cchiù, overo? ‘Na vota ce ‘ivi pure tu, ‘a Messa, quann’eri piccerella… Si, Essa ‘a visto ‘o Figlio che ‘o marturiavano e po’ l’accedevano… ‘e surdate l’anno acciso sotto all’uocchie suoje! E po’ che ‘a fatto?

BANDITORE:            Si, Don Nico’, che ‘a fatto?

STREGA:                  Statte zitto, tu! Ferniscela ‘na vota bona! Don Nico’, che ‘a fatto?

DON NICOLA:          ‘A perdunato! Sette spade dint’ ‘o core, e ‘a perdunato! E nun abbasta! Comm’ ‘a ditto Gesù, è diventata Mamma nosta… (rivolgendosi al pubblico) Mamma ‘e tutti chisti che stanno cca’, ‘e tutte vuje, e pure ‘e tutt’a gente d’ ‘o munno, gruossi e piccirilli, buoni e malamente! Mamma d’ ‘e viecchi e d’ ‘e guagliuncielli, e pure ‘e chilli ca so’ muorti e che ancora ‘anna nascere! E ‘na mamma che nun fa, p’ ‘e figli? E specie p’ ‘e figli malamente, c’ ‘a fanno suffri’, comm’ ‘a sufferto sott’ ‘a Croce… Ma tu te pienzi che nun prega pure pe’ te e pe’ me?

BANDITORE:            (esitante) Don Nico’, e… ll’ati?

DON NICOLA:          Siente guaglio’, te pare ‘u mumento ‘e se mettere a fa’ ‘o scemo? Essa prega pe’ tutti, e pure pe’ te! Va buono?

STREGA:                  E statte zitto, tu, basta! Don Nico’, io aggia sape’ ‘na cosa... ma vuje credite a Gesù, ‘a Maronna… ma sapite leggere pure ‘o futuro?

ROSA:                     (si agita, trattenuta dalle comari)  Io a chella le spacco ‘a capa si nun ‘a fernisce!

(anche il pubblico rumoreggia, infastidito da quella petulanza)

DON NICOLA:          Io nun songo n’induvino, songo ‘nu prevete! E aggio vuluto io ‘e essere prevete, pecchè crero a Gesù, a Madonna, a Dio… ma che te pienzi, che stammo overamente ‘o baraccone d’ ‘o triato?

STREGA:                  Ma vuje m’ate ditto… vuleveve ricere… poco fa, m’ate ditto… insomma, ll’inferno! Ce sta o no? Comme facite a sape’ che quaccheduno va all’inferno?

DON NICOLA:          Pecchè l’ ‘a ditto Gesù! E chi sa che pena ch’ ‘avuto mentre ‘o ddiceva, Isso che s’è fatto accirere pe’ salva’ ‘e peccaturi! Forse ‘e steva verenne, proprio allora, Isso che vedeva tutto; comme murevano dannati, chi ‘e subbeto e chi ‘e malatia, chini ‘e peccati, senza se cunfessa’, jastemmanne pure, (mima) e carevano rint’ ‘o ffuoco, turcennese int’ ‘o calore, comm’ ‘e foglie secche vanno a cari’ int’ ‘o fuoco ‘e ll’ati foglie secche, abbrusciannese senza se consuma’! E cchiù scenneno, cchiù ‘o calore aumenta, e fa’ cchiù male… e ‘a reto, ‘o riavulo, gruosso comm’ ‘a ‘na muntagna, ‘e fuoco pur’isso, ch’ ‘e braccia aperte, che guarda cuntiento l’anime dannate ca carono… tante e tante…. e ride, ride, int’ ‘o fummo niro, ‘mmiez’ ‘e strilli ‘e dulore, ‘e jastemme e ll’invocazioni ‘e pietà, che nisciuno sente… e ‘o fuoco che saglie, saglie…

BANDITORE:            Don Nico’, nun me facite mettere appaura!

DON NICOLA:          Te mitte paura pe’ chesti parole ‘e ‘nu povero prevete? Guarda che io t’assicuro che è peggio! Si fussi prevete, capisse meglio che significa essere senza Dio; già sta’ senza Dio pe’ ‘nu mumento è ‘na pena… Pienza a n’eternità senza Dio… è peggio d’ ‘o cchiù brutto dulore che te puo’ immagina’… Tu t’issa mettere appaura d’ ‘o riavulo, d’ ‘o male che fa… e d’ ‘o male che fai tu, a Gesù, e all’ati!

BANDITORE:            Ma io a Giesù nun aggio maie fatto niente!

STREGA:                  Se capisce, chillo è passato tanto tiempo ‘a quann’ è muorto… chillo, ‘o prevete vo’ dicere ca…

DON NICOLA:          (con tono tra il sollevato e l’incredulo) Ma allora tu ce cridi! Ce cridi pure tu! E allora pecchè te ce mitte contro? Nuje tenimmo ‘na sola vita, e se sceglie na’ sola vota! Gesù è ammore, libertà, bellezza, è tutto chello che ‘e sempe vuluto, e che ‘o padrone tuojo fino ‘aiere ‘a fatto finta ‘e te da’, ammuccannete sulo buscìe! Che ‘e avuto fino a mo’? Pienzece! Chello ca ‘e avuto s’ è squagliato, comme neve ‘o sole; ‘mmano tiene sulo povere, e ll’anima cuperta d’ ‘e peccati pe’ chello ch’ è fatto! Ma chesto nun t’adda ferma’! ‘A vidi chesta gente? Te pienzi che peccati nun n’ ‘a fatto? Sicondo te, io peccati nun ‘aggio fatti? Nisciuno è perfetto, basta sulo che ‘o dici, e stai ‘ncopp’a via justa! Mo’ fermate, pienzece buono, nun fa’ passa’ chisto mumento ‘e grazia, pigliatillo tutto quanto! Si pierde ll’occasione, è fernuta! Mo’ è ‘o mumento ‘e scegliere a Isso! Fatte accarezza’ ‘a Isso, nun fa’ cchiù ‘a jatta feroce!...

ANGELINA:              ‘O tiempo passa…

FRANCESCA:           Chilli stanno venenne…

BANDITORE:            ‘A morte s’avvicina…

DON NICOLA:          ‘Ate ragione… Tu m’ ‘e ‘ntiso buono? Quann’ è doppo, si te fa piacere, ce facimmo ‘na parlatella, nuje duje sulamente… vicino ‘o cunfessionale, va buono? E po’, sempe si te fa piacere, ce mettimmo pure dint’ ‘o cunfessiunale, e allora ‘a parlatella t’ ‘a fai direttamente cu’ Gesù! Mo’ ‘amma ‘i annanze, che chist’uommene se n’anna ‘i ampressa! ‘Onna Ro’, addo’ stammo?

ROSA:                     Don Nico’, putimmo zumpa’ cocche cusarella, che manco se legge buono, attaccammo c’ ‘a vanità!

CORO:                     Comm’ è bella ‘a vita int’ ‘a ‘na Reggia,

                              ‘a panza chiena, ‘e sorde dint’ ‘a cascia,

                              si stongo stanco, ‘o servo porta ‘a seggia,

                              si tengo famme, tengo ‘arrusto ‘e coscia.

DON NICOLA:          Tu nun si’ eterno; va’ a vere’ ‘o bisnonno;

                               Isso tanti ricchezze ‘accumulato

                               ma trascuranne ll’unico bisogno:

                              mo’ sta ‘nto’ ffuoco, ‘mmiezo a li dannati!

CORO:                     Ma comm’ ‘e bello a cummanna’ la gente;

                               senza fatica, io proprio niente tocco.

                               Jettano ‘o sangue e io songo cchiù putente,

e pozzo cundanna’ chi arape ‘a vocca!

DON NICOLA:          Tu nun si’ eterno; doppo ‘o cimitero

                               te truovi chilli che tu ‘e cundannati,

                               ca te stann’aspettann’ ‘e che manera!

                              D’ ‘e stessi viermi tu sarrai magnato!

CORO:                     Comm’ ‘e sciccosa ‘a vita ‘e ‘na gran dama;

                               tra balli e cene, lietto cu’ ‘e merletti,

                               signuri ca te vasano le mani,

ma dire ‘na preghiera, n’ te ce metti!

DON NICOLA:          Tu nun si’ eterna; quanno po’ è fernuta

                               te iencheno ‘e profumo, pe’ decenza;

                               jettano ‘o corpo ‘nta fa fossa futa,

e all’anema, po’ ‘o riavulo ce penza!

CORO:                     Quante battaglie, chisto cumandante,

                               p’ ogni medaglia, ‘na carneficina!

Addimandava aiuto a tutt’ ‘e sante

ma ‘nu rusario, manco ‘na decina!

DON NICOLA:          Tu nun si’ eterno; basta ‘na schiggetta

                               e senza meno, scinni dint’ ‘a fossa;

                               e po’ t’ ‘o sienti, quanno ce se mette,

‘o riavulo te squarta e leva ll’ossa!

STREGA:                  (strillando, fa terminare il canto) Basta! Nun po’ essere… Ma comme, si’ uno sbaglia pecche’ c’è purtato, senza sape’ cierti cose, va all’inferno? E chesta è giustizia? Pe’ ‘nu sbaglio sulo… sulo pecchè uno nun sape, nun ce penza, pecchè s’ ‘e scordato tutte cose… E chesta è giustizia? Allora Dio nun ce sta?

DON NICOLA:          Iddio santissimo ce sta, ce sta… Ma chesto nun succere a chi se scorda e nun ‘o vo’ offendere; chesto nun succere a chi se pente e le chiede perdono! Chesto succere a chi ‘o nega (guardandola con intenzione), ‘o rifiuta, nun ne vo’ sape’ ‘e Isso; ‘o disprezza e fa ‘e sacrilegi contr’ ‘o Santissimo, nun aiuta ‘a gente, anzi, ‘a jenche ‘e paura dicenne buscìe, l’arrobba chelli povere cose e pure l’animali che teneno, le leva ‘e cose pe’ fatica’, fa ‘e fatture, le leva ‘a libertà ‘e campa’ ch’ ‘e minacce, le scippa pure ‘e figli ‘a pietto p’ ‘e diebiti…

(le comari e il pubblico inveiscono contro di lei) 

ROSA:                     E’ overo! E’ tutto overo!

FRANCESCA:           Cantatacelle ‘e corna, a chesta disgraziata!

ANGELINA:              Carulina è morta p’ ‘o dulore!

CATERINA:              Figliema ‘a perzo ‘o criaturo!

FRANCESCA:           Io ‘aggio perzo tutte cose, ‘e figlieme nun teneno che magna’!

STREGA:                  Basta! Stateve zitte! Nun po’ essere… Nun è giusto!... Nun è giusto!...

DON NICOLA:          (scuotendola per le spalle) Nun è giusto? E tu che ne sai, tu che ‘e fatto sempe tutto chello che vulive tu, senza penza’ all’ati? Nisciuno t’ ‘a mai ditto che “no”, è overo? ‘A casa toja ‘e avuto sempe tutto chello che vulive! E chesto è giusto, pe’ chi nun tene manco ‘nu poco ‘e pane p’ ‘e figli? Sientime, belle’, a tutti piace ‘a vita comoda, a tutti piace ave’ tanti cose… ma è n’ingiustizia! Cca’ ce sta gente tenuta a forza int’all’ignoranza, pe’ cumanna’ meglio; chi tene ‘na fatichella, ‘o lassano arrubba’ pure ‘e puverielle, pe’ nun darle ‘e sorde che avesse ave’; chi manco chello tene, se sceta ‘a matina ampressa, e corre a fa’ ‘e cicorie servatiche, prima che arrivano l’ati disgraziati comm’ ‘a loro, si no rimane riuno!… E invece ce sta chi jetta ‘nu vestito pecche’ nun è cchiù ‘e moda, chi tene cullane, cavalli e carrozze ‘e tutt’ ‘e culuri, e ce sta pure chi fa ‘e guerre, facenne accirere ‘a gente pe’ ‘nu piezzo ‘e muntagna ca nun serve a nisciuno! E tutto chesto sicondo te è giusto? No, nun è chesta, ‘a giustizia ‘e Dio! Isso ci ‘a chiammato pe’ figli, cca’ simmo tutti frati e sore, e i frati nun se trattano accussi’… Gesù ‘a ritto chiaramente che pe’ chi nun tene ammore pe’ ll’ati, ce sta ll’inferno, fosse pure ‘nu Re!

STREGA:                  (esce di corsa, strillando) Basta! Stateve zitto! Nun po’ essere… Nun è giusto!... Nun è giusto!...

BANDITORE:            Don Nico’, io nun saccio che dicere… certo che chella figliola s’ è propeto appaurata!

DON NICOLA:          Povera figlia… sperammo che Dio le da’ ‘na bona vota ‘a forza ‘e cagna’ vita… Dice che nun è giusto… Ma che cosa? Quanne maje ‘a vita d’ ‘e puverielli è stata justa? ‘A giustizia, chella vera, ce sta sulo dopp’ ‘a morte! Ma nun ve penzate che ‘a colpa è sulamente ‘a soja… (si rivolge al pubblico, indicando ora l’uno, ora l’altro)  Chi ‘e vuje l’ ‘a dato ‘e sorde pe’ farle fa’ ‘e fatture? Chi l’ ‘a ditto ‘e mena’ jastemme ‘ncopp’ ‘o semmenato ‘e ll’ati? Chi l’ ‘a dato ‘e ricevute ‘e pegno tutte ‘nzieme, pe’ se fa’ turna’ tutt’ ‘e denari ‘nzieme d’ ‘o debitore, o farse da’ chellu muorzo ‘e terra che teneva?  (si rivolge alle comari) Chi è ghiuta a farse fa’ ‘e carte? Chi è ghiuta a farse spiega’ ‘e suonne? Chi è ghiuta a fa fa’  ‘a fattura contro ‘a cummare d’ ‘o marito?

(il silenzio dimostra che ha centrato anche stavolta; lo sguardo gli cade sul banditore il quale, sentendosi osservato come da un giudice supremo, cade in ginocchio con le mani giunte)

BANDITORE:            Io nun aggio fatto niente! Io nun saccio manco comme se chiamma! Io nun ce so’ maje juto!

DON NICOLA:          (sorridendo, lo rialza e lo fa sedere di nuovo) ’O saccio… nun te preoccupa’; e pure vuje, nun ve preoccupate… pe’ cheste dumande che v’aggio fatto, me’ so’ inventato tutte cose!

(Il pubblico e le comari si rilassano visibilmente)

CATERINA:              Io overo me l’ero creduto…,

ROSA:                     Vi’ comm’ è stato bravo, ‘o prevete!,

FRANCESCA:           E chi ‘e nuje fosse capace…?,

ANGELINA:              Chella è meglio che se n’ è fiuta, si no….

DON NICOLA:          Eh, chesto po’, no! L’ipocrisia, no! Nun avite fatto niente? Meglio pe’ vuje! Però nun ve scurdate che ve site creruti tutte cose; quanne parlavo, nisciuno che m’ ‘a fermato, dicenne che erano tutte fesserie! Allora, ‘nu poco ‘e colpa ‘a tenite pure vuje, si’ ve site appaurati ‘e chella manera! Nisciuno è senza peccati, ricurdatavello, ognuno ‘e nuje s’aspettasse ‘a giustizia vera, chella ‘e Dio, che vene dopp’a morte, e ‘o pregasse p’ ‘a Misericordia!


Nona scena: La misericordia

BANDITORE:            Don Nico’, però! Comm’ è che dicite che ‘a giustizia ‘e Dio ce sta sulo doppo ‘a morte?

DON NICOLA:          Pecchè sulo Dio è l’unico che nun s’ammocca fessarie! Quanne  si’ muorto, ‘e fatto tutto chello ca ‘aviva fa’, e chillo è ‘o mumento p’ ‘a decisione! Chillo t’addimanna, cu’ ‘na voce ‘e tuono :”Tu che ‘e fatto? Che ‘e guaragnato pe’ me, ch’ ‘e talenti ca t’aggio dato? A chi ‘e vuluto bene? A chi ‘e fatto bene?” E tu che stai sulo, annanze a Isso, annuro comme quanne si’ nato, che faje? Ti mitti a risponnere buscìe? Chillo sape tutte cose, e sape pure ‘a risposta justa, pure si nun parli! Tu puo’ fa scemo a n’at’omme, ma a chi t’ ‘a fatto e te vede ‘arinto comme si tu fussi ‘nu bicchiere ‘e vrito, comm’ ‘o ‘mbruoglie?

BANDITORE:            E’ overo! Avite propeto ragione! Allora sì, che esce ‘a verità!

DON NICOLA:          Sta pure cca… ‘ncopp’ ‘a ‘sta terra… Gesù Cristo stesso ll‘a ditto! Verità, libertà d’ ‘a schiavitù d’ ‘e peccati, giustizia… T’ ‘o siente dint’all’anema, quanne te fanno ‘nu tuorto, e tu ‘o perduoni e l’offri a Dio; Isso è ‘a Via p’ ‘asci’ da chistu munno e ‘i dint’ ‘e braccia soje, pe’ ghi’ a campa’ ‘a vera vita… Cca’, quanne faje accussi’, te sienti liggiero, c’ ‘a pace dint’all’anema,…

ANTONIO:                (entra, con la camicia arrossata, reggendo la strega, che porta uno straccio insanguinato sulla parte superiore del viso; anche lei avrà la camicetta macchiata di rosso) Don Nico’, aiutateci…

(le comari ed il pubblico di scena si alzano, allarmati)

RAGAZZO 1:            ’E surdate…!

ROSA:                     Ma no, nun so’ loro!

CATERINA:              Nun ce viri buono?

RAGAZZO 2:            ‘Anno acciso ‘a strega!

ANGELINA:              ’E jastemme noste ‘anno quagliato!

DON NICOLA:          Toto’… ma che è succieso? Tu staje ancora cca? (al pubblico) Vuje stateve assettati… è inutile che venite cca’… Miettela ‘ncopp’ ‘a ‘sta seggia… (alza a forza il banditore dalla sua sedia, che perde l’equilibrio e cade; senza interessarsi di lui aiuta Antonio a far sedere la strega, che esegue supinamente) Povera guagliona… (accenna una carezza)

BANDITORE:            (un pò risentito per l’episodio della sedia, strofinandosi un fianco) E chella nun abbastava  ‘a capa rotta… me so’ scassato pure n’ata cosa! Ma tu nun te ne iri juto? Ch’ ‘e fatto? Che è succieso?

ANTONIO:                A chi? Ce stanno surdate pe’ tutte parti! Nun se passa! Io stevo annaccuvato, cercanne ‘o mumento justo pe’ me ne fui’, e chesta guagliona è cumparza all’impruvviso annanze a me, curreva alluccanne, vicino ‘e surdate, comm’ ‘a ‘na pazza… chilli ’anno sparato, e chella m’ è caruta ‘e pieri! Don Nico’, quanto sangue! Chella, ‘a palla, l’ ‘a strisciato meza faccia… Don Nico’… ll’uocchie nun se vedono cchiù mmiez’ ‘a carna viva, ‘o naso s’è rutto, nun parla, nun ce sente… ‘nu sperpetuo!

DON NICOLA:          (si accosta alla strega e le parla sommessamente; lei si lamenta, ogni tanto) Piccere’, si me putisse capi’… te vulisse cunfessa’?

(le comari cercano di rendersi utili; Rosa impartisce alcuni ordini)

ROSA:                     ’Ngiuli’, ‘o bacile cu’ nu poco d’acqua; France’, piglia ‘nu poco e cennere e ‘a lisciva, io vaco a piglia ‘a spogna; Catari’ tu ‘e bende ne tiene ancora? (escono Francesca e Angelina)

CATERINA.               Va buo’, me fa’ ‘na cosa, chesta… nun c’ ‘e vulevo da’, ma mo’ me pare che ‘o castigo ‘a avuto…

ROSA:                     Vaje, mo’ è ‘na povera femmena ferita…(esce Caterina; Rosa, rivolgendosi al pubblico di scena) Guagliu’, o v’assettate o ve ne jate!

BANDITORE:            Nun ‘a veco bona…

ANTONIO:                Sta puverella ‘a perzo assaje sangue… mo’ s’ è fermato… ma manco a me me pare che ce ‘a po’ fa’… si ‘a verisse! ‘A palla ‘a pigliato ‘e travierzo, ma nun era ‘na palla ‘e fucile…

BANDITORE:            (inorridito dalla rivelazione)  Mamma d’ ‘o Carmene… Tu che dice? E l’anno sparata c’ ‘o cannone? ‘Na femmena disarmata! Che puorci! Che fetienti! E è ancora viva? E che me vuo’ fa’ vede’! No, no!… Fernesce che si ce lievi ‘e bende, ‘o sangue ancumincia a asci’ forte n’ata vota e chella more ‘e subbeto… o moro io, p’ ‘a paura… io già stongo cumbinato buono, ch’e duluri! (si strofina il fianco)

ANTONIO:                Però po’ essere che è stato pe’ sfurtuna… loro sparavano ‘ncopp’ ‘a muntagna,  e essa s’ è menata annanze!

(rientrano le comari, portando un catino, delle bende, il necessario per la pulizia e la medicazione, ma il banditore le ferma con una pietosa bugia)

 BANDITORE:           Signo’, lassatela sta’… Facitela primma arripiglia’ ‘nu poco… mo’ mo’ ‘o sanghe s’ è stagnato… Nun ‘a tuccate ancora…!  (vedendo poi qualcuno del pubblico in piedi)  Forza, assettateve, si no ‘a cca’ nun ce ne jammo! Chillo ‘on Nicola ‘a ditto che ‘a vo’ dicere tutta quanta, primma che arrivano ‘e surdate! ‘On Nico’…’on Nico’!

DON NICOLA:          (si rialza, ma non lascia la strega, facendole un segno di benedizione) Nun me risponne… Nun dice niente…

BANDITORE:            Ma mo’ ‘e surdate…?

ANTONIO:                Stanne venenne… ‘Anno quase fernuto ‘e passa’ ‘o sciumme… Mo’ ‘e vide ‘e veni’… E pe’ nuje è fernuta… (si siede a terra, disperato)

(gli uomini del pubblico si alzano silenziosamente, consci del pericolo imminente, ed escono per ritornare nei loro nascondigli; il resto degli spettatori, non avendo di meglio da fare, riprende il suo posto; le comari, viste anche loro le condizioni della ferita, hanno deciso di attendere, ed hanno ripreso i loro libri, ma aspettano che il prete, silenzioso ed assorto come in preghiera, si riscuota)

BANDITORE:            E allora, ‘on Nico’… (indica la strega) Mo’ che fine ‘anno fatto ‘a verità, ‘a libertà, ‘a giustizia?

DON NICOLA:          Ma che faje, te mitte a jastemma’! E comme te permetti ‘e giudica’ a Dio? Tu che ne sai Isso che sta facenne? Statte zitto, pienza a fa’ ‘o mestiere tuojo… e prega pe’ chesta povera anema… chella a n’ato poco… se ne va…

BANDITORE:            Io nun me permetto… dicevo sulamente… ecco… ma pecchè? ‘Na femmena bellella, chiena ‘e vita…  mo’ è ‘nu straccio ca… n’ato poco… Ma pecchè?

DON NICOLA:          ‘A n’ato poco, si Isso vo’, s’ ‘a piglia pe’ mano e s’ ‘a porta ‘a casa soja… E llà nun avimmo idea ‘e comme sta bona… Chella nun sente, manco parla… Po’ essere ca s’ è pentita, primma ‘e piglia’ ‘a scuppettata… Chi ‘o ssape! Pregammo pe’ ll’anima soja, che se pente d’ ‘o male fatto…

BANDITORE:            Chillo guaglione m’ ‘a ditto che nun era ‘nu colpo ‘e fucile…

DON NICOLA:          E’ stato chello ch’ ‘e stato… Meno male che nun soffre tanto, puverella…  ‘A botta ‘a pure stupeduta… Pure chesta è ‘na grazia…

BANDITORE:            Stavota ve capisco, Don Nico’… Po’ essere che more senza suffri’ troppo… sapisseve comme stongo suffrenne io… comme me fa male ‘a capa… e nun sulo chella… (si strofina il fianco)

DON NICOLA:          (pensieroso, senza riflettere sulle parole del banditore) Eh, si… quante songo, ‘e duluri d’ ‘a vita…

(Le donne del coro, visto che il sacerdote non le fa cenno, iniziano a mezza voce)

CORO:                     Ce stanno ‘nu marito e ‘na mugliera,,

                              duje viecchi suli, ch’ ‘anno perzo ‘e figli.

                              Ognuno tir’annanze e ‘a morte spera,

                              ‘na vita senza scopo e senz’appigli!

DON NICOLA:          Dio s’ ‘a pigliati senza esitazione,

                               vuleva fa’ doje chiacchiere cu’ loro;

                               passanne ‘o tiempo, acala ll’afflizione,

                              la pace Soja lle scenne dint’ ‘o core!

CORO:                     ‘O Cielo è fatto pe’ riuni’ ‘e famiglie;

                               campa’ in eterno, senza cchiù maluri,

                               valeva ‘a pena, manna’ annanze ‘e figli,

                              se n’anno sparagnate, de duluri!

DON NICOLA:          E ‘a Misericordia scenne ampressa;

                               pure si chiagne e te fa male ‘o core,

                               ‘nu poco ‘a vota pure ‘o strazio passa,

                              lassanne ‘a cicatrice d’ ‘o dulore.

CORO:                     ‘Na guagliuncella tutta sale e pepe

                               jesce c’ ‘o fidanzato pe’ ‘na festa;

                               ascenne ‘nu bandito ‘areto ‘a siepe,

                              accire a isso, e a essa leva ‘a veste!

DON NICOLA:          Dio, che permette cheste malazioni,

                               se porta ‘mparaviso ‘o giuvanotto;

                               a essa, dopp’ ‘a pronta guarigione,

                              le fa capi’ ca isso mo’ sta a posto!

CORO:                     ‘A vita che sunnavano pe’ lloro

                               nun era ‘nu prugetto eccezziunale;

                               ‘a casarella, ‘o poco d’ ‘o lavoro,

                              ‘o matrimonio, juorne sempe uguali.

DON NICOLA:          Invece Dio l’ ‘a fatto cagna’ strada,

                               giranne sott’ ‘e ‘ncoppa chella crisi;

                               ‘o giuvinotto a essa s’ ‘a chiammata,

                      e po’ se so’ spusati ‘mparaviso!

CORO:                     Dopp’ ‘a ‘na vita spesa senza Dio,

                               ‘sta femmena ce resta struppiata;

                               mo’ sta pe’ muri’, ‘mmiez’ ‘a ‘na via,

                              senza cunforto, tutta sfigurata!

DON NICOLA:          Dio sape ch’ammirava la bellezza,

                               pe’ chesto forze Lui se l’ è chiammata;

                               dimane, chi le pettina la trezza?

                              ‘A mamma, ch’ è ‘a cchiù bella d’ ‘o Criato!

CORO:                     Qual’ è ll’essere umano che nun sbaglia?

                               Ma si te pienti, è tutto perdonato!

                               Santa Misericordia tutto toglie,

                              ess’ è cchiù grossa assaje d’ ‘e tuoi peccati!

DON NICOLA:          Signore Iddio, aiuta chesta strega,

                               dalle ‘nu segno della tua Bontà,

                               Tu ‘e sentuto buono: nun te nega!

            Ll’anno sviata; falla addirizza’!


Decima scena: La resurrezione

DON NICOLA:          (si accosta nuovamente alla strega, parlandole; lei si lamenta, ogni tanto) Piccere’, ti sienti meglio?... Ce sienti?... Te vulisse cunfessa’?

ANTONIO:                (si rialza) Don Nico’… So’ io che me voglio cunfessa’… ‘A ‘n ‘ato poco simme tutte muorte…

DON NICOLA:          Jammo, facimmo ampressa… (escono)

BANDITORE:            (si accosta alla strega)  Piccere’… piccere’!... Niente! Cu’ tutto ‘sto sangue ch’ ‘e perzo, è ‘no miraculo che si’ ancora viva… (le tasta cautamente la benda; rivolto verso le signore del coro) Chillo nun pazziava… Cca’ nun ce sta cchiù niente, pure ll’uosso d’ ‘o naso nun se sente… Puverella…

(il pubblico di scena è disordinatamente in piedi; il coro, alcune signore e un paio di ragazzi si avvicinano alla strega e le tastano cautamente la benda)

ROSA:                     Facite chiano!

ANGELINA:              Cca’ nun ce sta cchiù niente ‘a fa’…

CATERINA:              Respira appena… chi sape ‘o core comme sta…

RAGAZZO 3:            Puverella…

FRANCESCA:           Chesta è ‘a giustizia ‘e Dio…  E nun le tuccate ‘e bende!

RAGAZZO 4:            Mamma’, e che vuo’ pulezza’, cca’?

(Rosa e le sue comari, cautamente, cominciano comunque a pulire la faccia della strega, nella zona scoperta. Don Nicola ed Antonio rientrano; quest’ultimo, come svuotato, si siede su una sedia libera,  aspettando passivamente i soldati).

DON NICOLA:          Addo’ simmo arrivati?...

(la domanda di don Nicola fa sciogliere il gruppetto intorno alla strega; le coriste ritornano dai loro libri ed il pubblico ai loro posti; Rosa riapre il suo per rispondere alla domanda del prete)

ROSA:                     Vicino ‘a Misericordia ce sta ‘a Resurrezione!

DON NICOLA:          Ah, già…

BANDITORE:            Don Nico’, diciteme ‘na cosa… ‘Sta femmena… Tene ‘a faccia… sfracellata proprio! Ma ‘o juorno d’ ‘a Risurrezione… Insomma, essa ‘a faccia ‘a tene ancora, è overo?

DON NICOLA:          Nun te permettere ‘e jastemma’! Ma tu ‘e capito che significa Risurrezione? Spezza’ ‘o putere d’ ‘a morte, azzecca’ n’ata vota anema e corpo, fa’ funziona’ n’ata vota tutte cose, e tu te mitte a parla’ ‘e chesti minuzzaglie? ‘A putenza ‘e Dio tu ‘ammesuri cu’ quanti piezzi ce stanno? E allora, chilli che so’ diventati povere e s’ ‘a purtata ‘o viento? E chilli abbruciati, che so’ addiventati comm’ ‘a cenere d’ ‘o fuculare? E chilli che se so’ cunsumati dint’ ‘all’acqua? Ma famme ‘o piacere…

ROSA:                     (sollevata dal fatto che il prete si è ripreso, recita la Resurrezione)

                               Figlio mio bello, Figlio mio diletto,

vera speranza, vita ‘e chisto core,

’o ssaje pecchè te tengo accussì stritto,

‘e braccia cummannate dall’ammore

ca io te porto, Figlio beneritto,

‘e tutto ‘o munno, vero Salvatore!

Vicino a te, ‘o core mio è rinato,

mo’ songo overamente cunzulata!

DON NICOLA:          Comme si’ bella, cara Mamma mia;

io so’ cuntento d’essere risorto,

e t’aggia ringrazia’ d’ ‘a cumpagnia

ch’ ‘e m’ ‘e tenuto, fino a che so’ muorto;

mo’ sta’ cuntenta, famme ‘a cortesia,

scuordate tutt’ ‘e pene e tutt’ ‘e tuorti!

Mo’ pure tu m’aiuta, c’ ‘o surriso,

a purta’ tutt’ ‘a gente ‘nparaviso!

ROSA:                     Io te ringrazio assaje, mio caro Figlio,

mo’ so’ cuntenta e so’ pure appaciata,

staje buono, janco e frisco comm’ ‘o giglio,

pronto a turna’ ‘o Cielo d’ ‘e beati.

DON NICOLA:          Io veramente vulesse resta’ cca’,

‘nzieme cu’ te, Mamma, chien’ ‘e grazie,

ma tengo overamente assaje che ffa’,

ce sta chi pecca ancora, pe’ disgrazia!


Undicesima scena: epilogo

(si affaccia dalle quinte un plotone di alcuni soldati armati guidato da un Capitano; Il pubblico lascia in fretta i propri posti, rovesciando alcune sedie e panche ed uscendo dalla direzione opposta, come il gruppo del coro; restano  solo il banditore, Antonio, assopito, ed il prete, a fianco della strega. Il Capitano, dopo un tacito segnale di arresto ai suoi, ispeziona velocemente la scena, guardando appena le sedie e le panche rovesciate)

BANDITORE:            (a mezza voce, diretto al sacerdote, mentre il Capitano raggiunge il centro del palco)  Justo ‘stu carugnone c’ ‘eva veni’ cca’! (rivolge al Capitano dei timidi cenni amichevoli)

CAPITANO:              (senza curare il banditore, accertatosi che non ci sono pericoli per i suoi, li fa avanzare e si rivolge al prete, preferibilmente con cadenza all’inglese) Stavate facendo uno spettacolo di parrocchia, vero? Allora voi siete il prete di questa chiesa… Don Nicola Palomba… Siete in arresto!

DON NICOLA:          E vuje chi site, p’ ‘arresta’ ‘nu ministro ‘e Dio?

CAPITANO:              Sono ufficiale di Sua Maestà il Re delle Due Sicilie, e ho ordini scritti di arrestare i sovversivi e i rivoltosi; per voi, ho l’ordine di procedere a eseguire la pena capitale, firmato dal Delegato di Giustizia!

DON NICOLA:          Quanti paruluni, pe’ ‘nu povero prevete ‘e ‘na chiesa scurdata!

CAPITANO:              Voi non siete un povero prete! Voi siete un sovversivo, un agitatore, un traditore!

DON NICOLA:          Io ‘o Padrone mio nun ‘aggio mai traduto! Vuje invece si’, che ubbidite all’ordini cuntrari ‘a carità, vuje che levate ‘a libertà ‘a povera gente, vuje ca appennite ‘a gente, vuje ca sparate comme niente fosse, (indica con forza la strega, ancora incosciente) …accirenne e struppianne ‘a gente disarmata! Vuje nun capite niente! Capita’, ‘a tenite, ‘a voce? E’ ‘nu grande dono ‘e Dio, e vuje nun ve n’accurgite! Vuje scanzate ‘e pericoli, guardanne e sentenne? E chi v’ ‘a data ‘sta grazia? E’ ‘nu grande dono ‘e Dio, e vuje nun ‘o sapite! (si rivolge ai soldati)  Guagliu’, quanti cumpagni ‘ate perduto p’ ‘a via? E pecchè site ancora vivi? E’ dono ‘e Dio… E vuje ce jate contro?

CAPITANO:              Basta! Non siamo qui per sentire prediche! Non possiamo perdere tempo! C’ è un’ esecuzione da fare, e vi avverto: se cercate di scappare, dò l’ordine di sparare; se correte in chiesa, vi staneremo e faremo l’esecuzione sul posto!

DON NICOLA:                 Guagliu’, ‘ate sentuto? ‘O capite che sta succerenno? L’ordine ‘e difendere ‘a terra d’ ‘o Re, addiventa «Accerite ‘o prevete ribelle, chillo che aiuta ‘e cafune, acciritelo pure dint’ ‘a chiesa, si s’abbraccia a ‘na culonna, scippatelo ‘a lla, e sparate! Sparate pure si state annanze ‘a Dio! Accerite, pe’ vuluntà d’ ‘o Re, isso, ‘e cafune, e tutti chilli che ‘anno bisogno ‘e aiuto pe’ campa’!» Capita’, è chesta ‘a giustizia che sta scritta dint’ ‘e carte voste? Gesù s’ è fatto comme a ‘nu servo, comme a chilli stessi servi che vuje state accerenno! ‘A giustizia vosta, ‘a giustizia ‘e l’uommene, l’ ‘a miso ‘ncroce! E pure vuje, oggi, facesseve ‘a stessa cosa! E’ stato marturiato, acciso e manco doppo muorto ‘e surdate ‘anno rispettato! E che è succieso? ‘O Pataterno ‘a resuscitato, pe’ fa’ vede’ qual’ è ‘a giustizia vera! Capita’… E allora, si tenessero ragione chilli che chiammate nemici vuosti? Ce penzate? Chilli che stanno d’ ‘a parte ‘e Dio? E vuje, ‘o tenesseve ‘o curaggio ‘e spara’ a ‘nu prevete, dint’ ‘a ‘na chiesa? Vulimmo vede’?

CAPITANO:              Se entrate in chiesa, dò l’ordine di fare fuoco!

DON NICOLA:          No, Capita’, nun voglio che sti guagliuni fammo ‘stu sacrilegio… Vulesse sulo salutà ‘o Crocefisso d’ ‘a chiesa, ma nun è nicessario! Isso mò, sta pure cca’ (alza il Crocefisso appeso al cingolo) Guagliu’, guardatelo buono e arricurdateve ‘e doni ‘e Dio: ringraziatelo e benericitelo; tenite ‘na famiglia, coccheruno ‘e vuje tene pure ‘e figli; quanne fernesce ‘sta guerra, e putite turna’ a fatica’, arricurdateve che Gesù è stato comm’ ‘a vuje, e sta cu’ vuje, sempe! Isso v’aiuta, comme vuje aiutate ll’ati, cchiù puverielli; e ogni suspiro, ogni passo, ogni cosa che facite o ch’ ‘avite, è Isso che v’ ‘o dda’! Ringraziatelo e benericitelo!

CAPITANO:              Formate squadra, e procediamo con l’esecuzione! Quel muro laggiù! Avanti! (i soldati si mettono ai lati di Don Nicola e lo accompagnano mentre esce)

DON NICOLA:          (con il crocefisso levato) Laudate et benedicite… A nomme ‘e Gesù Cristo, che murenne, ce ‘a liberato… Laudate et benedicite… A nomme ‘e Gesù Cristo, che murenne, ce ‘a liberato… Laudate et benedicite… (esce con i soldati, gridando)

CAPITANO:              (segue i soldati e da’ l’ordine fuori scena) Fuoco! (si sentono colpi di fucile)

BANDITORE:            (durante la scena si è nascosto dietro la spalliera della sua sedia) Mamma d’ ‘o Carmene! Chilli l’ ‘anno acciso overo….(dopo un momento di pausa, accompagna con gesti la partenza dei soldati, facendo un sospiro di sollievo quando non riesce più a vederli; poi va verso Antonio, e lo riscuote)  Donn’Antonio… ‘e surdate ormai, ‘anno pigliato ‘o pesce gruosso, se ne so’ ghiute… Me l’eva ditto, ‘o cumpariello mio… So’ venute cca’ sulo pe’ isso!

ANTONIO:                (alzandosi) L’ ‘anno sparato, è overo? Aggio sentuto ‘e colpi… stevo tanto acciso che me so’ addurmuto, e chilli m’ ‘anno scetato… Ma che ‘a ditto, ‘a fine, Don Nicola?

LA STREGA:             (si lamenta sommessamente)

BANDITORE:            Povera piccerella… E’ ancora viva… Don Nicola? ‘A ditto ‘nu sacco ‘e cose… Ma chella cchiù bella è stata che ‘amma ringrazia’ e benedi’ Dio e Giesù ca, murenne, ce ‘a dato ‘a libertà… E po’ ‘nzisteva cu’ ‘a giustizia, dicenne che ‘a giustizia ‘e ll’uommene è fauza, nuje campammo senza ca ce accurgimmo d’ ‘e doni ‘e Dio…Donn’Anto’, io nun ‘o saccio, però penzanne a chillo carugnone, a comme m’ ‘a trattato, a me, ca so’ ‘nu bannetore reale, ‘nu fedele suddito d’ ‘o Re, ca stongo ‘a stessa parte soja… ancummincio a penza’ ca forze ‘on Nicola aveva raggione, ‘ncopp’ ‘a cierti cose…

ANTONIO:                E’ n’eroe! Sarrà arricurdato, pe’ chesto… M’aggia scrivere buono tutte cose… Oggi quante n’avimmo?”

BANDITORE:            (la faccia del banditore si illumina) Oggi, addi’ 14 ottobre 1799… (viene folgorato da un pensiero) Mamma d’ ‘o Carmene! (istintivamente si dà uno schiaffo in fronte) Ahia! Che dulore…

ANTONIO:                Che d’ è? Che è succieso?

BANDITORE:            ’O bando! Io nun aggio fernuto ‘o giro mio! ‘Eva leggere ‘o bando pure ‘nta chillo paisiello cca’ vicino!... E nun ce so’ stato ancora! Si ‘o vene a sape’ ‘o Delegato, chillo me manna ‘ngalera, e io tengo ‘na famiglia… sette figli! ‘Onn’Anto, io me n’aggia fui’ ‘e pressa… Me serve ‘nu ciucciariello o ‘na carretta, che m’aggia purta’ ‘a seggia e nun pozzo cammena’ pure cu’ chella ‘ncuollo, ca me fa male…! (si strofina il fianco) Mamma d’ ‘o Carmene, aiutame tu, (si strofina la testa) …me fa male pure ‘a capa… e chi sa comme faccio senza ‘o tammuro… chillo, ‘o Delegato, m’ ‘o fa pava’… chi ‘o ssape quanto costa! E si po’ vene a chiovere…

LA STREGA:             (si lamenta sommessamente, poi, all’improvviso)  Don Nico’!...

ANTONIO:                (accorre ad un suo lato)  Signuri’…

BANDITORE:            (si mette dall’altro lato)  Piccere’… Ce siente?...

LA STREGA:             (con studiata lentezza, tra lo sgomento dei due, si toglie le bende sporche, rivelando –naturalmente- il viso intatto e volgendosi intorno)  Don Nico’! Aro’ sta? Ma chi m’ ‘a miso ‘sti schifezze ‘ncopp’ ‘all’ uocchie? (se le toglie, lasciandole poi cadere con disgusto)  Don Nico’!...

BANDITORE:            (trasecolato)  …Don Nicola è muorto… l’ ‘anno fucilato ‘a poco…

ANTONIO:                (anch’egli turbato, riferendosi alle condizioni della strega)  Chesto nun è possibile… ‘i ’aggio visto… nun ce pozzo credere… ‘i ’aggio visto buono, cu’ chist’uocchie… e nun durmevo!

LA STREGA:             (con naturalezza, equivocando) Pure io ‘o dico che nun è pussibile! ‘Nu mumento fa parlava ‘e ll’inferno, po’ s’è fermato quanne io me ne so’ fiuta! Ll’aggio visto mò mo’… Che me salutava… Steva annanze a me, proprio cca’ annanze, e teneva pure ‘o Crocefisso ‘mmano… E rideva, tutto cuntiento! Mo’ addo’ è ghiuto? Aro’ sta?

BANDITORE:            (ancora turbato)  …Don Nicola se n’ ‘e ghiuto…

ANTONIO:                (anch’egli turbato, sempre riferendosi alla ferita della strega)  …E’ ‘nu miraculo…

LA STREGA:             Ue’, me vulite piglia’ pe’ scema… mo’  mo’  steva cca… Accussì ‘a fatto ‘o miraculo e se n’è ghiuto? (girandosi distrattamente intorno) Ma che è succieso? Se ne so ghiuti tutti quanti? ‘A fernuto ‘a rappresentazione?… Justo mo’ ca me vulevo… Me vulevo fa ddoje chiacchiere cu isso…

BANDITORE:            (si ritira più indietro, e si inginocchia, pregando a braccia aperte)

ANTONIO:                (si ritira dall’altro lato, e si inginocchia, pregando a mani giunte)

LA STREGA:             (al centro scena, calano le luci, spot su di lei; si alza lentamente dalla sedia)  Ma che è succieso? Chisti duje che se ne vanno… Che state facenne? (guarda il posto del pubblico di scena: sedie per terra, panche rovesciate) Se ne so’ jute proprio tutte quante!... Don Nico’!...(tende l’orecchio in attesa di una risposta) Niente! Ma che è succieso? (va da Antonio, lo scuote, ma egli non le risponde; va verso il banditore, scuote anche lui, ma non ottiene risposta)

                               Ma che è succieso?... Nisciuno ca dice niente! (rivolge gli occhi al cielo) E Tu, addo’ staje? Pe’ caso, te ne si’ ghiuto pure tu, comm’ ‘o prevete? E mo’ io a chi me cunfesso? Me vulisse da’ ‘nu segno ca, almeno Tu, nun m’ ‘e lassata? Me vulisse da’, almeno Tu, ‘nu segno che me perduoni? Si’ è overo che ce vuo’ bene, si’ è overo ca vuo’ bene… pure a me,… che si’ accussì putente, che te costa?... Sulo ‘na cosa piccerella…! (si inginocchia a pregare anche lei a testa china, piangendo; si spegne lo spot)

(nella penombra entra Rosa, poi Angela, Caterina e Francesca; Rosa stringe il fazzoletto, e con voce malferma per il pianto)

ROSA:                     ’Ngiuli’, France’, Catari’… A nomme ‘e chillo santo martire ‘e don Nicola…, facimmo l’uldema preghiera…

(recuperano i loro libri e si dispongono in piedi, al centro palco, con i testi aperti tra le mani; luce solo su di loro; il sottofondo musicale sarà attivato soltanto durante gli interventi del coro)

CORO:                     Signore, Tu sai ca simmo deboli,

vulimmo ‘a guerra, simmo mariuoli,

sfruttammo, cundannammo a morte,

chi ce cumanna a nuje è sulo forte;

ROSA:                     Tu dammi ‘a forza ‘e parlare ‘e pace,

voglio purta’ l’ammore addo’  sta ll’odio,

addo’  sta scuro, voglio purta’ ‘a luce,

voglio purta’ ‘a fede addo’  sta ‘o dubbio!

CORO:                     S’opprime, invece ‘e dare libertà,

s’ ‘e perza pure ‘a via d’ ‘a carita’,

invece ‘e perduna’, ce sta ‘a vendetta,

e quanta gente sta ch’ ‘e scarpe strette!

ROSA:                     Addo’  c’ è offesa, voglio purta’ perdono,

‘a gioia santa ‘o posto ‘e ll’afflizione

addo’ discordia, voglio purta’ ll’unione,

‘a verità ‘o posto ‘e ll’imbrugliuni!

CORO:                     Signore, nuje tenimmo ‘a vista corta,

staje ‘mmiez’ a nuje, e manco te vedimmo;

dacce ‘na mano Tu, e bona ciorte,

pecchè, ‘nu poco ‘e bene, t’ ‘o vulimmo!

ROSA:                     Gesù maestro, vienici a ‘mpara’

ca primma nuje, ‘amma cunsula’;

primma ‘e capi’, facimmo capi’ ll’ati,

vulimmo bene, invece ‘essere amati;

e perdunanne, simmo perdunati,

pecchè murenno si è resuscitati;

pecchè donanne, si riceverà,

pecchè ‘nzieme cu Te vulimmo sta’!

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 31 volte nell' arco di un'anno