Giorno di festa

Stampa questo copione

*

Pippo Spampinato

( Liberamente tratto da “Einen iùx will er sich machen” di Johann Nestroy )

TRE ATTI


1

P E R S O N A G G I :

Signora Meli

Simone Ciancio, negoziante

Emilia, sua figlia

Alfredo Taviani, pittore

Cola Barresi, commesso

Biagio, commesso

Susanna Melato, modista

Santina, lavorante

Direttore del ristorante

Cameriere del ristorante

Ernesto, altro cameriere del ristorante

Epoca : primi anni del ‘900


2

ATTO PRIMO

La scena :

Il retrobottega del negozio di generi alimentari nella casa di Simone Ciancio in Caltagirone.

Nell’ampia stanza vi sono tre porte al centro di ogni parete; quella sulla parete di fondo dà sulla strada e fa da comune, quella sulla parete di destra immette nelle altre stanze e quella sulla parete di sinistra nel negozio.

Nella parete destra, sul davanti, vi poggia un lavamano e un mobile con sopra gli arnesi e l’occorrente per radersi; accanto vi è una sedia con un largo asciugamano poggiato sulla spalliera; un’altra sedia si trova a sinistra.

Accatastati in ogni angolo e poggiati alle pareti vi sono dei sacchi, alcuni pieni e altri mezzi pieni; poi scatole, casse, recipienti ed altro.

SCENA PRIMA

( Alfredo, Cola e poi Simone )


ALFREDO COLA ALFREDO COLA ALFREDO COLA ALFREDO COLA ALFREDO COLA ALFREDO COLA


( Entra con furia dalla porta di sinistra, staccandosi da Cola che per

trattenerlo l’aveva afferrato per la giacca ) Insomma, io devo assolutamente

vedere la signorina Emilia! ( Cerca di dirigersi verso la porta di destra ).

( Correndogli dietro ) Alt! Fermu!...        Auh! U sapi ca lei è curiusu?! Ci

ripetu ca haiu ordini du me principàli ca a lei non l’haiu a fari tràsiri

mancu ‘nto negoziu. Lei s’infficcàu macari ccà intra, ‘nto retrobottega...

( Convincente ) Sentite Cola, io ho bisogno urgente di parlare con la mia

fidanzata.

Quali fidanzata?

Ma la signorina Emilia, la figlia del signor Simone Ciancio.

E lei, u vidi? Col signor Simone Ciancio, u me principàli, havi vogghia di

ciànciri, pirchì finu a quannu dda testa di mulu dici di no, lei alla

signorina Emilia si la può scurdari. Autru ca fidanzata.

Io sono una persona perbene e lui dovrà acconsentire...

Ca comu! U sapi cchi va dicennu di lei? Dici: “Si ddu ‘mbrattta

brunzeddi, cioè lei, si arrìsica a disturbare ancora a me figghia... e vèniri

‘nto negoziu, iù u cciuncu!” Perciò cci staiu priannu di nèsciri cchi so

pedi, prima ca arriva u principàli... e poi finisci ca mi l’haiu ‘mpùniri

‘ncoddu.

( Si siede di fronte la porta di destra ) Io da qui non mi muovo se non vedo

prima la mia Emilia.

Sintissi: si u principàli u trova ccà, si la pigghia cu mia e mi licenzia.

Che venga! L’affronterò!

A mia chiddu affronta.


DALL’INTERNO A DESTRA

SI SENTE LA VOCE DI SIMONE CHE CHIAMA COLA


3

COLA

Ccà è!... Si nni jssi! Ppi opera di carità, si nni jssi!... ( Invano cerca di farlo

alzare ) Mi licenzia, cci dicu!

SI SENTE ANCORA LA VOCE DI SIMONE

E comu fazzu?... Mi cunsuma, cci dicu! Mi licenzia!...

SI SENTE VICINISSIMA LA VOCE DI SIMONE

(  Quasi  rassegnato  )  E  ci  appizzai  u  postu!  (  Ha  un’idea.  Prende

l’asciugamano e stendendolo si mette davanti la porta di destra in modo da

coprire Alfredo alla vista di Simone, che entra ).

SIMONE

( Stupito dall’atteggiamento di Cola ) Cchi stai facennu cu sta tuvagghia?

COLA

Non vuleva fatta a barba? Sugnu prontu!

SIMONE

Oh! Na vota finalmente ca ti trovu prontu. (  Va a sedersi nella sedia

COLA

accanto il lavamano ).

( Subito gli mette addosso l’asciugamano e lo posiziona in modo da voltare

le spalle ad Alfredo, tenendolo fermo per non farlo girare ) Vossìa mi sta

fermu! ( Prepara il sapone ) Fermu!... Annunca u tagghiu...

SIMONE

Ma si ancora ma ha’ fari a sapunàta.

COLA

Vuleva diri: fermu annunca u ‘nsapunu.

SIMONE

Ma cchi stai dicennu? Ppi farimi a barba non mi devi ‘nsapunàri?

COLA

Certu! E u staiu ‘nsapunànnu. Fermu!... Mi sta fermu! ( E’ lui che non

sta fermo né calmo. Difatti, mentre insapona la faccia di Simone fa segni ad

Alfredo di andare via, dicendogli a denti stretti ) Niscissi fora!...

SIMONE

Cchi è ca dici?

COLA

( Volendo riparare ) Dicu... niscissi fora ‘a lingua.

SIMONE

‘A lingua? E cchi mi voi ‘nsapunàri ‘a lingua?!

COLA

( C. s. ) No, dicu: videmu ‘a lingua... Vossìa ‘a niscissi ‘n muminteddu...

Sta matina mi sta parennu chiù jancu ‘nta facci.

SIMONE

Cretinu! Si ci haiu fatta a sapunàta.

COLA

Ah, già! Non cci aveva fattu casu.

SIMONE

Vah! Spicciti ca haiu primmura!

COLA

Senza prescia. Devi stari fermu, cci dicu. Oh! E spiramu ca si nni va!

SIMONE

Cu è ca si nni va?

COLA

( Riparando ) Ca ‘a barba. Spiramu ca ci la levu tutta.

SIMONE

Ma chi voi diri? Mi lassi radutu a mità?

COLA

Pirchì non può essiri ca mi scordu qualchi pilu ancora attaccatu. Comu

sta cosa fitusa, ca arristau appiccicatu... ( Alfredo si alza ) Oh, finalmenti!

Si spiccicau!

SIMONE

Comu?... Cchi?

COLA

( Riparando ) U brunzeddu... s’aveva attaccatu ‘nta facci.

SIMONE

( Muovendosi nervoso ) Ma chi mi stai ‘nsapunannu ca codda?!

COLA

Fermu!....

ALFREDO

Signor Ciancio...

COLA

( Cerca inutilmente di impedire a Simone di voltarsi ).

SIMONE

Cu è?

ALFREDO

Sono io Alfredo Taviani.

SIMONE

Voi?! Cu è ca vi fici tràsiri a vui?

ALFREDO

Nessuno. Sono entrato da solo. E desidero parlarvi.


4


SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE ALFREDO SIMONE ALFREDO SIMONE ALFREDO SIMONE COLA SIMONE ALFREDO SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE ALFREDO SIMONE COLA SIMONE COLA ALFREDO COLA SIMONE


( A Cola che si atteggia ad essere indifferente ) Avevo dato ordine tassativo

ca  stu  signuri  non  doveva  assolutamente  mèttiri  pedi  mancu ‘nto

negoziu.

Chi mi cunta a mia? Chi cci curpu? Voldiri ca trasìu mentri iù haiu

statu ccà. Vah, ci l’haiu a fari sta barba?

Comu? Non c’è Biagio ‘nto negoziu?

Nonsignura, a Biagio non lu mannau vossìa dda banna?! ( Indica verso

destra ).

( Arrabbiandosi ) Sangu di Giuda! Mi lassati u negoziu sulu?!

Signor Ciancio, sono deciso a tutto. Io voglio sposare vostra figlia.

Mai!

Vostra figlia è maggiorenne. Mi ama e acconsente a sposarmi.

Chiddu ca non acconsento sugnu iù!

Siamo in un paese libero e quando una persona è maggiorenne...

E ccà semu ‘nta me casa. Perciò, caro signore, chidda è ‘a porta ( indica

la comune in fondo ) e marsc’!

( Che ha ripreso il lavoro ) Smammamu o frati! Acqua davanti e ventu

d’arredi. E non mi facissi siddiàri o’ principàli.

( A Cola ) Tu statti mutu e non ti ‘ntricàri.

Scusate se insisto, ma vostra figlia con me sarà felice perchè io l’amo.

( Ironico ) Sì, ‘a cimedda!

Pricipali, non è l’amu chiddu ca servi ppi piscari. Chistu, inveci, a so

figghia... ( fa mimica come per dire: la vuole possedere ).

Videmu quannu a finisci, tu. ( Ad Alfredo ) Sintissi lei, e non mi facissi

replicare oltre. Emilia, mia figlia, non è più in questa casa.

Unn’è?

Non c’è! ‘A fici pàrtiri ppi livàricci da testa certi stupidaggini.

Emilia non è più qui a Caltagirone?

E’ partita!

( Meravigliato ) Aòra?! Unni?

Est, Ovest, Nord, Sud...

Ah, ho capito! In giro... Est, Ovest... ‘Nta l’aria... ( Gli strizza l’occhio )

Averu principàli?! E’ ‘nta l’aria comu a cummeddia.

( Affranto ) Partita?! E dove?

Si la jssi a circari ‘nta carta geografica. ( Ha finito il lavoro ) Servito,

Principàli!... ( Stende la mano, ma non riceve mancia ) Come non detto!

( Si alza ) Caro signore, vi ringrazio per l’onore della visita e... tanti cosi

belli! ( Gli indica l’uscita ).


SCENA SECONDA

( Detti, più Biagio )


BIAGIO COLA BIAGIO SIMONE BIAGIO ALFREDO BIAGIO


( Appare dalla porta di destra ) Principàli, ‘a signurina Emilia è pronta

dda banna. Pronta ppi pàrtiri! U bauli macari... Tuttu a postu!

( Subito ) Mutu!

Si mi staiu mutu comu ci lu dicu ca ‘a signurina è pronta dda banna?

( Fa segni di tacere ).

( Non capendo ) Sissignura ci misi l’indirizzo ‘nto bauli: via della Villetta

n. 44 Taormina.

( Avviandosi per uscire) Via della Villetta n. 40 Taormina!

( Ingenuamente corregge ) No! Quarantaquattru!


5

ALFREDO

Quarantaquattro. Grazie! Arrivederci, signor Ciancio. ( Va via dalla

porta in fondo).

SIMONE

( A Biagio, gridandogli in faccia ) Cretinu!

BIAGIO

Fici comu mi dissi vossìa. U bauli è prontu, ‘a signurina è prontissima...

SIMONE

E tu si na gran bestia! E si parri ancora ti fazzu cascari ‘a lingua, i denti

e tutti i masciddàra.

BIAGIO

Ma scusa... ‘A signurina...

SIMONE

( Con un moto di rabbia ) Ummm!!!

COLA

Mutu!

SIMONE

Arriva  un  cretinu  di  stu  gèneri...e  iù  cci  fazzu  ‘a  cumparsa  di

Pippinnìnu. ( Rifacendo il discorso fatto prima ad Alfredo ) “Caro signore,

mi dispiace, ma mia figlia è partita”...

BIAGIO

Partita? ‘A signurina è dda banna!

SIMONE

( C. p. ) Ummm! Ancora?!

COLA

Muuutu!

SIMONE

( A Cola ) Vidi ca “mutu” u dicu iù!

COLA

Vossìa parra? Mi devi scusari...

BIAGIO

Beddamatri!  Orvu  di  l’occhi!  ‘A  signurina  è  pronta  dda  banna.

Prontissima ppi partiri; e u bauli...

SIMONE

( Quasi a volersi lanciare addosso a Biagio ) L’affucu!

COLA

Ssst!!!

SIMONE

( Guardando torvo Cola ) Vidi ca “ssst” u fazzu iù!

COLA

Vossìa u fa? Mi devi scusari...

SIMONE

E diri ca chiddu ci aveva cridutu. E forsi mi l’avissi

livatu d’ammenzu i

pedi...

COLA

Certu! ‘Na vota ca so figghia era partita...

BIAGIO

Partita? ‘A signurina? Unni?

COLA

Est, Ovest, Nord, Sud...

BIAGIO

Cui?

COLA

‘A signurina.

BIAGIO

Ma si è dda banna!

COLA

E’ partita! Par-ti-ta! Oh! Sopra, sotto, a destra, a manca...

BIAGIO

Cui?

COLA

‘A signurina.

BIAGIO

E’ dda banna!

COLA

E’ partita!

BIAGIO

No, dda banna!

COLA

Par -ti-ta!

BIAGIO

Ti dicu ca è dda banna! Dda ba...

SIMONE

( Al colmo dell’ira, non

riuscendo a parlare, grida ) Muuutiii!!! Annunca i

testi vi scippu a tutti dui! ( Dopo che si è fatto silenzio, rivolto a Biagio )

Veni ccà, tu!

BIAGIO

( Allontanandosi ) ‘A testa no!... Mi cuntentu na pidata. ( Tra sé e rivolto a

Cola ) Ca poi no sacciu c’haiu fattu?!

COLA

( Fa mimica come per dire che l’ha fatta grossa ).

SIMONE

( Arrabbiandosi ) Santu e santissimu!... Veni ccà ti dicu! Veni ccà!...

COLA

( Cerca di tirare fuori il portafoglio dalla tasca di dietro dei pantaloni ).

( Credendo che Simone voglia estrarre la pistola, gli va addosso cercando

d’impedirglielo ) Nooo!...

Principàli... senza sparari...

Vossìa mi si calma...

U lassassi pèrdiri ppi sta vota...


6


SIMONE COLA SIMONE BIAGIO COLA SIMONE BIAGIO SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE BIAGIO SIMONE BIAGIO SIMONE BIAGIO COLA SIMONE COLA SIMONE COLA


( Fa controscena ) Levati, tu! Si v’haiu ammazzàri, vi sparu a tutti dui

‘nta na vota, cu na badda sula! ( Estrae il portafoglio, prende una

banconota e la porge a Biagio ) Veni ccà, teni!

( Rimessosi, tra sé ) U pava? Cchi niscìu pazzu?

Pigghia u bauli e lu porti a stazioni. Poi cu sti soldi accatti du biglietti ppi

Taormina e cci duni a me figghia.

Du biglietti? Cchi s’assetta ‘nta du posti?

Certu! ( Facendo mimica ) N’anca ccà e n’anca dda!

( Dopo aver guardato storto Cola ) Unu ppi idda e unu ppa signura Meli ca

l’accumpagna.

Sissignura!... ( Prende i soldi e va via dalla porta di destra ).

( A Cola ) Tu, inveci, vo chiudi ‘a porta du negoziu.

Chiudu ‘a porta?! E si veni qualcunu?

Tuppulìa!

Va bene! ( Avviandosi ) Tantu cu ha vèniri? Vinni tuttu caru!...

( Arrabbiato ) Cchi è ca dici “vinni”? Iù vinnu caru?

No.  Quali  caru?  Strantisi.  Dissi:  “Vinni”...  E’  venuto,  vah!  ‘Nto

negoziu... mi pari ca vinni un cliente caru... “Caro”... Cioè: affezionato!...

Videmu... ( si affaccia dalla porta di sinistra ) Nuddu c’è! Mi sbagghiai!

Spicciti! Vo’ chiudi ‘a porta e torna subito, ca t’haiu a mannari a na

banna.

Agli ordini! ( Con calma va via dalla porta di sinistra ).

Varda quantu è friscu?! ( Gridandogli ) Spicciti!

( Entra dalla porta di destra portando sulle spalle un piccolo baule )

Principàli, u bauli è ccà, ma ‘a gnizioni non la truvai.

Quali gnizioni?

Non mi dissi di pigghiari u bauli e purtari ‘a gnizioni?

Cretinu! Ti dissi di pigghiari u bauli e purtallu a stazioni. A sta-zi-o-ni,

cretinu! No ‘a gnizioni.

Ah, ho capito! L’haiu a purtari a stazioni. Subito! ( Si avvia per uscire

dalla porta in fondo mormorando tra sé ) ‘Nta farmacia voldiri ca ci passu

al ritorno... ( Esce ).

( Ritorna dalla porta di sinistra ) Fatto! ‘A porta è chiusa! E i muschi

arristaru intra!

Bene! Vai di cursa ‘nti me cumpari Tanu, ca sta jennu a Catania, e cci

dici si mi può dari ‘n passaggiu. U tempu ca mi vestu.

Subitissimo! ( Volendo scherzare, gli si avvicina confidenzialmente ) Vossìa

cu stu Catania... non mi la cunta ritta... Un appuntamento?! Ah?...

Bardascia! ( Gli dà una gomitata ).

( Non gradendo, fa l’atto di assestargli uno schiaffo )          Ora t’ammiscu ‘n

sucamèli!... Vo’ spicciti! Prima ca me cumpari parti e mi costa u bigliettu

du trenu.

Agli ordini! ( Va via per la porta in fondo ).


SCENA TERZA

( Simone ed Emilia )


SIMONE EMILIA SIMONE


( Rimasto solo chiama a gran voce ) Emilia!... Emilia!... ( Appare dalla porta di destra ) Cchi voli, papà? Veni ccà! Aiutami a buttunàrimi stu cullettu.


7


EMILIA SIMONE EMILIA SIMONE EMILIA SIMONE EMILIA SIMONE


( Gli si avvicina ed esegue ).

Ora ora ho scambiato due parole con quel pittore. E menu mali ca era

calmu, annunca lu pigghiava a pidati. ( Dopo una pausa e poichè Emilia

non può trattenere qualche singhiozzo ) Hai vogghia di ciànciri, perchè io

non mi commuovo. Comunque ora ti nni vai a ciànciri a Taormina.

Ma io l’amo.

E ti disamùri.

Se io non sposo Alfredo, moru!

Mori?

Sì!

Allura vattinni a mòriri a Taormina! Fa cuntu ca veni ‘a signura Meli e

partiti! Iù staiu jennu a Catania, e poi  ‘nto pomeriggio vegnu a

Taormina. ( Avviandosi per la porta di destra ) Mi vaiu a vèstiri. Appena

veni ‘a signura Meli, mi avverti. (Esce ).


SCENA QUARTA

( Emilia ed Alfredo, poi signora Meli )


ALFREDO EMILIA ALFREDO EMILIA ALFREDO EMILIA ALFREDO EMILIA ALFREDO EMILIA ALFREDO EMILIA ALFREDO EMILIA ALFREDO EMILIA ALFREDO EMILIA ALFREDO EMILIA


( Appena Simone va via, si affaccia dalla porta in fondo e sottovoce chiama

Emilia che gli volta le spalle ) Emilia!...

( Scorgendolo ) Alfredo!... ( Preoccupata ) Matri!... Si veni me patri e ti

trova ccà?!

( Si fa avanti ) Ssst! Mettiti il cappello.

Il cappello? Ma iù non n’haiu capello.

Presto! Prendi la valigia. Il baule è già alla stazione. Ho visto il

commesso che glielo portava. Su, fa presto! Partiamo!

Assemi?

Sì, io e te.

E unni? Dove andiamo?

A Taormina.

No, non è giusto... Alfredo, non sta bene!

Senti: ti condurrò a casa di una vecchia signora amica mia, e lei penserà

a te.

Alfredo, na carusa... una ragazza non può viaggiare sola con un uomo.

Qua, in Sicilia non si usa.

Ma noi ci sposiamo.

Ci sposiamo?... E mio padre?

Che ci importa di tuo padre. Noi scappiamo.

Vuoi diri ca ni nni fujemu?

Scappiamo soltanto e poi ci sposeremo.

‘U stissu è! Sempri ppi fujtìna passa. No, Alfredo non scappo!

Allora non mi ami.

Sì, ti amo. Ti vogghiu beni assai assai.


DALLA PORTA IN FONDO APPARE LA SIGNORA MELI,

CHE, SENZA ESSERE VISTA, RIMANE DIETRO AD ASCOLTARE.


ALFREDO EMILIA ALFREDO


Allora, ti prego: prendi il cappello...

E torna cu stu cappeddu. Non cci l’haiu!

Mettiti il soprabito, prendi la valigia... Il treno sta per partire. Emilia,

domani saremo marito e moglie!


8


EMILIA MELI EMILIA MELI EMILIA MELI ALFREDO MELI ALFREDO MELI ALFREDO EMILIA MELI ALFREDO EMILIA MELI ALFREDO MELI EMILIA MELI EMILIA MELI ALFREDO MELI ALFREDO MELI ALFREDO MELI


Non può essere! Si u sapi me patri m’ammazza. Sei tu che non mi ami, si

mi fai sti proposti.

Cara bambina, eccomi qua!

Oh, signora Meli.

Chi è questo giovanotto, cara?

E’ il signor Alfredo... ( Presentandola ) La signora Meli, un’amica di

famiglia...

Molto piacere. Signor...

Taviani. Alfredo Taviani.

Taviani? Il pittore?! Oh, ma che onore. Mi avevano detto che si trovava

qui a Caltagirone un giovane pittore venuto dal Continente. Ma non

immaginavo  si  trattasse  di  Alfredo  Taviani,  il  giovane  pittore  già

affermato. Sapete: anch’io sono delle vostre parti. Sono nata a Firenze e

vissuta a Pinerolo. Poi ho sposato un meridionale e mi sono trasferita. La

buonanima se n’è andata ed io sono rimasta, qui a Caltagirone, sola e

vedova. E voi come siete capitato in Sicilia? E in questo luogo interno?

Mi interessa l’arte della ceramica. Poi questa terra così piena di sole e di

colori mi ha incantato.

Non solamente la terra a quel che vedo, ma anche le deliziose creature

che la abitano.

Anche.

Signora Meli, Alfredo... il signor Taviani... Iddu, vah! Abita propriu ccà

‘nfacci. Ci siamo conosciuti... Iddu mi taliàva... Iù macari...

E così vi sieti innamorati. Galeotta, allora, è stata la “taliàta”... cioè lo

sguardo?!

Proprio!

( Acconsente senza parlare ).

Mi permettete di dirvi una cosa, signor Taviani?

Dite pure, signora.

State commettendo un imperdonabile errore nel voler fare ciò che avete

in mente di fare.

Avete ascoltato, signora Meli? Diteglielo anche voi che non sta bene...

Tu vai di là, cara. Voglio scambiare due parole col signor Taviani.

Appena tuo padre passa di qua, avvisaci.

Va bene, signora Meli. ( Va via dalla porta di destra ).

Caro signor Taviani, credetemi, io sono dalla vostra parte, e spero che

voi due vi possiate sposare al più presto. Perciò voglio aiutarvi nel

migliore dei modi.

E come?

Il signor Ciancio ha interesse a fare sposare sua figlia al più presto, e se

voi seguirete i miei consigli, potresti ottenere il suo consenso.

Quali sono questi consigli?

Ecco! il signor Ciancio, anche lui, vuole sposarsi. Anzi sta per sposarsi!

Con chi? Con voi?

( Ha un lampo negli occhi ) Oh!... No! ( Dopo una lunga pausa ) Io lo sto

aiutando a trovare una moglie. La donna giusta che ci vuole per lui. E vi

giuro che il signor Ciancio, entro pochi giorni, avrà sposato qualcuno.

( Guardando intorno ) In questa casa ci sarà un cambiamento totale. Io

sono dell’idea che i soldi bisogna spenderli. E Simone Ciancio ha tanti

soldi che giacciono inutilmente.


9

ALFREDO

Torniamo ai vostri consigli.

MELI

Sì. Dunque, io accompagno Emilia a Taormina e la porterò a casa mia.

Ho una piccola casa a Taormina. Voi, la sera, prima delle ore 20, vi

farete trovare al ristorante dell’hotel “Bellavita”, dove verrò con Emilia.

Conoscete il “Bellavista”?

ALFREDO

Certamente! Proprio in questi giorni nella hall di quell’albergo ospitano

una mia mostra. E vi dico che sta ottenendo un buon successo.

MELI

Non ne dubito. Conosco la vostra arte e so che siete bravo e anche

quotato. Bene! Allora è magnifico! Sembra che la fortuna ci assista. Ho

scelto bene il posto. In quel ristorante ci sarà anche il signor Ciancio, e

così io farò in modo di farvi dare il suo consenso.

ALFREDO

Come?

MELI

Non lo so ancora, ma ho fiducia che tutto andrà per il meglio. Sono certa

che Simone Ciancio presto acconsentirà alle vostre nozze ed alle sue.

ALFREDO

Ma...

MELI

Ascoltatemi, vi conviene sperare ed avere fiducia, come me.

EMILIA

( Appare dalla destra ) Signora Meli, sta venendo mio padre...

MELI

Andate, signor Taviani.

ALFREDO

( Si avvia per la porta infondo ) Sì, è meglio! Vi aspetto alla stazione...

Frattanto compro i biglietti! ( Va via ).

SCENA QUINTA

( Emilia, signora Meli e Simone )

SIMONE

( Appare dalla porta di destra, vestito a nuovo. Tenendo nelle mani il

soprabito, si porta avanti e va a prendere la spazzola ).

MELI

Oh! Che visione stupenda! Signor Ciancio siete bello! Un figurino, un

uomo affascinante! ( Ad Emilia ) Vai cara, va a prepararti che è ora di

EMILIA

partire.

( Va via dalla porta di destra ).

MELI

Bello! Bellissimo!

SIMONE

Non esageriamo...

MELI

( Gli toglie la spazzola e il soprabito ) Date a me! ( Comincia a spazzolare )

Se la mia amica Susanna Melato, potesse vedervi in questo momento,

così elegantemente vestito... così ben rasato... e sentisse questo penetrante

profumo  che  vi  siete  messo  addosso...  (Annusando  )  Umm!...  Che

meraviglia!

SIMONE

Sì, riguardo a profumo, vedete, sono un intenditore.

MELI

( C. s. ) Umm!... Avete imbalsamato una casa.

SIMONE

Quattru gocci mi nni misi.

MELI

Portentoso... penetrante!... Francese?

SIMONE

Comu?

MELI

Francese! Un profumo francese, vero?

SIMONE

No... no! Orientale. “Notte d’Oriente”.

MELI

Oh! Cose da “Mille e una notte”. Certo che di questi tempi, seducete solo

a guardarvi. Sembrate un giovanotto.

SIMONE

Mi difendo come posso, signora Meli. Vedete: quannu unu sta attentu nel

mangiare, manteni ‘a linea e non pari tantu vecchiu.


10


MELI SIMONE MELI


Dite bene. Basta stare attento nel mangiare. Mio nonno mangiava una

sola volta al giorno e a ottanta anni era ancora come un giovanotto di

venti.

Ah, sì! alla dieta ci tengo! Non è per non volere spendere, ma un solo

pasto al giorno, e liggeru.

Leggero. Come dire senza grassi... ( finisce di spazzolare il soprabito e lo

poggia su una sedia ).


SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE


Mai! Niente grassi!

Neanche uova...

Veramente... ‘n uviceddu, ogni tantu, mi lu vaiù pigghiannu. Speci

quannu mi lu riàlunu, ma mai a stomaco pieno. Se c’è l’uovo, salto il

pasto. Poi mangio tutto a base di verdura: scalora, lattughi, cicòria,

urranii... e brodo.

Di pollo?

No, quali pollo? Scanzàtini! Il pollo è grasso, concentrato. Brodo di

verdura: rinfrescante. Così, grazie a Dio, mi mantengo in buona salute.

E per il vostro matrimonio? A quel che vedo: profumo, eleganza... Sono

certa che volete fare il don Giovanni e avete deciso di non risposarvi più.

No, no! Al contrario. Ho deciso, invece, di risposarmi e chiedere la mano

della vostra amica di Taormina, la vedova Melato.

La mia amica Susanna Melato?

Appunto! Vedete, da quando me l’avete presentata, haiu avutu comu ‘n

pùlici ‘nta testa. Ora ci ho pensato, ho riflettuto e ho deciso: la sposo!

Bene!... Allora, dato che avete deciso... non parlo più. Sì, è meglio non

parlare.

Non vi staiu capennu. Cchi vuliti diri?

Ecco!... Io volevo farvi conoscere una persona... Insomma avevo trovato

un’altra ragazza.

Un’altra? Cchi mi nni vuliti fari maritàri dui?

Un’altra al posto di quella. Si chiama Adelina.

Adelina?... Continentale?!

No, sicula come voi. La signorina Adelina Di Giorgi.

Signorina?! Aòra?!

Mah! Peccato! Ormai non c’è più nulla da fare. Voi vi siete di già

impegnato con la signora Melato.

Quali impegnato? Ancora non m’haiu mancu spiegatu. Non esiste alcun

impegno.

E dire che la giovane Adelina poteva essere la sposa ideale per voi.

Certamente diversa da Susanna.

Certu! E’ signurina...

E’ virtuosa, domestica...

Quant’anni havi?

Venti...due. ventidue anni.

Aòra! Carùsa!

Sì, giovane. Una giovane... diciamo già matura... ma sempre giovane.

Scusate, signora Meli. Le ragazze giovani, quasi sempre preferiscono i

giovanotti di età uguale. Io... non sono più un giovanotto di vent’anni.

Quantunque ancora mi sentu... diciamo.. efficiente.

Adelina preferisce gli uomini maturi. Lei dice sempre che una bella testa

canuta...

Cchi è ca dici?


11


MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE


Una testa canuta come la vostra.

Comu la mia? Non vi staiu capennu. Cornuta... comu la mia?

Ca-nu-ta, cioè bianca. Una testa con i capelli bianchi.

Ma allura è continentale!

No. Sono io che traduco. Che parlo la mia lingua.

Ah, ho capito. Perciò cchi è ca dici?

Spesso dice: una testa grigia, cioè di un uomo maturo, vale mille volte di

più di quella di un giovanotto tutto impomatato e vanesio. Lei preferisce

solamente  uomini  oltre i cinquantacinque anni,  e  se  un uomo  ha

oltrepassato i sessanta è ancora avvantaggiato.

Io sono oltre.

Allora potete considerarvi fortunato.

Ma dicitimi na cosa: per quanto riguarda a dote... Ni porta soldi?... Dico:

contribuisce alla spese?... Oggi, per portare avanti una casa, costa!

Ma non vi ho detto ancora di come è la ragazza; dico nel fisico.

Bellissima! Quando si muove, con quella sua siluette... ( con le mani,

disegna su di sé, le prosperose curve della ragazza e si muove imitando

un’andatura provocante ). Fa venire le vertigini solo a guardarla.

( Guarda estasiato ).

Perchè non venite a Taormina, oggi?

Certu! Avevo deciso di jricci ‘nto pomeriggio. Da Catania stissu.

Benissimo! Vediamo, allora, se mi sarà facile farvi incontrare con lei. La

ragazza, alla quale ho già parlato di voi, è entusiasta. Insomma ci tiene

ad incontrarvi.

Ca... macari iù ‘a vulissi canùsciri... Videmu comu si movi... Comu si

presenta, vah!

Facciamo così: alle 20 e 30 porterò Adelina al ristorante”Bellavista”, lo

conoscete, no?!

Al ristorante???

Sì! E lì ceneremo con Adelina. Credo che, una volta tanto, potresti

permettervi di cenare in un ristorante con delle signore.

Veramente... ppi quantu costa, di sti tempi, mangiari ‘nta risturanti...

Vi ho detto che porterò Adelina. Por-te-rò Adelina!

Ho capito. Ma non fussi megghiu ca facissimu accussì: vui purtati

Adelina, iù portu tri panini imbottiti, già belli e pronti... Ni li jemu a

mangiari alla villa, beddi assittati o’ friscu...

No! Andremo al ristorante! E voi ordinate una cena per tre.

E va bene! Una cenetta per tre.

Riguardo, poi, alla mia amica Susanna, consideriamo chiusa la faccenda.

No, e pirchi? Anzi è megghiu lassari a porta a vanedda. Non si sa mai!

Facciamo accussì, invece: prima di jri ‘nto risturanti, vogghiu ancora

fare una visita alla signora Susanna Melato.

Come? ma se dovete incontrarvi con Adelina.

Dopo. Prima voglio rivedere la Susanna. Haiu sempri ddu pùlici ‘ntesta.

E va bene! Ci troviamo alle cinque in punto in una panchina di fronte il

negozio di Susanna. Come l’altra volta. Però dovete decidervi, caro

signor Ciancio. Non posso mettere a vostra disposizione tutte le ragazze

di Taormina.

Quali ragazze? Ancora mi n’aviti fattu canùsciri sulu dui. Anzi, quali

dui? Una. L’autra, ancora, non l’haiu vistu. Mi la staiu immaginannu...

comu si movi. Ma di presenza non l’haiu vistu.


12


MELI


E la vedrete questa sera. Al ristorante. ( Si avvia per uscire dalla porta didestra ).


SIMONE MELI SIMONE


Iù ancora insisto: non si putissi vìdiri prima... a digiuno?

( Si gira ) Al ristorante! ( Va via ).

( Tra sé ) Si fissàu ca devi essere dopo i pasti?!


SCENA SESTA

( Simone, Cola, poi Biagio )


COLA


( Entra dalla comune ) Principàli, so cumpari aspetta a vossìa, però dici ca


SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA SIMONE COLA


fra cincu minuti parti.

Sugnu prontu! Dunque Cola, ti devo dire una cosa importante. Ho deciso

di promuoverti.

Daveru?! Principàli, oggi mi parrava ‘u cori ca dovevo ricevere una

buona notizia... Grazi, principàli! Grazi! Si vossìa ha deciso... voldiri ca

mu mèritu. Beddamatri ca sugnu macari commosso... Quannu i meriti

cci su’... Averu?... La dovuta ricompensa... Grazi! Ca... quannu voli,

vossìa ci havi ‘n cori tantu...

Quanti anni hai?

Vintinovi.

Comu? Vintinovi?!

Vintinov’anni, sissignura... grannuzzu sugnu!

Granni? A vintinov’anni si granni? Sei, inveci, lattanti! Iù mi crideva ca

avevi superatu i trent’anni.

E cchi cci pozzu fari si ancora non l’haiu superatu?!

Un  uomo,  se  non  prima  supera  i  quarant’anni,  non  vali  nenti.

Vintinov’anni?!... Cchi su’ vintinov’anni? E diri ca aveva pinsatu di

promuoverti capocommesso.

Comu???

Capocommesso.

Ma pirchì ora cchi sugnu? Non sugnu capocommesso?

Per ora sei in prova di capocommesso. In pro-va!

Cchi voli diri “in prova”? Non lu staiu capennu.

Quantu hai pigghiatu di paga?

Sempri tantu. Di quannu trasii.

Hai visto? Non sei capocommesso. Quannu sarai capocommesso cci sarà

un aumentu di paga.

E quannu?

Quando sarai promosso.

A quarant’anni? Haiu vogghia d’aspittari!

Quanti anni havi Biagio?

Principàli, non schirzamu... Vidissi ca u capocommesso sugnu iù! Vossìa

mi l’ha dittu sempri.

E m’haiu scurdatu di dìriti: in prova. Però non ti preoccupari ca Biagio,

macari c’avissi cinquant’anni, specialmente ppi chiddu ca mi cumminàu

oggi, non sarà promosso neanche vice capocommesso in prova. Almeno

per ora.

Pricipali, non cci la putìssimu livari sta prova? Ppi mia è a prima vota ca

‘u sentu. Iù sacciu ca, finu ad ora, haiu statu sempri capocommesso.

E torna! Quantu hai pigghiatu di paga finu ad ora?

Sempri u stissu.


13

SIMONE              Stai pigghiannu chiù assai di Biagio?

COLA                    No! Comu a Biagio.

SIMONE              E allora?

COLA                    Ma almenu m’haiu pigghiatu la soddisfazione morale.

SIMONE              Cchi t’ha’ pigghiatu?

COLA                    La soddisfazione morale.

SIMONE              E non m’ha’ dittu nenti?!

COLA                    Cchi ci aveva a diri?

SIMONE              Comu?! Ca oltre allo stipendio t’ha’ pigghiatu anche la soddisfazione

morale. E va bene! Vuol dire che per il mese entrante ti levu qualchi

cosa.

COLA                    Cchi mi voli scalari u stipendiu?!?!

SIMONE              Certamente! Per me la paga deve essere uguale all’autru commesso. Tu,

ancora, non sei capocommesso, ma ti pigghi u stissu la soddisfazione

morale... perciò la paga va ridotta. Perchè, ricordati: sei in pro-va!

COLA                    E va bene! Sugnu ca prova! Basta ca non tuccamu ‘u muluni.

SIMONE              Quali muluni?

COLA                    Botta di sali! Vuleva diri: a paga. Datu ca cu sta prova mi sta parennu di

essiri ‘n muluni... ca tassèdda.

BIAGIO                ( Ritorna entrando dalla comune ) Tutto fatto! U baule è in partenza!

SIMONE              Oh! Ora ca siti ccà tutti dui, vi devo fare una comunicazione.

COLA e BIAGIO  ( Si portano avanti, si mettono sull’attenti e a una sola voce ) Ccà semu!

SIMONE              Dunque: intantu staiu jennu a Catania per fare qualche ordinazione se ci

sono ribassi e prezzi convenienti. Poi nel pomeriggio mi recherò altrove.

BIAGIO                ( Piano a Cola ) Unn’è Altrove?

COLA                    ( Piano ) Vicinu Catania, dopu u Canalicchiu, nei pressi di Cìfali.

SIMONE              E mi fermerò per tutta la giornata di domani, colà.

BIAGIO                ( A Cola ) A tia sta chiamannu.

SIMONE              Ignorante! Ho detto “colà” e no Cola. Colà cu l’accentu.

COLA                    ( A Biagio ) Bestia! Talijmi! Cchi haiu l’accentu, iù?

SIMONE              Quando  tornerò  domani  sera  o  dopodomani  mattina  al  massimo,

troverete dei cambiamenti in questa casa. Dunque: quanto prima verrà

ad abitare una signora, costì.

BIAGIO                Costi??? Di maiale?

SIMONE              Cretinu! “Costì” cu l’accentu.

COLA                    ( A Biagio ) ‘Gnuranti! Tu voi ‘nsignari st’accentu?!

SIMONE              Questo fatto della signora dovrà interessare anche a vuautri. A tutti e

due! Capìto?

BIAGIO                Ppi mia si è viduva mi cci mettu, ma si avi u maritu...

SIMONE              Cretinu!

COLA                    Bestia! Si cci sta ed è bona, u maritu nu facemu.

SIMONE              Imbecilli tutti dui!

BIAGIO                Cchi fa cci l’havi u maritu?

SIMONE              Il marito ce lo avrà!

COLA                    E nu facemu!...

SIMONE              E sugnu iù!

COLA                    Vo...

BIAGIO                ...ssìa???

SIMONE              Sissignore! Staiu pinsannu di maritarimi.

COLA                    Daveru? Allura congratulazioni... ( gli porge la mano ).

BIAGIO                ... E auguri... ( gli porge la mano anche lui ).


14


SIMONE COLA SIMONE BIAGIO COLA


( Si allontana senza dare la mano ) Ora basta! Jtivinni dda banna ‘nto

negoziu e grapìti a porta. ( Cola e Biagio, dopo essersi stretta la mano tra

loro, si avviano per uscire dalla porta di sinistra ) Aviti di dirimi qualche

cosa prima ca partu?

( Ritornando ) Principàli, cci vuleva dumannari: un capocommesso... ( si

corregge poichè Simone lo guarda male ) in prova... Havi diritto ad un

giorno libero la settimana?

Ah, è così ca cuminci la tua carriera di capocommesso in prova? Bravu!

Bravu daveru! Io, alla tua età mi susèva alle cinque del mattino e ristava

‘nto negoziu sino a i deci di sira. Sempre! Sem-pre! Bella prova di

capocommesso in prova ca voi fari. Senti, giovanotto, chista è ‘a prima

vota ca iù lassu u negoziu ppi vintiquattruri di fila. E si quannu tornu

non trovu tuttu alla perfezione, non sulu non vali chiù a prova, ma ti

licenziu su due piedi! Un giorno libero vuole u signorino... Un giorno

libero!... Si iù avissi avutu un giorno libero, a st’ura non fussi chiddu ca

sugnu! ( Prende il soprabito e va via per la comune ).

Pirchì, cchi è?

Curnutu! Ca prova!


MELI

COLA

BIAGIO

MELI

COLA

MELI

BIAGIO

MELI

EMILIA

MELI


SCENA SETTIMA

( Detti, signora Meli ed Emilia )

( Entra dalla porta di destra, seguita da Emilia vestita da viaggio ) Signor

Cola, avete già provveduto a mandare il baule alla stazione?

Certo, signora Meli. Glielo ho fatto portare dal mio vice capocommesso

ancora in prova. Vero Biagio? L’hai portato il baule alla stazione?

Sì, ci lu purtai. Ma a mia mu dissi u principàli.

Grazie! Possiamo andare, cara.

Signora Meli, voli accompagnata la valigia? ( Subito e con tono di

comando ) Biagio, accompagna la valigia alla signora!

No, grazie! E’ solo una borsetta...

( A Cola ) Pirchì non ci l’accumpagni tu?! E comu cumanna!

Bambina mia, possiamo partire. Su!

( Si guarda attorno, poi si asciuga una lacrima ed esce dalla porta in fondo ).

( La segue, ma prima di uscire si ferma, si gira, poi ritorna al centro e, dopo

aver guardato intorno, esclama ) Vi confido un segreto, signor Cola: credo

che questa stanza la farò arredare con dei mobili rococò... Sì, rococò!

( Va via ).


SCENA OTTAVA

( Cola e Biagio )


COLA

BIAGIO

COLA


Roccoccò?... Iù cci dassi a focu! ( Si accorge che Biagio si asciuga una

lacrima ) Biagio, pirchì cianci? Cchi hai?

Nenti... la partenza mi commuove. Cchi cci pozzu fari?... Sono sensibile!

E poi pensu ca ristamu suli... Tutti vanno via e... non mi pozzu trattèniri.

( Va ad abbracciare Cola ) Mi commuovo!...

Iù, inveci m’addannu! Porcu Giuda latru! Tutti s’addivèrtunu e nuautri

arristamu ccà suli a travagghiari. Siamo peggiu degli schiavi. Biagio, ti

giuro ca qualche giorno... lassu strafùttiri tuttu e mi nni scappu di stu

paisi. Voglio evadere verso orizzonti lontani... Evadere!... Lontano,

lontano! Parola d’onuri: qualche giorno mi pigghiu ‘u trenu...


15

BIAGIO

( Ricordandosi ) Bih!... I biglietti... Mi scurdai di daricci i biglietti.

( Frugandosi nelle tasche ) Unni i misi?...

COLA

Quali biglietti?

BIAGIO

( C: s. ) Du trenu. I biglietti du trenu ppa signurina e ppa signura Meli...

( Trova i biglietti ) Ccà sunu! ( Di corsa si dirige alla porta in fondo, ma

Cola lo afferra e lo blocca ).

COLA

Aspetta! I biglietti du trenu ppi Taormina? Unni sunu?

BIAGIO

( Li mostra ) Ccà! Vah, levati! Prima ca parti ‘u trenu...

COLA

( Trattenendolo ) Aspetta!... C’è l’autru trenu tra menzura. Dammilli!

( Gli strappa i biglietti dalle mani ) Oh! Due biglietti ppi Taormina, già

pagati! ( Dopo una breve pausa ) Biagio, quantu soldi hai in tasca?

BIAGIO

Pirhì?

COLA

Quantu cci n’hai?

BIAGIO

Cchi sacciu... na lira e menza...

COLA

N’autri dui cci l’haiu iù... Appostu! Si parte!

BIAGIO

Unni?

COLA

A Taormina!

BIAGIO

Cui?

COLA

Iù e tu! Vah, vestiti!

BIAGIO

Cchi sugnu nudu?

COLA

Mettiti il vestito nuovo... E ti prometto ca a Taormina ti fazzu passare

una giornata indimenticabile. L’avventura che ho sempre sognato si sta

avverando! Appena arrivamu, ti fazzu vasàri na straniera. Biagio, ti

piacciono le svedesi?

BIAGIO

Macari le danimarchese... Iù per le gambe lunghe nesciu pazzu.

COLA

( Quasi sognando ) Gambe lunghe... occhi azzurri... chioma bionda... e

pettu... ( Naturale ) Ppi pettu sunu scarsi, ma cchi n’ha fari, sono assetate

del màscolo siculo-isolano. Basta! Finalmente un’avventura a Taormina!

Alla facci du principàli!

BIAGIO

Ma... u negoziu?

COLA

Chiuso! Oggi, giorno di festa!

CALA RAPIDO IL SIPARIO

Fine del primo atto


16

ATTO SECONDO

La scena:

Il negozio di modista della signora Susanna Melato a Taormina.

Nella parete di fondo vi è, al centro, una porta a vetri colorati, che fa da comune e, a sinistra, una vetrina d’esposizione dove sono in mostra dei cappelli; la vetrina all’nterno

ècoperta da un tenda. Nella parete di destra, al centro, vi è una porta che dà nel laboratorio e su questo lato si trova il banco con sopra dei cappellini ed un elegante abito da sera; al centro della parete sinistra è poggiato un armadio. Quasi al centro della stanza c’è una tavolo rotondo, coperto da un drappo che scende sino al pavimento. Accanto al tavolo ci sono due sedie.

( Si può usare la stessa struttura ambientale del primo atto, cambiando la porta della parete di fondo e la porta della parete di destra, mentre la porta della parete di sinistra viene coperta dall’armadio. La vetrina d’esposizione viene applicata posticcia sulla parete ).

SCENA PRIMA

( Susanna e Santina )


SANTINA


( E’ seduta accanto al tavolo lavorando a cucire delle piume in un cappellino)


SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA


Ma lu sta dicennu ppi daveru?

(  Sta  sistemando  dei  cappellini  alla  vetrina  )  Sì,  Santina!  Sposerò

certamente il signor Simone Ciancio, se lui me lo chiede.

Mah! A mia non interessa, però mi vidi ca sbagghia.

E perchè?

Comu pirchì?! Ca chiddu è vecchiu, mentri lei è giovane. Una bella

signora comu a lei s’avissi a sposare con uno giovane... Beddi picciotti,

ccà a Taormina, cci nni sunu tanti. Cchi bisognu c’è di jrini a circari unu

vecchiu di Caltagiruni?

Sposerò il signor Ciancio!

Ma dicu iù: comu si può innamuràri di ddu vecchiu arruggiàtu.

Chi ha detto che sono innamorata? Anzi non lo sono affatto. Vedi

Santina, sposando il signor Ciancio non ho alcuna preoccupazione di

danaro.

‘U sacciu ca è riccu, ma è macari antipaticu; pari ‘n ursu, scazàtini!

Santina non puoi capire, sei un’ingenua. Non è solo per il danaro che mi

sposo. Il fatto è che non posso più sopportare che tutti mi sospettano di

essere una donna equivoca.

Una donna cosa?

Equivoca. Una donna non onesta, ecco!

Ma cchi va dicennu?

E’ proprio così! Qua, in Sicilia, quando una donna vive sola ed è vedova,

come lo sono io, è sempre sospettata di essere poco onesta.

Ma se lei si comporta bene.


17


SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA


Per questo sono solo sospettata. Se io conducessi una vita meno castigata,

allora il sospetto diventerebbe certezza. Proprio per questo non vado mai

al teatro o al ristorante, al ballo... E dire che mi piacerebbe tanto

andarci.

Ca certamente! E’ ancora giovane...

Ma vedova, e sola. ( Una lunga pausa ) Santina, sai come mi chiamavono

quando andavo a ballare, prima di essere vedova?         Fru-Fru, la bella

Fru-Fru. ( Prende dal banco l’abito da sera, lo poggia addosso e, accennando

il  noto  motivo  “Fru-Fru  del  Tabarin”,  si  muove  danzando  dirigendosi

all’armadio per appenderlo. Dopo averlo sistemato ) Santina, più tardi devi

portare quest’abito alla signora Grimaldi. E’ pronto!

Sì, signora.

( Guardando fuori dalla vetrina ) A chi aspettano quei due giovanotti lì

fuori? E’ da un po’ che stanno sulla panchina di fronte.

Ca forsi aspettanu ‘a carrozza.

Ma, no! Sono seduti sulla panchina.

S’assittaru ‘nterra... supra a banchina? ( Si alza e va a guardare ).

Sono lì, guarda: seduti sulla panchina.

Ah, ‘nto sidìli! Lei dici ‘a banchina. Mi pareva u marciapiedi. Ca...

sarannu stanchi e s’assittaru.

E’ da un po’ di tempo che aspettano e guardano qui dentro. ( Si

allontana dalla vetrina ) Santina, ti giuro: o sposerò il signor Ciancio,

oppure venderò il negozio e cambierò vita. Andrò a tutti i teatri, a tutti i

balli, i ristoranti... e cambierò un accompagnatore ogni sera. Sono stufa!

Stufa! Stufa!

( Che è imasta a guardare dalla vetrina ) Signora Melato, mi pari ca ddi dui

giovanotti... stannu vinennu ccà.

Cosa?

Sì, sì... ccà stannu vinennu!

Bene! Finalmente degli uomini qua dentro! ( Si porta nuovamente alla

vetrina per guardare ) E sono carini! Santina, ho deciso di cambiare vita

da oggi. Ci faremo accompagnare a spasso per le vie di Taormina, questa

sera. Tu prendi il più giovane.

Ma cchi è ca cci pigghiàu, oggi? Cchi sta dicennu?

Su, andiamo nel laboratorio. E’ meglio farli aspettare per un po’. Ci

faremo desiderare!

Ma signura...

(  Spingedola  nel  laboratorio  )  Presto, prima che entrino. Andiamo!

( Vanno via dalla porta di destra ).


SCENA SECONDA

( Cola e Biagio )


BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO


( Entra di corsa dalla porta in fondo, seguito da Cola che lo spinge per farlo

entrare subito ) Forsi no è iddu...

Sangu di Giuda latru! Iddu è!

Nuddu c’è cca intra? ( Ritorna alla porta per guardare fuori ).

( Tirandolo verso sinistra ) E levati di ddocu, ca ti può vìdiri.

( Scostando con cautela la tenda della vetrina ) Iddu è! U principàli!


18


COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA


U vidi, iù bistemmiàssi comu ‘n turcu! Ma si dissi ca jeva a Catania...

Prima a Catania! Poi dissi ca jeva Altrove.

Propriu!

E inveci vinni a Taormina.

Bugiardo! Beddamatri ca si non si nni va o’ ‘nfernu... iù mi fazzu

maomettano.

( C. s. ) Si sta assittannu ‘nto sidìli... S’assittàu!

Appena si nni va ni la squagghiamu.

Chiddu è accussì friscu.

Ma ‘nta stu negoziu non c’è nuddu? Biagio, quantu soldi t’arristàru?

Pirchì?

Ca si u principàli si cunnuci, avemu accattàri qualchi cappeddu. Di ccà

non putemu nèsciri si non si nni va.

Quali soldi? M’arristàru sulu chiddi ppu bigliettu du trenu.

E nn’accatàmu ‘n cappeddu.

Bravu! E comu ni nni turnamu a casa?

Ca cu’ cappeddu.

Cu’ cappeddu?! Cchi ni mittemu a cavaddu du cappeddu?

Cretinu! Ni nni jemu a pedi. E ... ni purtamu u cappeddu.

Di ccà a Caltagiruni a pedi? Cchi semu pazzi?

No. Semu fagghi!

E cchi ni facemu du cappeddu?

Ci lu porti a to’ soru.

A to’ soru, inveci! Tuttu ppi curpa to’. “Ti fazzu passari un’avventura...

Ti fazzu vasari na svedese...” Quali avventura, svinturatu! Havi na

iùrnata ca caminàmu e mi stavi facennu vasari o’ principàli. ( Guardando

fuori ) Oh! Varda, c’è ‘a signura Meli.

Aòra!

S’assittàu macari idda.

Semu cunsumàti! Ora chidda attacca a parrari e non si scugna chiù.

Ccà intra ni scura! Cola, a chi ura chiudunu i negozi?

No sai? Ca quannu chiudemu macari nuautri.

No. Dicu: normalmente.

Ah! Normalmente?! Di sicuru na para d’uri prima di quannu, ddu cosa

fitusa, ni fa chiudiri a nuautri.


SCENA TERZA

( Detti e Susanna )


SUSANNA COLA SUSANNA COLA SUSANNA COLA SUSANNA


( Appare dalla porta di destra ) Oh! Buongiorno signori. Vi ho fatto

aspettare? Scusate. ( Si porta dietro il banco ).

Non fa niete... Non abbiamo fretta. Permette che mi presenti? Cola

Barresi. E questo è il mio amico Biagio.

( Presentandosi ) Melato.

No, non è malato. E’ solo scantatu. E’ pallido a causa ca visti u

principàli...

Ho detto: Melato. Susanna Melato. E’ il mio nome.

Ah! Molto piacere signora Melato. Permette che mi siedo?

Ma certo! Che sbadata. Accomodatevi anche voi, signor... Barresi avete

detto?


19


COLA BIAGIO COLA SUSANNA BIAGIO COLA SUSANNA COLA BIAGIO COLA BIAGIO COLA SUSANNA COLA SUSANNA COLA SUSANNA COLA SUSANNA


No. Barresi, Cola Barresi sono io. Iddu è Biagio. Solo Biagio. ( Piano )

Sapete: figlio di enni enni. Trovatèllo.

Ma cchi cci stai dicennu?

( A parte a Biagio ) Mutu. E’ ppi pigghiari tempu. (A Susanna )Vedete,

signora Melato, noi stiamo cercando dei cappelli.

Volete scegliere qualche cappello per un’amica?

Dipenni di quantu costa...

( Subito ) Sì, infatti! Qualche cappellino... ppi so soru.

Per chi?

No. Ho detto al mio amico: “soru”, stai zitto! Lascia parlare me. ( A

Biagio ) Tu intanto affacciti... Vedi cosa succede per la strada... Alle volte

succedesse qualche investimento... qualche carrozza acchiana supra u

marciapiedi... Macari Diu, si lu purtassiru o’ spitali!... Dico: vedi cosa

succede... Osserva... ( Dopo che Biagio guarda ) Eh? ( Biagio fa capire che

Simone è ancora lì ) Niente? ( Rassegnato ) E allora signora, qualche

cappello... così per comparsa... Anzi ne vorremmo comprare cinque o sei.

Non è vero, Biagio? ( Gli dà una gomitata ).

Certo!... Dieci, venti...

Sì, trenta, quaranta... Quanto sei esagerato, Biagio?! Venti cappelli sono

troppi. Come ce li imponiamo?

Pigliamo una carrozza... Tantu i soldi cci l’avemu...

Certo!... Non è questione di soldi. Io ai soldi cci sputo. Ma venti cappelli

sono sempre troppi. Bastano cinque. Al massimo quattro.

Non avete che da scegliere. ( Mette altri cappelli sul banco ) Ecco!

( Prende un cappello ) E’ meglio osservarlo alla luce del giorno. Permette?

( Va alla porta d’ingresso ) Quanto è bella questa strada! Chiddu ca mi

piace di Taormina sono le strade... i cristiani ca passono... Vero Biagio?

Non pozzu suppurtàri chiddi ca si fèrmunu... e s’assèttunu ‘nte sidìli. Oh

li bestii! Cu’ sti beddi strati... ca s’arrichiàssiru a caminàri...

Non siete di Taormina?

No.

E di dove siete?

Lo vuol proprio sapere? Biagio, avvicinati! ( Dice all’orecchio qualcosa a

Biagio, che va subito a posizionarsi con le gambe piegate e le mani ai fianchi.

Poi indicandolo a Susanna ) Ha capito?

( Fa segno di diniego ).


COLA


Provi!


SUSANNA COLA SUSANNA COLA SUSANNA BIAGIO COLA SUSANNA COLA


( C. s. ).

Allora, glielo dico io! Di Caltagirone. Dove si fabbricano le quartare, le

cannate, i bummuli e... ( indica Biagio ) i cantri.

Caltagirone? Siete di Caltagirone?!

Sì! C’è mai stata lei a Caltagirone?

Non ancora. Ma forse... un giorno di questi ci andrò.

( Che si era ricomposto ) Quando viene, se permette, io ci                   faccio da

cicerone e ci faccio visitare tutte le chiese di Caltagirone.

Sì, sì! Se ci diamo un appuntamento, la veniamo a pigghiari alla

stazione... Biagio vi fa visitari i chiesi... Li canusci tutti pirchì di nicu

nicu faceva u chierichetto ed è statu sempri parrinaru.

A me le chiese interessano poco.

Vuol dire ca a lei l’accumpagnu iù e Biagio accumpagna a so maritu a

faricci visitari i chiesi


20

SUSANNA

Io sono vedova.

COLA

Vedova?! Lei è vedova?

BIAGIO

( Si avvicina a Susanna, molto interessato ) Aòra?! Vedova senza marito?

COLA

Cretinu! Si è vedova... ( Cerca di allontanarlo ) Vah, o’ talìa!

BIAGIO

Dammi u cambiu. ( C. s. ) Perciò, lei è vedova?!... Vivi sola, insomma!

SUSANNA

Certamente! Ma torniamo ai cappelli, signori. Questa vostra amica

com’è bionda o bruna?

BIAGIO

Quali amica?

COLA

To soru, bestia! ( A Susanna ) Ma non si preoccupi, signora. Qualunque

SUSANNA

cappellino, se lo sceglierà lei, con le sue mani, andrà bene. Noi ci fidiamo.

( Prova un cappello e si atteggia a modella facendo una “passerella” davanti

ai due ) Vi piace questo?

BIAGIO

( Ammirandola con trasporto ) Ma è bona!

SUSANNA

Cosa dite?

COLA

( Rimediando ) Dice ca è bona... la forma del cappello. Gli piace,

insomma! Vero Biagio? Ti piace, vero?! Come ti pare?

BIAGIO

Comu na cassata.

COLA

( C. s. ) ... Il cappello ha la forma di una cassata.

SUSANNA

( Prova un altro cappello ) E questo? ( Un altro ancora ) E quest’altro?

COLA

( Dopo averla gardata estasiato ) Signora Melato, si lei veni a Caltagiruni e

non me lo fa sapere... mi offendo.

BIAGIO

Macari iù!

COLA

Pirchì non veni questa domenica?

SUSANNA

( Sistemando i cappelli al loro posto ) Sapete, ho un amico a Caltagirone...

Un conoscente. Un certo signor Ciancio: Simone Ciancio, un negoziante.

BIAGIO

U principàli!!!

SUSANNA

Come? Lo conoscete?

COLA

( Subito ) No! affatto! Non lo conosciamo! Ci sono tanti principàli a

Caltagirone... Voglio dire: ci sono tanti “Ciancio”...

SUSANNA

Un caro amico. Una persona simpatica.

BIAGIO

( Tra sé ) Allura non è iddu!

SUSANNA

Mi viene a fare visita ogni volta che si trova a Taormina.

COLA

( Tra sé ) Disgraziatu! E cu l’aveva a diri? Jemu a finiri ‘nta tana du

lupu.

BIAGIO

( Si dirige verso la porta di destra ).

COLA

( Lo segue ).

SUSANNA

Vi interessa il mio laboratorio, signori?

COLA

Ah, qua c’è il laboratorio. Scummettu ca c’è na porta ca duna ‘nta

strata.

BIAGIO

Sì, sì, sì!

SUSANNA

No. l’ingresso è solo quello! ( Indica la porta in fondo ).

COLA

( Torna indietro ) Certo che avete un negozio interessante... Biagio guarda

quantu è bellu st’armadiu... ( lo apre ) spaziusu...

BIAGIO

E stu tavulu, cu sta bedda cuperta finu a terra.

COLA

( Dopo aver guardato fuori ) Sangu di Giuda! Ccà sta vinennu!... ( Si infila

subito sotto il tavolo ).

BIAGIO

( Va ad infilarsi dentro l’armadio e si chiude dentro ).

SUSANNA

( Alquanto stupita ) Ma signori! Uscite immediatamente da lì! ( Cerca

invano di aprire l’armadio ) Ma insomma! Signori! Ma che maniere! Si

può sapere cosa state facendo? ( Va al tavolo ) Signor Barresi, uscite da lì

sotto! ( Scopre la coperta, ma Cola la abbassa subito ).


21

SCENA QUARTA

( Detti, Meli e Simone )


MELI SUSANNA SIMONE SUSANNA MELI SIMONE MELI SUSANNA SIMONE SUSANNA SIMONE MELI SUSANNA MELI SUSANNA SIMONE MELI SUSANNA SIMONE SUSANNA


( Entra dalla porta in fondo, seguita da Simone ) Susanna cara, come stai?

( Dopo aver abbracciato Meli ) Oh! Ma guarda chi si vede, il signor

Ciancio. Come mai a Taormina?

Buongiorno signora Melato. Sono venuto a Taormina e ho pensato di

venirla a trovare. ( Le dà una scatola di caramelle ) Un pensierino...

Grazie! ( Lascia la scatola sul tavolo ).

Il signor Ciancio ha insistito per essere accompagnato.

Avemu aspittatu fuori... per non disturbare... Alle volte...

Sì, perchè al signor Ciancio è sembrato di vedere due uomini entrare nel

tuo negozio. Allora...

( Sorridendo per nascondere l’imbarazzo ) Due uomini? Ma cosa dite

signor Ciancio? Uomini? Impossibile. Io servo solo delle clienti femmine.

Mah!? A mia mi pàrsiru màsculi.

“Màsculi”? Vedete signor Ciancio, io vendo articoli femminili, mentre

siete voi che vendete articoli “masculìni”.

( Tra sé ) Mai! Sardi. Cchi mi pigghiàu ppi pisciaru?

Quello che gli dicevo anch’io. da Susanna vengono solo le signore. Chissà

cosa avete visto. Accomodatevi signor Ciancio, forse siete stanco.

( Bloccandolo ) Perchè non ci accomodiamo di là? ( Indica a destra )

Vorrei far vedere il mio laboratorio al signor Ciancio...

Andate voi. Io mi fermo qui a provare qualche cappello. Mi diverte.

No, cara, vieni anche tu. Non mi vorrai lasciare sola con un uomo...

Giusto! Non sta bene! Facìtini cumpagnìa.

( Avviandosi ) Susanna, alle volte mi sembri una collegiale.

Sono una donna indifesa, ecco!

Seria ed onesta! ( Esce dalla porta di destra precedendo Meli ).

( Prima di uscire anche lei, parlando forte ) Andiamo via tutti e tre! Ed io

chiudo la porta! ( Via ).


SCENA QUINTA

( Cola e Biagio, poi Meli )


COLA

BIAGIO


( Esce con cautela da sotto il tavolo, poi va all’armadio e bussa ).

( Da dentro ) Occupato!


COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA


Apri, ca iù sugnu.

( C. s. ) Parola d’ordine!

Cretinu, grapi! ( Volendo stare allo scherzo di Biagio ) E va bene: “Ti

piaciono le svedese”? Contra-parola?

( Si affaccia rispondendo ) Macari le danimarchese! ( Esce dall’armadio )

Cchi fici si nni jvu?

No. sunu ddà banna.

Allura jemunìnni, prima ca torna ( si avvia per la comune ).

( Lo trattiene ) Fermu! Di ccà ni nni jemu dopu ca si nni va iddu. Non lu

vidi comu ci sta ‘a signura? Ci fìcimu colpu.

Cchi si pazzu? Jemunìnni ca qualchi colpu u pigghiamu du principàli.

Non ti preoccupari ca si nni sta jennu. E nuautri ristamu ccu sta signura

ca è bona. Finalmente l’avventura!


22

MELI

( Con le spalle rivolte ai due, appare dalla porta del laboratorio e parla

rivolgendosi all’interno ) Vengo subito, Susanna. Non temere, non vi

lascio soli.

COLA

( Va, senza essere visto, ad infilarsi subito sotto il tavolo ).

BIAGIO

( Cerca anche lui di infilarsi sotto il tavolo ma, spinto da Cola, finisce a terra.

Allora, per non farsi sentire, si muove molto lentamente camminando sulle

ginocchia e si dirige verso l’armadio ).

MELI

( Girandosi lo scorge e rimane a guardarlo silenziosa da dietro il banco ).

BIAGIO

( Arrivato all’armadio si gira verso Meli e, prima di entrare, si scusa ) Con

permesso... ( Si chiude dentro ).

MELI

( Va all’armadio e lo apre ) Oh! Ma guarda. Il signor Biagio! Credevo che

COLA

foste a Caltagirone.

( Nascosto sotto il tavolo cerca di portarsi alla porta d’ingresso, ma il tavolo

non passa )

MELI

( Alzando il drappo ) Ci siete anche voi, signor Cola?!

COLA

( Esce allo scoperto ) Malidittu a li porti stritti!

MELI

Ma benone! E chi altri c’è?

BIAGIO

( Venendo fuori ) Sulu nuautri dui.

COLA

Siamo di passaggio...

BIAGIO

E ni nni stamu jennu: buonasera!... ( Si avvia ).

MELI

( Parandosi davanti la porta ) Come, così presto?

COLA

Sa... una visita... di sfuggita...

MELI

Bene, bene!... Amici della signora Susanna?!

BIAGIO

Quali amici? Cu’ l’ha vistu mai?

COLA

( Volendosi dare delle arie ) Insomma...

BIAGIO

( Sincero ) Insomma, trasemu ccà intra pirchì vìstimu o’ principàli.

Signura Meli, ppi opira di carità, non cci dicissi nenti.

COLA

Non ti preoccupari ca a signora Meli è una donna di mondo. A

proposito: si havi di bisognu di qualchi paccu di pasta... Vah, dicu: a

sgraggiu... sottomano... Basta ca veni quannu u principàli è assente dal

negozio. Veru Biagio?

BIAGIO

Sì, sì! un paccu di cincu chili...

MELI

Della pasta? Solo della pasta? Non basta!

BIAGIO

( Capendo male ) No, pasta? Allura... farina? Cci n’aggiuva farina?

COLA

Cretinu! ‘A pasta si la pigghia, ma dici ca non cci basta ‘a sula pasta.

Non cci ab-ba-sta! Vero signora? Ho capito bene?

MELI

Voi sì che siete una persona intelligente. Però non mi conoscete bene: io

non ho mai mendito in vita mia. Non dico bugie...

COLA

Sincerazza! Ho capito! Cci voli macari un poco di formaggio.( A Biagio )

‘A pasta senza rattata... comu si la mangia, criatura! Non è vero

signora? Na rattata cci voli!

MELI

Un po’ d’olio...

COLA

Certu, macari! Senza ogghiu? Unni s’ha dittu mai?!

MELI

Oh! Dimenticavo: il condimento. Qualche scatola di salsa...

COLA

... Sottaceti.

MELI

Olive...

COLA

... Prosciutto.

MELI

Salame...

COLA

... Ricotta salata.

MELI

E poi: tonno.

BIAGIO

( Capendo male ) Torna?... Matri! Ssà quantu viaggi farà?!


23

SI SENTONO VICINI SIMONE E SUSANNA CHE RITORNANO.

COLA E BIAGIO, IN FRETTA, SI NASCONDONO COME PRIMA.


SUSANNA SIMONE MELI SIMONE SUSANNA SIMONE SUSANNA MELI SUSANNA SIMONE SUSANNA SIMONE SUSANNA SIMONE MELI SUSANNA SIMONE SUSANNA SIMONE SUSANNA SIMONE SUSANNA MELI SIMONE MELI


( Seguendo Simone, entra dalla porta del laboratorio) Ed allora, signor

Simone, che consigli mi date?

Innanzitutto voi pagate troppo le vostre lavoranti; cci dati troppa larga

mano e iddi si n’approfittunu. Ai miei commessi, invece, non li fazzu

mancu annacàri. E sugnu sicuru ca stannu sempri al loro posto di

lavoro...  Dda  a  Caltagirone!  E  quello  che  è  più  importante  non

t’àrrobbunu mancu na buatta. ( Va a sedersi accanto il tavolo ).

( Con ironia ) Neanche una scatola di tonno?

Mai! Li ho educati ad essere onesti e fedeli. Si qualchi giono, lei signora

Susanna, veni a Caltagirone, cci fazzu vìdiri il mio negozio. Tutto in

ordine. E i commessi che lavorano.

Oh, grazie! Sapete, conosco un signore di Caltagirone.

Sì? E cu è chistu?

Una persona simpatica, molto in vista.

Non direi, cara. Chissà a quest’ora dove sarà nascosto.

( Si porta al tavolo e sedendosi aggiusta meglio il drappo) Voglio dire: una

persona certamente conosciuta da tutti. Si chiama Barresi. Il signor Cola

Barresi. Lo conoscete?

Cola? M’addumannati si lu canusciu? Cola Barresi è u me cummessu.

Il vostro commesso? Impossibile... Forse ha lo stesso nome del vostro

commesso...

Di Cola Barresi a Caltagiruni, ci n’è unu sulu: u me cummessu.

Davvero?

E com’è ca u canusciti?

Un incontro casuale?

Sì, sì! un incontro casuale.

Ma cchi cci jti ‘ncucchiannu? “Incontro casuale”. Cola non nni fa

incontri. Vi dicu ca non cci fazzu annacàri mancu ‘a cuda. Unni successi

st’incontru?

Ma signor Ciancio, non vi permetto di farmi un tale interrogatorio. Il

signor Barresi è molto più conosciuto di quanto possiate immaginare.

Ma non mi faciti arrìdiri... Il “signor Barresi”... Cola! ( Ridendo si

appoggia al tavolo ) Il “signor Barresi”... Dda bestia... ddu deficienti...

ddu... ( Cola muove il tavolo, Simone traballa e di scatto si alza spaventato )

Madonna! Terremotu!...

(  Subito ferma il tavolo ) Ma che terremoto. Siete voi che traballate dal

ridere.

( Rimessosi, si siede ) Ppi forza. mi diciti ca Cola è canusciutu.

Certo! Io l’ho incontrato proprio qui a Taormina.

E allora! E’ giunto il momento di dire la verità. Cola Barresi, il vostro

commesso, è di casa qui a Taormina. Tutti lo conoscono e lo ammirano.

Maòra! Si chiddu sta tuttu u jornu ‘nto negoziu.

Di giorno! Ma di notte? Dove passa le notti Cola Barresi? Qui a

Taormina! Nei migliori locali, nei salotti più eleganti, e in tutti i

ristoranti di Taormina. Dovete sapere che il giovedì ed il sabato cena al

ristorante “Bellavista”. E lo trovate sempre attorniato di belle donne,

spendendo a destra e a manca.


24

COLA, DURANTE IL DIALOGO DI MELI,

ALZA IL DRAPPO E,

MOSTRANDO PIU’ CURIOSITA’ CHE AMMIRAZIONE,

SI AFFACCIA CON MOLTA CAUTELA.


SIMONE


Allura non è iddu! Sarà qualcunu autru! Si iù arrivassi a sapìri ca iddu, sulu pinsassi, di vèniri a Taormina, u licinziassi subitu.


COLA ABBASSA IL DRAPPO REPENTINAMENTE.


MELI SUSANNA SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE SUSANNA MELI SIMONE SUSANNA MELI SUSANNA MELI SIMONE MELI SIMONE


E’ proprio lui, invece.

L’avevo capito dalle sue stravaganze.

Impossibile! Di unni i pigghia i soldi?

Ma è ricchissimo.

Cui?

Cola Barresi, il vostro commesso.

Ma si cci tegnu iù i soldi. Ed è sempri fagghiu ‘n cannila. Mortu di fami

ca i stissi non cci nn’è.

Ma non mi fate ridire! Cola è un Barresi. Dei prìncipi “Barresi”.

Prìncipi?... Quali prìncipi?

Ma i “Barresi” i prìncipi Barresi del palermitano.

Ma allura pirchì fa u commessu ‘nto me negoziu?

Stravaganze, vi dico. E’ un tipo stravagante.

Ascoltatemi, signor Ciancio, vi dirò il perchè. Ascoltate...

No. Non vogghiu sèntiri nenti. Mi stati facennu furriàri ‘a testa. Non pò

esseri, vi dicu! Si tratta di qualcunu autru. ( Si alza ) Vah! Megghiu ca mi

nni vaiù.

Racconta cara, mi interessa.

Mi pare di capire che ha fulminato anche te, Susanna. Non pensare di

volerlo sposare, però.

Che vai dicendo sposarlo? Lo conosco appena...

Potrebbe succedere. E’ un bell’uomo, ricco, intelligente, raffinato... Però

stai attenta, cara. E’ un uomo desiderato da tante donne.

Cui?

Ma Cola Barresi!

Quanti voti è vinutu a fàrivi vìsita stu signuri?


SCENA SETTIMA

( Detti e Santina )


SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA


( Entra dalla porta di destra ) Scusati. Signura, ci haiu a purtari dda

ordinazione a signura Grimaldi. ( Si avvia con decisione all’armadio e sta

per aprirlo ).

Aspetta!... Dopo... dopo... ( Corre all’armadio ).

( Apre l’armadio e spaventata fa un balzo indietro ) Oh!!! Un uomo!...

( Puntando l’indice ) C’è un uomo!

( Chiude l’armadio e spinge Santina verso il laboratorio ).

( Continuando a puntare l’indice ) C’è un uomo!... Un uomo!... Un uomo...

( Ripete sino a quando Susanna la fa uscire ).


25

SIMONE

Un uomo? Ora ci pensu iù!

MELI

( Impedendoglielo ) Lasciate fare a me.

SUSANNA

No!... Aspetta!...

MELI

( Va all’armadio, lo apre e, dopo aver spostato gli abiti, lo richiude ) Ma che

uomo. Non c’è nessuno!

SUSANNA

( Che stava per intervenire, si ferma e si tranquillizza ).

MELI

Cara Susanna fai affaticare troppo le tue lavoranti. Quella povera

ragazza ha i nervi a pezzi... Sedete, signor Ciancio! ( Lo spinge facendolo

sedere ) Cosa dicevate?

DOPO UN ATTIMO DI SILENZIO,

DALLA’ARMADIO PROVIENE UN FORTE STARNUTO.

E’ STATO BIAGIO.

MELI

Salute!

SIMONE

( Si gira verso l’armadio ).

SUSANNA

( Per riparare ) Grazie! Sono raffreddata...

SIMONE

( Si gira verso Susanna e crede, quasi. che è stata lei a starnutire ).

UN ALTRO STARNUTO PIU’ FORTE PROVIENE

DALL’ARMADIO.

SIMONE

( Scatta in piedi girandosi verso l’armadio ).

ANCORA UNO STARNUTO DI BIAGIO.

SIMONE

Chiddu ca è raffriddatu è l’armadiu! ( Si dirige minaccioso all’armadio ).

SUSANNA

( Con mossa fulminea si para davanti l’armadio ).

COLA, DA SOTTO IL TAVOLO,

MANDA UNO STARNUTO CHE FA GIRARE SIMONE.

POI UN ALTRO CHE FA TRABBALLARE IL TAVOLO.

SIMONE

( Va al tavolo e tira il drappo, ma Cola è pronto ad afferrarlo ed avvolgersi

dentro rimanendo sotto il tavolo ).

LA SCATOLA DI CARAMELLE CADE A TERRA

E VIENE RACCOLTA DA SUSANNA.

SIMONE

Sangu di Giuda! No, unu? Dui! ( A Susanna ) Cci nn’è qualcunu autru

ammucciàtu sutta a vostra vesti?

MELI

Santo Iddio! Ma questa casa è piena di uomini!

SIMONE

( A Meli ) Unni mi purtàstivu ‘nta na casa d’appuntamentu?

MELI

( Andando via ) Andiamo signor Ciancio, Adelina ci aspetta! ( Esce dalla

SIMONE

porta in fondo ).

( Segue Meli, ma davanti la porta si ferma e ritorna indietro strappando dalle

mani di Susanna la scatola di caramelle ) Le caramelle facitivilli accattàri

di vostri spasimanti!... ( Le grida in faccia ) Buttana! (Va via ).


26

SCENA OTTAVA

( Susanna, Cola, Santina e Biagio )

SUSANNA          ( Dopo che si è rimessa, va all’armadio e bussa ) Potete venir fuori, la commedia è finita! ( Va al tavolo e scopre Cola ) Signor Barresi, non mi piacciono questi vostri scherzi. Non li tollero a casa mia!

COLA                    ( Esce carponi da sotto il tavolo e rimane in ginocchio ) Ci dispiace... Ci deve scusare...

SANTINA           ( Si affaccia guardinga dalla porta del laboratorio e scorge Cola ) Un altro uomo?!

COLA                    (  Ancora  in  ginocchio  si  avvicina  a  Santina  e  galante  si  presenta  )

Permette?... Cola Barresi!

SANTINA           ( Non capendo, indietreggia spaventata ) No! Non voglio! ( Scappa via nel laboratorio ).

SUSANNA          Santina non avere paura... Aspetta!... Non scappare!... ( A Cola ) Vedete? Con questi vostri scherzi avete fatto spaventare la mia lavorante... ( Sidirige al laboratorio chiamando ) Santina!... Santina!... ( Va via ).

DOPO CHE SUSANNA E’ ANDATA VIA, DALL’ARMADIO VIENE FUORI BIAGIO VESTITO DA DONNA, CON CAPPELLINO IN TESTA E BORSETTA AL BRACCIO. SI COPRE VEZZOSAMENTE IL VISO CON UN VENTAGLIO.


COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO


( Si era alzato portandosi dietro Susanna per scusarsi ancora, poi, girandosi,

scorge Biagio e, senza riconoscerlo, con galanteria si toglie il cappello e

saluta ) Signora!.. ( Poi rivolto verso il laboratorio, chiama ) Signora

Susanna vinissi ccà! C’è una cliente... Ritorni!

Quali cliente? Iù sugnu travestito.

( C. s. ) Signora Melato, si affacciassi: c’è un travestito...

No! Masculu sugnu! Biagio sono!

( Riconoscendolo ) Tu si?! E comu ti cumminasti?

Intra l’armadiu cci sunu tanti vistiti... Travèstiti macari tu, accussì u

principàli non nni canusci.

Non c’è di bisognu. Si nni jvu.

Si nni jvu?! Allura amunìnni... prima ca torna... ( Si avvia per la porta in

fondo, ma vedendo Cola che non si muove, si ferma ) Cola, vieni!...

Unni vai vistutu accussì? Vo’ spogghiati ca pari una di quelle. Mi stai

parennu a “Tapàllira” du Burgu di Catania.

( Con movenze femminili ) Non cominciamo ad offendere. ( Al naturale ) E

va bene! Vado, mi cambio e torno! ( Rientra nell’armadio ).


DAL LABORATORIO RIENTRA SUSANNA.

SANTINA LA SEGUE.


SUSANNA COLA SUSANNA COLA SUSANNA


Entra Santina. Non temere. So chi è questo signore. Ormai lo conosco

molto bene!

( A sé ) Veramente chiddu ca nni canusceva megghiu era u principàli.

Signor Barresi fate uscire immediatamente dall’armadio il vostro amico

degno compare.

Fa cuntu ca compare... Il tempo ca si cambia.

Fatelo uscire subito!


27


COLA SUSANNA BIAGIO SUSANNA


( Si porta all’armadio e batte le mani ) Biagio, compari!

Santina, questo signore è il famoso dongiovanni di Taormina Cola

Barresi. E poichè è molto ricco si permette di fare tutti gli scherzi che

vuole. Come quello dell’armadio di poco fa. Poi la sera va a spassarsela

raccontando le sue bravate agli amici o alle amiche, nei salotti o nei

ristoranti più lussuosi di Taormina. Questa sera, però, porterà noi due al

ristorante e così farà divertire anche noi.

( E’ già uscito dall’armadio, indossando il suo vestito ).

Signor Barresi, accettiamo il suo invito a cena al ristorante “Bellavista”.

Vieni Santina, andiamo di là a prepararci e farci eleganti. Signori,

torniamo subito! ( Va via nel laboratorio, tirandosi dietro Santina ).


SCENA NONA

( Cola e Biagio )


BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO


( Avviandosi verso la porta in fondo ) Jemunìnni, prima ca tornunu...

(E’ rimasto immobile a guardare estasiato Susanna che va via. Poi si

appoggia al banco con lo sguardo verso il laboratorio ) Cchi fimmina! ‘A

sintisti? “Signori, torniamo subito!”.

E nuautri nni jemu subitissimu! Forza... cchi è c’aspetti?

( C. s. ) A Susanna. Che donna! La vogghiu vìdiri spuntare... elegante.

Oh, cchi fimminuna!

Auh! E smòviti...  Spìcciti  pima  ca  vènunu e  n’avemu accattàri  u

cappeddu. Cola!... Cola!... E cchi ristau pircantàtu?! U sintisti ca vòlunu

èssiri purtati o’ risturanti? Signor Barresi... o’ rituranti. U sintisti?

( Sognando ) Che donna! Ha accetato il mio invito a cena...

Quali invito? Si mancu avemu pipìtiatu.

Tu che sei rozzo e volgare. No, io che sono generoso e galante. Io le ho

invitate!

Quannu? Ma si non hai parratu.

Ho parlato col cuore. E lei... Susanna, ha capito! Ha capito e... ha

accettato. Biagio, noi ce le porteremo!

Unni? Cui? ( Tra sé ) Cchi niscìu pazzu?!

Biagio, chiama una carrozza.

Cchi chiamu?

Una carrozza per portare le signore al ristorante.

Quali carrozza? Al massimo, si cci l’avemu a purtari ppi forza, costretti,

vah! Ma sempri ppi lassalli dda e nuautri jrannìnni di cursa, ni li

putemu sulu ‘mpùniri ‘n cazzicarèddu. Na carrozza?! E cu quali soldi?


SCENA DECIMA

( Detti, Susanna e Santina )

SUSANNA E SANTINA,

ELEGANTEMENTE VESTITE E TRUCCATE,

APPAIONO DALLA PORTA DEL LABORATORIO.


SUSANNA SANTINA


Eccoci pronte! Santina, il signore è il tuo cavaliere ( indica Biagio ). Spero

si comporterà da galantuomo. Voi signor Barresi accompagnerete me

( gli porge il braccio ).

( Si avvicina a Biagio e gli dà il braccio anche lei ).


28

COLA E BIAGIO RESTANO AMMUTOLITI,

GUARDANDO ESTASIATI.


SUSANNA COLA BIAGIO COLA BIAGIO COLA SUSANNA COLA BIAGIO COLA SUSANNA COLA BIAGIO COLA BIAGIO COLA SUSANNA SANTINA SUSANNA COLA BIAGIO SUSANNA COLA BIAGIO COLA SUSANNA COLA BIAGIO COLA BIAGIO SUSANNA SANTINA


Su, possiamo andare! Signori, prendiamo una carrozza.

( Si avvia , ma prima d’uscire si blocca ) Non è meglio andarci a piedi? Che

ne dici Biagio? ( Biagio è rimasto immobile, ancora incantato a guardare

Santina ) Biagio! Biagio!...

( Svegliandosi ) Ah?

Dicu ca è megghiu a piedi. Ci jemu a piedi! Non è veru?

Unni?

Al ristorante. E’ vicino, no?

Vicino? Voi fate finta di non conoscerlo, vero?

Che sbadato. Certo! Il ristorante “Bellavista” è molto lontano da qui.

Biagio, sai cosa ti dico? Non vale la pena andare così lontano: vedi se c’è

una rosticceria qua vicino, compra tre arancini, ce li mangiamo qua che

è meglio.

Sì, megghiu è! ( Si avvia, ma si ferma ) Ma pirchì tri?

Comu pirchì? A tia l’arancino ti fa jàcitu, no? Perciò è meglio non

abusare.

Signor Cola, ho capito che per voi non siamo abbastanza eleganti da

avere il piacere di andare assieme al Bellavista”. Bene! Come non detto.

( Si avvia per il laboratorio ) Vieni, Santina! I signori non ci considerano

belle, raffinate ed eleganti come loro. Buonasera!

( Cerca di fermarla ) Ma quannu mai! Vi giuro che siete elegantissima e...

bella. Bella e... bona!

( A Santina ) E lei è bellissima, signorina... Mi sta parennu na fata!

Vogliamo che venite con noi... macari o’ risturanti, e comu finisci si

cunta! Vero Biagio?

Ca... comu finisci si cunta!... Dopu vint’anni. Pirchì tantu ni nni dùnunu.

Sì! Vogliamo che venite con noi!

Andateci voi. Io non vengo. Mi sembra tutto un artificio.

Ma signura, si dìcinu ca ni cci portunu...

Con quella faccia?

Ma si semu cuntenti... ( pensa, però, alla galera ).

( Con lo stesso tono ) Cuntenti...

Sembrate un funerale. Su, sorridete!

Sorridi, Biagio.

Non ci la fazzu. Beddamatri ca non mi veni.

Non ce la fa. Dovete scusarlo: ha la maschera tragica.

E allora, cantate!

Biagio, canta na canzuna!

E’ ca ‘nta testa mi nni veni sempri una.

Quale?

‘A “canzuna du carzaràtu”.

Santina, andiamo! Basta con questa pantomima.

Ma signura...


29

COLA E BIAGIO SI PORTANO IN AVANTI

ED INTONANO UN MOTIVO ALLEGRO,

MA CANTANO CON TRISTEZZA.

SUSANNA          ( Dopo un poco esclama ) Veniamo!

I DUE UOMINI SI AVVICINANO ALLE DONNE E, ALLEGRI, DANDO IL BRACCIO OGNUNO ALLA SUA DAMA, SI AVVIANO ED ESCONO PER LA PORTA IN FONDO, MENTRE LENTAMENTE SI CHIUDE IL...

S I P A R I O

Fine del secondo atto


30

ATTO TERZO

La scena :

Una sala del ristorante “Bellavista” a Taormina.

Nella parete di fondo, al centro, c’è una porta, apribile in tutte e due i sensi, che fa da ingresso nella sala. Questa porta, è con vetri trasparenti che lasciano vedere un disimpegno, da dove si può venire sia da destra, che da sinistra. Nella parete sinistra c’è una porta che conduce nei salottini di sopra.

Nella parete di destra, c’è un’altra porta che conduce nel giardino e che, oltre all’ingresso in fondo, fa anche da comune.

Nella sala ci sono due tavoli, collocati uno a sinistra e l’altro a destra; attorno ad ogni tavolo ci sono quattro sedie.

All’angolo sinistro della parete di fondo si trova un paravento e all’angolo destro vi è un cavalletto con in esposizione un quadro raffigurante il viso di una donna rassomigliante ad Emilia.

Accanto all’ingresso, sulla destra, vi è un attaccapanni e collocato nel punto più adatto vi

èun mobile sparecchia-tavola con piatti, posate, bottiglie, bicchieri e tovaglioli. ( Come per la scena dell’atto precedente, si può usare pure la stessa struttura ).

SCENA PRIMA

( Simone, Cameriere, poi Direttore )

ALL’ALZARSI DEL SIPARIO

SI VEDONO ATTRAVERSARE NEL DISIMPEGNO,

VENENDO DA DESTRA E DA SINISTRA, DEI CAMERIERI

CHE CON PASSO SVELTO PORTANO VASSOI, PIETANZIERE O ALTRO.

SUBITO DOPO DALL’INGRESSO ENTRANO SIMONE E IL CAMERIERE.

SIMONE INDOSSA IL SOPRABITO.


CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE


Questa, signore, è la sala più picola. E’ veramente romantico cenare in

questa sala. Specialmente chi ama l’intimità e la riservatezza.

( Indicando la porta a sinistra ) E di ccà?

C’è la scala che porta nei salottini di sopra. E’ romantico! ( Indica la

porta a destra ) Quella porta, invece, conduce nel giardino. Un giardino

romantico. Ed in fondo al viale c’è l’altro nostro ingresso. Un ingressso...

Romantico!

No. Riservato. Un ingresso riservato!

Va bene! Allora ceneremo qui. Dunque, prendete nota. Voglio un tavolo


CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE


per tre persone.

( Ripetendo scrive su un taccuino ) Tre persone.

E voglio un pollo.

Pollo alla gelatina? Pollo alla créme? Pollo alla diable?...

( Interrompendolo ) Un pollo! Pollo... pollo!

Ho capito. Ma pollo alla créme?... Alla diable?... Oppure...


31


SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE


Sentite: l’avete presente la gallina? Chidda ca fa l’ovu?

Ma certo. La gallina.

Oh! Il marito! E con il pollo ci portate una bottiglia di vino.

Bordeaux? Sherry? Marques? Brulè?

Vi-no! Na buttigghia di vino e basta! Stàutru tàvulu ( indica il tavolo a

sinistra ) u livati... perchè voglio ca ristamu nuàutri suli.

Senz’altro!... Voi tre soli.

Oltre a me ci saranno anche due signore. O meglio: una signora e una

signorina.

Metteremo dei fiori.

Ppi cui?

Per le signore.

Quali fiori? Cchi semu ‘nta chiesa? Cci vulissi ca avissi a pagari macari i

fiori. Niente fiori! Un tavolo spoglio!

( Scrive ) Niente fiori.

A proposito... che c’è, per caso, qualche tavolo di seconda mano?...

Voglio dire: un tavolo di seconda categoria... a prezzo ribassato?

Non capisco.

Nenti... nenti! Cosa ca non pò essiri. Dunque, ci sono con me due

signore...

Ho capito! State tranquillo che in questa sala non sarete disturbato.

No, lei ancora non ha capito. Mi lassassi parrari. Queste signore... non

devono mangiare troppo.

E perchè?

Stanno facendo una cura dimagrante. Il medico ci ha ordinato di

mangiare poco, anzi pochissimo.

Va bene!

(  Piano tra sé ) No, va male! Pirchì sempri qualchi cosa si la màngiunu.

( Forte ) Ed allora, siccomu, comu vi ho detto sono in cura dimagrante,

chiddu ca ordina sarò solo io. Ci semu? Se per caso iddi avissiru a

ordinare qualchi cosa, lei talìa a mia... iù ci fazzu segno di no e lei trova

una   scusa    per    non    portare    niente.    Ha    capito?    Stassi    attentu,

specialmente, alla signora, pirchì sugnu sicuru ca chidda cci ordina

qualchi cosa extra. Lei, basta ca talìa a mia ca certamente ci dico di no...

Anzi, u pò cuminciari a scriviri: “No”! No categorico. U scrivissi!

Non è necessario. Ho capito.

E’ megghiu scrivillu... ca i cosi scritti rèstunu!

( Scrive qualcosa ).

( Avviandosi ) Allora, restiamo intesi: pollo, vino e...

E?

E “no”! Non l’aviti scrittu?... Fra mezz’ora tornu! ( Andando via, si

blocca    vedendo il quadro in esposizione sul cavalletto; poi si avvia ma

ritorna ad oservarlo ancora ).

( Avvicinandosi ) Al signore interessano dei quadri? Ne vuole acquistare

qualcuno?

Ca era cretinu! ( Osservando meglio ) Sta facci, però... mi pari di

canuscilla.

Questo quadro non è in vendita. E’ di proprietà dell’autore. Per questo

è  messo  in  disparte  in  questa  piccola  sala.  Ma  se  vuole  nell’hall

dell’albergo c’è tutta la mostra.


32


SIMONE CAMERIERE SIMONE CAMERIERE SIMONE


( A sé, osservando ancora ) Mah, mi pari di canuscilla! Cu’ sapi unni

l’haiu vistu?... ( Al cameriere ) Cu’ è qualchi canzunettista?

E’ il ritratto della fidanzata del pittore. Per questo non vuole venderlo.

E’ romantico, vero?

No. E’ scunchiurutu! Quannu na cosa veni misa in esposizione... Se è

richiesta, si vinni.

Gli altri quadri li sta vendendo bene, ma questo non lo cede.

E si lu tinissi iddu! Però sta facci... ‘a canusciu!


SCENA SECONDA

( Detti e Direttore )


DIRETTORE CAMERIERE DIRETTORE SIMONE DIRETTORE SIMONE DIRETTORE SIMONE DIRETTORE SIMONE DIRETTORE SIMONE DIRETTORE CAMERIERE DIRETTORE CAMERIERE DIRETTORE SIMONE


( Entra dal fondo e vedendo che Simone osserva il quadro, gli si avvicina )

Bello,  eh?  Un  capolavoro!  Peccato  che  non  vuole  assolutamente

privarsene. ( Al cameriere ) Vai di là!

( Va via dalla porta in fondo ).

Poco fa un signore voleva acquistarlo per quattromila e duecento lire. Se

sapeste come ha insistito. Un intenditore certamente! Peccato!

Si vuleva accattàri stu quadru, ppi quantu?

Ha offerto quattromila e duecento lire.

Ppi stu quadru?!?! Ma non dicissi stupidaggini. E cchi era fattu d’oru?

Caro signore, acquistare dei quadri, oggi è un sicuro investimento.

Specie se si acquista un “Taviani”. Oggi, il signor Taviani è un pittore

che vende. Ed è assai quotato.

Comu si chiama stu pitturi?

Taviani. Alfredo Taviani. Ed è ancora giovane, sa?

Aòra?! Iddu?... ( Indica il quadro ) E... chista è Emilia!

Cosa dite?

E’ Emilia!

Veramente mi risulta essere della Toscana, non dell’Emilia.

( Si affaccia dalla porta in fondo ) Signor direttore, nella hall c’è il maestro

Taviani.

Oh! Lupus in fabula. ( Al cameriere) Vengo subito!

( Va via ).

Se volete conoscerlo, ve lo presento. ( Si avvia per uscire dalla porta in

fondo ) Scusate. ( Va via ).

No. Anzi fussi megghiu ca non nni incuntramu... ( Fa per uscire dalla porta

in fondo, ma subito ritorna indietro perchè sente la voce di Alfredo che sta

per entrare. Allora va a nascondersi dietro il paravento ).


SCENA TERZA

( Simone, Direttore, Alfredo, Emilia e Meli )

DALLA PORTA IN FONDO ENTRANO:

DIRETTORE, ALFREDO, EMILIA E MELI.


DIRETTORE


( Dopo aver fatto entrare tutti, si rivolge ad Emilia ) E’ un vero piacere conoscere di persona colei che ha ispirato l’artista di questo capolavoro. ( Ad Alfredo ) Però fate male a non venderlo, una volta che possedete l’originale.


33


ALFREDO

DIRETTORE

ALFREDO

DIRETTORE

MELI

EMILIA

ALFREDO

EMILIA

MELI

ALFREDO

MELI

ALFREDO

MELI

ALFREDO

MELI

EMILIA

MELI

ALFREDO

MELI


Vi voglio fare una confidenza: sono geloso della mia fidanzata e voglio

che tutto ciò che riguarda lei resti sempre con me.

Ma è stata offerta la considerevole somma di quattromila e duecento

lire... Un signore che l’ha potuto ammirare...

E’ inutile, non lo vendo!

Permettetemi. Torno subito! ( Va via dalla porta in fondo ).

Caro signor Taviani, vi ammiro! Se io avessi potuto creare, con la sola

immaginazione, un così bel ritratto, non me ne disfarei certamente.

Emilia, ammirati cara, la tua immagine vale fior di quattrini.

Non è così, signora Meli. E’ che Alfredo è molto bravo e mi ha ritratta

più bella.

Così come io ti vedo nei miei sogni.

Signora Meli, sarà meglio che mi accompagnate a casa vostra... Se mio

padre arrivasse a sapere che sono con Alfredo...

Cara bambina se continui a fare ciò che vuole tuo padre, non ti libererai

mai di lui. Pensa che tuo padre è un tiranno.

Un lupo mannaro.

Un uomo malvaggio...

...che puzza come un pesce avariato.

Che non si lava quasi mai, per non consumare l’acqua... E’ un avaraccio.

Un usuraio.

Un... ( Si accorge che dietro il paravento c’è Simone. Difatti questi fa

muovere il paravento ad ogni invettiva nei suoi riguardi. Allora cerca di

riparare ) Oh! Ma cosa mi fate dire? Un galantuomo, voglio dire. Il signor

Ciancio è un gran galantuomo. E voi ragazzi state commettendo un

grave sbaglio. Meno male che ci sono io qui ad impedirvi di far morire di

collera quel povero signor Ciancio. Su ragazzi, ora andate di sopra a

cenare, io vi raggiungerò più tardi,  e quando mi incontrerò col signor

Ciancio, spero di farvi perdonare e convincerlo di acconsentire al vostro

matrimonio. ( Dopo una pausa ) Signor Taviani, voi non volete vendere

questo quadro di cui hanno offerto quattromila e duecento lire. Fareste

bene a regalarlo al padre di Emilia. Sono certa che ci terrebbe ad avere a

casa sua, una volta che Emilia non c’è più, almeno il suo ritratto.

E’ inutile! A mio padre non piacciono i quadri.

Questo sì, certamente! E... lo terrà caro.

Se acconsentisse alle nozze... magari sarei disposto a privarmene.

Bene! A più tardi, allora. ( Va via dalla porta di destra, mentre Alfredo ed

Emilia vanno via dalla porta di sinistra ).


SCENA QUARTA

( Simone e Direttore )


SIMONE DIRETTORE SIMONE DIRETTORE SIMONE


( Esce da dietro il paravento e si imbatte col Direttore che entra dalla porta in

fondo ) Oh! A lei cercavo! Lei mi deve fare un favore.

Se posso, con piacere.

Mi deve trovare l’indirizzo di ddu signore ca si vuleva accattàri stu

quatru.

Ma vi ho detto che l’autore non lo vende.

Iddu. Ma no, iù!


34

DIRETTORE

Non vi capisco... Comunque mi ha lasciato il suo biglietto da visita...

SIMONE

dovrei cercarlo. Però...

( Dalla tasca interna del soprabito prende il portafoglio e da lì tira fuori una

piccola bamconota ) Tinissi... Ccà c’è... ( Sta per darla al Direttore, ma si

blocca ) Assai su’! ( Conserva la banconota e rimette il portafoglio nella

tasca del soprabito, poi dal gilè prende una monetina e la dà al Direttore )

Tinissi! Basta ca mi cerca quell’indirizzo. E’ importante!

DIRETTORE

Ma cosa fate? Io non accetto...

SIMONE

Boni! Boni sunu! Anzi mi stati truvannu cunfissàtu. Gli affari sunu

affari! E a mia interessa quell’indirizzo. Vo’ jtilu a circari ca iù staiu

DIRETTORE

turnannu. ( Va via dalla porta di destra ).

( Scrolla le spalle e non sa dire altro. Poi si dirige alla porta in fondo, ma si

imbatte con Susanna, Cola, Santina, e Biagio che entrano ) Prego signori,

accomodatevi. Se volete cenare qui, faccio subito preparare. Vi mando

un cameriere. ( Va via ).

SCENA QUINTA

( Susanna, Cola, Santina e Biagio, poi Ernesto )

SUSANNA

Che posto chic! Meraviglioso! Santina che ne dici? Ceneremo qui!

SUSANNA E SANTINA TOLGONO I MANTELLI E,

DOPO AVERLI APPESI ALL’ATTACCAPANNI,

SI SIEDONO AL TAVOLO DI SINISTRA.

COLA

A  mia  mi  pari  ca  stu  ristorante  è  troppu  friddu.  Io  che  sono

raffreddato...

BIAGIO

Però sta sala è più riparata... semu suli... ( va ad ispezionare la porta di

destra  )  e  poi  guada  Cola,  questa  porta  duna  nel  giardino...  e,

prosequennu, si arriva fora ‘nta strata. Cola, qui per me, è più meglio,

no?

COLA

Sì, certo! Se c’è il giardino... che duna nella strata... Biagio, vedi se

allivòti ci sono cani scioti.

BIAGIO

Nenti cani, mancu cammareri e il cancello è spalancàto.

COLA

Allora è più meglio qui. ( Piano ) E u cuccheri?

BIAGIO

E’ misu ‘nta l’autru latu da strata... ca aspetta.

COLA

E havi vogghia d’aspittari!

SUSANNA

Cos’è che state dicendo?

BIAGIO

Dicevumu: u cuccheri havi vogghia d’aspittari...

COLA

Certo! Ci fermeremo un poco assai.

SUSANNA

Parlavate del cancello. Perchè vi interessa che sia aperto, signor Biagio?

BIAGIO

Ca ppi scappari.

COLA

( Subito ) Ma cosa dici, Biagio? Perchè dobbiamo scappare?

BIAGIO

Dico: per scappare... in caso di incendio. Non vorrai fare, mica, la morte

del surgi.

SUSANNA

Ma cosa andate pensando: incendio... Su, pensiamo a cenare. Signor

Biagio, chiamate il cameriere.

BIAGIO

Ca... ( non riesce a parlare ). Ho la voce ràuca. Cridu ca mi potti

arrifriddàri macari iù.

SUSANNA

( A Cola ) Allora chiamatelo voi.


35


COLA BIAGIO SANTINA SUSANNA COLA BIAGIO ERNESTO COLA ERNESTO COLA BIAGIO ERNESTO BIAGIO SUSANNA BIAGIO SUSANNA SANTINA SUSANNA SANTINA SUSANNA ERNESTO BIAGIO COLA SUSANNA BIAGIO COLA SUSANNA BIAGIO SUSANNA COLA BIAGIO ERNESTO


( Pronto ) Cameriere! ( Più forte ) Cameriere!... ( Gridando ) Ca-me-rie-re!

( Piano ) Disgraziatu! Alleggiu! ‘Ssà quantu nni vènunu, ora?!

Signora Susanna, si m’avissiru dittu ca ‘n jornu avissi mangiatu ‘nta

risturanti accussì... elegante, non cci avissi cridutu.

Sì è veramente un locale chic. Signor Barresi, la signora Meli diceva che

tutti i camerieri di Taormina vi conoscono.

( Dandosi delle arie ) Cosa volete?... Frequento tutti i locali.

E si ancora non lu canusciunu, fa cuntu ca nni canusciunu.

( Entra dalla porta in fondo e si avvicina al tavolo ) Signori...

( Quasi abbracciandolo ) Caro Battista...

No, scusate. Io mi chiamo Ernesto.

Ah, già Ernesto. Che sbadato!

Lo confondi con il fratello...

Non ho fratelli.

( Confidenzialmente ) Figlio unico? Bravo! ( Gli strige la mano ) Siete

simpatico! Caro Ernesto, queste signore vogliono fare uno spuntino.

Signori, non è necessario essere così alla mano con i camerieri.

( Piano ) E’ necessario invece, megghiu pigghiarisilli cu bonu.

Ernesto, fatemi vedere il menu. ( Dopo che Ernesto glielo porge ) Santina,

cosa vuoi mangiare?

Chiddu ca pigghia lei, signura.

Ti piace l’aragosta? L’hai mangiata qualche volta?

Aragosta? No, mai!

Su Ernesto prendete nota: aragosta all’arancia, timballo di riso, insalata

russa, anatra ripiena allo Shangai, macedonia e un buon vino rosso di

annata.

( Ripete le ordinazioni e scrive su un taccuino ).

( Ad ogni ordinazione è come se ricevesse una mazzata in testa ).

( Con spavalderia prende la lista e leggendo ordina ) E va bene! Scrivi

Ernesto: frullato di ananas, gelato al liquore con panna, fragolette allo

sciroppo, ciligine allo sherry, cassata siciliana di ricotta e... champagne!

( Esultando assieme a Santina ) Champagne!... Evviva! Champagne!

( Ad ogni ordinazione di Cola si tura le orecchie ).

( Senza leggere ) ...E poi, una orchestrina di violini zigani. Ernesto, avete

un’orchestrina di violini zigani?

( Subito ) No, no! Signor Barresi, è troppo! Va bene per lo champagne,

ma i violini zigani è troppo!

Ma certo! Come li digeriamo? Ci aggrùppano.

Signor Biagio, accomodatevi! E voi Ernesto, cercate invece di servirci

subito. Abbiamo un appetito...

Una fame...

‘Na dibulizza... ( allude al portafoglio, ma suo malgrado va a sedersi ).

Subito, signori! ( Va via per la porta in fondo ).


SCENA SESTA

( Detti, Cameriere, poi Direttore )


CAMERIERE  ( E’ entrato poco prima che Ernesto va via. Stende una tovaglia sul tavolo di destra e mette le posate per tre. Poi si porta al tavolo di sinistra dove sono seduti i quattro ) Signori, scusate ma questo tavolo deve essere portato

via.


36

BIAGIO                ( Si alza e va a sedersi al tavolo di destra ) Forsi chistu è megghiu! E’ chiù

vicinu a porta. Vieni Cola, sediamoci quane!

COLA                    ( Si alza e va al tavolo di destra ) Sì, è meglio!

SANTINA           ( Sta per alzarsi ).

SUSANNA          Stai seduta, Santina! Noi ceneremo in questo tavolo. ( Al cameriere ) E

voi fareste bene ad apparecchiare qui e togliere subito quel tavolo

( indica il tavolo a destra ).

CAMERIERE ( Ai due ) Signori, vi prego... questo tavolo è prenotato. Dovreste alzarvi.

( A Susanna ) Anche lei signora...

SUSANNA          Io alzarmi? Ma siete matto! Noi siamo arrivati prima e non ci alziamo.

Anzi vogliamo cenare da soli.

CAMERIERE Mi dispiace ma questa sala è stata prenotata.

COLA e BIAGIO ( Ad una sola voce ) Dato che qui è prenotato, noi andiamo via!

SUSANNA          Ma cosa dite? Restiamo qui, invece!

COLA                    (  Fingendosi  arrabbiato  )  Quannu  a  mia  sti  cammareri  mi  fannu

acchianari  i  nervi... non  sacciu  cchi facissi...  Vedete,  io  in  questo

momento lo affucàssi... ( Afferra un tovagliolo e lo avvolge facendone un

capestro ).

BIAGIO                Calmati Cola, non è il caso. Cci vuoi appizzàre la libertà per un

cameriere? Meglio andiamo via e livamu l’acqua!

COLA                    Sì, andiamo che è meglio! ( Depone il tovagliolo e si avvia ).

SUSANNA          Ma niente affatto! Reagite invece e imponetevi! Su, imponetevi!

BIAGIO                Cola, ‘mpunemunnilli e ni nni jemu! ( Fa l’atto di caricare sulle spalle le

donne ).

SUSANNA          Signor Barresi, rovesciate il tavolo!

COLA                    Cchi?

SUSANNA          Rovesciate il tavolo!

COLA                    ( Dopo averci pensato, si decide e spavaldamente rovescia il tavolo di destra ).

CAMERIERE ( Rialza il tavolo e raccoglie da terra le posate ) Ma signori... Vi ripeto che

questo tavolo è prenotato.

SUSANNA          Siamo arrivati prima noi! ( A Cola ) Giù il tavolo!

COLA                    (Rovescia il tavolo come prima ).

LE DONNE GIOISCONO;

BIAGIO E’ PRONTO A MENAR LE MANI;

IL CAMERIERE RIALZA IL TAVOLO ANCORA UNA VOLTA.

NEL FRATTEMPO, DALLA PORTA IN FONDO, APPARE IL DIRETTORE.

DIRETTORE  ( Entrando) Cosa succede?

CAMERIERE ( Quasi piangendo, mentre raccoglie da terra le posate ) Questo tavolo è


SUSANNA DIRETTORE


prenotato... Il signore che l’ha prenotato vuole restare solo.

Invece resteremo noi!

Un momento signori, cerchiamo di accomodare ogni cosa. Mettiamo

questo paravento fra un tavolo e l’altro, e tutto è risolto. ( Al cameriere )

Garçon!... Su, aiutami. ( Con l’aiuto del cameriere, prende il paravento e lo

colloca al centro, dividendo così la sala in due ambienti ) E voila! ( Va via

subito dalla porta in fondo ).


SUSANNA


No! Non ci sto! Non voglio mangiare nascosta dietro un paravento. Toglietolo!


37

COLA

Giusto! Dove siamo in galera? Dietro le sbarre?

BIAGIO

Ancora no.

COLA

( Si porta al paravento e rivolto a Biagio ) Garson!... ( fa segno di togliere il

BIAGIO

paravento ).

( Accorre e aiuta Cola a togliere il paravento ).

CAMERIERE

( Intervenendo ) Ma signori...

COLA

Io, a questo cammareri lo affuco! ( Riprende il tovagliolo come prima ).

CAMERIERE

( Indicando verso la porta di destra ) Oh! Ecco il signore che aveva

prenotato...

COLA

Affuco macari a iddu. Unn’è? Ora ce la faccio vedere io! ( Si avvicina alla

porta di destra ).

BIAGIO

( Seguendo Cola spavaldamente ) Ce la faremo vedere noialtri! Unn’è? Ca

‘u pigghiu a buffazzi...

SI ACCORGONO CHE TRATTASI DI SIMONE.

SPAVENTATI, INDIETREGGIANO E RITORNANO SUI LORO PASSI.

BIAGIO VA SUBITO AL PARAVENTO.

BIAGIO

( Chiamando Cola ) Garson!...

COLA

( Accorre e assieme sistemano il paravento al centro ) Sintissi amico, non ci

l’aviti qualchi autru paraventu?

BIAGIO

Macari autri dui.

COLA

Forse l’idea del paravento non è tinta.

BIAGIO

Ci ripara dalle correnti d’aria.

SUSANNA

Ma quali correnti d’aria?

BIAGIO

( Si siede al tavolo di sinistra e voltando le spalle al paravento, si copre la testa

con le mani ) Sono raffreddato... e appena si grapi dda porta... ci sarà una

corrente,  scanzatini!  Cola,  arripàriti  macari  tu,  che  poco  fa  hai

COLA

stranutàto.

( Si siede di fronte a Biagio e si copre come meglio può mettendo il tovagliolo

sul capo e annodandolo sotto il mento ) Hai ragione. Comu si grapi dda

porta ‘ssà cchi trasi?!

BIAGIO

‘U principàli!

SUSANNA

Cosa?

COLA

( Riparando ) Il “Principale” è un vento nuovo che scioscia da Nord-Est.

BIAGIO

Sì, sì, appunto! Un vento scoperto da recente. Si chiama: “Principale”.

Comu è, per esempio, ‘u Sciroccu... ‘u Libeccio... il Maestrale...

COLA

E chistu si chiama: “Principale” ( Piano a sé ) Principale curnutu! ( Dopo

una pausa, si alza per sporgersi oltre il paravento e quando il cameriere sta per

far entrare Simone, gli grida ) Disgraziatu!... Non la putissi ‘nchiuvàri, lei,

sta porta? ( Si abbassa subito, vedendo entrare Simone ).

SCENA SETTIMA

( Detti e Simone )

SIMONE

( Entra dalla porta di destra. Indosa il soprabito e in mano tiene la scatola di

caramelle e un giornale. Seguito dal cameriere si porta al tavolo di destra e

indicando il paravento, chiede ) Cchi voli diri st’apparàtu? Vi avevo detto

ca vuleva ristari sulu.


38


CAMERIRE SIMONE


E’ un paravento, signore. Sapete ho fatto il possibile... ma con certa

gente... Comunque il paravento dividi la sala in due parti e voi potete

rimanere a vostro agio.

Ca non tantu. Non ho tutta la sala a disposizione. Perciò pretendo ca mi

faciti uno sconto.


IL CAMERIERE AIUTA SIMONE A TOGLIERE IL SOPRABITO, MA DALLA TASCA INTERNA CADE A TERRA IL PORTAFOGLIO. NESSUNO SE NE ACCORGE.

IL CAMERIERE VA AD APPENDERE IL SOPRABITO NELL’ATTACCAPANNI;

SIMONE POGGIA SUL TAVOLO LA SCATOLA DI CARAMELLE,

SI SIEDE E COMINCIA A SFOGLIARE IL GIORNALE.

NEL FRATTEMPO,

DALLA PORTA IN FONDO,

ENTRA ERNESTO CON UN CARRELLO,

PORTANDO LO CHAMPAGNE.

SUSANNA E SANTINA ESULTANO DI GIOIA,

MENTRE COLA E BIAGIO FANNO REAZIONE

PER NON FARSI VEDERE DA SIMONE.

ERNESTO SERVE LO CHAMPAGNE E VA VIA.


SUSANNA BIAGIO COLA SUSANNA COLA


Su, ragazzi fate un brindisi.

A mia mi manca a vuci ‘n’autra vota. Malidittu ‘u raffridduri! Tu, Cola

puoi parrari?

Peggiu di tia... Non mi nesci.

Anche sottovoce, ma fate un brindisi.

( Parlando piano o cambiandosi la voce, alza il bicchiere ) A tutte le belle


donne di Taormina!

SUSANNA e SANTINA  ( Applaudano ).

BIAGIO                 ( Imitando Cola ) Alla facci del vento di Nord-Est!

TUTTI                   ( Continuano a bere ed essere allegri ).


INTANTO DALL’ALTRO LATO,

IL CAMERIERE COMPLETA DI APPARECCHIARE IL TAVOLO DI DESTRA.

FINITO IL LAVORO, SI ACCORGE DEL PORTAFOGLIO.

LO RACCOGLIE E VEDE CHE E’ PIENO DI SOLDI.

CAMERIERE ( A Simone ) Scusate signore, vi manca qualcosa?

SIMONE              ( Infastidito, mentre legge il giornale ) No! Va bene così! Vi nni putiti jri.

Quannu vènunu le signore vi chiamu ( continua a leggere ).

CAMERIERE ( Si porta dall’altro lato e, restando al proscenio, si rivolge a Cola ) Scusate


COLA

CAMERIERE

COLA


signore, potrei dirvi una parola?

( Timoroso e con un filo di voce ) A... mia?

( Fa segno di assenso e lo invita ad alzarsi ).

( Si alza e si avvicina al cameriere, rassegnato e quasi tentato a porgere i polsi

per essere amanettato ).


CAMERIERE

COLA

CAMERIERE


Avete perso qualche cosa?

Tutto! Macari ‘u postu ci appizzài! Sugnu rovinato! Oggi persi tutto!

( Dandogli il portafoglio ) Eccolo qua, invece! L’ho trovato io! Vi sarà

caduto nel trambusto di poco fa.


39


COLA


( Prende il portafoglio, lo apre e con grande meraviglia esclama ) Miiih!... ( Eccitato e con voce tremante ) L’avete trovato... e mi lu dati a ... mia?! ( Fingendo disperazione ) E comu ‘u potti pèrdiri? Anzi, comu ‘u potti


CAMERIERE

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA

BIAGIO

COLA


truvari?!

Spero che non manchi niente...

No. Chinu chinu è! ( Prende una banconota e gliela dà ) Tenete! Anzi

‘n’àutra, tenete! Ancora ‘n’àutra. Acchiappamu! ( Dà altre banconote ). E

quantu cci nn’è?! ( Chiama ) Biagio... Biagio!... Veni ccà!

( Si alza e si avvicina ai due ).

Biagio, ringrazia questo cameriere.

Pirchì non nni fa pavari?

( Mostrandogli il portafoglio e le banconote ) Guarda...

Miiih!!!... E di cu’ è?

Mio! E’ il portafoglio che avevo perduto e che ora è stato ritrovato.

Aòra?! U truvasti?!... Chinu di soldi?!...

Certo, nessuno ha toccato una lira... L’ho ritrovato pieno. Si era leggiu,

chi cosa ni facevu? Su, ringrazia il signore.

Subito! ( Si mette in ginocchio e si fa il segno della Croce, poi volgendo lo

sguardo in cielo ) Signuri vi ringraziu! Dio sia lodato! Ora e sempre sia

lodato...

Ma no il Signore di lassù. Questo signore di qua giù! ( Indica il cameriere ).

E’ stato lui che l’ha trovato.

‘U truvau iddu... e ti lu desi a tia?... Iù cci vasu macari i manu.

( Prende una manciata di soldi e la dà al cameriere ) Tenete! Pagate tutto il

conto... e il resto, mancia!


DALL’INTERNO SI SENTE L’ORCHESTRA

CHE SUONE UN BALLABILE.

CAMERIERE  (Prende i soldi e ringrazia, così come aveva fatto prima; poi si avvia per il fondo ed esce lasciando la porta aperta ).

LA MUSICA SI SENTE PIU’ FORTE.

COLA E BIAGIO RITORNANO AL TAVOLO ALLEGRI E CONTENTI.


COLA SUSANNA


( Invitando Susanna a ballare ) Signora Susanna, permette questo ballo? ( Alzandosi ) Con piacere. Diamoci del tu, Cola.


COLA BIAGIO SANTINA


Come vuoi, Susanna.

( Invitando Santina ) Permette signorina?

( Si alza ).


SUSANNA BIAGIO


Su, Santina datevi del tu anche voi.

Santina vuoi ballare addormentata sulla mia spalla?


LE DUE COPPIE, BALLANO PER UN POCO IN SCENA,

POI, CONTINUANDO A BALLARE, ESCONO DALLA PORTA IN FONDO.

SIMONE              ( Infastidito dalla musica, mentre legge ancora il giornale ) Cammareri!

Chiuditi sta porta!... ‘A porta!

BIAGIO                ( Uscendo per ultimo, chiude la porta col piede e scompare ).

LA MUSICA SI SENTE PIANO.


40

SCENA OTTAVA

( Simone solo, poi Meli, Cameriere, Cola, Biagio, e Santina )


MELI


( Entra dalla porta di destra ) Eccomi qua signor Ciancio. ( Toglie il mantello, che va ad appendere all’attaccapanni, e si siende al tavolo ).


SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI


Sula siti?! Unn’è la signorina Adelina?

Cose dell’altro mondo. Roba da non crederci.

Cchi successi?

Questa mattina, la signorina Adelina si è sposata all’insaputa di tutti.

Bravu!...

Un matrimonio segreto.

Bellu campiùni mi vulèvuru ‘mpùniri. ( Toglie da sopra il tavolo la scatola

di caramelle e la nasconde nella sedia, dietro di sé ).

Ci sono rimasta malissimo, forse più di voi. Mi sento quasi male. Non

posso mangiare niente. Cosa avete ordinato?

Un pollo e... ppi tri.

Pollo?  Credo  di  non  poterlo  mangiare.  (  Chiama  )  Cameriere!...

Cameriere!...


CESSA IL SUONO DELL’ORCHESTRA.


SIMONE

CAMERIERE

MELI

CAMERIERE

SIMONE

MELI

SIMONE


Aspittati... A mia ‘a fami mi passau... cu’ sti belli nutizii ca purtati.

( Entra dalla porta in fondo ) Avete chiamato?

Oh, cameriere. Il signor Ciancio viene da Caltagirone. Desidera essere

servito subito con quello che avete di meglio. Fatemi vedere il menù.

Il signore ha già ordinato.

Sì, ma bisogna fare una correzione. Non semu chiù tri.

Ci saremo solo noi due. ( Porge un coperto al cameriere ) Portate via. Potete

cominciare a servire, e vi prego di non farci attendere molto perchè il

signor Ciancio oggi ha passato un brutto pomeriggio. Non so quanti

uomini ha trovato in casa della sua aspirante moglie.

( Facendola star zitta ) Pipìta ‘nta lingua! Cchi bisognu c’è di faricci sapiri


i fatti mei.

CAMERIERE ( Si è già avviato per uscire dalla porta in fondo, ma all’ingresso si imbatte

con le due coppie che rientrano. Cede loro il passo e va via ).

COLA, SUSANNA, BIAGIO E SANTINA,

SENZA ESSERE VISTI DA SIMONE NE’ DA MELI,

SI PORTANO AL LORO TAVOLO CANTICCHIANDO E RIDENDO.

COLA E BIAGIO CERCANO DI ABBRACCIARE LE DONNE ,

LE QUALI NO DISDEGNANO.


SIMONE MELI


Cara signora Meli, quannu unu organizza ‘na cosa, la deve sapere organizzare bene. Ed in special modo devi canùsciri cu’ sunu i genti. ( Si alza ).


SIMONE MELI SIMONE


Unni jti?

Voglio vedere chi c’è dall’altra parte ( si affaccia dal paravento ).

( Dopo una reazione di disappunto, si rassegna e, mentre aspetta, riprende a

leggere il giornale ).


41

I QUATTRO, SCORGENDO MELI, AMMUTOLISCONO. MELI LI SALUTA CON LA MANO E LORO, TORNANDO ALLEGRI, RICAMBIANO IL SALUTO IN SILENZIO. COLA PRENDE DAL PORTAFOGLIO UNA BANCONOTA

ELA PORGE A MELI, CHE ACCETTA, POI RITORNA AL TAVOLO E SI SIEDE,

MA MELI FA SEGNO DI VOLERNE UN’ALTRA; COLA SI ALZA E PORGE UN’ALTRA BANCONOTA; MELI FA SEGNO DI VOLERNE ANCORA; COLA SPAZIENTITO, RISPONDE CON UN ALTRO SEGNO CHE INDICA DI ANDARE VIA.


MELI SIMONE MELI


( Ritorna al suo tavolo e va a sedersi ).

( Depone il giornale ) Cu è ca sunu?

Della gioventù che si diverte!


DALL’INTERNO SI DA’ INIZIO AD UN ALTRO BALLABILE. I QUATTRO, COME PRIMA, RIPRENDONO A BALLARE E VANNO VIA DALLA PORTA IN FONDO.


MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE MELI SIMONE


Si divertono allegramente. Beati loro!

E vui v’arrichiàti. Ppi forza aviti a canùsciri i fatti di l’autri. Quantu siti

‘ntricalòra, scansàtini! Certu ca si unu avissi a stari cu’ vui... Non putissi

campari tranquillu.

Cosa?... Che cosa avete detto?

Dicu: si unu avissi a stari cu’ vui...

Signor Ciancio, vi dovete togliere subito dalla testa questa idea! Non deve

neanche sfiorarvi il pensiero di una simile cosa. Io non ho nessunissima

intenzione di sposarvi!

Non vuleva diri chistu.

E’ da un po’ di tempo a questa parte, che fate delle allusioni.

Ma quali allusioni?

Io non posso sopportare simili allusioni riguardo questo argomento.

Toglietevi dalla testa questa idea!

Non ho fatto nessuna allusione. E finìtila di farimi sta predica.


DALL’INTERNO L’ORCHESTRA SMETTE DI SUONARE.


MELI SIMONE MELI


Voglio proprio sperare che non volevate farla. Badate che io non sono

una  Susanna  Melato  quansiasi  che  s’accontenta  di  una  scatola  di

caramelle per restare ammaliata.

Unn’è? ( Cerca la scatola che aveva tolto dal tavolo, la trova e la rimette sopra

il tavolo ).

Ma guarda un po’ cosa si deve sentire?! Scambiarmi per una Susanna

Melato. ( Prende la scatola e la mette accanto a sé ) Se io avessi intenzione di

risposarmi cercherei qualcuno che sa divertirsi. Sposerei piuttosto Cola

Barresi.


DALLA PORTA IN FONDO

ERA ENTRATO COLA DANDO IL BRACCIO A SUSANNA;

UDENDO QUEST’ULTIMA BATTUTA DI MELI,

FA DIETRO FRONT E SCOMPARE.


42

MELI

E voglio dire ancora una cosa: io, non ci tengo a rimettere in ordine la

vostra  casa  di  Caltagirone.  Non  ho  alcuna  intenzione  di  cambiare

l’arredamento in stile rococò. Dovete pensarci voi, da solo.

SIMONE

Quali rococò? ‘A me casa è bona accussì com’è!

MELI

Bene! Meglio così! I vestiti ve li spazzolate voi!

SIMONE

Me li spazzolo io!

CAMERIERE

( Entra dal fondo con la cena ).

MELI

( Al cameriere che sta per mettere in tavola ) Lasciate, servo io!

CAMERIERE

Come vuole signora. ( Si inchina e va via ).

MELI

( Servendo ) Ecco il vostro pollo... e delle patatine... Vi faranno bene! No,

no! E’ inutile!... Voi andate per la vostra strada... ( con le posate che ha in

SIMONE

mano, indica una direzione ) io vado per la mia! ( Indica la stessa direzione ).

( E’ sul punto di portare il bicchiere col vino alle labra, ma si blocca e guarda

stupito ).

MELI

Su, bevete! Così allontanate i cattivi pensieri. Non ne parliamo più.

Chiudiamo ogni discussione. E’ inutile che insistete, sapete? Voi, non

potete essere il marito ideale per una donna come me. No, no! Voi

prendete per la vostra strada ed io per la mia! ( Fa come prima ).

SIMONE

E torna! Finitila di diri sempri ‘a stissa cosa.

MELI

Certo, certo! Voi per la vostra strada, io per la... ( sta per indicare la stessa

direzione, ma Simone la ferma ).

SIMONE

Accussì mi stati vinennu d’appressu!

MELI

Non parlo più.

SIMONE

Ca si cci arriniscìti.

MELI

Io, vi accontenterei, vi farei compagnia e vi metterei addosso un po’ di

fuoco... Sono ancora giovane, no? E anche voi, se volete, potete essere

simpatico, spiritoso, affascinante... Basta volerlo!

SIMONE

( Si alza contrariato ) Io non voglio essere affascinante!

MELI

Lo siete, invece! Perchè non vi guardate adesso? Siete quel che si dice un

bell’uomo. Alto, elegante, distinto... affascinante! Ma parliamo d’altro,

sedete! ( Simone siede ) Prima però c’è una cosa che vi voglio dire.

SIMONE

E iù non la vogghiu sèntiri.

MELI

Ci sono momenti in cui io penso che potrei sposarvi solo per compassione.

SIMONE

( Arrabbiandosi ) Non v’haiu dumannatu di sposarmi!

MELI

Ed allora fatemi il piacere, non chiedetemelo.

SIMONE

( Quasi gridando ) Non vi lu staiu dumannànnu!

MELI

Vi prego non insistete... Siete un uomo affascinante... potrei anche cèdere

alla vostra domamda e... acconsentire a sposarvi.

SIMONE

( A denti stretti ) Non vi ho chiesto di sposarmi! ( Si alza ) Botta di vilenu!

Mi facisturu vèniri ‘u duluri di testa. Mi nni tornu o’ paisi! ( Cerca il

portafoglio ) Ccà cci sunu i soldi, pagati il conto... (si fruga in tutte le tasche)

Ccà cci sunu... ( Si porta in fretta all’attaccapanni e cerca nella tasche del

soprabito. Poi con un nodo alla gola ) Persi ‘u portafogghiu! E comu

fazzu?... Mi lu rubaru! ( Lo cerca sotto il tavolo, poi vedendo che Meli

continua a mangiare divertita, le si lancia addosso ) Finitila di mangiari stu

pollo! Non lu pozzu pagari!

MELI

Non vi agitate, vi troverò io del denaro.

SIMONE

( Cercando ancora per terra ) Sangu di Giuda latru! Unn’è ca ‘u persi?...

Comu fazzu? Nessuno mi canusci a Taormina.

MELI

Non vi preoccupate, chiederemo un prestito a Cola Barresi.


43

SIMONE

A cui?

MELI

Al vostro commesso Cola Barresi.

SIMONE

( Quasi gridando ) Non diciti stupidaggini. Cola è a Caltagiruni.

MELI

E’ di là invece che balla in dolce compagnia.

SIMONE

( Cercando anche sotto il paravento ) Viniti ccà! Aiutatimi a livari stu cosu...

( Aiutato da Meli, toglie il paravento; poi, mettendosi carponi, va a cercare

sotto il tavolo di sinistra ).

SCENA NONA ( ULTIMA )

( Tutti, meno Cameriere e Ernesto )

DALLA PORTA IN FONDO ENTRANO

COLA E SUSANNA, POI BIAGIO E SANTINA.

COLA

(  Entra  baldanzoso  dando  il  braccio  a  Susanna,  che  va  a  prendere

dall’attaccapanni il suo mantello. Dopo aver salutato Meli, si accoge  di

Simone ) Oh! ‘Ssabenedica, principàli... Tutto pagato! ( Ridà il braccio a

SIMONE

Susanna e con lei va via dalla porta in fondo ).

( Resta ammutolito non credendo ai suoi occhi, poi, tra lo stupore e la rabbia,

BIAGIO

grida ) Cola?!!!...

( Entra dando il braccio a Santina, che va, anche lei, a prendere il mantello

dall’attacapanni. Vedendo Simone indietreggia, ma trova il coraggio di dirgli )

Principàli... chista è Santina... Nni ficimu ziti. Vah! Poi cci la prisentu...

SIMONE

( Scappa in fretta dalla porta in fondo, tenendo per mano Santina ).

( Trascinandosi alla porta in fondo, non avendo la forza di alzarsi, grida con

tutta la sua rabbia ) Fermi!... Fermi!... Vi licenziu!... Fermi!... ( Aiutato da

Meli, riesce ad alzarsi e si accascia su una sedia. Poi con voce afona, quasi

parlando a sé stesso, ripete ) Siti... licenziati!...

DALLA PORTA IN FONDO APPARE IL DIRETTORE.

DIRETTORE

( Rimanendo sulla porta, rivolto a Simone ) Il conto è stato pagato dal

signor Cola Barresi.

SIMONE

Comu?!?!?

MELI

Avete sentito? Vi conviene prenderlo socio in affari.

DALLA PORTA DI SINISTRA ENTRANO ALFREDO ED EMILIA.

MELI

( Andando loro incontro ) Cari ragazzi!... Il signor Ciancio ha passato una

brutta serata, ma sono certa che ormai acconsentirà alle vostre nozze.

Sognor Taviani, riguardo al quadro, spero che manteniate la pronessa.

ALFREDO

Io, certamente! Desidero che lui lo accetti.

MELI

( A Simone ) Voi non lo sapete, ma il signor Taviani vi vuole regalare...

SIMONE

( Senza farla continuare ) Lo so!

MELI

E allora?

ALFREDO

Allora?

SIMONE

( Dopo una pausa, si alza ) Accetto! ( Porge la mano ad Alfredo che gliela

strige, poi stende le braccia ad Emilia ).

EMILIA

( Andandogli incontro ) Grazie, papà! Sono felice, ( Lo abbraccia ).


44

DIRETTORE  ( Si fa avanti e rivolto a Simone ) Scusate... Ho trovato quell’indirizzo.

Eccolo! ( Gli dà un biglietto. Poi rivolto ai giovani ) Se i signori vogliono

prendere un liquorino...

MELI                     Sì, andate ragazzi... Vi raggiungeremo presto anche noi.

ALFREDO ED EMILIA VANNO VIA DALLA PORTA IN FONDO,

SEGUITI DAL DIRETTORE.

MELI SI PORTA ALL’ATTACAPANNI, PRENDE IL MANTELLO E LO INDOSSA.

SIMONE              ( Giocherella col biglietto che tiene in mano. Ad un tratto, con sùbita

riflessione, riduce in piccoli pezzi il biglietto che chiude in un pugno, poi

stanco e stizzito, come liberandosi da un peso, chiede a voce alta ) Donna

Meli, volete sposarmi?

MELI                     ( Come presa da un sussulto ) Cosa!?

SIMONE              ( Quasi ridendo ) Vah, mavara... ca ‘u sintistivu. ( Serio e risoluto ) Mi

volete sposare?

MELI                     ( Trionfante, ma emozionata ) Simone...

SIMONE              ( La interrompe ) Eh?

MELI                     ( Raggiante ) Simone... Tu vieni per la mia strada, io per la tua! ( A braccia

aperte si lancia verso Simone ).

SIMONE              ( Getta in aria, come fossero coriandoli, i pezzi del biglietto e abbraccia Meli ).

CALA IL SIPARIO

F I N E

www.pippospampinato.it


Pippo Spampinato

Via XVIII Traversa, 46 – BELPASSO ( CT )

Tel. 095/ 91 20 24 Cell. 347- 14 93 411

E-MAIL Pippo.Spampinato@ Tele2.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno