Giulietta e Romeo

Stampa questo copione

GIULIETTA E ROMEO

GIULIETTA E ROMEO
Tragedia
(sfiorata)
in un paio di atti (quasi) osceni... in luogo pubblico

di

ALDO LO CASTRO

Personaggi:
ROMEO LENTICCHIO
GIULIETTA CAPULIATA
DON CALOGERO LENTICCHIO, padre di Romeo
DON TURI CAPULIATU, padre di Giulietta
DONNA SARIDDA LENTICCHIA, madre di Romeo
DONNA MARA CAPULIATA, madre di Giulietta
PIRIDE, giovane nobile amico dei CapuliatI
MERCUCCIO, amico di Romeo
BELLOLIO, cugino di Romeo
TECALDO, cugino di Giulietta
FRATE LORENZO
GREGORIO, servo dei Capuliato
SANSONE, idem
ABRAMO, servo dei Lenticchi
IL PRINCIPE ALMERICO DI BASILICO’
CHIARETTA, la dama di compagnia di Giulietta
IL CANTASTORIE

Personaggi del Video:

UNA DONNA ANZIANA
DUE DONNE
TRE RAGAZZE
ALCUNI UOMINI
IL CANTASTORIE


PROLOGO
(in video)
(Un cortile di un luogo qualsiasi della Sicilia, nei primi del ‘900.
Prime ore del pomeriggio.
Una donna anziana, seduta sulla soglia di casa, lavora alla lana, aiutata da una ragazza.
Una donna rassetta i panni che aveva steso al sole qualche ora prima.
Un’altra donna è intenta a nettare la verdura per il pasto serale.
Due ragazze ricamano. Si percepiscono frammenti di dialoghi).
1 RAGAZZA – E lui che cosa ti ha detto?
2 RAGAZZA – Che prima di “spiegarsi” a casa, deve conoscermi!
1 RAGAZZA – Ma che è pazzo?!
DONNA ANZIANA – Ma tu, la sera, prima di coricarti, le dici le orazioni?
3 RAGAZZA – Ca certu, nonna! Ogni sera le dico, ve lo giuro! Ma questi sogni li continuo a fare lo stesso…
DONNA ANZIANA – E tu non li devi fare più ché è peccato!
UNA DONNA – Cummaredda cara, mi deve credere, non se ne può più! Di questo passo dove andiamo a finire?
UN’ALTRA DONNA – E che ci vuole fare? Le ragazze di oggi tutte così sono… Mè figghia non è ‘a stissa? Hanno la testa macchiata, hanno!
1 RAGAZZA – Santuzza, ascuta a mmia, lascialo perdere! Se si comporta in questo modo, significa che non ci ha intenzioni serie!
UNA DONNA – Non so più che pesci pigliare, beddamatri! Gliel’ho detto con le buone, con le minacce… Niente! Si fissò cù ‘stu carusazzu…! Che debbo fare?
UN’ALTRA DONNA – E niente, chi voli fari? Prima o poi ci passa… comu ci passò a mè figghia…
UNA DONNA – Speriamo. Mia nonna mi raccontava che ai tempi suoi…
3 RAGAZZA – Ma come può essere peccato una cosa che faccio nel sogno mentre dormo?!
DONNA ANZIANA – E’ peccato, è peccato! Si vede che tu quella cosa l’hai pensata quando non dormivi!
3 RAGAZZA – E glielo devo raccontare al prete che Salvatore mi baciava la mano?
DONNA ANZIANA – Ancora! E certo che te lo devi confessare!
(Alla spicciolata, sopraggiungono gli uomini che tornano dal lavoro).
UN UOMO – (zappa sulle spalle) La buona sera a tutti!
(Tutti salutano a soggetto)
2 UOMO – Nonna Concetta, come vi sentite? Ancora quei dolori?
DONNA ANZIANA – No, ringraziannu a Diu, sto un poco meglio.
3 UOMO – (alla propria moglie ma anche a tutti gli altri) Stasera viene don Ciccinu, il cantastorie più bravo della Sicilia! Dunque, spurigghiamini… mangiamu un piatteddu di pasta e poi tutti qua, nel cortile, d’accordo? Don Ciccino ci racconta la storia di Giulietta e Romeo!
TUTTI – Daveru? - Ch’è bellu! - Io la conosco! - E chi non la conosce?
STACCO su
CANTASTORIE – Si cunta e s’arricunta, amici cari,
Ca in tempu anticu, quannu tutti pari
chiamavanu la fimmina “madonna”
sia tappinara che nobildonna…
Quannu lu masculu era un “messeri”,
ccà vicinu, forsi forsi dd’arreri
c’era ‘npaisi dittu “Basilicò”,
unni un beddu picciottu s’innamorò
di ‘na carusa duci comu ‘u meli.
Romeo si chiamava ‘u cavaleri
Giulietta era ‘ntisa ‘sta carusa
ca iddu vuleva comu sposa. 1
Puri Giulietta era innamorata
e volentieri s’avissi accasata…
Ma li du’ famigghi eranu sciarriati,
si pigghiavanu sempri a vastunati!
Si unu diceva chi su’ beddi ‘st’occhi,
l’autru ci dava du’ pugna ‘nta l’occhi!
‘Sta gran guerra durava di tant’anni,
dal tempu di li nanni di li nanni…
Pare che don Rosariu Capuliatu,
un avu di Giulietta Capuliatu,
a un certu don Girolamu Lenticchi
ci hava sparatu dui o tri pirnacchi.
Chistu, dunqui, amici è l’antefattu…
Ed ora viditi comu fu ‘u fattu…
(La proiezione video (che avverrà sul fondale) si conclude con la scritta: “ROMEO E GIULIETTA, tragedia (sfiorata) in un paio di atti (quasi) osceni... in luogo pubblico”.


ATTO PRIMO

(La scena rappresenta una piazza di Basilicò. A destra e a sinistra, le rispettive case dei Capuliatu e dei Lenticchi. Dapprima la scena è vuota. Dopo qualche istante sopraggiungono Gregorio e Sansone).
SANSONE – ‘Mpari Gregorio! Si qualcunu ni sconcica, beddamatri, ci facemu satari i vermi! Chi dici tu?
GREGORIO – Chiddu ca dici tu.
SANSONE – Ci dugnu ‘mpugnu ‘nta testa ca ‘u’mmazzu! Chi dici, tu?
GREGORIO – Chiddu ca dici tu.
SANSONE – Si s’arrisica ca s’arrisica…
GREGORIO – Ho capito, Sansone: ‘mpugnu ‘nta testa e ‘u’mmazzi!
SANSONE – Bravo. E chi ci pozzu fari? Iù i Lenticchi non li sopporto!
GREGORIO – Mancu iù. Mi iettunu pisanti.
SANSONE – Ci l’haiu ccà, supra ‘u stomacu!
GREGORIO – Preciso comu a mmia: supra ‘a vuccalamma!
SANSONE – D’altra parte, se i nostri padroni su’ nimici de’ Linticchi, noialtri non putemu essiri da meno. Chi dici, tu?
GREGORIO – Sempri chiddu ca dici tu. Ma… dimmi ‘na cosa… e se prima ca tu ci duni ‘pugnu ‘nta testa, iddi ni vunchiunu comu a du’ ciarameddi…?
SANSONE – Cui?
GREGORIO – Iddi, i Lenticchi.
SANSONE - A cui?
GREGORIO – A nuatri, Capuliati.
SANSONE – Ma chi fai, sgherzi? Quand’è così, allora, ti dimostro subito ca noialtri semu cchiù forti. Non per niente mi chiamo Sansone, dico bene?
GREGORIO – Tu, si non fussi pe’ fissarii ca svommichi, dici sempre bene.
SANSONE – ‘U sai chi facemu?
GREGORIO – Ni ni iemu a’ casa, beddi, puliti puliti…
SANSONE – Ca quali puliti?!
GREGORIO – Beddi, ‘ngrasciati ‘ngrasciati…
SANSONE – Nonsignore. Quannu si fa vivo qualcuno di ‘sti signori, anzichè aspittari ca ni sconcicanu iddi…
GREGORIO - … n’arritiramu intra.
SANSONE – Li provochiamo noialtri!
GREGORIO – E pirchì?
SANSONE – Pirchì mi piaci.
GREGORIO – Non si può. E’ contro la legge.
SANSONE – Mutu, mutu… sta arrivannu un servo de’ Lenticchi…! Arririci ‘nta facci… sbentalo!
GREGORIO – Iù?! E pirchì?
SANSONE – Accussì ci divertiamo. Sbentalu ca iù ti talìu i spaddi!

2
(Dalla casa dei Lenticchi esce Abramo. Malvolentieri Gregorio accenna una risata)
ABRAMO – Chiedo scusa… ma ‘sta risata bestia pì cu’ fussi?
GREGORIO – Pì nuddu. Chi è non si può ridiri?
ABRAMO – Ci mancasse altro. Vui putiti arridiri finu a dumani sira,,, Mi era paruto, vah, che la vostra risata sarebbe stata diretta alla mia persona…
GREGORIO – La mia risata, egregio signore, era neutra e senza indirizzo.
ABRAMO – Quand’è così, mi ritiro in buon ordine. Prego, cuntinuate a ridere a vostro esclusivo piacimento.
SANSONE – Permettete un momentino?
ABRAMO – Naturale.
SANSONE – (emette una sonora pernacchia) Questa l’indirizzo ce l’ha.
ABRAMO – E… sarebbe?
SANSONE – Si non cangiastivu indirizzu, era diretta precisamente alla vostra nobile persona!
ABRAMO – State circannu ‘a scerra?
GREGORIO – Iù, no.
SANSONE – Iù, mancu. Ma si a vui vi fa piaciri…
GREGORIO – (a Sansone) Lassa perdiri ca sta arrivannu qualche altro Lenticchio…
ABRAMO – Mi fa piaciri quantu a vui…! (Lo aggredisce mordendogli un orecchio).
(Nel frattempo sopraggiunge Bellolio che vuole separare i contendenti).
BELLOLIO – Basta, ora, pezzi di scimuniti! Finitela! (Tira fuori un pugnale) Finitela oppuri il pelo vu ‘llisciu iù!
(Entra anche Tecaldo)
TECALDO – (a Bellolio) Ahu! Bellolio! Omu di nenti! Chi ci fai col coltello in mano? Parra cù mmia che ti servo io, Tecaldo! (A sua volta, tira fuori il pugnale)
BELLOLIO – Posa quel pugnale, Tecaldo!
TECALDO – Bravu! Ah, tu ci l’hai ‘nte manu, e io lo dovrei posare? Ma chi si’ daveru cretino?
BELLOLIO – Io li volevo dividere…
TECALDO – E io, invece, fazzu la sottrazione: ti levo d’o munnu!
(La rissa s’accende fra tutti e cinque. Dalle rispettive case, compaiono Don Calogero Lenticchio con donna Saridda e Don Turi Capuliatu con donna Mara e Piride).
TURI – Chi è ‘stu burdellu? Datimi ‘u spaduni ca ci scippu i testi!
MARA – I stampelli t’ha pigghiari no’ ‘a spada ca pisa cchiò ‘ssai di tia!
PIRIDE – Lasciate perdere, non vi compromettete!
TURI – Vi staiu dicennu che voglio la spada! No’ viditi ca ddu rimbambito di Lenticchio nisciu fora per provocarmi?
CALOGERO – Turi Capuliatu! Sei una cosa fitusa! Lassatimi, non mi tiniti ca ci rumpu i corna!
SARIDDA – Finiscila, vah, non fari sangu ca poi t’imprissioni!
(Entra il principe di Basilicò).
IL PRINCIPE – Ehi! Sudditi disgraziati! Con voi parlo, disonesti!
SANSONE – Ma cu’ è? Minchiuni, ‘u principi!
IL PRINCIPE – Deponete i coltelli, animali di gebbia…! O ve li ficco… Ci siamo capiti, no? Ma com’è che con voialtri non si può stare tranquilli?! Voi Capuliati e voi Linticchi avete rotto la quiete di Basilicò! E, a titolo personale, avete rotto anche i corbelli al sottoscritto! Signori miei, è mai possibile? Negli ultimi due giorni, avete fatto succedere la bellezza di tre scerre con la media di una scerra virgola cinque al giorno! La dovete finire, va bene? Porco di qua e porco di là! O la finite o vi scippu i cannarini, grandissimi selvaggi! E ora vo’ dati i cianchi! Circolare! Circolare! (A Don Calogero) Con voi rincoglionito, dopo, ci facciamo i conti! E in quanto a voi, don Turi, ritiratevi immantinente! Avanti, non mi fate vieppiù incazzare!
(Escono tutti tranne Calogero, la moglie e Bellolio).
3
CALOGERO – Ma si può sapere cu fu c’accuminciò?
BELLOLIO – Io non c’entro, messere zio. Quando sono arrivato, i servi di don Turi Capuliatu e Abramu si stavanu spartennu vastunati a tinchitè. Iù, anzi, vuleva mettiri ‘a paci… poi spuntò ddu bestia di Tecaldo…!
CALOGERO – Ho capito.
SARIDDA – Ma unn’è Romeo, l’ha’ vistu? Menu mali ca, almenu ‘sta vota, si sgavitò ‘na sugghiata di vastunati!
BELLOLIO – Madonna zia, l’ho incontrato stamattina campagna campagna… Pareva un’anima in pena… Mi ci volevo avvicinare per salutarlo, chi sacciu, fari quattru chiacchiri… Nenti. Appena mi visti, vutò bordu e si ni ivu.
SARIDDA – Havi un poco di tempu ca ‘stu carusu mi sta facennu preoccupari: è sempre triste, non mangia, non parra…
CALOGERO – Mè figghiu Romeo mi sta facennu vunchiari i sacchetti pì daveru! Almeno potessi sapere chi havi! Pari scemu, pari! Sempri mutu e cù ‘na facci di martoriu! Trasi intra e pari vunchiatu de’ lapuni! Nesci e pari che sta andando o’ funerale d’a so famigghia…
SARIDDA - … facennu corna, naturalmente…!
CALOGERO – Certu, facennu corna. Non parra, non dici ‘na parola! Si chiudi ‘nta so stanza e finìu. Si può continuare in cotal guisa? Io non ce la faccio più, perbacco!
SARIDDA – Perché non ci parri tu, Bellolio ‘a zia? Parrici, vidi chi havi nel suo cuore che lo affligge in codesta misura…
CALOGERO – Sì, vidi chi havi nel suo cuore. Non ci taliari ‘nta testa pirchì, tantu, non ci trovi nenti!
BELLOLIO – Io ci parro tosto, se volete, ma se quello mi risponde suffuru?
SARIDDA – Tu, intanto provaci, Bellolietto. Vedi che cosa puoi fare.
CALOGERO – Altrimenti ‘u cchiappu iù, ci dugnu du’ mali manati e lo sveglio in men che non si dica!
SARIDDA – Tu a tuo figlio non lo sai prendere, Calogero!
CALOGERO – A pirati lo dovrei prendere!
BELLOLIO – Qua è, sta arrivando. Rientrate ca ci parru… e speriamo ca mi duna cuntu.
(I due Lenticchi escono. Entra Romeo).
4
BELLOLIO – Ciao, cucinu.
ROMEO – (stancamente, molto triste) Chi ura è?
BELLOLIO – Le dieci.
(Romeo sospira)
E già, il tempo passa in fretta…!
ROMEO – Il tempo non passa mai!
BELLOLIO – E io questo volevo dire: il tempo non passa mai. (Pausa) Romeo, ma perché il tempo non passa mai?
ROMEO – Non lo so. Non mi fare domande difficili.
BELLOLIO – Niente niente, sei innamorato?
ROMEO – Innamorato? (Altro sospiro) Ci vuole assai pì mangiari?
BELLOLIO – Un paio d’ore, penso…
ROMEO – Hai visto? Il tempo non passa mai! Dimmi ‘na cosa, cucinu, che è successo poco fa? Ho sentito grida, strepiti… Cu’ è ca si stava sciarriannu?
BELLOLIO – No, nenti, i soliti “discussioni” fra Capuliati e Linticchi…
ROMEO – E’ tutta colpa dell’odio! E anche dell’amore! O litigioso amore! O amoroso odio! O pesante leggerezza! O leggera pesantezza! Hai capito?
BELLOLIO – No.
ROMEO – L’amore è un fumo, caro Bellolio, un fumo che sorge dalla nebbia dei sospiri! Se lo purifichi è un fuoco che sfavilla negli occhi degli amanti! L’amore? Una pazzia discreta…
BELLOLIO – Una pazzia totale…!
ROMEO - … un’amarezza che soffoca e una dolcezza che ti salva. Ciao.
(Si allontana)
BELLOLIO – Unni sta’ iennu?
ROMEO – Boh! Se lo sapessi lo saprei ma non lo so.
BELLOLIO – Aspetta. Allora, m’u vo’ diri cu’ è?
ROMEO – Cu’ è, cui?
BELLOLIO – Chidda ca ti fici divintari scemu.
ROMEO – Lassamu perdiri.
BELLOLIO – Comu… lassamu perdiri?
ROMEO – Io l’amo ma lei si ni futti. Io so perché l’amo ma non so perché non m’ama.
BELLOLIO – In parole povere…?
ROMEO – Non ni voli sentiri mancu a broru.
BELLOLIO – E tu non ci pinsari cchiù. Per ognuna ca non ti voli ci ni su’ centu ca ti pigghianu!
ROMEO - … Sì, a pirnacchi mi pigghiunu! Ma unni su’ ‘sti centu? Comunque, io amo lei e lei soltanto.
BELLOLIO – Veni ccà, facemuni du’ passi…
ROMEO – Quantu tempu ci voli pì mangiari?
BELLOLIO – Ancora non è ura.
(Escono)
5
(Dalla casa dei Capuliati, entrano in scena Turi e Piride)
TURI – Piriduzzu, gioia, non è ca tu m’ha tirari ‘u ciatu! Tantu per cominciare, Giulietta è ancora ‘na picciridda. Facemu passari ‘na decina d’anni e poi, con calma, ne riparliamo.
PIRIDE – Deci? E pirchì non vint’anni?
TURI – Bonu macari. E allora, siamo d’accordo: fra vint’anni precisi, ni videmu ccà. Ti salutu che ho da fare.
PIRIDE – Scusate, Don Turi… a chi ura?
TURI – Alla stessa ora di oggi.
PIRIDE – Ma… vossia sta schirzannu?
TURI – E allura dimmillu tu l’orario. Quando ti viene più comodo?
PIRIDE – Stasira.
TURI – Stasira? Capisco che sei un tipo puntuali ma veniri cù vint’anni d’anticipo…!
PIRIDE – Ho capito. Vossia ci havi ‘u sbaddu.
TURI – No, ci haiu primura.
PIRIDE – Anch’io.
TURI – E allura, santu carusu, tu hai primura, iù haiu primura… Separiamoci, svincoliamoci, scolliamoci!
PIRIDE – Non mi sono spiegato. Io ci ho premura di farimi zitu cù Giulietta!
TURI – (sbuffa) Ahu, ma si’ duru!
PIRIDE – Sono innamorato, messer Turi! Io… sto soffrendo a dismisura!
TURI – E io no? Senti, facemu in cotal modo, Piridello. Stasera, nella mia magione, do una festa.
PIRIDE – Lo so. Sono stato anche invitato!
TURI – Sì? E chi ti ha invitato, se non sono indiscreto?
PIRIDE – Madonna Mara, vostra moglie. Messer Turi, parliamoci con franca lealtà. Vostra moglie è d’accordo.
TURI – E chi c’entra? Anche a me fa piacere che vieni alla festa…
PIRIDE – Sono contento. Ma… Madonna Mara è d’accordo pure per le nozze. Ora, mi sembrava giusto avere anche il vostro consenso…
TURI – Senti, Piride, fino a prova contraria, il Capuliatu più grosso, il primo Capuliatu della famiglia sono io! Tu con me dovevi parlare prima!
PIRIDE – Avete ragione. Ma… sapete com’è… mi sono confidato con Madonna Capuliata come se fosse mia madre…
TURI – Va bene, va bene… Stasera vieni alla festa. Io, nel frattempo, parru con la piccola Capuliata e se lei è contenta, sono contento pure io. Chi ti pozzu diri?
PIRIDE – Grazie, messer papà!
TURI – Va beh ma non t’allargare troppo! Ora me ne posso andare?
PIRIDE – Vi bacio le mani come ve li bacerebbe un figlio rispettoso!
TURI –Lassa perdiri… A stasera.
(Turi esce dalla Comune)
PIRIDE – E’ fatta! A presto Giulietta! Il tuo Piridone sta arrivando! (Esce).
(Rientrano Romeo e Bellolio)
6
BELLOLIO – Te la posso fare una domanda? Questa Rosalia ca ti fici perdiri i sintimenti, ti ha fatto la negativa o ti dissi: Non lo so, forse, chissà…?
ROMEO – Mi dissi no e basta… senza forsi e senza chissà.
BELLOLIO – E tu insisti!
ROMEO – E dopo che insisto? Si mi continua a dire no…?
BELLOLIO – E tu resisti e continui a insistere. Mai desistere!
ROMEO – Io resisto… insisto… e non desisto… Va bene.
BELLOLIO – Bravo. Che ci vuoi fare? La donna ha bisogno di essere corteggiata… Ci vuole tempo e pazienza.
ROMEO – Io il tempo ce l’ho e ‘a pacienza ca mi manca. E, a pensarci bene, mi manca pure un pretesto per rivederla.
BELLOLIO – E io ti dico che la puoi vedere stasera stessa.
ROMEO – Non pensu.
BELLOLIO – Stasera i Capuliati fanno ‘na festa.
ROMEO – E cu’ si ni futti?
BELLOLIO – E a questa festa c’è anche Rosalia.
ROMEO – Ma tu comu ‘i sai tutti ‘sti cosi?
BELLOLIO – Io so tutto. Tutto quello che succede a Basilicò non mi sfugge. Sugnu ‘u cchiù ‘mbaccidderu di tutti!
ROMEO – Comunque, mi ni continuo a futtiri. Come ci vado, io, un Lenticchio, in casa dei Capuliati?
BELLOLIO – Punto primo: gli ospiti cenano in casa, è vero, ma poi la festa continuerà qua fuori.
ROMEO – Punto secondo?
BELLOLIO – No, fineru. Punto primo e basta.
ROMEO – E allora, il punto secondo t’u dicu iù. I Capuliati s’accorgiunu che mi sono intrufolato nella festa e finisci a casino! No, grazie, non m’interessa la cosa.
BELLOLIO – Non hai fantasia! Se ti metti una maschera cu’ t’a canusciri?
ROMEO – Ah, perciò, secondo te, per passare inosservato e per non farmi scoprire, ci spuntu mascaratu?! Iù sulu! L’unicu, ammenzu a vinti o trenta cristiani ca s’addumannanu cu’ caddu è ‘ddu sciamunitu?! Non sulu mi fa’ pigghiari a pirati! Mi fai pigghiari macari pì cretinu!
BELLOLIO – Chi ha detto che sarai l’unico mascherato? Ci sarò io, Mercuccio e pure Abramo. Andiamo da Mercuccio e, nel frattempo, ti spiego i dettagli.
ROMEO – Ma… ci voli ancora assai per mangiare?
BELLOLIO – La vuoi conquistare o non la vuoi conquistare la bella Rosalia?
ROMEO – La voglio conquistare ma siccomu havi du’ iorna ca non mangiu…
BELLOLIO – Mangiamo dopu. Amuninni.
(Escono)
7
(Da casa Capuliatu si affaccia Mara che si porta dietro una sedia)
MARA – Sta svommicando un cauru, oggi, ca s’accupa! (Si siede poi chiama a gran voce) Chiaretta!
VOCE DI CHIARETTA – Comandate, madonna Capuliata!
MARA – Dov’è la mia figliola?
VOCE DI CHIARETTA – Non ho sentito!
MARA – Unni schifiu è mè figghia?
CHIARETTA – (entra) Vostra figlia Giulietta?
MARA – No, mè figghia Carolina!
CHIARETTA – E cu’ è Carolina?
MARA – (esasperata) Quante figlie ho io?
CHIARETTA – Una… mi pare.
MARA – E si chiama?
CHIARETTA – Giulietta.
MARA – E iù cù idda vogghiu parrari.
CHIARETTA – E allura cu’ è ‘sta Carolina?
MARA – Insomma, mi vuoi dire unn’è Giulietta?
CHIARETTA – Non lo so, madonna.
MARA – Ma tu non sei la sua dama di compagnia?
CHIARETTA – Quannu ci fazzu compagnia, sono la sua dama di compagnia. In questo momento non sono la sua dama di compagnia. Comunque, l’ultima volta ca ci tinni compagnia, era nella sua camera.
MARA – Chiamala.
CHIARETTA – (urla) Giulietta!
MARA – Accussì n’a puteva chiamari macari iù?!
CHIARETTA – E iù chistu stava pinsannu. Giulietta!
MARA – Ti stanu sintennu finu o’ castellu Ursino!
CHIARETTA – Non me l’ha detto vossignoria di chiamarla?
VOCE DI GIULIETTA – Chi è che mi vuole?
CHIARETTA – Tò matri!
GIULIETTA – (s’affaccia alla finestra) Che volete, madonna madre?
CHIARETTA – Ti deve parlare!
MARA – E basta cù ‘sti vuci ca stunai! Scendi tosto, figliola mia, ché ho urgenza di parlare teco!
CHIARETTA – Deve parlare teco!
MARA – L’ha sentito.
CHIARETTA – L’hai sentito?
GIULIETTA – Sì, sì… (tra sé) Si stanu purtannu ‘a testa tutti dui! (Scompare)
CHIARETTA – E allora che fai scendi? (Nessuna risposta) Giulietta!
MARA – Giulietta!
GIULIETTA – (entra) Qua sono, qua!
CHIARETTA – Qua è.
GIULIETTA – Che volete?
CHIARETTA – Ora te lo dice.
MARA – (dopo un’occhiataccia a Chiaretta) Finisti? Dunque, figliola… ti devo dire una cosa assai importante.
CHIARETTA – Ascolta a tua madre, Giulietta, non ti distrarre.
MARA – (a Chiaretta) Tu chi fai, te ne vai, ora, no?
CHIARETTA – Non lo so. Chi diciti, me ne vado?
MARA – Sì!
CHIARETTA – Allura, poco fa, perché m’avete chiamato?
MARA . Poco fa, t’ho chiamato per chiamare a mia figlia Caroli… a Giulietta! Mi sta’ fannu impazziri, oggi! Vattene!
CHIARETTA – Sissignora.
MARA – No, aspetta. Visto che ti pago per fare la dama di compagnia a mè figghia, resta a farici cumpagnia. Almenu ti pavu c’o piaciri.
CHIARETTA – Come volete.
MARA – Però devi fare solo compagnia, t’ha stari muta. Capito?
CHIARETTA – Compagnia silenziosa. Va bene.
GIULIETTA – (sbuffa. Alla madre) E allora?
MARA – Ecco qua. Dimmi ‘na cosa figliola mia, te la sentiresti di sposarti?
GIULIETTA – (abbassa il capo, intimidita) Boh?
MARA – Che significa “boh”?
CHIARETTA – Che significa “boh”?
GIULIETTA – Che non lo so… Che ne so? Per me…!
MARA – Insomma, ‘u capisti che t’ho detto oppure no?
CHIARETTA – Certo che l’ha capito. E’ solo confusa, a figghia. Non ti vergognare, Giulietta… diglielo che tu non aspetti altro!
GIULIETTA – (sempre più intimidita, balbetta) Non è vero…!
CHIARETTA – Invece, è vero. Non ci dormi ‘a notti Dici che ti vuoi sposare presto!
GIULIETTA – (a Chiaretta) Si non ti fai l’affari to’, ti staiu dannu un muzzicuni!
MARA – E che c’è di male se una donzella pensa al matrimonio, Giuliettina? Insomma, accuzzamula, il giovane Piride ti vuole come sposa.
CHIARETTA – Bih! Piride? Matri, è accussì beddu ca pari fintu!
GIULIETTA – Piride… mi vuole in sposa?
MARA – Piride, sissignora, il nipote del principe di Basilicò! Bello, nobile e ricco. Che cosa puoi desiderare di più?
CHIARETTA – Si fussi macari intelligente, sarebbe perfetto ma siccome la perfezione non è di questo mondo, pensu che ti puoi accontentare.
GIULIETTA – Se a voi piace, madonna madre, piace anche a me.
MARA – Brava! Figghia assennata! Stasera stessa vi putiti vidiri. L’ho invitato alla festa. Sei contenta?
GIULIETTA – Sì.
MARA – Avanti, ora non perdiamo tempo ca scurò. Chiaretta, aiuta mia figlia a prepararsi!
CHIARETTA – Certo. Perdonatemi, madonna Capuliata… non ci sarebbe, per caso, qualche altro Piridello che si vuole sposare una dama di compagnia?
MARA – Chi mi pigghiasti pì ‘na sinsali di matrimoni? Forza, camina, va’!
(Escono tutte e tre.
A scena vuota, entra il Cantastorie. Durante la declamazione degli ultimi versi, gli invitati, alla spicciolata, entrano dalla comune e vanno nella casa dei Capuliati).
CANTASTORIE – Si prepara Giulietta e si fa bella
Di la festa sarà certu la stella…
Ma non è cuntenta dintra ‘u so’ cori
di fari un matrimoniu senza amori…
Puri Romeo s’acconcia alla festa
e havi a Rosalia ‘nta la testa…
Ma l’amuri, si sapi, è capricciusu!
L’amuri tanti voti è orbu e strurusu…!
L’amuri sciogghi, ‘ncucchia, s’arrimina…
e ‘ntempu nenti vidi chi cummina!
(Esce)
8
(La festa è al suo culmine. In scena, provenienti da casa Capuliatu, entrano Turi e il principe di Basilicò).
IL PRINCIPE – Serata magnifica, complimenti!
TURI – E’ la vostra presenza, principe, che impreziosisce la festa e rende magnifica la serata.
IL PRINCIPE – Bravo! Mi piaci come parlate! Ogni tanto, sapete usare parole giuste e garbate. Segno che stare vicino alla mia nobile persona vi fa bene… vi trasforma quasi in un nobile gentiluomo…
(Entrano Gregorio e Sansone che, nel sistemare alcune sedie, sfiorano il Principe)
Grandissimi figghi di tappinaruna! Pirchì non talìati unni mittiti i peri?!
SANSONE – Aviti ragiuni. Facemu schifu!
GREGORIO - Vi chiedo perdono, eccellenza…
IL PRINCIPE – Perdono un piffero! Bestie e zaurdi! (Gli assesta un calcio. Poi, a Turi) Che stavamo dicendo prima ca ‘sti strunzi mi facissiru incazzari?
TURI – Che la vicinanza della vostra nobile persona mi fici divintari quasi quasi un signore macari a mmia…
IL PRINCIPE – Ah, ecco…
(Entrano rapidamente Giulietta, Mara, Chiaretta, Tecaldo, Piride)
PIRIDE – Madonna Mara, avete preparato una cena degna di re!
MARA – Quattro cosuzze, figuriamoci…!
TECALDO – Quando madonna Mara Capuliatu fa ‘na festa, ‘a fa cù tutti i sacramenti, perdinci!
MARA – Sì, va bene… Senti ‘na cosa, Piriduzzu, il tuo zio principe chi è ancora siddiatu pì stamatina?
PIRIDE – Quando mai! A iddu, dopu ca mangia, ci passanu tutti cosi!
MARA – Menu mali… E… con Giulietta… come va?
PIRIDE – Ma chi sacciu. Parrannu cù vui, ho l’impressione che non ci piacio in modo bastevole…
MARA – Chi dici? Ma se mi chiede sempre di te! “Unn’è Piridello? Chi fa Piridello? Perché non mi viene a trovare, Piridello?”
TECALDO – Insomma, come vedi, la mia cuginetta ha sempre il Piridello in bocca.
PIRIDE – Daveru? Allora ho avuto un’impressione sbagliata…
MARA – Ca certu. Che vuoi, Giulietta è ancora troppo giovane, troppo timida…
GIULIETTA – (si avvicina al gruppetto) C’ham’a fari, ah? Iù mi siddiai oltre ogni lecita misura! O ballamu o iucamu oppuri mi ni staiu iennu a curcari!
MARA – (a Piride) Hai visto quant’è timida e iuculana? (A Giulietta) Ballari non si po’, gioia mia. C’abballi senza sonu?
GIULIETTA – E allura, iucamu.
PIRIDE – E quale gioco vorresti fare, Giulietta?
GIULIETTA – Boh?
PIRIDE – Io proporrei…
GIULIETTA – Non mi piace.
PIRIDE – Ma se non ho ancora…
GIULIETTA – Giochiamo a’ timpulata!
PIRIDE – Ma è un gioco plebeo… di unni ti venunu certi pinsati?!
GIULIETTA – Minchiuni, chi si’ lisciu!
MARA – Giulietta! Che sono coteste parole bordellare?!
GIULIETTA – Madonna ma’, quannu ci voli ci voli!
PIRIDE – Perdonami se insisto, ‘a timpulata non si addice ad una donzella! E’ un gioco da maschi!
TECALDO – Sarà da maschi ma a mmia m’u ‘nsignò idda!
PIRIDE – Ma come, la mia promessa sposa che gioca comu si fussi uno scaricaturi di porto?! E che comparsa ci faccio?
GIULIETTA – Senti, finiscila e non fare tante storie! Si vo’ iucari, iochi o se no, assettiti e non ci stunari ‘a testa! Chiaretta!
CHIARETTA – Qua sono, Giulietta. Che c’è, ti debbo fare compagnia?
GIULIETTA – No, dobbiamo giocare.
CHIARETTA – Bih, ch’è bellu, e comu?
TECALDO – ‘A timpulata.
CHIARETTA – Mi piace.
TECALDO – Messer zu’ Turi! Signor principe! Un po’ d’attenzione, prego. La mia nobile cugina Giulietta ha avuto una pensata davvero fina. Ha espresso il desiderio di fare un gioco di società.
IL PRINCIPE – Brava! Giulietta è veramente una fanciulla che ce n’è poche. Colma di delicate risorse.
TURI – Non disprizzannu ci haiu ‘na figghia ca vali quantu pisa!
IL PRINCIPE – E quale sarebbe il gioco di società che hai pensato, Giulietta?
GIULIETTA – ‘U iocu d’a timpulata.
IL PRINCIPE – (divertito) Interessante e originale! Cu’ si metti sutta?
GIULIETTA – Piride!
TECALDO – Forza! Sutta Piridello!
PIRIDE – Ma… scusate… pirchì giustu iù?
TECALDO – Avanti ca n’addivirtemu!
PIRIDE – Ma io da bambino ho avuto una malattia… I iangati mi fanu mali!
GIULIETTA – Bih, chi si’ spittaculusu! Ca moviti, ddocu!
(Cominciano a giocare.
9
Travisati da maschere, entrano, dalla comune, Romeo, Bellolio, Mercuccio e Abramo).
BELLOLIO – (ai compagni) Ma chi stannu iucannu a’ timpulata?!
ROMEO – ‘A timpulata t’a dassi iù! Ma unn’è Rosalia? Non mi dicisti che era stata invitata?
BELLOLIO – E chi ni sacciu? Si vede che mi hanno dato un’informazione sbagliata.
ROMEO – Mancu ‘u traficu ca mi facisti fari! Va bene, va’, ni ni putemu iri.
MERCUCCIO – Aspetta, Romeo! Chi primura c’è? Ormai ca ci semu…
BELLOLIO – Ha ragione Mercuccio. Ormai che siamo nel ballo…
ROMEO – Ma i Capuliati non stannu ballannu, dunque amuninni…
MERCUCCIO – Avaia, ni facemu quattru risati, no?
BELLOLIO – Forza, una botta di coraggio e avviciniamoci!
ROMEO – ‘Na botta di sangu v’avissi a veniri a tutti dui!
BELLOLIO – (ai Capuliati) Nobili messeri, veggo con immenso interesse che vi dilettate a spartiri iangati!
TECALDO – Chi siete, messeri? Declinate le vostre generalità.
PIRIDE – E perché mai avete il volto ammucciato dalla maschera?
MERCUCCIO – Il nostro volto vi è sconosciuto, amabili signori, così come il nostro nome… Che ve lo diciamo a fare? Noi non siamo di Basilicò. Vennimo… Vennemo… Venemmo…
ROMEO – (lo aiuta) Venimmo.
MERCUCCIO – Grazie. Venimmo qua perché sapimmo che c’era un ballo in maschera nella casa dei Capuliati…
TECALDO – Comu viditi, ccà mascarati non ci n’è! Dunque facitici la santa cortesia di iri a fari ‘nte’ cianchi!
TURI – Nipote mio, tu sei bollente, altro che Tecaldo! Che modo è codesto di trattare i forestieri?
IL PRINCIPE – Ha ragione tuo zio. Chiunque venga a Basilicò è accolto con tutti i sacramenti. Basta ca sunu personi per bene. Vui chi siti personi per bene?
ROMEO – E chi semu, vastasi?
IL PRINCIPE – Quand’è così, Basilicò e il suo principe che sono immodestamente io, vi allargano le braccia. E col permesso di messer Turi Capuliatu, se volete, vi potete unire a noi nello stuzzicante gioco d’a iangata.
TURI – Con tutto il piacere. Accomodatevi.
MERCUCCIO – Grazie.
GIULIETTA – Ci sapete giocare, messeri, o ve lo dobbiamo spiegare?
MERCUCCIO – Noi ci siamo girato il mondo, madamigella! Sappiamo uno di tutto. E cotesto vezzoso e intrigante gioco d’a timpulata l’abbimo già canosciuto in un villaggio delle estreme terre orientali…
CHIARETTA – Nentidimenu!
GIULIETTA – (indica Romeo) E allora, tu! Mettiti sutta!
(Romeo ubbidisce. Riprendono a giocare. L’ultima che darà lo schiaffo a Romeo sarà Giulietta)
ROMEO – Questa mano la riconoscerei fra mille! Appartiene a codesta dolce fanciulla.
TURI – Bravo!
MARA – ‘U ‘nsirtau!
CHIARETTA – Sutta Giulietta!
GIULIETTA – Basta. Mi siddiai. Non gioco più.
CHIARETTA – Ma comu, ora ca t’a mettiri sutta tu, ti siddiasti?!
(Tutti parlano fra di loro, a piccoli capannelli)
TECALDO – (a Piride) Eppuri iù ‘a vuci di ddu carusu ‘a canusciu.
PIRIDE – A dir la verità non mi è nuova mancu a mmia…
TECALDO – M’avissiru ammazzari si chiddu non è Romeo Linticchiu!
PIRIDE – Hai ragione: iddu è.
ROMEO – (che, intanto, si è appartato con Giulietta) Meno male che hai deciso di non giocare più.
GIULIETTA – Perché?
ROMEO – Come avrei potuto darti ‘na palmata? Come avrei potuto profanare la santità della tua mano con la ruvidezza della mia mano? La tua mano, o santa…
GIULIETTA – Vedi che non mi chiamo Santa…
ROMEO – Che importanza ha? Tu, per me, sei santa!
GIULIETTA – E ci torna!
ROMEO – La tua mano, o santa, merita di essere sfiorata solamente dalle labbra… Se poi le labbra sono quelle mie, è meglio.
CHIARETTA – (si avvicina a Giulietta) Ti debbo tenere compagnia?
GIULIETTA – (seccamente) No!
(Chiaretta si allontana)
La mia dama di compagnia.
ROMEO – L’avevo intuito.
GIULIETTA – E allora… che stavi dicendo? Le labbra…
ROMEO – Quali labbra…? Ah, sì… Dunque, cara santa…
GIULIETTA – (tra sé) Si fissau!
ROMEO – Lascia che siano le labbra a fare quello che avrebbe dovuto fare la mia mano…
GIULIETTA – Cioè?
ROMEO – Baciartela. (Le bacia la mano)
PIRIDE – (a Tecaldo) Come si è arrischiato a venire?
TECALDO – Si non si ni va subito, beddamatri, ci dugnu un colpu di seggia ‘nta testa ca ‘u ‘mmazzu! (Si avvicina a don Turi che stava conversando con il Principe) Messere zio, perdonatemi… ‘u sapiti cu’ è chiddu ca sta facennu ‘u bestia con Giulietta?
TURI – Pirchì, bestia? A mmia mi pare un gentiluomo.
TECALDO – Quel “gentiluomo” è Romeo Lenticchio!
TURI – Veramente non mi pari Romeo ma anche se così fosse, lassalu perdiri. Non sta facendo niente di male.
PIRIDE – Ma comu, niente di male?! Messere, sta baciando in sichitanza a’ mè zita!
TECALDO – Facitimici abballari supra ‘a panza!
IL PRINCIPE - C’ham’a fari, dobbiamo armare un altro casino comu a chiddu di stamatina? Io vi proibisco…
CHIARETTA – (a donna Mara) A me mi parunu personi veramenti fini… Quello che sta parlando con Giulietta non mi piaci… mi sembra menzu scemu… ma l’autri… Madonna Mara, l’autri sunu simpatichi per davvero! Quasi quasi…
MARA – Senti, non fari ‘a culumbrina, hai inteso?
CHIARETTA – Ma perché, vostra figlia chi sta facennu?
MARA – E infatti, il comportamento di Giulietta lo trovo troppo immodesto e un tantino buttanesco. Vacci.
CHIARETTA – A farici compagnia? Mi dissi ca non ni voli.
MARA – Quali compagnia! Valla a chiamare.
ROMEO – (che ha baciato rapidamente sulle labbra Giulietta) Le tue labbra sono più dolci dello zucchero a velo e della panna montata, santa mia!
GIULIETTA – Ma ‘u sai ca si’ cretinu?!
ROMEO – Lo so. Non avrei dovuto osare tanto. Ma io “dovevo” baciarti!
GIULIETTA – E cu’ dici di no? Tu sei cretino perché mi continui a chiamari “Santa”, non perché mi hai baciato…!
CHIARETTA – Scusa il disturbo, Giulietta… vidi ca ti voli tò matri.
(Giulietta, sbuffando s’allontana. Chiaretta sta per seguirla ma Romeo la ferma).
ROMEO – Ma cu’ è so matri?
CHIARETTA – So matri? La padrona di casa. Madonna Mara Capuliata.
ROMEO – No?!
CHIARETTA – Comu, no? Lo volete sapere meglio di me?
ROMEO – Allora, quella damigella è una Capuliata?
CHIARETTA – Sissignore. Giulietta si chiama. E io sono la sua dama di compagnia… quannu ci fazzu cumpagnia, naturalmente...
ROMEO – Sì, sì, lo so…
CHIARETTA – Arrivederci. (Si allontana) A mmia, chistu mi pari menzu scemu, pì daveru…
BELLOLIO – (le si accosta) Graziosa madamigella, perdonate il mio ardire...
CHIARETTA – “A dire”... che cosa?
BELLOLIO – (continua) Voi avete gli occhi profondi come il mare...
CHIARETTA – Sì?
BELLOLIO – Come vi chiamate?
CHIARETTA – Chiaretta. E voi?
BELLOLIO – Bellolio.
CHIARETTA – Ch’è bello! Bellolio! Non so perchè ma mi ricorda ‘u pani cunzatu!
MARA – (a Giulietta) Ma dico, che comparsa ci fa, in codesto modo, la famiglia Capuliata?
GIULIETTA – Non comprendo, madonna madre.
MARA – Madonnina figlia, tu non capisci mai nenti! Perchè ti metti a fare la tappinarella con uno sconosciuto, si può sapere?
TECALDO – (che, avvicinandosi, ha sentito la zia) Sconosciuto un bel paio di sfere, madonna zia! Chiddu è Romeo Lenticchio!
MARA – E ‘stu cosa fitusa mi vinni finu a intra a ‘nsurtari a mè figghia?!
TECALDO – Allura!
GIULIETTA – Oh, tragica novella! Oh, prodigio d’amore! Quant’è amaro amare il proprio nemico!
MARA – Chi schifiu sta’ dicennu, tu?
GIULIETTA – Nulla, madre.
MARA – Megghiu è, figghia. Avanti, amuninni, tutti intra. ‘U santu s’arritirò e ‘a festa finìu! (Al marito) Marito mio, perdonami... poichè scurò e soprattutto poichè alla nostra figliola ci scatasciò un terribile mal di testa, conviene ritirarsi. Chi dici tu?
TURI – Naturale, naturale. (Al principe) Mi dispiace, principe, come avete sentito, Giulietta ha un gran dolore testicolare... Vi chiedo scusa...
IL PRINCIPE – E che siamo a questo? Fra di noi...! Stavo appunto dicendo a mio nipote Piride di accompagnarmi a palazzo... (A Giulietta) Arrivederci, madamigella e speriamo che questo fastidioso dolore testicolare cessi presto.
GIULIETTA – Speriamo.
MARA – Cessa, cessa.
IL PRINCIPE – (agli altri) Arrivedervi, nobili forestieri. Piride! Andiamo.
PIRIDE – Sissignore, messere principe zio. A domani, nobili parenti. (Agli altri) Buona sera a tutti.
(Il principe e Piride, via).
MARA – (a Chiaretta che si intrattiene ancora con Bellolio) C’ha’ fari assai, tu? Trasi intra, spurigghiamini, prima ca ti tiru p’o tuppu!
CHIARETTA – Ci devo fare compagnia a Giulietta?
MARA – Trasatinni e basta!
TURI – Buona notte, messeri.
(I Lenticchi rispondono a soggetto)
(I Capuliati rientrano in casa).
TECALDO – (sarcastico) Ve lo posso dare un consiglio? Non v’a livati ‘a maschira: è sempri megghiu di dda facci ‘i fissa c’aviti!
(Esce anche Tecaldo.
In scena rimangono Romeo, Bellolio, Mercuccio e Abramo).
10

MERCUCCIO – Ni dissi c’avemu ‘a facci ‘i fissa!
ROMEO – Si vede che vi ha riconosciuto.
BELLOLIO – Io penso che ha riconosciuto macari a ttia.
ABRAMO – Che ne pensate, signori, si ni ni issimu?
MERCUCCIO – Sante parole. Andiamo a mangiare.
BELLOLIO – Megghiu è. Amuninni.
ROMEO – Orsù, andate voi. Io rimango.
BELLOLIO – Orgiù! E a fare che?
MERCUCCIO – A pigghiariti ‘u friscu?
ROMEO – Ad aspettarla.
BELLOLIO – A cui?
ROMEO – La mia Giulietta.
MERCUCCIO – Giulietta Capuliata?!
BELLOLIO – E chi è ti passò tutto l’amore per Rosalia? Finìu ca non potevi più vivere senza di lei?! Rosalia di ccà, Rosalia di dda...! Ma fammi ‘u piaciri, vah!
ROMEO – (aria sognante) Cu’ è Rosalia? Io conosco solo Giulietta.
MERCUCCIO – Ho capito: è persu completamente!
ROMEO – Andate. Vi prego.
MERCUCCIO – Romeo, levici ‘a farsa e amuninni.
ROMEO – No.
BELLOLIO – A ‘st’ura chidda si curcò! A ttia sta pinsannu!
ABRAMO – Padrone, con tutto il rispetto, vi ricordo che Giulietta è Capuliata...
BELLOLIO – Ci putemu fari sulu ‘u farsumauru!
ROMEO – Vi ni vuliti iri o no?
MERCUCCIO – E va bene, amuninni. Tu, per forza, devi fare succedere una tragedia! Ti salutu.
BELLOLIO – Allora... ce ne andiamo?
ROMEO – Ci avete perso tempo!
BELLOLIO – Contento tu...!
(Bellolio, Mercuccio e Abramo via)
11

ROMEO – Sento che ella s’affaccerà a quella finestra. E io l’attenderò. Dovessi restare qui tutta la notte!
(Giulietta s’affaccia alla finestra)
Batti, cuore mio! Ella è lì, bella come il sole! (Si nasconde nel buio)
GIULIETTA – Ahimè!
ROMEO – Ella sospira. Oh, anima mia!
GIULIETTA – Oh, Romeo, Romeo... giustu giustu Lenticchio ti dovevi chiamare? Non ti potevi chiamare – che so? – Falsaperla, Vinciguerra... No, Lenticchio! Se tu rinunciassi a essere un Lenticchio, ti giuro che io dimenticherei di essere Capuliata!
ROMEO -Che faccio, ci rispondo subito o continuo a stare nascosto come un cretino?
GIULIETTA – Solo il tuo nome è mio nemico. E già. Purtroppo ai Capuliati non ci piaciunu i Lenticchi e di conseguenza, ai Lenticchi non ci piaciunu i Capuliati! E dunque chiamati in un’altra maniera, no? Che ti costa? Tanto io t’amerei lo stesso. D’altra parte, una bella coscia di pollo arrostita... comu ‘a chiami chiami, sempre coscia di pollo resta. In ogni caso, conserverebbe la sua fragranza e il suo sapore, dico bene? Allora, Romeo, chiamati coscia di... Insomma, chiamati comu schifìu vuoi! E in cambio, io ti darò tutta me stessa!
ROMEO – (si mostra) Vili cu’ si ni penti!
GIULIETTA – Beddamatri, cu’ è?
ROMEO – Affare fatto! Mi cambio nome, cognome e indirizzo...!
GIULIETTA – Ma chi sei tu che ti nascondi come un cretino? Ca vatinni! Cu’ ti canusci, beddu?
ROMEO – Non te lo dico il mio nome perchè se tu non lo sopporti a mmia mi veni di ittari. Dunque, chiamami Falsaperla o Vinciguerra se ti fa piacere!
GIULIETTA – Havi menzura ca parri e ancora non ho capito cu’ caddu si’...!
ROMEO – (fra sè) Ma chi è ‘ntrunata? (A Giulietta) Sono io, amore mio! Non riconosci la mia voce?
GIULIETTA – Ma... che sei Romeo, per caso?
ROMEO – Come, per caso?! Si ci ristai apposta ccà sutta!
GIULIETTA – Matruzza del Carmelo! E chi ci fai ancora ddocu?
ROMEO – Per amore del tuo amore... Per amore del mio amore nonchè per amore del nostro amore... io sono capace, c’un sautu, di arrivare fino alla tua finestra!
GIULIETTA – E chi si’, ‘na signa?! Senti, Falsaperla, gioia, vatinni chè se ti vede mio padre o ddu pazzu di Tecaldo, ti finisci mali!
ROMEO – E cu’ si ni futti?
GIULIETTA – Scimunitu! Vidi ca chiddi ti sassulianu a corpa!
ROMEO –Tu guardami con dolcezza ed io sarò al sicuro da ogni nemico.
GIULIETTA – Ma benedetto cristiano... o ti guardo con dolcezza o ti guardo senza dolcezza, sempri sminnatu finisci!
ROMEO – E allura chi fazzu, mi ni vaiu?
GIULIETTA – No, aspetta. Chi è tutta ‘sta primura! Falsaperla, non è che ti voglio mandare... Il fatto è che se ti vedono i miei, ti rumpunu i jammi, stanotte!
ROMEO – Che importa? Per amor tuo, mi vogghiu fari rumpiri i jammi!
GIULIETTA – Come sei poetico! Meno male che siamo al buio altrimenti mi vedresti con tutta la faccia rossa. Senti una cosa, parlando con te, io vorrei salvare le apparenze... Vorrei poterti dire che poco fa strasintisti...
ROMEO – Quando?
GIULIETTA – Ca quando parlavo da sola a sola, stunatu!
ROMEO – Ah, sì, quando hai detto, testuale, “Ti darò tutta me stessa”!
GIULIETTA – Bravo. Ecco, io ti volevo dire che non stavo scherzando. Sono disposta veramente a darti tutta me stessa.
ROMEO – Per davvero?
GIULIETTA – Ma tu mi ami? Se mi ami, dimmelo. E se, invece, pensi che ho ceduto troppo presto... Se, insomma, mi hai preso per una buttanella qualsiasi, dimmelo lo stesso. Non ci fa niente. Allora, dimmelo. Ahu, cù tia sto parlando!
ROMEO – E che debbo dire?
GIULIETTA – Ti rifaccio la domanda. Secondo te, sono una buttanella oppure no?
ROMEO – No, quale buttanella! Che dici?
GIULIETTA – Allora mi ami, bel Lenticchio?
ROMEO – Ti amo, bella Capuliata!
GIULIETTA – Giuralo.
ROMEO – Lo giuro.
GIULIETTA – Su che cosa?
ROMEO – Bambina, su quella luna, io giuro...
GIULIETTA – Ma quali luna e menziornu! Mi devi giurare sulla tua testa altrimenti che giuramento è?
ROMEO – E va bene. Che siamo a questo? Ti giuro...
GIULIETTA – Basta, mi siddiai. Buona notte.
ROMEO – E mi lasci così, senza dirmi altro?
GIULIETTA – E che altro posso dirti? Buona notte.
ROMEO – Mi lasci in cotal modo?
GIULIETTA – E chi voi, ‘a banna? Buona notte.
ROMEO – Dimmi almeno che mi sarai fedele così com’io sarò fedele a te.
GIULIETTA – Sì, sì. Mi ni fai iri ora, ca si fici tardu? Buona notte.
VOCE DI CHIARETTA – Giulietta!
GIULIETTA – Vengo, mia buona dama di compagnia! Buona notte. M’ha’ fattu diri buona notte ducentu voti.
VOCE DI CHIARETTA – Giulietta!
GIULIETTA – Ancora! Giungo tosto, mia affezionata e sdisonesta dama di compagnia! Buona notte.
ROMEO – Buona notte. A domani. (Si allontana)
GIULIETTA – Romeo!
ROMEO – Gioia!
GIULIETTA – A domani.
ROMEO – A domani, amore!
(Giulietta sta per richiudere la finestra)
Giulietta!
GIULIETTA – Sì?
ROMEO – A domani.
GIULIETTA – A domani.
ROMEO – Anzi, siccome è già domani... a fra poco!
GIULIETTA – Che dici, ce la facciamo ‘na menzuredda di sonno?
ROMEO – Va pure, mia dolce santa.
GIULIETTA – (fra sè) Attaccau ‘n’atra vota cù ‘sta Santa!
VOCE DI CHIARETTA – Madonna Giulietta! Vidi ca agghiurnò!
GIULIETTA – Madonna d’o Carmunu! A chista, prima o poi, a’ffucu! Ciao, Romino! (Chiude la finestra e scompare)
12
(E’ ormai l’alba).
ROMEO – E’ mattino, dunque? Il mattino dagli occhi di perla già sorride a oriente... Chi fazzu, mi vò curcu a ‘st’orariu? E cu’ è ca dormi? Lasciamo perdere oramai, vah... Vado, invece, da Frate Lorenzo: vediamo che mi consiglia di fare...
(Canticchiando, entra Frate Lorenzo)
Si parra d’o diavulu e spuntanu i corna! Cioè: si parla del monaco e spunta il saio... Buongiorno, padre.
FRATE LORENZO – Buongiorno, figghiu. Comu mai ti susisti accussì prestu? Te ne devi andare a fungi?
ROMEO – Voi, piuttosto, che ci fate all’alba, peri peri, armato di panaru?
FRATE LORENZO – Vado in cerca di erva. E siccome l’erva va raccolta prima che il sole la rinsecchi, io parto di matina prestu.
ROMEO – E che erba va cercando?
FRATE LORENZO – Indivia, cosci ‘i vecchia, caliceddi... Che erba vuoi che cerchi, scunchiurutu? Ca erbe medicinali, no?
ROMEO – Ho capito.
FRATE LORENZO – Devi sapere che le piante hanno virtù e qualità che tu nemmeno immagini. Un’erba velenosa, certe volte, può guarire da gravi malattie così come una pianta bella e profumata, si tu, putacaso, t’a mangi, ti può ammazzare in tre secondi.
ROMEO – Ma siccome io non me la mangio, sto tranquillo.
FRATE LORENZO – E fai bene. Perchè le piante bisogna saperle riconoscere.
ROMEO – E voi le conoscete?
FRATE LORENZO – No.
ROMEO – E allora...?
FRATE LORENZO – Prima di tutto, faccio come fai tu: non mi ni mangiu. Ci fazzu mangiari all’autri. Poi, mi affido al Signore perchè bisogna avere fede... Io mi limito a riempire ‘u panaru di erva di ogni specie, indi faccio certi esperimenti e poi... Insomma, cazzi mei! Parliamo di te, ora. Si può sapere di unni ti vinni a susiriti a ‘st’ura? Tò patri ti ittò d’o lettu?
ROMEO – Veramente io a letto non ci sono neppure andato.
FRATE LORENZO – Scomunicato! Non mi diri ca passasti ‘a nuttata cù dd’autra caiorda di Rosalia!
ROMEO – A Rosalia non la vedo da due giorni, padre...
FRATE LORENZO – Meno male. Bravo. E allora...?
ROMEO – Sono stato ad una festa...
FRATE LORENZO - ... diciamo, fra amici...?
ROMEO – No. Diciamo... fra nemici. Sono stato alla festa dei Capuliati...
FRATE LORENZO – Oh, Madonna dell’Incoronata! E che è successo?
ROMEO – Niente è successo. Anzi, è successo tutto.
FRATE LORENZO –Mi sta’ facennu ‘nsalaniri... Ca parra chiaro, gioia!
ROMEO – Padre, mi sono innamorato.
FRATE LORENZO – Di Rosalia, lo so.
ROMEO – No. Di Giulietta.
FRATE LORENZO – Di Giulietta?! ‘A Capuliata nica?!
ROMEO – Eh!
FRATE LORENZO – Ma tu chi t’innamori du’ voti o’ iornu?!
ROMEO – E anche lei mi ama. Padre, vi prego, ci dovete sposare subito! Oggi stesso dovete celebrare il rito!
FRATE LORENZO – Sì, ora, fra menzura facemu i riti, i matarazzi...! Veni cù mmia, vah, sciamunitu e videmu chi si può fare...!
(Escono)
13
(Entra Calogero. Si affaccia sulla porta)
CALOGERO – (lancia un’occhiata intorno) Mah! Vulissi sapiri chi fini fici ddu disgraziatu...! Si persiru tutti: iddu, ddi cretini di l’amici so’ e ‘dd’autru bestia di Abramo!
SARIDDA – (sopraggiunge) Si vidi?
CALOGERO – Ma quannu mai! ‘A virità è che tuo figlio è una gran cosa fitusa!
SARIDDA – Stai parlando di Romeo?
CALOGERO – E di chi, allora?
SARIDDA – Siccomu dici “tò figghiu”... Non è macari figghiu tò?
CALOGERO – No. Quannu fa minchiati è solo figlio tuo!
SARIDDA – Ho capito.
CALOGERO – Chistu con la scusa che è innamorato ciddìa d’a matina finu a sira... I nuttati s’i passa fora...! Vorrei sapere come mi devo regolare! Beddamatri, fussi cosa...!
SARIDDA – Aspetta, aspetta... I carusi ccà sunu... si stanu ritirannu...
14
(Cantando a squarciagola, palesemente ubriachi, entrano dalla comune Bellolio, Mercuccio e Abramo)
“M’innamorai, un dì, d’una pulzella / che avea le trecce bionde come il grano.
Tutto d’amore io fremea per ella / e dentro al bosco la portai per mano...
Dolci parole e languidi sguardi / mi prometteano tutto il paradiso...!
Al sol pensiero d’amarla più tardi / di rosso fuoco mi s’accese il viso!
Quando giungemmo fra le verdi foglie / io bramoso denudai la bella...
Ma s’acquetaron di colpo le mie voglie / poichè vidi che non era una donzella!”
CALOGERO – Ahu! Animali! Chi è ‘stu schifiu? Chi siti scimuniti?
BELLOLIO – No, siamo ‘mbriachi, messer zio!
MERCUCCIO – (a Bellolio) Vidi ca tu sì ‘mbriacu, no’ iù!
ABRAMO – E nemmeno io! Io potessi bere una vutti di vinu e non mi facesse manco il solletico al gargarozzo!
CALOGERO – (ad Abramo) Ma comu schifiu parri, bestia?! Comunque, a mmia mi pari ca tutti tri siti ‘mbriachi comu li signi!
SARIDDA – Ma Romeo dov’è? Non era cù vuautri?
MERCUCCIO – Era! Ma siccome è innamorato...
BELLOLIO – Ci ha abbandonati.
SARIDDA – Ancora fissatu cù Rosalia è?
ABRAMO – No. Ultimamente il padroncino Romeo si stufò di Rosalia e gettò gli occhi su Giulietta.
CALOGERO – Giulietta... cui?
MERCUCCIO – La piccola Capuliata.
SARIDDA – Oh, Madonna dell’Addolorata!
CALOGERO – E chi è, lassau ‘na tappinara, pì mittirisi cù n’autra tappinara?!
SARIDDA – A mè figghiu ci nisceru i sensi!
CALOGERO – Quannu s’arritira ci dugnu tanti di ‘ddi pirati nel di dietro che i sensi glieli faccio rientrare immediatamente!
MERCUCCIO – Secondo me, cù ‘stu sistema, tutt’al più gli possono rientrare le emorroidi no’ i sensi!
SARIDDA – Almenu putissi sapiri unni si ni jvu...!
CALOGERO – Facitimi una cortesia: si ‘u viditi e se ancora non l’hannu ammazzatu, dicitici che ci debbo parlare subito!
SARIDDA – Ma santu carusu, di unni ci veni a mittirisi cù ‘na Capuliata?!
CALOGERO – (alla moglie) Sdisonesto! S’a pò livari d’a testa ‘sta Capuliata! (Alza la voce ad arte) I Lenticchi non ponu ‘ncumari con i Capuliati! Non ci possono andare d’accordo nè ora nè mai!
BELLOLIO – (piano a Mercuccio che si contorcerà dalle risate) Al massimo, i Lenticchi stanno bene co’ pedi ‘i porcu!
MERCUCCIO – E mancu tutti i jorna! Sulu pì capudannu!
CALOGERO – (che non ha sentito) Mi sono espresso bene? Chi ha orecchie per intendere intenda! Ci siamo intesi o mi debbo fare intendere meglio? Avanti, trasemu intra, ora, prima ca scatasciu! (Esce assieme a Saridda)
15
(Mentre i tre continuano a sbellicarsi dalle risa, entra Chiaretta con Sansone)
CHIARETTA – (a Sansone che le sta dietro) E tu chi è ca voi?
SANSONE – Mi hanno ordinato che ti debbo venire d’appressu.
CHIARETTA – E pirchì non vai d’appressu a tò soru?!
SANSONE – Non n’haiu soru. E poi gli ordini sono ordini.
CHIARETTA – Sì, sì, va bene ma stammi a debita distanza pirchì c’è cauru!
MERCUCCIO – Ohè, Sansone! Chi ti facisti zitu con la bella dama di compagnia?
BELLOLIO – Bada a come parli, Mercuccio! Un altro insulto a codesta damigella e ti scugnu i denti!
CHIARETTA – Grazie, cavaliere.
BELLOLIO – Dovere, madonna.
MERCUCCIO – Ma iù, veramente, stava sfuttennu a Sansone...!
BELLOLIO – Ancora? (A Chiaretta) Perdonatelo. E’ ‘mbriacu. (Si apparta con Chiaretta)
SANSONE – Io vi consiglierei, per il vostro bene, di non sfuttiri mancu a mmia...
ABRAMO – Ma dimmi ‘na cosa, Sansone, la tua forza unn’è, tutta ‘nte’ capiddi?
SANSONE – No. ‘Nte’ pusa. ‘U vo’ vidiri ca ti dugnu un pugnu e t’accuzzu?
ABRAMO – Sì, però si ti fai rapari ‘a testa, la tua forza finisce. Tutti ‘u sannu ca la gran forza di Sansone era ‘nte’ capiddi. E siccome tu ti chiami Sansone...
SANSONE – A mmia ‘a testa non m’a rapi nuddu...!
MERCUCCIO – E si qualcunu, putacasu, t’a rapi, non ci senti mancu piaciri pirchì tantu dda intra non ci trova nenti!
ABRAMO – E ddocu muore Sansone cù tutti i “pilisdei”!
(Ridono a crepapelle)
SANSONE – Ora v’abballu supra ‘a panza a tutti dui!
CHIARETTA – (che è sempre in disparte, con Bellolio) Siete veramente un birbante, cavaliere! Vi prego, smettetela chè mi vergogno...
BELLOLIO – Il rossore che tinge il vostro viso è come l’alba che tinge il cielo...
CHIARETTA – Matri, mi stanu acchianannu i calorii...! Finitila, ora.
BELLOLIO – Quando vi potrò rivedere?
CHIARETTA – Presto ma prima facitivi un bel bagno pirchì, con tutto il rispetto, stati fitennu di vinu!
BELLOLIO – Puzzo, madonna?
CHIARETTA – Da morire, signore mio! Chi cascastivu ‘nta ‘na vutti?
BELLOLIO – Che vergogna!
CHIARETTA – E pirchì, babbu?! Che c’è di male se un uomo ogni tanto, si ubriaca?
BELLOLIO – In verità, ho bevuto per dimenticare il mio amore per voi!
CHIARETTA – E pirchì, “per dimenticare”?
BELLOLIO – Perchè voi siete una dei Capuliati e io un Lenticchio!
CHIARETTA – Io non sono una Capuliata. Semmai, un osso duro. Senti, Belvino...
BELLOLIO – Bellolio.
CHIARETTA – Ah, già. Bellolio, unn’è Romeo Lenticchio? Ci debbo fare una speci d’ambasciata da parte della mia padrona.
BELLOLIO – E che è, l’avete chiamato? Qua è. ‘U viditi ch’è beddu friscu? A chistu si non ‘u’mmazzanu i Capuliati, ‘u ‘mmazza sò patri!
16
(Entra Romeo)
ROMEO – Buon giorno.
BELLOLIO – Si non chiovi. Senti, pazzu di catina, vedi che tuo padre ti ha dato per disperso...! E qua, questa bella signora ti deve dare... che gli dovete dare?
CHIARETTA – Un’ambasciata da parte di Giulietta Capuliata.
SANSONE – Sissignore. Giulietta Capuliata.
CHIARETTA – (a Sansone) Vedi che l’ha capito.
ROMEO – No? Giulietta?!
SANSONE – Ha’ visto ca non ha caputu nenti?
CHIARETTA – Voi non siete Romeo?
ROMEO – In carne e ossa.
CHIARETTA – Bravo. Ora, se insieme alla carne e alle ossa ci mittiti macari un pocu di ciriveddu, siamo a posto.
ROMEO – E ditemi, datemi... Datemi, ditemi...!
CHIARETTA – Non ho capito.
ROMEO – Datemi l’ambasciata! Ditemi!
CHIARETTA – Ah, sì. Dunque, la mia padrona vuole sapere... La mia padrona dice... Insomma Giulietta vuole conoscere le vostre vere intenzioni.
ROMEO – O santa... santa!
CHIARETTA – Chiaretta. Mi chiamo Chiaretta, io.
ROMEO – Ma io non dicevo a voi. Mi riferivo alla vostra padrona.
CHIARETTA – E mancu idda si chiama Santa. Qua sta nascendo un grosso equivoco. Dunque. Io sono la dama di compagnia di Giulietta Capuliata. Ci siamo? La quale Giulietta mi ha mandato qua a parlare con voi.
ROMEO – L’ho capito. Chi vi paru scemu?
CHIARETTA – E chi ni sacciu...?
ROMEO – Comu “e chi ni sacciu”?!
CHIARETTA – No, dico... chi sacciu cu’ è ‘sta Santa...
ROMEO – Gentile dama di compagnia, vi prego, dite alla mia Giulietta che l’amo!
CHIARETTA – Che l’amate, va bene.
ROMEO – Che senza di lei non riuscirei a vivere!
CHIARETTA – Che senza di lei... ecc. ecc.... Va bene.
ROMEO – Che dal momento che l’ho incontrata, la penso sempre!
CHIARETTA – Si spardau: ‘a ‘ncuntrau assira...! C’è altro?
ROMEO – Sì. La cosa più importante. (Chiaretta sbuffa) Ditele di tenersi pronta per oggi pomeriggio. Iù fazzu un friscuni, idda scinni e andiamo di cursa da Frate Lorenzo che ci unirà in matrimonio! Capuliati e Linticchi si troveranno di fronte al fatto compiuto.
CHIARETTA – Ho capito. Vui faciti un friscuni...
ROMEO – E idda scinni.
CHIARETTA – E ddocu finisci a tragedia! Mah... caddi vostri sunu...! (A Romeo) Me ne posso andare, ora?
ROMEO – Va’, dolce dama di compagnia... Va’, preziosa messaggera d’amore!
CHIARETTA – Sì, sì, vado. (Tra sè) Iù sugnu sempri di un’opinioni: chissu, pì mmia è menzu scemu. (A Sansone) Che fai, ti ritiri tu?
SANSONE – Si ti ritiri tu, mi ritiru iù.
BELLOLIO – A presto, Chiaretta!
CHIARETTA – (in modo vezzoso) Arrivederci, Oliobello.
MERCUCCIO – I miei omaggi, madamigella!
CHIARETTA – Altrettanto, messere e lavativi puri vui! ‘Sta chiazza sta fitennu peggiu di ‘na putia! (Esce)
SANSONE – Abramo! Tu è inutili ca ti lavi! Tantu sempri ‘na cosa fitusa resti! (Via anche lui).
(Entra il Cantastorie. Durante il suo intervento – in un’azione mimica da “comica finale” – Calogero entra in scena e si scaglia con veemenza contro Romeo. Saridda e gli altri cercano di calmare Calogero. Romeo entra in casa sospinto dai calci del padre. Nella confusione, a turno, restano fuori dalla porta, prima Saridda poi lo stesso Calogero quindi Romeo e infine, Abramo. Bellolio e Mercuccio si dileguano attraverso la comune).
CANTASTORIE – Ma l’amuri fra Romeo e Giulietta
non potti finì a viscotta e cunfetta.
Pì curpa di famigghi deficienti
s’avanu a spusari nascostamenti.
Senza nesciri carti e senza curia
lu ritu s’hava fari in tutta furia
‘nta lu cunventu di Frati Lorenzu
ca, puvireddu, ci jvu ‘nto menzu!

(Il Cantastorie si allontana. Dalla porta di casa esce guardingo Romeo).
18
(Romeo s’avvicina alla casa di Giulietta. Emette un lungo fischio...)
VOCE DI TURI CAPULIATU – Cu’ è ‘stu picuraru?!
VOCE DI MARA – Mutu e dormi.
(Esce cautamente Giulietta seguita da Chiaretta che rimane sull’uscio).
ROMEO – Giulietta!
GIULIETTA – Romino!
ROMEO – Sei pronta?
GIULIETTA – A fari chi?
ROMEO – A diventare mia moglie!
GIULIETTA – Ca certu. E tu?
ROMEO – Io... che cosa?
GIULIETTA – Stunatu! Sei pronto a diventare mio marito?
ROMEO – Prontissimo. Sono emozionato, amore mio!
GIULIETTA – E iù no?
(Si guardano a lungo negli occhi).
CHIARETTA – (bisbiglia per non farsi sentire dai padroni) Hata fari assai ancora?
ROMEO – Andiamo! Facciamo presto!
CHIARETTA – Giulietta!
GIULIETTA – Chi schifiu voi?
CHIARETTA – Ti faccio compagnia?
GIULIETTA – Chi dici... mi vo’ fari cumpagnia macari per la prima notti di matrimoniu...? (Si avvia, con Romeo, verso la comune)
CHIARETTA – (si fa il segno della croce, scandalizzata) Bih, beddamatri! (Ci ripensa) Giulietta!
GIULIETTA – (sbuffa contrariata) Ancora?
CHIARETTA – Se a te fa piacere, però, ti fazzu cumpagnia macari p’a prima notti...!
GIULIETTA – Grazie. Ora ci pensu.
CHIARETTA – Giulietta!
(Giulietta si blocca esasperata)
Auguri!
GIULIETTA – (bisbiglia allo stesso modo di Chiaretta) Vo’ duna i cianchi!
CHIARETTA – Va bene.

SIPARIO





ATTO SECONDO
(All’apertura del sipario, sono in scena, davanti alla propria abitazioneTuri Capuliatu, Mara, Tecaldo, Piride, Gregorio e Sansone; nei pressi di casa Lenticchi: Calogero, Saridda, Bellolio, Mercuccio e Abramo. I due gruppi si guardano in cagnesco tentando, maldestramente, d’ignorarsi a vicenda. Ovviamente, nonostante ognuno conversi con i propri familiari, le due famiglie si trovano spesso “in collisione”).
1

MARA – Oggi sta facendo più caldo di ieri.
TURI – In agosto, madonna moglie, a Basilicò ha fattu sempri cauru. E’ normale.
CALOGERO – Io, personalmente, mi ricordo che il 15 di agosto di qualche anno fa, si ni vinni un’acqua e un friddu ca l’aceddi abbulavano vasci...
TURI – E io ribadisco, cara madonna moglie, ca iù friddu, ‘nta ‘stati, non n’haiu sintutu mai. Puntu e basta.
CALOGERO – Menu mali che ad una certa età, cara Saridda, unu si rincoglionisce e non senti cchiù nè cauru nè friddu!
SARIDDA – ‘A vicchiania ci havi i so’ lati positivi...
MARA – Iù, alla mia età, ancora sentu un cauru, ringraziannu a Diu, ca fra pocu addumu!
TURI – Ti sto dicendo che è normale. E ci voli pocu c’addumu macari iù!
PIRIDE – Dov’è la mia promessa sposa? Unn’è Giulietta?
MERCUCCIO – S’ha mangiaru i cani!
(Tutti i Capuleti volgono uno sguardo di fuoco verso i Lenticchi)
Hai capito, caro Bellolio, chi fini fici dda bella puppetta?
BELLOLIO – Piccatu! Ma com’era fatta c’o capuliatu di primu tagghiu o di secunnu?
MERCUCCIO – Capuliatu di prima, ci mancherebbe!
MARA – (risponde a Piride) Giulietta? In camera è, con la sua dama di compagnia ca ci fa cumpagnia.
PIRIDE – Perchè non la chiamate, madonna suocera?
MARA – Giulietta!
VOCE DI GIULIETTA – Che c’è, madonna mamà?
MARA – Chi fai ‘nficcata intra?! Ca nesci, piglia un poco d’aria! No’ vidi ca niscìu macari Piridello?
(Entra Giulietta seguita da Chiaretta)
PIRIDE – Luce dei miei occhi, ccà si’?
GIULIETTA – Ccà sugnu.
(Bellolio ammicca e sorride all’indirizzo di Chiaretta che ricambia con uguale entusiasmo).
MERCUCCIO – (a Bellolio) C’addivintasti scemu?
BELLOLIO – E pirchì? (Continua imperterrito)
MARA – (a Chiaretta) C’addivintasti scema?
CHIARETTA – E pirchì? (Continua anche lei)
(Entra anche Romeo che, alla vista di Giulietta, sorride e gesticola, ricambiato da Giulietta. Tutti guardano le due coppie di giovani che continuano a scambiarsi messaggi muti).
TURI – Madonna moglie, non ti pari ca ni ficimu assai ‘nta ‘sta chiazza?
MARA – Ci ho la tua stessa impressione, messer marito. C’è troppo fudda e ‘u cauru, di conseguenza, aumenta.
TECALDO – Non solo, madonna zia. ‘U peggiu è che il caldo fa nesciri fora dalle tane certi surgi di mia conoscenza e certi bratti ca unu si sdinga macari a scafazzarli!
CALOGERO – Madonna moglie, chi senti ‘u stissu fetu ca sentu iù?
(Tutti i Lenticchi annusano l’aria con intenzione)
SARIDDA – E chi può essiri?
MERCUCCIO – Veru è. C’è ‘nfetu ca si mori!
BELLOLIO – Per me, trattasi di fetore di origine fognaria!
ABRAMO – Può essiri. Ccà vicinu i fogni si fetunu!
TURI – (perde la pazienza e si rivolge ai Lenticchi) Signori Legumi...!
CALOGERO – Lenticchi, prego!
TURI – Appunto: Legumi. Per vostra conoscenza e per vostra norma e regola, se c’è feto di fogna, codesto feto non proviene dalle fogne esteriori bensì sbommica automaticamente e precisamente dall’interno della vostra dimora di merda!
(I Lenticchi si alzano minacciosi contro i Capuliati. Lo stesso fanno i Capuliati).
Nonchè proviene – e concludo – anche dai vostri indumenti interni ed esterni ca non vi cangiati mancu p’a festa di Sant’Aita!
CALOGERO – Ahu, grandissima cusazza sgangulata! Ddi quattru denti ca vi ristaru v’i fazzu cascari cù ‘na buffazza!
TURI – Staiu trimannu comu ‘na fogghia! Mi staiu scantannu tuttu!
(Nella prima fase della rissa, i rispettivi familiari trattengono e tentano di calmare Turi e Calogero)
TURI – Siti un animale di gebbia!
CALOGERO – Siti un cornuto!
TURI – A mmia curnutu?!
CALOGERO – A vui e a tutti i Capuliati di secunnu tagghiu comu a vui!
TURI – Datimi ‘na spada ca ci fazzu nsciri tutti i burdella di fora! La spada!
CALOGERO – L’ascia!
ABRAMO – No, non vi lassu! Non vi compromettete!
CALOGERO – Ti staiu dicennu l’ascia!
ABRAMO – E iù non vi lassu, vi dicu!
CALOGERO – Ahu, bestia! Vogghiu un’ascia accussì ci tagghiu dda speci di testa ca si ritrova! E appoi ‘u fazzu pì daveru capuliatu!
TECALDO – Vi cumpatemu pirchì siti vecchiu e parrati pirchì aviti ‘a vucca!
BELLOLIO – Senti, Tecaldo, iù non sugnu vecchiu e ‘a vucca ci l’haiu pì diriti ca si’ ‘na cosa di ittari!
TECALDO – Veni ccà si hai curaggiu ca ti scippu ‘na jamma e poi cù chidda ti pigghiu a pirati nel ...!
BELLOLIO – Ma pirchì t’ha’ fari difittari, bestia?!
MERCUCCIO – Ma lassalu iri! Chi ti mettu cù ‘nu strunzu qualsiasi?!
TECALDO – Ahu, scimpanzè, iù non sugnu ‘nu strunzu qualsiasi, hai capito? Io sono Tecaldo!
MERCUCCIO – E a mmia ‘u tè mi piaci friddu e c’a menta!
(Tutti vengono finalmente alle mani. I soli che non partecipano alla rissa sono Romeo e Giulietta.
Improvvisamente appare il Principe che osserva la scena: a terra c’è ancora qualcuno, rimasto contuso).
2
IL PRINCIPE – (dopo un lungo, grave silenzio) Chi ha incominciato per primo?
I CAPULIATI e I LENTICCHI – (insieme) Iddi!
IL PRINCIPE – E ora, secondo voi, manata di selvaggi, che dovrei fare?
(Tutti rispondono a soggetto scaricando le colpe sugli altri)
Silenzio, zaurdi! Mi meraviglio di voi, messer Turi che siete una persona assennata. E mi meraviglio di te, Piride che sei mio nipote! Comunque, a voi Capuliati non vi fazzu nenti perchè siete menzi parenti mei. Con voi Lenticchi, invece, sarò spietato!
MERCUCCIO – (tra sè) Un giudice imparziale, i cosi giusti!
IL PRINCIPE – A voi Lenticchi vi cucinu boni boni!
MARA – Bravu! L’ha fari divintari peggiu d’o puré!
IL PRINCIPE – Vi prego, madonna Mara! Lo so io come si cucinano i Lenticchi! Dunque. Questa è la sentenza. Romeo Lenticchio! Fatti avanti! (Romeo esegue) Ti dovrei condannare a morte...
ROMEO – A mmia?!
IL PRINCIPE – Mutu, filinia di omu! Come stavo dicendo, ti dovrei fare tagliare la testa ma siccomu sono in vena di bontà, ti condanno solo all’esilio perpetuo!
ROMEO – Eccellenza, c’è un piccolo equivoco... io non c’entru nenti...
IL PRINCIPE – Non sei un Lenticchio?
ROMEO – Sissignore, ma...
IL PRINCIPE – Se sei un Lenticchio, c’entri macari tu!
ROMEO – Ma come, signore... io, anzi, volevo mettere pace...
CALOGERO – Stati facennu ‘na cosa sbagliata, principe. Propriu stavota, mè figghiu è innocente!
IL PRINCIPE – Basta! Non mi faciti incazzari!
SARIDDA – Condannate a mmia oppuri a mè maritu...!
IL PRINCIPE – Ancora? Non approfittate della mia generosità ca capita una volta ogni morte di papa! Per questa volta, sarai tu a pagare, come rappresentante dei Lenticchi ma ‘a prossima vota, non sacciu comu vi finisci a tutti!
ROMEO – Grazie, Eccellenza.
IL PRINCIPE – Romeo Lenticchio! Andrai, perciò, in esilio. Ti mannu a Cesarò. Ddà c’è friscu. E accussì ti passanu i bollenti spiriti. Scritto, letto, sottoscritto, ecc. ecc. Almerico, principe di Basilicò e dintorni. Ho detto. L’ordine venga eseguito subito. Ti ni po’ iri!
GIULIETTA – Messer Principe, perdonatemi ma se mi posso permettere, chista è una vera ingiustizia!
IL PRINCIPE – Giulietta! Mi meraviglio di te!
GIULIETTA – Va bene, principe, voi vi meravigliate di mia, di mè patri, di Piride... Vi meravigliate di tutti...! Permettete che mi meraviglio un pocu macari iù?
MARA – Giulietta, chi è, ‘mpazzisti?
TURI – Addivati figghi!
IL PRINCIPE – La tua generosità ti fa onore, figliola. Questo dimostra che hai un cuore nobile. Purtroppo, però, la sentenza è stata pronunciata e non posso tornare indietro. Io devo dare l’esempio, hai capito?
GIULIETTA – E pì dari l’esempio, ve la siete presa cù unu ca non c’entra nè punto nè pocu?!
IL PRINCIPE – E invece c’entra du’ punti e ‘na fiura! E con questo, ho chiuso. Ritiratevi tutti nelle vostre dimore! Tu, Romeo, fatti ‘a truscia e addizza pì Cesarò. Dumani devi trovarti là.
ROMEO – Ci sarò... a Cesarò.
IL PRINCIPE – Bravo. Ora mi ni vaiu ca haiu chi fari. Avanti, circolare!
(Tutti rientrano nelle rispettive case. Il Principe esce per la comune. Dopo qualche istante, si sente una voce fuori scena).
VOCE (f.s.) – E’ l’ora terza e tutto va bene! E’ l’ora terza e tutto va bene!
GIULIETTA – (s’affaccia dalla finestra e urla, inviperita) Punto primo: E’ l’ora terza e un quarto! Punto secondo: non c’è propriu nenti che va bene! Hai capito? Strunzu! (Scompare)
VOCE F.S. – E’ l’ora terza e un quarto e quasi tutto va bene! E’ l’ora terza e un quarto e quasi tutto va bene!...
3
(E’ calata, intanto, la sera. Entra Romeo. Sulle spalle, un fagotto attaccato ad un bastone. Si ferma davanti alla casa di Giulietta. Lancia il suo abituale fischio).
VOCE DI TURI – Ma si pò sapiri cu’ è ‘stu picuraru?
(Entra Giulietta. I due si appartano).
ROMEO – Addio, Giulietta... Chi lo sa se ti potrò ancora rivedere...
GIULIETTA – Ma che è luntanu Cesarò?
ROMEO – Boh? Iù non sacciu mancu unn’è!
GIULIETTA – E allura come farai ad arrivarci?
ROMEO – Strata facennu, mi vaiu ‘nfurmannu...
GIULIETTA – Cù ‘stu scuru, ‘ssà unni vai a finiri tu!
ROMEO – Oramai non m’interessa cchiù nenti! La mia vita finisce stasera. Dicono che il futuro è in grembo a Giove. Ho l’impressione che il mio futuro, invece, ‘u principi ci’u sminuzzau ‘e papiri!
GIULIETTA – Romino, senti, pirchì non gridiamo a tutto il mondo che noi ci siamo sposati?
ROMEO – Con tutto il mondo si può fare. Il problema nasci si ci l’hamu a diri ‘e nostri famigghi...
GIULIETTA – Bellu masculu! Dillo che ti manca il coraggio!
ROMEO – No, il coraggiu ci l’haiu... è ca mi scantu...
GIULIETTA – Ci ‘u dicu iù!
ROMEO – Sì, accussì a ttia ti scannanu e a mmia mi tagghianu ‘a testa!
GIULIETTA – E allora?
ROMEO – E allora... aspettiamo tempi migliori. Un amico del cugino di mio padre fa il custode nel palazzo del principe. Videmu chi pò fari... Poi c’è macari Frate Lorenzo... Insomma, con la loro raccomandazione, spero di turnari prestu.
(Entra Chiaretta)
CHIARETTA – Giulietta, tò matri ti sta circannu casa casa...!
ROMEO – Vai, amore mio... non peggioriamo la situazione...
GIULIETTA – E peggiu di com’è!
ROMEO – Addio, Giulietta!
GIULIETTA – Addio, Romino!
(Romeo esce)
(a Chiaretta) Ha’ visto comu mi finìu? Almeno avessi consumato! No, mancu chistu! Basta ca mi maritai! A pì favuri, vah! Quantu sugnu disgraziata!
CHIARETTA – Ma la consumazione, in questo caso, è obbligatoria, veru?
GIULIETTA – Trasemu, vah, trasemu, sciamunita!
(Via, in casa.
Riappare il Cantastorie)
CANTASTORIE – La Furtuna è orba, dici la genti.
Ma la sfurtuna è vera fitenti!
Giulietta e Romeo appena spusati
furunu subitu già separati!
E ancora lu peggiu ha da viniri!
Videmu, dunque, comu va a finiri...
Intantu ‘na simana ormai passò
e Romeo era arrivatu a Cesarò...
4

(Entrano Frate Lorenzo e Piride)
FRATE LORENZO – Ho capito, figlio mio, ho capito!
PIRIDE – Padre, iù staiu friennu!
FRATE LORENZO – E iù staiu vugghennu! Se ti dico che ho capito! Però... c’è un però...
PIRIDE – E cioè? ‘A famigghia è cuntenta, Giulietta è felice, qual è ‘stu però?
FRATE LORENZO – Devi avere pazienza. Non è ca Giulietta si pò maritari dui o tri voti a’ simana!
PIRIDE – E pirchì s’avissi a maritari dui o tri voti a’ simana?
FRATE LORENZO – Per modo di dire, figghiu miu, per modo di dire! Il matrimonio è un Sacramento serio. Bisogna ponderare, riflettere...
PIRIDE – E io ho ponderato, ho riflesso...
FRATE LORENZO – Non hai riflesso a sufficienza. Ma poi, di unni ti spercia cù ‘stu cauru?!
PIRIDE – Frate Lorenzo, basta! Ci sposiamo giovedi. I Capuliati su’ d’accordo e iù macari. Giovedi!
FRATE LORENZO – Giovedi haiu chi fari.
PIRIDE – E allora sabato!
FRATE LORENZO – Non può essiri. Sabato ho un matrimonio...
PIRIDE – Sì, chiddu miu. Dumani mi vegnu a cunfissari. Vi salutu!
(Piride bussa alla porta dei Capuliati. Qualcuno gli apre. Esce.
Frate Lorenzo bussa alla porta dei Linticchi)
5
(Entra Calogero)
CALOGERO – Oh, Frate Lorenzo! Quannu ‘a iurnata comincia con un cappuccino, mi sentu ‘n’autru tantu!
FRATE LORENZO – Mi fa piacere! Io, invece, come dicevo testè a un certo Piridello, sono un cappuccino ca sta vugghennu.
CALOGERO – Che ci sono brutte novità? Accomodatevi...
FRATE LORENZO – No, grazie, stamu fora ca c’è cauru... e poi mi fermo poco.
CALOGERO – Comu vuliti. (Chiama a gran voce) Madonna moglie! Avvicina ca c’è Frate Lorenzo!
VOCE DI SARIDDA – Vegnu, messer marito!
FRATE LORENZO – Ma pirchì stati jttannu vuci?! L’hata fari sentiri a tutta Basilicò?
CALOGERO – E macari...? Chi è, ‘na visita segreta?
(Entra anche Saridda)
SARIDDA – Buon giorno, fratello! Notizie di Romeo?
FRATE LORENZO – Tranquillizzatevi, madonna Sara... Romeo torna presto. Se tutto va bene, fra qualche giorno sarà a Basilicò.
SARIDDA – Dio sia lodato!
CALOGERO – Parrastivu co’ principi?
FRATE LORENZO – Sissignore. Pari ca s’arrimuddò. Fra poco l’haiu a turnari a vidiri e... speriamo bene.
SARIDDA – ‘U Signuri v’a renni, frate Lorenzo!
FRATE LORENZO – Cchiù tardu mannatimi a Abramo. Vi fazzu sapiri chiddu ca mi dissi. Vi siete tranquillizzati?
CALOGERO – Grazie a Dio, ci siamo tranquillizzati.
FRATE LORENZO – Beati vuatri! (sospira) Va bene. La buona novella ve l’ho data, il mio dovere l’ho fatto, mi ni pozzu iri. (Appare palesemente agitato) E chi s’ha fari? D’altra parte, a Gesù no’ misiru ‘nta cruci? Chi fici, Gesù, s’incazzò? No.
CALOGERO – Frate Lorenzo, vi vidu un pocu frasturnatu... C’è cosa?
FRATE LORENZO – Io, frastornato? No, e chi motivu c’è...?
CALOGERO – Va tutto bene, no?
FRATE LORENZO – Benissimo, grazie.
CALOGERO – Appunto. Romeo sta turnannu, mi pare...
FRATE LORENZO – Romeo sta turnannu, Piride si voli maritari... Non c’è problema. Arrivederci.
SARIDDA – Arrivederci e grazie di tutto, fratello.
FRATE LORENZO – E chi semu a chistu, sorella...?
6
(Mentre Lorenzo si avvia verso la comune, entra Giulietta. I due Lenticchi escono e richiudono la porta con ostentata decisione)
GIULIETTA – Fratello!
FRATE LORENZO – Sorellina...
GIULIETTA – Frate Lorenzo, aiutatemi!
FRATE LORENZO – Giuiuzza, ho premura. Ni parramu cchiù tardu.
GIULIETTA – Cchiù tardu è troppu tardu! Dici ca giovedi m’haiu a maritari cù ddu bestia di Piride!
FRATE LORENZO – No, veramente siamo rimasti d’accordo per sabato.
GIULIETTA – O giovedi o sabato, che cosa cambia?
FRATE LORENZO – Cambia, cambia. In due giorni nostro Signore fici menzu munnu! Se le cose vanno nel verso giusto... Senti, ancora non sacciu nenti di precisu... però ti pozzu diri ca Romeo dovrebbe tornare presto.
GIULIETTA – Romeo torna? Daveru? Oh, che gioia, frate Lorenzo! Sì, però... macari ca torna... o si torna troppu tardu...
FRATE LORENZO – Lascia fare alla Provvidenza. Certu, si si putissi evitare ‘stu matrimoniu cù Piride... o almenu, si putissimu pigghiari tempu... Insomma si ci dassimu ‘na manu, la Provvidenza sarebbe cchiù cuntenta...
GIULIETTA – Iù a mè matri ci ‘u dissi ca a ‘stu Piride no’ vogghiu mancu a broru! Ma il mio messer padre si fissau! Sono disperata!
FRATE LORENZO – Anch’io non mi sento benissimo...
GIULIETTA – Ditemi una cosa: Questo secondo matrimonio fussi valido?
FRATE LORENZO – Il secondo...? A seconda. Tu e Romeo avete...
GIULIETTA – No. Non abbiamo.
FRATE LORENZO – E allura è valido. Perchè il primo sposalizio è “rato ma non consumato” e dunque...
GIULIETTA – E dunque, semu persi! Ma pozzu cridiri che non si può fare niente per impedire ca ‘stu Piriduni faccia danni?
FRATE LORENZO – Ti po’ sulu ammazzari.
GIULIETTA – (ironica) Menu mali che avete trovato il rimedio, vah! Ora sono contenta. Frate Lorenzo, ma chi è ‘ntrunastivu?! Iù all’autri ammazzu!
FRATE LORENZO – Tu hai fiducia in me?
GIULIETTA – A questo punto, ci haiu a pinsari...
7
(Alla ricerca di Giulietta, entrano Turi, Mara, Piride e Chiaretta)
FRATE LORENZO – Vieni al convento, cchiù tardu e ti dico quannu arriva Romeo e quello che devi fare.
TURI – Ccà si’? Buon giorno, Frate.
MARA – Ma chi fai, figghia mia... cumpari, scumpari, trasi, nesci, poi ti chiudi in camera...! Ni sta’ fannu sciamuniri!
TURI – Havi menzura ca ti circamu e tu t’a fai cù chissu...!
FRATE LORENZO – Comu... cù chissu?!
GIULIETTA – Stavo pigliando accordi per confessarmi. Non sugnu padruna?
TURI – Fino a quando sei in casa mia, tu non si’ padruna di nenti! E cerca di parrari a tuo padre col dovuto rispetto!
CHIARETTA – Ma non mi pari ca dda carusa vi mancò di rispettu...
TURI – Tu fatti i caddi toi!
MARA – A ttia, prima o poi, ti licenzio!
TURI – Dunque, frate, visto ca ci siti macari vui, non vi ni jti perchè mi dovete chiarire una certa situazione.
FRATE LORENZO – Veramenti haiu chi fari...
TURI – (perentorio) Vi sto pregando di restare!
FRATE LORENZO – E va be’, se mi pregate...
TURI – Ci siamo? Ci siamo. E allora, Giulietta, ti comunico, in data odierna, che tu giovedi prossimo ti sposerai con questo Piridello qua. Ora, siccome ho sentito dire che tu non fossi tanto contenta, io, alla presenza di tutti, Piridello compreso, ti faccio la domanda, bella, diretta e precisa. Sei felice di sposarlo?
GIULIETTA – No.
TURI – Non ho sentito bene.
PIRIDE – Mi pari ca dissi no.
CHIARETTA – Accussì pari...
TURI – (ostenta una gran risata) Mè figghia è comu a mmia: spiritusa! Il suo “no” significa “sì”. Abberu?
GIULIETTA – No.
PIRIDE – Stavota ho sentito bene. Dissi no!
CHIARETTA – Sì, dissi no.
TURI – Dunque, non ho strasentito. Dicisti no?
GIULIETTA – Sì!
MARA – Allura dissi sì?
PIRIDE – Dissi sì!
CHIARETTA – Sì.
TURI – Buttana d’a miseria! Dicisti no o dicisti sì?
GIULIETTA – Ahu, iù a chistu no’ vogghiu mancu morta!
PIRIDE – Allura non mi voli?!
CHIARETTA – Accussì pari...
TURI – Senti, grandissima figghia di...
MARA - Messer marito!
TURI – Giulietta, non mi fare incazzare oltre ogni ragionevole misura! Vidi ca iù ti pigghiu p’o tuppu e ti trascinu in chiesa!
GIULIETTA – No! Vui in chiesa non mi ci purtati!
TURI – Ti ci mannu a pirati!
CHIARETTA – Messer Turi, perdonatemi se interferisco nel vostro sereno ragionamento, ma si a dda carusa non ci piaci, chi si l’ha pigghiari pì forza?
TURI – Vidi ca tu, ora, per i miei gusti sta’ parrannu in guisa ragguardevolmente assai! Cu’ t’a desi ‘sta cunfidenza?
MARA – A ttia, prima o poi, ti licenzio!
PIRIDE – Lassati perdiri, messer Turi, si non mi voli...
TURI – Tu mutu! Turi Capuliatu ha una sola parola! E me figghia fa zoccu ci ordino di fare!
GIULIETTA – Padre mio, vi scongiuro di ascoltare con pazienza ciò che ho da dirvi!
TURI – Parra.
GIULIETTA – No’ vogghiu mancu si m’ammazzati!
TURI – E t’ammazzu, non ti preoccupari! Iù ti fici e iù ti sfazzu! E ora, passa intra, tappinarella, prima ca ti vunchiu ‘a facci a timpulati!
(Giulietta esce piangendo, seguita da Mara e Chiaretta)
MARA – Senti, figghia mia... non fari d’accussì...!
CHIARETTA – Ci fazzu cumpagnia.
FRATE LORENZO – Giudizio, messer Capuliatu, giudizio! Giulietta è un poco confusa... ma vedrete che sabato sposerà regolarmente Piride...
TURI – A proposito, frate... chi è ‘stu discursu di sabato...? Se io ho deciso giovedi pirchì parrati di sabato? Come voi ben sapete e come tutta la popolazione di Basilicò sa, io non mi piaci essere contrariato! Turi Capuliatu ha...
FRATE LORENZO - ... una sola parola, ‘u sacciu.
TURI – E allura, s’u sapiti, perchè orinate fuori dall’orinale?
FRATE LORENZO – Ma iù, veramente...
TURI – Sì! Avete orinato abbondantemente fuori dall’orinale! Vo’ itavinni a cogghiri erva, itavinni a priparari vileni p’è surgi...! Faciti zoccu caddu vuliti ma facitivi i fatti vostri ca campati cchiù ‘assai, frati. A meno che vui non vi mittistivu d’accordo cù dda tappinara di mè figghia e ci vulissivu fari il coperchio!
FRATE LORENZO – State pigliando un crampo, messere...
PIRIDE – Scusate... Non è successo niente. Io... a Giulietta... non la voglio più. Nè giovedi nè sabato e mancu duminica.
FRATE LORENZO – Bravu. Questo è parlare da cristiani.
TURI – Chi significa ‘stu discursu? Dunque tu mi vorresti fare quest’offesa illegittima? Tu t’a pigghi e basta!
FRATE LORENZO – Ma pirchì l’hata furzari ‘o carusu?
TURI – Fraticello, vi sto pregando di non orinare...
FRATE LORENZO - ... fuori dall’orinale, va bene!
TURI – E ora, beddu valenti, itavinni ca a mmia i cappuccini, di matina, mi fanu veniri di ittari!
FRATE LORENZO – Punti di vista. C’è a cu’ ci piaciunu e a cu’ ci jettunu pisanti! I miei rispetti. (Esce rapidamente)
TURI – Vo’ dati i cianchi!
PIRIDE – E mi ni vaiu macari iù...
TURI – Unni vai, tu? Veni ccà, trasemu intra...
PIRIDE – Ma no... veramente, messer Turi...
TURI – (lo spinge in casa con decisione) Ca trasi, ddocu!
(Escono entrambi. La scena rimane vuota per qualche istante. Poi entrano Sansone e Gregorio).
8
GREGORIO – Ma ci cridi che ancora non ho capito che dobbiamo fare!
SANSONE – Sì ca iù ‘u capìi!
GREGORIO – A postu semu. E allura, pirchì ci dicevi “sì, sì, ho capito”?
SANSONE – E tu ca ci calavi ‘a testa?
GREGORIO – No. Iù ‘a testa non ci ‘a calava!
SANSONE – Ci ‘a calavi, ci ‘a calavi. Non te ne sei accorto ma ci ‘a calavi!
GREGORIO – Io ho capito solo ca ccà intra non deve entrare nessuno. Il resto è mistero.
SANSONE – No, vidi ca dissi che non deve uscire nessuno.
GREGORIO – Iù ho capito trasiri.
SANSONE – E io nesciri.
GREGORIO – SANSONE – E allura?
SANSONE – Facemu ‘na cosa: non trasi e non nesci nuddu. D’accordo?
GREGORIO – D’accordo. Ma... pirchì non avissi a trasiri e nesciri nuddu?
SANSONE – E chi ni sapemu, nuatri?
GREGORIO – Non cridu ca ammazza a sò figghia?
SANSONE – No... Chiddu abbaia, abbaia e poi...
GREGORIO - ... e poi muzzica.
SANSONE – Non muzzica.
GREGORIO – Mah! Speriamo bene.
(Proveniente ca casa Lenticchi, entra Abramo)
SANSONE – Ehi! Unni sta’ iennu, tu?
ABRAMO – E a ttia chi schifiu t’interessa?
GREGORIO – (a Sansone) Vidi ca è di ccà intra ca non ha nesciri nuddu.
SANSONE – Ah, veru. (A Abramo) Ti ni po’ iri tranquillu.
ABRAMO – Pì daveru? Vardati chi su’ beddi tutti dui! Chi vi misiru di vardia?
SANSONE – Sì. C’è cosa?
(Abramo, ridendo, si avvia verso la comune).
VOCE DI TURI – Ti staiu dicennu ca ‘a pirìu!
VOCE DI MARA – Ora ci parru iù...
VOCE DI TURI – Vardati chi c’è ccà! Ci dici di no a sò patri! Chiddu ca ‘a misi o’ munnu! E iù comu ti ci misi, ti ci levu!
VOCE DI PIRIDE – Vi prego, messer Turi...
VOCE DI TURI – Ti sto dicendo ca tu ti devi fare i cazzi to’!
VOCE DI MARA – Ora ‘a carusa si cunfessa e giovedi si sposa...
VOCE DI TURI – Cù cu’ è ca si cunfessa? Cù dda signa c’o saiu? Iù a chissu ci l’haiu supra ‘a panza, peggiu di ‘na cappata!
ABRAMO – Ma chi sta succidennu dda intra?
SANSONE – Non sono affari che ti riguardano!
GREGORIO – Non ti preoccupare, cose di famiglia...
ABRAMO – E cu’ si sta preoccupannu?! Cu’ si ni futti? (Esce)
9
(Contemporaneamente entrano Giulietta e Chiaretta, accompagnate fino all’uscio da Mara).
MARA – Ti raccomando, Giulietta...
GIULIETTA – Va bene, madonna mamà, va bene. Mi vaiu a cunfissari e giovedi mi maritu. Va bene. Sei contenta?
MARA – Si ti dicemu qualche cosa, t’a dicemu per il tuo bene, gioia...
GIULIETTA – ‘U sacciu.
MARA – Turnati prestu, vi raccumannu.
CHIARETTA – Io ci faccio compagnia.
MARA – A ttia, appena si marita mè figghia, ti licenzio. (Esce e chiude l’uscio)
SANSONE – Scusate ma... unni stati jennu?
GIULIETTA – Unni mi portanu i pedi!
CHIARETTA – E io ci faccio compagnia.
SANSONE – Veramente, noi avessimo l’ordine di non fari nesciri a nuddu...
GIULIETTA – Ora a chissu ci votu ‘na timpulata! Ma chi è scemu?!
CHIARETTA – Ma chi si’ scemu? (Via, con Giulietta)
10
GREGORIO – Ma chi si’ scemu? Ma comu, a’ patruna ci dici ca non pò nesciri di intra?!
SANSONE – Ma allura, chi ci stamu a fari ccà, nuatri?
GREGORIO – Questo non lo so. Ma certu non ci puoi impedire di nesciri a Giulietta!
SANSONE – Ma almenu alla sua damigella di compagnia, sì!
GREGORIO – E se, per contratto, ci ha fari cumpagnia...?
SANSONE – Ho capito.
GREGORIO – Beatu tu.
(Non ancora visti dai due servi, entrano Mercuccio, Bellolio e Abramo)
ABRAMO – Messeri, i viditi a ddi dui? Non conosco la ragione ma so che hanno l’ordine di starasinni arreri ‘a porta a fari a vardia!
MERCUCCIO – Ah, sì? Chi diciti, ni facemu quattru risati?
BELLOLIO – E perchè no? Basta che non esageriamo pirchì si succedi ‘n’autra scerra, ‘u principi, ‘sta vota, ni manna in Turchia, no’ a Cesarò!
MERCUCCIO – Certo. Senza esagerare. Pronti?
BELLOLIO – ABRAMO – Pronti.
MERCUCCIO – (dà l’ordine in modo imperioso) Sentinelle, allerta!
(Gregorio e Sansone scattano istintivamente sull’attenti, fra le risate degli altri).
SANSONE – C’aviti ‘u sbaddu?
GREGORIO – Messeri, si vuliti ‘a scerra, circativinni a ‘n’autri dui pirchì noialtri non siamo disponibili.
BELLOLIO – Ma quali scerra! Ni vulemu fari sulu du’ chiacchiri...
MERCUCCIO – Che siete in servizio?
ABRAMO – Sissignore. Su’ di vardia!
BELLOLIO – Ah! Allora l’affare è serio. E, di grazia, a cu’ ci ‘a faciti ‘sta vardia?
MERCUCCIO – Al nobile castello dei Capuliati!
BELLOLIO – Ma pirchì, chistu ti pari daveru un casteddu?
MERCUCCIO – E pirchì ‘sti dui ti parunu daveru due guardie?
ABRAMO – No, no. Ci stannu facennu ‘a vardia a Piridello, prima ca ci scappa!
SANSONE – Sbagghiastivu tutti tri. ‘A vardia ci ‘a stamu facennu a ddi tappinari de’ vostri soru!
MERCUCCIO – (a Sansone) No. Ora sbagghiasti tu, ‘u vidi? Sbagghiasti a parrari.
BELLOLIO – (a Sansone) Diciamo pure ca ‘a scafazzasti!
ABRAMO – Scusate, messeri, ma chi v’interessa? Non è che voialtri aviti soru...
MERCUCCIO – Soru non n’avemu ma l’offesa rimane!
BELLOLIO – L’oltraggio resta, si capisce.
GREGORIO – Sentite... ma chi fari non n’aviti?
MERCUCCIO – Senza cangiari discursu. Qua, testè, ci fu un’ingiuria!
BELLOLIO – Voi avete apostrofato le nostre sorelle con l’epiteto di tappinare!
GREGORIO – Iddu. Io non l’ho detto.
BELLOLIO – Replico. Voi avete apostrofato le nostre sorelle!
MERCUCCIO – Tanto per saperlo, le nostre sorelle non si apostrofano!
GREGORIO – Il problema è ca chistu non sapennu leggiri e scriviri, ci misi pì sbagghiu l’apostrofo... (a Sansone) Hai capito? Le sorelle non si apostrofano, scemu.
BELLOLIO – E bravi! All’oltraggio ci aggiungete pure lo sfottimento?! E ditelo ca ni vuliti fari incazzari oltremodo!
MERCUCCIO – Onde per cui o ritirate apostrofi ed epiteti o vi stamu abballannu, in men che non si dica, supra ‘a panza!
GREGORIO – (a Sansone) Ritira ‘st’apostrofo e ‘st’epiteto e accussì livamu l’acqua. (Agli altri) Li ha ritirati. Tutto a posto.
ABRAMO – La vostra fortuna è ca ‘sti signori non ne hanno sorelle pirchì si l’avissiru avutu...
SANSONE – ... erano sicuramenti tappinari!
(Sopraggiunge Tecaldo che sente le ultime battute)
TECALDO – Sono d’accordo!
MERCUCCIO – E a ttia cù t’ammitò? Non c’è bisogno della tua presenza. (Ai compagni) Per caso. avete bisogno di Tecaldo?
BELLOLIO – Tecaldo? A mmia non m’ha piaciutu mai.
ABRAMO – Io preferisco ‘na bella buttigghia di vinu!
TECALDO – Vedo che siete di buon umore. Mi fa piaciri. Accussì quannu vi dugnu du’ pugna all’unu ‘nta carina, muriti cuntenti!
MERCUCCIO – Ma pirchì si’ sempri accussì ‘ncazzusu?
BELLOLIO – E dai, stavamo scherzando, no? E fatti ‘na risata, babbu!
TECALDO – Dopu mi fazzu ‘na risata. Dopu ca vi vidu stinnicchiati longhi longhi ‘nterra! Avanti, forza! Cu’ è ‘u primu?
MERCUCCIO – E’ inutile ca provochi. Stavota, ti po’ sciarriari sulu!
BELLOLIO – Organizzati senza noialtri, Tecaldo.
TECALDO – Ahu! Ma chi mi vulissivu pigliare per il di dietro?! Iù vi scippu i cannarini, sciamuniti e bistiuni! (Tenta di afferrare qualcuno dei nemici ma gli sfuggono).
BELLOLIO – S’inselvaggiu!
(Dalla finestra di casa Capuliatu, si affaccia Turi)
TURI – Ci ‘a vulemu finiri? Chi schifiu è ‘stu schifiu?
TECALDO – No, niente, messer zio... Ci devo dare una lezione a ‘sti signori!
TURI – Lassa perdiri ‘a lezione. A scola ci ‘a fai ‘n’autru iornu. Veni intra!
(Dall’uscio dei Lenticchi, si affaccia Calogero)
CALOGERO – Ma sempri vuci ci sunu ccà... sempri vuci?!
TURI – (a Calogero) Bonu, bonu, calmativi, vui!
CALOGERO – Iù calmu sugnu... ancora. Ma fra du’ minuti non sacciu comu m’a pensu!
TURI – Sintiti, io ho altro per la testa. Tempu di perdiri cù quattru Lenticchi non n’haiu! Dunque, arritirativi i pupi e non ha successu nenti!
CALOGERO – I suli pupi ca vidu appartenunu a vui! Per cui, illustre Capuliatu, arricugghitavilli!
TURI – Siccomu, comu vi dissi, haiu chi fari, accetto il vostro invito... per ora. Rimandiamo la discussione a un altro giorno! Chi diciti?
CALOGERO – A vostra disposizione. Come sempre.
TURI – Avanti! Tutti intra, picciotti!
GREGORIO – Macari nuatri?
TURI – Macari vuatri.
TECALDO – (sottovoce ai Lenticchi) Dumani ni parramu!
BELLOLIO – Dumani siamo impegnati.
(Tecaldo, Gregorio e Sansone escono).
CALOGERO – Abramo! Ci isti a fari ddu sirvizu?
ABRAMO – Sissignore. Tutto a posto.
CALOGERO – Benissimo. (A Bellolio e Mercuccio) Trasiti che vi debbo dare notizie di Romeo.
MERCUCCIO – Torna?
ABRAMO - Prestu
CALOGERO – Torna, torna....
BELLOLIO – Pì forza! Mè cucinu non ci sapi stari senza di mia!
(Escono tutti).
11
(Rientrano dalla comune Giulietta e Chiaretta).
GIULIETTA – Sì, va bene, però io sono preoccupata, ci permetti?
CHIARETTA – Ma non c’è motivo! Frate Lorenzo chi è cretinu? Chi ti dassi ‘na cosa ca ti può fare male?
GIULIETTA – E chi ni sacciu? Stunatu com’è...!
CHIARETTA – Sarà stunatu ma ‘nta ‘sti cosi è maestro.
GIULIETTA – Allura! Tempu fa ci preparò ‘na speci di decotto a mè nonna ca suffreva sempri di duluri di testa...
CHIARETTA - ... e ci passò.
GIULIETTA – Definitivamente.
CHIARETTA – Hai visto?
GIULIETTA – Morsi.
CHIARETTA – Tò nonna? E va be’, che significa? Vuol dire che era destinata a moriri comunque.
GIULIETTA – Può essere, però secondo me, frate Lorenzo ci desi ‘na manu!
CHIARETTA – Senti, iù, invece, ti posso dire che le sue erbe hanno fatto miraculusi! Ti ni putissi cuntari...!
GIULIETTA – E cuntamminni una.
CHIARETTA – In questo momento non me ne vengono, ma...
GIULIETTA – Chiaretta! E si moru pì daveru?
CHIARETTA – Ma vah!
GIULIETTA – E se mi seppelliscono prima del tempo?
CHIARETTA – Chi fai, scherzi?
GIULIETTA – Mi sveglio, mi manca l’aria e moru!
CHIARETTA – Ma non è mai successo!
GIULIETTA – Ca una mori quannu ci manca l’aria?
CHIARETTA – No. Ca unu viene seppellito subito. Prima debbono passare ventiquattro ore, no?
GIULIETTA – E metti ca, cù mmia, si volunu spirciari prima!
CHIARETTA – Non si può. Secondo la consuetudine di Basilicò, appena mori, ti mettunu ccà fora e il tuo corpo viene vegliato pì tutta ‘a nuttata.
GIULIETTA – E unni, unni mi mettunu?
CHIARETTA – Ccà fora.
GIULIETTA – Matri, mi fa ‘mprissioni.
CHIARETTA – Non ci pinsari, babba! Pensa, invece, che al tuo risveglio, ci sarà Romeo!
GIULIETTA – E quando ‘a mè famigghia scopri che Romeo è mio marito, m’ammazzanu ‘n’autra vota!
CHIARETTA – Ma quando mai?! Appena tu resusciti, saranno accussì felici ca non capisciunu cchiù nenti!
GIULIETTA – Speriamo. A proposito di Romeo, quannu arriva, avvisalu ca non sugnu morta pì daveru!
CHIARETTA – E ci mancassi. E poi non c’è macari frate Lorenzo ca ci ‘u dici? Dove l’hai messa la fiala?
GIULIETTA – (sospira) Qua è. (Osserva la fiala) Appena la berrò, sentirò un freddo sopore. Il polso cesserà di battere. Il respiro si fermerà. Le mie guance diverranno pallide. Gli occhi si chiuderanno. Tutte le mie membra saranno dure e rigide... e attirantu i palitti. Mi veni di chianciri.
CHIARETTA – Avanti, coraggio, andiamo a casa. Non ti preoccupare di niente. Tanto, ci sono io che ti faccio compagnia.
GIULIETTA – Com’è affezionata! Macari quannu moru mi fa compagnia!
(Escono.
Entra il Cantastorie)

CANTASTORIE – Passò ddu jornu ed era martedi...
E poi vinni lu mercoledi...
E fu dda notti, propriu dda notti
ca Giulietta si desi la morti.
Era finzioni ma pareva vera...
La facci bianca comu la cera...
La frunti fridda e accussì li manu...
L’occhi s’astutaru pianu pianu...
Era la notti di mercoledi.
E lu jornu appressu, lu giovedi
fu jornu di luttu, non di festa.
Lu patri si desi pugni in testa...!
La matri, povira donna Mara
chiancia forti la sorti amara
di dda figghiuzza duci e aggraziata
ca ormai è morta suicidata!
Chianceru tutti, ‘mpaisi sanu...!
Puri i Lenticchi, fattu stranu,
erano commossi e dispiaciuti
e stavanu ddà, chiancennu muti.

12
(Mentre il cantastorie declama, Gregorio e Sansone, seguiti da un piccolo corteo funebre, portano il corpo di Giulietta che viene sistemato al centro della scena. I parenti tutti attorno alla “salma”. I Lenticchi, più in là, sono sinceramente addolorati).
MARA – Povera figghia mia... armuzza innocente! Pirchì ti ni vulisti iri?
TUTTI – Pirchì?
TURI – Io sono il colpevole! Mia è ‘a curpa! Iù sugnu l’assassino di mè figghia!
PIRIDE – No! Sono io il colpevole! Si è ammazzata pirchì non mi vuleva!
TURI – Tu non c’entri. ‘A curpa l’haiu sulu iù!
PIRIDE – No, messer Turi, iù!
TUTTI – Tutti dui!
MARA – Che disgrazia! Che gran disgrazia!
TUTTI – Che gran disgrazia!
MARA – Chiaretta, a cu’ ci fai cumpagnia, ora? Ti debbo licenziare... pirchì mè figghia non c’è cchiù...! Quant’era buona, Giulietta!
TUTTI – Buona era!
MARA – Rispittusa...
TUTTI – Rispittusa era!
MARA – Dilicata...
TUTTI - Dilicata era!
MARA – Mai ‘na parola brutta...
TUTTI – Mai!
MARA – Gentile cù tutti...!
TUTTI – Gentile era!
(Sopraggiungono Frate Lorenzo e il Principe. Frate Lorenzo si raccoglie in preghiera. E Mentre il Principe rende omaggio alla salma e bacia i parenti, tutti cantano – o declamano – una sorta di “Lamento”).
TUTTI – Oh, Giulietta Capuliatu...
senza vita e senza ciatu...
Ti n’acchianasti in Paradisu
senza dari preavvisu!
Ora jochi cù l’angileddi...
a “muccia-muccia” e a li “ciappeddi”!
(Il principe, con un gesto, chiede eottiene silenzio. Tira fuori dalla tasca, un voluminoso blocco di fogli sui quali, verosimilmente, sta scritta l’orazione funebre).
IL PRINCIPE – (inizia la lettura) Siamo qui riuniti, in codesto triste, infausto e mesto giorno di lutto, a onorare, increduli, allibiti, commossi, sconsolati, costernati, sgomenti, afflitti e dolenti, il corpo senza vita della nostra carissima, dolcissima, preziosissima e amabilissima Giulietta Capuliata.
UNA VOCE – (f.s.) E’ l’ora prima e tutto va bene. E’ l’ora prima e tutto va bene...
IL PRINCIPE – Ella ci ha abbandonati per sempre. Ella non sarà più fra noi. Ella, ora, dorme nel sonno eterno. Ella, da lassù, ci guarda e sorride. Sì, ella sorride, amici. Poichè ella ha raggiunto la pace dei cieli. Cosa dire di Giulietta? Della nostra nobile, virtuosa e bella Giulietta? Potrei usare mille parole e poi altre mille e ancora mille e altre mille e più parole per testimoniare il nostro grande, immenso, immane e sconfinato dolore. Mi limiterò, invece, a ricordare a quanti la conobbero, l’apprezzarono, la stimarono e l’amarono la sua grazia, l’inimitabile dolcezza dei modi, la nobiltà d’animo, la semplicità, il garbo, l’eleganza, la cortesia, la delicatezza, il candore, la schiettezza, l’ingenuità...
(Il principe continua il suo discorso ma una musica appropriata coprirà le sue parole. Gli astanti, dapprima faticano ad ascoltare poi, stremati, si addormentano nelle posizioni più strane e desuete. Cala, intanto, la sera... La musica decresce..).
UNA VOCE – (f.s.) E’ l’ora quarta e tutto va bene. E’ l’ora quarta e tutto va bene...
(Tutti si risvegliano e risentiamo la voce del Principe che “chiude” l’orazione).
IL PRINCIPE – Cos’altro aggiungere, miei messeri? Cos’altro esternare mie nobili madonne...? Solo questo mi limito a dire. E mi rivolgo ai genitori di quest’angioletto: Grazie, signori Capuliati! Grazie di tutto cuore per averci regalato, sia pure per un breve lasso di tempo, la piccola Giulietta! Averla conosciuta, amata e apprezzata è stata una fortuna, un onore, un vanto, un orgoglio per tutta la comunità di Basilicò! Grazie!
(Tutti applaudono. Poi, durante il commiato del Principe...)
TUTTI – Oh, Giulietta Capuliatu...
senza vita e senza ciatu...
Ti n’acchianasti in Paradisu
senza dari preavvisu!
Ora jochi cù l’angileddi...
a “muccia-muccia” e a li “ciappeddi”!
(Dopo il principe, escono in silenzio anche i Lenticchi).

13
(In scena, accanto a Giulietta, rimangono per la veglia: Mara, Turi, Frate Lorenzo, Chiaretta, Piride, Gregorio, Sansone e Tecaldo).
FRATE LORENZO – Fratelli, raccogliamoci in preghiera. Chiediamo a Nostro Signore di aver cura di Giulietta e preghiamo affinchè un giorno possa resuscistare dal mondo dei morti. Amen.
TUTTI – Amen.
CHIARETTA – (piano, a Frate Lorenzo) Ma pirchì, c’è pericolo ca non s’arrusbigghia?
FRATE LORENZO – Semu tutti ‘nte manu di Diu, figghia mia...
CHIARETTA – A postu! Ma... secondo i vostri calcoli, quannu avissi a finire l’effetto della fiala?
FRATE LORENZO – Fra un’ora, due ore o macari subitu... No’ sacciu. E’ la prima volta che faccio quest’esperimento...
CHIARETTA – Ah! E dunque potrebbe pure capitare ca Giulietta... (con un gesto dell’indice fa intendere che è già morta)
FRATE LORENZO – Siamo nelle mani...
CHIARETTA - ... di Dio! E... Romeo quando dovrebbe arrivare?
FRATE LORENZO – Chi ura è?
UNA VOCE (f.s.) E’ l’ora quinta e tutto va bene... E’ l’ora quinta e tutto va bene...
FRATE LORENZO – Fra poco.
CHIARETTA – L’avete avvertito ca chista è tutta una messa in scena?
FRATE LORENZO – E quannu, si non l’haiu vistu? Ora, quando arriva ci ‘u dicu.
(Tutti bisbigliano preghiere. Si sente un mormorio lamentoso. Poi, pian piano, il mormorio cede il posto al russare dei presenti che dormono di brutto. Dopo un pò, entra Romeo).
14

ROMEO – (tra sè) E chi trasìi ‘nto durmitoriu pubblicu?! Ma... che è successo? Che c’è qualcuno morto? (S’avvicina alla salma) Giulietta?! La mia Giulietta morsi?! E perchè? Che cosa può essere accaduto? (Scuotendo il corpo di Giulietta, s’accorge della fialetta) S’ammazzò?! Aspetta... aspetta... Ora ricordo! Mentri ca iù era a Cesarò, qualcunu, mi dissi ca Giulietta s’hava maritari cù Piride! E iù mancu ci desi cuntu pirchì mi pareva ‘na fissaria...! Invece doveva essere vero. E idda, ‘a figghia, si è suicidata per evitare ‘stu schifiu di matrimoniu...! E ha bevuto questo veleno! O morte! Perchè, o morte, mi hai rubato l’amore? Perchè, morte, mi hai privato della persona più cara che io mai abbia incontrato? O morte! Morti buttana! (Osserva la fiala) Ne è rimasto ancora un poco. Berrò lo stesso veleno che ha ucciso la mia Giulietta! Del resto, non posso più vivere senza di lei! E dunque, che siamo a questo? M’ammazzu macari iù! (Guarda gli altri che continuano a dormire) E ‘sti strunzi ca dormunu! Megghiu è! Accussì moru ‘nta santa paci... Aspettami, amore mio, vengo da te... Muoio. (Beve il liquido rimasto nella fialetta e crolla accanto a Giulietta che, un momento dopo si sveglia)
GIULIETTA – Minchiuni! Varda con quanto amore mi stanu vegliannu?! Oh, li bestii! (Si accorge di Romeo che russa come gli altri) Romeo?! E chi è appena arrivau, s’addurmisciu macari iddu?! (S’avvede della fiala che Romeo tiene ancora nella mano)‘Stu sciamunitu si vippi ddu tannicchia di pozione c’hava ristatu! Ma com’è ca non ni cummina una bona? Però... che tenerezza... Ci parsi che ero morta e si è suicidato pure lui...! Gioia mia!
VOCE – (f.s.) E’ l’ora sesta e tutto va bene! E’ l’ora sesta e tutto va bene!
(Tutti si svegliano, tranne Romeo. Alla vista di Giulietta viva e vegeta, urlano terrorizzati fuggendo a destra e a manca. I soli che non si scompongono sono Frate Lorenzo e Chiaretta).
MARA – Figghia! Figghia mia! Viva è! Miracolo! Miracolo!
TUTTI – E’ resuscitata! Miracolo! E’ viva! Giulietta non morsi!
(A quelle urla, entrano anche i Lenticchi)
CALOGERO – Ma chi fu?
SARIDDA – (fa il segno della croce) Viva è?!
BELLOLIO – E mè cucinu Romeo chi ci fa misu ddà ca dormi?
CHIARETTA – (a Frate Lorenzo) Romeo si sculò quello che era rimasto nella fiala!
FRATE LORENZO – Non ci fa nenti. Si fa du’ uri di sonnu.
TUTTI – Giulietta è viva! Viva! Un vero miracolo!
GIULIETTA – (severa) Ci ‘a finistivu?
TURI – Comu ti senti, o patri? (Vede Romeo che dorme) E chissu chi ci fa ccà?
(Anche gli altri commentano meravigliati la presenza di Romeo)
TECALDO – Arrusbigghiatilu e pigghiatilu a pirati a chissu!
GIULIETTA – “Chissu” si chiama Romeo!
CALOGERO – “Chissu” è mè figghiu!
TURI – E appuntu.
GIULIETTA – “Chissu”, tantu pì sapirlu, è mio marito!
CALOGERO – “Chissu” no’ sapeva.
TURI – Tò maritu?!
TUTTI – Marito?! Chi sta dicennu? Si maritò cù Romeo?!
TURI – Madonna moglie, ‘u capisti? Si maritò a mucciuni cù chissu!
MARA – Non m’interessa! Sacciu sulu ca mè figghia è viva! Signuri, vi ringraziu! Frate Lorenzo, avete visto? Miracolo!
FRATE LORENZO – Miracolo pì daveru! Mancu iù m’u ‘spittava! Ma le vie del Signore sono infinite!
CHIARETTA – Sante parole!
MARA – Sante parole, pì daveru. Il tuo posto è salvo, Chiaretta. Non ti licenziu.
CHIARETTA – Grazie.
MARA – Grazie a Dio, devi dire!
FRATE LORENZO – Grazie a Dio e grazie anche alla pozione ca ci desi iù.
TURI – Chi stati dicennu, frati? Quale pozione?
GIULIETTA – Ve lo spiego io, messer padre! Visto che non c’era potenza umana pì farivi cangiari idea, mi pigghiai codesta pozione preparata da Frate Lorenzo che mi ha fatto cadere in una morte apparenti.
TURI – Sì, “a-parenti” e amici! Che è codesto il modo di comportarsi d’una figghia assennata? E pì giunta ti maritasti segretamente con un Lenticchio!
GIULIETTA – E certo: segretamente. Se ve lo dicevo, voi me lo facevate sposare?
TURI – No!
GIULIETTA – E allura?
TECALDO – Questo è un oltraggio, Giulietta! Appena s’arrusbigghia, si fa i cunti cù mmia, messer Romeo Lenticchio!
TURI – E si fa i cunti macari cù mmia!
CALOGERO – E pirchì, cù mmia, no?
TURI – In quanto a vui, frati... Vi dugnu un cunsigghiu: priparattivilla pì vui, ora, ‘na bella pozione! Di chidda fulminante! Ca vi fa moriri di morti subbitania!
FRATE LORENZO – ‘U problema è ca non sempri l’esperimenti mi rinesciunu. Capaci ca non moru...!
GIULIETTA – E’ inutili ca v’a pigghiati cù Frate Lorenzo! Pigghiativilla con la vostra testardaggine!
TURI – Ahu! Figghia sdisonesta e maladucata! ‘U vo’ vidiri ca t’ammazzu pì daveru e in maniera definitiva?
PIRIDE – Perdonatemi, messer Capuliatu ma, stavolta, Giulietta non ha torto. Non era giusto obbligarla a sposare chi non amava. Io, anche se ero innamorato, avrei dovuto capirlo prima...
CHIARETTA – Non è mai troppo tardi!
TURI – Sangu di Giuda! Io non potrò mai perdonare a mè figghia! Mi fici fissa e questo non lo sopporto!
MARA – Va be’ ma in fondo ‘u tò sangu è. Messer marito... abbracciala e perdonala!
TURI – Mai! E sia chiaro ca ‘stu matrimoniu cù ‘stu Lenticchio non vali nenti!
CALOGERO – Per una volta, sugnu d’accordu cù vui. Il matrimonio deve essere annullato!

15
(Sopraggiunge il principe)
IL PRINCIPE – E allora... si può sapere chi sta succidennu ccà? Mi hanno riferito ca Giulietta è viva... Naturalmente sono felice ma... com’è ‘stu fattu?
BELLOLIO – Si pigghiò ‘na pozione e pareva morta.
IL PRINCIPE – ‘Na porzione di che cosa?
MERCUCCIO – ‘Na porzione di pasta o’ funnu! Pozione non porzione, eccellenza!
IL PRINCIPE – Ho capito. E perchè l’ha fatto?

(Mentre i presenti “spiegano” il tutto al Principe, si sentirà solo l’intervento del Cantastorie)
IL CANTASTORIE – Al principi veni spiegatu tuttu...
la finta morti, l’inutili luttu...
e lu matrimoniu cù lu Lenticchiu.
Ma Turi Capuliatu è ‘mbeddu spicchiu
e Calogero Lenticchiu non scherza.
Nuddu ci voli mettiri ‘na pezza.
Continuano a sciarriarsi in sichitanza
senza ritegnu e senza crianza!
E a ‘stu puntu lu principi s’incazza...
Si metti li guanti e usa la mazza!
(Il Cantastorie esce)
IL PRINCIPE – Ora basta! Voi Capuliati e voi Linticchi mi avete oramai sminuzzato in misura ragguardevole i corbelli! E poichè trattasi di nobili corbelli, vi darò una condanna esemplare. Vi mannu in esilio a tutti...!
GIULIETTA – ‘N’autra vota?
IL PRINCIPE – Muta, tu! E fammi continuare! Tranne Giulietta e tranne Romeo, tutti l’autri andrete in esilio a vita o’ Sferru! E ddà, su’ dui i cosi: o v’ammazzati fra vuatri comu l’armali e vi livati d’ammenzu i peri oppure vi mittiti finalmente d’accordu! Ho detto. Scritto, letto, sottoscritto ecc. ecc. Almerico, principe di Basilicò e dintorni.
(Il principe esce con Frate Lorenzo. Tutti gli altri escono mestamente. In scena, solo Giulietta, Chiaretta e Romeo che continua a dormire)
GIULIETTA – E ‘stu scemu continua a dormiri!
(Rientrano tutti i Capuliati e i Lenticchi che, con in spalla il classico fagottino attaccato al bastone, escono lentamente dalla comune).
CHIARETTA – Bellolio! Aspetta! Vegnu cù ttia o’ Sferru! (A Giulietta) Ci fazzu cumpagnia. Tantu, tu ci hai ormai a tò maritu. Buona fortuna, Giulietta!
(Esce chiamando Bellolio).
GIULIETTA – Buona fortuna macari a ttia. (Osserva un pò Romeo che dorme e poi urla) Romeo! Ti vo’ arrusbigghiari sì o no?

(BUIO.
I personaggi rimangono, tuttavia, immobili fino alla conclusione della proiezione video).

CONCLUSIONE

(Mentre scorrono le immagini dei personaggi del video, in scena...)

IL CANTASTORIE – ‘Sta bella storia di scerri e d’amuri
ca vi cuntai cù tantu caluri
è arrivata alla fini, si chiudi ccà.
E lu vostru cantastorie si ni va.
Ma prima, amici mei stimati
vi dicu ca Linticchi e Capuliati
s’arrizzittaru e camparu tranquilli
senza vastunati, scerri o tirilli.
Giulietta e Romeo ebbiru du’ figghi
Tutti dui beddi comu li gigghi...!
Mi dissiru accussì e accussì vi dicu.
Nenti sacciu cchiù di ‘stu cuntu anticu.

(Sullo schermo scorrono i titoli di coda)

5 luglio 2002

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 46 volte nell' arco di un'anno