Gli ipocondriaci

Stampa questo copione

Gli ipocondriaci

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

                                                              (detto Ezio)

28/03/2005

Personaggi:   11

Enzo Del Duca

Nancy Del Duca

Riccardo Del Duca

Mario Spiritoso

Sara Spiritoso

Aria Spiritoso

il dottor Ercole Maciste

la principessa Betania di Ponticelli

il tenente Achille Agamennone

Gianni Ercolano

Annina, figlia di Enzo e Nancy

Un basso di Napoli: è di scena l’ipocondria. Enzo Del Duca e il suo miglior amico Mario Spiritoo sono due ipocondriaci conla “i” maiuscola. Uscieri del tribunale di professione, prendono pillole ed altri medicinali a dismisura. Le rispettive mogli Nancy e Sara, nonché i rispettivi figli Ricardo ed Aria, tentano a più riprese di dissuaderli, ma senza successo. Anzi, anche i familiari dei due uomini finiscono per cascarci. Proprio Riccardo ed Aria si sono appena sposati, eppure appena al rientro dal viaggio di nozze, fanno di tutto per lasciarsi. Ognuno per conto proprio cerca segretamente di organizzare un modo per incastrare l’altro in qualcosa di sconveniente che può portare al divorzio. Ma si ritroveranno in mezzo agli equivoci e il loro piano fallirà.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

Un basso di Napoli, casa Del Duca, salone. Alla stanza vi si accede da una entrata comune al centro. La porta di sinistra conduce in cucina e camera da letto. A destra si va in bagno e stanzetta.  In mezzo c’è il tavolo e tre sedie. A sinistra un divanetto con tavolino.

ATTO PRIMO

1. [Enzo e Nancy. Poi Mario Spiritoso. Infine Annina]

              Nancy apre la porta di casa (al centro) a prima mattina. Poi va a destra. Da lì,

              frenetici, escono Enzo in camicia, pantaloni e pantofole, e lei con la giacca di lui.

Enzo:   (Cerca di mettere la cravatta) Muòvete, Nancy, che faccio tarde a faticà!

Nancy: Sì, sì, stongo areto a te.

Enzo:   (Prova a farci il nodo) Nun m’aggio pigliato manco ‘o ccafé!

Nancy: E t’’o ppiglie in tribunale.

Enzo:   (Ha difficoltà) Mannaggia ‘a pressa! Nun riesco a ffa’ ‘o nodo ‘a cravatta!

Nancy: Aspié, t’’o faccio io. Però tu mantiene ‘a giacca.

Enzo:   Sì, sì. Muòvete, fa’ ambresso.

             Si scambiano cravatta e giacca. Però Nancy non riesce a fare il nodo. Lui nervoso:

             Comm’è tarde! E… (La nota in difficoltà) Che d’è, Nancy?

Nancy: Siente, ‘na curiosità: ma comme se fa ‘o nodo?

Enzo:   Ma famme ‘o piacere! Miette ccà!

             Si scambiano di nuovo la cravatta e la giacca. Lui prova a fare il nodo, poi decice:

             Vabbuò, lasse sta’, nun m’’o faccio! Cià, Nancy. Ce vedimme all’ora ‘e pranzo!

             Si avvia ad uscire al  centro ma Nancy lo richiama.

Nancy: Aspié, Enzo, addò vaje?

Enzo:   (Si ferma) A faticà!

Nancy: E ‘a giacca t’’a vuo’ mettere?

Enzo:   Ah, già. (Corre da lei, prende la giacca) Cià, Nancy, ce vedimme all’ora ‘e pranzo.

             Va per uscire, indossando la giacca e Nancy lo richiama di nuovo.

Nancy: Enzo, ma addò vaje?

Enzo:   (Si ferma di nuovo) ‘N’ata vota mò? A faticà!

Nancy: E ce vaje cu’ ‘e scarpune ‘o pede? ‘E scarpe t’’e vvuo’ mettere?

Enzo:   Uh, mannaggia ‘a miseria! E va’, muòvete, vammélle a piglià. 

             Nancy corre a destra, e mentre torna con le sue scarpe, lui la incita a muoversi.

             E ffa’ ambresso, Nancy!    

Nancy: E ‘nu mumento! (Gliele consegna ma lui le indossa senza allacciarle) Ecco qua.  

             Cià, Nancy, ce vedimme...

Nancy: ...All’ora ‘e pranzo, aggio capito!

             Enzo va per uscire (portandosi in mano le pantofole) e inciampa. Nancy lo chiama.

             Enzo, ma addò vaje? 

Enzo:   Ancora? Vaco...

Nancy: ...A faticà, ‘o ssaccio! Ma almeno te vuo’ fa’ ‘o laccio ‘ncoppa ‘e scarpe?

Enzo:   M’’o faccio fujenno, fujenno p’’a via. Cià, Nancy, ce vedimme all’ora ‘e pranzo!       

             E così esce di casa (con le pantofole in mano).

Nancy: Fa sempe tarde. Ma comm’’o fa l’usciére ‘e tribbunale, chisto?! Chille, ll’usciére,

             so’ accussì precise! Comunque, menu male che se n’è gghiuto!

               E invece dalla comune entra di nuovo Enzo, dubbioso.

Enzo:     Nancy!

Nancy:   Staje ‘n’ata vota ccà? Ma te vuo’ movere? Tu faje tarde.

Enzo:     Siente ‘na cosa, ma oggie che gghiuorno è?

Nancy:   ‘O primmo ‘e maggio! (Realizza) Ah, già, oggie è ‘a festa d’’e lavoratore!

Enzo:     (Seccato) E m’’o vvuo’ dicere primma? Aggio fatto tutto ‘stu balletto pe’ senza

               senza niente. (Getta le pantofole sotto il divanetto)

Nancy:   E vabbuò, Enzo, ce vaje dimane a faticà.

Enzo:     No, e dimane nun se po’.

Nancy:   Pecché? Pure dimane è ‘o primmo ‘e maggio?

Enzo:     No, dimane è dummeneca.

Nancy:   E intanto, menu male che nun aggio accumpagnato ancora a Annina ‘a scola.

Enzo:     A proposito, speramme che Mario s’arricorda ch’oggie è ‘o primmo ‘e maggio!

               E invece dalla comune entra frettolosamente, allacciandosi la cravatta, Mario.

Mario:   (Frenetico) Enzo! Enzo!

Enzo:     Uhé, Mario, tu staje ccà?

Mario:   No, Nancy, nun me da’ a parlà. Enzo, muòvete, o si no facimme tarde a faticà!  

Enzo:     Aspié, Mario...

Mario:   No, Enzo, nun me da’ a parlà. Facimme ambresso, che se fa tarde.

Enzo:     Aspié, Mario...

Mario:   No, Enzo...

Enzo:     (Spazientito) Uhé, e m’’a faje dicere ‘na fetente ‘e parola?

Mario:   Ja’, che vvaje truvanno?

Enzo:     Oggie nun se va a faticà.

Mario:   E pecché? Ah, aggio capito: staje facenno sciopero!

Enzo:     E ch’’o faccio, sul’io, ‘o sciopero? No, Mario, oggie è ‘o primmo ‘e maggio!

Mario:   Ah, già. (Si siede al tavolo) ‘E che fesso che ssi’, Enzo! Te si’ proprio scurdato!

Enzo:     Io? E pecché, tu no? Oggi non si lavora e domani è pure domenica!

Nancy:   A proposito, Mario, ma Sara?

Mario:   Mia moglie? E’ gghiuta a faticà! Oggi nessuno s’è ricordato che è il primo maggio.

               Eppure ‘ncoppa ‘o calendario è russo!

Enzo:     Eh, tene ‘o calendario comunista, chisto!

               Da destra entra la piccola, perspicace, Annina, vestita di tutto punto. 

Annina: Buongiorno a tutti. Ciao nonni!

Enzo:     Uhé, qua ci sta pure la nostra piccola Annina! Come mai, oggi niente scuola?

Annina: No, perché oggi è il primo maggio!

Enzo:     Ecco, ate ‘ntiso? Essa ‘o ssapeva e nuje no!

Nancy:   A proposito, Annina, bella d’’a nonna, ma tu staje vestuta?

Annina: E mica posso andare in giro nuda?!

Mario:   Giustamente! E chi ti ha vestita?

Annina: Ma che domande inutili che fate! Mi sono vestita da sola. No? A proposito, nonna,

               oggi non resto a pranzo qua. Vado a stare da Nicole.

Enzo:     E chi è ‘sta Nicole?

Nancy:  ‘A figlia d’’e vicini ‘e casa. Chille che nun ce salùtene maje. Quelli altolocati!

Enzo:     Ah, già. Annina, ma ci devi andare per forza da questa Nicole?   

Annina: E certo. Io e lei dobbiamo parlare. Cose di donne! Allora io vado. A più tardi!

               Esce via di casa. Mario la osserva stupito. Enzo se la prende con Nancy.

Enzo:        Tu, ‘a sta criatura, m’’a staje svianno! Io nun ‘a capisco cchiù!

Nancy:      E ch’è colpa mia? Ma po’ che tene ‘e male?

Enzo:        E nun ‘a vide? Chella me pare Madame Bovary criatura!

Nancy:      Comunque, ringraziando a Dio, i suoi genitori finalmente si sono sposati.

Enzo:        E ce mancasse pure! Ce so’ vulute diece anne! Ai nostri tempi, prima ci si

                  sposava e poi si facevano i figli. Oggie invece succede tutt’’o cuntrario!

Mario:      E intanto, i nostri figli si stanno godendo il loro viaggio di nozze. Biate a lloro!

                  (Si rilassa) Menu male ch’oggie è festa, pecché me fanne male ‘e ccosce.

Enzo:        E a me invece me fa male ‘a milza.

Mario:      (Con atteggiamento di sfida) Ah, sì? E allora a me me fa male ‘o fegato!

Enzo:        (Con atteggiamento di sfida) E io sto’ peggio ‘e te: me fa male ‘a cistifella!

Mario:      Ma io m’aggia ricoverà proprio ‘o spitale!

Enzo:        E io invece m’aggia ricoverà direttamente ‘o campusanto!

Nancy:      Oh, nun accumminciate a ffa’ ‘a lista d’’e mmalatie! Tanto, voi state bene!

Enzo:        No, io so’ malato. Pure ‘o computer mio è malato. Tene l’AIDSL!  

Mario:      Vabbuò, nun v’appiccecate, mò. Enzo, pecché nun ce facimme ‘nu bellu café?

Enzo:        E sì, io nun me l’aggio pigliato ancora. Allora jammancillo a ffa’ ‘int’’a cucina.  

Mario:      (Si alza) Oh, finalmente! Nancy, ce vedimme aroppo.

                  I due escono a sinistra. Appena usciti Nancy si arrabbia.

Nancy:      Uhé, ma addò jate? ‘O ccafé l’aggia fa’ io! O si no vuje me spurcate tutto cose!

                  Esce pure lei a sinistra frettolosamente.

2. [Riccardo Del Duca e Aria Spiritoso. Poi Nancy. Infine Sara Spiritoso]

                  Dalla comune, al centro, entrano Riccardo (con due album fotografici) e Aria.

Riccardo: Eccoci qua. Sei contenta, Aria?

Aria:         (Seccata) Uff!

Riccardo: E pecché faje chella faccia “funebre”? Noi siamo venuti qua da mammà e papà

                  per fargli vedere le foto e il filmino del matrimonio nostro. E pure le fotografie e

                  il filmino del viaggio di nozze a Terracina! A proposito, li tieni tu?

Aria:         Sì, stanne ‘int’’a bborza mia! E’ ‘a quinta vota che m’’o staje ‘ddimannanno!

Riccardo: Ma che d’è? Che he’ passato? Pare ca nun te fa piacere che simme venute ccà.

Aria:         Nun è chesto. Però nuje mò simme turnate d’’o viaggio ‘e nozze. (Pungente)  

                  Nun m’he’ dato manco ‘o tiempo ‘e svuotà ‘e vvaligge.

Riccardo: (Posa con violenza le foto sul tavolo) E che tiene ‘a dicere?

Aria:         Tengo ‘a dicere che ce simme spusate, ma tu tiene sempe a “mammina” ‘ncapa!

Riccardo: Ah, sì? E pecché, tu nun tiene sempe a “papino” ‘ncapa?

Aria:         E che ce azzecca? Mica ‘o vaco a truvà tutt’’e mumente?

Riccardo: No, però mò che simme state in viaggio ‘e nozze, l’he’ telefonato tutt’e juorne!

Aria:         E che vvuo’? Io già avevo scaricato tutto il cellulare mio per chiamare a mammà.

                  E allora comm’’eva fa’? Si nun chiammavo pure a papà, pareva brutto! 

Riccardo: Ma si chille stanne dint’’a stessa casa tutt’e dduje!

Aria:         Uhé, nun me fa’ alterà!

Riccardo: No, nun me fa’ alterà a me!

Aria:         No, a me!

Riccardo: No, a me!

                  Da sinistra torna Nancy che nota i due e li divide.

Nancy:      Uhé, ma che sta succedenno ccà ddinto?

Riccardo: Cià, mammà. Nun sta succedenno niente. E’ sulo ‘sta pazza che sta alluccanno!

Aria:         Chi sta alluccanno?

Nancy:      No, no, basta, mò nun v’appiccecate. Ma comme, vuje ve site spusate accussì

                  belle ‘na semmana fa, e ppo’ ate fatto chillu bellu viaggio ‘e nozze!

Aria:         Sì, bello assaje! Ma comme, ‘nu viaggio ‘e nozze a Terracina?

Riccardo: E che vvuo’? Tu he’ ditto che vulìv’ì a ‘nu posto ‘e mare!

Aria:         Ma io vulév’ì all’estero. Per esempio, a Montecarlo.

Riccardo: E a Montecarlo c’è la montagna, non il mare. Lo dice pure il nome: Monte-carlo!

Nancy:      Vabbuò, mò basta, calmàteve ‘nu poco. Anze, assettateve.

Riccardo: Ma che te vuo’ assettà, mammà? A proposito, e Annina addò sta?

Nancy:      Add’’a vicina ‘e casa.

Riccardo: Benissimo. Allora mò vaco a salutà a papà. Sta ancora durmenno?

Nancy:      No, s’è scetato, pecché s’era scurdato ch’oggie è ‘o primmo ‘e maggio.

Aria:         E no. Guardate, che vi sbagliate: oggie nun è ‘o primmo, ma è ‘o doje ‘e maggio.

Riccardo: Ma stattu zitta, che tu tiene ancora ‘o fuso orario ‘e Terracina ‘ncapa!

Aria:         E che sta in Australia, Terracina?

Nancy:      E mò nun accumminciate ‘n’ata vota. Riccà, va’ a salutà a papà. Sta ‘int’’a

                  cucina. Se sta piglianno ‘o ccafé ‘nzieme a Mario.

Aria:         Ah, ce sta pure papà? Mò ‘o vaco a salutà. E vaco a salutà pure ‘o suocero, Enzo.

Riccardo: Comunque, mammà, ‘ncoppa ‘o tavule ce stanne ‘e ffotografie d’’o matrimonio.

                  E ce stanne pure chelle d’’o viaggio ‘e nozze. E pure ‘o filmino.

Nancy:     ‘E fotografie e ‘o filmino d’’o viaggio ‘e nozze? Già so’ pronte? E chi l’ha fatte?

Riccardo: Pascalino, ‘o figlio d’’o fotografo: l’ha fatte cu’ ‘a Polaroid. ‘O filmino invece

                  l’ha fatto cu’ ‘a telecamera d’’o pato! E ‘o riesto l’amme fatte pure a Terracina!

Nancy:     (Stupita) Ma allora Pascalino è venuto a Terracina cu’ vuje? In viaggio ‘e nozze?

Riccardo: E che ffa? Accussì ce aggio fatto pavà tutte ‘e spese a isso!

Aria:         E già, però ce simme fatte ‘a luna ‘e miele in tre!  

Riccardo: E nun te lamentà sempe! (Si avvia a sinistra minacciando lei)  

Aria:         Ma stattu zitto! (Si avvia a sinistra minacciando lui)

Riccardo: Embé, mò che turnamme ‘a casa, facimme ‘e cunte!

Aria:         E ppo’ vedìmme!

                  Ed escono a sinistra sotto gli occhi di Nancy.

Nancy:      Mamma mia, che figlio tirchio! Ma ‘e chi avrà pigliato? E famme vedé ‘nu poco

                  ‘sti ffotografie, va’. (Siede al tavolo e le guarda) Aéh, e comme so’ brutte! Tutte

                  storte! E guarde chesta, po’: Riccardo sta senza capa! Aria invece tene ‘a vocca

                  aperta! Non c’è niente da fare: il risparmio non è mai guadagno!     

                  Dalla comune entra Sara, moglie di Mario. Pare molto nervosa (ed è spettinata).

Sara:         Néh, ma a me nisciuno m’ha avvisato?

Nancy:      Uhé, cià Sara.

Sara:         Cià, Nancy. Ma tu ‘o ssapive ch’oggie è ‘o primmo ‘e maggio?

Nancy:      Beh... veramente, no. A me me l’ha ditto Enzo. Pecché?

Sara:         (Arrabbiata, si siede al tavolo) Cose ‘e pazze proprio! Stongo tutta spettinata!

Nancy:      A proposito, ‘o ssaje? Riccardo e Aria so’ turnate d’’o viaggio ‘e nozze.

Sara:         E comm’è? Io nun ‘o ssapevo.

Nancy:      Hanno fatto ‘na sorpresa. E ppo’ guarde ccà: chelle songhe ‘e ffotografie d’’o

                  matrimonio e d’’o viaggio ‘e nozze ‘e Riccardo e Aria.               

Sara:        E già so’ pronte?

Nancy:     E già. Riccardo l’ha fatte fa’ ‘nu poco alla buona pe’ sparagnà!

Sara:        E nun è giusto. Il matrimonio viene una sola volta nella vita.

Nancy:     Pe’ carità, nun te fa’ sentì ‘a isso! Comunque, ‘e vvuo’ vedé? (Gliele porge)

Sara:        E vabbuò. Famme vedé chelli llà d’’o viaggio ‘e nozze. (Sfoglia l’album di foto)

                 Uh, che bella spiaggia. Addò è ‘stu posto? Cuba o Ibiza?

Nancy:     Ma qua’ Cuba o Ibiza? Chella è ‘a spiaggia ‘e Terracina!

Sara:        Terracina? E chisto fosse ‘o viaggio ‘e nozze che hanne fatte?

Nancy:     Già. He’ visto? Del resto, pure tu e tuo marito ate fatto ‘o stesso viaggio ‘e nozze!

Sara:        Appunto! A proposito, ma Mario ‘o ssape ch’oggie è ‘o primmo ‘e maggio?

Nancy:     No, nun se n’è accorto. Ce l’ha ditto Enzo. Mò stanne tutt’e dduje ‘int’’a cucina.

Sara:        Dopo ci andiamo pure noi. Però, Nancy, pe’ piacere, accumpagneme ‘nu sicondo

                 ‘int’’o bagno. Stammatina nun aggio avuto manco ‘o tiempo ‘e ce ì!

Nancy:     Vabbuò, allora viene cu’ me.  

                 Le due escono a destra.

3. [Enzo e Riccardo. Poi Mario e Aria. Infine Gianni Ercolano]

                  Da sinistra di corsa entrano Enzo, Riccardo e Mario: s’è scottato col caffè, tiene

                  la bocca aperta, grida, mentre gli altri due gli fanno vento in bocca con le mani)

Mario:      (Dolorante)Aaaaah!

Enzo:        Mannaggia a te, Mario, t’he’ bevuto ‘o ccafé vullente! Riccà, sciuscia, sciuscia!

Riccardo: E sto’ sciusianno, sto’ sciusianno!

Enzo:        (Smette di soffiare) E’ passato, Mario?

Mario:      Sì, è passato. (Preoccupato) Però v’aggia dicere ‘na cosa: nun me sento cchiù ‘a

                  lengua! Enzo, vuo’ vedé ‘nmocca a me si ce sta ancora? (Apre la bocca)

Enzo:        (Osserva) Sì, sì, sta ancora lloco.

Riccardo: Suocero, jateve a piglià ‘nu bicchiere d’acqua frisco. State calmo, è tutto a posto.

Mario:      E vabbuò. Mamma mia, speramme che nun se ne cade ‘a lengua!

                  Preoccupato, torna via a sinistra. Cosicché Enzo chiede qualcosa a suo figlio.

Enzo:        Riccà, dimme ‘na cosa: ma ch’è succieso cu’ mugliereta? Ve site appiccecate?

Riccardo: E già. Chella è ‘na passaguaje. Cu’ chella, te vene sulo ‘nu fegato tanto!

Enzo:        Uh, che m’he’ fatto arricurdà: m’aggia piglià ‘a pillola p’’o fegato! (Dalla tasca  

                  della giacca estrae una scatola, prende una pillola, la mette in bocca. Dall’altra

                  tasca estrae una bottiglina d’acqua, la apre e beve) Ecco qua. Allora, dicevi?

Riccardo: Stevo dicenno ch’Aria me fa talmente arraggià, che me fa aizà ‘a pressione!

Enzo:        Uh, che m’he’ fatto arricurdà: m’aggia piglià ‘a pillola p’’a pressione! (Così fa)

Riccardo: Pure?

Enzo:        (Posa la scatola in tasca) Ecco qua. E allora, dicevi?

Riccardo: Stevo dicenno che quanno m’appìcceco cu’ Aria, me venene ‘e male ‘e capa!

Enzo:        Uh, che m’he’ fatto arricurdà: m’aggia piglià ‘a pillola p’’e male ‘e capa! (Lo fa)

Riccardo: Papà, ma tu staje sentenno a me o te staje arricurdanno quali ppillole t’he’ piglià?

Enzo:        (Posa la scatola in tasca) No, no, va’, te sto’ sentenno.

Riccardo: E allora, quando litigo con Aria, finisce sempre a schifio! Ho cambiato parola,

                  così non ti ho ricordato nessuna pillola che ti devi pigliare! E ora ascoltami bene.

Enzo:        Uh, m’he’ arricurdato che m’aggia piglià ‘a pillola p’’a recchia! (Così fa)

Riccardo: Papà, ma tu te piglie tutte ‘sti ppillole?

Enzo:        E certamente. (Apre la scatola) Mannaggia so’ ffernute ‘e ppillole p’’a recchia!

Riccardo: Ma tu staje buono. Nun te fissà.

Enzo:        E tu che ne sai? Lo so io. Vabbé? Piuttosto, perché tu e Asia vi siete appiccicati?

Riccardo: Pecché nun l’he’ piaciuto addò amme fatto ‘o viaggio ‘e nozze!

Enzo:        Beh, effettivamente Terracina è troppo vicino.

Riccardo: A proposito, ‘ncoppa ‘o tavule ce stanne ‘e ffotografie. ‘E vvuo’ vedé?           

Enzo:        No, nun fa niente, a papà, m’’e vveco ‘n’ata vota.

Riccardo: E allora saje che faccio? ‘E vvaco a gghittà ‘int’’a munnezza!

Enzo:        No, no, che vvuo’ fa’?

Riccardo: (Prende le foto dalla tavola) Papà, lasseme sta’.

                  Riccardo esce con le foto con Enzo che cerca di dissuaderlo. Da sinistra entrano

                  Aria con una tazzina di caffè e Mario.

Mario:      (Grida, dolorante) Aaaaah!

Aria:         Papà, calmati, calmati, calmati! 

Mario:      M’aggio bevuto ll’acqua, ma era troppa fredda!

Aria:         Ma dai, lascia stare. Era un poco d’acqua fresca. Adesso però ascoltami. Sapessi

                  come sono arrabbiata per colpa di Riccardo. M’ha fatto saglì ‘a pressione!

Mario:      Brava, m’he’ fatto arricurdà ‘na cosa: m’aggia piglià ‘a pillola p’’a pressione.

Aria:         Ma pecché, tu tiene ‘a pressione alta?

Mario:      No, però nun se po’ maje sapé! (E dalla tasca estrae una scatola)

Aria:         Ma che ffaje? Si’ fissato pure tu comm’e mio suocero?

Mario:      Tuo suocero sarrà fissato, ma io no! Sulo che mò, pe’ me piglià ‘sta pillola, ce

                  vulesse ll’acqua. Pe’ caso ne tenìsse ‘nu poco?

Aria:         E addò m’’o mmetto, ‘int’’a sacca?

Mario:      E allora damme ‘nu poco ‘stu ccafé. (Le prende la tazzina di mano. Poi prende

                  la pillola e ci beve il caffè sopra) Ecco fatto!

Aria:         No, ma che fai?

Mario:     ‘Stu ccafé comm’è amaro!

Aria:         Papà, ma tu staje sentenno a me, oppure staje penzanno ‘o ccafé?

Mario:      Ti ascolto. He’ ditto che vaje d’accordo cu’ Riccardo e che sei innamorato di lui!

Aria:         No, nun he’ capito proprio niente! E’ tutto ‘o cuntrario.

Mario:      Ma no, nun dicere accussì. Chillo te vo’ bene. Secondo me, ‘int’a ‘stu mumento,  

                   t’è gghiuto a accattà ‘nu fascio ‘e rose e t’’o sta purtanno!

                  E dalla comune entrano Enzo con le foto (con qualche foglia sopra) e Riccardo.

Enzo:        Riccà, ma si’ scemo? Ma comme, vaje a gghittà ‘e ffotografie ‘int’’a munnezza?

Aria:         Che cosa? Si’ gghiuto a ittà ‘e ffotografie noste ‘int’’a munnezza! Ma si’ scemo?

Enzo:        (Mette una toppa) Ehm... no, ma che staje dicenno, Aria? Tu hai capito male.

Aria:         Ah, sì? E allora pecché ha purtato chelli ffotografie fora ‘a porta?

Enzo:        Ehm... pecché l’ha purtate a piglià ‘nu poco d’aria fresca!

Riccardo: Ma che cosa? Aggio juto a gghittà ‘e ffotografie noste ‘int’’a munnezza. E basta!

Aria:         He’ ‘ntiso, papà? E tu dice ca chisto me vo’ bene. E che d’è, mò nun parle cchiù?

Mario:      Ehm... Riccardo, ora basta! Pe’ caso tenìsse ‘nAulin? Tengo ‘nu malo ‘e capa!

Aria:         Ma comme, invece ‘e ce aiutà a ffa’ pace, tu te miette a penzà ‘e mmalatie toje?

Mario:      E io ch’aggia fa’? Si proprio nun gghiate d’accordo, spartiteve!

Enzo:        Ma siente a chisto che cunziglie ce da, a ‘sti duje! Sentite, guagliù, pecché nun

                  v’jate a assettà ‘nu poco ‘int’’a cucina? Vi fate una bella camomilla tutti due.

Aria:         (Si calma) E sì, buona idea.

Riccardo: (Si calma) E allora, papà, signor Mario, con permesso.

                  I due vanno in silenzio in cucina (a sinistra). Enzo tira un sospiro di sollievo.

Enzo:        Oh, nun m’’e firavo cchiù d’’e ssentì, a tutt’e dduje. (Posa le foto sul tavolo) Io,  

                  si sento ‘e alluccà troppo assaje, me vene ‘o malo ‘e recchia!

Mario:      E pure a me. A proposito, tenìsse doje gocce che se mettene ‘int’’e rrecchie?

Enzo:        No, nun ‘e ttengo. E tu tenìsse ‘n’Aspirina?

Mario:      No. E tu nun ‘a tiene?

                  Dalla comune (al centro) entra Gianni, farmacista. Ha una scatola di Aspirine.

Gianni:    ‘A tengh’io. ‘A vulìte?

Enzo:        Uhé, carissimo signor Gianni. Venite, trasite.

Gianni:     (Avvicinandosi) Grazie.

Enzo:        Signor Gianni, vi presento il mio migliore amico.

Mario:      (Si guarda intorno) Chi è?

Enzo:        Si’ tu!

Mario:      Ah, già. Permettete? Mario Spiritoso.

Gianni:     Piacere, Gianni Ercolano.

Enzo:        Signor Gianni, come mai da queste parti?

Gianni:     Beh, passando di qua, ho sentito qualcuno chiedere un’aspirina e io l’ho portata.

Mario:      ‘O vero? Ma pecché, vuje cammenate cu’ ll’aspirine appriesso?

Gianni:     E certo. Io faccio il farmacista.

Mario:      Enzo, tu tiene a ‘n’amico farmacista e nun dice niente? Sentite, signor Gianni, e

                  dove la tenete la farmacia vostra?

Gianni:     Proprio qua sotto casa.

Mario:      Ah, ma è la vostra? Ehm... e non è che possiamo fare una visita guidata dentro? 

Enzo:        Eh, l’ha pigliato p’’o museo ‘e Capodimonte!

Gianni:     Beh, veramente oggi è chiusa perché è festa. Però tengo le chiavi.

Mario:      E scusate, ma dentro ci stanno tutte le medicine possibili e immaginabili?

Gianni:     Tutte quelle che volete. Venite con me e vi faccio vedere.

Mario:      Subito!

Gianni:     (Prende due buste dalla credenza) Ecco qua, siamo pronti. Andiamo!

                  I tre escono di casa (Gianni osserva perplesso le buste).

4. [Nancy e Sara. Poi Aria e Riccardo]

 

                   Da destra tornano Nancy e Sara. Stanno “inciuciando”.

Nancy:      Ma tu he’ capito niente, Sara? ‘A figlia d’’a fruttajola s’è spartuta cu’ ‘o marito.

Sara:         Embé, comm’’e schifo ‘e ggente che primma se spòsene e ppo’ se spartene!

Nancy:      E già, dice buono. Menu male che Riccardo e Aria se vonno bene!

                  Da sinistra ecco Riccardo e Aria con una camomilla per uno in mano, litigando.

Riccardo: Tu nun si’ degna ‘e sta’ cu’ me! He’ capito?

Aria:         E allora che t’he’ spusato a ffa’ cu’ me?

Nancy:      (Accorre tra i due) Uhé, uhé, uhé, ma che state facenno?

Riccardo: E nun se vede, mammà? Ce stamme appiccecanno!

Sara:         (Accorre) Uhé, ma vuje turnate d’’o viaggio ‘e nozze e nun me salutate manco?

Riccardo: (Disinteressato) Bonasera!

Aria:         (Disinteressata) Vabbuò, mammà, io e te parlamme aroppo!

Sara:         ‘E che bellu saluto m’ate fatto!

Aria:         Mammà, pe’ piacere, nun te ce mettere pure tu, mò!

Riccardo: Uhé, nun te permettere ‘e richiamà a mammeta. He’ capì?

Nancy:      (Spazientita) Basta! Ma ‘a vulite fernì? O si no m’arraggio overamente.

Riccardo: (Con tono di sfida) E che ffaje?

Aria:         Già, che ffacite?

Sara:         Infatte, Nancy, che ffaje?

Nancy:      (Non lo sa) E che ffaccio? (Chiede a Sara) Che ffaccio?

Sara:         Vuo’ sta’ a sentì a me? Falle ‘na mazziata a tutt’e dduje!

Nancy:      Ma che l’he’ pigliate, pe’ criature?! No, adesso ci mettiamo a parlare tutti e tre.

Sara:         Tutti e quattro! Voglio parlà pur’io!

Nancy:      E già, buona idea: io parlo con Riccardo e tu parli con tua figlia Aria.

Sara:         Però t’arraccummanno, Nancy, parle buono! Va bene?

Nancy:      Senza dubbio. Riccà, vieneténne cu’ me ‘int’’a stanza ‘e lietto e parlamme.

Riccardo: (Rassegnato, posa il bicchiere di camomilla sul tavolo) E vabbuò, jamme a parlà.

Nancy:      Con permesso.

                  I due escono a destra.

Sara:         E famme assettà. (Si siede al divanetto, poi osserva Aria) E tu nun t’assiétte?

Aria:         E pecché, tu m’he’ ditto ‘e m’assettà? Tu t’assiette e zitto!

Sara:         Ma pecché, aggia fa’ l’annuncio cu’ ‘o megafono? Viene, assiéttete!

                  Aria le siede a fianco.

                  Dunque, Aria, io ti parlerò come se tu fossi mia figlia!

Aria:         Ma pecché, nun so’ cchiù tua figlia?

Sara:         E certo. Insomma, dimmi in tre secondi perché tu e Riccardo avete litigato.

Aria:         Beh, mammà, io non me lo volevo sposare, a Riccardo, perché è troppo tirchio.

Sara:         In pratica, tu nun ce tiene proprio p’isso. Allora fusse capace pure d’’o lassà?

Aria:         Beh… sì. Però dovrei trovare uomo con un buon lavoro e una buona famiglia.

Sara:         E te n’accuòrge mò che tiene ‘na figlia ‘e diece anne?

Aria:         Meglio tardi che mai. Una settimana fa ci siamo sposati e domani divorzieremo.

Sara:         E va bene, allora ti aiuto io. Se tu divorzi da lui, io ti presento all’amico di papà:

                  Achille Agamennone. Quello è tenente di polizia.

Aria:         Sì, però Riccardo non accetterà mai di divorziare da me. Se no mi deve pagare

                  pure dei soldi. E chillo tene ‘n’avarizia pazzesca!

Sara:         E chi te l’ha ditto? Se tu vuoi divorziare, lo puoi fare. Nun t’arricuorde, Aria? Tu

                  l’he’ visto abbracciato cu’ chella bella femmena ‘ncoppa a ‘stu divanetto!

Aria:         ‘O vero? E quanno?

Sara:         Molto presto!

Aria:         Ottimo! Bell’idea! Ma dove sta questa santa donna che mi farà questo piacere?

Sara:         La conosco io. La vamp più vamp che ci sia: la principessa Betania di Ponticelli.

Aria:         Ah, quella principessa squattrinata? Niente di meno, si è costruita un impero

                  economico solo grazie ai suoi sette matrimoni falliti! Nessun uomo le resiste! E a

                  questa principessa la dovrei sorprendere su questo divanetto con Riccardo?

Sara:         Ma tu nun he’ ‘a sorprendere a essa. He’ ‘a sorprendere a isso! Allora sai cosa

                  faccio? Domani è domenica. La faccio venire qua. Va bene?

Aria:         Benissimo! Grazie!

Sara:         Però tu fa’ finta ‘e niente. Sii sempre gentile con lui, non fargli sospettare niente.

Aria:         Stai tranquilla. Io, quando voglio, so recitare!

Sara:         E mò siente, accumpagneme ‘int’’a cucina, me voglio fa’ ‘nu poco ‘e café.

Aria:         Ma certo. Anzi, me lo faccio pure io. ‘A faccia soja!

                  Si alzano e escono a sinistra, concertando. Da destra tornano Nancy e Riccardo.

Nancy:      He’ capì, a mammà?

Riccardo: Ho capito: devo sorprendere a Aria con un altro uomo su quel divanetto. E’ così?

Nancy:      Bravo.

Riccardo: E chi avessa essere ‘stu passaguaje?

Nancy:      Il dottor Ercole Maciste, amico del signor Gianni il farmacista. Ieri ho comprato    

                  le medicine da lui, pecché tengo ‘o tickét. E il signor Gianni me l’ha presentato.

Riccardo: E credi che lui accetterà?

Nancy:      Tu nun te prioccupà. E’ ll’unica occasione pe’ ce levà ‘a nanzo a chella meza

                  scema ‘e Aria! Che vvuo’ a me, a mammà? Io nun ‘a supporto tanto!

Riccardo: Sono d’accordo con te. E allora, accomme ‘a veco, a chella scema, ‘a faccio...!

Nancy:      No, che vvuo’ fa’? Tu devi essere normale, gentile, raffinato. Inzomma, nun he’

                  essere tu! E lei non deve sospettare proprio di niente. He’ afferrato ‘o concetto?

Riccardo: Al volo, mammà!

Nancy:      E mò jammece a ffa’ ‘na bella tazza ‘e café ‘int’’a cucina!

Riccardo: ‘A faccia soja!

                  E i due escono a sinistra.

5. [Enzo e Mario. Poi Gianni e il Dottor Ercole Maciste]

                 Dalla comune, al centro, riecco Enzo e Mario con due buste a testa di medicina.

Enzo:       Ecco qua, Mario: amme svaliggiato tutt’a farmacia d’’o signor Gianni!

Mario:     Ma nun è che pare brutto? Nuje, tutta ‘sta mmericina, nun l’amme pavata!  

Enzo:       E mica ce rimette isso? Queste medicine, sono campioni omaggio. E allora, visto

                 che si tratta di omaggio, si devono regalare! E noi ce la siamo fatta regalare!

Mario:     Ma sì, godi popolo! A proposito, t’he’ pigliato ‘a pillola p’’o malo ‘e panza?

Enzo:       Uh, no, m’aggio scurdato proprio! (Posa le buste sul tavolo) Forse è pe’ chesto,

                 che dint’’a farmacia, aggio fatto ‘nu cuofono d’aria!

Mario:     Aggio ‘ntiso, aggio ‘ntiso! (Posa le buste sul tavolo)

Enzo:       ‘O vero? E che ddice, Mario? Se ne sarrà accorto pure ‘o farmacista?

Mario:     E certamente. Nun l’he’ visto? Chillo se n’è fujuto ‘a ‘int’’a farmacia!

Enzo:       Mah, comunque, mò assettammece e facìmmece ‘a partita a Scopa!

Mario:     Ottima idea. (Si siede al tavolo) Prendi le carte che ti ha regalato il farmacista.

Enzo:       (Prende le carte da gioco nella credenza) Eccole qua. Queste sono carte speciali.

                 (Le mischia) Invece dei soliti pali, cioè i denari, le coppe, le spade e i bastoni, ci

                 sono le pastiglie, le siringhe, i bisturi e le supposte! Spacca ‘o mazzo!

Mario:     Con piacere! (Così fa) Ci giochiamo una busta di medicine. Ci stai?

Enzo:       (Distribuendo le carte) E certo!

Mario:     (Comincia la partita) Guarde ccà che bella pigliata: quatte e tre sette! Li ho presi

                 col sette di “pastiglie”, che corrisponde al sette di denari!   

Enzo:       Cinco e doje sette: Scopa!

Mario:     Uh, mannaggia ‘a miseria!

Enzo:       Marettié, t’aggio fatto scopa cu’ ‘o sette ‘e “supposte”!

Mario:     Pazzesco, io tengo tre sette ‘nmana. Comme faccio a sapé che tu tiene ‘o quarto? 

Enzo:       E io songo ‘nu mostro! ‘O ddice sempe pure Gianne ‘o farmacista.

                 Dalla comune entra proprio Gianni col dottor Ercole Maciste, ben vestito.

Gianni: E’ permesso?

Enzo:    Oh, carissimo signor Gianni, entrate, entrate. Stavamo giocando a Scopa.

Gianni: E allora volete che ripassiamo dopo?

Enzo:    No, per carità. Venire, entrate.

Gianni: Grazie. Vieni, Ercole.

              I due si avvicinano a Mario ed Enzo che si alzano in piedi.

              E allora, signori Enzo e Mario, vi è piaciuta la mia farmacia?

Mario:  Beh, diciamo che ci è piaciuto soprattutto quello che ci sta dentro!

Enzo:    E chi è questo signore che sta vicino a voi?

Gianni: Uh, non ve l’ho ancora presentato. Che fesso che sono!

Mario:  Eh, veramente, che fesso che siete!

Ercole: Comunque io sono il dottor Ercole Maciste!

Enzo:    Aspit’oh: Ercole Maciste! ‘E che putenza! Piacere, io sono Enzo Del Duca.

Mario:  E io invece mi chiamo Mario Spiritoso.

Ercole: Piacere.

Mario:  E’ tutto nostro. E in che cosa siete specializzato, dottore?

Enzo:    Mariettié, ma che domande sceme che ffaje! E’ specializzato in medicina! No?

Mario:  (Ironico) ‘O vero? Io me penzavo ch’era specializzato in “frutteria”!

Ercole: No, sono medico generico. E mi trovate pure all’ospedale Cardarelli.

Mario:  Scusate, dottore, ma voi che fate di bello sull’ospedale? Qualcosa di importante? 

Ercole: E già. L’ospedale Cardarelli, lo dirigo io.

Enzo:    Ah, he’ capito, Mario? E’ dirigibile!

Gianni: (Ironico) Eh, ogni tanto se mette ‘a vulà ‘ncoppa ‘a città! Ma che state dicendo?

              Lui non un dirigibile, è un dirigente. Cioè guida l’ospedale.

Enzo:    Ah, aggio capito: mette ‘a chiave ‘int’’o cruscotto, po’ mette in moto ‘o spitale e

              ‘o porta tuorno tuorno!

Ercole: Ma l’ate pigliato p’’o filobus? Io dirigo il Cardarelli, nel senso che lo organizzo.

              Comunque, se volete, vi aspetto nel mio studio. Si trova nel palazzo di fronte.

Mario:  E allora scusate se mi approfitto di voi, dottore. Volevo segnalarvi un mio caso.

Ercole: Prego, dite pure.

Mario:  Io, la notte, non dormo mai. Mi addormento solo dieci minuti la mattina. Che sarà?

Enzo:    Mariettié, ma che ce vo’? Tu nun duorme pecché tiene ‘a ‘nzogna!

Gianni: Eh, accussì fa ‘o casatiello! Ma quala ‘nzogna? Si dice insonnia.

Enzo:    Appunto! Aspettate, duttò, mò tocca a me!

Ercole: Che problema avete?

Enzo:    Dottò, io tengo sempre la febbre. E mi viene spesso. Sono proprio un febbraio!

Ercole: Ma che febbraio? Sentite, a occhio e croce, sembrate due ipocondriaci.

Enzo:    (Preoccupato) He’ visto, Mariettié? Mò murimme tutt’e dduje!

Mario:  (Preoccupato) No!

Gianni: Ma che morire? Voi siete due ipocondriaci, cioè malati immaginari.

Ercole: Esatto. Io credo che esistano due tipi di ipocondriaci: quelli che hanno paura di

              essere malati, ma in realtà non lo sono. E poi ci sono quelli felici inconsciamente di

              essere malati: lo fanno per essere compatiti dalla gente.

Enzo:    Ma noi non siamo malati immaginari. (Preoccupato) Duttò, in questo momento

              m’è asciuta ‘n’ata malatia: nun ve capisco quanno parlate! ‘A che dipende?

Ercole: Scusate, ma toglietemi una curiosità: ma voi che lavoro fate?

Enzo:    Siamo uscieri del tribunale di Napoli. Ci ha raccomandati mio figlio Riccardo.

Mario:      E già. Chillo tene ‘nu sacco ‘e amicizie importante!

Ercole:      E se vede! Stateve buono tutt’e dduje!

                  Esce via sdegnato. Gianni pare imbarazzato.

Gianni:     Ehm... bene, allora vi saluto. Arrivederci, signor Mario e signor Enzo.

                  Ed esce via frettolosamente. Mario e Enzo restano sorpresi.

Mario:      He’ ‘ntiso, Enzo? Tenìmme ‘a ‘pucundria.

Enzo:        Uh, Marò, simme malate! E allora Mario, jammece a mettere ‘int’’o lietto mio. Mario:      E ‘o piggiama chi m’’o dà?

Enzo:        Te lo do io. I pigiami puliti stanno nella stanzetta di Riccardo. Jammele a piglià.

                  I due escono a destra mestamente.

 

6. [Nancy e Sara. Poi Aria e Riccardo. Infine Mario e Enzo]

                   Da sinistra entrano Nancy e Sara.

Sara:         Menu male, Nancy, me pare che Riccardo e Aria hanne fatto pace.

Nancy:      E chille, ‘e ggiùvene so’ fatte accussì. A proposito, a Aria l’aggio vista cchiù

                  tranquilla. Primma invece steva cchiù ostinata. Pe’ curiosità: ma che l’he’ ditto?

Sara:         Ehm... beh, ce aggio parlato comme ‘na mamma parle a ‘na figlia! A proposito,

                  pure a Riccardo l’aggio visto cchiù tranquillo. Pe’ curiosità: ma che l’he’ ditto?

Nancy:      Niente, ce aggio parlato comme ‘na mamma parle a ‘nu figlio!

Sara:         Ah, e allora mò se spiega tutto cose. (Li chiama) Ehm... guagliù, ascite ccà.

                  Da sinistra entrano Riccardo e Aria sottobraccio, guardandosi “innamorati”.

Riccardo: Oh, amore mio, ma come ho fatto a dirti tutte quelle cose cattive?

Aria:         Vabbé, è capitato. Io invece ho sbagliato proprio tanto, nei tuoi confronti.

Riccardo: E non fa niente, capita.

Nancy:      (Intenerita) Guarde, Sara. Guarde comme so’ bellille!

Sara:         E già, sembrano due innamorati!

Aria:         E allora, Riccardo, mi hai perdonato?

Riccardo: No, ma sei tu che mi devi perdonare.

Aria:         No, ma che dici? Sei tu che mi devi perdonare.

Riccardo: (Tra i denti) Te spezzo ll’osse! Ti ho detto che mi devi perdonare tu!

Aria:         (Nervosa) Mò t’azzecco ‘nu pacchero! Ti ho deto che mi devi perdonare tu!

Riccardo: (Spazientito) Uhé, e mò basta, m’he’ ‘a perdunà tu! He’ capito?

Aria:         (Spazientita) No, tu!

Nancy:      (Accorre) Uhé, uhé, e mò che ffacite?

Sara:         (Accorre) V’appiccecate ‘n’ata vota?

Riccardo: (Si tranquillizza) No, ma che dite? Noi siamo così tranquilli!

Aria:         (Si tranquillizza) E già, tranquillissimi! Allora, Riccardo, torniamo a casa nostra?

Riccardo: Sì, Aria. Portiamoci anche le foto. Ora le prendo. (Così fa) E allora andiamo?

Aria:         Certo. A proposito, ma Annina sta ancora dalla vicina di casa?

Nancy:      Sì. Nun te prioccupà, a mammà. Dopo la accompagno io a casa da voi.

Aria:         E allora adesso devo salutare la signora Nancy. (Fa l’inchino) Arrivederci. (Va

                  da Sara, fa di nuovo l’inchino) Cià, mammà!

Riccardo: (Sfida Aria) Ah, sì? Ehm... adesso le saluto pure io. (Va da Nancy) Cià, mammà!

                  (Le fa il baciamano, poi va da Sara e fa altrettanto) Arrivederci, suocera!

Aria:         Bene, ora possiamo andare. Allora, Riccardo, mi hai perdonato?

Riccardo: No, ma mi devi perdonare tu.

Aria:         No, mi devi perdonare tu.

Riccardo: (Tra i denti) Te scasso ‘e ffotografie ‘ncapa! Ho detto che mi devi perdonare tu!

Aria:         (Tra i denti) Te dongo ‘a bborza ‘nfaccia! Ho detto che mi devi perdonare tu.

Riccardo: No, tu.

Aria:         No, tu.

                  I due escono via di casa continuando sotto gli occhi delle due.

Sara:         (Felice) Comme so’ cuntenta! Hanne fatto pace!

Nancy:      Che peccato che nun ce stanne Enzo e Mario! A proposito, ma addò stanne?

Sara:         E già, è ‘nu poco ‘e tiempo che nun ‘e vveco cchiù!

                  E da destra entrano i due: Enzo a Mario in pigiama e vestaglia, coi calzini.

Enzo:        Ecco qua, siamo pronti!

Nancy:      (Sorpresa) E che d’è, ‘sti duje?

Sara:         (Sorpreso) Néh, ma che state facenno?

Mario:      Niente, ce amme miso ‘o piggiama. E mò ce jamme a mettere ‘int’’o lietto!

Nancy:      E pecché?

Enzo:        E pecché ce l’ha ditto ‘o miereco.

Le due:     ‘O miereco?

Enzo:        Sì. Ha ditto ca io e Mario simme ipocon... ipocon... i pop corn...!

Mario:      Eh, ‘e ppatatine! Si dice ipocondriaci!

Enzo:        Appunto!

Nancy:      Embé, e mò ve vulìte mettere ‘int’’o lietto overamente?

Mario:      E se capisce! ‘A ‘pucundria è ‘na malatia! E chi è malato, se mette ‘int’’o lietto!

Enzo:        A proposito, Nancy: all’ora ‘e pranzo, puòrtece ‘o mmagnà ‘int’’o lietto!

Mario:      E t’arraccummano, nun te scurdà ‘o ppane!

Enzo:        E pure ‘o fiasco ‘e vino! Jamme, Mario!

Mario:      Ti seguo, socio!

                  I due escono a sinistra sotto lo sguardo sorpreso di Sara e Nancy.

FINE ATTO PRIMO

Salone di casa Del Duca: è il giorno dopo, domenica 2 maggio.

ATTO SECONDO

1. [Nancy e Aria. Poi Enzo ed Ercole. Poi Annina. Infine Sara e Mario]

              Al tavolo sono sedute Aria e Nancy, che prende una pillola e ci beve dell’acqua su.

Nancy: Ecco qua, m’aggio pigliato ‘a pillola p’’o malo ‘e capille!

Aria:    ‘O malo ‘e capille? Ma pecché, ‘e capille fanne male?

Nancy: Nun ‘o ssaccio, ma a me me fanne male! Infatte tengo ‘nu cercio ‘ncapa!

Aria:    E che v’hanne fatta, santa?

Nancy: No, nel senso che me fa male tutto attuorno ‘a capa.

Aria:    Forse è solo una banale emicrania. Ma vostro marito v’ha mmiscato ‘a ‘pucundria?

Nancy: No, no! A proposito, ma Riccardo?

Aria:    E’ uscito qua fuori, è andato alla pasticceria a comprare due frolle e due ricce. 

Nancy: ‘O vero? E comm’è?

Aria:    Eh, beh. Del resto, io e lui, oggi mangiamo qua da voi.

Nancy: Ecco, tu, Riccardo e Annina dovete mangiare qua da noi. Assolutamente! Chiaro?

Aria:    E va bene. Invece Annina mangia a casa di Nicole. A proposito, e mammà?

Nancy: Ma pecché, ha da venì pure Sara?

Aria:    Sì. Lei deve mangiare qua da voi. Avete capito? Deve mangiare assolutamente qua!

Nancy: E vabbuò, si essa e tuo padre vonno magnà ccà, ittàmme tre cchile ‘e pasta ‘e cchiù!

Aria:    Ecco, brava. Sapete com’è: più tardi deve venire una sua amica a trovarci.

Nancy: Ma ha da magnà pur’essa ccà? O si no aggia ittà ati duje chile ‘e pasta ‘e cchiù!

Aria:    No, no, va via subito. (Si alza in piedi) Scusate, devo telefonare a mammà e a papà.

Nancy: (Si alza pure lei) Va’ pure ‘int’’a cucina. Già ‘o ssaje addò sta.

Aria:     D’accordo. Con permesso.

              Aria esce a sinistra. Nancy la osserva, poi trama qualcosa.

Nancy: ‘A situazione se sta facenno assaje interessante! Enzo però nun ha da sapé niente! 

              Dalla comune entrano Enzo ed Ercole. I due vanno pian piano verso Nancy.

Enzo:    Dottò, scusate se vi ho acchiappato così al volo. Venite, venite, voglio presentarvi a

              mia moglie. Ah, eccola qua. La vedete? (Poi a lei) Nancy, presentati!

Nancy:  E che m’aggia presentà a ffa’?

Enzo:    Nun fa’ domande inutile. Lui è il nostro nuovo medico.

Nancy:  Piacere, mi chiamo Nancy.

Ercole:  Io sono il dottor Ercole Maciste.

Nancy:  (Sorpresa) Ah, ma è isso?

Enzo:    Isso chi?

Nancy:  Ehm… no, niente. Scusate, dottò, a questo punto volevo segnalarvi un caso mio.

Ercole:  Un caso vostro? E vabbé, sentiamo un po’ questo problema. Che cosa vi sentite?

Nancy:  Dottò, ultimamente faccio assai pipì! Forse tengo l’infiammazione ‘a prostata?

Ercole:  Ma la prostata ce l’hanno gli uomini. Invece le donne hanno le ghiandole di Skene.

Enzo:    He’ ‘ntiso? Tiene ‘e gghiandole sceme?!

Ercole:  (Cerca di andare via subito) Va bene, allora io andrei…!

Nancy:  (Lo trattiene) No, aspettate. ‘O ssapite? Me fa male pure ‘o stommeche. Che sarrà?

Ercole:  In quale zona, esattamente?

Nancy:   (Indica la zona sotto il diaframma) Qua sotto.

Ercole:   Potrebbe trattarsi di ernia iatale.

Enzo:     Ha ditto che se tratta ‘e ll’ernia ‘e Natale! Sarrà ‘n’ernia natalizia!

Ercole:   Ma qual’ernia ‘e Natale? Io ho detto ernia iatale! Va bene così, arrivederci.

Nancy:   Aspettate, ma ci sta un ultimo caso…!

Ercole:  (Spazientito) Signò, vuje site sulo ‘nu caso clinico! E’ chiaro? Bona jurnata!

               E se ne esce tutto disturbato. Nancy si rivolge, perplessa, a Enzo.

Nancy:   Comm’è scorbutico, ‘stu duttore. Ma nun ne puo’ truvà uno cchiù gentile?

Enzo:     E chillo era gentile. Ma tu l’he’ fatto addiventà nevra stitico!

Nancy:   E’ tale e quale a te. Famm’ì a chiammà a Annina ‘int’’a stanzetta, va’.

               Da destra entra proprio Annina.

Annina: Nonna, nonno, io vado da Nicole. Oggi mangio dalla mia migliore amica.

               Dobbiamo parlare di cose importanti.

Enzo:     Annì, levami una curiosità: ma che tenite ‘a dicere sempe tu e ‘sta Nicole?!

Annina: Nonno, tu non puoi capire. Un giorno ti spiegherò!

Nancy:   Annina, ti raccomando, mangia tutto! Hai capito?

Annina: Nonna, e non trattarmi sempre come una bambina! Uffa!

               Esce via di casa. Enzo guarda male Nancy. 

Enzo:     ‘Sta criatura nun l’ha da frequentà cchiù ‘e vicini ‘e casa. So’ troppo altolocati!

               Esce via a sinistra, seccato. Nancy lo osserva, interdetta. Da sinistra torna Aria.

Aria:      Non ho capito come mai mia madre e mio padre non rispondono al cellulare.

               Dalla comune entrano Mario e Sara, litigando. 

Sara:      Ma si’ scemo? He’ ittato ‘o cellulare tuojo?

Mario:   E se capisce. Le onde del cellulare fanno venire l’impotenza!

Aria:      Ah, eccoli qua. Ciao, mammà, ciao papà.

Sara:      Oh, ma qua ci stanno Aria e Nancy. E allora, Nancy, che se dice, tutto a posto?

Nancy:   Beh, sì e no! Tengo un cerchio alla testa.

Sara:      A chi ‘o ddice? Io tengo ‘na circonferenza attuorno ‘a capa!

Mario:   A me invece me fa male l’alluce d’’a mana destra e ‘o pollice d’’o pede sinistro!

Aria:      Ma che tiene, ‘a mano ‘o posto d’’o pede?!

Mario:   (Si tocca il gomito) E sapisse comme me fa male ‘a rotula d’’o braccio sinistro!

Sara:      Mannaggia ‘a capa toja, m’he’ fatta addivintà pure a me ipocondriaca!

Mario:   Comunque, Nancy, grazie pe’ ce avé invitato a magnà ccà addù vuje!

Sara:      E mica ce ha invitato essa? Ce ha invitato Aria.

Nancy:   Vabbé, è la stessa cosa. Tanto, lei è la moglie di mio figlio! (Ancora per poco!).

Mario:   E che se magna ‘e buono?

Sara:      Mario, ma che modo è chisto?!

Mario:   Vabbuò, allora cagno domanda: Nancy, ma Enzo addò sta?

Nancy:   Boh! Poco fa se n’è gghiuto ‘int’’a stanza ‘e lietto.

Mario:   S’è gghiuto a addurmì? (Le mostra l’orologio) Ma è miez’juorno e ‘nu quarto.

Nancy:   Fa’ accussì: viene cu’ me. Po’ essere che si vede a te, fa’ ‘na paura e se sceta!

Mario:   Vabbé. E allora, Sara, Aria, io vaco a menà ‘nu sicchio d’acqua ‘ncuollo a Enzo.

Sara:     ‘E che delicatezza che tiene! Va’, Mario! Va’ addù Enzo!

               Nancy e Mario vanno a sinistra, dopodiché Sara e Aria tramano qualcosa. 

Aria:      E allora, mammà, hai preparato tutto?

Sara:      Sì, è tutto pronto. La mia amica Betania verrà tra poco. Sarà una visita inattesa!

Aria:      Bene, allora vieni con me nella stanzetta, così studiamo il da farsi. Dunque…

                  Le due escono a destra confabulando.

2. [Riccardo e Gianni. Poi Enzo. Infine Ercole]

                  Dalla comune entrano Gianni e Riccardo (con i dolci comprati in pasticceria).

Gianni:     Signor Riccardo, ma come, non stavate in viaggio di nozze?

Riccardo: No, simme turnate aiére e mmatina. Siamo stati cinque giorni in un posto da

                  sogno: spiagge coralline, mare azzurro...! Un vero e proprio paradiso terrestre!

Gianni:     Eh, come vi invidio. Anche a me piacerebbe andare alle Hawaii.

Riccardo: No, ma che Hawaii? Noi siamo andati più vicino.

Gianni:     Ah, capisco. Eh, come vi invidio. Anche a me piacerebbe andare alle Seichelles!

Riccardo: No, ma che Seichelles? Noi siamo andati ancora più vicino.

Gianni:     Ah, capisco. Eh, come vi invidio. Anche a me piacerebbe andare alle Eolie! 

Riccardo: No, siamo stati ancora più vicino.

Gianni:     A Maratea?

Riccardo: No, più vicino.

Gianni:     A Paestum?

Riccardo: No, più vicino.

Gianni:     (Spazientito) Néh, ma addò site jute a ffa’ ‘stu viaggio ‘e nozze? A Margellina?

Riccardo: No, più lontano: siamo andati nella bellissima Terracina!

Gianni:     E chisto m’’o chiammate viaggio ‘e nozze?  

Riccardo: Ma è stata un’esperienza emozionante.  

Gianni:     Va bene, fate voi! Come si dice? A ognuno il suo! A proposito, ma vostro padre?

Riccardo: Non lo so, ancora non l’ho visto. Io ora sto arrivando. Se volete, vado a cercarlo.

                  Da sinistra entra Enzo che toglie un termometro da sotto l’ascella e lo controlla.

Enzo:        Ua’, tengo ‘a freva a trentasei e meza! Cinche minute fa, tenevo trentasei e tre!

Riccardo: (Lo nota) Uhé, cià, papà.

Gianni:     Signor Enzo, buongiorno.

Enzo:        Ehm… buongiorno! (Posa subito il termometro nella tasca della camicia)

Riccardo: (Fiero) Papà, ho comprato una frolla e una riccia. Dopo ce le mangiamo.

Enzo:        He’ accattato sulo ‘na frolla e ‘na riccia? E ce ll’amma magnà seie perzone?

Riccardo: E certo. Le tagliamo in parti uguali. Col coltello!

Enzo:        E che ce magnamme, ‘e mmulliche d’’a frolla e d’’a riccia?!

Riccardo: Ma nun te prioccupà!

Enzo:        E vabbuò, fa’ tu. A proposito, signor Gianni, me servesse cocche mmedicina.

Gianni:     E no, signor Enzo, io posso rilasciarvi medicine solo dietro ricetta medica.

Enzo:        E nun ve prioccupate. Me la faccio scrivere dal dottor Maciste, quando lo vedo.

                  E entra pure il dottor Maciste.

Ercole       Si può?

Enzo:        ‘O vi’ ccanno! Steveme parlanno justo ‘e vuje! Venite, trasite, duttò.

Ercole:      Grazie. (Gli si avvicina)

Riccardo: (Interessato) Che cosa? Voi siete il dottor Ercole Maciste?

Gianni:     Sì, è lui.

Riccardo: Ah, sì? Ma allora è lui l’amico vostro, signor Gianni?

Ercole:      Sì, sono io.

Riccardo: Piacere, io sono il figlio del signor Enzo, Riccardo.

Gianni:     Sì, il dottore già ha sentito parlare di voi.

Riccardo: Ah, sì? E gli avete parlato voi di me, signor Gianni?

Ercole:      Sì, Gianni mi ha parlato di voi!

Enzo:        Alt! Scusate l’interruzione: ma comm’è che quanno Riccardo fa ‘na domanda ‘o  

                  duttore, risponne ‘o farmacista, e quanno fa ‘na domanda ‘o farmacista, risponne

                  ‘o duttore?! Comme funziona ‘stu fatto, duttò?

Gianni:     No, il fatto è che...!

Enzo:        Aspettate, io l’aggio addimannàto ‘o duttore.

Ercole:      Il fatto è che io e Gianni ci conosciamo dalla notte dei tempi.

Enzo:        ‘O vero? Ve site cunusciute ‘e notte?

Riccardo: Ma no, papà, lascia stare. Abbiate pietà di lui!

Ercole:      Va bene, allora torniamo a noi: che cosa vi dovevo scrivere, signor Enzo?

Enzo:        Niente, m’avìsseva scrivere doje-tre mmedicine. Anze, no, facìmme quìnnice!

Ercole:      Quìnnice mmedicine? E ch’avita fa’?

Enzo:        No, duttò, sérvene pe’ me. Per favore, andiamo un attimo nel vostro studio.

Ercole:      Ma oggi è domenica.  

Enzo:        E che ffa? Se tratta ‘e ‘na cosa ‘e duje minute. (Non lo lascia rispondere) Avete

                  detto di sì? Va bene. Allora arrivederci, signor Gianni. Cià, Riccà, ce vedimme...

Riccardo: Aspié, papà, addò vaje? Addò t’’o puorte, ‘o duttore? Vi estraniate? V’appartate?

Enzo:        Néh, ma mica m’’o porto a ffa’ ammore ‘ncoppa ‘a spiaggia? Lui deve visitarmi.   

Riccardo: E no, ma lui deve visitare pure a mia moglie Aria.

Ercole:      E non vi preoccupate, io torno di nuovo oggi pomeriggio.

Riccardo: Dottò, è sicuro? Non è che vi dimenticate, oppure vi ammalate?

Ercole:      E che m’ammalo, bell’e buono? State tranquillo, vi prometto che oggi torno qui.

Riccardo: (Ansioso) Signor Gianni, jamme cu’ lloro. Amma sorveglià ‘nu poco a ‘sti duje!

Gianni:     Però, in fondo, non ci trovo nulla di male.

Ercole:      E va bene, allora andiamo tutti quanti nel mio studio. Signori, in marcia!

                  E i quattro escono di casa (Riccardo porta via i dolci che ha comprato con sé).

3. [Mario, Nancy e Achille Agamennone]

                  Da sinistra tornano Mario e Nancy.

Mario:      Néh, Nancy, ma Enzo addò se n’è fujuto? ‘Ncoppa ‘o lietto nun ce steva.

Nancy:      E già. Tu però t’’a putìve sparagnà ‘a sicchiata d’acqua ‘ncoppa ‘o lietto mio!

                  M’he’ ‘nfuso tutt’’e llenzole e pure ‘o matarazzo! Mò aggia cagnà tutto cose.

Mario:      A proposito, è sparita pure Sara.

Nancy:      Sarrà juta a piglià ‘nu poco d’aria ‘nzieme a Aria! Jàmmele a chiammà.

                  E dalla comune entra il Tenente Achille Agamennone (in borghese), tipo severo.

Achille:     E’ permesso?

Mario:      Uhé, carissimo Achille.

Achille:     (Avvicinandosi) Mario? E tu che ce faje ccà?

Mario:      Oggi sono a pranzo dai signori Del Duca, miei cari amici, nonché consuoceri.

Nancy:      (Stufa) Scusate se vi interrompo! Mario, ma non mi presenti il signore?

Mario:      E c’è bisogno che t’’o presento io? Quando muori, vaje ‘nParaviso e ‘o cunusce!

Nancy:     Ma io non mi riferivo al Signore Dio, mi riferivo a questo signore amico tuo.

Achille:    Tanto piacere, signora: tenente di polizia Achille Agamennone!

Nancy:     (Resta a bocca aperta) Ah!

Mario:     Ch’è stato, Nancy?

Nancy:     No, niente. E’ la prima volta che vedo un tenente di polizia in carne ed ossa.

Mario:     Ma pecché, tu cunusce a cocche tenente ‘e polizia fatto ‘e cera?!

Achille:    He’ fernùto ‘e dicere scimmità? E adesso lascia che la signora si presenti.

Nancy:     (Incantata) Sì, piacere, io sono Nancy Del Duca.  

Achille:    Piacere. Scusate, non c’è il signor Enzo Del Duca?

Nancy:     Sì, è mio marito. Ma voi lo conoscete?

Achille:    No. Però si tratta di una formalità: debbo dirgli che gli hanno rubato la macchina!

Nancy:     (Spaventata) Marò! S’hanne arrubbate ‘a machina ‘e Enzo? Me sento ‘e svenì.

Mario:     Nancy, vulisse ‘na supposta contro ‘e svenimente?! Le uso io: sono un portento!

Nancy:     (Lo guarda male) No, astipatelle p’’e svenimente tuoje!  

Achille:    Signora, non vi preoccupate per l’auto di vostro marito. Gliela ritrovo io.

Mario:     Ma sì, Nancy, fidati di lui. Quello mi deve ritrovare ancora la bicicletta che mi  

                  hanno rubato vent’anni fa! Ma sono sicuro che prima o poi me la ritorverà!

Nancy:     (Ironica) Eh, allora è veloce!  

Achille:    Dunque, signora, date voi la notizia a vostro matito.  

Nancy:     Forse è meglio che ripassate voi più tardi. Per favore. (Accussì, a Aria, ce faccio

                 cunoscere pure a chisto!). Scusate, una curiosità: ma voi non siete sposato?

Achille:    No. Putroppo ancora devo trovare il mio angelo del focolare.

Nancy:     Altro che focolare, se passate oggi, ve faccio truvà a ‘n’angelo chino ‘e fuoco!

Achille:    Va bene, io andrei. Sapete com’è, sono di ronda. Allora arrivederci. Ciao Mario.

                 Achille va via. Nancy lo segue con lo sguardo. Mario se ne accorge e la ridesta.

Mario:     Nancy!

Nancy:     Che vvuo’, Mario?

Mario:     Statte qujeta, ca tu si’ spusata!

Nancy:     E mica serve pe’ me? Io ce ll’aggia astipà a Aria.

Mario:     Aria? Mia figlia?

Nancy:     No, che he’ capito? Io dicevo ch’oggie aggia ascì: vaco a piglià ‘nu poco d’aria!

                 Ed esce via a sinistra. Mario la guarda perplesso. Poi guarda che ora è.

Mario:     Néh, ma quanno magnamme? (Ricorda) A proposito, io m’aggia piglià ‘a pillola

                  p’’o colesterolo. (Si avvia a sinistra) E m’aggia piglià pure ‘a pillola p’’o fegato,

                 ‘a pillola p’’a pressione, ‘a pillola p’’a prostata, ‘a pillola p’’a paposcia...!                

                 Ed esce a sinistra.

4. [Riccardo e Enzo. Poi Nancy e la principessa Betania di Ponticelli. Poi Ercole]

                  Dalla comune (al centro) entrano Enzo, con la ricetta in mano, e Riccardo.

Enzo:        Ua’, Riccà, he’ visto ‘e che bellu studio che tene ‘o dottor Maciste?

Riccardo: (Preoccupato) Sì, aggio visto, aggio visto. Speriamo solo che lui ritorni qua.

Enzo:        Ma pecché te staje prioccupanno si ‘o dottor Maciste torna ‘n’ata vota ccà?

Riccardo: Te ll’aggio ditto, Aria s’ha da fa’ visità. Non ti posso dire perché.

Enzo:        Ah, aggio capito: tanti auguri! Se è maschio, chiamatelo come me: Vincenzo!

Riccardo: Ma mica è incinta? Deve solo farsi visitare perché… perché… perché noi siamo

                  stati a Terracina.

Enzo:        Ah, già, po’ essere che s’ha pigliato cocche mmalatìa tropicale!  

Riccardo: Papà, ma pe’ piacere. Il fatto è che Asia soffre il mal d’auto.

Enzo:        Pe’ forza, tu he’ vuluto ì a Terracina cu’ ‘a machina. Nun ce putiv’ì cu’ ll’aereo?

Riccardo: Jéveme cu’ ll’aereo ‘a Terracina? Ma l’aeroposto nun ce sta a Terracina!

Enzo:        E vabbuò, io saccio ‘sti fatte?! (Mostra la ricetta medica) Io intanto tengo ‘a  

                  ricetta mia, bella bella, pronta pronta pe’ ce ‘a purtà ‘o farmacista.

Riccardo: Ancora cu’ ‘sta storia? Papà, ma tu staje buono.

Enzo:        Sembra, ma non è così.

Riccardo: Papà, fa’ comme vuo’ tu. Io nun voglio sapé niente.

                  Esce a sinistra.

Enzo:        Io intanto me piglio ‘a pillola p’’o mal di mare! (La prende dalal tasca) Del

                  resto, oggi si mangia pesce. E il pesce sta in mare!

                 Da sinistra entra Nancy e lo sorprende.

Nancy:     Ancora? Ma ‘a vuo’ fernì? Tu te staje rignénno ‘e mmedicine. Chelle fanne male!

Enzo:       E mica me piglio assaje rrobba? Io me piglio sulo ‘na pillola p’’a recchia destra,  

                 ‘na pillola p’’a recchia sinistra, ‘na pillola pé ll’uocchio destro, ‘na pillola pe’

                 ll’uocchio sinistro, ‘na pillola p’’o naso destro, ‘na pillola p’’o  naso sinistro, ‘na

                 pillola p’’a pressione... e dulcis in fundo, ‘na pillola p’’a stitichezza, e basta!

Nancy:     Aeh, nun te n’he’ scurdato niente?

Enzo:       (Ironico) M’aggio scurdato ‘a pillola pe’ te suppurtà a te! Vabbuò?

Nancy:     Quanto si’ acido! E’ mò stattu zitto, famme cuntà quanta piatte aggia mettere a

                 tavola: io, tu, Riccardo, Aria, Sara e Mario. E allora simme seie perzone.

                 E dalla comune entra la principessa Betania.

Betania:   Forse siamo in sette! (Si avvicina ai due) Posso autoinvitarmi?

Enzo:       E chi è chesta?

Nancy:     E chi ‘a sape?

Betania:   Tanto per cominciare, io non sono “chesta”! Io ho un nome e pure un cognome.

Enzo:       Aspit’oh, allora site ‘nu fenomeno!

Betania:   Già, può darsi. Ma soprattutto, sono un’amica di Aria e Sara. Non ci sono, loro?

Nancy:     Ah, ma forse voi siete la principessa?

Betania:   Brava.

Nancy:     Uh, molto piacere. Ma prego, accomodatevi.

Betania:   Grazie. (Si siede al tavolo)

Enzo:       Néh, Nancy, ma pozzo sapé chi è?

Nancy:     Aspié, stattu zitto, assiettete.

                 I due si siedono al divanetto. Enzo è dubbioso. Nancy lo ignora, parla a Betania.

                 E allora io sono la migliore amica di Sara: mi chiamo Nancy.

Betania:   Bene. E lui è vostro marito?

Nancy:     Sì. Lui si chiama Enzo Del Duca.

Enzo:       Ma pecché, nun ce ‘o ppozzo dicere io, comme me chiammo?

Nancy:     Si’ troppo muscio!

Betania:   E io invece sono la principessa Betania di Ponticelli.

Enzo:       (Eh, è asciuta ‘a ‘int’’o spitale, chesta!).

Betania:   E allora adesso immagino che voi vogliate sapere il motivo della mia visita.

Enzo:       No, vulimme sapé pecché state ccà!

Nancy:     (Lo guarda male) E nun è ‘a stessa cosa? Andiamo, prego, parlate, principessa.

Betania:   Dunque, io abito al terzo piano del palazzo di fronte e vi guardo sempre dal mio

                  balcone. Mi farebbe piacere se diventassimo amici.

Nancy:     E a noi ci fa piacere questa cosa. Scusate l’indiscrezione, ma voi siete sposata?

Betania:   Lo ero. Tre mesi fa è finito il mio matrimonio col capitalista tedesco Jan Camper.

Nancy:     E come mai vi siete lasciato con questo signor Camper?

Betania: Perché viaggiava sempre!

Enzo:     E’ normale! O si no che Camper è? Si se steva sempe ‘o stesso posto, s’’eva

               chiammà Palazzo!

Betania: Ma che state dicenno?

Nancy:   E no, principessa, scusate se mi intrometto, ma stavolta mio marito ha ragione!

Betania: Vabbé, comunque questa avventura è finita male. Ma ce n’è stata un’altra che è

                finita malissimo: quella col mio primo marito. Si chiamava Elio Martini.

Nancy:   (Sorpresa) Martini? Chillo d’’o spumante?

Betania: No, era il nipote. E sapete perché mi ha lasciata? Perché io frequentavo un corso di

               cucina, e lui non voleva. Ma io sono un’esperta di culinaria. Mi capite? Culinaria!

Enzo:     E allora ha fatto buono che v’ha lassata!

Nancy:   E pecché?

Enzo:     (Arrabbiato) E comme, Nancy: chella se mette cu’ ‘o culo ‘e ‘n’aria!

Betania: Ma no, signor Enzo, fatemi spiegare: io sono esperta di culinaria, cioè di cucina.

Nancy:   He’ visto, Enzo? Faje sulo figure ‘e nuete! Scusatelo, principessa, dite, dite.

Betania: Beh, vi dirò, la mia storia più bella è stata quella col mio terzo marito Ivo Cinzano.

Enzo:     Scusate, principessa, pe’ curiosità: ma vuje quanta vote ve site spusata?

Betania: Sette.

Enzo:     All’anema d’’a miseria! E chi ve l’ha fatte fa’?

Betania: Eh, beh. Così è capitato. E di voi, invece, cosa mi dite? Che specialità avete?

Enzo:     Principé, noi teniamo il colesterolo, il diabete, la gastrite e malattie varie. E voi?

Nancy:   Ma che domande, vaje facenno? Che se ne ‘mporta ‘a principessa d’’e mmalatie 

                noste? (Si alza) Su, venite, principessa, andiamo in bagno a lavarci le mani.

Betania: Certamente. (Si alza pure lei) Grazie di cuore. Gesù Cristo v’ha da fa’ campà

                quase cient’anne! Con permesso, signor Enzo.

                Fa un inchino e Enzo pensa stia cadendo, così si alza in fretta e la sorregge.

Enzo:      Uhé, uhé, chianu chiano, principé! Nun carìte!

Nancy:    Néh, ma che staje facenno?

Enzo:      E nun l’he’ vista, Nancy? ‘A principessa sta “scunucchianno” ‘int’’e ccosce!

Betania: (Si libera di lui) Ma quando mai? Io sto facendo un inchino. Signora Nancy, ma ‘o

                marito vuosto è terribile! Nun se po’ suppurtà proprio!

                Nancy annuisce col capo. Poi le due escono a destra. Enzo si è offeso.

Enzo:     ‘A prossima vota, pure si staje cadenno ‘nterra overamente, nun t’acchiappo cchiù!

                Dalla comune entra Ercole (con una busta in mano).

Ercole:   Signor Enzo!

Enzo:      Oh, dottor Maciste! Come mai da queste parti?  

Ercole:   Mi si è consumata la bombola del gas. E così non posso cucinare! E oggi è pure

                domenica. E allora, sono venuto a chiedervi se... sì, insomma... mi capite...!

Enzo:      Ah, aggio capito: vuje vulite sapé si tengo ‘na bombola ‘e gas ‘e cchiù! No, me

                dispiace! ‘A do’ ‘a vaco a piglià?!

Ercole:   Ma no, non avete capito. Io volevo chiedervi se era possibile rimanere qua da voi.

Enzo:      A mangiare?

Ercole:   E allora a ffa’ che?

Enzo:      Ma certo, per voi questo ed altro! Oggi abbiamo fatto il ragù, e per secondo c’è la

                carne arrostita con l’insalata. E infine i dolci. Che volete di più?!

Ercole:   Spero di farvi ottima compagnia. Solo che purtroppo non ho portato niente da

                mangiare. Soltanto una busta di medicine.

Enzo:      Azz’oh, ate ditto niente? Nun ve prioccupate, ve faccio magnà io! Ja’, venite.

Ercole:   Ma certo, grazie.

                I due escono a sinistra.

5. [Sara e Aria. Poi Achille. Infine Nancy e Betania]

               Da destra tornano Sara e Aria.

Sara:      Hai capito, Aria? L’amico di Mario è tenente di polizia.

Aria:      E che tipo è?

Sara:      E’ uno che quando parla, ti incanta. Chillo nun ‘eva fa’ ‘o poliziotto, ma ‘o poeta.

Aria:      Uh, che bello!

Sara:      Eh, se pure Riccardo fosse così!

Aria:      Pe’ carità! Io, ‘na vota, ce aggio scritto ‘na poesia d’amore. E tu ‘o ssaje che m’ha

               ditto? “Hai pagato la SIAE”?

Sara:      Mamma mia, che tipo freddo!

Aria:      E comm’è tirchio, po’! ‘Na sigaretta, a isso, le dura ‘na semmana! E il suo motto è:

               “Menu male che nun se pava”!

Sara:      Staje ‘nguajata, figlia mia! Ma stai tranquilla: dopo le nuvole, esce sempre il sole!

               E dalla comune entra Achille.

Achille:  Signor Enzo Del Duca!

Sara:      Ah, ciao, Achille.

Achille:  (Avvicinandosi) Uhé, Sara.

Aria:      Mammà, è lui?

Sara:      Ah, già. Senti, Achille, lei è mia figlia: si chiama Aria.

Aria:      Piacere.

Achille:  E’ tutto mio. Io sono il tenente Achille Agamennone, della Questura di Napoli.

Aria:      Caspita!

Sara:      E nun he’ visto ancora niente! Chillo scrive pure ‘e ppoesie! E’ ‘o vero, Achille?

Achille:  Beh, non esageriamo. Scrivo qualche verso. Ne volete sentire uno?

Sara:      Sì, sì, fance sentì.

Achille:  Dunque: “Oh, maledetto ladro, maledetto malvivente, maledetto assassino,

               maledetto stupratore”! E’ finita!

Sara:      (Non molto convinta) Ah, è proprio bella. Hai sentito, Aria?

Aria:      (Non le è piaciuta ma finge) Sì, è proprio... commovente!

Achille:  E ne ho scritta pure un’altra. Dice così: “Oh, maledetta prostituta, maledetta ladra,

               maledetta borseggiatrice, maledetta rapinatrice”! E’ finita! Vi è piaciuta?

Sara:      (Imbarazzata, cambia discorso) Ehm... e come mai ti trovi da queste parti?

Achille:  Devo avvisare il signor Enzo che gli è stata rubata l’auto. Una pura formalità.

Aria:      ‘A faccia! Una pura formalità?! E a chillu puveriello le vene ‘na cosa!

Achille:  Ma no, sciocchezze! Non siate pessimiste. Nella vita ci vuole ottimismo!

Sara:      Va bene, allora vuoi parlare con Enzo? Vieni, vieni, andiamo in cucina.

Achille:  Grazie.

               I tre escono a sinistra. Da destra tornano Nancy e Betania.

Betania: Signora Nancy, voi e vostro marito siete proprio una bella coppia. 

Nancy:   Se lo dite voi, io vi ringrazio, principessa.

Betania: Ma che principessa? Chiamatemi solo Betania e diamoci del tu.

Nancy:   Per me va bene. Allora andiamo in cucina?

Betania:    Sì, però tu dopo di me!

Nancy:      (Sorpresa) E va bene.              

                  Le due vanno in cucina a sinistra.

6. [Mario, Ercole, Riccardo e Enzo. Poi Aria, Achille e Sara]

                  Dalla cucina si sente un vociare, rumore di posate e di bicchieri, grandi risate.

                  Poco dopo da sinistra entrano Mario e Ercole.

Ercole:     Signor Mario, ma voi prendete troppa medicina, e con la medicina non si scherza.

Mario:      Ma a me fa male ‘a recchia destra. Proprio qua, vicino all’oblò dell’orecchio!

Ercole:     Ma qualu oblò? Si chiama lobo.

Mario:      E che sarrà, duttò? Guardate ‘nu poco.

Ercole:     (Dà un’occhiata) Ma io nun veco niente.

Mario:      E allora mò v’’o ddich’io che d’è? E’ pe’ mezza d’’o stommeche!

Ercole:     E che ce azzecca ‘o stommeche?

Mario:      Me fa male spisso. E allora ‘o dulore ‘o ssapite che ffa’? Pe’ me fa’ fesso,

                  cammina, cammina, cammina... e se va a fermà vicino ‘a recchia!

Ercole:     Vi fa male lo stomaco? E allora potrebbe trattarsi di gastrite.

Mario:      Ma qua’ gastrite, duttò? Mò v’’o ddich’io che d’è? Se tratta d’’o pede!

Ercole:     E che c’azzecca ‘o pede?

Mario:      Me fa male spisso. E allora ‘o dulore ‘o ssapite che ffa’? Pe’ me fa’ fesso,

                  cammina, cammina, cammina... e saglie ‘ncoppa ‘o stommeche!

Ercole:     Eh, piglia ‘a ‘scenzore! State a sentire a me: andiamo a digerire fuori.

                  I due cominciano ad incamminarsi verso l’uscita e, camminando, Mario insiste.

Mario:      A proposito ‘e digestione: io ce metto tre gghiuorne pe’ diggerì. Pecché, duttò?

                  Escono sull’interrogativo di Mario. Da sinistra ecco Riccardo e Enzo: sono sazi.

Enzo:        Riccà, t’he’ magnato sulo ‘nu piatto ‘e maccarune. Nun vuo’ fa’ ‘o bis?

Riccardo: No, basta, o si no me sento male.

Enzo:        E che ffa? Tanto, ce sta pure ‘o duttore ch’è ospite nuosto. Si te siente male, te

                  faje visità ‘a isso! Anze, quase quase, me faccio visità io.

Riccardo: Ma pecché, che tiene?

Enzo:        (Drammatico) ‘Na cosa grave!

Riccardo: (Preoccupato) E cioè?  

Enzo:        ‘A pesantezza ‘e stommeche! Tu pienze che se po’ avé ‘a pensione d’invalidità?

Riccardo: Papà, ma secondo te, te danne ‘a pensione d’invalidità pe’ ‘sta scemenza?

Enzo:        Aggio capito, è meglio ch’ascìmme fora. Tu nun vuo’ venì?

Riccardo: No, papà. Guarde ccà, m’aggio pure spurcato ‘a cammisa.

Enzo:        E càgnatella. Va’ dint’’a stanzetta, ce sta ancora cocche cammisa d’’a toja.

Riccardo: Vabbuò. Cià, papà.

                  Enzo via al centro e Riccardo a destra. Da sinistra tornano Aria, Sara e Betania.

Betania:   Sentite, è inutile che vi arrabbiate. Io non ho capito chi è Riccardo. Così ho

                  cominciato a fare il piedino a tutti!

Aria:        Allora adesso ve lo descrivo. E’ vestito in giacca e camicia bianca.  

Betania:   E i pantaloni?

Sara:        Sì, sì, li tiene!

Betania:   Ma è normale che li tiene. Ma di che colore? 

Sara:        E chi s’arricorda?

Betania: Va bene, mi basta il colore della camicia.  

Aria:      Facciamo presto, mammà, usciamo. Adesso tocca a voi, principessa.

Betania: Facite fa’ a me. Andate, andate.

                Le due tornano frettolosamente a destra, Betania va a sedersi al divanetto.

                E mò aspettamme a ‘stu Riccardo cu’ ‘a cammisa janca!

                Resta a riflettere. Dalla comune, intanto, entra Ercole. Sembra stufo.

Ercole:   Oddio mio, m’ha stunato, chillo! (Si siede al tavolo, a destra) ‘E che passaguaje!

Betania: (Lo nota) Ma… quello tiene la camicia bianca! Sarà lui. E allora entro in azione!

                (Si alza e gli si avvicina con camminata sexy). Ciao, bellezza!

Ercole:   (Sorpreso, si guarda intorno, poi...) Scusate, ma a chi volete?

Betania: A te. Perché mi stai dando del voi? Io sono la principessa Betania di Ponticelli.

Ercole:   Sì, va bene. (Si alza in piedi) Ma voglio dirti che forse ti stai sbagliando.

Betania: No, non è possibile. Tu tieni la camicia bianca.

Ercole:   E pe’ mezza che tengo ‘a cammisa janca?

Betania: Ma non ti piaccio? Perché mi resisti, Riccardo?

Ercole:   Riccardo? Ma qua’ Riccardo? Io songo Ercole Maciste!

Betania: Sì, sei forte come Ercole e muscoloso come Maciste!

Ercole:   No, non hai capito: io sono il dottor Ercole Maciste.

Betania: Uh, scuatemi, dottore, c’è stato uno scambio di persona.

Ercole:   Ma vi pare! E allora scusatemi, ma io ritorno di nuovo a tavola. Con permesso.

Betania: Prego, prego, ci vediamo dopo.

               Ercole esce via a sinistra. Betania si riavvicina al divanetto e si siede sconsolata.

               Che peccato, non era lui! Però teneva la camicia bianca. E va bene, aspettiamo.

               Dalla comune entra Mario.

Mario:   Ma ‘o dottor Maciste addò è gghiuto? Io gli stavo spiegando le mie malattie. Mah!

                Si siede al tavolo (sulla destra). Betania lo nota.

Betania: Bene, quello tiene la camicia bianca. Allora deve essere certamente lui. (Si alza e

                gli si avvicina, camminando in modo sexy) Ciao bellezza!

Mario:   (Si guarda intorno, poi...) Ma ce ll’haje cu’ me?

Betania: Ma certo!

Mario:   (Subito si alza e le si mette sottobraccio) E allora, ja’, dimme che vvulimme fa’!

Betania: Accidenti, come sei svelto, tu! Vieni, sediamoci su quel divanetto.

Mario:   ‘Ncoppa ‘o divanetto? E sì, è cchiù commodo d’’e sseggie!

                I due si siedono al divanetto (Mario si mette alla sua destra).

Betania: E allora permetti? Io sono la principessa Betania di Ponticelli.

Mario:    Io invece sono...

Betania: No, non importa, non dirmelo. (Provocante) Lo sai? Ho le labbra tumide!

Mario:    E sì, oggie ce sta ‘nu poco ‘e tumidità ‘int’all’aria!

Betania: E allora che cosa aspetti? Parla al mio cuore! (Sporge il suo seno)

Mario:   (Imbarazzato) ‘A faccia d’’o baccalà! ‘E che bellu core tondeggiante che tiene!

Betania: E adesso baciami!

               Proprio in quel mentre, entrano Sara e Aria a controllare... e notano la scena.

Mario:   (Sorpreso) Scusa, puoi ripetere?

Betania: Baciami con tanto ardore. (E chiude gli occhi, preparando le labbra)

Mario:   Sì, ti bacio con tanto addore! (Prepara le labbra con movimenti strani)

Sara:      Uh, Marò, ma chillo è Mario! (Vuole intervenire)

Aria:      (La blocca) No, mammà, non interventire!

Sara:         No, io aggia...

Aria:         (La zittisce) No, no, silenzio! Andiamo, andiamo!

                  La conduce via di nuovo a sinistra. Mario esita e Betania diventa impaziente.

Betania:    E allora, mi vuoi baciare, Riccardo?

Mario:      Riccardo? Ma io me chiammo Mario.

Betania:    Ma non può essere, tu hai la camicia bianca!

Mario:      E pecché, tutte chilli llà che tenene ‘a cammisa janca, se chiammene Riccardo?! 

Betania:   (Delusa) Ma allora mi sono sbagliata di nuovo. Vattene via!

Mario:      Me n’aggia ì? E no, mò m’he’ fatto ‘ngrifa’, e allora nun me ne pozz’ì cchiù!

Betania:   Ma fammi il piacere! (Si alza e va a centro stanza)

Mario:      (Si alza pure lui) Oh, ma chi t’ha chiammato? Sì’ tu che ssì’ venuta vicino a me!

                  M’he’ fatto vedé ‘o core tondeggiante e me vulìve pure vasà! Ma chesta è pazza.

                  Le volta la faccia e se ne va a sinistra.

Betania:    Ho sbagliato ancora. Insomma, dov’è questo Riccardo con la camicia bianca?

                  Da destra entra Riccardo... ma con la camicia color rosa! Chiama suo padre.

Riccardo: Papà…! (Nota Betania) Oh, scusa, per caso hai visto a mio padre?

Betania:    Aspetta un po’, fammi vedere: no, tu non hai la camicia bianca. La tua è rosa.

                  Allora non ti chiami Riccardo.

Riccardo: E invece sì, mi chiamo Riccardo.

Betania:    Sì, ma non sei tu quello che cerco io. Tu hai la camicia rosa!

Riccardo: Sì, sì, va bene, va bene... Allora ciao!

                  E torna via a sinistra. Betania, sconsolata, va a sedersi di nuovo al divanetto.

Betania:    E so’ tre. Ma addò caspito sta ‘stu Riccardo cu’ ‘a cammisa janca!

                  E dal centro entra Enzo.

Enzo:        Ecco qua, ho digerito! E adesso, sotto con il secondo! (Nota Betania, sconsolata,

                  seduta al divanetto) Ma chella è ‘a principessa? (Va da lei) Scusate, principessa!

Betania:    Oh, carissimo signor Enzo! Venite, accomodatevi.

                  Enzo le siede accanto, alla sua destra.               

                  E allora, grazie di avermi ospitato a mangiare qua da voi.

Enzo:        E di che cosa? (Sente il suo profumo) Scusate, ma questo profumo è vostro?

Betania:    Vi piace?

Enzo:        No, io sono allergico ai profumi forti!

                  E infatti starnutisce. Ma nel farlo, le sputa in un occhio, e lei resta sofferente.

Betania:    Signor Enzo, m’’ite cugliuto ‘into all’uocchio destro!

Enzo:        Aspettate, mò vi guardo io. Aprite l’occhio.

                  Le si avvicina, ma in quel momento entrano Sara, Aria e Nancy, da sinistra.

Sara:         (Piangente) Nancy, mariteme me tradisce cu’ ‘a principessa Betania!

Nancy:      Ma no, nun dicere scimmità.

Sara:         Ah, sì? E guarde cu’ ll’uocchie tuoje: stanne ‘ncoppa ‘o divanetto!

Nancy:      E famme guardà!

                  Si gira, e nota Enzo vicino al viso di Betania (ma lui le sta guardando l’occhio).

Enzo:        Principessa, che begli occhi che tenete!

Nancy:     (Sorpresa) Che? Ma chillo è Enzo! Uh, Marò, me sta mettenno ‘e ccorn...!

                 E sviene tra le braccia delle due che la sorreggono.

FINE ATTO SECONDO

ATTO TERZO

1. [Aria e Betania. Poi Nancy e Riccardo. Infine Annina]

                   Sedute al divanetto ci sono Aria e Betania, che sembra arrabbiata.

Betania:    Io ieri non potevo immaginare che nessuno di loro fosse Riccardo.

Aria:         Come no? Ce ne stava uno.

Betania:    Sì, ma quello non teneva la camicia bianca, bensì la teneva rosa.

Aria:         E no, lui la teneva bianca, poi però se l’è macchiata con la salsa.

Betania:    Veramente? Se l’è macchiata ed è diventata rosa?!

Aria:         (Ironica) Sì, ‘a sarza l’ha scagnato tutta ‘a cammisa! Ma no, il fatto è che lui

                   teneva la camicia bianca, però siccome se l’è macchiata, l’ha dovuta cambiare.

Betania:    Scusa, ma tu comm’’e ssaje tutte ‘sti ccose?

Aria:         Eh, si sapìsse! Ma queste cose non te le posso ancora svelare.

Betania:    A proposito, ma adesso la signora Nancy e il signor Enzo stanno litigati?

Aria:         Sì. E pure mammà e papà. Ma tanto, quelli poi fanno pace. Ora però concentrati  

                  su Riccardo. Ormai sai com’è fatto. Perciò, fai quello che devi. (Si alza in piedi)

Betania:    (Si alza pure lei) E va bene, proviamoci ancora. Adesso mi accompagni a casa?

Aria:         Ma certo. Poi, quando lui viene qua, ti squillo sul cellulare e tu corri. Va bene?

Betania:    OK, allora andiamo.

                  Le due escono di casa. Da sinistra entrano Nancy e Riccardo.

Riccardo: Mammà, ma tu overamente staje dicenno?

Nancy:      Parola d’onore.

Riccardo: E tu comme l’he’ saputo?

Nancy:      Me l’hanne ditto Mario, Enzo e ‘o dottor Maciste.

Riccardo: Che cosa? Ma allora la principessa non voleva fare l’avventuretta con loro tre.

Nancy:      No, ‘a vuleva fa’ cu’ te, pecché s’era misa d’accordo cu’ Aria. He’ capito niente?  

Riccardo: Ha avuto ‘a stessa idea nosta. Allora io passo al contrattacco. Però in che modo?

Nancy:      Ma t’aggia dicere tutto cose io? Acchiappa il dottor Maciste e fagli sedurre Aria. 

Riccardo: Giustamente! A proposito, visto che papà e il signor Mario sono innocenti, tu e

                  mia suocera dimenticherete tutta questa storia?

Nancy:      E già. Tuo padre potrebbe farmi di tutto, nella vita, tranne mettermi le corna.  

Riccardo: Va bene. Allora oggie rimanimme a mangià ccà.

Nancy:      E certamente. Papà ha accattato ‘o fagiano. Io lo faccio al forno col rosmarino!

Riccardo: (Sorpreso) ‘O fagiano?

Nancy:      Sì, ‘o fagiano. Però papà lo chiama “’o fagiolo”!

Riccardo: E quanno maje! Papà s’addivérte a cagnà ‘e pparole. Vabbuò, allora ce vedimme

                  aroppo. Vaco a piglià a Annina ‘a scola.

Nancy:      Va bene.

                  Arriva Annina dalla comune. Ha lo zainetto della scuola sulle spalle.

Annina:    Eccomi di ritorno! (Si avvicina ai due) Ciao nonna! Ciao papà!

Nancy:      Cià, tesò!

Riccardo: Ma… sei tornata tu sola dalla scuola?

Annina:    E certamente. Quella si trova dietro l’angolo.

Nancy:      E ave raggione, Riccà!  

Annina:    Ora vado a telefonare a Nicole. Vi raccomando, non mi disturbate per mezz’ora!

Riccardo: E di che dovete parlare?

Annina:    Papà, vai a giocare con quelli della tua età!

Nancy:      Va bene, Annina, ti chiamo quando è pronto da mangiare.

Annina:    Grazie, nonna. Io mi posso fidare solo di te! A dopo, allora! 

                  Esce via a destra.

Riccardo: ‘Sta criatura me fa impressione!

Nancy:      E pure a me. Vabbuò, allora rimanimme comme ce amme mise d’accordo.

Riccardo: Sì, sì, mammà. Jammece a priparà. E ti raccomando: acqua in bocca.

                  I due si fanno un cenno di intesa, poi Nancy esce via a destra e lui a sinistra.

2. [Enzo e Mario. Poi Sara e Achille]

                  Dalla comune entrano Enzo e Mario.

Enzo:        He’ capito, Mario? Nancy nun me vo’ parlà cchiù. E Sara, invece?

Mario:      Io le ho detto: “Sara, mi vuoi perdonare?”.

Enzo:        E essa t’ha risposto “no”?

Mario:      Sì.

Enzo:        T’ha risposto “sì”?

Mario:      No.

Enzo:        Allora t’ha risposto “no”!

Mario:      Sì.

Enzo:        (Spazientito) Néh, ma se po’ ssapé che t’ha risposto? “Sì” o “no”?

Mario:      M’ha risposto “no”.

Enzo:        E allora, si io te dico “no”, pecché tu dice “sì”?

Mario:      Pecché pe’ te dicere che m’ha ditto “no”, t’aggia dicere ‘e “sì”, o si no t’avesse

                  ditto ‘e “no”! Ma si essa m’avesse ditto “sì”, t’avessa avuta dicere ‘e “no”, e

                  invece t’aggio ditto ‘e “sì” pe’ nun te dicere ‘e “no”! He’ capito?

Enzo:        (Confuso) No!

Mario:      Te ll’aggia ripetere ‘n’ata vota?

Enzo:        No, no, lasse sta’. E allora, tu e Sara, stàteve ccà a magnà. (Fiero) Aggio

                  appriparato ‘nu vino ch’è ‘a fine d’’o munno!

Mario:      E che ce magnamme, ‘o vino?

Enzo:        No, quello ce lo beviamo! Invece ci mangiamo una sorpresa: il fagiolo!

Mario:      Il fagiolo? Unu sulo?

Enzo:        Eh, e quante ne vulìve?

Mario:      E nun è poco, unu sulo?

Enzo:        Ma che? Io l’aggio pavato a 30 Euro ‘o chilo! E ce l’amma magnà seie perzone!

Mario:      E tu, cu’ unu fagiolo, vulìsse sfamà a seie perzone?

Enzo:        Haje voglia ‘e fa’! Chillo è tanto ‘ruosso! (Indica la grandezza con le mani)

Mario:      Addirittura! Ma che razza ‘e verdummaro vende ‘nu fagiolo tanto gruosso?!

Enzo:        ‘O verdummaro? Ma tu qualu fagiolo he’ capito?

Mario:      Ma tu ‘e qualu fagiolo staje parlanno?

Enzo:        Chillo cu’ ‘e ppiume! Ll’auciéllo!

Mario:      Ah, ma allora staje parlanno d’’o fagiano. E tu dice ‘o fagiolo!

Enzo:        Vabbuò, comunque ‘o vuo’ venì a vedé?

Mario:      E gghiammele a vedé. Addò ‘o tiene? ‘Int’’a cucina?

Enzo:        (Ironico) No, ‘o tengo ‘int’’o ripostiglio!

Mario:      E che sta a ffa’ lloco ddinto? 

Enzo:    Ma che ha da fa’? Niente! Se capisce che sta ‘int’’a cucina. Ja’, viene, accussì

              priparamme pure ‘a serrenga ‘e antibiotico!

Mario:  Ah, già, m’ero scurdato d’’a serrenga! Me la fai tu?

Enzo:    Sì, sì, t’’a faccio io. ‘E che pacienza che ce vo’ cu’ te!

              I due escono in cucina a Sìnistra. Dalla comune entrano Sara e Achille.

Sara:     Famme capì ‘nu poco: ma a te te piace Aria?

Achille: Nun alluccà! Sì, me piace tua figlia. Pecché, qual è ‘o problema?

Sara:     E’ sposata. Però ancora per poco. Appena divorzia, è tutta tua! 

Achille: Ma è sicuro che si lasci col marito?

Sara:     Beh, stiamo tentando!

Achille: Stiamo tentando? E tu che ce azzicche?

Sara:     Chi? Io? Ehm... no, nun ce azzecco niente! Lei è il marito non vanno per niente

              d’accordo, perché lui la tradisce con un’altra donna: una certa principessa Betania.

Achille: ‘O vero?

Sara:     Sì. E pensa, che questi due tengono una relazione segreta.

Achille: Pure?

Sara:     Sì. E lui, in intimità, le ha detto: “Stai tranquilla, Betania, nessuno lo saprà mai”!

Achille: E si isso ce l’ha ditto in intimità, tu comm’’o ssaje?

Sara:     Ehm... vuo’ sapé comm’’o ssaccio? ‘O ssaccio pecché... me l’ha ditto ‘na signora!

Achille: E a ‘sta signora chi ce l’ha ditto?

Sara:     Chi ce l’ha ditto? ‘N’ata signora!

Achille: E a chest’ata signora chi ce l’ha ditto?

Sara:     Ancora ‘n’ata signora!

Achille: Ma ‘sti ssignore se fanne ‘o passaparola?!

Sara:     E che vvuo’ fa’? Quanno nuje femmene ‘nciuciamme, simme terribile!

Achille: Mamma mia, e chi ce parle cchiù cu’ te?! Tu faje paura!

Sara:     Vabbuò, mò comunque viene cu’ me ‘int’’a cucina a salutà a tutte quante.

Achille: E già, pare brutto! Fammi strada.

              I due escono a sinistra.

3. [Ercole, Gianni e Riccardo. Poi Nancy e Sara]

              Dalla comune, al centro, entrano Ercole e Gianni.

Gianni: Ercole, ma gliele hai prescritte tu al signor Enzo le siringhe di antibiotici?

Ercole: Si’ pazzo? E per quale motivo avrei dovuto prescrivergliele? Chillo sta buono!

Gianni: Già, e pure ‘o signor Mario. Però quei due consumano medicina come caramelle!

Ercole: Pensa, stamane alle 6, il signor Enzo mi ha telefonato. M’ha scetato ‘a ‘int’’o

              suonno per dirmi: “Dottò, tengo la “colite lombare”! E che malatìa è?

Gianni: E invece il signor Mario è venuto da me per chiedermi il test di gravidanza!

Ercole: E forse la moglie è incinta.

Gianni: No, gli serviva per lui. Quello mi ha detto: “Dottò, io tengo sempe ‘nu stranu malo

              ‘e panza. Ma nun è che songo incinta?”!

Ercole: E ‘a mugliera d’’o signor Enzo è addiventata pur’essa comm’’o marito! Ieri sera a

              mezzanotte mi ha telefonato e mi ha detto che le fanno male i capelli!

Gianni: E tu che l’he’ ditto?

Ercole: Io, per scherzare, le ho detto: “Signora, voi tenete la “Capellosi”!

Gianni: E ‘a signora?

Ercole:      E’ svenuta!

Gianni:     E tu lo sai pure chi è venuta in farmacia, sotto mezzogiorno? La signora Sara.

Ercole:      Pure?

Gianni:     Sì. Ha detto che soffre d’insonnia. Però non di notte. Di giorno!

Ercole:      Allora adesso basta. Dobbiamo parlare con questi, convincerli che stanno bene e

                  che non tengono niente. Sarà difficile, ma ci riusciremo.

                  I due confabulano tra di loro. Intanto da Sìnistra entra Riccardo tutto dubbioso.

Riccardo: Ma che vuleva, chillo? Jeva truvanno a Aria. E pecché, po’?

Gianni:     (Lo nota) Signor Riccardo.

Riccardo: Uhé, il dottore e il farmacista. Salve, come state?

Ercole:      Siamo preoccupati.

Riccardo: Pecché, che v’è succieso?

Ercole:      A noi niente, ma a vostro padre, vostra madre, alla signora Sara e al signor

                  Mario, può succedere un’intossicazione da medicinali, se non si calmano!

Riccardo: E io glielo sto dicendo da un sacco di tempo. Ma loro, niente, non mi ascoltano.

Gianni:     E allora dobbiamo fare qualcosa. Anzi, Riccardo, voi dovete fare qualcosa.

Ercole:     Il fatto è questo: dobbiamo cominciare dal basso. E così dobbiamo togliere tutto

                  il marcio che c’è sotto. Ovviamente sto parlando dei loro problemi psicologici.

Gianni:     E visto che loro non andrebbero mai dallo psicologo, li aiuteremo noi. Ci state?

Riccardo: E certo. Del resto, si tratta dei miei genitori e dei miei suoceri.

Gianni:     Bravo. Vedo che avete capito. Allora seguiteci.

                  I tre escono di casa. Da destra torna Nancy.

Nancy:      Uffa, mannaggia, nun riesco a chiammà ‘o duttore! E quello deve assolutamente

                  incontrarsi con Aria. Ma intanto l’incontro avverrà, posso giurarci!

                  Da sinistra torna proprio Sara.

Sara:         Ma Nancy addò sta?

Nancy:      Sto’ ccà. Mò aggio fernuto ‘e cucenà. Enzo ha vuluto essere cucenato ‘o fagiano.

Sara:         E lass’’o sta’, fallo cuntento. A proposito, ma Riccardo e Aria che ddìcene?

Nancy:      Beh, ‘o mumento difficile è passato. (Va a sedersi al tavolo) Del resto, so’ ccose

                  che càpitene. Duje giùvene se ponno appiccecà, pecché po’ subito fanne pace.

Sara:         (Si siede pure lei al tavolo) Dipende dalle circostanze. Per carità, non è il loro

                  caso, ma ci sono pure giovani che, a un certo momento, incontrano un’altra

                  persona nella loro vita e perdono la testa. E questo succede soprattutto all’uomo.

Nancy:      E chi te l’ha ditto? Molto spesso succede anche alla donna!

Sara:         No, Nancy, ma vedi bene che l’uomo è cacciatore!

Nancy:      Sì, Sara, ma oggie ce sta ‘a parità d’’e diritti! Anzi, la donna, qualche volta,

                  caccio pure più dell’uomo! Io non caccio sempre a mio marito?

Sara:         E invece a me me caccia sempe Mario. Però me caccia ‘e casa! A proposito, e se

                  Riccardo avesse messo gli occhi su una bella giovane?

Nancy:      Ma nient’affatto. Riccardo è un ragazzo serio. Invece Aria me pare cchiù scetata!

Sara:         (Si altera e si alza) E invece no!

Nancy:      (Si altera e si alza) E invece sì! 

Sara:         Vabbuò, basta. Nun me pare ‘o caso ‘e ce appiccecà. Il tempo ci dirà la verità.

Nancy:      Già. Haje voglia ‘e vedé quanno ‘o tiempo dice ‘a verità, comm’è fetente!

                  Le due si avviano a destra.

                  Solo che io già la so, la verità.

Sara:         E pur’io.

                  Escono a destra guardandosi con circospezione.

4. [Mario e Enzo. Poi Riccardo]

                  Da sinistra tornano Enzo e Mario. Il primo ha una siringa in mano e dell’ovatta.

Enzo:        Ecco la siringa di antibiotici. Sei pronto?

Mario:      (Non convinto) Beh… io odio le siringhe. Però se proprio devo farmela!

Enzo:        E allora acàlete ‘o cazone.

Mario:      Ccà?

Enzo:        E allora addò?

Mario:      E vabbuò, facìmmele ccà. Però aspiette ‘nu minuto.

Ezio:         Sì, però sulo ‘nu minuto. A proposito, ma tu quanta patologie tiene?

Mario:      (Se le conta sulle dita delle mani, poi...) Sette! E tu?

Enzo:        Io ne tengo... (Posa la siringa sul tavolo e conta sulle dita delle mani, poi...) Sei!

Mario:      E allora sto’ vincenno io!

Enzo:        (Riprende la siringa) Ma addò vaje? A me mò me sta venenno ‘na malatia nova

                  nova: “l’orecchiosi”! Colpisce ‘int’’e rrecchie!

Mario:      E che te fa?

Enzo:        Niente, ogni tanto se sente ‘o fischio ‘e ‘nu treno che sta in ritardo. E mò te dico

                  pure ‘e qualu treno se tratta: l’Intercity Napoli-Torino!

Mario:      Però nun l’aggio maje ‘ntisa ‘sta cosa.              

                  E dalla comune entra Riccardo che si mette dietro ai due e li ascolta.

Enzo:        E vogliamo chiedere al medico?

Mario:      E certamente. Ricordati che un medico al giorno leva la mela di torno.

Enzo:        A proposito di mele, io ho comprato certe mele che sono un bijou!

Riccardo: (Entra nel discorso) E a quanto l’he’ pavate?

Enzo:        A ‘n’Euro ‘o chilo! L’aggio accattate ccà ffora.

Riccardo: Ma no, papà, tu ‘iva ì ‘o supermercato, 3 chilommetre cchiù annanzo. Chillo tene

                  ‘e mmele a 99 centesimi al chilo!

Enzo:        E secondo te, io me faccio 3 chilommetre ‘e cchiù pe’ sparagnà ‘nu centesimo? 

Riccardo: Guarda che un centesimo sono sempre soldi! A proposito, che d’è ‘sta serrenga?

Enzo:        Antibiotici. Vuoi favorire?

Riccardo: Buon appetit… cioè, néh, ma ate fernuto ‘e fa’ ‘a gara a chi tene cchiù mmalatie?

Mario:      Pecché, ne vuo’ coccheduna pure tu?

Riccardo: Papà, suocero, vuje state ascenno pazze! V’ate fissato che tenìte ciento malatie.

Enzo:        Ciento malatie? No, io, al massimo, ne tengo seie!

Mario:      Enzo, t’he’ scurdato “l’orecchiosi”!

Enzo:        Ah, già, allora so’ quase sette!

Riccardo: Sentite, aggio parlato cu’ ‘o duttore e cu’ ‘o farmacista. M’hanne ditto tutto cose.

                  Quelli vi assecondano perché gli sembra brutto contrariarvi. Ma poi la cosa deve

                  finire. Loro sono dei professionisti. E per giunta, di una certa schiatta!

Enzo:        He’ capì, Mario? Chilli duje, so’ professioniste “schiattate”!

Riccardo: Eh, l’ha pigliate pe’ pummarole! Sentite, se lo volete sapere, loro due vi stanno

                  aspettando qua fuori.

Enzo:        (Preoccupato) Ah, he’ capito, Mario?

Mario:      (Preoccupato) Sì, ce vonno vattere!

Riccardo: No, vi devono parlare un secondo. Siccome l’argomento è delicato, vogliono

                  parlare da soli con voi. Quelli vogliono vedere i vostri bacilli.

Mario:      (Schifato, indica Enzo) E io avessa vasà a chisto?

Enzo:        (Schifato) Ma nemmanco si me regàlene ‘na tunnellata ‘e mmedicine!

Riccardo: Ma perché non mi capite? Loro vogliono entrare nella vostra intimità.

I due:        (Contrariati) A chi?

Riccardo: E sì, vogliono cominciare dal basso, così tolgono tutto il marcio che avete sotto!

Enzo:        Néh, ma che ce vonno levà, ‘sti duje?

Mario:      Ma chiste nun è che sso’ duje maniaci sessuale?!

Riccardo: Ma venite a parlarci voi, con loro.

Enzo:        Siente, Mario, jamme a vedé a chilli duje che vonno!

Mario:      E già, accussì me faccio misurà pure ‘a depressione!

Enzo:        Te vuò fa’ misurà ‘a depressione? E comme t’’a faje misurà?

Mario:      Cu’ ‘a machinetta p’’a depressione!

Riccardo: Ma nun esiste ‘a machinetta p’’a depressione. Sentite, venite cu’ me, pe’ piacere.

Mario:      E ‘a serrenga?

Enzo:        T’’a faccio aroppo. Pe’ mò ‘a lasso ccà. (La lascia sul divanetto) Forza, jamme!

                  I tre escono via di casa.

5. [Achille e la principessa Betania. Poi Aria e Sara. Infine Gianni]

                 Da sinistra entra Achille che si guarda intorno sorpreso.

Achille:    Néh, ma addò stanne tutte quante? M’hanne lassato a me sulo ‘int’’a cucina e se

                  ne so’ gghiute! Alla fine, ‘o fagiano l’aggio cucinato io! Roba da matti!  

                 Si siede al divanetto, ma si punge con la siringa lasciata da Enzo, e salta in piedi.

                 Aaah! (Guarda cos’è che l’ha punto) Una siringa? Ma in questa casa sono pazzi!

                 Sposta un po’ la siringa e si risiede dolorante. Dalla comune entra Betania.

Betania:   E’ permesso? Non c’è nessuno?

Achille:    Ehm… sì, però stanno tutti in giro.  

Betania:   Meglio così! (Va da lui) Adesso mi siedo io vicino a te. Uno… due… e tre!

                 (Si siede e si punge con la siringa lasciata da Enzo. Salta dolorante) Aaaah!

Achille:    Fai attenzione, su questo divanetto ci sta una siringa!

Betania:   E nun m’’o pputìve dicere primma? Mamma mia, che ce steva ‘int’a ‘sta siringa?

Achille:    E che ne saccio? Mò la poso altrove.

                 Si alza e la posa sulla sedia al tavolo più vicina. Poi torna a sedersi al divanetto.

Betania:   Ah, che dolore! E va bene. Permetti? Io sono la principessa Betania di Ponticelli.

Achille:    Ed io sono il tenente di polizia Achille Agamennone.

Betania:   (Stupita) Sei un tenente di polizia? Bravo!

                 Intanto da destra entra Sara, Sì ferma sulla porta, guarda i due e si dispera.

Betania:   E quanto guadagni al mese?

Achille:    Beh, suppergiù 3000 Euro. 

Betania:   Veramente? Bravo!

                 E dalla comune entra Aria che nota i due e si dispera anch’ella. Betania séguita.

                 E che macchina tieni?

Achille:    Una macchina giapponese.

Betania:   Veramente? Ed è buona? 

Achille:    (Ironico) Nun ‘o ssaccio, ancora l’aggia assaggià!

Betania:   Fess... ehm... cioè, sciocchino, ma cosa dici? Io volevo sapere se è affidabile.

Achille:     E se capisce! Io l’aggio pavata 50.000 Euro!

Betania:    Uh, che bello! (Gli si mette sotto al braccio) E senti un po’: che casa tieni?

                  E così subito Sara e Aria scattano verso i due a separarli.

Sara:         Ehm... va bene, va bene, tempo scaduto!

                  I due saltano in piedi.

Achille:     Ch’è succieso?

Sara:         Niente, siamo venute a ricordare una cosa alla principessa.

Aria:         Appunto: cara principessa, questo non è Riccardo!

Betania:    E ch’aggia fa’ io? A me me piace chisto! E allora lo prendo!

Achille:     Ma che m’he’ scigliuto, ‘ncoppa ‘a bancarella?

Betania:    E dai, non ti offendere, adesso. Su, vieni con me. Sara, Aria, con permesso.

Achille:     Ma…

                  Prende Achille sottobraccio e se lo porta a sinistra. Aria si dispera.

Aria:         Oh, no, mammà, e mò come facciamo?

Sara:         Ce penz’io. Quanno ce stongh’io, nisciuno s’ha da mettere appaura ‘e niente.

                  Esce a sinistra. Aria si butta sul divanetto. Sbuffa. Dalla comune entra Gianni.

Gianni:     Niente, quei due sono di coccio. Ipocondriaci sono e ipocondriaci moriranno!  

                  (Nota Aria) E chi è chesta? Comme sta triste! (Va da lei) Ehm... chiedo scusa.

Aria:         Sì?

Gianni:     No, niente, ti ho vista qua da sola seduta su questo divanetto.

Aria:         Vi volete sedere voi?

Gianni:     No, per carità. Mi siedo vicino a te. (Si siede alla sua destra) E come ti chiami?

Aria:         Mi chiamo Aria. E voi?

Gianni:     Ma che voi? Io sono Gianni. Piacere.

                  Dalla comune entra Riccardo (non notato): vede i due ed esulta. Gianni séguita.

                  Beh, se non sbaglio, ieri già ti ho vista in questa casa. Anche tu hai pranzato qua.

Aria:         E già.

                  Da destra entra Nancy che nota i due e Riccardo. Gli indica i due. Aria séguita.

                  Senti, ma tu saresti capace di curarmi la depressione?

Gianni:     Beh, io sono capace di curare parecchie malattie.

Aria:         Anche quelle del cuore?

Gianni:     Volendo!

                   I due si guardano sospirando. E così Nancy e Riccardo si avvicinano tra loro.

Riccardo: (Sotto voce) Mammà, he’ visto?

Nancy:      (Sotto voce) Chisto è ‘o mumento! Smascheriamoli!

                   I due (non notati) si avvicinano al divanetto, ma all’improvviso Gianni grida:

Gianni:     No, non posso!

                  E Riccardo e Nancy scappano via a destra.

Aria:         Non posso che cosa?

Gianni:     Niente, niente! Cosa stavamo dicendo?

Aria:         Che sai curare anche il cuore.

Gianni:     Ah, già. A proposito, hai degli occhi bellissimi!

                  Così Riccardo e Nancy escono di nuovo quatti quatti e Sì avvicinano ai due.

Aria:         E pure tu hai dei begli occhi!

Gianni:     (Emette di nuovo un grido) No, non posso, non posso!

                  Riccardo e Nancy scappano di nuovo a destra. Gianni si alza in piedi.

                  Scusami, ma adesso devo proprio andare. Scusami, scusami…! 

                   Scappa via fuori casa.

Aria:          Aspetta! Aspetta! Ma perché è scappato via? Mah!

                   E si mette a riflettere. Dalla comune entra Ercole. E’ seccato.

Ercole:      Basta, me so’ sfastriato ‘e parlà cu’ chilli duje scieme! “A lavà ‘a capa ‘o

                   ciuccio, se perde...”! (Nota Aria) Ma quella è... (Le si avvicina) Scusa!

Aria:         Sì?

Ercole:      (Le siede accanto) Ciao, io sono Ercole!  

Aria:         Aria.

Ercole:      Se non mi sbaglio, ieri già ti ho vista qua dentro.

Aria:         E già, è proprio così. (Abbassa lo sguardo, timida)

                  Intanto da destra Riccardo e Nancy ci riprovano.

Ercole:      E come mai sei così triste?

Aria:         Perché non riesco a trovare pace. Voglio di nuovo il mio amore.

Ercole:      E non ti preoccupare. L’amore è fatto così. (Fa un forte starnuto) Etciù!

                  Ricardo e Nancy si spaventano e scappano via a destra.

Aria:         Salute! Sei raffreddato?

Ercole:      No, è che sono allergico ai profumi femminili. Preferisco quelli maschili!

                  Riccardo e Nancy escono di nuovo e si avvicinano ai due.

Aria:         Senti, Ercole, sei fidanzato?

Ercole:      No, sono single.

Aria:         E non hai nessuna a cui pensare?

Ercole:      Beh...

                  Riccardo e Nancy sono vicini al divanetto. Ma entra Gianni, grida e li spaventa.

Gianni:     Beh?

Ric&Nan: Mamma ‘e ll’Arco!

                  Ercole e Aria scattano in piedi e Aria si dispera.

Aria:         Oddio, Riccardo? E che ci fai tu qua?

Riccardo: Niente!

Nancy:      Comme niente? Tu l’he’ scuperta cu ‘n’at’ommo!

Riccardo: Overamente? Ah, già! Ehm... Aria, dimmi che cosa stavi facendo.

Aria:         Io? Niente.

Nancy:      E pecché stive ‘ncoppa ‘o divanetto, primma cu’ ‘o farmacista e cu’ ‘o duttore?

Aria:         Ma non stavamo facendo niente di male.

Gianni:     E’ vero, signora.

Ercole:      Si trattava di un consulto medico.

Nancy:      Non è vero. Uhé, Riccà, e vvuo’ parlà tu?

Riccardo: Ah, già! Aria, tra noi è finita. Aggio ditto buono, mammà?

Aria:         Ma che dici? Sei impazzito?

Riccardo: Fai silenzio! Signor Gianni, signor Ercole, che cosa volete fare? La volete

                  abbracciare? La volete baciare? Ve la volete sposare?

Ercole:      Ma chi ‘a vo’ tuccà? Forse un tempo l’avremmo voluta toccare. Ma ora non più.

Gianni:     E già, tra poco prenderemo i voti. E così diventeremo due missionari cappuccini!

Ercole:      E ci toglieremo pure questi ridicoli nomi: Gianni ed Ercole! Io per esempio mi

                  chiamerò Fra’ Gingillo!

Gianni:     Ed io invece Fra’ Giglio! Siete tutti invitati alla cerimonia del nostro sacerdozio.

Ercole:      E adesso scusateci, ma dobbiamo andare a buttare tutti i nostri beni terreni!

Gianni:     Allora vi salutiamo. Auguri e figli maschi!

                  Escono via di casa sottobraccio. I tre rimasti si guardano in faccia perplessi.

Riccardo: Beh... amme fatto ‘a scimmità!

Aria:         E già.

Nancy:      E sì.

Aria:         Volevamo lasciarci, così abbiamo architettato la stessa idea.

Riccardo: E alla fine ci siamo solo ingelositi un poco. Però poi stiamo ancora insieme.

Aria:         Riccardo... non so come dirtelo. Veramente, io volevo chiederti scusa.

Riccardo: E pure io, Aria. Da questo momento, il nostro matrimonio durerà per sempre.

Aria:         E già. E regaleremo altri nipotini a mia madre e a mio padre.

Riccardo: E se è per questo, pure a mio padre e a mia madre!

Nancy:      Bravi, questo volevo sentir dire. Io so’ stata sempe cuntraria ‘o divorzio vuosto!

Aria:         Signora Nancy… anzi, mamma: anche se vi sto un po’ antipatica, sopportatemi.

Nancy:      Chi? Tu me staje antipatica? Noooo, nun sia maje!

Riccardo: Ma comme, mammà, he’ cagnato idea?

Nancy:      Stattu zitto!

Aria:         Va bene, non importa. E mò, però, ce ne vulìmme turnà ‘a casa?

Nancy:      Aspettate, e nun v’’o vulìte magnà ‘nu poco ‘e fagiano?

Riccardo: Magari ce ne tagli un pezzo e ce lo metti in un piatto. Lo mangiamo a casa.

Aria:         E già. Se vogliamo avere altri figli, ci dobbiamo mettere un poco avanti col

                  programma! Stiamo parecchio indietro!

Nancy:      Capisco. Non voglio insistere. E allora venite con me in cucina.

                  I tre vanno via a sinistra. Riccardo e Aria si mettono sottobraccio.

Scena Ultima. [Enzo e Mario. Poi Sara, Achille, Betania, Aria, Nancy e Riccardo]

                 Dalla comune entrano Enzo e Mario. Litigano tra di loro.

Enzo:       Néh, ‘o duttore ha ditto ca tu staje buono. Nun è ‘o vero che tiene sei malatie!

Mario:     No, guarde, che chillo nun ce ll’aveva cu’ me, ma cu’ te!

Enzo:       E invece ‘o duttore ha ditto che tengo cierti mmalatie pe’ colpa ‘e cierti batteri!

Mario:     E pure a me. Ha ditto ca io tengo ‘a polmonite per colpa del pneumococco!

Enzo:       E io invece tengo certe malattie per colpa dello stafilococco! Inzomma, tenìmme

                 ‘o cocco tutt’e dduje!

Mario:     Enzo, ma ‘o duttore a te t’ha dato ‘o sciroppo p’’a tosse. E mica tiene ‘a tosse, tu?

Enzo:       (Fa colpi di tosse finti) Uhm... uhm... E chesta, allora, che d’è? E tu invece t’he’

                 fatto prescrivere ‘e bbustine p’’o raffreddore. E addò ‘o tiene ‘o raffreddore, tu?

Mario:     (Fa finta di starnutire) Etciù! Etciù! E chisto, allora, che d’è?

                 Da sinistra entrano Sara, Nancy, Betania e Achille: notano i due fare stranezze!

Enzo:       (Tossendo per finta) He’ visto ‘e che tosse che tengh’io?

Mario:     (Facendo finti stranuti) E tu he’ visto si ‘o tengo o no, ‘o raffreddore?

                 I due notano gli altri osservarli, e pian piano smettono di starnutire e di tossire.

Mario:     Ehm... strano, Enzo, a te s’è calmata ‘a tosse!

Enzo:       E a te s’è calmato ‘o raffreddore!

Sara:        E allora vuol dire che siete guariti!

Nancy:     Ah, sì? E accussì nun ve putìte piglià cchiù ‘e mmedicine!

Mario:     E chi ve l’ha ditto? A me m’è passato sulo ‘o raffreddore. Ma ‘o riesto, però, no!

Enzo:       Anze, quase quase, ‘nu juorno ‘e chiste, me metto a base ‘e ricovero!

Achille:    Ma per voi ci vuole solo un po’ di allenamento. Bisogna correre, correre e solo

                  correre. Per venti chilometri di fila, fino al cimitero e poi tornate indietro.

Mario:      E si nuje currìmme fin’e ‘o cimitero, me sa ch’aroppo rimanìmme lloco ddinto!

Enzo:        Ce menàmme direttamente ‘int’a ‘nu taùto!

Achille:     Ma no. Più si fatica e meno ci si stanca. E voi dovete usare tanta birra!

Mario:      ‘Nu litro?

Achille:     No, di più!

Mario:      Duje litre?

Achille:     No, di più!

Mario:      Tre llitre?

Achille:     Di più, di più!

Enzo:        E quanta birra ce amma vevere?

Achille:     Ma nun ata vevere niente. Vuje v’ata ittà sul lavoro, po’ v’ata ittà sotto a ‘na

                  doccia gelata, po’ v’ata ittà a ffa’ footing, e infine v’ata ittà sulle fatiche atroci!

Mario:      Praticamente, ce amma ittà!

Nancy:      Achille, è inutile che gli date questi consigli. Loro non li ascolteranno mai.

Enzo:        Sentite, io sto parlando con voi, però non mi ricordo chi siete. Chi siete?

Sara:         E’ l’amico di Mario.

Achille:     Già, Achille Agamennone.

Sara:         E tu lo sai? Quello è tenente.

Ezio:         ‘O vero? E’ tenente? Ma pecché, Mario, che tene?

Mario:      E io che ne saccio?

Achille:     Ma no, io sono tenente di polizia.

Enzo:        Ah, siete la polizia? Signor polizia, mi ritrovate la macchina? Me l’hanno rubata.

Betania:    Sì, ve la ritroverà. Intanto, lui ha rubato il mio cuore.

Nancy:      Ma perché, vi siete fidanzati?

Betania:    E certamente. Appena l’ho visto, ho pensato che lui era l’uomo della mia vita.

Achille:     Beh, non per vantarmi, ma io ci so fare con le donne, sia fuori, sia dentro il letto!

Sara:         Scusate, principessa, ma quando vi siete fidanzati? Voi ora vi siete conosciuti.

Betania:    Beh, prima me lo sono portato in cucina. Poi l’ho preso e l’ho sbattuto con molta

                   violenza contro il forno dove stava cuocendo il pollo!

Enzo:        (Preoccupato) Ma qualu pollo? Chillo è ‘o fagiano mio!

Mario:      Uh, Marò, e mò che ce magnamme? Enzo, jamme a vedé!

                  I due corrono subito a sinistra. Nancy cerca di fermarli ma non fa in tempo.

Nancy:      Aspettate, già l’ho salvat...! Niente, nun m’hanne fatto fernì ‘e parlà.

Sara:         E allora, principessa, Achille, siete felici adesso?

Betania:    Sì. E pensare, signora Sara, che voi per forza mi volevate far conoscere a quel

                   Riccardo con la camicia bianca! Ma che me n’aggia fa’?

Sara:         (Le fa segno) Ehm... ma che dite?

Nancy:      (Insospettita) Aspiette ‘nu mumento, ma che d’è ‘sta storia?

Sara:         Niente, quella sta scherzando. Venite, Achille, principessa, vi accompagno fuori!

                  Frenetica, li prende per il braccio e li porta fuori casa. Nancy trama qualcosa.

Nancy:      Me sa ch’aroppo amma parlà ‘nu poco, io e chesta!

                  Da sinistra entrano Riccardo e Aria (con una busta in mano)

Riccardo: Mammà, noi andiamo via. Da questo momento, comincia una nuova vita per noi.

Nancy:      E allora nun ve vulìte proprio sta’ ccà a mangià cu’ nuje?

Aria:         No, grazie, preferiamo la nostra intimità. Dobbiamo consumare il nostro tempo.

Riccardo: Sì, però nun ne cunzumamme assaje, ch’è peccato! Menu male ch’è gratis!

Nancy:      Riccà, ma t’’o vuo’ levà ‘stu vizio ‘e essere taccagno?

Riccardo: Risparmiatore, mammà! Oggi c’è crisi, e allora bisogna fare economia.

Nancy:      E pure hai ragione. Voi due dovete pensare a far crescere bene Annina.

Riccardo: Ma certo. A proposito, adesso andiamo a prendere nostra figlia e andiamo via.  

Aria:         Già. Dobbiamo passare più tempo con lei.

Riccardo: Esatto. I figli devono stare coi genitori. Va bene, mammà, allora io ti saluto.

Aria:         Arrivederci, mammà. E vi raccomando, fatevi passare l’antipatia per me. Ok?

Nancy:      Tranquilla, chella già m’è passata. Cià, guagliù, facite belli ccose! E figli assai!

                   I due vanno via. Nancy pare felice.

                   Ma comm’aggio fatto a penzà ‘e fa’ spartere ‘a ‘sti duje? Sono così romantici!

                   E da sinistra entrano Enzo e Mario.

Enzo:         Nancy, ma vuo’ venì a magnà? ‘O fagiano se sta facenno ‘na schifezza!  

Nancy:       (Lo fissa un po’) Néh, ma tu nun he’ visto che Riccardo e Aria hanne fatto pace?

Enzo:         Aggio visto, aggio visto. E s’hanne purtato pure ‘na fella tanta ‘e fagiano!

Nancy:       Pienze ‘o fagiano, tu! Intanto io mi sono presa collera. E tu mi devi sollevare!

Enzo:         T’aggia sollevà? A chi? Aroppo me scenne ‘a paposcia! Va’ a magnà, muòvete!

                   Nancy, seccata, gli volta la faccia e se ne va a sinistra perplessa.

Nancy:       (Uscendo) Quanto si’ brutto!

Enzo:         E a te, Mario, t’’a vuo’ fa’ chella famosa serrenga ‘e antibiotico, sì o no?

Mario:       Sì, sì. Sta sul divanetto. (Controlla) No, è sparita. (Vede sulla sedia) Ah, eccola.

Enzo:         (La prende) Però è strano, prima mi sembrava più piena! Meglio accussì!

Mario:       Ma… me l’aggia fa’ afforza? He’ ‘ntiso ‘o duttore? Nuje stamme buono.

Enzo:         Nun ‘o da’ retta. Il miglior medico, siamo noi stessi! Acàlate ‘o cazone, forza!

Mario:       E va bene. Però dobbiamo andare dentro. (Indica a destra)

Enzo:         Jamme addo’ vuo’ tu, abbasta che ce muvimme!

                   I due escono a destra. Mario urla di dolore. Torna tenendosi i pantaloni.

Mario:       Aaaaaah!

                   Torna anche Enzo.

Enzo:         Néh, ma ch’è stato?

Mario:       Disgraziato, ma addò me l’he’ appizzata, ‘a serrenga?

Enzo:         Sulla nautica destra!

Mario:       Ma che nautica? Tu he’ sbagliato ‘a mira, m’he’ miso ‘a serrenga tipo supposta!

Enzo:         Uh, mamma mia, e mò?

Mario:       Presto, puòrteme ‘o spitale.  

                   Enzo conduce fuori sottobraccio Mario che cammina a gambe spalancate.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno