Gli odiati stivali

Stampa questo copione

(entra Gina con le sporte della spesa, i giornali sotto braccio e una lettera fra le labbra)

   GLI ODIATI STIVALI

PERSONAGGI:

GINA…………moglie di Toni

TONI ……… ..marito di Gina allevatore di maiali

ITALO………..vicino di casa allevatore di maiali

CLARA………amica di Gina

GILBERTO….amico di Toni macellaio

ELIZABETH…insegnante di inglese

ROBERTA…..amica di Gina

TRUFFATORI..due persone

     


ATTO PRIMO

Scena 1 ( Gina e Toni)

(entra Gina con le sporte della spesa, i giornali sotto braccio e una lettera fra le labbra; la cucina è in disordine e anche Gina ha un aspetto parecchio trascurato) 

Gina:                           Oh, finalmente…

(appoggia sul pavimento le borse della spesa, mette sul tavolo portamonete e giornali con fare sgraziato)

Gina:                           No ghe la fàe pì, co tutte sté spòrte

Manco mal che no abite in condominio, o pèdo ancora in centro, che te toca

cercar parcheggio in capo al mondo!

(si siede per riposare)

Gina:                            Almànco qua, méte la machina fòra de la porta de casa.

(toglie le scarpe e le lancia in mezzo alla stanza, mette le ciabatte, da un occhio alla posta e

inizia a riporre la spesa. Tira fuori dalla borsa un pacchetto d’uova e le mette sul tavolo, un sacchetto di mele e le versa sul porta frutta, con fare così sgraziato che alcune cadono per terra)

Gina:                            Miseria, anca i pomi, par fortuna che no le cascà i vòvi!

                                    Basta aver premura che le robe no le va par el so verso.

(guarda l’orologio)

Gina:                            Svelta  Gina! Sbrìghete, scalda la minestra! A noi femene ne toca sempre

 far de  corsa!

(si mette il grembiule e dalla fretta lo lascia slacciato)

Gina:                             Manca pòc a mezogiorno e se nol trova pronto el comincia a dir

 “MA COSSA  ATU FAT STAMATINA CHE NO TE HA PREPARA’

                                     EL MAGNAR?

(armeggia con le pentole, rovescia qualcosa)

Gina:                             Che stress.

(inizia ad apparecchiare il tavolo, mette la tovaglia storta, le posate male ecc…)

Gina:                             Sempre de corsa, mille robe da far. Cusina , lava, nèta, stira…ogni giorno…

                                     e dopo el vien sempre dentro coi stivai….che bèla sodisfazion…..

                                     nosepòl andar avanti cussì, no le possibile….ma che vita lé questa?

(entra Toni il marito)

Toni:                             Femena!…..élo pronto?

Gina:                             Si, si, un momento!

(Toni si siede e Gina mette la minestra nei piatti)

Gina:                            Ma mi parle arabo o cossa?!

Toni:                            Atu che? Setu drio parlar co mi?

Gina:                            E co chi vutu che parle? Elo par caso altre persone qua dentro?

Toni:                             No, ma no capìsse cosa che te vòl dir.

(Toni inizia a mangiare la minestra )

Gina:                            Te ho dita 1200 volte che no vui che te végne dentro in cusina coi stivai!

Toni:                             La minestra le dessavida!

Gina:                             No lè igienico, chi veditu che va in cusina co i stivai, te ha da esser l’unico

                                     in te le tre Venezie!

Toni:                             Lé dessavida !!!

Gina:                             Cossa!

Toni:                             La minestra!

Gina:                             Ecco el sal…no lé possibile che te continue a vegner dentro in te sti modi.

Toni:                            Te lo sa benissimo, questi no le quei che use par andar dentro in tei stavoi

                                    dei  porzei!Me li cambie sempre!

Gina:                            Si, ma par entrar in casa le meio che te mette le zavatte o no?

Toni:                            Mi, me rompe! E metti quei par i stavoi dei porzei,metti quei par el cortivo,

 le zavatte parcasa , le pattine par le camere….Ouh!!! Varda che questa

 l’è na casa de campagna no l’è gnent de strano veder un co i stivai!

Gina:                            E no le gnent de strano veder la solita stupida che la netta dalla

 mattina alla sera!

Toni:                            Come che te la fa lunga, piuttosto varda che casin che l’è qua dentro.

 Sui me stavoi  lé pi ordine e pi net. I vovi in sima al tàvol, le sporte

 par tèra, le scarpe in mèdo ala cusìna….mi no lo so, lé sempre el finimondo   qua dentro. Ma no te pòl meter le robe a posto?

Gina:                            Ma, cosa creditu, che sia stata a lèder el giornal stamatina?

                                    Son andada all’USL, al mercà, in farmacia, in botega, in posta…

.no posse sempre starghe drìo a tut

                

Toni:                            E, voialtre femene, ve lamentè sempre de no aver temp, e,

dopo ste ore al telefono a  ciacolar co la comare.                    

           

Gina:                            No me par proprio el caso mio. (guarda verso la finestra)

Gina:                            Ah, lé  Italo…(si alza e va ad aprire la porta)

Gina.                            Ciao, vien dentro!

(Gina grida perché Italo è sordo)

Scena 2 ( Toni, Gina e Italo)

Italo :                           Ciao, vede che se drio magnar, vègne dopo!

Toni:                            Dai vièn ! No magnén mia i cristiani!

(Italo entra e Toni gli indica una sedia)

Toni:                             Séntete dai! 

Italo:                             Come ?

Toni:                            Ho dita, ciote na carèga, séntete do un momento!!

 Vutu na feta de formajo!?

Italo:                             No! no serve!

Toni:                             Ciapa qua, prova a çercarlo, a lé dela latteria de Avian! ( gli porge una fetta)

                                     Lé la prima volta che lo compre ma, mi lo trove bon!

Italo:                             In effetti no lé mal….

Toni:                             No lé mal no vol dir che lé bon!

Italo:                             Dise no lé mal, parchè penso che se el fosse un pòc pi vecio ,

  el sarìe ancora mejo

Toni:                            (riassaggia) Ma cossa vutu saver ti de formajo, par mi va ben cussì!

Gina:                            Ma come che te la fa lunga, te vol sempre saver tut ti!

Toni:                            Varda che mi na volta ho fàt anca l’aiuto casaro!

 Parle parchè le robe mi le so!

( Italo mangia in silenzio il suo pezzo di formaggio)

Toni:                               Atu semenà la biava?!

Italo:                               Come?!

Toni:                               Atu semenà la BIAVAAA!!!

Italo:                               Ancora no.

Toni:                               Seména che lé ora.

Italo:                               Si, un giorno o l’altro la seméne.

Toni:                               Seména subito, varda che cambia el temp!

Italo:                                Ma ti satu anca questo?

Toni:                                Si, mi parle parchè so!

(continuano a mangiare e Gina sbriga le faccende domestiche)

Toni:                               Ho el deo gross del piè che lé tre giorni che el me fa mal.

    Mi so che vegnarà piova. E te so dir anca quando!

Italo:                              Va ben, va ben preparerò le semenze….Toni….

Toni:                               Dimme…

Italo:                               Atu par caso una cortelazza da prestarme?

                                       No son pì bon de trovar la mia.

Toni:                              Si, la mia la dovaria esser sotto el tabià….atu da far che?

Italo:                              Voarie taiar un poc la ziesa vissin ai stàvoi…

Toni:                              No, no sta farlo,adess, lé calent!

Italo:                              Ma no inporta!

Toni:                              No, scolteme mi….(trattandolo ancora una volta da incompetente)

(Gina passa davanti alla finestra e vede che fuori sta arrivando il veterinario)

Gina:                             Me par che a lé arrivà el veterinario.

Toni:                             Ah, si , ère drio spetarlo. Italo vien che te dàe la cortelazza!

( Toni e Italo si alzano da tavola)

Gina:                             E par el magnar?

Toni:                            Ah, me basta. Me cioe su na fetta de formaio e na pagnocca de pan.

Gina:                            Posse destrigar?

Toni:                            Si, son a posto.(suona il campanello)

Toni:                            Si, arrivo subito. (escono con la fetta di formaggio e il pane in mano)

(Gina inizia a sparecchiare, ripone la roba della spesa,gli cadono le forchette,brontola…)

Gina:                             Uffa, sempre la stessa storia ogni giorno.  

                                     Comunque, guai se no ghe fosse na femena in te na casa.

  Sti omeni i se lamenta  ma i sarìe subito intrigadi…..

                

(suona il campanello,Gina apre)

Scena 3 ( Gina e Truffatori)

Truffatore:                   Buon Giorno! Signora, noi siamo dei tecnici ENEL.

 Dobbiamo fare un controllo al suo contatore.

 Ah, immagino sia di là…(avanzano e Gina indietreggia)

                                     Sa signora,ci sono delle nuove normative europee….valuteremo

 se il suo tipo di  contatore può essere ancora idoneo.

Gina:                            Ah si?

Truffatore:                   Purtroppo è così. Posso signora? E’ lì vero? Mi accompagna?

(Gina lo segue nella stanza vicina mentre l’altro compare si guarda in giro,  prende il portafoglio e tira fuori 50 euro rientra in scena Gina con l’altro truffatore)

Truffatore:                   Bene, lei è fortunata, per il momento può mantenere

 ancora questo apparecchio, dovessero esserci dei contrordini

 ci faremo ancora vivi.

Gina:                            Va bene.

(con un po’ di fretta si avviano all’uscita)

Truffatore:                    Salve e grazie!

Gina:                            Salve…Certo che…., “ veloci come el vento”.

(Gina si siede e inizia a valutare le proposte pubblicitarie di un supermercato)

Gina:                              Sale, olio, tortellini…si el prezzo no lé mal

(si alza e scrive sulla lavagna appesa al muro tortellini,si siede)

Gina:                               Vediamo….si, anche piselli.

(si alza e scrive sulla lavagna piselli, si risiede)

Gina:                             Prosciutto, no,formaggio si, questo conviene.

(si alza a scrivere)

Gina:                             Pasta…..veden oggi cossa che la ho pagàda.

(apre il portamonete e tira fuori lo scontrino)

Gina:                              Pasta, pasta, pasta….a eccola qua, dunque, si la è al stesso prezzo.

(con la mano tiene ancora il portafoglio aperto, e, con lo sguardo si accorge che non ci sono

più i soldi)

Gina:                               Ma, i me 50 euro?

(svuota il portamonete, ma niente da fare, non ci sono)

Gina:                                In bottega i me avea dat el resto, in farmacia anca,

                dopo son andata al marcà e me  era restà i 50 interi!

(pensa e ripensa,i conti non tornano. Con aria sconsolata)

Gina:                               Ma come ho fat a perderli?!  Sempre a mi me toca ste robe.

(suona il telefono)

Gina:                              Pronto? Si ciao Clara! Si, tut ben, abbastanza

   ecco(guardando il portamonete vuoto)

                                      E ti come che la te va? Solito? Si anca qua, sempre el solito

  (dopo qualche secondo) Va ben, oggi pomeriggio son qua…

              si passa dentro, ciao a dopo!

(con aria sconsolata)

Gina:                            50 euro, no lé na cassa da mort ma, i dise che tra averli e no,

 la differenza lé del  doppio.

                                    Su Gina, tirete su co un cioccolatin, ormai no te pòl pi far nient.

(mangia, prende la scopa e inizia a scopare)

Gina:                            Lu el dise che i so stivai no i fa danni, e, mi ogni giorno

 me tocca scovar fora na cariola de terra ….ma la prossima volta

 ghe fae nettar la cusina e dopo li butte in tel  foss!

(si guarda allo specchio)

Gina:                            Oh, in che stato che ho sti cavèi! Mejo che me sistème adess

 che dopo vien qua la Clara!

(butta le immondizie sulla pattumiera ed esce)

Scena 4 ( Toni  e Gina )

   

(entra Toni con gli stivali)

Toni:                           Femena, elo un ombra par el veterinario?

( guarda in giro)

Toni:                           Chissà dove che la è, sempre a perder tempo.

(Apre dei mobili e, finalmente tira fuori un bottiglione di vino con 2 bicchieri)

Toni:                            No la mette mai le robe, in tel stesso posto.Ora la mette de quà,

 ora de là, e mi vàe  attorno  come un stornèl.

( si avvia,poi torna indietro, prende uno stuzzicadenti se lo mette in bocca e poi esce)

(entra Gina con i capelli umidi e qualche bigodino in testa. Sottobraccio tiene la scatola di

bigodini, ha un pettine e lo specchio. Appoggia il tutto sul tavolo e continua a sistemarsi i

bigodini in testa)

Scena 5( Gina e Truffatori sempre gli stessi in veste diversa)

Gina:                            Oh, mejo star sentàdi in cusina , che in piè in bagno.

 Almeno cussì me ripose le  gambe.

(mentre continua il lavoro, nota che il pavimento è sporco di terra)

Gina:                            Ancora terra? O lù le tornà in cusina, o mi no son pì bona de usar na scova.

(finisce di mettersi i bigodini e si mette la retina in testa)

   

(suona il campanello)

Gina:                             Avanti.

Truffatori:                    Buon giorno signora!

Gina:                            Buon giorno.

Truffatore:                   Signora, siamo operatori dell’USL, ecco il nostro tesserino.

                                    Stiamo facendo una visita a tutti gli abitanti del paese,

 lei è al corrente di questo?

Gina:                            No, non ne so niente.

Truffatore:                   Il nostro compito è quello di eseguire dei test, non abbia timore,

 nulla di che aver paura.

                                    Tutto questo per avere un monitoraggio di tutta la popolazione.

Gina:                            Va ben, devo ciamar dentro anca me marìo?

Truffatore:                   Oh, no no, non serve. Noi stiamo usando una lista che ci viene

 fornita dall’USL.

                                    E’ in ordine alfabetico pertanto non  seguire questo ordine vorrebbe

 dire creare dell’inutile confusione.

Gina:                             Ma io ho la sensazione di conoscervi, non ci siamo già visti?

Truffatore:                   Ah, signora queste sono sensazioni frequenti….siamo di mestiere.

                                    Dunque, vediamo com’è la pressione arteriosa….prego si sieda pure.

(misurano la pressione)

Truffatore:                   80/130. (rivolgendosi al compare il quale finge di annotare su una cartella)

 Perfetta.

Truffatore:                  Signora, riesce a leggere la scritta su quel calendario?

Gina:                           Certamente…..

Truffatore:                  Benissimo, vista a posto.

Truffatore :                 Guardi bene questi cartoncini, qual è il rosso?

Gina:                            Questo.

Truffatore:                   Benissimo, risposta esatta.

Truffarore:                   Qual è il verde e il giallo?

Gina:                            Questo e questo. Perfetto, annota pure che la signora non è daltonica.

(il compare annota)

Truffatore:                     Risponda in fretta…..Oggi che giorno è?

Gina:                              E’ venerdì 12.

Truffatore:                     Ieri che giorno era?

Gina:                             Giovedì 11.

Truffatore:                    Domani che giorno sarà?

Gina:                             Sabato 13.

Truffatore:                   Ottimo!  I riflessi sono buonissimi, complimenti!

(il compare annota)

Truffatore:                   Ecco fatto, ha visto che siamo stati veloci?

 Tutto merito suo perché ha risposto in modo corretto a tutte le domande.

                                    Non sono nemmeno servite le domande di riserva.

Gina:                         (tutta compiaciuta) Allora, vinco qualcosa?

Truffatore:                  Magari, questo accade solo in TV.

Gina:                          Si, questo è vero. Sa con tutti i quiz che se vede, ho fat un po de confusion….

Truffatore:                 Niente paura, siamo abituati anche a questo…ora dovrà cortesemente  

                                   anticiparci 50 euro.

                        

Gina:                      Devo darvi 50 euro?

Truffatore:             Certo, ma non si preoccupi, si tratta solo di un anticipo. Mi spiego meglio

                               domani o dopodomani lei dovrà presentarsi con questo tagliando agli uffici

                               USL , qui ci sono anche tutti gli orari e, lei verrà rimborsata della spesa.

Gina:                      Ma non capisco. Io devo dare i soldi a voi e poi loro li danno a me….

Truffatore:            Signora, non c’è di che stupirsi. Questa è la burocrazia italiana….con una mano

                              si danno e con l’altra si ricevono. Può ritenersi fortunata che tutto si sbriga con

                               velocità al massimo 2 giorni, in altri casi, in determinate circostanze, quando le

                               pratiche passano per Roma, c’è chi aspetta anche dei mesi per i rimborsi.

Gina:                     Giusto ,le meio no aver a che far co Roma farìe in temp a morir prima

      de riveder i me schei!  Ecco qua i vostri soldi, quel che conta lé che

       me avè trovà in bona  salute.

Truffatore:            Si potrebbe dire ottima! Stia contenta!(prende i soldi in mano)

                             Mi stia bene! (escono)

 Scena 6 ( Gina e Clara)

(Gina ricomincia a sistemare la cucina perennemente in disordine,si asciuga i capelli con il phon,

va su e giù riordinando, ma senza metodo)

( suona il campanello, sta arrivando Clara, anche lei ha un aspetto ridicolo)

Gina:                      Questa è Clara senz’altro!

Gina:                      Ciao!

Clara:                      Ciao Gina. Scusa, son un po’ in ritardo…

Gina:                       Nessun problema. Che piacere vederte. Dai sentéte. Posse offrirte un caffè, un

                                succo, dei biscotti…

Clara:                      Va ben par el succo grazie. El caffè  me   rende nervosa.

Gina:                       Ma valà, lé tut un dir.

Clara:                      No, no. Sarà parchè no sto pasando un bel momento, no lo so…

Gina:                       Robe gravi?

Clara:                      No penso,ma ho la sensazion de un malessere generale.

Gina:                       Miseria,se te arrivava 10 minuti fa, te trovava qua quei dell’USL. Magari i te

                                varia dat un consiglio! A mi i me ha trovà benon!

                                

Clara:                      Elo venuo qua quei dell’USL?

Gina:                       Si.

Clara:                      Do de lori, un col camice verde e un col camice bianco?

Gina:                       Proprio.

Clara:                      Che sfortuna, dovee proprio esser rivada prima. Altro che dottori, quei là a ie

         truffatori! Mi avrie ciamà subito la polizia!

Gina:                      Ma, no dai, no sta scherzar su ste robe della salute. I me a fàt veder el

                               tesserin e co sta ricevuta doman vàe all’USL e i me ritorna i 50 euro che

                               ho anticipà.

Clara:                     No, Gina, no lé vero. A mi pensa che i me avea domandà 100 euro e come na

       stupida ghe li ho dati!

      

 Gina:                     Ditu alora che i me ha truffà?

Clara:                     Dirìe proprio de si.

(tutte due con aria sconsolata)

Gina:                     Adés capìse parchè no i volea che ciamesse dentro me marìo, sen state tutte due

                              do povere sceme.(pausa)

                              Ma varda che gente senza scrupoli….ciaparsela co na casalinga…perché no i va

                              a Roma a fregar qualche politico ….ma de sicuro tra ladri no i fa ste robe!

Clara:                    Prima te parlave de un malessere, no l’è na roba fisica….Mi ultimamente me

                              sente un po’strana.

Gina:                     In te che senso?

Clara:                   Non so come spiegarme. Me sente inadeguata, a volte no me sente all’altezza de

                             chi che me sta intorno. Prova a pensar, tutte due sen state fregade e, chissà quante

                             altre volte senza renderse conto.

Gina:                    L’è vero, come na stupida, oggi al marcà ho pers 50 euro, altri 50 adess…

Clara:                   Veditu che te me da rason. Perché le ne succede sempre a noi? Prova a pensar,

                             no l’è che sen do povere sprovvedute? No te par che el mondo el gira e noi sen

                             restade indrio?

                  

                   (con aria ancora più sconsolata)

Clara:                  In poche parole, mi me sente che i me mena attorno tutti quanti e no son bona a

                            difenderme.

Gina:                   Anca mi.Me rende conto che quel che te ha dita el conta anca par mi. Me sente

                            proprio do de morale.

Clara:                  A chi che te ghe lo dise. Ma pensitu che sen proprio senza speranze? Ditu che no

                            l‘esiste na soluzion?

Gina:                  Sto pensando….no so che dir.

Clara:                 Mi, varia una mezza idea, parchè no provar a iscriverse a una scuola serale?

Gina:                  A scuola, noi?  

Clara:                 Si, proprio noi. Gli altri i va pure, sen proprio cussì da buttar via?

(Gina a quelle parole si guarda e si rende conto che non hanno proprio un bel aspetto)

Gina:                 Ma alla nostra età, tutti i ne varderà….e po varda come che sen combinade,

                          no voi esser ciota in giro.

Clara:                Su, via, se darén qualche ritocco….Parchè no provar?

Gina:                 Ma, Clara, che scuola che poden far noi?

Clara:                No l’à importanza,una qualsiasi….In fin dei conti, noi aven bisogno de un po’

                          de cultura generale !(animandosi) Un po’ de letteratura, storia, geografia,

                          una lingua,insomma, mi penso che tut el pol andar ben.

Gina:                 Si l’è vero,penso che te ha rason. Ma cosa diràlo Toni!?  El penserà che son drio

                          deventar mata!

Clara:                 Eh,cosa vutu che el dise, anzi, el dovarie esser contento che so moglie la vol

                           migliorarse. Mi co Gilberto ghe ho parlà e no ho avuo problemi.

Gina:                  Gilberto? A si el to compagno. Certo che te me ha parlà de lù varie volte e te ha

                           ancora da presentarmelo.

                  

Clara:                 Si, lè vero, te ha proprio rason, lè che el tempo el vola e no se renden conto.                                                          Pensa che adess viven insieme.

Gina:                  No te vive pi da sola?

Clara:                 No, l’è da un pochi de mesi che conviven,un de questi giorni bisogna proprio che te

                           lo presente…

Gina:                 Vorìa ben dir, mi che son la to migliore amica…

Clara:                Si, si, scusa. Rimedierò prima possibile, comunque, te disee prima che Gilberto

                          no el me ha crea problemi. Lu el dise che sen na coppia moderna e aperta. Mi

                          posse aver le me passion e lu anca.

Gina:                Ma el to Gilberto no lé el me Toni, lù no lé un compagno APERTO.

                         Lé come na serracinesca!

Clara:               No sta infassarte la testa prima de l’ora! Te ghe spiega che ti te ha queste necessità

                         e te sente cosa che el te dise. In fin dei conti se tratta de andar a scuola, no anden

                         mio in discoteca o a far le sceme par strada?!

           

Gina:                Va ben, mal che la vae, el pol dirme che no l’è d’accordo.

Clara:              No sta esser cussì pessimista. Se sentìn doman, intanto mi vàe in centro e me informe

                        par i corsi serali e se Toni nol crea problemi se iscrivén.

Gina:               Si, va ben. Però Clara dopo te deve aiutarme, ne mancherà libri, quaderni, mi

                        no me ne intende.

Clara:              Varda, fen una roba alla volta. Ti parla co Toni e dopo proceden, adès (guardando

                       l’orologio) asseme andar via se no no combine pì gnent!

Gina:              Va ben, a doman ciao.

Scena 7 ( Gina e Toni)

( Gina si guarda allo specchio, fa qualche smorfia, raddrizza le spalle inizia a camminare ancheggiando ecc…)  (guarda l’orologio)

Gina:             Svelta Gina, scalda la minestra!

(inizia i preparativi, tovaglia storta, posate messe male ecc…)

Toni:             Femena! Elo pronto?

Gina:             Si, si, un momento!

( Toni si siede a tavola e Gina mette la minestra nei piatti)

Gina:            Ecco qua.

( Gina si siede e iniziano a mangiare)

Gina:             Che giornata! Oggi l’è stat un viavai de gente.

Toni:             Ho vist arrivar la Clara.  Lé dessavida.

Gina:             La Clara, quei dell’ENEL….e dopo

Toni:             Lé dessavida!!

Gina:             Cossa?!

Toni:             La minestra!!!

Gina:             Ecco el sal. E ti sempre co i stivai vero?

Toni:             Te lo sa, no l’è quei che use par i stavoli…ogni volta co sta storia

Gina:             Varda, oggi no me rabbie parchè, ho anca mi qualcosa da farme perdonar.

Toni:             Par via? Cossa elo succès?

Gina:            Prima che arrivesse la Clara, l’è venuo qua do tipi, i me ha dita che i era mandadi

                     dal’ USL .

Toni:            E dopo?

Gina:            Eh, i me ha fat do tre test e ho dovuo pagar 50 euro.

Toni:            50 euro?

Gina:            Si, i me ha dita che era un anticipo e che andando al distretto sarìe stata rimborsada.

Toni:            E naturalmente ti te ghe si cascàda.

Gina:            Si, i me parea gente par ben…Dopo l’è arrivà la Clara e la me ha contà che anca a

                     ela ghe ha succes la stessa roba, e la ha pagà 100 euro….se vede che i va a simpatie.

Toni:            Ma che simpatie! Disen che voi  se do oche!

Gina:           No sta offender!

Toni:           Mi no offende, le la verità. Voi do pode darve la man, se do povere credulone…

                   dise mi, come se falo a cascarghe…parchè no setu venuda a ciamarme ? Li faseve

                   correr col forcon!

Gina:          Te ha rason, son proprio mortificada…..ho anca un’altra notizia.

Toni:          Ancora?!

Gina:          No sta rabbiarte però.

Toni:          Basta che te me dise.

Gina:          Mi e la Clara,aven pensà de iscriverse a na scuola serale.

Toni:          Una scuola serale? Voi do?

Gina:          Si, no l’è gnent de mal. Anden a istruirse , pa no farse sempre fregar in te ste maniere.

Toni:          Sa cosa che te dise, son preocupà par i professori.

Gina:          Ecco, te ne ciol anca in giro.

Toni:          Ma dai,scherzave! Però se posse dirla tutta, speren che i ve insegne a deventar

                   un pò pi furbe e dopo che i te insegne a far mejo da magnar.

Gina:           No l’èra bona la minestra?

Toni:           Si, ma son anca un po’ stuf de minestra co i fasioi, minestra co la pastina, minestra co le

                   verdure,verdure co la minestra, minestron….brodin e, sempre tut dessavio.

Gina:          Allora posse andar a scuola co la Clara? No l’è problemi? 

 

Toni:          Ma va dove che te vol, me basta che no me toche anca prepararme el magnar parchè

                   te deve studiar! Ammesso che te sia bona!(con fare ironico)

ATTO SECONDO                          

Scena 1 ( Gina e Toni)

( la casa è in ordine,ci sono qua e là dei pacchi di libri. Gina è vestita molto più elegante e

alla moda.Porta gli occhialini che la fanno sembrare un’intellettuale. Mentre sbriga dei

lavoretti studia una poesia con il libro in mano)

Gina           C’era il suo volto dietro il vetro di quella finestra

                   lo sapevo, era lì

                   nascosto dai fiori della ginestra.

                   Quegli occhi tristi guardavano il paesaggio

                   scrutando il viale di alberi,

                   cercando il coraggio

           

                                                      

Gina:          Beh! intanto le prime due strofe le ho quasi imparate.

 (suona il telefono)

Gina:          Pronto? Ciao, Clara.

                   Guarda, sto proprio imparando la poesia.

                   Tu come sei messa? Bene.

                   Si, dopo vado in biblioteca, devo prenderti qualcosa?

                   Va bene, penso che sarò li fra mezz’ora, OK. Ci vediamo lì, ciao.

(spolvera, e mentre va su e giù ripassa la poesia)

Gina:         C’era il suo volto dietro il vetro di quella finestra

                   lo sapevo, era lì

                   nascosto dai fiori della ginestra.

                  Quegli occhi tristi guardavano il paesaggio

                  scrutando il viale di alberi,

                  cercando il coraggio

(prende in mano il libro, legge)

Gina           Chiamami, chiamami non aspettare

                   o mia dolce  principessa

                   lasciati amare.

                   

                   

 (entra Toni)

Toni:           Gina! No te doveva andar in piazza?

Gina:           Si, (Gina sta studiando alza appena lo sguardo) in banca e dal commercialista.

Toni:           Basta che te me vàe sol in banca parchè deve pagar el mangime….

Gina:           E dal commercialista?

Toni:           No, no, la le meio che ghe vàe mi…..no se pol sempre tàser.

                    La prossima volta dirò anca mi la mia.

Gina:           Ma scusa a che riguardo?     

Toni:           Mi la merenda par i so impiegati no ho pi intenzion de pagarla.

Gina:           Ma si può sapere di che stai parlando? Non puoi essere un po più chiaro?

Toni:           Si, si sarò più chiaro, anzi limpido! In poche parole, no capisse parchè fra

                    le varie robe che ho da pagar, el commercialista el me mette anca la

                    merenda par i so impiegati….(fa vedere a Gina una cartellina con dentro alcune

                    carte)…che i ghe la paghe lu che lé el so paron!

Gina:          Antonio, continuo a non capire…

Toni:          Varda qua, l’è l’elenco del conto.

                   Compilazione denuncia redditi…

                   Fotocopie documenti….

                   Raccomandate…e dopo qua, lé anca la colazione.

Gina:          Fammi vedere…mi sembra una cosa strana…..denuncia redditi…. fotocopie…..

                   raccomandate….collazione! Ma, Antonio, qui c’è scritto collazione e archiviazione

                   fascicoli!

Toni:          Si, e mi cossa che te ho dita?

                   In fin dei conti, se i so impiegati a metà mattina i vol un caffè par tirarse su, che

                   i lo mette sul so conto, no sul mio!     

Gina:          Ma guarda che ti stai sbagliando….ma cosa ti sei messo in testa?

Toni:          Mi al massimo un capèl….satu cossa che pense, bisogna esser un poc pi cativi

                   e aver el coraio de protestar.

                   A tàser sempre, a far i boni, va a finir che te passa par mona…

                   La prossima volta vàe là, porterò a sti impiegati do tre fettine de salame e un termo de

                   caffè. Dopo ghe dirò che la prossima volta i se arrangi col so paron.               

Gina:         Antonio,ti dico che stai sbagliando.

                  Qui c’è scritto collazione con due elle….

Toni:         Occiù che na elle de pi o de manco la cambia le robe…

Gina:        (guardando la fattura)  Ma…se non sbaglio…collazione dovrebbe voler dire in

                 questo caso…controllo finale della pratica, prima della sua archiviazione.

                 O comunque qualcosa di simile…penso che in questo caso, una elle in più o in

                 meno dia un significato alla parola completamente diverso.

Toni:        Va ben, sarà come che te dise ti…Comunque par oggi me basta che te me vàe in

                 banca che deve pagar el mangime. Te me trova de fora…(esce)  

Gina:       Va bene Antonio. (ricominciando a studiare)

(Gina, sfoglia ancora qualche libro, prende appunti e poi inizia a prepararsi. Si mette i

tacchi a spillo, una giacchina ecc…si prende anche dei libri ed esce)

(dopo qualche attimo entra Toni con un amico)

Scena 2 ( Toni e Gilberto)

Toni:           Dai, vien dentro! Ma varda ti, dopo tanti anni. Almanco se bevén un’ombra

                    insieme…..ma come atu fàt a trovarme?

Gilberto:      Par caso. Te ho vist in tel cortivo, parchè ere drio andar par lavoro dalla fameia

                    che abita qua più avanti…..e ho pensà subito….ma quel là lé Toni!

Toni:           Son proprio contento de vederte, dopo tutti sti anni! Ma che lavoro fatu?

Gilberto:      Mi son macellaio. Fae su insaccati de porzei.

Toni:            Allora se pol dir che sen un po’ colleghi, parchè mi ho un allevamento de

                     porzei.

Gilberto:       Disen che aven a che far co la stessa merce!

Toni:            Giusto, mi da vivi e ti da morti!   (ridono)

Toni:            Te ricordetu? Mi, ti, Arturo…e…

Gilberto:       Giacomo.

Toni:             Proprio, no me pensave pì de Giacomo…..che bela banda.E quando che

                      se andava  fin a Spilimbergo a trovar le tose?

Gilberto:       Eh, ostia! Anca quele de Spresian…..e de Godega!

Toni:            Che tempi, cossa che me piasarìa ripassar dei bei momenti cussì, in compagnia.

Gilberto:       Magari,(rabbuiandosi) te sa che Giacomo no lé pì.

Toni:             No!?  No so gnent!Da quando?

Gilberto:       Ho, savuo da  poc anca mi. Lu l’era ‘nda a   viver in Francia, parchè el vea sposà

                     na francese.

Toni:            Si, questo lo savee anca mi.

Gilberto:       Do mesi fa, son andat a farghe su el porzel a dei so parenti e i me ha contà che l’avea

                     problemi de cuor.

Toni:            Come che me despiase.(pausa) Dai, bevi un’altra ombra!E Arturo? Satu qualcosa?

Gilberto:       Co Arturo me trove ogni tant, lu el sta ben anzi, l’è un tipo che ghe tien ala salute,

                     el se riguarda. Te dirò,  sembra che gli anni par lù no i passe, el se gode la vita come

                     che se dovarie far tutti quanti!

Toni:             Quant che l’è che no lo vede…!

Gilberto:        Pensa che el me ha invità ad andar su co lu ale terme de Merano.

Toni:              Ah si?

Gilberto:        Si, mi no son mai andà, ma el me ha contà che oltre ai bagni turchi, de fieno,

                       i fanghi, e tut quel che ghe va drio, lé delle bellissime signorine che le te fa dei

                       massaggi da farte resuscitar.

Toni:               E dopo?  

                  

Gilberto:         E dopo, no lo so, no son mai andà! Ma el me ha giurà che no te tornarìe pi a casa.

Toni:               Me par de vederve, come i pascià a gustarve i oci.(occhi)

Gilberto:         Ma parchè no te vien anca ti? Arturo el sarìe contento!

Toni:               Eh, no dai, mi no posse. Ho i porzei da vardar….no posse molar tut qua ala Gina…

                        e dopo, son sposà….Sarà diese anni che no me move de casa par na vacanza…. 

                       

Gilberto:         Allora, disen che le la volta bona! Anca mi ho una compagna. No te ha un visin

                       de casa che par do tre giorni el te varda i porzei?

                       Del resto, no fen gnent de mal! Anden a tirarse su! La salute l’è importante….

                       doven riguardarse e tegnerse in forma!

Toni:              E magari anca a gustarse l’ocio!

Gilberto:         Anca la vista le importante a na certa età!(ridono)

Toni:              Te la conta giusta ti. No te si cambià, te si sempre el solito!

Toni:              Ma mi, cossa vutu che ghe conte alla me Gina!? Che all’improvviso son preocupà

                       par la salute? Mi che son come na roccia? Mai un’influenza, mai un raffreddor?

Gilberto :       Si, l’è vero, magari la te tira su rogne. Mi par esempio ala me compagna ghe ho dita

                      che vàe a un Seminario de lavoro, sulla macellazione e tecniche d’avanguardia.

                       No che ho paura de ela ma te pol imaginar, par no star la a darghe tante spiegazion…

                       parchè, dita fra noi, le femene le è sempre curiose, e le vol saver tuti i particolari.

Toni:              Te ha proprio rason, no te pol dighe vae a curarme parchè le pretendarie de farte i

                       Raggi X.

Gilberto:        E anca la risonanza magnetica! (ridono)

Toni:             Mi comunque co la mia, no varia problemi. La posse incoconar come che vui.

                      Lé na bona femena, ma la ha ciapà fregade da tutti…la è un poc ingenua…

                     Ades la vol andar a scuola….ma vutu che te dise la mia? O ghe ne in te la testa…

                     o no ghe né! L’è tut inutile!

                

Gilberto:        Alora dai, vien su co noi. Te ghe dis che te vien co mi al Seminario de lavoro!

Toni:             Quasi quasi….ma, no lo so. No lé par ela ma deve anca pensar par i porzei…

                      va ben che podaria domandarghe a Italo un piaser….

Gilberto:        Atu paura de che? Par andar via un pochi de giorni no te more i porzei!

                      Pensa, mi, ti e Arturo….i massaggi, le saune, le signorine….come ai veci tempi!

Toni:             Ma si, in fin dei conti sarà diese ani che no me move de casa. Par la Gina me

                      inventerò qualcosa. Ma cosa elo da far, bisogna prenotar?

Gilberto:       Mi stasera ghe dae a Arturo 300 euro de caparra. Dopo lu el se rangia a far

                     tut vist che l’è andat altre volte.

Toni:             Allora spèta che varde. (tira fuori il portamonete) Adès podarìa dartene 100.

                      Par quei altri 200 però, no so come far.

                      Adès che la Gina la va a scuola,la vol tegner tuti i conti da sola, sia in casa che

                      in banca. La dise che cussì la fa un po’ de pratica de contabilità.

Gilberto:       Te pol dighe che te serve 300 euro par el Seminario.

Toni:              Eh, ho paura che la me impiante rogne! La dise che le massa schei….(pausa)

                      Mi podarie dighe che le sol 100 euro, e quei altri 200 ghe li fae tirar fora a ela.

Gilberto:        No ho capìo gnent.

Toni:             Si, siccome che ela la se fa fregar da tuti queli che vien par casa…..ti, te vien

                      quà e te ghe vende un’enciclopedia. I la comprerà de sicuro parchè ades l’à el

                      balin dei libri. E dopo come anticipo te te fa dar i 200 euro

Gilberto:       Toni, che furbo che te si! Ma mi no ho mai venduo un’enciclopedia, come che fae?

Toni:             No sta preocuparte, te lo dise mi, te la incanta come che te vol!

                      Pensa che adess che la va a scuola, no la vol pì parlar in dialetto.

                      Mi par esempio son sempre stat Toni par tutti, adess ela la me ciama sempre

                      Antonio! Te vedrà che fra poc me toccherà parlar italian anca mi!

                      Piuttosto…. mettete na parrucca, i baffi, qualcosa insomma, giusto par

                      cambiar fisionomia.

Gilberto:       Va ben. Par ti fae anca questo.Tanto, no ciape paura par ste robe qua.

                     Co tute quele che aven fat par el passato! Me par de tornar indrìo de 20 anni!

Toni:             Te me ha capì….su dai inventate qualcosa che mi ghe conterò quela del Seminario.

(si avviano all’uscita)

Toni:             Me raccomando…una roba fatta ben!

(Toni sta per rientrare in casa ma si sofferma sull’uscio)

Scena 3 ( Toni ed Elizabeth)

Toni:             Chi elo quela là….Ma cossa cerchela…? Bon dì!

Eliz:              Good morning!

Toni:             Go moni? La vegni dentro, ala bisogno de qualcosa?

Eliz:              Good morning….sorry….I’m Elizabeth….Mr...Co....Cos....

Toni:            Orpo che bèla tosa (inizia a girarle intorno)  ma no capisse un’ostia de quel

                    che la dise…

 Eliz:             I  come from London. I’m a teacher. I’m seeking mr. Costa.                        

Toni:            No ho capìo  un’acca

Eliz:             Mr Cos ….Cos…(batte dei colpetti sul torace)

Toni:           Torace!

Eliz.:            Oh!  Sorry! Io Elizabeth, non parlare bene italiano. Io vengo

                    da Londra.

Toni:            Ah, se la vien par un’ombra, no l’è problemi prego signorina! (Toni porge una sedia)

Eliz.:             No, no, io vengo da , Inghilterra!          

Toni:            Si, anca mi vango la terra.

Eliz:            Tu non capito bene. Vengo da Londra, Inghilterra...

Toni:          Ah, si! Londra, dove che l’è Tony Blair. Anca mi son Toni.

Eliz;            No, capito Toni?

Toni:           Mi me ciame Toni e tu Elisabetta come regina Elisabetta!     

Eliz:            Oh, capito! Tu nome Toni come Tony Blair io come the Queen. Oh yes!

Toni:       Me fa piazer che te si qua in Italia. No che le bele tose le manche però …

                Prego prego (Toni gli porge una sedia).

Eliz:         No, grazie. Io no tempo. Cercare MISTER CO…..STA.

Toni:        Oh, mi alleve porzei, ma par una come ela un MISTO DE COSTA ghe la trove.

Liz:          (lo guarda perplessa) Tu che dire. Mister Costa am…amministratore! Io sono Teacher mr

                 Costa ha trovato house for me

               

Toni:       (Toni finge di non capire) Teccia o pignatta…ghe ho dita prima che un poca de costa o

                prosciutto de coscia ghe lo trove (fa un gesto allusivo) insomma se combina… 

Eliz:          No, no you no gentelmen, you no good!

Toni:        Eh! Che straniera rabiosa.Quante storie. Fra poc la me morsèga!

                Varda che noialtri italiani ne piase far i complimenti ale bele tose, no sen

                come quele mummie de omeni del nord.                

Eliz:         Good morning!

Toni:        Si si, go moni! Dai su bela bambina, vien de fora che la casa del MISTER

                se la vede dal me cortivo.

               

Eliz:         (lo guarda in modo un po’ diffidente, ma lo segue)

                 Io non so se venire…tu conoscere mister Costa veramente?

Toni:         Si, lui ABITARE QUI VICINO! (escono e si sente la voce di Toni che si allontana)

                  Tu vai per questa strada, 200 metri giri a destra, vedi laggiù la casa…

                 GO MONI!

Scena 4 ( Gina e Toni)

(entra Gina con dei libri in mano)

Gina:        One, two, three, four, five, six, seven, eight, nine ten.Wath’s your name?

                 My name is Gina.

(mentre parla in inglese, nota che il pavimento è perennemente sporco di terra e inizia

a scoparlo)

Gina:             Qui con quegli stivali siamo sempre alle solite. To be or not to be, this is

                      the problem.

(suona il telefono)

Gina:             Pronto? Ciao Clara! Ma dove sei? Ti ho aspettato in biblioteca?!

                      Ah, un contrattempo? Non preoccuparti, ho fatto tutto io, mi sono presa gli

                      appunti di informatica e di computisteria, ma si, non preoccuparti. Questa

                      sera a scuola faremo delle fotocopie.

                      Va bene dai, sono cose che capitano. A proposito, mi porti quel testo di cui

                      ti parlavo ieri ? OK, a questa sera.

(entra Toni con le ciabatte)

Toni:             Gina, situ passàda in banca?

Gina:            (lo guarda dalla testa ai piedi) Cos’è successo?

                    (guarda fuori dalla finestra) Sta cambiando il tempo?

Toni:             Ouh? Ma situ imbriaga? Che discorsi elo?

                      Mi te ho domandà se te si stada in banca, no che temp che farà.

Gina:             Si, lo so. E’ un modo di dire.

Toni:               Va ben, sarà un modo de dir, ma mi continue a no capir nient…

                        Cossa centralo la banca co el tempo?!

Gina:                Mi stavo riferendo al fatto che non sei entrato con gli stivali. Ti sei messo

                         le ciabatte e, lasciamelo dire, non è da te.

Toni:                 Mi, no me capisse. Voi femene se proprio complicade. Se vegne dentro coi                                         

                          stivai te crida che te vol le zavatte, se mette le zavatte te ghe resta mal…..

                          fra poc no vegne neanche pi in cusina. Me toccare farme un rifugio sui stavoi.

Gina:                 ( sorridendo) Ma si dai, Lo sai che noi donne dobbiamo pur

                           dire la nostra.

Toni:                  Su quel, pense che tutti gli omeni de sta terra i sie d’accordo.

                           Voi femene se talmente complicade, che noi omeni par capirve se dovarìe aver

                           na testa grossa….grossa….grossa come un’anguria.

Gina:                  Ma va là, esagerato!

                           Sai chi ho incontrato a scuola?

Toni:                  No lo so. Un che conosce?

Gina:                  Si, lo conosci benissimo, si è iscritto in questi giorni ed è proprio in classe con

                           me e Clara…..dai prova a pensare….

Toni:                  Ma no lo so! No ho proprio una minima idea de chi che el pol aver voia de sera,

                          de studiar…

Gina:                 E invece c’è chi la voglia di studiare di sera ce l’ha. Sto parlando di Italo.

Toni:                 Itaaloo?!  Questa lé  bona, Italo che va a scuola!

                          Co quela zocca de testa che el se ritrova no ghe cresse gnanca i funghi… cossa

                          vegnelo a far là?

Gina:                Guarda che non c’è niente da ridere. Lui si sta applicando molto seriamente.

Toni:                 Ma famme un piacere!! Vorìa esser na mosca e sentir come che l’è ste serate

                         culturali, un pì gnocco de l’altro.

                         Piuttosto sarì e meio che el se trove na morosa, che i anni i passa anca par lu!

                          .

(Gina perplessa continua a sbrigare le faccende Antonio si siede a leggere la gazzetta dello sport)     

Gina:                 Sarà ma io sono convinta di aver fatto la scelta giusta.

Toni:                 Sa chi che le venuo qua prima, intant che te era via.

Gina:                 Chi?

Toni:                 Le venuo Berto. Me par che te ho parlà ancora de lù.

(Gina cerca di ricordare)

Toni:                Quando che ere pi giovane, che andave via co Arturo, Giacomo e Berto…

Gina:                Si, ricordo vagamente, ma non penso di aver conosciuto nessuno dei tre.

Toni:                No penso, lé tant de quel temp che no li vede neanche mi….e oggi par caso

                         el me ha vist in tel cortivo. Pensa che el me ha subito riconosuo.

Gina:                Bene, vuol dire che non sei cambiato tanto.

Toni:                Giusto! E pensa che lavoren tutti due su lo stesso campo.Mi alleve i porzei

                         e lu li macella.

(Gina continua ad asciugare le pentole mentre Toni è impacciato, non sa come affrontare

l’argomento Seminario)

Toni:                Eh….par caso….te sa ….parlando de lavoro….lu el me ha parlà del seminario.

.

Gina:               Seminario? Ossia?

Toni:               Si, no lé na roba che ha a che far co suore o preti….

Gina:               Questo lo so, ci sono i seminari di lavoro.

Toni:               Proprio, proprio cussì, un seminario de lavoro….e…aven …deciso….che…

                        ne tocca andarghe.

Gina:              Tu a un seminario di lavoro?! Ma se sostieni sempre che nessuno può sapere meglio

                       di te il tuo lavoro…ma cosa ci vai a fare?

Toni:               Si, lo so, e son ancora convinto che no ho pi gnent da imparar….semmai podaria

                        andar la e insegnarghe a lori…però Berto…el me ha fat capir che se vien

                       qualche ispettor…te pol dimostrarghe che te ha fat gli aggiornamenti….

                       (Toni cerca scappatoie)

Toni:               L’è un modo par aver manco rogne,te lo sa anca ti che sti ultimi anni co l’Europa

                       Unita no se ghe sta pì drio.                                                         

                                                        

Gina:               Si, non so che dire. Dove si terrà questo Seminario?

Toni:               A Merano.

Gina:               Lo fanno a Merano? Come mai?

Toni:                Parchè, elo qualcosa che no và?

Gina:                Avrei detto che da quelle parti trattassero mele. Non so, mi sarei aspettata

                         una località diversa,  San Daniele, Modena,Parma….ma Merano…

Toni:                Veramente no lé proprio a Merano. Lé un paeset che el se ciama Sauris.

Gina:                Ma Sauris è in Friuli!

Toni:                (non sa più cosa dire) Ma questo…. l’è Sauris Decimo de… Merano. Lé quel del

                         Friul e quel del Trentino. (tirando un sospiro) In Italia i stessi nomi i se ripete

                         par tanti paesi!

Gina:                 Ah, si si, non sto a discutere. Posso venire anch’io? Potrei imparare qualcosa!

Toni:                 (si agita sulla sedia ) No, meio de no. Lè sol par gli addetti ai lavori.

                         Te ghe ciapparie na stuffa!

                         Sarà pien de discorsi, mortadelle,prosciutti, conferenze…insaccati, porzei…penso

                         che me vegnarà  na noia anca  mi!

Gina:                 Come vuoi, del resto io ho i miei inpegni con la scuola…

Toni:                 A proposito de impegni, deve preparar el mangime!

 

(Toni ha la scusa buona per concludere il discorso ed esce)  

                         

(Gina finisce di pulire e suona il campanello)

(Gina apre ed entra Gilberto, con travestimento)

Scena 5 ( Gina  e Gilberto )

Gilberto:            Buon giorno signora!

Gina;                  Buon giorno.

Gilberto:            Le posso rubare 10 minuti?

Gina:                  Giusto 10 e non di più.

Gilberto:             Vedrà che basteranno. Mi chiamo Antonio…

Gina:                  Come mio marito.

Gilberto:             Piacere. Mi occupo di enciclopedie.

Gina:                   Interessante.

Gilberto:              Ho il piacere di parlarle dell’ultima edizione della Quattrocani, lei la conosce?

Gina:                   Il nome non mi è nuovo…ma i cani sono sempre stati quattro?

 

Gilberto:             Nooo! All’inizio ce n’era uno in meno ma qui siamo alla quarta edizione!

                           E’ composta da 20 volumi e 5 CD rom. Descrizioni dettagliate su qualsiasi

                           argomento e bellissime illustrazioni!

                           Lei sa usare il computer?

Gina:                 Ho iniziato da poco….

Gilberto:            Benissimo, non serve esser maestri. Fornisce spiegazioni alla portata di tutti.

                          Dai sette agli ottant’anni!

                          

Gina:                  Interessante. Beh, io ci sto dentro comoda. Certo che, non ne ho mai avuta una.

                           Prima non mi serviva, ma ora che vado a scuola…                           

Gilberto:             Le posso assicurare che è uno strumento indispensabile per chi va a scuola.

                           Sarebbe altrimenti come un ciclista senza bicicletta, mi spiego?

Gina:                  Si, lei si spiega benissimo. Infatti quasi ogni giorno sono costretta ad andare

                           in biblioteca.

Gilberto:             (apre un vocabolario) Signora, mi dica una qualsiasi parola…..

Gina:                    Merlo.

Gilberto:              Me….me….merlo. Uccello dei Passeriformi, comune ovunque, nero il maschio

                             e bruno rossastro la femmina.Onnivoro addomesticabile.Stazionario lungo i

                             torrentelli alpini, ove si immerge per cacciare svariate prede.

                             Merlo si dice anche di persona sciocca e ingenua.

Gina:                    Calza! (nel senso che la definizione è esatta)

Gilberto:               Ca….cal….calza. Indumento a maglia che riveste il piede e parte della gamba.

                              Da uomo, da donna, di lana di seta, di cotone, di nailon ecc…

Gina:                      Straordinaria! Quanto costa?

Gilberto:                 Per il momento solo la caparra di 200 euro, poi man mano che riceverà i volumi

                               pagherà delle piccole rate di 10 euro mensili.

Scena 6 ( Gina, Gilberto, Toni e Italo)

(entra Toni con gli stivali sta parlando con Italo)

Toni:                      Te si un testòn, te ho dita che no lé el momento de taiar la ziesa…

                               Oh, Ah! (si trova in difficoltà perché c’è Berto e cerca di tornare sui suoi

                                passi)

Gina:                       Antonio, Italo! Tornate  indietro!

Toni:                       Vede che te si occupada, torne dopo.

Gina:                       Ma no, che dici! Il signore qui mi sta proponendo un’enciclopedia, datemi

                                il vostro parere….

Toni:                       Oh, mi penso che no la me serve, no lo so, forse par ti che te va a scuola….

Gina:                       Infatti, è a quello che stavo pensando.Avrei tutto qui a disposizione, senza

                               dover andare sempre in biblioteca.              

Toni:                      Vedi ti, par mi me sta ben. (rivolgendosi con fare minaccioso verso Gilberto)

                               Ma elo na bona marca?

Gilberto:                 Direi ottima! Il meglio che può offrire il mercato. E vi dirò di più, la signora

                               avrà modo di sfogliarla per due mesi e se non sarà soddisfatta potrà essere

                               rimborsata…..Su, dica anche lei una parola così si potrà rendere conto della

                               qualità di questi libri.

                           

Toni:                     Vedén….me vien in mente….porzei!

Gilberto:                Ma no, è una parola dialettale. Mi serve una parola di lingua italiana.

Toni:                      Porcelli.

Gilberto:                Mah, non so se è italiano, forse sarebbe meglio dire maiali. Vediamo…..

                               po…po….porc….porcello. Dal latino porcèllum, diminuitivo di pòrculus,

                               a sua volta diminuitivo di pòrcus , porco.Maiale di pochi mesi.

Toni:                      Però! Da quel che capisse mi, la me par interessante!

                               Italo! Vien qua anca ti!Veden se sti libri i va ben! Disi na parola!!!

Italo:                       Antonio, ti ho detto prima che non serve che gridi.

Toni:                       Ma se te si sordo!?

Italo:                       No, ho messo la protesi, ora ci sento benissimo.

Toni:                       E allora , no te podea dirlo prima che te ha mes su l’apparecchio…

                                Lé mezz’ora che te continua a dirme NON SERVE CHE GRIDI, NON SERVE

                                CHE GRIDI ma mi so che co ti ho sempre cridà come un semo…..

                                dai, disi na parola che veden se sti libri qua i va ben! 

Italo:                        Be, non saprei, fammi pensare….amarra.

Toni:                       Be, te podea dirne una pi difficile, no serve che el varde sul libro par saver

                                che l’è el contrario de dolce.

Italo:                       No, Antonio. Non hai capito bene. Amarra con due erre.

Toni:                       Occiù che anca le do erre le cambia le parole, no bastea le do elle.

Italo:                       Certo, Amarra con due erre dall’olandese anmarren ossia attaccare,corda di

                               ormeggio.

Gilberto:                 E’ vero . E’ proprio questo il suo significato!

Toni:                       Orpo, te me sorprende! Dighene n’altra!

Italo:                       Biga.

Toni:                      (mentre Gilberto sfoglia il vocabolario)

                               Ma biga l’è in dialetto….e dopo me dise a mi che no so l’italian!

                               L’è la stessa roba de dir rebalta, bottega….Se no te la sera scampa fora el paron!

Italo:                      Ti sbagli, tu stai parlando della patta, ossia la cerniera dei pantaloni. Io invece

                               intendo per Biga, il cocchio a due ruote che nell’antichità era il carro trainato

                               da due cavalli. Usato anche per le gare di corsa.

(Gina è sempre più entusiasta e Toni sempre più stupito di Italo)

Gina:                    Aspetta….mi viene in mente una parola….l’ho letta ieri in biblioteca.

                             Ca…car…carnotite!

Toni:                    Sta qua però la so…la sembra difficile, la carotide le na vena. Na vena che la

                            corre qua in tel col, se te rompe la carotide…cara mia te more. 

Italo:                    Vero tu stai parlando della carotide, ma Gina ha detto Carnotite, è un minerale.

Gilberto:         (che ha appena finito di sfogliare) Esatto, l’enciclopedia conferma.

Toni:                   Ma ti te sa tutte le parole?              

Italo:                   Magari! ho imparato fino alla lettera G.

(Gilberto si sente un po’ impacciato)

Gina:                   Antonio, che ne pensi?

Toni:                   Mi pense che se dovesse lederla mi, me vegnarìe un mal de testa che no me

                            bastarìe na scatola de aspirine…però…dal momento che te va a scuola…

                            e te piase la lettura….no so forse la te podaria esser utile. 

Gina:                   Allora non sei contrario a questo acquisto?

Toni:                    No, se la te serve…

Gina:                    Però, non ti ho detto che il signore mi chiede 200 euro di caparra…

(Toni cerca di tagliar corto)

Toni:                    Va ben, va ben. Lé sempre meio comprar libri che medicine…

                             Su Italo, anden a continuar i nostri mestieri.

(Toni da una gomitata d’intesa a Berto e invita Italo ad uscire, Gina è entusiasta)

Gina:                     Non vedo l’ora di iniziare a sfogliarla.           

                              (esce, va in un’altra stanza e rientra con i 200 euro)

                             Oh, mi dispiace (guardando una banconota) questa è scarabocchiata.(legge)       

                             Marta, ti amo. Che romantico.

 Gilberto:               (prende i soldi senza badare) Non c’è problema.

                               Mi serve una cortesia, dovrebbe mettere qui, tutti i suoi dati.

                               Sa, i volumi le arriveranno per posta…

Gina:                      Ecco fatto!

Gilberto:                 Benissimo. Signora la ringrazio e tanti saluti! (esce)

(Gina scopa la cucina, va in camera,si prepara, scrive degli appunti per Toni e lascia il

foglio sul tavolo. Prende i libri ed esce)

Scena 7 ( Toni e Gilberto)

(Poco dopo entra Toni con gli stivali, legge gli appunti)

Toni:                  Io vado a scuola. Per la tua cena: scalda solo le bistecche alla

                          Bismark no la torta salata…..bistecche alla bischeee!  No so neanche cossa

                          che vol dir. Quasi quasi era meio quando che se magnava minestra.

(va su e giù per la cucina preparando il tavolo)

Toni:               Me sembra de no esser pì in Italia. El consommè, el soufflè,el timballo,

                        el  patè,le omlette…..me vien da pensar che andando a scuola se se complica

                        la vita.  L’era tanto meio dir…na pastasuta, dei fasioi,do vovi ….almanco no

                        era pericol de far confusion!  Comunque el panin che ho magnà prima co

                        l’ossacol lé anca massa.

(Toni guarda dalla finestra)

Toni:                      A lé arrivà qualchedun. ( Toni apre ed entra Gilberto si è cambiato di giacca e

                               tolto la parrucca o baffi)

Toni:                      Ehi! Berto! Come mai te si tornà?

Gilberto:                Tranquillo, ho appena incontrà to moglie par strada e, ho pensà che prima de

                              andar da Arturo, varia fat in temp a mostrarte questo.

Toni:                      Cos’elo?

Gilberto:               (si siede) Spetta che tiro fora. Lé tut in te la busta.Allora….ecco i to 200 euro

                              e questo a lé el posto dove che doven andar.(mostra il foglio a Toni)

                              I me l’ha dat Arturo l’altro giorno….Varda che lusso….che camere….

                             (indicando con il dito) varda che piscine….el bar….

Toni:                   Miseria! Che lusso!! Varda qua! Mi so andar a caval, e questo l’è un maneggio!

                            Spetta, spetta,(guarda meglio il depliant) queste sarìe le ballerine del night?

 

Gilberto:              Lassù, i fa le robe par ben. I ghe se pi tedeschi che italiani!

     Sarà una roba de 8 stelle!

Toni:                    8 stelle? Dirìe anca de diese! No vede l’ora de partir.

     A proposito co che macchina che anden via? Se ve va ben mi podaria

     metter la mia, basta che ghe cave via el portapacchi e ghe dae na

     lavadina….giusto par esser pi eleganti….se no sembra che sie arrivà i tre

                            contadinotti!

Gilberto:              Ah, lé un dettaglio, co una o co l’altra lé lo stess. Invece in valigia mettete dentro

                            anca un abito elegante…..me disea Arturo che el serve par andar in tel night….

                            passeren de quelle seratine….da brivido!                 

Toni:                   Orpo! Vestito elegante….no savarìa….ho l’abito da sposo!

Gilberto:             Ma te valo ancora ben?

Toni:                  Parchè vutu che nol vae pì ben?

  

Gilberto:             No so. De solito tutti dopo sposadi i se ingrassa.La pansa no la perdona!

Toni:                   No lé pericol, co tutte le minestre che ho magnà!                              

              

Gilberto:             Va ben, va ben, ho capìo. Comunque par sicurezza, daghe na misurada.

Toni:                  Si, si lo provarò, ma te pol star sicuro che no ho gnanca un etto de più de

                          quando che  me son sposà.

(Toni, guarda la finestra)

Toni:                  Na macchina in arrivo.

(si alza guarda fuori dalla finestra)

Toni:                       Ah!  la Gina e la Clara!

Gilberto:    (si alza di scatto) Oh, oh, dove che scampe?

Toni:                       No, ormai resta qua!

Scena 8 (Gina, Gilberto, Toni e Clara)

(Gina e Clara entrano. Toni si accorge della busta, mette dentro velocemente il depliant e i soldi.

Si accorge che non ha tasche e nasconde la busta dietro la schiena)

Gina:                        Su Clara, vieni che ti offro un caffè!

Gilberto e Toni:        Buona sera.

Gilberto:                   Clara, cossa fàtu qua!?

Clara:                        Lei è Gina la mia amica con cui vado a scuola.

Clara:                        E tu Gilberto, come mai qui?

Gilberto:                    Toni l’è el me amigo de tanti anni fa.

Gina:                          Ma che piacere!Allora Carla lui è Gilberto il tuo compagno!

                                  Proprio così…finalmente vi conoscete

(mentre i due si danno la mano, Toni indietreggia e nasconde la busta sotto un vaso di fiori

in un angolo discosto della stanza)

Gina:                            Strano, ho la sensazione di averti già visto…

(Toni con fare allarmato)

Toni:                             Impossibile, mi e lù no se vedén da na vita

                                     Piuttosto, no dovessi andar a scuola?

 

.

Clara:                           Si, io e Gina ci siamo andate ma l’insegnante non stava bene e

 si è deciso di  rimandare la lezione ma tu Gilberto, come mai dal tuo amico?          

Gilberto:                      (leggermente impacciato) Eh.. par lavoro….te sa quel seminario

 che te  disee.

Toni:                           Si …se proprio ne tocca andar … doven metterse d ‘accordo.

Gina:                            Fra quanto partite?

Toni:                            Fra 5 giorni.

Gina:                          Così presto? Come farai con l’allevamento, non penserai che io ti possa

sostituire?

                                   Sai che di maiali non ci capisco niente, e poi con la scuola…

Toni:                           No no, figurate. Ho già parlà co Italo. El vien qua volentieri.

Gina:                           Allora gli lascerò aperto il cancello dell’orto, così potrà passar su e giù più

                                   comodamente.

Toni:                            Si vero. Doman comunque ghe spiegherò un poche de robe sui mangimi.

                                    Ma no penso che el posse aver problemi. Anca lu lé de mestier.

Gina:                            E come mai lui non viene con voi al Seminario?

Toni:                            Ah, (agitandosi) mi no ghe ho domandà, forse i farà a scaglioni par no

  trovarse  co massa gente. Ben ben, meio cussì se no chi che me vardea i

  porzei.

                                     Vorrà dir che quando che el andrà lu, mi ghe varderò i sui.

Gina:                             Si si, fate come volete, purchè non mi mettiate in mezzo.

(Gilberto è un po’ in ansia, non gli piace questa situazione)

Gilberto:                       Toni, se ha fàt tardi .

Gina:                             No, fermatevi ancora un po’. Ho promesso a Clara un caffè.

Gilberto:                       Meio de no, doman me deve alzar presto…

Clara:                            Forse Gilberto ha ragione, sarà per un’altra volta Gina.

Toni:                             Mi, no insiste, ghe sarà altre occasion.

Gilberto e Clara:          Allora buona notte, alla prossima! (escono con sollievo da parte di Toni)

(Toni spegne qualche luce)

Toni:                            Bon, mi ho sonno vàe a dormir. Ti no te vien?                           

Gina:                            Si arrivo subito.

(Toni non vede l’ora che Gina vada a dormire per recuperare la busta e  cerca di tergiversare

ma Gina si accorge che il pavimento è sporco e inizia a pulire).

Toni:                              Dormir le giuste ore l’è importante……alla mattina se se alza co pì

   energie….

Gina:                             Vero l’organismo ha bisogno di ricaricarsi.

( Toni si avvicina più di una volta al vaso con sotto la busta ma non riesce a recuperarla

perché Gina è sempre lì a pochi passi)

Toni:                            E anca chi che studia …el deve star attento a no trascurar el sonno…

                                    la mente cussì la se riposa…                     

Gina:                             Ma non dovevi andare a dormire…come mai ti preoccupi del sonno

  degli altri?

Toni:                             (Toni non ha alternative) Ah, si, giusto, allora vado a lavarme i denti.

 ( Toni va in  camera,Gina prende la scopa)                    

Gina:                            A proposito! Mi stavo dimenticando che oggi ti ho fissato una

             seduta dal dentista!

(Toni risponde dalla camera)

Toni:                            Una seduta!

Gina:                            Si per il detratraggio!

Toni:                            Atterraggio chèèè?

(Si avvicina al vaso di fiori seguendo le tracce di terra.Mentre pulisce scorge qualcosa da

sotto il vaso, prende la busta. Tira fuori i soldi e il catalogo.)

Gina:                            Che bel posto! Merano….caspita….terme….beauty farm….

 (guarda i 200 euro)

                                     Insomma, ti sto parlando della solita pulizia del tartaro!

Toni:                            E allora no servìa una seduta… un appuntamento era sufficiente…

 che anca quel lé longo par i me gusti! 

Gina:                          Ma questi sono i soldi che ho dato al venditore di enciclopedia!!

                                   E’ si, li riconosco….Marta ti amo!

                                    Dai Antonio, aggiornati. Seduta vuol dire anche appuntamento!

                                   Ma cosa ci fanno qui?! C’è qualcosa di strano!

                  

Toni:                           Mi no capisse che italian che i te insegna a scuola! Me par robe da matti!

(Gina rimette tutto a posto, finisce di scopare e spegne la luce. Va a dormire.)

(Dalla camera)

Gina:                            Che ci fanno gli stivali in camera?

Toni:                            Adès li butte fora un momento!

(rientra Toni al buio in pigiama e va subito a prendere la busta

da sotto il vaso ,butta fuori dalla porta gli stivali e ritorna a dormire)

ATTO TERZO

Scena 1 ( Gina e Clara)

(Gina è al telefono in vestaglia, il tavolo è apparecchiato per la prima colazione) 

Gina:                               Si Clara, ti dico che c’è qualcosa di strano…..io, un’idea me la son fatta.

                                       Vorrei sentire anche il tuo parere. Va bene? Tu ora dove ti trovi?

                                       In panificio? Guarda, io sono in casa…quando vuoi.

( Gina finisce di fare colazione, pensa…)

(inizia a sparecchiare, riordina la cucina,intanto si ripassa delle formule)

Gina:                             Rettangolo: Base per altezza.

                                     Triangolo:   Base per altezza diviso due.

                                      Cerchio: raggio per raggio per 3,14.

                                     Trapezio: (guarda sul libro) Base minore per altezza più base

  maggiore meno  baseminore per altezza diviso due.

  No, base minore più base maggiore per altezza diviso due.

Gina:                            Quelli erano i miei soldi……ne sono certa, quella scritta è inconfondibile.

                                    E comunque 200 euro non vanno sotto un vaso da, soli….

(suona il campanello, Gina apre)

Gina:                            Clara, vieni avanti…

Clara:                          Ciao, allora, spiegami questo mistero…(si siede) per telefono non ci ho

capito niente.

Gina:                           Ieri sera, quando voi siete andati a casa, Antonio ha deciso di andare a

dormire.                

Clara:                          Fin qui, nulla di strano.

                     

Gina:                           Io invece ho deciso di riordinare la cucina.

Clara:                          Anche questo mi sembra normale…

Gina:                           Però, io prima di andare a dormire, visto che Antonio indossava i suoi soliti

                                   stivali, ho deciso di pulire il pavimento perennemente sporco di terra…

Clara:                          E Allora? (con interesse)

Gina:                           Allora, ho preso la scopa e ho iniziato a scopare da quel punto.

                                   (mentre parla, ripete la mimica di quando scopava)

 Poi, ho notato anche dello  sporco anche laggiù, seguo le tracce

di terra e, noto un pezzo di carta da sotto il vaso, lo alzo e trovo una busta!

Clara:                          Una busta sotto il vaso di fiori?

Gina:                           Esattamente. Apro e trovo un catalogo di una beauty farm di Merano…

le terme… un albergo …e anche 200 Euro.

Clara:                         Tutto sotto il vaso?

Gina:                           Proprio così. Non ci possono finire da soli LI’ SOTTO.

Non possono essere caduti per  sbaglio LI’ SOTTO…

Clara:                          Direi che sono stati nascosti LI’ SOTTO!!!

Gina:                           Benissimo! Da chi, lo immaginiamo, ma perché?

                                   Oltretutto, una banconota di quei 200 Euro, è la stessa che io ho

dato a un venditore  di enciclopedie e, guarda caso, ricordava vagamente

Gilberto. Ora, che ci fanno di nuovo a casa mia?

Clara:                          Hai ragione tu, qui c’è qualcosa di strano.

Gina:                           E sai cosa ti dico? Questa mattina, ho controllato LI’ SOTTO, e non

c’era più né la busta ne i soldi.

Clara.                          Antonio dov’è?

Gina:                           Come al solito si è alzato presto, ora è nelle stalle…..

Ti rendi conto che ho scoperto  questo grazie a quegli odiati stivali

sporchi di terra?!

                                   Ora, io penso che sia meglio fare un’indagine.

(Gina prende il computer, la prolunga, stende il filo e lo attacca alla presa del telefono)

Clara:                           Da dove cominciamo?

Gina:                           Intanto ci colleghiamo in Internet…(traffica col computer)

Vediamo che cosa c’è  a Merano ….Ecco qua…vedi quella è la beauty farm…che ho visto nel depliant…le terme….

Clara:                          Caspita! Che bel posto! Che piscine, che suite!     Mi viene voglia di andarci!                  

Gina:                           Ora vediamo….Toni parlava di Sauris Decimo di Merano…

.( clicca, traffica)…non  c’è traccia.          

                                   Seminario di lavoro….convegni…ci sono varie voci però niente a che

                                   vedere con il lavoro dei nostri uomini. 

                                                                                

Clara:                          Quindi,tu credi che la loro intenzione  è quella di andare a spassarsela

in una beauty farm?!

                      

(Gina continua a cliccare)

Clara:               ( Clara inizia a ridere) Ma tu riesci ad immaginarteli!?

 Antonio e Gilberto….anzi Toni e Berto alle terme di Merano!

                        Piscine ristoranti di lusso…persone aristocratiche…

 

Gina:               Clara, non gridare…potrebbe rientrare Antonio!

Clara:              (con fare incazzato) bella compagnia…night…serate danzanti…il tutto condito

                       da queste belle hostess (indica il video del computer)

Clara:              E noi? Che ci facciamo qui a studiare?

Gina:              Che bei mascalzoni! (Gina gira per la cucina cercando un’idea)

                       Ecco perché Gilberto mi ha venduto una finta enciclopedia….e io

                       stupida a non capire….avevano bisogno di soldi i nostri cari maritini!

Clara:             Ma io vado a casa e gli spacco la testa, vigliacchi è dir poco

 

                     (Clara si avvia verso l’uscita)

Gina:             No, aspetta. Un po di self control. Ora siamo arrabbiate, calmiamoci e riprendiamo

                      in mano la situazione. Due bei respiri e riflettiamo.

              ( Fanno due respiri e Gina si risiede al computer e clicca)

Clara:           Due bei respiri li ho fatti, forse non bastano, (continua a respirare) mi sento una

                    mongolfiera.

Gina:           Guarda qua. A Marlengo, è un paese prima di Merano…..Fiera….convegni…

                    Appuntamento di richiamo nazionale. Allevamento produzione e conservazione

                    salumi.

Clara:          Quindi?

Gina:          Quindi è lì che loro si fermeranno,faremo in modo che Merano lo vedano solo

                   in cartolina…Marlengo offre tutto ciò di cui hanno bisogno.

                   

Clara:         Porca Bomba! Brava Gina….ma come faremo?

Gina:          Prima di tutto rivoglio indietro i miei soldi.Chiederò aiuto a Roberta, mi deve

                   dei favori e sarà felice di aiutarmi..e poi….e poi, loro non sanno che noi sappiamo…

                   non sanno che noi CON QUELLA SCATOLA Là come la chiama Antonio,li

                   iscriveremo a dei bellissimi corsi di aggiornamento su prosciutti, maiali e …SALAMI!

Clara:        Giusto è quello che si meritano!

(Gina sta ancora trafficando con il computer)

Clara:         Lo sai Gina che i tuoi profondi respiri sono stati molto utili, a perdere la calma

                   si possono fare delle sciocchezze.

Scena 2 ( Toni,  Gina e Clara )

(entra Toni)

Toni:            Sciocchezze, sciocchezze….voaltre do ve ne intendè de sicuro!

Gina:           Può essere ( Gina e Clara si danno un’occhiata di intesa) staremo a vedere.

                    Noi andremo in libreria, serve qualcosa?

(Gina va verso la camera per togliersi la vestaglia)

Toni:           No, i libri li trove indigesti!  

(Toni si guarda intorno)

Toni:          Ma no ve stufè de legger sempre? Varda qua che roba….(indica i libri in cucina)           

Clara:         No, anzi. Più si legge e più ci si appassiona!

Toni:          Sarà anca cussì….mi però me sembra tanto noioso. Par esempio, anca  STA

                   SCATOLA Qua  (indica il computer)

                         

Clara:         Il computer?

Toni:          Si, sto bussolotto. Mi el me da na noia! Vutu metter le immagini de na

                   television? L’è tutta un’altra roba!

Clara:         Ma sono due cose completamente diverse, non ci sono paragoni. Un computer

                   non ha la funzione di un televisore….

Toni:          Secondo mi, una lé na stella e l’altro lè na stalla.

                   Co na television te pol veder le ballerine, na partida de calcio, el meteo…

                   su sto qua (indica il computer) te vede sol scritte e tocca sempre star là a legger..                                         

                   tanto val che me compre un giornal!

Clara:         Ma dici così perché non lo conosci e non lo sai usare. Perché non vieni con noi

                   a scuola…vedresti le cose con occhio diverso. Puoi mandare e-mail, usare excel..

Toni:         No no, no serve. Mi so come veder le robe, no serve no serve el to cel….el mondo

                  lè pien de professori ma strucca strucca…..se no ghe sen noi produttori,nessun

                  el magnarie a mezzogiorno….Credeme, la carta lè indigesta!                        

(Clara fa una smorfia, non vale la pena sprecarsi, tanto non capirebbe)

(entra Gina)

Gina:          Clara, io sono pronta. (Clara si alza)

Clara:          Bene Gina, anch’io. (in coro) Ciao Antonio!

Scena 3 ( Toni e Italo)

(Toni sfoglia un giornale, suona il campanello)

Toni:         Italo, entra entra.

Italo:         Ciao, sono venuto a portarti la roncola. Ti ringrazio.

Toni:        Ma senti Italo,te tocchelo proprio parlar in italian?! Atu desmentegà el dialetto?

Italo:         No, lo conosco ancora! Ma abituandomi a parlare in italiano, mi sento agevolato

                 poi a scuola.

Toni:         Ma fammi un piacere! Prima la Gina, dopo la Clara, adess anca ti…no ghe ne posse pì!                    

                 Varda qua che cusina, lè piena de libri…me tocca portar tanta de quela pazienza!

                 Dai che se beven un’ombra!               

Italo:         Un’altra volta. Ho delle faccende da sbrigare.

Toni:         Te si vestìo da festa, vatu in piazza?

Italo:          No, delle faccende all’allevamento.

Toni:          Ma come , vestìo da festa? No te lavora pì come tutti?

Italo:          Si, quando sono all’allevamento ho gli indumenti adatti ma poi quando vado in

                   ufficio mi cambio.

Toni:          Ufficio?! Ma ti atu anca l’ufficio?!

Italo:           Si, lo ho ricavato dal  garage.

Toni:           Ma a cossa te servelo? Cossa fattu in te sto ufficio?

Italo:            Be, faccio l’imprenditore.

                    Mi hanno spiegato che è importante avere un fax,una fotocopiatrice, un computer, una

                    stampante, un mouse, una tastiera, dei dischetti, un telefonin…  

Toni:            Eh! Tutte ste robe?!! Ma ti satu usarle?

Italo:            Ancora non tanto. Ma l’insegnante mi ha spiegato che quando imparerò ad usare

                     bene il computer, non riuscirò più a farne a meno.

                

Toni:            Ma per piacere….occiù che par allevar i porzei te serve el computer.

Italo:             Si, mi hanno spiegato che posso ordinare i mangimi, fare le statistiche,  l’internet

                     se ho dei problemi, mi aiuta.

Toni:             L’internet el te aiuta?

Italo:             Si. Per esempio, se un maiale ha le orecchie rosse e zoppica, io scrivo sul computer

                      e mi dicono CHIAMA IL VETERINARIO.

Toni:             Fantastico!!(lo prende in giro)

                      E se el porzel l’ha le recce rosse, el va via zot e no el magna?

Italo:             No lo so.

          Ma se io non so dove trovare il veterinario, l’internet mi dice dov’è casa sua, non

                      so, forse gli porto lì il maiale.

Toni:             Te lo dise mi, i te dise COPELO!!!!

Italo:             Insomma, non farmi confusione, ti assicuro che non è come tu pensi.

Toni:             E ti te pensa che imparando a far l’impiegato te tira su meio i porzei?

Italo:            Così mi stanno insegnando….intanto con il robot,i miei maiali si trovano bene.

Toni:            Con Cheee!!!

Italo:             Ho messo il robot nelle stalle, e lui gli da da mangiare e da bere quando serve.

Toni:             Ma statu scherzando?

 

Italo:              No, è vero. Certo che lui non gli da da mangiare quando loro grugniscono, ma all’ora

                      che io ho programmato. Ho notato però che si stanno abituando bene.

Toni:              Ma ti te si mat. Scoltame mi. Sta tecnologia lè pericolosa. Tutte ste robe elettriche, el 

                      Robott! Ma no te sa che se vien su un temporal, el te tira dentro na scarica elettrica

                      che te fulmina tutti i to porzei!! Pa no parlar poi della bolletta!!!

Italo:              Ma mi no penso….

Toni:             Giusto! Ti no te pensa!!! Te riverà na bolletta de corrente che te farà vegner el mal

                      de testa. A metter su le robe, se sta poc.

          Podaria farlo anca mi, ma bisogna anca pensar  a cossa che se va incontro!

Italo:              Alle bollette non avevo pensato….meglio che vado a chiedere al computer.

                      Ah, mi dimenticavo, ora mi puoi trovare a questo numero del cellulare

                      (gli porge un biglietto con il numero già scritto)

                      e di nuovo grazie per la roncola. 

Toni:             Si si, prego prego…..e va a informarte benon su le robe…..sappieme dir qualcosa!

(Italo esce, Toni si mette a leggere il giornale)

(suona il campanello e Toni apre)

Scena 4 ( Toni e Gilberto)

                    

Toni:             Gilberto, situ venuo a cior i soldi? Li aveve sconti sotto el vaso dei fiori!

                     (tirando fuori una busta dalla tasca dei pantaloni)

Gilberto:         No no, te pol tenerli, parchè l’è un imprevisto.

Toni:              Sarie?

Gilberto:         Arturo el me ha dita che se te pòl sarìe da partir stasera!

Toni:               Come mai?

Gilberto:         Parchè l’a  dei problemi col so lavoro, e dal momento che lassù le camere le è

                       disponibili…  

                     

Toni:                Orpo..par mi pol andar ben, però deve sentir Italo e prepararme le valigie.

Gilberto:           Ti allora parla co Italo e dopo te me sa dir.

Toni:                 Spetta un momento. Ghe fae un colpo de telefono. El me ha appena dat sto

                         numero.

Toni:                 Pronto? Italo? Son mi, Toni! Ascolta, te telefono parchè ho un contrattempo.

                         Dovaria partir stasera……no l’è problemi? Allora possitu tornar indio un momento?

                         Va ben, te spette!                                            

                       

Toni:                Co Italo son a posto. Adess basta pensar par la valigia.

                         Però, Berto, varda qua…(va verso il computer) mi ho un presentimento.

Gilberto:           Saria?

Toni:                 Ho el sospetto che le nostre femene le ha capio che no anden al seminario.

Gilberto:           Ma va là! Comincitu ad aver paura?

Toni:                No, ma varda qua sto internet.

Gilberto:          Questo l’è un computer.

Toni:                Si, ma ela i lo ciama internet. Vediti, la l’è scrit WWW Trento it.

Gilberto:          Si, sito!

 

Toni:                Sito sta ti e scolteme.

Gilberto:          Stavo disendo el sito!

Toni:                E chi elo un spagnol?

Gilberto:          No, questo lé el sito de Trento. Se dise el sito, lé come un indirizzo i meil.

Toni:                L’indirizzo dei mei o dei toi?

Gilberto:          E mail, e mail…no centra nient i mei o i toi…no so ben come spiegarme.

                        No me ne intende de ste robe, so che tutti i ciatta, i ciatta ma mi no ho mai città.

Toni:                Mi, manco che manco ste robe qua. Al massimo ciatte su le savatte o i stivai.

Gilberto:          Sta atento, par mi no l’è da farse tanti problemi e te dirò de più, se partìn prima                     

                         no le ha temp par farne tante domande.

Toni:                Te ha proprio rason.

Gilberto:           Ricordate l’abito da sposo. (sorridendo)

Toni:                Certo! E mette dentro anca el costume da bagno, i gemei sui polsi de la camisa,

                         un profumo, el gel par i cavei…

Gilberto:           Mi, ti e Arturo, lassù, in mezzo alle montagne, relax…lusso….

Toni:                 E bella compagnia!!! (si sfregano le mani)

Gilberto:           Mi vae a casa, inizie a prepararme un poca de roba.

                         (sta per uscire e torna indietro)

                        Anden via co la me macchina te valo ben?

Toni:                 Si si, par mi va ben te spette!

(Toni va a prendere una grossa valigia mentre Gilberto esce)

(suona il campanello)

Scena 5 ( Toni e Italo)

Toni:                Vien dentro Italo. Allora se parte stasera, par ti elo problemi?

Italo:                Veramente avrei preferito che tu fossi partito fra 5 giorni, ma non c’è problema.

                         No problem, very well, good…

(Toni lo guarda con aria contrariata)

Italo:                Si, volevo dire va bene.Sai ogni occasione è buona per ripassare l’inglese.

                        È la materia che preferisco, studierei inglese a tutte le ore.

Toni:               Si si ho capio, me sembre tutti matti co sta mania de studiar. Allora

                       sen d’accordo?

Italo:               Si, stai tranquillo. Ora mi organizzo come un fulmine!  

(Italo esce, Toni continua a preparare la valigia e poco dopo arriva Gina)

Scena 6 ( Toni e Gina)

Gina:              Che disastro! Ci sono abiti per tutta la cucina! Che succede?

Toni:              Son drio prepararme la roba parandar via…l’è un imprevisto e doven partir

                      stasera.         

Gina :            Stasera? E Clara lo sa? (in ansia)

Toni:             Penso de si, Berto l’è andat a farse le valigie.

Gina:            Allora, lascia fare a me…così potrai prepararti meglio.

Toni:            Si benon, intanto me fae na doccia. (Toni va in camera)

(appena Toni esce, Gina telefona a Clara con fare ansioso)

Gina:             Clara, sono Gina….lo sai che partono prima? Che dici, ce la fai ad anticipare?

                      Perfetto, ci vediamo.

(Gina si mette al computer,iscrive Toni e Berto al seminario)

Gina:            Bene, ecco fatto….una piccolissima variazione….sia per Marlengo che per Merano.

                     Guai se mi mancasse QUESTA SCATOLA Qua.

                     Ora Gina occupati della valigia….No, questo è troppo elegante, via. Profumo…no,

                     non serve. Gemelli…no,no via questa roba. Meglio mettere dei bei grembiuloni,

                     gli amati stivali….(guarda l’orologio) Caspita, arriva Roberta! (esce subito di scena)                                                          

.(poco dopo suona il campanello)

Scena 7 ( Toni e Roberta)

Toni:           Gina!!! Gina!!!! I sona ala porta!!!!

(Toni entra non del tutto in ordine perché stava facendosi la doccia)

Toni:           Dove ela andata quela femena! (apre la porta)

Roberta:      Salve sono Roberta Dal Negro, piacere di conoscerla.

Toni:          Piacere…(si danno la mano).

Roberta:      Ho portato con me del materiale informativo per meglio spiegarle quello di cui

                    avevamo già parlato per telefono.

                    Sono sicura che ne sarà entusiasta, il suo allevamento le darà grosse soddisfazioni.

Toni:           No so forse la se sta sbagliando. Mi no ho parlà co foresti par telefono.

(Toni ha un atteggiamento diffidente)

Roberta:       Scusi….(finge di guardare meglio l’agenda) Lei non è il signor Italo Zampa?

Toni:              No, no. Mi son Toni par tutti, Antonio par me moglie. Italo l’abita in te quela

                      casa là. 

(Toni indica dalla finestra la casa di Italo)

Roberta:         Oh, mi scusi tanto. Probabilmente ho trascritto male il numero di casa quando

                       il signor Italo mi ha contattata.Che gran bella persona il signor Italo!

(Roberta si avvicina all’uscita)

Toni:             Italo na bela persona? Mi no me par?!

Roberta:        Oh, mi scusi… (torna indietro) mi è sfuggito questo commento sul signor Italo

                      in realtà io non lo ho mai visto.

Toni:             E allora, come fala a dir che Italo l’è bel?!

Roberta:        Intendevo dire che il signor Italo è un imprenditore in gamba, un’ottima persona.

                      Quando ci siamo sentiti telefonicamente ho avuto l’impressione di parlare

                      con un imprenditore con la mente aperta…creda, non tutti sono così…..mi ha

                      descritto tutte le innovazioni che ha attuato nel suo allevamento e devo dire

                      che è stato un colloquio piacevole.

                         

Toni:            La spetti un momento.No lé dita che Italo el sie l’unico imprenditor in gamba…

                     anca mi son un allevator…se ela la ha delle novità veramente interessanti….volarìa

                     saverle anca mi….

Roberta:       Ma certo! Gli allevatori della Romagna stanno sfruttando questo sistema già da tempo

                     e ne sono entusiasti.

                     Le fisserò un appuntamento per telefono ora, mi scusi ma devo andare dal suo vicino     

                     di casa.

Toni:            E, quanta premura! La me disi almanco de cossa che se tratta.

Roberta:       Il signor Italo mi ha spiegato che ha effettuato vari rinnovamenti nella sua azienda ed

                     era molto interessato a questa scoperta scientifica.

Toni:            Ma in poche parole, quei che l’è i vantaggi?

Roberta:       (guardando l’orologio) Va bene, visto che sono qui informo lei e dal Signor Italo

                     andrò dopo.                 

(tira fuori dalla valigetta del materiale cartaceo)

Roberta:       Vede questo maiale? Ecco, questa è la stessa bestia qualche mese dopo.

Toni:            Che bel porco.

Roberta:       E’ stato dimostrato che diffondendo nelle stalle la musica New Age, quando

                     i  maiali mangiano, il cibo viene assimilato in modo ottimale.

                     Questo permette ai suini di sviluppare una massa corporea di 30-50 Kg in più.

Toni:           (scettico) Un momento, me sembra strano che basta metterghe na musichetta par farli

                    ingrassar.

Roberta:       Sicuro! Ma non sto parlando di una musica qualsiasi. Il maiale ascoltando la new age

                     mangia in modo più lento. L’apparato digestivo ne trae dei benefici tanto da dare

                     questi risultati.

Toni:            Ma sta musica dove che se la trova?

Roberta:       Insieme all’impianto che verrà installato nella stalla ci saranno i vari CD.

Toni:            (pensa a voce alta) Però! Mi ho sempre avuo i porzei pì grassi de Italo.

                     Se lù el mette le musichette in te la so stalla….le robe le se gira.

                    Se mi volesse metter le musiche sulla me stalla, quanto me vegnelo a costar?

Roberta:       Il costo complessivo, impianto, installazione più kit di CD,le verrà a costare

                    solo 680 euro. 

                    Se pensa che ogni maiale potrà pesare 50 kg in più, è come fosse già pagato.

Toni:           ( Toni è pensieroso) 680 euro….

Roberta:      Capisco che lei avrà bisogno di pensarci…se vuole può aspettare di vedere i risultati

                    del signor Italo.                  

Toni:           No, no serve. So quando che l’è da pensar e quando che l’è da far.

                    La pol mandarme el tecnico.

Roberta:      In questo caso, prendo nota. Dunque, fra circa una settimana la contatterà un

                    operatore e insieme stabilirete il giorno ideale per l’installazione.

                    Per il momento bastano 200 euro di caparra.

( Roberta tira fuori dalla valigetta materiale e stipula un finto contratto)

Roberta:       Ecco fatto, basta una firma qui.

(Toni tira fuori dalla busta i 200 euro per le terme e li da a Roberta)

Toni:            La me scusi….una domanda….ma i porzei co ste musiche magneli de più?

Roberta:       No, anzi! Mangeranno di meno!

Toni:            I magnerà manco? Me par fin impossibile! 

Roberta :     Le dico con certezza che sarà cosi. Mangeranno di meno e ingrasseranno di più.

                   Questo è dovuto dal fatto che mangiando lentamente avranno prima un senso

                   di sazietà. I principi nutritivi verranno meglio assimilati quindi ingrasseranno,

                   ci sarà però meno scarto.

Toni:           Meno scarto in che senso?

Roberta:      Nel senso che faranno meno cacca.

Toni:            Benon! I magnerà manco, ingrasserà de più e i cagherà meno…meio de cussi

                    se more!!!

Roberta:       E’ per questo che i suoi colleghi allevatori ne sono entusiasti.

Toni:           (fregandosi le mani) Par fortuna che la ha sbaglià indirizzo…..

                    Eh, ora che me pense….prima Italo l’è andat via col veterinario…de questa

                    novità in caso podarie accennarghe mi….   

Roberta:       A dirle il vero non mi dispiacerebbe….mi restano 10 minuti al prossimo

                    appuntamento.

Toni:           La vai pur tranquilla…combine mi co Italo.

Roberta:       La ringrazio. Mi sta facendo una cortesia.( si avvia verso l’uscita)

                    Dica pure che lo contatterò telefonicamente per un nuovo appuntamento!

Toni:           Sicuro!Ma non c’è fretta!  Intanto spete che i me porzei i comince a cresser…e dopo….

                    ghe ne parlerò. Del resto no son el pì mona, anca mi son bon de aggiornarme!

(Toni guarda la busta che contenevano i 200 euro rimane il depliant)

Toni:         Ades come che posse far co sti schei….no ho temp par andar in banca…ma del resto no

                  posse aspettar se no i poezei de Italo i diventa pì grossi dei mii.

                  No podaria sopportar che el me supere…Perché co tutta sta gente studiada

                  fra poc passe par el pi mona 

                  Orpo! Lé meio che me sbrighe, par i schei combinarò co Berto.. 

(Toni toglie dalla valigia i grembiulini e fa dei cambiamenti)

Toni:          Abito da sposo, i gemelli, due tre cravatte….il costume….el profumo…

                   El papillon! E si , se i farà la serata de gala…no posse far de manco…

                   saver però dove che la Gina i lo ha buttà.

(Toni va in camera poco dopo entra Gina ritira fuori dalla valigia le cose eleganti   )

,                    

 (suona il campanello, Gina apre)

Scena 8 ( Gina e Truffatori)

Gina:          Buon giorno.

Truffatore:  Buon Giorno signora.Siamo degli incaricati della ditta Bianchetti,

       io sono Aldo, lui è Giovanni e Giacomo è fuori.

                   Lei è fortunata, è stata sorteggiata ed ha vinto una bicicletta.

Gina:          Sorteggiata? Io? Qual’era il tipo di concorso?

Truffatore:   (leggermente in difficoltà) Beh,..concorso…concorso…Bianchetti!

Gina:            Bianchetti?

Truffatore:     Si, signora. Bianchetti, distribuisce su territorio nazionale biancheria per la casa.

                     Lei non ne ha mai sentito parlare?

Gina:             Sinceramente, no.

Truffatore:     Se lei ci dedica un po’ di tempo, le mostreremo i coordinati per la cucina, per il

                      bagno, per la camera, il materasso…le ciabattine coordinate agli accappatoi, alle

                      vestaglie.. abbiamo lenzuola di seta per l’inverno, di cotone per la primavera,

                      di puro lino  per l’estate…

Gina:             Ma io, non ho vinto una bicicletta? Perché dovrei vedere tovaglie e lenzuola?

Truffatore:      (non si aspettavano questo atteggiamento, visto le volte precedenti) Si, lei ha vinto

                       una bicicletta , ma la procedura è questa. Lei vede la biancheria, valuta l’ottima

                       qualità del prodotto e poi, anche se non compra nulla, le lasceremo una ricevuta.

                       Con quella, si presenterà domenica pomeriggio all’Hotel San Giorgio e la potrà

                       ritirare.Sa noi puntiamo molto sulla pubblicità…

Gina:                Pubblicità?

Truffatore:         Si, anche se lei non compra niente, dopo aver ammirato i nostri splendidi

                          Corredi, le verrà spontaneo parlarne con le amiche e da cosa nasce cosa…

                          Comunque se lei presa dall’entusiasmo volesse comperare qualcosa…

                          lo potrà fare liberamente pensi ….avrà anche la fortuna di poter pagare a rate.

Gina:                  Ma senza farvi perder tempo, scaricate direttamente il mio premio, cosi

                           facciamo prima.Se è vero che l’ho vinto…

Truffatore:          Non si può. Non le possiamo dare la bicicletta perché non c’è nel furgone.

Gina:                  Ma come? L’ho vinta e non me l’avete caricata?

Truffatore:          Dobbiamo seguire la procedura. Veda la nostra biancheria, vedrà ne resterà

                           affascinata! Non si preoccupi, le abbiamo appena spiegato che non c’è nessun

                           obbligo di acquisto.

Gina:                  Se è vero che ho vinto una bicicletta, al posto di venire qui con un furgone

                           pieno di biancheria, dovevate caricarla! Questa è la mia procedura e adesso

                           alzate i tacchi!

Truffatore:          Ma signora! Che modi, perché si arrabbia?

                           Siamo stati così gentili con lei, non c’è motivo…..Venga  domenica all’Hotel

                           San Giorgio…

 Truffatore:         Non è più la stessa donna, è completamente cambiata (tra di loro)

( Gina  apre la porta e li invita ad uscire) 

Gina:                 Ma guarda un po’, non sanno più cosa inventare per vendere..       

( Gina continua i traffici con la valigia, finisce di riordinare)

Scena 9 ( Gina e Toni)

Gina:              Antonio!

Toni:              (risponde dalla camera)  Cossa elo?

Gina:               Visto che voi andate al Seminario di lavoro, io e Clara abbiamo pensato di

                        concederci  una vacanza di riposo….hai nulla in contrario?

Toni:              (risponde dalla camera) No, no! Visto che noi sen via, organizzeve come che ve par             

                       meio! Vegnaria anca mi, al posto de andar a sta noia de seminario…

                       Pensa che me toccherà sentir parlar tut el di de mortadelle salami…da chi che

                       no el varà mai vist un porzel in vita sua.

Gina:           Bene, ne avevamo bisogno! Abbiamo studiato tantissimo in questo periodo e, per noi ...

           

Toni:             (dalla camera) Ho visto come che ghe dè dentro co la scuola….l’è da ammetter che

                      se proprio deventade brave!

(Toni rientra cambiato e con il papillon in mano)

Toni:          (nota vicino alla valigia gli stivali) Parchè te continua a tirarme fora el vestito

                   da sposo , e le robe che ho preparà mi?

Gina:          Si vede che non prepari una valigia da 10 anni. Ti saranno molto più utili

                   gli stivali…cosa ci farai nelle stalle in abito da sposo.     

Toni:           Ah, si, par el Seminario! Brava,ti si che te pensa a tutte le robe.

Gina:           Certo, immagino che ti sentirai molto più a tuo agio quando farete delle prove pratiche                    

                    con questi bei grembiuloni di cerata che con questo costume.  

(Gina fa volteggiare il costume per la stanza)(calano le luci e arriva sera)

Scena 10 ( Italo, Gina, Toni, Elizabeth)

(suona il campanello, entrano Italo tutto elegante ed Elizabeth)

Italo:          Salve …Antonio….ti presento la mia fidanzata Elizabeth.

Gina:         Ciao…Elizabeth, non sapevo che eravate fidanzati!

Toni:          Orpo!.....eh tutto bene? (molto impacciato)

(Toni porge la mano finge di vederla per la prima volta ed Elizabeth ricambia facendo una smorfia)

Toni:          Ma ti la conossitù!

Gina:         Certo è la nostra teacher di inglese.

(Elizabeth di proposito parla solo inglese, tanto Gina e Italo capiscono, Toni non merita)

Eliz:          Good evening, i’m very glad to know you…

Toni           No ho capio na parola.

Gina          Ci ha detto che è felice di conoscerti.

Eliz:          Italo has told of you very well…

Toni:         Ma Italo….no sta dirme….ecco parchè te piase l’inglese….ma come che

                  te ha fat….un come ti….

Eliz:         (rivolgendosi a Gina) Gina, you got a beautiful home….there are many books…

Toni:        Ma come che te la ha conquistada?

Italo:        Sai, a scuola mi applicavo molto in inglese..poi…sai…lei parlava un po’ di

                inglese ed io di italiano…poi io un po’ di inglese e lei un po’ di italiano…

                alla fine abbiamo scoperto che era così facile capirsi…

( Gina va in camera, suona il campanello e arriva Clara con Gilberto)

(Clara ha in mano una valigia piccola, Gilberto una valigia più grande un grembiule da macellaio

e un paio di stivaloni)

Scena 11 ( Toni, Gina,Italo, Elizabeth, Gilberto e Clara)

Toni:        (guarda l’orologio da polso)Berto te si arrivà prima! Ben, ben non importa,

                 mi son pronto. No resta che saludarse

                ( Guardando le donne) 

Gina:        Anche noi siamo pronte!(esce dalla camera con una valigia piccola)

Toni:        Come! Voi se pronte? Partì anca voi stasera par le vacanze?

(Toni guarda Gilberto. Gilberto ricambia con un sorriso dimesso e allarga le braccia con in

mano gli stivaloni)

Toni:         Come che l’è sta storia?

Gina:          Ti ho detto che noi avevamo bisogno di una vacanza. Allora abbiamo pensato di

                   fare la strada con voi.

                   Noi andremo alle terme di Merano e voi vi fermerete prima a  Marlengo al Seminario

                   di lavoro.

Toni:            (non sa più che dire) Ah, Ah…Ma…Marlengo? Ma che roba sarie?

Gina:          Si, ti sei sbagliato. Non era a Sauris Decimo il Seminario, bensì a Marlengo.

                   Si trova a una decina di chilometri da Merano, abbiamo controllato su Internet e

                   dal momento che le terme si trovano a Merano….tanto vale fare la strada tutti insieme.

                    

(Toni e Gilberto sono afflitti)

Gina:           In realtà caro le cose sono andate così. Io e Clara eravamo in pensiero per voi.

                    Abbiamo pensato che con quella strada così lunga voi da soli avreste sempre

                    parlato di maiali salami e maiali e prosciutti e stalle e ancora maiali….3 giorni di

                    di seminario e poi la strada di ritorno e ancora maiali e stalle….così ci siamo dette…

Toni:           GRAZIE….

Gina:           Andiamo su con loro, che con quello che costa la benzina oggi, è tutto un bene….

                    così per strada gli argomenti saranno sicuramente più allegri…vi scaricheremo a

                    Marlengo e noi proseguiremo per le terme….

Toni:           Si, tanto è lì vicino…(con aria rassegnata)

Gina:           Giusto! Poi noi torneremo a prendervi,  avremo tante cose da raccontarvi….

                    e poi saremo anche più belle perché ci concederemo  delle sedute di bellezza,

                    faremo i bagni di fieno, le saune….

                 

Toni:            Ma che mogli meraviglioseee!!!

Italo:            Scusate, abbiamo un piacere da chiedervi. Navigando in internet mi sono

                    innamorato anch’io di quel complesso termale e..vorrei tanto portarci

                    Elizabeth. Spero non sia un problema per voi se facciamo la strada insieme?

Toni:           Comeee!!! Te vol andar alle termeee!!!???

Italo:           Si, non vedo l’ora di passare la nostra prima vacanza.

Toni:           Bravo!!! E chi che varda i porzei?!!

Italo:           Ammetto che tutto è stato deciso poco fa, ma certe volte le scelte dell’ultimo

                    momento sono le migliori…quindi, dal momento che ti avevo promesso di

                    occuparmi dei tuoi maiali , ho già pensato a tutto.

Toni:          Te ha trovà la morosa,te la porta in ferie e te pensa anca ai me porzei…

                   te si proprio deventà un fenomeno!

(Toni ha un fare canzonatorio, tanto ormai va tutto a farsi friggere)

Italo:           Credimi Antonio. Non c’è problema per l’allevamento. I tuoi maiali sono

                    già nella mia stalla.

                    Per qualche giorno farà tutto il ROBOT perché l’ho programmato nella

                    modalità  FULL WORKING SYSTEM.

Toni:           Cossa?!!!

Gilberto:      Chè?!!!

Eliz.:           Antony and Gilbert, i think is very important to learning English.

Toni:           Mi continue a no capir !

Gina:           Ha detto che quando ritornerete da Marlengo vi insegnerà l’inglese.     

                                 

Eliz.:           Tony, tu così avere occasione di capire se a me piacere COSTA o PROSCIUTTO DI

                   COSCIA.

(Toni va vicino a Gilberto prende i suoi stivali, grembiule eccc.. )

Toni:       Caro Gilberto, co tutti sti sapienti che aven qua intorno….no so ti…ma mi…

                pense che al ritorno me iscriverò a qualsiasi roba ….alla formatica..al latino..

                al tedesco..al mail …al cel…al sito…parchè so no fra poc me troverò serà in

                cheba come i me porzei.

(le donne prendono le loro valigie, gli uomini in bella evidenza gli stivali e grembiuli di cerata)

 

.                                                                                     Nadia Zanchetta

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno