Grisù, Giuseppe e Maria

Stampa questo copione

GRISU’, GIUSEPPE E MARIA

di

Gianni Clementi

Personaggi:

Don Ciro: Parroco

Vincenzo: Sagrestano

Donna Rosa

Donna Filumena

Don Eduardo: il Farmacista

Primo atto:

Una donna, è inginocchiata ad un confessionale in proscenio. E’ anziana, si stà confessando. Il prete è nascosto alla vista del pubblico dalla consueta tendina.

Donna Rosa:

Ormai sono vecchia ed è arrivato il momento di dire come sono andati i fatti veramente. Io solo una cosa vi prego: non mi giudicate malamente. Me l’aggia levà stu peso prima di…(fa  le corna) con tutto ‘o rispetto ma sinceramente cchiù tardi è e meglio è! Io mo’ me stongo arrepusanno nu poco, p’ ‘a primma vota dinto ‘a vita mia e voi lo sapete bene! Io ievo a fa’  ‘a cicoria miezzo ‘e campi mimati, cu doie creature ‘ncoppa ‘e spalle, ca si ce penso mo… ‘O saccio, ‘o saccio mo vuie dicite: chesta accumencia d’ ‘o capo, da quando era giovane fine a mo! Ma a me nun me ne importa niente! Oggi voi mi dovete stare a sentire dall’inizio alla fine! Io oggi aggia parlà! E lo sapete perché mi sono decisa a farlo? Pecchè nu mese fa, p’ ‘a primma vota aggio acumenciato a sunnà e mo me succede quasi tutte le notti. Avevo aspettà d’addivintà vecchia pe me ‘mparà a sunnà. L’ho scopeto adesso, cosa significa e vi posso dire la sincera verità? A me nun me piace. E che robba è stu fatto ca ‘a notte te sciti cu chell’agitazione, tutta sudata? I nipoti miei dicono che non mi piace pecché so’ vecchia e che invece i sogni possono essere anche molto belli, ma io, sinceramente, sti sogni belli nun l’aggio fatti ancora a la verità proprio, manco chilli accussì accussì! Sento questi giovani che stanno tutta la notte a volare, a correre, a baciarsi… Io niente. Sto ferma assettata ‘ncoppa ‘a seggiulella, con i ferri e la lana rossa a fà’ ‘e cazette per mia nipote Ninuccia, che tiene sempre i piedini ghiacciati. Poi, a un certo punto, crrrr…crrrr…si sentono cierti rummori…crrrr…crrrr…s’arape ‘o pavimento e io cado abbascio, co tutta ‘a seggiulella, dinto a ‘nu buco niro, ma niro ca non si vede niente. Ma io dico: nun aggio mai sunnato pe’ ottant’anni e si puro l’aggio fatto quann’ero piccerella non me lo ricordo, aggio sempe dormuto pesante cu tutta chella stanchezza ca tenevo ‘ncuollo e mo’ ca me posso permettere ‘e durmì me facite cadè dinto a nu buco niro? E allora tu c’ ‘a tieni cu me! E una ragione ci deve essere ecco pecchè sto’ qua! Voi me lo dovete dire se tengo la speranza di fare qualche sogno nu poco meno scuro, nu poco meno brutto, nu poco meno… insomma. Faciteme arrepusà nu poco! Io vulesse durmì! E allora mo, arapite buono ‘e recchie e statemi a sentire….

Buio

Scena 1

Febbraio, mattina presto.Interno della sagrestia di una chiesa. L’ambiemnte è povero m,a ordinato. Da una tenda entrano 2 uomini. Il primo, giovane, in abiti normali, ol seconodo è un prete, che evidentemente ha appena terminato di celebrare la messa. Ha il capo leggermente piegato, in preda ad un torcicollo. L’altro uomo ha una mano offesa coperta da un guanto nero. Entrano in silenzi. Si comprende dall’atteggiamento dei due, che c’è tensione. L’uomo è piuttosto impacciato e lancia delle rapide occhiate verso il prete. Infine si avvicina al prete e fa per aiutarlo per togliersi i paramenti sacri.

Don Ciro:

Solo. Faccio solo! (l’uomo si ritrae. Il prete fa per togliersi i paramenti, sollevando le braccia sopra la testa e ripetendo..)

Faccio solo faccio.. (ha un gemito di dolore)

Ah! Madonna! (resta bloccato con le braccia in alto)

Vincenzo:

Permettete Don Cì.. 

Don Ciro:

Il collo, Madonna.. ‘o cuollo. (Vincenzo aiuta Don Ciro a svestirsi) Piano, fa chiano, pe carità. (delicatamente Vincenzo sfila i paramenti a Don Ciro. Fa per riporli in un armadio) Il bacio.

Vincenzo:

eh?

Don Ciro:

Il bacio Viciè, il bacio.. (indicando i paramenti. Vincenzo non capisce e si prostra in ginocchi, afferra la mano di Don Ciro e la bacia) che fai Viciè, che fai? (pulendosi la mano) Io devo baciare, io (Vincenzo gli offre la sua mano) ma no, che fai, io devo baciare!

Vincenzo capisce e porge i paramenti a Don Ciro. Don Ciro bacia la stoffa. Vincenzo ripone  tutto nell’armadio.

Vincenzo:

Scusate Don Cì..

Don Ciro:

I’ che piacienza

Vincenzo:

Vi fa male? Avite dormuto stuorto! ‘O cuscino, ve l’ho detto, s’è fatto tuosto! Qua dobbiamo chiamare la materassaia, non potete dormire con quel cuscino. È tuosto!

Don Ciro:

Viciè!

Vincenzo:

Io ve lo dico per il vostro bene.

Don Ciro:

Viciè, nun è iurnata!

Pausa.

Vincenzo:

Vulite ‘nu cafè? V’ ‘o faccio, ‘o vulite? (Don Ciro non risponde)

Don Ciro:

Vergognati!

Vincenzo:

Don Cì che ci posso fare, se non mi viene, non mi viene!

Don Ciro:

Non ti applichi

Vincenzo:

Nun è overo, mi applico, ma nun me venerdì

Don Ciro:

Stammi a sentire (intona un canto religioso) Alleluia, A A  lleluia, Alleluiaaaa.. è facile! Alleluia, A A A  lleluia, Alleluiaaaa… prova.

Vincenzo:

Nun me venerdì

Don Ciro:

Facciamo solo la prima parte; Alleluia…

Vincenzo:

Alleluia… (ripete giusto)

Don Ciro:

Oh Alleluia! È difficile?

Vincenzo:

Fino a qua problemi non ci stanno… è dopo! Cu’a musica, cu tutte chelli parole…

Don Ciro:

Tutte chelli parole? È una, una! Alleluia! E poi, scusami tanto ma è mai possibile che in tutti questi anni le Ancelle non ti hanno insegnato l’Alleluia? È ‘a primma cosa ca si impara a nu guaglione!

Vincenzo:

Ci hanno provato e comme no! Ma io mi confondo, Don Cì

Don Ciro:

Ma tu lo vuoi fare il sacrestano?

Vincenzo:

E comme no? A me mi piace…

Don Ciro:

Ti piace?

Vincenzo:

E’ sicuro.. e certamente

Don Ciro:

Viciè, non è per rinfacciare, bada bene! Tu sai che il sacrestano… è un compito delicato. Delicatissimo. Tu sai anche che prima di te.. chi c’era?

Vincenzo:

Procolo.

Don Ciro:

Bravo quindici anni. Senza un lamento. Sempre puntuale. Inappuntabile. Sempre preciso, ordinato, quindici anni non sono uno scherzo. Ti abitui a vivere in una certa maniera. Assettete Viciè. Co ‘o vino sta ‘ncoppa, ‘o calice sta abbascio, ca ‘e campane sonano a chell’ora precisa. Poi il signore.. (si segna)

Vincenzo:

(segnandosi) Sempre sia lodato!

Don Ciro:

Eh.. e doppo? Che decide dopo il Signore?

Vincenzo:

Dicite a me?

Don Ciro:

No sto parlando cu ‘o tavolo! A te, a te.. i’ che pacienza! Il Signore..

Vincenzo:

Sempre sia lodato!

Don Ciro:

E te vuò sta’ fermo! Abbiamo capito! Fammi parlare! Lui (intima con un gesto il silenzio a Vincenzo) decide che Procolo ha terminato il suo percorso terreno e lo vuole là ‘n coppa, insieme agli angeli suoi. Perché Procolo stà là ‘n coppa!

Vincenzo:

E beato Procolo!

Don Ciro:

Lo puoi dire forte!

Vincenzo:

(Alzando la voce) Beato Procolo!

Don Ciro:

Ma tu si scemo?

Vincenzo:

Ah ma voi mi confondete

Don Ciro:

Andiamo avanti. Procolo è vulato là ‘n coppa, a me mi serve un sacrestano e mi ti presenti tu. Adesso dimmi: come ti ho accolto?

Vincenzo:

Bene, Don Cì, bene!

Don ciro:

Oh perché adesso te lo posso dire Viciè la presentazione che mi ha fatto di te suor Ignazia non è che fosse proprio eccellente! Ma purtroppo l’orfanotrofio delle Ancelle del Sacro Cuore ti va a chiudere..

Vincenzo:

Comme m’è dispiaciuto..

Don Ciro:

E lo dici a me!?

Vincenzo:

Coraggio Don Cì

Don Ciro:

Adesso ti si presenta questa opportunità e tu cerca di sfruttarla a dovere. Fra l’altro sei pure avvantaggiato, perché si può dire che tu sei cresciuto e pasciuto in mezzo a le cose del Signore..

Vincenzo:

Sempre sia lodato!

Don Ciro:

Aaaaaaahhhhh..

Vincenzo:

(spaventato) Aaaaaahhhhhh.. ma scusate, io so stato abituato ca quanno sento nominare Nostro Signore devo rispondere..

Don Ciro:

Eh, ma tu sì proprio ‘na tortura! Fammi parlare! Tu Viciè, lo ammetto, non si può dire che sei stato baciato dalla fortuna, anzi… ma questo dovrebbe essere un motivo in più per reagire alla malasorte e combattere le avversità della vita con il sorriso della volontà..

Vincenzo:

Ma io rido, Don Cì, rido! Vuie me facite ridere assaie!

Don Ciro:

Ma comme, io ti faccio ridere?

Vincenzo:

E’ che mi siete simpatico, Don Cì

Don Ciro:

Viciè voglio essere sincero! Tu sì ‘nu bravo guaglione..

Vincenzo:

troppo buono Don Cì

Don Ciro:

Ma non ti applichi

Vincenzo:

nun è overo, Don Cì, nun è overo. Io mi applico…

Don Ciro:

Viciè, scusami tanto, se uno tiene qualche problema, qualche.. come dire, qualche deficienza, bisogna che si applica di più!

Vincenzo:

Nun ve capisco

Don Ciro:

Viciè, voglio essere sincero! Quante mani tieni Viciè?

Vincenzo:

Così mi offendete

Don Ciro:

Ma tu si tuosto?

Vincenzo:

Eh no, Don Cì, così mi offendete!

Don Ciro:

E pecchè, quante ne tieni? (silenzio) una ne tieni, Viciè! Ma io ci passo sopra. E non è facile pecchè, tu non sai Viciè, tu non sai quante lamentele ho avuto..

Vincenzo:

E pecchè?

Don Ciro:

Eh, pecchè, pecchè.. ‘e femmene, tu lo sai comme so’ fatte ‘e femmene.. tu però mai mi dai retta, mai! Quante volte te l’ho detto? Al momento della Sacra Eucarestia. ‘O piattello! Viciè, ‘o piattello! Ll’he ‘a mantenè cu ‘a mano bona! E tu niente! Sì tuosto! ‘E femmene s’impressionano a vedè ‘sto guanto niro niro sotto ‘a vocca.. però Viciè, non esiste un sacrestano al mondo che non sa cantare l’Alleluia! Tu devi imparare! Non può essere. Tu te ll’he ‘a ‘mparà. È facile. Proviamo ancora, su! Alleluia, A, A… la senti la nota?

Vincenzo:

Io la sento, ma non mi viene

Don Ciro:

E prova, prova!

Vincenzo:

Me metto scuorno

Don Ciro:

Prova viciè! Alleluia..

Vincenzo:

(prende coraggio) Alleluia.. (giusto)

Don Ciro:

A.. A..

Vincenzo:

A.. (giusta) A.. (la sbaglia)

Don Ciro:

Con calma di nuovo. Alleluia..

Vincenzo:

Alleluia (giusto)

Don Ciro:

A.. A!

Vincenzo:

A.. A..! (sbaglia)

Don Ciro:

(sbottando) A A A Ahhh, ‘o cuollo! Madonna! Il collo!

Bussano alla porta.

Vincenzo:

Arape?

Don Ciro:

Madonna che dolore!

Bussano

Vincenzo:

Arape ‘a porta?

Don Ciro:

Ma tu proprio il sacrestano vuoi fare?

Vincenzo:

A me mi piace

Bussano

Vincenzo:

Arapo?

Don Ciro:

E arape, Viciè, arape.. Ah.. ‘o cuollo

Vincenzo apre la porta, entra una donna ancora giovane, con un pacco in mano. Si chiama Rosa. Don Ciro non la vede.

Vincenzo:

prego donna Rosa, accomodatevi

Don Ciro:

(sconfortato) Abbiamo fatto ambo..

Donna Rosa:

Buon giorno Don Cì

Don Ciro:

Buon giorno, buon giorno donna Ro’

Vincenzo:

(sottovoce alla donna) Oggi non è iurnata!

Donna Rosa:

Don Cì, vi ho portato le uova, dodici, freschissime! Con il freddo che fa fuori, sono calde

Don Ciro:

Eh!

Donna Rosa:

Da bere, Don Cì, da bere. (scarta le uova) sentite, sono calde veramente

Don Ciro:

Eh!

Donna Rosa:

‘O vulite? V’ ‘o faccio ‘o pertuso?

Don Ciro:

Donna Ro’, nun mi piacciono le uova, comme ve lo debbo dire? Non mi piacciono! Non me le portate più!

Donna Rosa:

So’ bone, Don cì, Buonissime!

Don Ciro:

E a me non mi piacciono! E voi donna Ro’ insistete! Non mi piacciono! Le uova non mi sono mai piaciute, che ce pozzo fà?

Donna Rosa:

E io quelle tengo

Vincenzo porta l’uovo alla bocca e produce un rumore orribile

Don Ciro:

Viciè tu sì proprio scostumato!

Vincenzo:

Sono buone, buonissime!

Don Ciro:

(con l’espressione schifata) Oh! Madonna! Ma che v’aggio fatto? Va’ va’ a pulezzà l’altare, va’!

Vincenzo:

Con permesso, donna Rosa

Donna Rosa:

Che tenete Don Cì?

Don Ciro:

Scusate donna Rosa ma non è giornata

Vincenzo:

(uscendo a donna Rosa) Che v’avevo detto? Oggi non è proprio jurnata.. sono buone, buonissime…

Donna Rosa:

Ma che tenite ‘o cuollo stuorto?

Don Ciro:

Il collo, i pensieri..

Donna Rosa:

Se volete me ne vado

Don Ciro:

Non vi ci mettete pure voi! Io lo so perché siete venuta. Avanti, facimmo ampressa!

Donna Rosa:

No Don Cì, questa settimana Antonio mio mi ha fatto scrivere da Marianuccio solo due righe perché dice che Marianuccio non teneva tempo

Don Ciro:

Ma pecchè, scusate quando Marianuccio scrive poco, sapete leggere?

Donna Rosa:

No è che mi sono trovata a passare alla farmacia e Don Eduardo gentilmente s’è prestato. Tanto erano solo due righe

Don Ciro:

E certamente Don Eduardo ve le può leggere, visto che si tratta solo di due righe. Tanto p’ ‘e papielli ci pensa Don Ciro pecchè Don Ciro che tene ‘a fa’? Don Ciro sta bene, Don Ciro tiene tutto il tempo che volete!

Donna rosa:

Però Don Ciro, guardate che a Don Eduardo c’ho portato un uovo solamente.

Don Ciro:

Ma per me gli potevate portare pure tutta la gallina! Donna Rò, io capisco la vostra buona volontà, ma: pe’ piacere, pe’ carità, ve lo chiedo in ginocchio, nun me portate chiù ove!

Donna Rosa:

Mi dispiace che vi siete offeso don Cì, ma sapete comm’è?...Aggiu penzato che siccome erano solo due righe, non ci potevano stare cose intime. Mai mi permetterei di fare leggere cose intime a Don Eduardo, Don Cì, con voi è diverso… Comunque, non vi preoccupate ca ‘a prossima vota, pure se mi fa scrivere tre parole, ve le faccio leggere a voi, nun ve pigliate collera.

Don Ciro:

No guardate, forse non mi sono spiegato bene: quello che volevo dire, è che in questo paese benedetto non ci sto solo io a saper leggere e allora…..

Donna Rosa:

Ma voi tenete il segreto.

Don Ciro:

Ma vi devo dire la verità? Io tutte queste cose intime che dite voi non me le ricordo proprio!

Donna Rosa:

Eppure le avete lette, Don Cì, eccome se le avete lette…..

Don Ciro:

E io non me le ricordo!

Donna Rosa:

Ma comme…. quella volta che mi avete fatto diventare tutta rossa…..

Don Ciro:

Pure! Ma vuò verè ca so’ stato io?

Donna Rosa:

Possibile che non vi ricordate……’e tre….(Indica il numero 3 con le dita)

Don Ciro:

Ma quella era un’ernia inguinale, un fatto medico, che c’entra con l’intimità, Donna Rò!

Donna Rosa:

C’entra, c’entra, eccome se c’entra. E se vi capitava a voi che la sera vi coricavate cu ddoie, e ‘a matina ve scetàteve cu tre?

Don Ciro:

Ma voi lo sapete che sforzi si fanno in miniera?

Si affaccia Vincenzo.

Vincenzo:

Don Cì, aggiu pulezzato l’altare, che faccio, vaco a pulezzà i candelabri?

Don Ciro:

Se non è chiedere troppo…

Vincenzo:

Vabbuò, va! (Si ritrae)

Don Ciro:

Per esempio, a chillo ‘a guàllera nun ce vene!

Donna Rosa:

(Dopo un tempo) ‘O criaturo mio, comme va?

Don Ciro:

Non va! ‘O criaturo non va!

Donna Rosa:

Pure si non va! Deve andare don Cì, deve andare!

Don Ciro:

Donna Rò, sapete cosa ci vorrebbe p’ ‘o criaturo? Nu miracolo!

Donna Rosa:

E chi ‘o po’ fa ‘stu miracolo? Perché qualcuno l’adda fà, stu miracolo!

Don Ciro:

Donna Rò, Pinuccio vostro tiene solo una cosa dinto ‘a capa: ‘o pallone!

Donna Rosa:

E a me lo dite? Che per fortuna tengo nu zio scarparo…. Ma ‘o sapite quanto costano un paio di scarpe?

Don Ciro:

Secondo me, e ve lo dico perché modestamente me ne intendo, Pinuccio vostro ha delle capacità. E’ veloce, corre comme a ‘na gazzella! Se lo vogliono tenere in prova…e mandatecelo…..E poi dovete sperare in un poco di fortuna….

Donna Rosa:

Ch’aggia sperà, don Cì, ch’aggia sperà! Chella, ‘a fortuna nun è robba pe’ gente comme a nuie….

Don Ciro:

Ma voi lo sapete il Napoli quanto l’ha pagato, Vinicio?

Donna Rosa:

E mo chie è chisto?

Don Ciro:

Ma comme chi è chisto, Vinicio, Luis Vinicio…’o brasiliano, il centravanti del Napoli, il più grande centrattacco d’ ‘o munno….’O Lione

Donna Rosa:

Uhhhh, cos tu Lione! Pinuccio me fa ‘na capa tanta!

Don Ciro:

‘O Lione guadagna….che al vostro antonio, non gli bastano due vite a scavare carbone……..

Donna Rosa:

Però nu piezzo ‘e pane, magari niro ‘e carbone, finora ce lo siamo mangiato!

Don Ciro:

Eh, ma se va bene, altro che piezzo ‘e pane niro ‘e carbone! Qui stiamo parlando di companatico! Felle ‘e carne ‘e chesta manera, ostriche, champagne….

Donna Rosa:

Don Cì, l’avete detto voi che Pinuccio corre comme a ‘na gazzella…e lo sappiamo bene che fine fanno le gazzelle! E quanno ‘o Lione se l’è pappata, noi che ci mangiamo? No, no, meglio ca ‘o criaturo si piglia la licenza, don Cì.

Don Ciro:

La licenza…donna Rò, ‘o criaturo scrive come parla!

Donna Rosa:

(Estraendo dalla borsa un foglio di carta, unto d’olio) Ma ‘o criaturo si sta impegnando. Leggete don Cì, leggete. L’ha scritta ieri sera.

Don Ciro:

Se non altro la buona volontà…(Cerca gli occhiali) ‘e llente, addò aggio miso ‘e llente?

Donna Rosa:

‘E tenite.

Don Ciro:

Ah, è overo….’a capa…’e penzieri….

Donna Rosa:

‘O cuollo…

Don Ciro:

(legge) Leggimmo stu rumanzo. “Oggi è stata ‘na bella jurnata. ‘O cielo era azzurro. ‘O sole era giallo, e ‘o mare era azzurro pure chillo. Punto esclamativo. Essendo che era una bella jurnata, ho penzato in capa a me: Pecchè non pozzo andare a fare ‘na bella camminata? Punto interrogativo. Pecchè? Punto interrogativo n’ata vota. E allora ho penzato sempre in capa a me: Io ci vaco” Voce del famosissimo verbo vacare! “E sono ghiuto.” E giustamente, se prima è vacato adesso è ghiuto…”E aroppo sono pure turnato”…donna Rò, ma non lo sentite? Scrive come parla. E’ un esame, donna Rò, un esame! E poi adesso quanti anni tiene Pinuccio?

Donna Rosa:

‘O criaturo, sedici.

Don Ciro:

Eh! ‘O criaturo! E ci sarà un motivo, no, per cui l’hanno bocciato tante volte alla creatura.

Donna Rosa:

Don Cì, io non so come, ma voi mi dovete aiutare, don Cì, Pinuccio la deve prendere questa licenza elementare. Don Cì, se prende la licenza, mi hanno promesso ca ‘o fanno faticà…don Cì,  io nun c’ ‘a faccio cchiù…..Vuie ‘o sapite che tengo sei bocche da sfamare!

Don Ciro:

Ma nun erano cinche? (Donna Rora non risponde) Non mi dite, donna Rò non me lo dite, donna Rò! (Donna Rosa non risponde) E’ overo? (Donna Rosa non risponde) Rispondete!E’ overo? (Donna Rosa fa cenno di si col capo) N’ata vota? ? (Donna Rosa fa cenno di si col capo) Ma comme, donna Rò, comme….

Donna Rosa:

E’ succieso don Cì

Don Ciro:

Ma come è successo, come?

Donna Rosa:

Ma che vulite sapere….proprio?

Don Ciro:

Ma pe’ piacere donna Rò, pe’ piacere….Avevate giurato! Giurato!

Donna Rosa:

A me, me fotte ‘a luntananza.

Don Ciro:

Si, si…’a luntananza!

Donna Rosa:

Ma che vita è questa, don Cì! Che vita è? Ma cumm’è che l’ha studiata ‘sta vita chillo là ‘ncoppa? (indicando il crocefisso.)

Don Ciro:

Donna Rò, se cominciate con le bestemmie….

Donna Rosa:

Ma quali bestemmie, don Cì, pe’ carità! Però questa non è vita.

Ma vi pare giusto a voi come stiamo campando io e Antonio mio? Chillu pover’ommo a morire di freddo, miezo ‘a neve….

Don Ciro:

E non la sempre così drammatica, donna Rò! In fondo alla miniera tutto questo freddo non lo può sentire…

Donna Rosa:

E quanno saglie ‘ncoppa? Ma ‘o sapite vuie che Antonio mio dorme insieme ad altri venti cristiani dentro una baracca ghiacciata e piena di topi ca ‘o rosecano ‘e scarpe?  Là pure ‘e sureci se puzzano ‘e famma….Vivono come schiavi e mangiano pane e ‘nzogna sette giorni su sette?

Don Ciro:

Non mi sembra però che gli mancano le forze ad Antonio, ca ogni vota che scenne ccà, abbascio ‘o paese….

Donna Rosa:

Chesto è pecchè Antonio mio mi vuole bene. A noi ci fotte la lontananza!

Don Ciro:

E dalle cu’ sta lontananza. Sei! Vi rendete conto? Sei bocche da sfamare! (Pensa fra sé.) Voi… (Raggiunge la porta, scruta fuori per controllare che non ci sia Vincenzo ad origliare) E tu che vuoi?

Vincenzo:

Don Cì, aggio pulezzàto tutti i candelabri e mò?

Don Ciro:

E mò? Và a pulezzà il sagrato primma ca vene a chivere.

Vincenzo:

Primma ca vene a chiovere? (uscendo) E si vene a chiovere, ch’ ‘o pulezzo a fa’ ‘o sagrato?

Don Ciro:

Voi mi dovete spiegare una cosa donna Rò…

Donna Rosa:

Dicite, dicite don Cì.

Don Ciro:

Ve la ricordate bene l’ultima volta che vi siete confessata?

Donna Rosa:

E comme no!

Don Ciro:

Ve la ricordate la mia domanda?

Donna Rosa:

E comme no!

Don Ciro:

Donna Rò, avete commesso atti impuri?

Donna Rosa:

No

Don Ciro:

Ancora…Oh Gesù! Era la domanda!

Donna Rosa:

Ah! La domanda….

Don Ciro:

Oh…E ve lo ricordate comme avite risposto?

Donna Rosa:

No!

Don Ciro:

E allora ve lo ricordo io, e midovete spiegare bene il significato di quelle parole, perché io me lo ricordo bene quello che mi avete detto, molto bene: “No!”….Avete risposto: “No!”

Donna Rosa:

E io ch’aggio ditto?

Don Ciro:

Vabbuò, vabbuò….E allora spiegatemi voi: Da quando vi conosco, vi siete  confessata… (Apre un quaderno, lo sfoglia rapidamente) …..Addolorata, Concettina, Crocefissa, Incatenata, Maria Benedetta, Rosa Maria, Rosa….donna Rosa….sei vote! Una ogni due anni! E caso strano ogni volta che Antonio vostro tornava al paese1 E io che vi chiedevo: Donna Rosa, perché siete venuta a confessarvi? E voi mi rispondevate che era così, pè scrupolo ‘ cuscienza, caso mai vi foste dimenticata di qualche peccatuccio….E sei vote mi avete detto che non avete commesso atti impuri. Tenete quasi sei creature donna Rò. Ma voi lo sapete o non lo sapete cosa sono questi atti impuri?

Donna Rosa:

‘O saccio, ‘o saccio….

Don Ciro:

E allora?

Donna Rosa:

Ma scusate….. Antonio è mio marito.

Don Ciro:

E con  questo?

Donna Rosa:

Ma comme, pure co’ marito mio so’ atti impuri?

Don Ciro:

Donna Rò, vuie nun tenite manco l’uocchie pe’ chiagnere, nel vostro caso, con già cinque guaglioni sulle spalle e uno in arrivo, potete considerarli impuri anche con vostro marito!

Donna Rosa:

Don Cì, no! E nun me putite cagna’ ‘e carte in tavola! Io me la ricordo comme si fosse aiere la vostra prima predica in questa chiesa, don Cì, “ Un focolare domestico vero, ha bisogno di tante piccole fiammelle che nutrisceranno…..”

Don Ciro:

“Nutrisceranno” non l’ho proprio detto.

Donna Rosa:

L’avite ditto, l’avite ditto: “ I vostri figliuoli nutrisce ranno…..e illumineranno la vostra casa” E chesto avimmo fatto io e Antonio mio: abbiamo nutrisciuto e illuminato la nostra casa!

Don Ciro:

No! A vosta nun è cchiù ‘na casa! E’ Piedigrotta! E’ Piazza del Plebiscito….

Donna Rosa:

Tante piccole fiammelle! Accussì avite ditto!

Don Ciro:

Si, ma voi cu chesti fiammelle avete esagerato, donna Rò!

Donna Rosa:

E allora avivate essere cchiù preciso! “Un focolare domestico vero, ha bisogno di due piccole fiammelle, massimo tre!” Così dovevate dire don Cì! No ca mo’ mi venite ad accusare di atti impuri…A me? E che dovevo fare? Dopo due anni di miniera, al buio, a respirarsi la polvere di carbone, che ci dovevo dire ad Antonio mio? Leva ‘a mano ‘a coppa ‘a zizza?

Don Ciro:

Pe’ carità donna Rò….

Donna Rosa:

Non mi toccare Antò che la casa sta illuminata bene! Così gli dovevo dire don Cì? 30 giorni ogni due anni. ‘O sapite vuie quanti giorni sono due anni? 730 giorni, l’aggiu cuntati. Tengo un paio di lenzuola bianche, candide, ‘mmaculate. Solo quelle tengo. E d’inverno le asciugo sopra la stufa, pecchè nun ne tengo n’atu paro. E vuie, ‘o sapite qual è ‘a cosa ca me piace cchiù assaje? Svegliarmi la mattina e vedere le lenzuola bianche, immacolate, ca so’ addiventate nere ‘e carbone. Perché Antonio mio si può lavare pure col sapone belghese, ma sempre niro rimane. A me ‘e lenzuole nere ‘e carbone me piaceno assaje!

Don Ciro:

E non lavatele…..chi ve lo nega, donna Rò! Io sto dicendo solamente che di questi tempi è già un miracolo tirare avanti…..

Donna Rosa:

Su questo avete ragione! E’ un miracolo. E io con sei….Io non ce la faccio. Facitelo vuie, chiedetelo a isso (indicando il crocefisso), ma qualcuno questo miracolo deve fare. Pinuccio ‘sta licenza l’adda’ piglia’

Don Ciro:

E’ ‘na parola! Ma che fate….alzatevi…Pensate ‘a a creatura…donna Rò, io vi capisco ma questo è un problema serio. (leggendo il foglio) Lo vedete? (entra Vincenzo) “Aroppe….., ho penzato in capa a me….., io ci vaco,,,,!”

Buoni con due B! Questa è grammatica, donna Rò!

Donna Rosa:

Ma pecchè, Bbuoni non è con due B?

Don Ciro:

Donna Rò, Pinuccio deve imparare a scrivere in Italiano. A scuola bisogna scrivere in Italiano.

Donna Rosa:

Don Cì, sono nelle vostre mani.

Don Ciro:

E no, donna Rosa, no! Io sono un povero prete. Semmai nelle mani del Signore!

Donna Rosa insieme a Vincenzo:

Sempre sia lodato!

Don Ciro:

E tu che vuò?

Vincenzo:

Don Cì….Ma è proprio sicuro che “bbuoni” non è con due B?

Donna Rosa:

Che v’aggio ditto?

Don Ciro:

Che v’aggio fatto ‘e male?

Buio

Scena II

In sagrestia c’è don Ciro che sta confessando donna Filomena.

Don Ciro:

Certo che l’avete combinata grossa, grossissima! Una leggerezza imperdonabile.

Entra Vincenzo cantando “Guaglione” ed attraversa più volte la sagrestia. Don Ciro gli si para davanti.

Don Ciro:

(A Vincenzo) Tu mi devi levare una curiosità!

Vincenzo:

Dicite, don Cì.

Don Ciro:

Ma comm’è che questa la sai cantare? Alleluia no e Guaglione si! Ma comm’è?

Vincenzo:

E’ cchiù facile.

Don Ciro:

Ah, Guaglione è chiù facile di Alleluia!

Vincenzo:

E certamente. Guaglione è guaglione….guaglione ‘o sapimmo che è…..’o sapimmo no?

Don Ciro:

Lo sappiamo, lo sappiamo. E Alleluia?

Vincenzo:

Alleluia?  E che è Alleluia?....Ma nun ‘o sentite? Alleluia….ma che vo’ dicere?

Don Ciro.

Ma comme che vo’ dicere? E’ un’esclamazione di gioia suprema! E’ un saluto gioioso!

Vincenzo:

Ah, pecchè voi quando incontrate a vostro padre, che non vedete da dieci anni, ce dicite Alleluia? Tutt’al più ce dicite: Madonna  papà, Madonna!

Don Ciro:

E invece io gli dico proprio Alleluia; Alleluia papà, Alleluia (Facendo il verso a Vincenzo) Vabbuò?

Vincenzo:

Alleluia? Vabbuò….(Vincenzo esce cantando Guaglione)

Don Ciro:

Viciè!

Vincenzo: (cantando sulle note di Guaglione) Alleluia, alleluia…..

Don Ciro:

(disperato) Ma ch’aggio fatto ‘e male! Veniamo a noi, alzatevi, assettateve….che facite? No ‘lloco! Là. E certamente! Mo ve facite ‘sta bella chiagnuta…..Comodo!, Troppo comodo! Pensateci…..prima di fare queste fesserie, pensateci! Confessatevi prima, no doppo! Ho mai mangiato nessuno? Venivate da me, tranquilla e mi dicevate: don Cì, sto per fare questa fesseria….E adesso? (donna Filomena piagnucola) e poi perché avete aspettato così tanto?

Donna Filomena:

Mi mettevo scuorno….

Don Ciro:

Ma quale vergogna…..chi lo sa oltre me?

Donna Filomena:

Nisciuno, don Cì, nisciuno1 Pe’ carità! Nisciuno l’adda sape’!

Don Ciro:

Ma come avete potuto? Comme?

Donna Filomena:

Un momento di follia!

Don Ciro

Eh! E adesso?

Donna Filomena:

Non lo so, don Cì, non lo so. Sto uscendo pazza!

Don Ciro:

No, qui, chi sta uscendo pazzo, songh’io! Ma che parrocchia è mai diventata questa? Io, quando mi trasferirono, pensai: un paese piccolo, quieto, ameno. E cca sta succedendo l’ira ‘e Dio….. (Si segna rivolto al crocefisso) Scusate! ‘O vedite che me facite dicere? Mi fate nominare invano il nome di Nostro signore!

Donna Filomena:

Sempre sia lodato!

Don Ciro:

E certo! Sia lodato! Continuate a lodarlo così il Signore, continuate!

Donna Filomena:

Ma io ‘na vota l’aggio fatto don Cì, na vota sola!

Don Ciro:

(passeggia) Eh, ‘na vota! ‘Na vota! Ma che vota! Avete sbagliato, donna Filomè!

Donna Filomena:

Lo so don Cì, lo so. E mò che faccio?....

Don Ciro:

Statevi zitta…..

Donna Filomena:

aiutatemi pe’ carità……

Don Ciro:

Zitta! Aggia penzà. (Filomena ha un gemito) Donna Filomè…..mi avete detto proprio tutto?

Donna Filomena:

(Incerta) E comme no…..

Don Ciro:

I’ che convinzione! Voi siete sicura? Mi avete detto tutto tutto tutto?

Donna Filomena:

Veramente…..

Don Ciro:

Avanti, parlate!

Donna Filomena:

Me metto scuorno……

Don Ciro:

Ancora? Ormai l’avete detto, più vergogna di così?

Donna Filomena:

M’ha fatto scrivere.

Don Ciro:

Ma chi? Isso?

Donna Filomena:

Isso.

Don Ciro:

Guardate, guardate…..Che sciagurato! Scrive pure! E cosa vi ha scritto?

Donna Filomena:

E che ne saccio, io nun saccio leggere…..

Don Ciro:

E chist’ è ‘nu paese famoso per il suo popolo di letterati….Date qua, avanti.

Donna Filomena:

Mannaggia ‘a vita mia, ma chi me l’ha fatto fa’!

Don Ciro:

Date qua! (Apre la busta, estrae la lettera) Eeehhh! Guardate qua, guardate…”ammore” con due emme!

Donna Filomena:

C’è scritto Ammore?

Don Ciro:

Pe’ piacere, donna Filomè,! (Legge in silenzio) “Comme ti ho scritto l’ultima vota”…..ma allora nun è ‘a primma vota vota che vi scrive?

Donna Filomena:

No, no, chesta è ‘a terza.

Don Ciro:

E le prime due,  chi ve le ha lette?

Donna Filomena:

Don Eduardo, ‘o farmacista.

Don Ciro:

Ma allora, oltre che leggera siete pure scema! Ma comme? Combinate ‘nu guaio ‘e chesta manera, e vi fate leggere la lettera da don Eduardo? Ma perché non siete venuta subito da me? Da don Eduardo, poi! Ca a chillo ce trase p’ ‘e recchie e c’esce p’ ‘a vocca!

Donna Filomena:

No, no nun c’esce niente p’ ‘a vocca.

Don Ciro:

Che volete dire?

Donna Filomena:

Sto dicendo che don Eduardo, ‘e fatte suoie s’ ‘e fa.

Don Ciro:

E se racconta tutto a qualcuno? Chillo mica tene l’obbligo d’ ‘o segreto….

Donna Filomena:

‘O tene….’o tene…

Don Ciro:

I farmacisti non tengono il segreto professionale, donna Filomè! Ma che lo volete insegnare a me?

Donna Filomena:

Io? Nun me permettesse mai! Però vi sto dicendo che don Eduardo ‘o segreto s’ ‘o tene.

Don Ciro:

E chi ve lo può assicurare?

Donna Filomena:

Ma se vi sto dicendo ca s’ ‘o tene……s’ ‘o tene…..

Don Ciro:

Ma come fate a dirlo?

Donna Filomena:

E iamme bello don Cì, se vi dico ca s’ ‘o tene, s’ ‘o tene!

Don Ciro:

S’ ‘o tene….(realizza) Nun pazziammo donna Filomè…..don Eduardo? (Filomena annuisce) Ma chillo tene moglie e quattro figli!

Donna Filomena:

Un momento di follia!

Don Ciro:

N’ato? Ma vi rendete conto? Io aggio sempre penzato a vuie comme a una donna timorata di Dio! Un esempio di purezza! Un angelo! Voi siete una peccatrice, donna Filomè!

Donna Filomena:

Na vota! Na vota sola l’aggiu fatto!

Don Ciro:

‘Na vota cu chillo, ‘n’ata vota cu chisto e già siamo a due momenti di follia! Donna Filomè, so’ fernuti ‘sti mumienti ‘e follia?

Donna Filomena:

Due momenti, don Cì, due momenti in tutta la mia vita!

Don Ciro:

Guardate, guardate….ammore….

Donna Filomena:

Ce sta scritto proprio amore?

Don Ciro:

Vedete? Voi non vi rendete conto! Voi non vi rendete conto della gravità della situazione! Pecchè la situazione…..è grave assaie! Non per essere scostumato, ma voi tenete anche una certa età, donna Filomè! Io capisco a quindici anni…..non giustifico ma posso capire….giovanetta, inesperta, la primavera…..ma voi donna Filomè! Voi!

Donna Filomena:

Ch’aveva fa? Aggio rinunciato a tutte cose dinto ‘a vita mia….non è giusto don Cì! Non è giusto che per un momento di felicità…..

Don Ciro:

Due momenti di felicità

Donna Filomena:

Proprio a me m’aveva capita’? Proprio a me?

Don Ciro:

Questa è la dimostrazione che sta tutto scritto. Che non è lecito andare contra naturam. Io, per esempio, sono prete e prete aggio arrummanè! Ma pecchè, pensate veramente che io non ho le tentazioni che avete voi? Ma noi siamo uomini e donne, donna Filomè! Teniamo un cervello, una volontà! Non siamo mica animali!

Io ho scelto di combattere le tentazioni, e ogni volta che mi si presentano, io le scaccio con dolore, sofferenza, ma le scaccio! E voi invece, che cosa avete fatto?

Donna Filomena:

Ch’aggio fatto?

Don Ciro:

Voi avete peccato di lussuria! Non una, ma due volte! Con le aggravanti!

Donna Filomena:

Pure!

Don Ciro:

E che aggravanti! Siete sposata? (Accenno di Filomena) Zitta! Voi avete commesso atti impuri al di fuori del sacramento del Matrimonio, donna Filomè! E questa è la prima aggravante!

Donna Filomena:

(Impressionata) E’ grave assaie?

Don Ciro:

Di più, donna Filomè, di più! Per non parlare della seconda aggravante…..

Donna Filomena:

No, pe’ piacere, aspettate ‘nu momento (Scoppia a piangere)

Don Ciro:

Ma siete sicura che….non potrebbe essere che invece è don Eduardo?

Donna Filomena:

No so sicura, sicura….

Don Ciro:

(Passeggiando) E chisto è ‘nu guaio!

Donna Filomena:

Ma pecchè, se era don Eduardo….

Don Ciro:

Grave, gravissimo, ma nu poco meno….questa è ‘na tragedia  (Pausa)

Donna Filomena:

Don Cì…maaa…..ma che …..(Alludendo alla lettera)……che dice?

Don Ciro:

E voi pensate a che dice? No a che ha fatto, a che dice?

Donna Filomena:

Scusate don Cì, ma io me vulesse distrarre ‘nu mumento

Don Ciro:

Vi siete distratta pure troppo, donna Filomè! Troppo! (Apre la lettera con stizza) Ammore mio, comme ti ho scritto l’ultima vota, qui in Belgio si fatica assaie. Quando ho saputo la notizia, stevo sotto a un albero di mele e una mela m’è caduta ‘ncoppa ‘a capa, che a me non mi pareva ‘na mela, ma nu melone….

Entra Vincenzo. Guarda don Ciro, poi donna Filomena.

Don Ciro:

Tu che vuò?

Vincenzo:

Ma si può fare?

Don Ciro:

Che vuoi?

Vincenzo:

No, dicevo se si può fare?

Don Ciro:

Che cosa? Che cosa si può fare?

Vincenzo:

Voi state vestito da confessione, don Cì! Non lo potete negare.

Don Ciro:

E allora?

Vincenzo:

Donna Filomena tiene il velo….Non lo potete negare!

Don Ciro:

E chi lo vuole negare? Chi? Si può sapere che vuoi?

Vincenzo:    

E infatti stavate confessando a donna Filomena e a me questo fatto non mi sembra regolare. E allora, mi domando, il confessionale che ce sta a ffà? Io pulezzo tutte ‘e sere appositamente.

Don Ciro:

Viciè, te lo dico per l’ultima volta: tu non ti trovi qui per farti domande. Tu non ti trovi qui per chiederti niente. Sfortuna volle che le Ancelle del Sacro Cuore ti vanno a chiudere e che tu, orfanello e co’ ‘na mano solamente, pecchè una ne tieni Viciè, sei stato accolto fra queste sacre mura. E adesso arape buono ‘e recchie! Io confesso chi mi pare e addò me pare e quanno cazzo me pare! Hai capito? Io ti dico solo una cosa Viciè: Non esagerare! E mò vattenne! Vai a lucidare la campana!

Vincenzo:

Ma ‘o sapite che tengh ‘e vertiggini

Don Ciro:

Vai a lucidare la campana! Vai!

Vincenzo:

E si cado abbascio?

Don Ciro:

E quando cadi tu? Quando?

Vincenzo:

Don Cì, vi pigliate voi la responsabilità….donna Filomè, voi mi siete testimone….(Uscendo di scena) io mo saglio la ‘ncoppa, guardo ‘a sotto, me venene ‘e vertecene, me gira ‘a capa, sciuleo, cado abbascio e moro!

Don Ciro:

(S’inginocchia davanti al crocefisso) …Voi mi dovete credere, donna Filomè….Non ho mai augurato il male a nessuno in vita mia…sarebbe contrario a tutti i miei principi….ma questo cristiano mi fa uscire pazzo….Questo non è un sagrestano, questo è una sciagura! Una sventura! Una calamità naturale……

Donna Filomena:

E portate pacienza don Cì, nun chiagnite, ve facite ‘o fegato amaro inutilmente, iammo, può essere che GesùCristo v’ ‘o fà ‘o miracolo e ‘o fa cade’ abbascio overamente (Allungandogli la lettera)

Don Ciro:

Ma che state dicendo, inginocchiatevi e chiedete perdono!

Donna Filomena:

Perdono! Don Cì, ‘a lettera.

Don Ciro:

Eh già, l’ammore! (Apre la lettera) “Ammore mio, come ti ho scritto l’ultima vota, qui in Belgio si fatica assaie. Quando ho saputo la notizia, stevo sotto a un albero di mele e una mela m’è caduta ‘ncoppa ‘a capa! A me non mi pareva una mela, ma ‘nu mellone! La mazzata è stata forte assaie!” Attenzione che arriva la chiusa poetica: “E adesso che Madonna facimme?”

Donna Filomena:

‘O vedite, manco isso ‘o sape! Aiutateci don Cì, aiutateci!

Don Ciro:

E calmatevi, lasciatemi il tempo di riflettere. (Pausa) Quindi, se ho capito bene, don Eduardo è al corrente solo della tresca?

Donna Filomena:

Si, si, solo ‘a tresca

Don Ciro:

(Fra se)  Pecchè, se questo sciagurato scrive così, l’ha saputo chiaramente dall’ultima vostra lettera….no no scusate, e chi ve le scrive le lettere?

Donna Filomena:

‘O scrivano

Don Ciro:

Ma qui a Pozzuoli?

Donna Filomena:

No, no, Napoli

Don Ciro:

A Piazza Plebiscito sotto San Carlo?.....Eh…la ‘o fanno buono ‘o caffè! Dunque, ….Se don Eduardo……e chill’ato là ‘coppa…….., comme ‘a giri comm l’avuoti è ‘na matassa ‘mrugliata! E poi scusate, come pensate di fare per la pancia? Già è un miracolo se ancora non si vede niente….

Donna Filomena:

Ma qua’ miracolo, don Cì! Stonghe tutta ‘nfasciata che paro ‘na sasiccia!

Don Ciro:

Mi pareva strano! Aria, aria non stringete troppo. Chella povera criatura…..lasciatela respirare almeno adesso, che dopo ci sarà tempo in quantità per le ristrettezze!

Donna Filomena:

Che scuorno! Aiutatemi don Cì, pe’ carità, che a me me piglia ‘a pazzaria, io me votto a mare, io m’affoco!

Don Ciro:

Pè piacere donna Filomè! (Passeggia) Non tenevate una zia nella Capitale?

Donna Filomena:

Si, si, ‘a zia Assuntina. E’ motra.

Don Ciro:

Non avete parenti in altre città?

Donna Filomena:

Tengo una cugina mia a Caserta.

Don Ciro:

E’ un quarto d’ora di ferrovia, Caserta, donna Filomè! Io dicevo in altre regioni….lontano….

Donna Filomena:

‘A cchiù luntana è Caserta, che vergogna, che vergogna….

(Voce fuori campo) Donna Rosa:

E’ permesso?

Donna Filomena e don Ciro insieme:

Maronna!

Don Ciro:

(Restituendo la lettera a donna Filomena e andando ad aprire) Accunciateve! Sorridete!! Accomodatevi….

Donna Rosa:

(Sorridendo) Buongiorno don Cì….e tu che ci fai qui, Filomè?

Donna Filomena:

M’aggio venuta a cunfessà

Donna Rosa:

Tu? A confessarti? E di che cosa?

Don Ciro:

E se ve lo dice, che confessione è?

Donna Rosa:

Ma questa è una Santa, don Cì, una Santa! Non è pecchè è sora a me, pe’ carità, che potrebbe sembrare che uno tiene interesse…ma Filomena è propria ‘na Santa, don Ciro.

Don Ciro:

Se lo dite voi….

Donna Rosa:

‘O vedite? Diventa rossa! E mica ti devi vergognare, Filomè, se te lo dice tua sorella…

Donna Filomena:

Allora don Cì, io me ne vache. Vache ‘a casa

Donna Rosa:

Ce vedimme doppo.

Donna Filomena:

Vache a cucenà, oggi pasta e patane…

Don Ciro:

Pasta e patane, la famosa pasta e patane di donna Filomena….. Venite vi accompagno. Un giorno di questi me la dovete far assaggiare, nun chiagnite, sorridete! Badate che ci tengo!

Donna Filomena:

Mi raccomando don Cì….(piangendo)

Don Ciro:

Andate, andate, sorridete. Voi adesso vi inginocchiate davanti Santa Lucia e recitate un piccolo Padre Nostro e una bella Ave Maria….(sottovoce) E almeno 50 atti di dolore! (Filomena esce)

Donna Rosa:

Una santa, don Cì. Credete a me…..

Don Ciro:

Se lo dite voi….

Donna Rosa:

Ha rinunciato a tutto Filomena, a tutto, per accudire mammà e papà. Mai un divertimento, mai un ammore…..

Don Ciro:

Manco ‘na vota?

Donna Rosa:

Se vi dico mai è mai, don Cì. La purezza fatta persona.

(Voce fuori campo) Vincenzo:

Don Ciro! Don Cì!

Don Ciro:

(Rivolto verso la scala a chiocciola) Che c’è?

(Voce fuori campo) Vincenzo:

Ma c’è proprio necessità di lucidare la campana? Ma chi vulite ch’ ‘a vede cca ‘ncoppa!

Don Ciro:

‘O vuò fa’ ‘o sagrestano?

(Voce fuori campo) Vincenzo:

E’ alto assai! Me metto appaura! E poi ‘o sapite comme so’ fatte ‘e rondinelle?

Don Ciro:

No, io non lo so,  comme so’ fatte ‘e rondinelle?

(Voce fuori campo) Vincenzo:

Sono piccole ma cacano assaie!

Don Ciro:

Viciè, se vuò fa’ ‘o sagrestano, pulisci e statte zitto!

(Voce fuori campo) Vincenzo:

La campana sta chiena ‘e merda!

Don Ciro:

Tenimme ‘o sagrestano poeta! Avanti, che cosa volete? Un momento…..(Segna sul registro la confessione di Filomena)

Donna Rosa:

Ve lo ricordate che giorno è oggi?

Don Ciro:

Venerdi, pecchè?

Donna Rosa:

(Grave) Eh già! Venerdi!

Don Ciro:

Mò che sarebbe….(imitando il tono) Eh già! Venerdi!

Donna Rosa:

Fra tre giorni, che giorno è don Cì?

Don Ciro:

Se oggi è venerdi, fra tre giorni sarà lunedi, donna Rò!

Donna Rosa:

Eh già! Lunedi!

Don Ciro:

Dura tanto donna Rò?

Donna Rosa:

E lunedi che succede, lunedi?

Don Ciro:

Ancora….,ho parlato con il Consigliere, il Consigliere ha parlato con il Direttore, il Direttore ha parlato con la maestra. Io ho rappresentatola gravità della vostra situazione, donna Rò. Il consigliere ha preso a cuore il vostro caso….. testimone io gli si sono pure inumiditi gli occhi.

Donna Rosa:

Ed è buon segno, don Cì?

Don Ciro.

E non lo so io, ditemi voi. L’unica cosa che….insomma se alle prossime elezioni, vi ricordate di lui, ve ne sarebbe grato.

Donna Rosa:

Don Cì, io e la mia famiglia avimme sempre miso ‘a croce dove c’avete ordinato voi!

Don Ciro:

Ccà parlammo e nun ce capimmo, donna Rò, io non ho mai ordinato niente a nessuno!

Donna Rosa:

Ma don Cì a me mi fa piacere obbedire a un ordine vostro!

Don Ciro:

Ah! Cu st’ordine! (uscendo)

Donna Rosa:

E voi conoscete comme va ‘o munno don Cì! Voi sapete leggere…… (pausa)

Don Ciro:

E allora? (rientrando con la bicicletta)

Donna Rosa estrae un foglio di carta e glielo allunga.

Don Ciro:

(indicando il crocefisso) Lo vedete quel Signore lassù? Vi sembra un postino?

Donna Rosa:

(segnandosi) Pe’ carità don Cì…..

Don Ciro:

Questo non è l’Ufficio Postale, questa è ‘na Parrocchia! E poi tengo che ffa’! Andiamo donna Rò.

(Voce fuori campo) Vincenzo:

(Canta a squarciagola) Guaglioneeeee!

Don Ciro:

(a donna Rosa) Nin ce pozzo penzà….Guaglione si e Alleluia no!!! Ma comm’è’ E dice che è cchiù facile….me fa ascì pazzo….(verso Vincenzo) Statte zitto! Statte zitto!!!!!

Donna Rosa gli mette davanti la lettera. Don Ciro cerca gli occhiali sulla credenza ed è donna Rosa a trovarli.

Don Ciro:

Marcinelle, 10 maggio 1956….Statte zitto….(prova inutilmente a concentrarsi) Niente, nun ce la faccio, nun c’ ‘a pozzo fa’….(restituisce la lettera a donna Rosa e siede affranto mentre Vincenzo continua a cantare)

Donna Rosa:

(a Vincenzo, dolcemente) Viciè, famme ‘o piacere, statte zitto. (Vincenzo cessa di cantare, don Ciro è incredulo) Liggite, liggite don Cì….

Don Ciro:

“Ammore….” dovete dire ad Antonio vostro di non farsi più scrivere le lettere da quel ciuccio matricolato di Marianuccio

Donna Rosa:

E pecchè?

Don Ciro:

Patti chiari, donna Rò: io ve la leggo e dico quello che mi pare, ma vuie stateve zitta sinnò ve ripigliate la lettera e ve ne andate.

Don Ciro:

(continuando a leggere) “Ammore mio, come ti ho scritto l’ultima volta, qui in Belgio si fatica assaie. Quando ho saputo la notizia, stevo sotto un albero di mele e una mela m’è caduta ‘ncoppa ‘a capa! A me non me pareva ‘na mela ma ‘nu mellone! La mazzata è stata forte assaie!” Guardate, guardate che sciagurato. Com’è la vita!

Donna Rosa:

Che belle parole! Ma l’ha fatta scrivere lui?

Don Ciro:

Ma voi lo sapete che una mela ha cambiato il corso della storia?

Donna Rosa:

Adamo ed Eva?

Don Ciro.

Nooo quella è un’altra mela…..una mela caduta ‘ncoppa ‘a capa ‘e nu Cristiano.

Donna Rosa:

Comme a Antonio?

Don Ciro.

Tale e quale.

Donna Rosa:

Ha cambiato la storia?

Don Ciro:

Completamente.

Donna Rosa:

Madonna don Cì, e che specie ‘ e mela era?

Don Ciro:

Una semplice mela. Un albero, una mela, un Cristiano. Tutto uguale. Dipende solo da che capa colpisce ‘sta mela. Se colpisce a Antonio, chillo pensa a vuie e ai guaglioni, se colpisce Isacco Newton….la gravità

Donna Rosa:

E l’hanno ricoverato?

Don Ciro:

Chi?

Donna Rosa:

Chisto pover’ommo, comme avite ditto…Isacco Niutòn.

Don Ciro:

Isacco Niutòn?

Donna Rosa:

Per la gravità?

( fuori campo) Vincenzo:

Guaglioneeeee!

Don Ciro:

(Si blocca con lo sguardo fisso, poi ludido e deciso) E mò basta! Basta!

Don Ciro afferra le corde, che pendono vicino la scala a chiocciola, e comincia a suonare vigorosamente le campane. Sentiamo l’urlo di Vincenzo, assordato dal suono……..

Buio.

SCENA III. Estate, agosto, cicale….è sera.

Mentre sale la luce, scorgiamo Vincenzo che sta spolverando il mobile della sagrestia. Furtivamente apre uno sportello e beve un po’ di vino attaccandosi al fiasco, poi ripone il fiasco nel mobile. Riprende a spolverare, ci ripensa, riapre lo sportello, s’attacca nuovamente al fiasco. Ripone nuovamente il fiasco. Poi si dirige verso il tavolo per continuare a spolverare e con lo stesso straccio si asciuga il sudore. Un telefono nuovo fiammante, fa bella mostra di sé sulla parete. Vincenzo si appresta a lucidare con rispetto anche quello. Improvvisamente il telefono squilla.

Vincenzo:

Sona, sona, sona!

Don Ciro:

(Sopraggiungendo di corsa con il pallone in mano) Che succede?

Vincenzo:

Sona, sona, sona!

Don Ciro:

(appoggia il pallone sul tavolo, corre verso Vincenzo cercando di calmarlo…….il telefono continua a suonare, don Ciro è indeciso sul da farsi….) Calmati! Calmati….(il telefono cessa di suonare) è passata Viciè, è passata. Va meglio? (Vincenzo annuisce, poi ad alta voce vicino all’orecchio di Vincenzo)  Vatte a piglià nu poco d’aria, va e po’  ‘na bella preghiera (Vincenzo annuisce e fa per andare) Ah!! E stuta ‘e candele….

(Vincenzo esce)

Donna Rosa:

Buonasera, don Cì, scusate l’orario, aggiu truvato la porta aperta e so’ trasuta.

Don Ciro.

La casa del Signore è sempre aperta, non vi dovete preoccupare. Che vulite?

Donna Rosa:

Pinuccio, don Cì

Don Ciro.

Che è successo? Assettateve, donna Rò

Donna Rosa.

Stavo a casa…stavo preparando nu poco d’impasto, quando bussano alla porta….

Don Ciro:

E allora?

Donna Rosa:

MI sono alzata e sono andata ad aprire la porta, c’era un uomo, un bell’uomo. Vestito elegantemente, teneva n’accento strano, del nord che mi fa: Siete voi la madre di Giordano Giuseppe?

Don Ciro:

Pinuccio?

Donna Rosa:

Si, songo io! Me tremmaveno ‘e cosce, don Cì! Quello mi guarda e mi fa: siamo interessati a Giuseppe. In questa carta c’è scritto tutto. Pensateci bene e fateci sapere. Noi fino a domani siamo all’Hotel, non mi ricordo un hotel di Napoli, qui ci sta scritto tutto. Che ce sta scritto, che succede don Cì?......(allunga una carta a don Ciro, che la apre e legge)

Don Ciro:

E’ arrivata donna Rò! La fortuna è arrivata! Lo vedete che qualche volta la fortuna è anche dei poveri! Voi dovete gioire, il Signore v’ha miso ‘a mano ‘ncapa…voi dovete ringraziare. Qui ci sta scritto che si deve presentare entro mezzogiorno all’Hotel Santa Lucia di Napoli perché lo vogliono….Gesù!!! Skoglund….Benito Lorenzi detto Veleno….Io ve l’avevo detto: Pinuccio corre comme ‘na gazzella. Deve andare, donna Rò, deve andare.

Donna Rosa:

Dove?

Don Ciro:

A Milano.

Donna Rosa:

A Milano?

Don Ciro:

Pinuccio deve andare a Milano. L’Internazionale!!!! Ma voi lo sapete a Milano quanto può guadagnare anche il più scarso dei giocatori, come pozzo dicere chillo can un ioca mai? Sono un milione, ‘nu milione e miezo all’anno, donna Rò!

Donna Rosa:

Comm’avite ditto?

Don Ciro:

Cento, centocinquantamila lire al mese.

Donna Rosa:

….cento……centocinquantamila……

Don Ciro:

Più vitto e alloggio.

Donna Rosa:

Vitto e alloggio?

Don Ciro:

Mangiare, donna Rò ma mangiare comme mai avete mangiato in vita vostra! Carne tutti i giorni, due volte al giorno, riso, verdura, pasta…

Donna Rosa:

….pure gli gnocchi….?

Don Ciro:

Gnocchi, lasagne, cannelloni, tutto chello ca vulite.

Donna Rosa:

Pure il dolce?

Don Ciro:

Tre volte al giorno. A colazione: 2,3,4 brioche. A pranzo: 2,3,4 fette di torta. A cena 2,3,4 gelati.

Donna Rosa:

Uno mai?

Don Ciro:

Mai! I giocatori faticano, magnano buono, donna Rò! Banchettano. Grazie Signore, grazie….(inginocchiandosi) donna Rò, venite anche voi, ringraziamo il Signore, con le stesse parolo che lui stesso ci ha insegnato…. (recita il Padre Nostro in latino)

Donna Rosa:

Don Cì, ma proprio mo che l’avevano chiamato a vendere i i gelati ad Agnano.

Don Ciro:

I gelati all’ippodromo?

Donna Rosa:

E’ nu posto fisso…e con le mance può arrivare anche a dieci, quindicimila lire la mese. E quest’estate mi hanno promesso un posto allo Splendid di Posillipo.

Don Ciro:

Sempre cu ‘e gelati in mano?

Donna Rosa:

Chillo è nu cinema bellissimo, s’arape ‘ncoppa!

Don Ciro:

S’arape ‘ncoppa, nun pazziammo, donna Rò! Overo facite?

Donna Rosa:

Si

Don Ciro:

Voi avreste davvero il coraggio di far perdere un’occasione del genere a Pinuccio?

Chillo può andare a giocare con Skoglund, con Benito lorenzi detto Veleno…..e voi avreste il coraggio di fargliela perdere per andare a vendere i gelati all’ippodromo? (don Ciro va su e giù per la sagrestia nervosamente…) Ma almeno con Antonio c’avite interloquito?

Donna Rosa:

Eh?

Don Ciro:

C’ avite parlato?

Donna Rosa:

Don Cì, e io la cosa l’ho saputa ora da voi, e poi comme faccio a parlà cu Antonio?

Don Ciro:

Ma possibile che questo cristiano non vi ha lasciato un recapito per le emergenze? Ma che non lo tengono il telefono in Belgio?, Fra l’altro, non so se vi siete accorta, mi hanno  istallato appena da due giorni il telefono nuovo nuovo….vi piace, sta bene qua? Ah, sapete come come possiamo fare noi? Chiamiamo il centralino, il centralino ci mette in comunicazione con la direzione della miniera di Marcinelle…

Donna Rosa:

Madonna don Cì, voi siete proprio sicuro che nun combinammo nu guaio, nun è ca ‘o licenziano?

Don Ciro:

Ma qua licenziano.

Donna Rosa:

E poi non vorrei approfittere…..

Don Ciro:

Questa è una circostanza che merita il mio interessamento….Madonna mia…l’Internazionale….E poi donna Rò, stu telefono l’avimma ‘ngigna’. (Sfoglia il libricino di istruzioni) Ecco qui: per comunicazioni nei seguenti paesi….’o ‘i ‘lloco ‘o Belgio…eccolo qua: Belgio…formare il seguente numero telefonico e restare in attesa delle istruzioni a cura della operatrice del Ministero. Ecco qua. (forma il numero. Resta in attesa. Poi urlando…) Pronto? Prontoooo? (abbassa la voce) No scusate è la prima volta che chiamo, non sono abituato! Ma voi da dove parlate? Da Roma? (rivolto a donna Rosa) Roma! Sembra che state qua…Ma si certo, scusate di nuovo…Mi servirebbe comunicare con la direzione della miniera di Marcinelle…..(pronuncia alla francese)

Donna Rosa:

Belgio, sta in Belgio…..

Don Ciro:

(facendole cenno di fare silenzio) ….Belgio. Si in Belgio. No la esse non c’è proprio (scandendo) Mar….ci…ne….lle Due elle. Zitta, stateve zitta! No, scusate un momento che ancora non lo ricordo a memoria…(apre un foglietto)…..1..2..5..1..Po…zzu…o…li…Certo, scusate….Napoli. Ah bene, allora richiamate voi? Quanto tempo suppergiù….qualche minuto? Benissimo. Grazie tante signorina. Ossequi. Io allora aspetto? Ossequi. (attacca) Donna Rò, non mi facevate capire niente! E stateve zitta almeno quando parlo al telefono!

Donna Rosa:

E’ che sono emozionata, don Cì! Ma che ci devo parlare io?

Don Ciro:

E certamente! E che ci parlo io con vostro marito?

Donna Rosa:

E’ una parola! Ma nuie nun ce parlamme manco quanno stammo faccia a faccia…ma rispondera lui direttamente?

Don Ciro:

Eeeehhh, donna Rò! E chillo starrà abbascio ‘a miniera, dovremo sicuramente fissare un appuntamento telefonico, così lo chiamano in superficie

Donna Rosa:

In superficie? Madonna che guaio! E chi l’addà fissa’ ‘st’appuntamento?

Don Ciro:

Glielo dite voi.

Donna Rosa: E comme faccio? E io mica saccio parla’ ‘o belghese!

Don Ciro:

Belghese? In Belgio che sarà? Fiammingo? Vallone? Sono indeciso tra il Fiammingo ed il Vallone, voi che dite?

Donna rosa:

E io che ne pozzo sape’!

Don Ciro:

Chissà, forse ‘nu poco ‘ francese….

Donna rosa:

E vedite vuie Don Cì!

(entra in scena Vincenzo, con l’asta per spegnere le candele)

Vincenzo:

(urlando)  Don Cì!

Don Ciro:

Madonna!

Donna Rosa:

E che manere!

Don Ciro:

E chisto me fa murì1 Nu iuorno ‘e chisto, mi ritrovate steso sul pavimento, donna Rò, e voi saprete chi è stato

Vincenzo:

(urlando) Comm’avite ditto?

Don Ciro:

Niente, niente, non ce l’avevo con te!

Vincenzo:

Don Cì, aggio stutato tutte ‘e candele! C’è rimasta solo chella longa longa di Santa Lucia. Io nun c’arrivo, stutatela vuie!

Don Ciro:

Viciè, e piglia ‘na seggia!

Vincenzo:

Tengo e vertecene, me metto paura! Tenite. Me pozzo andare a coricare?

Don Ciro:

Va, va.

Vincenzo:

Comm’avite ditto?

Don Ciro:

Va, va.

Vincenzo:

Buonanotte, don Cì, e buonanotte pure a voi, donna Rò (urlando)

Donna Rosa:

E che manere!

Don Ciro:

E neanche posso dire niente! Ve lo ricordate quel giorno d’ ‘e campane? Certo, a saperlo, me ne sarei guardato bene! Donna Rò, io vaco a stutà a santa Lucia, vuie nel frattempo preparatevi il discorso che dovete fare ad Antonio. Stritto stritto, pecchè vabbuò l’interessamento…ma facite ampressa!

Donna Rosa:

E se squillano i Belghesi?

Donna Rosa rimane sola. Passano alcuni istanti. Poi prova il discorso da fare ad Antonio.

Donna Rosa:

Antoò…ti ricordi di quella vota ca te dicette che lo zio di Peppuccio il contrabbandiere aveva visto giocare a Pinuccio a pallone e aveva….no no…don Ciro ha ditto ampressa. Antò, 100 150.000 lire al mese. Hanno preso a Pinuccio. Deve andare a Milano. Sei d’accordo? E quello ‘a primma cosa che mi chiede “ A fare che?” Io devo essere brava, glielo devo spiegare bene. Antò te lo ricordi che Pinuccio nostre corre come una gazzella. Lo vogliono a Milano pe iucà a pallone. A iucà a pallone? Si, Antò, a iucà a pallone! (si affaccia sulla porta don Ciro) Cento, centocinquantamila lire più vitto e alloggio. Deve andare a giocare con Vinicio. Come chi è Vinicio? O lione. Dice che vogliono una risposta, sono all’Hotel Santa Lucia fino a domani…..

Don Ciro.

Donna Rò1 E così mi mandate all’elemosina! Stringete.

Donna Rosa.

E’ una parola! Io mi sto preparando, pecchè è sicuro ca chillo accumencia a fa’ nu sacco ‘e domande, voi non lo conoscete.

(Squilla il telefono)

Donna Rosa:

Madonna! Madonna! (si fa il segno della croce)

Don Ciro:

(si avvicina al telefono. Respira profondamente, infine solleva la cornetta) Stateve zitta…(Urla) Pronto? Si, si, non mi muovo…(a donna Rosa sottovoce) Adesso mi passa la direzione.

Donna Rosa:

Che emozione.

Don Ciro:

Pronto? Pronto?  Comme? Comme? Italia…Napoli…Io telefono da….si, buonanotte….oui, je suì napolitèn…E mò? Se n’è iuto….Pronto! Pronto! Ah, meno male, parlate italiano….Scusate sono io, don Ciro della Chiesa della Madonna Assunta di Pozzuoli….come ho già saputo…..comme dite?

Donna Rosa:

Che ve lo può passare subito don Cì? Io sono pronta, faccio ampressa…..

Don Ciro:

Si, si…..Giordano Antonio…

Donna Rosa:

Mio marito, Giordano Antonio….mio marito….

Don Ciro:

Comme dite?

Donna Rosa:

Conviene ca l’e’ dicite ca chiammammo doppo, se no vi viene a costare una fortuna…E primma che Antonio mio saglie ‘ncoppa….

Don Ciro:

Scusate….e Vapore Mariano?

Donna Rosa:

Che avite ditto? ‘E fa saglì ‘ncoppa puro a Marianuccio?

Don Ciro:

Ho capito……

Donna Rosa:

Che d’e’ don Cì,,,,perché non parlate? Volete ca vaco a chiamare la madre di Marianuccio?

Donna Rosa:

Ma faccio ampressa.

Don Ciro:

No, donna Rò….voi, voi restate.

Don Ciro la guarda senza parlare. Buio. Sipario.

FINE I ATTO

ATTO II

SCENA I

Donna Rosa anziana è inginocchiata al confessionale.

Donna Rosa:

….No, no. Quasi. Quasi tutto sapete, ma tutto no. E per questo che sto qui da voi. E vi posso dire la sincera verità? A me a ricordarmi queste cose mi fa bene. Dopo sto meglio. Che stranezza. Perché uno sta meglio quando ricorda ‘na bella, doce, …e voi mi dovete spiegare che cosa c’è di bello nei miei ricordi. ‘A verità proprio fino a quel giorno, i ricordi belli ce li avevo anche, i figli, ‘a panza, perché a me nun m’è mai pesata a sta cu ‘na panza annanze, nun aggio mai avuto ‘e nausee dint’ ‘a vita mia. E comme facevo, una comme me?

Una poveretta le nausee non le può tenere. Le nausee so’ robba p’ ‘a gente ricca, che tene ‘a serva. Gesù pensa a tutto. Ci mancavano solo le nausee. Insomma, quel giorno quando mi hanno spiegato che cosa era questo grisù, io non riuscivo proprio a capire e figuratevi a donna carmela, la madre del povero Marianuccio. “Ma che cosa ce ne fotte a noi”, dicevamo io e donna Carmela; ci dicevano che era comme a ‘nu gas, che non si vedeva, ma quando arrivava non perdonava. E io e donna Carmela che ci guardavamo e non capivamo. Sarà nu fatto religioso, penzai in capa a me, sarrà comme a ‘na preghiera…può essere che i Belghesi, pregano accussì: Grisù, Giuseppe e Maria. Chi se lo poteva immaginare. Per la prima volta in vita mia, aggio pigliato ‘o treno. Anzi, verità proprio, p’ ‘a siconda vota. ‘A primma era stata per andare era stata per andare a trovare una cugina mia a Caserta, ma non era la stessa cosa. Ci hanno fatto viaggiare in un treno di lusso, che teneva anche i letti. Io dormivo con donna Carmela. Un treno bellissimo. Abbiamo pure mangiato. Mi ricordo ancora: Lasagne, arrosto con patate, vino rosso, ‘na buttigliellapiccerellad’acqua, nu gelato a crema e nocciola e pure ‘o caffè. Una cosa bellissima. Un viaggio bellissimo. Mi ricordo ch’avimmo dormuto ncoppa ‘a cuperta per non sporcare le lenzuola. ‘o sapite, a me mi piace la pulizia. ‘a matina doppo ci ha svegliate un giovane carabiniere del nord che ci accompagnava. Si chiamava Visentin Giovanni, me lo ricordo ancora. Veramente nu bravo guaglione. Ci ha bussato perché dovevamo far vedere i documenti alla frontiera. E pure là ce simmo fatte ‘na risata cu donna Carmela, pecchè appena Giovanni ha detto frontiera, donna Carmela ha cominciato a se tucca’ ‘fronte, se penzava che ‘a teneva sporca e puro Giovanni s’è fatto ‘na bella risata. E poi dal finestrino del treno abbiamo visto la Francia, e vi posso dire la sincera verità, pure i prati francesi so’ verdi. E anche i prati Belghesi. Quanno simme arrivate a Marcinelle, un’accoglienza che non vi dico. Il Sindaco. Ci ha dato le mani. ‘O sinneco. Poi ci hanno portato dentro a una scuola, che stava chiusa per le vacanze, pecchè pure i guaglioni belghesi, quando fa caldo, a scuola non ci vanno. Stavano tutti per la strada, con gli occhi rossi che ci guardavano e io, v’aggio dicere ‘a sincera verità, mi sono sentita ‘na perzona importante. Pè ‘a primma vota dint’ ‘a vita, me songo sentuta importante. E vedevo che pure per donna Carmela era ‘a stessa cosa. Che voi l’avete conosciuta a donna Carmela, chella chiagne sempe comme a ‘na funtana, invece là, v’o giuro, manco ‘na lacrema. E anche quando abbiamo visto a Antonioe a Marianuccio, niente. Non ci uscivano proprio. Erano stesi dentro a una cassa di legno chiaro e stevano vestuti belli, ca sicondo me, doie so’ ‘e cose: o se li erano comprati loro quei vestiti, o qualche anima buona glieli aveva imprestati. Pure la cravatta tenevano, che io a Antonio mio neanche il giorno del matrimonio lo avevo mai visto accussì elegante. E lo sapete qual è stata ‘a cosa cchiù strana? Era Bianco. Ma bianco immacolato. Nun teneva nemmeno nu poco ‘e carbone ‘n faccia. ‘O sapite ch’aggio fatto primma ‘e me ne turna’ a casa? M’aggio accattato quattro pezzi di sapone belghese.

Buio.

SCENA II

Settembre, giorno.

Sagrestia. Don Ciro sta finendo di mangiare e sta parlando con donna Filomena.

Don Ciro:

non ci sta niente di meglio can u bello piatto ‘e pasta e patane1 Buono, buonissimo!....(Donna Filomena sospira) Che d’è donna Filomè?

Donna Filomena:

Ma nun sarrà ‘na cosa troppo esagerata?

Don Ciro:

No no! Il vostro è solo un problema psicologico! Le ho studiate tutte, donna Filomè. Io un’altra soluzione non la trovo. Se voi avete un’alternativa…..

Donna Filomena:

Che scuorno! E a sorema, chi c’ ‘o dice?

Don Ciro:

Ci parlo io con vostra sorella. Voi però dovete fare quello che vio ho detto. Dovete avere fiducia.

Donna Filomena:

Che guaio…..

Don Ciro:

(prende una mela) No, io passo nu guaio, se si viene a sapere anche solo al centesima parte di tutta questa storia, a me mi cacciano via su due piedi. Lo sapete perché lo faccio? Per la buon’anima di vostro padre. Povera anima pia. Questo non è più un problema famigliare, questo donna Filomè, rischia di diventare uno scandalo di proporzioni bibliche. Qui è in gioco il buon nome di due famiglie. (assaggia una mela che stava sbucciando) Farinosa…..

Vincenzo:

Sta arrivando, sta arrivando…

Don Ciro:

Sta entrando’

Vincenzo:

Comme avite ditto?

Don Ciro:

Sta entrando in Chiesa?

Vincenzo:

No, stava chiudendo la farmacia

Donna Filomena:

Io nun c’ ‘a faccio!....

Vincenzo:

Comme avite ditto?

Don Ciro;

Non ce l’aveva con te.

Vincenzo:

Comme avite ditto?

Don Ciro:

Vattenne, Viciè, vattenne!

Vincenzo:

Quando arriva vi avviso subito!

Donna Filomena:

Don Cì, e si nun accettano d’ ‘o ffa’?

Don Ciro:

Accetteranno

Donna Filomena:

Io vulesse avè ‘a sicurezza ca’ tenite vuie.

Don Ciro:

Quale sicurezza? Hanno accettà e basta!

Donna Filomena:

(Melodrammatica) Aiutatemi, non tengo il coraggio di guardarlo dentro agli acchi….a me,  me piglia ‘a pazzaria, io me votto a mare, io m’affogo!

Don Ciro:

Così, così dovete fare! Brava, sembrate la Magnani? E poi pensate che lui ce l’avrà il coraggio?

Donna Filomena:

Ma è una bugia, don Cì.

Don Ciro:

A fin di bene.

Donna Filomena:

E se ci vene qualche cosa, ‘nu tocco, chillo è pure malato ‘e stommeco!

Don Ciro:

Voi pensate a fare quello che vi ho detto. Ma diciteme ‘na cosa…..quando vi sciogliete ‘e fasce, comm’è….?

Donna Filomena:

Tenete presente ‘o ‘mpasto p’ ‘a pizza?

Don Ciro:

Lievita?

Donna Filomena:

S’abboffa proprio

Don Ciro:

Allora non sciogliete.

(Voce fuori campo) Vincenzo:

(Irrompendo e urlando) Sta arrivando, sta arrivando!

Don Ciro:

Un giorno di questi….a me me vene ‘nu tocco e voi saprete chi è stato, allora mi raccomando, alla parola stabilita….

Donna Filomena:

Che cosa?

Dona Ciro:

La parola, il segnale, ve lo ricordate?

Donna Filomena:

No! Nun me ricordo niente!

Don Ciro:

Incenso! Io dico incenso e vuie allucate come prima: “m’affogo!”

Entra in scena Don Eduardo, seguito da Vincenzo che non ha fatto in tempo a precederlo

Vincenzo:

(urlando) Sta arrivando, sta arrivando! Don Eduardo, Don Eduardo!

Don Eduardo:

E che manere!

Don Ciro:

Scusatelo, è che non ci sente più molto.

Don Eduardo:

E vabbuò, ma non è il modo di gridare dint’ ‘e recchie d’ ‘e persone!

Don Ciro:

Anche se a volte non farebbe male gridare dint’ ‘e recchie…

Don Eduardo:

Con tutto il rispetto che vi porto, vi assicuro che non riesco proprio ad afferrare la sottigliezza e soprattutto sarei felice se aveste la compiacenza di mettermi al corrente del motivo del vostro invito. Non che mi dispiaccia, tutt’altro….

Don Ciro si scosta di latoe scopre, alla vista di Don Eduardo, donna Filomena. Don Eduardo accusa il colpo.

Donna Filomena:

Don Eduardo….

Don Ciro:

Volete sapere il motivo del mio invito?

Don Eduardo:

Ma vedo che in questo momento siete occupato con donna Filomena….

Don Ciro:

Ho finito. Ho terminato. Sapete comm’è, una confessione veloce veloce…..

Don Eduardo:

Una confessione…..veloce veloce…..

Don Ciro:

Eh si, quando si commettono peccati, è necessario liberare l’anima dal peso della propria colpa , perché sennò poi quella, la colpa s’abboffa, nevvero donna Filomè?

Donna Filomena:

Eehhh….

Don Ciro:

Che odore forte d’incenso!

Vincenzo:

Comandi!

Don Ciro:

Incenso, Viciè, incenso!  (Ammiccando)

Don Eduardo:

Don Cì a me mi pare odore di pasta e patane….

Don Ciro:

Donna Filomè, incenso, non lo sentite pure voi quest’odore forte d’incenso? Donna Filomè?

Donna Filomena:

A me, nun me pare

Don Ciro:

Ma comme?

Donna Filomena:

(ha un mancamento) Ah si, comme se sente forte st’incenso, nun me sento bona don Eduà, aiutatemi, mi manca l’aria. Io m’affogo! (Sviene a terra)

Don Eduardo:

Che tenete, donna Filomè?

Don Ciro:

(sempre chinato su donna Filomena. Si rivolge a Vincenzo) Vai a prendere un poco d’acqua!!

Vincenzo:

Comm’avite ditto?

Don Ciro:

Vai a prendere un poco d’acqua!

Vincenzo:

Nun pozzo

Don Ciro:

E pecchè?

Vincenzo:

(Sottovoce) L’acqua non ci sta. Manca. Si è scassato l’acquedotto.

Don Ciro:

E allora? Pecchè parli sottovoce?

Vincenzo:

Io mi pensavo che era una notizia riservata.

Don Ciro:

Ma vai a prendere un po’ d’acqua consacrata. Vai!

Vinvenzo:

No!

Don Ciro:

Come no?

Vincenzo:

L’acqua consacrata non si tocca, non si può fare, è vietato!

Don Ciro:

Ma tu chi sì?

Vincenzo:

Il sagrestano

Don Ciro:

In prova, Viciè. E io invece chi so?

Vincenzo:

Il Parroco

Don Ciro:

Titolare!

Don Eduardo:

Ma per avere un po’ d’acqua dobbiamo aspetta re che viene a piovere?

Don Ciro:

Vai a prendere l’acqua consacrata!

Vincenzo:

No….!

Don Ciro:

(Afferra il campanello da funzione) Guarda ca me metto a sunà….

Vincenzo:

(Uscendo di corsa tappandosi le orecchie) No, no, ‘a campanella no!....

Don Ciro:

Donna Filomena! Lasciate fare a me (schiaffeggia più e più volte Donna Filomena) Niente! Niente, non rinviene!

Don Eduardo:

E voi l’avete tramortita! (facendola cadere in terra)

Don Ciro:

(Gridando verso la porta aperta) Ti vuoi sbrigare con quest’acqua!

(Voce fuori campo) Vincenzo:

Io ‘na mano sola tengo don Cì!

Don Eduardo:

Ce l’avete un poco di aceto?

Don Ciro:

Aceto no. Vino.

Don Eduardo:

Va bene anche il vino, don Cì.

Don Ciro:

Consacrato.

Don Eduardo:

Ma tiene il sapore di vino?

Don Ciro:

Squisito, me lo porta un contadino dalla costiera….Tiene il sapore di vino? Guardate che domande? Dovreste frequentare nu poco di più la Parrocchia voi.

Don Eduardo:

Eeehhhh! Questo tempo maledetto che non basta mai, don Ciro mio….

Don Ciro:

Eeehh a volte però il tempo si trova…..dipende dalle cose che si vogliono fare……

Don Eduardo:

Che volete dire? (Sventola Filomena con il giornale) Siete un poco strano oggi, don Cì, parlate curioso….

Don Ciro:

Che dite, non sarà il caso di sbottonare un poco il vestito a questa povera donna….

Don Eduardo:

io non mi azzardavo, in considerazione del luogo….

Don Ciro:

No no, sbottonate. Sbottonate pure.

Don Eduardo:

(sbottonando il vestito di Filomena) Io procedo…ma comm’è ca sta tutta ‘nfasciata….con questo caldo….

Don Ciro:

Eh già! Fa caldo….le fasce…. e l’incenso….

Donna Filomena:

(girandosi) M’affogo….

Don Eduardo:

(disfa la fasciatura) Sta nu poco ingrassata, donna Filomena, non trovate don Cì? E queste sono le zeppole, ‘o suffritto, ‘a trippa, ‘e cotiche. Il fatto don Cì, è che il popolo non tiene un’abitudine alimentare buona….troppi grassi, troppi….insomma arrima stu vino? Ehhh, all’anema d’ ‘a panza!

Don Ciro:

Non Avrà digerito bene, che dite?

Don Eduardo:

Probabilmente…..che volete dire?

Don Ciro:

Donna Filomena tene ‘a panza!

Don Eduardo:

Ma che volete dire?.....’A panza, panza?

Don Ciro:

Chella:

Don Eduardo:

(Inebetito) ‘Azzo!

Don Ciro:

(Segnandosi) E moderate il linguaggio! Ci troviamo pur sempre nella casa del Signore!

Vincenzo:

(che rientra in quel momento) Sempre sia lodato!

Don Ciro:

(capovolgendo il fiasco, don Ciro s’accorge che è vuoto) Viciè…

Vincenzo:

L’acqua….

Don Ciro:

Il vino……

Don Eduardo:

(inebetito) ‘A panza…..

Vincenzo:

L’acqua consacrata….

Don Ciro:

Il sangue di Cristo!

Don Eduardo

‘A panza ‘e Filumena!

Vincenzo:

Ho portato l’acqua…..comme mi avete ordinato voi

Don Ciro:

Come hai potuto, come? Ma tu ‘o ssaie che questo vino era  da consacrare?...

Vincenzo:

Nun ‘o sapevo don Cì, Nun ‘o sapevo che lo dovevate consacrare, era buono.

Don Ciro:

Era buono, si che era buono, disgraziato1 Io capisco un goccio, una sorsata, ma due litri!

Don Eduardo:

‘a panza….tene ‘a panza….

Don Ciro:

Tu devi solo ringraziare il cielo che questo non è il momento….

Donna Filomena:

(rinvenendo per un attimoe afferrando con forza la mano di legno di Vincenzo che le resta in mano) Che scuorno!.....(Ed esce)

Vincenzo:

Credetemi, credetemi il Signore mi è testimone, non sapevo che era consacrato, ve lo giuro! (si accorge che non ha più la mano) ‘A mano?! S’è pigliata ‘ a mano mia!

Vincenzo esce di corsa inseguendo donna Filomena

Don Eduardo:

La farmacia….devo riaprire la farmacia…

Don Ciro:

La farmacia può aspettare. Donna Filomena tene ‘a panza.

Vincenzo:

E pure ‘a mano mia!

Si sentono fuori campo Vincenzo e donna Filomena che litigano

Don Eduardo:

Eeeeeh?

Don Ciro:

Donna Filomena si è appena confessata

Don Eduardo:

Eeeeeh? Che cosa?

Don Ciro:

Ci troviamo in un bel guaio

Don Eduardo:

Ci troviamo?

Don Ciro:

Ci troviamo

Vincenzo: (rientrando)

Don Cì, s’è spanata ‘a mano!

Don Ciro:

tenisse sulo chella spanata! Io sta mano t’ ‘a votto a mare (gliela getta in quinta)

Vincenzo:

Che facite? No don Cì! ‘A mano mia! (esce inseguendo la mano)

Don Eduardo:

Che iurnata, che panza….

Don Ciro:

La panza se n’è iuta! E adesso a noi due, don Eduardo!

Don Eduardo:

(dandosi un contegno) Qui ci deve essere un grosso, ma che dico grosso, un madornale equivoco!

Don Ciro:

di madornale c’è solo lo sbaglio che avete fatto, don Eduà!

Don Eduardo:

Se donna Filomena si è confessata veramente, dovreste sapere anche dell’altra relazione

Don Ciro:

I fatti don Eduà, i fatti, conti alla mano.

Don Eduardo:

Come fate ad avere la certezza?

Don Ciro:

Domande già fatte. Risposte già avute. Sedetevi. Qui di certezza ce n’è una sola, don Eduà, che voi un pomeriggio di circa otto mesi fa, avete chiuso malamente e deliberatamente la saracinesca della vostra farmacia e il caso ha voluto che siete rimasto serrato ‘a dinto con donna Filomena.

Don Eduardo:

Ma voi mi credete veramente capace di una cosa del genere, don Ciro?

Don Ciro:

Don Eduardo….

Don Eduardo:

Don Ciro….

Don Ciro:

Don Eduardo!

Don Eduardo:

(inginocchiandosi e scoppiando a piangere) Non è giusto, don Cì, non è giusto! Pe’ ‘na vota, ‘na vota sola!

Don Ciro:

E dalle cu ‘sta vota sola! E’ bastata e avanzata! E adesso che cosa vogliamo fare? Come ci poniamo? Ma voi lo sapete come sono questi paesi? E quando questa disgraziata mette al mondo questa creatura, che cosa pensate che succederà?

Don Eduardo:

Non mi rovinate, don Cì, non mi rovinate! Io voglio bene a mia moglie, tengo quattro guaglioni, e la farmacia è di mio suocero.

Don Ciro:

Ci potevate pensare prima a chiudere la stalla! Prima che i buoi scappassero!

Don Eduardo:

I buoi?

Don Ciro:

Ma è mai possibile che in questo paese nessuno capisce niente! E’ una metafora! Mi fate specie voi che siete pure laureato! Comunque, se proprio lo volete sapere, io una soluzione, ce l’avrei

Don Eduardo:

Una soluzione?

Don Ciro:

Vi costerà un poco, in termini economici, ma in questo modo riuscireste a salvaguardare la vostra famiglia e la farmacia.

Don Eduardo:

In termini economici, però salvaguardiamo?

Don Ciro:

Salvaguardiamo

Don Eduardo:

Salvaguardiamo

Don Ciro:

Voi vi impegnate a garantire un sussidio economico mensile al picceriello, almeno fino alla maggiore età, e donna Rosa….

Don Eduardo:

Che c’entra adesso donna Rosa?

Don Ciro:

Donna Rosa c’entra, eccome se c’entra! Anzi sapete che vi dico? Donna Rosa è l’unica vostra possibilità. Vostra e di quell’altra disgraziata. Perché stiamo facendo i conti senza l’oste! Se donna Rosa non è d’accordo, qui per voi è l’Apocalisse. Addio farmacia.

Don Eduardo:

Madonna che iurnata! Io mi ero svegliato così bene stamattina, ‘a solita tazzulella ‘e cafè, ‘a solita sigaretta, ‘e solite cose, e adesso mi state facendo scoppiare la testa, don Cì! L’oste, donna Rosa…ma mi volete spiegare?

Don Ciro:

(Don Ciro e don Eduardo passeggiano a braccetto) Voi lo sapete che anche donna Rosa sta aspettando, no?

Don Eduardo:

E come no! Proprio stamattina gli ho venduto un rimedio contro l’acidità di stomaco.  Gli ultimi giorni, capite

Don Ciro:

Eh! Gli ultimi giorni. Avete detto bene. La Provvidenza vuole, don Eduardo che le due sorelle partoriranno praticamente nello stesso periodo. A conti fatti potrebbero partorire addirittura nello stesso giorno.

Don Eduardo:

E con questo?

Don Ciro:

E vuol dire che donna Rosa avrà un parto gemellare

Don Eduardo:

Salute! E allora?

Don Ciro:

E allora donna Filomena continuerà a difendere la propria illibatezza

Don Eduardo:

Ma quale illibatezza! Chella tene ‘a panza!

Don Ciro:

Ma voi siete veramente laureato, si?

Don Eduardo:

Certo che……Oh, Madonna!

Don Ciro

Assa fa a Dio!

Don Eduardo:

E perché mai donna Rosa dovrebbe farsi carico di un figlio che…

Don Ciro:

L’onore della sorella, che in un pese come questo non è poco…

Don Eduardo:

E chi me lo assicura che donna Rosa non va a raccontare a mia moglie…?

Don Ciro:

Il sussidio economico mensile, don Eduà

Don Eduardo:

E salvaguardiamo don Cì?

Don Ciro:

Salvaguardiamo, salvaguardiamo.

Don Eduardo:

No no, ma scusate, e dov’è che partorirà donna Filomena? E se non partoriscono lo stesso giorno?

Don Ciro:

Nessuno è al corrente della gravidanza di donna Filomena. Avete visto come stava ‘nfasciata? Pare ‘na sasiccia!! Partorirà in un posto segreto. Voi piuttosto, essendo farmacista, vi dovreste intendere di ostetricia…..

Don Eduardo:

E che c’entra, don Cì? E’ comme se a voi, siccome che siete prete, vi chiedessero di fare un miracolo, qualche nozione….

Don Ciro:

Qualche nozione voi, qualche nozione ce la facciamo nel frattempo

Don Eduardo:

Ma che vi siete messo in testa? Ma niente niente, volete che la facciamo partorire….

Don Ciro:

Le facciamo. Le facciamo. Tutte e due. Don Eduà, qui nessuno deve sapere niente. Shhhhh….incognito!

Don Eduardo:

Ma questa è follia!

Don Ciro:

Chiamatela come meglio preferite, ma la cosa fondamentale è che donna Rossa addà ascì cu dduie piccerilli. Donna Filomena presenterà a tutto il paese i suoi due nipotini. Per uno dei due figurerà da zia ma fungerà da madre

Don Eduardo:

Fungerà?

Don Ciro:

Fungerà

Don Eduardo:

Ma si può fare?

Don Ciro:

No, no, è evidente che non si può fare! Non vi ci mettete pure voi, don Eduà. La trovate voi un’altra soluzione? Io sono mesi che non ci dormo la notte! Questo è uno scandalo che se esplode….In questo paese state uscendo tutti pazzi! Questo paese sta diventando Sodoma, Gomorra. Peggio! Peggio! Qui bisogna che vi mettete in testa che non si può mettere in discussione il sacro vincolo del matrimonio: non osi dividere l’uomo, ciò che Dio ha unito! E poi vostra moglie ha l’aria di essere una donna molto decisa.

Don Eduardo:

Pe’ carità! (Pausa) E con l’oste? I conti quando ce li fate?

(Voce fuori campo) Donna Rosa:

E’ permesso?

Don Ciro:

Si parla del diavolo e spuntano le corna!

Don Eduardo:

Ma non era l’oste?

Don Ciro:

Farmacista eh? Iatevenne, don Eduà!

Donna Rosa:

(Vede don Eduardo) E’ permesso…….don Eduardo, che sorpresa! Proprio adesso mi domandavo: comme mai ca don Eduardo tene chiusa ‘a farmacia…nun me credevo ca fussevo n’ommo ‘e Chiesa.

Don Ciro:

Le pecorelle, prima o poi, sempre all’ovile ritornano.

Don Eduardo:

Le pecorelle?

Donna Rosa:

Le pecorelle?

Don Ciro:

Voi non ci dovete fare caso. Io parlo per me. Me capisco sul’io.

Squilla il telefono

Donna Rosa:

Deve essere Pinuccio. Scusate con Cì se mi sono permessa…gli ho dato appuntamento al telefono qua da voi.

Don Ciro:

Ma no, avete fatto bene donna Rò…volete rispondere voi? (Donna Rosa si imbarazza…Don Ciro risponde)Pronto? Qui la Parrocchia…ciao Pinuccio,…come? C’è nebbia e chiove assaie? E Veleno com’è? Ti trattano bene? E quello è l’importante….hai fatto amicizia? No, non sono loro che parlano stranamente Pinù….vabbè, vabbè, ti passo a mamma tua (allunga la cornetta a donna Rosa)

Donna Rosa:

Ciao bello ‘e mamma toia, comme stai? Copriti bene, statte accorto, mi raccomando….Si, si l’ho ricevuto…ma tu comme stai? Non sudare troppo, bello ‘e mammà….

Don Ciro:

E quella è l’unica cosa che deve fare…..

Donna Rosa:

Che fai, chiagni? Sta chiagnenno!

Don Ciro:

(si avvicina alla cornetta e vi urla dentro) Pienze ‘o Lione!

Donna Rosa:

L’hai sentito a don Ciro, a mammà? Dice che non gliene fotte niente d’ ‘o Lione! Chiagne, comme chiagne….Pinuccio ‘a mammà, stai tranquillo….Ha attaccato. Povera criatura mia! M’ha fatto ‘na pena dinto ‘o core.

Don Ciro:

Un momento di nostalgia. Può capitare….(rivolto a don Eduardo)

Donna Rosa:

Ma quale momento! Dovete leggere quello che mi scrive……

Don Ciro:

Mi fido sulla parola (riattacca la cornetta)

Donna Rosa:

Don Eduà, dicitencello vuie che vita fa Pinuccio mio

Don Eduardo:

Eeehhh…..

Don Ciro:

Don Eduà, non vi stavate congedando?

Donna Rosa:

Ah, don Eduà, vi devo chiedere una cosa. E’ un po’ di tempo che vedo a mia sorella gonfia assaie. E poi strana….l’ho vista poco fa da lontana ca curreva. Nun sarrà nu poco esaurita? Che a me ‘na vicina mia mi ha detto che quando una sta esaurita, se fa chiatta e corre. Ce l’avete una cura?

Don Eduardo:

(guardando don Ciro) Se fa chiatta e corre….ce l’abbiamo una cura?

Don Ciro:

Ce l’abbiamo

Don Eduardo:

Ce l’abbiamo

Don Ciro:

(rivolto a donna Rosa) E mò ve lo spiego io come dovete fare

Donna Rosa:

Voi don Cì?

Don Ciro:

Io, donna Rò…

Don Eduardo:

Mi raccomando all’oste, don Cì! Fate bene i conti! (guarda a lungo la pancia di donna Rosa) I miei rispetti, donna Rosa. (Esce)

Donna Rosa:

(Imbarazzata) arrivederci (Poi girandosi verso don Ciro) Ma pecchè me guardava accussì? Che tengo?

Don Ciro:

E’ che tenite na panza donna Rò! E se fossero due?

Buio. Fine Scena.

SCENA III

Don Ciro è intento a contare le ostie per la comunione e Vincenzo sta riempiendo le ampolle con l’acqua e il vino. Si Stanno Preparando per la messa. Anche Vincenzo indossa un grembiule da chierico. Ha un apparecchio per sordi all’orecchio destro.

Vincenzo:

Don Ciro:

Don Ciro:

Tredici, quattordici, mmmm….quindici, sedici…..

Vincenzo:

Vi posso parlare un momento?

Don Ciro:

Diciotto….aspetta un momento, che mi confondo, diciannove, venti, ventuno….

Vincenzo:

Bastano, don Cì. Venti bastano e avanzano

Don Ciro:

Sicuro?

Vincenzo:

Uh…..

Don Ciro:

Verranno, verranno. Ventitrè, ventiquattro, venticinque. Melius abundare.

Vincenzo:

E mò ve pozzo parlà?

Don Ciro:

Che è? Se è una cosa veloce, perché fra poco incominciamo.

Vincenzo:

Pe’ primma cosa, vi voglio ringraziare.

Don Ciro:

E mò basta! E quante volte.

Vincenzo:

E no, e no! Perché chello ca vuie avite fatto pe’ mme, nun l’ha fatto mai nisciuno. Quello che è giusto è giusto!

Don Ciro:

Va buono, Viciè, tu adesso pensa a comportarti come si deve.

Vincenzo:

Io ve lo voglio fare provare come si sente bene! Meglio di prima!

Don Ciro:

Grazie a Dio, le mie orecchie funzionano ancora discretamente.

Vincenzo:

La mano poi! Questa non è una mano, è proprio ‘na sciccheria! Chissà quanto l’avete pavata!

Don Ciro:

Ad essere sinceri, pensavo nu poco ‘e meno, ma in fondo, chi è causa del suo mal, pianga sé stesso. Io devo ancora capire che fine ha fatto chella nera! E’ sparita. Chi ‘o sape addò l’aggio iettata!

Vincenzo:

Secondo me, se l’è magnata quacche cane ‘e miezo ‘a via

Don Ciro:

E si, è l’unica spiegazione.

Vincenzo:

Avevate ragione voi, bianca è tutta n’ata cosa!

Don Ciro:

Bene, possiamo cominciare allora?

Vincenzo:

No, don Cì, ce stà n’ata cosa…..

Don Ciro:

Avanti su, facimmo ampresso…..

Vincenzo:

E’ che in tutti questi mesi vicino a vuie,….io….io…

Don Ciro:

Tu?

Vincenzo:

Io, me sento strano assaie

Don Ciro:

Strano in che senso, Viciè?

Vincenzo:

Io è qualche notte che faccio un sogno. Sto inginocchiato al primo banco e sto pregando, quando ad un certo punto alzo la testa e vedo a Lui.

Don Ciro:

A Lui chi?

Vinvenzo:

Lui, Lui

Don Ciro:

E certo che vedi a Lui, davanti al primo banco ci sta l’altare

Vinvenzo:

Ma no la statua. Lui, Lui vero

Don Ciro:

E va buono, visto che era un sogno…e che faceva?

Vincenzo:

Mi pigliava la mano di legno, me la accarezzava e mi diceva: ”Questo legno, a ricordo del tuo dolore, ti aiuterà a servirmi!” Così diceva

Don Ciro:

E non ci vedo niente di male. Ti ha detto la verità. Proprio per questo è necessario impegnarsi….

Vincenzo:

Ma poi continuava….

Don Ciro:

E dimmi tutto insieme!

Vincenzo:

M’ha guardato, ma no guardato guardato, m’ha guardato fisso e mi ha detto: “io ti ordino di diventare Pastore!”

Don Ciro:

Pastore?

Vincenzo:

Badate bene che me l’ha proprio ordinato!

Don Ciro:

E che ti devo dire Vicienzo mio, se te l’ha ordinato Lui. Certo il Pastore è una vita dura, sempre all’aperto, alle intemperie. Ma con quello che ti sei messo da parte in questi mesi, qualche capretto per incominciare….

Vincenzo:

Ma no, ma che avete capito? Ha detto: “Il mio Pastore”! Come voi! Insomma che dicite, don Cì? La posso fare la professione?

Don Ciro:

La professione?

Vincenzo:

Si pecchè l’unica cosa che mi preoccupa e ‘sta mano. Ma vuie comme avite fatto a trasì dint’ ‘o Seminario? V’hanno fatto la visita medica?

Si apre la porta della sagrestia e fa il suo ingresso donna Rosa. E’ stravolta. E’ ancora visibilmente incinta.

Donna Rosa:

Niente! Niente ancora! Non ce la faccio più!

Don Ciro:

E vuie che facite allerta, assettateve donna Rò!

Donna Rosa:

Niente ancora! E’ una settimana ormai

Don Ciro:

E abbiate pazienza! E poi riposatevi

Vincenzo:

Pensate alla creatura

Donna Rosa:

A Poggioreale stanno meglio ‘e me! Stongo carcerata dint’ ‘a casa mia!

Vincenzo si avvicina per origliare

Don Ciro:

Viciè, va a appiccià ‘e candele

Vincenzo:

Già fatto

Donna Rosa:

E chella povera creatura mia che colpa tiene?

Don Ciro:

Il Tabernacolo….

Vincenzo:

Già fatto

Donna Rosa:

Pe’ da’ a vuie!

Don Ciro:

I fiori….

Vincenzo:

Già fatto! Tutto fatto!

Don Ciro:

Viciè e te ne vaie….! (Gli fa cenno con la mano di andarsene)

Vincenzo:

Va buono. Con permesso donna Rò e non vi affaticate! (esce)

Donna Rosa:

Don Cì, stongo carcerata dint’ ‘a casa mia….

Vincenzo:

(rientrando) Don Cì, lo finiamo dopo il discorso?

Don Ciro:

Quale?

Vincenzo:

Lui

Don Ciro:

Ah, si si.

Vincenzo:

Perché poi su ‘sta mano che mi avete regalato….guardate qua…..(la muove con l’altra e gli fa assumere la posizione che vuole. Mima una benedizione) Sembra vera, eh? E’ vero che sembra vera, donna Rò?

Don Ciro;

Dicite ‘e si

Donna Rosa:

Si, si.

Vincenzo:

(rivolto a donna Rosa) Pecchè poi me l’ha ordinato Lui nel sogno, non la statua, Lui vero (uscendo non gli tornano più su due dita) Oh Gesù, ……non s’addrezzano cchiù

Don Ciro:

(Rivolto al Crocefisso) Ma tu stanotte nun tenive proprio niente ‘a fa’?

Donna Rosa:

Don Cì, ma che vita è chesta? Che una madre nun tene ‘a libertà ‘e fa’ nu poco ‘ festa. Per non parlare di quel disgraziato che è svenuto, ca ‘a natu poco ce faceva passa’ nu guaio a me e a creatura mia. Per fortuna che era esperto!

Don Ciro:

Esperto no, teneva qualche nozione.

Donna Rosa:

Ma si nun sapeva  neppure taglia’ ‘o vellicolo, don Cì! E fa pure ‘o farmacista!

Don Ciro:

Comunque è andato tutto bene, di che cosa vi volete lamentare?

Donna Rosa:

Ah, tutto bene? E chella povera anima innocente can un po’ manco chiagnere, sinnò ‘o sentono ‘a ggente. Io ca m’aggia cumbina’ ‘e chesta manera (si toglie un cuscino da sotto le vesti) ….e tutto pe’ colpa ‘e chella zoccola….

Don Ciro:

Donna Rò

Donna Rosa:

Io aggio fatto malamente a da’ retta a vuie, don Cì! ‘A verginità ‘e Filomena? Ma che mene fotte a me! Io mi sto esaurendo!

Don Ciro:

E tenete un altro poco di pazienza

Ronna Rosa:

E certo io aggia purta’ pacienza e chella zoccola se ne va passiando p’ ‘o canalone, tutta ‘nfasciata che pare ‘na sasiccia! Mò capisco perché gli piaceva tanto andare a comprare gli antibiotici! Era ‘na fissazione! Mò capisco

Don Ciro.

Il Signore ve ne renderà merito

Donna Rosa:

Adda ringrazia’ ‘o cielo ca’ è ancora viva mammà, adda ringrazia’

Don Ciro:

Adesso calmatevi. Rimettetevi la panza. E belillo assaie ‘o piccerillo..

Donna Rosa:

(cambiando tono) Si, manco Pinuccio era belillo accussì quanno è nato

Don Ciro.

Avete già deciso il nome?

Donna Rosa:

E’ ‘na parola! E’ il sesto, don Cì. Giuseppe, comme ‘o nonno, cioè Pinuccio uno; Antonio come il padre; Ciro in onore vostro.

Don Ciro:

Ca tene l’uocchie stuorti

Donna Rosa:

L’unico su cinque ca tene nu difetto!

Don Ciro:

E proprio Ciro lo dovevate chiamare….

Donna Rosa:

…..Gennaro come l’altro nonno, e già col quinto non sapevamo più che nome scegliere, tant’è vero ca l’avimmo chiamato Giuseppe pure a lui…

Don Ciro:

Peppiniello?

Donna Rosa:

Proprio….prima eravamo in due a pensare, adesso sto pure sola e il sesto non mi viene proprio. Per non parlare del settimo, sempre si essa ce fa ‘o piacere ‘e sgrava’….

Don Ciro:

E che ne sapete ca è maschio? Magari è una femminuccia

Donna Rosa:

E’ maschio, è maschio puere chillo. Cu chella panza appuntata ca tene Filomena.

Don Ciro:

Rimettetevi la panza. Piuttosto Pinuccio ha preso servizio ad Agnano?

Donna Rosa:

Per fortuna ha cominciato che sono tre giorni

Don Ciro:

E’ stato un peccato però

Donna Rosa:

Don Cì, ‘o peccato era lo senti’ chiagnere pe’ telefono. Adesso vende i gelati all’ippodromo e rire, è felice. Pinuccio sta bene a’ ‘a casa soie, con me e coi suoi fratelli

Si affaccia Vincenzo

Vincenzo:

Don Cì, che facimmo?

Don Ciro:

Sto arrivando

Vincenzo:

Che faccio? Annuncio?

Don Ciro:

E cerca ddi fare uno sforzo, Viciè! E sonala chella benedetta campanella

Vincenzo:

Non ce la faccio, don Cì, me mette appaura

Don Ciro:

Oh Gesù, chesta è l’unica Chiesa al mondo dove il sagrestano fa l’annuncio a voce!

Vincenzo:

Allora che dicite, lo faccio a voce?

Don Ciro:

Fa chello ca vuo’ tu, basta c’ ‘o fai! Aspetta due minuti e fallo! (Vincenzo va) Donna Rò, io devo officiare, se volete, accomodatevi pure. Vi posso offrire un bicchiere di vino buono.

Donna Rosa:

Officiate, officiate, non ve ne incaricate. Finisco l’ora d’aria e me ne torno a Poggioreale. (Rimettendosi il cuscino)

Don Ciro:

E non dite così (Finendo di sistemarsi la tonaca) Dateci nu vasillo ‘o picceriello da parte mia. Stasera vi passo a trovare (Si prepara sul varco della porta)

Donna Rosa:

Vuie ‘o sapite pecchè l’aggio fatto, vero?

Don Ciro:

L’onore della famiglia….l’amore che vi lega a vostra sorella….

Donna Rosa:

il motivo vero.

Don Ciro:

Un po’ anche per il futuro di vostro figlio….

Donna Rosa:

Vuie ‘o sapite come stanno ‘e cose veramente! E anch’io lo so

Don Ciro:

Pecchè, come stanno le cose?

Donna Rosa:

‘a criatura dint’ ‘a panza ‘e Filomena è figlio al povero Antonio mio

Don Ciro:

Ma che dite donna Rò……

Donna Rosa:

e voi l’avete sempre saputo don Cì, sempre! Io l’aggio visti a Filomena e Antonio ca steveno….va buono, ci siamo capiti! E io nemmeno mi sono arrabbiata. Anzi. Vi può sembrare strano, ma io ero quasi contenta pecchè, aggio pensato: “Chisto pover’omo s’adda sfuga’ pur’isso! Sempre al buio, sempre a scavare carbone. E quella poveretta di Filomena l’adda pruva’ pur’essa che cos’è la gioia. Pecchè ‘na femmina almeno ‘na votaadda pruvà che cos’è la gioia!” A chesto aggio pensato, don Cì! E che ne potevo sapere io che le gioie, Filomena le aveva già provate…..e quanno vuie m’avite ditto ‘e fa’ stu ‘mpiccio, m’è paruta ‘na cosa bona, giusta, naturale,  pecchè sta creatura è pure nu poco figlia a me!

(Voce fuori campo) Vincenzo:

Attenzione! Entra don Ciro!

Donna Rosa:

Don Cì, andate ad officiare

Don Ciro:

Ah si, vado….

Si spalanca la porta, irrompe don Eduardo. Stravolto. E’ senza fiato. Si guarda attorno circospetto. Don Ciro si blocca, gli va incontro. Don Eduardo gli fa cenno che gli manca l’aria

Donna Filomena:

Aaaaaahhhh!

Don Ciro:

Ch’è successo, don Eduà?

Don Eduardo:

Ci siamo, ci siamo

Donna Filomena:

Aaaaaahhhh!

Don Ciro:

Zitti, per carità, zitti!

Ma qui l’avete portata? Ma siete uscito pazzo?

Don Eduardo.

Stavo per entrare in farmacia, dentro ci stavano mia moglie e mio suocero, c’aveva fa’?

Donna Filomena:

Maronna sto morendo!

Donna Rosa:

Facimmo ampressa, mettiamola ‘ncoppa ‘o tavolo….

Don Ciro:

Che facite? Siamo in Sagrestia, non si può, non si può….

Donna Rosa:

Si può, si può! Questa mò lo fa! Chi ha avuti ‘sta bella penzata?

Donna Filomena:

Aaaaaahhhh!

Donna Rosa:

Mettitela ‘ncoppa ‘o tavolo!

Don Ciro:

Non allucate! No, sul tavolo no! Portatela di là, nella stanza di Vincenzo

Donna Rosa:

(a don Eduardo) Ah, giusto, giusto, mettiamola ‘ncoppa ‘o lietto ‘ Vincenzo

Don Eduardo:

Mi…mi sta venendo la nausea…..

Don Ciro:

Non mi rigettate qua dentro, che poi svenite!

Donna Filomena:

Aaaaaahhhh!

Vincenzo:

(entrando) Don Cì, ma allora che facite? (esce)

Don Ciro:

Ah si vengo….la funzione!

Donna Filomena:

Aaaaaahhhh!

Don Ciro:

Non alluvate! (si avvicina alla porta aperta e chiama Vincenzo) Viciè….Viciè….vieni un momento….

Don Eduardo:

Io mi sento male…

Donna Rosa:

Fatevello passa’, tenimme che ffa’1

Don Ciro:

Viciè!

Vincenzo:

(entrando) Che è stato?

Don Ciro:

Viciè, c’è un’emergenza. Non Posso officiare. Quanti cristiani ci stanno?

Vincenzo (si sporge):

Tre, don Mimì, don Totò e donna Assunta

Don Ciro:

Ehhh, abbiamo l’esaurito! Viciè, sono nelle mani tue

Donna Filomena:

Aaaaaahhhh! Aiutateme! Rosa!

Donna Rosa:

Don Cì, acqua calda!

Vincenzo:

Don Cì, ma che succede?

Don Ciro:

Viciè, hai l’occasione per dimostrare quello che vali veramente

Vincenzo:

Ma che volete dire…..officio?

Don Ciro:

Non esageriamo

Don Eduardo:

(entrando) Don Ciro, possiamo usare questi?

Don Ciro:

Ma state scherzando, chella è robba consacrata, prendete questi!

Vincenzo:

Ma che sta succedendo?

Don Ciro:

Te la senti di dirigere un Rosario?

Vincenzo:

Io? Un Rosario?

Don Ciro:

Fai vedere a “Lui” di che pasta sei fatto! Tieni alto il nome delle Ancelle del sacro Cuore!

Vincenzo:

Vado, vado, vi faccio fare bella figura!

Donna Rosa:

Presto ca ‘o piccerillo st’ascenno!

Don Ciro:

E che vi debbo dire….Scusate per tutto! (si spoglia dei paramenti e copre il crocefisso)

Don Eduardo:

io mi sento male…..

Donna Rosa:

Don Eduà!

Donna Filomena:

Ah!  Ah! Ah!

Donna Rosa:

Spingi! Spingi!

Donna Filomena:

Nun ‘o saccio fa’

Donna Rosa:

immagina che stai cacando!

Don Ciro:

E che maniere! (guardando verso il crocefisso coperto) Non ci vede, ma ci sente!

Donna Rosa:

Spingi! Spingi!

Don Eduardo:

io mi sento male!

Donna Filomena:

Sto murenno!

Donna Rosa:

Ma quando mai! Spingi, Spingi, sta asecenno…don Eduà, tene mezza capa ‘a fora. Guardate!

Don Eduardo:

(reprimendo un conato) E ci manca solo che guardo, io mi sento male

Don Ciro:

Non vi azzardate a vomitare!

Donna Rosa:

Spingi, Filomè, spingi1 L’urdema vota! Forte! Spingi forte!

Donna Filomena:

Aaaaaaaaaahhhhhhhhh!!!!!!

Lungo silenzio. Si Sente il pianto di un bambino

Vincenzo:

Un trionfo don Cì, un trionfo. (entrando prende la campanella e riesce)

Don Eduardo:

(entra barcollando….si avvicina a don Ciro e si inginocchia) Don Cì….è …..ni…..ni…ro..

Don Ciro:

Sarà la sofferenza fetale

Don Eduardo:

No, è niro….

Don Ciro:

sarà nu poco scuro…

Don Eduardo:

E’ …ni…ni…ro! E’ niro! Io lo dicevo che non poteva essere figlio a me!

Si sente l’Alleluia cantata da Vincenzo perfettamente

Don Ciro:

E’ proprio vero! Il potere fa miracoli!

Don Ciro e don Eduardo cantano l’Alleluia

Buio. Fine Scena.

SCENA IV

Sagrestia. In scena donna Rosa e donna Filomena con due carrozzine anni ’60. Donna Rosa guarda dentro la carrozzina di donna Filomena.

Donna Rosa:

Accussì nun respira. Come te lo devo dire ca l’he’  a mettere ‘ncoppa ‘o fianco!

Donna Filomena:

Ma io c’io’ metto ‘ncoppa ‘o fianco, è isso ca se sposta.

Donna Rosa:

Si tu, ca l’avive miso malamente. ‘O creaturo ha capito già che di te non si può fidare

Donna Filomena:

Pe’ piacere, Rò, oggi no! Pigliammece ‘na iurnata ‘e riposo, eh? E’ ‘a quanno è nato ‘o nennillo, ca me staie torturanno

Donna Rosa:

E questo è niente1 Tu devi sopportare solo ame, io aggio suppurtà nu paese….ma che dico? A una città devo sopportare! Sono venuti da un ospedale svizzero per studiarmi, e tu dici: “Pigliammece ‘na iurnata ‘e riposo!” Pe’ tramente, ‘ncoppa ‘o giurnale ce songo iuta a ferni’ io!

Donna Filomena:

scusa, ma pecche’ l’è voluto fa’, allora? Io me volevo piglia’ ‘a creatura mia e me ne vulevo i’, perché non mi hai fatto andare?

Donna Rosa:

Tu ci hai ingannati a tutti1 A me, a don eduardo, a don Ciro, al povero Antonio mio, a tutti!

Donna Filomena:

Ma comme te l’aggio dicere che io a quel marinaio americano, l’aggio ‘ncuntrato per caso sul lungomare una vota sola.

Donna Rosa:

(Sbircia dentro la carrozzina) La vedi la creatura tua a paragone co’ chella mia?

Donna Filomena:

Embe’, che tene ‘e strano?

Donna Rosa:

E’ secco1 Tu tieni il latte che non è buono. Gli devi dare l’aggiunta che sta povera criatura se more ‘e famme!

Donna Filomena:

Basta a trattarmi sempe comme ‘na guagliuncella…..io songo ‘na femmena…

Donna Rosa:

Eh già, ‘na femmena! Sai qual è il fatto? E’ che tu si proprio nata zoccola!

Donna Filomena:

Grazie Rò, meno male che tengo ‘na sora comprensiva comme a te!

Donna Rosa:

Io me lo ricordo comme si fosse aieri ca tu eri piccerella e già facive ‘ a scemetella

Donna Filomena:

Ma che stai dicendo?

Donna Rosa:

Era sicuro comm’a morte che diventavi zitella ….e zoccola. E io mi sono sempre fidata di te,….fino alla fine mi sono fidata di te!

Donna Filomena:

Rosa, ma come te lo devo dire ca ‘a buonanima di Antonio me pigliaie a’ spruvvista…

Donna Rosa:

Ma quale  sprovvista, quale? Che giravi per casa sempre co’ tutt’ ‘e zizze ‘a fore…

Donna Filomena:

Penza chello ca cuò tu!

Donna Rosa:

Perché, mi devi dare il permesso?

Donna Filomena:

Va buono….., ma io non volevo cedere

Donna Rosa:

Mel’immagino! Avrai resistito dai 15 ai 20 secondi. E comunque io non mi riferivo ad Antonio quando parlavo di fiducia. Filumè, si tenivi anche solo lontanamente l’idea che ‘ a criatura poteva essere ‘e stu culore, tu ce lo dovevi dire! Tu non hai incontrato nu marenaro americano, tu hai incontrato ‘na seccia morta ‘e paura!

Donna Filomena:

‘Na seccia?

Donna Rosa:

Io, nu niro accussì niro, non l’aggio maie visto!

Donna Filomena:

Tu a forza non mi vuoi credere, ma io a parte il lungomare, non mi ricordo niente! Nun me ricordo ‘o nomme, ‘a faccia, niente!

Donna Rosa:

Filomè, basta mo! Mi tengo la mia patente di fenomeno da baraccone ch’ha parturitonu figlio bianco e nu figlio niro! Oggi battezziamo chesti ddoie creature e accuminciammo da capo. Bianco e niro, niro e bianco…..

Donna Filomena:

tu non sai quanto so’ felice ca me dici accussì

Donna Rosa:

Sarà perché è nero come il carbone, ma io gli ho voluto bene, appena l’aggio vist’ascì d’ ‘a panza toia. E se fosse figlio veramente a Antonio?

Donna Filomena:

(abbracciandola) Grazie Rò, grazie.

Donna Rosa:

Statte accorta a ‘e capille! Tremila lire, l’aggio pavati

Donna Filomena:

Senti Ro’, ma per …..per i nomi….

Donna Rosa:

E’ deciso, Filomè

Don Ciro:

(entrando) Bene. Siamo pronti allora?

Donna Rosa:

Si, tutto a posto

Don Ciro:

Uh…., come so’ belilli!

Donna Filomena:

E’ belillo ‘o mio?

Don Ciro:

Donna Filomena!

Donna Filomena:

No, no, scusate…sono la zia

Don Ciro:

Attenzione donna Filomè! Voi dovete fare attenzione. Non vi ci mettete pure voi, per carità, che già io non ci dormo la notte. Allora, per i nomi…..

Donna Rosa:

Chelli che sapete

Don Ciro:

Voi siete proprio sicura….

Donna Filomena:

Rosa sei sicura?

Donna Rosa:

Si chiamava accussì chillo d’ ‘a mela?

Don Ciro:

Certamente

Donna Rosa:

E io uno così lo voglio chiamare

Don Ciro:

E va buono, chisto ancora ancora, ma chist’ato?

Donna Filomena:

Dicitencello vuie don Cì, convincetela

Donna Rosa:

Eppure vi dovrebbero fare piacere, fa pure rima col principale vostro. (indicando il crocefisso)

Donna Filomena:

Ma poi a ‘a scola ‘e sfottono

Donna Rosa:

Meglio, accussì cresceno cchiù ‘ncazzati

Entra don Eduardo.

Don Eduardo:

Avete saputo? L’ha detto la radio adesso adesso:  è morto Humphrey Bogàrt!

Donna Filomena:

Uh, quanto me dispiace! Comm’era bello dentro a quella pellicola, “La Casa Bianca”

Donna Rosa:

E mò basta, mò!

Don Ciro:

Pace all’anima di Humphrey Bogàrt! Per uno che sale in cielo, due arrivano

Donna Rosa:

Comm’è ‘a vita!

Don Eduardo:

Eh già, comm’è ‘a vita!

Don Ciro:

Don Eduà, il sagrestano nuovo arriva domani mattina, ci dobbiamo arrangiare, me la date voi una mano’

Don Eduardo:

E comme no! Tanto più che la mia non si svita….

Donna Rosa:

Comm’è ‘a vita….(si commuove)

Don Ciro:

Che facite, donna Rosa? Oggi è un giorno di festa! Cancelliamo il peccato originale a queste due criature

Don Eduardo:

A proposito….i nomi?

Donna Filomena:

Chilli là…

Don Eduardo:

Eh no, donna Rò, in qualità di compare devo dichiarare tutto il mio disappunto….

Donna Rosa:

Sono tutti e due figli a me? E allora decido io.

Isacco e Grisù, na mela e nu piezzo ‘e carbone

Buio

Entra Vincenzo diventato anziano e vestito da sacerdote.

Vincenzo:

Donna Ro’, donna Ro’? Se n’è iuta! S’è fatto scuro

(Spegne le candele ed esce cantando la canzone “Guaglione”)

SIPARIO

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 17 volte nell' ultimo mese
  • 93 volte nell' arco di un'anno