Guagliù, io so’ Ferdinando!

Stampa questo copione

‘A TRATTURIA D’’O SOLE

GUAGLIU’, IO SO’ FERDINANDO!

COMMEDIA IN TRE ATTI

DI

AURELIO UNGARO

PERSONAGGI:

                           RAFFAELE CARDELLA          - barbiere

                           CONCETTA                                - moglie di Raffaele Cardella

                           CARMELINA                             - figlia di Concetta e Raffaele

                           FERDINANDO                           - re Ferdinando II di Borbone

                           FILIPPO de TORRACA            - barone decaduto amico di Raffaele

                           CARLO  de TORRACA            - figlio di Filippo

                           FILOMENA  GARGIULO         - sarta amica dei Cardella che abita di sopra

                           CAROLINA  ASSANTE            - modella per pittori

                           CARDINALE de MARTINIS    - cardinale de Martinis

                           CASIMIRO VASEMO                - segretario del Cardinale de Martinis

                           GUARDIA

SOGGETTO E SCENEGGIATURA

AURELIO UNGARO

MUSICA

GIULIO IERVOLINO

PRIMO ATTO

La scena è una camera da pranzo arrangiata. Sul fondo, alla sinistra, una vetrata sulla quale si legge la scritta “barberia” al contrario. Alla destra una apertura che dà su di un corridoio il quale, porta in altre camere e al portoncino della casa. Sulla laterale destra una porta, in prima tra la porta e l’apertura una tavola con un vassoio con della frutta e una caffettiera napoletana con delle tazze e una brocca con dell’acqua e dei bicchieri, tra l’apertura e la vetrata un mobile del tipo cassapanca. Sulla laterale sinistra, in fondo uno specchio e sotto di esso una mensoletta con gli attrezzi da barbiere, davanti  una poltroncina da barbiere, in prima una porta. I mobili sono tutti abbastanza vecchi.

Scena Prima  (Raffaele poi Concetta)

RAFFAELE               -( dispone gli attrezzi togliendoli da una borsa ) Cuncè…(pausa) Cuncè, è pronto ‘o llatte? (si stiracchia) ‘O ssaje ca si nun faccio colazione, ‘a matina nun me sceto…

CONCETTA  - ( entrando dal corridoio ) Ecco qua! Il signore è servito… (poggia la ciotola sulla tavola)

RAFFAELE               -(massaggiandosi lo stomaco) (Chillo purpo d’ajere m’hadda essere rimasto ‘ncopp’’o stommaco…) Che se mangia ogge?

CONCETTA  - Purpe ‘a ‘nazalata.

RAFFAELE               - N’ata vota?…

CONCETTA  - Eh…pecchè quante l’aje mangiato?…

RAFFAELE               - Ajere…

CONCETTA  - Ajere ‘o facette c’’o sugo!

RAFFAELE               - Sempe purpo era!…

CONCETTA              - Vulisse nu poco ‘e caviale e champagne?…

RAFFAELE               - Eh…            

CONCETTA  - Ma famme ‘o piacere!…Rafè siente, mò finisco prima di pulire poi me preparo e vaco a ddà cummara ‘o paese, ha ditto ca me vò, nun saccio pe’ qua’ raggione…

RAFFAELE               - E quanne tuorne?

CONCETTA  - Spero ambressa, nun saccio che m’hadda fa vedè…

RAFFAELE               - Eh, Perzechella dorme ancora? (siede e beve il latte)

CONCETTA  - Sissignore. E’ meglio che dorme.

RAFFAELE               - Je vulesse sapè pecchè ce ll’haje tanto cu’ chella creatura?…

CONCETTA  - Creatura?…Seh, criratelle tu…

RAFFAELE               - Neh, ma c’ha fatto?

CONCETTA  - Chella, dà troppa cunferenzia a ttutte quante…

RAFFAELE               - Conferenza…bon giorno, bbona sera e passa, m’ha chiamme cunferenzia?

CONCETTA  - Eh…conferenzia! Ajere ‘a ‘ncucciaje a pparlà cu nu giuvinotto fore ‘o vico, essa a comme me vedette, facette finta e ll’e dà ‘n’informazzione: “No, vico Tre stelle stà cchù ‘nnante, a chella parte”. Se crede ca ‘nun ‘o saccie ch’era ‘o posto addò se sò ddate l’appuntamento…

RAFFAELE               - Ma quale appuntamento…nun puteva essere quaccheduno ca veramente vuleva sapè ‘na strada?

CONCETTA  - E proprio a essa ci’aveva addimannà?

RAFFAELE               - Uh, Ggiesù…uno vò ‘n’informazzione hadda dicere: Scusate voi siete la figlia di donna Concetta? Pecchè se lo siete non ve la chiedo vaco da un altro!

CONCETTA  - Se, pazzie… ma una ragazza prebbene nun dà conferenze, nun ho ffà!

RAFFAELE               - Ma famme ‘o piacere…che nne saje tu?…

CONCETTA  - ‘O saccio, ‘o saccio.

RAFFAELE               - Ma che saje…’o saccie io, ‘o saccio!

CONCETTA  - Eh…e comme ‘o saje?…

RAFFAELE               - (imbarazzato) Eh…me l’ha ditte Filippo…sì…’o barone Filippo, e isso ho ssape!

CONCETTA  - Sì…’o barone Filippo?!…Embè, chillo a mme nun me maje piaciuto, e saje che te dico…ferniscela d’’o sta sempe arrete casinò t’arape a capa!

RAFFAELE               - Uh, quanto si  petulante…

CONCETTA  - Petulante?…lassa che te ‘ncoccio n’ata vota a pparlà ‘e femmene cu isso e po’ vide!…

RAFFAELE               - E femmene? Qua’ femmene?…

CONCETTA  - E chelli tracene ca cunosce isso e che te vò fa conoscere pure a tte…

RAFFAELE               - Uh…’e tracene…guardate. Chillo è nu nobbile, cunosce ’e tracene?

CONCETTA  - ‘O nobbile. Chillu schiantate ca s’ha magnato tutt’ ‘e proprietà, jucanne e appriesso ‘e femmene…ma saje che te dico? Nunn’ o voglio cchiù vedè, nun m’o fa truvà ccà, ca succede ‘o pata pat’e ll’acqua!

Scena Seconda  (Filippo e detti)

FILIPPO        - (entrando) E’ permesso?…

RAFFAELE               - (‘O bbì lloco l’acqua!)

CONCETTA  - Ah…siete voi?…

FILIPPO        - Servo vostro Donna Concè…

RAFFAELE               - (Cuncè, nun accummincià…) Uhè barò, bbongiorno…proprio preciso…

FILIPPO        - Ma pecchè, tenevamo appuntamento?

RAFFAELE               - No, ma quando si dice ‘a combinazione…

FILIPPO        - ‘A combinazione?…E de che?…

CONCE          - Nuje proprio mò stavamo parlando di voi.

FILIPPO        - Uhè…overo? E spero bene?…

CONCETTA  - Uh…aite voglia! (ironica)

RAFFAELE               - …No,…così. Si parlava di amici…ma vat’hè purtate ‘o ‘parapioggia?

FILIPPO        - ‘O parapioggia?…Sta chistu sole…

RAFFAELE               - Sembra…ma minaccia temporale…(barò, ‘o pata pat’e ll’acqua!)

FILIPPO        - Te fa male quacche callo?…Stammo ‘a fine ‘e giugno!

RAFFAELE               - Appunto…’e temporale sò cchiù ppericolosi…

CONCETTA  - Sentite barò…

RAFFAELE               - (Mo vene a chiovere ohì!…)

CONCETTA  - Voi a mio marito ll’avita lassà stà!

FILIPPO        - Io?…E chi ‘o stà facenno niente…

CONCETTA  - Voi mi aveto capita…mo vaco ‘e pressa e nun putimmo parlà, ma tengo da chiarire alcune cose…

FILIPPO        - Da chiarire?…E a che riguardo?

CONCETTA  - Ve l’ho detto, mò vaco ‘e pressa, ‘a prossima vota parlammo, e soprattutto… e chelli tracene che va facite vuie…stateve bbuono. (via pel corridoio)

Scena Terza  (Filippo, Raffaele poi Perzechella)

 

FILIPPO        - ‘E tracene?…qua tracene…

RAFFAELE               - Nun ce facite caso, sape che a vuje ve piace e ghì a pesca…

FILIPPO        - Se è per questo vado pure a caccia, pecche, ha ditto ‘e tracene e no, che saccio, ‘e beccaccie?…E che cc’entra, po’, ca t’haggia lassà stà?…

RAFFAELE               - E forze se crede ca me vulite purtà a pesca cu vuje, sape ca nun saccio natà, e se mette appaura…v’haggio ditto, nun ‘a dàte retta.

FILIPPO        - Mah…sentiremo…

CARMELINA- (entrando in vestaglia si accorgendosi di Filippo e cerca di coprirsi) Uh…scusate...

FILIPPO        - Sì pperdonata…perzechè…

RAFFAELE               -Chillo te po’ essere pate…

FILIPPO        -Nun esaggeramme, pate mò, al massimo…zìo lasco và! Figurate ca quanno nasciste, tanto dà felicità arrevutajeme ‘o quartiere, e po’ ce jetteme a ‘mbriaca a ddò Pascalone ‘o canteniero…

CARMELINA-E brave…a ‘mbriacà….

RAFFAELE               -Barò, che ghiate dicenne…a ‘mbriacà mò, ce bevettemo quacche cosa, pe festeggià…

FILIPPO        -Quacche cosa?…Nunn eramo cchiù capace e truvà ‘a via da casa…

CARMELINA-Asciuttasteve ‘a cantina?…

RAFFAELE               -Nun esaggerate mò, chell’ ‘a guagliona chissà che se crede?…

FILIPPO        -Esaggerà?… C’arritirajeme ‘a matina appriesso. Eh.. che bei tempi!…Pure si già nun tenevo cchiù ‘na lira, nun me ne ‘mpurtava, ero giovane…

CARMELINA-Giovane?…

FILIPPO        -Perzechè t’avissa credere ca so nato accussì?…

RAFFAELE               -Nennè che vaie dicenno…’o barone Filippo era giovane…e incosciente.

FILIPPO        -Forze…però me sò divertito assaje.

RAFFAELE               -E mò?…

FILIPPO        -E mò c’è stanno e figlie…a proposito, avisse visto a Carluccio?…

CARMELINA-Aspettate, mò vo cerco…(guardando sotto il tavolo)

RAFFAELE               -(Ll’ha pigliato pe’ cacciuttiello)…No, pecchè?…Aveva venì ccà?…

FILIPPO        -Quanne so scise se stev’ ancora priparanno. Io me so’ avviato e l’aggie dato appuntamento ‘a sala toja…

RAFFAELE               -E ccà nun s’è visto…

FILIPPO        -Va bbuò, io mo vaco, tengo da fà nu servizio, subbeto torno. Arrassusia avesse da passà pe ccà, n’cio dice. Vuol dire ca ce vedimme doppo. (esce)

RAFFAELE               -Va bbuone…

Scena Quarta  (Perzechella, Raffaele poi Concetta)

CARMELINA-Se vede ca è nu signore, ma è nu poco strano. Mo vaco pure io và, me vaco a vestìre.

RAFFAELE               -Addò vaje?

CARMELINA-Debbo andare a ffà ddoje compere. Permettete…

RAFFAELE               -Va, và…io mò priparo e fierre…

CONCETTA  -(Entrando dalla comune) Allora io vado…se n’è ghiuto ‘o bell’ommo?

RAFFAELE               -Cuncè…a parte ca Filippo è n’amico, è pure ‘nu cliente, tu che vuò fa? Me vuò fa perdere ‘e clienti?

CONCETTA              -Cliente?…ma si nun t’ha maje pavate?!…

RAFFAELE               -E che c’entra…tu ‘o ssaje ca chillo nun so ttene…

CONCETTA              -Ma famme ‘o piacere, pe chille dduje aucelluzze e chellu poco ‘e pesce ca te dà ‘na vota ogni tanto?!…

RAFFAELE               -Però t’e mangie e dduje aucelluzze e ‘o ppoco e pesce?

CONCETTA              -Và bbuò, mo non ne voglio parlà, si no se fa tarde, io vado…(esce)

RAFFAELE               -E và, và…je haggio passato ‘nu guaio, l’avevo da sapè ch’era accussì preputente…e chi se spusava, si nun fosse pe chell’anema e Ddio ca me cunzola…

Scena Quinta (Raffaele e Ferdinando)

FERDINANDO-( Entrando dalla vetrata ) Siete voi Don Rafele ‘o bbarbiere?…

RAFFAELE               -Dipende…

FERDINANDO- ‘A che cosa?

RAFFAELE   - Da chi lo vuole sapere…

FERDINANDO        - Io…

RAFFAELE   - E voi chi siete?…

FERDINANDO- Scusate ma site vuje o no?

RAFFAELE   - Forse…ma vuje chi site?

FERDINANDO- Ero venuto a me fa ‘a bbarba…

RAFFAELE   - E nun ‘o putiveve dicere primma?…V’ appriparo subbito! Accomodateve ccà.

FERDINANDO- Voi siete sposato e avete pure una figlia nun è ovè?…?

RAFFAELE   - Ne ma a vvuje che ve ne ‘mporta?

FERDINANDO- Giusto!…No io dicevo così, per fare quattro chiacchiere…

RAFFAELE   - E vulisseve fa quattro chiacchiere cu ‘e fatte mieje?!…

FERDINANDO- Eh!…Come siete permaloso.

RAFFAELE   - Permaloso io?! Neh scusate, v’haggie cercato vuje chi site, e non mi avete risposto, se je ve cercasso: Che facite?  ‘A dò venite? ‘Addò jate?…

FERDINANDO- Eh, eh…chianu chiano…si nò nun ve pozzo risponnere…

RAFFAELE   - Me vulite risponnere?…(meravigliato)

FERDINANDO- Certo, e pecchè no?!

RAFFAELE   - Ma a me non me ne interessa.

FERDINANDO- Non v’interessano e fatte mieje?…

RAFFAELE   - No, nun m’interessa.

FERDINANDO- Ma vuje site sicuro ca facite ‘o bbarbiere?

RAFFAELE   - Ma pecchè scusate, ‘e barbiere se fanno e’ fatte ‘e ll’ate?

FERDINANDO- Non solo, ma ‘e ccontano pure.

RAFFAELE   - E a me invece nun me ‘mporta proprio ‘e niente.

FERDINANDO- E io v’’e dico ‘o stesso…

RAFFAELE   - ( al proscenio) Ma chi me l’ha mannato a chisto stammatina?

FERDINANDO- Mi chiamo Ferdinando…

RAFFAELE   - Complimenti, bel nome. (con fare disinteressato)

FERDINANDO- Nun ve dice niente ‘stu nomme?

RAFFAELE   - Dovrebbe?…

FERDINANDO- Quanta ggente cunuscite cu ‘stu nomme?

RAFFAELE   - Ma che stamme ‘a scola?….E adesso nun me vene…

FERDINANDO- Pensateci bene…

RAFFAELE   - Ma è nà turtura! Uffà…dunque vedimme…(pensando) ce stà…:‘o casadduoglio ‘o puntone, ‘o marito ‘e Nannina ‘e rimpetto, ‘o figlio e Capasanta ‘o sicondo piano…

FERDINANDO- Eh!…tutta ‘sta ggente…e tutte ccà? E chesto, che marina…Ma io dicevo qualcuno più in alto?

RAFFAELE   - Più in alto…più in alto, no, ‘o terzo e quarte piano nun se chiama nisciuno accussì!

FERDINANDO- Ma quale terzo e quarto piano, io dicevo molto più in alto…

RAFFAELE   - Ma più in alto addò? Ncoppe ‘o terrazzo non ci abita nessuno, ce jamme a stennere ‘e panne.

FERDINANDO- (capacitatosi sorride) Allora, proprio nun ve ne vene?

RAFFAELE   - No…proprio nun  ne saccie…(ricordandosi) ah…ha…sì, po ce stà…

FERDINANDO- ( illuminandosi ) Finalmente c’è arrivato…

RAFFAELE   - ‘O frato ‘e Nicola ‘o pustiere, sempe d’int’’o vico.

FERDINANDO- ( scocciato) Ma faciteme o piacere…( facendo il gesto con la mano di mandata a quel paese)  E nun ne cunuscite nisciuno ca cumanna…

RAFFAELE   - Ma comme, ‘o sapite pure vuje c’abbuscano d’’e mugliere?…

FERDINANDO- Comme abbuscano d’’e mugliere?…

RAFFAELE   - Sissignore! Tutte ‘e Ferdinando ca cunosco, abbuscano d’’e mugliere. Sarrà ‘na cosa do’ nomme…

FERDINANDO- Ma che state dicenno…e lui?…

RAFFAELE   - Lui chi?

FERDINANDO- Isso…isso!

RAFFAELE   - Neh scusate, ma isso chi?

FERDINANDO- Isso! Chillo ca cumanna.

RAFFAELE   - Non lo conosco…(sovvenendo) Ah…ma vuje forze parlate …

FERDINANDO- D’’o?…

RAFFAELE   - D’’o Rrè…

FERDINANDO- Alla buon’ora!

RAFFAELE   - E pe forza nun me veneva…Io nun ‘o canosco.

FERDINANDO- Allora, nunn ‘o sapite?

RAFFAELE   - Aggi’ abbuscà?…

FERDINANDO-(sorridendo) No, no…comunque, io dico che voi lo conoscerete.

RAFFAELE   - E voi che ne sapete?

FERDINANDO- (che nel frattempo si è alzato e sta indossando la giacca per andare, si ferma sotto la porta) Ah, già! Non vi ho detto io chi sò, però veco ca ‘a cosa mo v’accumencia a piacè…sappiate solo che stò in buoni rapporti cu ‘o Rrè e gli parlerò di voi!

RAFFAELE   - Vi ringrazio…ma non ne vedo motivo, aspettate vaco a piglià ‘nu poco d’ acqua ‘e colonia…(esce dalla porta a sinistra)

Scena Sesta (Ferdinando e Carmelina)

CARMELINA           - (uscendo dalla comune vestita da passeggio indossando un cappello) Papà, allora io esco…(accorgendosi di Ferdinando, il quale balza in piedi appena la vede) Voi?…Qui?…

FERDINANDO- (Stringendogli le mani) Perdonate…non ho saputo resistere, ve vulevo vedè…prima di partire…

CARMELINA           - (spaventata)… Si ce vede quaccheduno…(pausa) …partite?…

FERDINANDO- Si il mese prossimo, andrò in Sicilia per degli affari…

CARMELINA           - E quando tornate?…

FERDINANDO- Spero il più presto possibile…vi penserò ogni istante…

CARMELINA           - Calmatevi…se entra qualcuno…

FERDINANDO- Starò attento…e po’ che me ‘mporta….io mi sono innamorato di voi!

CARMELINA           - Me ‘mporta a me però! Voi non conoscete mia madre…

FERDINANDO- Le parlerò.

CARMELINA           - Ve credite ca ve dà ‘o tiempo…? Chella primma v’arape ‘a capa e po’ ve cerca che vulite?!…

FERDINANDO- Addirittura…

CARMELINA           - Ve l’ho detto non la conoscete…a me po’ me chiurresse dinto a ‘nu cunvento.

FERDINANDO- E io me facesse monaco…

CARMELINA           - Nun pazziate,

FERDINANDO- Ma almeno diciteme se provate anche voi qualcosa per me?…

CARMELINA           - Certo…non mi siete indifferente…Ma mò assettateve…

FERDINANDO- (cerca di baciargli la mano) Oh..cara…

Scena Settima  (Raffaele e detti)

RAFFAELE -            (Entrando) Ecco quà ‘nu poco ‘e colonia…

CARMELINA           - (vedendo il padre ha un sussulto e gli cade il fazzoletto)

FERDINANDO- (che è prono nel tentativo di baciare le mani di Carmela vede cadere il fazzoletto e lo raccoglie)

RAFFAELE   - Avete perso qualche cosa?

FERDINANDO- No…alla signorina era caduto il fazzoletto…(glie lo porge)

CARMELINA           - Grazie tanto…(tremante) Papà allora io vado…(esce)

FERDINANDO- (che nel frattempo si era seduto, si rialza in tutta fretta si asciuga il viso) Finirò il mio racconto la prossima volta…arrivederci.

RAFFAELE   - Aspettate ‘a colonia…

FERDINANDO- N’ata vota…

RAFFAELE   - ‘O grembiule…

FERDINANDO- (che nel frattempo è uscito se lo leva e glie lo tira colpendolo in viso)

RAFFAELE   - No!…chisto è ppazzo! Vì’ che premura…pareva muorzo ‘a ‘na tarantola! (ripensando)…‘A cosa v’accumencia a piacè…finirò il mio racconto ‘a prossima vota…neh, ma chisto chi canchero è? Da addò è asciuto stu’ cristiano?… Io nun voglio sapè niente… niente hè capito, comme te ll’aggia dicere?!

Scena Ottava  (Raffaele,  Filippo)

 

FILIPPO      - (entrando, ascolta e dopo la prima sorpresa) …Ma chi te vò dicere niente!

RAFFAELE   - (girandosi) Uh…barò, site vuje?

FILIPPO      - Sì…ma nun tengo niente a te dicere…

RAFFAELE   - No, m’ata scusà, nun ll’aggio cu vuje. Trasite, assettateve, pigliateve ‘nu poco ‘e cafè…è ancora cavero.

FILIPPO      - (tenta di versarsi del caffè ma non esce niente) Ma ch’è succieso?

RAFFAELE   - Eh, si sapisseve barone mio, chiste sò nnummere.

FILIPPO      - (ma ccà nun ce sta niente) Embè racconta, ca c’e facimme ‘e nummere.

RAFFAELE   - E sarrà evaporato, beviteve nu bicchiere d’acqua, mangiateve ‘na mela…Venite accumpagnateme dinto, ca ve conto…

FILIPPO      - Nun me va niente grazie…Jammucenne…(escono dalla porta sulla destra)

Scena Nona  (Filomena indi Carlo)

FILOMENA   - (da sotto la vetrata) Cuncè…carmilì…(entra recando in mano un pantalone) …Io nun veco a nisciuno…a cusutura ‘o cazone e Don Rafele c’aggio fatta, mo c’ho ppoie ‘ncopp’a sta seggia e casomaie doppe passo n’ata vota…

CARLO       - (entrando in fretta e furia) Buongiorno…avete visto mio padre?…
FILOMENA   - No!…Scusate me facisseve nu favore?…

CARLO       - Dite…

FILOMENA   - (approfittando) Chisto è ‘o cazone e Don Raffaele…ce l’ho cucito…se vi trattenete ci ‘o putite dà?… Doppo torno e nciò spiego…

CARLO       - Date pure…state senza pensiero!

FILOMENA  - Grazie assaie…allora io vado…

CARLO       - Andate…andate pure, m’ho veco io!…Va trova papà addo ò è ghiuto?…Io vaco ‘e pressa, tengo n’affare importante, lle vulevo chiedere nu poco ‘e solde. (si ferma e si guarda il pantalone) E no…addò vaco cu ‘o cazone scusuto?…(Guardando il pantalone sullo schienale della sedia)…’O cazone?…Và buò, je po ci ‘o porto e lle spiego tutte cose…mo miette ccà! (si toglie il suo e indossa l’altro e via.)

Scena Dieci  (Filippo e Raffaele)

RAFFAELE   - (Raffaele  uscendo dalla stanza seguito da Filippo) Ma vuje capite che me succede a primma matina?….

FILIPPO      - Certo è nu fatte strano…và trova chi era mò chiste. (guarda l’orologio da taschino) E Carlo ancora nun se vede…isso j ‘e ffemmene. Ma comme haggia fa?…

RAFFAELE   - Va trova e chi a pigliato?…

FILIPPO      - Un Don Giovanni! Quanno vede ‘na femmena nun capisce niente cchiù…

RAFFAELE   - Io pure tenevo n’amico ch’er’‘o stesso…

FILIPPO      - Nun pazzià Rafè…chillo è peggio e me quann’ero ggiovane… io per lo meno e mmaretate e lassavo stà…

RAFFAELE   - Isso invece?…

FILIPPO      - …Ma chè! Pure chelli spusate nun ce scappano. Và trova qua’ vota e chesta; o vene invitato a quacche duello, o quaccuno ‘o fa arrestà.

RAFFAELE   - Embè… ma io ‘o capisco…è ggiovane…

FILIPPO      - Qua giovane Rafè…è pazzo! Mò per esempio, adda stà appresso a quaccheduna d’’o quartiere…

RAFFAELE   - E comme ‘o ssapite?

FILIPPO      - Pecchè ‘o veco ‘e bazzicà sempe a ccà ttuorno.

RAFFAELE   - (assumendo un’espressione indagatrice)  Vuje dicite?…

FILIPPO      - E’ qualche giorno ca nun se move d’’a zona…è comme ‘o cane ‘e caccia,  ha ‘nnasiat ‘a quaglia e pont’a coda…

RAFFAELE   - (ridendo)  Vostro Figlio tene ‘a coda?…Ma che d’è ccane?…

FILIPPO      - E un modo di dire…

RAFFAELE   - Ah…me pensavo…

FILIPPO      - Come dire…a menato ‘a rezza.

RAFFAELE   - Mo a rezza mò…neh…ma ‘o figlio vuoste và a caccia o a pesca?

FILIPPO      - Tutt’e ddoje Rafè, tutt’e ddoje…và a caccia e femmene e pesca  guaje.

RAFFAELE   - (sorpreso e sospettoso) Mò me sò incuriosito oì…

FILIPPO      - Si l’avissa vedè cu quaccuna canusciute, primma ca succede quacche cosa, m’’o faje assapè?…

RAFFAELE   - Ce mancherebbe…fusseve ‘o primmo.

FILIPPO      - (sorridendo) Rafè… corna e capille cresceno a mille (ride)

RAFFAELE   - (serio e preoccupato) E che ce stà a ridere?…

FILIPPO      - A te nun te fà ridere?… (continuando a ridere)

RAFFAELE   - Quann’’o vulite sapè, nò!

FILIPPO      - Uh…che spasso….a me me fa ridere assaie…(ridendo sempre di più)

RAFFAELE   - (Embè chisto me sposta ‘a nervatura quanno fa accussì! Io già stò preoccupato pe chelle ca m’’a ditto d’’o figlio)

FILIPPO      - (ridendo sempre) Rafè, ma che d’è?…Te veco preoccupato?…

RAFFAELE   - Barò, mo jatevenne! Si avessa turnà muglierema nun voglio accummincià d’’o capo…

FILIPPO      - (ancora ridendo esce) Vaco…vaco…ma a te proprio nun fa ridere?…

RAFFAELE   - Ma che cosa?…

FILIPPO      - Tutt’e marite d’’o quartiere stanne cu tanta d’uocchie apierte…

RAFFAELE   - Barò faciteme ‘o piacere!…(chiude egli stesso la vetrata, buttando letteralmente fuori Filippo)…E così al caro Don Carluccio….nun ci ‘abbastano ‘e zetelle, corre pure arreto ‘e mmaretate. Eh…e ccà putesse fa pranzo e cena; ce stanno tutt’e ddoje, ‘na zitella e ‘na mmaretata…(soffermandosi) ma che vaco penzanne?!…(ripensando ancora guarda l’orologio) ‘Ne ma chesta addò e ghiuta?…Sò passate ddoje ore,       e ancora nun se vede…E nò…caro barone Filippo,…ccà se rompe l’amicizia!…(riflettendo) Ma nun po’ essere…cu tanta femmene…No stu sgarro a me nun m’’o facesse maje…(riguarda l’orologio) E bbì si vene?!…

Scena Undici  (Carolina e Raffaele)

CAROLINA   - (entrando come una furia) E’ permesso…scusate…non mi dite niente…ma c’era un tipo losco che mi stava seguendo e mi sono spaventata…

RAFFAELE   - (impacciato) Comme?…nun aggio capito…

CAROLINA   - Ero seguita da uno che teneva ‘na brutta faccia…

RAFFAELE   - Eh…signorina mia, si tutte chille ca camminano pe’ Napule se guardassero arreto, io tenesse ‘a puteca chiena ‘e gente.

CAROLINA   - Non mi dite niente…ma chillo a tentato pure e me mettere ‘e mmane ‘ncuollo…

RAFFAELE   - Addirittura…

CAROLINA   - Comme nò…guardate ccà…(gli mostra un lembo del vestito strappato alle gambe)

RAFFAELE   - Signurì…copritevi per favore…che me facite vedè?!…

CAROLINA   - Si nunn’ero lesta…a chest’ora stavo…in biancheria intima…Madonna e che scuorno!…M’ha stracciato tutte cose…pure la sottoveste.

RAFFAELE   - …Capisco benissimo, ma cara signorina vuje ccà non potete rimanere, si ‘o vvene a sapè muglierema, chissà che se po’ credere…

CAROLINA   - E avreste il coraggio di buttarmi fuori cu chillu maniaco che ggira?

RAFFAELE   - (guardandola bene ) Signorina mia, si fosse pe me v’adottasse…ma mia moglie…

CAROLINA   - E che sarrà maje…ci ‘ò spiegammo…

RAFFAELE   - Nun sia maje! A manca cosa se pò credere ca ‘e vestiti ve l’aggie stracciate io…

CAROLINA   - Siete così focoso…

RAFFAELE   - Quà fucuso…je l’unica cosa che saccio straccià sò ‘e cazune…(vede il pantalone sulla sedia e lo prende) Vedite ccà…me l’avrà purtate a sarta ci ‘o dette pe mo fa cosere…(cade il biglietto)

CAROLINA   - (lo raccoglie e lo legge) “Mi è impossibile dimenticare il vostro ardore, vi aspetto ancora al solito posto la vostra Cocotte preferita”. Salute!…

RAFFAELE   - Ma che d’è stu coso?…

CAROLINA   - Fate finta di non saperlo?…E’ uscita da una tasca del vostro pantalone…

RAFFAELE   - ‘O cazone?…(guardando il pantalone, lo gira e lo rigira) Ma chisto….chisto nun è ‘o cazone mio…

CAROLINA   - No, è ‘o mio…

RAFFAELE   - (va trova ch’è succiso) v’’o ggiuro signurì…chisto nun è ‘o cazone mio.

CAROLINA   - Certo ‘o mio nun è…siamo in casa vostra…e po’ a me…solo, non vorrei essere caduta dalla padella nella brace.

RAFFAELE   - Quà padella e quà brace…signurì nun pazziamme…chella si ‘o sape muglierema ce manna ‘o spitale a tutt’e dduie.

CAROLINA   - E io che c’entro…Io mi sono rifugiata qua dentro, per sfuggire alle grinfie di un maniaco…ma a quanto pare…

RAFFAELE   - A quanto pare che cosa?…Comme ve l’aggia dicere ca stu cazone nun è ‘o mio!…

CAROLINA   - Vostra moglie è giovane?…piacente?…

RAFFAELE   - E che c’entra?…

CAROLINA   - Avete figli maschi?…

RAFFAELE   - No.

CAROLINA   - Se dite il vero, io mi preoccuperei…Si ‘o cazone nun è ‘o vuosto, figli maschi non ne avete….come si dice, due più due…fa quattro.

RAFFAELE   - (Cocotta, è il diminuitivo ‘e Cuncetta allora!…) Ma qua ddoje, tre e quatte…mo ve mettite pure vuje?…

CAROLINA   - Perché già qualcuno…

RAFFAELE   - Sò fatti miei…Signurì, mo ve ne dovete andare!…

CAROLINA   - Così?…(mostra il vestito strappato dal quale si vedono le gambe)

RAFFAELE   - Eh dalle, dà…e vi ho pregato…copritevi.

CAROLINA   - Ma io me metto scuorno e j cammenanno così…almeno datemi ago e filo.

RAFFAELE   - Non lo usiamo.

CAROLINA   - ‘O bella…e comm’’e cucite ‘e strappe?…

RAFFAELE   - S’’o vede Filomena, ‘a sarta…sta ‘o piano ‘e coppo.

CAROLINA   - Vi prego…chiamatela.

RAFFAELE   - ‘O Santa…và bbè…aspettatemi qua, mo vedo quello che si può fare…

CAROLINA   - Grazie…grazie mille.

RAFFAELE   - ( Ma che sto facenne? Chella si vede a chesta ‘o dice a muglierema e facimme ‘a tragedia Greca!) Facimme ‘na cosa, ci ho pensato sopra…(tanto muglierema primma e doje-tre ore nun torna) entrate in quella stanza e levatevi il vestito…

CAROLINA   - Lo sapevo! Siete un maniaco anche voi…

RAFFAELE   - Signurì ma che dicite?…

CAROLINA   - Io levarmi il vestito in vostra presenza…giammai!

RAFFAELE   - Ma che avete capito?…E per portarlo dalla sarta…datemelo e chiudetevi dentro…

CAROLINA   - Uh…scusate, avevo frainteso…

RAFFAELE   - (Ma vedite che se passa)

CAROLINA   - In questa stanza avete detto?…(apre la porta della camera sulla destra, e vi entra)

RAFFAELE   - Sissignora, in quella stanza, ma facite ampressa…

CAROLINA   - (dopo poco gli porge il vestito dalla porta semiaperta) Ecco qua…mi raccomando, ditegli di fare un bel servizio.

RAFFAELE   - Si me vedesse muglierema, ‘o servizio m’’o facesse a mè…e che servizio! (prende il vestito e scappa dalla comune)

Scena Dodici  (Cardinale, Prelato, Carolina)

CARDINALE           - (entrando dalla vetrata allarga le braccia in segno di saluto e colpisce il prelato sul volto) Sia lodato Ge…ma quì non c’è nessuno…

PRELATO   - (mettendosi le mani sul volto per coprirsi) No, mi pare pare proprio di no…m’’o combina sempe sa! (prende un fazzoletto sporco di sangue e si pulisce)

CARDINALE           - (fa un giro per la stanza) No…mi pare proprio di no…

CAROLINA   - (uscendo dalla  stanza in sottoveste, s’imbatte nel Cardinale e gli si trova tra le braccia) Uh…scusate, non vi avevo visto…

PRELATO   - ‘O Signore…(fa il segno della croce e si gira)

CARDINALE           - (fissandola) Cosa da nulla…ma vi pare…

CAROLINA   - Perdonate il mio abbigliamento…

CARDINALE           - Per carità…siete in casa vostra…

CAROLINA   - Ma, veramente…

CARDINALE           - Non aggiungete nulla, vi prego…perdonate voi l’intrusione.

CAROLINA   - Allora io andrei…

PRELATO   - Vada, vada.

CARDINALE           - Se proprio dovete…

CAROLINA   - Vado! (rientra nella stanza)

PRELATO   - ‘O Signore…ma voi avete visto?…

CARDINALE           - Mica sono cieco…

PRELATO   - E non dite niente?

CARDINALE           - Cosa posso dire, la signora è in casa sua, non si aspettava di trovarci qua.

PRELATO   - Non c’è più pudore…fortuna che ha trovato noi! Perché noi e come se fossimo dei medici, solo curiamo spirito…

CARDINALE           - La signora l’avrei curata volentieri…

PRELATO   - Sua Eminenza, cosa dite?…

CARDINALE           - Nello spirito Casmiro, nello spirito. Si vedeva che ha uno spirito da…curare. Ma cosa vuoi capire tu…

PRELATO   - Ah, volevo ben dire. Ma Eminenza, adesso che facciamo?

CARDINALE           - (sposta una sedia dal tavolo e siede) Aspettiamo Casimiro, aspettiamo…

PRELATO   - Ci sarà molto d’aspettare?

CARDINALE           - Siedi, non lo so quanto dovremo aspettare, ma aspetteremo…

Scena Tredici  (Raffaele, Cardinale e Prelato)

RAFFAELE   - ( si avvede dei due e gioca di attacco…) Cercavate di me?…Scusate se vi ho fatto aspettare, ma…pazientate solo un altro poco…(va nella camera dove c’è Carolina)

CARDINALE           - (che si era alzato per salutare, rimane con la mano in aria, poi si risiede) Aspetteremo, caro Casimiro…sono ordini partiti dall’alto!…Eh…la politica.

PRELATO   - (bacia la mano al cardinale) Fino a che punto c’entra la politica?…

CARDINALE           - Allora proprio non capisci?…Sua Maestà è stato per caso visto dialogare, se cosi si può dire, con la signorina, figlia di questo tale Raffaele, il fatto è stato riferito a chi di dovere che ne ha subito informato il papa, il quale a sua volta ne ha informato la Regina vedova di Sardegna, Maria Teresa, che d’accordo con Sua Santità, ha escogitato il piano che noi dovremo mettere in atto

Scena Quattordici  (Cardinale e Prelato, con voci fuori campoindi Raffaele)

CAROLINA   - (dalla stanza) (Che ha detto la sarta?…)

RAFFAELE   - Che se volete un servizio fatto bene, non dovete andare di fretta.

CAROLINA   - Io non vado di fretta, voi piuttosto sbrigatevi.

RAFFAELE   - Calma, pare facile, ma comme faccio a trasì e ascì…

CARDINALE           - (che nel frattempo sente le voci provenire dalla camera zittisce per ascoltare, durante il discorso il prelato farà ripetuti segni della croce, mentre il Cardinale drizzerà le orecchie per sentire meglio, il tutto con lazzi a soggetto)  

CAROLINA   - Si ma io e voi non possiamo stare qua dentro così…inventatevi qualcosa di nuovo…

PRELATO   - Che viziosa…(fa il segno della croce)

RAFFAELE   - E ‘na parola…Le ho già pensate tutte…

CAROLINA   - Forse ho trovato…adesso mi alzo…(pausa)

RAFFAELE   - A cheste nun c’avevo pensato…

CAROLINA   - (sorride) Ih, ih…Ahi…mi fate male spostate il piede…

RAFFAELE   - Cerco scusa…non volevo lo levo subbito…

CAROLINA   - Ah…così va meglio…però, quanto pesate.

RAFFAELE   - Sono un falso magro…

CAROLINA   - Guardate che mi avete combinato…

RAFFAELE   - Ahi…mhhh…questo tacco e troppe appuntito…

CAROLINA   - Scusate, ho perso l’equilibrio…

RAFFAELE   - Ahe…guardate qua, guardate comme s’è gunfiato…

CAROLINA   - Ci vorrebbe un impacco d’acqua fredda…

RAFFAELE   - E ‘a ddò a piglio mo st’acqua fredda.

CAROLINA   - E allora non rimane che massaggiarlo un poco…

RAFFAELE   - …Un poco…(pausa) ahe, e quanne se sgonfia?…

CAROLINA   - Aspettate…non ho finito…

RAFFAELE   - Va bbuò, lassate stà, mo vaco a du Filomena, aggia fa fernì a essa, si no se fa tarde.

CAROLINA   - Allora avete capito come fare?…

RAFFAELE   - Certo, mo ce provo…(esce trafelato quasi correndo dalla stanza e zoppicando) Oh…scusate, ancora pochi minuti? Vi prego accomodatevi…

CARDINALE           - …Siamo già accomodati…

RAFFAELE   - E allora scomodatevi…(zoppicando va verso la porta) pigliateve quacche cosa, insomma facite chello ca vulite, io mo subbeto vengo, nu minuto…(esce)

Scena Quindici  (Cardinale e Prelato)

CARDINALE           - (segue insieme al prelato, con lo sguardo Raffaele, indi il prelato si gira e guarda il cardinale che tra lazzi a soggetto… ) Questo, non è un uomo…è una belva!…

PRELATO   -  (ennesimo segno della croce) Oh…Signore…ma dove siamo capitati?…Eminenza, siamo ancora in tempo per andarcene.

CARDINALE           - Non possiamo Casimiro, non possiamo. Tutto questo però, mi rende meno ingrato il compito che mi aspetta.

PRELATO   - In che modo?…

CARDINALE           - Beh…noi che dobbiamo fare?…Allontanare questa ragazza dal Rè, se è necessario anche con la forza, insieme alla famiglia. Quindi dopo quanto visto e sentito, come uomo, provo un pò d’invidia, ma come Cardinale in missione e uomo di chiesa, non avrò rimorsi.

Scena Sedici (Filippo e detti, poi Raffaele indi voci fuori campo)

FILIPPO      - (entrando) Rafè…ah…(con dire sorpreso) Il cardinale de Martinis?!…

CARDINALE           - (altrettanto sorpreso) …Barone Filippo de Torraca…

FILIPPO      - Voi qui?…

CARDINALE           - …A quanto pare, la belva non è sola…

FILIPPO      - La belva?…quà belva?

PRELATO   - (vi conoscete?)

CARDINALE           - Eh…

FILIPPO      - Come mai da queste parti?…

CARDINALE           - Cercavo di un barbiere…

FILIPPO      - A palazzo già ll’avite tagliate ‘a capa a tutti quanti?…

CARDINALE           - Non dite sciocchezze…

FILIPPO      - Embè…e allora?

CARDINALE           - Ho sentito parlare di questo Don Raffaele, e vulevo pruvà.

FILIPPO      - Rafele,… ma chi è Figaro!

PRELATO   - Comunque sono fatti che a voi non interessano…

FILIPPO      - Vi siete portato i rinforzi?…(ironico)

CARDINALE           - Ma cosa dite…

FILIPPO      - Quindi, ci deve essere un motivo se voi state qua?!

CARDINALE           - Nun ‘o date aretta...nessun motivo principale.(guardando male il prelato)

FILIPPO      - Vi conosco troppo bene per non sapere che se siete qua, non è per vostra iniziativa.

CARDINALE           - Ma voi piuttosto…come mai siete così in confidenza con un barbiere?

FILIPPO      - In confidenza?

CARDINALE           - Vi ho sentito quando siete entrato…Avite ditto: Rafè. Solo uno in confidenza chiama una persona in tal modo.

FILIPPO      - Sempre molto osservatore eh?…Non siete per niente cambiato.

CARDINALE           - Si fa quel che si può.

FILIPPO      - A dire il vero, dopo le mie diciamo…sfortune…

CARDINALE           - Diciamo…

FILIPPO      - Ho dovuto abbandonare ogni tipo di sfarzo, così mi ritrovai senza una casa, senza una  lira e con pochi amici, e manco a farlo apposta, erano tutti popolani…

CARDINALE           - Beh…d’altronde voi sposaste una di loro. (con ironia per ferire)

FILIPPO      - Se così non fosse stato, mi sarei ritrovato anche senza amici.

PRELATO   - Eminenza, credo che a questo punto, sarebbe meglio ritornare…

CARDINALE           - Credo anch’io.

FILIPPO      - Ma per caso sapete di Don Raffaele?…

CARDINALE           - E’ uscito in fretta e furia, ha lasciato la signora in camera ed è corso da una certa Filomena per farle finire una faccenda in sospeso…

PRELATO   - E che premura…

FILIPPO      - Ah…Filomena, la sarta.

CARDINALE           - La conoscete?

FILIPPO      - E come nò, anch’io mi sono servito di lei qualche volta.

PRELATO   - Eccellenza!…(fa la croce)

CARDINALE           - Non ne dubitavo.

FILIPPO      - Senza fare complimenti, se sua Eminenza volesse approfittare qualche volta…vi assicuro che è bravissima, ci parlo io.

PRELATO   - (pregando) Padre nostro che sei nei cieli…

CARDINALE           - Immagino…

FILIPPO      - Ha le mani d’oro, fa dei lavoretti…ma che so… ricami.

PRELATO   - Venga il tuo regno…

CARDINALE           - Sono sicuro…ma non è il caso…

FILIPPO      - Come volete…

CARDINALE           - Anche voi vedo, non siete cambiato affatto.

RAFFAELE   - (entrando col vestito di Carolina in mano, sempre scappando) Scusate tanto…vi ho fatto un po attendere, ueh, barò, vuje pure ccà, assettateve, bevete qualcosa, e offrite pure a loro, (entrando nella camera) sono subito da voi…

FILIPPO      - Rafè…rafè…(al cardinale) ma ch’è succiese?…

CARDINALE           - Sarrà riuscito a llò fa sgunfià!

FILIPPO      - A ‘llò fa sgunfià?…

PRELATO   - (tappandosi le orecchie riprende a pregare) E non ci indurre in tentazioni…

CARDINALE           - Sì, visto che la signora non c’era riuscita e gghiuto a dù sta Filomena…

FILIPPO      - Io nun capisco…

CAROLINA   - (dalla camera) Comm’è venuto ‘o servizio?…

RAFFAELE   - (in camera aiuta Carolina a vestirsi in fretta, intanto i tre fuori si fermano ad ascoltare) Eh…non tanto bene come volevo…sapete la fretta…

CAROLINA   - Va buò, nun fa niente, vuol dire che lo rifarò io, con calma….mo astrignite ccà…

RAFFAELE   - Ecco questo ci vuole, calma…

CAROLINA   - Non dovete dirlo a me, siete voi che state nervoso…

RAFFAELE   - E ne ho buon motivo, jà, girateve…

CAROLINA   - E un momento, e che maniere…

FILIPPO      - (da fuori ascoltando tra lazzi a soggetto) Rafè…ma che staje cumbinanno?

CARDINALE           - Credo sia meglio non intervenire…

PRELATO   - (continua a pregare)

RAFFAELE   -Ma si nun ve girate, je comme astregno?…

CAROLINA   - Non così forte, mi fate mancare il fiato…soffoco…

FILIPPO      - Rafè, ma che sta succedendo, fusse ‘mpazzuto?…(agitato)

Scena Diciasette (Carolina indi Raffaele e detti)

CAROLINA   - (esce dalla camera tossendo con il busto slacciato) Ah…aria…non ne potevo più.

RAFFAELE   - (uscendo anc’egli) Ma scusate, vuje dicite e stregnere…

CAROLINA   - Si ma non così forte…

FILIPPO      - Ne Rafè?…

RAFFAELE   - Doppe ve spiego…mo dateme ‘na mano a stregnere…(rispinge  Carolina e Filippo nella camera) Voi ci scusate un attimo…

Scena Diciotto (Cardinale, Prelato indi Concetta,  voci fuori campo)

CARDINALE           - (perplesso) Due degni compari…non resto un attimo di più, in questo covo di lussuriosi…(solenne) Casimiro, andiamo! Quel ch’è troppo e troppo, anche per me.

CONCETTA - (entrando dalla vetrata) Eccomi qua. Uh…scusate, pensavo fosse Rafele, mio marito.

CARDINALE           - Don Rafele…

PRELATO   - …Vostro marito? (si guardano)

CONCETTA   - E io che ho detto?…

CARDINALE           - Scusate, ma voi sareste la signora Cardella…

CONCETTA   - Concetta a servirvi, la moglie di Raffaele Cardella, ‘o bbarbiere.

PRELATO   - Ma allora quella che stà…(al cardinale) (chella, chi è?)

CARDINALE           - Siete sicura?…

CONCETTA   - (guardandolo come un pazzo) Sicuro!…Ma pecchè…e succieso qualcosa?…

CARDINALE           - Ancora no…

PRELATO   - (intuendo qualcosa guarda verso la camera) ‘O Signore…(si copre la bocca con le mani) Eminenza…sarebbe meglio andare…

CARDINALE           - Mò?…Aspetta, addò vuò j…(al prelato) (Mò ce facimme ddoie risate…)

CONCETTA   - Comme sarebbe, ancora no?…  

CARDINALE           - Volevo dire…no, nun è succieso niente, non vi allarmate…

CONCETTA   - Ne, ma ch’è stato?…

PRELATO   - Emminè, insisto…(ccà abbuscamme pure nuje.)

CARDINALE           - Aspetta…già m’immagino…

CONCETTA   - Immaginate che cosa?…

CARDINALE           - No…(sogghignando) niente…

CAROLINA   - (c.s. dalla stanza) Ma insomma che aspettate…vulite stregnere si o no?…

RAFFAELE   - bbarò, facimme ‘na cosa, vuje mantenite chell ‘a destra e ie chell’a sinistra…

FILIPPO      - E pruvamme accussì…

CONCETTA   - Ma…che sta succedenne ‘a lla dinte?….Chi ce stà?

CARDINALE           - (solenne e quasi sorridendo) Sodoma e Gomorra!…

CONCETTA   - Dint’a casa mia?…

PRELATO   - Santa Maria….

RAFFAELE   - Finalmente!…e che sudata.

CONCETTA   - Ma chesta è a voce e Rafele…

FILIPPO      - Mo che vi siete rivestita, signurì, è meglio che ve ne andate…

CONCETTA   - E chest’ata…(facendosi seria) è ‘a voce ‘e chillu bell’ommo d’’o bbarone…. 

Scena Diciannove (Carolina, Filippo, Raffaele e detti)

CAROLINA   - (uscendo dalla camera) E che c’è vulute…

FILIPPO      - (c.s.) Hamme sudate sette cammise…(vedendo Concetta si ferma di scatto e Raffaele gli va addosso) Rafè…Cuncetta!

RAFFAELE   - Uh mamma mia…(indietreggia in camera) Sò muorto!

Scena Venti (Concetta, Carolina, Filippo, Cardinale e Prelato)

CONCETTA   - (scorciandosi le maniche) E voi sareste?…

CAROLINA   - ( finendo di aggiustarsi il vestito) Una sventurata che è capitata quà per necessità ma che non ci ritornerebbe.

CONCETTA   - (sempre più minacciosa) La signora non è rimasta soddisfatta?…   

CAROLINA   - Macchè! Guardate stu vestito…ll’ha fatto ‘na schifezza…

CONCETTA   - Eh…ma chillo è brutale, voi non lo sapevate?…

FILIPPO      - Donna Concè non è come….

CONCETTA   - (interrompendolo con vigore ) Vuje stateve zitto! Con voi facimme ‘e cunte doppe…mò haggia parlà ‘nu poco cu mariteme…

PRELATO   - Eminenza, siete sempre della stessa opinione?

CARDINALE           - (ridendo) Più di prima. Casimì, mo ce divertimme…

CAROLINA   - Scusate, ma voi chi siete?…

CONCETTA   - (adirata) Io chi so?…Guardate, vò sapè io chi so?!…(da una spinta a Carolina che si ritrova seduta su di una sedia) Llevate a ‘nanze…mò tengo che ffà…(si dirige verso la camera) Addò staje?!…T’annascunne? Me t’aggia magnà ‘o fegato!…

Scena Ventuno (Filippo, Carolina, Cardinale e Prelato, voci fuori campo)

CARDINALE           - (c.s.) Cu ‘e cipolle e ‘a foglia ‘e lauro…

PRELATO   - Eminenza…

CARDINALE           - Stà bbuono…

FILIPPO      - Mamma d’’o Carmene, va trova mò che succede?…

CONCETTA   - (entrata nella stanza comincia a tirare oggetti, da fuori rumore di cianfrusaglie che si rompono) T’aggia accidere!…Delinquente…

RAFFAELE   - (implorante) Cuncè, t’ho giuro…nun è comme pienze…ahi…me faje male…ahi…

CONCETTA   - Nun è comme penzo?…E’ vide…fosse accussì…(altri rumori di cineserie che si rompono)

RAFFAELE   - No…ahi…’o servizio e piatte bbuone…

CONCETTA   -‘O servizio e piatte?…T’haggia ‘rapì ‘a capa! (c.s.) Viene ‘a ccà, addò fuje…(escono)

Scena Ventidue (Raffaele, Concetta e detti indi Carlo)

FILIPPO      - Donna Cuncè calmatevi….non è come pensate….

CONCETTA   - Luvateve a ‘nanze, haggie ditto che cu vuje facimme ‘e cunte doppe!…

RAFFAELE   - (andandosi a nascondere dietro il prelato) Cuncè…mo staje esaggeranno!…

CONCETTA   - Esaggeranno?! Sa che te dico? Ca chello ch’è fatto è reso…(sempre tirando oggetti) Mò ti rendo la pariglia col primo ca trase ‘a chesta porta, accussì te ‘mpare!…

CARLO       - (entrando) Buon…gior…no…(guardandosi intorno) Ma che sta succedenne?…

FILIPPO      - Gli ultimi giorni di Pompei, Carlù!…(cercando di ripararsi)

RAFFAELE   - (evita un oggetto scagliato dalla moglie che finisce col colpire Carlo) Cuncè…è assurdo!…

CARLO       - (che viene colpito) Maronna, (si accascia su di una sedia stordito) Ma che è stato?…

RAFFAELE   - Carluccio?!…

CONCETTA   - Meglio accussì!…C’è più sfizio….

RAFFAELE   - No…cu Carluccio no…

FILIPPO      - (vedendo il figlio colpito) Donna Concè, mo nun ve pare d’esaggerà?…

CARLO       - Neh…ma ch’è stato?…

CONCETTA   - Io nun esaggero, ‘o mandrille c’’aveva pensà prima…( tira Carlo per un bavero della giacca) Iamme mè…datte da fà…trase llà dinto.

CARLO       - Nu mumento…ma ch’è dè?…

CARDINALE           - (solenne) Orsù signora, adesso non esagerate…la vendetta è peccato…

CONCETTA   - Eccellè…io non vi rispondo perché rispetto l’abito che purtate…ma faciteve ‘e fatte vuoste ch’è meglio!

FILIPPO      - Donna Cuncè, vi assicuro che si tratta di un equivoco…

CONCETTA   - Ccà d’equivoco ce state sule vuje, e chella faccia ‘e nutriccia…

CAROLINA   - Faccia ‘e nutriccia a mè?…Ma quanta confidenza!…

CONCETTA   - (che mantiene sempre Carlo per il bavero agitandolo di qua e di là, lo siede su di una sedia ) Tu nun parlà!.. Mo tengo che fà cu’ chisto…ma nun te movere a lloco, sinnò t’arape ‘a capa pure a tè! (cercando di afferrare Carlo, prende il prelato per un braccio e lo trascina)

PRELATO   - (sentendosi trascinare cerca aiuto) Nun song’io, lasciateme, Emminè aiutateme…

CARLO       - (Nel frattempo cerca di sgusciare via ma viene fermato da Concetta che accortasi dell’errore, lascia il prelato ed insegue Carlo)…ma che vulite?!…

CONCETTA   - Statte zitte, e viene cu mme…(entra trascinando Carlo nella camera)

CAROLINA   - No, io me ne vado…non resto un minuto di più in questa gabbia di matti

CARDINALE           - (capendo la situazione, escono anche loro alla chetichella)

Scena Ventitre (Raffaele, Filippo, e voci fuori campo)

RAFFAELE   - Cuincè…Cuncè, ferniscela!…

FILIPPO      - Donna Concè, facitele pe mè…

RAFFAELE   - Tu si scemo!…Si dice accussì chella fa peggio…

FILIPPO      - Donna Concè, facitele pe’ Carlo…

RAFFAELE   - Eh…e chella pe isso ‘o sta facenne!

FILIPPO      - Ne, ma pe chi ll’hadda fa?…

RAFFAELE   - Nun ll’hadda fà, bbarò, è proprio chill’’o punto!

FILIPPO      - Rafè, a guagliona…

RAFFAELE   - Vuje penzate sempe a chello…( piagnucolando fuori la porta) Ie tengo chisti guaie…Cuncè…e ghiesce jà!…

FILIPPO      - Ma ch’’e capito…’a guagliona è l’unica ca sape ‘a verità…pecchè Rafè, tu me ll’he ditta a verità, ‘n’’e ‘o vero?…

RAFFAELE   - E se capisce…che ve dicevo a buscìa…proprio a vuje?…Bbarò, curritele appriesso, fermatela…io cerco ‘e fermà a Cuncetta. (spingendolo quasi fuori dalla vetrata, nel frattempo si apre la porte e s’intravede Carlo che cerca di sfuggire alla donna che subito lo ritrascina dentro chiudendo la porta)

FILIPPO      - E’ ‘na parola…pare facile, curritele appriesso…e chi ce ‘a fa?!…

RAFFAELE   - (corre verso la porta per fermare la moglie, ma non fa in tempo) Barò, facitelo pe mmè…cercate d’appurà chi è, (con la maniglia della porta in mano quasi a forzarla) acchiappatela.

FILIPPO      - E mo ce provo…ma nun te assicuro niente. (esce)

Scena Ventiquattro (Raffaele, voce fuori campo)

 

RAFFAELE   - Cuncè…staie facenne nu gruosse sbaglio…tu te ne piente… pienzece bbuono…

CONCETTA   - (da dentro) Tu c’he penzato?…Comme se dice, nu’ sbaglio per uno…

RAFFAELE   - Cuncè…falle pe Carmilina…che pensarrà e te?…(e a ggente d’’o quartiere che pensarrà e me…) (facendo il segno delle corna) Cuncè…

CONCETTA   - Uhh…Rafè, e mò basta! Mi devo vendicare, nun ce scuccià!

RAFFAELE   - (che nel frattempo si e portato verso il tavolo con rassegnazione cerca qualcosa per asciugarsi le lacrime e inavvertitamente prende il pantalone dalla spalliera della sedia) Cuncè……Ma…ma chisto…(illuminato) Haa…femmina prevversa! Allora era tutta ‘na messinscena?!…’O primme ca trase eh…e manco a farlo apposta è trasuto proprio Carluccio. Eh…ma ie mo aggia appurà si stu cazone è ‘o suoio ohì…pecchè si è ‘o suojo, ccà succede ‘o finimondo! (nel camminare finisce di rompere un piatto che sta per terra, quindi lo guarda…) Però primme annasconno ‘o riesto d’’o servizio ‘e piatte bbuone.

CONCETTA   - (da dentro gridando) Mascalzone!!!

RAFFAELE   - Madonna! (scappa via)

SIPARIO

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

La Scena si svolge nella stessa casa, di tardo pomeriggio, ma in una stanza diversa. La camera e quella da pranzo, adesso con mobili più nuovi, ma nulla di eccezionale, traspare sempre una situazione economica non del tutto florida. Sulla comune in fondo, a destra sempre la stessa apertura che dà su di un corridoio, a sinistra due ante  dalla quale si vede un piccolo giardino con muro di cinta alto circa un metro e sopra una balconata in pietra, è visibile una porta in legno posta in mezzo al muro, dalla quale si accede alla strada. Non vi sono altre porte.

Scena Prima  (Filomena, Concetta e Perzechella)

FILOMENA   - Mangiete quacchecosa, staje ancora digiuna…

CONCETTA   - Ma che vuò mangià, me se ‘nchiuse ‘o stommaco.

CARMELINA           - Ma insomma se po’ sapè ch’è succieso?…

CONCETTA   - Ma che vuò sapè…Niente, nunn’è succieso niente…

CARMELINA           - Niente?! Vuje state ‘e ‘sta maniera! Papà a stammatina e ancora nun s’arretira…

CONCETTA   - E bbuono facesse a nun s’arritirà cchiù!Doppe chello ca m’ha fatto chillu delinquente. Si nun avesse perzo ‘a carrozza, nun me ne fosse maie accorta e che lazzaro m’aggio spusate…

CARMELINA           - Ma pecchè, c’ha fatto?…

CONCETTA   - So cose ca tu nun può capì…. A mè!…Mi merito questo io?…

FILOMENA   - Pure tu però…t’’e chiuse dint’a stanza cu Carluccio, annanze a tutta chella gente …e non sta bene.

CARMELINA           - Nhe?….

CONCETTA   - Si nun ce steva gente, era meglio?…

FILOMENA   - No…voglio dicere, a fà chello ca’ he  fatto…

CARMELINA           - C’hate fatto mammà, cuntate…

CONCETTA   - C’aggio fatto…Filumè! (le tira un calcio da sotto alla tavola) Niente a mammà…c’aggia fa…

FILOMENA   - Vuoi dire ca…

CONCETTA   - (a tutt’e due) Ma ve pare ca io facevo overo?…L’ho fatto pe ce dà ‘na lezione…

FILOMENA   - Ma allora…

CARMELINA           - Ch’è succieso?…

CONCETTA   - Doppe trasute d’int’a stanza me s’è astrignut’ ‘a gola e sò scuppiata a chiagnere, me so sfugata tutt’e nierve ca tenevo.

FILOMENA   - E Carluccio?…

CARMELINA           - Già…e ‘o baruncine Carluccio?

CONCETTA   - ‘O guaglione, haggia dicere a verità, ha capite tutte cose, anzi, è stato accussì ggentile, m’ha prestate pure ‘o fazzuletto…(mostra un fazzoletto) ha cercato ‘e me cunzulà insomma…accussì a poco a poco me sò calmata, ma tengo ‘o stommaco sotte’ncoppa, nun ce trase manco nu bicchiere d’acqua.

FILOMENA   - Ma pecchè nun te chiarisce cu Rafele…

CARMELINA           - Povero papà…chissà mo che se crede…

CONCETTA   - Nun m ‘o nummenà, ca me faje saglì n’ata vota ‘a nervatura! Chello ca se crede se crede, certamente nun è fernuta accussì?…

FILOMENA   - Ma si pure ‘o barone Filippo a ditto….

CARMELINA           - Ce steva pure ‘o barone?…

FILOMENA   - Eh…aje voglia…chillo nun manca maje…

CONCETTA   - Allora me vuò fa proprio ‘ntussecà?!…E’ tutta colpa soja chello ca è succieso…

CARMELINA           - (a Filomena) E’ colpa soja?…

FILOMENA   - Nonzignore…isso dice ca c’è stato n’equivoco…

CONCETTA   - N’equivoco?…Lasse ca ‘o veco, ce ‘o dongo io l’equivoco!…

FILOMENA   - E ma tu nun ‘e’a fa accussì! Pure int’e pruciesse uno se po’ difennere…

CARMELINA           - …Ce vò n’avvocato?…

CONCETTA   - Ma qua avvocato, che vò difennere!…Filumè famme ‘o piacere…

FILOMENA   - Almeno siente che tene a te dicere…

CONCETTA   - A fforza me ce vuò fà parlà! Va bbuono, appena ‘o veco ce parlo…

FILOMENA   - Non ce ne bisogno, sta ccà, sta fora…

CONCETTA   - Allora già ‘o sapive?…Eh bbrava a Filumena…

FILOMENA   - Ma io l’haggio fatto p’a pace d’a casa vosta…aspetta mo t‘o chiamme…(va verso la porta) Signò barò, accomodatevi, Concetta è disposta a ve parlà…(rivolta a Concetta) ce vedimme dopo.Perzechè, forze è meglio ca e lasciammo sule……(esce e dopo poco entra Filippo)

CARMELINA           - Proprio mò…forze avite raggione. Mammà io vaco, se avete bisogno mi chiamate.

Scena Seconda  (Filippo e Concetta)

FILIPPO      - Donna Concetta…(fa cennoalla ragazza  nella comune di aspettare)

CONCETTA   - (scostante e senza guardarlo) Accomodatevi…

FILIPPO      - Permettete che mi siedo?…

CONCETTA   - Parlammece chiaro, v’avisseva credere ca mo fernesce tutto a taralluccio e Vino?

FILIPPO      - Io chiaro voglio parlà…levamme ‘e taralluccie e ‘o vino a miezo, ma almeno ‘nu bicchiere d’acqua se putesse avè, ca stò tutto sudato?…

CONCETTA   - Servitevi….

FILIPPO      - (si versa un bicchiere d’acqua dalla brocca che sta sul tavolo e beve) Ah…ce vuleva proprio. Dunque, donna Concè…io stò quà, non solo per difendere vostro marito, ma pure per me, che sò stato ingiustamente accusato di una cosa della quale non tengo colpe…

CONCETTA   - (e’ arrivato l’avvocato…)

FILIPPO      - Questa storia è tutta un malinteso…se permettete, adesso vi chiarisco tutto. (si alza va verso la comune e chiama la ragazza) Signorina… accomodatevi.

Scena Terza  (Carolina e detti)

CONCETTA   - (vedendo la ragazza, monta su tutte le furie e si alza) ‘On barò, da voi mi sarei aspettato qualunque cosa, ma chest’è troppo…m’hate purtate a cunoscere ‘a concubbina ‘e mio marito!

FILIPPO      - Aspettate…non v’innervosite, meglio d’essa nisciuno v’’o ppo’ spiegà…

CONCETTA   - Ma che ce sta ‘a spiegà?…Barò, quà è tutto chiaro! E mò jatevenne vuje e essa, primma ca me saglie ‘o sanghe a parte ‘a capa…

CAROLINA   - Ve l’avevo detto che con la Signora nun se po arraggiunà…(girandosi per andare) Statevi bbene, comme ve chiammate….

FILIPPO      - (la trattiene) Addò jate, ma comme…aggio fatto tanto pe ve truvà.

CONCETTA   - Avete fatto male, e po’, bastava spià a mio marito…

FILIPPO      - Nun pazziate Donna Concè…vulite sentere ‘e fatte comme s’’o ghiute ‘o no?

CONCETTA   - E sia…ma nun v’illudete ‘e me fa scema!

FILIPPO      - Ma chi vè vò fa scema?!…Signorina Carolina…(che era rimasta sotto l’uscio)  la signora è disposta ad ascoltare quello che abbiamo da dire…

CONCETTA   - Mi sono fatta convincere, solo pe vedè che fantasia tenite…(solenne) parlate, ma che il vostro racconto sia convincente…

FILIPPO      - (‘O giudice ci ha accordato la parola…) Signorina, potete parlare…

CAROLINA   - (ma che stamme ‘o tribunale!) Signor giudice….

CONCETTA   - Me venite a sfottere fino a d’int’a casa mia?!…

CAROLINA   - Uh scusate, m’è asciuto…volevo dire Signora cara…

CONCETTA   - Levate ‘o cara a miezo e ghiamme annante…

CAROLINA   - Come volete, dunque il mio nome è Carolina Assante, e faccio la modella per un pittore che abita ‘o vico appriesso…

CONCETTA   - Mò così si dice, la modella?…

CAROLINA   - Eh, a modella…sapete ‘e che se tratta?

CONCETTA   - Me l’immagino….andate avanti.

CAROLINA   - Stamattina mentre mi recavo al lavoro…

CONCETTA   - (ironica) A lavoro…

FILIPPO      - Signò, e facitela parlà…

CAROLINA   - …Mi sono accorta di essere seguita da un brutto ceffo.

CONCETTA   - Voi?…(a Filippo)

FILIPPO      - Io?…E che c’entro io…

CONCETTA   - A questo siete ridotto…

FILIPPO      - Per favore…Donna Cuncè, non diciamo eresie…

CAROLINA   - …Nossignore, Filippo non c’entra.

CONCETTA   - Filippo?…

FILIPPO      - (imbarazzata) Abbiamo fatto amicizia dopo…quando l’ho cercata pe vostro marito…

CONCETTA   - Allora ohì ch’ havevo raggione…v’a passate uno cu n’ato!

CAROLINA   - Ma come vi permettete?…M’ha pigliate pe ‘na cravatta…

FILIPPO      - Nossignora, dicevo che l’ho cercata per discolpare vostro marito…Donna Cuncè, ma così non s’arriva da nessuna parte…e fatela parlare!

CONCETTA   - Jamme bello, parlate…

CAROLINA   - (Io vulesse sapè a me chi me l’ha fatto fà…) Dunque…dicevo, a un certo punto questo gaglioffo, ha cercato e me mettere ‘e mmane ‘ncuollo…e c’era quasi riuscito, solo che io me sò messa a correre, e lui s’è aggrappato al vestito e me l’ha strappato. Io figurateve…tutta ‘mpaurita, me sò ‘nfilata d’into ‘a primma porta che haggie truvato. E’ pe disgrazia mia, era chella d’o salone ‘e vostro marito.

CONCETTA   - Si…pe’ disgrazia vosta?

CAROLINA   - Eh…e chella ‘e vostro marito.

CONCETTA   - Guardate che curaggio!…Ma avite raggione, pecchè pe’ mme è stata ‘na furtuna. M’ha fatte capì, doppe tant’anne e matremmonio, che razza ‘e mascalzone era maritemo.

FILIPPO      - Ebbide…Donna Conce, e vi ho pregato…Carolina vada avanti…

CAROLINA   - A onor del vero, ‘o Signore me ne vuleva fa ji…sò stata io a insistere…nu’ poco pe’ ppaura ca chillu coso bbrutto stava ancora fuori, e pure perché col vestito stracciato avevo vergogna di uscire per la strada…

CONCETTA   - Guardate…una fa ‘a modella, e pe nu’ poco ‘e vestito strappato se mette scuorno…

CAROLINA   - Che c’entra, quello è lavoro,‘o pittore è come il medico, te guarda ma nun te guarda...

CONCETTA   - No…pitta cu l’uocchie ‘nchiuse….

CAROLINA   - Volevo dire, ti guarda con gli occhi del pittore, da artista…non guarda te, ma quello che rappresenti…

CONCETTA   - Comme v‘ha guardate maritemo?!…

FILIPPO      - Rafele fa ‘o pittore?…

CAROLINA   - Overo…è pittore?…

CONCETTA   - Nossignore! Nun fa ‘o pittore…ma quanne guarda ‘na figliola, se vede ggià ‘o quadro annanze ‘a ll’uocchie…

CAROLINA   - Comunque per continuare, tira a me e votta a tte…l’ho convinto a farmi restare un poco, e ad aiutarmi per il vestito…

CONCETTA   - A v’ò levà?!…

CAROLINA   - Anche, ma solo dopo la sua promessa di portarlo dalla sarta…

CONCETTA   - ‘A sarta?…E che c’entra a sarta?

CAROLINA   - Dopo che l’ho convinto, gli ho chiesto ago e filo, per cucirmi lo strappo, e lui mi ha detto che non l’aveva che se ne occupava la sarta…una certa Filomena. Al chè io ho insistito perchè le portasse il vestito. E lui, dopo molta reticenza, così ha fatto. Con la scusa che era di vostra figlia l’ha purtato a cucire. Dopo è risalito per andarlo a prendere e quando è sceso, mentre mi aiutava a metterlo, siete arrivata voi. Il resto lo sapete.

FILIPPO      - Oh…mo avete capito comme sò ghiut’’e fatte?…

CONCETTA   - E che bisogno c’era e v’ aiutà a vestì?

CAROLINA   - Avete ragione, ma ho di nuovo insistito io, sapete, questi vestiti moderni so nu guajo, ce vonno doie perzone p’’o mettere e tre po’ levà…

CONCETTA   - Neh…pe nu vestito cinco cristiani?…

CAROLINA   - No…che avete capito, era per dire ca sò difficultuse assaje. Guardate ccà quanta  rrobba ‘a stregnere ca ce stà…

CONCETTA   - E se vede! E mio marito v’astrignuto…

CAROLINA   - Non solo lui, pure Fil…il barone Filippo.

CONCETTA   - Pure ‘o bbarone ?…tutt’e duie?…Assieme?…

CAROLINA   - E ve l’ho detto…

FILIPPO      - ‘O vestito Donna Cuncè…’o vestito. (ma che andate dicendo)

CONCETTA   - Va buò…ho capito tutto. (chiama Carmelina) Perzechè…Perzechèlla…

ScenaQuarta  (Carmelina e detti)

CARMELINA           - (entrando dalla comune) Comandate mammà.

CONCETTA   - Perzechè famm’ ‘o piacere, va’ a chiammà Filomena.

CARMELINA           - Filomena?…

CONCETTA   - Si, e dille ca scennesse subbito, l’aggia fa ‘na mmasciata…ma fa ‘na cosa ‘e juorno.

CARMELINA           - Vado subbito…(sbuffando, esce)

Scena Quinta  (Concetta, Filippo e Carolina)

CONCETTA   - Di lei mi fido. Barò, se lei mi conferma il fatto del vestito vi farò le mie scuse. Se così non è, barone caro, accumminciate a correre!

CAROLINA   - Sicuro! Lei lo può confermare.

CONCETTA   - Se quel che avete detto è la verità…sono pronta a cercarvi scusa pure a voi.

CAROLINA   - E’ il minimo. Se capisce ca è ‘a verità…io non dico mai bugie.

CONCETTA   - Mo vedimmo.

FILIPPO      - Così, se chiarisce ‘sta faccenda…Donna Concè, ma ve pare ca io e vostro marito….

CONCETTA   - Nun parlate, pure si ‘o fatto è overo, nun ve credite ca me state cchiù simpatico…

FILIPPO      - (io vulesse sapè che l’haggie fatto?…)

Scena Sesta  (Filomena, Carmelina e detti)

FILOMENA   - (entrando) Cuncè, m’he mannate a chiamma?…

CONCETTA   - Filomè, t’haggia spià ‘na cosa, però he ggiurà ca me dice ‘a verità…

FILOMENA   - T’’o ggiuro Ggiesù, Cuncè, e tu me cunusce, ma ‘e che se tratta?…

CONCETTA   - Filumè…stammatina maritemo t’ha purtato nu’ vestito ‘a ccosere, dicenne ch’era e Perzechella…che t’ha ditto?…

CARMELINA           - ‘O mio?…

CONCETTA   - Shhh….zitta!

FILOMENA   - Ggesù, e che m’ha ditto, si ce ‘o putevo fà ‘o cchiù ampressa possibile, pecchè ‘a guagliona havev’ascì, e nun teneva che se mettere.

CARMELINA           - Ma….

CONCETTA   - Shhh. Zitta! E tu?...

FILOMENA   - E io aggio date nu’ sguardo e l’aggio risposto va bene, però nun saccio comme è venuto, chillo steva troppo ‘nguajato.

CARMELINA           - ‘O vestito mio?…

CONCETTA   - E ti ho detto statte zitta!..E po’, doppo quanno tiempo è venuto a so piglià?

FILOMENA   - Doppo poche…anzi io nunn avevo ancora manco fernute, e isso a ditto ca nun faceva niente, jeva bbuono ‘o stesso.

CAROLINA   - (Perciò è venuto ‘na schifezza…)

CONCETTA   - Grazie Filomè.

CARMELINA           - Famme je a vedè ‘o vestito va…(corre via)

FILOMENA   - Ma te pare Cuncè, ma pecchè…

CONCETTA   - Ho appurato la verità…barone Filìppo, vi faccio le mie scuse…e pure a vuje Signurì, vi prego di perdonarmi e di capirmi. In me era la moglie gelosa che agiva…

FILIPPO      - Và buò mo nun ne parlamme cchiù, s’è chiarito tutto.

CAROLINA   - Sono felice di esservi stata d’aiuto…mo dovete perdonare anche a vostro marito.

FILIPPO      - Se capisce, tanto il fatto non sussiste…

CONCETTA   - E’ perdonato! Così sentenzio…

CAROLINA   - (‘a causa è fernuta e il giudice s’arretira…)

FILOMENA   - Ah…finalmente. Me fa veramente piacere ca s’è chiarito tutte cose…Cuncè, io me ne vado, qualsiasi cosa…

CONCETTA   - N’ata vota grazie Filumè…

CAROLINA   - A questo punto andrei pur’io. ‘O maestro me sta spettanne pe dà n’ati dduie colp’e penniello, sapete, primma che se fa scuro…Arrivederci. (escono entrambe)

Scena Settima  (Concetta, Filippo indi Perzechella)

CONCETTA   - (se capisce…quanno è scuro, non viene bene!)

CARMELINA           - (entrando dalla comune) Mammà, fore ce stanno dduje prievete. Uno tene ‘na coppola rossa. Cercano ‘e papà…

CONCETTA   - E che vonne?…Pateto nun ce stà, doppe chello ca è succieso va trova addò se n’è ghiuto…fa ‘na cosa, falle trasì  mò vech’ io che vonno.

CARMELINA           - Mammà, ma ‘o vestito mio sta…

CONCETTA   - Shhh…doppe, doppe!

FILIPPO      - (chisto sarrà n’ata vota L’eccellenza de Martinis…) Donna Concè, io andrei…se permettete esco dalla sala da barba, nun me và ‘e vedè ‘sti prievete…avete niente in contrario?

CONCETTA   - Io?…Accomodatevi, ‘a strada ‘a sapite…

FILIPPO      - Grazie…arrivederci. (esce)

Scena Ottava (Concetta, Carmelina indi Cardinale e Prelato)

CONCETTA   - Perzeche, c’ aspiette?…Fall’’e ttrasì! …E che vonno ‘a maritemo…si era p’’a barba trasevano d’’a sala…ma nun po’ essere….

CARMELINA           -  (da sotto l’uscio) Eccellenza, venite avanti…

CARDINALE           - E permesso?

CONCETTA   - Prego, accomodatevi.

CARDINALE           - ( si ripete la scena del primo atto) Sia lodato Gesù Cristo (c.s.) Sono il cardinale de Martinis, e questo è il mio segretario…il prelato Casimiro…

PRELATO   - …Vasemo!

CONCETTA   - E ie me vase a isso…

PRELATO   - E io me faceve vasà a vuje?!…

CARDINALE           - Vasemo è il cognome…

CONCETTA   - Ah…

CARMELINA           - (che strano cugnomme…)

CONCETTA   - Ma vuje…

CARDINALE           - Ci siamo già visti…questa mattina, solo che voi eravate un po’…impegnata e non ci siamo potuti presentare…

CONCETTA   - Mi ricordo…e ditemi, in che posso servirvi?

CARDINALE           - Cercavamo di vostro marito…è possibile parlargli? Questione di pochi minuti…

CONCETTA   - Eh, ma mio marito non c’è…potete dire a me?…

PRELATO   - Veramente è una questione seria, dobbiamo parlare con lui…

CONCETTA   - E’ successo qualche cosa?

CARDINALE           - (tirando per un braccio il prelato) Mi auguro di no…e poi a tutto c’è rimedio…

CONCETTA   - Ma fatemi capire…

CARDINALE           - Preferirei parlare con lui in persona.

CONCETTA   - Ho capito…ma io non lo so quando torna, è uscito da stamattina.

PRELATO   - E non sapete quando torna?…

CONCETTA   - E io che ho detto?…

CARMELINA           - (chisto è pure surde!)

CARDINALE           - Casimiro, non creiamo confusione! La signora ha detto che non lo sa quando torna…

PRELATO   - Allora…non sapete quando torna…

CONCETTA   - Ve l’haggia scrivere?…

CARMELINA           - (E visto!)

CARDINALE           - Casimì! (lo tira di lato per un braccio) Comunque, cara signora, la faccenda è già seria e dobbiamo discutere un po’ sul da farsi prima che lo diventi troppo…

CONCETTA   - Troppo?…ma che significa?…

CARDINALE           - Ho capito…permettete che sieda?

CONCETTA   - Prego! Accomodatevi…

CARDINALE           - (alludendo alla presenza della ragazza)  Non so se posso…mi capite?…

CONCETTA   - Carmilì, ti puoi accomodare, dobbiamo discutere ‘e cose serie…

CARMELINA           - (di scatto) Nun ve preoccupate, già stavo andando…

Scena Nona (Concetta, Cardinale e Prelato indi Carmelina)

CARDINALE           - Cara signora…ci è giunta notizia che la sala da barba di vostro marito è frequentata da una persona, per la quale ci sono molte altre persone che dipendono dalle sua persona…se così si può dire…dalle sue frequentazioni…

CONCETTA   - …Quanta perzone! Potete ripetere, nun haggio capito niente.

CARDINALE           - Questa persona…

CONCETTA   - Chi?…

PRELATO   - La persona che frequenta la sala di vostro marito…

CONCETTA   - Ah…

CARDINALE           - Ci sta particolarmente a cuore…

CONCETTA   - A voi?

CARDINALE           - Non solo…cara signora, non solo. Noi abbiamo ricevuto ordini precisi di indagare…

CONCETTA   - Addirittura…e pecchè?…Mio marito ‘o mestiere ‘o sape…

CARDINALE           - Veramente non è suo marito che ci preoccupa, o almeno, non direttamente.

CONCETTA   - Uh mamma mia, e chi?

CARDINALE           - Non so se posso parlare…ecco, avrei preferito parlare con vostro marito.

CONCETTA   - Occellenza, se c’è qualcosa che riguarda mio marito, riguarda tutt’’a famiglia, e cioè a mme, vi prego mò dovete parlare!

PRELATO   - (chiamandolo in disparte) Eminenza, veramente…

CARDINALE           - (Casimì, ‘a signora insiste… e vvote quanne vò’na mugliera…) (ritornando a sedere) Signò, ascoltatemi …

CONCETTA   - Pronta…

CARDINALE           - Come vi dicevo, a preoccuparci non è vostro marito, ma vostra figlia…

CONCETTA   - Mia figlia?…E che c’entra mia figlia?

CARDINALE           - Non so se lo sapete, ma vostra figlia si vede già da un po’ di tempo con un giovanotto, per il momento nulla di serio sia inteso, ma chi ci ha inviato a voi, non vorrebbe che il fatto lo diventasse e gradirebbe che la cosa finisse qui.

CONCETTA   - Carmilina? E io l’avevo immagginato…ma quanne e doppo ‘a spezz’e ccoscie!

CARDINALE           - E no signora cara…allora non avete capito. Il fatto deve essere abilmente pilotato, questa persona, non deve sapere niente, si nò ato ca coscie, ccà zompano ‘e cape!

CONCETTA   - Uh Santa Barbara…

CARDINALE           - Sarebbe opportuno ca ve facisseve aiutà da qualcuno, che sò…da qualche giovanotto che conoscete, qualcuno al quale interessa vostra figlia, insomma trovate voi una soluzione. Io da parte mia vi posso assicurare la sua immunità, quando sarà il momento…

CONCETTA   - Se ho ben capito, mi state proponendo ‘e fà ‘a ruffiana a mia figlia?

CARDINALE           - E’ necessario!

PRELATO   - E’ necessario…

CONCETTA   - (Chiste nun sulo è nu poco…(fa un gesto effeminato)  ma è pure pappavallo…)

CARDINALE           - Sarebbe opportuno che avvisaste pure vostro marito. Insomma signora mia…la faccenda è molto seria. Qua si parla di ragioni di Stato. Io posso arrivare fino a un certo punto, ma in fondo sono solo un esecutore di ordini. E quelli che mi sono stati impartiti sono ben precisi. Delle due scelte possibili che mi hanno messo a disposizione ho preferito proporvi la più pacifica…

CONCETTA   - …C’è ne un’altra?

CARDINALE           - Si, ma sarebbe molto meglio per voi evitarla.

CONCETTA   - Ho capito!…Eccellè, ma almeno ditemi di chi si tratta?

PRELATO   - (storcendosi sulla sedia facendo segno di silenzio) Eminenza…

CARDINALE           - (Casimiro, a questo punto deve sapere…) Signora, stiamo parlando di Ferdinando…

CONCETTA   - ‘O marito e Nannina?…E che ci ‘azzecca?…

CARDINALE           - Signò…Ferdinando ‘o Rre!

CONCETTA   - ( impallidisce e ricade sulla sedia quasi svenuta) Madonna mia…

CARDINALE           - Non vi preoccupate…a tutto c’è rimedio. Come vi suggerivo prima, sarebbe opportuno che la ragazza  s‘interessasse a qualche suo coetaneo a voi vicino.

PRELATO   - Oh…Signore (vedendo Concetta afflosciarsi corre da lei e cerca di rianimarla sventolando il cappello, vedendo che non sortisce effetto, si alza la tonaca e gli fa aria)

CONCETTA   - (guardando verso il prelato) E che problema…

CARDINALE           - Il problema è che se sua Altezza Reale la principessa Maria Cristina dovesse venire a conoscenza di questa storia, (al prelato) Casimi, avasce lloco, (riprendendo il discorso) devota e pìa com’è, non accetterebbe di sposare re Ferdinando,e questo potrebbe accentuare una crisi tra nazioni, che può essere scongiurata solo con il matrimonio tra i due reali.

PRELATO   - (che nel frattempo è rimasto con la tonaca in mano) Capite l’importanza della cosa?…

CONCETTA   - (guardando il prelato) Mamma mia bella…(al cardinale) e chi s’aspettava ‘na cosa e chesta!…Io vi ringrazio della franchezza. Nun sia maie ‘o sapesse chella creatura e Carmilina…

CARDINALE           - Non voglia mai Iddio…per carità! La ragazza deve restarne estranea… Adesso che tutto vi è chiaro noi possiamo andare, Signò, mi raccomando…per il bene della vostra famiglia, non deve trapelare nulla di quanto detto qua dentro.

CONCETTA   - Per l’amor di Dio…e chi parla. Carmilì…Carmilìna…

CARMELINA           - Comandate…

CONCETTA   - Accompagna Sua Eminenza e il suo segretario, stanno andando via.

CARDINALE           - Grazie…Casimiro, andiamo. Sia lodato Gesù Cristo (c.s.)

PRELATO   - (si scosta balzando all’indietro) Signora…(escono dalla comune)

Scena Dieci  (Concetta indi Carmelina)

CONCETTA   - Vì che guaio…ma dico io cu tutt’e giuvane ca ce stanno…e chill’ate po’…cu tutt’e femmene ca stanno a palazzo, proprio a Carmilina mia aveva ‘nquità! Sò cos’’e pazze! Io mo a chi me pozzo rivolgere?…(siede a riflettere) Dint’’o quartiere chi ce po’ stà ca putesse fa ‘o caso mio… Serpillo…no…è nu’ bbello guaglione, ma tene ‘e mmane longhe…(fa il segno del mariuolo) perciò ‘o chiammano serpillo, riesce sempe a sguscià, ma va trova quà vota ‘e chesta…noo…e chi c’è po stà?…(illuminata) Carluccio!…Carluccio, sì…è overo ca ‘o pate è nu’ poco mascalzone, ma sempe nobili sò…e po’ figliema se spusasse a Carluccio mica ‘o pate.. Ho deciso! Sulo isso me po’ aiutà…mo ‘o manne a chiammà! Carmilì…Carmilina…

CARMELINA           - Comandate…

CONCETTA   - Fa ‘na cosa…và a d’’o Pascalone ‘o gravunaro e’ dimpetto, e dì ‘o guaglione suojo…a Gennariniello, ca jesse subbito ‘a casa d’’o barone Filippo de Torraca e pregasse a Don Carluccio e venì ccà, ca l’aggia fa ‘na mmasciata.

CARMELINA           - A Don Carluccio?…

CONCETTA   - Eh…a D. Carluccio!

CARMELINA           - E de che se tratta?…

CONCETTA   - Guè…e che t’’mporta?…Fa comme t’haggio ditto! …Và, e nun discutere, ca ‘o fatto è serio.

CARMELINA           - Come volete…(uffà!) (esce)

CONCETTA   - Qua bisogna trovare una soluzione…e sulo Don Carluccio me po’ ajutà! Speriamo che sta in casa. Vulesse proprio sapè maritemo addò è ghiuto, a stammatina ancora nun s’arretira.

CARMELINA           - (rientrando) Mammà, tutto a posto, a mmasciata è fatta.

CONCETTA   - Ma sa che c’è…mo mentre aspetto ‘o baruncino Carluccio, vaco a fà cumpagnìa nu’ poco a Filumena ‘ncoppo. (esce)

Scena Undici (Perzechella, voce fuori capo, indi Ferdinando)

CARMELINA           - (Spenge la candela che è sul tavolo, (abbassamento delle luci) si reca alla finestra e con fare trasognato guarda fuori, trapela solo un pallido bagliore, come fossero i raggi della luna. Indi si porta verso il mobile ne prende un cesto con dei piselli e si va a sedere sul divano cominciando a sgusciarli con fare trasognato pensando ad altro.)

Nu vaso a pizzechillo
Ammore t’aggia dà,

Si nunt’abbasta chillo

Allora me lassà.

Vurria ca tutt’e stelle

Me stessero a guardà,

E ca ‘sta luna bella

Me te portasse ccà.

E ca ‘sta luna bella

me te portasse ccà.

Diciste nenna bella

Faciteve vasà,

E comme ‘a palummella

Me ne fujette a llà.

Vurria ca tutt’e stelle

Me stessero a guardà

E ca sta luna bella

Me te purtasse ccà

Me te portasse ccà.

(prima che finisce la canzone si porta al mobile e ne poggia il cesto con i piselli, si toglie il     grembiule messo prima e piegandolo lo ripone)

Scena Dodici (Perzechella indi Raffaele)

RAFFAELE   - (entrando parla tra se) ma che d’è stu scuro…(si reca al tavolo e con un fiammifero accende la candela (rialzo delle luci) ) finalmente…nun ce ‘a facevo cchiù a stà mmiezo a via.…

CARMELINA           - (seguendo il padre con lo sguardo) Papà…vuje site turnato?…Mammà è stata cu’ ttante nu penziero..

RAFFAELE   - Overo?…E chillo era ‘o penziero ca si nun turnavo…a prossima vota cu chi s’appiccecava.

CARMELINA           - Nun pazziate…papà!

RAFFAELE   - Ma mo addò sta?

CARMELINA           - E’ ghiuta ‘ncopp’a dò Donna Filumena mentre aspetta ‘o baruncino Carluccio…

RAFFAELE   - (con un sussulto)  ‘o baruncino Carluccio?…

CARMELINA           - Eh…ha mannate a Gennariniello, ‘o figlio ‘e Pascalone ‘o gravunaro a d’o chiammà, ha ditto che l’aveva fa ‘na mmasciata.

RAFFAELE   - N’ata?!…Ma comm’è, ha ditto ‘o barone ca s’era chiarito tutte cose….e che s’è chiarito allora…niente.

CARMELINA           - E che saccio io…nun m’ha vuluto dicere niente. Me tratta comm’a ‘na serva, ecco precisamente, proprio comm’a ‘na serva. E che so figlia io?…Nun pozzo parlà…nun pozzo chiedere…io nun haggia sapè mai niente, non tengo diritti!

RAFFAELE   - E non sei l’unica…

CARMELINA           - Carmilì fa questo, Carmili fa quello…va chiamme ‘a chisto, accumpagna a chillo…arape a chist’ate…e cheste che d’è?!…

RAFFAELE   - Eh…come ti capisco! Nun dicere niente a nisciuno, nun dà aurienzo a ll’ate…nun parlà cu chille, nun dà cunferenza a chill’ato…

CARMELINA           - Pure cu vuie?…

RAFFAELE   - …Perzechè,  quanno chella ha accumminciato…tu ancora haviva nascere! E cu mme c’ ha fatto pratica…

CARMELINA           - Nun ve site mai ribellato?…

RAFFAELE   - Una vota?!…

CARMELINA           - Embè…

RAFFAELE   - Che t’haggia dicere…sò state cchiù ‘e servizie ‘e piatte c’haggio accattate, ca ‘e bbarbe c’haggio fatto…

CARMELINA           - Che brutto carattere….

RAFFAELE   - Nun è ca tene nu’ brutto carattere…è ca nun ce se po’ arraggiunà!

CARMELINA           - Nunn è ggiusto…

RAFFAELE   - E lo so…ma che vuò fa, s’hadda sapè piglià…ma tu piùttosto, Perzechè, tengo ‘na cosa ccà e te l’haggia dicere…

CARMELINA           - Papà, ho sapite pe vuje qualsiasi cosa…

RAFFAELE   - E nu’ poco ‘e tiempo ca nun saccio comme te veco…

CARMELINA           - E comme me vedite?…

RAFFAELE   - Perzechè, tu ‘o saie ca ‘e me te può fidà…? Se non ci si aiuta tra di noi…

CARMELINA           - Chest’è overo…

RAFFAELE   - Tu tiene qualche giuvinotto pe d’int’e cerevelle, è ovèro?…

CARMELINA           - S’è notato?…

RAFFAELE   - Te pare ca papà nun se ne addunava?!…’O fatto è ca se n’è accorta pure mammà…

CARMELINA           - Pecche, va ditto quacche cosa?

RAFFAELE   - Non molto apertamente, ma te vedette ‘e parlà cu nu’ giuvinotto, e capirai…ha fatto due più due.

CARMELINA           - Sulamente quacche parola…

RAFFAELE   - E ma c’è modo e modo ‘e dicere qualcosa…evidentemente se n’è accorta ca nun erano parole ditte tra dduje ca nun se cunosceno…

CARMELINA           - Papà…io ‘o voglio bbene…

RAFFAELE   - Ah!…

CARMELINA           - E pur’isso me vò bbene.

RAFFAELE   - ‘Nsomma ve vulite bbene tutt’e dduje?..E’ ‘na cosa seria allora….

CARMELINA           - Nun me so maje ‘ntis’ accussi ffelice…

RAFFAELE   - Bonanotte!…

CARMELINA           - Papà…aiutateme vuje, io ‘o voglio troppo bbene…

RAFFAELE   - Perzechè…chesto l’avevo capito…

CARMELINA           - Ve ne prego…

RAFFAELE   - E mo vedimmo che se po’ fa, fammece penzà nu poco…ma mò nun parlà cchiù, ca si trase mammà e sente…io, me vaco a fa n’atu ggiro ‘e bbarbe, ma tu addò fuje?…Mo famme j’ va…

CARMELINA           - Addò jate?

RAFFAELE   - Vaco a piglià nu’ poco d’uoglio p’’e llampe, è quase fernuto…subbeto vengo. (esce)

Scena Tredici (Perzechella, voce fuori capo, indi Ferdinando)

CARMELINA - (Appena uscito Raffaele, si trattiene un poco, da un sospiro si porta verso il tavolo e siede su di una sedia, guarda il cesto della frutta e presa una mela gli dà un morso, sempre con lo sguardo fisso nel vuoto, trasognato. Quindi comincia a sentire la voce che intona una dolce serenata, rimane per un po ferma ad ascoltare con la mela tra le mani, indi si alza di scatto e dopo aver posato la mela nel cestino corre alla finestra e rimane in silenzio.)

Viene nennella bella

Nunfarme cchiù aspettà

Si la cchiù bella stella

Ca me fa suspirà.

Quanno sarraje da mia

‘stu core cantarrà

chi sa che gelusia

ca me farrà dannà.

Scetate oje nenna mia

Scetate fatte guardà

Me vene ‘a pucundria

Si nun te faje vasà.

Scetate oje né

Nun farme spantecà.

                     - (Appena finita la serenata, apre la finestra di scatto e ne entra Ferdinando.)

  

Scena Quattordici  (Perzechella indi Ferdinando)

CARMELINA           - Vuje site pazzo!…

FERDINANDO- Sì!…Pazzo d’ammore pe vuje….

CARMELINA           - Si v’ha ‘ntiso quaccheduno…

FERDINANDO- E che me ‘mporta! L’hanna sapè tutte quante ca ve voglio bbene.

CARMELINA           - Ponno trasì e mije ‘a nu mumento a n’ato…ve ne dovete andare.

FERDINANDO- E diteme ca pure vuje me vulite bene e me ne vaco…

CARMELINA           - Ve voglio bbene…

FERDINANDO- Dicitammello n’ata vota.

CARMELINA           - Ve voglio bene…ve voglio bene…

CONCETTA   - ( Si ode la voce dalla comune) Carmilina…

CARMELINA           - Madonna, mammà!

FERDINANDO- (avviandosi al balcone) L’ultima vota….

CARMELINA           - Ve voglio bene…fujte!

Scena Quindici (Concetta, Perzechella e voci fuori campo)

CONCETTA   - (entra dalla comune mentre Ferdinando scappa dal balcone) Carmilì…ma ‘he ‘ntiso niente…a chi hanno purtato ‘a serenata?…

CARMELINA           - Nun ‘o saccio…(nel frattempo dalla strada si odono delle grida) 

GUARDIA  - Altolà!…Fermo o sparo! (si ode uno sparo) Mannaggia…l’havimmo perzo!

CONCETTA   - Madonna mia…ch’è stato?…

CARMELINA           - (s’affaccia al balcone nel tentativo di vedere) E nun ‘o saccio…nun se vede niente!

CONCETTA   - Hanno sparato proprio ccà fora…( siede impaurita)

CARMELINA           - Mammà! Ve sentite bbono?…Beviteve nu’ surzo d’acqua…(gli versa acqua)

CONCETTA   - E che paura bella ‘e mammà…

CARMELINA           - Mò vaco a preparà ‘nu decotto, ci ‘o pigliamme tutt’e ddoje(spaventata)

CONCETTA   - Vuie vedite nu’ poco…primma ’a serenata, po’ ‘e spare, E chisto nun è chiù ‘o vico ‘a pace…chisto è vico d’ammuina!

Scena Sedici (Concetta indi Carlo)

 

CARLO       - (passando dal balcone vede Concetta seduta) Donna Concetta…buonasera.

CONCETTA   -Uh…’o baruncino Carluccio, m’ero scurdata…(gli fa segno di entrare dal cancelletto)

CARLO       - (entrando) Avete chiesto di me?…

CONCETTA   - Accomodatevi…

CARLO       - In cosa posso servirvi Donna Concè?…

CONCETTA   - Baruncì…chello ca ve stò pe dicere è nu fatto serio assaje…giurateme ca nun dicite niete a nisciuno…

CARLO       - Vvò ggiuro Donna Concè!…Ma ch’è stato?…

CONCETTA   - Don Carlù…ve pozzo chiammà accussì me vene meglio?…

CARLO       - Ve ne prego….

CONCETTA   - C’è un giovanotto c’ ha miso ll’uocchie ‘ncuollo a figliema Carmilina…sule ca…

CARLO       - Sule ca?…

CONCETTA   - Sule ca nun pò essere!

CARLO       - Se tratta ‘e quacche delinquente, spiantato, senza arte ne parte?…

CONCETTA   - No…anzi, arte e parte a vuluntà…sulo ca…

CARLO       - Donna Conce…e vuje me facite stà ‘ncopp’’e spine….

CONCETTA   - Don Carlù…io nun saccio comme ve l’haggia dicere…

CARLO       - Allora con calma e cominciamo dall’inizio.

CONCETTA   - Quanne fuje…poco tiempo fa, vedette a figliema e parlà cu nu giuvinotto…là pe là nun ce facette caso…

CARLO       - Il diciotto Giugno alle ore dieci di mattina…

CONCETTA   - Neh, Don Carlù…

CARLO       - Continuate poi vi spiego…

CONCETTA   - Io pensaje a qualcuno ca cercava na’via…

CARLO       - E proprio a Carmilina ce l’aveva spià?…

CONCETTA   - Don Carlù, ma…avisseve spiato ‘e discorse tra me e mio marito?…

CARLO       - Pe carità…ma pecchè?…

CONCETTA   - No, pecchè io dicette ‘o stesso a mio marito…

CARLO       - E’ giusto…sarrà ‘na quistione ’e sentimenti…

CONCETTA   - Comunque, io penso ca se sò visti ancora…

CARLO       - E ancora se vedeno…

CONCETTA   - Proprio così, ma ‘o fatto nunn’ è chisto…è n’ato.

CARLO       - E dite, dite…

CONCETTA   - Per farvela breve…oggi pomeriggio, è venuto n’eccellenza c’ ‘o segretario…

CARLO       - Scusate ma è sempe ‘o stesso fatto?…

CONCETTA   - Eh!…M’hanno cuntato nu’ fatte ca ie sò rimasta ‘e sale…

CARLO       - E sarebbe?…

CONCETTA   - E sarebbe ca cu’ mode assaje ggentile, m’hanno ditto e vedè comm’ aggia fà pe’ fa lassà ‘e guagliune, ch’era meglio pe’ tutte quante.

CARLO       - Addirittura…quacche nobile?…

CONCETTA   - Di più…

CARLO       - Cchiù ‘e nu’ nobile…

CONCETTA   - Molto di più.

CARLO       - E chi è ‘o rre…

CONCETTA   - Ssst…nun alluccate!

CARLO       - E’ ‘o rre?…

CONCETTA   - Vuie havite capito che guaie m’ha cumbinato chella figlia mia?…

CARLO       - Sanghe de Bacco…’o rre!…

CONCETTA   - Nun saccio cchiù che pensà…

CARLO       - Ma dico io…cu’ tutt’e giuvene ca ce stanno…

CONCETTA   - E chello c’haggio ditto pur’io. Don Carlù, sule vuje me putite aiutà…

CARLO       - Donna Concè, nun pazziamme…ccà ‘o fatto è ggrave! Vuje parlate e se mettere contr’o rre.

CONCETTA   - Volete dire che mia figlia nun ve piace?…

CARLO       - E chi ha mai detto questo! Anzi…Donna Cuncè, quando lo volete sapere, se nun me ne sò ancora fujuto è prorpio pecchè pe’ Carmilina ce tengo…e non da adesso.

CONCETTA   - Don Carlù, io stò facenno ‘na cosa ca poche mamme facessero…ve stò menanno a mia figlia d’int’’e bbraccia…potrei passare anche pe’ chella ca nun sò…si nun ce tenevo pe vuje ve pare ca facevo ‘na cosa ‘e chesta?

CARLO       - Donna Cuncè, sincerità per sincerità…ma si chill’ato nunn’ era ‘o rre?

CONCETTA   - Nun sarrìa cagnato niente pe me…

CARLO       - Donna Cuncè non sò che dirvi, mi lasciate senza parole, ma ‘o problema è ca si pure io me facesse annanze, ‘a figlia vosta vò bbene a chill’ato.

CONCETTA   - Io e chesto nun me preoccupasse…chella mò è n’infatuazione…anze primma pigliammo ‘na decisione megli’è, pe’ tutte quante.

CARLO       - Pare facile, comunque…Donna Concè, sapete che vi dico?…Per Carmelina sono pronto a correre il rischio…

CONCETTA   - Don Carlù, qualsiasi decisione pigliate, mi raccomando di agire con discrezione, ricurdateve c’’a guagliona nun sape niente…

CARLO       - Ah, no?…

CONCETTA   - E nò! Ve pare ca facevo tutto stu magistero…

RAFFAELE   - (mentre sta per entrare sente i due parlare e si ferma sotto la soglia)

CARLO       - E vostro marito?…

CONCETTA   - Nun sape niente manch’isso!

RAFFAELE   - (ritorna indietro di scatto, in realtà va a prendere il pantalone di Carluccio)

CARLO       - Donna Concè, e non vi sembra ca per lo meno Don Rafele l’avessa sapè?

RAFFAELE   - (si ferma ancora sotto l’uscio ad ascoltare)

CONCETTA   - Appena mi è possibile gli parlerò….

CARLO       - Soprattutto adesso…con quello che c’è tra di noi…

Scena Diciassette (Raffaele e detti)

RAFFAELE   - (entrando)  A quanto tiempo?…

CONCETTA   - Rafele!…

CARLO       - Don Raffaele, noi giusto adesso stavamo parlando …

RAFFAELE   - D’’o curnuto!…

CARLO       - Quà curnuto?…

CONCETTA   - Rafè…

RAFFAELE   - Per l’appunto!…

CARLO       - Forse c’è un malinteso…

CONCETTA   - Sicuro…ma ch’he capite?…

CARLO       - Ma ragioniamo…

RAFFAELE   - Ma che vuò arraggiunà, (mostrando il pantalone) chisto ‘e chi è…’o canuscite?

CARLO       - ‘O cazone mio…

RAFFAELE   - Dunque ammettete?…

CARLO       - E ccerto!

CONCETTA   - ‘O cazone vuosto?…E comme t’’o truove tu?…

RAFFAELE   - Non ha importanza, stava quà! Vulesse sulo sapè quanno se l’è luvato….in che occasione …(a Concetta)  tu me capisce?…

CONCETTA   - Io?..No!

CARLO       - Nu’ mumento Don Rafè…non penserete ca io?…

RAFFAELE   - Pensare?…nun me passa manco pe l’anticamera d’’o cervello…io…ho certezza!

CONCETTA   - Certezza ‘e che?…

RAFFAELE   - Vi ho sentito sapete?…Che ce sta tra voi?

CARLO       - Guè, guè, guè…aspettate…

CONCETTA   - Rafè ma che vaje dicenne?…

RAFFAELE   - Io?…Vuje v’ate stà accorta a chello ca dicite…io mò che debbo fare

CARLO       -Don Rafè…ascoltate, c’è un equivoco…

CONCETTA   - (prende per un braccio il marito) Fiuh….Assettate, assè!…

RAFFAELE   - Ma comme io sò stato oltraggiato…

Scena Diciotto (Filippo, Perzechella e detti)

FILIPPO      - (entra seguito da Carmela aveva aperto la porta) Buonasera….

CONCETTA   - ‘O barone Filippo?…

RAFFAELE   - Barò, pure vuje ccà?

CARLO       - Buonasera papà.

FILIPPO      - Mi ha aperto questo fiore …vuje stiveve parlanno e non avete sentito bussare.

CARMELINA           - Parlanno?…Dicite alluccanno!

RAFFAELE   - E come mai…

FILIPPO      - Sapevo che ccà steva Carluccio e sò passato pe vedè che nuove c’erano…

RAFFAELE   - ‘O ssapiveve?…

FILIPPO      - Certo, quando è uscito mi ha detto dove andava…

RAFFAELE   - Cos’è pazze! L’unico a nun sapè ca ccà ce steva Carluccio er’io! E mò c’avessa fa?…

CARMELINA           - Facite l’appello, e signateve e presenti…

FILIPPO      - Che vulisse fa?…

CARLO       - Don Raffaele, vi dobbiamo delle spiegazioni…(Donna Concè, havite visto ca era meglio a ci’ ‘o ddicere…) A primma cosa, ‘o cazone è vero ca è d ‘o mio, ma l’avevo lasciato cu ‘o fatte ca po sarrìa turnato a vve spiegà…e invece…

RAFFAELE   - E invece?…

FILIPPO      - ‘O cazone?…Qua cazone?

CARMELINA           - Già, quà cazone?…

CARLO       - (Doppe ve spiego…) E invece aggio fatte tarde…e non sono potuto venire, ma sarei passato oggi. Mi spiego meglio…Don Rafè, stammatina sò venuto a cercà mio padre, ma non l’ho trovato…io tenevo un…(quasi in un orecchio) appuntamento importante, e mentre uscivo me ne sò accorto ca tenevo ‘o cazone scucito…

CARMELINA           - Sa che resate….

CARLO       -…Capirete, che brutta figura, anche se imbarazzato, dovevo tornare a casa per cambiarlo, quando mi sono imbattuto in Donna Filomena che v’aveva purtato ‘o cazone cucito, scuserete, ma ho pensato ‘e n’apprufittà…

RAFFAELE   - D’o cazone mio?…

FILIPPO      - Ah….

RAFFAELE   - Che mariulo…

CARMELINA           - Che spasso!…E ve jeva?…

CARLO       - Justo…E che dovevo fare?…Ve l’ho detto, mi si rompeva l’appuntamento.

CARMELINA           - E quà se rumpeva quacche capa…

RAFFAELE   - A mia!…Carlù…vuje pure però…

FILIPPO      - ( adesso scoppia a ridere) Ah, ah, ah, Rafè…ca forse te credive ….

CARMELINA           - Papà, ma che v’hate creduto?…

RAFFAELE   - ‘O saccie io che me credevo…e vuje nun rerite!

CARLO       - Si ma adesso sedetevi ca ve spieghiamo tutto ‘e chill’atu fatto…

RAFFAELE   - C’è sta n’atu fatto?…ancora?…

FILIPPO      - (sempre ridendo) Ah, ah, ah, Rafè…me faje ridere…

RAFFAELE   - E nun rerite!…

CARMELINA           - Ma piuttosto, ‘o baruncino Carluccio qunno e trasuto?…Io non ho sentito bussare…

RAFFAELE   - E’ trasuto p’o balcone, è ‘na vecchia abitudine n’è ovè, Carlù?…

CARLO       - Stà scherzando…

CARMELINA           - Mah…comunque ve vulevo dì, pochi minuti e 'a  cena è pronta…

CONCETTA   - Che bell’idea…Perzechè accumience a gghì cu Don Carluccio, nuje mò venimmo…Don Carlù, voi ci onorate nunn’ è overo?…Naturalmente pure voi barò…

RAFFAELE   - Ma c’avimma dà ‘na festa?…( nun l’è maje putute vedè…mo che d’è sta gentilezza tutta ’nzieme?…)

CONCETTA   - Mo te spiego…aspetta.

CARLO       - Se proprio insistete…

FILIPPO      - (con stupore) Voi siete la padrona…

CONCETTA   - Insisto!…Io nel frattempo tengo ‘na cosa da dire a Rafele…(fa cenno a Carlo)

RAFFAELE   - Vi prego …voi dovete rimanere, allora è fernuto ca ccà cummanno io…

CARMELINA           - Mammà, ma io avevo preparato pe…

CONCETTA   - Nun te preoccupà, c’ arrangiamme…nu’ poco ‘e furmaggio, ddoje aulive e nu’ bicchiere ‘e vino, vi pare barò?…

FILIPPO      - Certamente…nuje nun facimme cerimonie …Ce piace è stà ‘ncumpagnia.

CARMELINA           - Accomodatevi…( a Carlo e a Filippo)

CARLO       - Ma con vero piacere…(escono)

Scena Dicinnove (Raffaele, Concetta e voce fuori campo)

CONCETTA   - Dunque Rafè…quello che ti devo dire, è fatto assaie grave…e pericoloso!

RAFFAELE   - Ma ch’è stato neh?…

CONCETTA   - (alzandosi e camminando verso la porta a destra) E’ stato ca…

FERDINANDO- (dal balcone) Perzechè…

CONCETTA   - Ch’è ditto?…

RAFFAELE   - Io?…Niente…

CONCETTA   - Me pareva…dunque Rafè…

FERDINANDO- Perzechè….

CONCETTA   - Ma pecchè chiamme ‘a guagliona…

RAFFAELE   - Io?…Ma chi ha stà chiammanno?

CONCETTA   - Io haggio ‘ntise Perzechè…

RAFFAELE   - Pur’io…

FERDINANDO- Perzechè…arape!

RAFFAELE   - (a Concetta) Ma chi è?…

CONCETTA   - (sottovoce) E che ne saccio!…

RAFFAELE   - (Avvicinandosi al balcone) Veneva a ccà…

CONCETTA   - Aspè…nun te fa vedè…(si piazza davanti a Raffaele)

RAFFAELE   - (Comm’è bello a essere l’ommo ‘e casa!…)

FERDINANDO- Perzechè, nun me fa spantecà!…

CONCETTA   - Maronna!…C’è stà uno…

RAFFAELE   - E c’aspiette, fatte vedè, accussì se ne và!…

CONCETA  - Nun pazzià, io stò murenno d’’a paura…

RAFFAELE   - Ma qua paura, si ha chiammato a Perzechella vò dì ca ce canosce….

CONCETTA   - E che vò?..Io mo arape…

RAFFAELE   - Brava!…Arape. (nascondendosi dietro la moglie)

CONCETTA   - (apre di scatto il balcone semichiuso) A chi vulite bell’ò?…

FERDINANDO- (vedendosi scoperto cerca la fuga) Maronna!…

RAFFAELE   - Ma chi site?…Comme ve permettite?…(spinge la moglie fuori e le va dietro)

CONCETTA   - Jatevenne!…che vulite?…

RAFFAELE   - Mo te votto a muglierema ‘ncuollo…e capì?!…

CONCETTA   - Rafè, piglialo!

RAFFAELE   - Viene a ccà, addo fuje!…

GUARDIA  - Altolà…fermo o sparo!

RAFFAELE   - Sparatelo a stu’ caliote!

GUARDIA  - Fermate…delinquente…Acchiappale, o bì ‘ccanno…

CONCETTA   - (Entrando in casa) Mamma mia bella, e che spavento…

RAFFAELE   - (rientrando anche lui) Concè…l’haggie piazzato nu’ schiaffone primme ca se ne fuieve…ca sicuramente tene ‘e cinche dete ‘nfaccia!

CONCETTA   - Bravo!…

Scena Venti (Filippo, Carlo, Perzechella e detti indi guardia e Ferdinando)

FILIPPO      - (entrando seguito da Carlo e Carmelina) Ma che sta succedenno?…

CARLO       - Ch’è dè st’ammuina?…

CARMELINA           - Mammà, papà…

GUARDIA  - (bussando alla porta) Aprito…è la leggia!

CONCETTA   - Barò, ve dispiace e arapì vuje…

FILIPPO      - Figurateve…(va ad aprire)

CONCETTA   - (quasi svenendo) Perzechè, vattenne int’a cucina…

CARMELINA           - Ma…mammà!… (uscendo) Uffà…nun se po’ maje sapè niente dint’’a sta’ casa….

RAFFAELE   - Vattenne e nun risponnere, quanne mammà tene raggione, tene raggione he capìte…

CONCETTA   - Rafè…

RAFFAELE   - Cuncè sto ccà…nunn’ havè appaura.

CONCETTA   - No, dico…Rafè, tu m’è dato raggione spontaneamente?…

RAFFAELE   - Songo o nun songo l’omm’’e casa?…

GUARDIA  - Permettete Signò…

RAFFAELE   - Per l’appunto…

GUARDIA  - (con Ferdinando ammanettato) Scusate l’intromissione…’o canuscite?…

RAFFAELE   - No.

GUARDIA  - Scusate, ho chiesto alla signora!

RAFFAELE   - Me pareva…

GUARDIA  - Signò, lo accanoscete?…

CONCETTA   - (impallidendo) Mma…veramente…

RAFFAELE   - Ve l’ho detto, non lo conosciamo…(guardandolo come se gli ricordasse qualcuno)

FILIPPO      - (guardandolo bene) (Maronna!…)

CARLO       - (al padre) Ma…chillo….

FILIPPO      - Sst…nun parlà!…

GUARDIA  - N’ata vota!…Ma voi chi siete?…

RAFFAELE   - Comme chi so? So ‘o marito d’a signora…(l’ommo e casa…)

GUARDIA  - Scusate…ma io non lo sapevo?…

RAFFAELE   - Nun site ‘o sulo…

FERDINANDO- Lasciateme…vuje nun sapite…

GUARDIA  - Statte sore!…E’ capito delinquente!…

FERDINANDO- Ve ne pentirete…

GUARDIA  - Ha parlato sua Maestà…

FERDINANDO- Appunto…

GUARDIA  - Statte zitte! E capite?!…Te ‘mpare io ascì e trasì ‘a d’int’e ccase d’a ggente…vulive arrubbà eh?!…

RAFFAELE   - Purtatavillo, si no ‘o dongo n’atu schiaffo…(gli da un calcio negli stinchi)

FILIPPO      - (portandosi le mani in faccia) Santa…c’è date nu schiaffo?…

CARLO       - Forte?…

RAFFAELE   - No…’na carezza! Se capisce…ca ci ’o devo forte…

FILIPPO      - Mamma mia bella!…

CARLO       - Bonanotte!…

GUARDIA  - Famm’’o purtà mmprigione primma ca vene ‘o capitano. Po’ parlamme…(a Raffaele) sapete chillo ‘o capitano è nu poco cacaglie…si vene e stamme ancora ccà se fa notte! Scusate l’intrusione, (a Ferdinando) jamme mè, cammina...

RAFFAELE   . No, no!…Figurateve…v’accumpagno!

GUARDIA  - Di nuovo buonasera…(escono)

Scena Ventuno (Filippo, Carlo, Raffaele e Concetta)

FILIPPO      - Mamma d’’o Carmeno…e ch’è succieso…

CARLO       - E mò?…Va trova che succede…

FILIPPO      - Chello ca succede, nun ce riguarda, nuje mo ce ne jamme!Anze primma ‘e mò!

CARLO       - Bell’amico…li lasciereste soli nel momento del bisogno?…

FILIPPO      - Ma che staie dicenne?…

CARLO       - Che proprio adesso nun se ponno abbandunà!…

FILIPPO      - Tu si pazzo!…(pausa) E io sò cchiù pazzo ‘e te a te dà retta…

CARLO       - Oh…bravo…adesso vi riconosco!

RAFFAELE   - Ah…e mò ca è passate ‘a paura, e ‘o pericolo jamme a fa cenà…

CONCETTA   - Aspiette, t’haggia parlà…

FILIPPO      - A cenà?…(a Carlo) (penza ‘o mangià…nuje nunn’ è canuscimme, e capito?…)

CONCETTA   - Don Carlù…e mo?…

CARLO       - E’ peggiorata a situazione…

RAFFAELE   - Qua situazione?…

CONCETTA   - Mò t’ho dico…aspetta…

CARLO       - So che domani “Quella persona” deve partire e starà via parecchi giorni, abbiamo un po’ di tempo pe pensà a chello c’havimma fa…

RAFFAELE   - Ma insomma…c’havita fa?…Se pò sapè coccosa…

CONCETTA   - Barò, cominciate ad accomodarvi, quanne dico ddoje parole a mio marito…

FILIPPO      - Fate bene, ponn’essere l’urdeme…

RAFFAELE   - Ma che facite mò, pure ‘o malaugurio?…Tè, tè…

CARLO       - Venite papà…andiamo, Donna Concetta e Don Raffaele mò ci raggiungono…

FILIPPO      - E andiamo….

RAFFAELE   - E facitelo ‘stu sacrifizzio…

FILIPPO      - Rafè tu non ci crederai…ma in questo momento è proprio nu sacrificio…

RAFFAELE   - Infatti…nun ce credo, ma si havite già mangiate, lassate stà, nun date retta…

FILIPPO      - E no!…Solo non ti lascio!…  (escono)

Scena Ventidue (Raffaele e Concetta)

RAFFAELE   - Me pareva strano….

CONCETTA   - Rafè, siediti…

RAFFAELE   - Nun ‘mporta, stòngo allerta…

CONCETTA   - Rafè, assettate, accussì nun te può fa male cadenne

RAFFAELE   - Guè…accummience n’ata vota?…

CONCETTA   - Nonzignore, ma quello che stò per dirti, sicuro te farà scunecchià dint’’e coscie…

RAFFAELE   - Sacripante…ma ch’è d’è?…(siede)

CONCETTA   - Rafè…si pronto?…

SIPARIO

FINE SECONDO ATTO

TERZO ATTO

La scena è la stessa del primo atto, la sala da barba di Raffaele. E’ passato quasi un mese. All’aprirsi del sipario la scena è vuota, poi entra Filippo.

Scena Prima  (Filippo indi Raffaele)

FILIPPO      - Rafè, e ghiesce jà…sempe ‘a stessa storia, è maje possibile? So Filippo…’o barone…

RAFFAELE   - (uscendo da una porta) Ah, site vuje barò! E’ cchiù fort’e me…

FILIPPO      - E va bbuò, ma mo è passate quase nu mese…

RAFFAELE   - ‘O saccio, ma ogni vvota ca s’avvicina qualcuno a chella porta, me piglia ‘a vermenara, e m’haggia j’ a nnasconnere…nun ve dico po si passano ddoje guardie pe llà ffora!…Accummencio a sudà fridde…

FILIPPO      - Oramaie si aveva succedere qualcosa, fosse già succiese.

RAFFAELE   - E qua che vi sbagliate…nun ve scurdàte ca nun c’è stato.

FILIPPO      - Si va bbuò, ma doppe tantu tiempo chillo pensa juste a te…

RAFFAELE   - Ce pensa, ce pensa…nu schiaffo comme a chillo nun se scorda!

FILIPPO      - Va bbuò, ma statte calmo, t’haggio ditto, può darse ca nun ce pensa cchiù….

RAFFAELE   - Speriamo…’a capa mia ce tengo…pazziate, tengo sulo chesta….

FILIPPO      - Fa ‘na cosa…chiude e vienetenne ‘a casa mia, mangie cu mme ogge…accussì te distraje nu poco…naturalmente te puorte pure a Cuncetta e a Carmilina…

RAFFAELE   - E ‘na bbona idea, ma tengo da sbrigare dei cliente…appena haggio fernuto vengo.

FILIPPO      - Bravo!…V’aspetto…m’arraccumanno.

RAFFAELE   - Grazie, barò…site nu vero amico.

FILIPPO      - Pazzie…l’amice se vedeno dint’’o bisogno. (esce)

RAFFAELE   - (si guarda le mani) Guardate ccà, guardate…tremmano comme a ddoje foglie, e chistu passe manco e bbarbe pozze fa cchiù…già ajere stevo taglianne a recchia ‘a nu cliente…anze, a n’ex cliente…

FILIPPO      - (rientra di scatto e con tono di voce molto alto) Rafè!Viste ca mme trovo ccà,  accuonceme e capille va… te dispiace?…

RAFFAELE   - (che si era girato, ha un sussulto e siede su di una sedia) Puozza passa niente!…

FILIPPO      - Ch’è state?…

RAFFAELE   - Vuje accussì nunn’ havita fa…vuje havit’’avvisà…uno stà soprapensiero!

FILIPPO      - ‘A prossima vota sono ‘a tromba va bbuono?…

RAFFAELE   - Si pazziate …arriseco e me fa venì nu pandeco! Guarda comme me sbatte ‘o core...

FILIPPO      - Rafè…ringrazia che te sbatte ancora…

RAFFAELE   - E grazie eh!…

FILIPPO      - Nun te scurdà ca pe colpa toja, arrestajene ‘o rrè!

RAFFAELE   - Barò, già v’haggio ditto, io nunn’ ‘o ssapevo chillo chi era! E po’…manco lloro ‘o  ricunusciettene?…

FILIPPO      - Chille lle piace e se travestì…ne scuse uno vestuto ca pareva nu piscatore…vajie a pensà maje ca chillo è ‘o rrè?…

RAFFAELE   - Appunto. E figurateve comme ‘o putevo cunoscere io ca nun l’haggie mai visto?…

FILIPPO      - Chill’ato caspete d’’o capitano, cu chella lengua. M’ha ditto una d’’e guardie ca chille cercaie pure e ll’avvisà…

RAFFAELE   - E pecchè nun ‘o dettero aurienze?…

FILIPPO      - Pecchè?…Pecchè quanne fernette e parlà, già l’aveveno chiuse int’e cancelle. Capirai, dice ca quanne ‘o sapettene, nisciune tenette ‘o curaggio e l’ho je a piglià…e mentre facevene ‘o pare e ‘o spare, passaje tutt’’a nuttata.

RAFFAELE   - Pe furtuna mia, pecchè ‘a matina appriesso è partuto…Barò, ma vuje che ce sìte state cchiù a cuntatte…e canuscite chill’ambiente che ne dicite, comm’è?…

FILIPPO      - E’ rrè!…

RAFFAELE   - ‘O saccio…dico…comme se cumporta?…

FILIPPO      - Vuò sapè si è capace e te fa taglià a capa?…

RAFFAELE   - (deglutendo) …E’ capace e chesto?….

FILIPPO      - E’ capace, è capace!…Però, è capace pure è purdunà…dipenne a comme stà.

RAFFAELE   - Insomma…è lunatico…

FILIPPO      - Non proprio. Rafè, tu faje ‘o barbiere, cu quanta ggente tiene a che ffà tutt’a jurnata?

RAFFAELE   - Avite voglia, ma che c’entra?

FILIPPO      - Centra, centra, chi ha vò cotta, chi ha vò cruda, ‘a sfumatura bassa, ‘a basetta longa…

RAFFAELE   - Overo, ‘e vvote mannasse tutt’’a monte…

FILIPPO      - E si barbiere. Haje a che ffà cu dduje zille, figurete chillo ca è rrè. Nu ministro vò a guerra, n’ato vò a pace, uno vò nu titolo e n’ato ne vò dduje, statte attiente de Francese, Inglese, Spagniuole e Austrieche, haje a che ffà ch’e Napulitane, Calabrise, Puglise e Siciliane…uh aneme d’’o Priatorio…Rafè, me so spiegate?…

RAFFAELE   - Perfettamente!

FILIPPO      - E allora nun è lunatico…e ca simme troppe assaje, e isso è sulo.

RAFFAELE   - E proprio ccà aveva cercà cumpagnia?!…

FILIPPO      - Rafè…certo figlieta nun passa inosservata.

RAFFAELE   - E colpa mia?…

FILIPPO      - No! Ma manc’’a soja. ‘A natura s’è divertuta, a essa tutt’e bellezze…

RAFFAELE   - E ‘a me tutt’e guaje! Chella povera figlia mia mmocc’ ‘a tutte quante…

FILIPPO      - (sorridendo) Nun te preoccupà e chesto, ho saputo che il fatto è stato subito messo a tacere, comme nun fosse maje succieso…capirai…’o Rrè ‘ngalera pe ‘na guagliona! Comunque ie dico ca sicuramente t’avrà perdunate, avrà capito ‘o gest’’e nu’ pato geluso…

RAFFAELE   - Speriamo ca ‘o cielo t’ha sentuto!…Ecco qua, ‘a barba è fatta.

FILIPPO      - Quanto t’haggia dà?…

RAFFAELE   - ‘O solito…

FILIPPO      - (si fruga nelle tasche) Rafè… pur’io sò pate…e meglio ‘e me…chi te pò capì?!…

RAFFAELE   - Site asciute senza portamunete?!…

FILIPPO      - Comm’e fatte a ‘nduvinà?

RAFFAELE   - Così!…se ne parla n’ata vota…aspettate barò, nu poco d’acqua ‘e colonia…

FILIPPO      - Pe carità!…Chisà muglierema che se pò credere sentennome tutto ‘mprufumato. ‘E ppile e piatte scassate a casa mia nun se contano cchiù.

RAFFAELE   - Pure vuje?…Certe ca nuje uommene simme rimaste poche…

FILIPPO      - ‘O può ddicere forte, statte bbuone va…v’aspetto…(esce)

Scena Seconda  (Raffaele indi Carlo e Concetta)

RAFFAELE   - Chi sà pecchè po’…’a primma cosa ca rompeno sò ‘e piatte…mah….

CARLO       - (entra seguito da Concetta)  ‘O fatte è ca s’avvicina ‘o rientro….

CONCETTA   - …E nuje stammo ancora a zero!

RAFFAELE   - Buongiorno…

CARLO       - Ccà s’hadda truvà ‘na soluzione al più presto….

CONCETTA   - Ancora primma…

CARLO       - Primm’e al più presto?…

CONCETTA   - Eh…primma!

RAFFAELE   - Buongiorno…

CARLO       - Non è possibile Donna Cuncè…primma e al più presto nun esiste…

CONCETTA   - Don Carlù, per noi deve esistere!…

RAFFAELE   - Guè…io haggio ditto buongiorno!

CARLO       - Uh…scusate Don rafè, stavamo pensando…

CONCETTA   - Rafè, tu nun ce distrarre, nuje tenimme a pensà!

RAFFAELE   - E pensate, pensate!…Ma nu’ poco ‘e crianza perlomeno…

CARLO       - Avete ragione, perdonate.

CONCETTA   - Ma qua crianza…nuje si stamme ‘nguaiate è pe bia toja…

RAFFAELE   - ‘A mia?…

CONCETTA   - Sissignore, pe bia toja!

CARLO       - Donna Cocetta…non mi sembra il caso…

CONCETTA   - E’ ‘o caso…

RAFFAELE   - (e puteva essere pecorino…) E pecchè, sentiamo?…

CONCETTA   - Si nun fusse manisco comme sì…mo nun stessemo a chistu stato…

RAFFAELE   - Io?…

CONCETTA   - Si, tu! Don Carlù, m’havita credere, tene ‘e mane troppo longhe…

RAFFAELE   - Ma che staje dicenne?…

CARLO       - Vi prego, Donna Cuncè…calmateve.

CONCETTA   - (piangendo) Ma che vuò calmà…allonga sempe ‘e mmane ohì…dint’a tant’anne ‘e matrimonio, m’avesse mai na’ vota dato raggione…

RAFFAELE   - Guardate…t’haggia dà io raggione?…Tu t’ha piglie e zitte!

CONCETTA   - Avete visto?…

CARLO       - Si, ma nun facite accussì…

RAFFAELE   - Giesù, io mo esco pazzo…

CONCETTA   - No! Tu faje ascì pazza a me…

RAFFAELE   - Che vi dicevo…quanne vò raggione s’a piglia e zitte…

CARLO       - Don Rafè…nun mettimme l’uoglio a coppa ‘o peretto…

RAFFAELE   - E stammece zitte…

CONCETTA   - Si, mo te ne jesce accussì! E intanto io e stu povero guaglione nun stammo durmenno ‘a notte pe pensà…

RAFFAELE   - Ma che state pensanne?…Se po sapè?…

CARLO       - Stiamo pensando a nu sistema pe salvà capre e cavoli…

RAFFAELE   - Ah…mo facite ‘e parzunale?…

CONCETTA   - (accentuando il pianto, quasi lamentoso) DonCarlù, havite ‘ntiso?…

CARLO       - Haggio ‘ntiso! Don Rafè, pure voi però…e nuje stammo pensanno a come togliervi d’impiccio…’a capa e a vosta ‘o sapite?…

RAFFAELE   - Bella scuperta! ‘O fatto è ca è passato nu mese e vuje state ancora pensanno…io si aspetto a vuje sto frisco!

CARLO       - Questo non lo dovete dire…nuie stamme facenne tutt’e sforze possibile…

RAFFAELE   - E ve sfurzate male! E’ nu mese ca ve state sfurzanne e l’unica cosa ch’è asciuta è ‘na ponta d’ernia…

CONCETTA   - (c.s.) Hiiii… Don Carlù, ma vuie sentite?…Chist’è ‘o ringrazio….

RAFFAELE   - Ma ‘o ringrazio ‘e che?…Ca mo che torna chillo, sarraggio cchiù liggiero senza capa.

CONCETTA   - A te chi t’ho facette fa e ce dà chillu schiaffone ‘e chella posta…

CARLO       - Questo è vero…

RAFFAELE   - A parte ca io me pensavo ca fosse nu’ mariuolo…tu ca sapive ‘o fatto, pecchè nun me diciste niente?…

CARLO       - Anche questo è vero….

CONCETTA   - E quanno ‘a guardia ‘o purtaie a via ‘e dinto, pecchè ce diste pure nu cavucio?...

CARLO       - Questo pure è vero…

RAFFAELE   - E tu perché in quel momento nun parlaste dicenne a verità?…

CARLO       - E’ vero pure questo…

RAFFAELE   - Basta…l’hato ditto dint’a tutt’e mode possibile, mo stateve nu poco zitto!

CONCETTA  - Hii…Don Carlù…scusatammillo…è pruputente…

RAFFAELE   - E vide!…Jamme bello, jà…e tu accussi cade malata…

CARLO       - (illuminato) Come avete detto?

RAFFAELE   - (distratto) Come avete detto?!…

CARLO       - Voi!…Come avete detto?…

RAFFAELE   - Ah…io come avete detto…cioè come ho detto io?…

CARLO       - Si, si…voi, come avete detto?

RAFFAELE   - E come ho detto….e mo nun me ricordo…

CARLO       - Pensateci sopra, pensateci bene è importante…

RAFFAELE   - E che ho detto…ho detto…Ah…ho detto ca si continua accussì, cade malata.

CARLO       - (abbracciandolo e baciandolo) Don Rafè…meritate un bacio…

RAFFAELE   - Sciò a llà!…

CONCETTA  - Don Carlù…

CARLO       - Ma sì…Don Raffaele inavvertitamente m’ha dato a soluzione che stavamo cercando.

RAFFAELE   - Io?…E sarebbe?..

CONCETTA  - Si, quale sarebbe?…

CARLO       - Ma è semplice Donna Cuncè…Ma comm’ aggio fatto a nun ce penzà primma…

CONCETTA  - E dicite…

CARLO       - Ma tu guarda…era a purtata e mane, e nun ci’avimme pensato…

CONCETTA  - Nun ce tenite ‘ncoppe ‘e spine…

CARLO       - Fantastico…’a cosa cchiù semplice, tanto semplice ca nun ce pensavame…

RAFFAELE   - Mo ‘o ciacco! E vvì si parla…

CONCETTA  - Don Carlù, ve prego…

CARLO       - Donna Cunce, Don Rafè…Carmilina è malata!

RAFFAELE   - Guè…comme sarebbe…

CONCETTA  - Ma che dicite?…Carmilina mia?…ma quanno maje!

RAFFAELE   - E che tene?…Io nun sapevo niente…

CONCETTA  - E a vuje chi ve l’ha ditto?…

CARLO       - Ma no, ma no…è malata, malata…

RAFFAELE   - Io mo ve manno ‘o spitale hate capìto?…Me vulite dì quann’è succieso?…

CONCETTA  - Maronna…vuje che state dicenne?…

CARLO       - Ma che avete capito?…E’ malata pe chillo…

RAFFAELE   - Chist’è pazzo! Carlù chesto ggià se sapeva…avete novità?

CONCETTA  - Don Carlù, io nun ve capisco…

CARLO       - Donna Cuncè. Sentite qua: se nuje le facimmo credere ca Carmilina è malata, che so…ca tene ‘na malattia infettiva, o peggio ancora incurabile, chillo che fa?

CONCETTA   - Che fa?…

RAFFAELE   - (fa cenno di cavargli gli occhi) Hi!…Taglie ‘a capa pure ‘a piccerella!…ma comme v’è venuto?…

CARLO       - Ma no, ma no…io nu poco ‘o cunosco…

RAFFAELE   - Nu poche!…E ‘o riesto?….

CONCETTA   - Don Carlù, me pare ca Rafele tene raggione…

RAFFAELE   - Cuncè…(meravigliato)

CONCETTA   - Rafè che d’è?..te siente bbuono?…

RAFFAELE   . Si, Cuncè…ma tu…me dato raggione?…

CONCETTA   - Quanne ce vò, ce vò!…Ma mò nun te fruscià!

CARLO       - Ma no, non capite?…Io ‘o canosco…

RAFFAELE   - Carlù, se proprio insistete, continuate. Ormaie n’avimme sentute tante, una ‘e cchiù, una mancante…nun cagna niente.

CARLO       - Lui…è stato crisciuto a nu preveto, capite? Un Prelato è stato il suo educatore e l’ha allevato nel rispetto degli esseri umani, per quanto più possibile, per questo ccà se tagliano cchiù poche cape rispetto all’ate parte, cioè, quanne proprio nun se ne po ffà a meno…Io ‘o cunosco…Lui è un giusto…perlomeno credo…

RAFFAELE   - ‘O crerite o lo è?…

CARLO       - …Lo spero…

RAFFAELE   - Jamme bbuone!…

CONCETTA  - Don Carlù!…

CARLO       - Vi dovete fidare…quanno Lui saprà ca ‘a guagliona è malata, la lascerà in pace, a lei e alla sua famiglia…per rispetto, e pure pe nun fa vedè ca se vendica ‘nquollo a degli inermi…capirete, s’arruvutasse ‘o popolo…e lui questo non lo vuole, sta faticanno proprio pe s’accattivà a simpatia d’a ggente…

CONCETTA   - Rafè…forse ‘o guaglione nun have tuorto…

RAFFAELE   - Sa che te dico…

CARLO       - E’ così, lo sento…pruvammo, che ce costa…

RAFFAELE   - Niente…sule ‘a capa! Tanto è a mia…

CONCETTA   - Si, ma chi ce ‘o dice chistu fatto?…

CARLO       - Certamente non noi…non ci crederebbe mai.

RAFFAELE   - E allora chi?

CARLO       - Dobbiamo trovare il sistema e ce fa arriva ‘a nutizia a qualcuno di cui lui non possa sospettare…

CONCETTA   - Già, ma chì?…

CARLO       - A questo penserò io…conosco ancora qualcuno nell’ambiente…

RAFFAELE   - E brave a Carluccio…Ah, sti baffe…

CONCETTA   - Don Carlù…site…site…

RAFFAELE   - Carlù site e basta!

CARLO       - Donna Cuncè…se funziona…ce ne jamme ‘ncampagna!

RAFFAELE   - Comme se funziona?…

CONCETTA   - Rafè…funziona! Nun havè cchiù paura, io me fido ‘e Carluccio.

CARLO       - Grazie Donna Cuncè!

RAFFAELE   - Si funziona?…Adda funziunà! Sinno ‘ncampagna io ce rimango…sotto terra!

CONCETTA   - Uh…Rafè!

CARLO       - Non vi preoccupate, io mo vado a vedè e perfezionà….permettete…(esce)

Scena Terza  (Raffaele e Concetta)

RAFFAELE   - Cuncè, simmo sicure?…

CONCETTA   - Rafè, a mme me pare ‘na bbona idea…ci’ havimma fidà.

RAFFAELE   - E fidammece, tanto!…Siente, ie tengo nu paio di clienti a sbrigà, poi che ne dice si tutt’e tre ce ne jessemo a casa d’’o barone Filippo, m’ha invitato a pranzo ‘a casa soja, ce distraimmo nu poco…e nel frattempo, damme aggio a Carmilina ‘e se vedè cu Carluccio, a cosa nasce cosa…che dice?…

CONCETTA   - E c’haggia dicere…

RAFFAELE   - Era nu si?…

CONCETTA   - Comme vuò tu…

RAFFAELE   - Allora mo me sbrigo…

CONCETTA   - E…comme faje ca sala?…

RAFFAELE   - E si vene quaccheduno ce dice e passà cchiù tarde...(esce)

Scena Quarta  (Concetta poi Perzechella)

CONCETTA   - Va bene.

CARMELINA           - (entra con una ciotola di latte in mano, la poggia sul tavolo e si stiracchia, indi siede e comincia a sorseggiare) Buongiorno mammà….

CONCETTA   - Guè…Perzechè, già te si scetata…

CARMELINA           - Ho sentito nu poco ‘e discussione, e nun sò stata capace cchiù ‘e piglià suonno.

CONCETTA   - E sentuto discussione?…E …  

CARMELINA           - Nunn ‘o saccio…ho sentito solo delle voci, stevo mez’ addurmuta…a proposito…ma chi era?…

CONCETTA   - No niente…era pateto cu cierti amice. Ma t’e priparato tu ‘o llatte?

CARMELINA           - Si…Ahhh…e che suonno….

CONCETTA   - Vatt’ a mettere n’atu ppoco dint ‘o lietto và…

CARMELINA           - No…mo nun durmesse cchiù…mo me stò nu poco ccà assettata…

CONCETTA   - Va be…io vaco a llà, anze fa ‘na cosa, si vene qualcuno che vò a papà ce ‘o ddice e turnà a passà cchiù tarde…

Scena Quinta  (Perzechella poi Carlo)

CARMELINA           - Va bene…(continua a sbadigliare e stiracchiarsi, poi comincia a parlare come se accanto a lei fosse seduta un’altra persona, e sottinteso che pensa a Ferdinando.)       A Grazie… M’havite preparato ‘o latte?!… Come siete premuroso…dateme ‘a mano…(stende la mano quasi a carezzarne una che non c’è.) Ne vulite nu’ poco?…

CARLO       - (Entrando, sente la domanda e si volta indietro, poi guarda la ragazza.)

CARMELINA           - Fate i complimenti?…

CARLO       - (c.s.) Veramente…nun me và…

CARMELINA           - (Come si rompesse un incantesimo, si ricompone) Non l’avevo con voi!

CARLO       - Scusate…ma io non vedo nessun altro…

CARMELINA           - Voi non potete capire!

CARLO       - E spiegatemi…

CARMELINA- Nun tengo nulla da spiegà…pensavo a voce alta….

CARLO       - Ho capito!…E ‘o pensiero è sempe ‘o stesso nunn’ è ovè?!…

CARMELINA           - Ma di che v’impicciate!…

CARLO       - Niente, pe carità…sulo…

CARMELINA- Sulo?…

CARLO       - Una sciocchezza perdonate…vostra madre è in casa? Le devo parlare…

CARMELINA- Si…sta ‘a llà…va chiammo?…

CARLO       - No…preferisco andare io, volete vedere se sta in grado e me ricevere?…

CARMELINA- Aspettate un momento…(esce)

CARLO       - Comme aggia fa?!…Io ‘a voglio troppo bbene…nun pozze suppurtà sta’ situazione, chella nun pensa ato ca a chillo…ce parla pure quanne nun c’è stà! Povera guagliona, si sapesse…chella cade malata overamente…

CARMELINA           - Potete accomodarvi…

CARLO       - Grazie…(passandole per vicino la guarda come se volesse baciarla) Carmilì…

CARMELINA           - Dicite…

CARLO       - No…niente. (esce)

Scena Sesta  (Perzechella  poi Ferdinando)

 

CARMELINA           - (rimane un po a guardarlo andare via) Comm’è strano…pare quase comme si vulesse…ma che vaco pensanno, e si po’ me sbaglio…Ahhh….e po mo ce sta Ferdinanduccio mio! (si risiede e ricomincia a sorseggiare il latte) S’è fatto friddo, mo vaco a l’ascarfà nu’ poco…(esce)

FERDINANDO- (entra, si guarda intorno, si toglie il cappello e lo poggia su di una sedia poi si riguarda intorno con più calma, quasi a voler scrutare quell’ambiente per capire l’animo di chi lo abita, fa il giro della stanza toccando qualche oggetto, qualche soprammobile.) Già…purtroppo è l’unica soluzione…non mi hanno lasciato scelta, e d’altronde non ne avevo, avrei dovuto saperlo…mi si spezza il cuore! Ma la cosa che più mi dispiace è che dovrò spezzarlo pure a lei….non avrei mai voluto.

CARMELINA           - (entrando) Uh Madonna…Ferdinando! Ferdinando mio…(gli corre incontro e lo abbraccia) Ferdinà…

FERDINANDO- Carmilì…(ricambia l’abbraccio) Carmilina mia…

CARMELINA           - Tutte nu mese senza ce vedè…stevo ascenno pazza! 

FERDINANDO- ( la stacca) Carmilì…

CARMELINA           - Che c’è Ferdinà…

FERDINANDO- Carmilì, venite assettateve…

CARMELINA           - Ferdinà, m’hata  dicere qualcosa…nun saccio comme ve veco…

FERDINANDO- Carmilì, m’hata credere, quello che sto per dirvi…m’è testimone ‘o cielo, non è nei miei pensieri, Dio sulo sa chello ca me costa…

CARMELINA           - (incominciando a intuire) Ferdinà…che m’hata dicere?…

FERDINANDO- Ecco…io…nun sacce comme fa a vò dicere…

CARMELINA           - No…Ferdinà…nun voglio sentì…

FERDINANDO- Purtroppo mi dovete ascoltare. Io…nun pensavo che sarebbe finita in questo modo…

CARMELINA- (coprendosi le orecchie) Nun voglio sentere…nun voglio sentere!…

FERDINANDO- Carmilì…ve voglio nu’ bbene ‘e ll’anema, in vita mia, maje haggie vuluto accussì bbene…

CARMELINA- Nun voglio sentere…(scoppia a piangere) Nun voglio…

FERDINANDO- Le cose ci hanno preso la mano…m’hata credere quanne ve dico ca mai mi sarei immagginato, e fa qualcosa ca me fosse stata imposta a qualcun’ato…

CARMELINA           - Haggio ditto ca nun voglio sentì…

FERDINANDO- Carmilì m’hata sentì!…

CARMELINA- Jatevenne…m’havite lusingata sulamente, hate vulute pazzià cu ‘o core mio!…

FERDINANDO- No…Carmilì…V’o ggiuro!..’Ncopp’ a cosa ca tengo cchiù cara…

CARMELINA- Nun giurate…ca tanto nun ve credo cchiù…

FERDINANDO- Lo so…io mo pe vuje sò nu tradetore…n’essere spreggievole…ma comme ve pozzo spiegà?…

CARMELINA- Che c’è stà a spiegà?!…M’avite sulo vuluta sfruculià…

FERDINANDO- Cheste nun l’hata dicere nemmeno pe pazzià…’o bbene mio è sincero!…Sule ca io nun sò libbero comme me credevo…

CARMELINA           - …Allora, site spusate?

FERDINANDO- Si…No…Si…Insomma…lo devo fare quanto prima…

CARMELINA           - Cu n’ata…

FERDINANDO- Purtroppo si…e non per mia volontà…

CARMELINA           - Ve site compromesse?…Ma se po’ arremedià!…

FERDINANDO- Non è così semplice…nun me sò compromesso comme pensate voi…ma ci sono altri interessi in ballo.

CARMELINA           - Ma si è pe solde…v’aiuto io eh…

FERDINANDO- (Gli stringe le mani)  Ah…Carmilì, sa quanta vote me n’avraggio a pentì…

CARMELINA- (Allontanandogli le mani e ricominciando a piangere) E allora pecchè ‘o facite?…

FERDINANDO- Me l’ho chiedo pure io?!…Ma non v’è altra soluzione…Carmili, da me dipende il futuro ‘e parecchia ggente…

CARMELINA           - Nun capisco?…

FERDINANDO- Lo so…Quanta vote nun avesse vuluto capì manch’ io. Ma nella posizione in cui mi trovo, nun sempe se pò fa finta ‘e nun capì…a volte capire è necessario anche se doloroso…

CARMELINA           - Pure si spezzate nu core?…

FERDINANDO- Carmilì…’nsieme ‘o vuoste se spezza pure ‘o mio…

CARMELINA           - Ferdinà…nun me lassate…

FERDINANDO- Carmilì, vulesse ca ‘o tiempo se fosse fermato a nu mese fa, chella matina! Vuie v’ata truvà nu bravo giovane ca ve po fa felice, pecchè v’o mmeritate…

CARMELINA           - No…ma che state dicenne?!…Nun me lassate…

FERDINANDO- Addio Carmilì! Cercate e nun m’odià, non me lo merito…

CARMELINA- (piange)  Pecchè me facite chesto?!…Nun me lassate…io vi amo!

FERDINANDO- Anch’io…ve portarraggie sempe d’into ‘o core…Carmilì…Addio…(esce)

CARMELINA- (nel più totale sconforto) No, no, no…nun ve ne jate…pecchè…pecchè…

Scena Settima  (Carmelina, poi  Carlo)

CARLO       - (uscendo si accorge che Carmelina piange disperatamente e le si avvicina di corsa) Carmilì…Carmilì…Ma ch’è succieso?…(mentre Carmelina continua a piangere) Oh…Madonna….Ma ch’è stato neh?…Accussì, bell’e buono?…Calmateve…

CARMELINA           - (gli si butta tra le braccia continuando a piangere a singhiozzi) Carlù…comme so disperata…ma pecchè aveva succedere proprio a mme?!…

CARLO       - (abbracciandola le carezza il capo e cerca di consolarla)E nun chiagnite accussì..me facite fa nu pizzechille pure a mme…Ma che v’è succieso…se po sapè?…

CARMELINA           - Comme so sfurtunata…vulesse murì…

CARLO       - Nun e dicite chesti cose…calmateve mo jà…Qualcune v’ha fatto piglià collera?…

CARMELINA           - Uhhh…Carlù…

CARLO       - Stò ccà…

CARMELINA           - M’ha lassate!…

CARLO       - (quasi fulminato dalla notizia, cerca di mettere a sedere Carmelina per correre dalla madre a dargli la notizia) Madonna!…Carmilì…acquiateve ccà, nu mumento mo vengo…(esce e rientra poco dopo con la madre)

Scena Ottava  (Perzechella, Concetta e Carlo)

CONCETTA- Carmilì…nun chiagnere…ne vuò parlà cu mamma toia?…

CARLO       - Carmilì, nun facite accussì…chi meglio e ‘na mamma ve po cunsiglià!…

CARMELINA           - (si butta tra le braccia della madre sempre piangendo, che la abbraccia e cercando di consolarla la porta via) Uhhh…mammà…

CONCETTA- Viene figlia mia…viene, sfogate cu mme…(escono)

Scena Nona  (Carlo indi Raffaele)

CARLO       - (colto da improvvisa felicità, si mette a saltellare per tutta la stanza) L’ha lassata…l’ha lassata, l’ha lassata…l’ha lassata….oh comme so felice…felice, felice, felice…e senza neanche ca intervenevemo nuie?!…Oh comme so felice…l’ha lassata…

RAFFAELE   - (entrando vede Carlo fare festa è rimane stupito.) Carlù…ma stisseve ascenne pazzo?...

CARLO       - Sissignore Don Rafè…sò pazzo ‘e felicità!…

RAFFAELE   - Quacche terno?…

CARLO       - Meglio, meglio…

RAFFAELE   - Quacche quaterna?…

CARLO          - Meglio Don Rafè…assaje meglio!

RAFFAELE   - Quacche cinquina, na’ tombola chiena…ma c’havite fatte?…

CARLO       - Io?…Niente e chest’è ‘o bello!…

RAFFAELE   - Neh ma allora che zumpate a ffà?!…

CARLO       - V’aggie ditto…so pazzo ‘e felicità…

RAFFAELE   - No…chisto nu sta bbuone!…

CARLO       - Don Rafè…se sò lassate! (lo prende per il collo della giacca) …Capite?…Lassate!

RAFFAELE   - Gueh…(gli strappa le mani dalla giacca) e mo lassate stà ‘a giacca…No…questo è da ricovero!…

CARLO       - Se so lassate…Don Rafè…so fernute ‘e guaie…e vuoste j ‘e mieje…

RAFFAELE   - Ma che state dicenne?…Chi s’è lassato?…

CARLO       - Carmilina e…Isso!…

RAFFAELE   - Perzechella…e ‘o rrè?!…

CARLO       - Sst…nun dicite chella parola, sissignore, non so come, non so quando, ma Isso…l’ha lassata.

RAFFAELE   - (pensando al dolore della figlia) Povera Perzechella…sa comme sta suffrenne…

CARLO       - Uhh, ‘e lacreme accussì…Don Rafè…ogne lacrema, grossa quant’a sta mela…(prende una mela dal vaso al centro della tavola e indica) Ma che d’è, mettite pure ‘e mele usate ccà dinto…

RAFFAELE   - (Strappandogli la mela dalle mani prima fa cenno a tirarla e poi la posa) Ihh…mo ‘o ciacco…Ma nun tenite manco nu poco ‘e rispetto p’o dulore altrui?…

CARLO       - Ma se è quello che volevamo?…

RAFFAELE   - Si! Ma c’è modo e modo…

CARLO       - Don Rafè…ma forse nun avite capito?…Ormai ‘a capa vosta è salva, e pure ‘o core e Carmilina…Si…mo chiagnarrà nu poco, ma doppo le passa, e po’ pensà a se rifà ‘na vita normale…

RAFFAELE   - Certo tutt’e tuorte nun havite, chella mo se sfoga, e po…è guagliona e tene na’ vita annanze…e bravo…nun ci ’avevo pensate.

CARLO       - Mo corre subbito a da ‘a nutizia a papà…sà commo sarrà cuntente…(esce)

Scena Decima  (Frdinando indi Raffaele)

FERDINANDO- (entrando) ‘A guagliona addò stà?

RAFFAELE   - (appena lo vede impallidisce) Ma…Maestà…

FERDINANDO- ‘A guagliona…addo stà?

RAFFAELE   - Ve…veramente penso che stà a llà cu ‘a mamma, steve chiagnenno…

FERDINANDO- Meglio accussì…ti devo parlare…

RAFFAELE   - A me?…

FERDINANDO- Si, a te!…

RAFFAELE   - (gli si butta ai piedi) Maestà, se è per quella faccenda d’o schiaffo, ve cerco perdono, io nun ‘o sapevo…

FERDINANDO- Ah, ah, ah…’o schiaffe e ‘o cavucio, te credive ca m’ero scurdato?…

RAFFAELE   - Ah…’o cavucio…e chi ce pensava…Maestà, siate buono…perdonatemi…

FERDINANDO- Aizete…nun è pe cchesto ca sto ccà…si nu t’avevo già perdunate, a chest’ora stive appise ‘o posto da lancetta grossa d’o rilorgio d’o tiatro ‘e corte…

RAFFAELE   - A lancetta…

FERDINANDO- A grossa…

RAFFAELE   - D’’o rilorgio…

FERDINANDO- D’o tiatro ‘e corte!

RAFFAELE   - Ma pecchè, ce sta ‘o rilorgio?…

FERDINANDO- Nun me provocà! Rafè, io primma c’ho metto ‘o rilorgio e po t’appenno!

RAFFAELE   - Maestà…

FERDINANDO- Accuonceme e capille…e nun tremmà cu ’e mmane!

RAFFAELE   - Sissignore…

FERDINANDO- Allora Rafè…sienteme bbuono pecchè, nun me voglio ripetere…

RAFFAELE   - Sissignore Vostra Maestà!…

FERDINANDO- Io so rrè…ma nun so scemo…

RAFFAELE   - E chi l’ha maje…

FERDINANDO- Nun m’ interrompere…

RAFFAELE   - No…Maest…

FERDINANDO- E’ overo, voglio bbene a figlieta…è a cosa cchiù pulita ca mme capitata a quanne stongo a corte, ma per ovvie ragioni, l’ho dovuta lasciare…

RAFFAELE   - Maestà…

FERDINANDO- Ti ho detto che nun m’e interrompere…’a decisione è stata sufferta…da un lato, c’erano gli interessi di stato, dall’altro, ‘na bella guagliona pulita, a modo, educata, insomma ‘a guagliona ca tutte se vulessero spusà…e nun t’annasconno ca spisso haggie pensato e scegliere a siconna. Sule ca pensannece ‘a coppa, sarei stato n’egoista…

RAFFAELE   - N’egoista?…

FERDINANDO- Si Rafè, n’egoista…avrei anteposto i miei interessi a quelli dello stato…pe ‘na persona qualsiasi è più che normale…ma io so rrè!…Nun so ‘na persona qualsiasi, capisci quello che voglio dire?…

RAFFAELE   - Veramente…

FERDINANDO- E giusto! Perché tu arraggiune a persona qualsiasi, nun è n’offesa, sule ca tu piense comme e tirà annanze, devi fare i tuoi interessi perché hai una famiglia da portare avanti…ma io Rafè…e famiglie a purtà ‘nnanze ne tengo mille, diecimila, centomila…compres’a toja…mo m’è capite?…

RAFFAELE   - Maestà…vi prego…andate avanti.

FERDINANDO- E quindi ho dovuto fare la scelta più logica, anche se non sempre è la più giusta. ‘A guagliona chiagne?…Rafè, se Athene piange, Sparta non ride! ‘O core m’è se spezzato pure a mme…ma io haggia pensà a vvuie oltre che a mme. Io spero ca ‘a guagliona se scorda ampresse ‘e me, e si lle state vicino e le date tanto affetto ce riesce. Pecchè, Rafè, ie t’haggie perdunato ‘o schiaffo e ‘o cavucio a mme, ma si maletrattate ‘a guagliona io nun v’ho perdono! So stato chiaro!…

RAFFAELE   - Maestà…chella è a vita mia…comme putesse…

FERDINANDO- Meglio accussì!…Anzi se avess’ ascì qualche bravo giuvinotto, famm’o sape…c’a dote ci’a facc’io…e non accetto rifiuti, ce simme capite?…

RAFFAELE   - Maestà…vuje me confondete…

FERDINANDO- Penso che sia il minimo…Rafè, allora nun è capito?…Io a Carmilina a voglio veramente bbene…mica a chiacchiere! Anzi qualsiasi cosa che hai bisogno viene a palazzo e famme avvisà.

RAFFAELE   - Vi ringrazio Maestà…Ho fatto. Maestà…scusate se mi permetto…ve posso fa ‘na domanda…personale…

FERDINANDO- Personale quanto?…

RAFFAELE   - A ommo a ommo và…

FERDINANDO- Chiedi…

RAFFAELE   - Ma tra vuje e Carmilina …

FERDINANDO- Fermate ccà…già haggie capito addò vuò ie ‘a parà!…

RAFFAELE   - Perdonate Maestà…ma sapete, ie song’’o pate…’e vvoce…

FERDINANDO- Rafè…ti assicuro ca Carmilina è pura come un giglio, nun dà retta ‘e vvoce, ne diceno tante… comme putevo spezzà nu fiore ‘e chillo?…Me sarria sentuto l’urdemo ‘e ll’uommene…

RAFFAELE   - Maestà…vuje me facite chiagnere…

FERDINANDO- E no, già simme a dduie! Vulesseme fa ‘o lago…

RAFFAELE   - No, io chiagn’e gioia…Maestà!…

FERDINANDO- Guagliò…io so Ferdinando….

SIPARIO

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno