Guai a lu povuru fatti riccu

Stampa questo copione

GUAI A LU POVURU FATTU RICCU

COMMEDIA  BRILLANTE

in due atti di

Francesco Chianese

PERSONAGGI:

(in ordine di apparizione)

MELINA : Figlia di ‘Ntoni

NINETTA : Moglie di ‘Ntoni

ALFIO : Figlio di ‘Ntoni

‘NTONI : Antonio Cannavazzo, capo famiglia

ANGELINA : Fidanzata di Alfio

SALVATORE : Notaio Salvatore Capritta

NINO : Antonino Cannavazzi, papà di Angelina

"GUAI A LU POVURU FATTU RICCU"

 

PRIMO ATTO

                

SCENA  1

 

(Una camera spoglia, molto povera con due porte, una esterna ed una interna, dove s'immagina porti ad un cucinino e al bagno. Vi deve essere un lavatoio formato da un catino dove versare l'acqua, -non sarà comunque usato sulla scena ma lo si deve portare fuori dalla porta interna, per dare l'impressione di essere usato nel bagno sprovvisto di acqua- contenuta in una brocca ed un asciugamano.  Una specie di separé per dare modo di vestirsi senza essere visti. Vi devono inoltre essere dei letti improntati, come materassi o coperte buttati sparsi per terra, in modo che durante la recita possono togliersi per creare un soggiorno povero ma dignitoso)

 

(Inizia la scena al buio, la famiglia "Cannavazzo", formata dal capofamiglia Ntoni, la moglie Ninetta e i due figli Alfio, di circa 20 anni, e Melina, una giovane un tantino ritardata con la fissazione dello "zitu".  Dormono tutti, ognuno nel suo letto, dopo un po' la luce comincia ad

accendersi e...)

 

MELINA: (urlando) Aiuto, aiuto, mamma... ho fatto un incubo

 

NINETTA: (si alza e va dalla figlia) Melina, chi ti succidiu...

 

MELINA: Un incubo mamma... ho fatto un brutto incubo...

 

NINETTA: Va bene gioia, ora stu incubu però passo... quindi cerca di pigghiari sonnu chi ancora

            prestu ieni

 

MELINA: E si mi torna?

NINETTA: Non ti torna chiù, sta tranquilla

MELINA: Va beni... io pigghiu sonnu, però prima tu a sentiri stu incubu...

 

NINETTA: Ma non mu po cuntaru dumani matina cun calma?

 

MELINA: (facendo la capricciosa) No, ora ti l'he cuntari...

 

NINETTA: E va beni... cuntimmillu, ma fa prestu

 

MELINA: Na cosa terribili mamma... Era u ionnu du me matrimoniu. Cu mia sutta o brazzu c'era

            papà vistutu tuttu eleganti... e davanti all'altari c'era iddu... u  me zitu chi mi spittava pi

            maritarmi.... Quantu era beddu... Però quannu m'avvicinai, succidiu na cosa terribili...

 

NINETTA: chi ti succidiu, forza dimmillu e a cuccamuni...

 

MELINA: Succidiu chi u me zitu... avia divintatu fimmina... mi giru unnu u papà e puru u papà

avia divintatu fimmina... tutti fimmini aviunu divintatu... Ma chi é non ci ni sunnu chiù

masculi ? vaddu pi l'altari e purru u parinu e u ghirichettu aviaunu divintatu fimmini... purru

tutti l'invitati...  u nonnu, u ziu Felici, a nonna Melina...

 

NINETTA: A nonna Melina? chidda fimmina eni

 

MELINA: comu fimmina? ma chi dici, allura picchì avi a barba?

 

NINETTA: Ma quali barba... peluria semmai. Comunqui oracucchiti e non ci pinzari chiù...

 

MELINA: Va beni va... videmu si pozzu ripigghiari u sognu e si stavota resta masculu

( e si riappisola)

 

NINETTA: Ogni notti navi una nova... e comu sempri sti dui non sentunu nenti... Quantu mi vaiu a

cuccari nata vota, ca spiranza chi pozzu pigghiari sonnu (va verso il suo letto..) Ma c'ura si

ficiru (guarda in una sveglia sul tavolino improntato a comodino) Matruzza bedda, già i 6

e mezza sunnu autru chi ripigghiari a dommiri...( si avvicina ad Alfio e spingendolo per

svegliarlo) Alfio, o Alfieddu i sei e mezza sunnu.  Svigghiti e suggiti...

 

ALFIO: Oh mamma, fammi ripusari nautri cinqu minuti (rivoltandosi sul letto)

 

NINETTA: Ma quali cinqu minuti, subutu ta ghiazzari... non po' arrivari tardu o travagghiu.

 

ALFIO: Travagghiu, travagghiu... ma non é chi oggi é duminicae ti sta cunfunnennu?... a duniti.

 

NINETTA: Non mi staiu cunfunnennu, duminica a ieri fu, oggilunedì ieni e tu ta ghiazzari

pìcchì,tu dissi, non po’arrivari taddu o travagghiu. Vidi chi non ti po fari licinziari...

picchì... sini tu l'unicu  sostegno dafamigghia, l'unicu chi avi un travagghiu    .

 

ALFIO: (con tono di voce forte) Già io sugnu l'unicu chitravagghia ta sta casa, purru si non sugnu

 l'unucumasculu da famigghia.   Pu papà   troppu faticoso ieni travagghiari ca pala e ca

 schiena comu fazzu io (si alza rimanendo seduto sul lettino).

 

NINETTA: Mutu... no svigghiari, ancora presto ieni pi iddu, lassamulu dommiri...

 

ALFIO: Comu no, facemu attinzioni mu no svigghiamu o... (forte) o capo famigghia...

 

NTONI: (dal letto) Troppu tardu... mi svigghiastu già chi vostri lagni... Mai chi un onestu e

 onoratu ex lavoratore e ora  pensatore e riflettitori possa ripusari pi pinzari comu nesciri di

 mbrogghi.

 

ALFIO: (nel frattempo era uscito dalla porta int. Portandosi il necessario per lavarsi... riesce con

 la sola asciugamano asciugandosi il viso) E moviti papà a riflettiri pi truvari sta soluzioni.

 Io non ni pozzu chiù di fari u manuali pi guadagnari pi tutti.  ...E non ni pozzu chiù di

 lavarmi ... ta sta latrina...  (dopo va dietro il separé e si veste dopo essersi tolto il pigiama)

 

(Ninetta nel frattempo ripone il letto di Alfio. Via, via che si alzano, farà così anche con gli altri letti, in modo cherimarrà solo il soggiorno)

 

(Ntoni si alza dal letto e va verso il bagno, però viene prontamente fermato dalla moglie)

 

NINETTA: Unni é chi sta annannu?

 

NTONI: E a sta ura unu unni é chi po annari... To bagnu, no

 

NINETTA: Nenti da fari... to bagnu non c'é iacqua e da picca chi ristò ava a bastari pi Melina, pi

mia e pi lavari terra... Si tu annari, va fora e va a pigghiari l'acqua

 

NTONI: Vo dirri chi andrò arreti a n'albero... Ma mu diciti vui...  com'é fari a riflettiri senza putiri

annari to bagnu o si mi svigghiati e sconcetrati sempri to chiù megghiu...  quannu sugnu o

puntu di truvari a soluzioni...  (sbraitando, al figlio che é dietro il separé) U vo capiri o no? 

Io non dommu pi dommiri, dommu pi pinzari e quannu penzu, penzu pi mia, pi to matri, pi

            to soru eppuru pi tia.  Capisti io sogno un pensante pensatore.

 

(le voci svegliano la figlia)

 

MELINA:(dal letto piangendo spaventata) Ihhhhh, Ihhhhhh Mamma, mamma chi succidiu, si

 sturupo a casa? Ihhhhhh, ihhhh

 

NINETTA: Nenti, bedda da mamma, nenti succidiu... non cianciri e dormi tranquilla chi ca ci

sugnu io. Dommi chi ancora prestu ieni mi ni niscemu....

 

MELINA: Va beni mamma, comu dici tu.... però non vogghiu annari a fari a spisa... vogghiu annari

ta ghiazza unni ci sunnu i giovanotti... Cu sapi si chista é a iunnata bona mi mi fazzu zita.

 

NINETTA: Si bedda da mamma... comu dici tu. (agli altri) A vidistu chi facistu?  ...  svigghiastu a

 Melina. E ora mi tocca di nesciri di prima matina ma cumpagnu ta ghiazza... Si fissò chi

s'ava fari zita, e non mi fa chiù reggiri...

 

NTONI: (al figlio) Capisti chi facisti chi to capricci? Svigghiasti a to soru, e ora a mamma l'ava

puttari a caccia di zitamenti. Moviti e sparisci..., forza vattini a travagghiari chi brazza chi io

ritornu a travagghiari cu ciriveddu.

 

ALFIO: Invece mi travagghi cu ciriveddu... picchì non tinniveni cu mia a travagghiari, comu fannu

tutti i patri di famigghia... chi brazza e ca schiena... Chi cetti voti mi parri chi si voli

rumpiri.

 

NTONI: (in italiano maccheronico) Figlio degenere, ed io ebbi a faticare per tanti anni supra i libri

di scola, frequentando le scole alte serali fino al conseguimento, ... -minzica chi parola

difficili chi mi vinni-, ... al conseguimento, inteso come  mi pigghiai, lo scorso anno, la

licenza media, capisti sciccazzu, licenza media. E tu, vo ora chi me studi sianu sprecati

travagghiannu ca manicula? Vò ca me menti culturata si disperda fra na pala e nu bagnolu?

(urlando) Io sogno Antonio Cannavazzo, per gli amici Ntoni e sogno alfabetico, no

 sciccazzu comu a tia.

 

ALFIO: Va beni, va beni, non parrari chiù chi già mi doli a testa.  Megghiu mi non rispunnu. Ni

videmu quannu finisciu i travagghiari, o quannu i me ossa si rumpunu e non pozzu chiù

 proseguiri to travagghiu.  Poi ni manciamu u spozzu du to ciriveddu alfabeticu. (ed esce)

 

NTONI: Chi roba, i figghi chi rispunnuni e patri... non c'é chiù religioni.  E ora ch'é  fari? Mi fici

peddiri l'ispirazioni, avia quasi percepitu un'idea pi fari soddi e mi ni pagamu sti quattro

debiti chi avemu, quannu du maniccagghiu di me figghiu Alfiu mi fici peddiri a concentrazioni.

MELINA: Beddu modu avi u papà di pinzari i cosi... u fa runfannu... e beddu forti.

 

NINETTA: Chi ci vo fari, ognuno avi u so modu i pinzari, e to  patri u faci to modu chiù semplici e

chiù  adattu a iddu.

 

NTONI: (fa cenno di andare in bagno e la moglie gli fa no col dito) Ma mu diciti vui comu si fa a

pigghiari sonnu custu muciulamentu arreti e ricchi?  Chi facistu alleanza tutti contra i mia?

Sì, cara figlia e cara mogliera, io penzu dummennu, ma ca speranza, chi si non mi venunu pinzeri lucrativi, almenu mimi zonnu quacchi parenti mottu, di cori ginirusu, chi mi duna i numeri giusti da giucari pi fari ternu siccu a rota di Palermo.

NINETTA: Si ... e tu campa cu sta speranza.

 

MELINA: O papà, picchì non mi porti tu ta ghiazza stamatina?Forsi si mi vidunu cu un masculu...

            aiu chiù probabilitàdi farmi zita.

 

NTONI: Cettu... mi ‘picciu na cravatta russa e ti fazzu uruffianu.(alterato) E poi, allura nenti

capistu...  Comu vo mi ti portu io ta ghiazza.  Ma fari consumari energie che possono urtare

le parti interne del cervello e bloccare le rotelle pensatorie, per poi impedirmi di ragionare?

            (abbassa il tono) Ti cumpagna to matri. Fra fimmini vi tinniti megghiu.

 

MELINA: E tutto stu giru di paroli pi dirmi chi non mi vo cumpagnari tu??

 

NINETTA: (A Ntoni) Ma vadditi... non vidi quanto si stottu? Purru to figghia ti sgamò...  A vestiti,

moviti e nesci, va a pigghiari l'acqua chi sta finennu o non putemu chiù mancu annari to bagnu... e poi va mi ti cecchi un travagghiu seriu...  U vo capiri chi non avemu chiù mancu l'occhi pi cianciri e ca paga misarabili chi pigghia Alfiu non po bastari pi tutta famigghia. A nesci moviti, vestiti... non vidi unni stamu? Purru l'acqua correnti ni facisti tagghiari. ...Vadda a to figghia... Ti rendi cuntu chi crisciu. Avi na vita chi non ci cattu chiù robi, e l'unica gonna chi ci ristò avi chiù ripizzatini chi stoffa. Povira figghiola, na pozzu chiù vidiri cu da gonna... A furia mi ci tagghiu pezzi di stoffa i sutta mi cia picciu te puttusa... chi iammi i fora risto..

NTONI: Bhé... e di chi ti preoccupi, a minigonna va di moda purru di sti tempi. E poi chi iammi i

fora é chiù facilichi trova u spasimanti.

 

NINETTA: Ma si da u casu chi niautri moda non ni siguemu.Antichi ristammu... e comunqui non

avemu soddi mi cattamu autri robi.

 

NTONI: E va beni va... vistu chi é  così... ora mi vestu e nesciu.

 

MELINA: (contenta) Che bello, me patri nesci mi si cerca un travagghiu.

 

NTONI: Non sia mai... rovina il cervello. Vaiu mi ci parru o principali di Alfiu e ci dicu mi ci fa

 fari qualchi ura di straordinario, mi ci fa guadagnari qualchi soddu in chiù.

 

NINETTA:(alterata) Ma chi ha a postu du cori, aranci muffuti?

 

MELINA: O mamma, chi fazzu mi iazzu o non mi iazzu?.

 

NINETTA: A iazziti. Ti priparu l'acqua mi ti lavi a facci, intanto tu va o bagnu e poi, ti metti a   solita gonna, chidda chi parri di Arlecchinu vistutu i fimmina. Poi, u tempu mi sistemu u to

lettu, e niscemu.  Prima ni sbrigamu e prima seme fora.  No pozzu chiù sentiri a stu

cristianu.

 

MELINA: (quasi piangendo) Mamma, non ma vogghiu mettiriri a gonna di arlecchinu vistuti i

 fimmina....  I masculi cha mi vidunu mi sfuttunu e si mettunu a ridiri...

 

NTONI: E che diri io... almenu cu tia ridunu sulu i masculi...  Puru io aiu un vestitu sulu e pi giunta

niru comu u carbuni, e cun mia... tutti chiddi ca mi vidunu cu du vestitu in coddu, fannu di

peggio chi ridiri:.. si sunnu masculi si mettunu subutu i mani ta sacchetta di causi, e si sunnu

fimmini, i ziccunu ta sacchetta du masculu chi annu accantu.

 

NINETTA: Non ci badari Melina.  Aviri na picchicedda i pazienza e vedrai chi quantu prima i cosi

 si sistemunu, e tu sarai vistuta megghiu di na principessa.

 

NTONI: E poi sì.... a vogghia masculi chi ti succutunu...

 

MELINA: (che intanto si era vestita e lavata nel bagno) E quannu mamma, ca testa chi avi u

papà, difficili mi parri.  Comunque, io sugnu pronta, chi facemu nannamu?  A sta ura fora

sunnu i giovanotti.

 

NINETTA: U tempu mimi dugnu na rigittata purru io e pattemu. E nari purru a fari a spisa ca

spiranza chi ni fannu ancora creditu...

 

NTONI: Comu, così ti ni va?... e u café quannu mu pripari...

 

NINETTA: Quannu potti i soddi intra mi si catta.

(Si da una sistemata ed esce con la figlia).

 

SCENA  2

 

NTONI: Purru u cafè  finiu... a cosa mi sa, chi sta divintannu preoccupanti. Io Antonio Cannavazzo

            di arte pensatore, s'ava a mettiri a travagghiari pi puttari soddi intra?  Ca reputazioni chi aiu

            da difenniri?  E si io mi nannassi a travagghiari comu diciunu intra, cu iè chi si pigna i

            pinzeri di pinzari.  Cu...  me mugghieri? Chidda ieni analfabetica.

Però... io e annari to bagnu ma non c'è acqua... È truvari un rimediu...

U sapiti chi fazzu (esce un attimo dalla porta interna e prende un vasino da notte) a fazzu

ca intra e a iettu ta sta rasta...

 

(suona il campanello)

 

NTONI: propriu ora avia a sunari? E chi fici tunnò di già...o si scuddò quacchi cosa. 

(guarda alla finestra) Non è idda, Ianciulina mi parri, chidda ch'è fissata di essirizita cu me

figghiu...   na brava figghiola... e, forsi, semu purru mezzi parenti...  So patri è convintu chi

semu fatta a cucini e, sulu picchì avemu quasi u stissunomi...  dicu quasi picchì io mi

chiamu AntonioCannavazzo fu Bartolino di arte scarpara, e iddu AntoninoCannavazzi fu... 

Rosario di professione spazzinocomunale, proprio come il figlio.  Quindi io, uomo di cultura... esimio pensatore...e figlio d'artigiano, comu pozzu accompararmi, cioè divintari  compare  c'un scupaturi di stradi ? (il campanello suona per la seconda volta).

 Bonu, bonu chi staiu arrivannu.

 

(apre la porta esterna tenendo in mano il vasino entra Ianciulina che tiene in mano un giornale).

NTONI: (imbarazzato cerca di nascondere il vasino dietro le spalle) Trasi Ianciulina, mettiti

comoda..  Comu mai sta visita a sta ura...

 

IANCILINA: Avia a parrari un attimu cu vostra mugghieri, ciavia a mustrari na cosa....  (non

vedendola)  Ma chi fici... già nisciu?

 

NTONI: E cettu... si na viti… Nisciu cu Melina. Ma tu, dimmi a verità, vinisti pi me mugghieri o pi

me figghiu...

 

IANCIULINA: Vi dissi chi vinni pi vostra mugghieri... chi ci pari chi no sacciu chi Alfiu patti a

matina prestu p'annari a travagghiari? Vistu chi ta sta casa è l'unicu masculu ca travagghia?

 

NTONI: Stu discussu mi sà di predica... Me mugghirazza priinchiu purru a tia contro i mia?

 

IANCIULINA: Io non mi fazzu priinchiri i nuddu... Io ragiunu ca me testa... e v'assicuru chi non

aiu nuddu piaceri sapiri cu me zitu...  u me futuru maritu s'ava rumpiri a carina puru pi vui.

 

NTONI: Buccazza in cantiru, e io chi dicia chi sini na brava figghiola... Ma quali zita... me figghiu

non si mariterà mai ca figghia di nu scupaturi...  Io Antonio Cannavazzo uomo di cultura

accompararmi cu Antonino Cannavazzi...

            Ma che ficimu miscammu i Cannavazzi.

 

IANCIULINA: nenti miscammu, non vi preoccupati... ognuno si teni i cannavazzi so.  Me patri è

 vero, scupa i stradi, ma a fini misi porta regolarmenti i soddi intra,... e vui cu tutta a vostra

cultura, chi faciti? vi faciti manteniri di vostru figghiu. Si non fussi pu beni chi ci vogghiu

ad Alfiu, io ca intra non ci avissi misu chiù pedi. Ma comu fa da santa di vostra mugghieri

mi vi supporta.

 

NTONI: Senti megera. Me mugghieri, comi vidisti, non c'è ... e io m'è vestiri ch'è nesciri...  quindi

smamma e torna quannu non ci sugnu io.

 

IANCIULINA: Minni staiu annannu, stassi bonu... Lassu cà supra a sta seggia, stu giurnali...  Ciù

dicissi a vostra mugghieri cu purtà io... Ta stu giurnali ci sunnu offerti di travagghiu chi vi

            ponnu interessari...  E vistu chi vui siti così coltopicchì non approfittati mi ci dati na

liggiuta ...cu sapi si c'è  quacchi cosa di vostru gradimentu.

 

NTONI: Chisti non sunnu affari to... e poi... chi ci putissiessiri di interessanti pi mia...(così dicendo

le prende il giornale dalle mani e le passa il vasino... poi, imbarazzato si riprende il vaso e

le da il giornale)

 

IANCIULINA: (sorridendo, con tono pacato) Si pimmittiti, don Ntoni, io na liggiuta già cià desi...

Vaddava si ci putia essiri quacchi cosa pi Alfiu... ma nenti da fari...  ceccunu sulu diplomati

o genti cu difetti fisici, chissacciu orbi, sciancati o chi ci manca quacchi ghiditu.

 

NTONI: Purtroppo stu figghiu scalognatu ieni...  non avi mancu un difettu... e non fu capaci mi si

pigghia -comu a mia- a licenza media... Non ci resta mi ci rumpemu quacchi iamma o ci

scippamu quacchi ghidiutu.

 

IANCIULINA: Vui pacciu siti... si sinna accoggiunu... te cacciri ni mettunu...

 

NTONI: E allura continua a fari u manuali .

 

IANCIULINA: Però, pi vui... quacchi cosa ci fussi...

 

NTONI: Pi mia? Sicuramenti non sintì bonu.

 

IANCIULINA: Bonu sintistu, propriu pi vui dissi...

 

NTONI: E picchì pi mia ci fussi e pi me figghiu no?

 

IANCIULINA: Picchì, vui aviti a licenza media e iddu no.

 

NTONI: A capì... sicuramenti si tratta di un lavoruacculturato e tu, finalmenti, capisti i me doti

              culturali... di che si tratta, dunque...

 

IANCIULINA: Bhè... ceccunu un impiegatu o comuni...

 

NTONI: Basta, capì... settore amministrativo...

 

IANCIULINA: Non proprio... diciamo settore stradale...

 

NTONI: Te vigili urbani vo diri?, va beni vorrà diri chi passiannu allenerò ugualmente la mia

pensante mente.

 

IANCIULINA: No te vigili... ta na cooperativa... te... te... spazzini zumma, a puliziari i stradi.

 

NTONI: E io, strigazza, aia fari u spazzinu? non sia mai. Chistu è compitu di to patri...  Io

impegnare il mio intelletto a scupari terra. E poi picchì ci voli alicenza media, to patri parri

chi navi?

 

IANCIULINA: Quannu trasiu iddu non sirvia.

 

NTONI: Capisciu... oggi cu tutti di signali chi mettunu te stradi è un problema pi l'autisti...

figuramuni pi nu scupaturi analfabeta....

 

(suonano alla porta)

 

NTONI: Ah eccu me mugghieri chi torna... ma non capusciu picchì ava a sunari u campanellu chi

ghiavi chi avi... esi io stava dummennu?

 

IANCIULINA: (che guarda dalla finestra) Non è vostramugghieri, un tipu distintu mi pari,

'cravattatu e cu navaligetta te mani.

 

NTONI: A sta ura? unu cravattatu? Vo vidiri chi vinnuru mi ni pigghiorunu quacchi cosa?

 

IANCIULINA: (si guarda intorno) E chi cianna a pigghiorari... semmai l'elemosina ci pottunu...

 

NTONI: A iaprici strega... anzi no, spetta... io avi di stamatina che nnari da banna...

 

IANCIULINA: E si mi dumanna di vui chi c'è diri?

 

NTONI: Ventiti quacchi cosa... dicci... dicci chi sugnu ta na riunioni di gabinetto

(ed esce dalla porta interna col vasino)

 

SCENA 3

 

(Ianciulina apre ed entra il notaio Capritta che assale verbalmente la ragazza)

 

NOTAIO: (il notaio, è un personaggio molto elegante che parla balbettando)Buon... buon giorno

sig.. signorina questo è il numerocivico 35?

 

IANCIULINA: Sì

 

NOTAIO: (balbettando ma senza cadere nell’esagerazione e volgarità) e allora, mi vuole spiegare

perchè per ben cinque volte mi avete mandato indietro le raccomandate da me inviate che

convocavano nel mio ufficio? (Ianciulina fa per parlare ma il notaio non le da modo)

Ho dovuto fare 50 kilometri per venire qui... anche perchè un messo non si trova neanche a

pagarlo a peso d'oro....

 

IANCIULINA: (emette un grido) Ouuuuuu.... possu parrari purru io?

 

NOTAIO: Ce… cetto

 

IANCIULINA: (scandendo le parole) Io non sugnu di sta casa... io non abito qui

 

NOTAIO: (parlerà sempre balbettando) Ah lei, non abita qui? E non me lo poteva dire subitu?

Comunque io debbo parlare con il capo famiglia.

 

IANCIULINA: Il capo famiglia mi disse che è impegnato in una riuniuone di gabinetto

 

NOTAIO: Riunione di gabinetto? a quest'ora di mattina? Ma che è una cosa lunga?

 

IANCIULINA:  Bhè… dipende....

 

(a questo punto entra Ntoni che si aggiusta il pigiama)

 

NTONI: Non ni putiva chiù

 

NOTAIO: (lo vede e gli va incontro) Buo... buon giorno è lei il capo famiglia?

 

NTONI: Certu e cu s'allura...

 

NOTAIO: (gli prende la mano) Pia..piacere,io sono il no...no... no..nno...

 

NTONI: (ad Ianciulina) ma cu iè to nonnu?

 

NOTAIO: no  no..nonno, sono il no..taio Salvatore Ca...ca...capritta, mi scu...si per l'orario un

pò...pò insolito, ma la colpa è sua visto che mi ha mandato indietro ben cinque

raccomandate, ed io ho dovuto fare ben 50 kilometri per venire da lei... É una cosa inaudita

            anche perchè non si trova nessuno che vuol lavorare.

 

NTONI: Avi ra... ra giuni (alla ragazza) maniccagghiu, purru a mia mi middò u ghieccamentu....

 non voli travagghiari chiù nuddu. Comunqui, in cosa posso esserle utile???

 

NOTAIO: Lei sa...rà cer..tamente il si..gnor (prende una carpetta dalla borsa) Ca...ca.., Ca..ca...

 

NTONI: Non cuminciamu, chi acqua non naiu to bagnu e non c'è mancu carta... annava prima di

veniri cà...

 

NOTAIO: ma quale carta... dicevo Ca.. ca.. Ca.. ca

 

NTONI: (lo guarda perplesso poi lo prende a braccetto e canta) Cacao meravigliao che meraviglia

sto cacao meravigliao... (ad Ianciulina) Ianciulina veni cà cu nutaru voli ballari..

 

NOTAIO: (seccato) Ma che sta facendo, che siamo al varietà? Io sono un notaio e non sono qui per

ba.. ba...

 

NTONI: (cantando) Ba, baciami bambina sula bo, bocca....

 

NOTAIO: Basta, ma che facciamo giochiamo?

NTONI: (alzando la voce) No, basta u dicu io, prima cacà e non cacà, poi babà e non babà...

insomma si po sapiri chi vuliti i mia?

 

NOTAIO: Un attimo di calma... allora lei è il sig. ca..cà… (E immediatamente mette la mano

davanti alla bocca di Ntoni) Cannavazzi.

 

NTONI:  NO... Cannavazzo è il mio cognome con la o... Cannavazzo pensator Antonio fu

Bartolino, artista di professione.

 

NOTAIO (sempre balbettando): Già... e che.. che scri... scri...vono ancora con la penna ed in modo

pressocchè illegibile...  Allora lo sistemo io...  non si preoccupi...(e scrive su un registro)

 

NTONI: e cu si preoccupa? sulu chi vulissi sapiri u motivu da so visita.

 

NOTAIO: Perchè non gliel'ho ancora detto?

 

NTONI: No, non me lo ha ancora detto. E si non si sbriga cu tartagliamentu chi si ritrova, facemu

mezzanotti.

 

NOTAIO: Se..se..mpre il solito sbadato. Dunque...(s'interrompe) La signora o signorina è vostra

            parente?

 

NTONI:  No

 

IANCIULINA: (subito di rimando) Si

 

IANCIULINA: Voleva dire non ancora... sono la zita del figlio

 

NOTAIO: Bene, allora può ascoltare...

 

NTONI: (alterato) E chi è cava a  scutari.... avi un'ura chi mi fa stirari u coddu. Si vinni pi

pignorari quacchi cosa al massimu ci pozzu dari a sta figghiola chi dici di essiri

            zita cu me figghiu, e si spetta na picca si po puttari purru a me mugghieri...- non è granchè

ma a matina dopo chi si faci a barba e un bigiù - e ci dugnu purru a me figghia...

 

NOTAIO: Ma ch… cche di..di..ce signor Ca..ca.., Ca..ca..

 

NTONI: Bonu, non si sprimissi troppu.. Cannavazzo mi chiamo

 

NOTAIO: Cannavazzo, io non sono qui per prelevare... non è compito mio... Io sono qui per un

la..la.., la..las..

 

NTONI: Lassativo? E chi pigghiò a me casa pi farmacia...

 

NOTAIO: No, lass..ativo, lascito... sono qui per un lascito

 

IANCIULINA: Lascito? voli diri chi ci dununu soddi?

 

NOTAIO: O finalmente... proprio così... un'eredità e ilsignor Ca..ca...

 

IANCIULINA: Cannavazzo, signor notaio.

 

NTONI: Lassulu continuari, non l'interrompiri chiù... Signor notaio mi chiamassi puru cacà o comu

voli lei, ma non si fimmassi.

 

NOTAIO: Gra...grazie. Lei signor Ca..ca..., ca...ca..

 

NTONI: Contiunuassi, continuassi...

 

NOTAIO: E' l'u... u... unico erede.

 

NTONI: io un'unucu eredi... S'accomodassi signor notaru, Ianciulina pigghici quacchi cosa da

biviri... dacci na picca d'acqua, chidda di grandi occasioni…

 

NOTAIO: (si accomoda) Grazie, certo che lei mi ha fatto sudare...

 

NTONI: Non ci pinsassi e bivissi.. É na picchitta caudda picchì u frigorifuru l'avemu a riparari.

            Allura chi è chi staumu dicennu? Ah sì, chi sugnu unucueredi. Che bella parola...  unucu...-

E di cu...  cu iestu galantomu chi si ricurdò i mia ta so ultima ura?

 

NOTAIO: (balbettando) Veramente, non si è ricordato di lei... Ma dopo una serie di ricerche è

 risultato che lei è l'unico parente ancora in vita di Michele Canna... - maledizione, anche

qui è scritto con la penna e non si capisce- ma è chiaro che è Michele Cannavazzo...

emigrato in America agli inizi degli anni trenta.

 

IANCIULINA: Signor notaio, ma comu fa ad essiri l'unucu eredi si probabilmenti me patri è so

cucinu?

 

NTONI: Probabilmenti..., dicisti giustu, probabilmenti. Ma si i ricerchi truvaru sulu a mia, vo dirri

chi è comu è sempri dittu io, chi non semu assolutamenti parenti. Capisti?

 

IANCIULINA: E  quantu fussi stu lascitu?

 

NTONI: Già, quantu mi lassò... u parenti d'america... Mu dicissi alleggiu, alleggiu signor notaio... u

me cori non sacciu si reggi.

 

NOTAIO: (si alza e lui lo segue) L'eredità... fra beni mobili ed immobili ammonta a un...

un..milioneece..ce..nto di Euro

 

NTONI: Non mi parassi di Euro, ancora non sugnu praticu, in liri mi lava a diri

 

NOTAIO: Poco più di du...du...

 

NTONI: (amareggiato) ducentumilaliri e lei fici 50 kilometri pi ducentumilaliri

 

NOTAIO: No....- du... du....

 

NTONI: Bonu, capì...- dumilioni... non sunnu tanti ma niponnu serviri

 

NOTAIO: E inv...ece sono due miliardi...

 

NTONI: Du miliardi parri chi dissi chissà chi...Du miliardi (e cade su una sedia)....  du miliardi

         dissi?..., Ianciulina bonu sintì?

 

IANCIULINA: Bonu sintiu... du miliardi dissi u notaio.

 

NTONI: E' quantu sunnu du miliardi... a mia mi venidifficili pinzarli, figuramuni immaginarli.

 

IANCIULINA: Assai sunnu... Che bellezza purru si non semu cucini, sugnu sempri a zita di un

miliardario...

 

NTONI: Aspettassi notaio che c'e diri na cosa a sta figghiola. Aviti da porta? ...Nesci

immediatamenti di sta casa..  Io Antonio Cannavazzo miliardario e pensatore c'iavissa a dari

pi sposa a me figghiu a figghia di nu spazzinu e mottu i fami?  Mai...  Forza scio…

povirazza... Noi Cannavazzo apparteniamo al mondo dei ricchi...

 

IANCIULINA: Al mondo dei ricchi... ancora ava a nasciri e già si chiama Alfredo... Bonu minni

vaiu, non c'è bisogno mi mi cacciati... Ricchi...  ma sempri u solitu pizzenti siti. Minni

vaiu...  Ossequiamu, signor Notaio (e fa l'inchino) Osseqiuamo miliardario ( fa un altro

inchino ed esce)

 

NTONI: U vitti... signor notaio, mi sfuttiu purru... non sava dari mai cunfidenza e povirazzi e motti

fami...

 

NOTAIO: Non ci pe... pensi. E fi..fi.. fi..fi

 

NTONI: e fifì.. già... avi ragiuni non ci pensu e mi mettu a fiscari..

 

NOTAIO:  quali fischiare, de..de..ve firmare per accettazione.  Che fa accetta o non accetta?

 

NTONI: Accettu? Unni è ch'è firmari... si muvissi mi dassi a mia (gli prende il foglio dalle mani e

firma) Va beni così signor Notaio?  pa mancia, però, sinni parra inseguito.

 

NOTAIO: Bene, mi farò sentire più in là... io vado e ..auguri.

 

NTONI: Auguri? e i soddi... quannu mi duna...

 

                          

SCENA 4

 

(suona il campanello)

 

NTONI: M'ava scusari un secunnu, quantu mi dunu cu sona. (si affaccia alla finestra) Me

mugghieri ieni... (esce di scena e rientra quasi subito con la moglie che  ha delle borse per

la spesa in mano, e la figlia)

 

NINETTA: (si avvede dell'estraneo e chiede a Melina) O Melina e ddu cristianu cu iè.

 

MELINA: Aspetta (va di corsa verso il notaio e lo guarda in viso e resta sbigottita) Minzica (va

dalla mamma tutta euforica ) Iddu è, iddu è, mamma chiddu du sognu ieni

 

NINETTA: Non diri fissarii (al marito) stu cristianu cu iè.

 

NTONI: A nostra furtuna e ricchizza... forza Ninetta a saluta o signor notaio...

 

NINETTA: Notaio dicisti? (fa l'inchino) Saluti a vo scienza...

 

MELINA: (inchino) Saluti a vui...

 

NTONI: Buo.. buon... giorno...

 

NINETTA: ( al marito) e chi fa ghicchia?

 

NTONI: Chi t'importa... Ti dissi chi chistu ieni a nostra furtuna...

 

MELINA: Capì tutti i cosi... É u zitu pi mia....

 

NINETTA: Ma chi dici Melina, non vidi ca ghicchia?...

 

MELINA: E Chi m'importa chi ghicchia... è beddu e mi piaci....  (battendo i piedi) u voghhiu - u

vogghiu – u vogghiu

 

NTONI: Non ci badassi signor notaio e ripigghiamu u discussu di soddi....

 

NINETTA: Soddi? parrastu di soddi?

 

NTONI: Ca cettu!!! E di chi si pò parrari c'un notaio...

 

MELINA: di zitamenti.... Non era di mia chi parravu allura?

 

NOTAIO: Sig... signora si tra..tra...tta di un'eredità...

 

NINETTA: Eredità... e cu iè stu eredi?

 

NOTAIO: Il sig.. signor Ca..cà...  Ca...cà...

 

NTONI: (alla moglie) U signor Cacà saria iò

 

NOTAIO: Il signor Ca..cà..ca..navazzo...  Ora vengo e mispiego...

 

NTONI: E così facemu notti inoltrata... Non sì preoccupassiciù spiegu iò chiù tardu....

 

NOTAIO: Allo..ra  io vado...

 

MELINA: (si avvicina ) Così prestu...  non pò ristari nautra picchicedda così ni canuscemu

megghiu....

 

NOTAIO: (timidamente) Gra... gra...zie, ma debbo proprioandare, la prossima volta, però, resterò

 di più...

 

MELINA: Almenu dimmi u to nomi... zumma comu ti chiami...

 

NOTAIO: Salvatore è il mio nome...

 

MELINA: E il mio è Melina... ma tu chiamami Melinuccia...

 

NOTAIO: E tu Sa...lvuccio... (si riprende) ci vediamo una vo..vo..lta definito il tutto. Comunque,

signor Cannavazzo non si preoccupi per le raccomandate, verrò nuovamente io qui, tanto mi

viene di... passaggio. Salve a tutti e a presto.(ed esce e Melina lo accompagna alla porta)

 

NTONI: A prestissimo no a presto e non si scuddassi di puttari l'assegnu. (ai due presenti)

            Mizzica comu è a vita... Ma ci pinzati un minutu fa erumu senza na lira e ora avemu

 addirittura du miliardi...  du miliardi...

 

NINETTA: Du...du... miliardi dicisti?

 

NTONI: Chiffà ghicchii purru tu?   Propriu così du miliardi..e unu cu avi du miliardi sava a

comportari da miliardario...  quindi è manciari da milirdariu... è dommiri da miliardariu e

m'è vestiri da miliardario.

            ...E comu è chi  vestunu i miliardari?  ah già...  a camicia...  e chidda l'aiu...  e poi si mettunu

u fazzulettu o coddu...  e chiddu l'aiu, (alla moglie) mi pigghiu chiddu tò...  (mentre parla va

dietro al separè e incomincia a vestirsi)I pantaloni, mi mettu i soliti, chiddi niri ma cu chiu

            classi... a camicia... ah i scappi... u fazzulettu... a giacca e stu cappeddu mi pari chi mi fa

scik. Mi manca sulu nu sigaru ta bucca, ma chiddu mu cattu poi.

            (vestito esce dal separè) Allura... chi vinni parri.. parru o non parru chiddu chi sugnu... un

miliardario culturato.

 

                                                                FINE PRIMO ATTO

 SECONDO ATTO

                         

SCENA 1

(La scenografia presenta un mobilio rinnovato, più elegante ed accogliente. I personaggi esageratamente eleganti con vistosi paramenti, tranne Alfio)

( sulla scena Ninetta, Ntoni,Alfio e Melina)

 

NINETTA: (seduta sul divano con un ventaglio in mano a mò di nobile) Che caldo... menomale

che ho il ventaglio per sosciarmi. Ma per nautranno... voglio l'aria confezionata, chidda cu

telecomando.

 

NTONI: (ha pure un sigaro spento in bocca) Io invece direi di comprarci una villa a mare.  Ni

scinnemo quannu ca c'è cauddu e ce ne chianamo quando ricomincia il freddo.

 

MELINA: Che bello..-Papà, papà... mu pozzu puttari a Salvuccio, u me namuratu notaio?... Mi

piaci assai, assai

 

NINETTA: Ca certo!!! Iddu nobili ieni e avi i soddi proprio comu a niautri

 

NTONI: Giustu, ragiuni to matri avi... d'ora innanzi ema frequentari sulu genti scik... Non ema …

fari comu a du maccaruni i to frati chi ancora ci duna cunfidenza a da povirazza figghia di

scupaturi i stradi...

 

ALFIO: (alterato) Ma a vuliti finiri di fari i cretini.... ma cu vi criditi di essiri.

 

NTONI: Ninetta, u sintisti a to figghiu? Ni dumanda cu cridemu di essiri.  Niautri non cridemu di

essiri. Niautri semu....  Semu miliardari, avemu i soddi e cu avi i soddi avi u poteri... E'

beddu fotti...

 

NINETTA: Alfio, capisti allura cu semu?

 

ALFIO: O mamma, pu u papà u pozzu capiri iddu ha avuto a testa sempri particolari.. Ma a tia non

 ti capisciu.. tu si chiù bona, chiù semplici...

 

NINETTA: Forsi prima.... ora aiu i soddi e cu su ricorda chiù u passatu...

 

ALFIO: I soddi, i soddi... sempri soddi... Ma poi unni sunnu sti soddi si ancora ti l'hanna a dari.

 

NTONI: E' sulu questioni di minuti oramai...

 

ALFIO: E si sti soddi non ti dununu chiu? Comu cia catti a mamma l'aria confezionata, e tu a villa

a mari? E comu ti paghi i debiti chi facisti pi cattari a mobilia, i robi novi e pi aviri attonna

l'acqua correnti intra?

 

MELINA: Chi è non si catta chiu a casa a mari?

 

NTONI: Si catta, si catta... non ti scantari Melina. E tu aceddu di malauguriu sparisci di sta casa e

tonna sulu quannu metti ritegnu.

 

ALFIO: Minni vaiu, è megghiu mi minni vaiu...

 

NINETTA: E unni è chi vulissi annari?

 

NTONI: Comu unni... Unni a so bedda... a figghia du scupaturi

 

(suona il campanello)

 

NTONI: Mantenemuni calmi... iddu è... u notaio  chi ni porta i miliardi.

 

NINETTA: Matri, mi tremunu i iammi.

 

MELINA: Purru a mia...

 

ALFIO: Stati boni chi vaiu io mi ci apru (sta per aprire senza controllare dalla finestra)

 

MELINA: Aspetta Alfio...quantu mi fazzu bedda...

 

(Alfio si ferma un attimo per ascolatre Melina, poi esce sempre senza guardare dalla finestra)

 

                          

SCENA 2

 

(rientra un attimo dopo con Ianciulina e suo padre Nino)

 

ALFIO: Spiacente ma non è u notaio.

 

NTONI: U vidu chi non è u notaio.

 

NINO: Io sugnu e puttai na picca i piparelli e na buttigghia di vermouth…(Li posa sul tavolo)

Ma  mi pozzu sittari o menne annari.

 

NTONI: Orami chi siti ca a sittativi... Da ci sunnu i seggi.

 

IANCIULINA: (a Ninetta) Signura... a vidu preoccupata chi ènon stati bona?

 

NINETTA: No, bona sugnu... sulu chi sugnu apprensiva picchìda un mumentu all'autru avissi a

veniri u notaio...

 

NTONI: ... mi ni potta i soddi... i miliardi...

 

NINO: Mi fa piaciri.... ma non vurria chi i soddi vi spasciassuru a testa.

 

NTONI: Io a testa dura l'aiu...

 

IANCIULINA: E chistu l'aviumu caputu.

 

NINO: Zumma senza tanti preamboli...ora vi spiego u motivo di sta visita: Ianciulina e Alfiu si

vonnu beni, parrunu du colombi e poi a genti to paisi chiacchiera. Io dicu che ègiustu mi si

 fannu ziti ufficialmenti.

 

NTONI: Chi è chi dicisti?... Bonu sintì?  Ma u sa cu sugnu io?  Io sugnu Antonio Cannavazzo di

mestiere il miliardario e tu si Antonino Cannavazzi di mestiere scupaturi e povirazzu... 

Comu pretendi mi me figghio sposi na povirazza? I poviri chi poviri e i ricchi chi ricchi.

 

ALFIO: Ma chi sta dicennu papà....

 

NINETTA: Mutu tu lassa parrari a to patri....

 

IANCIULINA: Sì, Alfio,... lassa parrari a to patri... picchìto matri curaggiu mi dici chi si trasformò

 in vipira nonnavi. Bastarunu 4 soddi pi facci nesciri tuttu u sovelenu mucciati.

 

NINETTA: (con voce forte) Cu iè vipira?

 

IANCIULINA: Vui siti vipira...

 

NINETTA: Ah sì... e allura assaggia stu vilenu (e si avventa)(le due donne fano scena e vengono

divisi dai maschipresenti)(Melina ancora in scena si mette in mezzo)

 

NTONI: (mentre cerca di tirare Ninetta) Lassala annari, non ti luddari i mani.

 

NINO: (mentre tira Ianciulina) Sta calma Ianciulina, non ti compromettiri... Non vali a pena cu sta

famighhia...

 

MELINA: (forte) A vuliti smettiri tutti quanti... mi parriti quattru picciriddi...

 

(si calmano)

 

ALFIO: Chi figura e chi bellu esempio dati... Puru Melina ragiona megghiu i vui.

 

NINO: Ianciulina, namuninni... lassamu pi sempri sta casa

 

ALFIO: Spittati... prima s'ava chiariri...

 

NTONI: Io non aiu nenti i chiariri... iddu si teni a so figghia e a so scupa... io mi tegnu a me figghiu

e i soddi...

 

IANCIULINA: Merda.... merda cianna divintari sti soddi... o spera a Madonna cianna serviri pi

midicinali pi vostra mugghieri. Lava spenniri tutti in lassativi...

 

NINETTA: (fa per inverire nuovamente) lassatimi ca mazzu...

 

(suona il campanello)

 

                         

SCENA 3

 

NINETTA: Ti salvasti cu campanellu... A viditi cu iè...

 

MELINA: (si affaccia alla finestra e tutta contenta...) U me Salvuccio ieni...

 

NTONI: Iddu ieni... u nutaru... stamuni calmi... e tu Ninetta datti na rigittata.(agli altri)... Viautri

ormai chi siti ca sittaivi e stati boni in silenziu.... A iaprici Melina curri... prima mi sinni

vaci....

 

(Melina esce, in scena silenzio e compostezza, rientra con il notaio, mano nella mano)

 

NOTAIO:(sempre balbettando) Buo...ngiorno a tutti... (toglie la mano da Melina)

 

NTONI: Facemu accomodari u signor notaru

 

NOTAIO: (si accomoda, Melina si siede vicino) scusate se sono arrivato in ritardo...  ma sapete... 

la strada, il traffico, i semafori, i pedoni...

 

NTONI: L'indiani, i suddati... scusatu siti signor Notaio,  l'importanti è chi siti ca

 

NOTAIO: Già so...sso..no qui per concludere... Ma prima peròqualche formalità

 

NTONI: Ch'ema fari prima?

 

NINETTA: Ema ghinghiri quattru carti... (al notaio) Non è  così signor notaro?

 

NOTAIO: Pro..proprio così, ho solo da fare qualche domanda...(guarda verso i presenti) Non mi

pare di conoscere i due signori.

 

NTONI: Nenti ci fa si ne canusci, scrivemu sti catti e datimi l'assegnu...

 

NOTAIO: Va bene... come desidera...  io ho già preparato qualcosa... mancano solo alcuni dati che

debbono coincidere con l'ultima documentazione arrivata dall'America.

            Allora... Addì davanti a me Salvatore Notaio Capritta...è presente il signor Ca..c…...

Cannavazzo..

 

NTONI: Giusto... Cannavazzo...

 

NOTAIO: Certo... Cannavazzo Antonino...

 

NTONI: Sbagghiatu, sbagghiu c'è Notaio... io Antonio michiamo non Antonino

 

NOTAIO: Vuol dire che avranno sbagliato..

 

NTONI: Sicuramente errore di penna ci fu..

 

NOTAIO: Nato a Milazzo

 

NTONI: (contento) Sì...

 

NOTAIO: nell'anno 1949

 

NTONI: Sì

 

NOTAIO: nel mese di settembre

 

NTONI: Sì

 

NOTAIO: il giorno 14

 

NTONI: No. Natru sbagghiu c'è signor Notaio io nascì il 13settembre e non il 14

 

NINO: (tranquillo) E cettu chi c'è sbagghiu a nasciri o 14settembre io fu...

 

IANCIULINA:(come se avesse avuto un'idea) Vero iè. Purru me patri nasciu a Milazzu to 1949 e

 in chiù o cuntrariu i stu galantomu, corrispondunu a data i nascita e u nomi di Battesimu.

 

NTONI: Chiddu no... u dissi u nutaru... sbagghiaru... errore di penna ci fu... e poi u cognomi eni

chiddu me... Cannavazzo non Cannavazzi

 

IANCIULINA: errore di penna o no, a mia mi pari papà, chi st'eredità sta pigghiannu pa nostra

strada...

 

MELINA: (spaventata) Papà... Salvuccio... mamma... te guai semu...mi parri chi a casa a mari non

na cattammu chiu.

 

NINO: Signor notaio... non è chi u cognomi eni Cannavazzi e no Cannavazzo?

 

NOTAIO: (balbettando più di prima) Per quanto io... sia un po’ di parte... debbo ammettere che

tutto è possibile... oggi è più facile sbagliare che indovinare

 

NINETTA: E comu si fa a stabiliri quali è chiddu giustu?

 

NOTAIO: Da un nuovo controllo... State tranquilli che appureremo

 

NTONI: Giusto... lei ava appurari.. intantu mi lassassi l'assegnu e poi appura con calma...

 

NINO: Chi è chi fà?... no capisti allura chi l'eredità eni a me? signor notaio mu dassi a mia

l'assegnu...

 

ALFIO: Io dicu mi vu puttati ...

 

NOTAIO: Chiaro che me lo porto.(a Melina ) Mi dispiace ma prima debbo appurare e poi pagare...

 Mi sa però..  da quel che sto constatando adesso che l'eredità è più facile che sia del signor

Nino...  ci sono troppe coincidenze..  Comunque...  io vado...  arrivederci a  presto...

 

MELINA: Aspetta Salvucciio chi ti cumpagnu.

 

(esce il notaio accompagnato da Melina)

 

              

SCENA 4

 

(Antonino cammina fischiettando e gli altri sono seduti ammutoliti)

 

NINO: Mi sentu chiù pisanti... forsi sunnu i soddi chi manna a dari... Ianciulina, quantu ieni

l'eredità?

 

IANCIULINA: Du miliardi papà...

 

NINO: Du miliardi... du miliardi... e comu si spennunu du miliardi

 

NTONI: (molto pacato) Se sulu chistu u problema, cumpari, t'aiutu io a spenniri i soddi.

 

NINO: Cumpari... cumpari dicistu? (alla figlia)  Ianciulina mi dissi cumpari...

 

NINETTA: Cettu, non vinistu vui a diri chi i nostri figgi sunnu ziti?

 

NTONI: e comu? dicisti chi sunnu du colombi e poi a genti pittegula chiacchiera...

 

NINO: Io? così dissi? siti sicuri? A mia non mi parri... e a tia Ianciulina?

 

IANCIULINA: Bha!!! Io non mu ricordu....

 

ALFIO: Ma mu ricordu io Ianciulina... Chi facisti canciasti idea così all'improvviso... o i soddi ti

stannu dannu a testa magara a tia.

 

IANCIULINA: Chi vo fari Alfio, a futtuna è na rota chi gira e ora parri chi gira pi nui... Non è veru

signura? Comunque pu me zitamentu cun tia, ava gnessiri me padri a decidiri.

 

NINO: Ed è un veru problema. Tu Alfiu si nu bravu figghiolo, ma si un poviru manuali figghiu di

motti fami e indebitati.... Io sugnu oramai un miliardario e comu fazzu io chi sugnu

miliardario a darici pi maritu a l'unica figghia chi aiu un povirazzu motti fami e pi giunta cu

na famigghia ghina di debiti?  Bha... ci penserò... ora però è meglio andare...

 

IANCIULINA: (con aria da snob) Si papi, andiamo… (ed escono senza salutare)

          (i presenti restano in silenzio, poi...)

 

NTONI: L'è sempri dittu io... guai allu poviru fattu riccu, è chiù pericolosu d’un serpenti e chiù

spinusu di na ficarindia.

 

NINETTA: Ma è sicuro chi non semu niautrui l'eredi???

 

NTONI: Sicuri, sicuri no... ma oramai mi parri chi è comu spirari di vinciri a na lotteria.

 

ALFIO: Malidittu du iornu chi trasiu u nutaru ta sta casa.

 

(rientra Melina)

 

NINETTA: Melina, parrasti cu to Salvuccio??? chi ti dissi pi l'eredità....

 

MELINA: Nenti... E chi vò mi parraumu dell'eredità... niautri cosi chiu importanti ni dissumu... –

Dill'eredit… mi dissi sulu chi secunnu iddu, a casa a mare na putemu scurdari.

 

ALFIO: (a suo padre) E tutti sti cosi chi cattasti, cun quali soddi ci pagamu ora?

 

NINETTA: Già... comu ci pagamu...

 

NTONI: Boni, boni... lassatimi pinzari... (e resta in silenzio)

 

MELINA: O mamma, preparici u lettu o papà chi ricuminciò a pinzari.

 

NTONI: Non cinnè bisognu, preferisciu pinzari altrovi...Io nesciu a riflettiri e a pigghiari aria.

(ed esce)

 

NINETTA: A mia mi veni i ccupari... Melina a facemuni quattropassi... così smarinamu na picca...

(al figlio) E tu chifa, picchì non nesci cun niautri?

 

ALFIO: No, io restu cà a ciccari un muru unni sbattiri atesta

 

MELINA: Dalla adagio a botta chi semu te debiti... non vurriami spasciassi a casa

 

(Ninetta e Melina escono)

 

                         

SCENA 5

(in scena solo Alfio)

 

ALFIO: Non sacciu s'è ridiri o cianciri...  prima era senza na lira, ma cun travagghiu e na zita...

 poi, di colpo divintai miliardariu, lassai u travagghiu, mi sciariai ca me famigghia, ma tinia

sempri na zita.  E pi conclusioni... turnai poviro, ristai senza travagghiu e piddì a zita che a

sua volta divintò miliardaria.... chi m'ava succediri chiù...

 

(suona il campanello)

 

ALFIO: Quantu vidu cu ieni... (si affaccia e vede Ianciulina)Ianciulina??? E chi vorrà ancora i

mia... (Esce unattimo e rientra subito con Ianciulina)

 

IANCIULINA: A quantu vidu sini sulu intra... megghiu così.

 

ALFIO: Picchì di povirazzi di me genitori ti dununu fastidiu?

 

IANCIULINA: Ma chi dici, Alfiu, io sempri a stissa sugnu... cu quacchi miliardu in chiù ma sempri

 a stissa...

 

ALFIO: Mi fa piaciri... Ora mi vò spiegari u motivu di stavisita?

 

IANCIULINA: Vinni così, tantu pi veniri a truvarti (poi restaun attimo in silenzio) Vo diri no

capisci chi ti vogghiu beni e chi vogghiu stari ancora cun tia?

 

ALFIO: E to patri inveci chi ni penza?

 

IANCIULINA: Iddu a tia ti rispetta, dici chi sini un bravo figghiolu.... però...

 

ALFIO: Però???

 

IANCIULINA: Però, non ci piaciunu i to genitori, ... e...

 

ALFIO: ...e

 

IANCIULINA: ...e... chi sini senza na lira, senza arti e ne parti

 

ALFIO: E tu vinisti mi mu ricordi, grazie.

 

IANCIULINA: Io vinni mi ti dicu chi non m'importa di sta diversità chi c'è fra niautri... si io sugnu

miliardaria e tu nu povirazzu... E non importa si non ha chiù untravagghiu.... Chi me soddi

putemu campari tranquilli..Ni cattamu nu beddu appartamentu o centru du paisi...tanti bei

vestiti....

 

ALFIO: ... Sì, sì... brava. Ma non dicisti chi to patri non voli pi mia?

 

IANCIULINA: Non ti scantari chi poi u convincio iò. A iddu ci damu na bedda stanza to nostru

appartamentu, al centro...  e u facemu cuntentu.

 

ALFIO: Na bedda idea... Però si duna u casu chi a mia stari senza fari nenti mi annoia e non mi

piaci l'idea di fari u mantenutu... Pertantu, prima vidu su me principali mi voli nata vota a

travagghiari cu iddu... e poi sinni parra...

 

IANCIULINA: (furiosa) Ma chi sta dicennu... Io Ianciulina Cannavazzi, miliardaria, m'è maritari

cu nu manuali ? Ma tu pacciu sini... Va beni chi sugnu nnamurata...  ma non esageramu...

Disoccupatu è un cuntu...  manuali  nautru.

 

ALFIO:(molto serio e pacato) E iò inveci ti vogghiu diri nautra cosa: ...si tu mi vo veramenti beni,

comu dici... si veramenti vo divintari me mugghieri... mi dispiaci... ma ta abbituari a viviri

di pizzenti comu a mia...- Mai e poi mai accittiria di stari ta na casa,  - purru si fussi na

reggia-, senza fari nenti e a farmi campari i tia e di to patri. Iò, vidi Ianciulina..., sugnu

abituato mali, e cioè a travagghiari pi campari, senza dari troppa importanza o tipo di

travagghiu...e si purru mi lamentu pi duluri chi sti brazza e sti spaddi hannu continuamenti...

intra i mia sugnu cuntentu picchì sacciu chi sugnu importanti pi mia stissu e pa me famigghia...Inveci, senza travagghiari, purru si fussi te ricchizzi,pi mia saria na cundanna... Non avissi chiù valuri utempu...-ch'importa si chiovi o c'è u suli-... e cosìsariunu i ionna: lunedì mi parissi u stissu daduminica...- No, cara Ianciulina, io ti vogghiu beni, ma a me miseria non ci rinunciu...

IANCIULINA: E iò non rinunciu e soddi...

 

(suona il campanello)

(Alfio senza parlare guarda dalla finestra)

 

ALFIO: To patri ieni... e chi cerca cà ora... e sapissi comu è parratu... Aspetta chi vaiu mi ci apru...

 

SCENA 6

 

(Alfio esce e rientra con Nino tutto parato in ghingheri)

 

NINO: Buonasera a tutti, (si guarda intorno) E chi è non c'è nuddu?

 

IANCIULINA: Veramenti ci saria iò, e darreti a tia c'è Alfiu.

 

NINO: E chi ti parri chi non ti visti?

 

IANCIULINA: Ma comu ti vististi papà... c' annari a un ballu mascherato?

 

NINO: Da miliardario sogno vestuto, cara figliola, da miliardario...- A proposito di miliardario...

(ad Alfio) unni sunnu to patri e la sua consorte?

 

ALFIO: Nisceru a pigghiari na picchicedda d'aria frisca...

 

NINO: (alludendo) Già, picchì cà c'è cauddu... cauddu assai...

 

IANCIULINA: A statti mutu e a settiti...

 

NINO: Non pozzo sittarmi picchì si impallano i pantaloni esi runchia la giacca...

 

ALFIO: E allura si non ci dispiaci, mu dicissi addritta umotivo da so visita.

 

NINO: Già... me lo ero scordato. Telefonò antora a casa mia il signor notaio Capritta. Telefonò alla

mia casa perchè io tengo il telefono...no, come a persone di mia conoscenza che non hanno

 occhi per chiancere...

 

IANCIULINA: Va beni papà... dinni chiddu chi vulia.

 

NINO: Mi disse di comunicare alla famiglia Canavazzo chiunneni veni ta sta casa picchì nava a

dari informazioniimportanti.

 

ALFIO: E a cu ci l'ava a dari sti informazioni a vui o mepatri?

 

NINO: A mia mi dissi a tutti i dui... tantu che mio malgrado... e spittari cà c'arriva.

 

IANCIULINA: Vo vidiri chi nisciu fora chi semu parenti?

 

                          

SCENA 7

 

(entrano Ntoni, Ninetta e Melina. Ntoni ha ancora in mano le chiavi)

 

NTONI: (posa le chiavi su un tavolino e si accorge dei presenti) Chi è tutta sta confusioni ca

intra... e poi chi vinni carnevali...- comu è vistutu stu tiziu?.

 

NINO: Comu si ancora vistutu tu... da ricco spondato... sulu chi iò riccu u sugnu piddaveru...

 

NINETTA: Si vinistu mi ni zuttati... chidda è a porta pi nesciri...

 

NTONI: Lassulu sfogari Ninetta... purru si a iddu ci dununu sti soddi... sempre nu scupaturi resta,

anzi scupinu. Non avi nè stili e ne classi...

 

IANCIULINA: (a mò di sfottò) Chidda c'aviti inveci vui...

 

NINETTA: (in collera ad Ianciulina) Tu non ha parrari... tu sini chidda chi mi chiamò vipira... a

mia... Muccusa e  pezzi i fangu....

 

IANCIULINA: A cu ciù dicistu muccusa e pezzi fangu...

 

NINETTA: A tia... e giungiu purru chi tu si a vipira.

 

IANCIULINA:  Ah sì? E allura saggia stu vilenu ( e fa per buttarsi addosso a Ninetta)

 

(Le due donne vengono divise con fatica dai maschi presenti)

 

NINO: (alla figlia) Ti dissi chi non vali a pena

 

NTONI: (alla moglie) Già, non vali a pena mi ti loddi i mani cu sta genti.

 

MELINA: Ou mi staiu divittennu... Ca intra ogni vota chi quacchidunu diventa riccu finisci a

bastunati.

 

ALFIO: Ora basta ca smittemu... facemu i cristiani ranni e dativi na sistimata chi unnè avissi

arrivari u nutaru

 

IANCIULINA: (aggiustandosi i capelli) Mizzica veru ieni.

 

NTONI: Cu dicisti chi sta vinennu cà?

 

ALFIO: U nutaru.

 

MELINA: Ma cu u me zitu?

 

NINO: (ridendo) U to zitu... Ma chi fissarii dici picciridda... ora un notaio, na celebrità... si metti cu

            na povira motti i fami?? Apri l'occhi picciridda.

 

MELINA: (piangendo) Ihhhhh, ihhhhh Papà, ma chi dici veru ducristianazzu?

 

NTONI: Lassulu parrari a chiddu... non sapi chiddu chi dici.

 

NINO: Picchì dicu a verità... Vaddamu in faccia a realtà... non illudemu a picciridda... U nutaru è

chiù facili chi si pigghiassi a una ricca, bedda... zumma a una comu a me figghia.

 

MELINA: Ihhhhh, ihhhhh

 

ALFIO: Però... putissi essiri chiù delicatu...

 

NINETTA: (a Ianciulina) A vidi cu si tu. Prima lassi a me figghiu, e poi ci robi u zitu a me

figghia... Ma non ti vergogni?

 

IANCIULINA: Veramenti io non è mancu parratu.

 

(suona il campanello)

 

                          

SCENA 8

 

(va di corsa Melina alla finestra a vedere chi è)

 

MELINA: (piangendo) Iddu è... ora ci cuntu ogni cosa.. (e va ad aprire, esce ed entra quasi subito

con il Notaio)

 

MELINA: Ihhhh... Salvuccio.. dici du bruttu cristianu chi non mi vo beni picchì sugnu povirazza...

 

NOTAIO: (balbettando) E tu...tu la..la..sciali parlare (ai presenti) Buo...buo...nasera a tu...tu  tutti

 

NINO: Buonasira a vui... Allura, forza ni cuntassi sti novità

 

NTONI: U fa sittari prima... ancora mancu a riciatatu di scali chi fici pi chianari cà... e fallu

ripusari...

 

MELINA: Già, Salvuccio... ripositi te me brazza...

 

IANCIULINA: Secunnu mia è chiù comoda na seggia...

 

MELINA: (ad Ianciulina) Brutta!!!

 

ALFIO: (porge una sedia) Si sittassi cà, signor notaio

 

NOTAIO: Gra..grazie (si siede) Ci so...so..no no..vità che viriguadano.

 

NINO: E a cu spetta mi nu dici... Picchì cu sta flemma chiavi e stu ghicchiu,...m'ava scusari

nutaru,.. ma cafacemu tardu.

NINETTA: E chi primura aviti...

 

IANCIULINA: Primura di puttari i soddi ta banca...

 

ALFIO: Sempri si non ti robunu prima...

 

NOTAIO: (sempre balbettando) Prima di parlare dell'eredità,  avrei una richiesta da fare...

 

NTONI: (alla moglie) Vo vidiri chi ni cecca soddi...

 

NINO: A cu ci lava a farri sta richiesta?

 

NOTAIO: Al si..gnor An..tonio Ca...cà...

 

NTONI: Capì... a mia mi lava fari (alla moglie) tu dissisoddi ni cerca.

 

ALFIO: Chi facemu niautri, ema a nesciri o putemu ristari.

 

NINO: Iò non mi movu di cà... a mia sta storia non mi convinci...

 

IANCIULINA: Se resta me patri restu purru iò.

 

ALFIO: Allura signor notaio, a richiesta a me patri cià facissi in pubblicu.

 

NOTAIO: Non ha imp...ortanza.

 

NTONI: E ma facissi sta richiesta e non ni parramu chiù.

 

NOTAIO: Io so..so..no un gentiluomo, e prima di annunciare il responso dell'eredità... voglio

chiederle una cosa preziosa

 

NTONI: (alla moglie) non voli soddi, diamanti cecca.

 

NOTAIO: Io le chiedo formalmente la ma...ma... la ma..ma...

 

NTONI: a mamma? Nutaru, e ma cecca a mia a so mamma.

 

NOTAIO: No, la mammma... la ma..ma...

 

ALFIO: Matita, bonu chi ora cia pigghio (si alza)

NOTAIO: Quali matita... dicevo la ma... ma... ma...

 

NINO: Marmellata

 

NOTAIO: quali marmellata scunchiudutu... mi faciti parrari? allora dicevo la ma..ma... (e si gira a

guardare i presenti) la ma.. la mano di sua figlia...

 

NTONI: chi dissi chi voli?

 

ALFIO: Voli a manu i Melina.

 

MELINA: Ihhhh, ihhhhh... o mamma cava a fari ca me manu?

 

NOTAIO: (si inginocchia) Melina, è un mo...modo di dire. Ti ho chiesto in sposa.

 

MELINA: chi dicisti? Mi vo maritari?

 

NOTAIO: Sì...

 

MELINA: Spetta cà... (corre verso suo padre e battendo ipiedi a terra) Dicci si, dicci si, dicci si.

 

NTONI: Non capì di chì ma ci dicu sì...

 

MELINA: O quanto sogno felice

 

NOTAIO: An...che io...

 

ALFIO: Purru io sugnu cuntentu (abbraccia Il notaio) felicitazioni cugnatu...  (poi abbraccia la

sorella)

 

(si crea un clima di festa interrotto da Nino)

 

NINO: Ouuuuu. A mia sta storia non mi cunvinci... Comu fa unu riccu mi si pigghia na povirazza?

Ianciulina, mi parri ca piddemmu st'eredità.

 

ALFIO: E si magara fussi chi importanza avi...

 

NTONI: E inveci avi importanza picchì sa peddiu iddu volidiri ca vincì iò. Non è così ienneru?

 

NOTAIO: No..n pro..prio

 

NINETTA: A no? E allura com'è u fattu?

 

NOTAIO: (balbettando) E va bene... parliamo dell'eredità.

 

IANCIULINA: Era ura.

 

NOTAIO: (Melina è vicino a lui e gli fa le coccole) Ho fatto un'ulteriore richiesta dei dati e in

pochi minuti ho ricevuto dall'America la comunicazione del nome del vero erede.

 

NINO: E a cu spetta mu dici cu iè.

 

NINETTA: Matruzza bedda, staiu murennu.

 

NOTAIO: Il nome è ... Ca..ca.. Cannavazzo

 

NTONIO: (gioioso) Cannavazzo con la O ... Io sugnu l'erede mu sintia...  ricco sugnu..

 

ALFIO: Mutu, lassulu continuari.

 

NTONI: E c'ava continuari... tuttu chiaru è... Forza ienneru dammi i soddi e chiudemu.

 

NINO: Non chiudemu nenti... lassulu continuari...

 

NOTAIO: Il nome è Antonino

 

NINO:(gioioso) Ninu... comu a mia... E semu unu a unu, Ntoni.

 

NOTAIO: Il luogo di nascita è Milazzo in Sicilia.

 

IANCIULINA: E ca c'è pareggiu, tutti i dui nascistu a Milazzu.

 

NOTAIO: l'anno di nascita il 1949, il mese settembre e il giorno... è….. è…. è  il 14

 

NINO: (festoso) Vittoria l'eredità è a me... dui a unu pimia e palla o centru.  Io nascì o 14, iddu o

13 nasciu. Forza nutarusborsassi.

 

ALFIO: Ma chi vinciu e vinciu... ma chi ci parri chi era napartita o palluni.

 

NINO: Picchì non vincì, signor notaru?

 

NOTAIO: No, mi dispiace...

 

NTONI: Allura vincì iò...

 

NOTAIO: No

 

MELINA: E chi ficiru Salvuccio, pareggiaru?

 

NOTAIO: No, solo che l'eredità non tocca a nessuno dei due.

 

NINETTA: E a cu ci tocca?

 

ALFIO: Già, cu iè l'eredi, cugnatu?

 

NOTAIO: L'erede è un certo Cannavazzo Antonino nato a Milazzo il 14 settembre 1949 ma

residente attualmente a Milano.

 

NTONI: Allura ci sunnu autri Cannavazzi oltre a niautri

 

ALFIO: E cettu e chi ti parri semu sulu nui Cannavazzo?

 

NINO: E nasceru tutti o stisso postu e o stissu periudu?

 

(un attimo di silenzio)

 

MELINA: Bonu, chi è stu mortoriu... cuntenti o stissu aviti a ghiessiri... Non viditi quantu sugnu

felici iò.

 

IANCIULINA: Beata te... io eppa a ridivintari povira pi capiri quantu fu cretina cu to frati...

 

ALFIO: Non ci pinzari, l'importanti è chi ni vulemu beni... u restu non importa... Anzi u sa chi

fazzu? Ci dumannu a to patri si mi concedi la tua mano.

 

NINO: Io ta concedu... a vidiri però si voli to patri.

 

NTONI: Ma cettu chi vogghiu.

 

(si fanno gli auguri che finiscono con l'abbraccio fra Ntoni e Nino)

 

NINETTA: Bravi, mi parri na favula a lietu fini unni finisci ca frasi: e tutti vissero felici e

contenti... Ma mu diciti vui comu s'avissuru a maritari si Alfiu è senza un travagghiu e chi

debiti ch'ema pagari pi tutti sti cosi chi cattammu quannu erumu miliardari?

 

NOTAIO: Al..fio non ha un la...la..voro?

 

MELINA: Propriu così, nisba...

 

NOTAIO: Ho giusto bisogno per il mio ufficio di un segretariodi fiducia...

 

ALFIO: Ma io aiu a malapena a quinta elementari.

 

NOTAIO: Non ti preoccupare, ho detto che mi serve uno di fiducia... e questo basta... il resto lo

imparerai.

 

IANCIULINA: (butta le braccia al collo a Alfio) Chi bellezza, ni putemu maritari.

 

NTONI: Pi quantu riguarda i debiti...

 

NINETTA: ...Ci penzi tu dummennu.

 

NTONI: No, travagghiannu... Ianciulina, ancora l'ha du giurnali unni ceccunu spazzini?

 

IANCIULINA: Cettu, tutti cosi sabbu io.

 

NTONI: Brava, dammillu chi dumani matina vaiu o comuni a farmi assumiri pi direttissima.

 

MELINA: Me patri eppa a divintari riccu e poi ridivintari poviru mi si smovi du so lettu.

 

NTONI: Non è propriu così, Melina. Ma tutta sta storia mifici capiri tanti cosi: unu chiù  avi... e

chiùs'allontana dai valori veri da vita. Chiddu chi chiùcunta non sunnu i soddi ma a

felicità di tutta a tofamigghia e u piaciri di aviri amici chi sa chi tirispettunu pì chiddu chi

sini, non pì chiddu chi ha.

 

NINO: Bonu parrasti Ntoni, però aiu ancora un dubbiu chi mi mancia u ciriveddu.

 

IANCIULINA: Chi dubbiu ha papà.

 

NINO: Signor notaio, ma è sicuru chi non sugnu iò stu eredi?

 

NTONI: (al pubblico) Eredità, soddi, miliardi... e oggi chi c'è l'Euru bastunu i miliuni pi divintari

ricchi... Ricchi sì, ma galantomini nò... Non sunnu i soddi chifannu ranni un omu, ma...

tanti autri cosi.

I soddi all'improvvisu, pi povirazzi comu a mia, chi non sunnu abituati o lussu, sunnu comu

u vinu: chiù unu nibivi ta na vota...  e chiù ci chiana ta testa.

 

                         

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno