I balconi sul canalazzo

Stampa questo copione

I BALCONI SUL CANALAZZO

commedia in 3 atti di Alfredo Testoni

Personaggi:

Bepi Cornetti

Gigia, sua moglie

Berta e Renata, loro figlie

Radegonda, sorella di Bepi

Dionisio, fratello di Bepi

Matilde, sua moglie

Don Alessio Battistella

Giorgio Catelli, nipote di

Mons. Ulisse Bonetti, che sinasconde sotto il nome di Don Ulisse Tavernari

Alberto Terni

Edvige Testi

Giacomo, tappezziere

Conte Bartolomasi

Casimiro

Teresa, cameriera

Semola, contadino

Bambini, bambine

L’azione si svolge a Venezia. Epoca moderna.

ATTO PRIMO

La scena rappresenta una sala di un palazzo che dà sul Canal Grande. Due porte a destra, due porte a sinistra. Nel fondo un grande balcone a trifora che da sul Canal Grande. Balaustra, con sopra vasi di fiori. Mobili eleganti, un cavalletto con sopra una donna nuda, altri quadri alle pareti.

All’alzarsi della tela: Berta sta suonando il pianoforte e Renata è al balcone. Divano, poltrone, sedie, tavolino, mobili con sopra vasi di fiori ed oggetti artistici; siamo verso il mezzogiorno, d’estate.

Scena prima

Berta, Renata, indi Bepi, poi Gigia

BEPI: Berta? ... (entra). Dove xela la Berta … Renata?

RENATA: Al balcon.

BEPI: Al balcon ... sempre al balcon! … Berta! …

BERTA: Eh … gero drio a vardar … al balcon.

BEPI: Prima di tutto esprimiti in lingua italiana, che ormai parla in italian fin i fachini de la marittima.

GIGIA: Par miracolo che se cria …

BEPI: Oh, brava za che ti xe qua. Senti anca ti. Me savaressi dir, parcossa che gh’ho trovà sta letara indirizzata alle due figliole del sig. Cornetti <<Non ancora cavaliere?>>? (apre e legge). Sfogo poetico scritto a lapis alle due dopo mezzanotte, sotto le finestre di Berta e Renata … Il vostro genitor emerito strozzin … (sarei io quello) perché tien alto i prezzi, ai poveri inquilini? Sarà mandato presto egli pur al confin così sarete libere di amar chi vi vorrà … e di sposarvi in pace … in barba di papà! … Ah, che ne dite?

BERTA: Dico che se era indirizzato a noi, tu non dovevi aprirla.

RENATA: E’ questione di educazione … mi pare …

BEPI: Ve la insegnerò mi <<l’educazione>>! Bei sporchessi! … (mostrando) conosseu sta calligrafia?

BERTA: Io no! …

RENATA: Io gnanca …

GIGIA: Anche se le la conosse, no te lo diria.

BEPI: Ma gaveu mai ricevuo letare co’ sto caratere?

GIGIA: Anche se le gavesse ricevue, le vegnaria dirto a ti …

BEPI: Giusta la xe … peraltro scometto che ‘l ga esser uno de quei moscardini, che l’ ga vudo el coragio de domandarme de vegnir in casa per star qua … in casa, capiu? Roba che se lo trovo fra i pie lo fazzo svolar dal balcon! Radegonda! Radegonda! …

Scena seconda

Radegonda e detti

RADEGONDA: M’aveu chiamà?

BEPI: Sì! Voi, come mia sorella, e incapace di mentire, se no andaressi diritta come un fuso all’inferno …

RADEGONDA: Cossa vol dir sto discorso?

BEPI: Ve seu mai acorta de qualchedun che zira sotto sti balconi, alle do dopo mezanote?

RADEGONDA: Ma mi, a quell’ora dormo, benedeto!

BERTA: E poi, papà, perché dare tanta importanza a una sciochezza simile?

BEPI: Sciocheza?! Ghe bastaria che andasse in giro la voce del strozzinaggio per andar in galera sul serio … questo xe uno che me vol mal! …

RENATA: O piuttosto qualcheduno che avrà saputo che tu ci vuoi far sposare a uno che non piace a noi!

BEPI: E chi saresselo sto qualcheduno? Qualche schincapene che scrive versi a pansa voda … proprio adesso che xe capità el signor conte Bartolomasi, una persona seria … posata … matura.

BERTA: Altro che matura … 72 anni! …

BEPI: Esagerata! … El ghe n’ha compio 71 oto mesi fa …

BERTA: E dico poco!

BEPI: E poi: conte! … Par nualtri che se provien dala picola borghesia … se se gavaria cuzzì el mezzo de introdurse nell’alta società. Vero Gigia?

GIGIA: Qua ga ragion vostro pare.

BERTA: Disè quelo che volé, ma mi quela caricatura de vecio, no lo vogio!

BEPI: No ti lo vol?

BERTA: No …

BEPI: No ti lo vol?

BERTA: No, no e no!

BEPI: (pausa) Ben lo … sposarà st’altra.

RENATA: Sì, sta fresco.

BEPI: Per lu ghe xe indifarente; ghe piasé tute do!

(ridono)

BERTA: Me meravegio anzi, che nol vogia sposarne tute do! (ridono)

RENATA: Co’ belo che saressimo col vecio sentà in mezo a cocolarselo.

BEPI: Vedistu, Gigia? Le ride … Questa xe l’educazion moderna. Impiparsene dei genitori, no aver pensiero che de vestirse e spogiarse, ondularse … andar al cine … a balar quel coso, come se chiamelo … bu … bu …

BERTA: El bouge wouge, papà!

BEPI: Si, el busi busi … Che go dovesto proibirghelo ai inquilini qua desora, par paura che i me cascasse in testa … Ma fin che sti oci xe verti … el paron so mi.

BERTA: Mi no vogio esser infelise, sposando el conte!

RENATA: E mi l’istesso.

BEPI: Ste pur sicure che in ogni caso l’imbrogiada el la ciapa sempre lu.

BERTA: Se ti ghe tien tanto a imparentarte co’ un nobile, daghelo ala zia.

RENATA: La par fata aposta per lu … (campanello).

RADEGONDA: Cossa ghe entro mi che volé sempre tirarme in balo? Savé pur che go fato voto de castità … e che no me sposarò mai, mai.

BEPI: Questo xe poco ma sicuro! …

Scena terza

Teresa e detti

TERESA: Paroni, ghe xe el tapezier! …

BEPI: Da farghene cossa?

GIGIA: Bisognerà pur meter fora i tapei per el passaggio de la reliquia de San Luigi!

BEPI: I tapei, con le mie idee? … Perché i mii amiçi i diga: <<Varda Corneti>>, el xe deventà bigoto, clericale! Io, che fui portato un giorno candidato della lista democratica!

GIGIA: E ti ga fatto fiasco.

BEPI: Quela xe una malora che ghe capita a tanti.

BERTA: Ma se li mete tuti  i tapei! Perfin i ebrei, i protestanti.

GIGIA: E ti che i te ga batizà …

BERTA: Ti saressi visto de maloccio.

BEPI: Ma ché, ma ché! Non posso andar contro il mio modo di pensare.

GIGIA: Va là, che ghe xe tanti che ghe ga tornà conto de cambiarlo.

TERESA: Alora, … cossa ghe digo al tapezier?

GIGIA: Dizeghe ch’el vegna avanti.

TERESA: El se comoda. (campanello)

Scena quarta

Giacomo e detti

GIACOMO: Con permesso …

GIGIA: Passando da la so botega go za dito de cossa che se tratava … Voressimo dei tapei per i balconi che xe de là, e dei altri per sto pergolo.

GIACOMO: Vedo … vedo … E come i comandeli, de lusso?

BEPI: Ma che lusso d’Egitto! … una roba cussì cussì …

BERTA: Papà, come cussì, cussì?

GIACOMO: I me scusa … lori deve pensar che i ga i balconi sul Canalazzo c che xe da la qualità dei tapei che la zente giudica el lusso de l’apartamento, e ‘l ton de la famegia …

BEPI: Certo, certo … par chi che xe in vista! …

GIACOMO: Ga modo de metarse in vista ancora de più. El varda per esempio i Contarini che sta sull’altra riva, i me ga ordinà i tapei de seda.

BERTA: E nualtri dovaressimo star de soto dei Contarini?

RENATA: E farse dar dei pitocchi!

BEPI: Dei pitocchi? Dei pitocchi a nualtri? Farli de lusso.

GIACOMO: Per de più i Contarini ga messo a disposizion del comitato una camera per qualche ospite, congregato forestiere. Da lori inveçe no podaria vegnir cge qualche prelato … un vescovo … la megio famegia de Venezia se fa in quattro per darghe alogio a vescovi e cardinali …

GIGIA: Lo so … difatti la Radegonda xe andada a metar a disposizion del Comitato una bela camera …

BEPI: Senza dirme gnente a mi?

GIGIA: Savendo le to idee …

BEPI: Le idee … le idee … le idee le xe là e le resta, perché nissun pol tocarle, le xe infrangibili … capisso che ale volte le circostanza … educazion … el rispetto, … il connubio … adesso abbiamo anche la conciliazione … parlo ben tapezier?

GIACOMO: Come un libro stampà. Mi intanto togo le misure …

GIGIA: Berta, compagnilo de la! Gaveu sentio da nualtri podaria vegnir magari un vescovo.

BERTA: (esce da destra seguita dal tapezziere)

BEPI: El podaria star sicuro ch’el se trovaria benon.

GIGIA: La malora xe che gavemo qua to fradelo Dionisio e so muger.

RENATA: Poveri cani, i xe vegnui par veder el Redentor.

GIGIA: Sì … ma abituai in campagna, no i ga quelle maniere, quel certo far che gavemo nualtri …

BEPI: Purtroppo no i ga i nostri modi signorili … D'altronde no podemo cassarli via. Quando go bisogno de bezzi ricoro a lori; e no me dise mai de no, no i ga fioi, i xe siori, e in caso de disgrazia tuto vegnaria a nualtri. Capirè che no posso disgustarmeli. (campanello)

Scena quinta

Giacomo, berta, Radegonda e detti

RADEGONDA: Che bela idea, i tapei! (entrando)

GIACOMO: Go tolto le misure. E adesso i me diga, come li vorli, de seda, de damasco o de veludo?

BEPI: Posto che se ga da far sta spesa, vardemo che i fassa bela figura.

GIACOMO: e vorli anca lo stema in mezo?

BEPI: Mah! No savaria gnanca mi …

GIACOMO: Col stema saria più chic!

BERTA: Ti senti papà? El dize che saria più chic.

BEPI: e alora vada per lo stema. Ma el mal xe che no so come che’l sia el nostro stema … Xe tanto tempo che no lo vardo …

GIACOMO: Presto fato. Ghe n’ho fato uno adesso per i siori Galinazzo el sa … queli che vendeva vovi e polame a Rialto. Ben: gh’ho messo un bel galo col beco verto in campo bianco e blu.

TUTTI: In campo?

GIACOMO: Sì … via, sul fondo bianco e blu, che saria po’ i colori de la casada.

BEPI: Tuto va ben … Ma co sto sistema dei Galinazzo cossa ne metelo sul campo a nualtri che se ciamemo Cornetti? … (pausa)

GIACOMO: Se pol metar solo i colori …

BERTA: Papà; rosso e blu.

RENATA: Mi diria tutto verde; xe de moda.

RADEGONDA: Mi credo che staria ben nero e oro.

GIACOMO: Staria ben oro e arzento  …

GIGIA: E alora vada per oro e arzento … e sul campo nol staga a metarghe gnente.

BEPI: Vol die che ti ghe netarà ti quelo del conte Bartolomasi co’ le so relative bale …

GIACOMO: E per i balconi che varda in cale, cossa ghe metelo?

BEPI: La xe una cale sconta, no passa mai nissun.

GIACOMO: Ma per far una roba completa.

BEPI: Credeu sì? … ben … sgnachemoli anca la, ma me racomando, de cotonina …

GIACOMO: Ben, alora femo cussì: lori vien in botega da mi, i scieglie la stofa che ghe va ben, e …

BEPI: Benon! Alora Gigia metite el capelo.

RADEGONDA: Vegno anca mi cussì dopo vado a messa.

GIACOMO: Mi intanto vado avanti, perché gh’ho tanto da far, el ga da saver che gh’ho slargà la mia industria e co’ fortuna. E pensar che mio pare el voleva farme studiar, ma mi gh’ho volesto restar un ignorante, e xe par questo che adesso me ciamo contento …

BEPI: Gh’ho piaçer, caro ignorante … cioè no, caro tapezier …

GIACOMO: E in questa ocasion metto a posto i apartamenti dove che i speta qualche prelato imminente …

BEPI: Diseghe almanco eminenza!

GIACOMO: Eminenza o imminente xe istesso … I xe queli che vien per el Congresso. Ghe cambio i mobili che pol far cativa figura, sostituisso i quadri profani co’ queli sacri … El varda per esempio quel quadro là … sì digo … (indicando un quadro che rappresenta una donna nuda).

BEPI: Difatti … xe vero … Nualtri el sa, gavemo fato l’ocio … per quanto el podaria passar per Santa Maria Maddalena … prima del pentimento … Vol dir che se capitarà qualche prelato importante …

GIACOMO: Me dedico anca ale livree. Ai marchesi Trevisani gh’ho fornio el vestito col guardia porton tuto a nolo.

BEPI: Anolo chi?

GIACOMO: El guardia porton, un marcantonio alto do metri che el pareva el campaniel de San Marco.

BEPI: E mi podaria Far vegnir un mio contadin, … una volta vestio da servidor …

GIACOMO: I fa tuti cussì! E po’ go anca disponibile un cameriere omnibus.

BEPI: Come omnibus.

GIACOMO: Uno de queli che va in prestio de qua e de là, dove che se speta persone de riguardo!

BEPI: Va ben, gavemo da pensarghe … (cambia) A proposito de persone de riguardo, me desmentegavo de avertirve che me ga scrito la Signorina Testi, che la rivarà ancuo.

BERTA: Cossa? La vien qua?

RENATA: Quela civetona?

BEPI: Che meravegia! La gavé invitada vualtre quando che se trovavimo al Lido, e ela la ga açetà.

RENATA: Sfido mi! Ti la ga invitata co’ tanto trasporto quela vedova alegra.

BEPI: Mi? Vualtre! To mare!

GIGIA: Va ben, la gavemo invitada cussì, come che se fa sempre … sperando che no l’accettasse!

BEPI: E inveçe la ga açetà, e no podemo usarghe una malegrasia!

GIGIA: Ben, se volemo andar.

GIACOMO: Mi so pronto.

BEPI: E vualtre meteve a studiar el piano, che ve lo go comprà aposta, e no al balcon, sempre al balcon dinoccolate, io voglio che siate evolute, vado e vegno.

GIGIA: Teresa … teresa …

Scena sesta

Teresa e detti

TERESA: Gala ciamà?

GIGIA: Se vegnisse qualchedun diseghe che tornemo subito.

GIACOMO: (esce seguito da Bepi, Gigia e Radegonda).

BERTA: (a Teresa) E ti ciò, percossa gastu dà al papà una letera diretta a nualtre?

TERESA: Perché la posta el la gà tolta lu: Mi no ritiro che le letere dirette a mi … perché semo intesi che se le xe dirette a lore … anzi l’altro giorno consegnandome una letera el postin el me ga dito: quante letere che te scrive el to moroso … cossa vorlo, fasso mi … el me vol tanto ben! E lu: dighe pur che ‘l te scriva anca più spesso. Se le vol dirghelo ai so morosi, le ghe lo diga pur.

BERTA: Za: perché i te daga la mancia.

TERESA: Bisogna pur che me inzegna de fora via.

BERTA: Varda el mio Giorgio el xe ancora là …

TERESA: Una bela resistenza, ga quel toso … Se vede proprio che i studenti no i ga gnente da far.

RENATA: Vien via, Berta che se tevede el papà …

BERTA: No lo conosse. E po’ Giorgio nol ga miga paura! El xe pien de coragio. Nol xe miga timido come el to spasimante, che nol se azarda de vardar in su! …

RENATA: Oh, vusto paragonar el mio col tuo? Mi almanco pretendo qualcossa de più.

BERTA: Oh, çerto … Ti ti pretendi el principe ereditario … stomegosa (tace). Ciò; el me fa dei segni … Cossa vorlo? … El traversa la riva …

RENATA: No ghe salterà miga in mente de vegnir de sora?

TERESA: El gavarà visto andar via tutti …

BERTA: No se lo vede più … cossa voralo far?

(campanello a lungo)

RENATA: no starghe a verzar, Teresina.

TERESA: Vorla che lo lassa fora de la porta? Podaria anca esser un altro (esce).

BERTA: Nol se ga mai azardà de vegnir qua …

RENATA: Se vede che sta volta el se ga fato coragio. Ricordite però mi no so gnente, eh? …

Scena settima

Teresa, Giorgio e dette

GIORGIO: Buon giorno.

BERTA: Lei, qui? …

GIORGIO: Qua … sì, proprio qua.

TERESA: Se no ghe versivo el me destacava la campanella …

GIORGIO: Ti, va via … (dà la mancia)

TERESA: Oh! Cussì me piase, sempre pien de coragio! …

BERTA: Ma signor Giorgio, lei non doveva venire!

GIORGIO: Perché sta accoglienza? No vede che son calmo, tranquillo?

RENATA: Scusi ma da parte mia non voglio responsabilità.

GIORGIO: Go capio, bisognarà trovarghe un moroso anca a questa!

BERTA: Lo ha già … Ma è tanto timido! Sta sempre nascosto nel sottoportico di faccia.

GIORGIO: Ah! Quel giovanotto che incontro sempre qua sotto? Farò la so conoscenza, deventaremo amiçi e lo porterò qua.

BERTA: Qua! … Ma no!

GIORGIO: Ma sì. Perché d’ora in poi podarò vegnir quando che me comoda. Go trovà el mezo …

BERTA: Maria Santa … Ma cossa vorlo far?

GIORGIO: Ma che vuole d’Egitto! Dame del ti, come quando che ti me scrivi.

BERTA: Scrivendo se ga più coragio … Epo’ no ti me gh’ha gnancora dito.

GIORGIO: Sappi dunque … che vegnarà a Venezia, per la festa del Redentore, anca mio zio, fradelo de mia mama. Vescovo a Roma, ti capissi? … Vescovo!

BERTA: Eh! Capisso, non so sorda.

GIORGIO: Sì, e mi so el so unico nevodo.

BERTA: Sì, ma … e dopo? …

GIORGIO: E dopo, no starme domandar de più, perché prima go da domandarte un’altra cossa. Me vusto ben? Ben dasseno?

BERTA: Ma si, tanto …

GIORGIO: Alora dame un baso.

BERTA: No Giorgio … saria la prima volta.

GIORGIO: Cara, se scomissia sempre da la prima volta! E po’ ti me ne ga mandai tanti par letera …

BERTA: Sì, ma adesso xe un’altra roba ….

RENATA: Berta, xe qua el papà e la mama! …

BERTA: Oh! Povereta mi! Dove xe che ti pol scampar?

GIORGIO: Mi stago qua.

RENATA: El se ricorda che mi no ghe entro.

BERTA: Scondite per carità!

GIORGIO: No ghe xe bisogno.

Scena ottava

Bepi, Gigia e detti

BEPI: Tuto fato … toh! … chi xelo?

GIORGIO: Xe col Signor Cavalier Cornetti che go l’onore de parlar?

BEPI: Cavalier veramente … non ancora …

GIORGIO: Ma el lo sarà, e presto … E questa immagino, xe la sua gentile Signora?

GIGIA: Tale e quale, signor.

BEPI: La mia metà.

GIGIA: Piacere.

GIORGIO: Complimenti.

BEPI: Ma scusi … lei?

GIORGIO: Giorgio Catelli, del Comitato per el Congresso, Sezione Alloggi.

GIGIA: Ah! Lei el xe …

GIORGIO: Za … mi son … son mi …

BEPI: Si accomodi prego! …

GIORGIO: Grazie. Loro certamente immaginano il motivo della mia visita. Non trovandoli in casa, mi permettevo di spiegare alle signorine …

BEPI: Le mie putele. Questa xe la Renata.

GIORGIO: E l’altra ha nome …

BERTA: Berta, no xe vero papà?

GIORGIO: Berta. Graziosissimo nome!

BEPI: Ma el senta.

GIORGIO: Dicevo, dunque, che il Comitato si preoccupa di trovare agli ospiti l’alloggio conveniente … e così …

Scena nona

Dionisio, Matilde e detti

MATILDE: No ghe ne posso più! El me ga fatto stracar come una bestia.

DIONISIO: Ah, una poltrona! Finalmente.

BEPI: Presento, mio fradelo, povareto e sua moglie, povareta … (inchini)

GIORGIO: Onoratissimo!

DIONISIO: Non c’èì di che! Volevo vedar tutti i preparativi de le feste, ma porca l’ostrega go cipà un stracolo maledeto! …

MATILDE: El s’ha fermà un’ora bona davanti a San Marco, a veder tirar su i tapei.

DIONISIO: Porca l’ostrega! Xela una fadiga che i fa per tirar suso quele quatro strasse.

GIORGIO: Anche loro congressisti?

MATILDE: se capisse e co’ la nostra brava tessera in regola. Ne la ga fata aver el piovan del mio paese, de Mazorbo; perché nualtri semo de Mazorbo … Ciò, dighe ti che fasso anca parte de la Congregazione de le figlie di Maria …

DIONISIO: Oh, Dio! Come figlia de Maria la xe un poco anzianotta ma no conta, la xe sempre figlia di Maria Xe sta el piovan che ne ga nominà; mi cassiere, e ela Capa gruppa, per via de la raccolta dei bezzi.

GIORGIO: Bravi! … Una distinzione ben meritata per la loro attività ed intelligenza!

DIONISIO: No xe miga par questo, salo. Xe perché nualtri gavemo più bezzi dei altri. Anzi adesso mi so fora co’ diverse carte da mille ma no importa gnente! Basta che ‘l nostro paese se fassa onore e no ghe bado a spender.

BEPI: Ma mi stavo parlando co sto signor de cosse molto importanti.

DIONISIO: Ma più importante dei bezzi no ghe xe gnente!

MATILDE: Tasi … se i ga da parlar.

DIONISIO: Che i parla, chi ghe dise gnente? Ma i bezzi xe sempre importanti.

MATILDE: Ma finissila in malora tua.

DIONISIO: Gastu magnà rospi stamatina?

BEPI: E cussì? … dicevamo …

GIORGIO: Già … dicevamo … (a Berta) Cossa dicevamo! …

BEPI: Che cosa dicevate?

GIORGIO: Ho perso il filo del discorso …

MATILDE: Gastu sentio? Ti ga fato perder el filo …

DIONISIO: El lo trovarà …

GIORGIO: Ah, ecco …

DIONISIO: Gastu visto?

GIORGIO: Dicevo che il Comitato ha fatto assegnamento su tutte le persone benestanti e di signorili abitudini, e naturalmente si è pensato anche a lei, che ha sentimenti religiosi …. E che mercé il suo ingegno ha procurato un benessere morale e materiale all sua famiglia …

BEPI: Oh, Dio … Gabbiamo fatto … quelo che gabbiamo potuto …

GIGIA: Vero, sacrosanto.

GIORGIO:  Il nome dei Corneti è ben noto …

DIONISIO: Anca mi me ciamo Corneti?! …

BEPI: El lo sa … el lo sa …

GIORGIO: Come fradelo …

BEPI: El continua pur, avocato.

GIORGIO: Avvocato non ancora.

DIONISIO: El lo deventerà presto, co quela sbatola.

GIGIA: Gavemo già messo a disposizion del Comitato una camera.

GIORGIO: Già … l’ho saputo … dal Comitato! E la persona degna di essere ospitata qui e già stata scelta.

TUTTI: Dasseno? Cussì presto?

GIORGIO: E’ sua eccellenza Monsignor Ulisse Bonetti, Vescovo presso la Congregazione dei riti a Roma, Un’altissima carica. Ed io sono suo nipote da parte di mia madre che era veneziana.

GIGIA: Come? Lu xe vescovo?

BEPI: Ma no, la … so mama! Ma cossa me fastu dir … (le bacia la mano). Le xe el vescovo del vescovo. Ma francamente questo me preoccupa …

GIORGIO: Ah, capisso … el vol pensarghe sora … alora tornerò più tardi.

BEPI: El torna quando che el vol, cussì el podarà consegiarne per la sistemazion dell’appartamento. Perché immagino Sua Eccellenza vegnirà col segretario, col seguito …

GIORGIO: Ma el xe capaçe de vegnir per conto suo … el xe cussì semplice …

BEPI: Me dispiasaria, perché nualtri no semo pratici del cerimonial … se el gavesse un tirapie …

GIORGIO: Ma no’l se preocupa afato. Mio zio quando che ghe xe una bela camera per lu, un salotto che ghe serva da studio, un’altra camera se ghe capitasse qualchedun altro, un bel attiguo alla camera, un’anticamera … per lu ghe basta! El xe cussì semplice.

BEPI: No ghe ocore miga tanto.

GIORGIO: E per il vitto … (soggetto).

DIONISIO: (facendo gruppo con Giorgio e fumandogli in viso) Per quelo nol ghe pensa! A nualtri ne piase far bona figura, anzi se ‘l vol vegnir anca lu, el sentirà che ben che se magna da mio fradelo, proprio da licarse i dei!

GIORGIO: Ma mi …

BEPI: Non ardivo sperare questo onore.

GIORGIO: E alora açeto! A mi me resta la sodisfazion de averghe procurà una cossa che molti altri ghe invidiarà, e che podarà procurarghe una giusta ricompensa (salutando) Cavaliere … Signorina, i miei ossequi … (s’avvia).

BERTA: (vicino alla porta) Ma xe proprio vero tuto quelo che ti ga dito?

GIORGIO: No go dà la parola d’onor? Signorina complimenti!

BEPI: Avvocato, si ricordi di venire oggi a mangiare da noi.

Scena decima

Radegonda e detti

RADEGONDA: (entrando dalla comune) Che xelo quel giovane?

GIGIA: Se ti savessi. Viene a star co’ nualtri gnentemanco che un Vescovo.

MATILDE: Squasi Arcivescovo!

DIONISIO: Uno che a Roma el ga na carica cussì alta, che parla col Papa come mi qua co ela (da una spinta).

MATILDE: E ma co’ più bone maniere, peraltro!

RADEGONDA: Alora el gavarà co lu el caudatario!

MATILDE: Vame in malora: el cauterio!

BEPI: No se sa … çerto che el vien in forma ufficiale …

RADEGONDA: Ufficiale? Gnente de più facile che i ne metta i Carabinieri ala porta.

BERTA: E i giornali papà! Sul Gazetin … (soggetto).

DIONISIO: El ga dito che ghe sarà dele ricompense … questa xe la volta che i ne fa Cavalieri tuti do …

BEPI: Go paura che per sto ano no i ghe ne fassa altri.

DIONISIO: Va là, mago! El Papa pol farghene quanti che’l vol.

BEPI: Quelo che ve raccomando, abiti serai, cotole longhe …

MATILDE: No badeghe, xe la stuffisia che lo fa savariar … Vien, che andemo a colegarse un poco che xe megio (s’avviano).

BEPI: (fermandoli) A proposito: ricordeve che in quela camera d’ora in avanti andarà a star el vescovo.

MATILDE: E nualtri?

BEPI: Andaré in un’altra camera; bisogna adatarse alle circostanze.

DIONISIO: Gavé rason! E per i bezzi Bepi no pensarghe, so qua mi … vogio che i Corneti se fassa onor.

MATILDE: Adagio co i bezzi.

DIONISIO: Ti tasi sempre! Ma no ti pensi che el nostro nome sarà sul Gazetin e che quando ghe lo farò lesar in cafè al mio paese, che sodisfazion!

MATILDE: Una sodisfazion che te costarà salada.

DIONISIO: Ti tasi sempre che no ti ghe entri!

MATILDE: Cossa? No ghe entro? So to muger e parlo fin che me comoda!

DIONISIO: Ti ti xe una Corneti par combinazion, i bezzi xe mii, son paron mi …

MATILDE: Ti xe un Pantalon …

DIONISIO: Mi so el paron, e se ga da far quelo che vogio mi; no badarghe Bepi, spendi tuto quelo che ocore, pago mi! (si avviano brontolando verso la camera) (campanello).

GIGIA: Mi spero che no i baruferà cussì anca davanti al Vescovo!

BEPI: No so capir quel mio fradelo: el ga de le maniere cussì rusticane (campanello) mi inveçe che son tuto blu de natura! …

GIGIA: Bisognarà tenirli lontani dal Vescovo più che se pol …

Scena undicesima

Teresa, detti indi Don Alessio

TERESA: Paroni! Xe qua un prete.

GIGIA: Maria Vergine, che sia el Vescovo?

BEPI: Xelo vestio da vescovo?

TERESA: A vedarlo no me par. El ga domandà de lori.

BEPI: falo vegnir avanti. Se’l xe lu me racomando …

DON ALESSIO: Comparmesso!

BEPI: De chi domandelo reverendo?

DON ALESSIO: Dei Signori Corneti … ma go paura de aver falà.

GIGIA: Intanto el se comoda.

DON ALESSIO: Grazie!

BEPI: Chi xe che lo manda?

DON ALESSIO: Questa xe la carta del Comitato dei Alogi. Mi no me so azardà de andar in çerca de una camera perché el Segretario Comunal del mio paese, apena arivà el xe andà in çerca de una camera per tre o quatro giorni e una dona ga risposto s’acomodi pur, mi afito anche a ore. I capirà, se me sucedeva ami un prete … Alora so andà al Comitato per saver dove che gavaria podesto rivolgerme, perché me ocore una camera par mi solo … perché dormo solo … i ma dà sto indirisso qua, e mi son vegnuo …

RADEGONDA: difati son andada mi a ofrir una camera …

DON ALESSIO: Sì.

BEPI: El perdona … ma lu xe venezian vero? Almanco da la parlata.

DON ALESSIO: Sì ma non risiedo a Venezia.

BEPI: Xelo paroco?

DON ALESSIO: Son semplice prete, dirò cussì: flutuante. Vado un poco de qua un poco de là … Stago co’ mia mama a Trebaseleghe in quel de Padova. Son ciamà ne le varie parochie per dir l’ultima messa, per le diverse procession, e quando capita el Vescovo de Padova, o el cardinale patriarca de Venezia, per la visita pastorale, agiuto i piovani … che ghe xe de queli che qualche volta se trova tanto intrigai nel riçevere un alto prelato in parochia … mi inveçe co’ un poca de pratica che go, e un fià de muso roto, ghe sugerisso a la bona quel fià de cerimoniale che xe necessario …

BEPI: Ah, perché lu conosse el cerimoniale?

DON ALESSIO: Intendemose … un cerimoniale a la bona … de campagna …

BEPI: E adesso el xe qua anca lu per le feste?

DON ALESSIO: Sissignor! Ma ale varie cerimonie religiose spero de andarghe manco che posso … in mezo a tuti quei vesconi e cardinali, faria bruta figura … xe megio star lontani dai pessi grossi … andarò inveçe a goderme Venezia che me piase tanto e che in sti zorni la xe cussì bela …

BERTA: Go capio, el vol divertirse!

DON ALESSIO: Ma con i dovuti riguardi signorina! Go co’ mi la tessera e el destintivo, e anca la carta d’identità … Oh, per questo son in regola … i capirà co’ i tempi che core … anzi se i me permete ghe la mostro …

BEPI: Ghe credo … nol se disturba … Creature … xe la providenza che ne lo manda, el ne agiutarà a riçevere el vescovo.

GIGIA: El porterà in giro Dionisio e Matilde, cussì i starà manco in casa.

BEPI: Solo no disemoghe gnente che ga da rivar el vescovo. Gavé sentio: el vol starghene a la larga … Ghe lo diremo dopo!

RADEGONDA: Ma nol se afana a çercar, reverendo …

DON ALESSIO: Ecola qua … Ben mi alora ghe levo l’incomodo.

BEPI: El scusa un momento! Nualtri no gavaressimo nessuna dificoltà de tegnirlo in casa!

DON ALESSIO: Perché i me crede un galantomo. Ma, mi son un povaro can de prete. (soggetto)

BEPI: Cossa mai! In casa nostra i ospiti xe come queli antichi de quei del cosso … del cosso …

BERTA: Del medio Evo papà.

BEPI: Brava. De l’evo … sacri ed inviolabili …

DON ALESSIO: Oh, lo imagino.

BEPI: Ed albergati a gratis.

DON ALESSIO: Gratis? Oh, signori … tanto disturbo!

BEPI: Parcossa? Mia sorela Gonda ghe cede la so camera … Vero Gonda?

REDEGONDA: El se figura! Tratandose de un sacerdote.

BEPI: In t’un supion la porta via la roba. La serva ghe mete a posto la roba, el leto … Destrighite Gonda?

REDEGONDA: Ma subito! (via da destra)

DON ALESSIO: Mi son confuso de tanta gentileza. Sarà oportuno alora che vada a informar el comitato per gli alogi …

BEPI: El ghe andarà dopo disnar …

DON ALESSIO: Anca a disnar signor?

GIGIA: Vorlo che lo lassemo a digiun?

DON ALESSIO: Me manca la favela … (campanello)

Scena dodicesima

Radegonda e detti

RADEGONDA: (esce con un involto di biancheria) Go lassà la roba del comò solamente.

DON ALESSIO: No la dubita che la sarà rispetada.

RADEGONDA: E sta roba dove la metto?

BEPI: In camera de la Teresina.

RADEGONDA: E la Teresina?

BEPI: La teresina l’andarà in camera scura …

DON ALESSIO: No posso permettar tuti sti zavagi.

RADEGONDA: Oh Reverendo per lu lo fasso tanto volentieri!

BEPI: Lu no’l pensa a gnente. Piutosto el gavarà bisogno de darse ‘na pulita … Se’l vol acomodarse ne la so camera …

DON ALESSIO: Grazie! Perché ghe n’ho proprio de bisogno … el pensa col viagio disastroso in coriera, struccai come le sardee … I mii parochiani i xe tuti brava zente … Boni cristiani … ma de sta stagion i sa un çerto odorin … El ghe zonta po’ el caldo … alora mi ghe na aprofitarò subito per darme una lavadina … Bisogna proprio dir che so nato con la camiza. Mi li ringraziarò più tardi … adesso se i me permette aprofito de la loro bontà. Chi m’avaria dito che apena arivà, gavaria trovà sta fortuna! … Se vede proprio che el sognor ga volesto proteger sto so povaro servo indegno, sperduto ne la metropoli … Intanto comparmesso … I permeta che rinova i mii ringraziamenti …

TUTTI: Che simpatico … a la man.

GIGIA: Ma parcossa metar la povera Gonda ne la camera de la serva?

BEPI: No ti capissi? Se ne la camera de Dionisio metemo el Vescovo el gavarà bisogno de aver viçin un prete che ghe serva da segretario … e po’ … e po’ … savé tuti che la Gonda va sogeta a le so crisi de sonambulismo! Se la se alza de note e la vien a spassizar in camisa qua, dove faremo el studio del vescovo … Cossa nassaria? … Andemo! Via! Savé che mi vedo e prevedo tuto! Intanto done, andé de là, fé la tola del salon grande; recordeve che ancuo gavaremo ospiti: el conte Bartolomasi e el nevodo del vescovo, un giovineto tanto simpatico …

BERTA – RENATA: Ah questo s’! Questo xe vero.

BEPI: Mi intanto passo dal tapezier per le livree e per el cameriere omnibus. El xe un grande sacrificio che faccio alle mie idee democratiche, ma le idee resta là, in alto, nissun le toca! Le spese le paga mio fradelo, e questo xe l’importante! ,,, (escono tutti)

Scena tredicesima

Dionisio e Matilde

DIONISIO: Macchè, no se pol sarar ocio. Xelo un bordelo che i fa in cale?

MATILDE: Quieteve! No gavé sentio che i ne cambia de camera? Chissà in dove che i ne ficarà! … E vu a pagar tuto, povero pantalon! … Andé là che gavaré una bela ricompensa! …

DIONISIO: Ti capirà che le circostanza! (campanello)

MATILDE: Mi digo inveçe, che i pensa che nualtri no conossemo i usi de l’alta società! …

DIONISIO: Cossa? Mi no conosso i usi? … Li conosso megio de lori …

Scena quattordicesima

Teresa, Conte e detti

TERESA: El se comoda signor conte! Se el vol andar de là! … perché i xe tuti in faccende …

CONTE: Sì, sì … adesso ci vado …

MATILDE: (a Dionisio) Faghe un repeton al Conte.

CONTE: Oh guarda chi si vede! Il signor Dionisio e la signora Matilde! …

DIONISIO: oh, ma che gentile signo Conte! El ga volesto incomodarse! (prende il mazzo di fiori che tiene il conte)

CONTE: Ma ecco … veramente …

DIONISIO: Se’l vol scomodarse i xe tuti de là.

CONTE: s’ … s’ … benissimo ma i fiori …

DIONISIO: El se comoda senza complimenti.

CONTE: Ma io volevo dirle …

DIONISIO: Quante storie … el vada de là … (lo spinge dentro l’uscio) (indi s Matilde) I conosso o no i conossi i usi signorili? …

Scena quindicesima

Don Alessio e detti.

DON ALESSIO: (tra sé) Go aprofità de la benzina che ghe gera sora al comò per cavarme le macie.

MATILDE: (da parte a Dionisio) Un prete ciò … !

DIONISIO: (c.s.) Che el sia el cauterio?

DON ALESSIO: Riveriti … xei de casa anca lori?

DIONISIO: Mi son Corneti, el fradelo più vecio, el primo …

MATILDE: E mi so muger.

DON ALESSIO: Tanto e tanto piaçer.

DIONISIO: Xelo za arivà?

DON ALESSIO: Come che’l vede son qua.

DIONISIO: No … intendevo dir … se lu xe el cauterio!

DON ALESSIO: Mi? Mi non so mai sta el cauterio de nissun.

MATILDE: El ne capissa, el cuterio del vescovo!

DON ALESSIO: Ah, … el caudatario el vorà dir.

DIOBISIO: E gnanca vescovo?

DON ALESSIO: No ghe xe pericolo … forse tornando a nasser!

DIONISIO: Alora no’l xe arivà el vescovo.

MATILDE: Quelo che i speta!

DON ALESSIO: I speta un vescovo? E no i me ga dito gnente?

MATILDE: Go capio … Lu el xe qua per el cosso … per el criminale …

DON ALESSIO: Per el cerimoniale la vorà dir … Ah; no xe più aria par mi, son vegnuo a Venezia per no far gnente, e casco in una casa piena de preti. Vado a far la valizeta e …

DIONISIO: El vol andar via?

MATILDE: El scampa?

DON ALESSIO: No scampo … fuggo … comparmesso … (via)

Scena sedicesima

Teresa, Giorgio e detti

TERESA: El se comoda, signor, vado a dirghe che el xe rivà.

GIORGIO: Averti solo la signorina Berta.

TERESA: Eh, sì … sì … el ghe fa de le bele lu …

GIORGIO: (con un mazzo di fiori) Oh, … i signori Cornetti!

DIONISIO: (togliendogli il mazzo di fiori) Anca lu! Ma che gentile! … Ciapa Matilde, i xe par ti …

GIORGIO: Ma veramente, volevo dire …

Scena diciasettesima

Berta e detti, indi Don Alessio

BERTA: Oh, lei? … Bene arrivato … Scusi sa, ma mamma è impegnta di là …

GIORGIO: Meglio! Cioè no; volevo dire … Loro come stanno?

DIONISIO: Loro chi? … Ah, loro noialtri? Dall’ultima volta che ci siamo visti loro stanno sempre bene.

DON ALESSIO: (esce con la valigetta e l’ombrello e s’avvia).

GIORGIO: Chi xelo?

BERTA: El xe Don Alessio …

DON ALESSIO: Batistella, per servirla.

BERTA: El va via? El sa che’l papà desidera che’l sia nostro ospite?

DON ALESSIO: Sì … ma non mi avevano mica detto l’affaretto del vescovo.

BERTA: E che mal ghe xe? So Ecelenza lo gavaria visto volentieri, e el ne saria sta utile coi so consigli, el gavaria podesto farghe compagnia al vescovo.

DON ALESSIO: Xe apunto questo che no me comoda.

GIORGIO: Questo xe quelo che ghe vol. Me permetela reverendo do parole?

DON ALESSIO: Oh, par mi, el fassa pur.

GIORGIO: Porta via to zii.

BERTA: Nualtri passaremo de là.

DIONISIO: Cussì ghe diremo che i se destriga a meter in tola.

MATILDE: (a Don Alessi) Pecà … salo che’l valda via … el xe tanto simpatico! Andemo … el ghe mola: el resta a disnar anca lu … gavemo dei macaroni conzi, che i fa vegnir l’acqua in boca.

DON ALESSIO: El scusa xelo de casa anca lu?

GIORGIO: Sono el nipote de Sua Eccellenza Reverendissima che deve venire qui.

DON ALESSIO: Lu, xe el nevodo del Vescovo?

GIORGIO: El capirà che mio zio gavarà molto dispiazer, quando che’l savarà che lu el xe scampa per no vedarlo …

DON ALESSIO: No … scampà … proprio no …

GIORGIO: Inveçe restando qua viçin al zio, lu el ga tuto da guadagnar: per la so carriera, e me par che ‘l ghe n’abbia de bisogno …

DON ALESSIO: Oh, per quelo el bisogno no manca …

GIORGIO: E alora, afferri l’occasione, poiché le è caduto el cacio sui maccheroni!

DON ALESSIO: El tasa … go sentio: che ghe xe i maccheroni consi, ancuo …

GIORGIO: Mio zio se trovarà mal, in mezo a zente nova, lu inveçe atenua … Assopise … lu; se el trova qualcossa che no va … el çerca de coverzer, col suo tatto, co la so inteligenza … Lei …

DON ALESSIO: Lei … lei mi lustra pulito!

GIORGIO: Le assicuro che se mio zio lo ciapa in simpatia, no lo molla più.

DON ALESSIO: Xe ben per questo che me ne vado!

GIORGIO: E po’ … che figura fareselo con sta bona zente. Dopo tutto: qua el dorme ben … el magna megio …

DON ALESSIO: Go capio … el vol torme da la parte del cuor …

GIORGIO: Ghe sarò grato anca mi.

DON ALESSIO: Anca lu?

GIORGIO: Perché ghe vogio tanto ben al zio …

DON ALESSIO: xe l’afar del cerimonial che no me va zo …

GIORGIO: Ma che … l’inventa qualcossa! … lu el ga da aver dell’inzegni … del talento … lu …

DON ALESSIO: Lu el continua a insaponarme pulito.

GIORGIO: E alora la xe dita? Lu el va a meter zo la so valigetta, el so capelo …

DON ALESSIO: El senta … mi provo … ma se vedo che la se impianta mal, mi me la bato.

GIORGIO: El fassa presto, a momenti xe l’ora de andar a disnar.

DON ALESSIO: Tanto più che go una fame che no ghe vedo … (via)

GIORGIO: Nol perda tempo …

Scena diciottesima

Berta e Giorgio

BERTA: E alora Giorgio?

GIORGIO: Tuto xe acomodà.

BERTA: Mi tremo inveçe … che se ariva sto to zio …

GIORGIO: Niente paura! Mio zio el xe el più bon omo de sto mondo! El me vol tanto ben! Come un fio … Ti vedarà che el ne farà contenti. Ma ti? … Me vusto ben?

BERTA: Oh, s’! Tanto Giorgio.

GIORGIO: e anca mi, sa, tanto Berta mia … (si abbracciano)

Scena diciannovesima

Don Alessio e detti

DON ALESSIO: (rientra, vedendoli abbracciati fugge spaventato) Ohelàlà!

GIORGIO: El scusa reverendo!

DON ALESSIO: El diga giovine! … no farà miga parte del cerimoniale anca sto amplesso …

GIORGIO: Oh, no, mai …

DON ALESSIO: Eh, che se intendemo ben … perché no voria che fra scenete in casa, e la funzion in ciesa, me toccasse portar el mocolo tuto el santo giorno.

FINE DEL PRIMO ATTO


ATTO SECONDO

La stessa scena de primo atto. I mobili vengono cambiati con altri di legno scolpito. Un tavolo nel mezzo con calamaio, cartella, carta e penne. Una grande poltrona dietro il tavolo. Campanello a molla. Alle pareti ad eccezione della donna nuda gli altri quadri vengono sostituiti con altri di soggetto religioso. Nei balconi deve essere steso un grande drappo di damasco.

Scena prima

Teresa, Giacomo e Casimiro

(campanello)

TERESA: I vegna pur avanti. Adesso vado a dirghelo.

GIACOMO: (entra con un tappeto verde che stende sul tavolo di mezzo) Gali finio de disnar?

TERESA: Da un bel tocheto. (via a seconda a sinistra)

CASIMIRO: El se intenda ben, sior Giacomo, manco de duzento franchi per l’imprestio gnanca un scheo! … se no mi vado …

GIACOMO: Me lo gavè za dito çento volte.

CASIMIRO: Eh, no … xe megio intenderse prima …

Scena seconda

Bepi, Don Alessio, Gigia, Berta, Renata e detti

BEPI: Oh, seu qua?

GIACOMO: Bon zorno siori! Prima de tuto go portà el tapeo verde!

BEPI: Ghe vorlo proprio verde?

DON ALESSIO: Verde, verde, po’ …

GIACOMO: I capirà … per el tavolo de sua Eminenza …

DON ALESSIO: El ghe diga ecelenza, eminenza se ghe dà ai cardinali.

GIACOMO: Ah, no’l xe cardinal?

BEPI: No purtroppo! … magari el lo fusse …

GIGIA: Che sempiae, ti deventi pezo de to fradelo.

BEPI: A proposito, dove xeli?

GIGIA: I xe andai a far el solito pisolo dopo magnà.

BEPI: Miga là spero?

GIGIA: No in guardaroba, dove che li gavemo messi … Ma lu Don Alessio, no’l doveva portarli a spasso?

DON ALESSIO: Gavemo ancora da tor el caffè signora …

GIACOMO: No si sa miga quando che ariva sua eccellenza?

BEPI: El nevodo spera de trovar un telegramma a casa … E sto qua chi xelo?

GIACOMO: El xe el novo camerier …

BEPI: Ah, l’omnibus? Benon, sior Giacomo, ve gavarà spiegà che ve tolemo per sti pochi zorni … Xe molto tempo che el fa el camerier.

CASIMIRO: Non molto … Prima fava el coifeur ah! El frizieur … el barbier.

BEPI: In malorzega che se capimo.

CASIMIRO: Un mio aventor, un signor salo, el gaveva muger e quatro fie; la miss, la coga, le cameriere, el me ga proposto de andar da lu come camerier, però con l’obligo de barba e capelli a tuta la famegia. El ga trovà che la gera una economia. E quasi mi scovavo, servivo in tola, e tuti i giorni dovevo farghe la barba al paron, al gondolier, accomodar a ondular le parone, la miss, la coga, le cameriere, perché le gaveva tute i cavei corti. No gaveva mai un momento de pase, e xe par questo che me son messo in libertà.

BEPI: Ah, se libero? Se me salta chissà che me deçida a tegnirve stabile?

GIGIA: E posto che no se spende gnente, questa xe la volta che me fasso tagiar i cavei anca mi.

DON ALESSIO: De quela via, sior Corneti, se el permete me farò rinfrescar la cerega anca mi.

BEPI: Però bisogna che vegnì qua subito. Ancuo arivarà altra zente, per l’arivo del Cardinale legato.

CASIMIRO: Stago qua viçin, in un salto vado a tor la mia roba.

BEPI: No ocore, la Teresina ve consegnarà la roba, la livrea, e ve dira quelo che gavé da far. Quelo che me racomando, xe un portamento grave, serio, e sora tuto esprimersi sempre in lingua italiana … e questo sarà el difiçile.

CASIMIRO: Si vede che el signor no me conosse. Se mi metto … Parlo in italiano … e se mi sente sembro nato a Siena … comparmezzo allora … (entra)

BEPI: Benon, anca el camerier toscano … Teresina! …

TERESINA: (entra)

BEPI: Se ga gnancora visto el contadin che me ga spedio el fator?

TERESA: Sissignor, el xe de là che el se veste da servitor anca lu … (via)

GIACOMO: E cussì el mio lavoro xe finio.

BEPI: Va ben, quando voré mandarme el conto …

GIACOMO: Ecolo qua (consegna il conto scritto)

BEPI: Ih! Che pressa! No scampavimo minga!

GIACOMO: Oh, no xe per questo … ghe par?

BEPI: (leggendo) Ostrega, che esagerazion! 14.000 franchi?

GIACOMO: El capirà: i mobili, le livree, tapei, messo in ordine l’appartamento, el camerier omnibus …

BEPI: Ma el xe un omnibus che costa più de un direto. (legge) Per aver fatto i tapei per il davanti e il di dietro del Signor Cornetti L. 800 (tutti ridono)

GIACOMO: Cossa gogio scritto? Cossa gogio scritto qualche stramboto? No importa miga, quelo che conta xe che ghe vada ben el conto …

(Campanello)

BEPI: Me va mal anca quelo! Passeghelo a mio fradelo, el xe lu ch’el me tien l’amministrazion dei mii beni.

GIACOMO: Per mi xe l’istesso. I vedarà che figura i farà coi mii tapei! Signori arrivederli tuti. (via)

BEPI: In fondo son contento. Ariva tuta sta zente, e i vede i tapei ai balconi, i servidori in gran livrea, i restarà a boca verta.

Scena terza

Edvige, Teresa e detti

TERESA: Paroni, paroni, ghe xe …

EDVIGE: Gnente, gnente, me annunzio mi. Gogio mantegnuo sì o no la promessa?

TERESA: (via)

BEPI: Putele vardè chi che ghe xe qua.

BERTA: Oh, cara, cara, cara …

RENATA: Oh, ma che piacer! (frà sé) La podeva far de manco de vegnir.

EDVIGE: Ma anca ela Siora Gigia un baso. E lu po’, sior Bepi …

GIGIA: Cossa?

EDVIGE: Un complimento? El par un giovinoto.

GIGIA: Sì … de la teritoriale.

EDVIGE: Ma tuti, tuti, ve trovo benon. Tre zorni soli me fermo saveu …  e po’ ritorno ala mia cara Bologna.

GIGIA: Tre giorni soli? Che pecà!

BEPI: (fra se) Che gesuita! (forte) Presento Don Alessio Batistella che xe un congressista nostro ospite.

DON ALESSIO: Per so bontà.

BEPI: E nol’ sarà el solo. Gavaremo anca un Vescovo.

EDVIGE: Gentemanco!  E quando arriva?

BEPI: Vegnarà a dirmelo el nevodo.

EDVIGE: Giovine?

BEPI: El vescovo? Ancora no lo savemo.

EDVIGE: No, parlo del nevodo.

BERTA: No, no … vecio … nol dimostra, ma el ga i so aneti, anzi credo ch’el se pitura i cavei.

GIGIA: El sior Giorgio? Ah, el xe un simpaticissimo giovine.

EDVIGE: Co tanta zente no me mandarà via, spero?

BEPI: Per ela ghe xe tanto posto. E mei primi posti.

BERTA: Ma dov’è papa?

RENATA: Sicome no te spetavimo più.

DON ALESSIO: Se mai ghe xe la mia camera.

EDVIGE: Co’ lu?

DON ALESSIO: Oh, prego … volevo dir … se mai ghe çedo la mia camera …

BEPI: Gnanca per ombra! Lu el ga da star viçin a so Ecelenza.

GIGIA: Alora signora Edvige bisognerà che la se adata a star co le putele.

BEPI: Opur co’ ti. Mi per sti giorni vado all’albergo.

GIGIA: Sior no. Co le putele.

EDVIGE: Ma sì, co le putele! … so più che contenta.

BERTA: Figurite nualtre! … gastu bagagli?

EDVIGE: Poco o gnente, qualche valigia, anzi scuseme … ehi de là … porteme quela roba, Oh, apena tanto da cambiarme …

Scena quarta

Teresa, Semola e detti

TERESA: (entra con due cappelliere)

SEMOLA: (entra con due valigie, è in livrea con due enormi baffi)

GIGIA: Oh, varda Semola co quei mistaci!

BEPI: Andé subito a cavarve quela porcheria. Per fortuna che gavemo el barbier in casa.

SEMOLA: Paroni le mie reverenze.

EDVIGE: Oh, che lussi! … Rallegramenti … anche in livrea.

GIGIA: El sta ben vero?

SEMOLA: I me la dito sì, che stago ben.

BEPI: La sa, per le circostanze dell’arrivo …

EDVIGE: Mio?

BEPI: Anca suo.

BERTA: Dovendo capitar un Vescovo.

EDVIGE: Eh,  … capisco.

BEPI: Porta quela roba in camera de le signorine.

TERESA: Vegnì co mi.

SEMOLA: Bondì sognori (si avviano in seconda a sinistra).

BERTA: M a no la ghe starà tuta quela roba!

BEPI: Ma sì; ghe xe quell’armaretto a muro. A proposito, siora Edvige, gala fato colazion?

EDVIGE: Per dir la vertà, no gnancora, ma no preoccupeve de mi; considereme come de casa.

BEPI: Ma anca quei de casa magna! Teresina … feghe preparar la colazion a la signora!

TERESA: (rientra con Semola)

BERTA: E condusè via quela caricatura.

TERESA: Vegnì co mi de là.

EDVIGE: Veramente chic!

SEMOLA: Cossa disela siora?

BERTA: La dise che parè bon cussì.

SEMOLA:Eh, lo so. Me lo ga dito anca la coga. (via con Teresa).

BEPI: Tose, vegnì de la a farghe compagnia intanto che la magna. El vegna anca lu Don Alessio.

TUTTI: (si avviano)

GIGIA: Apena che ti vedi na cotola, ti va in brodo de giugiole.

BEPI: Ciò, fasso i onori de casa.

EDVIGE: Vegnì co mi che se divertiremo. Ancuo son proprio in vogia.

(Campanello)

BERTA: (A Don Alessio) El diga, no la ghe par una squinzia?

DON ALESSIO: Ah, ma mi no me ne intendo de quele done là.

Scena quinta

Giorgi, Alberto, Casimiro

CASIMIRO: (introducendo) S’accomodino, io sono il nuovo cameriere.

GIORGIO: Scusate … voi siete?

CASIMIRO: Sono il nuovo cameriere, Casimiro. Chei devo annunziare?

GIORGIO: Eco, no importerà, Casimiro. Avverti solamente le signorine, che ghe xe de le persone che ga da parlarghe.

CASIMIRO: Solamente le signorine … solamente …

GIORGIO: Solamente le signorine … eco bravo, solamente.

CASIMIRO: Solamente le signorine … Sta ben, saranno serviti (via).

GIORGIO: Cossa importa anca el camerier? Ma vien avanti macaco.

ALBERTO: Ma cossa me fastu far? … Se capita to zio …

GIORGIO: Gnente paura! Lu el sa che ghe vogio ben a la Berta.

ALBERTO: Ah, el lo sa?

GIORGIO: El ga açetà de vrgnir qua, solo per conosser ben la famegia e la tosa e gnente de più façile, che per voler megio vedar come che sta le cose el se presenta soto altro nome e vestio da semplice prete … come che ‘l ga fato altre volte …

ALBERTO: In incognito.

GIORGIO: Per l’amor de Dio che gnanca l’aria lo sappia, la xe una mia semplice supposizion.

Scena sesta

Casimiro detti indi Berta e Renata

CASIMIRO: Fato.

GIORGIO: Eco el fenomeno. Siete arrabbiato?

CASIMIRO: Solamente le signorine … Eh, je mangè les folies … comparmesso (via).

GIORGIO: El ga da esser un bel merlo.

BERTA: Lei! …

ALBERTO: Io, no signorina, è stato lui.

GIORGIO: No gavevo dito che per amor o per forza, gavaria condoto qua sto mio gran amigo, che go conossuo stamatina?

ALBERTO: La prego di credere che è stato lui.

BERTA: Anca questa! Ma se ariva el papà e la mama? …

GIORGIO: Che i riva pur. Mi go nominà sto mio giovane amico, giornalista reporter.

ALBERTO: Mi no so gnanca da che parte che se scominzia.

GIORGIO: No fa gnente. Ma intanto co sta scusa el podarà vegnir qua anca lu quando che’l vol. Par tor notizie, far l’intervista, col papà, mi lo ciamo adiritura papà! E specialmente per vederla ela.

BERTA: Ma se el zio vien a saver che ti vien qua per vedarme mi?

GIORGIO: Che el lo sappia! Son sicuro che quando el te gavarà conossuo el cercherà de farne felici. E nualtri çercheremo de far felici sti do sempi qua. No la me dise gnente per averlo portà qua a far do ciacole co ela?

RENATA: Grazie.

ALBERTO: Grazie tante.

GIORGIO: Ma seu contenti?

ALBERTO: Mi sì.

RENATA: Anca mi …

GIORGIO: E alora ghe vada viçin se ve volè ben, come che mi ghe ne vogio a la Berta; fè quelo che fasso mi! Oh, Berta mia! … (abbraccia Berta)

ALBERTO: Ah, Renata mia! (l’abbraccia)

Scena settima

Don Alessio indi Bepi e detti

DON ALESSIO: (vedendo le due coppie abbracciate) Ohilà! Ma che gabbia sempre da capitar nel momento bon?

GIORGIO: Se gera qua che …

DON ALESSIO: Eh, go visto che geri qua. Ma, a quanto par, qua cresse el numero come i sparesi!

BERTA: Tanto lu el lo sa che se volemo ben.

GIORGIO: E po’ … cossa ghe xe de mal?

DON ALESSIO: Oh, gnente … e po’ za mi son de passeggio.

BEPI: (entrando e vedendo Giorgio) Come? Nissun me gaveva avvertio che el gera qua.

GIORGIO: Arrivati in questo momento. Ci ha ricevuti qua Don Alessio!

DON ALESSIO: Erçe brigante.

BEPI: E sto sior?

ALBERTO: (presentandosi) Alberto Terni.

GIORGIO: Mandato dall’osservatorio romano che xe l’organo del Vaticano. Ofrighe una copia al cavalier.

ALBERTO: Se permete, cavalier?

GIORGIO: El leza … el trovarà tuti i nomi de le persone che se ga distinto nele odierne feste de Venezia. In questo numero no ghe xe gnancora el so nome, ma in seguito, riçevendo n Vescovo, se parlarà anca de lu.

BEPI: Tropo onor. Galo avudo notizie?

GIORGIO: No, ma spero de trovarghene a casa.

ALBERTO: Scusi, commendatore; per l’arrivo di Sua Eccellenza avrà molti invitati?

BEPI: Oh, senza dubbio!

ALBERTO: Alora se el crede, vegnarò per tor zo la lista dei nomi, far dei soffietti.

BEPI: El me farà un vero piaçer.

Scena ottava

Gigia, Edvige, Radegonda e detti

GIGIA: Tose, ghe xe la signora Edvige che ve çerca.

EDVIGE: Ah, so qua? Volevo saludarve prima de andar fora a far de le spesete.

BEPI: La vien a proposito. Ghe presento el signor Giorgio Catelli, nipote di sua Eccelenza che sarà nostro ospite.

EDVIGE: Fortunatissima!

GIGIA: E el signor xe?

ALBERTO: Alberto Terni.

GIGIA: Che saria?

BEPI: Quello che fa l’osservatore romano.

GIORGIO: Tuto lu el fa …

BEPI: Informazioni, reclami soffietti (presentando) mis moglie.

GIGIA: Tanto piacer …

EDVIGE: Ormai i giornalisti penetrano dappertutto! Mi son la signora …

BEPI: Edvige Testi.

EDVIGE: Bona amiga de casa, vegnua qua per la circostanza. Oh, no ghe farò miga impression qua, vedendome fumar, dove sarà la dimora di una eccellenza reverendissima …

GIORGIO: Oh, nualtri ghe demo l’assolusion, vero Don Alessio?

DON ALESSIO: Altrochè! In estremis!

GIORGIO: Assoluzion completa, trattandose po’ de una signora  … o signorina?

BERTA: Vedova! La xe vedova! …

GIORGIO: Vedova? Alora la permete … (stringe la mano).

ALBERTO: Za … vedova; la permeta …

EDVIGE: Ma ormai siamo vecchi! …

GIORGIO: Vecia ela? Oh, … Oh, …

ALBERTO: No la lo diga per carità!

BERTA: La fa la smorfiosa per farse dir che la xe zovane … antipatica!

DON ALESSIO: Antipatica o no …

BERTA: La ghe piase anca a lu? … Zo …el ghe fassa l’ocieto! …

DON ALESSIO: La se figura so anca orbesigolo.

EDVIGE: Ricordemose che vogio assister a tute le feste.

GIORGIO: Me farò premura de portarghe i biglietti.

BERTA: Spero che el ne procurerà anca a nualtri …

GIORGIO: Ma quanti che le ne vorrà.

EDVIGE: Ma adesso che ghe penso … Mi senza abiti adatti per funzioni religiose … Cossa ghe ne diselo lu Don Alessio?

DON ALESSIO: Certo che la so cotola la xe diversa da la mia!

GIORGIO: Davanti ala moda bisogna abassar la testa tuti.

DON ALESSIO: Per mi i ghe fassa anca le tombole.

GIOGIO: Alora nualtri rinnovemo i saluti.

EDVIGE: I va fora? Vegno anca mi. I me ga parlà de una illuminazion fantastica … ghe xe anca la galleggiante.

BERTA: Ma l’illuminazione fantastica i la fa de sera, no adesso.

BEPI: E mi vegno co ela.

GIGIA: No! Ti ti ga da star qua, che ga da rivar el vescovo.

DON ALESSIO: Volevo anca mi andar a ciapar una bocada de aria.

BERTA: Podemo venir anca nualtri.

BEPI: Sì, a far la procession prima del tempo.

EDVIGE: Sempre pien de spirito el Sior Bepi (prende a braccetto i due giovani) e alora? Scortata e difesa da due bei giovanotti … andemo?

BERTA: Stomegosa! … (truce) Tuti la se li ciapa.

GIGIA: A rivedarse e bon divertimento.

EDVIGE: Grazie, grazie! … (scena con Giorgio, Alberto e Bepi)

RADEGONDA: La par la parona ela; za a mi no la me ga mai piasso.

DON ALESSIO: A ela no, ma a staltri do sì! … Dove vala?

RADEGONDA: (che si era avviata alla sua camera) El me scusa, credo sempre che sia la mia camera. El me scusa reverendo.

GIGIA: Oh, ma se la intende de far la civeta con tuti, no la intendo miga mi.

BERTA: Parfin col papà.

GIGIA: Perché ti te n’ha inacorto anca ti, ah?

BERTA: Tutti se n’ha inacorto. Anca Don Alessio.

DON ALESSIO: Mi … mi no me ne intendo.

RENATA: Ma el gavarà visto come la remena i oci de qua e de là?

BERTA: E quei do moscardini che i ghe fa i cascamorti …

RENATA: L’istesso come la façeva sto istà al Lido …

BERTA: Che el gavesse visto che costume, che costume che la gaveva.

RENATA: Schifo la façeva, schifo.

GIGIA: Senza gnente davanti.

DON ALESSIO: (scandalizzato) Oh? …

GIGIA: Sì, digo senza cotola, quasi senza gnente.

BERTA: E mio papà invitarla a vegnir da nualtri.

DON ALESSIO: Se vede che la ghe fa colpo anca sensa cotole.

GIGIA: Ma sta volta le braghe me le meto mi … el vedarà.

RENATA: E salo parcossa che la fa cussì? Per trovar un altro infeliçe che’l se la sposa.

BERTA: E nol gà sentio che caricatura? La parla col sbrizzio … Ben, intanto per farghe dispetto vado a meterme l’abito più scolà che go, quel che me metevo sto inverno per andar a balar.

RENATA: Mi vado a farme i lavri più rossi dei sui.

BERTA: E mi me pitturo i oci fin qua.

RENATA: Vado a fumar, con un bocchin longo cussì … (indica).

BERTA: Che el vamerier me fassa una ricca ondulazion subito! … Tutti incantai drio de ela i gera … e anca lu el la vardava in amirazion.

RENATA: Ciò el ghe ga offerto perfin la camera.

BERTA: Va là che el xe un prete de manega larga.

RENATA: Mi no vegno çerto a confessarme da lu … (campanello).

BERTA: Ma gnanca mi (via tutte e due continuando a discutere).

DON ALESSIO: A mi me piasaria saver parcossa che son capità qua! A sentir parlar de sigarette, me xe vegnua na’ vogia mata de fumar; adesso vago in camera impisso la mia pipa e aida …

Scena nona

Teresa, detto indi Vescovo

TERESA: El diga Don Alessio, xe rivà un altro prete.

DON ALESSIO: Che i se gabbia passà la voçe che qua no se spende gnente? Va avizar de la visita.

TERESA: Subito! (via).

DON ALESSIO: Ghe mancava sta secada!

VESCOVO: Compermesso?

DON ALESSIO: El se comoda.

VESCOVO: Oh, un sacerdote? Scusi … è qui dove è aspettata sua Eccelenza Monsignor Bonetti?

DON ALESSIO: Sì, reverendo.

VESCOVO: Lei non mi conosce? Non mi ha mai veduto? Non mi conosce insomma?

DON ALESSIO: No, garantisso!

VESCOVO: Meglio … cioè, Volevo dire …

DON ALESSIO: Cerca alloggio anche lei?

VESCOVO: No, io sono il … segretario del Vescovo.

DON ALESSIO: Uh, che piaçer! … El segretario, gavevo paura mata che el fusse el Vescovo …

VESCOVO: Oh, guarda, guarda …

TERESA: (rientrando) Don Alessio: la signora la me ga dito che lo riceva lu perché la xe tropo nervosa.

DON ALESSIO: E le tose?

TERESA: Le xe drio vestirse, pianzendo (via).

DON ALESSIO: Le pianze e le me lassa qui co sto cosso … Si accomodi … le signore le xe drio a pianzer … cioè, no, sono indaffarate.

VESCOVO: Aspetterò (siede).

DON ALESSIO: Lei naturalmente sarà foresto, e non comprenderà bene il nostro dialetto. Digo questo perché ogni tanto me sbrizza qualche parola in vernacolo.

VESCOVO: E … scusi … reverendo … a chi ho l’onore?

DON ALESSIO: Mi son Don Alessio Battistella prete fluttuante.

VESCOVO: Come?

DON ALESSIO: Vado suso e zozo per le parrocchie, son qua a dozina … una dozina per modo de dire … perché no se spende un scheo.

VESCOVO: Ed io sono Don Ulisse Tavernari …

DON ALESSIO: Ciò, l’istesso nome del vescovo.

VESCOVO: Una combinazione. Egli si chiama Ulisse Bonetti? Ed io Don Ulisse Tavernari … e son incaricato di avvertire che sua Eccelenza arriverà dopodomani …

DON ALESSIO: Dasseno? Se’l savesse che magon che’l me ga cavà dal stomego!

VESCOVO: Ha piacere che il Vescovo ritardi?

DON ALESSIO: Sì … cioè … no … volevo dire che adesso c’è qui lei, ed io cedo a lei tutte le mie mansioni, che a dir la verità … no savaria gnanca mi quali siano … quali fossero.

VESCOVO: Parli pure dialetto, io capisco benissimo. E poi, fra semplici sacerdoti …

DON ALESSIO: Più semplice de mi lo sfido a trovarghene.

VESCOVO: Bravo, colleghi allora!

DON ALESSIO: Questo me fa feliçe … cussì co lu almeno podarò parlar francamente. Cossa vorlo? Arrivando qua me scampà dito che conossevo un poco de cerimoniale … cerimoniale de campagna … perché de quelo de çittà no so gnanca che odor ch’l gabia e alora i ga volesto tegnirme qua per forza.

VESCOVO: Ma lei perché ha accettato?

VESCOVO: Prima de tuto perché go un bebedetto carattere che no so bon de dir de no a nissun, in secondo luogo, perché go trovà qua el nevodo del vescovo … un ciacolon … un cabolon … Che no ghe digo! El me ga fato tanto de testa … in terzo logo, perché qua se sta da papi … se sta benissimo … se dorme ben, se beve, se magna ben. Oh, come che se magna (soggetto)! E mi, salo, confesso … el sarà un difetto … magari un peccato de gola … ma a mi, caro collega, me piase magnar ben … anca lei sarà della mia opinione … perché per nualtri poveri preti i afari xe magri … el scusa, salo … parlo per mio conto.

VESCOVO: Dica pure anche per mio conto.

DON ALESSIO: Perché el so principal … el scusa, S.E. el xe un poco caja! S’, avaro, in italiano … Go capio! Alora andaremo dacordo … e podaremo tratarse in confidenza.

VESCOVO: Certamente!

DON ALESSIO: Ah, che piera da molin che el me ga cavà dal stomego, vegnindo qua, caro el mio Don … Don …

VESCOVO: Don Tavernari.

DON ALESSIO: Tavernari benedetto! Perché, sogio mi che rassa de omo che sarà el Vescovo? Se me capitava un vecio brontolon, mai contento, stava fresco mi … col mio temperamento gero bon de mandarlo anca in malora … sempre con i dovuti riguardi …

VESCOVO: Vedrete che ilmio vi piacerà.

DON ALESSIO: Sì? … mi no lo credo … perché el xe un superior! Ma vedaremo.

VESCOVO: E l’aspettano con piacesre S.E.?

DON ALESSIO: Con entusiasmo adiritura. I ga meso sotto sora tuta la casa … I ga cambià camere par dormir … i ga messo quadri de soggetto religioso dappertutto.

VESCOVO: (osservando il quadro della donna nuda) quello veramente … mi pare poco religioso.

DON ALESSIO: Là … (grattandosi in testa cerca di trovare una scusa) siamo nell’antico Testamento; la moglie di Lot che va a prendere l’acqua alla fonte … (a sé) se la và la và … (forte) I ga tolto anca dei servitori a noleggio.

VESCOVO: A noleggio?

DON ALESSIO: Un cameriere che fa anche il barbiere … Una caricatura.

VESCOVO: Perché, non sono ricchi?

DON ALESSIO: Oh, per quanto i ga da star ben de casa. Ma chi fa le spese xe un fradelo del signor Cornetti, che’l xe vegnuo qua co’ so muger per i festeggiamenti. I xe do ortolani de ignoranti come talpe, ma tanto boni cristiani, ben … sior Cornetti, el vol trovar adesso la maniera de mandarli via, per non sfigurar quando che ariva el Vescovo.

VESCOVO: Bella ricompensa … Ma la vedremo … cioè lo diro al vescovo.

DON ALESSIO: Bravo, el ghe lo diga lu, che la xe una bela ingiustizia di mandarli via dopo tuto quello che i ga speso e i spande perché qua xe corte bandita, pranzi, cene, ale 5 ghe fa anca el tè, una porcaria … Ma bisogna torlo per via dei biscotti che ghe fa compagnia.

VESCOVO: E voi ve ne volete andare?

DON ALESSIO: Cossa vorlo … me par de esser cascà in una gabia de mati.

VESCOVO: Matti? Perché?

DON ALESSIO: Perché adesso se ga fatto avanti una vedovella che la mostra …

VESCOVO: Cosa?

DON ALESSIO: No, rettifico … la gavaria intenzion de mostrar … e la vedarà anca lu … Intendemose: questa cossa che la gigo a lu in confidenza, perché al Vescovo gnanca me azzardaria … A quanto par, sta vedova … la fa perder la testa a tuti … e le tose …

VESCOVO: Come? Volete dire una ragazza?

DON ALESSIO: No, no … le xe do …

VESCOVO: Oh, guarda …  e sono gentili? Graziose?

DON ALESSIO: Sì, basta no pestarghe i pie … adesso le xe furiose, perché par che la vedovella la ghe fassa l’ocio de pesse straco a do giovanotti …

VESCOVO: Due? Uno …

DON ALESSIO: Do, do … qua se va a cubie come i cavai. Do giovinotti che i ghe piase po’ ale tose. Uno fa el giornalista … ma questa la ga da esser una gran bala … una bugia in italiano … e st’altro xe el nevodo del vescovo. I ga de esser do galiotti … do pee, specie el nevodo del vescovo … se el vescovo ghe somegia a so nevodo, a posto semo!

VESCOVO: Come … galeotti?

DON ALESSIO: Due scavezzacolli, in lingua pura. Lori no conosse prudenza … i vien qua … i te basa, i te struca, a sbrega balon …

VESCOVO: Chi?

DON ALESSIO: Mi no de sicuro … le tose! El belo xe che’l nevodo del Vescovo, per aver pretesto de vegnir in casa col vol, el ga fato modo che so zio el vegna qua a portar el mocolo … reggere il lume in italiano …

VESCOVO: Questo sarà anche da vedersi.

DON ALESSIO: Oh, el lo vedarà anca lu … e me dispiase par lui sa … perché come segretario un toco de mocolo ghe tocarà portarlo.

VESCOVO: Ma il padrone di casa non vede? … non capisce nulla?

DON ALESSIO: Anca quelo el ga da esser un musceto co le done.

VESCOVO: Che cos’è un musceto?

DON ALESSIO: Che ci devono piacere le sottane … Adesso el voria maridar la fia granda, quela che fa l’amor col nevodo del vescovo.

VESCOVO: Berta?

DON ALESSIO: Come? Sapete il suo nome?

VESCOVO: Lo so … perché me lo avete detto voi poco fa … al tavolo … non ricordate?

DON ALESSIO: Mi no me par … no me ricordo … cioè … sarà …

VESCOVO: E’ … è …

DON ALESSIO: Cossa vorlo? Go una tal confusion in testa … che le parole me sbrissa da la bocca senza che me ne incorza …

VESCOVO: E così la vorrebbe maritare … A chi?

DON ALESSIO: A un vecchio bacuco che pratica per casa … un çerto conte Bartolomasi.

VESCOVO: Anche un conte? … Non è più finita?

DON ALESSIO: Adesso el toso el spera nell’intervento del zio vescovo …

VESCOVO: Oh, il Vescovo, se non troverà le cose molto chiare … Io temo …

DON ALESSIO: Ma se è un buon uomo come avete detto voi … si lascerà menare tranquillamente per il naso …

VESCOVO: No, no questo non è ancora detto.

DON ALESSIO: Basta, voi lo conoscete e sapete …

VESCOVO: Vorrei anche sapere dove si accomoderanno questa notte. Domattina all’alba vorrei andare al Redentore.

DON ALESSIO: Fintanto che’l vien el vescovo podaressi occupare quela camera là. Semo viçini. Cussì se gavè bisogno de qualcossa, me batè el muro.

VESCOVO: L’idea è buona. Così potrò riordinare le vesti e le carte di S.E.

DON ALESSIO: Dove le avete?

VESCOVO: In una valigia che ho lasciato là fuori.

DON ALESSIO: Ve le faccio subito portare.

VESCOVO: Non disturbatevi.

DON ALESSIO: I vol che ghe fassa el cerimoniale? Scomizio subito. Casimiro … Casimiro.

VESCOVO: Troppo cortese.

Scena decima

Casimiro e detti

CASIMIRO: Mi si appella?

DON ALESSIO: Questo xe uno dei camerieri tolti a nolo … prendete quella valigia che è in anticamera e portatela là dentro.

CASIMIRO: Corro tosto (esce e ritorna con la valigia e la porta a destra).

VESCOVO: Che lusso!

DON ALESSIO: El ga nome Casimiro, el parla col sbrisso … (rivolto al Vescovo che si è alzato e sta per avviarsi alla stanza di destra) Lei adesso el vada in camera … el vede che bela … spaziosa, che xe una bela poltrona se el vol riposarse … el pol darghe anche la so amata fumadina. Fumelo lu?

VESCOVO: Io? No …

DON ALESSIO: Io sì! Ghe xe dei intrasigenti che i dise che no xe decoroso per un prete fumar … ma mi quando che no so de far del mal; e posso farghela in barba ai miei superiori, son beato e contento … sarà par questo che no farò mai carriera.

VESCOVO: Lo credo anch’io.

DON ALESSIO: Bravo colega … deventaremo amiçi.

VESCOVO: (si ritira nella stanza a destra).

Scena undicesima

Casimiro, Berta e detto

CASIMIRO: (rientrando) Tutto fatto.

BERTA: (entra da sinistra in abito da sera scollato alquanto – a Casimiro) Oh, bravo voi … venite subito a far l’ondulazione a me e a Renata?

CASIMIRO: Mi dispiace signorina, ma ora è impossibile … deggio preparare il cabaret per le bibite, le cassate e i gelati …

BERTA: Dovevi pensarghe prima.

CASIMIRO: No go potuto; ho dovuto tagliare i barbigi al villano … Pardon …

BERTA: E sto prete dove xelo?

DON ALESSIO: El xe andà a riposarse. La varda che el xe el segretario del Vescovo.

BERTA: (ironica) Ah, ghe vorrà dei riguardi? … (Campanello)

DON ALESSIO: Ghe voria una coverta per coverzer quei orori … manco mal che’l xe un prete intelligente, el savarà compatir le vostre debolezze … semo già deventai amiçi.

Scena dodicesima

Teresa, Conte e detti

TERESA: (introducendo il conte) El se comoda signor conte.

CONTE: (entra con un mazzo di fiori) Oh, me fortunato che la trovo qui …

BERTA: Complimenti … Go pressa … (esce).

CONTE: Don Alessio cossa gala?

DON ALESSIO: Mah, el sa conte, le done le xe lunatiche …

Scena tredicesima

Dionisio, Matilde, poi Edvige e detti, Bepi

DIONISIO: (entra da sinistra seguito da Matilde) Gavemo dormio massa?

CONTE: Oh, bravo, saprebbero dirmi …

DIONISIO: (vedendogli il mazzo di fiori) Lu el se disturba tropo!

CONTE: Scusino … ma loro li hanno avuti ieri!

DIONISIO: El ga rason. Se el vol comodarse al balcon … a momenti passa …

EDVIGE: (entrando) Dio mio, che folon! Nella ressa gavemo perso i nostri amiçi.

BEPI: (entrando) Ma che spettacolo!

DON ALESSIO: El diga, el varda che xe arivà el segretario del Vescovo … el se ciama Don Tavernari …

BEPI: Dove xelo?

DON ALESSIO: Bell’omo, ala man, simpaticon come mi …

BEPI: Vado subito a saludarlo.

DON ALESSIO: El se frena! El ga dito che’l vol riposarse un poco.

BEPI: Alora … e le done dove xele?

DON ALESSIO: De là tutte in lacrime.

BEPI: In lacrime? Anca mia muger? E parcossa?

DON ALESSIO: Ami el me lo domanda?

Scena quattordicesima

Radegonda, indi Berta e Renata

BEPI: (vedendo entrare le figlie con sigaretta accesa) Oh, finalmente … Ciò, le fume? Cossa ne diselo che le pianzeva?

DON ALESSIO: Ghe sarà andà el fumo nei oci.

BEPI: Via, via le sigarette; ghe xe el segretario del Vescovo!

BERTA: Cossa ne importa nualtre? Fuma la vedovella. Fumemo anche noi!

Scena quindicesima

Alberto di corsa e detti

ALBERTO: (Entra ansimando) Sono tornato … per dirghe che go perso l’amigo.

BEPI: Solo per quest? El me gaveva fato ciapar paura.

EDVIGE: Oh, el signor Terni qua. El vegna co’ nualtre (si avvicina e lo prende per un braccio).

BERTA: (vedendo l’atto di Edvige lo prende dall’altro braccio ed entrambe lo trascinano al balcone) Ah, questo no!

Scena sedicesima

Gigia e detti

GIGIA: (entra vestita da sera)

BEPI: Oh, brava! Vien anca ti a riçever tuta sta zente.

GIGIA: Parleu co mi? Diseghelo a la nova parona de casa, ala vedovella, io vado al Verone. Io vado al Verone … (si avvia al balcone).

BEPI: Ben cossa vol dir sta roba?

DON ALESSIO: Affari de famegia.

Scena diciassettesima

Casimiro, Teresa e detti

CASIMIRO: (seguito dagli altri recano tutti dei vassoi)

BEPI: Ma chi ve ga dito de portar de la roba?

CASIMIRO: Non è ancora l’ora?

BEPI: Ma no, xe ancora presto.

CASIMIRO: La pusiamo qua, perché andemo a vedar el cardinal legato al balcone. (via con gli altri).

BEPI: Ghe xe da perdar i sentimenti!

DON ALESSIO: E mi me la godo.

Scena diciottesima

Giorgio, poi Vescovo e detti

GIORGIO: (entra) Go trovà finalmente la porta aperta!

DON ALESSIO: Bravo lu, el varda el varda che xe rivà el segretario de so zio!

GIORGIO: Dasseno? E dove xelo?

DON ALESSIO: Là in quela camera.

VESCOVO: (entra a Giorgio) Oh, caro Giorgio!

GIORGIO: (andandogli incontro gli liscia la mano) Lu! Sior zio?

DON ALESSIO: (meravigliato e sbalordito) El Vescovo?

VESCOVO: (Fa l’atto di porre il silenzio) Guai a lei se dice mezza parola.

DON ALESSIO: E mi che go squaquarà tutto quanto! Maledetta la volta che so vegnuo in sta casa!

FINE DEL SECONDO ATTO


ATTO TERZO

La stessa scena. Soltanto sul quadro della donna nuda è stato messo un drappo che la vela in parte. Gli arazzi dei balconi sono stati tolti.

Scena prima

Casimiro e Bepi

All’alzarsi della tela la scena è vuota, sul tavolo vi sarà, in mezzo, un servizio da caffè per due

BEPI: (entrando) E’ permesso? Non disturbo? … Ciò! No ghe xe nissun (va alla porta di Don Alessio) Permesso, Don Alessio … Ciò Voda? … (va verso la camera del Vescovo) Permette Eccellenza? … Voda anca questa … (va al tavolo) Gnanca el caffè i ga bevuo? … (suona e chiama) Casimiro! …

CASIMIRO: (in bassa tenuta entra) Mi ha chiamato?

BEPI: No gavé ancora visto el segretario e Don Alessio?

CASIMIRO: No signor padrone, io sono venuto qui stamane di buon’ora ho battuto ripetutamente gli usci; non erano più in casa …

BEPI: Za, i m’aveva dito che i andava al Redentor a dir messa.

CASIMIRO: Io allora, ho puzzato qui il caffè e la corrispondenza privata per S.E.

BEPI: S.E.?

CASIMIRO: Sua Eccellenza!

BEPI: (osserva sul tavolo) La so corrispondenza? (legge) A Sua E. il Vescovo Ulisse Bonetti presso il signor Cornetti Venezia … Cornetti Venezia … Cornetti Venezia … Cornetti Venezia … Che bellezza! … Ma se el vescovo se ga fato mandar qua la so corrispondenza vol dir che’l sta per arrivar … Vu impireve subito la livrea pronto a riçeverlo. E Semola dove xelo?

CASIMIRO: E’ sulle scale che lustra i pomoli.

BEPI: Che’l li lustra in livrea (agitato). Portè via sta caffè che’l se giassa … ghe ne portaré dell’altro quando che ve ciamorò.

CASIMIRO: (via col vassoio)

BEPI: (chiamando) Teresina, Teresina! … (osserva la corrispondenza). Presso il signor Cornetti Venezia … Che soddisfazione! (C.S.) Teresina! …

Scena seconda

Teresa, detto indi gigia

TERESA: Galo ciamà paron?

BEPI: Vardé che’l vescovo sta per arivar. Le mie done dove xele?

TERESA: Le signorine e anca la parona le xe in camera.

BEPI: Fé subito vegnir qua la parona! (siede al tavolo)

TERESA: (esce)

BEPI: Che belezza! El postin sarà andà a squaquarar dapartutto che vien el vescovo, presso il Signor Cornetti … Venezia … che soddisfazion …

GIGIA: (entra, seria, si siede).

BEPI: Bondì Gigia! … varda che el vescovo ga mandà … Bondì … parlo co ti … El ga mandà la so corrispondenza! … Te go dito bondì …

GIGIA: (seria) Buongiorno!

BEPI: No pol far che’l arriva.

GIGIA: A mi me lo conté?

BEPI: E a chi devo dirghelo?

Diseghelo a la vostra vedovella.

BEPI: E dai … cossa vusto che m’importa de ela?

GIGIA: Ah, si eh? … Intanto stanote no gavé fato altroche remenarve per el leto … Sé sta tutta una smania, e mi no go serà ocio per sentir se la minzonavi.

BEPI: (ride) Se no go sognà altro che el vescovo! Go altro che per la testa! E po’, se la signora Edvige no ga fato altro che çivetar co’ quei do zovanotti.

GIGIA: No, co quei do soli, co’ tutti, anca co’ vu. Se n’ha inacorto anca Don Alessio.

BEPI: Anca lu? … ma ragiona … Mi che go una mugereta simpatica e graziosa cossa vusto che me importa de ela? Quela dona çiveta co’ tutti, la dà scandalo! … Se trovo la maniera de mandarla via … Aria, aria …

GIGIA: Diseu dasseno?

BEPI: La mando anca in malora pur de far contenta la mia vecia.

GIGIA: Vecia … Vecia! … Chi vecia?

BEPI: El xe un vezzegiativo nostran!

GIGIA: Sì, sì, fame le mignognole! Va là che ti xe un bel galeto … lo ga dito ridendo anca Don Alessio.

BEPI: Ma mi no vogio che lo diga né ridendo, né pianzendo, e ti no badarghe che el to Bepi te vol un ben de l’anima (l’abbraccia).

GIGIA: (di scatto) No, ti me fa le gattarigole! …

BEPI: Megio! Xe segno che ti xe ancora sensitiva!

GIGIA: Ti va a trovarle le parole col sucaro … Anca quando che ti me ga fato la prima dichiarazion …

BEPI: Cossa tiristu fora una storia de l’arca de Noè?

GIGIA: Co’ quei oci sbiseghini ti m’ha fato perder la testa e fui tua.

BEPI: Sì … fosti mia … Ma adesso ariva el vescovo.

GIGIA: Mi vado, ma giurime che fra ti e quela dona …

BEPI: Te lo giuro …

GIGIA: (dandogli un buffetto) Ti me ga cavà vinti ani da dosso!

BEPI: Questa vedistu xe una bela roba (ride).

GIGIA: (uscendo) Piccolo assassino! (esce commossa)

BEPI: Va in malorzega (ride) A quela età la me vien fora co le gelosie. Roba da tegnirse le coste …

Scena terza

Renata, detto poi Casimiro

RENATA: (entra) Papà … go bisogno de parlarte.

BEPI: E ti favela.

RENATA: Papà … go visto la mama adesso che nel sortir de qua la pianzeva …

BEPI: Da la consolazion.

RENATA: No xe vero! Mia madre soffre! … Ieri sera era di pessimo umore.

BEPI: Sfido mi! … La se gera ficcada su çerti matessi …

RENATA: Altro che matessi! … Lo ga dito anca Don Alessio.

BEPI: E de cossa se intrighelo quel’omo.

RENATA: El ga dito che se vede ciaro che ti xe inamorà de la vedovella. E xe la verità.

BEPI: Quale verità … Lassa che lo veda …

RENATA: El contegno po’, de la cara Edvige, geri sera el gera indeçente. La andarà a finir che’l vescovo ne scomunica tutti.

BEPI: Mancaria altro co’ le spese che go fatto.

RENATA: E la povera mama in un leto de dolor. Da geri in qua la xe deventada cussì magra, che se no la me ciamava mi no la riconossevo più.

BEPI: Esagerata.

RENATA: Anca la Berta la xe indignada, e geri de sera la se gà sfogà col Conte Bartolomasi.

BEPI: (con interesse) La Berta? … Col conte? …

RENATA: Che anca lu gera bersaglià da le ociae dela cara Edvige! … E la Berta trovava deplorevole quel contegno.

BEPI: Ma dasseno? La Berta se gà sfogà col conte? Benone! La xe gelosa! … La gà finio coll’inamorarse del conte. La vol la corona de contessa …

RENATA: No, no papà … lassa che te spiega tuto …

BEPI: No serve … (C.S.) Casimiro!

CASIMIRO: (entra con livrea) Comanda?

BEPI: Qualchedun el cora subito dal Conte Bartolomasi, che non stia per cosa alcuna non venire qui! …

CASIMIRO: (via).

RENATA: Povera mi! … Cossa gogio fato? Corro ad avvisar la Berta (via).

BEPI: Ma le imbroco tute stamatina! … La Berta col blasone e la corona in testa, e mi … (prende le lettere) presso il signor Cornetti Venezia … che soddisfazion …

Scena quarta

Dionisio e detto

DIONISIO: (entra) Xe vero che xe arivà el vescovo?

BEPI: Nol xe gnancora qua, ma no pol far … el gà mandà la so corrispondenza. Varda quanta roba! Presso il Signor Cornetti Venezia.

DIONISIO: Quante letere, e che bele. Damene una … (la prende) che ghe le mostro a quei macachi del mio paese …

BEPI: (riprendendolo) Sistu mato, perché i me meta in galera per sotrazione di corrispondenza … Caro Dionisio, te prego, sentite e scoltime.

DIONISIO: Disgrazie? … El vescovo no’l vien più? …

BEPI: El vien ma sentite.

DIONISIO: (siede)

BEPI: Caro fradelo … no xe colpa tua … ma avendo vissuo fin adesso tra el verde e l’insalata, no ti pol aver acquistà quei serti modi signorili …

DIONISIO: (sbuffa) Ghe semo …

BEPI: Per esempio … quando sono a tola col Vescovo, col Conte, ti ti vien fora co qualche bestemmia o qualche porca l’ostrega, come che ti ga fato geri sera …

DIONISIO: Un mocolo, uno solo …

BEPI: Uno! … Ti ne far perder del decoro che xe necessario al nostro nome. Se da po’ la bruta combinazion che col Vescovo a tola saremo in tredese e porta scalogna.

DIONISIO: Poco mal, se ghe ne invita un altro e femo 14.

BEPI: Np se pol … saressimo streti come le sardele. Cussì mi gaveva pensà che l’unica persona che podeva andar a magnar fora …

DIONISIO: Saria sta mi, no xe vero? Parla ciaro … Questa po’ da ti no me l’aspettava. Ah, ben po’! …

BEPI: Ragiona, per el to ben.

DIONISIO: Che ben d’Egitto. Questa la passa i limiti.

Scena quinta

Matilde e detti

MATILDE: (entrando) Buon giorno.

DIONISIO: (seccatissimo) Saludarse! …

MATILDE: Ben! Cossa gaveu la luna per traverso?

BEPI: Ma no … se gera qua che se discuteva accademicamente … e se diseva che sicome a tola semo in tredese, … cussì uno …

MATILDE: Uno? … nualtri forse … dovaressimo çeder el posto? …

DIONISIO: No nualtri … Mi … mi solo …

MATILDE: Che xe come dir tuti do … Eh, za ciò! Perché nualtri femo disonor a la casa! …

BEPI: No esageremo …

MATILDE: Dinela tuta! No ne volé più! … (al marito) Proprio adesso che semo andai a la riconoscente, a comprarse do vestiti novi … Oh, … ma nualtri tolemo subito a nostra decisione … No se movemo de qua, ste pur sicuri! Posto che la dozena la paghemo … e salada …

BEPI: Questa no la xe razon da tirar fora …

DIONISIO: El dise che nualtri no conossemo i usi …

MATILDE: Ma che usi e consumi … mio mario intanto nol ghe ne sbaglia una … e li gavemo imparai a nostre spese! …

DIONISIO: Questo no ghe entra.

MATILDE: Sì che ghe entra, eccome!

BEPI: Andé a sigarlo sul ponte de Rialto.

Scena sesta

Don Alessio, Vescovo e detti

BEPI: (corre loro incontro) Ben tornati! … xe arivà la corrispondenza per S.E. presso il Sig. Cornetti Venezia …

VESCOVO: Davvero? … Grazie (siede al tavolo scorrendola).

MATILDE: (a Don Alessio) Oh! Bravo lu, elme diga …

BEPI: Molighe … nol xe el momento.

MATILDE: Gnente! … Megio che el lo diga lu che el xe qua per el cerimonial, se nualtri se gavemo compotà male in modo da fare bruta figura col Vescovo.

DON ALESSIO: (per scostarla dal Vescovo) Ecco … ghe lo dirò dopo.

MATILDE: Perché xe qua el segretario? Ghe lo digo anca a lu.

BEPI: Penso che el xe ancora a digiun.

DON ALESSIO: Eco … po’ el segretario el ga un gran mal de testa; e nol vol sentir gnanca parlar … (scostandola).

MATILDE: Le mie ragion vogio dirle.

DIONISIO: Ghe le diremo de là (trascinandola).

MATILDE: (ribellandosi) Eh! Che no son una papa freda co’ fa vu. Perché el dise che nualtri no semo all’altezza …

DIONISIO: (c.s.) Va de là … adesso …

MATILDE: No, perché se un macaco.

DIONISIO: (urla) Insomma, va de là.

MATILDE: (urla) Un corno! Perché le mie ragion son bona de dirle anca davanti al Papa.

DIONISIO: (spingendola fuori) De là te go dito! … (rivolto a Don Alessio) Beato lu, che no ga muger! … (si avviano).

BEPI: (al vescovo) Scusi sa … mia cognata è un po’ ignorantella.

VESCOVO: (ridendo tra sé) me ne sono accorto! …

BEPI: Adesso se’l permette me ritiro … la lasso in preda a le sue facende … (chiama) Casimiro!

Scena settima

Casimiro e detti

CASIMIRO: (entrando) Mi si appella?

BEPI: Porteghe un caffè de bogio per i reverendi (via).

VESCOVO: (si mette a scrivere una lettera) Per me basta un semplice caffè nero …

CASIMIRO: Vado subito a dare le disposizioni opportune (fa per andare).

DON ALESSIO: Anca mi un cafè macchiato, … anzi no! … me lo macchio mi, portame mezo litro de late e na guantierina de biscoti, … na diesena de biscoti, … due biscoti.

CASIMIRO: (si avvia poi ritorna) Se po’ ela reverendo … (al vescovo) el vorrà desfarze la barba, sarò sempre a sua disposizione.

DON ALESSIO: El va a dirghelo anca a lu … per carità. Eccellenza, el deventa subito vescovo, perché a furia de tegnirme, go la lingua tuta morsegada …

VESCOVO: (sorride) Sì … sì … ormai la mia astuzia mi ha fatto vedere quanto basta. Ho scritto a mio nipote che venga qui e spieghi ogni cosa. Poi me ne andrò.

DON ALESSIO: El va via?

VESCOVO: Lei ne avrà piacere …

DON ALESSIO: Non per mi, ma par ela Eccellenza.

VESCOVO: Confesso che lo stratagemma è stato un po’ azzardato …

Scena ottava

Teresa e detti

TERESA: (entra con un vassoio con una tazza da caffè ed una più grande, un vassoietto con paste. Deponendo il vassoio; la chicchera più grande dalla parte del vescovo. Versando caffè) Eccoli serviti.

DON ALESSIO: (gira il vassoio prendendosi la tazza più grande).

VESCOVO: Oh, brava, voi, portate … oppure no; date anche voi le disposizioni opportune, perché sia portato questo biglietto al Signor Giorgio Catelli … conoscete l’indirizzo?

TERESA: Sissignore! Lo sa anca Don Alessio.

VESCOVO: Ah, lo sa anche lei?

DON ALESSIO: El capirà eccellenza … con l’affare della corrispondenza clandestina …

VESCOVO : Sì, sì capisco (a Don Alessio che cerca di voltare il vassoio) che cosa cerca?

DON ALESSIO: Cambio la disposizione delle chicchere, le hanno dato quella più grande. Troppo volgare.

VESCOVO: (sorseggia il caffè) a me preme la felicità di mio nipote; al quale voglio tutto il mio bene … e qui vedo qualche cosa che non va … quella vedovella per esempio …

DON ALESSIO: (mangiando) Chissà cosa che la pesca quella! … (il Vescovo lo guarda) Mi scusa!

VESCOVO: Mi sono simpatici quei due campagnoli.

DON ALESSIO: (continuando a mangiare) Quelli solo eccellenza?

VESCOVO: (ride) E anche lei?

DON ALESSIO: Troppo obbligato, eccellenza.

VESCOVO: E siccome so … presumo … che le condizioni sue siano alquanto modeste.

DON ALESSIO: A remengo adiritura! …

VESCOVO: Così vorrei in qualche modo giovarle. Una idea … Mi scriva subito un promemoria … gli incarichi ricevuti … qualche attestato di lode … se ne ha …

DON ALESSIO: Pochi, lo confesso.

VESCOVO: I dati principali insomma (alzandosi), Io prendo la corrispondenza e vado nella mia camera, perché la gita di stamane mi ha un po’ stancato. E poi dovrò vestirmi da Vescovo. Faccia così: e non sia modesto … tutt’al più si potrà mettere << un po’ chiaccherone>>.

DON ALESSIO: Ci metterò anche quello eccellenza. Intanto permetta che la ringrazi e prego il cielo che el accordi quella gloria del paradiso, dove tutti troveremo quella felicità che …

VESCOVO: (uscendo) Ma cosa dice?

DON ALESSIO: E’ una modesta predica che voglio fare ai contadini parrocchiani.

VESCOVO: (via sorridendo)

Scena nona

Don Alessio indi Berta

DON ALESSIO: (si mette al tavolino e comincia a scrivere) Che degna persona! Chissà che carriera che farò adesso che’l me ga ciapà in simpatia! Mia nona me lo diseva sempre: per andar avanti ghe la vol una spenta … El vescovo me la darà. Benedeta la volta che son capità in sta casa (ride). E adesso scrivemo le storie del sacerdote. In che anno me gai fato prete? (pensa e pensa) Ah! … ecco … (scrive). Nel 1950 fui consacrato sacerdote nella chiesa di S. Giustina a Padova, e diedi la prima Messa. Nel 1960 fui nominato vicario coadiutore a S. Croce Bigolina, in quel di Vicenza … ameno paesello …

BERTA: (entrando) Don Alessio, vedo che’l xe solo, go bisogno de parlarghe prima che ariva el vescovo … dopo saria tropo tardi.

DON ALESSIO: (scrivendo) Adesso no posso! A Santa Croce Bigolina … ameno paesello di Vicenza.

BERTA: Lu el me vede coi oci sgionfi! Go pianto tuta la note pensando a lu.

DON ALESSIO: A mi?

BERTA: No! A lu … al mio Giorgio. Stamatina go tolto una grave risoluzion riguardo a lu … a Giorgio … che ghe vogio tanto ben …

DON ALESSIO: La ringrazio de la confidenza; ma no vedo …

BERTA: Come nol vede? Xelo orbo per non aver visto el contegno de Giorgio con la cara vedovella? Se lu crede de torme in giro, per ingelozirme … mi geri de sera go fatto la mia parte col conte Bartolomasi, tanto che Giorgio xe andà via tutto arabià.

DON ALESSIO: E cossa vola che me ne importa a mi?

BERTA: Se lei è un poco di buono …

DON ALESSIO: Lei chi? … Mi? …

BERTA: Ma no lu … quela dona …

DON ALESSIO: Alora la parla chiaro, perché co sti lei e co sti lui; no se sa mai de chi che la parla …

BERTA: Va ben, parlarò in venezian, perché vedo che l’Italian lo mastega poco.

DON ALESSIO: Prego, mi go studià molto ben l’Italian e se non basta anca el latin. La se figura undese ani de siminario.

BERTA: E cussì el mio moroso el lo sposarà ela!

DON ALESSIO: Quela dona …

BERTA: Che lo farà morir, come che la ga fato morir tuti i altri …

DON ALESSIO: Se la ga avuo un mario solo …

BERTA: Go dito tuti i altri, so quelo che parlo.

DON ALESSIO: Co’ la lo dise ela.

BERTA: Avvelenandoli co tuti quei pastrocci che la se dà sul viso …

DON ALESSIO: Tuto va ben, ma no capisso cossa che entro mi, povaro prete.

BERTA: El ghe entra, perché lu el xe sta testimonio quando …

DON ALESSIO: E che colpa ghe n’oggio mi, se ogni volta che capitavo qua, ve trovavo che ve basavi e ve strucavi …

BERTA: Ma el gera testimonio.

DON ALESSIO: E la bate duro.

BERTA: Eco qua. (mostra un pacchetto di lettere e legge). Queste xe le so letare. El senta, el senta che parole che’l me scriveva …

DON ALESSIO: La me lassa star …

BERTA: (legge) Mia adorata, mia, mia, tuta mia …

DON ALESSIO: Che esagerato! … (ride)

BERTA: (c.s.) Ti amerò fino alla morte.

DON ALESSIO: (ride) Che bela resistenza!

BERTA: E questo xe gnente … el senta un’altra.

DON ALESSIO: El la lassa star … Me l’imagino.

BERTA: … Oh, me disgraziata!

DON ALESSIO: Andemo; vola proprio troncar tuto per una piavolada?

BERTA: Troncar? … no ghe n’avaria la forza …

DON ALESSIO: E Alora?

BERTA: Quando el vedarà che ghe mando indrio le so letere da lu, che xe una persona seria, el credarà che mi sia veramente decisa a troncar tuto. El ghe pensarà sora … el gavarà paura de perdarme … el se disperarà! Possibile, el dirà lu … e alora lu, Don Alessio. La xe risoluta! … E st’altro: ma se mi ghe vogio tanto ben. Elu … parcossa ghe dalo dei dispiaçeri? E st’altro …

DON ALESSIO: E lu … e st’altro … la voria farme fare una bela figura.

BERTA: Ma xe per la mia feliçità.

DON ALESSIO: La fassa a modo mio; ste letere la ghe le da indrio ela … Tanto finirà per far la pase.

BERTA: E dove andarà  a finir la mia dignità de dona?

DON ALESSIO: Ma ela no la pensa ala mia, dignità de prete?

BERTA: Va ben, ma lu nol ga miga la morosa.

DON ALESSIO: Senti che roba …

BERTA: El toga ste letere, Mi vogio che Giorgio sia el primo a abassarse …

DON ALESSIO: No togo gnente …

BERTA: E ghe andarà quando che’l podarà …

DON ALESSIO: Go anca da andar a çercarlo?

BERTA: Mi le meto so stà tola. (esegue) dopo tuto lu el xe sta testimonio … Diselo de sì?

DON ALESSIO: No, no. Mille volte no! …

BERTA: Alora presto sul Gazetin el lesarà de un suicidio.

DON ALESSIO: De chi?

BERTA: El mio!

DON ALESSIO: Cara ela, la me fassa un baleto! Tutt’al più la sarà bona de farghe ciapar ‘na paura stamaledeta ai so genitori che ghe vol tanto ben …

BERTA: El ga ragion perché mi vogio viver per amar el mio Giorgio.

DON ALESSIO: La vada là che la xe una bela macia … (ride)

BERTA: El ride? Alora la xe dita.

DON ALESSIO: Un cavolo no xe dito gnente.

BERTA: Mi adesso vado da lu, ma dopo torno per sentir se Giorgio el xe ancora tuto mio! E se tuto va ben, salo cossa che fasso? Lo invito alle mie nozze come …

DON ALESSIO: Testimonio …

BERTA: Grazie Don Alessio, grazie. (uscendo) Che simpatico che’l xe (corre via).

DON ALESSIO: Gavevo dito de no! … Ma varda ti cossa che me capita per quele quattro, çinque magnae a gratis che go dà. Anca ela povareta la capisso … intanto no son andà avanti co la storia de sacerdozio … (si rimette per scriver).

Scena decina

Vescovo, detto indi Radegonda

VESCOVO: (entra vestito da vescovo) Chi faceva rumore qui?

DON ALESSIO: Rumore, de strada … semo a do passi dal Ponte de Rialto.

VESCOVO: Ha finito?

DON ALESSIO: Scusi … Vado a tor quei do tre atestati de lode che go in valizeta.

VESCOVO: Intanto prendo quello che ha scritto (prende anche le lettere di Berta)

DON ALESSIO: (sta per entrare nella sua cameretta quando esce Radegonda in camicia da notte; retrocede spaventato) Cossa xe?

RADEGONDA: Oh, povareta mi! …

VESCOVO: Una donna nella sua camera? E’ madornale! … E’ madornale! … (esce irritato).

DON ALESSIO: Ma no eccellenza; no’l creda …

RADEGONDA: (come trasecolata) Ma dove sogio?

DON ALESSIO:Ghe lo domando a ela.

RADEGONDA: Ah, Don Alessio … la mia malatia …

DON ALESSIO: Ma la ga una malatia che no me comoda gnente afato.

RADEGONDA: Oh, povera mi! … (esce a sinistra).

DON ALESSIO: Anca el spetro de la morte imbriaga! … Son rovina! E gaveva apena dito benedeta la volta che son vegnuo in stà casa … (cerca le lettere sul tavolo) Dove xele? … Oh, povaro mi … El le ga tolte lu …

Scena undicesima

Bepi e detto

BEPI: (entra) Cossa çerchelo, DonAlessio? Cossa galo che lo vedo agità?

DON ALESSIO: Go … go … che adesso xe saltà fora dalla mia canera so sorela Radegonda …

BEPI: Oh povareta … la xe sonnambula …

DON ALESSIO: Anca sonnambula! No me mancava altro! E nol sa che le letere dei morosi le ga tolte lu? E che mi al pensiero de lo scandalo che nassarà go le buele che me trema in pansa? (campanello) e go un gran mal de testa. Anzi vado a butarme in leto, e spero che no ghe sia un’altra dona … (entra furente nella stanza).

Scena dodicesima

Casimiro, Bartolomasi e detto

BEPI: Letere, morosi … Buele … mi no go capio gnente.

CASIMIRO: Signor padrone, xe arivà.

BEPI: El vescovo?

CASIMIRO: No signore, il Conte Bartolomasi …

BEPI: Avanti, avanti …

CASIMIRO: (introducendo il Conte) S’accomodi signor Conte (via).

BEPI: Caro conte, ben vegnuo.

CONTE: (entra ansimando) I xe vegnui a ciamarme co’ tanta premura … (si asciuga il sudore).

BEPI: Perché vogio comunicarghe la grande notizia … La Berta finalmente la se ga deciso per lu …

CONTE: (sorride) Eh, me gero inacorto fin da geri de sera … Sempre viçin de mi la xe stada … Cara! …

BEPI: Questo el xe un piaçer par mi, ma anca per lu …

CONTE: Çerto … çerto … e grazie della bella notizia … ma me par che al punto che semo podaressimo tratarse più in confidenza … senza quel lei … darse del ti …

BEPI: Ah … capisso! Volemo darse del ti? Ma co’ entusiasmo! …

CONTE: (gli stringe la mano) E da novo tanti ringraziamenti per la bela notizia che ti me ga dà … Grazie! … (si avvicina commosso; indi fa per avviarsi).

BEPI: Ciò … conte … Dove vastu? Se ti vol saludar la putela la xe de là …

CONTE: E lo so! Ma vusto che me presenta cussì? Co le man vode? …

BEPI: Ah, ghe son … L’omaggio floreale?

CONTE: Sta volta qualcossa de megio … de megio …

BEPI: (contento) Oh, oh! … ghe xe in balo l’oro?

CONTE: Ma tasi sa? No dirghe gnente a ela, vogio farghe una sorpresa. Zito per adesso (s’avvia, ma si ferma di colpo).

BEPI: Zito come una tomba! Che degna persona, che simpatico!

CONTE: E adesso lassime dir …

BEPI: Ma disi, disi tuto quel che ti vol …

CONTE: (accostandosi a braccia aperte) Papà!

BEPI: (sorpreso) Dove xelo?

CONTE: (abbraccia Bepi) Papà mio! …

BEPI: Ah mi? Ma çerto figlio mio! … Caro figlio! (abbraccia).

CONTE: (esce asciugandosi una lacrima).

BEPI: Lo sapevo che gavaria finio per deventar so papà …

Scena tredicesima

Berta e detto

BERTA: Papà gastu visto Don Alessio?

BEPI: Mi digo che’l xe deventà mato! El s’ha tanto spaventà nel vedar Radegonda in stato de sonnambulismo, a sortir da la so camera … che’l m’ha tambascà, coi oci fora da la testa … de le letere de morosi … de buele …

BERTA: (con sospetto) Letere de mprosi?

BEPI: El se ga serà in camera! E sto vescovo che no tiva! … No voria che’l se fusse sbaglià de piano, e’l fusse andà dai inquilini qua de sora … vado a vedar … E ti Berta, alegra! Cosse grandi! No posso parlar, perché go promesso … Ma rallegrati! La tua ora è segnata (esce in fretta, felice).

BERTA: (sola) Altro che ore … ma cossa xelo andà a contar al papà de le letere … Cossa gavaralo combinà quel pastisson de un prete … (va a bussare da Don Alessio) Don Alessio … el verza … presto …

DON ALESSIO: Non si apre a nessuno.

BERTA: No’l diga sempiae … Son mi … Berta …

Scena quattordicesima

Vescovo, detta indi Don Alessio

VESCOVO: (entrando) Ma come? Un’altra donna alla porta di Don Alessio?

BERTA: (voltandosi e vedendolo vestito da vescovo) Lei! … Oh, eccellenza! (fa per inginocchiarsi).

DON ALESSIO: (entra in fretta) Go dito che … (vede il Vescovo e fa per ritirarsi).

VESCOVO: No, no … Lei rimanga, e mi spieghi che cos’è questo imbroglio. Chi era quella donna che usciva dalla sua stanza?

DON ALESSIO: La sonnambula, eccellenza!

VESCOVO: Non scherziamo.

BERTA: Sì, eccellenza, è mia zia che va soggetta a tali crisi da camminare dormendo.

VESCOVO: E lei signorina, perché bussava da Don Alessio?

BERTA: Ecco, io bussavo … Per avere notizia …

DON ALESSIO: Circa un affare piuttosto delicatello …

VESCOVO: A riguardo di queste lettere forse? (le mostra).

BERTA: (indignata) Le mie lettere! Don Alessio non l’avrei creduto capace di simile azione …

DON ALESSIO: E che colpa ghe n’ho mi! Lei le gaveva puzate sul tavolo. Sua Eccellenza le ha viste, e le ha brincate … Cossa ghe entro mi?

BERTA: Eccellenza, quelle lettere son mie.

VESCOVO: Per essere più giusti sono di mio nipote, che certamente mi avrebbe autorizzato a leggerle. Ma come mai le aveva Don Alessio?

DON ALESSIO:  Ecco eccellenza … xe che … xe che …

VESCOVO: Xe che? … Lasci parlare la signorina …

DON ALESSIO: (fra sé) Sarà megio!

BERTA: Mi sono accorta che Giorgio … Il signor Giorgio, non era più affettuoso con me …

VESCOVO: Ma se quelle lettere sono scritte con tutto il cuore ad una ragazza che pare lo ricambi di pari affetto?

BERTA: Prima! Ma adesso nol me vol più ben, e cussì gavevo pregà Don Alessio de restituirghele.

VESCOVO: (a Don Alessio) E questa lei la chiama una incombenza piuttosto delicatella …

DON ALESSIO:  Ecco eccellenza … xe che … xe che …

VESCOVO: Xe che … xe che … fa più bella figura a tacere.

DON ALESSIO: (fra sé) No’l ga miga torto.

BERTA: Adesso el ghe fa una corte spietata ad un’altra donna sotto i miei occhi.

VESCOVO: E lei solamente per questo motivo vorrebbe prendere una decisione così draconiana?

DON ALESSIO: Precisamente quello che ho detto io. Lei vorrebbe prendere una decisione così gnana! …

VESCOVO: Ma stia zitto una buona volta.

DON ALESSIO: Sia fatta la sua volontà.

BERTA: No, eccellenza, io voglio essere sicura del suo affetto, perché voglio essere per lui una moglie innamorata ed onesta. Come voglio io in lui uno sposo innamorato e fedele.

VESCOVO: Questi sono ottimi sentimenti! (a Don Alessio) Non le pare?

DON ALESSIO: Altro che!

Scena quindicesima

Giorgio e detti

GIORGIO: (entra) No, no vado mi. (vedendo il vescovo) Lei signor zio? Me volevelo qua per spiegar tuto? Ma come mai la signorina xe qua?

VESCOVO: La signorina è qui per una ragione molto seria.

DON ALESSIO: Eccellenza, se permette, io mi ritiro nei miei privati appartamenti.

VESCOVO: No, no, rimanga. Lei è troppo addentro nella faccenda per servire da buon testimonio.

DON ALESSIO: (fra sé) Testimonio vita natural durante, go sempre paura che salta fora qualcossa.

VESCOVO: (a Giorgio) Queste lettere, a quanto pare, dovrebbero essere restituite a te.

GIORGIO: Gera da immaginarselo sto bel gesto! Specialmente dopo el contegno de geri sera.

BERTA: Sì … xe vero … go fatto mal a mostrarme leggera verso el conte. Ma lo go fatto per vendicarme … per farghe dispetto a lu.

GIORGIO: Una comoda scusa, signor zio. Mi la conosso ben la ragione vera de quel contegno … e per questo go portà anca mi le so lettere per darghele indrio … eccole qua … (le consegna al vescovo).

VESCOVO: (sorride) Ragazzi miei … ed io che cosa me ne faccio di questi pacchetti?

BERTA: Restituirghele, perché el vol sposar la vedova.

GIORGIO: Restituirghele, perché la vol deventar contessa.

VESCOVO: (a Berta) Come, lei vorrebbe sposare quel vecchi?

BERTA: Io sposare quel rimbambito d’un vecchio? Me l’ha detto lei?

VESCOVO: Scusi signorina, io non ho detto questo.

BERTA: Io voglio amare veramente solo quello che sarà mio marito.

VESCOVO: (a Don Alessio) Sa che questa ragazza mi piace?

DON ALESSIO: Anca a mi (controscena).

BERTA: Xe mio papà che voria …

VESCOVO: Ah, il babbo … quel tale musceto che, secondo voi va matto per le belle donnine?

DON ALESSIO: Ma io non l’ho detto, Eccellenza.

VESCOVO: Però lo ha fatto capire.

DON ALESSIO: (a parte) No se ghe va miga fora co’sto prelato! …

VESCOVO: Vorrà dire che al padre della signorina, potrò parlare io.

BERTA: E’ inutile Eccellenza; dal momento che Giorgio vuole troncare …

VESCOVO: Ma anche lei voleva fare la stessa cosa …

BERTA: No, io non volevo troncare … Lo sa anche Don Alessio …

VESCOVO: Ma bravo Don Alessio!

BERTA: Con questa prova volevo essere sicura del suo affetto … e che tornasse a me, buono e pentito …

GIORGIO: Anca mi, signor zio, volevo fare l’istessa prova! (va al fondo con Berta).

VESCOVO: Davvero? Ma sapete che siete due bei furboni? Oh, Quel benedetto amore quante ne sa suggerire! Vero Don Alessio?

DON ALESSIO: Me lo dica a me … Cioè, no a loro … a lei … a lui …

Scena sedicesima

Bepi e detti

BEPI: (entra, resta sbalordito) Cossa? … Maria vergine … Lui … Lei … Eccellenza mi scusi.

VESCOVO: No, signor Cornetti, sono io che debbo scusarmi per la mia finzione, che del resto mi è stata molto utile. E glielo dico subito! Se io sono qui è unicamente per fare piacere a mio nipote.

BEPI: Questo lo so, ma …

VESCOVO: E sa la ragione? Per avvicinare la signorina Berta, che mio nipote ama e vuole sposare. I due giovani sono innamorati.

BEPI: Cossa? … Ela … Lu … Oh, bela! …

VESCOVO: Ma questo lei non lo sapeva?

BEPI: Creda, mi giunge nuova …

VESCOVO: Così mi sono convinto che la giovane ha ottimi sentimenti, tanto che da parte mia non avrei nulla in contrario …

BEPI: Certo, questo è un grande onore che mi fa sua Eccelllenza … ma xe che la Berta la xe impegnada col conte Bartolomasi …

VESCOVO: Siamo giusti! … ad impegnarla è stato lei … e mi permetta che parli con franchezza, perché a costo di farla infelice, voleva farla contessa …

BEPI: No per questo solo eccellenza … xe che io ho dato la parola ed io sono un uomo rigido, severo, tuto di un toco …

VESCOVO: Non tanto rigido, se lei procura dei dispiaceri in famiglia con i pasticcetti e capriccetti amorosi …

BEPI: La prego di credere che non è vero.

VESCOVO: Abbiamo dei buoni motivi qui … (rivolto verso Don Alessio).

DON ALESSIO: Testimoni! (tra sé) Addio dozena … no se magna più …

BEPI: (a Berta) Ma cossa distu?

BERTA: Mi ghe vogio tanto ben a Giorgio (l’abbraccia).

BEPI: E parcossa no ti me lo ga dito?

BERTA: Se no ghe gera sua Eccellenza ti gavaressi dito de no.

BEPI: Ma adesso co vien el conte, cossa ghe digo?

VESCOVO: Ci pensi lei … (ride) Venite, venite ad aiutarmi ragazzi, a presentare i miei ossequi agli altri signori, come Vescovo …

BEPI: Ma mi, ma io …

VESCOVO: Chi ha fatto del male, faccia anche la penitenza. Andiamo di là … (tutti lo seguono).

BERTA: Eco (via).

GIORGIO: Eco (via).

DON ALESSIO: Eco (fa per uscire). (Campanello).

BEPI: (lo ferma trascinandolo davanti) Ah, lu el sta qua! La ringrazio per la bela reclame che’l me ga fato col vescovo …

DON ALESSIO: Mi? Se no go gnanca verto bocca!

Scena diciassettesima

Casimiro, Bartolomasi e detti

CASIMIRO: (annuncia) Il signor Conte Bartolomasi (via).

DON ALESSIO: (fa per uscire) Compermesso!

BEPI: Ah, no! Lu el resta qua. No se sa mai, podaria aver bisogno de un testimonio.

DON ALESSIO: E daghela! … (si siede sul sofà).

CONTE: Eccome qua. Gogio fato presto?

BEPI: Oh, prestissimo.

CONTE: Dove xela la Berta?

BEPI: I xe tuti de là, perché xe arivà el vescovo.

CONTE: Megio cussì el savarà anca lu …

BEPI: Ma ti savarà anca ti caro amico …

CONTE: No ti me ciami più figlio? …

BEPI: Sì, sì sempre … sentite che xe megio … (fa sedere il conte al tavolo).

CONTE: Ghe xe qualcossa de novo?

BEPI: Oh, gnente! Una piavolada! … per el to matrimonio xe successo un piccolo equivoco, la Berta la te vol ben …

CONTE: Oh, cara … lo so …

BEPI: Ma proprio adesso la me ga confessà che la xe inamorada morta del nevodo del vescovo e che no la sposarà altri che lu.

CONTE: (scattando) E ti ti lo ciami picolo equivoco? (in piedi) Ah, questa po’.

BEPI: Cossa vustu, nella confusion de sti giorni me gera passà da la mente …

CONTE: Ma ti dovevi ricordartelo … No ghe par Don Alessio?

DON ALESSIO: (seccato) El doveva farse un gropo col fazzoletto!

CONTE: E cussì la signorina Berta la me ga tolto in giro! (mostra) e mi che gavevo apena adesso comprà per ela sto braccialetto (a Bepi).

BEPI: Oh, che belo! … (con improvvisa idea, piano a Don Alessio) Don Alessio … un’idea … el vaga a dirghe a la Renata che la vegna qua subito; ma subito …

DON ALESSIO: (a parte) Vorla refilarghela al vecio?

BEPI: Svelto el cora!

DON ALESSIO: (esce da sinistra).

CONTE: (passeggia nervoso).

BEPI: Dal resto ti devi scusarme figlio mio!

CONTE: Ah, no! Basta! Gnente più figlio.

BEPI: Come no! Ti pol esserlo ancora!

CONTE: In che maniera?

BEPI: Un poco de colpa ti la ga anca ti!. Ti me ga dito sempre che la Renata e la Berta le te piaseva tute do insieme … e mi me son confuso tra la Berta e la Renata … la Renata e la Berta …

CONTE: Ma a mi me piaseva de più la Berta.

BEPI: E mi credeva la Renata … ti sa … me pareva … che fusse la più adatta par ti …

CONTE: Ti disi sì? E parcossa no? Cussì me podaria vendicar terribilmente del rifiuto …

BEPI: Credi a mi! Per el tuo temperamento focoso meridionale, la Renata la xe megio.

Scena diciottesima

Renata, Don  Alessio e detti

RENATA: Me gastu ciamà, papà?

BEPI: Parla in lingua, cara, perché il momento è solenne! … (piano a Don Alessio) tutto giustà.

DON ALESSIO: El fa presto lu …

 BEPI: (al conte) Parla amico! …

CONTE: Signorina Renata … (porge l’astuccio) Ho l’onore di porgerle questo dono.

RENATA: Per mi? … Oh, che belo! … grazie! (lo prende).

CONTE: Ed ho l’onor, l’altissimo onore, di chiedere al suo signor padre la sua mano …

BEPI: Che io accolgo di rurro cuore.

CONTE: Cossa ghe ne disela?

RENATA: Onoratissima … ma ghe xe un picolo inconveniente, piccolissimo inconveniente …

CONTE: Cossa? Anca ela? … quale? …

RENATA: Che mi posso accettare il presente, ma in quanto alla mano, io sono innamorata de un altro, no sposarò che quelo …

CONTE: (riprende l’astuccio) Ah, questo po’ xe tropo! (a Bepi) E ti ti savevi?

BEPI: Mi no so gnente, Renata, xe un scherzo?

RENATA: Ma se lo sa anca Don Alessio?

BEPI: Anca questo el saveva? Ma chi xelo?

DON ALESSIO: El xe quelo de l’osservatorio romano.

BEPI: El giornalista che’l vegniva per le notizie e per i soffietti?

DON ALESSIO: El vegniva par la putela.

BEPI: (furente) Scometo che’l xe uno de queli che’l me ga dà del strossin per lettera. Con quelo mai e poi mai!

RENATA: La vedaremo! … Semo boni anca de scampar insieme.

BEPI: Eco l’educazion moderna! E mi te serarò in un convento.

RENATA: No se usa più papà! No’l sente Don Alessio (ride), serarme in un convento.

DON ALESSIO: In do giorni …  tuti spretai.

RENATA: Ma pensa papà che gavemo in casa un vescovo, e non ti pol far scandali … vero Don alessio?

DON ALESSIO: Il cerimoniale lo vieta.

CONTE: (col braccialetto) E mi adesso cossa me ne fasso de questo?

DON ALESSIO: El ghe lo daga a la vedovella: quela la ciapa tuto …

CONTE: E parcossa no? La sarà una tremenda vendetta …

Scena diciannovesima

Casimiro, Matilde, Dionisio, detti poi tutti

CASIMIRO: (entrando) La colazione è pronta! (via)

VESCOVO: (entra seguito da tutti gli altri)

MATILDE: (entra vestita esageratamente) Gavemo fato tardi?

DIONISIO: (entra vestito con una prefettizia – cappello duro).

BEPI: (vedendo i due vestiti e quella foggia) Maria Vergine! … in che stati! Andé via, andé via che no ve veda el Vescovo!

VESCOVO: Perché signor Giuseppe? Ho saputo anche questo, che lei voleva mandarli via, mentre essi hanno diritto di rimanere, e quale diritto! Ci pensi … Ci pensi signor Giuseppe!

MATILDE: (si inginocchia).

DIONISIO: (si inginocchia) Oh Eccellenza!

VESCOVO: (ai due inginocchiati) Su, su! Si accomodino anche loro! (tutti fanno gruppo attorno al vescovo).

BEPI: El xe sta lu a dirghe al vescovo che volevo mandar via mio fradelo? Porlo esser più ciacolon de cussì?

DON ALESSIO: Mi, se no go gnanca verto bocca!

GIGIA: (entrando) Xelo arivà el Vescovo?

BEPI: Vardilo là!

GIGIA: (va a baciare la mano).

BEPI: E vorlo dir che nol xe sta lu a meterghe dei pulesi nela recia a mia muger per via dela vedovella?

DON ALESSIO: Ah, adesso basta salo! Questo adesso passa i limiti, e za che el ghe tien tanto al testimonio, adesso ciamo proprio ela perché la giustifica. (a Gigia) La scusa signora, una parola …

GIGIA: Cossa vorlo? (si avvicina Don Alessio).

DON ALESSIO: La diga ela, che la xe quela dona che la xe … Se mi go mai scaldà la testa co’ la vedovella e so mario? …

GIGIA: Ma … veramente …

BEPI: Galo visto?

DON ALESSIO: Mi? Se go sempre giurà de no verzer bocca! No go gnanca dito de averli visti che i se basava su le scale …

GIGIA: (con un urlo sviene). (tutti accorrono).

VESCOVO: Che cosa è stato?

DON ALESSIO: L’emozion de vederla, Eccellenza!

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno