I caài d la bisnòna

Stampa questo copione

Scena: Una sala o soggiorno, ingresso per due camere e porta d’entrata.

I  CAÀI  DE  LA BISNÓNA

ovvero :

“Dò  sorèle  de  maridà

el  spisiér  el  sa  mìa  che  fa”

commedia in due atti di

velise  bonfante

Scena: un soggiorno con tavolo e sedie, un divano con sopra un plaid e dei cuscini, un tavolinetto con uno specchio. Telefono; mobile, brocca d’acqua e bicchieri. Da un lato una o due porte per le camere e dall’altro la porta d’ingresso. Un orologio segnerà circa le 10 e mezza del mattino. Ci saranno alcune carte di caramelle sul pavimento

Personaggi:  1 - Bisnonna                   - madre di Giustina (arzilla ultraottantenne)           

                    2 - Giustina                     - la madre delle 3 sorelle (60 anni circa)     

                    3 - Cleofe                        - la sorella zitella (40 anni circa)

                    4 - Miriana                      - la sorella vedova     

                    5 - Armida                      - la terza sorella sposata

                    6 - Ludovico                   - marito di Armida

                    7 - Luigina                       - figlia di Miriana (20 anni circa)

                    8 - Amelia                       - vicina di casa.

                    9 - Arturo                        - marito di Amelia

                 10 - Clemente                   - el spisiér  (il farmacista)

                  11 - Siùra Natalina            - la mamma del spisiér

ATTO PRIMO

Scena 1 - Giustina e la figlia Miriana

(Fuori scena, Amelia e Arturo si sentono litigare furiosamente.)

Arturo) Ensóma, só nat a laurà.

Amelia) A me, me bala ‘n öc Arturo.

Arturo) Amelia crèdem, l’è la verità.

Giustina) (Entra e sistema dei fiori in un vaso) Sèmper dré a tacà béga chèi du le. L’Amelia l’è gelùsa föra de misüra. L’Arturo col mestér che ‘l fa l’è sèmper en giro e se ‘l ghés de vulì le ocasiù le ghe manca mia.

Miriana) (Entra in vestaglia massaggiandosi il viso con una crema) Mama, me ocorarés dei sólcc che g’hó finìt la crèma de la fàcia e ‘l balsamo per i caèi e ‘l smalt per le önge.

Giustina) Cara Miriana te ghé le mà büse compàgn de ‘n creèl! En chèsta casa bisògna ambià a tirà cinghia.

Miriana) E me, bisogna che me tègne sö se vöi spuzàm amó n’altra ólta, te par?

Giustina) Par o par mia, el fato l’è che me ghe nó pö gna ü de dàt. G’hó mia la pianta de sgorléser. L’unica che la podarés dàtei en chèsta casa l’è la me mama, cioè la tò nóna.

Miriana) La nóna la g’ha ‘l ganf en de la scarsèla. G’hó pröàt en möcc de ólte, se rìa gna a parlàga ensèma: l’è surda compàgn de ‘na campana. Cosa se na faràla de töcc chèi sólcc a la sò età?!

Giustina) Poarìna, la se j-è mès en banda perchè la völ en bèl funeràl. La völ en funeràl de lùsso mìa de schèrs: co’ la banda che sùna la marcia funebre. En prét daànti e giü dedré e ‘l turìbol co’ l ’incèns... e la völ dés pretasì (chirichètti) per banda.

Miriana) Cóstei isé car i précc e i pretasì? (chirichètti)

Giustina) Précc e pretasì nò, ma la caròza négra tiràda da quàter caài négher, te me capìset. Ma te, a propòsit, se sa gnamó gnènt del testamènt del tò póer òm?

Miriana) Gnènt e le me cögnade, chèle malmustùse, chèle piuciùne, bùne apéna per i cài, le völ töt per lüre. Pensà che ‘l me òm, poarì, el tignìe compàgn de ‘na reliquìa.

Giustina) E la vila?

Miriana) (Elencando) La vila, la casa al mar, el cönt en banca, la fabrica: töt blocàt per chèle engurdaciùne, lùdre de le me cögnade. Bröte strìe.

Giustina) E ‘ntant?

Miriana) Entant gnènt, somèa che ‘l testament el ghe sape mia; ma sta tranquila mama che se la và bé, me sistéme amó ‘na ólta cól spisiér de Brésa, lü l’è pié de sólcc e me podaró amó spénder e spànder.

Giustina) Speróm. (Al pubblico) Non c’è il due senza il tre. (A Miriana) L’è che i tò mariti i t’ha üsàt tròp bé, cara Miriana. A forsa de spénder e spànder te sét restada löstra come ‘n póm.

Miriana) Che pecàt, che sia el prìm che ‘l secónd, (si fa il segno della croce) pace a l’anima, siòri cóme che j-éra,  i me n’ha  lasàt gna ü!

Giustina) (A Miriana) L’è pròpe en pecàt. En pecàt mortàl. (Al pubblico) Entat me tóca scöntàl me el só pecàt. (A Miriana) Basta che stó spisiér el se decide a la svèlta fra te e tò sorèla.

Miriana) Me sorèla Cleofe? Vöt schersà mama? Le e gnènt de séna l’è la stèsa ròba. (Esce, ritornando in camera sua).

Scena 2 - Giustina e la madre (la bisnonna)

Giustina) (Mentre parla si toglie il grembiule, si mette le scarpe ed infila il cappotto) Speróm che stó spisiér el cate föra a la svèlta la me Miriana. Töte le olte che la resta vedova co’ na scüsa o co’ n’ótra la turna sèmper ché a fas mantègner. (Raccogliendo alcune carte di caramelle) Fra le e sò fiöla Luigina nó le sposta gna ‘na paja. La Miriana l’è buna apéna de spènder e me niùda l’è buna apena de catà sö carte de caramèle.

(Suona il telefono, Giustina va a rispondere.)

Giustina) Siòr avvocato... buon giorno, se ...  la Miriana... la ciamo subito. No, va bene glielo dico io di passare dal suo ufficio. Senz’altro. Sicuramente... buongiorno.  (Depone la cornetta e chiama la figlia) Miriana... Miriana... chissà ‘n dó l’è nàda, l’éra ché adès. (Guarda l’orologio) Se l’è tardi, bisogna che me peséghe a nà a fa le spese. Ghèl disaró dòpo.

Bisnonna) (Entra. È sorda solo quando vuole, è affetta da un leggero prurito causato da allergia al troppo mangiare e che lei crede causato dalle zanzare, per cui dà loro una caccia spietata. Entrerà sempre con un giornale piegato o con una paletta per ammazzare le mosche.) Chi el che gh’è ‘ndré compàgn de ‘n òpol?

Giustina) Nüsü mama e te sta mia fa finta de èser surda.

Bisnonna) Varda che me só mia engùrda Giustina: mànge sèmper póch e gnènt.

Giustina) Enfati, l’è per chèl che te sé sèmper piena de tòsole. El só che te fé aposta a èser surda. Te ghé póra èhh, che te parle de sólcc? Tò mama (porgendole le carte di caramelle raccolte) dàghele a la Luigina. L’è zà tarde e g’hó amó de nà a fa le spese (esce).

Bisnonna) (La rincorre fin sulla porta) Sta pö comprà la mortadèla che la me vé föra dai öcc! (Torna sui suoi passi) Chisà se la g’ha sintìt!? A olte la me par finamài sùrda.

Scena 3 - Luigina e la bisnonna

Luigina) (Entra in pigiama sbadigliando e stirandosi) Ciao nóna bis.

Bisnonna) Ciao Luigina sét leàda sö... varda che ura che l’è. (Si toglie dalla tasca alcune carte di caramelle) Tò ciàpa, per la tò colesiù de carte de caramele.

Luigina) Grasie nóna bis (le guarda attentamente) Che bèle löstre, gh’è nüsü che g’ha ‘na colesiù compàgn de la mia, g’hó ambiàt amó de picinìna a fala sö, a tré agn e mès. J-è bu töcc de catà sö i bói, le monéde o le farfàle... me càte sö le carte de le caramèle. E adès ghe n’hó vintiquàter scatulù pié: töcc pié de carte de caramèle!(Esulta.) Chèsta la me manca!

Bisnonna) Te fa mal la pansa? Póera la me Luigina.

(Fuori scena si sente litigare Amelia e Arturo, i vicini di casa.)

Amelia) A me fam ‘na ròba compàgn. Farabutto!

Arturo) Varda che te te sbàgliet Amelia.

Amelia) Me sbaglie mia.

Arturo) Ma cosa vét a pensà Amelia?!

Amelia) T’èl sét che vöi mia che te me cöntèt le bàle!

Luigina) J-è sèmper dré a tacà bega chèi dü le.

Bisnonna) G’hó mia capìt: che ròba fal lü de gioedé?

Luigina) Gnènt el fa de gioedè l’Arturo. Sculta nóna (le mette il braccio a spalla e le da un bacino) cara la me nóna bis, t’èl sét che me te vöi en gran bé?

Bisnonna) Ah, de venerdé!

Luigina) Nóna, gna de gioedé e gna de venerdé. Scùlta, el sét che me garés bisògn de en piazér.

Bisnonna) Vé che ‘l spisiér? Quando!? Gioedé o venerdé?

Luigina) (Alzando la voce) Nò, me ocór en piazér... en piazér nóna ... a me... me ocorarés dei sólcc.

Bisnonna) Gh’è mia bisògn de uzà Luigina, me só mia surda.

Luigina) Alùra ghé l’ét mia en qualche soldino per tò niùdina? ‘Na qualche palanchina de ‘mprestàm?

Bisnonna) Vöt mangià pa e salàm?

Luigina) Se alà nóna, (se ne va sconsolata) g’hó capìt, (fra sè) l’è mèi che nàghe a vistìm e a sistemà le me carte de le caramèle (esce a vestirsi).

Bisnonna) Cosa ùsela pò! (Rimasta sola) L’è véra che fó fadìga a sènter e só ‘n pó surda. (Sarcastica) El fato l’è che quan che se trata de sólcc ghè sente gnènt del töt. Nóm a véder se gh’è restàt vargót de mangià en cuzìna (ammazza una zanzara invisibile) me só mia ma le ure, per me, le suna sèmper mesdé! (esce).

Scena 4 - Cleofe e Miriana

(Cleofe porta gli occhiali, è miope. Entra col grembiule, indaffarata spolvera e lucida.Subito dopo entra Miriana tutta elegante e pronta per uscire, si rimira in uno specchio e si accomoda i capelli.)

Cleofe) En dó sét dré a ‘nà töta tiràda a malta fina?

Miriana) A fa du pass. Caminà fa bé a la salute, el fa pasà le malinconie, conserva giovani, el fa bé a la circolasiù, a la digestiù e a tante altre ròbe.

Cleofe) Miriana, g’hó gnamó capìt, ma quando te se restada vedova e te sé vignida a sta ché con de tò fiöla Luigina…

Miriana) (Interrompendola) ...ricorda Cleofe che ospità ‘na vedova con sò fiöla l’è n’opera de la misericordia.

Cleofe) Me só tò sorèla, só obligàda a ospitàt, ma te en del vègner a sta ché, cosa ghét pensàt! Che me te fàes de cameriera!?

Miriana) Prima te me òspitet e adès te m’èl rinfàcet?

Cleofe) Cara la me Miriana, te mànget e te beèt col co ‘n del sach, te set servìda e riverìda, te te tìret vià gna la scagna da sota el cül quan che te léet sö da taola e tò fiöla Luigina...

Miriana) (Interrompendola) Làsela sta me fiöla che la g’ha de stüdia. Se la stüdia mia come fàla a dà j-esam e a laureàs?

Cleofe) Macchè stüdià e stüdià. Léle, l’è apéna bùna de cöntà le carte de le caramèle.

Miriana) Per forsa, la me Luigina la fa la colesiù, l’è da quan che la ghìa trè agn che la j-a cata sö.

Cleofe) E che la  j-a làsa en gìro. Dapertöt gh’è carte de caramele en chèsta casa e l’è ùra de finìla.

Miriana) Sét leàda sö co’ la caàgna envèrsa stamatina? Se pól saì chèl che te völèt da me e da me fiöla?

Cleofe) (Perentoria) En pó de collaboraziù, va bé! O ghét póra che te süde la lèngua en bóca!

Miriana) Collaboraziù en che sènso scüza.

Cleofe) Nel senso de fa i mestér de casa: laà, sopresà, tirà zó le sbùrsole, spasà, fregà zó.

Miriana)  Quante storie, te j-e sèmper facc i mestér, fat aidà da la mama o da la nóna.

(Fuori scena si sentono dei rumori, le due donne tacciono e ascoltano. Miriana è perplessa.)

Amelia) Te dìze che chèsto l’è rosèt.

Arturo) L’è gelato.

Amelia) Gelato ros?!

Arturo) Gelato a la ‘marena.

Cleofe)  J-è amó i nòs vizì de casa che tàca béga.

Miriana) L’amùr sensa baröfa el fa la möfa. Bé gnènt, adès vó a fa ‘du pass, magari encóntre apó el me spisiér en piàsa.

Cleofe) El tò?!!?? El me!!!  Lüle el me spuzarà me. Me só amó signorina.

Miriana) Signorina?! Zitella! Pöta! Perché nüsü t’ha vulìt. Te sét vardada bé a le spèc Cleofe!? L’aspetto l’è importante se te vöt fa colpo sö j-òm (squadrandola da capo a piedi) e de sicür te, te faré mai colpo consàda isé.

Cleofe) E te, l’é ura che te la móchet lé de fa la giovincèlla Miriana, ghét mia vergogna a la tò età?! Te sét pö vècia de me de sich agn.

Miriana) Saró pö vècia de sich agn, ma pare tò fiöla!

Cleofe) Me fiöla?! Te set vardàda bé Miriana?!

Miarana) E te te sét speciàda bé Cleofe?! La tò l’è töta invidia, te pàrlet sul per invidia, perchè ‘l spisiér a la fì el catarà föra me envéce de te.

Cleofe) Chèsto l’è amó de véder.  Me só pö bràa de te a tègner la casa.

Miriana) Coi sólcc che ‘l g’ha el spisiér: pòde töm la cameriera.

Cleofe) Me só pö bràa de te a fa de mangià.

Miriana) Coi sólcc che ‘l g’ha el spisiér: se pöl ‘na a mangià sèmper al ristorante.

Cleofe) Me só bùna de cùzer, de ricamà.

Miriana) Coi sólcc del spisiér, me, töe la ròba za ricamàda e isé me ruìne gna i öcc.

Cleofe) Sét pròpe sicüra de spuzà el spisiér Miriana!?

Miriana) Sicurissima cara la me Cleofe, senza alcun dubbio! (Esce)

Cleofe) Staróm a véder chi la spunta cara la me sorèla! (esce anche lei dall’altra parte).

(Fuori scena si sente ancora gridare e litigare.)

Amelia) Te la fó pasà me la òja de fa ‘l fürbo.

Arturo) Me só Innocente, t’el giüre. Làsem spiegà Amelia.

Amelia) Innocente! En galera te mande... en galera…

Scena 5 - Armida e Ludovico

 (Suona il campanello, dopo alcuni attimi  entrano Armida e Ludovico con pacchi e pacchetti.)

Armida) (Entrando, si guarda attorno, chiama) Gh’è nüsü ché? Dai nóm vé dènter con chèi laùr lé.

Ludovico) Armida, érel mia mèi ‘ndà a casa prima e postà zó töta chela ròba ché?

Armida) No, se pudìa mia. Chèl che g’hó de dìga a le me sorèle l’è urgente, e pò Ludovico: quante storie per du pachècc.

Ludovico) (Deponendoli) Ciamèi du pachècc Armida, te ghét vödàt quàter negòse. E menomàl che g’ha ambiàt a piöer.

Armida) Pòstei zó lé ‘n momènt e stöfa mia, g’hó de diga ‘na ròba  urgente a le me sorèle. Urgente. El spisiér el pöl  vègner che da ‘n momènt co l’àlter. (Chiamando) Cleofe? Miriana?

Ludovico) Só pròpe curiùs de véder come che la và a finì che la storia ché. Per me, chèl spisiér lé, el g’ha mia töte le rödele a post: va bé che ‘l vé de Brèsa e a Brèsa gh’è la zènt strana.

Armida) Gh’è gnènt de strano en del nòs spisiér.

Ludovico) Ah nò! Ragiùna: a Brèsa el fàa el spisiér e l’è ‘ndat en pensiù.

Armida) E alùra? Cosa gh’è de strano Ludovico?

Ludovico)  Fin ché gnènt de strano Armida, ma ghe l’hal mia a Bresa la casa lüle? Come mai el völ sistemàs da le nòse bande?

Armida) Se vèt che gh’è piazìt el Lach de Garda e sö Riultèla gh’è gnènt de dì: l’è en gran bèl paés.

Ludovico) En quàter e quatr’òt el g’ha pensàt de spuzàs. Te dìse che l’è strano.

Armida) Magari l’è en pès che ‘l ghe pensa, però el garà mai troàt chèla giösta.

Ludovico) E secondo te, adès, el g’ha troàt chèla giösta!? L’è talmente chèla giösta che ‘l sa mia quale de le tò sorèle catà föra: se la Cleofe o la Miriana.

Armida) Per fòrsa, le me sorèle, ognöna en del sò, töte dò, caro mio, le g’ha en certo fascino, (rassettandosi davanti allo specchio) mia per gnènt j-è me sorèle.

Ludovico) A propòsit, g’hó sintìt che l’è discendente da ‘na famiglia nobile, è ‘l vera?

Armida) Certo! Eh caro mio, gira sèrte uss. La sò, l’è ‘na famèa sö, piena de sólcc...

Ludovico) (Interrompendola) … e piena de bàle. E per via dei sólcc, a me, me bàla ‘n öcc. Ghét vist amó te, en nobile a fa ‘l spisiér?

Armida) (Con sufficienza) El sarà en nobile decaduto.

Ludovico) Decaduto? Burlàto giù! Per me lüle el pènsa de leà sö coi sólcc de le tò sorèle.

Armida) Le me sorèle le ghe n’ha mia tancc de sólcc. A dì la verità le ghe n’ha gna ü che cönta du.

Ludovico) Ma lüle el la sa mia, chisà cosa che ‘l se crèt de troà. A dìl ché fra noàlter Armida, le tò sorèle l’è mia che le siès de le gran belèsse. Lüle el pènsa de catà i sólcc.

Armida) Macchè sólcc e sólcc. Te te capìset gnènt Ludovico.

Ludovico) E le tò sorèle, fürbe... töte dò che le völ spuzà el spisiér. (Sapiente) Te dìse che l’è mia logico.

Armida) Certo che l’è logico; cosa vöt saì te, de la logica de le fómne.

Scena 6 - Luigina e gli zii

Luigina) (Entra con dei libri e abbraccia gli zii) Ciao zia Armida, ciao zio Ludovico. Sie pròpe dré a pensà a voàlter che sif i me zìi preferiti. Come só contenta de vidìf.

Ludovico) Ciao Luigina.

Armida) E come mai Luigina te sét isé contenta?

Ludovico) (Le fa vedere i pacchetti) Se te ocór dei sólcc te càschet mal, tò zia la j-ha spindìcc töcc.

Luigina) Ah sé?!

Armida) T’è pasàt la òja de vidìgn Luigina? Te me pàret mia pö isé contenta.

Luigina) Ma nò, zia (riprende i libri ed esce dall’altra parte).

Armida) (Guardandola uscire) La ghe ‘nà de fa de strada léle.

Ludovico) (Al pubblico) Per rià la fürbisìa de sò màder e l’astuzia de sò zia (indicando la moglie).

Scena 7 - Ludovico e Armida - bisnonna e Cleofe

Bisnonna) (Entra.) Ciao Ludovico, ciao Armida. Quanti pachècc, èi per me? Ghét portàt vargót de bu de mangià? Te mìet empromès le spumiglie.

Armida) Gh’è gnènt per  vó nóna, mangì za tròpa ròba dulsa.

Bisnonna) (Grattandosi) ‘Na bursa? Na bursa de spumiglie!?

Armida) (Al marito) Bisognarà dìga a le me sorèle che (indicando la nonna) l’è mèi scundìla la nóna quan che riarà el spisiér, l’è ön òm isé sitìl, che nó ‘l pènse che noàlter góm la rògna.

Bisnonna) La brògna!? Le brògne! Mèt portàt le brògme sèche? Le va isé bé per la me stitichèssa.

Armida) (Sempre al marito) Fam en piazèr Ludovico, và a sercà le me sorèle.

Ludovico) Se... se... (Ludovico annuisce ed esce).

Armida) (Soprappensiero guardandolo uscire) ...e bisognerà diga a le me sorèle che quan che rìa el spisiér de parlà en italiano, che l’è pö scìch!

Bisnonna) (Ascolta attentamente con aria furba) Met portàt i fìch Armida?

Armida) Nóna, ve i porte la prosima ólta i fìch sèch, en dó èle le me sorèle? Dizìmel per piazér.

Bisnonna) J-ét mès söl sóler?

Armida) (Spazientita) Che ròba?

Bisnonna) I fich sèch.

(Cleofe entra seguita da Ludovico)

Cleofe) Ciao Armida, che fét da chèle bande ché?

Armida) Só vignìda a dif ‘na ròba importante. En dó èla la Miriana.

Cleofe) La gh’è mia, l’è nàda a fa du pass come al solìt. Cosa gh’è de isé ‘mportante?

Armida) G’hó vist en lavanderia la mama del spisiér e la m’ha dit che lü stamatina el vegnarà ché a domandà la mà de giöna de voàltre dò.

Cleofe) (Agitandosi) T’àl dit chi de noàltre dò? Soi me!?

Ludovico) Se ‘l sà gnamó chi che l’è.

Armida) La g’ha dit che ‘l sceglierà al momento, chèla che ghe farà pö bèla ‘mpresiù dopo che ‘l và vist en del vòs ambiente.

Cleofe) En del nòs ambiente?

Armida) Se... encö el deciderà. Bisogna dìghel apó a la Miriana.

Cleofe) Sta tranquila che gh’el dìse me quan che la tùrna.

Armida) Me racomande de dìghel, l’è giösta che la la sàpe apó lè.

Cleofe) Sta tranquila Armida che ghe pense me a dìghel... ciao ciao.

(Mentre le due donne parlano Ludovico raccoglie i pacchetti. Salutano ed escono tutti e due.)

Scena 8 – La bisnonna aiuta Cleofe

Bisnonna) Ghìe ‘na póra che tò sorèla Armida la me domandàes i sólcc. Cosa gh’è Cleofe? Sö Cleofe, sö, tìra via che l’aria de funeràl.

Cleofe) Varda come só che nóna, e adès ve ché ‘l  me spisiér ! La Miriana la và a caminà per mantignìs en furma. Per fórsa l’è ‘n furma, la fa gnènt töt el dé e me, me töca i mestér. G’hó de faga de cameriera a töcc.

Bisnonna) Cara Cleofe el dìs el proèrbe che quan che giü ‘l nas disfürtünàt, ghe piöf söl cül a stà sintàt. Porta paziensa, t’èl sét che tò sorèla l’è fada isé.

Cleofe) Però l’è n’ingiustisia. Me me só mai spuzàda. envece me sorèla Miriana dò ólte e per dò ólte la g’ha vit apó la fürtuna de restà vedova.

Bisnonna) A sto mondo j-è töte ingiustisie cara la me Cleofe.

Cleofe) (Piagnucolosa) E adès la völ spuzàs per la tèrsa olta. E la völ spuzà el me spisiér!

(Fuori scena si sentono ancora i due litiganti)

Arturo) Te pòdet mia Amelia.

Amelia) Certo che pòde.

Arturo) Sta ferma, làsem sta.

Cleofe) Nóna, a ólte me par de èser Cenerentola.

Bisnonna) (Illuminandosi) Cleofe, varda che la storia de Cenerentola la finìs bé. L’è le che la spùza el principe azzurro, en barba a le sò sorèle.

Cleofe) La Cenerentola la ghia ‘na fata buona che l’aidàa.

Bisnonna) E alùra?! Per te ghe só me. E faró en mòdo che ‘l spisiér el te càte föra te e (togliendolo) basta girà col bigaröl. E basta öciai (toglie anche quelli) te aidaró me (sbandierando il giornale o la paletta per le mosche) varda g’hó apó la bachètta magica!

Cleofe) (È miope, d’ora in poi senza occhiali, non vedendo bene si muoverà di conseguenza) Sét te la me fata? Alùra só pròpe bé ‘mpiantàda!

Bisnonna) Sta mia dì isé e scùltem. Prim de töt ghé disóm gnènt a tò sorèla e da adès en poi te ghé de parlà italiano che l’è pö scìch, la la dit tò sorèla Armida. E te ghé de tiràt sö de carezàda, te ghét de trücàt en pó per esèr pö bèla: te mètet en pó de rosèt. En dó èi i trucchi de tò sorèla?

Cleofe) La Miriana la völ mia che me dòpre le sò ròbe.

Bisnonna) Cleofe: parla italiano!

Cleofe) La Miriana non vuole mica che dopriamo le sue ròbe.

Bisnonna)  Vai a tòlli lo stesso, li doperiamo intanto che lei c’è mica.

(Cleofe prende da un cassetto una borsina per i trucchi, ma  non riescono ad aprirla)

Cleofe) Nóna, làsem rimèter j-öciai che ghé vède mia bé.

Bisnonna) Ma gnanca per scherzo.

Cleofe) Se la gné vèt la Miriana coi sò trucchi la gné cópa.

Bisnonna) Cerca di parlare italiano Cleofe, è più scich! Non si dèrve. Tieni sòdo e non punciare.

Cleofe) Me, volarei sapere perchè una sorella compagna mi è toccata proprio a me.

Bisnonna) Tieni sòdo Cleofe che io invito da questa parte.

Cleofe) Più sodo di così nonna!

Bisnonna) Il fatto è che continua a sbiusirmi dalle mani.

Cleofe) Non fare così, non invitare da quella parte, prova a sbassare il pirletto.

Bisnonna) Il pirletto continua a ridolàre, stó brutto canchero.

Cleofe) Bisogna punciare forte. Nonna, me só mica bùona di parlare italiano.

Bisnonna) E io ti dico di parlare italiano che farà più colpo sullo spiziere. Si è derverda. Finalmente. Sentati giù che ti trucco io.

(Cleofe si siede e la bisnonna la trucca leggermente grattandosi ogni tanto.)

Cleofe) Nonna, non sei mica capace di non grattarti?

Bisnonna) Mi fa spìra e quando fa spira non ci sono santi che tengono.

Cleofe) Ma così somèa che hai la rògna, e ci facciamo tutti la brutta figura.

Bisnonna) Quando che arriva lo spiziere io mi scondo e ti lascio a te a fare la bella figura.

Cleofe) Se prima dello spiziere viene in sà la Miriana siamo rovinate.

Bisnonna) Sbassati giù ancora en po' che non ci arrivo a sgionfarti i capelli.

Cleofe) (Alzando la voce) Serca de fare presto, m’è venuta spìra al naso.

Bisnonna) Non usarmi nelle ricchie che non sono mica sorda.

Cleofe) Scusa, l’è che sono agitata.

Bisnonna) Sta calma e non agitarti. (Le parla nello specchio.) T’èl sét Cleofe che me g’hó de banda i sólcc perchè vöi en bèl funeràl quan che möraró.

Cleofe) El só nóna che te völet la caròsa con quàter caài négher e i précc e i pretasì e ‘l curdù doràt e la banda che sùna...

Bisnonna) Varda Cleofe, rinunciarò a du caài négher. Giü  per compràt el vistìt de spùza e l’àlter per el pranzo de nozze, la caròsa la vegnarà tiràda apénal da du caài envece che quàter.

Cleofe) Rinunciarèset ai caài per me nóna?

Bisnonna) Per te rinunce a du caài, sét contenta Cleofe? Varda però che góm de parlà italiano.

Cleofe) Nonna, grasie, tu sei più meglio della fàta di Cenerentola.

Bisnonna) Sta mia ringraziarmi. Fatto, ora nóm di là che ti guardi nella speccera, nom di là che ti cambi anche di vestito (va verso la camera).

Cleofe) Sensa occhiali non ci vedo niente.

Nonna) (Grattandosi) Sérca di andare a pratica.

Cleofe) (Anche lei va verso la camera) Ad andare a palponi ho paura di inzuccarmi.

 Scena 9 - La bisnonna aiuta Arturo

(Fanno per uscire, suona il campanello, si fermano, Cleofe rimette gli occhiali e va ad aprire.

Arturo) (Entra in pigiama, ciabatte e cuscino) Permesso. Buongiorno siòre, scüzì se ve distürbe.

Cleofe) Ah sét te Arturo? Ghét finìt de tacà béga co l’Amelia?

Arturo) Ghif sintìt apó voàltre!?

Cleofe) Per fórsa, usàef come du macc.

Bisnonna) G’hó sintìt apó me che só surda.

Arturo) L’è l’Amelia che l’è gelusa, e per niènt. Me rincrès de if disturbàt.

Cleofe) Sta mia preocupàt Arturo, sóm üze a sintìf a tacà béga, ghe fóm pö gna caso.

Arturo) Menomàl!

Bisnonna) Come mai sét amó en pigiàma a che l’ùra ché, j-è quasi le öndès!?

Cleofe) Te ocór vergót Arturo?

Arturo) G’hó bisogn de ‘n piazér. Sti mia vardam come se fós en marziano. Chèsto l’è en semplice pigiama. Só vignìt a domandàf se me lasì dórmer da ‘na qualche banda.

Bisnonna) Che? Da una qualche banda?

Cleofe) En òm en casa pròpe adès?! No, no (sottovoce alla bisnonna) e se rìa el spisiér?

Arturo) Te mange mia Cleofe, dài, sóm amici de tanti agn e me g’hó pròpe bisògn de dórmer.

Cleofe) (Cercando di spingerlo fuori) No, no, no. Ché, l’è ‘mpossìbol.

Bisnonna) (A Cleofe) Làsel spiegà Cleofe.

Arturo) T’èl sét che guide le coriere. L’è ‘l me mestér. E stasera g’hó de fa el turno de nòt. Se me dorme mia, come fói a guidà stanòt?

Bisnonna) Guidà le coriere l’è en laurà de responsabilità.

Arturo) Te volaré mia che me capite en qualch incident. De nòt, co’ la coriera piena de zènt, magari sbrìsie sö ‘na cürva. Stanòt g’hó de portà 60 fómne...

Cleofe) … Sesanta fómne?

Arturo) Sesanta fómne del centro anziani,  stanòt le porte töte en pellegrinaggio.

Cleofe) L’è mèi che te nàghet a casa tò a dórmer, söl tò lèt, söl tò materàs te dormaréseèt mèi.

Arturo) (Molto secco) La me fómna, la m’ha sbatìt föra de casa.

Bisnonna) L’Amelia! Föra de casa? Come mai?

Arturo) L’è talmente gelùsa che a ólte la ragiùna gna. La m’ha gna lasàt parlà. La m’ha gna lasàt spiegà come che stàa le ròbe. Beh, pòde slongàm ché söl divano?

Cleofe) Söl divano? No, no, no. Arturo te pödet mia sta ché!

Arturo) Varda che se dòrme mia, dopo l’è periculùs. Col mestér che fó, co’ la coriera piena de fómne... la strada... le cürve... la nòt... la nebbìa...

Bisnonna) ... l’incidente... che disastro... töcc chèi mörcc e per culpa tò Cleofe.

Cleofe) Culpa me?

Bisnonna) Cleofe, quan che te möret te naré en paradìs per vìga salvàt töta che la zènt le.

Cleofe) Me g’hó mia entensiù de morèr.

Bisnonna) Me dizìe: quan che sarà la tò ùra, certamente mia prima.

Arturo) E po' sculta Cleofe, oltretöt (elencando) dar da mangiare agli affamamti., dar da bere agli assettati, dar da dormire agli assonnati, j-è töte opere de la misericorda.

Cleofe) (Al pubblico) Anche ospitare una sorella vedova?

Arturo) Anche, e se te me làset dórmer te compiré ‘na vera opera de la misericordia.

Bisnonna) E lasèl dórmer ché söl divano e fa sta opera de la misericordia e che la sàpe finida!

Cleofe) Ma ghe n’ét mia de alter posti de na a dórmer?

Arturo) Podarés dórmer en machina, ma se stà en gran scómocc e sé stó scómot dopo g’hó pö i riflessi pronti e col mestèr che fó i riflessi j-è ‘mportanti!

Bisnonna) Ghét capìt Cleofe, i riflessi j-è ‘mportanti.

Arturo) Ve garantise che ve daró mia disturbo (si sdraia, accomoda il cuscino, si copre col pleid) Grasie, grasie tante, töte le fómne che stanòt ghe sarà sö la me coriera le ve sarà riconoscenti. Ghe faró dì en rosàre de ringrasiamènt (si gira e dorme).

Cleofe) Cosa t’è vignìt en mènt nóna de fal dórmer ché söl divano, se adès ria el spisiér, cosa ghe dizòm?

Bisnonna) (Va a prendere una caraffa ed un bicchiere e vi  versa dell’acqua) Te ghe dizèt che l’è ‘l murùs nöf de tò sorèla Miriana.

Cleofe) (Stupita) El murùs nöf de me sorèla Miriana!

Bisnonna) Bisogna stüdiala giösta. (Guardando Arturo, prende dalle tasche una scatoletta di pastiglie) Làsem fa a me. Sói o nò la tò fatina buna?!

Cleofe) Alùra sóm a pòst.

Bisnonna) L’ideale l’è ché lü el se dessède mia. Guai se ‘l ghés de parlà.

Cleofe) (Guardando il bicchiere) Che sét dré a fa nóna?

Bisnonna) El fó pö parlà!

Cleofe) (Spaventata) Sét dré a ‘nvelenàl?

Bisnonna) Ma nò Cleofe, só dré a desfaga dènter giöna... no, mei dò... mei trè de le me pastiglie.

Cleofe) Quali pastiglie?

Bisnonna) Chèle che ‘l dutùr el m’ha dat a me per dórmer.

Cleofe) Nona... e se dopo el se dessèda pö?

Bisnonna) El se dessèda, el se dessèda... j-è fìn tròp lizére per me. L’importante l’è che ‘l gne contradìse mia. E mitighèn quàter?!

Cleofe) Nóna, sta mia schersà! Giöna l’è asé.

Arturo) (Dal divano) Èla mia ura de finila de ciciarà che me g’hó de dórmer?

Cleofe) Scüsa Arturo.

Bisnonna) (Avvicinandosi col bicchiere) Arturo, t’hó portàt de béer.

Arturo) Adès g’hó mia sét, grasie.

Bisnonna) Opera de misericordia numero due: dar da bère agli assetati, isé quan che möre naró apó a me en paradìs. Béf zó, per piazèr Arturo (lo costringe a bere) sö dai. Quando le opere de la misericordia se le fa, bisogna fale giöste. (Grattandosi) O se le fa bé o se fa sensa fàle.

Arturo) (Beve) La g’ha rizù (sbadiglia), che sòn, só pö bu de tègner i öcc dervèrcc.

Bisnonna) E alùra buona notte... dai nóm a catà föra el vistìt (esce).

(Arturo sul divano inizia a dormire. Cleofe fa per uscire poi si ferma, torna sui suoi passi e lo guarda perplessa. Entra Giustina con la spesa e Cleofe non vista copre veloce il viso di Arturo col pleid tentando di nasconderlo con qualche cuscino, poi si piazza immobile davanti al divano.)

Scena 10 - Cleofe, Giustina e Luigina

Giustina) (Inizia a sistemare la spesa brontolando) Quancc sólcc che g’hó spindìt apó ‘ncö. (Guarda la figlia) Che sét dré a fa Cleofe? La bèla statuina! Dam ‘na mà a sistemà la ròba.

Cleofe) (Resta immobile) Cosa ghét compràt de bu mama?

Giustina) De mangià. En chèsta casa ché, nó i fa gnènt àlter che mangià e mangià e mangià.

Cleofe) Te ghé rezù mama: töcc che mangia e mangia e mangia.

Giustina) Trè olte al dé i mangia. Che bröt vése. Tò, va a mèter de là chèla ròba ché. (Le consegna qualcosa tolto dalla borsa.) La Luigina en dó èla?

Luigina) (Entrando dalla camera) Só ché nóna. Mét compràt le caramèle?

Cleofe) (Lancia un occhiata preoccupata al divano poi prende la roba ed esce a riporla).

Giustina) Te set mia pö picinìna de compràt le caramèle Luigina.

Luigina) A me, me ocór le carte per la me colesiù!

Giustina) E pensà envece a stüdià?

Luigina) A propòsit nóna, cara la me nonnina, me ocorarés dei sólcc per ‘na a comprà en lìber.

Giustina) T’hó dat apó gér dei sólcc. Luigina comprèt en lìber töcc i dè?! Te deentaré en pós de sciensa a forsa de comprà lìber. I lezèt almen?

Luigina) Certo. Se g’hó de fa j-esàm! Per encö, ghe n’arés asé de des mila franch, vint l’è mèi.

Giustina) Encö, domàndeghei a la tò mama i sólcc, me j-hó spindìcc töcc.

Luigina) (Rammaricata) Za fat, la ghe na mia de dam la me mama, la m’ha dit de domandàtei a te.

Giustina) A la bisnóna ghe j-ét domandàc?

Luigina) Za fat a chèl nóna. Poarina, la nóna bis l’è talmente surda che se fa una fadiga a parlaga ensema, ma una fadiga mia de schèrs.

Giustina) Va bé, va bé (Prende il portafoglio) Varda però che me g’hó mia la fabrica. (Sospirando le dà alcune monete) tò che nó ghe sàpe dei gioedè dòpo, che nó ghe sàpe de le scüse per j-esam mia facc (rovescia il borsellino facendo vedere che è vuoto).

Luigina) Grasie nóna, (le dà un bacio) te sét en tesoro. Vó sübit a compràm el lìber (esce).

Giustina) Cómpra el lìber e mia le caramèle, ghét capìt?! (La guarda uscire) Spacàda a sò màder. Falsa come Giuda, buna apena de domandà i sólcc e de fa le moine. De le me tre fiöle apéna la Cleofe poarina la me somèa. Disfürtünada compàgn de me.

Scena 11 - Il farmacista, Giustina e bisnonna.

(Suonano alla porta)

Giustina) (Andando ad aprire) Vègne, vègne. (Cerimoniosa) Buongiorno, buongiorno siór spisiére, el si accomodi, el si accomodi.

Clemente) (Entra con en mazzolino striminzito di fiori. Inchinandosi) Buon giorno signora Giustina, buongiorno. Come la trovo bene.

Giustina) Si còmodi, si còmodi, el si sènta giù, posso offrirle qualcosa. Un aperitivo? Un vermùt?

Clemente) No grazie, non si disturbi Signora Giustina.

Giustina) Un marsalino? Le faccio tastare un marsalino all’uovo speciale.

Clemente) No grazie, non bevo proprio nulla, sono astemio.

Giustina) Un caffè, le preparo un caffè?

Clemente) (Sedendosi) No grazie, non bevo caffè e poi a quest’ora.

Giustina) Veramente anch’io non bevo caffè la mattina perchè il caffè a digiuno mi fa venire i baligordoni. Un bicchiere d’acqua allora?

Clemente) Grasie, quello lo prendo volentieri.

Giustina) (Porta una caraffa e gli versa da bere) E io di acqua gli e ne dò fin che vuole caro spiziere... (al pubblico) l’è la ròba pö a bumercà che gh’é.

Clemente) (Timido) Mi chiami pure Clemente signora Giustina, oramai sono quasi suo parente.

Giustina) Caro Clemente, che bella cosa che ha detto.

Clemente) Ci sono le sue figliole signora Giustina. Vede (facendo vedere i fiori) questo mazzo di fiori è per una di loro. (Sospira) Finalmente mi sono deciso (depone il mazzolino sul tavolo).

Giustina) (Fregandosi le mani) Bene bene. Come sono contenta e come sarà contenta la mia Miriana.

Clemente) Miriana?

Bisnonna) (Entra grattandosi) Voleva dire “come sarà contenta la mia Cleofe”.

Clemente) Cleofe?

Giustina) Nóna, và de là sübìt. Cosa vö saì te de le ròbe del siór spisiér.

Bisnonna) E te alùra.

Giustina) La me Miriana l’è za stada spuzada e l’è pö pratica de sèrte ròbe.

Bisnonna) Ocór mia la pratica, l’è ‘l cör che ghé völ e la Cleofe la g’ha ‘l cör pö gròs de lé.

Giustina) Apó la Miriana la g’hà ‘l cör e ‘n pö le, lè... l’è... l’è ‘na fómna giovanile.

Bisnonna) E la Cleofe l’è amó ’na signorina.

Giustina) La Miriana (al pubblico) l’è düra troàga dei pregi (al farmacista) la Miriana l’è.. l’è... ma te mama, se pöl saì perchè te tegnèt la part a la Cleofé?

Bisnonna) E te se pöl saì perchè te tegnèt la part a la Miriana?

Clemente) (Tentando di intromettersi) Veramente.

Giustina) Mama, mochéla le e và de là... sübit.

Bisnonna) No, me sto ché.

Clemente) Sti comode, sti comode, (alzandosi) pötòst vó via me.

Giustina) (In malo modo lo fa risedere) Lü el se sente zó e ‘l se möe mia de ché (prende la madre per un braccio, l’accompagna fuor parlottando fra loro) Che te vé ‘n mènt mama. Varda che se perdóm chèsta ocasìù se liberóm pö de la Miriana. Gné tocarà amó mantignìla, servìla e riverila.

Bisnonna) (Fermandosi) E perchè la tò Miriana l’è una lazarùna gàla de nàga de mès la Cleofe? J-è töte dò tò fiöle.

Giustina) La  Cleofe la na crea mìa de problemi, l’è mia ‘na spendaciùna. La Miriana envece, le e sò fiöla Luigina le continua a domandà sólcc. Se la se spuza la ghe j-a domanderà al spisiér, la Miriana l’è buna de nàga dré e de fa le moine e de fàghei tirà föra...

(Giustina trascina fuori la madre.)

Scena 12 -  Il farmacista, Luigina e le due sorelle

Clemente) (Rimasto solo) La fa bèl la me mama a dì... “càten föra giöna e sistemómes che a Brèsa g’hóm el sfràto” (si guarda attorno), chèsta l’è ‘na casa granda, de sicür ghe sarà ‘na stansa apó per me e la me mama. (Si alza, mangia una caramella e tiene la carta in mano, vede Arturo sul divano che dorme.) E chèl siòr ché chi el?

Luigina) (Rientra con dei libri e si presenta) Buongiorno, io sono Luigina, la figlia di Miriana, piacere di conoscerla.

Clemente) (Si stringono la mano) Piacere, Clemente. Molto lieto di conoscerla signorina.

Luigina) Ohh che bel colore!

Clemente) (Si guarda) Che cosa? (Riprende in mano il mazzo di fiori) I fiori?

Luigina) No, la carta di caramella, non me la regalerebbe?

Clemente) Vuole una caramella?

Luigina) No, solo la carta, grazie.

Clemente) Questa? (Perplesso) Oh! prenda, prenda pure.

Luigina) Sa, faccio la collezione, ne ho già 24 scatoloni pieni.

Clemente) Pieni di caramelle?

Luigina) No, di carte, e questa mi manca proprio.

Clemente) Ah, signorina, mi scusi, (titubante) mi tolga una curiosità.

Luigina) Mi dica.

Clemente) (Indica il divano) Chi è questo signore?

Luigina) (Si avvicina al divano e, con aria furba, addita Arturo) Questo: ah questo è un amico di mia zia Cleofe.

Clemente) Un amico?

Luigina) Certo, sono molto amici lui e la mia zia Cleofe.

Clemente) Amici? Per dormire in casa, sul divano vuol dire che sono in confidenza.

Luigina) Molto in confidenza. Qui è praticamente di casa. Sono in ottimi rapporti da tanti anni.

Clemente) Rapporti?

Luigina) Praticamente lui e la mia zia Cleofe si... ohh...

(Luigina smette di parlare vedendo entrare Cleofe con un vestito di Miriana, senza occhiali e truccata. Luigina stupita per il cambiamento la squadra da capo a piedi.)

Luigina) Ecco la mia zia Cleofe.

Cleofe) (Entra) Buongiorno siór spiziére. Va da la banda di là Luigina che io g’ho da parlare col siòr spizière.

Luigina) Ma certo che vado cara zia. (Al farmacista ironica) Arrivederci signor Clemente (esce).

Clemente) Ciao ciao (A Cleofe) Buongiorno signorina Cleofe. Sono senza parole, come siamo eleganti oggi.

Cleofe) Grazie, grazie.

Clemente) Scusi signorina.

Cleofe) (Avvicinandosi civettuola) El mi dica, el mi dica.

Clemente) Mi tolga una curiosità (avvicinandosi al divano) È un suo amico questo che dorme sul divano?

Cleofe) Quello lì, che s’è buttato giù sull’ottomana? Non ci facci mica caso, quello lì è un amico carissimo di mia sorella Miriana.

Clemente) Un amico?!

Cleofe) Certo, luilì è un amico della Miriana, più di un amico.

Clemente) (Si asciuga la fronte col fazzoletto) E dorme qui in casa sul divano?

Cleofe) Le disarò di più, è un amico intimo di mia sorella Miriana, più che intimo.

Clemente) Di Miriana, è sicura?

Cleofe) Certo, la mia sorella è di liberi costumi, caro spiziere, le conviene lasciarla perdere la mia sorella.

Clemente) Ah.

Cleofe) (Indicando il divano) Per finire di scurtarla, quest’uomo qui è il nuovo...

Miriana) (Rientrando dalla passeggiata) Oh, chi si vede, buongiorno siór spisiére.

Clemente) (Inchinandosi) Buongiono Miriana.

Miriana) Non mi dica mica che questi fiori sono per me?!

Cleofe) Se mai i sarà per me. Grasie siór spiziere (Strappandogli decisa i fiori di mano) Adesso li ciappo e li metto in un vaso.

Miriana) (A Cleofe) Cos’ el che te fé adès, te?

Cleofe) Li ciappo e li metto in un vaso. Perchè? (Li mette in en vaso).

Miriana) Ma da quando en quà te pàrlet isé?

Cleofe) Le vere signore cicciàrano in italiano cara la mia sorella.

Miriana) E da quando in quà te sét una vera signora? Mè,  io sono una vera signora, una doppia signora: sono stata sposata due volte.

Cleofe) E per due volte sei rimasta anca vedova, (al farmacista) caro spiziere, se catta fuori mia sorella Miriana, si ricordi che non c’è il due senza il tre.

Miriana) Cosa volaréset dì Cleofe?

Cleofe) Io non dico mica niente. Siór spiziére, se lei sposa mia sorella scamperà poco. Basta vardare i fatti.

Miriana) (Guardandola meglio) E me varde che te m’é fregàt el vistìt. El me vistìt de la festa.

Cleofe) El vistìt che me, il vestito che io g’ho lavato e sopressato.

Miriana) (La strattona) Va subìt a caàtel e sta pö pirmitìt de fa ‘na roba compàgn (la prende per un braccio e la spinge fuori) và sùbit a càat el me vistìt.

Cleofe) (Nell’uscire al farmacista) Ha visto che brutto carattere che la g’ha la mia sorella!?

Miriana) Pensa per el tò de caratèr (Cleofe e Miriana escono).

Clemente) (Rimasto solo si alza e perplesso va al divano)Me, quasi quasi scàpe. La fa a la svèlta a dì la me mama: catèn föra giöna che se sistemóm per sèmper. A me me sarés piazìt la Cleofe, adès evece, le me fa pöra töte dò. Oh, come che ‘l dormi de göst chèl siòr ché!

Scena 13 - Il farmacista e Amelia

(Il farmacista fa per uscire ed entra Amelia piangente)

Amelia) Permesso, gh’è nüsü che? Sercàe la siùra Giustina.

Clemente) Erano qui tutti un momento fa, che succede? Su non pianga signora, ora le chiamo.

Amelia) El me Arturo, chissà ‘n dó l’è ‘l me Arturo, che stüpida che só stada.

Clemente) (Preoccupato) Che succede signora?

Amelia) Töt per en pó de rossetto sö la camiza, e l’è mia la prima olta.

Clemente) Davvero?

Amelia) El me Arturo el me cönta sèmper le bàle, l’envènta en möcc de scüse e me vöi mia che ‘l me faghe pasà de stüpida... (vede il divano e smette di piangere) Arturo! Vardèl ché ‘n dó l’è. (Al marito) Ma ghét mia vergògna a vègner sèmper ché?

Clemente) È lui che sta cercando? Lei conosce quest’uomo?

Amelia) Altro-chè se ‘l conòse: l’è ‘l me òm! Lea sö de le sübìt bröt pòrch. El vé sèmper ché a fas cunsulà, perchè ‘l sà che ché j-è sèmper pronte a derviga la porta.

Clemente) Come ha detto scusi?

Amelia) (Non risponde e continua a scuotere inutilmente il marito) Farabutto, disgrasiàt, sèmper dré a pensà a le fómne. Lea sö de lé.

Arturo) Làsem dórmer Amelia. se dorme mìa rie pö a fa gnènt.

Amelia) Lea sö t’hó dit, lea sö.

Arturo) Làsem dórmer. Pènsa sul... a töte le fómne en pericol che ghe sarà stanòt.

Clemente) Forse starà sognando.

Amelia) El se dessèda pròpe mia, me quasi quasi el lase ché. Lü che ‘n dìzel?

Clemente) (Perplesso) Contenta lei!

Amelia) Ma sé, lasomèl ché (avviandosi) almeno só ‘n dó l’è (esce).

Clemente) (Fissa perplesso Arturo sul divano) Non capisco... (si guarda attorno circospetto poi tenta di svegliarlo) siòr el me càe ‘na curiosità, come fal a staga dré a töte chèle fómne lé?

Arturo) (Addormentato) L’è perchè fó i turni.

Clemente) Ah (indicandolo, al pubblico) el fa i turni, adès capèse. Per fórsa dopo l’è strach mórt e ‘l g’ha sòn (scrutandolo) e l’è gna bu de stà ‘n pé.

Scena 14 - Il Farmacista, Giustina e la bisnonna.

Giustina) (Entra) Alùra, (notando i fiori nel vaso, li indica) g’hal dicidìt? (Vede Arturo sul divano) Che fét ché Arturo?

Clemente) (Interrompendola) Scusi signora, lei conosce quest’uomo?

Giustina) Certo (lo guarda teneramente) poarèt, l’Arturo co ‘l laurà che ‘l fa l’è sèmper en giro e l’è sèmper strach mórt.

Clemente) (Al pubblico) Sfido io.

Bisnonna) (Entra grattandosi  e la interrompe) Voi sai apó me cosa sücet. Alùra siòr spisiér g’hal dicidìt?

Clemente) (Deciso) No (guarda prima Arturo poi le due donne che avanzano lentamente e minacciose verso di lui) no, se prima sie endeciso, adès só pö che fa. Endaró a domandà consiglio a la me mama (si riprende i fiori ed esce).

ATTO II

Scena 1 - Via vai

(È il pomeriggio dello stesso giorno, sono le 17.30 circa. Miriana e Cleofe non si parlano, Arturo dorme ancora sul divano. La bisnonna entra e lo osserva perplessa.)

Bisnonna) Dórmel amó l’Arturo? El sarà mia mort (lo scuote e cerca di svegliarlo) Arturo... el tìra pö gna cópe e gna bastù. Garó mia esageràt co le pastiglie?! Speróm de nò.

Miriana) (Entra con un bicchiere e si guarda in giro, si ferma e scrive un messaggio per la sorella “DOV’È IL LATTE?”) Entànt me tocarà béer l’acqua, l’acqua del rübinèt, me che sìe üsa a béer el “schampagne”. En chèla casa ché: gh’è mai gnènt.

Bisnonna) Cosa ghét Miriana de bruntulà?

Miriana) G’hó pö gna ‘na lira nóna, se pöl mia andà avanti isé, en chèsta casa ché, gh’è gna ‘l lat.

Bisnonna) Crepàt? S’è crepàt el bicér?

Miriana) El só che te set mia surda, che te fét aposta.

Bisnonna) Ghét de ‘nà en posta? A ‘mpostà ‘na lètera?

Miriana) ‘Na lètera, en dóe?

Luigina) (Entra con uno scatolone, lo appoggia e toglie alcune carte di caramelle.)

Miriana)  Che sét dré a fa Luigina? Mèt vià sübìt chèle carte de caramèle, t’èl sét che tò zia Cleofe la völ mia vidìle en giro senó la fa stà zó le ùre.

Bisnonna) Ghét de ciapàga le mizüre?

Luigina) No, g’hó de cöntale.

Miriana) (Raccogliendo le carte sparse) Dai nóm che te àide a portàle de là.

Bisnonna) E me te aide a misürale Luigina.

(Escono tutte e tre.)

(Cleofe entra spazzando. Con un dito toglie la polvere dal mobiletto con le specchio dove ci sono i trucchi di sua sorella. Si guarda il dito disgustat  poi, per dispetto, scoperà della polvere sotto la stessa toeletta. Prosegue, vede e si ferma a leggere il messaggio,”DOV’È IL LATTE?” pensa un attimo e risponde scrivendo un altro biglietto “IL LATTE È FINITO”)

Cleofe) Bèle pretèse, ghe l’hó dit sènto ólte che me só mia la sò cameriera.

(Suona il telefono, Cleofe va a rispondere.)

Cleofe). Se... la Miriana... sé... va bene... senz’altro... stia tranquillo signor Avvocato... buongiorno (depone la cornetta) L’è la tersa olta encö che ‘l telefona, ma me a la Miriana ghe dise pròpe gnènt. Come föi a dìghel se se parlóm mia ensèma!

(Miriana rientra sfogliando una rivista e Cleofe che stava per uscire si ferma. Miriana nota il messaggio, lo legge ad alta voce “IL LATTE È FINITO” squadra sfidando la sorella e risponde “BISOGNA ANDARE A COMPERARLO” riprende il giornale ed esce. Cleofe torna su i suoi passi  e scrive “IO NON BEVO LATTE E NON VADO A COMPERARLO”.

Cleofe) Cosa pènsela léle, de mangiàm i gnòch söl có?! (Si avvicina al divano e scruta dubbiosa Arturo.) Certo che la nóna fàga béer quàter pastiglie, e se ‘l se dessèda pö? Che fóm? (lo scuote e tenta di svegliarlo) Arturo Arturo, sveglia,  l’è ura de leà sö (perplessa) ma! (esce).

Scena 2 - Amelia e Giustina

(Giustina entra dalla porta d’ingresso con Amelia che ha in mano una camicia)

Giustina) A dit la verità Amelia, só ‘n pó preocupàda, l’è da stamatina che ‘l dórmi söl divano.

Amelia) (Scuote il marito) Arturo... Arturo... me capise mìa, a casa sò ‘l g’ha ‘l sòn lizér lizér. Al minimo rumùr el se dessèda. Vula ‘na mosca e l’è sveglio, e ché, ma vardì, el dormi come ‘n ghìro. (Lo scuote ancora) Léa sö che te ghé de ‘ndà a laurà, (a Giustina) só mia che dì siùra Giustina.

Giustina) Da come che ‘l dormi el se dessèda gna co le canunàde, me no g’hó mai vìst en sòn compàgn.

Amelia) E isé che fóm?

Giustina) Lasómel dórmer amó ‘n pó.

Amelia) Bisognarà bé che ‘l se dessède se ‘l völ ‘nà a laurà stanòt.

Giustina) Pröóm amó de ché e en pó.

Amelia) Se mai turne dopo, (fa per uscire) a propòsit, siura Giustina, la varde chèsta camiza, come se fà a fà vègner via chèle mace ché?

Giustina) Fam véder? Che màce èle de chì?

Amelia) Só mia, la varde che màce strane, le vé zó con niènt.

Giustina) (Annusa) Che löstre che j-è chèle màce ché, löstre... strano, molto strano, el par finamai, dal culùr, smàlt per le önge.

Miriana) (Rientra, legge il messaggio ad alta voce “IO NON BEVO LATTE E NON VADO A COMPERARLO”.) Che arpia de ‘na sorèla. E và bé ‘ndaró a compràmel. (Nell’uscire alla madre) Mama, varda che vó a tö en lìter de lat e ‘l fó segnà söl librèt.

Giustina) Férmet en minüt Miriana, pröà vàrda chèla màcia chè, cósa èla per te?

Miriana) (Torna sui suoi passi, annusa) L’è smalt per le önge, sö sicüra (esce) me vó, ciao.

Giustina) En dó sét dré a ‘na de bèl?

(Miriana esce senza rispondere.)

Giustina) Nàza, senti Amelia, l’è pròpe smalt per le önge. Pröa co l’acetone.

Amelia) (Ad Arturo) L’èra mìa assè le màce de rosèt sö le camìse, a pó ‘l smalt per le önge adès. Se pöl saì ‘ndó te sé nat gér? (lo scuote energicamente per svegliarlo). Arturo... Arturo...

Arturo) (Assonnato) Làsem dórmer Amelia che l’è isé bèla... dolce...

Amelia) Cosa gh’è de isé bèl e dolce?

Arturo) La g’ha du öcc stupendi.

Amelia) Du öcc?

Arturo) Négher, löstèr. J-è come dò perle che me varda.

Giustina) El sarà dré a sognà!

Amelia) (Perplessa) Du öcc?!

Giustina) Du öcc Amelia. Du de nömer. Ghét vìst amó vergü con tre öcc per caso?

Arturo) E la bóca? ‘Na bùchina che par en fiùr.

Amelia) En fiùr?

Arturo) E le manine, le somèa finamài de porcelana.

Amelia) Se vèt che de piàcc la na làa mia zó tancc.

Arturo) E la g’ha ‘l mantèl celèst pié de stèle.

Amelia) De stèle?! Cosa el dré a dì!?

Arturo) L’è talmente bèla che la sterlüs töta.

Giustina) Te Amelia, el sarà mia dré a véder la Madona per caso.

Amelia) L’è mia el tipo el me Arturo de véder le Madone. El va mai gna ‘n césa.

Giustina) Però, co la coriera el và a fa i pellegrinaggi.

Amelia) (Lo scuote ancora) Arturo, de chi sét dré a parlà?

Arturo) Del l’Annunziata.

Amelia) Chèsta l’è nöa. Annunziata (battendo il tacco sul pavimento) paesi bassi (minacciandolo) te ‘l dó me a te adès el pà co l’ùa (esce furiosa).

Giustina) (Ad Arturo) Te ghe ‘n cumbìnet pròpe de bèle a la tò fómna.

Scena 3 - Giustina e la bisnonna

Bisnonna) (Entra sempre con il giornale o la paletta per le zanzare) Cosa g’hàla de uzà l’Amelia?

Giustina) La ghe l’ha amó co ‘l sò òm.

Bisnonna) Co l’Arturo?!

Giustina) Certo, bèl tipo l’Arturo. Me domànde come che la fa l’Amelia a soportàl.

Bisnonna) Se vèt che la g’ha amó le fète de salàm sö i öcc. A propòsit de salàm, cosa gh’è de mangià staséra?

Giustina) Mortadèla.

Bisnonna) Ghét compràt amó la mortadèla Giustina?

Giustina) Sé, mama.

Bisnonna) L’è ‘na setimana che mangióm mortadèla Giustina! A disnà e a séna sèmper mortadèla.

Giustina) L’è perchè l’è la ròba a pö bù mercàt. Pòde mia nà a comprà el filèt o ‘l caviale e fal segnà söl librèt. Te par?! Se te ghéset de dam en pó de chèi sólcc che te ghé mès en banda.

Bisnonna) Ghét compràt la laànda? Per profumà la bianchèria?

Giustina) G’hó dit che me ocór i sólcc, le palanchìne.

Bisnonna) Ghèt compràt apó le tazìne? Per el cafè? Ghé j-éret mia za le tazìne Giustina?

Giustina) (Alzando la voce) Mama me ocór dei sólcc, se pöl mia sèmper fa segnà.

Bisnonna) Gh’è pronto de mangià? E sta mia usà che me só mia surda. Varda Giustina, sul a parlà de mangià m’è vignìt fam, vó a fam en bèl panino.

Giustina) Mama, ma sét bùna apéna de pensà a mangià? Per la tò età te mànget tròp e te ghè pö el stòmech de ‘na ólta.

Bisnonna) Macchè stòmech e stòmech. (Facendole vedere il braccio) J-è le zinzàle, varda che più!

Giustina) L’è indigestiù.

Bisnonna) (Si avvia grattandosi) Ma se mange mai gnènt, e pò:  “al stòmech non si comanda”.

Giustina) L’è: “Al cuor non si comanda”

Bisnonna) (Toccandosi il petto) Cör o stòmech j-è sèmper da chèle bande ché, vo a fam en bèl panino (esce).

Giustina) Vègne a mé che nó te me la mànget töta e dopo g’hó pö gnènt de mèter en tàola.

(Mentre sta per uscire suona il telefono e Giustina va a rispondere.)

Giustina). Sé... la Miriana... sé... va bene... senz’altro... stia tranquillo signor Avvocato... buongiorno (depone la cornetta e chiama) Miriana... Miriana... chissà ‘n dó l’è nàda?

Bisnonna) (Entrando col pane) Varda Giustina, entànt che me preparàe el panino g’hó pensàt sùra. Basta mortadèla (grattandosi) G’hó finamài póra de èser allergica apó a la mortadèla oltre che ai più de le zinzàle. Volaradì che al me funeràl rinunciaró al turìbol co l’incèns (dandole dei soldi) ma fam en piazér, và a töm öna bèla bistèca, tenera, mulisìna.

Giustina) Mama che sét dré a fa? Te ghé tignìet isé tant al funeràl de lüsso!?

Bisnonna) Rinùnce apó ai curdù doràcc per öna bèla bistèca. La mortadèla la me vé föra dai öcc, per ‘na ólta dopo tanto tèmp, stasera mangiaróm come Dio comànda.

Giustina) Òstis mama, me ‘l fó mia dì dò ólte, (guardando i soldi) vó sübìt a compràla.

Scena 4 - Ludovico e Armida

(Suona il campanello, Giustina che stava infilandosi il cappotto va ad aprire. Armida entra velocemente seguita da Ludovico)

Armida) Menomàl mama che t’hó troàt, só disperàda, só disperàda.

Ludovico) Lacrime de coccodrillo.

Armida) Só pö che fa mama.

Giustina) Cosa gh’è sücès Armida, sta mìa fam spaentà.

Armida) Mama, ròbe bröte. Ròbe de l’altèr mónd e adès só pö che fà, só pö a chi rivulgìm.

Giustina) Cosa gh’è sücès ensoma, parla.

Armida) G’hó esageràt ne le spènder, me só mia rindìda cönt de chèl che fàe.

Ludovico) Le ólte che me g’hó dit: el pas el va fat secondo la gamba, ma lé la g’ha sèmper vulìt fa    de sò có.

Bisnonna) “En casa j-è sèmper piaghe quan che l’òm el g’ha ‘l bigaröl e la fómna le braghe”.

Giustina) Te sét sèmper stàda tròp de manega larga Armida.

Armida) Mama adès só pö che fa, se paghe mia i ve a sequestràgn i móbii, la televiziù, e pòde pö véder le telenovèle.

Giustina) (Le fa vedere i soldi che ha ancora in mano) Pòde dat chèsti, rinunciaróm a la bistèca.

Bisnonna) (Al pubblico) No, a la bistèca no, volaradì che rinunciaró me a ‘n alter caàl.

Armida) (Guardando i soldi) J-è mia asé chèsti mama, la cifra l’è alta.

Bisnonna) (Sospirando, al pubblico) Volaradì che rinunciaró ai alter du càài. Dopo basta però, perchè se vó avanti isé quan che möre al simitère me tó nàga co’ le me gambe e la càssa en spàle. (A Giustina) Te va a comprà le bistèche che a la Armida ghe pènse me.

Armida) Te nóna?

Bisnonna) Certo, dumà matina vó ‘n banca e dopo te pòrte i sólcc che te ocór, però te ghé de promitìm che te fé pó stüpidàde.

Armida) Certo nóna.

Bisnonna) (A Ludovico)  E te òcio, vàrdega dré a la tò fómna che adès de caài ghe n’è pö.

Armida) (Uscendo) Che bràa che l’è la me nòna, che gentile, grasie fìs nóna.

Ludovico) (Uscendo alla moglie) Te pòdet ringrazià fìs apó el Signùr e pó la Madona de vìga na nóna isé.

Giustina) Pòera mama.

Bisnonna) E cosa ghère de fà Giustina, pudìe mia lasala en de le pètole.

Scena 5 - Luigina

Luigina) (Entra asciugandosi gli occhi.)

Giustina) Cosa gh’è amó adès?

Bisnonna) Ghe sarà mia amó ‘n qualch gioedé!?

Luigina) G’hó de preparàm per j-esam e g’hó mia el lìber.

Giustina) E i sólcc che t’hó dàt stamatina?

Luigina) Nóna (piangente) g’hó compràt le caramèle. E adès só pö che fà, scüsa nóna, te domande scüsa.

Giustina) Luigina, vàcco d’un cane, se fa mia chèle ròbe lé!

Bisnonna) E portàga ‘n dré le caramèle e fat dà ‘n dré i sólcc?

Luigina) Se pöl mia, j-hó mangiàde töte per vìga le carte, per la me colesiù.

Giustina) E bràa, pròpe bràa. E isé che fóm? Me ghé nó pö gna ü de dat (guarda i soldi che ha in mano) se pròpe...

Bisnonna) (Decisa) No. Chèi lé j-è per le bistèche. Volarà dì che rinunciaró a pö a la banda. Sta pö pianzèr Luigina. Dai nóm vé de là che ghe pènse me.

Giustina) Mama, l’è mia giösta.

Luigina) (Abbracciando la bisnonna) Grasie nóna bis, te set en tesoro. Cara, cara la me nóna bis.

Bisnonna) (Alla figlia) L’è giösta, l’è giösta (alla nipote) Luigina che ‘l càpite pö però, me racomande.

Scena 6 -Giustina e Amelia

(Luigina esce con la bisnonna. Giustina si prepara per uscire.)

Giustina) Tale màder, tale fiöla. Quando che se tràta de sólcc le sènt l’udur mèi de en cà de tartifulì.

(Entra Amelia furibonda con un secchio di acqua e si avvicina al divano per rovesciarlo sul marito. Giustina la ferma.)

Giustina) Amelia fèrmet. Se pöl saì cosa te sét drè a fà?

Amelia) El dessède, perchè?!

Giustina) En chesto modo?

Amelia) En bèl sedèl de acqua frèda l’è prope chèl che ghe völ per chèl pampalügo che!

Giustina) Te me bàgnet da per töt. Fèrmet!

Amelia)  (Furibonda) Porcàs de en diàol porsèl. El merita nessöna gentilèsa stó vèrem schifùs (alza ancora il secchio).

Giustina) Delamadói, càlmet Amelia, la ghé sarà bé ‘na spiegasiù.

Amelia) Lü el g’ha ‘l müs de tóla de dì che l’è innocente.

Giustina) Magari el dìs la verità.

Amelia) Come fala a èser la verità? E l’Annunziata?! E le mace de rosèt, e chèle de smalt per le önge! La g’ha vìst en che cundisiù ghèra la camisa siùra Giustina.

Giustina) Ma lü come se giustìfichel? (le fa posare il secchio) Càlmet Amelia.

Amelia) El dis che l’è nat a laurà come al sòlìt.

Giustina) E te, telèfonega en dita ‘n dó ‘l laùra e domàndega se l’è vera che gér l’è nat a laurà.

Amelia) Che bùna idea. Ghìe mia pensàt.

Giustina) Te ghé domàndet apó en dó l’è nat, che tragitto che ‘l g’ha fàt co la coriera, se gér gh’è sucès vergót de strano.

Amelia) La g’ha rizù siùra Giustina.

Giustina) Almeno, te garÈ le pröe de sbatìga en fàcia.

Amelia) Bùna idea, vó sübit a telefonà (fa per uscire).

Giustina) El sedèl Amelia!

Amelia) Giösta, desmentegàe el sedèl(si riprende il secchio ed esce), so talmente enrabiàda che  capìse pö gnènt.

Giustina) E me finalmente ‘ndaró dal bechér. ‘Na bèla bistèca de séna la mange en gran volentéra apó me (esce anche lei).

Scena 7 - Miriana e il testamento

Miriana) (Entra festosa chiamando) Mama... nóna... en dó sif? gh’è nüsù?

Bisnonna) Cosa gh’è de uzà Miriana?

Miriana) Nóna m’è sücès ‘na ròba, ma ‘na ròba.

Bisnonna) E nò! Adès basta: ai pretasì ghe rinunce pròpe mia.

Miriana) Quai pretasì nóna?

Bisnonna) Chèi del me funeràl.

Miriana) Funeràl? Ma te sé gnamo morta.

Bisnonna) Per fürtüna.

Miriana) Nóna, la fürtuna la m’è tocada a me. Só pasàda per caso deànti a le stüde de l’aocàt e me só dìda: fam ‘na dènter a domandàga se gh’è vergót de nö. E lü el m’ha dit che l’è töt el dé che ‘l serca de parlàm ensèma.

Bisnonna) De bu! Come mai?

Miriana) Gh’è stàt troat el testamènt.

Bisnonna) E alùra?

Miriana) Alùra, só amó ‘na bèla siòra cara la me nóna, a la facia de chèle piugiùne e tiràche de le me cögnàde, adès ghe le faró paì me le strìse a lùre lé. Vó a diga a la me Luigina de fa i fagòcc che turnóm a sta ‘n vila.

Bisnonna) (Incredula) Chèla vila en dó te stàet prima?!

Miriana) Pròpe chèla vila, quatòrdes stanze, ‘na sala de sènto méter, en parco che l’è la fì del mond.

Bisnonna) E bràa la me Miriana che la s’è sistemàda amó ‘na olta. El spisiér alùra...

Miriana) Cól spisiér g’hó chiuso.

Bisnonna) Chiuso?

Miriana) Certo, pòde pö spuzàm, el gh’è scrìt en del testamènt, (sospirando) erèdite töt se me spuze pö. Pasiensa! Fra en òm e i sólcc: j-è mèi i sólcc.

Bisnonna) Alùra el spisiér...

Miriana) Ghèl lase a me sorèla. Nel testamènt dèl me póer òm gh’è scrìt ciàr e nèt che ‘l me làsa töt, che reste me padrùna de töt, a condisiù che me rispuze pö.

Bisnonna) E se te te rispùzet?

Miriana) Se me me rispùze, en del testamènt gh’è scrìt che va töt a chèle tiràche, malmustùse de le me cögnàde. Potòst me fó suora varda, che lasàga la ròba a lùre. Engordaciùne!

Bisnonna) Te ghé lét pròpe a morte co le tò cögnàde.

Miariana) Se te ghéset de sintìle, le g’ha öna lèngua che tàja ‘l fèr, le par tante vipere. Adès pò, che gh’è stàt troàt el testamènt, j-è catìe come la pèste.

Bisnonna) Ma te Miriana, en vila, töta da sula, te vegnarà mia le malinconie?

Miriana) I sólcc i fa pasà töte le malinconie nóna (sfregandosi le mani) e lé, ghe nè restàt tanti, ma tanti. Vó a diga a la me Luigina de preparàs che traslocóm (esce).

Bisnonna) L’è pròpe öna bèla nutisia. Vègne apó me a aidàla a catà sö le carte de caramèle (esce).

Scena 8 - Il farmacista, la sua mamma e Luigina

(Suona il campanello un paio di volte, nessuno va ad aprire.)

Natalina) (Entrando) Dai nóm vé dènter.

Clemente) (Entra e si guarda in giro. Indossa en bel vestito celestino.) Gh’è nüsü mama! Mèi isé, turnóm a casa mama.

Natalina) Quale casa Clemente? La ciamèt casa la mansarda en dó stóm adès.

Clemente) Perché, còsa èla?

Natalina) L’è ‘n solér: bas, picól e strèt. Se rìa gna a sta dricc en pé e i völ en öcc del có de afìto. E per ‘ndà ‘n bagn gné tóca ‘ndà zó al prim pià. E pò: làssa pèrder chèsti discorsi che nó ghe sàpe vergü che sènt.Se g’ha mai de fa véder chèl che bói en de la pignàta.

Clemente) Mama, me só preocupàt.

 Natalina) Preocupàt de ché ròba?! Sirca de stà calmo Clemente che adès gh’è ché la tò mama e sistemóm töte le ròbe.

Clemente) Dopo chèl che g’hó sintìt só pö bu de sta calmo. Mama, gh’è en limite a töt. Varda se te cönte bàle, (indicando il divano) varda l’è amó ché, che ‘l dormi.

Natalina) A ólte Clemente, le aparense le ingàna. Ghe sarà de sicür ‘na spiegasiù, sculta la tò mama.

(La bsnonna fa per entrare, li vede si ferma ed origlia un attimo riflettendo sul da farsi.)

Natalina) ...e ricorda che da la tò decisiù dipènd töt el nòs avenire. Sculta, m’è vignìt en’idea. Sét mia quale de le dò catà föra? (Sedendosi) Làsega fà al caso. La prima che ve dènter te la spùzet.

Clemente) Va bé (sedendosi) spetóm. El fó per te mama:  acetaró el me destino. (Vedendo la bisnonna) Eh nò mama, gh’è en limite a töt. Chèsta proprio la vöi mìa.

(La bisnonna va in cerca di Cleofe.)

Natalina) Chèla le la ghé c’entra mia Clemente.

(Entra Luigina con uno scatolone cercando di attraversare la scena.)

Clemente) (Vede Luigina) Chèsta la narés za mèi.

Natalina) Clemente, gna chèla le la ghe c’èntra mia, l’è tròp zùina. Nóm da brào!

Luigina) Buonasera, me parìa de vìga sintìt sunà ‘l campanèl.

Natalina) Gh’èra nüsü e se sóm sintàcc zó.

Luigina) Ghi fat pròpe bé.

Clemente) Signorina, per favore la ghe spiéghe a la me mama chi che l’è chèl siòr ché (indica il divano). Ma, dòrmel amó da stamatina?

Luigina) Per fórsa, l’è che lü de nòt el laura.

Natalina) (Interrompendola) Lasèla nà che la g’ha ‘n mà en scatulù pesante, ansi, àidela a portàl, serca de èser gentile. Gói pròpe de dit töt!

Luigina) No, grasie siùra, el scatulù l’è lizèr.

Clemente) (Cerca di aiutarla) Posso signorina?

Luigina) Grasie, no, l’è lizèr. L’è pié de carte de caramèle, el pesa niènt. Che siègn dre a dì? Ah, l’Arturo? L’è ‘l nòs vizì de casa. El g’ha tacàt béga co’ la fómna e l’è vignìt ché a dórmer. Lü el fa l’autista sö le coriere e stasèra el fa ‘l turno de nòt. L’è obligàt a dórmer.

Clemente) Ma, la signorina Cleofe?

Luigina)  L’Arturo e la zia i se conòss da tancc agn, amó da quan che j-éra picinì.

Clemente) Ah, l’è per chèl alùra.

Natalina) Visto che gh’è ‘na spiegasiù a töt, cosa set nat a pensà a te!

Luigina) Scüzìm ma l’è mei che nàghe a sistemà i me scatulù, me e la me mama sóm dré a traslocà.

Natalina) Traslocà?

Luigina) Turnóm en vila, gh’è stat troàt el testamènt e la me mama l’è amó padrùna de töt.

Natalina) Alùra la Miriana l’è ‘na siòra dal de bu.

Luigina) A cundisiù però che la se marìde pö! E menomàl! (esce).

Clemente) Ah, ghét capìt mama.

Natalina) Se lüre le va vià le lasa lìber öna stanza.

Clemente)  A lasàga fà al destino, gh’è restàt apéna la Cleofe.

Natalina) La Cleofe la val tat ór come la pésa. En dó èi i fiùr Clemente?

Clemente) J-hó desmentegàcc a casa mama.

Natalina) E isé che fóm, bisogna nà a töi, te pòdet mia presentàt sensa fiùr en de n’occaziù compàgn.

Clemente) Te ghé rezù.

Natalina) Le màme le g’ha sèmper rezù.

Clemente) Fó na cursa, vó e vègne (esce).

Natalina) Spèta, vègne a me, (al pubblico) da sul l’è ‘mbranàt pès de ‘na fòca. (Sospirando) Eh, se ghé fós mia la sò mama (esce anche lei).

Scena 9 -  Bisnonna, Cleofe e Amelia

(Entrano, la bisnonna grattandosi e Cleofe sensa occhiali, elegante e leggermente truccata)

Bisnonna) Gh’è pö nüsü, en dó èi nàcc?

Cleofe) I se sarà stofàcc de spetà (si rimette gli occhiai).

Bisnonna) Te l’ere dit de pesegàt.

Amelia) (Rientrando si precipita al divano) Arturo, caro Arturo, come gói fat a pensà mal de te che te sét öna perla de marito. Sö sö, sveglia. Perchè me l’ét mia dit sübìt come che stàa le ròbe?

Cleofe) Ghét fat la pace co l’Arturo?

Bisnonna) Come ghét fat a fa pace se l’è töt el dé che ‘l dórmi.

Amelia) No, lü el la sa gnamó che góm fat pace, l’è perchè g’hó saìt come che sta le ròbe.

Cleofe) E come ghèt fat?

Amelia) G’hó fat öna telefonàda a la dita endó ‘l laùra e ghésef de saì: pudì gna ‘nmaginàl.

Cleofe) Dìgnel te alùra.

Amelia) Ghéra mia sul la camiza del me Aarturo spùrca de rosèt e de smalt per le önge, gh’éra spùrch töta la corriera. Öna corriera maciàda de rosèt, de creme e de smalt per le önge.

Cleofe) ‘Na coriera entréga? De bu? E come mai?

Amelia) Gér, envece de ‘na a fa ‘l solito pellegrinaggio l’è ‘ndat a fa ‘na gita scolastica. Co’ le tùse de la scöla de estetista, el sif come che j-è i zuègn. Le tùse le g’ha sporcàt sö töt, empastisàt sö töta la corriera. E la Nunziata...

Cleofe) La Nunziata?

Amelia) L’era mia ‘na fómna, nó, l’era própe la Madona, perchè el me Arturo, a la fì, abitüat a fà i pellegrinaggi, el g’ha portàt le tùse de la scöla de estetista a la Madona dell’Annunziata.

Cleofe) Ah ! Le sta isé le ròbe.

Amelia) Pròpe isé, el me Arturo l’è innocente (al marito) sö Arturo, dessèdet, (a Cleofe) dam ‘na mà a portàl de là en del sò lèt.

(Cleofe e Amelia lo prendono e sorreggendolo lo portano fuori, lui dondola tentando di ribellarsi.)

Arturo) Lasìm dórmer che rìe mia a tègner dervèt j-öcc.

Cleofe) (Sottovoce alla  nonna) Se ‘l parla l’è mia grave.

(Luigina che rientra senza scatolone li osserva perplessa).

Luigina) Vulìf ‘na mà?

Amelia) No grasie.

(Luigina esce a prendere un’altro scatolone.)

Cleofe) Arturo sta fermo sedenò nóm en terà töcc tre.

Bisnonna) (Appoggiandosi dietro)  Ni avanti voàltre che dal de dré el tègne me pontelàt.

Cleofe) Nóna spòstet, che se cascóm en dré, te schisòm a te.

Amelia) Poarì, en del sò lèt el starà pö còmod. Ma chissà come mai el g’ha chèla són che.

Cleofe) Eh, (alla bisnonna, impertinente) chissà come mai.

Bisnonna) El garà ciapàt el mal de la nóna.

(Finalmente escono.)

Scena10 - Giustina, Clemente e la sua mamma

(Rientrano Giustina, Natalina e Clemente con i fiori. Giustina si toglie il cappotto.)

Giustina) Dènter dènter, cumudìf. Dim a me la vòsa ròba. Mitìf còmodi, fì cönt de èser a casa vòsa.

(Natalina e Clemente porgono cappotto o giacca, si siedono e ringraziano.)

Giustina) Cosa pòde ufrìf sióri, en cafè?

Clemente) No, grasie, só za agitàt asé.

Natalina) Apó me só agitàda. La staghe mia lé a distürbàs siùra Giustina.

Giustina) Nüsü distùrbo, en vermùt?

Clemente) No, grasie,  pròpe gnènt.

Giustina) En marsalino all’uovo che tira sù la petürìna?

Natalina) Pròpe gnènt, grasie.

Giustina) Gna en bicèr de acqua? Fi cönt de èser a casa vòsa vé dìse.

Clemente) Grasie, grasie, g’hó pròpe mia sét.

Natalina) Bando ai convenevoli siòra Giustina. Finalmente me fiöl, sö consiglio de la sò mama, el g’ha ciapàt la decisiù.

Clemente) (Sottovoce alla madre) Mama, sta mia dì isé che te me fe fà bröta figüra. Só grant asé per decìder de per me cönt.

Giustina) E quale sarésela chèsta decisiù?

Clemente) Siùra Giustina, a forsa de pensaga sùra...

Giustina) El me tègne mìa sö i spì. E alùra?

Clemente) G’hó capìt che só ‘namuràt de la Cleofe.

Giustina) (Delusa) La Cleofe?!

Natalina) E l’è la decisiù pö giösta che me fiöl el pudìes ciapà, ghèl garantése.

Giustina) El pròpe deciso per la Cleofe?

Clemente) Certo “al cuor non si comanda”.

Natalina) (Al pubblico, con il gesto dei soldi fregando pollice e indice) Gna a le scarsèle se l’è per chèl.

Giustina) (Sospirando) Bene bene, apó per la me cara Cleofe gh’è riàt l’ura e de nà a stà vià.

Clemente) Perchè vià siòra Giustina? (Guardandosi attorno) L’è talmente bèla chèsta casa. che...

Giustina) Come come? Va bé ghe v’hó dit de fa cönt de èser a casa vòsa, ma (a Clemente) ma lü el garà mia entensiù de vègner a sta ché per caso?

Natalina) Perchè nò?

Giustina) (Decisa) Perchè de nò. Gh’è mia posto. Sóm za ‘n tancc. Stóm za strècc come le sardèle ‘n scatóla.

Natalina) La se preocupe mia che la Provvidenza la provvederà.

Giustina) La provvidenza la slarga mia le stanze.

Natalina) Chèsta l’è l’ünica cundisiù che ‘l me Clemente el mèt per spuzà la sò Cleofe.

Giustina) Capìse mia.

Natalina) Cosa gh’è de capì? L’è tanto semplice. Se ‘l Clemente el se spùza co’ la sò Cleofe, góm pròpe de vègner a sta chè.

Giustina) (Ripetendo ) Góm? Apó lé vègnela a sta ché?

Natalina) E certo, me só la sò mama. Perchè, me ‘ndó garés de nà secondo le? Da sula?!

Giustina) Só mia, a Brèsa, ghe lif mia a Bresa la càsa?

Natalina) Me, a dighela töta cara la me Giustina... pòde ciamàla Giustina? Ormai sóm quasi parèncc.

Giustina) Eh va bé, (preoccupata) se la völ la me ciame pör Giustina che me ofènde mìa.

Clemente) La me mama...

Natalina) (Zittendolo) Ecco, só mia come dil, ma noàlter al momènt góm dei problemi.

Giustina) De che problemi se trata?

Natalina) Quan gh’è en problema, l’è sèmper chèl.

Giustina) Sólcc.

Natalina) (Imbarazzata) Sólcc, (con grande dignità ) purtroppo, stòm attraversando en momento di difficoltà economica.

Giustina) (Al pubblico) En póche parole “i ghe n’ha gna ü che cönta du”.

Natalina) ... e a Brèsa góm el sfratto.

Giustina) E a Rioltèla? En dó stif adès?

Natalina) Apó lé gh’è de le rògne de gratà, purtroppo. Ma Giustina, la volarà mia delùder la Cleofe.

Giustina) (A Clemente) L’è mia siór spisiér che lü l’è vignìt ché co’ l’idea de ‘mburtulà sö la me Cleofe?!

Clemente) (Scandalizzato) La varde che me só ‘nnamuràt de la so Cleofe!

Giustina) E la Miriana?

Natalina) Ghe n’è amó de sènter!? Se ‘l me Clemente l’è ‘nnamuràt de la Cleofe, de scèlte ghe n’è mia. E lü l’è deciso. (Al figlio) Dìghel apó te Clemente che te sét deciso.

Clemente) L’è vera, me só ennamuràt de la Cleofe... da sèmper.

Giustina) Ma se fin gér l’èra gna bu de dicidìs.

Clemente) L’è perchè la me mama la me fàa pressia. E anche perchè l’hó capìt apéna adès.

Natalina) El g’ha vit come ‘na folgorasiù. El m’ha dit: La Cleofe.

Giustina) ‘Na folgorasiù?!

Natalina) Compàgn de ‘na scossa elettrica (al figlio) Dìghel apó te Clemente.

Clemente) Come ‘na scossa elettrica... zach!

Natalina) Góm mia perdìt temp e sóm vignìcc sübit a domandàga la mà de la Cleofe.

Miriana) (Fuori scena) Quanti ghe n’è amó Luigina?

Luigina) (Entra e si volta a rispondere) En töt j-è vintiquàter mama. (Attaversa la scena con un altro scatolone ed esce.)

Giustina) Cósa sücet? Cosa èle dré a fa. Fam ‘na a véder? Scüzìm siòri (esce per andare a vedere).

Natalina) L’è nàda Clemente, (fregandosi le mani) sóm sistemàcc. Ghèt vist a lasàm fa a me?!Te, te sarèset mia stat isé brào.

Clemente) El só mama.

Natalina) Làsega fà a la tò mama te...

Scena 11 -  Cleofe

(Dopo alcuni attimi entra Cleofe, quando li vede si ritrae timida, rientra  spinta dentro dalla nonna che le toglie gli occhiali.)

Bisnonna) (Sottovoce a Cleofe spingendola fuori) Và, và, sta mìa vìga póra e te racomànde de parlare in italiano.

Cleofe) (Alla nonna) Ho le gambe che mi fanno Giacomo-Giacomo.

Bisnonna) Metticela tutta e cerca di fare pulito.

(Entrano, Clemente le vede e si alza per salutare.)

Cleofe) (Annuisce alla nonna e timida ricambia il saluto) Buongiorno sióri.

Bisnonna) State pure sentati giù.

Bisnonna) Comodi, comodi.

Natalina) Buongiorno signora, signorina.

(Seguono alcuni attimi di imbarazzo, Clemente fa per parlare senza trovare le parole giuste.)

Natalina) Bella giornata oggi vero?

Cleofe) Proprio bella. Menomale che ha moccato lì di piovere.

Bisnonna) Cleofe, perché non gli fai mica tastare una fetta di chisollo, quello che hai fatto tu stamattina con le tue sante mani.

Natalina) No, grazie, io sono a dieta.

Cleofe) E per lei signor spiziere?

Clemente) No grazie, ci ho un groppo nello stomaco che non mi passerebbe nulla.

Cleofe) E come mai?

Clemente) Sempre, quando devo fare un discorso importante, mi si blocca lo stomaco.

Bisnonna) (A Natalina) Lassiamo i giovani ai loro discorsi signora, se la vuole venire a vedere il mio orto.

Cleofe) Nonna, non vorrai mica che la signora si impaltàni tutte le scarpe.

Bisnonna) (A Cleofe) Sta tranquilla che non pestiamo mica le colle. (A Natalina con un sospiro) Venga cara signora, non vorrà mica tenere il moccolo.

(Natalina e la bisnonna escono, Clemente e Cleofe sono molto timidi, mentre Clemente fa la dichiarazione, Luigina rientra e riattraversa la scena, senza fermarsi li guarda perplessa)

Scena 12 - dichiarazione

Clemente) Signorina Cleofe, io le dovrei parlare.

Cleofe) Dica, dica pure...

Clemente) Non só se posso. Mi vergogno un poco. Sa cosa deve fare Signorina Cleofe?

Cleofe) Mi dica.

Clemente) Per piacere. Si volti dall’altra parte, mi sarà più semplice parlare.

Cleofe) Ha ragione, è meglio che mi giri, anch’io sono molto timida. (Girandosi e voltandogli le spalle si troveranno schiena contro schiena) però se stà cosi didietro non la vedo.

Clemente) Meglio se non mi vede, perchè vede Signorina Cleofe, ho una cosa importante da dirle. Cleofe... Cleofe... da tanto tempo...

Cleofe) (Lo incoraggia) ... da tanto tempo... e allora?

Clemente) (Tutto d’un fiato) Da tanto tempo credo di essermi innamorato di lei.

Cleofe) Dice sul serio signor spiziére?

Clemente) Non mi chiami più “signor spiziere” d’ora in poi Cleofe: chiamami Clemente.

Cleofe) (Con un sospiro) Clemente? Ah... Clemente

Clemente) Ti piace il mio nome?

Cleofe) Certo, è un nome dolcissimo.

Clemente) Cleofe mi vuoi sposare?

Cleofe) (Gridando) Sììììì

( Al grido rientrano Giustina e Miriana, si fermano sulla porta.)

Scena 13 - Finale

Giustina) Beato cielo, cosa sücét?

Cleofe) Mama, mama...  (timida) me spùze (indicandolo) con de lü! (alla sorella, con sussiego) Ghèt vìst te che te vöt sèmper saìghen na pagina de pö del lìber, come che l’è finìda la stória!

Miriana) Sta mìa ‘ndà en bröd de mandulì per isé póch.

Cleofe) Per te sarà póch, per me l’è... l’è... (cerca la parola guardando Clemente) come na favola. Na bella favola.

Miriana) (Polemica) Varda che la storia l’è nàda isé perchè me...

Giustina) (Zittendola, a Mirirana) Sss... le spiegasiù le ocór pö Miriana, sta mia ruinàga chèsto momènt a tò sorèla.

(Clemente e Cleofe si guardano negli occhi.)

Miriana) Ma le, la crèt che me...

Giustina) Làsela créder chèl che la völ. L’è giösta che la sape finìda isé, te có’ i sòlcc e lè...

Bisnonna) (Entrando dall’altra parte grattandosi, con il giornale o la paletta) Col sò principe azzurro.

Miriana) Principe azzurro... ensóma...

Bisnonna) Vàrdel bé. El vistìt cilistì el ghe l’ha.

Giustina) En dó èla la siura Natalina?

Bisnonna) L’è nàda a preparàs per traslocà.

Giustina) Òstis, la pèrd mia tèmp per vègner a sta ché.

Miriana) E te mama ve a stà con de me e la nóna en vila. Quatórdes stanze. Gh’è posto per töcc, apó per la siùra Natalina se la völ, isé ghe faró amó pö rabia a chèle vipere de le me cögnade.

Giustina) Bràa, buna idea, dài nóm de là a finìser de mèter dènter en dei scatulù le carte de le caramele (esce).

Miriana) (Nell’uscire pensando) Ma sé, l’è giösta che la sàpe finida isé, (al pubblico) tanto j-òm j-è töcc dei rompibale (esce).

Bisnonna) (Si avvicina a Cleofe) Sét Cleofe, me ghe l’hó mèsa töta co’ la me bachèta magica, (sospirando) pö de isé só mia stada buna de fa, però, l’è en gran pecàt che gàbe mangiàt föra töcc i caài.

Cleofe) Ah (Ricordando e sorridendo) Te ghét rezù nóna. A la Cenerentola ghé riàa el principe azzurro sö de en bèl caàl bianch.

Bisnonna) I me caài j-éra négher, però ghe narés emprestàt giù al Clemente isé el sarés stat en bèl principe cilistì sö de en bèl caàl négher.

Cleofe) L’è istès nóna, azzurro o cilistì , caàl o mìa caàl... bianch o negher, le l’istès, per me el Clemente l’è pö bèl del principe de la Cenerentola.(Al pubblico) E come che se lès sö i liber

Bisnonna) Cleofe, parla italiano!

(Si apre la porta. Entra Natalina con due valige, le appoggia, chiude la porta, riprende le valige e si affianca agli altri in mezzo alla scena.)

Cleofe) E come si legge nelle più belle favole quando finiscono…

Bisnonna) Non resta che dire…

Cleofe) (Al pubblico)                      e vissero tutti – felici e contenti.

(oppure) Stretta la foglia - larga la via  - dite la vostra - che io ho detto la mia.

Cala il sipario.

Fine

I  CAVALLI DELLA BISNONNA

ovvero :

“DUE SORELLE DA MARITARE - IL FARMACISTA NON SA CHE FARE”

Commedia brillante in due atti, in dialetto bresciano, di Velise Bonfante

TRADUZIONE LETTERALE

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

I proverbi e le parole intraducibili sono scritti in maiuscoletto.

ATTO PRIMO

Scena 1 - Giustina e la figlia Miriana

(Fuori scena si sente litigare furiosamente Amelia e Arturo, i vicini di casa. Es:                       Insomma sono andato a lavorare – A me mi balla un occhio Arturo – Amelia credimi, è la verità)

Giustina) (Entra e sistema dei fiori in un vaso) Sempre dietro a litigare quei due lì. L’Amelia è gelosa esageratamente. L’Arturo col lavoro che fa è sempre in giro e se volesse le occasioni non gli mancano.

Miriana) (Entra in vestaglia massaggiandosi il viso con una crema) Mamma, mi servirebbero dei soldi che ho finito la crema per la faccia, il balsamo per i capelli o lo smalto per le unghie.

Giustina) Cara Miriana tu hai le mani bucate come un setaccio! In questa casa si deve iniziare a tirare cinghia.

Miriana) Ed io devo tenermi su se voglio sposarmi ancora una volta, ti pare?

Giustina) Pare o non pare, il fatto è che io non ne ho più nemmeno uno da darti. Non ho la pianta da scuotere. L’unica che potrebbe darteli in questa casa è la mia mamma, cioè la tua nonna.

Miriana) La nonna ha il crampo nelle tasche. Ho provato un sacco di volte, non si riesce neppure a parlare assieme alla nonna: è sorda come una campana. Cosa se ne farà dei soldi alla sua età?!

Giustina) Poverina, se li è messi da parte perché vuole un bel funerale. Vuole un funerale di gran lusso: con la banda che suoni la marcia funebre. Un prete davanti e uno dietro e il turibolo con l’incenso e vuole dieci chierichetti per parte.

Miriana) Costano così cari i preti e i chierichetti?

Giustina) Preti e chierichetti no, ma la carrozza nera tirata da quattro cavalli neri… tu mi capisci. Ma tu, a proposito, non si sa ancora nulla del testamento del tuo povero marito?

Miriana) Niente, e le mie cognate, quelle antipatiche, quelle pitocche, buone solo per i calli, vogliono tutto per loro… pensare che mio marito, poverino, io lo tenevo come una reliquia.

Giustina) E la villa?

Miriana) (Elencando) La villa, la casa al mare, il conto in banca, la fabbrica... tutto bloccato per quelle ingorde, egoiste delle mie cognate. Brutte streghe.

Giustina) E intanto?

Miriana) Intanto niente, sembra che il testamento non ci sia… ma sta tranquilla mamma che se va bene, mi sistemerò ancora una volta con il farmacista di Brescia, lui è pieno di soldi ed io potrò ancora spendere e spandere.

Giustina) Speriamo. (Al pubblico) Non c’è il due senza il tre. (A Miriana) È che i tuoi mariti ti hanno abituata troppo bene, cara Miriana. A forza di spendere e spandere sei rimasta lustra come una mela.

Miriana) Che peccato che, sia il primo che il secondo, (si fa il segno della croce) pace all’anima, ricchi com’erano, non me ne abbiano lasciato neanche uno.

Giustina) (A Miriana) È proprio un peccato… un peccato mortale... (Al pubblico) intanto tocca a me scontarlo il suo peccato. (A Miriana) Basta che sto farmacista si decida alla svelta fra te e tua sorella.

Miriana) Mia sorella Cleofe? Vuoi scherzare mamma? Lei e niente di cena è la stessa cosa (esce).

Scena 2 - Giustina e la madre (la bisnonna)

Giustina) (Mentre parla si toglie il grembiule, si mette le scarpe e infila il cappotto) Speriamo che sto farmacista scelga alla svelta la mia Miriana. Tutte le volte che resta vedova con una scusa o con l’altra torna sempre qui a farsi mantenere. (Raccogliendo alcune carte di caramelle) Fra lei e sua figlia Luigina non spostano una paglia. La Miriana è capace solo di spendere e mia nipote è capace solo di fare la raccolta delle carte di caramelle.

(Suona il telefono e Giustina va a rispondere)

Giustina) Signor avvocato... buon giorno, si ...  la Miriana... la chiamo subito. No, va bene gli e lo dico io di passare dal suo ufficio. Senz’altro. Sicuramente... buongiorno.  (Depone la cornetta e chiama la figlia) Miriana... Miriana... chissà dove è andata, era qui adesso. (Guarda l’orologio) Se è tardi, bisogna che mi spicci ad andare a fare le spese. Glielo dirò dopo.

Bisnonna) (Entra. È sorda solo quando vuole, è affetta da un leggero prurito causato da allergia al troppo mangiare e lei crede a causa delle zanzare per cui da loro una caccia spietata. Entrerà sempre con un giornale piegato o con una paletta per ammazzare le mosche.) Chi è che è indietro come un opol? (ignorantissimo)

Giustina) Nessuno mamma e tu non far finta di essere sorda.

Bisnonna) Guarda che io non sono ingorda Giustina... mangio sempre poco o niente.

Giustina) Infatti, è per quello che sei sempre piena di pomfi. Lo so che fai finta di essere sorda. Hai paura eh, che ti parlino di soldi? Toh mamma (porgendole le carte di caramelle raccolte) dalle alla Luigina. È già tardi e devo ancora andare a fare le spese (esce).

Bisnonna) (La rincorre fin sulla porta) Non comperare più la mortadella che mi viene fuori dagli occhi! (Torna sui suoi passi) Chissà se ha capito?! A volte mi sembra perfino sorda.

Scena 3 - Luigina e Bisnonna

Luigina) (Entra in pigiama sbadigliando e stirandosi) Ciao nonna bis

Bisnonna) Ciao Luigina, ti sei alzata… guarda che ore sono. (Si toglie dalla tasca alcune carte di caramelle) Toh prendi, per la tua collezione di carte di caramelle.

Luigina) Grazie nonna bis (le guarda attentamente) Che belle lustre, non c’è nessun’altro che ha una collezione come la mia, ho incominciato ancora da piccola a raccoglierle, a tre anni e mezzo. Sono capaci tutti di raccogliere i francobolli, le monete o le farfalle, io raccolgo le carte delle caramelle ed ora ne ho 24 scatoloni pieni, tutti pieni di carte di caramelle (esulta) questa mi manca!

Bisnonna) Ti fa male la pancia? Povera la mia Luigina.

(Fuori scena si sente litigare Amelia e Arturo, i vicini di casa)

Amelia) A me fare una cosa simile. Farabutto!

Arturo) Guarda che ti sbagli Amelia.

Amelia) Non mi sbaglio.

Arturo) Ma cosa vai a pensare Amelia?!

Amelia) Lo sai che non voglio che mi racconti le balle!

Luigina) Stanno sempre a litigare quei due lì.

Bisnonna) Non ho capito, cosa fa lui di giovedì?

Luigina) Niente fa di giovedì l’Arturo... Ascolta nonna (le mette il braccio a spalla e le da un bacino) cara la mia nonna bis, lo sai che io ti voglio un gran bene?

Bisnonna) Ah... di venerdì!

Luigina) Nonna... né di giovedì né di venerdì… ascolta, lo sai che io avrei bisogno di un piacere.

Bisnonna) Viene qui lo spiziere? Quando?! Giovedì o venerdì?

Luigina) (Alzando la voce) No, mi serve un piacere... un piacere nonna ... a me... mi servono dei soldi.

Bisnonna) Non c’è bisogno di gridare Luigina, io non sono sorda.

Luigina) Allora, ce l’ hai un qualche soldino per la tua nipotina? Una qualche palanchina da prestarmi?

Bisnonna) Vuoi di merenda pane e salame?

Luigina) Se alà... nonna, (se ne va sconsolata) ho capito, (fra sé) è meglio che vada a vestirmi e a sistemare le mie carte delle caramelle… (esce).

Bisnonna) Che cosa avrà da gridare! (Rimasta sola) È vero che faccio fatica a sentire e sono un po’ sorda. Il fatto è che quando si tratta di soldi non ci sento niente del tutto. Andiamo a vedere se c’è rimasto qualcosa da mangiare in cucina (ammazza una zanzara invisibile) io non so il perché, ma per me le ore, suonano sempre mezzogiorno! (esce).

Scena 4 - Cleofe e Miriana

(Cleofe porta gli occhiali, è miope. Entra col grembiule, indaffarata spolvera e lucida.Subito dopo entra Miriana tutta elegante e pronta per uscire, si rimira in uno specchio e si accomoda i capelli)

Cleofe) Dove stai andando tutta elegante?

Miriana) A fare due passi. Camminare fa bene alla salute, fa passare le malinconie, conserva giovani, fa bene alla circolazione, alla digestione… e a tante altre cose.

Cleofe) Miriana, non ho ancora capito, ma quando tu sei rimasta vedova e sei tornata qui con tua figlia Luigina...

Miriana) (Interrompendola) ...ricorda Cleofe che ad ospitare una vedova con la propria figlia è un’opera della misericordia.

Cleofe) Io sono tua sorella, sono obbligata ad ospitarti, ma tu, nel venire a stare qui, che cosa hai pensato: che ti facessi da cameriera!

Miriana) Prima mi ospiti e ora me lo rinfacci?!

Cleofe) Cara la mia Miriana, tu mangi e bevi con la testa nel sacco, sei servita e riverita e non ti tiri via nemmeno la sedia da sotto il sedere quando ti alzi da tavola e tuo figlia Luigina...

Miriana) Lascia stare mia figlia che deve studiare. Se non studia come fa a dare gli esami e laurearsi?

Cleofe) Macché studiare e studiare… lei è appena capace di contare le carte delle caramelle.

Miriana) Per forza, la mia Luigina fa la collezione. È da quando aveva tre anni che le raccoglie.

Cleofe) E che le lascia in giro. Ovunque ci sono carte di caramelle in questa casa ed è ora di finirla.

Miriana) Ti sei alzata male questa mattina? Si può sapere quello che vuoi da me e da mia figlia?

Cleofe) Un po’ di collaborazione, va bene! O hai paura che ti sudi la lingua in bocca.

Miriana) Collaborazione in che senso scusa.

Cleofe) Nel senso di sbrigare le faccende di casa: lavare, stirare, togliere le ragnatele, scopare, spolverare.

Miriana) Quante storie, le hai sempre fatte le faccende, fatti aiutare dalla mamma o dalla nonna.

(Fuori scena si sentono dei rumori e le due donne tacciono e ascoltano. Miriana è perplessa.         Ti dico che questo è rossetto – È gelato – Gelato rosso? – Gelato all’amarena)

Cleofe) Sono ancora i nostri vicini di casa che litigano.

Miriana) L’amore senza baruffa fa la muffa. Beh niente, ora vado a far due passi, magari incontro anche il mio farmacista in piazza.

Cleofe) Il tuo?! Il mio! Quello lì sposerà me. Io sono ancora signorina.

Miriana) Signorina?! Zitella! Zitellona! Perché nessuno ti ha voluto. Ti sei guardata bene allo specchio Cleofe?! L’aspetto l’è importante se vuoi fare colpo sugli uomini (squadrandola da capo a piedi) e di sicuro tu, non farai mai colpo conciata così.

Cleofe) E tu è ora che la smetti di fare la giovincella Miriana, non hai vergogna alla tua età?! Tu sei più vecchia di me di cinque anni.

Miriana) Sarò più vecchia di cinque anni ma sembro tua figlia!

Cleofe) Mia figlia?! Ti sei guardata bene Miriana?!

Miriana) E tu ti sei specchiata bene Cleofe?! La tua è tutta invidia, tu parli solo per invidia perché il farmacista alla fine sceglierà me invece di te.

Cleofe) Questo è ancora da vedere. Io sono più brava di te a tenere la casa.

Miriana) Con i soldi che ha il farmacista, posso prendermi la cameriera.

Cleofe) Io sono più brava di te a far da mangiare.

Miriana) Con i soldi che ha il farmacista, si potrà mangiare sempre al ristorante.

Cleofe) Io sono capace di cucire, di ricamare.

Miriana) Con i soldi del farmacista, io, mi compero la roba già ricamata e così non mi rovino nemmeno gli occhi.

Cleofe) Sei proprio sicura di sposare il farmacista Miriana?!

Miriana) Sicurissima cara la mia Cleofe, senza alcun dubbio! (Esce)

Cleofe) Staremo a vedere che chi la spunta cara la mia sorella! (esce anche lei dall’altra parte).

(Fuori scena si sente ancora gridare e litigare.)

Amelia) Ti faccio passare la voglia di fare il furbo.

Arturo) Io sono innocente, te lo giuro… lasciami spiegare Amelia...

Amelia) Innocente... in galera ti mando… in galera

Scena 5 - Armida e Ludovico

 (Suona il campanello, dopo alcuni attimi entrano Armida e Ludovico con pacchi e pacchetti)

Armida) (Entrando, si guarda attorno, chiama) Non c’è nessuno qui? Dai, su, entra con quelle cose.

Ludovico) Armida, non era meglio andare a casa prima e depositare tutta questa roba?

Armida) No, non si poteva. Quello che devo dire alle mie sorelle è urgente. Dopotutto Ludovico, quante storie per due pacchetti.

Ludovico) (Deponendoli) Chiamali due pacchetti Armida, hai vuotato quattro negozi. E menomale che ha iniziato a piovere.

Armida) Appoggiali un momento e non stufare, devo dire una cosa urgente alle mie sorelle. Urgente. Il farmacista può venire qui da un momento con l’altro. (Chiamando) Cleofe? Miriana?

Ludovico) Sono proprio curioso di vedere come va a finire questa storia qui. Per me quel farmacista lì non ha tutte le rotelle a posto: va bene che viene da Brescia ed a Brescia c’è la gente strana.

Armida) Non c’è niente di strano nel nostro farmacista.

Ludovico) Ah no! Ragiona: a Brescia faceva il farmacista ed è andato in pensione…

Armida) E allora? Cosa c’è di strano Ludovico?

Ludovico) Fin qui niente di strano Armida, ma non ce l’ha a Brescia la casa quello lì? Come mai vuole sistemarsi dalle nostre parti?

Armida) Si vede che gli è piaciuto il Lago di Garda e su Rivoltella non c’è nulla da dire: è un gran bel paese.

Ludovico) In quattro e quattr’otto ha pensato di sposarsi. Ti dico che è strano.

Armida) Magari è un pezzo che ci pensa, però non ha mai trovato quella giusta.

Ludovico) E secondo te ora ha trovato quella giusta?! È talmente quella giusta che non sa quale delle due sorelle scegliere: se la Cleofe o la Miriana...

Armida) Per forza, le mie sorelle, ognuna nel suo, tutte e due, caro mio, hanno un certo fascino, non per nulla sono le mie sorelle.

Ludovico) A proposito, ho sentito che è discendente da una famiglia nobile, è vero?

Armida) Certo! Eh caro mio, girano certe voci... la sua, è una famiglia su, piena di soldi...

Ludovico) (Interrompendola) E piena de balle... e per via dei soldi a me balla un occhio. Hai visto ancora un nobile a fare il farmacista?

Armida) Sarà un nobile decaduto.

Ludovico) Decaduto, cascato giù! Per me quello pensa di rialzarsi con i soldi delle tue sorelle.

Armida) Le mie sorelle non ne hanno mica tanti di soldi. A dire la verità non ne hanno neanche uno che contano due.

Ludovico) Ma lui non lo sa, chissà che cosa si crede di trovare… a dirlo fra noi Armida, le tue sorelle non è che siano delle grandi bellezze… quello crede di trovare i soldi.

Armida) Macché soldi e soldi. Tu non capisci niente Ludovico.

Ludovico) E le tue sorelle, furbe... Tutte e due che vogliono sposare il farmacista. Ti dico che non è logico.

Armida) Certo che è logico. Cosa vuoi sapere tu della logica delle donne.

Scena 6 - Luigina e gli zii

Luigina) (Entra con dei libri e abbraccia gli zii) Ciao zia Armida, ciao zio Ludovico. Stavo proprio pensando a voi che siete i miei zii preferiti. Come sono contenta de vedervi.

Ludovico) Ciao Luigina.

Armida) E come mai Luigina sei così contenta?

Ludovico) (Le fa vedere i pacchetti) Se ti servono dei soldi caschi male, tua zia li ha già spesi tutti.

Luigina) ... ah si...

Armida) Ti è passata la voglia di vederci Luigina? Non mi sembri più così contenta.

Luigina) Ma no, zia... (riprende i libri ed esce dall’altra parte).

Armida) (Guardandola uscire) Deve farne di strada quella.

Ludovico) (Al pubblico) Per arrivare alla furbizia di sua madre e all’astuzia di sua zia (indicando la moglie)!

Scena 7 - Ludovico e Armida - Bisnonna e Cleofe

Bisnonna) (Entra.) Ciao Ludovico, ciao Armida. Quanti pacchetti, sono per me? Hai portato qualcosa di buono da mangiare? Mi avei promesso le spumiglie.

Armida) Non c’è niente per voi nonna, mangiate già troppa roba dolce.

Bisnonna) (Grattandosi) Una borsa? Una borsa de spumiglie?!

Armida) (Al marito) Bisognerà dire alle mie sorelle che (indicando la nonna) sarà meglio nasconderla la nonna quando arriverà il farmacista, è un uomo così fine, che non pensi che noialtri abbiamo la rogna.

Bisnonna) La prugna?! Le prugne! Mi hai portato le prugne secche? Vanno così bene per la mia stitichezza.

Armida) (Sempre al marito) Fammi un piacere Ludovico, va a cercare le mie sorelle.

Ludovico) Si... si... (Ludovico annuisce ed esce).

Armida) (Soprappensiero guardandolo uscire) ...e bisognerà dire alle mie sorelle che quando arriva il farmacista si dovrà parlare in italiano, che è più sich!

Bisnonna) (Ascolta attentamente con aria furba) Mi hai portato i fichi Armida?

Armida) Nonna, ve li porto la prossima volta i fichi secchi, dove sono le mie sorelle, ditemelo per piacere.

Bisnonna) Li hai messi sul solaio?

Armida) Che cosa?

Bisnonna) I fichi secchi.

(Cleofe entra seguita da Ludovico)

Cleofe) Ciao Armida, cosa fai da queste parti?

Armida) Sono venuta a dirvi una cosa importante. Dov’è la Miriana?

Cleofe) Non c’è, è andata a fare due passi come al solito. Cosa c’é di così importante?

Armida) Ho visto in lavanderia la mamma del farmacista e mi ha detto che lui stamattina verrà qui a chiedere la mano di una di voi due.

Cleofe) (Agitandosi) Ti ha detto chi di noi due? Sono io?

Ludovico) Non si sa ancora chi sarà.

Armida) Ha detto che sceglierà al momento, quella che gli farà più bella impressione dopo che vi avrà visto nel vostro ambiente.

Cleofe) Nel nostro ambiente?

Armida) Si.. oggi deciderà. Bisogna dirlo anche alla Miriana.

Cleofe) Sta tranquilla che glielo dirò io quando che lei torna.

Armida) Mi raccomando di dirglielo, è giusto che lo sappia anche lei.

Cleofe) Sta tranquilla Armida che ci penso io a dirglielo... ciao ciao.

(Mentre le due donne parlano Ludovico raccoglie i pacchetti. Salutano ed escono tutti e due.)

Scena 8 - Cleofe e Bisnonna

Bisnonna) Avevo paura che tua sorella Armida mi domandasse i soldi. Cosa c’è Cleofe? Su Cleofe, su, tira via quell’aria da funerale!

Cleofe) Guarda come sono qui nonna… ed ora viene anche qui il farmacista! La Miriana va a camminare per mantenersi in forma. Per forza è in forma, non fa niente tutto il giorno e a me toccano le faccende. Devo fare da cameriera a tutti.

Bisnonna) Cara Cleofe dice il proverbio che “quando uno nasce sfortunato gli piove sul sedere a stare seduto”. Porta pazienza, lo sai che tua sorella è fatta così.

Cleofe) Però è un’ingiustizia. Io non mi sono mai sposata invece mia sorella Miriana due volte e per due volte ha avuto anche la fortuna di restare vedova.

Bisnonna) A questo mondo, sono tutte ingiustizie, cara la mia Cleofe.

Cleofe) E ora vuole sposarsi per la terza volta. E vuole sposare il mio farmacista!

(Fuori scena si sentono rumori vari e strani dei due litiganti: non puoi Amelia – certo che posso – Sta ferma, lasciami stare -)

Cleofe) Nonna… a volte mi pare di essere Cenerentola.

Bisnonna) (Illuminandosi) Cleofe, guarda che la storia di Cenerentola finisce bene. È lei che sposa il principe azzurro, in barba alle sue sorelle.

Cleofe) La Cenerentola aveva una fata buona che l’aiutava.

Bisnonna) E allora?! Per te ci sono io. E farò in modo che il farmacista scelga te e (togliendolo) basta girare col grembiule e basta occhiali (toglie anche quelli) ti aiuterò io (sbandierando il giornale o la paletta per le mosche) guarda ho anche la bacchetta magica!

Cleofe) (È miope, d’ora in poi, non vedendo bene si muoverà di conseguenza) Saresti tu la mia fata... allora sono proprio ben messa!

Bisnonna) Non dire così ed ascoltami. Prima di tutto non diciamo nulla a tua sorella e da ora in poi tu devi parlare italiano che è più shich, lo ha detto tua sorella Armida. E tu devi tirarti su d’aspetto, devi truccarti un po’ per essere più bella, ti metti un po’ di rossetto, dove sono i trucchi di tua sorella?

Cleofe) La Miriana non vuole che io usi le sue cose.

Bisnonna) Cleofe: parla italiano!

Cleofe) La Miriana non vuole mica che dopriamo le sue robe.

Bisnonna) Vai a tolli lo stesso i suoi trucchi, li dopriamo intanto che lei c’è mica...

(Cleofe prende da un cassetto una borsina per i trucchi ma non riescono ad aprirla)

Cleofe) Nonna, lasciami rimettere gli occhiali che non ci vedo tanto bene.

Bisnonna) Ma gnanca per scherzo...

Cleofe) Se ci vede la Miriana con i suoi trucchi ci ammazza...

Bisnonna) Cerca di parlare italiano Cleofe, è più scich! Non si apre. Tieni sòdo e non spingere.

Cleofe) Me, volarei sapere perchè una sorella simile mi è toccata proprio a me.

Bisnonna) Tieni sòdo (stretto) Cleofe... che io invito (avvito) da questa parte.

Cleofe) Più sodo (stretto) di così nonna!

Bisnonna) Il fatto è che continua a sbiusirmi (scivolarmi) dalle mani.

Cleofe) Non fare cosi, non invitare (avvitare) da quella parte, prova a sbassare (abbassare) il pirletto.

Bisnonna) Il pirletto continua a ridolàre (rotolare)... sto brutto canchero.

Cleofe) Bisogna punciare (spingere)forte... nonna, io non sono capace di di parlare italiano.

Bisnonna) E io ti dico di parlare italiano che farà più colpo sullo spiziere. Si è derverda (aperta)... finalmente. Sentati giù (siediti) che ti trucco io.

(Cleofe si siede e la Bisnonna la trucca leggermente grattandosi ogni tanto).

Cleofe) Nonna sei mica capace di non grattarti.

Bisnonna) Mi fa spìra (prurito) e quando fa spira non ci sono santi che tengono.

Cleofe) Ma così somèa (sembra) che hai la rògna ... e ci facciamo tutti la brutta figura.

Bisnonna) Quando che arriva lo spiziere io mi scondo (nascondo) e ti lascio a te a fare la bella figura.

Cleofe) Se prima dello spiziere viene in sa (in qua) la Miriana siamo rovinate.

Bisnonna) Sbassati giù (abbassati) ancora un po' che non ci arrivo a sgionfarti (gonfiarti) i capelli.

Cleofe) (Alzando la voce) Cerca de fare presto, m’è venuta spìra al naso.

Bisnonna) Non usarmi (gridarmi) nelle ricchie (orecchie) che non sono mica sorda.

Cleofe) Scusa, l’è che sono agitata.

Bisnonna) Sta calma e non agitarti. Lo sai Cleofe che io ho da parte i soldi perché voglio un bel funerale quando morirò.

Cleofe) Lo so nonna che vuoi una carrozza con quattro cavalli neri e i preti e i chierichetti ed il cordone dorato e la banda che suona.

Bisnonna) Guarda Cleofe, rinuncerò a due cavalli neri. Uno per comperarti il vestito da sposa e l’altro per il pranzo di nozze, la carrozza verrà tirata da due cavalli solamente, invece di quattro.

Cleofe) Rinunceresti ai cavalli nonna?

Bisnonna) Per te rinuncio a due cavalli, sei contenta Cleofe? Guarda però che dobbiamo parlare in italiano.

Cleofe) Nonna, grazie, tu sei più meglio della fata di Cenerentola.

Bisnonna) Non stare a ringraziarmi. Fatto, ora andiamo di là che ti guardi nella speccera (specchiera) e ti cambi anche di vestito (Va verso la camera).

Cleofe) Sensa occhiali non ci vedo niente.

Nonna) (Grattandosi) Cerca di andare a pratica.

Cleofe) ( Anche lei va verso la camera) Ad andare a palponi (senza vedere nulla) ho paura di inzuccarmi.

 Scena 9- Cleofe, Arturo e Bisnonna

(Fanno per uscire, suona il campanello, si fermano, Cleofe va ad aprire ed entra Arturo)

Arturo) Permesso. (Entra in pigiama, ciabatte e cuscino) Buongiorno signore… scusate se vi disturbo.

Cleofe) Ah sei tu Arturo... hai finito di litigare con l’Amelia?

Arturo) Avete sentito anche voi?!

Cleofe) Per forza, gridavate come due matti.

Bisnonna) Ho sentito anch’io che sono sorda.

Arturo) È l’Amelia che è gelosa... e per niente... mi dispiace di avervi disturbato...

Cleofe) Non preoccuparti Arturo, siamo abituate a sentirvi litigare, non ci facciamo nemmeno più caso.

Arturo) Menomale!

Bisnonna) Come mai sei ancora in pigiama a quest’ora, sono quasi le undici?!

Cleofe) Ti serve qualcosa Arturo?

Arturo) Ho bisogno di un piacere, non guardatemi cosi come se fossi un marziano. Questo è un semplice pigiama. Sono venuto a chiedervi che mi lasciate dormire qui da qualche parte.

Bisnonna) Qui? Da qualche parte?

Cleofe) Un uomo in casa proprio ora! No.. no... (sottovoce alla Bisnonna) e se viene il farmacista?

Arturo) Non ti mangio Cleofe... dai... siamo amici da tanti anni ed io ho proprio bisogno di dormire.

Cleofe) No, no, no... qui è impossibile.

Bisnonna) (A Cleofe) Lascialo spiegare Cleofe.

Arturo) Tu sai che io guido le corriere! È il mio lavoro. E stasera devo fare il turno di notte. Se non dormo come farò poi a guidare stanotte?

Bisnonna) Guidare le corriere è un lavoro di responsabilità...

Arturo) Non vorrai che mi capiti un qualche incidente, di notte, con la corriera piena de gente, magari scivolo su di una curva. Stanotte devo portare 60 donne...

Cleofe) Sessanta donne?

Arturo) Sessanta donne del centro anziani, stanotte le porto tutte in pellegrinaggio...

Cleofe) È meglio che tu vada a casa tua a dormire, sul tuo letto, sul tuo materasso dormiresti meglio.

Arturo) Mia moglie mi ha buttato fuori di casa.

Bisnonna) L’Amelia! Fuori di casa? Come mai?

Arturo) È talmente gelosa che a volte non ragiona neppure. non mi ha lasciato neppure parlare. Non mi ha lasciato spiegare come stanno le cose… beh.. posso allungarmi qui sul divano?

Cleofe) Sul divano? No, no, no ... Arturo non puoi restare qui!

Arturo) Guarda che se non dormo, dopo è pericoloso… Col lavoro che faccio… con la corriera piena di donne… la strada… le curve… la notte… la nebbia…

Bisnonna) ... l’incidente... che disastro... tutti qui morti e per colpa tua Cleofe...

Cleofe) Colpa mia?

Bisnonna) Cleofe quando che morirai andrai in paradiso per aver salvato tutta quella gente lì.

Cleofe) Io non ho intenzione di morire.

Bisnonna) Io dicevo: quando che sarà la tua ora… certamente non prima...

Arturo) Inoltre ascolta Cleofe, oltretutto (elencando) dar da mangiare agli affamati, dar da bere agli assettati, dar da dormire agli assonnati, sono tutte opere della misericordia.

Cleofe) (Al pubblico) Anche ospitare una sorella vedova.

Arturo) Anche ... e se tu mi lasci dormire compirai una vera opera della misericordia.

Bisnonna) E lascialo dormire qui sul divano e fa sta opera della misericordia e che sia finita!

Cleofe) Ma non hai altri posti dove andare a dormire?

Arturo) Potrei dormire in macchina, ma si sta un gran scomodi e se sto scomodo poi non ho i riflessi pronti e col lavoro che faccio i riflessi sono importanti!

Bisnonna) Hai capito Cleofe, i riflessi sono importanti.

Arturo) Vi garantisco che non darò alcun disturbo (si sdraia, accomoda il cuscino, si copre col plaid) Grazie, grazie tante, tutte le donne che stanotte saranno sulla mia corriera vi saranno riconoscenti. A loro farò dire un rosario di ringraziamento (si gira e dorme).

Cleofe) Cosa ti è venuto in mente nonna di farlo dormire qui sul divano, se ora arriva il farmacista, cosa gli diciamo?

Bisnonna) (Va a prendere una caraffa e un bicchiere e vi versa dell’acqua) Gli dici che è il nuovo fidanzato di tua sorella Miriana.

Cleofe) (Stupita) Il nuovo fidanzato di mia sorella Miriana!

Bisnonna) Bisogna studiarla giusta. (Guardando Arturo, prende dalle tasche una scatoletta di pastiglie) Lascia fare a me… sono o non sono la tua fatina buona?!

Cleofe) Allora siamo a posto.

Bisnonna) L’ideale è che lui non si svegli… guai se dovesse parlare.

Cleofe) (Guardando il bicchiere) Cosa stai facendo nonna?

Bisnonna) Non lo faccio più parlare!

Cleofe) (Scandalizzata) Lo stai avvelenando?

Bisnonna) Ma no Cleofe, sto sciogliendo dentro una… no, meglio due... meglio tre delle mie pastiglie.

Cleofe) Quali pastiglie?

Bisnonna) Quelle che il dottore mi ha ordinato per dormire.

Cleofe) Nonna... e se dopo non si sveglia più?

Bisnonna) Si sveglia, si sveglia, sono fin troppo leggere per me. L’importante è che non ci contraddica… e metterne quattro?!

Cleofe) Nonna, non scherzare! Una basta.

Arturo) (Dal divano) Non è ora di smetterla di chiacchierare che io devo dormire?

Cleofe) Scusa Arturo.

Bisnonna) (Avvicinandosi col Bicchiere) Arturo, ti ho portato da bere.

Arturo) Adesso non ho sete, grazie.

Bisnonna) Opera de misericordia numero due: dar da bere agli assetati, così quando morirò andrò anch’io in paradiso. Bevi, per favore Arturo (lo costringe a bere) su dai... quando le opere della misericordia quando si fanno, bisogna farle giuste. O si fanno bene o si fa senza farle.

Arturo) (Beve) Ha ragione (Sbadiglia) Che sonno, non sono più capace di tenere gli occhi aperti.

Bisnonna) E allora buona notte... dai andiamo a scegliere il vestito (esce).

(Arturo sul divano inizia a dormire, Cleofe fa per uscire poi si ferma e torna sui suoi passi e lo guarda perplessa. Entra Giustina con la spesa e Cleofe non vista copre veloce il viso di Arturo col plaid tentando di nasconderlo anche con qualche cuscino, poi si piazza immobile davanti al divano)

Scena 10 - Cleofe, Giustina e Luigina

Giustina) (Inizia a sistemare la spesa brontolando) Quanti soldi che ho speso anche oggi. (Guarda la figlia) Che stai facendo Cleofe? La bella statuina! Dammi una mano a sistemare la roba.

Cleofe) (Resta immobile) Cosa hai comperato di buono mamma?

Giustina) Da mangiare. In questa casa non fanno nient’altro che mangiare e mangiare e mangiare.

Cleofe) Hai ragione mamma: tutti che mangiano e mangiano e mangiano.

Giustina) Tre volte al giorno mangiano. Che brutto vizio. Prendi, vai a mettere di là questa roba. (Le consegna qualcosa tolto dalla borsa) La Luigina dov’è?

Luigina) (Entrando) Sono qui nonna… mi hai comperato le caramelle?

Cleofe) (Lancia un occhiata preoccupata al divano poi prende la roba ed esce a riporla).

Giustina) Non sei più piccolina da comperarti le caramelle Luigina.

Luigina) A me, mi servono le carte per la mia collezione!

Giustina) E pensare invece a studiare?

Luigina) A proposito nonna, cara la mia nonnina, mi servirebbero dei soldi per andare a comperare un libro.

Giustina) Te li ho dati anche ieri dei soldi. Luigina compri un libro tutti i giorni?! Diventerai un pozzo di scienza a forza di comperare libi. Li leggi almeno?

Luigina) Certo. Se devo fare gli esami! Per oggi ne avrei abbastanza di 10.000 lire, 20 è meglio.

Giustina) Oggi, domandali alla tua mamma i soldi, io li ho già spesi tutti.

Luigina) Già fatto, non ne ha la mia mamma da darmi, mi ha detto di domandarli a te.

Giustina) Alla bisnonna li hai chiesti?

Luigina) Già fatto anche quello nonna. Poverina, la nonna bis è talmente sorda che si fa una fatica a parlarle insieme, ma una fatica esagerata.

Giustina) Va bene, va bene (Prende il portafoglio) Guarda però che io non ho la fabbrica.  (Sospirando le da alcune monete) Prendi che non ci siano dei giovedì dopo, che non ci siano delle scuse per non fare gli esami. (rovescia il borsellino facendo vedere che è vuoto).

Luigina) Grazie nonna, tu sei un tesoro. Vado subito a comperarmi il libro (esce).

Giustina) Compera il libro e non le caramelle, hai capito?! (La guarda uscire) Spaccata a sua madre. Falsa come Giuda, capace solo di domandare i soldi e di fare delle moine. Delle mie tre figlie solo la Cleofe, poverina, mi rassomiglia. Sfortunata come me.

Scena 11 - Il farmacista, Giustina e Bisnonna.

(Suonano alla porta)

Giustina) (Andando ad aprire) Vengo... Vengo... (Cerimoniosa) Buongiorno, buongiorno signor farmacista, si accomodi, el si accomodi.

Clemente) (Entra con un mazzolino striminzito di fiori. Inchinandosi) Buon giorno signora Giustina, buongiorno, come la trovo bene.

Giustina) Si comodi, si comodi, si sieda, posso offrirle qualcosa. Un aperitivo? Un vermut?

Clemente) No grazie, non si disturbi Signora Giustina.

Giustina) Un marsalino? Le faccio tastare un marsalino all’uovo speciale?

Clemente) No, grazie non bevo proprio nulla, sono astemio.

Giustina) Un caffè, le preparo un caffè?

Clemente) (Sedendosi) No grazie, non bevo caffè e poi a quest’ora.

Giustina) Veramente anch’io non bevo caffè la mattina perché il caffè a digiuno mi fa venire i baligordoni (capogiri, vertigini). Un bicchiere d’acqua allora?

Clemente) Grazie, quello lo prendo volentieri.

Giustina) (Porta una caraffa e gli versa da bere) E io di acqua gli e ne do fin che vuole caro spiziere... (al pubblico) è la cosa più a buon mercato che c’è.

Clemente) (Timido) Mi chiami pure Clemente Signora Giustina, oramai sono quasi suo parente.

Giustina) Caro Clemente, che bella cosa che ha detto...

Clemente) Ci sono le sue figliole signora Giustina. Vede (facendo vedere i fiori) questo mazzo di fiori è per una di loro. (Sospira) Finalmente mi sono deciso (depone il mazzolino sul tavolo).

Giustina) (Fregandosi le mani) Bene bene. Come sono contenta e come sarà contenta la mia Miriana.

Clemente) Miriana?

Bisnonna) (Entra grattandosi) Voleva dire “come sarà contenta la mia Cleofe”.

Clemente) Cleofe?

Giustina) Nonna, torna di là subito, cosa vuoi sapere tu delle cose del signor farmacista.

Bisnonna) E tu allora...

Giustina) La mia Miriana è già stata sposata ed è più pratica di certe cose.

Bisnonna) Non serve la pratica, è il cuore che ci vuole e la Cleofe ha il cuore più grosso di lei.

Giustina) Anche la Miriana ha il cuore ed inoltre lei… lei… è una donna giovanile.

Bisnonna) E la Cleofe è ancora una signorina.

Giustina) La Miriana (al pubblico) è duro trovarle dei pregi (al farmacista) la Miriana è.. è... ma tu mamma, si può sapere perché tieni la parte alla Cleofe?

Bisnonna) E tu si può sapere perché tieni la parte alla Miriana?

Clemente) (Tentando di intromettersi) Veramente...

Giustina) Mamma, smettila e vai di là… subito.

Bisnonna) No, io resto qui.

Clemente) State comode, state comode (alzandosi) piuttosto vado via io...

Giustina) Lei si sieda e non si muova di qui. (Lo fa sedere bruscamente, prende la madre per un braccio, l’accompagna fuori, parlottano fra loro) Che ti viene in mente mamma. Guarda che se perdiamo questa occasione non ci libereremo mai più della Miriana. Dovremo ancora mantenerla, servirla e riverirla.

Bisnonna) (Fermandosi) E perché la tua Miriana è una lazzarona deve andarci di mezzo la Cleofe? Sono tutte e due tue figlie.

Giustina) La Cleofe non ne crea di problemi, non è una spendacciona. La Miriana invece, lei e sua figlia Luigina continuano a domandare soldi. Se si sposa, loro li domanderanno al farmacista, la Miriana è capace di prenderlo con le buone e di fare le moine e di farglieli tirare fuori.

(Giustina trascina fuori Bisnonna.)

Scena 12 - Il farmacista, Luigina e le due sorelle

Clemente) (Rimasto solo) Fa alla svelta mia madre a dire... “scegline una e sistemiamoci che a Brescia abbiamo lo sfratto.” (si guarda attorno) Questa è una casa grande, di sicuro ci sarà una stanza anche per me e per la mia mamma… (Si alza, mangia una caramella e tiene la carta in mano, vede Arturo sul divano che dorme) e questo signore chi sarà?

Luigina) (Rientra con dei libri e si presenta) Buongiorno, io sono Luigina, la figlia di Miriana, piacere di conoscerla.

Clemente) (Si stringono la mano) Piacere, Clemente. Molto lieto di conoscerla signorina.

Luigina) Oh che bel colore!

Clemente) (Si guarda) Che cosa? (Riprende in mano il mazzo di fiori) I fiori?

Luigina) No... la carta di caramella, non me la regalerebbe?

Clemente) Vuole una caramella?

Luigina) No, solo la carta, grazie.

Clemente) Questa? (Perplesso) oh, prenda, prenda pure.

Luigina) Sa, faccio la collezione, ne ho già 24 scatoloni pieni.

Clemente) Pieni di caramelle?

Luigina) No, di carte... e questa mi manca proprio.

Clemente) Ah, signorina, mi scusi, (titubante) mi tolga una curiosità.

Luigina) Mi dica.

Clemente) (Indica il divano) Chi è questo signore?

Luigina) (Si avvicina al divano e indica Arturo) Questo: ah questo è un amico di mia zia Cleofe.

Clemente) Un amico?

Luigina) Certo, sono molto amici lui e la mia zia Cleofe.

Clemente) Amici?! Per dormire in casa, sul divano vuol dire che sono in confidenza.

Luigina) Molto in confidenza. Qui è praticamente di casa. Sono in ottimi rapporti da tanti anni...

Clemente) Rapporti?

Luigina) Praticamente lui e la mia zia Cleofe si... oh...

(Luigina smette di parlare vedendo entrare Cleofe con un vestito di Miriana, senza occhiali e truccata. Luigina stupita per il cambiamento la squadra da capo a piedi)

Luigina) Ecco la mia zia Cleofe...

Cleofe) (Entra) Buongiorno signor farmacista. Vai di là Luigina che io devo parlare col signor farmacista.

Luigina) Ma certo che vado cara zia. (al farmacista ironica) Arrivederci signor Clemente (esce).

Clemente) Ciao ciao (A Cleofe) Buongiorno signorina Cleofe. Sono senza parole, come siamo eleganti oggi.

Cleofe) Grazie... grazie...

Clemente) Scusi signorina

Cleofe) (Avvicinandosi civettuola) Mi dica, el mi dica...

Clemente) Mi tolga una curiosità (Indicando il divano) È un suo amico questo che dorme sul divano?

Cleofe) Quello lì che s’è buttato giù sull’ottomana? Non ci facci mica caso quello lì è un amico carissimo di mia sorella Miriana.

Clemente) Un amico?!

Cleofe) Certo, luilì è un amico della Miriana, più di un amico.

Clemente) E dorme qui in casa sul divano?

Cleofe) Le disarò (dirò) di più, è un amico intimo di mia sorella Miriana, più che intimo.

Clemente) Di Miriana, è sicura?

Cleofe) Certo, la mia sorella è di liberi costumi. Caro spiziere le conviene lasciarla perdere la mia sorella.

Clemente) Ah...

Cleofe) (Indicando il divano) Per finire di scortarla (per farla breve), quest’uomo qui è il nuovo...

Miriana) (Rientrando dalla passeggiata) Oh chi si vede, buongiorno signor farmacista.

Clemente) (Inchinandosi) Buongiorno Miriana.

Miriana) Non mi dica mica che questi fiori sono per me.

Cleofe) Se mai i sarà per me. Grazie signor spiziere (Prendendo i fiori senza esitazione) Adesso li ciappo (prendo) e li metto in un vaso.

Miriana) (A Cleofe) Cosa è che fai tu ora?

Cleofe) Li ciappo e li metto in un vaso. Perchè?  (Li mette in un vaso).

Miriana) Ma da quando in qua tu parli così?

Cleofe) Le vere signore cicciàrano (chiacchierano) in italiano cara la mia sorella.

Miriana) E da quando in qua tu sei una vera signora? Me... io sono una vera signora, una doppia signora: sono stata sposata due volte.

Cleofe) E per due volte sei rimasta anche vedova, (al farmacista) caro spiziere, se catta fuori (sceglie) mia sorella Miriana, si ricordi che non c’è il due senza il tre.

Miriana) Cosa vorresti dire Cleofe?

Cleofe) Io non dico mica niente. Signor spiziere, se lei sposa mia sorella scamperà poco... Basta vardare i fatti.

Miriana) (Guardandola meglio) E io guardo che mi hai fregato il vestito. Il mio vestito della festa.

Cleofe) Il vestito che io… il vestito che io g’ho lavato e soppressato (stirato).

Miriana) (La strattona) Vai subito a togliertelo e non star più a permetterti di fare una cosa simile… (l' afferra per un braccio e la spinge fuori) va subito a toglierti il mio vestito.

Cleofe) (Nell’uscire al farmacista) Ha perché brutto carattere che la ha mia sorella?!

Miriana) Pensa per il tuo di carattere... (Cleofe e Miriana escono.)

Clemente) (Rimasto solo si alza e perplesso va al divano)Oh, come che dorme di gusto questo signore! Fa alla svelta a dire la mia mamma, scegline una che ci sistemeremo per sempre, a me sarebbe piaciuta la Cleofe, ora invece, mi fanno paura tutte e due. Io quasi quasi scappo…

Scena 13 - Il farmacista e Amelia

(Il farmacista fa per uscire ed entra Amelia piangente)

Amelia) Permesso...  non c’è nessuno qui? Cercavo la signora Giustina...

Clemente) Erano qui tutti un momento fa. Che succede? Su non pianga signora, ora le chiamo.

Amelia) Il mio Arturo, chissà dov’è il mio Arturo, che stupida che sono stata.

Clemente) (Preoccupato) Che succede signora?

Amelia) Tutto per un po’ di rossetto sulla camicia… e non è la prima volta.

Clemente) Davvero?

Amelia) Il mio Arturo mi racconta sempre le frottole, inventa un sacco di scuse ed io non voglio che mi faccia passare per stupida (vede il divano e smette di piangere) Arturo, guardalo qui dov’è... (al marito) ma non hai vergogna a venire sempre qui.

Clemente) È lui che sta cercando? Lei conosce quest’uomo?

Amelia) Altroché se lo conosco... è mio marito! Alzati subito di lì brutto porco… viene sempre qui a farsi consolare, perché sa che qui sono sempre pronte ad aprirgli la porta.

Clemente) (Interrompendo) Come ha detto scusi?

Amelia) (Non risponde e continua a rivolgersi al marito) Farabutto (lo scuote inutilmente) disgraziato... sempre dietro a pensare alle donne.. alzati da lì.

Arturo) Lasciamo dormire Amelia... se non dormo non riesco a fare più niente.

Amelia) Alzati ti ho detto… alzati.

Arturo) Lasciami dormire, pensa solo… a tutte le donne in pericolo che ci saranno questa notte.

Clemente) Forse starà sognando.

Amelia) Non si sveglia proprio, io quasi quasi lo lascio qui… lei che ne dice?

Farmacista) (Perplesso) Contenta lei!

Amelia) Ma si, lasciamolo qui ... (uscendo) almeno so dov’è (esce).

Clemente) (Guarda perplesso Arturo sul divano) Non capisco (si guarda attorno circospetto) signore (tenta di svegliarlo) mi tolga una curiosità, come fa a star dietro a tutte quelle donne?

Arturo) (Addormentato) L’è perchè faccio i turni.

Clemente) Ah (indicandolo, al pubblico) fa i turni... ora capisco. Per forza dopo è stanco morto ed ha sonno (guardandolo meglio) e non è neanche capace di stare in piedi.

Scena 14 - Il Farmacista, Giustina e Bisnonna.

Giustina) (Entrando) Allora, (vedendo i fiori nel vaso, li indica) ha deciso? (Vede Arturo sul divano) Che fai qui Arturo?

Clemente) (Interrompendola) Scusi signora, lei conosce quest’uomo?

Giustina) Certo (lo guarda teneramente) poverino, l’Arturo con il lavoro che fa è sempre in giro ed è sempre stanco morto.

Clemente) (Al pubblico) Sfido io.

Bisnonna) (Entra grattandosi e la interrompe) Anch’io voglio sapere cosa succede. Allora signor farmacista ha deciso?

Clemente) (Deciso) No... (guarda prima Arturo poi le due donne) No. Se prima ero indeciso, ora non so più che fare. Andrò a chiedere consiglio alla mia mamma (si riprende i fiori ed esce).

ATTO II

Scena 1 - Via vai

(È il pomeriggio dello stesso giorno, sono le 17.30 circa. Miriana e Cleofe non si parlano, Arturo dorme ancora sul divano. Entra la Bisnonna e lo guarda perplessa.)

Bisnonna) Dorme ancora l’Arturo? Non sarà mica morto? (lo scuote e cerca di svegliarlo) Arturo... non tira più né  coppe né bastoni… non avrò esagerato con le pastiglie!? Speriamo di no.

Miriana) (Entra con un bicchiere e si guarda in giro, si ferma e scrive un messaggio per la sorella “DOV’ È IL LATTE?”) Intanto mi toccherà bere l’acqua, l’acqua del rubinetto, io che ero abituata a bere lo “champagne”...  in questa casa qui: non c’è mai niente.

Bisnonna) Che cosa hai Miriana da brontolare?

Miriana) Non ho più nemmeno una lira nonna, non si può andare avanti così, in questa casa non c’è nemmeno il latte.

Bisnonna) Crepato? S’è crepato il bicchiere?

Miriana) Lo so che non sei sorda, che lo fai apposta.

Bisnonna) Devi andare in posta? Ad impostare una lettera?

Miriana) Una lettera, dove?

Luigina) (Entra con uno scatolone, lo appoggia e toglie alcune carte di caramelle)

Miriana)  Che stai facendo Luigina? Metti via subito quelle carte di caramelle, lo sai che tua zia Cleofe non vuole vederle in giro altrimenti brontola (fa star giù le ore)…

Bisnonna) Devi prendere le misure?

Luigina) No, devo contarle.

Miriana) (Raccogliendo le carte sparse) Dai andiamo che ti aiuto a portarle di là.

Bisnonna) Ed io ti aiuto a misurarle Luigina

(Escono tutte e tre.)

Cleofe) (Entra spazzando o spolverando. Si ferma legge il messaggio, "DOV’È IL LATTE?” pensa un attimo e risponde scrivendo un altro biglietto “IL LATTE È FINITO”) Belle pretese... glie l’ho detto cento volte che io non sono la sua cameriera.

(Suona il telefono, Cleofe va a rispondere)

Cleofe). Si... la Miriana... si... va bene... senz’altro... stia tranquillo signor Avvocato... buongiorno (depone la cornetta) È la terza volta oggi che telefona. Ma io alla Miriana non dico proprio niente. Come faccio a dirglielo se non ci parliamo insieme!

(Miriana rientra sfogliando una rivista e Cleofe che stava per uscire si ferma. Miriana vede il messaggio, lo legge ad alta voce “IL LATTE È FINITO” guarda sfidando la sorella e risponde “BISOGNA ANDARE A COMPERARLO” riprende il giornale ed esce. Cleofe torna su i suoi passi e scrive “IO NON BEVO LATTE E NON VADO A COMPERARLO”.

Cleofe) Cosa pensa: di mangiarmi gli gnocchi sulla testa?! (Si avvicina al divano e guarda perplessa Arturo.) Certo che la nonna fargli bere quattro pastiglie. E se non si sveglia più? Che facciamo? (lo scuote e tenta di svegliarlo) Arturo Arturo, sveglia, è ora di alzarsi (perplessa) ma! (esce).

Scena 2 - Amelia e Giustina

(Giustina entra dalla porta d’ingresso con Amelia che ha in mano una camicia)

Giustina) A dire la verità Amelia, sono un po’ preoccupata, è da stamattina che dorme sul divano.

Amelia) (Scuote il marito) Arturo... Arturo. Non capisco proprio, a casa sua ha il sonno leggero leggero. Al minimo rumore si sveglia. Vola una mosca ed è sveglio...  e qui, ma guardate, dorme come un ghiro. (Lo scuote ancora) Alzati che devi andare a lavorare, (a Giustina)  non so che dire signora Giustina.

Giustina) Da come che dorme non si sveglia neppure con le cannonate. Io non ho mai visto un sonno simile.

Amelia) E così che facciamo?

Giustina) Lasciamolo dormire ancora un po’.

Amelia) Bisognerà ben che si svegli se vuole andare a lavorare questa notte.

Giustina) Proveremo ancora fra un po’.

Amelia) Se mai torno dopo, (fa per uscire) a proposito Signora Giustina, guardi questa camicia, come si fa a far venir via queste macchie.

Giustina) Fammi vedere? Sono macchie di che cosa?

Amelia) Non saprei, guardi che macchie strane, non vengono via con niente.

Giustina) (Annusa) Che lucide che sono queste macchie, lucide… è strano, molto strano, sembra fina mai, dal colore, smalto per le unghie.

Miriana) (Rientra, legge il messaggio ad alta voce “IO NON BEVO LATTE E NON VADO A COMPERARLO”.) Che arpia di una sorella. E va bene, andrò a comprarmelo. (Nell’uscire alla madre) Mamma, guarda che vado a prendere un litro di latte e lo faccio segnare sul libretto.

Giustina) Fermati un minuto Miriana, prova a guardare questa macchia, di che cosa è per te?

Miriana) (Torna sui suoi passi, annusa) È smalto per le unghie, sono sicura (esce) io vado, ciao.

Giustina) Dove stai andando di bello?

(Miriana esce senza rispondere)

Giustina) Annusa, senti Amelia, è proprio smalto per le unghie. Prova con l’acetone.

Amelia) (Ad Arturo) Non bastavano le macchie di rossetto sulla camicia, anche lo smalto per le unghie ora. Si può sapere dove sei stato ieri?! (lo scuote energicamente per svegliarlo). Arturo... Arturo...

Arturo) (Assonnato) Lasciami dormire Amelia che è così bella... dolce...

Amelia) Cosa c’è di così bello e dolce?

Arturo) Ha due occhi stupendi.

Amelia) Due occhi?

Arturo) Neri, lucidi… sono come due perle che mi guardano

Giustina) Starà sognando!

Amelia) (Perplessa) Due occhi?!

Giustina) Due occhi Amelia. Due di numero. Hai visto ancora qualcuno con tre occhi per caso?

Arturo) E la bocca... una bocchina che pare un fiore.

Amelia) Un fiore?

Arturo) E le manine... sembrano perfino di porcellana.

Amelia) Si vede che di piatti non ne lava mica tanti...

Arturo) ... e ha un mantello celeste pieno di stelle...

Amelia) Di stelle?! Cosa sta dicendo!?

Arturo) È talmente bella che luccica tutta...

Giustina) Tu Amelia, non starà per caso vedendo la Madonna...

Amelia) Non è il tipo il mio Arturo di vedere le Madonne...  non va mai neanche in chiesa...

Giustina) Però con la corriera va a fare i pellegrinaggi...

Amelia) (Lo scuote ancora) Arturo... di chi stai parlando?

Arturo) Dell’Annunziata.

Amelia) Questa è nuova. Annunziata (battendo il tacco sul pavimento) paesi bassi... (minacciandolo) te lo do io ora il pane coll’uva (dare una lezione) - (esce furiosa sotto gli occhi perplessi di Giustina).

Giustina) (Ad Arturo) Ne combini proprio di belle a tua moglie.

Scena 3 - Giustina e la Bisnonna

Bisnonna) (Entra sempre con il giornale o la paletta per le zanzare) Cos’ha da gridare l’Amelia?

Giustina) Ce l’ha ancora con suo marito.

Bisnonna) Con l’Arturo?!

Giustina) Certo, bel tipo l’Arturo. Mi domando come che fa l’Amelia a sopportarlo.

Bisnonna) Si vede che ha ancora le fette di salame sugli occhi. A proposito di salame, cosa c’è da mangiare stasera?

Giustina) Mortadella.

Bisnonna) Hai comperato ancora la mortadella Giustina?

Giustina) Sì mamma.

Bisnonna) È una settimana che mangiamo mortadella Giustina! Pranzo e cena sempre mortadella.

Giustina) È perché è la roba che costa di meno. Non posso certo comperare il caviale o il filetto e farlo segnare sul libretto, ti pare? Se tu mi dessi un po’ di quei soldi che hai messo da parte.

Bisnonna) Hai comperato la lavanda? Per profumare la biancheria?

Giustina) Ho detto che mi servirebbero i soldi, le palanchine.

Bisnonna) Devi comperare anche le tazzine… per il caffè? Non le avevi già le tazzine Giustina?

Giustina) (Alzando la voce) Mamma mi servono dei soldi, non si può sempre far segnare.

Bisnonna) C’è pronto da mangiare? E non gridare che io non sono sorda. Guarda Giustina, solo a parlare di mangiare mi è venuta fame, vado a farmi un bel panino.

Giustina) Mama, ma sei capace solo di pensare al mangiare? Per la tua età mangi troppo e non hai più lo stomaco di una volta.

Bisnonna) Macché stomaco e stomaco. (Facendole vedere il braccio) Sono le zanzare, guarda che morsiconi.

Giustina) È indigestione.

Bisnonna) Ma se mangio poco o niente, inoltre: “allo stomaco non si comanda”.

Giustina) È: “Al cuor non si comanda”

Bisnonna) (Toccandosi il petto) Cuore o stomaco sono sempre da quelle parti, vado a farmi un bel panino (esce).

Giustina) Vengo anch’io, altrimenti tu me la mangi tutta e poi non ho più nulla da mettere sul tavolo.

(Mentre sta per uscire suona il telefono e Giustina va a rispondere.)

Giustina). Si... la Miriana... si... va bene... senz’altro... stia tranquillo Signor Avvocato... buongiorno (depone la cornetta e chiama) Miriana... Miriana... chissà dov’è andata?

Bisnonna) (Entrando col pane) Guarda Giustina, mentre mi preparavo il panino ci ho pensato sopra. Basta mortadella (grattandosi) Ho finamai paura di essere allergica anche alla mortadella oltre che ai morsiconi delle zanzare. Vorrà dire che al mio funerale rinuncerò al turibolo con l’incenso (dandole dei soldi) ma fammi un piacere, vai a prendermi una bella bistecca, tenera, morbida.

Giustina) Che stai facendo mamma? Ci tenevi così tanto ad un funerale di lusso!

Bisnonna) Rinuncio anche ai cordoni dorati per una bella bistecca. La mortadella mi esce dagli occhi, per una volta dopo tanto tempo, questa sera mangeremo come Dio comanda.

Giustina) Certo mamma, non me lo faccio dire due volte, (guardando i soldi) vado subito a comperarla.

Scena 4 - Ludovico e Armida

(Suona il campanello, Giustina che stava infilandosi il cappotto va ad aprire. Entra Armida seguita da Ludovico)

Armida) Menomale mamma che ti ho trovato, sono disperata… disperata.

Ludovico) Lacrime de coccodrillo.

Armida) Non so più che fare mamma.

Giustina) Cosa è successo Armida, non farmi spaventare.

Armida) Mamma, robe brutte. Robe dell’altro mondo e ora non so più che fare, non so più a chi rivolgermi.

Giustina) Cosa è successo insomma, parla.

Armida) Ho esagerato nello spendere, non mi sono resa conto di quello che facevo.

Ludovico) Le volte che io le ho detto, il passo va fatto secondo la gamba ma lei ha sempre voluto fare di testa sua.

Bisnonna) “In casa sono semper piaghe quando che l’uomo ha il grembiule e la donna le braghe”.

Giustina) Tu sei sempre stata di manica larga Armida.

Armida) Mamma, ora non so più che cosa fare, se non pago vengono a sequestrarmi i mobili, la televisione, e non posso più vedere le telenovele...

Giustina) (Le fa vedere i soldi che ha ancora in mano) Potrei darti questi, rinunceremo alla bistecca.

Bisnonna) (Al pubblico) No, alla bistecca no, vorrà dire che rinuncerò io ad un altro cavallo.

Armida) (Guardando i soldi) Non bastano questi mamma, la cifra è alta.

Bisnonna) (Sospirando, al pubblico) Vorrà dire che rinuncerò agli altri due cavalli… dopo basta però, perché se vado avanti così quando muoio al cimitero mi tocca andarci con le mie gambe e la cassa sulle spalle. (A Giustina) Tu va a comperare le bistecche che all’Armida ci penso io.

Armida) Tu nonna?

Bisnonna) Certo, domani mattina vado in banca e dopo ti porto i soldi che ti servono, però devi promettermi che non farai più stupidate.

Armida) Certo nonna.

Bisnonna) (A Ludovico) E tu occhio, stai attento a tua moglie che ora di cavalli non ce ne sono più.

Armida) (Uscendo) Che brava che è la mia nonna... che gentile, grazie molte nonna.

Ludovico) (Uscendo alla moglie) Tu devi ringraziare molto anche il Signore e la Madonna di avere una nonna così.

Giustina) Povera mamma.

Bisnonna) E cosa avrei dovuto fare Giustina, non potevo lasciarla negli impicci.

Scena 5 - Luigina

Luigina) (Entra asciugandosi gli occhi.)

Giustina) Cosa c’è ancora ora?

Bisnonna) Non ci sarà ancora un qualche giovedì (qualche pasticcio)?!

Luigina) Devo prepararmi all’esame e non ho il libro.

Giustina) E i soldi che ti ho dato questa mattina?

Luigina) Nonna... (piangente) Ho comperato le caramelle e ora non so più che cosa far, scusa nonna, ti domando scusa.

Giustina) Luigina, vacco d’un cane, non si fanno certe cose...

Bisnonna) E portare indietro le caramelle e farsi dare indietro i soldi?

Luigina) Non si può più, le ho mangiate tutte per avere le carte… per la mia collezione…

Giustina) E brava, proprio brava, e così che facciamo? Io non ne ho più neanche uno da darti (guarda i soldi che ha in mano) se proprio...

Bisnonna) (Decisa) No... quelli sono per le bistecche. Vorrà dire che rinuncerò anche alla banda. Non piangere più Luigina. Dai su, vieni di là che ci penso io.

Giustina) Mamma, non è giusto.

Luigina) (Abbracciando la bisnonna) Grazie nonna bis, tu sei un tesoro... cara cara la mia nonna bis.

Bisnonna) (Alla figlia) È giusto, è giusto (alla nipote) Luigina che non capiti più però, mi raccomando.

Scena 6 -Giustina e Amelia

(Luigina esce con la Bisnonna. Giustina si prepara per uscire.)

Giustina) Tale madre, tale figlia. Quando si tratta di soldi sentono l’odore meglio di un cane da tartufi.

(Entra Amelia furibonda con un secchio d’acqua e si avvicina al divano per rovesciarlo sul marito. Giustina la ferma)

Giustina) Amelia fermati... si può sapere cosa stai facendo?

Amelia) Lo sveglio, perché?!

Giustina) In questo modo?

Amelia) Un bel secchio d’acqua fredda è proprio quello che ci vuole per questo “pampalugo”!

Giustina) Mi bagni dappertutto. Fermati!

Amelia)  (Furibonda) Porcaccio di un diavolo maiale! Non merita nessuna gentilezza questo verme schifoso. (Alza ancora il secchio).

Giustina) Perdincibacco, calmati Amelia, ci sarà bene una spiegazione.

Amelia) Lui ha la faccia di latta di dire che è innocente.

Giustina) Magari dice la verità...

Amelia) Come fa ad essere la verità? E l’Annunziata?! E le macchie di rossetto, e quelle di smalto per le unghie!? Ha visto in che condizioni era la camicia signora Giustina.

Giustina) Ma lui come si giustifica? (le fa posare il secchio) Calmati Amelia.

Amelia) Dice che è andato a lavorare come al solito.

Giustina) E tu, telefona in ditta dove lavora e domanda se è vero che è andato a lavorare.

Amelia) Che buona idea. Non ci avevo pensato.

Giustina) Gli domandi anche dove è andato, che tragitto ha fatto con la corriera, se ieri è successo qualcosa di strano.

Amelia) Ha ragione signora Giustina

Giustina) Almeno avrai le prove da gettargli in faccia.

Amelia) Buona idea, vado subito a telefonare (fa per uscire).

Giustina) Il secchio Amelia!

Amelia) Giusto, dimenticavo il secchio (si riprende il secchio ed esce), sono talmente arrabbiata che non capisco più niente.

Giustina) Ed io finalmente andrò dal macellaio. Una bella bistecca per cena la mangio un gran volentieri anch’io (esce anche lei).

Scena 7 - Miriana e il testamento

Miriana) (Entra festosa chiamando) Mamma... Nonna... dove siete? Non c’è nessuno?

Bisnonna) Cosa c’è da gridare Miriana?

Miriana) Nonna mi è successo una cosa, ma una cosa.

Bisnonna) E no! Ora basta... ai chierichetti non rinuncio proprio.

Miriana) Quali chierichetti nonna?

Bisnonna) Quelli del mio funerale.

Miriana) Funerale? Ma non sei ancora morta.

Bisnonna) Per fortuna.

Miriana) Nonna, la fortuna mi è toccata a me. Sono passata per caso davanti allo studio dell’avvocato e mi sono detta… fammi andare dentro a domandare se c’è qualcosa di nuovo. E lui mi ha detto che è tutto il giorno che cerca di parlare con me.

Bisnonna) Davvero! Come mai?

Miriana) È stato trovato il testamento!

Bisnonna) E allora?

Miriana) Allora sono ancora una bella signora cara la mia nonna, alla faccia di quelle pitocche e avare delle mie cognate, ora la farò pagare a quelle. Vado dire alla mia Luigina di fare i bagagli che torniamo in villa.

Bisnonna) (Incredula) Quella villa dove abitavi prima?!

Miriana) Proprio quella villa, 14 stanze, una sala di 100 metri, un parco che è la fine del mondo.

Bisnonna) E brava la mia Miriana che si è sistemata ancora una volta, il farmacista allora…

Miriana) Col farmacista ho chiuso...

Bisnonna) Chiuso?

Miriana) Certo, non posso più sposarmi, c’è scritto nel testamento, (sospirando) eredito tutto se non mi sposo più. Pazienza! Fra un uomo e i soldi sono meglio i soldi.

Bisnonna) Allora il farmacista...

Miriana) Glielo lascio a mia sorella. Nel testamento del mio povero marito c’è scritto chiaramente che mi lascia tutto, che resto padrona io di tutto a condizione di non risposarmi più.

Bisnonna) E se ti risposi?

Miriana) Se io mi risposo, nel testamento è scritto che va tutto quelle taccagne, antipatiche delle mie cognate. Piuttosto mi faccio suora guarda, che lasciare la roba a loro. Ingordacce!

Bisnonna) Ce l’hai proprio a morte con le tue cognate.

Miriana) Se tu le sentissi. Hanno una lingua che tagli il ferro, assomigliano a tante vipere, ora poi, che è stato trovato il testamento sono cattive come la peste.

Bisnonna) Ma tu, Miriana ... in villa, tutta da sola, non ti verranno le malinconie?

Miriana) I soldi fanno passare tutte le malinconie nonna… (sfregandosi le mani) e lì ce ne sono rimasti tanti, ma tanti. Vado a dire alla mia Luigina di prepararsi che traslochiamo (esce).

Bisnonna) È proprio una bella notizia. Vengo anch’io ad aiutarla a raccogliere le carte delle caramelle (esce).

Scena 8 - Il farmacista, la sua mamma e Luigina

(Suona il campanello un paio di volte, nessuno va ad aprire)

Natalina) (Entrando) Dai, su, entra.

Clemente) (Entra e si guarda in giro. Indossa un bèl vestito celestino.) Non c’è nessuno mamma! Meglio così, torniamo a casa mamma.

Natalina) Quale casa Clemente? La chiami casa la mansarda dove stiamo adesso?

Clemente) Perché, cos’è?

Natalina) È un solaio: basso, piccolo e stretto. Non si riesce a stare ritti in piedi e vogliono un occhio della testa di affitto e per andare in bagno dobbiamo scendere al primo piano. Inoltre: lascia perdere questi discorsi che non ci sia qualcuno che senta, non si deve mai far vedere quello che bolle in pentola.

Clemente) Mamma, io sono preoccupato.

 Natalina) Preoccupato di che cosa?! Cerca di stare calmo Clemente che adesso c’è qui la tua mamma e sistemeremo le cose.

Clemente) Dopo quello che ho sentito non sono più capace di stare calmo. Mamma, c’è un limite a tutto. Guarda se ti racconto balle, (indicando il divano) guarda, è ancora qui che dorme.

Natalina) A volte Clemente, le apparenze ingannano. C’è di sicuro una spiegazione, ascolta la tua mamma.

(Bisnonna fa per entrare, li vede si ferma ed origlia un attimo riflettendo sul da farsi.)

Natalina) ...e ricorda che dalla tua decisione dipende tutto il nostro avvenire. Senti, mi è venuta un’idea. Non sai quale delle due scegliere? (Sedendosi) Lascia fare al caso. La prima che entra la sposi.

Clemente) Va bene (sedendosi) aspettiamo. Lo faccio per te mamma: accetterò il mio destino. (Vedendo Bisnonna) Eh no mamma, c’è un limite a tutto. Questa proprio non la voglio.

(Bisnonna va in cerca di Cleofe)

Natalina) Quella non c’entra Clemente

(Entra Luigina con uno scatolone cercando di attraversare la scena.)

Clemente) (Vede Luigina) Questa andrebbe già meglio.

Natalina) Clemente, non c’entra nemmeno questa, è troppo giovane, su da bravo!

Luigina) Buonasera, mi sembrava di aver sentito suonare il campanello.

Natalina) Non c’era nessuno e ci siamo seduti.

Luigina) Avete fatto proprio bene.

Clemente) Signorina, per favore, spieghi alla mia mamma chi è questo signore qui (indica il divano). Ma... dorme ancora da stamattina?

Luigina) Per forza, è che lui di notte lavora.

Natalina) (Interrompendola) Lasciala andare che ha uno scatolone pesante, anzi aiutala a portarlo, cerca di essere gentile. Devo proprio dirti tutto!

Luigina) No, grazie signora, lo scatolone è leggero.

Clemente) (Cerca di aiutarla) Posso signorina?

Luigina) Grazie, no, è leggero. È pieno di carte di caramelle, non pesa niente, che stavamo dicendo… ah... l’Arturo? È il nostro vicino di casa. Ha litigato con sua moglie ed è venuto qui a dormire. Lui fa l’autista sulle corriere e questa sera fa il turno di notte. È obbligato a dormire.

Clemente) Ma la signorina Cleofe?

Luigina) L’Arturo e la zia si conoscono da tanti anni, ancora da quando erano piccolini.

Clemente) Ah, è per quello allora...

Natalina) Visto che c’è una spiegazione a tutto, cosa sei andato a pensare tu!

Luigina) Scusatemi ma è meglio che vada a sistemare i miei scatoloni, io e la mia mamma stiamo traslocando.

Natalina) Traslocando?

Luigina) Torniamo in villa, è stato trovato il testamento e la mia mamma è padrona di tutto.

Natalina) Allora la Miriana è una signora per davvero.

Luigina) A condizione però che non si sposi più! E menomale! (esce).

Clemente) Ah ... hai capito mamma.

Natalina) Se loro vanno via lasciano libera una stanza...

Clemente) A lasciar fare al destino, è rimasta solo la Cleofe.

Natalina) La Cleofe vale tanto oro quanto pesa. Dove sono i fiori Clemente?

Clemente) Li ho dimenticati a casa mamma.

Natalina) E così che facciamo, bisogna andare a prenderli, non puoi presentarti senza fiori in un occasione simile.

Clemente) Hai ragione.

Natalina) Le mamme hanno sempre ragione.

Clemente) Faccio una corsa, vado e vengo (esce).

Natalina) Aspetta, vengo anch’io (al pubblico) da solo è più imbranato di una foca. (Sospirando) Eh se non ci fosse la sua mamma (esce anche lei).

Scena 9 - Bisnonna, Cleofe e Amelia

(Entrano la Bisnonna grattandosi e Cleofe sensa occhiali, elegante e leggermente truccata)

Bisnonna) Non c’è più nessuno, dove sono andati?

Cleofe) Si saranno stancati di aspettare (si rimette gli occhiali).

Bisnonna) Te l’avevo detto di spicciarti.

Amelia) (Rientrando si precipita al divano) Arturo, caro Arturo... come ho fatto a pensare male di te che sei una perla di marito… su… su… sveglia… perché non me lo hai detto subito come che stavano le cose.

Cleofe) Hai fatto pace con l’Arturo?

Bisnonna) Come hai fatto a fare pace se è tutto il giorno che dorme.

Amelia) No, lui non lo sa ancora che abbiamo fatto pace, è perché ho saputo come stanno le cose.

Cleofe) E come hai fatto?

Amelia) Ho fatto una telefonata alla ditta dove lavora e dovreste sapere… non potete neppure immaginarlo.

Cleofe) Diccelo tu allora.

Amelia) Non c’era solo la camicia del mio Arturo sporca di rossetto e di smalto per le unghie, c’era sporca tutta la corriera. Una corriera macchiata di rossetto, di creme e di smalto per le unghie.

Cleofe) Una corriera intera? davvero? E come mai?

Amelia) Ieri, invece di andare a fare il solito pellegrinaggio è andato a fare una gita scolastica. Con le ragazze di una scuola di estetiste, lo sapete come che sono i giovani. Le ragazze hanno sporcato su tutto, impasticciato su tutta la corriera e la Nunziata...

Cleofe) La Nunziata?

Amelia) Non era una donna, no, era proprio la Madonna perché il mio Arturo, alla fine, abituato a fare i pellegrinaggi, ha portato le ragazze della scuola di estetista alla Madonna dell’Annunziata.

Cleofe) Ah... stanno così le cose.

Amelia) Proprio così, il mio Arturo è innocente... (al marito) su Arturo, svegliati, (a Cleofe) dammi una mano a portarlo di là nel suo letto.

(Cleofe e Amelia lo prendono e sorreggendolo lo portano fuori, lui si ribella)

Arturo) Lasciatemi dormire che non riesco a tenere gli occhi aperti.

Cleofe) (Sottovoce alla  nonna) Se parla non è grave.

(Luigina che rientra senza scatolone li osserva perplessa).

Luigina) Volete una mano?

Amelia) No grazie.

(Luigina esce a prendere un’altro scatolone)

Cleofe) Arturo sta fermo altrimenti andiamo in terra tutti e tre.

Bisnonna) (Appoggiandosi dietro)  Andate avanti voi che da dietro lo tengo io puntellato.

Cleofe) Nonna spostati che se cadiamo indietro ti schiacciamo.

Amelia) Poverino, nel suo letto starà più comodo, ma chissà come mai ha questo sonno.

Cleofe) Eh (Tentando di guardare male la Bisnonna) Chissà come mai.

Bisnonna) Avrà preso il male della nonna.

(Finalmente escono.)

Scena10 - Giustina, Clemente e la sua mamma

(Rientrano Giustina, Natalina e Clemente con i fiori. Giustina si toglie il cappotto.)

Giustina) Dentro dentro, accomodatevi. Datemi la vostra roba. Mettetevi comodi, fate conto di essere a casa vostra.

(Natalina e Clemente porgendo cappotto o giacca si siedono e ringraziano)

Giustina) Cosa posso offrirvi signori… un caffè?

Clemente) No, grazie sono già agitato abbastanza.

Natalina) Anch’io sono agitata. Non stia a disturbarsi signora Giustina.

Giustina) Nessun disturbo, un vermut?

Clemente) No, grazie,  proprio niente.

Giustina) Un marsalino all’uovo che tira SU la petturina (che È un ricostituente)?

Natalina) Proprio niente, grazie.

Giustina) Neanche un bicchiere di acqua? Fate conto di essere a casa vostra vi dico.

Clemente) Grazie, grazie, non ho proprio sete.

Natalina) Bando ai convenevoli signora Giustina. Finalmente mio figlio, su consiglio della sua mamma, ha preso la decisione.

Clemente) (Sottovoce alla madre) Mamma, non dire così che mi fai fare brutta figura. Sono grande abbastanza per decidere per conto mio.

Giustina) E quale sarebbe questa decisione?

Clemente) Signora Giustina, a forza di pensarci sopra...

Giustina) Non mi tenga sulle spine, e allora?

Clemente) Ho capito che sono innamorato della Cleofe.

Giustina) (Delusa) La Cleofe?!

Natalina) Ed è la decisione più giusta che mio figlio potesse prendere, glielo garantisco.

Giustina) È proprio deciso per la Cleofe?

Clemente) Certo “al cuor non si comanda”.

Natalina) (Al pubblico facendo il gesto dei soldi con pollice e indice) Neanche alle tasche se è per quello.

Giustina) (Sospirando) Bene bene, anche per la mia cara Cleofe è arrivata l’ora di andare  a stare (ad abitare) via.

Clemente) Perché via signora Giustina? (Guardandosi attorno) È talmente bella questa casa... che...

Giustina) Come come... va bene che vi ho detto di far conto di essere a casa vostra, ma (a Clemente) ma lei non avrà intenzione di venire a stare qui per caso?

Natalina) Perché no?

Giustina) (Decisa) Perché di no. Non c’è posto. Siamo già in tanti. Stiamo stretti come le sardine in scatola.

Natalina) Non si preoccupi che la Provvidenza provvederà.

Giustina) La provvidenza non allarga le stanze.

Natalina) Questa è l’unica condizione che il mio Clemente mette per sposare la sua Cleofe.

Giustina) Non capisco.

Natalina) Cosa c’è da capire? È semplice. Se il mio Clemente sposa la sua Cleofe, dobbiamo proprio venire a stare qui.

Giustina) (Ripetendo ) Dobbiamo... anche lei verrebbe a stare qui?

Natalina) E certo... io sono la sua mamma. Perché, io dove dovrei andare secondo lei ?! Da sola?!

Giustina) Non saprei, a Brescia, non l’avete a Brescia la casa?

Natalina) Io... a dirla tutta cara la mia Giustina. Posso chiamarla Giustina? Ormai siamo quasi parenti.

Giustina) Eh va bene (preoccupata) se vuole mi chiami pure Giustina che non mi offendo.

Clemente) La mia mamma...

Natalina) (Zittendolo) Ecco, non so come dirlo... ma noi al momento abbiamo dei problemi.

Giustina) Di che problemi se tratta?

Natalina) Quando c’è un problema è sempre quello.

Giustina) Soldi.

Natalina) (Imbarazzata) Soldi… purtroppo stiamo attraversando un momento di difficoltà economica.

Giustina) (Al pubblico) In poche parole “non ne hanno uno che contano due”.

Natalina) ... e a Brescia abbiamo lo sfratto.

Giustina) E a Rivoltella? Dove state adesso?

Natalina) Anche lì ci sono delle rogne da grattare purtroppo, ma Giustina, non vorrà deludere la Cleofe.

Giustina) (A Clemente) Non è signor farmacista che lei è venuto qui con l’idea di imbrogliare la mia Cleofe?!

Clemente) (Scandalizzato) Guardi che io sono innamorato della Cleofe!

Giustina) E la Miriana?

Natalina) Ce ne sono ancora da sentire?! Se il mio Clemente è innamorato della Cleofe, di scelte non ce ne sono e lui è deciso. (Al figlio) Diglielo anche tu Clemente che sei deciso.

Clemente) È vero, io sono innamorato della Cleofe... da sempre.

Giustina) Ma se fino a ieri non era capace di prendere una decisione.

Clemente) È perché la mia mamma mi faceva fretta… e anche perché l’ho capito solo ora.

Natalina) Ha avuto come una folgorazione e mi ha detto: la Cleofe...

Giustina) Una folgorazione?!

Natalina) Come una scossa elettrica (Al figlio) Diglielo anche tu Clemente.

Clemente) Come una scossa elettrica... zach....

Natalina) Non abbiamo perso tempo e siamo venuti subito a chiedere la mano della Cleofe.

Miriana) (Fuori scena) Quanti ce ne sono ancora Luigina?

Luigina) (Entra e si volta a rispondere) In tutto sono 24 mamma... (attraversa la scena con un altro scatolone ed esce.)

Giustina) Cosa succede? Cosa stanno facendo. Fammi andare a vedere. Scusatemi signori (esce per andare a vedere).

Natalina) È andata Clemente, (fregandosi le mani) siamo sistemati. Hai visto a lasciarmi fare!? Tu non saresti stato così bravo.

Clemente) Lo so mamma.

Natalina) Lascia fare alla tua mamma tu.

Scena 11 -  Cleofe

(Dopo alcuni attimi entra Cleofe, quando li vede si ritrae timida, rientra  spinta dentro dalla nonna che le toglie gli occhiali.)

Bisnonna) (Sottovoce a Cleofe spingendola fuori) Vai, vai, non aver paura e ti raccomando di parlare in italiano

Cleofe) (Alla nonna) Ho le gambe che mi fanno Giacomo-Giacomo (che mi tremano).

Bisnonna) Metticela tutta e cerca di fare pulito (di fare bene).

(Entrano e Clemente si alza per salutare)

Cleofe) (Annuisce alla nonna e saluta) Buongiorno signori

Bisnonna) State pure sentati giù.

Bisnonna) Comodi, comodi.

Natalina) Buongiorno signora, signorina.

(Seguono alcuni attimi di imbarazzo, Clemente fa per parlare senza trovare le parole giuste)

Natalina) Bella giornata oggi vero?

Cleofe) Proprio bella. Menomale che ha moccato lì di piovere (che ha smesso di piovere).

Bisnonna) Cleofe, perché non gli fai mica tastare (assaggiare) una fetta di chisollo (torta), quello che hai fatto tu stamattina con le tue sante mani.

Natalina) No, grazie, io sono a dieta.

Cleofe) E per lei signor spiziere?

Clemente) No grazie, ciò un groppo nello stomaco che non mi passerebbe nulla.

Cleofe) E come mai?

Clemente) Sempre, quando devo fare un discorso importante, mi si blocca lo stomaco.

Bisnonna) (A Natalina) Lasciamo i giovani ai loro discorsi signora, se la vuole venire a vedere il mio giardino.

Cleofe) Nonna, non vorrai mica che la signora si impaltani (si sporchi) tutte le scarpe.

Bisnonna) (A Cleofe) Sta tranquilla che non pestiamo le colle (le aiuole). (A Natalina con un sospiro) Venga cara signora, non vorrà mica tenere il moccolo.

(Natalina e Bisnonna escono, Clemente e Cleofe sono molto timidi, mentre Clemente fa la dichiarazione  Luigina rientra e riattraversa la scena, senza fermarsi li guarda perplessa)  

Scena 12 - dichiarazione

Clemente) Signorina Cleofe, io le dovrei parlare.

Cleofe) Dica, dica pure...

Clemente) Non so se posso, mi vergogno un poco. Sa cosa deve fare Signorina Cleofe?

Cleofe) Mi dica.

Clemente) Per piacere. Si volti dall’altra parte, mi sarà più semplice parlare.

Cleofe) Ha ragione, è meglio che mi giri, anch’io sono molto timida. (Voltandogli le spalle) però se sta cosi di dietro non la vedo.

Clemente) Meglio se non mi vede, perché vede Signorina Cleofe, ho una cosa importante da dirle. Cleofe... Cleofe... da tanto tempo...

Cleofe) (Lo incoraggia) ... da tanto tempo... e allora...

Clemente) (Tutto d’un fiato) Da tanto tempo credo di essermi innamorato di lei.

Cleofe) Dice sul serio signor spiziere.

Clemente) Non mi chiami più “signor spiziere” d’ora in poi Cleofe: chiamami Clemente.

Cleofe) (Con un sospiro) Clemente? Ah... Clemente

Clemente) Ti piace il mio nome?

Cleofe) Certo, è un nome dolcissimo...

Clemente) Cleofe mi vuoi sposare?

Cleofe) (Gridando) Sììììì

( Al grido rientrano Giustina e Miriana e si fermano sulla porta.)

Scena 13 - Finale

Giustina) Beato cielo, cosa succede?

Cleofe) Mamma, mamma (timida) mi sposo (indicandolo) con lui! (alla sorella) Hai visto tu che vuoi sempre saperne una pagina di più del libro… com’è finita la storia!

Miriana) Non andare in brodo di mandolino (o di giuggiole) per così poco.

Cleofe) Per te sarà poco, per me è… è… (cercando la parola e guardano Clemente) come una favola. Una bella favola.

Miriana) (Polemica) Guarda che la storia è andata così perché io…

Giustina) (Zittendola, a Miriana) Sss... le spiegazioni non occorrono più Miriana, non rovinare questo momento a tua sorella.

(Clemente e Cleofe si guardano negli occhi.)

Miriana) Ma lei crede che io…

Giustina) Lasciala credere quello che vuole. È giusto che sia finita così, tu con i soldi e lei…

Bisnonna) (Entrando dall’altra parte con il giornale o la paletta) Col suo principe azzurro.

Miriana) Principe Azzurro... insomma...

Bisnonna) Guardalo bene... il vestito celestino ce l’ha.

Giustina) Dov’è la signora Natalina?

Bisnonna) È andata a prepararsi per traslocare...

Giustina) Perbacco, non perde tempo per venire a stare (ad abitare) qui.

Miriana) E tu mamma vieni a stare con me e la nonna in villa. 14 stanze, c’è posto per tutti, anche per la signora Natalina se vuole, così farò ancor più rabbia a quelle vipere delle mie cognate.

Giustina) Brava, buona idea, dai andiamo di là a finire di metter dentro negli scatoloni le carte delle caramelle (esce).

Miriana) (Nell’uscire pensando) Ma si... è giusta che sia finita così, (al pubblico) tanto gli uomini sono tutti dei rompiballe (esce).

Bisnonna) (Si avvicina a Cleofe) Sai Cleofe, io ce l’ho messa tutta con la mia bacchetta magica, però (sospirando) più di così non sono stata capace di fare, però, è un gran peccato che io abbia mangiato fuori tutti i cavalli…

Cleofe) Ah (Ricordando e sorridendo) Hai ragione nonna, alla Cenerentola arrivava il principe azzurro su di un bel cavallo bianco...

Bisnonna) I miei cavalli erano neri, però ne avrei prestato uno al Clemente così sarebbe stato un bel principe celestino su di un bel cavallo nero…

(Entra Natalina con due valige di cartone e si affianca a Clemente per il finale)

Cleofe) È lo stesso nonna, azzurro o celestino, cavallo o non cavallo… bianco o nero. è lo stesso. per me il Clemente è più bello del principe di Cenerentola...  e come che si legge sui libri...

Bisnonna) Cleofe, parla italiano!

Cleofe) E come si legge nelle più belle favole quando finiscono

Bisnonna) Non resta che dire…

“E tutti vissero felici e contenti”

oppure:

Cleofe) (Al pubblico)                     Stretta la foglia - larga la via 

dite la vostra - che io ho detto la mia.

Cala il sipario.

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno