I colori della vita

Stampa questo copione

I COLORI DELLA VITA

( TERESA SAPORITO)

Gennaio 2013

Due atti di Raffaele Caianiello

raffaelecaianiello@libero.it

Trama

Il dramma √® l‚Äôingrediente principe di quest‚Äôultimo lavoro di Raffaele Caianiello che, a differenza delle altre sue commedie, non utilizza gag e doppi sensi ma c‚Äô√® tutto il resto: la storia, l‚Äôintrigo, il quotidiano, insomma la vita! Divertente quanto basta, drammatica al punto giusto. Sembra di leggere un testo di Eduardo e di veder prendere vita i personaggi del grande Maestro. Gioie, ansie, speranze, paure, tutto si dipana sapientemente, tanto da coinvolgere emotivamente chi segue la vicenda di Teresa Saporito. Una donna segnata da un‚Äôesperienza giovanile che la perseguiter√† per anni, nel ricordo e nella speranza; una donna forte e fiera, pronta a sacrificarsi per il bene del figlio, combattendo ogni giorno con gli scarsi introiti nonostante gli innumerevoli lavori, umili ma onesti. Unico conforto l‚Äôamicizia incondizionata di Concetta, la portinaia, e gi√† dalle prime battute si delinea la grande confidenza tra le due e la sofferenza che aleggia nella vita di Teresa per cui, mentre la prima cerca di consolarla dicendole: ‚ÄėE‚Äô a vita Ter√® √® a vita che va accuss√¨!‚Äô, la seconda risponde offrendo il quadro di ci√≤ che √® lo sfondo della sua storia: ‚ÄėGi√†! a vita!mio padre diceva sempre nenn√®, arrecuordete ca vita e ognune √® nuie √® fatta di quattro¬† colori che cambiano in continuazione! il nero, l‚Äôazzurro¬† il rosa e il bianco. Il nero che arriva quando ce stanne lutti e disgrazie,e chille nun manca mai! L‚Äôazzurro quanne¬† si felice, il rosa quanne¬† ce sta l‚Äôammore e il bianco quando hai un‚Äôamicizia vera!ma¬† fine a mo, dinta a¬† vita mia, hanne primeggiate¬† sule due colori, il nero e il bianco!‚Äô Ed i quattro colori tornano alla fine della storia, quando il dolore lascia spazio all‚Äôatteso lieto fine: Teresa ritrova una figlia mai conosciuta, le angherie di chi ha il potere di ricattarla crollano dinanzi al senso di giustizia di questa donna che nonostante tutto pone i valori veri quale punto di riferimento e la vita le rende quanto ingiustamente toltole in giovent√Ļ. All‚Äôesempio di vita di Teresa fa da sostegno una delle battute finali della commedia: ‚ÄėLa vita di ognuno di noi¬† √® un continuo cambiamento, una metamorfosi interminabile e ogni sua variazione¬† √® un colore diverso. Il nero, l‚Äôazzurro,il bianco,il rosa si alternano continuamente e ogni volta che arriva il nero,si arriver√† a credere di non farcela e di abbandonarsi al proprio destino e puntualmente avviene qualcosa che riuscir√† a farci ritrovare il sorriso e farci apprezzare di nuovo la vita!‚Äô e qui la saggezza della giovent√Ļ, quando i giovani sono capaci di esprimere la profondit√† delle loro riflessioni nella risposta di Emilia: ‚ÄėSi avete ragione ma‚Ķ.quando viene il nero‚Ķci vuole coraggio‚ÄĚ. Tanto coraggio!‚Äô Ed √® Teresa a concludere con altre due battute che sono un inno ad andare avanti: ‚ÄėEd √®¬† questa la forza¬† che ci fa andare avanti, l'essere consapevoli che la nostra vita √® una sfida, un'ardua battaglia per la nostra felicit√†!‚Äô‚Ķ‚Äônoi abbiamo sofferto e lottato per questo momento, ma al mondo tanta gente , lotta ogni giorno, ogni giorno per avere una fetta di felicit√†!‚Äô. Quella felicit√† che in tanti modi si cerca e che tutti desiderano, la stessa che tanti hanno senza rendersene conto e per la quale occorre avere tanta forza per saperla riconoscere: non ori n√© allori ma comprensione e lealt√† verso chi ne chiede e soprattutto ne offre incondizionatamente, senza aspettare alcun tornaconto per le proprie azioni e la vicinanza donata a chi ne ha bisogno.

            

TERESA              SAPORITO

ENRICO            IL figlio

BRIGIDA            Inquilina focosa

 

CONCETTA         Portiere del palazzo

SANTINA           fidanzata di Luigi 

LUIGI               amico di Enrico           

        

VINCENZO        marito di Brigida

     

AGNESE             figlia di Concetta

CESARE             Landrone .avvocato

EMILIA                       figlia di Carmine

PEPPINIELLO   figlio di Concetta

DON GIACINTO         prete

CARMINE           possidente

ANDREA             amante di Beartrice

USCIERE Tribunale( parte maschile o femminile)

CAMERA DA PRANZO : un tavolo  scarno,quattro sedie  una credenza una poltrona  un tavolino porta in fondo la comune, porta laterale  e finestra

SCENA 1¬į: TERESA, CONCETTA, ENRICO¬† poi¬† BRIGIDA.

TERESA: ( intenta a rappezzare,  alzando un mutandone) eh..  e pure questo è andato.. è inutile  mettere pezze, quando la roba  si è fatta vecchia ,cose cose e nun serve a niente ovì.. se straccia! ( mette a posto, si avvicina alla credenza e comincia a mettere la tavola) ecco quà lo sapevo , l'olio è finito  e il pane pure ( bussano ed entra Concetta)

CONCETTA: Teresì io debbo uscire   per la spesa   hai bisogno di  niente ?

TERESA: e niente Cuncè? Qui  c'è bisogno di  tutto purtroppo ovvì ( mostra le tasche)  ccà dinte  niente c'è stà  e… niente pozze accattà

CONCETTA;  ma io posso parlare  con  Vito il salumiere , quello lo sai ci tiene il debole con te  e   na parola da toie le bastasse e te desse tutta a puteca

TERESA: Cuncè tu vuoi scherzare  è vero? o saie comme a penza , povera si... ma onesta!

CONCETTA: che c'entra Ter√®¬† tu l‚Äôappennive sulamente e chille te faceva credito, comunque non ti preoccupare¬† ca pe chelle ca pozze f√†.. tu o sai ¬†la buonanima di¬† mio marito¬† divent√≤ ¬†portiere di questo¬† palazzo solo grazie¬† all'intercessione¬† della buonanima di tuo marito,e in questo palazzo¬† so tutte ricche e titolati e guadagna pi√Ļ in mancia che in stipendio e accuss√¨ quando posso,¬† ¬†farte nu piacerte ¬†io e i miei figli to facimme cu tutte o core.O sai che¬† Agnese e Peppiniello stravedene per te e soprattutto per Enrico

TERESA; gia! e povere simme sule nuie, e pensare che il Barone quando mor√¨ questo disse a mio marito: Vitt√≤ ,tu mi sei stato fedele servitore¬† per tutta la vita e io soldi¬† da darti ne ho pochi,perci√≤ ti lascio questo appartamento, ricordati che qua stai in mezzo ai ricchi perci√≤ datti da fare e trovati un lavoro se no prima o poi questa casa te la fanno vendere e poi ti trovi in mezzo a una strada...e ce sto finenne Carm√®! Ogni giorno che passa me pare e scennere sempre pi√Ļ in fondo a un pozzo senza fondo

CONCETTA: Ter√® tiene fede,non pu√≤ andare sempre cos√¨ . La vita √® strana quando sembra tutto nero e hai l‚Äô impressione che stai precipitando in un pozzo sempre pi√Ļ gi√Ļ e ti¬† sembra¬† che stai toccando il fondo,all‚Äôimprovviso scenne na catenella e te porte ncoppe! Te si scurdate quanne sti cose te diceve je a te!

 TERESA: Cuncè se le cose non si aggiustano ho paura che in mezzo a una strada ci andiamo veramente cu tutte e diebbete ca tenimme  e tu lo sai, dopo la morte di Vittorio, ho provato a fare di tutto, di tutto Cuncè,solo la donna di strada non ho fatto, riuscendo  a tenere Enrico agli studi fino alla laurea,e adesso guarda ccà   

CONCETTA: è a vità Terè e a vita che va accussì!

TERESA: già! a vita!mio padre diceva senpre nennè, arrecuordete ca vita e ognune è nuie è fatta di quattro  colori che cambiano in continuazione! il nero, l’azzurro  il rosa e il bianco. Il nero che arriva quando ce stanne lutti e disgrazie,e chille nun manca mai! L’azzurro quanne  si felice, il rosa quanne  ce sta l’ammore e il bianco quando hai un’amicizia vera!ma  fine a mo dinta a  vita mia, hanne primeggiate  sule due colori, il nero e il bianco!

CONCETTA: s√Ļ mo nun te disper√† po essere ca Enrico o trove nu lavoro stabile m√≤.. intanto dimme ca te serve ca poi la robba te la faccio salire da Peppiniello, tu o saie ca quanne se tratte e farve nu piacere subbeto corre¬† su¬† dimme ca te¬†¬† serve¬†

TERESA: eh ca me serve ... sule nu poco e olio do sale ne putimme f√† a meno e accuss√¨ pure do zucchero si putissse pigli√† nu poche e pane¬† e niente cchi√Ļ

CONCETTA: va buò nun te preoccupà ce penz'io (Bussano alla porta, Teresa va ad aprire ed entra Agnese)

AGNESE: (parla un italiano storpiato ed è distratta)  scusate donna Terè, sono sagliuta  perché abbascio ci sta  l’avvocato ladro..Landrone, che sta accominciando  a fare il il so solito giro..voi…mi  mi capite?

TERESA: e come non ho capito, quello è puntuale come la morte!

CONCETTA: sule ca isse nun more mai!

AGNESE: l’hanna fa e pompe e .. glicerina l’hanna fa!

TERESA: grazie Agnè. ma mo, va.. se no quello, non ti vede in portineria e se la prende pure con te

AGNESE: avete ragione donna Terè mo scengo, e mi raccomando….. prudenza..ah Donna Terè…poi vi devo parlare un po’..na cosa..delicata eh..capite a me ( va verso la porta di sinistra, apre ed entra ,poi riesce)Scusate mi mi …ero perza…

CONCETTA: ( A Teresa ) qualche vote e cheste avimme chiammà a chi l’ha visto. Je nun capisco come è così distratta! Va va scendi che mo venghe. (Agnese esce) Ovvì Terè  je e croce ne tenche doie ; Peppiniello e  Agnese!

TERESA: certe a chell’età s’avesse maritare!

CONCETTA:  eh ca cape ca tene mo o trove nu marite! Ma!m’arraccumanne  nun fa questione cu l’avvocato , io intanto esco e vado fare quel servizio.

TERESA: grazie Cuncè il signore te lo rende ( si guarda intorno) eh bell'appartamento, tre camere da letto, un salone  una cucina, uno studio, doppi servizi e verande dappertutto, bella proprietà, peccate ca nun ce stanne sorde pe mantenerla, a meno che…. (entra Enrico)

ENRICO: buongiorno mammà, che c'è ti vedo pensierosa, è forse successo qualche cosa? su dammi un bacio, e soprattutto fammi gli auguri, oggi se tutto va bene,  metterò a frutto la mia laurea, ieri il colloquio con il direttore è andato benissimo e vedrai che sarò assunto   , e così  vedrai che ogni cosa si aggiusterà

TERESA: vulesse il cielo ca fosse accuss√¨, almeno non ci sarriano cchi√Ļ preoccupazioni, ca nun passe juorne che nun s‚Äôappresenta nu creditore, e fino a m√≤ grazie a Dio siamo riusciti a tenerli buoni,quello che¬† non capisco¬† √® perch√® tutti gli altri inquilini dl palazzo ci evitano, comme si nuie tenessime a rogne,eppure nun avimme fatte male a nisciune anzi quanne l‚Äôincontro so sempre io a salutare per prima

    

ENRICO: Mammà la verità è una sola,siamo poveri..non abbiamo soldi, non vestiamo alla moda, non andiamo   mai in vacanza ,non facciamo ricevimenti,quindi, non apparteniamo alla loro casta,  e così ci snobbano come se poi la condizione di poveri privi la persona di ogni dignità e considerazione , ma per fortuna il mondo è fatto anche di persone intelligenti,  che non si fermano davanti alle apparenze bensì giudicano gli uomini per quello che valgono, e stai sicura mammà  che il mio 110 e lode e le mie capacità valgono ben oltre le considerazioni di quattro inquilini boriosi e ignoranti

TERESA:tiene ragione Enrì e sai che penso?  ca na vota ca tiene nu poste e lavore e addeviente na persona ricca e importante, tutte quante accuminciarranne  a rispettarce

ENRICO: e noi rispetteremo tutti come lo facciamo adesso perché se oggi siamo persone umili, domani lo saremo lo stesso

TERESA: si Enrì ,e quel giorno lo sogno in continuazione.Sogno di vederti felice con un buon lavoro e una famiglia ( bussano alla porta Teresa va ad aprire  ed entra Brigida)

BRIGIDA: ( indossa una vestaglia lussuosa e provocante ) Buongiorno Terè, ( ad Enrico ) oh carissimo Enrico ci sei anche puretu? Come mai stamattina ancora non sei uscito?

ENRICO: stavo appena uscendo

BRIGIDA: e magari c‚Äô√® una fidanzata che ti aspetta..¬† ah beata giovent√Ļ ( sospira) ahh L‚Äôammore!

ENRICO:niente ammore donna Brigida, amore e libertà sono due cose che non vanno d’accordo e io al momento amo troppo la libertà.,con permesso ( da un bacio alla mamma) ciao mammà, a presto ( esce)

BRIGIDA: tiene  sempre la a neve in tasca  eh stu figlie tuoie!

TERESA: nun ce facite case¬† donna¬† Brigida ,Enrico, ha ragione mo tene a libert√† e se ne vede bene ¬†perch√© una volta trovato l‚Äôamore , ha perze a libert√†. √ą¬† poi lo conoscete¬† ¬†,√® nu poche scurnuse¬† (sarcastica) e ..vedendovi ¬†in sottana capirete¬† o guaglione si √® sentito in soggezione

BRIGIDA:  a parte il fatto che questa non è una sottana ma una vestaglia  e  o figlie vuoste ce la  pusate l’uocchie ncoppe e comme! e questo vuol dire  vo  che tante scornoso non è. Comunque sono venuta per il solito servizio,mo putite fa? ( apre il portamonete) qui ci sono dieci euro per voi e…mi raccomando  ( guardando l’orologio ) mo so e diece  e meze ,torno alle undici.  Voi per quell’ora uscite  e  non tornate prima di mezzogiorno

TERESA: Donna Brigida, ( prendendo i soldi ) io il favore ve lo faccio ma….mi raccomando chiudetevi dentro e non aprite a nessuno.

BRIGIDA: non vi preoccupate è anche mio interesse  ora però andate eh

TERESA: vado vado..ah se sale il figlio del portiere,non aprite, quello vede che non risponde nessuno e se ne va

BRIGIDA: non vi preoccupate, è anche mio interesse, ora  vado torno alle undici e mi raccomando la chiave,mettetela al solito posto (esce)

TERESA: vedete  che si deve fare per mangiare…ospitare na zoccola comme e chelle ca se porte o mantenute dinta a casa mia e sule pe tirà a campà ( guardando la foto di Enrico) pe te fa sturìà a te agge subito e meglie umiliazione ,agge faticate notte e juorne ,lavanne,stiranne e panne  e pulizzanne e cesse e llate! (suonano alla porta e va ad aprire )

CESARE: (entrando) Buongiorno,posso accomodarmi un attimo?

TERESA: avvocà, se siete venuto per riscuotere soldi, potevate  farne pure a meno di salire le scale!

CESARE: Terè, voi dovete ringraziare il debole che ho per voi se state ancora in questa casa.

TERESA: conosco a debolezza vostra ,avvocà ma mettiteve l’anima in pace cà nun ce sta niente a squaglià!

CESARE: io invece scommetto che prima o poi l’abbasserete questo vostro piglio orgoglioso. Voi state in una situazione disastrosa. Avete debiti con tutti e anche i condomini reclamano per la vostra insolvenza. Io posso darvi la tranquillità. In fondo che vi costa. Siete ancora una bella donna e mi piacete assai. Sarei un amante discreto e silenzioso.

TERESA: avvoc√†, da quando √® morto mio marito¬†¬†¬†¬†¬† ,ho lavorato come una bestia, per far studiare mio figlio, mi sono privata di tutto e tante sere sono andata a dormire pure senza mangiare. Non mi sono risparmiato nessun lavoro anche i pi√Ļ umili. In questo palazzo, subisco continue vessazioni ma non ho mai abbassato la testa davanti a nessuno! Sapete perch√©?

CESARE: perché siete sciocca e orgogliosa!

TERESA: no! perché sono una donna onesta .Ho la mia dignità! E quella non è in vendita!

CESARE: so aspettare,vedrete che arriverà il momento che sarete costretta a chiedermi aiuto perché vi mancherà di che vivere

TERESA: non si vive di solo pane avvocà

CESARE: ma senza si muore! Convincetevi,io posso darvi tutto ciò di cui avete bisogno!

TERESA:avvocà, vi prego di uscire da casa mia,io sono una donna onesta!

CESARE: siete sola una donna testarda!un giorno vi pentirete di avermi chiuso la porta in faccia,Io posso fare molto per voi ,intanto vi permetterei subito  di pagare tutti i vostri debiti e poi  penserei anche a  vostro figlio

TERESA: per i debiti c’è tempo e  mio figlio non ha bisogno di voi,è nu guaglione a posto e istruito grazie a Dio e presto avrà un lavoro di cui vivere degnamente

CESARE: ne siete sicura? Ah aha ha aha statevi bene  e….tornerò a trovarvi di nuovo e chissà che non trovi ammorbidita la vostra testardaggine! Ah ahha ( esce)

TERESA; vigliacco! (bussano alla porta e va ad aprire ed entra Peppiniello )

PEPPINIELLO: donna Terè buongiorno,

TERESA: entra Peppeniè

 

PEPPINIELLO: grazie , ma..mma, vi ha man..dato questo (porge una busta della spesa) e..e…e ha detto che oggi po po meriggio vi viene a prendere per andare in chi…chiesa

TERESA:( apre la busta) Peppì forse ti sei sbagliato ccà ce stanne e mamuzielle tuoie

PEPPINIELLO: mannagge .o o o sulicille e…on Tatozie agge sba…gliate  a a a piglia a a busta, dateme cca che che…penze je ( prende la busta ed esce)

TERESA: eh e queste sono le disgrazie! Povero ragazzo, 16 anne balbuziente e a cape e nu guaglione e sette anne.. ehhh e che ci vuoi fare , ha pigliate tutto do patre!( bussano alla porta e va ad aprire)

BRIGIDA: (tutta preparata e truccata) eccomi qui, pensavo foste già andata via

TERESA: sto uscendo e, mi raccomando non aprite a nessuno e non fate rumore. (esce)

BRIGIDA:( guarda l’orologio e poi si siede,aspetta un po’,si   alza  spazientita) eppure ha detto che stava arrivando! (suona il campanello) ah! Finalmente (apre e compare Peppiniello)

BRIGIDA: e tu che vuoi?

PEPPINIELLO: a aa signn..ora Te Teresa nun ce  ce sta?

BRIGIDA: si ma è occupata che vuoi dillo a me

PEPPINIELLO: ci ci volevo da da re questa bu bu sta

BRIGIDA: e dammi qui che ci penso io, ora vai vai

PEPPINIELLO: ma ma vera..mente

BRIGIDA: (apre il portamoneta) va piccirì  ( porge il danaro) comprati qualcosa va

PEPPINIELLO: gra grazie arri arri ( bussano alla porta) e chi è?

BRIGIDA: va va è n’amiche e Teresa va ( si apre la porta ed entra Andrea)

ANDREA: (non si accorge di Peppiniello dietro la porta e con impeto abbraccia Brigida la quale fa cenni e si allontana) ma insomma è vero ho fatto tardi ma non mi pare il caso che  (esce Peppiniello da dietro la porta) che…e tu chi sei?

PEPPINIELLO: so Pepp   Peppiniello!

BRIGIDA: vai Peppiniello  vai e queste  sono altri tre euro   però mi raccomando acqua in bocca e ..non mi hai visto!

PEPPINIELLO: eh  eh si si agge viste  sule  e…sorde ( esce )

BRIGIDA: è  un poco scemo ma i soldi li capisce

ANDREA:e me lo volevi dire che c’era pure il ragazzino

BRIGIDA; e non mi hai dato tempo

 

ANDREA: e  ora? Se quello parla, se lo dice a qualcuno?

BRIGIDA : tranquillo, quello è già corso a spendere i soldini, vieni, stiamo un pò insieme , non abbiamo molto tempo( lo abbraccia)

ANDREA: (titubante) ma…. Scusami  io non mi sento sicuro eh   forse è meglio che vada via, se per caso il ragazzo apre la bocca, siamo rovinati

                

BRIGIDA: ma dai vieni qui, quello a quest’ora è già dal droghiere

ANDREA: si ma….no, lasciamo andare, meglio essere prudenti,non si sa mai (bussano alla porta) ssshh hai sentito….hanno bussato!

BRIGIDA: si ho sentito, zitto ( bussano di nuovo) non sono mica sorda

ANDREA: ..e chi è.. chi può essere?

BRIGIDA: non lo so! ( da fuori  Brigida, sei dentro?) madonna! Mio marito!

ANDREA: ( tremando di paura )  e  ora? …e  ora che facciamo

BRIGIDA: zitto! Non apriamo

ANDREA: si ma….lo sapevo,porca miseria ..lo sapevo!

VINCENZO ( dafuori, bussando ancora ) Signora Teresa! Signora Teresa siete in casa? Brigida!..mah si vede che il ragazzo mi ha fatto uno scherzo. Qui non c’è nessuno! Oh Signora Teresa,  stavo bussando ma si vede che mi hanno fatto uno scherzo sa quel birbante di Peppiniello, mi aveva detto che su da voi c’era mia moglie e siccome sono tornato prima….

BRIGIDA:chillu piezze e scugnizzielle! vieni nascondiamoci in camera da letto ( escono)

TERESA: quello il ragazzo tene a capa  fresca! (alzando la voce) io ora sto tornando dalla spese, venite venite, entrate ( apre la porta ed entra )

VINCENZO: (si sofferma sull’uscio e da uno sguardo dentro ) No no, non vi preoccupate salgo su, arrivederci e..scusate ( va via ) se prendo quello scostumato di Peppiniello!

TERESA: ( si porta le mani alla testa) mamma mia! E chiste addò stanne mo , signora Brigida dove state, uscite

BRIGIDA: (esce tremando ) è…è andato via

TERESA: è andato via

BRIGIDA: sicuro?

TERESA: sicuro! √ą andato sopra¬† da voi

BRIGIDA: che paura! Sentite Terè, io faccio uscire  il mio amico…voi accertatevi che mio marito non sia nei paraggi ( apre la camera da letto ) su vieni è andato via

ANDREA:  (uscendo  e nascondendosi il volto con una sciarpa )sicuro? Scusateci ma 

TERESA: va bene, va bene  ma questa è stata l’ultima volta che vi faccio questo genere di piacere

BRIGIDA: si si ,ma ora affacciatevi e   diteci  se possiamo uscire

TERESA: ( si affaccia alla porta ) via libera andate ( escono e Teresa si lascia cadere su una sedia) non ce la faccio pi√Ļ,nun se po camp√† cu sti sotterfugi, ah Madonna do Carmine ¬†aiutame tu ( bussano alla porta, va ad aprire ed entra Concetta)Ohe Cunc√® si tu, entra .siediti ¬†je sto mezza intronata e ho bisogno di riprendermi ,che stava succedendo un guaio

CONCETTA: so  tutto, me la ditte Peppinielle!

TERESA: Peppiniello? e….che sa Peppeniello

CONCETTA: eh te l’agge mandate ncoppe pe te purtà l’olio e o pane e quanne è trasute addò te, a trovate chella zoccole da signora Brigida nzieme al suo amante, chelle l’ha date due eure  po fa sta zitte ma ..tu o canusce a Peppinielle ,chille nu cicere mmocche nun so sape tenè e…

TERESA:  e..che a fatte a chi l’ha detto?

CONCETTA: mentre scendeva  le  scale ha  incontrato  don Vincenzo e gli ha detto   che la moglie  stava in casa vostra  in  compagnia di un uomo

TERESA: ah mo capisco perchè l’ho truvato  fuori la porta e meno male che nun è entrato si no succedeva na disgrazia

CUNCETTA:  e ci credo quello Don Vincenzo la mosca per il naso non  sa fa passà! Se la trovava con il suo amante  e sparava a tutte e duie

TERESA: basta, basta! Mai pi√Ļ! Nun succeder√† mai pi√Ļ.Non mi prester√≤ pi√Ļ a queste ¬†situazioni!

CONCETTA:  e faie buone, chille Don Vincenzo ha dato i solde a Peppiniello per  purtà a spia  a si a mugliere  se ncontra cu qualcheduno dinte o palazze! Je a Peppiniello  l’agge ditte e farse e fatte suoie ma vuie o canuscite a Peppiniello chille…

TERESA:  nun se fire e tenè nu cicere mmocche! Si o canosche a Peppiniello!(bussano alla porta mentre si sente suoni si campanelle)

CONCETTA: chiste adda essere don Giacinto per la benedizione Pasquale ( Teresa va ad aprire)

DON GIACINTO: Buongiorno Terè e sia lodato il signore

TERESA E CONCETTA: sempre sia lodato

DON GIACINTO: sono passato per la benedizione Pasquale

TERESA: io pensavo che foste venuto per …un’altra cosa

DON GIACINTO: figliola so che il dolore non è mai sopito  e la speranza è sempre viva  mai ma….esiste anche la rassegnazione

TERESA: mai don Giacì  non rassegnerò mai!

DON GIACINTO: ( fa cenni verso Concetta) bisogna confidare nel signore e…in tutto questo tempo io….

TERESA: parlate pure tranquillamente , a voi l’ho detto nel segreto della confessione , Concetta sa perché ha vissuto quei momenti tragici

DON GIACINTO: ah! ( a Concetta ) voi sapete

CONCETTA: tutto Don Giacì

TERESA:  e d’altronde come avrei fatto senza l’aiuto di una donna, Concetta è stata ed è per me una sorella

CONCETTA: sono stata io a portarvi la piccola

DON GIACINTO: ah sei stata tu!  E me la dovevi adagiare proprio nella mangiatoia del presepe?

CONCETTA: e li stava al caldo ,sapevo che stavate preparando il presepe e così..

DON GIACINTO: così quando sono entrato invece di trovare il bambinello, ho trovato la verginella, povera creatura, che pena mi ha fatto vederla avvolta in una coperta e solo con una catenella attaccata al vestitino

TERESA: vi ha fatto così pena che subito ve ne siete liberato

DON GIACINTO: e che potevo fare io ,un povero prete, l’affidai  al convento di Santa Sofia e..

TERESA: ventisei anni fa ! e da quel giorno di quella creatura non si √® saputo pi√Ļ niente..e di Lei mi √® rimasto solo questa catenella con questa mezzaluna che non mi sono mai tolto dal collo

CONCETTA: la stessa catenella la misi io sul vestitino della bambina !

DON GIACINTO:         quella catenella la diedi alle suore quando gli consegnai la bambina,pensai che fosse un segno per riconoscerla, ( a Concetta) ma voi non potevate tenerla con voi?

CONCETTA : e come facevo , cosa avrei detto ai miei genitori ,quelli mi avrebbero ammazzata! e così la bambina ,  dopo due giorni che era nata  il Barone, che il signore lo perdoni me la portò a casa, e mi ordinò di portarla nella vostra chiesa

DON GIACINTO:  ed io ho  provato come voi a rintracciare la bimba ma la legge è legge..non c’è stato niente da fare, ma voi piuttosto non vi potevate opporre?

TERESA: opporre e come facevo,il signore, ha voluto castigarmi per una colpa dettata dalla giovent√Ļ¬† e dall‚Äôinesperienza

DON GIACINTO: si lo so, eravate una bella ragazza e il barone, uomo colto e affascinante, si invaghì di voi anche essendo sposato,e meno male che nessuno seppe mai di questa storia altrimenti..sarebbe stato uno scandalo!

 

TERESA: gi√†! uno scandalo! E fu per questo motivo che il Barone, mi port√≤ nella sua azienda di campagna io non avevo pi√Ļ nessuno e li conobbi Concetta e li partorii

DON GIACINTO: da come mi avete detto per√≤ il Barone non approfitt√≤ pi√Ļ di voi e cosi conosceste vostro marito e vi sposaste

TERESA:  Intanto dovetti subire la perdita di mia figlia e andare ad abitare lontano insieme a mio marito

DON GIACINTO:ma  poi vostro marito fu preso a ben volere dal Barone che lo chiamò a interessarsi della sua tenuta e poi, vi ha lasciato questa casa e…

TERESA:certo, Lui a modo suo ha voluto riparare al male che ha fatto ma io ..io..non riposo, ho un peso sull’anima che mi tortura da ventisei anni!

CONCETTA: ma tu non hai colpa, la bambina ti è stata tolta!   E poi negli ultimi anni, dopo la morte della moglie anni anche il barone ha provato a cercarla

TERESA: la mia colpa è stata quella di fidarmi delle sue parole!

DON GIACINTO: su , rassegnatevi e preparatevi a vivere questa Pasqua come la resurrezione dello spirito  e dell’anima! ( benedice la casa ) state tranquilla, il Signore è misericordioso e a volte apre strade chiuse e fa sorgere acqua da pozzi inerti. Arrivederci e la pace sia con voi   (esce)

TERESA:quando l’ho visto entrare, ho pensato che mi portasse buone notizie , mi ero scordata che sta venenne Pasqua!

CONCETTA:  nun t’affliffere Terè ,a vita  riserva sempre  sorprese.  (Si apre la porta ed entra Enrico ed Agnese,Enrico lascia cadere la borsa sulla tavola e e si siede su una sedia in evidente stato di  delusione)

TERESA: Enrico che è stato non ti senti bene?

ENRICO: niente Mammà, niente, sto bene sono solo deluso e arrabbiato!

TERESA: non ti hanno assunto? Vero?

ENRICO: sembrava tutto fatto, il colloquio era andato benissimo, il dirigente aveva chiamato anche la segretaria per farmi ci contratto, quando il direttore ha ricevuto una telefonata, non so chi da chi ma fatto sta, che al termine della telefonata mi ha detto che gli dispiaceva tanto ma non poteva pi√Ļ darmi il posto nell‚Äôazienda¬†¬†¬† .si¬†¬† √® scusato e..eccomi qua

TERESA: (abbraccia il figlio)  e chesta è a benedizione e Don Giacinto!Non ti preoccupare figlio mio, calmati, vedrai prima o poi il posto lo avrai

ENRICO si , prima o  poi e intanto stiamo qui a fare la miseria ( si siede sconsolato su una sedia )

AGNESE: nun te disperà, Enrì. Può darsi che chella bella Madonna  t’accuntenta

E to fa  … fa  ..truvà nu  nu bellu posto, je a prega pe te  tutte  juorne

TERESA: je ti ringranzie Agnè .ma a Maronne, grazie economiche nun ne fa si no all’ore e mò gli Italiani nun stessere accussì nguaiate

CONCETTA: e allore ce vulesse na bella raccomandazione fatte a nu politiche bbuone

TERESA: pecch√® ogge ce stanne e politece buone?! Ogge penzene sule a loro e ai parenti stretti e fanne a chi arrobbe e chi√Ļ

CONCETTA. E ragione Ter√® , ogni giorno pe televisione esce nu scandale ,ormaie nun ce sta chi√Ļ a chi credere , hanne nfettate tutte cose e persine o cape do guverne fa o farinielle,

AGNESE: comunque ,io sono corza sopra per dicervi  una cosa che forse vi può aiutare fino a quando Enrico non si sistema

TERESA:  e dimme Agnè, dimme..

AGNESE: Gi√Ļ c‚Äô√® , un certo signor Candia ,si √® rivolto a me ¬†per informazione e mi ha chieduto¬† se conosceva qualcuno che gli affittava una stanza e je subito ho penzato a vuie , vuie tenite ¬†quatte stanze da letto cu tre bagne e..

TERESA: Agnè ma so proposte ca se fanne cheste je affitte na stanza pe tenè n’omme dinta a casa mia! 

AGNESE: ma nossignore! Quello la stanza la vuole per la figlia che deve fare la la spe.. specializzata all’università a Napoli, solo per la figlia!

TERESA:   ah! Beh  se ne può parlare allora, tu che ne pensi Enrico

ENRICO: mammà che ti devo dire io…io vulesse …..niente Mammà fa tu

TERESA:  e va buò che aggia dicere, Cuncè  scendi tu e digli  ca so disposte ad affittare una stanza ma….a condizione ca so brava gente e pagano anticipatamente!

CONCETTA:e fatte buone! e si agge capite buone so gente brave. Mo scenne,  facce ammasciate e o facce saglì accussì parlà cu te

TERESA:  grazie , grazie Cuncè! ( Concetta Esce) Enrì .io vado di la a vedere se le camere sono a posto e  torno (esce)

AGNESE: ( tira fuori dalla tasca un cartoccio) Enrì, ti ho portato due  panzarotti caure caure ( glieli mette sotto il naso)

ENRICO: eh fa piane mi vulisse fa mangià cu nase

AGNESE: tiene vide comme so..so  buone  comme a me dice a verità eh e mangia!

ENRICO: Agnè je e panzarotte me magne e so buone e tu pure si na bona guagliola ( (Agnese si avvicina speranzosa) ma nun te mettere cose strane ncape..

AGNESE: ma je te voglie bene

ENRICO: comme a nu frate! Tu me vulè bene comme a nu frate

AGNESE: ma je o frate già o tenche e pure mieze sceme! Je…tu…insomme ( si avvicina in modo curioso) io  ti voglie bene in un’altra  nata manera!

ENRICO: (mangiando un panzarotto) Agnè, stammi a sentire, noi siamo cresciuti insieme come fratelli ed io come una sorella ti voglio bene e tu devi fare altrettanto, mi hai capito? E poi c’è già uno che ti vuole bene di un’altra maniera

AGNESE: o figlio do macellaie? Seh ne deve  regnere di sacicce  prima ca io le  dongo confidenza!

TERESA: (entrando) ecco qua tutto sistemato

AGNESE: io scendo gi√Ļ e poi salgo con il signore¬† ( esce)

ENRICO: Mammà io non credo che il signore non accetterà

TERESA: e perché, siamo brava gente ,Antonio sicuramente parlando con questo signore avrà dato garanzie per noi

ENRICO: mammà, in questa casa c’è un uomo scapolo !

TERESA: ah! E chi sarebbe?

ENRICO: io mammà! E non penso che la figlia di questo signore sia disposta ad accettare tale situazione

TERESA:hai ragione  anche se….non ci sarebbe nulla di male,io sono certa della tua correttezza e….

ENRICO: certo ma loro si fideranno?

TERESA:  così è se gli conviene altrimenti niente da fare (bussano e Teresa va ad aprire)

AGNESE: prego , trasite, (entra Carmine ed Emilia ) Signora Teresa, ccà ce sta o signore da stanza con sua figlia

TERESA: prego accomodatevi

CARMINE: Buongiorno, Carmine Candia (stende la mano) e questa è Emilia,mia figlia (presentazioni)

TERESA: Teresa Saporito , piacere,questo è  mio figlio

ENRICO: piacere Enrico

CARMINE: La portiera vi ha detto il motivo della mia visita

TERESA: certamente

CARMINE: quindi voi avete una camera da affittare ?

TERESA: si ed è una bella camera con bagno interno,piena di luce e posta dal lato giardino,molto comoda e riposante per chi deve studiare

CARMINE: benissimo,possiamo vederla?

TERESA: sicuro, venite, (entrano nella stanza)

AGNESE: chiste è une ca tene e sorde!mi mi hanno detto  che è un  dirigento e n’azienda a Roma e..è pure nu bell’omme!

ENRICO: e com’è che la figlia studia a Napoli?

AGNESE : e je ca  ca ca  ne sacce? Me pare ca ditte ca si deve specializzare in mericina! (rientrano Teresa e Carmine)

EMILIA: davvero una bella stanza, spaziosa, piena di luce e comoda

TERESA: eh quella era la stanza di mio figlio!

ENRICO :solo lì potevo studiare in pace, lontano dai rumori della strada.

CARMINE: ah e  ditemi,voi abitate qui con vostra madre

ENRICO: beh si almeno fino a quando non trovo lavoro

TERESA: Enrico si laureato con il massimo dei voti e,volesse il cielo che trovasse una sistemazione

CARMINE: uhmm mi fa piacere per voi , quindi voi abitate qui ( storce un po il naso) ma…

TERESA: capisco a cosa state pensando,vi posso assicurare che vi trovate in una casa onesta dove i veri valori non si sono mai persi

CARMINE:  si , si ma, capirete che è un pò una situazione sconveniente, la camera mi piace e non faccio questione di prezzo ma … non è propria una sistemazione ideale per una giovane ragazza vivere nello stesso appartamento dove vive un giovane scapolo

AGNESE: signò,  ve l’ho già  gia  detto eh! la signora   Teresa e suo figlio sono onestissimi

TERESA:  Signor Carmine,capisco la vostra preoccupazione , da parte mia posso solo assicurarvi che vostra figlia sarà trattata come se fosse mia figlia!

EMILIA: papà ,case a Napoli non se ne trovano e tutte le mie amiche hanno affittato casa in comunità con  altri colleghi ,qui almeno ho una bella  stanza e un bagno tutto per me e pure a due passi dall’università

CARMINE:  E…. e va bene!, mia figlia dovrà studiare qui per almeno tre anni  e mi voglio fidare,  voi siete disposti a fare un contratto annuale rinnovabile?

TERESA: beh..certamente!

CARMINE: bene, ditemi quando volete per l’affitto di un anno

TERESA: io..non saprei…è la prima volta e…fate voi

CARMINE: vanno bene cinquecento euro al mese colazione inclusa?

TERESA: ( sbalordita) si si vanno bene…grazie

CARMINE bene allora eccovi l’anticipo per questo mese  ( tira fuori i soldi ) e  accompagnerò Emilia oggi pomeriggio a prendere possesso della stanza se siete d’accordo  

TERESA: certo e farò in modo che sia pulita e sistemata

EMILIA: allora ci vediamo oggi e..(ad Enrico) spero ci darete una mano a salire le valige

ENRICO: potete contarci

CARMINE: bene ,noi andiamo, arrivederci

EMILIA: arrivederci ad oggi allora (escono) 

TERESA:(ad Agnese  ) grazie , nun saie quante preoccupazione me levate

AGNESE: ma  quale grazie o saie  ca quanne putimme darte na mane o facimme cu tutte o co  co core

TERESA:  o sacce, Agnè  ma mo primme e pulizzà a cammera voglie je a fa nu poco

e spese ,viene accumpagneme , Enrì, scendo al negozio di sotto e torno

AGNESE: andiamo vi ..accompagno ( ( va verso la porta di centro e fa per aprirla)

TERESA: Agnè…non li (indicando con la mano) di là!

AGNESE: ah ah sta capa…. (  esce insieme  a Teresa )

 

ENRICO: ( comincia a tirare fuori dalla cartella delle carte e legge) e qui già ho visto e niente, qui neanche, ah posso provare in questa azienda mah non si può mai sapere ( si mette a scrivere quando,bussano alla porta e va ad aprire) Oh signora

Brigida, prego

BRIGIDA: ah siete a casa? E vostra madre non c’è?

ENRICO: √® scesa un attimo gi√Ļ ma viene subito

BRIGIDA: allora se non vi dispiace aspetto

ENRICO: va bene accomodatevi  (  si siede e continua a scrivere)

BRIGIDA:(gli gira intorno) avete sempre tante cose da fare?

ENRICO: eh magari! Sto cercando di trovare lavoro ma….

BRIGIDA: eh si oggi trovare lavoro è diventato un’impresa ma voi non tarderete a trovarlo avete qualità! E..( provocandolo, gli si para davanti mostrando la sua generosa scollatura)siete  molto simpatico

ENRICO: ma…signora Brigida

BRIGIDA: siete un giovane così attraente ( continua a provocarlo) così tenero…( lo

accarezza)lo so che vi piaccio,su che aspettate

ENRICO: ma ma ….(confuso) io..io si siete bella, provocante ed io….

BRIGIDA: io ,io ti voglio! (  si prepara ad abbracciarlo quando suona il campanello e si scosta ,sedendosi)

ENRICO: (va ad aprire ed entra Peppiniello)

PEPPINIELLO: ( entra con una busta della spesa che depone a terra) ecco qua zi.. zi Teresa mo vene ( vedendo Brigida) oh signora bri bri  Brigida e mo quando mi date

BRIGIDA: che cosa ti devo dare

PEPPINIELLO: i soldini

BRIGIDA: ma quali soldini, va va scendi gi√Ļ ad aiutare Teresa

PEPPINIELLO: io nun  ann ..ancora agge vi..visto niente ma me pozze arri…arri curdà che agge viste qualcosa ehhhh

BRIGIDA: ( apre il portamoneta) nun agge capite chiste  si è sceme o veramente  o ce fa!! va buò e chiste so l’ultime però, promesso?

PEPPINIELLO: e va.va..bbuò..pro..promesso ( intasca e va via)

BRIGIDA:  allora che facciamo!

ENRICO: ( scostandosi) Signora Brigida siete molto provocante e io non voglio innescare nessun intreccio di cui poi possa pentirmi, scusatemi ( si allontana ) se volete aspettare mia madre, sedetevi pure (bussano alla porta, va ad aprire e compare Vincenzo che vedendo Brigida )

VINCENZO: ah sei di nuovo qui! Adesso mi dici il perché? (guarda Enrico con sospetto) e la signora Teresa? Non c’è?

BRIGIDA: sono entrata adesso è ho chiesto ad Enrico la stessa cosa

ENRICO: ed io la stessa cosa rispondo a voi: mia madre è scesa al negozio di sotto e verrà subito, anzi se permettete vado a vedere se arriva (esce)

VINCENZO: ( a Brigida ) e tu perché sei qui?

BRIGIDA:io sono venuta a prendere il vestito che ho portato a stirare ieri e tu? E già tu sei qui per controllo! Ma ti sbagli, io qui non faccio niente di male!

VINCENZO: stai attenta!

BRIGIDA: attenta ,attenta ma  a cosa? La tua gelosia non conosce limiti, vide corne a tutte parte e statte nu poco cuiete ,ferniscele e me sta ncuolle comme a nu police. Je so na femmena e carattere e sacce comme m’agge cumpurtà!

VINCENZO: scusame ma quanne torne do lavoro e nun te trove , vache in freve!

BRIGIDA: pecchè quanne  vaie o lavoro nun ce vaie nfreve?

VINCENZO: e comme nun ce vache! Je te vulesse sempe sta vicine accussì..

BRIGIDA: accussì fusse sicure ca nun stesse cu n’ate e ovè?

VINCENZO:¬† ma ca ce pozze fa si so geluse? Tu si giovene, si belle e provocante, je invece tenche quase vent‚Äôanne e cchi√Ļ e quanne veche ca te guardene llate me se rode o fegate!

BRIGIDA: e chi to fa fa! Tu baste ca nun ce pienze e vide ca staie buone e nun m’azzallisce !e po l’uocchie so fatte pe guardà, nun ce penzà siente a me!

VINCENZO:  e comme facce a nun ce penzà! Arrecuordete, si te ncocce a fa a smorfiose cu nate je perde a cape e t’accide!

BRIGIDA: ma va va ( entrano Teresa ed Enrico con le buste della spesa piene) oh Teresa, vi stavo aspettando

TERESA: ( ad Enrico) posale cca sti buste ca po ce penze je (comincia a tirare  la spesa fuori dalla buste ) signora Brigida solo un attimo se permettete

ENRICO: (posando le buste) ecco qua mammà, mentre voi parlate con Donna Brigida , vado a sistemare la mia camera ( esce)

BRIGIDA:ah vedo che avete fatto una bella spesa!avete forse trovato lavoro?

TERESA: (ignorando la domanda, continua a svuotare le buste) in che posso servirvi

BRIGIDA: sono venuto per ritirare il vestito e volevo chiedervi se potete accorciarmi una.. gonna

VINCENZO: beh io vi lascio, salgo su e tu ( a Brigida) quando hai fatto sali pure tu, arrivederci (esce)

TERESA: non √® ancora pronto, Brigida ,statemi a sentire, dopo l‚Äôepisodio di stamattina, non sono disposta pi√Ļ a farvi quel piacere‚Ķ speciale.Non posso passare un guaio per voi e poi a casa ho un‚Äôospite e quindi √® materialmente impossibile. Per altre cose .disponete pure di me

BRIGIDA: ah e me lo dite così?

TERESA: e come ve lo devo dire cantando?

BRIGIDA: e adesso come faccio?

TERESA: signora  Brigida sentite a me ,lassate stà, fernitele si no prima o poi passate un guaio e poi… fate  peccato

BRIGIDA:  e quale peccato faccio

TERESA: ma comme, vuie  mettite e corne a vostro marito  e dicite ca   nun è peccate? Voi gli fate del male così

BRIGIDA: fino a quando non lo viene sapere non gli faccio alcun male e quindi nun peccate! O peccate è, si o vene a sapè!

TERESA:si  chesta è filosofia vosta tenitavella e scusate se mi sono permessa di mettervi in guardia

BRIGIDA: nun ve preoccupate ca sacce comme aggia fa  e… chi avete come ospite?un parente… un.. uomo?

TERESA:niente che vi interessa, è una ragazza che va all’università

BRIGIDA: peccato. E’ la fidanzata di Enrico ?

TERESA: nossignore è solo un’ospite

BRIGIDA:  e chi lo sa comunque a me nun me ne importa.  Vi porto la gonna piu tardi, ci ho già fatto il segno dove accorciarla

TERESA: va bene

BRIGIDA: e statevi bene! (esce)

TERESA: arrivederci, Maronna, cheste nun sule è na zoccola ma è na capera nata! (bussano alla porta, Teresa apre ed entra Santina)

SANTINA: Donna Terè buongiorno ( apre una borsa) ecco qua , ca ce stà nu poche e cafè, l’agge pigliate  mo mo (lo depone sul tavolo) che dicite cia facimme na tazzulelle?

TERESA: siediti Santì, hai già finito di pulire le scale?

SANTINA: in questo momento Donna Terè, è passate pure o cuntrolle!

TERESA: si si o sacce, è trasute pure ccà

SANTINA: sempe ca stesse intenzione?

TERESA: sempe a stessa!

SANTINA: nun o data retta   a chillu stacciafacenne e avvocato  ! ma comme tu tiene na famiglie  e te mitte a fa o o farenielle ca gente oneste!

TERESA: (prende il caffè e comincia a caricare la macchinetta) me pigliammece o cafè!(bussano alla porta e va ad aprire ed entra Luigi) trase Luigì ,sempre in perfetto orario eh sempre puntuale..

LUIGI:( sui trent’anni, tipo  estroverso e fantasioso) donna Terè come si fa a sentire l’odore del vostro caffè e non bussare

TERESA: seh il caffè…voi avete visto Santina  che è entrata qui e come al solito

SANTINA: e come al solito è venuto a….prendersi il caffè

LUIGI: Santì, mi dici come posso fare per parlarti, sulle scale, non si può perché ci stanno i condomini e tu devi pulire, in strada corri come una gazzella e non mi dai mai retta, a casa tua non ci posso venire perché i tuoi fratelli, mi conciano per le feste ehh.. allora approfitto della bontà di Donna Teresa

SANTINA: e..del suo caffè

TERESA:  (portando il caffe ) ma figurati, per un po di caffè…Santì piuttosto non capisco, voi vi volete bene e non vi decidete mai a prendere una decisione

SANTINA: Donna Terè, se questo specie di canzoniere fallito non trova una sistemazione adeguata , di sposarsi non è proprio il caso.

LUIGI: (prendendo il caffè, tira un foglio di carta dalla tasca) stavolta è fatta, sta a sentire ( legge cantando una variazione di una canzone di Tenco ) mi sono innamorato di te perché non avevo niente da pensare ,la notte guardo le stelle brillare, il giorno ti vengo a cercare….eh che ne dici?

SANTINA: dico che sta canzone l’hanne già scritto!

LUIGI: tu che dice, ma è possibile ca fanne sempe primme e me ?

SANTINA: noo! ma che dici, il fatto è che se tu ad  arrivivare sempre dopo

TERESA:Luigì, Santina ha ragione, possibile, che non riesci a trovare un lavoro? Non puoi pensare di farti una famiglia scrivenne poesie e canzuncelle

LUIGI: donna Terè io non sono fatto per lavori materiali, io sono un’artista e gli artisti non si abbassano a lavori manuali, gli artisti fanno camminare le idee, sono creativi, pensano…

SANTINA: e pensa bene perché, e stu passe rimmane mmieze a na via!

LUIGI:  ti sbagli,prima o poi il successo sarà mio!

SANTINA: sempre dopo Luigì, sempre dopo! E intanto…..agge voglie e rompermi la schiena ( bussano la porta e Teresa va ad aprire ed entra Peppiniello)

PEPPINIELLO: zi Terè, abbà  bà abbasce o portinate ci stà quella recchia di maiale di.. avvocato  che che va pi pi piglianne e sorde…do do condominio, mammà ha ha ditte che vi vi dove.. vevo avvi  avvisare

TERESA:  e quello mo vedi come sale anche da me, eh ma stavolta avrà poco da pretendere

SANTINA:  ( si alza) donna Terè o cafè cio pigliamme a doppe, è meglie can un me trove ccà si no va truvane reveglie pure cu me ( esce)

LUIGI: aspetta Santina, scendo con te  ( esce)

PEPPINIELLO: jo a quella ¬†sanguetta nu¬† nun¬† o pop pozze avved√® e e appena mme me capita sso sotto le le fa facce ffa fa e capriole , mo mo scendo¬† gi√Ļ ( esce)

TERESA: (prende una carta dal cassetto di un mobile) ecco qui…(legge) sono tre mesi di arretrati e fanno giusto 90 euro( prende i soldi e li prepara)ci voglio jettà nfacce a sta carogna!(suona il campanello, va ad aprire ed entra Carmine )

CARMINE: signora Teresa, disturbo?

TERESA: ma prego accomodatevi

CARMINE:vogliate scusarmi ma,  approfittando del fatto che, dovevo passare da qui per un servizio,ho cominciato a portare qualche valigia di Emilia  e se Lei permette scendo un attimo e le porto su

TERESA:ma si figuri, faccia con comodo. Anzi se desidera essere aiutato, chiamo Enrico nell’altra stanza

CARMINE:non vi preoccupate, √® solo una valigia con una borsa, scendo gi√Ļ e vengo subito. Permettete, (Esce)

BRIGIDA:(entrando) oh carissima Teresa, stavo scendendo quando ho visto un uomo uscire da casa vostra

TERESA: embè  che c’è di strano?

BRIGIDA: niente, è solo che è raro vedere uomini che vengono a trovarla…ma è un rappresentante?

TERESA:nossignore è il padre della ragazza che ospitiamo

BRIGIDA: ah un bell’uomo però!

 

CARMINE: (entrando) eccomi qua. Dove posso mettere queste…( a Brigida ) salve signora

BRIGIDA: salve, io sono Brigida, una….amica di Teresa e…

TERESA: adagiatele  qui , ci penso io a sistemarle

CARMINE: grazie, molto gentile,ora se permettete vado via, ho da fare molte commissioni, ci vediamo oggi pomeriggio.

TERESA: vi aspettiamo

BRIGIDA: è stato un piacere, spero che ci rivediamo spesso

CARMINE: oh io verrò raramente, comunque arrivederci!  ( esce)

BRIGIDA: che uomo interessante , piace pure a voi dite la verità

TERESA: si è un bell’uomo ma io non ci penso come..ci pensate voi! Voi sembrate una lupa affamata, ma che vi siete sposata a fare eh

BRIGIDA: donna Terè, a voi lo posso dire.Tre anni fa io ero fidanzato  segretamente con un bel ragazzo che aveva solo un difetto: era nullatenente e nun teneve nu poste e fatiche ma ce vuleveme nu bene e pazze!

TERESA: ah e poi come mai avete sposato don Vincenzo?

BRIGIDA: non l’ho sposato! Mi hanno maritato! I miei mi hanno imposto di sposarlo perché tiene la professione e sta bene a soldi e non hanno pensato alla mia felicità!

TERESA : capisco e il ragazzo che avevate non ha provato ad opporsi?

BRIGIDA: e come  se non ha provato! Ha fatto di tutto e si è messo contro tutti!

 TERESA: fino a che  un giorno lo hanno trovato sul ciglio di una strada, investito da un pirata, così almeno questa è stata la versione ufficiale

TERESA: madonna mia!

BRIGIDA: e così , mi hanno maritato al quel caprone di Don Vincenzo, siamo venuti ad abitare qui  e ho fatto la fine della colomba nella cajola che alla prima occasione si prostituisce per vendetta! Si per vendetta Donna Terè! ( si mette le mani al volto e piange) Ecco perché sono diventata così..per vendetta!

TERESA: su, calmatevi, ognuno di noi tiene la sua croce quella che solamente noi conosciamo!

BRIGIDA: si ognune e nuie tene na croce!beh ci vediamo,salgo su , sta arrivando l’avvocato per i soldi del condominio e….vado a prepararmi  ( esce)

TERESA: e mo aspetto pure io questo impiastro dell’avvocato e poi sistemo la stanza

di Emilia, intanto fammi togliere sta valigia e sta borsa a mieze ( bussano e va ad aprire)

CESARE: buongiorno, eccomi qui, come vedete,  io sono puntuale nel venire a riscuotere, è il mio lavoro, ora tocca a voi esserla nel pagare!

TERESA: ( apre il portafoglio) ecco i vostri soldi! Ci sono anche  tre mensilità arretrate

CESARE: oh oh,avete avuto un lascito?va bene ma, mancano ancora tre mesi di arretrati e mancano i soldi per il restauro dl palazzo

TERESA: ¬†i soldi del condominio ve li dar√≤ il mese prossimo, quelli per il restauro se parla pi√Ļ in l√†!

CESARE: questo se lo permetto io  altrimenti ….. vi faccio causa! A meno che

TERESA: fate quello che volete, ora però andatevene!

CESARE: MA perché non volete capire, io sono pazzo di te!una sola parola e per voi faccio tutto!

TERESA: ve lo ripeto, da voi non voglio niente!

CESARE. Neanche la sistemazione di vostro figlio? Se non sbaglio proprio stamattina, ha avuto un colloquio di lavoro presso un’azienda dove il capo del personale è un mio carissimo amico e….. peccato….non è andata bene.

TERESA: ora ho capito. Siete stato voi a non farlo assumere

CESARE: una vostra parola ed è assunto….pensateci ( si avvicina e cerca di abbracciarla) pensateci, vuie me facite asci pazze!

TERESA: lasciatemi!

CESARE: ( perde il controllo) no  no  vi voglio, vi desidero ahhh

TERESA: ( Si divincola) lasciatemi, disgraziato,vigliacco!

CESARE: si si ti voglio, sei mia mia!(la trascina sul divano come un indiavolato)

TERESA: (grida) aiuto, aiuto…(esce Enrico dalla stanza e..si precipita in aiuto della mamma ,mentre entra Agnese  e Peppiniello)

ENRICO:( si precipita a liberare la madre e colpisce Cesare con ripetuti pugni,mentre Peppiniello lo prende a calci) via via vigliacco! Esci fuori da casa nostra ( Cesare, spaventato dalla reazione, prende la borsa)

CESARE: non finirà così,vi rovino, vi rovino! ( fugge via)

TERESA: oh Enrico, meno male che eri in casa, Agnè hai visto quel farabutto?

AGNESE: L’agge viste Terè lagge viste  e meno male che stavamo già saglienne le scale se no neanche ti sentivamo,e nun te preoccupà,se lo denunci ti faremo da testimone

ENRICO: mammà come ti senti?

TERESA: niente ,niente sto bene e grazie, grazie, meno male che sei accorso subito mi hai salvato figlio mio!

PEPPINIELLO: signò,si nun ce steve Enrico, ci penzavo io a quella recchia di maiale!mo mangiave a muzzeche!

TERESA: grazie Peppiniè, o sacce , si nu guagliole in gamba (entra Concetta)

AGNESE:sicuro che state bene? Volete  farvi  aiutare a sistemare la camera della ragazza?

TERESA: si sto bene. Grazie  Agnè, mo  me repiglie nu poco e sistemo tutto al resto poi ci pensiamo andate, andate e ancora grazie!

PEPPINIELLO: stateve bona Donna Terè, da oggi appena lo vedo trasire nel palazzo, mi metto di sentinella e….le spezze e cosce si vene cu male intenzione. ( escono, mentre Enrico abbracia la mamma)

ENRICO:mammà….perchè,perché quel porco ha osato metterti le mani addosso,giuro che se si permette una seconda volta…lo ammazzo

TERESA:(ancora provata)no.nun dicere accussì e nun te preoccupà,non ci riproverà

Se lo far√†, lo ammazzo io stesso ‚Ķtu ‚Ķ.tu e penz√† a farte na posizione. √ą peccheste che agge fatte tanti sacrifici e nun te permette e t‚Äôarruvin√† pe nu fetente e omme! Mo aiutami ad alzarmi,ho da sistemare alcune cose prima che arrivi la signorina Emilia

ENRICO: (Enrico l’aiuta ad alzarsi) mammà, dimme che c’è da fare, tu riposati un po,

TERESA: no no so cose e femmine, tu pienze a sistemarte e cose toie ( suonano alla porta,Enrico va ad aprire ed entra   Peppiniello)

PEPPINIELLO:: Donna Terè sta   saglienne a Signorina Emila con il padre e nu  nu facchine  ca porte e valigie e che  me pare mie..  mieze sceme

TERESA:grazie Peppiniè e marraccumanne tu avisse dicere chelle ca è succiese ca dinte cu l’avvocate?

ENRICO: mammà ma che dice? Chille s’ammerete essere svergognate e denunziate!

 

TERESA: (mentre bussano alla porta, si avvia ad aprire) Enrì nun è succiese niente e capite? e capite Peppiniè?  Nun è succiese niente (si chiude il sipario)

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

Stessa Scena del primo atto.Teresa, sta preparando la colazione,quando bussano alla porta e va ad aprire ed entra Santina

SANTINA: Terè buongiorno

TERESA: buongiorno Santì, entra, te lo prendi un caffè?

SANTINA:  come stai, ho saputo di quello che vi è successo e prima di cominciare le pulizie delle scale  sono passato a salutarti e..

TERESA: te l’ha detto Peppiniello è vero?

SANTINA:appena sono entrata

TERESA: e ti pareva! Siediti va, prendi un caffè. Avevo detto che non doveva sapere niente nessuno e puntualmente…

SANTINA: Terè , tu lo conosci a Peppiniello

TERESA:  e comme nun o canosche seh, speriamo che nun mette o bande po palazze! (entra Emilia)

EMILIA: buongiorno signore

TERESA: buongiorno Emilia, questa è Santina una nostra cara amica ( si presentano) siedi, la colazione è pronta, qui c’è il latte, i biscotti, e la marmellata, se poi preferisci altro non hai che da chiedere

EMILIA:  ( si siede) grazie per me va benissimo ( comincia a fare colazione)

SANTINA: ( sorseggiando il caffè ) ah Terè come fai il caffè tu non lo fa nessuno, a voi piace il caffè signorina Emilia?

EMILIA: e come si farebbe senza il caffè, quando sono a scuola lo prendo al bar dell’università ma ….il caffè di donna  Teresa è veramente un’altra cosa ( entra Luigi)

LUIGI: ed io perciò quando sento quest’olezzo non mi ci  raccapezzo! Buongiorno a tutti!

TERESA:  da dove sei entrato?

LUIGI: Oh Ges√Ļ dalla porta! Era aperta e..( vede Emilia) oh e chi √® questa bella fanciulla?

EMILIA: grazie, mi chiamo Emilia

LUIGI: ed io Luigi, piacere ( porge la mano e si salutano)

TERESA: Emilia rimarrà un po di tempo con noi finchè non finisce l’università

LUIGI: oh che splendore , questa casa si è arricchita di un nuovo fiore

TERESA: Cara Emilia non farci caso,Luigi è un poeta

SANTINA: da strapazzo!

TERESA: ed è innamorato di Santina

SANTINA: e chi lo pensa!

LUIGI: oh come è cara la mia Santina mi fa andare in giuggiola!

SANTINA: prendi il caffè e vedi di andare..da un’altra parte!

LUIGI: si ma prima ti accompagno, lascia che io ammiri mentre  lavori

SANTINA: pensa piuttosto a trovarlo tu in lavoro altrimenti hai voglia di

ammirarmi!

LUIGI: il poeta è  un libero pensatore,è creator di versi e di canzoni ed è difficile che trovi altro lavoro

SANTINA: per forza tu neanche lo cerchi

LUIGI:perché  già so che non lo trovo!

EMILIA: beh se ci  tenete a sposarvi dovreste pur provare  a trovarlo può darsi che qualcuno vi prenda

TERESA:  eh la signorina Emilia dice il vero , chi cerca trova

SANTINA:donna Terè,mi dovete credere non c’è giorno che non vado a mettere un cero a san Gennaro e spero sempre ca me fa o miracule e le fa truvà nu posto e lavore ma… niente,,,niente

LUIGI: ah mo si spiega! Nenn√® San Gennare di miracoli non ne fa pi√Ļ, s‚Äô√® fatto vecchio, nun tene chi√Ļ voglie,tu ti devi rivolgere a un santo giovane ad uno che deve fare cariera!

SANTINA: lo sentite?

EMILIA: beh io vado,altrimenti faccio tardi, ( si alza) buona giornata a tutti ( esce)

SANTINA: ha l’aria di essere na brava ragazza non è vero

LUIGI: si brava ,brava comme a te!

TERESA: è veramente una brava ragazza, tutto lavoro e casa , è passata ormai una settimana da quando sta qui e non mi da nessun fastidio, anzi va accordissimo con Enrico

LUIGI: c’è forse del tenero?

SANTINA: nun accumincià a farte poesie ncape

TERESA: mah, vedo che vanno molto d’accordo, anzi Enrico gli fa anche delle ripetizioni

LUIGI: e quello ripetendo ripetendo, arriva l’evento

SANTINA: mo accummince ovvì, Donna Terè io vado sennò per mezzogiorno stò ancora qua’

LUIGI:  ed io ti seguo mia bella fata

SANTINA: no tu te ne vaie e pure ambressa , stateve bona donna Terè ( esce)

TERESA: Santina ha ragione finite di prendere il caffè

LUIGI: e va bene (  entra Enrico e da un bacio alla mamma)oh Enrico carissimo

ENRICO: caro Luigi

TERESA:  Enrì qui c’è tutto per la colazione, io scendo a comprare qualcosa e subito vengo ( esce)

ENRICO: va bene Mammà, allora Luigi come và?

LUIGI: e come deve andare, niente! Non si trova niente ed io faccio finta di niente!

Sto cercando da tutte le parti, faccio domande a destra e manca ma di lavoro neanche a parlarne,dovevo dar retta a mio padre, quando mi disse, giovanotto invece di studiare lettere e filosofia impari un mestiere altrimenti ti puzzerai di fame. E aveva ragione!

ENRICO: e si ,oggi purtroppo nella scuola non si entra neanche come precari

¬†¬†LUIGI :¬† e intanto Santina mi crede uno sfaticato ed io per non farla dispiacere mi invento di ‚Äúnon cercare‚ÄĚ!

ENRICO: io avevo trovato, sembrava quasi fatta e poi….mah

LUIGI: di questo passo rimarrò a spasso  a vita e neanche potrò sposarmi!

ENRICO: ci tieni tanti a sposarti?

LUIGI: perché tu no?  ah già, tu delle donne hai altri concetti

ENRICO:   e certo! Io le amo tutte e non ne sposo nessuna

LUIGI; perché ancora non  hai conosciuto la donna  che amerai per  davvero!  

ENRICO:  non credo che la troverò, e poi una moglie è poco consigliabile all’uomo buono e al perfetto marito!

LUIGI:  mi sconsigli di non  sposarmi?

ENRICO:  se  ti prende il desiderio sciocco di sposarti,se dedichi il tuo cuore ad una sola, allora china la testa e preparati a soffrire perché nessuna donna risparmia chi

l’ama!

LUIGI:  questo lo dici tu! Vedrai che appena conosci quella giusta…..cambierai opinione. Io l’ho trovata e  non vedo l’ora di sposarla e vivere con Lei

 ENRICO: e con la suocera!

 LUIGI:  beh si ma la conosci è una buona donna

ENRICO:finche vive tua suocera, rinunzia alla concordia familiare. Lei  darà consigli alla figlia  e si metterà sempre di traverso alla tua felicità

LUIGI:  ahhhh Enrì! E come sei catastrofico!  Beh io vado e…a proposito di donne, ho conosciuto Emilia, bella ragazza vero?

ENRICO; si.. bella ragazza e pure a modo ma….è fidanzata e vive sotto il mio stesso tetto perciò…la rispetto!

LUIGI:  ah ahha questa è bella va va, un don Giovanni come  te, ha.. ha  fammi andare va…  ( bussano alla porta, Enrico va ad aprire ed entra Brigida)

BRIGIDA: (sempre provocante)  buongiorno, mammà non ci stà

ENRICO: no è uscita per spese ma verrà subito

BRIGIDA ( non vede Luigi ed √® sempre pi√Ļ provocante) allora l‚Äôaspetto qui?

ENRICO: beh….veramente… è che

BRIGIDA:( si fa sotto) lo so che ti  piaccio,e che aspetti allora,su siamo soli

ENRICO: no… non siamo soli  e poi ve l’ho già detto

BRIGIDA: ( si ritrae) e chi c’è?

LUIGI: (alzandosi dalla poltrona) ci sono io bella e focosa signora

BRIGIDA:siete un impertinente! (prende lo scialle) verr√≤ pi√Ļ tardi. Quando viene

Teresa (esce)

ENRICO: si  sarà meglio! Hai visto? Queste sono le donne sposate! Al marito negano i piaceri e  li  concedano invece agli  amanti

LUIGI: ma che c’entra, quella è una zoccola dichiarata!ma poverina un po’ di ragione c’è l’ha pure, lei è giovane il marito è vecchio e che deve fare? Al tuo posto l’accontenterei

ENRICO: tu sei pazzo, sappi che chi amoreggia con una donna sposata da in prestito la vita e poi…se il marito se ne accorge sono dolori

LUIGI:  beh io vado,e in quanto alle donne, spero che te ne capiti una che ti faccia cambiare idea! Ciao ( esce)

ENRICO: il matrimonio… seh!deve ancora nascere la donna che mi porterà al fatidico passo  ..( entra Teresa ) oh ciao mamma, hai gia fatto?

TERESA: si, ho preso quello che serviva, tu che fai esci?

ENRICO: si, ho un appuntamento con il direttore di una banca, provo a vedere se per l’anno che verrà c’è qualche possibilità

TERESA:  mancano dieci giorni a Pasqua ,  e siamo ancora qui a sperare!

ENRICO: l‚Äôimportante √® non mollare ¬†ciao mamm√†. Torno pi√Ļ tardi (esce)

TERESA : si non mollare e intanto mo vene Pasqua,po vene Natale e a musica è sempe a stessa! ( suona il campanello,Teresa va ad aprire ed entra Agnese)

AGNESE: buongiorno Donna Terè state sola?

TERESA: si,mo proprio Enrico è uscito

AGNESE: si l’ho visto quando è scennuto, come sta bene  con il vestito scuro mi pare un attore di hollivud

TERESA: eh..me dicere qualcosa?

AGNESE: si, lo sapete io quando tenco una cosa in cuorpo con voi vengo mi vengo a

confessare perché mia madre è bona e bella ma non ci prendo spagliocca

TERESA: ma io non so o prevete d’Annunziata!

AGNESE: ma manche a monaca di Monza eh! Statemi a sentire e ditemi che devo fare

TERESA:  famme sentì, parla che vuoi fare?

AGNESE: voi lo sapete io tenco quasi ventitreanni e fin da piccola, ho sempre avuto un sentimento per una persona che mi piace

TERESA: ah, sei innamorata?

AGNESE: eh diciamo così,però non lo so ancora

TERESA: come sarebbe o lo si è oppure non è amore

AGNESE: è nu calesse?

TERESA:  e io che ne so? ma vide nu poco, vai avanti

AGNESE: ecco io questa perzona la vedo tutti i giorni e quando la vedo,mi emoziono, ho provato a dichiararmi ma…lui dice che siamo..come fratelli e io un po alla volta mi ci sono abituato all’idea ma…

TERESA: Agnè parla chiaro. Chi è questa persona perché se ho capito bene….

AGNESE: avete capito bene ed è propeto  per questo che sono sagliuta  a parlarvi ,sono quasi tre mesi che un ragazzo mi carteggia e mi manda fiori ma io….a Enrico lo voglio bene

TERESA: Agnè,capisco il tuo sentimento e  lo rispetto ma attenzione, sei sicuro che è amore e non affetto? Siete cresciuti insieme ed è normale che  accadano queste cose

AGNESE: si lo so ed è questa insicurezza che mi stortura

TERESA: lo hai detto ad Enrico?

AGNESE: mi ha detto la stessa cosa: siamo fratelli!

TERESA:  ecco! Vedi? pure lui nutre lo stesso sentimento

AGNESE: ho capito, voi dite allora che devo incoraggiare il giovine che mi fa la corta?

TERESA:  se ti piace perché no basta che nun a fai longa!

AGNESE :  beh non mi dipiace. Ora però, state a sentire il suonno che ho fatto stanotte

TERESA: hai fatto un sogno?  e racconta

AGNESE:¬† non √® stato propeto un sogno ma un inc√Ļbo!

TERESA: un inc√Ļbo?

AGNESE: si un Inc√Ļbo insomma un sogno spaventoso

TERESA: ahh.. un incubo ah e dimmi.. dimmi

AGNESE:  mi ero appena appapagnata quando è apparuto uno scarraffone grosso e nero come un’alifante  che zompando zompando saliva le scale del condominio e dove si è fermato?

TERESA: dove si è fermato?

AGNESE:  vicino alla vostra porta! Poi questo scarafone è addiventato una bestia feroce mi pareva un drago con la coda e che ha fatto?

TERESA: che ha fatto?

AGNESE: ha sfonnato la porta ed è trasuto , ha aperto la vocca e ha lanciato le lingue di fuoco, a quel punto è trasuto un cavaliere con la lancia che cercava di ammazzarlo

TERESA: c’è riuscito eh?

AGNESE: no.. ha sbagliato e vi ha  cogliuto in fronte a voi . a quel punto è trasuta un sacco di gente, Pure mamma, il drago è scappato , il cavaliere è scomparso e voi a terra stordita ed io…me so fottuta da paura e mi sono scetata!

TERESA: mamma mia Agnè e che suonno te vai a fà!

AGNESE:  e mica l’ho cercato quello è venuto da solo e…ve l’ho contato per mettervi in guardia

TERESA: si si e fatte buone

AGNESE:  e allora che dite gli faccio coraggio al figlio del macellaio?quello passa e spassa davanti al portone

TERESA: ah  Alfonso e quello è un bravo ragazzo e po è figlio unico, vai sicuro Agnè, sistemati siente a me

AGNESE:grazie donna Terè je seguo il vostro conziglio ( bussano alla porta ed entra Concetta)

CONCETTA: ah tu¬† qua stai , scendi gi√Ļ. Ci sono fiori per te .¬† (esce Agnese) ¬†Ter√®,¬† gi√Ļ c‚Äô√® un signore che ha chiesto di te perch√© ,deve darti una notifica , cos√¨ mi pare che ha detto , gli dico che non ci sei? Che faccio?

TERESA: e che vuoi fare, fallo salire

CONCETTA:  e si te porte  mala nutizie?

TERESA: e si diche  che non sto in casa  che succede ca a male nutizie scumpare?fallo salire e  sia fatta a vuluntà e Die! ( Concetta esce)

ENRICO: si dice sempre così e poi… ( bussano e Teresa va ad  aprire)

USCIERE: buongiorno,siete voi Teresa Saporito?

TERESA: si sono io cosa desiderate?

USCIERE ( aprendo la cartella, tira fuori un documento) siete citata in per insolvenza e mancati pagamenti. Questa è la notifca del tribunale . Potete evitare la causa  per legge, estinguendo il dovuto entro trenta giorni dalla consegna di questo documento che vi invito a firmare (porgendo la penna) prego

TERESA: ( ad Enrico) devo firmare?

ENRICO: per forza mammà, per forza!

TERESA: ( prende il documento e firma) questa è il regalo di Pasqua dell’avvocato, ecco qua ( porge il documento all’usciere che gli da una copia )

USCIERE: questa è la copia e..Buona Pasqua ( esce)

ENRICO: ( prende il documento e legge) citati per insolvenza e mancato pagamento pi√Ļ sanzioni¬† per l‚Äôammontare di 22000 euro! Maledetto, lo dovevo ammazzare! Perch√© non me lo hai fatto ammazzare!¬† ( con adirazione) Ah ma io lo ammazzer√≤¬† dovessi andare in galera ma lo ammazzer√≤!

TERESA:  Enrico calmati, calmati per l’amor del cielo,( gli va vicino e lo abbraccia) in qualche modo faremo, vedrai

ENRICO: e come me lo dici come?

TERESA: Il signore ci indicherà la strada

ENRICO: la strada della disperazione!basta , basta! Il signore si è dimenticato di noi da un pezzo! (esce)

TERESA: Enrico! ( si mette le mani al volto ) Mio Dio . Mio Dio, perché..perchè! ( bussano) chi è ?

CONCETTA: sono io Terè apri! ( Teresa va ad aprire) Ma cosa è successo, ho visto Enrico uscire con una faccia molto preoccupata

TERESA: ( prende il documento e lo porge a Concetta poi si siede su una sedia) ecco qua, quel bastardo di avvocato , vuole la nostra rovina!

CONCETTA: (legge) signore Iddio! Che mascalzone! E chi e tene tutti sorde!

TERESA:Concè, fammi un favore,chiama l’avvocato Landrone  e digli che gli voglio parlare, che gli voglio fissare un appuntamento

CONCETTA: Terè, ci ha pensato bene? Tu lo sai che vuole da te quel porco!

TERESA: ci ho pensato Cuncè, ci ho pensato, proverò a convincerlo, a ritardare il pagamento e,,

CONCETTA:  e se non vuole?

TERESA:  e se non vuole…Cuncè…basta che Enrico sta buone e trova  lavoro e che sta storia fernisce! Tante Cuncè  agge fatte tante po purtà annanze , pe le da n’esistenza dignitosa , na casa…na famiglia e a che so servite e sacrificie mie si po tutte adda fernì accussì! Vo dicere che chiste è natu sacrificie e sia fatte a vuluntà e Die!

CONCETTA: comme vuoi tu Terè, je si e tenesse tutte sti sorde te l’avesse già date ma….

TERESA: lo so, lo so

CONCETTA:¬† e si pruvasse a chiederle in prestito al padre della signorina Emilia? √ą ricco e forse ti aiuterebbe

 TERESA:no Cuncè! E comme l’arrubasse e sorde a dinta a sacca pecchè so bene ca nun sarria mai in grado di restituirglieli e nun voglie apprufittà do fatte ca a figlia sta addo me in pensione! Va, e fa comme tagge ditte

CONCETTA: comme vuoi tu ( esce )

TERESA: ( rimane sulla sedia con le mani al volto quasi esausta per il precipitare della situazione. Dopo un po sente girare la toppa della serratura e ved Emilia entrare) Ciao Emilia, tutto bene ?

EMILIA:  si, tutto bene signora Teresa ma siete stanca? Vi vedo un pò affaticata

TERESA: no non è niente,piccole preoccupazione ma…niente di serio, ti preparo un tè?

EMILIA: si . fuori fa un pò freddino e un bel te è quello che ci vuole, ah qui c’era posta per voi , me l’ha data Agnese

TERESA:  grazie appoggiala pure sul tavolino del telefono. Che poi gli do una guardata ( va in cucina ) per oggi hai finito?

EMILIA:  per oggi si ma domani, ho un impegno delicato. Devo fare assistenza al mio professore  in sala operatoria

TERESA: (dalla cucina) è un cosa interessante?

EMILIA: sicuramente,anche se non è facile per una principiante come me assistere il professore mentre opera al cuore un povero paziente

TERESA: (entrando) eh ci vuole attenzione e coraggio

EMILIA:  a chi lo dite!

TERESA:  e come mai avete deciso  proprio di specializzarvi in Cardiochirurgia ?

EMILIA:  vedete,ho perso mia madre che avevo dieci anni proprio per un attacco cardiaco e da allora giurai che mi sarei dedicata con passione a questa professione

TERESA: capisco, com’era vostra madre?

EMILIA:¬† bella, tanto buona e¬† molto premurosa ! E quando mor√¨, lasci√≤ un gran vuoto, mio padre,con tutto i suoi affari mi √® stato sempre vicino e non ha voluto pi√Ļ risposarsi

 TERESA: ( porgendo la tazza) su bevete altrimenti si raffredda

EMILIA:  grazie ( comincia a bere ed entra Enrico)

TERESA: ( lo guarda e….fa cenno di non parlare) Enrì. Tutto bene?

ENRICO:  (sedendosi) ciao Emilia, si tutto bene mammà! ( fa segni di non preoccuparsi)

EMILIA:  ciao Enrico, piu tardi mi accompagni? Devo fare alcune compere e non conosco ancora bene i negozi, verranno pure Santina  e Luigi

ENRICO:  ma certo, con piacere

TERESA: sul tavolino c’è la posta, puoi dare un’occhiata, tanto già lo so ..so tasse!

ENRICO: e che vuoi che arrivi, solo  tasse! ( va verso il tavolino,prende la posta e comincia a leggere) Mamma, guarda qui, ho un invito per un’offerta di lavoro presso una grande azienda di Roma!

TERESA:  o Signore! E quando?

ENRICO:  il tre aprile, cioè dopodomani (continua a leggere) oh Emilia è il gruppo finanziario che mi hai segnalato tu

EMILIA: te lo avevo detto  che ricercavano  giovani laureati  perché  sono in forte espansione,

ENRICO: E  avevi  ragione ma praticamente, mi hanno già assunto, mi chiedono solo di perfezionare il contratto ponendo la mia firma

EMILIA: sono davvero contenta, allora ..in bocca al lupo!,

ENRICO:  crepi!

TERESA:  e putesse crepà pure chi dico io!

ENRICO:  mammà, io spero che stavolta vada bene e così….

TERESA:  ( fa segno ad Enrico di tacere)si lo sento andrà bene figlio mio.. ma..acqua in bocca mi raccomando!

ENRICO: si ho capito, acqua in bocca , vado in camera, Emilia quando sei pronta chiamami e andiamo.( esce)

 EMILIA:  appena sistemo qualcosa , ti chiamo, signora Teresa; sono veramente felice per Enrico, se lo merita!  vado a prepararmi (esce)

TERESA:. Questa ragazza l‚Äôha mandato il Signore , √® un angelo!¬† Ges√Ļ,ti ringrazio ( bussano alla porta, va ad aprire ed entra Concetta)

CONCETTA: Terè .ho fatto come mi avevi detto,e sai chillu mascalzone come mi ha risposto?

TERESA:ha ditte ca vene?

CONCETTA: ah se decisa a grande signora! Digli che appena mi telefona sono da Lei, che piezze e fetente!

TERESA: va bene, fra poco Emilia ed Enrico escono e così lo chiami

CONCETTA:  si sicure?

TERESA: si, so sicure! e mo siente a me e acqua in bocca, Enrico ha avuto il posto di lavoro e dopodomani va a Roma e je… nun sacce si aggia chiagnere o aggia ridere

CONCETTA: ah so assai cuntente finalmente! Ma allora ca o fai venì a fa a chillu fetente e avvocato

TERESA: provoa  convincerlo a dilazionà o debito, Enrico nun po guadagnà sti sorde tutte dinta a nu mese

CONCETTA :tiene ragione, ma chille tene nata intenzione e tu..o sai!( esce Emilia, si avvicina alla stanza di Enrico)

TERESA:  e peccheste sto mballata, a na parte a gioia per Enrico e da llate na spina dinto o core  ca me tortura

EMILIA: buongiorno Concetta

CONCETTA: buongiorno Signorina Emilia, tutto bene?

EMILIA: si grazie tutto bene, anzi benissimo! ( bussa alla porta di Enrico) Enrico, sono pronta

ENRICO:  ( da dentro ) esco subito

EMILIA: Signora Teresa, non pensate a noi , faremo tardi,abbiamo appuntamento con Santina  e Luigi , oggi si shopping!

TERESA: mi fa piacere, divertitevi!

 ENRICO  (uscendo) sono pronto, andiamo?

EMILIA:  andiamo, ciao a tutti allora

ENRICO; ciao mamma, arrivedervi Concè! (escono)

TERESA:  Cuncè , va, telefone e falle venì!

CONCETTA:  vado…vado! (esce)

TERESA: ( passeggia nervosamente per la stanza) si,falle venì, na vota adda ferni..no no..…( va verso il quadro della madonna) pecchè… pecchè ….( bussano alla porta ,si ricompone e  va ad aprire) e va bene, a noi due avvocato Cesare Landrone ( apre ed è invece Agnese)

AGNESE: donna Terè, mamma ha ditte che ha fatto quel servizio,  ha detto che per qualsiasi cosa tene e recchie appizzottate!

TERESA: non poteva salire Lei?

AGNESE. Mo non si poteva movere,  perché è venuto la mugliera del macellaio, Terè , avive ragione, Affonzo è proprio un bravo ragazzo e po nun è male, anzi è molto gentilo ,io ho deciso,mi fidanzo con Lui e.. ( entra Peppinielo)

PEPPINIELLO: Agnè  ha ditte mammà che  giu  ti ti staaa nne aspè..aspè

AGNESE:  e aspette nu poco pure tu!,stevo dicendo di Affonzo a donna Teresa che appena è trasuto in casa nostra

PEPPINIELLO: ta fatte nu mazze tante!

AGNESE: ( facendo segno)si Terè nu mazze accussi gruosse ovvì!.. Tutte rose rosse

TERESA ( nervosa) e allora va va nun sta bene che li fai aspettare

AGNESE:  avete arragione Peppiniello andiamo, po torno e vi faccio assapere

PEPPINIELLO: comme so so bone e sa sacicce e le tra tracchiolelle che ha po portate ahha ( escono)

TERESA: meno male.. sono andati…  forse forse riuscirò a convincerlo, qualche promessa fintanto che..metto qualche soldo da parte, e se poi.. oh nun ce voglie penzà! ( bussano va ad aprire ed entra Cesare)

CESARE: eccomi a voi, mi avete   fatto chiamare e sono qui….siamo soli?

TERESA: si siamo soli!

CESARE:  allora…vi siete decisa?

TERESA:perché .. perché non mi lasci in pace!

CESARE:¬† (avvicinandosi) perch√© sono pazzo di te , ti desidero e quanti pi√Ļ rifiuti¬† mi hai dato tanto p√¨√Ļ il mio desiderio √® cresciuto ( tenta di baciarla e Teresa si scosta¬† ) ancora , ancora mi rifiuti?

TERESA: ( scostandosi )ma parliamone,non mi piace la violenza,

CESARE. Ah la signora vuole dolcezza ed io ti prendo con dolcezza ( tenta di abbracciarla)

TERESA: no..aspetta …

CESARE: non abusare della mia pazienza, altrimenti vi rovino!

TERESA: no..cioè si…ma aspetta, ho bisogno, ho bisogno di calmarmi, vado un attimo a bagno e torno subito (esce)

CESARE: va bene, aspetto ma poi…( si apre la porta ed entra Brigida vestita in modo provocante)

BRIGIDA: oh ,scusate ,la porta era socchiusa ,ho bisogno di parlare con Teresa ma….visto che è impegnata…torno dopo

CESARE: caspita, siete favolosa, una vera bomba sexi

BRIGIDA:dite? Ma ve l‚Äôho detto tante volte,¬† (si avvicina sempre pi√Ļ provocante) voi‚Ķnon mi piacete! (si allontana)

CESARE: ( si fa sotto)  avete un profumo che mi sconvolge ,(Le prende una mano) ah che farei!

BRIGIDA: (nel tirare la mano, compare Vincenzo sulla soglia della porta, lo vede) oh cielo, sei qui!

VINCENZO: ( tirando fuori una pistola) ah ora capisco,è Lui il tuo amante. Ecco perché vieni sempre  qui, per incontrarlo di nascosto..( a Cesare )  ahh …io Ti ammazzo,Ti ammazzo

CESARE:  (spaventatissimo)no  non è vero, non c’entro ,non è così!

BRIGIDA: nooo fermati non lo  fare,,Donna Teresa,..  Teresa!(esce Teresa e vede la scena)

VINCENZO: no! lo ammazzo, lo ammazzo, (punta la pistola)

TERESA: fermo, fermo, è una pazzia!

VINCENZO: si.. si vado in galera ma.. lo ammazzo!( fa per sparare con la mano che trema)

TERESA: ( ponendosi davanti a Cesare) nooo fermo!!!!!!!( in quell’attimo Vincenzo spara e Teresa Con grido si accascia a terra)

VINCENZO: (si porta le mani al volto) che ho,che ho fatto … che ho fatto ( scappa via mentre Brigida e Cesare soccorrono Teresa)

BRIGIDA: signora Teresa, Teresa…

TERESA: (si lamenta) ah ah la testa, la testa

CESARE: è viva ..è viva su  su…(entra Concetta e Agnese)

CONCETTA: (vedendo la scena, si precipita vicino a Teresa) oh Mio Dio, Teresa, Teresa che ti hanno fatto

AGNESE: chi è stato chi è stato e che aspettate, chiamate nambulanza!

CESARE: si si ( prende il cellulare) la chiamo mio

TERESA: ( con voce fievole) no.no nun è niente, sono solo un po stonata ( si tocca la fronte) è stato un miracolo, il colpo  mi  ha solo strisciato non chiamate a nessuno, aiutatemi a sedere

 CESARE: si si , Concetta, aiutatemi ( Concetta l’aiuta e l’accompagnano ad una sedia) come va?

BRIGIDA: come vi sentite? Oh Mio dio, Mio Dio!

CONCETTA: insomma si può sapere come è andata?

BRIGIDA: mio marito, mo marito, ha sparato, voleva colpire L’avvocato e..Teresa, si è messa davanti

CESARE:  e..mi ha salvato!

AGNESE: e allora chiamate i carabinieri!

TERESA: no! nun chiammate a nisciune!

CONCETTA: ma….comme, une te  vo violentà, nate te spara,e tu….

TERESA:nu chiamate a nessuno e…. nu dite niente a nisciune! Nun è succiese niente, e capite Agnè! Avite capite tutte quante? Nun è succiese nente!

 BRIGIDA: si  si.. io vache a vedè mio marito dove è andate ( esce)

CESARE: io.. ( apre la borsa) sono stato cos√¨ malvagio con voi¬† e con tutto questo‚Ķvi stavate a sacrificare per me..voi mi avete salvato la vita ( prende dei documenti e li straccia) ecco, √® il¬† minimo. Donna Ter√® site na femmina fatte a femmina ed √® perci√≤ che vi rispetto. Da ora in poi ¬†non avrete pi√Ļ niente da temere da me!¬† perdonatemi!

TERESA: si ,vi perdono e… grazie, ora però andate,non voglio che mio figlio sappia di questo episodio, andate , vi prego

CESARE.si,avete ragione,vado e per qualsiasi cosa , sono a disposizione ( esce)

TERESA: ( ad Agnese) tu t’avisse fa scappa parole cu qualcune?

AGNESE: non vi avete preoccupare, sarò una tommola!

TERESA: bene,sistemi un po sti sedie  e tu Concè, chiamami Brigida e Don Vincenzo, se si è calmato… fallo venire qui, devo  parlargli (Concetta fa  segno di si ed esce)

AGNESE: io non ci ho capito niente , ma è stato uno sbaglio?ah o suonne, o suonne e stanotte si è avvirato

TERESA:  diciamo di si , po ti spiego ( entrano Concetta Vincenzo e Brigida)

VINCENZO: (quasi piangendo e molto provato) Donna Terè, perdonatemi, Brigida,mi ha spiegato tutto, che pazzo che pazzo che sono stato,perdonatemi, mi merito la galera ma.. vi prego perdonatemi!

TERESA: non vi preoccupate, sono cose che posso no succedere..l’importante che.. nun è succiese niente!

¬†DON VINCENZO: la gelosia Donna Ter√® ,La gelosia mi ha appannato la mente,non capivo pi√Ļ niente

TERESA: lo so la gelosia √® una brutta bestia! Brigida, tu‚Ķt‚Äôavisse st√† nu poco chi√Ļ accuorte, nuu o puoi fa camp√† cu sta brutta malatia eh

BRIGIDA.  Avete ragione donna Terè,mo sacce che  po  succedere e…

TERESA: e… pienze a vulerle bene,a darle nu figlie e po vide o bene ca ve vulite

BRIGIDA: si , nu figlie , ce vo nu figlie Vincè! Andiamo e..grazie Donna terè.. grazie! (prende la mano a Vincenzo, salutano entrambi  ed escono)

CONCETTA:eh tutto bene quello che finisce bene eh? Io l’avrei mandato in galera!

TERESA:  già e po?a gente do palazze  e tutte Napoli  s’avessere jucate e bigliette!

Je  agge penzà   a figlieme, nun adda tenè   pensiere e nevoglie ca  gente ca le ride nucuolle!

 AGNESE:  avite arraggione Donna Terè chelle queste cose mammà non le capisce è..antiquariata! (bussano alla porta ,Agnese va ad aprire ed entra Carmine)

CARMINE. Buongiorno,posso?

TERESA: ( fra se :mamma mia giusto giusto!), prego entrate signor Carmine

CARMINE: mi dovete scusare non vorrei disturbare

TERESA:  e quale disturbo, prego accomodatevi

CONCETTA: Donna Terè, allora noi scendiamo e ..se vi serve qualcosa..chiamate! escono)

TERESA:  grazie, (A Carmine) due persone gentilissime!

CARMINE:   è vero, siete sola?i ragazzi?

TERESA:  ah si si sono sola, i ragazzi, sono usciti e penso che non tarderanno!

CARMINE:    bene, signora Teresa, io sono qui perché ho bisogno di parlarvi

TERESA: dite, è per Emilia? Non siete contento di questa sistemazione?

CARMINE: no tutt’altro..vedete.. ecco. ( apre un sacchettino e tira fuori una catenella con una mezzaluna) ecco,vi dice qualcosa?

TERESA:  Madonna santa! ( si toglie la sua catenella e la mette vicina all’altra) Mio Dio!  Chi v’è l’ha data! Di chi è , parlate per l’amor del cielo!

CARMINE:  Emilia… è di Emilia!

TERESA: o Madonna! mia figlia ( scoppia a piangere)  Emilia , mia figlia! E voi ,voi sapevate!

¬†CARMINE: si !lo sapevo,perdonatemi! Ecco perch√© l‚Äôho portata qui!fintanto che mia moglie era viva non potevo! Era come fargli crollare il mondo addosso e anche quando sono venuto in questa casa ero indeciso poi, quando ho visto la catenella al vostro collo, non c‚Äô√® l‚Äôho fatta pi√Ļ a tacere!

 TERESA: ma come, come avete avuta la bambina, voi stavate  a Roma!

 CARMINE:  ventisei anni fa, non potendo avere figli, mia moglie decise di adottare un bambino,  a quel tempo lavoravo a Napoli in un grande banca e quando ci chiamarono e ci presentarono la bambina,rimanemmo colpiti dalla sua tenerezza e così decidemmo di tenerla. Non aveva niente, soltanto questa catenella con la mezzaluna che io ho custodito gelosamente per anni!

TERESA: l’ho cercata per anni, niente,avevo ormai perso ogni speranza!Mio Dio!Mio Dio Grazie! Grazie!( bacia le mani a Carmine)

CARMINE: vi  prego ….  non fate così! Non l’ho fatto per voi,l’ho fatto per  Emilia!

TERESA: per Emilia? Spiegatevi

CARMINE: vi dico tutto ma non dite niente ad Emilia di quello che vi sto confidando!

TERESA: parlate

CARMINE: l’ho portata qui perché … Emilia sappia  la verità e perché non resti sola!

TERESA:  sola?

 CARMINE:   si sola! Vedete Teresa io… non ne avrò per molto, un brutto male mi ha minato e non mi resta tanto da vivere

¬†TERESA: voi che dite?oh Ges√Ļ, state dicendo che..

CARMINE:sto dicendo che è questione di  qualche mese  e…non voglio che Emilia lo sappia! Quando verrà, lasciate che  gli parli da solo e gli dica la verità su di voi

TERESA:ma come la prenderà.. avrà un trauma,non voglio che soffra…non voglio che le accada niente!

CARMINE:lasciate fare a me, vi prego.

TERESA:  sia fatta la volontà di Dio!

¬†CARMINE: quando non ci sar√≤ pi√Ļ, Emilia . erediter√† tutto i miei averi e.. ho pensato anche a voi e a vostro figlio. Da oggi non dovete avere pi√Ļ nessuna preoccupazione

TERESA:ma signor Carmine…

CARMINE:  sshhh; mi pare di sentire la voce di Emila, stanno tornando, mi raccomando! ( si apre la porta ed entrano Enrico; Emilia, Santina e Luigi, tutti  con in mano una busta della spesa)

EMILIA: (vede il padre e gli va subito vicino) papà che bella sorpresa!( lo abbraccia)

ENRICO:buongiorno signor Carmine come sta?

CARMINE: bene, bene,e chi sono questi due bei giovani?

EMILIA:  (presentandoli) questa è Santina (saluti) e questo e Luigi ( saluti)

CARMINE: ah è Lei  Luigi!

LUIGI: si ,sono  Io Luigi. Perché?

CARMINE: oh niente ,niente, desideravo solo conoscerla, Emilia, mi ha parlato tanto..anche di ( guardando  anche Santina) di voi! Tutto bene?

 LUIGI: meglio non può andare! Vedete ( tira fuori una busta) proprio stamattina, mi è arrivata questa! Donna Terè, mi hanno assunto, finalmente , ho un posto di lavoro certo!

TERESA:tu che dici, oh come sono contenta!

SANTINA:  e ora possiamo anche pensare al matrimonio, ovviamente Enrì, tu ed Emilia ci farete da testimoni, ci prenotiamo fin da adesso!

EMILIA: ma certo! Vero Enrì!

ENRICO: mammà, dobbiamo brindare, ( tira fuori una bottiglia dalla busta) prendi i bicchieri!

TERESA: ( guarda Carmine) eh si e…

CARMINE: su signora Teresa cosa aspettate!

TERESA: ( prende i bicchieri e Enrico stappa la bottiglia) ecco qua!

ENRICO: alla felicità per tutti noi!

 TERESA:  (commossa e guardando Carmine) si  alla felicità di tutti noi …( gli scappano  le lacrime) scusate…io..

 EMILIA : (si avvicina a Teresa)  signora Teresa oggi è un giorno da ricordare e vi capisco, Enrico e Luigi, due amici che nello stesso giorno hanno realizzato il loro sogni!

LUIGI:si, tutte e due abbiamo ora un posto di lavoro e per giunta ora mi posso anche sposare

SANTINA:  e che stiamo aspettando, andiamo, andiamo dai miei e e cominciamo a  fare le carte! Donna Terè , noi andiamo, ma prima vogliamo abbracciarvi tutti( abbracciano tutti  ed escono)

TERESA:  che bella coppia è vero?

 CARMINE: bene,ora se permettete, io ed Emilia abbiamo qualcosa  da dirci e..andiamo nella stanza

¬† ENRICO: √® pi√Ļ che naturale √® passata una settimana dall‚Äôultima volta che siete venuto,io invece mamm√†, ( in modo affettuoso)voglio starmene vicino a te perch√® voglio coccolare un po‚Äô

EMILIA:vieni papà, andiamo nella mia camera, allora,permettete

TERESA:( guardando Carmine) si  si  ma….ci ….vediamo dopo!

CARMINE: si a ..dopo ( escono)

TERESA:( non c‚Äô√® la fa pi√Ļ e scoppia in lacrime)

ENRICO: su mamma, ma che ti prende dai perch√® piangi?devi essere contenta,stai ancora a pensare a quel maledetto avvocato? Non ci pensare,ora che ho il posto,posso anche chiedere un prestito e..tutto sar√† finito!( Teresa, lo abbraccia e piange) su,ora finisci di piangere non ha pi√Ļ motivi

TERESA:  Enrì. Ascoltami. Tua sorella,la mia bambina…

 ENRICO: lo so mamma…quando vorrei che l’avessimo trovata! Ma il destino,ha voluto diversamente e…

TERESA:  tua sorella …è qui!

ENRICO: cosa! Hai trovata mia sorella? Sai dov’è? ( Teresa Piange) su parla…dov’è?

TERESA: Emilia….

ENRICO:  Emilia? Vuoi,vuoi dire che Emilia è mia sorella? Oh MioDio!  E come è possibile  e Lei, Lei lo sa?

 TERESA: non ancora o…forse  si ,suo padre le sta parlando proprio adesso!

ENRICO: oggi è la giornata dei miracoli! E come è successo?

TERESA:  ecco qua (mostra la catenella con la mezzaluna ) l’altra c’è la Emilia! Il signor Carmine,sapeva e solo oggi si è deciso a..parlare

 ENRICO:  ma perché, perche solo oggi, dopo ventisei anni!

TERESA: poi ti spiego ( si apre la porta ed  entra Emilia seguita da padre, Teresa, si alza e…rimane a guardarla con la catenella in mano)

EMILIA: ( con evidente commozione, si avvicina a Teresa con la catenella in mano ) papà…. Mi ha detto…la verità! Io…io signora Teresa…..signo..( scoppia in lacrime e abbraccia Teresa) mamma!

TERESA:  ( piangendo anch’essa) figlia mia.figlia mia quanto ti ho cercata!

 ENRICO: ( si avvicina) Emilia..sorella mia (abbraccia tutte e due, poi Teresa va verso Carmine)

TERESA:grazie grazie, mi avete ridato la felicità!

EMILIA:  ( abbraccia il padre)  tu sei sempre il mio papà! Ora siamo tutta una famiglia e tu starai con noi non è vero?

 CARMINE:  certo,certo che starò con voi, siete una magnifica famiglia!

TERESA: siamo, una magnifica Famiglia!

 CARMINE: si ma adesso come ho spiegato ad Emilia, devo andare,devo andar per mesetto fuori per affari, e quando tornerò….staremo sempre insieme

EMILIA: me lo prometti papà?

CARMINE:  ( con commozione) certo… te lo prometto, ora fatevi abbracciare,( abbraccia tutti) Donna Terè….mi raccomando….

TERESA: non vi preoccupate, Signor Carmine…( commossa) non vi preoccupate!

CARMINE: allora io vado,( bacia di nuovo Emilia) ci vediamo fra un mese…. Enrì,mi raccomando , sii bravo ed onesto nel tuo lavoro…ci conto! ciao (esce)

 ENRICO: non dubitate, lo sarò!  è veramente una gioia immensa. L’averti ritrovata sorella

EMILIA: è stata una rivelazione scioccante ma…meravigliosa!

ENRICO: la vita è strana,  fino ad ieri , eravamo nella completa disperazione  e poi..

EMILIA:√®¬† arrivata la felicit√† e speriamo che¬† duri pi√Ļ a lungo possibile

TERESA:  sarebbe bello ma…vedi, Il dolore, la felicità, le amicizie, gli amori.

 La vita di ognuno di noi  è un continuo cambiamento, una metamorfosi interminabile e ogni sua variazione  è un colore diverso. Il nero, l’azzurro,il bianco,il rosa si alternano continuamente e ogni volta che arriva il nero,si arriverà  a credere di non farcela e di abbandonarsi al proprio destino e puntualmente avviene qualcosa che riuscirà a farci ritrovare il sorriso e farci apprezzare di nuovo la vita!

EMILIA: si avete ragione ma….quando viene il nero…ci vuole coraggio. Tanto coraggio!

TERESA  : Ed è  questa la forza  che ci fa andare avanti, l'essere consapevoli che la nostra vita è una sfida, un'ardua battaglia per la nostra felicità !

ENRICO: parole sagge mamm√† e chi pi√Ļ di noi le pu√≤ apprezzare!

TERESA: si, noi abbiamo sofferto e lottato per questo momento, ma al mondo tanta gente , lotta ogni giorno, ogni giorno per avere una fetta di felicità!

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno