I confècc co’ la mandola amara

Stampa questo copione

Le maschere – o – En balànsa

I  confècc

co’ la mandola amara

Commedia brillante in due atti  in dialetto bresciano

di

Velise Bonfante

Scena - Estate, tardo pomeriggio, il tempo minaccia temporale. La vicenda, che si concluderà la sera stessa, si svolge in un giardino con tavolino e sedie, panchina o dondolo se c’è posto, vasi e fiori vari (o in una piccola veranda o gazebo con accesso ad un giardino) porta d’ingresso all’abitazione e cancellino d’entrata alla proprietà. I genitori di Lionella sono stati invitati per un caffè e conoscere così la famiglia del fidanzato.

Personaggi - Pur essendo in dialetto bresciano la commedia si presta all’inserimento di dialetti diversi: Gelsomina potrebbe essere originaria di qualunque città italiana (Venezia, Bologna, Firenze ecc. in questo testo è stata utilizzata Venezia). Anche i due agenti di polizia (come il ragioniere) potrebbero provenire da qualunque provincia italiana. Il ladro, oltre che bresciano potrebbe essere ad esempio bergamasco (ovviamente, in questo caso, la rapina sarà avvenuta a Bergamo). I due agenti parleranno in italiano con marcato loro accento dialettale.


1)Bartolomeo Meo     il marito

2)Reginalda   Alda     la moglie

3)Giacinto     Cinto    il figlio

4)Isidora       Dora     la figlia

5)Leopoldo   Poldo    padre di Lionella

6)Gelsomina Mina     madre di Lionella

7)Lionella Nella           fidanzata con Giacinto

8)Ferdinando Nando   il ladro

9)Primo agente di polizia/Carabinieri

10)Secondo agente di polizia

11)Il ragioniere


ATTO PRIMO

Scena 1 – la radio

(Estate, tardo pomeriggio, il tempo minaccia un acquazzone estivo. Acquazzone preannunciato da qualche tuono lontano che, partendo in sordina, andrà sempre più in crescendo fino a scoppiare fragorosamente al termine del primo atto. Lo stesso vale per la luce intermittente della polizia che, avvicinandosi sempre più, lampeggerà infine davanti a casa. La sirena della polizia invece si udrà, ogni tanto e solo all’inizio, con stridio di gomme, mentre stanno braccando il ladro.

Da una radiolina a transistor appoggiata sul tavolo esce una musichetta allegra che accompagnerà l’aprirsi del sipario, sarà interrotta dopo qualche secondo dalla voce di uno speaker:

 “   Interrompiamo le trasmissioni per un’edizione straordinaria del giornale radio:

Ancora nessuna traccia dell’audace rapinatore che questa mattina, da solo e a viso coperto ha rapinato un ufficio postale alla periferia di Brescia. Entrato come fosse un normale cliente, ha minacciato la cassiera con un coltello, si è fatto consegnare i soldi - 250mila euro pari a 500 milioni delle vecchie lire - e si è dato poi alla fuga. Nonostante il pronto e  massiccio intervento delle forze dell’ordine, l’astuto malvivente è riuscito a far perdere le proprie tracce.

Si presume che abbia lasciato la tangenziale all’altezza di Desenzano est e che si sia poi rifugiato nella zona di Rivoltella del Garda. Nonostante la vasta battuta per il momento non c’è traccia di questo ladro spericolato. Si allerta la popolazione del basso Garda affinché stia in guardia. È armato, temerario e molto, molto pericoloso. Si raccomanda la massima prudenza.

Riprendiamo ora le trasmissioni di musica leggera. ”

Scena 2 – il ladro

(La musichetta continua ed ecco comparire il ladro Ferdinando. Si guarda attorno con fare circospetto poi decide di nascondersi nel giardino dei nostri eroi. Scosta le foglie e si acquatta. Fra i fiori per terra vedrà qualcosa luccicare, si china: è una bottiglia vuota, ce n’è un’altra e un’altra ancora. Le osserverà perplesso, con l’indice indicherà altre bottiglie attorno, nascoste vicino a quelle. Si apre la porta della casa e Nando si nasconde velocemente fra le foglie, tentando poi di  occultare il pacchetto del bottino. Arriva da lontano il brontolio di un tuono.)

Scena 3 – Meo con le bottiglie

(Meo, professore di botanica, esce dalla casa fischiettando il motivetto della radio. Avrà nascosto sotto la camicia un paio di bottiglie vuote, mentre si avvicina guardingo al suo cimitero personale controllerà la porta d’entrata. Constatato che la moglie non c’è, estrae le bottiglie, ne rovescia una per far vedere che è vuota e con fare furbo le sotterra insieme con le altre. Nando, imboscato fra le foglie osserverà scettico il comportamento dell’uomo. Sempre fischiettando Meo rientra in casa.)

Scena 4 – Dora e il ragioniere

(Dopo qualche secondo ancora di musica, comparirà sulla porta Dora con un telefonino, parlerà con fare circospetto, accertandosi ogni tanto di non essere sentita. Il nostro ladro, non visto, la terrà d’occhio ascoltando. Mentre Dora parla si abbasserà fin quasi a spegnersi il volume della musica, per poi riprendere allegramente quando lei rientra in casa.)

Dora) E nò caro el me ragionier, gna parlàn. El só a mé che j-è foto che scòta. Pròpe per chèl le tègne bé strète e le mòle mia.

Ragioniere) (Affacciandosi sulla scena con un telefonino in mano ed avvicinandosi lentamente.) La se contente. Só riàt a faga cambià uficio, el mia asé?

Dora) No, l’è mia asé. Vöi apó pasà de lièl. Lü el me fa pasà e me ghe dó endré le sò foto.

Ragioniere) Per pasà de lièl se g’ha de fa en concorso. Pòde mia fa carte false. Se i se n’encors i sindacati, ris-ce la galera.

Dora) Macchè galera. Gh’è mia bisògn da e nà a dil en giro. Se ‘l la fa en pó de fürbo sa gnènt nüsü. En fin dei cöncc, se trata apena de ‘n bris de aumento en busta paga, me par mia de domandaga na ròba föra de có.

Ragioniere) Ater fat che ròba föra de có! La sala chèl che l’è dré a fa lé, signorina? El sò el se ciama “ricatto” (ribadisce) “ricatto”. E se ghes de nà a la pulizia?

Dora) (Non si è accorta di lui, al telefono.) Lü el naghe a la pulizia e me pase le foto a sò moér. Me par zà de idìla con chèla sò bèla facia de lüna piena entant che la j-a fa pasà con chèle sò dò bèle  manàse de möradùr. Magari, apó a lé, a vidila en foto, la pöl catà simpatica la nòsa bèla centralinista bionda.

Ragioniere) (Interrompendola prendendola per la spalla, faccia a faccia.) E lé, la garés chèsto coragio? La völ pròpe la me ruina. Ghe l’hala mia na cosiensa signorina?

Dora) Da che pülpit ve la predica! A vardà le foto gna lü el me par mia en stinch de sant.

Ragioniere) G’ho de pensaga sura, (angustiato) pasà de lièl! Sèrte ròbe no j-ho mai fade. Só semper stat en galantòm mé.

Dora) Galantòm? El me faghe mia rìder (decisa) ragionier, basta ciciarà endàren. Va bé, el ghe pènse sura amó en bris, ma vöi na risposta entro stasera.

Ragioniere) Entro stasera?

Dora) Sé, entro stasera o ghe dó le foto a sò moer. El varde pò lü chèl che ‘l völ fa.

Ragioniere) A comportàs isé la na farà mia tanta de strada en de la vita Signorina.

Dora) El ghe pènse mia a la me strada e a la me vita. El pènse per la sò se ‘l völ mia vidisela ruinada per dèle foto (entra in casa).

Ragioniere) Chela iena lé l’è bèle buna de ruinamela de bu la vita. E sensa sta lé a pensaga sura en momènt. Che embecile che só stat, (dandosi un paio di schiaffi) come gói fat a fam fregà isé de stüpit da na carògna compagn (scuote la testa e se ne va pensieroso).

Scena 5 - Il cuscino

(Giacinto entra con un bel cuscino ricamato che sistema nel mezzo della panchina. Si allontana poi di due passi per osservarne l’effetto. Annuisce tutto soddisfatto.)

Dora) (Entrando come una furia, prende, spegne la radio e si riprende anche il cuscino) Tamaro d’un tamaro! Chi t’ha dit de tö sö le me ròbe sènsa gna domandàmele Cinto?

Cinto) Perché l’ét smorsada Isidora? Làsela empisa la radiulina, i sunàa isé bé.

Dora) Dòpra le tò de radio e mia doprà la ròba dej àlter.

Cinto) La mia la g’ha le pile scariche. E lasa lé apó (tentando di riprenderlo) sto laur, el staa isé bé sö la panchina (lo rimette sulla panchina).

Dora) (Lo riprende.) Chèsto l’è mio e te t’el tóchet mia. Te l’ho dit sènto ólte de dòpra la tò de ròba.

Cinto) (Rispondendo a tono) Apó se te me l’emprèstet te ‘l maje mia Isidora.

Dora) M’ét emprestàt i sólcc quan te j-ho domandàcc: nò! E alura gna me te ‘mprèste gnènt.

Cinto) Se ghe j-ere te emprestàe can de l’ostrega. T’el sét che chèsto l’è en momènt de àche magre.

(Alda si affaccia sulla porta con spugnetta e bacinella per le ultime pulizie. Li sente litigare.)

Dora) Magre o nò te pudìet aidàm. Spèta che te ‘mpreste amó vergót, me a te, (dandogli uno spintone) gna se te piànzet en cinés.

Cinto) (Restituendole lo spintone.) Che modi  “signorina Gentilessa”.

Dora) Oh, g’ha parlàt el “siòr beneducato”. Me sarò mia gentile Giacinto, ma gna té l’è mia che te sàpet ‘na buna anima, sèmper sgarbàt e malmustùs.

Cinto) Mai còmpagn de tè, “mala-grasia e sensa garbo” (canzonatorio) cara “Isidora-da la pansa mòla”, ghe ‘n völ per riàt!

Dora) (Infuriata) Mama el m’ha ciamat amó “Isidora-da la pansa mòla”.

Alda) (Avanzando verso i figli.) Muchìla lé tuss de sighità a tacà béga come du gnarèli, me fi vègner el có gros compagn de ‘na mina. L’è perché sif grand sedenò ve darés en cupinù per ü.

(Alda fa bonariamente il gesto di dare uno scapaccione, Cinto rientra in casa offeso.)

Alda) Làsel dì che quan l’è stöf el pèta lé. (Riprendendo il cuscino e risistemandolo sulla panchina.) Che te ‘n faa se tò fràdel el dopràa el tò cusì, el te la majarà mia. (Allontanandosi di due passi per osservare l’effetto.) Varda come che ‘l sta bé sö la panchina.

Dora) (Ancora più infuriata si riprende il cuscino dalla panchina.) Chèsto l’è mio e mia suo. Te difèndel sèmper mama.

Alda) Varda Isidora che me ghe tègne la part a nüsü, vöi apena le ròbe giöste.

Dora) Giöste! El sòm che lü l’è el tò cuculì. Te ghe dé sèmper rezù a lü e mai a me.

Alda) (Le toglie il cuscino di mano e lo rimette sulla panchina) Quan te ghe lé te, te la dó a te la rezù, se ‘l ghe l’ha lü, ghe la dó a lü. Ghe dó rezù a chi ghe l’ha.

Dora) L’è mia vera. Crèdet mama che ‘l sàpe mia che te pènset che lü el sape pö brao de me?

Alda) Fin che tè, te te compòrtet isé, cara Isidora, ghe völ mia tant a èser pö brai de te.

Dora) El m’ha töt sö la me ròba sensa domandamela e mé, garès duzìt fa sito secondo te!?

Alda) Apó se el l’ha met sö la panchina el te la maja mia.

Dora) Ah sé, el me la maja mia e alura tòh. (Con un moto di rabbia prende il cuscino e lo butta lontano, esce piangendo.) Per te mé cönte mai gnènt.

Alda) Come fét a dì isé? (andando a raccoglierlo) Che la tùza lé quan che la taca a stöfa l’è bràa fis de fa sta zó le glorie. (Rimette il cuscino della figlia sulla panchina.)

Cinto) (Rientra con un altro cuscino più brutto) G’ho catàt chèsto en del casetù, che ‘n dizèt mama?

Alda) Ormai lasa sö la panchina chèl de tò sorèla.

Cinto) E se la ve föra a tösel quan gh’è ché j-alter, che figüra ghe fóm?

Alda) L’è mia isé stüpida de fa na stüpidada cómpagn.

Cinto) (Mentre parla con la madre proverà a mettere un cuscino accanto all’altro studiandone l’effetto.) El set  che la culpa l’è tò, mama, se me sorèla la se comporta isé?

Alda) Culpa me Giacinto?

Cinto) Certo, perchè a lasaga sèmper fa chèl che la n’ha òja, te l’ét leàda sö mal.

Alda) (Ironica) Ha dìzet!

Cinto) Ghet vist mama cosa sücet a contentàla sèmper en töt e per töt, a daga sèmper rèzù? Ghet vist che bèl risultato?

Alda) Tas Giacinto. E mochela lé che chèsto l’è mia el momènt de dì ocade. (Al figlio seccata) Nüsü gh’è nasìt genitùr. S’empara isé nat. E l’è mia vera che l’è stada sèmper contentada en töt e per töt. L’è apena che lé la völ mia che se tóche le sò ròbe sensa dìghel. Tel sét che l’è fada isé. La g’ha mia töcc i tòrcc. Ghiet póra a domandaghèl òstiss a tè?

Cinto) Alura, secondo te la g’ha rezù me sorèla? Visto che te ghe dé sèmper rezù a lé?

Alda) G’ho mia dit che la g’ha rezù tò sorela, g’ho dit apena che la g’ha mia töcc i tòrcc. Te ghìet de domandaghel prim de töl sö. Che te costàa domandàghel prima?

Cinto) Prima vardae se ‘l staa bé e po dopo ghe l’ares domandàt. Apó lé la töl sö le me ròbe sensa dìmel, però me mète mia zó en cazì compàgn.

Alda) Sta sìto alà che quan te ne encorzèt te mètet zó de pès. Nó gh’è de tómen e dàmen a nüsü dei du. Apó a te con de niènt te ciàpet föch.

Cinto) (Agitato riprende il cuscino) Alura per tè chèsto l’è sò e per te la g’ha fat bé a vègner a tösel? El set che te dìze? (lo getta lontano) El vöi pö gna me (esce furibondo con il cuscino brutto).

Scena 6 - Reginalda  e Bartolomeo

(Alda va a raccattare il cuscino, lo pulisce e lo rimetterà ancora sulla panchina.)

Meo) (Entra con due bicchierini ed una bottiglia.) Veggio ‘l meglio ed al peggior m’appiglio (Petrarca)[1]Chèsta l’è pròpe sgnàpa-sgnàpa, n’arala bé ai siòri per zontàga nel cafè?

Alda) A me te m’el domandèt? Te se tè l’esperto.

Meo) (Studiando l’etichetta della bottiglia). L'è giöna de le marche pö bune. (Toglie il tappo e annusa il contenuto con grande soddisfazione.)

Alda) Nasa, nasa (esaminandolo) Te me pàghet mia l’öcc Bartolomeo. Cos’èla chèla facia lé?

Meo) Quale facia? G’ho la me facia de töcc i dé. Perché, giü pödel mia èser contènt per ‘na olta? (Soddisfatto) Encö me sènte pròpe alégher-alegrènt.

Alda) Te saré alégher perché te garé za slongàt zó en qualch gòto de chèi giös-cc.

Meo) (Rigira la bottiglia fra le mani) Macché gòto Reginalda, l’è da gér sera che no ‘n taste gna ‘n gós. (Al pubblico.) E sé che stamatina la sét l’era tanta (alla moglie) per caàmela g’ho biìt na carafa de acqua. Vöi mia fà bröta figüra pròpe encö. Per chi me ciàpet?

Alda) (Sistemando) Te ciàpe per chèl che te sé. De acqua, se alà… cöntemela giösta.

Meo) Varda che me só mia en ciancol. Non più serti di rose… Ma stupido papavero, grondante Di crassa onda letéa (Parini)[2].Ghe tègne apó a mé a fa bèla figüra coi nòs futuri consuoceri.

Alda) A la fì te faré la figüra de pirla come al sòlit. I sò de la Lionella i ve che aposta per cunusìgn e varda chèl che i cata. En che cundisiù i te cata.

Meo) (Seccato) En che cundisiù g’hai de catàm? Perché, vöi mia bé isé?

Alda) Bartolomeo: te spöset de vì lontà en chilometro.

Meo) Come fói a spösà de vì se chèsta l’è sgnapa. Te dìze che stamatina n’ho tastàt gna en gos. Me crèdet mia? Vöt che me mète sö na gamba sula? Perché set sèmper isé malfidenta- malfidenta, sèmper isé catìa-catiènta con töcc Reginalda?

Alda) Catìa apena con de te, perché a olte me vergògne finamai de vit spuzàt.

Meo) Te te te vergògnet de me? Te garéset gna de parlà con töte le bröte-brötènte figüre che te me fet fa en giro per culpa de le tò ma sbüze. Spènder e spànder compagn de na principessa e oltre töt fa marcà. Come pènset che me sènte me quan pase en piàsa e ‘n boteghèr el me ciama e ‘l me dis: “Alura siòr Bartolomeo, quand’el che sistemóm el cönt de la sò siòra?”.

Alda) L’è capitàt na olta sula.

Meo) L’è capitat tre olte, tant’è vero che me vó pö en piaza per culpa tò.

Alda) No, en piaza te te ghe ve pö de quan che i t’ha catàt embriàch mars a fa la pipì deanti a la porta del municipio.

Meo) Cosa vét a cassà a mà, l’è na storia ècia. Gh’è pasàt agn. L’è stat a la sèna de la clas e té a mènt che g’hie domandàt scüsa al sìndich? E lü el g’hia capìt (al pubblico) l’era stat a séna con de nóter, figüràs se no el capìa (alla moglie) e gh’è nat töt en pà e acqua amó de alura.

Alda) Sé, pà e acqua spurca. Gh’è finìt töt, sé, ma dopo èser finìcc söl giornal. E (imitando il sarcastico ricorda del marito) tè a mènt che la löstrada a la porta del municipio la gnè costada de pö de sènto euro. Dai, dam na mà a portà föra le scagne.

Scena 7 - Gelsomina e Leopoldo, poi la figlia Nella

(Alda e Meo escono lasciando la bottiglia e i bicchieri della grappa sul tavolo. La scena resta vuota alcuni attimi. Mina e Poldo arrivano litigando. Poldo sarà un ex-collonnello. Si fermano davanti al cancello ad aspettare la figlia. Mina avrà un trucco molto pesante, orecchini appariscenti e si farà aria con un ventaglio.)

Poldo) Quant te dize de fa na ròba te ghe de fala sensa discùter. Ghet capìt! E pò: ricòrdet te sét la móer de’n ex-colonèl de l’esercito. Me par de viga parlàt ciar. Ghet capìt sé o no?

Mina) G’ho capìt Cocco-bello, g’ho capit però vöi mia fal.

Poldo) Ah sé! Te völet mia fal? Alura, sicome mé ghe tègne a fa bèla figüra Gelsomina fom dietrofront e turnom a casa (si avvia per tornare da dove è venuto).

Mina) (Lo rincorre, lo prende per la giacca e lo riporta al cancello) Sta mia fa isé Leopoldo, m’el tìre via, set contènt! Però capìse mia che fastide pòde dàt el me rosèto. Se ‘l se ciama rosèto el g’ha de èser rós, per forsa el g’ha de èser rós.

Poldo) Chèl lé l’è tròp ros! En rós compàgn le la dòpra apena sèrte fómne. Te ‘l set che vöi mia che te me pàret giöna de chèle Gelsomina. Te set vardada a le spècc?

Mina) Certo che me so vista a le spècc. E pròpe per chèl l’ho mès, perché g’ho pö la belèsa de l’àzegn[3] Leopoldo. G’ho bisògn de tignim só.

Poldo) Per tignìs só ocór mia doprà en rosèt compagn Gelsomina.

Mina) Na olta l’è el rosèt, na olta j-è i calzècc, na olta le önge ‘mpütürade, na olta l’è ‘l vistìt. Te set mai contènt de me Leopoldo.

Poldo) Te ghe de scultam quan parle. Vöi apena che te nàghet en giro vistida come Dio comanda.

Mina) Me, me vèste come Dio comanda, l’è a te Cocco-bello che te va mai bé gnènt.

Poldo) Se te fo oservasiù Gelsomina l’è per el tò bé. Dopo töt chèl che g’ho fat per te, te me set gna en po’ riconoscente. Se te ghè cambiàt vita Gelsomina l’è stat apena per merito me. Te garéset de sintit obligada envèrs de me. Mé, al tò post, me sentarés en debit. Te gareset de bazà la tèra endó che pèste per ringraziam, cara mia.

Mina) L’è 23 agn che pieghe la schena (prende il fazzoletto dalla borsetta si toglie il rossetto) l’è 23 agn che so dré a pagàt sto debit Leopoldo; 23 àgn che fó chèl che te dìzet, 23 agn che nó mai föra de l’ös se nó te g’ho en banda. L’è 23 agn che vìve serada sö pès de na suora de clausura.

Poldo) Sta mia mitila zó spèsa. Dì pötost che l’è 23 agn che te fe la vita de siòra. E se te fét la siòra l’è per mèrit mé. Varda che mé, apena mé, g’ho vit el coragio de salvàt da la strada.

Mina) Oh, chèl coragio lé podaró mai desmentegàl, l’è 23 agn che ogne minüt second te me ‘l sòpièt en de le rìce e che te me sté adòs fin quasi a stofegàm Leopoldo.

Poldo) El fó per el tò bé. So stat semper en soldàt, el fó per protigìt.

Mina) No, Cocco-bello, t’el fét apena perché te sèt gelus compagn de ‘n ca. (Mostrandogli la bocca) Va bé isé o set gnamó contènt.

Poldo) Za che te sé dré, càet apò i uricì che i me par chèi che dòpra le africane en mès a la giungla.

Mina) (Togliendoli) E caòm apó j-uricì. E adès che fói? G’hoi apó de mitìm en fasöl söl có e (battendosi il petto) sighità a dì: “mea culpa, mea culpa, mea mazima culpa”.

Poldo) Sarés el minimo che te pòdet fa. Te a mènt che se te ghé cambiàt laurà l’è stat per mèrit me.

Mina) Grasie Leopoldo, grasie, grasie, grasie, grasie, te ringrasie fis. G’hoi de bazàt apó i pè ?

Poldo) (Molto, molto seccato) Gh’è mia bisògn che te me bàzet i pè, l’è asé che te te càet j-uricì che te stet en mal de cà. (Malcontento) En töcc chèsti àgn te set gna en pó cambiada!

Mina) (Esasperata) So gna en pó cambiada!? G’ho cambiat vita, g’ho cambiàt cità, g’ho cambiàt nòm…Giacomina en Gelsomina (al pubblico) póch ma l’è cambiàt. G’ho cambiàt casa, g’ho cambiat modo de vistim e de caminà, g’ho cambiàt petenadüra, g’ho cambiàt culur ai caèi, g’ho cambàt parlada… el gnamó asé? Ma cosa vöt amó de pö de me! El sanch?

Poldo) (Fa il gesto di gonfiare la bicicletta.) Sé, pompa pompa che me sbròfe! Esagerada!

Mina) De pö de chèl che g’ho fat, cosa g’hoi de fa per cambià: trasformam en de ‘n pinguino?

Poldo) Che spirit de patata! Te me fe gna en pó rìder, Gelsomina. E se vargü te riconòs? Vöt vèser ricunusìda? Secondo te, se vargü dei tò vècc clièncc i te riconòs, mé, che figüra ghe fói?

Mina) Macché clièncc e clièncc. Chi vöt che me conòse consada isé e dopo 23 agn.

Poldo) 23 agn pasàcc per gnènt. Chèla camizèta lé l’è trop scolaciàda, sèrela sö en brìs.

Mina) (Chiudendo con le mani il colletto) Me stofèghe isé Cocco-bello.

Nella) (Raggiungendo i genitori col fiatone) Che cursa che g’ho fat.

Mina) L’era ura che te riàet.

Nella) (Alla madre) Perché te set caàda i ricì mama che te staèt isé bé?

Mina) L’è perché tò pader…

Poldo) (Interrompendola, alla figlia rudemente) Perché ghet mès isé tant? Semper la solita embranada, buna de fa gnènt.

Nella) Ma bubà, l’è perché…

Scena 8 – l’incontro

(Alda e Meo scuri in volto, rientrano con le sedie. Nell’intravedere gli ospiti però, i loro visi subiranno una trasformazione totale: si distenderanno, saranno sorridenti ed innamorati.)

Alda) (Agli ospiti) Buongiorno, salve, dènter, gh’ere pròpe òja de cunusìf. (Va verso la porta a chiamare il figlio) Cinto, Cinto varda che j-è riàcc.

(Si presenteranno a vicenda - Salve salve - professore – colonnello - prego prego. Si siedono.)

Meo) (Questa battuta va persa nella confusione.) Òcioa le Ipoméa tricòlor (campanelle rosa)[4]

Cinto) (Entra e abbraccia Nella.) Oh yes. Ciao, cürizì stralüzènt - pèrsèch de velüt – my baby

Nella) Ciao, làder de cör - Sospir de lüna – sweetheart

Cinto) Buchina dùlsa de mel – mostasì d’arzènt –  angelic smile

Nella) Angilì sensa àle – tezòr del paradìs - my beloved

Cinto) Honey - Farfala culurada - Rösa profumada

Poldo) Sé, rösa mistica, muchila lé tuss che fì vègner engósa a le prede.

Mina) Tas zó e làsei fa, Cocco-bello, sét envidiùs perché lur j-è zuègn?

Meo) Nihil sub sole novum[5] – niente di nuovo sotto il sole.El j-a lase fa, (ammiccando fra uomini) se ricòrdel mia noalter de zuègn a che l’èta lé? (A Mina) Le mia che noààlter se som za cunusìcc de na qualche banda siora?  Me ve mia en mènt endóe. (Alla moglie che si alza per andare a fare il caffè) Stèla, sta ché sintada zó, bèla comoda-comodènta, che vó mé a mèter sö el cafè e a tö le chicherine. Cafè per töcc? Du biscutì? ‘Na bibita?

(Annuiscono tutti: - grazie grasie – va bé töt– el staghe mia a distürbas.)

Mina)  Per me en gos de acqua grazie.

Cinto) (Affettuoso al padre) Sta ché te bubà che vo mé. Ghe pense mé al cafè, mé co’ la me Nèla.

(Cinto prende Nella a braccetto ed escono guardandosi innamorati. Mina li segue con lo sguardo sorridendo. Poi, mentre chiacchierano Meo studierà ancora Mina, inoltre, ogni tanto tenterà pure di versarsi da bere ma la moglie glielo impedirà spostandogli il bicchiere.)

Poldo) (Lo guarda sorpreso) Sarà che me só üs a comanda e a fam sèrver ma, el me scüze, de bu lü siòr Bartolomeo el sarés nàt a mèter sö ‘l cafè e a preparà le chicherine al pòst de la so fómna?

Meo) Certo. El me ciame Meo, siòr Poldo. Cosa g’hal idea, che sape mia bu de fa ‘l cafè? (Guardando la moglie innamorato.) De sòlit el prepare sèmper me el cafè en chesta casa, vöi mia- mia che la me fómna la tribüle, mé quan che pòs: ghe àide.

Poldo) El la àida?

Meo) Certo, cosa gh’è de strano. Per me l’è na roba normal-normalènta ‘na a mèter sö el cafè o aidàla. Quan se völ bé a na persuna se la àida e se serca de fala contenta-contenta. Ve dizaró de pö, me töte le matine ghe porte el cafè en del let a la me Stèla d’ora.

Poldo) De bu?

Alda) (Ritrosa) Sé, el me ria töte le matine con de en vasojèt, con de ensima na brioss e ‘l cafè e pó na rösa o en fiur.

Meo) Ma sé, en ramèt deConvallària majalìs (mughetto)[6] o de Làthyrus odoràtus (pisello odoroso) o de Hìppeastrum hìbrida (amarillide)a seconda de la stagiù.

Mina) (Sorpresa e con una punta di invidia) Come che l’è fürtünada siòra Reginalda.

Alda) La me ciame Alda siora Gelsomina (guarda il marito scherzosa) Só mia se l’è na fürtuna o na condana. El fato l’è che el me porta el cafè a le sés de matina, quan che lü el lia sö.

Meo) Me lie sèmper sö bunura. Me pias lia sö bunura-bunurènt. “L’è la matina che la àida el dé”

Alda) Envece a me, me pias dórmer. E ghe dize sèmper “Làsem dórmer Meo, el vöi mia el cafè a le sés de matina. Spèta almen le sèt a portàmel”. Ma lü gnente. Töte le matine, a le sés en pàca, el me porta el cafè en del lèt.

Meo) Bel cald e bèl fòrt, che daghe la scosa eletrica a la me Stèla, (guardando innamorato la moglie) a le ghe piàs el cafè bèl négher-negrènt.

Mina) (Sorpresa) Stèla? Cridie che la se ciamàes Reginalda, töt al pö Alda.

Meo) (Abbracciando la moglie) Sé, la se ciama Reginalda e l’è Alda per j-amici, ma me la ciame Stèla perché l’è na stèla-stèlènta de móer. Nó ghe n’è un’altra compàgn de lé. Só stat fürtünat fis-fis a càtala e amó pö fürtunàt a spuzala la me Stèlasa d’ora.

Alda) (Al marito, ritrosa e timida) Sta mia fam deentà róssa Bonbon.

Poldo e Mina) Bonbon?

Alda) (Coprendosi la bocca come se le fosse scappata la parola, poi spiega) Bonbon l’è en scötóm che g’ho dat me, isé per schèrs, perché, de sòlit, l’è duls compagn de ‘n confèt, (sorridendo) apó se a olte la màndola de dènter l’è en bris amara.

Mina) En bris amara? Almen la g’ha entùren el söcher, pensa a chèi che, poarècc, i g’ha gna la scörsa dulsa i g’ha de sgagnà apena la mandola amara. (Agli sguardi incuriositi degli altri due ribatte) l’è mia el nòs caso né Cocco-bello? Fae isé per dì.

Poldo) Se fa isé per dì, de sicür l’è mia el nòs caso, mé e la me Mina, apó se gh’è pasàt tanti agn, se vólom amó en bé de l’anima.

Meo) L’Amor che move il Sole e l'altre stelle (Dante).

Scena 9 – il caffè

(Cinto e Nella portano caffè. Lo servono, vanno e vengono con biscotti e acqua minerale. Infine rientreranno in casa abbracciandosi.)

Cinto) Oh yes, ecó el cafè.

Alda) Giacinto, ciama de ché apò tò sorela che l’ha presentom a j-ospiti.

Cinto) La rìa sübit, sich minücc, l’è dré a finìser de telefonà e la ria. (Agli ospiti spiegando) I l’ha ciamada al telefono. Me sorèla la ghe dà de mènt a töcc. Le l’è sèmper gentile e disponibil e se la pöl fa en piazér la se tira mia ‘ndré (esce).

Meo) (Sottovoce alla moglie.) Perché vègnela mia ché con nóter?

Alda) (Sottovoce al marito.) La ve mia perché l’è encasàca con sò fradèl. Ssttt.

Mina) (Ad Alda) Pararés che la gabe du brai fiöi.

Alda) No pararés, (affermativa) ghe j-ho. (Guardando con affetto il figlio) G’ho du fiöi che j-è du gioielli. Giü pö brao de l’alter, el vera o nó Meo?

Meo) Certo che l’è vera. I va a gara tra de lur per contentàgn. Ghe n’è mia tancc al dé de ‘ncö de fiöi come i nòster. Som du genitur fürtünacc- fürtunàdèncc.

Mina) Du genitùr en gamba. Che bèla famèa! L’è fürtünada me fiöla a vègner a fa parte de na famèa compagn. Töcc che se völ bé, töcc che se aida. El sif che quasi quasi ve envidie, nel senso bu s’entend.

Poldo) (Seccato) Che set dré a di Gelsomina, envidià perché ròba, a te cosa te manca?

Mina) A me gnènt, dizìe isé per dì, vulie apena faga en compliment. (Qualche tuono lontano - cambia discorso.) Speróm che vègne mia el temporàl stasera. (Guardandosi attorno) Che bèl che l’è chè. Che bèl giardì!

Alda) (Guardando il marito con affetto.) Come sìe dré a diga prima, l’è el me òm che ghe va dré al giardì. E guai se vargü àlter ghe mèt le mà. El völ fa töt lü. A olte me vegnarés òja de taja l’erba o empiantà en qualche fiur ma lü el völ mia. Gna parlan.

(Mentre Alda parla il ladro agiterà una bottiglia vuota.)

Meo) (Prendendo una mano alla moglie e accarezzandogliela) Perché vöt spurcat chèle bèle-belènte manine ché Stela cara! Làsem fa a me, Stèla d’ora.

Alda) Grazie Bonbon, come te set gentile. (Agli altri) Per la verità l’è ‘l so méster, pinsì che lü ‘l conòs el nòm de töte le piante.

Mina) De bu? (Mettendolo alla prova.) Sö, el me dize come se ciamela chèla là.

Poldo) Sé, chèsta pianta come se ciàmela? El me la dize che so curiùs.

Meo) Veramente (A Poldo, indicando prima una poi le altre) chesta l’è: Trachycàrpus fortunèi (palma), Taxòdium disticùm  (cipresso) Pittospórum tobìra (siepe di pitosporo) Córylus maxima (nocciolo) Méspilus germanica (nespolo)…[7] e po’ chèla l’è … l’è…

Alda) (Al marito sorridendo gli fa cenno di tagliare) Bonbon amó cafè? E le siura Mina?

Mina) No, grasie, a biìn tròp g’ho póra de mia dórmer dopo.

Alda) (Curiosa) Ma lé, siura Mina, ghe l’hala mia en scötöm? El sò òm come la ciamela?

Mina) Mina e basta. Só mia se se pöl ciamal scötöm? Me ciame Gelsomina però de sèmper i me ciama Mina. (Sorridendo fra sé compiaciuta) Mina perché i dizia che sie ‘na bomba en töt e ghe garantése che de zuina en söl me laurà gh’era nüsü che me batia.

Alda) Adès laurela pö?

Poldo) (Allungando un calcio sotto il tavolo alla moglie) L’è da quan che se som spuzàcc che la g’ha petàt lé de laurà. (Vedendo Alda e Meo che si sorridono cambia discorso.) Ma ché, se catom deànti du spuzì amó ‘n lüna de mél. Quant tèmp el che sif maridàcc, (canzonatorio) voàlter du, spuzi?

Alda) (Sorridendo al marito) J-è quasi 30, pensa quan tèmp che gh’è pasàt, apó se me par gér quan se sóm cunusìcc.

Poldo) Nóalter j-è 23. Spetóm che rie i 25 e pó faróm na bèla festa. Na festa de chèle grande, i sómea gna pasàcc töcc chèsti agn. Se no fos perché gom ‘na fiöla za granda… me par gér quand g’ho cunusìt la me Mina.

Alda) Come ve sif cunusìcc?

Mina) (Imbarazzata, fa per raccontare, guarda il marito che parla al suo posto.) Veramente…

Poldo) Veramente, i m’ia traferìt a Venesia (o Brescia o Milano, ecc). A chèl tèmp sie amó tenènt. L’è stat a Venesia che só pasat prim capitano e dopo colonèl. (Sognante) Bei tempi la vita de caserma, töcc che ubidìs sensa discuter. Töcc sö l’antenti. Tocc pronti. Bèi agn!

Meo) Marciate, o della patria ìncliti figli (Carducci)[8] Sal che apó mé g’ho fat el soldàt a Venesia, però sie en marinae mia ne l’esercito. (A Mina) Ma noalter du l’è mia che se conosóm za?  Me g’ho pròpe l’impresiù de ìla vista amó. L’è mia che…

 (Qualche tuono lontano)

Mina) (Interrompendolo) L’è mia ché vé a piöer? Che scür che s’è fat là ‘n fónd.

Poldo) Ghet seràt el finistrì de la machina de la tò banda Gelsomina?

Mina) Oh Cocco-bello, me ricórde mia, sarà mei na a véder (si avvia) scüzim siòri, vó e vègne en de na cursa (esce).

Poldo) (Guardandosi in tasca) Le ciaf de la machina Gelsomina, spèta, come fèt a dèrver, scüzim siòri, turnóm sübit (la rincorre. Sul cancello si scambiano un paio di battute acide).

Mina) Ghet idea che me pèrde a nà de sula?

Poldo) (Facendole vedere le chiavi) Sarés mia la prima olta…

(Escono. Alda Raccoglie le tazzine.)

Scena 10 –  Meo e Alda rimasti soli riprendono a litigare di brutto

Meo) (Versandosi un goccetto) Chisà perché i g’ha mia parchegiàt che deanti. Endó èi nacc a parchegià?

Alda) (Sgarbata) Che te fréga a te endó i g’ha parchegiàt. (Sarcastica gli toglie il bicchiere) Sé, va avanti a béer. Sèghita a béer e te vedaré che fì che te fé. Dopo vé mia de me a piànzer quand te s-cioparà el figàt.

Meo) Só gnamó a chei punti lé Reginalda. Pòde petà lé de beèr quan che n’ho òja, apó sübit-sübit.

Alda) E alura pèta lé.

Meo) Petaró lé quan che ‘l sarà el moment. Petaró lé quan che el decidaró me.

Alda) Sé, quan che sarà tròp tarde e te vedaré vulà le bestie negre per el “delirium tremens”.

Meo) (Facendo dei segni con le dita per scaramanzia) Tièh tièh tièh.

Alda) Só mia me chèla che te porta scalògna, l’è tè che te set dré a ruinàt có le tò stèse mà.

Meo) Ohh, che tòcio. Sèmper chèla menada, sèmper dré a caam el fià per niènt-nient.Gutta cavat lapidem – la goccia scava la pietra Cambia disco per na olta Reginalda. L’è ura che te la móchet lé de fa l’isterica e de rómper le scatole.

Alda) Ah, sares me chèla isterica e rompiscatole! Ma vàrdet té pötòst come te sét consàt.

Meo) Sicür che me varde, mia compagn de te che te vèdet la paja en de i me öcc e mia la tò trav. Na trav che m’ha ruinàt-ruinadènt la vita, va bé isé?

Alda) Mé t’ares ruinàt la vita a te! L’è te che te me lé ruinada a me per chel tò bröt vìse de beèr (esce col vassoio).

Meo) (La segue) G’ho mia el vise de bèer. E ricordèt che en chesta casa só me che porte le braghe (esce).

Scena 11 – Mina e Poldo ritornano e litigano sul cancelletto

(Mina e Poldo ritornano. Riappaiono le luci intermittenti della polizia ma senza sirena. Stanno circondando la casa, stridio di freni e sgommate.)

Poldo) L’ere dit me che l’era ‘na scüsa chèla del finistrì.

Mina) Machè scüsa, Cocco-bello vèdet mia che l’è en fojèt de publicità? Vàrdel bé.

Poldo) Sé, publicità! “Ti aspetto alle 5 all’inaugurazione della mostra in via…”. L’è giü che t’ha dat en apuntament.

Mina) Apuntament en corno. Cocco-bello vèdet mia che l’è en biglièt scrit col compiùter?

Poldo) Compiuter o nò, de endó vègnel sto biglièt Gelsomina?

Mina) El so mia cosa che l’è e da ‘ndó che ‘l vé. El so mia chi l’ha scrit. El so mia chi gh’è stat a mitil sóta el tergi-cristal. Vöt capila sé o no.

(Nel rivedersi ecco di nuovo la trasformazione automatica, tutti diverranno sorridenti e felici.)

Meo) Alura, èrel seràt el finistrì?

Mina) No, góm fat bé a na a véder.

Poldo) Né finistrì né machina gh’era seràt. “Tutto ai quattro venti” , menomal che chèsta l’è na zona tranquila.

Meo) Tranquila-tranquilènta, ché ghe n’è mia de làder. Ché, no i g’ha mai robàt gnènt a nüsü. Apó mé tante olte làse la machina dervèrta e no gh’è mai sücès gnènt.

Poldo) Me par de viga sintit na gósa.

Mina) Aga dò góse. Par pròpe che tàche a piöer.

Meo ) L’è mei che nóme en casa, prim de ciàpala söl có, (guarda il cielo) quan che el temporal el vé de Lunà  gh’è miga de schersà.

Scena 12 – Dora e il ladro

(Rientrano in casa. Ancora le luci intermittenti della polizia ma senza sirena. Stridio di freni. Il ladro non sa che fare, guarda il cielo. Esce dal suo nascondiglio. Pensa, poi con fare circospetto esce dal giardino e va avanti ed indietro di corsa davanti al cancelletto sbirciando ogni tanto la casa e lanciando occhiate preoccupate alle luci. Dora esce di corsa per riprendersi il cuscino sulla panchina. Il ladro la chiama continuando a correre pur restando fermo.)

Nando) Signorina, signorina.

Dora) (Fermandosi e osservandolo) Sé?

Nando) Scusi signorina, sie dré a fa en pó de “footing” ma par che vègne a piöer, ghe en fa gnènt se me ripare sóta la sò gronda entant che pasa el temporal?

Dora) (Simpatizzando) Ma certo, g’ho sintìt apó me ‘na gósa (andandogli incontro sorridente, lo fa accomodare) el vègne, el vègne ché isé el se bagna mia.

Nando) (Galante) Grasie, grasie, com’è gentile. Signorina?

Dora) Dora, veramente el me nòm l’è Isidora, ma töcc i me amici i me ciama Dora.

Nando) Pòde ciamala apó me Dora compagn che fa i so amici?

Dora) Ma certo…

Nando) Come che l’è gentile signorina Dora

Dora) L’è el minimo che se pöl fa quan che ambia a piöer. E lü, come se ciàmel?

Nando) Nando (le porge e le stringe la mano trattenendola più del necessario) piacere Nando. Veramente el me nom l’è Ferdinando, ma töcc i me amici i me ciama Nando. (Annusando l’aria) Mmmm… che bu udùr che la g’ha endòs. Mmmmm… che profumo delicat, inebriante. Sala che mé g’ho en debol per le fómne profumade. Le me fa girà ‘l có, le me sinsìga la fantasia.

Dora) (Sorridendo) De bu?

Nando) E che bel sorriso che la g’ha signorina Dora. Quan che la tira la bóca en rìder che se ‘mpisa j-öcc. Sala che i sò öcc i par dò perle? J-è sterlüzèncc come dò perle.

Dora) (Civettuola) Come che l’è gentile siòr Nando. E za che ghe sóm, podóm mia das del “te” noàlter du?

Nando) Ma certo signorina Dora. (Sternutisce) Me sares mai spetàt che encö vigniès a piöer.

Dora) Chèl temp chè l’è mat compagn de ‘n caàl.

Nando) “Temp e siori i fa chèl che i vòl lori”. (Sternutisce ancora.) L’è perché só töt südat.

Dora) El vègne dènter en casa alura, de nó ciapà sö vergót (si avvia) se fa talmente a la svelta a ciapà sö vergót con de en temp compàgn.

(Nando la osserva ma non si muove, sternutisce di nuovo.)

Dora) Nóm , el vègne, el staghe mia a viga pöra. Ché gh’è nüsü che la mangia.

Nando) Ma… e i sò… e i tò… gàrai vergòt de dì se me… garai vergót en contrare se me…

(Si sente fuori scena l’abbaiare del cane poliziotto – inizierà anche un poco di vento.)

Alda) (Esce a chiamare la figlia) Che  set dré a fa Dora? (Vedendo Nando) Ohh, buonasera sior.

Dora) Mama, te presente Nando, ansi Ferdinando, l’è Nando per gli amici

Nando) (Porge la mano ma gira il capo e sternutisce) La me scüze siòra.

Dora) Poarèt, l’era dré a fa footing e l’è töt südat. Con chèl temp ché l’è en minüt ciapà sö vergót.

Alda) Enfati, sti mia sta ché sö la porta tùss, (aprendo la porta) vìgni dènter prim de malav.

Nando) Vólares mia distürbà (sternuto).

Dora) Nüsü disturbo. Prego, prego.

(Nel girare il capo all’ultimo starnuto Nando vede uno o due poliziotti che si avvicinano frugando fra i cespugli. Non se lo fa dire due volte ed entra precipitosamente. Dora e Alda che girano le spalle non notano niente. Entrano anche loro in casa. La polizia si guarda attorno cercando delle impronte. Esce Meo.)

Scena 13 – la polizia

Meo) Buonasera. Desidera?

1° agente) Buonasera a lei. (Cercando di sbirciare oltre la porta) Tutto bene in casa?

Meo) Certo, töt a posto. Perché gh’è en qualch problema?

1° agente) (Gli fa cenno di avvicinarsi) Venga, venga avanti verso di noi molto lentamente.

(Meo lentamente e perplesso va a sentire cosa vogliono)

1° agente) (Gli gira attorno) Controllavamo che la sua risposta fosse stada data liberamente e non sotto la minaccia delle armi.

Meo) De le armi? Armi? Cosa el dré a dì?

1° agente) (Indicando la porta) Dentro tutto bene? È sicuro?

Meo) Pö che sicür-sicürènt. Ostis, só el padrù de casa, völel che sape mia chèl che sóm dré a fa dènter en casa me.

2° agente) E cosa state facendo di bello?

Meo) Góm apena tiràt el còl a na bòsa de chèle tóghe. De chèle speciaj-speciaj, giösta per l’ocaziù. Sóm dré a festegià i nòs tuss. En vulìf en gós? Dènter-dènter, prim che piöe.

1° agente) No grazie, siamo in servizio.

Meo) Se ghésef de saì chèl che ve pirdì. Per na ólta fi finta de gnènt, mé giurato canèla, dize gnènt a nüsü. Òcio a le Tagétes patùla [9](garofoline).

2° agente) (Molto ma molto sospettoso) Fermo! Òcio a che cosa?

Meo) A le garufuline. Nom che dé che e ‘n po’ ve zò l’acqua a sedelade (si avvia).

2° agente) (Senza muoversi) Un momento: c’è solo la sua famiglia o ci sono altri estranei in casa?

Meo) (Tornando sui suoi passi) Estranei? No, ghe n’è mia de estranei en casa. Ghe sóm apena nóter (elencando): mé, la me fómna, i me du fiöi, la murusa de me fiöl, la mama e ‘l bubà de la murusa de me fiöl e ‘n amico de me fiöla. Ma, de che se trata?

1° agente) Siamo sulle tracce di un ladro pericoloso, molto pericoloso che si aggira in questi paraggi. Lo stiamo braccando. Il fiuto dei cani poliziotto ci ha condotto fino a questa casa.

Meo) Siòri, ve garantese che ghe n’è mia de làder en casa mia. La nòsa l’è na zona tranquila-tranquilenta. Ghe n’è mai stat de làder. (Facendo lo spiritoso) Noalter de làder gòm apèna chèi de la luce, ah ah ah.

2° agente) Non faccia tanto lo spiritoso, non è proprio il momento di scherzare.

1° agente) Non ha sentito cos’ha detto il mio collega? Si tratta di un ladro molto pericoloso. La preghiamo di non intralciare le indagini.

Meo) Entralcià le indagini? Me entralce pròpe gnènt. Vöi sul nà dènter en casa. Siòri, o dènter o föra, deché e ‘n pó ria el finimond. Vardì che scür che s’è fat zó en fónt.

Quan che ‘l tuna en verse Veruna – ciapa la sapa e va sapùna

Quan che ‘l tuna en vers Lunà (Lonato) ciapa la sapa e va a cà.

2° agente) Lo sappiamo, lo sappiamo,

Quandu arriva da Lunatu – riempie lu fussatu

(Spiega ad un Meo stupefatto) Noi della polizia sappiamo sempre tutto.

Meo) Quan che ‘l riva de Lunatu?! No, l’è: quan che el ria de Lunà gh’è miga de schersà.

1° agente) La smetta, neppure col ladro c’è da scherzare caro Signore.

(Sulla porta si affaccia Dora con l’amico-ladro alle spalle.)

Dora) Bubà, la dis la mama come mai che te set amó ché de föra col temporàl che … (le muoiono le parole in bocca pensando che siano venuti per lei) … la polizia? (Si aggrappa all’amico.) Só mia el perché ma quan che vède giü en divisa me ve sèmper adòs na pora.

(Il ladro,senza toccarca di modo che lei non se ne accorga, furbescamente metterà il braccio attorno alle spalle di Dora. La polizia fa loro cenno di scendere. Fulminato poi da una sua occhiata farà finta di niente e la prenderà sottobraccio.)

2° agente) Avanti, avanti voi due. Avvicinatevi molto lentamente prego.

Meo) Sti atenti a le me Tagétes patùla (garofoline) e a le Ipoméa tricòlor (campanelle rosa). 

Dora) Cosa gh’è sücès bubà? Come mai la pulisia? Per chi èi vignìcc? Per te?

Meo) Ma nò, sómea che ghe sapè en giro en làder periculùs-periculusènt Ve ‘nsa, sö svèlta. (Alla polizia presentandola) Chèsta l’è Dora, me fiöla (e indica il ladro) e chèsto l’è el sò amico.

(La polizia capirà “amico” come “probabile fidanzato” gira loro attorno e li osserva attentamente poi fa loro segno di andare vicino a Meo. Il ladro impassibile sorriderà dolcemente a Dora.)

2° agente) (A Meo) Allora questa è sua figlia e questo è un suo amico? È sicuro di quello che dice?

Meo) Certo, völel che conòse mia me fiöla? Me fiöla, però el so amico l’è…

(Poldo si affaccia proprio in quel momento sulla porta per vedere perché non rientrano e impedisce così a Meo ulteriori commenti. La Polizia scatta puntandogli contro le pistole.)

Poldo) (Alza le mani istintivamente) Che sücét?  Come se permètel, el varde che me so en ex- colonèl de l’esercito.

1° agente) Colonnello o nò, fermo e non si muova.

Meo) Ehi capo, vardì che chèsto l’è mia ‘l làder. Chèsto l’è el siòr Leopoldo, el pàder de la murùsa de me fiöl. E l’era de bu en colonèl, de l’esercito, e de chèi toghi-toghi. L’è ché con sò móer, j-è vignìcc per…

1° agente) (Facendo cenno a Poldo di avvicinarsi lentamente. A Meo) Zitto lei che le domande le facciamo noi.

Mina) (Sulla porta dietro le spalle di Poldo) Che sücet Cocco-bello? Che stet a fa ché de föra col ris-cio de ciapà el fridùr. Varda che vènt,  turna dènter. (Vedrà la polizia con le armi spianate) Che sücét (alza le mani, al marito) Leopoldo cosa g’hét cumbinàt sta ólta?

Poldo) Sta sito e sta calma Mina, stam de dré a me. So ‘n soldàt. Só üs a fa la guèra e g’ho póra de nüsü.

Meo) (Alla polizia) El sbàse chèla pistola. Chèsti siòri j-è i me futuri consuoceri. I genitùr de la murusa de me fiöl. Me cridìf mia? Vulì vèder la carta d’identità?

(Poldo fa per prendere la carta d’identità e subito la polizia lo immobilizza e gli fa alzare ancora le mani. La polizia fa cenno a Poldo e a Mina di scendere lentamente. Poldo, con suo grande disappunto, è perquisito. E’ poi invitato ad unirsi agli altri e a restare in silenzio. La polizia, molto professionalmente punterà di nuovo la pistola verso la porta.)

Poldo) (A Meo) Che sücét?

Meo) Somèa che en lader periculùs-periculusènt el se sape scundìt pròpe denter casa nòsa. Atento a l’Adiàntum raddiànum [10](capelvenere).

Poldo) (Indicandola) En chèsta casa? Come g’hal fat a nà dènter?

2° agente) I cani poliziotto hanno annusato il suo odore fino a quel muretto (indicando il giardino) di sicuro il ladro è qui, in questa casa. Il fiuto dei cani poliziotto non sbaglia.

Meo) E siccome en del zardì el gh’è mia, per fòrsa el se sarà scundìt en casa.

2° agente) I nostri cani si sono rifiutati di proseguire oltre. Si sono fermati dietro il muretto di questa casa e non si sono più mossi. Il ladro è certamente in questa casa.

Mina) En chèsta casa gh’è en làder periculùs. Denter en casa? Ma dènter gh’è me fiola (chiamando ad alta voce.) Nèla, Nèla (preoccupata) la me Nèla l’è là dènter.

Poldo) Sta calma Mina, sta ché al sicür che vó mé a töla, mé g’ho pora de nüsü (si avvia deciso).

1° agente) (Fermandolo) Lei resti qui fermo e non si muova per favore. Ci pensiamo noi.

Poldo) Non mi muovo? Come se permètel di dare degli ordini a me! Lei non sa chi sono io. Si metta sull’attenti davanti a me. Io sono un colonnello. Io ho dato ordini per trent’anni e nessuno si è mai permesso di contraddirmi. Lei a me di ordini non de dà. Chiaro! (Riparte deciso fermato dalla polizia che gli fa cenno di tornare al suo posto.) Io non prendo ordini da nessuno. Non ci sono né ladri ne poliziotti che mi possono fermare.

Mina) (Stupita e orgogliosa) Come che l’è coragiùs el me Cocco-bello.

Scena 14 – Cinto e Nella

(Meo e la moglie cercano di calmarlo. Nella si affaccia sulla porta. Cinto è subito dopo di lei.)

Nella) M’ét ciamàt mama? Che sücét?

(La scena si svolge velocemente. La madre, concitata, le fa cenno di avvicinarsi e Nella esce per andare da lei. Cinto, incuriosito, fa per seguirla. La polizia, armi in mani lo bloccherà e Cinto automaticamente alzerà le mani. Nella si rifugia dalla madre e nel vedere il suo Cinto arrestato inizierà a piangere sconsolatamente. Se possibile, il vento nel frattempo si sarà fatto più forte. Lo scoppio del temporale è imminente.)

Cinto) Va bé va bé, l’ho mia fat aposta. Ensoma m’è vignìt istintìv faga el sègn col bras.

Meo) Che sègn ghet fat col bras. A chi ghe l’ét fat?

Cinto) Schersàegn bubà! L’altra nòt, föra del stadio dopo èser stat a la partida Brèsa- Atalanta (Batte la mano destra nell’incavo del gomito di quella sinistra che terrà tesa) el siè mia che j-era carabinier en borghés.

1° agente) Non ci interessa né dove né a chi l’ha fatto quel gesto (marcando la parola) irriverente. Noi siamo qui per cose molto più gravi.(L a polizia lo perquisisce.)

Meo) El varde che chèsto l’è me fiöl capo.

2° agente) Anche questo è suo figlio? Quanti figli ha lei.

Meo) Due. Chèsto e Dora (indicandola).

2° agente) È sicuro che…

Meo) (Interrompendolo) Certo che só sicür de viga du fiöi. (Risentito) Ma cos’èl dré a dì?

1° agente) (Facendo cenno a Cinto di unirsi agli altri) Si sposti e ci lasci lavorare(A Meo) Abbiamo tutti i nervi a fior di pelle, la prego di non complicarci la vita. Si metta tranquillo che ora vedremo di stanare il ladro (Prende un megafono) Allora è sicuro che in casa non ci sia più nessun figlio? Non è che fra qualche minuto esce qualcun altro, vero?

Meo) (Seccato) Cosa crèdel che sape rimbambìt. G’ho du fiöi e j-è ché töcc du con de me.

Dora) E la mama? (Guardandosi attorno.) Endó èla la mama.?

Scena 15 – Alda è in pericolo

Meo) (Agitandosi) Gh’è restat la me fómna là dènter. La me Alda l’è là dènter. La me Stela l’è là de sula-sulènta con del làder periculus-periculus. (A Dora) Endó érela l’ültima ólta che te le vista la tò màma ?

Dora) La nàa zó en cantìna a tö en pér de bòse de acqua mineral.

Nella) No, me l’ho vista en cuzìna a resentà le chichere.

Cinto) L’era en del ripostiglio a tö la scua.

Dora) Poarina la mama bubà. La mama la gira per casa de sula e la sa mia che gh’è dènter en làder periculus. (Agli agenti) G’hal la pistola?

2° agente) Non si sa se ha la pistola, o fucile, o un semplice coltello da macellaio. Sappiamo solo che è armato.

Dora) (Agitantosi) La me mama l’è en pericol. Poera la me mama, poarina (Slanciandosi verso la porta) Bisogna nà a salvala.

Meo) (Fermandola) Sta calma Dora. Te sta ché al sicür che vó mé a töla la tò mama, mé g’ho pora de nüsü (si avvia deciso) ghe dó na tèca de chèle giöste-giöste söl có a chèl làder lé, che ghe fö pasà la ója de fa el làder fin che ‘l scampa.

(Gli agenti cercheranno di fermare tutti i disobbedienti. Alda appare sulla porta, nessuno la nota.)

Meo) (All’agente che lo blocca) G’ho de nà a salvà la me fómna. L’è me moér, per me moér, me sbàtares apó en del föch.

Cinto) Oh yes, vègne con te per aidàt bubà.

Meo) Brao Cinto, noàlter du ensèma góm pora de nüsü.

Poldo) Vègne a mé con de vóter. En soldat el g’ha pora de nüsü.

Ladro) E me me tire mia endré. Vègne apó mé per aidàf.

1° agente) (Finalmente fermandoli) Voi non andate proprio da nessuna parte. (A Meo che è quello più agitato.) E lei resti qui fermo e non si muova per favore.

Meo) Non mi muovo? A me n’emporta gnènt se dènter gh’è en làder periculùs-periculusènt. Me fómna l’è en pericol, en casa de sula con d’en individuo compagn. Schèrsel! Ghé n’è mia de làder o de puliziòcc che me ferma. El me lase nà: l’è me moér, la me fómna vulìf capila sé o nò!

1° agente) Le ho detto che ci pensiamo noi a sua moglie. Stia calmo e ci lasci lavorare.

Poldo) (Fa finta di ubbidire poi si divincola e tenta di avviarsi di nuovo verso la porta.) La me fómna l’è ‘n pericól e voàlter vùlif tignìm ché fermo. Gna parlàn. Me só el sò òm e g’ho de salvala.

Alda) Perché vöt salvam Meo? De chì vöt salvam?

(Alle sue parole tutti la guardano, la polizia si gira impugnando la pistola contro di lei. Alda lancia un grido. Meo parte alla carica, prende sua moglie e la trascina con se dove si trovano ammassati tutti gli altri.)

1 agente) (Furibondo) Le avevo detto di non muoversi perdincibacco.

2° agente) E se qualcuno le avesso sparato. Ci sarebbe scappato anche il morto per  colpa sua.

Meo) Lae fómna l’era en pericol e mé g’ho duzìt salvala.

Alda) Pericol perché Meo? Che sücét?

(Mentre la polizia parla col megafono Meo le racconta sottovoce quello che è successo. Mentre poi preparano i lacrimogeni si sente miagolare un gatto.)

1° agente) (Parlando nel megafono) Qui è la polizia che parla. Si arrenda. La casa è circondata. Per lei non c’è più scampo. (Dopo qualche minuto, visto che nessuno risponde, passa all’attacco.) Lanciamo i lacrimogeni. È l’unico modo per stanarlo.

Scena 16 – il gatto

Dora) Fermi fermi. El me gatì. Dènter en casa gh’è restat el me gatì. Me ‘l fì mörer con chèi laùr lé (trattiene il braccio del poliziotto).

Nella) (Agisce anche lei trattenendo l’altro braccio del poliziotto) Per en stüpit de en làder, volarì mia copà en poér gatì che ghe c’entra gnènt.

1° agente) Signorine lasciatemi le braccia per favore. Per stanare il ladro bisogna sacrificare il gatto. Non c’è alternativa.

(Tuoni, lampi e vento forte. Dora e Nella, insieme, iniziano a piangere disperatamente. Cinto, avanzando deciso, coglie tutti di sorpresa ed entra in casa. Tutti trattengono il fiato. La polizia punta l’arma verso la porta. Dopo qualche attimo riemerge col gattino e lo consegna a Dora che lo abbraccia e lo ringrazia. Tutti fanno festa a Cinto quasi fosse un eroe. Lui si schermisce.)

Polizia) (Parlando ancora nel megafono) Qui è la polizia che parla. Si arrenda. La casa è circondata. Per lei non c’è più scampo. (Dopo qualche minuto, visto che nessuno risponde, passa all’attacco.) Lanciamo i lacrimogeni. È l’unico modo per stanarlo.

(Riappare sulla scena il ragioniere che sbircia incuriosito. Si farà in modo che Dora, dietro agli altri, non riesca a vederlo. Nando invece lo vede, ne approfitta ed inizia a gridare indicandolo: Al ladro – al ladro. Il ragioniere preso alla sprovvista scappa. La polizia lo rincorre e tutti gli altri dietro come pecore. La scena si vuota.)

cala il sipario

ATTO II

Scena 1 – Dora e Nando alla ricerca del gatto

(Stessa scena del primo atto. Il temporale è passato - bello sarebbe vedere un arcobaleno sullo sfondo e se si vuol rendere ancor più realistica la scena i personaggi entreranno con le spalle e i capelli umidi - si sentono gli uccellini cantare. La scena è vuota. Dora avrà due bei graffi sulle mani o forse anche uno in viso. Entra prima lei poi Nando.)

Dora) Micio… micio…(cercandolo) poarì el me micì… chisà se ‘l s’è salvàt de la tompesta. Ghet vist che grà!? I paria öf de galina.

Nando) I gacc i g’ha sèt vite. Sta mia preocupat per lü che el la mia ciapada söl có de sicür.

Dora) I gacc i g’ha pora de l’acqua e varda quanta n’è vignìt. Sta mia nà a pestaga le piante a me pàder che dopo el sàma come en mat.

Nando) El tò gat el sarà nat a scundìs sóta na qualch machina o na qual panchina.

Dora) (Fa vedere le mani.) El m’ha piantat na sgrafignada chèl disgrasiàt quan che el g’ha vist töcc chèi ca puliziòcc.

Nando) El ghia j-öcc föra de có. Ghet vist come che l’è scapàt falìt… micio micio…

(Nando con indifferenza cercherà di avvicinarsi al suo nascondiglio ma Dora, ogni volta lo fermerà, sempre prendendolo per un lembo della giacca e tirandolo indietro.)

Dora) Però i ca i seghitàa a baja lo stès apó dopo che el gat l’era scapàt. Ghe n’è vulìt ai puliziocc per fai fa sito. Paria finamai che i ghe lìes a morte con de te.

Nando) Se vèt che ghe sie mia simpatich. A dit la verità, a me me piàs mia tant i ca, i me fa en bris de póra.

Dora) Lur i l’ha sent d’istinto quan che giü el g’ha pora… micio micio micio…

Nando) I cà j-è sèmper ca. Quan che i vèt en gat i capìs pö gnènt… micio…

Dora) Chèl scür pò: l’era chèl pö cativ de töcc Se te ghe nàet sota le spasète el t’ares sbranàt. Ghet vist come i ringhiaa? Fürtüna che idis che i pastùr tedèsch i ve adestràcc.

Nando) Chèi lé j-è stacc adestràcc mal. Me paria che i scultaes mia tant el padrù…micio… micio…

Dora) Menomal che j-era ligacc.

Nando) E ligacc bé…. Micio micio micio…

Scena 2 – passata è la tempesta

(Nando e Dora cercano il gatto. Entrano Meo e Alda e si scambiano 3 battute sul cancello. Entrambi avranno le mani graffiate dal gatto.)

Meo) Passata è la tempesta, odo augelli far festa e sulla via…il gallo e la gallina… me la ricòrde pö.

Alda) L’è arteriosclerosi che avansa Bartolomeo, i ramilì che se sèca. Con töt el béer che te fé per forsa te ghé pö memoria.

Meo) (La guarda torvo ma non si scoraggia.) Il gallo… no… La gallina è sulla via… pensà che na olta la sie isé bé.

Alda) (Vede Dora e Nando) L’è mia ché ‘l tò gat. L’hom vist noàlter sìch minücc fa de là banda de là de la strada (fa vedere le mani graffiate).

Dora) Endóe de precis de là de la strada?

Meo) L’era sö de en ram de la Cryptoméria japonica[11] che gh’è pròpe söl cantù.

Alda) El völ dì che l’era sö de en ram del pì de la siura Cecilia.

Meo) I ram che i dà sö la strada. L’era mis-misènt come en cicì, g’ho tentat de ciapàl (facendo vedere le mani) ma lü l’è scapàt compagn de ‘na bala de s-ciop.

Alda) (Fa vedere anche lei le mani.) Chèl lé l’è mia en gat, chèl lé l’è pès na tigre de la Malesia.

Meo) Gna Sandokan el sarés sta bu de ciapàl lüle, te ‘l garantése mé.

Dora) L’era randagio, l’era üs a difindìs. Poarì, l’è amó spaentàt per töcc chèi bröcc ca puliziòcc che ghe bajàa dré.

Alda) Spaentàt? Striàt! En du som mia riàt a brincàl, magari a sènter la tò us, Dora, el se calma e el se làsa ciapà. Pröa a nà a véder te.

Dora) (Prende ancora una volta  Nando per la giaccia) Nòm, vé che te me aidet a ciapal. (Escono.)

Scena 3 – Meo e Alda

Meo) (Raccoglie un fiore sciupato.) Poér poér el me Pelargoniùm hortòrum[12] (geranio)

Alda) (Strappandoglielo di mano e buttandolo via) Poarèt lü? poarèta me. G’ho i pè mis misèncc, (si siede e tira il marito per la giacca per farlo sedere accanto).

Meo) (Sbirciando il suo angolo.) Le me scarpe le fa ciffete-ciaffete.

Alda) Cosa t’è vignìt en mènt de curiga dré al làder Bartolomeo (entra a prendere le ciabatte o delle scarpe di ricambio per lei e per il marito e ritorna in scena a cambiarsele).

Meo) El m’è mia vignìt en mènt mia apena a me. Somèa che töcc góme vit la stèsa idea Reginalda. L’è stat d’istinto. Lur i g’ha ambiat a córer e nòalter dré come tante-tante pegore.

Alda) Ghet vist che tompesta? Menomal che la pulizia la g’ha dervit le portiere de le machine e la gna fat na dènter, a che l’ura ché sedenò saresègn töcc miss compagn de puzi.

Meo) Che stüpìcc-stüpicc che sóm stacc, se ‘l sia che riàa el temporal. Se pudìa córer en casa envece che curiga dré a stó làder. Ghera za i puliziòcc che ghe curia dré.

Alda) Me vulie vèder se i la ciapaa. L’è mia na ròba de töcc i dé véder en inseguiment. De sólit se ‘l vèt apena en televiziù o al cine.

Meo) Pecàt che pròpe en chèl momènt, gabe ambiàt a tompestà.Con quel furore e con quella tempesta Ch'escono i cani a dosso al poverello (Dante).

Alda) Ghet vist chèl poér làder come che ‘l scapaa co’ le ma söl có? El me rincrìsia finamai. Te, Meo, pensa che garés vulìt ciamàl e diga de vègner a riparas con de noàlter ma come sé faa. Siègn töcc denter na machina de la polizia.

Meo) Dènter 3 machine de la polizia, noàlter en de giöna, el siòr Poldo e sò moér en de n’altra e i tùss en de n’altra amó.

Alda) Ghe sarà stat ‘na trentina de machine de la polizia en giro. Ghet vist che mèster de pulizia.

Meo) Se vèt che lüle l’è en làder gròs mia de schèrs.

Alda) Però, che gentili che j-è stacc con de nóter i poliziòcc.

Meo) Gentili e professionali.

Alda) De pö amó de professionali: i molàa mia l’òs. I g’ha pröat a curìga dré apó se se ghe vidìa luntà gna a ‘n méter.

Meo) Ghet vist che föm che ‘l faa l’asfalt Alda? Me g’ho mai vist na ròba compàgn.

Alda) El paria el diluvio universal. Poér làder sóta chèla tempesta.

Meo) Poèr làder en corno, sómea che el sape riàt a scapà.

Alda) Sé, ma ghe sarà vignìt en müs isé (fa il gesto con le mani) gh’era i grà che i paria gròs come öf de galina.

Meo) Sta mia esagerà, öf de pisù se mai (colpito da un’idea va verso la porta d’entrata).

Alda) Öf de galina te dize.

Meo) El sét che se nòalter góm vinsìt ne la bataglia de San Martì e Sufrì (San Martino e Solferino) l’è stat merìt de na tèmpesta come chèsta?

Alda) Ma va, sèmper a cöntale gròse. Sta mia dì bestialità!

Meo) No, l’è vera. L’è stat alura che re Vittorio Emanuele 2° el g’ha dit. “ Fiöi o ciapóm San Martì o i gne fa fa sanmartì”. J-era le quàter del dopo mesdé. Gh’è ambiàt a tompestà contro j-austriaci e…

Alda) Quant tompèsta, tompèsta sö töcc.

Meo) Giusto. E sicome la vignia zò isé (fa il gesto con la mano) adòs a lùr. I pudìa mia pö nà en avanti e i g’ha duzìt nà endré. I g’ha duzìt ritiràs. E noàlter góm vinsìt (sulla porta) El set che som nacc vià co’ l’öss dervèrt?

Alda) Ma sé, chèsta l’è na zona tranquila, ghe n’è mia de làder.

Meo) L’era na zona tranquila-tranquilènta. Dopo chèl che gh’è sücès encó so mia se se pöl amó ciamala tranquila-tranquilènta.

Alda) Te Meo. El set che te ghé ris-ciat de fat sparà.

Meo) Só mia stat me che g’ha ris-ciat. L’è stat el Cinto quan che l’è nat a salvà el gatì de la Dora.

Alda) Dizìe de prima. Sie sö la porta e g’ho vist quan té te vulìet vègner a salvàm e te ghe dit a la Dora:  “Vó mé a töla, mé g’ho pora de nüsü. La salve mé la tò mama.”

Meo) El m’è vignìt isé, el só gna mé el perchè. L’è come se me fós scatàt na mòla dènter-dènter.

Alda) Se lés mia sintìt mé co le me rìcie ghe credarés mia. Te ghé dit pròpe: “L’è me moér caro el me siòr, e per me moér me sbàtares apó en del föch”.

Meo) Me ricòrde mia de viga dit isé. Gói pròpe-pròpe dit isé? Che coragiùs che so stat! il coraggio uno non se lo può dare (Manzoni).

Alda) Sé. (Ricordando.) Te ghe dit pròpe-pròpe isé e le tò parole le me s’è postade ché (si tocca il cuore) e le me l’ha sgariàt dènter. Le g’ha sopiàt ensima a de le brase de’n fögarì che crìdie za mórt de‘n pès.

Meo) En chèl momènt, quan g’ho vist che te sièt en pericol, g’ho capìt che me la sarés pö perdunada se te capitàa vergót de bröt-brötènt.

Alda) Che en dizèt Bonbon. Forse l’è mia vera che se sóm ruinacc la vita a vicenda.

Meo) Forse se la sóm empienida a vicenda Stela d’ora.

Alda) (Pensierosa) El sét Bonbon che vulìs bé costa gnènt e che nüsü gne empedés de vulìs bé.

Meo) E alura pröóm Stela d’ora.

Alda) A fa?

Meo) A fa come i confècc. A la mandola amara ghe metómentùren el söcher.

Alda) Varda che sensa saìl, ghe l’óm sèmper mès enturen el söcher a la nòsa mandola amara. Certo, se te vulìet bötat nel föch per me, àlter che söcher!

Meo) L’è stat en chèl momènt che g’ho capìt che te vulìe amó bé. G’ho capit che podarés pö viver sensa te Stela d’ora.

Alda) El set che fó Bonbon, vó a tö le dò fitine de turta che gh’è restàt. E se le mangóm ché, noàlter du, de sui. Festegióm. Festegióm só mia che ròba, ma g’ho òja de festegià.

Meo) Bràa, festegióm. Porta apó de bèer.

Alda) (Titubante) Acqua?

Meo) Acqua, va bé Stèla d’ora (sospiro coraggioso): acqua. Le Romane antiche, per lor bere, Contente furon d'acqua (Dante).

Scena 4 – Meo nel suo cimitero personale.

(Alda rientra in casa e Meo va a controllare il suo cimitero personale. È preoccupato che l’acqua non abbia dissotterrato qualche bottiglia. Tutto a posto, intravede qualcosa e trova il pacchetto che il ladro ha nascosto tra le foglie e che il forte temporale ha fatto cadere. Meo lo osserva perplesso. Si appoggia al tavolo per scartalo. Toglie un involucro,ovviamente impermeabile, poi un altro, un altro ancora, ed infine ecco comparire un pacchetto di soldi di grosso taglio, mazzette da 500 euro. È senza parole. Si guarda attorno, non visto, ne sfila prima una e poi, non resistendo alla tentazione, ne prende una seconda e se le mette in tasca.)

Scena 5 –  una banconota per Alda

Meo) Audàces furtuna iùvat -la fortuna sorride agli audaci.

Alda) (Esce con un vassoio con torta e bicchieri, appoggia il tutto sul tavolo.) Te set spurcàt amó le scarpe?! Che te vègne mia en mènt de nà en casa cón chèle scarpe lé. (Curiosa) Cosa ghét en ma?

Meo) G’ho catàt chèsto Stela?

Alda) Cos’èl? Fam véder. Endó lét catàt?

Meo) En dèl giardì. Sie nat a véder come che la tompèsta la g’hia consàt le me Ipoméa tricòlor e l’ Adiàntum raddiànum che g’ho empiantàt stimana pasada.

(Alda si avvia verso il giardino. Lui, stringendo il pacchetto la ferma e la riporta indietro.)

Meo) Endó set dré a nà. Varda che palta che gh’è.

Alda) (Guardandosi le scarpe.) E alura? Cosa gh’è en sto pachèt?

Meo) Sólcc. Euro Reginalda, en möcc-möcènt de euro. J-è masète de euro.

Alda) Set dré a schersà Bartolomeo?

(Meo le mostra il contenuto, Alda lancia un grido e Meo la zittisce con la mano sulla bocca.)

Alda) Ma… ma… j-è tanti fìs. Èi vèri o falsi Bonbon?

Meo) (Guardandoli e annusandoli.) I par veri-veri Stèla cara.

Alda) (Stupefatta.) Varda quanti che  j-è. De endó vègnei?

Meo) G’ho idea che i sàpe chèi de la rapina. Se vèt che l’è vera che s’era scundìt ché el làder!

Alda) (Furbescamente) Però j-óm catacc en del nòs giardì. E se ghésem de tignìi e dì gnènt a nüsü?

 Meo) No, góm de nà sübit a la pulizia. J-è mia nóster, garóm de dàghei endré. Noàlter som persune oneste Stèla cara.

Alda) Se pöl mia fan sparì giü?

Meo) No, no, gna parlàn. (Scuote il capo in segno di diniego.) Se onesta cagione avesse potuto avere (Boccaccio). T’ho dit che noàlter som mia làder, sóm persune oneste-onestente. De unùr, rispettabili.

Alda) Varda quanti che j-è. Chi vöt che se ne encorze se ‘n manca giü.

Meo) La tentasiù l’è granda: Abýssus abýssum invòcat [13](l’abisso chiama l’abisso) salmo XLI di David ma l’è mia chèsta la questiù. E se per caso i se n’encors che en manca en pér che figüra ghe fóm.

Alda) Come en pér. A me me ‘n basta giü.

Meo) Gna ü e gna du e gna tre. T’ho dit de nò. Noàlter, som galantòm, persune de unùr.

Alda) Varda quanti che j-è! Fal per me Bonbon. Paghe töcc i dèbicc e ‘nfaró pö. Ansi, faró l’agopuntura.

Meo)  L’agopuntura?

Alda) Sé, argóta g’ho de fa. I m’ha dit che la mia l’è na specie de malatia e che se pöl cürala co l’agopuntura. I m’ha dit de pröa con chèla.

Meo) L’agopuntura? Chèla endó i te spóns co’ le üce?

Alda) Te nencorzet gna quan che i te spóns. Somea che la faghe  mia bé apena per i dulùr e i mal de pansa, i m’ha dit che la va bé per dimagrì o per chèi che se mangia le önge o chèi come mé che ghe pias spènder e spànder.

Meo) Farala bé apò per chèi come mé che ghe pias biìn en gòto de pö?

Alda) Pöl das, però so che per chèi gh’è j-alcolisti anonimi che ghe pensa. J-è lur i specialisti. Te ghe per forsa de nà de lur se te vöt guarì per sèmper.

Meo) Dagli alcolisti anonimi?

Alda) Certo. Dai, fàmei almen tocà.

(Nando Sternutisce e Bonbon si gira, mentre lui si volta Alda ne sfila una e la mette velocemente in seno. Meo vede arrivare Dora e Nando e si riprende i soldi. Mentre i ragazzi parlano Alda discuterà ancora un poco col marito e poi rientra in casa. Nando sul cancello cercherà gli occhiali in tasca senza trovarli, anche lui avrà le mani graffiate.)

Scena 6 - una banconota per Dora

Nando) G’ho pèrs i me öciai.

Dora) L’è mia che te j-e lasàcc deanti a la panchina quan te te set enzenöciàt per fal vègner föra?

Nando) Per vègner föra l’è vignìt föra, (fa vedere i graffi alle mani) ma no ghe sarà pö pericol che tènte de ciapàl, chèl diàol de ‘n gat.

Dora) Poarì el me micì. L’è perché te le spaentàt amó de pö, con chèl bröt bastù.

Nando) Se ghie mia el bastù el me caàa j-öcc. Spètem ché che rie sübit. Vo a vèder se i cate amò, j-era de marca, (esce velocemente) fó na cursa e vègne.

Dora) (Ha la vista lunga, avvicinandosi curiosa, al padre) Che pachèt el chel lé buba?

Meo) Gnènt, gnènt Dora, mia fa la curiùsa. Più curiosi delle parole che dei pensieri (Foscolo)

Dora) Dai fam véder. E alura bubà? Che pachèl èl? Cosa gh’è en sto pachèt?

Meo) Só gna mè se pòde dìtel. (Con fare molto circospetto) J-è solcc Dora. Sólcc.

Dora) Sólcc?

Meo) Sólcc. Euro, en möcc de euro-euri.

Dora) Set dré a schersà bubà?

(Meo le mostra i soldi, Dora lancia un grido e Meo la zittisce con la mano sulla bocca.)

Dora) Ma, ma j-è tanti fìs. Oh (stupefatta) varda quanti che  j-è. De endó vègnei? Endó j-ét catàcc?

Meo) Lé en mès a l’ Ipoméa tricòlor e l’ l’Adiàntum raddiànum che g’ho empiantat stimana pasada, sóta el Taxòdium disticùm en de chèl cantù lé. G’ho idea che i sàpe chèi de la rapina.

(Dora si avvia verso il cimitero del padre ma lui la ferma e la riporta indietro.)

Meo) Sta ché, che te spùrchèt töte le scarpe.

Dora) Alura l’era vèra che gh’è vignìt dènter en làder. (Furbescamente.) Però j-óm catacc en del nòs giardì. E se ghésem de tignìi e dìga gnènt a nüsü bubà?

Meo) No, góm de nà sübit a la pulizia. J-è mia nóster, garóm de dài endré. Noàlter som persune oneste-onestente Dora.

Dora) Se pöl mia fan sparì giü?

Meo) No, no, gna parlàn. (Scuote il capo in segno di diniego.) E se dopo i se nencórz che i manca che figüra ghe fom. T’ho dit che noàlter sóm persune oneste-onestente. Persune de unùr

Dora) Chi vöt che se n’encorze se ‘n manca giü. (Bramosa) Famei almen tocà. G’ho mai vist tàncc sólcc ensèma.

(Dora prende le banconote. Si avvicina Nando con un bello sternuto, mentre Meo si gira per guardarlo e fa cenno al padre di girarsi, mentre lui si volta ne sfila una e la mette velocemente in seno. Meo vede arrivare Nando e si riprende il pacchetto i soldi.)

Nando) (Riconosce il suo pacchetto, si allarma, sbircia il suo nascondiglio, fa finta di niente ma non può trattenersi dal dire sottovoce quasi incomprensibile)… el g’ha catat i sólcc.

Meo) (Capisce solo la parola solcc. Sospettoso) Cosa g’hal dit Ferdinando? Cosa g’hal dit che gh’è dènter en sto pachèt? G’hal dit per caso la parola: sólcc.

Nando) Solcc? Quai solcc?

Meo) Sal gnènt lü de chél pachèt ché?

Nando) Me nò. L’è la prima ólta che ‘l vède. Cosa gh’è dènter?

Dora) Sólcc, euro. I g’ha de èser chèi de la rapina perché j-è pròpe tanti fis.

Meo) Ghie dìt de dì gnènt a nüsü Dora. Di aver parlato mi pentii qualche volta, di aver taciuto, mai, (Ludovico il Moro).

Dora) Tanto el g’ha vist el pachèt.

Meo) Cosa völ dì se ‘l g’ha vist el pachèt. Te ghéret de tàzer. Adès telefone a la polizia.

Nando) No, el spète en momènt… che…

Meo) Noalter som persune oneste-onestente. Só costrèt a telefonà (entra deciso in casa).

Scena 7 – Nando si confessa

(Meo esce, Dora lo segue e Nando la ferma.)

Nando) Spèta Dora, (imbarazzato) ve ché, sintèt zó che g’ho de dit na ròba. Te conòse da poche ure ma sènte che pöde fidam de te. El set perché i cà i seghitàa a bajàm dré?

Dora) Perché a te te piàs miga i cà, te ghé pora de lur e lùr i la sènt.

Nando) No, i me bajàa dré perché i m’ha cunusìt de l’udùr.

Dora) (Annusandolo) Va bé che lur i g’ha el nas fì, ma l’è mia che te spöset fis. Apena apena de südùr. D’altronde, quan che giü el fa “footing” el süda. En brìs de spösa l’è normale.

Nando) I sintìa mia l’udur de südùr.

Dora) No?

Nando) No. Lur i la sia chi sìe. Aidem Dora. G’ho fat ‘na stüpidata, töcc se fa ‘na stüpidada ogne tant. Se ghes de turnà endré la farés pö. Àidem, so mia catìf come tus.

Dora) Che set dré a dì?

Nando) So dré a dì che stamatian en del nà a laurà me só fermat a ‘n uficio postal perché ghie de empostà na bösta. Nó dènter, fo la cua. Gh’era du gnarèli che i me vardaa e me ghe fae bubu-cettete con capilì, j-öcai e la mascherina.

Dora) Quale mascherina?

Nando) (Togliendola dalla tasca) Chèsta, chèla che mète quan vó en bici per via dei gas de scarich de le machine. E lur i ridia. Entant sie riàt deanti al sportèl. Pò me so encurzìt che ghie vargot tacàt a le scarpe. La culpa de töt l’è de chèi spurchignù che porta a spas el cà sensa catà sö le mance che i pèrd per strada. E isé g’ho tirat föra el me curtilì

Dora) Quan vó al casonèt no te dize cosa gh’è entùren. Va bé, e ‘l curtilì?

Nando) Sé, (togliendo da un’altra tasca un coltellino a serramanico) me viage sèmper con del me curtìli, no se sa mai che ‘l pòde ocórer. Me cücie, en chèl momènt giü dei gnareli el fa s-ciopa en sachèt de carta. Lée sö en pè, sèmper col curtilì en ma…

Dora) (Interrompendolo) Alura i t’ha vist en facia?

Nando) Nó perché ghie j-öciai e ‘l capilì e la mascherina.

Dora) Ho capit. Te se leàt sö en pè e dopo?

Nando) Dopo gh’è s-ciopat el finimondo. Töcc che uzaa “Una rapina – una rapina”. Chi se batìa en tèra, chi contra el mür. Ed èco che l’impiegada la me pàsa en pach de sólcc e la me dis spaentada: “Tenga, Tenga” … Tenga e me j-ho ciapaccc.

Dora) Te j-e ciapàcc?

Nando) El só gna me el perché.  Nüsü m’ha fermat e só nat föra coi sólcc. Pó i g’ha ambiat a curim a dré e me so scapàt. Lur i curia e me scapae. Scapa che té che scapa mé scapa, adès só ché.

Dora) (Con gli occhi fuori dalla testa) Ma alura te set en làder!?

Nando) Làder per caso. Volarés véder te al me posto, i te dà i sólcc e te che fét? I làset lé? Scomète che te j-aresèt ciapàcc apó te.

Dora) No, me nó j-ares mai ciapàcc, me só na persuna onesta.

Nando) Töcc som onesti fin che no capita l’ocaziù. Aidem Dora a vègner föra de sto pastìs.

Dora) Te àide Nando. Ghé dizòm töt a me pàder, sentòm chèl che ‘l dìs lü.

Nando) E se ‘l me denuncia.

Dora) Ma no, sta mia preocupàt, te vedaré che ‘l capirà e ‘l te aiderà. El dizarà che te sét apó a te en confèt co’ la mandola amara.

Nando) Che völ dì?

Dora) Che mia töcc i salmi i finìs en gloria.

Scena 8 – la linea è interrotta. Che fare?

Meo) (Uscendo.) En casa ghe manca la luce e funsiuna gna ‘l telefono. Me dà finamai l’impresiù che nó ghe sape la linea. Co’ la tompèsta che gh’è stat, l’è facil che na pianta la sape cascada e la gabe sbregàt en qual fil.

Dora) L’è mia la prima olta che dopo i temporai funziuna pö el telefono. E isé che fét?

Meo) Vó de persuna a portaghei e ghe spieghe endó j-ho catàcc.

Dora) Te pòdet mia nà de sul bubà. E se i te j-ha ròba? (Lo prende sotto braccio per accompagnarlo in casa). J-è tanti fis

Meo) J-è tanti fis-fis, ma…

Dora) (Lo interrompe.) Nom, vé dènter che g’hom de dit na ròba e dopo decidóm cosa fa.

(Entrano tutti e tre. La scena resta vuota poi arrivano Poldo e Mina, la loro macchina non riparte e vengono a chiedere aiuto. Dopo un poco entra il ragioniere, non visto si guarda attorno cercando Dora, prova a telefonarle ma capito che non è ancora il momento se ne va.)

Scena 9 - Poldo e Mina

Mina) G’ho i pè mis misèncc.Cosa t’è vignìt en mènt de curiga dré al làder Cocco-bello?

Poldo) El m’è mia vignìt en mènt mia apena a me. Somèa che töcc góme vìt la stèsa idea. I polisiòcc i g’ha ambiàt a córer e nòalter dré come pegore.

Mina)  L’è mia na ròba de töcc i dé véder en inseguimento. De sólit se ‘l vèt apena en televiziù o al cine. Pecàt che gabe ambiàt a tompestà.

(Si sente gridare dalla casa. Mina e Poldo si guardano perplessi.)

Meo) No, no e no. G’ho dit de no e quan che dìze no l’è no.

Alda) Töcc se sbaglia, almen ‘na olta en de la vita

Mina) Gh’era i grà che i paria gròs come öf de galina.

Poldo) Sta mia esagerà, öf de pisù se mai.

Mina) Öf de galina te dize.

Scena 10 – Cinto e Nella e tutti vanno a far ripartire la macchina

(Entrano Cinto e Nella. Si sente miagolare il gatto.)

Nella) (Sul cancelletto a Cinto) Senti? Chèsto l’è el gatì de tò sorela, darling spèta che varde se rie a ciapàl.

(Nella esce di scena e Cinto si avvicina ai genitori di Nella.)

Poldo) Endó èla nàda me fiöla?

Cinto) La g’ha sitntì miagolà el gatì de me sorèla e l’è nada a vèder se la riaa a ciapàl. E vóalter? Come mai sif amó ché?

Poldo) La me póera machina l’è piena de brignòcole. La somèa ciapada a martelàde. Con töta chèla tompesta la riparti pö, crède che sape le candele. Ghe l’hét mia en stras de emprestàm per piazér che...

(Si sente ancora una volta gridare dalla casa.)

Meo) Porcas de en diaól balòs-balosènt g’ho dit de nò. Mai.

Mina) Ma è-j i tò genitur chèsti?

Meo) Ché comande mé! So me chèl che porta le braghe!

Cinto) Sti mia faga bado. I sarà dré a… discüter. L’è mia che i tache béga, l’è che ogne tant i se scalda per nient. (A Poldo) Che èrel dré a dì de la machina sior Leopoldo?

Poldo) Che la parti mia. Che me ócor en stras per süga le candele.

Cinto) Vó a töghel sübit e pò vègne apó me a daga na mà (entra a prendere lo straccio).

(Si sente ancora gridare dalla casa. Mina e Poldo si guardano sempre più perplessi.)

Alda) Nüsü gh’è perfèt, gna te.

Meo) Sé, però me sèrte ròbe j-ho mai fade.

Mina) Come che ‘l g’ha sbasàt la temperadüra chèl temporàl lé, g’ho quasi frèd.

Poldo) Per forsa te ghét frèd, te sét lé töta scolaciàda Gelsomina.

Mina) Taca mia amò a stöfà Leopoldo.

Poldo) Ah, so mé chel che stöfa! G’het fat bado a come che te vardàa chèl pulizòt en machina?

Mina) Qual? Chèl venezian compagn de mi?

Poldo) Sé, chèl che g’ha dit che ‘l t’ha vist amó. Chèl che el g’ha dit  (imitandolo) “No l’è che noàltri due sé sémo zà conosùdi siòra?”

Mina) A ditela pròpe ciara e tonda Cocco-bello, l’è empusibìl che mé gabe cunusìcc töcc i veneziani de Venezia.

Poldo) Ma el poliziòt el g’ha nominàt el quartier endó che te stàet te.

Mina) Cosa völ dì? Che se me nomine San Pietro sto de casa en banda al Papa?

Poldo) El sét che te ghè de fa? D’ora en avanti sta pö dì che te sét de Venezia. Dì che te sèt originaria de Bèrghem.

Mina) Brao, secondo te mé pòde pasà per na bergamasca? Ma sta mia fam vègner de rìder.

Poldo) Gh’è mia tant de rìder. Gh’è de pianzer. Ricòrdet che mé só en ex-colonèl de l’esercito, pensa se chèl pulisiòt el te ricunusia, che figüra ghe fàe.

(Si sente ancora gridare dalla casa.)

Meo) Vacca dìghel balòs-balosènt. Varda che me só mia en pirla.

Mina) E sé che i parìa du  spuzì en lüna de mél. En lüna de fel.

Meo) G’ho dit de nò. Dómega en tàja e che la sape finida-finida.

Poldo) Sta mia cambià discorso Gelsomina. E chè l’alter poliziòt che t’ha dervìt la portiera?

Mina) El m’ha dervìt la portiera perché tompestàa. El g’ha vulìt apena èser gentile.

Poldo) Apó chèl dènter la machina el vulia apena èser gentile? Parìa che ghe cascàes j-öcc föra del có a forsa de vardà en de la scoladüra. E chèl àlter en banda? che te tócaa el galù.

Mina) Siègn en sés sö chèla machina. S-chisàcc come sardine en scatola. Secondo tè endó ghìel de postal el sò bras?

Poldo) En sö la sò gamba el ghia de postàl, e mia sö la tò.

Mina) Ma ghet mia vist che sö le gambe el ghia le sò ròbe, (elencando) el megafono, la palèta, el telefono, dei nòtes e töcc chèi méster lé che i dòpra lur.

(Nella rientra guardandosi le mani graffiate.)

Mina) Che t’è sücès Nèla?

Nella) L’è stat el gatì de la Dora. E oltretöt só mia stada buna de ciapal.

Poldo) Per forsa, te sèt embranàda.

Cinto) (Esce dalla casa molto soddisfatto piegando una banconota e mettendosela in tasca, ha un paio di strofinacci sotto braccio.) Oh yes, nóm che ve àide a fa ripàrte la machina. (Nell’avviarsi a Nella.) My baby. Scomète che l’è stat el gatì de me sorela ?

Nella) Sé, vulìe ciapàl ma el s’è mia lasàt ciapà de me, my darling

(Escono e tutti e quattro se ne vanno ad aggiustare la macchina. Dopo qualche attimo si apre la porta di casa e Meo si affaccia con fare circospetto, esce seguito da Alda, Dora e Nando.)       

Scena 11 – Meo nasconde i soldi in giardino

Meo) Chèle ròbe ché de solìt i galantòm compàgn de me, j-a fa mia.

Alda) (Brusca.) Va aànti nóm, sta mia pèrder tèmp. G’hom decidìt che fóm isé? E alura fa isé.

Dora) Bubà, apó i comandamenti i dis de aidà le persune en dificoltà

Meo) Sé, però g’hè scrit da nösöna banda che se g’ha de aidà en làder a robà.

Dora) Làder per caso, làder per sbaglio. E pò: che làder el se ‘l völ za daghei endré!?

Nando) Ve saró en dèbit fin che scampe per vim aidàt a vègner föra de sto pastis.

Meo) Vóter sti fermi-fermi che e mé vó a mèter el pachèt endó che l’ho troat.

Alda) En bris en vista se te vöt che la pulisia el la cate.

Meo) (Va nasconderlo fra le foglie.) Làsem fa a me. Va bé ché tra le foje del Pittospórum tobìra o èl mèi fra chèle del Córylus màxima?

Alda) En brìs pö sóta. Fal vansà föra apena apena, sedenò come fai a vidìl.

Nando) En bris pö alt.

Dora) En bris pö föra.

Nando) En bris pö zó.

Meo) Ché? (Ai loro cenni affermativi lascia il pacchetto ed esce dal giardino) bene, làsomel lé.

(Tutti soddisfatti rientrano in casa. Dopo poco tornano gli altri quattro. Si sente miagolare il gatto. E si inizieranno a vedere le luci intermittenti della polizia.)

Scena 12 – Tornano gli altri 4 e trovano i soldi

Cinto) (Pulendosi le mani nello straccio.) Oh yes, la machina l’è sistemada (A Poldo) El vègne dènter a laàs le ma, (ascoltando) chèsto l’è el gatì de me sorèla. Fo a la svelta. Sti ché en moment che varde a mé se rie a ciapàl. Turne sübit (esce).

Mina) Nom a casa nòsa a laàt le mà Leopoldo.

Poldo) L’è mèi ché, (fa vedere le mani sporche) con chèste mà ontarés töt el volànt.

Nella) (Che nel frattempo osservava curiosa il giardino) Cosà gh’è che stralüs là, bubà? (Si avvia verso il cimitero di Meo). Là en font, varda.

Poldo) Là endóe? (si avvia, trova e alza una bottiglia, ne trova un'altra e il sorriso si fa più marcato) E brao el nos Bartolomeo, ghe desquacióm j-altarì al nos profesùr.

Mina) Magari el fa apena la raccolta differensiata.

Poldo) Ché? En chèsto modo? (trova il pacchetto) E chèsto cos’èl? (Lo scarta) sólcc (esce dal giardino elettrizzato.) G’ho mai vist tancc sólcc töcc ensèma en vita mai.

Mina) I sarà chei de la rapina, chèi che dizia i pulsiòcc.

Poldo) El sét che fóm? (Guardandosi attorno circospetto.) El rimetóm endó che l’óm troàt che no ghe sape dei gioedè.

Nella) Töi sö bubà. Con töcc chei sólcc ché som a posto fin che scampóm.

Poldo) Se j-è chei de la rapina saróm perseguitàcc fin che scampóm cara la me tuza. E pò: en ex colonèl de l’esercito el pöl mia fa sèrte ròbe.

Nella) Nüsü i sa che j-óm töcc sö noàlter.

Mina) (Sfilando una banconota) Set sicür che pòde mia tön sö giöna? Giöna apena.

Poldo) no! ‘N ex colonèl el fa mia sèrte ròbe. Làsela zó che a l’ózèl engurd ghe se crèpa ‘l gós.

Mina) A tön sö giona crèpa pròpe gnènt a nüsü, e pò, chi vöt che se n’encorse, varda quante che j-è!

Nella) Alura en vöi giöna apó a me (prende la banconota).

Poldo) Care le me fómne, g’ho idea che som dré a fa na gran stüpidada (prende anche lui una banconota, poi sente dei rumori, incarta velocemente il pacchetto e lo rimette al suo posto.)

(Rientra Cinto con le mani graffiate. Vede le bottiglie e Poldo che esce dal giardino. Si sente in lontananza una sirena della polizia e si vedranno avvicinare le luci lampeggianti.)

Cinto) L’è me pàder che ‘l fa la raccolta differenziata, el te separàt el fèr, el lègn, el véder. Sarà stat el temporàl a portà töt en giro.

Poldo) (A Cinto, vede i graffi.) El sicür che chèl gat lé, l’è el gatì de sò sorela e mia ‘n alter gat?

Cinto) Oh yes, l’è pròpe chèl de me sorèla, (al pubblico) i dis che bèstie e padrù a la fì i se  n’nsomèa.

Nella) Chèl lé l’è mia en gat, chèl lé l’è na tigre del Bengala.

Cinto) (Avviandosi) Nóm, nóm dènter, se laóm le mà e me me disinfète.

Mina) Volóm mia distürba.

Cinto) Sti mia fa riguardo. Nüsü distürbo. Dènter, dènter.

(Entrano tutti in casa. Sulla scena irrompe la polizia armi in pugno. Sono all’erta, poi uno di loro usa il telefonino e l'altro prende il megafono. Si avvicina il ragioniere.)

Scena 13 – la polizia col megafono

1° agente) (Nel vederlo, molto seccato) Ancora Lei! Ancora qui tra i piedi. Se ne vada per favore.

Ragioniere) El me scüze capo. Garés apena de parlà en minüt co’ la singorina Dora.

1° agente) Se ne vada, per favore, prima che perda la pazienza. Aria, circolare prego.

Ragioniere) El varde che per me l’è na ròba urgente e importante.

1° agente) Ci sono altre cose più urgenti e importanti, ora gambe in spalle e se ne vada. Questo non è il momento di discutere o vuole forse essere incriminato per intralcio alle indagini?

Ragioniere) El varde che me…

2° agente) Ancora qui? Aria aria che noi dobbiamo lavorare.

(Il ragioniere se ne va e i poliziotti si appostano.)

2° agente) (Alla casa col megafono) Arrendetevi. Siete circondati non avete via di scampo.

(Dalla casa nessun cenno. I due agenti confabulano un po’ tra di loro. Poi ancora col megafono.)

2° agente) Attenzione, siamo pronti a usare i gas lacrimogeni. Non tolleriamo discussioni. Uscite da quella casa lentamente. Ripeto lentamente e con le mani in alto.

Scena 14 – Bandiera bianca

(Meo sarà il primo ad uscire agitando una bandiera bianca. Lo seguiranno ad uno ad uno gli altri in fila indiana. Saranno disposti: Dora – Cinto – Nella – Poldo – Mina – Alda - Meo penultimo e Nando ultimo. Sarà Meo a fare da portavoce con la polizia.)

Meo) Non sparate. Non sparate. Ci arrendiamo

Scena 15 – La polizia finalmente trova i soldi.

(Mentre il 1° agente parla il 2° si guarderà attorno incuriosito e vedrà qualcosa luccicare; andrà poi a vedere. Finalmente trova il pacchetto.)

1° agente) Cari signori le tracce del ladro conducono ancora qui. A questa casa. Ci dispiace, ma tra di voi siamo certi che ci sia un ladro.

Meo) Ché ghé n’è mia de làder. Sóm stacc töcc ensèma. Sóm en 8 e g’hóm 8 alibi.

1° agente) Siete in 8 e tutti e 8 vi credete furbi. E io vi porto tutti e 8 in caserma così sono sicuro di non sbagliare. Che sono tutti questi graffi. Avete litigato per spartirvi la refurtiva?

Meo) Quale refurtiva?

1° agente) Non faccia lo gnorri caro signore.

Meo) El varde sior agente che se tratta de en malinteso. Nóter sóm mia dei làder. Nüsü de nóter l’è en làder. El gne varde bé-bé en facia. Or drizza il viso a quel ch'ór si ragiona (Dante)[14]

1° agente) Potrei anche scrutarvi con una lente d’ingrandimento ma, purtroppo, non c’è scritto sul viso di nessuno se uno è onesto o no.

(Il 2° agente fa vedere al collega il pacchetto, lo scartano e mentre quello conta i soldi il 2° agente ritelefona. Gli altri saranno sempre tutti in fila e con le mani in alto.)

2° agente) (Al telefonino) Ho capito: erano 500 banconote da 500 euro pari a 250mila euro pari a 500 milioni delle vecchie lire.

1° agente) (Finito di contare i soldi) Le banconote sono 492 (guarda la fila) ne mancano 8. Voi siete in otto. È lapalissiano.

Alda) (Al marito sottovoce) Che völ dì lapalissiano Bonbon?

Meo) L’è come dì: “El siòr de La Paliss - prim de mörer l’era amó viv-viv.”

Alda) L’è come dì: du pö du fa quàter.

Meo) Presapóch. Sssttt che stóm a véder chèl che i völ de precìs-precisènt.

Alda) Cosa vöt che i völe, i völ endré i sólcc.

1° agente) Dovete sapere, cari signori, che il sottoscritto, prima di fare il poliziotto ha studiato psicologia.

Meo) (Polemico.) Alura caro el me siòr, el varde che me fó el profesùr.

2° agente) Professore o no, voi siete in 8 e qui mancano 8 banconote.

1° agente) Dunque signori. Per noi è importante recuperare tutta la refurtiva. In quanto al ladro ci ha già fatto perdere un sacco di tempo. Se lo prendiamo bene, altrimenti pazienza, tanto con un buon avvocato dopo due giorni sarebbe già fuori.

Meo) Chèsta l’è la giüstizia en Italia. Atenti a le me Ipoméa tricòlor (campanelle rosa).

1° agente) Zitto lei. Dicevo: fuori i soldi che mancano.

(Tutti in fila si scambiano occhiate, nessuno parla, a poco a poco abbassano le mani.)

1° agente) Ripeto ancora una volta per chi non ha ben capito: noi dobbiamo recuperare tutta la refurtiva. O saltano fuori le banconote mancanti o vi porto tutti in caserma per complicità.

(Sempre in fila Dora sarà la prima a consegnare, con un gran sospiro i soldi ai poliziotti, poi tutti gli altri. Quando sarà la volta di Meo, questo con grande imbarazzo tirerà fuori una banconota, tutti lo guarderanno stupefatti. Nando invece non tira fuori niente. È l’unico che non ha preso i soldi.)

2° agente) Ne manca ancora uno

(L’agente ripassa e Meo tirerà fuori, sotto lo sguardo scandalizzato di tutti la 2a banconota.)

1° agente) (Indicando prima Nando) Lei di sicuro non è il ladro. Meno lei (e poi tutti gli altri) tutti voi sareste da arrestare (risponde al telefonino).

Meo) Noàlter som persune oneste-onestente e rispettabili. Cosa ghèrem de fa. J-óm catàcc.

2°  agente) Ma non erano soldi vostri. (Che aveva ricontato i soldi) Ci sono tutti capo.

1° agente) (Chiudendo la comunicazione.) C’è stata una lite al Roxi Bar – una sparatoria in un parcheggio – è stato trovato un pacco bomba in un cassonetto… a questo punto, visto che la refurtiva è stata tutta recuperata io direi che possiamo tornare in caserma.

2° agente) E il ladro?

1° agente) (Squadra a uno a uno tutti i presenti) Abbiamo perso fin troppo tempo con quello, per il momento è uccel di bosco, ma alla prossima rapina, tranquillo, lo becchiamo. Andiamo.

Scena 16 – due alla volta rientrano in casa

(La polizia se ne va con rumorose accelerate e sgommate. Tutti i personaggi si uniscono in coppie e iniziano a commentare quanto accaduto. Meo e Alda prendono a litigare sfacciatamente. A poco a poco richiamano l’attenzione di tutti gli altri che zittiscono e li osservano perplessi. Dopo la 4a  battuta Alda e Meo si accorgono che sono al centro dell’attenzione ed avranno un voltafaccia ancor più sfacciato. Alda spingerà Meo in casa e usciranno di scena.)

Alda) (Imitandolo) Noàlter, som persune oneste Stèla cara. (Strattonando violentemente il marito, con voce irosa.) Per dàmen giöna en möcc de storie e te dó adiritüra te nét töt sö Bartolomeo.

Meo) Sta ferma-fermènta con chèle mà, mochéla de tirà.

Alda) Tanti bèi discorsi sö l’onestà e varda come te set comportàt. Vergogna! Che figüra góm fat deanti a töcc. Te set sèmper el sòlit.

Meo) Töcc g’hom pescat en de j solcc, e töcc siègn che j-era mia noster. Som stacc töcc dei làder Reginalda, apó te.

Alda) Sé, ma té, te sét stat làder dò olte e per de pö, te se stat empustùr. E pò te ghet la facia tosta de vègner a fagn la predica a noàlter, vergogna.

Meo) Calmèt Reginalda. J-è dré töcc a vardagn. Quella calma era la vera scienza della vita (Svevo)

Alda) (A questo punto, nel sentirsi osservata, prende affettuosamente il marito sottobraccio) Scüzim, l’è el sistema nervùs che quan se trata de sólcc el me zöga dei bröcc schèrs.

Meo) Ma cèrto cara la me Stèla d’ora, el som-el som: la tensiù. L’è mia ròba de töcc i dé viga a che fa co’ la pulizia.

Alda) Nom, caro Bonbon nóm en casa, fam sintàs zó, dopo chèsto spaènt sö pö buna de sta en pé.

Meo) Stelàsa, pòstet a mè che te aide, te fo de bastù Stèla cara.

Alda) Grasie, grasie Bonbonb, grasie (guardandosi attorno) ah, gh’è za dré a fa scür.

Meo) È già l’ora che volge al desio, e ai naviganti intenerisce il core…(a Poldo e Mina) Nóm, dènter sö, vignì denter apó voàlter che l’è stada na zornada de chèle mia de schèrs!

(Entrano in casa. Nell’avviarsi verso la casa Poldo e Mina commentano l’accaduto.)

Mina) Che bràa che l’è la siura Reginalda a sbàter la polver en de j-öcc. (Imitandoli) “Caro Bonbon, cara stèla d’ora” i parìa amó spuzì en viagio de nòze. E me j-envidiae perché noàlter sighitóm semper a taca béga.

Poldo) Dopo tancc agn, el tacà bega l’è en mòdo de vulìs bé.

Mina) Te ghe rezù Cocco-bello, el la dis apó el proèrbe “L’amore non è bello se non è litigarello”.

(Poldo e Mina entrano in casa. È il turno di Cinto e Nella.)

Cinto) Oh yes. L’è stat mèi isé cürisì d’or, e se trata mia de “ua zèrba”. My baby so convinto che l’è sèmper mei pàrter col pè giöst.

Nella) Te ghé rezù my darling, buchina dulsa de mél, partóm col pè giöst isé farom mia la fì dei nòs genitur.

Cinto) Noàlter se volóm tròp bé per fa chèla fì lè - mostasì d’arzènt - my beloved

Nella) I nòs genitur j-è semper dré a tacà bega per nient.

Cinto) I la sa mia, che isé, i se ruina la vita -tezòr del paradìs - sweetheart.

Nella) Angelic smile - Noater no faróm mai come i g’ha fat lur.

(Cinto e Nella entrano in casa.)

Scena 17 – Nando, Dora e il ragioniere

Nando) Só contènt che la sape finida. Apó sta ólta la m’è nada bé.

Dora) La t’è nada bé, però te convié cambia vita Nando.

Nando) Me cambie vita se te la cambièt apó te Dora.

Dora) Che volaresèt di?

Nando) (Al pubblico) Chesto l’è el trionfo de l’ipocrisia. La fera dei müss de tóla. (A Dora) Con töt el vòs perbenismo provinciàl siv töcc fals compagn de na palanca mata. Sé, töcc onesti, töcc brai e töcc con de j-altarì scundìcc.

Dora) De che altarì pàrlet?

Nando) Làsa pèrder chèl poer diaòl co le foto. Daghele endré sensa domandaga gnènt en cambe.

Dora) Come fet a saì de le foto?

Nando) El só perché prim, quan sie scundìt en giardì, t’ho sintit telefonà. L’è per chèl che t’ho domandat de aidàm, te se fada de la me stesa pasta (ironico) cara Dora.

Dora) So mia fada de la tò stesa pasta (ironica) caro Nando. Sbaglià se pöl sbaglià, l’importante l’è capì de viga sbagliàt.

(Mentre parlano sarà comparso il ragioniere.)

Ragioniere) Signorina, finalmente rie a parlaga ensema. (Indicando Nando) E ‘l sior?

Dora) El sior ché el sa töt, el staghe tranquilo. Alura?

Ragioniere) G’ho pensat sura signorina. Le, la faghe pör chèl che la n’ha ója. Völela daga le foto a me fómna? La ghe j-a daghe. Pasiensa, portaró la crus, ma me g’ho decidìt che de carte false en fo mia. Só en galantòm, mé.

Dora) Gh’è mia pö bisogn che ‘l faghe carte false, ragionier. El staghe tranquilo, el garà nösöna crus de portà. (Guardando significativamente Nando) G’ho decidìt de brüzà foto e negativi.

Ragioniere) (Sbalordito) La brüza foto e negativi!? Isé? Sensa domandà gnènt en cambe?

Dora) Sé, encö g’ho capit che só mia tajada per fa sèrte ròbe. So stada leàda con dei principi sani (guarda Nando sfidandolo.) mé. (Al ragioniere) Quan g’ho vist la pulisia, g’ho pensàt che lü el mìes denunciat e g’ho ciapàt na pora mia de schèrs. L’è stat chèl che m’ha fat decìder.

Ragioniere) L’è mia tant bèl viga a che fa co la pulisia. Se la ghes de saì apó me che póra quan che i m’ha scambiàt per el làder.

Nando) Se l’era mia el làder perché el scapàt?

Ragioniere) El só gna mé perché so scapàt. Lur i g’ha ambiat a curìm dré e me g’ho ambiàt a scapà. L’è stat d’istinto.

Dora) L’è stada la mandola che góm dènter a fal scapà.

Ragioniere) De che mandola pàrlela?

Dora) El dis me pàder che som come dei confècc, góm entùren el söcher ma la mandola che góm dènter la pöl vèser amara e se sa mia el perché. Me pàder l’è profesùr el j-a sa le ròbe.

Ragioniere) Me só apena che so sèmper stat disfürtünat en de la me vita.

Dora) Se g’ho dit che brüze le foto e negativi, el gnamó contènt ragionier?

(Si sentirà il miagolio di un gatto. Piano piano inizieranno i grilli a cantare.)

Ragioniere) Certo che só contènt, e la ringrasie fis. Se la ghes de saì che grasia che la m’ha fat.

Alda) (Dalla casa) Dora che sèt dré a fa? Vé dènter che gh’è pront de séna (rientra).

Scena 18 – finale

Ragioniere) Grasie signorina. La vedarà che co’ la grinta che la g’ha la pasaerà de lièl sensa bisògn de fa gabole. (Sente il miagolio, si guarda attorno, lo cerca.)Poer micì… micio… micio...

(Dora si avvia orgogliosa e rientra in casa sotto lo sguardo ironico di Nando. Il ragioniere nel cercare il gatto perde il portafoglio.)

Nando) Ragionier nòm, el vègne, el lase pèrder el gat.

Ragioniere) Poarì, el garà fam.

Nando) El staghe mia a preocupas per lü, el g’ha la sò padrona.

Ragioniere) Micio... micio...

Nando) El lase pèrder, nom… nom ragionier (lo prende sottobraccio) me só mia profesùr ma sal che ghe dìze: apó la vita l’è come en confèt, la pöl vèser düra, la pöl véser amara, ma la g’ha sèmper entùren el söcher.

(Escono, Nando, furbescamente, rientra velocemente, raccoglie il portafoglio ed esce.)

Cala il sipario

Fine

I  confetti con la mandorla amara

Commedia brillante in due atti, in dialetto bresciano, di Velise Bonfante

TRADUZIONE LETTERALE

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

I proverbi e le parole intraducibili sono scritti in maiuscoletto.

ATTO PRIMO

Scena 1 – la radio

(Estate, tardo pomeriggio, il tempo minaccia un acquazzone estivo. Acquazzone preannunciato da qualche tuono lontano che, partendo in sordina, andrà sempre più in crescendo fino a scoppiare fragorosamente al termine del primo atto. Lo stesso vale per la luce intermittente della polizia che, avvicinandosi sempre più, lampeggerà infine davanti a casa. La sirena della polizia invece si udrà, ogni tanto e solo all’inizio, con stridio di gomme, mentre stanno braccando il ladro.

Da una radiolina a transistor appoggiata sul tavolo esce una musichetta allegra che accompagnerà l’aprirsi del sipario, sarà interrotta dopo qualche secondo dalla voce di uno speaker:

 “   Interrompiamo le trasmissioni per un’edizione straordinaria del giornale radio:

Ancora nessuna traccia dell’audace rapinatore che questa mattina, da solo e a viso coperto ha rapinato un ufficio postale alla periferia di Brescia. Entrato come fosse un normale cliente, ha minacciato la cassiera con un coltello, si è fatto consegnare i soldi - 250mila euro pari a 500 milioni delle vecchie lire - e si è dato poi alla fuga. Nonostante il pronto e  massiccio intervento delle forze dell’ordine, l’astuto malvivente è riuscito a far perdere le proprie tracce.

Si presume che abbia lasciato la tangenziale all’altezza di Desenzano est e che si sia poi rifugiato nella zona di Rivoltella del Garda. Nonostante la vasta battuta per il momento non c’è traccia di questo ladro spericolato. Si allerta la popolazione del basso Garda affinché stia in guardia. È armato, temerario e molto, molto pericoloso. Si raccomanda la massima prudenza.

Riprendiamo ora le trasmissioni di musica leggera. ”

Scena 2 – il ladro

(La musichetta continua ed ecco comparire il ladro Ferdinando. Si guarda attorno con fare circospetto poi decide di nascondersi nel giardino dei nostri eroi. Scosta le foglie e si acquatta. Fra i fiori per terra vedrà qualcosa luccicare, si china: è una bottiglia vuota, ce n’è un’altra e un’altra ancora. Le osserverà perplesso, con l’indice indicherà altre bottiglie attorno, nascoste vicino a quelle. Si apre la porta della casa e Nando si nasconde velocemente fra le foglie, tentando poi di  occultare il pacchetto del bottino. Arriva da lontano il brontolio di un tuono.)

Scena 3 – Meo con le bottiglie

(Meo, professore di botanica, esce dalla casa fischiettando il motivetto della radio. Avrà nascosto sotto la camicia un paio di bottiglie vuote, mentre si avvicina guardingo al suo cimitero personale controllerà la porta d’entrata. Constatato che la moglie non c’è, estrae le bottiglie, ne rovescia una per far vedere che è vuota e con fare furbo le sotterra insieme con le altre. Nando, imboscato fra le foglie osserverà scettico il comportamento dell’uomo. Sempre fischiettando Meo rientra in casa.)

Scena 4 – Dora e il ragioniere

(Dopo qualche secondo ancora di musica, comparirà sulla porta Dora con un telefonino, parlerà con fare circospetto, accertandosi ogni tanto di non essere sentita. Il nostro ladro, non visto, la terrà d’occhio ascoltando. Mentre Dora parla si abbasserà fin quasi a spegnersi il volume della musica, per poi riprendere allegramente quando lei rientra in casa.)

Dora) E no caro il mio ragioniere, nemmeno a parlarne. Lo so anch’io che  sono foto che scottano. Proprio per quello le tengo ben strette e non le mollo.

Ragioniere) (Affacciandosi sulla scena con un telefonino in mano ed avvicinandosi lentamente.) Si accontenti. Sono riuscito a farle cambiare ufficio. Non è abbastanza?

Dora) No, non è abbastanza. Voglio anche passare di livello. Lei mi fa passare e io le do indietro le sue foto.

Ragioniere) Per passare di livello si deve fare un concorso. Non posso fare carte false. Se se ne accorgono i sindacati, rischio la galera.

Dora) Macché galera. Non c’è bisogno di andare a dirlo in giro. Se lei lo fa da furbo non saprà mai nulla nessuno. In fin dei conti, si tratta solamente di un piccolo aumento in busta paga, non mi sembra di chiederle una cosa fuori di testa.

Ragioniere) Altro che fuori di testa! Lo sa lei cosa sta facendo signorina? Il suo si chiama “ricatto” (ribadisce) “ricatto”. E se andassi alla polizia?

Dora) (Non si è accorta di lui, al telefono.) Lei vada pure alla polizia e io passo le fotografie a sua moglie. Mi pare già di vederla con quella sua bella faccia di luna piena mentre le fa passare con quelle sue belle manone da muratore. Magari, anche lei, a vederla in foto, può trovare simpatica la nostra bella centralinista bionda.

Ragioniere) (Interrompendola prendendola per la spalla, faccia a faccia.) E lei, avrebbe questo coraggio? Lei vuole proprio la mia rovina. Non ce l’ha una coscienza signorina?

Dora) Da che pulpito viene la predica! A guardare le foto nemmeno lei mi sembra uno stinco di santo.

Ragioniere) Devo pensarci sopra (angustiato) passare di livello! Certe cose io non le ho mai fatte. Sono sempre stato un galantuomo io.

Dora) Galantuomo? Non mi faccia ridere (decisa) ragioniere, basta chiacchierare per niente. Va bene, ci pensi sopra ancora un poco, ma voglio una risposta entro stasera.

Ragioniere) Entro stasera?

Dora) Si, entro stasera o do le foto a sua moglie. Guardi un po’ lei quello che vuol fare.

Ragioniere) A comportarsi cos’ non ne farà molta di strada nella vita signorina.

Dora) Lei non ci pensi alla mia strada nella mia vita. Pensi per la sua se non vuole vedersela rovinata per delle foto (entra in casa).

Ragioniere) Quella iena è capacissima di rovinarmela per davvero la vita. E senza star lì a pensarci un momento. Che imbecille che sono stato, (dandosi un paio di schiaffi) come ho fatto a farmi fregare così da stupido da una carogna simile (scuote la testa e se ne va pensieroso).

Scena 5 - Il cuscino

(Giacinto entra con un bel cuscino ricamato che sistema nel mezzo della panchina. Si allontana poi di due passi per osservarne l’effetto. Annuisce tutto soddisfatto.)

Dora) (Entrando come una furia, prende, spegne la radio e si riprende anche il cuscino) Tamaro di un tamaro! Chi ti ha detto di prendere le mie cose senza nemmeno domandarmele Cinto?

Cinto) Perché l’hai spenta Isidora? Lasciala accesa la radiolina, suonavano così bene.

Dora) Usa le tue di radio e non usare la roba degli altri.

Cinto) La mia ha le pile scariche. E lascia stare anche (tentando di riprenderlo) questo coso, stava così bene sulla panchina (lo rimette sulla panchina).

Dora) (Lo riprende.) Questo è mio e tu non lo tocchi. Te l’ho detto cento volte di usare la tua di roba.

Cinto) (Rispondendo a tono) Anche se me lo impresti, non te lo mangio mica Isidora.

Dora) Mi hai imprestato i soldi quando io te li ho chiesti. No! E allora nemmeno io non ti impresto niente.

Cinto) Se li avessi avuti te li avrei prestati, can de l’ostrega. Lo sai anche tu che questo è un momento di vacche magre.

(Alda si affaccia sulla porta con spugnetta e bacinella per le ultime pulizie. Li sente litigare.)

Dora) Magre o no avresti potuto aiutarmi. Aspetta che io t’impresti ancora qualche cosa, io a te (dandogli uno spintone) nemmeno se piangi in cinese.

Cinto) (Restituendole lo spintone.) Che modi  “signorina Gentilezza”.

Dora) Oh, ha parlato il “signor beneducato”. Io non sarò gentile Giacinto, ma nemmeno tu sei una buona anima, sempre sgarbato e malmostoso.

Cinto) Mai come lo sei tu, “mala-grazia e senza garbo” (canzonatorio) cara “Isidora-dalla pancia molla”, ce ne vuole per arrivarti!

Dora) (Infuriata) Mamma mi ha chiamato ancora “Isidora-dalla pancia molla”.

Alda) (Avanzando verso i figli.) Smettetela ragazzi di continuare a litigare come due bambini, mi fate venire la testa grossa come una mina. È perché siete grandi altrimenti vi darei uno scapaccione.

(Alda fa bonariamente il gesto di dare uno scapaccione, Cinto rientra in casa offeso.)

Alda) Lascialo dire, quando è stufo la smette. (Riprendendo il cuscino e risistemandolo sulla panchina.) Che te ne importa se tuo fratello usava il tuo cuscino, non te lo avrebbe mica mangiato. (Allontanandosi di due passi per osservare l’effetto.) Guarda come stava bene sulla panchina.

Dora) (Ancora più infuriata si riprende il cuscino dalla panchina.) Questo è mio e non suo. Difendilo sempre, tu, mamma.

Alda) Guarda Isidora che io non tengo la parte a nessuno, voglio solo le cose giuste.

Dora) Giuste! Lo sappiamo che lui è il tuo coccolino. Dai sempre ragione a lui e mai a me.

Alda) (Le toglie il cuscino di mano e lo rimette sulla panchina) Quando ce l’hai tu la do a te, quando ce l’ha lui la do a lui. Io do ragione a chi ce l’ha.

Dora) Non è vero. Credi mamma che io non sappia che tu pensi che lui sia più bravo di me?

Alda) Fino a quando tu, ti comporterai così, cara Isidora, non ci vuole molto ad essere più bravi di te.

Dora) Ha preso la mia roba senza chiedermela ed io avrei dovuto stare zitta secondo te?

Alda) Anche se lo mette sulla panchina non te lo mangia mica.

Dora) Ah sì, non me lo mangia e allora prendi. (Con un moto di rabbia prende il cuscino e lo butta lontano, esce piangendo.) Per te io non conto mai nulla.

Alda) Come fai a dire così? (andando a raccoglierlo) Quella ragazza quando inizia a stufare è molto brava a far star giù le glorie. (Rimette il cuscino della figlia sulla panchina.)

Cinto) (Rientra con un altro cuscino più brutto) Ho trovato questo nel cassettone, che ne dici mamma?

Alda) Ormai lascia sulla panchina quello di tua sorella.

Cinto) E se viene fuori a riprenderselo quando ci sono qui gli altri, che figura facciamo?

Alda) Non è così stupida da fare una stupidata simile.

Cinto) (Mentre parla con la madre proverà a mettere un cuscino accanto all’altro studiandone l’effetto.) Lo sai che è colpa tua mamma se mia sorella si comporta così?

Alda) Colpa mia Giacinto?

Cinto) Certo, perché a lasciarle sempre fare quello che vuole, tu l’hai allevata male.

Alda) (Ironica) Ha, dici.

Cinto) Sto dicendo che è stata allevata male. Hai visto mamma che cosa succede ad accontentarla sempre in tutto e per tutto, a darle sempre ragione? Hai visto che bel risultato?

Alda) Taci Giacinto. E smettila che questo non è il momento di dire sciocchezze. (Al figlio seccata) Nessuno è nato genitore. S’impara strada facendo. E non è vero che è stata sempre accontentata in tutto e per tutto. È solo che lei non vuole che si tocchino le sue cose senza chiederglielo. Sai che è fatta così. Non ha tutti i torti. Anche tu, avevi paura a chiederglielo?

Cinto) Allora, secondo te ha ragione mia sorella? Visto che dai sempre ragione a lei?

Alda) Non ho detto che ha ragione tua sorella, ho solo detto che non ha tutti i tordi. Avresti dovuto chiederglielo prima di prenderlo. Cosa ti costava domandarglielo prima?

Cinto) Prima guardavo se stava bene e poi glielo avrei domandato. Anche lei prende le mie cose senza dirmelo, però io non metto giù un casino simile

Alda) Sta zitto, va là, che quando te ne accorgi metti giù di peggio. Non c’è da prenderne e darmene a nessuno dei due. Anche tu, con un nonnulla prendi fuoco.

Cinto) (Agitato riprende il cuscino) Allora per te questo è suo e ha fatto bene a venire a riprenderselo? Lo sai che ti dico? (lo getta lontano) Non lo voglio più nemmeno io (esce furibondo con il cuscino brutto).

Scena 6 - Reginalda  e Bartolomeo

(Alda va a raccattare il cuscino, lo pulisce e lo rimetterà ancora sulla panchina.)

Meo) (Entra con due bicchierini ed una bottiglia.) Veggio ‘l meglio ed al peggior m’appiglio (Petrarca)[15]Questa è propriograppa- grappa, andrà bene ai signori per aggiungerla al caffè?

Alda) A me lo chiedi? Sei tu l’esperto.

Meo) (Studiando l’etichetta della bottiglia). È una delle marche più buone. (Toglie il tappo e annusa il contenuto con grande soddisfazione.)

Alda) Annusa, annusa (esaminandolo) cos’è quella faccia?

Meo) Quale faccia? Ho la mia faccia di tutti i giorni. Perché, uno non può essere contento per una volta? (Soddisfatto) Oggi mi sento proprio allegro-allegrissimo.

Alda) Sarai allegro perché hai già allungato giù un qualche goto di quelli giusti.

Meo) (Rigira la bottiglia fra le mani) Macché goto Reginalda, è da ieri sena che non ne assaggio nemmeno un goccio. (Al pubblico.) E sì che questa mattina la sete era tanta (alla moglie) per togliermela ho bevuto una bella caraffa di acqua. Non voglio fare brutta figura proprio oggi. Per chi mi prendi?

Alda) (Sistemando) Ti prendo per quello che sei. Di acqua, sì va là… raccontamela giusta.

Meo) Guarda che io non sono un quaqquaraquà. Non più serti di rose… Ma stupido papavero, grondante Di crassa onda letéa (Parini).Ci tengo anch’io a fare bella figura con i nostri futuri consuoceri.

Alda) Ci tieni a fare bella figura!? Alla fine farai la figura del pirla come al solito. I suoi della Lionella vengono apposta per conoscerci e guarda quello che trovano. In che condizioni ti trovano.       

Meo) (Seccato) In che condizioni devono trovarmi? Perché, non vado bene così?

Alda) Bartolomeo: tu puzzi di vino lontano un chilometro.

Meo) Come faccio a puzzare di vino se questa è grappa. Ti dico che questa mattina non ne ho assaggiato neppure un goccetto. Non mi credi? Vuoi che mi metta su di una gamba sola? Perché sei sempre così malfidente-malfidente, sempre così cattiva-cattivissima con tutti Reginalda?

Alda) Cattiva solo con te, perché a volte mi vergogno perfino di averti sposato.

Meo) Tu ti vergogni di me? Tu non dovresti nemmeno parlare con tutte le brutte-bruttissime figure che mi fai fare in giro per colpa delle tue mani bucate. Spendere e spandere come una principessa e oltre tutto fare segnare. Come pensi che io mi senta quando passo in piazza ed un negoziante mi chiama e mi dice: “Allora signor Bartolomeo, quand'è che sistemiamo il conto della sua signora?”

Alda) È capitato una sola volta.

Meo) È capitato tre volte, tant’è vero che io non vado più in piazza per colpa tua.

Alda) No, in piazza tu non ci vai più da quando ti hanno beccato ubriaco marcio a fare la “pipì” davanti alla porta del municipio.

Meo) Cosa vai a rivangare, è una storia vecchia quella. Sono passati anni. È stato alla cena della classe e ricordati che avevo chiesto scusa al sindaco. E lui mi aveva capito (al pubblico) era stato a cena con noi, figurarsi se non capiva (alla moglie) ed è andato tutto a finire in pane ed acqua ancora da allora.

Alda) Sì, pane ed acqua sporca. È finito tutto, sì, ma dopo essere finiti sul giornale. E (imitando il sarcastico ricorda del marito) ricordati che la lucidata alla porta del municipio ci è costata più di 100 euro. Dai, dammi una mano a portare fuori le sedie.

Scena 7 - Gelsomina e Leopoldo, poi la figlia Nella

(Alda e Meo escono lasciando la bottiglia e i bicchieri della grappa sul tavolo. La scena resta vuota alcuni attimi. Mina e Poldo arrivano litigando. Poldo sarà un ex-colonnello. Si fermano davanti al cancello ad aspettare la figlia. Mina avrà un trucco molto pesante, orecchini appariscenti e si farà aria con un ventaglio.)

Poldo) Quando ti dico di fare una cosa devi farla e basta senza discutere. Hai capito! Inoltre, non dimenticare che sei la moglie di un ex-colonnello dell’esercito. Mi pare di aver parlato chiaro. Hai capito sì o no?

Mina) Ho capito Cocco-bello, ho capito però non voglio farlo.

Poldo) Ah sì! Non vuoi farlo? Allora, siccome io ci tengo a fare bella figura Gelsomina facciamo dietrofront e torniamo a casa (si avvia per tornare da dove è venuto).

Mina) (Lo rincorre, lo prende per la giacca e lo riporta al cancello) Non fare così Leopoldo, me lo tiro via, sei contento! Però non capisco che fastidio ti possa dare il mio rossetto. Se si chiama rossetto deve essere rossa. Per forza deve essere rosso.

Poldo) Quello lì è troppo rosso. Un rosso simile lo usano solo certe donne. Lo sai che non voglio che mi sembri una di quelle Gelsomina. Ti sei guardata allo specchio?

Mina) Certo che mi sono vista nello specchio. E proprio per quello l’ho messo, perché non ho più la bellezza dell’asino Leopoldo. Ho bisogno di tenermi su.

Poldo) Per tenersi su non serve usare un rossetto simile Gelsomina.

Mina) Una volta è il rossetto, una volta sono le calze, una volta le unghie dipinte, un’altra volta è il vestito. Non sei mai contento di me Leopoldo.

Poldo) Tu devi ascoltarmi quando parlo. Voglio solo che tu vada in giro vestita come Dio comanda.

Mina) Io mi vesto come Dio comanda, è a te Cocco-bello che non ti va mai bene niente.

Poldo) Se ti faccio osservazione Gelsomina è per il tuo bene. Dopo tutto quello che ho fatto per te, tu non mi sei nemmeno riconoscente. Se hai cambiato vita Gelsomina è stato solo per merito mio. Tu dovresti sentirti obbligata verso di me. Io, al tuo posto, mi sentirei in debito. Dovresti baciare la terra dove pesto per ringraziarmi cara mia.

Mina) Sono 23 anni che piego la schiena (prende il fazzoletto dalla borsetta si toglie il rossetto) sono 23 anni che sto pagandoti questo debito Leopoldo; 23 anni che faccio quello che tu mi dici, 23 anni che non vado fuori di casa se non ti ho vicino. Sono 23 anni che vivo chiusa peggio di una suora di clausura,

Poldo) Non metterla giù spessa. Dì piuttosto che sono 23 anni che fai la vita della signora. E se tu fai la vita della signora è per merito mio. Guarda che io, solo io, ho avuto il coraggio di salvarti dalla strada.

Mina) Oh, quel coraggio non lo potrò mai dimenticare. Sono 23 anni che ogni minuto secondo me lo soffi nelle orecchie e che mi stai addosso fino quasi a soffocarmi Leopoldo.

Poldo) Lo faccio per il tuo bene, Sono sempre stato un soldato, lo faccio per proteggerti.

Mina) No, Cocco-bello, tu fai così solamente perché sei geloso come un cane. (Mostrandogli la bocca) Va bene così o non sei ancora contento.

Poldo) Già che ci sei, togliti anche gli orecchini che mi paiono quelli che usano le africane in mezzo alla giungla.

Mina) (Togliendoli) E togliamo anche gli orecchini. E ora cosa devo fare? Devo mettermi anche un fazzoletto sulla testa e (battendosi il petto) continuare a dire: “mea culpa mea culpa, mia maxima culpa”.

Poldo) Sarebbe il minimo che potresti fare. Ricorda che se hai cambiato lavoro è stato per merito mio.

Mina) Grazie Leopoldo, grazie, grazie, grazie, grazie, ti ringrazio molto. Devo anche baciarti i piedi?

Poldo) (Molto, molto seccato) Non c’è bisogno che tu mi baci i piedi, basta che ti tolga quegli orecchini che stai malissimo. (Malcontento) In tutti questi anni non sei per nulla cambiata.

Mina) (Esasperata) Non sono per nulla cambiata!? Ho cambiato vita, ho cambiato città, ho cambiato nome…Giacomina en Gelsomina (al pubblico) poco ma è cambiato. Ho cambiato casa, ho cambiato modo di vestirmi e di camminare, ho cambiato pettinatura, ho cambiato colore ai capelli, ho cambiato parlata… non ti basta? Ma cosa vuoi ancora di più da me. Il sangue?

Poldo) (Fa il gesto di gonfiare la bicicletta.) Sì, pompa pompa che io annaffio. Esagerata!

Mina) Di più di quello che ho fatto, cosa devo fare ancora per cambiare: trasformarmi in un pinguino?

Poldo) Che spirito di patata! Non mi fai ridere nemmeno un po’ Gelsomina. E se qualcuno ti riconosce? Vuoi essere riconosciuta? Secondo te, se qualcuno dei tuoi vecchi clienti ti riconosce, io, che figura ci faccio?

Mina) Macché clienti e clienti. Chi vuoi che mi riconosca conciata così e dopo 23 anni.

Poldo) 23 anni passati per niente. Quella camicetta lì è troppo scollacciata, chiudila un pochino.

Mina) (Chiudendo con le mani il colletto) Mi soffoco così Cocco-bello.

Nella) (Raggiungendo i genitori col fiatone) Che corsa che ho fatto

Mina) Era ora che arrivassi.

Nella) (Alla madre) Perché ti sei tolta gli orecchini, mamma, che stavi così bene?

Mina) È perché tuo padre…

Poldo) (Interrompendola, alla figlia rudemente) Era ora che arrivassi. Perché hai impiegato così tanto? Sempre la solita imbranata, buona a nulla.

Nella) Ma babbo, è perché…

Scena 8 – l’incontro

(Alda e Meo scuri in volto, rientrano con le sedie. Nell’intravedere gli ospiti però, i loro visi subiranno una trasformazione totale: si distenderanno, saranno sorridenti ed innamorati.)

Alda) (Agli ospiti) Buongiorno, salve, dentro, avevo proprio voglia di conoscervi. (Va verso la porta a chiamare il figlio) Cinto, Cinto guarda che sono arrivati.

(Si presenteranno a vicenda - Salve salve - professore – colonnello - prego prego. Si siedono.)

Meo) (Questa battuta va persa nella confusione)Attenti a le Ipoméa tricòlor (campanelle rosa)

Cinto) (Entra e abbraccia Nella.) Oh yes. Ciao, cuoricino luccicante – pesca di velluto– my baby

Nella) Ciao, ladro di cuori – sospiro di luna – sweetheart

Cinto) Bocchina dolce di miele – visetto d’argento –  angelic smile

Nella) Angioletto senza ali – tesoro del paradiso - my beloved

Cinto) Honey – Farfalla colorata – rosa profumata

Poldo) Sì, rosa mistica, smettetela ragazzi che fate venire la nausea anche alle pietre.

Mina) Zitto e lasciali fare, Cocco-bello, sei invidioso perché loro sono giovani?

Meo) Nihil sub sole novum – niente di nuovo sotto il sole.Li lasci fare, li lasci fare,(ammiccando fra uomini) si ricorda da giovani quando noi avevamo la loro età? (A Mina) Non è che noi ci siamo già conosciuti da qualche altra parte signora? Non mi ricordo dove. (Alla moglie) Stella, falli sedere e poi sta qui seduta anche tu con noi , bella comoda-comodissima, che vado io a mettere su il caffè e a prendere le tazzine. Caffè per tutti? Due biscottini? Una bibita?

(Annuiscono tutti: - grazie grazie – va bene tutto– non stia a disturbarsi.)

Mina)  Per me un goccio d’acqua, grazie.

Cinto) (Affettuoso al padre) Sta qui tu babbo che vado io. Ci penso io al caffè, io e la mia Nella.

(Cinto prende Nella a braccetto ed escono guardandosi innamorati. Mina li segue con lo sguardo sorridendo. Poi, mentre chiacchierano Meo studierà ancora Mina, inoltre, ogni tanto tenterà pure di versarsi da bere ma la moglie glielo impedirà spostandogli il bicchiere.)

Poldo) (Lo guarda sorpreso) Sarà che io sono uso a comandare e a farmi servire ma, mi scusi, davvero lei signor Bartolomeo sarebbe andato a mettere su il caffè e a preparare le tazzine al posto di sua moglie?

Meo) Certo. E mi chiami Meo, signor Poldo. Cosa ha idea, che io non sia capace di fare il caffè? (Guardando la moglie innamorato.) Di solito lo preparo sempre io il caffè in questa casa, non voglio mica- mica che mia moglie triboli, io quando posso l’aiuto.

Poldo) L’aiuta?

Meo) Certo, cosa c’è di strano. Per me è una cosa normale-normalissima andare a mettere su il caffè o aiutarla. Quando si vuol bene ad una persona la si aiuta e si cerca di farla contenta-contentissima. Le dirò di più, io tutte le mattine porto il caffè a letto alla mia Stella d’oro.

Poldo) Per davvero?

Alda) (Ritrosa) Sì, mi arriva tutte le mattine con un vassoietto con sopra una “brioche” e il caffè e anche una rosa o un fiore.

Meo) Ma sì, un rametto di Convallària majalìs (mughetto) o de Làthyrus odoràtus (pisello odoroso) o de Hìppeastrum hìbrida (amarillide) a secondo delle stagioni.

Mina) (Sorpresa e con una punta di invidia) Come che è fortunata signora Reginalda.

Alda) Mi chiami Alda signora Gelsomina (guarda il marito scherzosa) Non so se è una fortuna o una condanna. Il fatto è che mi porta il caffè alle sei del mattino, quando lui si alza.

Meo) Mi alzo sempre molto presto. Mi piace alzarmi presto-prestissimo. “È il mattino che aiuta il giorno.”

Alda) Invece a me, piacerebbe dormire. E glielo dico sempre: “Lasciami dormire Meo, non voglio il caffè alle sei del mattino. Aspetta almeno le sette a portarmelo. Ma lui niente. Tutte le mattine alle sei precise, mi porta il caffè nel letto.

Meo) E bello caldo e bello forte, che dia la scossa elettrica alla mia Stella, (guardando innamorato la moglie) a lei piace il caffè bel nero-nerissimo.

Mina) (Sorpresa) Stella? Credevo che si chiamasse Reginalda, tutt'al più Alda.

Meo) (Abbracciando la moglie) Sì, si chiama Reginalda ed è Alda per gli amici, ma io la chiamo Stella perché è una stella-stella di moglie. Non ce n’è un’altea come lei. Sono stato fortunato molto-molto a trovarla e ancora più fortunato a sposare la mia Stellona d’oro.

Alda) (Al marito, ritrosa e timida) Non farmi diventare rossa Bonbon.

Poldo e Mina) Bonbon?

Alda) (Coprendosi la bocca come se le fosse scappata la parola, poi spiega) Bonbon è un soprannome che gli ho dato io, così per scherzo, perché di solito è dolce come un confetto (sorridendo) anche se a volte si trova dentro la mandorla un poco amara.

Mina) En poco amara? Almeno ha attorno lo zucchero, pensa a quelli poveretti, che, non hanno nemmeno la scorza dolce e devono solo masticare la mandorla amara. (Agli sguardi incuriositi deidue ribatte) Non è il nostro caso vero Cocco-bello? Facevo così per dire.

Poldo) Certo, si fa così per dire, di sicuro non è il nostro caso, io e la mia Mina, anche se sono passati tanti anni, ci vogliamo ancora un bene dell’anima.

Meo) L’Amor che move il Sole e l'altre stelle (Dante).

Scena 9 – il caffè

(Cinto e Nella portano caffè. Lo servono, vanno e vengono con biscotti e acqua minerale. Infine rientreranno in casa abbracciandosi.)

Cinto) Oh yes, ecco il caffè.

Alda) Giacinto, chiama qui anche tua sorella che la presentiamo agli ospiti.

Cinto) Arriva subito, cinque minuti, finisce di telefonare e arriva. (Agli ospiti spiegando) L’hanno chiamata al telefono. Mia sorella ascolta tutti. È sempre gentile e disponibile e se può fare un piacere non si tira indietro (esce).

Meo) (Sottovoce alla moglie.) Perché non viene qui con noi?

Alda) (Sottovoce al marito.) Non viene perché è arrabbiata con suo fratello. Ssttt.

Mina) (Ad Alda) Parrebbe che abbia due bravi figli.

Alda) Non parrebbe, (affermativa) li ho. (Guardando con affetto il figlio) Ho due figli che sono due gioielli. Uno più bravo dell’altro, non è forse vero Meo?

Meo) Certo che è vero. Vanno a gara fra di loro per accontentarci. Non ce ne sono molti ai giorni nostri dei figlioli come i nostri. Siamo due genitori fortunati- fortunatissimi.

Mina) Due genitori in gamba. Che bella famiglia! È fortunata mia figlia a venire a far parte di una famiglia simile. Tutti che si vogliono bene, tutti che si aiutano. Lo sapete che quasi quasi vi invidio, nel senso buono si intende.

Poldo) (Seccato) Che stai dicendo Gelsomina, invidia per che cosa, a te cosa te manca?

Mina) A me nulla, dicevo così per dire, volevo solo fare un complimento. (Qualche tuono lontano - cambia discorso.) Speriamo che non venga il temporale stasera. (Guardandosi attorno) Che bello che è stare qui in questo luogo. Che bel giardino.

Alda) (Guardando il marito con affetto.) Come stavo dicendo prima, è mio marito che va dietro al giardino. E guai se qualcun altro vi mette le mani. Vuole fare tutto lui. A volte mi verrebbe voglia di tagliare l’erba o piantare qualche fiorellino ma lui non vuole. Neanche parlarne.

(Mentre Alda parla il ladro agiterà una bottiglia vuota.)

Meo) (Prendendo una mano alla moglie e accarezzandogliela) Perché vuoi sporcarti queste belle-bellissime manine Stella cara! Lasciare fare a me, Stella d’oro.

Alda) Grazie Bonbon, come sei gentile. (Agli altri) Per la verità è il suo lavoro, pensate che lui conosce il nome di tutte le piante.

Mina) Davvero? (Mettendolo alla prova.) Su, mi dica, come si chiama quella là?

Poldo) Sì, questa pianta come si chiama? Me lo dica che sono curioso.

Meo) Veramente (A Poldo, indicando prima una poi le altre) questa è: Trachycàrpus fortunèi (palma), Taxòdium disticùm  (cipresso) Pittospórum tobìra (siepe di pitosporo) Córylus maxima (nocciolo) Méspilus germanica (nespolo)… e poi quella è … è…

Alda) (Al marito sorridendo gli fa cenno di tagliare) Bonbon ancora caffè? E lei signora Mina?

Mina) No, grazie, a berne troppo poi ho paura di non dormire dopo.

Alda) (Curiosa) Ma lei, signora Mina, non ce l’ha un soprannome? Suo marito come la chiama?

Mina) Mina e basta. Non so se si può chiamare soprannome. Io mi chiamo Gelsomina però da sempre mi chiamano Mina. (Sorridendo fra sé compiaciuta) Mina perché dicevano che ero una bomba in tutto e vi garantisco che da giovane nel mio lavoro non avevo nessuno che mi battesse.

Alda) Ora non lavora più?

Poldo) (Allungando un calcio sotto il tavolo alla moglie) È da quando siamo sposarti che ha smesso di lavorare. (Vedendo Alda e Meo che si sorridono cambia discorso.) Ma qui, ci troviamo davanti a due sposini in luna di miele. Quanto tempo è che siete sposati, (canzonatorio) voi due, sposini?

Alda) (Sorridendo al marito) Sono quasi 30, pensate quanto tempo è già passato, anche se mi pare ieri quando ci siamo conosciuti.

Poldo) I nostri sono 23. Aspettiamo che arrivino i 25 e poi faremo una bella festa. Una festa di quelle grandi, non sembrano nemmeno passati tutti questi anni. Se non fosse perché abbiamo già una figlia grande… mi pare ieri quando ho conosciuto la mia Mina.

Alda) Come vi siete conosciuti?

Mina) (Imbarazzata, fa per raccontare, guarda il marito che parla al suo posto.) Veramente…

Poldo) Veramente, mi avevano trasferito a Venezia (o Brescia o Milano, ecc). A quel tempo ero ancora tenente. È stato a Venezia che sono passato prima capitano e poi colonnello. (Sognante) Bei tempi la vita di caserma, tutti che ubbidiscono senza discutere. Tutti sull’attenti. Tutti pronti. Begli anni.

Meo) Marciate, o della patria ìncliti figli (Carducci) Sa che anch’io ho fatto il soldato a Venezia, però ero in marina e non nell’esercito. (A Mina) Ma noi due non è che ci siamo già conosciuti? Ho proprio l’impressione di averla vista ancora. Non è che…

(Qualche tuono lontano)

Mina) (Interrompendolo) Non è che viene a piovere? Che scuro che si è fatto là in fondo.

Poldo) Hai chiuso il finestrino della macchina dalla tua parte Gelsomina?

Mina) Oh Cocco-bello, non mi ricordo, sarà meglio andare a vedere (si avvia) scusate signori, vado e vengo in una corsa (esce).

Poldo) (Guardandosi in tasca) Le chiavi della macchina Gelsomina, aspetta, come fai ad aprire, scusate signori, torniamo subito (la rincorre. Sul cancello si scambiano un paio di battute acide).

Mina) Cos’hai idea, che mi perda ad andare da sola?

Poldo) (Facendole vedere le chiavi) Non sarebbe la prima volta…

(Escono. Alda Raccoglie le tazzine.)

Scena 10 –  Meo e Alda rimasti soli riprendono a litigare di brutto

Meo) (Versandosi un goccetto) Chissà perché non hanno parcheggiato qui davanti. Dove sono andati a parcheggiare?

Alda) (Sgarbata) Che te ne importa dove hanno parcheggiato (Sarcastica gli toglie il bicchiere) Sì, vai pure avanti a bere. Continua a bere e vedrai che fine che farai. Dopo vieni da me a piangere quando ti scoppierà il fegato.

Meo) Non sono a quel punto Reginalda. Posso smettere di bere quando voglio, anche subito-subitissimo.

Alda) E allora smetti.

Meo) Smetterò quando sarà il momento. Smetterò quando lo deciderò io.

Alda) Sì, quando sarà troppo tardi e vedrai volare le bestie nere per il “delirium tremens”.

Meo) (Facendo dei segni con le dita per scaramanzia) Tièh tièh tièh.

Alda) Non sono mica io quella che ti porta scalogna, sei tu che ti sei rovinato con le tue stesse mani.

Meo) Oh, sempre quella storia, sempre dietro a togliermi il fiato per niente-niente.Gutta cavat lapidem – la goccia scava la pietra Cambia disco per una volta Reginalda. È ora che tu la finisca di fare l’isterica e di rompere le scatole.

Alda) Ah, sarei io quella isterica e rompiscatole! Ma guardati te, piuttosto, come sei conciato.

Meo) Sicuro che mi guardo, non come te che vedi la pagliuzza nei miei occhi e non vedi la tua trave. Una trave che mia rovinato-rovinato la vita, Va bene così?

Alda) Io avrei rovinato la vita a te! Sei tu che l’hai rovinata a me per quel tuo brutto vizio di bere (esce col vassoio).

Meo) (La segue) Non ho il vizio di bere. E ricordati che in questa casa sono io che porto i pantaloni (esce).

Scena 11 – Mina e Poldo ritornano e litigano sul cancelletto

(Mina e Poldo ritornano. Riappaiono le luci intermittenti della polizia ma senza sirena. Stanno circondando la casa, stridio di freni e sgommate.)

Poldo) L’avevo detto io che era una scusa quella del finestrino.

Mina) Macché scusa, Cocco-bello non vedi che è un foglietto di pubblicità? Guardalo bene.

Poldo) Sì, pubblicità! “Ti aspetto alle 5 all’inaugurazione della mostra in via…”. È uno che ti ha dato appuntamento.

Mina) Appuntamento un corno. Cocco-bello non vedi che è un biglietto scritto col computer?

Poldo) Computer o no, da dove viene questo biglietto Gelsomina?

Mina) Non so che cosa è e da dove viene. Non so chi l’ha scritto. E non so nemmeno chi è stato a metterlo sul tergicristallo. Vuoi capirlo sì o No.

(Nel rivedersi ecco di nuovo la trasformazione automatica, tutti diverranno sorridenti e felici.)

Meo) Allora, era chiuso il finestrino?

Mina) No, abbiamo fatto bene ad andare a vedere.

Poldo) Né finestrino né macchina erano chiusi. “Tutto ai quattro venti” , menomale che questa è una zona tranquilla.

Meo) Tranquilla-tranquillissima, qui non ce ne sono di ladri. Qui non hanno mai rubato nulla a nessuno, qui non ce ne sono di ladri. Anch’io tante volte lascio la macchina aperta e non è mai successo niente.

Poldo) Me pare di aver sentito una goccia.

Mina) Anche due gocce. Pare proprio che inizi a piovere.

Meo ) È meglio che andiamo in casa, prima di prenderla sulla testa, (guarda il cielo) quando che il temporale viene da Lonato non c’è da scherzare.

Scena 12 – Dora e il ladro

(Rientrano in casa. Ancora le luci intermittenti della polizia ma senza sirena. Stridio di freni. Il ladro non sa che fare, guarda il cielo. Esce dal suo nascondiglio. Pensa, poi con fare circospetto esce dal giardino e va avanti ed indietro di corsa davanti al cancelletto sbirciando ogni tanto la casa e lanciando occhiate preoccupate alle luci. Dora esce di corsa per riprendersi il cuscino sulla panchina. Il ladro la chiama continuando a correre pur restando fermo.)

Nando) Signorina, signorina.

Dora) (Fermandosi e osservandolo) Sì?

Nando) Scusi signorina, stavo facendo un po’ di “footing” ma pare che venga a piovere, non le fa niente se mi riparo sotto la gronda mentre passa il temporale?

Dora) (Simpatizzando) Ma certo, ho sentito anch’io una goccia (andandogli incontro sorridente, lo fa accomodare) venga, venga qui così non si bagna.

Nando) (Galante) Grazie, grazie, com’è gentile. Signorina?

Dora) Dora, veramente il mio nome è Isidora, ma tutti i miei amici mi chiamano Dora.

Nando) Posso chiamarla anch’io Dora come fanno i suoi amici?

Dora) Ma certo…

Nando) Come che è gentile signorina Dora

Dora) È il minimo che si può fare quando incomincia a piovere. E lei, come si chiama?

Nando) Nando (le porge e le stringe la mano trattenendola più del necessario) piacere Nando. Veramente il mio nome è Ferdinando, ma tutti i miei amici mi chiamano Nando. (Annusando l’aria) Mmmm… che buon profumo che ha addosso. Mmmmm… che profumo delicato, inebriante. Sa che io ho un debole per le donne profumate, Mi fanno girare la testa, stuzzicano la mia fantasia.

Dora) (Sorridendo) Davvero?

Nando) E che bel sorriso che ha signorina Dora. Quando sorride le si accendono gli occhi. Sa che i suoi occhi sembrano due perle? Sono luccicanti come due perle.

Dora) (Civettuola) Come è gentile signor Nando. E già che ci siamo, possiamo darci del “tu” noi due?

Nando) Ma certo signorina Dora. (Starnutisce) Non mi sarei mai aspettato che oggi venisse a piovere.

Dora) Questo tempo è matto come un cavallo.

Nando) “Tempo e signori fanno quello che vogliono loro”. (Starnutisce ancora.) È perché sono tutto sudato.

Dora) Venga dentro in casa allora, da non prendere qualcosa, (si avvia) si fa talmente alla svelta a prendere qualcosa con un tempo simile.

(Nando la osserva ma non si muove, starnutisce di nuovo.)

Dora) Andiamo, venga, non abbia paura. Qui non c’è nessuno che la mangia.

Nando) Ma i suoi, e i tuoi… avranno qualcosa da ridire se io… avranno qualcosa in contrario se io.

(Si sente fuori scena l’abbaiare del cane poliziotto – inizierà anche un poco di vento.)

Alda) (Esce a chiamare la figlia) Che  stai facendo Dora? (Vedendo Nando) Oh, buonasera signore.

Dora) Mamma, ti presento Nando, anzi Ferdinando, è Nando per gli amici

Nando) (Porge la mano ma gira il capo e starnutisce) Mi scusi signora.

Dora) Poveretto, stava facendo footing ed è tutto sudato. Con questo tempo è un minuto prendersi qualcosa.

Alda) Infatti, non state sulla porta ragazzi, (aprendo la porta) venite dentro prima di ammalarvi.

Nando) Non vorrei mica disturbare (starnuto).

Dora) Nessun disturbo. Prego, prego.

(Nel girare il capo all’ultimo starnuto Nando vede uno o due poliziotti che si avvicinano frugando fra i cespugli. Non se lo fa dire due volte ed entra precipitosamente. Dora e Alda che girano le spalle non notano niente. Entrano anche loro in casa. La polizia si guarda attorno cercando delle impronte. Esce Meo.)

Scena 13 – la polizia

Meo) Buonasera. Desidera?

1° agente) Buonasera a lei. (Cercando di sbirciare oltre la porta) Tutto bene in casa?

Meo) Certo, tutto a posto. Perché c’è un qualche problema?

1° agente) (Gli fa cenno di avvicinarsi) Venga, venga avanti verso di noi molto lentamente.

(Meo lentamente e perplesso va a sentire cosa vogliono)

1° agente) (Gli gira attorno) Controllavamo che la sua risposta fosse stata data liberamente e non sotto la minaccia delle armi.

Meo) Delle armi? Armi? Cosa sta dicendo signore?

1° agente) (Indicando la porta) Dentro tutto bene? È sicuro?

Meo) Più che sicuro-sicurissimo. Perbacco, sono il padrone di casa, non vuole che sappia quello che stiamo facendo dentro casa mia.

2° agente) E cosa state facendo di bello?

Meo) Abbiamo appena tirato il collo ad una bottiglia di quelle toste. Di quelle speciali-specialissime, giusta per l’occasione. Stiamo festeggiando i nostri ragazzi. Ne volete un goccio? Dentro-dentro, prima che piova.

1° agente) No grazie, siamo in servizio.

Meo) Se sapeste quello che vi perdete. Per una volta fate finta di niente, vi giuro e stragiuro                 che io non dirò niente a nessuno. Occhio a le Tagétes patùla (garofoline).

2° agente) (Molto ma molto sospettoso) Fermo! Occhio a che cosa?

Meo) Alle garofoline. Andiamo che fra poco viene giù l’acqua a secchi (si avvia).

2° agente) (Senza muoversi) Un momento: c’è solo la sua famiglia o ci sono altri estranei in casa?

Meo) (Tornando sui suoi passi) Estranei? No, non ce ne sono di estranei in casa. Ci siamo solo noi (elencando): io, mia moglie, i miei due figli, la fidanzata di mio figlio, la madre e il padre della fidanzata di mio figlio e un amico di mia figlia. Ma di che si tratta?

1° agente) Siamo sulle tracce di un ladro pericoloso, molto pericoloso che si aggira in questi paraggi. Lo stiamo braccando. Il fiuto dei cani poliziotto ci ha condotto fino a questa casa.

Meo) Signori, vi garantisco che non ci sono ladri in casa mia. La nostra è una zona tranquilla-tranquillissima. Non ce ne sono mai stati di ladro. (Facendo lo spiritoso) Noi di “ladro” abbiamo solo quello della luce.

2° agente) Non faccia tanto lo spiritoso, non è proprio il momento di scherzare.

1° agente) Non ha sentito cos’ha detto il mio collega? Si tratta di un ladro molto pericoloso. La preghiamo di non intralciare le indagini.

Meo) Intralciare le indagini? Io non intralcio proprio nulla. Voglio solo andare dentro casa. Signori, o dentro o fuori, fra poco arriva il finimondo. Guardate che scuro che si è fatto laggiù in fondo.

Quando tuona verso Verona – prendi la zappa e vai a zappare

Quando tuona verso Lonato – prendi la zappa e vai a casa

2° agente) Lo sappiamo, lo sappiamo,

Quando arriva da Lonato – riempie il fossato

(Spiega ad un Meo stupefatto) Noi della polizia sappiamo sempre tutto.

Meo) Quando arriva da Lonato non c’è da scherzare.

1° agente) La smetta, neppure col ladro c’è da scherzare caro Signore.

(Sulla porta si affaccia Dora con l’amico-ladro alle spalle.)

Dora) Babbo, dice la mamma come mai sei ancora lì fuori col temporale che … (le muoiono le parole in bocca pensando che siano venuti per lei) … la polizia? (Si aggrappa all’amico.) Non so il perché ma quando vedo una divisa mi viene sempre addosso una gran paura.

(Il ladro, senza toccarla di modo che lei non se ne accorga, furbescamente metterà il braccio attorno alle spalle di Dora. La polizia fa loro cenno di scendere. Fulminato poi da una sua occhiata farà finta di niente e la prenderà sottobraccio.)

2° agente) Avanti, avanti voi due. Avvicinatevi molto lentamente prego.

Meo) State attenti alle mie Tagétes patùla (garofoline) e a le Ipoméa tricòlor (campanelle rosa).

Dora) Cosa è successo babbo? Come mai la polizia? Per chi sono venuti? Per te?

Meo) Ma no, sembra che ci sia in giro un ladro pericoloso-pericolosissimo. Vieni qui svelta. (Alla polizia presentandola) Questa è Dora, mia figlia (e indica il ladro) e questo è il suo amico.

(La polizia capirà “amico” come “probabile fidanzato” gira loro attorno e li osserva attentamente poi fa loro segno di andare vicino a Meo. Il ladro impassibile sorriderà dolcemente a Dora.)

2° agente) (A Meo) Allora questa è sua figlia e questo è un suo amico? È sicuro di quello che dice?

Meo) Certo, vuole che non conosca mia figlia? Mia figlia, però il suo amico è…

(Poldo si affaccia proprio in quel momento sulla porta per vedere perché non rientrano e impedisce così a Meo ulteriori commenti. La Polizia scatta puntandogli contro le pistole.)

Poldo) (Alza le mani istintivamente) Che succede? Come si permette, guardi che io sono un ex-colonnello dell’esercito.

1° agente) Colonnello o no, fermo e non si muova.

Meo) Ehi capo, guardate che questo non è un ladro. Questo è il signor Leopoldo, il padre della fidanzata di mio figlio. Ed era davvero un colonnello dell’esercito, e di quelli tosti-tosti. È qui con sua moglie, sono venuti per…

1° agente) (Facendo cenno a Poldo di avvicinarsi lentamente. A Meo) Zitto lei che le domande le facciamo noi.

Mina) (Sulla porta dietro le spalle di Poldo) Che succede Cocco-bello? Che state facendo lì fuori col rischio di prendere il raffreddore. Guarda che vento, ritorna dentro. (Vedrà la polizia con le armi spianate) Che succede (alza le mani, al marito) Leopoldo cosa hai combinato questa volta?

Poldo) Sta zitta e sta calma Mina, stai dietro a me. Non aver paura che ti difendo io. Sono un soldato. Sono abituato a fare la guerra e non ho paura di nessuno.

Meo) (Alla polizia) Abbassi quella pistola. Questi signori sono i miei futuri consuoceri. I genitori della fidanzata di mio figlio. Non mi credete? Volete vedere la carta d’identità?

(Poldo fa per prendere la carta d’identità e subito la polizia lo immobilizza e gli fa alzare ancora le mani. La polizia fa cenno a Poldo e a Mina di scendere lentamente. Poldo, con suo grande disappunto, è perquisito. E’ poi invitato ad unirsi agli altri e a restare in silenzio. La polizia, molto professionalmente punterà di nuovo la pistola verso la porta.)

Poldo) (A Meo) Che succede?

Meo) Sembra che un ladro pericoloso-pericoloso si sia nascosto proprio dentro casa nostra. Attendo a l’Adiàntum raddiànum (capelvenere).

Poldo) (Indicandola) In questa casa? Come ha fatto ad entrare?

2° agente) I cani poliziotto hanno annusato il suo odore fino a quel muretto (indicando il giardino) di sicuro il ladro è qui, in questa casa. Il fiuto dei cani poliziotto non sbaglia.

Meo) E siccome nel giardino non c’è, per forza si è nascosto in casa.

2° agente) I nostri cani si sono rifiutati di proseguire oltre. Si sono fermati dietro il muretto di questa casa e non si sono più mossi. Il ladro è certamente in questa casa.

Mina) In questa casa c’è un ladro pericoloso. Dentro in casa? Ma dentro c’è mia figlia (chiamando ad alta voce.) Nella, Nella (preoccupata) la mia Nella è là dentro.

Poldo) Sta calma Mina, sta qui al sicuro, vado io a prenderla, io non ho paura di nessuno (si avvia deciso).

1° agente) (Fermandolo) Lei resti qui fermo e non si muova per favore. Ci pensiamo noi.

Poldo) Non mi muovo? Come si permette di dare degli ordini a me! Lei non sa chi sono io. Si metta sull’attenti davanti a me. Io sono un colonnello. Io ho dato ordini per trent’anni e nessuno si è mai permesso di contraddirmi. Lei a me di ordini non de dà. Chiaro! (Riparte deciso fermato dalla polizia che gli fa cenno di tornare al suo posto.) Io non prendo ordini da nessuno. Non ci sono né ladri ne poliziotti che mi possono fermare.

Mina) (Stupita e orgogliosa) Come che è coraggioso il mio Cocco-bello.

Scena 14 – Cinto e Nella

(Meo e la moglie cercano di calmarlo. Nella si affaccia sulla porta. Cinto è subito dopo di lei.)

Nella) Mi hai chiamato mamma? Che succede?

(La scena si svolge velocemente. La madre, concitata, le fa cenno di avvicinarsi e Nella esce per andare da lei. Cinto, incuriosito, fa per seguirla. La polizia, armi in mani lo bloccherà e Cinto automaticamente alzerà le mani. Nella si rifugia dalla madre e nel vedere il suo Cinto arrestato inizierà a piangere sconsolatamente. Se possibile, il vento nel frattempo si sarà fatto più forte. Lo scoppio del temporale è imminente.)

Cinto) Va bene, va bene, non l’ho fatto apposta. Insomma mi è venuto istintivo fare così col braccio.

Meo) Che segno hai fatto col braccio. A chi lo hai fatto?

Cinto) Scherzavamo babbo. L’altra notte, fuori dallo stadio dopo essere stati alla partita Brescia - Atalanta (Batte la mano destra nell’incavo del gomito di quella sinistra che terrà tesa) non lo sapevo che fossero dei carabinieri in borghese.

1° agente) Non ci interessa né dove né a chi l’ha fatto quel gesto (marcando la parola) irriverente. Noi siamo qui per cose molto più gravi.(L a polizia lo perquisisce.)

Meo) Guardi che questo è mio figlio, capo.

2° agente) Anche questo è suo figlio? Quanti figli ha lei.

Meo) Due. Questo e Dora (indicandola).

2° agente) È sicuro che…

Meo) (Interrompendolo) Certo che sono sicuro di avere due figli. (Risentito) Cosa sta dicendo?

1° agente) (Facendo cenno a Cinto di unirsi agli altri) Si sposti e ci lasci lavorare(A Meo) Abbiamo tutti i nervi a fior di pelle, la prego di non complicarci la vita. Si metta tranquillo che ora vedremo di stanare il ladro (Prende un megafono) Allora è sicuro che in casa non ci sia più nessun figlio? Non è che fra qualche minuto esce qualcun altro, vero?

Meo) (Seccato) Cosa crede, che sia rimbambito. Ho due figli e sono tutti e due qui con me.

Dora) E la mamma? (Guardandosi attorno.) Dov’è la mamma.?

Scena 15 – Alda è in pericolo

Meo) (Agitandosi) È rimasta mia moglie là dentro. La mia Alda è là dèntro. La mia Stella è là da sola-sola con un ladro pericoloso-pericoloso. (A Dora) Dov’era l’ultima volta che hai visto la mamma?

Dora) Andava giù in cantina per prendere un paio di bottiglie di acqua minerale.

Nella) No, io l’ho vista en cucina a risciacquare le tazzine.

Cinto) Era andata nel ripostiglio a prendere la scopa.

Dora) Poverina la mamma, babbo. La mamma gira per casa da sola e non sa che dentro con lei c’è un ladro pericoloso. (Agli agenti) Ha la pistola?

2° agente) Non si sa se ha la pistola, o fucile, o un semplice coltello da macellaio. Sappiamo solo che è armato.

Dora) (Agitandosi) La mia mamma è in pericolo. Povera la mia mamma, poverina (Slanciandosi verso la porta) Bisogna andare a salvarla.

Meo) (Fermandola) Sta calma Dora. Tu resta qui al sicuro che vado io a prendere la tua mamma, io non ho paura di nessuno (si avvia deciso) gli do una botta di quelle giuste-giuste sulla tesa di quel ladro che gli faccio passare la voglia di fare il ladro fin che scampa.

(Gli agenti cercheranno di fermare tutti i disobbedienti. Alda appare sulla porta, nessuno la nota.)

Meo) (All’agente che lo blocca) Devo andare a salvare mia moglie. È mia moglie ed io per lei mi butterei anche nel fuoco.

Cinto) Oh yes, vengo con te per aiutarti babbo.

Meo) Bravo Cinto, noi due insieme non abbiamo paura di nessuno.

Poldo) Vengo anch’io con voi. Un soldato non ha paura di nessuno.

Ladro) Ed io non mi tiro indietro. Vengo anch’io per aiutarvi.

1° agente) (Finalmente fermandoli) Voi non andate proprio da nessuna parte. (A Meo che è quello più agitato.) E lei resti qui fermo e non si muova per favore.

Meo) Non mi muovo? A me non importa nulla se dentro c’è un ladro pericoloso-pericoloso. Mia moglie e in casa da sola con un individuo simile. Sta scherzando! Non ce ne sono di ladri o poliziotti che mi fermano. Mi lasci andare: mia moglie, mia moglie, vuole capirla si o no.

1° agente) Le ho detto che ci pensiamo noi a sua moglie. Stia calmo e ci lasci lavorare.

Meo) (Fa finta di ubbidire poi si divincola e tenta di avviarsi di nuovo verso la porta.) Mia moglie è in pericolo e voi volete tenermi qui fermo. Nemmeno parlarne. Io sono suo marito e devo salvarla.

Alda) Perché vuoi salvarmi Meo? Da chi vuoi salvarmi ?

(Alle sue parole tutti la guardano, la polizia si gira impugnando la pistola contro di lei. Alda lancia un grido. Meo parte alla carica, prende sua moglie e la trascina con se dove si trovano ammassati tutti gli altri.)

1 agente) (Furibondo) Le avevo detto di non muoversi perdincibacco.

2° agente) E se qualcuno le avesse sparato. Ci sarebbe scappato anche il morto per  colpa sua.

Meo) Mia moglie era in pericolo e io dovevo salvarla.

Alda) Pericolo, perché Meo? Che succede?

(Mentre la polizia parla col megafono Meo le racconta sottovoce quello che è successo. Mentre poi preparano i lacrimogeni si sente miagolare un gatto.)

1° agente) (Parlando nel megafono) Qui è la polizia che parla. Si arrenda. La casa è circondata. Per lei non c’è più scampo. (Dopo qualche minuto, visto che nessuno risponde, passa all’attacco.) Lanciamo i lacrimogeni. È l’unico modo per stanarlo.

Scena 16 – il gatto

Dora) Fermi fermi. Il mio gattino. Dentro in casa c’è rimasto il mio gattino. Me lo farete morire con quei cosi lì (trattiene il braccio del poliziotto).

Nella) (Agisce anche lei trattenendo l’altro braccio del poliziotto) Per uno stupido di ladro, non vorrete ammazzare un povero gattino che non c’entra niente.

1° agente) Signorine lasciatemi le braccia per favore. Per stanare il ladro bisogna sacrificare il gatto. Non c’è alternativa.

(Tuoni, lampi e vento forte. Dora e Nella, insieme, iniziano a piangere disperatamente. Cinto, avanzando deciso, coglie tutti di sorpresa ed entra in casa. Tutti trattengono il fiato. La polizia punta l’arma verso la porta. Dopo qualche attimo riemerge col gattino e lo consegna a Dora che lo abbraccia e lo ringrazia. Tutti fanno festa a Cinto quasi fosse un eroe. Lui si schermisce.)

Polizia) (Parlando ancora nel megafono) Qui è la polizia che parla. Si arrenda. La casa è circondata. Per lei non c’è più scampo. (Dopo qualche minuto, visto che nessuno risponde, passa all’attacco.) Lanciamo i lacrimogeni. È l’unico modo per stanarlo.

(Riappare sulla scena il ragioniere che sbircia incuriosito. Si farà in modo che Dora, dietro agli altri, non riesca a vederlo. Nando invece lo vede, ne approfitta ed inizia a gridare indicandolo: Al ladro – al ladro. Il ragioniere preso alla sprovvista scappa. La polizia lo rincorre e tutti gli altri dietro come pecore. La scena si vuota.)

cala il sipario

ATTO II

Scena 1 – Dora e Nando alla ricerca del gatto

(Stessa scena del primo atto. Il temporale è passato - bello sarebbe vedere un arcobaleno sullo sfondo e se si vuol rendere ancor più realistica la scena i personaggi entreranno con le spalle e i capelli umidi - si sentono gli uccellini cantare. La scena è vuota. Dora avrà due bei graffi sulle mani o forse anche uno in viso. Entra prima lei poi Nando.)

Dora) Micio… micio…(cercandolo) poverino il mio micetto… chissà se si è salvato dalla grandine. Hai visto che chicchi?! Sembravano uova di gallina.

Nando) I gatti hanno sette vite. Non preoccuparti per lui che non l’avrà presa sulla testa di sicuro.

Dora) I gatti hanno paura dell’acqua e guarda quanta ne è venuta. Non andare a calpestare le piante a mio padre che poi dà fuori di matto.

Nando) Il tuo gatto sarà andato a nascondersi sotto una qualche macchina o una qualche panchina.

Dora) (Fa vedere le mani.) Mi ha piantato una graffiata quel disgraziato quando ha visto tutti qui cani poliziotti.

Nando) Aveva gli occhi fuori dalla testa. Hai visto com’è scappato fallito… micio micio…

(Nando con indifferenza cercherà di avvicinarsi al suo nascondiglio ma Dora, ogni volta lo fermerà, sempre prendendolo per un lembo della giacca e tirandolo indietro.)

Dora) Però i cani continuavano lo stesso ad abbaiare anche dopo che il gatto era scappato. I poliziotti non riuscivano a farli stare zitti. Pareva perfino che ce l’avessero a morte con te.

Nando) Se vede che non gli ero molto simpatico. A dire la verità, a me non piacciono molto i cani mi fanno un poco di paura.

Dora) Loro lo sentono d’istinto quando uno ha paura… micio micio micio…

Nando) I cani sono sempre cani. Quando vedono un gatto non capiscono più nulla… micio…

Dora) Quello scuro poi: era quello più cattivo di tutti. Se gli andavi sotto le sgrinfie ti avrebbe sbranato. Hai visto come ringhiavano. Fortuna che dicono che i pastori tedeschi sono cani intelligenti e che i cani poliziotti vengono addestrati.

Nando) Quelli sono stati addestrati male. Mi pareva che non ascoltassero molto il padrone… micio… micio…

Dora) Menomale che erano legati.

Nando) E legati bene. Micio micio micio…

Scena 2 – passata è la tempesta

(Nando e Dora cercano il gatto. Entrano Meo e Alda e si scambiano 3 battute sul cancello. Entrambi avranno le mani graffiate dal gatto.)

Meo) Passata è la tempesta, odo augelli far festa e sulla via…il gallo e la gallina… non me la ricordo più.

Alda) È l’arteriosclerosi che avanza Bartolomeo, i rametti che si seccano. Con tutto il bere che fai per forza non hai più memoria.

Meo) (La guarda torvo ma non si scoraggia.) Il gallo… no… La gallina è sulla via… pensare che una volta la sapevo così bene.

Alda) (Vede Dora e Nando) Non è qui il tuo gatto. Lo abbiamo visto noi cinque minuti fa dall’altra parte della via (fa vedere le mani graffiate).

Dora) Dove di preciso dall’altra parte della via?

Meo) Era sul ramo della “Cryptoméria japonica” quella che c’è proprio sull’angolo.

Alda) Vuol dire che era sopra un ramo del pino della signora Cecilia.

Meo) I rami che dànno sulla strada. Era bagnato-bagnatissimo peggio di un pulcino, ho tentato di prenderlo (facendo vedere le mani) ma lui è scappato via veloce come i pallini del fucile.

Alda) (Fa vedere anche lei le mani.) Quello non è un gatto, quello lì è peggio di una tigre della Malesia.

Meo) Nemmeno Sandokan sarebbe capace di prendere quello lì, te lo garantisco io.

Dora) Era randagio, era abituato a difendersi. Poverino, è ancora spaventato per tutti quei brutti cani poliziotto che gli abbaiavano dietro.

Alda) Spaventato? Stregato! In due non siamo riusciti a prenderlo, magari se sente la tua voce, Dora, si calma e si lascia prendere. Prova tu ad andare a vedere.

Dora) (Prende ancora una volta  Nando per la giaccia) Andiamo, vieni che ti aiuto a prenderlo. (Escono.)

Scena 3 – Meo e Alda

Meo) (Raccoglie un fiore sciupato.) Povero povero il mio Pelargoniùm hortòrum (geranio)

Alda) (Strappandoglielo di mano e buttandolo via) Povero lui? povera me. Ho i piedi tutti bagnati, zuppi (si siede e tira il marito per la giacca per farlo sedere accanto).

Meo) (Sbirciando il suo angolo.) Le mie scarpe fanno ciffete-ciaffete.

Alda) Cosa ti è venuto in mente di correre dietro al ladro Bartolomeo.

Meo) Non è venuto in mente solo a me. Sembra che tutti abbiamo avuto la stessa idea Reginalda. È stato d’istinto. Loro hanno iniziato a correre e noi dietro come tante-tante pecore.

Alda) Hai visto che grandinata? Menomale  che la polizia ci ha aperto le portiere delle macchine e ci ha fatto entrare, altrimenti a quest’ora saremmo tutti bagnati come pulcini.

Meo) Che stupidi-stupidi siamo stati, si sapeva che arrivava il temporale. Si poteva correre in casa invece che correre dietro a questo ladro. C’erano già i poliziotti che gli correvano dietro.

Alda) Io volevo vedere se lo prendevano. Non è una cosa di tutti i giorni vedere un inseguimento. Di solito si vede solo in televisione o al cinema.

Meo) Peccato che proprio in quel momento abbia iniziato a grandinare. Con quel furore e con quella tempesta Ch'escono i cani a dosso al poverello (Dante).

Alda) Hai visto quel povero ladro come scappava con le mani sulla testa? Mi dispiaceva perfino. Tu, Meo, pensa che avrei voluto chiamarlo e dirgli di venire a ripararsi con noi, ma come si poteva fare. Eravamo tutti dentro una macchina della polizia.

Meo) Dentro 3 macchine della polizia, il signor Poldo e sua moglie in un'altra e i ragazzi in un'altra ancora.

Alda) Ci saranno state una trentina di macchine della polizia in giro. Hai visto che esagerazione di polizia.

Meo) Se vede che quello lì è un ladro grosso per davvero.

Alda) Però, che gentili che sono stati con noi i poliziotti.

Meo) Gentili e professionali.

Alda) più ancora di professionali: non mollavano l’osso. Hanno provato a corrergli dietro anche se non ci si vedeva niente a un metro di distanza.

Meo) Hai visto che fumo faceva l’asfalto Alda? Io non ho mai visto una cosa simile.

Alda) Sembrava il diluvio universale. Povero ladro sotto quella grandine.

Meo) Povero ladro un corno, sembra che sia riuscito a scappare.

Alda) Sì, ma gli sarà venuta una faccia così (fa il gesto con le mani) c’erano i chicchi che parevano grossi come uova di gallina.

Meo) Non esagerare, uova di piccione caso mai (colpito da un’idea va verso la porta d’entrata).

Alda) Uova di gallina ti dico.

Meo) Lo sai che se noi abbiamo vinto la battaglia di San Martino e Solferino è stato per merito di una grandinata come questa?

Alda) Ma va, sempre a raccontarle grosse. Non dire bestialità.

Meo) No, è vero. Erano le 4 del pomeriggio. Ha iniziato a grandinare contro gli austriaci e…

Alda) Quando grandina: grandina su tutti.

Meo) Giusto. E siccome veniva giù così (fa il gesto con la mano) addosso a loro. Non potevano più andare avanti e hanno dovuto andare in dietro. Hanno dovuto ritirarsi. E noi abbiamo vinto. (sulla porta) lo sai che siamo andati via con l’uscio aperto?

Alda) Ma sì, questa è una zona tranquilla, qui non ce ne sono di ladri.

Meo) Era una zona tranquilla-tranquillissima. Dopo quello che è successo oggi non so se si può ancora chiamare tranquilla-tranquillissima.

Alda) Te Meo. Lo sai che hai rischiato di farti sparare.

Meo) Non sono io quello che ha rischiato. È stato Cinto quando che è andato a salvare il gattino della Dora.

Alda) Dicevo di prima. Ero sulla porta quando ho visto che tu volevi venire dentro a salvarmi e tu hai detto alla Dora:  “Vado io a prenderla, io non ho paura di nessuno. La salvo io la tua mamma.”

Meo) M’è venuto così, non so nemmeno io il perché. È come se mi fosse scattato una molla dentro-dentro.

Alda) Se non l’avessi sentito con le mie orecchie non ci crederei. Tu hai detto proprio: “È mia moglie caro il mio signore, e per mia moglie mi butterei anche nel fuoco.”

Meo) Non mi ricordo di avere detto così. Ho proprio-proprio detto così? Che coraggioso che sono stato! il coraggio uno non se lo può dare (Manzoni).

Alda) Sì. (Ricordando.) Hai proprio-proprio detto così e le tue parole mi si sono appoggiate qui  (si tocca il cuore) e mi hanno smosso dentro. Hanno soffiato sopra le braci di un focherello che credevo già morto da un pezzo.

Meo) In quel momento, quando ho visto che eri in pericolo, ho capito che non me la sarei mai perdonata se ti fosse capitato qualcosa di brutto-brutto.

Alda) Che ne dici Bonbon. Forse non è vero che ci siamo rovinati la vita a vicenda.

Meo) Forse ce l’abbiamo riempita a vicenda Stella d’oro.

Alda) (Pensierosa) Lo sai Bonbon che volersi bene non costa niente e che nessuno ce lo impedisce di volerci bene.

Meo) E allora proviamo Stella d’oro.

Alda) A fare?

Meo) A fare come i confetti. Alla mandorla amara ci mettiamo attorno lo zucchero.

Alda) Guarda che senza saperlo ce lo abbiamo sempre messo attorno lo zucchero alla nostra mandorla amara. Certo, se volevi gettarti nel fuoco per me, altro che zucchero!

Meo) È stato in quel momento che ho capito che ti volevo ancora bene. Ho capito che non potrei più vivere senza di te, Stella d’oro.

Alda) Lo sai cosa facciamo ora Bonbon, vado a prendere le due fettine di torta che sono rimaste. E ce le mangiamo qui, noi due, da soli. Festeggiamo. Festeggiamo non so che cosa, ma ho voglia di festeggiare.

Meo) Brava, festeggiamo. Porta anche da bere.

Alda) (Titubante) Acqua?

Meo) Acqua, va bene Stella d’oro (sospiro coraggioso): acqua. Le Romane antiche, per lor bere, Contente furon d'acqua (Dante).

Scena 4 – Meo nel suo cimitero personale.

(Alda rientra in casa e Meo va a controllare il suo cimitero personale. È preoccupato che l’acqua non abbia dissotterrato qualche bottiglia. Tutto a posto, intravede qualcosa e trova il pacchetto che il ladro ha nascosto tra le foglie e che il forte temporale ha fatto cadere. Meo lo osserva perplesso. Si appoggia al tavolo per scartalo. Toglie un involucro,ovviamente impermeabile, poi un altro, un altro ancora, ed infine ecco comparire un pacchetto di soldi di grosso taglio, mazzette da 500 euro. È senza parole. Si guarda attorno, non visto, ne sfila prima una e poi, non resistendo alla tentazione, ne prende una seconda e se le mette in tasca.)

Scena 5 –  una banconota per Alda

Meo) Audàces furtuna iùvat -la fortuna sorride agli audaci.

Alda) (Esce con un vassoio con torta e bicchieri, appoggia il tutto sul tavolo.) Che non ti venga in mente di entrare in casa con quelle scarpe. (Curiosa) Cosa hai in mano?

Meo) Ho trovato questo Stella?

Alda) Cos’è? Fammi vedere. Dove lo hai trovato?

Meo) Nel giardino. Ero andato a vedere come la grandine aveva conciato le mie Ipoméa tricòlor e l’ Adiàntum raddiànum che ho piantato settimana passata.

 (Alda si avvia verso il giardino. Lui, stringendo il pacchetto la ferma e la riporta indietro.)

Meo) Dove stai andando. Guarda che poltiglia che c’è.

Alda) (Guardandosi le scarpe.) E allora? Cosa c’è in questo pacchetto?

Meo) Soldi. Euro Reginalda, un mucchio-mucchissimo di euro. Sono mazzette di euro.

Alda) Stai scherzando Bartolomeo?

(Meo le mostra il contenuto, Alda lancia un grido e Meo la zittisce con la mano sulla bocca.)

Alda) Ma… ma… sono moltissimi. Sono veri o sono falsi Bonbon?

Meo) (Guardandoli e annusandoli.) Sembrano veri-veri Stella cara.

Alda) (Stupefatta.) Guarda quanti sono. Da dove vengono?

Meo) Ho idea che siano quelli della rapina. Si vede che è vero che il ladro si era nascosto qui.

Alda) (Furbescamente) Però gli abbiamo trovati nel nostro giardino. E se li tenessimo senza dire nulla a nessuno?

Meo) No, dobbiamo andare subito alla polizia. Non sono nostri, dobbiamo restituirglieli. Noi siamo persone oneste Stella cara.

Alda) Non si potrebbe farne sparire uno?

Meo) No, no, nemmeno parlarne. (Scuote il capo in segno di diniego.) Se onesta cagione avesse potuto avere (Boccaccio). Ti ho detto che noi non siamo dei ladri, siamo persone oneste-onestissime. D’onore, rispettabili.

Alda) Guarda quanti sono. Chi vuoi che se ne accorga se ne manca uno.

Meo) La tentazione è grande: Abýssum abýssum invòcat (l’abisso chiama l’abisso) salmo XLI di David ma non è questa la questione. E se per caso si accorgono che ne mancano un paio, che figura ci facciamo.

Alda) Come un paio. A me ne baserebbe uno.

Meo) Né uno né due né tre. Ti ho detto di no. Noi, siamo dei galantuomini, persone di onore.

Alda) Guarda quanti sono. Fallo per me Bonbon. Pago tutti i debiti e non ne farò più anzi, farò l’agopuntura.

Meo)  L’agopuntura?

Alda) Sì, qualcosa dovrò ben fare. Mi hanno detto che la mia è una specie di malattia e che si può curarla con l’agopuntura. Mi è stato detto di provare con quella.

Meo) L’agopuntura? Quella dove ti pungono con gli aghi?

Alda) Non te ne accorgi quando ti pungono. Sembra che non faccia bene solo per i dolori o i mal di pancia, mi hanno detto che fa bene per dimagrire o per quelli che si mangiano le unghie o quelli, come me, a cui piace spendere e spandere.

Meo) Farà bene anche a quelli come me a cui piace berne un bicchiere di più?

Alda) Può darsi. Però so che per quelli ci sono gli alcolisti anonimi che ci pensano. Sono loro gli  specialisti. Tu devi per forza andare da loro se vuoi guarire per sempre.

Meo) Dagli alcolisti anonimi?

Alda) Certo. Dai, fammeli almeno toccare.

(Alda prende le banconote. Nando si preannuncia con uno sternuto mentre Bonbon si volta lei ne sfila una e la mette velocemente in seno. Meo vede arrivare Dora e Nando e si riprende i soldi. Mentre i ragazzi parlano Alda discuterà ancora un poco col marito e poi rientra in casa. Nando sul cancello cercherà gli occhiali in tasca senza trovarli, anche lui avrà le mani graffiate.)

Scena 6 - una banconota per Dora

Nando) Ho perso i miei occhiali.

Dora) Non è che li hai lasciati davanti alla panchina quando ti se inginocchiato per farlo venire fuori?

Nando) Per venire fuori è venuto fuori, (fa vedere i graffi alle mani) ma non ci sarà più pericolo che tenti di prenderlo, quel diavolo di un gatto.

Dora) Povero il mio micetto. È perché lo hai spaventato ancora di più con quel brutto bastone.

Nando) Se non avessi avuto il bastone mi cavava gli occhi. Aspettami qui che arrivo subito. Vado a vedere se li trovo ancora, erano di marca, (esce velocemente) faccio una corsa e vengo.

Dora) (Ha la vista lunga, avvicinandosi curiosa, al padre) Che pacchetto è quello lì babbo?

Meo) Niente, niente Dora, non fare la curiosa. Più curiosi delle parole che dei pensieri (Foscolo)

Dora) Dai fammi vedere. E allora babbo? Che pacchetto è? Cosa c’è in questo pacchetto?

Meo) Non so nemmeno io se posso dirtelo. (Con fare molto circospetto) Sono soldi Dora. Soldi.

Dora) Soldi?

Meo) Soldi. Euro, un sacco di euro-euro.

Dora) Stai scherzando babbo?

(Meo le mostra i soldi, Dora lancia un grido e Meo la zittisce con la mano sulla bocca.)

Dora) Ma, ma sono tantissimi. Oh (stupefatta) guarda quanti sono. Da dove vengono? Dove li hai trovati?

Meo) In mezzo alla Ipoméa tricòlor e l’Adiàntum raddiànum che ho piantato la settimana passata, sotto il Taxòdium disticùm in quell’angolo. Ho idea che siano quelli della rapina.

(Dora si avvia verso il cimitero del padre ma lui la ferma e la riporta indietro.)

Meo) Resta qui che ti sporchi tutte le scarpe.

Dora) Allora è vero che è venuto dentro un ladro. (Furbescamente.) Però li abbiamo trovati nel nostro giardino. E se dovessimo tenerli e non dire niente a nessuno babbo?

Meo) No, dobbiamo andare subito alla polizia. Non sono nostri, dovremmo ridarli indietro. Noi, purtroppo, siamo persone oneste-onestissime Dora.

Dora) Non si potrebbe farne sparire uno?

Meo) No, no, nemmeno parlarne. (Scuote il capo in segno di diniego.) E se dopo se ne accorgono che ne mancano, che figura facciamo. Ti ho detto che noi siamo persone oneste-onestissime. Persone di onore.

Dora) Chi vuoi che se ne accorga se ne manca uno. Fammeli almeno toccare. (Bramosa) Non ho mai visto tanti soldi insieme.

(Dora prende le banconote, arriva Nando con un grande sternuto, mentreMeo si volta Dora ne sfila una e la mette velocemente in seno. Meo vede arrivare Nando e si riprende il pacchetto i soldi.)

Nando) (Riconosce il suo pacchetto, si allarma, sbircia il suo nascondiglio, fa finta di niente ma non può trattenersi dal dire sottovoce quasi incomprensibile)… ha trovato i soldi.

Meo) (Capisce solo la parola soldi. Sospettoso) Cosa ha detto Ferdinando? Cosa ha detto che c’è dentro questo pacchetto? Ha detto per caso la parola: soldi?

Nando) Soldi? Quali soldi?

Meo) Non sa niente lei di questo pacchetto qui ?

Nando) Io no. È la prima volta che lo vedo. Cosa c’è dentro?

Dora) Soldi, euro. Dovrebbero essere quelli della rapina perché sono proprio tanti tanti.

Meo) Avevo detto di non dir niente a nessuno Dora. Di aver parlato mi pentii qualche volta, di aver taciuto, mai, (Ludovico il Moro).

Dora) Tanto ha visto il pacchetto.

Meo) Cosa vuol dire se ha visto il pacchetto. Dovevi tacere. Adesso telefono alla polizia.

Nando) No, aspetti un momento… che…

Meo) Noi siamo persone oneste-onestissime. Sono costretto a telefonare (entra deciso in casa).

Scena 7 – Nando si confessa

(Meo esce, Dora lo segue e Nando la ferma.)

Nando) Aspetta Dora, (imbarazzato) vieni qui, siediti che ho una cosa da dirti. Ti conosco da poche ore ma sento che posso fidarmi di te. Lo sai perché i cani continuavano ad abbaiarmi dietro?

Dora) Perché a te non piacciono mica i cani, tu hai paura e loro lo sentono.

Nando) No, mi abbaiavano dietro perché mi avevano conosciuto dall’odore.

Dora) (Annusandolo) Va bene che loro hanno il naso fine, ma non è che tu puzzi molto. Appena appena di sudore. D’altronde, quando uno fa “footing” suda. Un poco di puzza è normale.

Nando) Non sentivano l’odore del sudore.

Dora) No?

Nando) No. Loro avevano capito chi fossi. Aiutami Dora. Ho fatto una stupidata, tutti si fa una stupidata ogni tanto. Se dovessi tornare indietro non la farei più. Aiutami, non sono un cattivo ragazzo.

Dora) Cosa stai dicendo?

Nando) Sto dicendo che stamattina nell’andare a lavorare mi sono fermato in un ufficio postale perché dovevo imbucare una busta. Vado dentro, faccio la coda. C’erano due bimbetti che mi guardavano e io gli facevo bubu-cettete col cappellino, gli occhiali e mascherina.

Dora) Quale mascherina?

Nando) (Togliendola dalla tasca) Questa, quella che metto quando vado in bici per via dei gas di scarico delle macchine. E loro ridevano. Intanto ero arrivato davanti allo sportello. Poi mi sono accorto che avevo qualcosa attaccato alle scarpe e così ho tirato fuori il mio coltellino. La colpa è tutta di quegli sporcaccioni che portano a spasso il cane senza raccogliere le mance che perdono per strada.

Dora) Quando vado al cassonetto non ti dico cosa c’è attorno. Va bene, e il coltellino?

Nando) Sì, (togliendo da un’altra tasca un coltellino a serramanico) io viaggio sempre col mio coltellino, non si sa mai che possa occorrere. Mi chino, in quel momento uno dei bambini fa scoppiare un sacchetto di carta. Mi alzo in piedi, sempre col coltellino in mano…

Dora) (Interrompendolo) Allora ti hanno visto in faccia?

Nando) No perché avevo gli occhiali e il cappellino e la mascherina.

Dora) Ho capito. Ti sei alzato in piedi e dopo?

Nando) Dopo è scoppiato il finimondo. Tutti che gridavano: “Una rapina – una rapina”. Chi si buttava per terra, chi contro il muro. Ed ecco che l’impiegata mi passa un pacchetto di soldi e mi dice spaventata: “Tenga, Tenga” … Tenga e io li ho presi.

Dora) Tu li hai presi?

Nando) Non so nemmeno io il perché. Nessuno mi ha fermato e sono andato fuori coi soldi. Poi hanno incominciato a corrermi dietro e io sono scappato. Loro correvano e io scappavo. Scappa che tu che scappo io, ora sono qui.

Dora) (Con gli occhi fuori dalla testa) Ma allora, tu sei un ladro?

Nando) Ladro per caso. Vorrei vedere tu al mio posto, ti danno i soldi e tu che fai? Li lasci li? Ci scommetto che li avresti presi anche tu.

Dora) No, io non li avrei mai presi, io sono una persona onesta.

Nando) Tutti siamo onesti fino a che non capita l’occasione. Aiutami Dora a uscire da questo pasticcio.

Dora) Ti aiuto Nando. Gli diciamo tutto a mio padre, sentiamo quello che dice lui.

Nando) E se mi denuncia.

Dora) Ma no, non stare mica a preoccuparti, vedrai che capirà e ti aiuterà. Dirà che sei anche tu un confetto con la mandorla amara.

Nando) Che vuol dire?

Dora) Che non tutti i salmi finiscono in gloria.

Scena 8 – la linea è interrotta. Che fare?

Meo) (Uscendo.) In casa manca la luce e non funziona neppure il telefono. Ho perfino l’impressione che non ci sia la linea. Con la grandinata che c’è stato, è facile che una pianta sia caduta e che abbia rotto un qualche filo.

Dora) Non sarebbe la prima volta che dopo i temporali non funziona più il telefono. E cos’ che fai?

Meo) Vado di persona a portarglieli e gli spiego dove li ho trovati.

Dora) Non puoi andare da solo babbo, e se te li rubano? (Lo prende sotto braccio per accompagnarlo in casa). Sono tantissimi

Meo) Sono proprio tanti-tantissimi, ma…

Dora) (Lo interrompe.) Andiamo, vieni dentro che dobbiamo dirti una cosa e dopo decideremo cosa fare.

(Entrano tutti e tre. La scena resta vuota poi arrivano Poldo e Mina, la loro macchina non riparte e vengono a chiedere aiuto. Dopo un poco entra il ragioniere, non visto si guarda attorno cercando Dora, prova a telefonarle ma capito che non è ancora il momento se ne va.)

Scena 9 - Poldo e Mina

Mina) Ho i piedi zuppi d’acqua. Cosa ti è venuto in mente di correre dietro al ladro Cocco-bello?

Poldo) Non è venuto in mente solo a me. Sembra che tutti abbiamo avuto la stessa idea. I poliziotti hanno iniziato a correre e noi dietro come pecore.

Mina) Non è una cosa da tutti i giorni vedere un inseguimento. Di solito si vede solo in televisione o al cinema. Peccato che abbia iniziato a grandinare.

(Si sente gridare dalla casa. Mina e Poldo si guardano perplessi.)

Meo) No, no e no. Ho detto di no e quando dico di no è no.

Alda) Tutti si sbaglia almeno una volta nella vita.

Mina) C’erano i chicchi che sembravano grossi come uova di gallina.

Poldo) Non esagerare, uova di piccione caso mai.

Mina) Uova di gallina ti dico.

Scena 10 – Cinto e Nella e tutti vanno a far ripartire la macchina

(Entrano Cinto e Nella. Si sente miagolare il gatto.)

Nella) (Sul cancelletto a Cinto) Senti? Questo è il gattino di tua sorella, darling aspetta che guardo se riesco a prenderlo.

(Nella esce di scena e Cinto si avvicina ai genitori di Nella.)

Poldo) Dov’è andata mia figlia?

Cinto) Ha sentito miagolare il gattino di mia sorella ed è andata a vedere se riusciva a prenderlo. E voi? Come mai siete ancora qui?

Poldo) La mia povera macchina è piena di bernoccoli. Sembra che sia stata presa a martellate. Con tutta quella grandine non riparte più, credo che siano le candele. Ce l’hai uno strofinaccio da prestami per favore che…

(Si sente ancora una volta gridare dalla casa.)

Meo) Porcaccio di un diavolo imbroglione-imbroglione ho detto di no, mai.

Mina) Ma, sono i tuoi genitori questi?

  Meo) Qui comando io! Sono io quello che porta i pantaloni!

Cinto) Non badateci. Staranno… discutendo. Non è che litigano, è che ogni tanto si scaldano per nulla. (A Poldo) Che stava dicendo della macchina signor Leopoldo?

Poldo) Che non parte più. Che mi servirebbe uno strofinaccio per asciugare le candele.

Cinto) Vado a prenderglielo subito e poi vengo anch’io a darle una mano (entra a prendere lo straccio).

(Si sente ancora gridare dalla casa. Mina e Poldo si guardano sempre più perplessi.)

Alda) Nessuno è perfetto, nemmeno tu.

Meo) Sì, però io certe cose non le ho mai fatte.

Mina) Come che si è abbassata la temperatura con quel temporale lì, ho quasi freddo.

Poldo) Per forza hai freddo, sei tutta scollacciata Gelsomina.

Mina) Non ricominciare a stufare Leopoldo.

Poldo) Ah, sono io quello che stufa! Non hai badato a come ti guardava quel poliziotto in macchina?

Mina) Quale? Quel veneziano come me?

Poldo) Sì, quello che ha detto che ti ha vista ancora. Quello che ha detto (imitandolo) “Non è che noi due ci siamo già conosciuti signora?”

Mina) A dirtela proprio chiaro e tondo Cocco-bello, è impossibile che io abbia conosciuto tutti i  veneziani di Venezia.

Poldo) Ma il poliziotto ho nominato il quartiere dove stavi di casa tu.

Mina) Cosa vuol dire? Che se io nomino San Pietro sto di casa vicino al Papa?

Poldo) Lo sai che cosa devi fare? D’ora in avanti non dire più che sei di Venezia. Dì che sei originaria di Bergamo.

Mina) Bravo, secondo te io posso passare per una bergamasca? Non farmi venire da ridere.

Poldo) Non c’è molto da ridere. C’è da piangere. Ricorda che io sono un ex-colonnello dell’esercito, pensa se quel poliziotto ti riconosceva, che figura ci facevo.

(Si sente ancora gridare dalla casa.)

Meo) Vacco cane imbroglione-imbroglione. Guarda che io non sono un pirla.

Mina) E sì che sembravano due sposini in luna di miele. In luna di fiele.

Meo) Ho detto di no, diamogli un taglio e che sia finita-finita.

Poldo) Non cambiare discorso Gelsomina. E quell’altro poliziotto che ti ha aperto la portiera?

Mina) Mi ha aperto la portiera perché grandinava. E ha voluto solo essere gentile.

Poldo) Anche quello dentro la macchina voleva solo essere gentile con te? Pareva che gli cascassero gli occhi fuori dalla testa a forza di guardare nella scollatura. E quell’altro vicino? Che ti toccava la gamba.

Mina) Eravamo in sei su quella macchina. Schiacciati come sardine in scatola. Secondo te dove doveva appoggiarlo il suo braccio?

Poldo) Sulla sua gamba doveva appoggiarlo e non sulla tua.

Mina) Ma non hai visto che sulle sue gambe aveva le sue cose, (elencando) il megafono, la paletta, il telefono, dei notes e tutte quelle cose che usano loro.

(Nella rientra guardandosi le mani graffiate.)

Mina) Che ti è successo Nella?

Nella) È stato il gattino della Dora. E oltretutto non sono stata capace di prenderlo.

Poldo) per forza, sei un’imbranata.

Cinto) (Esce dalla casa molto soddisfatto piegando una banconota e mettendosela in tasca, ha un paio di strofinacci sotto braccio.) Oh yes, andiamo che vi aiuto a far ripartire la macchina. (Nell’avviarsi a Nella.) My baby. Scommetto che è stato il gattino di mia sorella.

Nella) Sì, volevo prenderlo ma non si è lasciato prendere da me, my darling

(Escono e tutti e quattro se ne vanno ad aggiustare la macchina. Dopo qualche attimo si apre la porta di casa e Meo si affaccia con fare circospetto, esce seguito da Alda, Dora e Nando.)       

Scena 11 – Meo nasconde i soldi in giardino

Meo) Queste cose qui di solito i galantuomini come me non le fanno.

Alda) (Brusca.) Va avanti su, non perdere tempo. Abbiamo deciso di fare così? E allora facciamo così.

Dora) Babbo, anche i comandamenti dicono di aiutare le persone in difficoltà.

Meo) Sì, però non c’è scritto da nessuna parte che si deve aiutare un ladro a rubare.

Dora) Ladro per caso, ladro per sbaglio. E poi: che ladro è se vuole già restituirglieli?!

Nando) Sarò in debito con voi fin che scampo per avermi aiutato ad uscire da questo pasticcio.

Meo) Voi state qui fermi-fermi che io vado a mettere il pacchetto dove l’ho trovato.

Alda) En po’ più in vista se vuoi che la polizia lo trovi.

Meo) (Va nasconderlo fra le foglie.) Lasciate fare a me. Va bene qui tra le foglie del Pittospórum tobìra o è meglio fra quelle del Córylus màxima?

Alda) Un poco più sotto. Fallo avanzare fuori appena appena, altrimenti come fanno a vederlo.

Nando) Un po’ più alto.

Dora) Un po’ più in fuori.

Nando) Un po’ più giù.

Meo) Qui? (Ai loro cenni affermativi lascia il pacchetto ed esce dal giardino) bene, lasciamolo qui.

(Tutti soddisfatti rientrano in casa. Dopo poco tornano gli altri quattro. Si sente miagolare il gatto. E si inizieranno a vedere le luci intermittenti della polizia.)

Scena 12 – Tornano gli altri 4 e trovano i soldi

Cinto) (Pulendosi le mani nello straccio.) Oh yes, la macchina è stata sistemata. (A Poldo) Venga dentro a lavarsi le mani, (ascoltando) questo è il gattino di mia sorella. Faccio alla svelta. Restate qui un momento che guardo se riesco a prenderlo. Torno subito (esce).

Mina) Andiamo a casa nostra a lavarti le mani Leopoldo.

Poldo) È meglio farlo qui, (fa vedere le mani sporche) con queste mani ungerei tutto il volante.

Nella) (Che nel frattempo osservava curiosa il giardino) Cosa c’è che luccica là, babbo? (Si avvia verso il cimitero di Meo). Là in fondo, guarda.

Poldo) Là dove? (si avvia, trova e alza una bottiglia, ne trova un'altra e il sorriso si fa più marcato) E bravo il nostro Bartolomeo, qui scopriamo gli altarini del nostro professore.

Mina) Magari fa solamente la raccolta differenziata.

Poldo) Qui? In questo modo? (trova il pacchetto) E questo cos’è? (Lo scarta) soldi (esce dal giardino elettrizzato.) Non ho mai visto tanti soldi tutti insieme in vita mia.

Mina) Saranno quelli della rapina, quelli che dicevano i poliziotti.

Poldo) Lo sai che facciamo? (Guardandosi attorno circospetto.) Lo rimettiamo dove lo abbiamo trovato, che non ci siano poi delle storie.

Nella) Prendili tutti babbo. Con tutti questi soldi qui, siamo a posto fin che campiamo.

Poldo) Se sono quelli della rapina saremmo perseguitati fino che camperemo cara la mia ragazza. Inoltre: un ex-colonnello dell’esercito non può fare certe cose.

Nella) Nessuno saprà che li abbiamo presi noi.

Mina) (Sfilando una banconota) Sei sicuro che non posso prenderne su una? Una sola?

Poldo) No! Un ex colonnello non fa certe cose. Lasciala giù che all’uccello ingordo gli scoppia il gozzo.

Mina) A prenderne una non scoppia proprio niente a nessuno, e inoltre, chi vuoi che se ne accorga, guarda quante sono.

Nella) Allora ne voglio una anch’io (prende la banconota).

Poldo) Care le mie donne, ho idea che stiamo facendo una grande sciocchezza (prende anche lui una banconota, poi sente dei rumori, incarta velocemente il pacchetto e lo rimette al suo posto.)

(Rientra Cinto con le mani graffiate. Vede le bottiglie e Poldo che esce dal giardino. Si sente in lontananza una sirena della polizia e si vedranno avvicinare le luci lampeggianti.)

Cinto) È mio padre che fa la raccolta differenziata, tiene separato il ferro, il legno, il vetro. Sarà stato il temporale a portare tutto in giro.

Poldo) (A Cinto, vede i graffi.) È sicuro che quel gatto lì sia il gattino di sua sorella e non un altro gatto?

Cinto) Oh yes, è proprio quello di mia sorella, (al pubblico) dicono che bestie e padroni alla fine si assomiglino.

Nella) Quello lì non è un gatto, quello lì è una tigre del Bengala.

Cinto) (Avviandosi) Andiamo, andiamo dentro, ci laviamo le mani ed io mi disinfetto.

Mina) Non vorremmo disturbare.

Cinto) Non state a farvi riguardo. Nessun disturbo, dentro, dentro.

(Entrano tutti in casa. Sulla scena irrompe la polizia armi in pugno. Sono all’erta, poi uno di loro usa il telefonino e l'altro prende il megafono. Si avvicina il ragioniere.)

Scena 13 – la polizia col megafono

1° agente) (Nel vederlo, molto seccato) Ancora Lei! Ancora qui tra i piedi. Se ne vada per favore.

Ragioniere) Mi scusi capo. Dovrei solamente parlare un minuto con la signorina Dora.

1° agente) Se ne vada, per favore, prima che perda la pazienza. Aria, circolare prego.

Ragioniere) Guardi che per me è una cosa urgente e importante.

1° agente) Ci sono altre cose più urgenti e importanti, ora gambe in spalle e se ne vada. Questo non è il momento di discutere o vuole forse essere incriminato per intralcio alle indagini?

Ragioniere) Guardi che io…

2° agente) Ancora qui? Aria aria che noi dobbiamo lavorare.

(Il ragioniere se ne va e i poliziotti si appostano.)

2° agente) (Alla casa col megafono) Arrendetevi. Siete circondati non avete via di scampo.

(Dalla casa nessun cenno. I due agenti confabulano un po’ tra di loro. Poi ancora col megafono.)

2° agente) Attenzione, siamo pronti a usare i gas lacrimogeni. Non tolleriamo discussioni. Uscite da quella casa lentamente. Ripeto lentamente e con le mani in alto.

Scena 14 – Bandiera bianca

(Meo sarà il primo ad uscire agitando una bandiera bianca. Lo seguiranno ad uno ad uno gli altri in fila indiana. Saranno disposti: Dora – Cinto – Nella – Poldo – Mina – Alda - Meo penultimo e Nando ultimo. Sarà Meo a fare da portavoce con la polizia.)

Meo) Non sparate. Non sparate. Ci arrendiamo

Scena 15 – La polizia finalmente trova i soldi.

(Mentre il 1° agente parla il 2° si guarderà attorno incuriosito e vedrà qualcosa luccicare; andrà poi a vedere. Finalmente trova il pacchetto.)

1° agente) Cari signori le tracce del ladro conducono ancora qui. A questa casa. Ci dispiace, ma tra di voi siamo certi che ci sia un ladro.

Meo) Qui non ce ne sono di ladri. Siamo stati sempre tutti insieme. Siamo in 8 e abbiamo 8 alibi.

1° agente) Siete in 8 e tutti e 8 vi credete furbi. E io vi porto tutti e 8 in caserma così sono sicuro di non sbagliare. Che sono tutti questi graffi. Avete litigato per spartirvi la refurtiva?

Meo) Quale refurtiva?

1° agente) Non faccia lo gnorri caro signore.

Meo) Guardi signor agente che si tratta di un malinteso. Noi non siamo dei ladri. Nessuno di noi è ladro. Ci guardi bene-bene in faccia. Or drizza il viso a quel ch'or si ragiona (Dante)

1° agente) Potrei anche scrutarvi con una lente d’ingrandimento ma, purtroppo, non c’è scritto sul viso di nessuno se uno è onesto o no.

(Il 2° agente fa vedere al collega il pacchetto, lo scartano e mentre quello conta i soldi il 2° agente ritelefona. Gli altri saranno sempre tutti in fila e con le mani in alto.)

2° agente) (Al telefonino) Ho capito: erano 500 banconote da 500 euro pari a 250mila euro pari a circa 500 milioni delle vecchie lire.

1° agente) (Finito di contare i soldi) Le banconote sono 492 (guarda la fila) ne mancano 8. Voi siete in otto. È lapalissiano.

Alda) (Al marito sottovoce) Che vuole dire lapalissiano Bonbon?

Meo) È come dire: “Monsieur de La Paliss che prima di morire era ancora viv-viv.”

Alda) È come dire: due più due fa quattro.

Meo) Pressappoco. Sssttt stiamo a vedere quello che vogliono di  preciso-preciso.

Alda) Cosa vuoi che vogliano, vogliono indietro i soldi.

1° agente) Dovete sapere, cari signori, che il sottoscritto, prima di fare il poliziotto hastudiato psicologia.

Meo) (Polemico.) Allora caro il mio signore, guardi che io faccio il professore.

2° agente) Professore o no, voi siete in 8 e qui mancano 8 banconote.

1° agente) Dunque signori. Per noi è importante recuperare tutta la refurtiva. In quanto al ladro ci ha già fatto perdere un sacco di tempo. Se lo prendiamo bene, altrimenti pazienza, tanto con un buon avvocato dopo due giorni sarebbe già fuori.

Meo) È questa la giustizia in Italia. Attenti alle mie Ipoméa tricòlor (campanelle rosa).

1° agente) Zitto lei. Dicevo: fuori i soldi che mancano.

(Tutti in fila si scambiano occhiate, nessuno parla, a poco a poco abbassano le mani.)

1° agente) Ripeto ancora una volta per chi non ha ben capito: noi dobbiamo recuperare tutta la refurtiva. O saltano fuori le banconote mancanti o vi porto tutti in caserma per complicità.

(Sempre in fila Dora sarà la prima a consegnare, con un gran sospiro i soldi ai poliziotti, poi tutti gli altri. Quando sarà la volta di Meo, questo con grande imbarazzo tirerà fuori 2 banconote, tutti lo guarderanno stupefatti. Nando invece non tira fuori niente. È l’unico che non ha preso i soldi.)

1° agente) (Indicando prima Nando) Lei di sicuro non è il ladro. Meno lei (e poi tutti gli altri) tutti voi sareste da arrestare (risponde al telefonino).

Meo) Noi siamo persone oneste-onestissime e rispettabili. Cosa avremmo dovuto fare, li abbiamo trovati.

2°  agente) Ma non erano soldi vostri. (Che aveva ricontato i soldi) Ci sono tutti capo.

1° agente) (Chiudendo la comunicazione.) C’è stata una lite al Roxi Bar – una sparatoria in un parcheggio – è stato trovato un pacco bomba in un cassonetto… a questo punto, visto che la refurtiva è stata tutta recuperata io direi che possiamo tornare in caserma.

2° agente) E il ladro?

1° agente) (Squadra a uno a uno tutti i presenti) Abbiamo perso fin troppo tempo con quello, per il momento è uccel di bosco, ma alla prossima rapina, tranquillo, lo becchiamo. Andiamo.

Scena 16 – due alla volta rientrano in casa

(La polizia se ne va con rumorose accelerate e sgommate. Tutti i personaggi si uniscono in coppie e iniziano a commentare quanto accaduto. Meo e Alda prendono a litigare sfacciatamente. A poco a poco richiamano l’attenzione di tutti gli altri che zittiscono e li osservano perplessi. Dopo la 4a  battuta Alda e Meo si accorgono che sono al centro dell’attenzione ed avranno un voltafaccia ancor più sfacciato. Alda spingerà Meo in casa e usciranno di scena.)

Alda) (Imitandolo) Noi siamo persone oneste Stella cara. (Strattonando violentemente il marito, con voce irosa.) Per darmene una un sacco di storie e tu addirittura ne hai prese su due Bartolomeo.

Meo) Sta ferma-ferma con quelle mani, smettila di tirare.

Alda) Tanti bei discorsi sull’onestà e guarda come ti sei comportato. Vergogna! Che figura abbiamo fatto davanti a tutti. Tu sei sempre il solito.

Meo) Tutti abbiamo pescato nei soldi, e tutti sapevamo che non erano soldi nostri. Siamo stati tutti dei ladri Reginalda, anche tu.

Alda) Sì, ma tu, tu sei stato ladro due volte e per di più sei stato ipocrita. Inoltre hai la faccia tosta di venire a fare la predica a noi, vergogna.

Meo) Calmati Reginalda. Stanno tutti guardandoci. Quella calma era la vera scienza della vita (Svevo)

Alda) (A questo punto, nel sentirsi osservata, prende affettuosamente il marito sottobraccio) Scusatemi, è il sistema nervoso che quando si tratta di soldi mi gioca dei brutti scherzi.

Meo) Ma certo cara la me Stella d’oro, lo sappiamo-lo sappiamo: la tensione. Non è una cosa di tutti i giorni aver a che fare con la polizia.

Alda) Andiamo, caro Bonbon, andiamo in casa, fammi sedere, dopo questo spavento non sono più capace di restare in piedi.

Meo) Stellona, appoggiati a me che ti aiuto, ti faccio da bastone Stella cara.

Alda) Grazie, grazie Bonbon, grazie (guardandosi attorno) ah, sta già facendo scuro.

Meo) È già l’ora che volge al desio, e ai naviganti intenerisce il core… (a Poldo e Mina) Andiamo, dentro su, venite dentro anche voi che è stata una giornata incredibile.

(Entrano in casa. Nell’avviarsi verso la casa Poldo e Mina commentano l’accaduto.)

Mina) Che brava che è la signora Reginalda a buttare la polvere negli occhi agli altri. (Imitandoli) “Caro Bonbon, cara Stella d’oro” sembravano ancora due sposini in viaggio di nozze. Ed io che li invidiavo perché noi continuiamo a litigare.

Poldo) Dopo tanti anni, il litigare è un modo come un altro di volersi bene.

Mina) Hai ragione Cocco-bello, lo dice anche il proverbio “L’amore non è bello se non è litigarello”.

(Poldo e Mina entrano in casa. È il turno di Cinto e Nella.)

Cinto) Oh yes. È stato meglio così cuoricino d’oro, e non si tratta di “uva acerba”. My baby sono convinto che è sempre meglio partire col piede giusto.

Nella) Hai ragione my darling, bocchina dolce di miele, partiamo col piede giusto così non faremo la fine dei nostri genitori.

Cinto) Noi ci vogliamo troppo bene per fare quella fine lì – musetto d’argento – my beloved

Nella) I nostri genitori stanno sempre a litigare per niente.

Cinto) Non lo sanno che così si rovinano la vita – tesoro del paradiso- sweetheart.

Nella) Angelic smile – Noi non faremo mai come hanno fatto loro.

(Cinto e Nella entrano in casa.)

Scena 17 – Nando, Dora e il ragioniere

Nando) Sono contento che sia finita. Anche questa volta è andata bene.

Dora) Ti è andata bene, però ti conviene cambiare vita Nando.

Nando) Io cambio vita se cambi anche tu Dora.

Dora) Cosa vorresti dire?

Nando) (Al pubblico) Questo è il trionfo dell’ipocrisia. La fiera delle facce di tolla. (A Dora) Con tutto il vostro perbenismo provinciale siete tutti falsi come una moneta falsa. Sì, tutti bravi e tutti con degli altarini da nascondere.

Dora) Di quali altarini parli?

Nando) Lascia perdere quel povero diavolo con le foto. Dalle indietro senza chiedere niente in cambio.

Dora) Come fai a sapere delle foto?

Nando) Lo so perché prima, quando ero nascosto in giardino, ti ho sentito telefonare. È per quello che ti ho domandato di aiutarmi, tu sei fatta della mia stessa pasta (ironico) cara Dora.

Dora) Non sono fatta della tua stessa pasta (ironica) caro Nando. Sbagliare si può sbagliare. L’importante è capire di avere sbagliato.

(Mentre parlano sarà comparso il ragioniere.)

Ragioniere) Signorina, finalmente riesco a parlare insieme a lei. (Indicando Nando) E il signore?

Dora) Questo signore qui sa tutto, stia tranquillo. Allora?

Ragioniere) C’ho pensato sopra signorina. Lei, faccia pure quello che vuole. Vuole dare le foto a mia moglie? Gliele dia. Pazienza, porterò la croce, ma io deciso che carte false io non ne faccio. Sono un galantuomo io.

Dora) Non c’è più bisogno di fare carte false, ragioniere, Stia tranquillo, non avrà nessuna croce da portare. (Guardando significativamente Nando) Ho deciso di bruciare le foto e anche i negativi.

Ragioniere) (Sbalordito) Brucia foto e negativi!? Così? Senza domandare nulla in cambio?

Dora) Sì, oggi ho capito che non sono tagliata per fare certe cose. Sono stata allevata con dei principi sani (guarda Nando sfidandolo.) io. (Al ragioniere) Quando ho visto  la polizia, ho pensato che lei mi avesse denunciato e ho preso paura, una paura incredibile. È stata quella che mi ha fatto decidere.

Ragioniere) Non è molto belle avere a che fare con la polizia. Se anche lei sapesse che paura ho preso io quando mi hanno scambiato per un ladro.

Nando) Se non era lei il ladro, perché è scappato?

Ragioniere) Non lo so nemmeno io perché sono scappato. Loro hanno iniziato a corrermi dietro ed io ho iniziato a scappare. È stato l’istinto.

Dora) È stata la mandorla che abbiamo dentro a farlo scappare.

Ragioniere) Di quale mandorla parla?

Dora) Dice mio padre che noi siamo come dei confetti, abbiamo attorno lo zucchero ma la mandorla che abbiamo dentro può essere amara e non si sa il perché. Mio padre è professore e lui le sa le cose.

Ragioniere) Io so solamente che sono sempre stato sfortunato nella mia vita.

Dora) Se ho detto che brucio le foto e negativi, non è ancora contento ragioniere?

(Si sentirà il miagolio di un gatto. Piano piano inizieranno i grilli a cantare.)

Ragioniere) Certo che sono contento, e la ringrazio molto. Se sapesse la grazia che mi ha fatto

Alda) (Dalla casa) Dora che stai facendo? Vieni dentro che c’è pronta la cena (rientra).

Scena 18 – finale

Ragioniere) Grazie signorina. Vedrà che con la grinta che si ritrova passerà di livello anche senza fare degli imbrogli. (Sente il miagolio, si guarda attorno, lo cerca.)Povero micetto… micio… micio...

(Dora si avvia orgogliosa e rientra in casa sotto lo sguardo ironico di Nando. Il ragioniere nel cercare il gatto perde il portafoglio.)

Nando) Ragioniere andiamo, venga, lasci perdere il gatto.

Ragioniere) Poverino, avrà fame… micio, micio vieni qui bello…

Nando) Non stia a preoccuparsi per lui, ce l’ha la sua padrona.

Ragioniere) Micio... micio...

Nando) Lasci perdere, andiamo... andiamo ragioniere (lo prende sottobraccio) io non sono professore ma sa cosa le dico: anche la vita è come un confetto, può essere dura, può essere amara, ma ha sempre attorno lo zucchero.

(Escono, Nando, furbescamente, rientra velocemente, raccoglie il portafoglio ed esce.)

Cala il sipario

Fine


[1] Verso usato anche da Ugo Foscolo nel sonetto “Di se stesso”. Petrarca tradusse Ovidio “Video meliora proboque, deteriora sequor” (Metam.,VII,21)

[2] Si pronuncia Letéa – accento acutocon suono chiuso sulla seconda é.

Letéa da Lete, fiume della mitologia classica le cui acque facevano dimenticare la vita terrena

[3] Non ho più la bellezza dell’asino. Modo di dire: non sono più giovane. Sembra che gli asini quando nascono siano molto belli e assomiglino ai cavallini, tanto da non distinguere un asinello da un puledrino. È solo dopo crescendo che diventano asini.

[4] Ipomea tricolor si pronuncia: Ipoméa accento acuto con suono chiuso sulla é

tricòlor (tricolore) accento grave con suono aperto sulla seconda Ò

[5] Nihil sub sole nòvum[5] – sotto il sole niente cose nuove (cose nuove nominativo)

oppure: Nihil sub sole nòvi – Niente di nuovo sotto il sole (con di nuovo genitivo)

[6] Convallària accentata la seconda a            -  majàlis l’accento cade sulla a

Làthyrus accentata la prima a                        -  Odoràtus l’accento cade sulla a

Hìppeastrum hìbrida in entrambe le parole  l’accento cade sulla prima i

Hìppeastrum – In latino ea si pronuncia come è scritto, cioè tutte due le vocali.

[7] Trachycàrpus: accentata la seconda a       - fortunèi: accento grave con suono aperto sulla è

Taxòdium accentato la ò accento grave con suono aperto     -  dìsticum accentata la  prima ì

Pittospórum accentato la seconda ó con accento acuto e suono chiuso              – tobìra l’accento cade sulla i

Córylus: accentata la ó di córilus accento acutocon suono chiuso sulla ó.

spilus germanica accentata la é di Méspilus accento acutocon suono chiuso sulla prima é.

[8] ìncliti: l’accento si trova sulla prima i  ( ìncliti = valorosi)

[9] Tagétes: accento acutocon suono chiuso sulla prima é.       - patùla: accento sulla ù

[10] Adiàntum: accentare la seconda à -  raddiànum: accentare la à

[11] Cryptoméria: accento acutocon suono chiuso sulla é

[12] pelagorniùm: accentare la ù  - hortòrum accento grave con suono aperto ò

[13] (Abýssus = nominativo – soggetto) invòcat  (abýssum =complemento oggetto – accusativo) - salmo 41 di David

[14] Ór ... ch’ór = Ora drizza il viso a quello che ora si ragiona

[15] Verso usato anche da Ugo Foscolo nel sonetto “Di se stesso”. Petrarca tradusse Ovidio “Video meliora proboque, deteriora sequor” (Metam.,VII,21)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno