I elesiù

Stampa questo copione

I ELESIU' di Giuseppina Cattaneo

AUTRICE

GIUSEPPINA CATTANEO

         

http://giusicopioni.altervista.org/

POSIZIONE S.I.A.E. N° 193077

Codice opera Siae 913171A

TITOLO

I ELESIU’

DUE ATTI

Personaggi

GINA

RINA

PINA

MINA

POSTINO

TRAMA

Continuano le avventure delle quattro amiche per la pelle. Questa volta sono alle prese con le elezioni amministrative e ovviamente gli equivoci “la faranno da padrone”.

ATTO PRIMO

SCENA I

Rina

RINA. (E’ seduta al tavolo e sta compilando un cruciverba)  lo è “Bambi”. Sic lètere … bambi … bambi … Annà conose tace de bambi me! La prima alè la me sorèla! Però che a ghè scricc “bambi” e mia “bamba” e perciò ala pöl mia ès le. Che bambo a scriezo me adès con töcc chèi che ghè in giro?! A ghè ol Piero, ol Mario, ol Mauro, ol Santo e tace dotèr! Al völerà dì che al’iscrierozo dòpo. Se alè bambo, al’iscapa mia dèl sigür. Indem’innacc. Alura … “I più meritevoli” … ò’lètere. I più meritevoli … cioè chèi che aiè piö brai insoma … a ma chèsta alè pròpe facile né. I più meritevoli a so me, “Rina”. Pòta ma, chèsta alè de òt lètere né però e Rina alè adoma de quatèr lètere. (Pensa) ma che stüpida che a so diolte, cola scüsa che töcc ai ma ciama Rina, a ma sa regorde mai che ol me nòm vero alè “Caterina”. E Caterina el mia forse de òt lètere?! (Scrive) Ca-te-ri-na.

SCENA II

Rina e Pina

PINA. (Entrando col suo cruciverba) ciao Rina.

RINA. Ciao Pina.

PINA. (Si siede) Rina, in doca a se’riada a fa ol crucivebola?

RINA. A so riada infena in cusina e dopo a so indacia anche in de stansa.

PINA. Nò ma, ada che me a disie  a che punto a ta se col cruciverbola. E facc ol dü orientale?

RINA. No, ma o facc ol sic verticalle.

PINA. Chèl alo facc a me, alera facile né?

RINA. Otèr che facile!

PINA. (Legge) “c’è chi ne ha poco in zucca”. Quatèr lètere.

RINA. E chi ela che ala ga poco in dèl co, se mìa negot dèl töt?

PINA-RINA. La Gina!

RINA. Effacc ol quatordès orientale?

PINA. No, alo gniamò de fa.

RINA. Gniame. Dai che a mal fa insèma alura.

PINA. (Legge) si apre quando piove.

RINA. Cribbio se alè dificile chèsta!

PINA. Si apre quando piove … ada che se an ga pensa be, magare alè mia isse dificile come al sömèa.

RINA. (Pensa) cosa foi me quando al piöf? Cosa fo … ma certo! Quando al piöf me cosa foi? Pina, cosa foi me quando al piöf?

PINA. Cosa anna sape me chèl che a ta fe te quando al piöf! Quando al piöf me ala lase egnìzo!

RINA. Pina, scoltèm be. Quando al piöf me a dèrve fò la “tenda” chesse a ga ède be come al piöf o nò! Capesèt? “Si apre quando piove” … la “tenda”! Scrizzo tenda.

PINA. Rina, a ta se ü genio, ma ü genio de chi piö innacc nè! (Sta per scrivere quando si ferma. Ironica) te genio, “tenda” alè de sic lètere, che invece annè òt. 

RINA. O’lètere? Alura tenda al va mia be.

PINA. Al ma sa pròpe de no. Te Rina, ma che tènde tiret te quando al piöf? Chèle in cüsina o chèle in de stansa?

RINA. Chèle in de stansa cèrto, aiè piö grande e a ga ède piö be come al fa a piöf.

PINA. Alura alè mia öna tenda Rina! Alè “ü tendagio” a te!

RINA. A ta ghe resù!

PINA. Rina, a ta se pròpe “öna tenda” nè. Èntrasö docà!

RINA. (Scrive) t-e-n-d-a-g … scolta Pina, tendagio, con d’öna g o con do g?

PINA. Ma con d’öna a te!

RINA.  Alura alè giösta. Ada che, “tendagio”!

SCENA III

Rina, Pina, Gina e Mina

GINA. Arda, cosa a tere dicc! Arda se ai ga mia sèmpèr indimà i parole incruzade! (Mette la borsa a tracolla sulla sedia).

MINA. Svèt pròpe che a ghi negot de fa töt ol de, otre do!

RINA. Adì che notre, se an sé bötade in di parole incrociate alè adoma pèr tègn in alenamènt ol servèl!

PINA. Pròpe isse, “tègn in alenamènt ol servèl”.

GINA. Andilà, alenamènt! Gnià ü mis de alenament in palestra a va sa meterès apòst ol servèl a otre.

MINA. E ü trapianto achèl servèl le, al sarès tep e solcc bötacivià con votre.  

RINA. Te Pina, de quando la tò sorèla ala ga parla isse mal?

PINA. Da quando ala sé facia amisa, ma amisa tat nè, cola so amisa che ala sarès po’ la tò sorela, chèla le in banda. Me ala riconose piö. Rina, adà, alè pròpe ira: chi va con lo zoppo, impara a zoppicare!

GINA. Andet sòpa te Mina?

MINA. Me nò!

GINA. Adì che notre an va sope gnia öna e gnia l’otra nè.

MINA. Quando al cambia ol tep, diolte andozo ün po dèla banda, ma sòpa no dèl sigür.

GINA. A se? A tammlerèt mia dicc chèsto.

MINA. Nò ma poc né, amisa. Arda come fo, quando al cambia ol tep. (Zoppica con una gamba in modo ridicolo). Evvest, roba de poc.

RINA. E comunque notre coi noste parole incrociate, an ga fa dèl mal a nigü.

PINA. Mia compagn de chèl che a fi otre.

GINA. (Si siede) e perché cosa an farès notre? Adoma che ès diusiuse al Signur.

MINA. (Si siede) i ga rabbia, Gina.

RINA. (Al pubblico) se me, ès copat la me sorèla la prima olta che alere pensat de copala, adès, adès a sarès zamò fò dèla galera e sarès öna fommla libera. E invece …

PINA. … e invece a ma toca soportala a me, mia adoma te.

GINA. Te ma Pina, al sa pöl saì che manera a tagglesö a morte con me in chèl periodo che?

PINA. (Sta per parlare ma la anticipano e la fermano).

MINA. (A Gina) aggla sö anche con me e mia adoma con te.

PINA. (Sta per parlare ma la anticipano).

RINA. E me agglo sö con te Mina perché te a tande decorde con chèla böfuna dèla me sorèla.

PINA. Ma, a pöde parlà a me adès e respondiga ala domanda dèla Gina dèl perché agglo sö con le?

GINA. Argentina, a talse che per regordas a chi toca parlà, an va sèmpèr, o quase sèmpèr, in fila.

PINA. (Sta per parlare ma viene interrotta).

MINA. A ta toca mia a te adès! Dòpo la Gabriella a ma toca a me …

RINA. E dòpo la Carmen a ma toca a me. Me o parlat e perciò adès a ta toca a te.

PINA. Se ma scète, ma me se a go de dì ergot söbèt, come podero a spètà de dil perché alè mia ol me turno?!

GINA. Scolta, ciapetla mia con notre perchè notre an ga mia colpa.

MINA. Alè colpa dèla regista. De quando ol de del’Epifania a ma recitat “Ol mont al fenes incö” e a ma lasa’fò öna quac parole, ala troat chèl sistema che. Come se notre an ghès mia memoria!

RINA. Fa sito Carmen, arda come la fa a ardaga … dai, dai che an’vannacc. Argentina, a ta toca a te adès. A proposèt de Argentina, an pöl po’ saì adès che manera ai ta ciamat Argentina?

PINA. Ma che stöfada che madì! Va be, a val dighero chesse almeno ala pièntìfò pò. Ai ma ciamat Argentina perché …

GINA. Pina fermèt, a ma toca a me adès a parlà.

MINA. Ma lasela finì adès che alera indre a dil!

RINA. E no, söl copiù a ghè scricc che gnià stan ol publico al ga de saì ol perché l’Argentina ala sa ciama isse. Pina a ta toca a te adès.

PINA. Lè zamò ol me turno? Regista cosa a goi de dì adès po’ che a ma sa regorde piö? A già, a go de respondega ala Gina che ala ma domandat che manera ala trate mal. (Ritornando nei panni di Pina) ada Gina che ala mè gniamò de pasado zo quando a ta ghe facc crèt che ansera al’inferno nè! A pödie anche rèsta le sèca me l’ampasat nè!

GINA. Sèca? Se che annè öna sèca chèla a so me. (Si alza e gira su se stessa) e chèsto fisichino alè merito di nessuna dieta. Io sono naturale così.

MINA. (Si alza e gira anche lei su se stessa) anche ol me fisichino è merito di nessuna dieta.

RINA. E al saèt pròpe tant! Ecome al sa èt che a te facc gniöna dieta!

PINA. (Si alza e gira su se stessa) me a va foso la barba amò a töte. Adì che, chèsto se che alè ü fisichino! (Al pubblico) me e la me amisa Rina an farà i crociate, ma lure al sis mia cosa ai fa? Aiè sèmpèr in cesa a confesas.

GINA. E ta parèl ü bröt laur?

MINA. Notre an sé persune de fede.

RINA. Alà fede! (Al pubblico) Adès che al ve Nedal, ai sa confesa, matina, mesde e sira, ederì. Ai ga de iga tace de chi pecacc!

PINA. Sö chèsto al ga piöf mia. (Al pubblico) ma al sis almeno ol perché lure ai va a confesas? Lure, ai vèt i persune che ai va a confesa e isse ai vèt anche chi fa la cöminiü sènsa la confesiù.

GINA. Cèrto! A ghè chi i cönta i persune che ai va a mèsa e ghè chi cönta i persune che i fa la cöminiù sènsa confesiù.

MINA. E töt perché notre anga fede.

RINA. Andilà, fede! La fede va vissuta, non contata! Dai Pina che an fa i noscc cruciverbola che alè mèi.

PINA. Se, se, mei des mela olte i noste parole incrusade. Dai che an fa ol sedes verticalle.

GINA. Lasale fa Mina, teèdere come ai fa ala svèlta a stöfas. Dai che an bif notre invece.

MINA. Me al so mia cosa ai ga troà in chèle parole incrusade le!

RINA. Alura, “un veicolo a quattro ruote”. Quatèr lètere.

PINA. (Guardando Gina come per chiedere aiuto) per me … ale … “la bici”. Pöderèsèl indà be?

GINA. Ardèm mia a me che a me i cruciverbola ai ma pias gniampo.

MINA. E me a ga pènse pò gniac de ötat.

RINA. Ma chi va sircat vergot?

PINA. Rina, alè la “bici”. Scrielazo.

GINA. (Al pubblico) i ga sa adoma chèste facili.

MINA. Ma sis sigüre che la siès la bici?

RINA. Ma cosa al tanterèsa a te che ai ta pias gniac i parole incrusade?! Pèr me comunque la bici ala ga adoma do röde e mia quatèr.

PINA. Fa’mmia sbaglià chèsta parola pèrchè dòpo ol cruciverbola al ve piö fò né!

GINA. Pina, a ölerès mia ditèl, ma staolta a ta ghe resù, alè la bici. Scoltèm me, la neudina dèla Carla, a gala mia forse la bicicletina coi do rödèle pèr imparà? E ala me cà, do röde piö do röde, ai fa quatèr röde.

MINA. Ma cèrto Gina!

RINA. (Al pubblico) al ma nincrès dil, ma ai ga pròpe resù. (Le due scrivono).

PINA. “In fondo ala strada”. Tre letere. A ga sis anche chèsto sapientune?

GINA. (Interessata) in fondo ala strada … Mina, chi l’abita infonta ala strada che infonta?

MINA. La Fernanda.

RINA. Fernanda al va mia be, alè tròp lonc.

PINA. Come o dicc prima alè adoma de tre letere.

GINA. Come ai ciama la Fernanda per ol so difètt de dì sempèr: ada chèlla, ada chelotèr, ada de che, ada de la, ada se al sa pöderà, ada …

MINA. Töcc in pais aià ciama … “Ada”. E perciò “in fondo alla strada” …

RINA. … tre letere, “Ada”.

PINA. (Al pubblico) a ghi sa töte né? Indasaì come farala.

GINA. L’esperiensa alè la madèr dèla sciensa.

MINA. La madèr, ma anche l’amisa dèla scienza. (Indicando se stessa).

RINA. Ma fi sito! Perché annasì dò in crus, al sömèa che a gasabès tö’votèr. E a otre a va piasìa mia fa i cruciverbola pèr fürtüna!

PINA. (Alle tre) sentì chèsto: “Capo del governo di un comune”. 

GINA. Ma, ol goerno el mia a Roma?

MINA. Infati, cosa a cèntrèl ol cümü col goerno adès?!

RINA. Diolte a ghè di domande che per me aiè sbagliade.

PINA. A proposèt dè cümü, al sis che de che ses mis a ghè i elesiù che a Brüsa?

GINA. El zamò pasat qiundes’agn dèl’öltima elesiü?

MINA. Ada che a ghè pasat sic agn, Gina. Che mia òia ès in di pagn de ü sindèc!

RINA. Prope, adà. Quace grataco!

PINA. Al gaavrà anche tace grataco, ma regordis che al ciapa anche la paga né.

GINA. Se alè pèr chèl poame a ga no de grataco ma de paghe anna ciape mia.

MINA. Gina te a ta gaavrèsèt de ès pagada adoma pèr soporta la tò sorèla.

RINA. E me alura, cosa a gaavrès de dì cos’è! Pensì invece che ü sindèc al ga de soportà me, le (verso Gina), te (a Mina), e poate Pina. Ma al sis mia a quata zet al ga de daga dèl tra?

PINA. Se, al’iscolta de ön’örègia ma al lasa’ndà dè chèl’otra però. La me ses ala dà ön po söla strada e dato che la strada alè mia la me ma chèla del cümü, a go dicc al sindèc de mandà i spasì a tealazo. A so là amò chèl’ispete. 

GINA. Ma ada che se la tò ses alè ün po söla strada, ala diènta cümünal anche la ses che alè det la tò cà né? Sta atènta perché ai fa ala svèlta a sequestrala chile.

MINA. Parlì mia de ses che a ma fi egnì immènt amò la ses morta dèl me sindèc a Bagnatica.

RINA. Ada che ol tò sindèc alà portat ol luto mia tat pèr la so ses nè, de le öna setimana, annera pièntat söbèt ön’otra.

PINA. Ma perché indà a ultasà la commedia del’ampasat adès! Scoltì docà! Invece ön’otra me amisa alè indacia dal vice-sindèc e ala ga dicc se al pödìa faga sconto söla tasa de sporc.  Poalü ala facc orègia de mercant.

GINA. Se adà, aiè gran brai de fasö chèsto, costruì chèl’otèr, chèsse aiè sigür de lasà ü sègn de lur in pais quando ai ga sarà piö.

MINA. Te, ada che anche i precc ai fa’sse né?! A ghi de saì che chi comanda i pöl fa töt coi nòscc solcc, ma notèr poer marter an ga mai de mèddet ol bèc.

RINA. Ma almeno i precc ai ta mèt mia sö i tase.

PINA. Se, ma ada che anna ciapa nè?

GINA. Lasèi indannacc amò ün po e an vederà a lur se ai meterà mia öna quac tase.

MINA. A proposèt de tase, i pagat votre ol’ICIAP? Alo sentit dì in posta.

RINA. A ta dighere mia delbù né?

PINA. A ghè öna tasa anche per …

GINA. … i ciape? Invèntèm piö né! Indasaì cosa a te capi’te in posta!

MINA. Scüsim, pöldas che abe sbagliat a capì. Comunque alè mia facile pèr ü sindèc daga scolt a töcc: se a tafe ü laur, al ga mia be a chèsto e mia a chèl’otèr, se a tafe chèsto isse o chèsto issò, a ghè sèmpèr vergü che bruntula.

RINA. Fam fa töt, ma mia ol sindèc.

PINA. Lungi da me! (Guarda l’orologio) Rina, a ga sarà riat dal giornaler la Setimana Mistica, an vai?

GINA. Madonname, aièndre amò con chi cruciverbola.

MINA. Lasale pèrt, lasala pèrt. Te Gina, ada che se a mi stanta amò ün po, an troa piö gnaic ü pret né in cesa.

RINA. (Al pubblico) indarà amò a confesas.

PINA. (Al pubblico) ai sè confesade adoma dò olte incö.

GINA. A otre al ga mia de interesas. Dom che an va Mina. (Escono).

MINA. Dom, dom per carità. (Mentre esce).

RINA. Dai, dai che an va a notre. (Escono).

SCENA VUOTA PER QUALCHE SECONDO

SCENA IV

Postina

POSTINA. (Parla mentre sta entrando in scena con il cruciverba) Rina, hai risolto il quindici verticale? (Si guarda in giro e non la vede) va beh, passerò più tardi. Intanto lascio la loro posta. (Toglie due lettere, legge il destinatario) no, non sono queste, queste sono da parte del sindaco per le due sorelle che abitano qui a fianco.  (Le appoggia sul tavolo a sinistra e cerca ancora nella borsa) eccole qui quelle per Gina e Rina. (Appoggia anche queste sul tavolo però a destra).

SCENA V

Postina e Gina

GINA. (Da fuori mentre sta per entrare a prendere la borsa che ha dimenticato sulla sedia) l’avro lasada söla scagna. Adà, adà che a ghè che la tèrsa cruciverbola.

POSTINA. (Nel fare in fretta, prende la posta sbagliata e lascia quella destinata alle vicine) oggi niente cruciverba, sono in servizio. (Esce).

GINA. Miracol. Chèsta, come alè in servisio alè anche fò de servisio, come al söcet anche ai gabinècc o ai bancomàcc. Va be che chèsce öltèm aiè macc, e ta pö’mmia pretent. (Vede le lettere e si avvicina) san vèt cosa la portat. Do letere … (Guarda veloce il destinatario) Ambrogina … chèsta alè la me. (Apre la propria e legge) carissima Ambrogina … (al pubblico) alè pròpe bèl né ol me nòm? Chi al sa ciama Ambrogina compagn de me al de dencö? Nigü! Alura … (Prosegue a leggere lusingata) carissima Ambrogina … carissima a me … sono il sindaco Sandro Pertica che le scrive … ol sindèc al ma scrif öna letera a me? Indasaì cosal völerà … visto il suo prezioso e indispensabile impegno sociale nella nostra comunità … impegno sociale! E chèla sterlöca dèla me sorela ala ma gregna indre perché ando a confesas sèmpèr! Adà che: prezioso e indispensabile impegno sociale: chèl dendà a confesas! … le chiedo formalmente di diventare la prima cittadina in mia sostituzione, in quanto il mio mandato è in scadenza. (Strabiliata) la signoria vostra è invitata lunedì presso il mio ufficio comunale alle ore diciassette. Sandro Pertica. (Emozionata) me … me … sindachessa … de Brüsa?! Ma … ma … al ma sömèa mia ira … che emusiù! Che emosiù! Se me a so la sindachessa, merà che ergù al faghe la me vice. (Pensa) la Mina! La Mina ala sarà la me vice! Ando söbèt a telefunaga. Che bèl, me sindachèssa! Che emosiù (Esce).

SCENA VI

Postina e Gina

RINA. (Da fuori) ciao Pina, an sa èt piö tarde. (Entra con il nuovo cruciverba) madonname, ède mia l’ura de cominsal. (Si accorge della lettera) adà, a ghè pasat la me amisa postina e la lasa’che öna letera … (la prende) per me. (Legge) carissima Caterina … carissima a me … sono il sindaco Sandro Pertica che le scrive … ol sindèc al ma scrif öna letera a me? Ma che manera? Lasèm indannacc a les. Visto il suo prezioso e indispensabile impegno sociale nella nostra comunità … impegno sociale? De che impegno sociale al parla? (Pensa) ma certo! A fa i parole incrociate, alè mia impegnatif forse? E “sociale nella nostra comunità” perché an so indre ün po a coinvolgere töt ol pais in chèsce cruciverbole. Incö la me sorèla e la Pina ai mia facc ün po con me ol cruciverbola? E chèla rebambida, a diga negot, dèla me sorela, ala fa adoma che töm in gir! Indo so riada? Eco che … le chiedo formalmente di diventare la prima cittadina in mia sostituzione, in quanto il mio mandato è in scadenza. (Strabiliata) la signoria vostra è invitata lunedì presso il mio ufficio comunale alle ore diciassette. Sandro Pertica. (Emozionata) me … me … sindachessa … de Brüsa?! A ga crède mia! Ol me sindèc al ma öl al so pòst! Madonname come a so emosiunada! (Balla) me sindèc! E la me amisa Pina la sarà la me vice! Me sindèc! Me sindèc!

GINA. (Entra velocemente e felice) me sindèc!

RINA-GINA. Me sindèc!

LO DICONO TUTTE E DUE INSIEME E SI BLOCCANO TUTTE E DUE INSIEME. SONO MOLTO IMPACCIATE. NASCONDONO IMMEDIATAMENTE LA LETTERA.

RINA. Gina …

GINA. Rina …

RINA. Incö … a ghè fò … ol sul.

GINA. Pròpe … a ghè fò … ol sul.

RINA. E perciò … al piöf mia.

GINA. Prope … al piöf mia.

RINA. Cosa a te dicc prima che me riès? A ta disièt sin …

GINA. Si … dèl! Sidèl! Prima o dicc … a go de comprà ü sidèl!

RINA. A, a ere mia capit alura.

GINA. E che manera te a ta balaèt, quando a so riada? 

RINA. Me? Balae?  Adà che a ta sa sbaglièt né?!

GINA. Se, te a ta balaèt. E a ta faèt isse. (Balla ma diversamente).

RINA. (Ride) ada che me a balae mia isse né? Ma isse! (Balla).

GINA. Ma te a serèt mia chèla che a ta balaèt mia?! E o sentit anche a ta disièt èrgot de sind … (viene interrotta).

RINA. … sindacati! (Balla mentre parla) a go de ciamà i sindacati. A go de ciamà i sindacati. I sindacati. (Si ferma) ma … che manera a serèt isse conteta te prima? Erèl perché a ta ghe dendà a comprà ol sidèl?

GINA. Ol sidèl? Chè sidèl pò?! (Ricordandosi) a già certo, ol sidèl! Certo! Ando söbèt a compral!

RINA. E me andaro söbèt di sindacati!

ESCONO TUTTE E DUE.

SIPARIO

ATTO SECONDO

SCENA I

Rina e Pina tutte vestite di azzurro

RINA. Pina, ma sa rèndèt cönt? Notre a capo del pais! E chèsta alè la letera che ala proa töt. (Appoggia la lettera chiusa alla sua destra del tavolo). Me la sindachessa …

PINA. … e me ol tò braccio destèr.

RINA. Pina, ada che al sa dis mia braccio dèstèr in chèsta situasiù, ma vice-sindachessa.

PINA. Rina, ma, a ma mia pensat come ciamà la nòsta lista de cento-destra.

RINA. A ta se gnià buna de dil! Centro-destra e mia cento-destra.

PINA. Sento o mela, an ga de daga ü nòm però. Cosa dighèt de ciamà la nòsta lista: Forza Pina e Rina.

RINA. No, no, al va mia be! Con chèl nòm an part zamò svantagiade Pina! Che, me troà ü nòm che al’atire tace voti! Mè troà ü nòm che al siès fort, bel e che al sa dighe be. Come per esempe … Forza Rina e Pina. Edet che diferensa de chèl de prima?

PINA. (Ironica) otèr che diferènsa! Ol capo a ta se te e perciò …

RINA. Dai che an cominsa a bötazö èrgot.

PINA. (Prende i fogli che sono sul tavolo e li butta per terra).

RINA. Ma set indre a fa Pina?

PINA. Ma a ga èdèt piö? O bötazö ergot come te a ta me apena dicc de fa.

RINA. (Li raccoglie) a masantendie de bötazö “öna quac idèe”, mia de bötazö ergot dal taol!

PINA. Ah, o capit.

RINA. Adès, a mi scrizzo ol primo punto dela nòsta collina elettorale.

PINA. Collina? Ma set sigüra che ala sa ciame isse?

RINA. Em … “campagna elettorale”, ölie dì, mia collina, campagna! Dai scrizzo te ol primo punto che me intat a pense al segont.

PINA. (Prende la penna e disegna un puntino. Impiega qualche secondo).

RINA. Fam vèt ol to prim punto?

PINA. Spèta che quase o finit.

RINA. Me a go zamò pronto öl segon punto: stipendio pèr ol sindèc e per la vice: ol dope. Al ma sömèa giöst. E ol tò punto?

PINA. (Le mostra il foglio dove si vede un bel punto e basta).

RINA. E indoel’scricc ol primo punto dèla nòsta campagna elettorale?

PINA. Ma a set òrba? Adal che!

RINA. (Alza gli occhi al cielo) alura cosa dighèt, stipendio ol dope pèr notre?

PINA. Adoma ol dope? Te ada che an gaavrà  muntù de responsabilità né? E se mi sbaglia ergot, an pöl’indà anche in presù né?!

RINA. A ta ghe resù, a ghere mia pensat ala presù. An fa ol trèpe alura. E come primo punto, an ga da töte i responsabilità al segretare cümünal.

PINA. E i grataco töcc ai dipendèncc cümünai.

RINA. E notre la in dèl nòst bel’öfese, an farà i nòste bèle parole incrusade sènsa ès distürbade de nigü.

PINA. Al frèsc d’estat e al colt d’inverno. Te Rina, an meterà anche öna quac tase né?

RINA. Ma certo, che aministradur an séi pò se an mèt mia öna quac tase!

PINA. La prima tasa ala sarà söla cà e ala sa ciamerà (pensa) … ICI. La cà aggla quase töcc e perciò an sé sigüre de fa mia di diferense.

RINA. Ada che l’ICI ala ghè zamò stacia nè.

PINA. A se? Va be, alura ammla ciamerà … IMU.

RINA. Poa chèsta aià zamò inventada. Notre, an ga de troà ön’otra sigla ma piö bèla de chèle le. Che ala faghe egnì òia de pagala. E’capit?

PINA. (Pensa) FLU-IMU-CIL! Fluimucil!

RINA. Fluimucil?

PINA. Se, perché, a ta ala mia be come tasa?

RINA. Benissimo! Anche se chèl nòm le al ma sömèa de iss’entit amò … in farmacia.

PINA. Che farmacia, chèsto nom alè frutto dèla me inteligensa. E dòpo come quarto punto, i spasì ai ga de teazo töte i ses de töt ol pais. Sia chèla che la sta söla strada che chèla det ala cà privada. 

RINA. Benone. Te Pina, al set che me a go de iga in de me stansa dö coccarde de sindèc? An pöderès cominsa a proalesö pèr vèt come a mi sta, cosa dighèt?

PINA. E cosa aspètèt? Dai alura! Che emusiù! Che emusiù!

RINA. Dom delà alura. (Mentre escono) sindèc! Al ma sömèa mia ira.

SCENA II

Gina e Mina tutte vestite di rosso

GINA. (Entrando) Mina, a ghet presènt? Notre prime cittadine de Brusa! E chèsta alè la letera che ala proa töt. (Appoggia la lettera chiusa alla sua sinistra del tavolo).

MINA. Prime cittadine? Ma ada che se a ta ègnèt de Seriat i prime cittadine aiè la Fasana e la Mericanina né?! Se invece a ta ègnèt de Bagnatica i prime citadine aiè la Pastura e la Formagera. Se invece a ta ègnèt del Casinù  aiè la … (viene interrotta).

GINA. Ma cosa set indre a dì po? Ada che i prime cittadine an sé me e te: me sindèc e te vice-sindèc.

MINA. Ah, a ta santendiet chèl! Me a pensae che a ta disièt i prime persune che ai abita in prensepe al pais. Ma … scoltèm me, an ga de fa öna lista alura per indà ai elesiü è!?

GINA. (Titubante) ma … me agglàvrès zamò öna lista… però se a ta ölèt ammlà fa insèma.

MINA. No, no, se atle zamò preparada, al’andarà be dèl sigür. E metit det almeno la Formagela? Le alè grasa (indica con i gomiti) ma alè buna come ol pà. E la ga tate de chèle conoscense che ai ga egnerà bune a notre.

GINA. Se certo, o scrizzo la lista con det la formagela … ol pèrsöt, ol böter, la pasta, l’insalata … (viene interrotta).

MINA. Ma … ma che lista ela chela le?

GINA. Chèla dèla spesa.

MINA. Ma mia chèla de lista a ma santendie!

GINA. Chèla del becher alura?

MINA. Ma no Gina!

GINA. Che scema, perché a go mia pensat prima! La lista di persune che aiè’ndacie a fa la cüminiü sènsa confesas!

MINA. Ma cosa cöntèssö pò! La lista di persune che ai ga öterà a goernà ol pais!

GINA. (Seria) a certo, ere capit söbèt che te a tasantendièt chèla!

MINA. Se, ma prima però a mè daga ü nòm ala nòsta lista.

GINA. Ala lista di persune che ai ga öterà a goernà ol pais. Evvest che ere capit?

MINA. (Pensando) e che nòm non an ga dai?

GINA. (Pensa anche lei) al set Mina che pèr ol momènt a ma e immènt negot?

MINA. (Al pubblico) agavrès iscömetit! Me ü nòm agglo. Ada se al taàbe: Movimento …  due stelle: Mina e Gina.

GINA. No, no, no, al ma pias gniampo Mina. Ma pensa, pròpe in chèl momènt che a mè egnit in mènt ü nòm: Movimento due stelle: Gina e Mina.

MINA. A me, al ma piasia chèl che o dicc me.

GINA. Se, però chi comanda a saro me e perciò al va be chèl che dighe me.

MINA. (Rassegnata) pòta … la sindachèssa a ta se te …

GINA. Scolta adès, ardega mia al nòm che alè chèl che in dü cümü al cönta de meno, piotòst bisogna fa ü programma. Notre an ga de lasà ü sègn in chesto cümü che nigü prima de notèr aià lasacc.

MINA. Ma a mera mia dicc che alera sbagliat quando i sindèc ai völ lasà ü segn de lur?

GINA. Certo, ma chèsto al val adoma pèr i sindèc prima de notre.

MINA. E per i sindèc dopo notre?

GINA. Dopo notre? Ada che notre a mistarasö pèr sèmpèr né? Apena a so sindachèsa, söbet öna lege in doca me e te ai pöderà piö bötagazo.

MINA. Indasaì quace solc che an faràsö! E cosa an fai sö alura pèr lasà ol nòst segn che a Brüsa?

GINA. Me ere pensat a … ü bèl cinema.

MINA. Te Gina, ada che i cinema che a Brüsa ai fa öna bröta fì nè.

GINA. (Sognante) al sa ciamerà “Cine Teatro Vittoria”. E la biglietera ala sa ciamerà Mercedes.

MINA. Pròpe Mercedes?

GINA. Se.

MINA. E se ala sa ciamès Alfa de nom e Romeo de cognom, ala tanderès be lostès?

GINA. No, no, ala ga de ciamas Mercedes.

MINA. Ol cinema al va benone. E i solcc pèr fal sö? Ma sa ma, bisognerà aumentà l’IVA dal vintedù al sinquanta.

GINA. Cos’è? Sinquanta? 

MINA. Forse a ta ghe resù, sinquanta alè ün po tròp.

GINA. Tròp? Ma set mata a te, sinquanta? Ada che la Iva Zanichi ala ga setantaquatragn nè! Otèr che sinquanta. 

MINA. Ma ada che me a disia ön’otra de Iva né? Anche se alè mia sbagliada l’idèa de alzala sö al setantaquater pèr sento. Am paga ol cinema piö al’asvelta.

GINA. Ma certo, ada che me a so buna de fasö i cöncc nè. E cosa an fai pèr la tasa sö sporc?

MINA. Prima roba, me digherès de abolì chèl F-24 le, che al fa adoma casòt.

GINA. (Preoccupata) cos’è? An ga che a Brüsa i F-24? Ma … indoei? Ei parchegiacc sö al Castèl? A go pura me né?

MINA. Ma set indre a tözzö? A ghet pura di F-24?

GINA. Perché te a ghet mia pura di missili? Fas mia èt coragiusa perché a ta se che denacc al nòst publico né adès!

MINA. Missili? Ma quai de missili?

GINA. Chei che ai ga i caccia F-24! (Al pubblico) a ma sömèa de ès indre a parlà con d’öna sterlöca!

MINA. Gina, ada che i F-24 aiè chi fòi che ol cümü al ga rialasa pèr indà a paga o sporc.

GINA. Ma set sigüra? De missili che a Brüsa a ghè né mia? Gnià söl Castèl?

MINA. A tla ghe te ol missile, ma in dèl co!

SCENA III

Rina, Pina, Gina e Mina

RINA. (Parlando da fuori. Le due entrano con le coccarde in testa) te, aiè pòpe bèle né?

PINA. E i ga sta pròpe be.

RINA. (Piano a Pina) madonname, a ghè che la me sorèla! Pina, nascont söbèt la coccarda! An ga de diga negot né, dela nòsta elesiù! (Le due si tolgono le coccarde e le nascondono).

GINA. (Piano a Mina) madonname a ghè che la me sorèla! Mina, diga negot de chèl che an sé né! Diga negot!

MINA. (Piano a Gina) ma set mata? I ga de saì negot de negot, e in prima la me sorèla.

LE QUATTRO SONO IMBARAZZATE.

RINA. Ciao.

PINA. Ciao.

GINA. Ciao.

MINA. Ciao.

RINA. Aiè pròpe bele … chèste giornade … longhe? Né Pina? (Gli da una gomitata).

PINA. Certo! Pròpe longhe … chèste giornade. Troì mia a otre?

GINA. Perdiana se aiè longhe! El mia ira Mina?

MINA. (Piano) ma se a ghè fosc ai quatèr e mèza!

GINA. (Gli fa segno di acconsentire).

MINA. Longhe? Otèr che longhe. Lunghissime che a ta èdèt piö gnià la alba!

RINA. (Piano a Pina) Pina, ada come alè estida la me sorela.

PINA. (Le guarda. Piano a Rina) che manera alè estida de ros?

GINA.  (Piano a Mina) Mina, ada come alè estida la me sorela.

MINA. (Le guarda. Piano a Gina) che manera alè estida de azurro?

RINA. Ma che manera otre do a si estide de ross?

PINA. (Ironica) ai ga ol cönt in ros! A si forse töte dò spianade a tera?!

GINA. Te bela, ada che me agano di solcc né? E se anche ai ghiavrès mia, ando mia a mètèl in piasa cèrto col culur dèl vestit!

MINA. (Piano a Gina) ma diga de se a te, chesse almeno an ghera la scüsa buna.

GINA. (Piano a Mina) a ta ghe resù! Cosa an ga dighèi adès?

MINA. Lasa fa a me. (Pensa).

RINA. Alura, al sa pöl saì ol perché a si estide de ros?

PINA. O alè ü segreto … bancario?

GINA. Gniaü segreto. Me a so estida de ros pèrchè … perché … (chiede aiuto a Mina) perché …

MINA. … perché … perché … rosso di sera …

GINA. … bel tempo si spera.

PINA. E cosa cèntrèl ol tep adès?

GINA. Al centra eccome! Me … me … a so stacia ingagiada per fa … i previsiü dèl tep … ala sira. (Si improvvisa meteorologa e usa Mina come cartina d’Italia) al nord, domani c’è il sole. Al centro domani c’è il sole e al sud domani c’è il sole.

MINA. (Piano a Gina) braa! (Alle due) se, la Gina alaà a fa i previsiü ala sira pèr viga ol bel tep dèl de. Gina in rosso di sera, bel tempo si spera.

RINA. A, o capit. (A Pina) mah!

PINA. Ier però alà piöit.

GINA. (Affrettandosi) pèr forsa, me a so stacia ingagiada da incö.

MINA. E che manera te Rina a ta se estida de azurro?

RINA. (Si guarda) a certo, me a so estida de azurro. Ol fato alè che … alè che … Italia! Italia! Italia! Ale-oo, ale-oo. (Chiede a Pina di seguirla. Alza le braccia). Ale-oo, ale-oo.

PINA-RINA. (Alzano le braccia) ale-oo, ale-oo. Ale-oo, ale-oo.

GINA. (Al pubblico) ma, ele normal pèr votre?

MINA. Che i sies indemoniade?!

RINA. Ada che me a so öna tiffosa sfigatada del’Italia che la giöga al balù nè.

PINA. Me, a so mia isse tiffosa compagn de le né invece.

GINA. Te Rina a ta se tiffosa dela nasional Italiana? E da quando?

MINA. Ma al set almeno chi giöga in del’Italia stan?

RINA. Me? Me a ga so töcc i giögadur del’Italia de stan. Però a tan’dighe adoma öna quac ma chi piö importanti. Ol Zuf, ol Cavrini, ol Tordelli, ol Caucasio e ol Paolo Rosso.

PINA. (Piano a Rina) braa Rina!

GINA. Mah, a me a ma sömèa che i sabe mia chi de stan chi giögadur le.

MINA. Poa per me aiè mia chi de stan.

RINA. Ma scète, adì che i giögadur in dè nasional ai ve mia cambiacc töcc i agn né? I sta det almeno pèr öna trèntina de agn.

PINA. Fa poà quaranta de agn. Ma Mina, anche anche te meterologica? A ta se estida de ros compagn dèla Gina.

GINA. La Mina, ala fa mia la meterologica ma … ma … (piano  a Mina) inventa ergot söbèt o an sé in di guai.

MINA. (Imita un toro e usa le dita per fare le corna) taca toro! Taca toro!

GINA. (Prende un fazzoletto rosso e insieme imitano una corrida) taca toro! (Quando Mina le passa accanto) ole! (E così per tre volte).

RINA. Ele indre a pèrt ol co?

PINA. Qual de co? 

GINA. La Mina alè estida de ros perché le ala-à ala corrida! Adì come alè braa. (Lo ripete ancora una volta).

MINA. Adès però basta né, a ma e sö piö ol fiat e a ghè mèzo de restà che. E, al ma sömèa mia ol caso per öna recita. E te Pina, che manera a se’vestida de azurro, dato che a te dicc che de calcio te a ta santendèt poc?

RINA. (Piano a Pina) te a ta parlèt sèmpèr tròp! Dai inventa ergot ala svèlta, se de nò an fa marù.

PINA. Me a so estida de azurro perché a me … perchè a me … a ma pias … i Puffi!

GINA. A ganere mia di döbe. (Fa segno che è piccola).

MINA. A gniame se lè pèr chèl! Ma al sa pöl saì perchè pròpe incö a si estide de stes culur? Cosa a ghè söcedit?

RINA. Negot … cosa ölèt che al siès söcedìt … (Si ricorda che anche loro sono vestite dello stesso colore) ma perché anche otre do incö a si estise stese? Cosa a ghè söcedìt?

PINA. E’, cosa a ghè söcedìt?

GINA. Mina, me a gal dighe.

RINA. Pina me a gal dighe.

RINA-GINA. Notre an dienterà  …. prime cittadine de Brüsa.

SCENA IV

Rina, Pina, Gina, Mina e postina

POSTINA. (Entra) avete per caso trovato due lettere su questo tavolo?

GINA. Se …

RINA. Se …

POSTINA. (Le vede e le prende) eccole. Queste sono le due lettere personali che il sindaco mi ha dato da consegnare …  

RINA. (Sorride e indica se stessa).

GINA. (Sorride e indica se stessa).

POSTINA. … una alla signora Ambrogina Sciarpa e l’altra alla sorella Caterina Sciarpa che abitano qui a fianco. Il sindaco ha chiesto loro di trovare un accordo per chi prendere il suo posto.

GINA-RINA. (Le rubano dalle mani le lettere per controllare il destinatario).

RINA. (Guarda e mostra a Pina sconsolata) Sciarpa a ghè scricc e mia Scarpa come ol me cognòm.

PINA. Rina, dim mia che a  ma tocheròà teazo la me ses nè!

GINA. (Guarda e mostra a Mina sconsolata) Sciarpa a ghè scricc e mia Scarpa come ol me cognòm.

MINA. Ciao cinema!

POSTINA. Per fortuna le ho trovate, altrimenti sarebbe stato un bel guaio per me. E queste sono le vostre che ho confuso con quest’altre. (Le mette sul tavolo) ciao. (Esce).

RINA-GINA. (Si avvicinano piano, prendono le buste, tolgono la lettere e leggono in contemporanea) Fluimucil, imposta regionale sugli immobili.

TUTTE E QUATTRO SI ACCASCIANO SULLE SEDIE SCONSOLATE. SI GUARDANO E ARRABBIATE SI ALZANO E CORRONO INTORNO AL TAVOLO.

RINA. A là, la fa la meterologica de sira le! Alà bugiarduna.

GINA. Sent chi parla. A talse gnià come alè facc ü balù te. Gniac se a ta födès l’öltima persuna söla tèra a ta voterès!

PINA. La me sorela la fa la torera le invece! Cosa pensaès che i ciamès votre per fav sindèc?

MINA. Macchè, a sirès votre che al pensaès e mia notre! Alà sorèla-puffetta di me stiail!

SIPARIO

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 29 volte nell' arco di un'anno