I memori dei trii ‘G’

Stampa questo copione

I MEMORI DE TRII GGG

     

(TRIANGÔL CON AL MOORT)

di Aleardo Noli (c) 2002

La trama: Giustino, un boghese di città, dopo una vita di sottomissione, decide il salto nel buio ed imbastisce una relazione con una donna (come dire?) un po’......vivace, Gabriella. Un brutto giorno, però, un infarto secco lo ferma per sempre. Al momento si trova in attesa di giudizio in una specie di limbo burocratico. Trova così il tempo di stendere qualche memoria.

Germana, di nome di fatto, è la battagliera e pesante vedova di Giustino,che, rimasta sola all’improvviso, tiene un diario, al quale racconta la sua grigia esistenza.

Gabriella, da parte sua, ha aperto sul suo computer un file denominato “Giustino”, e tiene aggiornata la sua delusione..............

GIUSTINO          Se füdéss migna già a l’oltro moond, a ma vegneress de dì: “Ropp de l’oltro moond”. Anca chì, tütt al teemp a pèrd teemp con i côof. Un ufizi via l’oltro, e timbri che i finiss mai. A i’è staj svèlt domà in una roba: (INDICA IL CAPPELLINO CON LA SPONSORIZZAZIONE) Tacà sü al réclam, ‘pena somm rivaa in questa specie de limbo. E i à dii che i narà avanti a tacann sü, i m’à impienisserà come ‘na formüla vün.

GERMANA          Caar al mè diari,

                                               l’è ‘na giurnada trista; al pioeuf, e alôra senti püssée la mancanza del mè pòor Giüstin, che al Signoor al g’a l’abia in gloria! Sées mées, a i’è già passaa. Cert, che se al füdéss chì, al ma sentiréss: Che al m’à faj ‘na ròba......Nà a morì in tèra straniera, a un chilometro de cà....E dimm che al nava a toeu de fumà! E mì che a g’oo migna penzaa sübit, che al fumava migna. Somm staja ‘na bèla stüpida. Cosa fàvel poeu di paart de Viaal Europa, al la sa domà lüu. Sempro che al g’avess avüu bisoeugn di zigarett, a g’a n’è vün migna taant lontan de cà nòssa, de tabachin!

GABRIELLA        Mi sono decisa ad aprire un file che, naturalmente, ho denominato “Giustino”. Posso così confidare al computer le mie pene per la partenza dell’amato (beh, si fa per dire); mi manca anche il suo portafoglio di vitello nero. A lungo l’ho aspettato (il Giustino); sei mesi fa avevo comperato l’incenso, che a lui piaceva tanto (e che costa un occhio). E lui? Se ne va così, senza preavvisare, mi rimane sul viale, sotto un qualsiasi platano spelacchiato. Va bene che era spelacchiato anche lui, ma vuoi mettere? Era un uomo Denim, per intenderci, difatti non chiedeva mai, ma dava sempre. Così, ecco perchè mi manca anche quel tale portofoglio di cui parlavo prima.

GIUSTINO          Come a disevi, i’à scomenciaa a sponsorizà la crapa. Per al rest, a soo gnammò nagôtt. A somm la pratica nümer 23.48.567/ABZ, e al soo gnanca cosa al voeur dì. Soo domà che resti chì sui spin, a specià indôa i ma manderà....Quaand che sevi süla la madre tèra, per ogni minima scemada , a disevi che voeurevi morì; adèss che i m’à cuntentaa, voeureress tornà indrée......l’è la solita storia del pan e di deenc, porco sciampin!

GERMANA          Caar al mè diari,

                                               a soo gnanca pü con chii vosà....gh’emm gnanca avüu fioeu, che almen vôsavi con quii....con al Giüstin, l’eva bèll, perchè podevi sbragià per via di patìn che al voeureva migna mett sôta i pè quaand che gh’eva dai giô la cera.....Sì, pòdi vosà con al cagnett, al Charly, ma dopo al trema com’è ‘na foeuja, e poeu al fà ammò quel che al voeu lüu. Un poo come al sò pòor padron. A gh’è poeu che bisoeugna portall foeura a pissà, a spassegià, e a sgranchiss i sciaamp....Al Giüstin, quii facc chì i’a fava lüu, che taant, per quell che al gh’eva de fà.....A goo anca pagüra che al n’aprofitass per vardàcch i gaamb ai tôsann, intaant che al girava per i giardinitt. Oo mai capii quela propension lì di omen, ma i’è migna bôn de stà con la facia innanz quaand che i veed passà ‘na minigonna...Tücc i güst a i’è güst!

GABRIELLA        Caro computer,

                                               come puoi ben immaginare anche con il tuo cuore elettronico, il mio dolore è immenso, pari soltanto al vuoto del mio conto corrente. La vita è divenuta piatta; dovrò fare uno sforzo, e conquistare un altro cuore, compatibile con il mio, così sensibile! Ce ne sarà ancora uno come il cuore del compianto? Spero di dì; dovrà però essere anche divertente, perchè, quando levava il borsello, il Giustino lo era (abbastanza).

GIUSTINO          Vüna di prim domaand che i m’à faj chì, l’è staja abastanza curiosa: Che marca de orolocc portavi. Ma la mia Germana, quaand l’à m’à metüu cavézz per al viacc terminaal, i m’à l’à (devé) tiraa via. Inscì oo dovüu rispondicch nel modulo che g’a l’evi migna. L’è forzi per questo che somm chì a specià la destinazion? I m’à faj sü un timbro (al quarantesim), con sü sôra scrivüu: “Giunto senza Breil – in attesa di controllo nell’ ex-abitazione”. Orco can, se i contròla a ca’, i troueva quel’orolocc lì, e alôra i m’à spediss ai piaan.....inferioor. Speremm che la Germana.......Per la miseria, adèss che m’a vegn in meent......devi avél desmentegaa sul cifon, l’ültima vòlta che m’à ricevüu la Gabrièla....basta che i g’abia migna sentoo dèla relazion....speremm !!!!

GERMANA          Caar al mè diari,

                                               ma....al sarà migna che al mè defunto al m’à cuntava sü una quaj bàla? Che se l’è inscì, al cata pü gnanca un lumin pinin, e g’a lassi créss i erbasc süla tomba vòlt come al feen mageengh. Presempi: Indôa l’avrà casciaa al Breil che a g’oo regalaa quaand l’à faj i cinquant’ann? Cosa diavôl i n’avrà faj? Voeuret vedé che un quaj malnatt al g’à l’à tiraa via dèl brasc, intaant che l’eva giô per tèra in Viaal Europa? Già, cujon come a l’eva.....Va ben che l’eva un zich mòrt, ma inzoma, almen de reagì ‘na vòlta come sa deev, offff!!!!

GABRIELLA        Apro di nuovo il file “Giustino” per metterci dentro un po’ di ricordi del periodo, tutto sommato dolce, anche perchè non lesinava sui pasticcini. Diceva di avere una moglie amara! Tengo il suo Breil, che ha lasciato sul comodino l’ultima volta, unico ricordo del suo “ricco” amore. Quanti regalini mi faceva! Diceva, è vero, le solite palle di tutti i maschi durante una relazione extra-coniugale: E che la moglie non lo capiva (ci aveva messo ventinove anni per accorgersene), e che doveva mettere le pattìne sotto i piedi quando l’arpìa dava la cera.......Fisicamente, ne ho conosciuti di meglio; però non aveva l’artrite quando si trattava di cavare il portafoglio.....Giustino, è inutile, sarà difficile trovare un altro fessacch....voglio dire un altro fisso che ti sostituisca!

GIUSTINO          Quaand che lengi che süla tèra gh’è sempro la taal riunion del G-sett o del G-vòtt, ma vegn in meent che mì a gh’evi al G-trii: Giüstin, Germana e Gabrièla......Ah, Gabrièla, soo di mè giornaad griis! Se g’à füdéss migna staja ‘sta tôsa....La ma costava un poo tròpp, ma la ma tirava sü....in tücc i sensi. Oddio, migna che la mia Germana la m’abia propi faj passà sempro ‘na brüta vita.....ma regordi come se al füdéss adèss come a l’oo cognossüda....la ma fava i iniezion, perchè l’eva infermera.....a penzacch ben, l’è staj un amoor incominciaa col cüu e finii ala stessa manera. L’eva de n’a decision a spoong....i amiis in quel periodo lì i ma diseva perchè navi zòpp!

GERMANA          Caar al mè diari,

                                               al prim puntèll che al m’à daj al mè Giüstin, l’è staj visin ala ruèra del casameent indôa stavi mì. A gh’eva un zich de odoo, l’è vera, ma al Giüstin al s’eva traj adòss un maar de profüm a bon mercaa, che al sconfondeva l’odoo del rü. L’à tentaa de basamm, ma la mia mamm l’a m’eva metüu in guardia, e alôra a goo daj una sbèrla, e l’è naj a finì tra i  pèll de patati e ‘na tôla de olii Berio.

GABRIELLA        Quando ho conosciuto il mio pollo.....oppsss, scusami, intendevo il mio Giustino, ero ai giardini pubblici, e lui portava a passeggio il cagnolino, il quale tirava il guinzaglio come un dannato. Siccome il suo padrone non era Sansone, benchè il cane fosse minuscolo, era la bestia che lo portava in giro. A un certo punto, il cane è riuscito a far ingarbugliare per bene il guinzaglio attorno alle zampe della mia panchina....Sai, caro computer, il Giustino era in cerca di becchime fuori dal proprio pollaio, io ero rimasta a corto di pollame....Insomma, è stato amore a prima vista.

GIUSTINO          I prim teemp del mè matrimoni, i ropp i’è migna naj inscì maa.....la Germana la deva gnammò rivelada inscì....tôdesca, e l’eva gnammò metüu sü i sbarr ala finestra dèla mia libertaa, ma dopo l’è staj come se la mia vita la füdess serada via. De fà de mangià l’eva migna bôna, ma in compeenz l’eva ‘na frana per stirà. La preparava in ogni modo centrin ricamaa d’ogni misüra; capolavori, con i quali la impieniva tüta la ca’, cèss comprees. I’eva tücc secch, inamidaa che i somejava de gèss. I fava vegnì in meent la Germana quela vòlta al mees che la fava a l’amoor.

GERMANA          Caar al mè diari,

                                               al mè Giüstin al s’è mai lamentaa; anca perchè, se al g’a provava, al metevi a post mì! Al gh’eva migna oltro che domandà, s’el gh’eva voeuja, già. Dòna de laargh vedüud, sevi, e somm ammò! Presempi: se ‘na sira al voeureva al riis inveci dèla pasta. al gh’eva domà de dill, e al podeva metess là ‘n oltra pignata d’aqua. O se inveci del léss al voeureva al ròst, al sa la fava. Dopo scena, al diventava un poo insisteent: Tücc i momeent a l’eva scià con la solita lienda. Passava gnanca dees- dodess dì.....’na vera crôos, ma i omen, sa sà, i g’à in meent sempro quell........

GABRIELLA        Eh, non è durato abbastanza, il Giustino! Nel mio lavoro al “Beauty Center Belle & Sode”, se ne sentono di tutti i colori, ma la mia sistemazione con il defunto (da vivo!) non era poi così male, considerato che non dava tanto fastidio, ed era di manica larga. Sette mesi, è durata la faccenda, prima che partisse senza salutare. Eh sì che non sembrava un maleducato! Ricordo che i primi tempi era un po’ impaurito, e guardava la porta, come se da un momento all’altro dovesse entrare la draghessa della moglie. Se penso che poco più di un anno fa come adesso iniziavo a conoscerlo..........Notazione: Proverbio del giorno: “Un bel gioco dura poco”. Salvo e chiudo il file.

GIUSTINO          Al dì del sposalizi con la Germana, migna per vantass, ma sevi bèll come al soo...Sbarbaa, profumaa, lüstro. La cerimonia la incominciava ai vündess, e léé l’è rivada ai dees e mèza per pagüra che avess cambiaa idea........I l’eva tirada inzema migna maa, che quasi la cognossevi pü. E poeu, emm dii al fatidico “sì”. Vardée per ‘na parolina inscì minüscola come vün al va a rovinass.....in ogni caso, vintinoeuf ann de “vita in comune”, fina a che a m’è sonaa la sveglia in Viaal Europa, e adio.

GERMANA          Caar al mè diari,

                                               oo gnammò vardaa ben i caart del mè pòor omm, e goo pagüra de trovà deent quajcòss de lüu che soo migna....Al soo, l’è ‘na roba scema, ma somm faja inscì....Somm sempro staja aprensiva, questa a l’è la veritaa....Presempi, quaand che spongevi al cüu del Giüstin, e che emm decidüu de parlass, a goo metüu trii ann e mèzz a dighel ai mè geent, e loor i’à pretendüu altri trii ann de fidanzameent....Ma regordi che un dì de lüj,che al fava un còld boja, la mia mamm l’à dii che sévi tropa scolada, e prima de nà foeura oo dovüu mett sü un golf. Al fava migna poeu inscì còld; al termometro in piaza al segnava domà trentaquatro.

GABRIELLA        Ieri, ho preso in mano più attentamente l’orologio blu che ha lasciato qui il trapassato. Sono rimasta un po’ sorpresa nel vedere inciso sulla cassa: “Da G a G”. Che si sia fatto un auto-regalo con le mie iniziali? O che sua moglie abbia il nome che inizia per “G”? Perchè il nome di quella che chiamava “vipera” non me l’ha poi confidato...........

GIUSTINO          E quel dì che oo cognossüu la mia Gabri? Propi mia la sarà poeu migna staja, però......L’è staj ai giardin püblich, già. Prima, ma limitavi a fà i stess viaj che fava i bej tôsann......Come quel dì che oo ciapaa un catafiich de ‘n africana tüta eleganta, che la credeva che mì.........Ma se goo  mai avüu al coracc di dicch nagôtt a nissüna.....salvo con la Gabrièla, ah, quela sì......Lée l’à amiraa al mè can Charly, e alôra somm naj visin con aria finta ingenua e ma somm setaa giô süla stessa bancheta, ma lée l’à ridüu sübit, perchè prima de setass giô oo controlaa con la man se la verniis l’eva fresca, che ‘na volta somm naj via dei giardinitt col cüu veerd. Inveci, l’à m’à dii: “Se sono seduta io...non è sporca, sa?” Ma mì goo rispondüu che l’eva per via dèla verniis, e lée la sa sganassava dèl riid. Dopo, l’à vist che ma la somm un poo ciapada, e l’à m’à dii: “Non si offenda...piacere....mi chiamo Gabriella....” Inzoma, emm tacaa buton............

GERMANA          Caar al mè diari,

                                                       quel sacrenon del Giüstin al m’è anca naj via propi sul momeent de l’ambaradan del cambi tra lira e euro, che quell di cass de mòrt al m’à daj ‘na brüta imbrojada senz’oltro, lüu e i sò tariff mezz in liir e mèzz in euro, che oo pü capii nagôtt....Ma paar che oo pagaa al furgon in liir, i fioo in euro e la cassa con ‘n assegn....’N’oltra volta che nassi a foo de mestée la dòna de vün di cass de mort, t’al disi mì!

GABRIELLA        Ieri, ho ricevuto una telefonata abbastanza singolare. Invece di annunciarsi, è partita subito in quarta una voce femminile, che mi ha chiesto se mi chiamavo Gabriella. Non ho fatto nemmeno tempo a rispondere, che il ricevitore è stato riagganciato. Mah! Tanto, di tipi strani ce ne sono in giro..........Prendi per esempio il solito Giustino, che già non è un nome da guerriero: Aveva un coraggio......non aveva ancora slacciata la cravatta, e già spiava dalla tenda per vedere se qualcuno poteva vederlo........Ecco, per dire un aggettivo esatto, era ossessionato.....ossessionato da tutto. Avevo un bel dirgli di stare calmo; e il nervosismo non aumentava certo le sue....ehm....diciamo così.....prestazioni amatorie, che già non erano al “top”.

GIUSTINO          Incoeu, i m’à faj scernì che cafè che voeurevi. ‘Na roba inscì stramba, l’evi mai vista prima. Mì, süla tèra, oo vist centmila vòlt la reclame, e credevi de fà al tovaja e de savé già tütt, ma loor a i’è staj püssée furbi de mì, e i m’à bendaa i oeucc. Adèss, soo gnammò se oo scernii al cafè che ma porta in.....sü o quell che ma porta....in giô. In ogni modo, oo firma ‘n altro modulo, e via andare!

GERMANA          Caar al mè diari,

                                               l’altro dì finalmeent ma somm decidüda a vardà tra i caart del pòor Giüstin, e oo trovaa un numer de telefono, con sü visin scrivüu “Gabri”. Orco sciampin, questa poeu, l’è bèla del bôn! Voeureress vecch chì quel strepenaa del mè poor omm, per inverzall sôttsôra come sa fà con ‘na giacheta rivoltada. Eet capii al marito ideale, tütt ca’ e giardinitt? M’à risponduu una vôos se quii che.....diis ciaar i sò reson. “Sìiiiiii, pronto?” Quela lì, la credeva de vecch a che fà con un oltro clieent, perchè al sò al deev véss al mestée püssée antiich del moond, t’al disi mì. Al Giüstin al deev ringrazià de véss partii, veh!

GABRIELLA        Vuoi vedere che la voce femminile...no, non è possibile....Non sarà stata la consorte del defunto? Ma come sarà arrivata al mio numero di telefono.......A meno che quel rimbambito del Giustino (a nominarlo come vivo) non abbia lasciato in giro il numero. Conoscendolo un po’, niente di impossibile.......Oh, beh, dopotutto, cosa può provare quella lì? Le mie prestazioni non lasciano il segno, se non nel portafoglio....Uffa, regalini, sciocchezzuole, in fondo.....cosa vuoi che sia.....

GIUSTINO          Intaant che scrivi i mè memori come al Silvio Pellico, m’a vegn in meent tanti de quii episodi con la mia Germana...Germana, già! figuremess! Al sò pa’ l’eva vorüu metich quel nom lì perchè l’eva staj in Germania a lavorà, ai tempi che Berta filava. Chissà poeu cosa gh’eva de bèll de regordass dèla Germania....in ogni modo, al nom a l’eva sü misüra, perchè germanica l’eva del bôn. Quaand che la gh’eva scià al spazeton, la somejava un soldaa prüssian del Bismarck. L’eva propi naturaal, nagôtt de dì.

GERMANA          Caar al mè diari,

                                               che abia vivüu vintinoeuf ann visin a un infingaard che al gh’eva la dopia facia? Ma paar fina impossibil, anca perchè al vardavi a vista. Ma con la scusa del Charly, magari.....dovréss domandaghel all’amabile cagnetto, ma al fà sü ‘na facia de inoceent...che al siéss faals come Giuda anca al can? I diis che a furia de stà inzema, omm e can ala fin i s’à someja....e poeu, gh’è sempro la stramaledeta storia del Breil bleu, che al sa troueva migna in nissüna paart.....Caar diari, a somm tormentada de mila penzée, vün püssée brütt de l’oltro....Vigliacch d’en vigliacch, se al m’à faj ‘na roba simila....s’el troeuvi dèla paart de là....beh, impossibil, mì saroo in sü e lüu in giô, se l’è l’impostoor che penzi..................

GABRIELLA        Caro diario elettronico,

                                                       tramite il “Chi è?” sono potuta risalire a chi mi ha telefonato; effettivamente, il numero é ancora intestato al Giustino; così ho saputo tutte le coordinate di chi fosse in effetti quel limone che ho potuto spremere per soli sette mesi. Non che sia di grande utilità, ma insomma.....una consolazione come un’altra. E’ invece importante adesso che ai giardini pubblici trovi un altro pollastro, magari con un nome e una personalità un pochino più pronunciati..........

GIUSTINO          Intaant che a voo avanti a mett giô i mè memori (taant per fà un quajcòss), ama vegn in meent tanti ropp particolaar dèla mia vita süla tèra....prima de cognoss la Gabriella de Viaal Europa 131.......Presempi, de quela volta che la Germana, che alôra sevomm ammò giovin, sposin, l’à vorüu che la fotografass intaant che la ga dava al pan ai cigni in riva al laagh, e al momeent del scatt fatidich, al cigno püssée gross al g’à becaa al posteriore e lée l’è finida in una bèla istantanea a gaamb a l’aria. La m’à migna parlaa per quindess dì, anca se gh’evi spiegaa che al cigno l’evi migna mandaa mì, ma la s’è mai convinciuda, e l’à sempro credüu che l’evi faj aposta.

GERMANA          Caar al mè diari,

                                               la parola giüsta a l’ü “mascalzon”. Ma, disi mì, come sa fa a véss inscì tradidoo! M’è capitaa sôta man i cuunt dela Banca,e, inveci de vecch giô quell che doveva vessich giô, a gh’è un sach de prelevameent, de sett mees a questa paart....Ah, ma mì somm mej del Tenente Colombo, faroo un’investigazion a tresentsessanta gradi o anca püssée....i sa migna chi che l’è la Germana!

GABRIELLA        Prendo ancora il mio computer e annoto che finora non c’è traccia di uno che sostituisca nel mio.....cuore il Giustino buonanima. Ho visto in giro uomini o troppo giovani o troppo vecchi o troppo distratti o papà con il passeggino....tutte categorie delle quali per fortuna non faceva parte il trapassato......Insomma, non ci sono più quei bei spennabili di una volta.....Sarà anche la congiuntura; sarà, sarà.....Sarà che sono qui, senza guadagni supplementari, e sopravvivo, senza le gioie e i gioiellini che il Giustino mi consegnava generosamente.

GIUSTINO          I m’à ‘pena comunicaa al risultaa per quanto riguarda l’orolocc e per quanto riguarda al cafè: Donca, al Breil i l’à migna trovaa, e al cafè che oo scernii l’eva al “Crema e gusto”, e quindi i m’à dii che “era quello giusto”. Dovréss véss a post. Disi “dovréss”, perchè inveci, ‘sti sacrenon, i à ridüu sôta i barbiis e i m’à poeu anunciaa che g’a entrava come i cavol a merenda siéss al Breil che al “crema e gusto”. Inscì devi na’ a purgà un zich al pecaa dèla Gabrièla, perchè loor i sa tütt, sa pò nascondicch nagôtt, a alôra prossimameent partisseroo per un poo de “libertà condizionata”. Ma, ma paar anca giüsta, la roba, perchè oo giügaa un poo tropp. Però, prima de nà a toeu giô la pürga, i m’à permett de vecch un picol contatt con la tèra, perchè g’oo dii che goo quajcòss de fà savé a quajdün............

GERMANA          Caar al mè diari,

                                               ma vegn i sgrìsoj domà a penzach: L’altra nòcc, è vegnüu a visitamm al Giüstin, a somm sicüra, l’eva lüu. Sarà staj i dô, o dô e mèza, a senti come un bôff d’aria.....al soo migna se dormivi o se dormivi migna; soo domà che oo vist al mè Giüstin, al pareva viif....ma purtropp a ma regordi pü cosa al m’à dii, pecaa.........

GABRIELLA        Caro computer,

                                               il giorno che l’amato doveva venire a trovarmi, pioveva. Passava il tempo, e non l’ho visto arrivare....Ho pensato che avesse avuto paura a muoversi di casa senza la scusa del cane; almeno, così ho immaginato.....Sai perchè m’è venuto alla mente quel particolare lì? Perchè stanotte l’ho sognato, per la prima volta......solo che era pieno di capelli e con un piercing sul naso.....Da ridere, il Giustino così.....però, era vestito male, borbottava qualcosa di incomprensibile. Un sogno scemo.

GIUSTINO          Oo incominciaa a provà, inscì per scherz, a na’ a facch visita ai mè dô dònn, ma somm gnammò alenaa assée; adèss ma perfezioni e poeu.....fuochi d’artificio! A l’è che al teemp che i m’à dai a l’è poch; cercheroo de fàghela istess..........

GERMANA          Oo crompaa al libro dèla smorfia napolitana del lòtt, perchè voeuri vedé i numer de giügà per l’aparizion de l’oltra nòcc.....Magari g’a foo sü ‘n afari su quel lifrocch del Giüstin, che sula sua fin senti sempro püssée odoo de brusaa....Oo tiraa i mè conclusion, e oo capii che con la scüsa del can al nava a trovà ‘na cagna.....Scüsa al paragon, ma somm foeura di strasc....Già; adèss oo anca capii de quel dì che al n’è naj, perchè la tiraa scià la storia cretina di zigarett....Al pioeuveva, e al podeva migna na’ fina ai giardinitt con al can....e sicome che al gh’eva voeuja de vedé la sua bèla......Al ripeteroo mai assée: Vüna prima de maridass la dovress penzach sü mila volt, e poeu deciid de restà de per lée.....Possibil che esista omen de pasta fròla come al Giüstin, e dònn dela specie de quela Gabrièla lì? Epuur, l’è inscì, nagôtt de fach. L’omm al sa straca del solit pozz, e al va col sò sedèll (sa fa per dì) altrove; ma al Giüstin al gh’eva la corda cürta e al la seva migna....de ‘na paart, l’è anca de riid................

GABRIELLA        Caro diario elettronico,

                                                       scrivo ancora queste poche note, tanto per concludere. Ne stampo una copia per ricordo, e poi cancellerò tutto, e comincerò qualcosa di più divertente. Ho inviato una lettera alla vedova del Giustino, che mi sembra sia un po’ sull’incavolato andante, e le ho detto di trovarsi con me ai giardinetti; forse diverremo anche amiche, chissà?

GIUSTINO          Somm proont per al gran finaal. Pòdi finalmeent fa giô un salt süla tèra, e divertiss. Naroo ai solit giardinitt de quartieer......

GERMANA          Caar al mè diari,

                                               a somm contenta, de ‘na paart. La famosa Gabrièla l’à m’à invidaa a cognossela ai giardinitt. Soo migna cosa la voeurerà dimm, ma in foond somm anca curiosa de vedéla........

°°°°°°°°°°°°

FINALE

GABRIELLA        (RIVOLGENDOSI A GERMANA, CHE ENTRA ASSIEME A LEI) Sono contenta che abbia accettato di vedermi. Noi donne dobbiamo essere solidali, sa? Non deve volermene, in fondo non sono stata io ad andare a cercare il Giustino, non è vero? E poi, senta: Conosco un caro amico, che ha un amico che cerca un’amica.........................

GERMANA          Alôra, l’è tüta una question de amicizia......beh, perchè no? In foond, al proverbi al diis: “Chi la fa l’aspetti.....” E poeu, somm vedova, sì o no?

GIUSTINO          (ENTRANDO, SI RIVOLGE ALLE DONNE) Cara Germana, cara Gabriella, mì.....voeureress diff.......................

GABRIELLA        (A GERMANA) E questo qui vestito da fantasma, chi sarebbe? Strani tipi ai giardinetti, le pare? E’ un suo conoscente?

GERMANA          Chiii, quel ropp lì? E lée ga paar che ‘na sciôra come mì a pò cognoss un tipo simil? Ma per piesé! La ma parla pütost de l’amiis del sò amiis.......................

(SI AVVIANO ALL’USCITA)

GIUSTINO          (RIMASTO SOLO, APRE IL GIORNALE CHE HA CON SE’)

L’è inütil, gh’è pü quel bel rispett per i trapassati.........Taant, però, purgass per purgass, voeuri doprà quel zich de teemp che a goo a disposizion in manera speciala.....vedemm.....ah, sì.....eco....”Nuovo arrivo russa bionda mozzafiato, telefonare 339.65.72.198........”

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno