I nipoti del podestà

Stampa questo copione

ASSOCIAZIONE

I NIPOTI DEL PODESTA’

3 atti di Nico Manghisi

Personaggi                                                   interpreti

                                                              

Adelina, maestrina

Arianna Leone

Peppino , garzone di bottega

mario Lasorella

Saverio, droghiere

Raffaele Ramirra

Isabella, sua moglie

Rosita Fornaro

Silvia, nipote del Podestà

Elvira Spartano

Achille, suo marito

angelo lonardelli

Giuseppina, segretaria del Podestà

Carmela Andresini

Don Ciccio, il Podestà

Dino Lorizio

Felice, suo nipote

Leo Ramirra

Jannina, fidanzata di Felice

Tonia Cisternino

Pasquale Guerra, suo fratello

Franchino Manghisi

Memena, cameriera

Caterina Ramirra

Angiola, Direttrice scolastica

Teresa Taccone

Vincenzino

andrea lonardelli

Regia di Nico Manghisi

-rielaborazione de “I NIPOTI DEL SINDACO…DIECI ANNI DOPO” di Nico Manghisi- 1983-

La scena rappresenta l’interno di uno spaccio-drogheria con mescita. L’ambiente è dignitoso e denota una modesta ricercatezza negli addobbi. Sulla destra un bancone da bar dietro il quale è disegnato un mobile con bottiglie, vasetti, contenitori di creta. Vasetti e contenitori anche sul ripiano del bancone. Sacchi aperti a metà, con “sesola”, contenenti legumi vari e farina. Sul fondo una grande finestra da cui si intravede un paesaggio innevato;  una scritta “DA SAVERIO- DROGHERIA” , a rovescio. L’arredo è consone alla natura di un locale fine anni trenta. Una porta a destra in fondo che immette nel retro del locale, comune avanti a sinistra, in fondo a sinistra vi è l’ingresso della sala biliardo. Un piccolo presepe e qualche addobbo natalizio. Attaccapanni a sinistra. Tavolinetto con 3 sedie sul fondo al centro. Un calendario segna il 23 dicembre. Mattina.

Atto primo

SCENA PRIMA (ADELINA, PEPPINO, SAVERIO)

1.

ADE

(ENTRANDO DA SN. VOCE SQUILLANTE) Buongiorno! (SI AVVICINA AL BANCONE) Buongiorno, c’è nessuno?!

2.

PEP

(USCENDO DAL RETRO VA DIETRO AL BANCONE) Buongiorno signorina, che volete?

3.

ADE

Saverio non c’è?

4.

Pep

Seine… ma ste’ occupoot… l’egghia a chiamò?

5.

ade

Forse non è necessario… mi puoi servire tu Peppino?

6.

pep

(AVVICINANDOSI, CON INTENZIONE) Tutto quello che volete…

7.

ade

Allora dammi una busta di confettini colorati.

8.

pep

(FA PER ANDARE, POI SI VOLTA) Non ho capito bene…

9.

ade

Peppino, io vado di fretta, tra poco suona la campanella ed incominciano le lezioni. Ti ho chiesto una busta di confettini colorati. Sai, oggi è l’ultimo giorno di scuola e voglio fare un pensierino ai bambini della mia classe!

10.

pep

(CON UN GESTO SIGNIFICATIVO DELLA MANO) A vedeie ‘u penzierin ca egghie fatt ieie!

11.

ade

Non ho capito Peppino, cosa hai detto?

12.

pep

No… ho detto ca… (GRATTANDOSI in TESTA) chidd cheos coloroot nan i teneim…

13.

ade

Ma come, ne ho comprate due buste ieri l’altro.

14.

pep

I… se veit ca so’ feniut!

15.

ade

Fammi il piacere, chiamami Saverio… (SORRIDENDO) che tu, come al solito, non hai capito niente. Hai sempre la testa fra le nuvole tu…

16.

pep

Scusate… siete voi ca parloot difficil i… (GUARDANDOLA SVENEVOLE) me faceit ‘mbrugghiò!

17.

ade

Io parlo difficile? (RIDENDO) Nemmeno un bambino della prima elementare mi ha mai detto questo. Semmai sei tu che…

18.

pep

(INTERROMPENDOLA) Egghie capeit, egghie capeit… nan occorr ca sciom ‘nnanz… (USCENDO A DX) Tant ‘u soop tutt ‘u paes…

19.

ade

(ANDANDOGLI DIETRO) E  sbrigati!… per muovere un passo ci vogliono i carri… (TORNANDO A SN) Ma guardate quanto tempo devo perdere per un acquisto da nulla… (ENTRASAVERIO)

20.

sav

(CON FARE ALLEGRO E GIOVIALE) Oh… Signorina Adelina buongiorno! Che piacere vedervi! (VA DIETRO IL BANCONE)

21.

ade

Buongiorno Saverio, siete sempre gentile voi!

22.

sav

Peppino mi ha detto che volevate essere servita da me… eccomi, sono tutto per voi, che desiderate?

23.

ade

Devo acquistare una busta di confettini colorati, sa, per i bambini quando ci faremo gli auguri di Natale.

24.

sav

(PREPARANDO “L’IMBUTO”) Eh già, domani è la vigilia e cominciano le vacanze, beati voi…(VERSA I CONFETTINI E CHIUDE) noi invece lavoriamo sempre… ecco qua la busta, fanno tre soldi.

25.

ade

(PRENDENDO I SOLDI DALLA BORSETTA) Grazie Saverio… ah! Giacché ci siamo… vi do dieci soldi e mi mettete da parte un po’ di pettole… le avete fatte, non è vero?

26.

sav

Certamente, come ogni anno!

27.

ade

Allora mi fate un pacchettino e torno a prenderlo verso mezzogiorno quando esco da scuola.

28.

sav

D’accordo signorina.

29.

ade

Buongiorno Saverio… (FA PER ANDARE, POI SI GIRA) e salutatemi vostra moglie Isabella… a proposito come sta?

30.

sav

(SI AVVICINA) E come sta? Vedete? È quest’ora e ancora non viene al negozio… starà ancora dormendo… fa la vita della signora lei! Con tutto il da fare che c’è in questi giorni! Ed io sono solo, perché c’è peluria di operai!…

31.

ade

Beh, dovete comprenderla… forse starà ancora sbrigando le faccende di casa…

32.

sav

A veritò iè ca a chedd nan ‘nge ‘ngodd a fo’ nudd. A chedda cammeisa fresck ‘nge piascen sckitt fiest, mool tiemp i murteletò de parient!  

33.

ade

(SORRIDENDO) Esagerato!… comunque salutatela da parte mia quando arriva, e ditele che un giorno di questi la verrò a trovare. Ora devo proprio scappare se no faccio tardi a scuola. Arrivederci! (VA ALLA PORTA)

34.

SAV

(SEGUENDOLA) Buona giornata a voi, Adelina. E ricordate, per qualsiasi cosa… sine qua non!

35.

ade

(GIRANDOSI STUPITA) Eh!?

36.

sav

Sine qua non… siamo qua noi!

37.

ade

(RIDENDO DI CUORE) Ah…ho capito!... (ESCE)

38.

sav

(RICHIUDENDO LA PORTA) Ce teen da reit po’… (SI FERMA AL CENTRO. GRIDANDO) Peppino… Peppììì! (ENTRA PEPPINO) Tiu m’ada spiegò ‘na cheos… m’ha fatt lassò ‘mmienz’a ‘mmienz ciò ca steiv a fo’ a chedda vann per servire la signorina Adelina. Perché, tiu nan er caposce? Ah?!

39.

pep

I ce ne secce ieie… chedd sceiv acchienn cert cheos coloroot…

40.

sav

(FACENDOGLI IL VERSO) Cert cheos coloroot… ci ‘u soop ce sond, evver?... Iè ca tiu acquann veit a chedda pecceledd nan capisce chiù nudd! (PASSA A DX) Levatille d’a coop, chedd nan è pe’ teie, è di un altro aceto sociale, ha ‘ndeis? Per quella ci vuole ben altro!! (VA DIETRO AL BANCONE)

41.

pep

Perché a meie… me manc qualchi cheos?...

42.

sav

Nooo… i ce te manc a teie? Per l’amor di Dio ! (PRENDE I CONFETTI) Chiss sond i cheos coloroot, ‘o voè ? La vedi questa buatta?

43.

pep

Ah… i caneleine!

44.

sav

I caneleine… i chedd accum ier a deisce, i caneline? Chedd parl ‘u ‘talioon… (SI APPOGGIA AL BANCONE) e dire ca egghie fatt a proov a mannall alla scola serool a ‘stu uagneon… a spese mie! Nan iè stoot cheos! Dopo ‘na settemoon, ‘a maestr chiese il trasferimento!

45.

pep

E seh.. va veit ca fu pe’ colpa meie…

46.

sav

I ce fu pe’ colpa meie?... (SI AVVICINA A LUI)  tiu ‘a stiev a fo’ ‘mbatuesce a chedda poveredd!... iè ver ca ‘na vold deciest ca il Dinosauro ier ‘u froot de Nazario Sauro?

47.

pep

I accusseie me credeiv ieie… c’i canosce ‘sti crestioon?... però, mest Savè, a maestr me vuleiv ben.‘Na matein ‘nge purtiebb una mela, i chedd me dett ‘nu voos…

48.

sav

Ah, te mettiest ‘mbriesce evver?… I po’?…

49.

pep

I ieie vediebb accusseie i ‘a matein dopp ‘nge purtiebb ‘nu meleon…

50.

sav

E lei?

51.

pep

No… (SCUOTENDO LA TESTA) lei non capì… comunque chedd faceiv semp domand difficil… ‘na volt m’addumanneie qual è il femminile di fratello…

52.

sav

I ce ‘nge vool? Tiu er a responn: sorella!

53.

pep

‘U femminil de babbo…

54.

sav

I tiu er a responn: mamma!

55.

pep

I ‘u femminil de babbeo?

56.

sav

Di babbeo?... i ce ‘nge vool, mammea!

57.

pep

Accusseie ‘nge deciebb ieie, i chedd se ’ngazzeie accum ‘na bestia! (SAVERIO FA PER ANDARE, PEPPINO LO TRATTIENE PER UN BRACCIO) N’olda volt vuleiv sape’ i metall ca accumenzan con la “u”…

58.

sav

I allor?

59.

pep

I ieie ‘nge deciebb: ‘u stagn, ‘u fierr, ‘u zinc…

60.

sav

I ‘u fess ca sind!.. Ah pezzegghieon!!... Chidd accumenzen tutt con la “i”… il stagno, il ferro, il zinco e il fesso che sei!

61.

pep

I ce ne secce ieie… accusseie i chiamaev ‘a bonanem d’u nonn!

62.

sav

Qual nonn?

63.

pep

Cicciell ‘u calarool! Cudd ca mureie mentr stemm a sciucò alla briscol!…

64.

sav

Ah, collasso?

65.

pep

I ce ne secce ieie… nan è ca ‘nge steiv a vedeie i cart…

66.

sav

Beh va bè, nan ‘nge penzoom cchìu. Uè, miu m’egghia sbregò, ca teng ‘nu sacc de cheos da fo’… (FA PER AVVIARSI) Anz, preim ca me scord, ad a preparò mienz chil de pettol p’a signorina Adelina. Miettel ind a ‘na cuppeteddozz, abbucechiscele i attaccal cu’nu fazzeletton, a capeit?

67.

PEP

(GLI SI AVVICINA SPERANZOSO) I… ‘nge l’egghia purtò ieie alla coos?

68.

Sav

Peppì, nan te mett ‘mbriesce… av a veneie iedd vers menzadeie a pigghiarasill! (FA PER USCIRE. SI BLOCCA PERCHE’ IN QUEL MOMENTO ENTRAISABELLA)

SCENA SECONDA( ISABELLA, SAVERIO, SILVIA, ACHILLE)

ISA

(ENTRANDO DALLA COMUNE E CHIUDENDO LA PORTA) Buongiorno… Peppino, c’è un po’ di caffè?

Sav

(CON IRONIA, ANDANDOLE INCONTRO AVANTI AL TAVOLINO) Ma certo signora, il caffè è pronto caldo caldo, lo prende in piedi o lo prende seduta?

isa

Savè, nan accumenzò ad affetesce a preima matein cu’sti latuorn… (SI AVVIA VERSO IL BANCO E POGGIA LA BORSA)

SAV

A preima matein ah?! E già, per la signora è prima mattina! (GRADATAMENTE PASSA DALL’IRONIA AI TONI PIU’ ADIRATI) Sono appena le nove, il sole è appena spuntato! (PEPPINO ESCE) I ieie so’ giò tre ieor ca stooc fazz ‘nnanz i rreet ind’a pettech cu’ tutt ‘u da fo’ ca steie ind a ‘sti deie!!

isa

(ANDANDO A SN VICINO ALL’ATTACCAPANNI) Uffà!... si può sapere cosa vuoi da me? Ogni matein ‘a stessa storia, appen arreiv… una predica! Non ne posso più… questa non è vita! (TOGLIE CAPPELLO E CAPPOTTO)

SAV

E già… me so’ scurdoot ca a teie t’er fatt ‘a dichiarazioon ’u Princip de Montepeliius…

isa

(GLI SI AVVICINA) Ci avess sapiut, ieie t’era spusò?... piuttosto sarei rimasta in collegio, almeno avrei finito gli studi!

sav

Ci iè ca era fenesce tiu?... magabbond i coopa fresck accum siend, nan te ‘nguddeiv nì a studiò nì a fo’ nudd! (VA A SEDERSI AL TAVOLINO)

isa

(APPOGGIATA AL TAVOLO, A SN) Io lasciai gli studi solo perché tu mi dicesti: “Sposiamoci, ti farò fare la vita della signora, non ti mancherà niente…” ed io la signora sto facendo, miu ci avanz?

sav

(MINACCIOSO) Siend pecceledd, nan me fo’ tuccò i nierv… I abbood accum parl! (CAMBIANDO TONO) Non mi hai dato nemmeno la gioia di essere padre, non hai voluto figli perché se no ti guastavi la linea… ma lo sai che Lui, il Duce, dà un premio per ogni figlio maschio che si mette al mondo?

isa

(ANDANDO A DX) Stiev frisck tiu e il Duce! (SI GIRA VERSO DI LUI) Ma guard ‘stu scem… iè miu m’era mett a fo’ i feil cu’a machenett pe’ fange pigghiò ‘u premie a iidd!

sav

Ma che c’entra il premio… i figli li volevo per me! (si alza, la raggiunge) Sabbè, forse faceim ancoor a tiemp…

isa

Came’ camein… ca si’ fatt vecchie…

sav

(CONCILIANTE) Va be’ ma… acchion acchion… cu n’ogne de pacienz, volendo…

isa

(TAGLIANDO CORTO, APPOGGIATA AL BANCONE) Io ho altre cose per la mente! Il mio avvenire è nell’arte, voglio fare la cantante, l’attrice… sono già in contatto con un alto dirigente dell’E.I.A.R….

sav

Di che?

isa

Dell’E.I.A.R. ignorante, Ente Italiano Audizioni Radiofoniche. Mi ha promesso che a primavera ci sarà il mio debutto!

sav

(DI NUOVO ADIRATO) Ma quala primaver… iè giò a Carnevool te fazz debuttò de coop ind ‘o tiest, ce nan te liev cert cicer da ind ‘o cerviedd!

isa

E già, ce me puteiv aspettò da ‘nu tapunoor accum a teie? Deisce ca tiu capisce cert cheos… tiu capisce sckitt ‘u peip, ‘u sool, a canigghie, ‘a farnedd, ‘i nnorche i ‘u luvoot!

SAV

Sabbè, fenisciatill…

isa

Non ti piacerebbe sentirmi cantare alla radio, con Alberto Rabagliati, con il trio Lescano, il duo Fasano…

sav

Ma certamente! Anche con il quartetto di Juscecafezz! (LA SPINGE ANCORA)

ISA

Tiu m’ha fo’ sckattò ‘nguorp…

sav

Va bene, va bene… Miu statt citta citt se neon te fazz annurò ‘u Natol. Vo’ a chedda vann, pigghie ‘a ciucchelateer i fo’ u cafè p’i client! (LA SPINGE FUORI E TORNA AL BANCONE) Vool sceie a cantò cu Albert Arrabbiot…ma guard addò ste’ penz chedda coop de stopp… (ENTRANO DALLA COMUNE SILVIA E ACHILLE)

SIL

Buongiorno Saverio! (VA AL CENTRO)

ach

Buongiorno Saverio! (DIETRO DI LEI)

sav

(VA LORO INCONTRO AL CENTRO) Uh… carissima signora Silvia, che piacere! (AD ACHILLE) Achì, accum scioom?

ach

Eh, accum scioom… mu-mu-murenn de fridd i de foom!

sil

Achille, ma che dici?... non dategli retta Saverio, abbiamo appena fatto colazione con latte, pane e marmellata!

ach

Seh ‘u latt… qua-qua-qual latt… se mai a fa- a fa- a farein ‘o furn squa-squa-squagghioot ind all’acqua!

sil

(SORRISO DI CIRCOSTANZA) Che bugiardo!... fai vedere che siamo morti di fame… con tutto il ben di Dio che abbiamo in casa!

ach

La ma-la ma- la marmellata la mangiamo solo quando andiamo alla casa di zio Ci- zio Ci-zio Ciccio e…

sil

(INTERROMPENDOLO BRUSCAMENTE) Basta Achille! Non farmi arrabbiare, a casa poi facciamo i conti!

sav

(CONCILIANTE) Su, non lo sgridate, pover uagneon…

ach

Acquann ve’ buon ci vu’ so’ pe-pe-peccelatedd fatt in coos i fe-fe-feiche seccoot, i senza menele iind!

sav

Eie gocce… meng ‘na fedd de murtatell?

ach

Ce te l’av a do… (SOGNANDO A OCCHI APERTI) Ah, la mo-lamo-la mortadella!... apostrofo rosa fra due fette di pa-di pa- di pane!

sil

Adesso siediti lì e tieni chiusa quella bocca! (ACHILLE SIEDE ALLA SEDIA DI SN)

SAV

(BONARIO) Ma dai… non vi arrabbiate. È inutile nascondere la realtà, ne canusceim da tanta tiemp…

sil

(ADDOLCITA) Saverio, voi ci potete capire… sapeste quanti sacrifici stiamo facendo da quando ci siamo sposati!

ach

Eh… sa-sacrifici in tutti i sensi… in tutti!

sav

(GLI SI AVVICINA CURIOSO) Volete dire…

ach

Voglio di-dire!

sav

Cioè compreso anche…

ach

Co-compreso anche!... Perché dice Silvia che se na- se na- se nascono i figli poi che gli diamo da ma- da ma- da mangiare?

sil

Ma… Achille!! (SI GIRA DI SPALLE)

sav

(QUASI SOTTOVOCE) I ieie ve l’egghia deisce accum se fosce… per evitare…

ach

(DISPERATO) E poi, Savè… la verità… cu ‘sta fo- ‘sta fo- ‘sta foom i cu ‘sta de- ‘sta de- ‘sta debolezz ieie nan ‘ngia fa- ‘ngia fazz… nan m’a feid manc ad alzarm i co- i co- i colz!

sav

Cuss iè n’old poor de manech…

sil

(AVVICINANDOSI AL TAVOLO) E la colpa è tutta di zio Ciccio, il Podestà, che ha promesso un posto di lavoro ad Achille ma sono anni che aspettiamo ed ancora non abbiamo visto niente…

SAV

(sedendo al tavolo, AL CENTRO) Ma scusate… tutti sanno in paese che il Podestà, Don Ciccio Amatobene, ha donato la sua proprietà metà a Felice, il nipote maschio e metà a voi, Silvia, la nipote femmina…

sil

Non ha donato un bel niente! (SIEDE A DX) Ha solo fatto testamento riservandosi la rendita… quindi fino a che campa lui possiamo solo…

sav

Tirargli i piedi nella speranza…

ach

Noi non tiriamo i pipi- i pipi- i piedi a nessuno! Ci basta solo che il caca- il caca- il caro zio Ciccio mi dia il popo- il popo- il posto di lavoro che mi ha promesso.

sil

Certo! Ed è arrivato il momento di parlare chiaro con lo zio… a proposito, è già passato di qui stamattina?

sav

Veramente non viene mai qui… e comunque finora…

sil

E allora verrà più tardi, mi ha detto che doveva fare degli acquisti. Tu, Achille, aspettalo qui, non ti muovere, e quando viene mettilo alle strette… si dovrà decidere una buona volta!

sav

I sperioom ca se decide subbet perché ddò ‘u cunt vuost seop ‘a lebbrett aument deie pe’ deie…

sil

A proposito Saverio… (VERGOGNOSA E CIVETTUOLA) possiamo aggiungere sulla libretta anche un po’ di cuzzilicchi, cartellate e qualche pettola?... per domani, la vigilia… 

sav

(LUNGO SOSPIRO) I pozz deisce neon ieie?... i proprie a Natol po’? Appen so’ pront v’i mann a casa vost cu’ Peppin… i pe’ ‘sta volt seop a lebbrett na’screveim nudd!

sil

(ALLEGRA) Grazie tante Saverio! Siete tanto buono! (SI ALZA IMITATA DA SAVERIO) Ora me ne devo scappare, è tardi e tengo tutta la casa da mettere in ordine…

ach

Fegurat quaqua-quaqua-quand ‘nge vool!... ‘Nu menzanein, ‘nu iius ca nan ne puteim nì aggerò i nì- i nì vultò…

sil

Ringrazia la Madonna che ce l’abbiamo !... Beh, allora arrivederci Saverio (GLI PORGE LA MANO) E se non dovessimo vederci più, buon Natale! (ESCE)

SAV

Buon Natale a voi signora Silvia! (RICHIUDENDO LA PORTA) e comunque (FACENDO LE CORNA) se non dovremmo vederci più speriamo che sarebbe per colpa vostra!... (TORNA DA ACHILLE) Sentite Achille, miu ca ce penz, nan me n’er meie avvertiut ca segnereie angappiev a parlò!...

ach

(ALZANDOSI) No, Savè… ieie angapp sckitt acquann ste’ mia mo- mia mo- mia moglie, perché chedd me fo- me fo- me fo…

sav

Se n’ì sciut!... se n’ì sciut!

ach

Chedd me fosce ‘mbappenò…

sav

Beh, mìu se n’ì sciut, statev tranquill!

ach

Ah, è vero… (SIEDE AL TAVOLO, AL CENTRO) Allora Savè, io devo aspettare zio Ciccio, non vi dispiace se…

sav

Ma per carità, siete il padrone… (ANDANDO A DX) io però teng ‘nu sacck de lavoor a chedda vann… permettete…

ach

Andate pure… ieie intant me lesce ‘u giornool… (ESCE SAVERIO. ACHILLE SFOGLIA UN QUOTIDIANO E LEGGE AD ALTA VOCE) “Si è spento l’uomo che si era dato fuoco…” (SORRIDENDO) evidentement ier feniut ‘a benziin!... “Giovane si schianta contro lampione, spenti entrambi!” Uè, ‘sto giornale parla solo di spegnimenti…Vediamo gli annunci economici. “Cieco occhio destro cerca cieco occhio sinistro per scambio di vedute…” (RIDE)  I cuss’old… “ Ragazzo con tic cerca ragazza con toc per avviare azienda settore orologeria…” (RIDE ANCORA PIU’ FORTE MENTRE ENTRA FELICE)

SCENA TERZA (FELICE, ACHILLE, JANNINA, SAVERIO, PEPPINO)

FEL

Buongiorno… uè Achì, tu stai qua? (APPENDE IL CAPPELLO ALL’ATTACCAPANNI PRESSO LA PORTA D’INGRESSO)

ach

(ANCORA RIDENDO) To’ chi si vede… il mio caro cognato Felice! T’alzoot subbet iosce!

fel

(SI AVVICINA A SN) Statt citt Achì. Secce ieie i gasteim stamatein… zio Ciccio accum s’av alzoot av accumenzoot a lucchelò perché nan secce qual poor de scarp nan riusceiv ad acchiò. So’ spandoot i nan so’ stoot caposce d’acchiò arret ‘u suonn… me sent a coop tutta scandrasciot…

ach

E già… tiu nan si’ abbetuot ad alzart subbet ‘a matein…

fel

I tiu ce ste’ fosce ddò?

ach

Stooc aspett zio Ciccio per chiedergli se ci sono novità per quel posto di lavoro che sto aspettando da secoli!…

fel

(STROPICCIANDOSI LE MANI PER IL FREDDO) Lavoro!!! Mamma mae ci brutta pareol! (SIEDE A SN)

ach

Eh… quando ti sposerai anche tu dovrai lavorare…

fel

Sposare?! Parola ancora più brutta di “lavoro”! Nan me spius ieie, Achì!

ach

Se ti sentisse Jannina… a proposito, accum ste’?

fel

Purtroppo gode di buona salute lei! Iè a meie ca me mett ‘ngreosce, mi assilla, mi assilla!

ach

E se capisce… siete fidanzati da dieci anni i tiu nan te decide ancoor!

fel

Ma io non la sposerò mai! (SI ALZA, PASSA A DX) Quella maledetta sera di dieci anni fa ieie steiv ‘mbrioc, a liusce steiv stutoot, i accum deceiv Franchin Sardone, “acquann a liusce ste’ stutoot tutt i femen so’ aggrazziot…” non ricordo niente di ciò che successe, e mi trovai fidanzato senza rendermene conto… (VA AL BANCONE, PRENDE UN CANELINO E LO MANGIA)

ach

Ma  allora perché non rompi il fidanzamento?

fel

I ce se mett c’u froot, Pasquale Guerra? Cudd iè ‘nu cannibale, cudd me mange vei veiv… e poi c’è zio Ciccio… lui non capirebbe, e sarebbe capace anche di togliermi l’eredità.

ach

E di questo continuo rimandare le nozze, lui che dice?

fel

(ROVISTA SUL BANCONE, TROVA I CIOCCOLATINI E NE MANGIA UNO) E che deve dire? Egghia fenesce gli studi… m’egghia acchiò ‘nu lavoro… i accusseie ‘u pigghie pe’ fess i teroom a campò… (SI AVVICINA ALLA FINESTRA)

ach

E già… tu hai la fortuna di mangiare e dormire a casa sua… ce ste’ megghie de teie…

fel

Come dice il proverbio? “pigghie l’acqua acquann chiove…” (TRASALENDO) Mamma mae! Ste’ arreiv Jannina… (CORRE VERSO ACHILLE) Achì, sta arrivando Jannina… (VA VERSO LA SALA BILIARDO) Se chiede di me dille che non mi hai visto! (CI RIPENSA) Anzi… vien cu’ meie ca ne faceim ‘na carambol… (LO TRASCINA CON SE’. ESCONO A SN. DALLA COMUNE ENTRA JANNINA)

JAN

(DECISAMENTE AGITATA, SI FERMA A CENTRO SCENA) Cumba Savè! Cuma Sabbè!…non c’è nessuno? (PREOCCUPATO ENTRA SAVERIO, ASCIUGANDOSI LE MANI, SEGUITO DA PEPPINO)

SAV

Ci iè cuma Jannì…ci iè succiess?

jan

Sto cercando Felice. Sono andata alla casa di zio Ciccio ma nan ce steiv, deisce ca giò ier scenniut…

pep

Ihhh!… se n’ì scenniut? I cu ce n’è se n’ì scenniut?

sav

Statt citt, baccalò, ier scenniut nel senso che era già uscito…

jan

Egghie penzoot ca ier veniut ddò a farsi la solita partita a carte…

sav

No, ddò nan l’ame vist… iè ver Peppì?

pep

No, no… evver i muort!

jan

(ARRABBIATISSIMA, FA UN PASSO AVANTI VERSO IL PUBBLICO) Mannaggia nudd, i addò diavol muort se n’ì screoot?

sav

(ANDANDOLE VICINO) Ma perché, iè succiess qualche cheosa groov? Ste’ tutta aggetoot!

jan

Cumba Saverie meie, cudd uagneon m’av a do ‘a mort… (PIANGE) Tra iidd i fratem Pascool m’han fatt fo’ ‘u fegat quant ‘na fusein!

sav

Sckitt ‘u fegat?… mo’ azzidet, i calmat ‘nu picc… (Jannina siede alla sedia di sn. PEPPINO VA AL BANCONE E VI SI APPOGGIA)

jan

(SEDENDOSI) Stamateine Pascool steiv ind a stadde a monge i vacck, i ieie steiv a governò a croop. Ad un certo punto ‘ngegghie ditt ca a deie d’u Natol am stoot ‘nvetoot alla coos de Felice, cioè di zio Ciccio, pe’ mangiò cu’ tutt ‘a famigghie. (SI ALZA E VA AL CENTRO. RICOMINCIA A PIAGNUCOLARE) E’ diventato una bestia, vuleiv iess attaccot, n’alt picc a chedda povera vacck ‘nge facevi sckattò ‘a rennetiur!…

sav

(LA RAGGIUNGE RIMANENDO A SN) Inzomm, Pascool nan cange meie, iè semb ‘u stess…

jan

Ci ada cambiò… anz chiù vecchie fosce i chiù devent puzzolent i stumachius…

pep

Ma perché, ‘nge fosce sckif a scì mangiò alla coos d’u Podestò?

jan

(DUE PASSI VERSO IL BANCONE) Ha ditt ca chedda razz nan a vool send chìu, ca so’ desce ann ca Felice miu cu’ na schius miu cu’n’old, di matrimonio non ne vuol sentire parlare…

sav

(CONCILIANTE) E va bene, devi avere un po’ di pazienza, i piur Pascool s’ava do ‘na calmoot. Del resto non credo che il signor Felice dopo dieci anni poot veneie meen de pareol!

jan

Nan sie me’ Signor! Manc a discel, dopp desce anne d’amor cu iidd (STRILLANDO) Chi mi sposa più a me? (UN TEMPO. PRENDE IL FAZZOLETTO E PIANGE) Dopp ca n’an vist a fo’ ‘u sprosce alla Festabbreil i alla Cunzulatreisce, io perderei la fortuna! Rimarrei vacandia…

sav

(UN PO’ SCOCCIATO) E si capisce, si capisce… (ANDANDO A SN) ma perché ‘sti cheos n’i vien a deisce tutt a niu…

jan

Mo’ voglio parlare con Felice, perché l’unica cheos iè ca ‘nge parl iid a Pascol, ca ‘u convinge iid. Se neon am’a passò ‘nu brutt Natol cuss’ann…

sav

(PASSANDO A DX) I v’a pass arret d’a coos, caposce ca s’ì reteroot a chess’eor…

jan

Va bene… miu vooc arret… comunque, ‘mba Savè, famm ‘nu piacer, siccom chiù tard Pascool av a veneie ddò a fo’ cert speise, vedi di mettere tu una buona parola…

sav

Nan te preoccupò, lo convincerò io, a meie cudd m’ascolt, lass fo’ a mae… (COSI’ DICENDO LA SPINGE VERSO L’USCITA)

JAN

(SCORGE IL BERRETTO DI FELICE, LO PRENDE E STRILLA) Chess iè a coppola de Felice! Allor ste’ ddò!

sav

(INCREDULO) Cuma Jannì, foss sant… ieie nan l’egghie vist… ammenochè… vu’ vedeie ca cudd ste’ scioc ‘o bigliard cu’ canot?… Mo’ Peppì… (PEPPINO DORME IN PIEDI) Peppììììì! Va veit a chedda vann ce ste’ il signor Felice… i muovet! (PEPPINO VA) Io prima ho lasciato là seduto il cognato Achille che stava aspettando il Podestà… Peppì, n’am a move? (RIENTRA PEPPINO)

PEP

(AL CENTRO FRA I DUE) Ste’ a chedda vann… ste sciooc alla carambel c’u canoot…

jan

(ARRABBIATISSIMA) Ecc addò perd ‘u tiemp cudd, invece de studiò. (A PEPPINO) I ‘ngi ha ditt ca stooc ieie dò? Ca ‘u stooc aspett?

pep

Seine… ha ditt ca nan vool iess rutt… (SAVERIO GLI METTE LA MANO SULLA BOCCA)

SAV

Peppì… qui c’è una signorina!…

jan

Ieie ‘nge romb a coop ce vooc a chedda vann! (STRILLA FORTE) dinge de veneie subbet ddò… (PEP TORNA NELLA SALA) ‘Mba Savè, è vita questa? (PIANGE) Felice penz sckitt a sciucò, i ieie d’a matein a’ seir a fatecò accum ‘na ciuccia, piur pe farm ‘u corred… (RIENTRA FELICE) me so’ fatt ca nan me canosce chìu, semb a pistrigghiò cu’i cunigghie, cu’i gaddein…

fel

(ANDANDO AL CENTRO FRA I DUE) I da meie ci vu’ acchiann? Ah? Tiu i cudd’old mool voov di tuo fratello? Egghie a veneie ieie a stregghiò ‘u cavadd? A monge i pecor, ah?! (PEPPINO ESCE A DX)

JAN

Non sono venuta per questo!

fel

I allor ci ve’ acchiann? Scià, ca vooc de fodd! (PASSA A DX)

SAV

Ma vi pare il momento di litigare questo? Siamo a Natale… (SI AVVICINA A FELICE) signor Felice, la vostra fidanzata vi stava cercando per dirvi che dovete parlare assolutamente col fratello Pasquale e convincerlo a venire a mangiare a casa vostra dopodomani…

fel

Coop de stuozz! Non solo ca l’ham ‘nvetoot, miu l’am a sceie piur a pregò!… (ALZANDO IL TONO DI VOCE) perché, nan vool veneie iè?

sav

Poor ca stoon cert problem p’u mmienz…

fel

Eh giò… (IRONICO) sav’a iess offes perché nan ì stoot ‘nvetoot tutt ‘a famigghie… (SI AVVICINA A JANNINA) ‘u cavadd, ‘a croop, ‘i cunigghie, la mucca…

jan

La mucca di tua sorella!… i motivi sono altri e tu li conosci bene, svergognato!

sav

(ACCOSTANDOSI) Vedete signor Felice… il fratello è un po’ risentito perché voi… non per cattiva volontà, anzi… ma sapete com’è alle volte… quand te vuolt i t’aggeir deisce: Madonn accum pass ‘u tiemp, so’ passoot desce anne i ancor nan me pozz spusò!

fel

Ma di queste cose al massimo devo dare soddisfazione a lei, che è la diretta interessata. Ma ‘stu Pascool ce n’è… Ce vool? Ma ci ‘u canosce?!

jan

Ma è mio fratello! Tuo cognato! Il futuro zio dei nostri figli!

fel

Camein vattinn… i nostri figli! Ad ogni mod ‘u se’ ce te deiche? Ce vool veneie venesse, se neon a meie nan me ne freg proprie nudd, ha capeit? I miu statev buon… (ESCE VELOCEMENTE MENTRE SAVERIO E JANNINA SI GUARDANO STUPITI. POI RIENTRA FURENTE) ‘A coppela…’a coppela te serv? (SENZA ASPETTARE RISPOSTA) Neon? Beh, a meie seine! (GLIELA STRAPPA DALLE MANI ED ESCE)

SAV

(GUARDANDO VERSO LA PORTA) Non si direbbe ca ‘nge serv a coppela a cudd, cu’ chedda coopa coll ca teen…

jan

Ha vist ci disgrazioot ‘mbà Savè? I ieie miu accum egghie a fo’?

sav

Ammù ce veen Pascool ‘nge parl ieie, nan te preoccupò. Sistemo tutto io… i ce nan riesce a vedell iosce, cremmon subbet veng alla massareie i ‘nge fazz ‘nu bell raggionament!

jan

Seine ‘mbà Savè, vien… ca te fazz acchiò do’ iove fresck i do’ litr de latt!

sav

Miettece ‘na pezz de fermagge appriess i cremmon, i se’ i se’ i mmenz stooc foor, va bben? Te si’ calmoot miu?

jan

Sein, grazie di tutto! Po’ cumannem a meie! (SI AVVIA ALL’USCITA)

SAV

Ma ce vu’ cumannò, pienz alla saliut, ca ni iè abbesuogn! Al massimo cre’ me careisce piur ‘nu cunigghie i na ne parloom chìu! (SBATTENDO LE MANI) Va bene? (L’ACCOMPAGNA ALLA PORTA)

JAN

Va bben, statt buon buon… (VIA)

sav

(ATTRAVERSANDO LA SCENA DA SN A DS) Do’ litr de latt, iove fresck, ‘na pezz de fermagge i ‘nu cunigghie… ‘ngi av’a custò buonariedd a Pascool Guerr ‘u pranz de Natool! (ESCE A DX)

ACH

(RIENTRANDO DALLA SALA BILIARDO CON LA TESTA TRA LE MANI) Madonna che trambusto…grida, schiamazzi! La mia natura delicata e sensibile non sopporta tutto questo! (SI ABBATTE SULLA SEDIA) M’aggeir ‘a coop, l’uocchie me fascen calidd calidd… (SI STROPICCIA GLI OCCHI) Chissà quando arriva zio Ciccio… (PRENDE UNA RIVISTA DI ENIGMISTICA)

ACH

Parole incrociate. 1 orizzontali “E’ famoso quello di Troia…” (SCRIVE) Fi-glio. 2 verticali “cervo femmina di facili costumi…” (SCRIVE) cer-bottana… 10 orizzontali… “Viaggio di piacere di una supposta…” Cul-turismo! 8 Verticali... “Pesce che ha perduto i genitori…” ah, scor-fano!    ( ENTRANO GIUSEPPINA E DON CICCIO)

SCENA QUARTA  (CICCIO, ACHILLE,GIUSEPPINA, ISABELLA, SAVERIO)

213.

cic

Buongiorno! (ACHILLE SCATTA IN PIEDI)

214.

giu

Buongiorno! (SI FERMA DIETRO CICCIO)

215.

ACH

(AVVICINANDOSI A CAPO CHINO CON RIVERENZA) Buongiorno zio!

216.

cic

(AUTORITARIO ED IMPERIOSO) Achille?! Che cavolo stai facendo tu qui?

217.

ach

(IMPAURITO) E che sto fa-fa-facendo?...

218.

cic

Lo chiedi a me?

219.

ach

Vi devo di-di-dire una coco- una coco- una cosa…

220.

cic

E che mi devi dire?

221.

ach

Non mi ricoco- ricoco- ricordo…

222.

giu

(PASSA VICINO AL TAVOLO, POGGIA BORSA E GUANTI) Ma caro Achille, se non vi ricordate quello che dovete dire come fa il Podestà a rispondervi?

223.

ach

(SEMPRE PIU’ NEL PALLONE) Ha detto Silvia che-che io sto qui per il mio popo- popo- popo…

224.

cic

Che cos’ha il tuo popò, ti fa male? Hai battuto?

225.

ach

No, no… Si-si-silvia…

226.

cic

Silvia ti starà già aspettando perché tra poco è mezzogiorno ed avrà già preparato il pranzo! (LO SPINGE VERSO L’USCITA)

227.

ACH

(ARRETRANDO) Non mi ricoco- ricoco…

228.

cic

E quando ti ricorderai me lo verrai a dire… adesso vai!

229.

ach

(USCENDO) Mi gira la tete- la tete- la tete… (ESCE)

230.

CIC

Ma ‘stu uagneon, uè, chiù pass ‘u tiemp i chiù angapp a parlò!... prima non era così!

231.

giu

Povero giovane, è stato sempre così timido e sprovveduto… poi il fatto che non lavora ancora…

232.

cic

E quello del suo po-po-posto di lavoro mi voleva parlare, credi che non l’abbia capito?... (DUE PASSI A SN) Ma tu mi conosci, e sai che non voglio sentirmi dire che favorisco i parenti approfittando dell’alta carica che ricopro.

233.

giu

Comunque Achille aspetta da tanto tempo ed ha una moglie da sostenere…

234.

cic

Ce la deve fare con le sue forze, le sue capacità!... (TORNA AL CENTRO) ed ora cara Giuseppina chiama il bottegante… ca se ste’ fosce tard…

235.

giu

(ANDANDO VERSO DX) Signor Saverio… signor Saverio!... (ENTRA ISABELLA)

236.

isa

(ASCIUGANDOSI LE MANI CON IL GREMBIULE) Chi è?... oh, Signorina Giuseppina!... da quanto tempo! (SCORGE CICCIO) Buongiorno signor Podestà, che sorpresa stamattina!

237.

cic

Felice di vedervi signora Isabella! Vostro marito non c’è?

238.

isa

Sì, sta a quella parte, sta preparando una partita di olio di ricino che deve spedire alla Federazione fascista a Bari.

239.

cic

L’olio di ricino a Natale?!...

240.

isa

Sì… è uno scherzo che si fanno tra di loro. Friggono le cartellate nell’olio di ricino e poi le regalano a quelli degli altri partiti… (CICCIO TOSSICCHIA E SIEDE A SN)

241.

giu

Sentite Isabella, noi siamo venuti per comprare un regalo, potete darci un’idea? Domani sera siamo stati invitati per la cena della Vigilia in casa del Segretario del fascio e allora…

242.

isa

(CERCANDO NELLA MENTE) Mmmm… Segretario del fascio… non so… che ne dite di un manganello in argento?

243.

cic

Ma no… ma no…

244.

isa

Una camicia nera in pizzo con i merlettini sul taschino?

245.

cic

Ma no… ma no… volete scherzare…

246.

isa

Un orologio a pendolo con l’uccellino che fa “eia eia alalà!”

247.

cic

Bello! Questo mi piace… (SI ALZA E SI AVVICINA)

248.

giu

Ma no Ciccio, troppo impegnativo… cremman cambia ‘u govern, arriv a democrazeie i ho iess custrett a scettà l’orologio cu’ tutt ‘u passariidd!

249.

cic

Hai ragione… hai ragione… (TORNA A SN)

250.

isa

Allora una fotografia del Duce Mussolini a torso nudo?

251.

cic

No… quello le fotografie del Duce ce le ha tutte, dicono che ne ha una appesa anche nel gabinetto!

252.

giu

(RIDENDO) I desce ca quann se ve’ ad azzit stie semp cu’a man alzat accusseie (FA IL GESTO) i tann ‘a sbasce acquann ho terà ‘a caten! (RIDONO TUTTI E TRE)

253.

isa

Beh, allor è megghie ca chioom Saverio… (VERSO IL RETRO) Saverio!... Savè, vieni subito a questa parte!... lui è più pratico di me… (ENTRA SAVERIO)

254.

sav

Ci iè?... oh, buongiorno eccellenza, buongiorno signorina, quale onore! Ci sono comandi?

255.

isa

Il signor Podestà deve acquistare un regalo…

256.

sav

A disposizione eccellenza… vogliamo andare?

257.

cic

Addò am’a sceie?

258.

sav

Gli articoli da regalo ce l’ho nel magazzino di fronte…

259.

cic

Ah… beh, allor…Giuseppì ‘u se’ ci ha fo’? vai tu a scegliere questo benedetto regalo, cecck fosce tiu ste’ buon fatt… ieie aspett ddò!

260.

giu

Va bene, andiamo Saverio (ESCONO PER LA COMUNE)

261.

ISA

Accomodatevi eccellenza… (CICCIO SIEDE AL TAVOLO, ISABELLA GIRA INTORNO AL TAVOLO, SI FERMA AL CENTRO) a quanto pare vi fidate ciecamente della vostra segretaria, vero?

262.

cic

Ah… come di me stesso! Perché Giuseppina è una perla di segretaria, diligente e precisa come un orologio svizzero…

263.

isa

E vi credo… io la conosco da anni, e so quanto vale!... e quanto ci tenete a lei! (PAUSA. SI SIEDE ANCHE LEI) Eccellenza, posso chiedervi una cosa?

264.

cic

Dite, dite…

265.

isa

(FACENDOSI PIU’ VICINA) Forse la mia è una curiosità un po’ indiscreta…

266.

cic

(SPIANDO NELLA SCOLLATURA) Dite, dite…

267.

isa

(piegandosi verso di lui) Posso osare?

268.

cic

(SGUARDO FISSO) Osate, osate…

269.

isa

Posso… aprirmi liberamente?

270.

CIC

Aprite, aprite…

271.

isa

Come mai non vi siete mai sposato?

272.

cic

(RIAVENDOSI) Io?... Beh… io… non mi sono mai trovato nella condizione… sapete… la politica mi ha assorbito per intero! Ma… (ABBASSANDO IL TONO DI VOCE E “TUFFANDOSI” NUOVAMENTE NELLA SCOLLATURA) Signora, posso…

273.

isa

Prego eccellenza!

274.

cic

No, dico, posso contare sulla vostra discrezione?

275.

isa

Certo eccellenza, lo state già facendo…

276.

cic

Voglio dire… posso confidarvi un segreto?

277.

isa

Sicuro!... se voglio, so tenere la bocca chiusa e serbare tutto qui, (INDICA COL DITO) nel mio cuore…

278.

cic

Vedo, vedo…

279.

isa

Allora di che si tratta?

280.

cic

Ho deciso di prender moglie, e molto presto!

281.

isa

(FESTOSA) Ma questa è la notizia dell’anno! (PIEGANDOSI NUOVAMENTE) E… la sposa chi è… Giuseppina vero?

282.

cic

Per motivi di discrezione non posso ancora pronunciarmi. (SI ALZA) Se alcune cose andranno per il verso giusto, tra non molto annuncerò ufficialmente le mie nozze e, naturalmente, il nome della sposa!

283.

isa

Sono davvero contenta per voi eccellenza… (SI ALZA ANCHE LEI)

284.

cic

Che volete… arriva sempre il momento in cui un uomo… ha bisogno di una donna! (RIENTRANO GIUSEPPINA,CON PACCHETTINO, E SAVERIO)

285.

ISA

Avete ragione eccellenza…

286.

sav

(ACCANTO A CICCIO) Tutto a posto… la signorina ha buon gusto e sono sicuro che farete un figurone!

287.

giu

Ciccio, lo vuoi vedere? È un bellissimo…

288.

cic

Ma no… mi fido di te come degli occhi miei, lo sai… hai già pagato? Bene, adesso torniamo a casa che si è fatto tardi. Arrivederci a tutti! (CONVENEVOLI: GIUSEPPINA SALUTA E SI AVVIA, SAVERIO ACCOMPAGNA CICCIO E APRE AL PORTA, ISABELLA SEGUE A SN.  CICCIO SI AVVICINA ALLA PORTA, SI VOLTA) Signora Isabella, mi raccomando!!...

289.

isa

State tranquillo eccellenza. Rimarrà tutto circonciso fra di noi!… (RICHIUDE LA PORTA)

SCENA QUINTA (SAVERIO, ISABELLA, PEPPINO, PASQUALE, ADELINA)

290.

SAV

(DOPO BREVE PAUSA, ANDANDO LENTAMENTE AL CENTRO) Ci iè ‘u fatt Sabbè? (ISABELLA FA FINTA DI NIENTE) Ci coos t’ha raccumannoot Don Ciccio?

291.

isa

‘U solit feccanoos, ce ne vu’ sapeie tiu? Se Don Ciccio mi ha voluto confidare un segreto, te l’egghia deisce giust a teie ? (TOGLIE IL GREMBIULE E LO BUTTA SUL TAVOLO)

292.

sav

(VERSO IL RETRO) Peppì, accumienz a do’ ‘na pulezzoot ‘o locool, ca ne scioom a mangiò!... (SI AVVICINA ALLA MOGLIE) Se Don Ciccio ti avrebbe confidato un segreto, ieie so’ sechiur ca tiu ste’ criep ‘nguorp pe’ disciangill a tutt u’ paees! Giò egghie vist ca addafoor si è formato un campanello di persone ca ste aspett! (PEPPINO ENTRA E COMINCIA A SCOPARE) Me raccomand pulizz buon buon a’ cost a’ cost… (DI NUOVO ALLA MOGLIE) Allor?... pozz iess ieie u’ preim d’u paees a sapell ‘stu segret?

293.

isa

(DOPO UNA BREVE PAUSA) I va buon… se neon ce te leev d’a ‘nguodd a teie?... ma nan si’ decenn nudd a nesciun eh?!

294.

sav

(PREGUSTANDO IL FATTO) Scià scià… ci iè u’ fatt?

295.

isa

Don Ciccio ha ditt ca ste’ deie pe’ deie pe’ spusars! (PEPPINO SI FA ATTENTO E ASCOLTA)

296.

SAV

Ammazzet ci bella notizie!... i ci besuogn ste’ de fo’ tanta mesteer… è una cosa naturale!

297.

isa

A zeit nan me l’ha ditt ce n’è… (LO TRAE IN DISPARTE VERSO IL PROSCENIO) Ma ieie so’ sechiur ca av a iess Giuseppin, a segretaria! (COMINCIA A PRENDERE LA SUA ROBA PER ANDARE VIA)

298.

sav

I ‘nge vool a zingar p’addevenò ‘a ventiur? Chedd gavet ind ‘o stess palazz, stoon ‘nziem nott i deie, i tiu se’ megghie de meie quanta zurr i zurr ind’o paees pe’ ‘stu fatt! C’era da aspettarselo!

299.

isa

(VA VICINO ALL’ATTACCAPANNI) Beh, comunque miu vooc a coos a mett l’acqua ‘o fuuoc, tiu ha fo’ assè?

300.

sav

No, egghie quoos feniut, tra ‘na mezz’orett so’ arrevoot… (ISABELLA ESCE) Peppì, fo’ subbet ca am a scì mangiò! (VIA A DX. ENTRA PASQUALE)

301.

PAS

Buongiorn! (SI VEDE CHE STA NERVOSO ED INCOLLERITO)

302.

pep

(SMETTENDO DI SCOPARE) Buongiorn…ad accattò qualchi cheos?

303.

PAS

Seine, perché te despiosce?

304.

pep

Neon… iè ca m’appunt egghie feniut de munnò ‘nderr…

305.

pas

I ce vu’ deisce, ca so’ trasiut ieie i se mucedesce arreet?

306.

pep

No, siccom accum sì trasiut egghie sentiut ‘na puzz…

307.

pas

Uagliò, abbod accum parl… ieie ‘nguodd port i vesteter i l’odor d’u mestier ca fazz. Ce nan te convien, acquann me ne vooc iapre a fenestr i muonn arreet ‘nderr, ha capeit?

308.

pep

(ANDANDO DIETRO AL BANCONE) Va bbuon…ci ad accattò?

309.

pas

(APPOGGIANDOSI AL BANCONE) Siccome teng ‘na sceng ca s’av a sgravò, me serve ‘nu martiedd, do’ ciendr i ‘na tenagghie…

310.

pep

I… ‘a tenagghie a ce te serv… pe’ terò ‘u vutiedd?!

311.

pas

Ma tiu sì fess addaver Peppì… accum iè, cu’a tenagghie se teir ‘u vutiedd?… Siccom ‘a stadd iè piccionn, ammù ce nasce ‘u vutiedd nan secce addò l’egghia mett, allor egghie penzoot de fo’ ‘nu vurtigghie sott ‘a capann… i me serven cientr, martiedd i tenagghie. Ha capeit miu?

312.

pep

Miu seine…

313.

pas

Anz egghi’accattò piur ‘na campoon i ‘na capezza nova alla vacck… (SORRIDENDO) diciamo un regalo per la partorenza…

314.

pep

I… ‘nu mazz de fiiur nan ‘nge l’accatt?

315.

pas

(MINACCIOSO) Ma guard ‘stu taccheleon quanta cunfedenz ca se pigghie… veit ce te sbreig, ca vooc de fodd…

316.

pep

 ‘Mbà Pascò, t’egghia deisce ‘na cheos… ‘u se’ ca Don Ciccio, ‘u Podestò, ce nan crè pescrè se spius?

317.

pas

Ah, se spius?… tant agurie…(BREVISSIMA PAUSA) I d’u nepeot, nesciun remeor se sent?

318.

pep

Na ne secce nudd ieie! (E COMINCIA A PREPARARE IL PACCHETTO)

319.

PAS

A mae cudd me ‘nderess… ‘a ste port ‘ncambon ‘ngambon a soorm… iove desce ann, desce ann d’amor. Ma ‘na deie de chiss, ce l’egghie all’ogne ‘nge mett a ceca ‘ngann i ‘u leev d’o munn!…

320.

pep

(MENTRE PREPARA IL MATERIALE) I tiu, Pascò… come mai nan te sì spusoot arreet…

321.

pas

Arreet?!… pe’ metteme n’olda srooca ‘nguodd?… (VA A SEDERSI AL TAVOLO) Ieie vediebb Crist acquann mureie a preim!

322.

pep

Ah, iè mort?… Nan ne sapeiv nudd. I ce teneiv?

323.

pas

No, nudd… ‘nu tavol vecchie i qualche seggia roott… (UN TEMPO) Peppì… i femene so’ ‘na brutta razz! So’ bbuon sckitt a pegghiart pe’ fess… ‘u meis passoot canusciebb ‘na femen de Putegnoon, me pareiv ‘na crestioon assetuoot… ieie ‘nge deciebb “Ce deisce staseir veng a cast?” I ieed respunneie “Vin vin… tant ange stie nessun!”

324.

pep

I tiu sciest?

325.

pas

Eccome… puntuool! Ma alla coos nan ce steiv nusciun addaver! Meng ieed!… I tiu Peppì, a femene accum ste’?

326.

pep

Stooc chiumm Pascò!… Alla feer d’a Caresein canusciebb ‘na bella pecceledd. Senza perd tiemp ‘nge deciebb “Scioom a cast o a coos?”

327.

pas

I ieed ce diss?

328.

pep

“Tutt’e due… ieie me vooc a coos i tiu vattinn a cast!” (ENTRA ADELINA)

329.

ADE

(FRETTOLOSA) Buongiorno Peppino!

330.

pas

(IRRITATO) I l’old ce so’, chiù strunz de Peppin?

331.

ade

Oh scusate, buongiorno anche a voi… allora Peppino, mi date quel pacchetto di pettole?

332.

pas

Signorin… veramente io stavo primo…

333.

ade

Ma no, io sono già venuta stamattina e…

334.

pas

Nan me pass meng p’a coop, adesso vi metteto in cota! (SI AVVICINA)

335.

ade

Mamma mia che maniere, che villano, che cafone… e come puzzate di cipolla…

336.

pas

Chedd me mange ieie a culazieon… ‘na cepodd cu’ nu stuozz de poon…

337.

pep

(VIENE VERSO IL CENTRO COL PACCHETTO PER PASQUALE) I po’ tutt a deie, accum se deisce… una cipolla al giorno leva tutti di torno!

338.

ade

Dai Peppino, dammi le pettole così me ne scappo immediatamente!

339.

pas

Uè peccelè, ca ieie stamatein giò vooc ‘ngazzoot p’i fatter meie, nan ‘nge vool nudd ca ve pigghie a sckaffer piur a viu! (FA IL GESTO)

340.

ADE

(GLI AFFIBBIA UNA OMBRELLATA IN TESTA) Tenete bifolco, e imparate l’educazione! (PASQUALE FA PER AVVENTARSI MA VIENE BLOCCATO DA PEPPINO)

341.

PEP

Uè Pascò, statte ferm cu’i moon… ca iè ‘na pecceledd!

342.

pas

I iedd stess ferm c’u ‘mbrell! Ah ‘mbè!… (PEPPINO GLI PORGE IL PACCHETTO) Ieie steiv appreim… (SI AVVIA POI SI GIRA) ieie… steiv appreim!

343.

pep

I… acquann poog, dopp?!

344.

pas

Scrivel seop ‘o cunt moe… i statev bbuon! (ESCE)

345.

ade

Che villanzone… e puzzava pure di stalla! Meno male che c’eri tu Peppino, se no quello era capacissimo di mettermi le mani addosso!

346.

pep

(LE SI AVVICINA, TIMOROSO, IMPACCIATO) A proposito di mani addosso…io, signorina… vi devo dire una cosa…

347.

ade

E dimmi Peppino, parla…

348.

pep

Ma voi… non dovete travasare le mie parole! (Adelina non puo’ trattenersi dal ridere. Si gira di spalle. peppino LA GUARDA BEATO. SI GIRA VERSO IL PUBBLICO) Madonn c’ì bell…

349.

ade

Peppino, io ho una certa fretta… che mi devi dire?

350.

pep

Volevo dire… secondo voi… (INDICANDOSI) mi manca qualche cosa?

351.

ade

(NON RIESCE A CAPIRE) In che senso, scusa…

352.

pep

Cioè… ieie, nan so’ ‘nu bell uagneon?

353.

ade

(SORRIDENDO) Beh… piuttosto direi… simpatico!

354.

pep

Ah sì?!…E allora… perché non ci accasiamo?

355.

ade

Accasiamo?!…(RIDENDO) Io e te?… ma senti un po’, tu la scemenza l’hai assorbita dal latte materno?

356.

pep

No… a me del latte materno me piosce sckitt ‘a confezioon!...

357.

ade

(SEMPRE RIDENDO) Su Peppino, non farmi perdere tempo. Le pettole sono pronte?

358.

pep

(PRENDE UN PACCHETTINO DAL BANCONE) Ecco qua. Sono quelle fresche di stamattina, non quelle ‘nzuvarate di ieri! (PORGE IL PACCHETTO) Ma la pettola più bella siete voi!

359.

ade

Grazie del complimento… (SI AVVIA ALL’USCITA. POI SI GIRA) E buon Natale Peppino!

360.

PEP

Anche a voi, bella pettolona mia! (ADELINA, SEMPRE RIDENDO, ESCE. PEPPINO, RIMASTO SOLO SI GUARDA ADDOSSO SCONSOLATO) Evidentement… me manc qualchi cheos… (BUIO)

SIPARIO

Atto secondo

Il soggiorno del Podestà. Due porte a sinistra (cucina in fondo e sala avanti), due porte a destra (comune in fondo e studio avanti). Un grande arazzo sulla parete di fondo, una finestra a destra. Arredo fine anni trenta: un tavolo centrale con sedie, un braciere su sostegno tondo a destra, vicino alla finestra. Un divanetto a sinistra tra le due porte. È mattina, un calendario segna la data del 25 dicembre. All’aprirsi del sipario Ciccio è seduto accanto al braciere intento a pulire il fez.

SCENA PRIMA (CICCIO, GIUSEPPINA, FELICE, SILVIA, ACHILLE)

361.

cic

(SEDUTO ACCANTO AL BRACIERE, AL CENTRO) Niente, nan se ne veen… i nan se ne veen! (DALLA COMUNE ENTRA GIUSEPPINA ESI COLLOCA A SN)

362.

GIU

Caro Ciccio buongiorno!

363.

cic

(SI ALZA E LE VA INCONTRO) Mia cara Giuseppina, buongiorno a te!

364.

giu

Posso farti gli auguri di Natale? (SI ABBRACCIANO. CONVENEVOLI A SOGGETTO)

365.

CIC

Scusa… ho le mani occupate… siediti! (GIUSEPPINA SI SIEDE A SN ACCANTO A LUI) Sto cercando di togliere una macchia di sugo dal fez…

366.

giu

Una macchia di sugo?

367.

cic

Ieri sera alla cena della vigilia, ti ricordi che accanto a me era seduta la moglie del segretario del fascio? Beh, ogni tant s’alzeiv ‘mbiet (SI ALZA E FA IL GESTO) e diceva: “Oh Don Ciccio come vi piace, oh Don Ciccio come vi piace…” faesce pe’ darm ‘na brasciool chiaen de siuc i me ‘nzanganeie tutt… (SI RISIEDE)

368.

giu

Ce fesce?

369.

cic

Me ‘nzanganeie… me mucedesceie!

370.

giu

Ah, t’ho ‘nghianaat…

371.

cic

Insomma mi sporcò!… Ieie ‘ngi avess vuliut deisce quatt mool pareol a chedda cretina, po’ penziebb “i ci ‘u mareit s’ha pigghie a mool?” Allor deciebb “Oh signora come mi piace, oh signora come mi piace!…” I miu stooc cerc de luò ‘sta macchie cu’a benzin…

372.

giu

(scattando in piedi) Cu’ a benzin?!.. Ciccio, ma che sei pazzo?

373.

cic

No, no… io puzzo!

374.

giu

Mo’ damme ‘stu fez ca t’u fazz pulezzà da Memen, a camarer… (GLIELO TOGLIE DI MANO E SI ALLONTANA AL CENTRO. IN QUEL MENTRE ENTRA FELICE DA SINISTRA AVANTI) Con la benzina vicino al braciere… am’a pigghià fuoc tutt quant?

375.

FEL

(IN PIGIAMA, MANTELLINA E PANTOFOLE. SI STIRACCHIA E SBADIGLIA SMODATAMENTE) Buongiorno zio…

376.

cic

Ben levato galantomm… ancora in pigiama eh? Saluta la signorina Giuseppina!

377.

fel

(CON NONCURANZA) Buongiorn, signorin… (SI DIRIGE ACCANTO AL BRACIERE)

378.

giu

(SECCATA DAL TONO DI FELICE) Buongiorno a segnereie… a che dobbiamo l’onore di vederti così presto stamattina?

379.

fel

Me send a coop tutta scandrascioot, ioov do’ tre deie ca ind a ‘sta coos nan se poot dorm chìu! Remiur da ddò, remiur da ddà… iosce ca iè ‘u Natool me vuleiv alzò chiù tard de l’old deie… (ACCANTO AL BRACIERE, A SN)

380.

giu

Ce t’aziev chiù tard de l’at deie ‘u Natal nan ‘u vediev nemmanc… e passavi direttamente a S. Stefano!

381.

fel

Uhh… Sant Stefan, Torre Cann… (SI SCALDA LE MANI)

382.

cic

Felice, un po’ di rispetto!

383.

giu

‘U respett codd nan saap manc ce ìe… lo vedi? In pigiama davanti ad una signorina… non ancora accasata…

384.

fel

Miu fosce a vedeie ca te scandalizzeisce…i po’ ce ne sapeiv ieie ca tiu stiev ddò?

385.

giu

Quando si esce dalla camera da letto si esce ordinati, attillati!… hai fatto gli auguri allo zio?

386.

fel

Ancoor egghia ad apreie l’uocchie!… (ABBRACCIA LO ZIO) Auguri zio! Auguri Giuseppì… (PASSA ALLA SEDIA DI DX)

387.

cic

E adesso vatti a cambiare… si iacchia a veneie ‘ngocchi iun! Non è modo di farsi trovare in pigiama!

388.

fel

Vado subito zio… (INSINUANTE) non prima di averti fatto altri auguri… più personali…

389.

cic

Quali auguri…

390.

fel

(CALCANDO IL TONO) Più intimi… (INCALZANDO) E’ vero che ti sposi? (SORPRESA DI CICCIO CHE RIMANE INTERDETTO. GIUSEPPINA SI ALLONTANA. PAUSA)

391.

CIC

E… tu… tu come l’hai saputo?!

392.

fel

Lo sa tutto il paese, non si parla d’altro! (SI SIEDE) Picck ‘ngì mancoot ca ‘a Citazz alzeiv ‘u bann!

393.

cic

(FURENTE VA VERSO GIUSEPPINA) La miseria!! L’ho detto ad una persona sola! Ad una sola!! E non so nemmeno perché me lo son fatto scappare… (PENSANDOCI, ABBASSANDO IL TONO DI VOCE, VA AL CENTRO) Forse ero distratto… e sì, ora che mi ricordo ero distratto da… altre cose… da un paio di cose… (TORNA A SCALDARSI ANDANDO VERSO GIUSEPPINA) Due giorni fa capisci? Solo due giorni fa, e già lo sanno tutti!…

394.

giu

Non prendertela Ciccio… dopotutto è meglio così. Un giorno o l’altro si doveva pur sapere…

395.

cic

Sì! Ma questo non è il momento giusto!

396.

giu

(IN IMBARAZZO) Calmati ora… io vado a portare il fez a Memena e a darle istruzioni per il pranzo… con permesso. (ESCE A SIN. IN FONDO)

397.

cic

Va bene… (SI GIRA VERSO FELICE) E tu vatti a cambiare immediatamente!

398.

fel

Zizì, perché te ‘ngazz cu mae?

399.

cic

(TORNA ACCANTO AL BRACIERE) Perchè cert cheos ve l’er a deisce ieie personalment, neon ca l’er a sapeie d’e stranie…

400.

fel

Ma tu, veramente ti vuoi sposare? Ci hai pensato bene?

401.

cic

Ormai la decisione è presa! (CON TONO DI RIMPROVERO) Anzi sarebbe ora che anche tu ti decidessi… (SI RISIEDE AL BRACIERE, AL CENTRO SCALDANDOSI LE MANI E RIANIMANDO IL FUOCO CON UN CARTONE)

402.

fel

(SI ALZA E VA AL CENTRO) Nooo!! A meie nan si’ penzenn proprio! Non posso!… (GIRANDOSI VERSO LO ZIO) E pure a te, ma ce t’u fosce fo’… sient a mae…

403.

cic

Felice, ormai il dado è tratto!

404.

fel

(GIRANDOSI DI SPALLE, QUASI FRA SE’) E sì… piur iosce se mange brood!…

405.

cic

Ci ha ditt?

406.

FEL

No, dicevo… chi è lei? Si può sapere chi è?

407.

cic

Questo non te lo posso dire! Lo saprai, da me, a suo tempo. I miu vaat liev ‘u piggioom… si iacchie a traseie ‘nu fess…(DALLA COMUNE ENTRANO ACHILLE E SILVIA)

408.

ach

Buongiorno!...

409.

SIL

Ciao!... Auguri zio…(SI SCAMBIANO GLI AUGURI A SOGGETTO TUTTI E QUATTRO. POI FEL E SIL AL CENTRO, ACH ACCANTO AL BRACIERE A SN)

410.

ACH

Zio Ciccio, fatemi parlare, non mi interrompete, se no mi metto di nuovo a balbettare e… mi scordo quello che vi devo dire…

411.

cic

Ma io lo so quello che mi devi dire.. si tratta del posto vero?

412.

ach

Sì, infatti io volevo…

413.

sil

(AVVICINANDOSI A DX) Zio, devi assolutamente fare qualche cosa per noi…

414.

cic

Lo so, lo so…

415.

sil

Il padrone di casa ha detto che se non paghiamo fino alla Befana ci caccia via!

416.

fel

I vìu pregoot Crist ca sckatt ‘nguorp fin a Capedann!

417.

cic

Va bene… vedremo di risolvere al più presto questo problema. Ora Achille, vieni con me nello studio. (LO PRENDE SOTTOBRACCIO E SI DIRIGE VERSO DX AVANTI) Mi devi firmare una domanda ed alcuni documenti…(ESCONO)

SCENA SECONDA (FELICE, SILVIA, GIUSEPPINA)

418.

fel

Mo’ Silvia, azzidet ‘nu picc. (AGITATO) Ti devo dire una cosa importantissima. Addevein ce vool fo’ zio Ciccio?

419.

sil

(SEDENDO NERVOSAMENTE VICINO AL TAVOLINO, A DX) Lo so. Si vuole sposare!

420.

FEL

(ACCANTO AL TAVOLO, A SIN) Ah! L’hai saputo?

421.

sil

Come no?! Ormai lo sa tutto il paese! E se quello si sposa certamente la moglie gli farà cambiare il testamento!

422.

fel

Specialmente se dovessero fare un figlio!… (SI SPOSTA A SN) I niu am a remaneie accum a zeit de Putegnoon…

423.

sil

Eh già!… di Putignano! Perché la sposa è certamente Giuseppina, non è vero?

424.

FEL

Non me l’ha voluto dire, ma sono sicuro che si tratterà di lei. Del resto è l’unica donna con la quale zio Ciccio ha a che fare. Non esce mai di casa senza di lei, se lascia Castellana è solo in occasione dei raduni fascisti ora in questa ora in quell’altra città… (RITORNA AL TAVOLO) tu poi lo sai come si comporta Giuseppina, si sente già la padrona di casa… cumann tutt iedd, i zio Ciccio ‘a lass fo’!

425.

sil

Felice, dobbiamo assolutamente mandare a monte questo matrimonio!

426.

fel

Esatto!!… e siccome zio Ciccio è testardo… teen ‘a coop chiù tost d’u piecher de Valzoon, agiremo su Giuseppina. (GIRA INTORNO AL TAVOLO. APPOGGIA LE MANI SULLA SPALLIERA DELLA SEDIA CENTRALE) Il mio piano è questo: tant l’am a gerò, tant ‘nge n’ama ‘nzuchelò che alla fine sarà proprio lei a non volerlo più!

427.

sil

(SI GIRA VERSO DI LUI. ILLUMINANDOSI) La stessa cosa ho pensato anch’io! E qualche idea in mente già ce l’ho. Ma bisogna agire prestissimo!…

428.

fel

Senza perdere tempo. (SI SPOSTA A DX ACCANTO ALLA SORELLA) Adesso ti spiego cosa ho pensato di fare io. Lo vedi questo anello? (LO TRAE DALLA TASCA DEL PIGIAMA) Acquann me so’ alzoot nan puteiv acchiò ‘u calzascarp, alloor so’ sciut ind’o comodin de zio Ciccio, egghie vist cuss aniedd i m’u so’ pegghioot… (SI BLOCCA PERCHE’ ENTRA GIUSEPPINA DA SIN.FONDO)

429.

GIU

Oh… ciao Silvia! (SI SALUTANO E SI FANNO GLI AUGURI, AL CENTRO, DAVANTI AL TAVOLO) Memena mi ha detto di venire qui perché mi cerca il Podestà, dov’è?

430.

sil

Zio Ciccio è con Achille nello studio… forse Memena si è sbagliata!

431.

giu

E non sarebbe la prima volta… me ne combina di tutti i colori quella lì! È sbadata…

432.

fel

(ANDANDO VICINO AL BRACIERE. CON NONCURANZA) Eh… ma s’av aggiustò l’ossere piur iedd ammù ca zizì se spius… (SI SIEDE)

433.

sil

A proposito lo sai che zio Ciccio si sposa?

434.

giu

(CON VELATO IMBARAZZO, MA ANCHE CON UN PIZZICO DI COMPIACIMENTO) Certo! Gli vivo accanto da mattina a sera… (DUE PASSI A SN)

435.

sil

(DUE PASSI ANCHE LEI VERSO GIUSEPPINA) E la sposa… chi è? Lo sai?

436.

giu

No! Davvero!… (siede al DIVANO, VERSO IL PUBBLICO) Tempo fa mi confidò che aveva intenzione di sposarsi ma… non aggiunse altro. Né io gli chiesi… capirete… la discrezione… (SILVIA LE SI SIEDE ACCANTO)

437.

fel

Ma sì, ce n’è a n’è… meno mool ca se spius… così la notte finalmente potrò dormire tranquillo e in santa pace!

438.

giu

Non capisco… che c’entra questo con…

439.

fel

Ma sì… mìu ca se spius avrà una moglie che lo potrà assistere di notte… mìu invece chioom semb a meie… i puortem ‘u rennool, i famm ‘u bicarbonoot, annuscem ‘u tiest!

440.

sil

(FINGENDO SORPRESA) Felice, questo non me l’avevi detto mai…

441.

fel

I ce t’er a deisce… i guò meie? (SI ALZA E PASSA AL CENTRO) ‘A nott devent ‘nu piccinn… siccome è pure debole di reni port ‘u cateter a permanenz… e non ti dico… Ah, mi scordavo, russa in una maniera… poor ca ste’ serr ‘nu trung quand iosce i creie! (RINCARANDO LA DOSE E MIMANDO) Po’ cert volt ‘nge pigghian l’attacck, perché teen l’epilessia!

442.

giu

(PREOCCUPATA) E questo sempre di notte?

443.

FEL

Sììì!! ‘Na volt m’a vediebb cucchie addaver… e il guaio è che non vuole un infermiere perché deisce ca cost asseie! Zizì, deceim a veritò, iè n’ogna tirchie de cchìu!… (DUE PASSI A DX)

444.

giu

Ma non è vero…

445.

fel

Come non è vero… teen angoor chedda  machena vecchia, una macchina così vecchia che le luci di posizione poor ca tenen ‘a cataratta! (VA A SCALDARSI AL BRACIERE)

446.

giu

(SI ALZA E VIENE AVANTI) E va bene… una moglie anche questo deve fare, assistere il marito nel bene e nel male, ci mancherebbe altro! La vita, si sa, è fatta di gioie e dolori!

447.

sil

(LE VA ACCANTO PONENDOSI ALLA SUA SINISTRA) Ah, questo è sicuro… e poi anch’io sono contenta che zio si sposa perché…  perché è bene che i figli stiano con i padri!

448.

giu

(SORPRESA) Che figli?!

449.

sil

(METTENDO LA MANO SULLA BOCCA) Oh Madonna santa… mi è proprio scappato!… (VA AL CENTRO. DI SPALLE A GIU)

450.

giu

(DUE PASSI VERSO SILVIA) Di che figli stai parlando?

451.

sil

(SI GIRA) Vedi Giuseppina… non posso dire niente… si tratta di un segreto e…

452.

fel

(CHE HA CAPITO IL GIOCO, LA ASSECONDA) Silvia! Vogliamo passare un guaio? Se lo viene a sapere zio Ciccio, do succed ‘u quarantott!!

453.

giu

(ORMAI IN PREDA ALLA CURIOSITA’) Se si tratta di un segreto io non dirò niente a nessuno! Ve lo giuro… (SI ACCOSTA A SILVIA) Allora Silvia?…

454.

sil

Senti Giuseppina, tempo fa zio Ciccio ebbe una relazione con una donna…

455.

fel

(CHE NEL FRATTEMPO SI E’ SEDUTO) ‘A cuggeine de Nanucce ‘a Curnacchie…

456.

sil

Che poi lo lasciò perché scappò in America con un giovane…

457.

fel

‘Nu cert Franchin ‘a Ceccecoot!

458.

sil

Dalla relazione nacque un bambino che ora sta in collegio a Napoli. Zio Ciccio ha sempre sognato di prenderlo con sé, e sicuramente quando si sposa lo farà venire a vivere qui, in questa casa!

459.

giu

(ALLONTANANDOSI NUOVAMENTE A SN. RESTA DI SPALLE) Ma perché non me l’ha mai detto… Perché?! Mi ha sempre messo al corrente di tutto. (BREVE PAUSA) Io lo avrei capito… (DURANTE LA BATTUTA FELICE VA VERSO SILVIA E LE FA CENNO DI ANDARE VIA)

460.

sil

(LA RAGGIUNGE) Su, non te la prendere… non ci pensare più… oggi è Natale, e dobbiamo essere tutti allegri!… Va bene?…  Felice, dì ad Achille che sono di là, in cucina. Con permesso… (VIA A SIN. FONDO)

461.

fel

(AVVICINANDOSI A SN) Dai Giuseppina, non fare così… la vita è bella! (VICINISSIMO A LEI) E anche tu sei tanto bella!

462.

giu

(PRESA DAI SUOI PENSIERI) Felice, lasciami stare… e non essere ridicolo! (PASSA AL CENTRO)

463.

fel

(LA RAGGIUNGE) Ridicolo? Sto parlando sul serio… io sono una persona seria!

464.

giu

Una persona seria… ca se mett a fa’ i cumplemient in pigiama!

465.

fel

Ma sotto questo pigiama batte un cuore! Senti come batte, lo senti? (SI AVVICINA A LEI)

466.

GIU

(ADOMBRATA) Eie nan sent nodd! (VA A SEDERSI AL DIVANO)

467.

fel

(RIVOLTO AL PUBBLICO) Ma come, batte così forte… sembra un orologio a pendolo!

468.

giu

I se veed ca ì fenut a cordel… carechescel!

469.

fel

(LA RAGGIUNGE, SI PONE ALLA SUA SINISTRA) Ma perché sei sempre così fredda con me?

470.

giu

E come devo essere… calda? M’ha pegghiat pe’ ‘na stuuf?

471.

fel

(CON PASSIONE, SEDENDOSI ANCHE LUI, ALLA SUA SINISTRA) Giuseppina, è arrivato il momento di aprirti il mio cuore. (LE PRENDE LA MANO) Perché secondo te ho sempre rimandato le mie nozze con Jannina?

472.

giu

(TURBATA) I… i ce ne sacce ieie?

473.

fel

E lo so io!…Perché sono preso d’amore per un’altra donna, un amore che non mi dà pace, che non mi fa dormire la notte!

474.

giu

Veramente poco fa ha rett ca ‘a nott nan duorm p’u fatt d’u cateter d’azzianet…

475.

fel

Che c’entra il catetere… io non dormo perché penso a te, Giuseppina! Sei tu il mio sogno proibito!

476.

giu

(RITRAENDO LA MANO) Tu sei pazzo!… (SI ALZA E VIENE AVANTI AL CENTRO. POI CON IN IMBARAZZO) e poi…  sei tanto più giovane di me…

477.

fel

(SI ALZA, LA RAGGIUNGE, ACCANTO, ALLA SUA SINISTRA) E che c’entra? … l’amore non ha età! (LE PRENDE LA MANO ED INFILA AL DITO L’ANELLO) Prendi… questo anello è la prova del mio amore per te!

478.

giu

(CONFUSA AL MASSIMO, GUARDANDO L’ANELLO) Ma… Felice… io non posso…

479.

fel

Per ora teniamo la cosa segreta… e non far vedere l’anello a nessuno, SPECIALMENTE a zio Ciccio!! Al momento buono metteremo tutti davanti al fatto compiuto! (GIUSEPPINA VORREBBE REPLICARE MA IN QUEL MOMENTO RIENTRANO CICCIO ED ACHILLE)

SCENA TERZA  (CICCIO, ACHILLE, FELICE, GIUSEPPINA, MEMENA,

             ANGIOLA, SILVIA)

480.

CIC

(AVVIANDOSI AL CENTRO SEGUITO DA ACHILLE) Hai capito tutto Achille? Poi dopo le feste andremo insieme a Bari e parleremo direttamente col Federale. Ste’ chiù tranquill mìu?

481.

ach

(SODDISFATTO) Sì zio, grazie zio!

482.

cic

(A FELICE) I tiu ancoor in pigioom ste’? vaat cange!…

483.

fel

Vado subito a cambiarmi!… Achì, vien cu’ mae!…(ANDANDO VIA SEGUITO DA ACHILLE) Ah, sapeste come mi piace cambiare…

484.

cic

(A GIUSEPPINA) Ci iè ca deisce cudd?… (GIUSEPPINA SI GIRA DI SPALLE E FA UN PASSO A SN) Giuseppina… cos’hai?…

485.

giu

(TONO DISTACCATO) Io?… Niente!

486.

cic

Ma… ci iè, nan te sient bbona?

487.

giu

(ASPRA) No!… Io sto benissimo! Tu piuttosto, come ti senti? Lo vuoi un po’ di bicarbonato?

488.

cic

(SORPRESO AL MASSIMO) ‘U bicarbonoot… i ce n’egghia a fo’… ancor am a mangiò!…

489.

giu

I stanott accum ha durmuut? T’ho dat fastedie ‘u cateter?

490.

cic

Ma si può sapere che ti prende?… Qual cateter?!

491.

giu

(SI GIRA VERSO DI LUI) È vero che russi la notte?

492.

cic

Beh, un poco… ma solo quando sono in posizione suina!

493.

giu

Io so tutto caro Ciccio, tutto! Ah, me scurdav… ‘ngia mannat l’augurie de Natal alla cuggin de Nanocce a Curnacchie i a Franchin ‘a Ceccecat? O te sì scurdat?

494.

cic

Ma quala curnacchie… se poot sapeie…

495.

giu

(INCALZANDO) I arrecurdete che i figli devono stare con i padri ma anche con le loro madri? È giusto?

496.

cic

È giusto. Ma che c’entra… insomma vuoi parlare chiaro?

497.

giu

Non voglio parlare! (SI AVVIA A SN AVANTI) Per adesso mi ritiro sull’Avellino! (ESCE LASCIANDO CICCIO STRANITO AL MASSIMO)

498.

CIC

Io non ci capisco niente… (ENTRA MEMENA, DA DX FONDO, CHE GLI VA VICINO) ‘U cateter… ‘a ceccecoot… (SI GIRA VERSO MEMENA) ‘a curnacchie!

499.

mem

(RISENTITA) Signor Podestà… ce l’avete con me?

500.

cic

No, no… steiv a parlò de n’olda curnacchie… e tu che vuoi?

501.

mem

Nell’ingresso ho fatto accomodare la signora Angiola Tropea, la Direttrice del collegio di Conversano…

502.

cic

(INTERROMPENDOLA) Falla venire qui… che aspetti? (LA SPINGE VERSO DX)

503.

mem

Entrate signora, prego! (RESTA SUL FONDO, A DX)

504.

ang

Grazie… buongiorno signor Podestà!

505.

cic

(LE VA INCONTRO. INCHINO) Oh signora… che sorpresa meravigliosa! Permettetemi di augurarvi buon Natale! (BACIAMANO)

506.

ANG

Anche a voi Podestà!

507.

cic

Prego accomodatevi… (LE TIENE LA SEDIA MENTRE ANGIOLA SIEDE AL TAVOLO, A DX) Memena, vai a chiamare Silvia e Giuseppina… signora, vi farà piacere salutarle vero? (MEMENA VIA A SN FONDO)

508.

ang

Sono qui apposta. Saluterò con piacere la mia amica Giuseppina e Silvia, la mia ex-allieva! 

509.

CIC

(GUARDA A DX E A SN PER ASSICURARSI CHE NON ARRIVA NESSUNO. CAMBIA COMPLETAMENTE TONO DIVENTANDO PIU’ CONFIDENZIALE. LE SIEDE ACCANTO, AL CENTRO) Beh? Allora, ci sono buone notizie?

510.

ang

(TOGLIENDOSI I GUANTI) Francesco non essere impaziente; ho parlato ieri con l’avvocato… è solo questione di… un mese al massimo.

511.

cic

(SI ALZA E ATTRAVERSA NERVOSAMENTE LA SCENA DA DX A SN) Ancora un mese!… Io non ce la faccio più! Sono dieci anni che invento raduni fascisti inesistenti per venirti a trovare! (SI FERMA A SN) Alla mia età! Fare le cose di nascosto come fossimo quindicenni!… Non vedo l’ora che finisca questa storia…

512.

ang

Francesco, lo sai bene che non potevamo fare diversamente!

513.

cic

(DA SN A DX) La verità è che mi sono stancato. Mi sento… ridicolo! Siamo nel 1938, mica ai tempi di Giulietta e Romeo!… (SI FERMA A DX)

514.

ang

(UN PO’ SPAZIENTITA) Non ti ho mai visto così agitato! Ti sei alzato storto stamattina?

515.

CIC

Te l’ho detto: sono stanco di questa storia e… (SI INTERROMPE PERCHE’ DA SIN. ENTRANO SILVIA E GIUSEPPINA)

516.

SIL

Buongiorno Direttrice! (VA AD ABBRACCIARLA, POI A DX, MENTRE ANGIOLA PASSA AL CENTRO PER SALUTARE GIUSEPPINA)

517.

GIU

Angiola cara! (ABBRACCI ED AUGURI A SOGGETTO)

518.

CIC

(AVVICINANDOSI AL GRUPPETTO) Signora, che ne dite di rimanere a pranzo con noi oggi?

519.

ang

Oh no… non posso! Vi ringrazio, ma sono stata invitata dai miei parenti di Castellana… (ENTRA MEMENA DA DX)

520.

CIC

Mi dispiace…

521.

mem

(AVANTI A DX) Signor Podestà scusate, ci sono delle persone che sono venute a farvi gli auguri.

522.

cic

E chi sono?

523.

mem

Portan tutt ‘a cammeisa neer… i cert facce!… chiù gnìur d’i cammeis…

524.

cic

(TAGLIANDO CORTO) Falli accomodare nello studio… scusate, ma sono atteso. Con permesso. (VIA A DX AVANTI)

525.

sil

Direttrice accomodatevi… (LE PORGE LA SEDIA DI DX) io vado a chiamare Felice, sono sicuro che avrà tanto piacere di rivedervi. (VIA A SIN. FONDO DA DIETRO IL TAVOLO)

526.

ang

(SEDENDOSI, IMITATA DA GIUSEPPINA ALLA SEDIA DI SN) Va bene cara, anch’io lo saluterò volentieri!

527.

sil

Torno subito. (VIA A SIN.AVANTI)

528.

ANG

Allora Giuseppina… che mi racconti, come va il lavoro?

529.

giu

Ah, benissimo! Più che al lavoro qui mi sento proprio come a casa mia, sai?

530.

ang

Capisco… come a casa tua eh?

531.

giu

Del resto sono ormai cinque anni che abito in questo palazzo, al piano di sotto e… mi sono così ambientata… come si dice, qui io faccio casa e bottega!

532.

ang

E già… (UN PO’ INFASTIDITA) casa e bottega! (PICCOLA PAUSA) Ma… progetti matrimoniali… ancora niente?

533.

giu

(BREVISSIMA PAUSA) Guarda… proprio stamattina ho avuto una proposta… come dire… interessante! Ed assolutamente inaspettata… (SOTTOVOCE) Figurati che mi ha perfino regalato l’anello!

534.

ang

Ah, ma allora siete praticamente fidanzati!

535.

giu

Ma no… perché… io sono stata presa all’improvviso, sono ancora così confusa! E poi lui, come ti devo dire… insomma lui è già fidanzato con un'altra donna…

536.

ang

(SI FA SOSPETTOSA) Una storia interessante, Giuseppina cara…

537.

giu

Però dice che vuole bene a me. Ed ha bisogno di un po’ di tempo per trovare una scusa e lasciare quella donna. Non può farlo mica così, tutt’una volta! Capirai… sono fidanzati da dieci anni!

538.

ang

(ADESSO IL SOSPETTO E’ FORTE. SI ALZA NERVOSAMENTE E VA A DX) Da dieci anni?... (LA VOCE SI FA ALTERATA) E… chi è quest’uomo? Lo conosco io?

539.

giu

Beh, credo proprio di sì! Ma per il momento non posso rivelarti il suo nome. Se la fidanzata scoprisse tutto scoppierebbe uno scandalo!

540.

ang

(ADIRATA) E ci credo… dopo dieci anni! Qui ci potrebbe scappare il morto!

541.

giu

(SI ALZA, PASSA AL CENTRO) Ma… Angiola, perché te la prendi tanto?

542.

ang

(RIPRENDENDO IL CONTROLLO) No… volevo dire… chissà quella donna come potrà reagire!

543.

giu

(LA RAGGIUNGE) Comunque io ho già il corredo pronto. Eie port panna uott, ‘na cuvert ricamata a mano, ‘i fazzelett p’u nas cu’ merlett… lo vuoi vedere?

544.

ang

(FACENDO SPALLUCCE, MALVOLENTIERI) Beh… se proprio ci tieni…

545.

giu

E ti farò vedere anche l’anello… è meraviglioso! Dai, vieni… (LA PRENDE A BRACCETTO, APRE LA COMUNE)

546.

ANG

(CONTRARIATA, BUON VISO A CATTIVO GIOCO) Va bene… andiamo… (ESCONO A DX FONDO. DA SIN. ENTRA SILVIA SEGUITA DA FELICE)

SCENA QUARTA (SILVIA, FELICE, PASQUALE, MEMENA)

547.

SIL

(VIENE AL CENTRO. SI BLOCCA DOPO QUALCHE PASSO, SORPRESA NEL VEDERE LA STANZA VUOTA) Giuseppina?... Direttrice…

548.

fel

Qui non c’è nessuno…forse ‘a Direttrice se n’ì sciut…

549.

sil

Ma non è possibile… le ho lasciate qui cinque minuti fa… (SI SENTE BUSSARE ALLA PORTA DX IN FONDO) Avanti… (ENTRA PASQUALE CON UN CONIGLIO IN MANO)

550.

PAS

Permesso?... Buongiorn i augurie a tutt!... (FELICE, CON UN GESTO DI STIZZA, SI ALLONTANA A SN E SIEDE AL DIVANO)

551.

SIL

(CON UN SORRISO) Grazie, altrettanti a te caro Pasquale!... che bel coniglio!

552.

pas

Cuss n’u mangioom a Sant Stefan…

553.

fel

Caap de stuozz… allor crè arreet dò vu’ veneie a mangiò!

554.

pas

Perchè te despiosce iè?... tiu statt citt se neon me scord ca iè Natool  i te fazz ‘na sardioot, andè?

555.

fel

Ma tu guard ‘nu picc se uno deve essere minacciato in casa sua…

556.

sil

E smettetela… pure in questi santi giorni… (A PASQUALE, CON UN SORRISO) E Jannina?

557.

pas

Siccom am purtoot piur do’ coop d’acce i do’ rafaniedd Jannin ì sciut direttament ind ‘a cucein pe’ lavall… tant iedd dò iè de coos…

558.

fel

(IRONICO) Eh sì… lei è di casa…

559.

pas

(PASSA AL CENTRO, MINACCIOSO) Perché, ce tien da deisce? Mo’ senteim…

560.

fel

(SI ALZA, SULLA DIFENSIVA) No, dico… ha purtoot piur ‘i catalogne, ca chidd me piascen a meie?

561.

pas

Neon! Nan l’egghie purtoot proprie perché te piascen a teie… c’i vu’ cre’ t’anniuck do’ fenucchie…

562.

fel

I ieie pe’ Capedann t’egghie a preparò ‘na bella cepodd… tant av’a iess!

563.

sil

Adesso basta! Felice, vai a chiamare Memena così si occupa lei del coniglio… (FELICE ESCE A SIN. FONDO) Siediti Pasquale… ti trovo veramente bene…

564.

pas

(SEDENDO AL TAVOLO, SEDIA SN) Eh… stoom a fo’ vecchie… o voè? Capidd ‘ngoop quoos na ne stoon chìu…

565.

sil

E fai qualche cura… qualche lozione per arrestarne la caduta…

566.

pas

Seh… l’unica cosa ca ferma la caduta dei capelli… iè ‘u pavement!

567.

sil

(RIDE DI CUORE. SIEDE ALLA SEDIA DX) E… dimmi… come va il lavoro nei campi?

568.

pas

I accum av’a sceie… se fatiche, se fateich i nan s’accogghie nudd! Cuss’ann ‘a ‘ndroot steiv bbon, ma po’ Crist nan ha chiuviut i allor i leie so’ tanta l’iun (MOSTRA IL DITO MIGNOLO) So’ tutt nozzer! Meno mool ca am fatt chidd quatt menele a Pizz cu’ chiul i a Puzz Stramazz… ma sono i prezzi che non vanno!... I ce ‘ngiam a fo’, cuss iè ‘u mestier nuost. Deceiv buon ‘a bonanem de zi’ Ghitoon sembitennaidd…

569.

sil

(ARRICCIANDO IL NASO) Chi?...

570.

PAS

(con il tono di chi vuol dire: “Come, non sai di chi si tratta?”) Zì Ghitoon… sempitennaidd. Cudd deciaev “A campagne iè senza titt…”

571.

sil

(NON HA CAPITO GRANCHE’) Mah… e il vino l’hai fatto?

572.

pas

Seine… egghie pestescioot ‘na decein de quintool de iuve… anz l’ha pestescioot soorm (RIDENDO FA IL GESTO) ca chedd se sbreigh appreim i ‘a spazzaneisce megghie l’iuv… l’egghie troot a venaccioot i miu sperioom ca nan se ne ve’ o spunt accum l’ann passoot… perché ieie nan’ge mett purcareie iind… nan fazz calloor, i po’ accum veen a veen n’u vuvaeim!

573.

sil

E poi che fai, lo vendi?

574.

pas

Ci ci ha venn… ca se’ sett quintool de mier av’assiut… trae a mae, i quatt a soorem… ‘u mier pe’ niu, soora mae, ‘u mier pe’ niu… i cert ann meng avast! Po’ qualche obbligazioon nan mang, no’ capisce? Iosce a deie addò ve’ a ve’ ha tuzzelò cu’i piet!...

575.

sil

L’hai già imbottigliato?

576.

pas

Noooo! È subbet ancoor… siccom nan ha fatt fridd asseie, ancoor ste’ ammatiur ind’a fusein…

577.

sil

Chissà come sarà buono… o non l’avete assaggiato ancora?

578.

pas

Eccome! Fin i miu er a sto’? a San Martoen m’achiudiebb ind’o ceddoor cu’ quatt ameisce mae pe’ fo’… nanz’è, ‘na uascezz… ‘nu popolett, i pegghiemmm ‘na pedd chedda saer… ‘na negghie ca nan s’affettaev nì ciel i nì terr…

579.

sil

Beh, se poi avrai piacere… (DAL FONDO A SN ENTRA MEMENA, VIENE AL CENTRO DIETRO AL TAVOLO) ce lo farai assaggiare!

580.

pas

È penziero mio…

581.

mem

Signora sono qui.

582.

sil

Pasquale ha portato un coniglio per domani… portalo via per piacere.

583.

mem

(GUARDANDO PREOCCUPATA IL CONIGLIO PASSA A DX) Maria Santissima d’a Vetroon! I tiu accusseie t’u puort a passeggio ‘stu cunigghie?

584.

pas

I… accuum l’er a purtò… a moon a moon?

585.

mem

Ma l’avess attaccoot ind’a ‘nu fazzelettoon, ind a ‘nu panariedd… m’ada mucedesce tutt u’ soggiorn?

586.

sil

Beh, adesso te lo porti in cucina così non si sporca niente…

587.

mem

Mo’ damme ddò!...

588.

pas

(ALZANDOSI) Siendem buon i siendem soon… appreim lievenge ‘a pedd, po’ iapre ‘a vend i lievece i’ndroom i ‘a mazzacchel… ‘u se’ ci iè ‘a mazzacchel?

589.

mem

(SI AVVICINA A PASQUALE) Sein, damm dò!

590.

pas

Po’ lavel buon buon cu’ l’aceit, miettel appoes  a coop sott fin a cre’, ca av a sculò tutt u sang, se neon po’ ‘a carn devent oschiur, invece chedd av a iess color di roos… quan iè cre’ fall a stozzer, azzitel ind’a tiedd i cucinel o cu’ i patoon o alla cacciatoor, a capeit? (ENTRA FELICE DAL FONDO A SIN. PARLOTTA BREVEMENTE CON SILVIA E VA VICINO AL BRACIERE)

591.

mem

(SEMPRE PIU’ INSOFFERENTE) Sein, damme ddò! (PRENDE IL CONIGLIO)

592.

pas

Ce po’ nan acchie ‘a dreett, chiameme a mae ca t’aiut ieie.

593.

mem

Cum ce foss ‘a preima volt…! Tiu ne tien asseie cunigghie foor? Beh, annuscel dò ca ‘o rest ‘nge penz ieie ! (ESCE PER LA CUCINA)

594.

SIL

Pasquale, vogliamo andare in camera da pranzo?... tanto è quasi pronto, prego… accomodati!

595.

pas

Grazie. Dopp de segnereie… (ESCONO A SIN.AVANTI)

SCENA QUINTA (FELICE, CICCIO, ANGIOLA, GIUSEPPINA, MEMENA)

596.

FEL

(cercando qualcosa intorno al braciere) Ma guard ‘nu picc, ‘nge vuleiv proprio cudd zulù pe’ farm perd l’appeteit iosce… (ENTRA DA DX CICCIO) Almen ‘ngi era a sceie ‘u mangiò contraveie… (SIEDE A DX)

597.

cic

Cos’è Felice, parli da solo? (GUARDA FUORI DALLA FINESTRA)

598.

FEL

No, no… certi pensieri miei…

599.

cic

‘U tiemp av ammaresciut arret… i fosce fridd!

600.

fel

Pe’ forz, do ‘u fuoch ì feniut…

601.

cic

I scarevusciscel ‘nu picc… (SI SIEDE AL BRACIERE, AL CENTRO)

602.

fel

Ci ci ad a scarevusciò… nan ne ste’ chìu. I nan ‘nge ste’ meng ‘u palettein…

603.

cic

Chi sa Memen addò l’ha scrioot… Felì, ‘u se’ ci ha fo’… vo’ abbasce a’ cantein i pigghie ‘u mier pe’ menzadeie… ci facciamo un bicchierino e ci scaldiamo un poco. Va’ va’… (FELICE FA PER ANDARE VERSO LA CUCINA. IN QUEL MOMENTO TORNANO ANGIOLA E GIUSEPPINA CHE VANNO AL CENTRO)

604.

ANG

(CON FREDDEZZA) Un corredo meraviglioso, Giuseppina cara…

605.

GIU

Grazie, grazie… (FELICE VA VERSO LE DUE DONNE)

606.

ANG

Oh caro Felice, finalmente posso salutarti! (SI POSIZIONA AL CENTRO FRA FEL. E GIU.)

607.

fel

Buongiorno Direttrice, (BACIAMANO) e buon Natale! Son venuto prima qui con mia sorella ma non vi abbiamo trovato…

608.

giu

La signora è venuta in camera mia perché voleva vedere il mio corredo!

609.

ang

(FREDDA) Già!! Sono andata in camera sua perché lei ha voluto farmi vedere il suo corredo… e infatti l’ho visto. Ed ho visto anche molte altre cose interessanti… molto interessanti!

610.

cic

(PRENDE UNA SEDIA) Signora, volete accomodarvi?

611.

ang

(NON GLI BADA PER NIENTE) Dunque Felice? Cosa mi racconti di bello?

612.

fel

E cosa posso raccontarvi… Vivo la mia vita… (GUARDA GIUSEPPINA) faccio progetti per il futuro! Con le mie speranze…

613.

giu

(CIVETTUOLA) Che tante volte possono diventare realtà!

614.

cic

(CON LA SEDIA IN MANO) Signora, ripeto… volete accomodarvi?

615.

ang

(IGNORANDOLO COMPLETAMENTE) Si è fatto tardi, devo scappare… i miei parenti mi staranno aspettando! Arrivederci miei cari! (ABBRACCIA GIUSEPPINA. PORGE LA MANO A FELICE CHE GLIELA BACIA)

616.

giu

È stato un piacere rivederti cara! E torna quando vuoi!

617.

fel

E ancora auguri, anche ai vostri parenti!

618.

cic

(AUTORITARIO) Un momento!... Felice, vai a prendere il vino in cantina, come ti avevo detto! E tu, Giuseppina, vai a disporre i posti a tavola! (ESCONO ENTRAMBI: FELICE IN CUCINA, GIUSEPPINA IN SALA)

619.

cic

Allora? (MOLLA LA SEDIA E SI PONE DAVANTI A LEI) Si può sapere che significa questo atteggiamento? Questa freddezza? (ANGIOLA SI GIRA DI SPALLE) Insomma vuoi parlare sì o no?

620.

ang

Non ho nulla da dire signor Podestà! (SI SPOSTA A DX) Addio!

621.

cic

(LA TRATTIENE) Tu non vai da nessuna parte se prima non mi dici che cosa ti passa per la mente!

622.

ang

Io ho fretta!!.. i miei parenti mi stanno aspettando!

623.

cic

E allor muovet a parlò!… i tuoi parenti possono aspettare, io no!

624.

ang

(SI GIRA DI SCATTO E COMINCIA AD INVEIRE) E già! Tu non puoi aspettare! Poco fa me lo hai detto chiaramente che sei stufo di aspettare! Che sono passati dieci anni e che ti sei stancato di questa storia!!

625.

cic

Ma… ma io mi riferivo… volevo farti capire…

626.

ang

(INTERROMPENDOLO) Ed io ho capito tutto, mio caro! (NON GLI PERMETTE DI REPLICARE) Ho capito stamattina che c’è un’altra donna! Lo so! (UN PASSO A DX. RESTA DI SPALLE)

627.

cic

(DISORIENTATO) Ma nooo! Qui c’è un equivoco!

628.

ang

(GIRANDOSI DI SCATTO) Sì!! Tu!!

629.

cic

Io volevo dire…

630.

ang

Non sforzarti di trovare scuse banali… Francesco, sono io che ti pianto! Perché sei un mentecatto!

631.

cic

Ma quale mente… io non mento!! Angiola, che cosa ti fa credere…

632.

ang

E me lo chiedi? Vuoi proprio che ti dimostri quanto sei falso e meschino? Bene… (ANDANDOGLI VICINO) quando, sfortunatamente per me, la tua buona sorte ti fece compiere cinquantanni, io ti regalai un anello… te lo ricordi?

633.

cic

Certo che me lo ricordo! E tu mi dicesti di non metterlo al dito fino al giorno del nostro matrimonio!

634.

ang

Benissimo! E adesso dov’è?

635.

cic

Come dov’è… Dove è sempre stato, nel mio comodino!

636.

ang

Non è vero! Menti spudoratamente! Perché quell’anello io l’ho visto con i miei occhi tra i pizzi ed i merletti della biancheria di Giuseppina, nel suo comodino! Oppure devo del dire del vostro comodino? Avete già il  comodino in comune tu e la tua pollastra? (SI GIRA DI SCATTO, SI SPOSTA PIU’ A DX, RESTA DI SPALLE)

637.

cic

Ma che stai dicendo… quale comodino in comune… qui ognuno si fa i comodini suoi, e non è possibile…

638.

ang

(SI GIRA) Basta! Caro il mio Podestà… attempato dongiovanni da strapazzo! Sei un pezzente! Potevi almeno comprare un anello nuovo per la tua smorfiosa! Ah, già, dimenticavo che tu sei parecchio scorzone e che a lei piacciono le cose… di seconda mano! E adesso addio, caro signor Podestà, addio per sempre! (ESCE PER LA COMUNE LASCIANDO CICCIO DI SASSO, INEBETITO E PARALIZZATO DALLA SORPRESA. ENTRA MEMENA DALLA SALA)

639.

MEM

Signor Podestà, il pranzo è servito! (FA SEGUIRE LA MOSSA “E TI STA BENE, L’ALTRA VOLTA IMPARI”)

SIPARIO

Atto terzo

La stessa scena delsecondo atto. La tendina della finestra di destra è accostata. Il calendario segna la data del 30 dicembre 1938. Tardo pomeriggio. All’aprirsi del sipario Felice è seduto al tavolo, e Pasquale dietro di lui. Stanno facendo dei conti.         

SCENA PRIMA  (FELICE, PASQUALE, MEMENA)

640.

FEL

Allora, riepilogando… sette per sette 49, più trenta fa settantanove, più le tre corone di garofani fa ottocentoventilire… e questo è quello che tocca pagare a me!

641.

pas

Accum iè?… Nan egghie capeit… cu’ uottecient vint leir te ne vu’ asseie tiu?

642.

fel

I tant veen ‘a parta mae!

643.

pas

Uagliò, va’arruobb gaddein… veit ca t’ha sbaglioot! (SI SPOSTA A DX)

644.

fel

I allor fall tiu i cunt… (SI ALZA E LASCIA SEDERE PASQUALE) C’ i se’ fo’ megghie de meie… (VA A SN)

645.

PAS

Ca sechiur… iè so’ fatt i scool iert… quatt’ann a preime o’ terz pioon! (SI SIEDE) Dunque… Quatt de quinece sessant… mena trae so’ cenquantott… chiù mill i docient ‘u baguglie…

646.

fel

‘U baguglie am ditt ca l’ha pagò tiu!

647.

pas

Uagneon nan me fo’ ‘ngallesce a coop… ieie egghia pagò sckitt ‘u capitol, a cungreg i ‘a bann!

648.

fel

Ma sono cose da pazzi! Lo vuoi capire che tu sei il fratello della defunta? Io ero solo un poco fidanzato con tua sorella… il grosso delle spese tocca a te!

649.

pas

Allor miu accumenzoom tutt da coop? Fin i miu am pers sckitt tiemp? (MINACCIOSO) Veit ca ie’ cecck nan egghie fatt ind a desce ann ‘u fazz miu! (SI ALZA E FA PER AVVICINARSI)

650.

fel

(SFUGGENDO A SIN.) E dalle con le minacce… ma scusa, tiu ha vuliut ‘a cascia in masso di noce? E per tua sorella ce n’è voluta una quantità doppia… i miu perché l’egghia pago iè? Ha’ vuliut ‘a carrozz cu’ quatt cavadd, i miu perché l’egghia a pagò ieie? Perché ce ieven do’ i cavadd nan ci a facevan?… Tu hai voluto fare le cose in grande!!

651.

pas

Perché soorm, bonanem addò ste’, s’u mereteiv! Ca sckitt pe’ quanta tuosck i velen ‘ngi a doot tiu a chedda poveredd… (AL CENTRO AVANTI) n’ogne d’onore ‘ngi ‘u vuliev do?

652.

fel

I ‘nge l’am doot… ma perché miu egghie a pagò tutt ieie?

653.

pas

T’egghie ditt ca ‘u capitol, ‘a cungreg i ‘a bann… li deva pacaro io!

654.

fel

Li deva pacaro io… ha fatt asse’!

655.

pas

Ma inzomm, se poot sapae quant iè veniut a custò ‘stu cacchie de funerool?

656.

fel

Uh!… chess iè ‘a quarantesima volt ca t’u deick… (SI AVVICINA ANCHE LUI AL CENTRO) iè veniut esattament 2950 leir!

657.

pas

2950 leir?! Alla facce d’a Befoona fascist… aspiett… i ‘u muort l’ame puost niu!! (DALLA COMUNE ENTRA MEMENA) Nooo, acquann moore ieie mi faccio cromare!

658.

mem

Signor Felice, ci sono delle visite… (SI PONE AL CENTRO FRA I DUE)

659.

fel

Ancoor… uffà, na’ ne pozz chìu…

660.

mem

Amici che vogliono farvi le condoglianze!

661.

fel

Ancoor cu’ sti condoglianz… ma nan tenen ce fo’ ‘e caser lor ‘sti crestioon? Che razza di abitudini!

662.

pas

 E seh… che razza di bitudini! Ce ne sapen i crestion ca iè moort ‘a zeita teoie i a te nan te ne freg proprie nudd?…

663.

fel

(A MEMENA) Comunque dingill ca nan ce stooc… ca so’ assiut… (AVVIANDOSI) Pascò, vien ind ‘o studio accusseie feneim ‘na bbona volt de fo’ ‘sti cunt… (ESCONO A DX)

SCENA SECONDA (MEMENA, SAVERIO, ISABELLA, ADELINA, PEPPINO)

664.

MEM

(DOPO AVER VELOCEMENTE SISTEMATO LE SEDIE, VA VERSO LA COMUNE) Prego, accomodatevi… (ENTRANO SAVERIO, ISABELLA E ADELINA)

665.

SAV

(TONO FUNEREO DI CIRCOSTANZA) Buonasera… siamo venuti per fare le condoglianze a don Ciccio ed al signor Felice.

666.

MEM

(A TONO) Il signor Felice non c’è… è uscito, ma adesso vi chiamo il Podestà. Intanto accomodatevi… (INDICA LE SEDIE ACCANTO AL BRACIERE. ISABELLA E ADELINA SI SIEDONO) Ma… Peppino nan steiv cu’ vìu acquann seit arrevoot?

667.

ade

Sì… forse sarà rimasto nell’ingresso.

668.

mem

(PREOCCUPATA) I ce ste fosce?… traveleon i sciangaramagghie accum iè cudd, m’av a spasciò ‘a specchier?!

669.

isa

Av a iess remast ‘ngandoot ‘mbacce ‘o quoodr…

670.

mem

Quale quoodr?

671.

isa

Il quadro che rappresenta il miracolo delle nozze di Cana!

672.

sav

Siend Memè, ammù ce stemm a chedda vann, Peppin na’ riusceiv a scucchiò l’occhier da cudd quoder… ‘nge piaceiv assè… i m’av addumannoot “U me’, ci coos rappresent ‘sta fotografie?” (RIDENDO) I ieie ‘ngegghie respuost “Le nozze di Cana”! I iidd guardeiv i guardaev… po’ fosce “U me’, ma ddò stoon sckitt crestioon, i coon addò stoon?…” Comunque famm ‘u scì chiamò, se neon cudd dà ‘rreet remoon… (ESCE A DX FONDO)

673.

mem

I ieie vooc a chiamò don Ciccio… con permesso! (ESCE A SIN.AV.)

674.

ADE

Isabella, non ti nascondo che ho un po’ di paura…

675.

isa

Paura?… e di che cosa?

676.

ade

Mi hanno detto che proprio in questa stanza allestirono la camera ardente per la povera Jannina…

677.

isa

(UN PO’ IMPAURITA ANCHE LEI) Addaver?

678.

ade

Sì perché in campagna il fratello non aveva posto… in un trullo, capirai… allora dall’Ospedale la portarono qui e…

679.

isa

I ‘a metteren proprie ddò?… (ADELINA ANNUISCE) Mamma mia… piur a meie me fosce ‘na cert impression… tu pienz pigghie n’a vedeim arrevò tutt ‘na volt da chedda vann?

680.

ade

Isabella per piacere!… non dirlo nemmeno per scherzo. Io sto già morendo di paura!

681.

isa

E dai… fatti coraggio… che diamine! Lo sai bene che Jannina ormai è bell’e morta e sepolta…

682.

sav

(ENTRANDO, GRIDA FORTE) Non è vero! (LE DUE DONNE CON UN URLO SCATTANO IN PIEDI E SI ABBRACCIANO) Nan ì ver!… Gesù Crist nan faceiv ‘u cantenier! (ARRIVA AL CENTRO SCENA SEGUITO DA PEPPINO, MENTRE LE DUE DONNE SI ABBATTONO SULLE SEDIE) Gesù non faceva il cantiniere, chiaro?

683.

pep

I perché chidd ‘nge scerne a cercò ‘u mier?

684.

sav

Nan è ca chidd ‘nge scerne a cercò ‘u mier… ‘nge deceren sckitt ca ‘u mier ier feniut… i ‘nge purteren l’acqua pe’ falla diventò mier.

685.

pep

I… Gesìu ‘ngi a feisce?

686.

sav

Eccome! Ditt i ‘so fatt, cu’ ‘na benedizion l’acqua devente’ mier!

687.

pep

Addaver?!

688.

sav

E se te lo dico io…

689.

pep

Però… ci puccoot, ah ‘u me’!

690.

sav

Puccoot? Puccoot ci coos?

691.

pep

Ca crestioon accum a Gesìu nan ne nascen chìu…

692.

sav

(LO GUARDA UN PO’ CON COMPATIMENTO) Peppì, a te’ mamet non ti ha dato alla luce… ti ha dato al buio!… Miu azzidet dà i statt quet quet… i me raccomand… ammù ce veen don Ciccio dange i condoglianz i po’ nan si’ fiatenn chìu. Ca cu’ teie è pericoloso a sci fo’ cert visite de condoglianze…

693.

pep

(SEDENDO ALLA DESTRA DI ISABELLA) Però cudd quodr… quand ier bell…

694.

isa

Ha’ sentiut Savè? Ha ditt Adelina ca proprie ddò faceren la camera ardente!

695.

sav

Ah seine?… Certo se ci penso… (UN PASSO AL CENTRO)

696.

ade

Ma come è successo?

697.

sav

I famiglioor han ditt ca fu indigestioon, ma ieie secce da crestioon sechiur ca fu l’abbeil a chedda poveredd!

698.

ade

Che cosa?!

699.

sav

L’abbeil… (SI AVVICINA AL GRUPPO) mentre steven a tavola a deie d’u Natool s’accumenzeren ad arrogò acuum i puorce… Felice i Pascool a ce sì tiu i ce so’ ieie, forse arreveren piur ‘e moon. I a chedda poveredd de Jannin ‘nge pigghieie n’attacc de coor i…

700.

ade

Peccato… le volevano tutti bene in paese… avete visto quanta gente al funerale? C’erano perfino le orfanelle dell’asilo delle suore, la bandiera del comune…

701.

isa

Un sacco di corone… i cavalli col pennacchio, tutt i prievet i tutt i fratell!

702.

pep

Cum iè tutt i fratell?… Nan teneiv ‘nu froot sckitt?

703.

sav

Peppì, t’egghie ditt ca tiu ha parlò sckitt acquann pisce ‘a gaddein…

704.

ade

Pare che le abbiano messo il vestito di sua nonna.

705.

pep

Iè ver… i deisce ca ‘a nonn steiv a mure’ de fridd… (GESTO D’IMPAZIENZA DI SAVERIO)

706.

ade

Il fratello… come piangeva, era disperato!

707.

isa

‘U zeit Felice, invece, deiv l’impressioon che la cosa non lo riguardasse affatto…

708.

sav

Sìì!… A seira stess d’u funerool, ancoor ‘a mort steiv fresck, venn ‘o locool i se metteie a sciucò ‘o tresset i alla carambol… disse che lo faceva per dimenticare!

709.

pep

Iè ver, m’u disse piur a meie… ancoor iera a fenesce ‘a parteit i giò se l’er scurdoot!

710.

ade

Dice bene il proverbio “Mors tua vita mea!”

711.

isa

“Chi muore giace, chi non muore si dà pace!”

712.

sav

“Pover a ce fosce ‘a faccia ‘gniur!”

713.

pep

Amen! (DA SN ENTRA CICCIO SEGUITO DA MEMENA CHE DAL FONDO ATTRAVERSA LA SCENA ED ESCE DALLA COMUNE)

SCENA TERZA (CICCIO, PEPPINO, SAVERIO, ISABELLA, ADELINA)

714.

CIC

(SI FERMA AL CENTRO. COMPUNTO, TONO GRAVE DELLA VOCE) Buonasera. E scusate se mi sono fatto aspettare. (TUTTI SI SONO ALZATI E PORGONO LE CONDOGLIANZE. CICCIO SI SOFFERMA  A LUNGO CON ADELINA. POI TOCCA A PEPPINO)

715.

PEP

Condoglianze Eccellenza!

716.

cic

Grazie Peppino… accum scioom?

717.

pep

Beh inzommm… nell’amplesso sto bene! (SAVERIO LO TIRA DA PARTE. ORA TOCCA AD ISABELLA. CICCIO L’ABBRACCIA A LUNGO)

718.

SAV

(DOPO AVER ATTESO UN PO’ CHE SI SCIOLGA L’ABBRACCIO) Eccellenza… eccellenza, capisco il vostro dolore… ma forse non è il caso che vi disperiate tanto… e così a lungo!… Eccellenza!!

719.

cic

(SERIO E GRAVE) Scusate… sapeste come sono turbato!

720.

sav

(IRONICO) E si vede… si vede! Si vede subito che siete un po’ eccitato! Ma vi dovete calmare, eccellenza!

721.

cic

(SCIOGLIENDO L’ABBRACCIO) Vi prego, accomodatevi… (TUTTI SI SIEDONO. SAVERIO ACCANTO AD ISABELLA. PEPPINO A DX ACCANTO AD ADELINA COMINCIA LA GAG DELLA CORTE SILENZIOSA)

722.

ISA

Eccellenza, vi ricordate di Adelina? (LA INDICA) Stava in collegio con vostra nipote Silvia… ora fa l’insegnante elementare!

723.

cic

(SIEDE ANCHE LUI, A SN) La ricordavo vagamente… ma ora che l’ho salutata (FA IL GESTO DELL’ABBRACCIO) me la sono ricordata bene! Bella ragazza!

724.

ade

Quando Isabella mi ha detto che veniva qui ne ho approfittato per venire insieme a loro…

725.

cic

Ah… ma potevate venire pure da sola… (ALLUSIVO) sarebbe stato pure meglio!

726.

sav

(DOPO UNA BREVE PAUSA) Brutto Natale quest’anno, è vero eccellenza? (GAG DI PEPPINO CON LE SCARPE)

727.

cic

Bruttissimo!... A parte questo lutto mi sono successe tante altre cose strane… e tutto da quando in paese si è sparsa la voce che stavo per sposarmi. Da quando certe tombe… (GUARDA INTENZIONALMENTE ISABELLA) si sono scoperchiate…

728.

isa

(CODA DI PAGLIA) Eccellenza, vi assicuro che…

729.

cic

Non ne parlamo più! Ormai è acqua passata…

730.

ADE

E adesso che siete in lutto sicuramente le vostre nozze saranno rimandate, vero?

731.

cic

Penso proprio che per me il matrimonio sia un capitolo chiuso… finito!

732.

isa

Eccellenza, non drammatizzate… dopotutto Giuseppina non è che sia fuggita! È andata a stare un po’ con i suoi parenti a Putignano, ma tornerà! Anzi so che tornerà proprio stasera.

733.

cic

(ALZANDOSI) Ah sì?... i a ci ieor?

734.

isa

Beh… non saprei…

735.

cic

Strano, perché vedo che siete informata bene su tutt ciò ca succede ind’o paees…

736.

sav

Modestamente, eccellenza, mia moglie merita una minzione speciale come migliore agenzia di informazioni che opera su tutto il territorio nazionale…

737.

isa

(CON UNA SMORFIA) Esagerato!...

738.

sav

(SI ALZA, SI AVVICINA A CICCIO) Sentite, eccellenza… mìu da ‘nu fatt ne scioom a n’olt… noi siamo qui anche per un altro motivo…

739.

cic

Dite, dite…

740.

sav

Ecco, abbiamo pensato di portare il… (A ISABELLA) accum se deisce in italioon… inzomm, de purtò ‘u cuonz… sempre se non vi offendete eccellenza!

741.

cic

(PRONTO) Ma che offendere… ci mancherebbe! Il… conzo è una usanza nobile e cara ai nostri antenati… e non saremo certo noi a farla cessare!

742.

isa

(ALZANDOSI) Benissimo, allora io ed Adelina cominciamo a darci da fare in cucina, sempre se permettete eccellenza…

743.

cic

Ma sicuro che permetto!... Per di là! (INDICA LA CUCINA) Fatevi aiutare da Memena. (LE DUE DONNE ESCONO)

744.

SAV

L’usanza vuole che i parenti non devono fare niente, devono solo sedersi a tavola! (AVVIANDOSI VERSO LA COMUNE) Bene, allora io e Peppino scioom alla petteck a pigghiò ‘a rrobb, tra ‘na menz’orett stoom arreet ddò, e naturalmente è invitata tutta la famiglia eh? (VIA)

745.

cic

(RIMASTO SOLO RIFLETTE AD ALTA VOCE) Sperioom ca staseir vool sceie tutt lisce… (SI LASCIA CADERE SU UNA SEDIA) Non riesco ancora a capire ci ste’ succed ind’a ‘sta coos!… Giuseppina ce l’ha con me e non riesco a capire perché. Cu’ chedd’old, Angiola, nan so’ riusciut a parlò chìu… (SI ALZA, GIRA INTORNO AL TAVOLO) I femene, ah i femene!… Deceiv buon a bonanem de don Luigi u’ prevet: “Più ascolto le donne in confessione, più sono contento che i preti non si sposano!”

746.

cic

(DISTRATTAMENTE FA CADERE UNA MATITA DAL TAVOLO. SI PIEGA PER RACCOGLIERLA, COSI’ SCOMPARE DALLA VISTA. NELLO STESSO ISTANTE RIENTRANO DALLO STUDIO FELICE E PASQUALE.

SCENA QUARTA (FELICE, PASQUALE, SILVIA, ACHILLE, CICCIO,

              MEMENA)

747.

FEL

(RIMETTENDOSI IN TASCA IL PORTAFOGLI VA DIETRO AL BRACIERE, AL CENTRO) No… ormai zizì nan se spius chìu… i ‘u testament accum ieer accusseie remoon! (A QUESTE PAROLE CICCIO, CHE STAVA PER RIALZARSI, FA CAPOLINO, POI SI NASCONDE SOTTO IL TAVOLO INCURIOSITO DAGLI ARGOMENTI DI FELICE)

748.

pas

(ANDANDO AL CENTRO) Ca tiu fuost fess! Acquann fu tann, ‘a proprietà invece ca a testament te l’er a iess fatt fo’ dunoot i venniut…

749.

fel

(SEDENDOSI AL BRACIERE) Seh… i mìu t’a faceiv zizì! Diceva che di noi non si fidava…

750.

pas

(AVANTI AL TAVOLO) I nan tant ca se sbagliaev… specialment tiu, bella pell de feloon… (DALLA COMUNE ENTRA SILVIA SEGUITA DA ACHILLE)

751.

SIL

Buonasera!… (SALUTA PASQUALE CON UNA STRETTA DI MANO)

752.

FEL

Ciao…

753.

pas

Buonaser… Ieie me ne staev a sceie ca ì fatt nott i teng da guvernò l’anemool…

754.

sil

Ma no… agli animali penserai dopo. Stasera dobbiamo rimanere tutti insieme qui in casa di zio Ciccio perché Saverio, il droghiere, porterà il… come si dice…

755.

ach

‘U cuonz… è passato da casa poco fa e ce lo ha detto.

756.

sil

E ha detto che verrà anche Peppino.

757.

fel

Accusseie ‘u cuonz av’a scì fenesce a resoot…

758.

pas

(TENENDOSI LA PANCIA) Allor, ci am a remaneie ddò… scusate… io vado a quella parte, ca teng da fo’ ‘nu servizie… (ESCE A SN. SALA)

759.

sil

Achille vai a salutare zio Ciccio, io vengo subito…

760.

ach

Va bene… (SEGUE PASQUALE)

761.

SIL

(AVVICINANDOSI AL FRATELLO) Allora? Novità?!

762.

fel

Tutto fila liscio… Giuseppina a zio Ciccio nan ‘u vool sent meng de numenò! L’ha lassoot i se n’ì sciut!

763.

sil

(SODDISFATTA) Per forza! Dopo tutto quello che le abbiamo detto noi! (FREGANDOSI LE MANI PASSA A SIN) Per adesso il Podestà non si sposa più! (CICCIO FA CAPOLINO DA SOTTO IL TAVOLO E MIMA A SOGGETTO)

764.

fel

(SI ALZA E VA AL CENTRO) E perché, la sceneggiata mia?… L’anello? Eh?… Che attore!…

765.

sil

E così l’eredità per il momento è salva… (SI AVVIA VERSO LA SALA) Ora andiamocene di là, che si prospetta una bella serata!…

766.

fel

(SEGUENDOLA) Sì, andiamo a festeggiare, perchè ormai… siamo a cavallo!! (ESCONO)

767.

CIC

(ESCE DA SOTTO IL TAVOLO E VIENE AVANTI AL CENTRO) Siamo a cavallo eh?… I mìu ve fazze scenn ieie da cavadd!… all’appeet v’egghie a fo’ sceie… (ENTRA MEMENA. RECA UN TELEGRAMMA) ‘U testament v’u fazz vedeie c’u benoocol!

768.

mem

Signor Podestà, è arrivato questo telegramma…

769.

cic

Arrivi a proposito, Memena… vai al palazzo di fronte e dì al notaio di venire subito qui. Fallo accomodare nel mio studio, ha capeit?

770.

mem

Va bene, vado subito. È arrivato questo… (CICCIO LO PRENDE E LO LEGGE. MEMENA TOGLIE IL GREMBIULE)

771.

CIC

Finalmente una buona notizia!… Bravo l’avvocato, ce l’abbiamo fatta! Sient Memè, prima di chiamare il notaio famme veneie ddò Rafael Jassedespood, ‘u ciafferr. Dingill de preparò ‘a machena perché dobbiamo andare urgentemente a Conversano, fiusce!… (MEMENA ESCE PER LA COMUNE)

772.

MEM

Corro…

773.

cic

(USCENDO PER LO STUDIO) All’appeet v’egghie a fo’ sceie! Mmh!… (BUIO. MUSICA)

SCENA QUINTA (GIUSEPPINA, SILVIA, FELICE)

Circa un’ora dopo. LUCE. In scena troviamo Giuseppina seduta alla poltrona di Sin. Accanto a lei Silvia. Felice è al centro scena che passeggia pensoso.

774.

sil

Sì, ma perché sei sparita così all’improvviso… senza dir niente a nessuno…

775.

fel

(AL CENTRO) Addirittura abbiamo pensato che fossi andata via per sempre…

776.

giu

Non sono il tipo da lasciare le cose a metà io!… (CAMBIA TONO) Dopo quello che successe a Natale volli tornare dai miei parenti a Putignano per riflettere su tutto ciò che era accaduto…

777.

SIL

(CON UN LEGGERO IMBARAZZO) E… dopo aver riflettuto… cos’hai deciso?

778.

giu

Ho pensato che di quella proposta che mi ha fatto tuo fratello potremmo parlarne al Podestà…

779.

fel

(LA GUARDA UN ATTIMO, POI SI ALLONTANA A DX) Ma no… non è il caso di essere così precipitosi… (SI GIRA VERSO DI LEI) C’è ancora un lutto fresco!

780.

giu

‘U lott? Che c’entr ‘u lott?… nan è dett ca n’am a spusà cremman!… Se poi ci hai ripensato…

781.

FEL

Ma no… è che… devo finire gli studi… trovare un lavoro… (SIEDE AL TAVOLO. A DX)

782.

giu

(SI ALZA) Felì! A ccaas de sunatuur nan ‘nge ne volen serenat!… se hai cambiato idea dimmelo. Così quando Ciccio chiederà la mia mano saprò cosa rispondergli! (VIENE A SN. AV. E RESTA DI SPALLE)

783.

sil

(ANDANDO VERSO IL FRATELLO) E no! Questo non deve accadere!…  Felice, non hai altra scelta! (DIETRO AL TAVOLO. AL CENTRO)

784.

fel

Ma non possiamo fidanzarci di nascosto?… E’ più romantico!

785.

giu

Di nascosto!?…(RIDE IRONICA) Alla mia età?!… Giovanotto, decidi, prendere o lasciare!

786.

fel

(ALLA SORELLA) Ma se zio se la prende a male, quello ci caccia via a tutti e due. E allora addio eredità!

787.

sil

È un rischio che devi correre… l’idea è stata tua! (DUE PASSI A SIN)

788.

fel

E già, tu stai a posto!… Anzi se zizì me ne caccia, tiu remoon l’unica erede!

789.

sil

(TORNA DIETRO AL TAVOLO) Devi scegliere: o sposi Giuseppina e rischi di perdere l’eredità o non la sposi e la perdi di sicuro!

790.

giu

(SI AVVICINA AI DUE) Un momento… faciteme capeie… cum sarebb la sposi o non la sposi… Giuseppin o l’eredità?… ma ce staam a sciucà, a becck i letter? Chiss so’ coos serie…

791.

fel

Giuseppina, posso spiegarti tutto… dopo! (SI ALZA, VA ACCANTO ALLA SORELLA DIETRO AL TAVOLO) E allora facciamo così… tu metti un po’ di veleno nel vino di zio Ciccio, lui muore, niu ne sparteim ‘a proprietò, ieie me spius a Giuseppin e viviamo felici e contenti, eh?

792.

sil

(STANDO AL GIOCO) Eh già fratellino caro… così io me ne vado in galera e la proprietà la becchi solo tu! Ti piacerebbe, eh?

793.

giu

Ma che state dicendo tutti e due… me pariit Lucrezia Borgia i ‘u fraat!… (ENTRANO SAVERIO E PEPPINO,IL PRIMO RECA UN FIASCO DI VINO, IL SECONDO UNA GRANDE “TIELLA” AVVOLTA CON IL CLASSICO FAZZOLETTONE)

SCENA SESTA (TUTTI I PERSONAGGI)

794.

SAV

(RESTA A DX) Permesso?... Buonasera… oh! Ci siete anche voi signorina Giuseppina! Benissimo… son arrivati tutti gli altri?

795.

sil

(ANDANDOGLI INCONTRO) Sì, sono tutti di là. Manca solo zio Ciccio…

796.

sav

Ih… nan ce ste’ iè?

797.

fel

Ha detto Memena che è andato a Conversano per un affare urgente. Ma starà per arrivare… (INTANTO PEPPINO FA DEGLI STRANI MOVIMENTI CON LA TESTA, NOTATI DA SAVERIO)

798.

GIU

Ma… ci avet organizzaat staser, ‘na fest?

799.

sav

No… come vuole la tradizione, am purtoot ‘u cuonz! (PEPPINO CONTINUA A SOFFRIRE) Ho portato questo vino bianco per un brindisi prima di cenare…

800.

sil

Datelo a me… (LO PRENDE,  LO APPOGGIA SUL TAVOLO E COMINCIA A STAPPARLO)

801.

SAV

Peppì, t’a vu’ fenesce de fo’ ‘sta specie de tarantell… de ball de Sant Veit… ci iè, nan te sient bbuon, te fosce mool qualche cheos?

802.

pep

Secce ieie ‘sta tiedd accum cosce… me stooc scall i moon…

803.

sav

I vall’appuosce ind’a cucein… n’o putiev deisce appreim?... (FELICE RIDENDO SI SPOSTA A SN PASSANDO DIETRO IL TAVOLO)

804.

GIU

Peppino vieni con me. (ESCONO PER LA CUCINA)

805.

SAV

Ieie de front a chiss cheos… rimango putrefatto!... Signor Felice, cudd teen ‘nu cerviedd accussì pecciunn ca quann do’ penzier se iacchian da ‘nanz devono fare manovra…

806.

fel

(RIDENDO) Dai Saverio… non sono cose gravi… (VA VERSO IL TAVOLO ACCANTO ALLA SORELLA)

807.

sil

E poi Peppino è così simpatico…

808.

sav

(SORRIDENDO ANCHE LUI) Vi ringrazio per la vostra capienza… (SI AVVICINA AI DUE. IN QUEL MOMENTO ENTRA DAL FONDO CICCIO)

809.

FEL

(ALLA SORELLA) Beh, hai aperto questa bottiglia?

810.

sil

Sì, ma dobbiamo aspettare che torni zio Ciccio…

811.

fel

(TORNANDO A SN) E zio Ciccio ste addemiur n’ogne de chìu… non sarà successa qualche disgrazia?

812.

cic

Nan te mett ‘mbriesce giovanò!!... (IRONICAMENTE) Sono tornato sano e salvo! (TORNA DALLA CUCINA GIUSEPPINA SEGUITA DA MEMENA CHE PORTA IL VASSOIO CON I BICCHIERI) Toh, chi si rivede… la mia cara segretaria Giuseppina!

813.

giu

(CON UN PO’ D’IMBARAZZO) Buonasera… Memena, riempiamo i bicchieri… (MEMENA PROVVEDE)

814.

CIC

Cara Silvia, vedo che sei arrivata pure tu… c’è anche Achille?

815.

sil

Sì, è di là…

816.

cic

Bene… (SILVIA RAGGIUNGE IL FRATELLO GUARDANDOLO INTERROGATIVAMENTE, SIEDE ALLA POLTRONA SIN) Caro Saverio! Tutto pronto? (SI AVVICINA AL BRACIERE)

817.

sav

Prontissimo! Stavamo aspettando a voi per bere un bicchierino tutti insieme. Egghie purtoot ‘nu fiasck de mier bianc de cuss’ann!

818.

cic

Pensiero gentile… grazie! (DALLA CUCINA SI AFFACCIA ISABELLA)

819.

isa

Savè!... (VEDE CICCIO) buonasera eccellenza…

820.

CIC

Signora…

821.

isa

Savè, l’acqua ste ferv… egghie a menò i recchietedd?

822.

sav

Aspiett n’old picc. Miu veneit tutt a chessa vann ca am a fo’ ‘nu brindisi tutt ‘nzieem… (ISABELLA TORNA IN CUCINA)

823.

FEL

(CHE INTANTO DA DIETRO IL TAVOLO SI E’ AVVICINATO A CICCIO) Zizì… ce sì sciut a fo’ a Cummersoon?

824.

cic

(BRUSCO) Fatti miei!!

825.

fel

No… volevo dire… a quest’ora!

826.

cic

(STESSO TONO) Perché… a quest’ora non si può andare a Conversano?... e poi devo dar conto a te di quello che faccio? (SI SPOSTA A SIN. PAUSA. SI CREA UNO STATO DI SORPRESA ED IMBARAZZO GENERALE)

827.

SIL

(SI ALZA IN PIEDI SENTENDO LO SGUARDO DI CICCIO SU DI SE’. SORRISO ACCATTIVANTE) Zio Ciccio… c’è qualcosa che non va?

828.

CIC

Assolutamente!… Anzi, va tutto a gonfie vele come non mai!… (RIENTRANO ACHILLE, ISABELLA, ADELINA, PASQUALE E PEPPINO) E sono contento che ci sia anche chi non è della famiglia, perché ho da dire alcune cose molto interessanti… (INCROCIA LO SGUARDO DI ISABELLA) che voglio si sappiano in giro! Accomodatevi prego… (SILVIA ED ACHILLE A SN, PASQUALE, SAVERIO, PEPPINO, ISABELLA E ADELINA A DX VICINO AL BRACIERE. GIUSEPPINA E MEMENA PREPARANO I BICCHIERI DEL VINO NEL VASSOIO STANDO DIETRO AL TAVOLO)

829.

FEL

(ANDANDO A SN VERSO CICCIO) Zio… ho l’impressione che tu sia un po’ arrabbiato con me, vero?

830.

cic

Ianema tinta, cuscienza leesa!… (PASSEGGIANDO AL CENTRO SCENA) Ho il piacere di annunciarvi che, contrariamente a quanto si diceva in giro, io non sposerò mai la mia segretaria Giuseppina! (SILVIA E FELICE SI GUARDANO SODDISFATTI) Sei contenta, Silvia?

831.

sil

Noi abbiamo sempre rispettato le tue decisioni, caro zio!

832.

cic

E tu, Felice?

833.

fel

La tua volontà per noi è legge!

834.

cic

(SI AVVICINA A GIUSEPPINA. ESTRAE DALLA TASCA L’ANELLO DI ANGIOLA) Spiegami una cosa, Giuseppina… chi ti ha dato questo anello? (GIUSEPPINA TRASALE, FELICE QUASI SVIENE E CROLLA SUL DIVANETTO)

835.

GIU

Ah!… cosicché adesso vai pure a spiare fra le mie cose intime!! Questo si chiama abuso di potere, caro Podestà! (GLI GIRA LE SPALLE)

836.

CIC

(CATEGORICO) Rispondi!

837.

fel

(TIMOROSO) Zio… gliel’ho dato io… perché io e Giuseppina ci vogliamo bene e ci vogliamo pure sposare… (VA ACCANTO A LEI)

838.

cic

Adesso è proprio tutto chiaro! Bene, bene… comincia subito a fare le carte perché… appena sono pronte in questa casa ci saranno due matrimoni: il tuo ed il mio!… (STUPORE GENERALE)

839.

SIL

Ma zio… tu hai detto che non ti sposi!

840.

cic

Con Giuseppina!… io ho detto che non mi sposerò con Giuseppina perché la mia futura moglie è un’altra donna che vi presento immediatamente. Memena? Fai entrare la signora che aspetta nel mio studio…

841.

mem

(APRE LA PORTA DELLO STUDIO) Prego … (ENTRA ANGIOLA, CHE SI FERMA AL LATO DX DEL TAVOLO)

842.

ANG

Buonasera!… buona sera a tutti!

843.

sil

La signora Direttrice! (FELICE RAGGIUNGE SILVIA)

844.

giu

Angiola… (VOCIO DIFFUSO. SILVIA E FELICE CONFABULANO)

845.

PAS

Chess arreiv proprie accum l’ultema bott ‘o fuoc d’a Festabbreil!! (SAVERIO FA ACCOMODARE ANGIOLA ALLA SUA SEDIA E RESTA IN PIEDI ACCANTO A PEPPINO)

846.

giu

Ciccio… ma… ma perché non ce l’hai mai detto?

847.

ang

E non poteva… io aspettavo l’annullamento del mio primo matrimonio, e fino alla conclusione della causa dovevamo mantenere il massimo riserbo… voi capite…

848.

fel

Ecco perché si’ sciut a Cummersoon…

849.

sil

(GUARDANDO FELICE) Il dritto a Napoli… quello che aveva capito tutto, sei in cretino!

850.

fel

Uè peccelè, abbell abbell…

851.

sil

E pure ritardato… Saverio, quando mandate in ferie Peppino assumete mio fratello al suo posto!…

852.

cic

Avete finito di litigare? (VA VERSO DI LORO) Vi siete data la zappa sui piedi… perché io, per mantenere la parola data, non avevo nessuna intenzione di cambiare il testamento, ma ora…

853.

fel

L’hai cambiato… Ma dimmi, come hai fatto a scoprire…

854.

cic

Felì… prima di salire a cavallo e cantare vittoria, è bene guardarsi intorno e… soprattutto sotto i tavolini… chiaro?!

855.

sil

Zio Ciccio… cosicché hai intestato tutto alla… tua futura moglie?

856.

cic

No!… Ad un'altra persona!… Memena fai entrare… (INDICA LO STUDIO)

857.

mem

(APRENDO LA PORTA) Prego… (ENTRA VINCENZINO CHE RAGGIUNGE ANGIOLA E CICCIO)

858.

VIN

Ciao a tutti!…

859.

cic

Vincenzino, figlio mio! (INTENSO VOCIO E SORPRESA)

860.

FEL

(GUARDANDO SILVIA) Figlio suo?

861.

PAS

Figghie de Crist!... Cuss arreiv proprie accum l’ultema bott d’u second fuoc d’a Festabbreil!!

862.

giu

Angiola!… Allora sei tu la cugina de Nanucce ‘a curnacchie?

863.

ang

Come dici?

864.

fel

No Giuseppì… (LA RAGGIUNGE) lass perd… poi ti spiego!

865.

ach

Zio… ma ti rendi conto che hai fatto una grande caca- caca- caca…

866.

cic

(ANDANDO A SN) Ci iè ce deisce…

867.

ach

Una grande catastrofe!… e noi come faremo a caca- caca- campare??

868.

cic

Andrete a lavorare!… tu da domani verrai a lavorare al comune come addetto alle pubbliche relazioni, contento? (ESULTANZA DI SILVIA)

869.

ach

Caca- caca- cacaspita!

870.

cic

Però ce continue a scialpunò te mett a pulezzò i gabbeniett, ha ‘ndeis?

871.

FEL

Zizì…i ieie?

872.

cic

(TORNANDO AL CENTRO) Tiu de regola ier a fo’ l’addetto ai vespasiani!… quello è il posto per te. Ma siccom ha ditt ca t’ha spusò cu’a segretaria comunool… feniesce i studie i po’ ne parloom!

873.

vin

Posso dire una cosa?

874.

ang

Certo figlio mio… parla!

875.

vin

Siamo nelle feste di Natale e dobbiamo essere tutti buoni. E allora io e la mamma abbiamo pensato di fare un regalo ai nostri nuovi parenti…

876.

cic

(FIERO) Eh?!… Tutto il padre! Cosa avete pensato, Vincenzino?

877.

vin

(PRENDE UN FOGLIO DALLA TASCA, LO DISPIEGA E POI LO STRACCIA) Di stracciare il testamento, così rimane tutto come prima! Tanto la mamma è ricca!

878.

cic

Un momento, un momento… (SILVIA E FELICE ABBRACCIANO VINCENZINO E LA MAMMA. ESULTANZA DI GIUSEPPINA. FRASI A SOGGETTO E SORRISI DI SODDISFAZIONE) Ma la mia volontà non conta più nulla?!

879.

ANG

(SI ALZA, AUTORITARIA) Ciccio, va bene così!… Ho fatto io? Sta ben fatto! Ed ora Memena, puoi servire il vino! (MEMENA SERVE TUTTI)

880.

cic

Agli ordini Direttrice!… Saverio!… (VA VICINO AL BRACIERE) un saggio ha detto che Dio creò la donna per seconda perché non voleva che durante la creazione dell’uomo ci fosse qualcuno che dava disposizioni! Perfin ‘U Padretern, ha capeit?…

881.

sav

È così in tutte le case, caro Podestà!… E allora, lo vogliamo fare questo brindisi?

882.

cic

Vai Saverio…

883.

sav

(INDICANDO PEPPINO) Fiat lux!

884.

cic

Cioè?

885.

sav

Faccia lui… Scià Peppì, ca te l’egghie scritt…

886.

pep

(LEGGENDO) A questa storia, a questo lieto fin, e al nostro gentil pubblico cin cin!! (TUTTI ALZANO I CALICI. MUSICA- BUIO)

LUCE-STROBO:GRUPPETTI FERMI.FUMODA SINISTRA, APPARE JANNINA IN FLUENTE MANTO BIANCO ED AUREOLA.FINE MUSICA- BUIO.

LUCE:SALUTI SINGOLI FINALI E IN GRUPPO.

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno