I porci ca cravatta

Stampa questo copione

Belmonte Mezzagno 31/ 12/ 2011

              I porci ca cravatta

Commedia brillante in due atti di:

         Giovanni Allotta

     Personaggi

Stefano                         capo famiglia

Maria                          la moglie

Gaetano                       figlio

Antonio Conlapinna    deputato

Lia                               moglie di Antonio

Giulia Settepalle           deputato

Totuccio                       amico di Gaetano

Cerino Pappamolla      deputato

Comparse                     cuoco,anziano, anziana, muratore, contadino, casalinga, operaio, studente, insegnante

Prefazione

Gaetano, confessa ai suoi genitori, la propria omosessualità, creando un dramma familiare. Compare Antonio, arrivato in paese per la sua candidatura politica, tranquillizza la famiglia sulle scelte del figlio. Nel corso del comizio, il popolo, reclama contro i politici, il loro disappunto.

(la scena, povera di oggetti. Le pareti verde scuro, scorticate e con qualche buco. Due miseri mobili, sui quali, vi si trovano candele spente. Qualche quadretto di santi. Tavolo, sedie antiche. Lato sinistro, porta che conduce fuori casa. Lato destro, porta che conduce in casa. Gaetano entra da destra. Si ferma al centro. Come se parlasse coi genitori)

TANO

(Ragazzo gay effeminato) mamy papy, …sono gay! (pensa) sono troppo diretto! (serio) Mamy papy, indirettamente sono gay! (Nervoso) Chiddi mi ammazzano, appena lu sanno! Comu pozzu fari, a diricillu… mamma papà, vi giuro non sono gay,però mi piacinu i masculi! (Disperato) si me patri, sapi a verità, mi ammazza! È una vergogna che, in Sicilia, si debbano fare ancora queste discriminazioni in famiglia! (Gira nervoso. Si ferma. Parla come un mafioso) Matre patre, io sugnu gay dalla a alla z! anche si nun vuliti, i masculi mi mancio cu l’occhi! Gnam! Patre, ti cunveni che mi accetti, se no, ti violento pissiecologicamente! inutili ca ridi, nun mi fai paura! (Si spaventa nel vedere entrar il padre)

STEFANO

(Adirato, entra con in mano, tante bollette) Tasse,tasse e soprattasse. Cu tutti ‘sti tasse, staju divintannu, un tassinaro! (Si siede) Haju canciatu casa deci voti pi nun mi fari truvari, ma iddi, mi trovano sempre! Comu è possibile, li jettu da finestra e mi ritornano da porta! Disgraziatissima vita. A curpa è di me genitori, ca mi misiru o munnu. Se mi lassavano orfanu, ora, nun avissi tutti ‘sti tasse. (Nota Gaetano inquieto) Chi hai Tanuzzo?

TANO

Nun haju nenti papy. Tutto bene!

STEFANO

‘nta faccia, mi pare un poco masturbato, ma chi hai?

TANO

Ti ho visto agitato, e mi sono atterrito dall’emozione!

STEFANO

Gioia, non devi atterrare davanti al tuo papà. Veni assettati. (Gaetano gli si siede sulle gambe). Vidi ca io , sugnu bravo!

TANO

Si papy, tu sei il papà, più bravo del mondo! (Lo bacia) Pure dell’universo (Lo ribacia) non avvilirti per le tasse. Tanto, sannu a pagari sempri!

STEFANO

U sacciu! Oramai si lavora pi tasse! Grazie a ‘sti politici infami ca, l’aumentanu giorno dopo giorno! Sugnu nirvusu, picchì oggi è una mala jurnata. Pi concludere, si ci mettinu puru i porci ca si vasanu.Vergogna!

TANO

I porci? Sono scappati dal porcile?

STEFANO

Sono scappati? Oramai, u munnu è diventato un porcile! Grazie a ‘sti indecisi! Ca nun sannu, si sunnu masculi o fimmini.

TANO

Per chi parli, papy? Mi stai facendo confondere tutto il midollo cervicale!

STEFANO

Pi ricchionelli! (Gaetano si allontana dal padre)pozzu capiri ca sunnu mancipati, però, nun vi vasati alla luce del sole, vasativi sotto lo specchio dell’acqua! Fussi pi mia, ci tagghiassi u pendolino e ci lu mittissi pi cravatta…zag! (Gaetano grida, si tocca in mezzo le gambe) Chi successi?

TANO

Nenti papà, proteggo i gioielli di famigghia! (Scappa lato destro) Aiutu!

STEFANO

(perplesso) Quanto è stupido, i gioielli nne mutanni si mette? Bho!!

MARIA

(Entra da sinistra con cappotto lungo, chiuso fino alle gambe. Tacchi a spillo. In testa, un cappello decorato con fiori. Capelli ordinati. Occhiali grandi) Ciao Stefano. Iuh iuh! U vidi, sugnu in tempo pi fari a cena.

STEFANO

(Ironico) Buongiorno signora mille poppins. Sei stata nisciuta?

MARIA

Cervo ca ero nisciuta! Sono andata a farmi i capelli. (Toglie cappello, sventolandogli i capelli davanti gli occhi) Guarda, ammira i colpi di sole!

STEFANO

(Si scosta, infastidito) levati, mi staju bruciannu tutta a faccia!

MARIA

(Gli da lo scontrino) Teni u scontrino, poi passi e ci li paghi, i colpi di sole

STEFANO

(legge) Quantu? Cento cinquanta euro? Si mi lu dicevi a mia, gratisi ti dava i colpi di bastone! E io pago! I tasse ni stannu manciannu, e io pago!

MARIA

Sei proprio un cavernicolo!Mancu apprezzi ca, mi fazzu bella pi tia! E poi, a me fanno lo sconto, sai quantu a pago una messa in piega? 100 euro!

STEFANO

In quali chiesa vai, chidda du papa? Nna chiesa chi vaju io, cu un euro, mi fanno a messa in piedi.

MARIA

Sempri chi ti lamenti, si! Mi spoglio, ca pripraru da manciare, così ti zitti. (Si toglie il cappotto. Sotto ha il pigiama, con sopra un grembiule. Nelle tasche porta uno spruzzino, un piumino. Porta dei calzettoni, all’interno, ne esce due pani) teni, accattavu puru u pane! (infila le mani dentro il pigiama da dietro, ne tira fuori le ciabatte e le mette al posto dei tacchi)

STEFANO

(ironico) ma comu si vistuta? Pari ‘na befana elegante!

MARIA

(Pungente) pensa pi tia, calimero scolorito! mi vesto così, pi risparmiare tempo e denaro! Invece di fari cambia e scambia, mi tengo tutto incorporato e, sono sempre pronta all’uso…

STEFANO

…E getta!

MARIA

(Risata ironica) Inveci di fari u spiritusu, teni u scontrino, va pagaci u pani

STEFANO

(legge scontrino. Si irrita) 55 euro di pani? Buttana da miseria, tuttu ‘stu pane vi manciati? Ma siti sfurnati du culatello ?

MARIA

U pane, è fonte di vita primaria, per il nutrimento dell’umanità!

STEFANO

(Esausto)Nna ‘sta famiglia, nun collabora nuddu! Tuttu e fari io! Io, travagghiu, io guadagno e io pago! Vuatri, spendete spendete e spendete (Gli da le bollette in mano) se invece di fare la gioconda casalinga, ti smuvissi (Allude al sedere) u catamarano da seggia e ti mittissi a travagghiari, tutti ‘sti bollette, nun ci fussiru!

MARIA

(Le legge) Luci, l’ici, gas, pass, u bypass, modello 7 :30, 8: 40, a cassa del mezzogiorno, u sole ventiquattrore, u bacio da buonanotte, u Pdp, u ccb, u ddt. fai a collezione? Invece di travagghiare, ti metti a fari, tasse?

STEFANO

Io? Chisti sunnu tasse di tutti, no mie!

MARIA

Ma da chiddu chi leggiu, sulu tu ci si scrittu! Stefano Sucarola!

STEFANO

Senti, babbo natale chi minni, nun ci pruvari! ci sugnu scrittu io, picchì sugnu u capobanda. Chisti,sunnu tasse chi ficimu tutti, e tutti li paghiamo.

MARIA

Mi pare giustu, ognuno paga i sue tasse. Facemu ‘na cosa, tu travagghi, e paghi i to tasse. Poi, mi porti i soldi a mia, e pago i me tassi. To figghiu, paga i so tasse, chi soldi chi ci dai tu. Sei contento? ognuno paga i so tasse

STEFANO

(esasperato) ma sempri chi me piccioli, però. Curnutu e vastuniatu!!

MARIA

Porca miseria, ne larga ti veni, ne stritta ti trasi! Hai sempri di lamintariti! Chi ti lamenti a fare? Grazie a Dio, travagghi. Nun ti lamintari e paga

STEFANO

Proprio stamattina, u capomastro ni licenziò a 40 patri di famigghia, senza preavviso! A fortuna di iddi, sai qual è? lavoriamo in nero! Mancu putemu reclamare in un sindacato! I facissi arristari a tutti, a ‘sti indegni!

MARIA

Telefona o compari a Roma. Iddu, n’havi assai canuscenze di lavoro

STEFANO

Lassalu stari, a ‘stu faccia di cupirtuni! Havi i corna cchiù duri di petri. Promesse promesse, alla fine, a promessa ma fici io sulu.

MARIA

Chi promessa ti facisti?

STEFANO

E fari u cani pi tutta a vita! due jorna cca, un jornu dda e guadagnu i soldi, giusti giusti, pi affucarimi!

TANO

(Entra deciso. Desta l’attenzione dei genitori) Mamma papà, sono gay!

MARIA

(Perplessa guarda il marito poi, il figlio) vita mia, sei sicuro?

TANO

(Deciso) Sicurissimo mamma, sicurissimo!!!

STEFANO

Maria, iddu dici ca è sicuro, ma io bonu u vju nna faccia!

TANO

(I due genitori, si avvicinano lentamente, è spaventato a morte. Piagnucola) No, per favore non mi ammazzate! Perdono, perdono…

STEFANO

(Mette le mani con forza, sulla spalla del figlio) Tano, dimmi la verità, u pigghiasti tu l’unico frutto dell’amore chi c’era in cucina? (Gaetano piangendo dice “SI!”) Pi chistu si gay, picchì ti fici acidità (Gaetano è sorpreso)

MARIA

Gioia mia, (Gli tocca la fronte) Sei caldissimo! Stefano, chiama u dutturi

TANO

(Nervoso) A finiti? Chi capistivu? Non sto male per niente, anzi, sugnu beddu citrolonato! (Dolce) Sono gay, no malato!

STEFANO

Maria, to figghiu accuminciò a dari nummari! (Gli tocca la fronte) È così cavuru ca, si ci sta riscaldannu l’obelisco. Lassa perdiri u dutturi, ci penso io! Tanuzzo, mettiti cu culo a ponte, ti metto a supposta! (Gaetano si rifiuta) Stai tranquillo! Ta metto piano piano, nun senti nenti! sistemati! (Cerca di sistemare Gaetano in posizione supina, egli si rifiuta) nun ti vergognare, cretino(rinuncia ed esce)Maria, pensaci tu. Va pigghiu a supposta

MARIA

Gaetano, nun fari i capricci, lu facemu pu to bene! Fatti infilari a supposta di to patri, ti sentirai meno male, dai! Purtroppo l’unico posto è chiddu. U problema, sunnu sulu pi cinqu minuti ca caminari così (Fa qualche passo, camminando con le chiappe strette strette) poi,passa. Capisti?

TANO

Finiscila mamma. Pari a signora cacamella! Non ho di che farmene della supposta. Io sono, omosessuale!

MARIA

(Ansiosa) Comu? Navutra malattia? Stefano una nun ci basta, pigghia tuttu u scatolo di supposte. A to figghiu, ‘na malattia nova, ci spuntò!!!

TANO

(Tiene la madre per le braccia, le parla dolcemente) Mamma ascoltami. Essere gay, non è una malattia. È uno scherzo della natura. Mi piacciono gli uomini! Capito? Non vedo niente di male in questo!

MARIA

(Si siede, rilassata) Meno male! (Grida al marito)Falso allarme Stefano, a to figghiu a natura ci fici u scherzo e ci…(balza in aria, parla piano) pi-a-ci-nu i mama…(Gli viene un tic) mama…sculi! (si contorce e si pietrifica)

TANO

Mamma, mamma mi senti? Porca miseria, che ho fatto! Mamma…

STEFANO

(Entra col camice da infermiere. Ha dei scatoli e un termometro gigante) Pigghiavu tutta a farmacia. Tanuzzo, c’è supposta per te! Preparati, t’infilu u termometro, prima pi vidiri l’atmosfera. (vede Maria) Chi dicevi? Chi fai, cu ‘sta faccia di terracotta? Chi ci vinni a to matri,u blocco intestinale?

TANO

Non le ho detto niente di male! Ci dissi sulu ca mi piacinu i masculi, picchì sugnu gay. Si papà, puru tu l’ha sapiri, sugnu omosessuale! 

STEFANO

Pi ‘sta cretinaggine si bloccò? Mi pareva ‘na cosa cchiù grave! Maria, liberati, to figghiu ‘sta bene, nun è gay. è solo un poco(Avverte il colpo)   o mi no se ssu a lo! (va in tilt, avendo una serie di tic, Si pietrifica)  

TANO

(è sconvolto nel vedere i genitori, pietrificati) Che guaio! Chi pozzu fari? (Grida) Aiuto, aiuto! Ammazzavu i me genitori. Mureru in piedi! Aiuto, chiamate un beccamorto, aiuto! (Li scuote) Mamma, papà. Per favore, riprendetevi! (Maria si va riprendendo, lamentandosi) Mamma, come stai?

MARIA

(stordita) Ahi, ahi. Chi successi? Ma dunni sugnu o manicomio?

TANO

(Aiuta a sederla) siediti mamma, non è successo niente di grave! (Le prende un bicchiere d’acqua) Tieni bevi!

MARIA

(dopo aver bevuto, si tocca la testa) ahi ahi, chi duluri. Mi vinni un fotoschiocchi? Gaetano, picchì to patri fa a mummia in piedi?

TANO

(da vicino) Papà, come stai? Ci sei? stando a lungo incoscienti, si rischia di non respirare. Gli faccio una respirazione bocca a bocca!

STEFANO

(si sblocca) Fermati, nun mi tuccari! Stai lontano da me, un chilometro! Maria, chiama un esorcista! Fallo esorcitizicare a chistu! Sciò sciò…

MARIA

(Voce debole) Stefano, chi ti pigghiò? Vidi chiddu, è u picciriddu nostro!

STEFANO

(Irritato) Picciriddu? Chiddu è un uominosessualo. Tu scordasti?

MARIA

Veru! (Piange) Chi vergogna, dintra casa mia! Tano, comu ti pirsuadisti a divintari tuttu sessuale?

STEFANO

(gemente) giustu a mia, havia a capitari un figghiu difittato? Tanuzzo, a parte masculosessuale, sei puru ricchionello? (Gaetano annuisce) Puh cornuto! (Stefano si mette a piangere, seguito da Maria. Prende fazzoletto dalla tasca) Io, a chiddi della tua razza, li haiu sempri pigghiatu po culo(Si ferma a piangere) in senso metaforico, attenzione! (Riprende a piangere) e u Signuri, mi ha punito dandomi un figlio… porco e gaio! (Frigna, soffiandosi il naso)

 

TANO

(Rimproverando il padre) ueh, quali porco! Io sugnu educato!

STEFANO

Nun ti vasi ‘nte strati, cu l’avutri della tua specie? (Gaetano dice di no. Riprende a piangere) grazie Signore, mi lu dasti difettato, ma educato! (A Gaetano) Si mi dicevi cornutu, ti diciva puru grazie, ma una coltellata di chista, nun la miritava(Frigna con strazio)

TANO

Mamma papà, non fate così. Mi fate stare davvero  male!

STEFANO

Po’ moriri di subito, supposta nun ti la infilu cchiù! (Continua a frignare)

TANO

Non fatene una tragedia! Essere gay, non è un dramma, ne una sventura. Non vedo nulla di male, ad amare un altro come me! Perché non dovete accettarlo?

MARIA

(Piangente) mai, mai una delusione così grande! Sulu a pinsarici, mi avissi accuntintatu, u doppio di tasse da pagare, no un figghiu gai!

STEFANO

ma si pazza! I tasse li pago io, quindi, megghiu un figghiu ricchionello! (Frigna)

MARIA

(accentua il pianto. Stefano, le da il fazzoletto, che soffia il naso schifosamente) comu potti succediri una disgrazia di chista? Pani, nun ci mancava, pasta nun ci mancava, frutta a volontà,comu capitò? Bho! Sai chi staju pinsannu? Visto ca to figghiu è disabile, putemu fari a richiesta di pensioni d’invalidità e pi ‘sta scusa, ni pagamu i tasse!

STEFANO

(piangendo) a pinsata è bona. Almeno, chiancemu cu un occhio

TANO

Adesso, mi state stancando! Non sono per niente disabile! La vera disabilità l’avete voi nel cervello, brutti pisci fitusi senza cori!

STEFANO

(Gemente, si siede vicino Maria) ora ca ci penso Marì, quannu era nicu, to figghiu Tano, nun havia gli orecchioni? (Maria dice si) ci li curasti?

MARIA

(Maria piangendo) Sinceramente, mu scurdavu.

STEFANO

U vidi? Allura, a curpa è tutta tua, ca divintò ricchione! (Piange)

MARIA

(gemente) A curpa nun è mia,u dannu tu u facisti ca mi hai seminata. Vergognati, hai a semenza pastorizzata! (Tra i due, si accende un diverbio)

STEFANO

U me stampo, è infallibile! A curpa è tua, ca vulivi una femminuccia.  

MARIA

A curpa è tua ca vulivi un masculu! Vulivi un figghiu dal sesso forte! Mi ricordo i litigi chi facivamu. Io a femmina, tu u masculu. Tu u masculu io a femmina. (Entrambi dondolano avanti e indietro col bacino, in piedi) masculu fimmina, fimmina masculu, masculu fimmina, fimmina masculu

STEFANO

…mi cunfunnivu, e ti regalavo una femmina! (Addita verso Gaetano)

TANO

(Irritato) Femmina? Papà, vedi ca io sugnu masculu cu l’attivazione gratis!

STEFANO

Masculu tu? Dici ca sei tutto, (fa movenze femminili) orecchione? nella legge di vita, ai masculi ci piacinu i fimmini. A tia, ti piacinu i masculi, quindi, un altro masculu ca ci piaci tu, vede in te una femmina. E se ti vidinu fimmina, nun hai nenti di masculu. Quindi, sei sbagliato nna ‘stu corpo di masculu, pi fari un piaceri agli altri ca ti vidinu fimmina. Ma se ti senti fimmina, in un corpo di maschio, significa ca sei uno scherzo della natura, mentre eri…(Si confonde) chi cunfisioni! Mi cunfunnivu puru cu sugnu io. (Si apparta, da le spalle ai presenti, si allarga i pantaloni e fischia) sveglia! ma si tu? (Soddisfatto) grazie! (Torna dai suoi)Maria, io sugnu! Vergogna, ora pi curpa sua, mi devo cambiare u codice fiscale, pi nun mi fari ricanusciri o paisi. Tutti diranno, tale padre, tale figlio(Piange stretto a Maria)vogghiu moriri

TANO

Adesso basta! (I due smettono di piangere) Quanta tragedia per una fesseria! Se continuate a piangere, giuro che mi uccido! (Stefano e Maria si guardano un attimo, poi, accentuano il loro pianto. Gaetano furioso esce dal lato destro) è così? Addio!

STEFANO

Maria, pripara di manciari. Si to figghiu dici veru, ni tocca fari tre giorni di digiuno. Almeno si mori, digiuniamo sazi (Maria si avvia ad uscire da destra, lamentandosi. Porta con se il fazzoletto. Stefano, dal cassetto prende un fazzoletto nero, lo attacca al braccio, in segno di lutto) Chi disgrazia, dintra a me casa. Fici tantu pi aviri un figghiu, unu chi ni vinni, vinni finocchietto! Dunnè u fazzoletto? (Lo cerca nelle tasche) su purtò. mi suco? (prende il fazzoletto dal braccio e soffia schifosamente, poi lo rimette al braccio. Si siede, e bussano) staju chiancennu, nun pozzu veniri (Bussano) un momento, sto soffrendo! (Bussano) Chi ci scoppiassiru l’unghia di manu. Arrivo! (Apre ed entra Antonio e Giulia, ben vestiti) chi bedda sorpresa! (Bacia e abbraccia, Antonio)  

ANTONIO

(Distinto con giacca e cravatta. Guarda in giro schifato) Salve compare Stefano. Da parecchio che non ci si vede. Non ricordavo più, casa vostra. Di male in peggio! Vi presento la mia fedelissima (Stefano le da la mano)

 

GIULIA

(Bella donna, ben vestita con giacca e cravatta, da la mano a Stefano) Piacere, l’onorevole Giulia Settepalle.

STEFANO

Piacere, Sucarola Stefano. Assettativi! (Urla) Maria vieni, guarda chi c’è! Compari Nino, comu mai in paese?

ANTONIO

(Irritato) Da ora in poi, esigo che mi chiamiate Antonio! Onorevole Antonio Conlapinna! È bene che ve lo ricordiate!

STEFANO

Nun vi incazzate! Di comu faciti, mancu si vi avissi dittu curnutu! Vi chiamavo Nino, in ricordo della nostra parentela.

ANTONIO

Mi chiamavo Nino, quando vivevo, in questo paese agricolo. Adesso, lavoro alla camera di Roma, insieme con l’onorevole Settepalle, il mio nome è Antonio! Ed esigo che venga rispettato!

STEFANO

Travagghiati tutti e dui in camera? (In confidenza ad Antonio) Cu una onorevolessa di chista, puru io mi affittassi una camera a Roma!

ANTONIO

Anziché parlare a sproposito, ditemi come mai avete quel fazzoletto nero al braccio. Lutto in famiglia?

STEFANO

(Gemente) Compari, una tragedia è successa!

ANTONIO

È successo qualcosa a vostra moglie? (Stefano dice no) A vostro figlio? (Stefano dice si, accentuando il lamento) compari, nun faciti così!

GIULIA

Immagino sia dura la perdita di un figlio. Com’è morto?

STEFANO

(Piangendo) magari!

GIULIA

(meravigliata) Come magari?

STEFANO

Magari avissi murutu. Nun si avissi rumpuru il mio cuore, a metà! (Piange) datemi una tovaglia che mi ciuccio il naso. Nun è giustu sucarimi davanti a voi. (Giulia, gli da un fazzolettino che si soffia con rumore)

ANTONIO

Compari, spiegativi meglio. Se vostro figlio non è morto, perché piangete?

STEFANO

Chianciu, picchì me figghio è…(piange) Chianciu, picchì me figghiu è… (Piange) Chianciu, picchì me figghiu è…(piange)

ANTONIO

V’incantastivu? U capivu ca vostro figghiu è! Spiegatimillu com’è?

STEFANO

(Piange) Non lo so, non trovo le parole giuste. Nun saccio come sprimermi

ANTONIO

Dicitimillu, in parole povere!

  

STEFANO

Si, meglio in parole povere. Me figghiu Tano è…diversamente sessualo! (Esplode a piangere) vogghiu moriri! (piange) mancu o cchiù tintu nemico mio, ci augurassi un figghio diversamente maschio!

GIULIA

(Stupita)lei fa ‘sto dramma, perché ha scoperto che suo figlio sia, gay?

STEFANO

(piange) Di quantu lacrimi haju gettato, mi sta vinennu una trombosi ‘nta l’occhi! Si continuo così, entro stasera, moru trombato(Piange. I due deputati, sono schifati) Pi curpa sua, pi nun mi fari ricanusciri o paisi e caminari ca maschera antigas! (Piange) e pinsari ca,  soffro di gastrofobia!

ANTONIO

Compare, dai smettetela! È da imbecilli far così! Siete rimasto ai tempi della pietra. Siamo nel duemila, i tempi cambiano!

STEFANO

(Smette di piangere) comu, semu nno duemila e nun mi aviti dittu nenti?

GIULIA

Signor Stefano, capisco che sentirsi dire certe cose, è drammatico, ma non scandaloso! Lei crede che nel suo paese, non esistano ragazzi come suo figlio? Una marea! Non c’è di che vergognarsi, è di moda esser gay. Se ne faccia una ragione. E poi, i gay non hanno nulla in meno di altri. Faccia pace con suo figlio, rompa questo tabù

STEFANO

Comu? Pi fare pace cu me figghiu, gli devo rompere il tabù? Ma lei, ha sbattuto la testa nella camera! Ci pari ca sugnu omo? Io signu siculo! Si me figghiu voli fare pace con me, su facissi rumpiri d’altri, u tabù!

ANTONIO

Compare, siete ignorante! Vostra moglie l’ha presa così male come voi?

STEFANO

Male? Malissimo! Pinsati ca ha perso 50 kg di liquidi in 5 minuti! Si continua così, resterò sedotto e abbandonato (piange)

GIULIA

Accipicchia! Che dieta fa vostra moglie, quella forzata?

STEFANO

La dieta lacrimata! Chiossà chianci, chiossà dimagrisce! Anzi la chiamo e ci diciti ca essere sessuale va di moda, così si rassegna (Chiama la moglie) Maria, veni cca! Ni vinni a truvari u compari Conlapinna! Nun mi rispunni, nun vulissi ca si squagghiò tutta!A vaju a chiamu (Sta per uscire)

 

ANTONIO

Chiamatela dopo, ascoltatemi! Compare, sono venuto per parlarvi di un mio progetto politico. Dopo le ultime elezioni, sapete che vivo a Roma, essendo militante al senato. Sono tornato, per comunicare ai miei elettori, che mi candido alla rappresentanza nazionale come onorevole. Per arrivare al punto di questa mia candidatura, come già fatto in altri paesi, anche nel vostro, farò un comizio! Nel quale cercherò di reintegrare la loro fiducia, al fine di trarne profitto col loro voto, a mio favore! Al mio fianco, avrò il sostegno morale e materiale, dell’onorevole Settepalle! Che ve ne pare?

STEFANO

Se devo essere sincero, sugnu offeso cu vuatri! Mi promettistivu un posto di lavoro a mia, a me mugghieri e me figghiu. A distanza di anni, nun haju vistu nenti! Nun è giustu, ‘sta presa per il …mi capistivu!

GIULIA

Signor Stefano, lei deve sapere che i tempi di attesa sono lunghi e poi, non è sempre facile dare ai cittadini ciò che si promette!

STEFANO

(Adirato) Non è facile? Però a diri cazzate è facile! Pi vuatri l’importanti è aviri potere e soldi. U sazio, o dijunu nun la cridutu mai! Ma finitila!

ANTONIO

Compari, stati calmo! Ma vuatri siti cu mia, o contra di mia?

STEFANO

Vuatri siti cu mia, o contra di mia? Nun rispunniti? U sapiti, quantu tasse haju di pagare? No! U sapiti si a sira, mi vaju a curcu senza manciari? no!

ANTONIO

Compari, vi capisciu benissimo! U pozzu capiri chi significa.

STEFANO

Compare, vuatri, nun lu sapiti chi significa, u pitittu ca fa acitu! Morti di fame comu mia, u paisi è chinu! E cu ‘sta crisi chi c’è, mi pari difficili ca u popolo da ascolto a vuatri, chi vostri chiacchere!

GIULIA

Proprio per questo, tutto il paese, dovrebbe dare fiducia all’onorevole Conlapinna! Se riusciamo a farlo salire alla camera, per voi tutti, sarà un grosso vantaggio! Pensi un po’, se questo avverrà, lei e la sua famiglia, avrete diritto ad un posto di lavoro. Vi saranno ridotte le tasse. Ci pensi su!

STEFANO

(Discostandosi, parla tra se) Secunnu mia, mi stannu cuntannu ‘na  poco di minchiate!... Nun ci cridu a ‘sti fissarie. Mi dispiace, nun vi pozzu aiutari!

ANTONIO

Compare, nun mi aviti fiducia? È vero, ho sbagliato! Vi ho promesso quello che non potevo. Sapete perché? ero inesperto! Ora sono più maturo, so quello che dico e faccio. Vi chiedo di aiutarmi a racimolare voti e…vi prometto di farvi diventare cancelliere nella camera di Roma.

STEFANO

Compare, nun mi pozzu alluntanari da famigghia, sugnu troppo legato. E poi, pi cancellare a camera, pi forza a Roma devo andare? i mura du paisi , sunnu chini di scancellare!

GIULIA

Guardi che per camera, si parla di Senato, laddove vengono emesse le leggi,  no un posto qualsiasi.

ANTONIO

(Gli mette mano sulla spalla) non siate dubbioso! Se mi aiutate a fare i voti e riuscirò ad entrare al parlamento, sarete il mio cancelliere. Guadagnerete quattro mila euro al mese! (A Stefano gli si illumina il viso) si addumaru i lampadini? Proprio così, quattro mila euro al mese!

STEFANO

Io, quattro mila euro o misi, mancu in un anno l’haiu mai vistu! (Gli da la mano) Affare fatto! E truvari, così tanti voti ca putiti fare u papa!

ANTONIO

(Felice, lo bacia) Bravissimo me compare! Giulia è ora di andare. (I due deputati si alzano) Ma faciti salutari o no, a vostra mugghieri!

STEFANO

Subitu! (La chiama) Maria, veni! Aspettatimi cca, un attimo vaju a vju picchì nun rispunni. (Esce)

GIULIA

Antonio, vorresti farmi credere che un ignorante del genere, possa aiutarti a far dei voti? Ma dai, non farmi ridere! Stiamo perdendo il nostro tempo.

ANTONIO

È tutto sottocontrollo! Hai visto? Si rifiutava a collaborare, non appena gli ho parlato di un posto di lavoro ben pagato, è scattato sugli attenti! Stai calma. So come prendere il popolo. Il trucco sta tutto nel promettergli palazzi e castelli. Vedrai, come abboccheranno!A noi cosa interessa?

GIULIA

Che loro ci diano il voto!

ANTONIO

Brava! In politica, la gente la si vede, come voti! Dopo di ciò, ritorniamo a Roma, a goderci la pacchia! Parleranno tanto male di me, che alle prossime elezioni, li troverò ai miei piedi, come gattini affamati che mi chied…(Esce Stefano, cambia discorso) comu finì cumpari?

STEFANO

A truvavu chi dormiva supra a scupa. (Imita il gesto) pariva uno spiedino chi capiddi. L’ho svegliata, fra cinque minuti arriva!

ANTONIO

Non c’è tempo, dobbiamo andare. Salutatimilla vuatri, ci aggiorniamo presto per il comizio (si salutano. Fermo sulla porta, guarda orologio al polso) Anzi, sapiti chi vi dicu? Visto che non ci vediamo da tempo, stasera vengo a cena da voi! Vado a prendere mia moglie e vengo. (Escono, Stefano li accompagna alla porta. è disperato)

MARIA

(Entra assonnata con la scopa. Guarda in giro)dunni è u compare?Tu sognasti?

 

STEFANO

Quali sognare! Te dare dui notizie. Una bella e una brutta.

MARIA

Dammi chidda bedda, tantu a chiddi brutte, ci sugnu abituata.

STEFANO

A notizia bella è, ca è di moda essere gay. Mi lu dissi la signora Settepalle, a collega du cumpari. Dici, o paisi sunnu tutti gay, nun c’è bisogno di essere tragici si to figghiu c’è puru. Quindi, fallo veniri, e ci rumpi u tabù.

MARIA

Chista si, ch’è una bella notizia! Visto ca o paisi sunnu tutti sessuali, nun c’è più nessuna vergogna, a farimi taliari ‘nta faccia! Mi sento cchiù relax. Nun ci lu rumpu u tabù. Ci dugniu ‘na vasata! Quali è a notizia brutta?

STEFANO

(Disperato) U compare veni a manciari nne nuatri! Cu tanti ristoranti e taverne chi ci sunnu, giustu cca hava a veniri ca, nun avemu nenti? Dico io, ma chi ci fici di mali, pi veniri a manciari cca? Bho!

MARIA

E ti crei problemi? I compari ni canuscinu! Chi vergogna c’è, ci offremu un poco di formaggio, dui cocci di alivi, u pani l’avemu, ‘na sarda salata, a gira mano na liccamu tutti e ni saziamu!

STEFANO

Si, ma ora u compari si trova in alta quota. Sta in una camera a Roma.

MARIA

Cu tutti i soldi chi guadagna o misi, sta in una camera a Roma? U paisi è chinu di manicomi. Cchiù soldi hannu, cchiù pidocchiusi sunnu i politici

STEFANO

Si lu senti parrari in italiano, pari un profugo. Si vidi ca si manciò u vocabolario! Senti chi fazzu, vaju da Ciccio Pinnasicca, videmu si mi presta navutru poco di alivi nivuri (Esce)

MARIA

Vai pure, ci dugniu ‘na scopata e apparecchio. (Spazza la stanza, entra Gaetano assonnato) dormito bene? Ti ripigghiasti?

TANO

(Si strofina gli occhi) Porca miseria, mi sono addormentato mentre piangevo. Senti mamma, guarda che non manco alla mia promessa. Vi farò un favore, e mi toglierò dai piedi!

MARIA

ma chi dici Gaetanuccio! Nun fari u cretino! Anche se sei tutto sensuale, io e to patri, u stessu ti vulemu beni!  

TANO

(Sorpreso) dici sul serio? Un momento fa, vi ammazzavate dal dolore

MARIA

Un momento fa di prima! Ora è un momento, che fa di dopo! Io e to patri, accettiamo la tua malattia sessuale. Capemu ca va di moda, essere difettati.

TANO

(Felice) Davvero dici mamma? (Maria annuisce allegramente) Sono felice! Lo dirò a tutti i miei amici che sono stato accolto anche dalla mia famiglia! Allora, anche papà mi ha accettato?

MARIA

To patri è felicissimo di avere un figghiu comu tia! Dice, peccato ca sei unico, si aviamu navutru figghiu, ni davano a pensione di invalidità familiare

TANO

Che gioia mi avete dato! Oggi mi avete fatto la persona più felice del mondo. Ora, potrò liberarmi da questi indumenti sudici e, vestirmi tale e quale alla mia anima! Volerò alto alto, con tutti gli uccelli!

MARIA

Gioia mia, non volare troppo in alto, picchì ci sunnu gli aerei e ti pigghianu di pettu! Vado a preparare (Posa la scopa all’angolo, ed esce)

TANO

Wow, gli aerei! Ho sempre sognato poter essere io il pilota, di questi grandi uccelloni! (Spalanca le braccia e gira la stanza come fosse un aereo. Entra Stefano con dei sacchetti, l’osserva disgustato) ciao papy, sto volando col mio apparecchio.  Mi vedi?

STEFANO

Cretino! L’apparecchio ‘nta l’aria u fai? Supra a tavola, si fa! Vidi di atterrare, ca stannu vinennu i compari e ancora nun c’è nenti prontu!

TANO

(Bacia Stefano affettuosamente, il quale, cerca di scostarsi) Volevo ringraziarti per avermi accettato. Sei il papino più dolce del mondo!

STEFANO

Levati! Cu ta detti tutta ‘sta confidenza!

TANO

Sono tuo figlio! Mi hai creato a tua immagine e somiglianza

 

STEFANO

Si pigghiavi di mia, eri un pleiboia! Tutti i fimmini chi hannu statu cu mia, hannu a pensioni d’invalidità! Cu ci manca na jamma, a cu un occhio, a chi a lingua. A letto, sugnu una bomba atomica!

MARIA

(Entra con piatti, posate e tovaglioli)zittuti, inveci di cuntari fesserie! Aiutatimi a sistimari a tavola. (la tavola viene messa al centro della scena. Disponendo tre coperti per lato. Lato destro: Stefano e famiglia. Lato sinistro: Antonio e a famiglia) chi cosa trovasti?

STEFANO

Ciccio mi prestò un pezzo di cacio e, un pò di alivi nivuri. ci basta?

MARIA

basta e avanza! Pi cinque persone, a voglia di manciari!(Intanto, prende formaggio e olive e il pane, li dispone in tre piatti, mettendoli sul tavolo)

STEFANO

Pi sei persone!

MARIA

Comu, sei? U cumpari dici ca nun po’ aviri figghi, picchì è parzialmente scremato. Comu fici ad aviri un figghiu, a cummari?

STEFANO

Ma quali figghiu. U compari vinni da Roma con Settepalle.

MARIA

(Sorpresa) Quantu, con sette? mizzica! L’aria di Roma, fa miracoli!

STEFANO

Cu l’onorevole Settepalle, dico! Scummissa, la porta puru a manciari cca

TANO

(Osserva disgustato il formaggio) Papyno, questo formaggio ha la muffa!

STEFANO

Spolveralo! (Gaetano prende un piumino, ed esegue) Maria, ci nnè vino?

MARIA

Bho! (Esce e rientra con una bottiglia) Eccolo qua. Mi pari nun manca cchiù nenti a tavola.(Col dito fa segno sul tavolo) Piatti ci su, bicchieri ci su, forchetta e coltelli ci su, tovaglioli ci su, u vinu c’è, apposto! Assittamuni, aspittamu ca vennu. (Si siedono tutti) Stefano, comu mai u compari vinni di novu o paisi? Ci sunnu elezioni pu menzu?

STEFANO

Si, hava fari un comizio, picchì deve diventare l’onorevole da cameretta!

MARIA

Mi lu immaginava! ‘stu crastu, ‘nta quattro anni nun si fa vidiri, nun si fa sentiri, ora ca ci servinu i voti, semu parenti!

STEFANO

Mi dissi, se ci fazzu assai  voti e diventa onorevole, io divento cancelliere! Ti rendi conto che bella notizia! (Si vanta) quannu passu du corso, tutti mi fanno l’inchino! “ buongiorno signor cancelliere” mu immaginu, u paisi, di l’invidia, si hannu a manciari, i manu!

MARIA

Chi sugnu contenta! Mio marito, un cancelliere! (lo bacia affettuosamente. Anche Gaetano lo fa, Stefano si pulisce) Scusami Stefano, no pi farimi i fatti tuoi, ma chi travagghiu è, ‘stu cancelliere?

STEFANO

(Perplesso) il cancelliere è un lavoro che…forse, mi pigghia un tipo di … bhoooo! Secunnu mia, staju vicino o compari, sempre pronto a scancellare i fesserie ca dici! (si sente una voce di donna che ansima di piacere. Suscita la curiosità di Stefano e Maria. Nel mentre,Gaetano inizia a tremare, spaventandoli) ma chi ci pigghiò? Ci sta vinennu un x!

TANO

(Prende dalla tasca il cellulare)è la mia suoneria col vibro! (con dei gesti, Maria e Stefano, lo mandano a quel paese) Pronto? Ciao bella. È andato tutto bene, hanno accettato. Si, vieni pure, ti aspetto. Baci! (fine telefonata. Bussano) vado io! (Apre entra Antonio, Lia la moglie, Giulia. I due onorevoli giacca e cravatta. Si salutano tutti) buonasera (In particolare, accoglie Antonio, il quale, cerca di evitare le moine di Gaetano)

MARIA

Che piacere vidiri i me compari! Vasamunni! (Si baciano tutti)

ANTONIO

Comare Maria, che piacere! ti presento l’onorevole Giulia Settepalle!

MARIA

(Le da la mano) Piacere. Me marito, mu dissi che lei have sette palle!

 

STEFANO

Prego assettativi! Nuatri, in attesa ca vinivavu, apparecchiamu a tavula! (Le due famiglie si dispongono, ognuno dal lato ch’è stato apparecchiato)  

TANO

I signori, si vonnu livari le giacche? (fa gli occhiolini ad Antonio, gli manda baci) baciami, bello bughy bughy!

ANTONIO

Grazie, preferisco mangiare con giacca e cravatta! Compare, chi è costui?

STEFANO

Nun vi lu ricordati? Chistu è me figghiu Tano(Gli fa cenno con occhio)

ANTONIO

Ah, chistu è u famoso, ricc… (Allude al gay) l’havia capito!

TANO

(Da la mano ad Antonio, il quale, cerca di ritrarla) piacere, io sono gaytano! Per gli amici, sono gay. Per la famiglia, Tano!

MARIA

(Nota che la comare Lia, è intenta a guardare schifata la casa) cummari Lia! Vuatri nenti diciti? Vi piaci a me casa?

LIA

(Snob) carina… direi. Noto che vi piace, lo stile sobrio e ammuffito. Come mai, avete scelto questo colore, così scuro? E come mai, così tanti buchi?

MARIA

Non è ammuffito. è color verde pisello. Havi assai nun veni imbiancato. Prima era vivo vivo. a passar del tempo, si è ammosciato! I buchi sono…

STEFANO

(La precede)… pi fari nesciri l’aria confezionata e stare freschi d’estate.

LIA

Come mai, tenete così tante candele?

STEFANO

A Roma li chiamate candele? Arretrati! A me casa si chiama, gruppo elettrogeno. Quannu si nni va a luci, si addumanu e, haju luci pi tuttu u paisi! Certi voti, si fanno u mutuo, pi aviri a me luci!

LIA

Capito! Come mai, tutti quei santi?

MARIA

Cummari, ca crisi chi c’è, aviti a sapiri, pi menzu di santi si va in paradiso!

LIA

Volevo sapere, come mai ci sono…

ANTONIO

(La interrompe) Amore basta! Quante domande! Sembri una giornalista!

STEFANO

Compari, lassatila stari. È normale fari tanti domandi. A cummari, nun c’è abituata a vidiri, tuttu ‘stu lussu! (Giulia ridacchia sotto il naso)

TANO

Uffa, la smettete di parlare. U pititto mi sta facendo acito.

MARIA

Si semu tutti pronti, pozzu purtari u manciari. Chi diciti vuatri?

ANTONIO

Nun vi disturbati pi nuatri cummari, vuatri manciati liberamente!

STEFANO

Chi significa? Vinistivu, pi taliari le nostre boccacce?(Antonio si alza, apre la porta, attira l’attenzione di tutti. Si siede. emette uno schiocco di dita, ed entra un cuoco)

CUOCO

(Vestito col proprio abbigliamento) Mi ha chiamato, padrone? (Stefano e Maria, sono allibiti. Antonio e Lia, si insuperbiscono)

TANO

(Gira attorno al cuoco) Wow, che omone! Visto che sai cucinare, (Gli si lancia tra le braccia) fammi diventare il tuo piatto prediletto. Prendimi, sono il tuo cacio cavallo.(nitrisce)  

STEFANO

(Prende il figlio, lo allontana dal cuoco)Assettati furia cavallo del cess (Al cuoco) lo scusassi signor cheffo, me figghiu è un poco invalido sessuale.

ANTONIO

Ambrogio, per me del caviale con una fettina di salmone vergine. Portami un bicchiere di vino…del 1524 dell’antico testamento. (Il cuoco annota) anzi no, del 1622, è più leggero! (Cuoco scrive)

LIA

Per me, stessa ordinazione. Però il vino del nuovo testamento. Quello antico, mi fa venire un po’ di aceto. Niente frutta!  

GIULIA

Io preferisco, un piatto di vermicelli non troppo lunghi ne troppo cotti, con poca salsa tiepida e con qualche spicchio d’aglio e foglie di basilico (il cuoco si congeda) preferisco acqua non troppo naturale

ANTONIO

(nota lo stupore negli occhi dei compari) Compare, voi non mangiate?

STEFANO

Si, aspittamu ca veni u cammareri! Maria chiamalo, dicci chi si stocca li jammi subito cca! (Maria non sa che fare) u capivu, u chiamo io! (Grida) Pasqualino, porta u manciari, stiamo diventannu ciechi

GIULIA

Che c’entra la cecità col cibo!

MARIA

Non ci vediamo più dalla fame, eh!!! (Entra il cuoco, si posiziona al centro della scena, dietro il tavolo. Fa vibrare un campanello, ed entra uno o due camerieri che dividono le pietanze ad Antonio e famiglia. Stefano e Maria, Gaetano a bocca aperta. Al termine, si congedano)  

LIA

Noi siamo pronti per mangiare. E voi? Aspettate ancora il cuoco? Se volete, vi prestiamo Ambrogio!

MARIA

Grazie cummari, non vi disturbate. Inutile nascondere a verità. Cammareri nun ci l’avemu, picchì fu licenziato! ‘stu disgraziato, vuliva l’aumento. Nun ci bastavanu otto mila euro o misi! (i politici, si meravigliano) Vero Stefano?

STEFANO

Verissimo! Nun ci mancava nenti. Assegni familiari, accompagnamento, permesso col soggiorno, ferie, havia tutto! Appena faciva cinque minuti di straordinario, ci davo due cento euro! unu cchiù bonu è ‘na vita, è peggio!

TANO

Si, u capivu! Pi oggi, u cammareri u fazzu io. (Esce e rientra con un cappello da femmina con dei fiori) prego, signori. Chi vuliti da manciare?

STEFANO

(Con classe) Gaytano, portami quel piatto di caviale (Gli fa segno verso il piatto di olive, messe da parte. Gaetano porta i piatti a tavola) poi, quel tocco di cacio a cavallo, per vino, quello del medioevo. Per frutta un cachi.

MARIA

Pi mia, la stessa ordinazione di me marito. Io preferisco u vino dei nostri tempi, senza caffeina, se no, brillo troppo! Nenti frutta. (Gaetano porta i piatti a tavola con le olive e formaggio) Tano, siediti e manciamu. Signori tutti, buon appetito! (Tutti mangiano serenamente)

ANTONIO

(A Lia) Amore, che ne dici di questo caviale? L’ho pescato in mare, per te

LIA

(Sdolcinata) Grazie ciccino, è una specialità che delizia il palato!

STEFANO

(Per non sembrar da meno, imita il compare) e…tesorino, ti piacesse il caviale che ho pescato in montagna, per te?

MARIA

(imita la comare) Si fufino, questo caviale è tenero, che mi lecco le baffe!

TANO

Schifio, è chino di ossa! (Si tocca la gola) Mi stavo affogando le cannarozza, puh! (lo sputa. Prende schiaffo da Stefano)

ANTONIO

Compare, siete sicuro che il vostro sia caviale?

STEFANO

Certo ni sugnu sicuru! Nivuro è u vostro, nivuro è u mio! Giustamente guardate le dimensioni. (Si vanta) Chiddu mio è più grosso, perché l’ho pagato di più! Modestamente, mi pozzo permettere certi lussi!

LIA

Non esiste caviale grosso quanto il vostro! Sappiate, che il caviale è piccolo perché sono uova di pesce!

MARIA

Chiddu nostro, è grande picchì sunnu palle di coccodrillo

ANTONIO

(Continuano a mangiare) Compare, il comizio di cui vi parlavo, lo faremo domani sera in piazza. Avete avvisato qualcuno?

STEFANO

Sinceramente no, nun haju avutu u tempu. Lu sappi, una ura fa!

ANTONIO

È bene che vi sbrighiate! Domani, sarà il grande giorno. Non solo per me, più che altro, per voi! L’avete detto a vostra moglie che, diventerete il mio cancelliere? Siete contenta comare, vostro marito verrà a Roma con me.

MARIA

(Triste) pi forza a Roma vi l’aviti a purtari? Nun putiti fari ca, ci mannati i fogli da cancellare pi posta? Iddu, li scancella e, vi rimanna!

ANTONIO

(Lia e Giulia ridono) Cancella, scancella: chi capistivu? Vostro marito sarà il mio segretario! (Maria e Stefano, capiscono) se tutto andrà secondo i miei piani, sarò onorevole al senato! Godrò delle auto blu, molti più privilegi di quelli che ho. E tante altre cose che, non sto qui ad elencare! Anche voi comare, mobilitatevi per i voti. Sarete la mia porta borsa!

MARIA

Nun ci cridu! Quattro anni fa, mi promettistivu puru, però nun vitti nenti!

ANTONIO

Stavolta vi garantisco ch’è la verità! Guadagnerete sei mila euro al mese!

MARIA

(entusiasta)Sei mila euro o misi? (Antonio annuisce.Maria gli si inginocchia) Grazie d’esistere compare! Vi prometto ca, vi fazzu così tanti voti ca, vi fazzu divintari onorevole incontinente! (Bussano, apre Gaetano)

TANO

(Entra una bellissima ragazza, vestita sexi. Attira lo sguardo maschile) ciao amore mio. (Si baciano) mamy papy, vi presento il mio angelo!

STEFANO

(Ammira la ragazza) Se gli angeli sunnu tutti così, vogghiu moriri di subitu! (gli bacia la mano.  Maria da colpi di tosse. A Maria) u sentisti?  ‘stu crasto di to figghiu ni fici cridiri ca era antisessuale, invece è tutto sessuale! Bravo Tanuzzo! (Gli da una forte pacca sulla nuca)

ANTONIO

(Anch’egli ammaliato dalla bellezza della ragazza, gli bacia la mano) salve, mia dolce stella fiammante. Sono l’onorevole pinna, Conlapinna!

STEFANO

(Le gira intorno) che bella carrozzeria! Che occhi grandi che hai! (Si sofferma sul seno) che bel terrazzino! (Si sofferma sul sedere) che bel pozzo luce! Tano, hai faciuto la scelta più bella del mondo. ‘sta ragazza è come il sole, quannu affaccia, affaccia pi tutti. Bravo!

MARIA

A vo finiri! Di comu ci stai facennu i radiografie, pari ca ti l’avissi a sposari tu! Lassala parrari! (Con dolcezza) gioia, come ti chiami?

TOTUCCIO

(voce maschile. In realtà la ragazza, è un maschio) piacere, mi chiamo Totuccio(Maria arretra. Tra i presenti, sorge il dubbio, tranne Stefano)

STEFANO

U sentisti Maria, chi beddu nomi havi la nostra nuora! Compare, u viditi chi bedda sorpresa ni fici me figghiu? Nuatri pinsavamu ca era, invece è…

ANTONIO

Compare, siti sicuro chiddu ca diciti? Totuccio, nun mi pari nomi di fimmina

MARIA

(Si avvicina e gli parla nell’orecchio) A taliasti bona a chista? Secunnu mia, u so nomi, havi cocchi cosa che non va.  Dumannaci di dov’è?

STEFANO

Mi scusassi signorina fotomodella, lei di dove essere?

TOTUCCIO

Un giorno, quando mi opererò, ci divento fotomodella! Io sugnu trans!

STEFANO

U viditi? Picchistu si chiama Totuccio, picchì è straniera! Veni du Trans! Ditemi una cosa, quando mi faciti un beddu nipotino?

ANTONIO

(si avvicina all’orecchio di Stefano) Compari, ve diri una cosa. Nun lu ponnu fari u nipotino, picchì vostra nuora ha un problema!

STEFANO

Problema?Siti cieco o l’invidia vi mancia l’occhi.Me nuora è perfettissima

ANTONIO

Ma quali perfetta! Vostra nuora è un trans! È figghi nun li po’ fari!

STEFANO

Picchì, i stranieri nun li fannu i figghi? Totuccio, veru ca po’ fari figghi?

TOTUCCIO

Mi dispiace, per ora, nun li pozzu fari, pecchè sugnu comu to figghiu. Appena divento comu to mugghieri, ti fazzu, tutti i picciriddi, a domicilio!

TANO

Ma chi dici? Nuatri semu ziti e, devi rimanere come me! Se cambi sesso, ti lascio! (Tra i due, vi è un diverbio)

STEFANO

Silenzio! (Turbato, addita verso il seno e sedere di Totuccio) Allura, u terrazzino, u pozzo luce, sunnu cose finte?

TOTUCCIO

Ma quali finte! Chista, tutta roba scolpita a mano! Nun m’interessa Gaytano se non vuoi, io nun vogghiu cchiù essere gaio maschio. Vogghiu divintare, fimmina!

MARIA

(Segni di Tic) allura, tu sei un ma ma…ma ma…ma ma…scu scu…

TOTUCCIO

Si, masculo! (Maria aumenta il tic, emette un urlo e si pietrifica) Ancora per poco! non vedo l’ora di diventare femmina pura!. Basta solo un bel viaggio, un coltello e poi ( verso parti basse, fa il gesto e con bocca emette il suono) ZAG! ( Stefano e Antonio, si toccano le parti intime. Cala sipario)

Fine primo atto

Secondo atto

(La scena presente, sarà oscurata con teloni neri, sui quali saranno appesi manifesti politici con foto, nome e cognome del candidato Conlapinna,

prossimo al comizio. Al centro un leggio. Lato sinistro, tre sedie per Stefano, Maria e Gaetano. Lato destro, quattro sedie per i deputati e Lia. Tutto parte dal pubblico, dove si trovano diversi attori smistati tra la gente. Stefano sia davanti che dietro, ha due cartoni sui quali appesi manifesti politici del candidato)

STEFANO

(Camminerà in mezzo al pubblico, col megafono) Votate e facessivo votare, Antonio Conlapinna, me compare! Questa sera, non mancate! Accorrete a volontà, se no me cumpare, travagghiu nun ve ne da. Importante, che il vostro voto sia confermato, se no, ci rimani futtutu, curnutu e vastuniato! (si ferma, in uno degli attori) Tu, ci lu dai u votu a me compari?

COMPARSA DAL PUBBLICO

No, nun lu votu!

STEFANO

(Lo caccia)Vatinni a casa! Va curcati senza manciari, vastaso! (Si sposta in un’altro attore) U votu a me compari ci lu dai? (l’attore dirà si) Bravo, stasera ti po’ curcari manciato (Riprende ad urlare) Votate e facessivo votare Antonio Conlapinna, me cumpare! Questa sera…(Appena in scena, parte l’inno di Mameli. Sta sugli attenti. Appena l’inno sarà cantato, dal pubblico, sfilano i deputati e Lia in giacca e cravatta che salutano tutti. Li precede Maria, sventola la bandiera italiana. Chiude la fila Gaetano, vestito in modo più da gay, tirando petali di rosa. Appena, tutti sul palco, Stefano incita il popolo ad applaudire) lunga vita a me compari! (Stefano e Gaetano, con dei fazzoletti, corrono ad asciugare le fronti dei politici e, li pettinano. Al pubblico) popolo tutto, ascoltateli ca sunnu belli frischi e pettinati! (Incita i politici ad inziare) Forza forza, parrati ca u pitittu ni fici acitu, forza! Bissi, bissi…

GIULIA

(Si alza, si dirige verso il centro dove si trova il leggìo) Signori e signore, buonasera a tutti! Che gran festa. Grazie a tutti, siete meravigliosi!!!

STEFANO

(grida) un applauso alla signora con le palle (Gli attori applaudono)

GIULIA

Grazie signor Stefano, è tanto gentile! Lei è proprio un personaggio. Mi sa ch’è sprecato che lei sia qua, dovrebbe fare lo  show men!  

STEFANO

Grazie signora, ci basta me figghio ca è difettato, ci manco sulu io chi sciò minni e…semu al completo!

GIULIA

(Sorride) ma cosa ha capito…lei è sempre così ironico!!! Comunque, cari cittadini è bello star qua. Noto che, la Sicilia è molto calorosa! Non mi era mai capitato che, mi mettessero l’inno, prima di salire sul palco. Questa accoglienza, una emozione da incorniciare!

TANO

Sono stato io a sceglierlo! Modestamente, per fare certe scoperte, ci voli una certa finezza. Io sono fino, molto fino, praticamente…

STEFANO

(Lo precede)…finocchio! (Gaetano si offende) prego signora quattropalle!

MARIA

Cretino, n’havi sette palle. Lo scusi signora, me marito non sa contare. Prego, col suo parlamento! (Ammonisce il marito, con gesti)

GIULIA

Si, certo! Penso che si sia capito, mi chiamo Giulia Settepalle sono deputato al Senato di Roma. È un grande onore stasera essere qua in Sicilia. Su questo palco, nel vostro paese, in questa piazza, a dare il mio sostegno ad un amico, un compagno, una persona ricca di valori e di  virtù. Dedito a camminare in mezzo la gente, a salutarla, dedito ad ascoltarla!

COMPARSA ANZIANO

(Si leva voce dal pubblico. maturo capelli bianchi, barba in viso. Vestito semplice. ha il pancione.) Nun è vero! Quannu lu salutu, cancia strata!

GIULIA

Mi spiace contraddirla! È’ strano quello che dice. Sarà  che, non l’ha vista

ANZIANO

 (Si alza, mette in evidenza il pancione) Strano ca nun mi vidi! Mica sugnu ‘na vugghia. – ago-  Haju ducentu chili di panza

GIULIA

Ha ragione lei! (Si gira da Antonio) il nostro onorevole, starà più attento a cercarla tra la gente, per salutarla! (Antonio annuisce allegramente) come dicevo, l’onorevole è dedito a tutte queste piccolezze. Il suo pregio è, ascoltare ciò che la gente dice!

COMPARSA ANZIANA

(Si leva una voce dal pubblico. matura con capelli bianchi. Vestita trasandata con scialle sulle spalle. Adirata) è surdu! Quannu lu chiamu, nun mi senti mai, ‘stu grandissimo figghiu di…

STEFANO

(La precede con un grido)…un applauso a me compare! (applaudono Maria, Gaetano e Stefano) evviva me compare! Grazie d’esistere. Vai compare, tu si che non scompare! Alleluia compare!

GIULIA

(Si gira verso Antonio) Antonio, gente come i tuoi compari, ce ne dovrebbero essere a milioni! Mi sa che, ce li dobbiamo portare appresso, nei prossimi comizi. (Antonio accondiscende, sorridendo) bene, torniamo a noi, dopo questo momento di ilarità. L’onorevole Conlapinna, è sempre stato un amico del popolo. Me lo dimostra il fatto, che siate accorsi numerosi al suo comizio. E poi, io amo la Sicilia! I siciliani, sono gente per bene che sanno decidere, sanno amare, ricchi di valori! Sanno distinguere il giusto dal sbagliato! Purtroppo, per adesso la crisi fa male a tutti. Per questo ci sto mettendo la faccia, stasera su questo palco, per dirvi date fiducia ad un nuovo volto della politica! Votate e, fate votare Antonio Conlapinna. no perché ve lo dico io, ma per la persona ch’è! Diamogli sostegno, diamogli forza morale e materiale, affinché con la sua vittoria, sarà la nostra vittoria! (Stefano fa partire l’applauso) è bello star qui, a parlare con voi, ma non voglio rubare del tempo prezioso al nostro presidente. Sapere di precederlo, mi emoziona tantissimo. Lo invito ad intervenire, con un caloroso applauso, il presidente Cerino Pappamolla. Viva la Sicilia!!! (inizia ad applaudirlo, tornando al posto, si saluta con Cerino il quale, si dirige verso il leggio)

 

MARIA

(Si alza) Forza, tutti in piedi e facessivo un ovulazione al presidente tira e   molla! (Dal pubblico qualche fischio e miseri applausi)

CERINO

(tra se,mentre si dirige sul palco) Mih che entusiasmo! Si lu sapiva prima, mi stava dintra e, mi vidiva a partita! (poi, sorridente sul palco) Cari amici e amiche siciliani, vi abbraccio tutti! È bello da quassù, vedervi così numerosi e calorosi. Ovunque io sia stato, ho sempre portato alto, il nome della mia terra, della mia bella Sicilia! Viva i siciliani! (Parte l’applauso tra gli attori) Sono felice di star qui con voi, ed essere accolto in un’atmosfera di fratellanza, di uguaglianza, di vero rispetto verso di me! È bello stasera star qui con voi, sotto questo cielo di stelle! Io credo nei sogni, nei desideri del cuore. Credo che, stasera una stella cadente, cadrà per realizzare anche il nostro.

COMPARSA MURATORE

(adulto, vestito da muratore. Vestiti imbrattati di materiale. Il classico cappello di carta. Nelle mani, tiene una cazzuola) speriamo ca ti pigghiassi ‘nno centro di corna. Almeno, realizza u me desiderio!

CERINO

(Lo ignora con un sorriso) grazie dell’ironia! Cari amici, come ben sapete la nostra regione, per adesso sta vivendo un momento di dura crisi. Una crisi che, porta a non essere più se stessi! A non essere tranquilli. A vivere malamente i propri attimi, perchè niente e nessuno, ci garantisce qualcosa. Questo grava sulle nostre tasche, si ripercuote sulle nostre famiglie. Le tasse aumentano in modo incommensurabile! Capisco il disagio morale che opprime voi siciliani. Ed io, stasera sono qui, per dire basta a questa crisi. È brutto sapere, che c’è gente che non arriva a fine mese! (Qualche fischio e disappunto tra gli attori in sala) calmatevi! Capisco il vostro disagio, credetemi, stiamo lavorando per voi! Ed è per questo che sono sceso in piazza, a rimetterci la mia dignità di uomo, per dare sostegno ad Antonio. Con la sua candidatura al senato e, la sua vittoria! Avremo una forza in più per lottare, soffrire e vincere questa disoccupazione che affligge la nostra bella Sicilia! Se stiamo uniti, compatti riusciremo a vincerla la crisi. Tutt’insieme, potremo essere forza per dare un futuro, ai notri figli!!

COMPARSA OPERAIO

(adulto. Vestito con tuta blu) ma stai zitto! a voi tutti politici, nun vi nni frega niente da Sicilia. Vi la stati manciannu tutta, ladri e infami!

COMPARSA CONTADINO

(Adulto, vestito da contadino. Con la particolarità di avere coppola e, fazzoletto rosso attaccato al collo. Si alza, come a sgridare l’amico) ueh, come ti permetti a dirici a verità, a ‘sti buffoni! (Popolo attore, ridono)

CERINO

(Sorriso ironico) sapete, questi vostri interventi, mi piacciono. Ci vuole un pò d’ironia! E voi, ne siete pieni sin dentro il cuore!

COMPARSA CASALINGA

(Adulta, vestita da casalinga, lo minaccia col piumino in mano) e tu, hai u ciriveddu allagato di segatura, scinni ca ti dugniu ‘na spolverata!

CERINO

(Ad Antonio) Vedi Antonio che gente allegra e attiva? Questa è la gente che voglio vedere! Amo la Sicilia, perch’è una terra di artisti! Nonostante le sventure, scaturisce il suo lato comico. La Sicilia, una terra nella quale sgorga arte, da ogni lato la si voglia guardare. Conosco gente che sa dipingere, chi sa cantare, chi sa scrivere e chi sa…

CONTADINO

(Lo precede) …cuntari minchiate, come faciti tutti vuatri politici! 

CERINO

Caro amico, non è giusto che, lei dica quelle cose! Tutto quello che io dico, che noi diciamo e frutto di una scrupolosa e dettagliata poesia del cuore! (Tra gli attori, vi sono fischi e disappunti) si si, ho capito perché fate così,non vedete l’ora di ascoltare il protagonista della serata. Vero?

OPERAIO

I veri protagonisti, semu nuatri, gente comune che viviamo il dramma della vita! Vuatri siti pagliacci ca, ni fati ridiri chi fisarii chi cuntati!

CERINO

Che vuole che le dica? Forse lei ha ragione, ma noi rappresentiamo lo stato! Non credo che sia vero, quello che lei dice! Lo stato, non racconta balle! Voi dite e parlate contro di noi, perché la vera forza, non siamo noi  deputati, siete voi! Eh si! Ed è bene che lo siate, perché il futuro siete voi! Voi decidete chi deve vincere, chi perdere! E voglio dirvi un consiglio amici siciliani, se volete che le vostre idee prendano vita, le vostre tasche non siano più vuote, in famiglia ci sia più armonia, aumenti il lavoro? Votate l’onorevole Antonio Conlapinna! un uomo no per i siciliani, ma con i siciliani. Grazie. Viva la Sicilia!!! (Si congeda, con dei miseri applausi. Appena sul posto,si bacia e abbraccia con Antonio. Lia con gesti, chiede intervento al marito)

LIA

Buonasera a tutti! Scusate il mio intervento, spero mio marito, non me ne voglia, per questa mia incursione. Scusate l’emozione! Voglio dire solo poche cose, a suo riguardo. Antonio è un uomo generoso. Sa essere un buon marito. Mi ascolta, quando gli parlo. Alcune volte, quando non ho i soldi per comprare da mangiare, lui…da buon uomo, va a letto digiuno, come me! (Fischi tra gli attori)

VOCI DAL PUBBLICO

Statti zitta! …a cu vò pigghiari pi fissa!...va lavati i piatta…imbrogliona…

LIA

Però, anche se non abbiamo avuto la fortuna di avere figli, mio marito ama i bambini! Si è promesso, se diventerà onorevole alla camera di Roma, aiuterà le famiglie siciliane, a mandare avanti i loro figli! Conoscendo mio marito, quando lascia parlare il cuore, non può mentire! (I due si guardano, Antonio le manda un bacio da lontano)

VOCI DAL PUBBLICO

Prima di veniri, vi facistivu l’insulina di biutiful?...parinu stanlio e olio…so mugghieri è cchiù favusa du maritu…va curcati o scuru…imbroglioni…ni lasciastivu a tutti in mutande…vergogna…

LIA

Mi spiace non crediate alle mie parole. Una cosa vi chiedo, votate Antonio Conlapinna. vedrete che non vi pentirete del vostro voto! Dopo le votazioni, ci rivedremo qui e su questo palco, vi guarderò in faccia col sorriso, e dal vostro silenzio, capirete che, vi siete sbagliati a pensare male! Votate mio marito, statene certi, che non sarà il classico politico di passaggio che avrà orecchie da mercante, no! Sarà un vero uomo, capace di camminare pari passo con la gente e, vivere ascoltando chi gli sta accanto! Grazie! (Lascia il palco tra qualche misero applauso. Arrivata al posto, si bacia col marito e si siede. Antonio, raggiunge il centro del palco)

TANO

(Sgrida dal palco, il pubblico attore) ma cosa sono questi miseri applausi? Grapitivi l’osso buco di mano e, facessivo un applausone all’onorevole Conlapinna! (insoddisfatto, ferma l’onorevole) Aspetta Antonio, mi sa che dormono. Fate un applauso prima le donne, forza! (rivolto non solo agli attori, ma anche pubblico in sala) ora, solo gli uomini, forza! Bravi tutti…ora, fate un applauso quelli come me…(Non applaude nessuno) Mizzica, tutti perfetti siti? Vergogna! (Si siede deluso)

ANTONIO

Eccomi qua, finalmente! Ciao siciliani!!!! Volevo ringraziare, gli amici fraterni che mi hanno preceduto. Grazie di cuore, per le parole spese a mio riguardo. Grazie anche a mia moglie (Alla moglie) Cari amici ed amiche, se pur sia entusiasta nel vedervi uno ad uno, sono veramente rammaricato nel fissare i vostri occhi, sapendo della gravità delle problematiche che opprime, tutti quanti voi. Incontrandovi uno ad uno, ho saputo che, c’è gente che non può pagare il gas, non ha la luce perché non può pagare. C’è gente, che scava tra i rifiuti per trovare da mangiare. E c’è  gente che ruba per mangiare. Vedete amici miei, mi duole molto sapere che ai nostri giorni, in un mondo sempre più tecnologico e all’avanguardia, ci sia così tanto disagio. Molte industrie della Sicilia, hanno messo molti padri di famiglia, in cassa integrazione. Sono stati tagliati i fondi per le scuole, i diritti civili. Manca poco e, pagheremo tutto e di tutto! Proprio per questo, ho deciso di scendere in campo, per lottare per i diritti umani! È inammissibile, una cosa del genere accada! Come poc’anzi ha asserito mia moglie, do conferma. Non essendo padre, mi ferirebbe sentirmi dire da mio figlio” papà, ho fame!”  proprio per questo, ho una marcia in più, una spinta in più, un’arma in più per lottare e sconfiggere la disoccupazione in Sicilia! Proprio per questo vi chiedo, aiuto! Solo voi, potete decidere il vostro futuro. Per far questo, non dovete far altro che, affidarlo a me, ed io, lo arricchirò di speranze, e di certezze!

OPERAIO

(Si alza) scusate tutti, mi è permesso diri due paroline? (Antonio gli da la parola) chiddu ca lei dice, mi piace molto e merita rispetto. Ci vulissi diri, lei fa u politico, o l’attore?

ANTONIO

(Col sorriso) se sto qua, è ovvio che faccio politica. Non si nota?

OPERAIO

Io sugnu comu i fimmini ca, nun si perdinu una puntata di telenovela. Nun mi perdu un comizio ca tutti vuatri in giacca e cravatta, faciti. Ricordo, li stissi parole li ha ripetute nel comizio di quattro anni fa. Oramai, u sapemu ca ni pigghiati tutti pi fissa, però, se dovete dire delle cavolate, canciativi u copione! Grazie! (Si siede)

ANTONIO

(Preso in fallo, resta di stucco, ma poi, si riprende) come dicevo, se entrerò alla camera di Roma, vi farò dimezzare le tasse. Più contributi per le piccole imprese, ma soprattutto, cercherò di aprire una sede in paese, per far si che, ognuno che abbia dei problemi, li rivolga in segreteria, ed io, sarò pronto lì ad intervenire, per il bene e il futuro di questa gente!

CONTADINO

Stai zitto! Quattro anni fa, ni facisti i stessi promesse. Più sostegno alle imprese, più aiuti all’agricoltura. Noi tutti, ti dettimu i voti e ti nni scappasti a Roma e ni lassasti, nei guai! Cu quali coraggio, sei tornato? Vergognati!

ANTONIO

Invece non ho vergogna! Perché io, sono andato a svolgere il mio lavoro! Lei , al mio posto, cosa avrebbe fatto?

CONTADINO

Nun avissi fattu, tante promesse, sapennu di non esaudirle! A curpa è nostra, ca vi vutamu! Nun avissimu a vutari nuddu! Lu facemu, no picchì semu ignoranti, lu facemu spirannu di truvari unu onestu chi nni aiuta veramente. Invece, siti tutti i stessi! In Sicilia, semu ricchi di frutta, verdura, belle terre, bel clima, aria pura e di petrolio!!! I megghiu artisti, sunnu tutti siciliani!  Nuatri, nun avissimu di bisogno di l’Italia pi campari. Putissimo stari bene, anche soli. E cu trasissi in Sicilia, avissi a pagare. No, ca semu nuatri a pagare. Vergogna!

ANTONIO

Apprezzo quello che lei dice, ma non vedo il senso del discorso! Perché tutto questo lo dice a me? Io, sono un piccolo uomo che, lavora per lo stato!

MURATORE

Appunto, picchì sei lo stato, ni avemu li sacchetti chini! Amici siciliani, a cu aspettati? Alzatevi, mostrate a vostra faccia e facitivi sentiri. Facemuci capiri a ‘sti individui( col dito, verso i deputati) che al contrario loro, siamo noi i signori, ca ni spaccamu a schiena da matina a sira, a guadagnare un pezzo di pane, (evidenzia guardando Antonio) onestamente (Nessuno si alza)

ANTONIO

(Ride soddisfatto) A quanto pare, i tuoi paesani, o meglio, la mia gente, da ragione a me! 1, Non si alza, perché al contrario tuo, sono educati. 2, se mi hanno dato fiducia quattro anni fa, lo rifaranno, anche stavolta. Lo sanno tutti, che non li abbandonerò! Ora siediti e goditi lo spettacolo, illuso! (Ride. Il muratore deluso, si siede) dove eravamo arrivati…ah si, aumenterò il lavoro, darò più contributi alle medie e piccole imprese e…

STUDENTE

(Si alza, attirando l’attenzione di Antonio) Mostro il mio volto per dire basta, ai politici che sfruttano il popolo per i loro interessi. A quelli che pensano solo al potere, non al bene della gente. A quelli che, non si fanno ne vedere ne sentire quando stanno in potere, ma ti riconoscono tra milioni di persone, per stringerti la mano, solo quando di mezzo ci stanno le votazioni. Solo allora, siamo amici e parenti! Io sono studente, non ho certezze per il futuro e, per colpa vostra, in quanto stato, lascerò la mia terra, in cerca di lavoro altrove. Vergogna!

PENSIONATO

(Si alza) I deputati italiani, sunnu i cchiù pagati d’Europa! 16 mila euro o misi!!! In più, godete dei vitalizi, ca sunnu soldi in più, ca nun haju mai caputu u picchì! Vi basta fare cinque anni, pi godere da pensioni du stissu stipendio. Io, haju fattu ‘na vita di sacrifici, una vita di pagare contributi, una vita di spaccarimi a schiena a travagghiari. Mi ritrovo cu una misera pensione di 500 euro. Arrivo a fine misi ca lingua di fora tra tasse, manciari, affitto, esigenze varie. Mi fa rabbia sapiri ca, in Italia c’è cu mancia a deci buccuni, e cu si va curca dijunu!. È una vergogna!!!

MURATORE

A cosa ca mi fa cchiù rabbia è, guadagnati un mare di soldi e nonostante chistu, aviti una marea di privilegi! In teatro, cinema, tessere, buoni sconto, auto blu e ristoranti! E nuatri tutti, ca guadagnami i soldi giusti giusti pi campari, pagami puru l’aria chi respiramu. Vergogna!!!

CASALINGA

Sugnu vedova. Un anno fa, persi a me marito, in un incidente sul lavoro. Haju tri figghi di campari, una casa da mannari avanti, lavu scali da matina a sira, pi 30 euro o jornu. Lo stato, nun mi ricanusci a pensione pi la morte di me marito, picchì era un operaio in nero. Ora dico, è sbagliato lavorare in nero, ma si vuatri, invece ca guadagnari tutti ‘sti soldi, vi dimezzassimo u stipendio, e dassivo cchiù aiuto alle imprese, nun pinsati ca tutti, si mittissiru in regola? È inutili chiddu ca dicu, u sazio o dijunu nun la mai cridutu!!! Vergogna!

 

OPERAIO

Sugnu in cassa integrazione da sei mesi. Mutuo da pagare, un figlio in arrivo. Chi futuro ci pozzu dari a me famigghia? Mi nne ghiri a rubari, pi campari? Certo, si rubo io ca sugnu morto di fame, a legge, mi da l’ergastolo. Vuatri, rubati da matina a sira, mai un jornu di carceri. chi vergogna! Inveci di litigarivi pi vostri interessi, litigatevi pi l’interessi di nuatri poveri. Sulu così, sarete applauditi du popolo!

ANZIANA

Puru io campu cu ‘na misera pensione. Nun mi pari mali a dillu, ogni jornu, mi fazzu u giru di mercatini, pi circari a terra frutta o verdura scurdata o jettata. Tuttu chistu, pi risparmiare cocchi cosa. A cosa ca mi fa cchiù mali, e ca persi un figghiu, pi curpa vostra! Chinu di debiti e senza travagghiu, si ammazzò.

ANTONIO

Che c’entriamo noi, signora? Si sbaglia di grosso!

ANZIANA

Inveci dico a verità! Si vuatri ca rappresentati u stato, vi mobilitassivu pi dare lavoro e sostegno in Sicilia, certi tragedie nun succidissiru. Vergogna

INSEGNANTE

Sono una professoressa di lettere. Dopo anni di studio, mi ritrovo senza lavoro e, senza una cattedra. Con le nuove leggi, avete cancellato migliaia di posti di lavoro agli insegnanti, tornando al maestro unico. Vi rendete conto ch’è avete mandato a casa, gente che lavora per tramandare la cultura italiana? E poi, avete anche tagliato i fondi per il teatro! Cioè, volete sopprimere la cultura italiana. Tutto questo è vergognoso!

ANTONIO

Apprezzo quello che avete detto. È giusto che, ognuno esprima la  propria opinione. Però, nessuno di voi, deve permettersi di poter giudicare quello ch’è giusto, quello ch’è sbagliato! Noi siamo lo stato ed è bene che ci siano dei privilegi, a nostro riguardo. Voi siete il popolo, non impicciatevi nella legislatura della politica italiana! (Fischi tra il pubblico attore) Compare, vi rendete conto che gente c’è nel vostro paese? Non mi era mai capitato di trovare così tanti villani!

CONTADINO

Villani vuatri siti, ca caminati a testa alta e, vi nni futtiti di chiddi chi stannu sutta di vuatri. Nuatri semu i signori, ca puru si soldi nun avemu, facemu a metà cu chiddu ca nun havi mancu nenti! Stefano, nun ci andari d’appresso e, nun ti fari illudere di chiacchere! Lassali perdiri e, continua pa to strata! (Fischi e disappunto tra il pubblico)

CERINO

(Interviene) Silenzio! Abbiate rispetto per noi, che siamo la vostra legge, la vostra politica, le vostre idee! Ammetto qualche errore e mancanze, ma abbiate il rispetto per (Toccando il vestito) chi indossa una responsabilità!

OPERAIO

Chista ma chiami responsabilità? Come ha ben detto il mio compaesano, i signori semu nuatri, ca facemu a metà con chi nun havi nenti. Vuatri faciti comu fannu i porci. Pensanu a manciari sulu pi iddi, lassannu dijuni l’avutri. E puru ca morinu di fame, se ne fregano!!!

ANZIANA

Sissignore! Come i porci fanno. E iddi chistu sunnu, i porci ca cravatta!

ANTONIO

(Irruente) Maleducata e maleducati tutti! Come vi permettete, verso di noi?! Noi siamo la legge. Vergognatevi! Compare, avete sentito? Questo è il bel popolo di cui mi parlavate? Vergognatevene! (Stefano scende dal palco, si dirige verso il pubblico attori. Appena giù, si gira verso il compare) Che significa questo?

STEFANO

È a verità, tra nuatri popolo e, vuatri politica, c’è una grande differenza! Vuatri state in alto, e governate i nostri pensieri. Nuatri, stamu in basso, e decidemu cu li vostre maniere. Vuatri, grandi serate e bella vita, nuatri senza soldi e tanta fatica. Vuatri, auto di lusso, viaggi e vacanze. Nuatri, tasse mutuo cu tante spiranze. Vuatri, immersi ne vostri tanti privilegi, nun pinsati a nenti. Nuatri, aggrappati alla fede, spiramu in un jornu migliore, ca fussi a salvezza da vita nostra. Taliannuvi da cca sutta, mi rendo conto, sugnu felice di fari parte du popolo. Nun semu comu vuatri, belli frischi e pittinati, ma cu suduri di la frunti, nuatri, scrivemu a storia di la vita! Purtroppo, a storia ca scriviti vuatri è chista, aviti così tanti soldi, ca nun aviti cchiù posto, pi aviri un cori. (Si rivolge al pubblico, con braccia protese) nuatri, popolo di la sofferenza, semu tutti morti di fame, ma la nostra gioia è, avemu u cori granni!! Pi chistu, ni chiamamu SICILIANI! – da sostituire , in base alla propria regione di appartenenza- (Cala il sipario)

Fine!

www.giovanniallotta.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno