I promessi sposi

Stampa questo copione

ALDO LO CASTRO

I PROMESSI SPOSI

Liberamente ispirato all’omonimo romanzo di A. Manzoni

                     PERSONAGGI (in ordine d’entrata):

IL CORO

1 BRAVO  

2 BRAVO   

PERPETUA

DON ABBONDO 

RENZINO 

AGNESE

LUCIETTA

DON BASILIO “Sbrogghiamatasse”

DON RODRIGUEZ

FRA’ CRISTOFORO

CICCIO

NINO

L’INNOMINABILE

GERTRUDE, la “monaca di Ponza”

ATTO PRIMO

Una piazzuola. A sinistra, casa con porta e finestra. Tra il fondo e lo “spezzato” di sinistra, ingresso comune da cui si nota una stradina. Sul fondo, altra casa con balcone. A destra, casa con porta. A destra, in prima, altra casa con porta e finestra. Stradina tra la casa di fondo e quella di destra.

CORO –(popolane)  Chista è storia d’amuri e priputenzi!

         Una storia di du’ innamurati

         ca patisciunu peni e suffirenzi

         pì curpa di putenti sciallarati!

Sposi promessi!

         Promessi sposi!

         Tanti li spini

         pochi li rosi!

         Iddu è Renzinu

         Fa ‘u contadinu

lei è Lucietta.

         Fa la servetta.

         Sposi promessi

         Promessi sposi…

Sposi promessi, promessi sposi

         Chista è la storia di Lucietta e Renzinu 

         Ascutati comu jenu li cosi

         E viditi lu stranu distinu…

(Il Coro, via)

2 –

(Dalla comune, entrano i due Bravi)

1 BRAVO – Unn’è ca sta chissu?

2 BRAVO – Ddà.

1 BRAVO – Tuppuliici.

2 BRAVO – Tuppuliamici ‘nsemi.

(Bussano assieme alla porta di Don Abbondo)

PERPETUA – (f.s.) Cu’ è?

I DUE BRAVI – I Bravi!

PERPETUA – (s’affaccia al balcone) Cu’ è ca siti?

1 BRAVO – Ancora? Vi stamu dicennu ca semu Bravi.

PERPETUA – Ma… bravi a fari chi?

2 BRAVO – Donna, noi siamo i Bravi di Don Rodriguez…

I BRAVI – (assieme) … visconte di Mendoza y Castiglia y Siviglia, duca di Bronte y Maletto, marchese di Petralia Soprana y Sottana!

PERPETUA – E chi voli tutta ‘sta genti?

1 BRAVO – Dobbiamo parlare col vostro padrone, don Abbondo.

2 BRAVO – Chiamatelo!

PERPETUA – Comu?

1 BRAVO – Ma chi siti surda?

PERPETUA – (equivoca) Quali sutta! No’ viditi ca sugnu ccà supra?

1 BRAVO – ‘U vuliti chiamari a don Abbondo, sì o no?

PERPETUA – Don Abbondo? Non c’è.

2 BRAVO – Chiamatelo lo stesso.

PERPETUA – Si vi staiu dicennu ca non c’è!

2 BRAVO – (al 1) Non c’è.

1 BRAVO – E unn’è?

2 BRAVO – Unn’è?

PERPETUA – E chi ni sacciu? Ma che ci dovete dire…?

1 BRAVO – Non sono affari che vi riguiardano, bona fimmina.

2 BRAVO – Non sono affari che vi riguardano!

1 BRAVO – Ritiratevi. Noi aspettiamo qua.

2 BRAVO – Ritiratevi.

PERPETUA – Vi vuliti accomodari in casa?

1 BRAVO – No, grazie.

2 BRAVO – No, grazie.

PERPETUA – Comu vuliti, prego. (Esce e richiude il balcone)

2 BRAVO – E si non veni, chi facemu?

1 BRAVO – Ci dobbiamo parlare, no? E dunque, lo aspettiamo finu a quannu non s’arritira.

2 BRAVO – E si non s’arritira?

1 BRAVO – Abbiamo l’ordine di trovarlo vivo o morto!

2 BRAVO – E si ‘u truvamu mortu, comu ci parramu?

1 BRAVO – Veru è. E allura, chi facemu?

2 BRAVO – ‘U ‘spittamu. E speriamo c’arriva vivu.

1 BRAVO – Ccà è, sta arrivannu…

2 BRAVO – Vivu?

1 BRAVO – Vivu… per ora..

3 -

(Sopraggiunge Don Abbondo)

1 BRAVO – I miei rispetti, don Abbondo.

2 BRAVO – I miei rispetti.

DON ABBONDO – ‘U Signuri v’accumpagna. (Si avvia verso casa)

1 BRAVO – (lo ferma) Signor curato… Noi siamo Bravi!

DON ABBONDO – Bravi, bravi… santi e biniditti…

1 BRAVO – Non ci siamo capiti.

2 BRAVO – Non ci siamo capiti.

1 BRAVO – Siamo i Bravi di don Rodriguez…

DON ABBONDO – Don Rodriguez?!

2 BRAVO –Don Rodriguez, bravo….

DON ABBONDO – No, veramente voi siete Bravi… Iù sugnu un povero curato di paisi

1 BRAVO – E bravo!

DON ABBONDO – Come ci stavo dicendo all’amicu tò, iù non sugnu Bravu…

1 BRAVO – Chi facemu macari i spiritusi?! (al 2 Bravo) Fa ‘u spiritusu!

2 BRAVO – E bravo!

DON ABBONDO – Dunque, mittemini d’accordu: vuatri cu’ siti?

I BRAVI – (insieme) I Bravi!

DON ABBONDO – Oh, bravi! E io, no. Io sono il curato. Piacere.

I BRAVI – (insieme) Piacere.

(Si stringono la mano)

DON ABBONDO – E ora, m’u vuliti diri chi è ca vuliti?

1 BRAVO – Nuatri, nenti.

2 BRAVO – Nenti.

DON ABBONDO – E allura, faciti i bravi, jtavinni ‘e casi.

1 BRAVO – Nuatri, nenti! Ma don Rodriguez ci deve fare una preghiera.

2 BRAVO – Una preghiera.

DON ABBONDO – Una preghiera?

1 BRAVO – Per caso, domani, vossia deve celebrare il matrimonio fra un certo Renzino…

2 BRAVO - … e una certa Lucietta?

DON ABBONDO – (finge di non ricordare) Renzino… Renzino…

I BRAVI – E Lucietta.

DON ABBONDO – …e Lucietta? Può essiri.

2 BRAVO – Non può essiri!

DON ABBONDO – Non si chiama Lucietta…?

1 BRAVO – Di chiamarisi si chiama Lucietta…

2 BRAVO – E’ ’stu matrimoniu ca non po’ essiri.

DON ABBONDO – In che senso?

1 BRAVO – Parramini chiaru: ‘stu matrimoniu, vui, dumani non lu faciti.

DON ABBONDO – Dopudumani?

2 BRAVO – Mancu.

DON ABBONDO – Duminica prossima?

1 BRAVO – ‘Stu spusaliziu non si fa né dumani né dopudumani e mancu duminica!

DON ABBONDO – E quannu, allura?

I BRAVI – Mai!

DON ABBONDO – E pirchì?

I BRAVI – Boh?

1 BRAVO – Accussì ni dissi don Rodriguez e accussì ci stamu dicennu a vossia.

DON ABBONDO – Ma non è possibile… Comu fazzu? Chi ci dicu a ddi carusi?

2 BRAVO – Caddi vostri.

1 BRAVO – Chi ci vulissivu fari uno sgarbo a don Rodriguez?

DON ABBONDO – No, chi c’entra…?

1 BRAVO – Pirchì si putacasu vulissivu fari uno sgarbo a don Rodriguez… (con un gesto eloquente indica che gli sarà mozzato il capo) Ci siamo capiti?

DON ABBONDO – Ci siamo capiti.

2 BRAVO – E allura… menza parola, puntu e basta.

1 BRAVO – Che ci dobbiamo riferire a don Rodriguez?

DON ABBONDO – C’avissi acciuncari di tutti du’ jammi!

I BRAVI – Che cosa?

DON ABBONDO – Ca iù avissi acciuncari si fazzu ‘stu matrimoniu.

I BRAVI – Ah!

DON ABBONDO – E, mi raccumannu, salutatammillu assai assai a don Rodriguez.

1 BRAVO – Vossignoria sarà servito.

DON ABBONDO – Non v’u scurdati!

1 BRAVO – Non scurdatavillu mancu vui.

DON ABBONDO – Che cosa?

I BRAVI – ‘Stu matrimoniu non si fa.

DON ABBONDO – Ca quali matrimoniu, schifiu! Certu ca non si fa.

1 BRAVO – Naturalmenti… senza parrari cù nuddu di ‘stu discursu. Pirchì, se no… ci siamo capiti, abberu?

DON ABBONDO – E a cu’ ci l’haiu a cuntari?

2 BRAVO – Si vuliti campari ancora… mutu e pipa!

I BRAVI - I nostri rispetti. (Via)

(Entra il Coro)

CORO – E Don Abbondu,mischineddu

         è ‘nsalanutu, puvireddu,

         non sapi daveru c’ha fari…

         non sapi chi pisci pigghiari…

         Si è pecura chi ci po’ fari?

         ‘U curaggiu cu’ ci ‘u po’ dari?

         Non è ca si può ribellari…!

         E cumincia forti a sudari…

4 –

DON ABBONDO – (grida) Perpetua!

PERPETUA – (s’affaccia al balcone) Chi su’ ‘sti vuci? Chi è ‘n’atra vota ‘mbriacu?

DON ABBONDO – Quali ‘mbriacu, scunghiuruta! Scinniti!

PERPETUA – Bih beddamatri, chi successi? (esce e riappare dalla porta)

DON ABBONDO – (si accascia sulla panca) Mi sentu mali…!

PERPETUA – Quali animali?

DON ABBONDO – Iù mi sentu mali! E vui ci sintiti malissimu!

PERPETUA – Iù bona mi sentu…

DON ABBONDO – Perpetua… non mi faciti sdilliriari ca non ci ‘a fazzu…!

PERPETUA – Ma chi è ca havi?

DON ABBONDO – Ricuminciamu da capu: mi sentu mali!

PERPETUA – Non si senti bonu?

DON ABBONDO – Eh! 

PERPETUA – Ma santu cristiani, vossia pirchì si ni va sempri ‘nta ddu schifiu di putia? ‘A quarumi è dannifica, ci fa mali! E appoi s’arritira c’o duluri di panza! Trasissi ca ci fazzu ‘npocu di acqua vugghiuta…

DON ABBONDO – Finistivu?

PERPETUA – Ah?

DON ABBONDO – Non n’haiu bisognu di acqua vugghiuta!

PERPETUA – Va beni, mi staiu muta. Ma non è megghiu ca si pigghia un pocu di acqua vugghiuta? Ci mettu macari l’alloro e…

DON ABBONDO – Poco fa… vinniru du’ carusazzi…

PERPETUA – Ah, ci parraru?

DON ABBONDO – ‘U sapiti cu’ eranu?

PERPETUA – No.

DON ABBONDO – Due Bravi!

PERPETUA – Accussì mi dissiru  macari a mmia. E comunque, mi parsiru daveru du’ bravi carusi…

DON ABBONDO – Due Bravi! Du’ delinquenti! Du’ figghi di tappinara!

PERPETUA – Sì? Non parevanu…

DON ABBONDO – E m’i mannò don Rodriguez!

PERPETUA – Don Rodriguez?! Ddu tintu spagnolu ca fa ‘u patrunazzu, nto paisi?

DON ABBONDO – E’ ca non vi pozzu cuntari nenti…

PERPETUA – E chi è ca voli chissu di vossia?

DON ABBONDO – Vi staiu dicennu ca non pozzu parrari.

PERPETUA – E pirchì?

DON ABBONDO – Pirchì si si veni a sapiri in giru c’haiu parratu…

PERPETUA – Chi fanu, ci dununu corpa?

DON ABBONDO – Quali corpa…

PERPETUA – Appunto!

DON ABBONDO – M’ammazzanu.

PERPETUA – Sì, va beni! E pirchì non s’arrisica il signor don Rodriguez? C’appoi ni facemu quattru risati!

DON ABBONDO – Non vi vulissi scunzari ‘u divertimentu… ma si ci livamu l’acqua non è megghiu?

PERPETUA – Disonestu! Ma si po’ sapiri chi è ca voli?

DON ABBONDO – Ancora!? Non pozzu parrari!

PERPETUA – Don Abbondo, mi cuntassi ‘u fattu pirchì se no, stasira, non pozzu dormiri!

DON ABBONDO – E si v’u cuntu, iù, inveci, dormu pì sempri.

PERPETUA – Ma comu, propriu a mmia non mi voli cuntari nenti?!

DON ABBONDO – E propriu cù vui mi scantu.

PERPETUA – Ma… daveru daveru vossia pensa ca mi mettu a fari curtigghiu trattannisi di ‘na cosa dilicata?!

DON ABBONDO – No! Vui, curtigghiu? Quannu mai…! Ci vanniati ‘u bannu!

PERPETUA – ‘U bagnu?!

DON ABBONDO – Va bene, vah. D’altra parte, mi debbo sfogare, no? A qualcunu ci l’haiu cuntari se no moru! E dunque, mortu pì mortu… Don Rodriguez mi mannò a diri che non debbo sposare a Renzino e Lucietta.

PERPETUA – E pirchì?

DON ABBONDO – E chi ni sacciu? Avete capito, ora, pirchì mi sentu mali?

PERPETUA – Ma è curiusu forti, chissu! Chi c’interessa si ddi du’ carusi si maritanu oppuri no?

DON ABBONDO – E si viri ca c’interessa. Ora, facitimi ‘u favuri, cuntataccillu a tutti!

PERPETUA – E certu! L’haiu a svirgugnari cù tutti a ‘stu malasurtatu!

DON ABBONDO – Allura n’hata caputu nenti?!

PERPETUA – Ah?

DON ABBONDO – V’hata stari muta! Altrimenti… ci siamo capiti?

PERPETUA – Ah, già. Va bene, mi staiu muta. Ma vossia chi pensa di fari, ora?

DON ABBONDO – No’ sacciu.

PERPETUA – Pirchì non ci stampamu ‘na bella querela?

DON ABBONDO – Muta! Quali querela?! Ma chi mi vuliti daveru mortu? Vo’ jtivi a curcari, vah…Livativi d’ammenzu ‘i peri!

PERPETUA – Comu voli… Vidissi ca ci priparai ‘mpiatteddu di lattughi e du’ mulingiani arrustuti… Ci conzu ‘a tavula e mi curcu…

DON ABBONDO – Non mi cunzati nenti pirchì non mangiu.

PERPETUA – Ascutassi a mmia: non si facissi impressionari di ‘stu don Rodriguez! Vossia, ora, mangia, si vivi ‘mbicchiereddu di vinu e poi si fa ‘na bella durmuta. Dumani pensa Diu.

DON ABBONDO – Vi ni vuliti jri? Facitimi diri le orazioni in santa paci.

PERPETUA – Allura vi fazzu ‘npocu di acqua vugghiuta?

DON ABBONDO – Buona notte.

PERPETUA – Buona notte. (Via)

5 –

(Don Abbondo resta solo. Seduto sulla panca, sospira e biascica preghiere. Sopraggiunge dalla Comune, Renzino).

RENZINO – (s’accorge di don Abbondo che, a capo chino, sembra dormire) Don Abbondo! Chi fa, s’addurmiscìu fora…?
DON ABBONDO – Ca quali dormiri, figghiu miu… Cu’ è ca po’ dormiri? Sto recitando le orazioni vespertine…
RENZINO – (gli siede accanto. Sorride)  Don Abbondo.

DON ABBONDO – Gioia.

RENZINO – Mi sa ca stanotti mancu iù pozzu dormiri…
DON ABBONDO – Pirchì, chi ti successi?
RENZINO – E chi m’hava succediri? Nenti.

DON ABBONDO – Beatu tu.

RENZINO – Sono troppo emozionato pì dormiri…
DON ABBONDO – Emozionato…?
RENZINO – E certu. Nella vita, ‘na vota sula, unu si marita!

DON ABBONDO – Naturale.

RENZINO – Non è ca fa dui o tri matrimoni l’annu!

DON ABBONDO – Scanzatini! E’ proibito!

RENZINO – Appunto. Un matrimonio basta e avanza.

DON ABBONDO – E certi voti non si può fare mancu chiddu.

RENZINO – Non ho capito.

DON ABBONDO – No, dico, alle volte, diventa difficili maritarisi… ch’e tempi ca currunu…!

RENZINO – Veramenti iù ‘u travagghiu l’haiu, Lucietta fa ‘a cammarera… ‘U pani di sicuru non ni manca. Qual è ‘u problema?

DON ABBONDO – Santa carusanza, comu ‘a faciti facili!

RENZINO – Don Abbondo, mi dicissi ‘na cosa, i ciuri alla sposa, s’i portanu in chiesa o ci l’haiu a mannari a’ casa?

DON ABBONDO – Quali ciuri?

RENZINO – La sposa, di regola, non deve avere i fiori…? Ora io vulissi sapiri… vistu ca vossia è praticu di matrimoni… 

DON ABBONDO – Iù…? E cu’ s’ha maritatu mai!

RENZINO – (ride) Stasira havi ‘u sbaddu, ah! No, dico… i fiori… Va bene, vah, c’i mannu a’ casa.

DON ABBONDO – Che cosa?

RENZINO – I ciuri. Ci fazzu un mazzu di ‘sta manera!

DON ABBONDO . A cui?

RENZINO – A Lucietta, no? Comunque, continuassi a diri le sue orazioni, mi ni vaju… Ni videmu dumani matina.

DON ABBONDO – Avemu qualche appuntamentu?

RENZINO – (ride) E sì, mi pari ca havi ‘u sbaddu pì daveru, vossia! Dumani, alle dieci in punto, sugnu davanti a’ chiesa.

DON ABBONDO . A fari chi?

RENZINO – A pigghiarimi ‘u suli.

DON ABBONDO – No ca poi ti scattia ‘u ciriveddu.

RENZINO – ‘U ciriveddu m’u sta facennu scattiari stasira, vossia! Ma si po’ sapiri chi è ca havi?

DON ABBONDO – Iù? Nenti. Che debbo avere?

RENZINO – Chi sacciu… mi sta parennu stralunatu…Si jssi a curcari ca dumani ‘u vogghiu beddu arzillo per il mio matrimonio.

DON ABBONDO – A proposito, Renzino, ho l’impressione ca dumani non ti pozzu maritari.

RENZINO – E chi c’entra vossia? Iù cù Lucietta m’haiu a maritari! (Ride)

DON ABBONDO – Mi pari ca ora, ‘u sbaddu l’hai tu.

RENZINO – Don Abbondo, sta parrannu serio?

DON ABBONDO – “Tragicamente” serio. Dumani… non è possibile.

RENZINO – Chissa è bella… E pirchì?

DON ABBONDO – Ci haiu un funerale…Chi ti vo’ maritari co’ mortu ammenzu e’ peri?

RENZINO –  E cu’ è ca morsi?

DON ABBONDO - Ancora nuddu…

RENZINO – E allura…?

DON ABBONDO – E allura, e allura… Chi ni sai, tu, figghiu miu…!

RENZINO – Appuntu. Siccomu non sacciu nenti, mi spiegassi…

DON ABBONDO – Chi ti spiegu?! E comu t’u spiegu? Ni capisci, tu, di diritto canonico?

RENZINO – No.

DON ABBONDO – Ha’ visto? E, dunque, non ti pozzu spiegari nenti. “Ubi major, minor cessat”… e non ti dico altro.

RENZINO – No, no… Vossia mi “deve” dire altro!

DON ABBONDO – Ma benedetto figliolo, ni sai, tu, di diritto canonico?

RENZINO – E ci insisti cù ‘stu dirittu cannolicu!

DON ABBONDO – Canonico! Ci insisto perché essendo tu ignorante e…

RENZINO - … e bestia…!

DON ABBONDO – No, quali bestia… Dico, ignorante e sprovveduto in materia… non ti rendi conto delle procedure, le carte…

RENZINO – Carte?! Ma si mi ni fici nesciri ‘na vintina di chila! Ancora carte ci volunu?

DON ABBONDO – Non ci ni volunu carte… Fammi ‘u favuri… Dammi ‘na chinnicina di jorna e videmu chi si po’ fari…

RENZINO – Chinnici jorna?! Facemu du’ misi?

DON ABBONDO – Non fussi mali ma visto ca tu hai primura di maritariti…

RENZINO - … mi maritu dumani.

DON ABBONDO – E ci torna! Dumani non può essiri!

RENZINO – Don Abbondo, secunnu vossia, chi sugnu cretinu?

DON ABBONDO – Quali cretinu… Semmai ignorante…

RENZINO – No, no, mi rispunnissi: sugnu cretinu?

DON ABBONDO – Ma chi c’entra…?

RENZINO – E allura, mi rispunnu iù stissu: non sugnu cretinu!

DON ABBONDO – E cu’ t’ha dittu ca si’ cretinu?

RENZINO – No, vossia mi dissi “cretinu”!

DON ABBONDO – Iù?!

RENZINO – Parramini chiaru: chi c’è sutta?

DON ABBONDO – Se ti ho spiegato…

RENZINO – Che cosa m’ha spiegato? Non m’ha spiegato propriu nenti!

(S’affaccia al balcone Perpetua)

PERPETUA – Don Abbondo, ancora non s’a ghiutu a curcari?

DON ABBONDO – Ora, ora… ci staiu jennu… Buona notte, Renzino…

RENZINO – Quali bona notti…?! E vossia si ni voli nesciri d’accussì?

PERPETUA – Renzinu, gioia, lassalu jri a ‘stu mischineddu ca non c’entra nenti, iddu! Non n’havi curpa.

DON ABBONDO – Vi vuliti stari muta, sì o no?

RENZINO – No, no, parrati, inveci, donna Perpetua! Si ‘a curpa non è so, di cu’ è, allura?

PERPETUA – No’ sacciu, non pozzu diri nenti! ‘U fattu è ca ‘nto munnu, ci su’ certi sdisonesti, certi cosi fitusi… Lassamu perdiri, vah! (Via. Richiude il balcone)

RENZINO – (a don Abbondo) E allura?

DON ABBONDO – Ni parramu dumani, megghiu?

RENZINO – Ni parramu subitu! Cu’ su’ ‘sti sdisonesti… ‘sti cosi fitusi…?

DON ABBONDO – Ma chi mi vuoi, mortu?

RENZINO – Insomma, cu’ è chissu ca non voli ca mi maritu?

DON ABBONDO – Si parru, m’ammazzanu, ‘u capisci o no?

RENZINO – Ma pirchì, si non parra, vossia è cunvintu ca resta vivu? Don Abbondo, non mi facissi incazzari! Cu’ è?

DON ABBONDO – Don…

RENZINO – Don Ciccinu, ‘u putiaru?

DON ABBONDO – No, don Ro…

RENZINO – Don Rosario vorricamorti?

DON ABBONDO – Don Rodriguez!

RENZINO – ‘U Spagnolu?

DON ABBONDO – Mi ha minacciato di morte si vi maritu, hai capito?. Iù non t’haiu dittu nenti. Qui lo dico e qui lo nego. Ora, ti raccumannu, non fari ‘u pazzu…! Buona notte. (Scappa via, in casa)

6 –

(Renzino rimane solo. Si lascia cadere sulla panchina, mani fra i capelli)

RENZINO – Ma cosi di l’autru munnu! Pì quali schifiu di ragiuni, Don Rodriguez non voli ca ni maritamu? E’ tragicu pì daveru, chissu! A meno che… Non cridu ca Lucietta fici a culumbrina cù iddu…? Varda ch’è bella, vah! Mi pareva ca stanotti non puteva dormiri per il matrimonio e inveci finìu ca non pozzu dormiri pirchì ‘u matrimoniu non si fa! E si vaiu ‘nto palazzu d’o Spagnolu e ci dumannu spiegazioni? Sì, chiddu mi fa dari ‘na fraccata di vastunati e poi m’abbìa de’ scali! No, è megghiu evitare danni alla mia persona fisica… E poi, si moru, chi ci cunchiuru?

CORO – Quant’è storta la vita, quant’è amara!

         P’ò puvireddu la furtuna è avara!

         A li signuri ogni cosa è concessa

         e la supirchiaria a iddi è permessa!

         Lu cielu è niuru p’e svinturati,

         diluvia sempri, sunu assappanati…

         Ma lu suli splenni pì li putenti,

         puri si sunu tinti o deficienti!

(Il Coro, via. Intanto, albeggia. Renzino – che si era assopito –viene svegliato da alcune voci)

7 -

AGNESE – (voce f.s.) Lucietta!

LUCIETTA – (voce f.s.) Mamà!

AGNESE – (f.s.) Spicciati ca è tardu! ‘U sintisti?

LUCIETTA – (f.s.) ‘U sintii!

(Mestamente, Renzino s’accosta all’uscio di Lucietta)

RENZINO – (bussa) Donna Agnese!

AGNESE – (apre la porta) E tu chi ci fai ccà, a ‘st’orariu?!

RENZINO – Vi debbo parlare.

AGNESE – Chi fu? Trasi.

RENZINO – No, per ora, voglio parlare solo con voi.

AGNESE – Matri, quannu parri “italianu” mi fai preoccupari. Chi successi?

RENZINO – E allura, parru alla sagristana! Il signor curato dici ca ‘u matrimoniu non si po’ cchiù fari. E se per caso, ‘u fa, ‘u ‘mmazzanu.

AGNESE – Chi sta dicennu? Chi significa ‘stu discursu?

RENZINO – Non lo so. Sacciu sulu che un certo don Rodriguez non permette che Lucietta si marita col qui presente Renzino.

AGNESE – Don Rodriguez? E pirchì?

RENZINO – ‘U pirchì io lo domando a voi e, soprattutto, a vostra figghia.

AGNESE – Senti, giovanotto, chi senti diri cù ‘stu tonu?

RENZINO – Niente. Lo so io. Menza parola e basta.

AGNESE – Ti cunsigghiu di diri l’autra menza, prima ca mi siddìu bona bona!

RENZINO – E allora, ce la dico tutta, bella chiara ed esplicita. ‘U sapiti chi pensu? Pensu ca ‘a signurina Lucietta, in qualche modo – non so in che modo – si sia comportata in modo illecito con lo Spagnolo il quale, ora – in un modo o in un altro modo – impedisce il matrimonio. In questo modo, fa uno sfregio a me e a Lucietta s’a pigghia iddu.

AGNESE – In poche parole…?

RENZINO – Fazzu ‘u riassuntu?

AGNESE – Fallu.

RENZINO – Vostra figghia è ‘na tappinara.

AGNESE – Me’ figghia è… Può essiri. (Chiama a gran voce) Lucietta!

LUCIETTA – (voce f.s.) Mamà!

AGNESE – Veni ccà di cursa.

LUCIETTA – Renzino… Mamà… Chi su’ ‘sti facci?

AGNESE – Lassili jri i facci. (a Renzino) Facci ‘u riassuntu macari a idda.

RENZINO – Tu sei una tappinara.

LUCIETTA – In che senso?

RENZINO – Nel senso preciso di tappinara.

LUCIETTA – (alla madre) Ma c’addivintau sciamunitu? E tu non ci dici nenti?

AGNESE – Io resto in trepida attesa d’una tua spiegazione…

LUCIETTA – Matri, quannu parri “italianu” mi fai preoccupari…

AGNESE - … e dopo ti saprò dire se sei tappinara oppure no. (a Renzino) Parri tu o parru iù?

RENZINO – Parrati vui ca siti ‘a matri.

AGNESE – ‘U Spagnolu, don Rodriguez, non ti voli fari maritari. Qual è ‘u motivu? Ni sai cosa, tu?

LUCIETTA – In che senso?

RENZINO – Nel senso preciso della domanda.

AGNESE – Ahu, l’hai capito o no? ‘Stu cosa fitusa ha proibito a don Abbondo di fari ‘u vostru matrimoniu. Replico, dunque: tu ni sai cosa?

LUCIETTA – (scoppia a piangere) Quantu sugnu disgraziata! Quantu sugnu malasurtata!

RENZINO – (ad Agnese) Haiu l’impressioni ca qualche cosa ‘a sapi!

LUCIETTA – Era megghiu ca mureva appena nascìi!

AGNESE – Era megghiu ca non nascevi propriu!

LUCIETTA – Che destino infame, il mio!

RENZINO – Sì ca ‘u miu è bellu!

AGNESE – E ‘u miu?

LUCIETTA – Sono una disgraziata, mamà!

AGNESE – Questo l’abbiamo capito e semu d’accordu cù ttia. Ora mi vuoi spiegare…

LUCIETTA – Mamà… iù non haiu fattu nenti di mali…

AGNESE – Va bene, va bene… Parra, ora.

LUCIETTA – ‘A simana passata, iù era in casa d’a barunissa Calaciuri, a farici i sirviza, comu sempri… Spunta don Rodriguez e mi dici ca voli parrari c’o baruni. Io gentilmente ci dissi di passari cchiù tardu pirchì ‘u baruni non c’era e che, anzi, in quel momento, ero sola in casa…

RENZINO – E iddu?

LUCIETTA – E iddu, invece di jrasinni, cuminciò a scuncicarimi. “Ma lo sabe che tu sei una bella muchachita…“

RENZINO – A ttia?!

LUCIETTA – Allura, a cui?

AGNESE – Continua.

LUCIETTA – “Tu mi hai fatto perdere la cabeza…”

AGNESE – Chi è ca ci facisti perdiri…?

LUCIETTA – La cabeza… la testa.

RENZINO – Ma si’ sicura ca parrava cù ttia?

LUCIETTA – Si eramu iù e iddu suli, cù cu’ hava parrari?

AGNESE – Insomma, comu finìu?

LUCIETTA – Comu hava a finiri? Ca ci dissi che io ero promessa sposa a Renzino Travaglino e che non stava bene parrarimi in quel modo…

AGNESE – Brava!

LUCIETTA – Pì tutta risposta, iddu si misi a ridiri e mi fa:”Scummittemu ca tu non ti sposi con esto Renzino?” Comu, non mi sposu?! Chi fa sgherza, voscenza, ci dissi! Havemu i carti pronti, ‘u jornu fissatu…

AGNESE – Giustamenti…

LUCIETTA – “Fissarii! Tu appartieni a migo…e a nessun altro hombre…”

RENZINO – Non ho capito.

LUCIETTA – Dici ca appartegnu a iddu sulu! Schifìu! E,nel frattempo, mi jeva tuccannu… ccà… ccà… e macari ccà!

RENZINO – Ci staiu jennu a tagghiari ‘a facci!

AGNESE – Fermu! Unni vai?

RENZINO – Non vi preoccupati: vaiu, ci ‘a tagghiu e tornu!

LUCIETTA – Pì carità, Renzino, non fare pazzie…!

RENZINO – Sento il bisogno fisico di tagghiariccilla, lassatimi stari!

AGNESE – Finiscila e non fare il Rinaldo furibondo!

LUCIETTA – “Orlando furioso”, mamà.

AGNESE – Non mi contraddire!

LUCIETTA – Va bene, mamà.

AGNESE – Dunque… cerchiamo di non perdiri ‘a testa e di ragiunari. Ho ragione?

RENZINO – Aviti ragiuni. Ragiunamu.

LUCIETTA – Ragiunamu.

RENZINO – Tu muta, tappinarella!

LUCIETTA – Va bene, Renzi’.

AGNESE – Ci sarebbe ‘na soluzione facile facile.

RENZINO – LUCIETTA – Quale?

AGNESE – Irasinni ‘nta ‘npaisi ammeru Missina, unni non vi canusci nuddu e nuddu canusci ‘u Spagnolu, e ddà maritarivi.

RENZINO – Veru è. Non ci hava pinsatu.

LUCIETTA – Ma è luntanu ammeru Missina?

RENZINO – Muta, tappinarella!

LUCIETTA – Va bene, Renzi’.

AGNESE – Ma a mmia i soluzioni facili facili non mi piaciunu.

LUCIETTA – E pirchì? Su’ accussì belli i soluzioni facili facili…!

RENZINO – Muta, tappinarella!

LUCIETTA – Va bene, Renzi’.

AGNESE – Io, nella mia vita, haiu cummattutu cu spagnoli, francisi, marucchini… e ho sempre vinto! Dunque, non sarà un tintu Spagnolu a farimi battiri in ritirata. Vuole la guerra? E guerra sia.

RENZINO – E allura, ci vaju a tagghiari ‘a facci e tornu!

AGNESE – E torna!

RENZINO – Tornu, tornu… Quantu ci pozzu stari?

AGNESE – E torna… nel senso ca ti fissasti! Tu non ci tagghi ‘a facci a nuddu!

RENZINO – E allura, chi guerra è?

AGNESE – Guerra fredda.

LUCIETTA – E chi significa?

RENZINO – Muta, tappinarella! (A Agnese) E chi significa?

AGNESE – Guerra ch’e carti.

RENZINO – Ch’e carti?! ‘u sfidamu a farisi ‘na briscula…?

LUCIETTA – E cu’ sapi jucari, mamà?!

RENZINO – Si è pì chissu, iù m’a fidu…

AGNESE – Certu ca tutti dui aviti ‘nciriveddu ca non è bonu mancu ‘mpanatu cù l’ova! Guerra ch’e carti… guerra legale!

LUCIETTA – E comu si fa ‘a guerra legale?

RENZINO – Muta, tappinarella. (A Agnese) Cioè?

AGNESE – Quello che ci serve, prima di ogni cosa, è un consiglio legale.

8 –

(Entra – portandosi dietro un piccolo tavolinetto e delle carte – Don Basilio che si sistema in un angolo della scena)

DON BASILIO – I miei omaggi mattutini a lor signori.

(Gli altri rispondono al saluto, a soggetto)

AGNESE – (indica Don Basilio) E cu’ c’è megghiu di iddu?

RENZINO – Don Basilio “Sbrogghiamatassi”?

AGNESE – Ca certu. Allura pirchì ‘u sanu sentiri “Sbrogghiamatassi”? Parramici, videmu chi ni cunsigghia…

RENZINO – Alt! Un momento! Chissu è discursu di omini. Ci parru iù sulu.

AGNESE – Va bene, abbasta ca t’annachi. (A Lucietta) Trasemu, nuatri.

(Agnese e Lucietta, via)

RENZINO – (si avvicina al banchetto di Basilio) Don Basilio, scusate… aviti du’ minuti di tempu…?

DON BASILIO – A secunnu. Si è tempu di perdiri, no. Se, invece, trattasi di tempo lavorativo ovverosia di tempo utile a impinguare la mia deplorevole situazione finanziaria, n’haiu di vinniri.

RENZINO – Non ho capito una sola sillaba ma va bene lo stesso.

DON BASILIO – Assettiti e dimmi chi ti servi: ha’ scriviri ‘na littra, ha’ nesciri qualche documento… forza, parramu.

RENZINO – No… siccomu vui siti unu c’ha studiatu…

DON BASILIO – Spurugghiti.

RENZINO – Dico… anzi, macari mè soggira dici… Cu’ c’è megghiu di Don Basilio…? E ‘ddocu havi ragiuni…Iddu è unu istruito…sapi di liggi…

DON BASILIO – Finisti?

RENZINO - Mi serve un consiglio.

DON BASILIO – Che tipo di consiglio?

RENZINO – Legale.

DON BASILIO – E certu. Chi vinevi ‘nti mia per un consiglio illegale?! No, dico, spiegami qual è ‘u problema. E chi è, non capisci nenti, figghiu miu?

RENZINO – Mi dovete perdonare…Io ignorante sono. Non è ca sacciu parrari comu a vui.

DON BASILIO – Stringemu.

RENZINO – Sissignore. Dunque…

DON BASILIO – Un momento. Prima ca accuminci. Vidi ca i cunsigghi  - in ispecie quelli legali – non si dununu gratis et amore dei…

RENZINO – E chi semu a chissu? Certu ca vi pavu. Si mi risulviti ogni cosa, vi dugnu ‘na jaddina.

DON BASILIO – Ni fa ova?

RENZINO – Ova? Vi inchi ‘a casa di ova!

DON BASILIO – Basta ca su’ belle grosse e non ovettini anemici…

RENZINO – Ova cù du’ baddi.

DON BASILIO – Parra.

RENZINO – Dunque… secunnu vui, ‘a liggi permette di minacciare un prete pì non farici fari un certu matrimoniu?

DON BASILIO – Autru ca ‘na jaddina! Ccà un puddaru sanu non ci basta! Ma di unni ti vinni di fari ‘sta malandrinaria bestia? Avanti, confessa: chi sarebbe questo prete che hai minacciato?

RENZINO – Iù?! A nuddu haiu minacciatu, iù!

DON BASILIO – Ma allura, chi sta ‘mpapucchiannu, chi sta’ dicennu…?

RENZINO – Avete capito a riversa. ‘A malandrinaria l’ho subita io, don Basilio!

DON BASILIO – E mentri ca non ti sai spiegari!

RENZINO – E mentri ca vui mi satati avanti!

DON BASILIO – E mentri ca ci voli menzura pì spiccicari ‘na parola!

RENZINO – E mentri ca m’interrompiti!

DON BASILIO – E mentri ca ci semu, m’u vo’ cuntari ‘u fattu?

RENZINO – Sissignore. A don Abbondo ci dissiru ca si s’arrisica a fari ‘stu matrimoniu, ‘u ‘mmazzanu.

DON BASILIO – Quali matrimoniu?

RENZINO – Chiddu miu, cù Lucietta.

DON BASILIO – Ho capito. Continua.

RENZINO – No, ho finito.

DON BASILIO – M’u vo’ diri, sì o no, cu’ è chissu che ha minacciato don Abbondo? Forza ca ci stampamu ‘na querela quantu ‘na casa. Il nome, corbezzoli! E ci facemu veniri una paura diarroica, parola d’onore!

RENZINO – Don Rodriguez.

DON BASILIO – Don Rodriguez?!

RENZINO – Eh! Vinniru du’ carusazzi e a don Abbondo ci dissiru…

DON BASILIO – E di mia, ora, chi è ca voi?

RENZINO – Comu, chi è ca vogghiu?!

DON BASILIO – Ma com’è ca siti tutti i stissi, ‘nta ‘stu paisi? Prima cumminati minchiati con certi signori e poi viniti ‘nti mia a rumpirimi ‘a testa!

RENZINO – Ma quali minchiati haiu cumminatu?

DON BASILIO – Basta, il colloquio è finito.

RENZINO – E ‘a querela quantu ‘na casa…?

DON BASILIO – Ti sto replicando, basta! Anzi, ‘u sai chi fazzu? M’arricogghiu i pupi e mi ni vaiu! Pì oggi, haiu finutu di travagghiari! Comu voli Diu! (Raccatta fogli e tavolinetto e si avvia verso casa)

RENZINO – Ma chi è, s’incazzau?!

DON BASILIO – Iù non ci vogghiu trasiri ‘nta ‘sti bestialità, hai capito?

RENZINO – (lo insegue) Don Basilio!

DON BASILIO – ‘A putia è chiusa. Arrivederci! (Via)

9 –

(Azione mimica: Renzino racconta ad Agnese e Lucietta l’insuccesso con don Basilio. Poi decidono di andare da Frate Cristoforo. Durante l’azione mimica, interviene il Coro).

CORO – Comu un cagnolu vastuniatu,

         Renzinu resta senza cchià ciatu!

         Oh, svintura, svintura, svintura!

         E cu’l’abbessa ‘sta cugnintura?

         C’è frati Cristofuru, omu santu…

         Jemu ‘nti iddu e ni passa lu scantu…

         Perciò Renzino, Agnese e Lucietta

         ‘nta ‘dd’omu di Diu currunu in fretta.

         Oh, svintura, svintura, svintura!

         E cu’l’abbessa ‘sta cugnintura?

         Trema lu cori ma su’ spiranzusi…

         Hannu la fede ddi du’ carusi…

         Ma li disgrazii sunu sarvati!

         Trona e saitti su’ priparati!

         Oh, svintura, svintura, svintura!

         E cu’l’abbessa ‘sta cugnintura?

10 –

(Dalla comune, entra Don Rodriguez, scortato dai due bravi)

DON RODRIGUEZ – Donde sta la nina hermosa? Donde es la carecida sposina? Hablo con usted dos, deficiente!

2 BRAVO – Iù capìi sulu deficiente… e tu?

1 BRAVO – Macari iù.

2 BRAVO – Pensu ca sta parrannu cù ttia.

DON RODRIGUEZ - Usted me demuestra la casa, coglioni!

1 BRAVO – Iù capìi sulu coglioni e tu?

2 BRAVO . Macari iù.

1 BRAVO – Stavota parra cù tutti dui.

DON RODRIGUEZ - Usted me demuestra la casa, maldidos!

1 BRAVO – Scusa, senor… non potrebbe essere un tantinellos più claro…?

DON RODRIGUEZ – Donde sta esta Lucietta?

2 BRAVO – Ah, ho capito. (Al compagno) Basta, non ti sfurzari cchiù, ho capito tutto. (A don Rodriguez) Ddà.

DON RODRIGUEZ -Golpeado a la puerta.

I DUE BRAVI – Como?

DON RODRIGUEZ – Tuppuliatici, animali!

2 BRAVO – (mentre esegue, al compagno, a bassa voce) Ma allura, si sapi parrari l’italiano, pirchì ni fa doliri ‘a testa ‘stu strunzu?

1 BRAVO – Non c’è nuddu.

DON RODRIGUEZ – Seguro?

2 BRAVO – E como no? Non respunde “nihuno”.

(Dalla porta di casa, entra don Abbondo che alla vista dei tre, vorrebbe tornarsene dentro…)

11 –

DON RODRIGUEZ - Buen día, padre querido.

DON ABBONDO – I miei omaggi, eccellenza illustrissima…

(I due si fissano a lungo senza parlare)

DON RODRIGUEZ – Que hacemos, continuamos mirándose en los ojos como dos locos?

DON ABBONDO – Non compriendo nada.

DON RODRIGUEZ – (ai Bravi) No compriende, el padre! (Ride, imitato dai due Bravi)

2 BRAVO – Il mio padrone dice: chi facemu, continuamu a taliarini ‘nta facci comu a du’ scemi?

DON RODRIGUEZ – E bravo el mi Bravo!

1 BRAVO – Ma tu comu ‘u capisti chiddu ca ci hava dittu?

2 BRAVO – Boh?

DON RODRIGUEZ – E…donde va el mi hermoso y florido don Abbondo?

DON ABBONDO – Dove vado? Unni pozzu jri, eccellenza? A fare il mio dovere, in chiesa, se Dio vuole…

DON RODRIGUEZ – Bueno. El Deos vuole, no se preocupe.

DON ABBONDO – E allora, se el Dios vuole, io vado… I miei rispettosi omaggi…

DON RODRIGUEZ – Al momento!

DON ABBONDO – Si?

DON RODRIGUEZ -  Espero sappia cuáles son sus deberes, i suoi doveri… es verdad?

DON ABBONDO – Ci mancassi. Adios.

DON RODRIGUEZ – Adios.

I DUE BRAVI – Adios.

DON RODRIGUEZ – Usted viene aqui, coglioni!

I DUE BRAVI – (non si muovono) Sì, senor.

DON RODRIGUEZ – Viniti ccà!

I DUE BRAVI – (corrono da lui) Sì, senor!

DON RODRIGUEZ – Trovatemi a ora la muchacha o ve mato como dos cani rognosi! Claro, hombres rimbambitos?

I DUE BRAVI – Claro, senor.

DON RODRIGUEZ – Bueno. Trabajado y  aguantado!

1 BRAVO – Sì, senor : traballamu…

2 BRAVO - … e a’gguantamu, non dubiti!

DON RODRIGUEZ – Annacativi, ho detto! Non capite nada de nada?

1 BRAVO – No, no, abbiamo comprendito.

2 BRAVO – Comprendito todo. E unni ‘a circamu?

DON RODRIGUEZ – Quien sabe? Chi mi cuntati a mmia ?

1 BRAVO – (al 2) Semu furtunati. Sta arrivannu Lucietta cù tutta ‘a famigghia.

(Dalla comune entrano Lucietta con Renzino, Agnese e Fra’ Cristoforo)

12 –

TUTTI I NUOVI ARRIVATI – Don Rodriguez?!

DON RODRIGUEZ - El buen día a esta companía hermosa!

RENZINO – (ad Agnese) Chi bella facci tosta ca havi, chissu!

FRA’ CRISTOFORO – Muti e faciti parrari a mmia.

DON RODRIGUEZ – M’hata scusari… deseo hablar con esa muchachita.

FRA’ CRISTOFORO – Paccom’ora, con esa muchiachita, vossignoria non ci po’ parrari.

DON RODRIGUEZ . Insisto, padre.

FRA’ CRISTOFORO – Desista, figlio.

DON RODRIGUEZ – Por que?

FRA’ CRISTOFORO – Por que havi chi fari. (Rivolto alle due donne)  Abberu, sorelle?

AGNESE – (a Lucietta) Camina intra. Vossia benedica, don Rodriguez.

LUCIETTA – Vossia benedica.

AGNESE – Trasi!

(Le due donne, via)

FRA’ CRISTOFORO – (a Renzino) E tu non n’hai chi fari?

RENZINO – No.

FRA’ CRISTOFORO – (a don Rodriguez) E allora…carissimo don Rodriguez, vossia voleva parlare con Lucietta?

DON RODRIGUEZ – Seguro.

FRA’ CRISTOFORO – Io, invece, debbo “hablar” cù vossia.

DON RODRIGUEZ – Usted debe hablar con mi?

FRA’ CRISTOFORO – Allura. E lo sa perché? Ora vossignoria si fa du’ risati… Perché qualcunu – qualcunu strurusu – usurpando il suo riverito nome, ha minacciato un povero curato per impedirgli di compiere il suo dovere. Ha capito unni arriva la bestialità umana? Si facissi du’ risati, ora. E dopu ca si fa du’ risati, mi dicissi chi ni pensa.

DON RODRIGUEZ – I creo che voi siete un insolente.

FRA’ CRISTOFORO – E chi c’entru iù? Non è ca fui iù a minazzari ‘u curatu!

DON RODRIGUEZ – Basta così. Ora hata parratu assai!

FRA’ CRISTOFORO – Mi fa piacere ca ogni tantu vossignoria parla una lingua umana, accussì ni putemu capiri megghiu.

DON RODRIGUEZ – E allura, siccomu me gusta essere claro, vi dicu nella vostra lingua‘na cosa sula: facitivi i cazzi vostri!

1 BRAVO – Parra comu a nuatri!

2 BRAVO – E chi parra beddu!

FRA’ CRISTOFORO – Io non avrei nulla in contrario a raccogliere l’invito ma siccomu, come vossignoria può vedere, ci haiu ‘ncoddu quest’abito, sono obbligato dal mio datore di lavoro a farimi i cazzi di iddu, i cazzi di chissi, i cazzi so’… i cazzi di tutti!

DON RODRIGUEZ – Insomma, chi vuliti di mia?

RENZINO – Ca ni lassati in paci!

DON RODRIGUEZ – Quien es este hombre de merda?

RENZINO – Renzino Travaglino, a servirla ! Sono il promesso sposo di…

FRA’ CRISTOFORO – (lo interrompe) Lo compatisca, eccellenza… Iddu ‘u zappaterra fa e il suo datore di lavoro – che non ha niente a che vedere cù chiddu miu – ancora non ci ha ‘nsignatu ca i cazzi di l’autri non si fanno.

RENZINO – Veramente iù mi stava facennu…

FRA’ CRISTOFORO – E non ha ancora imparato a starisi mutu.

DON RODRIGUEZ – Avreste fatto bene a starivi mutu macari vui!

FRA’ CRISTOFORO – Non posso, eccellenza. Non posso: mi licenzia!

DON RODRIGUEZ – Cu’ vi licenzia?

FRA’ CRISTOFORO – Il mio principale.

DON RODRIGUEZ – Siete  muy divertente, frate.

FRA’ CRISTOFORO – La faccio ridere, abberu? Mi fa piacere. E allora, stimatissimo don Rodriguez, chi facemu?

DON RODRIGUEZ – No compriendo.

FRA’ CRISTOFORO – Quannu non ci cummeni, ripigghia ‘u spagnolu? No, dico, ci voli parrari o no?

DON RODRIGUEZ – A cui?

FRA’ CRISTOFORO – Alla sua coscienza. Ci ‘a dicissi ‘na paruledda e accussì ‘sti carusi ‘i facemu maritari tranquilli…

DON RODRIGUEZ – Ma di che parlate? La coscienza… ‘na paruledda… Frate, non mi faciti incazzari!

FRA’ CRISTOFORO – Se s’incazza vossignoria oppuri m’incazzu iù… non ci fa nenti ma si s’incazza Iddu… (indica il cielo) allura su’ veramente cazzi amari!

DON RODRIGUEZ – Dda supra cumanna Iddu ma ca sutta, con su permiso, padre querido, cumannu iù. E io puedo todos!

FRA’ CRISTOFORO – No, no… Iddu cumanna dda supra e ccà sutta!

DON RODRIGUEZ – Usted sabe cuanto vale su vida, en este momento? Cuánto el merda de mi caballo.

FRA’ CRISTOFORO – Pinsava cchiù picca.

DON RODRIGUEZ – E ricorda sempre che io sono Don Rodriguez visconte di Mendoza y Castiglia y Siviglia, duca di Bronte y Maletto, marchese di Petralia soprana y sottana!

FRA’ CRISTOFORO – Ora mi pigghiu ‘n’appuntu.

DON RODRIGUEZ – Mio padre fu il conquistador de Siviglia! E mio nonno cadde nella famosa battaglia di Mendoza!

FRA’ CRISTOFORO – Poi si susìu e continuò a scappari!

DON RODRIGUEZ – (lo afferra per il saio) Maldido, ringrazia esto vestido porqué la vida te ha ahorrado hoy! Ti ha salvato la vita, oggi!

FRA’ CRISTOFORO – Grazie per la traduzione.

DON RODRIGUEZ – De nada. (Ai Bravi) Vamonos, muchachos !

FRA’ CRISTOFORO – E allora, che debbo riferire al mio principale?

DON RODRIGUEZ – Al infierno!

FRA’ CRISTOFORO – No, con la concorrenza è megghiu non avirici chi fari.

DON RODRIGUEZ – Adios, frate. Bravi, vamos!

FRA’ CRISTOFORO – Bravi, jtavinni.

I DUE BRAVI – Adios, frate!

FRA’ CRISTOFORO – Vo dati i cianchi!

(Don Rodriguez e i Bravi, via)

13 –

RENZINO – E ora?

FRA’ CRISTOFORO – E ora… qualcosa ‘a facemu, non ti preoccupari.

RENZINO – Iù, invece, mi preoccupo, padre Cristoforo… Ho l’impressione ca chissu è duru di pinnari.

(Rientrano Agnese e Lucietta)

AGNESE – ‘U pinnassi iù bonu bonu…!

LUCIETTA – Iù ‘u spinnassi, inveci! Ci livassi di ‘ncoddu tutta dda boria di spaccuni ca havi!

RENZINO – E iù m’u cucissi a modu miu!

FRA’ CRISTOFORO –  Chidda ‘u pinna, l’autra ‘u spinna, chissu s’u coci… ma chi è gnjaddu, ‘stu cristianu?

RENZINO – E iddu ‘u jaddu voli fari!

FRA’ CRISTOFORO – E va bene. Videmu si ci putemu fari calari l’ali a ‘stu jaddu. Ora pigghiu ‘n’appuntamentu c’o viscucu…e speriamo bene. Avanti, facitamminni jri… e state tranquilli che la Provvidenza non v’abbannuna.

AGNESE – A mmia mi pari ca ‘a Provvidenza si scurdau macari unni stamu di casa.

FRA’ CRISTOFORO – Certu ca vui pì dari conforto siti unica! Abbiate fede, invece. Arrivederci, figghi mei.

LUCIETTA – Arrivederci, padre.

(Gli altri salutano a soggetto. Fra Cristoforo esce)

14 –

AGNESE – Carusi, si m’ascutati, ‘ntempu nenti, vi risolvo ‘stu problema megghiu di Fra’ Cristoforu e d’o viscuvu.

LUCIETTA – E comu?

RENZINO – Parrati.

AGNESE – Ci volunu  du’ testimoni, lesti e sperti. Poi si va dal curato e dda l'uomo dice: Signor curato, questa è mia moglie. La donna dice: Signor curato questo è mio marito. Ma lo dovete dire bellu, forti e chiaru pirchì ‘u curatu e i testimoni l’hanu a sentiri bonu. Dopo di che, ‘u matrimoniu è fattu, sacrosanto comu si l'avissa celebrato ‘u Papa in persona.

LUCIETTA – Possibile, mamà?

AGNESE – Ma chi ti pari ca dicu fissarii?!

RENZINO – Siti sicura ca non è ‘na carnavalata?

AGNESE – Comu ti permetti, scunchiurutu! Viri ca iù, alla mia età, non ni fazzu carnavalati! Comunque, si mi vuliti ascutari, ascutatimi o se no, vo’ dati i cianchi tutti dui!

RENZINO – Scusatimi, non vi volevo offendere… E’ ca mi pari troppu bellu pì essiri veru.

LUCIETTA – Ma pirchì, mamà, ‘sta cosa non ci vinni in testa a Fra’ Cristofuru?

AGNESE – Pirchì, pirchì…Ca pirchì gli uomini di chiesa sunu un poco contrari. 

LUCIETTA – Si sunu cuntrari, vuol dire che non sta bene, che è peccato.

AGNESE – E perciò tò matri ti facissi fari piccatu? Ma quantu si’ bestia, gioia!

RENZINO – Ma si c’era ‘sta strada, pirchì non parravuru prima, inveci di farini piniari?

AGNESE – Pirchì prima vuleva vidiri si ‘a cosa si puteva abbissari ‘nta n’autra manera.

RENZINO – Va bene. Staiu jennu a circari i du’ testimoni.

AGNESE – Ti raccumannu: gente sveglia, no’ abbassamata!

LUCIETTA – Ciao, Renzi’!

RENZINO – Muta, tappinarella! (Esce dalla comune)

AGNESE – Tu trasitinni a’ casa. Iù vaiu ‘nto giardinu… Ci dugnu ‘na taliata o’puddaru, quantu vidu si ‘i jaddini  ficiru l’ova.

LUCIETTA – Vegnu cù ttia, mamà… accussì sfantasiu.

AGNESE – E chi sfantasìi ‘nto puddaru?!

LUCIETTA – Chi fazzu, allura, mi ni vaju all’Opira?

AGNESE – Amuninni.

(Insieme escono, dalla quinta accanto alla casa).

15 –

(Entra il Coro)

CORO – Renzinu cerca i testimoni

         C’a spiranza ca ‘i trova boni…

         E cerca di ccà, cerca di ddà…

         ma, malanova, nuddu ci sta!

         Allura curri ‘nta putìa

         di don Sariddu e donna Pia.

         Du’ ‘mbriachi sempri li trova

         cù la prumissa di quattru ova!

         Di dda putìa, don Abbondo

         nesci allitratu e rubicondo.

         Saziu di vinu e di quarumi

         camina lentu, gnuni gnuni…

         A’ casa, Perpetua l’aspetta…

         è ansiusa e non s’arrizzetta…

(Via il Coro. E’ scesa, intanto, la sera.Entra Perpetua che attende ansiosamente l’arrivo del padrone. Poi, finalmente, giunge Don Abbondo, visibilmente ubriaco).

PERPETUA – Don Abbondo! V’arricugghistivu, finalmenti?

DON ABBONDO – Chi vaiu a dari cuntu a vui? Chi siti, mè muggheri?

PERPETUA – Bih, beddamatri! Ma chi vi scappa d’a vurca?! Chi su’ ‘sti paroli svirgugnati?

DON ABBONDO – Mi sentu ‘mpocu abbuttatu…

PERPETUA – (non sente) ‘Ntuppatu?

DON ABBONDO – Vui siti ‘ntuppata di tutti dui l’aricchi!

PERPETUA – Ma chi è ca murmuriati?

DON ABBONDO – Mi sentu abbuttatu!

PERPETUA – Vi mangiastivu ‘a quarumi, no?

DON ABBONDO – Nenti… du’ piatteddi…

PERPETUA – I canusciu i vostri piatteddi!

DON ABBONDO - … e du’ jta di vinu.

PERPETUA – Sì, du’ jta!

(Di ritorno dal pollaio, entrano Agnese – con una piccola cesta di uova – e Lucietta. Stanno rientrando a casa. Alla vista di don Abbondo, si fermano).

AGNESE – Vossia benedica, don Abbondo.

DON ABBONDO – ‘U Signuri v’accumpagna.

LUCIETTA – E giustu ‘u Signuri ni po’ accumpagnari pirchì si fussi pì vui…

AGNESE – Trasemu vah, trasemu… (ironica) E grazie di tutto, signor curato. Vi salutu, Perpetua e… v’u raccumannu: tinitilu sempri a cura il nostro don Abbondo, prima ca casca malatu!

PERPETUA – (non sente ed equivoca) No, quali malatu… Havi sulu un pocu d’immarazzu di stomacu… ma ora ci fazzu tannicchedda di acqua vugghiuta…

AGNESE – ‘Nta l’acqua vugghiuta, facitici fari ‘u bagnu!

PERPETUA – Certu… iù, iù ‘u’ccumpagnu…

AGNESE – Sì, bona notti!

PERPETUA – Bona notti, Agnese, bona notti…

(Agnese e Lucietta, via).

DON ABBONDO – Ma cu’ eranu chissi?

PERPETUA – Comu cu’ eranu? Ca Lucietta cù so matri, Agnese. E chi è, ‘u vinu v’annigghiau ‘u ciriveddu?

DON ABBONDO –  Agnese e Lucietta? E cu’ su’?

PERPETUA – Ca Lucietta! Chidda ca s’hava maritari cù…

DON ABBONDO - Mi sentu mali.

PERPETUA – Caminati ca vi fazzu un pocu di acqua vugghiuta…

DON ABBONDO – Ma siti sicura ca erano Agnese e Lucietta…?

PERPETUA – Trasiti intra.

DON ABBONDO – Rimbambita! Si dici: Trasiti e basta!… “Trasiti intra”… Scunchiuruta, pozzu trasiri “fora”? (Via, con Perpetua)

VOCE DI PERPETUA – (f.s.) Aviti ragiuni.

VOCE DI ABBONDO – (f.s.) E certu ca haiu ragiuni.

VOCE DI PERPETUA – (f.s.) Acchianati ccà supra, spirciativi!

VOCE DI ABBONDO – (f.s.) Si dici “Acchianati” e basta! Unni acchianu? Pozzu acchianari ccà sutta, scimunita?!

16 –

(E’ scesa, ormai, la notte. Rientra Renzino in compagnia di Nino e Ciccio, i due testimoni)

RENZINO – (ai due, a bassa voce) Aspittatimi ccà. Torno subito.

(Bussa alla porta di Agnese che gli apre. Esce)

NINO – Ma… di preciso, c’hamu a fari?

CICCIO – I testimoni di matrimoniu.

NINO – E cu’ è ca si marita?

CICCIO – Renzino e Lucietta.

NINO – E cù cui si maritanu?

CICCIO – Cui?

NINO – Renzino e Lucietta.

(Rientra Renzino con Lucietta e Agnese)

RENZINO – (a Lucietta) Sei pronta?

LUCIETTA – Staiu trimannu comu ‘na fogghia!

RENZINO – (a Ciccio) Vidi c’ha fari: Tuppuliici e… insomma, sai chiddu ca ci ha diri.

AGNESE – Ammucciamini ccà. Quannu Perpetua ci rapi, ‘nfunnicamu macari nuautri! Vi raccumannu: ha ghessiri ‘na cosa lesta lesta!

RENZINO – (a Ciccio) Avanti, annachiti! (A Nino) Teniti prontu, tu!

NINO – Va bene, va bene.  

(Ciccio bussa alla porta di Don Abbondo)

VOCE DI PERPETUA – Cu’ è?

CICCIO – Donna Perpetua, sugnu Cicciu!

PERPETUA – Cicciu, cui?

NINO – Ciccio Scannapieco!

CICCIO – (gli tappa la bocca) Mutu, bestia!

PERPETUA – (si affaccia al balcone) Ma quantu siti?

CICCIO – No, vinni cù ‘n’amicu…pì farimi cumpagnia…

PERPETUA – Vinistivu a farimi cumpagnia?! Ma chi siti, ‘mbriachi?

CICCIO – No, quali cumpagnia… Debbo parlare con Don Abbondo.

PERPETUA – Con Don Abbondo? A ‘st’ura?

VOCE DI ABBONDO – Si po’ sapiri cu’ schifiu è?

PERPETUA – E’ unu… anzi dui ca cercanu a vui!

VOCE DI ABBONDO – Abbiatici ‘nsicchiu di acqua e mannatili a fari ‘nculu!

CICCIO – Veramente vinni pì pavari un debitu c’aveva cù don Abbondo… Siccomu dumani partu pì ‘ntravagghiu fora d’o paisi, mi vuleva livari ‘u pinseri…

PERPETUA – Un debito? Di soldi?

CICCIO – E certu… di soldi.

PERPETUA – (all’indirizzo di Don Abbondo) Dici ca v’ha pavari un certo debito…

VOCE DI ABBONDO – Di soldi?

PERPETUA – Di soldi.

VOCE DI ABBONDO – Facitilu trasiri.

PERPETUA – (a Ciccio) Trasiti intra!

VOCE DI ABBONDO – Trasiti… e basta!

PERPETUA – Trasiti e basta!

CICCIO – E si non mi grapiti, comu trasu?

PERPETUA – Veru è. Staiu scinnennu ddocu sutta.

VOCE DI ABBONDO – Staiu scinnennu e basta!

(Perpetua apre la porta. Come furie, tutti guadagnano l’entrata, tra le urla di Perpetua)

PERPETUA – Ma… chi è ‘sta fudda? Chi caddu vuliti? Don Abbondo! Don Abbondo, aiuto! Ccà trasìu ‘npaisi sanu! Oh, madonna mia, chi è ca vuliti? Firmativi, unni stati jennu, sdisonesti?!

VOCE DI ABBONDO – Ma… chi ci faciti ccà, disgraziati?! Chi vuliti di mia?

VOCE DI AGNESE – Non faciti vuci e ascutati! Parra, tu, spirciati!

VOCE DI RENZINO – Signor curato, ci presentu a me’ muggheri…! No: signor curato, questa è mia moglie!

DON ABBONDO – Itavinni, cosa fitusi! Itavinni! Perpetua! Vicini di casa, aiutatimi! Tradimento! Tradimento!

VOCE DI LUCIETTA – Signor curato… chissu è…

VOCE DI PERPETUA – Nisciti fora!

VOCE DI ABBONDO – Nisciti… e basta!

VOCE DI AGNESE – Ti vo’ annacari, scimunita?!

VOCE DI LUCIETTA – Mamà… chissu è… Sbagghiai. Signor curato…

VOCE DI ABBONDO – Vi n’hata ghiri, delinquenti!

VOCE DI LUCIETTA - … chissu è… Cu’ è, mamà?

(Don Abbondo e Perpetua continuano ad urlare, fino a quando, spaventati, Ciccio e Nino scappano via, seguiti da Agnese, Lucietta e Renzino. Rapidamente, i testimoni si dileguano per la comune, Agnese e Lucietta vanno in casa e Renzino fa altrettanto. Abbondo e Perpetua si affacciano dal balcone).

DON ABBONDO – Delinquenti! Chi su’ cosi ca si fanu, chissi?! Pigghiari ‘nto sonnu un povero curato…! Gente senza timori di Diu!

PERPETUA – Gente senza timori di Diu!

DON ABBONDO – ‘U dissi già iù, chissu!

PERPETUA – M’hava scusari.

DON ABBONDO – (si guarda attorno) Però… chi vicini premurosi e affettuosi…! Vinniru tutti a darimi aiutu, i cosi giusti! Oh, li strunzi! Havi vogghia di moriri, unu!

SIPARIO

ATTO SECONDO

Medesima scena del primo atto.

Notte.

In scena, nessuno. Entra il Coro.

1 –

CORO – Passa, dunque, dda bella nuttata…

         Passa ancora ‘n’autra jurnata…

         E la notti dopu, versu l’una,

         all’improvviso, tuttuntuttuna,

         intornu alla casa di Lucietta,

         qualchedunu, armatu di scupetta,

         s’aggira in maniera circospetta…

         e ‘nta ‘na cantunatta, iddu aspetta…

         Chi caddu aspetta ‘stu dilinquenti?

         Nuatri non ni sapemu nenti…

         Intantu, n’ammucciamu ddà arreri

         e videmu chiddu ca succeri…

(Via, rapidamente, il Coro.

(Il 2 Bravo è appostato, guardindo, nei pressi della casa di Lucietta, armato di fucile.Lancia un lungo fischio, un segnale. Di lì a poco, compare anche il 1 Bravo che gli si accosta, anch’egli con aria guardinga).

1 BRAVO – Chi c’è?

2 BRAVO – Chi c’è, chi?

1 BRAVO – Chi c’è?

2 BRAVO – Chi c’è, che cosa?

1 BRAVO – Pirchì mi chiamasti?

2 BRAVO – Chi mi vo’ lassari ccà, tutta ‘a nuttata, sulu?

1 BRAVO – Pirchì, iù , misu ddà, chi era in compagnia?

2 BRAVO – Appuntu.

1 BRAVO – Appunto, chi?

2BRAVO – Appuntu… e basta.

1 BRAVO – Va bene, vah… Come eravamo d’accordo nuatri? Appena si curcanu, mi fai il segnale, no? ‘U signali pirchì m’u facisti?

2 BRAVO – No, siccomu era sulu…

1 BRAVO – Si curcaru o no?

2 BRAVO – A mmia mi pari di sì.

1 BRAVO – “Mi pari” o si’ sicuru?

2 BRAVO – “Sicuru”… Chi ni sacciu? Non è ca ci visti mettiri ‘a cammisa di notti!

1 BRAVO – Ma… s’addurmiscìu?

2 BRAVO – Cui?

1 BRAVO – Lucietta.

2 BRAVO – Ma chi mi cunti? Chi ci fici a vò vò?!

1 BRAVO – No, dico… cu’ sapi si dormi ‘a ‘st’ura?

2 BRAVO – ‘N’autra vota! Ti sto dicendo ca no’ sacciu.

1 BRAVO – Bestia, non t’u staiu dumannannu a ttia! Dico fra me e me: cu’ sapi si dormi?

2 BRAVO – Ah, ho capito.

1 BRAVO – Segui il mio ragionamento. Ipotizziamo ca si curcò.

2 BRAVO – Ipotizziamo.

1 BRAVO – E ipotizziamo ca dormi.

2 BRAVO – Ipotizziamo.

1 BRAVO – Unn’era arrivatu?

2 BRAVO – “Ca dormi”.

1 BRAVO – Cui?

2 BRAVO – Lucietta.

1 BRAVO – Dormi?

2 BRAVO – Accussì dicisti.

1 BRAVO – Bravo!

2 BRAVO – Grazie.

1 BRAVO – No, ti sto chiamando: Bravo, è tempo di agire. ‘U sai chi fai, ora? Trasi furtivamente in casa, ti dirigi nella camera di Lucietta, ‘a ‘cchiappi, ammogghi in una coperta e t’a porti. Claro?

2 BRAVO – Claro.

1 BRAVO – Non sbagghiari… Non ti purtari a so matri ca non n’aggiuva!

2 BRAVO – Va bene.

1 BRAVO – Ripeti.

2 BRAVO – Non ti purtari a so matri…

1 BRAVO – Chi sta’ dicennu?

2 BRAVO – M’haiu a purtari a so matri?

1 BRAVO – Cretino, ripeti chiddu c’ha fari.

2 BRAVO – Ah, sì. Dunque, trasu…

1 BRAVO – Fu… fu…

2 BRAVO – Futtennamminni…

1 BRAVO – Ti staiu dannu ‘na carcagnata!

2 BRAVO – Senti, si tu sai chiddu c’ha fari, pirchì non ci vai tu?

1 BRAVO – Bravo!

2 BRAVO – Agli ordini.

1 BRAVO – No, dico, bravu daveru! E cu’ ti talìa i spaddi? Chi tiene la situazione sotto controllo? Cu’ t’addifenni, in caso di pericolo?

2 BRAVO – Tu!

1 BRAVO – Bravo!

2 BRAVO – Grazie.

1 BRAVO – Ti sto chiamando, imbecille! Bravo, annachiti e fai il tuo dovere!

2 BRAVO – Sissignore. Vado.

1 BRAVO – Aspetta. Ci l’hai ‘u peri ‘i porcu?

2 BRAVO -  Veramenti, ci haiu ‘u peri ‘i papira…

1 BRAVO – E trasi c’o peri ‘i papira?

2 BRAVO – Chissi haiu.

1 BRAVO – Senti, non mi fari incazzari. Comu fai a grapiri ‘a porta?

2 BRAVO – Ah… e pirchì non parri chiaru?! Ci haiu chistu. (Gli mostra un coltellino)

1 BRAVO – Mah! Videmu chi cummini…

2 BRAVO – Vado. (Si avvia) Mi chiamasti?

1 BRAVO – Ma cu’ t’ha chiamatu?

(Il 2 Bravo si accosta alla porta di Lucietta…)

2 BRAVO – E’ aperta!

1 BRAVO – Megghiu. Spirciti!

(Il 2 Bravo, via. Dopo qualche istante, rientra)

2 BRAVO – Non c’è nuddu, intra!

1 BRAVO – Comu… nuddu?! Dici ca s’avunu curcatu…?

2 BRAVO – No, iù chissu non t’u dissi.

1 BRAVO – E unni su’? Chi s’a fanu fora, a ‘st’orariu?

2 BRAVO – Non cridu ca ci successi qualche cosa?

1 BRAVO – Varda a chissu ca si sta preoccupannu si ci successi cosa…! Chiuttostu, ora, chi ci cuntamu a Don Rodriguez?

2 BRAVO – Chi ci vo’ cuntari? Ca ‘a virità, no?

1 BRAVO – Giustu. Ci dicemu che il rapimento non si potti fari causa l’assenza del soggetto in oggetto.

2 BRAVO – D’o suggittu…?

1 BRAVO – In oggittu… Basta, non mi fari smoviri i nervi, amuninni!

2 BRAVO – (mentre si avvia con l’altro) Ma a mmia, non mi po’ paci: unni ponu essiri, a ‘st’ura? Pì mmia, ci capitò qualche disgrazia…

(I due Bravi, via.

Provenienti, verosimilmente dal giardinetto, entrano Agnese e Lucietta)

AGNESE – Ficimu ‘a notti ‘i Natali, stanotti! Mi finìu a fari ‘a levatrici d’a cani…!

LUCIETTA – E si dd’armaledda ci aveva difficoltà…

AGNESE – Gli animali, pì leggi di natura, parturisciunu suli. ‘Sta cani è l’unicu animali ca si non ci havi ‘a levatrici, non ci metti manu. ‘Nta mè casa, macari i cani sunu sciamuniti!

LUCIETTA – Ci l’hai ancora cù mmia, pì ieri notti?

AGNESE – Ti senti pizzuliata? Comunque, si vulemu essiri precisi, non si può certo diri ca si’ un esempio di  spirtizza e intelligenza!

LUCIETTA – Ma chi ci pozzu fari si mi cunfunnìi?! Cù tutta dda confusione…!

AGNESE - Vo’ curcamini, vah… ca si ficiru idui…

(Via in casa

Entra il Coro).

CORO – Ringraziamu la Pruvvidenza!

         Ringraziamu lu Signuruzzu!

         Don Rodriguez ha fari pacienza

         si non pigghiò mancu un mirruzzu!

         Ringraziamu la Pruvvidenza!

         Ringraziamu lu Signuruzzu!

         Don Rodriguez ha fari pacienza

         si n’acchiappò mancu un mirruzzu!

(Il Coro, via)

2 –

(Intanto, albeggia…

Dalla comune, visibilmente preoccupato, entra Fra’ Cristoforo che corre a bussare alla porta di Agnese)

FRA’ CRISTOFORO – (tra sé) Speriamo ca non successi nenti…! Agnese! Lucietta! Ci siti?

(Vengono fuori Agnese, seguita da Lucietta)

AGNESE – Chi fu, Patri Cristoforu? Chi ci havi?

FRA’ CRISTOFORO – Dio sia ringraziato… siti ccà.

AGNESE – E unni avumu a ghessiri?!

FRA’ CRISTOFORO – Nenti, nenti… si viri che ho avuto una falsa notizia… per fortuna!

LUCIETTA – Che notizia?

AGNESE – Trasissi… Chi ristò fora?!

FRA’ CRISTOFORO – No, no, no… Non avemu un minutu di perdiri… Lucietta, gioia, t’i n’ha’ ghiri d’o paisi! Devi scappare!

LUCIETTA – Ma chi è ca successi?

FRA’ CRISTOFORO – Ho saputo ca ‘u Spagnolu ti voli rapire! Anzi, pari ca avevano organizzato ogni cosa p’a notti passata… Si vidi ca cangiaru idea e menu mali!

LUCIETTA – Oh, Madonna mia!

AGNESE – L’avissiru ammazzari a ‘stu cosa fitusa! Ma c’o viscuvu, vossia ci parrò?

FRA’ CRISTOFORO – Ca quali! Chiddu è a Roma, ‘nto Papa, e ‘ssà quannu s’arricogghi! Allora, Lucietta, hai capito? Devi scomparire subito.

LUCIETTA – E unni mi ni vaju?

FRA’ CRISTOFORO – In un convento.

LUCIETTA – M’haiu a fari monaca?

FRA’ CRISTOFORO – Chi c’entra? ‘Nto cummentu ci vai p’ammucciariti, pì essiri sicura ca nuddu ti pò truvari…

LUCIETTA – E qual è ‘stu convento?

FRA’ CRISTOFORO – ‘U cunventu d’a monaca di Ponza.

AGNESE – N’haiu sintutu parrari di ‘sta monaca di Ponza… Diciunu ca è ‘na scavaddata… Veru è?

FRA’ CRISTOFORO – Non bestemmiate, Agnese! Quali scavaddata?! Sono tutte dicerìe di gente maliziusa e ignorante! Mischina, chidda è ‘na santa fimmina…

AGNESE – Sì ma intanto si dici ca…

FRA’ CRISTOFORO – Non è veru nenti. La sola cosa vera è ca non si vuleva fari monaca e so patri ‘a custringìu.

AGNESE – Ha visto?

FRA’ CRISTOFORO – E chi significa? Oggi è una religiosa e si comporta da religiosa.

AGNESE – Comunque… semu sicuri? Ci ‘a pozzu affidari a mè figghia?

FRA’ CRISTOFORO – A occhi chiusi, Agnese, a occhi chiusi.

LUCIETTA – Ma unn’è ‘sta Ponza?

FRA’ CRISTOFORO – ‘Npocu luntaneddu…

LUCIETTA – Ammeru Missina?

FRA’ CRISTOFORO – No. Chiù luntanu. T’ha pigghiari ‘u vapuri.

LUCIETTA – Mamà, iù non ci vogghiu jri…!

AGNESE – ‘U sta’ sintennu ca ccà si’ in pericolo…

FRA’ CRISTOFORO – Sarà pì pocu tempu, non ti preoccupari. A proposito di partenze, unn’è Renzino?

LUCIETTA – A so casa, pensu.

FRA’ CRISTOFORO – Vallu a chiamari.

(Lucietta va a bussare alla porta di Renzino che, dopo qualche attimo appare).

3 –

RENZINO – Vossia benedica, Fra’ Cristoforo. Ci su’ novità?

FRA’ CRISTOFORO – Sì. Tutti dui vi n’hata ghiri subitu! Vi dovete allontanare d’o paisi!

RENZINO – E pirchì?

FRA’ CRISTOFORO – Ddu pazzu d’o Spagnolu è malintenzionato e iù non vulissi ca vi succedi qualche cosa…

RENZINO – Fra Cristoforo, la ringrazio per la premura ma iù d’o paisi non mi smovu.

FRA’ CRISTOFORO – Ma allura, n’ha’ caputu nenti!

AGNESE – Ascutamu a Fra Cristoforo ca è megghiu pì mè figghia, pì ttia e…

RENZINO – Iù, inveci, fazzu ‘n’autra cosa: ci vaiu e ci rumpu i corna!

FRA’ CRISTOFORO – E certu, chi ci voli? Arrivi ddà, ci tuppulìi…

RENZINO – Non ci tuppulìu!

FRA’ CRISTOFORO – Non ci tuppulìa, ci trasi direttamente…

RENZINO – E ci rumpu i corna!

FRA’ CRISTOFORO – Mancu a dirlu ca a farlu! Vulemu parrari seriamente, ora?

RENZINO – Pirchì a vossia ci pari ca staiu schirzannu?

FRA’ CRISTOFORO – Veramente, sì.

RENZINO – Non mi fa capace di…?

FRA’ CRISTOFORO – E sì, pirdemu tempu. Santa pacienza! Te lo rispiego in parole più chiare: si tutti dui non smammati di ccà, tu finisci mortu ammazzatu e idda  rapita con la forza. Ci semu? Di conseguenza, siccomu non vi vogghiu aviri sulla coscienza, idda si ni va ‘nto cunventu d’a monaca di Ponza e tu a Catania, ‘nto cunventu de’ padri Cappuccini.

RENZINO – E nuatri, pì ‘stu strunzu di Spagnolu – ca beddamatri ci tagghiassi ‘a facci! – n’hamu a fari monachi?!

FRA’ CRISTOFORO – Ccà ci n’è n’autru! Non v’hata fari monachi, stai tranquillu… Macari ca vulissivu, non vi pigghiunu!

RENZINO – E allura pirchì ni piazzò ‘nte’ cunventi, ammenzu e’ monachi?

FRA’ CRISTOFORO – Unni vulevi essiri piazzatu… in un albergo con vista sul mare, ammenzu ‘e ballerine?!

AGNESE – Bih, schifìu!

RENZINO – No… cu’ dici chissu…?

FRA’ CRISTOFORO – Senti, ora mi sta vunchiannu ‘u curduni bonu bonu! Tu fai chiddu ca ti dicu iù! Puntu e basta!

RENZINO – Sissignore.

FRA’ CRISTOFORO – Agnese, vui accumpagnati a vostra figghia a Ponza. (Le consegna una lettera) Quannu arrivati, cunsignatici ‘sta littra a’ monaca di Ponza e non vi preoccupati di nenti. Spirciativi ca ‘u vapuri parti a menziornu. Tu vatinni di cursa a Catania. Cerca a patri Serafinu e dicci ca ti mannu iù… Iddu sapi chiddu c’ha fari.

RENZINO – Sissignore.

FRA’ CRISTOFORO – E ora, santi e biniditti… jtavinni. Quannu ‘a situazione si calma, vi mannu a chiamari iù.

RENZINO – Sissignore.

LUCIETTA – Grazie di tutto, padre.

AGNESE – ‘U Signuri v’a renni.

FRA’ CRISTOFORO – Va bene, va bene… Non pirditi tempu… Vi salutu.

(Tutti salutano a soggetto. Fra’ Cristoforo esce per la comune).

AGNESE – Avanti, figghia mia, jemini a priparari.

LUCIETTA – Sì, mamà, staiu vinennu.

(Agnese via, in casa)

         Renzino…

RENZINO – Lucietta…

LUCIETTA – Ci dobbiamo lasciare.

RENZINO – E già. Ma… non putissimu fari ‘o cuntrariu? Tu ti ni vai a Catania, nte’ padri Cappuccini e iù ‘nta monaca di Ponza.

LUCIETTA – E pirchì?

RENZINO – Ca ddà è cchiù luntanu… t’ha’ pigghiari ‘u vapuri… tu non ci si’ abituata a fari ‘sti viaggi…

LUCIETTA – Pacienza. Si fra Cristofuru dissi accussì… E poi, ddà, comu ci po’ jri? Su’ tutti monachi fimmini…

RENZINO – Appuntu.

LUCIETTA – Comu, appuntu?!

RENZINO – No, dico… chi ci fa? Iù mi chiudu nella mia stanzetta… Cu’ i vidi?

LUCIETTA – Non si può. Macari iù vulissi evitari ‘stu gran viaggiu… ma chi ci putemu fari? Addio, Renzino. ‘Ssà quannu ni videmu! Quannu voli Diu !

RENZINO – No, quannu voli don Rodriguez ca l’avissiru ammazzari, speriamo!

LUCIETTA – Speriamo ca ‘u’mmazzanu. Addio.

RENZINO – Addio. Speriamo ca ‘u’mmazzanu.

(Lucietta via, in casa. Renzino, lentamente, si avvia verso casa)

RENZINO – A mmia non m’avissi dispiaciuto jri ’nta monaca di Ponza! Inveci, m’haiu a vurricari ‘nto cunventu d’e’ fratacchiuni! Mah!

(Renzino via, in casa.

Entra il Coro)

CORO – O Diu Patri Onnipotenti

         A Ttia non ti costa nenti…

         Aiutali ‘sti du’ carusi…

         Aiuta ‘sti promessi spusi!

         C’è tristizza ‘nta lu so’ cori…

         Lucietta parti e si ni mori…

         Parti Renzinu suspirannu

         maledicennu ddu tirannu!

         O Diu Patri Onnipotenti

         A Ttia non ti costa nenti…

         Aiutali ‘sti du’ carusi…

         Aiuta ‘sti promessi spusi!

(Via il Coro.

Rientra Agnese con Lucietta: hanno dei bagagli)

4 –

AGNESE – Minchiuni, quantu pisa! Ma chi ci mittisti\, chiummu?

LUCIETTA – (non risponde. Si guarda attorno e sospira) Passa avanti, mamà… staiu vinennu.

AGNESE – Ma c’ha fari ancora? Va bene, vah… ‘Nto frattempu, fazzu i biglietti… Spurugghiti, però! (Via)

LUCIETTA – Addio, monti… Addio, casi sdirrubbati, catapecchi nivuri comu a pici, sparse sui pendii sicchi e senza un filu d’acqua… Addio campagne bruciate d’o suli… Addio casa natìa… Addio puddaru… Addio, cani, jatti, cunigghi, zazzamiti che mi tenevate amorevole compagnia…Com’è triste il passo di chi si allontana! Addio chiesetta dove ho trovato tante volte la serenità… dove si sarebbe dovuto celebrare un matrimonio che  non s’è mai celebrato, buttana d’a miseria!. Addio… Addio a tutti… Vo’ dati i cianchi!

(Esce rapida per la comune.

Entra Renzino)

RENZINO – (si aguarda attorno e sospira) Addio, monti… Addio, casi sdirrubbati, catapecchi nivuri comu a pici, sparse sui pendii sicchi e senza un filu d’acqua… Addio, campagne bruciate d’o suli… Addio casa natìa…

(Soraggiunge Fra Cristoforo)

FRA CRISTOFORO – Ancora ccà, si’? Ca annachiti, gioia, ca ‘u tempu strinci! Lucietta e Agnese parteru?

RENZINO – Sì.

FRA CRISTOFORO – Avanti, camina, ti fazzu un pocu di cumpagnia…

(I due escono per la comune).

5 –

(Col solito tavolinetto e le carte, entra Don Basilio)

DON BASILIO – Videmu si oggi pozzu travagghiari tranquillu… E speriamo ca veni qualche cliente…

(Dalla comune, entrano rapidissimi i due Bravi. Si guardano attorno circospetti, si posizionano in maniera strategica poi il 1 Bravo lancia il solito fischio. Subito dopo, entra Don Rodriguez).

DON RODRIGUEZ – (a Basilio) Tu! Via de aqui!

I DUE BRAVI – Via!

DON BASILIO – Sissignore. (Tra sé) E macari pì oggi, ci haiu a livari manu… (Via, in casa)

DON RODRIGUEZ - Usted dos, al trabajo!

I DUE BRAVI – Sì, senor!

(Il 1 Bravo entra in casa di Renzino mentre il 2 corre in casa di Lucietta. Ne escono insieme)

I DUE BRAVI – Nada de nada!

DON RODRIGUEZ – Como, como? Por el diablo! Tienen fregato a mí!

I DUE BRAVI – Como, como?

DON RODRIGUEZ – Mi futteru!

I DUE BRAVI – Ah, claro.

DON RODRIGUEZ – La culpa es de usted dos! Bestii e incapaci !

(Da una delle case entra l’Innominabile)

L’INNOMINABILE – Chi sta succidennu ccà?

I DUE BRAVI – L’Innominabile!

L’INNOMINABILE - Chi su’ ‘sti vuci? Ah, ‘mpari Rodriguez, c’è cosa?

DON RODRIGUEZ – Sì, compare…las cosas no van muy bien…

L’INNOMINABILE – No, cumpareddu, si vuliti parrari cù mmia, hata lassari stari ‘u spagnolu.

DON RODRIGUEZ – Aviti ragiuni, pirdunatimi… L’abitudine… No, vi stava dicennu ca c’è una certa situazione che non va molto bene…

L’INNOMINABILE – Viniti cù mmia… facemini du’ passi e accussì mi cuntati ogni cosa…

DON RODRIGUEZ – (ai bravi) Aspittatimi ccà e non vi muviti.

I DUE BRAVI – Sì, senor.

DON RODRIGUEZ – Nenti spagnolu!

I DUE BRAVI – Comu vossia cumanna!

L’INNOMINABILE – (riferendosi ai due bravi) Viru ca ‘i ‘mmaistrativu boni! Parunu veri! (Ride, imitato – solo per fargli piacere – da Rodriguez)

(I due escono per la comune)

1 BRAVO – Ma chi significa “Parunu veri”? Chi semu finti?

2 BRAVO – Secunnu mia, ni stava sfuttennu.

1 BRAVO – No, non cridu… ‘ssà chi è ca vuleva diri, don Pa...

2 BRAVO – Mutu! Chi è, ‘mpazzisti? Non si pronuncia il suo nome!

1 BRAVO – Ah, veru. Mi l’hava scurdatu ca chissu è ‘na cucca di prim’ordine.

2 BRAVO – ‘Na cucca? Si unu ‘u muntùa, si po’ priparari ‘a fossa! Bene che vada, ci capitanu sett’anni di disgrazii! Un gnittatuti comu a iddu, non s’è visto nella faccia della terra! Per cui, quannu si parra di ‘stu signori, si dici sulu…

I DUE BRAVI – L’Innominabile!

1 BRAVO – Però, sarà un jttaturi… ma in tutta ‘sta zona, cumanna iddu… E’ ‘u capu de’ capi.

2 BRAVO – Allura ! Macari don Rodriguez ci fa ‘a riverenza!

(Dalla porta di casa, fa capolino Don Basilio che si rivolge ai due Bravi)

DON BASILIO – Pozzu nesciri?

1 BRAVO – Vo’ nesciri? Ca nesci.

(Don Basilio, ancora una volta, armato degli attrezzi di prima, si piazza al solito posto)

DON BASILIO – Vi ringraziu.

2 BRAVO – Prego.

(Rientrano l’Innominabile con Don Rodriguez)

L’INNOMINABILE – (scorge don Basilio) Ehi, tu! Fatti ‘na passiata!

DON BASILIO – Sissignore. (Riprende gli attrezzi e stavolta si allontana per la comune)

L’INNOMINABILE – (a Don Rodriguez) Ho capito. E ora ‘sta carusa scumparìu e non sapiti unni po’ essiri.

DON RODRIGUEZ – Esatto.

L’INNOMINABILE – Dicitimi ‘na cosa… vui ci tiniti propriu a ‘sta Lucietta?

DON RODRIGUEZ – Ormai è una questione d’onore e di principio. Chi cumparsa ci accucchiu si fazzu vinciri ‘na tinta cammarera e un coglione di viddanu zappaterra?

L’INNOMINABILE – Aviti ragiuni, ‘mpari. E… dicitimi n’autra cosa… Ci pirmittiti ca vi dugnu ‘na manu a truvarla?

DON RODRIGUEZ – Ci pirmettu?! Ne sono onorato, cumpari. Io non ho osato addumannarivi nenti pì delicatezza…

L’INNOMINABILE – Si non n’aiutamu fra nuatri… Va bene, ci pensu iù. Datimi un pocu di tempu e v’a portu finu ‘e peri… com’è di giustu.

DON RODRIGUEZ – Grazie, cumpareddu.

L’INNOMINABILE – Niente ringraziamenti. Si iù mi trovassi in difficoltà, chi fa, vui non mi aiutereste?

DON RODRIGUEZ – Ci mancassi! Sempre a vostra disposizione!

L’INNOMINABILE – Ora, facitamminni jri ca ‘a carrozza mi sta aspittannu… Mi vò fazzu un giru ‘nte’ me’ massarii… La vita è dura pì unu ca ci havi tutti i proprietà ca ci haiu iù…! Vi salutu, ‘mpari!

DON RODRIGUEZ – I miei rispetti e sempre grazie!

I DUE BRAVI – Vossia benedica!

L’INNOMINABILE – (si ferma un istante e li osserva poi, rivolto a Rodriguez) Comu funzionanu ‘sti dui? Chi ci dati ‘a corda ogni matina? (Ride, imitato da Rodriguez e dagli stessi Bravi. Esce per la comune)

DON RODRIGUEZ – (ai due che continuano a ridere) Finistivu? (I due si zittiscono) Vamos! (Esce)        

I DUE BRAVI – Venimos! (Escono)

6 –

(Entra il Coro)

CORO – Passa la iurnata e arriva la sira…

         Renzinu è ghiuntu ‘nta lu cunventu…

         Mentri Lucietta passa ‘stasira

         supra ‘u vapuri, a lu straventu…

         Varda lu mari e pensa a Renzinu…

         Pensa a tuttu chiddu c’ha lassatu…

         Pensa chiancennu a lu so distinu…

         e a lu Spagnolu, ddu disgraziatu!

         E lu Spagnolu non havi abbentu…

         Ma ora s’alleò cù lu cumpari

         e puri a Ponza, ‘nta lu cunventu,

         prima o dopu la va a scuvari!                                                        

(Il Coro, via.

Entra l’Innominabile con Ciccio e Nino)

L’INNOMINABILE – E ora di mia chi vuliti?

CICCIO – Ca vossignoria ni duna ‘na manu.

L’INNOMINABILE – E pirchì v’avissi a dari ‘na manu? Chi semu parenti, amici…? Cu’ schifiu vi canusci?

NINO – Havi ragiuni, non semu nenti ma siccomu tutti ‘u sannu ca vossia è ginirusu…

L’INNOMINABILE – Quali ginirusu?! Cu’ v’u dissi?

CICCIO – Tutti parranu di vossia e del bene ca fa e’ puvireddi comu a nuatri.

L’INNOMINABILE – Ma cu’ ‘i cunta ‘sti minchiati?

CICCIO – Non su’ minchiati…

NINO – E vossignoria ‘u sapi.

L’INNOMINABILE – Chi sapiti fari?

CICCIO – Zoccu ni cumanna, facemu!

NINO – Ni mittissi alla prova!

L’INNOMINABILE – Pì dirivi ‘a virità, non avissi bisognu di nuddu ma non vogghiu si dicissi in giro ca ci desi ‘na pirata a cu’ mi stinneva ‘a manu… Va bene, fazzu un’opera di carità…

CICCIO – (s’inginocchia e gli bacia la mano. Altrettanto Nino) Vossia non si ni penti!

NINO – Grazie, voscenza, grazie!

L’INNOMINABILE – Basta, ora, susitivi. Vogghiu mettiri subito alla prova le vostre capacità… Videmu di chi pasta siti fatti…

CICCIO – Parrassi!

L’INNOMINABILE – ‘A canusciti a ‘na certa Lucietta?

CICCIO – ‘A figghia di Agnese…

NINO – Chidda ca sta ddà? (Indica la casa)

L’INNOMINABILE – Precisamente.  E a Renzino ‘u canusciti?

NINO – Comu no?

CICCIO – ‘U zitu di Lucietta. Anzi, s’avanu a maritari ma…

L’INNOMINABILE - … ma pari ca non si maritanu cchiù.

NINO – Iù veramenti, sacciu ca iddi si vulissiru maritari…

L’INNOMINABILE - … E inveci, non si maritanu!

CICCIO – (a Nino) Si dici ca non si maritanu, pirchì ‘nsisti?

L’INNOMINABILE – Ora… ‘sti du’ picciotti, a quanto pare, parteru…

CICCIO – Sissignore, ‘u sapemu.

L’INNOMINABILE – Bene. Dovete scoprire unni si ni jeru. Soprattutto, ‘a carusa, Lucietta.

CICCIO – Chissu già ‘u sapemu…

NINO – Renzino ni vinni macari a salutari…!

L’INNOMINABILE – Ah! Sapiti unni si trova Lucietta?

CICCIO – NINO – Sissignore.

L’INNOMINABILE – (a Nino) Tu, vammi a chiamari a mè cumpari don Rodriguez!

NINO – Sissignore, voscenza! (Via, per la comune)

L’INNOMINABILE – Tu, trasi intra, cù mmia!

CICCIO – Agli ordini!

(Insieme, via, nella casa dell’Innominabile).

7 –

(Entra Perpetua e si siede davanti alla porta di casa)

PERPETUA – Pigghiamini tannicchedda di friscu, vah… (si gauda attorno) ‘Stu quarteri si sta spopolannu… Megghiu, accussì stamu ‘nta santa paci!

VOCE DI DON ABBONDO – Pozzu nesciri?

PERPETUA – Ca niscissi… non havi vogghia?

DON ABBONDO – Non c’è pericolo?

PERPETUA – Ca quali pericolo! Parteru tutti!

DON ABBONDO – Parteru? E cui?

PERPETUA – Agnese cù Lucietta e macari Renzinu.

DON ABBONDO – E unni si ni jenu?

PERPETUA – Chissu no’ sacciu… Vossia non ha vistu nenti ma ci ha statu un movimentu, ‘nta zona…!

DON ABBONDO – E già, a vui non vi sfuggi nenti!

PERPETUA – Quali lenti?! Iù bona ci vidu!

DON ABBONDO – Sì, ‘u sacciu… E’ ‘a ‘ntisa ca lassa a desiderari!

PERPETUA – Comu?

DON ABBONDO – No, nenti. (Sospira) Però… mi dispiaci ca finìu d’accussì… Ma del resto, chi è curpa mia? Chi ci puteva fari, iù, nuzzunteddu? Chi cumannu iù? Iù sugnu nuddu ammiscatu cù nenti!

PERPETUA – Veru, veru è: nuddu ammiscatu cù nenti!

DON ABBONDO – Menu mali ca ci siti vui ca mi faciti sentiri ‘mpurtanti!

PERPETUA – Ma si ci staiu dannu ragiuni!

DON ABBONDO – Va bene, va bene… Comunque, ‘u sapiti chi vi dicu? Macari ca sugnu nuddu ammiscatu cù nenti, iù a mè peddi ci tegnu!

PERPETUA – Ma pirchì si sta siddiannu?!

DON ABBONDO – ‘A peddi è peddi!

PERPETUA – Ca certu!

DON ABBONDO – E l’autri ponu macari moriri! A cu’ ci’a cuntunu?

(Sopraggiungono Don Rodriguez, i due Bravi e Nino)

         I miei omaggi, Don Rodriguez! (A Perpetua) Salutati!

PERPETUA – Vossia benedica!

DON RODRIGUEZ – (ignora i saluti e si rivolge ai Bravi) Aspettatemi aqui! (Via, insieme con Nino in casa dell’Innominabile. Per qualche istante, silenzio assoluto: solo sguardi e sorrisi idioti).

DON ABBONDO – Ma chi havi don Rodriguez…? Chi è ‘ncazzatu? Iù ‘u salutai rispettosamente ma iddu…

1 BRAVO – A vui sta pinsannu, chiddu! Per ora ci havi i so’ caddi ‘nta testa…!

2 BRAVO – C’è cu’ ci l’havi ‘nte’ peri, i caddi e c’è cu’ ci l’havi ‘nta testa! Iddu, in questo momento, ci l’havi ‘nta testa.

(Il 1 Bravo assume improvvisamente l’atteggiamento di chi riflette)

2 BRAVO – (lo osserva a lungo) Chi sta’ facennu?

1 BRAVO – Sto pensando.

2 BRAVO – Astieniti ca ti fa mali.  

1 BRAVO – (si avvicina minaccioso a Don Abbondo) Unni si ni jvu Lucietta?

DON ABBONDO – Non lo so.

1 BRAVO – E Renzinu?

DON ABBONDO – Non lo so.

2 BRAVO – (al compagno) C’ha fari assai?

1 BRAVO – Lassami travagghiari! (Continua l’interrogatorio) E Agnese?

DON ABBONDO – Non lo so.

1 BRAVO – Eppuri sugnu sicuru ca vui sapiti ogni cosa e non vuliti parrari!

PERPETUA – Ma chi è ca sapi ddu puvureddu?! Ma si è nuddu ammiscatu cù nenti…

1 BRAVO – E allura, parrati vui.

PERPETUA – Non sacciu nenti mancu iù.

1 BRAVO – “Omerdosi”!

2 BRAVO – Chi è ca ci dicisti?

1 BRAVO – “Omerdosi”. Ca non volunu parrari vah…

2 BRAVO – “Omertosi”, no “omerdosi”, sciamunitu! Levaci ‘a farsa e lassali perdiri. Chi t’interessa a ttia? Faccilla spurugghiari a don Rodriguez.

DON ABBONDO – (a Perpetua) ‘U friscu finìu e ni ficimu assai. Chi facemu, ni ni trasemu?

PERPETUA – Trasemu intra?

DON ABBONDO – “Trasemu intra”…! Trasemu e basta! Ma com’è ca non vi vuliti ‘nsignari a parrari?! (Ai Bravi) Arrivederci e salutatimi sempri a don Rodriguez. (Via, in casa, insieme a Perpetua)

I DUE BRAVI – Arrivederci.

8 –

1 BRAVO – Ma si’ sicuru ca si dici “omertosi”?

2 BRAVO – Ancora?

1 BRAVO – Iù haiu dittu sempri “omerdosi”… mi sona megghiu.

2 BRAVO – Tu non ha sunari ca si’ stunatu.

(Sopraggiungono, dalla casa dell’Innominabile, Nino e Ciccio. I quattro si osservano a vicenda)

1 BRAVO – Non v’haiu vistu mai, nell’ambiente… Chi siti Bravi?

NINO – Insomma…bravini, vah…

CICCIO – Semu ancora novi…

1 BRAVO – E l’autri setti unni sunu?

2 BRAVO – Su’ novi! Cioè, novizi, alle prime armi.

1 BRAVO – Ah, ho capito.

2 BRAVO – M’u ’mmaginu.

1 BRAVO – Noialtri siamo Bravi da tanto tempo.

2 BRAVO – Nuatri, Bravi ci nascemu.

CICCIO – Noi siamo alle dipendenze di don Pa…

I DUE BRAVI – Mutu!

1 BRAVO – Ma chi si’, scemu?

CICCIO – Pirchì?

2 BRAVO – Non si pronuncia il suo nome: è piriculusu.

1 BRAVO – Ogni vota ca si dici ‘u so nomu, sett’anni di disgrazii! (Al 1) Abberu?

2 BRAVO – Comu minimu!

NINO – E iddu ‘u sapi?

2 BRAVO – Cui, l’Innominabile? Ca certu. Macari iddu stissu si scanta a diri comu si chiama…

1 BRAVO – Veru è: non ci haiu sintutu diri mai ‘u so nomu.

2 BRAVO – Muti ca stannu vinennu…

(Entrano l’Innominabile con don Rodriguez)

DON RODRIGUEZ – (chiude un discorso iniziato prima) Muy bien!

L’INNOMINABILE – (lo riprende per via dello spagnolo) Ah, ah!

DON RODRIGUEZ – Scusatimi. Vuleva diri: appostu.

L’INNOMINABILE – Benissimo. Dunque, cumpareddu, siamo intesi su tutto. Facitimi sapiri lo sviluppo della situazione…

DON RODRIGUEZ – Immancabilmente.

L’INNOMINABILE – ‘Mpari, niente spagnolo!

DON RODRIGUEZ – Ma, “immancabilmente” è italiano…

L’INNOMINABILE – Daveru? Non pareva. Vi salutu, cumpareddu! (A Nino e Ciccio) Caminati cù mmia, picciotti!

NINO E CICCIO – Sissignore!

L’INNOMINABILE – (si ferma un istante) Hata praticatu a iddi? (Indica i Bravi)

NINO E CICCIO  E I DUE BRAVI – No.

L’INNOMINABILE – Si vidi che è dono di natura. (Esce per la comune, seguito da Nino e Ciccio)

DON RODRIGUEZ – Muchachos, usted escutha mí.

I DUE BRAVI – Ah?

DON RODRIGUEZ – Ascutatimi.

I DUE BRAVI – Sì, senor!

DON RODRIGUEZ – Dovete partire subito per Ponza.

1 BRAVO – Ponza… Ponza… Unn’è, ammeru Missina?

2 BRAVO – No, cchiù luntanu.

DON RODRIGUEZ – Vi ci porta ‘u vapuri, non vi preoccupate.

I DUE BRAVI – No, senor.

DON RODRIGUEZ - Quannu arrivati, dovete cercare il convento d’a monaca di Ponza.

I DUE BRAVI – Sì, senor.

2 BRAVO – Ma… ‘a monaca di Ponza cu’ è dda scavaddata…

DON RODRIGUEZ – Non v’interessa!

I DUE BRAVI – No, senor.

DON RODRIGUEZ – (si avvia verso la comune, seguito solo dal 2) Dopu di che, trasiti ‘nto cunventu e… (Escono)

1 BRAVO – (rimasto a riflettere) Ponza… Ponza… ma unni schifìu è?

2 BRAVO – (rientra per un momento) Ahu! Ti vo’ moviri?!

1 BRAVO – Sì! (esce)

(Entra il Coro)

CORO -  Partunu i Bravi cù lu vapuri

         ca già versu Ponza addizza drittu.

         Chiddu ca fannu, fra ‘mpocu d’uri,

         nuddu lu sapi: è segretu strittu!

         Lassata Lucietta ‘nto cunventu,

         torna, intantu, Agnese a la so casa…

         Cù l’occhi tristi, lu passu lentu,

         pinsannu sempri alla stissa cosa…

(Il Coro, via.

Entra, visibilmente provata, Agnese).

9 –

AGNESE – (tra sé) Macari ca è bestia, sempri mè figghia è… (sospira) Di quannu ristai viduva, l’unicu cunottu è Lucietta… ‘Sta casa mi pari leggia, ora, senza di idda… senza tutti i so’ cretinaggini… Mah, comu voli Diu! Chi ci putemu fari nuautri si ‘nu strunzu di Spagnolu si fissò ca non n’ha dari paci?! Ma l’haiu a vidiri moriri a chissu! ‘U Signuri mi l’ha dari ‘sta grazia!

(Entra Fra Cristoforo che sente le ultime invettive)

FRA’ CRISTOFORO – Non si diciunu ‘sti cosi ca faciti piccatu!

AGNESE – Non ci stunassi ‘a testa macari vossia, Fra’ Cristoforo! Iù ci l’haiu beddi vunchi…!

FRA’ CRISTOFORO – (in tono di rimprovero) Agnese!

AGNESE – Ci dumannu scusa… E’ ca l’haiu vunchi…

FRA’ CRISTOFORO – L’ho capito. (Sorride paternamente) Bentornata. Mi dissiru ca eravate arrivata e vinni a salutarivi…

AGNESE – Grazie.

FRA’ CRISTOFORO – E allora… comu jvu, tutto a posto?

AGNESE - Ringraziannu la Madonna.

FRA’ CRISTOFORO – Avanti, cuntati… Comu vi ricivìu la santa monaca di Ponza?

AGNESE – No, bene, bene… Veramente mi parsi un pocu c’a nasca additta…

FRA’ CRISTOFORO – E’ veru però è ginirusa. Certo, ha conservato il suo sangue blu, chi vuliti?… Suor Gertrude, accussì si chiama, è figghia d’o baruni di Petraperzia e dunque…

AGNESE – Ecco pirchì parrava come a nuatri: è sicula!

FRA’ CRISTOFORO – Di Petraperzia. Comunque, cuntatimi.

AGNESE – No, nenti… All’inizio parrò Lucietta ma siccomu, comu ‘o solitu, si cunfunnìu, attaccai iù e ci stava spiegannu ‘a situazioni. Ad un certo punto, ‘a monaca mi firmò e mi dissi: “Basta, hatu parratu assai p’o mè carattiri… Iù vogghiu sentiri a Lucietta, da sola a sola…” E s’a purtò ‘nta so stanza…

FRA’ CRISTOFORO – Mi pari giustu.

AGNESE – Dopu ‘na menzurata, nisceru tutti dui, beddi, sorridenti… E ‘a monaca mi fa: “Ora ho capito tutto. Vi ni putiti jri vui. Lucietta, qua, è in mani sicure: ‘a fazzu dormiri ‘nta mè stissa camera”.

FRA’ CRISTOFORO – (dopo un attimo di perplessità) E’ naturale: pì putirla proteggiri megghiu. Sugnu cuntentu. Ora, aspittamu ca a don Rodriguez ci passa ‘sta fissazione e poi a jemu a pigghiari…La Provvidenza non ci abbandona, stati tranquilla! Avanti, ora, arripusativi d’o viaggiu, arrizzittativi… Iù mi ni vaiu. Pace e bene.

AGNESE – Vossia benedica. Ah, Fra’ Cristoforo, ci havi notizie di dd’autru svinturatu di Renzinu?

FRA’ CRISTOFORO – Sta benissimo. Mangia e bivi comu un pascià. L’unicu problema è che a Catania scoppiò ‘u colera.

AGNESE – (sarcastica) Ah, va beh, cosi di nenti!

FRA’ CRISTOFORO – Infatti: cosi di nenti. Iddu è al sicuro. Arrivederci. (Esce)

AGNESE – “Un piccolo problema”… ‘U colera ‘u chiama “piccolo problema”? I cristiani cascanu ‘nterra comu i pira…! Mah! Videmu comu ci finisci a ‘dd’autru… (Via, in casa)

10 –

(E’ mattino. Don Basilio entra e fa l’ennesino tentativo…)

DON BASILIO – (va a sistemare, al solito posto, tavolinetto e sgabellino) E speriamo bene!

(Dalla comune, entrano –  allegri e avvinazzati,dopo una nottata di bagordi –  don Rodriguez  e l’Innominabile. A debita distanza, li seguono Nino e Ciccio)

L’INNOMINABILE – Siete stato gentilissimo, caru cumpari, ad avermi accompagnato finu a’ casa!

DON RODRIGUEZ – E’ stato un dovere e un piacere!

L’INNOMINABILE – Ora, però, si ci pirmittiti, tocca a mmia accumpagnarivi a’ casa… Amuninni!

DON RODRIGUEZ – No, no, cumpareddu… lassamu perdiri… Havi ‘na nuttata ca facemu avanti e arreri… d’a vostra casa a mè casa, d’a mè casa a’ vostra casa… e poi d’a vostra casa a’ mè casa… Mi sentu un pocu stancu.

L’INNOMINABILE – E allura, che cosa proponete?

DON RODRIGUEZ – Facitimi pinsari.

L’INNOMINABILE – Vogghiu pinsari macari iù.

DON RODRIGUEZ – L’INNOMINABILE – Arritiramini! (Ridono)

L’INNOMINABILE – (s’accorge della presenza di Don Basilio) Ahu! Tu…!

DON BASILIO – Sissignore, mi ni staiu jennu. (Raccoglie le sue cose e si avvia) O cangiu postu o cangiu misteri. (Esce)

L’INNOMINABILE – (riferendosi a Don Basilio) Ma chi è, si ni jvu?! Iù ci vuleva addumannari chi ura è… Ma comu stilanu i cristiani?! (Chiama) Ciccio!

CICCIO – Agli ordini!

L’INNOMINABILE – Ricordami ca cchiù tardu ci hamu a tagghiari ‘a facci a chissu, accussì si ‘nsigna l’educazione!

CICCIO – Sissignore.

DON RODRIGUEZ – Cumpari, pirdunatimi ma iù v’haiu a lassari… Ci haiu un sonnu ca non ci vidu…!

L’INNOMINABILE – Aspittati! Ho avuto ‘na pensata magnifica: amuninni a’ mè casa: siete mio ospite! Prima ni facemu ‘na bella durmuta e poi ‘na gran mangiata di crastu arrustutu! Chi diciti?

DON RODRIGUEZ – Affare fatto! Ci staiu ma… a un patto.

L’INNOMINABILE – Parrati.

DON RODRIGUEZ – Siccomu mi piaci assai arrustiri ‘a carni, ‘u crastu ‘u vogghiu fari iù.

L’INNOMINABILE – Non dubitate, ‘mpari, ‘u crastu v’u fazzu fari a vui!

DON RODRIGUEZ – Muchas gratias! Oh, scusatimi, mi scappò tannicchia di spagnolu!

L’INNOMINABILE – De nada, de nada! Ora, arricugghemini ! (Via, in casa)

CICCIO – Megghiu è, arricugghitivi.

NINO – Chissi si ponu arricogghiri sulu c’a cucchiaredda…!

CICCIO – Oh, li bestii! Havi ‘na nuttata sana ca mangianu e bivunu!

NINO – Allura!

CICCIO – E nuautri taliavamu!

NINO – Non è ca a mmia ‘stu travagghiu mi sta piacennu assai… Anzi, non mi sta piacennu propriu!

CICCIO – Chi vo’ fari? Siamo ancora in prova…

NINO – Ma in prova, chi fa, non si mangia? Amuninni, vah, ca sugnu stancu.

CICCIO – Sta’ schirzannu?! Unni ni ni jemu, senza autorizzazione?!

NINO – Ma chiddu nenti ni dissi.

CICCIO – Appuntu. E dunque, hamu a stari ccà fino a nuovo ordine.

NINO – Mah! A mmia ‘stu travagghiu mi piaci sempri cchiù picca…!

(Si lasciano cadere giù a terra, esausti. Si assopiscono.

Entra don Abbondo)

DON ABBONDO – (s’accorge dei due) Ma chi fanu ‘sti dui, ccà? Ehi!

CICCIO – Cu’ è?

DON ABBONDO – Ma pirchì non vi ni jti a dormiri a’ casa?

CICCIO – Ma pirchì non vi faciti i cazzi vostri?

DON ABBONDO – Veru è. Come non detto. (Esce per la comune.

Entra il Coro)

CORO  – Dormunu in casa, i du’ cumpari

         e chisti dormunu ‘nta ‘na gnuni…

         Li mangia vivi ‘u maluchifari

         a ‘st’omini senza riligiuni!

         Intantu i Bravi stannu turnannu

         cù ‘na mercanzia priziusa…

         secunnu l’ordini e lu cumannu

         d’o Spagnolu, dda cosa fitusa!

(Il Coro, via)

11 –

(Entrano i due Bravi: sulle spalle “qualcosa” o “qualcuno” avvolto in una sorta di tappeto o simile. Depositano il fardello a terra e si asciugano il sudore)

1 BRAVO – Finalmente, arrivamu!

2 BRAVO – Minchiuni, chi sudata!

1 BRAVO – Chissi ca dormunu cu’ sunu, chiddi ca travagghianu pì don Pa… pì l’Innominabile?

2 BRAVO – Iddi sunu. Boni travagghianu.

1 BRAVO – Arrusbigghili, videmu si sanu qualche cosa.

2 BRAVO – Ehi! Picciotti! Arrusbigghiativi ca agghiurnò!

CICCIO – Cu’ schifiu è?

1 BRAVO – Amici.

NINO – Ah, i Bravi …

1 BRAVO – Bravi, i Bravi. Ni sapiti cosa di don Rodriguez?

CICCIO – Pensu ca sta ancora durmennu…

2 BRAVO – Ma si a’ casa non c’è…

NINO – Si curcò cù don Pa…

I DUE BRAVI – Ah!

NINO – Si curcò cù l’Innominabile.

1 BRAVO – Si curcaru ‘nsemi?!

CICCIO – Non è ca si curcaru ‘nsemi… Era ‘mbriacu comu ‘na signa e ‘u nostru padruni l’ha ospitato a so casa.

1 BRAVO – Ah, ecco. Stava accuminciannu a pinsari mali, iù.

2 BRAVO – E iù mi stava licenziannu.

1 BRAVO – Comunque, mi pari ca l’hamu arrusbigghiari pì forza.

NINO – E pirchì?

2 BRAVO – Avemu un “collu” troppu importanti!

CICCIO – Infatti, mi stava addumannannu chi c’è ammugghiatu ‘nta dda speci di tappitu…

1 BRAVO – Fammi ‘u piaciri, tu ca si’ di casa, vallu a chiamari.

CICCIO – A cui, a don Rodriguez? E si appoi si siddianu? No, chiamatilu vuautri ca siti Bravi.

1 BRAVO – (al 2) Chiamalu.

2 BRAVO – Chiamamuli ‘nsemi. (Urlano, insieme) Don Rodriguez!

VOCE DI DON RODRIGUEZ – Quién es ese grida?

I DUE BRAVI – I Bravi!

VOCE DI DON RODRIGUEZ – Ah, bravi! Siete tornati?

I DUE BRAVI – Sì, senor!

VOCE DI DON RODRIGUEZ - Vengo aguantado.

I DUE BRAVI – Como vene?

VOCE DI DON RODRIGUEZ – Staiu vinennu subitu!

2 BRAVO – Sta vinennu subitu.

1 BRAVO – L’hava caputu.

DON RODRIGUEZ - Bien, mucho, mucho bueno. Spero ca non ci facistiru nenti di mali.

1 BRAVO – No, quali mali… ‘A’llitramu co’ sonnifero. Havi ca dormi du’ jorna.

DON RODRIGUEZ – Finalmenti facistivu ‘na cosa bona. Avanti, liberatela.

I DUE BRAVI – Sì, senor!

(Srotolano il tappeto e scoprono la monaca di Ponza che dorme)

2 BRAVO – E chi ci fa, chissa ccà?

CICCIO E NINO – ‘Na monaca?!

1 BRAVO – M’hanu ammazzari si ci capisciu cosa!

DON RODRIGUEZ – T’ammazzu iù! Iù t’ammazzu! A ttia e a ‘st’autru coglione! Chi cumminastivu? Mi purtastivu ‘na monaca?!

1 BRAVO – Haiu l’impressione ca sbagghiamu persona…

2 BRAVO – Ci ‘u giuru, don Rodriguez… nuatri pigghiamu informazioni precise! N’avunu dittu ca ‘a stanza era chidda e dunque, jemu a colpu sicuru…

1 BRAVO – E poi era di notti… c’era scuru…

DON RODRIGUEZ - Me siento gravemente!

I DUE BRAVI – Comu si senti?

RODRIGUEZ – Male! Mi sento male! Y hora, qué hacemos? Qué hacemos ?

I DUE BRAVI – Ah ?

DON RODRIGUEZ – Chi facemu?

1 BRAVO – Ca l’hamu a ripurtari a Ponza… Chi putemu fari?

(La monaca si sveglia, si guarda attorno…)

GERTRUDE – Ci haiu fami.

2 BRAVO – Ci havi fami.

GERTRUDE – Ci haiu siti.

2 BRAVO – Ci havi siti.

DON RODRIGUEZ – Entendido, entendido! Ci havi fami, ci havi siti…! E cu’ si ni futti?

(Don Basilio, per un attimo, entra coi suoi attrezzi poi, vista la situazione, torna indietro)

1 BRAVO – Chi facemu, ‘a’mmugghiamu ‘n’autra vota e ‘a ripurtamu a Ponza?

DON RODRIGUEZ – E chi vulissivu fari? Chi facemu, n’a tinemu ccà pì cappata?!    

GERTRUDE – Mi sentu cù l’ossa rutti.

2 BRAVO – Muta, sorella, non ci stunassi ‘a testa!

GERTRUDE – Cu’ t’a desi ‘sta cunfidenza? Come ti permetti, zaurdu?! Io sono la Monaca di Ponza!

CICCIO E NINO – ‘A monaca di Ponza?!

2 BRAVO – Scusi, sorella… il fatto è…

GERTRUDE – E non sugnu tò soru, cretino!

1 BRAVO – Senta, madre…

GERTRUDE – Sintiti a ‘st’autru! Quali “madre”?! Si mi nasceva un figghiu comu a ttia, l’avissi jttatu!

DON RODRIGUEZ – Y hora, bastante por lo tanto!

GERTRUDE – E chissu di unni svommica? Di quali paisi sbarcò?

DON RODRIGUEZ – Basta, ho detto! Bueno…Ripurtatila unni ‘a pigghiastivu!

2 BRAVO – (al 1) Ammugghiamula, vah!

GERTRUDE – No, no, c’ammugghiamu? Parramini, ‘nveci! Si po’ sapiri cu’ schifiu siti, chi ci fazzu ccà, unni sugnu ccà e pirchì mi purtastivu ccà?

DON RODRIGUEZ – Monaca, hora, usted es zitta!

GERTRUDE – Hablo! Hablo, va bien? Que usted me hace?

DON RODRIGUEZ – Ha sido un error, aquí todos!

GERTRUDE – Que error?

DON RODRIGUEZ – Estos dos coglioni tuvieron que llevar a una muchacha a mí y usted me ha llevado!

GERTRUDE – Ah, comprendido! Usted seises ese estúpido de don Rodriguez? Seises usted, ésos animal que Lucietta desea al rapire?

DON RODRIGUEZ - Y usted esa puta del monaca de Ponza!

GERTRUDE – Non te permido! La puta será tu madre!

(Nel frattempo, è già entrato l’Innominabile che ha ascoltato tutta la conversazione in spagnolo)

L’INNOMINABILE – Finistivu?

DON RODRIGUEZ – Iù, sì.

GERTRUDE – E iù, no!

L’INNOMINABILE – Stativi muta ‘u stissu!

GERTRUDE – Ca livativi, “stativi muta”!  Cu’ è st’autru citrolu?

L’INNOMINABILE – Caru cumpari, ho già capito ca i vostri due Bravi cumminanu ‘na bella minchiata.

DON RODRIGUEZ – Autru ca Bravi! Su’ du’ sciamuniti!

 L’INNOMINABILE – E dunque, l’unica soluzione è pigghiari a chista…

GERTRUDE – Ahu! Cu’ sarebbe “chista”?

L’INNOMINABILE - … purtarla ‘n’autra vota ‘nto cunventu e turnari con la persona giusta.

DON RODRIGUEZ – Infatti. (Ai Bravi) Avanti, ‘na cosa lesta… viditi c’hatua fari, animali insignificanti!

I DUE BRAVI – Sì, senor!

1 BRAVO – (la invita a ridistendersi sul tappeto)  Prego, si vuole accomodare, per favore?

GERTRUDE – Po’ moriri!

2 BRAVO – Signora monaca… signorina monaca… annacamini!

GERTRUDE – ‘U primu ca s’arrisica a mittirimi i manu ‘ncoddu, ci dugnu ‘na gran pidata nei paesi bassi…! Prima vogghiu mangiari, biviri, ripusarimi e dopu, si m’a pensu, mi ni tornu, ch’e me’ pedi, a Ponza. Chiaro?

1 BRAVO – Ma chi fa, scherza? Chi ci pari ca ‘a purtamu ccà pì farisi ‘na vacanza? (Al 2) Acchiappala!

(Si scatena il finimondo. Gertrude si difende a morsi, pugni e calci…Corre come un’ossessa e sguscia con disinvoltura dalle mani di tutti)

DON RODRIGUEZ – Maldida!

L’INNOMINABILE – Mi muzzicò ‘n’aricchia !

1 BRAVO – Pigghiala!

2 BRAVO – Fermala!

CICCIO – Ma siti sicuri ca è ‘na monaca?

NINO – ‘Sta servaggia mi chiantò ‘npugnu ‘nta carina!

2 BRAVO – Signora monaca, scusi… (Gertrude si ferma un attimo) Guardi l’uccellino! (Gertrude abbassa il capo…)

(Il 2 Bravo le assesta un colpo di bastone in testa: Gertrude alza il capo intontita)

GERTRUDE – Buenas noches a todos. (Crolla svenuta)

(Rimettono nel tappeto Gertrude. I due bravi, scortati, stavolta, da Nino e Ciccio, via per la comune. L’Innominabile e Don Rodriguez, via, in casa. Una musica accompagnerà tutta l’azione)

12 –

(Entra il Coro)

CORO – (parlato) Li jorna passanu sempri li stissi…

          Non c’è lustru pì li sposi prumissi…

         (Cantato) Cala la notti ‘nta lu paisi…

         ‘Mmenzu a lu cielu spunta la luna …

         ‘Nta li strati, lu silenziu scisi…

         Ma non scinni la bona furtuna…!

(Il Coro, via.

Entra Don Abbondo, ubriaco cantando a squarciagola)

DON ABBONDO – Ora io dico: è così bella la vita…! Pirchì c’è sempri qualcunu ca l’ha complicari? Unu putissi mangiari, biviri, dormiri…moriri in santa paci… no! Non po’ essiri, non si può! Perché non si può? Pirchì semu ‘na maniata di sciamuniti e di prisintuusi! Ecco perché! Signuruzzu, tu hai creato l’uomo… L’hai fatto a tua immagine e somiglianza ma vidi ca tanti non ti vinniru boni… Tanti e tanti hanno l’immagine e la forma precisa d’o strunzu! Pigghia a mmia: cù mmia, poi, Signore caro, ‘a scafazzasti! Non sugnu nenti: mancu strunzu! Sugnu ‘na vampugghia… Cù ‘na sciusciata, vaiu fuennu di ccà e di ddà…!

(Entra Perpetua)

PERPETUA – Ma chi havi ca sdilliria…? Si jssi a curcari, vah! Sempri ‘mbriacu friscu è!

DON ABBONDO – Facitivi i caddi vostri, vui! (Si rivolge sempre a Dio) Ecco, viditi a chista… (Indica Perpetua) Chi vi vinni bona? Scanzatini! A mmia mi pari un incrocio fra ‘na zazzamita e ‘na signa!

PERPETUA – Chi è ca dici?

DON ABBONDO – Muta ca staiu parrannu co’ mè principali!

PERPETUA – (tra sé) Mi pari cchiù ‘mbriacu d’o solitu! (A don Abbondo) Iù mi vo’ curcu. Vossia, quannu finisci di parrari c’o principali, s’arritira. (Esce)

DON ABBONDO – ‘A discussioni longa è…!

(Dalla comune, entrano i due Bravi, Ciccio e Nino: portano lo stesso tappeto di prima sulle spalle. Attraversano la scena poi si fermano).

1 BRAVO – (a Ciccio e Nino) Ora, tocca a vuautri: acchianatulu in casa di don Pa… dell’Innominabile. Nuatri non ci ‘a facemu cchiù.

CICCIO – Avanti, Ninu, forza!

NINO – Prontu sugnu. Unu, dui… isa!

(Ciccio e Nino si caricano il tappeto ed escono, verso casa dell’Innominabile)

DON ABBONDO – (ai Bravi) Qualcunu sta cangiannu l’arredamentu d’a casa?

(Nessuna risposta)

         Chi tappitu è, persiano?

1 BRAVO – No, surianu!

DON ABBONDO – E allura, stati attenti ca ratta! Bona notti… Bravi!

(Nessuna risposta)

         Bona notti!

2 BRAVO – Ca jtavinni! Ancora ccà siti?!

DON ABBONDO – (si rivolge sempre al cielo) Vi siete reso conto, Signuruzzu miu? Avete visto chiddu ca cumminastivu? E’ inutili: non vi vinniru boni! (Via, in casa)

13 –

(Entra, dalla Comune, Don Rodriguez)

DON RODRIGUEZ – Tutto a posto?

I DUE BRAVI – A postissimo.

DON RODRIGUEZ – Non è ca sbagghiastivu ‘n’autra vota e mi purtastivu un sagristanu?!

1 BRAVO – ‘Sta vota, prima di pigghiarla, ci ficimu l’analisi logica.

DON RODRIGUEZ – Chi ci facistivu?

2 BRAVO – ‘A taliamu sutta e supira!

DON RODRIGUEZ – ‘A purtastivu ‘nti mè cumpari?

1 BRAVO – Secondo l’ordine vostru e di vostru cumpari.

DON RODRIGUEZ – Bueno. Nihuno potrà sospettare che si trovi qui…Vado a vedere come sta la linda muchacha! Voi, aqui! (Via)

I DUE BRAVI – Aqui!

1 BRAVO – Havi ‘na vita ca non vidu un lettu!

2 BRAVO – Oramai ni cunnannò a stari por siempre aqui!

1 BRAVO – Non è ca pensa ca nuautri havi ‘na simana ca facemu avanti e arreri c’o vapuri…!

2 BRAVO – Allura!

(Rientrano Ciccio e Nino)

CICCIO – Contrordine. Don Rodriguez dici ca vi ni putiti jri a’ casa.

I DUE BRAVI – Daveru?

NINO – Sì. Ccà, per ora, ci stamu nuatri. Dumani matina ni viniti a dari ‘u cambiu.

2 BRAVO – Amuninni, prima ca si ni penti!

1 BRAVO – Quantu mi vaiu a sdivacari ‘nta un lettu!

I DUE BRAVI – Salutamu!

CICCIO E NINO – Salutamu.

(I due Bravi, via, per la comune.

Ciccio e Nino si sistemano a terra)

NINO – N’aspetta ‘na bella nuttata!

CICCIO – E’ inutili ca ti lamenti. ‘U sai, no, ca semu…

NINO - … in prova! Videmu quannu finisci ‘sta prova!

14 –

(Entra, visibilmente stremato dalla fatica, Renzino. Entra con prudenza, si guarda attorno poi s’accorge di Ciccio e Nino che si sono assopiti).

RENZINO – (chiama sottovoce) Ciccio! Nino!

CICCIO – Cu’ è?

NINO – Renzino! Chi ci fai, tu, ccà?

RENZINO – Chi ci faciti, vuautri, ccà!

CICCIO – Ma cu’ t’u fici fari a turnari o’ paisi?

NINO – Era megghiu ca ti ni stavi a Catania!

RENZINO – A Catania scoppiò ‘u colera!

NINO – E va bene, ‘nto cunventu non eri al sicuro?

RENZINO – Sì, al sicuro… Sicuro di moriri!

CICCIO – Ccà è macari peggiu!

RENZINO – ‘U veni a sapiri don Rodriguez? Non m’interessa nenti, varda!

CICCIO – Senti… vidi ca… insomma… Renzino, noi, ora, siamo dipendenti di don Pa…

NINO – Dell’Innominabile.

RENZINO – Ah, sì? Vi truvastivu ‘nbellu travagghiu! Comunque, fatti vostri sunu… Cuntenti vuatri…!

CICCIO – No, no… non ci siamo capiti. Pì regola, in questo momento, nuatri avissimu a ghiri ‘nto nostru padruni e… cunsignariti a iddu.

RENZINO – Ma chi divintastivu scemi? Iù non haiu nenti chi spartiri col vostro nuovo datore di lavoro.

NINO – E inveci, sì. Don Pa…

CICCIO – L’Innominabile…

NINO – Si pigghiò a cori ‘u problema di don Rodriguez…

CICCIO – In poche parole, anziché unu, ti facisti du’ nimici.

RENZINO – A’mprisa ca ‘a curpa è mia, ora?!

CICCIO – P’o beni ca ti vulemu, fai ‘na cosa: ammucciti intra e non nesciri mancu si si brucia ‘a casa!

RENZINO – No, iù fazzu diversamente. Mi ni vaiu a Ponza, a pigghiari a Lucietta e m’a portu, se è il caso, macari ‘mpizzu a ‘na muntagna!

NINO – Lassa perdiri.  Tantu a Lucietta, a Ponza, nn’a trovi.

RENZINO – Comu… nn’a trovu?!

CICCIO – No, iddu vuleva diri…

NINO – Lucietta ccà è.

CICCIO – ‘A lingua non ti casca, veru?

RENZINO – Ccà, unni?

NINO – (a Ciccio) Ahu, mi scappò!

RENZINO – Unn’è Lucietta?

CICCIO – E’ inutili ca ‘nsisti… T’hamu dittu macari assai!

NINO – Ora, vattinni intra ca si nesci don Rodriguez o l’Innominabile…

RENZINO – Ah, su’ ‘nsemi, i du’ cumpari!

CICCIO – Pì favureddu, Renzino, vatinni… non ni creari problemi!

RENZINO – Va bene, va bene, mi ni vaiu, non vi preoccupati. Tantu, ‘u scopru pì cuntu miu, unni si trova Lucietta.

CICCIO – Ti ni vo’ jri?

(Renzino via, in casa ma il pubblico dovrà intuire che rimarrà dietro la porta ad origliare).

15 –

CICCIO – Ti dassi du’ pugna ‘nta testa! Ma di unni ti vinni di cuntarici…

NINO – Ti dissi ca mi scappò. E poi, ‘u sintisti? Si ni stava jennu a Ponza!

CICCIO – Non su’ affari che ci riguardano!

NINO – Ma Renzino è ‘n’amicu…

CICCIO – Ti rendi conto ca chiddu ni scanna si veni a sapiri ca parramu?

NINO – Non è ca ci dissi ca Lucietta è ccà, in casa dell’Innominabile…!

CICCIO – ‘St’autru ci mancava! E poi, parra alleggiu ca ti po’ sentiri!

(Entrano Don Rodriguez e l’Innominabile)

L’INNOMINABILE – Mi dispiaci, caru cumpari, vi debbo contraddire. Per ora, è megghiu ca Lucietta resta unn’è. V’hata stari calmu… vui siti troppu fucusu… Capisco che in questo momento è comu livarici a un cani l’ossu d’a vucca ma dovete soprassedere.

DON RODRIGUEZ – E va bene.‘A carusa, pì stanotti, resta ‘nti vui ma dumani m’a portu…

L’INNOMINABILE – No! Dumani è ancora prestu. Lassati ca si tranquillizza, prima, lassatila riflettere… Nel frattempo, Maruzza, la mia governante, ci duna versu, l’ammansisce… Chidda è vecchia ma sapi ‘u fattu so… Ascutatimi: cù ‘na punta di meli si pigghianu centu muschi…!

DON RODRIGUEZ – Cumpari, circati di capirimi… Iù… staiu svampannu! Io sono mucho, mucho macho, claro?

L’INNOMINABILE – Mucho macho o mucho micio… chi vi ni faciti di ‘na fimmina ca non ni voli sentiri? Se, inveci, ci dati tempu…

DON RODRIGUEZ – Aviti ragiuni.

L’INNOMINABILE – Facemu accussì: io debbo andare a’ Varanni per certi interessi mei… Viniti cù mmia e al ritorno, vi garantisciu che ‘sta puledra selvaggia, ‘a truvati docili come un agnidduzzu! D’accordu?

DON RODRIGUEZ – D’accordu.

L’INNOMINABILE – (a Ciccio e Nino) Picciotti, iù e mè cumpari stamu partennu. Vi raccumannu: ‘a carusa è in buone mani ma tinemu sempri ‘a situazione sotto controllo, mi spiego?

CICCIO E NINO – Sissignore!

(L’Innominabile e don Rodriguez via, per la comune)

16 –

CICCIO – ‘U sintisti? Occhi e aricchi aperti!

NINO – Va bene, ho capito.

 (Entra il Coro)

CORO – Notti di luna china

         Notti bella e serena…

         Stanotti l’aria fina

         è ‘mbriaca ‘i gelsuminu…

         Dormunu l’acidduzzi…

         Finèru di cantari…

         Chiusi ormai l’occhiuzzi,

         cumincianu a sugnari…

         Ma si qualcunu dormi,

         qualcunu c’è ca vigghia…

         Un’ombra pigghia formi…

         ma nuddu s’arrusbigghia…

(Durante l’intervento del Coro - che poi esce cautamente – entra Renzino che si porta silenziosamente nella casa dell’Innominabile. Qualche attimo dopo, rientra assieme a Lucietta. Il loro dialogo si svolgerà, ovviamente, a bassa voce).

LUCIETTA – Non cridu ca ‘a’mmazzasti?

RENZINO – A cui, ‘a vecchia? No, però ci desi ‘ngran pugnu ‘nta testa ca quannu s’arrusbigghia non sapi mancu comu si chiama.

LUCIETTA – ‘A’ttaccasti bona ‘nto lettu?

RENZINO – Ca certu. Ci misi macari un bavagliu ‘nta vucca… (Disorientato, non sa dove andare…)

LUCIETTA – Ti vo’ decidere? Unni caddu hamu a ghiri?

RENZINO –‘Nti Fra’ Cristoforo!

(I due escono rapidi per la comune).

17 –

(E’ l’alba. Ciccio e Nino si svegliano, ignari di quanto è accaduto, durante la notte)

NINO – ‘U sai chi m’insunnai?

CICCIO – Ma pirchì… ha’ durmutu?

NINO – Sì ma ero sempre in allerta… comu i cani di vardia… e comu a tia, vah! Allura, ‘u sai chi m’insunnai?

CICCIO – No.

NINO – Ca Lucietta si maritava cù Renzino.

(Entrano i due Bravi)

1 BRAVO – Tutto a posto?

CICCIO – Tutto a posto.

2 BRAVO – E semu ccà. Semu sempri ccà.

1 BRAVO – I capi s’hanu vistu?

CICCIO – Parteru tutti dui, stanotti.

1 BRAVO – Parteru? E l’ordini quali sunu?

NINO – Di tenere la situazione sotto controllo.

2 BRAVO – E chi vuol diri?

NINO – No’ sacciu.

1 BRAVO – (al 2) L’ho capito io. (Ai due) E… l’amica nostra?

CICCIO – Intra, c’a vicchiaredda ca ‘a teni a cura.

1 BRAVO – Va bene. Vi ni putiti jri a ripusari. Ora ci stamu nuatri ccà.

CICCIO – (a Nino) ‘O cuccamini!

NINO – Ma iù non n’haiu sonnu… Haiu fami!

CICCIO – Veramenti, macari iù. (Saluta) Ni videmu cchiù tardu.

NINO – Arrivederci.

(Ciccio e Nino, via, per la comune)

18 –

2 BRAVO – Secunnu mia, chissi si ficinu ‘na panzata di sonnu, stanotti…!

1 BRAVO – Stavu pinsava ‘a stissa cosa. D’altra parte, c’è da compatirli: non è ca sunu Bravi comu a nuatri!

2 BRAVO – Ah, beh, certu…

(Entra Fra’ Cristoforo, palesemente agitato. Rapido va verso la porta di Agnese e bussa)

I DUE BRAVI – Pace e bene.

FRA’ CRISTOFORO – (distratto) Ah?

I DUE BRAVI – Pace e bene!

FRA’ CRISTOFORO – Certamente.

(Agnese apre la porta).

AGNESE – Fra’ Cristoforo?!

FRA’ CRISTOFORO – Facitimi trasiri! (Via, in casa di Agnese)

AGNESE – Chi fu? (Via, anche lei)

1 BRAVO – Ma chi havi ‘u monacu ca pari tuttu frasturnatu?!

2 BRAVO – Iù pensu…

1 BRAVO – Non si’ pavatu pì pinsari.

2 BRAVO – E iù pensu gratis, p’e’ fatti mei… Non pozzu pinsari?

1 BRAVO – Sintemu.

2 BRAVO – Iù pensu che gatta ci cova.

1 BRAVO – E chi significa?

2 BRAVO – Ca sentu puzza di bruciatu.

1 BRAVO – N’haiu caputu cchiù picca di prima.

2 BRAVO – No, volevo dire… (ci ripensa e si arrende) Lassamu perdiri.

(Entra Don Abbondo, seguito da Perpetua)

DON ABBONDO – (a Perpetua riferendosi ai Bravi) Chissi sempri ccà sunu!

PERPETUA – (non sente) Ah?

DON ABBONDO – No, nenti.

PERPETUA – (riferendosi anche lei ai Bravi) Ma chissi sempri ccà sunu?

DON ABBONDO – (la guarda con intenzione) Arrivederci, vah!

PERPETUA – Mi raccumannu: non turnati ‘mbriacu!

DON ABBONDO – Tantu pì cuminciari, ‘mbriacu o no, speriamo ca tornu. Coi tempi ca currunu, non semu sicuri di nenti…! (Via, per la comune)

(Via anche Perpetua, in casa)

(Rientra Fra’ Cristoforo, seguito da Agnese. I due, rapidamente, escono per la comune).

1 BRAVO – Stamatina c’è un certo movimento…

2 BRAVO – E già. A Fra’ Cristoforo, pari ca ci misunu ‘u pipispezzi ‘nta cuda!

(Entra il Coro)

CORO – E arriva ancora ‘n’atra sira…

         E nuddu s’accorgi di nenti.

         E comu succedi ogni sira,

         c’è lu scanciu di dilinquenti.

(Entrano Ciccio e Nino)

CICCIO E NINO – Tutto tranquillo?

I DUE BRAVI – Tutto tranquillo. (Via, per la comune)

CORO – Ma la matina d’o jornu appressu,

         s’arricampanu li cumpari

         e scoprunu zoccu è successu…

         Ma continuati ad ascutari…

(Via, il Coro.

Rientrano ancora i due Bravi)

I DUE BRAVI – Tutto tranquillo?

CICCIO E NINO – Tutto tranquillo.

1 BRAVO – Chi faciti, non vi ni jti?

CICCIO – No. Oggi torna ‘u nostru padruni e ni vulemu fari truvari al nostro posto…

NINO – Siccomu per ora semu in prova…

1 BRAVO – Bravi.

NINO – No, quali Bravi? Ancora… prima c’addivintamu Bravi comu a vuatri, ci ni voli.

2 BRAVO – Si ragiunati comu ragiuna iddu… (indica il compagno) Bravi ci divintati prestu!

19 –

(Entrano Don Rodriguez e l’Innominabile)

DON RODRIGUEZ – Bravi!

I DUE BRAVI – Agli ordini!

DON RODRIGUEZ – No, dicu, bravi: mi compiaccio di trovarvi attenti e solerti.

I DUE BRAVI – Solertissimi.

L’INNOMINABILE – Comu viditi, cumpareddu, macari i me’ picciotti sunu al loro posto. Com’è ‘a situazione?

CICCIO E NINO – I DUE BRAVI – Sotto controllo!

L’INNOMINABILE – ‘Mpari, ni putemu vantari. Avemu quattru carusi ca su‘ quattru figghi ‘i preju!

DON RODRIGUEZ – Sì, sì ma… pirdunatimi… Io non vidu l’ura di…

L’INNOMINABILE – E’ naturale. Amuninni a truvari la vostra “muchachita”!

(Don Rodriguez e l’Innominabile, via, in casa. Un momento dopo, rientra,inebetito, Don Rodriguez. E’ sconvolto, non riesce nemmeno a parlare: si limita solo a guardare fissamente i quattro giovani).

1 BRAVO – Ma chi havi?

2 BRAVO – Fa ‘mprissioni…

NINO – Chi ci pigghiò?

CICCIO – Addumannici.

DON RODRIGUEZ – (occhi sgranati e semiparesi facciale) No es.

I DUE BRAVI – CICCIO E NINO – Ah?

DON RODRIGUEZ – La muchacha… no es. E ' que pasa. Scumparìu.

I DUE BRAVI – Cui?

DON RODRIGUEZ – (urla come un indemoniato) Non c’è cchiù! Vi staiu dicennu ca non c’è cchiù! (Afferra il “ Bravo) Unn’è? Parra!

2 BRAVO – Ma… cui?

DON RODRIGUEZ – Scappò! V’a fici sutta l’occhi e scappò! E dda vecchia…

CICCIO E NINO – ‘A vecchia scappò?

DON RODRIGUEZ – Lucietta scappò! Avete capito? ‘A vecchia era ddà, attaccata ‘nto lettu comu un farsumauru!

(Rientra anche l’Innominabile)

L’INNOMINABILE – Siti quattru subnormali! Quattru deficienti! E quantu è veru ca mi chiamu… comu mi chiamu, vi ni fazzu pentiri!

(Ognuno dei quattro,contemporaneamente e a soggetto, cerca di discolparsi)

DON RODRIGUEZ – (sempre più esagitato) Basta!! Non vi pozzu sentiri cchiù! Pì curpa vostra, ci fici ‘a cumparsa d’o pepè! Pepè! Pepè! Pepè!

NINO – (a 2 Bravo) Ma chi è malatu?

2 BRAVO – No, strunzu.

L’INNOMINABILE – Calmativi, cumpari…

DON RODRIGUEZ – Anzi, no! ‘A curpa è sulu vostra, don Pasquali!

TUTTI – (sentendo pronunciare quel nome, cadono nello sconforto) No!

DON RODRIGUEZ – E inveci, sì! Don Pasquali, pirchì non m’a facistivu purtari, pirchì, don Pasquali?

TUTTI – E ci ìnsisti!

L’INNOMINABILE – Aviti ragiuni ma iù chi puteva sapiri… (S’interrompe perchè Don Rodriguez ha un improvviso malore)

DON RODRIGUEZ – Mi sentu mali… (la mano nel petto) Mi corazon…el corazon…

NINO – Di unni ci spercia…? Sta mali e voli sapiri chi ura è?!

DON RODRIGUEZ – Muero… muero… (Crolla giù a terra)

I DUE BRAVI – (verificano la morte) E’ muerto!

20 –

(Entra dalla comune Agnese e poi, da casa propria, Perpetua)

AGNESE – Chi successi?

PERPETUA – Chi fu?

CICCIO – Morsi don Rodriguez!

AGNESE – (non sta nella pelle per la gioia. Con uno sforzo tremendo, si trattiene dal ridere) Non… non mi faciti arridiri ca mi fa mali ‘u ciancu…! Chissa ci l’haiu a ghiri a cuntari subitu…! (Si ferma un istante) Dicu… semu sicuri?

NINO – Morsi, morsi…

AGNESE – Morsi. Va bene! (Esce di corsa per la comune)

L’INNOMINABILE – Morsi pì curpa mia!

2 BRAVO – (tra sé) Menu mali ca ‘u sapi!

PERPETUA – Cu’ è ca morsi?

(Nessuno più risponde).

         Mah! ‘Nta ‘stu quarteri su’ tutti maladucati: nuddu ti duna cuntu! (Via).

(I due Bravi, aiutati da Ciccio e Nino, sollevano il corpo di don Rodriguez e lentamente escono per la comune. L’Innominabile li segue.

Entra il Coro)

CORO – (parlato) E finalmente i promessi sposi da promessi, diventanu sposi! Ora è duminica, li deci in puntu e lu ritu di matrimoniu è prontu!

(La scena si ravviva. Sono presenti – oltre al Coro – Agnese, Perpetua, Don Abbondo, Fra’ Cristoforo. Commenti, sorrisi…Lucietta e Renzino entrano, dalle rispettive case, s’incontrano al centro: applausi di tutti)

FRA’ CRISTOFORO – (a don Abbondo) Reverendo curato, pari ca ci semu!

DON ABBONDO – Accussì pari…

(Si forma il corteo nuzialeche sta per muoversi. Entra, proveniente da casa, l’Innominabile, seguito dai due Bravi e da Ciccio e Nino).

1 BRAVO – Fermi tutti! Unni stati jennu?

(Silenzio tombale)

2 BRAVO – Il nostro padrone…

CICCIO – Vi deve dire…

NINO – Qualche cosa.

(Si alza un mormorio concitato)

I DUE BRAVI – CICCIO E NINO – Muti!

(Silenzio)

L’INNOMINABILE – Signori mei, l’improvvisa morti di don Rodrgiguez… mi ha fatto riflettere. E’ stato un segno divino. Dda supra… Qualcunu, ‘ncazzatu pì chiddu ca iù e mè cumpari stavumu cumminannu,  ha voluto mettere le cose a posto…Ora, macari iù vogghiu mettiri i cosi a postu e riparare al male che ho fatto. Assieme agli auguri, intendo fare un piccolo regalo agli sposi: da questo momento la mia massaria d’o chianu d’a cirasa apparteni a iddi.

TUTTI – Grazie, don Pa… Grazie assai!

(Il Coro e tutti gli altri, in corteo, cantano)    

         Jornu d’amuri,

         jornu di festa!

         Nenti duluri

         ma sulu festa!

         Sona campana

         di la chiesuzza

         Sona campana

         p’a Madunnuzza!

         Sposi promessi

         Promessi sposi!

         Prima promessi…

         ma ora su’ sposi!

SIPARIO

                                                                                                                       20 luglio 2004     

    

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 67 volte nell' arco di un'anno