I raggiri di sora Fesina

Stampa questo copione

I RAGGIRI DI SORA FESINA

(La monaca falsa)

di Pietro Trinchera

1.Orazio, padre di Perna                             

2.Perna, innamorata di Notar Masillo

3.Notar Masillo,                                         

4.Gianna, moglie di Orazio                        

5.Lello, spasimante di Perna           

6.Disperato, servitore                     

7.Fesina, monaca falsa                               

8.Teresa, moglie di Lello                

9.4 diavoli

Atto 1

Camera.

Cassapanca sullo sfondo. Orazio seduto a contare i denari con luce diretta soffusa. Centro palco, in penombra, tra tre seggiole, ripiegata su se stessa, avvolta dal manto, la monaca viene illuminata al termine della battuta di Orazio, nell’assumere una posa ieratica, quasi di estasi.

Orazio: Disperato, Disperato! Perna! Gianna!

Entra Gianna, scocciata, con un cencio in mano ad ascoltare la lamentela del marito.

Orazio: Addò mmalora s’è ‘mpezzato chillu suorteco de Disperato?

              Sora Fesina, me sentite o nun me sentite? Perché tenite chilla faccia stravolta? Oh Maronna, ve ne site ghiuta in estasi n’ata vota?!

Fesina, in piedi, eretta con le braccia levate al cielo, la testa reclinata e gli occhi strabuzzati, emette mugolii incomprensibili.

Orazio: (sussurrando, quasi timoroso, turbato) Fesina… Sora Fesina…

Fesina: Ooooh, ooooh… Gianna, discosta, con tono basso ma udibile, le rifa’ il verso con evidente atteggiamento d’insofferenza.

Orazio: Sora Fesina… Si ripete la scena, con i vocalizzi di Fesina e i motteggi di Gianna.

Orazio: Mannaggia ‘a capa toia… M’avete mettuto ‘nu terrore ‘n cuorpo! Se ve ne site ghiuta in cielo e chiste so’ e vvoci de lu Paraviso, figurammoce c’hanno da essere le voci de lu ‘nfierno!… Avvicinandosi a Fesina, con apprensione sul volto, State suffrenno assaie? Sudate? Sudate friddo? Sudate allu gelsomino, alla rosa, allu garofano? Nun diciteme ch’è profumato alla violetta! Nun me mettete ‘sta spina dint’o core! Uh, pover’a mme… Scetàteve, sora Fesina… Sora Fesina! … Chesta nun ce sente… fosse morta… nce vurria st’auto danno a casa mia! Che mica pozzo penzà all’esequie… addò li trovo li denare? Ma io la faccio seppellì pe’ carità! (pausa) Vedimmo si se sceta… sarrà stato nu malore… Gianna, accurri, presto, acqua, acqua, curri! (stizzito davanti al suo indugiare, impreca tentando goffamente di rianimare Fesina, mentre finalmente Gianna si affretta a prender l’acqua) Ma vite se si rompe ‘a noce de lu cuollo! Ma che canchero sta facendo?! Mannaggia ‘a capa soia, Gianna!!!…

Fesina: riscuotendosi, sbarrando gli occhi, simulando un tremito irrefrenabile, afflosciandosi di peso su una sedia, sospira, tergendosi il volto con un gran fazzoletto a quadri colorati, si guarda intorno spaesata, mentre finalmente, Gianna rientra con l’acqua richiesta, indispettita e più disponibile a versargliela in faccia, piuttosto che ad usarla in modo acconcio. Ooooh, ooooh, Aaaah!…

Gianna: Ma inzomma, vedete che brutta faccia, la faccia di chi non è poi tanto morta…

Fesina: Dove sono? Non sono più in Cielo? Bontà infinita dell’Onnipotente! Così presto Egli ha voluto togliere cotanta dolcezza a codesta infima animuccia? Ma è giusto così: non era quello luogo adatto per una povera peccatrice!

Orazio: (sospirando di sollievo) Ah! Io me credeva che ll’era pigliata nu malore.

Gianna: (scettica, rivolta al pubblico) Mo’ dice pure che è stata in Cielo!

Fesina: Oh signor Orazio, siete qui con me. E voi pure signora Giovanna?!? Vi sono davvero grata!

Orazio: Sine, stammo vicino a vuie… ma diciteme addo’ site stata, c’avite provato? Veramente siete iuta in Paraviso? Dicite, dicite, sora Fesina…

Gianna: Se sarà sunnata ca se n’è ghiuta ‘ngloria!

Fesina: (con tono di voce chioccia e nasale, con cadenza cantilenante e postura esageratamente ieratica) Non puote lingua umana illustrare il luogo ove sono stata, né io sono degna di riferirlo…

Orazio: Voi non lo vulite dicere ppe’ modestia, è accussì? Ma io songo anziuso e curiuso e l’aggi ‘a sape’. Cumm’avite sudato?

Fesina: Come una fontana!

Orazio: Garofano?

Fesina: No!

Orazio: Rose?

Fesina: No.

Orazio: Gesummine…?

Fesina: Cielo (sollevando lo sguardo al Cielo, con aria ispirata) quale triste missione hai voluto affidarmi?

Gianna: Viole!

Orazio: (allarmato) Sora Fesina, dicite ‘a verità: vuie avite sudato alla violetta?!

Fesina: Tutto l’olezzo di un campo sterminato di viole era racchiuso in ciascuna goccia di sudore che mi colava lungo la fronte.

Orazio: Ma allora avite avuto messaggi di periculo, mortalità, miseria… (gesti di scaramanzia) pene e guaie ppe’ a casa mia? Dicitemi, Sora Fesina… dicite!

Fesina: Invero, sono costretta a rivelare l’arcano, onde evitare che un crudele destino si abbatta su di voi, su vostra moglie (subdolamente, guarda con aria di sfida Gianna) su vostra figlia, e (con estrema intensità) … sui vostri denari…!

Orazio: (sobbalzando, impaurito) Periculo a li denari!?

Gianna: (con stizza, rivolta al  pubblico)Solo pe li denari se ‘ngrifa!!!

Fesina: Il pericolo maggiore è proprio per i denari… Sì, ma onde evitare perigli incresciosi la maniera esiste: non dubitate, buon cristiano, il rimedio è tutto in questa miserabile peccatrice che con le sue indegne orazioni può molto giovarvi.

Gianna: Io non saccio se chesta è ‘na santa o ‘na ciarlatana!

Orazio: Coraggio, annunziatemi  chiste mie disgrazie…

Fesina: Udite, signor Orazio… Nel mentre che in codesto umile cantuccio io dicea le consuete orazioni, ecco che dal Cielo discese una nube… Oh, signor Orazio, non son degna di riferirlo…

Orazio: Facitemi stu piacere, sora Fesina, se tratta de danare, de danare, mmalora!

Gianna: (indignata) Se tratta pure de la figlia vostra e de me!

Orazio: (enfatico e scorbutico) Se tratta apprimo de li denare!

Gianna: Li denare, li denare… Orazio, voi siete più avaro ca’ geloso.

Orazio: (quasi preso dal panico)Li denare primma ‘e te, primme de figliame, primmma ‘e me. E non rinspondere, malora, ca me faie usciì da ‘a vucca ciento diavule; lu ssiente ca staano in periculo li denare!?!

Fesina: Signor Orazio, prego, bandite la bestemmia perché questo, più di tutto, mi raccomandò la Patria celeste!

Orazio: La patria celeste! Allora è vero che site stata ‘mparaviso?

Gianna: (rivolta al pubblico, beffarda) Ci sarà iuta ncarrozza!

Fesina: E così scese una nube, la quale ponendosi sotto di me in un subito mi recò nel Cielo, dove arrivata che fui, sentivo dire (con voce alterata): “Fesina, Fesina, avvisa quel buon cristiano di Orazio che…” oh no, non voglio e non posso dirlo, perché sarei in tal caso responsabile della rovina di un povero infelice.

Orazio: (stizzito) Si non rivelate ogne ccosa, me metto a jastemma’ ppe quarantanne…

Fesina: Non bestemmiate, per carità, signor Orazio, ve ne prego. Va bene, se proprio volete, vi dirò tutto… Dunque, sentivo dire: “Avvisa quel buon cristiano di Orazio che nella sua casa  accoglie un sacco d’ossa d’inferno, un eretico, uno scomunicato, un demonio, uno che tra breve gli toglierà la vita, l’onore e poi si piglierà tutti i suoi denari e infine, dopo cotali misfatti, sarà impiccato! Pertanto avverti il signor Orazio, liberalo da questi perigli e salva dall’impiccagione colui che è posseduto dallo spirito del male”.

Orazio: E chi malora è chisto?

Fesina: Finitela di bestemmiare! Mi fu anche comunicato di avvertirvi che se vi asterrete dalle bestemmie, i vostri denari cresceranno cento volte tanto, smisuratamente.

Orazio: Se è vero che li denare cresceranno, faccio voto ca li jastemme non trasiranno cchiù da ‘a vucca mia, e ca si ne avesse a scappa’ quaccheruna, me metterò io stesso sotto nu castigo gruosso. Ma adesso diciteme: chi è sta suorta de scomunicato? Che pozza ave’ ‘nu canchero!

Gianna: (rivolta al pubblico) Promette, promette ma continua a bestemmiare!

Fesina: E’ il vostro servitore, Disperato!

Orazio: Disperato?!?

Fesina: Sì, lui, Disperato… Sarà lui che dopo avervi sottratto vita e onore, dopo avervi sottratto i denari, verrà impiccato…

Orazio: Che figlio de mula… Ma io chisto mascalzone, chisto scomunicato lo scaccio fora da casa mia, gli strappo lu core colle mani mie; doppo che gli dongo lu sango mio, me vo’ fa tutto chesto! Grandissimo cornuto, figghio de malafimmina, ca pozza esse’ acciso!

Fesina: Piano con le bestemmie: avete appena promesso…

Orazio: Voi dicite di non jastemmiare, e a mme me sagliendo la luna ca si mo’ lu tenisse ccà, dinto a le mani mie, a chillo sforcato, lu scannaria!

Gianna: Ma che dite mai, quello appare un così assennato giovane, così onesto ed avveduto…

Orazio: So’ proprio chisti ‘assennati e a modo’ che fanno li butte gruosse, ma mo’ sta frisco…

Fesina: (con accentuata ipocrisia) Oh no, signor Orazio, non vorrei che il povero Disperato perdesse il pane a causa mia…

Orazio: E secondo vuie, me tengo dinto a casa a uno ca se vo’ fotte’ li denare mieje?! E si n’avite pietà, tenetevillo vuie!

Fesina: Ebbene fate ciò che piuù vi aggrada: se siete così risoluto a scacciarlo via, il Cielo lo aiuterà, non consentirà che muoia di fame… Il Cielo provvede pure per le formiche!

Orazio: Lu Cielo nun tene a che penza’: io, furmicole e scummunicate dinto a casa mia non ne voglio.

Fesina: Dunque, signor Orazio, agite a vostra discrezione. La parte che il Cielo mi ha affidato io l’ho assolta e quello che avevo da annunziarvi, l’ho annunziato. Pertanto acconsentite che io mi congeda da voi: la mia missione m’impone di far visita ad una serva del Cielo, ammalata da più giorni.

Datemi licenza e presto tornerò di nuovo a voi.

Orazio: Allora permettetemi di accompagnarvi poiché aggiu da fa’ nu servizio… Gianna, tu leva da tuorno li panne de Disperato e, appena stu scimunito torna, digli che s’affretti a se ne gghire.

Fesina: Signora Giovanna, addio! (uscendo sussiegosa con Orazio).

Gianna: (con un cenno di saluto, parlando tra sé infastidita) Sì, sì, jatavenne, te e chillo scornacchiato de mariteme…

Perna: (dopo aver origliato, entra torcendosi nervosamente le mani, sfogandosi con la matrigna) Eh no, madre mia, questo non possiamo proprio permetterlo. Se Disperato se ne va da questa casa, io, a chilla suorta de monaca fauza, le rompo tutte le ossa, così la mando in Cielo veramente e non la faccio tornare cchiù.

Gianna: Ah, bene, hai ascoltato tutto anche tu?! Hai sentito che facce di bronzo?!

Perna: E come se ho inteso! Sono stata lì lì per uscire e farle una faccia di pacchere davanti a mio padre. Anzi, quasi quasi avrei voluto farla anche a lui, che come nu cetriolo si beve tutte le menzogne di quella fattucchiera…

Gianna: E già, è talmente abile che a volte ci casco anch’io… Ma poi, quando racconta chilli fatti, quando dice che è iuta in Cielo e si trasfigura in chella maniera, allora non so proprio cosa pensare. Po’ esse’ ‘sta cosa?!

Perna: Ma quale Cielo? A casa del diavolo sarà iuta… E poi se ne sale e scende dal Cielo come se S. Pietro, ossequioso ai suoi comandi, se la possa tirare su e giù come nu panaro della spesa…

Gianna: Perna mia, quali parole sacrileghe escono dalla vucca tua…

Perna: Perdonatemi, madre! Certamente anche il Cielo m’assolve sapenno la ‘nfamità di quella maledetta. Ha ditto di esser stata in Cielo per potersi toglier di torno Disperato, il principale ostacolo ai suoi raggiri… Infatti Disperato la conosce bene: sa vita morte e miracoli di questa sciagurata.

Se chiedete a Disperato di che pasta è fatta Sora Fesina, lui vi dice che da una casa sale e dall’altra scende, che mentre recita il ‘dies irae’ e si batte il petto, mette zizzania tra moglie e marito; che va rovinando le ragazze onorate, gettandole in coppa alla strada malamente, grazie alla copertura della santità sua e in nome del Cielo.                                   

Gianna: Quello che proprio non capisco è perché si debba comportare accussì…

Perna: Ma è semplice, no?!? Quattrini, denare, soldi: dagli innamorati piglia denare, da li femmene mmaretate pane, sugna, lardo, vino, vestite e scarpe vecchie… Ma che ne volete sape’ de ‘sta scellerata!?!

Gianna: Ma allora, se è come dici tu, quando Orazio mi fa tener d’occhio da essa, raccumanna la pecora al lupo?

Perna: E non l’avevate capito ancora? Mi faccio meraviglia di voi, che da tre mesi siete sposata con patremo, da tre mesi vi trovate ‘sta monaca accanto e siete ancora in dubbio si è ‘na santa o nu demonio? Ma Disperato non v’ha aperto gli occhi?

Gianna: E Disperato comme l’ha saputi tutti ‘sti fatti scandalosi?

Perna: S’è ‘nfurmato e la gente ha parlato…

Gianna: La gente nun è tutta santa, Perna mia, e tene la lengua pe’ parla’!

Perna: (con accentuato sarcasmo)Allora, comme dicite vuie, veramente Sora Fesina cade in estasi tre volte lu juorno?

Gianna: Bhè, il profumo di violetta se senteva…

Perna: Quale violetta?

Gianna: Diece minute fa, quando è tornata dal Paradiso, s’è portata appriesso n’aria fresca, profumata de violetta e… (annusando l’aria) se sente ancora…

Perna: Diece minute fa ero in cucina e aggiu misso ncoppa a lu fuoco ‘na zuppa de fasule. (quasi tra sé e sé) E’ possibile che quella svergognata è capace de piglia’ una mezza capa d’aglio e farla trasformare in un mazzetto di violette? (cambiando tono e rivolgendosi nuovamente a Gianna) Io ve diciarria n’auta cosa, ma songo certa che voi non la crederete…

Gianna: Dimmella, po’ essere che la credo!

Perna: Io mi sono innamorata di un certo Nuta’ Masillo e Disperato portava le ambasciate; quanno chilla scommunicata de la monaca l’ha saputo, pe’ abbuscà qualche regalo, ha iniziato a fare la mezzana con me e pure con lui e io ne ero quasi contenta, … ma poi, da tre mesi, Nuta’ Masillo s’è cagnato e mo’ nun ne vo’ sapè cchiù de me… (con tono piagnucoloso di sconforto, timorosa di perderlo).

Gianna: Uh, poverina, e perché è così cambiato?

Perna: Ppe’ vuie: dice che siete tanto bella che gli avete trafitto il cùore!

Gianna: Chisto ha da esse ‘nu pazzo! Vo’ esse’ acciso… (alterata, con gesto di stizza).

Perna: (incalzandola) Ma non basta! Dovete sapere che Disperato, la settimana passata, ha visto Nuta’ Masillo ‘nzieme con la monaca. Quello accuorto de Disperato, pe’ sentire cosa dicevano, se mettette appriesso a loro zitto zitto. E sapite che diceva quella svergognata a Masillo? Diceva: se tu provi nel profondo del tuo cuore quest’irresistibile attrazione per la matrigna di Perna, ciò vuol dire che la tua pena d’amore discende direttamente dal Regno dei Cieli e allora sarà il Cielo stesso a suggerirmi le acconce parole per farla cadere tra le tue braccia (scimmiottando Sora Fesina  nella postura e nell’intonazione).

Gianna: (sorpresa e poi scandalizzata) Ah! Tutto questo ci sta sotto?!? E non dicette niente cchiù?…

Perna: No, perché poi chillo uaglione s’è fatto scoprire e la monaca ha cagnato subito discorso… (più diretta e determinata) E’ per questo che non vuole che Disperato resti in questa casa e sta facendo di tutto per farlo cacciare.

Gianna: (perplessa) Ma come? Pure con Masillo ha evocato il Regno dei Cieli?! … Se voleva fare la mezzana, come tu dici, avrebbe parlato da ruffiana e non con parole e pensieri di santità…

Perna: Che volpe fina! Nun se confida cu nisciuno… Chiusa dentro la cameretta sua, ‘sta maledetta è capace di fingere pure cu la persona soia, riflessa allo specchio… Tutte le male nove, tutte le pene, tutte le sciagure ‘ave interesse a raccoglierle dal Paraviso e purtarle ppe’ le case! ‘Nparaviso nisciuno ce pote arrivà e accussì l’infame si può scaricare dalle responsabilità …

Gianna: Ma se le cose stanno comme dici tu, l’abisso infernale si sta apparecchiando ppe’ la Sora Fesina! (indignata) La collera de lu Cielo s’abbatterà fra capa e collo de sta santa diavolessa. Moneca scommunicata, moneca fauza, monaca dellu demmonio… (esce di scena gesticolando stravolta).

Perna: (rivolta al pubblico) Aggio fatto ddoie cose bbone: la prima è quella di aver svelato le porcherie e le menzogne de la moneca e accussì po’ essere che me la levo da tuorno… La seconda è che le ho potuto confidare il mio amore ppe’ Nuta’ Masillo e così essa (e con il pollice indica la porta da dove è uscita Gianna) pote parlare con patreme e tutti e ddoie trovano il modo per farmelo spusà. … Io me l’aggio aspusà. Ma se Masillo s’è cagnato e non mi vuole cchiù, sono perduta, poverella a mme. Oh ecco che arriva Disperato: me portasse qualche bbona notizia dell’amore mio!

Disperato, cosa mi dite: niente di nuovo?!? Che mi dite di Masillo?

Disperato: Buon giorno alla signoria vostra…  Sì, l’ho visto, ci ho parlato e mi ci songo inquietato.

Perna: Ma di me vi ha detto niente?

Disperato: Ave ditto che non vi vuole più. Nun ve vole cchiù! E pe’ non dicere ca isso è na banderuola, s’è ‘nventato nu sacco de papocchie: che voi siete una faccia tosta, una civetta, che fate la smorfiosa con ricchi vecchi bavosi.

Perna: A me?

Disperato: A vuje, a vuje! Sentendo queste infamità, l’avarria sbattuto con la faccia al muro e, da dietro, l’avarria accoltellato cu sto cutiello. Tanto mi sono imbestialito, che sono arrivato a dirgli: tu non sei solamente un amante infedele, ma sì ‘nommo fauzo, traditore e carogna

Perna: Pecchè nce diciste queste cose brutte a lu tesoro mio, alla pace di questa povera anima, alla vita della vita mia? Pecchè?

Disperato: Vuie dicite che esso è ‘nu tesoro, che è la luce dei vostri occhi e… isso sapite c’ave ditto? Ca vui site ‘nu voltastommaco…

Perna: L’ha detto perché tu l’hai esasperato.

Disperato: ...che siete un disastro de jorno e de notte…

Perna: Pure questo l’ha detto pe’ fa dispetto a te!

Disperato: …(in crescendo, gesticolando esageratamente) che siete ‘n’indemoniata, nu male ‘e panza, ‘na disgrazia…

Perna: Ora basta! (visibilmente contrariata e infastidita) Ma famme sape’, quando diceva ‘sti ccose, che mosse faceva?

Disperato: (mimando comicamente i gesti di Masillo)Si scuoteva, si agitava, si smanecava tutto: alzava ‘ncielo le braccia, poi le calava ‘nterra tutto nervuso, cu le mmane apierte accussì…

Perna: (con ansia crescente) E gli occhi com’erano? … Aperti?

Disperato: (con un gesto efficace delle mani e sbarrando gli occhi) Sparapanzate!

Perna: (sempre più allarmata) Rossi?

Disperato: (con accento ed espressione comicamente alterati) Comme a lu foco!

Perna: Beato te che l’hai visto così ardente, così infiammato, così acceso di passione, il mio tesoro…

Disperato: I’ proprio non saccio come fate a essere accussì accecata d’amore pe’ ‘nu quaqquaraqquà comm’a isso! Che vantaggio avete a correre dietro a uno che non ne vuole più sapere di voi e vi tratta a male parole?

Perna: ‘O fatto è che più me ne dice, più mi tratta male e più mi sento persa tra le sue braccia… Più lui s’allontana da me più sento che s’avvicina il giorno che io sarò ‘a mugliera sua.

Disperato: (marcando le parole, con convinzione) Non ne vuole più sapere di voi! Vi volete convincere? Ve lo devo cantare o suonare (mimando)? Nuta’ Masillo sta tutto appicciato, ma non per voi, per la signora Gianna, vostra matrigna, e a soffiare ben bene sul fuoco ci sta pensando la Sora Fesina!

Perna: (decisa, con tono duro) E a soffiare via la Sora Fesina da questa casa ci sto pensando io! Che ti credi? Ho riferito alla signora Gianna ciò che sentisti dire dalla Monaca e da Masillo.

Disperato:(con sorpresa e apprensione) Oh, pover’a mme… e pecché l’avite fatto?

Perna: Disperato… tu si’ proprio inguaiato assai! Sora Fesina nun te vòle d’int’a ‘sta casa. Essa te vedette che stavi a sentire quello che se diceva con Masillo…

Disperato:  Oh, pover’a mme!….

Perna: (continuando) …e sa che tu conosci pure tutti i fatti suoi. Allora chilla mariuola ha trovato la scusa che è ghiuta ‘ncielo e che in cielo gli hanno detto che tu sei un mascalzone, un eretico, nu scommunicato… e accussì ha messo ‘ncuorpo al signor Orazio tanto malanimo verso di te, che lui ha deciso di cacciarti… Ma io senz’a tte sono perduta, sono morta!

Disperato: Ma chesta ‘nfamona vo esse accisa! Ma io la metto ‘ngoppa a nu puorco, io la rovino! La gente ha da sape’ quante n’ha fatte in vita sua, ha da sape’ che dovette fuggire da Lucca pe’ sfratto, truffa e ruberia!

Perna: (incuriosita) Dovette fuggire da Lucca? Dimmi tutto, Disperato!

Disperato: Se ne fujette, se ne fujette… Sapete che faceva quella svergognata? C’era una donna che aveva il marito geloso proprio com’è vostro padre con la signora Gianna… Beh, Sora Fesina je purtava a casa l’amante vestito da femmena e lu povero marito campava contento e cornuto (accompagna le parole con il gesto della mano).

Perna: (indignata) Ah, puro questo ha fatto quella infame spudorata! Ma tu parla, dille ‘sti ccose, svergognala davanti a tutti, falla arrestare da lu Santo Ufficio!

Disperato: (in tono di sconforto) E cu chi parlo, signora Perna? La gente è curiusa ma nun se mette mmiezo a’ pasticci. Pure quelli che sanno tutta la storia de ‘sta mala femmena se ne stanno citti citti pe’ nun esse coinvolti… Io li fatti li saccio, ma le prove non le tengo e si parlo va a fernì ca me metteno ‘ngalera pe’ calunnia.

Perna: (conciliante) Nun te preoccupare, Disperato: agisci con prudenza… Parla col signor mio padre, aspettalo al portone, inginocchiati ai suoi piedi; può darsi che si calmi e non ti metta mmiezo a ‘na strada. Ma sta’ attento a non parlare male di quella fetentona della Monaca pecché se ne dici male più lui te scuorna: lo sai ca pe’ isso Sora Fesina è ‘na santa sciesa nterra!

Disperato: (rasserenato, sicuro di sé) Lasciate fare a me!

Perna: Bona fortuna… e, mi raccomando, portami notizie di Nuta’ Masillo!

Disperato: (quasi infastidito da tanta insistenza, con tono cantilenante) Lo volete capire che nun ve vole chiùneee…?!  (esce).

Perna: (rivolgendosi verso il pubblico, parlando quasi tra sé e sé) Lu guaio è grosso quanno la femmena nun vòle e l’ommo sì ma di cchiù ancora quanno la femmena vòle e l’ommo no!

Perna esce. Le luci sulla sinistra si attenuano fino ad annullarsi mentre gradualmente si illumina la parte destra della scena – la piazza – ed entrano Orazio e Sora Fesina. Piazza.Scorci di case e vicoli; sullo sfondo si intravede la marina. Sulla scena una panchina.

Orazio: (infervorato, con trasporto) Se tenissi denare mo, subito, senz’aspettà dimane, faciarrìa stampà ‘a storia ‘e a vita vostra pe’ fa sapé a tutto ‘o munno li miracole ca facite! Stammatina site ghiuta ‘ncielo; mo, dicite c’avite da guarì ‘na malata co l’orazione; vui dite ch’avite sanato paralitici, cecate, affatturate… quanti mmalora (a questa parola Fesina finge, con la mimica e col gesto, di scandalizzarsi) n’avrete sanati fin’a mo?

Fesina: (con tono adeguato) Oh, signor Orazio! Per carità, non dite mai più questa parola!

Orazio: (stupito) E che mmalora aggio ditto?

Fesina: (con simulato dispiacere) Ohimè, ecco che l’avete di nuovo pronunciata… mi fate aggricciolare i capelli. O Cielo, aiutalo e perdonalo tu; Cielo, non ascoltarlo quando sfugge dal suo labbro cristiano qualche parolina inopportuna!

Orazio: Sarrà forse pecché aggio ditto ‘mmalora’?

Fesina: Appunto, signor Orazio: questa parola mi fa inorridire!

Orazio: (sdrammatizzando) Eeeeh, si è chesto, nun è niente!…

Fesina: (in tono di rimprovero) Anzi è troppo, signor Orazio! Se, non voglia il Cielo, io per mia mala sorte la pronunciassi, vorrei troncarmi la lingua con gli stessi miei denti.

Orazio: (esaltandosi, con gesti di venerazione) Quanno ve sento parlà accussì ispirata, cu ‘sta voce ca me pare ‘nu suono ‘e viulino, ve vasaria li piede, ccà, miezo alla chiazza. Voi  site ‘na santa vivente!

Fesina: (con enfasi) Oh, io sono un’umile peccatrice, sono un’infame; volesse il Cielo che io non fossi quella scellerata che sono!

Orazio: E siete anche umile, umile e santa! Ma ora andate pure addò sta la malata che tiene bisogno di vuie poi retuornatevene priesto a la casa pe’ surveglià la Sia Gianna. Io mo vado pe’ ‘sto servizio e tuorno priesto pur’io, (gesticolando accentuatamente) pecché la gelusia che sento pe’ muglierema è comme a ‘nu viento ca me sbatte lu core da ccà e da llà; è comme a ‘na tarla che me lo roseca… Vui capite: io songo ‘nu poco attempatiello, mentre muglierema è giovane ancora….

Fesina: (rassicurante) Non dubitate, signor Orazio; non concepite cattivi pensieri verso la signora Giovanna perché commettereste peccato. Ella è una buona figlia, virtuosa, onesta… io mi sento indegna quando le sono vicina. E’ candida, ingenua, timida: fossi io, misera peccatrice, come lei…

Orazio: Allora mo ite, sbricàteve… Ah, aspettate: (con simulata premura) stammatina credo ca pe’ vuie nun s’adda pensà pe’ mangià… vuie certo dijunarrete…

Fesina: Oh, sì, certo, voglio completare trentatré giorni giusti di digiuno: spero così di guadagnare dal Cielo molte indulgenze…

Orazio: (convinto, d’impulso) Vuie guadagnariste assaie, si ‘o digiuno lu faciste pe’ sempre!

Fesina: Se il Cielo mi darà la forza continuerò a digiunare.

Orazio: Bene. E stammatina nun vulite proprio niente?…

Fesina: (in tono umile e dimesso) Mi basta tantillo di pane…

Orazio: Cercatelo, cercatelo attuorno pe’ llemosina, accussì accrescerrete la vosta santità. E poi vuie ‘o ssapìte che da tre giorne sto accattanno pane alla chiazza pecché nun pozzo mannà lu grano a lu mulino. E nun lo voglio accattare ancora: lu grano lo voglio vendere pe’ guadagnà qualche cosa io pure…!

Fesina: Oh, non penserete, signor Orazio, che io sia venuta in casa vostra per esservi di peso… sono venuta soltanto per l’amore che vi porto, sono venuta per pregare il Cielo per voi.

Orazio: (incredulo) Sulo pe’ mme?

Fesina: (con gesti ispirati e tono cantilenante) Per voi, per vostra moglie, per vostra figlia, e per tutti i fedeli cristiani…!

Orazio: (con ingenua apprensione) E pe’ li denare?

Fesina: (rassicurante) Per i denari anche, non dubitate.

Orazio: Ma lu Cielo ve sta a sèntere quanno li ppreghiere so’ pe’ li denare?

Fesina: Ben presto lo vedrete, se vi deciderete a mettere alla porta quell’infame… No, che dico? Quel buon cristiano, perché l’infame sono soltanto io. Se, dicevo, vi deciderete a scacciare Disperato e se non bestemmierete più, i vostri denari cresceranno a vista d’occhio.

Orazio: (segnandosi) Mentre aspettammo ‘sta crescita, io mo me faccio ‘na croce…

Fesina: Meglio due, fatene due, signor Orazio. 

Orazio: (segnandosi ripetutamente) Ma io me ne faccio pure tre, quattro, ciento si li denare crescono. Ma mo andate, fate ‘mbresso.

Fesina: (con simulata premura) Signor Orazio, … perdonate la mia invadenza, ma io volevo ricordarvi che voi adesso avrete bisogno di un nuovo cameriere…

Orazio: (riflettendo, preoccupato) Già… ma addò lu truovo ‘nu cristiano bbono e fidato?

Fesina: Se me lo consentite ve lo troverò io un giovane onesto, degno della vostra casa.

Orazio: Grazie, ma… mi raccomando, tenetevi bassa cu la mesata. Site ‘na vera santa, (genuflettendosi) primma ca me ne vadofaciteme vasà lu cordone!

Fesina: (porgendogli il cordone del saio monacale) Ogni volta che baciate il mio cordone non avete da temere nulla e la giornata vi sorriderà.

Orazio: (baciando il cordone, con enfasi) Benedetta, benedetta ciento volte benedetta, voi e lo curdone! (esce).

Lello: (entra appena è uscito Orazio; si muove con aria circospetta, parla con cautela esprimendo sollievo nel tono della voce) Se n’è andato finalmente! Non ti lasciava più…

Fesina: (compiaciuta di sé, con tono soddisfatto) L’ho affatturato al punto che non è mai sazio di starmi vicino…!

Lello: (ansioso, incalzante) E con Perna com’è andata? Dimmi tutto, lo sai che sto sui carboni ardenti, che penso sempre a lei, notte e giorno….(sempre più incalzante) Hai qualche notizia rassicurante o almeno mi puoi dare qualche speranza? Parla!

Fesina: (con maliziosa complicità) Sentimi bene: tu entrerai come servitore in casa del signor Orazio al posto di Disperato, che son riuscita a far licenziare; in tal modo non ti sarà difficile, dopo pochi giorni, raggiungere il porto bramato, per il quale tanto peni.

Lello: Hai avuto un’ottima idea: io per amore di Perna non solo mi metto volentieri a fare il servitore, ma mi metterei persino la catena al piede! Ma… con mia moglie come la mettiamo?

Fesina: (sorniona) Ti comporterai come farebbe lei in una circostanza simile: le dirai che vuoi andare a visitare i tuoi parenti a Capua, per quattro o cinque giorni… Le bugie servono spesso a fare trionfare le verità che ci stanno a cuore, e che tu spasimi per lei è una santa verità! E non ti dovrai vergognare di fare il servitore, perché tanto da queste parti non ti conosce nessuno; devi adattarti a indossare la livrea se veramente ci tieni a ghermire la tua bella preda…!

Lello: Se davvero ci tengo?! Ah, monaca mia, al solo pensiero che me la posso stringere tra le braccia mi sento morire, mi sento! Adesso, allora, pensiamo a indossare questa livrea…. Mia moglie l’avviserò dopo! Però, (toccandosi gli abiti) se mi presento con questo vestito nessuno penserà che veramente sono un servitore in cerca di lavoro…

Fesina: Non preoccuparti per questo, anzi ti dirò che il vestito che indossi mi farà guadagnare un ducato.

Lello: (incuriosito) E in che modo?

Fesina: Eh, questo è un altro mio piccolo segreto…. Oh, ma ecco che sta arrivando quell’altro giovane che vuol confidarmi le sue pene: va’, aspettami vicino alla bottega del macellaio, tra poco sarò da te.

Lello: (incuriosito, guardando nella stessa direzione) Sarà forse un altro disgraziato come me, questo che sta arrivando?

Fesina: (mostrandosi quasi offesa) Non crederai certo che quel che faccio per te lo farei per altri! Solo per te lo faccio, Lello, per salvare almeno l’anima tua dalla perdizione, giacché la carne la perderai.

Lello: Tu pensa all’anima, che alla carne ci penso io! (esce).

Fesina: (accogliendo Masillo al suo entrare, parlando con solennità) Figlio caro, entra, entra figliolo benedetto.

Masillo: (entrando, con tono ironico)  Ma dài, non vorrai fare la santa anche con me! Ci conosciamo bene… parla pure liberamente, senza sfottere né me né te.

Fesina: (con lo stesso tono) Io non sono una santa né penso di farla: non sono che una misera peccatrice. Ma tu credi di conoscermi e sei convinto che io agisco come agisco solo per avidità…

Masillo: (sarcastico)  Ooooh, e per quale santo ideale, allora, mi faresti da mezzana?

Fesina: Non solo a te lo faccio, ma anche ad altri, e soltanto per salvare dalla disperazione le anime dei miei fratelli! 

Masillo: Però i denari te li pigli...!

Fesina: Sì: per alleviare le sofferenze degli infelici, come dicevo al giovane che era qui prima di te.

Masillo: (con sospetto) A proposito: chi era quello? Non avrà anche lui qualche mira su Gianna?….

Fesina: No, non temere, non è così: si tratta di un’anima disperata, che mi ha raccontato che sua moglie preferisce un altro a lui; e ciò lo fa dannare. Lui non sa come comportarsi e io l’ho consolato e consigliato; gli ho detto di pregare.

Masillo: (sempre in tono ironico, ma incuriosito) Mmmmh, e com’è la mugliera, bella?

Fesina: Non la conosco, ma … se pure la conoscessi non te lo direi: (con malizia) so bene che hai un naso fino che sente ogni più piccolo odore… so che sei come un gatto soriano, al quale fanno gola carne e pesce!

Masillo; (compiaciuto, stando al gioco) Se carne e pesce sono di buona qualità io mi ci avvento, senza guardare in faccia a nessuno!

Fesina: (in tono equivoco) Ti capisco bene, Notar Masillo mio, perché sapessi che sforzo devo fare per costringermi all’astinenza!…

Masillo: (sprezzantemente ironico) Ah, e così anche tu vai in calore?! E che fai? T’arrangi coi monaci?

Fesina: (alquanto risentita, ma con malcelata malizia) Non bestemmiare! E poi, impara a rispettarmi come ti rispetto io.

Masillo: (cambiando tono) Eh, già: se mi rispettasi veramente avresti già trovato il modo di consolare il mio cuore che spasima per Gianna. (quasi implorante) Zi’ monachella, qui, se non ci sbrighiamo, si perdono due anime. Due: pensaci bene!

Fesina: Devi avere pazienza: un passo importante è già stato compiuto.

Masillo: (impaziente) Di’, allora, parla!

Fesina: Dopo ch’io ebbi informato il signor Orazio di una rivelazione giuntami dalla Patria Celeste, il signor Orazio ha messo alla porta Disperato: così quel demonio non potrà più ostacolarci. Che te ne pare?

Masillo: (euforico) Oh, tu m’hai dato una notizia che vale un tesoro. Quel Disperato era ‘na pittima, sempre attuorno, mo nnante e mo arreto: e la signora Perna ha ditto questo, e la signora Perna ha ditto chill’ato, e la Sia’ Perna ccà e la Sia’ Perna llà. Co ‘sta Sia’ Perna m’aveva proprio rott’a capa; mo finalmente basta! Beh, parliamo ora della signora Gianna: dimmi, allora, quando credi che salveremo queste due anime?

Fesina: Non aver fretta: a poco a poco, con pazienza si coglierà questo frutto! Io ho trovato il modo di seminare, tu raccoglierai e gusterai il frutto della mia semina.

Masillo: E se il frutto non germoglia?

Fesina: Sciocco incredulo! Ne riparleremo con comodo più tardi, in serata… Credi forse che si tratti di mele o pere? Il frutto di cui parliamo germoglierà sicuramente giacchè l’ho seminato io! Ti saluto… (esce)

Masillo: (rivolto verso il pubblico) Vuoi vedere che ‘sta mmalora de monaca mi raggira a poco a poco?!?

Perna: (entrando) Salve, galantuomo!

Masillo: (tra sé) Ci mancava solo questa, adesso… Schiavo vostro (rivolto a Perna, cercando di svignarsela).

Perna: (trattenendo a stento l’ira) Infame! Traditore!

Masillo: (cercando di tagliar corto) Io me ne vado perché non ho intenzione di litigare…

Perna: No, tu invece resti! E io ti dico che dove t’è piaciuto trascorrere l’estate, là devi trascorrere l’inverno… E nun c’è bisogno de parla’…

Masillo: Io non mi sarei mai allontanato da te, se tu non avessi messo al tuo cuore il cartello ‘affitasi’! Il tuo cuore è una locanda di infimo ordine: chi va e chi viene, chi entra e chi esce…

Perna: Fin quando t’ha fatto comodo, hai ben frequentato questa locanda! Ma adesso il signorino desidera cambiare albergo, visto che, come so bene, ti sei invaghito della mia matrigna…

Masillo: Questo te lo deve aver detto quel mariuolo di Disperato…

Perna: Disperato non m’ha detto nulla: con la mia furberia sono riuscita a far vuotare il sacco a chilla monaca falsa!

Masillo: Di falsa c’è solo la tua coscienza… Ma tu che vuoi da me? Tu, proprio tu, vuoi processarmi? Io t’ho mandato a dire che non ti voglio più… Te ne vuoi convincere una buona volta? Trovati un altro e non scocciarmi più!

Perna: Ah, sì!?! Io te scuoccio? Tu m’avevi promesso che non m’avresti mai lasciato, spergiuro!

Masillo: Io non t’avrei mai lasciato se tu non m’avessi tradito.

Perna: Questa è una fandonia bella e buona che ti sei inventato per liberarti di me… (ostentando l’anello) Questo anello parla chiaro: sarà per te come una condanna, come ‘nu viento ca t’ha da purta’ ppe forza dinto alle braccia mme!

Masillo: Ma che bello guaio ‘e notte che aggio passato co’ te…

Perna: Se è guaio di notte, sarà ebbrezza di giorno!

Masillo: Tu sei un guaio di giorno e di notte, ma io mi chiamo Notar Masillo e songo tuosto, cchiù tuosto de te! Sono cambiato: non ti voglio più… L’anello… non può parlare e non tiene impronta che te l’ho regalato io come caparra e promessa d’amore.

Perna: Sarà l’amore a farti rispettare la fede che mi giurasti: l’amore fu il notaio e il Cielo, che è giusto, fece da testimone.

Masillo:  E chiama pure a testimoni l’amore e il Cielo… Dincèllo ca me venessero a piglia’ pe lu cruattino. Trovate n’ato innamorato: schiavo tuo!

Perna: ‘O nnammurato mio  si tu. (esce).

Disperato: (entrando con Orazio) Pietà, illustrissimo… Non lo mettete in mezzo a una strada il vostro Disperato: già sono Disperato di nome, non fatemi diventare disperato anche di fatto!

Orazio: Te li sei pigliati li denare miei, ‘nfamone farabutto, me vulive distruggere, me vulive!

Disperato: Ma che dite, illustrissimo, non vi ho mai derubato, non l’ho mai pensato…

Orazio: Sti ‘lustrissime’ con me nun servono, me basta e m’avanza lu llustro de li panne che tengo ‘ncuollo. Vattenne! Restituisci la livrea, fa li cunti e poi torna ca controllo e ti pago.

Disperato: (con tono implorante) Non voglio niente, resto anche senza paga, basta che non me cacciate dalla casa vostra…

Orazio: Proprio chiste toie parole mi convincono de cchiù della tua malizia…

Disperato: Signor Orazio, voi vi ingannate se prestate fede alle parole di Sora Fesina.

Orazio: E’ scesa da lu Cielo!

Disperato: Ma voi il Cielo l’avete veduto?

Orazio: Aggio ‘ntiso l’oddore de violetta…

Disperato: Che ce trase la violetta con il Cielo?!? Datemi retta, signor Orazio, pure la Sia Gianna me l’ha detto che Sora Fesina è ‘na svergognata!

Orazio: (perdendo le staffe) Ah, grandissimo farabutto, figlio de mula, scommunicato! E come poteva accrescersi l’abbondanza e li denare dinto a casa mia, cu chisto eretico? Vattenne mo mo dalla casa mia… Svergognata Sora Fesina?!? Fòssemo tutte e duie la punta de lu piede de chella Santa!

Disperato: … Già starriamo all’infierno tutte e duie…

Orazio: Parla con rispetto, luterano, ca te faccio ardere vivo…

Disperato: Io, per prima cosa, corro subito al vescovado a denunciare ‘sta maledetta monaca falsa, che campa di imbrogli e ricatti, che travia le figliole oneste che vivono a Napoli, che con la sua ‘santità’ trascina a centinaia i poveri mariti nella congrega dei cornuti.

Orazio: (nega scandalizzato) Sora Fesina nun teme li calunnie, pecché è ben conosciuta…

Disperato: Già… solo voi non la conoscete!

Orazio: Quanno Sora Fesina more (si segna con la Croce) la faranno Santa.

Disperato: Santa Fesina, protettrice dei cornuti! Ma voi non dovete aspettare che muoia, perché sora Fesina vi sta proteggendo in vita (enfatizzando con il gesto delle corna).

Orazio:Ah, briccone, lievate ‘e tuorno, ca te rompo la noce de lu cuollo, vattenne mo’…

Disperato: (brusco, orgoglioso e determinato) Bhe, allora mi dovete ben quattro mesate…

Orazio: Quattro mesate? Songo tre mesi e ventotto juorne: tre mesate me li trattengo pe’ tutta la roba che hai rotto; ventidue giorni non te li dongo pe’ castigarti; restano sei juorne da li quale me trattengo lu pane mio ca te si mangiato. E ora potimmo facere li cunte!

Disperato: E che li facimme a ffa’?1? (entrambi escono da diverse quinte).

Camera

Fesina: Ricordati di fare l’ingenuo, il sempliciotto.

Lello: Sarò talmente semplice che ci cascherai anche tu…

Fesina: E se sarà necessario…

Lello: … Mi faccio venire un colpo, cado in terra e muoio! Tu però non dimenticarti la tua promessa di farmi avere Perna…

Fesina: Sta’ tranquillo, ma (concitata, rivolta verso l’entrata) ora va’ via, stanno arrivando la signora Gianna e il signor Orazio… (Lello esce con un cenno d’assenso, mentre Fesina si genuflette e si atteggia ad orante, ieraticamente, tornando ad un tono di voce cantilenante). Ringrazioil Cielo che ha dispensato una così bella rivelazione a una peccatrice.

Gianna: Ah, state qui voi?

Fesina: Oh disgrazia, quanto più cerco la solitudine per pregare, tanto più il demonio trova modo per interrompermi.

Gianna: (mortificata) Mi dispiace… pregate, pregate… che io me ne vado!

Fesina: No, figliola benedetta, restate! Già che siete arrivata in tempo, desidero riferirvi la sublime rivelazione che il Cielo or ora mi ha donato…

Gianna: (ironicamente scettica) Guarda, guarda… Sono arrivata proprio al momento della rivelazione. E di cosa mai si tratta?

Fesina: Da una parte mi dispiace di averla avuta, ma dall’altra mi conforto perché, grazie ad essa, potrò salvare con le mie preghiere un’anima disperata. (Nel frattempo, le due movimentano la scena, sempre continuando a dialogare, indicando con il loro gesticolare la volontà di farsi reciproci dispetti, simulando ipocrite cortesie: una prende una sedia, l’altra risponde avvicinandone due; una si siede, l’altra, di rimando, si alza in piedi, una rimette a posto una sedia, l’altra, con inchino eccessivamente sussiegoso, la riprende…). Ma ora mettetevi pure comoda…

Gianna: Bhè, intanto dicite, dicite pure… No, non sia mai che io resti seduta mentre voi rimanete in piedi…

Fesina: In nome di santa umiltate, vi obbedisco (e si siede, alfine). O per divino aiuto  di quella povera anima, o per il sussulto che il mio indegno spirito avverte quando il genio malefico sta per aver partita vinta su di esso, io in questo luogo fui oppressa dal sonno; ecco che un’Entità impalpabile della Corte Celeste mi venne in visione dicendomi:<Fesina, sta per perdersi un’anima a causa dell’amore che porta a Giovanna, sposa di Orazio>.

Gianna: Si sta perdendo un’anima a causa mia?!?

Fesina: Sì, per l’amore che vi porta, ma siccome voi siete una donna onesta e non potete certamente cedergli, egli cadrà in preda alla disperazione e darà l’anima al demonio.

Gianna: E allora? Desse pure l’anima soia e pure lu cuorpo: anche lu diavolo ave a campa’!

Fesina: (fingendosi scandalizzata) Ah, che parlare è mai questo, signora Gianna!

Gianna: E se le cose stanno così, io dovrei accontentare questo cristiano? Eh già, aimmo aperto la casa del pellegrino?!?

Fesina: Non sia mai! Non è questo che chiede il Cielo… Io, con le mie ferventi orazioni, con le buone parole, vorrei che il meschino smorzasse nel suo cuore la fiamma che per voi lo consuma.

Gianna:  E chi sarebbe poi questo tale che si consuma a fuoco lento per me?

Fesina: Giammai potrei riferirvi il suo nome, perché la Rivelazione non me lo consente…

Gianna: (con accentuata ironia, seguita da tono e postura provocatori) E se le vostre orazioni e le vostre pie parole non dovessero bastare, come la mettiamo?

Fesina: Il miserabile è perduto! … Però, a pensarci bene, un rimedio per strapparlo dalle grinfie del demonio, ci sarebbe: gli si potrebbe dare … qualche speranza fallace…

Gianna: (sospettosa) E quale speranza?

Fesina: Vostro marito è già in età avanzata: si potrebbe dire a questo sventurato che quando il signor Orazio, passando a miglior vita godrà della vista della Corte Celeste, voi potrete acconsentire a diventare sua moglie… (insenuante).

Gianna: (fingendo di assecondarla) E se non si accontenta neppure di ciò?

Fesina: Il miserabile è perduto! … Ci sarebbe ancora un rimedio…

Gianna: E quale?

Fesina: Che voi…

Gianna: Che io…?

Fesina: (sfacciatamente) Che voi l’accontentaste! … (Gianna trasfigura, trasecolata, incredula e poi offesa e furiosa) Potrete poi ottenere il perdono ricorrendo alla santa confessione! Questo sarebbe l’estremo e unico modo per salvare quella misera anima…

Gianna: Ah, grandissima ruffiana! E tu hai potuto pensa’ che io avesse fatto n’azione de chella maniera? Ave ragione Perna quando dice che sì ‘na diavola! Vattenne, grandissima ‘nfame!

Fesina: Povera Gianna, perché non volete accettare la grande missione che vi viene affidata dal Cielo?

Gianna: Vattenne, ca si no te scasso ‘sta seggiola ‘nfaccia!

Fesina: Non v’adirate, me ne vado… Voi mediterete a lungo su quanto vi ho detto; se poi vorrete mi verrete a cercare…

Gianna: Vattenne, miserabile scommunicata!

Fesina: (allontanandosi, con intenzione e malizia) Ricordate: salvereste un’anima, ottereste il perdono, e… un po’ di gusto rimmarebbe anche a voi… (esce).

Perna: Madre, che cosa è successo, con chi urlavate?

Gianna: Ce l’avevo con la monaca… Mi ha raccontato di aver avuto la rivelazione che uno si strugge di passione per me e che se io non lo assecondo, egli perderà l’anima…

Perna: Notar Masillo, no?!?

Gianna: Già, può essere, hai ragione, non ci avevo pensato, … altrimenti mi sarei espressa in un’altra maniera…

Perna: E voi che non mi avete mai voluto credere! …

Gianna: Da questo momento ti credo e ti sento come se fossi davvero uscita da questi miei lombi.

Perna: E anch’io vi sento come se voi foste la mia vera mamma…

Gianna: Noi due dobbiamo accordarci se vogliamo che Orazio si decida a buttar fuori ‘sta monaca scellerata…

Perna: Ma mio padre non darà mai credito alle nostre parole perché la monaca se lo volta e se lo gira come vuole lei. Tanto farà. Quella diavola. che riuscirà a farmi perdere Masillo!

Gianna: Ora che conosco tutta la situazione, non temere più per il tuo Masillo…

Perna: Questa speranza mi consola, vi ringrazio, signora bella!

Gianna: Ma ora ritiriamoci in camera mia; qui non mi sento più sicura (si guardano sospettose attorno; quindi, prendendosi per mano, escono assieme).

Orazio: (seguito da Fesina e da Lello, vestito da servitore) Si è ‘nu giovane onesto, dinto ‘a casa mia può mettere radici…

Fesina: (rassicurante e servile) E’ un buon crisitiano, un bravo giovane, ve l’assicuro.

Orazio: Se vede dalla faccia… Uh, mmalora! Nun m’aggio trattenuto da Disperato tre soldi di pane mio che si è mangiato. Lello, curre, va, raggiungilo e fatti da’ li tre soldi ca se no me viene ‘na sìmpeca.

Lello: Come comanda, signore…

Fesina: No, Lello, attendi… Signor Orazio, consentitemi di fare io quest’atto di carità: pago io i tre soldi che vi deve Disperato.

Orazio: (ammirato) Chesta è ‘nazione degna della santità vostra.

Fesina: Eccovi il denaro…

Orazio: Me lo piglio pe’ … (interrompendosi, guardando avvilito la moneta) zi’ Monaca… Questo è un soldo solo: si volite fà la carità, facitela giusta.

Fesina: E’ vero, ho sbagliato, eccovi il resto…

Orazio: (afferrando avidamente le due monete) Me lo piglio pe’ pura devozione.

Lello: Tutto quello che appartiene alla sora Fesina è come una reliquia: pure le pulci che le troveranno addosso dopo morta, serviranno contro le fatture! (con malizia).

Fesina: Signor Orazio, datemi il permesso di dirvi qualche umile parola, prima di lasciare per sempre la vostra casa…

Orazio: Ve ne vulite ghire? E pecché?

Fesina: Perché ho raccontato alcuni brandelli di una mia rivelazione avuta dal Cielo a vostra moglie e lei, non avendomi creduta, o pensando che io volessi ingannarla, mi ha messo alla porta, profferendo ingiurie e minacce. Vorrei allora che voi, servo devoto del Cielo, mi lasciaste andare per la mia strada, per non contrastare il volere della signora Gianna.

Orazio: (indignato) V’ha cacciata fora? Oh, sventurato a mme! E come pozzo avere bene co’ ‘st’anema persa, st’anema dannata dinto alla casa?

Fesina: Non dite così perché sarà stato il demonio a metterle davanti agli occhi l’immagine di questa peccatrice come di un’infedele, una spergiura, una strega. Addio! (Fa per allontanarsi).

Orazio: Lello, trattienila! Sora Fesina mia, addò ite? E me vulite fa murì: songo io lu padrone, la sia Gianna nun conta niente…

Fesina: Lasciatemi andare, per carità…

Lello: Sora Fesina, fate quello che vi dice il padrone…

Orazio: Nun me lassate…

Lello: Obbedite, sora Fesina…

Orazio: Chi me guarda la casa se ve perdo? Si site ‘na monaca bbuona, obbedite pe’ santa obbediena…

Fesina: (sospirando) Queste parole mi obbligano a restare con voi.

Gianna: (Seguìta e rivolta a Perna) Sì, hai ragione, sono di nuovo loro.

Perna: Uh, un nuovo servitore!

Orazio: (Con tono di rimprovero) E brava Gianna… hai visto? Pe’ causa tua sora Fesina se ne vo ghire?!?

Gianna: E’ meglio se se ne va con le sue gambe, si no…

Orazio: Ohhh, si no che? C’ave fatto ‘sta santa donna?

Fesina: Ho commesso molti peccati…

Perna: Questa è una falsa e abbiamo saputo tutto quello che tiene in cuorpo.

Fesina: Sì, sì, sono una falsa. Addio, signor Orazio… Signora Giovanna, addio! Pernuccella mia, addio, per te provo particolare dolore…

Perna: Ma va vattenne, monaca ‘ngannatrice…

Fesina: (sospirando, rassegnata nel tono) Sono ingannatrice, sì, è vero pure questo…

Orazio: (mentre Lello si accascia, con tono ancor più preoccupato) Mmalora, Lello è sbattuto in terra! Che gli è succiesso?

Fesina: (simulando ansia) Che gli sarà accaduto, santa Corte celeste?!

Orazio: Ma comme, chillo steva bello e bbuono…

Perna: E’ caduto fulminato…

Gianna: Povero cristiano! (Le ultime tre battute sono pronunciate quasi simultaneamente con concitazione. Quindi Fesina s’inginocchia, assumendo una postura ieratica, da santa e leva gli occhi al Cielo, apparendo ispirata e devota, a mani giunte sul petto).

Orazio: Fate presto, fate quacche cosa, facitelo resuscitare.

Gianna: (a voce bassa, quasi tra sé) Mo si vede se è veramente santa o no.

Perna: Voglio proprio vedere cosa fa e cosa dice questa fattucchiera.

Orazio: Ma videte, videtela: pare ‘nu quadro di chiesa pe’ comme sta mo:

Fesina: Lelloooo (interrompendo la concitazione precedente, con voce alterata, in un silenzio irreale) Lello, ritorna in vita per confessarti…

Lello: (riprendendosi lentamente e mettendosi in ginocchio quasi in contrapposizione a Fesina, con sguardo attonito e parole biascicate) Cielo, ti ringrazio! E a voi pure, dolce inviata dal Cielo, ché per l’orazione vostra sono scampato dall’inferno.

Fesina: Sia lodato il Cielo!

Orazio: Songo fora de me!

Gianna: Sono tutta sconvolta!

Perna: Che diavoleria è mai questa?! (le ultime quattro battute sono incalzanti e asciutte)

Fesina: Sei statoall’inferno? Perché?

Lello: Per un cattivo pensiero che ho scordato di confessarmi quando ero piccerillo…. E voi m’avete resuscitato per consentirmi di chiedere l’assoluzione.

Fesina: Lodate con me il Cielo!

Orazio: Neh, Gianna, neh, Perna: siete rimaste comme a doie alloocche, eh? Nun dicite niente? Avite capito o no c’ha fatto sta monaca santa? Chisto era muorto addavero, e issa l’ha resuscitato. Menatevi alli piedi de sta santa, agginucchiateve nnanze a issa, si nun vulimmo ca l’ossa noste, ‘nsiemme a tutto chello che possedimmo se ne cala dinto alli profunne de la casa de lu diavolo. Agginucchiateve!

Gianna: Sora Fesina, vi chiedo perdono per quello che ho detto…

Perna: Mo non mi pare più una monaca falsa, ma un demonio.

Orazio: Sora Fesina, venite cu mme, nun ve movete da vicino a mme, nun me lasciate chiune.

Fesina: Vi seguo per santa obbedienza. (Esce seguendo Orazio)

Gianna: E’ ‘na santa, nun c’è che dicere!

Perna: Madre mia, non vi fate far scema pure voi…

Gianna: Parla bene di quella santa monaca e vieni dentro pure tu. (esce)

Perna: No! Pure lei c’è cascata, me sventurata… monaca scellerata e svergognata (esce)

Lello: Nascosta dalla tonaca… che astuta, questa monaca!  (esce)

FINE PRIMO ATTO

II  ATTO

Piazza

Disperato: Adesso sì che sono ridotto sul lastrico! Cosa posso fare? Chi mai potrà assumermi come servitore, vedendomi ridotto così, quasi cencioso e con le scarpe rotte? Ah, sora Fesina! Cosa hai voluto inventarti per distruggere un pover uomo come me?!? Ma io ti aspetto qui, non mi muovo fin quando non ti vedo scendere, chè ti voglio talmente riempire di mazzate che la gente non ti riconoscerà più per i tuoi raggiri ma per i segni e i lividi che ti avrò lasciato sulla faccia.

Perna: Disperato, mio padre ti ha già licenziato?

Disperato: E non lo vedete? Signora Perna mia, che cosa farò io, pover uomo, senza arte né parte?

Perna: Povero Disperato, come ti compiango…

Disperato: Che le possa venire un malanno a chilla maledetta monaca! Se fosse stata una donna onesta non mi avrebbe fatto perdere il lavoro.

Perna: Non mi parlare di quella svergognata, che io l’accido prima di stasera… Poco fa, con un altro dei suoi imbrogli, è stata capace di riconquistarsi di nuovo la fiducia della Sia Gianna.

Disperato: C’ave fatto? E’ stata ‘nata vota in Paradiso?

Perna: S’è messa d’accordo con il nuovo servo, ch’ella stessa ha portato, il quale s’è finto morto perché essa lo potesse risuscitare con le sue orazioni.

Disperato: E come avete scoperto questa truffa?

Perna: Io e la signora abbiamo fatto la spia: tutti e due stavano nella tua stanza e dal buco della serratura (mimando la sequenza), abbiamo sentito la monaca che diceva a Lello:< Tu dovevi dire che venivi dal Purgatorio, non dall’inferno>.

Disperato: Ma che schifosa! Appena scende le voglio spezzare le gambe…

Perna: Lascia perdere… perché io e la sia Gianna abbiamo pensato a ciò che dobbiamo fare per farla scacciare da questa casa. La mia matrigna, infatti, mi ha assicurato che parlerà di persona con mio padre.

Disperato: (scettico) Sora Fesina la tiene in pugno, ormai, la sia Gianna!

Perna: No, no, ormai non c’incanta più… Vieni, vieni dentro con me…

Camera

Disperato: (confabulando) Volesse il Cielo, ma io ci credo poco…

Perna: Prima ascolta, ti vorrei confidare un segreto e vorrei che tu mi aiutassi; se tutto andrà secondo i miei intendimenti, potrai buttare ‘ste pezze stracciate che tieni addosso… Saresti disposto a farmi un servizio?

Disperato: Per voi sarei disposto anche a camminare sui carboni ardenti…

Perna: E sii sincero: ti fideresti di obbedirmi in tutto e per tutto?

Disperato: (tra sé) Niente niente si fosse innamorata di me!?! (rivolto a Perna) Ci metterei tutta la buona volontà; ma di che si tratta, parlate chiaro.

Perna: (con fare misterioso) Si tratta di una cosa … che ti darà gusto e soddisfazione.

Disperato: Perché io ne abbia soddisfazione, mi basta che dia gusto a voi…

Perna: Altro che gusto ne proverei! Ma tu poi lo spiattelleresti in giro e … è meglio che mi stia zitta.

Disperato: (particolarmente incuriosito) No, signora Perna mia, non sono proprio tipo di fare ciò… M’hanno da accidere si parlo: dicite, che vulite?

Perna: Me metto scuorno…

Disperato: Ma come, dubitate ancora di me? Non vi sono sempre stato fedele? Non vi ricordate più di quando mi avete confidato il vostro amore per Notar Masillo?

Perna:  Sì, hai proprio ragione e anzi mi hai dato nuovo coraggio nel nominare il sole bello della mia vita?

Disperato: (sarcastico) E sarebbe Notar Masillo stu sole bello?

Perna: Già proprio lui… E sai perché mi servi proprio tu?

Disperato: (rivolto al pubblico) Aggiu capito, pe’ ffà lu ruffiano.

Perna: Che stai dicendo?

Disperato: Niente, niente, dite pure: perché vi servo?

Perna: Tu sai che egli muore e spasima per la mia matrigna. Trovalo e digli…

Disperato: Chi devo trovare?

Perna: Non te l’ho appena detto? Disperato, mi fai uscire pazza o forse sono io che sono impazzita. Va’, cerca Notar Masillo e digli che sono stata cacciata da casa perché, d’accordo con la mia matrigna, avevo combinato di portare stasera il mio innamorato nel cortile, dint’a lo scuro, a ffa’ l’ammore cu esso, ma mio padre è venuto a saperlo e mi ha scacciato via.

Disperato: E, non capisco: quando glielo dico, lui che può fare?

Perna: (continua, senza badargli) Poi gli dici che la sia Gianna m’ha detto: “per dispetto a Orazio, va’, chiama il tuo innamorato e conducimelo a quest’ora di notte”. E dopo che gli hai detto questo porti Notar Masillo nel cortile… e poi lascia fare a me.

Disperato: (sorpreso) A quanto capisco volete fare la mezzana con la signora Gianna….

Perna: Disperato, ma allora non vuoi capire? Mi faccio trovare io nel cortile e… isso m’adda spusà pe’ forza.

Disperato: E vi fidate di fare una cosa simile?

Perna: Quanto sei scemo: so ben io quello che faccio!

Disperato: Se è così… salute e figli maschi. Voi comandate e io vi servo….

Perna: …e se riuscirai a condurmi l’amor mio tra le braccia, ti terrò sempre come mio servitore.

Disperato: La vostra parola mi basta. Vado a cercarlo e con questa speranza in cuore farò quello che mi avete detto.

Perna: E digli anche che non desse più ascolto alla sora Fesina, perché quella svergognata si prende solo i denari ma d’ora in poi non potrà compiere ancora malefatte.

Disperato: Bene, allora vi saluto: voi rientrate pure in casa che subito mi vedrete arrivare con Notar Masillo. (Perna rientra. Disperato parla tra sé e sé) ‘St’imbroglio non sta proprio né in cielo né in terra: povera sia Perna, come la compatisco! “Dì a Notar Masillo…. la sia Gianna in mezzo al cortile… invece de matrema me faccio trovà io…” Sta fresca, e chillo mo te crede! S’è creduta de fa’ ‘na bella penzata, ma la penzata guappa sta ccà nella capa mia (battendosi ripetutamente la fronte con la mano).

Masillo: Che c’è, Disperato, sei caduto in disgrazia?

Disperato: Per causa vostra, per fare il ruffiano a voi e per aver detto male della monaca sciagurata, il signor Orazio m’ha cacciato.

Masillo: per la prima cosa ha sbagliato, per la seconda ha fatto buono!

Disperato: E perché?

Masillo: Perché tu parli male di una santa che fa i miracoli.

Disperato: Sì, sì, io lo so qual è il miracolo che vi aspettate da sora Fesina…  e dov’è arrivata la fregola di letto per la sia Gianna! Per ricambiare la gentilezza che m’ha fatto il signor Orazio, quasi quasi mi piacerebbe fare gustare a voi la pollastrella e fare cornuto lui.

Masillo: Parli della monaca e passi alla sia Gianna: ma non t’accorgi che vai parlando a sproposito?

Disperato: Niente, saccio io quello che dico!… Vabbè, non ne parliamo più.

Masillo: (con tono preoccupato e minaccioso) Che sai? Che vai dicendo?

Disperato: Vi voglio dire che se mi fate levare queste pezze vecchie da dosso vi do la prova di come quella mmalora di monaca vi sta raggirando e stasera stessa vi faccio coricare con la sia Gianna.

Masillo: Ma tu, che staie dicenno? La sia Gianna è ‘na femmena onesta e io nun songo ommo capace de fa ‘sti ccose!

Disperato: Eh già, Nuta’ Masillo, la fregola che tenete per la sia Gianna vi sta scritta in fronte: la passione non si può nascondere e solo Disperato vi può far passare lo sfizio.

Masillo: Hai ragione! Non mangio, non dormo, non trovo pace: l’amore che sento pe’ sta femmina è come un fuoco ardente che brucia e cresce, quanto cchiù nce scioscio ‘ncoppa pe’ farlo stutà.

Disperato:… Sempre che mi togliate queste pezze vecchie, sarò l’uomo capace di farvi stutà sto fuoco co la pollastra stasera stessa.

Masillo: Ahhh, ti piglio per servitore mio. Ma di’: sei davvero sicuro di poter mantenere la parola?

Disperato: Bèh, voi siete notaio: andiamo a casa vostra e scriviamo una lettera…

Masillo: Una lettera? Che lettera?

Disperato: Una lettera che vi permetterà di fare vostra la femmena e così di farvi passare la fregola.

Masillo: Pensaci buono, perché la bramosia che tengo è forte, è una febbre da cavallo, è voglia di lei…. Che se non me la fai passare stasera la faccio diventare una febbre manesca!          (escono).     

Orazio: (entrando con Gianna) Na vota ca lo discorso è lluongo, pigliammoce ddoie segge e assettamoce… Còntame tutti li guai ca me vuo’ cuntà, ma nun parlà male de sora Fesina!

Gianna: Se le cose stanno così, allora, tanto vale che mi alzi e me ne vada, perché è proprio di lei che volevo parlarti: infatti, ho scoperto un suo segreto, in verità davvero antipatico e sgradevole…

Orazio: O veramente dici?(prima con tono ironico, poi preoccupato per la sorte dei suoi averi) Avesse miso mano a li denare o a lu llardo?

Gianna: Ma quale denari, prosciutti o lardi… Pensa, marito mio, che stamane, questa buona monachella, se n’è andata al Cielo, come suo solito…

Orazio: Bhe, chesta è cosa certa, comm’è certo ca stammo parlanno io e te.

Gianna: Sì, va buò… L’unica vera certezza è che si tratta tutto di un imbroglio, un inganno inventato apposta per farti scacciare Disperato…

Orazio: Che mbroglia? Tu fosse pazza? Sora Fesina mbruoglia nun ne fa… Nun si rimasta pure tu cumme a na statua de sale quanno cu le orazioni soie ha risuscitato lu servitore nuovo? Fosse tu santa comme a sora Fesina…

Gianna: Il cielo mi scansi e liberi, se fossi come quella diavolessa…

Orazio: Demonia? Na diavolessa sora Fesina? Sia Gianna, badate  comme parlate!

Gianna: (senza darsene per inteso) Ma stammi prima a sentire, ti devo rivelare un raggiro di un tale che s’era innamorato di Perna…

Orazio: Uno innamorato de figliema? Nisciuno se permettesse de guardare li scarpe de Pernella mia, ca la voglio fa munacella, mandarla in convento co lu nomme de sora Fesina….

Gianna: E già, accussì facimmo n’ata monaca fauza! (esasperata con tono sarcastico)

Orazio: Ma pecchè me vuò fare ascì da li canchere?

Gianna: Pecchè saccio chello che dico! Mi dispiace davvero dovertelo dire, ma sora Fesina sta tirando dritto per la sua strada, continuando nel suo inciucio…

Orazio: Che ‘nciucio?

Gianna: Quel tale che era innamorato di Perna, a un certo momento l’ha lasciata perché s’è incapricciato di me e sora Fesina sta esercitando l’arte del diavolo per fare abboccare me e chest’ommo… accussì essa s’accatta li denare e vuie… restate cornuto!

Orazio: (stizzito) Sia Gianna, badate  comme parlate! Nun lu ccredo! Sora Fesina sape la gelosia mia, e sape pure ca essa è vigilatore della cundotta toia, pecchè essa te surveglia…

Gianna: Se non credi alle mie parole, allora parla con Disperato, che ha sentito con le proprie orecchie tutti gli imbrogli che uscivano dalla bocca di quella malafemmena…

Orazio: Chillo è n’anima persa e perciò l’aggio scacciato da casa mia.

Gianna: Allora, chiedilo a figlieta, che lo sa anche lei… Perna è sangue tuo e non ti può ingannare!

Orazio: Me pote ingannare senza volere, perché è lu diavolo che inganna essa.

Gianna: Ma quello che ti sto dicendo me l’ha detto proprio la monaca e non il diavolo….

Orazio: E che t’ha ditto?

Gianna: Per convincermi a d assecondare le voglie di chell’ommo, mi ha detto che questa è la volontà della Corte celeste, e che le è stata affidata dalla rivelazione di questa mattina…

Orazio: E si è na rivelazione, essa che colpa ne ave?

Gianna: E tu ci credi alla rivelazione?

Orazio: Perché, nun ha fatto risuscità Lello?

Gianna: Quello è stato un altro imbroglio! Io e Perna l’abbiamo smascherata.

Orazio: (spazientito) Allora so tutte mbroglia, so tutte ‘nciucie, secondo te?!?

Gianna: Stamattina sai cosa mi ha confidato? Che un’anima si sta perdendo per la passione che prova per me… Che per non farla dannare, avrei dovuto dargli la speranza che o alla tua morte lui avrebbe preso il tuo posto o, prima ancora, io mi sarei coricata con lui, sicura del perdono del Cielo, con la Confessione…

Orazio: (incredulo) La rivelazione chesta è?

Gianna: (soddisfatta, con tono sarcastico) Che bella rivelazione, né? Ora, marito mio, che te ne pare?

Orazio: (ostinato, ma perplesso) Cheste so cchiù che rivelazioni! Si l’ha ditto sora Fesina, la rivelazione ha da esse pe’ forza bbona…

Gianna: Allora, vuoi proprio che ci vada a letto con questo?!?

Orazio: Mmalora! Ma che vaie dicenno! E me vuò svergognà? …

Gianna: (incalzandolo) … Me lo consiglia la tua monaca…

Orazio: (perplesso) Si l’ha ditto sora Fesina…

Gianna: Allora, llu ffaccio?

Orazio: Eh, eh, jammoce chiano chiano… (camminando su e giù, profondamente turbato, un po’ tra sé e sé e un po’ rivolto a lei) Lassame ‘nce penzà nu poco ca lu fatto è pesante…

Gianna: (avvicinandosi e parandosi faccia faccia, infierendo ancor di più) Sora Fesina dice che non è vergogna…

Orazio: (finalmente cosciente dell’enormità della rivelazione, poi addebitando alla moglie ogni responsabilità, puntandogli l’indice contro) E’ vergogna sì… E sai che te dico? Io nun te credo, ca sora Fesina te ave ditto ca non è vergogna… Sì tu, traditora, ca te vuoie servire de la reputazione de na Santa, pe lu piacere de cummettere la porcheria!

Gianna: (Schiaffeggiandosi in volto, incredula e offesa) Gesùmmaria! Chesto suspiette tu?

Orazio: Chesto suspietto.

Gianna: (con una smorfia di disgusto, assolutamente incredula) Tu non si’ ‘n’ommo… ma, e se te lo dicesse sora Fesina in persona a lei crederesti?

Orazio: A issa credarria, sì, chiammàmmola: tu avarrìa ‘nteso male: (chiamando) Sora Fesina, venite ccà fora.

Gianna: (convinta, a mezza voce ma con tono reciso) Io ho inteso bene!…

Orazio: (marcando la voce) …E voglio intendere bene pur’io!

Fesina: (entrando, con atteggiamento candido e voce dolce) La pace del Cielo sia con voi… In che cosa vi posso servire, signor Orazio? Vi prego, ditemelo, perché non vorrei essere distolta a lungo dalle mie meditazioni e dalle mie devozioni.

Orazio: (rivolto a lei ma fissando Gianna, con tono serio e marcando le parole) Sora Fesina, i’ vuleva sape’ quacche cosa de chella rivelazione…

Fesina: (con atteggiamento ispirato, levando gli occhi al cielo e parlando con voce cantilenante e melodiosa) Oh, signor Orazio, sono stata fino a questo momento in ginocchio sul duro pavimento a battermi il petto e a pregare il Cielo affinché consoli e assista quell’anima sventurata che riaschia di perdersi per l’eternità … mi sono offerta di patire io nella mia umile persona le sue sofferenze in cambio della sua salvezza…

Gianna: (stizzita, a Orazio) … La sentite?!..

Orazio: …E fino a ccà nun c’è niente da dicere; ma… nun c’è remmedio?

Fesina: (sospirando) E qual mai rimedio volete che ci sia? Io, nella mia modestia, uno ne avrei trovato, ma appena l’ho suggerito alla Signora Giovanna ne ho ricevuto in cambio il trattamento che voi sapete bene…

Orazio: E che remmedio avisse truvato…?

Fesina: Come, la vostra sposa non ve l’ha detto?

Orazio: Sì, che ce desse speranza pe’ quanno io sarraggio muorto…

Fesina: …Appunto.

Gianna: (con tono insinuante e alquanto alterato) E se non si accontenta di ciò che altro avete pensato? Dite, dite…

Fesina: (con dolcezza affettata) Sentite bene: per un altro simile caso, di cui venni a conoscenza attraverso un’altra rivelazione, le parole assennate e le mie fervide orazioni valsero a decidere la donna amata a compiacere l’infelice amante; fu in tale modo che lo spirito in pena non si dannò. Ora, quell’anima sempre mi assiste e mi consiglia… è lei che mi ha ispirato, nel vostro caso, che se non bastasse la speranza a questo amante della vostra sposa, allora…

Gianna: (interrompendo, sdegnata e disgustata) Taci, infame spudorata!..

Orazio: (incalzando, turbato e senza tenere conto dell’interruzione di Gianna)… Allora che? Che mmalora fareste?!

Fesina: Non bestemmiate, vi prego, fratello benedetto!

Orazio: (spazientito, alquanto sconcertato) Mo me facite perdere l’idea ca me songo fatto de voi… allora, che fareste?

Fesina: Qualunque cosa io dovessi suggerire, sarebbe sempre conveniente, perché la confessione purifica da ogni colpa e non si dannerebbe un’anima  per colpa vostra e della vostra sposa… (Con tono profetico e velatamente minaccioso) Ricordatevi, signor Orazio, che le anime dannate diventano spiriti infernali e che uno spirito costretto all’Inferno per colpa vostra potrebbe vendicarsi su di voi portandovi via tutti i denari…!

Orazio: (fortemente suggestionato da queste parole) Tutti li miei denari?!…

Gianna: Non darle retta, Orazio!

Orazio: (sempre più turbato) Statte zitta! Nu so’ cose ‘e niente…. (a Fesina) Nce voglio penzà, dateme nu poco de tiempo…

Lello: (entrando, porge una lettera a Orazio, con tono distaccato) Signore, un uomo ha portato or ora per voi questa lettera da Massa…

Orazio: E chist’ommo addò sta?

Lello: Mi ha consegnato la lettera e se n’è andato…

Gianna: Se viene da Massa sarà certamente una lettera di tuo fratello.

Orazio: (incuriosito,  leggendo l’intestazione sulla busta) “All’eccellentissimo Signore Orazio Cardone, fratello mio carissimo”… (guardando prima Gianna poi Fesina, un po’ sorpreso) E’ fràtemo, ma nunn’è scrittura soia.

Fesina: (mostrandosi concentrata, parlando quasi ispirata) Sarà qualche notizia funesta…

Gianna: Speriamo di no!…

Lello: Invece, se mi permettete di intromettermi, temo sia proprio come ha profetizzato la sora Fesina, perché il marinaio che mi ha portato la lettera mi ha detto che è stata dettata dal fratello del signor Orazio, che è in punto di morte.

Gianna: (sinceramente preoccupata, mentre Orazio apre la lettera e divora con gli occhi lo scritto) Presto, apri… leggi! Oh, Cielo, proteggeteci, fateci la grazia!

Orazio: (legge tradendo emozione nella voce) “Fratello carissimo, non scrivo di mio pugno perché sono in punto di morte e costretto a letto da una febbre violenta. (esclamazioni di dolore, sincere da parte di Gianna e simulate da parte di Fesina) Per tale motivo ti prego di implorare la santa Sora Fesina affinché voglia pregare fervidamente per l’anima mia; per il corpo no, in quanto ormai è inutile essendo giunta l’ultima ora e non ci sono più speranze che possa riacquistare la salute. Ti prego inoltre, prima che sia troppo tardi, di venire ad abbracciarmi e a porgermi l’estremo saluto, anche per poter prendere possesso (la voce di Orazio tradisce una crescente eccitazione) degli oggetti d’oro e d’argento nonché di quel po’ di denaro che ho messo da parte e che ora ti apparterrà di diritto. Cerca di non perdere tempo perché non vorrei che questi miei averi (il tono si fa preoccupato) finissero nelle mani di qualche mariuolo. Ti aspetto e ti benedico…” (euforico, sembra non trattenere l’eccitazione) Gianna, mugliera mia, finalmente simmo ricche! E quanno schiattava!

Gianna: (realmente scandalizzata) Vergognati: sei un vero mostro!

Fesina: (fingendosi scandalizzata) Signor Orazio, che parlare è mai questo!?!

Orazio: Vularisse ca me mettesse a chiagnere? Chillo era cchiù vecchio de Matusalemme…

Fesina: (ipocritamente, levando le mani e gli occhi al cielo) Cielo, perdona le debolezze di questa povera anima…

Gianna: (con disprezzo, quasi gridandogli in faccia) Ma comme, tu siente ca fràtete sta murenno e te faie la tarantella?! (con mimica accentuata, accompagnandosi con una mossa).

Orazio: (rendendosi conto della gaffe, cerca di salvare la faccia) Non è balletto di gioia, è lo zumpettiamiento naturale della scossa nervosa…

Fesina: Come avete ben visto, signor Orazio, oggi avete licenziato il vostro servo Disperato e oggi stesso il Cielo ha voluto ricompensartvi!

Gianna: (avanza verso il pubblico, tra l’indignato e l’amareggiato) Gesù, Gesù, Gesù, ma li sentite? Pare ‘na gara d’infamità…

Orazio: E’ stato certamente ‘nu miracolo. Lello, nun perdimmo tiempo: priparammoce e pigliammo ‘na barca pe’ Massa.

Gianna: Vuoi partire subito?

Orazio: Primma de mo’. Sora Fesina, voi nel frattiempo, metteteve attuorno a Perna e vidite de fa tutto lo possibile  pe’ convincerla a farse moneca; ve raccumanno muglierema, e a chell’anema ca se sta perdendo, la resposta ce la dammo quanno torno.

Fesina: Andate e state tranquillo che io, già da questo momento, comincio a dire orazioni per voi e per vostro fratello…

Orazio: Pe’ fratemo, pregate sulo pe’ l’anema. Dinto a ll’orazione pe’ me, fatece capitare pure lu cuorpo. (rivolgendosi a Gianna) Gianna, preparami ‘na cammisa e nu cazzunnetto janco…

Gianna: Stanno in un tiretto del comò lavati e stirati. Vieni che te li do. (esce).

Orazio: Lello, jammuncenne…

Lello: Mo’ vengo, signore, prima però voglio farmi insegnare da sora Fesina le orazioni che si dicono quando si va per mare…

Orazio: Sora Fesina, ‘mparategliele priesto priesto! (esce).

Lello: Che diavolo! Non ci voleva proprio questo viaggio adesso: e ora come faccio con mia moglie? Chissà quanto tempo resteremo a Massa?!?

Fesina: Abbi pazienza. Se vuoi, domani vado presto a casa tua a tranquillizzare tua moglie con qualche pretesto…

Lello: No, forse è meglio che resti qui in casa, a controllare Perna.

Fesina: Vai pure tranquillo e al tuo ritorno, … te la farò trovare bella e cotta per te.

Lello: Magari! (con un sospirone) Mi struggo, sospiro, la cerco, la fisso dritto negli occhi ma lei nemmeno mi guarda in faccia.

Fesina: Certo, non sa chi sei! E’ naturale che ti tratti così: lascia che le parli e quando torni la troverai cambiata.

Orazio: (iniziando la battuta fuori scena, poi entra) ‘Nzomma, avite fatto cu sta preghiera?

Fesina: Sì, signor Orazio.

Orazio: E allora nun perdimmo cchiù tiempo. Lello, ‘mbresso, jammucenne!

Lello: Come voi comandate.

Orazio: Chisto è lu mantiello mio, portalo tu. Si avessa fa friddo pe’ mare, lu daie a me. Jammuncenne. (Lello strizza l’occhio a Fesina, con atteggiamento di complicità, che ammicca. I due uomini si dirigono verso la piazza continuando a dialogare).

Nel corso del dialogo seguente, Lello al termine delle sue battute, depone in terra il bagaglio; Orazio, ogni volta lo riprende e glielo porge.

Lello: Signor Orazio, voi volete partire per forza ma io vi dico che questa lettera vi è stata scritta per vendetta.

Orazio: Pe’ vendetta?

Lello: Volete sapere chi vi vuol bene e chi vi vuol male?

Orazio: Lo sbaglio tujo è stato chillo de nun m’avé fatto parlà cu lu marenaro ca l’ha portata.

Lello: E chi sa se quello era veramente un marittimo?

Orazio: E nuie, mo che arrivammo a lu porto, ce ‘nfurmammo meglio.

Lello: Io vi consiglierei di non andare a Massa…

Orazio: Sicuro, accussì se fruculeano (facendo il gesto del furto) chellu ppoco ca me vo’ lassà fratemo.

Lello: Il vento s’è messo a scirocco e il mare si fa grosso: noi ci lasciamo la pelle se ci avventuriamo in questo viaggio.

Orazio: Si ‘nce lassammo la pelle, nun ce perdo niente, pecché nun me aggio miso manco nu turnese dinto a la sacca.

Lello: Ma allora chi paga la barca?

Orazio: La varca se paga a Massa cu li denare de fràtemo: la parte toja la voglio pagà io.

Lello: Grazie per tanta generosità, ma,,, io pagarria la parte mia e la parte vostra pe’ nun partì. Una volta mi son fatto predire il futuro da una zingara che mi predisse i pericoli che avrei incontrato andando per mare.

Orazio: Nun te mettere paura: si succede quacche cosa, te dici l’orazione ca t’ave ‘mparato Sora Fesina.

Lello: Me l’aggio scurdata!

Orazio: Si tu si’ scurdariello, cu mme ‘nce faie bene.

Lello: Me la sono dimenticata perché Sora Fesina l’ha biascicata in fretta.

Orazio: Io la saccio a memoria e, si succede quacche cosa, tu la dice appriesso a mme. Jammuncenne ca è quase miezo juorno e a miezo juorno preciso li barche partono.

Lello: Si jèssemo pe’ via terra, sarria cchiù meglio!

Orazio: Ma va, pe’ terra arrivammo a n’ati quinnece juorne.

Lello: E che ghièssemo pe’ via terra a ppede?

Orazio: E che, ce vulive ghire ‘ncarrozza?

Lello: Cu nu calesse.

Orazio: E’ cchiù periculoso nu calesse che lu mare: pe’ mmare te può sulo affugà… ‘ncopp’a  nu calesse te può rompere nu vraccio o ‘na gamma. Ma vi’ quanta soddisfazione ca vo’ chisto! Tu si’ servitore? E cammina!

Lello: E cammenammo. (escono)

Camera

Perna: Vi credete che state parlando col signore? Guardate che io vi conosco bene e so quanto la sapete lunga…

Fesina: Ti commisero, figlia benedetta, giacché è il demonio che ti fa parlare così e che ti occlude le orecchie per non farti ascoltare i miei saggi consigli.

Perna: Mi avete scocciato con queste vostre buone parole.

Fesina: Ma ciò che ti ho detto non è frutto solo della rivelazione, è pure il preciso volere di tuo padre.

Perna: Mio padre mi ha fatto e io lo devo rispettare;  ma se lui mi vuol far vestire da monaca si sbaglia di grosso. E pure la rivelazione vostra con me perde il suo tempo.

Fesina: Eh, quando vedrai il tuo abito fatto proprio come il mio, quando vestirai da monachella e cambierai il tuo nome come ho fatto io, sarai soddisfatta e felice; il tuo volto si farà radioso, sarai splendente come una stella e la tua anima si arricchirà di nuove bellezze, di nuovi valori, di nuove conoscenze…

Perna: Quello che so già mi basta e mi avanza.

Fesina: Io lo so bene: tu non vuoi farti monaca perché ti piace essere corteggiata da tanti amanti che spasimano per te…!

Perna: (con risentimanto) Uno ne avevo che spasimava per me e per colpa vostra l’ho perduto.

Fesina: Tu stai parlando di Notar Masillo; che il Cielo lo salvi! Ti consiglio di non pensare più a lui, è indegno di te.

Perna: E io vi consiglio di farti gli affari tuoi; non impicciatevi!

Fesina: Perna mia, se davvero non vuoi prendere i voti, nessuno ti costringe. Ci sono tanti altri modi per salvare l’anima… e se tu hai deciso di sposarti, anche questa sarà una penitenza sufficiente per la tua scarsa devozione. Non è detto però che tu debba prenderti per forza Nuta’ Masillo: puoi sposarti un altro come lui e probabilmente anche meglio di lui.

Perna: (fingendo di stare al gioco) E uno migliore si potrebbe trovare facilmente?

Fesina: Oh, sì cara: ce n’è proprio uno a portata di mano…

Perna: E chi sarebbe mai?

Fesina: Non hai notato la qualità del vestito che indossa il nuovo servitore, e il signorile suo portamento? Pur di godere della tua vista, pur di esserti accanto, Lello è disposto a fare il servo, ma lo porta scritto in fronte che è figlio di Principe.

Perna: Cosa dici mai? Lello figlio di Principe?

Fesina: Ebbene sì, fortunata giovane.

Perna: E mi vuole bene?

Fesina: L’hai addirittura stregato!

Perna:  E cosa dovrei fare per sposarlo?

Fesina: Devi mostrarti affettuosa con lui, gli devi concedere tutto quello che ti chiede: vedrai che se agirai così, lui poi sarà tuo. In quanto a tuo padre, provvederò io a fargli comprendere l’errore commesso e a fargli cambiare idea; con le parole adatte e le maniere dolci farò in modo che ti conceda il consenso per il matrimonio.

Perna: Ma se gli concedo tutto ciò che vuole, non faccio peccato?

Fesina: Faresti peccato soltanto se la piccola macchia non venisse poi lavata col matrimonio.

Perna: Se è così, allora faccio tutto quello che volete.

Fesina: Nulla di più semplice: basta concedere a Lello tutto ciò che ti chiede.

Perna: Statene pur certa…

Fesina: …Benissimo! E dunque così la mia bella, piccola Perna diventerà Principessa.

Perna: Ma con il mio signor Padre come la mettiamo? Ve la vedete voi?

Fesina: Sta’ tranquilla: come ti ho assicurato provvederò a tutto io.

Perna: Grandissima spudorata, scellerata, non credere che davvero seguirò le tue indicazioni: ti ho dato corda per smascherarti . Ora che torna il signore mio padre, gli dirò tutto e gli aprirò finalmente gli occhi. In quanto a te, esci da casa mia, via, presto, va via…

Fesina: Perna, Perna, non farti ingannare dal demonio.

Perna: Zitta, stai zitta…

Gianna: (fuori scena) Perna, cosa sono questi urli? (entrando) Ancora ‘sta maledetta monaca! Perna, che t’ha fatto questa dannata?

Perna: Si nun la vuttammo fora mo ca nun c’è patreme, ti giuro ca la scanno!

Fesina: La mia vita è nelle vostre mani, eccomi prona ai vostri piedi: pigliatemi pure a calci, schiaffeggiatemi, percuotetemi, sputatemi in faccia, toglietemi persino la vita… (modulando la voce e sollevando lo sguardo al Cielo) Tutto vi verrà perdonato da questa indegna peccatrice…

Perna: Nun la credite!

Gianna: E chi gli crede a questa imbrogliona di monaca scomunicata?

Perna: Appena questa fetente sarà uscita, madre, voglio riferirvi l’intrigo del servo figlio di principe…

Gianna: Ne parleremo dopo. (rivolta quindi a Fesina) Monaca, vattenne, si no te manno a lu spitale!

Fesina: Temo che il demonio vi abbia confuso e fatto interpretare male il mio santo pensiero spirituale e allora vostro padre e la vostra matrigna avrebbero ragione a lamentarsi di me, ma non tenterò di scusarmi: a chiarire i fatti mi aiuterà il Protettore dell’innocenza.

Gianna: Si nun te ne vaie, t’afferrammo pe li capille e te cacciammo fora. Te suse o non te suse?

Perna: Che sfrontata, ma guarda quanto è testarda, nemmeno fa il gesto di andarsene…

Fesina: Mi alzo e me ne vado, se non sono bene accetta. Ma state prendendo un abbaglio: vi ripeto che questa è opera del demonio, il quale non vuole che io rimanga con voi perché sa che potrei distogliervi da tentazioni, cattivi pensieri e azioni malvagie che avete intenzioni di commettere.

Gianna: Li male azioni li vaie facenno tu!

Fesina: Vi assista il Cielo (avviandosi verso l’uscita, con un gesto della mano quasi benedicente).

Perna: Vattenne tu ‘n Cielo e na vota pe sempre.

Gianna: E che non vi passi più per la testa l’idea di farvi vedere a ronzare attorno a questa onorata casa, quando tornerà il signor Orazio.

Fesina: Vi accompagni il Cielo… (esce).

Gianna: E a te lu demmonio! (Esce seguita da Perna).

Piazza

Disperato: (avvicinandosi alla casa di soppiatto) Speriamo che Perna sia sola in casa… (fischia per richiamare la sua attenzione).

Perna: Disperato, sei tu?

Disperato: Sì, sono io. Siete sola? E la signora Gianna dov’è?

Perna: Si è ritirata in camera sua.

Disperato: Sono venuto per avvertirvi…

Perna: Vieni dentro, presto. Di che cosa mi devi avvertire?…

Disperato: Ciò che avevamo architettato non si può fare e io avrei pensato a un altro stratagemma: ho saputo che vostro padre è partito per Massa perché suo fratello è lì lì per morire…

Perna: Queste son cose che succedono quando meno te l’aspetti.

Disperato: Stiamo tutti sotto il cielo… comunque questa partenza improvvisa è proprio come il cacio sui maccheroni e ci permette di risolvere il nostro problema. Infatti io conosco questa casa meglio delle mie saccocce: conosco tutte le cantine, i ripostigli, i buchi segreti che ci stanno. Nel giardino c’è una finestrella dal telaio scassato: basta una botta per finire di romperlo. Quando si fa notte, io e Masillo entriamo da lì, io vestito da mago e Notar Masillo da spirito…

Perna: Non capisco dove vuoi arrivare… Ma che cosa vai dicendo, Disperato?

Disperato: Ascoltatemi con attenzione. Con lamenti e rumori di catene svegliamo la sia Gianna e voi. Allora io dirò che sono il mago Schirosso venuto per fare un incantesimo giacché dentro questa casa dimora uno spirito dell’inferno…

Perna: (divertita e affascinata) Disperato mio, ma come t’è venuta ‘na fantasia di questa maniera?

Disperato: … per carita non mi interromete altrimenti perdo il filo!

Perna: (sfiorandogli affettuosamente le labbra prima di toccarsi le sue) No, no, vai avanti che io mi cucio la bocca.

Disperato: M’invento quattro scemate, come escono escono, per lanciare un incantesimo. Quando chiamerò lo spirito, di botto si presenta Notar Masillo, con il quale già mi sono accordato…

Perna: E quale accordo? E lui che dice?

Disperato: … Masillo dice che è lo spirito del signor Orazio, morto affogato mentre andava a Massa. Poi, avvicinandosi quatto quatto alla sia Gianna, le dirà: “Mugliera mia, la varca s’è affunnata e io me so’ muorto e mo so’ venuto pe’ darte n’abbraccio”.

Perna: E perché non dice che vuole abbracciare anche me?

Disperato: Lui non l’avrebbe mai fatto perché il suo amore è solo per sia Gianna. Ed ecco quello che ho pensato: quando lo spirito dice di volere abbracciare la vostra matrigna, voi lo interrompete dicendo: “no, signor mio, prima abbracciate me”. Lui, per non farsi smascherare, dovrà fare quello che volete voi.

Perna: E se non lo fa?…

Desiderato: Lo fa lo fa, perché per fare una cosa come si deve, io mi porterò appresso quattro miei amici vestiti da diavolo; e se lui non vorrà abbracciarvi, i miei quattro diavoli faranno un bel mazziatone allo spirito.

Perna: E se mi abbraccia e poi non mi vuole più?

Disperato: Beh, allora i quattro diavoli lo spaventeranno a morte dicendogli che son venuti apposta per ammazzarlo se si fosse rifiutato di sposarvi.

Perna: Càspita, Disperato, questa sì che è ‘na buona pensata. Allora ti aspetto stanotte?!

Disperato: Certo, ma mi raccomando: quando sentite rumore di catene  e di ferri vecchi, non mettetevi paura.

Perna: (ridendo) Io no, ma la signora Gianna certamente s’impaurirà.

Le luci si spengono. Musica in sottofondo. La scena si sposta sull’estrema destra dove vengono illuminati Orazio e Lello.

Marina.

Orazio: Me so visto ricco nzuonno: mio fratemo, cu na lettera soia, scritta proprio da lui, me manna a dicere ca sta ppe morì, e ca me lassa oro, argiento e denare, e mo’, cu chest’ata lettera me chiede na provvista de fasule, cicere e lenticchie, ma non me manna li denare…

Lello: Meno male che vi è arrivata quersta nuova lettera, altrimenti sarebbe stato un guaio…

Orazio: Eh già, lu guaio di perdere li denare pe’ la varca, ppe ghire e ppe turnare!

Lello: Io però l’avevo sospettato che la prima lettera era fasulla…

Orazio: Sarrà statto pecchè la gente se crede ca io tengo assaie denare.  Chella lettera era ‘na trappularia de quaccheruno che me voleva fa’ la pelle ppe’ se piglià li denare miei…

Lello: (attratto dall’apparizione in fondo alla via di. Fesina) Uh, guardate: sta giungendo sora Fesina…

Orazio: Cammina appojata a nubastone: ca sarrà succiesso? Ma… nun ce vede?!?

Lello: E’ diventata cieca.

Orazio: Povera zi’ monaca…

Fesina: (esagerando la sua cecità, fingendo di non riconoscerli) Buona gente, per carità, venitemi in soccorso, conducetemi verso la marina, chè devo ritrovare il mio amato signor Orazio.

Orazio: Sora Fesina…

Lello: Sora Fesina, che vi è successo? Non ci riconoscete? Siamo noi… Ma non ci vedete?

Fesina: Signor Orazio, siete voi? Lello, siete qua?

Orazio: Ma che tenette all’uocchie?

Fesina: Sia lodato il Cielo, vi ho ritrovato. Vi stavo cerrcando per rivelarvi delle cose importanti che ho appreso grazie alle mie orazioni.

Orazio: Avisse saputo ca fratemo sta bbuono e ca la lettera era fauza?

Lello: Sapete anche chi è l’autore di questo imbroglio?

Fesina: Ogni cosa a tempo e luogo. Signor Orazio, grandi calunnie e grandi imposture sono state architettate contro di me e contro il povero Lello, vostro fedele servitore…

Lello: (con stupore autentico) Contro di me? E io che c’entro?

Fesina: Mio buon caro fratello, prima di rivelare tutto vorrei che tu, anima purissima, tentassi di restituirmi la vista che ho perso a causa del dolore causatomi dal vedere disprezzare e oltraggiare una creatura protetta dal Cielo.

Lello: (mangiando la foglia e assecondandola) Se il Cielo così vuole, farò come voi dite: inginocchiamoci… Anche voi, signor Orazio. (con mosse lente e ieratiche, intonando a bassissima voce una sorta di nenia, leva lo sguardo al Cielo; quindi poggia la sua mano sulla spalla di Fesina, inginocchiata a fianco di Orazio, con gli occhi bassi.) Come vi sentite? Riuscite a vedermi, ora che le tenebre sono state allontanate dai vostri occhi?

Fesina: Sia lodato il Cielo: ti vedo… vedo bene! (guardandosi attorrno con aria incantata)

Orazio: (imbambolato) Eh, tu si’ cchiù santo de essa!

Lello: (imitando modi e intonazioni di Fesina ispirata) Io sono solo un peccatore: è il Cielo ha voluto restituirvi la vista.

Orazio: Cu ‘e primme denare disponibile, faccio stampare le ddoie vite vostre.

Fesina: Signor Orazio, ascoltatemi vi prego: mentre io tentavo d’insegnare alcune devozioni a vostra moglie e volevo convincere Perna a farsi monaca, le due donne si sono mutate in furie e, mentre io, meschina, mi limitavo a dire: <questa è opera del demonio>, mi hanno aggredito e con ingiurie e percosse m’hanno scacciato fuori di casa.

Orazio: Anime perze tutte e ddoie, chelle ‘ndemoniate avissero a fa’ li cunti cu mme!

Fesina: Quante me ne hanno dette e quante me ne hanno dato, mio buon signor Orazio! Ho le ossa rotte e il corpo pieno di lividi. Gridavano come ossesse:<quando torna il signor Orazio,lui rincarerà la dose: con mille calunnie e imposture sradicheremo dalla nostra casa la moneca e il suo infido servitore>.

Orazio: Cheste so’ chiacchere. Iammo subito alla casa.

Fesina: Ma non darete credito a quello che vi diranno contro di me?

Orazio: Sarria n’eretico si vulesse sta a credere a sti ddoie scommunicate, e no a vueie.

Lello: Ma io non posso rimanere ancora nella vostra casa, in queste condizioni: perdonatemi, ma proprio non posso, perché pensavo che non ci fossero femmine presso di voi.

Orazio: No, figlio mio benedetto, io te voglio criscere comme a figlio mio.

Fesina: Lello, non parlare più e obbedisci: seguiamo il signor Orazio, perché spero vivamente che la signora Gianna e Perna si siano pentite e voglio credere pure che tutto ciò che hanno pensato di noi ora non lo pensino più e abbiano compreso di aver avuto torto.

Lello: Ma se esse continueranno a infamarci, voi le crederete?

Orazio: Io nun credo a li ccose cattive, credo solo a li ccose bbone.

Lello: Se è così obbediamo… (le luci sfumano alla loro uscita di scena, mentre viene illuminata  intensamente la camera).

Camera

Perna: Ah che pace in questa casa, ora che se n’è andata quella monaca falsa.

Gianna: Certamente sul suo capo penderanno tutte le scomuniche del mondo.

Perna: E proprio per questo, vedrete, nopn si arrenderà! Ve ne accorgerete se non ho ben ragione io: quando tornerà mio padre, essa farà tutto il possibile per imbrogliarlo ancora.

Gianna: Se dovesse accadere ciò, scriverò a mio fratello perché mi venga a prendere e qui non tornerò mai più.

Perna: E fate bene! Se non tenessi la speranza che prima di stasera… (s’interrompe bruscamente, per non tradire il segreto con Disperato cercando di riassumere un tono naturale) me ne verrei anch’io con voi.

Gianna: Di che speranza parli?

Perna: E’ una cosa che non potete sapere, altrimenti v’impaurireste!

Gianna: Mi metterei paura? E perché mai?

Perna: Stanotte ho avuto un sogno, un assai brutto sogno: Masillo era morto e il suo spirito voleva venire a voi per abbracciarvi. Ma io,arrabbiata e gelosa, gli ho detto: “Traditore, che vuoi fare? Devi abbracciare me, perché tu hai impegnato con me il tuo cuore, con questa caparra”. (Mostrando l’anello)

Gianna: Non è cher stai parlando della rivelazione di Sora Fesina?

Perna: Di quella scornacchiata? Ma quando mai! No, no, questo è un vero sogno.

Gianna: E che altro ti sei sognata?

Perna: Mi sono sognata pure che esso non mi voleva abbracciare e allora… songo asciute quatte diavule che ci hanno fatt’abbraccia pe’ forza… nce steva pure ‘nu mago e tant’ate cose brutte…

Gianna: Questo sogno che speranza ti dà? Non capisco…

Perna: Può essere che Masillo, per l’amore che vi porta, stasera muoia veramente e il suo spettro veramente appaia e si comporti come nel mio sogno… Ma è anche vero che se lui dovesse morire io morirei appresso a lui…

Gianna: Perna mia, tu stai uscendo pazza. Vuoi stare a credere a questi sogni?!

Perna: E già, vorreste farmi credere che voi non vi mettereste paura se questo succedesse overamente?

Gianna: Non mi sono mai impaurita degli spiriti perché quando uno ha la coscienza pulita non prova neanche se vede tutti i diavoli dell’inferno.

Perna: E che direste se davvero apparisse uno spirito?

Gianna: Diciarrìa, diciarrìa… non direi niente perché non può in alcun modo accadere.

Perna: Ma mettiamo il caso che accada, e io so che accadrà, voi allora che direste?

Gianna: Allora direi: “Abbracciati Perna: a chi hai dato la caparra da’ anche il resto”. E ti farei abbracciare dallo spirito stesso.

Perna: Fosse come voi dite! Mi vorrei fare abbracciare da esso e poi gli direi: “Traditore!”; no, traditore no… gli direi: “Ammore de stu core puveriello, chello ca nun m’hai potuto fa’ da vivo, voglio ca me lu faie da muorto”.

Gianna: (suggestionata) Mamma mia, che impressione!

Perna: Impressione? Ci metterei la firma, anche se fosse soltanto un fantasma!

Gianna: E non avresti paura di abbracciare uno spirito?

Perna: Non mi sono mai impaurita degli spiriti perché quando uno ha la coscienza pulita non prova neanche se vede tutti i diavoli dell’inferno.

Gianna: (la guarda con intenzione e, dopo una pausa significativa, riprende) Tu ripeti le mie stesse parole…

Perna: … perché ho la vostra stessa coscienza. (fuori scena si sentono rumori e imprecazioni di Orazio: “Mmalora!”) Ma cosa sono queste urla? Non è la voce di mio padre? Ma non era andato a Massa?!

Gianna: E si sente pure la voce di Sora Fesina! Sta’ tranquilla che se tuo padre non ci vuole stare a sentire scriverò a mio fratello immediatamente e partiremo.

Orazio: (con indignazione e ironia) Aaah, ben trovate!

Fesina: Dolci sorelle, vi benedica il Cielo!

Gianna:  Ma non si’ ghiuto a Massa?

Orazio: Avete sbagliato a mandarmi la finta lettera.

Gianna e Perna: Noi? Quale lettera?

Orazio: Vuje, vuje.

Fesina: (intercedendo ipocritamente) Mio buon caro Orazio, può darsi che queste poverine siano innocenti!

Orazio: Nnucente? Nisciuno me lo leva da la capa ca sono state loro.

Gianna: (con le mani sui fianchi e atteggiamento aggressivo) Si’ Orazio, abbada a come parle, ca io supporto qualunque cosa, ma chesta no!

Perna: Mio padre non ha colpa: questa è un’altra impostura di quest’imbrogliona!

Orazio: Sta puverella nun è fauza solo pecché nun te va truvanno l’innamurate e te vole fa fa’ monaca.

Perna: E avete avuto il coraggio di portare a casa mia quel mariuolo del vostro servitore?

Orazio: Lu servo è cchiù santo de essa.

Fesina: Cielo pietoso, deh, non fate che queste pie donne siano indotte dal demonio a mentire e profferire calunnie contro me e quel sant’uomo di Lello!

Perna: Vi state facendo mettere i piedi in testa da quando questa fetentona pratica la nostra casa.

Orazio: Vaco co la capa sotto e li piedi ‘ncielo pecché vuje ve zucate lu sanghe mio. Mmalora! Pe’ ste ddoie scimunite… Mmalora, mmalora, mmalora!

Fesina: Oh, Orazio, non bestemmiate!

Orazio: E nun ghiastemmano peggio lloro, quanno diceno ca vuie site fauza?!

Gianna: No, no che non è falsa: anzi è buona! E’ tanto buona  che aveva studiato un imbroglio per portare Nota’ Masillo diritto diritto nel mio letto!

Orazio: Ma che dicite maje? Io nun ce credo a sta ccosa!

Fesina: E’ il demonio, signor Orazio, che la fa parlare così.

Orazio: Proprio accussì. E’ lu demonio c’ha pigliato possesso ncuollo a sti ddoie, mamma e figlia, e le fa ntènnere cose bbone pe’ male.

Fesina: Signor Orazio, vi parlai di quell’anima che si stava dannando a causa della vostra sposa. Ebbene, con le mie fervide orazioni ho ottenuto dal Cielo che egli si liberasse da quella passione che lo consumava; così, adesso, tornato in sé, egli appare trasformato in una candida colomba, non fa altro che pregare il Cielo per voi, per vostra moglie e… per i vostri danari!

Orazio: (rivolto a Gianna) Hai visto c’ha saputo fa’ sta santa monaca? Lo voi capì ca si issa nun faciva chesso miraculo, noie, pe’ nun perdere chilli pochi quattrini ca tengo, avessemo avuta da’ suddisfazione a chell’anima …

Perna: Padre mio, che sacrilegio vi siete fatto sfuggire di bocca… che vergogna! Vergogna!

Gianna: E tu… avresti permesso una cosa simile?

Orazio: Si no perdèvemo li danari e che magnàvemo: foglie?

Gianna: E’ incredibile come ti ha cambiato questa schifosa… Perna, parla anche tu, raccontagli il fatto tuo.

Perna: Questa spudorata è venuta a dirmi che il nuovo servitore è figlio di Principe e che se lo voglio sposare devo fare tutto quello che lui mi chiede. Poi, a cose fatte…, con le sue belle parole, avrebbe provveduto lei a placarvi e a convincervi a farmelo sposare.

Orazio: Comm’è, comm’è sta cosa? Io nun nce credo.

Fesina: Fate bene, signor Orazio: questa è una vera impostura. Io non so nulla di quanto ha detto vostra figlia. Se avete dei dubbi, potete tranquillamente licenziare Lello e mettere me alla porta!

Orazio: Nun ‘o ddicite maje! (indicando Gianna e Perna) Se ne vanno lloro ddoie dalla casa mia… Lello è nu santo! Quanno v’ha fatto turnà la vista m’ha fatto rizzà li capilli!

Perna: (a mezza voce, verso Gianna) Questa è un’altra diavoleria che hanno escogitato quei due imbroglioni!

Gianna: (spazientita) Tu dunque nun me vuo’ credere?

Orazio: Io nun ce credo a le ccose diaboliche.

Perna: (alzando le spalle) E’ inutileinsistere, questo non ci vuol sentire: è meglio che ce ne andiamo a letto perché s’è fatto tardi.

Gianna: (rassegnata) Ma sì, andiamocene a letto: ne riparleremo domani.

Orazio: (mentre le due donne escono, alterato) Iatevènne a canchero a cuccà, accussì sparagno la cena de stasera… ghiate a ddiavolo!

Fesina: Signor Orazio, a causa delle vostre bestemmie sarò costretta ad andarmene da questa casa. Ogni volta che sento anche una piccola cosa che possa offendere il Cielo, sono colta dal tremore della morte e il sangue mi si gela nelle vene al pensiero delle conseguenze che ha anche un piccolo peccatuccio!

Orazio: No, Sora Fesina! Ve prometto ca nun ne ddico cchiù.

Fesina: Questo soltanto è il vostro difetto, e vi compatisco; ma vi comprendo e, per quanto è in mio potere, vi assolvo perché quando siete giustamente infuriato nessuno vi può trattenere. Ora, signor Orazio, fatemi la carità di lasciarmi sola in questa camera: vedo approssimarsi la notte e io, a cusa delle mie disgrazie e per i malvagi intrighi del demonio, ho finora trascurato di dire le mie quotidiane orazioni.

Orazio: Sì, sì, ve lasso lloco. Pregate lu cielo pe’ me, e ca me desse forza. Bone orazioni. (Esce)

Fesina: Addio… v’assista il Cielo.

Lello: (entrando, divertito ma impressionato) Tu sei davvero diabolica!

Fesina:  (maliziosa e compiaciuta) Che fai? Adesso parli anche tu come la signora Gianna?!

Lello: Intendo dire che sei capace di arrivare dovunque vuoi.

Fesina: Bando alle chiacchiere: ora si tratta di farti giungere al più presto là dove sospiri di arrivare…

Lello: Considerando la tua furbizia, sono sicuro che tra poco Perna cadrà nelle mie braccia.

Fesina: Veniamo al sodo… a me cosa darai in cambio?

Lello: Tutto ciò che ho e che avrò con me al momento giusto…

Fesina: (insinuante) Io ti darei lo stesso compenso che mi vorresti dare tu, e anche il doppio… in cambio di un’altra cosa.

Lello: Se è qualcosa che posso dare, dillo e l’avrai.

Fesina: E’ qualcosa che puoi dare… se lo vuoi.

Lello: Se lo voglio?… Parla!

Fesina: Lello, non mi comprendi?… Non farmi parlare, ho troppa vergogna.

Lello: (incredulo e ironico) Vergogna…tu?! Non posso crederci: di che si tratta?

Fesina: Cerca di capire, indovina…

Lello: Proprio non riesco a indovinare.

Fesina: Proprio no?… Gli occhi miei ti parlano, il mio cuore te lo dice… Proprio non indovini?

Lello: Eh, no… non sono un astrologo!

Fesina: Sono attratta da te: ti voglio!… e se vuoi che continui a darmi da fare per te, cerca di amarmi un poco anche tu, stanotte!

Lello: (sbigottito, incredulo) …Aggiu sentuto buono? Ma tu si’ ‘na monaca!

Fesina: Ma vai, un abito da monaca si può trovare in qualsiasi convento!… Non mi vuoi?

Lello: (riprendendosi dallo stupore, realizzando) Se ti voglio?! Tu stai facendo tanto per me… sarei proprio un ingrato… E poi, vuoi sapere tutta la verità? Tu mi piaci…!

Fesina: (con civetteria) Ti piaccio? Davvero?

Lello: (con eccitazione contenuta) Avvicinati, fatti vedere meglio… Levati quel velo, mostra la faccia. Come hai i capelli? Corti?

Fesina: Non li ho mai tagliati… guarda! (si scioglie i capelli)

Lello:  (sfiorandole i capelli con sensualità) E tu tenevi nascosto questo manto di capelli! Chi l’avrebbe pensato?

Fesina: (con malizia insinuante) Vedessi il resto!… E’ l’abito che rende goffo il mio corpo ma, se mi vedessi senza, perderesti la testa!

Lello: (sempre più eccitato) E levatìllo…!

Fesina: Se ti giri dall’altra parte e chiudi gli occhi, me lo tolgo.

Lello: Ah, malandrina, mi vuoi sorprendere tutt’assieme… come vuoi (volta le spalle a Fesina e chiude gli occhi) Va bene così? Quando sei pronta chiamami.

Fesina: (Si slaccia il cordone, lo toglie e lo lancia verso Lello facendoglielo penzolare dal collo) Non girarti ancora.

Lello: E chi si muove.

Fesina: (In punta di piedi raggiunge l’uscita, quindi si rivolge a Lello a voce bassa e con tono seducente) Se vuoi, ora, raggiungimi. (Esce)

Lello: Uno zompo e sono da te. (Esce di corsa dietro a lei)

Masillo: (entra, travestito da spirito, con Disperato vestito da mago e quattro diavoli) Oh, mmalora! Il signor Orazio è in casa.

Disperato: E anche Lello, il nuovo servitore.

Masillo: E anche Sora Fesina.

Disperato: Meglio così: l’incantesimo riuscirà più efficace.

Masillo: Ma come faccio a presentarmi come lo spirito di Orazio annegato, se il signor Orazio non è più partito e sta qui? Dammi retta, è meglio che ce ne andiamo.

Primo diavolo: Allora nce ne iammo?

Altri diavoli: Sì, Iammuncènne.

Disperato: (con tono imperioso) Fermi! Voi siete stati pagati e ve ne andrete solo quando ve lo dirò io. (a Masillo, in tono persuasivo) Notar Masillo, che dite? E tutto il tempo che abbiamo perso per escogitare l’incantesimo, il denaro che avete speso per affittare i costumi, per il petrolio per fare le fiamme per la polvere per il fumo?…

Masillo: Se il signor Orazio fosse realmente partito per Massa avresti ragione, ma siccome è rimasto mi pare chiaro che l’imbroglio non si può più fare.

Primo diavolo: Allora nce ne iammo?

Altri diavoli: Iammuncènne.

Disperato: (spazientito, ai diavoli) Iettàte lu sango a stà ccà! (a Masillo) Non preoccuparti: tutte le scene e le parole che avevamo concertato per l’incantesimo rimangono uguali. Si cambia soltanto il fatto che invece di morire il signor Orazio sei morto tu e quindi non rappresenti più lo spirito suo, ma lo spirito di te stesso; chiaro?

Masillo: (un po’ confuso, tenta di realizzare) Aspetta, fammi capire bene…

Disperato: Non c’è tempo di spiegare ogni cosa… Quando mi sentirai dire “La vaga tua diletta…”, ricorda bene (marcando le parole):“la vaga tua diletta”, tu uscirai e pronuncerai le frasi che ti ho detto.

Masillo: E sia… accada ciò che deve accadere.

Disperato: (ai diavoli) E voi nascondetevi, disperdetevi per la casa; quando evocherò i diavoli, vi presenterete. (Masillo e i diavoli si nascondono).E adesso, Disperato mio, coraggio! Ti stai giocando le ultime carte in quest’impresa: o ti procurerai il pane per sempre o dovrai metterti a fare il mariuolo per tutta la vita, finché qualcuno non ti farà la pelle!… (gridando, dopo una brevissima pausa di concentrazione) O cadavere estinto, o spirito pieno di gloria, noi ti evochiamo con suono di catene, rumori che sveglieranno i vivi, ma chiameranno in questo luogo voi spiriti dell’oltretomba (evocando i quattro diavoli con voce profonda, cantilenante)

Astarotte, alla pugna!

                                                                                                      Farfariello, Asmodeo,

                                                                                                      Furie, Mostri d’Averno,

                                                                                                      mo da dinto a lu ‘nfierno…

(tra sé) Questi non mi sentono… non si saranno addormentati, ‘sti fessi?! Ricominciamo da capo:

                                                                                                      Astarotte,alla pugna!

                                                                                                      Farfariello, Asmodeo,

                                                                                                      Furie, Mostri d’Averno,

                                                                                                      mo da dinto a lu ‘nfierno

                                                                                                      ascite in un momento.

                                                                                                      Tisìfone e Aletto,

                                                                                                      Ecate e Morfeo,

                                                                                                      Balzabucco iesce tu puro,

                                                                                                      si staie cu lloro into a stu scuro…

(Entrano i diavoli. Effetti. Reazioni varie: paura, curiosità, compiacimento, ecc.)

Orazio: (entra, seguito da Gianna e Perna; guarda sbalordito) Chi diavolo è chisto?

Gianna: (turbata, a Perna) Gesù, sembra il tuo sogno!

Perna: Il Mago era proprio uguale!

Orazio: (con un tremito nella voce) Padrone mio, che vulite?

Disperato: (con voce tonante) Orazio, mi conosci?…

Orazio: (intimorito) Nonsegnore…

Disperato: Schirosso è il mio nome; e appresi fin dalla fanciullezza tanta di quella stregoneria da divenire poi mago eccelso. Ora sono venuto qui volando sin dalle Indie Orientali, solo per te.

Gianna: Oddio, tremo tutta… (i diavoli escono)

Orazio: Zitta!… Pe’ mme? Che piacere… assettateve, venite da tanto luntane, starrate stanche.

Disperato: La mia virtù annulla qualsiasi distanza.

Orazio: Vulìsseve na tazzulella de cafè? Anzi, sentite a me, nu bicchierello de vino ve risorge. (prende una bottiglia e un bicchiere e mesce il vino porgendolo poi a Disperato) Bevete, vossignorìa, facìtene salute.

Disperato: (annusando soltanto) Matterello, matterello… questo pessimo vinello è lo stesso che tu davi a bere al tuo servitore Disperato: ‘na vera ciufèca!

Orazio: Auto vino non nce nn’è.

Disperato: (in tono di cantilena) Bricconcello, bricconcello… in quella tasca tieni una chiave, la chiave apre quel mobile, in quel mobile c’è una bottiglia, nella bottiglia c’è il vino vero che tu ti bevi quando sei solo in casa.

Orazio: (alquanto imbarazzato) Beh, è ‘o vero… a vuie nun se pote annasconnere niente. Ma mo dicite: pecché site venuto accà?

Disperato: Non più tardi di un’ora fa, così, per trascorrere il tempo, ho preso dalla mia biblioteca un libro magico da cui è uscito un foglio che mai avevo letto prima: è un foglio che riguardava te e il tuo destino e riferiva un segreto che sarà la tua rovina!

Orazio: Che? Nu secreto che sarrà la rovina mia?!

Disperato: Proprio così! Per salvarti ho allora fatto un volo dalle Indie insino a qui.

Orazio: (inchinandosi, grato) Oh, signor Mago, v’aggio n’obbligo gruosso.

Disperato: E’ alla mia virtù che dovete un obbligo.

Gianna: (intimorita) Voglio chiamare Sora Fesina.

Perna: Sì, e facciamo venire anche Lello.

Disperato: (con solennità) E’ necessario chi si convochino tutti.      (rientrano tutti, compresi i diavoli)

Orazio: Sbricatevi, ca lu si’ Mago nun tiene tempo da perdere. E mo ca simmo tutti cca, si’ Mago mio, contatece qual è stu secreto.

Disperato: (volteggiando) Gran segreto, gran segreto!

Orazio: E dicitemmillo.

Disperato: Sotto queste fondamenta vaga sconsolato uno spirto che brucia di passione pe rvostra moglie, come invero ardeva quand’era vivo.

Orazio: E che vo’ stu spirto?

Disperato: Abbracciare vostra moglie.

Orazio: Chesto non pote esse.

Disperato: Se voi mi contrariate lo spirto mettendovi contro di lui, ne pagherete il fio: lo spirto ha tanta forza da poter abbattere le mura che nascondono i settemila scudi che voi avete colà nascosto.

Orazio: Mmalora: e a vuie chi ve l’ha ditto ca tengo sti ddenari?     (i diavoli escono)

Disperato: Le mie virtù divinatorie.

Orazio: Si’ Mago mio, ve prego, tenite lu secreto dint’a lu core vostro ma non su ‘a vocca!

Disperato: Così sarà se voi farete ciò che vi dico io, altrimenti… lo spirto vi spoglierà dei vostri averi!

Orazio: Che s’adda da fa’… E meglio che ce lu faccio stu piacere a chillo spireto.

Disperato: Mah, più che un piacere è uno sfizio…(con malevolenza e malizia)

Orazio: Beh, sì, è ‘na cosa passabile: n’abbraccio de nu spireto che mmale pote fa?… Ve volevo dicere che chisso spireto s’era rivelato puro a Sora Fesina.

Disperato: Non credete a quella donna!

Orazio: Ma comme? Si è ‘na santa!

Disperato: No: una diavola! Cosa diresti se sapessi che io ho costruito, giù negli inferi, la dimora di Sora Fesina? E se non mi credi ancora, ti farò conoscere la verità direttamente dalla sua bocca, perché la costringerò a confessare il suo male.

Orazio: Badate ca va difetta la divinazione.              (rientrano i diavoli)

Fesina: Quale ombra dell’Inferno è mai questa?

Disperato: (con tono profondo e voce tonante) Vieni qua, monaca falsa: adesso svelerò tutte le tue farabutterie!

Fesina: Cielo, salvaci da queste presenze demoniache e liberami da queste calunnie!

Gianna: Statte citta, svergognata: t’aggio truvata ca te stavi a cuccà co chillo scommunicato de Lello!

Perna: Sì. È vero: li abbiamo sorpresi a letto spogliati senza pudore!

Fesina: (senza pudore) Dicevamo le orazioni e…

Orazio: E nnudi le ddicite le orazioni? (a Disperato) Songo nu poco ndubbio co le cerevelle, ma lu Mago mo nce dirria la verità vera.

Disperato: Basta! Fate silenzio tutti. Non si scherza con gli spirti. Adesso desidero tutta la vostra attenzione perché sta iniziando l’incantesimo: seguite le mie istruzioni e non muovetevi. Signor Orazio, voi mettetevi qui… signora Gianna, voi lì… Lello vicino al signor Orazio… sia’ Perna vicino alla vostra matrigna…

Perna: Così mi pare giusto: femmine con femmine e uomini con uomini.

Disperato: E tu, monaca finta, monaca maledetta, poniti in mezzo a questo circolo: guai a te se ti muovi, che io ti fulminerò a morte subito!

Orsù, se da principio all’incanto,

per la forza che vanto

con la verghetta mia,

ordino delle stelle l’armonia

che appaiano nel giorno

limpide e chiare d’intorno

e che facciano splendere il sole chiaro,

sì che di luce non sia avaro,

do comando al vento

che interrompa questo frusciamento e…

mo’ che voglio fa nterra ‘nu pertuso

e lu spireto fare saglì suso.

Orazio: Si’ Ma…

Disperato: Che buo’?

Gianna:  (con trepidazione) Lo spirito sale?

Disperato: E che fa, non sale? E allora la verghetta che la tengo a fa’? Sale, sale; e voi, per non morire di paura, socchiudete per un momento gli occhi e apriteli quando ve lo dirò io. (agita ripetutamente la verga nell’aria)

Ho fatto questo segno

per dar luogo a chi passa;

mo nce do ‘na botta in testa

pe’ la forza che tiene sta verghetta.

Su, spirto, iesce da sotta,

si vuo’ abbraccià la vaga tua diletta…

Masillo: (spariscono i diavoli, apparendo M. e massaggiandosi la testa) Chi mi chiama dall’abisso?

(sovrapponendosi)

Fesina: Cielo pietoso, assistimi. Gianna: Quant’è brutto ‘sto spirito. Disperato: Chi sei, spirto d’abisso?

Masillo: Se non dici “per virtù della mia verga”, non posso risponderti.

Disperato: E’ giusto accussì, m’ero scurdato. E così, per virtù della mia verga, che mmalora vai facenno?

Fesina: O, Corte Celeste, che bestemmiatore!

Disperato: Statte zitta, ca te scasso ‘a capa!

Orazio: (con le mani levate) Parla, spireto.

Perna: Avite visto?

Disperato: Ma tu eri negli inferi o sotto questa casa?

Masillo: Io ero nell’abisso a causa della signora Giovanna;  stavo nell’abisso immerso in un fuoco ardente e… mo me ne so’ venuto dint’a sta casa pe’ vedé si mme potevo fa’ na refrescatella cu la mogliera de chisto fesso. Si lu marito nun ne vole sape’, pe’ dispietto me piglio la mugliera, poi li denare e me ne vaco dint’a l’abisso n’ata vota.

Gianna: Ma fosse pazzo questo spirito?

Orazio: Statte zitta, ca se nun le dammo soddisfazione chisto se piglia li denare e se ne va.

Gianna: Ma fossi pazzo pure tu?

Disperato: Folli! Non avete ancora capito chi vi è apparso dagli inferi. Spirto, avrai la tua soddisfazione, ma prima bisogna svergognare questa monaca fasulla.

Masillo: Fai buono! Ma, se non riesci da solo… ti posso dare una mano io.

Disperato: Evoco i diavoli che la consegnino tra le braccia di Plutone (rientrano i diavoli), ma… prima dovrà confessare.

Fesina: Cielo, questo sarà l’ultimo giorno della mia vita!

Disperato:

Orsù, di nuovo la forza della verghetta mia

faccia uscire dall’inferno

Caronte e Firrafierno,

Cerbero e Asmodeus

pe’ fa a sta monacella

veni’ ‘na cacarella.

Gianna: Muoio di paura!

Orazio: O Cielo, assistimi tu.

Fesina: Mmalora!!! Mo mo me piglierà lu demonio!

Orazio: Sora Fesina, non bestemmiate! Il Cielo vi perdoni!

Lello: Aeh, de me sarrà scurdato…

Disperato: Spireto, aggie pacienza: fatte mo piccirillo piccirillo. E tu, moneca svergognata, vuoi confessare le malefatte toie o sprofondare nell’abisso dell’inferno?

Fesina: Confesserei volentieri i pochi scrupolini miei, ma questa brava gente si scandalizzerà.

Orazio: Parla, fa’ mpriesso! A che mmalora pienze? Te vuo’ sbrigà?

Fesina: Sto esaminando la mia coscienza: veramente pochi scrupolini veniali ho commesso nella mia vita, ma li confesserò per mia mortificazione.

Dai sei ai dodici anni menai vita spensierata: ho rubato, ho bestemmiato, ho fatto la mezzana degli amanti…

Orazio: Mmalora!

Disperato: E questo è il primo articolo; jamme nnanze.

Fesina: Dai dodici ai vent’anni, come dire?, mi abbandonai lasciva al piacere dei sensi.

Perna: (verso Orazio) E questa sarebbe la tua monaca santa?!

Disperato: Terzo articolo: via!

Fesina: A ventiquattr’anni fui scacciata da Lucca per truffa, ruberie, ricatti e poche altre diavolerie. Me ne venni a Napoli in casa del signor Orazio, ove commisi qualche altro scrupolino, seppur perdonabile.

Gianna: Scrupolini? Tu si’ na dannata!

Fesina: quindi indussi una povera verginella a perdere l’onore con un uomo ammogliato; due sorelle, per colpa mia, diventarono donne pubbliche. La Conceria, il Lavinaio, Porta Capuana… insomma, quasi tutta Napoli l’ho ridotta peggio della Duchesca.

Orazio: (sbigottito e indignato) All’anema de la santa! e vulive travià puro ‘stu povero figliuolo (riferendosi a Lello)

Disperato: E voi, signor Orazio, siete contento del vostro nuovo servitore?

Orazio: E’ tanto bello, ‘nu figliuolo pulito, semplice e faticatore, e, soprattutto, nun consuma assai.

Disperato: (con tono serio e intendimento ironico) Grazie alla mia magia, conosco benele virtù del tuo Lello, e persino in India se ne parla.

E io, Mago Schirosso, sapendo che egli è tanto devoto che è solito mettersi spesso e volentieri inginocchiato in terra a recitare le sue orazioni, gli ho portato in dono un soffice tappeto dalle Indie Orientali (schiocca le dita e due diavoli recano un tappeto arrotolato che depongono ai piedi di Lello, tra la curiosità e lo stupore degli astanti). Aprite il tappeto, che il signor Lello vuole pregare. (I diavoli srotolano il tappeto, da cui emerge una giovane donna - Teresa - che si leva in piedi e inizia a danzare cantando. Paura, sorpresa, stupore dei presenti. Esclamazioni varie. Lello è sbigottito, non crede ai suoi occhi.)

Teresa:

Che spassosa cantarella cantarella,

ma che guappa ballatella ballatella

cu vutate e vutatelle vutatelle.

Chi la sape fa ballà,

chi la sape fa cantà

pe’ nce spassà?

Lello: (stropicciandosi, incredulo, gli occhi) Santo Cielo, non credo ai miei occhi!

Teresa: (avvicinandoglisi e fissandolo, parlando con tono ironicamente sferzante) Ci vedi bene, ci vedi bene, Lello de ‘stu core: io so’ Teresa!

Lello: (ancora frastornato) Teresa?

Teresa: (allusiva e in tono di duro rimprovero) Diglielo, diglielo tu stesso al signor Orazio che io sono tua moglie e che tu ti sei finto servitore per potertene andare a letto con sua figlia Perna!

Orazio: (con gli occhi sgranati, balbettando) Si-si-signor Ma-mago?…

Disperato: Tacete: lasciate parlare Teresa. (A Teresa) Andate avanti…

Teresa: Questo poco di buono mi lascia sola al paese, con tre figli e senza un soldo, per mettersi a correre appresso alle femmine. (Direttamente a Lello, imperiosamente) Mo, mo te ne torni a Capua con me, e appena arriviamo a casa ti cambio i connotati, ti riempio di lividi, ti faccio diventare come San Lazzaro, che ti dovrai vergognare a farti vedere dalla gente! E appena i lividi si saranno sanati, te li faccio n’ata vota… e se poi con tutti questi lividi avrai ancora voglia di fare il cascamorto con le femmine, te faccio crescere nu paro de corna ca te faranno assumigliare cchiù a nu caprone ca a nu marito nfedele!

Lello: (annichilito, tenta di parlare) Tere’…

Teresa: (gridando) Iesce a lu paese, cammina! (in tono pacato e gentile, a Disperato) Signor Mago Schirosso, vi ringrazio per tutto quello che avete fatto per me. Mi raccomando, appena verrete a sapere qualche altra cosa…

Disperato: …State certa, pur nelle Indie Orientali satrò sempre con le orecchie tese.

Teresa: (con tono educato e signorile) Buonanotte a tutti. (a Lello, gridando e con tono sguaiato) Vieni accà, cammina! A lu paese!

(Avviandosi all’uscita, i due alternano battute sullo stesso tenore. Infine escono)

Masillo: (impacciato, tenta di richiamare su di sé l’attenzione; con voce solenne e impostata) Mmmm, io sto aspettando!

Disperato: Ah, già, con lo spirto che cosa facciamo?

Perna: (a Orazio) Padre, questo spirito è Notar Masillo, che mi promise di sposarmi e mi diede come pegno questo anello (lo mostra). Poi  cambiò nei miei confronti perché perse la testa per la signora Gianna.

Orazio: (sempre più inebetito) Questo è Notar Masillo?!

Masillo: Sono un’ombra dell’inferno.

Disperato: Mi dispiace, Notar Masillo, l’anello ti ha fregato…

Gianna: (attratta fin dall’inizio dall’anello, continuando a  fissarlo).  Ma… quest’anello lo conosco: mi sembra proprio la fede che la buon’anima di mia madre diede a mio fratello il giorno che,  nel corso di una rissa,  egli si perse al mercato. Fammi vedere bene (prende la mano di Perna e osserva attentamente l’anello). E’ proprio questo! Vi sono intorno proprio le lettere che formano il nome di mia madre… vedete?

Disperato: Qual era il nome di vostra madre?

Gianna: Cannéta Mietteanante.

Masillo: Dev’essere vero: le lettere formano proprio questo nome…

Gianna: (concitata, con trepidazione) Tu, a chi si’ figlio? Chest’aniello comme lo tieni?

Masillo: (emozionato e frastornato) Il giorno della festa del Carmine, fui trovato da solo in mezzo al mercato da un notaio, il quale per compassione mi prese con sé e m’insegnò la sua stessa professione. Soltanto sette mesi fa mi raccontò la mia dolorosa storia e mi consegnò quest’anello.

Gianna: (con grande emozione e un tremito nella voce) Dimmi ancora una cosa: tu hai forse una voglia di cerase su una spalla?…

Masillo: Sulla spalla destra effettivamente ho una macchiolina rossa…

Gianna: (commossa, quasi gridando) Allora tu sei Ciccillo, il fratello mio che perdemmo in quella festa!

Masillo: (a sua volta commosso, quasi con le lacrime agli occhi) O sorella cara, allora era la forza del sangue che mi faceva sentire così attratto da te!

Gianna: Ciccillo, fratello mio, abbracciami!

Masillo: O, sì, sorella mia bella! (si abbracciano tra lo stupore e la commozione degli astanti).

Gianna: E adesso, con il consenso del suo signor padre, abbracciati Perna.

Perna: (con trasporto) O,padre, acconsentite!

Orazio: (frastornato) Io stongo uscendo pazzo. Chesto che vene a dicere?… Si’ Schirosso, ma stu spireto è vivo o è muorto?

Disperato: Signor Orazio, io non sono mago,  non mi chiamo Schirosso: sono Disperato, il vostro fedele Disperato. Mi sono finto mago per smascherare i raggiri e gli intrighi di questa falsa monaca e per fare un piacere alla signorina Perna…

Fesina: Maledetto intrigante!…

Disperato: (con un ghigno di soddisfazione) L’aviva da capì,  fauza scommunicata, ca io so’ cchiù furbo ‘e te… e si nun te facevo ‘sto servizio, schiattavo!

Orazio: (finalmente rinsavito e lucido) Disperato, servitore mio fedele, io t’aggio n’obbligo gruosso. Pe’ te aggio capito quant’è fauza ‘sta monaca, e aggio avuto lu piacere de ritruvà lu frate de muglierema.

Disperato: E allora date il vostro consenso al matrimonio della sia’ Perna.

Orazio: Va buono: sia sujo Nutà Masillo.

Gianna: “Notar Ciccillo” dovete dire ora!     

Orazio: E va buò, dico che se la pote abbraccià.

Masillo: Amor mio, con quest’abbraccio ti confermo il mio amore e con le mie labbra la fedeltà…

Perna: Felice, sono davvero felice: il tuo cuore è tornato a me!

Orazio: Vi’ ca s’è fatta notte; iammocenne a cuccà. Dimane, facimmo ‘na chiaccherata cchiù luonga su sti ccose ca so succiesse.

Disperato: Signor Orazio, per l’obbligo che avete verso di me, consentitemi d’indossare nuovamente la vostra livrea.

Orazio: Tutto chello che vuoie, chiedemi tutto, figlio mio.

Disperato: Grazie, grazie di cuore. Ah, guardate che i demoni sono finti; non vorrei che credeste ancora che siano veri.

Orazio: Tanto chiochiero me faie?

Disperato: (con intenzione) Songo uommene…

Orazio: E c’aggia fa?

Disperato: Pure i cavalli, quando hanno corso, hanno bisogno di bere…

Orazio: Nce sta l’acqua!

Disperato: Chiste vonno vino.

Masillo: (sentendosi autorizzato dagli eventi, prende lui stesso una caraffa e la porge a D.) Tè, piglia ca…

Orazio: (seccato, ma indulgente verso Masillo e poi aspro contro Fesina) Comm’è galante Nuta’ Ciccillo! Allora, na vota ca chiste uommene songo state compensati assaie, primma de se ne ghire, facessero una bbona legatura a sta monaca fauza e la menassero fora. Diimane matina, a primm’ora, ve la purtate ‘n copp’a lu tribunale.

Fesina: Come vi  permettete: il Cielo vi punirà: non illudetevi, tornerò un giorno. E con te, Disperato, faremo i conti. Voi, villani, non azzardatevi a mettermi le mani addossso, lasciatemi, scellerati, lasciatemi… (mentre i diavoli la legano e la conducono fuori).

Gianna: Se l’è proprio cercata.

Perna: Lei nominava sempre il Cielo: ecco, il Cielo ha fatto giustizia!

Gianna: Ora, finalmente, in questa casa tornerà l’armonia.

Perna:  E finalmente sarà pace e tranquillità.

Disperato: (al pubblico) E voi, prendete esempio da quello che avete visto e sentito.

Gianna: Non lasciatevi ingannare dalle rivelazioni.

Perna: Nessuno vi cala giù il cesto per farvi salire in Paradiso…

Masillo: … e talvolta, quel cesto conduce dritto dritto all’inferno. Paradiso o inferno ce li meritiamo noi con le nostre azioni.

Orazio: Pirciò, primme de cunfidà li secrete vuoste a perzone ca nun canuscite, primma de fa’ pratticà dint’a li ccase voste bizzoche e cuolle stuorte, pensatece bbuono. Quanno sentite na tuzzuliata for’orario alla porta vostra: uocchi a cannela.

Disperato e Masillo: Avite capito?

Perna e Gianna: Nun ve scurdate.

Fesina: (bussando, scappata ai diavoli e inseguita anche da Lello, a sua volta minacciato dal mattarello di Teresa) L’avevo promesso!

Tutti: Buonanotte a lor signori.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ASSOCIAZIONE   CULTURALE   “ NUOVE Luci dall’Ombra” – LVDOM-ONLUS

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno