I scalmann de la sciora Giulia

Stampa questo copione

PRIMO TEMPO

I SCALMANN DE LA SCIORA GIULIA

PRIMO TEMPO

(all’ aprirsi del sipario, Rosetta, cameriera in casa Colombi, sta laggendo un fotoromanzo. Tiena sotto braccio un piumino per la polvere)

ROSETTA:     (quasi sillabando) “Marco... dove sei ?... Sentiva la risacca del mare frangersi contro gli scogli...” (smette di leggere e si asciuga una lacrima) Dio, com’ el xe peripatetico (riprende a leggere) “Ci sono volti che si dimenticano... Il tempo li con... (andando a capo)... suma”.. (alle sue spalle è entrato Isidoro) “Ma lui era sempre davanti ai suoi occhi”. (prende una sigaretta dal fumoir) “Ripensava a quell’ attimo davanti al caminetto... qualla prima volta in cui le accese una sigaratta... (Isidoro  avvicinandosi gliela accende) Oh ! Marco,..

ISIDORO       No... Isidoro ! (le toglie la sigaretta di bocca e se la infila fra le labbra)

ROSETTA:     Ah ! (mostrando il giornale) Qua ghe xe el sogno... (butta il giornale e indica Isidoro) e qua la realtà...

ISIDORO       (vanesio) Perchè tì... quell tocch de realtà chì... te la sbattet via ?

ROSETTA:     (preziosa) Mì no sonda gusti così facili... Fintanto che un Marco el me sta fotografà sul Grand Hotel a impissarme la sigaretta davanti al caminetto... tutto va ben ! ...Ma quando el xe un Isidoro Pannaggi a strapparmela de bocca davanti a un termosifon... allora se disperde ogni spussa de poesia...

ISIDORO       Mi hoo semper creduu che la poesia la fudess profumada... Chi 1’ è che 1’ ha ditt che la spussa ? el to moros ?

ROSETTA:     E1 me moroso el xe Giacinto de nome e de fatto...

ISIDORO       Ah, sì ? Bel, de tant in tant... dagh on’inaffiada, se de no el passiss

ROSETTA      Che no ‘l staga a preoccuparse... che mì sono una buona giardiniera...

ISIDORO       E te par ninga che anca mì... sont on bell fior?

ROSETTA      Sarà, ma misono allergica al suo petalo... Ch’el vaga a farsa coltivare da la siora Luisa... Le sa ancha lù che passion cha la che mette a coltivar certi fiori... Ghe n’ha messa una ghirlanda in testa a sò mari…

ISIDORO       Se 1’è questa ?... Cattiveria ?... Gelosia ?....O tutt e do i robb miss insemma ?

ROSETTA      El xe amor per il giardinaggio…

ISIDORO       Sì, ma adess t’eecattaa foeura on ram pien de spin. Varda che’ la sciora Luisa... l’è la nevoda del principal...

ROSETTA      …E la mugger del progettista capo... lo so... mì lo so... l’è lù che se ne desmentega.

ISIDORO       Mì?... Anzi, me ne  regordi benissim... (sottilmente) ma mì col scior Gustavo corri nissun pericol... Lù el fa el capo progettista e mì el direttor del personal... Quand el scior Calogero 1’ha sposaa 1’ altra nevoda del principal e 1’è passaa de grado, mi hoo ciappaa el so post...

ROSETTA      Soltanto in ditta però... perchè in altri posti... el xe un tantinel difficil...el sior Calogero no’l xe el sior Gustavo...

ISIDORO       El, già… ma el Calogero olter che marì... 1’ è anca terron...

GIULIA          Cossa 1’è che gh’ è chì ? La riunion de la Commissione Interna?

ISIDORO       No... chì no... La gh’ è giò in ditta... Son vegnuu sù aposta per parlaghen al cavalier Colombi...

GIULIA          E se1’è che vouren, stavolta, i operari?

ISIDORO       Oh, robb de nient. Gh’ avarien piasè domà de ciappà la paga. Siccome hinn dò settimann che veden nanca ona vioeula...

GIULIA          Se ved che la ditta 1’è in difficoltaa

ISIDORO       Anca i oparari, se 1’è per quell...

GIULIA          Anca mì gh’ hoo i me pendenz col cavaliere ... eppur me lamenti minga

ISIDORO       (con  intenzione) Sciora Giulia... Quell che pend fra lee e il cavaliar Ambrogio.., ai operari el ghe interessa proppi no...

GIULIA          (risantita) I affari da la ditta — comunque — se sbrighen in de 1’offizi del scior Aribroeus (lo indica). Ch’ el vaga a parlaghen a lù.

ISIDORO       Seri vegnuu su aposta... domà per quell... Col permesso delle signore... (via)

GIULIA          (guardando Rosetta cha sta impalata col piumino in mano) e ti? Se te gh’ett,.. el ranf in del brasc? Oppure te gh’eet una quaj rivendicazion salarial de fa anca tì ?

ROSETTA      No capisso... Mi no perchè?

GIULIA          perchè — nel caso — varda che el to cap personal sont mi e minga 1’Isidoro...

ROSETTA      Cossa la vorarasse insinuare ?

GIULIA         (con calma glaciale) ...che prima di concedersi certa pause distentive (indica davanti a Rosetta la copia del fotoromanzo) in ona manera o nell’ altra... bisogna guadagnass el stipendi.

ROSETTA      La poltrona la Xe spolvarada; el tappeto anca; la credenza la xe lustra... e se vien dentro qualcuno che se mette a ciacolar con mì, mì gh’ho de darghe risposta perchè 1’è una regola elementar de educazion... Perciò, mì, el me dover 1’ho fatto...

GIULIA         E invece no. A parte el fatto cha soobenissim che razza de “ciacole” te fasevet con quell là, non credere che io sia diventata governante per niente! T’hoo ditt mila volt de lassa minga in gir ‘sta robba chì... (le sventola il giornalesotto il naso)

ROSETTA      Ghe fasso rilevare che la signora Luisa la lo vol lì,.. e la signora Luisa la xela nevoda dal paron. La gh’ avarà diritto anca elade vesser ubbidita...mi penso!

GIULIA          Ah, perchè ? Tì te penset, anca ?

ROSETTA      Perchè ? No dovaria ?

GIULIA          No... e adess te spieghi: per prima robba el cavalier Ambrogio Colombi, padrone di questa casa, 1’è un industrial... e se chì riven di client e veden el giurnal a fumetti, pensa che bella opinion se fann de la ditta; epoeu, denter chi, dopo quei del cavalier, i unich  parer che cunta sono i miei... capito ? Alter che “mi penso”! Chì pensi domà rnì! E sela signora Luisa la dovess ditt on quajcoss, ben, rispondegh che quest 1’è un salott e minga on’ edicola.  E adess, marsch ! Tira sù ‘sta robba (le porgeil giornale) e va in cusina a pelà i patati se te voeuret minga tornà a fà la serva in quella bettola de Mestre dove t’ hem trovada ! Chiaro ?

ROSETTA      (prendendo il giornale) Vago... vago, ma non la creda de spaventarme ! In fin dei conti — come la gh’ ha ditto ela — i primi, i xe iparer del cavaliere che conta qua drento, no ? (via)

GIULIA          (perplessa) Cossa l’ha vorsuu dì? Te voeuret vedè che quell porco de 1’Ambrogio... (fa per dirigersi alla porta dello studio, ma ne compaiono in quel momento Ambrogio e Isidoro) Tel !... a batt i pagn compar la stria

ISIDORO       (entrando, ad Ambrogio) Ma sì, ormai hinn do settimann che ghe casci di gran ball ai operari per fai stà quiett..

AMBROGIO Bel, e allora…se gh’è l’è a curt de ball? Ch’el ghe cunta che semm  adree a ‘spettà la suvvenzion del Ministero de 1’ Industria...

ISIDORO       Questa ghe 1’ho giamò casciada la settimana passada.

AMBROGIO  allora ch’el ghe disa ch’ hann rapinaa el furgon ch’el dovava portà i pagh... tant adess 1’è de moda. Insomma, un poo de fantasia, no ? Che razza de direttur del personal a l’è, se per condì su i operari el gh’ ha bisogn di ball di alter ?

ISIDORO       L’ è che soo pu cossa inventà. Soo pù come fà a tegnij quiett...  al punto che semm rivaa, bastaria uno sciopero in grande stile, disi vun sol, per mandà la ditta a gamb per ari... je sa mej de mi  sti robb chì, …lu, no

AMBROGIO  Ma, in fin de la fera, cossa l’è che voeuren? Carovita, assegn familiar, feri, straordinari, premi  produzion... hinn minga staa semper pagaa ?

ISIDORO       Bel, minga semper...

AMBROGIO  Appunto. Dovarien vess abituaa ! Comunque i hann mai pers. E allora ? De cossa 1’è che gh’ hann paura ?

ISIDORO       De trovass col cuu per terra

AMBROGIO  Col cuu per terra? Ma ch’el me faga piasè ! Hinn cinquant’ann che fabbrichi sedili per water ! Mezzo secolo che se interessom dei ciapp de la gent ! ecco: quest 1’è un argoment de portà ! Ch’el vaga tranquuil, Pannaggi, ch’el se tacca al sentiment !... Bisogna parlagh al coeur se se voeur evità i scioperi

ISIDORO       (avviandosi) E va ben! Mì me tacchi al sentiment... ma se dopo, però, ona quaj  dittarela vegnuda su inscì... come la Montedison, per esempi, la impieniss el mercaa fina al punto de famm pù vend nanca on sedil ...ch’el me scusa la domanda.., ma dove l‘e che se taccom ? Dopo ch’el vagna ninga a ciappassela con mì

GIULIA          (intervenando) Oh’el gh’ abbia minga paura... che se lù el fa el sò dover... ìnvece de perd temp adree ai donn de sta cà chi... nissun el vegnara a ciappassela cont lù!

ISIDORO       (risentito) Cavalier... dovaroo lassamm insultà anca de una serva, adess ?

GIULIA          (stesso tono) Governante, prego ! Ch’ el guarda come, el parla

AMBROGIO  (a Isidoro, piano, accomodante) Ch’el gh’ abbia pazienza. L’è l’ età ! (a Giulia, dolce) Mì te ringrazi e te capissi, Giulia.., ma parchè te vouret metteg el nas nelle faccende dì lavoro del scior Isidoro, se lù ghe le cascia minga in di tò de governante?

GIULIA          El, no... caro el mee Amorb... caro el mee Cavaliere... 1ù ghe le cascia el sò pirotton nel1e mie faccende di governante, perchè 1’è mica la prima volta che lo trovo qui a fare il galante con la Rosetta

AMBROGIO  (colpito) La Rosetta ?

ISIDORO       Mi  Con la Rosetta? Ma come la se permett? Cossa la s’ è missa in de la crappa, lee ? Se ved che la legg troppi fotoromanzi!

GIULIA          No! Gh’è domà dò donn che legg i fotoromanzi in quella cà chi e — guarda caso — hinn proppi quij dò che stann semper chi a cicciarà con lù

ISIDORO       Ma che le mocca de cuntà sù di stupidad che 1’è mej!

 

AMBROGIO  (c.s.) El, no... on moment! L’ è vera che lù el se ferma a parlà con la Rosatta ? (pausa) No... ch’el  me faga el piasè de rispondom!

ISIDORO       (sfidando Giulia) Ebbene, si! E allora ? Perchè non dovrei ? Mi sont giovin... la Rosetta anca...

AMBROGIO  (interrompendo, seccato) ‘Se gh’ entra vess giovin adess ?

ISIDORO       Voeuri dì che anca se me lassi andà a fà quatter parolett, ‘se gh’è denter de mal? Mandaroo minga in malora la ditta per quest?

AMBROGIO (soffocando di rabbia) E chi lo sa ?

ISIDORO       Come saria a di... ch’el  me scusa?

AMBROGIO (imbarcandosi in un’affannosa spiegazione) E chi io sa ? Disi minga per el temp pers... ma l’è che bisogna vedè come hinn i robb... e fin a che punto... perchè lù 1’è el direttor del personal... el dovaria dà 1’ esempi... nel senso che il buon esempio lù el dovaria daghel alle maestranze... a quej che stann sotta... sia perchè dipendono e sia perchè in proppi giò, sotta... in ditta.Ma se lù el comincia a vegni chi de sura... e titom e titela... allora quej che stan giò... magari..., anca se­ vegnen minga de sora, lor... ecco... però lù el ghe vegn de sora... e le maestranze...

ISIDORO       Le maestranze?

AMBROGIO E le maestranze lo sanno... lo sanno che de sora gh‘è la Rosetta ! Sì o no ? Lo sanno sì o no ?

ISIDORO       Certo che lo sanno.

AMBROGIO E allora ?

ISIDORO       E allora cosa ?

AMBROGIO Come allora cosa ?... Dato che chi... vorendo guardà ben… i robb hinn quej che hinn... Insomma lè la mia cameriera la dev lassalla stà! E chiuso. (pausa) Semm d’ accord?

ISIDORO       No..

AMBROGIO Oh, bravo ! (riprendendosi) Noo ?

ISIDORO       Allora, segunda lù... mi dovaria passà per vun che ghe pias no i donn? L’ è quest ch’ el voeur che creden de mi i operari. Se mai... ch’el comincia lù a dà l’esempi

AMBROGIO  (scattando) A mì ? A me una frase così ? Ah, quest 1’è tropp ! Ah, mi devi dà l’esempi, el ? Basta. Lei è licenziato!!

ISIDORO       D’accord. Non fa altro che precedere i miei desideri. S’el voeur dimm quand devi passà a ritirà la mia liquidazion...

AMBROGIO  (ritornando a terra) El ?.. La... cosa ?

ISIDORO       La mia liquidazion: cont i fari.., i dodicesim de gratifica... el preavvis... 1’anzianitaa... e i ultim tri mes de stipendi,..

AMBROGIO Capissi minga. Ma perchè el voeur licenziass ?

ISIDORO       Cambiemm minga i cart in tavola! L’è lù ch’el me licenzia

AMBROGIO (fingendo stupore) Mi ? Ma quand ?

ISIDORO       Adess.. e1 m’ha ditt:”Basta. Lei è licenziato!”

AMBROGIO Oh, gent ! Ma guarda el qui pro quo! Tutta colpa della cultura ... el sa me 1’è!... Dirigente d’ azienda: capita de doperà la parolina fiorita... m’è scapaa un lei è licenziato inteso come per dire: “Lei vada pure; le do la licenza di andarsene”.., da basso s’ intende. Ma ghe par che in d’un moment inscì critich come quest  laddove la sua presenza ... 1’ha sentii ? M’ è scappaa anca un laddove. ! E poeu (rivolto anche a Giulia) in fondo il concetto... Bisogna dare l’esempio... giustissimo… Ma scherzomm.., siamo uomini o cosa siamo ?

ISIDORO       (riprendendosi la sua rivincita con Giulia) Se lei ritiene che la mia presenza qui... sia indispensabile... mì sont pront a riciappà in man el mee timon... Torni al me post. (a Giulia) Tolgo il disturbo, signora governante ! (ed esce)

AMBROGIO (risollevato, si sente ora preso di mira da Giulia, che lo fissa in silenzio) T’ee sentii? Che sfacciaa!!! Chissà chi el se cred de vess? Brutt macaron! lassa che troeuvi i danee per liquidall e poue te vedet... (pausa)

GIULIA          Te devet tegnigh tanto a la Rosetta, vera ?

AMBROGIO Mi? Figuremes cossa me ne importa a mi de la Rosetta.L’è la moral quella che cunta

GIULIA          L’è strano, pero... per la Luisa, che 1’è la toa nevoda. te se scaldet minga tant... eppur... non fosse che per el decoro de la ditta.. l’è anca la miee., del tò progettista capo

AMBROGIO Anzi !.. Appunto.. cossa gh’entri mi? La Luisa un mari ghe l’ha, no?

GIULIA          Sì... l‘è 1’unich a savè no che quell belè che gh’è andaa giò adess al ghe fa la ronda a la sua miee... e ti.. citto... Doma per la Rosetta te se fee vegnì i scalmann!!!

AMBROGIO  Oh, signor ! Te me feet on’ altra scenada de gelosia, adess? ‘Ndemm, a la tua età…

GIULIA          A la nostra età!!!

AMBROGIO  Appunto: a la nostra età. E poeu: proppi la Rosetta… Figuremes se voo a mettom cont una serva

GIULIA          Già, perchè trent’ann fa, quand t’ee cominciaa cont mì, mì cossa s’eri ?

AMBROGIO  (seccato) Bel, ma con ti... 1’era diversa... t’el set ben... perchè ti...

GIULIA          Già, a mi te me vorevet ben e te m’avariet sposada... a paroli... perchè.... (folgorata da un’ idea) Ambroeus: te saree minga adree a fà la stessa manfrina con la Rosetta, adess ? El ?

AMBROGIO  Ma famm un piasè... gh’hoo ben alter ,penser !...

GIULIA          Se vagni a savè che te gh’ee promiss a la Rosetta de sposalla…

AMBROGIO  Ma te par che mi voo a promett... con tutt el tribulà che me da la ditta... Te’l seet anca ti, no... che i robb van minga tropp per la qual... gh’ hoo proppi de stà sù alegher... se le mie nipoti, poeu, vegnissen a savè che voo in gir a fà dichiazion d’ amor a la cameriera, te par che me lassarien fà ancamo el direttore generale? Perchè, ouej, la ditta l’è de lor do, pusse che mia.., el maggior numer de azion ghe 1’hann lor... e­anca in quella cà chi, mi sont nanca padron de la poltrona dove sto settaa... Dimm ti come avara faa a sposatt... anca a vorell

GIULIA          Anca a vore1l! Giust, se de no, tiravom sù e andavom via... un quaj ghell ghe1’hoo de part

AMBROGIO  Ma mi no! E quand avevom faa fouera i tò risparmi,se fasevom? Mi pussee che i coverc del water son minga bon de fà... me sont specializzaa in quell... cossa 1’ è che. Podi mettom a fà, a la mia etò... pardon, a la nostra, sì, insomma,..

GIULIA          EI strano l’è che te se sentet vecc e stracch domà quand gh’è de voltass indree i manegh... Quand gh’ è de fà l’asen cont ona quaj socchetta, allora te se sentet on

                        pivelott, povera stella

AMBROGIO  Se l’è per quell, 1’età la gh’ entra un bell nagotta! Se ved che tì te je  conosset no i giovinott d’incoeu! Mi me senti proppi no vecc... e se volessi,.., ma ti, ma damm a trà: el fascino dell’ età dove 1’ è che t’el mettet? e la distinzione, la signorilità: hinn tucc robb che ai tosann di incoeu ghe fann pussè, impressiun d’una volta!

GIULIA          Ah: el signore distinto e fascinoso te sariet ti? Ma va a dass un’ugiada in del specc.

                        Mi, per lo meno me ne foo minga de illusioni!

AMBROGIO  Ah, perchè... segond ti... Te vedet che te capisset nient? Allora se ti te fudesset giovina, te me vorariet no, 1’è inscì ?

GIULIA          Ah, el credi ben!

AMBROGIO  (punto sul vivo) Per forza., perchè te see retrograda! E allora, se te voeuret proppi savell, mi de richiest ghe n’hoo quanti ne voeuri. Regordes che le Lolite “pullulano”

GIULIA          Siiii! Te fann 1’oggin perchè pensen che te set pien de grana... El cavalier Ambrogio Colombi, 1’ industriale…Chissà che faccia farien le tue Lolite se savessen che te set sull’ orlo del falliment e che te set no a chi domandagh danee in prestit!

AMBROGIO  Giulia: te proibissi de svelà i segreti de la ditta!

GIULIA          Ah, sì ? Se de no cossa 1’è che te fee?

AMBROGIO  Mi? Mi son bon anca de licenziatt!

GIULIA          La saria minga la prima volta! Hinn trent’ ann che te vet adree a licenziamm.., e che mi continui a dà i dimission! Se 1’è per mi, varda, voo che m’inversi... Basta che te me paghet i vint mes de stipendi arretraa, perchè, intendemes: mì sont minga 1’Isidoro... Mi je voeuri sul seri... se de no me metti in brasc a un avvocatt!

AMBROGIO  (montandosi) Ecco... brava! Però, tegnel strett perché se el te varda in faccia, pò succed che ghe borla giò i brasc e ch’el te faga fà on settacuu!

GIULIA          Ma sent chi parla! “Faccia d’angelo”! El, già, lù el gh’ha le ninfette, el dopera i donn come se, fudessen le cariche della penna biro: via voena, denter 1’altra.

AMBROGIO  Propi! L’ è el destin de chi 1 è bun de scriv.

GIULIA          Sì: i cambiaj te scrivet! Comunque preparom quell che me spetta... in contanti, el... vun sera 1’alter, e te ­me Vedet pù nè bianca nè nera... se de fo, questa 1’è la volta che te denunci ai Sindacati. E dopo voeuri vedè dove la finiss la toa signorilità, a cossa la serviss con la Rosetta... t’ ee. capii ? ... Megalomane (via dalla scala sul fondo)

AMBROGIO  Megalomane a mi? Ah, questa poeu! Se la cred de podè dagh del megalomane a un industrial come mi, la sbaglià canton! Va a dagh confidenza a una serva.., anziana per giunta! Ma mi la quereli! ghe voo mi in de l’avvocatt prima de lee... inscì vedi se gh’ è el mezzo de pagagh no la liquidazion….gh’el doo mi el megalomane! Per prima robba, adess guardi el vocabolari per vedè cossa el voeur dì... e poeu la me sent (prende un dizionario e lo sfoglia) Vedemm un poo… ‘tromba acustica”… tromba acustica a mi ?... Ah, no quest 1’è el megafono... (riconsulta, prima scendendo e. poi risalendo la pagina) ...melanzana... megera.... megalomane: “chi tende a far le cose in grande per un’ esagerata presunzione, delle proprie capacità e forze”… (richiude il dizionario) Ah, sì ? Allora mi gh’avaria minga de forza.., e nanca de capacità, a sentilla lee (rivolgendosi come se fosse presente)  proppi ti te vegnet a dimmel... che quand te andavet “in estasi” te me ciamavet “uragano” ! Proppi ti, che certi matin te riessivet nanca a riprendere servizio. E adess la veng a cuntamm…. No, questa 1’ è diffamazion bella e, bona! Alter che arretrati ! Mi me tacchi a la diffamazion a ghe doo pù un bell nient!  (si guarda allo specchio) Varda chi se mi sont vun che el gh’ha minga de capacitaa! Sì, d’accord, gh’ hoo la mia età, ma 1’è proppi quella giusta per interessà i tosann! El savaroo, mi, no ?

ROSETTA      (entra portando un vassoio su cui vi è un bicchiere d’acqua e una scatoletta) Sior cavalier...

AMBROGIO  Oh... la Rosetta...

ROSETTA      ...la siora Giulia la m’ha incaregà de portarghe questo (indica il vassoio)

AMBROGIO  Ah, sì? che gentile! e cossa 1’ è ?

ROSETTA      Mah! (legge sulla scatoletta)  Gerovital.

AMBROGIO  A mi? (prende la scatoletta per gettarla) Ti te see testimoni, el ? Te vedet come la me insulta, la veggia ? Te, pari un omm de Gerovital, mi ?

ROSETTA      Oh, no, sior Ambrogio.., ma cossa el saria ‘sto Gerovital?

AMBROGIO  (sorvolando) oh, la solita pastiglietta per 1’ emicrania. A proposit: anca stanott gh’ avevi el mal de testa; hoo sonaa per vedè se te vegnivet a famell passà, ma ti, el ? la te sta minga a coeu la mia salud, vera ?

ROSETTA      Ma mì, sior cavalier, non so una infermiera...

AMBROGIO  Stolta! Ti te seet una dottoressa! Quand te vedi ti, me passa tutti i mai.., te me capisset, vera ?

ROSETTA      Se el parla sempre el so dialetto, come el vole che faga a capire? E adesso ch’ el me scusa, ma e1 me orario el xefinio.... e bisogna che vaga a imprepararme, perché me spetta el Giacinto.

AMBROGIO  El tò morus, el ? E chi el saria mai ‘sto Giacinto, poeu!

ROSETTA      (con finto broncio) Sior cavalier... ch’ el compatissa ‘na povera giovane, che la gh’ha pur de pensar al so avvenir..

AMBROGIO  Sì... una bella prospettiva!El sarà on quaj strampalaa: un manoval, un operari, un qauj coss inscì insomma

ROSETTA      sì, ma el xe giovane.., e al manco da ‘sta parte el xe una garanzia; e dato che dall’ altra parte non se ricava altro che promesse, tanto val restar a quello che me gh’ ha sempre detto la nonna Serafina: “Ai zovani la carne fresca da mastegar... ai veci el pancotto da biassar”. (pausa.poi melliflua) Così, cavalier, se una de queste notti ghe capitasse la micragna, non staga a sonar per mì… che el ciama la siora Giulia, piuttosto... (depone il vassoio) Servito, sior cavalier... (via)

AMBROGIO  Bella riconoscenza !e pensà che chi denter quella lì l’è l’unica che la ciappa el  stipendi puntualmente! E lee invece, la continua a coltivar el sò Giacinto (ingoia la pastiglia di Gerovital e beve un sorso d’ acqua). Son proppi miss ben!I operari de pagà, i fornidor che reclamen, e i sedii del water che se venden ,pù! Mi  riess minga a capì! Eppur i giornai disen che in Italia se mangia semper pussee! A meno che se riferissen al governo! Fatto sta che, per quell che me risulta, i coverc di water hinn semperr fermi in magazin! Forse se fasessi anca mi una bella offerta famiglia... L’è un’idea: ogni trii covecc ghe doo in omaggio un vasin per el bebè...

GUSTAVO     (entra con un bel sorriso. Tiene qualcosa nascosto dietro allespalle) Zietto...

AMBROGIO  Ecco: a parlà de orinari, salta foeura el progettista capo! Ven... ven avanti.

GUSTAVO     (avanza - regge in una mano tre stecche e un sacchetto di plastica. Nell’altra, solo parzialmente coperto alle spalle, una strano coperchio da water. Con tono misterioso e soddisfatto) Zietto, te gh’et on minutin de temp?

AMBROGIO  (stesso tono misterioso) Sì... proppi el temp giust per fatt ona confidenza: chi se vend pù on accident

GUSTAVO     Ah, sì? E come mai?

AMBROGIO  Perchè i to progett.je voeur nissun

GUSTAVO     Te voeuret dì?  Eppur... verda zietto..,

AMBROGIO  Ma che zietto e zietto! Basta con  ‘sto zietto… Mi, per fortuna, sen domà el zio de la tua miee, minga el tò, t’ee capii ?

GUSTAVO     Va ben... inrabisset no, zietto...

AMBROGIO  Ma come inrabisset no? Fra on quaj dì derven la Fera e nun semm no namò cossa 1’è che ghe sbattom in del stand... con quell ch’el me costa…. se ghe sbattum ?

GUSTAVO     El modell 214. Ghe l’hoo chi dedrè!

AMBROGIO  Un alter disegn ?

GUSTAVO     (raggiante) Un prototipo!!!

AMBROGIO  (scettico) Vun di tò solit ?

GUSTAVO     Quest 1 è quell giust! L’ è una bomba ! Con quest chi diventom tutti miliardari!

AMBROGIO  (con  un filo di speranza) Ona bomba el ? E come 1’è che, la scioppa ?... Voeuri dì: come 1’ è che la funziona ?

GUSTAVO     Sta attent, zietto. (controscena di Ambrogio, mentre Gustavo infila le stecche sotto il sedile) L’ è minga finii, vel

AMBROGIO  Ah, meno mal!

GUSTAVO     (depone il sedile, che ora si regge sulle tre gambe. Vi appende sotto il sacchetto di plastica e poi, con un sorriso trionfante) Cossa te ne par ?

AMBROGIO  (che comincia a veder nero) Bell.. Ma cossa el seria quell robb lì ?

GUSTAVO     (raggiante) On water da campo! Quand t’ee finii, se distacca el. sacchett — che, tant, el costa una cialada — e t’el buttet via! (esegue. Vedendo Ambrogio che si dispera, con meno convinzione) Mì 1’ hoo battezzaa  “water da campo”... perchè el serviss no domà in campagna: el funzionna anca in montagna, o in d’on bosch, a teater, in tram o al mar, velendo... varda ti... Se pò sbizzarrii: el serviss in milla occasion...

AMBROGIO  (minacciando, contenendosi) E mi dovaria espon alla Fera quali robb lì?... Con dimostrazion pubblica, magari, no? El to prototipo?!

GUSTAVO     Ma zietto: bisogna pensà che ogni sabet ses miliion de italian venn foeura a fà el week end... e poeu gh’è el Ferragost...

AMBROGIO  E t’è mai vegnu in ment che quej ses miliun de italiani se rangen in de per 1or, senza bisogn del tò water da camp?

GUSTAVO     Sì, fin a jer; ma doman, quando la novità e la praticità dell’ applicazione, oltre al gusto estetico... - varde che linea, varda -  si presenteranno sul mercato, te garantissi che la gent la farà la fila per doprall almeno una volta! Varda cossa gh’ è success per i shorts

AMBROGIO  Sent: te mandi minga dove pensi mi, perchè te ghe set ­quasi settà sora, ma questa 1’è la tua ultima pirlada de progettista, l’è el tò canto del cigno...Podi minga licenziatt primo perché te set el marì de la mia nevosa, secondo perché se de no resti in de per mì e poeu per certe ragioni sentimentali... ma con tì, basta, hoo seraa: mai una strascia de volta che semm riussi a piazzan vun di tò progett... e intenta la concorrenza la m’ha mostraa la coa!!!

GUSTAVO     (molto umiliato, ma con decoro, comincia a smontare il suo water) sì... però la colpa 1’è anca toa, se te voeuret proppi savell!!!

AMBROGIO  Mia?

GUSTAVO     El, sì ! Mai che t’abbiet faa un poo de pubblicitaa... alla television, magari!

AMBROGIO  Come se ‘1 fudess facil! Se foo? Scritturi la Mara Venier  e  il Costanzo e li faccio riprendere mentre stanno in seduta? Pensa ti che bell Carosello!

GUSTAVO     No, zietto. (risentito) L’è minga giusta a parlà inscì. Mi hoo faa fior de progett ! Te see desmentegaa el water stimolante?

AMBROGIO  Come foo a desmentegamell! (atterrito) A momenti  me venn  un infarto! Me seri penna settaa giò che el sedil 1’ha cominciaa a saltà sottsora...

GUSTAVO     Ma 1’è proppi quell el movimento stimolante che fa 1’azione liberante

AMBROGIO  Sì... dopo, però: quand seri giamò in lett per el spavent ch’ hoo ciappaa! Quand te veet a montà i tò prototipi nel mee bagn, avvisom almen! Come la settimana passada, quand t’ee montaa el tò 208... come el se ciamava ?

GUSTAVO     Water a soffietto!

AMBROGIO  (terrorizzato dal ricordo) Quell lì! Hoo faa penna in temp a settamm, che me son sentii mancà la terra sotta i pee... e sont andaa giò de colp!

GUSTAVO     Come nelle poltrone moderne! Per consentire al corpo una posizione rilassante!

AMBROGIO  Sì... ma i poltronn gh’ hann i braccioli per tirass su!!A mì,  hann dovuu vegnì sù duu operari dell’officina per discastramm! Duu mee dipendent, t’ee capii? E mi..., e1 padron... là cont i gamb per ari e i calzon in fond ai calcagn! E adess 1’è una settimana che  quand vegn el moment, voo al bar chi de faccia e tutt i volt me tocca de bev un cappuccino! Perchè mi, fin che te ghe see tì in circolazion, in del mee bagn ghe voo denter puu!

GUSTAVO     Me dispias per ti, zietto, ma mi in circulazion ghe stò ancamò! In fin di cunt la mia miee l’è titolare de la ditta

AMBROGIO  Pian  pian... La Luisa la gh’ha domà la maggioranza delle azioni, insema a l’Orietta. L’è no titolare: el capital 1’è de tutti i azionisti, perciò anca mee..e inoltre mi sont el direttor general., fin a proeuva contraria.

GUSTAVO     Bel direttur general te set! Adess capissi perché in Italia ha gh’èè la fuga dei cervelli.

Per forza: si ostacola la ricerca! Perché… chi l’è che dis ad esempi che il sedile deve essere standard? Ogni persona l’ha gh’ha el soo… i soo esigenz… come succed per i scarp, i vestii, esigenze condizionate dalla necessità e dal gusto… e invece per vialter par che i ciapp sien tucc istess!

AMBROGIO  (interessato suo malgrado) Quest l’è vera. I ciapp de la Rosetta… si fa per dire… hinn no me quej de la Giulia…

GUSTAVO     Te vedet?  Mi hinn vent’ann che studi el dedrèe de la gent per trouvà una solusiun: (tira fuori dalla tasca un blocchetto) per esempi: gli abitanti della montagna hanno le natiche tese….

AMBROGIO  Ah si? E perché?

GUSTAVO     … perché il continuo esercizio a cui è sottoposto il gluteo provoca l’irrigidimento dell’epidermide percui il normale sedile è troppo rigido e non favorisce…

CALOGERO  (irrompe agitatissimo e scuro in viso) Cavalier Colombi

AMBROGIO  (girandosi di scatto) Chi 1’è?

CALOGERO  Cavalier Colombi, la informo che ho appena visto sua nipote Orietta, mia moglie... (con gravità) passeggiare per Corso Garibaldi da sola!

AMBROGIO  Tel, che brava! L’ ha imparaa a caminà  No... e allora ?

CALOGERO  Con sua sorella Luisa dovova essere! Perchè così mi disse quella spergiura: “Oggi pomeriggio andrò a fare un giro con mia sorella Luisa”.

AMBROGIO  E invece?

GUSTAVO     Invece gli abitanti della città hanno le natiche….

AMBROGIO  Tas un moment! (poi rivolto a Calogero) E con quest? Se gh’èè denter de mal?

CALOGERO  Come con quest? Gesù!  “Con mia sorella Luisa” mi disse. Ma come:e tu, dopo due soli anni di matrimonio, in Corso Garibaldi te ne vai ? Da sola ? Cavalier Colombi, cavaliere

AMBROGIO  Sent: calmes un moment, dai.., e ciamom zietto... te l’ho ditt tanti volt de ciamamm zietto!

GUSTAVO     Scusa, ma se l’è sta preferenza? Perchè lu si e mi no?

AMBROGIO  perchè lù de progett ne fa miriga!  In compens el gh’ ha di alter virtuu! Sì: proppi duu bej gener! Sent, Ca1ogero: a part che vedi no che mal ghe sia andà a spaas per Corso Garibaldi... ma te see sicur che l’era lee ?

CALOGERO  Madonna do Carmine e come mi potevo sbagliare? Pure il soprabito rosso teneva.., il cappotto che io stesso le regalai a quella scomunicata, io, io stesso, bestia che sono (si schiaffeggia)

AMBROGIO  Ghe semm: el comincia a fass i massagg, quell lì! Dai, mocchela!

CALOGERO  Ma come la mucco? Sfondare me la voglio, questa faccia da fesso che tengo... tiè... tiè (si ripicchia)

AMBROGIO  Daj daj, calmes, calmes! 

GUSTAVO     (Che stà osservando il sedere di Calogero) El po’ no! È tutta colpa del quadricipite

CALOGERO  (rigirandosi)    Ma che guardi tu? Che guardi?

GUSTAVO     Il gluteo… che è teso per colpa del quadricipite

AMBROGIO  Ma lassa per el quadrilatero…

CALOGERO  Ma come? Tu osservi il gluteo mio… mentre la moglie tua, invece di essere con la moglie mia… chissà dove stà…

AMBROGIO  Ma lù l’è tranquill… perché lu el gh’ha no lì el coso… el triciclo che tira…

                        Ma te gh’ ee domandà all’Orietta cossa la faseva in curs Garibaldi ?

CALOGERO  E come potevo? Sulla macchina mia, stavo...

AMBROGIO  Te podevet vegnì giò a dighell....

CALOGERO  Caotico, cavaliere, caotico era il traffico: una fiumana di macchine e sull’altro lato stavo, che appena mi fermai, fu un coro di clackson dietro: le trombe del Giudizio parevano!

AMBROGIO  Sì, va ben, hoo capii. Ma adess bisogna che te se calmet  sul seri.

CALOGERO  Ma sì, sì, sì, calmo sono, calmo, calmo, calmissimo (esplodendo) Ma quando                                       rientra... a schiffiu finisce

AMBROGIO  Ecco: adess che te vedi calmo, son content. Bisogna no vess inscì sospettos! Te vedet: i donn hinn un poo come i machin de cusì: bisogna conossej per podè fai andà come se dev! l’important 1’è de dagh una bonna inviada... e dopo basta dagh denter cont el pedal e se manovren che l‘è ona bellezza! Adess, poeu, cont i machin elettrich, basta tegnigh un pee fermo sul pedal e vann che l’è on piasè

CALOGERO  Cavaliere, ma è proprio questo 1’inghippo! E va bene: mia moglie è una Borletti; ma chi è che le “schiscia” il pedale?

GUSTAVO     Però... Questa sì che l’è un’ idea! Zietto! Se al water ghe taccassi un bell pedal ?

AMBROGIO  Ghe ven foeura una bicicletta... bamba!

                        (entrano in questo momento Luisa e Orietta, che indossa un soprabito bianco)

CALOGERO  Ah ! Sei qui, finalmente, sciagurata ! Ti degnasti di ritornare dal marito tuo!

ORIETTA       (timidissima, con voce di pianto) Ma perchè, Calogero, cosa’ hoo faa ?

CALOGERO  E tieni la spudoratezza di domandarmelo! Un nome solo ti farò uno solo... (tragico) Garibaldi! Non ti dice niente Garibaldi ?

ORIETTA       (sempre piangendo) El me regorda lo sbarco dei Mille

CALOGERO  Garibaldi... il corso..,

LUISA                        Garibaldi, il corso ? Ma se 1’era de Nizza! El se sconfond cont el Napoleone!

AMBROGIO  (a Calogero) Ma te set adree a fagh 1’esam de storia ?

CALOGERO  No che non confondo! Io parlo di Garibaldi, il corso Garibaldi di Milano!

AMBROGIO  Insomma, Orietta: el tò marì 1’è adree a cerca de ditt ch’el t’ ha vist andà a spass per corso Garibaldi.

ORIETTA       Ma se ghe son nanca passada de corso Garibaldi ?

LUISA                        L’è vera. Semm staa insemma tutt el dcpomezdì.

CALOGERO  E che? Mentecatto sono? Malelingue! Se ho pure riconosciuto il tuo soprabito rosso!

AMBROGIO  Allora el sè sbiadì! Te vedet no che 1’è bianoh, adess ! Te pensaret minga che la s’ è cambiada per strada, no?

CALOGERO  E perchè no? Di tutto sono capaci queste donne nordiche! Ogni pudore perdesti! Dove sta il soprabito rosso che io ti regalai?

LUISA                        Mi se fudessi ti, gh’el disaria

ORIETTA       L’è nel guardaroba, de la, in camera nostra.

CALOGERO  Ah, è così! Prega Santa Rosalia che sia vero! E non ti muovere di qui, fino al mio ritorno ! (esce)

LUISA                        Ma se pò vess matt in ‘sta manera ?

AMBROGIO  (sorprendendo Gustavo che, inseguendo 1’ idea dei pedale, sta tracciando’ segni nell’ aria) sì... perchè el tò l‘ è savi? Vardell lì I (a Gustavo) Se te fee ? Te ciapet i mosch ?

GUSTAVO     (fermandosi di colpo) Ciao, Luisa. (si mette a sedere immerso in calcoli e meditazioni)

LUISA                        Bel, come accoglienza 1’è minga mal!

AMBROGIO  S’ te voeuret pussee? El t’ha perfin reconossu!

CALOGERO  (entrando come un miracolato. A Orietta) Santa, santa sei (le si inginocchia davanti) Perdonami,. dimmi che mi perdoni...

LUISA            (a Orietta, che sta per cedere) Sta dura. Fall penà on poo. (Orietta si trattiene, ma è chiaro che è quella che soffre di più)

CALOGERO  Ingrato, ingrato sono! Hai ragione: non perdonarmi. Merito una punizione, perchè io ho dubitato, io, io, (si prende a schiaffi) ma come ho potuto, ma come, come ­ho potuto...

AMBROGIO  Daj, Orietta, digli che te ghe perdonet, se de no quell lì el se tira la faccia come

                        un’ inguria!

ORIETTA       Sù, Calogero, sù, fa minga inscì... che te se sporchet i calzon ! Te perdoni, va là.

CALOGERO  (commosso, eroico) Ha sentito, cavaliere ? Mi perdona. Mi perdona! Santa è, santa! (si butta ad abbracciare la moglie. Ancor più gridato) Ho una Santa in casa, una

                        Santa!

GIULIA          (entrando) Che le vosa minga inscì fort, se de no j operari corren sù a spettà el miracol de la paga!

LUISA            (intarvenndo gelidamente) Soò minga cossa ne pensen i alter, ma a mi certe battute di spirito me garben pocc, specialment in bocca ai mee dipendent

GIULIA          (candida, ad Ambrogio) Ma mi son minga stada licanziada ?

AMBROGIO  (ridimensionando la cosa) Licenziada... un lieve diverbio... Se giustaremm...

LUISA                        Con ti forse; ma cont mi no de cert! Che la faga pur i so valis e che la vaga.

ORIETTA       Ma  Luisa: in fin di cunt 1a Giulia 1’è de famiglia

AMBROGIO  Appunto! E poeu, bisogna pensagh su ben, prima de pagà certi tributi ai sentiment!

LUISA                        Cossa te vorariss dì ?

GIULIA          Che a mi i valis me pias de portaj via pien, minga voeuj! (a Gustavo, che intanto si è avvicinato alle sue spalle) E          lù ch’el me lassa perd, el ! Gh’ hoo minga voeuja de

                        vedell lù in contemplazion del mee sesin!

LUISA                        (con intenzione) Perchè ? La gh’ ha di preferenz ?

AMBROGIO  Ma lassa perd certi discors

GIULIA          No... certi abitudin, mì ghe i hoo no, mì! Certi farfallni che svolazzen per cà, vegnen minga de sicur a poggiass sù de mi!

CALOGERO  (intervenendo, sospettoso) E su chi si appoggerebbero questi papillons ? (a Giulia che non capisce) questi farfalloni ?

GIULIA          El. ved, cara lù: i donn se dividen in viper e anguili. quej che riessen a scarligà via came mi... le signorine... ben, quej lì hinn anguill!

LUISA                        Sicchè i viper sariom mi e 1’ Orietta ?

ORIETTA       (sconsolata) Oh, no, Giulia! Quest te dovevet minga dill!

CALOGERO  Allora voi sapete! Giulia, ditemi la verità, perchè altrimenti faccio uno sproposito

GIULIA          Calogero, sta quiett: el pedal a la toa miee te gh’el schiscet domà tì!           

ORIETTA       (spaventata) el me schiscia el pedal ?

AMBROGIO  Ma tì, Giulia, te gh’ avevet no on alter argoment ?

LUISA                        Allora, chi 1’ unica in ball son restada mi

AMBROGIO  Ma no! Gh’ è nissun che te le fa ballà a tì... cioè...vorevi dì che nanca tì te set ona vipera. Però te see nanca on ‘anguilla! Insomma, quel che l’è cert l’ è che el tò marì 1’ è on pess persigh! (a Gustavo) Ma dis’ciolet! Povero mi: tì te ne schisciet pù de pedaj!

GUSTAVO     T’el diset tì! Lassum. fà ‘sta modifica e te vedaret! Quest chi 1’è el 215 ! l’ è con quest che andemn in fera

AMBROGIO  Sì, a quella di “oh, bej! oh, bej!“. Va, va giò in fabbrica puttost, che te lavoret mej... e ven minga dessora finchè t’ee minga trovaa on’ idea original…

GUSTAVO     Certo che ghe voo, e subit! E tì, Luisa, aspettum no! Ghe l’ hoo per i man e podi                                minga fassamel scapà. Farò matina ! El, si, el soo che te dispias... ma questa 1’ è la                                  volta bona ! (esce)

CALOGERO  (a Orietta) Ti piacerebbe avere un marito come lui, veo! Ma io mattina lo faccio fare a te! Perchè tutto mi devi dire! Andiamo!

ORIETTA       Ma cossa l‘ è che te voeuret savè, Calogero ?

   

CALOGERO  Tutto!  Ritiriamoci in camera nostra (si avviano; si volta) E che nessuno ci segua!

AMBROGIO  Ma varda tì come 1’è ridotta quella povera anima! Gh’ è de bon che lù el vosa, el vosa, ma se sa: “Can che ­abbaia non morde”. Però el baia on poo tropp quell lì, nel ? àh, 1’ è proppi missa ben quella cà chi! Dessora el ragionatt Otello e de setta quella bella testa del progettista

LUISA            Per fortunna che in mezz te ghe see tì, vera zio ? Già tì te gh’ ee nient de rinprove-ratt: nè come omm, nè come direttore generale, vera ?

AMBROGIO  perchè ? Tì, s’ te podet dì ?

LUISA            Oh, volendo! Te disi domà che i azion de la ditta van semper pussèè giò....e prima che varessen nient del tutt te see coss’ hoo faa ? J hoo venduu!

AMBROGIO  Cossa l’ è che t’ee faa, tì ?

LUISA                        Ninga domà i mee, ma anca quei de l’ Orietta gh’ hoo faa  vend!

AMBROGIO  Avi venduu i voster  azion ? E la te par una bonna azion? 

LUISA            è per quell che semm andaa foeura incoeu. Semm andaa dall’ agente di cambio a incassà quej quatter ghej che n’ è restaa.

AMBROGIO  Ecco. T’ ee sentii, Giulia? Inscì adess semm nanca pù a chi l’ è che semm in man.

GIULIA          A mì me le cunta ? Da doman, mi hoo finii de fagh la serva. Podi concedegh de restà chi un quai dì, in cà soa, come ospite, in attesa ch’ el se decida a pagamm. (si avvia

a11a scala) Speremn che la bugada la sia minga lunga, perchè mi, per la vecchiaia, gh’ avaria di alter progett. (esce)

AMBROGIO  (perplesso) Anca quella lì, ouej, man man ch’ el  temp el passa, la diventa semper pussèè pesanta. Magari gh’ ave-ss i danee per sbolognala via!

LUISA                        (conciliante) Ma t’el see ben che la parla, la parla, ma la va via no

AMBROGIO  Sì, perchè mi hoo semper savuu come ciapalla. Ma adess, dopo che ve sii scambiaa i voster opinion sulle rispettive vite sentimentali, chi l’è che le calma pù la Giulia ?

LUISA            Ah, mi no de cert. Che voeur domà la sua sfacciataggine per  fà certi insinuazion sul mee cunt!

AMBROGIO  Bel, anca tì, pero, te gh’je minga mandaa a dì dal sacrista!

LUISA            Saà mej lassà perd, el, zio ? No, di si:perchè mi sto citto, sto citto, ma quand me se provoca, guardi pù  in faccia nessun!

AMBROGIO  Ah, me sont accort! Basta vedè come t’e liquidà i affari de la ditta!

LUISA                        Gh’avaro pur el diritto de salvà el salvabil!

AMBROGIO  Insomma 1’ unich che gh’ha minga de salvass, son mi, allora ? E se i nuovi azionisti me fann saltà el post ? El ? Te m’ee proppi miss in man al pojan,..

LUISA                        O tì... o num! L’ era l’ unica manera de sistemà ‘sta faccenda.

AMBROGIO  Dato che te see inscì brava, sistemom tì la Giulia, almen!!!

LUISA            Te pretendaret minga che te la paghi mi, di volt ? L’ è semper stada pussee al tò servizi che al noster..(per andare) specialmente per quell che riguarda i straordinari, vera zio ? (esce)

AMBROGIO  (solo) Ciappa sù e porta a cà! Ah, var proppi la penna de stà lì a lavorà tutta una vitta, de sacrificass semper per i alter e domà per i alter. Ecco: questa 1’ è la bonnaman! El post el salta, gh’ è minga dubbi.. Ma che vaga tutt in sù la forca ! Tutt: i azion, i liquidazion, i scoperi... Ouej: se viv una volta sola, el ! (si versa da bere) Basta sbatt la bocca ! D’ ora inanz mandi i scrupoj in feri e chi s’ è vist s’ è vist (entra Rosetta con indosso una vertiginosa minigonna) Ciombia ! Chi ghe n’è de vedè! Se l’ è ? La divisa nouva ?

ROSETTA      El permette che fago una telefonada ? Gh’ hoo de ciamar el mee Giacinto!

AMBROGIO  Tel set el numer de la serra ?

ROSETTA      (forma il numero. Siede accavallando le gambe - controscena di Ambrogio che si versa ancora da bere; poi le passa un dito sul collo, le accarezza la testa ecc. Rosetta civettuola si schernische fatuamente) Pronto ? Ghe xe el signor Corona ?

AMBROGIO  (a bassa voce) No... 1’ han poggiaa sù ‘la tomba!

ROSETTA      Grazie, aspetto. (pausa.). Giacinto, ti se tì ? Sì, son mì ! Te sii lì ? No ti pò ?

AMBROGIO  Te set in linea con Saigon ?

ROSETTA      (sempre al telefono) Ma el xe 1’ ultimo giorno che i fa “Chicago”!

AMBROGIO  Ma dove el te porta?

ROSETTA      No, varda Zacinto, sa ti te me fa perder Richard Gere fasemo baruffa. Mì son tutta qua in gringola

AMBROGIO  (porgendole il bicchiere) Gringoletta… dagh un fiaa

ROSETTA      (lo prenda. Sorseggia) Me lo sentivo che ti me faseva restar a bocca sutta. (ribeve) No, no ghe xe scusa che ­tenga... Si, anca mi te vogio ben e te lo sa.., (sposta la cornetta all’ altro orecchio per permettere ad Ambrogio di armeggiarvi) Te penso sempre, anima.., ogni ora del giorno e de la notte... (di scatto) Ah, xe così ? No xe vedemo proprio ? Ben, alora che te vegna la rogna, brutto can... e va in malora.., (poggia la cornetta) Brutto schifoso! Farme perdere il Richard Gere!

AMBROGIO  (approvando) A 1’ è proppi una mancanza de riguard !

ROSETTA      Co el Richard Gere... Ch’ al pensa

AMBROGIO  (c.s.) No ?... co a Gere ?

ROSETTA      Lo stesso che gh’ ha fatto Ufficiale Gentiluomo.

AMBROGIO  Hinn robb che capita! Ma dove l’ è Chigago

ROSETTA      A l’ Italia

AMBROGIO  in Italia?

ROSETTA      Al cinema Italia!

AMBROGIO  Ah, ma tì te voeuret andà al cinema ? Ma perchè te 1’ ee minga ditt subit ? Bel, mi come Giacinto, forse, sont un poo spampalaa, ma sunt un gentiluomo e se te se contentet..

ROSETTA      Ma... no so... fasso ben o fasso mal ?

AMBROGIO  Fassa ‘me te voeuret...

ROSETTA      Ma... al gh’ avaria riguardo ?

AMBROGIO  Rosetta:podi assicuratt che mi con ti gh’ hoo di boni intenzion !

ROSETTA      Me lo promette ?

AMBROGIO  (guardandole la minigonna) Te prometti tutt, spargiottin, tutt quell che te voeuret !

SECONDO ATTO

Diverse ore dopo. Le scena è vuota, debolmte illuminata. In un angolo della scena si accende la lampada  a stelo. E’ entrata LUISA: schiude i battenti della finestra centrale e poi li accosta. Si avvicina al telefono e forma un numero)

LUISA            (a bassa voce) Isidoro: al mee marì al resta in offizi a lavorà per tutta la nott. (pausa) Gh’ è nissun che te obbliga! (pausa) Doman, al solito posto ? Ma tì te me voeuret domà a orari fiss ? Perchè ? Perchè mì voraria vedett adess. Te gh’ ee domà de traversa la strada (pausa) Sì, si, va ben. (Pausa) no, la porta podi no lassala averta... T’ hoo giamò ditt che el Gustavo l’è de bass (pausa) Sì, nell’ ufficio tecnico: 1’ è proppi de fianc all’ingress…(pausa).  no, nanca la porta de servizi: la Rosetta la podaria sentitt! (pausa)  Ma dalla finestra, no ? Cossa ghe de strano? (pausa) Fa no el difficil. Anca sul fotoromanzo fann semper inscì! (pausa)  Complicaa? Ma se gh’è la gronda de la finestra e de la scala, che l è inscì comoda! (pausa) Ben: se te see minga convint, convinces! Mi te speti allora, el? (pausa)  Sì, te j lassi avert i veder, sta tranquill! Isi: te me diset no la parolina? (pausa) Te me paret minga trop entusiasta! (pausa) Ah, ecco: adess va ben (bacino) Ciao! Fa prest! (depone la cornetta, va a sedere in poltrona, accende una sigaretta) Ecco: tant per cambià, el giornal l’ è minga al sò post! (appoggia la sigaretta ed esce un attimo)

GIULIA          (compare sulle scale, si guarda attorno, poi entra. Va alla porta della camera di Ambrogio. Bussa lievemente, poi, con  voce bassa) .Ambreus? Ambrogino: te vegnet minga sù ? (nessuna risposta) hinn tucc in lett ormai! Ambroeus: t’ avaret minga decis da fa el furb per caso, el ? Va che se te vegnet minga sù, mi fò i mè pass e te rovini, el! Ambrogio (pausa. Si sposta) el s’è indormentaa! Per forza: alla soa età. L’è un pezz che, nei momenti impegnativi, el cocca  via.

LUISA            (entra con il fotoromanzo in mano. E’ stupita di vedere Giulia,) Ah, 1’è lee?

GIULIA          (con lieve imbarazzo) Credevi che on quaj vun el se fudess desmentegà de smorzà la lus…

LUISA            Visto che la se preoccupa ancamò dall’ andamento della casa e dato che ghe l’hoo ditt tanti volt, el mè giurnal la dev lassamel chi

GIULIA          Che ‘la se cascia no, che tant, doman, la po’ mettel  dove la voeur. (Alza con intenzione la voce per farsi sentire da Ambrogio)Perché mì, doman, voo via… e voo ai sindacati, domani!…

LUISA            (con indifferenza) Ah, la va a fare la governante ai sindacati!? Brava: son proppi contenta che la se sia giamò sistemada!

GIULIA          Io vado a governare i Sindacati? Ma cossa 1’ha capii? Ai sindacati ghe voo per far valere i mie i diritti! Le sa che mi vanzi, fra 1’alter, vint mes de arretrati ?

LUISA            Perchè me le cunta a mi? Che ghe le disa al mee zio. Non è forse lui il suo “datore di lavoro” ?

GIULIA          Se ved che lù el se sent in regola (alzando il tono)se 1’ è bon de dormigh a sora tranquilament

LUISA                        Ma se la fa? La voeur svegliall? Ghe ne parlerà quand el leva su.

GIULIA          El, no! Mi spetti no i soo comodi!

LUISA                        Ma, disi: se 1’ha spettaa vint mes, la podarà spettà una nott pussee, no ?

GIULIA          Oh, si si.... figuremmes! Tant, prima o dopo, la musica la cambia no! Allora, voo dormì.    

LUISA                        Buonanotte.

GIULIA          (pausa) La stà chi tanto?

LUISA                        Fin che vori. E a lee se ghe ne importa ?

GIULIA          A mi? Proppi on bel nient! Tanto la bolletta de la lus la paghi minga mi! Bonna permanenza.  (sale le scale. Compere Isidoro dietro i vetri della finestre. Luisa loferma con un gesto. Giulia  decide di tornare indietro. Isidoro fa appena in tempo a ritirarsi)  Ah: se il cavaliere el dovess svegliass...

LUISA                        Ma 1’è nanca mò finida ?

GIULIA          No... vorevi dì: s’el dovess vegnì chi, ecco (vede la finestra aperta) al se ciappa un accident! l’è mej saralla su! (esegue)

LUISA            Che la senta, Giulia: ve ben; voeur dì che appena vedi mee zio ghe disi de vegnì su in de lee per dagh ona sistemada … ai cunt. Va ben inscì?

GIULIA          Ecco: grazie; la me fe proppi un piasè. Buonanotta. (esce)

LUISA            (corre alla finestra, la apre e appare Isidoro)  Qull’infesc de la Giulia che l’andava mai via! Vegn denter, tesor...

ISIDORO       Sì, perchè 1’è on poo scomod sta scrusciaa giò chi!

GIULIA          (appare sulle scale. Non fa in tempo a vedera Isidoro, che viene cacciato fuori da Luisa) Un monent, un mument, che la me scusa, cossa 1’è che l’ha vorsuu dì lee con quella faccenda lì de digh a so zio de vegnì su in camera mia?

LUISA                        (nervosamente) Ma me l’ha minga domanda lee, Giulia?

GIULIA          El, no, cara lee! Mi gh’ hoo mai domandaa certi piasè! Perchè mì...(Porta che sbatte all’ esterno; rumore di rise soffocate. Dopo un attimo entra Ambrogio alquanto brillo, che regge sulle spalle Rosetta in uguali condizioni)

AMBROGIO  (si dirige al,divano, facendovi crollare Rosetta) Sst! Parlemm a bassa vos…

ROSETTA      No, fasemo così: lù el parla piano, mi parlo forte. Così, fra tutti e doo... fasemo un pianoforte ! (la cose la diverte molto, inizia uno scroscio di risatina, cui fa eco Ambrogio)

AMBROGIO  Ecco: tì te sonet i tast negher e mìì spizzighi quej bianch

ROSETTA      No... no... no xe decoroso! Cava1ier; qui in salotto no…

AMBROGIO  Te gh’et reson! I patti eren divers! Allora tì te vee de là in camera toa... e dopo un poo mi vegni a saludatt, el?

ROSETTA      Ecco: fasemo così. Però, che no xe desmentega de portarme quel che me gh’ ha promesso..... (intanto, Ambrogio ha levato dal bar una bottiglia di wisky e gliela passa con due bicchieri. Giulia e Luisa sono sempre immobili)

Vado (esce)

AMBROGIO  l’è fada! (si frega le mani e si volta; vede Giulia  ma è come se non la vedesse) Ah, tì te ma fee toeu el Gerovital el ? ( fa per andare in camera sua. Si blocca dopo qualche passo, realizzando che Giulia è proprio lì. Si blocca e si trova di fronte le due, che lo osservano ammutolite) Ciao, Giulia. Ciao, Luisa. Ma avii vist quella povera tosa là come 1’è consciada ? Bìsogna proppi che vaga a toeugh un’aspirina. (fa 1’atto di avviarsi)

GIULIA          ...e giacche el gh’ è... che ne tira sù un tubett intregh per lù, perchè, cont tutt mal de testa che ghe farar vegnì quej de l’Ispettorato del lavoro, ghe n’avarà proppi de bisogn,…  alter che andà in gir per i night a strascià  i meè danèe!

   

LUISA                        Che la sbassa la vos! La vorara minga dessedà tutta la  cà, no?

AMBROGIO  Oh, insomma: se dopo quarant’ann che lavori, podi nanca concedum el lusso de fa uno svagarello, allora tanto var che me traga giò da la finestra (vi si dirige)

LUISA            (che lo ferma prontamente) Per caritaa, zio, ghe calaria anca quella! (per troncare a Giulia) De cossa 1’ è che la se preoccupa, lee ? Di sò arretrati ? Se 1’ è per quell, quajdun pagherà!

AMBROGIO  Perchè, allora... tì te seriet disposta ?

LUISA                        sì, sì, va ben zio: voeur dì che la liquidazion de la Giulia te la pagheroo mi!

AMBROGIO  (a Giulia) T’ee sentii ? Me per che fra mì e tì adess, ghe sia pù nient de dì, no ?

GIULIA          Se ghe par giust inscì! Del rest, 1’ha minga semper faa tutt quell che 1’ha vorsuu? Se ghe voo ben pù... che se ne catta pur foeura un’altra, ma che la metta in regola coi Sindacati questa, me raccomandi, perchè minga tucc hinn dispost a ‘spettà trent’ann — ch’el me scusa, vorevi dì vint mes — come hoo faa mì! (esce)

AMBROGIO  L’è inutil: con pussee la diventa veggia, pussee ha divent barbottonna! Bel: allora, bonanott. (e non si muove)

LUISA                        Buonanotte, zio.(e si siede al divano ostentando indifferenza)

AMBROGIO  Buonanotte (e stà fermo)

LUISA                        Mah, comincia a vegnim sonn....

AMBROGIO  Brava. L’era ora!

LUISA                        Buonanotte. (facendo credere di andare a letto)

AMBROGIO  (trionfante, fa per dirigersi alla propria camera con l’intenzione di prepararsi. Si avvede che la finestra è aperta)  Gh’hann tutti i bollori in quella ca chi (Chiude. si avvia alla propria camera. Si ferma improvvisamente. Gli viene in mente che gli è parso di vedere qualcosa oltre la finestra. Terno sui passi. Riapre.)  L’ha mandaa sù la Commission Interna?

ISIDORO       (si intravede, la sua sagoma) Oh, no, cavalier!  Ghe l’hoo fada a calmaj. Gh’hoo parlaa come el ha ditt lù.

AMBROGIO  Si, ma mi t’avevi ditt do tacatt ai sentiment, minga a la gronda.     

ISIDORO       (impacciatissimo) Sì, ma chi... mì me son taccà domà adess... Vorevi controlà l’ antenna, perchè el mèè televisor el fa i righ... e...

AMBROGIO  e la controlla sul mee?

ISIDORO       (guardando scioccamente in alto) Oh, che stupid: l’è proppì el so tecc! Ma come hoo faa a sbagliamm? El sa, hinn inscì visin… bel, mi alora voo giò…

AMBROGIO  No, no: ch’el stega chi un moment. Adess me informi se el noster televisor el ricev e, se mai, giacchè l’è lì, ne approfitti per fagh dà un’ugiada de lù.  Ch’el spetta lì. (e lo chiude fuori, indi va a bussare alla porta di Luisa)

LUISA                        (affacciandosi, fingendo disinvoltura) Sì... zio ?

AMBROGIO  Sent: allora podi stà tranquill che te me la paghet tì, la Giulia ?

LUISA                        Ma sì, zio, certament!

AMBROGIO  Oh, bene! Allora voo a dormi tranquil! Ah, a proposit: varde che, siccome gh’era di piffer... pardon di spiffer, mi la finestra l’hoo sarada. Però, se te voeuret dervilla... insomma, varda tì, el ? Buona notte ! (ed entra in camera sua mentre Luisa va  alla finestra dove si intravede Isidoro infreddolito. Prima che Luisa giunga alla  finestra, compare, però da destra Rosetta, in camicia da notte, con la bottiglia in mano)

ROSETTA      Bubù (Luisa si scosta dalla finestra e Isidoro, batte deciso sui vetri spazientito, proprio mentre Rosetta arriva al centro della scena. Quando la vede, è tardi. Rosetta, spaventata da qualcosa dietro i vetri, lancia un urlo. Isidoro sparisce. Richiamati dall’ urlo, Compaiono Ambrogio e Calogero, seguiti poi da Orietta)

CALOGERO  Cu fu ? Che è successo ?

ORIETTA       Se gh’ è success?

ROSETTA      (che si era quasi lasciata scivolare a terra, riprendendosi) Sant’Antonio benedeto: ghe xe qualcun de drio dei vetri della finestra

CALOGERO  Ah, si controllare si deve. (si avvicina alla finestra. Luisa lo precede)

LUISA                        Guardi mi!

CALOGERO  (scostandola un po’ bruscamente) Queste, faccende da uomini sono (dopo aver controllato) Ca nun ce sta nissuno

LUISA                        (fra sè) Oh, signor el sarà minga borlàà giò? el ?

AMBROGIO  (fra sé) L’è voàa via? (a Rosetta) Sù, su, la s’è sbagliada, l’è nient

ROSETTA      Oh, che spavento, Bubù!

CALOGERO  Como Bubù?

AMBROGIO  (a Calogero) T’el set ben come se fa cont i fjoeu per faj spaventà no ? Bù..bù

LUISA            (per dire qualcosa e per minimizzare, si rivolge a Rosetta) Ma tì.. cossa 1’ è che te fet in pee a st’ ora chi ?

ROSETTA      Mi cercavo una cibalgina per el mee mal de testa...

LUISA            (vedendo che Rosetta ha sempre in mano la bottiglia di wisky) E te vorevet compagnala cont un biccer de wisky? L’è un mal de testa curios el tò ! Va, va, va a dormigh a sura che 1’ è mej!

AMBROGIO  (accompagnando Rosetta) ‘Se voeur dì ? Ognun el gh’ ha i sò abitudin, no? Desmenteghes minga che 1’ha lavoraa in ona bettola de Mestre!

ROSETTA      (piangendo) El vor farme passar per un’alcolizzada? Proprio lù ?

AMBROGIO  (cercando di farsi intendere da Rosetta) Ma no, ma no: vorevi domi dì che quand se bev un biccerin pussèè...l’è facil vedè di omber alla finestra. (con voce bassa) Va,che dopo vegrni mi... (Rosetta esce, Ambrogio si rivolge agli altri) Tutta immaginaziun

CALOGERO  E chi lo sa !?!

LUISA            Ma cossa l’è che te vet a pensà, adess? T’ee minga quardà tì da la finestra ?

ORIETTA       Ma sì!, Mi credi che se una brava tosa come la Rosetta, che ha sgobba tutt el dì, per ona strascia volta la se porta in stanza ona bottiglia de wisky, gh’è minga denter nient de mal, no?

CALOGERO  Ah, per te non c’è niente di male, eh? E allora ti dico che questa faccenda non mi sembra affatto chiara; e se scopro che ci sei di mezzo pure tu...

AMBROGIO  Ouej, ma cossa 1’ è che te set miss in testa ?

CALOGERO  El, no! Io in testa non ci voglio niente!  Ci siamo capiti? Orietta: torniamo in camera nostra.

ORIETTA       (rassegnata, mentre escono) Se non alter, cunt el Calogero, la vita l’è sempre movimentada

CALOGERO (arrivato sul fondo) e che nessuno ci segua!

AMBROGIO  Quell’lì l’è vun de “Cosa Nostra” e purtropp anca de casa nostra!

LUISA                        (che, nel frattempo, sì era avvicinata  alla  finestra, fa un gesto di richiamo. Poi, con                           intenzione) Ben, allora andemm in lett...

AMBROGIO  Ah, se te set tranquilla tì, allura a voo anca mi. (fra sè) Se ved ch’el Tarzan el s’è faa nient (via dalla parte di Rosetta)

LUISA                        (alla finestra) Tesor: te seet ancamò lì?

ISIDORO       (provatissimo dalla fatica) Hoo faa apenna in temp a scarligà giò dalla gronda...

Sù e giò, giò e sù: me par de vess in su 1’alber de la cuccagna! Ma adess famm vegnì denter che ghe la foo pù!

LUISA            sì, cert, cara la mia gioia! (sta per farlo entrare ma è interrotta dall’arrivo di Calogero che si sente urlare di dentro)

CALOGERO  Eh, no: la cosa non è chiara!

LUISA                        Tegn dur un mumentin

CALOGERO  (entra armato di lupara e di una  torcia elettrica) Sincerare mi voglio!

LUISA                        Calogero: ma dove te vet ?

CALOGERO  Pare che da queste parti svolazzi qualche farfallone!

LUISA                        Ma ancamò i stupidad de prima ?

CALOGERO  Sincerare mi voglio! Calogero Cecace uomo d’ onore è! (esce dalla comune)

LUISA            (si precipita alla finestra) Isidoro: te seet ancamò lì ? ...  va minga giò, perchè gh’è el Calogero con la lupara.

ISIDORO       Ma Luisa: mì voeuria minga andà giò! A mi me piasaria vegnì denter!

LUISA            Te gh’ee reson.  Spetta che te doo una man...            (fa per aiutarlo ad entrare, ma è interrotta, questa  volta, dall’urlo di Gustavo, che sta sopraggiungendo)

GUSTAVO     Zietto!

LUISA                        Oh signor, el mèè marì! Resist ancamò un pù

ISIDORO       Ma mì ghe la foo pù! De chi l’è quella finestra lì?

LUISA                        Per carità! L’è quella dell’Orietta e del Calogero (richiude in fretta la finestra);oo...

GUSTAVO     (entra come un ciclone, sventolando fogli) Zietto! Zietto!

                        (rivolto a Luisa) Dove l’è el zietto?

LUISA                        S’ te voeuret che sappia mì?

GUSTAVO     (dando un bacio a sua moglie) El 216 Luisa! Ghe semm! Alter che pedal, questa l’è l’è la rivoluziun!

AMBROGIO  (comparendo dalla porta di Rosetta) Ma se succedd? Ma stanott, chi, l’ è mai finida

GUSTAVO     Son mi!  Son chi! Tell chi ! (mostra il disegno) Mì el pedal el mangi in insalata!

AMBROGIO  Buon appetito! (fra sè) Adess quella là la voeur el regalin... Mì ghe refili i azion de la ditta ! Tant, per quell che varen...

GUSTAVO     E’ 1’uovo di Colombo! Avevi minga miss a foeugh el problema del mercaa! I giovin: 1’ è lì che dovevem batt! Un water giovane: ecco quell che mettaremm in Fera!

AMBROGIO  Ma mettegh quell che te voeuret, che tant 11è istess (fra sè) Cont un progettista inscì, i mee azion, al massim, poden servì per giugà a monopoli. Mì ghe le refili a la Rosetta, e s’ciao!

LUISA                        L’è minga mej andà a discutt in offizi?

GUSTAVO     Preoccupes no, Luisa; te me disturbet minga! Col water a soffietto serum feoura strada, rampegavum su per i veder!

AMBROGIO  E anca per i grond!

GUSTAVO     Adess hoo trovaa el busillis!

AMBROGIO  (senza entusiasmo) E dove 1’ era ?

GUSTAVO     Te 1’ hoo gìamò ditt i giovani! Zietto: tacches fort!

AMBROGIO  Sunt preparaa a tutt ormai 

                        (dall’interno si odono degli spari e le grida di Calogero)

CALOGERO  l’ho visto : l’ho visto ! Non mi scappa più!

AMBROGIO  Ma se l’è? El Calogero ch’el va a caccia de pippistrej?

LUISA                        (si precipita alla finestra, la apre, non trova più Isidoro) Ma dove 1’ è andaa a finì ?

(nel frattempo, Orietta — che, evidentemente è chiusa a chiave in camera omicia a tempestare la porta di pugni)

ORIETTA       Aiuto! Vòeuri vegnì foeura!

                        (riappare Calogero che, e rapidi passi, si dirige verso la propria camera)

CALOGERO  Non mi può sfuggire! Malafemmina (entra in camera sua. Nel frattempo arriva anche Rosetta – Calogero rientra trascinando Orietta) Dove s’è nascosto? Parla!

ORIETTA       Te m’ ee stufì, Calogero! Anca in camera te m’èè sarà: adess ne podì pù (gli dà una spinta) Adess te pichi (inizia a schiaffeggiarlo e spingerlo – Calogero rimane allibito)

AMBROGIO  Brava Orietta! Vai col Sinistro!

GUSTAVO     Te gh’eet el temp,zietto, de dagh on’ ogiada al prugett?

(Arriva un urlo di Giulia, che poi appare sulla rampa delle scale in camicia da notte, tutta sconvolta)

GIULIA          Farabutt... delinquent... assassin!

AMBROGIO  Ma se t’ hoo faa ? Te ghe l’è con mi?

GIULIA          No, no con lù, ma con quell bell robb lì! (indica Isidoro, che entra come un cane bastonato, allo stremo delle forze) Ch’ el vegna avanti!Che ghe le faga vedè a tutti la sua faccia de satir!Savii cossa el gh’ ha avuu el coragg de fa? Avevi apenna ciappaa sogn, e tutt e un tratt, nel dormiveglia, me sunt vista capità dannanz quel signorino lì! Da prima, hoo pensaa: sarà l’effett di nervitt ch’ hoo mangià“ …Invece eren no i nervitt!

AMBROGIO  L’ era en tor inter!

GIULIA          EI me guardava cunt una faccia pallida, stralunada, cont i brasc che ghe burlaven giò per i fianch come se fudessen de cagiada:. e pareva che, de on moment a l’ alter, el vureva saltà sul mee lett... El parlava no,..

ISIDORO       Me cossa 1’ ha capii lee? Podevi minga digh che s’ eri vegnuu. per...

LUISA                        Per che cosa ? Ch’ el traga minga in pee di giubilei!

CALOGERO  Appunto! Per chi era venuto, lei ? (lo minaccia con la lupara)

ROSETTA      Già:nella stanza della siora Giulia...

ORIETTA       Una donna esemplare, onesta, ...

AMBROGIO  … e inscì lontana dai tentazion…

ISIDORO       Ma mi... s’ eri vegnuu per un alter motiv... s’eri vegnuu..

AMBROGIO  El sarà minga vegnù per giustà l’antenna de la televisiun?

LUISA            Ma ch’el se giustifica no! Cossa ghe voeur a dì la verità? Gh’è nient de mal. Del rest, la Giulia l’è minga spusada… L’ha capìì?!?+

 

ISIDORO       Ebbene sì! Ghe la foo pù a nascondel. In fond, l’amore, el gh’ha minga de età! L’ è stada come una ventata de passiun, l’era tropp temp che volevi dighel... E stanott ghe l’ hoo fada pù:  Giulia sont chi ai sò pee ! I mee intenzion hinn seri. Che la faga de mi quell che la voeur!

AMBROGIO  Tombola!

GIULIA          (addolcita, mentre gli altri sono impietriti dallo stupore) Ch’ el leva su, per caritaa, gh’ è minga bisogn ch’el se umilia... Ch’el me lassa el temp de pensagh. Stanott sont tropp agitada... E, d’ alta part, lù el gh’ ha de capii che, anca se sont una donna matura...

AMBROGIO  Sì:madurada in de la lavagna!

   

GIULIA          .. .podi minga resta insensibil a una proeuva inscì lampante de tenerezza, specie quand 1’amur el se presenta con di fattezz come i sò...

AMBROGIO  Oh, Signor: la se svirgola tutta

GIULIA          Del rest, come l’ ha ditt lù primma — tanto saggiamente — 1’ amore el gh’ha minga de età

AMBROGIO  (fra sè) Sì, ma el gh’ ha i sò esigenz

GIULIA          Mi cred  che anca el scior Ambrogio el pensa come mi... e ch’ el sarà bon de capì e de perdonà, vera?

AMBROGIO  Ciombia! Come se fa a restà indifferett davanti a una robba compagna? Mi sunt chi che sudi frecc Veouri dì che, se son rose, fioriranno ! Anzi ! savii cossa ve disì: rni ve benedissi!

GUSTAVO     Ma bene! E adess zio: te gh’et temp de dagh un’oggiada al mè progett ?

TERZO ATTO

all’alzarsi del sipario, Rosetta sta spolverando alcuni soprammobili e canticchia. Isidoro entra, le si avvicina silenziosamente e all’improvviso l’agguanta ai fianchi

ROSETTA      (caccia un urlo) Oh! (si volta) Ah, el xe lù (decisamente seccata) Come el xe permette ? La ghe par questa la manera de trattar una tosa onesta ?

ISIDORO       (ridendo) Perchè? el to moros come 1’è ch’el fa ?

ROSETTA      E1 me Zacinto nol se permete certe libertà!

ISIDORO       Hoo semper pensaa ch’el dovess vess un surgelato! Ma fin a ‘sto punto!

ROSETTA      Certo no gh’ ha i bolori come lù, che pur de remediar qualcossa, el xe rampega sù la grondera ale dò de notte per farghe visita a certe nubili de nostra conoscenza

ISIDORO       (seccato) Te credaret minga anca ti a ‘sta storia, vera ? T’el see benissim a chi l’è che ghe davi la scalada, mi!

ROSETTA      (fingendo meraviglia) Mi ? Ma mi so soltanto quel che i dise tutti. “L’ amor non gh’ ha proprio d’età !” Tanto e vero che se pol andar a sgnaolar sù i tetti anca per una gatta de cinquant’ anni e passa

ISIDORO       Perchè no ? Visto che una micetta de latt me ti la ghe prouva gust a fonfronà cont un gatton sorian come el cavalier Colombi!

ROSETTA      E allora ? almanco el sior Ambrogio el xe un gatto de esperienza

ISIDORO       Chi? quell lì ! Per mi 1’ è Silvestro, gatto maldestro

AMBROGIO  (entrando,con un fazzoletto che si tampona l’occhio, a Isidoro) el cercava de mi?

ISIDORO       sì, proppi de lù!

AMBROGIO  gh’è succes un quaj alter gazzaghè cunt i operari?

ISIDORO       No, l’ è ona faccenda privata. Doveria parlagh a quattroeucch

AMBROGIO  beh, a quattroeuocch 1’ è un poo difficil, perché che n’ho vun foeura combattiment... ch’el porta pazienza un mument: ­Rosett....

ROSETTA      Sì, cavaliere

AMBROGIO  Famm un piasè:  varda se te set  bona de tiramel foeura (indicando l’occhio – Rosetta si accinge a levargli il bruscolo dall’occhio) Ecco, brava, fa pian… te gh’et una manina….

ROSETTA      Servito, sior cavaliere!

AMBROGIO  (con sollievo) Oh, meno mal!  Grazie !

ROSETTA      oh! Co’ i dovuti modi e un po’di garbo, da me se ottiene tutto. Con permesso (esce)

AMBROGIO  Oh, ecco: adess podi dagh a trà. Cossa l’ è ch’ el voreva

ISIDORO       Cavalier: mi sunt stuff, stuff ras de ‘sta storia,? va ben ?

AMBROGIO  (candido) Vedi minga de che soria 1’ è ch’ el parla.

ISIDORO       Le sa benissim che chi tutti me creden  innamoraa de la Giulia...

AMBROGIO  El podeva dì almen: de la sciora Giulia vista 1’età veneranda, de la soa morosa

ISIDORO       Ch’ el ghe se metta minga anca lù, eh! In fabbrica, al bar, ne la cà dove stoo, perfin la Rosetta, tutti se permetten di insinuazion... ma lù, no! ch’el me faga el piasè de risparmiamm i sò buttad !

AMBROGIO  E cossa gh’entri mi?

ISIDORO       Mi podi minga permett che la gent la continua a mormorà!

AMBROGIO  Lassa ch’el mond el disa! Sul mee cunt l’ ha mormoraa pusse la gent  ch’ el Piave al ventiquattro maggio...eppur m’è  minga vegnuu el mal de. fidigh

ISIDORO       Ma mi gh’ hoo minga un fidigh de bronz come el sò Scior Ambrogio: parlemes ciar! Chi gh’ è domà una soluzion: lù el gh’ ha de sposà la Giulia!

AMBROGIO  Ma varda ti che bella propostina! Adess capissi perchè el gà’ ha minga de bronz in del fidigh: l’ ha doperaa tutt per foderass la faccia!!!  Fra l’alter pensa che bella figura che ghe faria: l’ hoo mai vorsuda prima e me la ciappi adess, per paura che i alter me la consumen!

ISIDORO       ‘Ndemm  ‘ndemm, cavalier: che la cunta giusta! Soo benissim che lù el ghe tegn a la sciora Giulia... (pausa) Cavalier: ch’ el me guarda in faccia. (confidenziale) Ch’el se leva la maschera.

AMBROGIO  (toccandosi istintivamente il viso) La maschera ?

ISIDORO       sì,: la maschera dell’ indifferenza... perchè lù, de sora el rid, ma de sotta el patiss.

AMBROGIO  Mì patissi? Mi te com..patissi!

ISIDORO       Lù ghe 1’ ha con mi perchè la sciora Giulia la m’ ha ciappaa in parola... Ma se ghe ne podi mi se piaccio

AMBROGIO  Appunto! E allora che ne profitta!

ISIDORO       De la Giulia? Saria minga bon... per un riguard a lù !

AMBROGIO  Varda: fa minga de compliment... che se la tegna pur...

ISIDORO       No... no! Cavalier, la Giulia è sua!…e  mi sont chi per ridaghela

AMBROGIO  (arrabbiandosi) Ah, no! Ti te se la tegnett

ISIDORO       Ma là 1’è matt!

GUSTAVO     (entra con il dott. Tortora) Zietto

AMBROGIO  Matt, ma minga scemo

GUSTAVO     Il dott. Tortora!

ISIDORO       Ma mi gh’ hoo una reputazion de difend!

AMBROGIO  Anca mi, se l’ è per quell ! (si accorga che Tortora gli  tende la mano)

TORTORA     Piacere, Tortora

AMBROGIO  Piacere, Colombi ! Ecco: hemm faa sù 1’usellada. Cossa 1’è che te voeuret Gustavo?

GUSTAVO     (accennando a Tortora) L’è chi per el water.

AMBROGIO  Cossa 1’è che t’ee combinaa, stavolta ? T’ee cattaa foeura el moment sbagliaa. (a Isidoro) E lù ch’el vaga pur.

ISIDORO       Sì, ma la rogna 1’ è sua e che se le gratta lù! (via)

AMBROGIO  faccia de tolla (a Gustavo) E ti te gh’et de finilla con i tò esperiment! (a Tortora) Lù,                         faga quell ch’el g’ha de faa e che le faga alla sventa

TORTORA     Prego ?

GUSTAVO     Zietto, ma verament, l’ era vegnuu...

AMBROGIO  Te voeuret che sappia no perchè 1’è vegnuu ?

TORTORA     Credo che ci sia un grosso equivoco...

GUSTAVO     Il dott Tortora.., l’ è el proprietari d’una cadenza de alberghi.

TORTORA     Centocinquanta, per l’esattezza.

AMBROGIO  Eh???

GUSTAVO     L’è interessà al mee ultim model. Il dott. Tortora, è un  proprietario alberghiero...

AMBROGIO  Lù ? El dott. Tortora ?

TORTORA     In persona. (pausa) Posso accomodarmi ?

AMBROGIO  Ch’el se figura! ... (pausa) Così, lei ne ha centacinquanta, eh ! Voglio dire: una bella cifra.., coi contributi... Guardi che è dura,…

TORTORA     Io sono sempre in piedi…

AMBROGIO  Mi scusi, prego si accomodi, il divano è tutto suo (Tortora si siede in modo goffo, appoggiandosi prima sulla gamba destra e poi su quella sinistra, suscitando l’interesse di Gustavo)

GUSTAVO     Ma lei si siede sempre così?

TORTORA     Non lo so, non ci ho mai fatto caso… perché?

GUSTAVO     Molto interessante! (continua a fissarlo e prende nota su di un taccuino)

AMBROGIO  (notando la perplessità di Tortora) non ci faccia caso, lui ci studia sopra…

TORTORA     Senta, Io sono un uomo d’ affari. Sono qui per il prototipo esposto in Fiera.

AMBROGIO  Ah, perchè nun semm riessii a mett un quajcoss in Fera? (riprendendosi) Ah, sì: il coso li... di mio nipote...

GUSTAVO     Il Wonder-Gaby.

AMBROGIO  Chi 1’ è?

GUSTAVO     El 216 zietto!

AMBROGIO  Ah ! Così, lei avrebbe visto il 216.  bene, bene!

TORTORA     Un momento. Bene fino a un certo punto. Non dico che, non abbia una linea interessante... Oh, Dio: niente di eccezionale, pero... E’ senza dubbio giovanile, spregiudicato... e anche la trovata di incorporare un lettore CD sul coperchio è molto divertente...

AMBROGIO  Ah, perchè... El, già.: c’ è anche il coso li, ... Bella come idea, vero ?

GUSTAVO     Grazie, zietto ! E‘ provato scientificamente, poi, che la musica abbia anche un certo effetto stimolante.

AMBROGIO Certo ! Specialment la musica moderna!

TORTORA     signori, non divaghiamo, io sono un’uomc d’ affari! non ho tempo da perdere. Io sono interessato all’ acquisto di 4.500 pezzi... come prima fornitura, s’ intende.(pescando Gustavo che studia il suo didietro) Ma suo nipote fa sempre così?

AMBROGIO  Altroché… pensi che si perde delle notti intere

TORTORA     Delle notti?

AMBROGIO  Si, ma in compenso qualcosa ci ricava… E così lei vorrebbe 4.500 pezzi del nostro.., Va’ in del gas... Vaindesgatt... (a Gustavo) Come diavol, el se ciama el tò cess ?

GUSTAVO     Wonder Gaby, zietto.

TORTORA     Un momento. Prima vorrei sentire il preventivo. E poi c’ è una condizione...

AMBROGIO  E la saria ?

TORTORA     L’esclusiva. Sa: per poterlo installare tranquillamente nei miei alberghi senza temere la concorrenza.

AMBROGIO  Ah, lei vorrebbe 1’ esclusiva ? Mah, non saprei... Si tratta di vedere... (squilla il telefono) Scusi. (al telefono) Pronto ! Sì... sont mì... Dica, dica…. Ma no?… Cosa?… Possibil?… Bene, bene!…… Ma che discors del lella: certo che accettiamo le ordinazioni!…. prezzi? Rimanga nel vago!… Ma no, non nel vaso! Nel  vago!  Li daremo a giorni……. Un aiutt ? … el cambi ?…. Sì, sì... tegna dur: el voeurara minga abbandonà lo stand proppo adess, vera?… D’ accord: provvedo subito. (riappemde) Finalment! L’è tutta la vitta che ‘spetti on moment come quest ! Stavolta hemm faa centro! Gh’ hemm giamò on sacch de richiest: privati, ditte, collegi, albergatori…

TORTORA     Albergatori? Si ricordi dei nostri Patti!

AMBROGIO  Patti? Ma quali patti? Mi s’eri d’ acccrd un bell nient!

TORTORA     Guardi che, senza esclusiva, io ritiro 1’ordinazione

AMBROGIO  E chi se ne frega! Ma allora 1’ ha minga capìi: Perfin on convent de suor 1’ ha faa la sua brava richiesta, alter che i sò 4.500 pezzi!

TORTORA     Ho capito. Avrei dovuto immaginarlo. Comunque, le nostre trattative finiscono qui. Sono un uomo d’affari e ho una parola sola!

AMBROGIO  Anca mi: buongiorno! (Tortora rimane senza parole ed esce)

GUSTAVO     L’è ‘andaa. Beh, pazienza. Allora,  t’ee vist che success che gh’hemm avuu in Fera? E adess, zietto, cossa l’è che te ghe diset al tò progettista ?

AMBROGIO  (calmo) Bamba!!!

GUSTAVO     Oh, grazie!  (ravvedendosi) Cossa?

AMBROGIO  (esplodendo) Hoo spettà una vitta che te ne indovinasset voeuna. T’ho perfin lassa fà el tò laboratori in d’el me bagn. Cont i danè che hoo spendu in cappuccini, al bar hann rifa  tutt l’arredament! E tì te vett proppi a imbroccalla quand tutti i azion

che gh’era in famiglia hinn volaa via. E nun se ciamom Colombi ? Dovariom ciamass Piccioni!

GUSTAVO     Ma mi sont on omm de scienza! A mì certi question finanziarie me initeressen no. L’è  la mia scoperta che cunta

AMBROGIO  Spera domà che riessom a recuperà i azion; se de no te sbatti in la ruera tì e el tò wister crauti

GUSTAVO     Ma, zietto: perchè te se scaldet tanto ?

AMBROGIO  A proposit: te proibissi de ciamam zietto, perchè tì la Luisa te 1’ee sposada contra la via volontà  (durante questa battuta sono entrati Luisa, Calogero e Orietta)

LUISA            Magani t’ avessi daa a trà! Te see cossa 1’ è quell lì ? (ad Ambrogio, indicando Gustavo) L’è un rovina famili!

GUSTAVO     Luisa!!!

CALOGERO  Un assalto pareva! Invaso era lo Stand! Uomini, donne e bambini: tutti per vedere questa fetenzia di modello E tutti provare lo volevano...e la musica ascoltavano

ORIETTA       Gh’ è staa perfin on fiolin ch’el s’è miss a piang. El voreva pù vegnì via, perchè el voreva sentì la fin de “Hanno ucciso l’uomo ragno”!

AMBROGIO  (a Gustavo) T’ee sentii? Fin i fioeu te fee piang! (a Luisa) e vialter ‘se spettii ? La linea  4 de la metropolitana? Telefonegh a quell disgraziaa del voster agent de cambi! Chi sa mai che fagov in temp a ricomprà j azion!

LUISA            T’el chi ch’el riva con l’ultima corsa! Gh’è nient de fà. G’hemm giamò telefonaa.

AMBROGIO  Ah, sì ? Bene ! E allora ?

CALOGERO  (a Gustavo) Venduto!

GUSTAVO     chi ? mi?

CALOGERO  Il pacchetto azioriario, Venduto a chissà chi!

AMBROGIO  Ah, son proppi miss ben! Chi la va a finir che me salta el posto de direttor general e voo a fa el fattorin

LUISA                        se non alter, almen tì, zio, i tò azion te ghe j et ancamò e con quell che varen, fra on                            poo te vivaret de rendita.

AMBROGIO  (con falsa gioia) Eh, già!  Gh’ avevi minga pensaa.

CALOGERO  E noi? non teniamo più niente per copla sua (indicando Gustavo)

GUSTAVO     Ma Cossa gh’entri mi se vialter gh’avii minga avuu fiducia ?

ORIETTA       Quest, però, l’ è vera, in fond l’ha dimostrà de aveghela un poo de testa… el pareva minga

CALOGERO  Pure sentimenti di ammirazione per il cognato ti metti a fare? Torniamo in camera nostra… e che nessuno ci segua! (escono Calogero e Orietta)

LUISA            Ti tesee el mee marì! Ecco: perchè te gh’ avevet el dover de visam… almen mi! Gh’hoo reson, zio ?

AMBROGIO  Mì tasi, perchè tant mi son sistemaa!

GUSTAVO     Ma se tutti i volt che parlavi di mee progett, me trattavov come se fudessi el Ceco de la Bettolina

AMBROGIO  Eh, già! Perchè, invece, adess, ‘se te credet de vess diventaa: Giuseppe Verdi ? T’ee musicaa di water, minga 1’ Aida! Va, va in Fera che 1’ è mej; va a dagh el cambi al Bottazzi,

GUSTAVO     (fa per reagire) Ma mi...

AMBROGIO  Ti te set un progettista del menga!

GUSTAVO     Ti te seet ancamò el mee direttor general e mi te obedissi, ma se te voeuret proppi saveli, mi hoo giamè ricevuu di offert perfin da una Ditta concorrente.., dei Paesi Bassi. Alter che stori! (via)

LUISA            E adess ? Ma te capisset che, adess che, la ditta la comincia a fà fortunna, mi son restada foeura ?

AMBROGIO  già.. foeura de la finestra!… Ma ti te see bonna domà de fà vegnì denter i alter

LUISA                        Cossa gh’entra chi bambanad chi, adess ?

AMBROGIO  Pian: minga tropp bambanad, perchè se tì, invece de pensà. ai galavrioni, te fudesset stada pusse  taccada al tò marì, forsi te sariet ancamò la prima donna.

                        (Entra Rosetta con la borsa della spesa)

LUISA                        (a Rosetta) E tì,? La te par questa l’ora de andà a provved?

ROSETTA      No, siora Luisa: ghe so già stada, ma me son desmentegada le patate.

LUISA            (trovando con chi sfogarsi) Per forza! Te se saree fermada a cicciarà... e, dopo, la testa la va in stondera| E nun chi a ‘spettà che la vegna bonna… E poeu: varda se  l‘è diventada sta cà chi! Mi la reconossì pù! La me par un stabbiell. minga una cà!

ROSETTA      Cossa gh’averia de far, secondo ela ? Gh’ hoo du brazi soli! Con la scusa delle dimissioni, quellia vecia balenga non la fa più niente. La sta sempre a pensarghe al suo Isidoro.., che ghe xè tutta la contrada che la ride… Se la savesse cossa i me gh’ ha raccontaa al  mercato stamattina…

LUISA            L’ hoo ditt mi che te seret andada in gir a cicciarà! Ma vjalter vee sii miss in testa de famm diventà matta ? Mì ve sbatti foeura! Son proppi stuffa! Stuffa marscia! (e se ne va infuriata)

ROSETTA      (dopo un silenzio) Ooh, ooh! Ma cossa la se crede ? Se el xe per quelo mi me ne vago anca subito! Tanto per quelo che gh’ hoo in ‘sta casa.., che prima almanco se vedeva lo stipendio e ‘sto mese gnanca più quelo (alzando la voce) Da quando che lù el me gh’ ha dato quel maledetto pacchettazzo de carta, gh’ hoo ancora de veder una palanca

AMBROGIO  Tas, vosa minga inscì che l’è mej!

ROSETTA      (riprendendo più alta) Ah, gh’ ho anca da taser ? Ma che se le ciappa indrio le so azioni.., malazioni… combinazioni... e ch’ el me paga quello che me spetta, piuttosto tanto lo so che la ditta la xe drio andar a ramengo!

AMBROGIO  T’ hoo ditt de stà citto! Calmes: Varda, femm inscì: damm ìndree i azion, che te foo un assegn, va ben?

ROSETTA      Eh, no, mi non me fido più de le sue carte.. Lù el saria bono de darme un mazzo de tarocchi e de dirme che i xe Buoni dei Tesoro

AMBROGIO  Come se varessen pusse!

ROSETTA      Mi vogio contanti e, dopo, saluti ai sonatori.

AMBROGIO  Va ben. Ti adess va a toeu i patati e, quand te vegnet sù, te me det i mee azion e mi te liquidi, va ben?

ROSETTA      Staremo a vedere (mentre esce, brontola) Ma varda se quella cagnassa la gh’ ha de trattarme in ‘sto modo! Ma se nasso un’ altra volta, gh’ ho de nasser padrona! (via)

AMBROGIO  Adess el pussee 1’ è faa. Bastaria avegh i danè per pagala....

(entra Giulia. E’ pronta per uscire. Ha una valigia. Sfoggia un’ aria mesta , depone la valigia o cincischia con la borsetta)

                        Dimm minga che te set in partenza...

GIULIA          E invece sì.

AMBROGIO  L’ ultima volta che t’he faa sta scenna, te vegniva foeura dal soprabit el  scossa e te seret desmentegada de impinì 1a valisa

GIULIA          Si, ma stavolta voo via sul seri.

AMBROGIO  (la guarda un attimo, si avvicina alla valigia e la solleva leggermente e La rimette a terra) L’ è piena…. Viaggio di nozze ?

GIULIA          el sa, a sto mondo non si può mai dire

AMBROGIO  E la liquidazion? La Luisa te l’ha giamò dada?

GIULIA          No... ma gh’ è minga premura. (raccoglie la valigia per avviarsi) e poeu, mancarà minga occasiun.

AMBROGIO  Ah, allora te vet no lontan

GIULIA          Eh, per forza! (pausa) t’el see, per via dei dividendi.

AMBROGIO  Dividendi ? Che dividendi ?

GIULIA          Ah, già che te l’hoo ninga dit: gh’avevi quatter ghei de part , e inscì, quand hoo savu che i tò nevud s’eren disfaa di azion, ho pensà de compraj mì. (controscena di Ambrogio) El soo che varen minge tant, ma me sot sentida de fall per un fatto affettivo. Tutt sommaa., 1’ è tutt quell che porti via de trent’ ann  de servizi in quella cà chi.

AMBROGIO  (dopo una pausa di sbalordimento pensa al come agire) ecco: questi chi hinn robb che me commoeuven... (la guarda in silenzio – Giulia abbassa il capo) cià.. cià... da chi, va là (fa per prendere la valigia) podi no lassat andà via.

GIULIA          No, no... ch’el lassa  perd... 1’è mej inscì.. ch’el me creda

AMBROGIO  (ritirandosi addolorato) Te me dee del lei? Al tò Ambrogino! Te credet  che me sia offes per via dell’Isidoro? Ma mi i robò je capissi. Ouej, te set ancamò una bella donna (Giulia sorride) Te see restada lusingada… e poeu te le faa anca per ripicca: l’è minga la prima volta… te set rigordat i prim temp, quand te me faa cred che te piasess quell macellar... ... che gh’ hoo perfin taccaa lit insemma... eh, te se regordet?

GIULIA          Eh, sì! Te n’ee ciappaa tanti, pover Ambroeus... Cert: quell 1’ era amore

AMBROGIO  No: eren bott! (Giulia ride) Oh, finalment! Son riussii a fatt nid. Daj, adess ti te vee de sura e tutt el tornarà come prima, eh ? (le prende le valigia, che Giulia sembra concedergli, ma, all’ ultimo momento, gliela strappa)

GIULIA          No, no: hoo tribulaa assee con ti. Guai se i robb tornassen me prima. Sariom ancamò sotta spade e cortell e se ricominciarìa cont i solit ripicch, i solit promese; e mi gh’ hoo pù temp de contentam di promess. D’ altra part: ti te se la sentet minga de 1igas, perchè te voeuret viv le toa vitta e allora, varda,: ognuno per la sua strada e s’ciao

AMBROGIO  Sì, te stee fresca ! Perchè, segond ti, mi te lassi andà? Ma te capisset no che la nostra strada la gh’ ha de vess semper la stessa; i noster pass, i noster penser, i noster azion! Ti te m’ ee semper fraintes, Giulia. Mi t’ ho domandaa domà del temp...

GIULIA          Sì, ma tropp temp, Ambroeus, tropp!

AMBROGIO  E adess el temp l’è rivaa! Varda: mi son chi, te guardi in di oeucc e me par de tornà indree... Sembra jer... e quell ch’ hoo mìnga poduu fa alura... podi fell incoeu, Giulia, Juliette... mì e ti insemma

LUISA                        (che è apparsa da qualche attimo) Ma che bell quadrettin.

AMBROGIO  No, Luisa, no! Stavolta la robba l’è seria, troppa seria; e te permetti no de fà dell‘ ironia ! Anzi l’è giust che tutta la famiglia sappia quell che gh’ hoo intenzìon de fà. Orietta, Calogero, venite qua

CALOGERO  (entrando) Cu fu

ORIETTA       Se succed ?

AMBROGIO  Incoeu 1’ è festa! V’ho cìamaa perchè voeuri che siov tutt testimoni del passo che stò per compiere.. (inginocchiandosi di slancio) Giulia, Juliette: vuoi essere mia moglie ? (un attimo di silenzio)

GUSTAVO     (irrompendo) Zietto, zietto

AMBROGIO  (in spaccata, sibilando) Va via, bamba!

GUSTAVO     (inarrestabile) Se te vedesset quell che succed in Fera! Tucc intorna al mee modell! Gh’è perfin vegnuu la stampa a intervistamm!

AMBROGIO  (che non riesce ad alzarsi, a Calogero ed Orietta) Tiremm sù, vialter, che voeuri strozzahl! (i due lo aiutano)

GUSTAVO     Hemm finii tutti i blocchett di prenotazion! El Bottazzi 1’ è continuament in cerca de carta, per scriv! Per fortunna ch’ el stand visin l’è d’ ona fabbrica de carta igienica

LUISA                        E va ben, basta ! Esagera no ! El semm tutti el succes che te gh’ eet avuu....

                        (dal fondo è entrata Rosetta)

AMBROGIO  (contenendosi) No, mi el savevi no...

ORIETTA       Com’è t’ el sevevet no ? Se n’ hemm parlà primma ?

AMBROGIO  Gh’ avaroo minga fa caso! Sta citto!  E ti, Gustavo, adess te la mocchet, eh!

LUISA            Ma perchè ? Te dispias sentì dì che i tò azion fra pocch varerann un capital ?

ROSETTA      Quali azioni ?

ORIETTA       Ma quej del zio Ambroeus, no ?

AMBROGIO  Ma chi 1’ è che t’ ha cìamaa, ti ?

ORIETTA       Ti, zio, primma, per la festa, no ?

ROSETTA      Alora ela la voraresse dir che quel pacco de carta strazza che gh’ ho de là el vare un capitale ? Oh, grazie, sior cavaliere! (passando le patate a Luisa, che è rimasta sbigottita) E queste, siora, che se le pela ela! Vago subito dal mee Zacinto ! (e se ne va in camera sua)

LUISA            Varda: d’ una part son perfina contenta! Anca ti, anca ti te see restà foeura de la finestra, come mi, come nun. La t’èe costada cara quella là, eh?

AMBROGIO  (debolmente, cercando di giustificarsi) Beh, te see, dovevi pur liquidala in ona quej manera; podevi. minga falla spettà.

LUISA            Ma se questa chi (indicando Giulia) te l‘ee fada spetta trent’ ann! Anzi: dato che te paret decis a sposala, l’è ciar che mi la liquidi pù! Te ghe penset tì!

GIULIA          Che la se ciappa minga penna, perchè mi de preoccupazion economich ghe n’ hoo no

LUISA                        (sorpresa) Beata lee, signorina Giulia! Cossa 1’ ha faa ? L’ha ereditaa ?

GIULIA          No. Ho domà compraa j azion che lee e la sciora Orietta hann creduu ben de vend.

CALOGERO  (dopo uno sbigottimento generale) Lei ? Allora, padrona ?

GUSTAVO     (che nel frattempo aveva telefonato e preso appunti) Ghe foo tutti i mee compliment. E grazie per la fiducia

ORIETTA       Giulia: che la varda, seri proppi contenta! Mej lee che on’ altra!

AMBROGIO  ‘Ndemm., va là che te compagni de sera (prende la valigia e si ferma ad  aspettare Giulia  che viene fermata da Luisa)

LUISA                        Podi fagh ona domanda, Giulia ?

GIULIA          Come no ? Anzi: me meravigli se me le fasess minga.

LUISA            Primma che al me zio ghe sciopass ‘sta voeuja matta de toeulla per mièe...  le saveva che lee l’ era praticament la padrona de la ditta ?

GIULIA          Sì:ghe 1’ hoo ditt mi.

AMBROGIO  Tra minga in pee di gibilee, per 1’amor del cielo!

LUISA                        E gh’è minga vegnuu el sospett che tutta ‘sta manfrina ghe l’avess fada perchè 1’ere                          giamò al corrent...

GIULIA          Del success del Wonder Gaby ?

AMBROGIO  Ma figuret se mi savevi..(si ferma, colpito. A Giulia) T’ee ditt del wonder Gaby ? Ma, allora...

GIULIA          mi savavi tuttcoss. Ma te par che la pussè grossa azionista de la ditta la se ciapava minga la briga de andà en fera a vedè come vann i affari ? E quand, hoo sentii che el Dott. Tortora el veniva chi, g’hoo avuu minga pù de debbi: scometti ch’el voreva 1’esclusiva.

AMBROGIO  Sì, ma mi ghe 1’hoo minga dada. Hoo fa ben ?

GIULIA          Come no! Voeur dì che me regorderò de ti quando decidarem il nuovo organico.

AMBROGIO  E chi 1’è che decid il nuovo organico ?

GIULIA          Mi, prima de tutt, e poeu tucc i alter, compresa la Rosetta.

AMBROGIO  E... el mee post’ de direttor general? (colpito) Addio! La Giulia, la Rosetta! Ghe semm: el mej che me poda capità, 1’è un post de fattorin

   

BUIO  Quando la Luce si riaccende,entrano  in scena Isidoro e la Rosetta, vestita molto elegantemente e tiene per mano Giacinto che con la mano sinistra regge un pacco

ISIDORO       Rosetta.., cara la mia Rosetta, come 1’è che te stee? Te seet ona meraviglia!.

ROSETTA      Grazie. Anca lù! Se permette, ghe presento el mee Zacinto.

(Isidoro gli tende la mano. Giacinto, con riflessi lentissimi, gli tende la destra trascinandosi la mano di Rosetta. Cerca di rimediare stendendo la sinistra col pacco. Cerca allora di liberare la sinistra passando il pacco a destra, ma finisce per avere ancora le due mani occupate)

ISIDORO       Beh, per dass la man gh’ hemm tenp. (a Rosetta) E inscì questo sarebbe il famoso Giacinto. Brava ! Te gh’ eet avuu bon gust. Dove l’ è che te l’ ee cattaa foeura ?

ROSETTA      Oh, sior Isidoro: Bisogna conosserlo a fondo per capire che stellazza el xe (guardando Giacinto con aria innamorata)

ISIDORO       (dopo aver osservato la scena) Sent: e se bevessom un quaicoss … s’ te diset ?

ROSETTA      Ah, mi 1’ aperitivo lo bevo volentieri...

ISIDORO       (avvivinandosi alla comune) Ouej, ti: vegn a servì de bev !

AMBROGIO  (appare dalla comune. Indossa una giacca da cameriere e grembiule; reca in mano un piumino) Ouej, o foo el barista o i mestetè de cà! Questo è un cumulo di mansioni! Mi me rivolgi ai Sindacati!

ROSETTA      (sorpresa) Ma, cavaliere, el xe proprio lù ?

AMBROGIO  No, sont cunn che me somiglia! Oeej, ma come te fasevet a faa tuttcoss: spesa, cusina, lett de rifà, … ti se non alter te ciapavet el stipendi, mi nanca quell! (nel frattempo si toglie il grembiule, poi rivolto a Isidoro) Il signore ha chiamato ?

ISIDORO       Sì: versom trii Martini.

AMBROGIO  Subito, signore.! (si dirige al mobile-bar)

ROSETTA      Oh, cavaliere, el vol che ghe daga una mano.... senza complimenti!

ISIDORO       Che 1e lassa... ch’el se rangia de per lù! Puttost, cara Rosetta: a cosa dobbiamo il piacere di questa visita ?

ROSETTA      L’era per domandar se non se podeva averghe un acconto sui prossimi dividendi... Siccome che gh’ avemo deciso de speserci...

ISIDORO       Ma, verarment… ogni decision la ghe spetta semper a la sciora Giulia. Fra pocch la dovaria vess chi.

AMBROGIO  (porta un vassoio con tre bicchieri. Serve prima Rosetta, poi Giacinto e, arrivato in fianco a Isidoro, prende il terzo bicchiere e sa lo beve) Prosit!

ISIDORO       (sorpreso) E mì ?

AMBROGIO  Ti te cìamet el barista! Anca perchè, al Martini 1’è ancamo el mee!

ISIDORO       (offeso) ne parlaremm con la sciora Giulia

ROSETTA      Intanto che la spetemo, se i permette... Zacinto passame il pacco: gh’ hoo una sorpresa...

AMBROGIO  Ma, allora: el seria quest chi el famoso Giacinto ?

GIACINTO    Famoso... minga tant...

ROSETTA      (che ha aperto il pacco) Questo, Zacinto, al xe el cavaliere, che ci ha regalato le azioni della ditta.

GIACINTO    alura bisogna dagh una bomboniera grossa (prendendo una bomboniera per Ambrogio e poi una piccola per Isidoro) A lù vunna piccola, perchè lù a la Rosetta el g’ha da nient.

AMBROGIO  Però, l’ internzion ghe 1’ aveva.., vera, Rosetta ?

ROSETTA      ma mi non me sono mai accorta. (intanto entra Giulia, elegantissima)

GIULIA          Gh’è aria de festa, chi ? Chi 1’ è che se sposa ?

AMBROGIO  (aiutandola a togliersi il soprabito) Mi, no de sicur…E’ la Rosetta. E quell là ch’ el par on sopramobil… 1’ è no on sopremmobil: l’ è al so moros!

GIULIA          Cara la mia Rosetta! Ma che belle sorpresa ! E come te seet elegante

ROSETTA      Oh! La me confonde.  Piuttosto ela: la xe un incanto La per una putela de venti anni!

AMBROGIO  Sì: a1 cubo

ROSETTA      Che la permetta che ghe presenta el mee futuro sposo. Questo xe Zacinto... la sciora Giulia...

GIACINTO    A questa chi come ghe la demm la bomboniera?

ROSETTA      Zacinto! (prendere una bomboniera)

AMBROGIO  (a Giulia, a parte) Se ved che 1’ ha studiaa a Oxford, e ?

GIULIA          (ignorando Ambrogio, riceve la bomboniera dalle mani di Rosetta) Oh, grazie! Àdess bisognerà fat un bel regal

GIACINTO    Eh,  per forza, se de no perchè gh’ je hemm daa ?

AMBROGIO  (a Giulia) A lù ona bella museruola.

ISIDORO       (intervenendo) Sciora Giulia: la signorina Rosetta l’ era vegnuda per ona robba on poo particular...

ROSETTA      Un acconto sui dividendi, siora... dato che se dovemo sposare.

GIULIA          Sent, Rosetta: la saria minga la prassi, ma vedarò de contentatt. Te podet passà doman mattina ?

ROSETTA      Oh, grazie, siora. (guarda 1’orologio) Oh, come el xe fatto tardi! E gh’avemo de passer per el novo appartamento! Andemo Zacinto e levemo il disturbo.

GIACINTO    Subit ! (fanno per uscire) E metteves d’ accord per i regj, minga de fai tucc istess.

ROSETTA      (mentre se se va con Giacinto, la si sente brontolare) Co mi te gh’ha de imparar a parlar poco, capio... che mi no gh’ ho vogia de far figure... (via)

GIULIA          (a Isidoro) Altre novità ? La posta l’è rivada?

ISIDORO       (dandole la posta) Eccola, signora Giulia. (Ambrogio raccoglie il vassoio con i tre bicchieri e li porta in cucina,per riapperire subito dopo)

GIULIA          (aprendo una busta) “Centro Arredamento Padano”. Vedem se voeuren. „spettabile ditta (bofonchia qualcosa, poi prosegue) la rappresentanza del Wonder Gaby per tutta la Padania. (passando il foglio a Isidoro) Ch’el domenda informazon e dopo vedarem. (passando ad un’ altra lettera) “Gentilissima signorina Giulia (pausa — scorre il foglio, poi, rivolgendosi a Isidoro) Me l’ ha scritta lù?

ISIDORO       Me sont permess. Data la ricorrenza !

GIULIA          Che ricorrenza ?

ISIDORO       (maliardo) La se regorda no che dì l‘è doman, sciora Giulia ?

GIULIA          la Pentecoste, e domà per quest gh’ hoo de vegnì foeura a disnà con lù?

AMBROGIO  Forse per spettà la discesa dello Spirito Santo.

ISIDORO       No, sciora Giulia: giust duu mas fa, mi g’hoo rivelà i mee sentiment.

GIULIA          (colpita) L’ è vera! E se re regorda ancamò?

AMBROGIO  Per forza: con tutt el frecc che l‘ ha ciapaa

ISIDORO       Me scaldava 1’amor!

AMBROGIO  Fa minga rid i sass! Soo ben mi cosse 1’è che te scaldava! Giulia: quell bell roòb lì...

GIULIA          (guarda 1’orologio, poi, fredda) Lù l’ha finii la sua giornada de lavorà! E che la sia 1’ ultima volta ch’ el se permett de cascia el so nas nelle mie faccende di cuore!

AMBROGIO  Ma mi vorevi ditt che quella sera...

GIULIA          Che 1’inventa minga di alter ball! Hinn trent’ann che me ne cunta e son stuffa de sentii! Buonasera (Ambrogio si avvia umiliato verso la sua camera temporeggiando, quando sente Giulia continuare) In quanto a lù, scior Isidoro apenna el manda a cà i impiegaa, ch’ el vegna pur sù che gh’ hoo tanti robb de digh. Mi intenta voo de sora a cambiam per la serata. Semm d’ accord ?

ISIDORO       La me impieniss el coeur de felicità! (Isidoro esce dalla comune mentre Giulia va verso la sua camera)

AMBROGIO  (rivolto a Giulia) Brutta vegiassa… spaventapasser de campagna! La voeur fà la giovina; a. se mett tutta in ghingheri ‘sta rimbambida... e la se accorg minga de fass toeu per el nas da quell’ alter farabutt là! Ma te capisset no che quell lì el te mangia i danee da travers, come l’ha faa la Rosetta con mi? (si blocca) Vacca: che pistola che son staa… ma almen quella me i ha fregaa senza vorell! Ma quell là el sa ben quell ch’el voeur! EI voeur fregass anca la ditta e mi me tocca stà chi a guardà

GUSTAVO     (entrando) Zietto

AMBROGIO  Tell chi el pussee bell di articiocch! Ma quand l’ è che andi via ?

GUSTAVO     Sont chi che spetti la. Luisa, ma prima vorevi parlatt d’ ona roba importanta.

AMBROGIO  Ah, sì ?

GUSTAVO     Te vedet ? voeurevi  che ti te fudesset el primm a savè cossa gh’ hoo in testa...

AMBROGIO  Mi pensi che te see proppi ti a savell no!

GUSTAVO     Gh’ hoò tuttcoss chi (si batte gli indici sulla fronte) gh’ hoo un progett, che el Wonder—Gaby al poeu andà a scondess.

AMBROGIO Bravo ! Ma perchè te m’ el diset a mi ?

GUSTAVO     Zietto:a mi me dispias lassatt ti, la ditta, la cà, ma la Luisa 1’ ha insistii inscì tanto che hoo dovuu contentala. Adess che i affari van che 1’ è ona meraviglia... 1’ è minga contenta

AMBROGIO  Sarà perchè te 1’ee trascureda un poo! Ti te see tropp taccaa al tò lavorà. E invece i donn bisogna minga lasai tropp sul. Te se me l‘è: ona donna giovane e bella, lassada tropp de per lee...

ISIDORO       Chi? La Luisa? Figuremess, zietto… soo chi l’è cho hoo sposà, veh, mi

Se la Luisa la me tradiss, prima sbatti foeura de cà lee e poeu ghe daria quatter cassott anca a lu… perché mi sont bun de famm rispetà!

AMBROGIO  (ridacchiando) Ah ! Ah ! Allora hoo faa ben a stà citto. Pensa on poo se vegnivi a riferitt quell che diseva la gent!

GUSTAVO     La gent la troeuva semper de spettegolà. Comunque zietto el mee progett…

AMBROGIO  Va varda se gh’hann de vegnì a dimm che la Luisa la gh’ aveva ona simpatia… indovina per chi ?

GUSTAVO     Per 1’Isidoro!

AMBROGIO  Come te fee a savell ?

GUSTAVO     perchè me 1’ hann ditt i operari. Ma te voeuret che mi ghe doo a trà ai operai? Una volta. n’ hann ditt che ti te seret ona carogna d’ un capitalista, perchè te ie pagavet no da quatter settiman. Dovevi credegh ?

AMBROGIO  Beh….

GUSTAVO     Te vedet ! Mi avevi cominciaa a parlatt del mee progett.

AMBROGIO  Me par impossibil che te capisset no! Giust duu mes fa, 1’Isidoro 1’ è staa taccà sù tutta ona nott a quella gronda lì, per vegnì chi a trovà la toa miee ! E quella volta lì 1’hoo vist mi, cont i mee ooucc!

GUSTAVO     Ma zio: te me intorrompet semper per nagotta! Te se rogordet no che 1’ è vegnuu per la Giulia ?

AMBROGIO  NO!!!

GUSTAVO     Ma come no ? te ghe seret chi anca ti. Stavolta, te me lasset finì, eh ? Donca: el mee progett 1’è compost da un sedil a circolasion termica, el querch...

AMBROGIO  (visti miseramente falliti i suoi tentativi, con calma) Me foo a fatt capì che la toa mièe 1’ è stada 1’ amante de 1’ Isidoro!?!

GUSTAVO     Ma te parlet in sul seri, zietto ?

AMBROGIO  (annuisce gravemente)

GUSTAVO     Impossibil! la mia miee la n’ ha faa i corni... e la m’ ha mai ditt nient ?

AMBROGIO  Se la doveva fatt un telegramma per correttezza com­merciale? Purtropp, i robb stann inscì. E adess voeuri vedè so te see verament bon do fatt rispettà…

GUSTAVO     (dopo una pausa) Prima bisogna che ghe domandi so l’ è vera.

AMBROGIO  (alza lo braccia al cielo e, sconfitto, rientra in camera sua)

GUSTAVO     (riflettendo) T’ ce capii ? (si avvia al tavolo di Giulia) Ah, son proppi miss ben (gli cade 1’occhio sul biglietto di Isidoro. Lo prendo e lo legge) “ Gentilissima signorina Giulia. Da troppo non mi è concesso esternarle i sentimenti traboccanti del mio cuore in quella notte fatale. Oso sperare in queste occasione che non vorrà rifiutarmi con questo invito a cena. Il sempre più suo a Isidoro.” (trionfante, posa il biglietto e va verso la camera di Ambrogio) Gh’ hoo reson mi, zietto! (entra Giulia con una busta voluminosa in mano che appoggia sul tavolino) Signora Giulia: ma che splendida toiletta. Chi l’ è il fortunato ?

GIULIA          Oh, buonasera, signor Gustavo. Ci tenevo proprio a salutarla e ringraziarla per tutto quello che l’ha faa  pur nun.

GUSTAVO     Oh, roòb de nient ! Mi voo via tranquill, perchè soo che la ditta è in buone mani... nelle sue e in quelle di quel galantuomo dell’Isidoro…

GIULIA          Lù el cred? (sono interrotti dall’ arrivo di Calogero, Orietta e Luisa che stanno parlando fra loro)

CALOGERO  (visibilmente emozionato) Oh, Dio ! Oh mamma mia bella ! Positivo gli è ! Positivo ! (si butta sul divano, continuando a lamentarsi)

GIULIA          Cossa succed, adess ? (entra Ambrogio)

ORIETTA       Nient. son mì che aspetti on fioeu.

GIULIA          Ma che bella notizia. Cara la mia Orietta ! E bravi tutti e duu

GUSTAVO     quand el nass, scrivemm subit che ghe troo in pee un modellin special! Cominci subit a studiagh a sora.

LUISA            Magari, durant el viagg... adess andemm a toeu i valis, che gh’ è minga temp de perd. (esce con Gustavo)

CALOGERO  (a Orietta) Incosciente che sono ! Assiso stò, mentre essa, la madre dell creatura, in piedi stà! Anema mia, aspetta, andiamo in camera nostra (fanno per uscire) e che nessuno ci segua!

GIULIA          Oh, signor, come el se agita per nient ! (entra Isidoro)

ISIDORO       Cha la me scusa per el nitard... Oh, signora Giulia: che splendore

GIULIA          El ghe piass?

ISIDORO       Gh’è proppi bisogn che g’el disa?

AMBROGIO  Beh… se el te fa schivi, sta citto

ISIDORO       Come el se permett ? (a Giulia) Dovaroo sopportà el sarcasmo d’ on camerer ?

GIULIA          Ma, Isidoro: lù ghe 1’ha proppi sù con la servitu… una volta eren i opinion della governante che non sopportava. El se regorda ?

ISIDORO       E se ghe disessi che erano soltanto atteggiamenti per nascondere la mia timidezza ?

AMBROGIO  Te ghe cuntariet sù ona balla

GIULIA          Attent, Isidoro, perchè 1’Ambroeus de frottol se ne intend! Cossa el cred che mi dubiti di sò intenzion ? Nooo !...

ISIDORO       La ved, Giulia: eren giornad difficil per mì. Cascià indree ‘sto sentiinent che se faseva strada... trovà minga el coragg de dighel...

AMBROGIO  Certo che ghe voreva un bel coragg

GIULIA          Se 1’era domà per quell, el podeva mandamm una lettera, come l‘ha faa stasera… 1’è inscì convincent quand el scriv...

ISIDORO       E lee... se 1’ avaria faa ?

GIULIA          Gh’ avaria rispost, come foo adess… (prende la busta voluminosa, e gliela porge) ISIDORO        (con stupore gioioso) Per mi?

AMBROGIO  (fra sé) sarann minga i azion de la ditta ? (a Giulia) Te faret minga la stupidata che hoo fa mi cont la Rosetta!?!

GIULIA          Te par che mi gh’abbia la tua testa? Lì denter gh’ è domà la liquidazion, el librett e la lettera de licenziament

ISIDORO       (con una smorfia)  Per mì ?

AMBROGIO  (con entusiasmo) Sì, per 1ù !

ISIDORO       Sciora Giu1ia: speri che la me spiegherà!

GIULIA          Ma se‘1 voeur che ghe spieghi? Gh’hoo forse domandaa di spiegazion, mi, quand el m’ha doperà per quattà tutti i sò maneggi con la Luisa ? E dopo, apenaa l‘ha savu che la padronra s’eri mì... quand l’ha pretes de Vess ciapà sul seri con tutti i sò attenzion, i so oggiad… i suoi sorrisi … i so mezz parol… qui lì sì, hann comincià a famm schivi, come la trovada dell’invito a cena per stasera…! Me per chi l’ è el m’ha ciapaa ? Per una povera veggia  rimbambida, pienna de scalmann? Ma ch’el se leva di pee!

AMBROGIO  (a Isidoro) Vuole che 1’acconpagni ?

ISIDORO       (tragico, per andarsene) Speravo che accettase il mio invito ed ho avuto il licenziamento; chiedevo un poco d’ affetto ed ho avuto una tempesta di insulti. Vado Sperando che il tempo sani le mie ferite. Addio (mentre esce) Meno mal che l‘è finida! Ma che fadiga, gent ! (via)

AMBROGIO  (passeggia soddisfatto, aspettando una parola di Giulia. Alla fine, va al bar e versa da bere in due bicchieri) Bisogna bevegh sora! L’ e stada ona gran serada, questa! Ouej: te ghe n’ee ditt, eh…Mi però, avevi capii che element che 1’ era...

GIULIA          E allora: perchè te l’ee ninga licenzia?

AMBROGIO  Perchè gh’ avevi minga i danèe per liquidall (le porge uno dei due bicchieri)

GIULIA          No, grazie: mi gh’hoo nient de festeggià. (pausa) Appena finissen i offizi noeuv, voo via anca mi.

AMBROGIO  (colpito) E te gh’avarisset el coragg de lassam chi in de per mi ? (pausa - con falso vittimismo) Eh, già: quand se diventa vecc ‘me mi, te metten in d’ on canton, te lassen de per ti… in una cà veggia, voeuja…  solo coi tuoi rimpianti, nella tristezza e nello squallore… eh Giulia, Giulia: te diventarett veggia anca ti e te ne accorgerai... oh, sì, se te ne accorgerai...

GIULIA          (insofferente) Mocchela do fè e1 stupid. Hinn trent’ ann che 1’è semper la stessa sonada: L’amoroso, el vivoeur, el bravo capo-famiglia, la vittima: oramai la conossi tutta la vedrina di tò personaggi…… e bisogna che me ne vaga… perché a lassat fa… saria bona de borlagh denter un’altra volta (esce)

AMBROGIO  (riprendendosi di colpo) Ouej stavolta l’è grisa! Eppur gh’ hoo de trovà on sistema. Cossa 1’ è che podi trà in pee, stavolta ? Andà de sora: me par minga el caso. Ingelosila? Ormaj ghe ne frega pù nient…. Che sont on pover vecc chi de per mi... ghe l’ hoo giamò ditt. Eppur gh’ ha de vessegh on mezzo!

CALOGERO  (entra, si dirige al bar e versa un bicchiere di marsala) S’ te fee ? Te festegget la paternità ?

CALOGERO  Per la mia signora è ! Sostenuta va! Primo pensiero in questi casi, la salute deve essere.

AMBROGIO  El, sì: te gh’ee reson! La salud 1’ è semper importante ! (illuminandosi) La salud ? (e comincia a lamentarsi) Oh, Dio, Dio, oh, oh, mamma come me senti mal! Aiuto! Chiamate qualcuno!

CALOGERO  Che è stato ?

AMBROGIO  Oh, mamma: me senti vegnì frecc, me senti una roba chi che la me rispond de chi... Ciama ou quajdun, Calogero, ciamma aiut

CALOGERO  (impressionato) Orietta! Orietta!

AMBROGIO  Ma lassa stà l’Oreetta, che la gh’ entra nient ! (entra Orietta)

ORIETTA       Zio: ste gh’ee ?

AMBROGIO  Soo no, mi: 1’ è ona roba strana, ona quaj malattia noeuva, soo no, ciamma on quaidun,..

ORIETTA       Telefoni subit a 1’ospedal...

AMBROGIO  Ma lasse sta...! (alzando il tono, quasi cantando) mamma, me senti mal, come stò mal! (fin che compare Giulia)

GIULIA          Se succed?

CALOGERO  Signora Giulia: il cavaliere male si sentì... Improvvisamente

ORIETTA       L’è grave?

GIULIA          (capendo in un attimo la situazione) Mo, no: immagini de cossa se tratta: 1’è una malattia ch’ el coveva de tanto tem (Si avvicina ad Ambrogio, che è steso sul divano ed ha assunto un’espressione sofferente) Prima o dopo la doveva  seltà foeura..... prima se sent manca la terra sotta i pèe … se va in confusion... se sa pù da che part tacas e l’è alora che comincen i dolor, vera?

AMBROGIO Più o meno...

GIULIA          (si siede sul divano e gli prende la mano) Ma, adess, scommetti che el se sent giamò mej…

AMBROGIO  Dipend….

ORIETTA       Da cossa, zio ?

AMBROGIO  Dal sistema de cura.......

GIULIA          Ma 1’ è nanca question de cura ! Questi chi, oramai, sono malesseri che duren tutta la vita ! Quand te capita on malaa de quell tipo chi.., o mazzall o tegnill!… e forsi l’è mej tegnill!

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno