I sciantilin

Stampa questo copione

I SCIANTILIN

 


                                   (LE CALOSCIE)

COMMEDIA IN GENOVESE

TRE ATTI

di

ENRICO SCARAVELLI

Personaggi in ordine di apparizione:

CLOTILDE                                - padronn-a da villa

MANFREDI UGOBERTO        - màjo da Clotilde

GIANNI BENSERVÎO              - l'ommo do ..futûro

SABINA                                    - a donna de servissio

DON ALFREDO CANONICO  - praeve de Santa Marta

CAMILLA                                 - seu do praeve

MARTINA                                - moae da Clotilde

GIÄXO                                      - o giardiné

LAUDANO                               - o mëgo

A Zena (Murta) in to milleottoçentoottantesei-ottantesette

I SCIANTILIN

(Le caloscie)

ATTO PRIMO

Interno della sala di una vecchia villa. Caminetto acceso, porta al centro che conduce al giardino e  all'esterno; a sinistra una porta conduce alle camere. Quadri alle pareti, tavolo rotondo al centro o di lato; poltrone. Mobili della metà ottocento.

Una parete mobile conduce ad un passaggio segreto (potrebbe essere una libreria), ignorato dai proprietari discendenti del Barone Sereni Ugoberto di Murta. Tuoni e lampi scuotono l'aria.

 

SCENA I

(Speaker, dall'esterno - Clotilde – Manfredi,  poi Sabina)

SPEAKER       :- "Quanti vorrieivan avei o dono de l'ubiquitae, poei ëse in te duì posti contemporaneamente, oppure avei 'n pitinin de magïa, pe' andà verso o futûro o verso o passòu, naturalmente poendo tornà inderré s'accapisce. Ma son cöse che no sûccedan mai.. a macchina do tempo no l'han ancon inventà...a meno de no addeuvià a fantaxìa, con quella se peu andà dovve se veu, ä velocitae che se veu e no se spende ninte. L'è sûccesso ûn giorno a Gianni Benservìo, un zoenotto moderno, d'avei attrovòu, pe' cäxo, ûn scistema pe' fa queste cöse... andà avanti o inderré in to tempo pe' 'n periodo minimo, armeno finn'òua. Con che mezzo, ve domandiei: semplicemente con ûn pä de sciantilin, attrovae in te 'n vëgio bàilo di seu bezävi e quande o Gianni o se l'è infiae.. Cöse son i sciantilin?.. Ma scì che ve ricordae… son e galosce, o mëgio e sorviascarpe de gomma, che se ûsavan pe' no arroinà e scarpe e pe' no bagnase i pë… Questo o sûccedeiva quande ne pàiva d'ësse meno fûrbi… Ma stae a sentì comme son andaeti i faeti... comme o Gianni o l'è ritornòu, pe' cäxo o pe' magïa, inderré in ti anni... "

CLOTILDE   :- (entra dalla sinistra; indossa uno scialle ed ha in mano un libro. Il marito Manfredi la segue poco dopo, entrando dall'esterno; calza un paio di stivali, un soprabito, si toglie il cappello e mette l'ombrello bagnato nel portombrelli) "Ciao Manfredi, ti t'è insûppòu con 'sto tempo? Vanni a cangiäte se no ti t'accostippi"

MANFREDI :- (sulla cinquantina. Nel frattempo s'è tolto il soprabito e si avvicina alla moglie, le dà un bacetto sulla fronte. ) "Tranquilla Clotilde. Ho combattûo a battaglia navale de Lissa vint'anni fa… son staeto a bagno pe' de öe e me son sarvòu senza accostippäme… son de pelle düa"

CLOTILDE   :- "Milleottoçentosciûscianteséi… ti me l'è za contà tante de quelle votte e..." (sorridendo) "...ogni votta ti cangi versiòn"

MANFREDI :- "Son staeto invitòu pe' doman in ciassa Corvetto, a l'inauguraziòn do monumento a Vittorio Emanuele II. Saià presente anche o Re Umberto I. Chissà che saera saera de gente" [1]

CLOTILDE   :- "L'ho lezûo in sce-o giornale.. " (siede, lo prende e legge) <Re Umberto, è stato accolto dalle più alte autorità allo sbarco a Ponte Federico Guglielmo>. Speremmo che doman no ceuve" (porge il giornale al marito che va a sedersi di fronte a lei)

MANFREDI :- "Cösse ti stae lezzendo?"

CLOTILDE   :- "O libbro de teu nonno Garbûggin"

MANFREDI :- "Torna?.. Ti dovviesci saveilo a memöia oramai" (si mette la pipa in bocca)

CLOTILDE   :- "O scrive da vitta di teu avi e de 'n passaggio segreto ch'addeuviava seu madonnà: (con tono da sufficienza) Donna Antonietta!"

MANFREDI :- "Consciderà 'na strega"

CLOTILDE   :- "Noiätri no l'emmo mai attrovòu 'sto passaggio segreto"

MANFREDI :- "Quande o mae bezävo o l'ha scrïto o l'éa za 'n po', dimmoghe.. .no tanto a posto con a testa. E poi a lé ghe interessava parlà ciù de battaglie do Risorgimento che di passaggi segreti. Ma a no gh'è a serva?"

CLOTILDE   :- "No ciammäla coscì… a Sabinn-a a s'offende"

MANFREDI :- "Comme devo ciammäla? Bûgandéa?"

CLOTILDE   :- (accennando al libro) "Teu nonno o fa anche de profezie"

MANFREDI :- "O ne dixeiva pe' coscì de scemmaie…comme quella de 'n parente..."

CLOTILDE   :- "… co l'arrivià da o futûro..."

MANFREDI :- "Esattamente. S'o l'ësse dïto ch'o saieiva arrivòu da-o passòu se poeiva ancon creddighe, specialmente a sentì i ciaeti da gente do pàise a propoxito de parenti sparìi fra queste mûage…"

CLOTILDE   :- "A gente, te lascio dì... basta sparlà… gh'è ciù cäo fa di ciaeti che mangià di raieu… Oh, ha smisso de tronà. Doman o giardiné o faià senza bagnà i fiori"

MANFREDI :- "E doman a-o Giäxo ghe faiòu preparà 'n po' de legna scc-iappà pe' o caminetto coscì s'asciûga l'ûmiditae, visto ch'o no l'ha da bagnà o giardin…bezeugna tegnili occupae questi repûbblichaen… questi mazziniani… se no pensan troppo..."

CLOTILDE   :- "Senti cösse o scrive teu nonno: <il passaggio segreto era usato dai  contrabbandieri che vendevano anche armi e munizionamenti per la causa. Donna Antonietta..> a strega <afferma che non hanno più trovato la via d'uscita e che sono rimasti intrappolati fra le mura della villa, la loro scomparsa..>(con aria di circostanza) <griderà vendetta sempiterno>. L'è mëgio che nö lëze ciù… me vegne a pelle d'oca a pensà che… "

MANFREDI :- "Ma cösse ti stae a pensà… gente sparìa... passaggi segreti... stregonerie…Te l'ho dïto… mae nonno o cioccava comme 'na lamma e… ghe piaxeiva anche beive di piroìn de vin... E poi a pelle d'oca lascila vegnì ä serva, a noiätri nobili, tûtta-o ciù ne vegnà a pelle de cigno"

CLOTILDE   :-  "Anche mae moae a dïxe che questa casa a l'è pinn-a de misteri"

MANFREDI :- "Teu moae, sorda comme 'na campann-a, a l'è 'na brava donna… ma anche lé a lëze troppi libbri che parlan de misteri, de magïe, de vitte temporali passae e da vegnì...de macchine do tempo... A no sa comme passase a giornà e a fantastica ...Ben, ha smisso de ceuve e vaddo da-o friseur a famme aggiûstà i mustasci che doman che vegne o Re"

CLOTILDE   :- "Perché, Re Umberto I guarda i tuoi mustasci? Pensa meno in grande caro il mio consorte ch'o no sa manco chi t'è. E poi l'e squaexi òa de çenn-a"

MANFREDI :- "Attenta a comme ti parli do Re… i so sbïri son da qualunque parte e no perdonn-an"

SABINA       :- (con abito adeguato da cameriera, entra ed annuncia) "Se i scignori se veuan accomodà in ta salla-a-mangé, a çenn-a a l'è servìa"

CLOTILDE   :- (si alza) "Grassie Sabina" (lascia lo scialle sulla sedia o poltrona, porge il braccio al marito che l'accompagna fuori scena, mentre le luci si abbassano)

SCENA II

(Gianni - Sabina)

(Giovane moderno dei tempi d'oggi, bluejeans, cellulare, K-way, soprascarpe di gomma ai piedi, appare spostando una.. parete (o libreria) che richiude, è come in trance. Si guarda attorno e si scuote stupito)

GIANNI        :- "Ma… dovve son accapittòu?.. Chi no l'è casa mae… Comme ho faeto a intrà? (si tasta, guarda l'ambiente, tocca le pareti per cercare di capire come ha potuto entrare, si guarda le galosce) Me ricordo che gh'éa ûn forte temporale, con lampezzi e troìn... me son infiòu 'sti sciantilin, poi... Ti veu vedde che son 'sti sciantilìn de mae nonno che me son misso? Ma cösse staggo dixendo, no l' è poscibile credde a 'ste cösse ...però questa a no l'è casa mae (si guarda attorno, vede il giornale e ne legge la testata e la data) <Il Secolo XIX fondato dal Conte Ferruccio Macola, addì 25 aprile 1886, primo numero> ..e 'sto libbro? (prende il libro aperto lasciato sul tavolo da Clotilde; gli dà un'occhiata) O me pä abbastanza vëgio.. se vedde che questa a l'è a casa de 'n'antiquäio (dà una scorsa)

                      < Donna Antonietta considerata una strega.. dedita alle arti magiche..> Ma chi ghe credde in to duimilla ancon a-e streghe… Zà, però a sta a vedde tûtti quelli che se fan fa e carte, i filtri... ne parla de longo anche a televixon, quarche benardo o gh'è ancon ch'o se fa fregà di dinae... (posa il libro, si guarda ancora le caloscie) Ma dovve son?.. Quarcösa de strano ghe saià perché quande me son misso i sciantilin me son sentîo addosso 'na sensaziòn comme quella de xeuà a 'na velocitaè tremenda, me pä d'avei finn-a spostòu 'na mûagia, figûremmose… e oua... oua me sento 'n po' frastornòu (siede spossato) Comme saià sûccesso?.. E se m'attreuvan chì cösse ghe conto? Me piggiàn pe' 'n laddro. No me credian de segûo se ghe diggo che nö so comme son intròu. Se ciamman a polizia, o-u 112, me caregan in sce-o cellulare e me portan a Marasci" (si odono de passi, delle voci. Gianni si alza, cerca dove nascondersi e s'acquatta dietro una poltrona)

SABINA       :- (entra rapida in scena brontolando e imita la padrona) "Sabinn-a.. o mae sciallo... vallo a piggià… (accenna ad un forzato inchino e recita sé stessa) Comme Scià comanda baronessa… Sabinn-a... cangime o macramè e ascäda l'aegua pe' a vasca... preparime i profûmmi... Comme Scià dexidera BARONESSA! Ah, che mesté. Gh'orrieva pe' 'n davvei Donna Antonietta ch'a fesse 'na magïa e arrivà fïto a-o milleneuveçento, sperando che con neuvo secolo cangiàn e cösse" (prende lo scialle, lo indossa pavoneggiandosi, gira attorno alla poltrona costringendo Gianni a fare altrettanto per non farsi scorgere ed esce)

GIANNI        :- (spunta col capo, si alza) "Coscì quella a l'è a donna de servissio e a se ciamma Sabina…Bella figgia... a l'avià poco ciù de vint'anni. Ma comm'a l'è vestîa? (accorato) Comme fasso a ritorn a casa mae… Tûtto corpa de questi sciantilin... Ma l'è mai poscibile che questi anghaezi…e pensà che no me-i voeivo mette perché son feua de modda... ma a vegniva coscì forte… (si ode il rumore di una carrozza, lo scalpiccio di cavalli. Poi il suono di un campanello alla porta) Arrïa gente… Bezeugna che me ne vadde… ma comme?.. Da dovve son intròu?" (voci all'estero di convenevoli. Cerca affannosamente uno scatto alla parete, si strofina le soprascarpe e finalmente la parete si apre e vi si nasconde dietro)

SCENA III

(Sabina – Camilla – Don Alfredo – Clotilde – Manfredi – Gianni all'esterno)

DON ALFREDO: (fuori scena) "Son Don Alfredo Canonico, Parroco di Santa Marta... vegnimmo da Zena pe' 'na questiòn urgente...me scûso de l'òa ma..."

 SABINA      :- "Prego, accomodaeve… ciammo sûbito o Sciò Baron Manfredi e-a seu consorte"

CAMILLA    :- (con aria di sufficienza) "Grassie"

SABINA       :- (a Don Alfredo, quasi con ripicca per le arie che si dà la donna) "E questa... scignòa a saieiva... seu moggé?"

CAMILLA    :- "Ma… cosse a dïxe?"

DON ALFR. :- "Cara signorina... signorina?.."

SABINA       :- "Sabina… serva so" (inchino)

DON ALFR. :- (con paternale ironia) "Cara Sabina, lo sai bene che i preti non possono sposarsi… Questa signora è mia sorella che mi aiuta nella conduzione della mia parrocchia, ma… possiamo parlare con il signor Barone?"

SABINA       :- "Vaddo sûbito a-annunziäve... compermisso" (esce)

CAMILLA    :- (irritata) "Che cafonn-a!"

DON ALFR. :- (si guarda attorno interessato) "Devan sta ben i baroìn..."

MANFREDI :- (entra in scena) "Bonn-a seja scignori… con chi ho o piaxéi de parlà?"

DON ALFR. :- (porge la mano) "Son Don Alfredo Canonico, parroco de Santa Marta e questa a l'è mae seu"

CLOTILDE   :- (entra a sua volta. Convenevoli del caso, presentazioni) "Ma prego, accomodaeve… posso offrive 'n tè?"

CAMILLA    :- "No grassie… emmo piggiòu 'n rosolio che l'è poco e l'è ben no mescc-ià, no se sa mai.."

CLOTILDE   :- "Comme Scià desidera" (le si siede accanto e parlottano fra loro. Dal loro comportamento si intuisce che parlano della moda)

MANFREDI :- "A cösse devo l'onore da so vixita?"

DON ALFR. :- "M'ha indirizzòu ä Scignorìa vostra o comandante Saporiti"

MANFREDI :- "Ah.. o comandante da nave Monitore... e pe' cösse se l'è lecito?"

DON ALFR. :- "Staggo raccheuggendo di fondi pe' a costrûzion de 'n'ospissio pe' i nostri mainae, reduci da battaglia de Lissa... doppo vint'anni meschinetti, se sentan ancon abbandonae da-e autoritae...e anche pe' quelli che se son sarvae dai naufraggi, naufraggi testimoniae da tanti ex voto ai vari Santuäi de Zena e dintorni, pövi mainae che no gh'han de sussistenza…"

CLOTILDE   :- (attenta alle ultime battute) "Intenzion lodevoliscima reverendo ma noiätri cösse gh'intremmo?"

DON ALFR  :- "Se trattieva de concordà 'n'offerta… stabilì 'na somma in moddo da poei contà in sciè 'na cifra pe' commençà i travaggi, nevvea…"

MANFREDI :- "Ah!.. E quante dovieiva versäghe pe'... questa opera?"

CAMILLA    :- "Mae frae o no dïxe mai quante… (sospiro di circostanza) o lascià fa a-o bon cheu di donatoì"

GIANNI        :- (da dietro la parete starnutisce forte) "Eeeetcì!"

DON ALFR. :- "Salute!"

MANFREDI :- "Mi no ho stranûò"

DON ALFR. :- "Che strano… me pàiva... Ritornando a l'offerta de fondi... mae seu a m'ha precedûo... Ognidûn dà quello che credde e ch'o peu"

MANFREDI :- (cerca di nascondere la propria seccatura) "Ghe pensiòu, se l'ha mandòu o comandante Saporiti quarcösa faiòu"

DON ALFR. :- (alzandosi) "Ripassiòu 'n'ätro giorno e... se no poesse mì, vegnà mae seu… s'a no destûrba s'intende"

CLOTILDE   :- "Anzi, a me tegnà 'n po' compagnia… do resto son quaexi sempre sola. Anche doman o mae consorte o l'è invitòu (con malcelata indifferenza) a l'inauguraziòn, con o Re, do monumento a Vittorio Emanuele duì"

MANFREDI :- (correggendola, un po' scocciato per la gaffe) "Ti voeivi dì Vittorio Emanuele segondo e no DUI' "

CLOTILDE   :- "O duì o l'è anche segondo, no?"

DON ALFR. :- "Spiritosa a scignoa. Chi sorride con ironia i dispiaceri porta via" (si alza seguito dalla sorella) "Levemmo o destûrbo… emmo ätre visite da fa... pe' questi pövi mainè"

MANFREDI :- "A riveddise, Don Canonico.. (alla sorella di lui) Scià Canonica…"

CLOTILDE   :- (suona il campanellino e chiama la cameriera) "Sabina!"

SABINA       :- (entrando) "Scià comande"

CLOTILDE   :- "Accompagna i scignori" (ancora i convenevoli dei saluti. Don Alfredo e Camilla escono)

MANFREDI :- "Gh'ammancava anche a beneficenza... Cösse gh'è giòu a-o comandante Saporiti de mandame chi quello Don... "

CLOTILDE   :- "Don Canonico"

MANFREDI :- (pensieroso) "Mmm… veddiò de contattàlo e me informiòu…Dimme 'n po'.. .t'è tì che t'hae stranûò?"

CLOTILDE   :- "Mi no"

MANFREDI :- "E chi allòa?"

CLOTILDE   :- " Mah... saià staeta n'illûsiòn collettiva… a votte sûccede"

GIANNI        :- (sempre da fuori) "Eeetcì!"

CLOTILDE   :- (impaurita, tremante, mentre il marito le volta le spalle, pone una mano sulla schiena del marito) "Man… Man..."

MANFREDI :- (sentendosi la mano sulla spalla zittisce, resta immobile e con voce bassa..) "Clo… Clo... Clotilde… a man... ä sento addosso..."

CLOTILDE   :- (stesso tono e stesso comportamento) "Man… Man... Manfredi... a man a l'è a mae…"

MANFREDI :- (si volta e con voce alterata) "Ti m'hae faeto spaventà…Ma chi saià stae-to a stranûà?"

CLOTILDE   :- "A… Sabinn-a?.."

MANFREDI :- "No peu ësse…a Sabinn-a a l'è in cûxinn-a..."

CLOTILDE   :- (impaurita) "Saià... saià o spirito de Donna Antonietta…"

MANFREDI :- "Mai sentîo de 'n spirito ch'o stranûa. Vegni…levemmose de de chì... andemmo in veranda, armeno là gh'è 'n'äia ciù allegra... Se o saveivo, intanto che gh'éa quello Don… faxeivo benedì questa sala" (escono guardandosi attorno con circospezione)

SCENA IV

(Sabina – Gianni - Martina)

GIANNI        :- (sposta la parete, spunta con la testa e controlla la situazione, poi entra in scena)"No gh'è nisciûn…che spûssa de serròu in te quella galleria..pinn-a de tägnae-e e de osse”(si pulisce braccia e gambe voltando le spalle alla porta)

SABINA       :- (entra con un vassoio e delle posate, vede l'uomo, lancia un grido) "Ahhh... I spiriti, i spiriti" (e fa cadere il vassoio e fugge)

GIANNI        :- (spaventato a sua volta dalle urla di Sabina, grida anche lui e scappa rifugiandosi dietro una poltrona)

MARTINA    :- (anziana madre di Clotilde entra poco dopo. Indossa una vestaglia, uno scialle. Si appoggia al bastone e va a sedere su una poltrona. Vede a terra le posate ed il vassoio) "Ah… han attrovòu 'n neuvo posto pe scistemà e posäte... Che tempi e che servitù do beliscimo… Bah, andemmo avanti a lëze 'sto libbro (prende il libro che leggeva la figlia. Mette gli occhiali e inizia a leggere) Ecco chi… gh'è o segno dovve son arrivà a lëze" (legge) <era costumanza in quei tempi costruire passaggi segreti per permettere la fuga da eventuali imprevisti o per agevolare l'uscita di chi intendeva andare a fare i fatti propri fuori da occhi indiscreti...> Miga scemmi.."

SABINA       :- (si affaccia alla porta, vede Martina e si avvicina piano piano, chiamando la donna con un fil di voce) "Scià Martina.."

MARTINA    :- (dura d'orecchi, non sente e continua a pensare parlando) "L'è dai tempi da Carboneria che mae marîo o çercava 'sto passaggio... se mai o gh'è fïsse.."

SABINA       :- (alzando un po' la voce) "Scià Martina.."

MARTINA    :- "Ah.. t'è tì?.. Da dovve t'è intrà?"

SABINA       :- "Dä porta.. (timorosa) Scià me scûse ma… scià l'ha mïga visto quarchedûn chi drento?"

MARTINA    :- (porge l'orecchio) "Eh?"

SABINA       :- (più forte) "Me permettevo de domandaghe se scià l'ha visto quarchedûn chì drento"

MARTINA    :- "E cösse ti crìi. No son mïga sorda e manco orba. Segûo ch'ho visto quarchedûn."

SABINA       :- "Ma alloa… no me son asseunnà... e... chi scià l'ha visto?"

MARTINA    :- "Tì!"

SABINA       :- "Intendevo dì se.. .scì insomma.."

MARTINA    :- "Dimme quello che ti me devi dì e poi levite d'in ti pe' che veuggio finì de lëzze 'sto libbro"

SABINA       :- "Ma… scià no me piggie in gïo..."

MARTINA    :- "Sabina, se ti n'hae cuae parla e se de no, täxi"

SABINA       :- "Poco fa... son intrà pe' mette in ta cantia e posäte e..."

MARTINA    :- "Eh?.. T'hae misso a cantia in te posäte?… Veddo, veddo…"

SABINA       :- "Ho visto… ho visto ûn'ommo vestîo in moddo strano, o me pàiva ûn spirito, me son sciätà e m'è cheito o cabaret in taera… " (intanto raccoglie, mette in vassoio)

MARTINA    :- (ironica) "Ma dimme 'n po'... t'hae lezûo anche tì questo libbro?"

SABINA       :- "No... scià o sà che so fa solo a mae firma… No son andaeta a scheua… m'han sûbito misso a servì..."

MARTINA    :- (con aria truce, fatta apposta per spaventare Sabina) "O libbro o dïxe che l'anima de Donna Antonietta a no l'avià päxe finn-a a che no arrivià 'n'ommo da o futûro, figûrite 'n po' " (si ode un rombo di tuono)

SABINA       :- (ha un soprassalto) "Mamma!"

MARTINA    :- "Lascia perde a panna ch'a no gh'intra pe' ninte… dixeivo 'n'ommo da o futûro che...< darà pace alla sua anima e sicura dimora>"

SABINA       :- "Che röba a l'è a de... demòa?"

MARTINA    :- "T'è za ignorante sae? Dimora e no demoa… o l'è o scïto dovve pösà o seu spirito e vivve in paxe...Vivve... veramente a l'è morta… Riposà in päxe, ecco"

SABINA       :- "Scignorìa, mì ho puìja… Ghe diggo che l'ho visto... lì... o me dava a schenn-a"

MARTINA    :- "O te faxeiva penn-a?.. Ma allòa o l'è o Giäxo, o giardiné, quello o se gh'allögia a fa penn-a. Beh porta via a santiscima e lascime lëze"

SABINA       :- "Comme scià comand però.. mì l'ho visto e no l'éa manco vestîo comme nuiätri" (esce a passettini)

MARTINA    :- "Semmo in to milleottoçentoottantesei e credemmo ancon a misteri de 'sto genere..! Fra 'n secolo nisciûn ghe creddià ciù"

GIANNI        :- (si alza da dietro la poltrona, sottovoce) "T'ou parrià…" (si avvia per uscire dalla porta esterna camminando quatto, quatto)

MARTINA    :- (come se nulla fosse, continuando a leggere) "Dovve ti creddi de andà, zovenotto!"

GIANNI        :- (si blocca e si volta adagio) "Scia me scûse Scià Martina..."

MARTINA    :- "Comme ti sae o mae nomme?"

GIANNI        :- "Ho sentïo a scignorinn-a Sabina ch'a a ciammäva coscì"

MARTINA    :- "Chi t'ha faeto intrà?" (intanto lo squadra incuriosita)

GIANNI        :- "Ûn pä de sciantilìn"

MARTINA    :- "A scià Tilin..? Ah… No a conoscio a Scià Tilin, ma lascemmo perde… Ma comme t'è vestïo? T'è ûn attore?"

GIANNI        :- "Veramente no. A quante pare vegno…(cerca l'effetto)..da o futûro!"

MARTINA    :- "Ma cösse gh'intra o carbûro"

GIANNI        :- (si avvicina all'orecchio e parla più forte) "DA O FUTÛRO!"

MARTINA    :- "E cösse ti crìi? No son mïga sorda… Ho accappìo, ti vegni da-o futûro… tûtto chi? Do resto l'éa previsto"

GIANNI        :- (stupito) "L'éa previsto? E da chi?"

MARTINA    :- "Da 'sto libbro... ma dimme 'n po', comme t'è intròu e comme ti te ciammi?"

GIANNI        :- "Gianni Benservìo e..."

MARTINA    :- "Chi t'ha servìo?"

GIANNI        :- "Nisciûn, o l'è o mae cognomme ma… lascemmo perde… Comme son intròu… no saviae... so solo che me son misso 'sti sciantilin ch'o attrovòu in te 'n vëgio bàilo de mae nonno mentre ha commençòu a tronà e a lampezzà e tûtt'an traeto me son sentîo trascinà da 'na forza misteriosa e me son attrovòu, mëzo rintronòu, in te 'n passaggio segreto, in ti sotterranei de questa vëgia villa…"

MARTINA    :- "Vëgia anghilla?  No a veddo"

GIANNI        :- (forte) "A VILLA!"

MARTINA    :- "Veddo che t'hae o vissio de crià, se vedde che t'è 'n po' sordo... Ma dimme, dond'o l'è 'sto passaggio segreto?"

GIANNI        :- "Scià vegne che ghe mostro… a 'n patto però... che o saccimo solo noiätri duì… no vorriae che rivelandolo me se impedisse de ritornà a-o mae tempo"

MARTINA    :- (diventata più arzilla) "A-o futûro?"

GIANNI        :- "Me pä ch'a ghe sente ben"

MARTINA    :- "Te diòu anche mì 'n segreto... Quande n'ho cuae ghe sento e quande no me convegne... no ghe sento... e intanto che me ripetan a domanda gh'ho tempo de pensà ä risposta. Ma tegnitelo pe' ti zoenotto; ö fasso perché coscì me lascian 'n po' quëtà... Ti savesci comme me demòo a sentì quande i ätri stralabbian pensando che no ghe sento e… me regolo segondo e circostanze… Allòa 'sto passaggio?"

GIANNI        :- (tasta il bordo della parete o della libreria e si apre il pannello) "Ecco chi..."

MARTINA    :- "Perdincolinn-a... l'aveivimo sotta i euggi e nisciûn gh'ha faeto mai cäxo.. .Ti ghe voeivi ti che ti dixi de vegnì da o tempo ch'arrivià... Ma a propoxito… da che anno t'arrivi?"

GIANNI        :- "Da o duimillaeutto"

MARTINA    :- "Baccere!.. Ma se dixan che quande arrivià o millenoveçento finià o mondo… comme l'è poscibile che..."

GIANNI        :- "Peu dässe che o finià cö tempo, de segûo no in to duimilla. Quande o finià saià corpa nostra, pe' l'inquinamento,o smog…e guaire...a bomba atomica… Malgraddo e scoverte da scienza, con a penicillinn-a, i trapianti chirûrgici ch'han prolongòu a vitta, l'ommo o no sa tegnissela avvardà… e o l'ammassa questa vitta e a natüa… "

MARTINA    :- "Mai sentìe 'ste baggianate… Dài, che son cuiusa de vedde i sotterranei da villa... andemmo… ma gh'è scûo, gh'orrieiva 'na candéia"

GIANNI        :- "Gh'ho a l’aççendìn " (attiva l’accendino)

MARTINA    :- "Cösse a l'ha… o bricchetto drento?"

GIANNI        :- "Poi ghe spiego, ma oua andemmo primma che se n'accorzan" (escono dalla.. parete o libreria)

SCENA V

(Giäxo – Sabina – Manfredi - Clotilde)

GIÄXO         :- (di una certa età.. cammina un po' curvo, grembiule da giardiniere, appare un po' imbranato) "Scià Martinn-a… (si guarda attorno) ...a no gh'è. (guarda comicamente sotto il tavolino e chiama) Scià Garbûggin... (verso la porta) "Sabinaaa…"

SABINA       :- (entra) "Cösse gh'è Giäxo… a Scià Martinn-a?"

GIÄXO         :- "A no gh'è...ho ammiòu anche sotta o tavolin ma a no gh'è manco lì"

SABINA       :- "E o creddo ben… Ma... l'ho lascià chì… l'è l'òa de piggià a mëxinn-a, o calomelan[2] pe' l'intestin, ordine do mëgo"

GIÄXO         :- "In giardin a no gh'è... e poi l'è scûo"

SABINA       :- "In veranda ghe son i scignori... sento 'n po' se l'han vista" (esce)

GIÄXO         :- "A saià andaeta a beivise 'n gottin d'erba luisa in cantinn-a... ghe o proibiscian ma lé... da ascöso a trinca.."

MANFREDI :- (entra con Sabina) "Seuxa… Martina... dond'a l'è?.. A no peu ësse sparìa"

SABINA       :- "A deve piggià o calomelan a quest'òa"

CLOTILDE   :- (entra preoccupata) "L'éi attrovà?"

GIÄXO         :- "No... manco sotta o tavolin"

CLOTILDE   :- (uscendo chiama) "Mammà, mammà.."

MANFREDI :- "Dividemmose e andemmo a vedde in te tûtte e stanzie" (escono)

SCENA VI

(Gianni – Martina – Clotilde – Manfredi)

GIANNI        :- (riapre la parete, sbircia ed entra) "No gh'è niscûn. Ch'a vegne pûre" (si tolgono la polvere di dosso)

MARTINA    :- "Che labirinto… Gh'è son finn-a de osse… Ti veu vedde che l'è véa a stöia de quelli che no han attrovòu o moddo de sciortì? Mëgio sta de sa... Ti m'è proppio simpatico... Ma dimme 'n po'.. son tûtti vestìi comme ti in to duimilla?"

GIANNI        :- "Anche pëzo". L’è de modda andà anche con e braghe sguarae”

MARTINA    :- "Bezeugna attroväte 'n vestì adatto ai nostri tempi, se no va a finì che tûtti cuiusan e ti peu avei de rogne"

GIANNI        :- “Mmm… devo attrovà o scistema pe’ ritornà a casa mae, a-o mae tempo. I mae me çerchian e staian in penn-a"

MARTINA    :- "Aspëta ch'ammìo in to libbro se gh'è scrïto quarcösa in scié l'ommo ch'o vegne da o futûro"

GIANNI        :- "Ma comme faxeivan a saveilo?"

MARTINA    :- (che intanto si era seduta e sfogliava il libro) "Ecco chi..<l'uomo proveniente dal futuro sarà una persona di circa ottant'anni..> Però.. te faxeivo ciù zoveno… <e rimarrà nel nostro tempo fino a...>

CLOTILDE   :- (dall'esterno) "Mammà donde t'è? Fatte sentì..."

GIANNI        :- "L'è mëgio che m'asconde" (riapre la parete giusto in tempo mentre entra Clotilde con Manfredi)

MARTINA    :- (imperturbabile) "Cösse ti veu?"

MANFREDI :- "Ma.. dovve éi?"

MARTINA    :- "Chì"

CLOTILDE   :- "No l'è véa. L'è vegnûo o giardiné a ciammäte, a Sabina, noiätri e no ti gh'èi e oua…"

MARTINA    :- "E oua ghe son... Son andaeta... son andaeta 'n'attimo in cantinn-a a

                      çercà… a çercà..."

MANFREDI :- (redarguendola) "A beive 'n gotto de barolo...o sei ch'o ve fa mà"

MARTINA    :- "Sbagliato!.. O l'éa 'n cicchettin d'erba luisa"

CLOTILDE   :- "Mamma no ti devi béive... ti piggi e meixinn-e e poi pensa a teu salûtte, ti gh'è ancon do futûro davanti a ti"

MARTINA    :- "Eh, eh… ti savesci comme ghe penso" (istintivamente si volta verso la parete del passaggio segreto)

MANFREDI :- "Cösse ammiae?"

MARTINA    :- "L'avvegnì"

CLOTILDE   :- "Lascia perde 'sto libbro e vegni de de là con noiätri… cosci l'erba luisa a quëta"

MARTINA    :- "E va ben... comme ti veu... andemmo" (lascia lo scialle ed escono tutti)

SCENA VII

(Sabina – Martina – Laudano - Clotilde)

SABINA       :- (entra con uno straccio per spolverare e pulisce) "No se gh'accapisce ciù ninte. O baron Manfredi o l'ha mandòu o Giäxo con o landò a ciammà o mëgo Làudano pe' a scià Martina perché a l'ha e fìxime, o dïxe, perché a parla de smog, de inquinamento che ghe saià fra çent'anni…de atomiche... Mai sentìe 'ste parole... De segûo gh'è andaeto o çervello in cimbali"

MARTINA    :-(entra, si avvede di Sabina) "Ah, t'è chì Sabina?..Me son ascordà o sciallo... Ho visto o Giäxo andà via con o landò, ti sae dond'o l'è andaeto?"

SABINA       :- (titubante) "Mah, no saviae… foscia da..."

MARTINA    :- "… da o mëgo Laudano, l'ho immaginòu…Me piggian per abbertoelà, ma no san che.."

SABINA       :- (aiuta Martina a sedere sulla poltrona e incuriosita) "Cösse l'è che non san?"

MARTINA    :- "Ninte, ninte... son pensciëi mae. No te preoccupà... Vanni de là e se me çercan digghe che no son in cantinn-a ma che son chì e quande arrivià o Laudàn e o me ordinià di salassi con e sanguette, ghe diòu ch'o vadde ... a quello pàise a mangiäse due trenette"

SABINA       :- "Scià no digghe coscì..-scià o sa che ghe veuan ben"

MARTINA    :- "Comme t'è ingenua... Veuan ben a-e mae sostanze… O Manfredi o spera d'eredità e mae taere a Torriggia. Ma son de mae figgia e lé o no e piggia! Ciappa lì che gh'ho faeto anche a rimma" (suonano alla porta)

SABINA       :- "Saià o mëgo (esce di scena e va ad aprire) Oh, dotore… Scià s'accomodde... ciammo i padroìn"

LAUDANO   :- (entra con la borsa, mentre Sabina è andata a chiamare i padroni) "Salûtte!"

MARTINA    :- "Salûtte, pan e brenno dotore. Comm'a boccia?" (porge comicamente il polso)

LAUDANO   :- "Comm'a va a Voscià… tûtto ben?." (le tasta il polso controllando i battiti col suo orologio da taschino)

MARTINA    :- (ironica) "E-e so sanguette comme stan?… Ingrascian?"

LAUDANO   :- "I salassi son 'na cûra benefica"

MARTINA    :- "Mëgio da penicillinn-a?"

LAUDANO   :- "Che röbba a l'è?"

MARTINA    :- (ironica) "No so… a m'è vegnûa coscì d'amblé… comme 'na previxon"

LAUDANO   :- "Scià se desfe 'n po' e gassette da camixetta"

MARTINA    :- "E se m'accostippo?"

LAUDANO   :- "Scià faià di fûmenti... coraggio.. a camixetta"

CLOTILDE   :- (entrando)"Riverïo Sciò mëgo, comme Scià l'ha attrovòu mae moae?"

MARTINA    :- (faceta) "Chì assettà"

LAUDANO   :- (fa cenno di zittire. Ausculta. Pausa) "Scià dighe tre votte trentetréi."

MARTINA    :- "Novanteneuve"

CLOTILDE   :- "Mammà.."

MARTINA    :- "Trentetréi… trentetréi e trentetréi che fa novanteneuve"

LAUDANO   :- "Scià se sente di gïamenti de testa?"

MARTINA    :- "Solo quande veddo voscià e quande fasso i salassi"

LAUDANO   :- "Balle.. i salassi pûrifican o sangue e fan ben"

MARTINA    :- ".. a-e sanguette.. perché ingrascian"

LAUDANO   :- (prende dalla borsa un vasetto fasciato e lo porge a Martina) "Ecco chi quarche sanguetta… Ritorniò a vixitälà 'n'ätro giorno. Scignorìa"

CLOTILDE   :- "Grassie dotor Làudano. L'accompagno… intanto Scià me dïxe o so onorario" (escono)

MARTINA    :- "Te e daggo mì e sanguette... (chiama) "Sabina!"

SABINA       :- (entra) "Scià comande"

MARTINA    :- (porge il vasetto) "Dalle a-o Giäxo. De segûo ghe vegnan ben pe' pescà a-o posto di vermi"

FINE PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

QUADRO PRIMO

SCENA I

(Sabina – Giäxo –Martina – Clotilde - Gianni)

(stessa scena del primo atto)

SABINA       :- (in scena, sta spolverando o sistemando) "A scià Martinn-a a me pä meno sorda de quello ch'a dïxe…Che simpatica ch'a l'è...O Baròn, doppo ch'o l'ha visto o Re Umberto I° o se dà tante de quelle äie ch'o fa finn-a corrente… "

GIÄXO         :- (entra con una zappetta da giardino, un cavagno coperto da un asciughino) "Ciao Sabina"

SABINA       :- "Oh, Giäxo, t'hae cheuggeito e sûcchinn-e?"

GIÄXO         :- (alza il telo e mostra) "Belle eh? Te-e lascio in cûxinn-a (sta per andare e poi si ferma) Ho visto sciortì derré a-o pozzo ûn zoenotto vestïo in moddo strano... o me pàiva 'n matto… o s'ammiava intorno comme s'o no se voesse fa vedde… poi o l'è sparîo… Ti dïxi che ne devo parlà con i padroìn?"

SABINA       :- (interessata) "Braghe celesti, scarpe strane, giaccon scûo..."

GIÄXO         :- (stupito) "Ti l'è visto ti ascì?"

SABINA       :- (agitata) "No! No l'ho visto!"

GIÄXO         :- "Ma alloa, comme ti fae a savei comm'o l'éa vestîo?"

SABINA       :- "Ne parliemo doppo, pe' oua stemmo sitti finn-a che no semmo segûi … Peu anche dässe che t'aggi piggiò 'n'abbaglio"

GIÄXO         :- "Però mi l'ho visto e questo... abbaglio invece no l'ho visto"

MARTINA    :- (entra adagio, appoggiandosi al bastone) "Oh, Giäxo… t'è vegnûo a sappà chi drento?"

GIÄXO         :- "Mostravo e sûcchinn-e ä Sabina… oua ë porto in cûxinn-a"

MARTINA    :- (ironica) "Dimme 'n po'… t'han faeto ben e sanguette?" (mima la pesca con la canna)

GIÄXO         :- "De tröte coscì" (esagera nella misura)

MARTINA    :- "Calla, calla"

GIÄXO         :- (mostra una misura più credibile) "Coscì"

MARTINA    :- "Oua ghe semmo. (sottovoce) Dinni a mae figgia che ti l'hae accattae e fattele pagà... poi però femmo parte mesòn"

GIÄXO         :- (contento della trovata) "Bella idea… faiò comme scià m'ha sûggerìo... scignorìa" (esce)

MARTINA    :- (si guarda attorno, si ferma davanti alla libreria. Poi siede pensosa)

SABINA       :- "Scià se sente mëgio Scià Martina?"

MARTINA    :- "Scì. (salace) Saian staete e sanguette do mëgo… pensa ch'han faeto ben anche a-o Giäxo"

SABINA       :- (si guarda attorno e si avvicina alla donna) "A proposito… o Giäxo o l'ha visto vixin a-o pozzo, 'n zoenotto, vestïo in moddo strano... con e braghe celesti…"

MARTINA    :- (ironica ma circospetta) "Ancon da sae ch'o gh'aveiva e braghe… saieiva staeto pëzo s'o fisse staeto in miande"

SABINA       :- "Scià no scherze Scià Martina...perché… anche mì l'aveivo visto l'ätro giorno chì in casa e me son spaventà… ho finn-a criòu e…anche lé… pensavo ch'o fisse 'n spirito.."

MARTINA    :- "Se o veddo te ciammo, coscì strabiliemo chi o l'è… se mai o l'existesse"

SABINA       :- "Però anche o Giäxo…"

MARTINA    :- (sbrigativa)"…o 'ha piggiòu e sûcchinn-e e da sole no cheuxan. Vanni, vanni in cûxinn-a e no pensà a-e braghe celesti o birulò"

SABINA       :- (uscendo) "Vaddo sûbito"

MARTINA    :- (preoccupata) "Capiscio anche mì che sempre ascöso e a-o scûo o no peu stà... o l'avià anche famme... Mangiàn ben anche i nostri futûri proscimi (si alza, va alla libreria, bussa. Chiama sottovoce) Gianni... Gianni Benservìo…"

CLOTILDE   :- (entra, vede e sente) "Chi l'è staeto benservïo..? Mammà ti parli da sola? Ti te senti ben?"

MARTINA    :- (subito padrona di sé, va a sedersi) "Staggo beniscimo... Quelle sanguette do mëgo Làudano m'han faeto 'n ben che no te diggo"

CLOTILDE   :- "Speremmo ch'o te fasse fa di ätri salassi allòa"

MARTINA    :- (salace) "E speremmo... ma senza insciste però"

CLOTILDE   :- "Ti a mangi 'na tröta? L'ha accattae fresche o Giäxo"

MARTINA    :- (fingendosi sorpresa) "Ah, scì? Ma ammia 'n po' 'sto Giäxo ch'o s'intende de pesci comme de succhinn-e... Ûnn-a trota a mangieiva vontéa, magara faeta a-o forno con due patatte"

CLOTILDE   :- "Daiò ordini in propoxito… Mammà, no sta sempre chi da sola, serrà in casa... poi te vegne de fantaxie che no te fan ben... Vanni a piggià de l'àia in giardin..."

MARTINA    :- "Poi ghe vaddo"

CLOTILDE   :- "Vaddo a fatte fa a tröta a-o forno"

MARTINA    :- "Con patate e porsemmòu"

CLOTILDE   :- "Con patate e porsemmòu" (esce)

MARTINA    :-(controlla che la figlia sia uscita, ritorna alla libreria con camminata dinoccolata e spigliata, come se si divertisse e chiama sottovoce) "Gianni..."

GIANNI        :- (da dietro la parete o libreria) "Son chi derré…"

MARTINA    :- "Ti devi ësse ciù prûdente... T'han visto derré a-o pozzo in giardin..."

GIANNI        :- "Çercavo 'n po' de früta da mangià...e ho bevûo 'n po' d'aegua...anche in to futûro se mangia"

MARTINA    :- "Ma no ti peu sciortì? Me da fastidio parlà davanti a di libbri" (o davanti a 'na mûagia)

GIANNI        :- (apprensivo) "N'attreuvo ciù o meccanismo pe' sciortì"

MARTINA    :- "Oh, bello Segnò cäo... no sta fa a fin de quelli che gh'han lasciòu e osse li drento"

GIANNI        :- "L'ho attrovòu" (esce)

MARTINA    :- "T'hae appetitto?"

GIANNI        :- "Ciù che appetitto gh'ho famme...mangieiva voentéa duì hamburger con 'na bella bïra fresca"

MARTINA    :-"Hamburger? Mai sentä quella röba lì...Veddiò de fatte avei quarcösa d’ätro da mette sott'ai denti…"

SABINA       :- (da fuori)"Ghe a fasso a-o forno con o limon. Scià stagghe tranquilla"

                      (agitazione in scena. Gianni non fa in tempo a scappare dall’uscita segreta e si ferma di fianco alla porta. Sabina entra, vede Gianni e lancia un grido. Gianni l'afferra tappandole la bocca)

GIANNI        :- “Se scià me promette de no crià, a lascio”

SABINA       :- (accenna di si. Viene tolta la mano dalla bocca e lei grida ancora. Subito Gianna le rimette la mano alla bocca)

MARTINA    :- (malgrado la sua agitazione cerca di calmare la donna) "Stanni tranquilla... o no te fa ninte... o l'è... o l'è 'n' amïgo.. "

SABINA       :- (meravigliata parla pur con la bocca tappata) "Ûn seu amïgo?"

MARTINA    :-  "Sabina, no corrì con a fantaxia... o l'è o figgio de 'na mae amïga"

GIANNI        :- "Scignorinn-a Sabina…ch'a stagghe tranquilla, no gh'ho nisciûnn-a intenzion de fägghe do mä, anzi...ho bezeugno de 'n'aggiûtto...oua a lascio se scià me promette de no crià"

SABINA       :- (accenna di si. Viene lasciata ansimante. Si tiene una mano sul petto e guarda ora l'uno ora l'altro) "Allòa… aveivo visto ben..."

MARTINA    :- "Sabina... ti devi mantegnì o segreto finn-a a che se porrià, poi quarcösa inventiëmo. Ti te ricordi do libbro... de l'ommo che vengà da o futûro?.."

SABINA       :- (additandolo agitata e incredula) "O... o saieiva lè?"

GIANNI        :- "Coscì pare... e vorrieiva ritornäghe a-o ciù fïto"

MARTINA    :- "Veddi de dagghe quarcösa da mangià e da beive se no o ritorna in te 'na cascia da morto"

SABINA       :- "Oh, no"

MARTINA    :- "Ghe servieiva anche 'n vestì... con quello o dà troppo in te l'euggio, no posso mïga dagghene ûn de mae zeneo... o se 'n'accorzieiva..."

GIANNI        :- (avvicinandosi alla donna e prendendole le mani) "Son in te sue moen, Sabina"

SABINA       :- (rinfrancata) "Faiò quello che posso... pe'-o vestì ghe ne daiòu ûn de mae frae…O l'è 'n vestì modesto però…"

MARTINA    :- "O l'andià sempre ciù ben che quello... (alludendo) con e braghe celesti!"

SABINA       :- (si china a tastare la stoffa dei pantaloni di Gianni) "Ma che stoffa a l'è? No son de fûstagno..."

GIANNI        :- "Son di bleu-jeans"

SABINA       :- (sempre agitata) "Mai sentìa 'na stoffa coscì... Scûsaeme ma...son 'n po' abbarlugà... Scià Martina, han portòu questa bûsta pe' o baron Manfredi (mostra) ...vaddo a consegnaghela"

MARTINA    :- "Famme vedde (la prende, la guarda) A l'è averta... (estrae un cartoncino e legge) <"La S.V e la sua gentile signora, sono invitati il 23 febbraio prossimo>che sprescia..gh'è tempo <all'inaugurazione della nuova caserma dei bersaglieri a .Savona>

GIANNI        :- (pensieroso) "Che daeta scià l'ha dïto?"

MARTINA    :- "23 febbraio 1887"

GIANNI        :- "L'è mëgio ch'o no ghe vadde!"

MARTINA    :- "E perché?"

GIANNI        :- "Perché proppio quello giorno ghe saià 'n terremotto disastroso a Savonn-a, Noli, Arbisseua, Oneggia, Porto Maurissio, Diano Marina e dintorni…con tanti morti..."

SABINA       :- "Oh, bello Segnò cäo... e chi ghe o dïxe?"

MARTINA    :- "E ti comme ti fae a saveilo? T'è anche 'n'indovin?"

GIANNI        :- "A stöia, l'avvegnì... tûtto questo, a-o mae tempo l'è ormai sûccesso da çentovint'anni"

MARTINA    :- "Segûo che, se l'è véa e ghe o dimmo, no ghe creddan... Ma no se peu fa quarcösa pe' sarvà quella pövia gente?"

GIANNI        :- "O passòu o l'è za avvegnûo e no poemmo modificälo... Poemmo solo avvertì o baron e a so scignòa de no partì... ma gh'è ancon tempo... troviemo o moddo de no fäli andà "

SABINA       :- "Scià me scûse Scia Martina…devo andà a preparà in cûxinn-a... Ma dovve o dorme o zovenotto?"

MARTINA    :- "Poi ne parlemmo. Vanni primma che te çercan"

GIANNI        :- "Ciao Sabina… e grassie"

SABINA       :- (compiaciuta, fa un inchino ed esce)

MARTINA    :- "Ûn po' de bella notissia che ti m'hae daeto... E dimme 'n po'... a mi cösse me sûccedià?.. Quande l'è che mi…" (fa cenno della sua dipartita)

GIANNI        :- "So 'n po' da stöia passà.. passà rispetto ai mae tempi s'intende...so di grandi avvenimenti storici, de guaere... no so ninte de singole personn-e, a meno che no seggian grandi personaggi... Per esempio so che a Zeana, a Palazzo Tûrsi arrivià fra 'n pä d'anni o fonografo inventòu da Edison"

MARTINA    :- "Spero che no ghe saian de ätre guaere... "

GIANNI        :- "Purtroppo scì... Gh'è saià a sconfitta de Adua in to 1896, poi in to 1909 o terremotto a Messinn-a con ottanteneuvemilla morti, in to 1911 a guaera de Libbia, in to 1914 scc-iûppià 'na guaera mondiale e l'Italia a gh'intrià 'n'anno doppo...ghe saià a freve spagnolla con çentanëa de miggiaea de morti, poi a guaera in Abissinia, in Spagna e..."

MARTINA    :- "Oh, Segnò benéito; ma perché l'ommo o l'ha sempre bezeugno de fasse do mä... Poi basta spero... anche se mi no ghe saiòu ciù"

GIANNI        :-"Poi 'n'ätra guaera mondiale con ciù de trenta milioni de morti... ätre guaere locali... I potenti mostran de longo a còmba da päxe in te 'na man, mentre gh'han o scc-euppo ascöso in te l'ätra"

MARTINA    :- "Guaere, sempre guaere e patimenti… ma perché a quelli che a veuan no ghe vegne a caghetta... Oh, scûsime...no son parolle degne de 'na scignòa, specialmente da moae de 'na baronessa"

GIANNI        :- "Però scià l'ha reizo l'idea... Scià gh'ha a mentalitae de 'na donna di mae tempi, de quelle che contan anche con o voto"

MARTINA    :- "No dimme che in ti teu tempi e donne votan!"

GIANNI        :- "E s'accapisce che votan, finn-a da o 1946 e son anche elette in Parlamento"

MARTINA    :- (come presa da subitaneo slancio giovanile) "Gianni, portime con ti"

GIANNI        :- "E comme? No so manco mì comme fa a ritornà a-o duimillaeutto"

MARTINA    :- "Se mettemmo 'n sciantilin p'eun e vira..."

GIANNI        :- "E se s'affermemmo a mezza stradda?" (si odono delle voci; sono di Don Alfredo e della sorella)

MARTINA    :- (ironica) "Che combinazion... vegnan a destûrbà proppio òua che l'argomento o se faxeiva sempre ciù interessante... O voto a-e donne...ma pensa tì... no ghe credieiva nisciûn...” (esce)

GIANNI        :- (esce sveltamente dalla parete)

SCENA II

(Manfredi - Camilla - Don Alfredo - Clotilde)

MANFREDI :- (entra precedendo Camilla e Don Alfredo) "Prego, accomodaeve. Scià Camilla, scià l'è sempre a benvegnûa"

CAMILLA    :- (vezzosa) "O Sciò Baron o l'è sempre galante"

DON ALFR. :- "Scià me scûse de l'òa ma... me sta tanto a-o cheu o pensciéo de scistemmà i nostri vëgi mainae ch'han daeto onore e gloria ä nostra marineria…"

CAMILLA    :- "Che parolle pinn-e de saeximo ch'o l'ha mae frae…"

DON ALFR. :- (con studiata apparenza) "Pe' mi... a l'è 'na misciòn"

CAMILLA    :- (con studiata garbatezza) "Son segûa che o Baron Ugoberto o saià molto magnanimo... nevvea Sciò Baron?"

 CLOTILDE  :- (entra in quell'istante) "Oh, o mae consorte o gh'ha za pensòu, anzi o voeiva parläne finn-a con o Comandante Saporiti che, comme scià l'ha dïto in ta vixita passà, o gh'ha conseggiòu o nomme do Baron mae marîo..."

DON ALFR. :- (a disagio) "Comme scià credde... anche se no me pä o cäxo de destûrbälo... lé o l'ha za faeto 'na generosa offerta e no vorrieiva che, ricordandoghelo, o seunesse comme 'n'invito a fanne 'n'ätra... (con sottigliezza) Scià sa de votte fra a nobiltae gh'è comme...'na gara de solidarietae... Poei mostrà che ûn o dà ciù de l'ätro fa sempre ben a-o cheu"

MANFREDI :- "O mae cheu o l'è a posto in tûtti i moddi reverendo... a çerte gare mi no ghe fasso cäxo"

CLOTILDE   :- "Manfredi ghe daggo l'anveloppe[3] con l'offerta?"

MANFREDI :- "Scì, scì... fanni pûre"

CLOTILDE   : - (estrae dal seno una busta e la porge al prete) "Ecco chi, reverendo"

DON ALFR. :- (prende la busta e ringrazia) "Grassie, molto gentile... Saiei in te l'albo di benefattoì (passa la busta alla sorella) A l'è mae seu ch'a tegne i conti... a l'è precisa a-o citto"

CLOTILDE   :- (con poca convinzione) "Fra poco l'è pronto. Se ve voei fermà…"

DON ALFR. :- (si alza) "Grassie, sempre gentile ma... emmo approfittòu finn-a troppo da vostra bontae... se permettei... levemmo o destûrbo"

MANFREDI :- (alzandosi a sua volta assieme a Camilla) "Oh, pe' a caitae, nisciûn destûrbo... prego, ve fasso stradda... Alloa scià pensa che no devo destûrbà o comandante Saporiti?"

CAMILLA    :- "No me pä o cäxo sciò Baron" (escono)

SCENA III

(Gianni – Sabina)

SABINA       :- (entra poco dopo con una sporta con dentro un vestito per Gianni ed un pacchetto con del pane e prosciutto) "Finalmente se ne son andaeti... lascio chi 'n vestì pe' quello zovenotto e 'n panetto cö jambòn... o dovià accontentäse de quello che gh'è. Però, che bello zoveno... vorriae ch'o no se n'andesse ciù"

GIANNI        :- (sposta la parete ed appare non visto da Sabina che gli dà le spalle. Chiama sottovoce la donna) "Sabina…"

SABINA       :- (trasale, si tappa la bocca per non gridare. Poi si volta adagio, adagio) "Ma... da dovve o spunta? O m'ha faeto piggià 'n resäto"

GIANNI        :- (si avvicina) "T'aspëttavo con o vestì"

SABINA       :- "...e quarcösa da mette sott'ai denti.. Pe' o momento pan e jambon"

GIANNI        :- "Grassie Sabina… avieiva bezeugno anche de famme 'n bagno, ma capiscio che no l'è poscibile"

SABINA       :- "Ne parliò con a scià Martina... oa scappo primma che se domandan dovve son andaeta... ch'o me scûse ma chi... son solo a serva..." (fa per andare e viene trattenuta da Gianni che le bacia la mano. Questa, imbarazzata resta un attimo con la mano avanti, si passa il dorso delicatamente sulla guancia e poi si scuote ed esce rapidamente)

GIANNI        :- "Vaddo in to nascondiglio, me mangio o panetto e me cangio" (prende i pacchetti e ritorna dietro la parete)

LA SCENA SI FA BUIA E FINISCE IL PRIMO QUADRO

(musiche di scena)

----------------

SECONDO QUADRO

SCENA IV

(Manfredi - Clotilde – Martina– Gianni)

(sono in salotto e fanno conversazione)

MANFREDI :- (a Gianni) "Coscì, segondo quante m'ha dïto mae seuxa, voì s'éi 'n mainà"

GIANNI        .- "Scì e me scûso do mae abbigliamento ma... comme ho spiegòu ä scià Martina, emmo trasbordòu in te 'na vintenn-a dä nave Reginn-a Margherita da-o Meu Neuo, in sce-a a barca de 'n conoscente, o barcaieu Rodolfo Casareto,[4] o mä o l'éa in burrasca e a barca a s'è inversà…Scì che o Comandante o n'aveiva sconseggiòu de sbarcà... Magara gh'avescimo daeto a mente… purtroppo neuve amïxi son anneghae... Ma cösse scià veu mai, doppo meixi de navegaziòn aveivimo tûtti o dexidëio de mette i pe' a taera... eo staeto invitòu chì a Murta da 'n'ätro mainà... o m'ha daeto questo vestì e chi finisce a stöia"

CLOTILDE   :- "Scià l'e staeto affortûnnòu a sarvä a pelle"

MARTINA    :- "O Gianni o l'è o figgio de 'na mae vëgia amïga... (al genero) mazziniann-a... capiscio che i repûbblichaen te stan in sce-o steumego...ma tant'è... coscì l'ho invitòu perché..o l'è anche ûn ch'o prevedde l'avvenì"

CLOTILDE   :- (interessata) "O fa e carte?"

GIANNI        :- "No precisamente, però quarche votta indovinn-o...e qualche votta no A scià Martina a l'ha troppa fidûccia in te cösse futûre"

MANFREDI :- "Baggianate... Oh, ch'o me scûse, senza offeiza s'intende"

GIANNI        :- "Posso riferì di faeti storici, i avvenimenti tra i vostri tempi e i mae tempi"

MARTINA    :- (si raschia la gola per fargli capire che ha fatto una gaffe)

MANFREDI :- "I so tempi?"

GIANNI        :- (correndo ai ripari) "I... vostri tempi de pensciéo e o futûro che porrieiva capità. Insomma preveddo a stöia e no i faeti de singole personn-e"

MANFREDI :- "Se l'è pe' quella a preveddo mi ascì... O Regno d'Italia, per esempio o continuià pe' di secoli e... i mazzinien (tirando una frecciatina alla suocera) no veddian mai a repûbblica... Comm'o vedde fasso de previxoìn façili anche mì"

GIANNI        :- "No pe' contraddilo... l'è véa che i mazzinien de questo secolo, no veddian a repûbblica... quella a l'arrivià con 'n referendum in to 1946"

MARTINA    :- "E mi no ghe saioù... Oh, manco ti però zéneo"

CLOTILDE   :- "Ma no poemmo cangià discorso?.. Tanto no ghe saià nisciûn de noiätri a controllà se quello che dïxe o mainà l'è véa"

SCENA V

(Manfredi - Clotilde - Martina - Gianni - Giäxo)

GIÄXO         :- (entra col suo modo dinoccolato di camminare) "Signor Barone, ci sarebbe... (vede Gianni e resta perplesso) Ma quelli lì.. quello zoenotto... l'ho za visto in giardin con e braghe celesti.."

MARTINA    :- "No peu ëse... a ti i cicchettin te dan ä testa. O l'è 'n mainà appenn-a sbarcòu"

GIÄXO         :- "Saià... ma o gh'aveiva e braghe..."

MARTINA    :- (interrompendolo) "Ancon da sae che quello che t'hae visto tì o ghe l'aveiva"

MANFREDI :- "Cösse gh'è Giäxo... comme mai ti chì.. a no gh'è a Sabinn-a?"

GIÄXO         :- "E andata a dare a mente a sua mamma ch'a no se sente ben... Ci sarebbe quel reverendo con la sua signora…"

MANFREDI :- "Giäxo, t'hae bevûo?.. Quande mai i praevi piggian moggé?"

GIÄXO         :- "E mi che ne so?"

CLOTILDE   :- "E' la sorella e non la moglie"

GIÄXO         :- "Comme vuole... però ci sono lo stesso... Sciò Baron, devo preparaghe a carossa con i cavalli comme scia m'ha ordinòu?"

MANFREDI :- "Doppo... Falli intrà"

GIÄXO         :- "I cavalli?"

MANFREDI :- (salace) "Scì... con a carossa!"

CLOTILDE   :- "Fanni intrà i scignori"

GIÄXO         :- (in modo non certo da maggiordomo) "Intrae" (se ne va)

CAMILLA    :- (entra col fratello. Scambio di cortesie e di saluti)

MARTINA    :- (presenta Gianni) "O zovenotto o l'è 'n mainà, figgio de 'na mae cariscima amïga... scampòu pe' fortûnn-a a l'inversamento da barca dûrante 'na burrasca in porto"

DON ALFR. :- "Quelli da nave Reginn-a Margheritta? L'ho lezûo in sce-o giornale"

GIANNI        :- "Scì, quelli... Piaxéi… Gianni Benservìo"

CLOTILDE   :- "Benservìo?.. Mammà... 'sto nomme te l'ho sentìo dì l'ätro giorno..."

MANFREDI :- (ironico) "A saià 'n'indovinn-a anche lé (ai due entrati) A cösse devo l'onore da loro vixita?"

CLOTILDE   :- "Noiätri emmo za daeto"

DON ALFR. :- "Vedei... se semmo permissi de ritornà perché no emmo ancon raggiunto a quota poscibile pe' quei pövi mainae"

GIANNI        :- (sottovoce a Martina) "...che no veddian ninte..."

CLOTILDE   :- "Cöse o l'ha dïto?"

MARTINA    :- (a Gianni) "T'è segûo?"

GIANNI        :- "Segûo"

MANFREDI :-"Ma cös'éi da parlà tra voiätri? No l'è edûcaziòn quande ghe son de vixite"

CLOTILDE   :- "Zovenotto... o saià anche simpatico, ma..."

MARTINA    :- "Dài Gianni… parla"

GIANNI        :- "No so se posso…"

MANFREDI :- (irrequieto) "Ciûttosto che parlà derré a-e spalle..."

GIANNI        :- (a Don Alfredo) "In che parrocchia scià l'è?"

CAMILLA    :- "Mae frae o l'è in ta parrocchia de Santa Marta"

GIANNI        :- "In te quella Gëxa gh'è Don Giuseppe...e voiätri no sei quello che dì de ësse…Anzi, me risûlta che saiei arrestae tûtti duì per raggiro e truffa aggravata!"

DON ALFR. :- "Ma comme scià se permette de insûltà 'na veste talare! Mi o denunzio pe' calûnnia!"

MANFREDI :- "Zovenotto... in casa mae no s'offende nisciûn...accomodaeve pûre... là gh'è a porta" (indica l'uscita)

MARTINA    :- "Eh, no, primma lascilo finì"

CAMILLA    :- (al fratello) "Vegni Alfredo... no semmo gradìi in questa casa"(si alzano) "O Segnò de lasciù o giûdichià!"

MANFREDI :- (li blocca)"Scûsae...lascemmo perde o Segnò, lé o giûdichià de segûo.. se no éi ninte da asconde lasciae parlà o zovenotto... (a Gianni) Prego"

GIANNI        :- "Me despiäxe tûtto 'sto trambusto ma... o Comandante Saporiti o no ne sa ninte e o no l'ha mandòu mai nisciûn da voscià, Sciò Baron"

DON ALFR. :- "Böxie... domandaeghelo"

GIANNI        :- (al barone) "Scià ghe dagghe 'na telefonata"

MANFREDI :- (non comprendendo) " …'na.. tele…fonata?.. Che röba a l'è?"

GIANNI        :- "Ah, l'è véa... Me son sbagliòu…Visto che scià gh'ha a carossa pronta, scià vadde da o Comandante... Questi duì son veramente màjo e moggé ... dui truffatoì ch'han ingannòu ätra gente... Alfredo Da Ponte e Camilla Astolfi, già ricercati per altre truffe del genere"

MARTINA    :- (divertita) "Tombola!"

CLOTILDE   :- (inviperita, si alza e alla donna) "Veuggio inderré e mae palanche!"

MANFREDI :- (a Gianni, stupito) "Ma voi comme fae a savei 'ste cöse in antiçipo?"

GIANNI        :- "No posso rivelälo... no me crediesci"

DON ALFR. :- "Vegni Camilla... battemossela!" (cercano di fuggire ma vengono bloccati da Manfredi e da Gianni)

CLOTILDE   :- "Se no l'éa pe o Gianni..."

MANFREDI :- "Giäxo… Giäxo!"

GIÄXO         :- (appare sulla soglia) "I cavalli son pronti sciò Baron"

MANFREDI :- "Bene. Portemmo questi duì, majo e moggé… da-e guardie"

GIÄXO         :- "Ah ma allòa... aveivo raxòn... anche i praevi piggiàn moggé!" (escono tutti, tranne Clotilde e Martina)

FINE DEL SECONDO QUADRO

______________________

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

SCENA I

(Sabina – Giäxo)

SABINA       :- (sta mettendo in ordine, poi sospira) "Eh, se o Gianni o me poesse portà con lé in ta seu epoca son segûa che me piaxeiva... (sognante) Che emoziòn ho provòu quande, tegnindome a man, o m'ha dïto: <Sabina, son in te seu moen> Chissà se tûtto quello ch'o m'ha contòu l'è vea, comme quella che e donne da seu epoca travaggian in ti uffizi, in te fabbriche, in politica... e portan e braghe comme i ommi... che gh'han i stessi diritti...me pä strano perché chì o diritto no ghe l'han manco tûtti i ommi.. E poi... (sorridendo) o m'ha dïto anche che e zovene van pë stradde e mostran l'ombrissallo...ah, ah, figûremmose se ghe creddo... o veu piggiäme in gïo... comme se credesse che tante portan a fädetta de däto a-e zenugge finn-a chì... (segna con la mano l'altezza della minigonna) Ah, i ommi... me pä che qualunque segge l'epoca contan de micce"

GIÄXO         :- (entra dal giardino con un cartoccio che dà a Sabina) "Tè... gh'è do baxaicò fresco piggiòu in ta saera"

SABINA       :- "E ti poeivo portälo in cûxinn-a, ti veddi ch'ho da fa"

GIÄXO         :- "T'eu dì che t'hae da fa a parlà da sola che ti paggi 'na ballaitràia" [5]

SABINA       :- "Comme saieiva a dì?"

GIÄXO         :- "Ûnn-a bamboccionn-a... Me pä che t'àggi perso a testa pe' quello scansafadighe, sempre in gïo a fa ninte... e l'è inûtile che me fae passà pe' scemmo, l'ho visto vixin a-o pozzo ch'o s'aggueitava in gïo comme 'n laddro, vestîo in te 'n moddo ch'o no l'è o nostro e poi te l'attreuvo chì drento vestîo diversamente…me pàiva finn-a de vedde teu frae. No, no... gh'è quarcösa sotta e ti che ti dae i nûmeri e ti parli de donne con e braghe…de ombrissalli scoverti… Figgetta, damme a mente a mì, vanni da o carrossé e fatte revixonà e balestre"

SABINA       :-"E mae balestre son a posto... l'è o teu impianto in to çervello ch'o stralabbia" (stizzita, prende la porta brontolando)

GIÄXO         :- "O saveivo. Ho faeto centro... ghe piäxe quello zoeno che a mì o me pà 'n mariölo e no veuggio ch'o fasse do mä ä Sabina (si guarda che ha in mano il basilico e uscendo) Sabina... o baxaicò..."

SCENA II

(Manfredi – Clotilde)

MANFREDI :- (entra con Clotilde) "Clotilde, devo andà a-o circolo uffiziali e pensavo de mettime a montûa...[6]  Vestîo con o mae graddo da tenente de vascello, fasso bella figûa... No se mai se ricordessan de quella nomina a senatò..."

CAMILLA    :- "Ma tì ti fae bella figûa anche in borzoà[7]"

MANFREDI :- (baciando la mano alla moglie) "Sempre gentile e aggaibbâ... (sorridendole) ...basta che no te toccan i dinae, sennò ti piggi lampo comme t'hae faeto con quella Camilla... a seu do praeve... ti te ricordi?"

CLOTILDE   :- "Che poi a l'éa a moggé do fäso praeve... M'éa vegnûo ûn scc-iùppon de fotta a sentimme piggià pe' o naso che me son ascordà o nostro rango sociale... A propoxito, che fin han faeto?"

MANFREDI :- "Devan ancon istruì o processo... son cöse che, ai nostri tempi, van pë lunghe... magara in avvegnì saian ciù rapidi; ghe son ätri che son restae gabbè... E quello zoveno, quello Gianni, ch'o n' ha evitòu a fregatûa che fin o l'ha faeto?"

CLOTILDE   :- (pensosa) "O vegne a attrouvà mae mammà spesso e voentéa e lé a sta scrivendo 'na specie de almanacco do futûro... ho visto di appunti in sce-o seu diario"

MANFREDI :- "A tegne ûn diario? E da quande?"

CLOTILDE   :- "Da quande quello Gianni Benservìo o frequenta 'sta casa… Gh'è quarcösa in lé che no me convinçe guaei... çerti atteggiamenti... parolle mai sentìe comme tele... televixòn... satelliti... che poi o dïxe d'essise sbagliòu... a propoxito (fruga nella tasca propria) ho attrovòu questo biggetto in ta stanzia da mammà... a calligrafìa però a no l'è a seu, senti, senti cöse gh'è scrïto: (legge) <Apparirà fra qualche anno sul Secolo XIX questo inserto scritto da un abbonato: in una delle ultime sere di luglio del 1909, nell'ora del crepuscolo, verso sud vedemmo comparire una lunga striscia luminosa che con grande rapidità scendeva diagonalmente da ponente a levante. La sua luminosità era straordinariamente abbagliante e di colore smeraldino. Ad un certo punto, questa stella cadente, o bolide, o altro, si divise in tre parti uguali e contemporaneamente, rallentando la loro velocità, la vedemmo sparire, una dopo l'altra..>[8]e sotto ghe 'n'appunto: sarà uno dei primi UFO avvistati segnalati"

MANFREDI :- "E cösse veu dì UFO?"

CLOTILDE   :- "No so... ma penso che quello Gianni, o segge 'na specie de indovin, ma o no deve vegnì chì a imbarlûgà mae mammà con e fantasie, n’ab- basta zà Giulio Verne e Flammarion. E gh’è de l’ätro… (prende un altro biglietto) Questo l'ho copiòu mi da o seu diario, scrïto quarche meize fa: <Gianni dice che nel 1898, Ferruccio Macola, direttore del Secolo XIX, ferirà a morte in duello Felice Cavallotti[9] e che l'anno successivo ci sarà una nuova malattia: un'epidemia di influenza con oltre diecimila casi[10]>"

MANFREDI :- "Ma chi o l'è quest'ommo? Quande o vegne ghe parliò mì e segondo

                       quello ch'o dijà o fasso corrì comme 'na lippa... Ma òua andemmo de däto che me devo cangià"

CLOTILDE   :- "Fra quattorz'anni festezziemo o secolo neuvo e vediemo se quello che scrivià mae mammà... con o sûggerimento de questo Gianni, o sûccedià p'en davvei"

MANFREDI :- "Comunque gh'è tempo e quello giorno l’è prevista l’inaugurazion do Lido d’Arbà e faiemo 'na bella festa... Milleneuveçento... inizia ûn neuvo secolo de päxe e de prosperitae. Clotilde, cöse ti ne dïxi se o festezzescimo faxendo 'n'ascensiòn in mongolfiera?"

CLOTILDE   :- "Preferiscio de no; l'ommo o no porrià mai xeuà, solo i oxelli peuan  e poi se l'aerostato o se sgonfia precipitiescimo a taera e... addio neuvo secolo!"

MANFREDI :- "Comme ti veu... però saieiva bello vedde Zena da l'èrto" (escono)

SCENA III

(Martina – Gianni – Sabina)

MARTINA    :- (entra brontolando) "Quarchedûn l'è andaeto a ravattà in ta mae stanzia... Ho attrovòu o mae diario spostòu e m'ammancan di appunti... no creddo che segge a Sabinn-a, a no tocca mai ninte quella brava figgia... e poi a no sa lëze... Ghe scommetto 'n cicchettin d'erba luisa ch'o l'è o Manfredi... A parte che no mettieiva a man in sce-o feugo manco pe' a Clotilde... Da 'n po' de tempo a 'sta parte e me spìa, a m'aggueita comme 'n fuìn... Tsè... a se credde che no me ne segge accorta... Fortûnatamente no ho ancon perso o saeximo" (siede)

SABINA       :- (entra con un vassoio e la teiera che posa sul tavolino) "Bongiorno scià Martina... ecco o tè con duì canestrelli de Torriggia"

MARTINA    :- "Grassie, servi pûre... Dimme 'n po'... t'hae pe' cäxo piggiòu ûn biggetto in sciò mae ghirindòn?"[11]

SABINA       :- (servendo) "No me permettieiva mai scignòa"

MARTINA    :- (fa cenno che il servizio sta bene così) "Scì, ö so che no ti tocchi ninte... l'ho domandòu perché... o me serviva pe' scrive o mae libbro"

SABINA       :- "O saià 'n libbro interessante... se peu savei de cöse... comme se dïxe... cöse ghe saià in to libbro?"

MARTINA    :- "Ti veu dì de cöse o trattià. E ben… scrivo quello ch'accapitià entro  l'anno duimilla"

SABINA       :- "Baccere! E comme scià fa a saveilo?"

MARTINA    :- "No dî ninte a nisciûn, tanto no ghe creddieivan... me i detta o Gianni"

SABINA       :- "Peccòu che mi no so lëze... me ne vergheugno... ma oramai l'è tardi"

MARTINA    :- "No l'è mai tardi pe' imparà... Mia, femmo coscì... quande mae figgia e mae zeneo van a Bûsalla in villa, mi no ghe vaddo, attroviòu 'na scûsa e te insegno a lëze e a scrive, cöse ti ne dïxi?"

SABINA       :- (gioiosa) "Davvei scià faieiva questo pe' mì?"

MARTINA    :- (con sottile bonarietà, tra un sorso di tè e l'altro) "Son segûa che anche a-o Gianni ghe faieiva piaxéi"

SABINA       :- (schernendosi) "Ma... no saviae... e poi perché mai... o no vedde l'òa de andäsene"

MARTINA    :- "Eh, son vëgia e son abbastanza navegà e mì... no gh'ho ciù bon... ma ho visto comm'o t'ammiava...o ne vegnà anche da-o futûro ma... e euggiae... son sempre e maexime"

SABINA       :- "Ma saià véa ch'o ne vegne da o futûro? L'è diffiçile credde a quello ch'o conta... scià pense ch'o dïxe che e donne portan e braghe, fûmman e mostran finn-a l'ombrissallo pe' a stradda... No parlemmo poi de donne in spiägia... mëze nûe... Ah, n'ätra cösa... e donne peuan fa o sordatto, i cantuné e poi son anche in marinn-a e in avia...aviaziòn... coscì me pä... no ho ben accappio che röba a l'è... Mi no saviò ni lëze, ni scrive però no creddo a tûtto quello ch'o me conta... me pan de fòue"

MARTINA    :- "L'ombrissallo scoverto... donne mëze nûe... o sordatto... Questo o no me l'ha dïto"

SABINA       :- "…e a no l'è finìa chì. Scià pense ch'o m'ha contòu anche che portan de specie de pendin, de brillantìn a-o naso comme i möi… ho l'ha ûsòu 'na parolla che no so manco pronunziala... persin, pirsing...'n'affare scimile. Ma se questo l'è vèa, che mondo o l'è? Primma ean i gianchi che scangiavan anelli, spëgi, borsette con i möi e doppo, saià o conträio?"

MARTINA    :- (sorniona) "Però o te ne conta de cöse, eh?.. Quande ti l'hae visto?"

SABINA       :- "Véi, in giardin, quande o baron e a so scignòa son andaeti in vixita dai Carpeneto... o m'ha anche faeto 'na domanda strana... quante costa o pan a-o chillo"

MARTINA    :- "Perché? O veu mïga fäse a brûschetta?"

SABINA       :- "O m'ha dïto che in to 1895, quande ghe saiàn i primmi trams elettrici, gh'è saià anche a crisi do pan e che o vegnà a costà finn-a a 40 citti a-o chillo"[12]

MARTINA    :- "Peu ëse... Vorrià dïse che impiëmo a meizua[13] de faenn-a e se faiemo o pan in casa"

SABINA       :- "Scià Martina, me son confià con Voscià perché scià l'è pe' mi comme 'na moae, ma cö sciò Gianni me sentieiva comme 'n pescio feua d'aegua cäxo mai o fisse davvéi interessòu a mì... o se vergheugneiva de 'na donna semplice comme mì..."

GIANNI        :- (entra dall'esterno) "Bongiorno. Scûsae l'intrusiòn ma... o Giäxo o m'ha faeto intrà squadrandome comme fïse 'n'intrûso e... n'ho posciûo fa a meno de sentï e ûrtime parolle da Sabina..."

SABINA       :- (vergognosa, volta le spalle di scatto)

MARTINA    :- "T'accapiti a propoxito... n'attreuvo ciù i teu appunti in scè quello bolide in çe che, segondo tì, a gente a vedià da chi a vint'anni...quello che t'è ciammòu con ûn nomme strano..."

GIANNI        :- "Ufo?"

MARTINA    :- "Scì, quello... che razza de nomme... Veuggio scrïve e parolle giûste coscì i posteri dijan: 'No pàiva ma quella bacûcca da Martina a saveiva pe'n davvei predì l'avvenì' ..Son contenta che ti seggi chì, armeno ti me dae ätre informazioìn... (quasi come un rimprovero) anche a mì de quello che sûccedià in to secolo proscimo... Pe' a pûbblicaziòn ne parliòu anche con Liala, a scrittrice, che oua a travaggia in to giornale, coscì a me dà l'andeuia giûsta. Allòa, cöse ti me conti?.."

GIANNI        :- (s'era nel frattempo avvicinato a Sabina, prendendole una mano e guardandola teneramente)

MARTINA    :- (che osservava, si alza) "Ho accappio... lascemmo perde... (sorniona) M'è vegnûo in cheu ch'ho lasciòu a màggia con i faeri de de là... finiscio i punti a bregafolla[14] do mae sciallo e poi... se ve descollae ...ne parliëmo... (li guarda compiaciuta scrollando la testa. Gianni e Sabina nemmeno si muovono; uscendo lentamente) Eh... belli tempi... quande o t'acciappa o t'acciappa... beata zoentù"

SCENA IV

(Gianni – Sabina)

GIANNI        :- "Ti pensi che posse vergheugnäme de tì?"

SABINA       :- (allontanandosi) "No saviae ma se l'è véa che ä teu epoca e donne son coscì eman... emanci... comme se dïxe?"

GIANNI        :- "Emancipae"

SABINA       :- "… mi saieiva 'na tarlûcca e alloa o mae posto o l'è chì"

GIANNI        :- "Beh... pe' o momento son chì anche mì, vixin a ti..." (le dà un bacetto sulla guancia)

SABINA       :- (posa una mano sulla guancia, si volta e fugge via)

GIANNI        :- (la guarda uscire, poi trae di tasca il cellulare e riprova a chiamare) "Preuvo torna... no se sa mai... Pronto? .. Pronto?.. Comme?.. Ti me senti?.. Davvei?.. Allòa òua gh’è campo… Che contento che son… Dimme 'n po' Franco a mamma e o papà stan ben?.. Son staeti in pensiero pe' mì?. Aveivo provòu giorni fa ma no gh'éa campo e òua  (pausa) Ma comme l'è mai poscibile... Cösse?. Comme?.. Son solo trei menûti che son sciortîo de casa senza paegua?.. Ma perché... ceuve de longo?.. Ma se son di meixi che no se vedemmo... Quae de scherzà, mì?.. No gh'accapiscio ciù ninte…Dovve son?.. Mah; a Murta in te 'n'ätro secolo... Scì, rïi pûre… Eh? Te sento lontan... Franco… Franco... riciammime se ti peu… Finîo... no se sente ciù ninte... Mae frae o dïxe che son sciortîo de casa da soli trei menûti, 'n'accapiscio…foscia a teoria da relativitae de Einstein... (siede con tristezza) Ma l'è tûtto 'n seunno... magara me pä d'ësse in to passòu e invece... invece ghe son p'en davvei e no so comme tornà... "

SABINA       :- (rientra preoccupata) "Sta pe' arrivà a carrossa do mëgo Làudano... i scignori no ghe son e a scià Martina a no ne veu savéi... Ch'o pense ch'a l'ha daeto e sanguette a-o Giäxo pe' pescà invece de addeuviale"

GIANNI        :- "Ti me dae do lé?.. No ti veu damme do 'ti'?"

SABINA       :- "No creddo de poei... (suonano alla porta. Sabina si allarma) Oh, o l'è chi... e oua?"

GIANNI        :- "No te preoccupà e vanni a arvì"

SABINA       :- (esce per far entrare il dottore e Gianni si nasconde dietro la parete)

SCENA V

(Sabina – Làudano – Martina)

SABINA       :- (entra con circospezione e dietro di lei il dottore) "Prego Sciò mëgo... vaddo a ciammà a scià Martina." (credendo di non essere vista dal dottore, guarda sotto il tavolino, dietro la poltrona per cercar Gianni. Comicità)

LAUDANO   :- (con ironia) "No creddo che a scignòa, con a so artrosi, a se segge caccià sotta o tavolin"

SABINA       :- (cercando padronanza di sé) "No... l'è che... l'è che çercavo o sciallo da scignoa pe' portaghelo... vaddo sûbito a ciammäla" (esce)

LAUDANO   :- (incuriosito dell'atteggiamento di Sabina, si alza e guarda anche lui sotto il tavolo)

MARTINA    :- (entra e lo vede) "Scià l'ha perso e sanguette?"

LAUDANO   :- (ha un sobbalzo e poi si riprende) "Bongiorno scignòa... No, ninte sanguette pe' ancheu... çercavo o so scialle... sciccomme a so serva a no l'ha attrovòu, alloa mi..."

MARTINA    :- "A no l'attreuvava de segûo... ghe l'ho in sce-e spalle... A cöse devo l'ònere da so vixita?" (siede e fa cenno a Laudàno di fare altrettanto)

LAUDANO   :- "L'ònere?!"

MARTINA    :- "Oh, scià me scûse... o lè stato ûn lapsus... voeivo di l'onòre da so vixita"

LAUDANO   :- "Ecco, mì... primma de tutto comme scià stà?"

MARTINA    :- "Se levemmo i dolori, a circolaziòn, a presciòn, i anni... dimmo che a porrieiva anche andà pëzo... morale da fòa... no posso lamentäme"

LAUDANO   :- "Se l'è pe' quello, anche mì gh'ho i mae guai de salûtte"

MARTINA    :- "Perché scià no se fa vedde da 'n mëgo?"

LAUDANO   :- "Ma ghe son za mì"

MARTINA    :- "Scià o cange… oh, pardon… Però son segûa che scià no se peu sentì a so schenn-a da solo quande scià se comanda de dì: trentetréi..."

LAUDANO   :- "Comme linea de prinçippio scià l'ha raxòn... dovieiva ciammà 'n collega, ma..."

MARTINA    :- "Magara o ghe ordina quarche salasso... Ho accappìo, scià no se fïa di mëghi... Ma vegnimmo a noiätri. Visto che scià no l'è vegnìuo pe' mì... pe' cöse..."

LAUDANO   :- (si guarda attorno) "Ho sacciûo che quello zoveno... quello mainà... o no lè proppio ûn mainà e che..."

MARTINA    :- (sul chi va là) "E a mì che me ne frega... Oh, scià scûse a volgaritae... ma no veddo comme mì..."

LAUDANO   :- "So che gh’è staeto do bullezzûmme in casa vostra quande l’è staeto smascheròu quello fäso praeve, prevedendone finn-a l’arresto: tra l’ätro me risûlta che quello zoenotto o l’éa vestîo in moddo diverso da o nostro…”

MARTINA    :- "Comme saieiva a dì?.O no l'avià mïga avûo e fädette pe' cäxo..."

LAUDANO   :- "No, no… voeivo savei se l'éa poscibile, pagando s'intende, se..."

MARTINA    :- (seccata) "Scià me scûse se ritorno a ripëte: a mì che me ne frega"

LAUDANO   :- "Ecco… scià me lasce dî... vorrieiva savéi se… "

SCENA VI

(Martina - Làudano - Gianni)

GIANNI        :- (appare improvvisamente da dietro la parete vestito come all'arrivo, non visto dai due) "Cöse scià voeiva savèi?"

LAUDANO   :- (ha un sobbalzo mentre Martina non si scompone) "Ma... da dovve o l'è intròu..? Ciù 'n po' o me fa vegni 'na sincope!"

MARTINA    :- (con noncuranza) "Scià no se sciäte… Due sanguette, ûn salasso e scià l'è a posto… Scià ghe voeiva parlà, no?"

LAUDANO   :- "Veuggio parläghe da vivo, se l'è poscibile. (nota l’abbigliamento)  Che strano moddo de vestì… o me pâ Lord Byron a-o conträio"

MARTINA    :- (a Gianni) “Comme mai ti t’è vestïo coscì?.. T'hae attrovòu a mainéa de ritornà a-o teu tempo?… A-o futûro?"

GIANNI        :- "Aspëto o momento propizio" (armeggia col cellulare)

LAUDANO   :- (stupito) "A-o… futûro?… (addittanto il cellulare) Coss’o lè quell’arnei- ze?”

GIANNI        :- "Questo? Preuvo a fa ‘n-a telefonata"

LAUDANO   :- "Ûnn-a tele...fonata... cöse veu dì?"

GIANNI        :- "L'è 'n po' complicòu spiegala... O telefono l'ha appena-a inventòu Meucci e poi o Bell o l'ha perfezionòu... Se peu parlà a distanza con e personn-e che gh'han o telefono, comme poi se faià cö computer"

LAUDANO   :- (guarda meravigliato e impaurito Martina come a chiedere conferma) "...parlà con chi no se vedde... a distanza…(rinfrancato) No l'è poscibile… o me conta de mu… de mincionnàie... A mì o no me ne dà da intende...No son mïga nasciûo véi"

GIANNI        :- "Lascemmo perde…Scià no m'ha ancon dïto o perché scià voeiva parläme"

MARTINA    :- "Coraggio dottore Làudano, che la vita è di passaggio"

LAUDANO   :- "Ecco… son ‘n po’ frastornòu… ma se l’è véa che scià vegne da o futûro… e scientificamente no l’è poscibile…no se peu avvertì a gente, i governi de quello che sûccedià in moddo da prevegnì e cösse e mettighe rimedio in antiçipo? (interessato) Porrieiva ësse mì quello ch’o dà queste preventive informazioìn e, s’accapisce che… n’avieiva di vantaggi”

GIANNI        :- "O svantaggi... Porrieiva däse che pe' no allarmà a gente, o pe' interesci vari... che o mettieivan drento 'per allarmismo e turbativa dell'ordine costituito' "

MARTINA    :- "Giûsto! Se invece son mì che fasso solo de previxoìn l'è 'n'ätra cösa e poi, se mai, scià l'accattià o mae libbro"

LAUDANO   :- "E quarcösa de personale riguardo ä mae carriera?"

GIANNI        :- "Quella, comme l'avvenì, o l'è in te moen nostre e sorviatûtto in te quelle do Segnô" (si ode scampanellare alla porta, poi la voce di Sabina che è andata ad aprire)

SCENA VII

(Martina – Làudano – Gianni – Clotilde – Sabina – Manfredi)

SABINA       :- (da fuori) "Bentornà scià Clotilde... Sciò baron…a so disposizion"

MANFREDI :- (da fuori) "Clotilde, vaddo a mettime in borzoà,[15] poi chinn-o"

CLOTILDE   :- (entra in scena) "Oh, sciò mëgo, comme mai chì... quarcösa de mae mammà ch'a no va?"

LAUDANO   :- (che si era alzato a fare il baciamano) "So mammà a lè 'na roccia"

MARTINA    :- "... friabile..."

CLOTILDE   :- (si avvede di Gianni e lo squadra) "E questo chi... comme o s'è mascheròu?"

MARTINA    :- "Ma o l'è o Gianni... Gianni Benservîo"

CLOTILDE   :- "O saià anche benservìo ma o me pä mä acciappòu"

GIANNI        :- "Scignòa... so che no saià façile ësse credûo ma..."

CLOTILDE   :- (alla mamma) "O l'è questo chì ch'o te invexenda con quelli biggetti in sce-o futûro? No dagghe ciù a mente se no invece do mëgo de famiggia te ghe veu quello do çervello: Freud!"

MARTINA    :- "Fro...freido no ghe n'ho... gh'ho o mae sciallo. Calmite e ti veddiae che quello ch'ho scrïto sûccedià... Mi ghe creddo e no son feua de testa. Finn-a o mëgo o l'è vegnûo pe' savei quarcösa in sci anni a vegnì"

LAUDANO   :- (preso in castagna, è imbarazzato) "Ecco veramente mì...no l'è che segge proppio coscì..."

MARTINA    :- "Balle. Oh, voeivo dì che scià l'è vegnûo proppio sperando de incontrà o Gianni"

LAUDANO   :- "Ecco... me interessava clinicamente o cäxo ma... (finge di guardare l'orologio da taschino e si alza) Perdincolinn-a... s'è faeto tardi e gh'ho 'na vixita da fa... compermisso..."

CLOTILDE   :- "Sabina!"

SABINA       :- (entra)

CLOTILDE   :- "Accompagna o dotore"

SABINA       :- "Comme scià comanda... Sciò mëgo, ceuve a sguasso... gh'è tûtto neigro in çe"

MARTINA    :- "Dagghe 'n paegua... in prestito s'intende..."

LAUDANO   :- "Grassie e... scûsae o destûrbo... scignorìa" (baciamano ed esce)

MANFREDI :- (da fuori) "Oh, dotore. Scià va via proppio òua che se prepara a derrûà?"

LAUDANO   :- "Ma a Sabina a me dà 'n paegua... in prestito! Scignorìa sciò baron"

MANFREDI :- "Scià stagghe ben (entra in scena) Me pä che semmo arrivae appena-a in tempo (vede Gianni) Ma... o no l'è o mainà questo chì?"

GIANNI        :- "Scignorìa sciò baron... Scì, son mi"

MANFREDI :- "Ma comme o l'è vestïo?"

GIANNI        :- "Proviò a spiegäme anche se so che no saiòu credûo. No ve daggo torto. A-o vostro posto anche mì saiae ciûttosto scettico e v'accapiscio. Lascio però a descriziòn di avvenimenti proscimi in to libbro che a scià Martina, ch'a m'ha onoròu da so stimma, a sta scrivendo. Quando i faeti descrïti saiàn sûccessi, alloa crediei a quell'ommo che, inaspettatamente, pe' cäxo e senza a so voentae, o s'è attrovòu da o duìmilla ä vostra epoca. Ecco perché son vestïo coscì"

CLOTILDE   :- "No l'è poscibile! E l'abbigliamento de primma?"

MARTINA    :- "A l'ha portòu a Sabina... son de so frae... Ghe l'ho dïto mì pe' appa- xentälo, o no poeiva circolà a quello moddo... o l'avieiva daeto troppo in te l'euggio"

CLOTILDE   :- "E comm'o l'è intròu chi senza fasse vedde?"

MARTINA    :- "Ma l'è tanto semplice... da o passaggio segreto!"

MANFREDI :- " 'N'ätra neuva. E dovve o saieiva?"

GIANNI        :- "Chi" (va seguito da Manfredi e Clotilde)

CLOTILDE   :- (meravigliata) "Ohh...Manfredi... o gh'éa davvei o passaggio segreto"

MANFREDI :- (a Gianni) "E lé, comm'o l'ha scoverto?"

GIANNI        :- "Veramente o m'ha scoverto lè. Me son attrovòu lì drento scaraventòu da 'n tûrbinìo che no so spiegäme manco mì.. Me sentivo mancà l'àia... poi ho provòu a sciaccà 'na leva, a mûagia a s'è spostà e son accapittòu chi drento..." (tuona)

SABINA       :- (entra improvvisamente agitata) "Sciò baron… scià Clotilde…o mëgo..."

MANFREDI :- "O mëgo... cösse?"

SABINA       :- "Cö temporale o no s'è accorto de 'n fosso e-o ghe cheito drento... o Giäxo o l'ha sentîo di lamenti e-o l'ha portòu in te l'ingresso scùo com- me 'n pulìn"

MARTINA    :- "O l'insûppià i tappëti..."

MANFREDI e CLOTILDE:- (escono rapidamente)

MARTINA    :- "Dunque Gianni, ti pensi che semmo a tîo?"

GIANNI        :- "O spero... o temporale o gh'è, i sciantilin ghe l'ho...gh'ammanca solo che se forme o maeximo impatto de primma, ma questa votta a l'inverso"

SABINA       :- (triste) "No se vediemo ciù..."

GIANNI        :- "No so manco se porriò andamene, no dipende da mi ma... foscia da quarchedûn che magara o l'ha vosciûo mettime ä preuva"

CLOTIDE     :-(che rientra con Manfredi) "Pare ch'o se segge slogòu 'na caviggia... Bezeurrieiva trasportalo a l'ûspià ma con 'sto tempo comme se fa?"

GIANNI        :- (senza riflettere prende il cellulare e compone il 118) "Pronto... pronto..? Parlo col 118?"

MANFREDI :- "Ma cöse o fa? O parla drento a 'na scatoeta?"

GIANNI        :- "Ciammo o pronto soccorso... magara mandan n'elicottero o n'autoambulanza"

CLOTILDE   :- "O l'è matto"

GIANNI        :- "Questa... scatoéta o l'è ûn telefono cellulare ch'o ghe saià ai mae tempi... l'abitûdine de addeuviälo o m'ha faeto ascordà che o no funzionn-a in quest'epoca" (improvvisamente squilla il cellulare. Tutti sobbalzano. Gianni risponde) "Pronto?.. Chi? Franco t'è tì?.. Spero de poei arrivà ... Comm'o l'è o tempo?… Burrasca anche chi… Comme?.. Scì anche chi... se riescio a-arrivà te spiego.. Pronto…pronto...no se sente ciù ninte…"

                            (ALL’IMPROVISO SCOPPIANO TUONI, LAMPI E SCROSCI D'ACQUA. SABINA SI AVVICINA IMPAURITA A GIANNI. IMPROVVISAMENTE LA SCENA SI FA BUIA E QUASI IMMEDIATAMENTE ANCORA LUCE. GIANNI E SABINA SONO SCOMPARSI. A TERRA RIMANE IL CELLULARE)

CLOTILDE   :- "Oh, Manfredi, che spavento…"

MANFREDI :- "Ma... a Sabina e o Gianni son sparìi?.. (chiama, mentre lampi e tuoni si susseguono) Sabina... Gianni!"

CLOTILDE   :- "Saià staeto poi véa o se semmo asseunnae? Magara doman s'addescemmo e vediemo che no l'è successo ninte"

MARTINA    :- "Ninte? E quella scatoéta ch'o ghe parlava drento, cöse a ghe fa lì pe' taera?"

MANFREDI :- (la raccoglie con circospezione, la porta all’orecchio)

MARTINA    :- "Tûtto sommòu, son contenta ch'o segge ritornòu a casa seu perché ognidûn deve vive a propria epoca, cresce fra a so gente donde o l'è nasciûo, in mëzo ai proppi affetti... e no pretende quello che no se peu avei. Ognidûn, do proprio ërbo o conosce i so frûti e l'è inûtile çercà in te l'ërbo do vexin... (scherzosa) E poi, chissà quanti vorrieivan avei di passaggi segreti" (accennando alla parete aperta)

 MANFREDI :- "Saià ma pe' mì a l'è staeta tûtta 'na messa in scena pe' abbarlûgäne…[16]no ghe creddo e no l'è poscibile che questa scatoeta… l'è a magìa de 'n ventriloquo" (SQUILLA IL CELLULARE CHE MANFREDI HA RIPORTATO ALL'ORECCHIO. SI SPAVENTA... LO ALLONTANA, POI LO RIACCOSTA) "Pro… pronti? Eh..? Ma chi parla? Sabina?.. Drento ä scatoéta? (ai presenti) A Sabina..a l'è.. a l'è chi drento… (scuote il cellulare, lo allontana da se, lo riaccosta all'orecchio) Sabina... Sabina...  sciorti de lì drento ..! Sabina…”

                                                     

(Si chiude il sipario)

FINE


[1] Saera, saera: ressa

[2] Calomelan: calomelano, disinfettante per l'intestino, lassativo

[3] Anveloppe- busta

[4] Vero (cronaca)

[5] ballaitraia - babbéa

[6] montüa - divisa

[7] in borzoà - in borghese

[8] dalle cronache del 1909

[9] vero-Cavallotti viene ferito mortalmente al viso

[10] dalle cronache dell'epoca

[11] ghirindòn - comodino o tavolino da notte

[12] dalle note della cronaca dei tempi

[13] Meizua - madia

[14] bregafolla – punti a strega

[15] borzoà – in borghese

[16] abbarlûgà – stordire, abbagliare, sbalordire

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno