I sciantilin

Stampa questo copione

I SCIANTILIN

 


                                   (LE CALOSCIE)

COMMEDIA IN GENOVESE

TRE ATTI

di

ENRICO SCARAVELLI

Personaggi in ordine di apparizione:

CLOTILDE                                - padronn-a da villa

MANFREDI UGOBERTO        - màjo da Clotilde

GIANNI BENSERV√éO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - l'ommo do ..fut√Ľro

SABINA                                    - a donna de servissio

DON ALFREDO CANONICO  - praeve de Santa Marta

CAMILLA                                 - seu do praeve

MARTINA                                - moae da Clotilde

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - o giardin√©

LAUDANO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - o m√ęgo

A Zena (Murta) in to milleottoçentoottantesei-ottantesette

I SCIANTILIN

(Le caloscie)

ATTO PRIMO

Interno della sala di una vecchia villa. Caminetto acceso, porta al centro che conduce al giardino e  all'esterno; a sinistra una porta conduce alle camere. Quadri alle pareti, tavolo rotondo al centro o di lato; poltrone. Mobili della metà ottocento.

Una parete mobile conduce ad un passaggio segreto (potrebbe essere una libreria), ignorato dai proprietari discendenti del Barone Sereni Ugoberto di Murta. Tuoni e lampi scuotono l'aria.

 

SCENA I

(Speaker, dall'esterno - Clotilde ‚Äď Manfredi,¬† poi Sabina)

SPEAKER¬†¬†¬† ¬†¬† :- "Quanti vorrieivan avei o dono de l'ubiquitae, poei √ęse in te du√¨ posti contemporaneamente, oppure avei 'n pitinin de mag√Įa, pe' and√† verso o fut√Ľro o verso o pass√≤u, naturalmente poendo torn√† inderr√© s'accapisce. Ma son c√∂se che no s√Ľccedan mai.. a macchina do tempo no l'han ancon invent√†...a meno de no addeuvi√† a fantax√¨a, con quella se peu and√† dovve se veu, √§ velocitae che se veu e no se spende ninte. L'√® s√Ľccesso √Ľn giorno a Gianni Benserv√¨o, un zoenotto moderno, d'avei attrov√≤u, pe' c√§xo, √Ľn scistema pe' fa queste c√∂se... and√† avanti o inderr√© in to tempo pe' 'n periodo minimo, armeno finn'√≤ua. Con che mezzo, ve domandiei: semplicemente con √Ľn p√§ de sciantilin, attrovae in te 'n v√ęgio b√†ilo di seu bez√§vi e quande o Gianni o se l'√® infiae.. C√∂se son i sciantilin?.. Ma sc√¨ che ve ricordae‚Ķ son e galosce, o m√ęgio e sorviascarpe de gomma, che se √Ľsavan pe' no arroin√† e scarpe e pe' no bagnase i p√ę‚Ķ Questo o s√Ľccedeiva quande ne p√†iva d'√ęsse meno f√Ľrbi‚Ķ Ma stae a sent√¨ comme son andaeti i faeti... comme o Gianni o l'√® ritorn√≤u, pe' c√§xo o pe' mag√Įa, inderr√© in ti anni... "

CLOTILDE ¬† :- (entra dalla sinistra; indossa uno scialle ed ha in mano un libro. Il marito Manfredi la segue poco dopo, entrando dall'esterno; calza un paio di stivali, un soprabito, si toglie il cappello e mette l'ombrello bagnato nel portombrelli) "Ciao Manfredi, ti t'√® ins√Ľpp√≤u con 'sto tempo? Vanni a cangi√§te se no ti t'accostippi"

MANFREDI :- (sulla cinquantina. Nel frattempo s'√® tolto il soprabito e si avvicina alla moglie, le d√† un bacetto sulla fronte. ) "Tranquilla Clotilde. Ho combatt√Ľo a battaglia navale de Lissa vint'anni fa‚Ķ son staeto a bagno pe' de √∂e e me son sarv√≤u senza accostipp√§me‚Ķ son de pelle d√ľa"

CLOTILDE¬†¬† :- "Milleotto√ßentosci√Ľsciantes√©i‚Ķ ti me l'√® za cont√† tante de quelle votte e..." (sorridendo) "...ogni votta ti cangi versi√≤n"

MANFREDI :- "Son staeto invitòu pe' doman in ciassa Corvetto, a l'inauguraziòn do monumento a Vittorio Emanuele II. Saià presente anche o Re Umberto I. Chissà che saera saera de gente" [1]

CLOTILDE¬†¬† :- "L'ho lez√Ľo in sce-o giornale.. " (siede, lo prende e legge) <Re Umberto, √® stato accolto dalle pi√Ļ alte autorit√† allo sbarco a Ponte Federico Guglielmo>. Speremmo che doman no ceuve" (porge il giornale al marito che va a sedersi di fronte a lei)

MANFREDI :- "Cösse ti stae lezzendo?"

CLOTILDE¬†¬† :- "O libbro de teu nonno Garb√Ľggin"

MANFREDI :- "Torna?.. Ti dovviesci saveilo a memöia oramai" (si mette la pipa in bocca)

CLOTILDE   :- "O scrive da vitta di teu avi e de 'n passaggio segreto ch'addeuviava seu madonnà: (con tono da sufficienza) Donna Antonietta!"

MANFREDI :- "Consciderà 'na strega"

CLOTILDE   :- "Noiätri no l'emmo mai attrovòu 'sto passaggio segreto"

MANFREDI :- "Quande o mae bez√§vo o l'ha scr√Įto o l'√©a za 'n po', dimmoghe.. .no tanto a posto con a testa. E poi a l√© ghe interessava parl√† ci√Ļ de battaglie do Risorgimento che di passaggi segreti. Ma a no gh'√® a serva?"

CLOTILDE   :- "No ciammäla coscì… a Sabinn-a a s'offende"

MANFREDI :- "Comme devo ciamm√§la? B√Ľgand√©a?"

CLOTILDE   :- (accennando al libro) "Teu nonno o fa anche de profezie"

MANFREDI :- "O ne dixeiva pe' coscì de scemmaie…comme quella de 'n parente..."

CLOTILDE¬†¬† :- "‚Ķ co l'arrivi√† da o fut√Ľro..."

MANFREDI :- "Esattamente. S'o l'√ęsse d√Įto ch'o saieiva arriv√≤u da-o pass√≤u se poeiva ancon creddighe, specialmente a sent√¨ i ciaeti da gente do p√†ise a propoxito de parenti spar√¨i fra queste m√Ľage‚Ķ"

CLOTILDE¬†¬† :- "A gente, te lascio d√¨... basta sparl√†‚Ķ gh'√® ci√Ļ c√§o fa di ciaeti che mangi√† di raieu‚Ķ Oh, ha smisso de tron√†. Doman o giardin√© o fai√† senza bagn√† i fiori"

MANFREDI :- "E doman a-o Gi√§xo ghe fai√≤u prepar√† 'n po' de legna scc-iapp√† pe' o caminetto cosc√¨ s'asci√Ľga l'√Ľmiditae, visto ch'o no l'ha da bagn√† o giardin‚Ķbezeugna tegnili occupae questi rep√Ľbblichaen‚Ķ questi mazziniani‚Ķ se no pensan troppo..."

CLOTILDE¬†¬† :- "Senti c√∂sse o scrive teu nonno: <il passaggio segreto era usato dai¬† contrabbandieri che vendevano anche armi e munizionamenti per la causa. Donna Antonietta..> a strega <afferma che non hanno pi√Ļ trovato la via d'uscita e che sono rimasti intrappolati fra le mura della villa, la loro scomparsa..>(con aria di circostanza) <grider√† vendetta sempiterno>. L'√® m√ęgio che n√∂ l√ęze ci√Ļ‚Ķ me vegne a pelle d'oca a pens√† che‚Ķ "

MANFREDI :- "Ma c√∂sse ti stae a pens√†‚Ķ gente spar√¨a... passaggi segreti... stregonerie‚ĶTe l'ho d√Įto‚Ķ mae nonno o cioccava comme 'na lamma e‚Ķ ghe piaxeiva anche beive di piro√¨n de vin... E poi a pelle d'oca lascila vegn√¨ √§ serva, a noi√§tri nobili, t√Ľtta-o ci√Ļ ne vegn√† a pelle de cigno"

CLOTILDE¬†¬† :-¬† "Anche mae moae a d√Įxe che questa casa a l'√® pinn-a de misteri"

MANFREDI :- "Teu moae, sorda comme 'na campann-a, a l'√® 'na brava donna‚Ķ ma anche l√© a l√ęze troppi libbri che parlan de misteri, de mag√Įe, de vitte temporali passae e da vegn√¨...de macchine do tempo... A no sa comme passase a giorn√† e a fantastica ...Ben, ha smisso de ceuve e vaddo da-o friseur a famme aggi√Ľst√† i mustasci che doman che vegne o Re"

CLOTILDE   :- "Perché, Re Umberto I guarda i tuoi mustasci? Pensa meno in grande caro il mio consorte ch'o no sa manco chi t'è. E poi l'e squaexi òa de çenn-a"

MANFREDI :- "Attenta a comme ti parli do Re‚Ķ i so sb√Įri son da qualunque parte e no perdonn-an"

SABINA       :- (con abito adeguato da cameriera, entra ed annuncia) "Se i scignori se veuan accomodà in ta salla-a-mangé, a çenn-a a l'è servìa"

CLOTILDE   :- (si alza) "Grassie Sabina" (lascia lo scialle sulla sedia o poltrona, porge il braccio al marito che l'accompagna fuori scena, mentre le luci si abbassano)

SCENA II

(Gianni - Sabina)

(Giovane moderno dei tempi d'oggi, bluejeans, cellulare, K-way, soprascarpe di gomma ai piedi, appare spostando una.. parete (o libreria) che richiude, è come in trance. Si guarda attorno e si scuote stupito)

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma‚Ķ dovve son accapitt√≤u?.. Chi no l'√® casa mae‚Ķ Comme ho faeto a intr√†? (si tasta, guarda l'ambiente, tocca le pareti per cercare di capire come ha potuto entrare, si guarda le galosce) Me ricordo che gh'√©a √Ľn forte temporale, con lampezzi e tro√¨n... me son infi√≤u 'sti sciantilin, poi... Ti veu vedde che son 'sti sciantil√¨n de mae nonno che me son misso? Ma c√∂sse staggo dixendo, no l' √® poscibile credde a 'ste c√∂sse ...per√≤ questa a no l'√® casa mae (si guarda attorno, vede il giornale e ne legge la testata e la data) <Il Secolo XIX fondato dal Conte Ferruccio Macola, add√¨ 25 aprile 1886, primo numero> ..e 'sto libbro? (prende il libro aperto lasciato sul tavolo da Clotilde; gli d√† un'occhiata) O me p√§ abbastanza v√ęgio.. se vedde che questa a l'√® a casa de 'n'antiqu√§io (d√† una scorsa)

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† < Donna Antonietta considerata una strega.. dedita alle arti magiche..> Ma chi ghe credde in to duimilla ancon a-e streghe‚Ķ Z√†, per√≤ a sta a vedde t√Ľtti quelli che se fan fa e carte, i filtri... ne parla de longo anche a televixon, quarche benardo o gh'√® ancon ch'o se fa freg√† di dinae... (posa il libro, si guarda ancora le caloscie) Ma dovve son?.. Quarc√∂sa de strano ghe sai√† perch√© quande me son misso i sciantilin me son sent√ģo addosso 'na sensazi√≤n comme quella de xeu√† a 'na velocita√® tremenda, me p√§ d'avei finn-a spost√≤u 'na m√Ľagia, fig√Ľremmose‚Ķ e oua... oua me sento 'n po' frastorn√≤u (siede spossato) Comme sai√† s√Ľccesso?.. E se m'attreuvan ch√¨ c√∂sse ghe conto? Me piggi√†n pe' 'n laddro. No me credian de seg√Ľo se ghe diggo che n√∂ so comme son intr√≤u. Se ciamman a polizia, o-u 112, me caregan in sce-o cellulare e me portan a Marasci" (si odono de passi, delle voci. Gianni si alza, cerca dove nascondersi e s'acquatta dietro una poltrona)

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entra rapida in scena brontolando e imita la padrona) "Sabinn-a.. o mae sciallo... vallo a piggi√†‚Ķ (accenna ad un forzato inchino e recita s√© stessa) Comme Sci√† comanda baronessa‚Ķ Sabinn-a... cangime o macram√® e asc√§da l'aegua pe' a vasca... preparime i prof√Ľmmi... Comme Sci√† dexidera BARONESSA! Ah, che mest√©. Gh'orrieva pe' 'n davvei Donna Antonietta ch'a fesse 'na mag√Įa e arriv√† f√Įto a-o milleneuve√ßento, sperando che con neuvo secolo cangi√†n e c√∂sse" (prende lo scialle, lo indossa pavoneggiandosi, gira attorno alla poltrona costringendo Gianni a fare altrettanto per non farsi scorgere ed esce)

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (spunta col capo, si alza) "Cosc√¨ quella a l'√® a donna de servissio e a se ciamma Sabina‚ĶBella figgia... a l'avi√† poco ci√Ļ de vint'anni. Ma comm'a l'√® vest√ģa? (accorato) Comme fasso a ritorn a casa mae‚Ķ T√Ľtto corpa de questi sciantilin... Ma l'√® mai poscibile che questi anghaezi‚Ķe pens√† che no me-i voeivo mette perch√© son feua de modda... ma a vegniva cosc√¨ forte‚Ķ (si ode il rumore di una carrozza, lo scalpiccio di cavalli. Poi il suono di un campanello alla porta) Arr√Įa gente‚Ķ Bezeugna che me ne vadde‚Ķ ma comme?.. Da dovve son intr√≤u?" (voci all'estero di convenevoli. Cerca affannosamente uno scatto alla parete, si strofina le soprascarpe e finalmente la parete si apre e vi si nasconde dietro)

SCENA III

(Sabina ‚Äď Camilla ‚Äď Don Alfredo ‚Äď Clotilde ‚Äď Manfredi ‚Äď Gianni all'esterno)

DON ALFREDO: (fuori scena) "Son Don Alfredo Canonico, Parroco di Santa Marta... vegnimmo da Zena pe' 'na questi√≤n urgente...me sc√Ľso de l'√≤a ma..."

¬†SABINA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Prego, accomodaeve‚Ķ ciammo s√Ľbito o Sci√≤ Baron Manfredi e-a seu consorte"

CAMILLA    :- (con aria di sufficienza) "Grassie"

SABINA       :- (a Don Alfredo, quasi con ripicca per le arie che si dà la donna) "E questa... scignòa a saieiva... seu moggé?"

CAMILLA¬†¬†¬† :- "Ma‚Ķ cosse a d√Įxe?"

DON ALFR. :- "Cara signorina... signorina?.."

SABINA       :- "Sabina… serva so" (inchino)

DON ALFR. :- (con paternale ironia) "Cara Sabina, lo sai bene che i preti non possono sposarsi… Questa signora è mia sorella che mi aiuta nella conduzione della mia parrocchia, ma… possiamo parlare con il signor Barone?"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Vaddo s√Ľbito a-annunzi√§ve... compermisso" (esce)

CAMILLA    :- (irritata) "Che cafonn-a!"

DON ALFR. :- (si guarda attorno interessato) "Devan sta ben i baroìn..."

MANFREDI :- (entra in scena) "Bonn-a seja scignori… con chi ho o piaxéi de parlà?"

DON ALFR. :- (porge la mano) "Son Don Alfredo Canonico, parroco de Santa Marta e questa a l'è mae seu"

CLOTILDE   :- (entra a sua volta. Convenevoli del caso, presentazioni) "Ma prego, accomodaeve… posso offrive 'n tè?"

CAMILLA    :- "No grassie… emmo piggiòu 'n rosolio che l'è poco e l'è ben no mescc-ià, no se sa mai.."

CLOTILDE   :- "Comme Scià desidera" (le si siede accanto e parlottano fra loro. Dal loro comportamento si intuisce che parlano della moda)

MANFREDI :- "A cösse devo l'onore da so vixita?"

DON ALFR. :- "M'ha indirizzòu ä Scignorìa vostra o comandante Saporiti"

MANFREDI :- "Ah.. o comandante da nave Monitore... e pe' cösse se l'è lecito?"

DON ALFR. :- "Staggo raccheuggendo di fondi pe' a costr√Ľzion de 'n'ospissio pe' i nostri mainae, reduci da battaglia de Lissa... doppo vint'anni meschinetti, se sentan ancon abbandonae da-e autoritae...e anche pe' quelli che se son sarvae dai naufraggi, naufraggi testimoniae da tanti ex voto ai vari Santu√§i de Zena e dintorni, p√∂vi mainae che no gh'han de sussistenza‚Ķ"

CLOTILDE   :- (attenta alle ultime battute) "Intenzion lodevoliscima reverendo ma noiätri cösse gh'intremmo?"

DON ALFR  :- "Se trattieva de concordà 'n'offerta… stabilì 'na somma in moddo da poei contà in sciè 'na cifra pe' commençà i travaggi, nevvea…"

MANFREDI :- "Ah!.. E quante dovieiva versäghe pe'... questa opera?"

CAMILLA¬†¬†¬† :- "Mae frae o no d√Įxe mai quante‚Ķ (sospiro di circostanza) o lasci√† fa a-o bon cheu di donato√¨"

GIANNI        :- (da dietro la parete starnutisce forte) "Eeeetcì!"

DON ALFR. :- "Salute!"

MANFREDI :- "Mi no ho stran√Ľ√≤"

DON ALFR. :- "Che strano‚Ķ me p√†iva... Ritornando a l'offerta de fondi... mae seu a m'ha preced√Ľo... Ognid√Ľn d√† quello che credde e ch'o peu"

MANFREDI :- (cerca di nascondere la propria seccatura) "Ghe pensiòu, se l'ha mandòu o comandante Saporiti quarcösa faiòu"

DON ALFR. :- (alzandosi) "Ripassi√≤u 'n'√§tro giorno e... se no poesse m√¨, vegn√† mae seu‚Ķ s'a no dest√Ľrba s'intende"

CLOTILDE   :- "Anzi, a me tegnà 'n po' compagnia… do resto son quaexi sempre sola. Anche doman o mae consorte o l'è invitòu (con malcelata indifferenza) a l'inauguraziòn, con o Re, do monumento a Vittorio Emanuele duì"

MANFREDI :- (correggendola, un po' scocciato per la gaffe) "Ti voeivi dì Vittorio Emanuele segondo e no DUI' "

CLOTILDE   :- "O duì o l'è anche segondo, no?"

DON ALFR. :- "Spiritosa a scignoa. Chi sorride con ironia i dispiaceri porta via" (si alza seguito dalla sorella) "Levemmo o dest√Ľrbo‚Ķ emmo √§tre visite da fa... pe' questi p√∂vi main√®"

MANFREDI :- "A riveddise, Don Canonico.. (alla sorella di lui) Scià Canonica…"

CLOTILDE   :- (suona il campanellino e chiama la cameriera) "Sabina!"

SABINA       :- (entrando) "Scià comande"

CLOTILDE   :- "Accompagna i scignori" (ancora i convenevoli dei saluti. Don Alfredo e Camilla escono)

MANFREDI :- "Gh'ammancava anche a beneficenza... Cösse gh'è giòu a-o comandante Saporiti de mandame chi quello Don... "

CLOTILDE   :- "Don Canonico"

MANFREDI :- (pensieroso) "Mmm‚Ķ veddi√≤ de contatt√†lo e me informi√≤u‚ĶDimme 'n po'.. .t'√® t√¨ che t'hae stran√Ľ√≤?"

CLOTILDE   :- "Mi no"

MANFREDI :- "E chi allòa?"

CLOTILDE¬†¬† :- " Mah... sai√† staeta n'ill√Ľsi√≤n collettiva‚Ķ a votte s√Ľccede"

GIANNI        :- (sempre da fuori) "Eeetcì!"

CLOTILDE   :- (impaurita, tremante, mentre il marito le volta le spalle, pone una mano sulla schiena del marito) "Man… Man..."

MANFREDI :- (sentendosi la mano sulla spalla zittisce, resta immobile e con voce bassa..) "Clo… Clo... Clotilde… a man... ä sento addosso..."

CLOTILDE   :- (stesso tono e stesso comportamento) "Man… Man... Manfredi... a man a l'è a mae…"

MANFREDI :- (si volta e con voce alterata) "Ti m'hae faeto spavent√†‚ĶMa chi sai√† stae-to a stran√Ľ√†?"

CLOTILDE   :- "A… Sabinn-a?.."

MANFREDI :- "No peu √ęsse‚Ķa Sabinn-a a l'√® in c√Ľxinn-a..."

CLOTILDE   :- (impaurita) "Saià... saià o spirito de Donna Antonietta…"

MANFREDI :- "Mai sent√ģo de 'n spirito ch'o stran√Ľa. Vegni‚Ķlevemmose de de ch√¨... andemmo in veranda, armeno l√† gh'√® 'n'√§ia ci√Ļ allegra... Se o saveivo, intanto che gh'√©a quello Don‚Ķ faxeivo bened√¨ questa sala" (escono guardandosi attorno con circospezione)

SCENA IV

(Sabina ‚Äď Gianni - Martina)

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (sposta la parete, spunta con la testa e controlla la situazione, poi entra in scena)"No gh'√® nisci√Ľn‚Ķche sp√Ľssa de serr√≤u in te quella galleria..pinn-a de t√§gnae-e e de osse‚ÄĚ(si pulisce braccia e gambe voltando le spalle alla porta)

SABINA       :- (entra con un vassoio e delle posate, vede l'uomo, lancia un grido) "Ahhh... I spiriti, i spiriti" (e fa cadere il vassoio e fugge)

GIANNI        :- (spaventato a sua volta dalle urla di Sabina, grida anche lui e scappa rifugiandosi dietro una poltrona)

MARTINA¬†¬†¬† :- (anziana madre di Clotilde entra poco dopo. Indossa una vestaglia, uno scialle. Si appoggia al bastone e va a sedere su una poltrona. Vede a terra le posate ed il vassoio) "Ah‚Ķ han attrov√≤u 'n neuvo posto pe scistem√† e pos√§te... Che tempi e che servit√Ļ do beliscimo‚Ķ Bah, andemmo avanti a l√ęze 'sto libbro (prende il libro che leggeva la figlia. Mette gli occhiali e inizia a leggere) Ecco chi‚Ķ gh'√® o segno dovve son arriv√† a l√ęze" (legge) <era costumanza in quei tempi costruire passaggi segreti per permettere la fuga da eventuali imprevisti o per agevolare l'uscita di chi intendeva andare a fare i fatti propri fuori da occhi indiscreti...> Miga scemmi.."

SABINA       :- (si affaccia alla porta, vede Martina e si avvicina piano piano, chiamando la donna con un fil di voce) "Scià Martina.."

MARTINA¬†¬†¬† :- (dura d'orecchi, non sente e continua a pensare parlando) "L'√® dai tempi da Carboneria che mae mar√ģo o √ßercava 'sto passaggio... se mai o gh'√® f√Įsse.."

SABINA       :- (alzando un po' la voce) "Scià Martina.."

MARTINA    :- "Ah.. t'è tì?.. Da dovve t'è intrà?"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "D√§ porta.. (timorosa) Sci√† me sc√Ľse ma‚Ķ sci√† l'ha m√Įga visto quarched√Ľn chi drento?"

MARTINA    :- (porge l'orecchio) "Eh?"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (pi√Ļ forte) "Me permettevo de domandaghe se sci√† l'ha visto quarched√Ľn ch√¨ drento"

MARTINA¬†¬†¬† :- "E c√∂sse ti cr√¨i. No son m√Įga sorda e manco orba. Seg√Ľo ch'ho visto quarched√Ľn."

SABINA       :- "Ma alloa… no me son asseunnà... e... chi scià l'ha visto?"

MARTINA    :- "Tì!"

SABINA       :- "Intendevo dì se.. .scì insomma.."

MARTINA¬†¬†¬† :- "Dimme quello che ti me devi d√¨ e poi levite d'in ti pe' che veuggio fin√¨ de l√ęzze 'sto libbro"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma‚Ķ sci√† no me piggie in g√Įo..."

MARTINA    :- "Sabina, se ti n'hae cuae parla e se de no, täxi"

SABINA       :- "Poco fa... son intrà pe' mette in ta cantia e posäte e..."

MARTINA    :- "Eh?.. T'hae misso a cantia in te posäte?… Veddo, veddo…"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ho visto‚Ķ ho visto √Ľn'ommo vest√ģo in moddo strano, o me p√†iva √Ľn spirito, me son sci√§t√† e m'√® cheito o cabaret in taera‚Ķ " (intanto raccoglie, mette in vassoio)

MARTINA¬†¬†¬† :- (ironica) "Ma dimme 'n po'... t'hae lez√Ľo anche t√¨ questo libbro?"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No... sci√† o s√† che so fa solo a mae firma‚Ķ No son andaeta a scheua‚Ķ m'han s√Ľbito misso a serv√¨..."

MARTINA¬†¬†¬† :- (con aria truce, fatta apposta per spaventare Sabina) "O libbro o d√Įxe che l'anima de Donna Antonietta a no l'avi√† p√§xe finn-a a che no arrivi√† 'n'ommo da o fut√Ľro, fig√Ľrite 'n po' " (si ode un rombo di tuono)

SABINA       :- (ha un soprassalto) "Mamma!"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Lascia perde a panna ch'a no gh'intra pe' ninte‚Ķ dixeivo 'n'ommo da o fut√Ľro che...< dar√† pace alla sua anima e sicura dimora>"

SABINA       :- "Che röba a l'è a de... demòa?"

MARTINA¬†¬†¬† :- "T'√® za ignorante sae? Dimora e no demoa‚Ķ o l'√® o sc√Įto dovve p√∂s√† o seu spirito e vivve in paxe...Vivve... veramente a l'√® morta‚Ķ Ripos√† in p√§xe, ecco"

SABINA       :- "Scignorìa, mì ho puìja… Ghe diggo che l'ho visto... lì... o me dava a schenn-a"

MARTINA¬†¬†¬† :- "O te faxeiva penn-a?.. Ma all√≤a o l'√® o Gi√§xo, o giardin√©, quello o se gh'all√∂gia a fa penn-a. Beh porta via a santiscima e lascime l√ęze"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Comme sci√† comand per√≤.. m√¨ l'ho visto e no l'√©a manco vest√ģo comme nui√§tri" (esce a passettini)

MARTINA¬†¬†¬† :- "Semmo in to milleotto√ßentoottantesei e credemmo ancon a misteri de 'sto genere..! Fra 'n secolo nisci√Ľn ghe creddi√† ci√Ļ"

GIANNI        :- (si alza da dietro la poltrona, sottovoce) "T'ou parrià…" (si avvia per uscire dalla porta esterna camminando quatto, quatto)

MARTINA    :- (come se nulla fosse, continuando a leggere) "Dovve ti creddi de andà, zovenotto!"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (si blocca e si volta adagio) "Scia me sc√Ľse Sci√† Martina..."

MARTINA    :- "Comme ti sae o mae nomme?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ho sent√Įo a scignorinn-a Sabina ch'a a ciamm√§va cosc√¨"

MARTINA    :- "Chi t'ha faeto intrà?" (intanto lo squadra incuriosita)

GIANNI        :- "Ûn pä de sciantilìn"

MARTINA¬†¬†¬† :- "A sci√† Tilin..? Ah‚Ķ No a conoscio a Sci√† Tilin, ma lascemmo perde‚Ķ Ma comme t'√® vest√Įo? T'√® √Ľn attore?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Veramente no. A quante pare vegno‚Ķ(cerca l'effetto)..da o fut√Ľro!"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Ma c√∂sse gh'intra o carb√Ľro"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (si avvicina all'orecchio e parla pi√Ļ forte) "DA O FUT√õRO!"

MARTINA¬†¬†¬† :- "E c√∂sse ti cr√¨i? No son m√Įga sorda‚Ķ Ho accapp√¨o, ti vegni da-o fut√Ľro‚Ķ t√Ľtto chi? Do resto l'√©a previsto"

GIANNI        :- (stupito) "L'éa previsto? E da chi?"

MARTINA    :- "Da 'sto libbro... ma dimme 'n po', comme t'è intròu e comme ti te ciammi?"

GIANNI        :- "Gianni Benservìo e..."

MARTINA    :- "Chi t'ha servìo?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Nisci√Ľn, o l'√® o mae cognomme ma‚Ķ lascemmo perde‚Ķ Comme son intr√≤u‚Ķ no saviae... so solo che me son misso 'sti sciantilin ch'o attrov√≤u in te 'n v√ęgio b√†ilo de mae nonno mentre ha commen√ß√≤u a tron√† e a lampezz√† e t√Ľtt'an traeto me son sent√ģo trascin√† da 'na forza misteriosa e me son attrov√≤u, m√ęzo rintron√≤u, in te 'n passaggio segreto, in ti sotterranei de questa v√ęgia villa‚Ķ"

MARTINA¬†¬†¬† :- "V√ęgia anghilla?¬† No a veddo"

GIANNI        :- (forte) "A VILLA!"

MARTINA    :- "Veddo che t'hae o vissio de crià, se vedde che t'è 'n po' sordo... Ma dimme, dond'o l'è 'sto passaggio segreto?"

GIANNI        :- "Scià vegne che ghe mostro… a 'n patto però... che o saccimo solo noiätri duì… no vorriae che rivelandolo me se impedisse de ritornà a-o mae tempo"

MARTINA¬†¬†¬† :- (diventata pi√Ļ arzilla) "A-o fut√Ľro?"

GIANNI        :- "Me pä ch'a ghe sente ben"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Te di√≤u anche m√¨ 'n segreto... Quande n'ho cuae ghe sento e quande no me convegne... no ghe sento... e intanto che me ripetan a domanda gh'ho tempo de pens√† √§ risposta. Ma tegnitelo pe' ti zoenotto; √∂ fasso perch√© cosc√¨ me lascian 'n po' qu√ęt√†... Ti savesci comme me dem√≤o a sent√¨ quande i √§tri stralabbian pensando che no ghe sento e‚Ķ me regolo segondo e circostanze‚Ķ All√≤a 'sto passaggio?"

GIANNI        :- (tasta il bordo della parete o della libreria e si apre il pannello) "Ecco chi..."

MARTINA¬†¬†¬† :- "Perdincolinn-a... l'aveivimo sotta i euggi e nisci√Ľn gh'ha faeto mai c√§xo.. .Ti ghe voeivi ti che ti dixi de vegn√¨ da o tempo ch'arrivi√†... Ma a propoxito‚Ķ da che anno t'arrivi?"

GIANNI        :- "Da o duimillaeutto"

MARTINA    :- "Baccere!.. Ma se dixan che quande arrivià o millenoveçento finià o mondo… comme l'è poscibile che..."

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Peu d√§sse che o fini√† c√∂ tempo, de seg√Ľo no in to duimilla. Quande o fini√† sai√† corpa nostra, pe' l'inquinamento,o smog‚Ķe guaire...a bomba atomica‚Ķ Malgraddo e scoverte da scienza, con a penicillinn-a, i trapianti chir√Ľrgici ch'han prolong√≤u a vitta, l'ommo o no sa tegnissela avvard√†‚Ķ e o l'ammassa questa vitta e a nat√ľa‚Ķ "

MARTINA¬†¬†¬† :- "Mai sent√¨e 'ste baggianate‚Ķ D√†i, che son cuiusa de vedde i sotterranei da villa... andemmo‚Ķ ma gh'√® sc√Ľo, gh'orrieiva 'na cand√©ia"

GIANNI        :- "Gh'ho a l’aççendìn " (attiva l’accendino)

MARTINA    :- "Cösse a l'ha… o bricchetto drento?"

GIANNI        :- "Poi ghe spiego, ma oua andemmo primma che se n'accorzan" (escono dalla.. parete o libreria)

SCENA V

(Gi√§xo ‚Äď Sabina ‚Äď Manfredi - Clotilde)

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (di una certa et√†.. cammina un po' curvo, grembiule da giardiniere, appare un po' imbranato) "Sci√† Martinn-a‚Ķ (si guarda attorno) ...a no gh'√®. (guarda comicamente sotto il tavolino e chiama) Sci√† Garb√Ľggin... (verso la porta) "Sabinaaa‚Ķ"

SABINA       :- (entra) "Cösse gh'è Giäxo… a Scià Martinn-a?"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "A no gh'√®...ho ammi√≤u anche sotta o tavolin ma a no gh'√® manco l√¨"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E o creddo ben‚Ķ Ma... l'ho lasci√† ch√¨‚Ķ l'√® l'√≤a de piggi√† a m√ęxinn-a, o calomelan[2] pe' l'intestin, ordine do m√ęgo"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "In giardin a no gh'√®... e poi l'√® sc√Ľo"

SABINA       :- "In veranda ghe son i scignori... sento 'n po' se l'han vista" (esce)

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "A sai√† andaeta a beivise 'n gottin d'erba luisa in cantinn-a... ghe o proibiscian ma l√©... da asc√∂so a trinca.."

MANFREDI :- (entra con Sabina) "Seuxa‚Ķ Martina... dond'a l'√®?.. A no peu √ęsse spar√¨a"

SABINA       :- "A deve piggià o calomelan a quest'òa"

CLOTILDE   :- (entra preoccupata) "L'éi attrovà?"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No... manco sotta o tavolin"

CLOTILDE   :- (uscendo chiama) "Mammà, mammà.."

MANFREDI :- "Dividemmose e andemmo a vedde in te t√Ľtte e stanzie" (escono)

SCENA VI

(Gianni ‚Äď Martina ‚Äď Clotilde ‚Äď Manfredi)

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (riapre la parete, sbircia ed entra) "No gh'√® nisc√Ľn. Ch'a vegne p√Ľre" (si tolgono la polvere di dosso)

MARTINA¬†¬†¬† :- "Che labirinto‚Ķ Gh'√® son finn-a de osse‚Ķ Ti veu vedde che l'√® v√©a a st√∂ia de quelli che no han attrov√≤u o moddo de sciort√¨? M√ęgio sta de sa... Ti m'√® proppio simpatico... Ma dimme 'n po'.. son t√Ľtti vest√¨i comme ti in to duimilla?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Anche p√ęzo". L‚Äô√® de modda and√† anche con e braghe sguarae‚ÄĚ

MARTINA¬†¬†¬† :- "Bezeugna attrov√§te 'n vest√¨ adatto ai nostri tempi, se no va a fin√¨ che t√Ľtti cuiusan e ti peu avei de rogne"

GIANNI        :- “Mmm… devo attrovà o scistema pe’ ritornà a casa mae, a-o mae tempo. I mae me çerchian e staian in penn-a"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Asp√ęta ch'amm√¨o in to libbro se gh'√® scr√Įto quarc√∂sa in sci√© l'ommo ch'o vegne da o fut√Ľro"

GIANNI        :- "Ma comme faxeivan a saveilo?"

MARTINA¬†¬†¬† :- (che intanto si era seduta e sfogliava il libro) "Ecco chi..<l'uomo proveniente dal futuro sar√† una persona di circa ottant'anni..> Per√≤.. te faxeivo ci√Ļ zoveno‚Ķ <e rimarr√† nel nostro tempo fino a...>

CLOTILDE   :- (dall'esterno) "Mammà donde t'è? Fatte sentì..."

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "L'√® m√ęgio che m'asconde" (riapre la parete giusto in tempo mentre entra Clotilde con Manfredi)

MARTINA    :- (imperturbabile) "Cösse ti veu?"

MANFREDI :- "Ma.. dovve éi?"

MARTINA    :- "Chì"

CLOTILDE¬†¬† :- "No l'√® v√©a. L'√® vegn√Ľo o giardin√© a ciamm√§te, a Sabina, noi√§tri e no ti gh'√®i e oua‚Ķ"

MARTINA    :- "E oua ghe son... Son andaeta... son andaeta 'n'attimo in cantinn-a a

                      çercà… a çercà..."

MANFREDI :- (redarguendola) "A beive 'n gotto de barolo...o sei ch'o ve fa mà"

MARTINA    :- "Sbagliato!.. O l'éa 'n cicchettin d'erba luisa"

CLOTILDE¬†¬† :- "Mamma no ti devi b√©ive... ti piggi e meixinn-e e poi pensa a teu sal√Ľtte, ti gh'√® ancon do fut√Ľro davanti a ti"

MARTINA    :- "Eh, eh… ti savesci comme ghe penso" (istintivamente si volta verso la parete del passaggio segreto)

MANFREDI :- "Cösse ammiae?"

MARTINA    :- "L'avvegnì"

CLOTILDE¬†¬† :- "Lascia perde 'sto libbro e vegni de de l√† con noi√§tri‚Ķ cosci l'erba luisa a qu√ęta"

MARTINA    :- "E va ben... comme ti veu... andemmo" (lascia lo scialle ed escono tutti)

SCENA VII

(Sabina ‚Äď Martina ‚Äď Laudano - Clotilde)

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entra con uno straccio per spolverare e pulisce) "No se gh'accapisce ci√Ļ ninte. O baron Manfredi o l'ha mand√≤u o Gi√§xo con o land√≤ a ciamm√† o m√ęgo L√†udano pe' a sci√† Martina perch√© a l'ha e f√¨xime, o d√Įxe, perch√© a parla de smog, de inquinamento che ghe sai√† fra √ßent'anni‚Ķde atomiche... Mai sent√¨e 'ste parole... De seg√Ľo gh'√® andaeto o √ßervello in cimbali"

MARTINA    :-(entra, si avvede di Sabina) "Ah, t'è chì Sabina?..Me son ascordà o sciallo... Ho visto o Giäxo andà via con o landò, ti sae dond'o l'è andaeto?"

SABINA       :- (titubante) "Mah, no saviae… foscia da..."

MARTINA¬†¬†¬† :- "‚Ķ da o m√ęgo Laudano, l'ho immagin√≤u‚ĶMe piggian per abbertoel√†, ma no san che.."

SABINA       :- (aiuta Martina a sedere sulla poltrona e incuriosita) "Cösse l'è che non san?"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Ninte, ninte... son pensci√ęi mae. No te preoccup√†... Vanni de l√† e se me √ßercan digghe che no son in cantinn-a ma che son ch√¨ e quande arrivi√† o Laud√†n e o me ordini√† di salassi con e sanguette, ghe di√≤u ch'o vadde ... a quello p√†ise a mangi√§se due trenette"

SABINA       :- "Scià no digghe coscì..-scià o sa che ghe veuan ben"

MARTINA    :- "Comme t'è ingenua... Veuan ben a-e mae sostanze… O Manfredi o spera d'eredità e mae taere a Torriggia. Ma son de mae figgia e lé o no e piggia! Ciappa lì che gh'ho faeto anche a rimma" (suonano alla porta)

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Sai√† o m√ęgo (esce di scena e va ad aprire) Oh, dotore‚Ķ Sci√† s'accomodde... ciammo i padro√¨n"

LAUDANO¬†¬† :- (entra con la borsa, mentre Sabina √® andata a chiamare i padroni) "Sal√Ľtte!"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Sal√Ľtte, pan e brenno dotore. Comm'a boccia?" (porge comicamente il polso)

LAUDANO¬†¬† :- "Comm'a va a Vosci√†‚Ķ t√Ľtto ben?." (le tasta il polso controllando i battiti col suo orologio da taschino)

MARTINA    :- (ironica) "E-e so sanguette comme stan?… Ingrascian?"

LAUDANO¬†¬† :- "I salassi son 'na c√Ľra benefica"

MARTINA¬†¬†¬† :- "M√ęgio da penicillinn-a?"

LAUDANO   :- "Che röbba a l'è?"

MARTINA¬†¬†¬† :- (ironica) "No so‚Ķ a m'√® vegn√Ľa cosc√¨ d'ambl√©‚Ķ comme 'na previxon"

LAUDANO   :- "Scià se desfe 'n po' e gassette da camixetta"

MARTINA    :- "E se m'accostippo?"

LAUDANO¬†¬† :- "Sci√† fai√† di f√Ľmenti... coraggio.. a camixetta"

CLOTILDE¬†¬† :- (entrando)"River√Įo Sci√≤ m√ęgo, comme Sci√† l'ha attrov√≤u mae moae?"

MARTINA    :- (faceta) "Chì assettà"

LAUDANO   :- (fa cenno di zittire. Ausculta. Pausa) "Scià dighe tre votte trentetréi."

MARTINA    :- "Novanteneuve"

CLOTILDE   :- "Mammà.."

MARTINA    :- "Trentetréi… trentetréi e trentetréi che fa novanteneuve"

LAUDANO¬†¬† :- "Sci√† se sente di g√Įamenti de testa?"

MARTINA    :- "Solo quande veddo voscià e quande fasso i salassi"

LAUDANO¬†¬† :- "Balle.. i salassi p√Ľrifican o sangue e fan ben"

MARTINA    :- ".. a-e sanguette.. perché ingrascian"

LAUDANO   :- (prende dalla borsa un vasetto fasciato e lo porge a Martina) "Ecco chi quarche sanguetta… Ritorniò a vixitälà 'n'ätro giorno. Scignorìa"

CLOTILDE¬†¬† :- "Grassie dotor L√†udano. L'accompagno‚Ķ intanto Sci√† me d√Įxe o so onorario" (escono)

MARTINA    :- "Te e daggo mì e sanguette... (chiama) "Sabina!"

SABINA       :- (entra) "Scià comande"

MARTINA¬†¬†¬† :- (porge il vasetto) "Dalle a-o Gi√§xo. De seg√Ľo ghe vegnan ben pe' pesc√† a-o posto di vermi"

FINE PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

QUADRO PRIMO

SCENA I

(Sabina ‚Äď Gi√§xo ‚ÄďMartina ‚Äď Clotilde - Gianni)

(stessa scena del primo atto)

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (in scena, sta spolverando o sistemando) "A sci√† Martinn-a a me p√§ meno sorda de quello ch'a d√Įxe‚ĶChe simpatica ch'a l'√®...O Bar√≤n, doppo ch'o l'ha visto o Re Umberto I¬į o se d√† tante de quelle √§ie ch'o fa finn-a corrente‚Ķ "

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entra con una zappetta da giardino, un cavagno coperto da un asciughino) "Ciao Sabina"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Oh, Gi√§xo, t'hae cheuggeito e s√Ľcchinn-e?"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (alza il telo e mostra) "Belle eh? Te-e lascio in c√Ľxinn-a (sta per andare e poi si ferma) Ho visto sciort√¨ derr√© a-o pozzo √Ľn zoenotto vest√Įo in moddo strano... o me p√†iva 'n matto‚Ķ o s'ammiava intorno comme s'o no se voesse fa vedde‚Ķ poi o l'√® spar√ģo‚Ķ Ti d√Įxi che ne devo parl√† con i padro√¨n?"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (interessata) "Braghe celesti, scarpe strane, giaccon sc√Ľo..."

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (stupito) "Ti l'√® visto ti asc√¨?"

SABINA       :- (agitata) "No! No l'ho visto!"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma alloa, comme ti fae a savei comm'o l'√©a vest√ģo?"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ne parliemo doppo, pe' oua stemmo sitti finn-a che no semmo seg√Ľi ‚Ķ Peu anche d√§sse che t'aggi piggi√≤ 'n'abbaglio"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Per√≤ mi l'ho visto e questo... abbaglio invece no l'ho visto"

MARTINA¬†¬†¬† :- (entra adagio, appoggiandosi al bastone) "Oh, Gi√§xo‚Ķ t'√® vegn√Ľo a sapp√† chi drento?"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Mostravo e s√Ľcchinn-e √§ Sabina‚Ķ oua √ę porto in c√Ľxinn-a"

MARTINA    :- (ironica) "Dimme 'n po'… t'han faeto ben e sanguette?" (mima la pesca con la canna)

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "De tr√∂te cosc√¨" (esagera nella misura)

MARTINA    :- "Calla, calla"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (mostra una misura pi√Ļ credibile) "Cosc√¨"

MARTINA    :- "Oua ghe semmo. (sottovoce) Dinni a mae figgia che ti l'hae accattae e fattele pagà... poi però femmo parte mesòn"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (contento della trovata) "Bella idea‚Ķ fai√≤ comme sci√† m'ha s√Ľgger√¨o... scignor√¨a" (esce)

MARTINA    :- (si guarda attorno, si ferma davanti alla libreria. Poi siede pensosa)

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Sci√† se sente m√ęgio Sci√† Martina?"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Sc√¨. (salace) Saian staete e sanguette do m√ęgo‚Ķ pensa ch'han faeto ben anche a-o Gi√§xo"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (si guarda attorno e si avvicina alla donna) "A proposito‚Ķ o Gi√§xo o l'ha visto vixin a-o pozzo, 'n zoenotto, vest√Įo in moddo strano... con e braghe celesti‚Ķ"

MARTINA¬†¬†¬† :- (ironica ma circospetta) "Ancon da sae ch'o gh'aveiva e braghe‚Ķ saieiva staeto p√ęzo s'o fisse staeto in miande"

SABINA       :- "Scià no scherze Scià Martina...perché… anche mì l'aveivo visto l'ätro giorno chì in casa e me son spaventà… ho finn-a criòu e…anche lé… pensavo ch'o fisse 'n spirito.."

MARTINA    :- "Se o veddo te ciammo, coscì strabiliemo chi o l'è… se mai o l'existesse"

SABINA       :- "Però anche o Giäxo…"

MARTINA¬†¬†¬† :- (sbrigativa)"‚Ķo 'ha piggi√≤u e s√Ľcchinn-e e da sole no cheuxan. Vanni, vanni in c√Ľxinn-a e no pens√† a-e braghe celesti o birul√≤"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (uscendo) "Vaddo s√Ľbito"

MARTINA¬†¬†¬† :- (preoccupata) "Capiscio anche m√¨ che sempre asc√∂so e a-o sc√Ľo o no peu st√†... o l'avi√† anche famme... Mangi√†n ben anche i nostri fut√Ľri proscimi (si alza, va alla libreria, bussa. Chiama sottovoce) Gianni... Gianni Benserv√¨o‚Ķ"

CLOTILDE¬†¬† :- (entra, vede e sente) "Chi l'√® staeto benserv√Įo..? Mamm√† ti parli da sola? Ti te senti ben?"

MARTINA¬†¬†¬† :- (subito padrona di s√©, va a sedersi) "Staggo beniscimo... Quelle sanguette do m√ęgo L√†udano m'han faeto 'n ben che no te diggo"

CLOTILDE   :- "Speremmo ch'o te fasse fa di ätri salassi allòa"

MARTINA    :- (salace) "E speremmo... ma senza insciste però"

CLOTILDE   :- "Ti a mangi 'na tröta? L'ha accattae fresche o Giäxo"

MARTINA    :- (fingendosi sorpresa) "Ah, scì? Ma ammia 'n po' 'sto Giäxo ch'o s'intende de pesci comme de succhinn-e... Ûnn-a trota a mangieiva vontéa, magara faeta a-o forno con due patatte"

CLOTILDE   :- "Daiò ordini in propoxito… Mammà, no sta sempre chi da sola, serrà in casa... poi te vegne de fantaxie che no te fan ben... Vanni a piggià de l'àia in giardin..."

MARTINA    :- "Poi ghe vaddo"

CLOTILDE   :- "Vaddo a fatte fa a tröta a-o forno"

MARTINA    :- "Con patate e porsemmòu"

CLOTILDE   :- "Con patate e porsemmòu" (esce)

MARTINA    :-(controlla che la figlia sia uscita, ritorna alla libreria con camminata dinoccolata e spigliata, come se si divertisse e chiama sottovoce) "Gianni..."

GIANNI        :- (da dietro la parete o libreria) "Son chi derré…"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Ti devi √ęsse ci√Ļ pr√Ľdente... T'han visto derr√© a-o pozzo in giardin..."

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "√áercavo 'n po' de fr√ľta da mangi√†...e ho bev√Ľo 'n po' d'aegua...anche in to fut√Ľro se mangia"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Ma no ti peu sciort√¨? Me da fastidio parl√† davanti a di libbri" (o davanti a 'na m√Ľagia)

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (apprensivo) "N'attreuvo ci√Ļ o meccanismo pe' sciort√¨"

MARTINA    :- "Oh, bello Segnò cäo... no sta fa a fin de quelli che gh'han lasciòu e osse li drento"

GIANNI        :- "L'ho attrovòu" (esce)

MARTINA    :- "T'hae appetitto?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ci√Ļ che appetitto gh'ho famme...mangieiva voent√©a du√¨ hamburger con 'na bella b√Įra fresca"

MARTINA    :-"Hamburger? Mai sentä quella röba lì...Veddiò de fatte avei quarcösa d’ätro da mette sott'ai denti…"

SABINA       :- (da fuori)"Ghe a fasso a-o forno con o limon. Scià stagghe tranquilla"

                      (agitazione in scena. Gianni non fa in tempo a scappare dall’uscita segreta e si ferma di fianco alla porta. Sabina entra, vede Gianni e lancia un grido. Gianni l'afferra tappandole la bocca)

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- ‚ÄúSe sci√† me promette de no cri√†, a lascio‚ÄĚ

SABINA       :- (accenna di si. Viene tolta la mano dalla bocca e lei grida ancora. Subito Gianna le rimette la mano alla bocca)

MARTINA¬†¬†¬† :- (malgrado la sua agitazione cerca di calmare la donna) "Stanni tranquilla... o no te fa ninte... o l'√®... o l'√® 'n' am√Įgo.. "

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (meravigliata parla pur con la bocca tappata) "√õn seu am√Įgo?"

MARTINA¬†¬†¬† :-¬† "Sabina, no corr√¨ con a fantaxia... o l'√® o figgio de 'na mae am√Įga"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Scignorinn-a Sabina‚Ķch'a stagghe tranquilla, no gh'ho nisci√Ľnn-a intenzion de f√§gghe do m√§, anzi...ho bezeugno de 'n'aggi√Ľtto...oua a lascio se sci√† me promette de no cri√†"

SABINA       :- (accenna di si. Viene lasciata ansimante. Si tiene una mano sul petto e guarda ora l'uno ora l'altro) "Allòa… aveivo visto ben..."

MARTINA¬†¬†¬† :- "Sabina... ti devi mantegn√¨ o segreto finn-a a che se porri√†, poi quarc√∂sa inventi√ęmo. Ti te ricordi do libbro... de l'ommo che veng√† da o fut√Ľro?.."

SABINA       :- (additandolo agitata e incredula) "O... o saieiva lè?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Cosc√¨ pare... e vorrieiva ritorn√§ghe a-o ci√Ļ f√Įto"

MARTINA    :- "Veddi de dagghe quarcösa da mangià e da beive se no o ritorna in te 'na cascia da morto"

SABINA       :- "Oh, no"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Ghe servieiva anche 'n vest√¨... con quello o d√† troppo in te l'euggio, no posso m√Įga dagghene √Ľn de mae zeneo... o se 'n'accorzieiva..."

GIANNI        :- (avvicinandosi alla donna e prendendole le mani) "Son in te sue moen, Sabina"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (rinfrancata) "Fai√≤ quello che posso... pe'-o vest√¨ ghe ne dai√≤u √Ľn de mae frae‚ĶO l'√® 'n vest√¨ modesto per√≤‚Ķ"

MARTINA¬†¬†¬† :- "O l'andi√† sempre ci√Ļ ben che quello... (alludendo) con e braghe celesti!"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (si china a tastare la stoffa dei pantaloni di Gianni) "Ma che stoffa a l'√®? No son de f√Ľstagno..."

GIANNI        :- "Son di bleu-jeans"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (sempre agitata) "Mai sent√¨a 'na stoffa cosc√¨... Sc√Ľsaeme ma...son 'n po' abbarlug√†... Sci√† Martina, han port√≤u questa b√Ľsta pe' o baron Manfredi (mostra) ...vaddo a consegnaghela"

MARTINA    :- "Famme vedde (la prende, la guarda) A l'è averta... (estrae un cartoncino e legge) <"La S.V e la sua gentile signora, sono invitati il 23 febbraio prossimo>che sprescia..gh'è tempo <all'inaugurazione della nuova caserma dei bersaglieri a .Savona>

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (pensieroso) "Che daeta sci√† l'ha d√Įto?"

MARTINA    :- "23 febbraio 1887"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "L'√® m√ęgio ch'o no ghe vadde!"

MARTINA    :- "E perché?"

GIANNI        :- "Perché proppio quello giorno ghe saià 'n terremotto disastroso a Savonn-a, Noli, Arbisseua, Oneggia, Porto Maurissio, Diano Marina e dintorni…con tanti morti..."

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Oh, bello Segn√≤ c√§o... e chi ghe o d√Įxe?"

MARTINA    :- "E ti comme ti fae a saveilo? T'è anche 'n'indovin?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "A st√∂ia, l'avvegn√¨... t√Ľtto questo, a-o mae tempo l'√® ormai s√Ľccesso da √ßentovint'anni"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Seg√Ľo che, se l'√® v√©a e ghe o dimmo, no ghe creddan... Ma no se peu fa quarc√∂sa pe' sarv√† quella p√∂via gente?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "O pass√≤u o l'√® za avvegn√Ľo e no poemmo modific√§lo... Poemmo solo avvert√¨ o baron e a so scign√≤a de no part√¨... ma gh'√® ancon tempo... troviemo o moddo de no f√§li and√† "

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Sci√† me sc√Ľse Scia Martina‚Ķdevo and√† a prepar√† in c√Ľxinn-a... Ma dovve o dorme o zovenotto?"

MARTINA    :- "Poi ne parlemmo. Vanni primma che te çercan"

GIANNI        :- "Ciao Sabina… e grassie"

SABINA       :- (compiaciuta, fa un inchino ed esce)

MARTINA¬†¬†¬† :- "√õn po' de bella notissia che ti m'hae daeto... E dimme 'n po'... a mi c√∂sse me s√Ľccedi√†?.. Quande l'√® che mi‚Ķ" (fa cenno della sua dipartita)

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "So 'n po' da st√∂ia pass√†.. pass√† rispetto ai mae tempi s'intende...so di grandi avvenimenti storici, de guaere... no so ninte de singole personn-e, a meno che no seggian grandi personaggi... Per esempio so che a Zeana, a Palazzo T√Ľrsi arrivi√† fra 'n p√§ d'anni o fonografo invent√≤u da Edison"

MARTINA    :- "Spero che no ghe saian de ätre guaere... "

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Purtroppo sc√¨... Gh'√® sai√† a sconfitta de Adua in to 1896, poi in to 1909 o terremotto a Messinn-a con ottanteneuvemilla morti, in to 1911 a guaera de Libbia, in to 1914 scc-i√Ľppi√† 'na guaera mondiale e l'Italia a gh'intri√† 'n'anno doppo...ghe sai√† a freve spagnolla con √ßentan√ęa de miggiaea de morti, poi a guaera in Abissinia, in Spagna e..."

MARTINA¬†¬†¬† :- "Oh, Segn√≤ ben√©ito; ma perch√© l'ommo o l'ha sempre bezeugno de fasse do m√§... Poi basta spero... anche se mi no ghe sai√≤u ci√Ļ"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :-"Poi 'n'√§tra guaera mondiale con ci√Ļ de trenta milioni de morti... √§tre guaere locali... I potenti mostran de longo a c√≤mba da p√§xe in te 'na man, mentre gh'han o scc-euppo asc√∂so in te l'√§tra"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Guaere, sempre guaere e patimenti‚Ķ ma perch√© a quelli che a veuan no ghe vegne a caghetta... Oh, sc√Ľsime...no son parolle degne de 'na scign√≤a, specialmente da moae de 'na baronessa"

GIANNI        :- "Però scià l'ha reizo l'idea... Scià gh'ha a mentalitae de 'na donna di mae tempi, de quelle che contan anche con o voto"

MARTINA    :- "No dimme che in ti teu tempi e donne votan!"

GIANNI        :- "E s'accapisce che votan, finn-a da o 1946 e son anche elette in Parlamento"

MARTINA    :- (come presa da subitaneo slancio giovanile) "Gianni, portime con ti"

GIANNI        :- "E comme? No so manco mì comme fa a ritornà a-o duimillaeutto"

MARTINA    :- "Se mettemmo 'n sciantilin p'eun e vira..."

GIANNI        :- "E se s'affermemmo a mezza stradda?" (si odono delle voci; sono di Don Alfredo e della sorella)

MARTINA¬†¬†¬† :- (ironica) "Che combinazion... vegnan a dest√Ľrb√† proppio √≤ua che l'argomento o se faxeiva sempre ci√Ļ interessante... O voto a-e donne...ma pensa t√¨... no ghe credieiva nisci√Ľn...‚ÄĚ (esce)

GIANNI        :- (esce sveltamente dalla parete)

SCENA II

(Manfredi - Camilla - Don Alfredo - Clotilde)

MANFREDI :- (entra precedendo Camilla e Don Alfredo) "Prego, accomodaeve. Sci√† Camilla, sci√† l'√® sempre a benvegn√Ľa"

CAMILLA    :- (vezzosa) "O Sciò Baron o l'è sempre galante"

DON ALFR. :- "Sci√† me sc√Ľse de l'√≤a ma... me sta tanto a-o cheu o pensci√©o de scistemm√† i nostri v√ęgi mainae ch'han daeto onore e gloria √§ nostra marineria‚Ķ"

CAMILLA    :- "Che parolle pinn-e de saeximo ch'o l'ha mae frae…"

DON ALFR. :- (con studiata apparenza) "Pe' mi... a l'è 'na misciòn"

CAMILLA¬†¬†¬† :- (con studiata garbatezza) "Son seg√Ľa che o Baron Ugoberto o sai√† molto magnanimo... nevvea Sci√≤ Baron?"

¬†CLOTILDE¬† :- (entra in quell'istante) "Oh, o mae consorte o gh'ha za pens√≤u, anzi o voeiva parl√§ne finn-a con o Comandante Saporiti che, comme sci√† l'ha d√Įto in ta vixita pass√†, o gh'ha conseggi√≤u o nomme do Baron mae mar√ģo..."

DON ALFR. :- (a disagio) "Comme sci√† credde... anche se no me p√§ o c√§xo de dest√Ľrb√§lo... l√© o l'ha za faeto 'na generosa offerta e no vorrieiva che, ricordandoghelo, o seunesse comme 'n'invito a fanne 'n'√§tra... (con sottigliezza) Sci√† sa de votte fra a nobiltae gh'√® comme...'na gara de solidarietae... Poei mostr√† che √Ľn o d√† ci√Ļ de l'√§tro fa sempre ben a-o cheu"

MANFREDI :- "O mae cheu o l'√® a posto in t√Ľtti i moddi reverendo... a √ßerte gare mi no ghe fasso c√§xo"

CLOTILDE   :- "Manfredi ghe daggo l'anveloppe[3] con l'offerta?"

MANFREDI :- "Sc√¨, sc√¨... fanni p√Ľre"

CLOTILDE   : - (estrae dal seno una busta e la porge al prete) "Ecco chi, reverendo"

DON ALFR. :- (prende la busta e ringrazia) "Grassie, molto gentile... Saiei in te l'albo di benefattoì (passa la busta alla sorella) A l'è mae seu ch'a tegne i conti... a l'è precisa a-o citto"

CLOTILDE   :- (con poca convinzione) "Fra poco l'è pronto. Se ve voei fermà…"

DON ALFR. :- (si alza) "Grassie, sempre gentile ma... emmo approfitt√≤u finn-a troppo da vostra bontae... se permettei... levemmo o dest√Ľrbo"

MANFREDI :- (alzandosi a sua volta assieme a Camilla) "Oh, pe' a caitae, nisci√Ľn dest√Ľrbo... prego, ve fasso stradda... Alloa sci√† pensa che no devo dest√Ľrb√† o comandante Saporiti?"

CAMILLA    :- "No me pä o cäxo sciò Baron" (escono)

SCENA III

(Gianni ‚Äď Sabina)

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entra poco dopo con una sporta con dentro un vestito per Gianni ed un pacchetto con del pane e prosciutto) "Finalmente se ne son andaeti... lascio chi 'n vest√¨ pe' quello zovenotto e 'n panetto c√∂ jamb√≤n... o dovi√† accontent√§se de quello che gh'√®. Per√≤, che bello zoveno... vorriae ch'o no se n'andesse ci√Ļ"

GIANNI        :- (sposta la parete ed appare non visto da Sabina che gli dà le spalle. Chiama sottovoce la donna) "Sabina…"

SABINA       :- (trasale, si tappa la bocca per non gridare. Poi si volta adagio, adagio) "Ma... da dovve o spunta? O m'ha faeto piggià 'n resäto"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (si avvicina) "T'asp√ęttavo con o vest√¨"

SABINA       :- "...e quarcösa da mette sott'ai denti.. Pe' o momento pan e jambon"

GIANNI        :- "Grassie Sabina… avieiva bezeugno anche de famme 'n bagno, ma capiscio che no l'è poscibile"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ne parli√≤ con a sci√† Martina... oa scappo primma che se domandan dovve son andaeta... ch'o me sc√Ľse ma chi... son solo a serva..." (fa per andare e viene trattenuta da Gianni che le bacia la mano. Questa, imbarazzata resta un attimo con la mano avanti, si passa il dorso delicatamente sulla guancia e poi si scuote ed esce rapidamente)

GIANNI        :- "Vaddo in to nascondiglio, me mangio o panetto e me cangio" (prende i pacchetti e ritorna dietro la parete)

LA SCENA SI FA BUIA E FINISCE IL PRIMO QUADRO

(musiche di scena)

----------------

SECONDO QUADRO

SCENA IV

(Manfredi - Clotilde ‚Äď Martina‚Äď Gianni)

(sono in salotto e fanno conversazione)

MANFREDI :- (a Gianni) "Cosc√¨, segondo quante m'ha d√Įto mae seuxa, vo√¨ s'√©i 'n main√†"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† .- "Sc√¨ e me sc√Ľso do mae abbigliamento ma... comme ho spieg√≤u √§ sci√† Martina, emmo trasbord√≤u in te 'na vintenn-a d√§ nave Reginn-a Margherita da-o Meu Neuo, in sce-a a barca de 'n conoscente, o barcaieu Rodolfo Casareto,[4] o m√§ o l'√©a in burrasca e a barca a s'√® invers√†‚ĶSc√¨ che o Comandante o n'aveiva sconseggi√≤u de sbarc√†... Magara gh'avescimo daeto a mente‚Ķ purtroppo neuve am√Įxi son anneghae... Ma c√∂sse sci√† veu mai, doppo meixi de navegazi√≤n aveivimo t√Ľtti o dexid√ęio de mette i pe' a taera... eo staeto invit√≤u ch√¨ a Murta da 'n'√§tro main√†... o m'ha daeto questo vest√¨ e chi finisce a st√∂ia"

CLOTILDE¬†¬† :- "Sci√† l'e staeto affort√Ľnn√≤u a sarv√§ a pelle"

MARTINA¬†¬†¬† :- "O Gianni o l'√® o figgio de 'na mae v√ęgia am√Įga... (al genero) mazziniann-a... capiscio che i rep√Ľbblichaen te stan in sce-o steumego...ma tant'√®... cosc√¨ l'ho invit√≤u perch√©..o l'√® anche √Ľn ch'o prevedde l'avven√¨"

CLOTILDE   :- (interessata) "O fa e carte?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No precisamente, per√≤ quarche votta indovinn-o...e qualche votta no A sci√† Martina a l'ha troppa fid√Ľccia in te c√∂sse fut√Ľre"

MANFREDI :- "Baggianate... Oh, ch'o me sc√Ľse, senza offeiza s'intende"

GIANNI        :- "Posso riferì di faeti storici, i avvenimenti tra i vostri tempi e i mae tempi"

MARTINA    :- (si raschia la gola per fargli capire che ha fatto una gaffe)

MANFREDI :- "I so tempi?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (correndo ai ripari) "I... vostri tempi de pensci√©o e o fut√Ľro che porrieiva capit√†. Insomma preveddo a st√∂ia e no i faeti de singole personn-e"

MANFREDI :- "Se l'√® pe' quella a preveddo mi asc√¨... O Regno d'Italia, per esempio o continui√† pe' di secoli e... i mazzinien (tirando una frecciatina alla suocera) no veddian mai a rep√Ľbblica... Comm'o vedde fasso de previxo√¨n fa√ßili anche m√¨"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No pe' contraddilo... l'√® v√©a che i mazzinien de questo secolo, no veddian a rep√Ľbblica... quella a l'arrivi√† con 'n referendum in to 1946"

MARTINA¬†¬†¬† :- "E mi no ghe saio√Ļ... Oh, manco ti per√≤ z√©neo"

CLOTILDE¬†¬† :- "Ma no poemmo cangi√† discorso?.. Tanto no ghe sai√† nisci√Ľn de noi√§tri a controll√† se quello che d√Įxe o main√† l'√® v√©a"

SCENA V

(Manfredi - Clotilde - Martina - Gianni - Giäxo)

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entra col suo modo dinoccolato di camminare) "Signor Barone, ci sarebbe... (vede Gianni e resta perplesso) Ma quelli l√¨.. quello zoenotto... l'ho za visto in giardin con e braghe celesti.."

MARTINA¬†¬†¬† :- "No peu √ęse... a ti i cicchettin te dan √§ testa. O l'√® 'n main√† appenn-a sbarc√≤u"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Sai√†... ma o gh'aveiva e braghe..."

MARTINA    :- (interrompendolo) "Ancon da sae che quello che t'hae visto tì o ghe l'aveiva"

MANFREDI :- "Cösse gh'è Giäxo... comme mai ti chì.. a no gh'è a Sabinn-a?"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E andata a dare a mente a sua mamma ch'a no se sente ben... Ci sarebbe quel reverendo con la sua signora‚Ķ"

MANFREDI :- "Gi√§xo, t'hae bev√Ľo?.. Quande mai i praevi piggian mogg√©?"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E mi che ne so?"

CLOTILDE   :- "E' la sorella e non la moglie"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Comme vuole... per√≤ ci sono lo stesso... Sci√≤ Baron, devo preparaghe a carossa con i cavalli comme scia m'ha ordin√≤u?"

MANFREDI :- "Doppo... Falli intrà"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "I cavalli?"

MANFREDI :- (salace) "Scì... con a carossa!"

CLOTILDE   :- "Fanni intrà i scignori"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (in modo non certo da maggiordomo) "Intrae" (se ne va)

CAMILLA    :- (entra col fratello. Scambio di cortesie e di saluti)

MARTINA¬†¬†¬† :- (presenta Gianni) "O zovenotto o l'√® 'n main√†, figgio de 'na mae cariscima am√Įga... scamp√≤u pe' fort√Ľnn-a a l'inversamento da barca d√Ľrante 'na burrasca in porto"

DON ALFR. :- "Quelli da nave Reginn-a Margheritta? L'ho lez√Ľo in sce-o giornale"

GIANNI        :- "Scì, quelli... Piaxéi… Gianni Benservìo"

CLOTILDE   :- "Benservìo?.. Mammà... 'sto nomme te l'ho sentìo dì l'ätro giorno..."

MANFREDI :- (ironico) "A saià 'n'indovinn-a anche lé (ai due entrati) A cösse devo l'onore da loro vixita?"

CLOTILDE   :- "Noiätri emmo za daeto"

DON ALFR. :- "Vedei... se semmo permissi de ritornà perché no emmo ancon raggiunto a quota poscibile pe' quei pövi mainae"

GIANNI        :- (sottovoce a Martina) "...che no veddian ninte..."

CLOTILDE¬†¬† :- "C√∂se o l'ha d√Įto?"

MARTINA¬†¬†¬† :- (a Gianni) "T'√® seg√Ľo?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Seg√Ľo"

MANFREDI :-"Ma c√∂s'√©i da parl√† tra voi√§tri? No l'√® ed√Ľcazi√≤n quande ghe son de vixite"

CLOTILDE   :- "Zovenotto... o saià anche simpatico, ma..."

MARTINA    :- "Dài Gianni… parla"

GIANNI        :- "No so se posso…"

MANFREDI :- (irrequieto) "Ci√Ľttosto che parl√† derr√© a-e spalle..."

GIANNI        :- (a Don Alfredo) "In che parrocchia scià l'è?"

CAMILLA    :- "Mae frae o l'è in ta parrocchia de Santa Marta"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "In te quella G√ęxa gh'√® Don Giuseppe...e voi√§tri no sei quello che d√¨ de √ęsse‚ĶAnzi, me ris√Ľlta che saiei arrestae t√Ľtti du√¨ per raggiro e truffa aggravata!"

DON ALFR. :- "Ma comme sci√† se permette de ins√Ľlt√† 'na veste talare! Mi o denunzio pe' cal√Ľnnia!"

MANFREDI :- "Zovenotto... in casa mae no s'offende nisci√Ľn...accomodaeve p√Ľre... l√† gh'√® a porta" (indica l'uscita)

MARTINA    :- "Eh, no, primma lascilo finì"

CAMILLA¬†¬†¬† :- (al fratello) "Vegni Alfredo... no semmo grad√¨i in questa casa"(si alzano) "O Segn√≤ de lasci√Ļ o gi√Ľdichi√†!"

MANFREDI :- (li blocca)"Sc√Ľsae...lascemmo perde o Segn√≤, l√© o gi√Ľdichi√† de seg√Ľo.. se no √©i ninte da asconde lasciae parl√† o zovenotto... (a Gianni) Prego"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Me despi√§xe t√Ľtto 'sto trambusto ma... o Comandante Saporiti o no ne sa ninte e o no l'ha mand√≤u mai nisci√Ľn da vosci√†, Sci√≤ Baron"

DON ALFR. :- "Böxie... domandaeghelo"

GIANNI        :- (al barone) "Scià ghe dagghe 'na telefonata"

MANFREDI :- (non comprendendo) " …'na.. tele…fonata?.. Che röba a l'è?"

GIANNI        :- "Ah, l'è véa... Me son sbagliòu…Visto che scià gh'ha a carossa pronta, scià vadde da o Comandante... Questi duì son veramente màjo e moggé ... dui truffatoì ch'han ingannòu ätra gente... Alfredo Da Ponte e Camilla Astolfi, già ricercati per altre truffe del genere"

MARTINA    :- (divertita) "Tombola!"

CLOTILDE   :- (inviperita, si alza e alla donna) "Veuggio inderré e mae palanche!"

MANFREDI :- (a Gianni, stupito) "Ma voi comme fae a savei 'ste cöse in antiçipo?"

GIANNI        :- "No posso rivelälo... no me crediesci"

DON ALFR. :- "Vegni Camilla... battemossela!" (cercano di fuggire ma vengono bloccati da Manfredi e da Gianni)

CLOTILDE   :- "Se no l'éa pe o Gianni..."

MANFREDI :- "Giäxo… Giäxo!"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (appare sulla soglia) "I cavalli son pronti sci√≤ Baron"

MANFREDI :- "Bene. Portemmo questi duì, majo e moggé… da-e guardie"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ah ma all√≤a... aveivo rax√≤n... anche i praevi piggi√†n mogg√©!" (escono tutti, tranne Clotilde e Martina)

FINE DEL SECONDO QUADRO

______________________

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

SCENA I

(Sabina ‚Äď Gi√§xo)

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (sta mettendo in ordine, poi sospira) "Eh, se o Gianni o me poesse port√† con l√© in ta seu epoca son seg√Ľa che me piaxeiva... (sognante) Che emozi√≤n ho prov√≤u quande, tegnindome a man, o m'ha d√Įto: <Sabina, son in te seu moen> Chiss√† se t√Ľtto quello ch'o m'ha cont√≤u l'√® vea, comme quella che e donne da seu epoca travaggian in ti uffizi, in te fabbriche, in politica... e portan e braghe comme i ommi... che gh'han i stessi diritti...me p√§ strano perch√© ch√¨ o diritto no ghe l'han manco t√Ľtti i ommi.. E poi... (sorridendo) o m'ha d√Įto anche che e zovene van p√ę stradde e mostran l'ombrissallo...ah, ah, fig√Ľremmose se ghe creddo... o veu piggi√§me in g√Įo... comme se credesse che tante portan a f√§detta de d√§to a-e zenugge finn-a ch√¨... (segna con la mano l'altezza della minigonna) Ah, i ommi... me p√§ che qualunque segge l'epoca contan de micce"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entra dal giardino con un cartoccio che d√† a Sabina) "T√®... gh'√® do baxaic√≤ fresco piggi√≤u in ta saera"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E ti poeivo port√§lo in c√Ľxinn-a, ti veddi ch'ho da fa"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "T'eu d√¨ che t'hae da fa a parl√† da sola che ti paggi 'na ballaitr√†ia" [5]

SABINA       :- "Comme saieiva a dì?"

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "√õnn-a bamboccionn-a... Me p√§ che t'√†ggi perso a testa pe' quello scansafadighe, sempre in g√Įo a fa ninte... e l'√® in√Ľtile che me fae pass√† pe' scemmo, l'ho visto vixin a-o pozzo ch'o s'aggueitava in g√Įo comme 'n laddro, vest√ģo in te 'n moddo ch'o no l'√® o nostro e poi te l'attreuvo ch√¨ drento vest√ģo diversamente‚Ķme p√†iva finn-a de vedde teu frae. No, no... gh'√® quarc√∂sa sotta e ti che ti dae i n√Ľmeri e ti parli de donne con e braghe‚Ķde ombrissalli scoverti‚Ķ Figgetta, damme a mente a m√¨, vanni da o carross√© e fatte revixon√† e balestre"

SABINA       :-"E mae balestre son a posto... l'è o teu impianto in to çervello ch'o stralabbia" (stizzita, prende la porta brontolando)

GI√ĄXO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "O saveivo. Ho faeto centro... ghe pi√§xe quello zoeno che a m√¨ o me p√† 'n mari√∂lo e no veuggio ch'o fasse do m√§ √§ Sabina (si guarda che ha in mano il basilico e uscendo) Sabina... o baxaic√≤..."

SCENA II

(Manfredi ‚Äď Clotilde)

MANFREDI :- (entra con Clotilde) "Clotilde, devo and√† a-o circolo uffiziali e pensavo de mettime a mont√Ľa...[6]¬† Vest√ģo con o mae graddo da tenente de vascello, fasso bella fig√Ľa... No se mai se ricordessan de quella nomina a senat√≤..."

CAMILLA¬†¬†¬† :- "Ma t√¨ ti fae bella fig√Ľa anche in borzo√†[7]"

MANFREDI :- (baciando la mano alla moglie) "Sempre gentile e aggaibb√Ę... (sorridendole) ...basta che no te toccan i dinae, senn√≤ ti piggi lampo comme t'hae faeto con quella Camilla... a seu do praeve... ti te ricordi?"

CLOTILDE¬†¬† :- "Che poi a l'√©a a mogg√© do f√§so praeve... M'√©a vegn√Ľo √Ľn scc-i√Ļppon de fotta a sentimme piggi√† pe' o naso che me son ascord√† o nostro rango sociale... A propoxito, che fin han faeto?"

MANFREDI :- "Devan ancon istru√¨ o processo... son c√∂se che, ai nostri tempi, van p√ę lunghe... magara in avvegn√¨ saian ci√Ļ rapidi; ghe son √§tri che son restae gabb√®... E quello zoveno, quello Gianni, ch'o n' ha evit√≤u a fregat√Ľa che fin o l'ha faeto?"

CLOTILDE¬†¬† :- (pensosa) "O vegne a attrouv√† mae mamm√† spesso e voent√©a e l√© a sta scrivendo 'na specie de almanacco do fut√Ľro... ho visto di appunti in sce-o seu diario"

MANFREDI :- "A tegne √Ľn diario? E da quande?"

CLOTILDE¬†¬† :- "Da quande quello Gianni Benserv√¨o o frequenta 'sta casa‚Ķ Gh'√® quarc√∂sa in l√© che no me convin√ße guaei... √ßerti atteggiamenti... parolle mai sent√¨e comme tele... televix√≤n... satelliti... che poi o d√Įxe d'essise sbagli√≤u... a propoxito (fruga nella tasca propria) ho attrov√≤u questo biggetto in ta stanzia da mamm√†... a calligraf√¨a per√≤ a no l'√® a seu, senti, senti c√∂se gh'√® scr√Įto: (legge) <Apparir√† fra qualche anno sul Secolo XIX questo inserto scritto da un abbonato: in una delle ultime sere di luglio del 1909, nell'ora del crepuscolo, verso sud vedemmo comparire una lunga striscia luminosa che con grande rapidit√† scendeva diagonalmente da ponente a levante. La sua luminosit√† era straordinariamente abbagliante e di colore smeraldino. Ad un certo punto, questa stella cadente, o bolide, o altro, si divise in tre parti uguali e contemporaneamente, rallentando la loro velocit√†, la vedemmo sparire, una dopo l'altra..>[8]e sotto ghe 'n'appunto: sar√† uno dei primi UFO avvistati segnalati"

MANFREDI :- "E cösse veu dì UFO?"

CLOTILDE¬†¬† :- "No so... ma penso che quello Gianni, o segge 'na specie de indovin, ma o no deve vegn√¨ ch√¨ a imbarl√Ľg√† mae mamm√† con e fantasie, n‚Äôab- basta z√† Giulio Verne e Flammarion. E gh‚Äô√® de l‚Äô√§tro‚Ķ (prende un altro biglietto) Questo l'ho copi√≤u mi da o seu diario, scr√Įto quarche meize fa: <Gianni dice che nel 1898, Ferruccio Macola, direttore del Secolo XIX, ferir√† a morte in duello Felice Cavallotti[9] e che l'anno successivo ci sar√† una nuova malattia: un'epidemia di influenza con oltre diecimila casi[10]>"

MANFREDI :- "Ma chi o l'è quest'ommo? Quande o vegne ghe parliò mì e segondo

                       quello ch'o dijà o fasso corrì comme 'na lippa... Ma òua andemmo de däto che me devo cangià"

CLOTILDE¬†¬† :- "Fra quattorz'anni festezziemo o secolo neuvo e vediemo se quello che scrivi√† mae mamm√†... con o s√Ľggerimento de questo Gianni, o s√Ľccedi√† p'en davvei"

MANFREDI :- "Comunque gh'√® tempo e quello giorno l‚Äô√® prevista l‚Äôinaugurazion do Lido d‚ÄôArb√† e faiemo 'na bella festa... Milleneuve√ßento... inizia √Ľn neuvo secolo de p√§xe e de prosperitae. Clotilde, c√∂se ti ne d√Įxi se o festezzescimo faxendo 'n'ascensi√≤n in mongolfiera?"

CLOTILDE   :- "Preferiscio de no; l'ommo o no porrià mai xeuà, solo i oxelli peuan  e poi se l'aerostato o se sgonfia precipitiescimo a taera e... addio neuvo secolo!"

MANFREDI :- "Comme ti veu... però saieiva bello vedde Zena da l'èrto" (escono)

SCENA III

(Martina ‚Äď Gianni ‚Äď Sabina)

MARTINA¬†¬†¬† :- (entra brontolando) "Quarched√Ľn l'√® andaeto a ravatt√† in ta mae stanzia... Ho attrov√≤u o mae diario spost√≤u e m'ammancan di appunti... no creddo che segge a Sabinn-a, a no tocca mai ninte quella brava figgia... e poi a no sa l√ęze... Ghe scommetto 'n cicchettin d'erba luisa ch'o l'√® o Manfredi... A parte che no mettieiva a man in sce-o feugo manco pe' a Clotilde... Da 'n po' de tempo a 'sta parte e me sp√¨a, a m'aggueita comme 'n fu√¨n... Ts√®... a se credde che no me ne segge accorta... Fort√Ľnatamente no ho ancon perso o saeximo" (siede)

SABINA       :- (entra con un vassoio e la teiera che posa sul tavolino) "Bongiorno scià Martina... ecco o tè con duì canestrelli de Torriggia"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Grassie, servi p√Ľre... Dimme 'n po'... t'hae pe' c√§xo piggi√≤u √Ľn biggetto in sci√≤ mae ghirind√≤n?"[11]

SABINA       :- (servendo) "No me permettieiva mai scignòa"

MARTINA    :- (fa cenno che il servizio sta bene così) "Scì, ö so che no ti tocchi ninte... l'ho domandòu perché... o me serviva pe' scrive o mae libbro"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "O sai√† 'n libbro interessante... se peu savei de c√∂se... comme se d√Įxe... c√∂se ghe sai√† in to libbro?"

MARTINA    :- "Ti veu dì de cöse o trattià. E ben… scrivo quello ch'accapitià entro  l'anno duimilla"

SABINA       :- "Baccere! E comme scià fa a saveilo?"

MARTINA¬†¬†¬† :- "No d√ģ ninte a nisci√Ľn, tanto no ghe creddieivan... me i detta o Gianni"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Pecc√≤u che mi no so l√ęze... me ne vergheugno... ma oramai l'√® tardi"

MARTINA¬†¬†¬† :- "No l'√® mai tardi pe' impar√†... Mia, femmo cosc√¨... quande mae figgia e mae zeneo van a B√Ľsalla in villa, mi no ghe vaddo, attrovi√≤u 'na sc√Ľsa e te insegno a l√ęze e a scrive, c√∂se ti ne d√Įxi?"

SABINA       :- (gioiosa) "Davvei scià faieiva questo pe' mì?"

MARTINA¬†¬†¬† :- (con sottile bonariet√†, tra un sorso di t√® e l'altro) "Son seg√Ľa che anche a-o Gianni ghe faieiva piax√©i"

SABINA       :- (schernendosi) "Ma... no saviae... e poi perché mai... o no vedde l'òa de andäsene"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Eh, son v√ęgia e son abbastanza naveg√† e m√¨... no gh'ho ci√Ļ bon... ma ho visto comm'o t'ammiava...o ne vegn√† anche da-o fut√Ľro ma... e euggiae... son sempre e maexime"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma sai√† v√©a ch'o ne vegne da o fut√Ľro? L'√® diffi√ßile credde a quello ch'o conta... sci√† pense ch'o d√Įxe che e donne portan e braghe, f√Ľmman e mostran finn-a l'ombrissallo pe' a stradda... No parlemmo poi de donne in spi√§gia... m√ęze n√Ľe... Ah, n'√§tra c√∂sa... e donne peuan fa o sordatto, i cantun√© e poi son anche in marinn-a e in avia...aviazi√≤n... cosc√¨ me p√§... no ho ben accappio che r√∂ba a l'√®... Mi no savi√≤ ni l√ęze, ni scrive per√≤ no creddo a t√Ľtto quello ch'o me conta... me pan de f√≤ue"

MARTINA¬†¬†¬† :- "L'ombrissallo scoverto... donne m√ęze n√Ľe... o sordatto... Questo o no me l'ha d√Įto"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "‚Ķe a no l'√® fin√¨a ch√¨. Sci√† pense ch'o m'ha cont√≤u anche che portan de specie de pendin, de brillant√¨n a-o naso comme i m√∂i‚Ķ ho l'ha √Ľs√≤u 'na parolla che no so manco pronunziala... persin, pirsing...'n'affare scimile. Ma se questo l'√® v√®a, che mondo o l'√®? Primma ean i gianchi che scangiavan anelli, sp√ęgi, borsette con i m√∂i e doppo, sai√† o contr√§io?"

MARTINA    :- (sorniona) "Però o te ne conta de cöse, eh?.. Quande ti l'hae visto?"

SABINA       :- "Véi, in giardin, quande o baron e a so scignòa son andaeti in vixita dai Carpeneto... o m'ha anche faeto 'na domanda strana... quante costa o pan a-o chillo"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Perch√©? O veu m√Įga f√§se a br√Ľschetta?"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "O m'ha d√Įto che in to 1895, quande ghe sai√†n i primmi trams elettrici, gh'√® sai√† anche a crisi do pan e che o vegn√† a cost√† finn-a a 40 citti a-o chillo"[12]

MARTINA¬†¬†¬† :- "Peu √ęse... Vorri√† d√Įse che impi√ęmo a meizua[13] de faenn-a e se faiemo o pan in casa"

SABINA       :- "Scià Martina, me son confià con Voscià perché scià l'è pe' mi comme 'na moae, ma cö sciò Gianni me sentieiva comme 'n pescio feua d'aegua cäxo mai o fisse davvéi interessòu a mì... o se vergheugneiva de 'na donna semplice comme mì..."

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entra dall'esterno) "Bongiorno. Sc√Ľsae l'intrusi√≤n ma... o Gi√§xo o m'ha faeto intr√† squadrandome comme f√Įse 'n'intr√Ľso e... n'ho posci√Ľo fa a meno de sent√Į e √Ľrtime parolle da Sabina..."

SABINA       :- (vergognosa, volta le spalle di scatto)

MARTINA¬†¬†¬† :- "T'accapiti a propoxito... n'attreuvo ci√Ļ i teu appunti in sc√® quello bolide in √ße che, segondo t√¨, a gente a vedi√† da chi a vint'anni...quello che t'√® ciamm√≤u con √Ľn nomme strano..."

GIANNI        :- "Ufo?"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Sc√¨, quello... che razza de nomme... Veuggio scr√Įve e parolle gi√Ľste cosc√¨ i posteri dijan: 'No p√†iva ma quella bac√Ľcca da Martina a saveiva pe'n davvei pred√¨ l'avven√¨' ..Son contenta che ti seggi ch√¨, armeno ti me dae √§tre informazio√¨n... (quasi come un rimprovero) anche a m√¨ de quello che s√Ľccedi√† in to secolo proscimo... Pe' a p√Ľbblicazi√≤n ne parli√≤u anche con Liala, a scrittrice, che oua a travaggia in to giornale, cosc√¨ a me d√† l'andeuia gi√Ľsta. All√≤a, c√∂se ti me conti?.."

GIANNI        :- (s'era nel frattempo avvicinato a Sabina, prendendole una mano e guardandola teneramente)

MARTINA¬†¬†¬† :- (che osservava, si alza) "Ho accappio... lascemmo perde... (sorniona) M'√® vegn√Ľo in cheu ch'ho lasci√≤u a m√†ggia con i faeri de de l√†... finiscio i punti a bregafolla[14] do mae sciallo e poi... se ve descollae ...ne parli√ęmo... (li guarda compiaciuta scrollando la testa. Gianni e Sabina nemmeno si muovono; uscendo lentamente) Eh... belli tempi... quande o t'acciappa o t'acciappa... beata zoent√Ļ"

SCENA IV

(Gianni ‚Äď Sabina)

GIANNI        :- "Ti pensi che posse vergheugnäme de tì?"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (allontanandosi) "No saviae ma se l'√® v√©a che √§ teu epoca e donne son cosc√¨ eman... emanci... comme se d√Įxe?"

GIANNI        :- "Emancipae"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "‚Ķ mi saieiva 'na tarl√Ľcca e alloa o mae posto o l'√® ch√¨"

GIANNI        :- "Beh... pe' o momento son chì anche mì, vixin a ti..." (le dà un bacetto sulla guancia)

SABINA       :- (posa una mano sulla guancia, si volta e fugge via)

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (la guarda uscire, poi trae di tasca il cellulare e riprova a chiamare) "Preuvo torna... no se sa mai... Pronto? .. Pronto?.. Comme?.. Ti me senti?.. Davvei?.. All√≤a √≤ua gh‚Äô√® campo‚Ķ Che contento che son‚Ķ Dimme 'n po' Franco a mamma e o pap√† stan ben?.. Son staeti in pensiero pe' m√¨?. Aveivo prov√≤u giorni fa ma no gh'√©a campo e √≤ua¬† (pausa) Ma comme l'√® mai poscibile... C√∂sse?. Comme?.. Son solo trei men√Ľti che son sciort√ģo de casa senza paegua?.. Ma perch√©... ceuve de longo?.. Ma se son di meixi che no se vedemmo... Quae de scherz√†, m√¨?.. No gh'accapiscio ci√Ļ ninte‚ĶDovve son?.. Mah; a Murta in te 'n'√§tro secolo... Sc√¨, r√Įi p√Ľre‚Ķ Eh? Te sento lontan... Franco‚Ķ Franco... riciammime se ti peu‚Ķ Fin√ģo... no se sente ci√Ļ ninte... Mae frae o d√Įxe che son sciort√ģo de casa da soli trei men√Ľti, 'n'accapiscio‚Ķfoscia a teoria da relativitae de Einstein... (siede con tristezza) Ma l'√® t√Ľtto 'n seunno... magara me p√§ d'√ęsse in to pass√≤u e invece... invece ghe son p'en davvei e no so comme torn√†... "

SABINA ¬†¬†¬†¬†¬† :- (rientra preoccupata) "Sta pe' arriv√† a carrossa do m√ęgo L√†udano... i scignori no ghe son e a sci√† Martina a no ne veu sav√©i... Ch'o pense ch'a l'ha daeto e sanguette a-o Gi√§xo pe' pesc√† invece de addeuviale"

GIANNI        :- "Ti me dae do lé?.. No ti veu damme do 'ti'?"

SABINA       :- "No creddo de poei... (suonano alla porta. Sabina si allarma) Oh, o l'è chi... e oua?"

GIANNI        :- "No te preoccupà e vanni a arvì"

SABINA       :- (esce per far entrare il dottore e Gianni si nasconde dietro la parete)

SCENA V

(Sabina ‚Äď L√†udano ‚Äď Martina)

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entra con circospezione e dietro di lei il dottore) "Prego Sci√≤ m√ęgo... vaddo a ciamm√† a sci√† Martina." (credendo di non essere vista dal dottore, guarda sotto il tavolino, dietro la poltrona per cercar Gianni. Comicit√†)

LAUDANO   :- (con ironia) "No creddo che a scignòa, con a so artrosi, a se segge caccià sotta o tavolin"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (cercando padronanza di s√©) "No... l'√® che... l'√® che √ßercavo o sciallo da scignoa pe' portaghelo... vaddo s√Ľbito a ciamm√§la" (esce)

LAUDANO   :- (incuriosito dell'atteggiamento di Sabina, si alza e guarda anche lui sotto il tavolo)

MARTINA    :- (entra e lo vede) "Scià l'ha perso e sanguette?"

LAUDANO   :- (ha un sobbalzo e poi si riprende) "Bongiorno scignòa... No, ninte sanguette pe' ancheu... çercavo o so scialle... sciccomme a so serva a no l'ha attrovòu, alloa mi..."

MARTINA¬†¬†¬† :- "A no l'attreuvava de seg√Ľo... ghe l'ho in sce-e spalle... A c√∂se devo l'√≤nere da so vixita?" (siede e fa cenno a Laud√†no di fare altrettanto)

LAUDANO   :- "L'ònere?!"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Oh, sci√† me sc√Ľse... o l√® stato √Ľn lapsus... voeivo di l'on√≤re da so vixita"

LAUDANO   :- "Ecco, mì... primma de tutto comme scià stà?"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Se levemmo i dolori, a circolazi√≤n, a presci√≤n, i anni... dimmo che a porrieiva anche and√† p√ęzo... morale da f√≤a... no posso lament√§me"

LAUDANO¬†¬† :- "Se l'√® pe' quello, anche m√¨ gh'ho i mae guai de sal√Ľtte"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Perch√© sci√† no se fa vedde da 'n m√ęgo?"

LAUDANO   :- "Ma ghe son za mì"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Sci√† o cange‚Ķ oh, pardon‚Ķ Per√≤ son seg√Ľa che sci√† no se peu sent√¨ a so schenn-a da solo quande sci√† se comanda de d√¨: trentetr√©i..."

LAUDANO   :- "Comme linea de prinçippio scià l'ha raxòn... dovieiva ciammà 'n collega, ma..."

MARTINA¬†¬†¬† :- "Magara o ghe ordina quarche salasso... Ho accapp√¨o, sci√† no se f√Įa di m√ęghi... Ma vegnimmo a noi√§tri. Visto che sci√† no l'√® vegn√¨uo pe' m√¨... pe' c√∂se..."

LAUDANO¬†¬† :- (si guarda attorno) "Ho sacci√Ľo che quello zoveno... quello main√†... o no l√® proppio √Ľn main√† e che..."

MARTINA¬†¬†¬† :- (sul chi va l√†) "E a m√¨ che me ne frega... Oh, sci√† sc√Ľse a volgaritae... ma no veddo comme m√¨..."

LAUDANO¬†¬† :- "So che gh‚Äô√® staeto do bullezz√Ľmme in casa vostra quande l‚Äô√® staeto smascher√≤u quello f√§so praeve, prevedendone finn-a l‚Äôarresto: tra l‚Äô√§tro me ris√Ľlta che quello zoenotto o l‚Äô√©a vest√ģo in moddo diverso da o nostro‚Ķ‚ÄĚ

MARTINA¬†¬†¬† :- "Comme saieiva a d√¨?.O no l'avi√† m√Įga av√Ľo e f√§dette pe' c√§xo..."

LAUDANO   :- "No, no… voeivo savei se l'éa poscibile, pagando s'intende, se..."

MARTINA¬†¬†¬† :- (seccata) "Sci√† me sc√Ľse se ritorno a rip√ęte: a m√¨ che me ne frega"

LAUDANO¬†¬† :- "Ecco‚Ķ sci√† me lasce d√ģ... vorrieiva sav√©i se‚Ķ "

SCENA VI

(Martina - Làudano - Gianni)

GIANNI        :- (appare improvvisamente da dietro la parete vestito come all'arrivo, non visto dai due) "Cöse scià voeiva savèi?"

LAUDANO¬†¬† :- (ha un sobbalzo mentre Martina non si scompone) "Ma... da dovve o l'√® intr√≤u..? Ci√Ļ 'n po' o me fa vegni 'na sincope!"

MARTINA¬†¬†¬† :- (con noncuranza) "Sci√† no se sci√§te‚Ķ Due sanguette, √Ľn salasso e sci√† l'√® a posto‚Ķ Sci√† ghe voeiva parl√†, no?"

LAUDANO¬†¬† :- "Veuggio parl√§ghe da vivo, se l'√® poscibile. (nota l‚Äôabbigliamento) ¬†Che strano moddo de vest√¨‚Ķ o me p√Ę Lord Byron a-o contr√§io"

MARTINA¬†¬†¬† :- (a Gianni) ‚ÄúComme mai ti t‚Äô√® vest√Įo cosc√¨?.. T'hae attrov√≤u a main√©a de ritorn√† a-o teu tempo?‚Ķ A-o fut√Ľro?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Asp√ęto o momento propizio" (armeggia col cellulare)

LAUDANO¬†¬† :- (stupito) "A-o‚Ķ fut√Ľro?‚Ķ (addittanto il cellulare) Coss‚Äôo l√® quell‚Äôarnei- ze?‚ÄĚ

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Questo? Preuvo a fa ‚Äėn-a telefonata"

LAUDANO   :- "Ûnn-a tele...fonata... cöse veu dì?"

GIANNI        :- "L'è 'n po' complicòu spiegala... O telefono l'ha appena-a inventòu Meucci e poi o Bell o l'ha perfezionòu... Se peu parlà a distanza con e personn-e che gh'han o telefono, comme poi se faià cö computer"

LAUDANO¬†¬† :- (guarda meravigliato e impaurito Martina come a chiedere conferma) "...parl√† con chi no se vedde... a distanza‚Ķ(rinfrancato) No l'√® poscibile‚Ķ o me conta de mu‚Ķ de mincionn√†ie... A m√¨ o no me ne d√† da intende...No son m√Įga nasci√Ľo v√©i"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Lascemmo perde‚ĶSci√† no m'ha ancon d√Įto o perch√© sci√† voeiva parl√§me"

MARTINA    :- "Coraggio dottore Làudano, che la vita è di passaggio"

LAUDANO¬†¬† :- "Ecco‚Ķ son ‚Äėn po‚Äô frastorn√≤u‚Ķ ma se l‚Äô√® v√©a che sci√† vegne da o fut√Ľro‚Ķ e scientificamente no l‚Äô√® poscibile‚Ķno se peu avvert√¨ a gente, i governi de quello che s√Ľccedi√† in moddo da prevegn√¨ e c√∂sse e mettighe rimedio in anti√ßipo? (interessato) Porrieiva √ęsse m√¨ quello ch‚Äôo d√† queste preventive informazio√¨n e, s‚Äôaccapisce che‚Ķ n‚Äôavieiva di vantaggi‚ÄĚ

GIANNI        :- "O svantaggi... Porrieiva däse che pe' no allarmà a gente, o pe' interesci vari... che o mettieivan drento 'per allarmismo e turbativa dell'ordine costituito' "

MARTINA¬†¬†¬† :- "Gi√Ľsto! Se invece son m√¨ che fasso solo de previxo√¨n l'√® 'n'√§tra c√∂sa e poi, se mai, sci√† l'accatti√† o mae libbro"

LAUDANO   :- "E quarcösa de personale riguardo ä mae carriera?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Quella, comme l'avven√¨, o l'√® in te moen nostre e sorviat√Ľtto in te quelle do Segn√ī" (si ode scampanellare alla porta, poi la voce di Sabina che √® andata ad aprire)

SCENA VII

(Martina ‚Äď L√†udano ‚Äď Gianni ‚Äď Clotilde ‚Äď Sabina ‚Äď Manfredi)

SABINA       :- (da fuori) "Bentornà scià Clotilde... Sciò baron…a so disposizion"

MANFREDI :- (da fuori) "Clotilde, vaddo a mettime in borzoà,[15] poi chinn-o"

CLOTILDE¬†¬† :- (entra in scena) "Oh, sci√≤ m√ęgo, comme mai ch√¨... quarc√∂sa de mae mamm√† ch'a no va?"

LAUDANO   :- (che si era alzato a fare il baciamano) "So mammà a lè 'na roccia"

MARTINA    :- "... friabile..."

CLOTILDE   :- (si avvede di Gianni e lo squadra) "E questo chi... comme o s'è mascheròu?"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Ma o l'√® o Gianni... Gianni Benserv√ģo"

CLOTILDE   :- "O saià anche benservìo ma o me pä mä acciappòu"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Scign√≤a... so che no sai√† fa√ßile √ęsse cred√Ľo ma..."

CLOTILDE¬†¬† :- (alla mamma) "O l'√® questo ch√¨ ch'o te invexenda con quelli biggetti in sce-o fut√Ľro? No dagghe ci√Ļ a mente se no invece do m√ęgo de famiggia te ghe veu quello do √ßervello: Freud!"

MARTINA¬†¬†¬† :- "Fro...freido no ghe n'ho... gh'ho o mae sciallo. Calmite e ti veddiae che quello ch'ho scr√Įto s√Ľccedi√†... Mi ghe creddo e no son feua de testa. Finn-a o m√ęgo o l'√® vegn√Ľo pe' savei quarc√∂sa in sci anni a vegn√¨"

LAUDANO   :- (preso in castagna, è imbarazzato) "Ecco veramente mì...no l'è che segge proppio coscì..."

MARTINA¬†¬†¬† :- "Balle. Oh, voeivo d√¨ che sci√† l'√® vegn√Ľo proppio sperando de incontr√† o Gianni"

LAUDANO   :- "Ecco... me interessava clinicamente o cäxo ma... (finge di guardare l'orologio da taschino e si alza) Perdincolinn-a... s'è faeto tardi e gh'ho 'na vixita da fa... compermisso..."

CLOTILDE   :- "Sabina!"

SABINA       :- (entra)

CLOTILDE   :- "Accompagna o dotore"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Comme sci√† comanda... Sci√≤ m√ęgo, ceuve a sguasso... gh'√® t√Ľtto neigro in √ße"

MARTINA    :- "Dagghe 'n paegua... in prestito s'intende..."

LAUDANO¬†¬† :- "Grassie e... sc√Ľsae o dest√Ľrbo... scignor√¨a" (baciamano ed esce)

MANFREDI :- (da fuori) "Oh, dotore. Sci√† va via proppio √≤ua che se prepara a derr√Ľ√†?"

LAUDANO   :- "Ma a Sabina a me dà 'n paegua... in prestito! Scignorìa sciò baron"

MANFREDI :- "Scià stagghe ben (entra in scena) Me pä che semmo arrivae appena-a in tempo (vede Gianni) Ma... o no l'è o mainà questo chì?"

GIANNI        :- "Scignorìa sciò baron... Scì, son mi"

MANFREDI :- "Ma comme o l'√® vest√Įo?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Provi√≤ a spieg√§me anche se so che no sai√≤u cred√Ľo. No ve daggo torto. A-o vostro posto anche m√¨ saiae ci√Ľttosto scettico e v'accapiscio. Lascio per√≤ a descrizi√≤n di avvenimenti proscimi in to libbro che a sci√† Martina, ch'a m'ha onor√≤u da so stimma, a sta scrivendo. Quando i faeti descr√Įti sai√†n s√Ľccessi, alloa crediei a quell'ommo che, inaspettatamente, pe' c√§xo e senza a so voentae, o s'√® attrov√≤u da o du√¨milla √§ vostra epoca. Ecco perch√© son vest√Įo cosc√¨"

CLOTILDE   :- "No l'è poscibile! E l'abbigliamento de primma?"

MARTINA¬†¬†¬† :- "A l'ha port√≤u a Sabina... son de so frae... Ghe l'ho d√Įto m√¨ pe' appa- xent√§lo, o no poeiva circol√† a quello moddo... o l'avieiva daeto troppo in te l'euggio"

CLOTILDE   :- "E comm'o l'è intròu chi senza fasse vedde?"

MARTINA    :- "Ma l'è tanto semplice... da o passaggio segreto!"

MANFREDI :- " 'N'ätra neuva. E dovve o saieiva?"

GIANNI        :- "Chi" (va seguito da Manfredi e Clotilde)

CLOTILDE   :- (meravigliata) "Ohh...Manfredi... o gh'éa davvei o passaggio segreto"

MANFREDI :- (a Gianni) "E lé, comm'o l'ha scoverto?"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Veramente o m'ha scoverto l√®. Me son attrov√≤u l√¨ drento scaravent√≤u da 'n t√Ľrbin√¨o che no so spieg√§me manco m√¨.. Me sentivo manc√† l'√†ia... poi ho prov√≤u a sciacc√† 'na leva, a m√Ľagia a s'√® spost√† e son accapitt√≤u chi drento..." (tuona)

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entra improvvisamente agitata) "Sci√≤ baron‚Ķ sci√† Clotilde‚Ķo m√ęgo..."

MANFREDI :- "O m√ęgo... c√∂sse?"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "C√∂ temporale o no s'√® accorto de 'n fosso e-o ghe cheito drento... o Gi√§xo o l'ha sent√ģo di lamenti e-o l'ha port√≤u in te l'ingresso sc√Ļo com- me 'n pul√¨n"

MARTINA¬†¬†¬† :- "O l'ins√Ľppi√† i tapp√ęti..."

MANFREDI e CLOTILDE:- (escono rapidamente)

MARTINA¬†¬†¬† :- "Dunque Gianni, ti pensi che semmo a t√ģo?"

GIANNI        :- "O spero... o temporale o gh'è, i sciantilin ghe l'ho...gh'ammanca solo che se forme o maeximo impatto de primma, ma questa votta a l'inverso"

SABINA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (triste) "No se vediemo ci√Ļ..."

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No so manco se porri√≤ andamene, no dipende da mi ma... foscia da quarched√Ľn che magara o l'ha vosci√Ľo mettime √§ preuva"

CLOTIDE ¬†¬†¬† :-(che rientra con Manfredi) "Pare ch'o se segge slog√≤u 'na caviggia... Bezeurrieiva trasportalo a l'√Ľspi√† ma con 'sto tempo comme se fa?"

GIANNI        :- (senza riflettere prende il cellulare e compone il 118) "Pronto... pronto..? Parlo col 118?"

MANFREDI :- "Ma cöse o fa? O parla drento a 'na scatoeta?"

GIANNI        :- "Ciammo o pronto soccorso... magara mandan n'elicottero o n'autoambulanza"

CLOTILDE   :- "O l'è matto"

GIANNI¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Questa... scato√©ta o l'√® √Ľn telefono cellulare ch'o ghe sai√† ai mae tempi... l'abit√Ľdine de addeuvi√§lo o m'ha faeto ascord√† che o no funzionn-a in quest'epoca" (improvvisamente squilla il cellulare. Tutti sobbalzano. Gianni risponde) "Pronto?.. Chi? Franco t'√® t√¨?.. Spero de poei arriv√† ... Comm'o l'√® o tempo?‚Ķ Burrasca anche chi‚Ķ Comme?.. Sc√¨ anche chi... se riescio a-arriv√† te spiego.. Pronto‚Ķpronto...no se sente ci√Ļ ninte‚Ķ"

                            (ALL’IMPROVISO SCOPPIANO TUONI, LAMPI E SCROSCI D'ACQUA. SABINA SI AVVICINA IMPAURITA A GIANNI. IMPROVVISAMENTE LA SCENA SI FA BUIA E QUASI IMMEDIATAMENTE ANCORA LUCE. GIANNI E SABINA SONO SCOMPARSI. A TERRA RIMANE IL CELLULARE)

CLOTILDE   :- "Oh, Manfredi, che spavento…"

MANFREDI :- "Ma... a Sabina e o Gianni son sparìi?.. (chiama, mentre lampi e tuoni si susseguono) Sabina... Gianni!"

CLOTILDE   :- "Saià staeto poi véa o se semmo asseunnae? Magara doman s'addescemmo e vediemo che no l'è successo ninte"

MARTINA    :- "Ninte? E quella scatoéta ch'o ghe parlava drento, cöse a ghe fa lì pe' taera?"

MANFREDI :- (la raccoglie con circospezione, la porta all’orecchio)

MARTINA¬†¬†¬† :- "T√Ľtto somm√≤u, son contenta ch'o segge ritorn√≤u a casa seu perch√© ognid√Ľn deve vive a propria epoca, cresce fra a so gente donde o l'√® nasci√Ľo, in m√ęzo ai proppi affetti... e no pretende quello che no se peu avei. Ognid√Ľn, do proprio √ęrbo o conosce i so fr√Ľti e l'√® in√Ľtile √ßerc√† in te l'√ęrbo do vexin... (scherzosa) E poi, chiss√† quanti vorrieivan avei di passaggi segreti" (accennando alla parete aperta)

¬†MANFREDI :- "Sai√† ma pe' m√¨ a l'√® staeta t√Ľtta 'na messa in scena pe' abbarl√Ľg√§ne‚Ķ[16]no ghe creddo e no l'√® poscibile che questa scatoeta‚Ķ l'√® a mag√¨a de 'n ventriloquo" (SQUILLA IL CELLULARE CHE MANFREDI HA RIPORTATO ALL'ORECCHIO. SI SPAVENTA... LO ALLONTANA, POI LO RIACCOSTA) "Pro‚Ķ pronti? Eh..? Ma chi parla? Sabina?.. Drento √§ scato√©ta? (ai presenti) A Sabina..a l'√®.. a l'√® chi drento‚Ķ (scuote il cellulare, lo allontana da se, lo riaccosta all'orecchio) Sabina... Sabina...¬† sciorti de l√¨ drento ..! Sabina‚Ķ‚ÄĚ

                                                     

(Si chiude il sipario)

FINE


[1] Saera, saera: ressa

[2] Calomelan: calomelano, disinfettante per l'intestino, lassativo

[3] Anveloppe- busta

[4] Vero (cronaca)

[5] ballaitraia - babbéa

[6] mont√ľa - divisa

[7] in borzoà - in borghese

[8] dalle cronache del 1909

[9] vero-Cavallotti viene ferito mortalmente al viso

[10] dalle cronache dell'epoca

[11] ghirindòn - comodino o tavolino da notte

[12] dalle note della cronaca dei tempi

[13] Meizua - madia

[14] bregafolla ‚Äď punti a strega

[15] borzo√† ‚Äď in borghese

[16] abbarl√Ľg√† ‚Äď stordire, abbagliare, sbalordire

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno