I teatranti

Stampa questo copione

I teatranti

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

06/12/2004

Personaggi:   12

Rosario Cacace

Barbara Cacace

Pasquale Caccamo

Maddalena Caccamo

Gennaro Caccavale

Cristiana Caccavale

Giuseppe Marrone

Salvatore Bisogno

Vitaliana Le Feci

Ferdinando Inomaggio

Perla Miseria

Consiglio La Fuga 

Napoli, terra di teatro e di arte. In questa toria si offre uno spaccato di come una cmpagnia tearale costruisce uno spetacolo di successo (?). La sala prove è pronta, il regista impartisce indicazioni agli attori e ai suggeritori. Il testo è inedito e tutti lo imparano con l’aiuto proprio dei suggeritori. Peccato che uno sia sordo e l’altro abbia una miopia esagerata.

Il secondo atto si svolge durante la serata dello spetacolo, nel dietro le quinte, dove ci sono i nervosismi prima di enrare in scena, le ultime cose da fare e il via vai degli attori e del regista. A cuasa dei suggeritori, lo spettacolo verrà stravolto, ma avrà ugualmente successo. Il regista ed autore Rosario Cacace ne sarà proprio del tutto contento?

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

            Napoli, sala prove del gruppo teatrale drammatico “La lacrima”. Alla stanza si accede da un ingresso a destra. Una stanza al centro conduce ad un magazzino e infine, a sinistra, una stanza uso cucina. L’arredamento è quello ci un normale salone di una casa: c’è una credenza sulla sinistra, in mezzo un tavolo con tre sedie e sulla destra un divanetto.   

ATTO PRIMO

1. [Rosario Cacace, Barbara Cacace, Pasquale Caccavale e Salvatore Bisogno]

                  Rosario, seduto sul divanetto, sta rileggendo una sua opera su un block notes.

Rosario:   “...E la storia finisce con la morte di Barbara, moglie del patriota Rosario, uccisa

                  dai tedeschi. Ma era il 1° ottobre 1943, e finalmente Napoli fu liberata dagli

                  oppressori nazisti”. Fine! Questa è la mia opera drammatica più importante: “Le

                  quattro giornate di Napoli”. Più la rileggo, più dico che è un capolavoro. Bella!

                  Bacia il copione. Dall’ingresso (a destra) entra Barbara, in pigiama e vestaglia.

Barbara:  (Mezza assonnata) Rosà, songhe ‘e ll’otte ‘a matina. Non hai dormito proprio.

Rosario:   Barbara, io aggio affittato ‘sta sala prove pe’ pruvà ‘e ccummedie e pe’ sta’

                  qujeto quann’aggia scrivere! E picciò, lasseme sta’ ‘npace.

Barbara:  E invece pienze a sistimà ‘int’a chillu magazzino. (Indica dietro loro) S’hanna

                  ittà chilli telùne viecchie d’’e scenografie noste. O si no ce truvamme ‘e ppulce!

Rosario:   (La guarda bene e si alza) Barbara, ma tu si’ scesa d’’a casa accussì cumbinata?

Barbara:  E tanto, noi abitiamo al piano di sopra.

Rosario:   Vabbuò, mò stattu zitta. Aggia rileggere ‘a cummedia. Tra poco ci sono le prove.

Barbara:  Oh, no! Ma per forza dobbiamo provare?

Rosario:   E certo, noi siamo dei professionisti. E poi io ho ho scritto l’opera più bella della

                  mia decennale carriera: “Le quattro giornate di Napoli”. E nun te piace?

Barbara:  (Si siede al tavolo assonnata) E ‘e che parla? ‘E Giulio Cesare e Cleopatra?

Rosario:   Ma no, si parla della Seconda Guerra Mondiale. In particolare... (Nota Barbara

                  che s’è addormentata) Te si’ addurmuta? Ma tu a chi vuo’ fa’ perdere tiempo!

                  Si siede di nuovo e comincia a rileggere la sua opera. Da destra entra Pasquale.

Pasquale: Rosà, ma tu staje ccà? E io aggio voglia ‘e sunà ‘o citofono ‘nu sacco ‘e tiempo!

Rosario:   Ssst, Pascà, nun alluccà.

Pasquale: Pecché, sta durmenno Barbara?

Rosario:   No, sto’ liggenno ‘a cummedia! Là sul mobile ci sono le fotocopie del testo.

Pasquale: Ah, l’he’ fernuta? (Va a prendere alcune fotocopie) E quanta personaggie so’? 

Rosario:   Otto: cinque patrioti, un soldato tedesco, un soldato morto, e infine la ciliegina

                  sulla torta: Napoleone Bonaparte!

Pasquale: Napoleone? Ma Napoleone nun ce steva ‘int’’a Siconda Guerra Mondiale.

Rosario:   E addò steva?

Pasquale: Era muorto. Napoleone Bonaparte è venuto molto prima.

Rosario:   Mannaggia, si ‘o ssapeve, ce metteve a Bush!

Pasquale: Embé, Rosà, tu tiene ‘na bravura a mmiscà ‘a storia cu’ ‘a geografia, incredibile!

Rosario:   E vabbuò, ma tanto, ‘e ggente che ne sanne? Quelli basta che pagano il biglietto!

Pasquale: Sì, te pare a te. Ma caro Rosario, qua dobbiamo cambiare le cose. Noi ci

                  dobbiamo svegliare. Hai capito? (Alza la voce) Ci dobbiamo svegliare!

Barbara:  (Si sveglia e salta in piedi) Ch’è succieso?

Pasquale:  No, niente, adduòrmete ‘n’ata vota!

Barbara:   Ah, si’ tu, Pascà? E comm’è che staje ccà? Vuoi già cominciare le prove?

Pasquale:  Ma qua’ prove? Quala cummedia? Ccà rischiamme ‘e menà tutto cose all’aria.

Rosario:    (Si alza preoccupato) In che senso? Spieghete meglio.

Pasquale:  Siamo rimasti solo tre reduci della compagnia teatrale “La lacrima”: io, tu e tua

                   moglie Barbara. ‘O riesto, hanne aizàto ‘ncuollo e se n’hanne jute. 

Barbara:   (Dispiaciuta) Uh, Marò, tu che staje dicenno?

Pasquale:  ‘A verità. Sto venendo giusto dal notaio: hanno firmato e ci hanno abbandonati.  

Barbara:   (Poi disinteressata) E nun fa niente! Io me vaco a cuccà ‘n’appoco! Bonanotte!

                   Esce a destra. Rosario non si capacita di quanto affermato da Pasquale.

Rosario:    Pascà, ma comme, se ne so’ gghiute accussì? E pecché?

Pasquale:  Perché dicono che come compagnia teatrale drammatica… facimme rirere! E io

                   t’’o stongo dicenno ‘a tantu tiempo, ma tu nun m’he’ stato a sentì. Mò vide

                   chello che he’ fa’ e ppo’ me faje sapé. Io torno dopo.

                   E esce via (portando via le fotocopie prese poco prima). Rosario riflette.

Rosario:    Chesta nun ce vuleva. Mò propio ch’’eva fernuto ‘e scrivere ‘n’opera speciale!

                   A proposito, aggia cagnà coccosa, pecché ha ditto Pascale che Napoleone nun ce

                   sta ‘int’’a Siconda Guerra Mondiale. Ma dich’io: chisto s’ha fatto tutt’’e gguerre

                   e proprio ‘int’’a Siconda Guerra Mondiale s’’eva assentà?! Ma roba da matti!

                   Si siede deluso sul divanetto. Entra il produttore Salvatore Bisogno (nervoso).

Salvatore: Io, il produttore teatrale Salvatore Bisogno, non caccio più un Euro!

Rosario:    Ah, Salvatò, ce staje tu? Assiettete.

Salvatore: Ma che m’aggia assettà? (Poi si siede al tavolo) Io voglio sta’ allérto!

Rosario:    D’’a faccia che tiene, me pare ‘e capì che già saje tutto cose.

Salvatore: E certamente. Aggio visto mommò a Pascale ccà ffora: accomme m’ha visto, ha

                   cagnato strada! Ma io ve l’avevo detto: vuje ata cagnà. Ata addiventà ‘na

                   cumpagnia comica. ‘E ggente vonno rirere! Ccà già ‘a vita fa chiagnere troppo!

Rosario:    Ma io sono un commediografo drammatico. Nun saccio fa’ rirere!

Salvatore: Ma pecché, mò ch’ate fatto “Dante e Beatrice”, nun ate fatto rirere ‘e ggente?!

                   Addirittura, ‘na vicchiarella in prima fila vicino a me, talmente d’’e rresate, ha

                   sputato ‘a dentiera ‘ncoppa ‘o palco! Aroppo ‘o ssaje che m’ha chiesto?

                   “Giuvinò, m’’a jate a piglià ‘nu mumento, pe’ piacere”?

Rosario:    Ma comme, io aggio visto ‘e ggente in prima fila cu’ ‘e llacrime all’uocchie.

Salvatore: E chiagnevene d’’e rresate! Ancora nun l’he’ capito?

Rosario:    Allora adesso si cambia registro. Ho scritto un’opera che fa piangere solo a

                   sentirne il titolo: “Le quattro giornate di Napoli”! Viene cu’ me ‘int’’o cucinino.

                   Te voglio raccontà ‘a storia. Preparati a piangere. Tieni pronto il fazzoletto!

Salvatore: E vabbuò, te voglio sta’ a sentì. Me voglio fa’ ‘sta chiagniuta! Jammuncenne.

                   Si alzano, Rosario prende il block notes dal divanetto, i due escono a sinistra.

2. [Gennaro Caccavale e Giuseppe Marrone. Poi Cristiana e Maddalena]

                    Da destra entrano Gennaro e Giuseppe.

Giuseppe:  E’ permesso? Ma che d’è, Gennà, nun ce stanne?

Gennaro:   Ma comme? Ha ditto Pascale che se faceva truvà ccà.

Giuseppe:  Mannaggia a isso! Nuje, a ‘n’appoco, amma fa’ ‘a partita a bocce. Si nun ce 

                    appresentamme, chilli tre se pigliene ‘a vittoria e nuje ce amma offrì ‘a cena!

Gennaro:     E che t’aggia dicere, Giusé? Chisto è ‘o posto addò fanne ‘e pprove d’’e

                      ccummedie che scrive Rosario. E’ bello proprio.

Giuseppe:    E già. Però comme me piacesse ‘e fa’ l’attore! Io tengo una vena comica!

Gennaro:     Ma questi non fanno roba comica. Chiste hanna fa’ chiagnere! T’he’ scurdato? 

Giuseppe:    Ah, già. Ma comme fanne ‘e mmugliere noste a le piacé chillu murtorio?

Gennaro:     Ma a Maddalena e Cristiana, nun è che le piacene ‘e spettacoli ‘e Rosario. Li

                      vanno a vedere per amicizia di Barbara. Però, a teatro, s’addormene pure loro!

Giuseppe:    E nuje ce ammusciamme pe’ ffa’ cuntente ‘e mmugliere noste!

Gennaro:     E almeno ce pavassene pe’ ce ammuscià!

Gennaro:     Vabbuò, ma mò cercamme a Pascale, pecché m’aggio sfastriato ‘e aspettà.

Giuseppe:    Jammele a cercà. Cominciamo da questa porta dietro a noi.

                     Vanno nella porta centrale. Da destra entrano Cristiana e Maddalena.

Cristiana:    Maddalé, ha ditto Pascale ch’’a cumpagnia s’è sciolta.

Maddalena: Pe’ ‘na parte è meglio, accussì nun simme cchiù costrette a ce accattà ‘e

                      bbigliette pe’ ffa’ piacere a Barbara.

Cristiana:    E io invece tengo un’altra idea. Perché non gli diamo una mano io e te? 

Maddalena: A ffa’ che? Io nun voglio caccià denare!

Cristiana:    Ma no, io intendevo dire: aiutiamoli nell’organizzazione. Tu dice sempe che te

                      piace ‘e recità. Quanno ‘ive ‘a scola, te chiammavene Anna Magnani!

Maddalena: Ma chille me sfuttevene! E poi, io non ho la faccia tosta di salire su un palco.    

Cristiana:    E che ce vo’? Tu si’ brava a ffa’ chiagnere. Quanno parle ‘e spitale, miereche

                      e mmedicine, he’ vedé comme te cale ‘int’’a parte!

Maddalena: E pecché, tu no?

Cristiana:    Io? Ma che? Io te stongo a ssentì a te, Maddalé. A proposito, ‘o ssaje che mia

                      nipote s’è tagliata ‘o dito cu’ ‘o curtiello e ll’hanne purtata ‘o spitale?

Maddalena: E tu nun saje ch’’o cainato ‘e mariteme Pascale teneva ‘nu calcolo sotto ‘o

                      raccio, l’hanne purtato ‘o Pronto Soccorso!

Cristiana:     ‘O vi’ che parle sempe ‘e spitale?

Maddalena: E chi ha parlato ‘e spitale? Io aggio ditto Pronto Soccorso!

Cristiana:    Comunque ‘e calcole sotto ‘o raccio nun esistene.

Maddalena: E invece esistene. Vuo’ vedé? Jamme a chiammà a Barbara e dicimmacello a

                      essa. Chella sape tutt’’e mmalatie d’’o munno dalla A alla Z!

Cristiana:     E ja’, mettimme ‘a scummessa.

                      E escono via a destra.

3. [Rosario e Salvatore. Poi Ferdinando. Infine Gennaro e Giuseppe]

                      Da sinistra tornano Rosario (senza block notes) e Salvatore.

Rosario:       Allora, te piace ‘a cummedia, Salvatò?

Salvatore:    ‘A cummedia è bella, però chi ‘a fa? ‘O riesto d’’a cumpagnia se n’è gghiuto.

                      Site rimaste sulo tu, Pascale e Barbara... salvo complicazioni!

Rosario:       Tranquillo, Pascale e Barbara fanno chello che dich’io. E poi mi servono solo

                      altri cinque attori. E li troverò, quant’è vero che mi chiamo Rosario Cacace!

Salvatore:    Rosà, a proposito di Cacace: ma nun è che t’’o putisse cagnà, ‘stu cugnomme?

                      Perché non ti metti un cognome d’arte? ‘Stu Cacace me pare brutto!

Rosario:       E allora tu? Te chiamme Bisogno. Nun pozzo dicere che me fa venì a mente!

Salvatore:    Fa venì a mente ‘a stessa cosa ‘e Cacace! Però io almeno nun aggia recità: ‘o

                       nomme mio nun aésce proprio ‘ncoppa ‘a locandina.

Rosario:        Salvatò, io tengo il cognome di mio padre, il grande attore drammatico Pietro

                       Cacace. E ppo’ tu nun penzà a ‘sti scimmità. Caccie sulo ‘e sorde. He’ capì?

Salvatore:     Aggia caccià ‘e sorde? E vabbuò. Però Rosà, ti avverto che questa è l’ultima

                       volta. O rientriamo almeno delle spese... oppure cagna mestiere! Chiaro?

Rosario:        Ma ti ho detto che cambierò tutto e lo farò. Comincerò dai suggeritori.  

                       E dall’ingresso a destra entra Ferdinando Inomaggio (ha un pessimo udito).

Ferdinando: Si può?

Salvatore:     Ah, uhé, Ferdinà, viene, trase.

Ferdinando: Uhé, Salvatò. (Si avvicina ai due)

Salvatore:     Qual buon vento?

Ferdinando: Comme?

Salvatore:     (Grida) Pecché staje ccà?

Ferdinando: E t’he’ scurdato? ‘A partita a bocce. ‘O ssapeve che t’’o scurdave. Così sono

                       venuto io a suggerirtelo.

Salvatore:     A proposito di suggerire. Rosà, te serveva ‘nu suggeritore? ‘O vi’ ccanno.

Rosario:        Chisto?

Ferdinando: Comme?

Salvatore:     Niente, Ferdinà, t’’o spiego aroppo.

Ferdinando: Comme?

Salvatore:     Niente, nun te prioccupà, famme fa’ a me.

Ferdinando: Comme?

Rosario:        Salvatò, ma chisto comm’’o fa ‘o suggeritore? Chillo è surdo.

Salvatore:     E tanto, ci dovete sentire voi recitanti. (Grida) Ferdinà, presentati.

Ferdinando: Ferdinando Inomaggio.

Rosario:        Ah, è in omaggio? E se capisce! Aroppo l’avessa pavà pure?

Ferdinando: Siente, nun aggio capito tu comme te chiamme.

Rosario:        E se capisce, io ancora te l’aggia dicere! Io me chiamme Rosario Cacace.

Ferdinando: ‘O vero? E allora siente, Vicienzo...

Rosario:        Ma chi l’ha ditto ‘stu Vicienzo? (Grida) Io me chiamme Rosario.

Ferdinando: Eh, aggio capito, Francesco.

Salvatore:     No, Ferdinà, chisto se chiamma comm’a frateto.

Ferdinando: ‘O vero? Chisto m’è frato? E chi l’ha visto maje?

Rosario:        No, ma io me chiamme Rosario. He’ capì? (Scandisce bene) Rosario.

Ferdinando: Ah, Rosario? E tu ‘na vota dice Vicienzo, ‘na vota dice Francesco...! Aggio

                       capito, tu si’ chillo che fa l’attore. Io vengo sempre a seguirti a teatro. A

                       proposito, se posso, io voglio propormi come suggeritore della compagnia.

Salvatore:     (Felice) Ecco qua, amme sparagnato ‘e parlà! L’ha ditto isso stesso!

Rosario:        Sì, ma almeno sape leggere ‘nu cupione?

Ferdinando: Siente Rosà, famme leggere ‘nu cupione tuojo. Accussì m’alleno ‘nu poco.

Rosario:        Giusto! Te faccio leggere ll’urdima cummedia ch’aggio scritto. (Prende un

                       copione dal mobile) Viene cu’ me. Amma ì allà. (Indica a sinistra)

Ferdinando: Sì, però primma v’aggia svelà ‘nu segreto: io nun ce sento buono!

I due:            (Ironici) ‘O vero? Uh, guardate!

                      Vanno a sinistra. Dalla porta centrale escono Gennaro e Giuseppe con una

                      bottiglia di vino a testa. I due sono un po’ ubriachi e barcollano, cantando.

Giu&Gen.:   “Azzurro, il pomeriggio è troppo azzurro e lungo, per me…!”.

Giuseppe:     Lloco ddinto nun ce steva Pascale. Chillo è ‘o magazzino. He’ capì, Giusé?

Gennaro:      No, ma Giuseppe si’ tu. Io so’ Gennaro!

Giuseppe:     Ah, già! E allora, Gennà, amma recità pure nuje cu’ Rosario?

Gennaro:      Ma sì, va’! Accussì quanno venimme a ffa’ ‘e pprove ccà, ce menamme ‘int’a

                      chillu magazzino, e ce facimme ‘na bella butteglia ‘e vino a testa!

Giuseppe:     Speriamo che Rosario non si arrabbia: ‘stu vino ‘o ffa isso e s’’o vvenne pure!

Gennaro:      E allora mò jamme a cercà a Pascale. Nuje amma fa’ chella partita ‘e calcetto.

Gennaro:      Ma qua’ calcetto? Si trattava di una partita di basket!

Giuseppe:     E allora trasimme ‘int’a chella porta. Speramme che ce sta ‘n’appoco ‘e vino!

                      I due escono a sinistra barcollando e cantando ancora la canzone “Azzurro”.

4. [Barbara e dopo Vitaliana Le Feci. Rosario, Salvatore e Ferdinando]

                      Da destra riecco Barbara (è in pantofole e si è vestita).

Barbara:      Ho incontrato Maddalena e Cristiana. Uffa, parlano sempre di malattie, quelle

                      due! Però quasi, quasi, parlo con Rosario e le faccio entrare nella compagnia.

                      Potrebbero esserci molto utili in qualche modo.

                      Da destra entra Vitaliana Le Feci. Ha gli occhiali e una fortissima miopia.

Vitaliana:    (Entra e chiama) Rosario!

Barbara:      No, Rosario non c’è.

Vitaliana:    Chi è che parla? (Avvicinandosi) Fatti vedere.

                     Supera Barbara e va dalla parte opposta della stanza. Barbara va a fermarla.

Barbara:      Addò vaje? Viene ccà. E tu chi sei?

Vitaliana:    Sono Vitaliana Le Feci. E tu chi sei? Un uomo?

Barbara:      Ma tengo ‘a voce ‘e ‘n’ommo? Io sono la moglie di Rosario. Tu lo conosci?

Vitaliana:    No, però mi manda Pasquale Caccavale. Io sono una suggeritrice.

Barbara:      Tu? Ma si tu ce vide appena appena!

Vitaliana:    No, ma io non è che non ci vedo. Tengo una leggera miopia: 7 diottrie! 

Barbara:      Niente di meno? E comm’’o liegge ‘o cupione?

Vitaliana:     Tu nun te prioccupà. M’’o vech’io.

Barbara:      Bene, ci parlo io con Rosario. (Va al mobile, prende un copione e lo porta a

                      Vitaliana) Ecco il copione. Benvenuta tra noi! Ora ti accompagno fuori casa.

Vitaliana:     Sì, però dammi la mano. Non per niente, ma se no vado a sbattere dappertutto!

                      Le due escono a destra, mano nella mano. Da sinistra tornano Rosario,

                      Salvatore e Ferdinando (con il copione in mano).

Ferdinando: Rosà, ma pecché m’he’ dato ‘stu mattuoglio ‘e carte? A che serve?

Rosario:        (Grida) Comm’è a che serve? Pe’ suggerì!

Ferdinando: Ah, serve a suggerì? Ma allora chisto è ‘o cupione.

Rosario:        E pecché, ch’’ive capito?

Salvatore:     Non lo sapremo mai!

Rosario:        E intanto, cu’ ‘stu spettacolo, amma arrivà perlomeno fino a maggio.

Ferdinando: (Capisce tutt’altro) Amma rattà ‘o ffurmaggio? E pecché?

Rosario:        Eh, ‘e che bellezza!

Ferdinando: (Capisce tutt’altro) L’amma ittà ‘int’’a munnezza? 

Rosario:        (Spazientito) Ora basta!

Ferdinando: ‘Ncoppa ‘a pasta? E so’ d’accordo!

Rosario:        Salvatò, cu’ chisto facimme una botta!

Ferdinando: Ecco, bravo, è bona pure ‘a ricotta!

Salvatore:     Vabbuò, basta, vienetenne cu’ me, Ferdinà.

Ferdinando: Aspié, nuje stamme parlanno accussì bello ‘e magnà! E’ ‘o vero, Rosà? 

Salvatore:     Ma famme ‘o piacere!

                       Lo prende sottobraccio e se lo porta via a destra. Rosario sembra perplesso.

Rosario:        Anema ‘e papà, aiuteme tu.

                       Si siede al divanetto, si rilassa.

5. [Rosario, Pasquale e Perla Miseria]

                       Rosario è seduto a rilassarsi, fa valutazioni personali.

Rosario:        Embé, me sta passanno ‘o genio ‘e recità.Chillicinche ‘nfame se n’hanne jute  

                       e m’hanne lassate ‘int’’e guaje! Ce manca pure ‘a costumista. E chi m’aiuta?!

                       E riflette. Da destra entrano Pasquale e Perla, una ragazza carina ma acida.

Pasquale:      Vieni, Perla, entra! (Nota Rosario) Ah, ecco Rosario. Adesso te lo presento. A

                       proposito, ma qual è il tuo nome completo?

Perla:            Io mi chiamo Perla Miseria.

Pasquale:      Bene. Allora aspettami qua. (Va da Rosario) Rosà, ho delle notizie per te. 

Rosario:        Ch’è succieso? Hanne proibito ‘o tiatro?!         

Pasquale:      No, si tratta di notizie positive. Io sto cercando di ricostruire la compagnia.

Rosario:        (Si alza) ‘O vero? E in che modo?

Pasquale:      Tanto per cominciare, ti presento la nuova costumista. (A Perla) Ehi, tu, vieni.  

                       Perla gli si avvicina e Rosario sembra sorpreso dalla sua avvenenza.

Rosario:        Per la miseria!

Perla:            Ah, ma già mi conosci?

Rosario:        No, perché?

Perla:            E tu hai detto il mio nome e cognome: Perla Miseria!

Rosario:        No, io aggio ditto: per la miseria! Pecché tu sì propio bon...!

Pasquale:      (Lo richiama) Rosario! E che sono queste cose? ‘O ssaccio ch’è bona, ma nun

                       ce facimme cunoscere! Comunque, Perla, lui è Rosario Cacace.

Perla:            Piacere.

Pasquale:      Rosà, spiega a Perla che tipo di costumi di scena vuoi per il nuovo spettacolo. 

Rosario:        Dunque, tanto per cominciare, la commedia è “Le quattro giornate di Napoli”.

Perla:            Ah, ho capito, si tratta di una farsa sulla guerra. Sai che risate che ci faremo!

Pasquale:      No, nun he’ capito niente! Non è una commedia comica, ma drammatica.

Perla:            Drammatica? Pe’ carità! Cu’ ‘sti ffacce strane che tenite, facite ridere, invece!

Rosario:        Azz, Pascà, chesta è ‘nu poco antipatica, ‘sta guagliona!

Pasquale:      No, non farti prendere dalla prima impressione. Non la vedi com’è aggraziata,

                       suadente, educata...? (Però poi la richiama) E llievete ‘e ddete ‘a ‘int’’o naso!

Perla:            Scusatemi!

Rosario:        E chesta fosse educata? Questa costumista è scostumata!

Pasquale:      Stai calmo! Piuttosto, spiega a Perla che tipologia di costumi ti servono.

Rosario:        Dunque, i personaggi sono otto: cinque ribelli patrioti, di cui tre uomini e due

                       donne; poi un’ebrea; e poi un soldato tedesco. E infine... un morto!

Perla:            ‘Nu muorto? Ma allora aggia fa’ ‘nu custume pure pe’ ‘stu muorto?

Rosario:        E pecché, ‘e muorte stanne spugliate?

Perla:            Giusto! Siente, mò parlamme d’’a cosa cchiù importante: quante me date?

Rosario:        Dipende dall’incasso. Penso che per ora ti posso promettere 500 Euro.

Perla:            Accussì poco? E vabbuò, all’inizio va buono. E quando li vuoi, i costumi?

Rosario:        Prima possibile. Lo so che il tempo è poco. Ma tu fai ciò che puoi. Va bene?

Pasquale:      Allora siamo d’accordo. Tra poco dobbiamo cominciare pure le prove.

Pasquale:      E comm’’e ‘ccumminciamme? Ce manca ancora ‘nu cuofono ‘e ggente.

Rosario:        E nun te prioccupà. Io aggio procurato ati dduje attore. Invece Salvatore m’ha

                       purtato ‘nu suggeritore. Tu m’he’ purtato ‘a costumista...! Chi ci manca più?

Pasquale:      Due attrici, il morto, un altro suggeritore, il direttore di scena...! A proposito

                       di suggeritore: ci sta mio cugino Oreste. Tiene solo un piccolo difetto.

Rosario:        ‘O vero? E qual è?

Pasquale:      E’ muto!

Rosario:        E secondo te, ‘o suggeritore po’ essere muto?

Perla:            Io invece volevo portarvi mia cugina Elisa.

Rosario:        Benissimo, portacela subito!

Perla:            Non posso.

Rosario:        E perché?

Perla:            E’ morta!

I due:            Ma famce ‘o piacere!

Rosario:        Chillo già Salvatore m’ha purtato ‘o suggeritore ch’è completamente surdo!

Pasquale:      Va bene, per il secondo suggeritore ci penseremo un’altra volta. Non serve   

                       subito. Ora andiamo, Perla. Devo spiegarti alcune cose.

Perla:            Con permesso, Rosà. E nun te prioccupà, te faccio fa’ bella figura! Te giuro

                       ‘na cosa: nisciuno è maje turnato areto a s’allamentà d’’e vestite mie.

Rosario:        Ah, sì? Ma perché, quanti altri attori hai vestito?

Perla:            Tu e Pascale site ‘e primme!

                       E così Pasquale e Perla escono al centro. Rosario appare preoccupato.

Rosario:        San Gennaro mio, aiuteme tu!

                       Esce via a sinistra.

6. [Ferdinando e Vitaliana. Poi Rosario e Salvatore]

                       Da destra entra Ferdinando, leggendo il suo copione, dubbioso. Va al centro.

Ferdinando: E’ bellella ‘sta cummedia. Speriamo solo che gli attori mi sentono!

                      Continua a leggere. Entra pure Vitaliana (con le mani alte per “vedere”).

Vitaliana:     Ma addò stanne ‘e pparole?! ‘Stu cupione nun dice proprio niente! (Va vicino

                      a Ferdinando, lo urta e quasi lo abbraccia) Ma che d’è, ce sta ‘n’albero?

Ferdinando: Signorina, volete qualcosa?

Vitaliana:    (Imbarazzata) Uh, scusate, ma voi siete un uomo?

Ferdinando: Un uovo? Ve vulite zucà ‘n’uovo? E zucatavillo! Ch’aggia fa’, io?!

Vitaliana:     No, non avete capito. Vabbé, permettete? Io sono Vitaliana Le Feci.

Ferdinando: Ah, ve chiammate Anna Esposito?

Vitaliana:     Ma che? (Alza un po’ la voce) Mi chiamo Vitaliana.

Ferdinando: Ah, scusate, adesso ho capito: vi chiamate Viviana.

Vitaliana:     Ma fosse surdo, chisto? (Grida) Ho detto Vitaliana!

Ferdinando: Ah, Verdiana?! Che bel nome. Io invece sono Ferdinando Inomaggio. Piacere.

                      Porge la mano, ma lei non la vede e resta impassibile. Lui si stufa e desiste.

                      Vabbuò, ja’, nun fa niente. Sentite, vi serve qualcosa?

Vitaliana:     Volevo chiedervi, avete visto il signor Rosario Cacace e sua moglie Barbara?

Ferdinando: Chi?

Vitaliana:     (Grida) Ho detto: c’è Rosario Cacace e sua moglie?

Ferdinando: Tenite ‘e ddoglie?! Ma pecché, site incinta?

Vitaliana:     (Grida) Ho detto Rosario Cacace. Avete capito? (Grida di più) Cacace!

Ferdinando: E si ata ì ‘int’’o bagno, jate ‘nu mumento.

Vitaliana:     Ma io devo fare la suggeritrice.

Ferdinando: Comme?

Vitaliana:    (Grida) La suggeritrice.

Ferdinando: Ah, ve serve ‘a friggitrice?

Vitaliana:    (Nota il copione in mano sua) Mi serve questo. Io devo suggerire.

Ferdinando: Ah, dovete suggerire? E pecché nun ‘o ddicite? Pure io devo suggerire. Allora

                      direi, visto che siamo colleghi, diamoci del tu.

Vitaliana:     E diamoci del tu.

Ferdinando: E allora amma parlà cu’ ‘nu tale Rosario Cacace. Andiamo da lui. Forse sta in

                      quella stanza. (E indica a sinistra) Oppure in quell’altra. (Indica dietro di lui)

Vitaliana:     Senti, è inutile che me le indichi. Io sono molto miope! Facciamo così:

                      andiamo nella stanza a sinistra. Mi ispira di più!

Ferdinando: E vabbuò, miettete sotto ‘o raccio mio. Jammuncenne.

                      La prende sottobraccio, ma erroneamente la trascina nella stanza al centro.

Vitaliana:     (Uscendo) No, ma addò vaje? Io aggio ditto a sinistra...!

                      Da destra entra Salvatore, chiamando Rosario.

Salvatore:    Rosà, Rosà!

                      Da sinistra entra Rosario che va da lui.  

Rosario:       Néh, che he’ passato, Salvatò?

Salvatore:    Famme assettà duje minute. (Si siede sul divanetto tavolo) Stamme a sentì

                      buono: ho organizzato tutte le date dello spettacolo.

Rosario:       (Trepidante) ‘O vero? E famme sentì, addò ‘o facimme, addò ‘o facimme?

Salvatore:    La prima sarà al Sannazzaro, il 15 di questo mese. Resterete lì quindici giorni.

                      Poi il 1° del mese prossimo andremo alla Reggia di Caserta per tre giorni.

                      Infine, il 5 del mese prossimo andremo a Salerno.

Rosario:       E ppo’, e ppo’?

Salvatore:    Poi torneremo di nuovo a Napoli, al San Carlo. E poi si vedrà.

Rosario:       (Felice) Ua’, ‘e che bellezza!  

Salvatore:    Senti, allora adesso cominciate le prove?

Rosario:       Sì, cominciamo a provare io, Barbara e Pasquale. Poi troveremo gli altri attori.

Salvatore:    Allora ti raccomando. (Comincia a grattarsi addosso) E comm’è? Bell’e

                      buono me prore ‘ncuollo. Ma nun è che ce stanne ‘e ppulce?

Rosario:       Non credo. Forse chisto sarrà ‘nu “pruremiento” personale tuojo! (Poi si  

                      si gratta addosso) Salvatò, ‘o ssaje che he’ raggione? Ccà ce stanne ‘e ppulce.

Salvatore:    Sarrà ‘stu divanetto. Siente, Rosà, nun ce sta ‘nu mumento ‘o bagno?

Rosario:       Comme no. Sta ‘int’’o cucinino. (Indica a sinistra) Aspié, mò vengo cu’ te.

                     Vanno a sinistra grattandosi: pare ballino il Twist!

7. [Pasquale Giuseppe, Gennaro, Barbara, Maddalena e Cristiana]

                     Entra da destra Pasquale (col copione). Ha una valigetta in mano.

Pasquale:      Ma che d’è, Rosario e Barbara ancora hanna essere pronti? Nessuno è preciso

                       come me! (Va a sedersi sul divanetto) Allora mi rileggo un poco la parte mia.

                       Legge il copione. Da sinistra entrano Gennaro e Giuseppe (ancora brilli).

Giuseppe:     Gennà, amme perzo ‘a partita ‘e bocce a tavolino. Pe’ copla ‘e Pascale.

Gennaro:      Però, in compenso, Pascale ce vo’ fa’ recità cu’ ‘a cumpagnia soja.

Giuseppe:     Uh, ma ce sta Pascale. (Va da lui) Uhé, Pascà, nuje stamme ccà.

Pasquale:      Uhé, guagliù. Bravi. Adesso vi dò il copione. (Ne prende due dalla valigetta)

Gennaro:      ‘O cupione? (Va da lui) E a che serve? 

Pasquale:      (Ironico) Pe’ te sciuscià! (Glielo lancia contro) Ma che staje ‘mbriaco?

Giuseppe:      (Prende pure la propria copia) Ua’, e comm’è longa, ‘sta cummedia!

Gennaro:       A proposito, Pascà, ho avuto un’idea: propongo la mia pasticceria come

                       sponsor: pasticceria Gennaro Caccavale, il tuo momento più dolce!

Pasquale:      Bravo, questa è una bella idea. E comme t’è pruruto? (E comincia a grattarsi)

Giuseppe:     (Nota Pasquale grattarsi) Ma che d’è, Pascà? Pecché te satje rattanno? 

Pasquale:      No, niente, improvvisamente me prore ‘ncuollo. E a vuje?

Gennaro:      No, a me no. E a te, Gennà? (E comincia a grattarsi pure lui)

Giuseppe:     Manco a me. (E comincia a grattarsi pure lui)

Pasquale:      E si nun ve prore, pecché ve state rattanno?

Giuseppe:     E del resto come si dice: chi pratica lo zoppo impara a zoppicare! In questo

                      caso, chi pratica il “grattatore”, comincia a grattarsi!

Gennaro:      Io dicesse: pecché nun gghiamme ‘int’’o bagno a ce sciuacquà ‘nu poco?

Pasquale:      E gghiamme pecché nun ce ‘a faccio cchiù! (Aumenta la grattata)

Giuseppe:     Mamma mia! (Aumenta pure lui)

Gennaro:      Mamma bella! (Aumenta anche lui)

                      Vanno a sinistra, grattandosi. Da destra: Maddalena e Cristiana, coi copioni.

Maddalena: Lo sai, Cristiana? Una volta mio marito Pasquale si è fatto male la marcella!

Cristiana:     E che d’è? 

Maddalena: Si trova in faccia. 

Cristiana:     Ah, la mascella. E tu invece non sai che mio marito Gennaro, una volta, ha

                      tenuto un forte dolore alla gola. Proprio qui, sul pomo di Abramo!

Maddalena: Ma che pomo di Abramo? Pomo di Adamo. Vabbuò, va’, assettammece.

                      Le due si siedono sul divanetto.

                      A proposito, Cristiana, lo sai che mio marito ha tenuto un dolore alla zitella?

Cristiana:     E che d’è?

Maddalena: Come che cos’è? Si trova qua dietro la spalla.

Cristiana:     Ah, ma allora è la scapola. E tu lo sai che mio marito, proprio ieri, ha tenuto

                      un dolore forte sulla nocciola del capocollo?

Maddalena: Eh, ‘a castagna! Vuoi dire la noce del capocollo.

Cristiana:     Vabbuò, comme dice tu. A proposito, ma ccà ancora ha da venì nisciuno.

Maddalena: E che ce ne ‘mporta? Nuje penzamme a parlà d’’e mmalatìe!

                      Da destra entra Barbara col suo copione in mano.

Barbara:      Néh, ma chelli ddoje addò stanne? (Le nota e si arrabbia) Ah, state ccà?

Maddalena: Uhé, Barbaré, si’ venuta?

Barbara:      (Andando dalle due) E se capisce.  

Maddalena: E noi stavamo parlando di malattie. (Comincia a grattarsi addosso) E a furia

                     ‘e parlà sempe ‘e malatìe, ‘int’a ‘stu mumento, me prore ‘ncuollo!

Cristiana:    (Si gratta pure lei) Overamente, pure a me.

Barbara:       E se vede che se tratta ‘e ‘na cosa psicologica. (Comincia anche lei)

Maddalena:  Sì? Se tratta ‘e ‘na cosa psicologica? E allora pecché te staje rattanno pure tu?

Barbara:       E che ne so? Aggie pacienza, Cristià, me vuo’ rattà ‘nu poco areto ‘a schiena?

Cristiana:      Certo. (Esegue) E tu, Maddalé, me vuo’ rattà ‘nu poco areto ‘a schiena mia?

Maddalena:  Subito. (Esegue) E a me chi me ratta?

Cristiana:     (Risollevata) Ah, che goduria!

Barbara:       (Anche lei) Stesse accussì fin’e dimane!

Maddalena:  (Sofferente) Io invece no! Sentite, io direi una cosa: primma che venene tutte

                       quante, jamme ‘int’’o bagno, accussì ce sciacquamme ‘nu poco. Nun ve pare?

Cristiana:      E sì, facimme accussì.

Maddalena:  E gghiamme, ca io nun ce ‘a faccio cchiù. Almeno vuje v’ate rattate ‘nu poco!

                       Vanno a sinistra e Maddalena e Cristiana cominciano il loro solito dialogo.

                       A proposito, Cristià, secondo te è meglio l’Aulin o ‘e Gocce ‘e Novalgina?!

Barbara:       (Stufa) Oh, no!

                       E escono via.

8. [Consiglio La Fuga e Perla. Poi Ferdinando]

                       Da destra entrano Consiglio La Fuga, giornalista (col suo mini-registratore)

                       e Perla (col copione in mano).

Consiglio:     Ciao, sono Consiglio La Fuga, giornalista di “Palcoscenico nuovo”. Che cosa

                       ne pensi della nuova avventura della compagnia teatrale “La lacrima”?

Perla:            No, ma io sono solo la costumist...

Consiglio:     (Interrompe) Ho capito, ma tu che parte devi fare in questa commedia?

Perla:            Sono la costumist...

Consiglio:     (Interrompe) Ho capito, ma di che cosa parla la commedia?

Perla:            Dunque, io sono solo la nuova costumista e truccatrice della compagnia.  

Consiglio:     Embé, e che te stongo intervistanno a ffa’?

Perla:            E che ne saccio? Si’ tu che me staje venenno appriesso!

Consiglio:     E vabbé, allora ti faccio una domanda. Dunque: che impressione fa vestire gli

                       attori di una compagnia che è fallita e che cerca faticosamente di riemergere

                       dall’abisso nel quale è caduto, costituito dall’abbandono dei vecchi attori?

Perla:            (Confusa) Nun aggio capito niente!

Consiglio:     Nun fa niente, è troppo longa ‘a domanda, me sfastirio ‘e t’’a fa’ ‘n’ata vota!  

                       Adesso ti faccio una domanda più facile: che ci fai qua adesso?

Perla:            Devo prendere le misure agli attori per preparare i costumi di scena.

Consiglio:     Allora, senti, io ancora non conosco il tuo nome e il tuo cognome.

Perla:            Perla Miseria.

Consiglio:     No, e nun t’arraggià. Che ddice a ffa’ “Per la miseria”? Nun me pare ‘o caso!

Perla:            Ma Perla Miseria sono io.

Consiglio:     Ah, e allora ti chiami Perla? Molto piacere.

Perla:            Ho capito. E tu adesso sei qui per intervistare gli attori. Che peccato che non

                       si vede ancora nessuno. Ma nun te prioccupà, chille mò venene.

                       Dal centro entra Ferdinando col suo copione in mano. Guarda verso l’uscita.

Ferdinando: Ma nun è venuto ancora nisciuno? (Va verso l’uscita)  

Perla:            Ah, lupus in fabula. Forse quello sarà un attore.

Consiglio:     Quello là? Allora vado a domandare. (Si alza e gli si avvicina) Senti, scusa!

                      Ferdinando non lo sente e non lo nota e guarda fuori, all’uscita.

Ferdinando: Ma è sicuro che se fanne ‘sti pprove?

Consiglio:     Ma ce stongh’io. Avuòtete ‘a parte ‘e ccà.

                      Ferdinando si volta in senso orario, alla porta centrale. Consiglio lo segue.

Ferdinando: (Camminando) Ma addò stanne chiste?

Consiglio:     (Cammina e si mette alla sua sinistra) Néh, ma io sto’ ccà. Ma nun me siente?

Ferdinando: (Si ferma davanti alla porta del magazzino) C’è nessuno? Non sento risposta!

Consiglio:     Ma addò staje jenno?

                      Ferdinando va verso il divanetto seguito da Consiglio. Nota Perla e si felicita.

Ferdinando: Menu male, ce sta coccheduno. Salve, io sono Ferdinando Inomaggio. E tu?

Perla:            Perla Miseria.

Ferdinando: Ho capito, Anna Esposito!

Perla:            No, ma che...?

Ferdinando: E stai tu sola?

Perla:            (Si alza in piedi) No, ci sta pure questo signore dietro di te.

Ferdinando: Ah, sì? Tengo ‘na cosa ‘ncoppa ‘a spalla?  

Perla:            (Ma chisto fosse surdo?!). (Si stufa) Siente, avuòte ll’uocchie areto a te!

Ferdinando: M’aggia avutà areto? Ma pecché, che tengo? (Si volta e nota Consiglio)

Consiglio:     Cucù!

Ferdinando: Uhé, e che staje facenno areto a me? Chi si’ tu?

Consiglio:     Io sono un giornalista.

Ferdinando: Ah, faje ‘o farmacista?

Consiglio:     Ma qua’ farmacista? Io scrivo sui giornali. (Fa il segno di scrivere) Scrivo!

Ferdinando: Aggio capito: faje ‘o maestro ‘e scola! Bravo! (Poi a Perla) E tu, invece?

Perla:            E che t’’o ddico a ffa’? Tu me pare ‘nu surdo!

Ferdinando: Si’ disoccupata? E vabbé, non non sentirti come una parassita della società!

Perla:           (Si gratta adossso) A proposito ‘e parassita: me prore tutto ‘ncuollo!

Consiglio:    (Fa altrettanto) Strano, pure a me.

Ferdinando: (Pure lui lo stesso) Sentite, v’aggia dicere ‘na cosa strana: improvvisamente

                      me prore pe’ tutto parte. Ma nun è che tenisseve ‘e perucchie, tutt’e dduje?!

Perla:           (Si gratta sempre più) Marò, nun ce ‘a faccio cchiù, comme me prore!

Consiglio:    (Anche lui) Basta, aggia correre ‘int’’o bagno!

                      I tre corrono a sinistra.

9. [Vitaliana. Poi Rosario, Pasquale e Salvatore. Infine Cristiana e Maddalena]

                     Da destra entra Vitaliana, ha un settimanale in mano: crede sia il suo copione.

Vitaliana:    Buonasera a tutti, scusate il ritardo. Allora possiamo cominciare! Va bene?

                     (Non sente risposta) Scusate, ma qualcuno di voi, gentilmente, mi risponde? 

                     (Ancora niente) Uhé, ma stongo parlanno cu’ ‘e mmure e cu’ ‘e sseggie?! E

                     vabbuò, quanno vulite accummincià, io sto’ ccà! Mò me leggo ‘o cupione mio!

                     Si siede al tavolo e legge. Da sinistra tornano Rosario, Pasquale e Salvatore.

Rosario:      (Rilassato) Ah, mamma mia, finalemente s’è calmato ‘o prurito!

Pasquale:    Ma tu aiere nun he’ sterminato tutt’’e ppulce?

Rosario:      E che t’aggia dicere? Se vede che chiste so’ ‘e figli che se vonno vendicà!

Salvatore:   (Nota Vitaliana) Rosario, guarde lloco chi ce sta. Quella è Vitaliana.

Rosario:      E chi è?

Pasquale:      La nuova suggeritrice. Me l’ero dimenticata. Cara Vitaliana! Sono Pasquale.

Vitaliana:     (Si alza offesa) Che vvuo’? Stongo nervosa, pecché quanno uno parla e ‘n’ato

                       nun risponne, è maleducazione! E tu apprimma nun he’ vuluto parlà cu’ me! 

Pasquale:      Io? (Va da lei) Pecché, nuje ce simme viste pure apprimma?

Vitaliana:     Non soltanto tu, ma anche gli altri. Chiedetemi scusa e io vi perdono!

Pasquale:      E vabbuò: senza sapé pecché, te cerco scusa. Comunque ti presento altri due

                       membri della compagnia: Salvatore, il nostro manager, e Rosario.

Vitaliana:     Piacere, Vitaliana Le Feci.

Salvatore:     Salvatore Bisogno.

Rosario:        Rosario Cacace.

Vitaliana:     E non mi presenti le altre persone che stanno qua dentro? (Indica nella stanza)                     

                       Salvatore, Pasquale e Rosario si guardano intorno incuriositi.

Pasquale:      Scuse, Vitalià, a chi t’aggia presentà?

Vitaliana:     Agli altri membri della compagnia che stanno qua dentro.

Rosario:        Vitalià, ma ccà nun ce sta nisciuno. Stanne tutte quante ‘int’’o bagno.

Vitaliana:     (Imbarazzata) Veramente? Ma allora... apprimma... steve parlanno io sola?

Rosario:        E che ne saccio? Anze, mò che simme trasute, t’amme truvata che stive

                       liggenno ‘stu giurnale che tiene ‘nmana! Che d’è lloco, Gente?!

Vitaliana:     Ma qua’ Gente? Chisto è ‘o cupione d’’a cummedia toja!

Rosario:        E chisto fosse ‘o cupione mio? Nun m’’o ‘rricurdave accussì colorato!   

Vitaliana:     (Imbarazzata) Uh, ma forse me so’ sbagliata? Per caso hai un copione in più?

Rosario:        T’’o da mia moglie Barbara, mò che torna d’’o bagno.

Vitaliana:     E va bene. (Si siede sul divanetto)

                       I tre si siedono al tavolo. Da sinistra tornano Cristiana e Maddalena.

Maddalena:  ‘O ssaje, Cristià, a mariteme Pascale, ogni tanto le venene ‘e male ‘e panza.

Pasquale:      Néh, a tutt’e ddoje, avite fernuto ‘e ve levà ‘e ppulce ‘a cuollo?

Maddalena:  Sì, però mò però fance parlà. Io aggia cuntà ‘e fatte tuoje a Cristiana.

Pasquale:      Néh, ma pecché he’ ‘a cuntà ‘e fatte mie? Cunte ‘e fatte tuoje.

Cristiana:     Sentite, ma quanno ‘e ‘ccumminciamme ‘e pprove. Io me stongo scuccianno.

Rosario:        (Si alza) Assettateve. Salvatò, arape ‘e sseggie che stanne areto ‘o divanetto.

Salvatore:     E vabbuò.

                       Si alza, apre le quattro sedie e le dispone in modo sparpagliato. Poi si siede.

Cristiana:      Viene, Maddalé, assettammece.

Maddalena:  Vabbuò.

                       Si siedono sul divanetto, mentre Rosario va dalla parte opposta della stanza.

10. [Tutti tranne Consiglio e Perla]

                       Rosario gironzola. Maddalena, Cristiana, Pasquale e Salvatore sono seduti.

Rosario:        Ma che stanne facenno? Io aggia spiegà ‘a cummedia. E ppò amma pruvà.

Salvatore:     ‘Nu mumento, mò ‘e cchiammo io. (Va alla porta di sinistra) Néh, uhééééé!

                       E da sinistra entrano Vitaliana, Barbara, Ferdinando, Gennaro e Giuseppe.

Barbara:       Eccoci qua, siamo tornati.

Vitaliana:      Non vedo l’ora di cominciare!

Rosario:        E te credo!

Ferdinando: Scusate, ma mò se fanno ‘e pprove?

Gennaro:      Sì, Ferdinà, te ll’aggio ditto già vintiquatte vote!

Ferdinando: Comme?

Giuseppe:     Gennà, ma che te sfiacchisce a ffa’?

Rosario:        Vabbuò, assettateve che mò v’aggia spiegà comme funziona ‘a cummedia.

                       Gli altri si accomodano e finalmente Rosario può cominciare a spiegare.

                       Dunque, ascoltate bene, perché poi non voglio reclami. Tanto per cominciare,  

                       questa commedia è stata ambientata durante la Seconda Guerra Mondiale.

                       Parla dei ribelli napoletani contro l’oppressore nazista. I personaggi sono otto.

                       Ora ve li dico. (Tira fuori un foglio dalla tasca e legge) In molti casi, i nomi

                       dei personaggi saranno gli stessi nostri. Io sono il patriota Rosario, la mente

                       dei ribelli. Poi c’è Gennaro che farà il patriota Gennaro, esperto di armi e

                       bombe. Invece Pasquale farà il patriota Pasquale, il più saggio di noi.

Pasquale:      Rosà, ma pe’ me nun ce steva nisciun’ato personaggio?

Rosario:        E che vvuo’ ‘a me? Io te vuleve fa’ fa’ Napoleone. Però nun ce steva ‘int’’a

                       Siconda Guerra Mondiale!

Pasquale:      E allora me facive fa’ a Garibaldi!

Rosario:        Vabbuò, nun fa niente. Lassamme sta’ accussì. Dunque, poi c’è Barbara che

                       farà mia moglie Barbara, donna pietosa e di cuore. Poi c’è Maddalena che

                       farà Maddalena, moglie di Pasquale, donna perfida. Poi c’è Cristiana che farà

                       Genoveffa l’ebrea. Infine, Giuseppe farà il soldato tedesco Hans Alat.

Giuseppe:      Io aggia fa’ ‘o surdato tedesco “‘a ‘nzalata”?!

Rosario:         No, Hans Alat!

Giuseppe:      E chi sape parlà tedesco?

Cristiana:      E pecché, io saccio parlà ebreo?

Rosario:        Ma nun ce sta bisogno ‘e parlà ebreo oppure tedesco. Tu, Cristiana, parli in

                       italiano, mentre tu, Giuseppe, parli un tedesco-italiano: devi fare la voce come

                       se ti fosse rimasta una spina di pesce in gola e ti stessi affogando. Hai capito?

Giuseppe:      Ho capito.

Rosario:        E infine, rimane l’ottavo personaggio: il morto. Ma lo troverò più in avanti.

Salvatore:     E no, invece l’he’ ‘a truvà subito. O si no, chillo, comme s’’a ‘mpara ‘a parte? 

Rosario:        Ma che staje dicenno, Salvatò? Anzi, sai che ti dico? Il morto… lo farai tu!

Salvatore:     Chi? Io? No, ma io sono un produttore.

Gennaro:      Salvatò, ‘o muorto, è ‘a parta cchiù bella d’’a cummedia. T’’o ddich’io.

Salvatore:     No, no, a me lieveme ‘a miezo.

Gli altri:        E su, e dai.

Salvatore:     Ora vediamo.

Ferdinando: Scusate, ma ‘sti pprove quanno accummencene? 

Rosario:        Ha ragione Ferdinando. Dunque, adesso vi dico come funziona. (Legge sul

                       foglio) I primi ad entrare in scena siamo io e Barbara. Poi entrano Gennaro,

                       Pasquale, Maddalena, poi Giuseppe, infine Cristiana. Avete tutti il copione?

Gli altri:        Sìììì!

Rosario:        Bene, i due suggeritori si preparino. Ferdinando va a destra, fuori alla porta.

Ferdinando: Comme?

Rosario:        (Grida) He’ ‘a ì ‘a parte ‘e fora. He’ capito?

Ferdinando: Me n’aggia ì? E pecché?

Salvatore:     Ferdinà, guardeme a me: stamme accummincianno ‘e pprove. Tu stai di là.

Ferdinando: Ah, aggia suggerì allà? Uhé, però spilateve ‘e rrecchie e cercate ‘e sentì!

Rosario:        Tutti fuori scena!

                       Tutti eseguono, Rosario compreso (tutti entrano nella porta centrale).

11. [Tutti tranne Consiglio e Perla]

                       Dal centro escono Rosario e Barbara. I due recitano a memoria.

Rosario:        “Oh, amore mio, non puoi impedirmi di morire”!

Barbara:       “No, Rosario, non lo fare.”... Eh, e ppo’? (Chiama Vitaliana) Suggeritrice!

Rosario:        (Insiste) Suggeritrice! (Spazientito) Vitalià, e vvuo’ parlà?

Vitaliana:     (Dal suo nascondiglio a sinistra) Ah, ehm... (Legge) “Atto Primo”!

Rosario:        (Avvicinandosi a lei) Cretina, chello nun l’he’ ‘a leggere!

Vitaliana:     Ma io ‘o vveco scritto!

Rosario:        E nun se legge. Passa direttamente alle battute. (Torna da Barbara) Andiamo.

Barbara:       Dunque, dicevo: “No, Rosario, non lo fare...”.

Vitaliana:     (Suggerisce ad altissima voce) “...Perché il mio amore non ti potrà salvare...”.

Rosario:       (Le va di nuovo vicino) Néh, ma ch’allucche a ffa’ ‘e chesta manera?

Vitaliana:     E si nun allucco, comme me sente chella povera crestiana ‘e Barbara?

Rosario:       Ma tu devi suggerire di petto. Devi bisbigliare la battuta, facendo forza con la

                      voce. E’ come quando non tieni voce e gridi per farti sentire. Hai capito?

Vitaliana:     Ho capito, ho capito.

Rosario:       (Torna da Barbara) Jammuncenne, vedimme si ‘a quagliamme. Va’, Barbara.

Barbara:      Dunque: “No, Rosario, non lo fare, perché il mio amore non ti potrà salvare”.

Rosario:       “E invece devo, perché... perché... (Chiama Ferdinando) Suggeritore...

                      (Insiste) Suggeritore... (Spazientito) Oh, Ferdinà, ma te si’ addurmuto?

                      Va alla porta a destra, prende per il braccio Ferdinando e lo fa entrare.

                      Ferdinà, ma che staje facenno?

Ferdinando: Niente, sto’ aspettanno a vuje.

Rosario:       (Grida) E che staje aspettanno? Nuje già amme accumminciato.

Ferdinando: E allora pozzo suggerì?

Rosario:       Sì, tu suggerisce sempe, nun te fermà! Nun te prioccupà!

Ferdinando: E vabbuò. (Si avvia a destra) Cià, Rosà.           

Rosario:       (Tornando da Barbara) Tengo ‘na suggeritrice cecata e ‘nu suggeritore surdo!

                      Chi schifezza è chesta! Avanti!

Ferdinando: (Suggerisce bene ma velocissimo) “E invece devo perché il mondo mi aspetta

                      e Napoli ha bisogno di me...”.

Rosario:       (Ripete anche lui veloce) “E invece devo perché il mondo mi aspetta e Napoli

                      ha bisogno di me...”. (Spazientito, va di nuovo da lui) Cchiù chiano, Ferdinà!

Ferdinando: (Dal suo nascondiglio) Comme?

Rosario:        (Gli fa segno) Aggio ditto cchiù chiano.

Ferdinando: Ah, cchiù chiano? E vabbuò.

Rosario:        (Torna da Barbara) Ja’, Barbara, vuttàmme ‘e mmane o si no facimme notte!

Barbara:       E che vvuo’ ‘a me? Ja’, Vitalià, damme ‘a battuta.

Vitaliana:     (Suggerisce) “Rosario, mi giuri che poi torni?”. 

Barbara:       (Capisce male) “Rosario, a giugno vene Toni?”.

Rosario:        Ma qualu Toni? “Che poi torni”.

Barbara:       Ehm... “Rosario, mi giuri che poi torni?”.

Ferdinando: (Suggerisce) “Si ‘stu core te putesse parlà...”.

Rosario:        (Capisce male) “Si ‘stu core te putesse pavà...”.

Ferdinando: (Fa uno starnuto) Ecciù!

Rosario:        (Ripete pure lui) Ecciù!

                       Ferdinando si soffia il naso (si sente il rumore) e Rosario fa altrettanto. Poi...

Ferdinando: Ah, ‘e che fetente ‘e catarro!

Rosario:        (Ripete recitando) “Ah, ‘e che fetente ‘e catarro”!

Vitaliana:     (Richiama l’attenzione) Psss... psss...

Barbara:       Che vvuo’?

Vitaliana:      Ha da trasì Gennaro!

                       E così, dalla porta centrale, entra Gennaro. 

Gennaro:       Eccomi qua.

Ferdinando: (Suggerisce) “Rosà, è tutto apposto. Tutto cose. E mò so’ pronto...”.

Gennaro:      (Capisce male) “Rosà, so’ gghiuto ‘a posta e aggio avuto ‘na cosa ‘nfronte!”.

Ferdinando: (Suggerisce) Rosà, mò tocca a te: “Sei pronto per il cimento?”.

Rosario:        (Capisce male) Ehm... “Sei pronto per il cimitero?”.

Gennaro:      E ch’aggia fa’ ‘o cimitero?   

Rosario:        E che ne saccio? L’ha ditto chillo!

Vitaliana:     (Suggerisce a Barbara) “‘On Gennà, nun ‘o facite venì cu’ vuje”.

Barbara:      (Capisce male) “‘On Gennà, nun ‘o facite svenì cu’ vuje...”.

Vitaliana:     (Suggerisce) “Chisto tene ‘o vero ‘a capa tosta...”.

Barbara:      (Capisce male) “Chisto tene ‘o pero ca se sposta...”.

Ferdinando: (Suggerisce) “Signora Barbara, nuje simme ‘e Napule. E Napule è d’’a nosta”.

Gennaro:      (Fraintende) “Signora Barbara, amme fatto ‘o cavolo. E ‘o cavolo se ‘ntosta”. 

Ferdinando: (Suggerisce) “Rosà, jammuncenne”.

Barbara:       “Rosà, jammuncenne”.

Gennaro:      No, ma “Rosà jammuncenne” l’aggia dicere io!

Rosario:        Vitalià, ma chi caspito l’ha da dicere ‘sta battuta?  

Vitaliana:      La devi dire tu, Rosario.

Rosario:        L’aggia dicere io? E comm’è, me dico io sulo: “Rosà, jammuncenne”?

Vitaliana:      Sì, perché fra parentesi c’è scritto che tu ti autoconvinci.

Rosario:        Ah, già. E allora: “Rosà, jammuncenne”. Noi ce ne andiamo, mentre Barbara

Rosario:        mi dice di restare, ripetendo “No”, e invece Gennaro vuole che io lo segua e

                       ripete “Sì”. E voi due mi dovete seguire. Va bene? Andiamo. 

                       I tre fanno così ed escono seguendo Rosario nella porta centrale.

12.[Detti, Maddalena, Cristiana, Ferdinan., Vitaliana, Pasquale, Giuseppe, Consiglio, Perla]

                      Dal centro entrano Maddalena e Cristiana che parlano del solito argomento.

Maddalena: He’ capì, Cristià? Sei mise fa mariteme Pascale ha tenuto ll’orecchione!

Cristiana:    E tu nun saje che mariteme Gennaro ha tenuto ‘o murbillo!

Maddalena: E tu nun saje che mariteme Pascale ‘nu mese fa ha tenuto ‘a varicella!

Cristiana:    E tu nun saje che mariteme Gennaro ha tenuto ‘a rosolia!                     

Vitaliana:    (Si scoccia e viene fuori da sinistra) Oh, e mò basta! Jamme a recità, jamme!

Maddalena: Eh, ‘nu mumento.

Cristiana:    Mamma mia, ma comme s’arraggia chesta! Và, tuorne addò sì asciuta!

Vitaliana:    E vabbuò. (Torna al suo posto e suggerisce) Allora: “Maddalena, io ho paura”.

Maddalena: (Lo dice lei al posto di Cristiana) “Maddalena, io ho paura”.

Cristiana:    No, ma chesto l’aggia dicere io. “Maddalena, io ho paura”.

Vitaliana:    (Suggerisce) “Genoveffa, amica mia...”.

Maddalena: (Ripete) “Genoveffa, amica mia...”.

Cristiana:    E chi è ‘sta Genoveffa?

Maddalena: Sì tu, è ‘o personaggio tuojo.

Cristiana:    Ah, già.

Vitaliana:    Adesso deve entrare Pasquale.

Cristiana:    (Ripete pur non dovendo) “Adesso deve entrare Pasquale”.

Vitaliana:    No, adesso deve entrare veramente Pasquale. Pascà, trase!

                     Dal centro entra proprio Pasquale.

Pasquale:     E ch’aggia dicere?

Ferdinando: (Suggerisce) “Cara mia, il mio coraggio non è presunto”.

Pasquale:     “Cara mia, ‘o ffurmaggio nun è prusutto”!

Vitaliana:    Ma che state dicendo? (Suggerisce) “No, Pasquale mio, non andare”.

Maddalena: (Senza nessuna emozione) “No, Pasquale mio, non andare”.

Pasquale:     Maddalé, e miettece ‘nu poco d’emozione!

Vitaliana:    (Mette un attimo la testa fuori dalla porta) E addò sta scritto chesto?

Pasquale:     Nun ce sta scritto, l’aggio ditto io. Va’, Maddalé, ripiéte ‘a battuta.

Maddalena: (Con più grinta) “No, Pasquale mio, non andare”.

Vitaliana:    (Suggerisce) “Caro Pasquale, tu hai il volto emaciato”.

Maddalena: (Capisce male) “Caro Pasquale, tu si’ proprio ‘nu fetaciato”!

Vitaliana:    (Si arrabbia) No, emaciato.

Maddalena: (Si arrabbia pure lei recitando) “No, he’ mangiato?”.

Ferdinando: (Suggerisce) “No, non è emaciato. Sono solo infervorato”.

Pasquale:     (Capisce male) “No, non ho mangiato. Io aggio miso ‘o perborato”!

Ferdinando: Devono entrare Rosario, Barbara e Gennaro.

                      Infatti entrano i tre dal centro.

Vitaliana:     (Suggerisce) Barbara, dice: “Maddalena, Cristiana, siete pronte alla morte?”… 

Barbara:      (Capisce male) “Maddalé, Cristià, site tutt’e ddoje corte?”…

Rosario:       Ma qua’ corte e corte? Devi dire: “Siete pronte alla morte”.

Barbara:      Ah, ecco. “Siete pronte alla morte”?

Vitaliana:     (Suggerisce) “Sì, io sono pronta, sono ebrea”.

Gennaro:      (Risponde lui) “Sì, io sono pronta, sono ebrea”.

Cristiana:     No, ma chesto l’aggia dicere io. Songh’io l’ebrea!

Gennaro:      E io nun dico niente?

Rosario:        No, mò vene ‘a battuta toja.

Ferdinando: (Suggerisce) “Basta, Rosario e Pasquale. Dobbiamo andare”.

Gennaro:      (Ripete) “Basta, Rosario e Pasquale. Dobbiamo andare”.  

Ferdinando: (Suggerisce) “Maddalena, è l’ora del commiato”.

Pasquale:      (Capisce male) “Maddalena, è l’ora del cognato”.

Rosario:        Commiato.

Pasquale:      “E’ l’ora del commiato del cognato”.

Vitaliana:     (Suggerisce) E tu rispondi: “Oh, amore mio...”.

Maddalena:  “Oh, amore mio...”.

                       Da sinistra riecco Consiglio e Perla. Si fermano, non notano chi è in scena.

Perla:            (Felice) M’he’ fatto cunzulà!

Maddalena:  (Non li nota e pensa si tratti di un suggerimento) “M’he’ fatto cunzulà”.

Consiglio:     E comm’è bello a ffa’ ammore cu’ te!

Pasquale:       (Fa lo stesso) “E comm’è bello a ffà ammore cu’ te”.

Perla:             Uh, m’aggio scurdato ‘o reggiseno ‘ncoppa’o bidet ‘int’’o bagno!

Maddalena:   (Ripete) “Uh, m’aggio scurdato ‘o reggiseno ‘ncoppa ‘o bidet ‘int’’o bagno”.

Consiglio:      E io m’aggio scurdato ‘a mutanda ‘ncoppa ‘o lavandino!

Pasquale:       (Ripete) “E io m’aggio scurdato ‘a mutanda ‘ncoppa ‘o lavandino”.

Rosario:         (Nota i due) Alt! State ripetenno tutto chello che dìcene ‘sti duje scieme.

Pasquale:       Ma pecché, nun è ‘a cummedia, chesta?

Rosario:         No! (A Consiglio e Perla) Néh, ma chi è chisto?

Consiglio:      (Sorpreso) Consiglio La Fuga, giornalista di “Palcoscenico nuovo”.

Rosario:         E che vvuo’ ‘a ccà? Ascite subito fora ‘a porta.

Perla:             Ma io devo prendervi le misure.

Rosario:         E ce ‘e ppiglie ‘n’ata vota.

Consiglio:      E io invece devo intervistare gli attori di questa compagnia fallimentare!

Rosario:         (Spazientito) Ma ascite fora mommò!

                       Li trascina fuori per un braccio, seguito dagli altri che cercano di calmarlo.

13. [Vitaliana e Ferdinando. Poi Gli altri tranne Perla e Consiglio]

                       Da sinistra entra Vitaliana col suo copione in mano.

Vitaliana:      Gesù, ma come stanno recitando male. Per fortuna che mi sono imparata il  

                       copione a memoria. Oggi, mentre pranzavo, me lo leggeva mia sorella Maria!

                       E poi mi sono portata pure questa! (Tira fuori una lente d’ingrandimento)  

                       Da destra torna Ferdinando compiaciuto.

Ferdinando: Senti, Valeriana...

Vitaliana:     Vitaliana!

Ferdinando: Ho capito. Senti, Valeriana, è troppo bella questa commedia. Pensa, Rosario

                      sta cacciando a calci a quel tizio e a quella tale... Porca Miseria!

Vitaliana:     Non Porca Miseria, Perla Miseria! E comunque adesso non stanno recitando.

Ferdinando: Comme?

Vitaliana:      Sì, bonanotte!

                       Torna chi era in scena. Rosario pare molto arrabbiato.

Rosario:        Forza, turnamme a ffa’ ‘e pprove. E guai a chi sbaglia, me compreso!  

Pasquale:      (Nota Vitaliana e Ferdinando) E vuje che ffacite ccà? Tornate al vostro posto.

Vitaliana:      Subito.

                       Corre via a sinistra mentre Ferdinando non si muove. Pasquale gli fa segno.

Pasquale:      Vattenne ‘o posto tuojo!

Ferdinando: Eh, e calma, mò me ne vaco. E menu male ca tu nun saje ca io so’ surdo!

                       E se ne esce a sinistra.

Rosaria:        Jamme bello, continuamme. Vitalià, mò che succede?

Vitaliana:     Deve entrare il generale tedesco. (Lo chiama) Giusé, tocca a te!

                      Entra Giuseppe con le mani dietro la schiena.

Rosario:        Giusé, ma tu nun staje senza fa’ niente. Tu tiene ‘na mitraglietta ‘nmana!

Giuseppe:     Chi io? No, quando mai?

Gennaro:      Giusé, vide buono che tu he’ ‘a tené pe’ forza ‘na mitraglietta ‘nmana.

Giuseppe:     Ma io t’’o giuro, nun tengo niente!

Rosario:        Cretino, è ‘o personaggio d’’a cummedia. Fai con le mani così. (Glielo mima)

Giuseppe:     (Esegue) Ah, adesso ho capito. E ch’aggia dicere, mò?

Pasquale:      Ferdinà! (Gli fa segno) Che ha da dicere chisto?

Ferdinando: (Suggerisce) “Fermi tutten. Mani in alten”.

Giuseppe:     (Ripete senza grinta) “Fermi tutten. Mani in alten”!

Cristiana:     (Alza le mani) Maddalé, e tu nun l’aìze ‘e mmane? Chillo te spara.

Maddalena: (Esegue) E vabbuò.

Giuseppe:     E ppò ch’aggia dicere cchiù?

Ferdinando: (Suggerisce) “Io sono il soldato Hans Alat”.

Giuseppe:    (Ripete) “Io sono il soldato Hans Alat”.

Rosario:       Néh, Pascà, ce sta ‘nu tedesco. Piglie e sparele.

Pasquale:     E vabbuò. (Fa uno sparo molto flebile) Po’!

Rosario:       E che d’è ‘stu “po’”?

Pasquale:     L’aggio sparato cu’ ‘a pistola.

Rosario:       E tu ‘o spare accussì? Ma tu l’he’ ‘a crivellà ‘e colpe.

Pasquale:     Ah, sì? E allora tié: po’, po’, po’, po’...

Giuseppe:    (Finge di sentire dolore) Ah, mi hai sparaten!

Rosario:       Ecco, e mò, prima di finire a terra morto, devi sparare un colpo a Cristiana. 

Giuseppe:    Ehm... tatatatata...

Pasquale:     Oh, cretino, spara cchiù chiano, ca tu me cuoglie pure a me!

Giuseppe:    E scuseme, Pascà. (E poi si butta a terra)

Cristiana:    E io mò ch’aggia fà?

Rosario:       Tu sei stata colpita, però vieni sorretta da Barbara e Maddalena piangenti.

                      Le tre eseguono.

Vitaliana:    (Suggerisce) “Ah, sono stata colpita”.

Cristiana:    (Ripete, sembra più mostare piacere che sofferenza) “Ah, sono stata colpita”.

Rosario:       Ma tu si’ stata ferita a morte. E tu invece pare che t’he’ fatto ‘nu massaggio!

Cristiana:    (Con sofferenza) “Ah, sono stata colpita”.

Vitaliana:    (Suggerisce) Maddalena, tu devi dire: “No, perché?”...

Maddalena: (Fa un urlo) “No, perché?”.

Pasquale:     (Si spaventa) Puozze passà ‘nu guajo, m’he’ fatto fa’ ‘na paura!

Rosario:       Ecco, adesso fate sedere Cristiana in terra. Maddalena, tu rimani inginocchiata

                      accanto a lei. Tu, Barbara, mi dici che ti sei convinta a combattere contro i

                      nazisti, cosa che poi faremo nel secondo atto. Va bene? Forza andate.

                      Eseguono tutto quel che dice Rosario. Poi Barbara va vicino a Rosario. 

Barbara:      E mò ch’aggia dicere?

Vitaliana:    (Suggerisce) “Rosario, il tuo volto è disfatto e intriso col sudore”.

Barbara:      (Capisce male) “Rosario, ‘sta vota hé fatto ‘o rriso cu’ ‘o salmone”.

Rosario:      Si, me l’aggio fatto cu’ ‘a muzzarella ‘a dinto! No, ho il viso intriso col sudore.

Barbara:     E vabbuò, nun t’arraggià.

Rosario:      Aspié, ma io mò ch’aggia dicere? (Chiama) Ferdinando. (Insiste) Ferdinà!

                     Da destra si sente Ferdinando russare. Rosario si infuria.

                     Chillu deficiente s’è addurmuto. Io stongo ittanno ‘o sango e isso s’addorme!

                     Ma io l’aggia ciaccà! No, l’aggia ciaccà!

                     Va a destra minaccioso, inseguito da tutti gli altri che cercano di fermarlo.

Rosario:      (Uscendo) E’ inutile che facite, l’aggia ciaccà!

FINE ATTO PRIMO

Siamo nell’antisala prima delle quinte del teatro Sannazzaro, dove si svolge la prima dello spettacolo scritto da Rosario. Al centro, la porta d’ingresso. Ai due alti della stanza due porte conducono: a sinistra nei bagni, a destra nei camerini. In stanza ci sono sedie sparse qua e là, uno specchio e un divanetto sulla sinistra. Siamo in pieno secondo atto.

ATTO SECONDO

1. [Rosario, Barbara e Salvatore]

                   Barbara è seduta e Rosario gironzola nervosamente nella stanza.

Barbara:   Rosà, e nun gghi’ annanzo e areto accussì.

Rosario:    Barbara, lasseme sta’. 

Barbara:   Ma qua siamo dietro a un palco. Nun stamme ‘int’a ‘na sala ‘e spitale! E tu nun 

                   staje aspettanno ca io sto’ parturenno! 

Rosario:    Però la sensazione è quella. Sono nervosissimo.

Barbara:   Senti, piuttosto perché non ti vai ad appostare vicino alla porta? Ti metti a spiare

                   i recitanti e vedi se stanno andando bene.

Rosario:    No, è meglio che nun vaco a guardà, o si no traso ‘ncoppa ‘o palco e ‘e vatto!

Barbara:   Invece, io ammiro la tranquillità di Salvatore. Pure lui è nervoso, ma in questi

                   momenti riesce sempre a mantenere una calma invidiabile.

                   Dalla porta centrale entra Salvatore con quattro sigarette in bocca.

Salvatore: Sono calmo, sono calmo, sono calmo...!

Rosario:    E chisto fosse ‘o tipo calmo? Salvatò, vulisse ‘na duzzina ‘e cammumille?

Salvatore: (Toglie le sigarette da bocca) No, e perché? Io sono così tranquillo!

Rosario:    Senti, ma sei lucido? Ti ricordi dove ci troviamo adesso? Al teatro Sannazzaro.

Salvatore: Rosà, io sto’ nervuso, nun songo addiventato scemo!

Barbara:   Salvatò, ma è piena la sala?  

Salvatore: Pienissima! In questo momento, in scena, ci stanno Gennaro e Giuseppe.

Rosario:    Gennaro? Rosà, ma Gennaro nun è muorto ‘o primmo atto?

Rosario:    E mò sta facenno ‘n’atu personaggio: il padre di Giuseppe che gli dice di non

                   andare in guerra. L’ho pensato stamattina.

Barbara:   E nun se vede ch’è sempe Giuseppe?

Rosario:    No, e io per non farlo riconoscere, gli ho messo i baffi.

Salvatore: ‘E baffe? E quali baffe? Chillo nun ‘e ttene!

Rosario:    ‘O ssapeve, chillu deficiente se l’ha fatte cadé primma ‘e trasì!

Salvatore: No, Rosà, li ha perduti in scena: si è grattato il muso e li ha fatti cadere! A

                   proposito, si sentono troppo i suggeritori. Però Vitaliana sta liggenno ‘na cosa

                   pe’ ‘n’ata, mentre Ferdinando sta partecipanno pur’isso ‘a cummedia.

Barbara:   In che senso?

Salvatore: Quanno ‘o tedesco ha sparato a Cristiana, Ferdinando alluccava ‘a lloco dereto:

                   “Bastardo, quanno fernesce ‘a cummedia, t’aggia rompere ‘a faccia”!

Rosario:    ‘E che personaggio! Ma mò ‘o faccio sta’ zitto io.

Salvatore: No, ce sta penzanno Pascale. Tu preparati perché tra poco devi entrare. A

                   proposito, t’è piaciuto comm’aggio fatto ‘a parte d’’o muorto?

Rosario:    (Ironico) Sì, m’he’ fatto cunzulà! Cretino, ma comme, tu si’ muorto, e bell’e

                   buono vaje a ffà ‘nu sternuto?!

Salvatore: E ch’aggia fa’, chillo m’è scappato.

Barbara:   E intanto aggia avuta apparà io dicenno ch’è stato Pascale.

Rosario:    Che peraltro nun steva nemmanco in scena, ‘int’a chillu mumento! ‘E che figura

                   ‘e niente! Secondo me, ‘e ggente se stanne ancora addimannanno chi ha fatto ‘o

                   sternuto, ‘o primmo atto!

Barbara:   Senti, Rosario, quanto manca alla fine del secondo atto?

Rosario:    Ci siamo quasi. Barbara, il secondo atto lo dobbiamo chiudere io e te.

Salvatore: E aroppo che succede?

Rosario:    C’è anche un terzo atto di dieci minuti. L’ho pensato stamattina.

Salvatore: Pure? Ma ch’è succieso stamamtina? He’ cagnato tutta ‘a cummedia?

Rosario:    No, ho fatto un sogno che mi ha suggerito alcune variazioni significative: al

                   terzo atto usciamo tutti, a due a due, e dobbiamo spiegare come finì la guerra.  

Barbara:   Uh, e io nun saccio niente.

Rosario:    E tu dice ‘a primma cosa che te vene ammente.

Salvatore: (Confuso) Io nun ce sto’ capenno cchiù niente!

Barbara:   A chi ‘o ddice?

Rosario:    Vabbuò, ja’, aìzete, Barbara, mò tocca a nuje. Amma chiudere ‘o sicondo atto.

Barbara:   (Si alza in piedi dolorante) Ah, Rosà, comme me fanne male ‘e piede!

Rosario:    E se capisce, tu te miette ‘e scarpe cu’ ‘o tacco! Ma l’he’ capito che nuje stamme

                   facenno ‘na cummedia ‘ncoppa ‘a guerra?

Barbara:   Sì.

Rosario:    Secondo me, no. Nuje jamme, Salvatò.

Salvatore: Aspettate, mò vengo pur’io.

                   I tre escono al centro.

2. [Pasquale, Gennaro e Giuseppe. Poi Perla e Consiglio. Infine Ferdinando]

                   Poco dopo, dal centro, entra Pasquale con Gennaro e Giuseppe.

Pasquale:  Gennà, bello d’’o frato, ma comme se fa a sbaglià accussì?

Gennaro:  E ch’aggio fatto ‘e male? Io stavo in scena con Giuseppe che faceva mio padre.

Pasquale:  E tu, invece di chiamarlo papà, l’he’ chiammato Giuseppe.

Gennaro:  E pecché, nun se chiamma Giuseppe?

Pasquale:  Deficiente! L’’iva chiammà papà.

Gennaro:  (Costernato) E che vvuo’ ‘a me? Me so’ sbagliato. Sapisse comme stongo

                   emozionato. (Si tocca la testa) Siente comme me sbatte ‘o core!

Pasquale:  Ma pecché, tu ‘o core ‘o tiene ‘ncapa?!

Giuseppe: E intanto menu male ch’aggio apparato tutto cose io.

Pasquale:  Tu stattu zitto, pecché t’he’ fatto scappà ‘e baffe ‘a coppa ‘o musso! ‘Nu signore

                   in prima fila ha ditto: “Uh, è risuscitato ‘o muorto”! Ma comme se fa? Comme?!

                   Ma chi caspito t’ha miso ‘ncoppa ‘o palco?

Gennaro:   Guarda che io una volta ho fatto parte di un gruppo teatrale da urlo.

Giuseppe:  Nel senso che quanno t’hanne visto, s’hanne mise a alluccà?

Gennaro:   No, nel senso che erano bravi. Era ‘na specie ‘e chesta cumpagnia ccà:

                    drammatica, però comica!

Pasquale:   E tu sulo ‘int’a ‘na compagnia ‘e chesta putive faticà!

Gennaro:   Ma pecché, Pascà, tu che curriculum tiene?

Pasquale:   Che curriculum tengo? Io ho lavorato dappertutto, perfino all’estero. Pensa che

                       sono stato pure in Etiopia, a Addis Abbeba.

Gennaro:      Che ha ditto, Giusé?

Giuseppe:     Niente, ha ditto ch’in Etiopia ha ‘ntiso a Peppe!

Gennaro:      E chi è ‘stu Peppe?

Giuseppe:     E chi ‘o sape?

Pasquale:      Ma qualu Peppe? Addis Abeba, la capitale dell’Etiopia. Ignoranti! 

Giuseppe:     Vabbuò, comunque io dicesse ‘e ce ì a ffa’ ‘o solito surzo ‘e vino.

Pasquale:      Ancora cu’ ‘stu vino?

Gennaro:      Pascà, fance fà ‘a nuje.

Pasquale:      Ma nuje stamme recitanno, ve l’ate scurdato?

Gennaro:      E che fa? Quanno io e Giuseppe stamme ‘mbriache, recitamme meglio!

                       I due si avviano a destra e Pasquale cerca di fermarli.

Pasquale:      Uhé, ho detto di no. Ate capito?

                       Ed escono. Da sinistra entrano Perla e Consiglio.

Consiglio:     Cara, ma nun pare brutto? Gli altri stanno recitando, mentre io e te ce simme

                       appartate ‘int’’o bagno!

Perla:            E secondo te, chille ce penzene justo a nuje? Piuttosto, hai reggistrato tutto?

Consiglio:     Sì, però nun è che pozzo reggistrà tutt’’e scimmità che dicimme quanno

                       facimme ammore! Il mio mini-registratore devo usarlo solo quando lavoro.  

Perla:            Allora nun me vuo’ bene cchiù?

Consiglio:     E che ce azzecca? Però tu devi capire...

Perla:            (Offesa) Io nun voglio capì niente!

Consiglio:     E vabbé, e allora tu devi considerare...

Perla:            Io nun voglio considerà niente!

Consiglio:     (Rassegnato) E vabbuò. Continuamme a reggistrà. E addò vulimm’ì, mò?

Perla:            Facciamo tutto stesso qua.

Consiglio:     Aspetta, che accendo il registratore. (Esegue) Ecco fatto.

Perla:            Oh, amore mio, spogliamoci!

Consiglio:     Sì, comincia tu!

                      Dal centro entra Ferdinando col copione in mano e i due fanno finta di niente.

Ferdinando: Oh, menu male ch’è fernuto pure ‘stu sicondo atto. (Nota i due e gli va vicino)

                       E vuje che ffacite ccà? Nun ata recità?

Perla:            Ehm... no, io e lui non dobbiamo recitare.

Consiglio:     Sì, però io stavo in platea e lei stava sola sola qua. Così son venuto a trovarla!

Ferdinando: Comme?

Consiglio:     Ho detto...

Perla:            No, Cunsì, è inutile che parle. Chisto è surdo.

Consiglio:     E intanto, quel bagno era tutto sporco. Guarda qua, sono tutto sudicio.

Ferdinando: ‘O vero? He’ visto ‘nu suricio? E addò?

Perla:            No, ma qualu suricio? Hai detto una panzana

Ferdinando: ‘A pantegana?

Consiglio:     Ma tu sei un rompitore!

Ferdinando: Aggio capito, ce sta ‘nu roditore! Ma addò sta?

Consiglio:     (Si inginocchia e batte le mani sul pavimento) Bastaaaa! (Poi si rialza)

Ferdinando: Che d’è, ‘o topo sta ccà ‘nterra? E ‘o vuo’ accidere cu’ ‘e mmane? Pecché nun

                       aùse ‘o cupione?! Almeno serve a coccosa! Tié, te dongo ‘o mio.

Consiglio:     (Spazientito) Nun aggio visto niente!

Ferdinando: He’ visto pure ‘nu serpente? Ma che d’è, ‘int’a ‘stu tiatro ce sta ‘o zoo?

Perla:            Vabbuò, lasse sta’, Cunsì. Tuornatenne ‘o posto tuojo in platea.

Consiglio:      E vabbuò. Me ne vaco bastunato comm’a ‘nu cane.

Ferdinando: Ce sta pure ‘nu cane? 

Consiglio:     (Spazientito) Ma va’...!

                       E se ne esce a sinistra.

Perla:            Vabbuò, Ferdinà, io me ne vaco ‘int’’o camerino. 

Ferdinando: Ce sta pure ‘nu canarino?  

Perla:            (Spazientita) Ma và...!

                       E esce via a destra.

Ferdinando: Aspié, mò vengo cu’ te, accussì l’accido io a ‘stu suricio!

                       Esce pure lui a destra.

3. [Maddalena e Cristiana. Poi Salvatore. Poi Rosario e Barbara. Infine Vitaliana]

                       Dal centro entrano Maddalena e Cristiana. Vanno a sedersi sul divanetto.

Maddalena:  Allora, Cristià, comme t’è parùto ‘stu sicondo atto?

Cristiana:     Beh, nun c’è male. Peggio ‘e accussì nun puteva ì! 

Maddalena:  Vabbuò, Cristià, però tu he’ ‘a penzà ch’è ‘a primma vota pe’ me e pe’ te.

Cristiana:     E secondo me è pure ll’urdima! Aggio visto ‘a faccia ‘e Rosario appena s’è

                       chiuso ‘o sipario: nun m’è piaciuta proprio!

 Maddalena:  E vabbuò, però ‘a colpa è stata pure d’’e suggeritore! Ferdinando jeva p’’e

                        fatte suoje e Vitaliana liggeva ‘na cosa pe’ ‘n’ata.

Cristiana:      Comm’è scema, chella! Dice che s’è scassata ‘a lente d’ingrandimento!

Maddalena:  A proposito ‘e scassà: aiére mariteme Pascale nun s’è firato?

Cristiana:     E comme va, che ha tenuto?

Maddalena:  Ce faceva male tutta ‘a schiena. Teneva un nella zona del bacetto!

Cristiana:     Del bacino.

Maddalena:  Appunto, chistu ccà!

Cristiana:     E pure mariteme Gennaro nun s’è firato. Gli faceva male l’osso santo!

Maddalena:  Cristià, se dice “osso sacro”!

Cristiana:     Appunto. E ‘stu dulore arrivava fino ‘a zona... del coniuge!

Maddalena:  Qualu coniuge? Si chiama coccige!

Cristiana:     Il coggige, comm’aggio ditto io.

Maddalena:  E tu nun saje che ‘na vota mariteme s’è rutto ‘na costoletta!

Cristiana:     Si chiama costola. E allora tu nun saje che Gennaro ‘na vota s’è rutto ‘o

                       ginocchio... quaggiù, all’altezza del peperone!

Maddalena:  Si chiama perone. E tu nun saje che ‘na vota, mariteme Pascale, si è fatto

                       male sulla rotella del ginocchio!

Cristiana:      E che ttene, ‘e rrote ‘ncoppa ‘o ginocchio, mariteto? Chella è ‘a rotula!

Maddalena:  Eh, ‘a rotula.

Cristiana:      Invece Gennaro s’è ciaccato areto ‘o pede: precisamente... il tallone di Ulisse!

Maddalena:  No, chillo è Achille.

Cristiana:     Vabbuò, Achille o Ulisse, stamme lloco!

                       Dal centro entra Salvatore.

Salvatore:     Forza, prepararsi! Tra poco comincia il terzo atto. (Nota le due) Ah, vuje state

                       ccà? Sentite, quanno ce sta coccheduno ‘ncoppa ‘o palco, ccà dereto v’ata sta’

                      zitte. Ate capito? Qua’ siamo a teatro, non in una sala d’aspetto del dentista.

Cristiana:    Ma noi stiamo parlando delle malattie dei mariti nostri!

Salvatore:    Ua’, ‘e che marite fraceche che tenite! Ma addò l’ate cunusciute, ‘o spitale?

Maddalena: Io, il mio sì.

Cristiana:    Io, il mio, l’ho conosciuto in una bella giornata di sole in un posto all’aperto.

Salvatore:    In campagna?

Cristiana:    No, al cimitero!

Salvatore:    E se vede! Vabbuò, ja’, teniteve pronte che mò accumminciamme ‘o terzo atto.

Maddalena: Aspié, Salvatò, io me vulesse da’ ‘na ripassata ‘o trucco sotto all’uocchie.

Cristiana:    ‘O vero, pur’io m’aggia accuncià ‘nu poco.

Salvatore:    E ve mettite assettate a parlà? Jamme, forza, muviteve.

Maddalena: (Si alza) Eh, nun gghì ‘e pressa. Jamme, Cristià.

Cristiana:    (Si alza pure lei) A proposito, Maddalé, ‘o ssaje che ‘na vota mariteme...

                      E escono via a destra. Salvatore appare preoccupato. Fa una preghiera.

Salvatore:    Giesù mio, miettece ‘a mana toja. Io nun ‘o ssaccio comme va a fernì stasera.

                      Pure si avimme ‘e sische e ‘e pernacchie, fa’ che rientramme almeno d’’e

                      spese! M’aggio sfastriato ‘e caccià sorde senza maje vedé ll’ombra ‘e ‘n’Euro!

                      Io nun tengo ‘e ttende spase ‘o sole. E io, si nun accocchio ‘e sorde, comme

                      faccio a gghì in vacanza ‘e Maldive, ‘a staggione?! Picciò, pienzece tu! Amen!

                      Fa il segno della croce e va a destra. Dal centro entrano Rosario e Barbara.

                      Lui, arrabbiato, se la prende con lei che ha gli occhi bassi ed è pensierosa.    

Rosario:       Amme fatto pena. E pure tu, Barbara! Ma comme, mò che steveme fernenno

                      ‘o sicondo atto, te faje scappà a rirere? Era ‘nu mumento accussì comico?

Barbara:      Scuseme, Rosà. (Va a sedersi sul divanetto) Non riuscivo a smettere di ridere.

Rosario:       E a me, m’è venuto ‘o panico, aggio fatto chiudere ‘o sipario pe’ disperazione!

Barbara:      E che vvuo’ ‘a me? M’è scappato a rirere. Io ch’aggia fa’?

Rosario:       Nun ‘iva rirere, Barbara. Chesta è ‘na cummedia drammatica. 

Barbara:      Ma pecché, secondo te, tutt’’o riesto d’’a cummedia, ‘e ggente che hanne

                      fatto? S’hanne mise a rirere! Rosà, ‘sta cummedia è comica.

Rosario:       Ma stattu zitta! Chella tene ‘n’argomento accussì doloroso: ‘a guerra. Ma

                      ch’’eva mettere? ‘Nu cartiello ‘ncoppa ‘o palco con su scritto “Piangete”? No,

                     ‘a verità è ch’amme fatto schifo nuje! E soprattutto i nuovi arrivati.

Barbara:      E i suggeritori? uno suggereva ‘na cosa e ‘n’ato ne suggereva ‘n’ata!

Rosario:       Infatte. Pareva che steveme facenno tre cummedie diverse! Che scandalo!

                      Dal centro ecco Vitaliana: al posto del copione ha un giornale di uncinetto.

                      Non vedendo l’uscita, sbatte dappertutto e si lamenta.

Vitaliana:    Mamma bella, ma ccà nun ce steva ‘na porta,’na vota? Ma addò s’aesce?

Rosario:       Scema, nun vide che si’ già asciuta?

Vitaliana:    Ma pecché nun appicciate ‘nu poco ‘a luce ccà ddinto? Ce sta ‘nu scuro!

Rosario:       (Nota il giornale di uncinetto) Néh, ma che tiene ‘nmana?

Vitaliana:    ‘E che domande sceme, faje! E’ il copione della tua commedia! Pensa che io,

                      nascosta dietro la porta, suggerivo le battute leggendole con grande passione!

Barbara:      Mò capisco pecché aggio ‘ntiso ‘nu paro ‘e suggerimenti tipo: “il punto-croce,

                      il vostro centro-tavola, inserite bene il ferro nella maglia...”! 

Rosario:       E a me m’’o ddice? Io steve ascenno pazzo pecché penzave: “Ma ch’aggio

                      scritto ‘ncoppa a chillu cupione?”...

Vitaliana:    Cioè, faciteme capì buono: ma pe’ caso aggio sbagliato a piglià ‘o cupione?

Barbara:    Sì, per caso!

Vitaliana: (Lo guarda da vicino) Uh, guarde ccà, chillo è tale e quale ‘o cupione tuojo!

Rosario:    Cretina, vatte a piglià ‘n’atu cupione ‘int’’o camerino mio.

Vitaliana: E vabbé. A proposito, Rosario, Barbara, ma adesso tocca al terzo atto?

Rosario:    Purtroppo sì.

Vitaliana: (Delusa) Uh, che peccato, abbiamo quasi finito. Ci volevano due-tre atti in più!

                  Si avvia a sinistra ma viene fermata da Rosario.

Rosario:    Addò vaje? Lloco se va ‘int’’o bagno. ‘E camerini stanne a destra!

Vitaliana: E comme, vuje spustate ‘e camerini e nun dicite niente? Ma tu guarde ‘nu poco!

                  Esce via a destra.

Rosario:    Barbara, l’he’ ‘ntisa a chella? Vuleva ch’’a cummedia era cchiù longa. E io

                   invece vulesse che già fosse fernuta. Anze, quase quase... ‘a fernesse ccà.

Barbara:   Rosà, ma niente niente stisse penzanno ‘e nun fa’ ‘o terzo atto?

Rosario:    Beh, ci avevo fatto un mezzo pensierino.

Barbara:   Ce tenive tanto a ffa’ ‘sta cummedia. Un giorno mi hai detto che te l’aveva

                   suggerita tuo padre.

Rosario:    Già. Ma lui era veramente un grande attore drammatico. Io invece no. In dieci

                   anni di carriera e su trenta spettacoli che ho fatto, solo un paio sono andati bene.

Barbara:   (Si alza in piedi) E invece no, non è vero. Tutti i tuoi spettacoli finiscono sempre

                   con grandi applausi o addirittura standing ovation. E allora che vvuo’ cchiù?

Rosario:    Già, ricevo applausi e ovazioni. Ma solo perché faccio ridere. E invece dovrei

                   far piangere. Tutto al contrario di mio padre, il grande Pietro Cacace.

Barbara:   Mio padre, mio padre... Tu hai seguito la sua strada nel teatro solo per sfidare il

                   suo successo. Io ti ho conosciuto proprio grazie al teatro. Ci siamo fidanzati e ci

                   siamo pure sposati, ma non ti ho mai visto amare veramente il teatro. Tu ami

                   solo il successo.

Rosario:    (Sorpreso dallo sfogo della moglie) Barbara.

Barbara:   Sì, Rosà, pienze chello che vvuo’ tu. Tanto, ormai t’aggio ditto chello che t’era

                   dicere, e mò sto’ ‘npace cu’ me stessa. (Si siede di nuovo sul divanetto)

Rosario:    Brava, dici bene. Io vivo nell’ombra di mio padre. Ma questa strana esperienza

                   mi sta cambiando. Sto reagendo. Ho rimosso il pensiero di mio padre.

Barbara:   (Si alza stizzita) E allora se hai reagito, sali su quel palco adesso e fai vedere alla

                   gente che davanti a loro c’è Rosario Cacace, e non Pietro Cacace. Ci riesci?  

Rosario:    E va bene. Tu dici sempre che io non sono un attore drammatico. Pure mio padre

                   me lo diceva: “Rosà, tu sei un attore comico di grande talento. Se farai questo,

                   avrai più successo di me”! Ed aveva ragione. Allora da domani farò solo teatro

                   comico. Anzi, no, continuerò a scriverle drammatiche, perché tanto, fanno ridere

                   lo stesso! Vieni, Barbara, andiamo. C’è il terzo atto ancora da fare.

Barbara:   Non vedevo l’ora che me lo chiedessi.

                   Lo abbraccia e poi i due escono nella porta centrale.

4. [Giuseppe, Gennaro e Pasquale. Poi Palma e Consiglio]

                   Da destra tornano Giuseppe, Gennaro e Pasquale.

Pasquale:  Néh, ma chella Perla addò l’ha pigliate ‘sti custume?

Gennaro:  Pecché, nun te piacene?

Pasquale:  Fanne schifo! E spicialmente ‘o cazone mio: è senza cintura, e picciò se ne

                  scenne sempe! E pe’ forza: chisto è taglia sissanta. Io tengo ‘a cinquattaquatte!

Gennaro:  ‘O vero?

Pasquale:  Eh! Pienze, primma aggio fatto ‘na scorreggia, se n’è fujuto ‘o cazone ‘a cuollo!

Gennaro:  (Comincia a grattarsi) E invece a me, ‘o custume mio, me fa prorere ‘ncuollo.

Giuseppe: A me ‘o custume mio me sta stritto. Io tengo ‘a XL. Chisto invece è M!

Gennaro:  Giusé, aggie pacienza, me puo’ ‘rattà ‘nu poco areto ‘a schiena?

Giuseppe: Gennà, ma famme ‘o piacere!

Gennaro:  E gghià, nun te fa’ prià!

Giuseppe: E vabbuò. (Esegue) Del resto come si dice: nella vita ce sta chi ratta e chi è  

                   rattuso. ‘Int’a ‘stu mumento io sto’ rattanno.

Gennaro:  E allora io fosse rattuso?

Pasquale:  (Comincia a grattarsi) Ma che d’è? Mò me prore pure a me pe’ cuollo.

Giuseppe: (Smette di grattare Gennaro e si gratta lui) E pure a me.

Gennaro:  Ma nun è che ce stanne ‘e ppulce pure ccà ddinto?

Pasquale:  Gennà, nun dicere scimmità cu’ chella vocca. Qua’ siamo al Sannazzaro.

Gennaro:  E allora ce ll’amme purtate nuje appriesso ‘a ‘int’’a sala prove ‘e Rosario.

Giuseppe: Embé, e mò comme facimme? Nuje amma recità.

Pasquale:  E con ciò?

Giuseppe: E mica ce putimme rattà ‘ncoppa ‘o palco pe’ mezza d’’e ppulce?!

Pasquale:  Ma noi siamo attori di prosa. Ebbene sì, noi siamo prostatici! Per cui, dobbiamo

                   sfidare tutte le avversità. Pure ‘e ppulce! In fondo sono solo degli insetti!

Gennaro:  E allora turnamme in scena.

Giuseppe: Addò vaje? ‘E duje suggeritore stanne ancora ‘int’’o camerino loro.

Gennaro:  Embé? Ma pecché, fin’e mò l’he’ ‘ntise?

Giuseppe: No.

Gennaro:  E allora nun ce servene!

                   I tre escono via al centro sempre grattandosi. Da destra entra Perla.

Perla:        Ecco fatto, ho messo a posto alcune cose, così dopo subito ce ne andiamo! (E si  

                   gratta addosso) Ma che d’è? Me prore ‘nu poco ‘ncuollo! E che sarrà? Va bene,

                   fammi chiamare un poco a Consiglio sul cellulare. (Prende il celllulare dalla

                   tasca e compone il numero. Poi si avvicina alla porta di destra) Pronto!

                   Da sinistra torna Consiglio col cellulare all’orecchio. I due si danno le spalle.

Consiglio: Pronto!

Perla:        Pronto!

Consiglio: Aggio capito, pronto!

Perla:        Me siente, ammore mio?

Consiglio: Sì, te sento. Comme staje?

Perla:        Me stongo ammuscianno e tengo pure ‘nu stranu prurito ‘ncuollo! E tu, amò?

Consiglio: Pur’io me stongo ammuscianno. E stranamente, me sta venenno pure a me ‘nu

                   stranu prurito ‘ncuollo. (Comincia a grattarsi) E’ comme si tenesse ‘e ppulce!

Perla:        Pecché nun viene addù me?

Consiglio: (Mò ce faccio ‘na surpresa!). Ehm... no, vengo aroppo.

Perla:        Siente, ma tu addò staje?

Consiglio: Sto’ ccà. E tu addò staje?

Perla:        Pur’io sto’ ccà.

Consiglio: E nun è possibile, pecché già io ce stongo io ccà!

Perla:        E ce sto’ pur’io!  Ja’, viene ccà, nun me lassà a me sola.  

Consiglio:   E vabbuò. Aspié, mò scavalco areto ‘o palco e traso p’’o fenestriello d’’o

                     bagno! E’ ‘na faticata, ma per te farei questo ed altro!

                     E così i due incominciano ad indietreggiare l’uno verso l’altro.

Perla:          E allora t’aspetto!

Consiglio:   Aspietteme, aspietteme, io sto’ venenno!

                    Si lanciano baci per telefono. Poi si voltano, si notano e spengono i telefonini.

Perla:          Ah, ma tu staje ccà?

Consiglio:   E pure tu?

Perla:          E che m’ha’ fatto sprecà a ffa’ ‘na telefonata inutilmente?

Consiglio:   Guarde, ch’’a telefonata me l’he’ addebitata a me!  

Perla:          Néh, ma te staje arraggianno?

Consiglio:   No, te staje arraggianno tu. E io me so’ sfastriato ‘e ‘ annanzo e areto. Vabbuò?

                    E se ne va a sinistra. Perla si arrabbia.

Perla:          E vattenne, va’. He’ capito? E’ arrivato ‘o giurnalista. A prossima vota me

                    metto cu’ uno d’’o Corriere della sera! Almeno è cchiù importante.

                    E esce dalla porta centrale.

5. [Salvatore. Poi Vitaliana e Ferdinando. Infine Maddalena e Cristiana]

                       Da destra entra Salvatore.

Salvatore:     Uhé, ma chiste ‘o vonno accumincià ‘o terzo atto? (Guarda l’ora) Guarde chi

                      ore se so’ fatte. (Chiama gli altri) Ehi, gli attori del terzo atto tutti in scena!

                      Ripeto, gli attori del terzo atto tutti in scena!

                      Ed esce via al centro. Da destra tona Vitaliana con delle riviste in mano.

Vitaliana:     (Soddisfatta) Ecco qua. Come sono furba io: mi sono presa cinque copioni,

                      così se ne perdo uno, ne ho ancora altri quattro a mia disposizione!

                      Da destra entra Ferdinando, mezzo assonnato. Ha dimenticato il copione.

Ferdinando: E comm’è, m’aggio addurmuto? (Nota Vitaliana e va da lei) Ciao, Valeriana!

Vitaliana:     Vitaliana. (Lo nota) Ma che d’è, te muore ‘e suonno?

Ferdinando: Comme?

Vitaliana:     Aggio ditto: te muore ‘e suonno?

Ferdinando: Valerià, ma che vvua’ sapé ‘a me? Io me moro ‘e suonno! ‘O fatto è ca io nun

                       aggio maje visto ‘nu tiatro cchiù silenzioso ‘e chisto! In genere, ‘o pubblico

                       sbatte e mmane, oppure se mette a rirere, oppure se mette a chiagnere...! P’’a

                       miseria, chiste nun tenene nisciuna emozione!

Vitaliana:     No, ‘o guajo è che tu nun he’ ‘ntiso proprio niente, Ferdinà.

Ferdinando: Comme?

Vitaliana:     Niente, ho detto che il pubblico non capisce niente!

Ferdinando: ‘O vero? ‘O pubblico nun ce sente?! E che hanne venute a ffa’?

Vitaliana:     Si ce ‘o ddice a Rosario, chillo nun te crede!

Ferdinando: ‘O vero? ‘O pubblico nun ce vede? Ma che tene ‘stu pubblico?

Vitaliana:     Ferdinà, ma tu che vvuo’? Vatte a cuccà ‘n’ata vota? (Fa il gesto)

Ferdinando: M’aggia ì a cuccà? E sì, aroppo ‘o terzo atto ce vaco. A proposito, m’aggio

                      scurdato ‘o cupione mio ‘int’’o camerino. Me ne vuo’ da’ uno tu?  

Vitaliana:     Sì, tanto, io ne tengo cinque. Aspetta, adesso ti metto la pagina del terzo atto.

                      (Apre una delle riviste) Ecco qua, questo è il terzo atto. Tié!

                      Glielo consegna, e lui, senza accorgersi che non è il copione, lo prende.

Ferdinando: Famme vedé che ce sta scritto. (Assonnato, legge senza impegno) “Scandali e

                       passioni”. Ma ‘a cummedia nun se era “Le quattro giornate di Napoli”?

Vitaliana:      Infatti, io così mi ricordavo.

Ferdinando: (Legge) “Amore mio, non lasciarmi. Io non faccio più la prostituta”!

Vitaliana:     Me pare ‘o fotoromanzo che sto’ liggenno io, chisto! E ppo’ che ddice cchiù?

Ferdinando: (Legge ancora) Isso risponne: “No, non ti voglio più perché mi hai messo le 

                       corna”. E lei dice: “Restituiscimi il reggiseno che ho lasciato nel tuo studio”!

                       He’ capì? Da commedia di guerra, è passata a commedia rosa.

Vitaliana:      Beh, forse è meglio.

Ferdinando: (Comincia  grattarsi addosso) Ma che d’è, me prore ‘ncuollo!

Vitaliana:     (Si gratta pure lei) E’ vero, pure a me. Chi sa perché?

Ferdinando: Vabbuò, jamme a suggerì, Valerià.

Vitaliana:     Ma io me chiammo Vitaliana.

Ferdinando: Sì, certo. A proposito, t’aggia dicere ‘na cosa che nun t’aggio ditto ancora.

Vitaliana:     Che cosa?

Ferdinando: ‘O nomme tuojo me piace assaje. E’ troppo bello: Valeriana! 

                      Ed esce nella porta centrale. Vitaliana resta basita.

Vitaliana:     Mò me fa scurdà pure a me ‘o nomme mio! (Interessata) Però ‘stu Ferdinando 

                      ha da essere bellillo! Che peccato che nun l’arrivo a vedé buono ‘nfaccia!

                      Esce pure lei lì. Da destra entrano Maddalena e Cristiana. Le due si grattano.

Cristiana:     Maddalé, t’aggio ditto ch’a nuje ce prore ‘ncuollo pecché se tratta ‘e allergia.

Maddalena:  Ma che ssaje tu? Nun saje proprio niente. A nuje ce prore ‘ncuollo pecché

                       sarrà ‘nu problema ‘e circolazione!

Cristiana:     Ma che? Chesta è ‘n’allergia. ‘Na vota pure mariteme Gennaro l’ha tenuta!

Maddalena:  E io invece te dico ‘e no. Chesta è ‘a circolazione d’’o sango. Pure mariteme

                       Pascale l’ha tenuta!

Cristiana:     E addò l’ha tenuta?

Maddalena:  ‘Ncapa.

Cristiana:     E allora sarranne state ‘e perucchie! Pure Gennaro l’ha tenute!

Maddalena:  ‘O vero? Uh, Giesù, e comme he’ fatto?

Cristiana:     Ho comprato lo shampoo per i cavalli!

Maddalena:  I cavalli? Ma pecché, mariteto è ‘nu cavallo?

Cristiana:     No, quello è buono pure per gli esseri umani.

Maddalena:  E chi te l’ha dato? ‘O miereco?

Cristiana:     Ma che? Aggio fatto a capa mia! E mò, si vide a Gennaro, nun tene cchiù ‘nu

                       perocchio ‘ncapa! Sulo ch’ogni tanto fa ‘na cosa strana: nitrisce!

Maddalena:  (Si gratta di più) E intanto mò pare ca me prore cchiù assaje.

Cristiana:     (Anche lei) E nun ce penzà, nuje mò amma trasì ‘ncoppa ‘o palco.

Maddalena:  A proposito, c’amme scurdate ‘e cupiune ‘int’’o camerino.

Cristiana:     E nun fa niente. Nuje amma trasì sulo pe’ ddicere ca guerre nun se n’hanna fa’

                       cchiù. T’he’ scurdata? Io so’ morta ‘o primmo atto e tu ‘o sicondo!

Maddalena:  Ah, e allora che ce ne ‘mporta? Mettimmece a parlà ‘n’appoco. 

                      Ma dalla porta centrale entra Salvatore arrabbiato e spaventa le due.

Salvatore:     Uhé uhé, ma vuje state ancora ccà?  

Cristiana:     (Spaventata) Salvatò, che paura che m’he’ fatto mettere.

Salvatore:     Ma inzomma, vulite trasì ‘a parte ‘e dinto?

Maddalena:  Sì, stamme venenno. Mò te faccio sentì che bella recitazione che faccio!

Salvatore:    E chella è fernuta ‘a cummedia.

Le due:        Già è fernuta?

Salvatore:    Sì. Ora dobbiamo fare la passerella.

Maddalena: E amma avé ‘e sische, ‘e pernacchie, oppure tutt’’e dduje?

Salvatore:    No, stiamo avendo un successo clamoroso. In scena ce stanne sulo Rosario e

                      Barbara che stanne dicenno cose incredibili.  

Maddalena: ‘O vero? E che dicevene?

Salvatore:    Eh, si sapisseve! Essa diceva vicino a isso: “Amore mio, non lasciarmi. Io non

                     faccio più la prostituta”!

Cristiana:    E isso che diceva?

Salvatore:    Isso diceva: “No, non ti voglio più perché mi hai messo le corna”! E essa c’ha

                      ditto: “E tu restituiscimi le mutande che ti ho lasciato nel tuo studio”!

Cristiana:    Uh, mamma mia, Maddalé, e che ce amme perzo!

Maddalena: Mannaggia, me fosse piaciuto ‘e vedé.

Salvatore:    E venite a vedé, invece ‘e parlà sempe ‘e muorte e ferite! Jamme pure nuje.

Maddalena: A proposito, Salvatò, io e Cristiana tenimme ‘nu stranu prurito.

Cristiana:    E già. Ma secondo te che d’è: ‘n’allergia o ‘a circolazione?!

Salvatore:    (Si gratta pure lui) Ma che ne saccio? Jamme ‘a parte ‘e dinto!

                     I tre escono via nella porta centrale.

6. [Pasquale e Giuseppe. Poi Cristiana, Maddalena e Gennaro. Vitaliana e Ferdinando]

 

                     Dal palco si sentono gli applausi del pubblico che pian piano diventano

                     ovazione. Poi scemano gli applausi. Alla fine entrano Pasquale e Giuseppe.

Pasquale:    (Meravigliato) Mamma mia, Giusé, nun ‘eva maje pigliato tant’applause tutte

                    ‘nzieme! Chesta vota Rosario s’è propio superato!

Giuseppe:   ‘O vero, ma addò l’ha pigliate chelli pparole accussì belle? Parevene pigliate ‘a

                    ‘nu rumanzo ‘e copp’’e ggiurnale!

Pasquale:    Ma po’ comme l’ha ditte naturale! Guarde, me cride? Io, a Rosario, ‘o cunosco

                     a tant’anne. ‘A cumpagnia l’amme criata io e isso. Però nun l’aggio maje visto

                     recità accussì! M’ha commosso!

Giuseppe:    Ma pure Barbara è stata brava. Spicialmente quanno ha ditto ‘o fatto ch’essa

                     nun faceva cchiù ‘a prostituta.

Pasquale:    E pecché, quanno ha ditto ‘o fatto d’’o reggiseno?

Giuseppe:   Mamma mia, ‘e che recitazione esemplare!

Pasquale:    Sulo che m’è venuto ‘o friddo ‘ncuollo quanno Vitaliana a ‘nu cierto punto ce

                     ha dato ‘o suggerimento finale. Ha ditto: “E adesso spogliatevi e fate l’amore”!

Giuseppe:   Eh, e comme insisteva! Però che peccato che chilli duje nun l’hanne fatto!

Pasquale:    Giusé, ma si’ scemo? Ce stevene pure ‘e ccriature ‘nmiezo ‘o pubblico!

Giuseppe:   Dicevo così per dire!

Pasquale:    E avissa avuta vedé che c’è vuluto pé calmà a Vitaliana. Chella scema, quanno

                     ha visto che chilli duje nun facevene ll’amore, vuleva afforza trasì in scena!

                    L’aggia avuta mantené mane e piede!

Giuseppe:   Senti, Pasquà, comunque ho deciso: voglio continuare a fare teatro insieme a

                    Rosario. E devono essere tutti spettacoli uguali a questo.

Pasquale:   (Comincia a grattarsi) Siente, a me me prore ancora ‘ncuollo. Jammece a levà

                    ‘sti custume ‘a cuollo e dammancille a Perla.

Giuseppe:      (Si gratta pure lui) Ah, mamma mia, Pascà, nun veco ll’ora.

                       I due vanno a destra. Dal centro entrano Cristiana, Maddalena e Gennaro.

Cristiana:     (Commossa) Me crerrìte, me dispiace che m’aggio perzo ‘stu terzo atto.

                       Secondo me ha da essere stato troppo bello!

Maddalena:  E nun te prioccupà, nuje l’amma replicà ati vvinte vote!

Cristiana:     Ah, sì? E allora, quanno arrivamme ‘o mumento d’’o terzo atto, visto ca io e

                      te nun amma fa’ niente, ce ne jamme in platea! Nun m’aggia perdere niente!

                      Spicialmente ‘o dialogo ‘e Rosario e Barbara.

Gennaro:      A proposito, ma ‘stu terzo atto nun ‘eva parlà d’’a guerra?

Cristiana:     No, chillo Rosario ‘eva ditto ch’’o cagnava. Però se vede che nun l’è piaciuto

                      ‘o cambiamento e allora ha ‘mpruvvisato. E comm’è stato bravo! E nun ne

                      parlamme ‘e Barbara: è stata bravissima.

Maddalena:  Comunque mi è piaciuto tutto. Io ho deciso: reciterò ancora con loro.

Gennaro:      E pure io. Per me è un affare. Avete visto sul biglietto come si leggeva chiaro

                      il nome della mia pasticceria? Chissà quanti clienti in più verranno da me?

Maddalena:  Gennà, e mò nun he’ purtato niente pe’ nuje?

Gennaro:      Ho portato dei mignon che sono la fine del mondo. Stanno nel camerino.

Cristiana:     E a chi stamme aspettanno?

Gennaro:      Aspettiamo che vengono pure Rosario e Barbara. (Poi si gratta addosso) A

                      proposito, nun sò stato ancora capace ‘e me luà ‘stu prurito ‘a cuollo.

Maddalena:  (Si gratta anche lei) E manch’io. Ma che sarrà?

Cristiana:     Io te l’aggio ditto: per me è allergia. Tu invece dice ch’è ‘a circolazione.

Maddalena:  E tu che ddice, Gennà?

Gennaro:      E ch’aggia dicere? Jammece a mettere ‘nu poco ‘e borotalco pe’ cuollo.

Maddalena:  Sì, jamme, accussì arapimmo pure ‘o pacco ‘e dolci che he’ purtato tu.

Cristiana:     Dice buono, Maddalé.   

                      Vanno a destra. Dal centro entrano pure Vitaliana e Ferdinando sottobraccio.

Ferdinando: Siente ‘na cosa, Valentì!

Vitaliana:     (Rassegnata) Ma qua’ Valentì? Io me chiammo Vitaliana!

Ferdinando: Comme?

Vitaliana:     No, no, niente, chiammeme comme vuo’ tu.

Ferdinando: Comme?

Vitaliana:     Ja’, che vvuo’?

Ferdinando: T’aggia dicere ‘na cosa. Ma comm’è, io suggereve ‘na cosa e Rosario e

                      Barbara ne facevene ‘n’ata. Ma forse hanne cagnato coccosa d’’a cummedia?

Vitaliana:     Mah! Io nun aggio capito cchiù niente. Io ce aggio ditto: “Fate l’amore”... Ma

                      chilli duje nun hanne vuluto fa’ niente. Hanne fatto sulo chiacchiere!

Ferdinando: Ah, sì? Mò portene ‘e cchiacchiere? Menu male, va’, almeno se magna!

Vitaliana:     Ferdinà, ma che vvuo’? Tu puorte spese!

Ferdinando: ‘O vero, mò portene pure ‘a caprese?

Vitaliana:     (Ironica) Sì, t’’a portene stasera!

Ferdinando: Pure ‘a pastiera? Marò, comme me piace quanno se magna! Allegria!

Vitaliana:     Ferdinà, nun m’ammuscià. (Poi comincia a grattarsi) A me me prore pe’ tutto

                       parte! Chi sa pecché?

Ferdinando: Che d’è? Te prore ‘ncuollo? (Si gratta pure lui) E a chi ‘o ddice?

Vitaliana:     Siente, pecché nun ghiamme ‘int’’e camerine? Ce mettimm ‘nu poco ‘e

                      Borotalco ‘ncuollo.

Ferdinando: No, Valerià, aggie pacienza. Mò me ne vogl’ì ‘int’’o camerino mio e me

                      voglio mettere ‘nu poco ‘e Borotalco ‘ncuollo!

Vitaliana:     E io ch’aggio ditto? (Si gratta sempre più gridando) Ah, mammà, mammà...

Ferdinando: Comme? Vuo’ sapé comme se chiamma mammà mia? Se chiamma Vitaliana!

Vitaliana:     Ah, se chiamma comm’a me?

Ferdinando: E che ce azzicche tu? Tu te chiamme Valeriana!

                      La prende sottobraccio e escono a destra.

Scena Ultima. [Detti più Perla e Consiglio. Poi Rosario, Barbara e Salvatore]

                    Dal centro entra Perla tutta dispiaciuta.

Perla:          Mamma mia, comm’è stato bello ‘o finale ‘e ‘sta cummedia. M’ha fatte venì ‘o

                    genio ‘e fa’ pace cu’ Consiglio. Sulo ca chillo se n’è gghiuto.

                    Si siede su una sedia. Da sinistra entra e si ferma Consiglio, anch’egli triste.

Consiglio:   Ma pecché m’aggio appiccecato cu’ Perla? ‘Sta cummedia m’ha fatto venì ‘o

                    genio ‘e fa’ pace cu’ essa. Famm’’a chiammà ‘ncoppa ‘o celllulare. (Così fa)

Perla:          ‘A vibrazione d’’o telefonino mio tremma? E chi è mò? (Guarda) Uh, è isso!

                    (Risponde) Ammore mio, addò staje? Staje luntano?

Consiglio:   No, sto’ vicino ‘a porta d’’o bagno!

Perla:          (Si volta) Ah, ma tu staje lloco? (Stacca il telefonino, si alza e gli si avvicina)

Consiglio:   Si, sto’ ccà. (Stacca anche lui il telefonino) Cià, ammore mio.

Perla:          (Comincia a grattarsi) He’ visto comm’era bella ‘sta cummedia?

Consiglio:   (Si gratta pure lui) Sì. Sulo che mò me prore ‘ncuollo e nun capisco pecché!

                    ‘Stu fatto me succede ogni vvota che traso ccà ddinto. Ma che ce starrà?

Perla:          E che ne sacc’io? Mò saccio sulo ‘na cosa: tu staje vicino a me!

Consiglio:   Allora visto che me chiamme Consiglio ‘e nomme, te voglio dà ‘nu cunsiglio:

                    azzìcchete ‘ncuollo a me comm’a ‘na pulce!

Perla:         (Realizza) Aspié, vuò vedé che ‘stu prurito che tenimme ‘ncuollo sò ‘e ppulce?

Consiglio:   ‘E ppulce? E ‘a dò sò asciute?

Perla:          Niente, nun fa’ domande. Trasimme ‘int’’e camerine.

Consiglio:   Aspié, e si me vede Rosario? Io le so’ antipatico.

Perla:          Nun te prioccupà. Finché staje cu’ me, nun t’he’ ‘a mettere appaura ‘e niente!

Consiglio:   E vabbuò. Allora jamme pecché nun ce ‘a faccio cchiù.

                    Vanno a destra grattandosi. Dal centro entrano Rosario, Barbara e Salvatore.

Salvatore:  Ah, sono felice come una pasqua. E voi?

Barbara:    Pure io. E tu, Rosà?

Rosario:     (Non molto convinto) Più o meno!

Salvatore:  Rosà, ma mò nun me dicere che nun si’ soddisfatto.

Barbara:    Sei incontentabile.

Rosario:     Sentite, voi siete contenti? Io come autore, regista e attore della commedia, no.

                    Coccheduno m’ha cagnato ‘e pparole!

Barbara:    E se vede che sso’ state Ferdinando e Vitaliana.

Salvatore:  Però he’ visto ch’applauso he’ avuto? Pensa, al terzo atto non ha riso nessuno.

Barbara:    E non era quello che volevi?

Rosario:     E già. E’ così.

Salvatore:  E adesso, Rosà, ti suggerisco un’idea per la prossima commedia: tre atti, dieci

                    personaggi in tutto. E poi... il colpo di scena: tutti i personaggi muoiono nel

                      primo atto!

Rosario:       Cretino, e si tutt’’e personaggie morene ‘o primmo atto, chi aesce ‘o sicondo

                     ‘e ‘o terzo atto? ‘E fantasme lloro?!

Salvatore:   Già, non ci avevo pensato.

Barbara:     Comunque, Salvatò, Rosario non scriverà mai più commedie drammatiche.

Rosario:      Già. Si passa al teatro comico.

Salvatore:   ‘O vero? E comm’è?

Rosario:      Salvatò, questo non l’ho voluto io. L’ha voluto la gente.

Salvatore:   Rosà, però secondo me sbagli. E sì, perché tu, come teatro drammatico, già eri

                     abbastanza comico! E ora, se diventi comico, rischi di diventare drammatico! 

Rosario:      Vedremo. (Va verso destra, poi si volta verso i due e ripete) Già, vedremo.

                     E se ne esce via.

Salvatore:   Forse aggio ditto coccosa che nun va? Se sarrà offeso?

Barbara:     Ma nun ‘o dà retta! Si isso vò continuà a ffà ‘o tiatro, ha da cagnà tutto cose, si

                     no è meglio che s’arretìra. Anche se io, fossi in lui, a questo punto mi ritirerei

                     lo stesso. (Va a sedersi sul divanetto) Il guaio è che il teatro è tutta la sua vita.

Salvatore:   E lass’’o stà. Tanto, finché ‘e sorde ‘e ccaccio sulamente io, chillo nun

                     s’arretìra pe’ niente! (Si siede su una sedia) A proposito, ma gli altri?

                     Da destra entrano Pasquale, Maddalena e Cristiana. Si sono cambiati d’abito.

Pasquale:    Eccoci qua. Salvatò, Barbara, e vuje nun site venute dint’’e camerini?

Salvatore:    A ffa’ che?

Barbara:      Toglierci i costumi.

Maddalena: No, ma nuje diceveme ‘n’ata cosa: vuje ‘o ssapite, Gennaro tene ‘a pasticceria

                      e ha fatto ‘o sponsor d’’a cumpagnia ‘ncoppa ‘e biglietti.

Cristiana:     E ha purtato cierti dolci mignon ch’erene ‘a fine d’’o munno!

Salvatore:     E che veneveme a ffà? Vuje sicuramente già v’’ireve fatto fora tutto cose!

Cristiana:     E infatte, speramme che nun ce vene ‘o diabete!

Maddalena: A proposito ‘e diabete: Cristià, ‘o ssaje, ‘na vota mariteme Pascale s’è fatto

                      l’analese, è asciuto ‘o diabete alto, ‘o colesterolo alto e ‘e ttranzaminase alte!

Cristiana:    ‘O vero? E tu nun saje che mariteme Gennaro...

Pasquale:     Mò accumminciate ‘n’ata vota? Sentite, a me e a Gennaro c’avite rutto ‘e

                      scatole! C’ate fatto venì tutt’’e male ‘e chistu munno! Niente di meno m’ate

                      fatto addiventà scaramantico a me! E basta, mò! Parlate pure d’’e ccose bbone

                      che facimme io e Gennaro ‘int’’a vita nosta!

Maddalena: ‘O vero? E tu, per esempio, che he’ fatto ‘e buono ‘int’’a vita toja?

Pasquale:     Ch’aggio fatto? Dincello a loro che duje mise fa m’aggio fatto ‘a machina

                      nova: ‘nu Mercedes ch’è ‘a fine d’’o munno!

Salvatore:    ‘O vero? S’è fatto ‘o Mercedes? E cu’ quali sorde?

Maddalena: Ma nun ‘o da’ retta, Salvatò. Chillo s’ha accattato ‘na machina ausàta ‘e   

                      vint’anne, tutta scippata, ‘na luce che s’appiccia e ‘n’ata no, ce manca pure

                     ‘nu spurtiello...! Pienze, è talmente scagnata che nun se capisce ‘e che culore è!

Pasquale:     E che significa? Quella sempre una Mercedes è!

Maddalena: Ma famme ‘o piacere. Anze, falle ‘na bella lavata ch’è tutta sporca!

Pasquale:     E io l’aggio lavata stammatina. Però saje ch’è succieso? Primma era nera,

                      accomme l’aggio lavata è addiventata janca!

Maddalena: E infatte mò, si ‘a vedite, pare ‘nu gabinetto!

Pasquale:     Avete visto, signori? ‘E che bella mugliera che tengo! Quella sarebbe la donna 

                     che ho sposato! L’angelo del fucarazzo!

Maddalena: Si dice “del focolare”.

Pasquale:     Marò, ‘e che mugliera seccante che tengo! Cierti vvote invidio a Ferdinando e

                      a Vitaliana che nun vedene e nun sentene a nisciuno!

                      E da destra tornano proprio Ferdinanndo e Vitaliana, lei davanti e lui dietro.

Ferdinando: Erene buone chilli dolce! E’ ‘o vero, Vitalià?

Vitaliana:     E già, Ferdinà... (Poi si rende conto che ha indovinato il suo nome) E che d’è,

                      he’ ditto ‘o nomme mio, chillo esatto?

Ferdinando: Uh, scusa, Valerià, t’aggio chiamamto Vitaliana, comm’a mammà!

                      Salvatore e Pasquale si alzano e vanno accanto ai due (alla destra di lui).

Salvatore:     Oh, i nostri carissimi suggeritori.

Pasquale:      Che se dice, guagliù?

Ferdinando: Comme?

Vitaliana:      Isso sicuramente nun dice niente. Io invece sì!

Ferdinando: Aspié, e pecché io nun dico niente? Vulisse dicere ca io nun ce sento?

Vitaliana:     (Sorpresa) E comm’è, ha capito?

Ferdinando: E se capisce ch’aggio capito. Io nun ce sento ma ce veco, e accussì t’aggio

                      liggiuto ‘e pparole ‘nmocca!

Vitaliana:     Uhé, ma te staje arraggianno? E mò che vulisse?

Ferdinando: He’ ditto ca io nun ce sento. E allora si io nun ce sento, tu nun ce vide!

Vitaliana:     Embé, e che tengo ‘a vedé?

Ferdinando: Hé ‘a vedé io! Però ce sta poco ‘a sfottere!

Vitaliana:     Ferdinà, nun t’azzecco ‘nu pacchero, pecché nun te veco!

Ferdinando: E mò nun cagnà ‘e pparole pe’ nun me fa’ capì!

Vitaliana:     Ah, sì? E allora mò te sputo ‘nfaccia! Pù!

                      Sputa a Ferdinando ma in realtà colpisce Pasquale e Salvatore.

                      Ate visto, Salvatò, Pascà? Aggio sputato ‘nfaccia a Ferdinando!      

I due:           (Asciugandosi il volto) Amme visto, amme visto!

Vitaliana:    Vulite vedé, ‘o sputo ‘nfaccia ‘n’ata vota?

I due:           (Preoccupati) No, no!

Pasquale:     Nun è ‘o caso!

Salvatore:    ‘Na vota abbasta e avanza!

Ferdinando: E allora mò te sputo ‘nfaccia io!

Salvatore:    (Lo ferma arrabbiandosi) Uhé, e mò basta, a tutt’e dduje. Ate capito? Invece

                      ‘e v’appiccecà comm’a duje scieme, facite ‘a pace. Jà, forza!

Pasquale:     Dai, su, stringetevi la mano. (Mima il gesto a Ferdinando)

Vitaliana:     (Si convince) E vabbuò.

Ferdinando: (Si convince) Damme ‘a mana.

                       I due si stringono la mano. Poi Ferdinando chiede a Vitaliana.

                       Siente, ma che ha ditto Salvatore apprimma?

Vitaliana:      Niente, niente, jammece a assettà.

                       Se lo prende sottobraccio e vanno a sedersi su due sedie.

Salvatore:     E adesso speriamo che tornino presto gli altri. Debbo fare un discorso di

                       chiusura dello spettacolo di oggi.

Pasquale:      Salvatò, ma è propio ‘o caso? Stendiamo un velo pietoso!

                       Da destra riecco Giuseppe e Gennaro, ubriachi, con bottiglie di spumante.

I due:            (Cantando) “Siamo la coppia più bella del mondo, e ci dispiace per gli altri”!

Giuseppe:     Guagliù, e comm’è bella ‘a vita!

Gennaro:      A nuje nun ce piace ‘o magnà, ce piace ‘e vevere!

Pasquale:      Uhé, a tutt’e dduje, assettateve. Fra poco Salvatore farà un discorso a tutti.

Giuseppe:     Ah, sì? Gennà, jammuncenne ‘n’ata vota!

Gennaro:      Sì, Giusé!

Salvatore:     Addò jate? Azzeccateve ‘ncoppa ‘e sseggie e nun ve muvite cchiù. Capito?

Giuseppe:     E vabbuò. Viene, Gennà.

Gennaro:      No, però assettammece ‘nterra.

                      I due si siedono a terra. Salvatore e Pasquale si siedono ai loro posti.

Salvatore:    Allora ci siamo quasi tutti?

Pasquale:     Quasi.

                      Da sinistra tornano Cristiana, Barbara e Maddalena.

Maddalena: Tu he’ capito, Cristià? Chillu crestiano se sentette male, però mariteme nun ce

                      vulette fa’ ‘a respirazione bocca a bocca pecché ha ditto che le feteva ‘o ciato!

Pasquale:     Ancora? Ma vuje parlate sulo ‘e chesto, ‘int’’a vita vosta? Assettateve!

                      Le tre si siedono.

Salvatore:    Allora adesso ci mancano solo Perla, Consiglio e Rosario.

Barbara:      Salvatò, si vuo’ avvià a parlà, tanto, io nun penso che Rosario torna ccà.

                      E invece da destra torna Rosario che stranamente pare di buon umore.

Rosario:       Eccomi qua.

Pasquale:     Oh, finalmente ecco la star. Ragazzi, un applauso.

Gli altri:       (Lo applaudono) Bravo!

Rosario:       Grazie, grazie.

Barbara:      Rosà, me fa piacere ‘e vedé che mò staje meglio. Prima sembravi turbato.

Rosario:       Infatti. Però nel camerino ho pensato, riflettuto, pensato e riflettuto ancora. E

                      forse, anzi, sicuramente ho capito di aver preso la decisione giusta.

Salvatore:    Ah, sì? E qual è? Faccela sentire?

Rosario:       Dunque, praticamente…

                      Da destra entrano Consiglio e Perla, di spalle. Non li notano ma sono notati.

Consiglio:     Tesoro mio, nun fa’ rummore. Nisciuno ha da sapé che nuje steveme facenno

                       ammore ‘int’’o guardaroba! E mò fuìmmencenne ‘e nascosto! ‘A faccia lloro!

Perla:            E pecché?

Consiglio:     E perché non ci dobbiamo far vedere da quegli invidiosi. E spicialmente a

                       chella faccia ‘e scemo ‘e Rosario! ‘O tengo proprio ‘ncanna a chillo!

Perla:            E allora jamme, fujimmencenne... verso la libertà!

                      Vanno per voltarsi, si ritrovano gli altri che li guardano e si spaventano.

Rosario:        (Diplomatico) Amici, venite in mezzo a noi. Ve lo dice ‘a faccia ‘e scemo!

                       I due si avvicinano timidamente, poi Consiglio tira fuori una scusa.

Consiglio:     Ehm... ci credete se vi diciamo che noi due stavamo facendo finta?

Salvatore:     Sei venuto al momento giusto, perché Rosario vuole essere intervistato da te e

                       comunicare una decisione bella per lui e la compagnia teatrale “La lacrima”.

Consiglio:      Allora Perla, aspetta. (Prende il micro-registratore) Sei pronto, Rosario?

Rosario:        Prontissimo!

Consiglio:     (Comincia a registare) Partiti! Dunque, Rosario, vuoi comunicare la decisione

                       che hai preso tu, per te stesso e per la compagnia?

Rosario:        Sì, propio così.

Consiglio:     E diccela.

Rosario:    Bene. Singori, lo spettacolo è andato bene. Anzi, benissimo. Tutte le cose sono

                   andate come dovevano. Ed io vi stringo la mano idealmente a tutti.

Gli altri:    (Applaudendo) Bravo!

Rosario:    Vi è un però: io sto mentendo. ‘A verità è che nun m’è piaciuto proprio niente!

                   Chisto è ‘o peggio spettacolo ch’aggio fatto pe’ colpa vosta! Gli attori facevano

                   pena, i costumi peggio, e dei suggeritori non ne parliamo proprio!

Salvatore: Rosà, ma...

Rosario:    Silenzio! Nun aggio fernuto ancora! Per finire volevo dirvi: trovatevi un’altra

                   cosa da fare, la compagnia è sciolta.

Gli altri:    (Si alzano in piedi protestando) Uhé, uhé, ma…

Rosario:    Silenzio! E’ inutile che protestate. Io sono Rosario Cacace. E allora avessa faticà

                   cu’ gente comm’a vuje? Siente ccà ‘e che cugnomme: Caccamo, Caccavale,

                   Marrone, Bisogno, Le Feci...! ‘E che cumpagnia ‘e merda!

                   Ed esce via verso sinistra seguito dagli altri che lo contestano.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno