Ieri oggi… romani


Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/mhd-01/www.ateatro.info/htdocs/wp-content/themes/consulting/partials/content-post_details.php on line 8

Notice: Trying to get property 'slug' of non-object in /home/mhd-01/www.ateatro.info/htdocs/wp-content/themes/consulting/partials/content-post_details.php on line 8

Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/mhd-01/www.ateatro.info/htdocs/wp-content/themes/consulting/partials/content-post_details.php on line 9

Notice: Trying to get property 'slug' of non-object in /home/mhd-01/www.ateatro.info/htdocs/wp-content/themes/consulting/partials/content-post_details.php on line 9
Stampa questo copione

IERI OGGI… ROMANI

di Lucia Rosa Gorini

Fondale:   Roma di sera,  un muretto che rappresenta la spalletta del lungo

                 Tevere. Un vecchio , con una lunga tunica, seduto e pensoso.

                 Qua e là in posizione accovacciata, sette ragazzi che

                 rappresentano i sette colli. Entra  una ragazza cantando

                 "Roma Capoccia",

                 Ad un certo punto s'affaccia al muretto guarda giù e s'interrompe

                 immediatamente

.

                                                ROMA CAPOCCIA

                                                     (A. Venditti)

RAGAZZA:                     Quanto sei bella Roma quand'è sera

                                          quando la luna se specchia dentro ar  fontanone

                                          e le coppiette se ne vanno via, quanto sei bella Roma

                                          quando piove.

                                          Quanto sei bella Romaquand'è er tramonto

                                          quando l'arancia rosseggia ancora sui sette colli

                                          e le finestre so' tanti occhi, che te sembrano

                                          dì: quanto sei bella

CORO                               Oggi me sembra che, er tempo se sia fermato qui.

RAGAZZA:                     Vedo la maestà der Colosseo,

                                          vedo la santità der cuppolone...

RAGAZZA:  Oddio, ch'è successo! Er Tevere... er Tevere nun c'è sta più.

                        Oh mamma mia, nun c'è sta più. Ah Nando, corri a vede, er Tevere

                        è sparito, corri.

NANDO:        Aho, e ciai raggione. E ch'è successo? Voi vedè che se sò fregati

                        pure er fiume. Ma. . . n'è che so' stati l'alieni; vatte.un po' a fida'

                        de li stranieri.

RAGAZZA:   Cori, va a chiamà li pompieri, il 113, movite.

NANDO:       Si coro, ...ma, spetta, lì c'è quer vecchio, sentiamo mò chiediamo a lui.

                        Ehi, voi, a  quell'omo, Ma avete visto gniente, sapete che je

                        successo ar Tevere?

VECCHIO:    (sollevando la testa)  Piano, piano, che stai a fà tutta stà caciara.

                        E sta bbono nò!

NANDO:       Aho, ma questo vestito così, qui a quest'ora, me puzza. Tiette pronta

                        a scappà.

                        (rivolto al vecchio)  Ma voi che ce potete dì? Qui er Tevere è scomparso.

VECCHIO:    Ma che scomparso e scomparso. Nun esageramo. Aò, mo uno nun se pò

                       prende un momento de riposo, pè stassene in santa pace a pensà a li

                       fatti sui, che subbito succede er finimonno

RAGAZZA:               Come sarebbe a dì un momento de riposo! Io nun capisco più niente.

                       E che, pure er fiume mo se riposa. Ma tu, che stai a di, sei matto!

VECCHIO:                No, ferma: E tu stà bbono, no! Mo te spiego. Io so..., io so... ,

                        (pomposamente)  io so er Tevere!

 NANDO:         Co..., come? Ma che stai a dì, ma come pò esse? (Rivolto alla ragazza)

                        Lo dicevo io che era matto.

VECCHIO:     Mo c'ho da fà pè famme crede. Te dico che so er Tevere!

NANDO:                   e perchè te saresti fatto omo?

VECCHIO:    Beh, me pare che tra voi usa che quando uno se vò giustificà de

                       quarche cosa, dice: "Ma mettite nelli panni mia". E io ho voluto

                       provà davvero a metteceme nelli panni vostri, pe cercà de capì quello

                       che sta a succede.

RAGAZZA:  E perchè, che sta a succede de tanto particolare?

VECCHIO:    Ah, perchè voi non v'accoregete de gniente, dormite da piedi!

                       Ma come, io nun posso più respirà da quanto  m'avete inquinato l'acqua,

                       i sorci me se magnano pure le mutande! Intorno c'è un tale  casino che

                       nun riesco più a chiude un occhio nè giorno nè notte, e pè voi non

                        succede gniente. E se nun credete a me, ve faccio sentì quello che ne

                       pensano  sti amici miei, che conoscono sto posto come me.

                       Dai, Esquilino, Viminale, Gianicolo, Aventino, Palatino,  Celio,

                       Quirinale, alzateve, nun vè vergognate,  fateve sentì.

7 COLLI:                   (Alzandosi lentamente) Ecchece!

                                                QUATTRO AMICI

                                                         (G.Paoli)

CORO:                              Siamo noi i 7 colli qua

                                          stiamo qui a veder  passare il mondo

                                          tante cose abbiamo visto che

                                          mostran come l'uomo sta cambiando

                                          abbiam visto passar davanti  noi

                                          pastorelle ed amorini qua

                                          e poi eserciti guerrieri

                                          che partivan tutti fieri

                                          pronti per il mondo conquistar.

                                          E noi siam rimasti sempre qua

                                          anche se l'aspetto ci han cambiato

                                          l'uomo nasce cresce e se ne va

                                          noi restiamo qui a guardare il mondo.

VECCHIO:                                                                                                                                                         Dite un pò pure voi. La Roma de oggi è come quella de na vorta?

I COLLE:        No, nun c'è proprio paragone.

                       Io c'iavevo le pecorelle a pascolamme in groppa, mo' c'ho ducentomila

                       palazzi che manco gliela faccio più a reggeli.

QUIRINALE:            E dillo a me, io già so vecchio e poi dai che tutti me passano su e giù

                       co' sta storia de "salì al Quirinale"  che tra un po' sarò consumato fino

                       all'osso.

III COLLE:                E si, 'n c'è gniente da fa, er passato era sicuramente mejo.

                                                  VECCHIA ROMA

                                                         (M. Ruccione)

                                         Vecchia Roma sotto la luna nun canti più

                                          li stornelli, le serenate de gioventù!

                                          Er progresso l'ha fatta granne ma 'sta città

                                          nun è quella 'ndo se viveva tanti anni fa.

                                          Più nun vanno l'innamorati pe' Lungotevere

                                          a rubasse li baci a mille là sotto l'alberi

                                          e li sogni sfojati all'ombra d'un cielo blu'

                                          so' ricordi d'un tempo bello che nun c'è più

                                          e li sogni sfojati all'ombra d'un cielo blu

                                          so' ricordi d'un tempo bello che nun c'è più.

NANDO:       Ma questi sò i soliti discorsi de li vecchi, che dicono sempre

                        " il passato è meglio!"

VECCHIO:     A sì, e sai  mò che famo, te lo faccio proprio vede, così te convinci.

                        Partimo proprio dall'incomincio... Dunque..." C'era una volta"...

SCENA II

Si apre la scena sulla campagna romana

VECCHIO:     C'era una volta un guerriero, di nome Enea, che dovette dà scappà dar

                       paese suo,

                       che se chiamava Troia, perchè li Greci javevano dato foco e quello, naviga naviga,

                       arrivò là 'ndove io me butto ner mare "

                                                   VAGABONDO

                                                         (Nomadi)

 CORO:                             Io un giorno crescerò

                                          e nel cielo della vita volerò

                                          ma un bimbo che ne sa,

                                          sempre azzurra non può essere l'età.

                                          Poi una notte di settembre mi svegliai

                                          il vento sulla pelle

                                          sul mio corpo il chiarore delle stelle

                                          chissà dov'era casa mia

                                          e quel bambino che giocava in un cortile!

                                          Io vagabondo che son io?

                                          Vagabondo che non sono altro

                                          soldi in tasca non ne ho

                                          ma lassù mi è rimasto Dio

ENEA:            (Rivolto ai suoi)    Finalmente siamogiunti nel luogo che gli dei ci hanno

                        assegnato per fondare una nuova città. Nel mio destino è già segnato che io

                        prenderò in moglie Lavinia, una principessa delle genti che vivono qui.

LAVINIA:     Ma che mo' va tutto a rotoli? Ero già promessa all'omo de. . . turno.

ENEA:           E adesso arrivo io, l'uomo del FATO e nello scambio c'hai pure guadagnato!

LAVINIA:     Se lo dici tu!!

ENEA:           E tu, Ascanio, figlio mio, sarai il progenitore di una stirpe che fonderà

                        una città Roma che porterà le sue bandiere in tutto il mondo.

ASCANIO:     E io sarò degno di tale glorioso destino.

VECCHIO:    Senti , senti sti guerrofondai: E da gente poi al giorno d'oggi vonno caccià via sti

                        pori extra-comunitari. E mica se ricordano che pure l'antenati loro venivano da lì.

                       . . .e poi, pè seguità il discorso, tra li discendenti de sto tizio, fra cugini, parenti

                       vari, scappa fori na vestale, na specie de monica, che fra n'occhiata ar foco sacro e

                       l'altra, je ce scappa de scaldasse anche con Marte, e scappa qua e scappa là, ce so

                       scappati i due gemelli.

                        A proposito:  "A Lupaaa! scenni giù dar Campidoglio, viette a fà un giretto e viè

                       a raccontà a sta gente. . . la storia de Romolo e Remo".

                        (Arriva la lupa cantando spunta la lupa dal colle)

                                                   SPUNTA LA LUPA DAL COLLE

                                                      (P.Bertoli: Spunta la luna dal colle)

CORO:                              Spunta la lupa dal colle, spunta la lupa dal colle

                                          spunta la lupa dal colle, spunta la lupa dal colle.

                                          In fondo alla valle tra boschi e sorgenti

                                          la lupa s'aggira furente.

                                          E' in cerca di un po' di cibo

                                          la sete la spinge al fiume,

                                          nessuno la può avvicinar.

                                          Spunta la lupa dal colle, spunta la lupa dal colle,

                                          spunta la lupa dal colle!

                      

LUPA:             Ecchime. . .fiume balordo, fai il duro. . .è vero, ma quella mattina, che hai

                       trovato er cesto co quelle du criature che piagneveno, anche tu sei commosso

                       Io stavo su la riva e me so arrivati sti ragazzini sotto i denti, ma me piagneva

                       core de magnalli, che se 'nvece li avessi magnati, avrei risparmiato tanti guai

                       ar monno.

                       Questi che ereno più affamati de me, già 'mpuniti da piccoli, se so attaccati alle

                       zinne e se so messi a succhià senza creanza.

NANDO:                                                                                                                                       E poi come sono finiti li gemelli?

LUPA:                                                                                                                                            A forza de latte bono, latte de lupo, je s'è fatto anche er carattere e er fisico der

                        lupo e non c'era nessuno capace de fermalli

                                 Entrano in scena Romolo e Remo cantando:

                          "Fatece largo che passamo noi

                           

                                       LA SOCIETA' DEI MAGNACCIONI

                                                (Folklore)

INSIEME:                        Fatece largo che passamo noi,

                                          li du gemelli figi de la lupa.

                                          Semo ragazzi fatti cor pennello

                                          e le ragazze famo innamorà.

CORO:                              Ma che ce frega, ma che ce importa

                                          se nun ciavemo de che campà

                                          ciavemo idee, ciavemo voglia

                                          e poi la grana arriverà.

                                          Ma però noi semo quelli che

                                          che fondammo na città

                                          e sarà quella famosa Roma

                                          che tutto er monno dominerà.

REMO:                                                                                    A Romolè, qui er tempo passa e bisogna comincià a pensà de trovasse

                          ' n lavoro

                          sinnò nun se magna.

ROMOLO:                 E che penseresti de fà. . .

REMO:                       Co tutta sta terra de nessuno, la coltivamo . . .

ROMOLO:                 Ma che ciai l'acqua          ner cervello, te vo spezzà la schiena e fa 'l

                          coltivatore diretto . . . io avrebbe pensato de fa 'n paese . . . 4 case . . .na

                          piazza, du condomini de lusso e . . .l'affitamo.

REMO:                       L'idea non è male, ma da 'ndo se comincia?

ROMOLO:                 Semplice . . . cominciamo a fa le fondazioni co l'aratro e famo capì che qui c'è

                          'l cantiere . . .

REMO:                       E si te dicheno quarcosa?

ROMOLO:                 Che me frega . . . pago er condono. A Remo nun perde tempo. porta qua

                          l'aratro e scava er sorco.

                 (Romolo scava il solco e poi mette il cartello "Città di Roma")                   

              se entra a pagamento . . . targhe pari. . .

REMO:         E me canzoni!! Come sarebbe a dì, c'ho da pagà pur'io?

ROMOLO:    E certo . . . la pensata è mia e ciò tutti li diritti riservati.

REMO:         Ma io so tu fratello, semo parenti.

ROMOLO:    Solo li sordi so parenti fra loro.

REMO:          Io passo  e me ne frego.

ROMOLO     Si passi senza pagà te dò na botta ne la capoccia che te stenno.

REMO:          Ma tu guarda sto palazzinaro 'mpunito, provace 'n pò?

              (Remo salta il solco e Romolo prende la pala e gliela dà sulla testa)

ROMOLO:                 Ce senti? O sei sordo?   ( Si gira rivolto agli altri)

                          Mo avete capito come funziona? Cominciamo a dasse da fà . . . e tanto pe

                          capì chi è Ciccio e chi è Don Ciccio da sto momento me farete er

                          santissimo piacere de non chiamamme Romolo, ma per fa prima basta RE.

                                                       SEI UN MITO

                                                       (M.Pezzali: 883)

CORO:                              Sei un mito, sei un mito per noi

                                          noi ti seguiremo sempre dove tu vorrai andar.

                                          Sei un mito, sei un mito perché

                                          se tu re vuoi diventare, noi tuoi sudditi saremo.

                                          Sei un mito, sei un mito per noi

                                          noi ti seguiremo sempre dove tu vorrai andare.

1^COMPAGNO:     Si ma er Re senza la Reggina, che senso cià?"

2^COMPAGNO:     Tocca trovasse le donne

ROMOLO:             Qua vicino ce stanno i Sabini che cianno certe femmine troppo bone pe loro,

                                 annamo là e se le prendemo.

                 (Escono i romani, entrano i sabini e subito dopo i romani)

                                                  

                                                   RATTO DELLE SABINE

                             (Folklore sul motivo Oh quante belle figlie madama Dorè)

ROMANO:                       Oh quante belle donne Sabino che c'hai,

                                          oh quante belle donne

SABINO:                          So' belle e me le tengo qua strette pe' me,

                                          so' belle e me le tengo

ROMANO:                       Il Re ne vo' quarcuna da portà co' sè,

                                          il Re ne vo' quarcuna  

SABINO:                          Si le volete prenne dovete lottar,

                                          si le volete prenne 

ROMANO:                       Pe' queste belle donne siam pronti a pugnar,

                                          Sabini state in guardia (2 volte)

          

                                                       (ZUFFA)

                              

                                                  MA 'NDO VAI

    

CORO                            Sì, lo sai,

                                       senza le donne ma 'ndo vai

                                       mio bel romano,

                                       prenditi la mia mano.

                                       Ce ne andrem

                                       e Roma noi popolerem,

                                       vieni con me

                                       insieme noi vivrem.

                                       Vengo con te,

                                       felici noi sarem.

SCENA III

VECCHIO:            Romolo fu er primo de sette re, sotto i quali Roma da piccolo villagio

                              diventò' na potenza, anche perchè, nun certo pacificamente, se pigliò tutte

                              le terre che li vicini sua, compresi quei pori Etruschi tanto civili.

                                                   SI PUO' DARE DI PIU'

                                                         (G.Morandi)

CORO:                          Si può fare di più

                                       conquistare vogliam

                                       tante terre che poi

                                       spartirem tra noi

                                       un esercito siam

                                       di guerrieri ed eroi

                                       e vogliam conquistar

                                       sempre di più, sempre di più,

                                       sempre di più.

UN COLLE:              Ma li romani, se stufarono pure de li Re, li cacciarono, e vollero provà la

                              Repubblica.

ALTRO COLLE:  Aho, l'unica cosa de cui nun se stufavano mai, era de fa la guerra.

3 COLLE:             Le legioni marciavano impettite pe' sottomette l'altri popoli e nun solo

                              pe' tutto ,lo stivale, ma pure in Africa, dove s'annarono a 'ntuzza'

                              co li Cartaginesi.

                     (Entra in scena Catone, passa dicendo: CARTAGO DELENDA EST.)

VECCHIO:          E quelli erano tosti, mica je bastò na' guerra sola. Tra ic e oc passareno

                             più de cent'anni e ce vollero tre guerre.

NANDO:             Ma stai  parlà delle guerre puniche!

VECCHIO:           E già, "puniche" perchè quelli erano puni, sarebbero a dì "impuniti".

                     (Entra nuovamente Catone dicendo: CARTAGO DELENDA EST).

VECCHIO:          E più impunito de quelli era n'certo Annibale, fratello de Asdrubale,

                             e figlio d'Amilcare, che addirittura s'enventò da arrivà a Roma

                             de sorpresa passando pe' le Alpi co li lifanti.

                     (Ripassa Catone: CARTAGO DELENDA EST)

RAGAZZA:        Ma chi è questo che passa e ripassa e nun se capisce quello che dice?

VECCHIO:          Quello è Catone, detto "er Censore" e stà a di, nella lingua sua latina,

                              che s'a da distrugge Cartagine, perchè se no la guerra non finirà mai.

                            

                                                IL BALLO DEL MATTONE

CATONE:                      Dovete da sentirmi, perchè a lungo ci pensai

                                       Così non può durare, non la finiremo mai

                                       perciò, perciò, perciò ripeto all'infinito

                                       si deve distruggere Cartagine.

CORO:                           Perciò, perciò, perciò ripete all'infinito

                                       si deve distruggere Cartagine.

CATONE:                      Da tempo ve lo dico, ma nessuno vuol sentir

                                       perchè Roma trionfi questa strada è da seguir

                                       perciò, perciò, perciò ripeto all'infinito

                                       si deve distruggere Cartagine.

CORO:                           Perciò, perciò, perciò, ripete all'infinito

                                       si deve distruggere Cartagine, Cartagine.

VECCHIO:          Però, nà cosa bisogna dilla. Quello fu er periodo delle virtù. Tutti erano

                             leali, onesti, rispettosi dello Stato.Nun solo non rubbaveno, ma l'unico

                             scopo della vita loro era servì la patria, a qualunque costo.

NANDO:                   Proprio come mò.

                        (Entra in scena Muzio Scevola e attilio regolo)

                                                                       PAPAVERI E PAPERE

M.SCEVOLA:               Io son Muzio Scevola grande guerrier

                                       bruciai la mia mano su ardente bracier

                                       non essere riuscita ad uccidere il nemico re

                                       la volli punir.

A.REGOLO:                 Attilio Regolo invece io son

                                       che in veste d'ostaggio a Cartagine andò

                                       ma qui in un barile chiodato fui chiuso e da sù

                                       rotolato fin giù.

INSIEME:                     E qui noi siamo ora a dimostrare

                                       il gran valor delle virtù romane.

CORO:                           E tutti i cittadini d'età repubblicana

                                       son grandi, grandi, grandi,

                                       son grandi, grandi, grandi.

                                       Leali, prodi e onesti e con virtù morali

                                       ai grandi d'ogni tempo

                                       d'esempio resteran,

                                       d'esempio resteran.

                  (Entrano in scena le oche)

1^ OCA:                     E noi, che ve siete scordati de noi!?

2^ OCA:                     Noi, che pure passamo sempre da sceme, semo state

                             messe a guardia der Campidojo.

3^ OCA:                     E quanno Brenno, co li Glli sua, de notte cercò de entrà

                             a Roma pe' conquistalla, semo stati noi, a forza de strillà,

                             c'avemo svegliato li Romani e avemo così sarvato la città.

             

                                                 IL BALLO DEL QUA QUA

                                                               (Al Bano)

OCHE:                           Quando Brenno giunse qua

CORO:                           Quando Brenno giunse qua

OCHE:                           Ci voleva conquistar ah, ah, ah.

                                       E di notte lui arrivo'

CORO:                           E di notte lui arrivo'

OCHE:                           Per poter a Roma entrar ah, ah, ah.

                                       Ma alla porta del torrion

CORO:                           ma alla porta del torrion

OCHE:                           con noi oche si scontrò ah, ah, ah.

                                       che svegliammo i gladiator

CORO:                           che svegliammo i gladiator

OCHE:                           con il nostro qua, qua, qua,

CORO:                           Qua, Qua, Qua,Qua.

                                       Se tu vuoi guardare, di chi ti puoi fidar,

                                       non pensare al cane, prendi le oche

                                       col qua, qua, qua.

VECCHIO:     E l'anni passano! Roma se ngrandisce sempre di più. A forzaa de guerre

                        e guerrette se piiarono le terre de li Etruschi, poi dei Liguri, dei Sanniti e dei

                        Siculi,finchè arrivo Caio Giulio Cesare, che, come sanno tutti quei pori studenti

                       che per anni so' stati costretti a studiasse er " De Bello Gallico ", conquistò

                        La Gallia, sarebbe a dì la Francia, la Britannia che oggi se chiama Inghilterra

                        e fece pure n' sarto in Egitto. E qui se fregò co' le mani sue, perchè s'annò

                        a 'nnammorà de Cleopatra.

                                               (Entrano Cesare e Cleopatra)

CESARE:          A Cleo', allora che t'avevo detto! E' bello sta a Roma, eh. E tu che nun ce

                           volevi venì.

CLEOPATRA:  Mah, guarda l'unico motivo per cui alla fine ti ho accompagnato e che

                           volevo provare i benefici di queste terme di Stigliano, di cui si parla tanto

                           bene. Ma, per il resto, preferivo il sole, il caldo de l'Egitto mio.

                                                     ROMA, ROMA

                                                        (A Venditti)

CESARE:                      Roma, Roma, Roma

                                       t'ho portato qua

                                       vivi su li sette colli

                                       c'è er Tevere che scorre

                                       e ogni comodità.

CLEOPATRA:              Ma che d'è sta Roma,

                                       num ce vojo stà

                                       stavo tanto bene al Cairo

                                       e mo' me tocca corre

                                       appresso a  questo qua.

CESARE:                      Poco fori Roma

                                       te vorrei portà

                                       alle terme de Stigliano

                                       i fanghi e l'acqua bona

                                       fan bella diventà...

CLEOPATRA:              Qua vicino a Roma

                                       me conviene annà,

                                       si me conservo bene

                                       rimorchio Marcantonio

                                       e questo po' smammà

CORO:                           Roma, Roma, Roma:

VECCHIO:     Come se sa' Cesare fece na brutta fine, perchè quell'impunito der nipote suo,

                        Bruto, l'ammazzò a pugnalate, perchè, diceva Cesare,voleva diventa'

                        addirittura imperatore.Ma tanto nuncambiò gnente, perchè, quello che

                        comannò dopo de Cesare, Ottaviano, se nominò da sè imperatore e tutti

                        quelli che vennero dopo furono imperatori. Quarcuno nun me lo ricordo

                        più, ma quarc'artro, e chi se lo po' scordà! Nerone:Nerone,per me, fu er mejo.

                        Pe' non parlà de la moje sua, Poppea, che er nome suo era già tutto 'n

                        programma.

                                                       (Entrano in scena Nerone e Poppea)

POPPEA:        Nerò, senti, io nun ne posso proprio più de tu madre Agrippina. O je lo dici

                        tu de nun impicciasse de li fatti mia, o ce penso io. Je faccio du occhi così

                        je strappo tutti quei capelli tinti che s'artrova, così vedi che je 'nsegno io

                        a stà r monno.

NERONE:                                                                                                                                      A Poppe', e lassame perde. Nin me rompe li zibidei. Io ci' ho gi tanti

                       problemi de li mia da pensà!

                       Devo fa 'llagà er Colosseo, che nun je la fà più  smaltì tutti sti Cristiani.

                       Li leoni che c'avemo sò tarmente sazi che nun alzano manco più la testa, e

                       quelli novi nun arrivano per lo sciopero dei dazieri. Le cloache traboccheno,

                       le strade sò piene de buche. Me sò stufato. Mo' la trovo io la soluzione.

                       'Nber focheraccio che pulisce e scalcagnifica tutto, e chi s'è visto s'è visto.

                                                         MA L'INCENDIO

                                                     (R.Arbore: Ma la notte)

NERONE:                   Qui dobbiamo rifare tutto quanto da capo

                                    con l'incendio sì,

                                    la città va rifatta poi dal primo mattone

                                    con l'incendio sì,

                                    io do' foco alle case e mi metto a guardare

                                    con l'incendio sì

                                    poi la lira io prendo e mi metto a cantare

                                    con l'incendio sì

CORO:                        Roma, la distruggi così

NERONE:                   Roma, la sistemo così.

CORO:                        Ma l'incendio

NERONE:                   Sì l'incendio

CORO:                        Ma l'incendio

NERONE:                   Sì l'incendio Sì. (Ripetere)

VECCHIO:       E me ricordo pure Vespsiano, c'ha legato er nome suo a quei gabbiotti

                         per soddisfà li bisogni corporali, che serv'ognuno, sprofumano ch'è n' piacere.

                         E tanti altri che disfeno tutto quello che era stato fatto prima.

                                                

                                                      (BOTTO)

NANDO:           Ahò, e che succede?

TUTTI:               Gniente, è crollato l' impero romano.

SCENA IV

VECCHIO:     E co' lo sfasciamento dell' impero, cominciarono a calà li barbari che se

                        scontreno co li Romani, nun ce furono nè vincitori nè vinti, anzi uscì fori

                       er mondo der Medio Evo. Mo li vedrete ner ballo come so' diversi li

                       Romani e li barbari e . . . quelli che verranno.

                                          BALLETTO ROMANI E BARBARI

                 

                       (Entra Attila)

ATTILA:        Io so' Attila, er flagello de Dio.'Ndo passo io, nun cresce più manco l'erba,

                        e così me ricorderanno tutti li posteri.Anche se, dovete da sapè, che io in realtà

                        ero uno buono, uno pacifico, che amavo li fiori e piagnevo quanno dovevo

                        ammazzà tutta quella pora gente.

                        Oggi direbbero che ero uno svantaggiato, uno "socialmente deprivato", co li

                       complessi di inferiorità che me spignevano a distrugge le cose che ammiravo.

                        Ma a quei tempi la zicologia nun c'era e a me me tocca restà nella storia

                       co' st' etichetta de barbaro feroce.

                              

                                                   L'ANNO CHE VERRA'

                                                               (L. Dalla)

ATTILA:                     Caro amico ti scrivo per stabilire la verità,

                                    tutti han sempre detto che barbaro fosse Attila.

                                    Tutti ti han sempre detto che il flagello fui di Dio,

                                    ma io son tenero e buono sai e mi interesso all'umanità.

CORO:                        Vedi caro amico, cosa ti scrivo e ti dico

                                    e come sono contento di poter dir finalmente,

                                    vedi, vedi, vedi, vedi,

                                    vedi caro amico, la verità tutta intera

                                    per poter riderci sopra e rivedere la storia.

ATTILA:                     Caro amico ti scrivo per stabilire la verità,

                                    tutti han sempre detto che barbaro fosse Attila.

                                    Tutti ti han sempre detto che il flagello fui di Dio,

                                    ma io son tenero e buono sai e mi interesso all'umanità.

VECCHIO:           E così er titolo de "Imperatore" passò agli stranieri. Ma li romani, che te

                              fanno? Mica ce staveno a perde d'importanza e così misero a capo

                              della città er Papa, che disse " Tutti quelli che vonno esse imperatori

                             pe' davvero, devono venì a fasse benedì da me". E così cominciò la

                             fila di sti vandali. Er primo fu Carlo detto Magno, che veniva dalla

                             Germania, che prima però d'annà dar Papa, volse per annasse un po'

                             nelli dintorni de Roma.

                 (Entrano in scena Carlo Magno, Emengarda, alcune donzelle e guerrieri)

CARLO:               Uhm, bonen faciolen con cotichen, bonen damen! Io essere molto

                             contento di ozi, specialmente dopo crandi guerre con saxonen!

                             Venite fanciullen, andiamo a passeggiare al chiaro di lunen!!

EMENGARDA:  Carlo aspettami vengo anch'io!

CARLO:               No tu no!

EMENGARDA:  E perchè?

CARLO:              Perchè no!

                 (Emengarda scoppia a piangere)

CARLO:              Senti Emengarden, tu mi hai stufaten con lacrimen end lamentazioni,

                             io ti ripudio! Sali sul tuo cavallen e vattene a Milanen in conventen:

                             ho decisen!

EMENGARDA:  Oh no!     (si rivolge alle ancelle e canta)

I ANCELLA:             No, mia Regina, non piangere.

II ANCELLA:           Rassegnati al tuo destino: il convento ti attende.

                                       LA SOLITUDINE                                             

EMENGARDA:         Carlo mi ha lasciata e non mi vuole più,

                                    mi ha messa su un cavallo e mi ha mandato via.

                                    con i suoi paladini pensa a battersi,

                                    ed io rimango qui da sola a illudermi;

                                    che ci ripensi e venga presto a prendermi,

                                    sarà anche Magno ma per me è un ipocrita,

                                    son triste qui "sparsa le trecce morbide"

                                    come Manzoni un giorno canterà.

                                    Chissà se lui si pentirà, se con gli amici parlerà

                                    di Emengarda che, lontana è ma pensa solo a lui;

                                    qui sola non ne posso più i lunghi giorni senza te

                                    parlare è inutile, nessuno c'è che si occupi di me.

                                   

                                    Non è possibile dividere la storia di noi due,

                                    ti prego pensaci amore mio riprendimi con te.

                                    La solitudine fra noi

                                    questo silenzio dentro me

                                    è l'inquietudine di vivere

                                    la vita senza te.

                                    Ti prego pensaci perché

                                    non posso stare senza te

                                    non è possibile dividere

                                    la storia di noi due.

                                    La solitudine...na, na, na...

CORO:                        Na,na, na. . .

                                    Non è possibile dividere la storia di noi due,

                                    Ti prego pensaci amore mio riprendimi con te.

                                    La solitudine fra noi . . .

CARLO:         Miei prodi: è giunta l'ora, a malincuoren dobbiamo alzaren

                        i tacchen e andare a Roma mi aspetta una mag-nifica incoranazionen

                        in San Pietro.

                                    SEI DIVENTATA NERA

                                                            

CORO:                        E lui se ne va a Roma, Roma, Roma

                                    per farsi incoronare, impertor.

                                    E lui se ne va a Roma, Roma, Roma

                                    per farsi incoronare, impertor.

                                    La via non è lunga

                                    il Papa ti aspetta

                                    ti vuole vedere

                                    per farti saper

                                    che tutto il mondo mette

                                    nelle mani tue

                                    che be-e-e-llo.

                                    E lui se ne va a Roma, Roma, Roma

                                    per farsi incoronare, impertor.

                                    E lui se ne va a Roma, Roma, Roma

                                    per farsi incoronare, impertor.

SCENA V

VECCHIO:          Ma li  Papi, e ce credi che se accontentsassero d'ave' er potere

                             spirituale? Ma manco per sogno! Vollero pure le terre e le richezze.

                             finchè se presero er centro d'Itlalia.

                       (Entra il Papa vestito da soldato)

RAGAZZA:                                                                                                                                                        E tu chi saresti?

PAPA:                  E nun me vedi, so er Papa! So Giulio II!!

NANDO:                   Er Papa, vestito da Sordato?

PAPA:                  Embè, nun lo sai che er Papa deve sape' fà tutto? Qui, capirai, come

                             me giro n'attimo c'è quarcuno che me vo fregà le tere e io me devo da

                              difende. Presempio mo c'ho Cesare Borgia, er Valentino, che perchè

                             è fiio de n'artro Papa, dice che la Romagna è sua. E io c'ho da fà!

                             Capirai, tra lui e su sorella Lucrezia, l'avvelenatrice, sò du vipere.

                                                

                                               ROMAGNA MIA

                                                     (S. Casadei)

CORO:                           Sento la nostalgia d'un passato

                                       ove la mamma mia ho lasciato

                                       non ti potrò scordar casetta mia

                                       in questa notte stellata

                                       la mia serenata io canto per te.

                                       Romagna mia, Romagna in fiore

                                       tu sei la stella tu sei l'amore

                                       quando ti penso vorrei tornare

                                       dalla mia bella, al casolare.

                                       Romagna, Romagna mia

                                       lontan da te, non si può star.

        

                       (Entra Lucrezia con dama)

LUCREZIA:        Quanto me sta antipatico stò Papa! Me piacerebbe proprio daje un

                             po' della medicina mia.

DAMA:                Ma perchè, è malato?

LUCREZIA:        Ma c'hai capito. N' po' de belladonna!

DAMA:                 E che de'?

LUCREZIA:        Ah, ma sei arretrata tanto! E' n' veleno, è il segno mio de riconoscimento.

                              Altro che Chanel n. 5, Vendetta, Egoiste!

                        (Agitando la veste) Belladonna, Belladonna, Belladonna! Questo si che

                             furmina. Chi l'ha bevuto, nun se lo scorda più.

                                             TRINCA TRINCA

CORO:                           E trinca, trinca trinca buttalo giù con una spinta

                                       poi vedrai che bella festa.

                                       La medicina che Lucrezia propina

                                       stai tranquillo è questa qua.

                                       Lucrezia Borgia lo serve ad ogni orgia

                                       ogni fiasco, un fidanzato.

                                       Un po' di veleno, se l'è bello e scordato

                                       Mai nessuno la fermerà.

                          (Esce Lucrezia e Dama riappare il Papa con un cardinale)

GIULIO II:           E mettice un po' na pezza. (Rivolto al Cardinale)

                              Passamo un po' ad argomenti più seri. Chi s'è presentato pè

                             sta appalto de la casa?

CARDINALE:          Ma du poveracci d'imbianchini: uno de Roma, un certo Raffaello

                             e 'n toscanaccio certo Michele, Michelangelo boh!

GIULIO II:                Falli entrà va!

                          

                          (Entrano Raffaello e Michelangelo litigando)

RAFFAELLO:          No, tu non c'hai raggione. La figura umana deve essere leggera,

                                    bella, aerea.

MICHELANGELO: Ma oh che tu dici tutte biscarate: i muscoli, i muscoli s'an da mettere

                                    in rilievo!

PAPA:                         Aho, e n've sa na de finilla! E sò anni che andate litigando

                                    tra voi, Leonardo e Botticelli, ognuno dice la sua, e noi che

                                    dovemmo da decide a che appaltà sti lavori nun ce capimo più

                                    gnente, tant'è ce costate poco!

                          (Rivolto a Raffaello)  Vediamo un po' Raffae', tu che intenderessi fa'

                                    pè sto palazzo mio.

RAFFAELLO:           Bene, io vedrei degli affreschi che descrivono le vostre gesta.....

                            (Michelangelo avvicinandosi al Cardinale)

MICHELANGELO:             Ah, Cardinà m'hai da dà na mano. Ricordate, se vinco io sarai

                                    ricompensato.

CARDINALE            Ricompensato come!?

MICHELANGELO: Ti va bene il 10 per cento?

CARDINALE:          E famo er 15.

MICHELANGELO: E va bene, ma attento, non frai il grullo eh!

                             ( Si avvicinano il Papa e Raffaello)

PAPA:                         E tu Michelangelo

MICHELANGELO:             Io ho già spiegato tutto al Cardinale.

CARDINALE:          E' vero, è un progetto veramente nuovo ed interessante.

                                    Per me non c'è dubbio.

PAPA:                         Va be', me fido de te. Raffae', me dispiace ma. . . .

RAFFAELLO:           Zoticoni, non capite niente.

                                                         CANZONE

PAPA:                            Progettame un bel palazzo

MICHELANGELO:     Il palazzo gnur no, gnur no.

PAPA:                            Affresca la sacrestia

MICHELANGELO:     La sacrestia gnur no, gnur no

PAPA:                            Si nun me la voi fa, in cella te metterò

                                       Si nun me la voi fa, manco un sordo io te darò

CORO:                           Si nun me la voi fa in cella te metterò

                                       Si nun me la voi fa manco un sordo io te darò.

PAPA:                            Progettame un cupolone

MICHELANGELO:     cupolone gnur si, gnurr si.

PAPA:                            affrescame na cappella

MICHELANGELO:     la cappella gnur si, gnur si.

PAPA:                            E quando sarà finita Sistina chiamerò

                                       la gente da tutto il mondo per sempre l'ammirerà.

CORO:                           E quando sarà finita Sistina chiamerò

                                       la gente da tutto il mondo per sempre l'ammirerà.

SCENA VI

                         (Il sipario si apre su una scena della Rom dell'800. Lungo-Tevere,

                       Osteria, due tavoli, uno con popolani e l'altro con cospiratori)

VECCHIO:           (rivolto ai due ragazzi)  E così semo andati avanti pè du' secoli.

                              La gente ha continuato a sopportà sti Papi, che, un po' cor bastone

                              e un po' co' la carota, riuscivano a tenelli boni. Ma poi cominciò a soffià

                              un vento de protesta che partì dalla Francia e se allargò in tutta Europa.

                              E ve pensavate che noi a Roma, nun ce buttavamo a capofitto?

I POPOLANA:    E' no! Proprio vero, anche noi der popolino ce semo ribellati, e per anni

                              le strade de Roma so' diventate barricate: volevamo contà de più e

                              avecce li stessi diritti de tutti.

II POPOLANA:        E mettece pure che adesso tutto er resto d'Italia se stà a unì per

                              diventà Nazione sotto un Re e solo noi dovemo da restà fora perchè

                              er Papa non vole perde er regno suo?

I POPOLANA:    Io te devo dì la verità, pe me chi comanna comanna, io voglio

                              l'Italia Unita perchè così sai quanti bei giovanotti piemontesi

                              arriveranno?

II POPOLANA:        Ma che dici? Se manco se capisce quanno parleno!

I POPOLANA:    E che te frega? Mica li aspetto pe parlacce!

                                                PIEMONTESINA

                                                     (Folklore)

CORO:                           Vengono i Piemontesi

                                       son tutti alti e belli

                                       dicono che son fratelli

                                       portan la libertà.

                                       Noi li aspettiamo ansiose

                                       l'accoglierem festose

                                       sai quante belle ore

                                       insieme a lor passerem.     

I POPOLANA:     (Rivolta al tavolo dei popolani dove siedono Rugantino e un compagno)

                             Aho! Rugantì, la senti questa? Dice che aspetta li piemontesi perchè

                              so mejo de te!

COMPAGNO:      E tanto Rugantino c'è abituato, mica se la pija!

RUGANTINO     Ma come te permetti, a 'mpunito! Tu non devi da offenne nè me nè la

                              donna mia, se no te spacco er core e te spedisco a fa la terra pe l'arberi

                              pizzuti.

COMPAGNO:      E dai, provace se c'hai l faccia, io nun c'ho paura de te!

                                                           (RISSA)

                                 

                                                            RUGANTINO

                                                           (A.Trovajoli)

CORO:                           Porcaccia la miseria

                                       nun c'ho niente da fa

                                       Mannaggia la miseria

                                       nientissimo da fà;

                                       e rompo li stivali

                                       a tutta quanta la città,

                                       perchè, 'n c'ho niente da fà.

                                       Rugantinì, Rugantinà,

                                       nun c'ha mai voja de lavorà

                                       Rugantinì, Rugntinà,

                                       tutta sta forza chi te la dà.

                              (All'altro tavolo dei cospirtori)

I COSPIRATORE:    Ma smettetela! E' possibile che voi state sempre a litigà,

                                    in un momento così difficile per la nostra città?

I POPOLANO:           E perchè? Che c'è de novo?

II COSPIRATORE:  (rivolto al I cospiratore)  Sta zitto, non rispondere che si ce

                                    copreno le guardie che stamo a cospirà contro il Papa a preparà'

                                    er terreno pe' l'arrivo de l'esercito italiano, finimo sur patibolo a

                                    Piazza der Popolo!

III COSPIRATORE:  (entrando in scena correndo)  Bersaglieri hanno sfondato

                                    a Porta Pia! Er Papa s'è chiuso in Vaticano e noi semo liberi.

                                    Viva l'Italia, viva Roma Capitale!

                                             VIVA LA MAMMA

                                                   (E.Bennato)

CORO:                           Viva l'Italia,

                                       possiam gridare infine

                                       Viva l'Italia,

                                       saremo uniti dalle Alpi a Palermo

                                       uniti e liberi noi.

                                       Viva l'Italia,

                                       possiam gridare infine

                                       Viva l'Italia,

                                       in bene in male ancora Viva l'Italia

                                       insieme e liberi noi.

                                       Siam tutti in piazza a cantar, fieri,

                                       la libertà ce l'abbiam, ora,

                                       viva l'Italia anche se,

                                       ci teniamo anche il Re,

                                       Siamo italiani.

SCENA VII

               (In scena si vede il Parlamento con un cartello 1870. Tutti chiacchierano,

               si litigano le poltrone.)

VECCHIO:                Si, viva l'Italia, viva Roma capitale e così nel 1870 se riunì er

                                   primo Parlamento dell'Italia Unita.

PRESIDENTE:          Onorevoli colleghi, silenzio mantenete la calma le poltrone ci

                                   sono per tutti. Dò lettura dei punti all'ordine del giono:

                                    1) Stabilire l'entità della nuova tassa sul macinato.

                                    2) Decidere se aumentare le imposte dirette o quelle indirette.

                                    3) Programmare interventi nel mezzogiorno per combattere

                                   la disoccupazione e il brigantaggio.

                                    4) Definire i criteri per il servizio militare obbligatorio.

                                    5) Programmre interventi sostegnodella lira che perde potere a seguito

                                    dell'unificazione nazionale.

                                    6) Aumentare le indennità agli onorevoli che viaggiano per

                                   raggiungere Roma.

                              (Tutti sì)

VECCHIO:                 E queste erano le grandi questioni dell'Italia nel 1870.

RAGAZZO:               A vecchio, ma che sti a dì. L'altro giorno la TV parlava de stì

                                   problemi che se stanno a discute mò!

VECCHIO:                E infatti stanno ancora ar punto de partenza.

                                    (Si rivede il Parlamento con cartello 1995. Presidente donna)

PRESIDENTE:           Onorevoli colleghi, silenzio, mantenete la calma le poltrone ci

                                   sono per tutti. Dò lettura dei punti all'ordine del giorno:

                                    1) Stabilire l'entità della nuova tassa per l'occupazione

                                   del suolo pubblico.

                                    2) Decidere se aumentare le imposte dirette o quelle indirette.

                                    3) Prograammre interventi nel mezzogiorno per combattere la

                                   disoccupazione e la criminalità organizzata.

                                    4) Definire i criteri relativi all'obiezione di coscienza.

                                    5) Stabilire interventi a sostegno della lira che perde potere a seguito

                                   dell'unificazione europea e della crisi nazionale

                                    6) Aumentare le indennità agli onorevoli che viaggiano per

                                    raggiungere Roma.

                              (Tutti si)

                                            SOLDI, SOLDI, SOLDI

CORO:                           Tasse, tasse, tasse,

                                       ci servon tanti soldi,

                                       i beneamati soldi perchè,

                                       chi ha tanti soldi vive come un pascià

                                       e a piedi caldi se ne stà.

                                       VIVA I SOLDI.

                                       Soldi, dare e avere,

                                       c'è da aumentare le tasse su tutto,

                                       tasse, tante tasse

                                       per respirare tu devi a noi pagar.

                                       Soldi, soldi, soldi,

                                       di bella filigrana

                                       e di monete d'oro perchè,

                                       chi ha tanti soldi vive come un pascià

                                       e a piedi caldi se ne stà.

                                       VIVA I SOLDI.

VECCHIO:             E mò capite perchè me sono stufato e vojo riposamme un pò?

                                 Nun ne posso più de sentì sempre le stesse chiacchiere, tutti

                                 arriveno e prometteno mari e monti, de cambià, de fà, de impegasse

                                 e invece le cose non cambieno mai, anzi, più se va avanti e peggio

                                 è pe' Roma. Sembra sempre che tutto se risolva e nun so bastati

                                 l'anni santi, l'Olimpiadi, i campionati mondiali. Mo stamo a aspettà

                                 er Giubileo, ma io ce credo poco.

RAGAZZO:                                                                                                                                            Ma daje, su, nun perde la speranza. In fonno, prorpio tu ci hai fatto

                                 vedè che Roma alla fine ha sempre superato tutto: è sopravvisuta a li

                                 re, all'impertori, a li barbari, a li papi, a tutti li governi.

                                 Tutti se ne vanno, e Roma resta lì e guarda passà li secoli, e. . .

                                                         GRAZIE ROMA

                                                            (A.Venditti)

CORO:                           Dimmi cos'è

                                       che ci fa sentire amici anche se non ci conosciamo

                                       dimmi cos'è

                                       che ci fa sentire uniti anche se siamo lontani

                                       dimmi cos'è, cos'è

                                       ch'è forte, forte, forte, forte in fondo al cuore

                                       che ci toglie il respiro

                                       che ci parla d'amore.

                                       Grazie Roma

                                       che ci fai piangere e abbracciarci ancora

                                       Grazie Roma

                                       Grazie Roma

                                       che ci fai vivere e sentire ancora una persona nuova.

                                        . . . . . . . . . . . . . . .

                                       Dimmi cos'è, cos'è

                                       quella stella grande, grande in fondo al cielo

                                       che brilla dentro di te

                                       e grida forte, forte dal tuo cuore.

                                       Grazie Roma

                                       che ci fai piangere e abbracciarci ancor

                                       Grazie Roma

                                       Grazie Roma

                                       che ci fai vivere e sentire ancora una persona nuova.

                                       Dimmi chi è

                                       che me fa sentì importante anche se nun conto niente

                                       che me fa re

                                       quanno sento le campane la domenica mattina

                                       dimmi chi è, chi è

                                       che me fa campà sta vita così piena de problemi

                                       e che me dà coraggio se tu nun me voi bene.

                                       Grazie Roma

                                       che ci fai piangere e abbracciarci ancora

                                       Grazie Roma

                                       Grazie Roma

                                       che ci fai vivere e sentire ancora una persona nuova.

VECCHIO:           Aho', va bè m'avete convinto, forse è mejo che ritorno a fà er

                             fiume, a esse er testimone de Roma, a vedè passà su li ponti

                             sempre gente nova che s'affanna, ride o se dispera m poi nun se sa

                             come, s'enventa un modo pe campà e trova un posto tutto pe loro.

TUTTI:                  Così è sempre stato e così sarà IERI, OGGI . . .ROMANI.

                                              AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA

                                                              (J.Dorelli)

CORO:                           La storia qui finisce, e vogliamo ringraziar

                                       chi ha avuto la pazienza di starci ad ascoltar

                                       abbiam ben lavorato e speriamo che anche voi

                                       vi siate divertiti a stare insieme a noi

                                       scoprendo che la storia è quasi sempre ugual.

                                       Ed ora ad uno ad uno vogliamo richiamar

                                       gli amici che con noi sono stati a recitar

                                       per qui mostrare a tutti che questa gran città

                                       con la sua lunga storia ha detto al mondo che

                                       cadendo e risorgendo comunque eterna è.

                                       La porta sempre aperta, la mano sempre tesa

                                       la porta sempre aperta la mano sempre tesa

                                       la porta sempre aperta la mano sempre tesa

                                       il fuoco sempre vivo la luce sempre accesa

                                       Ciao, ciao, ciao, ciao,

                                       ciao, ciao, ciao, ciao,

                                       ciao, ciao, ciao.

                                       La storia qui finisce e vogliamo ringraziar

                                       chi ha avuto la pazienza chi ha avuto la pazienza

                                       di starci ad scoltar,

                                       gli amici a questo servono a stare in compagnia

                                       sorridi al nuovo ospite, non farlo andare via,

                                       dividi il companatico, raddoppia l'allegria,

                                       aggiungi un posto a tavola e così . . .

                                       così sia.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 18 volte nell' arco di un'anno