III^ penale

Stampa questo copione

Ethan Frome

 

III^ PENALE 4

Commedia in due atti

DI

ANGELO ROJO MIRISCIOTTI

III PENALE – Commedia corale seria –  17 U. e  7 D.- durata 110 minuti Sinossi : Il vecchio Tribunale della Vicaria a Napoli con la sua varia umanità che ne percorre le aule…Storie minime di sofferenza, a volte condite di ironia a volte di comicità…un acquerello coloratissimo di vita vera e passionale…E nel Tribunale  tutti i personaggi consueti : avvocati,giudici,uscieri,imputati,

parenti di vittime e di malandrini,soprattutto parenti perché è su di costoro che ricade il male fatto dai delinquenti…Il finale incentrato su di un verosimile fatto di cronaca nera apre una piccola finestra di speranza per tutti coloro che dolorosamente hanno a che fare con una Sezione Penale….

Napoli                                              29    marzo  2005                                                                    


III^ PENALE

                    

DI

ANGELO ROJO MIRISCIOTTI

Personaggi e tipi

1.Cerino, usciere del tribunale

2.Ciruzzo, ragazzo del bar

3.Avvocato Salemme

4.Avvocato Montespina

5.Avvocato Porsenna

6.Carmela, donna delle pulizie

7.Lo Cicero, piantone

8.Maresciallo Cocuzza

9.Appuntato Pilato

10.Assunta, una popolana

11.Chiappetta, testimone falso

12.Miale , come sopra

13.Gabriele,un giovane

14.Lillina

15.Titina

16.Sisina, ragazze del Lavinaio

17.Don Ciccio, capo mastro

18.Samuele, muratore

19.De Notatis, Giudice Corte Appello

20.Sansone, Pubblico Ministero

21.Sparacio, Cancelliere

22.Generoso Pollice, un criminale

23.Melina, sua figlia

24.Filumena, sua madre


III^ PENALE

di

ANGELO ROJO MIRISCIOTTI

I  ATTO

LA SCENA RAPPRESENTA IL LARGO CORRIDOIO ANTISTANTE L’INGRESSO DELLA III^ SEZIONE PENALE DEL TRIBUNALE DI NAPOLI. L’AMBIENTAZIONE E’ TRASCURATA,IL LAMBRINO MURALE SBRECCIATO,I BUSTI DEI RETORI E DEI LEGULEI DEL PASSATO SONO COPERTI DI POLVERE,MENTRE AMPIE LESIONI SFREGIANO LE VECCHIE PARETI. AL SIPARIO IN SCENA C’E’ AL CENTRO L’AVVOCATO DOMENICO SALEMME.UN MIOPE E GRIGIO SESSANTENNE,VERO PAGLIETTA CHE LEGGE FATICOSAMENTE DELLE CARTE TENENDOLE ACCOSTO AGLI OCCHI.C’E’ ANCHE UN ADOLESCENTE,CIRUZZO RAGAZZO DEL BAR,IN GIACCHETTA BIANCA CON IN MANO UNA GUANTIERA DI BRIOSCES ED UN THERMOS DA CAFFE SOTTO IL BRACCIO. IL GIOVANETTO SBIRCIA CURIOSO DALLA PORTA APERTA DELL’AULA DI TRIBUNALE DALLA QUALE PROVIENE UN CONCITATO BRUSIO.

DOPO QUALCHE ATTIMO ESCE DALL’AULA L’USCIERE MATTEO CERINO,UN VECCHIETTO CALVO E CON UNA GIACCA GALLONATA TROPPO GRANDE PER LE SUE MISERE SPALLE.

Cerino      :  (dando la voce in giro)..Avvocato Montespina…..Avvocato Montespina….!!..Ma addò cacchio sta…??.Montespina…!

Salemme     :  (abbassando le carte)..L’avvocato Montespina sta fuori alla Settima…tiene il processo Serpieri…c’è l‘appello in corso..non può mancare..

Cerino    : ..ma quello il Giudice De Notaris  già l’ha chiamato due volte..Mo’ mi ha mandato a me a cercarlo…se non lo trovo va  a finire che sospende l’udienza…

Salemme   : ma quando mai….rispondo io alla comparsa…teng’ 'a 'mmasciata..

Cerino      :   ….ma quello De Notaris ‘o sape  buono ‘a Montespina….

Salemme  :     Cerì,nun me fa ridere…...pare ca nun staie pure tu trent’anne cca ‘ncoppo… mo rispondo io  all’appello  e mi qualifico associato alla difesa …po’ piglio tiempo ....cu’ quatto stroppole…tergiverso..e dongo ‘o tiempo a Montespina ‘e saglì… po’ isso si regola per la cortesia ricevuta…

Cerino     :      e dopo il poi voi vi regolate con me che vi tengo bottone….è vero..?Mo vi servo io…con permesso….(si muove e  urla verso l’interno dell’aula)…..Eccolo..!..eccolo..viene…!

Salemme  : ( a Ciruzzo)..guagliò..corri subito alla Settima e avvisa a Montespina..’o sai….quello col pizzetto rosso…digli così che dieci minuti massimo e deve stare qua…io tanto posso reggere…(infilando per un attimo la testa nella III Sezione)…ecco Montespina..!Ci siamo..…Guagliò curre..!

Ciruzzo     :   ..ma io nun me pozzo movere a cca …aggia vennere…Mo' d’a Quarta escene 'e pariente d’’o Camurrista  che ha avuto trent’anne…Chille teneno ‘a vocca amara e vonno vevere…

Cerino     :   Cirù…nun fa l’indisponente e curre 'a Settima..si no chiammo ‘e Guardie e te ne faccio caccià a cavece ..accussì na vota e pe' sempe a fernisce 'e vennere  'o cafè cca 'ncoppa….

Ciruzzo   :     accussì ‘o putite vennere sulo viue..

Cerino  :    (aiutando Salemme ad indossare una sdrucita e  vecchissima  toga)..scostumato…scostumatone ed ignorante…..prima di tutto io sono un funzionario del Tribunale..e poi tengo l’autorizzazione del Giudice Campagnuolo ca dice sempe ca ‘nu  cafè comm’o mio so’ pigliava solo mmano ‘a bonanema d’a mamma…

Voce        :   (dall’aula )  Montespina.....Avvocato Montespina….!!

Salemme  :    un attimo,..viene…!Guagliò,tiè piglia…questo è per te! (il ragazzo si ferma speranzoso di una mancia)..Tiè..Andando andando porta questa pratica al Cancelliere Perrella alla Settima….

Ciruzzo    :    io che me credevo…hi che ghiurnata ch’è schiarata…!

Salemme :   ah... guagliò…aspetta…. dimenticavo (il ragazzo si ferma di nuovo sicuro della mancia)..Damme ‘na bella graffa..nci’a porto a papà ca ne va pazzo…mettila dentro a due bustine…sai per l'unto.....

Ciruzzo    :  (eseguendo)....sono mille e duecento lire…

Salemme  : ( fingendo di frugarsi)..niente...tengo solo pezzi grossi….va..va ....po’ facimmo unu cunto……..

Ciruzzo  :     Madonna mia bella ,famme na grazia..una sola....scanzame da ‘e cliente avvucate…(si avvia indolente)

Voce      : (arrabbiata dall’interno)..Avvocato Montespina…!!!

Salemme :  (avvolgendosi nelle toga con ampio gesto)..Viene..!

DALLA PARTE SINISTRA DEL CORRIDOIO PROVIENE ASSUNTA UNA GIOVANE DONNA DEL POPOLO MISERA MA DECISA.RECA PER MANO DUE BAMBINELLI DI QUATTRO, CINQUE ANNI ARREPEZZATI ALLA MEGLIO COME LEI.

Assunta   : (all’usciere)..Bell’O’..è qua il processo Esposito e Porricelli.?

Cerino     : nonzignore…cca ce sta il “delitto Pollice…”…

Assunta  : e  sapite addò sta maritemo…tiene causa alle undici …..Esposito…..

Cerino    :...è avvocato..?

Assunta  :  no rapinatore...!…Esposito Vincenzo….Comme..!..Il famoso bandito ‘e l’ova fresche...!

Cerino  :... il bandito ‘e l’ova fresche...?

Assunta  : eh, ‘o chiammano accussì pe’ comme fa ‘e rapine  insomma… mio marito appena vede a via Roma ‘na bella femmena elegante…cu ‘a pelliccia, l’avvicina ‘a guarda e tomo tomo però cu n’aria acciaccosa le dice  “Zucculò, t’è mise n’ata vota ‘a pelliccia ‘e mia moglie..!! Io ti avevo ordinato di non farlo maie più..!Leva. ‘a pelliccia..Jammo…Levatella!!”..e ‘nce commincia scippà ‘a pelliccia a cuollo...

Cerino     :  ma pecchè ‘a pelliccia overo è ‘a soia..?

Assunta  : quando maie..è come si dice...un trucche..A gente ca passa dice “ va buo’ sono cose tra amanti ..famme fa ‘e fatte mieie! Garda e non interviene…

Cerino    :e ‘a femmena elegante se sta…?

Assunta  . no… ‘a femmina ‘o soleto giustamente  resiste..allora a questo punto interviene Porricelli..il suio compare associato..e poh!..’nce schiatta ‘nu bell’uovo frisco dinto ‘o cuollo d’a signora..chella p’o schifo se  leva ‘a pelliccia..allora  Porricelli l’acchiappa  a volo e se ne fuie...!

Cerino  : Gesù Giuseppe e Maria..ma...chiste so’ nummere.. chest’è overo ‘nu Teatro!!

Carmela  : meglio d’o Teatro.....tutto studiato..’o fatto ‘e chesto mariteme è n’artistone...Mo avite capito chi è..????...Esposito..Esposito Vincenzo...è cunusciuto...il bandito Esposito...!!!

Cerino  :    eh, avite ditto ’o bandito Giuliano….ma chi cazz’ ‘o sape a chist’ Esposito…e po’ cca ce stanno chiù ‘e ciento prucesse ‘o juorno..si vulessemo sapè tutto a memoria…

Assunta   : ma io dint’a stu casino comm’ ‘o trovo a maritemo…?

Cerino     : si deve guardare il Ruolo..in Cancelleria Generale….

Assunta   :  e io capisco ‘o Ruotolo…..’a cancelleria d’ ‘o Generale…???

Cerino : jammo buono…Signò….e vi ho pregato…iate..iate ‘a Cancelleria…(sorseggiando placidamente un caffè)….ca tenimmo che fa…andate al piano di sotto….alla stanza 23..ce sta un altro usciere comm’a me...un certo Piscopo…tiene un grande registro ..po’ essere ca isso sape quacche cosa..Guè..( ad uno dei bimbetti che ha toccato una carta sul tavolo)..e te stai fermo o no..? cheste so’ carte importante..so’cose ‘e legge…!

Assunta    : ‘E carte ‘e legge.! Cheste..? Chillo sta jucanno ‘e nummere ‘’o banculotto..’e carte ‘e legge..! Jamme  belle ‘e mammà……

Cerino  : ...signò..levatemi una curiosità...ma pecchè vostro marito usa l’ove fresche...???

Assunta : ..Uh Gesù…pecchè cu chelli facete s’arruvina ‘a pelliccia..e doppo a chi cazzo ‘a vennimmo chiù....Jammo a mammà...... …..jamme a vedè a papà…   ESCE TRASCINANDO I BIMBI

ENTRANO DA SINISTRA DUE SQUALLIDI INDIVIDUI , CHIAPPETTA E MIALE, TESTIMOMI DI PROFESSIONE....IL PRIMO ALTO, EMACIATO, MAGRISSIMO, INFILATO IN UN TRENCH BISUNTO,PETTINATO CON IL BRILL-CREAM, L’ALTRO PICCOLO ROTONDO, STRETTO IN UNA GIACCHETTA STRETTA PER LUI, CON UNA CRAVATTA A NODO PICCOLA COME LA FANNO I TRAPPANI. PORTA IN GIRO  UNA FACCIA STOLIDA DA INGENUO CRONICO…E’ LA SUA MASCHERA DA TESTIMONE…!

Chiapp.  : (ALL’ USCIERE)..Cerì...è accumminciato il “ Pollice”..?

Cerino  : hai voglia..stanno parlanno ‘a mez’ora..

Miale  : ‘o vì…e pur’ogge avimme fatto tarde…ed è sempe colpa toia…si stato vinte minute a leggere carte....  a dicere strunzate..a perdere tempo prezioso…

Chiapp. : io non ti rispondo nemmeno perché sei un imbecille..ma comme “simme state a  perdere tiempo..?”..quello era il montaggio della strategia testimoniale..,informazioni, dettagli,precedenti..fa parte del nostro mestiere..Mià..noi qua sopra non possiamo sbagliare…noi stiamo sulla lama del rasoio...e allora dobbiamo essere precisi, chirurgici…

Cerino  : so’ arrivate Cotrufo e Cardarelli….!

Miale  : ...statte ‘o posto tuoio,usciè…Piuttosto hanno chiamato il testimonio Miale..?

Chiappetta  : ..o il teste Chiappetta..?

Cerino  : ..no ancora…state ancora a tempo pe’ l’intervento…’o paziente sta già sotto anestesia..

Miale  : ancora fai lo spiritoso..? Ma comme te permette…?..noi siamo dei professionisti,…anzi direi quasi…degli artisti..

Cerino  : e comme no..gli artisti della palla..gli acrobate d’a testimonianza fa…

Chiappetta : (tappandogli repentino la bocca e guardandosi attorno) facile..!...della testimonianza facile e sicura.. e in quanto tale: inappellabile..! (gli infila un mezzo sigaro in bocca)…favorisci  un sicario..(sottovoce) e vide si perde a lengua…!!

Miale  : ( irato)...trasimmencenne dinto  Chiappè si no a ‘stu viecchio pure ‘o struppeio…

Cerino  : overo...?..si..? Tu mi stroppei... e io sa cha faccio..? :. chiudo il fluido sicreto delle informazioni processuali..e doppo ’e  facite c’o piffero ‘e testimoni fa..…

Chiappetta : fa..favorevoli... favorevoli alla legge..all’accertamento della verità!..Cerì.., chillo Miale dice tanto pe’  pazzià..tu ’o saie ca sotto sotto te vo bene…..(allungandogli un giornale)..tiè..lieggete ‘o Roma ..lettura a gratis…modestamente...un mio omaggio..Mià, trase…! ( entrano nell’aula)

Cerino  : ‘o Roma..:.e me l’ha fatto ‘o presente…s’è sprecato..!...(legge la copertina)..Uè..ma chisto è ‘o Roma  d’aiere…!!!!(gridando verso l’interno dell’aula)..Perucchiuso..!..No..nun te può fida ‘e nisciuno ‘e nisciuno… ‘e nisciuno..

Gabriele  : ..usciere..usciere...!

Cerino : chisto n’è n’ato ca va’e pressa...Dite...

Gabriele : ..la causa Monticelli è qua..?..

Cerino   : dipende.....

Gab.        :  come dipende..?....è qua o non è qua....?

Cerino  : giovanò,voi mi dovete dire la Sezione..il giudice...l’orario...e po’ chi è  ‘stu ...Ponticelli..?

Gab.   .:  Monticelli...è papà....papà mio...le cose che mi avete chiesto non le so perché quella è stata una cosa di pressa...mi hanno telefonato a lavoro che oggi ci stava la causa di papà e di mammà...o meglio di papà contro a mammà...

Cerino : allora è una separazione...dovete andà al Civile..

Gab....: no, quale separazione..quale Civile...?..si tratta di lesioni..Mammà

             ha scassato ‘na butteglia ‘ncapa a papà...

Cerino  : salute..!...(dando la voce verso il corridoio)Avvocato..avvocato Porsenna..vedite ‘stu giovane che dice...pare ca ’a mamma ha scassato ‘na butteglia ‘ncapa ‘o pate..

Avv. Porsenna  : (che leggiucchiava in una bacheca,poi accostandosi)..’na butteglia ‘ncapa...? Allora,sarrà  la Quinta..la fanno i reati senza sangue..insomma ..’e cose ‘e poco..

Gabr.  : qua cosa ‘e poco,avvocà...trattasi di gravi  lesioni e prognosi riservata...

Porsenna : ah….prognosi riservata..? Interessante...Cerì....famme ‘o piacere..vammi a prendere tre pacchetti di Cesterfield...( ammiccando)..uno è per te...

Cerino   : ( come per dire ti ho procurato una bella consulenza  e tu così te ne esci..)….Uno..? solo uno…?

Porsenna : ..e poi vediamo eh...vai...(Cerino esce)... Lo Cicero..! (ad un poliziotto che mangiucchia un panino)..siente cca...tu che stai nel ramo : lesioni gravi e prognosi riservata...addò po’ essere.?...io dico alla Quinta...

Lo Cicero :  ( con marcato accento siciliano)..... della Quinta o della Sesta trattasi.....qua alla Terza fanno chiù cose grosse : delitti di Onore...omicidi conclamati ...stragi ...per una butteglia ‘ncapa vossia deve  vedere al piano di  sotto..Come ci dissi alla Quinta o alla Sesta...

Carmela: ( è una anziana e  grassa donna delle pulizie con un secchio e la ramazza che si avvicina curiosa)..ma quando maie..giovane nun ‘o state a sentere a chisto..chillo a parte ca è siciliano..sta ‘a poco cca ‘ncoppo..io invece qua  esercito da cchiù ‘e trent’anni e tengo esperienza...

Lo Cicero  : Bedda Matri,issa esercita..?...quella donna di pulizie è e lava in terra...Esercita...e si vuole ammisurare co noiautri ca del mestiere siamo...

Porsenna : uè..uèèè.. mo v’avisseve appiccecà...?..guagliò..se vuoi una risposta precisa ci devi dare notizie dettagliate...Comm’è stato ‘o fatto...

Gabriele  : e ve l’ho detto...papà e mamma litigarono pe cose de’ loro e l’appicceco fernette a piatte ‘nfacccia..Insomma...”io pe’ me... tu pe te!!...Tu si chesta.. tu si chest’ato..!”...dint’o casino,papà s’abbuscaie ‘a butteglia giusto  cca ( mostra giusto il centro della fronte)..dopo mammà chiamò la Croce Rossa... mettette a papà tanto bello a dinto all’autoambulanza e dopo si andò a costituire ai Carabinieri con i piedi suoi...

Lo Cicero  : sempre fortunati i cari colleghi della Benemerita......a noijautri della Polizia se costituisse mai una fetusa...

Gabriele  : amico,badate come parlate..mammà nonn’è fetusa proprio per niente..anzi.....in effetti fu un appiccico familiare ....un contrasto tra persone perbene che si amano profondamente...

Lo Cicero  : minchia....chisto pecchè si amano.. profondamente...

Porsenna : Lo Cì..e per favore...Amico..che fu un appiccico tra coniugi si è capito....ma in buona sostanza...quale fu il casus belli..?

Gabriele  : il che...?

Carmela  : ( traducendo pratica ) ....il motivo dell’appicceco..

Gabriele  :ah...il caso bello fu ....la focosità di mio padre...!

Carmela  : la focosità..? E che significa..?

Lo Cicero : la passione..la virilità incontenibile...la forza amorosa tendente all’amplesso vigoroso e possibilmente ripetuto...Fai parlare a mia ca modestamente in quanto siciliano, maestro di carnalità sono..

Carmela  : ma fatt’a llà...tenimmo ’O maestro....

Gabriele  : insomma mammà stanca delle aggressioni intime si dev’essere rifiutata...

Carmela  : Madonna delle crastolelle..che si deve sentire..’na femmena ca vatte a n’omme pe l’eccesso di amorosità..me fosse capitato a me col mio povero Pasquale ca senz’offesa era ‘a reclame d’a debulezza......ma pecchè Avvocà..mo’ è reato a fa l’ammore...???

Porsenna : che c’entra ..reato no,ma l’amplesso coniugale deve essere convenuto...bisogna che tutti e due gli amanti lo vogliano insieme....insomma deve accadere i due coniugi con tenerezza.. si uniscano essendo ambedue pienamente consenzienti...invece a quanto mi è dato di capire..papà..provò ad ottenere il dovere coniugale con la forza...

Gabriele  : si....

Lo Cicero  : allora stupro fu...!!!

Gabriele : ma quando mai..quello papà è una persona così amabile..a mammà l’adora..lui le prime due volte lo chiede sempre regalando un fiore...

Carmela  :  quantè bello..lo chiede con il fiore ….le prime due volte nella settimana...???

Gabriele  : no...nella mattinata...

Lo Cicero  : minchia..!!!   ma perché dopo mangiato papà. persevera..?

Gabriela  : si capisce..almeno tre volte entro la giornata..la notte poi non le contano...e noi figli d’altra parte non ce ne accorgiamo...

Porsenna :  Gesù Giuseppe e Maria..e questi duie non sono normali... e chella povera femmena ave pure ragione…’o Pate ‘e chisto è nu mostro..

Carmela  : avvocà, ma qua mostro..?…ce ne stessere ‘e sti mostre cca...si l’uommene fossero tutte accussì noi femmine non avessimo fatto il Femminismo...ce fosseme accontentate tanto bello...io p’a’ parta mia m’avesse miso pure ‘o Burquà…

Gabriele  : senza contare ca a papà mio tutte sti tarantelle ci fanno pure male ..quello sempre settantacinque anni tiene...

Lo Cicero : settantacinque..?e chisto fenomeno è …!!..altro ca siciliano...

Carmela  : Madonna mia bella....’o bene mio...!...alla salute..

Porsenna  : giovane...il caso è complesso...da trattare con le molle...quà per niente, se la causa non è ben gestita ci scappano dieci anni per tentato omicidio.Ma dite, giovanò,voi l’avvocato lo tenete..no...?

Gabriele  :..no...

Porsenna  : e un lavoro..un lavoro lo tenete...si..?

Gabriele  : faccio il commesso da Gutteridge....

Porsenna  : ho capito..ma denari...denari ne tenete ...si..?

Gabriele  :   tengo qualche risparmio...cinque ..seimila euro...

Porsenna  : bene..molto bene...allora venite..con me...quà giovane per voi ci vuole un vero esperto..e cascate bene perché io modestamente esperto lo sono...Andiamo..andiamo..(prende il giovane sotto braccio)...Ah, dimenticavo..quello che è giusto è giusto..Lo Cì..dite a Cerino che i pacchetti di sigarette per lui passano a due...Andiamo...(declamatorio,falsamente saccente)......Lex dura lex sed lex..avete capito.? No ..meglio comunque.....”est modus in rebus”...”in hoc signo vinces...” ..“memento audere sempre”... “ad maiora”…venite..venite, Ponticè..

Gabriele   : ..Monticelli….

Porsenna   : si….Monticelli,Ponticelli..è ‘o stesso..Pro Lege… Pro Justitia idem ibidem est..!…è tutt ‘o stesso….a mammà vostra ci penso io...cammenate Ponticè…...!

                                                                  

I DUE ESCONO CONFABULANDO……SOLO DOPO POCHI ATTIMI

DALLE SCALE CHE AFFACCIANO SULL’AMBIENTE SI ODE PROVENIRE UN BRUSIO CHE MANO MANO DIVIENE PRIMA  VOCIO FEMMINILE ..POI ULULIO..POI  UNA VERA E PROPRIA GAZZARRA..ENTRANO TRE BELLE GIOVANI POPOLANE DEL LAVINAIO : TITINA, BRUNA, CON VARI  CEROTTI  SUL NASO E SUL VISO,SISINA,CON UNA GRAN GARZA TRA I CAPELLI TINTI ROSSO FUOCO E SISINA, FALSA BIONDISSIMA, CON UN BRACCIO FASCIATO AL COLLO. SONO TUTTE E TRE VESTITE IN MODO SGARGIANTE E PROVOCATORIO,TIPICO DI FASCE SOCIALI CHE VIVONO IN STRATI ULTRA POPOLARI QUASI AI MARGINI DELLA LEGALITA’

Titina  : ( a voce alta)..pecchè tu nun ce l’avisse ditto..!!??

Sisina  :  ( con lo stesso tono) ‘nce l’avesse ditto..? io ce l’avesse cantato e sunato...a chella diece ‘e vrenzola...

Lillina  : chella pruvasa.!..ah..ma si ‘a ‘ncoccio cca ‘ncoppo le voglio tirà tutte ‘e capille ‘a capa..

Titina  : ave ragione ca so asciute l’uommene ‘mmiezo..si no vedive che ‘a combinavo...m’’a mettevo sotto e....

Lillina    :...ah,ma si l’arrivo a acchiappà a sola a sola...e si..accussì ‘a Pacchèra, si essa nu me manteneva, me puteva  scassà ‘a zuppiera ‘ncapa.....chella zuzzosa scurnacchiata...!

Lo Cicero: guè...guè..embè....ma che vi credete ca state al Mercato...?..Silenzio...questo Tribunale è...

Sisina   : (come chi è abituato a non rispettare per niente i rappresentanti della legge)..e chiste mo chi è...?..avessema da cunto a n’ato..?

Titina  : ( sfrontata)...giuvanò, facitence fa..... si no... pe’ comme stammo... ce iate pe’ miezo pure vuie,...!!!

Lo Cicero : io...? Uh, Santa Rosalia...’sti fimmine me minacciarono...a mia....! A un Brigadiere in servizio effettivo permanente e di piantone...Ah, ma quanto è vero  ca mi chiamo Rosario Lo Cicero..un’altra parola  li arresto a tutte quante ..!

Lillina  :.(ponendosi sfacciata e tosta con aria di sfida)..... A chi arrieste,’on Cì..a chi..?Pruovece..Tuoccheme e po’ vide...aggio fatto trenta e faccio pure trentuno...!

Sisina   :....’stu piecuro...!!!

Titina   : ....‘stu fraceto...!!!

Lo Cicero  : Bedda Matri...uora troppo è...piecuro a mia.??!!..fraceto a mia..? Documenti..!!...Iammuninni ..cacciate i documenti...!!!

Carmela  : (intervenendo)..guè..guè..ma che sta succerenno?..E che so’ tutte ‘sti strille pe cca ‘ncoppo..? (poi osservando e riconoscendo le donne )…Guè...Lillì...ma si tu..? ..eh,ma ch’è stato..?

Lillina  :  ...’onna Carmè..!!!!

Titina  : uh, ‘a cummara Sellitto..!...‘a sora ‘e don Rafele ‘o zelluso.....

Sisina  :...Cummà….vedite chisto che vò...nijue steveme saglienno tantu bello pe’ fatte nuoste e chisto...

Lo Cicero :... chisto,  chisto a mia..?...ancora..?...Ma Bedda Matri..adesso v’insegno io.....e voi Donna Carmela,tirarevi in là e  non vi permettete di ostacolare la Legge…

Carmela  :..’nu mumento, Bricadiè...e faciteme capì primma ch’è stato..? chesti guaglione  so’ ‘e cummerelle mie ‘e dinto ‘o Lavenaro...’e conosco buono..so’ tre bravi piccerelle...

Lo Cicero  : so’ bravi piccerelle..?..uh,e si malamente erano m’aviano già  scannato...Donna Carmela queste tre fimmine violentissime  mi aggredirono..parole inascoltabili a un masculo dissero...

Carmela  : embè..e se fa chesto.?...a Lo Cicero ca è tanto bravo...la pasta ‘e tutte ‘ puleziotte....e pe sapè che cosa  ‘o dicisteve a chisto....?

Lo Cicero : n’ata vota  “a chisto.. ”...ma io....

Carmela :... Brigadiè..facitece fa..io sto parlanno pe’ vuie...allora..che ‘o dicisteve..?

Sisina    : niente...piecuro....pecuriello..

Titina  : ....fraceto...fracetiello...

Lillina .:... ma accussì..affettuosamente...

Sisina  :   tanto pe’ pazzià...

Titina  :.....senza malizia...nuie parlammo napulitano.....po’ essere ca nu complimento l’ha pigliato ‘o cuntrario... isso è straniero...

Lo Cicero : e già..perchè io svedese sono..

Lillina : ma quale svedese..vujie site accusì bello niro niro..tipo mediterraneo..bello e impossibile con quel sapor mediorientale...

Lo Cicero  : ( vanitoso)… beh,non esageriamo...

Sisina  :  ...cu ‘sti baffe ‘a camurrista...

Titina  : n’avite fate chiagnere femmene cu’ ‘sti baffune..e chi sa ‘o riesto..

LoCicero:(solleticato nella vanità)..in effetti..modestamente...siculo sono...e allora bedde figghie...che cercate qua sopra...? Che Siete…Parenti..Testimoni...?

Titina  :… imputate...

Lillina :... a piedi liberi...!!!

Lo Cicero  : davvero..e perché...?

Sisina  : cosa ‘e niente...una rissa...lesioni...comme se dice.?..violenza privata..che altro..? ah....e disturbo della quieta pubblica..!!!

Lo Cicereo : alla faccia del bicarbonato di sodio...

Carmela :  ma no...chelle ‘e piccerelle so’ ..comme se dice.. ‘nu pucurillo vivacelle...sarrà stata ‘na cusarella ‘e femmene..è ovè..?

Lillina  :..e si capisce..chella Nunziata ‘a Zizzona è asciuta co nammurato mio Gennarino...l’hanno viste a tutt’e duie dint’a n’albergo abbascio Agnano..io so ghiuta a cercà ragione ‘e chesta ‘nfamità  a chella zucculona e ce simme appiccicate...

Titina  : vuie che avisseve fatto...?..si a ‘nnammurata vosta bella e buono se ne jeve all’albergo cu n’at’omme.....

Sisina  :  ....si ve metteva ‘e corne ...???

Lo Cicero  : (ombrandosi)..le corna a mia  ???!..impossibile..!!!

Carmela: arrassusia...‘a piccerella parla accussì....tanta pe’ fa’ n’ipotesa ipotetiche ....insomma vuie c’avisseve fatto...?

Lo Cicero  : Sangue..il sangue m’avarria bevuto di tutti i due concubini...

Lillina  : ..e invece io... c’aggio sulo scassato ‘na butteglia ‘nfaccia....!!!!

Titina  . : po’ so’ asciute ‘e cumpagne soie..

Sisina  : po’ simme asciute nujie...

Carmela : e po so’ asciute tutte ‘e  gente ‘a dint’’e vasce..

Lo Cicero : ed è succiesa la terza guerra mondiale...Ho capito... Ho capito ....e qual è il Giudice del Processo..?

Sisina  :...Taglialatela...

Carmela :... ah,... chillu coso sicco sicco dell’Ottava Sezione ...

Lo Cicero  : è una brava persona...io conosco bene il piantone fuori alla cancelleria dell’’Ottava.....un  picciotto molto rispettoso, paesano mio......magari ci metto una buona parolina...

Lillina :... fosse ‘a Madonna...Brigadiè..guardate ca io nun mo tengo...

Carmela : e chella overo nun s’o tene...io ‘a saccio...(ammiccante e con evidente doppio senso) ...Lillina tene nu’ core accussì....!

Sisina :....tanto po’ chella cu Gennarino s’è lasciata..

Lo Cicero : Dunque vediamo...Ottava sezione.. Ottava sezione .....Si...la prima porta nel corridoio..al piano di sotto...

Titina  :..E pecchè nun c’accumpagnate..?

Sisina    : e ghià..cammenammo vicino a ‘nu bellu giovane comme a vuie...

Lillina  : l’avimma fa murì ‘e ‘mmiria a chelli quatte pruvase...?

Lo Cicero  : ( Galante,vanitoso e lusingato)..prego belle figghie...da questa parte...

Sisina  : guè si ‘e cose ‘nce vanno buono stasera ci jammo fa tutte quante ‘na bella pizza..e veneno pure ‘e duie siciliane..

Lo Cicero  : Sempre a disposizione  

Sisina   :....vujie ‘e ro’ site Brigadiè..?

Lo Cicero  : Ragusa Ibla...conoscete...???

ESCONO IN GRUPPO VIVACEMENTE MENTRE DONNA CARMELA IMBRACCIA I SUOI ATTREZZI DI PULIZIA RIPRENDE A SCOPARE STANCAMENTE  E AL SOLITO BORBOTTA..

 

Carmela : e pure questa causa l’aggio risoluta...ah, si cca coppo nun ce stess’io...  e ce voglio semp’io ..si nunn’era pe’ me succedeva n’acciso e ‘nu ‘mpiso...

RIENTRA CIRUZZO IL RAGAZZO DEL BAR

Ciruzzo : ‘onna Carmè è fernuta l’udienza Pollice...?

Carmela  : a chi..?...’o fatto è a luongo...cca si nun se fanno ‘e tre...Guagliò, famme ‘o piacere da n’uocchio cca fore...io vaco a fa marenna...

Ciruzzo  : e mangiateve ‘na bella graffa..

Carmela : seh,a chi ‘a daie...chella è fritta cu l’uoglio d’e motorine..va vattenne va..    ESCE

Ciruzzo  : (annusando la guantiera)..embè..e che ce  tene  a dicere..chillo è uoglio buono..uoglio Fiat! (poggia la guantiera sulla scrivania e si accende una sigaretta)

ESCONO DALL’AULA CHIAPPETTA E MIALE..SONO AGITATI E COME AL SOLITO SI CONTRASTANO..

Chiappetta : ..ma allora si scemo...?..no..Mià tu si scemo e mi vuoi far passare un guaio a me..

Miale  :..mo ‘ìo scemo songh’io..?..tu hai incasinato tutta la deposizione..

Chiappetta : perché tu mi hai fatto sbagliare..guarda che ci stiamo giocando i nostri mille euro di parcella..

Ciruzzo       : ‘o ‘Ncigniere  e l’Architetto...!

Chiappetta : io con la mia premessa alla tua testimonianza ci avevo messo le basi..basi solidissime..

Ciruzzo  :  (indicandolo)..‘O ‘Ncigniere..!

Miale       : e io modestamente, un tocco qua....uno là , stavo completando il progetto..

Ciruzzo :  (indicandolo).. l’Architetto..!

Chiappetta : ma come si fa a sbagliare ..? Come..?..Tu dovevi solo dire..” Signor Giudice.. la mattina del 12 dicembre alle undici il Pollice stava con noi ..bevevamo un caffè al Bar  Bracco in via del Corso ...

Miale       :  ...embè..pecchè io che ho detto..?

Chiappetta  : al bar Corso  in via Bracco..!... è stato allora  che  il Giudice De Notaris  ha odorato il fieto del miccio e ti ha cominciato a guardare storto..

Miale         :... overo..?…Nun me pare..e po ‘ chill’è strabico di suo..

Chiappetta  : guè tu nun t’ea mbruglià..nuie simme testimonie serie...basta niente e perdimme ‘a clientela..

Ciruzzo  : ...ghiate a fernì galera...!

Miale     : embè ..e chi to fa fa..?..statte ‘o posto tuoio...

Ciruzzo :..sto pazzianno..beh, accunciateve ‘a vocca cu ‘na bella graffa calda calda ..prego...

Chiappetta : quase quase…..sono fresche..?

Ciruzzo  :... uscite mo mo dalla tiella..( serve)..due euro...è buona è ovè..?

Miale   :si.....(addenta )..però...non so... tiene un retrogusto strano...

Chiappetta : chillo si tu ca tiene ‘a vocca amara.. ( pagando)...

Salemme  : ( uscendo dall’aula)...vi trovate col borsellino in mano...non mi dite niente...Cirù..dammene una pure a me..

Chiappetta   : prego...avvocà favorite...( pagando)

Miale     : ...allora..tutto bene.. ?..come siamo andati...?

Salemme  : giuridicamente diciamo bene.....umanamente..’na chiaveca...tu (a Chiappetta)..vai a scagnà o giorno con l’orario..e tu (a Miale)..scagne o Bar Bracco  cu ‘a via Bracco..meno male che c’ero io che ho apparato...quando vi hanno mandati via ho fatto un’arringa ca a gente la dinto sta ancora murmurianno..

Chiappetta : ( curioso)...overo...? e che avete detto...? e che avete detto...?

Salemme  : mi sono aggiustato la Toga..accussì, ‘o vì....mi sono schiarito la voce ed ho detto   “Hem,hem...Signor Giudice, Signori della Corte,Signori e Signore Giudici Popolari..Inclito Pubblico....”

Miale        : bravo...! e po’...   e po’..?

Salemme  : ...i due testimoni testè ascoltati...sono due poveracci...due mentecatti...due esseri inebetiti dalla vita...

Chiappetta  :.... Ma chi..?...nuie..?

Salemme  : eh,vuie..! e sentite..dunque..” ..le loro balbettanti asserzioni sono di certo frutto di menti di certo  labili e  non già di mala fede..abbiate comprensione di questi due miserabili..

Miale           : ....ma chi ..? noi..?

Salemme  : sempre voi..e zitte...dicevo...”...suvvia Signori della Corte....non badate a quanto dicono costoro.......apprezzate invece in loro la solerzia di buoni, onesti e probi cittadini che vengono, con tutti i loro limiti e le loro miserie, a scagionare un innocente..!!!!” Uhà....modestamente ...un’arringa che non si sentiva dai tempi di De Marsico..!Il Giudice de Notaris si è commosso e con le lacrime agli occhi ha detto “ basta, Avvocà, per me basta così..andate..andate pure .. la seduta è aggiornata a lunedì..”

Ciruzzo : ....io nunn’aggio capito niente...

Chiappetta  : e ho capito io...vieni Mià ..jammuncenno...(sarcastico) ca l’avvocato Salemme  stammatina bontà sua c’ha fatto proprio ‘na bella pubblicità.

Salemme : mio dovere...ah...e quando venite lunedì..dovete portare il certificato di sanità mentale se no il Giudice ha detto che non vi  ascolta nemmeno...

Miale     : Avvocà..non vi bastiamo a ringraziare..vieni Chiappè...cca si stammo n’atu poco ce arrestano proprio...ESCONO

Salemme  :  (avviandosi dall’altra parte)...e pure questa è fatta..la Giustizia è servita...l’Avvocato Montespina mi deve un altro piacere e pure qualche cosa di soldi.. 

                        

  ESCE VERSO SINISTRA..DALLA SCALA RISALE INVECE IL MESTO GRUPPETTO DELLA ESPOSITO ASSUNTA CON I DUE FIGLI...CERINO L’ACCOMPAGNA MENTRE UNO DEI  BIMBI GLI SI APPENDE ALLA GIACCHETTA..

Cerino      :..e va buò, signò..non fate così...nove mesi passano in fretta..( al bimbo)...m’a lasse ‘sta diece ‘e giacchetta..vedrete,signò...’na girata e ‘na vutata e vostro marito sta n’ata vota  a. casa soia....e ( al bimbo)...e lasseme ‘a giacchetta..!

Assunta  : ( piangendo)..ma comme..nove mesi..nove mesi per uno scippo..’na pelliccia che va vedenno era pure na mappina..m’ata credere..( sob)...mio marito ce facette sulo ciente euro ‘a coppa ...

Cerino      : e certo..però.. ( al bimbo che tira imperterrito)...Vide si chisto se sta sòno…però….dicevo ci stava pure l’aggravante della premeditazione..il colpo era già preparato nei minimi dattagli...l’uovo..il complice..era tutto studiato...

Assunta  :  ( sob)...e chillo mio marito..studianno studianno l’acchiappano una vota ‘ncoppo a doie ….nove mise so assaie..so sempe assaie..Doie criature senza pate..(urlando).. nunn’è giusto...no..nun’è giusto..!!!

Cerino :  ...ho capito...ma oltre alla premeditazione c’era pure la violenza..neh, chillo vostro marito pe’ se piglià ‘a pelliccia alla signora l’ha vuttata longa longa ‘nterra...!

Assunta  : e chella gesucrista nun lassava...ch’è colpa soia...?...E mo io comme faccio..?..comme faccio cu sti duie chiuovetielle.?..che tengo ‘a pensione..’a cassa mutua..?…chi ce da a mangià a tutte e tre..?

Cerino   : chella ‘a Madonna vede e provvede…ci metterà la mano sua..vedrete…tenite ( mette mano al portafogli)

Assunta  : ( allunga speranzosa una mano)…grazie…ma che d’è….?

Cerino  :..la Madonna di Portosalvo ..affidatevi a lei…questa qui fa dieci grazie al giorno…dietro la figurella ce sta pure la supplica..

Assunta  : ( delusa) ancora grazie ….grazie assaie ..

Cerino  : ah..( facendole una carezza un po’ troppo prolungata)…e c’è pure il mio numero di telefono…( insinuante) se avete bisogno…

 Assunta  : siiii?…e pe sapè’,o zì …..vuie comme ve chiammate…?

Cerino      :..Cerino… Matteo  Cerino …

Assunta  : Cerì..ma jate a fa ‘nculo…!!!! Jamme belle a mammà …jammuncenne ESCE TRASCINANDO  I DUE BIMBI

Ciruzzo  :..’on Pascà..ve piaceva ‘a carcioffola mammarella eh?..…e che figura ‘e merda…!!

Cerino   : Neh,fetentò..e te  vuò sta ‘o posto tuoio..?..mo te dongo ‘nu buffo..( tenta di prenderlo e di schiaffeggiarlo)..galiota…!!

Ciruzzo  : ( sfuggendo irridente) era bona  ‘a mamma d’e criature , è ovè..?

DAL CORRIDOIO DI DESTRA PORSENNA E GABRIELE…

Porsenna : che vittoria..!!…che successo giuridico..!!..Guagliò,hai visto che abilità dialettica ho tenuto..?…e dove lo trovavi a un altro legale capaciuccio come all’avvocato Giuliano Maria  Porsenna…??!Una vittoria schiacciante..!

Gabriele : Avvocà…ma io non sono troppo convinto della vittoria schiacciante ..quella mammà …per lesioni colpose … pure ha avuto tre mesi….

Porsenna   : si ma con la condizionale..quella  domani esce..sei contento..?

Gabriele  : si…però..avvocà io non ho capito troppo buono  ‘o fatto d’o sorice…che c’azzeccava  ‘o sorice int’a cucina…?

Porsenna  : Madonna mia bella e che ignoranza…Possibile che a voi ignoranti bisogna spiegare tutto col cucchiaino..?..Dunque, seguimi a me…E’ vero o no che mammà ha tirato la bottiglia..? 

Gabriele  : ...si..

Porsenna  : e a chi  ?

Gabriele   :…a papà..!!!

Porsenna  : ma no..no a papà…bensì ad un sorice che correva per la cucina…papà si trovava sulla traettoria e s’ha pigliato ‘a scasualmente ‘a butteglia ‘nfronte…hai capito mo..?

Cerino   : ( intervenendo)…ha capito..ha capito…Avvocà, ma il ferito  ha confermato ‘o fatto d’o sorice.…?

 Porsenna  :  Si capisce….quella sempre la moglie è…

Gabriele  :  si amano assaie…e  po’ la settimana che viene devono festeggiare le nozze d’oro…Papà ha già detto che a mammà.. ‘nce vo fa ‘na bella festa….una cosa che se la deve ricordare..

Cerino  :… se stessa attiento papà ca che sta vota ‘nfronte acchiappa  ‘na damigiana..

Porsenna : dunque..giovane..passiamo alla liquidazione dei miei compensi…Vediamo : con fattura professionale, al lordo di I.V.A.,I.R.A.P. spese e vacazioni  sono …duemila euro…!

Gabriele   :  Maronna mia bella …. duemila euro !! e addò e’ piglio..?

Porsenna : dai risparmi..hai detto che tieni cinque-seimila euro astipati…

Gabriele  : l’ho detto..perché se non ve lo dicevo voi a mammà mia senza soldi non la difendevate..

Cerino     :…‘e capito  “ ‘o deficiente…”..?

Ciruzzo  :…avvocà, ‘o guaglione v’ha fatto..

Porsenna  :. .. mannaggia Bubbà..Va buò..dint’a sacca quanto tieni…?

Gabriele  : duecentocinquanta euro..la mia settimana...

Porsenna  : miette cca…

Gabriele :   ma è tutto quello che tengo…

Porsenna  :..Ragazzo, ausculta (guardandolo fissofisso con uno sguardo ipnotico ed imperioso). “.Dura Lex, sed Lex.. In hoc signo Vinces..Memento audere semper..!(prende il danaro,conta) E’ chiaro..?si……e mo vattenne va ..a Maronna t’accumpagna….

Gabriele  : ( perplesso)…avvocà….???!!

Porsenna  : ..semper…!!…memento audere semper..!.. Va..va..a bona e Dio…Hi che pezzentune..!!..e accussì vonno a n’avvocato comme a me..sulu duicientocinquanta euro…

GABRIELE ESCE………CERINO CARPISCE VELOCISSIMO UNA BANCONOTA DAL MAZZETTO CHE L’AVVOCATO HA ANCORA TRA LE MANI

Cerino    : duiciento..!….cinquanta so’ pe’ me..(infila la banconota nel panciotto )..: ’a mazzetta mia….!!

Porsenna  : …( perplesso e minaccioso).Cerì…..embè..…??!!

Cerino     : Avvocato..ausculta…”Dura Lex, sed Lex.. In hoc signo Vinces..Memento audere semper..!”

Ciruzzo  :..’a sceneggiata…’o Triatro ‘e Scarpetta….chillo ‘e Viviani…e che ne faie…?..Niente meno ca ‘a gente avessera pavà pe’ trasì dint’a ‘stu  Tribunale…(dando la voce)…Cafè..sicare ..sicarette..cca sta Ciruzzo vuosto..non mi risparmiate…!!!

                                               CALA LA TELA

III^ PENALE

SECONDO ATTO

*******

LA SCENA E’ LA MEDESIMA DEL PRIMO ATTO, SOLO CHE I MOBILI PRESENTI IN QUELLO SONO STATI RIMOSSI PER FAR POSTO AD UNA NUOVA ORGANIZZAZIONE: SI E DIFATTO RESA INAGIBILE ( SIC!) L’AULA D’APPELLO DOVE SI SVOLGEVA IL PROCESSO POLLICE E LA CORTE CON TUTTI GLI ANNESSI E CONNESSI SI E’ TRASFERITA NEL GRANDE ATRIO. FERVONO GLI ULTIMI PREPARATIVI PER ADEGUARE LA STRUTTURA ALLA ESIGENZA...SONO IN SCENA CERINO E DUE MURATORI DON CICCIO (MASTRO) E SAMUELE ( MANOVALE).IL PRIMO COMPLETA IL MONTAGGIO DEL BANCO DEL PRESIDENTE..IL SECONDO TERMINA UNA MANO DI VERNICE GRIGIA ALLA GABBIA DELL’IMPUTATO CHE SI VEDE SULLA DESTRA..

Cerino   : (a Samuele) Ce mancava pure l’Aula inagibile.......comme se la Giustizia già non fosse moscia di suo..ma dico io ( a Ciccio) era proprio necessario..fa ‘stu spostamento..cca si e la no...??

Ciccio  :..’o Frà...chillo ‘o ‘ncigniere ha scritta ‘a perizia...quanno se n’è caduta ‘a tonaca l’ata matina.. ‘a sotto songo asciute tutte ‘e travature ‘e lignamme fracete,..

Samuele  : ( che parla e lavora con una intollerabile lentezza) ….mo s’anna mettere ‘e putrelle ‘e fierro a sotto (pittando con grande lentezza e spiegando)..una ‘e chesto...n’ata poco chiù annanze..n’ata ancora accussì..n’ata…

Cerino  : n’ata là abbascio.....guè...tu t’e a movere ‘e capito..?..Sono le dieci passate e alle undici e mezza comincia l’udienza...Ca si arriva ‘o Presidente e nun trova tutto pronto fa succedere ‘o lutto...

Samuele  :  lutto o nun lutto…ma ‘o tempo necessario ce vo...aggio dato ‘a primma mano..chella s’adda seccà e  po’...

Cerino    : e chillo ‘o Presidente aspetta ‘a pittura ca s’asciutta...?!..ma famme ‘o piacere...

Samuele  : ‘o frà...chest’è...’o mestiere vuole i suoi tempi di asciuttatura...

Cerino  : embè..te chiavasse ‘a pennellessa ‘nfaccia..e dico così.. non potevate venire un’ora prima...?

Ciccio  :..si..’...e ‘e Sindacate ce facevano faticà n’ora ‘e chiu’...chille cheste vonno sentì.. pe fa a  quante ‘na belle denunzia...

Cerino  : ma comme ‘e sindacate ca denunciano ‘o Presidente ‘e Corte di Appello...

Ciccio   : vuie nun sapite  quante feteno ‘e Sindacate..chille nu  guardano ‘nfaccia a nisciuno...e comunque ‘o frà...n’atu pocurillo ‘e pacienza......’o ragazzo ha fernuto..vuol dire che per fare primma non ci andiamo a prendere il caffè al Bar...

Samuele  : ce lo fate capitare qua...

Cerino : e ve servissero pure doie brioche..senza complimente..

Samuele  : al vostro buon cuore...a me cu ‘a crema pasticciera..

Cerino  : ma pensate a vuttà ‘e mane….’e brioches….

DALLA SCALA DI DESTRA VENGONO SU IN PROCESSIONE IL CANCELLIERE SPARACIO, DUE CARABINIERI,IL MARESCIALLO  COCUZZA E APPUNTATO PILATO ED IL DETENUTO GENNARO POLLICE, AMMANETTATO E TRASCINATO PER UNA CATENA DA PILATO. POLLICE E’ PIUTTUOSTO GIOVANE, BRUNO, DI CIRCA TRENT’ANNI, MAGRO, ALTO, SCAVATO,SOFFERENTE. HA GLI OCCHI BASSI COME FOSSE ASSENTE.. OGNI TANTO LO SGUARDO PERO’ SI ANIMA E FIAMMEGGIA COME QUELLO DI UNA BELVA FERITA...SPARACIO E’ INVECE UN OMETTO MAGRO E PICCOLO, GRIGIO, CON GLI OCCHIALI DA MIOPE E UN FASCICOLO DI CARTE SOTTO IL BRACCIO...

Sparacio : (con fare autoritario) A che stammo cca...?.........Hanno fernuto chisti duie..?

Cerino  : Dottò...pochi momenti e tutto è pronto...

Ciccio  : quando avvito  le tarchette ...chella d’o Presidente già me l’aggio fatta..mo me faccio (osservando la  scritta sulla targhetta che ha in mano)…chella d’o Cancelliere …

Sparacio  : ma che dici.?…vedi stare al posto tuo e fai presto…

Mar. Cocuzza : noi dobbiamo mettere il detenuto in cella..

Samuele  : ‘nu mumento..lla dinto nun putite ancora trasì… ’a pittura ‘ncopp’e sbarre è ancora fresca...

Sparacio : comme sarebbe..? e  a chisto addò ‘o mettimmo...?

Samuele : pochi minuti...andatevi a pigliare un bel caffe’..

Mar. Cocuzza : vuoi fare lo spiritoso..statte accorto che a fare lo spirito di patate con noi si fa palla corta...

Samuele  : ma qua palla...io lo dicevo per voi..per me putite pure trasì.....si po’ ve facite ‘na chiaveca nun v’o pigliate cu’ nuie…

Sparacio : ( imperativo)..mettete il detenuto dentro..!..nunn’e mica ‘nu criaturo ca se ‘mbruscina vicino ‘e cancellate..

Mar. Cocuzza  : Pilato..tu entri con lui..

Pilato    : ….comandi...

PILATO TRASCINA POLLICE: I DUE ENTRANO DENTRO...

Mar. Cocuzza  : ( al cancelliere) mi dovete firmare la nota di trasferimento del detenuto...

Sparacio  : e va buò c’e tempo...( cattivo ) chisto adda avè l’ergastolo…che andate di  pressa..?

Mar. Cocuzza : no..ma il regolamento è chiaro..le carte di consegna vanno timbrate alla consegna e io a chisto ve l’ho consegnato..mo, per tutto il tempo dell’udienza io nun tengo cchiù responsabilità..

Sparacio   uffà..avimmo truvato l’unico carabiniere pipì di Italia..e va buò……Addò aggia firmà..?

Mar. Cocuzza  : qua sotto ..ben leggibile…eh..ma ci  dovete mettere pure il timbro della Cancelleria...

Sparacio : ho capito..camminate con me..andiamo dentro al mio Ufficio..

Mar.Cocuzza : (a Pilato) tu non lo perdere di vista un attimo..quello è pericoloso...al minimo movimento..colpo in canna e spara..!

Pilato     : ( toccandosi la visiera)…comandi..

Cerino  : vengo con voi...aggia piglià ‘e fascicoli processuali...

I TRE ESCONO

Pilato  : (al detenuto )...siedi sulla panca...

POLLICE RESTA IMMOBILE

Pilato : e siediti ..!..perchè  per regolamento se non ti siedi tu devo stare in piedi pure io..

POLLICE RESTA IMMOBILE,QUASI INSENSIBILE ALLE PAROLE DEL QUESTURINO….PERSO NEI SUOI CUPI PENSIERI DI BELVA IN GABBIA VITTIMA DI UNA GIUSTIZIA CHE HA LA FORMA DI UN SOPRUSO..

Pilato       :..neh,titò…io tengo l’influenza addosso..nun mi firo di  stare allerta..assettate..!!!

Samuele  : e ghià...assettate...chillo già è bello ‘o mobile..va a fernì ca  l’Appuntato va ‘nterra...

Pilato       : state al posto vostro voi e fate silenzio...(prende per un braccio rudemente il Pollice spingendolo a sedere)..Giù...!!

Pollice     : ( con un ruggito)....non mi toccare.....!!!

Pilato       : ah, fai resistenza...??..ho detto giù...!

Pollice  : liev’ ‘e mane ‘a cuollo..si no  te affogo cu sti mane.....

Pilato  : a chi affuoghe ?...’stu bandito delinquente  !...mo te faccio vedè io...( fa per tirar fuori il manganello )..

Ciccio  : (con saggezza mettendo pace)guè guè,..e cheste che maniere so..? Jammo guagliò..assettate..ubbidisci al Bricatiere ..e che vulimmo fa n’ata opera cca dinto ?..nunn’abbasta chello ca già ce sta...chillo ‘o dice pe te…jamme assettate…

Pollice  : nun m’hanna tucca..!

Ciccio : e nun te toccano...chillo l’Appuntato t’o chiede pe’ piacere..cu na bella maniera...è ovè..?

Pilato  : e va bene..vide si ‘o tirammo ‘nterra ‘stu capo.siediti per favore...

POLLICE SI SIEDE DI BOTTO, CON MALAGRAZIA..NEL FRATTEMPO ENTRANO NELL’AMBIENTE PERSONAGGI VARI, GENTE COMUNE,CURIOSI ATTIRATI DALL’IMPORTANZA DELLA CAUSA..POI  IL PUBBLICO MINISTERO LUCIO SANSONE CHE RAGGIUNGE IMPETTITO E COMPRESO DEL RUOLO IL SUO SCANNO, GLI AVVOCATI DELLA DIFESA MONTESPINA E SALEMME,POI CERINO CON UN CARRELLO CON  GLI ATTI PROCESSUALI CHE DISTRIBISCE SULLA SCRIVANIA DEL PRESIDENTE DI C. DI APPELLO...

Cerino   :   ( A Sansone  dandogli un fascicolo )..chesta è robba vostra...

Sansone  : ( severo, scostante)...grazie...

Montespina :..(tirando da parte il collega) guè, Salè...io non ti basto a ringraziare per la tua collaborazione...a buon rendere..

Salemme    : e siente….facimmolo rendere subito…

Montespina :….poi ci mettiamo d’accordo..eh.

Salemme     :....è meglio che ci mettiamo d’accordo adesso... io aggio apparato certi guaie ca nun te dico...tra l’altro associandomi alla Difesa puoi chiedere i termini… facciamo il 40%..!!

Montespina  : a chi..? Io ci sto lavorando da sei mesi sopra ..arrivi tu fresco fresco e vuò il 40%....facciamo il 10....e ti ho trattato…..

Salemme   :.io ho fatto quell’arringa..diciamo...il 30....

Montespina :... va buò..poi vediamo..mo però famme parlà un attimo con l’imputato...(accostandosi alla gabbia)...Pollice  a te accosta, senti quà...(inizia a  confabulare con lui)

Sansone  : Avvocato..si allontani…il regolamento non consente..

Montespina  :…solo una parola….

ENTRA IL MARESCIALLO COCUZZA E  INFINE SPARACIO CHE ANNUNCIA  L’INGRESSO DELLA CORTE OVVERO DEL GIUDICE FABRIZIO DE NOTARIS, UN UOMO ANZIANO, ALTO, IN TOGA NERA DI RASO E TOCCO BORDATO,CON GLI OCCHILINI  D’ORO ED UNA BELLA  BARBETTA BIANCA

Sparacio  : In piedi..! Entra la corte...!!!

TUTTI PRENDONO POSTO E TACCIONO IN ATTESA DELLE PAROLE DEL GIUDICE SUPREMO...

De Notaris  : seduti....state comodi...Cancelliere  a voi….

Sparacio  : il Popolo Italiano contro Pollice Generoso...accusato di reato rubricato quale triplice omicidio..ed...appartenenza ad organizzazione malavitosa  denominata Camorra.....accusato altresì...dei seguenti dodici capi di imputazione..Primo:

De Notaris  :..Va bene ..va bene..Cancelliere..conosciamo se il P.M. è d’accordo ( Sansone annuisce)..allora come fatto....Usciere .per cortesia...apra le finestre..quà ci sta un forte odore di pittura che non si tollera.. ( CERINO ESEGUE )

Cerino :   Eccellè..quelli gli operai mo mo hanno finito....anzi...stanno ancora qua..’e pozzo mannà...? (il giudice assentisce con un lieve cenno del capo)..A vuie..salutate e ghiatevenne..ce vedimmo dimane...

Ciccio   :  salutammo...

Samuele  : ‘a pittura vicine ‘e sbarre è ancora ‘nu pucurillo fresca...stateve accorte…

Sansone :. ( severo come al solito) ... vadano.pure ..!

CICCIO E SAMUELE SALUTANO GOFFAMENTE ALLA MANIERA MILITARE E RACCATTATE LE LORO COSE DI LAVORO ESCONO

De Notaris  🙁 a Sansone).. Dunque Signori…oggi se Dio vuole dovrebbe

                     essere la decima ed ultima udienza Dottor Sansone...prego se

                      vuole procedere con  la sua requisitoria..

Montespina :. ( intervenendo)…Un attimo.....Signor Giudice....col vostro permesso e con quello dell’esimio Collega Sansone...chiedo i termini a difesa..

Sansone   : ....motivo..?

Montespina  : ho un associato al Collegio di Difesa...( l’Avv.Salemme fa un leggero inchino per far intendere la sua qualità)..sa..per far conoscere al Collega tutta la documentazione..

Sansone     :..questi..sono problemi della Difesa .... la richiesta è respinta...!

De Notaris  : questo lo faccia dire a me...Avvocato Montespina il Pubblico Ministero ha pienamente  ragione ...se non esistono fatti nuovi...la richiesta dei termini va respinta...!..Prego Dottor Sansone ..proceda pure...

Sansone  :  Illustrissimo  Signor Presidente...Signori della Corte...Mai come nello specifico di questa Causa Penale il mio compito è facile..scorrevole... direi quasi...privo di difficoltà...Tutto qui  è chiaro..come dicono i francesi..lapalissien...Abbiamo dei fatti giuridici certi..degli atti criminosi conclamati e comprovati..una documentazione probatoria infinita e certissima...A carico dell’imputato Pollice Generoso non esistono indizi, ma prove..e le prove sono la rigida base sulla quale io poggerò la mia requisitoria affinché giustizia venga fatta..affinchè questo bieco criminale paghi il fio di ogni sua colpa e sia com’è giusto ....eliminato..!

Sparacio    : ....come sarebbe eliminato..?

Montespina  :  ..Presidente...mi oppongo...la terminologia del Pubblico Ministero  è impropria ed in contrasto con la Costituzione...

Sansone  :    ..”eliminato” dicevo nel senso di espulso dal contesto della Società Civile che deve...se vuole migliorare..crescere nel suo insieme..”eliminare” quali corpi estranei da se questi individui..queste mele marce che col tempo corrompono l’intero..cesto..ovvero....l’intera comunità benpensante...

Montespina  : mi oppongo ..il P.M. perviene nei confronti dell’imputato a definizioni vessatorie che solo un eventuale sentenza di condanna potrebbe formalizzare...!!!

De Notaris  : accolta...signor P.M. ..per cortesia ai attenga ai fatti.

Sparacio  : ….anzi visto che ci stanno due giudici Popolari sostituti riassuma  i reati ascritti all’imputato..

Salemme  : le ipotesi di reato ascritte..!!!! Sino a prova contraria, ossia a sentenza, il nostro cliente è innocente come una verginella ..parliamo per il momento di ipotesi, è chiaro..?

De Notaris: (piuttosto seccato) è giusto...le ipotesi di reato ascritte..Avvocato Salemme..noi dobbiamo andare avanti..lasci parlare il collega Sansone..poi avrà i suoi congrui spazi per difendere il Pollice che come ben sa è già pregiudicato ….

Sparacio  : ‘a verginella  ..quello  a parte il presente processo, quello è già pregiudicato per rapina ed .. ed estorsione..…

De Notaris  : Cancelliè..e mo ce mancano solo  le vostre battute…Pubblico Ministero andiamo avanti..

Sansone..: grazie signor Giudice..dunque..il Pollice come dagli atti..ha  assassinato..

Montespina  : avrebbe..sig. Giudice..avrebbe..

Sansone     .... Avrebbe assassinato la mattina del 12 dicembre 2004 i germani Paduano e tale Correale Paolo che si intrattenevano tranquillamente al bar Bracco e, per quanto desunto dal verbale dei Carabinieri per primi accorsi in loco…erano tra l’altro  pure disarmati..

Pollice :     (urlando fuori di se)...chi disarmati..? chilli tre chiaviche  cornute tenevano ‘e fierre sotto ‘è giubbine..Meza recchia ‘e facette sparì primma c’arrivava ‘a pulezzia..!!!

De Notaris  : silenzio...!!…Imputato.stia zitto..non le concesso di interloquire con questi modi  inurbani...

Montespina  : Pollice..stia tranquillo ci siamo qua  noi ...

Pollice  :     e cca diceno ‘e fesserie..Correale teneva sempe ‘na mitraglietta Skorpio ‘ncuollo….’o sanno tutte quante...

De Notaris : Pollice  un'altra parola e la espello dall’aula.....Piantone..tenga  a bada l’imputato...

Pilato       : comandi  ..... Assettate e zitto tu ca faie peggio..

Montespina : Pollice ..e per piacere...

Sansone   :....se mi è consentito andare avanti...Dunque..le indagini hanno accertato che il Pollice aveva ben premeditato l’omicidio seguendo per l’intiera mattinata i tre avversari...e scaricando su di loro due interi caricatori di Smith e Wesson 7 e 65 solo dopo che tutti gli altri clienti terrorizzati avevano lasciato il Bar..

Salemme   : questo attesterebbe che il Pollice…se fosse stato lui…non voleva far del male ad estranei alla faida tra bande..

Sansone    : ma che bravo….(poi con violenza)..questo attesta la premeditazione..! egli non voleva testimoni intorno..!!

Montespina    :.semplicistico..!...Ricordo alla Corte che le tre vittime erano dei boss malavitosi della famiglia malavitosa dei Paduano la quale come tutti sanno detta legge sulla zona di Montecalvario....

Salemme  :  .....e che elementi della suddetta famiglia, forse le stesse vittime, avevano “ eliminato” negli ultimi mesi già quattro esponenti della Famiglia Pollice...

Pollice    : (aggrappandosi alle sbarre e urlando)...frateme Iggino teneva sulo diciott’anne...!!!  ..ieva ‘a scola...!! nunn’era comme ‘e nuie...!

De Notaris.. : Basta..ora basta...quà si manca per la seconda volta di rispetto alla Corte...Maresciallo traduca a Poggioreale l’imputato..

Mares.        : agli ordini..!  Appuntato apra la gabbia…

Montespina  : una attimo….solo un attimo,....col vostro permesso Eccellenza...hem…Il Pollice stamane deve comparire sul banco testimoniale per un’ultima deposizione focale...sostanziale al processo...La prego...è nell’interesse della Giustizia  e per l’accertamento della verità...non altro...

De Notaris  : va bene..e allora solo nell’interesse della Giustizia sorvoliamo..ma se accade di nuovo... Maresciallo,per cortesia… soprassieda…

Maresciallo  : Appuntato….ordine revocato..richiudi la gabbia…!

De Notaris  :vada avanti dottor Sansone e speriamo che nessuno interrompa ancora...riassuma i capi di imputazione e poi venga alle  richieste della Pubblica accusa..

Sansone  : certamente..Dunque...gli indizi a carico dell’imputato sono troppi perchè si possa palesare alcun dubbio...Dodici colpi..dodici colpi signor Giudice furono con l’autopsia estratti dai corpi delle povere vittime e gli ultimi tre giusto dalla nuca ... era il colpo di grazia...com’è nello stile di questi criminali spietati...di queste belve a due zampe.. fu una vera esecuzione e si badi...le pallottole erano tutte compatibili con le pistole che il Pollice portava ancora addosso all’atto dell’arresto due giorni dopo l’efferato delitto...

Montespina : al tempo......il Pollice quelle due pistole le aveva comperate solo quella mattina da un ragazzino di passaggio per il quartiere Montecalvario..abbiamo agli atti la testimonianza del ragazzo che sua volta le aveva trovare in un tombino...

Sansone  :      baggianate..chiacchiere...motivazioni puerili per inquinare le acque: le due pistole il Pollice le aveva si comperate, ma dalla Mafia Albanese ..e molto prima..apposto per eseguire l’assassinio de quo...Per non parlare della prova decisiva del guanto di paraffina risultato positivo ad entrambe le mani dell’imputato..Che altro si vuole per estraniare questo criminale dalla società civile..affinchè mai più possa con la sua barbara determinazione nuocere alla nostra sana Collettività..? Eccellenza, Esimi Colleghi, Signori e Signore Giudici Popolari, ..(asciugandosi il copioso sudore) Per tutto questo e per quanto ancora agli atti..in nome del Popolo Italiano chiedo a carico del qui detenuto Pollice Generoso la pena più severa ossia la condanna all’ergastolo, il pagamento delle spese processuali oltre ad un congruo indennizzo pecuniario da valutarsi in successiva sede per le vittime  ed  il rigetto preventivo sin d’ora di qualsivoglia attenuante ..anche generica...!! Ho finito...

De Notaris  : Cancelliere,ha messo agli atti la richiesta del P.M ?…rilegga

Sparacio  : subito ( sillabando quanto ha appena appuntato) dunque..spese processuali…congruo indennizzo alle vittime … e quale pena detentiva …. (a voce alta in modo che l’intiera aula ascolti bene)….il massimo della pena….ossia… la condanna all’ergastolo..!!

UN MORMORIO  DI APPROVAZIONE CORRE PER LA SALA...IN QUANTO IL PUBBLICO E’ COMPOSTO PER BUONA PARTE DA  COLPEVOLISTI..SI ODE PERO’ ANCHE QUALCHE GRIDO DI DISPERAZIONE TRA I PARENTI DEL POLLICE  ED IN ULTIMO UN GRIDO SOFFOCATO :

Filumena  : Figliu mio…!!!..Core ‘e mamma…Nooooo….!!!

De Notaris  : Maresciallo che sta succedendo la in fondo..?

Maresc.   :  ( accorrendo)…Niente..Eccellenza...c’è una vecchia che si è sentita male....(riemergendo dal gruppo lacoontico  dei parenti Pollice ed avendo attinto informazioni)..Signor Giudice…..è la anziana madre del Pollice…è svenuta..!

BRUSIO DI INSOFFERENZA E CONTESTAZIONE DELLA RICHIESTA DEL P.M. QUALCHE GRIDO : “ Ma che state facenno..? Ma quale ergastolo..?...chillo è innocente!!”..” “Assassini..!!”… ”.. site vuie ‘e nfame…!!” “ Mo’ ‘a fanno murì a chesta povera vecchia..!”

Sansone  : basta..!!!…silenzio o facciamo sgomberare l’aula..!!!    

                 Maresciallo conduca fuori l’inferma…e disperda

                 assembramento!!

Mar. Cocuzza :  comandi dottò..ma comme faccio …?….chella sta male ci

                vuole un dottore  ..magari..un’ambulanza…

Pollice  :  (dalla gabbia  trattenuto dal piantone ) ..mammà…..!!!! Lassate sta a mamma mia..nun’a tuccate..!

De Notaris  :  Basta..!!!…Silenzio ..!!Guardie..guardie..!

Lo Cicero :  ( accorrendo)…presente..!

Sparacio  :  guardie..!…e dove sta il resto del  picchetto di guardia..?

Lo Cicero  : Eccellè..oggi ci sto solo io..noi quattro siamo… due stanno

                    malati e quell’altro in licenza di lutto sta…

Sansone   : portate fuori i disturbatori e se qualcuno resiste..arrestatelo…!!

DAL GRUPPO DEI PROTESTANTI SOFFERENTI SFUGGE MELINA,UNA BIMBETTA DI CIRCA TRE ANNI CHE PROFITTANDO DELLA CONFUSIONE RIESCE AD ARRIVARE SINO ALLA GABBIA..

Melina  : papà…!!!!!

Pollice  :(stringendola forsennatamente oltre le sbarre)...Melina..bella ‘e papà…

Maresciallo : (cercando di strappare la bimbetta dall’abbraccio)..via..vieni via..!!

Pollice  : lassa sta a figliema ca te scanno..!!

Melina   : ….voglio a papà mio…!!!!

De Notaris  : adesso basta…fuori tutti....!!....tutti fuori.!!!....il processo continua a porte chiuse…Fuori…!! (adirato)...Maresciallo subito porti via quella ragazzina..ma chi l’ha fatta entrare..?

Melina  : papà...!. (aggrappata alle sbarre)

Pollice   :  ( con un urlo disumano mentre il Maresciallo strappa la bimba dalle sbarre e Pilato  spinge il prigione via )....Melì....!!!!!!!!

POI  LO CICERO ED IL MARESCIALLO CON L’AIUTO DI CERINO E DI QUALCHE ALTRO CORPULENTO USCIERE RIESCONO A SPINGERE TUTTI LONTANO..A SGOMBERARE L’AULA..

De Notaris  :ah..sia lodato Gesù Cristo…è tornata la calma …Avvocato Montespina, prima che succede qualche altro incidente vogliamo concludere..prego..la parola e le conclusioni al Collegio di Difesa….se ha testi a discarico…

Montespina   : Grazie Eccellenza…Allora vorrei al banco dei Testimoni proprio la madre dell’imputato che come mi dicono grazie al Cielo si è riavuta  e può parlare..Chiamo a testimoniare, come da formale  richiesta depositata in Cancelleria la signora Filomena Esposito..

SOSTENUTA DA LO CICERO SI AVANZA UN PO’ MALFERMA FILOMENA ESPOSITO UNA DONNA , UNA POPOLANA DI INFIMO LIVELLO CHE PER QUANTO ANZIANA E RUGOSA ANCORA PORTA SUL VISO E NELL’ABBIGLIAMENTO TRACCE DI IMBELLETTAMENTO, EVIDENTE TESTIMONIANZA DI UNA VITA DEDICATA AL “ MESTIERE PIU ANTICO DL MONDO”…

Sparacio  : ( alla vecchia)…un documento..!..(ribadendo a quella che non intende)..’a tessera…!(Poi, ricevutala e leggendo su di un foglio) Esposito Filomena.. di nn e Marianna Bercellino giuri di dire la verità..tutta la verità..nient’altro che la verità…dica lo giuro..

Filomena  :…???

Sparacio  :  ….ripeta appresso a me..dica “ lo giuro”.....Ripeta..!!!

FILOMENA NON CONOSCE IL LINGUAGGIO FORMALE DEI TRIBUNALI..CERCA DI CAPIRE UN LESSICO CHE LE E’ ESTRANEO COME E’ PER LEI ESTRANEO TUTTO QUEL MONDO  SEVERO CHE LA CIRCONDA E LA GIUDICA …

Filomena   : (confusa, balbettando)… lo giuro…. Ripeta….

Sparacio  : ma no deve dire solo “lo giuro…!”

Filomena   : “solo lo giuro….!”

De Notaris  : va buò Cancelliè, come fatto..prego signora si accomodi pure…Avvocato Montespina ..a lei…

Montespina  : dunque signora..lei è Esposito Filomena..e per caso è parente del Pollice Generoso seduto in quella gabbia..?

Filomena..  :…Songo..dicimmo accussì..’a mamma….

Sansone     : mi oppongo…per quanto di recente ammessa dal nuovo Codice di Procedura Civile la testimonianza tra consanguinei  rimane nella fattispecie…del tutto inopportuna…

Montespina  : Chiedo scusa, ma col permesso del Presidente…per me invece è opportuna…e poi..la signora Esposito non ha mai perfezionato con il vincolo matrimoniale l’unione con il padre dell’imputato (poi alla donna).. voi  col Pollice non siete consanguinei, non è vero…?

Filomena  :..??????

Montespina  : insomma…il Pollice padre  vi sposò mai..?

Filomena  : mai..! Però..ero ‘a femmena soia…’a femmena ‘e Vincenzo Pollice ..’o pate ‘e Generoso..le so stato vicino trent’anne..

Montespina  : quindi, parentela a parte lei può testimoniare..Dunque…lei signora Esposito ha asserito a verbale (vedendo che al solito la donna non capisce)..ha detto così ai Carabinieri….di essere casalinga..da poco suppongo…perché lei di certo prima esercitava un’altra attività..ci vuol dire quale..? (poi alla donna che tituba vergognosa )..è per il bene di Generoso..dica ..non si vergogni…che mestiere faceva..?

Filomena  : ( sottovoce)..facevo ‘a femmena ‘e  vita…

Sansone  : ( maligno)..come ? parli più forte ..!! cosa faceva..?

Filomena  : ( forte come può)…facevo ‘a puttana..Vicienzo me cunuscette mmiezo ‘a via…..era già vierolo e teneva quatto criature piccerelle…..ce l’aggio cresciute tutte io ..cu ‘o latte d’e furmicule..meglio ‘e ‘na mamma overa e  sol’io saccio…

Sansone   : avvocato Montespina..ma che vogliamo fare qui..Filumena Marturano..? Atteniamoci ai fatti del Processo…

Montespina  :..è attinente…attinente al Processo mi creda..sto solo cercando di descrivere l’Humus sociale dell’imputato..diceva dunque che lei si unì a Pollice ed ai suoi bambini…Pollice lavorava…lei badava alla casa ….

Filomena  :  accussì…sulo pe n’anno…poi Vicienzo jette a fernì ‘ngalera per furto e contrabbando…avette sett’anne..me lasciaie sola cu ‘e figlie e senza una lira..c’aveva fa..? Scennette n’ata vota mmiezo ‘a via…a fa ‘o mestiere..’E criature avevana mangià…e po’ Vecienzo..duie mise primma d’ascì murette dint’e cancelle…

Montespina  :..quindi lei ha tirato avanti da sola e con quattro bambini che nel fratempo crescevano e andavano a scuola,suppongo…..

Filomena  : si,..no….nunn’o saccio…io a matina turnavo a casa’a via ‘e l’otto..me vuttavo accisa ‘noppo a ‘nu lietto..aveva durmì afforza pecchè pe’ tramente m’era venuto pure ’o male ‘e pietto..

Montespina  : insomma ..lei malata..i bambini abbandonati a se stessi…

Sansone   :..tutto questo è molto commovente ..e ci dica Montespì…dura ancora molto questa saga dei Miserabili alla Hugò..o meglio questa sceneggiata alla Mastriani…

Montespina  :…no, dottor Sansone ..è finita..va bene così..grazie signora Esposito..se l’illustrissimo Pubblico Ministero non hamper la teste  altre domande…

Sansone  : per carità di Dio..la mandi via …

Montespina  : e allora..si può accomodare..Vada..vada pure …

FILOMENA CONFUSA ED IN LACRIME NON SI MUOVE. AL SOLITO LO CICERO INTERVIENE PER CONDURLA VIA QUASI CON TENEREZZA….POLLICE STRINGE CONVULSAMENTE LE SBARRE COME A VOLERLE SPEZZARE

De Notaris  : Avvocato..se non ha altri testi..visto che è tornata la calma ..la vorrei pregare di concludere, magari prima che succeda qualche altro incidente…..Va bene..? Allora ..prego…le conclusioni al collegio di Difesa..

Montespina  : e che devo concludere Eccellè…?..quello che c’era da dire l’ho già detto..eh,..l’abbiamo detto..io..il collega Salemme …..voi..l’esimio e valoroso dottor Lucio Sansone..Pubblico Ministero…il Cancelliere Sparacio ..tutti i testimoni…mo ci sta solamente da emettere la “ giusta” sentenza..Si…potrei dire come nelle barzellette..”Mi rimetto alla clemenza della Corte”…Ma questa Eccellè..non è una barzelletta…ci stanno tre morti..un giovane che rischia di non uscire più di galera..e io parlo..?..e che dico…? Vedete signori Giudici Popolari..lo dico a voi perché ..il Signor Presidente...i colleghi sono del mestiere e lo già lo sanno..: esistono due tipi di processi..quello Tecnico..e quello Morale..Il Processo Tecnico non lascia adito a dubbi…teniamo le due  pistole..il guanto di paraffina..la faida tra le cosche..Secondo questo Procedimento il Pollice è di certo colpevole : probabilmente ha sparato..

Salemme      : Montespì…che dici…?

Montespina  : ..e pertanto ha infranto le regole della “ Società Civile”....quindi lo dobbiamo rinchiudere a vita in una cella e buttare la chiave..! Giustizia è fatta..! Amen..(si guarda intorno e poi fissa negli occhi i vari Giudici)…E questo è Il Processo Tecnico…E poi…..e poi esiste un Processo Morale…Dove stavamo noi..d ove stavate voi..quando il Pollice Generoso, ragazzino..non avendo come si dice, ne cielo da vedere, ne terra da camminare..cominciava con i primi piccoli reati…il furtarello… lo scippetiello…la prima dose di cocaina consegnata al ricco ..dove stavamo noi..dove stavate voi quando il ragazzino Pollice cercava aiuto e nessuno tranne la Malavita dava risposta alle sue disperate richieste …??

Sansone      :. E adesso ci dobbiamo pure commuovere davanti ad un assassino..? Avvocato…Questa è retorica di basa lega….

Montespina  :  si lo so..è retorica di bassa lega..e voglio fa ‘a retorica di bassa lega, va bèh..Ne facite tanta vuie cittadini perfetti ed integerrimi quando salite sopra ai pulpiti per criticare...per giudicare..per condannare chi nella vita ha sbagliato anche una volta sola perché non ha avuto alternative..Signor Presidente..chiedo il permesso di poter interrogare l’imputato..

De Notaris  : accordato...ma dalla gabbia..Imputato in piedi..e risponda alle domande dell’avvocato...

Sparacio      : …Pollice…. si ricordi che lei è sempre sotto giuramento...

Montespina : Eccellènza, voi mi scusate se farmi meglio capire meglio dal teste imputato uso tra quelle in lingua forbita pure qualche paroletta in dialetto...? Con questa gente qui è meglio capirsi nel loro lessico…..(Il Giudice fa con il capo un   cenno di assenso)Grazie...Dunque, Pollice..guardame a me e assance sentere …a quale scuola sei andata da ragazzino..?

Pollice       :  ….a nisciuna…..nun tenevo ne ‘o tiempo ne ‘a capa...aveva purtà coccosa e’ sorde a casa..

Montespina  : “aveva purtà coccosa ‘e sorde a casa”...Soldi fatti in qualunque modo suppongo..vero vecchia signora che siete svenuta prima…?..d’altra parte come dicevano gli antichi quando si ha fame veramente... “pecunia non olet.”….e dimmi ancora Pollice, quale lavoro..quale fatica  ti hanno offerto quando a venti anni avevi bisogno di un impiego perché ti “dovevi sposare” e “dovevi mettere su casa..?”

Pollice  :….niente..niente proprio…...nisciuna fatica...eppure..aggie cercato..aggio addimannato..a tutto ‘o Quartiere..…Maria, ‘a femmena mia  era incinta…ma cu pateme galera..mammema ca faceva ‘a puttana.. a faticà pulito nun me ce vuleva nisciuno....

Sansone    : ...ma guarda...ed il nonno paraplegico non ce lo mettiamo nel conto..?..Avvocato, la vogliamo smettere con questa ridicola sceneggiata strappalacrime....ma ci dice dove diavolo vuole arrivare ?.costui è un criminale riconosciuto ed incallito....

Pollice         :..( guardando nel vuoto ma con un tono ruggente che è diretto al P.M.)....a me nun me faceva faticà nisciuno...!!

Montespina  : niente .niente lavoro…e sapete una cosa signori per bene che con una onesta famiglia alle spalle , con una bella casa…con un ricco conto in banca ..voi che non avete mai..mai conosciuta la porcheria umana e morale che ci sta a Scampia, a Barra, a Secondigliano, a Pianura , nella schifosa provincia schifosa di questa Napoli è solo apparentemente bella e felice..: lo sapete o no che una mano a questi disgraziati qui la tende prima o poi solo la Camorra…Già, se li prende piccoli piccoli dalla strada e poi gli fa fare una bella  e luminosa carriera : Muschillo…Picciotto..Giovane d’Onore…Boss..Capozona..e dopo, a seconda dei casi e della fortuna…..Poggioreale Carcere…..oppure Poggioreale Camposanto ..e così alla fine  il cerchio si chiude..si.... veramente una bella Carriera....

Sansone  : (Simulando un lieve applauso ironico)..bravo..bravo.veramente bravo..!!!..E oggi quà teniamo pure l’avvocato sociologo e populista…..Montespì, e adesso per completezza metteteci pure un poco di Freud : i traumi infantili..il padre certamente violento e manesco in  galera....la madre indecorosamente prostituta….le cattivissime compagnie…poverino…Anima di Dio…e come poteva il Pollice diventare un onesto cittadino con questi biechi presupposti..? Signor Giudice, mi consenta una breve divagazione personale.....Avvocato..io, per vostra conoscenza,..io vengo da un paese piccolissimo e fetente della Basilicata…mi sono laureato sfruttando  di sera la luce di sera dei lampioni della strada..sedevo per terra e  i libri me li copiavo sopra una sedia parola per parola da quelli di un mio compagno ricco..Io figlio di miserabili contadini mi sono ammazzato di fatica per studiare, per rimanere onesto e diventare qualcuno….Detto questo .. “Imputato adesso  rispondete a me: che avevate con voi quando vi hanno preso..? ( Pollice resta muto con la testa bassa)..Allora Signori della corte ve lo dico io: al polso teneva un Rolex d’oro..in tasca duemila euro ..addosso un vestito su misura di alta sartoria e viaggiava a bordo di una BMW da cinquantamila euro..tutta roba che un povero imbecille come  me con i suoi quattromila euro al mese di stipendio si può solo sognare…

Salemme : mi oppongo…. la divagazione non è pertinente…Signor Giudice che c’entrano queste cose private  con..

Sansone    silenzio !! queste cose private c’entrano..c’entrano …!..Dunque …dicevo,…il Pollice teneva un vestito addosso di sartoria e viaggiava su una BMW nuova fiammante da cinquantamila euro….Ed io  adesso….io che le tappe della vera miseria le conosco tutte..io che qui rappresento quella Napoli umile, povera ma onesta e testarda che strappa ogni giorno la vita con i denti ..io, dicevo… dovrei aver pietà di questo criminale che i soldi li ha fatti facili facili spacciando droga, rapinando ed uccidendo  con una pistola in mano..? Di costui ..di questa belva sanguinaria io e tutta la Gente Onesta dovremmo avere pietà..?

Montespina   ..noooo..quale pietà…non vi scomodate..e poi questi qua la nostra pietà non la vogliono..non la chiedono..sono dei tosti..sono dei duri veri .la punizione non la temono e se la mettono già nel conto da quando cominciano la loro  “onorata carriera”…Lo sanno bene quello che prima o poi li aspetta..: o il carcere o una pallottola in fronte…Niente pietà…Però noi..noi che abbiamo studiato..che sappiamo il Diritto Romano, il Diritto Internazionale..il Diritto Costituzionale, il Diritto Ecclesiastico ..possibile che non conosciamo il  diritto più importante di tutti .ossia...il diritto di vivere…il diritto di avere almeno una opportunità…e questa gente di diritti così.. non ne ha avuti mai…!Signor Giudice..condannate Pollice..è un assassino..è un criminale..

Salemme     :…ma che dici..? no…le prove a discarico …i testi…

Montespina :..statte zitto tu…e famme fa…!!.Signor Giudice..lassate sta ‘e prove…nun sentite ‘e testi…Eccellenza…adesso ve lo chiedo io e con forza: …condannate Pollice..si,condannatelo duramente…perché se lo merita….dategli una equa e severa condanna che compensi la nostra bella Società per i suoi diritti lesi..Però..Però..a questo insetto..a questo barbaro sanguinario ..a questo violento boscimane dei vicoli.. sentite a me..dategliela voi per una volta..per la prima volta nella vita una vera opportunità con una sentenza che sia davvero umana…L’ergastolo, credetemi, spegnerebbe per sempre la sua coscienza....ucciderebbe per sempre la sua speranza di cambiare…Siate clemente Presidente,.ma non con lui…che certamente  per i tanti delitti commessi non lo merita..siate clemente con quella piccola infelice  che, lo avete visto, nonostante tutto ha in quest’uomo un riferimento e come ogni figlia del mondo a questa specie di padre…a torto o a ragione..lo ama..e lo attende…Ho finito…..

SULLA SCENA E’ SCESO UN SILENZIO GLACIALE SALEMME ABBRACCIA IL COLLEGA …IL PUBBLICO MINISTERO IMMERSO NEI SUOI RICORDI E NEI SUOI PENSIERI GUARDA A  TERRA E TACE….IL DETENUTO SEPPUR TRATTENUTO DAL PIANTONE, SI TIENE ALLE SBARRE CERCANDO SPASMODICAMENTE IL VISETTO DELLA FIGLIA..IL GIUDICE DE NOTARIS SI LISCIA LA BARBETTA PENSOSO..POI DI SCATTO SI ALZA…FISSA INTENSAMENTE L’IMPUTATO COME SE VEDESSE IN LUI PER LA PRIMA VOLTA UN UOMO..UN SIMILE ..INFINE SI GIRA ED ESCE..

Sansone : (quasi tra se) ..io studiavo inginocchiato per terra….

Sparacio :in piedi…..la Corte si ritira per emettere la sentenza…!!!!!

CALA LA TELA

     Napoli     10.06.2005                              Angelo Rojo Mirisciotti

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno