Il casalingo

Stampa questo copione

IL CASALINGO

Di Velise Bonfante

Scena: Una stanza con un tappeto sotto il tavolo che faccia sia da sala che da cucina. Alla fine dovrà esserci un gran disordine e una gran confusione.

Personaggi: Luciano

                   Guido, amico di Luciano

                   Ernesto - il falegname

                   L’autista che fa servizio a domicilio di bibite, acqua e vino.   

                   La moglie di Luciano.

(Luciano entra fischiettando con un bel grembiule davanti. Si ferma, toglie carta e penna da una tasca, traccia una riga sul foglio esclamando “Fatto!” Legge con attenzione, ripone il foglio, prende una scopa e la usa in modo molto sommario. Si ferma in mezzo alla stanza, guarda il mucchietto di sporco, con fare guardingo solleva un angolo del tappeto e con indifferenza vi scopa sotto il mucchietto dello sporco. Depone la scopa. Toglie ancora il foglietto dalla tasca, con la penna cancella anche quella riga esclamando: “Fatto!”. Prende poi uno strofinaccio della polvere e molto, ma molto sommariamente e velocemente, spolvera. Depone lo strofinaccio, riprende il foglietto dalla tasca e suonano alla porta. Luciano va ad aprire.)

Luciano) Ciao Guido, denter, denter

Guido) (Entrando) Ciao Luciano, alura, come val el prim dé de disocupato?

Luciano) Benone, me fómna l’è ‘ndada a laurà e isé me, che so restàt disoccupato, fó el casalingo. En cö l’è el me prim dé de casalingo.

Guido) (Girandogli attorno e sollevandogli il grembiule) Te me pàret pròpe en casalingo del di bu, e cosa sét dré a fa, i mestér?

Luciano) Certo, l’è na stüpidada, (togliendo il foglietto dalla tasca) g’ho za scuàt, spolveràt e g’ho za fat nà apó la lavatrice.

Guido) Ma de bu Luciano? Ma èl mia dificil fa nà la lavatrice?

Luciano) Na stupidada, basta schisà en butù e lé, la fa töt de sula.

Guido) Isé semplice! Pensà che me fómna la bruntula semper quan che la g’ha de laà.

Luciano) Le fómne le bruntula apena perchè le g’ha òja de rómper le scatole.

Guido) Le völ fa le vitime t’el dìze mé.

Luciano) Dai Guido, sentèt zó che te fó el cafè (prepara la caffettiera) Varda, só mia se l’è perchè l’è ‘l prim dé, ma mé, pötòst de ‘ndà a laurà, con töcc che te comanda, preferése fa i mestèr, e po' varda, g’ho quasi fat töt (prendendo ancora il biglietto dalla tasca) me resta apena de preparà de disnà, (rimette in tasca il biglietto facendogli vedere) me fómna la m’ha za preparàt töt, la pignata có l’acqua, el ris pezàt sö la balanza, e varda che bràa, de la pora che me sbaglie la m’ha mès enfinamai la brachìna de sal en del piatì; ché, gh’è la salata netàda e pronta de consà, e ché, la bistèca col sò brào pignatì e ‘l sò botér (tira fuori le tazzine).

Guido) (Sedendosi) Alura l’è na stupidada apó fa de mangià. Pensà che me fómna la bruntula semper per stó mangià!

Luciano) (Prende zucchero e vassoio) Te l’ho dit Guido, le fómne le völ semper fa le vitime, a lure ghe piàs fas compatì.

Guido) Scüsa nè Luciano, (si toglie la giacca e l’appoggia alla spalliera della sedia) za che te sét dre, perchè fét mia apó de disnà isé te ghe pensèt pö?

Luciano) Te ghe rizù Guido (Accende il gas e versa nella pentola il riso e il sale) quan ghe volarà perchè cöze el ris?

Guido) En möcc de tèmp, me fómna de sòlit, quan che la fa la minestra, la bat zó la pasta perchè la dis che al ris che ocór el dópe del tèmp a cözès.

Luciano) Adès j-è le dés, faràl a ura a cüzis a rià a mesdé?

Guido) Me fómna la me rinfacia semper che la pasa de le mèze matine a fa de mangià (guardando l’orologio) le dés: l’è meza matina giösta!

Luciano) Speróm che andà a mesdé el se cöze. T’el sét , per me l’è el prim dé de casalingo, ghe tègne a fa bela figüra co’ la me fömna (toglie il  vaso di fiori ed il tappeto dal tavolo e li appoggia da qualche parte).

Guido) Le fömne le pensa de èser bràe apena lure. Za che te ghe sét, cónsa apó la salata no! Me nóna la dìzia “Chi ha tempo non aspetti tempo!”

Luciano) Te g’hét rizù, isé l’è en mester fat a chèl.

Guido) Fa mia come la me fómna, che la spèta semper l’ültim momènt a consà la salata.

Luciano) Apó la me la spèta semper l’ultim momènt, chissà come mai.

Guido) Te l’ho dit, le fómne caro mio, j-è fürbe, le völ fa le vitime, le völ fa véder che le g’ha tant de fa, che le tribùla, e tö chèsto per fas compatì. E a la sera le dis che le g’ha lauràt tròp e gh’è vignìt el mal de có a forsa de laurà. E j-è strache dopo...

Luciano) Te ghé rizù, le fómne j-è fürbe. (Condisce con abbondantissimo olio e aceto) Eco, apó a chesto l’è un mester fat.

Guido) Za che te sét dré, fa cözer apó la bistèca nò, isé te ghe pènset pö!

Luciano) Te ghe rezù Guido (prende il pacchetto del burro, fa vedere bene che è incartato, lo mette nel pentolino e sopra ci mette la bistecca e accende il gas).

Guido) (Alzandosi) Alsèl chèl gas lé, l’è tròp bas, la me nóna la dizia “Pès e fritàda, föch a la disperàda”... Ma fam véder a me; forse l’era mèi tiraga vià la carta al bóter!

Luciano) Òstis, g’ho mia pensàt, se pöl mia rià a töt. E adès che fói? Che ‘l brüza!

Guido) Tireghela vià adès.

Luciano) (Provando) Ma adès me scòte, e pò varda, el s’è sgionfàt töt!

Guido) El par deentàt en balunsì!

Luciano) E se ghés de sbüzàl?

Guido) Pröa.

Luciano) Con che ròba?

Guido) Col cortèl!

Luciano) (Prendendo il coltello e provando) El se taja mia, el sbiöss de töte le bande, el par vif. Ohh, ma me scòte.

Guido) Tön giü che taja Luciano, ma peséghet, peséghet, prim che ‘l sciòpes (stando all’erta ).

Luciano) (Indaffato a cercare) Guido endó sarài i cortèi che taja?

(Si sente uno scoppio e Guido fa un salto all’indietro.)

Guido) El te ocór pö el cortèl.

Luciano) Te Guido (stupito) l’è s-ciopàt pròpe de bu!

Guido) (Guardandosi attorno) E gh’è ‘ndat botér depertöt.

Luciano) Menomal che en bris de botér l’è restàt en del padilì, se nò la bisteca la se tacàa.

(Suonano alla porta.)

Luciano) (Mescolando nel  pentolino, a Guido) Va a véder chi che l’è.

Guido) (Guardandosi) Pòde mia ‘nà a véder, sö töt ónt!

Luciano) Fam el piazér de ‘nda a véder apö se te set ónt. Mé pòde pròpe mia muìm, sedenò me se taca la bisteca.

Ernesto) (Entrando da solo) Ciao Guido, ciao Luciano, che fét Guido de chèle bande ché?

Guido) Ciao Ernesto, só vignìt a daga na mà al Luciano, l’è ‘l sò prim dé de casalingo, e te?

Ernesto) Mé sarés vignìt a giöstà l’anta del vestare, (a Luciano) la m’ha dit tò fómna che l’è andada zó dei pólech.

Luciano) Ah sé! L’è ‘l  vestare de la camera alura. Ernesto, za che te ghe sét dré, dà n’öciada a la canèla de fa la polenta, (o al pestaröl o a un qualunque altro aggeggio di legno, mattarello o battipanni) però sta atento perché pròpe ché en fónt la s’è s-chegiàda e l’è  deentàt periculùs doperala.

Ernesto) Fam véder (prende l’oggetto ed inizia a ripararlo) che sét dre a fa de bèl Luciano? 

Luciano) (Con orgoglio ad Ernesto) Só dré a fa de disnà.

Ernesto) (Guardando l’orologio) El mia ‘n pó bunura de mèter sö la pignata?

Guido) Te te capisèt gnènt! Isé l’è en mestér fat.

Ernesto) Te ghé rizù, bisogna mia fa compagn de le fómne che le fa i laur semper a l’utim minüt.

Luciano) Per fa véder che j-è ‘ndafarade. Par ghe le gabe töt lure de fa.

Guido) Le fa isé apena per fas compatì.

Luciano) Per fa véder che le tribüla.

Ernesto) Apó la me la fa semper isé e dopo a la sera la dis che la g’ha laùrat  tròp e che ghe vignìt el mal de có. Posìbol che quan che la vé ‘n del lèt el pö de le ólte la gabe mal de có!

Guido) Le fómne j-è töte istèse, j-è disorganizade, le tribüla per niènt. Le sà mia che i laur na ólta facc, dopo se ghé pensa pö, l’è mei portàs avanti coi mestèr.

Luciano) (Facendogli vedere)Varda Ernesto, ché bói töt, e mé g’ho za consàt apó la salata, (guarda l’orologio) e j-è apena le dés de matina. Soi mia stat brao?

Ernesto) Brao brao, ecó (rende l’oggetto) apó chèsto l’è a posto, adès nóm a véder el vestare.

(Suonano alla porta, Luciano va ad aprire.)

Luciano) Ohh, ciao, denter denter

Autista) (Entra con due o tre bottiglie di vino in mano) Ciao Luciano, g’ho mès zó dò casse de acqua mineràl, giöna de vi bianch e giöna de vi négher e  g’ho portàt sö chèste de tastà (le appoggia sul tavolo, si guarda attorno incuriosito) che fét col bigaröl Luciano?

Guido) El fa el casalingo.

Ernesto) L’è restàt disoccupato e isé...

Luciano) La me par na bèla solusiù! Me fómna la laura e mé fó el casalingo.

Autista) Fét apó i mestér?

Luciano) Certo (toglie il biglietto dalla tasca e controlla) e pensa che per encö: g’ho zà  fat töt!

Guido) M’è vignìt un’idea. Za che te sét isé avanti có i mester, sculta, noalter som en quàter, perchè fóm mia na bela partidina a carte?

Ernesto) (Guardando l’orologio) L’è bunura. Se podarés anche fala...dai Luciano, tira föra le carte.

Autista) E dopo el me padrù che dizaràl?

Luciano) Te pödet semper dì che t’è vignìt en giramènt de có e che te set fermàt en momènt a polsà!

Autista) Buna ide (si toglie la giacca) apena sich minücc però.

Luciano) Poker o briscola?

Ernesto) Fóm el tre sèt?  Fóm el ciàpa nò?

Luciano) Dai sintìf zò che vó a tö le carte (va a prenderle).

Guido) E porta apó en vargót de béer.

Luciano) Sirvìv che l’è lé.

(Mettono il vassoio con le tazzine in terra, Guido tira fuori i bicchieri ed Ernesto le bottiglie e trova ed apre anche un pacchetto di patatine: butterà il sacchetto vuoto.)

Guido) Te Luciano, ma, el cafè?

Luciano) (Andando a vedere) L’è gnamò ignìt sö.

Guido) Gnamò? Ma el empìs el gas?

Luciano) Certo.

Guido) Ghe l’hét mès el cafè denter?

Luciano) Certo!

Guido) E l’acqua?

Luciano) E certo... per chi me ciàpet, faró mia el cafè senza acqua. Però, te me fat vègner en döbe. Ghe l’ho mèsa l’acqua... o no? E cosa pöl sucéder se gh’è mia l’acqua denter?

Ernesto) Sücèt che la cafetiera la s-ciòpa.

Luciano) Apó chèla... compagn che g’ha fat el botér?

Autista) Dai nóm, stóm mia a perder tèmp Luciano.

Ernesto) Me no g’ho mai sintìt dì che ‘l botér el s-ciòpa.

Guido) El s-ciòpa, el s-ciòpa Ernesto: te ‘l garantese mé.

Luciano) E apó mé t’el garantese, vàrdet entùren: gh’è botèr depertöt!

(In quel mentre si sente un altro scoppio e la caffettiera che  vola o saltella o rotola. Tutti si guardano attorno meravigliati.)

Guido) Varda, adès gh’è  “cafè con burro”.

Luciano) Dai, dim na mà che ‘l catóm sö.

Guido) Cosa vöt catà sö! Te ocórel per fa el “tiramisù”?

Ernesto) Ma nóm, el catarì sö dopo, adès fóm sta partidina a carte, sé o no?

Autista) Stóm mia a pèrder tèmp.

Luciano) En momènt (mette un po’ di strofinacci in terra) fam almen controlà le pignate (va a vedere) töt a posto, bói amó töt!

Guido) E ‘l ris?

Luciano) L’è dré a cözes.

Guido) E la bisteca?

Luciano) Töt a posto, l’è dré a cözes apó chèla e pròpe come la dìzia la tò nóna: “pès e fritàda, föch a la disperàda”.

(Tutti si siedono ed iniziano a giocare, tutti intenti non si accorgono che entra la moglie di Luciano che si guarda attorno e si mette le mani nei capelli.)

Ernesto) Napoli de spade .

Autista) Ma che cül.

Guido) E me ciüse i tre du e i tre - tre.

Luciano) Endó èla la tò fómna?

Ernesto) L’è a casa, e la tò?

Luciano) Ahh, me pòde sta tranquilo perchè la me fómna l’è a laurà.

Moglie) E no caro mio, la tò  fómna, l’è mia a laurà, la tò fómna l’e vignida a casa perchè... ma cosa g’hét fat a chesto paimènt che se sbrìzia isé fis? (prende la bottiglia)  gràpa de prima matina, e vi biànch e vi neghèr. E gh’é töt che brüza (prende l’oggetto aggiustato dal falegname  e li minaccia) ma èi laur de fa chèsti? Varda che mesteròcc!

Ernesto) (A Luciano) Diga che te ghé za fat töcc i mester.

Autista) Che te ghé za fat apó de disnà.

Guido) E te ghét fat nà apó la lavatrice.

Luciano) Mèt zó chèl laur lé, varda che ‘l  l’ha apena giöstat... fèrmet, fèrmet.

(La moglie li rincorre e loro ad uno ad uno infilano la porta.)

Fine

IL CASALINGO

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Scena: Una stanza con un tappeto sotto il tavolo che faccia sia da sala che da cucina. Alla fine dovrà esserci un gran disordine e una gran confusione.

Personaggi: Luciano

                   Guido, amico di Luciano

                   Ernesto - il falegname

                   L’autista che fa servizio a domicilio di bibite, acqua e vino.   

                   La moglie di Luciano.

(Luciano entra fischiettando con un bel grembiule davanti. Si ferma, toglie carta e penna da una tasca, traccia una riga sul foglio esclamando “Fatto!” Legge con attenzione, ripone il foglio, prende una scopa e la usa in modo molto sommario. Si ferma in mezzo alla stanza, guarda il mucchietto di sporco, con fare guardingo solleva un angolo del tappeto e con indifferenza vi scopa sotto il mucchietto dello sporco. Depone la scopa. Toglie ancora il foglietto dalla tasca, con la penna cancella anche quella riga esclamando: “Fatto!”. Prende poi uno strofinaccio della polvere e molto, ma molto sommariamente e velocemente, spolvera. Depone lo strofinaccio, riprende il foglietto dalla tasca e suonano alla porta. Luciano va ad aprire.)

Luciano) Ciao Guido, dentro, dentro.

Guido) (Entrando) Ciao Luciano, allora, come va il primo giorno di disoccupato?

Luciano) Benone, mia moglie è andata a lavorare e così io, che sono rimasto disoccupato, faccio il casalingo. Oggi è il mio primo giorno di casalingo.

Guido) (Girandogli attorno e sollevandogli il grembiule) Mi sembri proprio un casalingo per davvero, e cosa stai facendo? I mestieri?

Luciano) Certo, sono una stupidaggine, (togliendo il foglietto dalla tasca) ho già scopato, spolverato e ho già fatto andare che la lavatrice.

Guido) Davvero Luciano?  Non è difficile far andare la lavatrice?

Luciano) Una stupidaggine, basta schiacciare un bottone e lei fa tutto da sola.

Guido) Così semplice! Pensa che mia moglie brontola sempre quando deve lavare.

Luciano) Le donne brontolano solo perché hanno voglia di rompere le scatole.

Guido) Vogliono fare le vittime, te lo dico io.

Luciano) Dai Guido, siediti che ti faccio il caffè (prepara la caffettiera) guarda, non so se è perché è il primo giorno, ma io piuttosto di andare a lavorare con tutti che ti comandano, preferisco fare i mestieri, e poi guarda, ho quasi fatto tutto (prendendo ancora il biglietto dalla tasca) mi resta solo da preparare il pranzo, (rimette in tasca il biglietto facendogli vedere) mia moglie mi ha già preparato tutto, la pentola con l’acqua, il riso pesato sulla bilancia, e guarda che brava, dalla paura che mi sbagli mi ha messo perfino la manciatina di sale nel piattino; qui c’è l’insalata pulita e pronta da condire e qui la bistecca col suo bravo pentolino e il suo burro (tira fuori le tazzine).

Guido) (Sedendosi) Allora è una stupidaggine anche fare da mangiare. pensare che mia moglie brontola sempre per questo mangiare.

Luciano) (Prende zucchero e vassoio) Te l’ho detto Guido, le donne vogliono sempre fare le vittime, a loro piace farsi compatire.

Guido) Scusa Luciano, (si toglie la giacca e l’appoggia alla spalliera della sedia) già che ci sei, perché non fai anche il pranzo che così non ci pensi più.

Luciano) Hai ragione Guido (Accende il gas e versa nella pentola il riso e il sale) quanto ci vorrà perché il riso cuocia?

Guido) Un sacco di tempo, mia moglie di solito, quando fa la minestra butta la pasta perché dice che al riso serve il doppio del tempo per cuocere.

Luciano) Ora sono le 10, farà in tempo a cuocersi per mezzogiorno?

Guido) Mia moglie mi rinfaccia sempre che passa delle mezze mattine a fare da mangiare (guardando l’orologio) le 10: è mezza mattina giusta!

Luciano) Speriamo che ad andare a mezzogiorno si cuocia. LO sai, per me è il primo giorno di casalingo, ci tengo a fare bella figura con mia moglie (toglie il  vaso di fiori ed il tappeto dal tavolo e li appoggia da qualche parte).

Guido) Le donne pensano d’essere brave solo loro. Già che ci sei condisca anche l’insalata! Mia nonna diceva “Chi ha tempo non aspetti tempo!”

Luciano) Hai ragione così è un lavoro fatto anche quello.

Guido) Non fare come mia moglie che aspetta sempre l’ultimo momento a condire l’insalata.

Luciano) Anche la mia aspetta sempre l’ultimo momento, chissà come mai.

Guido) Te l’ho detto, le donne caro mio, sono furbe, vogliono fare le vittime, voglio far vedere che hanno sempre tanto da fare, che tribolano e tutto questo per farsi compatire. E alla sera dicono che hanno lavorato troppo e che gli è venuto il mal di testa a forza di lavorare. E dopo sono stanche...

Luciano) Hai ragione, le donne sono furbe. (Condisce con abbondantissimo olio e aceto) Ecco, anche questo lavoro è fatto.

Guido) Già che ci sei dietro, fai cuocere anche la bistecca, cosi non ci pensi più.

Luciano) Hai ragione Guido (prende il pacchetto del burro, fa vedere bene che è incartato, lo mette nel pentolino e sopra ci mette la bistecca e accende il gas).

Guido) (Alzandosi) Alzalo quel gas, è troppo basso, la mia nonna diceva “Pesce e frittata fuoco alla disperata” fai vedere a me, forse era meglio tirare via la carta al burro.

Luciano) Òstis, non ci ho pensato, non si può arrivare a tutto. E ora che faccio? Qui brucia.

Guido) Tiragliela via adesso.

Luciano) (Provando) Adesso mi scotto, inoltre guarda, si è gonfiato tutto.

Guido) Sembra diventato un palloncino!

Luciano) E se dovessi bucarlo?

Guido) Prova.

Luciano) Con che cosa?

Guido) Col coltello!

Luciano) (Prendendo il coltello e provando) Non si taglia, scivola da tutte le parti, sembra vivo. Oh, mi scotto.

Guido) Prendine uno che taglia Luciano, ma spicciati. Spicciati prima che scoppi (stando all’erta ).

Luciano) (Indaffarato a cercare) Guido dove saranno i coltelli che tagliano?

(Si sente uno scoppio e Guido fa un salto all’indietro.)

Guido) Non ti serve più il coltello.

Luciano) Tu Guido (stupito) è scoppiato per davvero!

Guido) (Guardandosi attorno) Ed è andato burro ovunque.

Luciano) Menomale che un poco di burro è rimasto nel padellino, altrimenti la bistecca si attaccava.

(Suonano alla porta.)

Luciano) (Mescolando nel  pentolino, a Guido) Va a vedere chi è.

Guido) (Guardandosi) Non posso andare a vedere, sono tutto unto.

Luciano) Fammi il piacere di andare anche se sei tutto unto. Non posso muovermi, altrimenti mi si attacca la bistecca.

Ernesto) (Entrando da solo) Ciao Guido, ciao Luciano, che fai Guido da queste parti?

Guido) Ciao Ernesto, sono venuto a dare una mano a Luciano, è il suo primo giorno di casalingo, e tu?

Ernesto) Io sarei venuto ad aggiustare l’anta dell’armadio (a Luciano) mi ha detto tua moglie che è andata giù dai cardini.

Luciano) Ah sì! È l’armadio della camera allora. Ernesto, già che ci sei dai un’occhiata al bastone da fare la polenta, (o al mortaio o ad un qualunque altro aggeggio di legno, mattarello o battipanni) però sta attento perché proprio qui in fondo si è scheggiata ed è diventato pericoloso usarla.

Ernesto) Fammi vedere (prende l’oggetto ed inizia a ripararlo) che stai facendo di bello Luciano? 

Luciano) (Con orgoglio ad Ernesto) Sto preparando il pranzo.

Ernesto) (Guardando l’orologio) Non è un po’ presto per mettere su la pentola?

Guido) Tu non capisci niente. Così è un lavoro fatto.

Ernesto) Hai ragione, non bisogna fare come le donne che fanno i lavori sempre all’ultimo minuto

Luciano) Per far vedere che sono indaffarate. Sembra che abbiano tutto loro da fare.

Guido) Lo fanno per farsi compatire.

Luciano) Per far vedere che tribolano.

Ernesto) Anche la mia fa sempre così e dopo alla sera dice che ha lavorato troppo e che le è venuto mal di testa. Possibile che quando viene a letto il più delle volte abbia mal di testa!

Guido) Le donne sono tutte uguali, sono disorganizzate, tribolano per niente. Non sanno che i lavori una volta fatto, dopo non ci si pensa più, è meglio portarsi avanti con i mestieri.

Luciano) (Facendogli vedere) Guarda Ernesto, che qui bolle tutto ed io ho già condito anche l’insalata, (guarda l’orologio) e sono solo le 10 di mattina. Non sono stato bravo?

Ernesto) Bravo bravo, ecco (rende l’oggetto) anche questo è a posto, ora andiamo a vedere l’armadio.

(Suonano alla porta, Luciano va ad aprire.)

Luciano) Oh, ciao, dentro dentro.

Autista) (Entra con due o tre bottiglie di vino in mano) Ciao Luciano, ti ho lasciato giù due casse d’acqua minerale, una di vino bianco e una di vino nero e ho portato su queste da assaggiare (le appoggia sul tavolo, si guarda attorno incuriosito) che fai col grembiule Luciano?

Guido) Fa il casalingo.

Ernesto) È rimasto disoccopato e così...

Luciano) Mi sembra una bella soluzione. Mia moglie lavora ed io faccio il casalingo.

Autista) Fai anche le faccende?

Luciano) Certo (toglie il biglietto dalla tasca e controlla) e pensa che per oggi ho già fatto tutto!

Guido) Mi è venuta un’idea. Già che sei così avanti con i mestieri, ascolta, noi siamo in 4, perché non facciamo una bella partitina a carte?

Ernesto) (Guardando l’orologio) È presto. Si potrebbe anche farla...dai Luciano, tira fuori le carte.

Autista) E dopo il mio padrone che dirà?

Luciano) Puoi sempre dirgli che ti è venuto un giramento di testa e che ti sei fermato un momento a riposare!

Autista) Buona idea (si toglie la giacca) solo 5 minuti però.

Luciano) Poker o briscola?

Ernesto) Facciamo un tressette? Facciamo un “ciapanò?!

Luciano) Dai sedetevi che vado a prendere le carte (va a prenderle).

Guido) E porta anche qualcosa da bere.

Luciano) Servitevi che è lì.

(Mettono il vassoio con le tazzine in terra, Guido tira fuori i bicchieri ed Ernesto le bottiglie e trova ed apre anche un pacchetto di patatine: butterà il sacchetto vuoto.)

Guido) Luciano, ma, e il caffè?

Luciano) (Andando a vedere) Non è ancora venuto su.

Guido) Non ancora? È acceso il gas?

Luciano) Certo.

Guido) Vi hai messo il caffè dentro?

Luciano) Certo!

Guido) E l’acqua?

Luciano) E certo... per chi mi prendi, non farò certo il caffè senza acqua. Però, mi fai venire un dubbio. Ho messo l’acqua... o no? E cosa può succedere se non c’è l’acqua dentro?

Ernesto) Succede che la caffettiera scoppia.

Luciano) Anche quella... come ha fatto il burro?

Autista) Dai andiamo, non stiamo a perdere tempo Luciano.

Ernesto) Non l’ho mai sentito dire che il burro scoppia.

Guido) Scoppia, scoppia Ernesto:  te lo garantisco io.

Luciano) E anch’io te lo garantisco, guardati attorno, c'è burro dappertutto.

(In quel mentre si sente un altro scoppio e la caffettiera che  vola o saltella o rotola. Tutti si guardano attorno meravigliati.)

Guido) Guarda, ora c’è  “caffè con burro”.

Luciano) Dai, datemi una mano che raccogliamo tutto.

Guido) Cosa vuoi raccogliere. Ti serve per fare il 2tiramisù”?

Ernesto) Su, lo raccoglierete dopo, ora facciamo questa partitina a carte, sì o no?

Autista) Non perdiamo tempo.

Luciano) Un momento (mette un po’ di strofinacci in terra) fammi almeno controllare le pentole (va a vedere) tutto a posto. Bolle ancora tutto.

Guido) E il riso?

Luciano) Sta cocendo.

Guido) E la bistecca?

Luciano) Tutto a posto, sta cocendo anche quella e proprio come diceva la tua nonna: “pesce e frittata fuoco alla disperata”.

(Tutti si siedono ed iniziano a giocare, tutti intenti non si accorgono che entra la moglie di Luciano che si guarda attorno e si mette le mani nei capelli.)

Ernesto) Napoli di spade .

Autista) Ma che sedere.

Guido) E io accuso i 3 due e i 3 tre.

Luciano) Dov’è tua moglie?

Ernesto) È a casa, e la tua?

Luciano) Ah, io posso stare tranquillo perché mia moglie è a lavorare.

Moglie) E no caro mio, tua moglie non è a lavorare, tua moglie è tornata a casa perché... ma cosa avete fatto a questo pavimento che si scivola così tanto? (prende la bottiglia)  grappa di prima mattina, e vino bianco e vino nero. E c’è tutto che brucia (prende l’oggetto aggiustato dal falegname  e li minaccia) ma sono cose da fare queste? Guarda che pasticciamento.

Ernesto) (A Luciano) Dille che tu li hai già fatti tutti i mestieri.

Autista) Che hai già fatto anche il pranzo.

Guido) E che hai fatto andare anche la lavatrice.

Luciano) metti giù quel coso, guarda che è appena stato aggiustato... fermati... fermati.

(La moglie li rincorre e loro ad uno ad uno infilano la porta.)

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno