Il catechismo

Stampa questo copione

IL CATECHISMO

IL CATECHISMO

SUORA - U parrucu mi dissi ca haia a priparari unu p’a cresima, viremu quannu arriva ca accussì cuminciamu c’u catechismu ...

RUDIS - Ossè benedica, sorella, chi è cca ca faciti u cataclismu?

SUORA - Chi è ca voli lei? u cataclisma?

RUDIS - Vah, vogghiu diri a scola ppi farimi a grèsina ...

SUORA - Ah! Forsi u capii, lei è chiddu ca sa’hava a fari u catechismo p’a cresima.

RUDIS - Appuntu e iu chi dissi? U sapi ca mi sta parennu ‘mpocu ‘ntrunata vossia? Forsi sarà stu cosu ca teni ‘ntesta, ma picchì non s’u leva?

SUORA - Senta signor lei, ho l’impressione che incominciamo proprio male, punto primo io non mi levo niente dalla testa, punto secondo non sono per niente intronata e punto terzo ... (gli si avvicina ) impari a parlarmi con educazione: questa è la prima lezione (gli assesta un tremendo schiaffone)

RUDIS - (per un po’ gira in tondo fino a fermarsi) Mizzica! E si chista è a prima lezioni a fini d’o catechismu chi fa, m’acchiana i ‘ncoddu c’a machina?

SUORA - (con aria minacciosa) Vedremo!

RUDIS - Forsi mi ni staiu pintennu di stu fattu d’o catechismu ...

SUORA - Lei non ha di che penstirsi: ancora non ha visto niente.

RUDIS - Appuntu!

SUORA - Poche chiacchiere e cominciamo: prima lezione

RUDIS - (scansandosi spaventato) No! A prima lezioni no, già m’abbastau! Passamu a secunna.

SUORA - Ma che ha capito? Prima lezione di catechismo, quella era una lezione di buona educazione... Prima lezione di catechismo i dieci comandamenti, li conosce?

RUDIS - A cui?

SUORA - ‘E deci comandamenti

RUDIS - Ma chi su tutti frati? Mizzica chi famigghia numerosa

SUORA - Si vede che non li conosce! Eppure tutti conoscono i dieci comandamenti!

RUDIS - Ma chi voli: iu sugnu tuttu casa e lavoro non è ca nesciu assai, si viri ca frequantunu n’autru bar ...

SUORA - (un po’ indispettita) i dieci comandamenti sono le dieci regole che Dio ci ha lasciati per vivere bene la vita cristiana, non sunu deci ‘mbriacuni comu a lei ca va’ furriannu bar bar, capito?

RUDIS - Si, si, ma picchì s’artaria? U capii, deci reguli, comu c’è u codici d’a strada ppi non si rumpiri u coddu c’a machina ci sunu i reguli ppi campari bonu, daccordu, e quali sunu?

SUORA - (imperativa) Primo! Non avrai altro dio fuor che me!

RUDIS - (un po’ interdetto) Comu dissi? ... altro dio fuora ca lei?

SUORA - Ma no iu scimunitu! Dio ci dice che non dobbiamo avere nessun altro dio al di fuori di lui! Capito?

RUDIS - Ah, va beni, u capii, iemu avanti.

SUORA - Non nominare il nome di Dio invano!

RUDIS - Ah certu iu quannu u nominu sempri c’è un motivu, o picchì sugnu siddiatu, op picchì mi scacciai un gnitu c’o marteddu ...

SUORA - No! No! No! Non si deve bestemmiare!

RUDIS - Vabbèni, vabbeni, u capii, apressu?

SUORA - Terzo: ricordati di santificare le feste

RUDIS - E chi voli diri?

SUORA -Voli diri ca ‘ntantu non si travagghia ...

RUDIS - ... ah, vabbè, si è ppi chissu ... iu non travagghiu mancu l’autri iorna perciò sugnu a postu!

SUORA - E poi nel giorno di domenica si smette di fare tutte le cose ordinarie per vivere bene il giorno del Signore

RUDIS - E iu sempri u fazzu, a duminica m’a passu di gran signori, mi susu a manziornu, vaiu o bar, o biliardu, mi ni vaiu a partitia e certi voti macari o cinima!

SUORA - No! No! No! vuol dire che la domenica si va a Messa!

RUDIS Macari!

SUORA - Si capisci! Tu ci stassi un annu senza vidiri mai a to mugghieri?

RUDIS - Certu ca no!

SUORA - E allura comu ci voi stari un annu senza viriri o to  Signuri, ateo e miscredenti!

RUDIS - Ragiuni havi, iemu avanti.

SUORA - Quarto onora il padre e la madre

RUDIS - Chissu mi veni ‘mpocu difficili ...

SUORA - E ti sforzi!

RUDIS - Si ma prima avissa a sapiri cu sunu, iu sugnu figghiu di N.N.!

SUORA - Quinto: non uccidere!

RUDIS - E iu mai a nuddu haiu ammazzatu!

SUORA - Bravo!

RUDIS - Al massimu qualche passata di lignati bona ppi bona ...

SUORA - Non si fa!

RUDIS - (quasi contrattando) Du’ cauci e ‘mpugnu ...

SUORA - No!

RUDIS - (c.s.) Sulu u pugnu ...

SUORA - No!

RUDIS - (c.s.) Na tumbulatedda ...

SUORA - No!

RUDIS - Na sputazzata ‘nta n’occhiu ...

SUORA - Ti dissi: No!

RUDIS - E pacenzia! Iemu avanti.

SUORA - Sesto non commettere atti impuri.

RUDIS - Chissu mai!

SUORA - Bravo!

RUDIS - Si, picchì iu ci l’hava dittu quann’era ‘nta banna: vogghiu sunari i ttamburi, ma iddi: nenti o soni i piatti o nenti, e accussì n’haia avutu mai u piaciri di sunati i ttamburi!

SUORA - Gnuranti! Atti impuri voli diri: cosi vastasi!

RUDIS - (arrossendo un poco) Vabbè ... ddocu  ... certu ... (con una leggera spallata un po’ complice) u sapi lei comu sunu ssi cosi no?

SUORA - (imperativa) No! Iu di ssi cosi non ni capisciu!

RUDIS - E, ma ni capisciu iu, ascutassi a mia: quannu ci voli ci voli!

SUORA - Ah! Quannu ci voli ci voli? Ppi tutti?

RUDIS - Si capisci!

SUORA - Allura, mittemu casu ca a unu ci piaci a to soru ...

RUDIS - Me soru non si tocca!

SUORA - E allura non si toccunu mancu i soru di l’autri! Capito? Vastasi! (gli assesta un secondo schiaffone)

RUDIS - E su dui! Boni iemu. Ma dicu e allura?

SUORA - Aspetti ca ti mariti!

RUDIS - Ma nel frattempu non è ca unu si putissi allenari ... chi sacciu ...

SUORA - (alzando la mano pronta al terzo ...) Ti dissi no!

RUDIS - (prontamente allontanandosi) Va beni, va beni u capii, asciuttu completu,  avanti viremu unni hama a ‘rrivari

SUORA - Settimo: non rubare!

RUDIS - Ca quali arrubbari ...

SUORA - Bravo, non ti è mai venuto in testa di rubare!

RUDIS - Ora si! E’ ca m’hana ‘ncagghiatu sempri prima, finu all’autra notti fici nuttata persa e figghiu babbu...

SUORA - Ben ti stà. I cosi di l’autri non si toccunu! Accussì ti ‘mpari! e ricordati ca rubbari voli diri macari quannu unu ‘mbrogghia, quannu non paga i tassi, quannu non fa nenti o travagghiu ....

RUDIS - Bonu bonu bonu, u capii, iemu avanti viremu si ci n’è qualcunu chiù facili ...

SUORA - Ottavo: non dire falsa testimonianza.

RUDIS - E chi hama a fari un processu?

SUORA - Sceccu cca cura, voli diri ca non si diciunu munsignarii

RUDIS - E allura si ....

SUORA - Chi vulissi diri?

RUDIS - Nenti, iu qualcheduna a vaiu dicennu però mi cunottu ca c’è cu è chiù peggiu di mia ...

SUORA - E cioè?

RUDIS - E cioè ca all’autra sira mi visti na para di politici a televisioni ... e chi ci nisceva d’a vucca ... ma mi dicissi na cosa, ppi iddi non vali macari sta liggi?

SUORA - E si capisci! Tutti o ‘nfernu si ni vanu! E tu macari si non cangi testa!

RUDIS - Ora ca mu sta dicennu: autru ca cangiu!

SUORA - L’inferno ti fa paura vero?

RUDIS - A dirici a verità non è tantu ppu ‘nfernu ... ma lei s’u ‘mmaggina tutta l’eternità cu certi personaggi?  No no no da oggi in poi vita nova ...

SUORA - Nono: non desiderare la roba d’altri ...

RUDIS - E ddocu ci semu ...

SUORA - Bravo e come fai ?

RUDIS - Comu fazzu? Ca prima ancora ca a desidiru, già mi l’haia pigghiatu!

SUORA - Ateo e miscredente! E allora col decimo non ne parliamo ...

RUDIS - Picchì, chi senti a diri u decimu?

SUORA - Decimo: non desiderare la donna d’altri!

RUDIS - E ddocu veramenti, sugnu a postu! Chissu è ‘ncomandamentu ca mi veni facili.

SUORA - Sono contenta. e come mai?

RUDIS - E si vidi ca lei ‘n’a canuscia mugghieri di l’amicu miu: brutta, ma brutta ca, m’ha cridiri, lei a confrontu di idda è miss Italia; autru ca ddisidirari, a mia u scuncertu mi veni ...

SUORA - Ateo ... ateo e scomunicato, pure me offendi ora?

RUDIS - Mi scusi e andura chi dissimu? Ca si dici sempri a virità, no? E allura pichì si siddia?

SUORA - Picchì? Ora t’u spiegu. Seconda lezione: (si leva la scarpa e comincia a dargliela in testa mentre escono fuori correndo)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 8 volte nell' ultima settimana
  • 16 volte nell' ultimo mese
  • 147 volte nell' arco di un'anno