Il cerchio si chiude

Stampa questo copione

IL CERCHIO SI CHIUDE

S.I.A.E.

                                                                                                     Teatro Comico Napoletano

Il cerchio si chiude

Commedia in due atti

di

Colomba Rosaria Andolfi

(2006)

Non sono consentiti adattamenti, riduzioni, modifiche del testo, variazioni del titolo. L’eventuale traduzione di detta commedia in altre lingue o dialetti richiede espressa autorizzazione dell’autrice.

La commedia, depositata alla S.I.A.E. il 5 luglio 2006, nasce dallo sviluppo e dalla fusione di due miei atti unici del 1993:  “E chi ’o ppò sapé!” e “’O pizzo a riso” (portati in scena nel 1995 con un mio spettacolo di Cabteatro).

S.I.A.E.

                                                                                                     Teatro Comico Napoletano

Il cerchio si chiude

Commedia in due atti

di

Colomba Rosaria Andolfi

(2006)

PERSONAGGI

SALVATORE NASERCHIA, capo famiglia

NENNELLA, sua moglie

CATERINA, loro figlia

GEGÈ, loro figlio

DON AGOSTINO, padre anziano di Nennella

RAGAZZO, garzone

LUCIA, amica di Nennella

FELICE LETIZIA, amico di Salvatore

SIG.RA GINA, vicina di casa

GIULIETTA, amica di Nennella

DON GENNARO, salumiere

CAV. TORELLO, datore di lavoro di Salvatore

SIG.RA TORELLO, moglie del Cavaliere

PROF.SSA VIVADIO, insegnante di Caterina

RITUCCIA, figlia della Signora Gina

RAGAZZO E RAGAZZA, amici di Gegè

I personaggi sono 17. I registi scaramantici potranno portare a tre gli amici di Gegè o avvalersi dell’introduzione, riportata nelle ultime due pagine, per incrementare il numero degli attori.

Il bozzetto di scena, per questa e per le altre commedie, può essere richiesto all’autrice (indirizzo e-mail: corandolfi@libero.it)

Divisione in scene

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA (pag.  5)   

Nennella, Don Agostino, poi Ragazzo.

SCENA SECONDA (pag. 10)

Nennella, Don Agostino, Lucia.

SCENA TERZA (pag. 16) 

Nennella, Don Agostino, Lucia, Salvatore, poi Felice.

        (BUIO)

                                        

SCENA QUARTA (pag. 23)

Nennella e Salvatore.

SCENA QUINTA (pag. 24)

Salvatore, Cav. Torello e Signora Torello.

SCENA SESTA (pag. 27)

Salvatore e Nennella.

SCENA SETTIMA (pag. 30)

Salvatore, Nennella e Don Agostino.

SCENA OTTAVA (pag. 32)

Nennella, Salvatore, Don Agostino, Gegè, poi amici di Gegè.

SCENA NONA (pag. 36-39)

Nennella, Don Agostino, Signora Gina, poi Salvatore.

Divisione in scene

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA (pag. 40)

Salvatore, Nennella, Gegè, indi Caterina, poi Sig.ra Gina.

SCENA SECONDA (pag. 43)

Nennella, Salvatore, Professoressa Vivadio.

SCENA TERZA (pag. 45)

Nennella, Caterina, indi Salvatore, poi Gegè.

SCENA QUARTA (pag. 49)

Nennella, Caterina, poi Salvatore e Don Agostino

SCENA QUINTA (pag. 52)

Nennella, Don Agostino, Don Gennaro.

SCENA SESTA (pag. 53)

Nennella, Don Agostino, Lucia, Giulietta, poi Caterina.

SCENA SETTIMA (pag. 57)

Nennella, Giulietta, Salvatore, poi Caterina.

SCENA OTTAVA (pag. 61)

Salvatore, Felice, indi Caterina, poi Nennella.

SCENA NONA (pag. 65)

Salvatore, Nennella, poi Felice e Giulietta.

SCENA DECIMA (pag. 69)

Salvatore, Nennella, Cav. Torello, Sig.ra Torello, indi Sig.ra Gina, poi Rituccia.

SCENA UNDICESIMA (pag.77-78)

Nennella, Salvatore, Don Gennaro.

Trama: la vicenda ruota e si sviluppa intorno a un regalo che viene ogni volta riciclato e che, per strane coincidenze, ritorna proprio da chi lo aveva effettivamente acquistato.

ATTO PRIMO

La vicenda si svolge a metà novembre di sabato mattina  nel soggiorno-studio di casa Naserchia. Scena: sulla parete di sinistra, quasi in proscenio,  c’è una colonnina con sopra una pianta (completa di sottovaso) e, a seguire, una vecchia finestra praticabile con tenda aperta; nell’angolo un carrello con sopra televisore e telecomando. Sulla parete di destra, quasi in proscenio in una rientranza, una stufa elettrica e una poltrona con un cuscino;  a seguire,  una piccola scrivania con una sedia che guarda verso la parete e un piccolo scaffale con libri. Sulla parete frontale, a sinistra, un mobile con cassetti e antine superiori e con un vano a giorno centrale dove c’è un telefono fisso; a destra, c’è la comune. Quasi al centro della scena, un tavolo tondo di legno lucido con tre sedie (la quarta è vicino alla picccola scrivania). Quadri alle pareti, libri e una lampada sulla scrivania completano l’arredamento moderno e abbastanza dignitoso. La restante parte della casa è a destra, uscendo dalla comune; la porta d’ingresso è a sinitra, uscendo dalla comune.

All’apertura del sipario, la finestra è aperta. In prossimità della comune, c’è la mazza con il panno usato per lavare il pavimento e il secchio con l’acqua. Due sedie sono intorno al tavolo; le altre due sono capovolte sul tavolo. Sulla scrivania c’è lo strofinaccio per la polvere.

Scena Prima

NENNELLA (in abbigliamento casalingo e giacchino di lana, toglie con lo strofinaccio la polvere dai piedi di una sedia che è sul tavolo, l’abbassa e la sistema fra le altre due; toglie la polvere dai piedi dell’altra sedia che è sul tavolo, l’abbassa e la sistema vicino alla scrivania) Ecco fatto. (Toglie la polvere dallo scaffale dei libri e ammucchia su un lato della scrivania alcuni libri che vi sono sparsi): Libri, libri, libri!… Sta casa è chiena ’e  libbre!

DON AGOSTINO (varca la comune dall’interno della casa e entra a piccoli passi in scena con cappotto, sciarpa e berretto di lana, appoggiandosi all’ombrello): Che gelo!... ’A Siberia! ’A Siberia!

NENNELLA (lo guarda): Papà, che ce faje cu ’o cappotto e cu ’o cappiello?

DON AGOSTINO: M’arreparo d’ ’o friddo… ’E spiffere ca ce stanno ’int’ a sta casa nun ce stanno nemmanco ’o Colosseo!

        Nennella sorride, si gira e toglie la polvere sulla  scrivania. Don Agostino si dirige a piccoli passi verso la finestra aperta

NENNELLA (si volta): Ma addó vaje?

DON AGOSTINO: Voglio chiudere ’a fenesta.

NENNELLA: Papà, ’a fenesta ha da stà aperta, si no ’o pavimento nun s’asciutta.

DON AGOSTINO (si avvicina lentamente al tavolo): A furia ’e cate d’ acqua ’nterra,  stu pavimento se starrà ’nfracetanno … Nu juorno ’e chiste va a fernì ca se ne cade.

NENNELLA: Papà, l’acqua è pulizia!

DON AGOSTINO: Sarrà, ma pe’ te, figlia mia, è na fissazione!...  E comme si nun abbastasse, te sì ghiuta a piglià a nu marito ca ’o ttène pe’ canzone, quanno s’arraggia, ’e ce fà ’a benedizione cu ll’acqua gelata!... (Fermo vicino al tavolo, tossisce) Vide che tosse ca tengo!

NENNELLA (continuando a togliere la polvere): Papà, vatte a assettà ’ncopp’ ’a pultrona, però cammina ’ncopp’ ’e pponte.

DON AGOSTINO (appoggiandosi all’ombrello, prova a mettersi sulle punte): È na parola!… (Perde l’equilibrio e afferrandosi con l’altra mano al tavolo) Mamma d’ ’o Carmine!

NENNELLA (si gira): Papà, statte accorto!… Ce mancasse sulo na caduta!

DON AGOSTINO: Nennella, Nenné, tu me vulisse  fà cammenà ’ncopp’ ’e pponte… Dio ’o ssape e ’a Madonna ’o vvede, i’ comme me mantengo allerto!

NENNELLA (toglie la polvere sul lume della scrivania): E va buo’, nun ce sunnammo niente. ’O pavimento d’ ’o lato d’ ’a fenesta se sarrà asciuttato.

DON AGOSTINO (a piccoli passi, si sposta davanti al tavolo per raggiungere la poltrona): Ma vedite che vecchiaia ca me steva astipata!... Comme si nun abbastasse ’o friddo che sento, aggi’ ’a fà pure ’a traversata… Nenné, damme na mano!

NENNELLA (poggia il panno per la polvere sul tavolo): Te putive stà n’atu ppoco ’int’ ’a cucina. (Gli va vicino e lo aiuta a sedersi) Jammo, appoggete a me… Assettete chiano chiano.

DON AGOSTINO (si siede e sospira): Ah, finalmente! (Poggia l’ombrello accanto alla poltrona) Nenné, accuonceme nu poco stu cuscino areto ’e rine.

NENNELLA (gli sistema il cuscino): Va buono accussì?

DON AGOSTINO: Sì, sì. (Si avvolge meglio la sciarpa intorno al collo). Che friddo!... Sta aperta pure ’a porta d’ ’e scale.

NENNELLA: Accussì ’o pavimento s’asciutta primma (prende lo strofinaccio per la polvere e pulisce sul tavolo). Te l’hé pigliato ’o ccafè?... Te n’aggio lasciato na tazzulella .

DON AGOSTINO: Séh, séh, era gelato!

NENNELLA: Che esagerazione!… L’aggio fatto appena na mezora fa.

DON AGOSTINO: Nenné, int’ a sta casa se gelano pure ’e llacreme!

NENNELLA (con lo strofinaccio in mano): E va buo’, chiudimmo sta fenesta (sbatte fuori il panno usato per togliere la polvere e chiude la finestra).Si’ cuntento? (sposta il secchio con l’acqua e con la mazza e ripassa il panno sul pavimento dove il secchio era poggiato).

DON AGOSTINO (tocca la stufa): Quanno l’appicciammo ’a stufa?

NENNELLA: Papà, ’a currente costa. Aspettammo nu poco. Doppo, quanno fernesco ’e pulezzà, appicciammo ’a stufa pe’ na mezora.

DON AGOSTINO: Aggio capito; avimm’ ’a aspettà ca se scioglie primma ’a neve d’ ’a Siberia.

NENNELLA: Mò vaco a chiudere ’a fenesta d’ ’a cammera ’e lietto (esce di scena, portando via la mazza, il secchio con l’acqua e lo strofinaccio per la polvere e va verso destra).

DON AGOSTINO: Che friddo!… Chella ha deciso ca nun aggi’ ’a vedé ’a staggione!  (A voce alta) Nenné, chiude pure ’a porta d’ ’e scale!… (Si copre le ginocchia col cappotto) Nun avrà ’ntiso. M’arriva nu viento gelato vicino ’e ccosce!.... E dicere ca sott’ ’o cazone tengo pure ’o mutandone ’e lana... Comm’è brutta ’a vicchiaia!

RAGAZZO (con giubbino invernale e un sacchetto di segatura in mano, varca la comune, venendo da sinistra, e entra in scena): Permesso? Pozzo trasì? 

DON AGOSTINO: E tu già si’ trasuto.

RAGAZZO (poggia il sacchetto a terra vicino al mobile): Ccà  stà ’a segatura p’ ’a gatta.

DON AGOSTINO: E nnuje ’a gatta nun ’a tenimmo.

RAGAZZO (viene più avanti): Se n’è scappata; è ovè? (Ride) Pe’ forza, vuje lassate ’a porta aperta!

DON AGOSTINO (seccato): Eh, già!… (Lo fissa) Ma tu sì ’o figlio ’e Don Pascale?

RAGAZZO (aria stolida): Boh?

DON AGOSTINO: Ma comme, nun saje comme se chiamma papà tujo!… Nun ’a siente a mammà quanno ’o chiamma?

RAGAZZO (ride): E chella mammà ’o chiamma “Chiochiò” pe’ dicere chiochiaro.

DON AGOSTINO: Facesse meglio si ’o chiammasse cu nu sisco (prende l’ombrello, lo riavvolge e ne fissa i lembi).

 

RAGAZZO: Si avit’’a ascì, ’o ’mbrello nun ve serve… Nun sta chiuvenno.

DON AGOSTINO: Chi t’ha ditto c’aggi’ ’a ascì?

RAGAZZO (ride): E vvuje state tutto appriparato. (Guarda sotto la suola della scarpa e stropiccia il piede sul pavimento) Tengo na cosa azzeccata sotto ’a scarpa.

 

NENNELLA (entra in scena con un bricco in mano): Nèh, guaglió, io mò aggio lavato… Se pò sapè che vuo’?

RAGAZZO: Signó, v’aggio purtato ’a segatura p’ ’a gatta (va verso il pacco di segatura).

NENNELLA: ’A gatta!… Qua’ gatta?… (si avvicina alla pianta e schiocca dei bacini, come se chiamasse un gatto).

        Il ragazzo, convinto che Nennella stia chiamando la micia, si inginocchia per cercarla sotto il mobile.

        Don Agostino poggia l’ombrello alla parete.

NENNELLA (parla alla pianta): Bella!… Bellella!

        Il ragazzo si rialza e guarda, sconcertato, Nennella.

NENNELLA (innaffia delicatamente la pianta col bricco): Jammo, bive nu poco. (Si gira e rivolta al ragazzo) E tu che ce faje ancora ccà!?… ’O vvuo’ capì ca nuje ’a gatta nun ’a tenimmo!… Certamente hé sbagliato casa.

RAGAZZO: Noo!… Chillo ’o guardaporta me l’ha spiegato buono… “Saglie ’o primmo piano e tuzzulìe ’a porta ca truove ’ncopp’ ’o lato d’ ’a mano che scrive”.

NENNELLA (sorride): E t’ha ditto giusto… Chesta, saglienno, è ’a porta a sinistra… ’A porta a destra, addó tu hé ’a jì’, stà ’e rimpetto… Néh, ma tu cu qua’ mano scrive?

RAGAZZO (pensoso, solleva la mano sinistra): Cu chesta, ma saccio scrivere sulo ’e nummere.

NENNELLA (sorride): Ah, si’ mancino! (poggia il bricco sul tavolo).

RAGAZZO: No, so’ Nicola.

NENNELLA (ride): Ahaah, è Nicola.

DON AGOSTINO (ride): Ahaah ahaah, è Nicola (colpo di tosse).

RAGAZZO (risentito, prende il sacchetto della segatura): Boh?... E chi ’e ccapisce! (esce di scena, andando verso la porta d’ingresso).

NENNELLA (si affaccia alla comune): Tirete ’a porta d’ ’e scale!

DON AGOSTINO: Ha ditto pure bongiorno. Nenné, mò ’o pavimento se sarrà asciuttato.

NENNELLA: E fra na mezora appicciammo nu poco ’a stufa (prende il bricco dal tavolo e esce di scena, andando a destra verso l’interno della casa).

DON AGOSTINO: Chisà si ce campo n’ata mezora ’int’ a stu gelo?!... (Tossisce) Comm’è brutta ’a vicchiaia!  

        Squilla il telefono

DON AGOSTINO: Nenné, ’o telefono!... Nenné, rispunne!

NENNELLA (rientra in scena): Papà e damme ’o tiempo! (Solleva la cornetta) Pronto?… Ah, Salvató, e allora?… Ce l’hé dato ’o regalo ’o cavaliere?……… Embè, che t’ha ditto? ……….Che significa “Ha ditto grazie”?… Ll’è piaciuto, quando l’ha visto?….…. E pecché nun l’ha araputo?

DON AGOSTINO (a parte): Pecché è scustumato.

NENNELLA (sempre a telefono): E no!… Isso, pure si ’e regale n’ha avuto a centenara,  p’ educazione l’aveva arapì… Menumale ca ’o biglietto ce l’aggio fatto mettere propio dint’ ’a scatola, accussì, quanno l’arape, ’o trova.

DON AGOSTINO (curioso): Ma che regalo è?

NENNELLA (rispondendo al padre): È na bella cennerera ’e cristallo…   Salvató, mò che viene, piglia na confezione d’ove…… No, niente pasta c’ ’o burro. Ogge, mangiammo pasta e patate……E’o ssaccio ca te piace.         

DON  AGOSTINO (a parte): Si è pe’ chesto, me piace pure a me.

NENNELLA: ’A pancetta nun ’a tenevo… Ce aggio miso nu poco ’e lardo…  M’arraccumanno, nun te scurdà ll’ove!……… Sì, allora va’ (abbassa la cornetta). Famme jì’ a stutà sott’ ’o ffuoco!  (esce frettolosamente di scena, andando verso l’interno della casa).

DON AGOSTINO: Sperammo ca nun s’è abbruciato tutte cose… (Infreddolito, guarda verso la finestra) ’E ffeneste ’e sta casa so’ vecchie…’O friddo trase pure quanno stanno chiuse…. (Guarda il cappotto) Stu cappotto s’è cunsumato, nun dà cchiù calore.

Scena Seconda

       

        Bussata di porta (campanello)

DON AGOSTINO (ad alta voce): Nenné, ’a porta!

NENNELLA (voce fuori campo): Aggio ’ntiso, papà... Stó ghienno (passa fuori della comune e va verso la porta d’ingresso).

DON AGOSTINO: È atu friddo che trase (si copre le orecchie con la sciarpa).

NENNELLA (voce fuori campo): Ciao, Lucì!... Trase!

DON AGOSTINO (rabbrividisce): Siente che viento!     

        Lucia, seguita da Nennella, entra in scena elegantemente vestita con cappotto, borsa e foulard.

NENNELLA: Nun t’aspettavo propio… Saccio ca ’o sabato tiene sempe che fà.

LUCIA: Me so’ truvata a passà e aggio fatto na sagliuta… Buongiorno, Don Agostì!

DON AGOSTINO (scosta la sciarpa dalla bocca): Bongiorno, ato che bongiorno!

NENNELLA (a Lucia): Ogge sente ancora cchiù friddo. (Sorride) S’è fatto vicchiariello. Fra poco fa uttant’anne.

LUCIA: Purtroppo ll’anne passano!… (Annusa l’aria) Ma che bell’addore ’e cipolle! Che staje appriparanno ’e buono? (si siede con le spalle alla finestra).

NENNELLA: Aggio deciso ’e fà pasta e patate (le siede accanto sulla sedia centrale). Tengo già tutto pronto… ’A vulevo fà ajere, ma po’ aggio penzato ca a Salvatore lle piace e l’aggio fatta ogge ca è sabato… Salvatore ’o sabato fa sulo meza giurnata.

DON AGOSTINO: Sperammo ca sta pasta e patane m’ ’a fanno mangià ’ngrazia ’e Dio!

NENNELLA (nota l’aria interrogativa di Lucia): È pe’ via ’e Salvatore ca ’e vvote torna ’a casa nervuso.

DON AGOSTINO: E tu, pe’ nu riguardo a me, putisse pure luvà l’occasione.   

NENNELLA: Lucì, ma dimme, tuo suocero comme stà?

LUCIA: E che t’aggi’ ’a dì?... S’è ridutto pelle e ossa… Ha vuluto pure ’o nutaio pe’ sistemà tutte cose… Povero ommo!... Stà cchiù ’a llà ca ’a ccà.... E penzà ca fino a n’anno fa steva buono!

NENNELLA: Comme me dispiace!

LUCIA: A me me fa pure ’mpressione d’ ’o guardà… Pe’ chesto, quanno pozzo, me ne scengo.

NENNELLA: Ma tu tiene sempe ’a filippina?

LUCIA: No, chella se ne jette… Mò tengo a na polacca… È propio na brava femmena. (Guarda Don Agostino) Chillo però, mio suocero, s’ ’a pava isso cu ’a penzione soja… (Rivolta a Nennella) È na femmena ca esce d’ ’o  ffuoco… Int’ ’e spezzune ’e tiempo me fa pure quacche servizio… (Tono mesto) Povera crista, sapisse mò comme stà prioccupata!… Chella, si more ’o viecchio, perde ’o posto.

DON AGOSTINO (a parte): Ah, è sulo pe’ chesto.

NENNELLA: Ma ’o miedeco che dice?

LUCIA (rassegnata): Stavota nun ce ha dato speranze. (Prende un astuccio dalla borsa e lo apre) ’O vvì, propio stammatina m’aggio accattato stu paro ’e ricchine e sta cullana nera pe’ tené tutto pronto. (Tira su col naso, prende dalla borsa un fazzolettino bianco e nero per tamponarsi le narici) M’aggio accattato pure stu fazzuletto… Tu ’o ssaje, i’ l’aggio vuluto bene comm’ ’a nu pate.

DON AGOSTINO (a parte): Già l’ha fatto murì.

LUCIA: Mò vulesse  jì a m’accuncià nu poco ’e capille.

DON AGOSTINO  (ironico): Eh già, si no pare brutto. Pe’ vvuje è comme a nu pate. (Rivolto alla figlia) Nenné, ma tu pe’ me nun tiene pronto niente?

NENNELLA: Papà, che dice!... Fusse asciuto pazzo! (Si alza) Lucì, permesso nu mumento… Vaco a pesà ’a pasta e appiccio miccio miccio sotto ’a pentola (esce di scena, andando a destra).

DON AGOSTINO: Avite visto?… Mia figlia nun è assennata comm’ a vvuje...  Avrà pigliato ’e me… Quanno murette ’a bonanema ’e mia moglie, io nun me facette nemmanco ’a barba.... Chisà che brutta figura avarraggio fatto?!

LUCIA (senza cogliere l’ironia): Nuje dint’ ’a famiglia nosta ce tenimmo assaje... Mammà, primma ca papà mureva, s’appriparaje tutte cose… Povera mammà!… S’accattaje pure ’e llente scure pe’ chisà chiagneva.

DON AGOSTINO: E chiagnette?

LUCIA: No, nemmanco na lacrima… Anze fuje essa a dà curaggio all’ate.

DON AGOSTINO (ironico): Cierta gente nun chiagne, se sape cuntrullà... ’O dulore ’o porta ’int’ ’o core.

LUCIA: Propio accussì.

NENNELLA (rientra in scena): Scuseme, Lucì, ma tra poco torna Caterina d’ ’a scola e chella vò mangià ampressa ampressa, pecché s’ha da mettere subbeto a studià (si siede di nuovo).

LUCIA (poco convinta): Biata a te!… Chella figlia toja tene ’a scienza ’ncapo!

NENNELLA: Sì, overo è na suddisfazione!… Chella  è ’a primma d’ ’a scola… È propio nu campione.

DON AGOSTINO (a parte): Pe’ me nun è normale.

LUCIA: E ’o masculo che  fa?

DON AGOSTINO (a parte): Perde tiempo.

NENNELLA: Gegè va all’Università.

LUCIA: ’O ssaccio, fa Legge… Ma io dicevo…

NENNELLA (tergiversa): Chillo è pazzo p’ ’a musica…’A tene dint’ ’o sanghe.

LUCIA: Overo!… E che strumento sona?

DON AGOSTINO: No, chillo nun sona… Stà sulo cu na cuffia dint’ ’e rrecchie.

NENNELLA (rivolta a Lucia): Papà è rimasto ’e tiempe ’e na vota… ’A giuventù ’e mò nun ’a capisce… Ma tu che me cunte ’e bello?… Martina toja che fa?… Nun tene a nisciuno?

LUCIA: Sì e no… (Tono confidenziale) Ce sta nu bravo giovane ca lle stà appriesso, ma essa pe’ mò nun ne vò sapé… Vò sta libera, pure pecché l’hanno pigliata pe’ fà chella trasmissione… Aspè, comme se chiamma?… Ah, sì “Il grande cancello”.

DON AGOSTINO: E che d’è nu carcere?

LUCIA (ride): No, qua’ carcere!... È na casa addó tanta giuvene, mascule e femmene, senza se cunoscere, campano ’nzieme pe’ quacche mese.

DON AGOSTINO: Allora è nu riformatorio?

NENNELLA: No, papà; è na casa addó chisti giuvene fanno esperienze… Però tutto chello ca succede se vede pe’ televisione, pecché dint’ ’a chella casa ce  stanno ’e telecamere tuorno tuorno, ’ncopp’e liette, int’a cucina, fore ’e bagne…

LUCIA: Propio accussì.

DON AGOSTINO (scandalizzato): E che schifezza è chesta!… Nun teneno scuorno?!…  All’epoca mia cierti ccose se facevano ’o stesso, ma…

LUCIA (sorride): Don Agostì, c’avite capito?!… Chella è na cosa seria… È na specie ’e scola… (Sospira) Martina mia, si riesce, ave…

DON AGOSTINO: ’A licenza pe’ fà…

NENNELLA (lo interrompe): Carriera, pecché tenarrà certamente na carriera assicurata.

LUCIA (aria sognante): Eh già!... Pò fà l’attrice,’a ballerina, ’a cantante…

DON AGOSTINO: Mò inzomma stà facenno scola, scola ’e vita.

LUCIA (orgogliosa): Scola ’e teatro… (Tono confidenziale) Chille, pure quanno se baciano e stanno sotto ’e llenzóle, ’o ffanno pe’ finta.

DON AGOSTINO (incredulo): Pe’ finta! Mah?… E ’o pate d’ ’a guagliona che dice?

LUCIA: E c’ ha da dicere?… Chillo fatica in Brasile … (Tono mesto) Oramaje so’ tre anne… Pe’ isso sarrà na surpresa.

DON AGOSTINO: E ce credo!

NENNELLA: Overo na surpresa!

DON AGOSTINO (a parte): Trova pure ’o pate atterrato.

LUCIA (rivolta a Nennella): Chisà comme sarrà cuntento ca ’a figlia è ghiuta in televisione!.… E po’ isso ’o ssape ca ’a guagliona tene a me ca ’a saccio cunziglià… Pure stu giovane ca tene appriesso, si sta duranno è grazie a me… E addó ’o trova a n’ato accussì?… Chillo me pare ’o cavalier servente.

 

NENNELLA: E dincello ca nun s’ ’o facesse scappà.

LUCIA: Ce ’o ddico e comme!  Essa, ’o ssape, ca nun pò fà affidamento ’ncuollo a me… Io stó  stanca; da cinche mise sto facenno na vita accussì sbattuta e tu ’o ssaje… A luglio, ddoje settimane a Ischia da na cugina mia ch’è rimasta vedova… Nun appena so’ turnata, mia sorella m’ha vuluto cu essa a Varcaturo tutt’ ’o mese d’agosto… E po’ miettece na settimana a Amalfi addu Gennarino, ’o matrimonio a Milano d’ ’o nepote ’e mio marito, ’a cresima a Foggia d’ ’a figlia ’e Maria…  Stu guajo ’e mio suocero nun ce vuleva propio!… ’E chisto passo va a fernì ca ’a morte arriva pe’ me.

DON AGOSTINO (sorride): E addó v’acchiappa?!… Chella si vene, nun ve trova… Cu vvuje ha da piglià appuntamento (tossisce).

NENNELLA (sorride): Papà pazzea sempe… Te faccio vedé ca tuo suocero…

LUCIA: Sperammo ca Dio s’ ’o chiamma ampressa ampressa, senza farlo suffrì… ’Mmaculatina m’ha già invitato a Catania pe’ Natale… Chisà comme se dispiace, si  nun ce vaco!

DON AGOSTINO: So’ sicuro ca ce jate… Nennella mia, invece sta sempe ccà; nun va maje a nisciuna parte.

NENNELLA: Pe’ forza!… Chilli poche pariente ca tengo stanno tutte a Napule.

LUCIA: Uh, Nenné, me so’ scurdata ’a casa ’e punte d’ ’o llatte Mungirone… Ne songo na decina… Nun appena me riesce, faccio na scappata e t’ ’e pporto.

NENNELLA: Grazie… Me ne servono ancora na cinquantina pe’ piglià ’a cuperta.

DON AGOSTINO (a parte): Povero a me!…  Saje quanta zuppe ’e latte!

 

LUCIA (si stringe nel cappotto): Ma sta casa comm’è gelata!… Fà cchiù friddo ccà ca mmiez’ ’a via!… Io me trovo na bellezza cu ’o riscaldamento…  L’impianto è custato caro, ma so’ state sorde beneditte! (Rivolta a Nennella) Figurate ca io pe’ dint’ ’a casa stongo cu ’e mmeze maneche.

DON AGOSTINO (a parte): E quanno ce stà ’int’ ’a casa!?

NENNELLA (per giustificarsi): Ma sta casa nun è ’a nosta; nun vale ’a pena ’e ce spennere sorde.

DON AGOSTINO (a Lucia): Io, si fosse a vvuje, m’ ’o gudesse cchiù assaje ’o riscaldamento ca tenite.

LUCIA (sorride): Quanno me faccio vecchia, certamente m’ ’o godo ’e cchiù. (Si alza) Mò s’è fatto propio tarde!

Scena Terza

        Rumore di chiavi

NENNELLA (si alza): Chist’è Salvatore… (Seccata) Già è turnato!

SALVATORE (voce fuori campo): Felì, trase, trase!… (Varca la comune, venendo da sinistra, e entra in scena, seguito da un amico) Ciao, Lucì! (si sbottona il cappotto).

LUCIA (in piedi, vicino alla sedia dov’era seduta): Ciao, Salvató!

SALVATORE: Nenné, te presento n’amico mio… (Rivolto a Felice) È mia moglie… Me levo nu mumento ’o cappotto (varca la comune, andando a sinistra nell’ingresso).

FELICE (con impermeabile beige abbottonato, porge timidamente la mano a Nennella): Piacere, mi chiamo Felice Letizia.

NENNELLA (gli stringe la mano): Piacere!…  Avit’ ’a scusà, si truvate nu poco ’e disordine.

FELICE (tono mesto): Figuratevi!

DON AGOSTINO (incuriosito, guarda Felice - a parte): Me pare ca nun l’aggio mai visto.

SALVATORE (rientra in scena e presentandogli Lucia): La signora Lucia è una cara amica di mia moglie.

FELICE (stringendole timidamente la mano): Tanto piacere.

LUCIA (sorride): Piacere… Vi chiamate Felice?

FELICE (tono mesto): Sì, Felice Letizia.

LUCIA: Che bellu nomme!

        Don Agostino tossisce per attirare l’attenzione.

NENNELLA (a Felice): È mio padre… Soffre assaje ’o friddo.

FELICE  (senza avvicinarsi): Ah, piacere!

DON AGOSTINO (per sottolineare che non gli ha teso la mano): Piacere, ma state comodo!  (rimette la mano sotto la sciarpa).

SALVATORE (con un sorriso): Bongiorno, papà.

DON AGOSTINO: Bongiorno.

NENNELLA (indica a Felice la sedia centrale):  Prego, accomodatevi!

FELICE: Grazie (si siede senza sbottonarsi l’impermeabile).

        Lucia, in piedi,  guarda l’orologio sul polso.

SALVATORE (mette una mano sulla spalla di Felice e rivolto a Nennella): Felice m’ ha dato nu passaggio cu ’a machina, si no stesse ancora aspettanno ’o pùllman… Felice è n’amico mio ’e giuventù; pazziavemo a pallone ’nzieme. È ancora scapulone … Tene na latteria ’nzieme cu ’a sora.

DON AGOSTINO (a parte): Stevemo scarze a zuppe ’e latte!

FELICE: Vennimmo latte e latticini.

NENNELLA: Io faccio ’e punte d’ ’o llatte Mungirone.

FELICE: E chille fra nu mese ’e llevano ’a miezo.

NENNELLA: ’E llevano ’a miezo!? … Io aggi’ ’a piglià ’a cuperta.

DON AGOSTINO (a parte): Mò cu ’o llatte ce facimmo pure ’e clistere.

SALVATORE (sorride): Mia moglie è fissata cu ’e punte (siede accanto a Felice).

FELICE (rivolto a Nennella): Mannatele ampressa, si no ’e perdite.

LUCIA: Io te porto ’e punte ca tengo… Mò me ne vaco, si no faccio tarde… State comodi… (A Felice) È stato un piacere; arrivederci. Ciao, Salvató!

FELICE (distratto): Arrivederci.

SALVATORE: (senza alzarsi): Ciao, Lucì! 

LUCIA (con il gesto della mano, andando verso la comune): Buongiorno, Don Agostì!… Nenné, ce vedimmo.

NENNELLA: T’accumpagno…  Famme sapé nutizie ’e tuo suocero (la segue fuori scena verso la porta d’ingresso).

DON AGOSTINO (a parte): Sperammo ca ’o parrucchiere l’accuntenta.

NENNELLA (voce fuori campo): Ciao…. (Passando  fuori della comune) Famme jì a stutà sott’ ’a pentola.

SALVATORE: Quant’anne so’ passate!

FELICE: È overo. Quanno te ’ncuntraje l’urdema vota, tenive a na critura pe’ mano.

SALVATORE: Mia figlia Caterina. Mò tene diciassett’ anne. Chist’anno se diploma pure.

NENNELLA (rientra in scena, venendo da destra, e rivolta a Felice): ’O vulite nu cafè?  

FELICE: No, grazie; tengo sulo sete.

NENNELLA: E mò ve porto na bella butteglia d’acqua d’ ’o frigorifero (esce di scena).

DON AGOSTINO (temendo il peggio): L’acqua  gelata v’ ’a putite bere?

FELICE: A me si nun è gelata nun me piace.

DON AGOSTINO (scuote il capo): Però fa male… Comme me sento mò, ce mancasse sulo na doccia fredda!

SALVATORE (a Felice): Nun ce fà caso… È viecchio… Parla isso sulo.

DON AGOSTINO (tono esplorativo): Salvató, va tutto buono?

SALVATORE: Dicimmo che sì.

DON AGOSTINO: Menumale!

FELICE (tono confidenziale): ’O ssaje, Salvató, stammatina mammà teneva na brutta cèra... Stongo  assaje preoccupato.

SALVATORE (seccato): E mò, Felì, nun te fissà!… Siente a me, nun ce penzà cchiù.

DON AGOSTINO: Mamma vosta quant’anne tene?

SALVATORE: Chella ’a mamma è morta già ’a diece anne.

DON AGOSTINO (incredulo): Morta!?

FELICE (mesto): Sì, purtroppo.

DON AGOSTINO: E allora?… 

NENNELLA (entra in scena con una bottiglia d'acqua minerale già dimezzata e con un bicchiere di vetro lavorato): Ccà stà l’acqua… È bella fredda! (versa l’acqua nel bicchiere e richiude la bottiglia).

FELICE: Grazie assaje!… (Ammira il bicchiere) Comm’è bello stu bicchiere!

NENNELLA (orgogliosa): N’aggio pigliate sei cu ’e punte d’ ’o ccafè.

SALVATORE: Int’a sta casa pigliammo tutte cose cu ’e punte.

FELICE (beve d’un fiato): Ah, ce vuleva propio!

        Nennella si trattiene in scena, fingendo di cercare qualcosa nei cassetti del mobile.

DON AGOSTINO (guarda Felice con aria interrogativa): E allora, ’a brutta cèra?...

FELICE  (sposta un po’ la sedia verso il vecchio): Avit’’a sapé ca ogni sabato matina io vaco ’ncopp’ ’o cimitero (si fa il segno della croce) a truvà a mammà… Comm’è bella dint’ ’a chella fotografia!... Cierti vvote veco ca me fà ’o pizzo a riso e allora capisco ca pe’ chella settimana me va tutto buono. Ati vvote fà l’aria indifferente e allora saccio ca pe’ me sarrà na settimana comm’ a tante; ma quanno, comm’a stammatina, me fà na brutta cèra, subbeto  m’ accummencio a prioccupà penzanno a quale guajo me pò succedere.

        Nennella scuote la testa ed esce di scena.

Don Agostino tira fuori il portafoglio dalla tasca del cappotto e ne estrae una foto della moglie.

       

SALVATORE: Felì, tu te si’ fissato! … ’A cèra e ’o pizzo a rriso stanno sulamente dint’ ’a fantasia toja!... Pe’ te ce vulesse na femmena.

FELICE: E addó ’a trovo!?

 

DON AGOSTINO (osserva la foto della moglie): A me  me pare ca Idarella mia tene sempe ’a stessa faccia… Mah?... Sarrà ca nun ce veco buono. (Rivolto a Felice) Ma, quanno p’ ’o passato ’a mamma vosta v’ha fatto na brutta cèra, po’ overamente v’è capitato nu guaio?

FELICE: E comme no!… Propio tre mmise fa, era nu sabato matina e io comm’ a sempe ’a jette a truvà ’o cimitero… Essa, primma me facette ’o pizzo a riso e po’ subbeto doppo na faccia scura… Io llà pe’ llà nun capette, penzaje che mammà aveva vuluto pazzià… Chella sera  me ne jette ’o bar cu cierte amice e llà cuntrullaje ’a ’strazione d’ ’o lotto, pecché m’ero fatto giuca cierti nummere ’a mia sorella… Nun ve dico ’a cuntentezza quanno vedette ca erano asciute tutte ’e tre!...  Pavaje ’o cafè a tutte quante e currette ’e pressa ’a casa. (Affranto) E allora…

DON AGOSTINO: E allora?…

FELICE (sconfortato): E allora capette pecché mammà aveva fatto primma ’o pizzo a rriso e po’ ’a brutta cèra…  Chella stunata ’e Michelina s’era scurdata ’e me giucà ’o biglietto… Nun sulo perdette ’o terno, ma stevo pure  passanno nu diciassette pecché ’a vulevo accidere… Mò chisà che ato m’ha da capità?!

        Nennella rientra in scena e guarda, impaziente, Salvatore.

SALVATORE: Va buo’, nun te fissà, si no va a fernì ca ce appizze ’a salute… Fa’ na cosa, stasera vienetenne ccà… Ce facimmo na partita a carte, accussì te distraje nu poco.

FELICE: Forse aje ragione.

NENNELLA (rivolta a Salvatore):  Scummetto ca te sì’ scurdato d’accattà ll’ove.

SALVATORE: Sì, m’è passato ’e capa.

NENNELLA: ’O ssapevo!

FELICE (si alza):Allora, Salvató, ce vedimmo stasera.

        Salvatore va verso la comune, precedendo Felice.

FELICE ( a Nennella e a  Don Agostino) È stato un piacere. Arrivederci! (esce di scena, dietro Salvatore).

NENNELLA: Arrivederci.

DON AGOSTINO: Stateve buono.

SALVATORE (voce fuori campo): Statte accorto!… Vattennne subbeto ’a casa! (rientra in scena dalla sala d’ingresso).

NENNELLA (con le mani sui fianchi): Chillo è cchiù curto ’e capa ’e te!… Ma se sape…

SALVATORE: Che vuo’ dicere!?

DON AGOSTINO (prende l’ombrello): Niente, Salvató. Tu ’o ssaje, chella  parla a schiovere (si appoggia al bracciolo della poltrona e all’ombrello e tenta di alzarsi).

NENNELLA: Voglio dicere ca sulo uno accussì fesso puteva essere amico tujo!

DON AGOSTINO: Vide si chella ’a fernesce! (a fatica si alza).

SALVATORE: Tu pienze all’amiche toje.

NENNELLA: A chillu malaurio l’hé invitato pure stasera.

SALVATORE: Pecché, avess’ ’a dà cunto a te?... Â casa mia invito a chi voglio.

 

DON AGOSTINO: Ogge ’a benedezione l’avimmo comme antipasto (a piccoli passi va verso la comune).

       

NENNELLA: Comme si nun ce abbastasseno ’e ffessarie ca cunte tu, mò avimm’ ’a stà a sentere pure ’o pazzo ca ce porta ’e nnutizie d’ ’o campusanto!

SALVATORE (afferra la bottiglia dal tavolo): Tu ’a sta vocca saje fà ascì sulo veleno!

NENNELLA: Puose ’a butteglia  ca l’acqua minerale costa!

DON AGOSTINO (apre l’ombrello): ’E pumpiere! ’E pumpiere! (si appoggia allo scaffale dei libri per guadagnare l’uscita).    

SALVATORE (nervoso con la bottiglia in mano): Tu sì na fucajola.

NENNELLA: Fucajola a me?

SALVATORE: Tu si’ na diavola.

        Don Agostino varca la comune e va a destra, uscendo di scena.

NENNELLA (voce rotta): Chisto è ’o ben servito, doppo sta vita ’e niente che faccio… Sempe a spaccà ’o centesimo pe’ quadrà ’e cunte. (Tira su col naso) Va! Scinnetenne!… Vattenne a fà na cammenata cu ll’amico tujo!

SALVATORE (poggia la bottiglia sul tavolo): Felice, povero cristo, me fa pena. 

NENNELLA (si asciuga una lacrima): E io nun te faccio pena?

SALVATORE: Tu si’ n’ata cosa… (Le si avvicina ) Jammo, nun chiagnere!… ’O ssaje ca te voglio bene… (Tira fuori un cartoncino dalla tasca)  Dimane assera fanno l’inaugurazione ’e na scola ’e ballo, propio all’angolo d’ ’a via nosta… Ce hanno invitato pure a nnuje. (Le poggia una mano sulla spalla)  Che dice, ce jammo?

        Nennella scuote la spalla. 

SALVATORE: A te te piaceva ’e jì a abballà.

NENNELLA: Na vota.

SALVATORE (sorride): A me pure mò… Permetti questo ballo?

Gioco di luci - Musica di sottofondo (valzer)

      Nennella e Salvatore fanno un giro di valzer intorno al tavolo e, ballando,

      vanno fuori scena.

Musica in dissolvenza

BUIO E TICCHETTIO DI OROLOGIO PER INDICARE IL PASSAGGIO DEL TEMPO

        Giorno dopo - domenica mattina

           Sul tavolo non ci sono  più la bottiglia e il bicchiere.

Scena quarta

NENNELLA (entra in scena, pronta per uscire, con un bicchiere colorato in mano, poggia la borsa sulla sedia e va verso la pianta): Te faccio bere nu poco, accussì addeviente ancora cchiù bella (innaffia la pianta).

SALVATORE (con un maglione diverso, entra in scena sulla battuta): Vulesse propio sapé si a sta pianta ce facisse ’e stesse cicereannammuolle, si te l’avesse regalata mamma mia!

NENNELLA: Sèh, sèh, mamma toja me faceva nu regalo a me!... Chella sape sulo cuntà miserie (poggia il bicchiere sul tavolo).

SALVATORE: Tu pienze ca Felice, l’amico mio, nun ce stà cu ’a capa… E tu, allora?… (Ride) Sì’ normale tu che parle cu ’a pianta?

NENNELLA (si abbottona il cappotto):’O vvì ca sì’ ignorante?!... Carolina ha purtato nu giurnale d’ ’a parrocchia, addó sta scritto ca ’e ppiante vonno ’e cumplimente propio comme ’e ffemmene. (Prende la borsa dalla sedia e va verso la colonnina) Tu cchiù ce ne faje e loro cchiù s’addecreano. E po’ io  pe’ sta  pianta ce tengo assaje, pecché me l’ha regalata Carmilina, primma ’e se ne turnà in Australia.

SALVATORE: E chella tua sorella nun teneva che fà… Menumale ca nun tenimmo balcune, si no passasse tutta ’a giurnata a parlà cu ’e fronne!

NENNELLA (prende la pianta e il sottovaso): Che spirito ’e patane!  (Rivolta alla pianta) Jammuncenne, nun ’o dà retta!... Mò te metto fore ’e scale, accussì piglie nu poco d’aria mentre vaco ’a messa... (Rivolta a Salvatore) Doppo puorte stu bicchiere int’ ’a cucina!… Papà se sta piglianno ’a zuppa ’e latte… Io vaco… Fra n’ora stò ccà (esce di scena).

SALVATORE: E chisto è ’o guaio! (Ozia per la stanza, osserva due quadri appesi alle pareti e si avvicina per raddrizzarli) Mò sì!… (Si siede sulla poltrona) Overo è comoda sta pultrona! (Guarda l’orologio sul polso)  Povera mammà, nun me vede maje!… Mò ’a chiammo pe’ sapé comme stà. (Si alza e va verso il telefono) Sicuramentea chest’ora ’a trovo (compone il numero).

Scena quinta

        Bussata di porta - campanello

SALVATORE (abbassa subito la cornetta): Stà n’ata vota ccà… Chisà che s’è scurdato? (Va ad aprire - voce fuori campo, tono cerimonioso) Cavalié, che piacere!… Prego, Signora, accomodatevi! (li precede in scena, toglie il bicchiere dal tavolo e lo poggia sulla scrivania).

        La Signora Torello, donna di mezza età, con pelliccia, cappello e borsetta, entra in scena, si sfila il guanto destro e porge il dorso della mano a Salvatore.

SALVATORE (le bacia la mano): Come mai da queste parti?

CAV. TORELLO (con cappotto di cachemire e un quotidiano sotto il braccio, gli consegna un pacchetto): Caro Naserchia, mia moglie ci teneva a portarvi lei stessa questo piccolo presente… È per i venticinque anni di lavoro che avete dedicato alla nostra ditta. 

SALVATORE (impacciato): Grazie!… (Rivolto alla signora) Che gentilezza! (poggia il pacchetto sul tavolo).

SIGNORA TORELLO (sfilandosi l’altro guanto di pelle): L’impedenza di mio marito non ci ha dato il canzo di venire prima, come avessimo voluto, per la quale quindi, eccoci qua.

CAV. TORELLO (a parte): Afforza vò parlà!...  (A Salvatore) Già, impegni di lavoro.

SIGNORA TORELLO: Pure anco io songo stata assai impignata a priparare il festeggiamento per la nascita soja… Quanti parienti ca songo venuti!   

SALVATORE: Me lo immagino.

SIGNORA TORELLO: Simmo stati a mangiare a ’A Sagrestìa… È nu ristorante addó va tutta gente articolata (mette i guanti nella borsetta).

CAV. TORELLO (la corregge): Altolocata… Naserchia, ma vostra moglie non c’è?

SALVATORE: No, è uscita per la messa.… Sicuramente sta per tornare.

SIGNORA TORELLO: Naserchia, non arapite il pacchetto?... Su, su, sgravogliate!...  Voglio vetere se vi piace.

CAV. TORELLO (a parte): Ma sentitela!… (Poggia il giornale sullo scaffale, prende il telefonino dalla tasca e chiama un numero)… Pronto Gigì, te vulevo dicere che stasera ce vedimmo ’a casa ’e Guglielmo, vene pure Amedeo… Ce facimmo na partetella a poker. (Tira fuori le sigarette dalla tasca)……. All’Ippodromo!... E quando?.......... (Varca la comune e passeggia nell’ingresso, scomparendo ogni tanto alla vista - voce fuori campo) Certo ca me fa piacere!

SIGNORA TORELLO (sorride): Mio marito sta sempre col celluloide in mano. Pure alla sera nel tallamo nuziale stammo sempe a tre… io, isso e chillu coso.

        Salvatore, in piedi, finisce di scartocciare il pacco, senza rovinare la carta, e tira fuori delicatamente da una scatola qualcosa di pesante, avvolto in una velina. Guarda la comune alla sua destra nella speranza che il cavaliere abbia concluso la telefonata. 

SIGNORA TORELLO (in piedi, vicino alla sedia centrale): E sgravogliate!

SALVATORE (svolge la velina e scopre un grosso posacenere di cristallo lavorato): Un regalo davvero bello! (tiene d’occhio l’ingresso nell’attesa che il Cavaliere concluda la telefonata).

SIGNORA TORELLO (ammira il posacenere): Sì, è propiamente bello (guarda la colonnina)

SALVATORE: Grazie! 

SIGNORA TORELLO: Una cennerera per fummatori è talvero utile… Io ho pur’ anco trovato il posto dove potete poneggiarla in mostra…Permettete?  (prende il posacenere e va a poggiarlo sulla colonnina)  Sta colonna pare fatta propiamente apposta. Nun v’appare pure a voi?

SALVATORE (guardando verso la comune): Sì.

.

SIGNORA TORELLO (ammira l’effetto):Che bella esposizione!

SALVATORE: È proprio un regalo di gusto.

 

SIGNORA TORELLO (orgogliosa): Io tengo gusto pure quanno m’apparecchio… È n’eredità sanguigna… Mammà teneva na sartoria… Mammà faceva Cappiello.

SALVATORE (distratto): Ah, faceva ’e cappielle?

SIGNORA TORELLO (ride): No, qua’ cappielle!… Mammà teneva na sartoria a Via Duomo, “Sartoria Cappiello e Co.”…  Chisà chillu “co” che vuleva dicere?

SALVATORE: Forse Cappiello e Compagni.

SIGNORA TORELLO (risentita): Qua’ cumpagno!… Mamma mia era onesta dalla cimma dei capelli fino a sotto la sogliola delle scarpe.

SALVATORE: Certamente.

SIGNORATORELLO: Era papà che faceva Tammorra… “Colorificio Tammorra Sas”… (Sorride) Papà diceva che SAS significava Sulo a Silvana… Chillo pe’ me ce teneva assaje… E fuje  propiamente llà, ’o colorificio, che canobbi a mio marito… Comm’era bello!… Fuje tutt’uno, na guardata e si infuocò il pagliaro… Allora isso era sulo n’ impiegato, po’ doppo ha fatto tutta la scalata. (Sospira) Papà bonanema, quanno me spusaje, per levare ’a miezo tutte le frasche, cagnò il nome d’ ’a ditta. La chiammò “Colorificio Tammorra e Torello”. (Si porta la mano sul petto) Ma sempe SAS.

        Il Cavaliere Torello rientra in scena, ripone il cellulare in tasca e guarda l’orologio.

SALVATORE (gli si avvicina): Ah, Cavalié…

CAV. TORELLO (lo interrompe): Scusate, Naserchia, ma ora dobbiamo andare. Ho un impegno di lavoro… Io non sono fortunato come voi dipendenti… Per me non esistono giorni di festa.

SIG.RA TORELLO: Lavoro, sempe lavoro… Chillo è missionario.

CAV. TORELLO (sorride): Proprio così. Il lavoro per me è una missione.

SALVATORE (cerimonioso): Ma almeno ’o tiempo pe’ na tazzulella ’e cafè...

CAV. TORELLO: No, grazie. Sarà per un’altra volta.

SIGNORA TORELLO: Sarrà per un prossimamente.

CAV. TORELLO (congedandosi con una stretta di mano): Impegni permettendo (si avvia fuori scena, dimenticando il giornale sullo scaffale).Saluti alla signora.

SALVATORE (impacciato): Presenterò… Grazie ancora del pensiero!

SIG.RA TORELLO (gli porge il dorso della mano per il baciamano): Non lo dite propiamente! Per noi è stato un tanto piacere… Guttebaie! (esce di scena).

SALVATORE (li accompagna alla porta - voce fuori campo): Arrivederci… arrivederci! (Rientra in scena, ripiega la carta e mette lo spago nella scatola) E mò che torna, chi ’a mantene!?... Già me pare d’ ’a sentere... “Ma comme, nun sì’ stato capace ’e ce parlà  d’ ’a promozione!... Hé avuto ’a furtuna ca ’o principale tujo è venuto ccà e tu te si’ perzo st’occasione!” (Ripone la scatola con la carta nel mobile, si gira e vede il giornale sullo scaffale dei libri) Da sta visita ce aggio guadagnato sulo stu giurnale (lo prende). Doppo m’ ’o leggo… Mò vedimmo si pozzo fà na telefonata â vicchiarella mia (avvicina una sedia al mobile, solleva la cornetta e inizia a comporre il numero).

Scena sesta

            Bussata di  porta (campanello)

SALVATORE (abbassa la cornetta del telefono): Nun è cosa… Già è turnata (rimette la sedia vicino al tavolo e poggia di nuovo il giornale sullo scaffale).   

        Altra bussata di porta - campanello

SALVATORE: Sta pure nervosa. (Esce di scena) Vengo! Vengo!

NENNELLA (entra in scena con borsa e cappotto e con la pianta in braccio): E tanto ce vuleva p’arapì! (poggia la pianta col sottovaso sul tavolo, mette la borsa sulla sedia e nota il posacenere sulla colonnina).

SALVATORE (seguendola in scena): ’A prossima vota t’aspetto aret’ ’a porta.

NENNELLA (si avvicina alla colonnina): E che ce fa stu coso?… Che significa? 

SALVATORE (in piedi con le spalle alla scrivania): Significa ca tu me staje sempe ’nnanze ’e piede e quanno aviss’ ’a stà int’ ’a casa, nun ce staje…  Chistu  regalo l’ha purtato ’o principale mio cu ’a mugliera, pecché ’o mese passato aggio fatto vinticinche anne ’e lavoro dint’ ’a ditta.

NENNELLA (ironica): T’ha fatto ’o regalo pe’ ’e nnozze d’argiento… (Fissa il posacenere) Ma stu posacenere è tale e quale a chillo ca tu ce hé purtato ajere!

SALVATORE: Sì’ sicura?

NENNELLA: E comme no!

SALVATORE: Mò che ce penzo, ’a carta era ’a stessa.

NENNELLA: E penzà ca dint’ ’a vetrina steva scritto “pezzo unico”! (torna verso il tavolo).

SALVATORE: Se vede ca nun era overo.

NENNELLA (sorride): Figurate ’a  faccia che faciarrà ’o cavaliere quanno arape ’o pacco tujo e trova ’o stesso regalo! (si sfila il cappotto).

SALVATORE: Già!

NENNELLA (contenta): Che bellezza ca so’ venute!E dimme, comme steveno?

SALVATORE (ironico): Steveno a  braccetto.... Essa c’ ’o cappiello e isso c’ ’o pastrano.

NENNELLA  (poggia il cappotto sulla spalliera della sedia): Finalmente ’o Pateterno t’ha dato l’occasione ’e parlà a quatt’uocchie c’ ’o cavaliere!...  Allora che t’ha ditto?... Quanno t’ ’o dà l’aumento?

SALVATORE: Eh, comme curre!

NENNELLA: Ma tu ce l’hé parlato?  Ce l’hé ditto ca nun putimmo cchiù campà cu chille quatto centesimi?

SALVATORE: E chi n’ha avuto ’o tiempo!

NENNELLA (nervosa): E te pareva!… Tu si’ muscio comm’ ’a mammeta.

SALVATORE: Lassa stà a mammà!    

NENNELLA: E chi t’ ’a tocca!  

SALVATORE: So’ sicuro ca ’o cavaliere, primma o poi  l’aumento m’ ’o dà… ’O ssape comm’ io fatico.  

NENNELLA (adirata): Ma sape pure ca uno fesso comm’a te nun esiste... Chella mammeta, doppo ca te facette, se luvaje ’o vizio…  Basta!... Basta, Salvató!... Io nun ce ’a faccio cchiù a ghì annanze accussì! (Voce rotta) Vide comme hé ’a fà!

SALVATORE: Calmete ca te faje venì n’infarto e chiudimmo ’a matenata c’ ’o cardiologo.  

NENNELLA: Chillo ’o cardiologo ce vulesse overamente, ma pe’ te.

SALVATORE: E pecché?

NENNELLA: Pecché tu, Salvató, sì’ strunzo c’ ’o core!

SALVATORE: Io songo uno ca riflette primma ’e parlà.

NENNELLA (va verso la colonnina): Séh, séh…  È meglio ca sta cennerera ’a levo ’a miezo, accussì nun ’a veco (prende il posacenere di cristallo e lo poggia sul tavolo).

SALVATORE: E che d’è, mò nun te piace cchiù?… Quanno l’hé accattata p’ ’o cavaliere, hé ditto ch’era bella assaje.

NENNELLA: Ma a nnuje nun ce serve.  Ccà nun fuma nisciuno… E po’ chisto è ’o posto d’ ’a pianta (prende dal tavolo la pianta con il sottovaso e va verso la colonnina).

SALVATORE: ’O ssapevo!… Pe’ chesto aggio astipato’a scatola e pure ’a carta e ’o spago (prende dal mobile la scatola, con sopra la carta piegata, e la poggia sul tavolo).

NENNELLA: Chesta è l’unica cosa bona ca hé fatto, accussì stu regalo ’o passammo appriesso (poggia la pianta sulla colonnina).

 

SALVATORE (va verso la finestra e guarda fuori): Ogge che mangiammo?

NENNELLA: E che vuo’ mangià cu chille quatto sorde che puorte!... Nu piatto ’e pasta asciutta abbasta e avanza… Ê guagliune pe’ ssicondo lle faccio na fetticciolla ’e carne.Chille so’ giuvene (torna verso il tavolo e apre la scatola).

Scena settima

            

Don Agostino entra lentamente in scena con cappotto, sciarpa e berretto di lana, ma senza ombrello.

SALVATORE: A pruposito, Gegè, s’è scetato?

DON AGOSTINO: E chi l’ha visto! (va a piccoli passi verso la sua poltrona).

SALVATORE (nervoso):Scummetto che stà ancora durmenno. È overo!?

        Don Agostino si appoggia alla spalliera della sedia che è vicino alla scrivania per riposarsi.

NENNELLA: Sì e nun alluccà… Fallo durmì n’atu ppoco (prende la velina dalla scatola e vi avvolge il posacenere).

SALVATORE  (guarda l’orologio): Ma so’ ll’undice e meza… A chest’ora ’o lord se putesse pure sósere!

NENNELLA: Chillo  è guaglione… Ave bisogno ’e durmì almeno ott’ ore… Stammatina s’è arritirato quase ’e ccinche.

DON AGOSTINO: Faciarrà ’o guardiano ’e notte.

SALVATORE: Aggio capito. Pure ogge se sose quanno stà ’o piatto a tavola.

NENNELLA (sistema il posacenere nella scatola): Quanta paglia hanno miso int’ a sta scatola!

       

DON AGOSTINO (raggiunge la poltrona):Nenné, damme na mano.

NENNELLA (lo aiuta a sedersi): Papà, appoggete a me. Assettete chiano chiano.  

DON AGOSTINO (si siede lentamente): Comm’è brutta ’a vicchiaia!  

        Nennella gli sistema il cuscino dietro la schiena e torna verso il tavolo.

DON AGOSTINO (tocca la stufa): Sta stufa stà sempe stutata… Che vuo’ piglià calore!

SALVATORE: E Caterina addó sta?

NENNELLA: Fra poco ’a vide ’e venì… È ghiuta ’a messa, però doppo passava p’ ’a casa ’e na cumpagna a se piglià nu libro. Ha ditto  ca lle serve pe’ studià meglio (ripone la scatola e la carta da regalo in un’antina superiore del mobile, dove stanno dei piatti).

DON AGOSTINO (a parte): Pe’ me chella guagliona nun è normale.

SALVATORE: Ma pecché nun hé fatto ’o masculo comm’ a essa?!... Invece, ’o vvì, tenimmo ’o penzionante dint’ ’a casa… Mò ’a bistecca, mò l’uovo sbattuto… Te pare bello?

NENNELLA: E chillo ha da mangià, pecché studia.

DON AGOSTINO (a parte): Sèh,  studia.

SALVATORE (nervoso): Ma che studia!?… Chillo fa l’arte ’e Michelasso, magna, beve e va a spasso… ’A notte, invece ’e durmì, se ne va cammenanno.

NENNELLA: È guaglione; esce cu ll’amice… ’O nicessario è ca stà buono ’e salute, si no comme studia?

SALVATORE: Chillo pe’ mestiere  fa ’o studente a vita… Avesse dato almeno n’esame dint’a n’anno!

NENNELLA: Che vuò capì d’Università?… Tu te sì’ fermato ’o ginnasio.

SALVATORE: Io me so’ fermato pe’ faticà, quanno murette papà.

NENNELLA: Già, pecché chella sfaticata ’e mamma toja te luvaie d’ ’a scola.

DON AGOSTINO (guarda il bicchiere sulla scrivania - a parte): Sperammo ca ’o bicchiere è vacante.

SALVATORE (batte il pugno sul tavolo): Tu a chella santa femmena ’e mammà nun l’hé annummenà nemmanco!… Povera crista!... Cu cinche figlie mascule steva sempe a lavà e a cucenà, a cucenà overamente.

NENNELLA (acida): Pecché,  vuo’ dicere  ca io nun saccio cucenà?!

DON AGOSTINO (preoccupato - a parte): Vide si chella se stà zitta!... Nun tengo neppure ’o ’mbrello.

SALVATORE: Io saccio ca, nu juorno sì e nu juorno no, me faje truvà pe’ cena’a pasta c’ ’o burro.

NENNELLA (nervosa): È meglio ca nun te rispongo (esce di scena).

 

DON AGOSTINO (sollevato): Madonna mia, te ringrazio!

        Salvatore prende il giornale dallo scaffale e si siede alla scrivania

DON AGOSTINO (a Salvatore):  Pure a me me piacesse ’e leggere nu poco… Ma chi ce vede!

SALVATORE: E chelle so’ ’e cataratte… Quanno ve decidite, è sempe tarde.

DON AGOSTINO: N’operazione all’età mia, si se pò evità, è meglio.

SALVATORE (sorride): Papà, primma o poi ve l’avit’ ’a fà (nervosamente gira la pagina del giornale).

DON AGOSTINO: Che viento!… Salvató, fa’ chiano cu stu giurnale! (Si copre meglio con la sciarpa) Pecché nun appicciammo nu poco ’a stufa?

SALVATORE: E chi ’a sente!… Ccà pure ’a televisione s’ha da appiccià a orario.

NENNELLA (entra in scena - rivolta a Salvatore): Tanto pe’ t’ ’o fà sapè, Gegè sta  scetato… Tene ’a perziana aizata…  Forse se sarrà miso già a studià.

SALVATORE: E sèh, statte cu sta capa!

NENNELLA: Che faje! Mò t’accatte pure ’e giurnale?!

SALVATORE: Chisto giurnale se l’hé scurdato ccà ’o cavaliere.

 

Scena ottava

        Gegè entra in scena in pigiama con una cuffia audio in testa e con una mela in mano, muovendosi a ritmo della musica rap che sta ascoltando.

NENNELLA (aiutandosi con i gesti): Gegè, bello ’e mammà, hé fatto colazione?

        Gegè scosta la cuffia da un orecchio e continua a ballare.

NENNELLA: Gegè, hé fatto colazione? 

GEGÈ (molleggiandosi): Colazione già, colazione sì.

NENNELLA: Hé visto?… T’aggio appriparato ’e biscotte cu ’a marmellata.

GEGÈ (a ritmo di rap, le cinge le spalle): Biscotti, latte, burro e marmellata… Stasera pizza e cinema pagato.

NENNELLA (imitandolo): È meglio ca t’ ’o scuorde… Ccà stammo disperate.

GEGÈ (sempre a ritmo di rap): Overo è nu peccato ca accussì tirchia, mammà, si’ addeventata (si sistema la cuffia).

SALVATORE (ironico): E faccillo nu zambaglione!... Nun vide comme stà studianno!... ’E chistu passo arrivarrà direttamente all’età d’ ’a pensione.

DON AGOSTINO (lo guarda): Io na penzione d’invalidità ce ’a desse ’a mò.

        Gegè, ballando, si avvicina al nonno e gli fa marameo con la mano, portando il pollice sul naso e muovendo le dita.  

SALVATORE (nervoso): ’E mmamme so’ arruvina d’ ’e figli!... Diceva buono chillu grand’ ommo ’e papà “Quanno vide a nu guaglione scustumato, susete e dà nu pacchero ’a mamma”.

NENNELLA: Meglio scustumato ca fesso comme a te!

DON AGOSTINO: Salvató, nun ’a stà a sentì!

        Bussata di porta (campanello)

NENNELLA: Sarrà Caterina ca torna d’ ’a messa (esce di scena e va ad aprire).

DON AGOSTINO: No, è troppo ampressa… Chella ’a messa s’ ’a sente ddoje vote. (A parte) Pe’ me chella guagliona nun è normale.

        Gegè si trattiene in scena, ballando.

NENNELLA (voce fuori campo):Ah, trasite!

DON AGOSTINO: Che friddo! (si avvolge meglio la sciarpa intorno al collo).

        Nennella precede in scena un ragazzo e una ragazza, muniti di auricolari che masticano chewingum e si muovono  a ritmo della musica rap che ascoltano.

NENNELLA (a voce alta): Gegè, ce stanno visite pe’ te!

        I ragazzi si avvicinano a Gegè e lo salutano. I palmi delle loro mani si toccano, provocando il rumore di piccoli schiaffi. Tutti insieme, ballando fanno il giro del tavolo.  

DON AGOSTINO: Giuventù bruciata!

GEGÈ (si ferma e avvicina un lato della sua cuffia prima all’orecchio dell’una e poi dell’altro per far sentire la musica che lui sta ascoltando - gli amici fanno altrettanto): Yes!… Wonderful… Okay!

DON AGOSTINO (li guarda perplesso): Ma che stanno facenno!?

SALVATORE (ironico): Se stanno scagnanno ’e ccunfidenze… Comme so’ bellille; è ovè? (nervoso, chiude il giornale).

NENNELLA (si rivolge ai ragazzi, accompagnando le parole con i gesti): Perché non andate nella stanza di Gegè?

        I ragazzi, capeggiati da Gegè, fanno il trenino girando intorno al tavolo e  escono di scena e vanno a destra verso l’interno della casa.

DON AGOSTINO (sconcertato): E mò che fanno?

SALVATORE (ironico): Sicuramente vanno a studià. (Nervoso, guarda Nennella e si alza) È meglio ca stu giurnale m’ ’o vaco a leggere dint’ ’a cucina (esce di scena col giornale in mano).

NENNELLA (riprende a spolverare): Ah, comm’è scucciante!… È meglio quando nun ce stà…  Papà, dimane che vuò mangià?

DON AGOSTINO: Nenné, fa’ tu… Quanno maje m’ ’o spie?… E po’ ’o ssaje ca io nun tengo vizie… Penzammo a mangià mò.

NENNELLA: Dimane vulesse fà ’e llinguine ’a puttanesca… A te te piaceno assaje… Ce n’astipo pure nu piatto a Salvatore p’ ’a sera.

DON AGOSTINO: A Salvatore ll’aulive nun lle piaceno… Va a fernì ca ce ’ntussecammo ’a cena…  Siente a me, è meglio ca luvammo l’occasione… ’A puttanesca ’a facimmo ’o mese ’e luglio, quanno fa calore.

NENNELLA (decisa): No, io ’a voglio fà dimane, accussì, quando turnammo, te cunzuole.

DON AGOSTINO: E tu me vulisse fà ascì cu stu friddo!?

NENNELLA: Papà, p’arritirà ’a penzione, hé ’a venì afforza tu… ’A Posta stà ccà vicino; t’accappuotte buono buono.

VOCI FUORI CAMPO: Okey okey… Bai bai… Oh yes… (si vedono passare dalla comune i due ragazzi, seguiti da Gegè).

NENNELLA: Ah, se ne stanno jenno.  (Si affaccia alla comune e saluta con la mano) Arrivederci!... Arrivederci! (esce di scena e va a destra verso le altre stanze).   

DON AGOSTINO: Sperammo ca dimane nun chiove… (Si guarda il cappotto) M’accappotto buono… E che me metto ancora?… Me putesse mettere ddoje sciarpe e pure dduje pare ’e cazettielle… No, po’ va a fernì ca po’ nun me traseno ’e scarpe… Però ’e guante ’e lana ce vonno, si no ’e mmane se gelano.

GEGÈ (ancora in pigiama, entra in scena dall’ingresso, si avvicina al nonno e si toglie la cuffia): ’O no’, me faje accattà nu ciddì?

DON AGOSTINO: E che robba è?

GEGÈ: Ma comme, nun saje che d’è nu ciddì?... È nu disco.

DON AGOSTINO: E allora chiammalo disco.

GEGÈ (tono esplorativo): ’O no’, ma ’a penzione l’hé pigliata?

DON AGOSTINO: Io, pe’ piglià ’a penzione, aggio faticato tutt’ ’a vita… Tu quann’è c’accummience a guadagnà na lira?

GEGÈ (sorride): ’O no’, ’a lira nun ce stà cchiù. (Spavaldo) E po’ i’ studio; nun pozzo faticà (si rimette la cuffia e esce di scena ballando).

DON AGOSTINO (prende una manciata di monete dalla tasca del cappotto, apre il palmo della mano e le osserva): Eh già, mò ce stanno sti sorde ccà… E chi ’e  ccapisce!

NENNELLA (entra in scena e guarda il padre): Papà, che ce faje cu sti centesimi ’mmano? (Si avvicina alla pianta e l’accarezza) Bellella!… Comme si’ bellella!

DON AGOSTINO: Nenné, ma io quanto piglio ’e penzione?

NENNELLA (sospira): Quattuciento euro.

DON AGOSTINO: E quante so’?

NENNELLA: Na miseria, papà…  So’ propio na miseria.

DON AGOSTINO (rimette le monete in tasca): Pure si so’ poche, dint’ ’a casa servono sempe (si avvolge meglio la sciarpa intorno al collo).  

Scena nona

        Bussata di porta (campanello)

NENNELLA (esce di scena): Vengo! Vengo!

DON AGOSTINO: Ma pecché m’hanno ridotto ’a penzione?… Io pigliavo quase ottuciento mila lire.

NENNELLA (voce fuori campo): No, nun stammo mangianno…Trasite.

DON AGOSTINO (rabbrividisce): Stu friddo m’atterra a me.

SIG.RA GINA (in gonna, maglioncino e pantofole, entra in scena con una borsa d’acqua calda in mano, seguita da Nennella - rivolta a Don Agostino): Buongiorno!… Don Agostì, ccà sta na bella borza d’ acqua calda!… Ajere me so’ truvata a accattarla pe’ zi’ Ciccillo e n’ aggio pigliata una pure pe’ vvuje…  Tenite!… È cavera cavera.

NENNELLA (sorride): Vedite che penziero!… Però m’avit’ ’a dicere quanto avite spiso.

SIG.RA GINA: Ma state pazzianno?!… È propio na sciucchezza.

DON AGOSTINO (abbraccia la borsa d’acqua calda): Comm’è bella cavera!... Grazie!... Vuje forse cu sta borza avete rimandato la mia partenza.

SIG.RA GINA (sorride, fingendo di non capire): Pecché teniveve nu viaggio in programma?

DON AGOSTINO (si toglie il berretto di lana e lo riscalda all'interno con la borsa d'acqua calda): No, era nu viaggio comandato... Ma mò.... (si rimette il berretto).

NENNELLA (sorride): Stà dicenno ca mò certamente camparrà cchiù assaje.

SIG.RA GINA: E chisto è ’o piacere mio. 

NENNELLA:  Ma, Signò, accomodatevi! (le porge la sedia centrale).

SALVATORE (entra in scena): Gué, la nostra Signora Gina!

              

SIG.RA GINA: Don Salvató, me fa piacere ca ce state pure vuje. (Si siede) Me pozzo trattenè sulo cinche minute.

NENNELLA (le siede alla destra): Sti giorne nun ve site fatta propio vedé.

SIG.RA GINA: E chi n’ha avuto ’o tiempo… Nun me ce facite penzà!… ’E mobile ca nun arrivavano, ’e vestite ca nun erano pronte… E ajere, sempe ’e corza,  primma ô Municipio p’ ’o matrimonio e po’ a nu ristorante a Baia… Inzomma aggio fatto tre giurnate overamente ’e fuoco.

NENNELLA (guarda il marito per cercare complicità): Nuje l’avimmo penzato; pe’ chesto nun simmo trasute.

SALVATORE (si siede alla sinistra della Signora Gina) : E così ieri Rituccia ha fatto il grande passo… Quando possiamo fare gli auguri alla sposa?

SIG.RA GINA: Ce vedimmo stasera… Rituccia ha penzato ’e fà na festicciolla stasera ch’è dummeneca… Pure si s’è trattato ’e nu matrimonio civile, sempe nu matrimonio è.

NENNELLA : E certamente!

DON AGOSTINO: Ma pecché Rituccia nun s’è spusata dint’ ’a chiesa?

SIG.RA GINA: E comme faceva?… Isso, Dudù, è de n’ata religione. (Rivolta a Nennella e a Salvatore) Sapisseve che ’mpressione me fa quanno traso ’int’ ’a cammera lloro… Rituccia ’ncopp’ ’a culunnetta soja tene ’a Madonna ’e Pumpei, invece isso, ’ncopp’a chell’ata culunnetta, tene a uno cu na piezza ’e panza ’a fore.

SALVATORE (sorride): Budda.

SIG.RA GINA (accarezzandosi nervosamente la gonna): Vedite si è ccosa!… Quanno nasce nu criaturo, comme se fa?

DON AGOSTINO (a parte): Tanno succede ’o ’mbruoglio.

NENNELLA (accomodante): Chisà fino a allora quanta cose cagnano!… Però Dudù  me pare propio nu bravo giovane.

SIG.RA GINA: Ah, quanto a chesto è overo… Tene sulo ’o vizio d’ ’e ssigarette. (Si alza) Allora stasera v’aspettammo… Vuje, che state porta a porta e cunuscite a Rituccia ’a piccerella, propio nun putite mancà.

SALVATORE (si alza - con un sorriso): Per noi sarà un piacere.

NENNELLA (si alza): E certamente!

SIG.RA GINA: Mò aggi’ ’a scappà… Tenimmo ’a fà ’e priparative p’ ’a festa… Arrivederci…  Don Agostì, stasera cercate ’e venì pure vuje (va verso la comune).

DON AGOSTINO: Grazie… Po’ vedimmo.

NENNELLA: V’accumpagno (la segue fuori scena).

SALVATORE (a voce alta): Arrivederci e ancora auguri!

DON AGOSTINO: Grazie d’ ’a borza… (A parte, stringendo la borsa  fra le mani) Si aspettavo ’a stufa, avevo voglia ’e murì.

SALVATORE: Papà, cercate ’e nun  rompere pure chesta.

NENNELLA (rientra in scena): Che figura!… Ma comme, Rituccia s’è spusata e nuje nun ce avimmo fatto nemmanco nu fiore!

SALVATORE: Menumale ca ’a festa ’a fanno stasera!

DON AGOSTINO (pensoso):  Dudù?… Ma comme se chiamma overamente?

NENNELLA: Me pare Corrado.

DON AGOSTINO: Corrado è nu bellu nomme.

NENNELLA: Pure Anna è nu bellu nomme, ma tu e mammà m’avite sempe chiammata Nennella.

SALVATORE: E che regalo le purtammo!?… Ogge è dummeneca; ’e negozie stanno chiuse.

NENNELLA (apre l’anta superiore del mobile):Nun ce stanno probleme.  Lle purtammo ’a cennerera ’e cristallo. (Prende la scatola con la carta e la porge al marito) Jammo, fa’ nu bellu pacchetto!

SALVATORE: E si vene ’o cavaliere?

NENNELLA: Salvatò, scetate!… Pe’ fà venì n’ata vota ’o cavaliere ccà, avimm’ ’a  aspettà che vaje ’mpenzione.

DON AGOSTINO (a parte): I’ certamente nun ce starraggio.

Fine Atto Primo

ATTO SECONDO

Stessa scena. Una settimana dopo - sabato pomeriggio.

I personaggi già apparsi nel primo atto indossano abiti diversi.

La scatola, con dentro il posacenere, non c’è più.

Scena Prima

SALVATORE (entra in scena con una confezione di fiale in mano): N’atu problema! (Si siede e poggia la confezione di fiale sul tavolo) Penicillina.  

NENNELLA (voce fuori campo): Grazie, dottó… Arrivederci, ci sentiamo. (Entra in scena con in mano una ricetta, tre siringhe a perdere e un foglietto) Brunchite… Povero papà!… E dicere ca s’era accapputtato buono buono pe’ ghì a piglià ’a penzione.

SALVATORE: E chillo nun solo è viecchio, ma è pure freddegliuso assaje.

NENNELLA: Però, comm’è stato gentile ’o dottore a venì ’e sabato!… Chillo ’e sabato nun fa visite nemmanco ’a matina… (Prende la confezione di fiale dal tavolo) Sti ffiale s’ ’e truvava dint’ ’a borza. (Poggia sul tavolo la ricetta, il foglietto e tre siringhe a perdere) M’ha dato pure sti tre sserenghe (si siede).   S’ha da fà na fiala ’e sta medicina ’a matina e una ’a sera. (Indica il foglietto)’Ncopp’ a stu fuglietto m’ha signato ’o nummero ’e telefono ’e n’infermiere.

        Gegè in jeans e maglione, senza cuffia, entra in scena con una mela in mano e si avvicina alla mamma.

NENNELLA (sospira): Ha ditto ca l’infermiere se piglia cinche euro a serenga… Cinche pe’ vinte so’ ciento euro… E comme se fa?!

GEGÈ: Fancelle tu!

NENNELLA: Io?!

GEGÈ (mette la mela sul tavolo, prende una siringa a perdere, la scartoccia e la porge alla madre): Fa’ ’a prova ’ncopp’ a sta mela… Tutto stà a ’nfizzà l’ago.

NENNELLA (con mano tremante prende la siringa, fa per infilare l’ago nella mela -  voce rotta):  No, no! Nun ce ’a faccio. (Rivolta a Salvatore) Pecché nun ce pruove tu?

SALVATORE: Io!?

        Bussata di porta (campanello)

 NENNELLA: Gegè, va’ tu, bello ’e mammà.

GEGÈ: Sì, ma nun piglià ’o vizio. (Va ad aprire - voce fuori campo) Prego!... È ’a signora Gina (l’accompagna fino alla comune e si ritira).

SIGNORA GINA: Permesso? (entra in scena).

SALVATORE (si alza): Prego, accomodatevi!

SIGNORA GINA: Comme stà?… C’ha ditto ’o duttore?

 

NENNELLA (seduta - voce lamentosa): È brunchite… Povero papà!… S’ha da fà sti sserenghe (indica la scatola).

SIGNORA GINA (osserva la scatola): So’ ’e stesse serenghe c’aggio fatto a zi’ Ciccillo… Cu sta cura Don Agostino se ripigliarrà subbeto.

SALVATORE: Ma pecché vuje sapite fà ’e sserenghe?

SIGNORA GINA: E che ce vò!?... Mò ’a primma ce ’a faccio io ampressa ampressa… Jammo! (prende dal tavolo la scatola e le due siringhe sigillate e esce di scena, seguita da Nennella).

SALVATORE (si siede e prende la siringa che è rimasta sul tavolo): Vedimmo si ce riesco (prova a infilare l’ago nella mela).No, ce vò cchiù forza (fa un altro tentativo e ci riesce). Nun è difficile; però ce aggi’ ’a fa ’a mano (riprova ancora).’E ciento euro pe’ l’infermiere ’e pputimmo pure sparagnà (soddisfatto, rimette la siringa e la mela sul tavolo).

        Caterina, ragazza goffa, con occhiali da vista, gonna larga, maglione slabrato, calzettoni, pantofole e con un libro in mano, entra in scena. Prende la mela che è sul tavolo, la pulisce sul maglione,  l’addenta e si siede alla scrivania, immergendosi nella lettura.

SIGNORA GINA (sorridente, entra in scena, seguita da Nennella): Tutto fatto… Avite visto quanto ce aggio miso?

NENNELLA (contenta, rivolta a Salvatore): Papà nun ha ’ntiso propio niente.

SIGNORA GINA: Ma Don Agostino s’è mangiato quaccosa?

NENNELLA: Sì ce aggio fatto nu poco ’e pastina cu ’o burro pe’ nun ce dà ’o rragù.

SIGNORA GINA: Mò nun ’o facite stà sempe ’int’ ’o lietto ca lle fa male… Mettitelo ’ncopp’ ’a pultrona cu na cuperta ’ncuollo.

NENNELLA: Sì, nun appena se sente meglio, ’o faccio aizà nu poco.

SIGNORA GINA: Allora io vaco. (Poggia la mano sulla nuca di Caterina) Caterina studia sempe.

        Caterina, infastidita, le scosta la mano. 

SALVATORE: Studia troppo. Perde ’a vista ncopp’ ’e libbre.

SIGNORA GINA: Pe’ qualsiasi cosa chiammateme! (esce di scena).

SALVATORE: Grazie. 

NENNELLA: V’accumpagno (la segue fuori scena).  

SALVATORE: Caterì, a papà, ma nun te fa male a studià sempe?

NENNELLA (voce fuori campo): Arrivederci e ancora grazie. (Rientra in scena) Dio sia lodato! Almeno ’a primma serenga se l’è fatta.

CATERINA (si alza con il libro in mano e siede sulla poltrona del nonno): Ah, comme se stà bello! (riprende a leggere).

SALVATORE: ’A prossima serenga ce ’a faccio io… Ce voglio pruvà.

CATERINA (infastidita): E basta!

SALVATORE: Stammece zitte… ’O tesoro ’e papà stà studianno.

NENNELLA: E se ne jesse a studià ’a n’ata parte!

CATERINA (nervosa, si alza): Aggio capito! (esce di scena con il libro in mano - via, oltre la comune, a destra).

                Bussata di porta (campanello)

Scena seconda

NENNELLA: E chi sarrà? (Va ad aprire - voce fuori campo) Prego,  accomodatevi! (Entra in scena, seguita da una distinta signora sulla cinquantina - rivolta al marito) È la professoressa d’italiano di Caterina.

SALVATORE (si alza e tende la mano alla signora): Piacere, Naserchia… Sono il padre di Caterina.

PROF.SSA VIVADIO (stringendogli la mano): Piacere, Vivadio.

NENNELLA (le porge la sedia centrale): Ma prego!

PROF.SSA VIVADIO (si siede, senza togliersi la giacca): La mia, diciamo, è una visita di cortesia, perché… (si blocca).

NENNELLA (le siede accanto): Dite, dite.

SALVATORE (preoccupato): È capitato qualche cosa a Caterina? (siede di fronte a Nennella).

PROF.SSA VIVADIO: Sì e no…Vero è che Caterina da qualche giorno è distratta e apatica (poggia la borsetta sul tavolo).

NENNELLA: Sarà stanchezza, perché studia troppo.

SALVATORE (sorride): Sicuramente.

PROF.SSA VIVADIO (con fare cattedratico, gestualità e pause studiate, si volge ora all’uno ora all’altra): Già, ma questo comportamento che può apparire normale, in considerazione della sua giovane età, a me desta invece una seria preoccupazione… Non escludo, infatti, che sia l’effetto conseguenziale del grave shock che Caterina ha subìto.

SALVATORE (allarmato): Quale shock?! (guarda Nennella con aria interrogativa).

PROF.SSA VIVADIO: Vedete, talvolta le ragazze, un po’ chiuse come Caterina, possono avere delle reazioni emotive spropositate, allorquando un qualcosa ne turbi l’equilibrio psicologico… Un qualcosa che, interferendo negativamente sulla sfera intimistica, potrebbe addirittura comprometterne la piena estrinsecazione… Mi capite? (guarda Nennella).

NENNELLA (inebetita, finge di aver compreso): Sì.

PROF.SSA VIVADIO (rivolta a Salvatore): Sono stata chiara?

SALVATORE (mentendo): Certamente… (Tocca la siringa) Forse si tratta del nonno che sta malato.

PROF.SSA VIVADIO: Perché la ragazza è molto legata al nonno?

NENNELLA (tentenna): Non mi pare.

SALVATORE: Forse non lo dà a vedere.  Caterina pensa solo a studiare e legge, legge sempre… Si fa pure prestare i libri di chiesa dal parroco.  

PROF.SSA VIVADIO: Ma in questi giorni non avete notato in lei qualche metamorfosi?  Non c’è stato un  cambiamento comportamentale?

SALVATORE (pensoso): Sì, è più nervosa.

NENNELLA: Già.

PROF.SSA VIVADIO (sospira): Ahimè, questo conferma il mio convincimento… Ciò che è accaduto deve averla scossa profondamente, scalfendo la sua psiche con danni tangibili per la proiezione del suo ego… Analizzando la cosa…

SALVATORE (frastornato e agitato): Ma pecché, ch’è stato?

PROF.SSA VIVADIO (imbarazzata): Veramente non so se è il caso… Credo sia preferibile parlarne fra donne… Mi riuscirebbe più facile.

SALVATORE: Ma io sono il padre… Devo sapere.

PROF.SSA VIVADIO: Sua moglie dopo certamente la ragguaglierà.

NENNELLA : E va, Salvató… Lasciaci sole.

SALVATORE (a malincuore si alza): E va be’... (esce di scena, andando a destra verso le altre stanze).

NENNELLA (impaziente): Allora?… Professoré, parlate chiaro … Io voglio capì.

PROF.SSA VIVADIO: È successo martedì scorso all’uscita da scuola… È stato un incidente veramente increscioso, non prevedibile…La preside ha anche presentato denuncia alla polizia.

NENNELLA (allarmata): La polizia!… E pecché?

PROF.SSA VIVADIO: La vicenda si può definire all’ordine del giorno in questa società corrotta … Il solito maniaco che appaga i suoi istinti bestiali e le sue frustrazioni, servendosi di fanciulle ignare e indifese.

NENNELLA (sconvolta): Uh, mamma mia!

PROF.SSA VIVADIO: Già, un maniaco che apre l’impermeabile ostentando, in modo osceno, le sue nudità a ragazzine innocenti… Un trauma che per alcune ragazze potrebbe ripercuotersi sulla sfera sessuale e compromettere in futuro il rapporto di coppia con il partner.

NENNELLA: Che fetente!… E l’hanno pigliato?

PROF.SSA VIVADIO: No… Caterina però potrebbe facilitare la cattura di quel mostro, fornendone  l’identikit alla polizia.

NENNELLA (imbambolata - voce lamentosa): E pecché propio Caterina?

PROF.SSA VIVADIO (tono confidenziale): Perché, quando si è verificato il fatto (mima, aprendo di scatto la giacca), mentre le altre ragazze sono scappate, Caterina, spinta da innocente curiosità, gli si è avvicinata… E sembra che quell’essere immondo le abbia pure parlato, prima di darsi alla fuga.

NENNELLA (incredula): Uh, Gesù!… E vvuje penzate che l’ha visto buono?

PROF.SSA VIVADIO: Certamente.

NENNELLA: Ma chella ce vede poco.

PROF.SSA VIVADIO (tono conclusivo): Al momento sappiamo soltanto che il maniaco indossava un impermeabile beige con fodera rossa…  Logicamente, sarà Caterina a decidere se collaborare o no con la polizia.

NENNELLA: Un impermeabile beige con fodera rossa… Certo è poco… Si Caterina l’ha visto ’nfaccia, ha da parlà. 

PROF.SSA VIVADIO: Consiglio di usare molta delicatezza nell’affrontare l’argomento per non accrescere il suo turbamento… Sarebbe meglio che fosse lei, come donna e come mamma, a parlarle… Ora devo andare (si alza).

NENNELLA (si alza): Un momento; chiamo mio marito  (si affaccia alla comune, guardando a destra - a voce alta): Salvató! (Torna verso il tavolo). Povera figlia mia!

 

SALVATORE (rientra in scena): Eccomi.

NENNELLA (tira su col naso): La professoressa Vivadio se ne va.

SALVATORE (preoccupato): Allora?...

PROF.SSA VIVADIO (in piedi, tono mesto): Sua moglie le riferirà tutto. (Rivolta a Nennella) Mi raccomando, con Caterina tatto e discrezione. (Stringe la mano a Salvatore, accennando un sorriso) Arrivederci. (Poggia la mano sulla spalla di Nennella) Arrivederci  (va verso la comune).

NENNELLA: V’accumpagno (la precede fuori scena verso la porta d’ingresso - voce fuori campo) Arrivederci.

SALVATORE (si siede): Nenné!

NENNELLA (entra in scena): E damme ’o tiempo!

SALVATORE (ansioso): E allora?

NENNELLA (affranta, si siede):Gesù, Giuseppe, Sant’Anna e Maria!

 

SALVATORE: E parla!...  Ch’è succieso!?

NENNELLA (voce lamentosa): È succieso ca stu munno fa schifo…  Nu maniaco, nu maniaco sessuale fore ’a scola…

SALVATORE (sobbalza): Io a chillu fetente l’accido… Ma l’hanno pigliato?

NENNELLA: Macché!… Se sape sulo ca teneva n’impermeabile beige cu ’a fodera rossa… Caterina è chella ca l’ha visto propio ’a vicino.

SALVATORE (sconvolto): Povera criatura!

 

NENNELLA: ’A professoressa ha ditto, ca doppo stu shock c’ha avuto, Caterina putesse pure avé probleme quanno se mmarita. (Voce lamentosa) Ma tu ce pienze?!

SALVATORE: E t’ha ditto che putimmo fà?

NENNELLA: Ha ditto ’e parlà cu ’a guagliona, ma cu tatto e discrezione… L’hé ’ntiso pure tu.

SALVATORE: Embè, parlammece!… (Si alza) Mò ’a chiammo.

NENNELLA (lo trattiene): Aspe’, che vuo’ fa!?… Cheste so’ ccose ’e femmene.

SALVATORE (tentenna): Tu dice?

NENNELLA (decisa): Sì… Trattienete a papà e famme venì a Caterina (si alza).

SALVATORE: E va be’ (esce di scena).

NENNELLA (con le mani sul petto): Povera figliarella mia!… Chisà che trauma avrà avuto!

CATERINA (seccata, entra in scena): Mammà, che vuo’? (si siede sulla poltrona del nonno).

NENNELLA (sposta la sedia della scrivania più vicino alla poltrona e si siede): Caterì, bella ’e mammà, ’o ssaje, ce stà nu pazzo che va fore ’e scole pe’ spaventà ’e gguaglione.

CATERINA: Ma chillo nun è pazzo… È sulo nu fetente.

NENNELLA: Pecché l’hé visto pure tu?

CATERINA: Veramente p’ ’o vedé meglio, me songo avvicinata…’E ccumpagne mie invece se ne so’ scappate appena isso ha araputo l’impermeabile.

NENNELLA: E tu?

CATERINA (voce lamentosa): Io nun vedevo buono perciò so’ ghiuta vicino… E  chillu fetente, pe’ dispietto, s’è chiuso l’impermeabile beige e m’ha ditto “A te, no!”… Po’ subbeto se n’è scappato (si copre il viso e scoppia a piangere).

NENNELLA: Ma ’nfaccia l’hé guardato?

CATERINA: No. (Nervosa) Mammà, pecché a me no?!… (Voce lamentosa) Io vulevo vedé! (esce di scena, piagnucolando).

NENNELLA (sconcertata): E tiene na vita sana pe’ vedé! (Si alza) Ma qua’ trauma?!… ’E gguaglione ’e mò nun se spaventano nemmanco ’nnanze ’o diavolo (nervosa, accosta la sedia alla scrivania).

SALVATORE (voce fuori campo): Caterì, a papà!… (Affranto, entra in scena e appoggiandosi alla spalliera di una sedia) Chillu disgraziato, vide comme me l’ha ridotta!… Allora Nenné ce hé  parlato?… Che t’ha ditto?

NENNELLA: Niente… S’arricorda sulamente ca teneva n’impermeabile beige cu ’a fodera rossa.

SALVATORE: Ma ’nfaccia l’ha guardato?

NENNELLA: No.

SALVATORE: Povera criatura, sarrà rimasta impressionata assaje. Hé visto comme chiagneva?

NENNELLA (ironica): Aggio visto, aggio visto.

SALVATORE: Mò vaco cu na scusa a vedé comme sta (esce di scena).

NENNELLA (a voce alta): Vide si papà se vò mettere nu poco ’ncopp’ ’a pultrona (sbatte il cuscino e lo sistema di nuovo sulla poltrona).

GEGÈ (entra in scena pronto per uscire): Mammà, pecché Caterina stà chiagnenno?

NENNELLA: Niente... È pe’ na cosa ’e scola.

GEGÈ (sorride): Aggio capito… Avrà pigliato nu otto invece ’e nu diece (si avvicina alla mamma e le cinge le spalle).

NENNELLA (lo annusa - tono di rimprovero): T’hé miso n’ata vota ’o dopobarba ’e papà; è ovè?

 

GEGÈ: Sì, ma poco poco…  Mammà, stasera,  primma d’ ’a pizza, forse jammo ’o cinema.

NENNELLA (si scosta - tono deciso): E tu nun ce vaje!… Te faje sulo ’a pizza…. ’E sorde che tiene p’ ’a pizza t’abbasteno.  

 

GEGÈ: ’O ssaje? Si’ bella pure quanno t’arragge. (Le si avvicina di nuovo) Jammo, mammà, ’o cinema costa sulo sette euro.

NENNELLA: Io cu sette euro ce accatto nu litro d’uoglio, na buatta ’e pummarole  e nu chilo ’e pasta … Gegè, sorde a jettà nun ne tenimmo… Anze vide ’e fà quaccosa, pecché accussì nun putimmo jì cchiù annanze.

GEGÈ: E va buo’, dimane vaco a…

NENNELLA (lo interrompe): Dimane è dummeneca.

GEGÈ: Sì, ma stanno giranno nu film ’o Centro Direzionale… Servono ’e ccumparse; me l’ha ditto Maurizio… Pavano cinquanta euro ’o giorno e danno pure ’o mangià.

NENNELLA: E c’aspiette!?... (Sorride) Si putesse, ce venesse pur’io.

GEGÈ (rassegnato, esce di scena): E va buo’, aggio capito. 

Scena quarta

NENNELLA (sistema le sedie): Sòrde, sòrde, sòrde… Mannaggia ’e sòrde!

CATERINA (entra in scena con il libro aperto in mano): Uffà!

NENNELLA: Ch’è stato?

CATERINA: ’A signora ’e coppa stà martellanno… Io me metto ccà (si siede sulla poltrona e si immerge nella lettura con le gambe stese).

NENNELLA (la guarda - a parte): È meglio ca nun ’a penzo…  Ce ’o facesse venì io ’o truma, (mimica) nu trauma cranico  cu na botta ’mmiez’ ’a capa. 

SALVATORE (voce fuori campo): Papà, appuggiateve buono.

NENNELLA (alla figlia): Stà arrivanno ’o nonno.

DON AGOSTINO (entra in scena, sotto il braccio di Salvatore, con scialle sul pigiama di flanella, calzini, pantofole e berretto di lana): Ah, che dulore! Comme me fa male sta serenga! (Si ferma e si massaggia una natica) S’è furmato propio nu bubbone.

SALVATORE (con un plaid sull’altro braccio): Papà, nu poco ’e pacienza!… Ce aggi’ ’a fà ’a mano.

DON AGOSTINO (riprende a camminare, appoggiandosi a Salvatore): E mentre tu ce faje ’a mano, a me se fanno tutte mulignane.

NENNELLA: Papà, mò t’appriparo na mela cotta.

        Salvatore, passando, poggia il plaid sul tavolo. 

DON AGOSTINO: No, mò no… Nun tengo genio … (Guarda Caterina seduta sulla poltrona) Sta guagliona, cu ’a  scusa ’e studià, se piglia sempe ’a pultrona mia.

SALVATORE: Caterì, bella ’e papà, susete!… Caterì!!

DON AGOSTINO: Si è sorda mò, figurammece quanno arriva all’età mia!

NENNELLA: Caterì, fa’ assettà ’o nonno! (Alza la voce, decisa) Caterì, susete!

 

CATERINA: Uffà! (si alza e va a sedersi alla scrivania - riprende a leggere).

SALVATORE (sposta il cuscino sul bracciolo): Papà, assettateve chiano chiano. (Lo aiuta come si fa con i bambini) Ah ah!

DON AGOSTINO: Addó sta ’a cuperta?  

NENNELLA: Sta ccà (prende il plaid dal tavolo e lo copre accuratamente). Aspè, te sistemo ’o cuscino (gli mette il cuscino dietro la schiena).Papà mò  pigliarraje subbeto calore. Stà appicciata pure ’a stufa.  

SALVATORE: Nenné, mò me scurdavo ’e t’ ’o ddicere, forse stasera vene ’o cavaliere cu ’a mugliera.

NENNELLA: Ma si’ sicuro? 

SALVATORE: Chillo pe’ telefono ha ditto propio “Naserchia, stasera probabilmente io e mia moglie passeremo da voi a prenderci un caffè”.

NENNELLA: E veneno ’e sabato assera?!

SALVATORE: Pur’io me so’ meravigliato… Si veneno, tu trattienete ’a mugliera, accussì io n’ apprufitto pe’ ce parlà ’e l’aumento.

NENNELLA (decisa): E sperammo ca ce parle overamente!

SALVATORE (si avvicina alla colonnina): E mò, comme facimmo cu ’o regalo?!... Che dicimmo si ’a mugliera ce addimanna addó stà ’a cennerera?...  Vedimmo si Rituccia ce ’a presta.

 

NENNELLA: Ma si’ pazzo!… (Decisa) Si ’a madama ce l’avess’ ’a spià, dicimmo che l’hanno rotta ll’amice ’e Gegè… Mò vaco a appriparà na machinetta ’e cafè accussì, quanno veneno, aggi’ ’a sulamente appiccià ’o gas (esce di scena).

DON AGOSTINO (guarda Caterina): Chesta stà sempe cu nu libro ’mmano… Caterì!… Caterì, che staje leggenno?

 

CATERINA: Uffà! … Sto leggenno ’o Vangelo ’e San Matteo

SALVATORE: ’O tesoro ’e papà è tutta casa e cchiesa.

DON AGOSTINO (ironico) : ’O ssaje, Caterì, se dice ca San Matteo teneva ddoje facce… E se dice pure ca ’a gente, che prega assaje, tene assaje peccate ’a se fà perdunà.

SALVATORE (sorride): Qua’ peccate?... Chella è n’angelo.

DON AGOSTINO: Pure ’o diavolo era n’angelo (tossisce).

CATERINA (infastidita, si alza): Vedimmo si trovo pace! (esce di scena con il libro in mano).

NENNELLA (entra in scena, asciugandosi le mani umide vicino alla gonna): ’A machinetta è cafè sta pronta.

DON AGOSTINO: Nenné, accuonceme meglio stu cuscino (si sporge in avanti).

NENNELLA (prende il cuscino e lo sbatte un po’): Salvató, vide si può cagnà ’o tacchetto d’ ’a funtana int’ ’a cucina… Chella goccia nun ’a supporto (sistema nuovamente il cuscino sullo schienale della poltrona).

SALVATORE: Va bé, mò ce dongo n’uocchio (esce di scena).

NENNELLA (rivolta al padre): Papà, va meglio accussì? (Mette leggermente la mano sulla stufa accesa) T’arriva ’o calore?

DON AGOSTINO: Sì, mò certamente nun me gelo.

Scena quinta

        Bussata di porta (campanello)

NENNELLA: Vengo! (voce fuori campo) Don Gennà, prego, trasite!

DON GENNARO (in camice bianco con una sciarpa di lana al collo, entra in scena con una confezione di acqua minerale): Sti butteglie v’ ’e mmetto ccà (poggia le bottiglie a terra accanto alla comune).

NENNELLA: Grazie assaje… Però putivene mannà ’o guaglione!

DON GENNARO: E chillo se l’è chiammata ’e festa, si no st’acqua v’ ’a facevo purtà stesso stammatina… ’E guagliune ’e mò nun teneno propio genio ’e faticà… (Si avvicina a Don Agostino) Don Agostì, comme se và?

DON AGOSTINO: Comm’a vicchiariello… (si tira più su il plaid) Nenné, hé chiuso ’a porta d’ ’e scale?

NENNELLA: Sì, papà… (Rivolta a Don Gennaro) S’è pigliato ’a brunchite.

DON GENNARO: E facitece nu poco ’e brodo vegetale… Aspettate… (tira fuori dalla tasca del camice una scatoletta di dadi) Tenite, omaggio della ditta (sorride, poggiandola sul tavolo). A na cliente pe’ sbaglio ce n’avevo purtate ddoje.

DON AGOSTINO (a parte): Meglio ’o brodo ca ’o zuppone ’e latte.

NENNELLA: Grazie…Vaco a piglià ’o burzellino.

DON GENNARO: E che pressa ce stà?… L’acqua vene a fa dduje eure… M’ha pavate ’a prossima vota. (Guarda la pianta) Comm’è bella sta pianta!

NENNELLA (orgogliosa, si avvicina alla pianta): Me l’ha regalata mia sorella che sta in Australia, quanno è venuta a truvà a papà… Pe’ chesto ce tengo assaje (la accarezza).

DON GENNARO: Mia moglie ’e ppiante l’ha fatto seccà tutte quante, pecché l’arracquava nu juorno sì e diece no…Chella è smemorata. (Sorride) Allora  ce vedimmo.

NENNELLA: Don Gennà, ’o llatte Mungirone v’è arrivato?

DON GENNARO: Sì, v’ ’o mmanno  lunnedì matina… Quanta buste vulite?

NENNELLA (gli si avvicina): Tre buste e pure nu piezzo ’e burro, sempe Mungirone.

DON GENNARO: Signó, fra poco ’e punte d’ ’o cuncorso ’e llevano ’a miezo…’O ssapite?

NENNELLA (rattristata): Sì… Che peccato!… A me me mancavano sulo na cinquantina ’e punte pe’ piglià ’a cuperta.

DON GENNARO: E io cierti punte Mungirone l’ avess’ ’a tené. Si ’e ttrovo, v’ ’e mmanno ’nzieme ’o llatte e ’o burro… Arrivederci. (Uscendo di scena) Don Agostì, statemi bene.

NENNELLA (lo accompagna fino alla comune):Grazie, grazie assaje. Arrivederci  (Si gira verso l’interno della casa – a voce alta ) Caterì, viene!…Assettate nu poco vicino ’o nonno.

DON AGOSTINO: Saje che cumpagnia!

NENNELLA (entra in scena): Libri, libri!… Chella stà sempe cu nu libro ’mmano… Nemmanco ’o maniaco ce ha pututo!

DON AGOSTINO: Qua’ maniaco?… Nenné, che ddice?

NENNELLA: Nu fetente ca p’ ’o sfizio ’e se fa vedé, s’arapeva l’impermeabile quanno ’e gguaglione ascevano d’ ’a scola.

DON AGOSTINO: Che disgraziato!… E l’hanno pigliato?

NENNELLA: No… Se sape sulo ca teneva n’impermeabile beige cu ’a fodera rossa… Pure Caterina che l’hè ghiuta vicino nun ha saputo dicere nient’ato.

DON AGOSTINO: E pecché l’è ghiuta vicino?

NENNELLA (ironica): Forse s’ ’o vuleva studià.

Scena sesta

        Bussata di porta (campanello)

            

        Nennella esce di scena per andare ad aprire.

DON AGOSTINO: Pe’ me chella guagliona nun è normale.

NENNELLA (voce fuori campo): Ciao, Lucì!… Gué, Giulié, che surpresa!… Prego!

LUCIA (con indosso un bel giaccone, entra in scena, seguita da Giulietta e da Nennella): Don Agostì, buonasera! (si sfila i guanti).

GIULIETTA (poggia la borsa sul tavolo e si avvicina a Don Agostino): V’arricurdate ’e me?

NENNELLA: Papà, è Giulietta, ’a figlia d’ ’a cummara Serafina.

DON AGOSTINO: ’A cummara Serafina… E comme no!

GIULIETTA: Don Agostì, comme state?

DON AGOSTINO: Comm’a vicchiariello (tossisce).

NENNELLA: Tene nu poco ’e brunchite (si siede sulla sedia centrale).

LUCIA (tono falso): Comme me dispiace! (si siede alla destra di Nennella) S’ha da stà attiento (si sbottona il giaccone).

GIULIETTA (con un sorriso a Don Agostino): ’A brunchite se cura… Ddoje serenghe e passa tutte cose… (Tira fuori dalla tasca del cappotto alcune caramelle e gliele porge) Chesti ccaramelle sicuramente ve fanno bene.

DON AGOSTINO (prende le caramelle): Grazie (Rimette il braccio sotto la coperta per infilarle in una tasca del pigiama).

 

NENNELLA (rivolta a Lucia): E tuo suocero comme stà?

LUCIA: Che t’aggi’ ’a dicere… ’O dottore l’ha truvato nu poco meglio… Sarranno ’e preghiere d’ ’a polacca. (Tira fuori dalla borsa una bustina) T’aggio purtate ’e punte d’ ’o llatte Mungirone.

NENNELLA: Grazie!…(mette la bustina nel reggiseno e rivolta a Giulietta) Giulié, che piacere ’e te vedé!

GIULIETTA: Pure pe’ me.

NENNELLA: Ma levete ’o cappotto e assettete!

GIULIETTA: No, sento friddo… M’ ’o sponto sulamente (si sbottona il cappotto e si siede alla sinistra di Nennella).

 LUCIA: Io so’ sagliuta giusto nu mumento… (Si alza) Me voglio jì a accattà nu paro ’e scarpe.

DON AGOSTINO (a parte): Nere.

 

NENNELLA: Già te ne vaje?! (si alza).

LUCIA: Sì, nun vulesse ca chiudesseno ’e negozie… P’ ’e scarpe aggi’ ’a girà nu poco… (Rivolta a Giulietta) Chisà quanta cose tenite a ve cuntà doppo tant’anne?!

CATERINA (entra leggendo La Divina Commedia a voce alta): Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai… (si blocca, vedendo Giulietta e Lucia).

NENNELLA (a Giulietta): Chesta è Caterina.

LUCIA (impaziente, finge un sorriso): Ciao, Caterì!

GIULIETTA: Io me l’arricordo piccerella.

        Caterina guarda Giulietta con aria interrogativa.

NENNELLA (indicando Giulietta): Caterì, sta signora è ’a figlia d’ ’a cummara Serafina, ’a cummara  ’e mammà… T’ ’a arricuorde?

GIULIETTA: Ma era troppo criatura… Nun se pò arricurdà.

CATERINA: Invece m’arricordo.

NENNELLA (a Giulietta): Chella tene ancora astipata na bambulella ca lle regalaste tu…  ’O ssaje? Io tengo ancora ’a curona ca me dette mamma toja quanno me cresimaje… ’O bracciale, però,  nun m’ ’o metto quase maje pe’ paura ca m’ ’o scippano.

        Caterina fa per uscire di scena.

NENNELLA: Caterì, assettate nu poco vicino ’o nonno.

CATERINA: Uffà! (si siede alla scrivania e si immerge nella lettura).

LUCIA (guarda l’orologio - decisa): Mò me n’aggio jì… Arrivederci a tutte quante. Ciao, Giulié! (Uscendo di scena)  Nenné, ce vedimmo.

NENNELLA (la segue): T’accumpagno… (Voce fuori campo)  Ciao, Lucì!

DON AGOSTINO: Che viento! Nenné, chiude ’a porta d’ ’e scale!   

        Giulietta si stringe nel cappotto.

NENNELLA (rientra in scena): Caterina, a differenza  ’e  Gegè,  studia sempe… (Si siede e rivolta a Giulietta ) Tu si’ rimasta propio tale e quale, eppure so’ passate cchiù ’e diece anne.

GIULIETTA (sorride): Nenné, t’arricuorde quanno venive ’a casa nosta ’o vico Lepre?… Che belli tiempe!

NENNELLA: Pare ajere!... Comme cucenava sapurito mamma toja!

GIULIETTA: Povera mammà, pozza stà int’ ’e schiere ’e ll'angele!

NENNELLA: Giulié, che me cunte ’e bello?

GIULIETTA: Niente… Facevo ’a baby sitter a na criatura, ma po’ ’a mamma fuje trasferita a Milano… Facevo cumpagnia a na vecchia e chella doppo cinche mise murette.

        Don Agostino tossisce.

NENNELLA: Che peccato!

GIULIETTA: Grazie a essa, però, me so’ truvata ’a machina ca me dette ’o nepote… È tutta scassata, ma è meglio ’e niente… Doppo ’a morte d’ ’a vecchia m’ascette na fatica a Pusilleco… Cucenavo pe’ nu vicchiariello… ’O facevo pure ascì… E chillo nun me va a murì ’e notte dint’ ’o suonno!

        Don Agostino, impressionato dai racconti di Giulietta, cerca di alzarsi.

NENNELLA (si alza e gli va vicino ): Papà che faje!?… Addó vuo’jì? (Poggia il plaid sulla spalliera della poltrona e lo aiuta ad alzarsi) Aspe’!… Appoggete a me! (prende il  plaid e col padre sotto braccio va lentamente verso la comune).  Giulié, e mò che staje facenno?

GIULIETTA (si alza per farli passare) : Fino a ajere so’ stata a faticà ’int’a na lavanderia pecché ’a stiratrice steva ’o spitale, ma mò stà bona … Nenné, si siente quaccosa, fammello sapé… Io pe’ tirà ’nnanze m’arrangio a fà tutte cose.

NENNELLA: E chesto te fa onore… (si ferma vicino alla scrivania per far riposare il padre). E zì Gabriele comme stà?

GIULIETTA: E chillo murette l’anno passato… Teneva pure uttant’ anne però!

DON AGOSTINO: Nenné e ghiammo!

GIULIETTA: Don Agostì, bonanotte! (si siede di nuovo).

DON AGOSTINO: Qua’ bonanotte!?… In nun me cocco ancora.

NENNELLA (uscendo di scena): Giulié, scusa nu mumento. Mò vengo. (Va  verso l’interno della casa - Voce fuori campo) Salvató!... Salvató, pienzece tu a papà... Pigliete pure sta cuperta.

SALVATORE (voce fuori campo): Papà, venite cu me. 

NENNELLA (rientra in scena): E dimme, Stefania t’assumiglia? (si siede di nuovo sulla sedia centrale).

GIULIETTA: M’assumiglia!… Ê  vvote ce scagnano pe’ ssore… Tene sulo quinnece anne, ma si ’a vedisse… D’ ’a scola però nun ne vò sapé… Chisà comme s’è pigliata ’a terza media!... E Gegè?

NENNELLA: Bello era ’a piccerillo e bello è rimasto.

Scena settima

        Salvatore entra in scena.

NENNELLA: Salvató, t’arricuorde ’e Giulietta?… ’A figlia d’ ’a cummara Serafina.

SALVATORE (impacciato): Sì, certo (le dà la mano e si siede alla destra di Nennella).

NENNELLA (rivolta a Giulietta): E tua cognata te dà na mano?

GIULIETTA (ironica): E comme no!…’A quanno è muorto mio marito,’a veco sì e no quatto vote all’anno… Duje  mise fa, p’ ’a nascita mia, m’ha regalato na cennerera ’e cristallo … (Ride) Na piezza ’e cennerera propio a me ca ’e ssigarette nun ’e supporto… Se vede ca ’a teneva.

 

NENNELLA: Gesù, Gesù!

GIULIETTA: Pe’ furtuna n’amica mia, ca tene nu negozio ’e piatte ccà vicino, l’ha misa int’ ’a vetrina e finalmente l’ha vennuta. Chisà chi se l’è accattata?

SALVATORE (guarda Nennella): Chisà?

GIULIETTA: Ogge so’ venuta a me ritirà ’e sorde e ccà abbascio aggio ’ncuntrato a Lucia ca veneva addu te.

NENNELLA: Hé fatto buono a saglì.

GIULIETTA (guarda Caterina): Ma mò Caterina quant’anne tene?

SALVATORE: Diciassette anne… A luglio se diploma pure.

NENNELLA (orgogliosa): È ’a primma d’ ’a scola… (A voce alta) Caterì!… Caterì, a mammà, fà sentì comme t’ha ditto ’a professoressa ’e matematica.

CATERINA (scrolla le spalle): Mammà, me scoccio.

NENNELLA (rivolta a Giulietta): È scurnosa. (Tono confidenziale) ’A professoressa ’e matematica l’ha ditto ch’è nu genio.

SALVATORE: Sicuramente ha pigliato ’a me.

 

NENNELLA (sorride): Io penzo invece c’ ha pigliato ’a me, pecché ’ncoppo ’e cunte d’ ’a spesa nun me sbaglio maje… E po’ se vede c’ha pigliato d’ ’a famiglia mia...... (A voce alta) Caterì, avvicinate nu mumento!

CATERINA (malvolentieri si alza): Che vuo’, mammà?

NENNELLA: Jammo, fa’ vedé a Giulietta che bellu père tiene... E fa’ ampresssa!

        Caterina sbuffando, tira fuori il piede dalla scarpa.

NENNELLA: Guarda, Giuliè! Grandezza ’e Dio!... ’O stesso pere affilato ca tengh’io e ca teneva ’a bonanema ’e mammà mia… Caterì, fa’ vedé pure ’o neo vicino ’o braccio.  

        Caterina pazientemente si scopre il braccio.

NENNELLA:  Proprio tale e quale comm’ ’o tene papà.

SALVATORE (a Nennella): Si è pe’ chesto, te sì’ scurdata quacche particolare. (Si alza e va vicino alla figlia)  Caterì, bella ’e papà, fa’ vedé ’a voglia ’e vino ca tiene ’ncoppo ’a spalla.

CATERINA (seccata si scosta): Ma papà!

GIULIETTA (sbrigativa): E va buo’, si nun vò…

SALVATORE: E girate!…’A signora è na femmena comm’ a te (le scopre la spalla e mostra la voglia a Giulietta) Identica, precisa, propio comm’ ’a tene mamma mia … E pecché, ’e pile ’ncoppe ’e cosce nun l’ha pigliate ’a me? (le dà un pizzicotto sulla guancia).

 

NENNELLA (contrariata): E va buo’, ha pigliato pure ’e te.        

SALVATORE: E po’ ’e llente?… Int’ ’a casa mia ’e pportano tutte quante!... Pe’ nun parlà d’ ’a nucella areto ’o cuollo; tale e quale comm’ ’a teneva ’o nonno Giacumino. (Rivolto alla figlia) Falla vedé, a papà!   

CATERINA: Uffà! (si abbassa verso Giulietta).

GIULIETTA (prende il viso di Caterina fra le mani): Caterì, che so’ sti punte nire?...  (Si alza e osservando meglio quel viso) Ma tu ’o latte detergente nun l’ause?… Sti sopracciglia te l’aviss’ ’a accuncià nu poco.

NENNELLA: Se vede ca facive l’estetista.

GIULIETTA (tocca i capelli di Caterina): Si è pe’ chesto, aggio fatto pure ’a parrucchiera… Mò pe’ fà l’estetista ce vò ’o piezzo ’e carta e io nun ’o tengo…’A passione però m’è rimasta.

CATERINA: Allora pecché?... (si interrompe).

GIULIETTA (sorride): Si te fide, porto ’a borza d’ ’o trucco e te faccio vedé che saccio fà.

CATERINA (contenta): E quando venite?

SALVATORE: Ma tu pe’ me già si’ bella accussì.

CATERINA (voce supplichevole): Allora venite?

NENNELLA: Caterì, ma Giulietta tene che fa.

SALVATORE: Caterì, nun insistere!

GIULIETTA (a Caterina con un sorriso): Putesse venì dimane verso ’e ccinche.

CATERINA (contenta): Che bellezza!

GIULIETTA (l’accarezza): Però na bella guagliona s’ha da pure sapé vestì!… Pure sti llente nun vanno bone.

CATERINA (sorride): Ma cheste so’ ’e llente p’ ’a casa… (Contenta) Allora v’aspetto. (Prende il libro e uscendo di scena) Arrivederci.

GIULIETTA: Ciao, Caterì!

NENNELLA (a Giulietta): Mò s’è fissata che  vò ’o computer… Ma comme se fa?

SALVATORE: Quanno vene Natale, vedimmo.

NENNELLA: Accussì se ne va tutt’ ’a tredicesima!

SALVATORE: Ma chella è ’o tesoro mio. (A Giulietta) Madre natura è overamente grande… È na suddisfazione vedé ca ’e figli, ca già ce apparteneno, ce assumigliano pure.

GIULIETTA: Certamente!… Grazie a lloro se tramandano tutte ll’eredità ’e famiglia, finanche’a bellezza, ’a ricchezza e ’a pezzentarìa. 

NENNELLA (guarda in modo allusivo il marito): ’A musciarìa e ’a furtuna.

GIULIETTA: ’A furtuna s’ ’a magna l’invidia, pecché l’invidia è na brutta bestia. L’invidia è carogna. Leva ’e lumme a chi ’a prova e accide a chi se l’attira.

SALVATORE (a Nennella): Comme parla bello l’amica toia!

GIULIETTA: È ’a saggezza ’e chi d’ ’a vita nun ha avuto niente e ha cunusciuto ’o stesso l’invidia d’ ’a gente, pecché nun ha perzo l’onestà, na dote ca tante se vantano ’e tené ma, a cunte fatte, forse ’a teneno sulo ’e pezziente, chille ca se moreno ’e famme però nun se venneno.(Guarda l’orologio) Uh, comme è tarde! (si alza).

SALVATORE (rammaricato): Già ve ne jate? (si alza).

GIULIETTA: Sì, aggi’ ’a fà nu poco ’e spesa

NENNELLA (si alza): Comme m’ha fatto piacere ’e te vedé!

GIULIETTA: Pure a me.

SALVATORE (stringendo la mano a Giulietta): Fatevi vedere.

NENNELLA (guarda il marito): E certamente.

GIULIETTA: Ce vedimmo dimane. Caterina m’aspetta.

NENNELLA: E chella mò ce ha miso ’o penziero… T’accumpagno (precede Giulietta fuori scena, verso la porta d’ingresso).

 

GIULIETTA (voce fuori campo): Tanti saluti a Don Agostino.

SALVATORE (cantando con voce da tenore ): Vi aspettiamo.

NENNELLA (voce fuori campo): Ciao Giuliè!

        Salvatore accosta le sedie al tavolo. 

NENNELLA (entra in scena e scimmiotta il marito): Già ve ne jate?... Fatevi vedere… Vi aspettiamo… (Nervosa) Ma addó ’a saje?

DON AGOSTINO (voce fuori campo): Nenné!

Scena ottava

        Bussata di porta (campanello)

NENNELLA (a Salvatore): Va’ tu!... Se sarrà scurdata quaccosa… Nun ’a fà aspettà! (Esce di scena, andando a destra - voce fuori campo) Papà, vengo! 

        Altra bussata di porta (campanello)

SALVATORE (si dà una sistemata ai capelli e esce di scena, andando a destra): Arrivo!… (Voce fuori campo) Ah, Felì, si’ tu?… Novità?

FELICE (contento): Ato che nuvità!… Na quaterna, Salvató!… Grazie a mammà, aggio vinciuto na quaterna!… Dujecientomila euro… Salvató, ce pienze?!… (Si inumidisce le labbra) Damme nu bicchiere d’acqua… Te voglio cuntà pe’ ffilo e pe’ segno.

SALVATORE (uscendo di scena): Sì, sì… voglio sapé.

        Caterina entra in scena,  fissa l’ impermeabile e si avvicina per toccarlo.

FELICE (indietreggia): Che vvuo’?

CATERINA (tocca l’impermeabile sul davanti): È bello st’impermeabile.

FELICE (si sottrae, ridendo per il solletico): Ma che faje?!

CATERINA: ’O voglio vedé buono (cerca di aprire l’impermeabile).

FELICE (imbarazzato, indietreggia): E statte ferma!

CATERINA: Voglio vedé comm’è fatto ’a dinto.

FELICE (apre un lato dell’impermeabile): Hé visto?

CATERINA (delusa): Ma ’a fodera nun è rossa.

FELICE: E che ce pozzo fà?  

SALVATORE (entra in scena e porge un bicchiere d’acqua a Felice): Felì, tiene!…Bive!…(Mette la mano sulla spalla di Caterina) Chesta è mia figlia… Caterina è ’o  tesoro mio.

FELICE: Ah, è Caterina (beve tutto d’un fiato e poggia il bicchiere sul tavolo).

        Caterina scrolla le spalle e esce di scena, varcando la comune a destra.

SALVATORE: Allora, Felì, me stive cuntanno d’ ’a quaterna.

FELICE (sorride): ’O ssaje, Salvató, tua figlia s’era fissata cu l’impermeabile mio… (Contento) Salvató, ce pienze, dujeciento mila euro!

 

SALVATORE (pensoso, gli gira intorno): È bello st’impermeabile.

FELICE: S’è fatto pure viecchio.

SALVATORE: È na bella tinta ’e beige.

FELICE: Salvató, ma pecché nun ’o saje?… Io sulo chisto tengo…  Mò finalmente me ne pozzo accattà uno nuovo… Nun me voglio fa mancà cchiù niente!… Na quaterna, Salvató! Aggio vinciuto na quaterna!

SALVATORE (tocca l’impermeabile): Se vede ch’è buono ’e qualità.

FELICE (sbrigativo): Si te piace te ne regalo uno tale e quale… (Contento) Nuje avimm’ ’a  festeggià… Pe’ primma cosa ce vò nu pranzo a base ’e pesce… Saccio ca ’o Fusaro se mangia buono.

SALVATORE: Felì, ma ’a dinto comm’è fatto? (cerca di aprire l’impermeabile).

FELICE: Che faje?… Uffà, ma te si’ fissato!?… Tene ’a fodera ’e lanettina. (Entusiasta) Salvató, te piaceno ’e vongole?

SALVATORE: Voglio vedé ’a fodera… Voglio vedé si è pesante.

FELICE (preoccupato): Salvató, ma te siente buono? (Apre un lato dell’impermeabile) Guarda! È  de lanetta leggiera.

SALVATORE (contento): ’A fodera è blu! (Lo abbraccia) ’A fodera è blu!… Felì, vaco a bere nu mumento (esce di scena).

FELICE: E va… (Rimasto solo) Pe’ primma cosa m’ accatto nu cappottoe (si guarda le scarpe) dduje pare ’e scarpe… (Accarezza l’impermeabile) St’impermeabile m’ ’o tengo ancora (Lo apre completamente e ne guarda l’interno) ’A fodera è proprio nova.

NENNELLA (entra in scena): Ah, Felì, comme maje?

FELICE (che è di spalle, si chiude subito l’impermeabile e si volta): So’ venuto pecché tengo na bella nuvità. 

 

NENNELLA (insospettita da quella mossa, osserva l’impermeabile): Beige… St’impermeanbile è propio beige.

FELICE: Sì è beige… È sempe ’o stesso… Stevo penzanno ’e me n’accattà uno nuovo, ma quase quase m’ ’o tengo ancora.

NENNELLA: È pesante? 

 

FELICE: È foderato ’e lanetta leggiera,  però dà calore… (Contento) ’O ssapite che m’è succieso?

NENNELLA (interrompendolo):  Pure ’a fodera è beige?

FELICE: No, ’a fodera ’a mettono sempe ’e n’atu culore… (Entusiasta) Ve piaceno ’e vvongole?

NENNELLA: Uh, voglio vedé!

FELICE: Che cosa?

NENNELLA: ’A fodera.

FELICE (apre di scatto completamente l’impermeabile): Ve piace ’o pesce?

NENNELLA (contenta, vedendo la fodera): Blu!

FELICE (si richiude l’impermeabile): No, che pesce azzurro!...  Io penzavo a n’orata, a nu dentice, a na spigola… Nun appena papà vuosto starrà buono, ce ne jammo a mangià ’o Fusaro. Llà sicuramente ’o pesce è frisco.

NENNELLA (sorride): Sì… Ve vaco a appriparà nu bellu cafè (esce di scena).

FELICE: No, state comoda.  (Si guarda l’impermeabile e lo accarezza): E penzà ca st’impermeabile ’o pavaje poco e niente!

SALVATORE (entra in scena): Felì, allora?... Aspè! (Si affaccia alla comune) Nenné, ’e  cafè fanne na sola tazza.        

FELICE (un po’ deluso): Io ero venuto sulo pe’ te purtà ’a bella nutizia; mò me n’ aggi’ ’a jì… ’O ccafè m’ ’o ppiglio n’ata vota. (Uscendo di scena) Saluteme a tua moglie. Statte buono.

SALVATORE (lo accompagna verso la porta d’ingresso - voce fuori campo): Fatte vedé! E ancora auguri! (Rientra in scena) Dujecientomila euro. Biato a isso!   

NENNELLA (entra in scena con la tazzina di caffè e rivolta al marito che sta rientrando dall’ingresso): E Felice?

SALVATORE: Se n’è ghiuto… Jeva ’e pressa.

NENNELLA: Comme steva cuntento! (poggia la tazzina sul tavolo).

SALVATORE: E ce credo!… Uno che vence na quaterna comme pò stà? (si siede).

NENNELLA: Na quaterna! (gli siede accanto).

SALVATORE: Dduicientomila euro!… A proposito, ce ha invitato ’o ristorante.

NENNELLA: Che brava perzona!... Ddujecientomila euro!… E quante so’?

SALVATORE: Na muntagna ’e denare! (Prende la tazzina di caffè) So’ quattucieno miliune d’ ’e vvecchie lire… (Sorseggia il caffè) Buono! (sorseggia ancora e poggia la tazzina sul tavolo)

   

NENNELLA: Pecché na furtuna ’e chesta nun è maje capitata a nnuje?

SALVATORE: E io nun gioco.

NENNELLA: Ma mò che se ne fa ’e tutte chilli sorde?

SALVATORE: Nenné, che dumanda!… S’ ’e   spenne.

NENNELLA: Biato a isso!

SALVATORE: ’O ppuò dicere!

Scena nona

                Bussata di porta (campanello)

NENNELLA (agitata, si alza): Sarranno ’o cavaliere e ’a mugliera…Uh, Madonna, stanno già ccà!… Che faccio?

SALVATORE (tono deciso): Mò vaco io…Te faccio vedé ca stasera ’e ccose cagnano nu poco pure pe’ nnuje.

        2.a Bussata di porta (campanello)

SALVATORE (andando ad aprire): Vengo, vengo!… Un attimo!

        Nennella mette la tazzina e il bicchiere sulla scrivania. 

SALVATORE (voce fuori campo): Felì, ch’è stato?!…Trasite!

FELICE (preceduto da Salvatore, entra zoppicante sotto il braccio di Giulietta): Cosa ’e niente… (si ferma, poggiando a terra la punta del piede destro).

NENNELLA (sorpresa): Gué, Giuliè!

GIULIETTA: M’ero fermata nu mumento in farmacia… Sarrà stata ’a pressa, ma quanno aggio miso in moto ’a machina, nun l’aggio propio visto.

FELICE: È stata colpa mia. Io so’ passato areto, mentre faceva ’a retromarcia.

GIULIETTA: Io ’o vulevo purtà ’o spitale, ma isso ha vuluto venì ccà… Ha ditto ca Salvatore è n’amico sujo.

NENNELLA: Cchiù ’e n’amico, è nu frato… Ma che s’è fatto?

FELICE (mimimizzando): Niente… È sulo ’o ginocchio ca me fa male nu poco.

SALVATORE: Felì, assettate ncopp’ ’a pultrona. Appoggete a me! (Lo accompagna, sorreggendolo) Cammina chiano chiano.

NENNELLA: Puveriello, comme me dispiace! (prende la tazzina e il bicchiere dalla scrivania).

Felice si siede sulla poltrona.

GIULIETTA (si sfila il cappotto): A chi ’o ddice!.... (Poggia il cappotto su una sedia) Ce vulesse nu poco ’e ghiaccio.

NENNELLA (uscendo di scena con in mano la tazzina e il bicchiere): Sì, aje ragione.

GIULIETTA (seguendola fuori scena): ’A tiene ’a borza p’ ’o ghiaccio?

FELICE (estasiato): Se chiamma Giulia, propio comme ’a bonanema ’e mammà. 

SALVATORE (si abbassa): Felì, stienne ’a coscia… Famme vedé stu ginocchio (gli tira su la gamba destra del pantalone).

FELICE: L’avevo già ’ncuntrata, quanno so’ sagliuto primma. Io ascevo ’a dint’ all’ascensore e essa traseva… Se vede ca era destino.

SALVATORE (guarda il ginocchio): ’A fore è sulo arrussato (si rialza).   

NENNELLA (entra in scena, seguita da Giulietta, avvitando il tappo della borsa del ghiaccio - porgendogliela):  Felì, mettitavella subbeto ’ncopp’ ’o ginocchio.

GIULIETTA: ’O ghiaccio fa bene.

FELICE (mette la borsa sul ginocchio arrossato): Grazie, ma è cosa ’e niente.   

GIULIETTA (a Salvatore): Che bellu carattere ca tene!… N’ato chisà quante me n’avesse ditto!?… Invece isso…

SALVATORE: Felice di nome e di fatto.

NENNELLA: E si nun stà cuntento isso cu ’e sorde che tene!

SALVATORE: Felì, vide ’e stà buono ampressa… (Rivolto a Nennella) Felice ce vò purtà a nu ristorante ’o Fusaro.

FELICE: Llà se mangia buono. Pesce frisco, vongole, cozzeche, taratufole… 

GIULIETTA (tono mesto): ’O ssaccio. Io ce jevo cu ’a bonanema ’e mio marito, mò invece…

FELICE: Si vulite, ve ce porto io.

NENNELLA: Ce jammo tutte ’nzieme, nun appena state buono c’ ’o ginocchio.

FELICE (minimizzando): Io già me sento meglio. (Si spolvera con la mano l’impermeabile) S’è spurcato sulo nu poco l’impermeabile… (Sorride) Lunnedì ’o porto in lavanderia.

SALVATORE: Noo,  nun ce vale ’a pena.

NENNELLA: Sì, facitevenne uno nuovo.

FELICE (disorientato): Però me l’accatto beige comm’ a chisto.

NENNELLA: No, beige no!

SALVATORE: E già, si no pare ’o stesso.

FELICE (perplesso): Ma beige è nu bellu culore.

NENNELLA (decisa): Noo!

GIULIETTA (premurosa, rivolta a Felice): ’O ginocchio ve fa ancora male?

FELICE (sorride): No, sta già passanno… Â casa ce metto nu poco ’e pumata.

GIULIETTA: Felì, doppo ve dongo ’o nummero ’e telefono mio… Pe’ qualsiasi cosa, chiammateme!

FELICE (raggiante): Certo ca ve chiammo.

GIULIETTA (rivolta a Salvatore e a Nennella): È pe’ sapé  si aggi’ ’a fà ’a lettera all’assicurazione. 

NENNELLA: S’intende... Giulié, ma tu dimane viene? 

GIULIETTA: Sì, verso ’e ccinche.  (A Felice) Chella, Caterina ha insistito tanto.

FELICE: Io penzo ca pe’ dimane sto già buono.

 

SALVATORE: E si è accussì, viene pure tu.

FELICE (sorride): Sta giurnata e chi s’ ’a scorda!... Però mò me ne vulesse jì (prova ad alzarsi).

SALVATORE: Aspè! Te dongo na mano.

GIULIETTA (s’infila il cappotto): V’accumpagno.

FELICE (contento): Grazie, Giulié! (aiutato da Salvatore, si alza dalla poltrona, facendo leva sulla gamba sinistra).

GIULIETTA (premurosa, va vicino a Felice): Jammo, Felì, appuggiateve a me!... Ciao, Nenné!

NENNELLA: Ciao, Giulié!

FELICE (sotto il braccio di Giulietta, zoppicando, va fuori scena): Arrivederci e grazie; grazie assaje.

SALVATORE: Ma voi, Giulietta, vi stancate!... Felì, vuo’ che t’accumpagno io?

FELICE: No, ce ’a facimmo.

GIULIETTA: Io tengo ’a machina propio ccà abbascio.

NENNELLA: Felì, faciteve vedé!... V’aspettammo.

SALVATORE (seguendoli verso la porta d’ingresso - voce fuori campo): Ciao, Felì!... Arrivederci, Giulietta!

GIULIETTA (voce fuori campo): Arrivederci. 

FELICE (voce fuori campo): Ciao, Salvató e grazie.  

NENNELLA (nervosa, scimmiotta Salvatore): Ma voi, Giulietta, vi stancate… Vide si a me m’ ’o ddice maje!

SALVATORE (sorridente, rientra in scena): Hé visto a Felice comme steva cuntento sotto ’o braccio ’e Giulietta?

NENNELLA: Comme nun aggio visto!...  Menumale ca ’o cavaliere e ’a madama  nun so’ venute, quanno ce steveno lloro!

SALVATORE (guarda l’orologio sul polso): Secondo me nun veneno cchiù.

NENNELLA: Ma precisamente che t’ha ditto’o cavaliere, quanno ha telefonato?

SALVATORE: Ha ditto “Naserchia, stasera probabilmente io e mia moglie passeremo da voi a prenderci un caffè”.

Scena decima

        Bussata di porta (campanello)

NENNELLA (agitata): Salvatò, ’a porta… Chiste saranno lloro.

SALVATORE: E c’aspiette?!

NENNELLA: Sta vota, m’arraccumanno, parlece! (Si ravvia i capelli con le mani e va ad aprire) Vengo!... (Voce fuori campo) Quale onore!... Ma prego, accomodatevi!

 

        La signora Torello, ingioiellata e vestita diversamente, con cappello e guanti in mano, varca la comune e porge il dorso della mano a Salvatore.

SALVATORE (le va incontro): Signora Torello, che piacere!… (le bacia la mano).

CAV. TORELLO (con soprabito diverso, entra in scena, saluta col capo e continua la conversazione sul cellulare): E avete sbagliato… Quel carico doveva arrivare per il quindici del mese. Questi erano gli accordi.

SALVATORE (cerimonioso, gli porge una sedia): Prego, Cavalié!

        Il cavalier Torello gli gira le spalle e varca la comune, sempre incollato al telefonino. 

SIG.RA TORELLO (mette i guanti in borsa): La nostra è  propiamente una salita e una discesa.

NENNELLA (porge la sedia centrale alla signora Torello): Prego!.... Il Cavaliere è sempre preso dal lavoro... Ma come state elegante!

SIG.RA TORELLO: Sì, mi piace vèstere (si siede).

NENNELLA: E si vede (le siede accanto, dal lato della finestra).

   

SALVATORE (in piedi, vicino alla scrivania, un occhio alla comune): La signora Torello è sempre elegante.

SIG.RA TORELLO (lusingata): Grazie.

CAV. TORELLO (rientra in scena, parlando ancora a telefonino e va verso la finestra): E va be’, ma non più tardi del venti… Arrivederci.

        Salvatore lancia subito uno sguardo d’intesa a Nennella.

 

NENNELLA (si alza e rivolta alla signora Torello che si è appena seduta): Signó, venite di là!... Vi voglio fà vedé l’altra affacciata della casa.

SIG.RA TORELLO (alzandosi): Pecchè è panorammica? (lascia la borsa sulla sedia).

NENNELLA (facendole strada): Sì, da lontano si vede la tangenziale.

SIG.RA TORELLO: Ah, veramente?! (la segue fuori scena).

        Salvatore fa per avvicinarsi al Cavaliere, ma si ferma subito per discrezione perché il cavaliere, vedendo la moglie allontanarsi, ha chiamato un altro numero memorizzato sul cellulare e avanza diritto verso il proscenio.

CAV. TORELLO (a bassa voce, volgendo le spalle a Salvatore):… Ciao, Cicci! Sono io, il tuo Pucci… Volevo dirti che lunedì vengo a prenderti alle nove. (Contento) Staremo insieme tutta la giornata..….… Sì, Cicci, andremo dove vuoi tu…  Ciao, bacini bacini… No, chiudi tu… 

NENNELLA (ritorna in scena parlando con la signora Torello): Come vi ho detto, si vede soltanto un poco di tangenziale.

SIG.RA TORELLO: Sì, una filèra di luci, luntano (toglie la borsa dalla sedia).

CAV. TORELLO (si gira, ritorna verso la finestra e conclude la telefonata con tono professionale): D’accordo, commendatore, allora l’appuntamento resta fissato per lunedì mattina.

        La signora Torello si siede di nuovo sulla sedia centrale.

NENNELLA (in piedi, fra la signora Torello e il cavaliere): Gradite un caffè? 

SIG.RA TORELLO: No, grazie; l’abbiamo surbìto prima di salire… Un amico di mio marito ci ha voluto omaggiare per la via.

CAV. TORELLO (quasi traducendo): Un amico che ho incontrato per strada, ha insistito per portarci al bar.

SALVATORE: Allora un bicchierino di limoncello?

CAV. TORELLO (mentre chiama un altro numero sul telefonino): Per me no, grazie.

SIG.RA TORELLO: Per me nemmanco… A me, quando bevo gli arcorici, mi vengono le schiocche in faccia.

        Nennella si siede di nuovo alla destra della Signora Torello.

CAV. TORELLO (a telefonino, vicino alla finestra): Guglié, ce vedimmo fra poco……. Noo, tu ’a settimana passata si’ stato sulamente furtunato… (Ride) Mò ’o viento s’è girato; appriparete a perdere… Sì, l’aggio chiammato io… Ciao  (chiude la telefonata e cerca un numero sul cellulare).

SIG.RA TORELLO: Ogni sabato mio marito si vete cu cierti amici per pazziare a carte.

 

        Bussata di porta (campanello)

SALVATORE (guarda il cavaliere ancora a telefonino): Nenné, ci penzo io (esce di scena - voce fuori campo) Prego, accomodatevi!

SIG.RA GINA (con cappotto e borsa, si trattiene sotto la comune a parlare con Salvatore): Me dispiace  darvi disturbo, ma so’ rimasta fuori casa pecché Rituccia mia nun è turnata ancora. (Precede Salvatore in scena e si blocca) Ma vuje tenite visite!

NENNELLA (mentendo): E che fa?... Accomodatevi.

SALVATORE (alla Signora Gina): Vi presento la Signora Torello.

SIG.RA GINA (le tende la mano): Piacere, Vacca.

SIG.RA TORELLO: Piacere, Torello.

SIG.RA GINA (ride): Vacca e Torello; avimmo fatto st’accuppiata!

SIG.RA TORELLO: Da signorina io facevo Tammorra.

SIG.RA GINA (sorride): ’A Tammorra ’a sunava nu frato mio.

SALVATORE (interviene, porgendole la sedia alla sinistra della Sig.ra Torello): La Signora Torello è la moglie del Cavalier Torello,il mio principale (lo indica).

SIG.RA GINA (timidamente, fa un cenno di saluto col capo al cavaliere): Piacere! (Imbarazzata, si siede)  Rituccia mia starrà pe’ turnà…  È andata a portare il regalo a n’amica ca se sposa.

       

CAV. TORELLO (a telefonino, ancora vicino alla finestra): Allora, Gustà, che me dice ’e chillu cabinato?...... E famme sapé quanto vò… (Parlando, va verso la comune)’A barca mia oramaje s’è fatta vecchia……..  È chiaro che l’aggio vedé (esce di scena e scompare dietro la parete).

SIG.RA TORELLO: Mio marito è fissato cu ’e barche, ma io per mare non ci vaco… Il sole mi abbrucia.

SALVATORE: Si vede che avete la pelle delicata.

SIG.RA TORELLO: Dellicata assaje.

NENNELLA (alla Signora Torello): E come stanno i ragazzi?

SIG.RA TORELLO: Stutiano, stutiano e spentono soldi… (Sospira) Ah, i figli!

CAV. TORELLO  (entra in scena, ancora a telefonino): Allora aspetto ca tu me chiamme. Statte buono! (chiude la conversazione e si avvicina al tavolo).

NENNELLA (premurosa, si alza per cedergli la sedia): Cavalié, accomodatevi! 

CAV. TORELLO: No, grazie, dobbiamo andare. (Rivolto a Salvatore) Naserchia!

SALVATORE (avvicinandosi): Dite, cavalié!

CAV. TORELLO: Io lunedì sarò impegnato con un cliente. (Prende dalla tasca del cappotto un mazzo di chiavi e porgendogliele) Queste chiavi datele voi al ragioniere.

SALVATORE: Sarà fatto (mette le chiavi nella tasca del pantalone)

CAV. TORELLO: Fate in modo di stare in fabbrica una mezzora prima.

SALVATORE: Non dubitate, Cavalié.

CAV. TORELLO (deciso, alla moglie):  Silvana, andiamo!

SIG.RA TORELLO (rivolta a Nennella): Allora, arrivederci… (Dà la mano alla Sig.ra Gina) È stato un tanto piacere. (Porge la mano a Salvatore per il baciamano) Guttebaie. (Si aggiusta il cappello, fissa la pianta e indicando la colonnina) Ma llà non ci steva?...

SALVATORE (prontamente con un sorriso): Mia moglie l’ha conservata gelosamente.

CAV. TORELLO (saluta Nennella con una stretta di mano): Arrivederci.

NENNELLA: Arrivederci, cavalié.

CAV. TORELLO (stringe la mano alla Signora Gina): Signora, è stato un vero piacere.

SIG.RA GINA (lusingata): Pure pe’ me.

CAV. TORELLO: Naserchia, mi raccomando… Silvana, vieni! (esce di scena, seguito dalla moglie, e va a sinistra).

SALVATORE (accompagnandolo): State tranquillo, Cavalié! (Voce fuori campo) Buona serata… Arrivederci.

SIG.RA GINA (a Nennella): Chi puteva immaginà ca teniveve visite!… Che murtificazione!

         Salvatore rientra in scena.

NENNELLA: ’O principale ’e mio marito, chisà comme, stasera ce ha fatto l’onore ’e venì.

        Bussata di porta (campanello)

SALVATORE: Zitta! Se sarrà scurdato quaccosa… (Va ad aprire - voce fuori campo)  Ah, ciao  Ritù!

RITUCCIA (voce fuori campo): Mammà sta ccà?

SALVATORE: Sì, trase.

RITUCCIA (con giaccone e borsa a tracolla, entra sorridente in scena, seguita da Salvatore): Buonasera.

SIG.RA GINA (con disappunto): M’hé lassata fore ’a porta.

RITUCCIA: Pecché, nun ce stà zì Ciccillo?

SIG.RA GINA: Se sarrà addurmuto.

RITUCCIA: Aggio fatto tarde pecché aggio perzo ’o pacchetto.

SIG.RA GINA: Che significa l’hé perzo?!… Addó l’hé lasciato?

RITUCCIA: E chi ’o ssape!

SALVATORE: Era na cosa importante?

RITUCCIA: No, era ’o regalo pe’ n’amica mia.

NENNELLA: Che peccato!

SIG.RA GINA (rivolta alla figlia): Embè comm’è fatto?

RITUCCIA: Ce aggio accattato na bella bilancia p’ ’a cucina.

SIG.RA GINA (nervosa): Ati sorde!...  (Rivolta a Nennella) ’A giuventù ’e mò tene ’a capa dint’ ’e nnuvole.

RITUCCIA: Quanta storie!… Sapisse ’a bilancia comme ll’è piaciuta!

SIG.RA GINA: E chisà quanto hé spiso!

RITUCCIA: Mammà e ferniscela!… (Sorride) Giranno p’ ’e negozie, me so’ accattata pure na cosa pe’ me. (Tira fuori dal maglioncino una catenina e mostrando uno dei ciondoli appesi a Nennella e a Salvatore) Guardate comm’è bello!… È Budda.

SIG.RA GINA (si alza di scatto): Mia figlia, una buddana!... (Si fa il segno della croce) Gesù, Gesù!  

        Nennella e Salvatore frenano una risata.

RITUCCIA: Buddista, mammà… Se dice buddista. (Rivolta a Salvatore e a Nennella) È sulo nu ciondolo… È pe’ fà cuntento a Dudù.

SIG.RA GINA: E tu, pe’ fà cuntento a Dudù, vuo’ mancà ’e rispetto a Gesù Cristo! (si siede di nuovo).

RITUCCIA (con fervore): Quanta gente tene ’a curona dint’ ’a sacca e nun prega maje… Quanta guaglione se mettono na croce appesa ’nganno, pecché fa moda e no pe’ devuzione.

NENNELLA: Chesto è overo.

SALVATORE (minimizza con la Signora Gina): Pe’ Rituccia chillo è sulo nu ciondolo; nun significa niente.

SIG.RA GINA: Io a chillu coso cu ’a panza ’a fore nun ’o supporto propio.

RITUCCIA: Mammà, chillu coso se chiamma Budda. (Rivolta a Nennella) Don Agostino comme stà?

NENNELLA: Ringrazianno a Dio, stà meglio, pure si Salvatore ’o struppéa quanno lle fa ’a serenga.

SIG.RA GINA (sorride): No, nun ce credo.    

RITUCCIA: Salutatammillo… (Sobbalza) È ’o telefonino…  Menumale ca l’aggio ’ntiso! (Tira fuori il cellulare vibrante dalla tasca del giaccone e risponde) Pronto?…… Sì, Dudù, sto venenno…. (Si alza) Dudù, sto già aret’ ’a porta. Ciao, ciao (chiude il cellulare).

SIG.RA GINA (a parte): Dudù?!… C’avutamiento ’e stommaco! (si alza).

SALVATORE (sorride a Rituccia): Lo sposo reclama la sposina.

RITUCCIA: Eh già!… Allora arrivederci (esce di scena).

SIG.RA GINA: Buonasera. E scusate ancora il disturbo (segue Rituccia).

NENNELLA (accompagnandola): Nun ’o ddicite propio!…(Voce fuori campo) Buonasera!

SALVATORE (si affaccia alla comune): Buonasera! (sistema le sedie).

NENNELLA (nervosa, torna in scena dall’ingresso): Ah, finalmente sta giurnata è fernuta!

SALVATORE (prende le chiavi dalla tasca del pantalone): Sti cchiave lunnedì nun m’ ’e vvulesse scurdà!

 

NENNELLA: Già, tu l’ hé ’a cunzignà ’o raggiuniere… Si ’o Cavaliere è venuto ccà, è stato sulo pe’ te dà sti cchiave… Scummetto ca nemmanco sta vota si’ riuscito a ce parlà.

SALVATORE: E comme facevo!?… Hé visto pure tu ca è stato sempe c’ ’o cellulare ’mmano (rimette le chiavi in tasca).

NENNELLA: Menumale ca tiene a me che saccio parlà  pure pe’ te.

SALVATORE: Che vuo’ dicere?

NENNELLA: Voglio dicere ca, grazie a me,  l’aumento l’aje sicuro…  Quanno so’ ghiuta ’a llà cu ’a mugliera, parlanno ce aggio fatto capì che t’hanno pruposto nu lavoro addó te desseno uttanta euro ’e cchiù ’ncopp’ ’o stipendio e ca tu ce staje penzanno.

 

SALVATORE: E essa?

NENNELLA: S’è ammentato subbeto ca ’o marito aveva già penzato ’e te dà n’aumento a partì ’a stu mese. (Sorride) ’A mugliera conta; te faccio vede ca sta vota ’o cavaliere te dà pure ’a promozione. 

Scena undicesima

        Bussata di porta (campanello)

SALVATORE (ironico): Forse è isso ca è turnato areto pe’ me dà già n’anticipo. (Esce di scena e va ad aprire - voce fuori campo) Don Gennà, buonasera!… Prego, trasite!

DON GENNARO (in camice bianco e una sciarpa di lana al collo, entra in scena con un sacchetto di plastica in mano): Permesso? (si avvicina al tavolo).

NENNELLA (con aria interrogativa): Don Gennà, buonasera.

DON GENNARO: Stasera avimmo truvato nu pacchetto dint’ ’o negozio… Steva appuggiato ncopp’ a na cascetta ’e birra… Nun sapenno ’e chi era l’avimmo araputo chiano chiano, senza rompere ’a carta  (tira fuori dal sacchetto la scatola contenente  la ceneriera e la poggia sul tavolo) edint’ ’a sta scatola, sotto ’a paglia, è asciuta na bustina pe’ nu certo cavaliere Torello… ’A vedite ccanno (prende una bustina bianca dalla tasca del camice e la porge a Salvatore). Quanno dint’ ’o bigliettino aggio letto Salvatore Naserchia, aggio capito ca ’o pacco era ’o vuosto e so’ venuto subbeto a v’ ’o purtà. (Infila la mano nel sacchetto) Ccà ce sta pure ’a carta e ’o spavo (poggia la carta piegata e lo spago arrotolato sul tavolo).

SALVATORE: Grazie! Grazie assaje!

NENNELLA: Site stato overamente gentile.

DON GENNARO (arrotola il sacchetto vuoto e lo infila nella tasca del camice): È stato un dovere… Buona serata! (esce di scena).

SALVATORE (lo accompagna fuori scena): Buona serata pure a voi. (Voce fuori campo) E grazie ancora.

NENNELLA: Mò me spiego pecché Rituccia ’o regalo l’arapette chiano chiano… Forse già penzava d’ ’o passà appriesso.

SALVATORE (rientra in scena, guarda nella scatola e sorride): Sta cennerera, passamano passamano, steva facenno ’o giro d’ ’o munno… Se vede ca s’è stancata e ha deciso ’e turnà ccà.

NENNELLA: Eh, già (va verso la colonnina).

SALVATORE: Pure pecché sulo tu l’ hé pavata.

NENNELLA (accarezza la pianta): Nun te prioccupà, a te stu posto nun t’ ’o leva nisciuno!

SALVATORE (prende la scatola e va verso il mobile): Allora ’a metto ccà? (indica l’antina superiore)

NENNELLA (lo guarda e sorride): Sì… Miettece pure ’a carta e ’o spago.

Cala il sipario
FINE

È mia opinione che, se un testo funziona, qualsiasi adattamento potrebbe risultare peggiorativo e,  se un testo non funziona, qualsiasi adattamento potrebbe risultare inutile 

                      

                                                                   Colomba Rosaria Andolfi                                                             

Nelle pagine seguenti c’è un’introduzione in versi che può essere declamata, a sipario chiuso, prima della messa in scena dei miei lavori. 

                                  Introduzione in versi          (facoltativa)
Luci iniziali di mezza sala

Buio

Luci sul sipario

“VENITE!”

                                                                           di Colomba Rosaria Andolfi

Un Pulcinella nero e un Pulcinella bianco, entrambi con mascherine, entrano quasi di corsa dal fondo della sala (possibilmente dai due lati), recitando a voce alta i primi versi e, raggiunto il proscenio, si posizioneranno al centro del sipario, da dove uscirà C (regista, primo attore o prima attrice).

A (pulcinella nero-donna)              B (pulcinella bianco-uomo)         C (regista o prima attrice)

      A) Gente ge’, gente ge’!

           Gente ’e Napule addó site?

      B) Gente ge’, gente ge’!   

           Gente ’e Napule currite!

A)Venite!... Venite!... Venite!

B)Sentite!... Sentite!... Sentite!

C)Ch’è stato?... Ch’è stato?... Ch’è stato?

A)’Int’ ’e nicchie hanno truvato

    cierti muorte arrevutate;

B)chi cu ll’uocchie cummigliate,

           chi cu ’e mmane atturcigliate.

C)Che dicite! Comm’è stato?

         E chi era, nun se sape?

A)Era gente d’ ’o teatro,

          ca p’ammore ’e sta città,

          tutt’ ’a vita l’ha passata

          ’ncopp’ ’a scena a faticà

B)E cu arte, cu mestiere

ce faceva cunzulà,

recitanno chella parte

che sapeva ’e verità.

A)Ma si cchiù nisciuno dice

          chello ca succede ccà,

          comme pò sul’ ’e ricorde

          stu teatro mò campà?

B)E pe’ chesto hanno truvato

         chilli muorte arrevutate

          ca mò guardano arraggiate

          a chi niente sape dà.

C)Nèh, ma allora c’aspettammo!

          ’E vvulimmo fà dannà?                                                                                    Arapimmo stu sipario,

         damme voce a sta città

         e cuntammela redenno

         pure mò na verità!

Il Pulcinella nero e il Pulcinella bianco, non appena C  finisce di declamare gli ultimi versi, aprono con le mani un po’ il sipario per far sì ché C li preceda all’interno del palcoscenico.  

 

Luci sul sipario

e musica di inizio spettacolo

Questi versi, con un pizzico di mie poesie, sono stati pubblicati anche in appendice alla mia grammatica “Facile facile. Impariamo la lingua napoletana” (ed. Kairos 2008). La regista Maria Teresa Sisto per la sua pagina di facebook ha scelto  proprio la bellissima foto in cui li declama con grande passionalità.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno