Il commissario e il dottore litigano sempre

Stampa questo copione

Il commissario e il dottore litigano sempre!

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

28/03/2005

Personaggi:   11

Pasquale Mostaccioli

Raffaele Mostaccioli

Miriam

Rosa

Alberto Faccioluovo

Vincenzo Zanini

Bruno Perculo

Eva Adamo

Grazia Ricevuta

Rocco

l’onorevole Pino Scaldabagno

Napoli, casa Mostaccioli. E’ il continuo della commedia “’Na casa cu’ ‘na stanza ‘e cchiù” (sempre dell’autore Ezio Perrella). Ma potrebbe essere tranquillamente un’altra commedia, vista l’indipendenza dalla precedente storia. Per testamento, il commissario Pasquale Mostaccioli deve dividere la propria casa col fratello Raffaele Mostaccioli, medico generico. Ognuno di loro ha predisposto la propria metà di casa e soprattutto la stanza centrale (dove c’è anchela porta di ingresso) a modo proprio. Purtroppo capita che i rispettivi utenti sbaglino lato e si ritrovino ad esporre il loro caso alla persona sbagliata.

Pasquale è padre di Miriam e deve vivere tutti i patimenti di un genitore quando la propria figlia fa scelte sbagliate in amore. Oltretutto Pasquale è divorziato. La sua ex moglie Rosa tenta di riconquistarlo. In parte vi riesce.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

            Napoli, salone di casa Mostaccioli. Vi si accede da un’entrata comune al centro (che dà alla porta di ingresso). Due porte, una per lato, conducono ad altre stanze. A sinistra c’è la scrivania col telefono di Pasquale e due sedie (una davanti, l’altra dietro). A destra c’è la scrivania con due sedie e un divanetto accanto, di Raffaele. Mobili e quadri alle pareti.

ATTO PRIMO

1. [Pasquale Mostaccioli e Raffaele. Poi Rosa]

                   Al centro ci sono Pasquale e Raffaele che come al solito stanno litigando.

Raffaele:  Da quando ci siamo divisi questa stanza, per colpa tua, non si capisce più niente.

Pasquale: Pe’ colpa mia? Ma stattu zitto e puorte rispetto, ca io so’ tuo fratello maggiore.

Raffaele:  Ah, sì? E allora chesta è casa mia.

Pasquale: E invece no. Purtroppo, ‘n’anno fa, ‘o testamento ‘e papà ha ditto che ‘sta casa ce 

                  l’amma spartere tutt’e dduje. E purtroppo c’amma spartere pure ‘sta stanza.

Raffaele:  Sì, ma a me ‘stu fatto nun m’è maje piaciuto.

Pasquale: E pecché, a me sì? Sapisse comme m’è antipatico quanno ‘o pustino me porta ‘a

                  posta toja. ‘O fatto è che tu tiene ‘o stesso indirizzo mio!

Raffaele:  E se capisce, stamme ‘int’’a stessa casa.

Pasquale: E allora  dimane passo annanzo a ‘n’aggenzia immobiliare. E ti cerco una casa

                  nuova. Accussì te ne vaje!

Raffaele:  No, te ne vaje tu.

Pasquale: No, tu.

Raffaele:  No, tu.

                  I due continuano. Da sinistra entra Rosa, in vestaglia, mezza addormentata.

Rosa:        Néh, ma ‘a vulìte fernì ‘e alluccà? Songhe ‘e cinche ‘a matina!    

Pasquale: Rosa, mò nun te ce mettere pure tu. Stiamo ragionando di affari di famiglia.

Rosa:        E avita arraggiunà ‘e cinche ‘a matina? Ma cchiù tarde nun avita faticà?

Pasquale: Tu nun te prioccupà. Vatte a cuccà.

Raffaele:  E invece no, Rosa, nun te ne ì a durmì. Statte scetata.

Rosa:        E pecché?

Raffaele:  Pecché he’ priparà ‘a valiggia toja e chella ‘e Pascale. Dimane ve ne jate.

Pasquale: Ma nun ‘o da’ retta! Chillo s’ha da fa’ curà ‘e ccerevelle!

Raffaele:  Chi? Io?

Pasquale: Sì, tu. Pecché tu tiene ‘e ddoglie ‘ncapa!

Raf.eRos: (Sorpresi) ‘E ddoglie ‘ncapa? 

Raffaele:  E nun te ‘nventà ‘a pparole, una cosa!

Rosa:        Vabbuò, ja’, nun v’appiccecate.

Raffaele:  E se capisce, Rosa, a te te cunviene che nuje nun c’appiccecamme. O si no pierde

                  ‘sta bella casa!

Rosa:        E no, Rafé. Io e Pasquale siamo tornati insieme, e perciò io sto dove sta lui.

                  Piuttosto, mi state deludendo tutti e due. Avevate promesso che dopo l’apertura

                  del testamento di vostro padre, non litigavate più per colpa di questa casa.

Raffaele:  No, he’ capito malamente. Noi abbiamo promesso che non litigavamo più per un

                  anno. Però a mezzanotte è scaduto il termine: un anno giusto giusto!

Rosa:        Eh, ha mantenuto ‘o cunto!

Pasquale: A proposito, ma Miriam sta durmenno? Nun l’aggio vista propio stasera.

Rosa:        Sì, sta durmenno. Sta facenno chello ch’avissa fa’ tu.

Pasquale: E ‘o ffaccio aroppo. Aggia da’ primma ‘na lezione a Rafele.

Rosa:        Néh, si nun ‘a fernite ‘e alluccà, coccheduno va a chiammà ‘a polizia!

Pasquale: Ma ‘a polizia songh’io!

Rosa:        No, io parlo d’’a polizia che sta ‘o piano ‘e coppa. Già hanne tuzzuliato doje vote

                  cu’ ‘a scopa! E chille hanna durmì. Hanne raggione.

Pasquale: E vabbuò, Rafé, mò basta. Continuamme dimane. Nun voglio fa’ succedere

                  casino. Io aggia da’ ‘o buono esempio, pecché so’ commissario ‘e polizia. E al

                  piano di sopra c’è l’alloggio dei poliziotti che stanno dormendo.

Raffaele:  Embé, spero che la notte mi sogni: sarò il tuo incubo... e accussì te ne vaje ‘e

                  casa! (Si avvia a destra) E finalmente rimarrò solo. Ah, ‘e che suddisfazione!

                  Esce via sotto lo sguardo perplesso dei due.

Pasquale: Embé, Rosa, stanotte vaco ‘int’’a stanza soja e ce metto ‘nu cobra ‘int’’o lietto!

                  Prende sottobraccio Rosa e la conduce via a sinistra. Da destra torna Raffaele.

                  Ha un martello, una scatola di puntine e un cartello con su scritto vendesi.

Raffaele:  S’è gghiuto a cuccà? E adesso ti combino uno scherzett. (Mostra il cartello) Ecco

                  qua: “Vendesi lato sinistro della casa. Per informazioni, chiedere all’abitante del

                  lato destro”, cioè io! Mò lo appendo fuori alla porta con le punesse.

                  Esce, e da fuori si sente martellare. Poi rientra con una puntina in mano.

                  Mannaggia, s’è scassata ‘na punessa! Vabbuò, comunque l’aggio miso ‘o stesso!

                  Getta la puntina a terra verso sinistra e poi esce a destra soddisfatto.

2. [Miriam e Rocco. Poi Alberto e Eva]

                  Dalla comune, al centro, entra Miriam, senza far rumore, con le scarpe in mano.

Miriam:   Bene, nessuno si è accorto che io ancora devo rientrare. Sono andata in discoteca

                  con Rocco. Se lo sa papà, senti! E pure mammà. Io e lei stiamo recuperando il

                  nostro vecchio rapporto. E ora vado a dormire perché ho un gran sonno!

                  Si avvia a sinistra... ma calpesta la puntina gettata da Raffaele e grida!

                  Aaah!

                  Poi si tappa la bocca ed esce fuori dalla comune. Poco dopo ritorna.

                  Nun m’ha ‘ntiso nisciuno! (Va a sedersi sul divanetto e si tiene il piede che le

                  duole) Ma che ce sta lloco ‘nterra?! M’aggio bucato ‘nu pede! Ah, che dulore!

                  Dalla comune entra Rocco, quatto quatto.

Rocco:      Chi sa se Miriam sta ancora sveglia. (La nota) Uh, ‘a vi’ lloco, ‘a vi’. Ora le

                  faccio una sorpresa. (Le si avvicina da dietro e le grida) Ammore mio!

Miriam:   (Salta in piedi gridando dallo spavento) Marò!

                  E così i due scappano fuori dalla comune. Poi ritornano.

                  Ah, si’ tu? E comme he’ fatto a trasì d’’a porta?

Rocco:      Ma pecché, pé ddò ‘eva trasì, p’’a fenesta?

Rocco:      Cara Miriam, quando Rocco vuole entrare nel tuo cuore, non ci sono porte che

                  tengano! Io, dunque, non ho bisogno di chiavi!

Miriam:   E bravo, si’ addiventato pure poeta!

Rocco:      Con te si diventa poeti, santi, navigatori, cavalieri...!

Miriam:   Vabbuò, cavalié, mò avàscia ‘a voce, o si no ce scòprene. Siente, pecché nun te

                  ne tuorne ‘a casa toja? Non ti è bastata la serata che abbiamo passato insieme?

Rocco:    No, cara, tu non mi basti mai. PosSìamo passare una mezz’oretta nella tua stanza?

Miriam: Si’ pazzo? Si se sceta papà, ccà ddinto addeventa comm’’e “Fosse Ardeatine”!

Rocco:    Ma ormai tuo padre mi deve accettare. Io ti farò la proposta di sposarmi.

Miriam: (Speranzosa) Veramente? Ma allora tu mi vuoi sposare?

Rocco:    Ma si’ pazza? Io dicevo così per dire!

Miriam: (Delusa) E io ‘o ssapevo! Vabbuò, ja’, jammuncenne ‘int’’a stanzetta mia.

                Vanno a sinistra, ma Miriam calpesta di nuovo il chiodo, grida e i due scappano

                fuori. Poco dopo tornano.

Rocco:    Miriam, miettete ‘e scarpe mommò! Tu l’he’ fernì ‘e cammenà senza scarpe.

Miriam: Come osi parlarmi così? Un giorno io diventerò una vendetta internazionale!

Rocco:    Una “vendetta”? E ‘e chi te vuo’ vendicà?!

Miriam: ‘E nisciuno. Io intendevo dire che diventerò una star.

Rocco:    Ah, una vedette! Ma si tu nun saje manco parlà! Va’, miettete ‘e scarpe, forza. 

Miriam: E vabbuò. (Esegue) E allora adesso possiamo andare.

                I due escono a sinistra. Dalla comune entra Alberto Faccioluovo in divisa.

Alberto: ‘A porta steva aperta. Ma che sta succedenno ccà bbascio? Se sente ‘nu casino!

                Squilla il telefono. Alberto si spaventa e non sa che fare, va avanti e indietro.

                ‘O telefono! E chi è, mò? (Risponde) Pronto, ufficio del commissario Mostaccioli!  

                Con chi parlo? (Stupito) Con un essere umano? (Ironico) Guarde ‘nu poco, io me

                penzavo ch’ire ‘nu cavallo! E forza, pecché he’ chiammato? Un morto nel lago?

                Una grande salma? Allora, un salmone! E che ce fa, lloco? Sta nuotanno? Ah, è la

                corrente? Ma pecché, ‘int’’o lago ce sta ‘a currente?! No? Ti sei sbagliato? Era un

                tronco d’albero? Néh, ‘o vuo’ ‘nu cunziglio? Jéttete tu, ‘int’’o lago! (Riaggancia)

                ‘Stu ‘ddurmuto!... A proposito, ma mò che so’ trasuto, l’aggio chiusa ‘a porta?

                E dalla comune entra Eva, prostituta: è in abiti succinti. Ha dei lividi sul volto. 

Eva:        E’ permesso? Miriam?

Alberto: (Tra sé e sé) No, nun l’aggio chiusa, ‘a porta! Ehm… chi è?

Eva:        Uh, scusa, devo aver sbagliato casa.

Alberto: No, no, Miriam abita qua, però adesso non c’è. Starà dormendo. Quella è la figlia

                del commissario Mostaccioli. Lo sapevi?

Eva:       (Ironica) ‘O vero? ‘E che scuperta, he’ fatto! E tu invece devi essere un poliziotto.

Alberto: Sì? ‘E che scuperta, he’ fatto! Io, tra poco, sarò il brigadiere Alberto Faccioluovo.

Eva:       Mercedes Benz!

Alberto: Che vvuo’? ‘O Mercedes Benz? No, fatte ‘a Panda, cunzuma cchiù poco!

Eva:       Ma no, Mercedes Benz è il mio nome d’arte. In realtà io mi chiamo Eva Adamo.

Alberto: Ah, ma allora sei un’attrice? Complimenti!

Eva:       Ma qua’ attrice? Non mi vedi come sono vestita?

Alberto: E già, effettivamente non me ne ero accorto: tu fai la commessa!

Eva:       E tu fusse ‘nu poliziotto?

Alberto: Brigadiere.

Eva:       E se vede che ‘stu grado te l’he’ accattato! Io faccio la prostituta.

Alberto: (Stupito) ‘A prostituta? Ma allora… il commissario Mostaccioli...  capisci a me!

Eva:       Ma che staje dicenno? Non sono qua per lui. Io sto qua per Miriam.

Alberto: (Sorpreso) Ma pecché, Miriam va a prostitute?

Eva:       Senti, brigadiere Alberto Faccioluovo, ma tu ci fai o ci sei? Io sono la migliore

               amica di Miriam. E adesso sono venuta qua per... per... per chiederle un consiglio. 

Alberto: Sì? E senti, Eva, ma quel trucco che tieni in faccia fa parte del personaggio?

Eva:        No. Questo non è trucco. (Va a sedersi al divanetto) Questi sono lividi.

Alberto:  (Le si avvicina) E ‘a chi he’ abbuscato, Eva?

Eva:        Da un cliente che non mi ha voluto pagare. E’ successo a Piazza Garibaldi.

Alberto:  Però aggia ammettere che chillo t’ha fatto propio ‘na bella paliata! ‘O ssaje, Eva?!

Eva:        E che sai tu? Stava tirando fuori pure un coltello.

Alberto:  Porca Eva!

Eva:        Uhé, e comme te permiette?

Alberto:  Uh, scusa, volevo dire: porca miseria! Embé, e allora vieni giù con me. Può darsi

                che lo troviamo ancora, così gli metto le manette e lo arresto.

Eva:        No, ma io ho paura.

Alberto:  Quando ci sono io, la parola paura non deve esistere. Andiamo!

                La prende sottobraccio e i due vanno fuori.

3. [Raffaele e l’onorevole Pino Scaldabagno. Poi Rosa]

                 Da destra entra Raffaele. Ha una vestaglia sui suoi vestiti ed occhiali da sole.

Raffaele: Uff, nun riesco a piglià suonno. Sarrà stata ‘a ‘ppiccecata che m’aggio fatto cu’

                 Pascale. (Si siede sul divanetto) E vabbuò, aspettamme che me vene suonno. ‘E

                 che pacienza! Se almeno avessi una bella donna vicino a me!   

                 E poi crolla. Intanto, dalla comune, entra Pino, vestito casual. E’ preoccupato.

Pino:        Menu male ch’’a porta steva aperta. Ma quel figlio mio è un proprio un guaio.

                 Sta sempe appriesso ‘a figlia ‘e Mostaccioli. Inzomma, afforza vo’ frequentà ‘a

                 polizia. Ma ‘o vvo’ capì ca io so’ allergico? Speriamo che ora sia qua!

Raffaele: (Sogna e così comincia a parlare nel sonno) Ehi, vieni vicino a me.

Pino:        Sì? (Si volta e lo nota) ‘O duttore? E che vvo’ ‘a me? (Gli va vicino pian piano)

Raffaele: Vieni lentamente, lentamente, molto lentamente.

Pino:        (Sembra si muova alla moviola) E cchiù lentamente ‘e chesto?

Raffaele: Lo sai che stai benissimo con quell’abitino?

Pino:        L’abitino? Chillo se stratta sulo ‘e ‘na giacca a vento, ‘na cammisa e ‘nu jeans!

Raffaele: E dai, non stare in piedi. Togliti quella stola di pelliccia, che fa caldo!

Pino:        (Stupito) ‘A stola ‘e pelliccia? E chi ‘a tene?

Raffaele: E adesso spogliati interamente, da capo a piedi.

Pino:        A chi?

Raffaele: Ho capito, sei in imbarazzo. E va bene, allora siediti vicino a me.

Pino:        Duttò, ma nun me putesse assettà ‘ncoppa a ‘na seggia vicino ‘o tavule?

Raffaele: No, ti devi sedere vicino a me.

Pino:        E vabbuò. (Esegue) E allora che si dice?

Raffaele: No, non parlare. Fatti guardare. Lo sai? Mi attrai moltissimo!

Pino:        (Imbarazzato) Ma che vvo’, chisto?

Raffaele: Senti, fammi sentire le tue mani calde.

Pino:        No, ma io, veramente, ‘e ttengo suràte e fredde!

Raffaele: E allora... fammi sentire le tue labbra sensuali!

Pino:        (Sorpreso) Che cosa?

Raffaele: (Gli si avvicina) Sì, voglio sentire le tue labbra! Baciami!

Pino:        (Scatta in piedi) P’ammore ‘e Dio! Levàteme ‘e mmane ‘a cuollo! 

Raffaele: (Si sveglia, si toglie gli occhiali da sole e si alza) Ch’è stato?

Pino:        Duttò, state luntano ‘a me! 

Raffaele: Comme? Onoré, vuje state ccà? E che ce facite?

Pino:        No, no, stateve zitto! Voi mi avete preso le mani e poi mi volevate baciare!

Raffaele: Ma faciteme ‘o piacere! Ma vuje fusseve malato?

Pino:        E chi lo sa? Può essere pure.

Raffaele: Aggio capito: voi siete esaurito. Allora venite con me nel mio studio, così vi

                 faccio una bella visita.

Pino:        Sì, certo, certo. E allora avviatevi.

Raffaele: Va bene. Con permesso.

                 Va a destra. Pino sembra dubbioso. Così prende una bottiglia vuota dal tavolo.

Pino:        Io nun me fido ‘e chisto! Nun se po’ maje sapé, è meglio che me copro ‘e spalle!

                 Va verso destra, si ferma prima della porta e spia dentro. Da sinistra torna Rosa.

Rosa:       Nun riesco a durmì. (Nota Pino ma non sa che è lui) E chi è chillo? Oddio, ‘nu

                 marjuolo! Mannaggia, Pascale sta durmenno. E allora me l’aggia vedé io sola! 

                 Gli si avvicina da dietro e gli intima:

                 Mani in alto, sono armata!

Pino:        (Alza le mani mostrando anche la bottiglia) Uh, Marò!

Rosa:       Esegui tutto quello che ti dico senza fiatare: adesso fai due passi indietro.

                 Pino esegue tutto alla lettera..

                 E adesso inginocchiati. Posa la bottiglia a terra. Mani dietro la schiena. Ehm... e

                 ppo’? Boh! E adesso... e adesso... mettiti le dita nel naso! Ed ora voltati, voglio

                 guardarti in faccia. (Gli si avvicina, lo guarda bene e resta stupita) Pino? 

Pino:        Ah, si’ tu, Rosa?              

Rosa:       Disgraziato, ‘e che paura che m’he’ fatto piglià!

Pino:        Siente, ‘a puo’ pusà chella pistola che tiene ‘nmana? Me vulesse aizà.

Rosa:       Ma quala pistola? Io so’ disarmata. Te puo’ aizà.

Pino:        (Si rialza) Che cosa? Nun ‘a tiene, ‘a pistola? Ma me vulìve fa’ venì ‘n’infarto?

Rosa:       Siente, che ce faje ccà? Ma comme, tu nun stive carcerato?

Pino:        Già, per colpa del giudice Grazia Ricevuta. Ma l’onorevole Pino Scaldabagno

                 tiene mille risorse. E così, io sono uscito dal carcere e lei ha passato un guaio.

Rosa:       Uh, puverella! E a te nun t’hanne cancellato ‘a ll’ordine d’’e politici?

Pino:        No, ma per noi politici non c’è nessun ordine.

Rosa:       Ah, ho capito: Sìete disordinati!

Pino:        (Ripete) Siamo disordinat...! Ma che me faje dicere? Voglio dire che in politica si

                 usa un altro criterio. Vabbé, tu non puoi capire. Intanto, io sto facendo carriera.

Rosa:       E bravo! A proposito, ma comme he’ fatto a trasì? Io nun l’aggio ‘ntisa, ‘a porta.

Pino:        L’ho trovata aperta.

Rosa:       Aperta? Sicuramente Miriam mò s’è ritirata, e comm’e sempe s’è scurdata ‘a

                 porta aperta! ‘E che croce è chella figlia mia! Embé, e mò che vvuo’ ‘a ccà?

Pino:        Sono venuto a riprendermi Rocco. L’ho seguito mentre veniva qui da tua figlia.

Rosa:       E allora che stive jenno a ffa’ addù Rafele cu’ chella butteglia ‘nmana?

Pino:        Ah, già, io stevo jenno add’’o duttore! Niente, si tratta di una visita “sciué sciué”!

Rosa:       A chest’ora?

Pino:        E tu te priòccupe ‘e ll’ora? A me me prioccupa ‘o duttore, invece. Chillo me pare

                 ch’è addiventato ‘nu poco effeminato: me vuleva vasà afforza!

Rosa:       Rafele? Ma no, nun dicere scimmità. Vuo’ vedé? Mò t’accumpagno io addù isso.

Pino:        Ah, sì? E va bene, mi voglio fidare. Vai tu avanti e io ti seguo.

Rosa:       E vabbuò. Però fa’ ambresso che me moro ‘e suonno!

                Escono a destra (Pino sempre con la bottiglia in mano).

4. [Pasquale e Alberto. Poi Vanessa. Infine Grazia]

                  Da sinistra entra Pasquale che non riesce a dormire. E’ ancora vestito.

Pasquale: Nun ce sta niente ‘a fa’. Nun riesco a piglià suonno. Guarde ccà, m’aggio juto a

                  cuccà pure vestùto! A proposito, ma addò è gghiuta Rosa? Mah! E intanto ho

                  avuto un’idea: uno scherzetto per far andare “in freva” a Raffaele!  

                  Esce a sinistra e torna con un cartello “Vendesi”, un martello e delle puntine.

                  Ecco qua. (Legge) “Vendesi lato destro della casa. Per informazioni, chiedere a

                  quelli che stanno nel lato sinistro”! Mò ‘o metto fora ‘a porta. Saje che rresàte!

                  Esce dalla comune. Si sente martellare. Poi torna con una puntina in mano.

                  L’aggio miso. Sulo che però s’è scassata ‘na punessa. E nun fa niente. (La getta

                  a terra verso sinistra) E ora proviamo a dormire un poco. Letto mio, arrivo!   

                  Esce a sinistra. Dalla comune entra Faccioluovo, con le sue scarpe in mano.

Alberto:   (Felice) E vai! Mi sono preso il numero di telefono di Mercedes Compressor! 

                  Anze, no, Mercedes Benz! Insomma, Eva! Sulo che nun aggio acchiappato a

                  chillo che l’ha vattuta. Meglio per lui. Anzi, meglio per me! Adesso vedo se dal  

                  commissario è tutto a posto. M’aggio levato pure ‘e scarpe pe’ nun fa’ rummore!

                  Va a sinistra, si punge sulla puntina gettata da Pasquale, lancia via le scarpe.

                  (Grida saltellando) Aaah! Porca Eva! Anzi, no, porca miseria!

                  Da sinistra torna Pasquale di corsa.

Pasquale: Ch’è stato?

Alberto:   (Fa finta di niente) Ah, ehm... futuro brigadiere Faccioluovo a rapporto, signore.

Pasquale: E tu che ce faje ccà, a chest’ora?

Alberto:   Ho sentito dei rumori e sono venuto a controllare.

Pasquale: E ‘e scarpe?

Alberto:   Le ho tolte per non far rumore.

Pasquale: (Si siede al divanetto) A proposito, ha telefonato quella tale, Vanessa Zanini.

Alberto:   (Contrariato) Oh, no! ‘A guardiana d’’o zoo ‘e Napule? ‘A fetaciato?  

Pasquale: E già. M’ha ringraziato pecché nuje, aiére, ce amme truvato all’ippopotamo.

Alberto:   E mica è isso? Nuje l’amme pigliato ‘a ‘n’atu zoo!

Pasquale: E essa nun s’è addunàta ‘e niente.

Alberto:   ‘E che rimbambita. Ahahahah!

                  I due se laridono. E dalla comune entra proprio Vanessa Zanini.

Vanessa:  E’ permesso? Si può?

Pasquale: (Smette di ridere e scatta in piedi) Uh, Marò!

Alberto:   (Spaventato) (Mamma ‘e ll’Arco, già sta ccà, chesta?).

Vanessa:  (Entra in stanza) Gentile commissario, buongiorno. Buongiorno, agente.

Alberto:   (Colpito dal suo alito) Nooo!

Vanessa:  Ch’è stato?

Alberto:   Ehm... no, niente, io non sarò più agente. Sarò brigadiere.

Vanessa:  (Compiaciuta) Ah, auguri!

Alberto:   (Di nuovo colpito, comincia a piangere) Marò!

Vanessa:  E vabbé, non vi commuovete! Voi dovete gioire.

Alberto:   E nun è possibile!

Pasquale: Ehm... Faccioluovo, rimettiti le scarpe ed esci via. Muoviti!

Alberto:    E va bene, recupero le mie scarpe. (Le va a prendere a terra)

Pasquale: (Va da Vanessa) Scusate, signora Zanini, ma voi siete venuta a quest’ora?

Vanessa:   Ora vi spiego tutto. (Si avvicina troppo a Pasquale) Detto tra noi...!

Pasquale: (Colpito dal suo alito, si scansa) Mamma ‘e Giotto!

Alberto:   (Va alla sinistra di Pasquale, mostrandogli le scarpe) Ecco le mie scarpe.

Pasquale: (Colpito dalla puzza delle scarpe) Marò, puzza a destra, puzza a sinistra...! Ma

                  che d’è, m’hanne circondato?

Vanessa:   (Gli parla di nuovo in faccia) Sentite, commissario, vogliamo parlare?

Pasquale: (Infastidito dalla puzza, s’arrabbia) Oh, e basta! Jateve a assettà. Ate capito?

Vanessa:   E va bene. (Si siede al tavolo)

Alberto:    E io che faccio?

Pasquale: A te, miettete ‘sti scarpe, oppure ‘e gghiette ‘int’’a munnezza, pecché fétene!

Alberto:   Sissignore. (Va a sedersi al divanetto e indossa le scarpe)

Pasquale: E allora, signora Zanini, cominciate a parlare. (Si siede al tavolo) Vi ascolto.

Vanessa:   Dunque, commissà, io vi ringrazio tanto tanto, perché ieri mi avete portato

                  l’ippopotamo sano e salvo. Però c’è qualcosa di strano: non mi sembra lui.

Alberto:   (Preoccupato) Ah, commissà, ce ha sgamato!

Pasquale: Stattu zitto! Ehm... ma che dite, signora Zanini? Guardatelo bene da vicino.  

Vanessa:   E l’ho fatto. Però ho notato un particolare strano sul lato destro del suo sedere

                  “chiatto”: una voglia di caffelatte!

Alberto:   E se vede che teneva genio ‘e fa’ colazione!

Pasquale: Cretino, stattu zitto!  

Vanessa:   E non è tutto: gli manca un dente, e tiene un’orecchio più lungo e uno più corto!

Pasquale: Pure?  

Vanessa:   E non è tutto...! Mi sono accorto di un particolare strano: ha una zampa storta!

Alberto:   Mannaggia a me, aggio juto a piscà proprio a ‘n’ippopotamo zuoppo!

Vanessa:  Come?

Pasquale: Ehm... niente, questo disgraziato non stava parlando proprio. (Si alza in piedi e

                  va a sedersi sul divanetto) Sentite, state tranquilla. Pure si tene ‘a voglia ‘e

                  caffelatte, ‘na recchia cchiù corta e ‘o pero stuorto, quell’ippopotamo è il vostro.

Vanessa:   Ma io l’ho chiamato: “Cicciobello!”… E lui non si è girato e non mi ha risposto!

                  Ma nun è che m’’ite pigliato a ‘n’ippopotamo pe’ ‘n’ato!

Alberto:    Ma no, ve state sbaglianno. Facìtece ll’analese d’’o DNA!

Pasquale: E pierde ‘a lengua ‘nu poco! Comunque, signora Zanini, che v’aggia dicere?

                  Volete fare di nuovo la denuncia?

Vanessa:   A questo punto, direi di sì.

Pasquale: E vabbé, Faccioluò. Conduci la signora nel mio studio e scrivi tutte le notizie

                  dettagliate che ti darà la signora Zanini.

Alberto:   Che cosa? L’aggia purtà nel vostro ufficio? Ma nun se po’ ffa’ fora ‘o barcone?

Pasquale: Puortele addò vuo’ tu! Abbasta che t’’a puorte!

Vanessa:   (Si alza in piedi) E allora, commissario, la facciamo questa denuncia?

Pasquale: (Si alza pure lui) Ehm... ma certo. Aìzete, Faccioluò.

Alberto:   (Si alza) Agli ordini.

Vanessa:   Sì, però commissà, sono molto delusa da voi.

                  Si avvicina ai due, e Pasquale e Faccioluovo si abbracciano spaventati.

Pasquale: (Preoccupato) Ah, sì? E perché?

Vanessa:   Perché mi avete trovato l’ippopotamo sbagliato. Ma state tranquillo, vi perdono!

Alberto:   (Tira un sospiro di sollievo) Commissà, menu male che v’ha perdunato, o si no

                  ccà ddinto faceveme ‘a storia ‘e Nerone che ha appicciato Roma!

Pasquale: Stai zitto! Accompagna la signora fuori al balcone. E ti raccomando: quando

                  parla, falla girare verso l’esterno del balcone, non verso la mia stanza! Capito?

Alberto:   Agli ordini. Prego, accomodatevi.

Vanessa:   Commissà, grazie!

                  I due vanno a sinistra. Pasquale, tramortito, si stende sul divanetto.

Pasquale: Aiutàteme, aiutàteme...!

                  Dalla comune entra Grazia: è in grembiule, ha un secchio e uno straccio.

Grazia:     Signor Pasquale! (Lo nota steso sul divanetto e accorre) Signor Pasquale!

Pasquale: (Si volta verso lei) Chi sei? Non ti conosco!

Grazia:     Ma sono io, il giudice Grazia Ricevuta. Uh, scusate, volevo dire che sono la

                  donna delle pulizie, Grazia Ricevuta.

Pasquale: Ah, si’ tu, Grazia? (Si alza confuso) Scùseme, aggio avuto ‘nu piccolo incidente.

Grazia:     Quale incidente?

Pasquale: Niente, una certa Vanessa Zanini. Tu tieni presente la lava che sta nel Vesuvio? 

                  E’ acqua fresca!

Grazia:     E allora, la puzza che sta qua dentro, è colpa di questa Vanessa Zanini?

Pasquale: No, sono pure le scarpe di Faccioluovo! Azz, però ‘e scarpe ‘e Faccioluovo

                  manco ce pàrene! Vabbé, comunque, Grazia, fammi un piacere: puoi cominciare

                  a lavare prima nel mio bagno? Ti conduco io.

Grazia:     Certamente. A proposito, prima che andiamo di là, voglio dirvi una cosa che non

                  vi ho ancora detto. Grazie di avermi assunta come donna delle pulizie qui da voi.

Pasquale: Nun ve prioccupate, giudice! Anze, no, nun te prioccupà, Grazia. E mò jamme.

                  I due escono via a sinistra.

5. [Raffaele e Bruno. Poi Rocco e Miriam]

                  Da destra entra Raffaele.

Raffaele:  Aggio lassato a Rosa e all’onorevole Scaldabagno che se stanne appiccecanno ‘e

                  brutto! Vabbuò, lass’’e stà. E allora mò me metto a durmì ‘n’ata vota ‘ncoppa ‘o

                  divanetto. (Così fa) Può darsi che così mi sogno di nuovo la bellissima donna

                  che stavo sognando prima. (Mette gli occhiali da sole. Poi si assopisce)

                  Dalla comune entra Bruno (in abbigliamento colorato). E’ dolorante al sedere.

Bruno:      ‘Stu miéreco è pazzo: amme fernùto cu’ ‘e ssupposte e amme accumminciato cu’  

                  ‘e sserrenghe. Ma chisto, ‘o popò mio, l’’esse pigliato p’’o tiro a segno?

Raffaele:  (Comincia a parlare nel sonno) Ah, sei qui? Ti stavo proprio aspettando!

Bruno:      (Si volta e lo nota) A me?

Raffaele:  Sì, a te. Lascia la porta aperta. Voglio che tutti vedano quello che stiamo per fare.

Bruno:      Duttò, ma io me metto scuorno ‘e me fa’ vedé ammente me faccio ‘a serrenga!

Raffaele:  Dai, non parlare più. Vieni accanto a me.

Bruno:      Comme no, duttò. (Sì avvicina) Eccomi.

Raffaele:  Perché non ti spogli? Fa caldo!

Bruno:      Io? (Toglie la giacca) Ecco fatto, m’aggio levata ‘a giacca. E mò?

Raffaele:  Buttala via.

Bruno:     (Esegue) Fatto!

Raffaele:  E adesso siediti vicino a me. Voglio guardarti da vicino.

Bruno:     E che tenite ‘a guardà? Io faccio schifo!

Raffaele: Basta, poche storie.

Bruno:     E vabbuò. (Gli siede accanto) E allora, duttò, mò che vulimme fa’?

Raffaele: Spogliami tutto. Comincia dai pantaloni!

Bruno:     (Sorpreso) Che?

Raffaele: Hai capito bene!

Bruno:     Duttò, ma io ‘na serrenga m’aggia fa’, e ppo’ me n’aggia ì.

Raffaele: Ho detto che mi devi togliere i pantaloni. Ubbidisci!

Bruno:     E vabbuò.

                 Ma mentre Bruno sta per eseguire, Raffaele si sveglia, lo scopre e lo ferma.

Raffaele: Don Bruno, ma che state facenno? (Toglie via gli occhiali da sole)

Bruno:     Chello ch’ate ditto vuje: ve sto’ levànno ‘o cazone.

Raffaele: A me? Ma stisseve ascenno ‘e cerevella?

Bruno:     Io? Duttò, io nun stongo ascenno ‘e cerevella. “Stongo ascenno sulo ‘e popò”!

                 Fra supposte e serrenghe, m’aggio fatto ‘nu panaro tanto! (Fa il gesto)

Raffaele: Ma pecché, quanta serrenghe v’ata fa’ ancora?

Bruno:     Trenta.

Raffaele: No, trenta sono troppe. Facciamo ventotto! Siete contento?

Bruno:     ‘E che felicità! A proposito, duttò, m’’isseva scrivere coccosa p’’a freva.

Raffaele: Dopo vi prescrivo un’aspirina fosforescente!

Bruno:     Un’aspirina fosforescente? Ma allora se vede ‘int’’o scuro?!

Raffaele: No, volevo dire un’aspirina effervescente. E allora jamme a ffa’ ‘sta serrenga.

                 I due si alzano e si avviano a destra, però Raffaele ci ripensa.

                 Aspié, ma addò stamme jenno? Nel mio studio non si può, perché ora è occupato.

                 Facciamo così: ce ne andiamo nella mia stanza da letto. E quando vi introduco

                 l’ago, non gridate come sempre, se no svegliate a tutto il palazzo!

Bruno:     Nun ve prioccupate, duttò. ‘Sta vota allucco zittu zitto!

                 E così i due escono a destra. Da sinistra tornano Rocco e Miriam.

Rocco:     (Soddisfatto) Oh, Miriam, è stato un momento entusiasmante.

Miriam:  Mò sei contento?

Rocco:     Sì. Ogni mossa che facevi tu, io ero pronto a mangiarti.

Miriam:  Sì, ma non ti illudere: io sono sempre più brava di te.

Rocco:     E invece non è vero. Il mio problema sai qual è? E’ che non ho molta esperienza.

Miriam:  Eh, va bene, ma che cos’è tutto questo entusiasmo?  

Rocco:     E che vuoi da me? Era tanto tempo che non ti battevo a Scacchi!

Miriam:  Va bene, allora la prossima volta mi devi dare la rivincita.

Rocco:     Nun te prioccupà, tesò! Però po’, ‘a prossima vota che ce vedimme, nun jucamme

                 sulamente a Scacchi, ma facimme pure cocch’ata cosa.    

Miriam:  Non correre!

Rocco:     E vabbé. A proposito, tieniti in forma che stasera devi andare a fare la sfilata.

Miriam:  Stai tranquillo. Ma ti ha anticipato qualcosa lo stilista Dolce Abbanana?

Rocco:     Sì, Dolce ha detto che ti farà indossare il suo ultimo capolavoro: la “Viola viola”!

Miriam:  Pensa che quell’abito vale più di 200.000 Euro.

Rocco:     E picciò, vide ‘e nun ‘o perdere.

Miriam:  E comm’o perdo?! Mica è ‘n’accendino? E mò vattenne, Rocco.

Rocco:     E non mi dai nemmeno un bacio?

Miriam:  P’ammore ‘e Dio! Si se trova a passà papà, ce decapita a tutt’e dduje!

Rocca:     Ah, già! E allora vide ‘e parlà cu’ Robespierre... cioè cu’ pateto. Cià, tesò!

                Ed esce di casa deluso.

Miriam:  Mamma mia, ‘e che suonno! Mò m’addormo vestuta!

                Esce a sinistra.

6. [Rosa e Pino. Poi Bruno e Vanessa. Poi Grazia e Raffaele. Infine Pasquale]

 

                 Da destra entrano Rosa e Pino sottobraccio.

Rosa:       Siente, Pino, io ce ll’aggio a morte cu’ te.

Pino:        E pure io cu’ te, Rosa. Ma comme, sulo pecché io aggio scuntato cocche mese ‘e

                 carcere, tu te vaje a mettere ‘n’ata vota cu’ chella specie ‘e commissario?

Rosa:       Nun parlà malamente ‘e Pascale. Anze, tienatìllo buono.

Pino:        Ma visto che chillo sta durmenno, pecché nun te vieste e nun aiésce cu’ me?

Rosa:       Si’ pazzo? Si Pascale nun me vede vicino a isso, ‘int’’o lietto, s’insospettisce.

Pino:        Embé, ‘stu Pascale, m’ha scucciato. Quase quase ‘o faccio fa’ ‘a stessa fine d’’o

                 giudice Grazia Ricevuta! Anzi, no, di più: lo faccio diventare uomo delle pulizie.

Rosa:       A proposito, stamattina deve venire la nuova donna delle pulizie. Chi sa com’è?

Pino:        (Farfallone) Nun è maje bella comm’a te.

Rosa:       (Piacevolmente colpita dal complimento) Comme si’ sfacciato!

Pino:        ‘A verità è ca io nun t’aggio maje scurdata. E tu?

Rosa:       (Indecisa) Beh...

Pino:        E allora?

Rosa:       (Imbarazzata) Sì, però Pasquale...

Pino:        Ancora cu’ ‘stu Pascale!

                 E da sinistra si sente la voce di Pasquale chiamare Rosa.

Pasquale: “Rosa! Ma addò si’ gghiuta? Staje facenno ‘o ccafé?”...

Pino:        Ha da passà ‘nu guajo! Quant’è brutto!

Rosa:       Presto, esci di casa. Nessuno ti deve vedere che stai qua.

Pino:        E va bene. E allora siente: “ammore mio, ‘o core mio sta sempe appriesso a te”!

                 E se ne esce di casa. Rosa sospira.

Rosa:        Comm’è addiventato romantico!

                 E da sinistra entra Pasquale borbottando.

Pasquale: Néh, Rosa, ‘o vvuo’ fa’ ‘stu ccafé, o no?

Rosa:        (Stufa) Comm’è scassambrello, chisto!

Pasquale: A proposito, poco fa è venuta la nuova donna delle pulizie.

Rosa:        ‘O vero? (Tendenziosa, lo mette alla prova) E com’è? Bella comm’a me?

Pasquale: E tu fusse bella? 

Rosa:        (Delusa) Ecco!

Pasquale: Si tratta di una sorpresa. E’ l’ex giudice Grazia Ricevuta.

Rosa:        (Sorpresa) Che?

Pasquale: Sì, l’aggio assunta io, a chella puverella. Chella è stata cacciata ‘a ll’ordine d’’e

                  giudice. E tutto chesto pe’ colpa ‘e chillu disonesto ‘e ll’onorevole Scaldabagno.

Rosa:        (Imbarazzata) Ah, sì?

Pasquale: Sì. Embé, ma si ‘o ‘cchiappo, a chillo...!

Rosa:        (Lo interrompe) Vabbuò, mò vatte a vestì.

Pasquale: Rosa, ma io sto’ già vestuto.  

Rosa:        E allora jammece a ffà ‘stu bellu café io e te.

Pasquale: A me me pare che quanno parlamme ‘e ‘stu Scaldabagno, nun t’’o pozzo tuccà!

                  I due vanno a sinistra. Da destra entra Bruno. Sembra contrariato.

Bruno:      Ma ‘stu duttore è proprio ‘na schifezza! Niente meno nun tene cchiù serrenghe!

                  Mò aggia scennere ccà bbascio ‘a farmacia e ‘naggia accattà ‘na decina.

                  Da sinistra torna Vanessa. Pare contrariato. Esce parlando a vuoto e si ferma.

Vanessa:   Io sono una cittadina che paga le tasse e devo essere servito bene!

Bruno       Scusate, ma ch’è succieso?

Vanessa:   Niente, la gente che sta qua dentro mi prende per il sedere.

Bruno:      E a chi ‘o ddicite!

Vanessa:   Niente di meno, hanno sbagliato a prendermi a Cicciobello.

Bruno:      Hanne sbagliato a ve piglià a Cicciobello? E vuje faciteve piglià ‘o Spumone!

Vanessa:   ‘O Spumone?

Bruno:      Nun ve piace? E allora ve piacesse cchiù assaje a Sbrodolina?             

Vanessa:   Sbrodolina?

Bruno:      Nun ve piace? E allora facìteve purtà a “Ciccio fa la cacca”!

Vanessa:   Sentite, ma ‘e che state parlanno?

Bruno:      Uh, Giesù! Di bambolotti!

Vanessa:   E secondo voi, io venivo qua per dei bambolotti? Io sto parlando del mio  

                  ippopotamo. (Avvicinandoglisi) Ora vi spiego tutto. Dovete sapere...

Bruno:      (Colpito dal suo alito, lo scansa) P’ammore ‘e Dio, nun ‘o vvoglio proprio sapé!

Vanessa:   No, ma io ve l’aggia raccuntà! (Si riavvicina)

Bruno:      (Lo scansa di nuovo) No, tenìtavello pe’ vvuje!

Vanessa:   (Si riavvicina) E invece m’ata stà a sentì!

                  Bruno esce di casa, Vanessa lo segue e gli racconta. Da sinistra entra Grazia.

Grazia:     Mamma mia, che lavoro massacrante! E’ più facile fare il giudice. (Si siede sul

                  divanetto) Devo lavare nelle altre stanze. Però prima mi riposo due minuti.

                  Resta soprappensiero, sospirando. Da sinistra torna Rosa. tutta preoccupata.

Rosa:        Nun sia maje Pino se fa scuprì ‘a Pascal…! (Nota Grazia) Uh, Marò!

Grazia:     (Nota Rosa) Signora Rosa, come va? (Si alza e le va accanto)

Rosa:        (Imbarazzata) Ah, ehm... non lo so!

Grazia:     Com’è, non lo so?

Rosa:        Nel senso che se succede un guaio che so io con mio maito, dopo starò male!

Grazia:     Ma vostro marito ha un cuore d’oro. Invece il vostro precedente uomo, sapete di

                  chi sto parlando, era un uomo di niente! Per non dire di peggio!

Rosa:        Ehm... ma perché, voi non gli volevate bene?

Grazia:     Sì, gli volevo bene. Però poi ho aperto gli occhi. Chillo m’ha ‘nguajato! (Si

                  commuove) Scusate, ma ogni volta che parlo di lui, piango. (Si apparta un po’)

Rosa:        (Pietosa) Povera crestiana.

                  Dalla comune entra Pino con dei fiori. Li porta a Rosa. Grazia non lo noterà.

Pino:         Tieni, Rosa, questo è per te!

Rosa:        (Spaventata) Uh, Marò!

                  Gli afferra un braccio, lo spinge via a destra, nasconde i fiori e fa finta di niente. 

Grazia:     (Si volta verso Rosa) Che dicevate? C’è una qualcosa per me?

Rosa:        Ah, ehm... niente, dicevo che se vi serve qualcosa, dite a me!

Grazia:     Grazie. E allora scusate, finisco di piangere e torno da voi. (Asciuga le lacrime)

                  Da destra torna di nuovo Pino con una lettera in mano.

Pino:         Io ti amo!

Rosa:       Oh, no!

                 Gli strappa la lettera di mano e poi lo spinge di novo a destra. Grazia si volta.

Grazia:    Mi amate? In che senso?

Rosa:       Ehm... vi amo, nel senso che vi ammiro come persona!

Grazia:    Sìete gentile. Sentite, io torno dentro a fare le pulizie. Però voi non dite a nessuno

                 che sto piangendo per quell’essere spregevole di Pino. Avete capito?

Rosa:       State tranquilla.

Grazia:    E allora con permesso.

                 Esce a sinistra. Rosa tira un sospiro di sollievo. Da destra torna Pino.

Pino:        Néh, ma chi era chella?

Rosa:       Ehm... la nuova donna delle pulizie.

Pino:        Tene ‘na faccia cunusciuta!

Rosa:       Vabbuò, ja’, mò che vvuo’? Pecché si’ turnato?

Pino:        Voglio baciarti.

                 E dalla comune entra Bruno con una scatola di siringhe. Legge sulla confezione.

Bruno:    “Queste siringhe si fanno solo sul sedere”. ‘E che scuperta!

Rosa:       (Lo nota) Oh, no!

                 Prende per il braccio Pino e lo spinge a destra. Bruno nota Rosa e le si avvicina.

Bruno:     Scusate, signora, ma voi dovete andare dal dottore?

Rosa:       Ehm... no, per fortuna io sto bene.

Bruno:     Beata voi.

Rosa:       Ma pecché, vuje che tenite?

Bruno:     Che tengo? Signò, pe’ ve fa’ capì: cercare una parte sana nel mio corpo, è come

                 cercare un ago in una terra di 10 ettari! Stateve bona.

                 Esce via a destra, e Rosa gli fa le corna dietro.

Rosa:       Uh, mamma mia, speramme che chillu scemo ‘e Pino nun se fa scuprì.

                 Da destra torna Pino.

Pino:        Siente, Rosa, ma t’’a pozzo dicere ‘na cosa?

Rosa:       Sì, però muovete.

Pino:        Dunque...

                 Da destra tornano Raffaele e Bruno.

Raffaele: Don Bruno, ma comme, io ve dico ‘e accattà ‘e serrenghe cu’ ll’ago ‘e tre

                 centimmetre, e vuje accattate chelle cu’ ll’ago ‘e diece centimmetre?

Bruno:     Ma pecché, si’ grosse?

Raffaele: E se capisce. ‘Sti serrenghe ccà s’aùsene p’’e cavalle!

Bruno:     Sentite, pur di star bene, sopporterò anche questo.

Raffaele: E vabbuò, contento voi! (Nota Rosa) Uhé, Rosa, e tu che staje facenno lloco?

Rosa:       (Accorre da lui) No, niente, non guardare. Su, tornate nel tuo studio. Jate, jate!

                 Spinge i due via a destra. Pino va da lei.

Pino:        E allora, Rosa?

Rosa:       Tu staje ‘n’ata vota ccà? Ma te ne vuo’ ì? Si se trova a passà Pascale, Siente!

                  E da sinistra si sente la voce di Pasquale.

Pasquale: “Rosa, te sto’ purtanno ‘o ccafé!”...

Rosa:        Uh, Marò! Presto, fuje ccà ddinto.

Pino:         No, ‘n’ata vota?

                  Lo spinge di nuovo a destra. Entra Pasquale con un bicchierino con del caffè.

Pasquale: Tié, Rosa, ‘o ccafé. Io già me l’aggio pigliato.

Rosa:        (Affannata) Ah, ehm... grazie. (Prende il bicchiere)

Pasquale: E che d’è? Tu staje tutta affannata!

Rosa:        No, niente, niente... Mò mi bevo questo bel caffè. (Lo beve)

                  Da sinistra entra Grazia con un secchio e uno straccio.

Grazia:     Signor Pasquale, io ho finito.

Pasquale: Ah, brava. E allora adesso te ne vai?

Grazia:     No, adesso devo andare a pulire dal signor Raffaele.

Rosa:        (Spaventata, sputa il caffè) Che? Addù Rafele? Ma ce ha da ì pe’ forza?

Grazia:     E si capisce. Anche il dottore mi paga. Con permesso.

Pasquale: Va’, va’.

                  Esce, e Rosa pare terrorizzata.

                  Ma che d’è, Rosa, nun è buono ‘o ccafé?

Rosa:        No, ehm... ammore mio, me vaje a piglià ‘nu poco ‘e zucchero?

Pasquale: Ci vado subito.

                  Si avvia a sinistra, ma da Raffaele si sente un grido di dolore di Bruno.

Bruno:      Aaaah, fa male!

Pasquale: Uh, Marò, che sta succedenno addù Rafele?

Rosa:        No, ehm... niente. Raffaele sta facendo una siringa a un signore.

Pasquale: E invece Rafele sta torturanno a ‘nu paziente! Io aggia ì a vedé!

Rosa:        (Spaventata) Che? No, ma nun è ‘o caso.

Pasquale: Rosa, io sono un poliziotto. Ja’, famme passà.

                  La scansa e esce deciso a destra. Rosa non sa che dire.

Rosa:        Uh, Marò, chillo mò vede a Pino...! E io comme faccio?... E chi m’aiuta a me?

                  Poco dopo entrano correndo fuori casa e gridano spaventati: Grazia, Raffaele,

                  Bruno e Pino. Infine ecco Pasquale.

Pasquale: (Ha due siringhe in mano) Uhé, addò fujìte? V’aggia fa’ ‘na serrenga maje vista!

                  Ed esce pure lui di casa, così come Rosa scappa via a sinistra.

7. [Miriam e Rocco. Poi Eva]

                  Da sinistra entra Miriam, assonnata. E’ in jeans e maglia.

Miriam:   Ma che sta succedenno, ccà ddinto? Ho sentito gente gridare e correre! Mah!

                  Si sgranchisce. Dalla comune entra Rocco, che la chiama.

Rocco:      Miriam!

Miriam:   Chi è? Ah, si’ tu, Rocco?

Rocco:      (Avvicinandosi) Sì, songh’io. He’ fatto colazione?

Miriam:   No. E tu?

Rocco:      Manch’io. Senti, è successo un piccolo intoppo per la sfilata di stasera.

Miriam:   Che? E allora nun se fa cchiù?

Rocco:      Sì, si fa. Però Dolce Abbanana sta in mezzo ai guai. Chillu cretino stasera vuleva  

                  fa’ sfilà pure a cierti modelle minorenni. Ora i carabinieri se le sono portate via.

Miriam:   Ah, e mò comme se fa?

Rocco:      E che ne saccio, io? So soltanto che stasera ci sarà una sfilata senza le modelle!

Miriam:   Ma ‘stu Dolce Abbanana, tene ‘o bruttu vizio che vvo’ sparagnà sempe ‘e sorde!

Rocco:      Senti, Miriam, tu mi devi aiutare. Devi trovarmi altre modelle.

Miriam:   E addò ‘e vvaco a piglià? (Ha un’idea) Ma certo. Quest’idea mi piace molto.

Rocco:    Siente, me po’ piacé pure a me?

Miriam: Sì, adesso te la dico. E quando la saprai, sarai felicissimo.

Rocco:    Aggio capito, ma mò m’’a vuò dicere?

Miriam: Sì, sì. Adesso te la faccio sapere. E’ un’idea eccezionale.

Rocco:    (Spazientito) Oh, e m’’a vuo’ dicere, o no?

Miriam: E va bene, va bene. Dunque, l’idea riguarda la mia amica Eva. La prostituta.

Rocco:    Eva? E che ha da fa’, Eva?

Miriam: Come hai visto, ha un fisico splendido. Ed ha amiche belle come lei. Che ne dici?

Rocco:    E tu vulisse fa’ sfilà ‘e pprostitute ‘int’’a sfilata ‘e Dolce Abbanana?

Miriam: E che c’è di male? E poi, non trattandosi di professioniste, prendono meno soldi.

Rocco:    (Ci pensa) ‘O ssaje ch’’a penzata nun è fessa? E’ andata, convinci a questa Eva.

Miriam: Sì, ci penso io. Le parlo appena la vedo.

Rocco:    Brava. E ti trovi parlando, perché non parli pure a tuo padre?

Miriam: Vuoi fare sfilare anche a lui?

Rocco:    Siente, ma a te nun t’aiuta ‘a cerevella? A tuo padre gli devi parlare di te e di me.  

Miriam: (Frenetica) Va bene. Ora chiama lo stilista e digli di stasera.

Rocco:    E vabbuò. Chiammo a Dolce Abbanana. (Prende il telefonino e chiama) Pronto,

                Dolce, so’ Rocco. Forse amme risolto ‘o problema ‘e stasera. Ok? Mò però me

                n’aggia fujì, pecché me trovo in territorio nemico! Cià, cià! (Spegne il telefonino)

                Marò, chisto sta sempe arraggiato! E menu male ca se chiamma Dolce!

Miriam: (Frenetica) bene, adesso vattene. Ti chiamo io più tardi. Ciao, Rocco, ciao.

                Spinge Rocco fuori casa. Lui cerca di parlare inutilmente. Poi Miriam torna.

                Adesso devo telefonare ad Eva. Speriamo che non stia lavorando ancora. Certo,

                non sarà facile convincerla ad accettare la mia proposta. Ma io ci provo. (Prende              

                il cellulare e chiama) Al massimo mi dirà di no.

                Si sente un cellulare che squilla all’ingresso: è di Eva che entra in casa. Miriam

                resta perplessa.

Miriam: ‘Nu cellulare sta squillanno. E ‘e chi sarrà?

Eva:        E’ mio. Tu staje chi ammanno a me.

Miriam: (Spegne il proprio cellulare) Ciao, Eva! Non ci crederai, ma io ti stavo cercando.

Eva:        Infatti, non ti credo. Siamo amiche d’infanzia, ma tu te ne ricordi raramente.

Miriam: Ma dai, non dire così. Io ho da fare con le sfilate. A proposito, hai un occhio nero.

Eva:        (Ironica) Allergia!

Miriam: E curala, è un pecato per il tuo bel viso. Eva, ma sai che tieni un bel fisico? E

                conosci un sacco di belle ragazze come te. Avete da fare, stasera?

Eva:        Fino a mezzanotte, no. Perché?

Miriam: Beh, il tuo stilista preferito e mio amico Dolce Abbanana, farebbe sfilare molto

                volentieri te e le tue fantastiche amiche. Glielo possi dire che voi accettate?

Eva:        Che cosa? E io avessa cunvincere a diece prostitute a ffa’ ‘na sfilata?

Miriam: E che ci sta di male? Qualche soldino in più non guasta. E poi per una cosa pulita.

Eva:        (Ha un’idea) Allora mettiamo così le cose: io aiuto te e tu aiuti me.  (Perfida)

                Oppure stasera volete fare una sfilata senza modelle?

Miriam: (Si convince) E va bene. Tu aiuti me e io aiuto te. Ma io però ch’aggia fa’?

Eva:        So che tu sei in buoni rapporti con l’onorevole Pino Scaldabagno.  

Miriam: Beh, in buoni rapporti, no. Però lo conosco. E lo farò conoscere a te.

Eva:        E allora basta parlare. Adesso portami da questo Dolce Abbanana.

Miriam: E le tue amiche prostitute?

Eva:         Prego, “operatrici del sesso”! Vieni, andiamo a chiamarle.

Miriam:   E andiamo.

                  Escono di casa.

8. [Rosa e Pasquale. Poi]

                  Da sinistra torna Rosa, pentita di qualcosa. Va a sedersi al tavolo.

Rosa:        Mamma mia, ‘o ssapevo. Pascale ha truvato a Pinto dinto addù Rafele. Saje

                  comme sta arraggiato?! Mò s’’a piglia sicuramente cu’ me.

                  Dalla comune entra Pasquale, imbronciato, si siede sul divanetto. Rosa lo nota.

                  ‘O vi’ lloco. Mò cerco d’’o piglià cu’ ‘o buono. (Si alza in piedi e va da lui) 

                  Ehm… Pascà, ‘e vvuo’ duje maccarune?

                  Pasquale non risponde. Lei insiste.

                  Allora vulisse direttamente ‘o sicondo? Te faccio ‘a cotoletta ‘a milanese. Sì?

                  Ma Pasquale niente.

                  E allora t’ammònno duje purtualle, ‘nu manderino e ‘na banana?

                  Pasquale ancora niente.

                  E vabbuò, Pascà. (Gli siede accanto) Me vulisse rivolgere ‘a parola duje minute?

Pasquale: Che ce faceva ll’onorevole Pino Scaldabagno ‘int’’a casa mia?

Rosa:        Veramente Pino... cioè, ll’onorevole steva ‘o lato ‘e Rafele.

Pasquale: Sì, ma ‘a porta d’ingresso è pure ‘a mia, e isso l’ha varcata!

Rosa:        E vabbuò, ma chillo nun steva ccà pe’ me. Chillo era venuto p’’o figlio.

Pasquale: ‘O figlio ‘e Scaldabagno? ‘O Scaldino? Ma sta frequentanno a ancora Miriam?

Rosa:        Ehm... no, però... chillo Pino... cioè, ll’onorevole nun ha visto cchiù ‘o figlio e

                  s’è impressionato. Accussì è gghiuto addù Rafele.

Pasquale: E vabbuò, Rosa. Faccio apposta che nun è succieso niente. Te faccio cuntenta. E

                  intanto: he’ capito a fràteme Rafele? Ha miso ‘o cartiello “Vendesi” fora ‘a

                  porta! Però vo’ vennere ‘a parte d’’a casa mia. Veramente, pure io l’aggio miso.

Rosa:        E quindi, state pace.

Pasquale: No, io devo stare sempre in vantaggio. E allora mò organizzo ‘n’atu scherzo.

Rosa:        Sul tipo?

Pasquale: Mò te faccio vedé.

                  Si alza in piedi ed esce a sinistra. Rosa gli parla come se lui fosse ancora lì.

Rosa:        Pascà, nun è ‘o caso. Leva l’occasione. In fondo, Rafele t’è sempe frato. Pascà!

                  Pasquale torna con una busta tipo rosticceria.

Pasquale: Rosa, guarde ccà. ‘O ssaje che ce sta ‘int’a ‘sta busta?

Rosa:        Zeppole e panzarotti!

Pasquale: No, polvere urticante!

Rosa:        Ma mò addò ‘e miette?

Pasquale: Osserva! (Va alla scrivania di Raffaele e vi cosparge la polvere dappertutto)

                  Dalla comune entra Alberto che legge un quotidiano.

Alberto:   Niente, commissà, anche oggi non siamo usciti in prima pagina. Ci hanno messi

                  nella nona. E che ce vo’ pe’ saglì ‘e paggina! (Chiude il giornale e nota Rosa,

                  così si mette sugli attenti) Oh, buongiorno, signora Rosa!

Rosa:        Buongiorno, Faccioluò.

                  Squilla il telefono sulla scrivania di Pasquale.

Pasquale: Faccioluò, aggie pacienza, ‘o telefono. Rispùnne ‘nu poco.

Alberto:   Agli ordini. (Esegue) Polizia! Come dite? Io e il commissario dobbiamo andare

                  alla villa dello stilista Dolce Abbanana? E a ffa’ che? Ci sarà una sfilata? E che

                  ce ne ‘mporta? A nuje nun ce piacene ‘e sfilate! Uhé, e che v’arraggiate a ffa’?

Pasquale: (Interviene) Deficiente, damme ‘nu poco ‘stu telefono!(Glielo tira di mano)   

                  Commissario Mostaccioli. Dite. Nella villa dello stilista faranno una sfilata? E

                  che c’è di male? Devono sfilare delle modelle che in realtà sono prostitute? Ho

                  capito. Adesso provvediamo subito. Chiamo pure altri agenti. Scusate, ma chi

                  Siete voi? Pronto! Ha attaccato. He’ capì, Faccioluò? Era una soffiata.

Alberto:   Una soffiata? S’hanne mise a sciuscià pe’ dint’’o telefono? Ma che scherzi idioti!

Pasquale: Cretino, si tratta di una soffiata, cioè di una rivelazione sconosciuta.    

Alberto:   Ah, già. E allora vogliamo andare?

Pasquale: Sì, ma prima dobbiamo andare nel mio bagno.

Alberto:   Commissà, ma mò v’aggia accumpagnà a ffa’ pure ‘a pipì?

Pasquale: Idiota, tengo la pistola nascosta nello scarico del bagno. Jamme a ce movere.

Alberto:   Agli ordini.

                  I due escono a sinistra. Rosa è rimasta sola. Porta le mani al viso.

Rosa:        ‘E che gghiurnata ch’è schiarata!

                  Dalla comune al centro, quatto, quatto, torna Raffaele. Nota Rosa e va da lei.

Raffaele:  Rosa!

Rosa:        Uhe’ Rafé, si’ turnato?

Raffaele:  Già. He’ capito a fràteme Pascale? Ha miso ‘o cartiello “Vendesi” fora ‘a porta!

                  Però vo’ vennere ‘a parte d’’a casa mia. Veramente, pure io l’aggio miso.

Rosa:        Rafé, ma quanno ‘a fernite, tu e Pascale?

Raffaele:  E allora mò organizzo ‘n’atu scherzo.

Rosa:        Sul tipo?

Raffaele:  Mò te faccio vedé.

                  Esce a destra. Rosa gli parla come se lui fosse ancora lì.

Rosa:        Rafé, nun è ‘o caso. Leva l’occasione. In fondo, Pascale t’è sempe frato. Rafé!

                  Pasquale torna con una busta tipo rosticceria.

Raffaele:  Rosa, guarde ccà. ‘O ssaje che ce sta ‘int’a ‘sta busta?

Rosa:        Zeppole e panzarotti!

Raffaele:  No, polvere urticante!

Rosa:        Ma mò addò ‘e miette?

Raffaele:  Osserva! (Va alla scrivania di Pasquale e vi cosparge la polvere dappertutto)

                  Ecco fatto! (Poi va a sedersi alla propria scrivania) E mò ce facìmme ‘e rresate!                     

                  E da sinistra entrano Pasquale e Alberto.  

Pasquale: Rosa, nuje simme pronti! Aggia piglià ‘nu documento ‘a dint’’a scrivania mia.

Alberto:   Commissà, vi aiuto io. (Così fa)

Raffaele:  (Se la ride) Azz, Pascà, mò vaje in missione? Saje che prurimiento!

Pasquale: (Lo osserva e se la ride) No, a me non me prode niente, mò te prode a te!

                  Raffaele, Pasquale e Alberto vanno al centro, grattandosi. Pare ballino il Twist.

Rosa:        Ma che d’è? (Si alza in piedi e si sposta a destra) Ve miettite a abballà ‘o twist?

Raffaele:  Uh, Marò! E che d’è? Comme prode!

Pasquale: Disgraziato, che he’ cumbinato ‘ncoppa ‘a scrivania mia?

Raffaele:  E tu che he’ cumbinato ‘ncoppa ‘a scrivania mia? ‘Nfamone!

                  I tre si grattano (pare ballino il Twist), Rosa li guarda, mani tra i capelli.

FINE ATTO PRIMO

            Salone di casa Mostaccioli: un’ora dopo la sfilata. Miriam e Eva, in abiti da Prêt à porter, e Rocco sono stati da poco arrestati. Pasquale e Alberto li stanno interrogando.

ATTO SECONDO

1. [Miriam, Alberto, Pasquale, Rocco, Rosa e Eva. Poi Pino]

                  Rocco, Miriam ed Eva seduti sul divanetto; Alberto, Pasquale e Rosa in piedi.

Pasquale: (Arrabbiato con Rocco, Miriam ed Eva) Ma io pozzo fa’ sempe chesto cu’ vuje?  

                  Miriam, tu si’ ‘a figlia ‘e ‘nu poliziotto, e chesta è già ‘a terza vota che t’arresto.

Alberto:    E meno male che gli altri cinquanta che abbiamo arrestato li abbiamo portati a

                  Poggioreale, o si no vulevo vedé addò ‘e metteveme!

Rosa:        Appunto!

Rocco:      Sì, ma io vorrei prendere la parol...

Pasquale: Tu nun parlà proprio! He’ capito? Parla solo quando sei interrogato. (Gironzola)

                  Ma io nun me faccio capace! Mò aggia ì a nasconnere ‘a faccia p’’o scuorno!

Rosa:        E pur’io!

Alberto:   E pur’io!

Rosa:        E tu che c’azzicche?!

Alberto:   Vabbuò, pe’ solidarietà!

Pasquale: Sentite, faciteme parlà a me sulo. E a te, Miriam, t’’eva ditto pure ‘e nun ‘a

                  frequentà cchiù a chesta Eva. E soprattutto a chistu Rocco.

Rocco:      Scusate, posso prendere la parola?

Pasquale: T’aggio ditto che no. Devi parlare solo quando ti interrogo io. He’ capito?

Rosa:        (Sedendosi al tavolo) Vabbuò, Pascà, lass’’o sta’. Va’, Rocco, puo’ parlà.

Pasquale: E te pareva! Rosa, ma ‘o commissario songh’io!

Rosa:        Sì, però staje parlanno sulo tu. Sì chisto è ‘n’interrogatorio, fa’ parlà pure a loro!

Pasquale: Vabbuò, aroppo facimme ‘e cunte pure cu’ te. Faccioluò, prendi nota.

Alberto:   Ora scrivo, ora scrivo. (Si siede alla scrivania e scrive ciò che gli altri dicono)

Pasquale: E allora va’, Rocco, avvì a parlà.

Rocco:      Dunque, caro commissario...

Pasquale: Vabbuò, basta, m’aggio sfastriato ‘e te sentì. Adesso parla tu, Eva.

Alberto:   No, ma chella se chiamma BMV Audi! (E le manda un bacio)

Eva:          No, Mercedes Benz. Dunque, signor commissario, le cose stanno così...  

Pasquale: Vabbuò, basta, è scaduto ‘o tiempo. Mò voglio sentì a te, Miriam.

Miriam:   Aggia parlà io? E vabbuò. Allora, papà...

Pasquale: No, mi devi chiamare commissario.

Miriam:   Dunque, commissario: oggi pomeriggio, a ora di pranzo, è venuto Rocco da me

                  tutto preoccupato, ad avvisarmi che per la sfilata di stasera di Dolce Abbanana

                  mancavano molte modelle. E si capisce, quelle erano state arrestate poco prima.

Alberto:   E per forza, quelle erano tutte minorenni.

Miriam:   Appunto. E così Rocco mi ha chiesto il piacere di aiutarlo, convincendo Eva a

                  chiamare le sue amiche per sostituire le modelle mancanti.

Rocco:      No, veramente questa è stata un’idea tua.

Pasquale: E vide si se sta zitto. Si parle ‘n’ata vota, te chiudo ‘int’’o bagno.

Alberto:   Commissà, ma si vuje ‘o chiudite ‘int’’o bagno, chillo se ne fuje p’’a fenesta!

Pasquale: Cretino, t’he’ scurdato che ‘nfaccia ‘e ffeneste aggio fatto mettere ‘e sbarre?

Alberto:   Ah, già.

Pasquale: E allora, Miriam, completa.

Miriam:   Dunque, papà... cioè, commissario, la mia amica Eva, detta Mercedes Benz, si è

                  detta disponibile ad aiutarmi.

Eva:          In realtà, tu mi hai quasi obbligata, perché ti dovevo contraccambiare un favore.

Pasquale: Pure? E ccà me pare che he’ fatto tutto cose tu, Miriam!

Miriam:   Appunto. Mò sta a vedé ch’’o guajo ‘o passo sulamente io!

Pasquale: E ‘stu coso brutt... cioè, Rocco, che funzione ha avuto in tutto questo?

Rocco:      Dunque, commissario...

Pasquale: Vabbuò, basta, nun parlà cchiù.

Rocco:      Commissà, e si me facite spiegà coccosa...!

Pasquale: Come osi protestare? Faccioluovo, porta l’arrestato in bagno... cioè, in cella!

Rocco:      Aspettate, ma mò pecché me vulìte chiudere ‘int’’o bagno?

Pasquale: Silenzio! Dopo parliamo io e te. Vabbé?

Alberto:   (Si alza) Commissà, e mò chi scrive ‘o posto mio?

Pasquale: Non fa niente, scrivi dopo. Anzi, portati pure a Mercedes!

Alberto:   Commissà, ma io nun tengo ‘a patente! Comm’’o porto ‘stu Mercedes?

Pasquale: ‘Nzallanuto, Mercedes è chesta: Eva! Portala in cella.

Eva:         Scusate, ma io devo andare in bagno con Rocco?

Pasquale: Ah, già, nun pozzo mettere a ‘sti duje ‘nzieme. Avéssena fa’ cocche figlio ‘int’’o

                 bagno mio?! No, Faccioluò, a essa puortele ‘int’’a stanza ‘e lietto mia!

Eva:         Che? Ma che volete fare?

Pasquale: E nun te prioccupà. Nun voglio fa’ chello che staje penzanno tu!

Eva:         Ah, mi pensavo. Io sono una brava e onesta ragazza!

Pasquale: (Ironico) P’ammore ‘e Dio, chella fa ‘a novizia add’’e Ssuore Orsoline! Va’,

                  Faccioluò, puorte a ‘sti duje ‘a parte ‘e dinto!       

Alberto:   Agli ordini. Uhé, a vuje, jammuncenne.

                 Va da Rocco e Eva che si alzano. Li prende per il braccio e li porta via con sé a

                  sinistra. I due protestano.

Rosa:        E allora, Pascà, pecché he’ fatto purtà a chilli duje ‘a parte ‘e dinto?

Pasquale: Per rimanere soli cinque minuti con nostra figlia.

Miriam:   No, sentite, non voglio sentire prediche. Io lavoro: faccio la modella. E a casa di

                  Dolce Abbanana non stavamo facendo niente di male.

Pasquale: Già ‘o nomme ‘e ‘stu stilista, a me, me spaventa ‘nu poco: Dolce Abbanana!

Miriam:   E invece ti sbagli. Quello è solo un po’ effeminato. E qualche volta si fa l’eroina.

                  E qualche volta si fidanza con degli uomini. E spesso picchia pure i paparazzi.

Pasquale: (Ironico) He’ capì, Rosa? Che bravu crestiano! Ce manca sulo che chisto vende

                  ll’arme all’Iran e spara ‘a bomba atomica, e ppo’ nun ha da fa’ niente cchiù!

Rosa:        E tu che vvuo’? L’ambiente della moda è questo.

Pasquale: E allora, si è chisto, pecché nun cagna mestiere? Miriam, tu vuo’ faticà? E

                  miettete a ffa’ ‘a segretaria.  

Miriam:   (Si alza) Mammà, primma ch’’o rispongo malamente, arrestami!

Rosa:        E sì, è meglio. (Si alza) Mò te porto ‘int’’a stanzetta toja e te chiudo a chiave.

                  Pascà... cioè, commissà, io vaco a chiudere ‘a prigioniera ‘int’’a ‘na cella! Con

                  permesso e con rispetto!

                  Va con lei a sinistra. Pasquale le suegue e si ferma sulla soglia della porta.

Pasquale: E va’, va’. Puortatella, in castigo per un mese!

                  Si siede alla scrivania deluso.

                  P’’a miseria! Neanche più i figli ti rispettano.

                  Dalla comune, di fretta, entra Pino. E’ arrabbiato. Va direttamente da Pasquale.  

Pino:         Commissario Mostaccioli, adesso state veramente esagerando.

Pasquale: Ah, ce state pure vuje, onorevole?

Pino:         Sì. Ho saputo di Rocco e sono venuto. Ma insomma, la volete finire con questa

                  stupida persecuzione nei confronti miei e di mio figlio? Ma che vvulite ‘a nuje?

Pasquale: (Si alza) Io non perseguito a nessuno. Non voglio assolutamente che voi e vostro

                  figlio frequentate le persone di questa casa… almeno quelle del lato sinistro! Se

                  volete, frequentare pure il tizio del lato destro. Tanto, quello è all’altezza vostra.

Pino:         Alla mia altezza? Guardate, commissario, io non raccolgo queste insinuazioni,

                  perché sono superiore. Avete capito? Superiore!

Pasquale: Onoré, e mò v’aggia fa’ ‘nu pernacchio?

Pino:         Va bene, basta, io non discuto più con voi. Datemi mio figlio Rocco, pago la

                  cauzione, qualsiasi cifra è, e così me ne vado.

Pasquale: Ma che vulite pavà? Vostro figlio è recidivo. Io penso che il giudice non lo

                  butterà fuori tanto facilmente, come è successo con voi.

Pino:         Ah, sì? E allora pure vostra figlia è recidiva.

Pasquale: Può darsi. Ma mia figlia è recidiva p’’e scimmità. Vostro figlio, invece...!

Pino:         Va bene, saprò io a chi rivolgermi. Anzi, sapete che vi dico? Che ore sono?

Pasquale: Pecché, v’ata piglià ‘o pìnnulo?

Pino:         No. Voglio farvi sapere per quanto tempo resterete ancora commissario: dieci

                  minuti al massimo! Arrivederci.

                  Ed esce con volto pieno di superbia. 

Pasquale: (Ironico) Aggia dicere ‘a verità? M’ha spaventato ‘nu poco! M’ha spaventato

                  talmente, che m’ha fatto venì famme. Mò me vaco a ffa’ ‘nu bellu vermiciello,

                  aglio, uoglio e cerasiello!

                 Ed esce a sinistra.

2. [Raffaele e Vanessa. Poi Grazia e Bruno]

                   Da destra entrano Vanessa e Raffaele (con mascherina sul volto).

Raffaele:   Allora avete capito, signora Vanessa? Voi non vi dovete preoccupare.

Vanessa:   Veramente? Ma allora la depressione mi sta passando?

Raffaele:   Sì, la depressione, sì. (Invece, ‘o fieto d’’o ciato, no!).

Vanessa:   Scusate, dottò, una curiosità: ma pecché ‘sta mascherina ‘nfaccia nun v’’a levate

                  cchiù? ‘A tenìte ‘a quanno so’ venuto.

Raffaele:   Ehm... perché questa mascherina, noi medici, la usiamo contro i microbi! E poi è

                  profumata! Allora me l’aggia tené fin’a quanno nun passa l’effetto ‘int’’all’aria!

Vanessa:   Scusate, ma l’effetto ‘e che cosa?

Raffaele:   Niente, mi capisco io. E allora, signora Zanini, ci salutiamo?

Vanessa:   Sì, però prima volevo chiedervi una cosa. Ci possiamo accomodare due minuti?

Raffaele:   Sì, però facite ambresso, pecché ‘sta mascherina nun me fido cchiù d’’a tené!

Vanessa:   E va bene.

                  Si siedono alla scrivania di Raffaele. Da destra entra Grazia: spruzza profumo.

Grazia:     He’ capì? ‘Stu fieto vene ‘a ccà ddinto! Mò ‘o faccio passà io!

Raffaele: Néh, signora Grazia, ma che state facenno?

Grazia:   (Smette di profumare) No, niente, signor Raffaele, sto profumando l’aria.

Vanessa: ‘O vero? E pecché?

Grazia:   E m’’o ddimannate pure? Nun sentite che puzza ce sta ccà ddinto?

Vanessa: No, io nun sento niente!

Raffaele: E se capisce, tu si’ abituata!

Vanessa: Come?

Raffaele: Niente, niente!

Grazia:   Ma come, non sentite questa puzza?    

Vanessa: ‘O vero? E ‘a do’ vene?

Raffaele: (Ma guardate che faccia d’’e ccorne, tene chesta!). E va bene, signora Grazia,

                 basta così. Non spruzzate più.

Grazia:    E parlate buono vuje, duttò. Vuje tenite ‘a mascherina profumata a menta che

                 v’aggio priparato io, e picciò nun sentite niente! Ma io invece sento tuto cose!

Raffaele: Sì, ma noi dobbiamo parlare.

Grazia:    E vabbé, allora continuo dopo. Con permesso.

                 Esce a destra.

Vanessa: Duttò, effettivamente mò ‘a puzza ‘a sento pur’io. Ma fusseve vuje?

Raffaele: Ah, sta’ a vedé mò ‘o titolare d’’a puzza foss’io! Avanti, che mi dovete dire?

Vanessa: Ah, già, mi avete ricordato che cosa volevo dirvi: io tengo un problema che non

                mi da pace. E per mezza di questo problema, sto perdendo tutti gli amici.

Raffaele: Ah, sì?

Vanessa: Sì. La gente, appena comincio a parlare, se ne scappa da vicino a me e non mi

                 vuole vedere più. Perfino i miei animali!

Raffaele: Davvero? (‘A vi’ lloco, ‘a vi’, se sta rendenno conto che le fete ‘o ciato!). E poi?

Vanessa: Certe volte mi guardo allo specchio, e come apro la bocca, me ne scappo pure io!

Raffaele: Avete visto?

Vanessa: Sì, ma io però ho capito che cos’è. E questa cosa mi fa prendere collera assai.

Raffaele: Vabbé, non ve la prendete. Il vostro problema si chiama “alitosi”. E contro l’alito

                 puzzolente ci sono un sacco di rimedi.

Vanessa: No, duttò, ma ch’ate capito? Io nun stevo parlanno d’’o ciato. Stevo parlanno d’’a

                faccia mia. Io so’ addiventata brutto assaje! E così ho deciso di farmi una plastica.

Raffaele: (Sorpreso) Che?

Vanessa: Sì, dottò. Voi che ne dite?

Raffaele: Ma faciteme ‘o piacere! (Si alza arrabbiato) Vuje chesto m’ireva dicere?

Vanessa: E certo. Ma pecché, vuje nun ‘e ffacite ‘e pplastiche ‘nfaccia?

Raffaele: Ma vuje nun ve l’ata fa’ ‘nfaccia, ‘a plastica!

Vanessa: Ah, no? E addò me l’aggia fa’?

Raffaele: (Toglie la mascherina) Ve l’ata fa’ ‘nmocca, pecché tenite ‘o ciato cchiù

                 pericoloso ‘e ‘na centrale atomica! Ate capito?

                 Ed esce a destra indignato. Vanessa si alza in piedi dubbiosa.

Vanessa: ‘Nmocca? Me fete ‘o ciato? Però comm’è spiritoso ‘stu miéreco! Quello voleva

                 solo convincermi a non farmi la plastica. Ma io ho deciso: m’’a faccio ‘o stesso!

                 Ed esce via di casa. Da destra torna Grazia, spazzando. E’ stanca. Si ferma.

Grazia:    Marò, ‘a schiena mia. E pensare che io sono una una laureata: ho fatto per otto

                 anni il magistrato. Embé, ma si acchiappo a Pino, ce ‘a faccio pavà cara e amara.

                 A costo ‘e ì pure ‘ngalera!

                   Riprende a spazzare. Dalla comune entra Bruno. Cammina toccandosi il sedere.

Bruno:      Che dulore! Mi fa male sempre il sedere! A proposito, l’unica parte del mio

                  corpo che non mi faceva male era l’orecchio destro. Embé, ‘a stammatina tengo

                  ‘nu stranu ronzio ‘int’’a rechia! Cose ‘e pazze! (Nota Grazia) Brava donna…!

Grazia:     (Smette di spazzare) Ah, di nuovo voi? Sentite, io non sono brava donna!

Bruno:      Uh, scusate. Allora malafemmena…!

Grazia:     (Gli si avvicina arrabbiata) Uhé, ma qua’ malafemmena? Vi ho detto che sono

                   un giudice. Avete capito?

Bruno:      ‘Nu giudice cu’ ‘na scopa ‘nmana? E’ ‘a primma vota che me capita d’’o vedé!

Grazia:     E mò l’avite visto.

Bruno:      E a chi giudicate? ‘A munnezza che sta pe’ terra?

Grazia:     Sentite, ja’, ma che vvulite ‘a ccà? Io tengo che ffa’. E ppo’, ‘a stammatina,

                  tengo ‘nu dulore abbascio ‘o fondo, insopportabile! (Se lo indica)

Bruno:      Signò, mò vò ddich’io ‘e che se tratta: vuje sapite ‘o dottor Raffaele Mostaccioli!

Grazia:     Embé, e allora?

Bruno:      Ecco qua! Tutti quelli che conoscono il dottor Mostaccioli, prima o poi, hanno

                  un dolore sul lato B!

Grazia:     E come mai?

Bruno:      Siccome sto’ ‘nguajato, ‘o duttore ha accumminciato a me dà ‘e ssupposte, po’

                  simme passàte ‘e sserrenghe... e oggie ce sta ‘na nuvità: il clistere!

Grazia:     Pure?

Bruno:      Sì. Se vedete il mio sedere, fa pietà! Sapìte che faccio io? Ogni matina me metto

                  tutt’’o cuntrario annanzo ‘o specchio e m’’o metto a guardà! Nun pare cchiù

                  isso! Lo volete osservare?

Grazia:     A chi? Ma che me ne ‘mporta a me?

Bruno:      No, vabbé, quello era per parlare.

Grazia:     E io nun tengo genio ‘e parlà. Vabbuò? (E riprende a spazzare)

Bruno:      Ma comme site sgarbata. Mò vaco add’’o duttore. A proposito, signò...

Grazia:     (Spazientita) Uhé, e mò basta. Ate capito? Ma nun ve fa male cchiù ‘o popò?

Bruno:      Sì.

Grazia:     E allora jate add’’o duttore. E ricordatevi una cosa: anche se tengo una scopa in

                  mano e abiti vecchi, rimango sempre un giudice! Ma nella vita, ci vuole sedere!

                  Esce via a sinistra celermente. Bruno comincia a toccarsi il collo dolorante.

Bruno:      Ci vuole sedere? A chi ‘o ddicite?!

                  Ed esce via a destra.

3. [Pasquale e Rosa. Poi Alberto]

                  Da sinistra tornano Pasquale e Rosa.

Pasquale: Rosa, he’ capito Rafele che m’ha fatto? ‘N’atu scherzo! M’ha miso ‘na scatola ‘e

                  perucchie ‘int’all’armadio mio! Aggia avuta ittà tutt’’e vestite mie! Menu male

                  che s’è salvato ‘stu vestito che tengo ‘ncuollo e ‘a divisa ‘e poliziotto.

Rosa:        E pecché, tu nun ce he’ fatto ‘o scherzo d’’e ffurmiche gigante?

Pasquale: Sì, ma isso m’ha fatto ‘o scherzo d’’o “Vendesi” fora ‘a porta.

Rosa:        E pecché, tu nun ce he’ fatto ‘o stesso scherzo pure a isso?

Pasquale: Sì, ma isso aiére m’ha miso ‘a maionese ‘int’’e scarpe!

Rosa:        E pecché, tu nun he’ miso ‘o Ketchup ‘int’’e cazettine! Dice che quanno s’ha

                  mise ‘e scarpe, è schizzato ‘o Ketchup pe’ tutto parte!  

Pasquale: E pecché, isso nun m’ha...?

Rosa:        Vabbuò, Pascà, è inutile che me cunte ati pprodezze toje e chelle ‘e fràteto. Vuje

                  site ‘nu pessimo esempio ‘e comme nun s’ha da essere frate. Po’ t’allamiente ‘e

                  Pino... cioè, ‘e ll’onorevole.

Pasquale: A proposito ‘e Pino... cioè, ‘e ll’onorevole...! Ma dimme ‘na cosa: pecché sta

                  venenno ccà ddinto. Nun dicere ch’è venuto pe’ Rafele, pecché saccio che t’ha

                  regalato ‘na poesia. Ma non ti avevo detti che non doveva più venire qua dentro?  

Rosa:        (Imbarazzata) Ah, ehm... embé? Quello è un mio ammiratore.

Pasquale: Eh, è arrivata l’attrice ‘e Hollywood! Siente, comunque io faccio ‘o scemo pe’  

                  nun ghi’ ‘a guerra. Ma spero pe’ te che tutt’’e sospette mie so’ sulo fantasie.

Rosa:        E che vvulisse dicere, ca te sto’ tradenno?

Pasquale: Nun ‘o ssaccio, ma nun me ce fa’ arrivà a penzà.

Rosa:        E si tu staje penzanno ca te sto’ facenno ‘e ccorne, vo’ dicere che t’’e ssiente

                  overamente ‘ncapa! E ‘a colpa nun è ‘a mia. E’ ‘a toja!

Pasquale: E pecché, t’aggio ditto: “Famme ‘e ccorne”? E ppo’, che tenesse ‘stu Pino

                  Scaldabagno cchiù ‘e me? ‘O cugnomme cchiù luongo d’’o mio? E nun è ‘o

                  vero, pecché Scaldabagno e Mostaccioli so’ tutt’e dduje ‘e unnice lettere!

Rosa:        Ma che staje dicenno?

Pasquale: Nun ce cride? E cunte ‘e llettere!

Rosa:        Pascà, tu te staje pigliànno ‘na fissazione.

Pasquale: Ah, sì? E me sto’ fissànno pure cu’ chillu Rocco? Chillo sta appriesso a Miriam.

Rosa:        Embé, e pure si fosse?

Pasquale: Ma pecché, a te te piace chillu Rocco?

Rosa:        No, nun me piace. Però sta facenno fa’ strada a Miriam ‘int’’a moda!

Pasquale: Sì, ‘e che bella strada!

Rosa:        E pecché? A me me piace. Anze, vulésse sfilà pure io!

Pasquale: E allora va’, va’ a ffa’ ‘e sfilate ‘nzieme a fìglieta addù chillu stilista

                  femmeniello. Comme se chiamma? Dolce Ammellone!

Rosa:        Abbanana!

Pasquale: Ma che me ne ‘mporta a me ‘e qualu gusto è! (Si avvia a sinistra) Abbanana,

                  Ammellone, Accachisso... (Poi si ferma) ...sempe finocchio è!

                  Ed esce a sinistra. Rosa rimane dubbiosa.

Rosa:        Beh, però ave raggione: sempe finocchio è!... No, cioè, voglio dicere ch’ave

                  raggione pecché pe’ mezza ‘e Pino, mò Pascale nun tene cchiù fiducia ‘e me. E

                  allora basta, per farmi perdonare da lui, quasi quasi gli faccio un regalo. Già,

                  ma che cosa? Io non sono mai stata brava nei regali per uomo!

                 Da sinistra torna Alberto con un panino in mano.

Alberto:   Comme me piace ‘o panino cu’ ‘a muzzarella e ‘o prusutto! (Sta per addentarlo)

Rosa:       (Lo nota e lo ferma) Aspetta, non mangiare.

Alberto:   Pecché, ‘stu panino è avvelenato?!

Rosa:       (Gli toglie il panino di mano) No, Faccioluovo, io ti debbo parlare un secondo.

Alberto:   E vabbuò. Avanti, vi ascolto.

Rosa:       Senti, Faccioluovo, io mi permetto di parlarti in confidenza, perché ti conosco da

                 un po’ di tempo. Vedi, io e mio marito abbiamo avuto una discussione. E allora

                 adesso vorrei riparare in qualche modo.

Alberto:   E cioè? (Si riprende il panino, sta per addentarlo, ma…)

Rosa:       Non mangiare, aspetta! (Gli toglie il panino di mano) Io vorrei fare qualcosa per

                 fare pace con Pasquale: un regalo. Tu che mi consigli? 

Alberto:  Io direi... una bella cravatta. (Si riprende il panino, sta per addentarlo, ma…)

Rosa:       No, aspetta... (Gli toglie il panino di mano) Chillo già ‘a tene ‘a cravatta!

Alberto:  E allora ‘nu bellu prufumo! (Si riprende il panino, sta per addentarlo, ma…)

Rosa:       (Gli toglie il panino di mano) No, no e no... Già ‘o tene ‘o prufumo!

Alberto:  E vabbuò, ja’, e allora facitece ‘na Jaguar! (Si riprende il panino, sta per

                 addentarlo, ma…)

Rosa:       (Gli toglie il panino di mano) Ma no... Chillo mò s’ha accattato ‘a Micra!

Alberto:  (Stufo) Allora andate quaggiù. Ci sta un negozio di articoli da regalo. Comprategli

                 qualcosa che si mette sulla scrivania sua. Vabbuò? (Si riprende il panino, sta per

                 addentarlo, ma…)

Rosa:       E già, hai ragione! (Glielo toglie di mano) Una bella cornucopia!

Alberto:  Una cornu che?

Rosa:       Una cornucopia: è un vaso a forma di corno. Dentro ci si mette la frutta e i fiori.

Alberto:  Ecco brava. Mò site cuntenta? (Si riprende il panino, sta per addentarlo, ma…)

Rosa:       (Gli prende il panino) Sì, mò scendo subito e gliela compro! Grazie, Faccioluò!

                 E se lo mangia lei uscendo di casa! Faccioluovo resta interdetto.

Alberto:  No, no, signò, ‘o panino! ‘O panin…! (Desiste) S’ha fregato ‘o panino! E vabbé.

                 Esce via a sinistra contrariato.

4. [Raffaele e Bruno. Poi Pasquale, Eva e Miriam]

                 Da destra entra Raffaele. Sta parlando al telefonino.

Raffaele: Sentite, voi mi dovete dare una mano, signor Metano. Mi servono assai medicine

                 per un mio paziente. E vi raccomando lo sconto! Va bene? Vi saluto. (Poi parla

                 con Bruno: pensa sia dietro di lui) Allora, don Bruno, domani vi faccio un altro  

                 clistere. D’accordo, signor Percul...? (Non lo nota) Signor Perculo, addò state?

                 Da destra entra, pian piano, Bruno con le gambe divaricate e le braccia avanti.

Bruno:     Duttò, nun me fido proprio ‘e cammenà!

Raffaele: E che volete da me? Voi dovete guarire. E io vi devo curare.

Bruno:     Ma invece d’’o clistere, nun ce sta cocch’ata cosa p’’o problema gastrico?

Raffaele: Sì, ci sarebbero delle pillole. Però fanno male al fegato.

Bruno:     E pacienza, me piglio coccosa pure p’’o fegato. Nun ce sta niente?

Raffaele: Sì, ci sarebbero delle fiale, però fanno male allo stomaco!

Bruno:     E allora me piglio coccosa pure p’’o stommeche. Nun ce sta niente?

Raffaele: Sì, ci sarebbero delle supposte, però fanno male al colon!

Bruno:     E allora me piglio coccosa pure p’’o colon. Nun ce sta niente?

Raffaele: Sì, ci sarebbero delle bustine, però fanno male ai reni!

Bruno:     (Spazientito) Ua’, ma ‘na mmedicina che nun fa male a niente nun ce sta?

Raffaele: No, ma quelle non è che fanno male. Sono le controindicazioni.

Bruno:     E allora io so’ completamente “controindicato”!

Raffaele: Vabbé, adesso andatevene a casa vostra e rilassatevi.

Bruno:     E non posso. Mò aggia ì ‘o spitale pecché dimane m’aggia levà ‘na cisti. E menu

                 male che se tratta ‘e ‘n’operazione in vay ospital!

Raffaele: Ma che “vay ospital”? Si dice day hospital. Ma sentite a me, fatevi una bella cena.

Bruno:     Ma sì, mò magno. Duttò, me pozzo fa’ duje spaghetti aglio, uoglio e cerasiello?

Raffaele:  Meglio che questi spaghetti ve li mangiate in bianco!

Bruno:      Ma almeno, ‘a coppa ce pozzo mettere ‘nu poco ‘e pecorello?

Raffaele:  ‘Nu poco?

Bruno:      ‘Nu poco ‘e pecorello!

Raffaele:  Che d’è ‘stu pecorello?

Bruno:      Ma comme, duttò, me meraviglio ‘e vuje: ‘o pecorello romano! ‘O ffurmaggio.

Raffaele:  Ah, ma allora volete dire pecorino! Ma vuje nun site allergico ‘e latticini?

Bruno:      Ah, già. E allora no, me magno sulo ‘o sicondo: ‘na fella ‘e carne ‘e puorco!

Raffaele:  Si dice di maiale! E invece è meglio il petto di pollo con un bel contorno vicino.

Bruno:      Io avevo pensato a un bel contorno di funghi porcelli!

Raffaele:  Porcini!

Bruno:      Vabbuò, sempe “puorche” so’! A proposito, me pozzo magnà ‘e ppatatine fritte?

Raffaele:  Ma sì, va’, ‘na vota ogni tanto nun fa niente.

Bruno:      Duttò, e ‘ncoppa ce pozzo mettere ‘nu poco ‘e tabacco?

Raffaele:  ‘O tabacco? Sentite, ma vuje ‘sti ppatatine ve l’ata magnà, o ve l’ata fummà?!

Bruno:      No, ma chillo, ‘o tabacco, è ‘na cosa liquida forte che serve pa’ dda’ sapore.

Raffaele:  Aspettate, ma allora vuje state parlanno d’’o tabasco! Quella è una spezia!

Bruno:      ‘O vero? L’aggia accattà a La Spezia? Ma pecché, a Napule nun esiste?

Raffaele:  No, a vuje v’hanna ricoverà a La Spezia! Ho detto che il tabasco è una spezia, e

                  per giunta a voi vi fa male. Io direi, se volete, metteteci un po’ di maionese.

Bruno:      No, duttò. A me, po’, nun me piacene ‘a Maionese e ‘o Check up!

Raffaele:  No, a vuje ‘o Check up ve l’hanna fa’ ‘ncapa! (Spazientito) Marò, nun ce ‘a

                  faccio cchiù! M’aggio sfastriato. Magnateve chello che ve piace a vuje: ‘ncoppa

                  ‘e spaghetti, mettitancéllo, ‘o furmaggio...!

Bruno:      Il pecorino?

Raffaele:  No, il pecorello, comm’ate ditto vuje! Po’, aroppo, faciteve pure ‘na fella ‘e

                  carne ‘e puorco! E pe’ contorno, mettitece ‘e funghi porcelli! E ppo’ faciteve ‘e

                  ppatatine, e ‘a coppa vuttatece ‘na tunnellata ‘e tabacco e ‘e Check up!

Bruno:      Duttò, ma si io me magno tutta ‘sta rrobba, po’ nun è che moro?

Raffaele:  Appunto! Magnatave tutto cose, accussì murìte ‘e subito e ve levate ‘a tuorno!

                  Si avvia a destra borbottando.

                  Ah, finalmente me sto’ libberanno ‘e chisto! M’ha fatto venì ‘a depressione!

                  Esce facendo strani tic nervosi, sotto lo sguardo sorpreso del povero Bruno.

Bruno:      Ma ch’è stato? S’è arraggiato pecché me voglio magnà ‘nu poco ‘e rrobba che fa

                  male? Ma io già m’’a magno tutt’’e juorne a sua insaputa, e picciò stongo

                  accussì ‘nguajato. Ma va’ a capì!

                  Va via camminando con le gambe larghe. Da Sìnistra entrano Pasquale e Eva.

Eva:          Signor Pasquale, ma voi mi state liberando?

Pasquale: Sì. E tra poco verranno liberate pure le tue amiche che stanno a Poggioreale.

Eva:          E liberate pure a Miriam e Rocco?

Pasquale: Sì.

Eva:          E perché?

Pasquale: Perché il fatto non sussiste. Voi stavate facendo solo una sfilata. Invece la

                  soffiata che ho avuto per telefono mi aveva fatto pensare altre cose peggiori.

Eva:          No, ma che peggiori? Io ho dato solo una mano a Miriam per farle fare bella

                  figura con lo stilista Dolce Abbanana. A lui gli mancavano le modelle.

Pasquale: ‘O vero? E pecché nun me l’ate ditto primma?

Eva:          ‘On Pascà, v’’o stamme dicenno ‘a quanno ce ate arrestate! Ma voi siete

                  talmente teso, che le nostre parole non vi entravano proprio in testa.

Pasquale: E scùseme, Eva, ma io tengo ‘a capa ca me pesa.

Eva:          Per colpa dell’emicrania?

Pasquale: No, pe’ ccolpa d’’e ccorne!

Eva:         ‘E ccorne? Quali ccorne?

Pasquale: No, aggio ditto ‘e ccorne?

Eva:          Sì, l’ate ditto vuje!

Pasquale: No, io parlavo delle cornee, cioè degli occhi!

Eva:          Ah, ecco. E Miriam? Ho capito: le volete fare una bella “mazziata” per colpa

                  mia. Sì, io ne sono sicura: voi le proibirete di vedermi ancora. Anzi, io già lo so:

                  adesso voi mi terrete d’occhio, e alla prima che faccio, mi arresterete di nuovo.

Pasquale: Néh, ma tu tenìsse ‘a coda ‘e paglia? Aìze ‘ncuollo e vatténne. E ringrazia il

                  cielo che ti lascio andare veramente.

Eva:          Ma allora non mi giudicate male come donna e come prostituta?

Pasquale: Ma che ne ‘mporta? Tu vuo’ fa’ ‘a prostituta? E falla!  

Eva:          E allora vi saluto. Anzi, quando la scarcerate, salutatemi Miriam. Arrivederci.

                  Va via di casa.

Pasquale: E mò famm’ì a libberà a Miriam.

                  Si avvia a sinistra e se la ritrova di faccia.

Miriam:   Ciao, papà.

Pasquale: E tu comme si’ asciuta ‘a ‘int’’a stanzetta toja? Nun stive chiusa a chiave?

Miriam:   Papà, ma t’he’ scurdato? ‘A porta d’’a stanzetta mia nun se chiude.

Pasquale: ‘E che bellezza! Tengo ‘na figlia “evasa”!

Miriam:   Senti, ma quando ci liberi?

Pasquale: E tu già staje libera.

Miriam:   Sì, ma Eva e Rocco?

Pasquale: Eva già se n’è gghiuta. Te manna ‘e salute. Le altre prostitute verranno rilasciate

                  tra qualche ora. E tra poco liberano pure allo stilista Dolce A... Dolce A... siente,

                  Miriam, che dolce è?

Miriam:   Dolce Abbanana.

Pasquale: Ah, già. Però adesso, visto che è stato al fresco, chillu Dolce Abbanana sarrà

                  addiventato ‘nu semifreddo!

Miriam:   Papà, ma ‘a vuo’ fernì cu’ ‘sti battute? A proposito, ma Rocco?

Pasquale: Stai tranquilla, libererò pure lui. Però aggia fa’ primma ‘nu patto cu’ isso: nun

                  t’ha da venì a cercà maje cchiù!

Miriam:   Ma lui è il mio agente. Io faccio la modella. Oppure mi vieterai anche questo?

Pasquale: E vabbé, Rocco potrà continuare a vederti, ma solo come tuo agente. Chiaro?

                  Quindi, rapporti di altro tipo, non se ne accettano!

Miriam:   Stai tranquillo. A proposito, papà, volevo dirti una cosa.

Pasquale: (Si preoccupa) Uh, Marò, e qual’atu guajo me vuo’ cuntà, mò?

Miriam:   Nessun guaio. Volevo dirti solo... ti voglio bene.

                 Ed esce via a sinistra. Pasquale parla da solo come ci fosse Miriam.

Pasquale: Si màmmeta nun me facesse ‘e ccorne, nuje fosseme ‘na famiglia perfetta!

                  Vabbuò, famme interrogà primma a chillu Rocco. Aggia fa’ ambresso, pecché

                  aggia appriparà ‘n’atu scherzo pe’ Rafele.

                 Esce via a sinistra.

5. [Rosa e Raffaele. Poi Rocco, Pasquale e Alberto]

                 Dalla comune entra Rosa con un pacco. Lo posa sulla scrivania di Raffaele.

Rosa:       Marò, e comme pesa ‘sta cosa. Però sono contentissima: ho comprato una bella

                 cornucopia tutta decorata, e ci ho fatto scrivere sopra i nostri nomi. E mò voglio

                 vedé si se penza ancora che voglio turnà cu’ Pino! Mò saje che faccio? Ce ‘a

                 lasso ‘ncoppa ‘a scrivania soja. (Così fa) Ecco. E gli scrivo pure un messaggio sul

                 bigliettino. (Lo prende dalla borsa, si siede alla scrivania e riflette) Dunque:

                 “Egregio Pasquale”...! No, ma che d’è, ‘na lettera commerciale? (E riflette)

                 Da destra torna Raffaele che pare un po’ pentito.

Raffaele: Mannaggia, me dispiace assaje pecché aggio trattato malamente a don Bruno. Ma

                 chillo me fa stizzà! E vabbé, adesso, per calmarmi, devo fare qualche scherzo a

                 Pasquale! (Nota Rosa) Rosa? E che sta facenno? (Le si avvicina) Uhé, cià, Rosa!

Rosa:       Uhé, cià, Rafé. Assiettete duje minute

Raffaele: E vabbuò. (Si siede alla scrivania di Pasquale) E allora? Che se dice?

Rosa:       No, niente! M’aggio appiccecata cu’ Pascale.

Raffaele: (Ironico) ‘O vero? E comme va! Nun succede maje!

Rosa:       Sì, sfutte, tu! Se è per questo, nemmeno tu vai d’accordo con lui.

Raffaele: Ma tanto, chillo Pascale nun va d’accordo cu’ nisciuno! Nemmeno con sé stesso!

                 A proposito, ma che d’è ‘stu coso ccà ‘ncoppa?

Rosa:       Un regalo per lui: una cornucopia.

Raffaele: E che staje screvenno ‘ncoppa a chillu biglietto?

Rosa:       Sto cercando di fare pace con lui. A proposito, non è che tu mi potresti suggerire

                 qualche frase romantica d’amore per lui?

Raffaele: (Perfido) Ma certo! Dai, Rosa, scrivi questo: “Caro individuo”!

Rosa:       Individuo? Ma nun ‘o pozzo chiammà “amore” oppure “tesoro”?

Raffaele: (Ironico) No, chiammele “ciù ciù”, oppure “pissi pissi”! Ma no, Rosa, oggi non si

                 usano più questi aggettivi mielosi e inutili. Oggi si è più diretti.

Rosa:       ‘O vero? Si è diretti? E addò si è diretti?

Raffaele: Ma addò vuò ì? Io dicevo che si è diretti, nel senso che si usano parole più facili e

                 comprensibili. Vai, fidati di me, scrivi “Caro individuo”.

Rosa:       E vabbuò, si ‘o ddice tu. (Poi scrive)

Raffaele: (Continua) “Tu che sei carogna...”!

Rosa:       Carogna? E nun è offensivo, carogna?

Raffaele: Ma non è carogna. E’ staccato: devi scrivere “caro” e “gna”, come per dire: “Caro

                 gna gna gna mio”! E’ un nomignolo tipo “ciù ciù” oppure “pissi pissi”!

Rosa:       Ma tu nun he’ ditto che nun s’aùsene cchiù?

Raffaele: Non si usano all’inizio del biglietto, ma nel corpo della lettera si possono usare.

Rosa:       E vabbuò. Va’ annanzo. (E scrive)

Raffaele: “Tu non sei un uomo, ma un bambino...”!

Rosa:       No, Rafé, e chesta nun è ‘n’offesa?

Raffaele: E perché? I bambini hanno un animo puro e sono senza malizia. Gli uomini no.

Rosa:       E già, hai ragione. Mò ce lo scrivo. (Così fa)

Raffaele: E adesso viene la parte più bella: “Io ti guardo sia fuori che nell’intimo. Ma

                 secondo me tu, nell’intimo... nun tiene niente...”!

Rosa:        Rafé, ma se dìcene ‘sti ccose?

Raffaele:  Ma che he’ capito? Io dicevo che “nell’intimo”, cioè nel suo io, non ha segreti.

Rosa:        Nel suo io? Cioè?

Raffaele:  Nella sua anima.

Rosa:        Uh, sì, mi piace. Mò ce lo scrivo. (Scrive)

Raffaele:  “Ed è per questo che ti regalo una cornucopia. Pensa bene al suo significato”!

Rosa:        E vva’, chiano, damme ‘o tiempo ‘e scrivere. (E scrive)

Raffaele:  E mò siente che finale! Digli: “bastardo”!

Rosa:        Rafé, ma comme, l’aggia chiammà “bastardo”?

Raffaele:  No, ma nun è bastardo, ma bensì “basta, ardo”! Cioè: “io ardo d’amore per te”!

Rosa:        Uh, sì, me piace, me piace. (Scrive) Ecco qua, ho finito. La devo rileggere?

Raffaele:  No, nun è ‘o caso. E’ meglio ch’’a legge isso!

Rosa:        Adesso gli lascio questo bigliettino sul pacco, così quando viene, lo nota e lo

                  legge. (Si alza e sistema il bigliettino) Ecco fatto.

Raffaele:  (Si alza pure lui) Allora va bene? Sei contenta?

Rosa:        Tantissimo. E io ti ringrazio, Raffaele. Che cosa posso fare per te?

Raffaele:  (Perfido) Ma nulla, è stato un piacere! E adesso scusami, devo scappare. Ho da

                  recuperare un mio paziente che se n’è scappato via. Ciao e buona fortuna.

Rosa:        Cià, Rafé.

                  Raffaele toglie il grembiule ed esce di casa. Rosa sembra non stare nella pelle.

                  Ah, non vedo l’ora che Pasquale legge il bigliettino con le belle parole che mi ha

                  dettato Raffaele! Anzi, secondo me dovrei fare un regalino pure a lui. Quello mi

                  aiuta sempre. E allora adesso vado, compro e torno!

                  Esce via di casa.

6. [Pasquale, Rocco e Faccioluovo]

                  Da sinistra entrano Pasquale e Rocco.

Rocco:      (Intimidito) Signor commissario, per piacere, non mi fate niente.

Pasquale: In che senso?

Rocco:      E sì, io già lo so: voi mi avete fatto uscire dal bagno per picchiarmi.

Pasquale: Ma chi te vo’ vattere? Io t’aggio fatto ascì ‘a lloco ddinto pecché aggia fa’ pipì!

Rocco:      Ah, ma allora dopo devo tornare un’altra volta là dentro?

Pasquale: No, te ne puo’ turnà ‘a casa.

Rocco:      Overamente? E comm’è?

Pasquale: Perché non è successo niente. Abbiamo accertato che quella sfilata era vermante

                  una sfilata. E così tra poco esce pure lo stilista Dolce Affragola...!

Rocco:      Abbanana!

Pasquale: Ah, già, Abbanana.

Rocco:      E allora adesso sapete che faccio? Prendo a Miriam e ce ne andiamo in comune a

                  fare le carte. Poi andiamo a parlare col prete, e poi...!

Pasquale: Aspiette ‘nu mumento, ma ‘e che staje parlanno?

Rocco:      Caro suocero!

Pasquale: Ma che? Io pe’ te so’ sulamente “commissario”. Tu, a Miriam, nun t’’a spuse.

                  So’ stato chiaro?

Rocco:      E lei lo sa?

Pasquale: Sì, ‘o ssape. Ha detto che tu sarai solo il suo agente e basta.

Rocco:      Ah, sì? E se io e lei abbiamo un bambino?

Pasquale: In che senso? Già lo state avendo o è una tua idea?

Rocco:      No, è una mia idea. Se abbiamo un bambino, lo chiamiamo come voi: Pasquale.

Pasquale: Però po’ ‘e cugnomme facesse Scaldabagno! E secondo te, mio nipote s’avessa

                  chiammà Pasquale Scaldabagno?

Rocco:      Commissà, e vuje che vvulite? In Italia i bambini prendono il cognome del padre.

                  Pur’io me chiamme comm’a mio padre.

Pasquale: Sì, ma comunque nun perdere ‘o tiempo. Lievate ‘a capa a mia figlia. Chella già  

                  è scumbinata pe’ cunto suojo, po’ se piglia pure cu’ te, e fernimme ll’opera!

Rocco:      E che fa?

Pasquale: No, nun è cosa.

Rocco:      E forza, commissario, fate un piccolo sforzo.

Pasquale: No.

Rocco:      E forza, su, papà!

Pasquale: (Spazientito) Guarde, che caccio ‘a pistola!

Rocco:      (Cambia idea) No, no, va bene. Io e Miriam rimaniamo solo amici. Allora

                  arrivederci e tanti auguri!

                  Gli stringe la mano e se ne va. Pasquale è felice.

Pasquale: Oh, finalmente me l’aggio levato ‘a coppa ‘o stommeche! E mò vaco a spià si ce

                  sta Rafele. Gli devo fare uno scherzo coi fiocchi!

                  Esce a destra. Da sinistra entra Faccioluovo con un telefonino e un auricolare.

Alberto:   He’ capito niente? Il mio amico, il maresciallo Luca Fone, s’è lassato cu’ Rosa,

                  ‘a guagliona soja, pecché essa ‘o tradiva cu’ ‘nu tenente! E allora adesso me la

                  pappo io! Io già me la pappavo quando stava con lui, però lui non lo sa! Mò lo

                  chiamo sul telefonino, però mi metto l’auricolare perché sto in servizio. O si no

                  chi ‘o sente, ‘o commissario?! (Si siede al divanetto e mette l’auricolare

                  all’orecchio destro) Ecco qua. (Fa il numero, poi...) Lucarié, so’ Alberto. Uhé,

                  comme staje? Ma te è ‘o vero che si’ lasciato cu’ Rosa?

                  E mentre ascolta il racconto dell’amico, da destra torna Pasquale.

Pasquale: Bene bene, Rafele è asciuto. Mò ce cumbino ‘nu paccotto niente male! Nel mio

                  studio ho preparato un pacco con un orologio e dell’esplosivo finto! Ora lascio  

                  il pacco nella sua cucina... e ‘o faccio tremmà ‘e paura! E ppo’ siente ‘e rresate!

                  All’improvviso Alberto parla con l’amico. Pasquale pensa si rivolga a lui.

Alberto:   Néh, ma che tiene ‘a rirere?

Pasquale: (Resta distante da lui) Ma chi? Io, Faccioluò?

Alberto:   Eh, tu cu’ chella faccia lloco!  Ma nun ‘o ssaje che tiene ‘e ccorne?!

Pasquale: Ah, ‘o ssaje pure tu? E vabbuò, ormai ch’aggia fa’?

Alberto:   He’ piglià a essa e l’he’ fa’ ‘na paccheriata!

Pasquale: Faccioluò, ma si’ scemo? Io nun aggio maje aizàto ‘na mana ‘ncuollo a essa!

Alberto:   Ah, sì? E tiénete ‘e ccorne! Anzi, adesso voglio confessarti una cosa. A te te lo

                  posso dire perché non mi dici niente.

Pasquale: Famme sentì, famme sentì.

Alberto:   Pure io sono stato con Rosa.

Pasquale: (Sorpreso) ‘O vero?

Alberto:   Sì. Lei è stata contemporaneamente con me e con te.

Pasquale: Pure?Ma inzomma, Rosa primma steva cu’ me, po’ s’è mmisa cu ll’onorevole

                  Scaldabagno, po’ è stata pure cu’ Faccioluovo...! Ma chesta è insaziabile!

Alberto:   Come dici? Mi perdoni? E io ti ringrazio.

Pasquale: Ma chi ha ditto niente? Chi te vo’ perdunà?!

Alberto:   E allora ti dico pure un’altra cosa: lei sarà mamma. E sai di chi è il figlio?

Pasquale: (Preoccupato) ‘E chi è?

Pasquale: Azze, e m’’o ddice pure ‘nfaccia! ‘E che ‘nfame!

Alberto:   (Si alza in piedi) Allora ciao, alla prossima. (Toglie l’auricolare) Ecco qua.

Pasquale: (Gli si avvicina arrabbiato) Addò vaje, mò?

Alberto:   (Lo nota) Oh, commissario carissimo.

Pasquale: Ma qua’ carissimo? Primma me cunfiésse chelli ccose, e ppo’ nun saje niente?

Alberto:   (Casca dalle nuvole) Commissà, ma che v’aggio cunfessato?

Pasquale: Ah, nun t’arricuorde? E mò t’’a faccio turnà io ‘a memoria!

Alberto:   No, commissario!

                  Pasquale lo rincorre e lo malmena e Faccioluovo esce fuori casa.

Pasquale: Sì, fuje, fuje. Ma mò che tuorne ccà, te faccio arricurdà ‘a jurnata ‘e oggie.

                  Si siede sulla sedia davanti alla scrivania e nota il pacco.

                  E che d’è ‘stu coso? (Legge sul bigliettino) “Per Pasquale”! Chisto sarrà ‘o solito

                  scherzo ‘e Rafele! (Poi legge) “Da parte di Rosa”. Ah, nun è Rafele. E’ ‘nu

                  regalo pe’ me. E famme leggere, va’: “Caro individuo, tu che sei caro…gna, non

                  sei un uomo, ma un bambino. Di uomini come te per fortuna ne conosco solo

                  uno: te. Io ti guardo sia fuori sia nell’intimo. Ma secondo me tu nell’intimo...

                  nun tiene niente. Ed è per questo che ho deciso di regalarti una cornucopia.  

                  Pensa bene bene al suo significato”. (Ci pensa) Cornucopia! Ah, ho capito, è una  

                  parola composta: cornu-copia! Sarebbe ‘a copia d’’e ccorne mie! E ppo’ che ce

                  sta scritto cchiù? “Bastardo”! A me? He’ capito a chella disgraziata? Ma io ‘a 

                  ciacco! Però primma aggia fa’ ‘o scherzo a Rafele: ‘nu scherzo ch’è ‘na bomba!

                  Si alza ed esce via a sinistra.

Scena ultima. [Vanessa e Miriam. Poi Rosa. Poi Raffaele, Pasquale, Alberto, Pino e Grazia]

                  Dalla comune entra Vanessa. E’ felice.

Vanessa:   He’ visto? Tanto ch’aggio fatto, a Cicciobello l’aggio truvato io! Quello non se

                  ne era scappato: stava all’Edenlandia! Si era nascosto nel laghetto della “Giostra

                  del pirata” e nessuno lo aveva notato! Però l’ho notato io. E quella è stata la voce

                  del sangue! Mò so’ venuta ccà add’’o commissario: ceaggia dicere ca isso e

                  Faccioluovo hanna cagnà mestiere! (Lo chiama) Commissario!

                  Da sinistra entra Miriam che si è messa in jeans e maglia. Resta sulla porta.

Miriam:    Sì?

Vanessa:   E che d’è, è cagnato ‘o commissario? Mò hanne miso a ‘na femmena?

Miriam:    No, io sono la figlia del commissario. Lui però adesso non c’è.

Vanessa:   Uh, che peccato. Volevo dirgli una cosa bellissima.

Miriam:    Ah, sì? Che cosa?

Vanessa:   Dunque, io sono Vanessa Zanini, guardiano dello zoo di Napoli.

Miriam:    Embé, e chesta è ‘a cosa bellissima che c’ireva dicere?

Vanessa:   No, il fatto è un altro. Ma se ti avvicini, te lo racconto.

Miriam:    (Avvicinandosi) Ok, allora vi ascolto.

Vanessa:   (Verso di lei) Dunque, devi sapere...

Miriam:    (Colpita dal suo alito, Sì sposta a destra) Maronna mia, ‘n’uragano!

Vanessa:   ‘N’uragano? Addò sta?

Miriam:    Ehm... no, ho sentito un rumore e mi pensavo che si trattasse di un uragano.

Vanessa:   (Avvicinandosi) Vabbuò, comunque te stevo dicenno che...!

Miriam:    (Colpita di nuovo, si fa vento con le mani) Oddio!

                  Cammina per la stanza seguita da Vanessa, che séguita il suo racconto.

Vanessa:   Dint’’o zoo ce sta ‘n’ippopotamo che se chiamma Cicciobello. ‘Na matina,                    

                  chist’ippopotam... Signurì, però nun putimme fa’ ‘o girotondo pe’ tutt’’a stanza!

                   I due si fermano. Miriam mette una mano davanti al naso. 

Miriam:    Ehm... sentite, nun m’’o putite cuntà ‘n’ata vota ‘stu fatto?

Vanessa:   No, pecché so’ troppo felice!

Miriam:    Sì, però ce stongh’io che so’ triste!

Vanessa:   Vabbuò, signurì, ma allora ‘o vulite sentì ‘stu fatto, o no?

Miriam:    No, mò tengo che ffa’! Ehm... devo andare dal dottore. Scusate, con permesso.

                  Esce via a destra con passo deciso.

Vanessa:   E vengo pur’io, accussì ce ‘o ddico pure a isso ch’aggio truvato a Cicciobello!

                  Esce pure lei a destra. Dalla comune entra Rosa con uno scatolo in mano.

Rosa:        Ho comprato un bel regalino per Raffaele: tre bottiglie di vino. Ora glielo lascio

                  sulla sua scrivania. (Così fa) Ora vado da lui e lo faccio uscire qua fuori, così

                  nota il suo regalino sulla scrivania. Saje comm’è felice!

                  Esce a destra. Dalla comune entra Raffaele con un pacco regalo.

Raffaele:  Ecco lo scherzo che ho preparato a Pasquale: un orologio collegato a del finto

                  esplosivo. Ora glielo lascio sul suo letto! Lui penserà che si tratti di una bomba,

                  e così scapperà via di casa! Marò, ma comme me venene ‘sti ppenzate?!

                  Si avvia a sinistra e si trova Pasquale di faccia con lo stesso pacco!

Pasquale: Ah, ehm... uhé, Rafé...!

Raffaele:  Ehm... cià, Pascà!

Pasquale: Siente, ma stive venenno dinto addù me?

Raffaele:  No, chi, io? Ma quanno maje?

Pasquale: E allora addò stive jenno ‘a ccà?

Raffaele:  Stavo andando... stavo andando... dentro da me!

Pasquale: E addù te se va allà!

Raffaele:  Sì, ma io stevo facenno ‘o giro cchiù luongo... areto ‘o divanetto!

Pasquale: E io invece ti stavo portando questo regalo.

Raffaele:  Evabbé, allora visto che ci troviamo, ti dico la verità: stavo facendo anch’io la

                  stessa cosa. Oh, e allora adesso te lo dò.

Pasquale: E sì, ci troviamo, mò ti dò pure il mio.

                  I due si scambiano i regali.

                  Ecco qua. A proposito, ma chillu regalo ‘ncoppa ‘a scrivania mia, è robba toja?

Raffaele:  No, ma quello è opera di Rosa. Ha detto che vuole fare pace con te.

Pasquale: Tu dice? E allora liegge ‘o bigliettino che ce sta ‘a coppa. Ci sono solo offese.

Raffaele:  (Finge di dispiacersi) Sì? Uh, comme me dispiace. Vabbé, fatti coraggio. (Poi

                  guarda sulla sua scrivania) A proposito, ma che d’è chillu scatolo ‘ncoppa ‘a

                  scrivania mia? (Si avvicina) Pascà, tu ne saje coccosa?

Pasquale: (Avvicinandosi) No, nun saccio proprio niente.

Raffaele:  E allora chi me l’avrà purtato?

Pasquale: E io che ne saccio?

                  Dalla comune entra Faccioluovo con uno scatolo in mano.

Alberto:   Commissario!

Pasquale: Ah, si’ tu?

Alberto:   Sì, sono io. Tengo un presente per voi. Si tratta di una sorpresa. Un regalo.

Raffaele:  Pure? Ma che d’è Natale, oggie?!

                  Dalla comune entra Pino, a sua volta, con uno scatolo in mano.

Pino:         E’ permesso?

Pasquale: Sì?

Pino:         Oh, carissimo commissario, come state?

Pasquale: Ancora vuje? Che vvulite ‘a ccà? Me vulite minaccià ‘n’appoco?

Pino:         Minacciare?

Pasquale: Sì. Voi mi volete far sparare dai vostri sigari!

Pino:         Volete dire, sicàri! E che songo, ‘nu bos?  

Pasquale: E adesso perché state qua? Per mia moglie Rosa? Voi siete un biecoro seduttore!

Pino:         Un bieco! Ma chi ve l’ha detto? Io sono venuto qua solo per scurarmi con voi e

                  per pregarvi di fare pace con Rosa.

Pasquale: Sentite, mò nun cercate ‘e v’apparà. A proposito, ma che tenite ‘nmana?

Pino:         Ah, già, questo è un regalo per voi!

Pasquale: (Sorpreso) Pe’ me?

Raffaele:  Aeh, appriesso? Nun ce sta nisciuno cchiù?

                  Dalla comune entra Grazia con uno scatolo in mano.   

Grazia:     E’ permesso?

Pasquale: Sì?

Grazia:     Oh, commissario, dottore, Faccioluovo... (Poi fredda) Ah, Pino, ce staje pure tu?

Pino:         Pecché, te dispiace?

Grazia:     No, nun me ne ‘mporta cchiù niente ‘e te. Ormai io sto bene in questa casa.

Alberto:    Signora Grazia, ma che tenìte ‘nmana?

Grazia:     Niente, si tratta di un regalo per il signor Raffaele e per il signor Pasquale.

Raffaele:  Ua’, nun aggio maje ricevuto tanta regale tutte ‘nzieme!

Pasquale: Figùrete mò ch’’e vvede Rosa!

                  Da destra entrano gridando, di corsa Rosa e Miriam. Vanno vicino al divanetto.

Raffaele:  Néh, ma ch’è succieso?

Rosa:        Mamma mia, ce sta chillu Vanessa Zanini dint’’o studio tuojo!

Raffaele:  Uh, Maronna mia, e che ce fa lloco ddinto?

Miriam:    Purtroppo ce l’ho portato io involontariamente.

Pino:         Uh, Marò, ‘o sputafuoco?

Alberto:    Speramme che nun esce ‘a parte ‘e ccà!

                  E invece esce proprio lui da destra.

Vanessa:   Scusate!

                  Crea il panico: Pino, Grazia, Miriam, Raffaele e Rosa scappano via a sinistra.

Pasquale: Uhé, uhé, ma addò jate?

Vanessa:   (S’avvicina a Pasquale) Scusate, commissà!

Pasquale: (Colpito, gli para davanti lo scatolo) Mamma bella!

Vanessa:   Commissà, ma pecché se n’hanne fujute tutte quante? Hanne visto ‘o fantasma?

Alberto:   No, peggio!

Pasquale: (Posa il pacco) Sentite, signora Zanini, volete qualcosa?

Vanessa:  Sono venuta per avvertirvi che ho ritrovato Cicciobello.

Alberto:   (Posa il pacco) Oh, menu male!

Vanessa:  E sono tanto felice che mò me mettesse a alluccà.  

Alberto:   Sentite, ma l’avìta fa’ pe’ forza ‘stu fatto?

Pasquale: Infatti, non è il caso. Allora, arrivederci.

Vanessa:  (Parla in faccia a Pasquale) Ma ch’arrivederci? Io ve voglio dicere che vuje nun

                  site buone proprio. Niente di meno, l’ippopotamo me l’aggio truvata io sola.

Pasquale: (Si protegge con le mani davanti al naso) Maronna mia!

Vanessa:  (Parla in faccia a Faccioluovo) E pure ‘o collaboratore vuosto nun è buono.                 

Alberto:   (Si protegge con le mani davanti al naso) Aiutateme!

Vanessa:  (Si sfoga pure con gli altri) E pure vuje nun site buone. Ate capito?

                  Tranne Rosa, Raffaele e Pasquale, gli altri escono via. Vanessa conclude.

                  Commissà, ‘mparateve a ffa’ ‘o mestiere vuosto. E soprattutto, ‘mparateve a

                  campà. Ate capito?

                  Esce via di casa.  

Raffaele:  Mamma mia, è ‘nu vulcano, chella! Nel senso che in bocca tiene la lava! Vabbé,

                  io vado nello studio mio.

Rosa:        Aspié, Rafé, nun te movere. Mò tu e Pascale ata fa’ pace.

Pasquale: ‘O vero? E ce vulisse fa’ fa’ pace proprio tu? A proposito, grazie p’’o bigliettino

                  chino ‘e offese e male parole! E così io nell’intimo non tengo niente!

Rosa:        Aspié, ma qual’offese e male parole? Ha ditto Rafele ch’erene belli pparole!

Raffaele:  Io? A me nun me cità propio!

Pasquale: Aspiette ‘nu mumento, ma allora chelli parole… te l’ha dettate isso?

Rosa:        Sì, ma pecché, nun erene belle?

Pasquale: Rosa, ma tu si’ proprio ingenua, si te vaje a fidà ‘e isso!

Rosa:        Rafé, e pecché m’he’ ditto tutte chelli ccose?

Raffaele:  Era il mio scherzo per lui.

Rosa:        Vabbuò, mò basta. E’ arrivato ‘o mumento che tutt’e dduje facite pace. E ‘sta

                  vota, definitivamente. Hé capito, Pascà? Hé capito, Rafé?

Pasquale: Ma dobbiamo proprio?

Rosa:        Sì. E alla svelta. Forza, avanti, stringetevi la mano destra.

                  I due eseguono ma senza guardarsi.

                  E che d’è, senza ve guardà?

Raffaele:  Ma pecché, ce amma guardà pure?

Rosa:        Sì, forza.             

Pasquale: E vabbuò.

                  I due si stringono la mano guardandosi.

Rosa:        E adesso il tocco finale: datevi un bacetto sulle guance!

I due:        A chi?

                  E se ne vanno uno a destra e l’altro a sinistra.

Rosa:        Uhé, turnate ccà!

                  E segue Pasquale a sinistra.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno