Il conte Chicchera

Stampa questo copione

Microsoft Word - il_con_r.rtf

IL CONTE CHICCHERA

Carlo Goldoni

Dramma Giocoso per Musica da rappresentarsi nel Regio Ducal Teatro di Milano nell’Autunno del

corrente Anno , dedicato a Sua Altezza Serenissima il Duca di Modena, Reggio, Mirandola

ec. ec., Amministratore e Capitano Generale della Lombardia Austriaca ec. ec.

ATTORI

LUCREZIA cittadina vedova.

Sig. Marianna Hylmandel.

DON IPPOLITO

Sig. Pietro Sorbelloni.

IL CONTE CHICCHERA

Sig. Filippo Laschi, Virtuoso di Camera di S. A. R.

il Principe Carlo Duca di Lorena, e di Bar ec. ec. ec.

MADAMA LINDORA

Sig. Cattarina Ristorini.

CAVALLINA cameriera.

Sig. Giovanna D’Acquini.

MANTECCA servitore.

Sig. Leopoldo Micheli.

DON FABRIZIO

Sig. Giacomo Caldinelli.

Poesia del Sig. Dottore Carlo Goldoni. Musica del Sig. Gio. Battista Lampugnani.

I Balli sono d’invenzione e direzione del Sig. Bartolomeo Cambi.

Eseguiti dalli seguenti:

La Sig. Margarita Morelli.            Il Sig. Bartolomeo Cambi.

La Sig. Elisabetta Morelli.            Il Sig. Domenico Morelli.

La Sig. Teresa Vismara.               Il Sig. Giuseppe Andriani.

La Sig. Vittoria Varè.                    Il Sig. Vincenzo Bertarini.

La Sig. Rosa Ferraria.                  Il Sig. Gerolamo Marani.

La Sig. Rosa Sterzera.                  Il Sig. Giovanni Rossino.

Le Scene saranno de’ Signori Fratelli Galliari. Il Vestiario di vaga e nuova invenzione del Sig. Francesco Mainino.



  MUTAZIONI DI SCENE

NELL’ATTO PRIMO

Camera in casa di Madama.

Gabinetto di Madama.

NELL’ATTO SECONDO

Giardino in casa di Madonna Lucrezia.

Galleria di Donna Lucrezia.

Camera di Madama.

NELL’ATTO TERZO Camera in casa di Donna Lucrezia


ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Camera in casa di Madama.

Lucrezia, Ippolito, Madama Lindora, Don Fabrizio e Cavallina

LUCR.                            Serva, Madama.

MAD.                              Serva, signori.

IPP.                                 Scusi di grazia. (a Madama)

MAD.                              Sono favori.

FABR.                            Chiedo perdono. (a Madama)

MAD.                              Serva gli sono.

LUCR.                            Siam qui venuti

Per visitarvi.
MAD.                              Mi trovo in debito

Di ringraziarvi.
LUCR.                            Troppo obbligante.

IPP.                                 Troppo gentile.

FABR.                            Sempre civile.

MAD.                              Vostra bontà.

CAV.                              (Mi fanno ridere,

Sì, in verità).
MAD.                              Ehi, da sedere. (a Cavallina)

CAV.                              Sarà servita. (fa portare le sedie)

IPP.                                 Molto cortese!

FABR.                            Molto compita!

MAD.                              Donna Lucrezia

Sedasi qua.
LUCR.                            Sì, Madamina, (siede )

Troppa bontà.
MAD.                              Sieda, padrone. (a Ippolito )

Sieda, signore. (a Fabrizio)
IPP.                                 Questa è una grazia. (siede)

FABR.                            Quest’è un favore. (siede)

MAD.                              È una finezza

Che a me si fa. (siede)
CAV.                              (Mi fanno ridere,

Sì, in verità).

TUTTI                                 Viva per sempre

La gentilezza, La compitezza, La civiltà.

MAD.                    Che fa donna Lucrezia?

Sta bene?


LUCR.                                  A’ suoi comandi.

E lei? (a Madama)
MAD.                            Ben, per servirla, (a Lucrezia)

Don Fabrizio, sta ben?
FABR.                                                     Per obbedirla.

MAD.                    E lei, signor Ippolito?

IPP.                        Se son nella sua grazia,

Meglio non posso star.
MAD.                                                      Bene obbligata.

IPP.                        (Quant’è vaga e gentil!)

FABR.                                                       (Quanto è garbata!)

MAD.                    Mi rallegro con voi, donna Lucrezia.

LUCR.                   Di che?

MAD.                                 Questi signori

Fanno giustizia al merito.
LUCR.                                                       Oh, che dite?

Spendono male il tempo

Con chi vaga non è, né spiritosa.
MAD.                    (Dice la verità).

LUCR.                                           (Quanto è invidiosa!)

CAV.                     (Queste due signorine

S’aman con tanto amore,

Ch’una all’altra vorria cavar il cuore). (parte)
IPP.                        Che vuol dire, Madama?

Siete sola così, senza un amante

Che vi serva e vi onori?
MAD.                    Io non merto, signor, questi favori.

FABR.                   Anzi voi meritate,

Senza far torto al merito d’alcuna,

Di esser vagheggiata.

Ve lo dico di cor.
MAD.                                                 Bene obbligata.

LUCR.                   Eh no, signori miei,

Non vi mettete in apprension per lei.

Se vi venisse in mente

Di volerla servir, ve ’l dico chiaro,

Il signor conte Chicchera è il suo caro.
IPP.                        È ver? (a Madama)

MAD.                               Donna Lucrezia

Vuol saper più di me?
LUCR.                                                       Negar potete

Che non vi serva il Conte?
MAD.                                                             Io non so niente.

Posso dir francamente

Che libera ancor sono,

Che d’ogni cor posso accettare il dono.
IPP.                        (Ah, se non fosse qui donna Lucrezia,

Servirla io m’offrirei).
FABR.                   (Solo procurerò tornar da lei).

LUCR.                   (Non ci volea venir; già lo prevedo:

L’arte di questa donna

Mi farà disperar).
MAD.                                                 (Sì, per dispetto


Te li voglio levar, te lo prometto).
LUCR.                   Orsù, leviam l’incomodo

A madama Lindora. (si alza)
IPP.                                                       È ancora presto.

FABR.                   Tanta fretta perché?

LUCR.                                                  Partir io voglio.

Madama, vi son serva.

Chi vuol venir, sen venga,

Chi vuol restar, sen stia,

Ch’io bisogno non ho di compagnia.

Un amator leggiero Scorda talor l’impegno; Con trattamento indegno Paga la fedeltà. (Ad Ippolito e Fabrizio)

Con un di voi favello; Chi può capire, intenda; Voglio che amor mi renda Del cor la libertà. (parte)

SCENA SECONDA Madama, Ippolito, Fabrizio

MAD.                    Oh, oh, signori miei,

Incontrar non vorrei qualche disgrazia.

Andate con Lucrezia.
IPP.                        Con me non ha parlato.

FABR.                   Io non son di Lucrezia innamorato.

MAD.                    Ma pure uno di voi

Gode la grazia sua.
IPP.                                                       Quest’è un favore

Che a Fabrizio appartiene.
FABR.                   Anzi al signore Ippolito dabbene.

MAD.                    Dunque nessun di voi

Della grazia di lei può star sicuro?
IPP.                        Per me, poco ne curo.

FABR.                   Io sono indifferente.

Non me ne importa niente;

E se posso arrivar dove desio,

Vuò principiare a innamorarmi anch’io.

A me piace un bel visetto, Ma chi sia, non lo vuò dir. Ha un bell’occhio ritondetto, Ha un bocchin che fa languir. Giovinetta - graziosetta, Vezzosetta, - un po’ furbetta... Saprò un dì farmi capir; Ma per or non lo vuò dir. (parte)


SCENA TERZA Ippolito e Madama

IPP.                        Sì, certo; è un grande arcano

Quel che asconde Fabrizio

In questi detti suoi.

Niuno può sospettar ch’egli ami voi. (ironico)
MAD.                    Io però non lo credo.

IPP.                        Perché?

MAD.                                 Perché di certo

So che d’esser amata io non ho merto.
IPP.                        Ah, Madama, pur troppo

Merta la beltà vostra

Non di quel di Fabrizio,

Ma dei cuor più gentili il sagrifizio.
MAD.                    Oh, chi volete mai

Che si perda per me?
IPP.                                                          Se l’adorarvi

Un perdersi si chiama,

Offerendovi in don gli affetti miei,

Volentieri per voi mi perderei.
MAD.                    Siete troppo gentil.

IPP.                                                       Vostra bontà.

SCENA QUARTA Cavallina e detti.

CAV.                     Madama, il conte Chicchera

Vi vorria riverir.
MAD.                                               Che seccatore!

Di’ che sono impedita;

Di’ che son favorita.

(Tienlo per poco a bada). (piano a Cavallina)

Digli ch’ora non posso, e se ne vada.
CAV.                     Vede, signor Ippolito?

La padrona licenzia il signor Conte.

E per chi, poverin, lo manda via?

Sol per amore di vossignoria. (parte)

Posso nulla sperar?
MAD.                                                    Basta: chi sa?

SCENA QUINTA Don Ippolito e Madama, poi Cavallina


MAD.                    (Quanto è scaltra costei!)

IPP.                                                                 Tenuto io sono

Alla vostra bontà.
MAD.                                                 Voi non avete

Obbligazion veruna;

Quel ch’io faccio, signor, lo fo di core.
IPP.                        (Ah, nel seno aumentar sento l’ardore).

CAV.                     Signora, una parola. (a Madama)

MAD.                                                      Con licenza. (ad Ippolito, accostandosi a Cavallina)

CAV.                     (Il signor conte Chicchera

Premura ha di partir). (piano a Madama)
MAD.                                                      Sì, vengo subito. (a Cavallina)

Deh, signor, compatite.

Ho un’acerrima lite

Che mi sta assai sul core,

Ed è venuto il mio procuratore.
IPP.                        Dunque me ne anderò.

MAD.                                                         Chiedo perdono.

IPP.                        Della vostra bontà sicuro io sono.

Tornerò, se vi aggrada.
MAD.                    Mi farete piacere al maggior segno.

IPP.                        Sì, Madama, il mio cor vi lascio in pegno.

Amor dal petto

Mi trasse il core;

Un dolce affetto,

Un bell’ardore

Mi riempie l’anima,

M’infiamma il sen. Deh, non m’inganni

La mia speranza;

I crudi affanni

Dell’incostanza,

Deh, non m’aspergano,

SCENA SESTA

Madama e Cavallina

MAD.                    Brava: introduci il Conte.

CAV.                                                              Mi rallegro.

MAD.                    Di che?

CAV.                                  Del nuovo acquisto.

MAD.                    Già lo sai; te lo dissi, e te ’l ridico:

Di quanti son non me n’importa un fico.
CAV.                     Sì, sì, così mi piace:

Non distinguere alcuno;

Trattarne cento, e non amar veruno. (parte)

Del rio velen. (parte)


SCENA SETTIMA Madama, poi il Conte Chicchera

MAD.                    Io così mi diverto.

Godo veder languire or quello, or questo:

Ma per innamorarmi è ancora presto.
CON.                     (Guardandosi nello specchio, accomodandosi la parrucca, e facendo poscia

una pirolette)
MAD.                    (Bella caricatura!)

CON.                     Madame, de tout mon cour

Je suis vostre tresumble servitour.
MAD.                    Serva del signor Conte.

CON.                                                            Hélas, Madame,

Se vi sdegnate di parlar francese,

Farete mormorar tutto il paese.

Ah, che la langue francese

Est jolie et charmante.
MAD.                    Con vostra buona pace,

Balbettar non mi piace

In lingua oltramontana.

Il parlar italiano è buono e bello:

L’intendo meglio, e vuò parlar con quello.
CON.                     Madame, tout que vous plait.

MAD.                                                                  Per cortesia,

O parlate italiano, o andate via.
CON.                     Ma io sono avvezzato

A parlare così.
MAD.                                             Dite, di grazia,

Dove siete voi nato?
CON.                                                       In Lombardia.

MAD.                    Dunque, acciò non vi dicano

Un francesin bastardo,

Io vi consiglio a favellar lombardo.
CON.                     Farò come vi aggrada.

Tutto soffrir conviene

Per quel caro visin che mi vuol bene.
MAD.                    O chi è che vi vuol ben?

CON.                                                            Voi; già lo so.

MAD.                    Io? Ho paura di no.

CON.                                                     Ma perché mai?

MAD.                    Perché ancora nessuno io non amai.

CON.                     Me l’avete pur detto,

Che mi volete ben.
MAD.                                                 L’ho detto, è vero;

Ma la donna talor cangia pensiero.
CON.                     Ah Madame!

MAD.                                          Ah monsieur!

CON.                                                                Per carità,

Mi volete voi ben?
MAD.                                                    No, in verità.

CON.                     No?


MAD.                            Vi dico di no.

CON.                     No, Madame? (languente)

MAD.                                          No, monsieur.

CON.                                                                   Oimè! volete

Che a disperarmi io vada?
MAD.                    Ve ne volete andar? Quella è la strada.

CON.                     Ah crudel! (in atto di partire)

MAD.                                      Dove andate?

CON.                     A morir.

MAD.                                   A morir? Eh via, restate.

CON.                     Mi volete voi ben?

MAD.                                                    Potrebbe darsi.

CON.                     Cara, sì, lo conosco.

Vi prendeste di me spasso e sollazzo.

Sì, mi volete ben. (saltando)
MAD.                                                 (Oh che bel pazzo!)

CON.                     Deh, mai più non mi dite...

MAD.                    Voglio dir quel ch’io voglio, e voi soffrite.

Voglio dir quel che mi piace, Voglio amar quando mi par. Oggi sì, domani no; E rimproveri non vuò. Se vi faccio una finezza, Non vi state a lusingar; Se vi parlo con asprezza, Voi l’avete a sopportar. Oh quest’è bella, Oh quest’è buona! Sono padrona - di corbellar. E voglio dire Quel che mi par. (parte)

SCENA OTTAVA

Il Conte, poi Mantecca

CON.                     Eh, cospetto di Bacco!

Un uom della mia sorte Trova aperte le porte in ogni loco; Vuò sostenermi e insuperbirmi un poco. Che pretensione è questa? Madama a suo talento Vuol dir di sì e di no Tre o quattro volte al dì? A me si deve dir sempre di sì. Se questa è capricciosa, So io quel che farò: Sì, da donna Lucrezia io tornerò. Ehi, Mantecca, Mantecca! Dove sarà costui? Gran sofferenza


Che mi tocca di usar con questo sciocco!

Ehi, Mantecca.
MAN.                                             Signore. (di dentro)

CON.                     Dove sei, disgraziato?

MAN.                    Son un poco impegnato.

CON.                     Vieni subito qui dal tuo padrone.

MAN.                    Or ora.

CON.                                  Ma che fai?

MAN.                                                    Fo colazione.

CON.                     Vieni, non mi far perder la pazienza.

MAN.                    Padron, con sua licenza.

CON.                     E ben, che cosa c’è?

MAN.                    Alla vostra santé.

CON.                                                  Bravo. (Conviene

Ch’io mi mostri con lui grato e cortese,

Perché principia a favellar francese).
MAN.                    Eccomi. (esce fuori)

CON.                                    Quando chiamo,

Subito dei venir.
MAN.                                               Che buon ragù!

CON.                     Era un ragù francese?

MAN.                    Francese, francesissimo.

CON.                     Hanno un gusto i francesi esquisitissimo.

MAN.                    Bevuto ho un bicchierino

Di buon vin di Borgogna.
CON.                     Ah, confessar bisogna

Che in Francia solamente

Può sperarsi d’aver vino eccellente.
MAN.                    E poi, signor padrone,

A tavola con me

Avevo accanto un mostaccin da re.
CON.                     Davver? Chi era costei?

MAN.                                                           La cameriera

Di madama Lindora.
CON.                                                       L’ho veduta,

E non m’è dispiaciuta.
MAN.                    Ma, con licenza di vossignoria,

Quella bella ragazza è roba mia.
CON.                     Col padron qualche volta

Si può facilitare. Alla francese

Si pratica così.

SCENA NONA

Cavallina e detti.

CAV.                                                       Eccomi qui.

MAN.                   (Fammi il piacer. Va via). (piano a Cavallina)

CAV.                                                              (Per qual ragione?) (piano a Mantecca)

CON.                    Vattene, e cedi il loco al tuo padrone. (a Mantecca)

Dove sei, Cavallina? (chiamando)


MAN.                    Oh, questa sì ch’è bella! (con isdegno)

CON.                     Vattene, temerario.

MAN.                    Favorisca di darmi il mio salario.

CON.                     Eh, lasciamo gli scherzi.

CAV.                                                            (È un brutto scherzo.

Lo compatisco affé!) (da sé)
CON.                     Cavallina ha piacer di star con me. (a Mantecca)

Non è ver? (a Cavallina)
CAV.                                      Sì, signore.

MAN.                    Una serva ha da star col servitore.

Non è così?
CAV.                                         Hai ragione,

Ma vi vuole un tantin di discrezione.
MAN.                    Come sarebbe a dire?

CAV.                                                         Un po’ per uno.

So il mio dovere, e non v’è male alcuno.
CON.                     Hai capito?

MAN.                                        Ho capito.

CON.                     Vattene.

MAN.                                   Ma perché?

CON.                     Perché adesso il suo cuor non è per te.

Ella, per quel ch’io vedo,

Dalla padrona impara,

Or dolce, ed or amara,

Cangiarsi ognor così,

Ora il no pronunciando, ed ora il sì.

Non è vero?
CAV.                                         È verissimo.

MAN.                    Per me che cosa dici?

CAV.                     Ora ti dico un no.

MAN.                    Quando è il tempo del sì, ritornerò:

Ti prego d’avvisarmi

Quando sarai disposta,

E verrò a ritrovarti per la posta.

Signor padrone, Mi compatisca. Si divertisca Quanto gli par. Ragazza bella, Mi raccomando. Ditemi quando Ho da tornar. (Sia maledetto! A mio dispetto Me n’ho d’andar). Signor padrone, Per carità. (al Conte) Adessadesso

Ritorno qua. (a Cavallina) Senza il mio core non posso star. Non vedo l’ora di ritornar. (parte)


SCENA DECIMA Il Conte e Cavallina

CON.                     Per dir la verità,

La grazia e la beltà che in voi risplende Non è degna d’un uom che non intende.

CAV.                     Però lo stato mio

Non richiede di più.

CON.                                                     Sì, la fortuna

Vi vuol felicitar. Il più famoso Cavalier generoso, il più gentile Trionfator dei cuori, Per voi prova nel sen teneri amori.

CAV.                     E chi è questi, signor?

CON.                                                         Nol conoscete?

Rivolgete lo sguardo al volto mio: Del vostro bello adorator son io.

CAV.                     Oh caro signor Conte,

Vi burlate di me; d’una vil serva Un signor sì compito e sì galante Non può essere amante.

CON.                                                            Eh, che Cupido

Nel regno degli amori Distinguere non suole Nobiltà, né ricchezza, Ma il merto e la bellezza. Eovunque la beltà sparge il fulgore, Merta rispetto, ed in tributo il cuore.

Voi siete bella, - come una stella;

Siete brillante, - come un diamante;

Rosa nel volto, giglio nel sen.

Occhi furbetti, ah ch’io v’adoro.

Labbra vezzose, ah per voi moro.

Io v’amo, io bramo conforto e amor. Venere bella, diva dell’etera,

Ecate, Diana, Luna etecetera,

Siete l’eclittica del ciel d’amor,

Siete il barometro di questo cor. (parte)

SCENA UNDICESIMA Cavallina sola.

Stimo più cento volte

Il buon cor di Mantecca ed il suo volto,

Che l’inutile amor di questo stolto.

Con tutte fa il grazioso,

Con niuna il generoso, e per noi donne


Vi vuole, a innamorarci, Una di queste due: o che l’amante Sia liberale, e stitico non sia, O ci sforzi ad amar per simpatia.

Ci vince talora

Un bel regaletto.

Talor c’innamora

Un vago visetto.

Chi ha forza maggiore

Di questi non so. M’alletta, mi piace

L’amante vezzoso,

Ma un cuor generoso

Sprezzare non vuò. (parte)

SCENA DODICESIMA

Gabinetto di Madama.

Madama sola.

Il proverbio dice bene: Chi vuol troppo, niente avrà. Tutto il dì chi va, chi viene, E nessun mi sposerà.

Io rido, e mi diverto

Or con questo, or con quello, e passo i giorni

Felicissimamente,

Perché dell’avvenir non penso niente.

Ma quando vi rifletto,

Ogn’anno passa un anno, e non vorrei,

Se vado troppo innanti,

Restar senza marito e senz’amanti.

SCENA TREDICESIMA Cavallina e detta.

CAV.                     Oh signora padrona, in avvenire

Vuò che mi rispettiate.
MAD.                    Per qual ragion?

CAV.                                                Sappiate,

Che il signor conte Chicchera garbato

È delle mie bellezze innamorato.
MAD.                    Davver?

CAV.                                    Ve lo protesto:

Ho riso più d’un poco,


E di lui, come va, mi presi gioco.
MAD.                    Ho piacer di saperlo. Quando viene,

Mi voglio divertir. Ma tu in avanti
Principia a disprezzarlo,
Ed uniamoci insieme a disperarlo.
CAV.                     Sì, sì, già non ci penso,

E per svelarvi il cuore,
Amo, più del padrone, il servitore.
MAD.                    Guarda chi è. (accenna l’anticamera)

CAV.                                           Sì, signora. (parte)

MAD.                    Che ritorni da me non vedo l’ora.


SCENA QUATTORDICESIMA Fabrizio e la suddetta.

FABR.                   Vi domando perdono,

Se ritornato a incomodarvi io sono.
MAD.                    Anzi mi fate grazia.

Ma se così repente

Siete a me ritornato,

Qualche forte ragion vi avrà guidato.
FABR.                   Ah, sì: per dire il vero,

M’ha trascinato il core,

E mi ha fatto la scorta il dio d’Amore.
MAD.                    E con quale speranza

Siete venuto qui?
FABR.                                                Con quell’istessa

Con cui sono testé da voi partito.
MAD.                    Che vuol dire?

FABR.                                           Sperando esser gradito.

MAD.                    Avete un fondamento

Per sperarlo davver?
FABR.                                                     Sì, mi lusingo

In quel bel volto ed in quel core umano.
MAD.                    Qualche volta, signor, si spera invano.

FABR.                   (Principiamo assai mal).

MAD.                                                           (Dubbioso, incerto,

SCENA QUINDICESIMA

Cavallina e detti, poi il Conte Chicchera e Mantecca

CAV.                    Ecco il Conte, signora.

MAD.                                                         Ah sì, ho piacere.

FABR.                  Chi viene?

MAD.                                      Il conte Chicchera.

FABR.                  Oh, mi dispiace assai.

Finché mi pare a me lo vuò tenere).


} aquattro   Ah,chemisento Per il diletto Il cor nel petto

MAD. CON.

MAD.

CON.

CAV.

CON.

MAD. CAV.

MAD.

CON. FABR.

CON.

CAV.

CON.

MAN.

CON.

MAD.

CAV.

FABR.


Or vedrete s’io l’amo e s’io l’amai.

Coi destrier del dio Cupido

Di Ciprigna al caro lido

Io ritorno adorator. (a Madama)

Sì, signor, non dubitate:

Nel mio cor, se voi sperate,

Sarà lieto il vostro cor. (a Fabrizio)

Se una Venere spietata

Ad amor si mostra ingrata,

Sia pietoso il vostro cor. (a Cavallina)

Mantecchino, ben tornato;

Mi sei caro, mi sei grato.

Per te solo io sento amor.

Que est que ça?

Non rispondete? (a Madama e a Cavallina)

Che cercate?

Che volete? Je suis vostre servitour. (a Madama e a Cavallina)

Fabrizio caro,

Fabrizio bello,

Voi siete quello

Ch’io voglio amar. Ehi, monsieur,

Que faites vous? (a Fabrizio) Lindora cara,

Lindora bella,

Voi siete quella

Ch’io voglio amar. Charne diablel!

Je suis trompè

Dit vous muè,

Cruele, purquè? (a Cavallina) Bel Mantecchino,

Caro carino,

Quel bel visino

Mi dà piacer. (a Mantecca) Ah frippon,

Charne cotton.

Je te promette

Des coups de baton. (a Mantecca) La Cavallina,

Cara carina,

Tanto buonina

Mi dà piacer. (Nessun mi ascolta,

Nessun mi abbada.

Un’altra strada

Vogl’io tentar).


MAN. CON.

MAD.

CAV.

CAV.

FABR.

CON.

MAD. CAV. FABR. MAN.


}

}


a due

a quattro


Lieto brillar. Madame, si vous plait, (presenta un regalo a Madama)

Madame, tenè. (fa lo stesso a tutte due)

Ah, pardonè muè. Monsieur, si vous plait. (dà lo stesso a Fabrizio) Monsieur, monsieur, tenè. (dà lo stesso a Mantecca)

Ah perdonè muè.

Charne bleu, Nol soffrirò; Vendicarmi Anch’io saprò.

Goderò, Riderò, E in amor Giubilerò.



ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

Giardino in casa di Donna Lucrezia.

Donna Lucrezia e Don Fabrizio

LUCR.                   Oh, che grazie son queste!

Per me il signor Fabrizio Qualche grato favor conserva ancora, E non temé sdegnar la sua Lindora?

FABR.                   Siete forse sdegnata,

Perché a Madama ho usata Civiltà, cortesia?

LUCR.                                                No, no, per questo

Io sdegnata non sono, e molto meno Perché siate di nuovo a lei tornato; Se siete innamorato, Cosa mai si può far? Vi vuol pazienza. Credetemi, di voi posso far senza.

FABR.                   Quando è così, signora,

Quando poco vi cal dell’amor mio, Farò lo stesso anch’io. Fatemi grazia Di donarmi per sempre il mio congedo.

LUCR.                   Volentieri, signor, ve lo concedo.

FABR.                   Grazie a tanta bontà. Fra quei favori,

Che ho da voi ricevuti, Questo mi piace più. Per ricompensa Del vostro amabil tratto, Vi prometto di voi scordarmi affatto.

Di bella donna Grazie e favori Sono tesori Che il Dio de’ cuori Spargendo va.

Ma il don maggiore Del dio d’Amore È quando rendeci La libertà. (parte)

SCENA SECONDA

Donna Lucrezia, poi Don Ippolito

LUCR.                   Lo dissi, che Lindora

Farmi volea l’insulto, e me l’ha fatto.


Vendicarmi saprò d’un simil tratto.

Però poco mi cale

Di perdita sì lieve. Io di Fabrizio

Stata amante non sono; e più di lui

Perder mi spiacerebbe

D’Ippolito il bel cuore,

Per cui serbo nel sen verace amore.

Eccolo appunto. Oh cieli!

Mi sembra un po’ turbato;

Meco non crederei fosse cangiato.

IPP.                        Signora, un mio dovere

Son qui ad adempir. Voi da Madama Alterata partiste, ed io non ebbi Di servirvi il piacer. Se nel cuor vostro Di qualche inciviltà colpevol sono, Per rispetto e dover chiedo perdono.

LUCR.                   Per rispetto e dover? Non avrà parte

Nella scusa l’amor? Come! Tacete? Da cavalier qual siete, Parlatemi sincero: avete in petto Qualche scintilla di novello affetto?

IPP.                        Dirò: se, per esempio,

Stimassi un’altra bella, ed il mio volto

Piacesse agli occhi suoi,

Il mio dover non scorderei per voi.

LUCR.                   Amor non vuol rispetto: o amar si deve

Per genio, per piacere; o inutilmente Si sagrifica il cor. Non m’ingannate, Con libertà parlate: Celando il vero un mentitor voi siete; Compatirvi saprò, se il ver direte.

IPP.                        Oimè! con troppa forza

Vincolate il mio cor. Sì, lo confesso: Da novella passion mi scorgo oppresso.

LUCR.                   Basta così. Spietato!

Poiché vi scorgo ingrato,

A me più non pensate.

Sì, traditor, sì, mentitor, andate.

Scenda dal cielo un fulmine; T’incenerisca, o perfido; Ah, la spietata immagine Voglio strappar dal sen.

Tu m’insegnasti a sciogliere L’alma dal laccio orribile. Amor cangiato in aspide M’empie del suo velen. (parte)

SCENA TERZA

Don Ippolito solo.


Ah, sì, del suo dolore

Sento qualche rimorso. Ma ella istessa

Mi disse pur che amore

Non esige rispetto, e quando s’ama,

Deesi amare di cor. Non è mia colpa

Se un vezzoso sembiante

Rese il mio cuore amante; e se è delitto

Per novella beltà cangiar desio,

Ho diviso con cento il fallo mio.

Ad un sguardo che innamora,

Chi resistere potrà?

Questa dolce infedeltà

Colpa è sol del dio d’Amor. Ei comanda a suo talento.

Un momento - il seno accende.

Infedel talor si rende

Per destino il nostro cor. (parte)

SCENA QUARTA Galleria in casa di Donna Lucrezia. Donna Lucrezia, poi Mantecca

LUCR.                   L’arte d’una rivale

Vuol farmi disperar? Non son chi sono

S’io non ne fo vendetta.

Son donna anch’io; so quel che far si aspetta.
MAN.                    Con licenza, signora.

LUCR.                   Cosa vuoi? Chi domandi?

MAN.                                                             Il mio padrone

Mi manda a riverirla,

E vorrebbe venire a favorirla.
LUCR.                   Bravo: e chi è il tuo padrone?

MAN.                                                                    È un cavaliere

Del qual per tutto il mondo

Si strepita e si parla.
LUCR.                   Cavaliere davver?

MAN.                                                 Per onorarla.

LUCR.                   Il suo nome?

MAN.                                        Stupisca

Solamente in sentirlo.

Il mio padrone

Nobilissima dama,

Il signor conte Chicchera si chiama.
LUCR.                   Ah sì, sì, lo conosco.

Cosa vuole da me?
MAN.                                                    Venir da lei

Credo vorrà degnarsi,


Ed al merito suo vuol sprofondarsi.
LUCR.                   Io so che il conte Chicchera

Di madama Lindora è innamorato.
MAN.                    Non sono accostumato

A dir ben del padron; ma per sua gloria,

Sì, lo dirò: non solo

È amante di Lindora,

Ma fa il grazioso alla sua serva ancora.
LUCR.                   Dunque che vuol da me?

MAN.                                                           Che vuol da voi?

Vel dirò a prima vista:

Egli brama anche voi mettere in lista.
LUCR.                   Orsù, capisco bene

Che uno sciocco tu sei.
MAN.                                                         Come comanda.

Che ho da dire al padron, se mel domanda?
LUCR.                   Digli che venga pur.

MAN.                                                    La riverisco. (in atto di partire, poi torna indietro)

Eh, dica.
LUCR.                                  Cosa vuoi?

MAN.                    Ha cameriera in casa?

LUCR.                                                       Egli è infallibile

Che servir mi farò.
MAN.                                                    Dica, perdoni,

È bella la sua serva?
LUCR.                                                     Che domanda

Impertinente è questa?
MAN.                    La mia domanda è onesta;

Quando colla padrona

Divertirsi procura il padron mio,

Colla fantesca mi diverto anch’io.

All’usanza d’oggidì

Per lo più si fa così:

Il padron colla padrona,

Colla serva il servitor.

Ma succede qualche volta

Che si cambiano fra lor. Il padrone va in cucina

A trovar la masserina,

E talvolta la signora

D’un bel servo s’innamora.

Se nascesse questo caso,

SCENA QUINTA

Donna Lucrezia, poi il Conte

LUCR.                   Mi stupisco, che il Conte

Tenga seco costui; non credo niente

Mi esibisco di buon cor. (parte)


Delle sue scioccherie. S’ei da me viene,

Se inclina ad onorarmi,

Di Madama ho la via di vendicarmi.
CON.                     Madame, vostre valet.

LUCR.                                                       Serva obbligata.

CON.                     D’avervi incomodata

Je vous domand pardon.
LUCR.                                                         Mi fate onore.

CON.                     Je suis vostre tresombre servitore.

Parlate voi francè?
LUCR.                                                Poco ne so.

CON.                     Io ve l’insegnerò.

LUCR.                                                (Poco mi preme).

CON.                     Toujour francè noi parleremo insieme.

LUCR.                   Perdonate, signore:

Avete un certo odore

Che mi fa venir male.
CON.                                                       Eh, ce n’est rien.

Sarà la mia parrucca immanteccata

Di pomata odorata.

Francè, francè, Madame.

J’ai des eaux de senteur.

Volè vous sanspareille? (tira fuori il Conte varie boccette, vasetti)
LUCR.                                                         Oibò, non posso

Questi odori soffrire.
CON.                     Eaux de lavanda?

LUCR.                                                Peggio.

CON.                                                              Volè vous

L’assafetida?
LUCR.                                         Questo

È il rimedio miglior contro gli odori.
CON.                     Delle donne sedar suole i vapori.

LUCR.                   Siete ben provveduto.

CON.                                                         Uì, Madame,

Vous me vedrè toujour

Alla dernière façon.

Ah! voilà ma parruque

Faite alla cabriolete.

Reguardè ma parure. I manichetti

Fatti alla toibage.

Volè vous du tabac? Rapè d’Olande, (mostra varie tabacchiere)

Bon rapè de Paris. Voilà Siviglia.

Fi, fi, mi son sporcato. (si pulisce le dita con vari fazzoletti)
LUCR.                   (È troppo caricato.

Pure, per distaccarlo

Da madama Lindora, io vuò trattarlo).
CON.                     Madame... (teneramente)

LUCR.                                    Avete sempre

Fra le labbra Madama. Il vostro core

Per madama Lindora arde d’amore.
CON.                     Pardon. Mi son scordato

D’una donna coquette.

A lei non penso più.


Madame, si vous plait, je suis pour vous.
LUCR.                   Ah, se degna foss’io di tanto onore!

CON.                     Vi giuro affetto, e vi consacro il core.

SCENA SESTA

Madama Lindora, Fabrizio e detti.

MAD.                    Con licenza, signori.

CON.                                                       (È giunta a tempo.

La vuò far disperar).
LUCR.                                                     Non vi è nessuno

Da mandar l’ambasciata?
MAD.                    No, non c’era nessuno, e sono entrata.

Vi domando perdono;

Da voi venuta sono

Per fare il mio dover. Da me veniste,

Son venuta da voi:

Conoscon le mie pari i dover suoi.
FABR.                   (Ed io ci son venuto

Strascinato da lei. Vuole che vuole).
LUCR.                   (Del Conte le parole

Ora conoscerò).
MAD.                    (Sì, sì, del Conte vendicarmi io vuò).

Mi consolo vedervi

In buona compagnia. (a Lucrezia)
LUCR.                   Cara Lindora mia, chi può, s’ingegna.

MAD.                    Conte, e chi è che v’insegna

Trattare in tal maniera

Una donna che vi ama, e si dispera?
CON.                     Vous ve moquè de moi.

MAD.                                                           Sapete pure

Che colei che vi adora

Senza voi non può star; che giorno e notte

Pena e piange per voi, che ogni momento

Starvi vorria d’appresso,

E voi così l’abbandonate adesso?
CON.                     Oh cospetto di Bacco!

Io sono il disprezzato,

Je suis il corbellato.
MAD.                                                    E un lieve scherzo

Non sapete soffrir? Sol per provarvi,

Finse colei che vi vuol bene, allora:

Ma costante il suo cor vi ama e vi adora.
CON.                     (Queste dichiarazioni

In faccia ai testimoni

Non mi fan dubitar).
MAD.                                                    Su via, che fate?

All’affetto primier ché non tornate?
CON.                     (Ma foi, je suis confus).

MAD.                                                           Da un cavaliere


Questa giustizia a un vero amor si deve.

Ritornate ad amarla, e vi riceve.
LUCR.                   Conte, che cosa c’è?

CON.                     Oh, perdonè moè.

Son cavalier d’onore;

Ritornar son forzato al primo amore.
LUCR.                   E con me voi mancate al primo impegno?

Ite, che siete un cavaliere indegno. (parte)

SCENA SETTIMA

Madama, il Conte e Fabrizio

CON.                     Madame, je suis pour vous. (a Madama)

MAD.                                                                Per me?

FABR.                                                                             Signora,

Che maniera è codesta?

D’amor mi lusingate,

E in un punto così voi mi piantate?
MAD.                    Io?

CON.                           Povero Fabrizio,

Quanto vi compatisco! Sì signor, così è:

Madama non vi vuol, vuol bene a me.
MAD.                    A voi?

CON.                                  Che! Non è vero?

Non mi adorate?
MAD.                                               Oibò.

CON.                     Che diceste finor?

MAD.                                                 Vel spiegherò:

Quella che per voi piange e si dispera,

È la mia cameriera. Andate, poverina!

Andate a consolar la Cavallina.
CON.                     Coman?

FABR.                                  Povero Conte,

Quanto vi compatisco!
CON.                     Que je suis maloreus!

Crudel! Voi mi burlate?
MAD.                    A consolar la cameriera andate.

Signor Conte mio garbato,

Siete stato canzonato,

E benissimo vi sta.

La la ran le la la la.

Favoritemi la mano; (a Fabrizio)

Voglio andarmene di qua. Guardatelo in viso,

Che bella figura,

Che caricatura

Che rider mi fa!

Vi serva d’avviso,

Signor graziosino. (al Conte)


Andiam. Poverino,

Mi fate pietà. (parte, dando il braccio a Fabrizio)

SCENA OTTAVA

Il Conte solo.


Dormo? Veglio? Son vivo? o pur son morto?

Povero me! Dal porto

Sono balzato in mar.

L’onda m’affoga,

Resistere non posso;

E la terra mi scaglia un monte addosso.

Ma che dico! Vaneggio?

Madama dove andò? Più non la veggio.

Fabrizio maledetto,

Fermati, non partir; voglio ammazzarti,

Ti vuò cavare il core...

Ah, mi sento stillar tutto in sudore.

Conte, Conte, impazzisci?

Ritorna in te; rifletti

Che d’oggidì l’usanza

Donne, donne, siete nate Sol per farci delirar. Amorose vi mostrate, E sapete lusingar. Ma poi quando a tu per tu Siete lì... per dir di sì, Si rigetta - in tutta fretta L’accettata servitù: E per gloria decantate E l’amare, e il disamar. Donne, donne, siete nate Sol per farci delirar. (parte)

In donna corteggiata è l’incostanza.


SCENA NONA

Camera in casa di Madama.

Cavallina in abito di Tedesca, e Mantecca da Ussaro.

CAV.                     Oh che belle figure!

MAN.                    Io star prafo soldato,

Ma se spada feder, per mi scappato.

CAV.                     La padrona è bizzarra.

Ci ha fatto travestire, e travestita È dessa ancora ed il signor Fabrizio.


MAN.                    Io l’ho fatto per te, ma la cagione

Di questa mascherata ancor non so.

CAV.                     Io, se la vuoi saper, te la dirò.

Il Conte tuo padrone, Non so se per l’amore o per la rabbia Di restare avvilito, Pare mezzo impazzito. Ella vuol divertirsi. Ha concertato Con due brutti mostacci, Che trovandolo solo, Lo fermino a drittura, Che gli bendino gli occhi, E lo conducan qui senza ch’ei sappia Dove venga condotto e dove sia.

MAN.                    Crescere lo faran nella pazzia.

CAV.                     Eh, quando ch’ella voglia,

Sano ritornerà. Noi altre donne Abbiam l’abilità, quando ci pare, Di far l’uomo impazzire e risanare.

Quando un uomo è innamorato, Non è mai del tutto sano: Incomincia piano piano Il cervello a traballar.

Se gli par d’essere amato, La pazzia - gli fa allegria. Se la bella - lo martella, Si conduce a delirar. (parte)

SCENA DECIMA

Mantecca solo.

E me la dice a me questa canzone?

Io non son sì minchione:

Per le donne impazzir non mi vedranno.

No, non mi prendo affanno:

Sia pur la donna scaltra,

S’una non mi vuol ben, ne cerco un’altra.

SCENA UNDICESIMA

Madama e Fabrizio travestiti alla Tedesca, Cavallina come sopra, e Mantecca

MAD.                    Sì, prendiamoci spasso.

FABR.                                                          Non vorrei,

Che poi con mio tormento

Terminasse un sì bel divertimento.
MAD.                    (Il cor glielo predice). Io sono avvezza,


Da chi mi porta affetto,

Essere amata senza alcun sospetto.

Cavallina, Mantecca,

Fate quel ch’io v’ho detto

E portatevi bene.

Ecco il Conte bendato a noi sen viene.

SCENA DODICESIMA Il Conte Chicchera cogli occhi bendati, condotto da due Uomini, e detti.

CON.                     Dove mi conducete?

Ditelo, per pietà. Non si va innanzi?

Mi fermo qui? Signori,

Ahimè, non mi lasciate in abbandono.

Mi sciolgono la benda. Oh! dove sono?

(Sciolta la benda, vede le persone incognite, e resta meravigliato. Tutti lo

salutano con inchini)
CON.                     Oh masdames, oh mossieure,

Tresumble servitour.
MAD.                    Nix, nix francioso:

Star tateschi, mainher.
CON.                     Je ne sais pas...

MAD.                                             Tartaifle,

Non parlate francese.
CON.                                                       Non, Madame.

MAD.                    Che Madame, Madame!

Star tatesche mi dito, e non Madame.
CON.                     Posso saper chi siete?

MAD.                    Je star la baronessa d’Oherlafo;

Questo star mio fratello. (accennando Fabrizio)
FABR.                   Fostro bon servitor.

CON.                                                    Tresobeissant.

MAD.                    Nix francioso parlar, parlar talian.

CON.                     Sì, signora, e cotesti?

MAD.                    Camerier, cameriera.

CON.                     Per obbedir fostra singolaria.

MAD.                    Je star tatesco de Tatescheria.

CON.                     Ma perché mai, Madama...

(No Madama, signora)

Per essere onorato

Ho dovuto da voi venir bendato?
MAD.                    Oh! (sospirando)

CON.                             Que est que ça, Madame?

MAD.                                                                    Oh maledetto!

CON.                     Non lo dirò mai più, ve lo prometto.

MAD.                    Je sono innamorata.

CON.                     Di chi?

MAD.                                 Del fostro bello.

CON.                     Nol credo.

MAD.                                      Domandate a mio fratello.


CON.

FABR.

MAD.

CON.

CAV.

MAN.

MAD.

CON.

MAD.

CON.

MAD.

CON. MAD. CON.

MAD.

CON.

FABR.

MAN.

CAV.

TUTTI

MAD.

FABR.

MAD.

CON.

MAD.

CON.

CON.

MAD.

CON.

MAD.

CON.

MAD.

CON.


a tre

}

}


E sarà vero? (a Fabrizio)

Jò. Domandatelo a tutti.

È ver?

Jò.

Jò.

Foi me sarete incrato. Anzi son fortunato. Je vous jure, Madame...

Tartaifle ja... Vi domando perdon; nol dirò più. Mi dir se fostro cor Star tutto in libertà.

Tutto, tuttissimo. Foler foi mi sposar?

Star contentissimo.

Ah, mainsozz, se mi sposar,

Cor contento sempre star;

E foler con ti cantar

Ubsassà. Io mi sento giubilar.

Sì, la mano vi vuò dar;

E ancor io saprò cantar

Ubsassà.

Star contenti in allegria De’ sposini in compagnia, E foler pur mi cantar Ubsassà.

Cor contento sempre star,

Fol ballar e fol cantar

Ubsassà. La manina per mi dar. (al Conte) Ehi, badate. (a Madama)

Non parlar. (a Fabrizio) Sì, la mano eccola qua.

a due              Oh che caro e dolceamor!

Ah Madame...

Tu pist anior. (scacciandolo) Perdonate, per pietà. (si sente suonar de’ tamburi) Ah, tartaifle.

Cosa è stato? Star battaglia, star soldato. Presto, presto, fia de qua. Ah non fate, per pietà. (I due Uomini gli tornano a bendare gli occhi, poi mostrano di condurlo via, e lo fanno passeggiare intorno la Scena, credendo egli di camminare per altro loco. Intanto gli altri tutti si spogliano delle finte divise, e restano coi soliti loro abiti, e intanto il Conte cammina e canta Povero Conte... Son sfortunato. Mi hanno bendato... - Mi han discacciato. Dove men vada - Per questa strada,


a quattro

MAD.

CON.

FABR.

CON.

MAD.

CAV.

CON.

MAD. CON. MAD. CON.

MAD. FABR.

CON.

CAV.MAN.

CON.

FABR. MAD. CAV. MAN


a due

a due

} }

}


Certo non so... - Sì, morirò. Già me l’aspetto - Che per dispetto, Perché ho parlato - Mezzo francese, Quella tedesca - Più non vedrò. Povero Conte... Sì, morirò. (Lo fermano, e gli levano la benda) Signor Conte, ben venuto. Dove son?

Bene arrivato. Quante miglia ho camminato? Siete stanco?

Poverino! Son tre ore che cammino. Non so dir come sia qua. Io di voi sento pietà. Ah, se il ver con me diceste... Dite su, cosa fareste? Io vi sposo, in verità.

Cor contento sempre star, E foler con ti cantar Ubsassà. Cos’è questa novità? (a Cavallina e Mantecca) Io mi sento giubilar, E foler con ti cantar Ubsassà. V’ho capito... - Son schernito. Insolenti, - Via di qua. Star contenti in allegria, De’ sposini in compagnia. Fol ballar e fol cantar Ubsassà



ATTO TERZO

SCENA PRIMA

Camera in casa di Donna Lucrezia.

Lucrezia ed Ippolito

IPP.                        È ver, da voi non merito

Né pietade, né amor. So che ho mancato,

E so che giustamente,

Or che torno da voi mesto e pentito,

Con estremo rigor sarò punito.
LUCR.                   Lo so perché temete. Alfin vedeste

Quale stima di voi facea Lindora.

Lo sdegno mio non è contento ancora.
IPP.                        Quando si placherà?

LUCR.                                                    Può darsi mai.

IPP.                        Deh! quei vezzosi rai

Volgete a me pietosi.
LUCR.                                                    Anima ingrata!

IPP.                        Mi promettete amor?

LUCR.                                                    No: son sdegnata.

SCENA SECONDA

Mantecca e detti.

MAN.                    Signora, il mio padron...

LUCR.                                                           Il tuo padrone

È un cavalier malnato.

L’ho deriso mai sempre, e non amato.
MAN.                    Mi manda il mio padron...

LUCR.                                                              Digli che impari

A trattar colle dame.
MAN.                                                      A dir mi manda...

LUCR.                   Vattene via di qua.

MAN.                                                 Come comanda. (in atto di partire)

IPP.                        Sentimi.

MAN.                                   Sì, signor.

IPP.                                                       Per parte mia

Di’ a madama Lindora ch’io mi pento

D’averla vagheggiata un sol momento.
MAN.                    Glielo dirò. (come sopra)

IPP.                                           T’arresta.

Dille che di Lucrezia


Il cuor vale un tesoro:

Che le fui sconoscente, e che or l’adoro.
MAN.                    Sarà servita. (come sopra)

LUCR.                                        Ascoltami.

Racconta al tuo padrone

Che sol per sua cagione

Con Ippolito mio sdegnata io sono,

Ma che scuso il suo fallo, e gli perdono.
IPP.                        (Oh amore! oh cortesia!)

Dille la gioia mia. (a Mantecca)
LUCR.                                               Narra all’indegno

Che in dolce amor si convertì lo sdegno.
MAN.                    Sì, sarete serviti,

Farò l’obbligo mio;

Ma voglio dire anch’io,

Con vostra permissione,

Quel che ha detto di dirvi il mio padrone.

Vanne, mi disse, o servo, Vanne dove sai tu. Dille... Mi son confuso: Non mi ricordo più. Ora... mi par... sì bene. Disse ch’è innamorato, Ma di chi poi non so. Di voi mi par di no. Dunque sarà di lei... Uh, mi bastonerei. Zitto, che mi sovviene; Me ne ricordo, affé. Disse ch’io vi dicessi Quel che di dir mi ha detto... Cervello maladetto, Non vuol più star con me. (parte)

SCENA TERZA Lucrezia ed Ippolito

LUCR.                   Non mi preme saper quel che dir voglia:

Bastami che voi siate

Ritornato ad amarmi.
IPP.                        Basta che voi seguiate a perdonarmi.

LUCR.                   Sì, vel dissi di cor.

IPP.                                                       L’affetto mio

Brama un più certo segno.
LUCR.                   Che vorreste da me?

IPP.                                                         La destra in pegno.

LUCR.                   La meritate voi?

IPP.                                                  No, non la merito;

Ma la spero però.


LUCR.                                               Su che fondaste

Questa vostra speranza?
IPP.                        Sul vostro cor, ch’ogni bel core avanza.

LUCR.                           Sì, mio bene, io ti perdono,

E ritorno al primo amor. Prendi pur la destra in dono, E alla destra unito il cor.

IPP.                                Idol mio, del tuo perdono

Mi fa degno il dio d’Amor. Corrisponda a un sì bel dono La mia destra ed il mio cor.

a due                              Cara destra, amabil core;

M’empie l’alma un dolce ardore: Fortunato il mio dolor. (partono)

SCENA QUARTA Cavallina e Fabrizio

FABR.                   Cavallina, che dite?

Dalla padrona vostra

Posso sperare amor?
CAV.                                                      Io non ci vedo

Certa difficoltà. Voi siete libero,

Libera è la padrona.

Io crederei di sì.
FABR.                   Quando crediamo noi verrà quel dì?

CAV.                     Oh questo, signor mio,

Non lo sapete voi, né lo so io.
FABR.                   Viver così non posso.

Parmi d’avere addosso

Centomila demoni; ogni momento

Per lei tremo e pavento. In questa guisa

Vivere più non so;

Un bel sì vuò sentire, od un bel no.

Di Tantalo le pene Non voglio più soffrir. Il sospirare un bene È cosa da morir. Di sì se mi dirà, Contento il cor sarà. Se mi dirà di no, Mi spiacerà moltissimo, Ma poi mi quieterò. (parte)

SCENA QUINTA


Cavallina, poi Mantecca

CAV.                     Questi è un uom che mi piace.

Pena, sospira e langue,

Ma non si scalda il sangue.

Spera d’amore il frutto,

Ma se invano lo spera, è pronto a tutto.
MAN.                    La padrona dov’è?

CAV.                                                    Sarà di là.

MAN.                    Ho delle novità.

CAV.                                               Ma in che proposito?

MAN.                    Donna Lucrezia ha fatto lo sproposito.

CAV.                     Che vuol dire?

MAN.                                            Ad Ippolito

Ha tutto perdonato;

E credo che oramai l’abbia sposato.
CAV.                     Per questo? Ha fatto mal?

MAN.                                                             Male, malissimo.

CAV.                     E perché?

MAN.                                     Il maritarsi

Mi dicono che sia

Un sproposito vero, e una pazzia.
CAV.                     Dunque il signor Mantecca

Non si vuol maritar.
MAN.                                                   Credo di no.

CAV.                     Possibile?

MAN.                                     Sicuro.

CAV.                                                  Eh via.

MAN.                                                             No certo.

CAV.                     E se io mi esibissi

Dargli la destra mia?
MAN.                                                      Prova, e vedrai.

CAV.                     Eccola.

MAN.                                Cosa fai?

CAV.                     Col più sincero affetto

Ti esibisco la destra.
MAN.                                                      Ed io l’accetto.

CAV.                                 Ah furbetto malizioso!

Mi volesti corbellar. No, la man non ti vuò dar. Sì, mio caro, a te la dono, Tu sei mio, di te già sono. Maritarsi è uno sproposito, Ma lo fa chi lo può far. (parte)

SCENA SESTA
Mantecca, poi Madama Lindora
MAN.                    Per dir la verità,


Io ne avea volontà più assai di lei,

Ma certi amici miei m’hanno insegnato,

Che quando dalla donna

Qualche cosa si vuò,

Principiare bisogna a dir di no.

MAD.                    Mantecca.

MAN.                                     Mia signora.

MAD.                    È egli ver, che Lucrezia

Si sposi con Ippolito?

MAN.                                                        Sicuro.

Anzi mi hanno ordinato Di dire a voi, ed al padrone ancora, Cento insolenze, e ve lo dico or ora.

MAD.                    Va tosto immantinente

A cercar il padron.

MAN.                                                   Subitamente. (parte)

SCENA SETTIMA Madama, poi il Conte

MAD.                    Mi aspetto che Lucrezia

Col caro sposo unita

Pensi venire, e rinfacciarmi ardita.

Dirà: «Con cento amanti,

Che sospiran per lei la notte e il dì,

Io son sposata, e madamina è lì».

Sia per amore o brio,

Vuò maritarmi anch’io, e per avere

Un marito discreto

Come che piace a me,

Meglio del conte Chicchera non c’è.

Eccolo: vuò sposarlo,

Ma non vogl’io pregarlo.

Voglio star su le mie, ma come va;

E lo vuò consolar per carità.
CON.                     Madame, vostre valè. (sostenuto)

MAD.                    Molto grave, signor.

CON.                                                      Je suis fachè.

MAD.                    Fate voi lo sdegnato,

E l’offesa son io.
CON.                                                  Bene obbligato. (come sopra)

MAD.                    Andare a mio dispetto

Lucrezia a vagheggiar?

Una mia pari

Si ha da trattar così?
CON.                     Uì, vous avè raison. (come sopra)

MAD.                    Scherzar, parlar d’amori

Fin colla mia fantesca;

E poi colla tedesca...
CON.                                                         Ah, ah, ah.


(Ridendo e passeggiando)

Uì, madame Ubsassà.
MAD.                    (Che tu sia maledetto!

Non si vede piegar). Pazienza! ingrato,

Tanto amor che ho per lui,

E mi tratta così? (Conte si ferma)

Tre volte in un sol dì

Mi ha mancato di fede;

O non sa quant’io l’ami, o non lo crede.
CON.                     Madama, perdonate.

Voi mi rimproverate, ed io non parlo.
MAD.                    Ed io seguito ancora ad adorarlo.

CON.                     Ma voi cosa faceste

Con colui di Fabrizio?
MAD.                    Donne senza giudizio. (passeggiando)

CON.                     Voi mi avete schernito

Con troppa crudeltà.
MAD.                                                      Sì, sì, ho capito. (come sopra)

CON.                     Per rabbia e per dolore

Ho fallato, lo so.
MAD.                                                 Che bell’amore! (come sopra)

CON.                     E poi quella tedesca...

MAD.                                                        Ah, ah, ah. (ridendo e passeggiando)

Uì, monsieur Ubsassà.
CON.                     (Ah, se fosse pentita,

Io le perdonerei). Via, Madamina;

Delicieuse, chermante,

Pitiè, pitiè de moi.
MAD.                                                   Non siete degno. (Irata)

CON.                     Chi non cura l’amor, provi lo sdegno.

MAD.                            Mio signor, non tanto foco:

Si contenti a poco a poco,

Che si calmi il mio dolor.
CON.                             Troppo caldo, mia signora,

Pensi ben che lei ancora

Innocente non ha il cor.
MAD.                            Vuol che a lei mi getti al piede?

CON.                             Vuol che a lei chieda mercede?

a due                              Nol consente il proprio onor.

MAD.                            Vada pur.

CON.                                             La riverisco.

MAD.                            Non intendo...

CON.                                                    Non capisco...

a due                              Di che pasta sia quel cor.

MAD.                            Il mio core è troppo buono.

CON.                             Troppo amante ancor io sono.

MAD.                            Ah crudele!

CON.                                               Ahimè, spietata!

a due                              Io mi sento dal tormento

Palpitare in seno il cor.
CON.                             Madamina.

MAD.                                               Bel Contino.


CON.

MAD.

a due

CON.

MAD.

CON.

MAD.

CON.

MAD.

a due


Poverina!

Poverino! Che vi ha fatto il dio d’Amor? Mi ha ferito.

Mi ha piagato. Qui nel seno.

In questo lato. Oh che pena!

Oh che dolor!

Chi ci ha ferito Dunque ci sani, Stringa le mani, Stringaci il cor. Splenda d’amore La chiara face. Viva la pace, Viva l’amor.



} adue } adue

FABR.

MAD.

FABR. CON. FABR. CAV.

MAN.

FABR.

CON. MAD. CAV.MAN.


SCENA ULTIMA

Fabrizio, Cavallina, Mantecca e detti.

Madama, io son venuto,

Ardito e risoluto,

Per sapere da voi sinceramente,

Se volete esser mia sicuramente.

Oh sì, signor Fabrizio,

Siete venuto in tempo.

Via, mostratevi pur sereno in fronte,

Che in questo punto mi ho sposata al Conte.

Davvero?

Uì, monsieur. Ah donne, donne, io non vi credo più. Ed io mi son sposata Col mio caro Mantecca.

E con Ippolito Si è sposata Lucrezia.

Ah sì, pazienza. Povero disgraziato! io resto senza.

TUTTI

Non si lagni del destino

Chi contento il cuor non ha.

Che se adesso egli è meschino,

Più felice un dì sarà. Provo in petto un bel diletto

Per la mia felicità. Che contento - ch’io mi sento!

Che piacere amor mi dà!


TUTTI

Non si lagni del destino Chi contento il cor non ha. Che se adesso egli è meschino, Più felice un dì sarà.

Fine del Dramma.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno