Il conte di Posillipo

Stampa questo copione

Il conte di Posillipo

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

25/08/2003

Personaggi:   12

Salvatore Accapocchia                                    

papà Gennaro                                         

Rosaria Accapocchia                     

Massimo                                      

Lucio Chitebbivo                         

il Conte Vincenzo Peruto             

Palma Da Dattero                        

la dottoressa Michela Accuccia                        

il dottor Sandro Offame               

il cameriere Ringo Glionito

la baronessa Luna Menodieci

l’attrice Eva Fammok    

Napoli, villa di due piani del conte di Posillipo. Quest’ultimo abita al secondo piano, mentre ha fittato il primo piano a Salvatore Accapocchia, umile falegname col sogno di essere di sangue blu. Il principe è oberato di debiti e per distogliere l’attenzione dei creditori dalla propria persona, decide di “prestare” il proprio titolo a Salvatore. Effettivamente riesce a destabilizzare i creditori, ma così facendo destabilizza anche il dottor Sandro Offame e la dottoressa Michela Accuccia, medici che sperimentano medicine per le più importanti aziende farmaceutiche de mondo. Sandro ha scoperto un farmaco capace di alterare gli umori dei depressi e di curarne la depressione. Credendo che Salvatore sia il conte di Posillipo e dunque colui che finanzia le loro ricerche, decide di lasciare a lui quel prodotto misterioso. Salvatore non resiste alla curiosità e finisce per voler scoprire di cosa si tratta. Purtroppo anche i suoi familiari (all’insaputa di lui) ne scoprono gli effetti. Ma non sono positivi. Il faraco si rivela una specie di droga che cambia letteralemte la personalità della gente. E ne succedono di tutti i colori!

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

Napoli, salone di un appartamento al primo piano in una villa di due piani. La stanza è così composta: entrata comune al centro, a sinistra il bagno e tutte le altre stanze, e a destra la cucina. In mezzo c’è un tavolo con quattro sedie, sulla sinistra un divanetto. A destra un appendiabiti. Quadri alle pareti, una credenza, un tavolino con cordless.

ATTO PRIMO

1. [Rosaria e Salvatore]

                   Rosaria sta spazzando a terra. Ogni tanto sbuffa.

Rosaria:    Mamma mia, comme me sfastidio ‘e pulezzà sempe. ‘Sta casa è gigantesca. 

                   Ecco qua. Finalmente aggio fernuto chesta stanza. (Si porta all’estrema destra

                   ed osserva il pavimento) Bene, nun ce sta manco ‘nu pilo ‘nterra. Quanno

                   stongo io sola, è meglio. E mò guai a chi sporca pe’ terra!

                   Dalla comune al centro entra Salvatore Accapocchia in jeans, camicia e giacca.

Salvatore: Uhé, Rosà, io so’ turnato... (E posa la giacca all’appendiabiti)

Rosaria:    (Seccata) Ah, Salvatò, si’ tu? E comme va, oggie si’ turnato cchiù ambresso?

Salvatore: Eh, Rosà, il lavoro è poco. C’è crisi. (Va da lei)

Rosaria:    No, nun te mòvere!

Salvatore: (Si blocca di colpo) Ch’è stato?

Rosaria:    Nun accummincià a cammenà p’’a casa. Mommò aggio lavato.

Salvatore: E vabbuò, ma mica me pozzo sta’ tutta ‘a jurnata fora ‘a porta?

Rosaria:    Ma dico io, Salvatò, nun ce putimme piglià ‘na casarella cchiù piccerella? Che

                   ce n’amma fa’ ‘e sei stanze? Nuje simme quatte. E ce sta pure ‘nu bagno sulo.  

Salvatore: Ma comme? Noi abitiamo da vent’anni al primo piano della villa del conte di

                   Posillipo, che sta ‘o piano ‘e coppa. Sì, è ‘na casa scarrubbata, però il conte è

                   mio amico, accussì se piglia sulo treciento Euro ‘e fitto ‘o mese. E’ un affare!

Rosaria:    E già, però ccà ddinto po’ aggia pulezzà io.

Salvatore: Sì, però ‘o conte te vuleva da’ ‘a donna d’’e ppulizie. Tu nun l’he’ vuluta.

Rosaria:    Salvatò, io nun voglio nisciunu piacere d’’o conte. A me chillu tizio me fa ‘na

                   certa impressione. Me pare ‘nu rattuso!

Salvatore: Ma che staje dicenno? Chillo è ‘na perzona accussì perbene. E ppo’ biato a isso.

                   Vulésse essere pur’io conte.

Rosaria:    Siente, nun penzà a ‘sti scimmità. Chiuttosto, Massimo nun steva cu’ te?

Salvatore: Sta facenno ‘nu lavoro pe’ ‘na cliente. E sapìsse comm’era bo… (Si stoppa)

Rosaria:    Comm’era?

Salvatore: Era bo…lognese! Di Bologna! E papà, invece? Addò sta?

Rosaria:    Starrà in giro a ffa’ conquiste. Chillo, all’età soja, è ancora ‘nu playboy!

Salvatore: Ma qua’ playboy? Chillo è ‘nu playviecchio! Picciò s’ha da calmà ‘nu poco!

Rosaria:    Ma chillu puveriello è rimasto vedovo. E allora, ha perdere ‘o ppoco ‘e tiempo?  

Salvatore: E vabbuò, lass’’o sta’! Io vaco ‘int’’o bagno. M’aggia lavà ‘nu poco, che sto’

                   spuorco ‘e fatica. Rosà, ma tu ti immagini? Io, il conte Salvatore Accapocchia e

                   tu la contessa Rosaria Accapocchia. Suona pure bene: i conti Accapocchia!

                   Va a sinistra in bagno.  

Rosaria:    (Sognante) E già, isso ‘o conte e io ‘a contessa! (Si ridesta) Uh, ma sta jenno

                   ‘int’’o bagno? Ma io aggio passato ‘a cera pe’ terra. L’aggia fermà! Salvatòòò!

                   E lo rincorre a sinistra.

 

2. [Massimo e Lucio Chitebbivo. Poi Gennaro]

                   Dalla comune (al centro) entra Massimo (vestito in salopette) piuttosto seccato.

Massimo:  Ma vide tu ‘nu poco. Io me penzavo che se puteva fa’ coccosa cu’ chella bella

                   cliente, e invece essa nun ha vulùto fa’ carte. Cose ‘e pazze overamente!

                   Dalla comune entra Lucio, amico di Massimo, tossicodipendente. E’ confuso.

Lucio:        Buongiorno a tutti! (Gli si avvicina camminando male)

Massimo:  Uhé, carissimo Lucio! (Lo osserva bene) Ma... ma… tu staje fatto ‘n’ata vota?

Lucio:       No, chi, io?

Massimo:  E nun se vede? Ma ‘a vuo’ fernì, sì o no?

Lucio:       Massimo, “Peace and love”*!                                               *(dall’inglese. Leggi: Pis e lov)

Massimo:  Comme?

Lucio:       Peace and love!

Massimo:  Ma che staje dicenno? Nun te capisco.

Lucio:       Ho detto “Peace and love”. In inglese vo’ dicere: pace e amore!

Massimo:  Ma che pace e amore? Tu l’he’ fernì ‘e te piglià chella porcheria! Una volta pure

                  io lo facevo. Però ho detto basta, e mò sto’ faticanno cu’ papà ‘int’’a puteca soja.

Lucio:       (Ha le allucinazioni) E chi è chella signurina che sta vicino a te! Comm’è bona!

Massimo:  (Si guarda intorno) Quala signurina bona?

Lucio:       E nun ‘o vide pure a chill’ippopotamo cu’ ‘o frac? (Indica a destra)

Massimo:  (Si guarda intorno) ‘N’ippopotamo cu’ ‘o frac?

Lucio:       (Guarda in alto) E ‘o canarino che porta ‘o Gippone?

Massimo:  (Guarda pure lui in alto) Addò sta? Vabbuò, aggio capito, tiene ‘e vvisione.

Lucio:       Ma io nun so’ stunato. Io sono solo Confucio!

Massimo:  E io so’ Maometto! Si dice confuso. Uhé, jesce ‘int’’o bagno, vatte a sciacquà

                   subito ‘a faccia.

Lucio:       (Continua con le allucinazioni) Uh, ‘nu struzzo cu’ ‘o piggiama...!

Massimo:  E gghiamme bello, jamme...

                   L’afferra per il braccio e se lo tira via a sinistra. Dalla comune entra Gennaro.

Gennaro:  Mannaggia, che peccato! Aggio quase rimorchiato a ‘na femmena, però nun ce

                   so’ riuscito. Teneva trìdice anne. Chi sa pecché m’ha rifiutato?!  

                  Ma da sinistra torna Lucio.

Lucio:       Ma io nun m’’a voglio lavà ‘a faccia. L’acqua me fa schifo!

Gennaro:  E tu chi si’?

Lucio:       ‘On Gennà, so’ Lucio. Peace and love!

Gennaro:  Comme?

Lucio:        Peace and love!

Gennaro:  Aggia pesà ll’ove?

Lucio:       No, pace e amore. E in virtù della pace e dell’amore, tenìsseve ‘na moneta?

Gennaro:  Guagliò, vattenne mommò, o si no te faccio vedé io “pace e amore”!

                   Torna Massimo.

Massimo:  Addò sta? Addò sta? (Nota Lucio e va da lui) Ah, staje lloco?

Gennaro:  Uhé, Massimo. Che ha cumbinato, chisto?

Massimo:  Niente. Ha da ì ‘int’’o bagno. o si no ‘o spezzo ‘e ccosce! Jammuncenne, Lucio.

Lucio:       Uh, ‘on Gennà, ‘na femmena annùda vicino a vuje!

Massimo:  E gghiamme, jamme!                   Lo tira via a sinistra. Intanto Gennaro si guarda intorno.

Gennaro:  ‘Na femmena annùda? Ma che se fumma, chillo? Mah! (Prende il cordless,  

                   digita un numero, si guarda intorno, poi…) Pronto, Betty! Sono il tuo Gennaro.

                   Allora, baby, usciamo insieme sabato sera? Come dici? Sei ancora minorenne?

                   E quando diventi maggiorenne? Domenica? E allora usciamo domenica! Pronto!

                   Pronto! M’ha attaccato ‘o telefono ‘nfaccia. Ma chi ‘e capisce, ‘sti femmene! E’

                   meglio che me vaco a ffa’ ‘na bella birra, va’!

                   Posa il cordless, poi esce via a destra.

3. [Salvatore, Lucio e Massimo. Poi Rosaria]

                   Dal bagno (a sinistra) tornano Massimo, Lucio e Salvatore (molto arrabbiato).

Salvatore: Ma inzomma, nun abbasta ca uno va ‘int’’o bagno e rischia ‘e sciulià ‘ncoppa ‘a

                   cera che ha passato muglierema. No, ha da trasì pure chist’ato. E tu chi si’, mò?

Lucio:        Io sono Lucio.

Salvatore: Lucio che?

Lucio:        Chitebbivo!

Salvatore: Uhé, ma chi t’è vvivo* a te! He’ capì? E comme te permiette?           *(si legge bbivo)

Massimo:  Papà, ma chillo è ‘o cugnomme suojo. Guardalo bene, non te lo ricordi? Lui è il

                   figlio del tuo amico avvocato: Lucio. Io e lui ci conosciamo dalle elementari. 

Salvatore: Ah, e io nun l’’eva riconosciuto.  

Lucio:        ‘On Salvatò, “Peace and love”!

Salvatore: Comme?

Lucio:        “Peace and love”!

Salvatore: Uhé, “pisellone” a me?! E comme te permiétte?

Massimo:  Ma no, papà, chillo ha ditto ‘na frase in inglese che vvo’ dicere “Pace e amore”.

Lucio:        (Ha le allucinazioni) ‘On Salvatò, bello e buono site addiventato ‘nu scimpanzé!  

Salvatore: A me? (Si arrabbia) Néh, chi t’è vvivo!

Lucio:        Appunto, io me chiamme Chitebbivo.

Salvatore: No, io te sto’ dicenno proprio: chi t’è vvivo!

Massimo:  Papà, non ti arrabbiare. Quello tiene le allucinazioni per mezzo della droga.

Salvatore: Ah, e non si fa. La droga è letame! Guarde che faccia ‘e scemo te fa’ fa’!

Lucio:        Non offendiamo. Io non sono stonato. Vedo solo le cose contorte!

Salvatore: Ah, he’ capì, Massimo? Ha ditto che vede ‘e ttorte!

Massimo:  Ma no. Vabbé, basta, Lucio. Adesso ti riporto al centro a disintossicarti.

Lucio:        No, ma io lloco nun ce voglio ì cchiù. Me pare ‘e sta’ carcerato.

Salvatore: Eh, e tu ‘int’a ‘nu carcere ‘issa sta’!

Massimo:  Siente, papà, io accumpagno ‘nu mumento a chisto. Ce vedimme aroppo.

Salvatore: Va’, va’, puortatillo!

Lucio:        (Ha le allucinazioni) Uh, ‘on Salvatò, so’ accumparùte ‘e ccorne ‘ncapa a vuje!

Massimo:  E gghiamme bello...

                   Lo prende per il braccio e i due escono. Salvatore si tocca la fronte.

Salvatore: Mò me fa fissà, ‘stu disgraziato! (E continua a toccarsi)

                   Da sinistra torna Rosaria.

Rosaria:    Salvatò!  

Salvatore: Néh, ma ch’è stato?

Rosaria:    Disgraziato, si’ trasuto ‘int’’o bagno. Io aggio passato ‘a cera pe’ terra.

Salvatore: Rosà, ma inzomma, io tengo ‘o diritto ‘e ì ‘int’’o bagno? Oppure aggia ì a ffa’ ‘e

                   bisogni in giardino?

Rosaria:    Ma io stongo pulezzanno.

Salvatore: E nun esaggeramme. Chesta nun è ‘a Reggia ‘e Caserta. E’ ‘a casa nosta.

Rosaria:    E allora accuoncie ‘a porta d’’o bagno. Bell’e buono s’aràpe.

Salvatore: E già, he’ raggione. Chesto succede quanno tassiétte ‘ncoppa ‘o gabinetto.

Rosaria:    Forse sarrà cocche falso contatto!

Salvatore: Sì, aroppo ‘a ‘cconcio. Mò però me vaco a ffa’ ‘na tazzulella ‘e café.

                   Salvatore, sbuffando, esce a destra.

Rosaria:    Mò aggia pulezzà pure fora ‘o barcone. E comme me scoccio ‘e fa’ ‘a casalinga!

                   Esce via a sinistra.

4. [Il conte Vincenzo Peruto e Salvatore. Poi Palma Da Dattero, Gennaro e Lucio]

                   Dalla comune (al centro) entra il conte di Posillipo, Vincenzo Peruto.

Vincenzo:  Ma guarda questi come mi hanno ridotto la casa. E non fa nulla. I signori

                    Accapocchia sono brava gente. Salvatore, poi, dice sempre che vorrebbe essere

                    conte. Mi sa che devo proprio accontentarlo! Farei impazzire i miei creditori.

                    Si siede al tavolo e resta in attesa. Da destra torna Salvatore.

Salvatore: Ah, che bellu café me stongo priparann… (Nota Vincenzo) Uhé, carissimo conte

                    di Posillipo. (Gli si avvicina) Come va, tutto bene? 

Vincenzo:  (Si alza in piedi) Oh, don Salvatore amabile. A me tutto bene. E a voi?

Salvatore: Eh, se fatica sempe. Ma accomodatevi, che ci facciamo in piedi?

Vincenzo:  Grazie.

                   I due si siedono al tavolo.

Salvatore: E allora, come mai da queste parti? Uh, che scemo che sso’. Aggia pavà l’affitto.

Vincenzo:  No, lasciate stare, mi pagate un’altra volta. Voi potete pagarmi quando volete.

Salvatore: E io vi ringrazio. E allora in che cosa vi posso essere utile?

Vincenzo:  Niente. Intanto io direi, visto che ci conosciamo da vent’anni, di darci del tu. 

Salvatore: (Sorpreso) No… io dò del tu a te? Ma non mi permetterei mai!

Vincenzo:  E invece permettetevi. Anzi, Salvatore, permettiti.

Salvatore: (Emozionato) Mamma mia, io che dò del tu al conte di Posillipo. E abito pure in

                   una delle sue case.Anze, si me vuo’ da’ pure ‘a casa toja ‘o piano ‘e coppa…!

Vincenzo:  Ti piace la mia casa al piano di sopra? Prendila!

Salvatore: No, Vicié, ma io steve pazzianno.

Vincenzo:  Io invece non scherzavo! Ed ora dimmi una cosa: dove vai in vacanza, in estate?

Salvatore: Io vaco ‘o mare ‘o Lido Marrone!

Vincenzo:  ‘O lido Marrone? E pecché se chiamma accussì?

Salvatore: Pecché è ‘nu lido ‘e m…!

Vincenzo:  (Interrompe) Ho capito! No, non mi piace. Tu devi andare a Capri e a Positano!

Salvatore: (Sorpreso) Ma chi? Io?

Vincenzo:  Certo. Io ho due ville, là. Ti dò una copia delle chiavi e tu ci vai quando vuoi.

Salvatore: Ua’, ma tu he’ capito? Io stongo pe’ passà d’’o lido Marrone a ‘na casa a Capri o

                   a Positano! No, Vicié, ma io nun pozzo accettà tutto chesto.

Vincenzo:  E invece devi, se no mi offendo.

Salvatore: Beh, si te fa piacere. (Si alza in piedi) Uh, nun t’aggio offerto ancora niente.

Vincenzo: Vabbé, non c’è problema. Fammi solo una tazzina di caffè. (Si alza pure lui)

                  Anzi, ti accompagno, così parliamo ancora. Dunque, la mia villa di Positano…!

                  Vanno a destra. Dal centro entra Palma, cuoca del conte, una matta erotomane.

Palma:      Ma addò sta, ‘o conte? Nun m’ha ditto che ll’aggia cucenà. Speriamo che voglia  

                  l’aragosta, così dopo mangiato, come sempre, ci ritroviamo nel suo leggendario

                  talamo. E già, io quando sento la parola “aragosta”, perdo la ragione! Forse sarà

                  una parola afrodisiaca! (Si calma) Basta così, devo fare finta di essere normale!  

                  Io sono uscita da poco dal manicomio, va a finire che ci torno di nuovo!             

                  Dalla cucina (a destra), torna Gennaro, che sta rispondendo a Salvatore.

Gennaro:  No, Salvatò, nun me piace ‘o ccafé che ffaje tu. Sape ‘e straccio pe’ lavà ‘nterra!

                  (Nota Palma) ‘Na femmena? Ora mi butto! Ehm… prego, prego.

Palma:      Oh, salve. Io sto cercando il conte di Posillipo. Sta qua?

Gennaro:  Sì, sta parlanno cu’ mio figlio ‘int’’a cucina. A proposito, ma tu chi si’?

Palma:      Io mi chiamo Palma Da Dattero.  

Gennaro:  E io sono Gennaro. E come mai state cercando il conte?

Palma:      Perché io sono la sua cuoca.

Gennaro:  Veramente? Come mi piacerebbe avere una cuoca! Io sono una buona forchetta!

Palma:      Davvero?

Gennaro:  Sì, però vulésse assaggià ‘na cosa che nun m’aggio maje magnato: l’aragosta!

Palma:      (Sente la parola e cambia espressione del viso) Scusate, come avete detto?

Gennaro:  Aggio ditto che me piacesse ‘e assaggià l’aragosta.

Palma:      (Sexy) Ma allora ho sentito bene... (Gli si avvicina) Avete detto proprio aragosta!

Gennaro:  (Imbarazzato) Ma pecché, che tene l’aragosta? E pecché me guardate accussì?

Palma:      (Provocante) Gennaro, diamoci del tu. Sei pronto per un’avventura eccitante?

Gennaro:  Ma che d’è? Che he’ passato, bell’e bbuono?

Palma:      Lo sai? A me l’aragosta mi fa perdere la testa! Mi fa sentire come una drogata!

                  E dalla comune entra il solito Lucio barcollante. Al sentirlo, Palma si calma.

Lucio:       Ehilà, salve a tutti!

Gennaro:  ‘N’ata vota ccà sta chisto?

Lucio:       ‘On Gennà, “Peace and Love”!

Gennaro:  Guagliò, dimme ‘a verità, ma tu stai fatto?

Lucio:       Io? Me puòzzene cecà! (Ha le allucinazioni) E chi è ‘stu signore vicino a vuje?

Palma:      Uhé, qua’ signore? Io so’ ‘na femmena.

Lucio:       No, ma io nun dicevo a te. Dicevo a chillu signore che sta vicino a ‘on Gennaro.

Gennaro:  (Si guarda intorno) Uhé, uhé, addò sta?

Lucio:       (Poi guarda verso Gennaro) Uh, ti posso dare un bacio?

Gennaro:  A me me vuò da’ ‘nu vaso?

Lucio:       No, ma no a vuje, a chella signurina che sta areto a vuje!

Gen-Pal:   (Si guardano intorno) Addò sta?

Lucio:       (Guarda a terra a sé) E nun me dicite che nun vedite chest’acqua ccà ‘nterra! 

Gennaro:  Uh, ma chesta ce sta overamente. E che d’è st’acqua?

Palma:      E chi ‘o ssape?

Lucio:       Sta pure ‘nmiezo ‘e scale. L’aggio vista ‘e scennere d’’o piano ‘e coppa!

Palma:      (Spaventata) Oddio, m’aggio scurdata ‘a funtana aperta ‘int’’a cucina.  

Gennaro:  Mannaggia ‘a capa toja, che hé cumbinato?

Palma:      Aggia ì subito ‘ncoppa a vedé. Uhé, a tutt’e dduje, venite mommò cu’ me.

Lucio:       Ma io aggia ì ‘o cinema cu’ ‘o coccodrillo!

Gennaro: E manch’io pozzo venì. Me fa male ‘o pede... tengo l’alluce valido!

Palma:     No, nun me ne ‘mporta niente, vuje m’avita aiutà... Ja’, venite! Forza.

                 Li prende sottobraccio e esce con loro (che sbuffano scontenti).

5. [Sandro e Michela. Poi Rosaria]

                 Poco dopo, in casa entrano Sandro e Michela, ricercatori scientifici (ben vestiti).

Sandro:   Eccoci qua, Michela. Questa è la casa del conte, il nostro benefattore.

Michela:  Infatti. Grazie ai fondi che ci dona lui, possiamo fare il nostro lavoro.

Sandro:   Le ricerche scientifiche fatte da me, il dottor Sandro Offame. E sì, pure da te!

Michela:  (Eh, grazie tante!). Però chi sa com’è fatto? Noi non lo abbiamo mai visto in viso.

Sandro:   E certo. Lui, da persona umile qual è, ci manda sempre i soldi tramite un notaio.

Michela:  E poi conosciamo solo il suo appellativo: conte di Posillipo. E nient’altro.

Sandro:   Beh, adesso dobbiamo trovarlo e mostrargli il frutto del nostro lavoro.

Michela:  E già. Ma dove lo cerchiamo?

                 Da sinistra riecco Rosaria. Dubbiosa.

Rosaria:  E mò jamme a cucenà. Però tengo un dubbio: ma ‘int’’a sarza se mette ‘o strutto?

Sandro:   Ehm… gentile signora, buonasera.

Rosaria:  (Incuriosita) Buonasera.

Michela:  Scusateci per l’intrusione a quest’ora.

Rosaria:  Ma prego! Volete favorire con noi? Sto per cucinare spaghetti coi maccheroni.

Michela:  No, grazie. Siamo qui di passaggio. E con chi abbiamo l’onore di parlare?

Rosaria:  Rosaria Accapocchia.

Sandro:   Piacere, dottor Offame.

Rosaria:  Come?

Sandro:   Offame.

Rosaria:  Tenite famme? E cu’ tutto ‘o core, ma io aggia cucenà già pe’ quatte perzone!

Sandro:   No, Offame è il mio cognome. Io sono Sandro Offame, dottore in chimica

                 sperimentale, nonché scienziato presso i laboratori di Napoli e Roma.

Rosaria:  (Sorpresa) ‘A faccia! No, cioè... complimenti! E la signora, invece, che cos’è?

Michela:  Io sono la dottoressa Michela Accuccia, la sua assistente.

Rosaria:  La sua assistente? Cioè, nun facite niente? Assistite ‘o duttore comme fatica?

Michela:  No, signora, io non assisto nel senso di guardare, ma nel senso di aiutare.

Sandro:   E dunque, signora, io e la mia collega stiamo cercando una persona.

Rosaria:  Una persona qua dentro? Scusate, ma qua dentro non ci sono persone!

Sandro:   E che ce stanne, ll’animale?

Rosaria:  No, ce stamme nuje!

Michela:  E non c’è il conte di Posillipo? Sappiamo che abita qui e vorremmo salutarlo.

Rosaria:  Ah, no, nun sta ‘e casa ccà. Ate sbagliato. Chillo sta ‘o piano ‘e coppa.

Michela:  Ah, ecco. Sapete com’è, è la prima volta che ci veniamo.

Sandro:   E già. Noi non lo conosciamo di viso. Va bene, Michela, allora andiamo?

Michela:  Sì, certo. Signora, scusateci ancora per il disturbo.

Rosaria:  No, ma ve pare? Anze, primma ‘e ve ne ì, ve pozz’offrì coccosa? 

Sandro:   No, grazie, abbiamo fretta. Tante belle cose, signora. Arrivederci!

                 I due salutano e vanno via in fretta. Rosaria è un po’ sorpresa.

Rosaria:  E ‘a do’ so’ asciute, chilli duje? Boh! (Sente un odore dalla cucina) A proposito,

                 sento addore d’’o ccafé! Mò m’’o piglio pure io. Prima di cena, fa sempre bene!

                   Ed esce via  a destra.

6. [Salvatore e Vincenzo. Poi Rosaria e Mina. Infine Massimo]

                   Dalla comune entra Massimo arrabbiato.                 

Massimo:  Mannaggia a Lucio. M’ha fatto fesso! Se n’è fujuto, e chi sa mò addò sta. Tengo

                   ‘o suspetto ch’è turnato ‘n’ata vota ccà e mò sta ‘int’’o bagno. ‘Stu passaguaje!

                   Corre a sinistra. Da destra riecco Salvatore e Vincenzo con due tazzine di caffè.

Salvatore: Allora, Vicié, he’ visto che bellu ccafé t’aggio fatto? (Si accomoda al tavolo)

Vincenzo:  Sì, Salvatò. (Si siede al tavolo) Però sape ‘nu poco ‘e straccio pe’ lavà ‘nterra!

Salvatore: (Perplesso) E vabbuò, se vede che tiene ‘a stessa vocca ‘e mio padre! (E beve)

Vincenzo:  (Finisce il suo caffè) E allora, Salvatò, siamo d’accordo: io ti presto tutte le mie

                   cose. A proposito, ti piacerebbe essere conte? E’ ancora un tuo pallino?

Salvatore: No, è un mio pallone! Però è solo un sogno così, tanto per provare!

Vincenzo:  E allora, da questo momento, vorresti diventare il conte di Posillipo?

Salvatore: (Ride) Ma vuo’ pazzià? Aggio capito, te si’ miso d’accordo cu’ mia moglie!

Vincenzo:  No, io sto dicendo sul serio. Voglio darti il mio titolo. Te lo assegno in eredità.

Salvatore: Ma per essere conte, bisogna tenere il sangue blu.                 

Vincenzo:  E perché, secondo te io ce l’ho?

Salvatore: Però tu, ‘na vota, te facìste male, e io, pe’ terra, truvaje cierti mmacchie blu!

Vincenzo: Ma chillo era l’inchiostro d’’a penna che s’era scassata! Insomma, basta, prenditi  

                   il mio titolo. Facci quello che vuoi. E se ti trovi bene, io te lo ufficializzo.

Salvatore: (Emozionato) Mamma mia, Vicié... ma tu overamente staje dicenno?

Vincenzo:  Giuro sul mio onore. E ti raccomando, vai alle feste di tutti i nobili di Napoli.

Salvatore: Aspié, ma chille po’ se n’accòrgene che nun songo ‘o conte ‘e Posillipo, cioè tu!

Vincenzo:  Ma no, io a Napoli conosco pochissima gente. Tu lo sai, io vivo quasi sempre a

                   Ginevra. Vado lì per sfuggire ai miei creditor... ehm... cioè, perché si sta bene!

Salvatore: Aggio capito. Sì, però io nun me veco capace ‘e fa’ ‘o conte. Ma comme se fa?

Vincenzo:  Beh, occorrono tre cose essenziali: astuzia, superbia e devi essere un donnaiolo.

Salvatore: Un donnaiolo? E che ce dico a mia moglie?

Vincenzo:  Nulla. Intanto, lei e tuo figlio possono farsi chiamare col tuo stesso titolo: conte!

                   Fuori alla tua porta, ho già messo il cartello con su scritto: “Il conte di Posillipo.

Salvatore: Pure? Allora m’aggia abbituà, pecché io aggio sempe fatto ‘o mastrascio!

Vincenzo:  Ah, a proposito, da domani, qua, verranno a lavorare la mia cuoca Palma e il

                   mio cameriere Ringo. Te li regalo per un po’. Stai tranquillo, li pago sempre io!

Salvatore: Vicié, nun me da’ niente cchiù. M’è venuto ‘nu malo ‘e panza, a furia ‘e te sentì!

Vincenzo:  Aspetta, non ho finito. Sali in casa mia e prenditi i miei vestiti. Sono di Armani.

Salvatore: Ah, e ‘stu Armando nun dice niente?

Vincenzo:  Ma qua’ Armando? Armani, lo stilista. Ed ora vieni con me. Andiamo in garage.

Salvatore: A ffa’ che?

Vincenzo:  A vedere la mia Porsche che da ora è tua. Getta via la tua scassarola.

Salvatore: Pure ‘a machina? Siente, Vicié, io te ringrazio. Tu m’he’ regalato ‘nu suonno!

Vincenzo:  (Eh, ancora he’ ‘a vedé!...). (Si alza in piedi) Dai, alzati, vieni e non parlare più!

                   Salvatore esegue, così escono di casa. Da sinistra torna Massimo preoccupato.

Massimo:  Mannaggia ‘a morte, nun ce sta. Ma io ‘o ssaccio che chillo sta ccà ddinto...

                   Da destra torna Rosaria. Beve un caffè, ma fa una pessima faccia.

Rosaria:    ‘E chi schifo ‘e cafè ha fatto Salvatore. Sape ‘e straccio pe’ lavà ‘nterra!

Massimo:  Uhé, mammà. (E si deterge il sudore)   

Rosaria:   Cià, Massimo. Ma che d’è, tu me pare che he’ fatto ‘e ciente metre!

Massimo: Chi? Io? Ehm... no, m’aggio fatto ‘na corzetella pe’ venì ccà. Nun te prioccupà. 

                  E mò nun me dicere niente. Aggia cercà a Lucio.

Rosaria:   Ma pecché, sta ancora ccà ddinto?

Massimo: No. Ccà ddinto? Pe’ carità! Io vulévo dicere che ll’aggia telefonà.  

Rosaria:   Ah, ecco. E va’, va’, a mammà.

Massimo: Sì, mò vaco. A proposito, ma nun se magna?

Rosaria:   E certamente. Tra ‘na mez’ora è pronto.

Massimo: E io veco che tu he’ priparato ‘o ccafé.

Rosaria:   Tuo padre l’ha preparato per il conte di Posillipo. Quanto ‘o schifo, a chillo!  

Massimo: E pecché? Chillo è accussì gentile, accussì ricco, accussì chino ‘e femmene…

Rosaria:   Accussì rattuso! E pe’ chesto, me metto appaura pe’ papà.

Massimo: Te miette appaura che ppo’ ffa’ ‘o rattuso cu’ papà?

Rosaria:   Massimo, ma che ddice? Io me metto appaura che po’ influenzà a pàteto a ffa’ ‘e

                  stesse cose che fa isso. E tuo padre nun è difficile ‘a influenzà!

Massimo: Vabbuò, ma chillo papà è ‘na perzona seria. E ppo’ è adulto.     

Rosaria:   Sì, sì, vabbuò, è adulto! E’ meglio che te ne vaje a cercà a Lucio! 

Massimo: Ah, già, me stevo scurdanno. Mammà, se vedi a Lucio, bloccalo! Va bene?

Rosaria:   Pe’ carità. Al massimo te faccio ‘nu fischio e te chiamo!

Massimo: Va bene. Io vaco, allora.

                  Corre via di casa. Rosaria lascia la tazzina vuota sul tavolo.

Rosaria:   E mò ch’aggia fa’ cchiù? Embé, me facésse ‘a valiggia e me ne fujesse! E già.

                  E così esce via a sinistra.

7. [Salvatore. Poi Gennaro e Lucio. Infine Sandro e Michela]

                   Dalla comune torna Salvatore che non sta nella pelle.

Salvatore: Ua’, songo addiventato ‘na perzona importante! Senza ‘nu sordo spiso, tengo

                   ‘nu sacco ‘e rrobba! E in più, ‘a staggione me ne vaco a ffa’ ‘a vacanza dei  

                   sogni, ‘a faccia ‘e tutte chilli là che vanne ‘o lido Marrone! E ‘o bello è che

                   tengo pure ‘a scegliere: o Capri o Positano! E allora ce ll’aggia dicere a Rosaria.

                   Corre felice a destra. Dalla comune tornano Lucio e Gennaro, stanchi.

Lucio:       Ah, mamma bella. (Si siede sul divanetto) ‘E che stanchezza!  

Gennaro:  (Gli siede accanto) E che c’è vuluto pe’ levà tutta chell’acqua ‘a terra!

Lucio:       M’abbàllene ll’osse accà e allà! E intanto, aggia dicere ‘a verità? Che cattiveria.

Gennaro:  No, ma secondo me, chella Palma, in fondo, nun è cattiva.

Lucio:       Ma chi sta parlanno ‘e Palma? Io sto’ parlanno d’’o coccodrillo e ‘a lacerta!

Gennaro:  ‘O coccodrillo e ‘a lacerta?

Lucio:        Sì. Nun l’avite viste? Invece di aiutarci, hanno guardato a noi che lavoravamo!

Gennaro:  Guagliò, ma dice ‘a verità: ma oltre a te drogà, tu te ‘mbriacàsse pure?!

Lucio:       Ma che? Allora vuje nun l’avìte viste a Cappuccetto rosso e ‘o lupo?

Gennaro:  (Ironico) No, aggio visto a Biancaneve e i sette nani! E ce steva pure ‘a strega!

Lucio:       ‘On Gennà, ma vuje tenite l’alluccinazione?

Gennaro:  Io? E allora tu t’he’ ì a ricoverà proprio! (Si alza) E meglio che me n’aésco, va’.

                  E se ne esce di casa. Lucio sembra esterrefatto.

Lucio:       Ma s’è offeso? Eppure io, a Biancaneve e i sette nani, nun l’aggio proprio viste!   

                   E resta a fare mente locale. Dalla comune tornano Sandro e Michela.

Sandro:     (Seccato) Accidenti, ma dove sta questo benedetto conte di Posillipo?

Michela:    E che ti devo dire, Sandro? Il cameriere ha detto che sta qui.  

Sandro:     (Nota Lucio) Ora domando a quel tizio seduto sul divanetto. 

                   I due gli si avvicinano.

                   Chiedo scusa, signore...

Lucio:        Chi è? (Si volta verso loro)

Sandro:     Siamo noi. Volevo chiederle un’informazione. Il conte di Posillipo si trova qua?

Lucio:        No, ate sbagliato casa. Chillo sta ‘o piano ‘e coppa!

Sandro:     (Spazientito) Ma se po’ ssapé addò sta ‘e casa ‘stu conte? Saglimme ‘o piano ‘e

                   coppa e ce mànnene abbascio. Accussì scenìmme abbascio e ce mànnene ‘n’ata  

                   vota ‘ncoppa, po’ turnamme ‘ncoppa e ce mànnene ‘n’ata vota abbascio. Mò  

                   turnàmme abbascio e vuje ce mannate ‘n’ata vota ‘ncoppa! Ma è ‘nu scherzo?

Lucio:        E che vvulite ‘a me? Io saccio ch’’o conte ‘e Posillipo sta ‘ncoppa. Facìte ‘na

                   cosa: domandate a chillu rinoceronte cu ‘a scopa ‘nmana! (Si alza e lo indica)

I due:         (Non lo vedono) E addò sta?

Lucio:        E si nun ‘o vedìte, è colpa mia? (Si alza) Isso ‘o ssape addò sta ‘o conte, io no!

                   E esce sotto lo sguardo esterrefatto dei due.

Michela:    Sandro, mi sta passando la voglia di incontrare questo conte.

Sandro:     Ma noi dobbiamo mostrargli la nostra invenzione, il “Mix”, così la brevetteremo

                   e diventeremo milionari. Noi la sperimenteremo proprio su di lui.

Michela:    Esatto! Lo sciroppo che hai nella ventiquattrore, mischiato a dello spumante, 

                   diventa il nostro Mix. Chi lo beve, cambierà personalità. E questo grazie alla

                   presenza dell’Aspirina e degli allucinogeni. Però non è una droga.  

Sandro:     Grazie al nostro sciroppo, ognuno acquisirà sicurezza e personalità.

Michela:    Bene, allora mettiamoci in cerca del conte.

                   Torna Salvatore, sotto lo sguardo dei due (che non vengono notati).

Salvatore: Ma addò sta Rosaria? 

                    Poi i tre si notano e si guardano per qualche attimo.

I due:          Buonasera.

Salvatore: (Stupito) Buonasera. Scusate, che posso fare per voi? Qualche lavoro in legno?

Sandro:      No, veramente, vorremmo sapere dove possiamo trovare il conte di Posillipo.

Salvatore: (Fiero) (Ah, ‘o vì lloco... adesso entro in azione io!). Ehm... è davanti a voi.

Michela:    (Emozionata) Veramente? Voi siete il nostro benefattore?

Sandro:      E allora vogliamo dirvi grazie, grazie, grazie per tutto quello che fate per noi!

Salvatore: (Meravigliato) Overamente? Boh! Comunque accomodatevi, fatemi sentire.

                    I tre si siedono al tavolo.

                    A proposito, ma con chi ho il piacere di parlare?

Michela:    Caro conte, noi siamo i vostri debitori...

Salvatore: (Felice) ‘O vero? (Azz, accumminciamme bello!)... Sentite, e quant’aggia avé?

Sandro:     (Ride) E’ pure spiritoso!                 

Michela:    (Ride) E già... Va bene, Sandro, io direi di presentarci.   

Sandro:     Io sono il dottor Sandro Offame.

Salvatore: Piacere. E lei, invece?

Sandro:     Michela Accuccia.

Salvatore: (Come parlando a un cane) Michela, a cuccia... uhé, a cuccia sotto al tavolo!

Michela:    Ma state parlanno cu’ ‘o cane vuosto? Io sono la dottoressa Michela Accuccia.

Salvatore: Uh, scusate, io me penzavo ca chisto ve steva caccianno!

Michela:    Ci mancherebbe. E sentite, conte, una curiosità: noi vi conosciamo solo con

                   l’appellativo di “conte di Posillipo”. Possiamo conoscere il vostro vero nome?

Salvatore: Io mi chiamo Salvatore Accapocchia.

Sandro:     Ah, Michela, finalmente ora conosciamo anche come si chiama.

Salvatore: Scusate, ma io non ho capito che cosa posso fare per voi.

Sandro:     Come sapete, noi siamo due chimici sperimentali. E cioè, creiamo medicine. Qui

                   con me ho con me una ventiquattrore. All’interno c’è il frutto del nostro amore.

Salvatore: Ce sta ‘o figlio vuosto?

Sandro:     E nuje mettìmme ‘e figli ‘int’’a valiggia? Io parlavo dell’amore per il nostro

                   lavoro. Si tratta di uno sciroppo di nostra invenzione.

Salvatore: Uno sciroppo? Ah, menu male, me ce vo’ proprio. Io cado spisso malato. L’anno

                   passato, ho avuto la prontopolmonite!

Sandro:     Eh, ate pigliato ‘a polmonite pe’ telefono! Si dice broncopolmonite.

Michela:    Ma questo sciroppo non serve a curare i problemi del corpo, bensì dell’anima.

                   Vi spiego: se una persona ha la depressione, ingerendo il nostro prodotto, si

                   sentirà improvvisamente più bello, più forte, più deciso...

Salvatore: Aggio capito, aggio capito. Embé, e allora ch’aggia fa’, me l’aggia accattà io?

Sandro:     No, noi vi chiediamo solo di provarla, così se avrà gli effetti che noi pensiamo...

Michela:    La brevettiamo grazie al vostro aiuto. E saranno soldi a palate: per noi e per voi.

Salvatore: (Ambizioso) Sì, me piace, me piace...

Sandro:     E allora vi lascio la ventiquattrore sul tavolo. Però vi raccomandiamo.

Michela:    E già, non dite niente a nessuno. Tenetevela solo per voi. D’accordo?

Salvatore: Non devo dirlo neppure a mia moglie e a mio figlio? Quello è un ragazzo serio.

Sandro:     No, solo voi dovete saperne l’esistenza. E fate attenzione a non farvela rubare.

Salvatore: M’hanna sulamente sparà, pe’ s’’a piglià!

                   I tre si alzano in piedi.

Sandro:     Allora, signor conte, è stato un onore conoscervi. Noi torneremo più tardi per

                   vedere come sono andate le cose. E se son rose... fioriranno! Arrivederci.

                   I due stringono la mano a Salvatore e vanno via in fretta. 

Salvatore: Ma che d’è? Se n’hanne fujute? E allora famme pruvà ‘sta rrobba.

                   Slaccia i bottoni dei polsini della camicia e si siede al tavolo.

8. [Salvatore, Rosaria e Ringo Glionito]

                   Salvatore, seduto al tavolo, osserva attentamente la valigetta che è davanti a sé.          

Salvatore: Chesta è chella rrobba che m’hanne lassate chilli duje. Vedìmme ‘e che se tratta.

                   Timoroso, apre una chiusura della valigetta, poi corre via a destra. Visto che  

                   non è successo niente, torna al tavolo, apre l’altra chiusura e scappa di nuovo.

                   Visto che non è successo niente, torna al tavolo, apre la valigetta e scappa via.

                   Salvatò, ma che staje tuccanno, ‘a bomba atomica?! Jamme, forza e curaggio!

                   Va a sedersi. Dalla valigetta estrae la scatola con sciroppo, la posa sul tavolo. 

                   Ed estrae una busta gialla grande per lettere, da cui estrae un foglio minuscolo.

                   Ua’, ‘sta piezza ‘e busta pe’ ‘nu fuglietiello tantillo? (Vi sbircia) Ah, cheste so’

                   l’istruzione. (Legge) Dunque, “Questa è una bottiglia di sciroppo!”. (Ironico) Si

                   nun ‘o screvévene, nun me n’accurgévo proprio. “Versare lo sciroppo Mix in

                   una bottiglia di spumante tenuta al caldo, poi agitare bene. L’effetto dura in base

                   alla quantità bevuta. Attenzione, tenere lontano dai bambini!”. E chi ‘e ttene, ‘e

                   ccriature? E ppo’ che ce sta scritto cchiù? “Basta, è finito il foglietto”! Embé, io

                   vulesse sapé chi ha scritto ‘stu coso. E’ proprio cretino! E allora aggia accattà  

                   ‘o spumante. (Si alza) Però prima devo nascondere questa roba. Sì, ma addò?  

                   (Cerca un posto) Sotto all’appendiabiti! (Così fa, poi va alla credenza, prende

                   una tovaglia da tavola, s’inginocchia, copre la valigetta) So’ proprio ‘nu genio!

                   Da sinistra arriva Rosaria, che vede Salvatore inginocchiato e gli si avvicina.

Rosaria:    Salvatò!

Salvatore: (Si spaventa e salta in piedi) Mamma bella!

Rosaria:    Che staje facenno lloco ‘nterra? S’è scassato l’appendiabiti?

Salvatore: Ehm... sì. Passànno ‘a ccà, l’aggio ‘ntiso ‘e scricchiolà. Però mò nun ‘o guardà!

                   Anze, viene cu’ me. (La conduce a centro stanza) E allora, vulìve coccosa?

Rosaria:    Salvatò, ma che vuleva ‘o conte ‘e Posillipo?

Salvatore: (Fiero) ‘O vvuo’ sapé? Aroppo m’aggia ì a piglià ‘nu vestito ‘e Armani ‘a casa

                   soja. E non solo. Ha ditto che ce presta ‘o cuoco e ‘a cammarera soja. Però nun

                   te prioccupà,‘e ppava isso. Questo è un gentile omaggio del conte di Posillipo.

Rosaria:    Ah, sì? E mò siente, fora ‘a porta nosta ce sta scritto: “il Conte di Posillipo”.

Salvatore: Questo è un altro gentile omaggio del conte di Posillipo.

Rosaria:    Pure?

Salvatore: Sì, quello mi ha prestato un sacco di belle cose: ‘a Porsche, ‘a casa soja ‘o piano

                   ‘e coppa, ‘a villa a Capri e chella a Positano.

Rosaria:    (Sorpresa) Uh, Giesù, e pecché?

Salvatore: Comme, pecché? Rosà, ma ‘a staggione, invece ‘e ì ‘o mare abbascio ‘o lido

                   Marrone, te facésse schifo ‘e ì a Capri o a Positano?

Rosaria:    No, nun dico chesto, però pecché ‘o conte te sta prestanno tutta ‘sta rrobba?

Salvatore: Perché io, da oggi, sono Salvatore Accapocchia, il conte di Posillipo.

Rosaria:    (Preoccupata) Che? Uh, Marò, Salvatò, ma tu che staje dicenno?

Salvatore: Che il conte… anzi, il mio amico Vincenzo Peruto, mi ha prestato il suo titolo. E

                   un giorno, me lo regalerà in eredità! Rosà, io non sarò mai più un mastrascio!

Rosaria:    Salvatò, pe’ favore, basta, ferniscele cu’ ‘sti scimmità. Tu nun puo’ essere conte.

Salvatore: Senta, buona donna, adesso basta. Devo scendere. Io mi congelo da voi!

Rosaria:    Ma che d’è ‘stu modo ‘e parlà? Tu he’ sempe parlato comm’a ‘nu sapunaro!

Salvatore: E mò sò cagnate ‘e ccose. Cara mia, io sto vivendo un sogno.

Rosaria:    E scìtete, Salvatò. Pur’io, tiempo fa, tenéve ‘nu suonno: vulévo fa’ l’infermiera.

Salvatore: E pacienza. I miei rispetti, contessa! Io vaco a ffa’ ‘o conte ‘nmiezo ‘a via!

                   Esce di casa, lasciando Rosaria molto preoccupata. Va a sedersi sul divanetto.

Rosaria:    Oddio, Salvatore è asciuto pazzo! Tutto pe’ colpa ‘e chillu conte ‘e Pusilleco!

                   Dal centro entra Ringo Glionito, il cameriere: è effeminato e ridacchia sempre.

Ringo:       (Entra ridacchiando) Signora, io e la cuoca siamo pronti. (E ridacchia)

Rosaria:    Néh, ma che tiene ‘a ridere sempe?

Ringo:       Niente! Signora contessa, che volete mangiare oggi?

Rosaria:    Ma quala contessa? Io me chiammo Rosaria Accapocchia. E tu, invece?

Ringo:       Io sono Ringo Glionito.

Rosaria:    E se vede! Ma io nun voglio sapé chesto. Io voglio sapé tu comme te chiamme.

Ringo:       E ve l’aggio ditto mommò: Ringo Glionito!

Rosaria:    Aéh, ‘e che nomme! Siente, ma io addò ve metto a durmì a te e ‘a cammarera?

Ringo:       Non vi preoccupate, andiamo a dormire sopra.

Rosaria:   Ah, vabbuò! E siente ‘n’ata cosa: ma tu e ‘a cuoca avita sta’ pe’ sempe ccà?

Ringo:      No, fino a che ce lo dice il conte.

Rosaria:   Ah, sì? L’ha da dicere ‘o conte? E allora comme me dispiace ch’è partuto.

Ringo:      ‘O vero? E’ partuto? Ma si io l’aggio visto poco fa, a don Salvatore!

Rosaria:   Ancora cu’ ‘sta storia? Néh, ma ve site scemulute tutte quante? (Si alza) E allora

                  saje che te dico? Va’ ‘int’’a cucina. S’ha da lavà ‘nterra.

Ringo:      E aggia lavà io?

Rosaria:   Uhé, come osi discutere i miei ordini? Io sono la contessa Rosaria Accapocchia!

Ringo:      Ah, mò site ‘a contessa, site?! E vabbuò, jamme a lavà ‘nterra!

                  E va in cucina a destra (sempre ridacchiando).

Rosaria:   Contessa? Ma quala contessa? Fernìmmele cu’ ‘sta storia! (Va verso destra e si  

                  ferma) A proposito, ma Salvatore l’ha accunciato st’appendiabiti? Me dispiace

                  si s’è rutto, chillo è nuovo. (Nota la tovaglia a terra) E che ce sta là sotto? (Vi si   

                  avvicina, nota la ventiquattrore, la prende e si rialza) ‘Na vintiquattore? E ‘e

                  chi sarrà? Mò ‘a porto ‘int’’a cucina e l’aràpo!

                  Esce via a destra con la valigetta in mano.

9. [Gennaro e Eva Fammok. Massimo, Michela e Palma]

                  Dalla comune (al centro) entra Gennaro, che sembra sorpreso di qualcosa. 

Gennaro: Strano, fora ‘a porta, sotto ‘o nomme ‘e Salvatore, ce sta scritto: “il Conte di

                  Posillipo”! E che ce azzecca? Chillo, ‘o conte, sta ‘o piano ‘e coppa! Boh!

                  Va in cucina a destra. Dalla comune entra Eva Fammok, attrice presuntuosa.

Eva:          Mi hanno detto che il conte di Posillipo adora le attrici. Ed io lo sono! Anzi, pare

                  che sia un mio grande fan. E allora devo conoscerlo! Io, Maria Cacchione, in arte

                  Eva Fammok, ho colpito ancora! Peccato che non sono straniera. Ma tanto, il

                  mio accento napoletano non si sente. Speriamo che il conte mi faccia tanti regali!

                  E si siede sul divanetto ad aspettare. Da destra torna Gennaro.

Gennaro: Nun ce sta Salvatore. E addò sarrà juto?... (Nota Eva seduta) Oh, e chi è chella?

Eva:          (Lo nota e lo saluta) Buongiorno!

Gennaro: (Avvicinandosi a lei, sorpreso) Buongiorno.

Eva:          Senta, ma lei conosce il conte di Posillipo? Vorrei salutarlo.

Gennaro: (Aspit’oh, tene st’ammiratrice, ‘o conte? Sulo che mò chillo è partuto… Però che

                  peccato, chesta è bona! E’ tutta rrobba sprecata! Mò me votto!). Ehm… sono io.

Eva:          Ah, sì? E si vede che siete voi. Io saprei riconoscere un conte tra cento uomini!

Gennaro: (Eh, e se vede!). Sì, ma tu chiamami Gennaro e dammi del tu. (Le siede accanto)

Eva:          Ah, bene, è più confidenziale.

Gennaro: Ma sì, prendiamoci la confidenza! E con chi ho l’onore di parlare?

Eva:          Eva Fammok.

Gennaro: Comme?

Eva:          Eva Fammok.

Gennaro: Eh, a ssoreta!

Eva:          Ma… ma… Gennaro, che fai? Perché mi dici le parolacce?

Gennaro: Pecché io t’aggio chiesto ‘o nomme tuojo e tu m’he’ mannato a chillu paese!

Eva:          Ma… non mi hai riconosciuta? Io sono Eva Fammok, la tua attrice preferita!

Gennaro: La mia attrice preferita? ‘O vero? (Finge di ricordare) Ah, eh! Sì, sei proprio tu!

Eva:          Hai visto? Adesso mi hai riconosciuta.

Gennaro: E certo: io, mio figlio e mio nipote abbiamo visto tutti i tuoi film pornografici!

Eva:          Uhé, e che faccio, chilli film lloco, io? Io faccio i film d’avventura!

Gennaro: (Imbarazzato) Ahia! E ora come posso apparare a questa figura niente?

Eva:          Beh, io direi… portami a vedere il tuo leggendario talamo nuziale.

Gennaro: ‘O che?

Eva:          (Si alza, lo prende per mano e lo fa alzare) Il tuo talamo nuziale. Il tuo letto.

Gennaro: Ah, aggio capito: vuo’ vedé si ‘a sotto tene ‘e ddoghe ‘e legno oppure ‘e mmolle!

Eva:          E dai, non prendermi in giro. Sarà un’avventura straordinaria… e piccante!

Gennaro: Veramente? (Ua’, si ce ‘o ddico a Salvatore, se penza ch’’o voglio sfottere!). E

                  vabbuò, facìmme st’avventura piccante! Jamme, jà… “Arrivano i nostri”!  

                  Escono a sinistra sottobraccio. Dalla comune entra Massimo.  

Massimo: Basta, m’aggio sfastriato ‘e cercà a Lucio. Mò me vaco a sciacquà ‘nu poco e

                  ppo’ me faccio ‘na granda magnata. Tutta vita! 

                  Esce via a sinistra. Dalla comune, intanto, entra Michela (in elegante tailleur).

Michela:   Bene, bene, sono tornata qua per vedere come stanno andando le cose. Ormai, il

                  conte già dovrebbe aver bevuto lo spumante con il Mix. Chissà che effetto gli

                  avrà fatto? Comunque, basta chiedere! E’ permesso? Signor conte... ci siete?

                  Da sinistra torna Massimo con un asciugamani in mano. Appare sorpreso.

Massimo: Chi è?

Michela:   Uh, scusami se ti ho disturbato. Io sono la dottoressa Michela Accuccia.

Massimo: Piacere, io sono Massimo.

Michela:   Senti, io sto cercando il conte di Posillipo, Salvatore Accapocchia.

Massimo: No, scusate, vuje state cercanno ‘o conte ‘e Posillipo o a Salvatore Accapocchia?

Michela:   Il conte di Posillipo, Salvatore Accapocchia.

Massimo: E no! Vuje o ata cercà ‘o conte ‘e Posillipo o a Salvatore Accapocchia! Nun

                  putìte cercà a ‘na perzona e ppo’ ne jate truvanno a ‘n’ata!

Michela:   Ma il conte di Posillipo e Salvatore Accapocchia sono la stessa persona.

Massimo: Ah, sì? E allora ‘o vvulite sapé meglio ‘e me? Io songo ‘o figlio.

Michela:   (Sorpresa) Tu sei il figlio del conte di Posillipo?

Massimo: No, songo ‘o figlio ‘e Salvatore Accapocchia!

Michela:   Capisco, sei umile come lui. Io e il mio collega abbiamo parlato con il conte tuo

                  padre. Ha detto che sei un bravissimo ragazzo.

Massimo: (Sorpreso) Veramente? Il conte ha detto così? Sentite, scusatemi un momentino.

Michela:   Prego, fai pure.

                  Massimo, sconvolto, si apparta (mentre Michela si guarda intorno nella stanza).

Massimo: (Ma allora... io nun so’ figlio a papà... songo ‘o figlio d’’o conte e ‘e mammà! E

                  pecché io nun aggio maje saputo niente? Allora papà nun è papà… cioè… Marò,

                  ccà ce sta ‘a ascì pazze! (Poi felice) Comunque, io sono un conte. E vai! E allora,

                  devo stare al gioco!). (Torna da Michela) Ehm... allora, stavate dicendo?

Michela:   Niente, vi ho detto tutto, signorino.

Massimo: E che d’è, mò me date ‘o vvuje?

Michela:   E certo. Pure voi siete un conte e io vi debbo rispetto. Cosa posso fare per voi?

Massimo: Ma certo! Sapete fare i dolci? Il mio dolce preferito, sono le code d’aragosta!

                  E subito dalla comune entra Palma che va dai due.

Palma:      Fermi tutti!

Massimo: (Spaventata) Marò, e chi è chesta?

Michela:   (Spaventata) E che ne so?

Palma:     Uhé, nun me facite perdere tiempo. Chi ha detto “aragosta”? (A lui) Si’ stato tu?

Massimo: Néh, ma se po’ ssapé tu chi si’?

Palma:     (Sexy) Io sono Palma! E tu mi piaci da impazzire! Dai, ripeti ancora “aragosta”!

Massimo: Ehm… ma mica l’aggio ditto io? L’ha ditto ‘a signora qua presente!

Michela:   Io?

Palma:     (Sexy) Ah, sì? E allora voglio te, Michela. Lo sai, mi piaci moltissimo!

Massimo: Ma a chesta le piacene a tutte quante?!

Palma:      Sì, ammore mio!

                  Lo afferra per il collo come se lo volesse affogare e lo sbatacchia (e lui soffre).

Michela:   (Sorpresa) (Questo deve essere l’effetto dello sciroppo! Ma che ha fatto il conte?

                  L’ha fatto bere ad altre persone? Devo riferire tutto a Sandro. E subito!).

Massimo: (Si libera di forza) E mò basta! He’ capito? Statte qujeta!

Michela:   Ehm... ehi, voi due... Sentite, io dovrei andare perché ho da fare...

Palma:      Addò vaje tu? Anche tu hai detto “aragosta”! E allora non puoi sfuggirmi!

Michela:   Io? E che c’entro? Io sono una donna!

Palma:      E che me ne ‘mporta, a me? Dai, vieni qua...

                  E Michela esce via di casa inseguita da Palma. Massimo si da una calmata.

Massimo: Ma chi è chella pazza? Pare Lucio quanno sta fatto! E meglio che me ne vaco.   

                  Esce a sinistra.

10. [Salvatore e Vincenzo. Poi Gennaro ed Eva. Infine Lucio e Massimo]

                   Dalla comune ecco Salvatore con bottiglia di spumante e il fodero di un abito.

Salvatore: Bene, sono stato a casa del conte e mi sono preso il suo vestito e lo spumante!

                   (Posa la bottiglia sul tavolo e l’abito su una sedia) E’ l’ora dell’esperimento! E

                   famme piglià ‘a vintiquattore... (Va all’appendiabiti) Uh, Marò... e addò sta? (Si

                   inginocchia e cerca in ogni dove) Io l’aggio misa ccà ‘nterra. (E cerca ancora)

                   Dalla comune (al centro) entra Vincenzo tutto arrabbiato (i due non si notano).

Vincenzo: Bene, bene, ora che Salvatore è diventato me stesso, posso stare tranquill… (Poi

                   si volta e nota Salvatore accovacciato a terra) E che sta facenno, chillo?

                   Gli si avvicina pian piano. Salvatore non s’accorge di lui, impreca ad alta voce.

Salvatore: Ma addò sta, chella mappina? Chi sa addò è gghiuta a fernì!

Vincenzo:  Salvatò!

Salvatore: (Si spaventa e si volta, inginocchiato) Ch’è stato? Ah, ehm... si’ tu, Vicié?

Vincenzo:  Ma che staje facenno?

Salvatore: Ehm... sto giocando a nascondino con mia moglie! Adesso devo cercare io a lei.

Vincenzo:  E ‘a staje cercanno lloco ‘nterra?

Salvatore: (Si rialza) E chella mia moglie s’annascònne buono! Pienze, ‘na vota l’aggio

                   truvata ‘int’’o buco d’’o gabinetto!  

Vincenzo:  Mah, site proprio strane, tu e mugliéreta!

Salvatore: Vabbuò, ja’, ‘a vaco cercanno aroppo. Mò però assettammece.

                   I due si siedono al tavolo.

Vincenzo:  E allora, Salvatore, com’è stato il tuo primo giorno da conte?

Salvatore: Beh, tale e quale a comm’era primma! A proposito, mi sono preso il tuo vestito.

Vincenzo:  Bravo, hai fatto benissimo. Ora non resta che aspettare i miei creditor... ehm...

                   amici. Ti raccomando, ricevili come si conviene.

Salvatore: E si vene coccheduno, ce faccio ‘o ccafé. Io sono un tipo ospitale!

Vincenzo:  Bravissimo! (Guarda sul tavolo) Ah, ma c’è lo spumante. Facciamo un brindisi?

Salvatore: (Spaventato) No, pe’ carità! ‘Stu spumante nun se po’ bere.

Vincenzo:  E perché?

Salvatore: (Trova una scusa) Ehm… pecché… nun è potabile!  

Vincenzo:  Bene, ora ti lascio. Devo andare a Caserta a giocare a carte con amici. E nello

                   specifico, un certo conte Guerra! L’altro giorno gli ho vinto un milione di Euro.

Salvatore: ‘Nu milione ‘e Euro? Ah, ma allora m’aggia ‘mparà pur’io a jucà ‘e ccarte.

Vincenzo:  E invece no, Salvatò. Non te lo consiglio. Il vizio del gioco porta alla rovina.

Salvatore: No, Vicié, e che ffa ch’ogni tanto te faje ‘na partetella ‘e “Assopigliatutto”!

Vincenzo:  Assopigliatutto? Ma che staje dicenno? Io gioco solo a Poker, il gioco d’azzardo

                   per antonomasia. (Si alza in piedi) Allora, mi accompagni al cancello?

Salvatore: (Si alza in piedi) Ma certamente. A proposito, Vicié, tu m’he’ prestato tanta

                   rrobba. Ma una metà di quel milione di Euro che hai vinto, non si può avere?

Vincenzo: E’ meglio che ce ne jamme, va’!

                   I due escono di casa (Salvatore lascia la bottiglia di spumante sul tavolo). Da

                   sinistra tornano Gennaro ed Eva, delusi. Si fermano al centro. 

Gennaro:  Eva, perdonami, ho fallito.

Eva:           (Finge di consolarlo) Non ti preoccupare, Gennaro. Sono cose che capitano. 

Gennaro:  E ora come posso farmi perdonare?

Eva:          Beh, io direi… fammi un regalino. Non pensi che io valga almeno un collier?

Gennaro:  ‘Nu collier?

Eva:           Sì. Ormai io e te siamo molto legati. Molto intimi! E allora, me lo regali?

Gennaro:  (Mò ce dico ‘e sì, tanto, mica ce ‘o regalo overamente?). Ehm… va bene, tesoro! 

Eva:           Ma grazie, tesoro! E poi senti, io adoro il mare. Non pensi che io valga almeno

                   uno yacht? E poi adoro guidare. Non pensi che io valga almeno una Ferrari? Gennaro:  Eh, e che ddice, vulìsse pure l’Aeroporto ‘e Capodichino?!

Eva:           Uh, sì, sì, così voliamo insieme!

Gennaro:  (Giesù, chesta è scema!). Siente, Eva, nun è che vulisse pure ‘a luna e ‘o sole?

Eva:           Su, non esageriamo, ora. Io sono una ragazza semplice, mi accontento di poco!

Gennaro:  E già. A proposito, Eva, non dire a nessuno della brutta figura che fatto poco fa!

Eva:           Stai tranquillo, tanto, domani ci riproviamo. Così mi consegni i regali che mi hai

                   promesso, soprattutto l’Aeroporto di Capodichino. OK? (Sexy) Ciao, Gennaro.

Gennaro:  Cià, bella guagliona.

                   Eva lancia un bacio a Gennaro, poi va via. Lui si va a sedere sul divanetto.

                   Sì, aspiette e spera. (Si siede sul divanetto, parla alle sue parti basse) Michelì!

                   Michelì, te riende conto ‘e che brutta figura m’he’ fatto fa’? E quanno me

                   capita cchiù ‘na guagliona bella accussì? E’ meglio che me vacco a cuccà, va’!

                   Esce a sinistra, triste. Dal centro eantra Lucio: parla con qualcuno che non c’è.

Lucio:        He’ visto? Chesta è ‘a casa ‘e Massimo, ll’amico mio. T’’o faccio cunoscere?

                   Da sinistra torna Massimo.  

Massimo:  Chi sa chi era chella pazz…? (Nota Lucio) Ah, tu staje ‘n’ata vota ccà?

Lucio:       (Gli si avvicina) Sì. T’aggio purtato a cunoscere a ‘n’amica mia.

Massimo:  (Si guarda intorno) E addò sta?

Lucio:       (La indica) A vi’ lloco: ‘a scigna cu’ ‘o rrussetto!

Massimo:  Lucio, mò basta. Tu devi cambiare vita, altrimenti non mi vedrai mai più.

Lucio:        No, no, lo giuro: non mi farò mai più. Va bene? Però devo chiedeti un favore.

Massimo:  E gghiamme, che vaje truvanno, mò?

Lucio:        Tenìsse ‘nu poco ‘e spumante? Voglio fa’ ‘nu brindisi!

Massimo:  E secondo te, io tengo ‘o spuman…? (Lo nota) Uh, ce l’ho! Ma sì, jammece a

                   ffa’ ‘na bella bevuta, ‘a faccia ‘e chi ce vo’ male!

Lucio:        Peace and love!

                   Massimo prende la bottiglia di spumante. Escono a destra in cucina.

11. [Salvatore, Sandro e Michela. Poi Ringo e Palma. Infine Massimo, Lucio e Rosaria]

                   Dalla comune (al centro) torna Salvatore tutto soddisfatto.

Salvatore: Ah, che suddisfazione! Aggio accompagnato a Vicienzo fora ‘o canciello. M’ha  

                   fatto vedé ‘o Porsche. E chi ‘o sape guidà?! E mò aggia fa’ l’esperimento. Sulo

                   che nun trovo ‘a vintiquattore. Menu male ch’aggio salvato ‘o spuman... (Nota

                   che non c’è più sul tavolo) Uh, Marò! ‘O spumante! Addò è gghiuto?

                   Esce a sinistra. Dalla comune entrano Sandro e Michela preoccupati.

Sandro:     Michela, ma sei sicura di quello che mi hai detto?

Michela:    Sì, Sandro, sicurissima. Il nostro sciroppo ha effetti eccessivi su chi lo beve.

Sandro:     Spiegati bene, fammi capire. Che cosa è successo quando sei venuta qua prima?

Michela:    C’era una tizia che, se tu le dici la parola “aragosta”, diventa una ninfomane. E

                   poi c’era un certo Massimo che diceva di essere il figlio del conte di Posillipo.

Sandro:     Embé? Che c’è di strano? L’ha detto pure il conte che ha un figlio.

Michela:    Ma io ho fatto ricerche al comune di Napoli. Il conte non ha assolutamente figli.

Sandro:     Cosa? E allora di quale figlio stava parlando?

Michela:    Ma non lo so. E intanto, adesso, questo mi sembra il problema minore.

Sandro:     E già, dici bene. Ma io non pensavo che quello sciroppo facesse questo effetto.               

Michela:    Forse abbiamo messo troppe aspirine e allucinogeni. E intanto, il conte, ci aveva

                   promesso che nessun altro a parte lui avrebbe bevuto il Mix con lo spumante.

Sandro:     Sì, ma ormai già ha fatto. Cerchiamo solo di rimediare.

Michela:    Senti, Sandro, ma ora quelli che hanno bevuto lo sciroppo, rischiano qualcosa?

Sandro:     E me lo domandi? Rischiano di impazzire.

Michela:    (Spaventata) Oddio! Ma allora dobbiamo intervenire. Prima ho visto che il

                   presunto figlio del conte usciva da sinistra. Vieni, svelto.

                   Vanno a sinistra. Dalla cucina (a destra) entra Rosaria (che ha un vassoio con

                   sette bicchieri di carta, pieni a metà di spumante), seguita da Massimo e Lucio.

Rosaria:    Venite, guagliù. (Posa il vassoio sul tavolo) Vevìmmece ‘stu spumante che

                   primma aggio truvato ccà ‘ncoppa!

Lucio:       He’ visto, Massimo? Io vulévo ‘o spumante, e ‘o spumante s’è materializzato!

Massimo:  E allora beviamocelo e brindiamo!

                   I tre prendono un bicchiere a testa, brindano e poi bevono.

Lucio:       Ah, comm’è buono ‘stu spumante. Pare ‘a Coca Cola!

Massimo:  ‘O vero, mammà, ma che spumante è? Comm’è ddoce!

Rosaria:    Niente, ce aggio miso ciertu sceruppo ch’aggio truvato ‘int’a ‘na vintiquattore.

                   ‘Ncoppa all’istruzione ce sta scritto che se mette ‘int’’o spumante!

Massimo:  E se vede che sarrà cocche truvata pubblicitaria!

                   Lo sciroppo Mix comincia a fare effetto per tutti e tre:

Rosaria:    Però comme me sento strano! Me pare comme si nun fosse cchiù io!

Massimo:  E’ ‘o vero, pur’io sento ‘a stessa sensazione. E tu, Lucio?

Lucio:       (Gli fa effetto) Io me sento comm’a ‘nu cavallo... che galoppa su praterie verdi!

                    E incomincia a nitrire, posa il bicchiere sul tavolo e esce di casa al galoppo.

Rosaria:     Ma ch’è stato, Massimo?

Massimo:  (Gli fa effetto) Nun ‘o ssaccio. (Posa il bicchiere sul tavolo) Ora vado a vedere

                   con la mia Ferrari!

                   Con la bocca fa il rumore del rombo di un motore, mette la prima, esce di casa.

Rosaria:    (Le fa effetto) Massimo, ma addò vaje? Viene ccà! Io sono la tua infermeiera!

                   Posa il bicchiere, va in cucina a destra, poi torna con una siringa e dell’ovatta.

                   Tuorne ccà, a mammà. T’aggia fa’ ‘a serrenga. Vieni, ti devo fare la pellicina!

                   E esce di casa. Dalla cucina (a destra) torna Ringo, sorpreso.

Ringo:       Ma che ffa, ‘a signora? Se ne va e lassa ‘a pasta ‘ncoppa ‘o fuoco? E ppo’ è

                   trasuta ‘int’’a cucina e ppò è asciuta cu’ na serrenga ‘nmana!

                   Dalla comune entra Palma.

Palma:       Uhé, Ringo, che staje facenno?

Ringo:        No, niente, niente. (Nota lo spumante sul tavolo) Uh, ce sta ‘o spumante.

Palma:       No, nun tuccà niente. Nun è rrobba nosta.

Ringo:        E che ce ne ‘mporta? Bevìmmancìllo.

Palma:       Ma sì, ‘mbriacàmmece ‘nu poco!     

I due:         (Si avvicinano al tavolo, prendono i bicchieri e brindano) Cin cin! (Poi bevono)

Ringo:        Ah, però comm’è buono ‘stu spumante! (Posa il bicchiere sul tavolo)

Palma:       E’ dolciastro... sembra fragolino! (Posa il bicchiere sul tavolo)

Ringo:       (Gli fa effetto) Palma, nun saccio comm’è... ma me sento strano!

Palma:       (Le fa effetto) ‘O vero, pur’io.

Ringo:        Lo sai? Mi sembra di sentire Tarzan che sta venendo! E io invece sono Jane!

Palma:       E io invece sono la campionessa mondiale di nuoto!

Ringo:        Sai che ti dico? Jammece a menà ‘int’’a funtana. Facciamoci una bella nuotata!

                   E così escono di casa. Da sinistra tornano Sandro e Michela preoccupati.

Sandro:     Accidenti, il conte non si trova.

Michela:    Ma tu hai cercato bene in tutte le stanze?

Sandro:     Sì, ho guardato pure in una stanza dove c’è un vecchio che parlava da solo.

Michela:    E che diceva?

Sandro:     Se la stava prendendo con un certo Michelino! E gridava “aragosta, aragosta” !

Michela:    Oh, no! E adesso come facciamo? Quella roba già sta facendo effetto!

Sandro:     (Guarda verso destra) Senti, di là c’è un’altra porta. Vieni, facciamo presto.

                   E escono a destra. Da sinistra torna Salvatore preoccupato.

Salvatore: Ma io nun riesco a capì. Comme fanne a sparì ‘na vintiquattore e ‘na butteglia ‘e

                   spumante? Famme vedé ‘n’ata vota sotto all’appendiabiti.

                  Va all’appendiabiti, si inginocchia e cerca ancora. Dalla comune torna Rosaria.

Rosaria:    Nun l’aggio acchiappato, a Massimo. E mò a chi ce ‘a faccio, ‘sta serrenga? (Si

                   volta verso l’appendiabiti e nota Salvatore) Ah, mò ce ‘a faccio a Salvatore!

                   Gli si avvicina, quatta, quatta, e gliela fa sul sedere (poi subito estrae l’ago).

Salvatore: (Salta in piedi gridando e si volta) Aaah!... Ma ch’è stato?

Rosaria:    Salvatò, so’ l’infermiera toja. Ti ho fatto una pellicina! Ora te ne faccio un’altra!

Salvatore: No, ma che vvuo’ fa’? Mamma bella!

                   E scappa via fuori casa inseguito da Rosaria che cerca di convincerlo.

FINE ATTO PRIMO

Salone di casa Accapocchia: è il giorno dopo.

ATTO SECONDO

1. [Rosaria, Massimo, Lucio]

                  Al centro sono seduti Massimo, sconvolto, e Rosaria che lo consola.

Massimo: E io ‘o ssapevo che gghieva a ffernì accussì. ‘O ssapevo. Mica è muorto p’’a

                  droga? No! Murì pe’ ‘n’indigestione è ‘a morta cchiù cretina che se po’ ffa’!

Rosaria:   Dice buono, a mammà. Siente, ma tu comme l’he’ saputo? Addò l’he’ ‘ntiso?

Massimo: Me l’ha ditto ‘o cameriere Ringo Glionito. L’aggio ‘ncuntrato primma.

Rosaria:   Ma si’ sicuro che he’ capito buono? E soprattutto, isso ha capito buono?

Massimo: Mammà, ma che ne saccio? Stongo talmente nervuso che m’aggira ‘a capa.

Rosaria:   E allora viene cu’ me ‘int’’a cucina. Te faccio ‘nu poco d’acqua e zucchero.

Massimo: E sì, me ce vo’ proprio...

                  Si alzano e escono a destra. Dalla comune entra... Lucio, confuso e disperato.  

Lucio:       Nun po’ essere ‘o vero. ‘Nu piezzo ‘e guaglione ‘e chella manera! (Si siede sul  

                  divanetto) Murì pe’ ‘na scossa elettrica è ‘a morte cchiù cretina che se po’ ffa’!

                  Resta a riflettere. Dalla cucina tornano Rosaria e Massimo (i tre non si notano).

Massimo: Mammà, ll’acqua e zucchero m’ha fatto venì sulo sete. (Si siede dov’era prima)

Rosaria:   Massimo, arrepìgliete, pe’ piacere. (Si siede) Nun me firo ‘e te vedé accussì.

Massimo: E comme se fa? Aggio perduto a ‘n’amico. Povero Lucio!

                  Lucio li nota, così, non notato da loro, si alza, gli va vicino da dietro.

Lucio:       (Grida, felice) Peace and love!               

Ros-Mas: (Si spaventano, si alzano e fuggono urlanti verso destra) Aaaah! 

Lucio:       (Sorpreso) Ma ch’è stato?

Rosaria:   (Terrorizzata) Uh, Giesù, ‘o fantasma ‘e Lucio! Se vede ch’è venuto a ce salutà!

Massimo: (Terrorizzato) Lucio... ma si’ proprio tu?

Lucio:       Sì. Néh, ma pecché me state guardanno accussì?

Rosaria:   (Si avvicina timorosa) No, niente, nuje ce penzàveme che tu ire muorto!

Lucio:       Signò, ma pecché, site venuta ‘o funerale mio?

Rosaria:   No, però ‘o cameriere nuosto, a Massimo, accussì ce ha ditto.

Lucio:       Ma a me chillo m’ha ditto che Massimo è muorto pecché ha pigliato ‘a currente!

Rosaria:   (Sorpresa) Che cosa?Uh, nun sia maje. Ma Ringo è scemo?

Massimo: Ua’, ‘e che fantasia! Embé, ma l’aggia acchiappà, a chillo...!

                  Da destra entra Ringo ridacchiando come sempre. Spruzza deodorante in giro.

Ringo:      ‘Sta casa fete ‘e pasta e fasule!

Massimo:  Ah, tu staje ccà?

                  Massimo, Rosaria e Lucio gli si avvicinano arrabbiati e lui li guarda intimoriti.

Rosaria:   Néh, ma che he’ cumbinato, deficiente?

Ringo:      Quale deficiente? Io sono Ringo Glionito!

Lucio:       E se vede!

Massimo: (Interrompe) Stattu zitto!

Rosaria:    Ringo, ma comme, tu vaje dicenno che Massimo e Lucio so’ muorte?

Ringo:       Ah, ma pecché, nun so’ mmuorte cchiù?!

Massimo: (Ironico) No, amme scioperato!

Ringo:       E che vvulite ‘a me? Forse me l’aggio sunnato.

Lucio:       Néh, Ringo, tu m’he’ fatto murì senza murì! Ma va’ muore tu!

Ringo:       Amico, tu non devi andare nell’eccesso!

Lucio:       E invece aggia ì, pecché tu m’he’ fatto fa’ sotto d’’a paura!

Rosaria:   Ehm… Massimo, pecché nun te puorte a chisto a ffa’ ‘na passeggiata?

Massimo: E sì. Lucio, ascìmme ‘nu poco. T’aggia fa’ piglià ‘nu poco d’aria ccà ffora!

                  Lo prende per il braccio e i due escono. Ringo e Rosaria vengono avanti.

Rosaria:   Néh, a te. Comportatevi bene, tu e Palma, o si no ve caccio a càvice. E’ chiaro?

Ringo:      (Ridacchiando) Va bene, contessa.

Rosaria:   Ma ‘a vuo’ fernì ‘e ridere sempe?

Ringo:      (Ridacchiando) Sono serissimo, contessa! Guardate ‘a faccia mia.

Rosaria:   E’ meglio che te ne vaje! Va’, vattenne!

                  Ringo fa l’inchino ed esce a destra, ridacchiando. Al che Rosaria commenta.

                  Ma quanno fernesce st’incubo? Ma soprattutto, è overamente ‘n’incubo? Mah!

                  Esce via a sinistra.

2. [Gennaro e Palma. Infine Salvatore e Massimo]

                   Dalla cucina a destra escono Palma e Gennaro.

Palma:      (Ha un bicchiere di spumante in mano) Viene, Gennà, viene...

Gennaro:  E stongo areto a te, Palma! Ma che simme venute a ffa’ ccà ddinto?

Palma:      Adesso vedrai. (Posa il bicchiere sul tavolo) Dai, bevi un bicchiere di spumante.

Gennaro:  ‘Nu bicchiere ‘e spumante? A stommeche vuoto?!

Palma:      Nun te prioccupà, stamme a sentì a me. Chesto è spumante speciale! Forza, bevi!

Gennaro:  Aggia vevere sul’io? E vabbuò. (Prende il bicchiere e beve. Dopodiché... )

Palma:      E allora, Gennà, nun te siente niente?

Gennaro:  No. Ma pecché, che m’aggia sentì?

Palma:      Niente, questo spumante fa un effetto strano, come una droga! 

Gennaro:  (Comincia a fargli effetto) Beh, effettivamente mò me sento ‘nu poco strano...

Palma:      ‘O vi’ lloco, ci siamo!

Gennaro:  (Gli fa effetto e si eccita) Palma, sta avvianno a ffa’ effetto. (Eccitato) Me sento

                  comme si mò annanzo a me tenésse a Sophia Loren quanno era giovane!

Palma:      Che bello!

Gennaro:  Aspié, comme dice tu? Stock, baccalà, purpetiello, frittura ‘e pesce...

Palma:      No, “aragosta”!

Gennaro:  Aragosta! E allora jamme, te voglio cucenà comm’a ‘n’aragosta!

Palma:      E sì, finalmente! Alleluia!

Gennaro:  (Posa il bicchiere sul tavolo) Marò, songo ‘nu toro!

                   I due scappano mano nella mano a sinistra. Dalla comune entra Salvatore con    

                   una bottiglia di spumante. Ha indossato l’abito scuro regalatogli da Vincenzo.

Salvatore: Ecco qua, ho comprato una bottiglia di spumante. Aggia pruvà a ffa’ ‘n’ata vota

                   l’esperimento! Però stavolta devo nasconderla bene, così non la trova nessuno!

                  Dalla comune entra Massimo. Nota suo padre.

Massimo:  Uhé, papà, finalmente t’aggio truvato!

Salvatore: Uhé, Massimo. Mò staje turnanno d’’a puteca?

Massimo:  No, ancora ce aggia ì. A proposito, ma tu pecché nun si’ sciso a faticà?

Salvatore: Eh, aggio tenuto che ffa’.

Massimo:  (Lo osserva) Ma comme staje elegante! E ‘sta butteglia ‘e spumante a che te  

                   serve? Uh, ‘e che scemo che sso’! Auguri, oggi è il tuo onomastico!

Salvatore: No, vene ‘e seie ‘a aùsto!

Massimo:  Ah, già. E allora buon compleanno!

Salvatore: No, vene ‘e seie ‘e aùsto!

Massimo:  Uh, che cretino! E allora buon anniversario di matrimonio!

Salvatore: No, vene ‘e seie ‘e aùsto!

Massimo:  Ah, già, vene tutto cose ‘e seie ‘e aùsto! E allora che d’è, oggie?

Salvatore: ‘O vvuo’ sapé? Nun he’ visto che ce sta fora ‘a porta ‘ncoppa ‘o nomme mio?

Massimo:  Ah, eh, già... ‘a lettura d’’o ggas!

Salvatore: No, cchiù ‘ncoppa.

Massimo:  Ah, chella scimmità? Ce sta scritto Salvatore Accapocchia, “Conte di Posillipo”!

Salvatore: Eh, e nun è ‘na scimmità. Io lo sono diventato veramente.

Massimo:  Papà, ma che me vuo’, sfottere?

Salvatore: No, è ‘o vero. E siccome tu si’ figlio a me, sì pure tu conte!

Massimo:  So’ figlio a te? Ehm… papà, io devo dirti una cosa. Vedi… cioè, in pratica… 

                   io... non sono tuo figlio. Mio padre è il conte Vincenzo Peruto. Padre naturale.

Salvatore: (Sorpreso) Che? (Poi realizza) Ma vide ‘e te ne ì...! Tu me vuo’ sfruculià!

Massimo:  Ma è vero, me l’ha detto una signora, una dottoressa che ha parlato pure con lui.

                   Conosce il conte originale. E non so perché, ma mi ha voluto dire questa verità.

Salvatore: (Dubbioso) Ma allora vo’ dicere che màmmeta... primma che ce ne venéveme ‘e

                   casa ccà... cu’ ‘o conte…! Picciò vo’ cagnà casa! E ppo’ picciò a isso ‘o schifa a

                   morte! Chillo è ‘o rimpianto pe’ chello che m’ha fatto!

Massimo:  Ehm… papà, forse aggio sbagliato a t’’o ddicere. Oppure ho capito male.

Salvatore: E invece no! Ce stanne troppi ccose che coincidono! Ma tu he’ capito? ‘O conte

                   m’ha prestato assai rrobba. E se capisce, chillo me vo’ risarcì ‘e danne morale!

Massimo:  Ma pecché, che t’ha dato?

Salvatore: ‘O vvuo’ sapé? E allora viene cu’ me ‘int’’a stanza ‘e lietto. T’aggia da’ ‘na cosa

                   ca isso m’ha dato pe’ te. E puose ‘sta sega.

Massimo:  Sì, però papà, ‘o fatto ‘e mammà e d’’o conte, po’ essere che me so’ sbagliat...

Salvatore: No, nun voglio sapé niente. He’ capì? Mò ‘e ffaccio avvedé io a tutt’e dduje...!

                   Vanno a sinistra con Massimo che si spiega (Salvatore porta via la bottiglia).

3. [Vincenzo e Ringo. Poi Gennaro, Eva, poi Luna Menodieci. Infine Massimo e Salvatore]

                   Poco dopo, dalla comune (al centro), entra Vincenzo, silenziosamente.

Vincenzo: Chissà come sta andando Salvatore? Speriamo che si siano fatti vivi i creditori o

                  gli agenti delle tasse! Intanto io parto per la Svizzera e chi s’è visto, s’è visto! 

                  Dalla cucina (a destra) entra Ringo con una tovaglia da tavola in mano.

Ringo:      (Recitando e ridacchiando) “’O zappatore, ‘a mamma, nun s’’a scorda!”...

Vincenzo: Ehilà, Ringo.

Ringo:       Uh, il signor conte... anzi, ex! (Posa la tovaglia sul tavolo e va da lui) Come va?

Vincenzo: Ssst, non gridare. Non voglio che mi sentano. Sono qui in incognito. E allora,

                  come ti trovi con gli Accapocchia?

Ringo:       Bene, a parte qualche problema col mio nome e col mio cognome! Come tutti,

                  del resto. Penzate, che peffìno ‘o preveto che me battezzaje, me sfuttette. ‘A

                  coppa all’altare dicette: “Non avevo mai battezzato un bambino Ringo Glionito!”

Vincenzo: Ti capisco. A proposito, e come sta Salvatore... cioè, il neo conte di Posillipo?

Ringo:       Bene, bene. Signor conte... cioè, ex… ma lui resterà conte per sempre?

Vincenzo: Beh, può anche essere. Almeno lo sarà fino a quando saranno venuti da lui i miei

                  creditori ad esigere i soldi che gli devo. I miei debiti vanno pagati!

Ringo:       I vostri debiti? Deve pagarli lui? Ma chillo nun ‘e ttene tutte chilli sorde.

Vincenzo: Ma no, ascolta. Quando i miei creditori verrano dal conte di Posillipo ad esigere

                  i soldi, non troveranno più me, ma Salvatore. E quindi se ne andranno così come

                  sono venuti. Come vedi, ho preparato un omicidio perfetto!

Ringo:       Un omicidio perfetto? Ma allora vuje vulìsseve accidere a don Salvatore?

Vincenzo: Si’ sempe scemo! Vabbé, lascia stare. Piuttosto, su a casa mia, va tutto bene?

Ringo:       Sì, sì. Solo che ieri Palma si è scordata la fontana aperta e si è allagata la casa!

                   Però state tranquillo. Io già ho buttato via tutti i tappeti.

Vincenzo: (Sconvolto) Che? I tappeti miei! I Bukara! Ma perché non li hai asciugati?

Ringo:       Ah, ma pecché, se putévene pure asciuttà?

Vincenzo: E se capisce. Cretino, viene cu’ me ‘ncoppa e gghiamme a vedé. Disgraziato!

                   I due escono. Da sinistra tornano Gennaro e Palma, piuttosto delusi.

Gennaro:  Niente, ho fallito ancora! Me dispiace, Palma. Mò chi sa tu che pienze ‘e me?!

Palma:      Nun te prioccupà, nun penzo niente ‘e male.

Gennaro:  E pensare che una volta ero un uomo pieno di virilità. Ero un cacio!

Palma:      Un macho!

Gennaro:  Appunto. L’incredibile Hulk, vicino a me, era ‘na scignetella!

Palma:      E vabbuò, Gennà, mò nun t’’a piglià accussì. Si vuò, io te sposo ‘o stesso.

Gennaro:  Che? Me vuo’ spusà? No, ma nun è cosa. Io songo assai cchiù viecchio ‘e te.

Palma:      E che fa. Quando saremo sposati, la sera passeremo il tempo a casa insieme.

Gennaro:  E sì, tu faje ‘a cazetta, mentre io me leggo ‘a Cazetta d’’o Sport! Praticamente,

                  facìmme ‘a cazetta tutt’e dduje!

Palma:      Bravo, he’ ditto buono. E mò famm’ì a cucenà, o si no ‘a signora s’arraggia.

Gennaro:  ‘A signora?

Palma:      Sì, ‘a contessa Rosaria Accapocchia.

Gennaro:  ‘A contessa Rosaria Accapocchia? Ma che d’è ‘sta storia?

Palma:      Gennà, t’’o spiego ‘n’ata vota. Mò vatte a ripusà. Cià, ce vedimme...

                  E esce a destra ridendo come una pazza. Gennaro resta un momento interdetto.

Gennaro:  Va’ a capì. Ma Salvatore e Rosaria me stéssene facenno ‘nu scherzo?! Mah! (Si

                   siede sul divanetto e si guarda il basso ventre) Michelì, che m’he’ cumbinato?

                   Dalla comune entra Luna (in abito da sera) e, non notata, va vicino a Gennaro. 

                   Una volta eri il mio vanto, ma oggi non lo sei più. E allora sai che ti dico? Pù!

                   Ci sputa sopra, poi nota Luna che lo guarda. Lui le parla, imbarazzato.

                  Ehm… niente… è Michelino! Cioè… vabbé, comunque, buongiorno.

Luna:        Buongiorno! Sto cercando il conte di Posillipo.

Gennaro:  Ah, sì? (Ma ‘stu conte tene ‘a fila fora ‘a porta?). Ehm... ma voi lo conoscete?

Luna:        No, non l’ho mai visto prima.

Gennaro:  Ehm... e allora songh’io!

Luna:        Ah, sì? Siete voi? (Gli siede subito accanto) Posso sedermi accanto a voi?  

Gennaro:  E già ve site assettata! E allora, a chi devo l’onore?

Luna:        Luna Menodieci.

Gennaro:  Comme?

Luna:        Luna Menodieci.

Gennaro:  (Guarda l’ora) No, me dispiace, purtate malamente! So’ ‘e sette e ‘nu quarto!

Luna:        No, ma sono io Luna Menodieci.

Gennaro:  Ah, ecco. Invece il mio vero nome è Gennaro. Se vuoi, diamoci del tu! Ti va?

Luna:        Ma sì, abbattiamo le barriere. Io sono Luna e tu sei Gennaro, come vecchi amici.

Gennaro:  E come mai cercavi il conte? Aspié, nun me dicere che vaje truvanno ‘nu collier,

                   ‘a Ferrari, ‘o yacht e l’Aeroporto ‘e Capodichino!

Luna:        No, non m’interessano queste cose.

Gennaro:  Ah, e allora putimme arraggiunà! Prego, esprimiti.

Luna:        (Seria) Vedi, Gennaro, tu non conosci me, però conosci mio marito.

Gennaro:  Ah, ma allora si’ spusata?

Luna:        E già. Sono la moglie del conte Vittorio Guerra. Il problema è che tu hai battuto

                   mio marito a carte, e lui ti deve pagare ancora il debito.

Gennaro:  Il debito?

Luna:        Sì, un milione di Euro.

Gennaro:  (Se ne approfitta) ‘A faccia? E quanno se move? A chi sta aspettanno a pavà?

Luna:        (Pietosa) Gennaro, ti prego, non te li prendere quei soldi. Noi stiamo in un

                   momento di crisi e mio marito non può proprio pagare.

Gennaro:  E ‘a chi ‘o vvuo’? ‘N’ata vota marìteto se ‘mpara a jucà ‘a Briscola cu’ me!

Luna:        Ma che Briscola? Avete giocato a Poker. E io, pur di far cancellare il suo debito,

                   sono disposta a donarmi a te.

Gennaro:  No, ma io voglio ‘e sorde!

Luna:        Lascia stare i soldi. E’ meglio se preferisci me. Dimmi di sì!

Gennaro:  Ehm... sì. Però io dico: ‘n’indomani che marìteto ‘o vvene a ssapé, che dice?

Luna:        Oh, ma lui sa tutto. Anzi, per farmi venire qua, per poco non mi picchiava pure!

Gennaro:  (Sorpreso) ‘O vero? Azz, po’ ‘e ggente dìcene ca tenene ‘e ccorne!

Luna:        E allora che dici? Non me lo porti a vedere il tuo leggendario talamo nuziale?

Gennaro:  Pure tu, mò? Ma io nun capisco ‘na cosa: pecché nun ‘o chiammate lietto?

Luna:        Va bene, chiamalo come vuoi tu. Io sono pronta. Che te ne fai dei soldi? Hai me.

Gennaro:  Maronna, quanto si’ bona! Ma sì, dimentichiamo i soldi! (Si alza) Viene cu’ me.  

Luna:        (Balza in piedi) Oh, grazie, Gennaro. Con piacere.

                  Vanno a sinistra.

4. [Ringo e Rosaria. Poi Gennaro, Luna e Palma]

                    Dalla comune entra Ringo trasandato e ferito: le ha prese da Vincenzo.

Ringo:        Mamma bella, aggio abbuscato d’’o conte! Ma che ll’aggio fatto, io? In fondo

                    ce aggio ittato sulo chilli tappete che s’hanne ‘nfuse! E comm’è pesante, chillo!

                    Si avvia a sinistra e si ritrova Rosaria tutta arrabbiata.

Rosaria:     Ah, tu staje ccà?

Ringo:        (Si spaventa) Mamma d’’o Carmene!

Rosaria:     E che d’è, comme te si’ cumbinato? E’ chisto ‘o modo ‘e sta’ vestuto?

Ringo:        No, ma...

Rosaria:     E scummetto che quanno faticàve p’’o conte, te faceva sta’ pure in canottiera!

Ringo:        Sì, ma...

Rosaria:     E chillo, ‘o guajo è chisto. ‘O conte tuojo te viziava ‘nu poco troppo!

Ringo:        Ho capito, ma...

Rosaria:     E invece, cocche vvota, t’avéssa avuta vattere pure. Però nun l’ha fatto maje! 

Ringo:      Fosse ‘o Dio!

Rosaria:   Siente, comunque, fin’a che staje ccà, tu he’ ‘a fa’ comme dich’io. He’ capito?

Ringo:      Va bene.

Rosaria:   E mò vatte a lavà ‘nu poco. Po’ miette ‘o mesale ‘ncoppa ‘a tavule.

Ringo:      Come la contessa vuole!

                 Esce via a sinistra, sbuffando.

Rosaria:  ‘A contessa? ‘A contessa se sta proprio sfastrianno!

                 E va a destra. Dalla sinistra tornano Gennaro e Luna, molto delusi.

Gennaro: Luna, nun me giudicà malamente. Nun so’ riuscito a ffa’ proprio niente.

Luna:       No, non ti preoccupare, Gennaro. Sapessi mio marito quante volte fa cilecca!

Gennaro: No, ma io nun m’aggio alliccato a nisciuno!

Luna:       E intanto, visto che non abbiamo fatto niente, il debito non è stato cancellato.

Gennaro: E già. E allora chesto vo’ dicere che marìteto me l’ha da da’ ancora, ‘o milione!

Luna:       Ah, no, io non mi arrendo. Torno di nuovo e ti porto un rimedio per aiutarti.

Gennaro: E vabbuò, cuntenta tu. Tanto, almeno cu’ te nun ce aggia rimettere niente!

Luna:       In che senso?

Gennaro: Ehm... nel senso che, male che vada, io mi becco il milione.

Luna:       E invece no... t’’o faccio rimané ‘ncanna! Cià, Gennà. E allenati!

                 E se ne esce via. Sconsolato, Gennaro si avvia a sedersi al divanetto. Impreca.

Gennaro: E sso’ ddoje! Sto’ facenno ‘a collezione ‘e figure ‘e niente! E sì, e già. E sì, e già.

                 Dalla comune intanto entra Lucio, sempre confuso. Nota Gennaro e gli va vicino.

                 No, Michelì, accussì nun va buono! Nun se fa accussì cu’ ‘o frato tuojo! E…

                 Poi alza lo sguardo e si trova Lucio accanto che lo guarda.

Lucio:      ‘On Gennà, ma ve site drogato pure vuje?! Facìteme capì, che state facenno?

Gennaro: Sto’ facenno ‘na comunicazione importante a ‘n’amico. Vabbuò? 

Lucio:      E che me ne ‘mporta? (Ha allucinazioni, indica a destra) Uh, guardate llà.

Gennaro: Che ce sta?

Lucio:      ‘Na bella signurina annùda! 

Gennaro: (Interessato) Addò sta, addò sta?

Lucio:       Se n’è gghhiuta. E’ sagliuta ‘ncoppa a ‘nu camiòn. ‘O purtava ‘nu lione!

Gennaro: ‘O lione purtava ‘o camiòn?

Lucio:       E certo. (Indica a terra) Uh, ‘on Gennà, guadate lloco ‘nterra.

Gennaro: (Dà un’occhiata) Che ce sta?

Lucio:       Non la vedete? Un’aragosta!

Gennaro: Oh, no, nun l’’iva dicere “aragosta”!

Lucio:       Mannaggia, è ‘o vero. Sentite, primma che vene Palma, ce ne vulìmme fujì?

                  Dalla cucina (destra) arriva Palma.

Palma:     (Entrando) Chi ha detto “aragosta”?

Gennaro: Troppo tardi! ‘A vi’ ccanno. Fuje, fuje!

                  Lucio fugge via di casa barcollando, mentre Palma afferra Gennaro.

Palma:     Gennà, ma allora he’ ditto tu “aragosta”! (Gridando) E che ddice a ffa’ che no?

Gennaro: Puozz’ittà ‘o sango, m’he’ stunato ‘na recchia! Ma che cacchio he’ passato?

Palma:     (Sexy) Senti, ma perché non ti ho incontrato prima nella mia vita? Addò stive?

Gennaro: ‘Int’’a cucina!

Palma:      No, ancora prima.

Gennaro:  Ancora primma? So’ sciso add’’o tabbaccaro!

Palma:      E dimmi una cosa, ma tu di cognome come fai?

Gennaro:  Accapocchia!   

Palma:      Allora, nella tua famiglia, tu sei il capostipite.

Gennaro:  Esatto, io sono il capostitico!

Palma:      E dunque, sei il padre del nuovo conte di Posillipo, Salvatore Accapocchia.

Gennaro:  Esatt… (Stupito) Comme? E che c’azzecca Salvatore cu’ ‘o conte ‘e Posillipo?

Palma:      Ma tu non sai niente? E allora te lo spiego io. Ma stavolta saliamo su dal conte.

Gennaro:  Ma sì, cambiamo un poco l’ambiente. Può essere che è meglio così.

Palma:      Jamme, Gennà, nun veco ll’ora!

                  Escono di casa al centro, sottobraccio.

4. [Eva e Ringo. Poi Salvatore]

                   Da destra entra Ringo (come sempre ridacchiando) spazzolandosi la giacca.

Ringo:       Ma comme se sporca ambresso ‘sta giacca! Nun sia maje ‘a vede ‘a contessa!

                   Esce a sinistra. Dalla comune entra Eva Fammok con un vestito elegantissimo.

Eva:           Chissà se Gennaro ha acquistato tutte le cose che gli ho chiesto? (Sognante) Già

                   mi vedo su uno yacht insieme a lui. E poi i giornali di gossip che ci vengono a

                   cercare in giro. Diventerò più famosa di quello che non sono. Non vedo l’ora!

                   Da sinistra torna Ringo, guardandosi la giacca.

Ringo:       Mah! A me me pare peggio ‘e primma!

Eva:           Chiedo scusa, un’informazione: io devo incontrare il conte di Posillipo, don

                   Gennaro Accapocchia.

Ringo:       (Incuriosito) A chi vuo’?

Eva:           Il conte di Posillipo, don Gennaro Accapocchia.

Ringo:       Ma a chi ‘e tutt’e dduje?

Eva:           Ma faje ‘o spiritoso? Chiamami il conte di Posillipo, Gennaro Accapocchia.

Ringo:       Uhé, nun me sfottere! Assiéttete a cocche parte e aspiette che passa ‘o conte ‘e

                   Posillipo, oppure ‘on Gennaro, oppure tutt’e dduje! E mò nun me scuccià cchiù!

                   Si volta e se ne esce a destra (sempre spazzolando la giacca e ridacchiando).   

Eva:           Ma che razza ‘e cameriere tene Gennaro? Mò che vene, ce ‘o ddico proprio!

                   Da sinistra entra Salvatore.

Salvatore: So’ ‘nu paro ‘e juorne che nun ce sto’ capenno cchiù niente, ‘int’a ‘sta casa!

Eva:           (Lo nota) Chiedo scusa, buongiorno.

Salvatore: (La osserva perplesso) Buongiorno. Posso essere utile in qualcosa?

Eva:           (Si vanta) Mi avete riconosciuta?

Salvatore: Uh, ma vuje site Assunta, ‘a mugliera ‘e Ciro ‘o salumiere! Comme state, signò? 

Eva:           (Si arrabbia) Ma quala Assunta? Qualu Ciro ‘o salumiere? Io faccio l’attrice.

Salvatore: L’attrice? E mi dispiace, ma io non riesco a ricordarmi di voi.

Eva:           Eva Fammok.

Salvatore: Comme?

Eva:           Eva Fammok.

Salvatore: Uhé, embé? Ma comme, vuje site accussì bellella, eppure site accussì sboccata?!

Eva:           Ma questo è il mio nome d’arte. E me sa che me l’aggia cagnà pe’ disperazione!

Salvatore: E me sa pure a me! Ma fatemi capire, Eva, cosa posso fare per voi.

Eva:           Io sono qua per incontrare il conte di Posillipo.

Salvatore: (Fiero) E sono io!

Eva:           Ma nun dicite scemenze! Io ieri l’ho incontrato qua dentro. E vi dirò di più, però

                   resti tra noi: lui mi ha promesso un collier, uno yacht, una Ferrari e niente di

                   meno l’Aeroporto di Capodichino.

Salvatore: Tutta ‘sta rrobba? E allora avete ragione voi, non sono io il conte di Posillipo!

                   Io mi chiamo Salvatore Accapocchia. Se tornate un altro giorno, trovate il conte.

Eva:           Ma lui ha detto che oggi lo trovavo qua. E allora lo aspetto e non mi muovo!  

Salvatore: Signò, pe’ carità, jatevenne, o si no, si ve vede muglierema, succede ‘o burdello.

Eva:           No, non mi muovo da qui.

Salvatore: E vabbuò, facimme accussì: venite con me, così vi faccio aspettare nella stanza

                   degli ospiti. Intanto io cerco il conte e lo faccio venire qua. Siete contenta?

Eva:           E va bene. Però, nell’attesa, portatemi qualcosa da bere. Magari dello spumante.

Salvatore: No, pe’ piacere, basta cu’ ‘stu spumante! Accuntentateve ‘e ‘n’aranciata!

Eva:           E portatemi quest’aranciata!

                   Ed escono a sinistra.

5. [Luna, Palma, Salvatore e Gennaro]

                   Dalla comune (al centro) entra Luna.

Luna:         Ecco qua, ho comprato delle pillole per Gennaro di ogni genere. Così oggi

                   finalmente riuscirò ad annullare il debito di mio marito. E aroppo, chillu

                   ‘mbrabato, nun ha da jucà maje cchiù, pecché perde sempe. ‘O bello è che se

                   chiamma pure Vittorio! E famme ‘ncuntrà a Gennaro, và!

                   E si siede al tavolo. Dalla comune torna Palma, delusa. Luna la nota.

Palma:       Niente. Gennaro nun è stato capace ‘e fa’ niente manco cu’ chillu stranu

                   spumante! Se vede che Michelino è gghiuto in pensione!

Luna:         (Si alza ) Chiedo scusa... 

Palma:       Dicite a me?

Luna:         Sì, dico a voi. Per caso sapete dove sta il conte di Posillipo?

Palma:       E ‘o vvulesse sapé pur’io! ‘On Salvatore sta piglianno ‘o vizio ‘e sparì!

Luna:         No, ma quale don Salvatore? Io cerco il conte di Posillipo. Avete capito?

Palma:       Ah, quello originiale? Eh, e chillo, quanno parte, nun dice maje addò va.

Luna:         E’ partito? Gennaro è partito e non mi ha detto niente?

Palma:       Ah, ma vuje vulite a Gennaro? Io aggio capito ‘o conte ‘e Posillipo!

Luna:         Eh, e io voglio il conte di Posillipo.

Palma:       (Spazientita) Ma se po’ ssapé a chi state cercanno?

Luna:         Uhé, e che vi arrabbiate a fare? Insomma, c’è o non c’è questo conte?

Palma:       Sentite, nun ce sto’ capenno cchiù niente. Io già stongo storta pe’ fatte d’’e mie.

Luna:         Mi posso sedere, almeno?

Palma:       Facìte chello che vvulite vuje. A me che me ne ‘mporta? Con permesso!

                   E se ne esce a sinistra molto sdegnata.

Luna:         Mamma mia, che caratterino che tiene quella!

                   Va a sedersi sul divanetto. Da sinistra entra Salvatore che guarda l’orario. 

Salvatore: Mannaggia, s’è fermato pure ‘o rilorgio. E mò chi ore so’? (Nota Luna e le si

                   avvicina) Scusate, signora, volevo chiedervi un’informazione...

Luna:        Sì, Luna Menodieci!

Salvatore: L’una meno dieci? Ah, grazie! (Sistema l’ora sul suo orologio e gli dà corda)

Luna:        Chiedo scusa, per caso conoscete il conte di Posillipo?

Salvatore: E voi lo conoscete?

Luna:        E si capisce che lo conosco.

Salvatore: E te pareva! E per curiosità, ma voi che cosa dovete ricevere da lui?

Luna:        (Si alza) Sentite, in confidenza, si tratta di un debito di un milione di Euro!

Salvatore: Aéh, niente cchiù? Comunque quello ora non c’è. Potete tornare un’altra volta?

Luna:        Cosa? Ma non ci penso neanche. Se prima non lo vedo, io da qua non mi muovo.

Salvatore: (Preoccupato) No, pe’ carità! Sentite, volete aspettare il conte nella stanza degli

                   ospiti? Io lo cerco, lo trovo e ve lo porto fresco fresco come una fella di cocco!

Luna:        E va bene, come volete voi. Però portatemi da bere.

Salvatore: Pure vuje? E mò, ‘o posto d’’a puteca ‘e mastrascio, m’arapo ‘nu chioschetto!

                   Vabbuò, ve porto chello che vulite vuje, però venite cu’ me! Da quella parte.

                   E i due escono via a sinistra. Dalla comune torna anche Gennaro molto deluso.

Gennaro:  Ma che vaco truvanno? Io tengo ‘n’età! Me so’ fissato che voglio fa’ ancora ‘o

                   playboy. Ma all’età mia me pozzo fa’ sulo ‘a partita ‘e carte cu’ ll’amicie! E sì.  

                   Si siede al divanetto. Da sinistra torna Salvatore, frenetico. I due non si notano.

Salvatore: (Aggia truvà subito a Vicienzo, o si no chi ‘e mantene a chelli ddoje llà ddinto?).                

                   Nota Gennaro (che come al solito se la prende con Michelino) e gli va vicino.

Gennaro:  Michelì, io e te stamme appiccecate pe’ sempe! Nun te voglio bene cchiù! (Nota

                   Salvatore guardarlo e si alza) Ma inzomma, so’ privo ‘e dicere ‘na parola cu’

                   ‘n’amico, che coccheduno me rompe sempe ‘e scatole! Ja’, che vvuo’, Salvatò?

Salvatore: Niente, papà, t’aggio visto assettato ccà e te so’ venuto a truvà!

Gennaro:  A proposito, ma dimme ‘na cosa: pecché chillu cartiello fora ‘a porta toja dice

                  “il Conte di Posillipo”? E che ce fanne ‘a cuoca e ‘o cameriere suojo ccà ddinto?  

Salvatore: (Fiero) Papà, ma ce vo’ assaje a capì? Il nuovo conte di Posillipo, sono io!

Gennaro:  Salvatò, ma tu te drogàsse ‘nzieme a Lucio?

Salvatore: No, papà, te sto’ ddicenno ‘a verità. Il conte mi ha scelto come suo erede. A

                   proposito, papà, aggia cercà subito ‘o conte, cioè a Vicienzo. Dint’’a stanza ‘e

                   ll’ospite ce stanne doje femmene ch’’o vanne truvanno.

Gennaro:  (Sorpreso) ‘O vero? Doje femmene? E so’ bone?

Salvatore: Azz! Se tratta ‘e ‘na certa Eva che fa l’attrice, e ppò ‘na certa Luna Menoventi!

Gennaro:  No, Menodieci!

Salvatore: Vabbuò, m’aggio sbagliato ‘e diece minute! Aspiette, ma tu comm’’o ssaje?

Gennaro:  Salvatò, ma ‘o conte ‘e Posillipo che vanne cercanno chelli ddoje… songh’io!

Salvatore: (Sorpreso) Che cosa? Papà, ma tu che staje dicenno?

Gennaro:  Salvatò, quanno aggio visto a chelli ddoje bellezze… è scattato il playboy che  

                   c’è in me e le ho mentite. E a Eva, po’, ce aggio promesso ‘na marea ‘e regali!

Salvatore: Papà, ma che cacchio he’ cumbinato? Tu me vuo’ fa’ appiccecà cu’ Vicienzo?  

Gennaro:  No, no, pe’ carità. Nun te prioccupà, nun ‘e vvoglio cchiù, a chelli ddoje. Però

                   almeno famme piglià ‘o milione ‘e Euro che m’ha da da’ ‘o marito ‘e Luna.

Salvatore: ‘O milione l’ha vinciuto Vicienzo, no tu. Luna è ‘a mugliera d’’o conte Vittorio

                   Guerra. E allora, papà, mò viene cu’ me e ce dice ‘a verità a tutt’e ddoje.

Gennaro:  No, ma io dicesse, facìmmece ‘e fatte nuoste!

Salvatore: (Si arrabbia) Papà, viene mommò dinto cu’ me! In marcia!

                  E Gennaro, rassegnato, senza fiatare, segue Salvatore via a sinistra.

6. [Sandro, Michela e Salvatore. Poi Gennaro, Eva e Luna]

                  Dalla comune (al centro) arrivano Sandro (con una ventiquattrore) e Michela.

Sandro:     Fai presto, Michela. Speriamo che quella roba non l’abbia bevuta troppa gente.

Michela:    Il fatto è che abbiamo esagerato con le dosi degli ingredienti. E meno male che

                   l’effetto totale del Mix agisce a intervalli regolari.

Sandro:     Sì, però, tutti quelli che l’hanno bevuto potrebbero diventare... pazzi.

Michela:   (Spaventata) Oh, mio Dio, non sia mai. Senti, Sandro, hai portato l’antidoto?

Sandro:     Ce l’ho nella ventiquattrore. L’antidoto farà l’effetto contrario al Mix. E così gli

                   effetti di sciroppo e antidoto si annulleranno. E tutto tornerà normale.  

Michela:    E allora cerchiamo subito il conte. Speriamo solo che non si arrabbi troppo!

Sandro:     E invece, mi sa che andrà a finire proprio così. Su, muoviamoci.

                   Da sinistra torna Salvatore, preoccupato.

Salvatore: E mò comme faccio? Addò o trovo a Vicienzo...?

Michela:    Eccolo, l’abbiamo trovato!

Salvatore: Ah, vuje state ccà?

Sandro:     Ehm... buonasera... Come state, signor conte?

Salvatore: Comme stongo? ‘Ntussecàto! Ma che cacchio ate cumbinato, aiére? Ma che ce

                   steva ‘int’a chillu spumante? A ‘nu certo punto, ccà ddinto, ce vuleva ‘a Neuro!

Sandro:     Ehm... avete ragione. Solo che però adesso c’è dell’altro.

Salvatore: Ah, pure? E jàmme, facìteme sentì. Assettàteve.

Michela:    No, ma io direi che non è il cas...

Salvatore: (Si arrabbia) Assettàteve!

                   Sandro e Michela si siedono subito, senza fiatare. Salvatore resta in piedi.

                   E allora, ch’è succieso, mò?

Michela:    Beh… vedete… le cose stanno così: chi ha ingerito il Mix, rischia di impazzire.

Salvatore: Addirittura? Sentite, ma mò me vulìsseve fa’ ì ‘ngalera?

Sandro:     Niente paura, abbiamo portato un antidoto. Voi sapete che cos’è un antidoto?

Salvatore: E’ ‘na cosa che se mette ‘nfaccia ‘o muro?!

Sandro:     E che d’è, ‘nu quadro? No, l’antidoto serve per calmare l’azione del Mix.

Michela:    E così, tornerà tutto normale come prima. E lo sapete perché?

Sandro:     Perché questo antidoto ha delle proprietà.

Salvatore: ‘O vero? E’ proprietario?

Sandro:     Eh, tene ‘e ccase ‘ncoppa ‘o Vommero!

Michela:    Aspetta, glielo spiego io: le proprietà sono le caratteristiche proprie di qualsiasi

                   cosa. Anche la frutta ha delle proprietà, che sono le vitamine. Avete capito?

Salvatore: Sì, ve site spiegata. Sulo che nun aggio capito io ch’aggia fa’?

Michela:    E’ facile: voi dovete dare l’antidoto a coloro che hanno bevuto il prodotto.

Salvatore: Io? E pecché nun ce ‘o ddate vuje?

Sandro:     Perché noi non sappiamo chi ha bevuto lo spumante insieme allo sciroppo. Voi

                   siete l’unico che può aiutare quelle persone. Tanto più che ci sono di mezzo

                   anche dei vostri familiari.

Salvatore: E vabbuò, aggio capito. Dàteme chist’atu scerùppo, ce ‘o ddongh’io.

Michela:    No, ma non si tratta di sciroppo.

Sandro:     (Dalla ventiquattrore estrae una scatola...) Bensì… di supposte!

Salvatore: Che? E ce ll’’essa mettere io? No, e allora pe’ me hanne voglia ‘e ascì pazze!

Michela:    Ma signor conte...

Salvatore: Ma che signor conte e signor conte? Basta, giù la maschera: io non sono il conte

                   di Posillipo. Songo ‘nu povero falegname. Me chiammo Salvatore Accapocchia.

Sandro:     (Sorpreso) Che cosa?

Michela:    (Sorpresa) Ma... ma allora voi non siete il nostro benefattore?

Salvatore: Ma qua’ benefattore? Io vaco truvanno a chi me dà coccosa a me!

Michela:    E perché ci avete ingannato?

Salvatore: Ma chi vi ha ingannato? Io sono solo prigioniero di un sogno. Era meglio se vi

                   dicevo la verità, così voi andavate dal vero conte e io non stavo in questo guaio.

Michela:    Ma ormai è fatta. Sentite, chiunque voi siate, dovete fare qualcosa. Vi prego.

Sandro:     Io vi lascio la scatola con le supposte sul tavolo. (Così fa) Fate quello che potete.

Michela:    Noi torneremo più tardi. Arrivederci.  

                   Sandro chiude la ventiquattrore, i due si alzano e escono celermente.

Salvatore: Se ne so’ gghiute. E mò me l’aggia cavà io sulo. Però mò nun saccio chi se l’ha

                   vevùta, chella rrobba. (Prende la scatola dal tavolo) A ‘stu punto, me sa che ‘sti

                   supposte… ce ll’aggia mettere a tutte quante!

                   E esce di casa. Da sinistra entrano Gennaro, Eva e Luna (che si contrastano).

Eva:           (Sognatrice) Oh, Gennaro,io già sogno di indossare il collier nella mia Ferrari

                   accanto allo yacht parcheggiato all’Aeroporto di Capodichino! Tutti regali tuoi!

Luna:         E io già sogno quel milione di Euro che non esce più dalle tasche di mio marito! 

Gennaro:   Eh, e io che me sonno?!

Eva:           Néh, ma tu chi si’?

Luna:         Io sono Luna Menodieci. E tu?

Eva:           Io sono la grande attrice, diva famosissima, Eva Fammok!

Gennaro:   Ma pecché nun ve ne jate a “Fammok” tutt’e ddoje?!

Luna:         Gennaro, ma che modi! Tu sei il conte di Posillipo.

Gennaro:   Ma qua’ conte ‘e Pusilleco? Basta, io nun songo nisciuno.

Le due:      (Sconvolte) Cosa?

Gennaro:   ‘O conte ‘e Posillipo esiste, però nun songh’io! Per ora è mio figlio Salvatore!

Eva:           Ma allora mi hai ingannato.

Luna:         E pure a me. Ma come hai potuto?

Gennaro:   Veramente, pure vuje nun site trasute ccà ddinto pe’ ffa’ ‘na visita ‘e piacere!

Eva:           Ma tu lo sai cosa sei? Un mascalzone, un ladro e un truffatore…

Luna:         Un imbroglione, un bugiardo e un peccatore!

Gennaro:   Eh, v’ate ‘mparata ‘sta poesia?

Luna:         Senti, adesso dimmi dove sta tuo figlio, il vero conte.

Eva:           No, lo devi dire a me, altrimenti non esci da quella porta... (Indica l’uscita)

Gennaro:   Ah, sì? E allora me n’aésco d’’a cucina!

Le due:      Ehi, dove vai?

                   E esce via a destra inseguito dalle due che lo contestano.

7. [Vincenzo, Massimo e Rosaria. Infine Salvatore]

                  Dalla comune entra Vincenzo piuttosto seccato.

Vincenzo: Ma roba da matti: non ho potuto prendere l’aereo, perché all’Aeroporto hanno

                  scritto la prenotazione a nome del conte di Posillipo. Il fatto è che adesso il conte   

                  di Posillipo è Salvatore, ed io non posso ancora tornare me stesso! Che guaio.

                  Da sinistra torna Rosaria.

Rosaria:   Ma addò hanne jute Ringo e Palma?

Vincenzo: Oh, la signora Rosaria carissima. (Le si avvicina)                   

Rosaria:   Ah, ehm... signor conte, voi?

Vincenzo:  E no, adesso il conte è Salvatore.

Rosaria:    Già, purtroppo. Non vedevo l’ora di parlarvi proprio di questo. ‘On Vicié, pe’

                   favore, levàte st’idea ‘e essere conte d’’a capa a Salvatore.

Vincenzo:  E perché? Sta usando il mio titolo con disonestà? Oppure non ne è all’altezza?

Rosaria:    Beh, mio marito, in quanto a onestà, non si discute. Ma ‘na cosa è certa: nun è

                   all’altezza! Ma comme fa Salvatore a ffa’ ‘o conte? Chillo tene ‘a terza media.  

Vincenzo:  E pecché, io so’ laureato? Insomma qual è il problema? La sua bassa cultura?

Rosaria:    No, però Salvatore ha perzo tutta l’umiltà che teneva. Io nun ‘o riconosco cchiù.

Vincenzo:  E come potrei convincerlo a non essere più conte? Questo è il suo sogno.

Rosaria:    ‘O fatto è ca io voglio sulo cose bbone pe’ mio marito. E questa non lo è.

Vincenzo:  E allora, appena lo vedo, gli dico un po’ di cose brutte, così lo spavento un po’.

Rosaria:    Grazie, ‘on Vicié, io me metto ‘int’’e mmane voste.

                   Vincenzo le prende le mani. Ma da sinistra torna Massimo arrabbiato.

Massimo:  Ma pecché aggio ditto a papà… cioè a Salvatore… che nun songo figlio a isso?

                   Nota i due insieme, che lo sentono e si lasciano le mani di colpo.

                   (Uh, ce stanne ‘o conte… cioè, papà e mammà! Insieme!). Ehm… salve!

                   E gli si avvicina. Rosaria cerca di far finta di niente.

Rosaria:    Ehm... uhé, Massimo, che se dice, a mammà?

Massimo:  Bene, noto con piacere che voi due vi siete parlati. E allora avete fatto pace?

Rosaria:     E pecché, quanno ce simme appiccecate?

Vincenzo:  Infatti. Tra di noi c’è stima. E poi, Massimo, io stimo pure te… come un figlio!

Massimo:  E io ‘o ssaccio, ‘o ssaccio!

Rosaria:    Massimo, io e il conte abbiamo deciso di parlare con tuo padre e dirgli la verità.

Vincenzo:  Sì, gliela dico io.

Massimo:  (Triste) Non occorre. Lui già sa tutto. Non volendo, gliel’ho detto io. Purtroppo.

Rosaria:    Ah, sì? Bravo, he’ fatto buono. E adesso, tu non devi dire niente al conte?

Massimo:  Sì, ora glielo dico. Faccio il mio dovere.

                   Dalla comune entra Salvatore (senza giacca, con guanti di gomma alle mani e

                   una supposta in mano e nota la scena stupito). Massimo va vicino a Vincenzo.

                   Ehm... signor conte... anzi, no... papà!

Rosaria:    (Sorpresa) Che cosa?

Vincenzo:  (Sorpreso) Papà?

Massimo:  Sì, tu sei mio padre!

Salvatore: (Avvicinandosi a loro, per nulla contento) Ah, s’è riunita ‘a famiglia Addams!

Rosaria:    Uhé, Salvatò, si’ tu?

Salvatore: Tu stattu zitta, pecché cu’ te parlamme aroppo!

Vincenzo:  Salvatò, ma ch’è stato?

Salvatore: Ma che Salvatore e Salvatore? Basta cu’ ‘sta sceneggiata!

Massimo:  Ma che dici? Papà... cioè... don Salvatore!

Salvatore: E stattu zitto pure tu! Tutt’e tre, m’avite nascosto ‘stu segreto pe’ tantu tiempo.

Rosaria:    Qualu segreto?

Salvatore: Rosà, basta. Io v’aggio sgamato. Massimo ha chiammato a Vicienzo… “papà”!

Vincenzo: (Sorpreso) Ma… che cos’è questa storia? Salvatò, qua c’è un equivoco enorme.

Rosaria:    E’ ‘o vero, Salvatò. Ma po’ essere maje, io te facévo ‘e ccorne, a te?

Massimo:  Un momento, signor conte, mammà… ma allora non è vero niente?

Rosaria:    Massimo, ma io vulésse sapé chi t’ha ditto ‘sta scimmità.

Massimo:  Una signora. Però a questo punto devo pensare che ho capito fischi per fiaschi.

Salvatore: Sentite, nun facite tanta cummedia, pecché cu’ me nun attacca.

Rosaria:    Ma mò pecché tiene ‘sti guante ‘e gomma e ‘sta supposta ‘nmana? Che he’ fa’?

Salvatore: E secondo te, che se fa’ cu’ ‘e ssupposte? Ve l’aggia mettere a tutt’ e tre!

I tre:          (Sorpresi) Che?

Massimo:  Papà, e io che ce azzecco?

Salvatore: Aiére t’he’ vevuto pure tu ‘o spumante?

Massimo:  E comme.

Salvatore: E allora ce azzicche, ce azzicche! Forza, facìteve mettere ‘a supposta.

Rosaria:    Uh, Marò, è asciuto pazzo Salvatore! Fujìte!

                   I tre escono di casa gridando dallo spavento, inseguiti da Salvatore che grida:

Salvatore: Geronimooo…!

Scena Ultima. [Gennaro, Eva, Luna. Poi Salvatore e gli altri]

                    Da destra tornano Eva e Luna che portano di forza, sottobraccio, Gennaro.

Luna:         Gennaro, tu devi chiedere al vero conte, cioè tuo figlio, di rinunciare al milione.

Eva:            E a me m’ha da regalà ‘o collier, ‘a Ferrari e ‘o yacht!

Gennaro:   (Ironico) T’he’ scurdato l’Aeroporto ‘e Capodichino!

Eva:            Appunto!

Gennaro:   Nenné, pe’ t’accattà tutto chello che vvuo’ tu, ce vulésse ‘a magia ‘e ‘nu mago!

Luna:         Siente, Gennà, inzomma, pe’ quantu tiempo vuo’ pazzià ancora cu’ nuje?

Eva:            Io scummetto che ‘stu famoso figlio conte nun esiste proprio!

                    E dalla comune entra Salvatore (con un’altra supposta in mano) e si ferma.

Salvatore: OK, aggio miso ‘a supposta a Massimo, a Rosaria e a Vicienzo: vendetta è fatta!

Gennaro:   (Indica Salvatore alle due) ‘O vi’ ccanno, mio figlio Salvatore: il vostro “conte

                   azzurro”!

Le due:      Finalmente! (Vanno a prenderlo sottobraccio, lo conducono a centro stanza)  

Luna:         Ma perché non mi avevi detto che eri tu quello che cercavo?

Eva:           Guarda che io devo avere un sacco di roba. Vedi come ti devi mettere!

Salvatore: (Sorpreso) Ma che d’è ccà? 

Gennaro:   (Va da loro) Salvatò, ‘sti ddoje stanne cercanno a te, cioè il conte di Posillipo!

Salvatore: Ma qualu conte ‘e Posillipo? Io faccio ‘o falegname e nun tengo ‘nu centesimo!

Le due:      (Si distaccano immediatamente da lui) ‘Nu falegname?

Eva:           Néh, ma se po’ ssapé addò sta ‘stu conte?

Salvatore: Sta ‘o piano ‘e coppa. Mommò ce aggio miso ‘na supposta!

Gennaro:  ‘Na supposta? A proposito, Salvatò, ma che hé ‘a fa’ cu’ ‘sta supposta ‘nmana?

Salvatore: E mò vide. Uhé, a tutt’e tre: ultimamente v’ate vevùto ciertu spumante?

I tre:          Sì.

Salvatore: E allora, me dispiace, v’aggia mettere ‘na supposta per ono a tutt’e quatte!

Gennaro:  (Spaventato) Salvatò, ma che ddice? Ma tu nun te fire proprio?

Salvatore: No, io me firo. Site vuje che nun ve firate! E allora fatevi prendere!

                   I tre, spaventati e gridando, scappano via in cucina (a destra).

                   Ma vedite che scieme! Se ne fujene ‘int’’a cucina. (Grida) Uhé, io sto’ venenno!

                   Esce a destra. Dalla comune (al centro) tornano Sandro e Michela preoccupati.

Michela:    Sandro, questa è la volta buona che passiamo un guaio. Ma che hai combinato?

Sandro:     Michela, a quel Salvatore non gli ho dato l’antidoto per il Mix, ma supposte che

                   creano nervosismo e odio.

Michela:     Oddio mio, dimenticavo: noi non abbiamo mai creato un antidoto per il Mix.

                    Presa da tutto questo casino, non ci avevo pensato. E allora come si fa?

Sandro:      Cerchiamo quel Salvatore e speriamo non abbia ancora messo alcuna supposta.

Michela:     Dividiamoci: tu vai a destra e io a sinistra.

                    Lui va a sinistra e Michela a destra. Dalla comune entra Lucio, quatto quatto.  

                    Da sinistra entra Palma che lo scorge e lo richima.

Palma:        Fermo là!

Lucio:         (Si spaventa) Mamma bella! Siente, Palma, io nun aggio ditto “aragosta”!

Palma:        Nun me ne ‘mporta ‘e ll’aragosta! Voglio sapé tu che staje facénno ccà ddinto.

Lucio:         No, niente. Aggio sbagliato casa. Allora mò me ne pozzo ì. Arrivederci!

                    Ma da destra entra Ringo.

Ringo:         Alto là! Tu sei quello che vede gli animali volare, o col frac, o con la patente!   

Lucio:         He’ visto? Praticamente, so’ meglio ‘e Walt Disney!

Palma:        Siente, ma tu chi si’? Che ce faje ccà? A chi appartiene?

Lucio:         Me chiammo Lucio.

Palma:        Vabbuò, Ringo, nun perdimme ‘o tiempo cu’ chisto. Jamme a cucenà.

Ringo:         E ffacimme ambresso, primma che vene ‘o conte e ce trova senza fa’ niente!

Lucio:         ‘O conte? Ma ‘o conte nun sta ‘o piano ‘e coppa?

Ringo:         No, è Salvatore Accapocchia!

Lucio:         (Sorpreso) Eh?!

                    E dalla cucina esce proprio Salvatore con un’altra supposta in mano.

Salvatore: ‘N’atu ppoco e aggio quase fernuto!

                    I quattro si notano e Ringo e Palma cominciano a temere.

Ringo:        Oddio, ‘o conte sta ccà. Ehm... salve, signor conte...

Lucio:        (Sorpreso) Ma è chillo?

Palma:       Sì, è lui. E allora, va tutto bene, signor conte?

Salvatore: A me sì. Però a vuje no! E pe’ chesto, v’aggia mettere ‘a supposta a tutt’e tre!

I tre:          ‘A supposta?

Ringo:        Palma, te ll’aggio ditto ch’’o conte s’arraggiava!     

Salvatore: E ja’, facìteve acchiappà, accussì me levo ‘stu penziero!

                   E i tre, terrorizzati, scappano via a sinistra gridando.

                   Tanto, v’acchiappo ‘o stesso! Però me sto’ divertenno, a mettere ‘e supposte!

                   E va a sinistra. Dalla comune tornano Rosaria e Massimo, doloranti al sedere. 

Rosaria:    Ah, mamma mia, Massimo, comme me fa male ‘sta supposta!

Massimo:  E pure a me. Nun sapevo che papà teneva ‘a passione ‘e mettere ‘e supposte!

Rosaria:    E manch’io.  

Massimo:  (Fa effetto la supposta) Mammà, ‘o ssaje? Bell’e buono, schifo a tutt’’o munno.  

Rosaria:    (Fa effetto la supposta) A chi ‘o ddice? ‘Int’a ‘stu mumento, me schifo pur’io!

Massimo:  E ppo’ me sento comme si tenésse ‘a gola secca. Aggia vévere assolutamente.

Rosaria:    E pur’io. Sulo che nun m’arricordo addò sta ‘a cucina!

Massimo:  Mammà, ma comme? Sta lloco. (Indica la comune, dunque la parte sbagliata)

Rosaria:    Ah, già, è ‘o vero! ‘E che scemo che ssi’! Nun t’arricuorde maje niente.

                   Escono proprio di lì. Da destra riecco Gennaro, Eva e Luna doloranti al sedere.

Gennaro:   Ah, mamma bella, e comme fanne male, ‘e supposte. So’ peggio d’’e serrenghe!

Eva:           Ma che maniere! Io sono una grande attrice, e non mi si può trattare così!

Luna:         Ma stattu zitta, che faje ‘a meglia cosa! Nun me firo cchiù ‘e sentì a nisciuno!

Eva:           (La suposta fa effetto) Mamma mia, comme me sento strana. Gennà, ‘o ssaje,

                   improvvisamente me pare ca te schifo propio!

Luna:        (La supposta fa effetto) ‘O vero, pur’io. Sapìsse comme te schifo!

Gennaro:  (Gli fa effetto la supposta) E io invece ve schifo a tutt’e ddoje! Ma assaje, assaje.

Eva:           Comunque, Gennaro, adesso mi devi dare il collier e tutto il resto. E subito!

Luna:        E a me mi devi togliere il debito! E subito!

Gennaro:  E invece vuje v’ata levà ‘a tuorno! E subito! Vi ho detto che non tengo niente!

Luna:        E no, Gennà, e mò comme facimme? Io nun me ne pozz’ì a mani vuote.

Gennaro:  Ehm… ragazze, io avrei una proposta democratica: andiamocene in cucina e

                   cuciniamoci uno spaghetto col sugo.

Eva:           Io però non so cucinare. Per cui, cucinerà questa sciacquetta di Luna.

Luna:        Nient’affatto. Io sono la moglie di un conte. Non mi abbasso a cucinare.

Gennaro:  Aggio capito, cucino io, cucino io. Però aroppo vuje lavate ‘e piatte.

Eva:           Io sono una grande attrice, non mi posso bagnare le mani per lavare i piatti.

Luna:        Io sono sempre la moglie di un conte. Non mi abbasso a lavare le stoviglie.

Gennaro:  Ma ‘o conte ‘e Pusilleco addò cacchio v’ha truvato, a tutt’e ddoje. Jamme a

                   magnà, jamme!

                   E escono a destra. Le due esultano. Dalla comune tornano Rosaria e Massimo.

Rosaria:    Massimo, ma ‘a cucina sta destra! Che simme asciute a ffa’ d’’a casa?

Massimo:  E chi ‘o ssape? Comunque adesso mi pare che mi sento un poco meglio. E tu?

Rosaria:    E pur’io. Speriamo che adesso tutto sia tornato alla normalità!

                   Le ultime parole famose: da sinistra entra Michela, dolorante al sedere.

Michela:    Mamma mia, e comme fanne male chelli ssupposte! Ma che sso’, ‘e piombo?

                   Nota i due che la guardano sorpresi e gli si avvicina (le fa effetto la supposta).

                   Scusate, voi due, avete visto a quell’antipatico del mio collega? Come lo odio!

                   E da destra arriva proprio Sandro dolorante al sedere e zoppicante, ma felice!

Sandro:     Come mi piacciono i fiorellini e gli uccellini!

Michela:   (Arrabbiata) Sandro, ma che si’ gghiuto a ffa’ lloco ddinto?

Sandro:     Mi pare che dovevamo cercare qualcuno. Io ho visto a Salvatore Accapocchia.

Michela:   Ah, e pure io. A me mi ha messo una supposta. E a te?

Sandro:     A me m’ha miso ‘na supposta… cu’ tutta ‘a scatola!

Michela:   Sandro, ce ne andiamo? Basta, sono stanca! E poi voglio dirti che ti odio!

Sandro:     E che me ne ‘mporta? A me mi piace la natura, gli uccellini, i fiori, i ruscelli...

                  Vanno via. Da sinistra tornano Palma e Ringo, doloranti al sedere e innamorati!

Ringo:       ‘O ssaje, Palma? Stranamente, ‘int’a ‘stu mumento... me sento ommo!

Palma:      Oh, Ringo, ma come ho fatto a non accorgermi di te in tutti questi anni?

Ringo:       Oh, Palma, e chi cacchio ‘o ssape?

Palma:      E pensare che io mi volevo sposare a Gennaro. Ma io voglio te, solo te. Capisci?

Ringo:       Ma tu ‘o ssaje che ‘na vota io te schifàvo, e mò invece nun te schifo cchiù?

Palma:      Allora, ci sposiamo? Io proporrei di sposarci il 25 dicembre!

Ringo:       No, è meglio il 31! Sparano pure le botte!

Palma:      (Nota Rosaria e Massimo) Ringo, guarda, la contessa e il signorino Massimo.

Ringo:       Ma che me ne ‘mporta ‘e ‘sti duje? Andiamocene, Palma. Aragosta, aragosta!

Palma:      Sì, Ringo... aragosta aragosta!

                  Escono di casa doloranti. Da sinistra torna Lucio dolorante al sedere e sveglio.

Lucio:       Ah, me fa male ‘o popò, però nun sto’ cchiù fatto! Forse è stata chella supposta!

                  (Nota i due, va da loro) Cià, Massimo! Uhé, signò, ‘o ssapite? Non mi farò mai  

                  più. E com’è bello essere lucido! ‘O munno pare ‘e ‘n’ata manera! Arrivederci.

                   E esce via di casa sempre dolorante al sedere. Rosaria e Massimo si guardano.

Massimo:  Mammà, ma che sta succedenno ccà ddinto?

Rosaria:    E che ne saccio, io? A me me pare che sso’ asciute pazze tutte quanne!

Massimo:  Sulo che mò ce manca sulo papà e amme fernuto ‘a sfilata!

                   Da sinistra torna proprio Salvatore con l’ultima supposta in mano, soddisfatto.

Salvatore: Aggio fernuto! E chesta è ‘a ll’urdima supposta! Mò m’’a stipo pe’ ricordo!

Massimo:  Papà... ti sei calmato?

Salvatore: Ah, vuje state ccà?

Rosaria:    Salvatò, ma ce ll’haje ancora cu’ nuje?

Salvatore: Beh... sì e no. (Posa la supposta sul tavolo, toglie i guanti e li posa sul tavolo)

Rosaria:    Salvatò, ma te pare a te ca io facévo ‘nu figlio cu’ ‘o conte e nun t’’o ddicevo?

Massimo:  Papà, io me penzavo ch’’o conte era overamente mio padre. Ma quanno so’ stato

                   vicino a isso, nun ‘a sentévo ‘a voce d’’o sango. Invece, quanno sto’ cu’ te… sì!

Salvatore: Massimo, nun me spiegà cchiù niente. Ti voglio bene e questo mi basta.

Rosaria:    Salvatò, e a me nun me dice niente?                 

Salvatore: No, Rosà. Niente. A te già t’aggio perdunata quanno t’aggio miso ‘a supposta!

Massimo:  A proposito, papà, ma perché ci hai messo quelle supposte?

Rosaria:    ‘O vero, pecché? ‘O ssaje che ce he’ fatto pure male?

Salvatore: E invece non l’ho fatto per farvi del male... ma per farvi bene.

Massimo:  (Gli torna l’effetto) E intanto, ma tu ‘o ssaje ca me sento ‘n’ata vota strano?

Rosaria:    (Le torna l’effetto) E già, pur’io!  

Massimo:  Mammà, guarde, è rimasta ‘n’ata supposta. A chi ce ‘a mettimme?

Salvatore: (Si preoccupa) Ehm... sentite, ma che vvulite fa’?

Rosaria:    (Prende guanti e supposta) Salvatò, vieni qua, fatte mettere ‘sta bella suppostina

Salvatore: Uhé, uhé, facìtece sta’ qujete! Aiutooo!

                   Salvatore scappa via inseguito da Massimo e da Rosaria.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno