Il cuore sullo stradone

Stampa questo copione

Stefano Palmucci

(2001)

Commedia brillante in due atti ed epilogo, in vernacolo sammarinese, liberamente ispi-rata al racconto"L'uomo che teneva il cuore sullo stradone" di Giuseppe Rossi



Il cuore sullo stradone

di Stefano Palmucci

(Commedia brillante in due atti ed epilogo, in vernacolo sammarinese, liberamente ispirata al

racconto"L'uomo che teneva il cuore sullo stradone" di Giuseppe Rossi)

Personaggi:

Un emigrato - Marino Baldoni

Sua moglie - Ernelia (Eglia)

La figlia - Agata (Tina)

Il fratello di Marino - Leo

La moglie di Leo - Assunta

Il gangster - Don Vito Mazzacurato

Il capofabbrica - Gino Monti

Sergente Serpico - Agente di Polizia

Bob - Agente di polizia

ATTO PRIMO

Scena I

(Tina - Eglia)

Un piccolo appartamento (loft) di New York, 1961. La scena presenta un soggiorno molto so-brio, essenziale, un divanetto, una o due poltroncine, una tavola, un mobile con TV, qualche sup-pellettile, mensole, un portabiti con cappotti. Una finestra (che può anche essere immaginaria, verso il pubblico).

E' domenica mattina, Eglia e Tina stanno facendo i cappelletti:


Tina:


alora mà, cus ch'a i ho da di? Cum'è ch'a gli ho da metta giò?


Eglia:


acsè, cum te det sa me…t'ui disgh che ste ragaz u t'ha dmand d'andè me cinema sa lo, e che te t'ui vress andè


Tina:


a gli ho da dì ch'l'è un americhen? Ch'un è un ragaz ad San Marein?


Eglia:


ah, te nu bacila, che quand t’ui disgh e nom, lo e capess sobte che u i è qualcosa ch’un va…


Tina:


perché e fa acsè?


Eglia:


sa vot ch’at degga? Ormai l’è bela si an che a sem a New York, mo lo un s’è mai adated, un è pass un dè che e su pensir un sia ste quel da tur-nè a chesa, me su stradoun…


Tina:


mo come mai?


Eglia:


dì, e bsogna enca dì che lò la lengua un l'ha impareda, lagiò du che la-vora i e tott italien e la dmenga ac truvam sempri se su fratel e la su moi; lò s'la testa l'è arvenz a San Marein, e disch sempri che sint una gran nostalgia, ch'u gni la fa piò gnienca ad durmì…


Tina:


ho capid, mo ch’us ch’ u i entra se me e ste ragazz andem me cinema?


Eglia:


t’un capess che ogni pecul pass vers la nosta vita americhena per lo e rapresenta un ostacul, un impecc nuv vers e nost ritorni? a to pù dett che a so steda custreta a rifiutè enca ch’la promuzioun chi m’ha prupost tla fabrica…avria ciap di sold ad piò, e poi la saria steda una bela sudisfa-zioun, mo ch’ust vui fè? Lo u la ved acsè….


Tina:


e te ma? Enca te t'an ved l'ora d'arturnè?


Eglia:


di, ma mè la vita americhena l'an mi dispish, tla fabrica am trov bein, im trata bein, a ciap di bei suldein e po a che u i è tott chi negozi, l'in-steda andem me mer so ma longailan…


Tina:


te la lengua t'l'è impareda sobte


Eglia:


ah, pri forza, sa vleva fè la spesa…mo te prim teimp l'era dura, a videva ti negozi tott al robi piò boni, aveva i sold tla bascocia, e an saveva dmandè gnint. Dop pien pien, un po’ t'la fabrica, un po’ s' la televi-sioun, a l'ho impareda. Ades an pos dì ch'as stagh mel, mo la tu tera l'è sempri la tu tera


Tina:


alora perché ch'la volta a sem vnud via?


Eglia:


eh careina, ades a stam bein, ac sem sistemed, avem mes via enca un po’ ad rispermi, mo a San Marein l'era dura. A là u gni è e lavor, u gni è gnint, a n'avimi un frech da sbata sa ch'l'elt.


Tina:


e quei chi è arvenz?


Eglia:


eh, qualch'd'oun e va a Ravenna a fè la stason, qualch'd'oun e fa chi la-vurett, qualch'd'oun a Remni a fè i garzoun, i s'arangia acsè, se no ui tocca andè a lavurè fura, in Frencia o a chè in America.


Tina:


però prima o dop arturnarem a San Marein


Eglia:


sta zeta va la, sa peins ma ch'la travarseda, im vin tott i mel. Uh! ch'la volta: dish dè ad burasca, u i era l'acqua dampritott, sora, sotta, apeina ch'a mitiva qualcosa t'la penza, l'arturneva indria, ad dish dè avrò pers dish chell, già ch'a sera megra….sa peins d'armuntè sora ch'la neva um vin i strimuloun.


Tina:


s'l'"Andrea Doria" an muntarem piò ad sigur, l'è afundeda do-tri viag dop de nost…mo og l'è cambi gnicosa, dish che t'una stmena u s'ariva.


Eglia:


e po, a ne so se t'atarcord, mo quand ch'a sem arvat, am so incorta d'avè pers e mi passaport: ch'la volta u m'è vnud un colp. Piutost ch'arturnè indria, am saria mazeda


Tina:


t'avivti pers e passaport? An m'arcurdeva miga. E dop ch'um ch'avem fat?


Eglia:


dop avem ciamed e mi pori fradel, ch'l'era già a che a New York. Per fortouna ch'l'era un grand amigh de sgnor Console e alora tra l'Amba-scieda e la pulizia i s'è mes d'acord e ch'la volta i a cius un occ. A se no, i m'avria armess so.


Tina:


però l'intenzioun la n'era quella d'arvanzè a che…


Eglia:


mocchè, niscioun e partess s'l'intinzioun d'arvanzè a chè. Tott i peinsa da stè do-tri ann, da metta via un po’ ad suldein e pò d'arturnè chesa.


Tina:


sé, mo tott quest ch'us ch'u i eintra se mi apuntamenint? Questa l'è un’elta facenda, in fin di cunt us trata sno d’una sera….


Eglia:


ciò, te prova po’ a dmandè me bà, dop a vidrem…


Tina:


e sgond te, quand'è ch'a gli ho da dmandè? A mizdè, quand' u i è enca i zii?


Eglia:


mo tz'i mata? La zea la po’ enca essa dala tu perta mo e su fradel e ra-giouna pricis me tu bà. Aspeta che i pareint i vaga via e po stasera tu i el dmand. (entra Marino in ciabatte, e va a sedersi su una poltrona)


Scena II

(Marino – Eglia – Tina)


Marino:


bondè doni, l’è prount è mi cafèlat?


Eglia:


mo lassa andè, ormai l’è al dish, dop t’un magn piò…


Marino:


èh, pori om…a lavor cum'è un brech totta la stmena e la dmenga an pos gnienca gustèm e mi cafèlat in pesja…


Eglia:


se t’fos stè so prima, mo ades ormai…piutost, duv'è ch't'zi sted ir sera? Te fat un po’ terd.


Marino:


sta zeta va là, quei chi lavora sa me i m'ha port t'un bar giò me villag, da Gerde, l'è un mes ch'im dish d'andè sa lor ch'u i è oun che chenta, ch'l'è tent brev…


Tina:


chi ch'l'era bà?


Marino:


l'era un cavlon tott sporch, scavcid…BoB…Bilan, Dylan um per, an m'arcord bein. Mo se duvess campè sa me, e muriria ad fema…


Tina:


ho sintì chi scureva enca tla scola bà, un t'ha piasù?


Marino:


va là, quei i è lavor che se oun u n'ha studiè u ni po’ fè, l'è c'mè e dutor, e profesor; se oun u n'ha studiè la musica, l'ha voia a baiè…t'a t'arcord Eglia quand a sem andè a sintì e maestri Casadei giò a Mercadein? Cum ch'l'a feva ch'la canzoun nova? "Romagna mia, romagna in fiore….", ah, quella l'era musica.


Eglia:


amarcord sé, avem baled fin quasi mezanota.


Marino:


chisà s'il fa ancora, ch'al beli festi…


Eglia:


t'è mes a post gnicosa te bagn?


Marino:


(fra sé) ardai…


Eglia:


ch'us te det?


Marino:


gnint. Ho dett sno ch'um per t'la facia tropa longa sa sta facenda…


Eglia:


ah, adess a so mè ch'a la fac longa. Og, s'un mi deva una mena la Tina, a gni la feva gnenca a fè i caplet, sa ste cirott t'la mena. E mè an mi du-vria gnienca lamantè che t'lass tott al tu robi in gir?


Marino:


mè a degh sno che quand oun e puless, e duvrà stè ateinti do che mett al meni


Eglia:


e sarà fatiga ste teinti ma tott, se po’ oun e lasa la su lametta da berba te mez d'l'asciugamen, ui vò poch che qualch'd'oun us facia mel.


Marino:


mo va là, l'è un taietin da gnint, un s'cnoss gnienca.


Eglia:


ah, una roba da gnint, ormai am purteva via un ded. S'ut foss capitè ma te, t'zaress già mort da la paura de sangui.


Marino:


t'zi la solita esagereda. A t'ho dmand scusa, al facendi a li facc quasi tot-ti me, sa vot ad piò?


Eglia:


gnint, um basta che t'armetta a post al tu lametti, quand t'ut si fat la ber-ba.


Marino:


ades ho mess a post gnicosa, va a veda


Eglia:


eh, dop a vag.


Marino:


e giurnel duv'è ch'a l'avì mess? O ormai l'è passa l'ora enca ad quell?


Eglia:


no l’è lè, sora e tavlein, mo i l'ha port al si, ormai al nutizi li n'è piò fre-schi…


Tina:


se t’vò, ba, a te legg me e giurnel acsè at tradusj tott al paroli…


Marino:


at ringrezi mo a n’ho bsogn, a capess benessim da per me…(cercando dileggere) osta a che las fa rogna, chi ross i è propri dicis d'andè s'la lounaprima d'i americhen…a che e dish ch'i manda so un elt razz mo che or-mai i è cunvint che la louna la sia fata totta ad furmai


Tina:


mo ch'us t'disch ba? Me a l'ho lett prima ch'l'artecli e i dish che i vo mandè so un razz prima d'l'insteda…"for may" e vo di "per maggio", no furmai…sé, ades la louna l'è tutta na gruviera….


Marino:


perché? A guardela da quagiò l'an per na gruviera? Che furmai si busg…


Eglia:


Tina, legg te che giurnel va là, se no quel chisà ch'us che capess…


Marino:


me a capess quel ch'ho da capì, va bein? A n'ho bsogn da imparè l'ame-richen ades ch'a stam per arturnè a chesa


Eglia:


sé, l'è cinch an che t'disch acsè, se t'pruvevti d'imparel sobti da st'ora t'ul savress…


Marino:


…me a so' ad San Marein, vala bein? a so chè in vachenza, e un basta da savè l'italien


Eglia:


osta ciò, a sem a post…te t'cnoss apeina e tu dialet…


Marino:


sta zeta, dona, e lasmi fni da leggia…oh!…(riprendendo a leggere)..osta mo sti giurnel americhen i n'è miga seri, voi che sia andè a fè di tituloun


sa dal ciacri dla geinta? … adiritura andè a scriva che Kennedy l'è cur-nud!


Tina:


mo 'ndò?


Marino:


a che vè:"President Kennedy is back


(pron: bech)"


Tina:


guerda bà che "back" è vo dì arturnè indria, no curnud… a lè i dish che Kennedy l'è artorni da un viag ch'l'aveva fat a Cuba.


Eglia:


Tina, vin tla cusina sa me, va là, lassli leggia da pri sé. Cus ch'e capess, un si sa, mo emench al lasem in pesja…(Eglia ed Tina escono portando via i


cappelletti)


Scena III

(Marino – Leo)

Marino:       (da solo) oh…l'era ora…(leggendo) "Marilyn Monroe a Pasadena"..osta

ma quella una pasadeina a glia daria enca me (suonano alla porta)…chi ch'l'è da st'ora? (và ad aprire, entra Leo con fare furtivo, ha un grosso sacchettoin mano) o bondè Leo, l'è un po’ prest, t'zi da pri te?


Leo:


(misterioso)


sé, e al tu doni do ch'a gli è?


Marino:


agli è ad là chi pripera da magnè, mo cus t'è port? d'la fareina?


Leo:


(entrando) vaca boia, che robi ch'al suced…propri ma mè..


Marino:


ch'us te fat? Ch'us ch'l'è suces?


Leo:


(appoggia con grande enfasi il sacchetto sulla tavola, poi fissa Marino per alcuni


secondi) tu t'arcord an, quand ch'l'è suces ch'l'incident giò me cantir,ch'l'è casca ch'la cadasa ad legna? che a lè sotta e paseva che vcett che se an el ciapeva tla braceda me e al tireva via l'arvanzeva secc a lè?


Marino:


sé ch'amarcod, che po’ dop l'è scap via senza gnienca dì "grazie".


Leo:


og finalment ho savud chi ch'l'era e ho capì enca perché l'è scap via.


Marino:


e chi ch'l'era? Un vcett ch'l'era scapp da l'uspizi senza liceinza?


Leo:


a che u gni è da schirzè, Marein. L'era don Tonino Mazzacurato! E fa-mos boss d'la mafia!!


Marino:


davera? e cum t'è fat a scuvril?


Leo:


perché l'è mort do dè fa. Mo prima ad murì us ved ch' u i è vnud in meint ad ch'la volta e u m'ha vlud lassè un pinsir, cumè un'eredità: que-sta! (indica il sacchetto)


Marino:


osta u t'a lass dl'a fareina? Un' eredità un po’ curiosa…


Leo:


mocchè fareina! a gli è cinch chel ad cocaina puressma! im l'ha cun-sgneda do giuvnot stamateina prest.


Marino:


va là! Mo dabon??


Leo:


sé, dievli sporc, a che la và a fni mel, ac mitem t'un brot guai…


Marino:


mo tz'i mat a purtela a che? S'ic trova la pulizia? Ic met deintra ma tott e i si scorda la ceva, an sem miga a San Marein, si puliziot americhen un si scherza!


Leo:


al so Marein, mo an saveva ch'sa fe, a so vnud da te per avè un aiut…enca perché la facenda la n'è fnida a chè.


Marino: uh cristal, mo ch'us ch'u i è ancora? So va aventi…


Leo:


dop un'ora ch'i m'aveva cunsgned che pac u m'a telefuned e fradel ad che boss ch'l'è mort!


Marino:


u signor! e va fni ch'a sem capited te mezz d'na guera ad mafia!!


Leo:


no, sta tranquel, quest l'è ste gentilessmi, u ma spieghè che lo un steva a che, l'era in Florida, mo ades l'è vnud sò e l'ha ciap tal meni la fameia. U m'ha dett ch'l'ha na granda riverenza d'la memoria de su fratel e l'è in-tenziuned a rispetè assolutameint tott al su volontà. Quindi ch'la roba, inveci da arciapela sla forza e saria intenziuned a cumprela!


Marino:


mo guerda te! L'è na roba da nu creda. L'ha dett quant ut daria?


Leo:


egià, l'è quest e punt. Me, apeina ch'am so arciap da e prim mumeint, a sera già andè te gabinet ch'a la vleva bottè via sobte, mo quand l'è riva la telefuneda e quest u m'ha prumes centmella dollari, alora ho sintì c'mè una vucina ch'l'am giva: spetà mo…


Marino:


lamariana!!! Centmella dollari?? Mo i è na masa…


Leo:


eggià, e alora ho pinsè che s'andass tott in port, che sachet e putria dvin-tè e nost bigliet per artunè a San Marein e campè cent an da sgnor…


Marino:


mo t'zi sicur d'avì capì bein? Per quell ch'a so me, quella l'è geinta ch'la n'fa tott sti cumplimeint….


Leo:


sé c'ha so sicur, quel ch'an so ancora l'è se a so sveg o s' l'è tott un inso-gni…


Marino:


ma mè un per ch'a sem svegg tott do, enca s'lè fatica da credli. Mo pen-sa te che bota ad fortouna ch'la saria, propri te mumeint giost….


Leo:


e saria la soluzioun per tott i nost prublema. Di mò, te sé ch'l'è un po’ d'teimp che la nota am sveg ad bot se pinsir ch'a gni la fac piò a turnè a San Marein? Um vin di strimulon gled!


Marino:


perché, ma me un mi suced pricis? E po a gni la fac piò a ciuda occ, finchè an peins me mi stradoun, quand ch'a fniva da lavurè e d'isteda u s'lazeva che garbein ligir e me a feva la mi pasigieda da la porta fin sò


me pianel e po finenta me cantoun e a incuntreva l'amigh, e farmacesta, e profesor e sa tot a scambieva do paroli; ac sintimi tott na granda fa-meia….e sno alora a gli a fac adurmanteim d'l'elt….


Leo:


me Marein aveva cumè un presentimeint, una paura d'arvanzè a chè per sempri…da n'avè gnenca la pusibilità da purtè piò di fiur sora la tomba de pori ba….


Marino:


e invece ades, sa sta bota ad fortouna, ai putrem purtè dal gardeni e da-gli urtensi tott i dè….


Leo:


a putrem arcumprè la nosta vecia chesa, chi a custruid e non e e bà e ar-struturela nova!


Marino:


giosta! A fam do villetti, ouna tacheda ma ch'l'elta, s'un bel cancel.


Leo:


e po’ a cumpram do, tre puder, ai dem a mezzadria e noun arcuiem i frot


Marino:


e bà e la mà i ch'asistarà da lassò e i putrà arpunsè in pesja!


Leo:


e i putrà essa orguglios di su fiul!


Marino:       (pensieroso) però…ades ch'ai peins..lor in saria mica tent cunteint ad sta

facenda…


Leo:


perché?


Marino:


perché s'a vindem la droga ma che boss, a dvantem i su complici. A sa-rem cumpagn ma chi trafichent chi spacia la droga e i arveina i nost giovni.


Leo:


osta, quest l'è vera.


Marino:


ac sem fat ciapè da st' imbriagadura d'ricchezza, mo a n'avem peins che acsè a mitem al meni in pasta sa sti delinqueint


Leo:


per quel t'è rasoun. Enca se che signor ch'u m'ha telefunè um pareva a-csè garbed.


Marino:


sé, e sarà enca garbed, mo quel l'è oun che gira se stciop sota e capot. E bà e la mà i c'ha sempri insgned e massmi d'la unestà e d'la correttezza, enca tla miseria più nira.


Leo:


quest t'ul po’ di pien e fort.


Marino:


tu tarcord? E bà e giva sempri:"Un om un s'a da vergugnè d'la miseria, se po’ camnè pri la streda a testa elta. La piò granda ricchezza l'è la tu dignità."


Leo:


e alora Marein, cus ch'a fam?


Marino:       (pensandoci) e bsogna enca dì che e bà t'un ucasioun cumè questa un s'è

mai trov…


Leo:


in fin di count, noun a gn'antrimi pri gnint s'la droga, a sem sno d'inter-medieri


Marino:


sé, l'è vera che ch'la roba l'arveina i nost giovni, mo sgond me che sgnor ch'u t'ha telefuned u la porta ma ch'al festi da sgnur chi fa giò in Flori-da.


Leo:


sigur, senza po’ dì che ma noun uc per na masa, mo in fin di cunt l'è sno na gocia te mer…(entra di botto Eglia, i due uomini colti di sprovvista ammutoli-scono di colpo, guardandosi imbarazzati)


Scena IV

(Eglia – Marino – Leo)


Eglia:


oh ciao Leo, Marein, và a to un sacc ad fareina giò me market, ch'a l'ho

bela fnida e la Tina la vò fè i fiuchet (i due uomini tacciono impaccia-

ti)….cus ch'u i è? (vede il sacchetto) quel ch'u'sel?


Marino:


l'è


(scambiando occhiate con Leo)…l'è…l'è la fareina


Eglia:


oh tu i avivti già peins? Pu brev che t'zi, t'ved Leo che brev om c'l'è e tu fradel? e cnoss i bsogn d'la cusjina mej ch'a ne me. (a Marino) t'am la port ad qua, alora?


Marino:


sé, ades a veng


(Eglia rientra in cucina)


Leo:


e ades ch'um ch'a fam?


Marino:


tè fa na corsa giò me market e to cinch chell ad fareina, intent me a mès ste sachet tla camera, dop a vidrem… (prende il sacchetto e si avvia in came-


ra)


Leo:

Eglia:

Marino:


giosta, bel'idea! (esce dalla porta principale)

(entrando)…Marein, du sit? (si ode una sirena dei pompieri)…Marein!!

(rientrando dalla camera e simulando indifferenza)a so chè bela, ch'us ch'u i

è?


Eglia:


sta da sintì, a t'ho da dì na roba, mett da seda…


Marino:


dim po’ careina…


Eglia:


alora, ir sera t'la fabrica, prima ad scapè, u m'ha ciamed t'l'ufic e nost chep.


Marino:


e ch'us che vleva da te?


Eglia:


ah, u m'ha fat di gran cumplimeint, u m'ha dett che al robi al va bein, ch'l'è cunteint na masa de lavor ch'a fac, che a so breva, che a so sempri d'esempi per tott ch'a gli elti, tott sti scurs….e po’ u m'ha dett che s'ho voja d'impegnem ad piò u m'avria propost da dvantè "capo-reparto", in-somma una prumuzioun, e um cresceria enca la pega…


Marino:


(pensieroso) osta, breva ciò…


Eglia:


e po u m'ha dett che naturalmeint dop a duvria essa la prima arvè e l'ul-tma andè via, avria la respunsabilità cumpleta de mi repert…


Marino:


(amareggiato) e te ch'us tu i è arspost?


Eglia:


me Marein, savend ch'un t'la peins te, ho dett ch'am me la seint…


Marino:


e u t'ha dispiasù?


Eglia:


è t'capirè, un po’ u m'ha dispiasù…l'è un ricunuscimeint, e fa piaser sa-vè ch'i t'apreza pri quel che t'fè…


Marino:    Eglia, te te sé ch'um ch'a la peins me. S'a cmanzem a mett al radiji, noun ma San Marien a n'el videm piò. Me ho fat una prumessa me tu pori fradel. Prima ad murì a i ho dett ch'at'arpurteva a San Marein, e te sè che mè al mantein sempri al mi prumessi. Senza po dì chl'è stè lo

ch'u c'ha fat la ciameda a che, e me am sint ancora in debti.


Eglia:


sé al so, e a capess benessmi. E difatti a gli ho spighèd me boss, mo lu l'hai insistid tent, e l'ha dett ch'l'avria chera da vnì a che, a fè na ciaca-reda sa te.


Marino:


sa me? A ciò, che venga po’, mo e szcorr l'italien?


Eglia:


sè sta tranquell, i su i era d'la Basitaglia. Ma me um basta sno ch't'un fa-cia e sgarbed, ta m'el promet?


Marino:


la decisioun an la cambi, mo, se vin, at prumet che a sarò gentilessmi.


Eglia:


grazie Marein, l'è quel ch'a vleva sintì da te…...(alzandosi) a vagh a fè al cameri.


beh, alora me


Marino:


va bein,


(riprende il giornale, si ode una sirena dei pompieri, dopo un attimo suo-


nano alla porta) osta l'è già chè? (Marino apre la porta, è invece Don Vito Maz-zacurato, il fratello di don Tonino, in completo gessato e cappello di Borsalino)


Scena V

(Don Vito – Marino)

Don Vito: il signor Baldoni?

Marino:    sono io, incomodatevi pure, piacere. Lo sapete che mia moglie era die-tro adesso a parlarmi di voi?

Don Vito: spero che vi abbia detto bene. Sapete, in città sono piuttosto famigerato ma sono tutte calunnie di gente che mi vuole male. Quando ad un uomo d'affari le cose vanno bene, c'è sempre gente maligna che deve dire ma-le.

Marino:    ma io faccio meglio, che non so quasi niente di quello che succede in città. Sono sempre al lavoro tra italiani e non parlo neanche la lingua, così anche la gente più famosa come voi io non la conosco mi - ca…comunque a dire la verità la mia moglie mi ha parlato solo bene…

Don Vito: ah bene, allora posso entrare?


Marino:    come no? Scusatemi, venite pure. Prendete un caffè, un aperitivo?

Don Vito: no grazie, purtroppo non mi posso trattenere più di tanto, voi capite?

Marino:    oh capisco benissimo, con tutti i vostri affari, avrete una prescia che mai…

Don Vito: bravo Baldoni, appena vi ho visto ho capito che siete un uomo perspi-cace…solo se la controparte è ragionevole si possono concludere buoni affari...

Marino:    vi ringrazio, incomodatevi pure lì, su quella scarana, ho piacere che sia-te venuto…

Don Vito: siete italiani pure voi (prima di sedersi dà un'occhiata furtiva dalla finestra)

Marino:    siamo di San Marino, che è un paese indipendente, mo sempre in Italia

Don Vito: pure la Sicilia, da dove venivano i miei vecchi, si può dire che sia un paese indipendente dell' Italia (ridono).

Marino:    mi sa che non avete mica tutti i torti…..ma non prendete niente, siete

sicuro?

Don Vito: beh, Baldoni, qualcosa la prenderei, in fondo sono venuto qua per que-sto. Voi qui in casa avete una cosa preziosa che a me interessa mol-to…..

Marino:    eh grazie mille, siete troppo buono, mo cosa volete? se me la sono scel-ta qualche qualità ce la doveva pure avere, no?

Don Vito: addirittura si dice che sia la migliore sul mercato.

Marino:    adesso mi sembra un po’ esagerato, ce ne saranno anche di meglio, mo a me andava bene così, genuina, virtuosa, di pura razza romagnola

Don Vito: romagnola avete detto? ma non viene dal sudamerica?

Marino:    mo volete scherzare? No, è sammarinese per quattro quarti, come me, questo ce lo posso garantire.

Don Vito: perdonatemi se insisto ma siete sicuro di quello che dite?

Marino:    sono sicurissimo. È nata lì a San Marino, adesso il posto voi non lo co-noscete mo si chiama alle Capanne. Io l'ho vista crescere, l'ho adocchia-ta fresca fresca e poi, appena è sbocciata, l'ho raccolta come un fiore.

Don Vito: e fino ad allora dove la tenavate? Era in un luogo sicuro?

Marino:    oh, per quello stavo tranquillo, la tenevano le suore!

Don Vito: ah, ingegnoso…e l'Agenzia non ne sa niente?

Marino:    no, da noi le agenzie non esistono mica, sono robe troppo moderne, le cose si combinano tra paesani...dopo se uno si riduce tardi, per forza bi-sogna che si accontenti di quello che rimane.

Don Vito: e per il trasporto? Come avete fatto a portarla qua?

Marino:    come volete che abbia fatto? L'ho portata con me nella nave. Dopo ho avuto dei problemi alla dogana, non la volevano fare passare….


Don Vito: vi hanno scoperto? e non vi hanno arrestato?

Marino:    per fortuna che avevamo un amico di famiglia all'ambasciata che è in-tervenuto lui e dopo la polizia portuaria ha chiuso un occhio, se no ce la vedavamo brutta…

Don Vito: oggi pensavo di incontrare un dilettante, un paesano sprovveduto, e in-vece scopro che avete molte cose da insegnare pure a me. Quindi la te-navate voi già da prima della dipartita della buonanima?

Marino:    prima che morisse il fratello? Si, si, abbiamo fatto vent' anni a settem-bre.

Don Vito: eh, ditemi la verità Baldoni, l'avete tagliata?

Marino:       (stupefatto) lo sapete anche voi! Oh, mo non se ne po’ più. Ci manca po-co che lo vada a scrivere sui giornali. (mostra un'unghia) Una mulichina così, non si conosce neanche. Mo l'ho dovuta scontare, mi ha fatto fare un gozzo lungo…

Don Vito: beh, comunque stiano le cose, se è roba buona, io ribadisco la mia of-ferta

Marino:    e io vi ringrazio della generosità, che Dio sa quando avrei bisogno, e mi dispiace che vi siate scomodato per niente, mo sono costretto di rifiuta-re. Vedete, se io dicessi di si, sono sicuro che non la riporterei più a ca-sa, come avevo promesso al suo povero fratello.

Don Vito: allora vi devo chiedere perdono, Baldoni, neppure di questa promessa mi avevano riferito. Nessuno meglio di un uomo d'onore come me può capirvi meglio. Non mi sarei permesso di chiedervela se lo avessi sapu-to.

Marino:    non dovete chiedere perdono di niente, per carità, la vostra offerta ci ha lusingati, speriamo solo di non lasciarvi in difficoltà.

Don Vito: sapete, nel mio mondo io sono conosciuto per ottenere sempre quello che mi prefiggo, ma di fronte alla vostra promessa, mi devo levare tanto di cappello.

Marino:    oh, le vostre parole mi tolgono un peso da cuore. Adesso che ho avuto il piacere di conoscervi personalmente mi sarebbe dispiaciuto di mandarvi via scontento.

Don Vito: Baldoni, voi siete un dritto, avete un modo di prendere le cose che mi piace.

Marino:    noi sammarinesi siamo tutti così. Gente semplice che si fa volere bene dappertutto

Don Vito: sono contento di avervi conosciuto. Voi mi ricordate qualcuno. Comun-que, se per caso decideste di tornare sulla vostra decisione, chiamatemi pure in qualsiasi momento, vi lascio il biglietto.


Marino:       (mettendolo in tasca) siete gentile e vi ringrazio, tutto può darsi, mo nonfateci molto affidamento.

Don Vito: come volete, non insisterò più. Beh allora non mi rimane che togliere il disturbo. (avviandosi)…

Marino:    volete salutare la mia moglie? Era andata a fare le camere mo ve la chiamo…

Don Vito: oh ma non è il caso, devo proprio scappare, se ci sarà una prossima vol-ta…

Marino:    mi auguro di si, passateci a trovare quando volete, ormai la strada la co-noscete…(accompagna Don Vito fuori dalla porta)

Scena VI

(Eglia – Marino – Leo)


Eglia:


(rientrando dalla camera con il sacchetto) Mo guerda quel du ch' u m'ha portla fareina….a l'ho dett trop prest ch'l'era stè brev (esce verso la cucina)


Marino:


(rientra e va verso la camera chiamando) Eglia…Eglia…alora ho scors se tuchep, l'è andè via cunteint, t'zarè urgugliosa ad mè (esce verso la camera)


Leo:


(entrando con un sacchetto di farina identico a quello della droga) du chi saràanded? Beh, mei acsè, quest a i e lass a chè, acsè l'Eglia l'an s'acorg ad gnint…(e riesce furtivo dalla porta principale)


Marino:


(rientrando dalle camere, vede il sacchetto) vaca boia l'Eglia u l'ha trov! Adesal mès sora l'armeri, lasò u n'el trova ad sigur….mo du ch'l'è pas Leo? Quand ch'u i vò pri arvè te market? L'è a che sotta…..(rientra in camera)


Leo:


(rientrando di nuovo agitatissimo)


Marein!! Marein!!


(lo và a cercare in came-


ra)


Marino:


(rientrando con Leo)Cus ch'u i è? T'un e tolt la fareina?


Leo:


l'ariva che boss, a l'ho sintid me pien ad sotta che dmandeva dò che stà Baldoni!


Marino:


osta mo alora e vin a che, te t'ztè me pien ad sora. A zcorr me sa lo, te-nimodi lò e circa Baldoni, e penserà ch'a so mè quel ch'ha avud la droga de su pori fradel. Te per piaser và ad là e beda m'al mi doni ch'in venga olta.


Leo:


va bein, a vagh…e se t'è bsogn ciema, ch'a veng olta se stciadur…


Marino:


sta tranquel, s'a vegh che sotta e capott l'ha un stciupoun, ai degh che ad là u i è e mi fradel se stciadur


Leo:


te ciema "aiuto" che semai a mand olta l'Eglia, se stciadur, ch'la è piò pradga (esce)


Scena VII

(Gino – Marino)


Gino:


(trovando la porta socchiusa)


permesso? Il signor Baldoni?


Marino:


sono io, incomodatevi pure…


Gino:


permettete, io sono…


Marino:


(interrompendolo)…il famoso boss, volete che non vi conosca?


Gino:


(con falsa modestia) beh, famoso…


Marino:


si, si, non fate il modesto, se vi conosco anche io…


Gino:


ma sapete, a New York ci vuole poco a diventare famosi, basta saper costruire dal niente un'impresa milionaria, gestirla con maestria, sapere investire nei settori più redditizi e subito la gente comincia a mormora-re….


Marino:


ah, l'umiltà è una dote dei grandi, e voi, nel vostro mestiere, siete un grande


Gino:


beh, qualcuno dice semplicemente che sono "il migliore" (ridono)


Marino:


e scommetto che voi siete d'accordo


Gino:


d'accordissimo.


Marino:


mi volete dare il cappotto che ve lo appendo?


Gino:


grazie mille


(Marino tasta con indifferenza il cappotto, come a cercarvi qualco-


sa)


Marino:


cosa ci posso dare? Un caffè, un aperitivo?


Gino:


grazie, se non vi offendete, non prendo niente, mi guasto l'appetito. La vostra signora non è in casa?


Marino:


si è di là che fa da mangiare, mo non dovrebbe venire oltre a disturbar-ci.


Gino:


ah ho capito, volete discutere tra uomini. Bravo, vedo con piacere che nella vostra famiglia siete ancora voi che portate i pantaloni.


Marino:    si capisce! Se cominciamo a discutere anche con le donne, tra qualche

anno abbiamo pulito (ridono.)


Gino:


ma allora, permettetemi Baldoni, come potete rifiutare l'offerta che vi ho fatto?


Marino:


prima di tutto, non è detto per niente che la rifiuti, anzi la vostra offerta ci lusinga parecchio, non crediate. Mo vedete, noi gente semplice che non abbiamo avuto mai niente a che fare con la vostra organizzazione, i vostri ambienti, a essere coinvolti a noi ci vengono dei pensieri di co-scienza. Da un canto però lo sappiamo che se voleste, la potreste pren-dere anche con argomenti più convincenti.


Gino:


signor Baldoni, vi devo contraddire. Vi do la mia assicurazione perso-nale che non vogliamo costringere nessuno, se vi sono venuto a trovare è solo perché volevo capire bene il motivo e sentire se potevo fare qual-cosa per convincervi.


Marino:


ce l'ho detto, il problema è tutto di coscienza. La cifra dopo diventa re-lativa, a noi ci farebbe più piacere avere delle altre garanzie.


Gino:


che provi pure a dire, sono qui proprio per vedere se posso fare qualco-sa. Come ci dicevo gli affari vanno benone, il settore è in espansione, siamo disposti a venire incontro della gente che lavora bene.


Marino:


ecco allora ci dico subito che a noi ci interesserebbe soprattutto sapere dove avete intenzione di piazzarla.


Gino:


beh, quello si può discutere, comunque noi pensavamo di piazzarla al secondo livello: abbiamo un giro di portoricane che ci fanno dannare, sono vagabonde, lazzarone, hanno bisogno di un po’ di controllo e di disciplina.


Marino:


mo se sono messe così male, ci volete dare anche quella disgrazia lì?


Gino:


(ride) siete simpatico, Baldoni, volete fare a cambio con la mia?


Marino:


mo se accettassi, come facciamo? La portate via adesso?


Gino:


no, e perché mai? Oggi è domenica, è tutto chiuso.


Marino:


se ce la devo consegnare io, mi mettete ancora più nei pensieri.


Gino:


non dovete preoccuparvi Baldoni, voi la portate domani mattina alle ot-to giù allo stabilimento, e poi alle cinque la venite a prendere, che pro-blema c'è?


Marino:


ah no eh? se esce di casa, non ne voglio più sapere di riprenderla! Se sapesse che peso che mi togliete


Gino:


(divertendosi) Baldoni, siete uno spasso…


Marino:


mo ditemi la verità: se ce la consegnassi, la manderete subito laggiù dove dicevate, o la tenereste un po’ anche per voi?


Gino:


per carità, il lavoro è lavoro e il piacere è il piacere. Se cominciassi a mischiare le due cose, sarebbe un disastro.


Marino:    mi vorreste fare credere che per voi non la tenete neanche un po’? io avrei quasi più piacere…

Gino:             Baldoni, ma che state dicendo? sicuramente ho frainteso, (ride) figurate-

viche mi è parso di avere capito che mi avete appena chiesto di ….. Marino: di…?


Gino:


di…..


Marino:


dite pure…


Gino:


dite voi, vi prego


Marino:


vi prego io, dite voi


Gino:


….di farmela?


Marino:


non avete frainteso per niente, signor Boss, per me potete farvela tutte le volte che volete.


Gino:


ma allora prima non scherzavate quando dicevate che volevate liberar-vene.


Marino:


non scherzavo per niente. Volete mettere come sarei più tranquillo a sa-pere che la usate voi e non va a sparguglioni in giro nelle mani di chis-sachì?


Gino:


beh, se la guardiamo da questo canto, anche io la ragionerei come voi, non c'è dubbio.


Marino:


guardate, se sapessi che va a finire nelle mani di qualche ragazzetto, c'a-vrei un rimorso che non vi dico.


Gino:


ma signor Baldoni, se la vostra preoccupazione è solo questa vi assicuro fin da adesso che ne usufruirò soltanto io.


Marino:


adesso non voglio esagerare, se la volete dare anche a qualche vostro amico, in una festa, fate pure come volete


Gino:


mi autorizzate anche per i miei amici? ma siete sicuro che non ve ne pentirete?


Marino:


datemi retta. Per me, voi e i vostri amici, potete succhiarvela anche tut-ta…sarei quasi curioso di vedere come fate.


Gino:


ma perché scusate, voi…?


Marino:


mai! Ho visto solo una volta al cinema, mo non si vedeva bene come facevano.


Gino:


ma perdonatemi, Baldoni, non avete una figlia?


Marino:


si, è già una ragazzetta, mo cosa c'entra? io e la moglie la teniamo mol-to sotto controllo, abbiamo sentito anche noi alla televisione che nelle scuole ci sono delle ragazzette che la usano già verso i quattordici anni, mo per fortuna lei ancora non ha avuto a che fare.


Gino:


e poi scusate, Baldoni, ma siamo sicuri che la vostra signora sia d'ac-cordo?


Marino:


(guardando verso la cucina e sottovoce) ssstt…lei non sa niente, l'ho tenutadi là apposta, perché se no la conosco che comincia a fare tutte quelle messe…dovrebbe stare di là ancora una mezzoretta…dopo quando sarà andato tutto in porto, che ci farò vedere tutti quei soldi, vedrete che sta-rò poco a convincerla che su certe cose si può passare anche sopra...


Gino:


d'accordo, a quello ci pensate voi.


Marino:


allora, se avete voglia di farmi vedere, ve la vado a prendere…


Gino:


beh, Baldoni, francamente, il favore ve lo faccio volentieri ma chieder-mi di farlo di fronte a voi, questo mi sembra un po’ troppo…


Marino:


ho capito, sono cose che si fanno nelle vostre feste, nel privato, ….comunque non importa, già portandola via, mi date un sollievo che non vi dico.


Gino:


ma figuratevi, per me sarà un onore e un piacere.


Marino:


e per la cifra? Rimane quella che avete detto?


Gino:


quella, in più può darsi che ci scappi anche un regalino per vostra si-gnora, d'accordo?


Marino:


qua la mano, signor boss. Affare fatto!


Gino:


è un piacere discutere con voi, sapete? Sono contento di essere venuto a trovarvi, questa visita non poteva rivelarsi più conveniente.


Marino:


per me vale lo stesso discorso.


Gino:


e state tranquillo, Baldoni, che l'avete messa in buone mani.


Marino:


sì, sono convinto anche io. Mi dispiace che non prendete niente, siete sicuro?


Gino:


vi ringrazio ma ormai si è fatta ora di pranzo, devo proprio andare


Marino:


(accompagnandolo alla porta)


allora domattina ve la consegno


Gino:


(uscendo) vedrete che ve la tratterò bene, Baldoni, arrivederci e piaceredi avervi conosciuto di persona.


Marino:


piacere mio, signor boss, arrivederci


(e rientra)


Scena VIII

(Leo – Marino – Eglia – Tina - Assunta)


Leo:


(uscendo dalla cucina)


alora Marein?


Marino:    tutto liscio, u la tin totta per sé, sno ch'un l'ha vluda sobti, a gli ho da cunsgnè dmateina.


Leo:


va bein, dai, me a vagh a tò la mi moi, se no l'am da per dispers e cmenza a ciamè i carabinir


Marino:


corr va là, ad ste mumeint avem bsong ad tott, fura che d'la pulizia. (Leo


esce…dalla cucina entrano Eglia e Tina)


Eglia:


Marein l'è vnud qualch'd'oun? Ho sintì tzscorra….


Marino:


ah sé, ades….l'era oun ad quei…chi vend i libri, mo prima l'è vnud e tu chep d'la fabrica.


Eglia:


alora ch'um l'è 'ndeda, ch'us tu i è dett?


Marino:


ho mantnù quel ch'a t'aveva prumess: ha so ste dicis, mo gentilessmi.


Eglia:


t'zi sigur? Dmateina an mi vria truvè in imbarazz….


Marino:


sta tranquella…l'è andè via ch'l'era piò cunteint ch'a ne me


(suona-


no…Tina và ad aprire entrano Leo ed Assunta).


Assunta:


o bondè, alora Eglia lè prount da magnè? Te già bott giò? C'hus ch' u i è? A t'ho port sta ciambela, sperama ch'la sia vnud bona, a n'ho magned un pezz, prima, l'era spiciela. Ch'um vala Agatina? U t'è pass che brott fridor? la scola la va bein? Ma me um saria piasjù na masa d'andè a la scola a chè, imparè tott ch'al robi, pocapì che me ho fatt sno la terza, mo la maestra la giva ch'a s'era breva, t'la geografia a s'era la prima d'la classe. Marein alora, lagiò te cantir? l'è vera che tra un mes i ciud? Mo ma vò dù ch'iv manda? Ma Leo al port sa me tla fabrica di calzoun, a le sé ch'u i è e lavor, tott i dè a gli ariva dagli urdinazioun, e per chi apia avud enca la marina militera, a ne so ch'um ch'a farem a stei dria. Di mo ste teimp ch'us che fa? Us dicid a bufè o na? Ch'us chi ha dett ma la te-levisioun? Ma me um dol e cal, l'è un brott segn. Alora? Andem a ma-gnè? (esce rapidamente in cucina, gli altri non hanno fatto tempo a pronunciareparola, rimangono attoniti poi la seguono mentre cala il sipario).


FINE PRIMO ATTO


SECONDO ATTO

(stessa scena, due ore dopo)

Scena I

(Leo – Assunta – Eglia – Tina)

Leo:                (rientrando con Tina dalla cucina) oh che magneda ch' ho fat..cert che la tuma, quand l'as met, la fa di caplet chi fa risuscitè i mort…

Assunta:    (esce dalla cucina con Eglia) giò t'un t'arcord piò Berto dal Capani? chemarcantoni elt sla berba brizuleda, che la geinta ui giva Berto di cunei perchè i su i aveva queng fiul. La Mariola ir l'ha m'ha dett che la Giana l'ha telefunè mi su e e per che quand che Berto l'è ste in Belgio u si sa-ria spusè s'una ragaza francesa mo dop quand l'è artorni a chesa u l'ha lassa a lè, l'è scap via senza dii gnint. Sta ragaza dop un po’ u l'è andè a circhè e l'è capiteda t'la piaza dal capani a dmanè ad ste Berto. T'capirè che a lè il cnunseva tott. La su ma, ch'l'imbiziosa, una vergogna, e per ch'apia pient tri de e sta ragaza u gni la feva a cunsulela. Mo lo ormai l'era andè a stè a Ravenna a fè la stasoun e alora sta pora ragaza l'è par-tida enca lia. Dì, duv'è ch'andem? A ciapem d'in so o d'in giò? L'è un fred ch'us bobbla, vera? Am so mesa sta maia ad lena s'l'an basta questa a ne so. Leo, noun andem a fè un gir pri negozi, te a che ora t'vè chesa? T'u't'arcod da cenda e termo? Dop t'um met so l'acqua? Ch'us t'fè a lè? và a dè na mena me tu fradel puret ch'l'è arvenz da per sé a lavè i piat, a met a post gnicosa, se lo ui leva, te t'u i po’ asciughè ….(intanto le donne

si sono infilate i cappotti, Eglia è uscita, poi è rientrata, ha preso Assunta per una manica del cappotto e la trascina fuori mentre lei continua a parlare).


Tina:

Leo:

Tina:

Leo:

Tina:

Leo:

Tina:

Leo:

Tina:

Leo:

Tina:

Leo:


(che intanto ha preso dei fogli e una penna da un cassetto) alora zei, se t'vò

scriva ch'la lettra me a so prounta (si sistema sopra il tavolo).

sé, a so prount enca me, acsè a gni pinsam piò.

(scrivendo mentre Leo passeggia) alora, ch'u m'è che t'vò cminzè?

a scriva m'un profesor, e bsogna ste ateinti a nu sbaiè.

se per cminzè a mitem: "caro professore", an sbaiem ad sigur, tenimodi

al lettri al cmenza totti cumpagni.

breva! Alora met po’: "caro profesore", punto e a capo

t'un po’ metta e punt, zei, u gni è e verbo.

e du ch'l'e pass?

u gniè, an l'avem mess, uc tocca metta la virgola

sno la virgola? l'am per un po’ poch, un s'ufendarà?

mo no, lo e po’ essa chi che vò, mo s'ui vò la virgola e bsogna ch'a mi-

tem la virgola

va bein, l'impurtent l'è ch'an sbaiem sla gramatica, te dam una mena a

lè.


Tina:


sta tranquell, zei, pri quella ai peins me


Leo:


alora. Caro profesore, virgola, ci scrivo con la mia nipota Agatina


Tina:


(scrivendo) mia nipota Agatina


Leo:


che non è più…quella burdella….che tenavate sulla faldata…..mo ha cresciuto e si è fatta….una belissima ragazza…


Tina:


mo zei, ho da metta propri acsè?


Leo:


perché? Tu n'el vù metta?


Tina:


(con falsa modestia)


a ne so, um mi per e ches


Leo:


alora nu mettli


Tina:


ormai ha l'ho già scrett


Leo:


(riprendendo)…una belissima ragazza….sputata a sua nonna…quandoera giovane. Punto e a capo. T'ui si?


Tina:


sé. Va po’ aventi


Leo:


come butta alà a San Marino? …..A qui stiamo tutti bene…. facciamo la bella vita…i negozi, la televisione…mo ci manca tanto….l'aria buo-na…di San Marino, …acquì l'aria è cativa…e io ho sempre…quella brutta rampagine… punto, gli altri…stanno tutti bene e ci manda-no…tanti saluti. (Tina scrivendo ripete ogni tanto qualche parola). Comunque dite pure…a quei giovani che avete nella lista…che se vogliono venire oltre…di lavoro c'è n'è ancora…a stufo. Fin a chè um per ch'a sem andè bein, stema ateinti da nu sbaiè ades.


Tina:


nut preoccupa, zei, verameint a so abitueda s'l'americhen, mo an pinse-va d'arcurdèm l'italien acsè bein.


Leo:


(riprendendo) ci mando oltre…tacata a questa lettera…la retta del mutuo


Tina:


osta, "mutuo" us scriv sa do ti o s'ouna sno?


Leo:


mutuo, muttuo, muttuo, te mettni do va là, stama da la perta de sicur (Tina scrive) la retta del mutuo della casa. Se quest'altra volta…ci faretesapere…anche i soldi della tassa…e dell'invocato…che ve li mandere-mo oltre….tutti ascieme. Te scret?


Tina:


sé, va po’ aventi


Leo:


se incontrerete la nostra zia Lina…diteci per piacere…di non stare…a bacilare…che i suoi nipoti stanno bene…e che se tutto va be-ne…pensiamo di venire oltre quest'altr'anno…con quello che abbiamo sparagnato…e andare abitare tutti ascieme…alì al Voltone...dove ab-biamo comperato. Punto e a capo.


Tina:


ui n'è ancora una masa, zei? ho bela fnid e foi…


Leo:


no, avem fnid, ades a fam i salut e i ringraziameint


Tina:


l'era ora.


Leo:


vi ringraziamo ancora…del vostro interessamento…alle pratiche della casa…che se non era per quello…da per noi non saressimo andati…in vello. Un saluto…riferito…


Tina:


"riferito" ma chi?


Leo:


ma lo, me prufesor, us disch po’: riferisco


Tina:


t'zi sicur? me an l'ho mai sintid


Leo:


sé, sé, us disch ma la genta impurtenta…allora, un saluto riferito…e un bacione…alla nostra Terra, vostro: Baldoni Leo. Alè, prova d'arleggla totta…(Tina rilegge tutta la lettera, compresa la punteggiatura a piacere tutta


sballata) Um per ch'la vaga bein, te cus disch?


Tina:


sé, zei, avem fat un bel lavor. A vagh a che d'sotta a imbuchela.


Leo:


breva Tina, toh, cinq scud per e francobol e cinq per l'aiut


Tina:


grazie zei, a fac un vol


(esce verso fuori)


Scena II

(Marino – Leo)


Marino:


(entrando dalla cucina ed asciugandosi con uno strofinaccio) boxe og? A che ora che cmenza?


dì, in feva veda la


Leo:


osta, ormai i taca, cend mo


(Marino accende la TV)


Marino:


i ha già cmenz, veh…


Leo:


ch'la roba Marein l'è t'un post sicur?


Marino:


(preso dalla boxe)


sé, l'è ad là, sora e mi armeri


Leo:


porca boia, t'ui peins quand ch'uc darà tott chi sold, ch'us ch'a farem?


Marino:


me, s'a foss in te, aspeteria prima da spendi


Leo:


al so che ancora tal meni a n'avem gnint, mo me ho già fat tott i mi pru-get. E bsogna ch'a fam tott i gir per e viag, avisè me cantir ch'a smitem da lavurè, ui vrà un mes o do ancora, mo ch'us ch'l'è? Savend ch'u i è totta una vita da spenda a San Marein?


Marino:


sta teinti che piò t'ui fè afidameint e piò la delusioun la po’ esa grosa.


Leo:


mo t'un m'è dett ch'l'è andè tott less? Che t'ui port la roba dmateina prest?


Marino:


sé, l'è vera, mo me finch'an ved an cred


Leo:


mo va là, pesimista! Avem na galeina dagli ovi d'or e te tu gni cred an-cora. Ah, che furtouna ch'avem avud, la fein ad tott al nosti fatighi, l'i-nizi ad tott al gioi…quand stamateina im l'ha porta, ho pinsed: ch'us ch'am fac ad sta poivra bienca? E invece adess la poivra la s'è culureda d'or….


Marino:


ciò, s't'ul disch te.


Leo:


quand ch'ac sem sistemed, la prima roba, a voi fè un gir la giobia te borg, s'un vistid nuv e un arlug s'la cadenina d'or tla bascocia, a voi sintì la genta ch'la dish: quel l'è Baldoni, veh, l'ha fat furtouna in America!


Marino:


eh, dam na vosja, ch'a veng enca me.


Leo:


Marein…me a voi pruvè


Marino:


(sempre preso dalla boxe) cosa?


Leo:


a voi pruvè a toh un po’ ad ch'la roba


Marino:


lassa andè, va la


Leo:


perché? Un'ucasioun c'me questa an l'avrò piò


Marino:


te t'zi mat t'la testa. E s'la t'fa mel?


Leo:


mo va là…ho vest na volta me cinema: l'è c'me e vein. La prima volta l'at dà sno un'imbriagadura, dop se t'la toh spess l'at fa mel, pri forza. Mo ma me, sa tott al gati ch'am so ciap da giovni, e qualche volta enca adès, sa vot ch'um facia?


Marino:


ciò, te se t'vò pruvè fa po’, mè, quella curiosità a n'l'ho. (Leo esce verso lacamera con un bicchiere, Marino segue la boxe molto coinvolto, abbozza alcuni colpi e alcune schivate).


Leo:


(rientrando con un po’ di polvere bianca nel bicchiere) ecco a che, t'lè una can-netta?


Marino:


guerda te caset.


Leo:

Marino:

Leo:

Marino:


(prende una cannuccia e stende la polvere bianca sul tavolinetto) cus t'dish? la

bastarà?

a ne so, mo me um per ch'la sia un pò pochina

alora an bott un elt pò…..ecco, acsè la bastarà?

sé, acsè la basta.


Leo:


(aspirando con la cannuccia nel naso)…aahhaaa….


Marino:


alora? Cus ch'us sint?


Leo:


(si alza in piedi, si scioglie, smorfie e movimenti a iosa, poi si ricompone delu-


so)…gnint.


Marino:


cum'è gnint? Gnint, gnint?


Leo:


um per da nu sintì gnint, sno un po’ cumè una furmighina ch'l'at và so per e nes


Marino:


e basta? Um per un po’ poch, forsi t'un n'è tolta a sa


Leo:

Marino:

Leo:

Marino:

Leo:

Marino:

Leo:

Marino:


(si ferma di botto) ecco…oddio!

cus ch' u i è?

l'ariva…

cosa?

sta teinti…

ateint ma cosa?

ai sei, ai sem…

Leo, a ciem un dutor!


Leo:


(fa cenno di no con la testa, in una smorfia scomposta della faccia poi esplode un fragoroso starnuto)…eeeettciùù!!!!


Marino:


tott a chè?


Leo:


ciò, us ved che ma me um fa st'efet chi che


Marino:


ades tu t'zi tolt la curiosità? T'zte mei?


Leo:


a pinseva t'un elt efet, i m'aveva det ch'l'era come un'imbriagadura for-ta…boh!


Marino:


ah, si giurnel e me cinema i gonfia la realtà ch'l'è un piaser


(suonano alla


porta)


Leo:


chi che sarà? Va arvì che me a puless a che


Marino:


va bein, fa sparì gnicosa


(va ad aprire, entra il signor Gino)


Scena III

(Gino – Marino – Leo)


Gino:


salute Baldoni, sono di nuovo qua!


Marino:


oh, signor Boss, quale buon vento, accomodatevi, questo è il mio fratel-lo Leo, Leo questo è il famoso boss di cui ti ho parlato


Gino:


(con falsa modestia)


beh, famoso…


Marino:


ah già, dimenticavo la vostra modestia, Leo, lui è semplicemente "il migliore" (ridono)


Leo:


tanto piacere di conoscervi


Gino:


piacere mio


Marino:


accomodatevi, signor boss. A cosa dobbiamo il piacere di questa ri-visita?


Gino:


caro Baldoni, sapete, da quando sono uscito da casa vostra, questa mat-tina, non ho fatto altro che rimuginare su quello che avete detto


Marino:


spero di non avervi disturbato la digestione


Gino:


macché, al contrario, me l'avete favorita. Ho solo pensato che forse, prima che voi possiate ripensarci, avrei potuto approfittare già da oggi della vostra….offerta.


Marino:


allora la volete subito? Bene, io sono anche più contendo di voi, ve la vado a prendere.


Gino:


ma non disturbatevi, magari, se mi dite dov'è….


Marino:


oh ma l'ho messa in un posto un po’ nascosto, non preoccupatevi nes-suno disturbo (esce verso la camera)


Leo:


sapete, signor boss, che per dire il vero, il cervello di tutta questa opera-zione sono stato io?


Gino:


ah ma, anche voi siete al corrente…


Leo:


ve l'ho detto, la mente sono io. Il mio fratello esegue solo quello che ho pensato io


Gino:


davvero?


Leo:


non vi potete immaginare quanto ho dovuto pestare per convincerlo. Mi faceva tutte quelle messe della moralità, dell'onestà. Mo lascia andare, gli ho detto io, che si vive una volta sola. Se non c'ero io a convincerlo, lui la voleva buttare via così, in mezzo alla strada.


Gino:


vostro fratello è una persona molto particolare, fatto tutto a modo suo.


Leo:


mi raccomando adesso non esagerate con quella roba eh? un po’ alla volta. Vi voglio confessare una cosa, non ditelo a nessuno, mo prima, ho voluto provare anche io.


Gino:


anche voi??


Leo:


sì, gli ho dato una "succhiatina".


Gino:


e vostro fratello lo sa??


Leo:


come no? Era lì con me, gli ho anche detto: vuoi provare? Mo lui nien-te, è stato solo lì a guardare…


Gino:


ma non mi dite, ha proprio il vizio…


Leo:


se devo essere sincero, però, non mi ha fatto molto effetto. A sentire i giornali, la televisione, sembra una roba dell'altro mondo, invece io non ho battuto ciglio. Cosa dite, forse sarà perché non ci so fare?


Gino:


ah può essere benissimo…era la prima volta?


Leo:


si, la prima e l'ultima. Un'altra occasione non mi ricapita davvero. Mo adesso che ho provato vi dirò che non ci tengo mica.


Gino:


non vi è piaciuto per niente?


Leo:


no, sentivo come una formichina che mi andava su per il naso


Gino:


devo dire che tutti, in famiglia siete personaggi un po’ particolari.


Leo:


grazie, signor boss, siete troppo buono, e pensare che vi dipingono co-me il diavolo (entrano Eglia, Assunta e Tina).


Scena IV

(Eglia – Gino – Leo - Tina – Assunta)


Eglia:


brrrr…ad fura l'è un fred che pela….oh signor Monti, che sorpresa, mi aveva detto mio marito che eravate già venuto…


Gino:


infatti è vero, e ora…sono tornato!


Eglia:


ha già conosciuto mio cognato? Questa è la mia figlia Tina e la mia co-gnata…


Gino:


che bella figliuola, lavora già o studia ancora?


Eglia:


studia, studia che mai, è anche molto bravissima


Tina:


(in tono di rimprovero)…ma'….


Eglia:


cosa ho detto di sbagliato?


Tina:


si dice solo "bravissima", non "molto bravissima". La sostanza va bene, è la forma che hai sbagliato.


Eglia


Leo, Marino dov'è andato?


Leo:


scusa, Eglia, mo te t'ul cnoss, ste sgnor?


Eglia:


vot ch'a n'el cnossa? L'è e padroun d'la mi fabrica!!


Leo:


e padroun? Mo alora….(capendo tutto) ha, Marino…è andato un momen-to…nel bagno, sarà meglio che lo vado avvisare…


Eglia:


mo se è nel bagno, verrà oltre quando ha fatto.


Leo:


allora…..gli vado a dire di venire oltre quando ha fatto


(esce di corsa).


Eglia:


signor Monti, accomodatevi mò, cosa prendete? Vi faccio un thè?


Gino:


mah, se non è troppo disturbo…


Eglia:


mocchè, vi voglio fare sentire anche i fiocchetti che ha fatto mia figlia, sono speciali (esce in cucina)


Assunta:


voi siete il famoso signor Monti? l'industriale? Il padrone dello stabili-mento dove lavora mia cognata? È un grande piacere di conoscervi, una volta ho visto anche l'articolo del giornale che parlava di voi, eravate l'industriale dell'anno. Quando è stato due anni fa? O tre? Te Tina ti ri-cordi che lo guardavamo? Non mi ricordo mica comunque c'era la sua foto. Siete emigrato anche voi? Oppure siete nato già qui? E vi siete fat-to da solo o avete ereditato? Comunque a gestire quelle fortune non è mica facile, quanti ci sono che si rovinano con le proprie mani. (Tina e-


sce in cucina e rientra poco dopo con un piatto di fiocchetti, che pone sul tavolo. Gino lancia occhiate impazienti verso la porta della cucina. Assunta prende un fiocchetto e lo mangia, rimane stranita e cade in catalessi per qualche secondo, per

poi riprendere normalmente la sua tiritera) C'è il nostro padrone che è avvili-to duro, i suoi figli gli sono venuti su lazzaroni, capelloni, non combi-nano niente di buono, non sa a chi lasciarla la sua azienda, e dire che va bene, eh? ancora è giovane, c'ha degli anni e anni davanti però comincia a pensarci, c'è caso che una volta o quell'altra lo facciano anche a lui


industriale dell'anno, ci terrebbe tanto, mo dopo lì entrano in ballo an-che la politica, i sindacati…


Gino:


oh, avete sentito? La signora mi ha chiamato, scusatemi pure…(esce in


cucina)


Assunta:


te Tina hai sentito? Boh, è un po’ che sono sorda, di mo quel rumore tutto il giorno per forza, le orecchie patiscono, la sera quando esco mi sembra di rinascere, mi sembra di entrare in un mondo diverso e dire che il traffico ce n'è, dovrebbe dare fastidio anche quello, mo quelle macchine sono tremende tutto il giorno tu-tum, tu-tum, le cuffie che ci danno non servono mica, sì all'inizio mo dopo ti sembra che il rumore ti entri dai piedi, dalle mani, non si capisce, diventi tutt'uno con il rumo-re….(entrano Leo e Marino)


Scena IV

(Leo – Marino – Tina – Assunta – Eglia – Gino)


Leo:


t'capess Marein? Avem sbaied tott!!


Marino:


porca boia, mo alora quel ad prima l'era e boss d'la mala e quest l'è e padron d'la fabrica? ch'um ch'l'è sted ch'an ci sem capid?


Leo:


che casein, e ades ch'um ch'a fam? Assunta, anzi no, te sta zetta, Tina, du ch'l'è andè ch'l'om?


Tina:


l'è ad là t'la cusjna, s'la ma.


Marino:


e ch'us chi fa? (esce Eglia dalla cucina, in una mano ha il mattarello e nell'altral'orecchio di Gino)


Eglia:


Mareeeein!!!!!!


Marino:


(con un filo di voce)


sé, bela?


Eglia:


è vero che hai dato il permesso al Signor Monti di slungare le mani con me e anche di più?


Marino:


(imbarazzatissimo) mo cosa dici Eglia? ci deve essere stato tutto un malin-teso


Gino:


macché malinteso, questa mattina mi ha detto che potevo farmela tutte le volte che volevo…


Marino:


si…cioè no…ma io non intendevo…


Gino:


mi ha dato il permesso anche per i miei amici, potevo succhiarmela tut-ta, mi ha detto…


Marino:


no…si….no mo mica lei, io dicevo…


Gino:


voleva perfino stare a guardare quel porcaccione…


Marino:


si…no…si ma non quello che pensate voi…


Eglia:


ahahahahah!!!! Brev!!! Us po’ savè ch'us t'u i è dett ma st'om? (comincia


ad inseguirlo brandendo il mattarello)


Marino:


Eglia, giò, nu fa acsè, l'è stè perché…


Gino:


la voleva buttare in mezzo alla strada, mo non voleva che andasse nelle mani di qualche giovanotto.


Eglia:


tent o prima o dop at ciap!


Gino:


ma quante storie! che questa mattina se l'è fatta anche suo fratello!


Assunta:


...suo fratello?


Gino:


si, m'ha detto che ci ha dato una "succhiatina".


Assunta:    (cominciando ad incalzarlo) ch'us te fat te stamateina?…eh?…infatti t'zì

sparid un'uretta!


Leo:


me? Mo ch'us ch'a i entri me?


Assunta:


quand ch' u i è un guai, te t'zi c'mè e sel, t'ui entri sempri


Leo:


mo u n'è miga vera gnint, quel l'è mat c'mè un banchet…(suonano


alla


porta)


Marino:


Aalt!!! (il trambusto si placa) andema a veda chi ch'l'è va due poliziotti).


(apre la porta e si tro-


Scena V

(Serpico – Bob – Marino – Leo – Assunta – Tina – Eglia)


Serpico:


il signor Baldoni?


Marino:


(esterrefatto) sono io


Serpico:


sergente Serpico, Dipartimento di polizia di New York, questo è il mio collega Bob della narcotici, abbiamo un mandato di perquisizione.


Marino:


un mandato? mo ci deve essere un errore.


Serpico:


adesso lo vedremo, Baldoni, (entrando) che nessuno si muova, questa è una operazione di perquisizione della Polizia di New York.


Marino:


non potete entrare, questo è una prepotenza, invoco un invocato!


Serpico:    si che possiamo, lo spaccio o la detenzione di droga a scopo di spaccio

èun crimine federale, ogni eventuale opposizione è punibile con l'arre-sto immediato (sgomento di tutti). Bob, catch the drugs!! (Bob comincia ad

annusare dappertutto, mobili e persone, come un cane).


Gino:


bravo Sergente, li arresti tutti questi farabutti, delinquenti, io sono il no-to imprenditore Monti, avrà sentito parlare di me. Ho dato il contributo per la festa della polizia. Non c'entro niente, la signora è una mia di-pendente e sono passato per caso.


Serpico:


nessuno uscirà di qui fino a perquisizione terminata.


Marino:


mo qui c'è un equivoco, maresciallo, uno sbaglio, una fraintesa…(Bob in-


tanto lo fiuta tutto)


Assunta:


uh madunina senta, la droga a qui? Mo chi ce lo ha detto?


Tina:


oddio, qui ci mettono in galera!


Eglia:


(mentre Bob la annusa) insomma Sergente, basta! boby, fa' la coccia! (Bob si siede sul divano come un cane bastonato emettendo un lieve guaito)ci vuolespiegare cosa succede dato che noi qui non sappiamo niente?


Serpico:


abbiamo avuto una soffiata sicura, in questa casa stamattina sono entra-te oltre dodici libbre di "roba".


Assunta:


chi è ch'l'a port i libri?


Eglia:


Marino! Te sai qualcosa di questa storia?


Marino:


io? Perché? Sono più sbalordito cane te! Sarà uno sbaglio, ne succedo-no tutti i giorni…


Serpico:


cosa volete insinuare? Che la polizia di New York sbaglia tutti i giorni?


Gino:


mo andiamo, sergente, Baldoni non voleva dire questo


Serpico:


però può darsi che l'abbia pensato


Marino:


però non l'ho detto!


Serpico:


non pensate di passarla liscia, Baldoni, anche se siete molto…come si dice…funny (pron: fanni)


Marino:


(si gira smarrito verso Eglia)


Eglia ch'us ch'l'ha dett? Ch'us che vò dì?


Eglia:


mo, funny l'ha da essa pataca, scemo, na roba acsè


Serpico:


no, non scemo…funny…


Leo:


no, sgond mè l'è piò ignurent, invurnid…


Assunta:


ch'apia vlud dì "ritarded"?


Marino:


oohh, basta, Tina, dil te, va là


Tina:


funny, bà, e vò di "divertente"


Serpico:


ecco brava, divertente.


Eglia:


che guardi sergente, se volete accomodarvi, volete un the, un caffè, ci sono i fiocchetti, mo cercate pure quanto volete che qui quella roba non c'è davvero. (Marino prende i fiocchetti e passa davanti a Bob)


Bob:


(annusando i fiocchetti)


here! here!


(pron: ir! ir!)(scodinzola contento)


Marino:


no, no questi sono di oggi.


Serpico:


(Si avvia deciso verso il vassoio) fiocchetti!


ah, ecco dov'era nascosta la droga, nei


Eglia:


la droga nei fiocchetti? Mo lui si sbaglia, c'è solo le uova, lo zucchero, la fari…..Marino, dove avevi preso quella farina?


Marino:


(impacciato) me l'ha data lui


(indica Leo)


Assunta:


e tè dove l'hai presa?


Leo:


io ma, si vede che ho sbagliato, avranno scambiato giù al market, c'è un equivoco (Assunta comincia ad inseguire Leo, Eglia insegue Marino, Tina cercadi calmare le donne, Gino parlotta con Serpico per scagionarsi)


Serpico:      (estrae la pistola ed esplode un colpo in aria, tutti si fermano) Siete tutti in arre-sto, spiegherete tutto alla centrale. (insieme con Bob, tra varie proteste e ca-ciara generale conducono tutti fuori dalla porta, la luce si spegne per riaccendersi quando finisce l'applauso - se ci sarà - altrimenti dopo qualche secondo).

Scena VI

(Marino – Don Vito – Eglia – Tina)

Marino:       (rientra con Don Vito, Eglia e Tina, le luci sono più basse e da fuori lampeggia un

neon) Don Vito, noi non sappiamo come ringraziarvi, è la provvidenzache vi ha mandato.

Don Vito: ma figuratevi, piuttosto ricordatevi domani di consegnare quel che resta del famoso sacchetto alla centrale.


Marino:


ah, sì, potete stare tranquillo che sarà la prima cosa che faccio domatti-na. Non ne voglio più sapere di quella roba, ne ho avuto a sa.


Eglia:


se non arrivavate voi col vostro avvocato a scagionarci, a mettere a po-sto tutte le cose, a quest'ora vedavamo il mondo a strisce, e chissà per quanto, grazie a questo lazzarone ritardato di mio marito.


Don Vito: appena i miei mi hanno avvisato ho chiamato il mio Avvocato e siamo venuti alla centrale ma sono io che debbo ringraziare voi, Baldoni.

Marino:    voi? E perché?

Don Vito: era il minimo che potessi fare. Sapete, è tutto il giorno che rimugino sulla chiacchierata che abbiamo fatto questo mattina. La vostra schiet-tezza, la vostra semplice ingenuità mi ha ricordato me stesso quando ho cominciato le mie attività. Forse mi avete aiutato a rispondere a certe domande che mi facevo da tempo, a capire certe esigenze che sentivo.

Marino:    davvero? Sono stato io?

Don Vito: Baldoni, io sono vecchio, ed è tempo che mi ritiri da certi affari. Voglio portare la mia famiglia fuori dal giro e assicurargli per il futuro una esi-stenza semplice e onesta. Ho deciso di cambiare vita. E il destino ha vo-luto che il primo gesto della mia nuova esistenza sia stato quello di ti-rarvi fuori dai guai.

Marino:    mo adesso voi? Cosa vi faranno che vi siete preso tutte le colpe?

Don Vito: state tranquillo Baldoni, ho stretto un accordo col Procuratore Federale, sistemeranno tutto in cambio della restituzione della roba e un paio di altri piccoli favori che ho promesso di fargli. E tra questi, c'è anche quello di ritirarmi.

Marino:    Don Vito, se volete ritirarvi dalla malavita, io non posso che apprezzar-vi, mo non dite che siete vecchio, per carità.

Don Vito: mi dedicherò a tempo pieno alla sola attività pulita che gestisce la fami-glia, e che fino ad oggi era considerata solo una copertura: l'importazio-ne delle noci dalla Sicilia.


Marino:    bravo don Vito, l'America offre tante possibilità e una persona capace come voi può ancora mettere su un commercio fatto bene in questo pae-se.

Don Vito: il mio vecchio diceva sempre che non tutti i mali vengono per nuocere. La vecchiaia, insieme con gli acciacchi, porta anche la saggezza e que-sta di oggi credo che sia la decisione più saggia e razionale che io abbia mai preso. Mi dedicherò alle nostre noci, il frutto della mia terra. Avete mai notato, Baldoni, che l'interno della noce assomiglia al cervello u-mano?

Eglia:             (guardando Marino con allusione) c'è qualcuno che ci assomiglia anche co-me dimensioni.

Marino:    Don Vito ma toglietemi una curiosità: com'è che un galantuomo come voi, quella volta vi siete invischiato nella malavita?

Don Vito: guardate (lo conduce alla finestra), vedete quel nuovo Market che hanno aperto dall'altra parte della strada? È aperto ventiquattro ore su venti-quattro, eppure tutte le porte hanno la serratura, perché?

Marino:    perché?

Don Vito: ci sono domande che non hanno risposta. Certe cose succedono e basta. Baldoni, statemi bene, e se avete bisogno di qualcosa, la famiglia del vecchio Don Vito Mazzacurato conta ancora qualcosa in questa città

Marino:    grazie mille Don Vito, arrivederci a presto e buona fortuna

Don Vito: (uscendo) anche a voi, arrivederci.

Scena VII

(Eglia – Marino – Tina)


Eglia:


beh, un si po’ dì ch'ac sem anuied sta dmenga…


Marino:


già, davera


Tina:


ba', scusa, te t'zarè strach, mo l'è bela al set e me avria qualcosa da dmandet.


Marino:


sintemma bela, di pu so…


Tina:


donca..


Marino:


eh…


Tina:


alora…


Marino:


sé…


Tina:


ui saria un ragazz ch’u m’ha dmand d’andè al cinema sa lo stasera, a pos andè?


Marino:


mmm…stasera?


Tina:



Marino:


e va bein, mo arcorti che apeina ch’e fness e cinema, sobti ma chesa che dmen t’è la scola….


Tina:


grazie ba, a sarò a chesa per al dish e mez…(fa per uscire)


Marino:


eh….chi ch’lè ste ragazz?


Tina:


ah, tu n'el cnoss, e vin a scola sa me…


Marino:


e cum'è ch'us ciema?


Tina:


….Alan


Marino:


cus'el? Un chen?


Tina:


no bà, l'è un ragazz nurmel…


Marino:


chi ch'l'è Eglia? E fiul di Stacchini, quei chi sta so a longailan?


Eglia:


no, l'è e fiul di Smith chi sta giò te Villag.


Marino:


mo…l'è un americhen?!?


Tina:


sé, bà, cus ch'u i è ad mel?


Marino:


cus ch'u i è? Gnint, u gni è gnint ad mel….Eglia, lasmi da per mè sa la mi fiola per piajer ch'a i ho da fè un scurs impurtent.


Eglia:


a vagh a met a post ad là


(esce in cucina)


Marino:


(si siede di fronte a Tina) sta da sintì bein, fiola. U gni è gnint ad mel andème cinema s'un ragazz americhen, l'è la roba piò nurmela ad ste mond. Me infatti an so preocuped per quest. Me a so preocuped perché stasera l'è e cinema, dmena sera e sarà e bal d'la scola e po’ tut spusarè, t'farè i fiul e da che noun an ci muvem piò. Me an ti putria fermè gnenca s'al vuless. Però pensi bein perchè stasera te t'dicid pri totta la fameia. S't'ui dish ad sé e vò di ch' arvanzarem sempri a che, se t'ui dish ad no, artur-narem a San Marein.


Tina:


(ci pensa un po’) no, bà, enca me a voi arturnè a San Marein, ai vagh a te-lefunè pri di ch'an vagh.


Marino:


no, stasera va po’, ormai l'è terd per dei buja. Dmateina a cmenz a fè i gir per arturnè a chesa. (si abbracciano e cala il sipario).


FINE SECONDO ATTO


(che era rimasta come inebetita) ecco, al saveva, perché t'u i è mess echergh? S't'ui pasivti la brescla, andimi noun ma sentoun. Quatri e du si, cinquatoun, cinquatot e in scapeva piò. O se no, se te t'ui mitivti l'as prima me a pischeva e tre, quarantot, vintoun, senza e re e caval, trenta-tre, sentaquatri. Tott al seri la stessa storia, quand a cmanzem t'ztè alè sla testa, u gni è mel, mo dop t'ut cmenz a indurmantè, t'un capess piò gnint, mo dmena sera a giugh sa l'Eglia, ma te at fac giughè se tu fratel, a vidrem se sa lò t'ztarè svegh. Se t'iu pasivti e caval ad spedi, me a sa-

Assunta:

an ci sem incort mo u s'è fat terd. Te Tina l'è ora che t'vaga durmi che dmen t'è la scola. (comincia a raccogliere le carte)

Eglia:

oh, avem fnid? Per fortouna, u m'era vnud un son…

Leo:

volta.

Alè, sentoun, avem vint enca sta-

(Eglia tira la carta, Leo tira la sua, poi di seguito Tina, an-cora Assunta, poi Eglia, Leo e infine Tina.)

sé mà, botta po’ giò

Tina:

ai pas e chergh alora

Eglia:

(rientrando) oh, l'ha già fat? Gnienca tri quert, stavolta…

Tina:

(ridestandosi) oh, Leo, l'ha tratulta che la zea l'ha trat…

(scuote Leo che alza la testa). Tina! Tina! Vin

Eglia:

…quant te det chi ha lor? Cinquantoun? Alora se me ai pas e fent, l'E-glia ui met un fermin, ma te ut toca giughè la pgnata, se no t'ui armet e cherg. A meno chè lia l'apia l'as ad bastoun. Però s'ul giuga sobti te t'ui pas l'as e andem fura noun. Donca, cinquantoun, cinquetaquatri, si e du ot, port'oun, un chergh da oung e fa sentasi e i và fura lor. An m'arcord s'le scap e caval, a l'ho vest, a so sigura, mo an so s'a l'em giughed sta-volta o prima. Donca s'ai pas e cherg e lia l'an po metta la brescla, dop te t'pudria enca andè less. Quarent'ot, si e du ot, port'oun, a sem senta pari. I chergh ad dineri i è scap tott? O u i è so e tre? U i è quel ad ba-stoun a so sicura, u l'ha d'avè l'Eglia. E po’ u i arvenz un do d'brescla. Sé alora a giugh e chergh! (sbatte la carta sul tavolo).

Assunta:

Epilogo

(Nell’intervallo, a sipario chiuso, sfilano sul proscenio illuminato da una lieve lu-ce blu Assunta, Elia, Tina, Leo e Marino, sulle note de “Il pianista sull’oceano”. All’apertura del sipario, anche se i personaggi sono rientrati in patria, la scena è la stessa, tranne che per alcuni particolari, un copridivano di diverso colore, di-verse le suppellettili, ecc. Eglia, Leo e Assunta sono seduti al tavolo. Leo ha la te-sta sulla tavola ed è visibilmente addormentato. Eglia invece ce l'ha appoggiata ad un braccio. Assunta, seduta di fronte a Leo, consulta le sue due carte. Di fronte ad Eglia una sedia vuota.)

Scena I

(Assunta – Eglia – Leo – Tina)


ria putuda andè less, o se no ai paseva la brescla…(intanto si infilano i cap-

potti ed escono con Leo che spinge Assunta fuori dalla porta mentre lei continua a parlare).


Tina:


alora mà, mè a vagh a let


Eglia:


t'zì emuziuneda pri dmen?


Tina:


un po’


Eglia:


t'vidrè che t'ut la cavarè bein, sta tranquella, t'zì sempre steda breva…


Tina:


alora sperema ad continuè.


Eglia:


Bonanota fiola


Tina:


bonanota, ma


(Tina esce e Eglia continua a sistemare, entra Marino)


Scena II

(Eglia – Marino)


Eglia:


oh Marein, t'zì chè? E tu fratel e l'Assunta i è scap ades, avem fat la bre-scla, la Tina l'ha giughed sa me. Dmateina arcorti ch'e bsogna andè ma la benca a sintì i fruttedi ch'ic dà. Ho sintì ch'i n'è cumpagn pri tott, me a voi zscorra se diretor, ho ciap un apuntameint per al nov e mez. (Mari-no tace e si siede) Alora, t'è fat la tu pasigieda finenta e cantoun? Quand asimi in America e pareva che t'muress senza la tu pasigieda. Finalmeint e tu sogn u s'è realized, ades t'zarè cunteint?


Marino:


(un po’ amareggiato) te sé Eglia, a so scap, ho fat tott e stradoun, a so ar-vat ma la porta e po’ so fin e pianel e po’ olta fin e cantoun. Mo a n'ho cnusù nisoun, an mi so fermed a ciacarè sa nisoun. Tott i curiva, i ande-va, i aveva una prescia, a ne so do chi andeva, ch'us chi circheva …(i due


stanno in silenzio qualche secondo)


Eglia:


beh, ma a vagh a durmì, te t'vin ulta?


Marino:


sé, ades a veng (Eglia esce, Marino sta un po’ in silenzio poi si alza e uscendospegne la luce. Dalla finestra lampeggia un neon e si sente una sirena. Cala il sipa-rio)


FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno