Il debutto di Gemma

Stampa questo copione

ATTO PRIMO

Il debutto di gemma

Scene della vita di palcoscenico
in collaborazione con G. Crescimone

Personaggi:

D. Saverio

D. Felice

Gemma

D. Fortunato

D. Luigi

Errico

Emilia

Arturo

D. Ignazio

Concettina

Pasquale

Michele

Raffaele

Rosina

Lucia

Ciccillo

Giacomino

La scena è a Roccaspinosa

ATTO UNICO

Il palcoscenico del teatro di Roccaspinosa, visto al di dentro. Quinte a sinistra. In fondo, porta che dà nel palco di prima fila al proscenio. Nel mezzo apparecchio di luce elettrica. A destra, in fondo, scala che conduce ai camerini degli artisti. Due porte laterali a destra. E buio.

SCENA PRIMA

Pasquale e Michele, poi Luigi e Raffaele.

MICHELE (portando una poltrona):Jamme, Pascà, fà ambresse, che so’ l’otte.

PASQUALE (con altra poltrona):Aspè, Michè, ccà sta a lo scuro, che nce volimmo rompere pure na gamma.

MICHELE: E ched’è, hai da stà a lo lustro pe sapé addò haje da j?

PASQUALE: Io non saccio niente, saccio solamente che me more de famme, e sta vita non la voglio fà cchiù.

MICHELE: Statte zitto che dimane magnammo.

PASQUALE: Tu quà dimane, io aggio da magnà stasera. Michè, chiacchiere non ne sente cchiù. (Via con Michele a sinistra.)

LUIGI (uscendo con Raffaele dalla destra):Ma famme capì Rafè, stasera veramente recita Gemma, la nepote de D. Peppino?

RAFFAELE: Sissignore, ma che ve credite mò, recità? È na piccola scena che le ha scritto D. Felice, lo suggeritore.

LUIGI: Già, lo manifesto dice: Un monocolio, e intanto è bastato chist’annunzio pe fà jenchere lo teatro stasera... Non nce sto no posto, manco si lo vuò pagà cinche lire! Io voleva no palco pe na famiglia che me l’aveva cercato co tanta premura. Embè, co tutto che songo lo segretario de lo sinneco, non l’aggio potuto avé.

RAFFAELE: E se capisce, quanno non nce ne stanne!... Ccà, avite da sapé che tutta la compagnia se moreva de famma. D. Peppino, lo mpressario, la settimana passata, partette e li rummanette senza no soldo.

LUIGI: E addò jette?

RAFFAELE: Jette a vedé si trovava quacche auta piazza. Ogge s’aspettava, e manco è venuto. Chesti povera gente stanne chine de diebete. Lo trattore non lo vò fà cchiù credenza; e si non fosse stato pe lo sinneco, che tanto buono li tene alloggiate dinto a li cammere che stanno ncoppa a lo teatro comme avarriene fatto?

LUIGI: Ma, caro Rafele, agge pacienzia, chesta che compagnia è? Quanno mai a sto teatro nce so’ state questi artisti così scadenti? Tu mò fai lo custode da tanto tiempo ccà dinto, è venuta mai na compagnia accussì?

RAFFAELE: Ma scusate, la colpa de chi è? De la Commissione!

LUIGI: De la Commissione? Io mò che t’aggia dicere? Fuje lo sinneco che se nnammuraje de la sora de lo suggeritore, e non pensai e a niente cchiù.

RAFFAELE: A la verità, io avarria fatto lo stesso, pecché chella è proprio na sciasciona!

LUIGI: Sì, ma non se vò fà manco tuccà co no dito, e lo sinneco sta accommincianno a perdere la pacienzia. Chella è no mese che lo sta portanno pe li viche, se lo stà facenno, comme se dice, co passe e pignuole.

RAFFAELE: E isso non se n’addone.

LUIGI: Isso ha accomminciato a capì che chella lo coffea, e stà arraggiato de na mala manera.

RAFFAELE: E se capisce!

LUIGI: Neh? Rafè, ma l’elettricista è venuto? Mò è tarde! Ccà sta ancora tutte cose a lo scuro.

RAFFAELE: E chesto saccio!... A chest’ora avarria avuto da venì.

SCENA SECONDA

Giacomino e detti, poi Saverio.

GIACOMINO (con mezza candela accesa):Signori, buonasera.

RAFFAELE: Jamme, Giacomino, jà, ch’è tarde!

LUIGI: Sai che un’altra volta che vieni a quest’ora, ti faccio pagare due lire di multa?

GIACOMINO: A me?

LUIGI: A te, sì! Il teatro, a quest’ora, non deve stare all’oscuro!... Tu il regolamento lo sai?

GIACOMINO: Lo saccio, lo saccio... e non pozzo appiccià.

LUIGI: Perché?

GIACOMINO: Pecché aggio d’avé l’ordine da lo sinneco. Lo sinneco ha ditto: Stasera non appiccià si non te lo dico io. Quanno cierte cose non li sapite, stateve zitto, non facite l’aucellone.

LUIGI: Giacomi, tu non te piglià confidenza Co mmico, sà; aucellone, non aucellone, io faccio il mio dovere!

GIACOMINO: E io pure!

SAVERIO: Che cos’è, neh? Che so’ st’allucche?

RAFFAELE: Bonasera, Eccellenza

GIACOMINO: Signor sindaco, ma ch’aggio da fà? Chisto lo segretario vuosto m’ha fatto na cancariata, pecché ha trovato a chest’ora ancora lo teatro a lo scuro. Ma se pò sapé a chi aggio da sentere?

SAVERIO: Tu hai da sentire a me, io sono lo sinneco! Neh, D. Luigì, ma vuje che v’avite chiavato ncape? Volete stare al vostro posto, sì o no?

LUIGI: Scusate, signor sindaco, mi pare che a quest’ora, il teatro non è stato mai all’oscuro.

SAVERIO: E mò ha da stà a lo scuro. Ho le mie ragioni pe farlo stà oscuro, avete capito?

LUIGI: Fate come volete, è stato per non andare contro al regolamento.

SAVERIO: Io sono il sindaco, e il regolamento lo posso sempre cambiare. Per la luce elettrica ci penso io, voi badate ad altre cose.

LUIGI: Va bene.

SAVERIO: Giacomì, non te ne ncarricà, tu miettete llà, a lo posto tujo, e statte attiente all’ordene che te dongo. Quanno dico appicce, tu appicce.

GIACOMINO: Sissignore.

SAVERIO: Bastantemente la pacienzia che aggio tenuto; mo’ non ne voglio tenere cchiù!... E no mese che me sta cuffianno, che me sta portanno ncarrozza! Stasera si non me dice qualche cosa di positivo, la recita non la faccio fà, e dimane ne le caccio a tutte quante! Essa cu me non ha da fà la zita contignosa! Io songo lo sinneco, cattera! E voglio essere rispettato! Quanno voleva fà la donna onesta, non m’aveva fà dà l’alloggio franco a tutta la compagnia, non aveva accettà tutte li complimente che l’aggio fatte! Queste signore artiste se credene che venene in paese e mbrogliano la gente. Ponno mbruglià all’aute, ma no a lo sinneco!... Pe mbruglià a lo sinneco nce hanno da pensà diece vote! Stasera è la serata de lo frate, e stasera parlammo.

SCENA TERZA

Emilia, Errico e detti.

EMILIA (di dentro):Raffaele, Raffaele?

ERRICO (di dentro):Custode, custode?

RAFFAELE: Chi è? Sta ccà, che volite?

ERRICO (fuori):Come! Che voglio? Ccà sta tutte cose a lo scuro. Quanno s’appiccia?

EMILIA: È proprio un’indecenza.

RAFFAELE: E ch’aggio da fà io, che vulite da me?

ERRICO: Comme! Che voglio da te?... L’elettricista addò sta?

SAVERIO: L’elettricista sta al suo posto, ma non pò appiccià ancora, deve avere l’ordine da me.

ERRICO: Oh, scusate, signor sindaco, io non sapeva che stavate qua. Emilia, qua c’è il sindaco.

EMILIA: Oh, buona sera, signor sindaco.

SAVERIO: Buona sera, signora.

EMILIA: Vi preghiamo, dunque, di dare quest’ordine. Come si fa?

SAVERIO: Bisogna pazientare un poco, signora prima donna. Siccome si sta facendo un accomodo all’angolo de la strada, così si è dovuto togliere la corrente al palcoscenico.

ERRICO: Ma speriamo che si sbrigassero presto. Fra mezz’ora deve incominciare lo spettacolo.

EMILIA: Ma nei camerini neanche c’è la luce?

SAVERIO: Neanche, signora.

EMILIA: Oh! E come si fa? Io mi debbo vestire.

ERRICO: Io mi debbo mettere la maglia.

EMILIA: Vuol dire che lo spettacolo incomincerà più tardi.

SAVERIO: O pure non si fa addirittura.

EMILIA: Non si fa? Voi che dite, signor sindaco? Sarebbe una rovina.

ERRICO: Il teatro è tutto venduto. Quel povero D. Felice, ha camminato quattro giorni con la pianta, per far segnare i palchi, le poltrone...

SAVERIO: Già! la serata a suo beneficio.

ERRICO: No, signor sindaco, è a beneficio di tutta la compagnia. Abbiamo detto che è serata sua per non fare una cattiva figura, capite?

SAVERIO: Ho capito, ho capito.

EMILIA: A lui, si sa, gli spetterà qualche cosa di più, perché ha scritto il monologo per la nipote di D. Peppino, e perché l’idea fu sua di farla recitare.

EMILIA: E poi per questa recita ha lavorato molto, bisogna dire la verità, è un buon uomo.

SAVERIO: E anche la sorella, è una buonissima donna.

EMILIA: Ah, sicuro!

SAVERIO: Molto onesta.

EMILIA: Onestissima!

SAVERIO: E adda volé bene assai a tutta la compagnia, perché quando veniste, me facette tante raccomandazioni.

EMILIA: Sì, sì, lo sappiamo... Che buon’amica!

ERRICO: Ha un cuore d’angelo!

SAVERIO: (Rafè, io me ne vaco dinto a lo palco. Appena vene Donna Concettina, la sora de lo suggeritore, me chiamme).

RAFFAELE: (Va bene, Eccellenza).

SAVERIO: Segretà, venite co me.

LUIGI: Subito. (Segue Saverio nel palco di proscenio.)

EMILIA: Ma, Rafè, famme lo piacere, damme na cannela almeno, io incomincio a truccarmi.

RAFFAELE: Non posso, cara signora, nce vò l’ordine de lo sinneco.

EMILIA: Ma queste sono cose nuove, sapete! Da dieci anni che faccio l’arte, non mi è successo mai quello che mi sta succedendo in questo paese.

ERRICO: Emì, non mporta, tenimmo n’auto poco de pacienzia! Io non nce voleva venì dinto a sta compagnia... Chillo cancaro de D. Peppino, me volette scritturà afforza. Seh! E mò che nce ne jammo nuje stanno cchiù frische. Una coppia come la nostra, D. Peppino non la trova.

EMILIA: A proposito, Errì, io stasera pe la Francesca da Rimini, me mette chella da Spagnuola de velluto verde.

ERRICO: E perché?

EMILIA: Guè, pecché? E non lo ssaje che la veste de la Francesca sta mpignata?

ERRICO: Ah, già! Sta nzieme co lo soprabito mio... Non te n’incarricà, chiste non nce attaccano idea, non ne capiscene niente, e pò, chille stasera venene pe Gemma, la nepote de D. Peppino.

EMILIA: Io pe me ritengo che è no rischio a fà recità stasera a chella guagliona — La malatia che tene è brutta... Ultimamente avette chill’attacco!... Tutte quante nce credeveme ch’era morta. Sentiste lu miedeco che dicette? Questa ragazza si deve curare seriamente, e non deve avere nessuna emozione.

ERRICO: E se capisce!... Se tratta de lo core... Sperammo che ghiesse tutte buone, accussì dimane nce ne jamme, e fenimmo de suffrì.

SCENA QUARTA

Fortunato, Ciccillo e detti.

FORTUNATO (esce con le mani dietro la schiena, pallido):Che aggio da fà? Che pozzo fà? Se hanno da contentà, o vonno o non vonno. Venene li fische, e che me ne preme? Sono troppo conosciuto in arte. (Ciccillo lo segue con grosso involto di panni.)Ciccì, famme lu piacere: non ridere che me tuocche li nierve!

ERRICO: Buonasera, D. Fortunà.

FORTUNATO: Oh D. Errì buonasera. D. Errì, io lo vestito da Guido dinto a la Francesca non lo tengo, me lo vennette.

ERRICO: Vuje che dicite?... E comme se fa?

FORTUNATO: E che vulite da me?... Ccà so’ quinnece juorne che non pigliamme paga, e pò io sapeva che asceva mmiezzo n’auta vota sta Francesca!

ERRICO: E che ve mettite stasera?

FORTUNATO: M’aggio portato chillo cammese niro de quanno faceva lo mago Aristone... Non tengo niente cchiù... Ciccì, non ridere, mò te sciacco!

ERRICO: Ma, scusate, chillo ha da ridere afforza. Vuje volite fà Guido, vestuto da mago!

FORTUNATO: E che vulite da me?... Che aggio da fà? Se sape, stasera è l’ultima recita, le casse col vestiario sono partite. Non ve ne incaricate.

ERRICO: Eppure dicite buono, a chelle che n’esce n’esce!

FORTUNATO: (Ciccì, dimme na cosa, lo putecaro t’ha dato li ccicole e lo ppane?).

CICCILLO: (Li ccicole non me l’ha volute dà, ha ditto che chillo gilè che l’avite mannato è viecchio assai, e non va’ manco meza lira. M’ha dato tre solde de pane, e nce ha mise na saraca mmiezo... Lo vedite ccà?).

FORTUNATO: (Zitto, non fà sentì, damme a me). (Lo prende.)Sta mappata miettela dinto a lu cammarino mio.

CICCILLO: (Va bene). (Sale la scaletta, ed entra nel primo camerino.)

FORTUNATO: (Tengo na famma che me la veco co l’uocchie. Stongo da jere co no casatiello ncuorpo. L’arte più bella, più nobile dev’essere tanto calpestata!). (Mangia.)

SCENA QUINTA

Ignazio, Arturo, Rosina, Lucia e detti, poi Luigi.

ARTURO (seguendo Ignazio):Dottò, ma c’è paura che le pò venì quacché cosa?

IGNAZIO: Ma se capisce!... Chesto che cos’è?... Vuje pazziate! Chella, quinnece juorne fa, se salvaje pe miracolo. La guagliona sta malata seriamente, s’avarria da tenere, comme se dice, sotto a na campana, e se fà recità!...

ROSINA: Ma chillo è no monologo...

LUCIA: È robba de no quarto d’ora.

IGNAZIO: O no quarto d’ora, o n’ora, o tre ore, è sempe la primma votache esce ncoppe a lo teatro. Dinto a lo paese la vonne bene tutte quante; le sbattene li mmane, e capirete, n’emozione de chesta...

ROSINA: Nuje stamme tutte vicino a essa, non dubitate.

IGNAZIO: Ma D. Peppino, lo zio, addò sta?

ROSINA: È ghiuto a vedé si trovava quacche auta piazza.

IGNAZIO: Io, a la verità, senza lo zio presente, non la facciarria recità... Lo sto dicenno da quatte juorne!

ERRICO: Che cos’è, neh?

ARTURO: Lo dottore non volarria fà recità a Gemma stasera...

ROSINA: Dice che le pò fà male.

FORTUNATO: Vuje pazziate! E comme se fà? E ccà si non recita la guagliona, siamo rovinati!

ERRICO: Se capisce, se ne vanno tutte quante.

ARTURO: Restituiscene tutte li bigliette.

LUCIA: Nce sta na folla fore che non potite credere.

EMILIA: Lo guajo è che non nce sta manco lo zio, e non ne sape niente.

IGNAZIO: E chesto aggio ditto.

ARTURO: Comme nce lo faceveme sapé!... Chillo partette, e chesta è stata na cosa che ha combinato D. Felice dinto a quatte juorne.

FORTUNATO: Ma che diavolo, tanto male che l’ha da fà? Chella è piccerella, e doppo che have no poco d’emozione vedenno lo teatro pieno, subeto se rimette... Dottò, non succede niente; ve lo assicuro io! (Gli stringe la mano.)

IGNAZIO: Accussì sperammo. (Chiste comme fete de saraca!).

LUIGI (dal palco):Vuje vedite lo sinneco che s’ha chiavate ncape, stasera! Ha ditto che si Donna Concettina non lo tratta buono, che fa ancora la spruceta, e non se fa almeno vasa, isso non fa appiccià lo palcoscenico — So’ cose de pazze! E i comici all’oscuro comme se vestene?

SCENA SESTA

Concettina e detti.

CONCETTINA: Signori, buonasera.

TUTTI: Buonasera.

CONCETTINA: Che folla sta vicino a lo teatro!... Che bellezza! Caro Dottore...

IGNAZIO: Cara Donna Concettina.

ARTURO: E D. Felice? Comme va, non è venuto co buje?

CONCETTINA: Steve venenno co me, pò ha truvato nu sacco de gente che volevano ancora bigliette, e l’aggio lassato. Chillo non sta trovanno pace da stamattina: chi lo chiamma da ccà, chi lo chiamma da llà...

IGNAZIO: E la guagliona, Gemma, comme sta?

CONCETTINA: Sta bona, sta bona, non è stata mai tanto allegra comme a sta jurnata. S’ha mangiate li maccarune nzieme co nuje.

IGNAZIO: L’avite date li maccarune?

CONCETTINA: Gnorsì, Dottò, pecché m’ha fatto pena, poverella!... E quasi no mese che sta avenno brodo, ove e latte... E, de chesta manera, chella adderettura se ne scenne da dinto a li panne... Dottò, vuje avite sbagliato, chella non s’ha da curà comme dicite vuje...

IGNAZIO: E già, mò songh’io lo ciuccio!

FORTUNATO: Dottò, chella è piccerella, lo mangià non le pò fà male.

IGNAZIO: Ah, sicuro — (Io vorria sapé chi tene ncuollo sta puzza de saraca?). Ma mò che sta facenno? Pecché non è venuta ancora?

CONCETTINA: Io me la voleva portà co mmico, ma siccome non era pronta ancora, e io jevo de pressa, ha ditto: Abbiateve che io mò vengo.

IGNAZIO: E la facite cammenà sola?

CONCETTINA: Seh!... Mò s’avesse da mettere paura... Chella tene lo diavolo ncuorpo!

EMILIA: Oh, pe chesto pò non nce pensate! Non se mette paura de niente.

ARTURO: È svelta assai.

ROSINA: Non pare maje na piccerella.

IGNAZIO: Ah, allora va bene. (Ecco che significa a non tené la mamma e lo patre). Basta, permettete, io vaco a piglià la famiglia pe la purtà dinto a lo palco.

TUTTI: Buon divertimento.

IGNAZIO: Grazie. (Via.) (Durante questa scena Raffaele è andato a chiamare Saverio, il quale

esce dal palco).

CONCETTINA: Neh, ma ccà sta ancora a lo scuro, quanno s’appiccia?

ERRICO: S’aspetta l’ordine de lo sinneco.

SAVERIO: Ci siamo. Potete andarvi a vestire — Giacomì, appiccia!

GIACOMINO: Subito. (Esegue, la scena si rischiara.)

EMILIA: Ah, finalmente!

ERRICO: Grazie, signor sindaco.

ARTURO: Permettete, signor sindaco.

ROSINA: Signor sindaco.

LUCIA: Buonasera.

SAVERIO: Andate, andate, perché è tardi.

FORTUNATO: Signor sindaco, i miei rispetti.

SAVERIO: Jate, jate. (Tutti salgono per la scaletta, ed entrano nei carnerini.)D. Luigì, jatevenne no momento.

LUIGI: (Ho capito!). Permettete signor sindaco, arrivo fino al caffè.

SAVERIO: Andate.

LUIGI: Con permesso, signora. (Via.)

SAVERIO: E voi non vi andate a vestire?

CONCETTINA: No. Io questa sera non prendo parte allo spettacolo, sono libera.

SAVERIO: Ah, siete libera? Brava!... E perché stamattina non mi avete detto niente? Vi ricordate? Io giorni fa, vi voleva portare con me a mangiare in campagna, al mio villino, e voi mi diceste: Sì, verrò il giorno che sarò libera al teatro.

CONCETTINA: Sì, me lo ricordo, ma voi mi diceste che doveva venire sola, senza mio fratello, e questo, caro signor sindaco, io non lo posso fare.

SAVERIO: E perché? Non nc’era niente di male, si trattava di passare una giornata allegramente.

CONCETTINA: E con miò fratello vi posso assicurare che la giornata sarebbe stata più allegra.

SAVERIO: Ah, sicuro... Ma ditemi una cosa, non vi siete ancora accorta che io tengo per voi una grande simpatia?

CONCETTINA: Sì, me ne sono accorta, non solamente io, ma tutta la compagnia e vi prego, signor sindaco, di lasciarmi in pace, perché mi fate fare una cattiva figura. Fate credere a tutti quello che non è.

SAVERIO: Basta, non parliamo più. Ho capito tutto, Giacomì! Stuta. (Giacomino esegue.)

TUTTI (di dentro):Neh, che è stato? Che è succieso?

EMILIA (dal camerino):Qui siamo rimasti all’oscuro!

ERRICO (dal camerino):Luce... luce!...

FORTUNATO (dal camerino con lunga barba grigia e berretto):Neh! E che significa questo?

CONCETTINA: Signor sindaco, come si fa?

SAVERIO: E che volete da me? Staranno facendo qualche accomodo.

EMILIA: Ma questo non si vede a nessun teatro! (Entra.)

ERRICO: È un cosa nuova! (Entra.)

FORTUNATO: Dopo 40 anni d’arte, è la prima volta che mi capita questo! (Entra.)

CONCETTINA: (Ma che assassino!). Per esempio, signor sindaco, questo non era il sito adattato per parlare di certe cose. Qui ci vedono tutti, ci sentono tutti. Andiamo nel nostro palco, sediamo un poco, dove nessuno ci potrà vedere, e potremo discorrere a vostro bell’agio; ma qui, qui è una cosa impossibile! Chi va, chi viene... Certe cose, le dovreste capire!

SAVERIO: Avete ragione, ho torto; ma che volete?... Io quando vi vedo non so frenarmi. Allora andiamo a parlare nel mio palco.

CONCETTINA: Ma sì, andiamo, è un onore per me. (Gli dà il braccio.)

SAVERIO: Oh, grazie, grazie — Giacomì, appiccia! — (Giacomino esegue.)— Voglio sperare che sarete più buona con me.

CONCETTINA: Io sarò buona, se voi non siete cattivo. (Risata dei due che entrano nel palco.)

SCENA SETTIMA

GEMMA (entra dalla destra affannando, volto pallidissimo, con mantellina e paglia):«Aggio curruto troppo!» Me credeva che l’aveva fatta tardi... Non stò ancora bona... me sento ancora malata — So’ tre ghiuorne che cerco de stà allegra, cerco de non ne fà addunà a D. Concetta, a D. Felice, a tutta la compagnia, me dongo curaggio, me dongo forza... Ma è inutile... Quanno uno non se fida, non se pò fingere bona — D’altronte comme faceva? Me negava? Diceva che non poteva recità? E comme avarriene fatte sti povere comici, che stanno chine de diebete, e non potevano manco partì da sta piazza? Lo zio dicette che tornava subeto, e pò so’ cinche juorne che non ha fatto sapé niente cchiù — Lo Cielo me darrà lo curaggio, la forza, e avarraggio la soddisfazione d’avé fatto bene a tanta gente — Io po’, a la fine, che so’ fatta na vecchia! Se sape, so’ stata tre mise dinto a lo lietto malata, m’hanno portato da no paese a n’auto co la freva ncuollo, se capisce che mò m’aggia sentere accussì. Io però me sento tutta bona, vih!... E l’affanno, l’affanno che me ncujeta solamente. M’hanno ditto che lo teatro è tutto pieno, ca non nce sta cchiù no posto... Che bella cosa!... Eppure quanno me dicetteno che me volevano fà debuttà, accettaje subeto, e co tanto piacere... Ma mò — che saccio — pensanno che aggio d’ascì llà fore, nnanza a tanta gente, me sento no triemmolo dinto a li gamme, me sento sbattere lo core cchiù forte, me fa na certa emozione... Ma che! Coraggio, so’ figlia d’artista, e aggio da stà calma, fredda, senza nisciuno pensiero! Và trova si lo pubblico è trasuto... Mò vaco a vedé da dinto a lo pertuso de lo sipario. (Via a sinistra.)

SCENA OTTAVA

Felice, poi Ignazio.

FELICE (con un copione sotto il braccio):Si nun m’accideno stasera, non m’accideno cchiù! Chelle li poltrone so’ 48, io n’aggio fatto stampà 150, e l’aggio dispensate. Oltre poi dei palchi che aggio dato a prezzo di botteghino, n’aggio fatto stampà n’auti 400: palco di favore, per addobbo lira una — Stanotte l’aggio menate miezzo a la piazza; stammatina pò dinto a li puteche. Ah! Non me fido cchiù de cammenà...

IGNAZIO: Neh, Giacumì, la guagliona è venuta?

GIACOMINO: Gnorsì, poco primme — Stà llà, mmiezo a lo palcoscenico.

IGNAZIO: D. Felì, sta na folla fore che non s’è vista mai. Che bella cosa!

FELICE: Aggio fatto no gran colpo. Dottò, ho salvato la posizione. Co l’introito de stasera, nce levamme li diebete e nce ne jammo. Si non faceva la pensata de fà recità la guagliona, nce n’avevame da j a Napole co la corrispondenza!

IGNAZIO: Ma stateve attiente, la guagliona l’avesse da fà male n’emozione de chesta?

FELICE: E che l’ha da fà, neh Dottò!... Chella mò sta bona, che diavolo!... Voi capite che chella è stata la nostra ancora di salvezza? D. Peppino è ghiuto a truvà n’auta piazza. Seh! E sta frisco, io me voglio mettere a fare lo sapunaro... Chi se fida de fà cchiù sta vita! — E pò, ogni momento compromissioni...

IGNAZIO: Compromissioni! E pecché?

FELICE: Per causa di mia sorella, che essendo sola, ha da stà scritturata afforza co mmico, e m’aggia soffrì ogni sera, che mentre suggerisco, o l’amoroso, o lo primo attore, s’ha da vrucculià co essa, l’ha da vasà la mano, l’ha d’abbraccià, e io m’aggio da stà zitto! Ve pare na bella cosa?

IGNAZIO: Oh! Pe chesto avite ragione.

FELICE: A sto paese, per esempio, si nun nce ne jeveme, io sciaccavo lo sinneco!

IGNAZIO: Lo sinneco! E pecché?

FELICE: Pecché per forza voleva fà lo farenella co sorema. Non saccio comme non aggio passato nu guajo!... (Ignazio ridendo via a sinistra.)

SCENA NONA

Saverio e detto, poi comici, indi Luigi.

SAVERIO (dal palco):Giacomì, stuta! (Entra Giacomino ed esegue.)

FELICE: Ch’è stato, neh?

EMILIA (dal camerino):Ma che maniera è questa!

ERRICO (idem):Ccà s’è stutato n’auta vota?

FORTUNATO (idem):Neh, ma che pazziammo, ccà? Ma capite che io faccio l’arte da 40 anni?

EMILIA: Che porcheria! (Entra.)

ERRICO: Chesto non se vede manco a lo teatro de li pupe!

ARTURO (dal camerino):Almeno datece duje muzzune de cannela.

LUIGI: Ch’è succieso, neh?

FELICE: Tutto nzieme s’è stutato lo palcoscenico. Comme se fa? Gli artisti come si vestono? Giacomì!...

GIACOMINO: Che vulite da me? Ordine de lo sinneco.

FELICE: Ordene de lo sinneco! E pecché ha fatto stutà?

LUIGI: D. Felì, io ve lo dico, basta che non ve pigliate collera. Siccome D.a Concettina stasera non recitava, lo sinneco l’ha invitata a vedé l’opera dinto a lo palco sujo. Forse l’ha ditto quacche parola, non è stato corrisposto... e chillo per corrivo ha fatto stutà.

FELICE: Aggio capito! E comme se fa?

SCENA DECIMA

Concettina, poi Pasquale, indi Saverio.

CONCETTINA Neh, Felì, ma ch’aggio da fà co lo sinneco, stasera? Ma chillo ch’è pazzo?

FELICE: Pecché? Ch’è stato?

CONCETTINA Vò che io non me muovo da vicino a isso, vò stà co la mana mia mmano, e tutto se vrucculea. La gente guarda, io me metto scuorno.

FELICE: Agge pacienzia, Cuncettì, tiene nu poco de prudenza. Chille ha fatto stutà li cammarine.

CONCETTINA: N’auta vota? Uh! Che pozza passà nu guajo!

LUIGI: D.a Cuncettì, non mporta, fingete per questa sera.

FELICE: Nuje dimane, a primma matina, nce ne jamme.

ERRICO: Insomma che facimmo?

ARTURO: Nuje a lo scuro non nce potimmo vestì.

FORTUNATO: Se non mi date la luce, me ne vaco co tutta la barba.

ERRICO: E nuje pure nce ne jamme!

FELICE: Nu momento, aggiate pacienzia.

LUIGI: Jate, D.a Concettì, jate...

CONCETTINA: Vuje vedite io ch’aggio passato! Ma ve prevengo però, che si se spinge assaje, stasera lo sciacco! Lo tengo nnanze all’uocchie!... (Via nel palco.)

LUIGI: E faciarria buono, a la verità!

FELICE: Ma sono cose nuove, sapete! Queste sono abusi di potere!

PASQUALE: D. Felì, llà, a lo potechino, nce stà na folla accussì! Vanno trovanno a buje.

FELICE: E ch’aggio da fà?... Io biglietti non ne tengo cchiù. Jamme a vedé, D. Luigì.

LUIGI: Che bella cosa! Sarrà un teatro imponente!

SAVERIO (esce dal palco allegro):Giacomì, appiccia! (Entra. Giacomino esegue, la scena si rischiara.)

ERRICO: Oh!...

FORTUNATO: Finalmente!

ARTURO: Jammoncenne, mò vedimmo si nce potimmo vestì. (Entrano nei camerini.)

LUIGI: Che donna quella sorella vostra, che bontà!

FELICE: Vedite si nu frate pò suppurtà sta rrobba!

LUIGI: Non fa niente, abbiate pazienza. (Via con Felice e Pasquale per la destra.)

SCENA UNDICESIMA

Ignazio e Gemma.

IGNAZIO: Dunche!... Famme sapé, ch’è sta scena che faje stasera?

GEMMA: E no monologo in versi, scritto da D. Felice, lo suggeritore, intitolato: La povera pazza.

IGNAZIO: Sì, lo saccio, l’aggio letto vicino a lo manifesto; ma de che se tratta? Ched’è l’argomento?

GEMMA: E si ve lo dico, pò perdite tutto l’effetto?

IGNAZIO: E che fa? Che me ne preme a me de l’effetto?

GEMMA: È na guagliona, che avenne perduta la mamma dinto a n’incendio, che succedette a la casa soja, tanto de lo dispiacere ascette pazza, e mò, non tenenne pariente, non tenenno nisciuno pe essa, è rimasta mmiezo a la strada, e cerca la lemmosena...

IGNAZIO: Nientemeno! Ha da essere bella assai, e te l’hai mparata bona?

GEMMA: Ve pare! La saccio a campaniello.

IGNAZIO: Brava! Ma te siente forte, coraggiosa d’ascì nanze a tanta gente? T’avisse d’avvilì, t’avisse da mbruglià?

GEMMA: Oh, non nce pensate pe chesto! — Si sapisseve quanta sere io avarria voluto ascì a recità, a fà na parte pur’io...! Che vulite? È na passione che nce tengo. Ma mò però, da duje anne a chesta parte, dopo tanta guaje passate, aggio capito che non è cosa, che non pozzo fà l’arte... Faciarraggio la modista, la sarta, me mette a cosere la biancaria; ma per recità m’aggia luvà lo pensiero — Quanno papà e mammà erano vive, se facevane denare, la compagnia era pagata, nisciuno se lagnava, e tutto jeva buono. Ma mò, mò è n’auta cosa!... ogne mese nu cambiamento de piazza, pò, miseria, diebbete, disperazione... Chesto fa avvelì, caro D. Ignazio, ma lo coraggio lo tengo p’ascì llà fore.

IGNAZIO: Ah, sicuro, haje ragione!

GEMMA: Io steva tanto bella, chiatta, rossa, allegra... Doppo la disgrazia de mammà e papà, non aggio avuto cchiù bene. Lo povero zi zio, viecchio, senza mezzi, che aveva fà? Jetteme a Catanzaro, addò io pigliaje no catarro, che doppo poche juorne s’avotaje a bronchite. Co la freva ncuollo me partajene a Potenza, dinto a no quartino, basso, umido, e stette cchiù peggio. Fuje llà che pigliaje li delure articolare, e da allora non aggio avuto cchiù bene. Mò, ccà, a sto paese, lo sapite, avette l’ultima scoppola, pe me fenì d’ammaccà. Ma non mporta, so’ guagliona, e spero a Dio che chiano chiano me rimetto.

IGNAZIO: Accussì sperammo!... Ma papà e mammà comme murettene?

GEMMA: Mammà co na pulmunite dinto a tre ghiuorne, e papà... era malato de core... Ah, che m’avite ricordato!... Io ve dico la verità, non me facette tanta impressione la morte de mammà, quanto la morte de chillo povero papà mio. Steveme tutta la compagnia a Palermo, a lo teatro Bellini, e gli affari non ghievene male. Isso era rimasto assai addolorato d’avé perduto la mugliera, accussì, dinto a poco tiempo. Il14 marzo 1898, era la serata soja, e se facevene: I due Sergenti... Che applause avette chella sera!... Li tengo ancora dinto a li recchie. A lo finale de lo secondo atto, quanno Guglielmo tene chella bella scena co la mugliera e li figli... se revutaje lo teatro. Lo chiammajene tre volte fore. Isso, asceva e ringraziava. Ma io steva vicino a la primma quinta, e vedette che tremmava, che teneva la faccia bianca bianca... che a stiento se riggeva... A la quarta vota che lo chiammajene fore... papà... non potete ascì cchiù... Era muorto! (Piange.)

IGNAZIO: Pover’ommo!... E calmete, va!... Comme m’è produto la capa de caccià sto discurzo mmiezo! Jamme, non chiagnere cchiù!... So’ stato no ciuccio, non t’aveva ricordà sti ccose, agge pacienzia. Meh! Statte allegra, si no mò me faje chiagnere pure a me. (Commosso.)Saje, che nce sta no teatrone, tutto pieno!

GEMMA (asciugandosi gli occhi):Sì, lo ssaccio, me l’hanno ditto.

IGNAZIO: E tu, comme te siente? Te siente bona?...

GEMMA: Sì, io me sento tutta bona, soltanto la notte — che saccio? — me sceto, accussì, tutto nzieme: pare comme si m’avesse mise na paura, lo core me sbatte forte forte... e pure sì cammino nu poco cchiù de pressa, si parlo no poco supierchio, me fà lo stesso... Vedite comme affanno!... Manco si avesse fatto tre miglie correnno. (Ride.)Sulo chesto tengo, ma pò sto tutta bona, l’appetito m’è tornato, li dulure dinta a li gamme non li tengo cchiù...

IGNAZIO: E brava! E non dubità che, chiano chiano, se ne va pure stu ppoco d’affanno; ma però te putive rimettere n’auto ppoco; e pò recitave.

GEMMA: E comme se faceva? Vuje sapite dinto a che miseria se trova sta povera cumpagnia, senza tené li denare pe partì, senza nisciuna speranza — D. Felice, all’ultima recita, facette sta pensata, e tanta réclameha fatto dinto a lo paese, co manifeste e ritratte mieje, che chille se so’ stunate, e chi sa che se credene de venì a sentì! Io, insomma, pozzo dicere che l’aggio salvate a tutte quante.

IGNAZIO: E brava, brava Gemma! — (Si sente l’orchestra.)

GEMMA: Ah! La zinfonia. Io me vaco a vestì subeto subeto. Permettete? (Sale la scalinata dei camerini.)

IGNAZIO: E io me vaco a mettere dinto a lo palco mio — Te raccomanno! Faccia tosta, e niente paura!

GEMMA: Non dubitate.

IGNAZIO: (Che guagliona! È na perla!). (Via.)

GEMMA (sulla balaustra di fronte): Che affanno, mamma mia! Non me sento bona stasera, aggio fatta la guappa, la coraggiosa, ma mò... mò non me fido... me sento no triemmolo dinta a li gamme!... Ma è cosa de niente. (Entra nel primo camerino, e chiude.)

SCENA DODICESIMA

Felice, poi Arturo, poi Fortunato, indi Errico.

FELICE: Che serata! Che serata! Che confusione! Non aggio cchiù addà mpezzà gente! Aggio mise 24 segge in corridoio... Stanno comme a li sarde, non se ponno movere. (Agli artisti:)Signori miei, siete pronti?

ARTURO (vestito da Lanciotto):Io per me sono prontissimo — Felì, che teatro nce sta?

FELICE: Tutto pieno, tutto esaurito, avimmo fatto lo colpo!

ARTURO: Ma lo monologo se fa doppo lo primm’atto?

TUTTI: No, che doppo lo primm’atto!... Se fa mò, la guagliona se starrà vestenno. (Salendo la scala:)Signori miei, spicciammece!... Gemma? Gemma? (Entra nel camerino di Gemma.)

FORTUNATO (con camice nero e piccola pellegrina alla spagnuola, berretto con piume di carta):Io per me sono pronto, quando volete...

ARTURO: Chi è? Che avite fatto D. Fortunà?... E buje accussì ascite?

FORTUNATO: E comme aggio d’ascì?... Io lo vestito de Guido non lo tengo cchiù...

ARTURO: E vulite che esco vicino a buje vestuto de chesta manera? No, scusate, io non intendo de fà na cattiva figura.

FORTUNATO: Pe regola vosta, vicino a me nisciuno fa cattive figure. Io so’ n’artista conosciuto!

ARTURO: Io pe me, me mettarria scuorno d’ascì llà fore accussì.

FORTUNATO: E io non me metto scuorno affatto. Io sono l’artista Fortunato Scamorza, e me ne rido della critica!

ARTURO: Ma ccà? A sto paese? Mmiezo a sti quatte turze? A n’auta parte avarrisseve li fische, sentite a me.

FORTUNATO: No, io fische non aggio avute maje, D. Artù, e manco n’aggio! Io tengo 40 anne d’arte, e sto al caso de ve mparà a tutte quante!...

ARTURO: Va llà, vattenne, che tu non mpare a nisciuno!... Tu sì stato sempe no saltibanco!

FORTUNATO: A me saltibanco!... Mò stongo ncoppa a lo palcoscenico, sta il pubblico in teatro, e debbo fare il mio dovere, non te pozzo risponnere. Dimane parlammo!...

ARTURO: Io parlo dimane, mò, quanno vuò tu!

ERRICO (vestito da Paolo):Che cos’è, neh?!... Pecché alluccate?

ARTURO: Niente, niente.

FORTUNATO: Doppo 40 anne d’arte, m’aggia caccià la fede de lo battesimo... Pure è buono che stasera è l’ultima recita. In questa compagnia ci sono elementi che io non ci posso stare in contatto.

ARTURO: Và llà, vattenne, và fà lo zeppolajuolo!

ERRICO: Va buono, D. Fortunà!... Non lo date retta, pensammo a fà chello che s’ha da fà stasera. Nuje lo Cielo lo ssape comme stamme, e vuje v’appiccecate? Artù, feniscela pure tu!... Sta il pubblico in teatro.

ARTURO. E chesta è stata la fortuna soja!

ERRICO: Famme a vedé da dinto a lo sipario. Dice che nce sta no teatro zeppo, gremito. Jamme, viene! (Via con Arturo a sinistra.)

SCENA TREDICESIMA

Emilia, poi Felice e Gemma.

EMILIA (vestita da Francesca):Io sono pronta. Perché non si principia? A chi s’aspetta?

FORTUNATO: Non lo sò, domandatelo al buttafuori.

EMILIA: Uh! D. Fortunà, vuje comme ve site combinato? E accussì ascite stasera?

FORTUNATO: Così esco, si non aggia dà cunto a nisciuno! (Via a sinistra.)

EMILIA (ride):Ah, ah! (Quanto è curiuso!). (Via a sinistra.)

FELICE: Jamme, non perdimme tiempo, coraggio! (Scende.)

GEMMA: Apettate D. Felì, non currite.

FELICE: Comme te siente? Te siente bona?

GEMMA: A la verità? Ogge me senteva meglio, mò me sento, che saccio, tutta stunata, stanca... Pare comme avesse fatta na gran fatica.

FELICE: Pe carità, Gemma, tu t’avisse d’avvilì llà fore, avisse da perdere lo coraggio?... Comme facimmo?

GEMMA: Oh, non dubitate!... Llà fore me passa tutte cose.

FELICE: Lo monologo te l’haje mparato buono?

GEMMA: Ve pare!... Lo saccio a mente.

FELICE: E fammillo sentì pe l’ultima vota, va, lesto lesto!

GEMMA: Pure co li mosse?

FELICE: Pure co li mosse, ricordate tutto.

GEMMA (recita il monologo):LA PAZZA! Signò tu te ne passe? Ched’è, non me daje niente? Nun vide che me manca tutto? Comme? Non siente Sto friddo che fa? E comme! Te ne passe? Me guarde Soltanto, e non me dai no soldo? È accussì tarde E io stongo ancora ccà — Non tengo casa, ’o lietto Mio non ’o tengo, ’e pure no core sbatte mpietto Comme ve sbatte ’o vuoste. ’E carne songo io pure! Ma già, simme pezziente e vuje site signure. E pò vuje mò trovate la casa che v’aspetta Mammà, ’a mamma vosta, truvate na cenetta Apparicchiata, pronta, e io no, pecché mammà io non ’a tengo, è morta!... E non me pò aspettà! La mamma! Ah, quant’è bella chesta parola, è doce... La mamma, te conzola sentenne sulo ’a voce! Può avé qualunca cosa si te vene ’o golio... Ma si è perduto mammeta, non t”a dà manco Dio! Ah! Ah! Quante risate me faccio ogne matina Quanno me porte ’o latte. ’E tanto malandrina Che pe me fà stà zitto, pecché ne voglio assai, Nce mette l’acqua dinto... Ma figlia mia, non sai Che ’o latte senza l’acqua, assoluto, fà male?... Sto bicchiere t”ò sparte co fratete Pascale. Pascale! Puveriello! Non ’o dicite niente... Che ne volite a chillo? No guaglione innocente. Facette ’a festa. E io pure pigliaie quatte cannele, ’E frasche, l’altarine, ’a statua ’e San Michele, Co l’organette ’a musica d’ ’a chiesia se faceva. ogn’uno p’ ’a priezza veramente chiagneva. Tutto nzieme, Pascale afferra ’o canneliere, E ’o mette a n’auta parte, e addò? Sott’ ’o portiere. S’appiccia, chiano chiano, no panno, pò no velo, Io traso e che vedette? E fiamme nfin’a ncielo! Currite tutte quante, fujte! Me purtajene D’int’a na cupertella, e a me sulo salvajene!

(Risata; poi al pubblico:)

Nennè, stateve attiente, non facite peccate. Che si dint’all’inferno, murenne, capitate... Sapite quant’è brutto? Fummo! Fiamme, bruciore; Pe carità, scappate, se soffre assai, se more Comme a la mamma mia! Però, chella dormeva... ’E chillo brutto guajo... mamma che ne sapeva? E io perdenne a mammema aggio perduto tutto... Venite... poverella, comme me so’ arreddutto!... Me more ’e friddo e famme, sto sola, e ma pecché? Pecché non tengo a mammema. Chi vo’ penzà pe me? Stanotte essa m’ha ditto: Io stongo bona, chiagno Pe te soltanto, crideme, sulo pe te me bagno! Sulo ’a notte nce parlo, ’o juorno nun ’a veco, ’A notte ’a vista è bona e ’o juorno forse ceco! No, pure ’o juorno ’a veco... Sta là, me tene mente... E parla, mamma bella, pecché nun dice niente? Addà sì state? Dimme... E pecché nun m’abbracce? Pecché te scuoste? Io sola e senza ’e te che facce? Vengo co ttico? Mmiezo a chelli fiamme? E sia... Ah, no, m’abbruscia! Aiuto! Salvate a mamma mia!

FELICE: Ma bravo! Benissimo! Tu sei un genio! Tu farai un chiasso! Damme n’abbraccio!... Calmete... Come sente! Che scintilla artistica! Gemma... Gemma? (Gemma affannando, si è abbandonatanelle sue braccia.)Che te siente?... Ch’è stato?... Gemma, pe ccarità!...

GEMMA: Niente, niente... Che vulite, l’emozione... (Rumori del pubblico di dentro.)

FELICE: Lo pubblico fà chiasso, jammoncenne.

SCENA QUATTORDICESIMA

Pasquale e Michele, poi tutti, l’uno dopo l’altro, secondo il concerto.

PASQUALE (con grossi mazzi di fiori):D. Felì, sti buchè addò l’avimmo da mettere?

FELICE: Ccà, vicino a li quinte. Quanno chiammene fore, vuje ascite, e nce li date — Chi l’ha fatte fà?

MICHELE (con altro mazzo):Stanno li carte de visita ncoppe.

GEMMA (legge ilprimo):«Dottor Ignazio De Vita»: Lo miedeco, puveriello, quanto me vò bene! (Legge il secondo:)«Alla cara nostra Gemma, tutta la compagnia». oh, e pecché? Pecché sta spesa?

FELICE: Ma che spesa e spesa!... Nuje non avimmo fatto niente pe te. (Rumori del pubblico.)

ERRICO Neh! Llà lo pubblico fà chiasso; se pò tirà?

FELICE: Sicuro. Fora a li scene! (Escono Emilia, Arturo e Fortunato. Da un camerino esce Ciccillo da paggio, e Rosina e Lucia):Jamme... Gemma!... Coraggio, silenzio.

EMILIA: Buona fortuna! (Abbraccia Gemma.)

ERRICO: Sinceri auguri.

ARTURO: Stasera faje revotà lo teatro.

FORTUNATO: Avrai un successone. Te lo dice Fortunato Scamorza!

GEMMA: Grazie, grazie.

FELICE: Lassatela j, mò — Su il sipario! Pss!... (Gemma via.)(Subito si sente un forte applauso di dentro, e poi un silenzio, tutti guardano dalle quinte.)Neh, ma voi vedete che franchezza, che coraggio!

EMILIA: Non pare maje na debuttante.

ERRICO: Che spirito!

ARTURO: Che talento!

FORTUNATO: Stateve zitte, lassateme sentere.

LUIGI: Neh, D. Felì, e che significa sta cosa? So’ ghiuto pe trasì dinto a lo teatro, e aggio trovato la poltrona mia occupata. E da chi pò? Da Totonno lo carnacottaro, lo quale dice che ha pagata na lira e mmeza, e non se vò sosere... N’auto ppoco me deve pure no paccaro, e perché? Io voglio la poltrona mia, capite!...

FELICE: Non mporta, D. Luigi, abbiate pazienza. Llà nun nce stevano cchiù poste, e pe non lo fà alluccà, vuje sapite che chillo è cammorrista...

LUIGI: E che me ne preme a me? Si isso è cammorrista, io sono il segretario del sindaco, e aggio da essere rispettato, cattera!

ERRICO: Pss!... Stateve zitto!

FORTUNATO: Silenzio! (Applausi di dentro.)

FELICE: Tenite!... Chesta è la lira e mmeza che m’avite dato.

LUIGI: Vi ringrazio, io la lira e mmeza ve la mengo nfaccia. Io sono un galantuomo, capite! Io mò starria dinto a lo palco de lo sinneco, e mi godrei lo spettacolo magnificamente.

FELICE: E pecché non nce jate?

LUIGI: Pecché nce sta la sora vosta, e lo sinneco vò stà sulo co essa... Quanno maje è succieso chesto a sto paese!... Sulo co sta compagnia se vede... Vergogna!

ARTURO: Guè, segretà, bade comme parle, pecché si no te faccio fenì de fà lo segretario!

ERRICO: Nce scontammo co ttico tutte li guaje che avimmo passate dinto a sto paese! Vattenne che faje buono.

LUIGI: No io non me ne vaco, sto ccà fino a dimane matina pe dispietto vuosto, e se seguitate ad insultarmi, vi faccio una querela!

EMILIA: Pss, stateve zitto! (Applausi di dentro.)

LUIGI: Fra me e voi, ci sta una grande differenza. Io non me pozzo mettere a competere con voi, con voi ci vuole la legge!... Pe chi m’avite pigliato a me, io ve faccio stà a dovere! Sangue de Bacco!... Dimane parlammo.

FELICE: E va bene, dimane parlammo, abbasta che mò te staje zitto!

LUIGI: Voglio parlà, non debbo dar conto a voi!

PASQUALE: (D. Felì, vuje ve lo volite levà da tuorno? E mò nce penz’io). Vuje vulite stà ccà? E assettateve. Vuje site lo segretario de lo sinneco, e non avite da stà all’erta. (Gli dà una sedia, collocandola su di una buca del palcoscenico.)

LUIGI: E pure dice buono!... Grazie tanto. (Siede, Pasquale via.)Quanta Compagnia so’ venute a sto teatro, m’hanno tutte rispettate, e si non m’aggio fatto rispettà io! Na poltrona se venne doje vote, e pecché? Pe guadagnà na lira e mezza de cchiù. Che porcheria!... Quanno vulite fà chesto, avita da recità ncoppa a li botte!

EMILIA: (Non lo date udienza, sentite a me).

ARTURO: (Ma chillo insulta!).

ERRICO: (Mò vide che cauciata le faccio!).

LUIGI: Dopo i beneficii che hanno ricevuti da me! Si non era pe me, sto mese averriene dormuto pe terra. So’ stato no ciuccio, io nterra l’aveva fà durmì, come tanti animali! Nfaccia a me, te faccio fenì de fà lo segretario!... Ah! Lo vedremo! Io sono troppo conosciuto nel paese! A me non nce sta che dicere, io cammino con la fronte alta! (Luigi sparisce nella buca.)

FELICE: Uh! Pascale ha sciogliuta la buca machinata. (Ride.)

TUTTI (ridono):Chesta è stata bella! (Grandi applausi di dentro; poi delle grida di donne e del pubblico.)

TUTTI: Ch’è stato? (Guardando.)

EMILIA: Che!... Gemma caduta nterra!

FELICE: Currimmo! (Viano tutti a sinistra. Applausi del pubblico. Voce di Felice.)Calate il sipario! (Applausi del pubblico e voci di: Fuori! Fuori! Tornano in iscena tutti, Felice ed Emilia portano Gemma svenuta. Escono dal palco Saverio e Concettina.)Gemma? Gemma?... Na seggia, no bicchiere d’acqua! (Michele porta una sedia e Gemma siede, Giacomino porta un bicchiere d’acqua. Gemma beve a stento.)Comme affanna, poverella!...

SAVERIO: Ma ch’è stato? Che se sente?

CONCETTINA: Gemma, Gemma mia...

ERRICO: Chiammate lo miedeco!... Addo sta D. Ignazio?

IGNAZIO: Stò ccà, stò ccà, io ve l’avevo ditto, cancaro! Gemma, figlia mia... Scostatevi! (Tutti gli si affollano d’intorno.)Gemma, bive no poco d’acqua.

GEMMA (prova a bere, ma non ci riesce):No, no, Dottò... è troppo forte... ve ringrazio a tutte quante... m’è succiesso comme succedette... a papà... Avite ntise...? Quante applause!

TUTTI: Ma sì, ma sì...

GEMMA: Li buchè pecché non me l’hanno date?

FELICE: Stanne ccà... pigliatele!... (Michele e Giacomino prendono i due mazzi di fiori e li mettono vicino a Gemma. Di dentro grandi applausi.)

ERRICO: Siente, Gemma, te chiammane fore!

GEMMA (spalanca gli occhi con gioia, che si cambia in dolore, si pone una mano sulpetto; poi, come se soffocasse, si alza, dà un grido e ricade).

TUTTI: Gemma!... Gemma!... Dottò!...

IGNAZIO (le tocca il polso, poi commosso dice):E morta! (Tutti atterriti si coprono il viso con le mani. Quadro).

(Cala la tela.)

Fine dell’atto

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 25 volte nell' arco di un'anno