Il dono di Natale

Stampa questo copione

IL DONO DI NATALE

IL DONO DI NATALE

di Eduardo De filippo

(1932)

Persone

Attilio Parente

Emilia Parente

Domenico Tenneriello

Sofia Tenneriello

Il cavaliere Federico Cerenza

Atto unico

Una camera da letto miseramente ammobiliata ma ordinatissima e linda. Un piccolo tavolo ricoperto con un centro di merletto eseguito a mano, un cassettone antico con sopra campane di vetro, santi ecc. Sedie di paglia. A destra, quasi vicino al balcone, un altro piccolo tavolo che funziona da scrittoio, molti fascicoli di carta vi sono ammonticchiati sopra, libri, occorrente da scrivere. Alla parete in fondo vi sarà una spiritiera, e due piatti coperti.

Siamo in casa Tenneriello dove i coniugi Parente hanno preso in fitto questa povera camera per la loro povera luna di miele.

Siamo al 22 dicembre dell’anno in corso.

ATTILIO           (con una pezzuola inzuppata di benzina, sul bavero della giacca)

                  Niente, nun se leva.

EMILIA             Fa cu’ ’n’atu poco ’e benzina.

ATTILIO           E nun ce ne sta cchiu’

EMILIA             ’A buttigliella era quase chiena…

ATTILIO           E s’ è consumata tutta quanta, io aggi’ avut’ ‘a pulezzà pure ’o cazone. Mo’ chi s’assetta vicino a me sta frisco, ave voglia ’e lle venì delor’ ’e capa… Sta sicuro ca se ne scappeno.

EMILIA             E che te ne mporta d’ ’a gente, te stongo io vicino... A me ’a puzza d’ ’a benzina me piace, cchiù puzze e cchiù te voglio bene.

ATTILIO           Dopo questa dichiarazione, sono autorizzato a puzzare senza rimorsi.

EMILIA             Ecco qua, siete servito. (Gli porge la giacca) Nun ce pare proprio niente, aggio pigliato ’nu poco ’e rrobba ca steve ’a dinto, sfido chiunque a rintracciare la pezza...

ATTILIO           Se putesse aprì ’nu cuncorso ’ncoppo ’o giurnale: <<Premio di lire mille a chi trova la pezza di Attilio Parente...>>> (Comincia a vestirsi) Guè,  ma ’stu Natale s’è presentato ’nzisto overo; io sto gelato, tu nun siente friddo?

EMILIA             No.

ATTILIO           Viata a te.

EMILIA             Atti’, tu me vuo’ bene?

ATTILIO           Assai, Emi’

EMILIA             E allora ave voglia ’e fa’ friddo, io nun ’o sento.

ATTILIO           Emi’, tu si’ ’na santa.

EMILIA             E tu si’ ‘nu diavulo.

ATTILIO           Guarda Emi’, si tu nu tenisse ’stu carattere allegro, io non riuscirei a sopportare la vita, non per fare il tragico, ma che vita è chesta? Sono stato un egoista... Nun t’avev’ ‘a spusà..

EMILIA             Atti’, mo t’ ’o dico pe’ ll’ ultima vota, ’sti parole nun ’e voglio sentere cchiù. Io sapevo chello che facevo, nuie quanno facevamo ’ammore tu nun tenive l’automobile, tu stive cchiù disperato ’e mo’.

ATTILIO           No, stevo comme a mo’, disperato...

EMILIA             E allora pentimenti non ce ne sono... Se poi da parte tua...

ATTILIO           Emi’, Emi’... si tu sapisse che soffro, quanno pe’ mmiez’ ’a via veco femmene cu’ vestite belle, elegante... penzo a te ’nzerrata dint’ ’a ’sta cammera brutta, fredda, cu’ ’na vesticciolla ’e tre solde...

EMILIA             A me ’o lusso nun me piace, ’sta vesticciolla che m’aggio cusuta io stessa, nun ’a cagnasse cu’ ’na tuletta ’e valore. Nun ’e guardà ’e femmene elegante, si no quanno viene a casa po’ vide ’a differenza... e chesto me dispiace Atti’, me dispiace overamente...

ATTILIO           Io quando vengo a casa e te veco, me scordo ’e tutte cose. Ma chi sa, io nun aggio fatto male a nisciuno, e po’ essere ca pure pe’ me ’a furtuna se cagna. L’autriere ’n’amico mio m’ha presentato  ’o zio ca è socio e direttore di una grande fabbrica di conserve alimentari, io entrerei a far parte dell’amministrazione, ramo reclame; figurati, un’azienda che ha stanziato centomila lire al mese per la sola reclame; un posto importante e uno stipendio di mille lire... Non c’è male, come inizio. Mille lire al mese... tu ce pienze Emi’...

EMILIA             E quanno t’he ’a presentà?

ATTILIO           Doppo ’e feste ’e Natale

EMILIA             ’O bbi’, allora pecché t’abbilisce? Diceva ’a bonanema ’e mammà: <<Sulo ’a morte nun c’è rimedio>>. E po’, basta che stammo ’nzieme e ce vulimmo bene tutto è niente.

ATTILIO           Emilia mia!

                  Si baciano e rimangono avvinti.Dalla sinistra entra Domenico con una scialle di lana sulle spalle, berretto in testa e scaldino in mano. Vede i due e si ferma un istante.

DOMENICO     Beati voi...

ATTILIO           Scusate, don Mimi’...

DOMENICO     Per carità, fate come se foste a casa vostra, tanto mia non è. Tengo tanto ’nuiettamiento ’e sango ’e padrone ’e casa , ca quanno vene ’a fine ’o mese tutto se preia... Ne cacciasse quaccheccosa... Miei cari e stimatissimi giovanotti, questo è il settimo mese che avanza il padrone di casa... Aiere venette, e disse queste testuali parole: <<Mo’ aggi’ ’a fa’ Natale e nun me voglio piglia’ collera, ma per la Befana vi mando gli uscieri>>.

ATTILIO           Comme si avesse ditto: mettite ’a cazetta

DOMENICO     Io per me non mi faccio trovare in casa, e ch’aspetto, ca me manna ’o spitale?

EMILIA             Noi pure siamo manchevoli verso di voi... Ma  vuie sapite tutte ’e fatte... C’è stata proprio l’impossibilità              

DOMENICO     Ma che ‘o dicite a ffa’... tanto io quanto mia moglie, si ve putesseme aiutà cu’ ll’uocchie ’o faciarriemo cu’ piacere, prima perchè vi volete bene, e poi quando voi mi avete dato ’e tre mesate che m’avit’’a da’ pe ’sta cammera, io che ne faccio? Comme c’è metto n’ati quatto vicino pe’ c’è da’ ’o padrone ’e casa? Vuol dire che quanno ne caccia a me, ce ne iammo tutte quante. Fino alla Befana possiamo dormire tranquilli, speriamo che il padrone di casa per Santo Stefano muore di subbito.

ATTILIO           Amen.

DOMENICO     Siete servito? (Con un ferro da calza cerca qualcosa nello scaldino)

ATTILIO           Che ghiate truvanno?

DOMENICO     ’Na patana, aggio misa ’na patana sott’’a cénnere e nun ’a trovo... è sparita

EMILIA             Se sarrà bruciata e sarrà addeventata cénnere pure essa.

DOMENICO     No, non credo. Mugliérema certamente l’avrà fatto primma ’e me. Chella una patana ce steve, e quanno ll’aggio misa sott’ ’a cénnere muglieréma steve facenno ’a spia, e dint’ ’a ’nu mumento ’e distrazione s’ha magnata... E’ pazza per le patate arrosto.

ATTILIO           Chella se more ’e famma, sentite a me.

EMILIA             Lo credo anch’io

DOMENICO     Beato voi, avete una moglie invidiabile. Guarda llà, nun se vede e nun se sente. Invece, mugliérema va truvanno chi l’accide. Io se mi trovo in queste tristi condizioni è stato per causa sua, e già, perchè dopo due mesi sposati ebbi il posto di ragioniere aMilano: non ci volle stare, Milano non le piaceva, faceva troppo friddo, la nostalgia di Napoli... ’a sera quanno me ritiravo ’a truvavo chiagnienno, uno lamiento, tutt’’e tre mise che stettemo llà...<<Io voglio i’ a Napule, ’o paese  dialetto napoletano, ma io quanno turnaie tutte quante me chiammavano ’o Lumbardino. Dunque, me facette tanto ’na capa: pane e cipolle ma  ’o paese mio. mo’ si deve contentare... nun m’ha dda zuca’ l’esistenza. Perciò vi dicevo voi siete un uomo fortunato.

ATTILIO           Ma se arrivo ad afferrare l’impiego che m’hanno promesso, finiranno le sofferenze.

DOMENICO     Ve lo auguro con tutto il cuore.

SOFIA (dalla sinistra)

                           Domenico...(agli altri) Permesso... Io ho fatto tutto il conto, con sette e quarantacinque Natale non si può fare.

DOMENICO     E ce vuleva ’a zingara.

SOFIA               Qua sta la noticina, chi ci riesce è bravo. Insalate di rinforzo, broccoli di Natale, spaghetti con le vongole, imbianco di pesce, capitoni arrostiti, scarole imbottite, aragoste, pasta reale, croccanti, struffoli e sciòsciole. Questa è la noticina, chi ci riesce è bravo.

DOMENICO     No, chi ci riesce è Dio in persona.

SOFIA               Il mangiare di Natale suest’è, poi si capisce faremo a meno di qualche cosa.

DOMENICO     Io credo che faremo a meno di Natale. Straccia ’sta nota, e nun da’ retta che Natale nun è festa che ci riguarda soverchiamente.

SOFIA               E già, per noi feste non ne esistono, sto facendo questo Purgatorio vicino a te; ma bada che sono stufa, ti do tempo fino a dopo le feste, se per la Befana non avrai trovato un posto, ognuno andrà per la sua via.

DOMENICO     No, se per la Befana non troviamo un posto per dormire, andremo tutti in mezzo alla via.

EMILIA             E va bene, si ce avvelimmo è peggio, lassammo fa’ a Dio.

SOFIA               Domenico, vai dentro, vedi se ti riesce aprire il tiretto del comò, poco prima ho tentato e mi sono spezzata una unghia.

DOMENICO     Quella è l’umidità che sta nturzanno tutte ’e teratore, questa casa è pure umida. Ma che he’ ’a piglia’?

SOFIA               Una cartoscella di caramelle d’orzo, me ne voglio mettere una in bocca per ingannare lo stomaco.

DOMENICO     ’A patana sott’ ’a cénnere te l’he pigliata tu?

SOFIA               Si, per ingannare lo stomaco.

DOMENICO     Ma tu devi ingannare lo stomaco, no a me. (Esce).

ATTILIO           Emi’, io scendo, ce vedimmo cchiu’ tarde.

EMILIA             Addo’ vaie?

ATTILIO           Torno subito. Esco sclusivamnete per te, aggi’’a fa’ ’nu servizio importante, poi saprai. (Bacia la moglie, saluta Sofia ed esce)

EMILIA             Povero Attilio, io sola te capisco.

SOFIA               Avete rotto il salvadanaio?

EMILIA             si, l’ho rotto (Da un tiretto del comò prende un salvadanaio rotto) E questo è tutto: diciassette lire e settantacinque. Nun valeva proprio ’a pena, sulamente per la brutta figura che m’aggio fatto tutt’’e matine c’’o salumiere, cu’ l’erbivendolo, pe’ sparagnà ’nu soldo ’ncopp’’a spesa... Tre mise...Tre mise pe’ sparagnà diciassette lire e settantacinque centesimi... Ma pecché, pecché... Sola, senza nisciuno, chillu povero Attilio che si logora l’esistenza per procurare ’nu poco ’e mangià... Stanotte ha scritto fino ’e quatto e meza là, vicino a chillu tavolino. Le vulevo fa’ ’nu regalo pe’ Natale, e che l’accatto cu’ diciassette lire?

SOFIA               Fatene a meno, sentite a me, gli uomini non apprezzano niente. Io pure, il primo anno sposati, regalai a mio marito un paio di pantofole, ’a matina c’’e regalai, ’a sera m’’e menaie appriesso.

EMILIA             Io starria diuna ’nu mese per avere la gioia di regalare ’na cosa ad Attilio.

DOMENICO     Chillo ’o teraturo nun se vo’ arapi’, ho tentato tutti i mezzi.

SOFIA               E quando mai sei riuscito a fare qualcosa di buono ?

EMILIA             E comme faccio ?

DOMENICO     Ch’’e stato ?

SOFIA               Vule fare un regalo al marito per Natale e non tiene i soldi.

DOMENICO     Ma quanto vi serve ?

EMILIA             Centosettanta lire.

DOMENICO     Caspita, e voi in queste condizioni volete fare una spesa di questo genere ? E chi ve lo perdona ?

EMILIA             E già, perchè secondo voi è una spesa superflua... E’ ’nu capriccio... Ma ch’avit’’a capi’... Io non cerco niente per me, voglio suffri’ peggio ‘e comme sto suffrenno. Ma almeno voglio ’a suddisfazione ’e fa’ ’nu regalo a maritemo. Che vita ! Che vita ! (Piange).

DOMENICO     Ma così fate peggio e non risolvete ninete.

SOFIA               Lasciala piangere, falla sfogare.

Durante il pianto di Emilia, parole di conforto.

EMILIA             Diciassette lire... tre mesi... tre mesi (Con impeto le getta via)

DOMENICO     Ma che fate ? Questo è peccato poi (Raccoglie i soldi ed in vista del pubblico intasca un paio di monete).

                           Conservate ’sti soldi e non fate sciocchezze

EMILIA             (piangendo)

                           Ci manca una lira...

DOMENICO     Sarà andata a finire sotto a qualche mobile.

EMILIA             Io voglio ’a lira mia... Ci ho messo tre mesi per conservarle...

DOMENICO     Io voglio dare un regalo a mio marito.

DOMENICO     Mannaggia bubbà! Io vi capisco, siete giovani e la gioventù vuole queste soddisfazioni... Ma quando non si può...

EMILIA             Non si può? Voi dite che non si può? E io dico di si. (Decisa, prende un misero cappottino e un cappello evidentemente rimodernato da mano inesperta)

DOMENICO     Dove volete andare?

EMILIA             ’O sacc’io. Sti’ capille so’ inutile.

SOFIA               Vi volete vendere i capelli?

DOMENICO     Ma questa è una pazzia...

EMILIA             Sono affari che non vi riguardano. So’ belli, so’ lluonghe, e sì, c’’e tenimmo mente. Alfredo ’o parrucchiere all’angolo me l’ha cercate ’nu sacco ’e vote. Permesso. (Fa per andare)

SOFIA               Ma un momento, pensateci bebe.

EMILIA             Aggi’’a fa’ ’nu regalo a mio marito? E basta (Esce)

DOMENICO     Cos’’e pazze. La miseria prende la percentuale dal manicomio.

SOFIA               Certo che sacrificarsi per amore è una gioia. Ma tu capisci il dolore che avrà Attilio quando vedrà la moglie con i capelli tagliati? Non faceva che decantare la chioma di sua moglie, ne era addirittura superbo. Tu, me li faresti tagliare i capelli?

DOMENICO     Io t’’e sceppasse ’a dint’’a rareca.

SOFIA               Sempre con questi modi da plebeo.

DOMENICO     Sufi’, nun me fa’ tuccà ’e nierve.

SOFIA               Bada che devi scendere, si deve buttare l’immondizia. Sono tre giorni che sta lla’, il mondezzaio non si può pagare, quindi sbrigati, la prima cosa è l’igiene.

DOMENICO     Addo’ sta ?

SOFIA               In cucina, ammonticchiata su di un giornale.

DOMENICO     In cucina, altro vago ricordo. (Esce poi torna)

SOFIA               (va allo specchio, si scioglie i capelli, ne rimane per qualche istante ammirata. A Domenico che rientra in quel momento)

                           Che dici, me li taglio?

DOMENICO     Sicuro, ...accussì io me trovo e ’e vaco a ghittà ’nzieme cu’ ’a munnezza. Guardate qua, questa è l’immondizia di tre giorni. Siamo ridotti agli sgoccioli, domani sarà meno, poi ancora meno, fino a che non ce ne sarà addirittura più; e sarà la fine...(Durante questa battura ne avrà fatto un pacchetto ben confezionato e ben legato)

SOFIA               Mettici pure dei bolli di ceralacca.

DOMENICO     Insomma, secondo te aggi’’a fa’ ’o munnezzaro in piena regola? Ringrazia a Dio ca ’o faccio. Così nessuno sa i fatti miei e non faccio cattiva figura.

Suono di campanello interno.

(Va ad aprire, poi torna seguito dal cavaliere Cerenza) Quale onore, accomodatevi.Papà come sta?

CAVALIERE    Sta bene, benissimo. Figuratevi abbiamo speso più di duecentomila lire per fargli costruire una tomba degna di lui.

DOMENICO     Ma allora è morto?

CAVALIERE    Si, povero papà.

DOMENICO     Voi avete detto: sta benissimo.

CAVALIERE    Come sepoltura, non potrebbe stare meglio.

DOMENICO     Allora beato lui. Presento mia moglie Sofia, il cavalier Federico Cerenza.

CAVALIERE    Tanto Fortunato.

DOMENICO     Io ero amico della buon’anima del padre. E a che devo l’onore di questa vostra visita inattesa?

CAVALIERE    Ecco, il signor Attilio Parente non è in casa?

DOMENICO     No, è uscito una mezz’oretta fa.

CAVALIERE    Mi dispiace; io volevo dirgli che mi sono interessato molto al suo caso, e se le condizioni vengono accettate, lui potrebbe prendere subito il posto di segretario con me.

DOMENICO     Ma voi lo conoscete?

CAVALIERE    Veramente, non lo conosco proprio. Io abito poco lontano da casa vostra e l’ho visto molto spesso per la strada con voi, ho domandato al portiere l’altro giorno e mi disse che era vostro inquilino, domandai che faceva... Dice: sta a spasso e anche in miseria... Allora ho pensato di venire da voi che conoscevo, e proporre...

DOMENICO     Ecco...

CAVALIERE    Voi adesso mi dovete fare un piacere. Quando verrà gli direte che già parlammo di quest’impiego, che non è una cosa nata sul momento, se no potrebbe sembrare una cosa affrettata, vi pare?

DOMENICO     No, voi gli venite a proporre lavoro, quello non gli sembrerà vero...

CAVALIERE    Giusto, ma sapete, nei riguardi della moglie...

DOMENICO     E che c’entra la moglie ?

CAVALIERE    Niente... non c’entra niente. Insomma io vorrei sollevare quella povera ragazza da tanta miseria; è un pezzo che la noto e ne ho profonda pena. E se voi mi aiutate in questa buona azione, io nun m’’o tengo.

DOMENICO     Come no? E io vi voglio perdere per una cosa così insignificante. Io ho capito, voi vorreste come amico frequentare la casa e per conseguenza la ragazza.

CAVALIERE    Precisamente.

DOMENICO     Bravo. E allora avete fatto bene a rivolgervi a me. E mo’ vi dico io come vi  dovete regolare. Sofi’, vatténne dinto, c’avìmm’’a parlà.

SOFIA               Vado. (Piano a Domenico) Ma si può sapere che stai combinando?

DOMENICO     Vatténne.

                          

Sofia esce

                          

Dunque adesso vi spiego come stanno le cose e come vi dovete regolare con la ragazza.

CAVALIERE    Siete di una cortesia sconfinata.

                                                                

DOMENICO     Io quanno voglio essere gentile, so’ l’unico. La ragazza è  abbordabile, però se non vi regolate come dico io, non ne cacciate niente. Voi mo’ aspettate qua, chella sta tanto allegra perchè s’è andata a tagliare i capelli, e la trovate proprio di buon’umore, io vi presento e me ne vado. A questo punto voi dovete essere all’altezza della situazione; appena rimasti soli la dovete commuovere, poi siccome è una che adora l’avventura, dite che siete venuto per uccidere il marito; lei questo va trovando... Non vi risponderà, farà una faccia di collera, allora è il momento buono, allora senza fa’ né alto né basso l’afferrate e lle date ’nu muorzo vicino ’o braccio: adora l’uomo violento.

CAVALIERE    Veramente?

DOMENICO     Io mo’ che v’aggi’’a dicere... Non è la prima volta che la ragazza cade. Sentite a me, fate come vi ho detto e mi nominerete.

CAVALIERE    Così farò. E come mi debbo regolare con voi? (Prende il portafogli)

DOMENICO     Dopo, sentite a me, è meglio dopo. Vi regolerete a vostro piacere.

CAVALIERE    Non ci bastoneremo certo

DOMENICO     (ambiguo)

                           Chi sa.

Campanello interno

                           Questa è lei certamente. (Va ad aprire e torna con Emilia) Avete fatto più presto di quanto immaginavo.

EMILIA             (Capelli tagliati corti. E’ agitata e nervosissima)

                           Si, fortunatamente nun aggio avuto ’o tiempo ’e ce penza ’ncoppa.

DOMENICO     Voglio avere il piacere di presentarvi un carissimo amico mio: il cavalier Federico Cerenza; è venuto per parlarvi di cose importanti. E con questo vi lascio. (a Federico) Auguri. (Esce)

EMILIA             Di che si tratta?

CAVALIERE    Ecco, signora, in poche parole: vi amo.

EMILIA             Ma come vi permettete?

CAVALIERE    Lasciatemi dire, signora. La mia povera vita è legata alla vostra da un filo invisibile, sottile, questo filo è il destino. Voi non potete, non dovete vivere in adattamento, io vi offro tutto quello che posseggo. (Parlando, esaltandosi naturalmente prende il pacchetto dell’immondizia e gesticola senza accorgersene) Voi no sapete, dal giorno che vi ho vista, il mutamento che è avvenuto nell’animo mio. Io vi amo con un sentimento alato, puro, evanescente... (Mostra il pacchetto) Non temo vostro marito, so che per voi è un ingombro ed io ve ne sbarazzerò. Vogliamo ucciderlo?

                          

                           Emilia lo guarda intontita        

                           Lo ucciderò e saremo felici. So che ti piace l’amore violento, e violento io sarò. (Prende il braccio di Emilia e cerca di morderlo)

EMILIA             Ma voi siete pazzo? Lasciatemi, uscite immediatamente. (Gli dà un fortissimo schiaffo) Mascalzone, imbecille. (Gli scaraventa addosso quanto gli capita fra le mani)

CAVALIERE    Paino, piano, signora, me ne vado...

DOMENICO     (entrando)

                           Che c’è?

EMILIA             Questo farabutto imbecille, ruciuliàtelo p’’e grade, pigliatelo a calci. M’ha pigliato p’’a sora. Vatténne, he’ capito, vattenne...

CAVALIERE    Vado... vado... non vi  arrabbiate. Quello è stato don Mimì...

DOMENICO     Via, uscite, e non mettete più piede in questa casa !

CAVALIERE    Ma...

DOMENICO     E quante volte si parla? Uscite. (Apre la porta)

CAVALIERE    Io chiedo perdono se mi sono permesso...

EMILIA             E n’ata vota ve ’mparate come si agisce con le signore oneste.

ATTILIO           (Entrando)

                          

                           Che cos’è? Che succede? Chi è questo signore?

DOMENICO     No, niente. Uno che voleva ottenere dei favori da vostra moglie ed in compenso offrire del lavoro a voi.

ATTILIO           Ma è vero o sta scherzando l’amico mio?

DOMENICO     Ditelo voi, sto scherzando?

CAVALIERE    No.

ATTILIO           Allora è vero?

CAVALIERE    Sissignore.

ATTILIO           Voi siete tanto imbecille che non vale nemmeno la pena di prendervi a schiaffi. Uscite.

CAVALIERE    Io esco, ma tengo a dichiararvi che la colpa è tutta di don Mimì, lui mi ha incoraggiato. Io poi del resto sono quello che sono e non raccolgo le vostre offese, sono in casa vostra e non voglio rispondervi per le rime.

DOMENICO     Mo’ se non ve ne andate, vi scasso una sedia in testa.

CAVALIERE    Voi state al vostro posto.

ATTILIO           Uscite immediatamente.

CAVALIERE    Moderate i termini.

DOMENICO     (porgendogli il pacchetto dell’immondizia)

                           E date questo al portiere.

CAVALIERE    Va bene (esce).

ATTILIO           Ma che voleva?

DOMENICO     Ve lo spiegherà vostra moglie. Ma una cosa di poco momento. (Esce)

EMILIA             M’ha fatto veni’ un nervoso tremendo, mo’ si’ venuto tu e me so’ calmata. Nun ne parlammo cchiù.

ATTILIO           Ma se po’ sape’ che voleva?

EMILIA             Niente, ne parlammo cchiù tarde! Mo’ preparati ad una sorpresa e nu me strilla’. (Durante questa scena avrà messo uno scialle in testa).

ATTILIO           Pecché ch’he’ fatto?

EMILIA             Attì, perdoname (toglie lo scialle).

ATTILIO           (meravigliato e avvilito)

                           T’he’ tagliato ’e capille.

EMILIA             Si, Attì, me l’aggio tagliato pe’ te, nun putevo fa’ passa’ ’stu Natale senza farte ’nu regalo.

ATTILIO           Te ll’he’ vennute?

EMILIA             Nun te piglià collera, penza ca pe’ me è stata ’na gioia troppa grossa quanno so’ trasuta dint’’o negozio pe’ t’accattà ’o regalo. Io te voglio bene, Attì, e tu sulamente può capi’ ’stu mumento ccà. E capille crisciarranno.

ATTILIO           (dalla tasca ne cava un pacchetto e lo porge ad Emilia)

                           Te’

EMILIA             (apre l’involto e ne tira fuori dei pettini per tenere i capelli)

                           ’E pettene ’e tartaruga e oro che vedette dint’’o negozio a Santa Lucia...

                           Le lagrime le stringono la gola

                           Ma i capelli cresceranno presto vedrai. Però ho avuto la soddisfazione ??e te fa’ ’nu regalo. Tu l’orologio di  papà tuo nun t’’o putive maie mettere pecchè nun tenive ’a catena? Eccola qua. Te l’ha regalata tua moglie. (Prende una catenina d’oro da un asuccio e la porge ad Attilio) Attilio mio, buon Natale.

                       

 ATTILIO          (osserva la catenina commosso, poi guarda teneramente la moglie e le dice)

                           Grazie, ma io pe’ t’accattà ’e pettene ’e tartaruga e oro mme so’ vennuto l’orologio.

SIPARIO

(La commedia era originariamente posta tra Gennariniello e Quinto piano, ti saluto nel volume Cantata dei giorni pari , nell’edizione Einaudi del 13 ottobre 1959. Successivamente, Eduardo la eliminò dalle ristampe)

    Questo copione è stato visto
  • 3 volte nelle ultime 48 ore
  • 9 volte nell' ultima settimana
  • 15 volte nell' ultimo mese
  • 71 volte nell' arco di un'anno