Il gobbo di NotreNaple

Stampa questo copione

SAVERIO Ah, oijoco oj…

La scuola “Cinquegrana”

In collaborazione con

La Compagnia Teatrale

 


presenta

Il Gobbo di NotreNaple

Favola in musica in due atti
(per 48 personaggi)

di Mauro Palumbo

(liberamente ispirata a “Il Gobbo di Notredame” di V.Hugo)

E-mail: tabularisa@libero.it - cellulare: 3287127022

ATTO I

SCENA PRIMA (Pulcinella)

MUSICA 1 (per un gruppo di bambini, ma per l’altro) MUSICA 18: Canzone dei Pulcinella (1’18’’)

*******************************************************

INTRO POPOLO

 (1) Ve voglie cuntare ‘lu fatto ca nisciun vole sapere,

la storia ca tutt’ ‘lu munn’ canosce e fa finta ‘e nun’la sapere.

 (2) ‘E fatt’, la gente, ‘li ‘ccose e ‘li mill’ facc’ e mille culure,

ca cangeno juorne e speranze, ‘a semp’ e ‘ppe ‘ssempe ma ca je chiamm’ammor’.

(3) Li strade, li viche e le piazze sanna ienchere ‘e genta curiosa, ca vol’ morire ‘e passion’ cu’ ‘e spade int’o core e lacreme a ‘gghiett’.

(4) Venite a lu palco, currite a suffunne e purtateve pure ‘e ‘ccriature.

Lasciate ‘e ‘ppignate cu ‘e ‘ssarze, e tacchine, li pulle e la past’e ‘ffasule.

(5) Menateve ‘nterra, assettateve ambressa, astrigniteve buone, ca tutte ata sentere.

‘A storia ‘e ‘nu pazz, ‘nu stuorpie, ‘nu chiaveco e ‘na figlia riggina ‘e ‘nu popolo acciso.

             (1)-(2)-(3)-(4)-(5) ‘A storia ‘e ‘nu pazz, ‘nu stuorpie, ‘nu chiaveco e ‘na figlia riggina ‘e ‘nu popolo acciso.

*******************************************************

Il sipario è ancora chiuso. A luci spente, in sala, vengono illuminate in proscenio la figura di 5 pulcinella che cantano e 5 che recitano. Questi sono i narratori della commedia. Dopo la canzone introduttiva, cominciano a parlare.

PULCINELLA (Le maschere cominciano a parlare come se stessero arringando una folla di spettatori) / (6) Avvicinatevi guagliù… Avvicinatevi. Venite a chesta parte, facite ambressa! / (7) Ma facitece capì nu poco… Voi pensate davvero di sapere tuttocose d’a’storia vosta… D’a’ terra vosta?!?  (Ridono tutti senza contegno) / (8) Embè, io n’aggio conosciuto ‘e cetrule, ma vuie mettite ‘a copp! (Si rivolge ad uno spettatore in particolare) / (9) Soprattutto tu! ‘O buò capì che t’hanno raccuntato, che t’hanno fatto studia’ nu cuofano ‘e bucie! (Indicando altri spettatori) / (46) Pure a te, a te e a te laggiù…    / (10) C’hanno fatto fessi a tutte quante! / (6) Quanta segreti, quanta misteri s’annascondono nella storia di Napoli… (7) non ‘o putite manc’immagina’!  E va bene, và… Me facite na cosa d’into ‘o stommaco… (8) Stamattina ve ne vogliamo raccontare uno… / (9)Uno soltanto: il racconto di un uomo e di un mostro… / (10)  visse alla fine do’millessetteciento nel Duomo di Napoli… / (46) Uè-uè, m’arraccumanno! (Tutti) Appizzate ‘e ‘rrecchie! (Scompare alla vista rientrando dietro il sipario)

SCENA SECONDA

(Quasimodo, Gennaro, Antonio e Lucia)

MUSICA 2: : 3 Rintocchi di campana, preludio al risveglio dei santi (11’’)

Quasimodo, finito di cantare viene preso dalla depressione per la sua condizione e si siede a terra. La luce illumina i lati della scena: si distinguono nella penombra le figure di due statue di santi. Queste raffigurano Sant’Antonio e San Gennaro, quest’ultimo raffigurato nell’atto della benedizione, con il braccio sollevato.

SANGENNARO (11)  (Risvegliandosi, dolorante al braccio destro) Mamma d’o Carmine… Nun me sento chiù  ‘o braccio!

SANTANTONIO  (12)   (Anche lui si riveglia di colpo) Lo sapevo. Ben ti sta!

SANGENNARO    (11) Ma come?
SANCIRO   (13) Quando uno si spara le pose così è!

SANGENNARO     (11) Che mi sparo le pose io?

SANTPASQUALE  (14)  Tu sì troppo megalomane Gennarì… E nun vuò capì ca’ te si fatto viecchio!

SANGENNARO   (11)  (Arrabbiato) E quanta confidenza?!? Viecchio a me?

TUTTI INSIEME    Sissignore…

SANGENNARO (11)  Io mi sono scocciato di fare sempre le stesse storie… Voi dovete portare rispetto!

SANTARITA (15) Uuh! E te stai facendo pesante Ge-ggè!

SANGENNARO  (11)  E nun me chiammà Ge-ggè! Ma insomma, il fatto che il sottoscritto è il patrono della città, conterà qualche cosa in questo Duomo, o no?

SANTARMANDO (16)  E come, non conta? Tutti i Santi sono tenuti a portarti omaggio almeno due volte l’anno…

SANGIOVANNI  (41)   Me pare che può bastare!

SANGENNARO  (11)  Ma non è che, una volta portato l’omaggio, se ne vene nu Santo qualunque e me piglia a sische e pernacchie!

Dal fondo entra Santa Lucia per portare omaggio a San Gennaro, il quale stravede per la Santa. Santa Lucia è cieca e cammina seguendo le voci.

SANTAPAOLA  (17) Oj? Te sì fatto pure permaloso… E’ a vecchiaia Ge-ggè!

SANGENNARO  (11) (Facendosi il segno della croce) E’ meglio ca’ nun te dongo audienza, se no me scordo ca’ so’ santo e so’ mazzate!

SANTALUCIA  (18)   Ma sempre a fare quistioni voi santi…

TUTTI   (Alla vista della Santa alzano gli occhi al cielo) Aeh…

SANGENNARO  (11)  (Trasale alla vista della Santa) Carissima Lucia, qual buon vento?

SANTALUCIA  (18)  Ma come… Oggi è il 19 settembre, è San Gennaro e sono venuta a portare i miei omaggi (Girandosi dal lato sbagliato) al santo patrono… (Bacia il santo sbagliato)

SANTANTONIO  (12)  Statevi ferma ‘onna Lucì!

SANGENNARO  (11)  Sto qua, Lucì…

SANTALUCIA  (18)     (Si volta dal lato giusto) Auguri, Gennarì.

SANCIRO  (13) Questa è la solita botta in fronte…

SANTALUCIA (18)   Io vengo una volta al vostro onomastico,  e un’altra volta la vigilia della prima domenica di maggio …

SANTARITA (15)   Meno male oj, per oggi ce damme nu pizzico ‘ncoppa all’aureola, ma po’ stamme cujete fino all’anno prossimo…

SANGENNARO  (11)  (Ad Antonio) La vuoi finire o no? (A Lucia) Dovreste venire più spesso, Lucì. Voi siete l’unica che portate rispetto in questo Duomo...

SANGIOVANNI  (41)  (Nota Quasimodo solitario ai margini della scena) E tu che ci fai lì buttato, Quasì…?

SANDIEGO (19)   Uè, bellu guagliò stai pure tu? Vien’a ‘ccà, famme manià nu poco stu scartiello…

SANCIRO  (13)  Pure a me…

SANTAPAOLA   (17)   Pure a me…

SANTALUCIA  (18)   Lasciatelo stare. Nun ‘o trattate accussì! Siete i soliti indelicati...

SANTARMANDO  (16) Voi perché non lo vedete, ma quello tiene ‘nu scartiello che è capace ‘e fa’ascì sulla ruota di Napoli pure ‘o 91!

SANTALUCIA  (18)   Pare ch’è colpa mia… Chell’è ciorta! L’unica statua del Duomo di Napoli, con due smeraldi incastonati negli occhi: e quanto potevano durare?!? ‘O tiempo ‘e fa doie sbattute ‘e ciglia, e sfiih! So’sparite l’uocchie...

SANTANTONIO  (12) E vuie nun avite visto niente?!?

SANGENNARO  (11) Ehm… Non vi pigliate collera Lucì. Stu Sant’Antonio non è cuntento sì nun appiccia ‘o ‘ffuoco! (Andando verso Quasimodo) Ma dici un po’ a San Gennaro tuo, che succede?

QUASIMODO  (20)  (Schivo) Niente…

SANTANTONIO (12) (Severo, seguendo San Gennaro) Ah-ah! Scartellato e buciardo!

SANTARITA  (15) E bestia!

SANGENNARO   (11) Si nun ‘a fernite te ‘ncaso chell’aureola ‘cuollo, e invento l’hula-hop duecento anni primma d’o tiempo!

TUTTI   Scosate ‘ccellenza!

SANGENNARO   (11) Ma dico io, Quasì, ti pare questo il modo di festeggiare la festa del tuo Santo Patrono preferito? Su, trovati un bel posto sul tetto del Duomo per guardare la vecchia festa…

QUASIMODO  (20)    Già, guardare, solo guardare…

SANTANTONIO  (12) Guagliò, e che ti lamenti a fare? (Indicando Lucia) E chesta c’adda dicere?

SANGENNARO  (11) Ah ‘fforza vuò abbuscà tu! Ma insomma cos’ha? Non vuole guardare la festa con noi?

SANTARITA  (15)  Nun ‘o ssaccio Ge-ggè, tu ‘o ‘ssaie ca io a stu sgubbinato nun ‘o capisco…

SANDIEGO  (19)  Guardare la vecchia festa è sempre stato l’avvenimento dell’anno!

SANTALUCIA  (18)   Se sai che non potrai mai andarci a che serve guardare?

SANTANTONIO (12)    Ah, sì ‘o ‘ddicite vuje!

SANTARMANDO  (16) Mica è fatto di marmo come noi?

SANPASQUALE (14) (A Quasimodo) Quasì, con noi ti puoi confidare, che hai?

QUASIMODO  (20)    Non mi va di passare un altro anno a guardare la vecchia festa dall’alto, ecco tutto…

SANTAPAOLA (17)  Allora, perché non hai pensato di andarci invece…?

QUASIMODO  (20)   L’ho fatto, ma non è cosa. Non riuscirei ad integrarmi… Io non sono normale…

SANTALUCIA  (18)    Uh! Ma che dici?

SANTANTONIO  (12) Lucì, vuie tenite ‘o ppoco ‘e cataratta, e va bene: ma ‘o sgubbinato tene ragione, tanto normale nun è!

SANTALUCIA (18)  E allora? Ma poi che significa normale? Ma perché, Totò: tu fusse nu santo normale?

SANGENNARO  (11)  No! Si ‘a schifezza ‘e tutte ‘e sante!

TUTTI    Appunto!

SANTANTONIO  (12)  E’bello stare’mmiezo ‘a vuje, pecchè siete affettuosi!

SANCIRO (13) C’a poi io nun me riesco a fa capace: Sant’Antonio Abate che parlà napulitano? Ma tu nun eri egiziano?

SANTANTONIO (12)  E mi sono dovuto adeguare… Immagina nu santo ca’ parla ‘e fedeli (accento arabo) salam hellech, all’amena, ell’amena, ‘e’llanema…

SANGENNARO  (11) ‘E soreta Totò…Te vuò sta zitto?!? Quasì, tu hai ragione: tanto normale non sei. Ma la tua anormalità non la devi interpretare solo negativamente…

SANTANTONIO  (12) Ah, no?

SANTAPAOLA (17)  Gennarino ha ragione… Proprio perché sei diverso dagli altri tu sei l’unico che riesce a parlare con noi.

SANGIOVANNI   (41) Quasì: quanti possono vantare di avere come amici i santi più importanti del calendario?

SANGENNARO (11) E come tuoi amici e santi protettori insistiamo perché tu quest’anno partecipi alla vecchia festa!

SANTALUCIA (18)   Dai retta a una vecchia spettatrice: la vita non è fatta per gli spettatori…

SANTANTONIO  (12)  Specialmente pe’ chille ca’nun ce vedeno!

SANGENNARO    (11)  Statte zitto Totò! Falla parlà…

SANTALUCIA (18)    Se osservi e non fai niente altro, tu vedrai la tua vita che scorre via senza di te…

SANDIEGO (19)  Stammi a sentire, afferra una tunica nuova, una calzamaglia pulita e…

QUASIMODO (20) Grazie per l’incoraggiamento, ma state dimenticando la cosa più importante…

SANTANTONIO  (12)  Che nun se po’ guardà, addò s’abbìa!

SANGENNARO  (11) Embè, si nun te stai zitto te dongo pere, ‘e organizzo nu fuoco ‘e Santantonio miez’o Duomo!

SANTALUCIA  (18)   Cosa stiamo dimenticando, Quasi?

QUASIMODO  (20)    Non avete pensato al mio padrone Frollo…

TUTTI   Aah, già…

SANGENNARO    (11) Quando lui dice che non potrai mai lasciare il Duomo, intende forse mai, mai…?

QUASIMODO   (20)   (Alzandosi e camminando) Mai e poi mai. E detesta la vecchia festa, dice ch’è troppo pagana. Si infurierebbe se gli chiedessi di andarci.

SANTALUCIA   (18)   E chi parla di chiederglielo…

SANGENNARO (11) E’vero! (Si avvicina saltellando a Quasimodo) Strisci fuori attraverso i sotterranei…

SANTARITA (15) (Come Gennaro) Solo per qualche ora…

SANGIOVANNI  (41)  Jamme, Quasì!

SANTARMANDO (16)  (C.S.) …E ristrisci dentro piano piano!

SANTALUCIA (18)  (Si incammina verso i tre) Non se ne accorgerà mai!

SANTANTONIO (12)   Ma chi ‘ha miso chella cecata allà ‘dreto?!?

QUASIMODO  (20)    (Pausa, poi girandosi improvvisamente verso i tre) E se vengo scoperto?

SANPASQUALE  (14)  Guagliò: meglio ‘a cercà ‘o perdono che ‘a chiedere ‘o permesso!

SANGENNARO  (11) Oj?!? Tra tanta cretinate, una ‘bbona l’avete detta!

QUASIMODO  (20)   (Tentato dal pensiero di partrecipare alla festa)  Ma potrebbe vedermi…

SANTARITA   (15)  Ci vai mascherato!

SANTANTONIO   (12) E’pure meglio, senti a me!

SANDIEGO   (11) Jamme bello, Quasì, solo per questa volta…

SANTALUCIA  (18)   Nessuno, a parte noi statue, vuole stare qua dentro per sempre!

QUASIMODO  (20)    (Convincendosi) Avete ragione, ci vado!

TUTTI    Bravo! (I tre santi ritornano sui loro piedistalli)

QUASIMODO  (20)   Ma sì, ci vado… Mi farò un bagno…

SANTANTONIO   (12) Pure due, guagliò…

SANGENNARO   (11) Totò!

SANTANTONIO (12)  Vabbuò, fattenne uno solo, ma strofina forte forte!

QUASIMODO  (20)    Aspetterò il momento buono…

TUTTI     Sì…

QUASIMODO (20)   Mi calerò, attraverso il passaggio segreto, nei sotterranei…

TUTTI    Giusto…

QUASIMODO   (20)   E risalirò per le strade di Napoli!

SCENA TERZA (Frollo, Quasimodo)

Entra improvvisamente il malvagio Frollo e si para davanti a Quasimodo, gelando l’entusiasmo suscitato dagli amici santi. Le statue, intanto, ritrovano la loro staticità. Quasimodo è accompagnato da due suore, che hanno la particolare connotazione di parlare insieme per concludere una frase.

FROLLO  (21)  Buongiorno Quasimodo.

QUASIMODO   (20)    Buongiorno padrone…

FROLLO  (21)  Con chi stavi parlando?

QUASIMODO  (20)   Ehm… Con i miei amici…
FROLLO  (21)  (Guarda le statue perplesso) Le statue?!?  E di cosa sono fatte le statue? (Battendo sul capo di Sant’Antonio)

QUASIMODO  (20)    Di marmo…

FROLLO   (21)   Bene… E dimmi, il marmo può parlare?

Controscena delle statue che si rianimano alle spalle di Frollo.

QUASIMODO  (20)   No padrone…

FROLLO  (21)    Esatto, lo vedi? Sei un ragazzo molto intelligente…

QUASIMODO  (20)   Grazie padrone… Scusate padrone…

FROLLO   (21)   Dimmi caro…

QUSIMODO (20)   Stavo pensando se prima o poi mi permetterete di vedere gente…

FROLLO  (21) (Tossisce prima di parlare, sorpreso dalle parole del gobbo) Cough, cough… (Riprendendosi) Quasimodo, ricordi quando ho detto che sei intelligente?

QUASIMODO  (20)   Sì-sì, padrone!

FROLLO  (21)   Non è vero: sei tutto scemo, dalla testa ai piedi! Tu sei gobbo, sei deforme, senza denti… Ma fosse solo questo… Puzzi che appesti… Sei scemo… La gente è cattiva, queste cose te le direbbe in faccia! Ma vuoi sforzarti di capire che, se ti tengo chiuso qui, è per proteggerti? Tu non sai cosa c’è a questo mondo, io lo so…

QUASIMODO  (20)   Siete buono con me… Chiedo scusa!

FROLLO  (21)   Sei perdonato, Quasimodo. Puoi andare…

QUASIMODO  (20)  Si, padrone… (Fa per andare via dal fondo, ma viene fermato dall’ulteriore raccomandazione di Frollo)

FROLLO  (21)   E ricorda… E’, e rimarrà questo Duomo il tuo mondo…

SCENA QUARTA (Frollo, Febo)

MUSICA 3: Stacco entrata Febo (7’’)

Quasimodo esce dal fondo. Da sinistra entra il Capitano Febo.

FEBO  (22)  (Entra e saluta) Cardinale…

FROLLO  (21)   Ah, il valoroso capitano Febo di ritorno dalle guerre…

FEBO (22)  Convocato a rapporto come da ordine, cardinale!
FROLLO (21)   La fama conquistata sul campo di battaglia vi ha preceduto. Non posso aspettarmi che il meglio da un eroe di guerra del vostro spessore…

FEBO  (22) E l’avrete, eccellenza… Ve lo garantisco!
FROLLO  (21)   Vi ho convocato qui per nominarvi capo delle guardie, e legare la vostra fedeltà direttamente a me, oltre che al regno ed a Re Ferdinando IV si intende.

FEBO   (22)   Grazie, è un immenso onore per me.

FROLLO  (21)    Arrivate a Napoli nell’ora più buia, capitano. La povertà aumenta. Dio solo lo sa come è diventato difficile farsi restituire dei soldi. La gente tiene certe mani secche!

FEBO  (22)  Ma perché eccellenza, voi prestate soldi con l’interesse…?

FROLLO   (21)   Bontà, capitano… La gente mi chiede soldi e io non ho il cuore di rifiutare… Ed applico un piccolo interesse…

FEBO  (22)   Ho capito.

FROLLO  (21)   Mensile…

FEBO  (22)   Mi sembra giusto…

FROLLO  (21)    Del 40%…

FEBO   (22)   Siete un’anima santa, eccellenza…

FROLLO  (21)   Che posso fare, è più forte di me: quando vedo qualcuno che sta veramente inguaiato…

FEBO   (22)   ‘O fernite ‘e ‘nguaià!

FROLLO  (21)    Come ?

FEBO  (22)   No, dicevo lo dovete aiutà!

FROLLO  (21)    Appunto, d’altronde sono un ministro di Dio, oltre che del Regno…

FEBO  (22)   (Tra se) Chiste adda essere ‘o ministro de’ffinanze! Scusate, Cardinale… Voi mi avete richiamato dalle guerre per andare a riscuotere gabelle e crediti?

FROLLO  (21)    Nonsignore… Il vostro compito, capitano, è questo: voi dovrete difendermi dai lazzari…

FEBO  (22)    Lazzari?

FROLLO (21)   Sì, capitano: lazzari! La feccia dell’umanità. Sono degli straccioni, figli dei vicoli. A Napoli ce ne sono a migliaia. Se volessero organizzare una sommossa ci metterebbero in seria, dico seria difficoltà. Voi dovrete vigilare ed all’occorrenza, reprimere nel sangue…

FEBO  (22)   Sarà fatto, eccellenza. Ma prima, vorrei imparare a conoscere il nemico. Dove potrei osservare da vicino questi lazzari…?

FROLLO  (21)   Stanno giusto per iniziare i preparativi per la vecchia festa di San Gennaro. Voi avete mai visto una festa popolare, capitano?
FEBO   (22)   No, eccellenza.

FROLLO   (21)   Venite, allora… Sarà un’esperienza altamente istruttiva.

SCENA QUINTA (Corpo di ballo, Pulcinella, poi ‘a Smeralda)

MUSICA 4: Cambio scena

MUSICA 5: Tema festa di San Gennaro – Rumba degli scugnizzi(2’’)

Festa di San Gennaro. Balletto e canzone dei lazzari, guidati d’a Smeralda, accompagnata da 9 ballerini-cantanti.

LAZZARA  ZAFFIRA (32)    Signore e signure, popolo e nobiltà, nuje simme ‘e lazzare ‘e chesta città…

LAZZARA   (42)    Cercate ind’o core, truvate ‘o coraggio: ajzate ‘a capa e guardatece ‘nfaccia…

LAZZARA GEMMA (33)   Simme spuorche, fetiente e stracciate. Ma simm e ‘e chiù belle, ‘e chiù nummenate…

LAZZARA RUBINA (34)   Suonammo e abballammo, urlammo e cantammo, comme’a ‘na famiglia che campa pazzianno …

LAZZARA TOPAZIA (35)     Nun tenimmo sorde, nun tenimme niente, ma tenimmo passione e ammore p’a gente.

LAZZARA AZZURRA (36)  E invece, guardate  ‘e signure, ‘e ricche furastiere. Chi tene assaie sorde, tene pure ‘e penziere…

LAZZARA  (43)  Chi sule pe fa‘e sorde, va a faticà, se riempie ‘a panza, ma se scorda ‘e campà…

LAZZARA ARGENTINA (37)   Po’ guardate a nuie e tenite mente: chi ha ditto che povero è malamente?

LAZZARA CORALLA (38)   Quann’ simme stanc’e ci’arrupusà, vuttamme ‘e ‘mmane pe’ glì a faticà.

LAZZARA DORATA (39)  Nuie simme poveri, simme fetiente… Simme ‘e chiù sucutate e nun tenimme niente…

LAZZARA  DIAMANTE (40)   Ma simme ‘e chiù ricche ‘e chesta città. Dint’e sacche noste…

 (Tutte insieme) Ce stà ‘a libertà!

SCENA SESTA(Quasimodo, Frollo, ‘a Smeralda, Febo)

Quasimodo è stato imprigionato e deriso dal popolo. Una Lazzara, nota con il soprannome di ”‘a Smeralda interviene per liberarlo, scontrandosi con Frollo.

GUARDIE  (23)-(24)-(25) Chell c’o pilo, e senza ‘o pilo… Chell’c’o pilo e senza ‘o pilo…  Chell’c’o pilo e senza ‘o pilo…  Accort p’o fuoss! (Fermandosi)

GUARDIA CIRUZZO  (23)  Eccellenza! Guardate cosa abbiamo imprigionato!

GUARDIA VECIENZO (24)  E’ un mostro, si aggirava tra i lazzari nella festa.

GUARDIA TOTORE (25) Di sicuro è uno di loro… (Schiaffeggiano Quasimodo e lo irridono)

‘A SMERALDA (26)   Basta… Finitela!

FROLLO  (21) Tu, lazzara… Scendi immediatamente da lì!

‘A SMERALDA  (26)    Si, eccellenza… Il tempo di liberare a stu’povero guaglione… (Caccia un coltello nascosto otto la gonna)

FROLLO   (21)   Te lo proibisco, in qualità di ministro del Re!

‘A SMERALDA (26)     Eh, il Re?!?

FROLLO  (21)   Re Ferdinando IV di Borbone…

‘A SMERALDA  (26)  Ah! Salutatemelo tanto… (Libera Quasimodo dalle corde che lo tenevano imprigionato) Fuje a te, faie ambresso!

Quasimodo fugge facendo ritorno nel Duomo di Napoli.

FROLLO  (21)   Come osi disobbedirmi, lazzara che non sei altro?

‘A SMERALDA   (26)    Il vero lazzaro, siete voi!

FROLLO  (21)     Non provocarmi…

‘A SMERALDA (21)  Maltrattate ‘sta criatura come avete sempe maltrattato stu popolo... Parlate di giustizia, ma sucutate chi tene chiù bisogno... Parlate di aiutare la povera gente, e jate prestanno ‘e sorde co’nteresse!

FROLLO    (Urla) Silenzio!

‘A SMERALDA   (Risponde urlando) Giustizia!

Le lazzare, aizzate dalla Smeralda,  urlano insieme contro il cardinale.

FROLLO   Bada alle mie parole, lazzara… Pagherai per questa insolenza!

‘A SMERALDA   Ah, sì? E quanto v’aggia dà? (Lancia delle monete per terra)

FROLLO  (21)   Basta! Capitano Febo: arrestatela!

FEBO    Guardie, con me! Acciuffate la lazzara!

Febo e la guardie circondano ‘a Smeralda.

GUARDIA DIAZ  (42)  Fermati Lazzara!

GUARDIA SCHULTZ (43) (Con Accento tedesco) Tu non potere scappare! Ja?

GUARDIA BOLZANETO (44)  Sei in trappola!

‘A SMERALDA  (26)  Dunque, quanti ne siete…? (Conta indicando i soldati) Uno, due, tre, quatt ‘e vuie, contro una povera lazzarella indifesa… (Prende un fazzoletto dalla tasca e fa finta di commuoversi) Nun se fa…

Improvvisamente ‘a Smeralda sputa e dà un calcio tra le gambe di Febo, il quale crolla a terra come fulminato. Sulla musica avviene un inseguimento ballato della ragazza, che si conclude con l’uscita di scena di Esmeralda.

 FROLLO  (21)    Trovatela capitano, quella lazzara ha un conto in sospeso con me!

FEBO  (22)    Un conto?

FROLLO  (21)   Sissignore, scovatela! (Rimane assorto nei suoi pensieri)

FEBO  (22)   L’aggio ditto ca’ chisto me mandava a riscuotere ‘e sorde! (Rialzandosi dolorante. Poi ai soldati) Forza, ragazzi! Avete sentito c’ha ditto sua eminenza? Acciuffiamo la lazzarella!

GUARDIA  DIAZ  (42) (Piano al collega) Ma sua eminenza chi fosse? ‘O pasticciotto a fragola?

GUARDIA BOLZANETO  (44)  E je che ne saccio?

GUARDIA SCHULTZ   (43) Capitanen! Ma sua eminenza chi fosse? ‘O pasticciotto a fracola?!?

FEBO   (22) Sissignore è ‘o pasticciotto… (Tossendo, accorgendosi dello sguardo severo di Frollo) Cough… Sua eminenza il Cardinale!

Febo esce di scena, seguito dalle guardie che scandiscono il solito passo militare (Chell c’o pilo, e senza ‘o pilo… Chell’c’o pilo e senza ‘o pilo…  )

FROLLO  (21)   Rimasto solo, si risveglia dal suo torpore, raccoglie con avidità le monete da terra e, ricomponendosi, esce di scena a mani giunte senza parlare, sulla musica.

MUSICA 6: Stacco uscita Frollo ed entrata Pulcinella

Esciti di scena febo, le guardie e Frollo, riappare in scena la figura di Pulcinella, il quale comincia a parlare di nuovo al pubblico.

PULCINELLA (27)  (Seguendo Frollo) All’anema d’a mamma!         / (28) ‘O, se fosse scurdato ‘e quaccheccosa, sa?!? / (29) (Accorgendosi del pubblico) Ah., già.. Voi state quà? Ma avite visto che guagliuncella?!? / (30) Se ‘ngrifa comme ‘a ‘na gatta. / (31) Mozzeca comme ‘a na tigre. / (47) Fuie comme a ‘na zucculella.        / (27) E spruzza comm‘a ‘na vongola! Puh! / (28) Avite visto? (Pausa) Ma ‘a state capenno caccheccosa, o no?!? / (29) Se avete capito o non avete capito, nun ve preoccupate… (30) I segreti so’ fatti pe’ essere raccuntati. / (31) Si nisciuno sapesse niente, che segreti fosseno? (47) Ma mica jate ‘e presso? (Tutti) Aggiate pacienza… (Esce chiudendo il sipario dietro di se)

 MUSICA 7: Stacco finale primo atto

Sipario - Fine I atto.

ATTO II

SCENA NONA

MUSICA 8: Tema d’apertura II atto (1’)

Il sipario è ancora chiuso. A luci spente, in sala, si sente la voce di Pulcinella, nascosto in sala

.

PULCINELLA (1)   State ancora ‘cca? Ma addò guardate? Nuje stamme ‘cca ddreto… (Viene illuminato da una luce ad occhio di bue) / (2) Embè, quasi quasi nun ve ‘cuntassemo chiù niente… / (3) Mo ce ne jamme e ve lasciammo appesi accussì, ‘a fissà ‘o sipario… / (4) Addò eravamo arrivati? (Ricordando) Ah, seh! ‘O segreto…! /

MUSICA 9: Stacco che permette ai Pulcinella di avvicinarsi al palco, poi sfuma. (20’’)

 (Tutti) Sstt… / (5) Meglio ca’ nun facimme vedè che tenimme a boccalarga, se no ‘ccà facimme ‘na brutta fine! / (1) Allora… Avete conosciuto ‘o scartellato, povero guaglione… / (2) ‘Chella bella figliola d’a lazzarella… / (3) Chillu fetentone scassaputeca d’o cardinale… / (4) E Febo, ‘o capo d’e guardie… / (5) Avete visto chi so’? (Tutti) Bravissimi: nun avite capite niente! (5) Stateve accorte, ‘cà nisciuno è chello che pare che d’è! (Tutti) State ‘a sentì… (Esce tirando dietro di se il sipario)

I Pulcinella escono di scena. Si apre il sipario

SCENA   DECIMA (Frollo, Quasimodo, poi Febo)

MUSICA 10: Tema sul quale Frollo picchia Quasimodo (15’’)

Nel Duomo, ubriaco, Frollo passeggia nervosamente bevendo e parlando con Quasimodo. E’ furibondo nei suoi confronti.

FROLLO (21)  Stupido gobbo! Farti trovare in mezzo alla feccia di Napoli e del suo Regno… Ma come hai potuto? Stupido gobbo che non sei altro! Ti avevo proibito di uscire fuori dal Duomo…

QUASIMODO  (Mortificato) Non volevo sconvolgervi, padrone…
FROLLO (21)  M’è fatto fa chella figura ‘e niente! Mò chi si farà prestare più i soldi da me… Non faccio più manco mezza lira per causa tua!
QUASIMODO (20)    Chiedo scusa padrone, non vi disubbidirò più…
FROLLO (21)   Accetto le scuse, ma levati subito davanti agli occhi miei che oggi mi fai più schifo del solito!

QUASIMODO (20)   Non disturberò più la vostra vista, padrone… (Esce)

Entra Febo e si avvicina a Frollo.

FEBO (22)   Eccellenza!

FROLLO (21)  (Spaventato) Mamma d’o Carmine! Capità, voi dovete entrare di faccia…

FEBO (22)    Non volevo spaventarvi, eccellenza…

FROLLO (21)  Che volete? Un poco di vino, capità…

FEBO (22)    No grazie eccellenza… Sono venuto a proposito della lazzarella…

FROLLO (21)   Ah, dite, dite!

FEBO (22)   Niente da fare…

FROLLO (21)   Come? Non l’avete ancora acciuffata?

FEBO (22)    Non si trova da nessuna parte… Sto facendo setacciare tutta  Napoli, ma della lazzara nessuna traccia…

FROLLO (21)   Dannazione!

FEBO (22)   Il quartiere Forcella, oltretutto, ostacola le ricerche... Cardinale, il popolo oramai si ribella alla vostra volontà.

FROLLO (21)  Come osano contestare la mia politica?

FEBO (22)    Eccellè, non pigliatevi collera. Ma a Napoli ormai vi schifano pure le pietre laviche del Vesuvio!

FROLLO (21)  Come fate a dirlo capitano?

FEBO (22)   All’inizio, quando siamo entrati nel quartiere, si sentiva solo qualche pernacchio. Quando hanno saputo che ci mandavate voi, sputi, cazzotti, secchiate di cacca… Eccellè, meno male che i soldati sono ben allenati a correre, perchè altrimenti dalla Sanità non ce ne uscivamo sani!

FROLLO (21)  Questa è la gratitudine del popolo di Napoli… (Beve)

FEBO (22)    Napoli è sull’orlo di una rivolta. Se mi permettete di dare un consiglio, è meglio desistere da ogni proposito di vendetta, per l’incidente del gobbo… Tanto è solo un gobbo…

FROLLO (21)  (Scoppia a ridere) Ah, ah! Solo un gobbo, dite? Da più di vent’anni devo vigilare perché nessuno sappia la verità. Voi non potete neanche immaginare il segreto che si nasconde dietro quel gobbo!

FEBO (22)    Quale segreto?

Ubriaco ed in preda ai fumi dell’alcool, Frollo rivela ridendo il segreto a Febo.

FROLLO (21)  Non dite niente a nessuno, mi raccomando… Quel gobbo, è il primogenito di Carlo di Borbone: è il fratello maggiore di Re Ferdinando IV in persona.

FEBO (22)    Ma voi che dite?!? Allora, il legittimo erede al trono non è Re Ferdinando, ma è quel mostro?!?

FROLLO (21)   Ssst! Capitano! Non urlate che è un segreto! Ed è un segreto che mantengo solo perché, come compenso, mi hanno fatto cardinale e ministro del Re.

FEBO (22)    Ma perché, eccellenza… Voi non siete veramente cardinale?

FROLLO (21)   Certo che lo sono! Le cariche ecclesiastiche si comprano e si vendono come si fa per i titoli nobiliari.

FEBO (22)    E voi avete comprato l’investitura a cardinale?

FROLLO (21)   Comprato no… Me l’ha offerto re Carlo in persona! Mi disse: “il prezzo che pagherai per l’investitura è il tuo silenzio… Nessuno dovrà mai venire a sapere la vera storia del mostro del Regno di Napoli”. E io gli dissi: state senza pensiero, maestà. M’o ‘vveco io… (Esce ridendo in preda ai fumi dell’alcool)

SCENA UNDICESIMA (Febo, ‘a Smeralda)

Si odono delle voci concitate da fuori.

‘A SMERALDA (26)    (Sorpresa dalla vista di Febo) Tu?!?

FEBO (22)   Permetti che mi presenti… Sono il capitano Febo. E tu sei?
‘A SMERALDA (26)    Ma me staie pigliando in giro?!?

FEBO (22)    No, lazzara. Si chiama presentazione… (Ripone la spada)

‘A SMERALDA (26)    Me chiammano ‘a Smeralda…

FEBO (22)    Onorato di  aver fatto la tua conoscenza ‘Smeralda… (Fa per andare)

‘A SMERALDA (26)    Vuol dire che non mi vuoi arrestare?

FEBO (22)    (Arrestandosi) Fin quando sarai qui no…

‘A SMERALDA (26)   (Stupìta) Ah sì?

FEBO (22)    Qui nella cattedrale c’è il diritto di asilo: fin quando sarai fra queste sacre mura non ti posso arrestare…

‘A SMERALDA (26)   (Pausa, durante la quale non sa che dire. Poi, sincera, esclama) Seh? Allora vuol dire che mi arresterai appena mett’o pede for ‘a ccà… Sì nu’servo ‘e Frollo come tutti gli altri…

FEBO (22)    Non sono un servo di Frollo! Sono servitore solo del Regno di Napoli... Frollo dice che tu e la gente come te siete il male più grande di questa città? Forse ha ragione… E forse no! Io, intanto, non ti arresto… Aggio primm’ capì comme vanno ‘e’ccose dinto ‘a sta città… (Guadagna l’uscita)

‘A SMERALDA (26)   Aspetta nu’ mumento… Comme ‘e ditto ca’ te chiame?

FEBO (22)   Il mio nome è Febo.

‘A SMERALDA (26)    Febo, credimi, nun è ‘a gent’mia ca’ nguaiano Naplule, ma chille comme a Frollo…

FEBO (22)   Perché dovrei crederti?

‘A SMERALDA (26)    E già, pecchè ‘issa credere ‘a na Lazzara, a ‘na stracciona fetente comme a me? E parole ca’ contano song solo chelle d’e signure? Ma è facile ‘a se comportà buono che denere dinto a sacca! Febo, se vuò capì Napule overamente, nun te sta ‘ngoppa ‘e ville, o ‘ncoppa ‘e palazze d’e signore. Scinne ‘mmiez ‘a via. Vai a vedè chille ca’ se moreno e’ famme. Ma che se levano ‘o ‘ppane ‘a vocca pe’t’aiutà. Ca se stenneno a mano uno cu’ n’ato pe se fa’ coraggio. E truvarraie chille che invece e chiagnere e se disperà, abballano e ridono! Chella è a gente mia, chella è Napule!

FEBO (22) (Con ammirazione) Credo che seguirò il tuo consiglio, appassionata Smeralda.  (Guadagna l’uscita) Ah! Stai attenta se ci tieni alla libertà. Stanno nu sacco e guardie in giro: è brutta gente! (Strizza l’occhio alla ragazza ed esce)

‘A SMERALDA (26)   Forse non tutti…

SCENA DODICESIMA (‘a Smeralda, Quasimodo, poi statue)

‘A Smeralda segue con lo sguardo l’uscita di Febo. E’rimasta impressionata favorevolmente dalla conoscenza del capitano. D’un tratto, si riprende dall’incanto in cui è rimasta ed esclama.

‘A SMERALDA (26)   Non sta bene a spiare le persone… (Quasimodo si accorge di essere stato scoperto e fa per scappare) No, non te ne fuì! (Quasimodo si ferma) Vieni ‘a ‘ccà, fatte vedè buono ‘nfaccia…   

QUASIMODO (20)    (Avanza facendosi illuminare il volto deforme) Sicura?

‘A SMERALDA (26)     (Pausa in cui gira la faccia alla vista di Quasimodo, poi superando il momento di repulsione) Chi sei? Come ti chiami?

QUASIMODO (20)    Sono il campanaro del Duomo di Napoli, il mio nome è Quasimodo.

‘A SMERALDA (26)   Quasimodo? Che nomme quequero…

QUASIMODO (20)     Significa, fatto a metà, incompiuto.

‘A SMERALDA (26)    No, incompiuto è brutto: ‘nda retta, è meglio Quasimodo…
QUASIMODO (20)    Credo anch’io…

‘A SMERALDA (26)    Che ci fai rinchiuso nel Duomo?

QUASIMODO (20)   Il mio padrone, Frollo, vuole che resti qui. Io i miei genitori non li ho mai conosciuti… Mi hanno abbandonato appena nato. Se non fosse stato per lui sarei già morto…

‘A SMERALDA (26)    Comme fa, uno accussì caìno ‘a se crescere ‘na criatura accussì dolce, come a te?

QUASIMODO (20)   (Imbarazzato) Forse non è poi così malvagio, se mi ha accolto quando nessuno mi voleva …

‘A SMERALDA (26)      Questo lo dice lui...

QUASIMODO (20)    E tu chi sei?

‘A SMERALDA (26)  Vuò sapè comme me chiammo? Mi chiamano ‘a Smeralda…

QUASIMODO (20)     ‘A Smeralda…?!? E come mai?

‘A SMERALDA (26)   Pecchè… Pecchè ‘a gente dice che tengo l’uocchie color smeraldo, come il mare di Napoli…

QUASIMODO (20)   Perché giri la faccia dall’altro lato? E’tutto vero quello che mi stai dicendo…?

‘A SMERALDA (26)    Certo è vero tuttecose…

QUASIMODO  (20) Sicura?

‘A SMERALDA   E va bene, a te non te riesco a raccontare fessarìe... Quasì, sai pecchè me chiamano ‘a Smaralda?

QUASIMODO (20)     Perché?

‘A SMERALDA (26)    Pecchè m’arrubbaie l’uocchie ‘a Santa Lucia!

SANTALUCIA    Uh sta piezz ‘e…

MUSICA 11: Sottofondo al controscena delle statue

Controscena di Santa Lucia, fermata da Gennaro ed Antonio.

QUASIMODO (20)     (Dopo una lunga pausa in cui i due sono andati a sedersi a sinistra, vincendo l’imbarazzo) Ah! Comunque, io ti devo ancora ringraziare…

‘A SMERALDA (26)   Per cosa?

QUASIMODO (20)    Per quello che hai fatto per me alla festa…

‘A SMERALDA (26)    E che ho fatto? Ho pensato che se una sola persona poteva ajezà ‘a capa, l’avesseno fatto pure ‘o riesto d’a gente. E invece so’ tutti ‘na massa ‘e pecoroni, pronti a se lamentà sultanto… Poi quand’è il momento e se ribellà, girano la faccia dall’altro lato! E l’unico risultato è che sono imprigionata in questo Duomo, senza putè’ascì!

QUASIMODO (20)    Tu hai aiutato me, ed io aiuterò te a scappare!

‘A SMERALDA (26)    Ma uscire dal Duomo è una pazzia, ce sta ‘na guardia a ogni uscita, pronta a’ m’arrestà appena metto nu pede‘fore ‘a porta…

QUASIMODO (20)     Ma per uscire non servono mica le porte…

‘A SMERALDA (26)    Ah no?

QUASIMODO (20)    Passeremo per Napoli sotterranea… Vieni, seguimi!

‘A SMERALDA (26)    Grazie (Dà un bacio sulla guancia a Quasimodo)

Quasimodo allunga una mano verso ‘a Smeralda, la quale dopo una breve esitazione, l’afferra con la propria mano, seguendolo. I due escono. Santantonio segue con lo sguardo l’uscita dei due. Poi esclama verso San Gennaro

SANTANTONIO    Ge-ggè, ’e nun ‘a  vuò fernì cu ‘stì miracoli!

SCENA TREDICESIMA (Pulcinella)

PULCINELLA   (6) Avete ‘ntiso qual è ‘o chiù gruosso potere del mondo? / (Tutti) ‘A politica? / (7) Ma che cosa?!? Che ce trase mò ‘a politica:  / (8) ‘Nu giuoco volgare a chi se fotte chiù danari! / (9) Ce sta solo ‘na cosa ‘a stu munno, in grado e scavalcà ‘e muntagne… / (10) Capace ‘e fa tuzzà cielo e mare… (45) ‘Nce sta niente ‘a fa’…  Chelle che move tuttecose… (Tutti) E’ l’ammore…

SCENA QUATTORDICESIMA (Santa Lucia, San Gennaro, Sant’Antonio, poi Quasimodo)

La luce illumina le tre statue nelle loro nicchie

SANTALUCIA  (18) (Preoccupata) Non mi piace affatto ciò che sentono le mie orecchie…

SANGIOVANNI  (41)  E meno male che non potete vedere quello che vedono i miei occhi!

SANTARITA (15) Quella povera lazzarella, comincio a temere il peggio…

SANTALUCIA   (18) Proprio povera, no: se fregata ‘e smeraldi mjeie!

SANGENNARO  (11) ‘Onna Lucì, calmatevi… I lazzari che rubano ‘o ‘ffanno sulo pe’campà!

SANTAPAOLA  (17)  Pure questo è vero…

SANCIRO  (13)  Voi pensate ancora all’uocchie?!?

SANTARMANDO (16) (Preoccupatissimo) Gli uomini di Frollo hanno messo a ferro e fuoco la città…

SANTANTONIO   (12) Povera Smeralda. Non c’è speranza di rivederla viva!

SANTALUCIA   (18)  Hai ragione: la situazione è veramente disperata, Totò. Ma ora non dire niente che possa turbare Quasimodo. E’ già abbastanza preoccupato, povero ragazzo…

SANTANTONIO   (12) (Risentito per le parole di Lucia) E se capisce! Ma che mi avete pigliato pe’na criatura?!?

SANTALUCIA   (18) Sì sempe sgarbato!

SANDIEGO   (19) Silenzio, sta arrivando ‘o guaglione!

SANTALUCIA   (18)   Mi raccomando a te: non una parola!

SANTANTONIO   (12)  (Come sopra) All! Sarò di marmo!

QUASIMODO (20)    Qualche segno di lei?

SANTARMANDO  (16)  Non ancora…

SANTAPAOLA   (17) Siamo sempre in attesa…

SANTANTONIO (12)  (Alle parole delle statue cerca di trattenersi, poi scoppiando in lacrime improvvisamente) E’una causa persa! Potrebbe essere dovunque! Rinchiusa in una segreta, o peggio, l’hanno già atterrata!

SANPASQUALE   (14) (Fulminandolo con lo sguardo insieme agli altri santi) Bel lavoro Totò!

SANTARITA  (15) (Sputando) Puuh! T’hanna magnà ‘e ‘ttarme!

QUASIMODO (20)    No, ha ragione… Ma cosa possiamo fare?

SANGENNARO   (11)  Non ti preoccupare, Quasì. I lazzari di Napoli hanno sette vite, ‘a Smeralda se ne starà lontana dal pericolo…

QUASIMODO (20)    Lo credi davvero?

SANDIEGO  (19)     E quando le acque si saranno calmate tornerà di certo! Vedrai…

QUASIMODO (20)   Cosa te lo fa pensare?

SANTALUCIA  (18)  Perché tu le piaci!

QUASIMODO (20)   Dici?!?

SANTANTONIO  (12)  Se ne accorgono pure ‘e cecate! Uh, scusate ‘onna Lucì! Mi è scappato…

SANPASQUALE   (14) Guagliò, senti a me: nun se sape comme, nun se sape pecchè, ma chella guagliona ci ho ‘bbò cu ‘ttè!

QUASIMODO (20)   Non credo proprio…

SANGENNARO (11)  Lo sapevo, che crescendomi vicino, avresti imparato qualcosa… Dacci sotto, sciupafemmene!

QUASIMODO (20)   Sciupafemmene?!? Oh, no…

SANTAPAOLA (17)   Non essere modesto…

QUASIMODO (20)    Sentite, io apprezzo quello che cercate di fare, ma non facciamoci illusioni: sono la faccia più brutta del Regno di Napoli, ricordatelo… Non credo di essere il suo tipo. E poi basta! Perché dovrei credervi: siete solo delle statue…

SANGENNARO  (11)  (Scosso) Solo statuee?!? E mò stai sbagliando Quasì!

SANPASQUALE  (14)  Ma lo sai che cosa rappresentiamo, noi?!?

SANCIRO (13)  Ogni statua di questo Duomo ha una storia che merita rispetto! Dico bene, Gennarì?

SANGENNARO  (11)  Parole sante!

MUSICA 12: Canzone delle tre statue con Quasimodo (2’)

INCISO ( in coro )

Simm’ sant’ e primma serie       

simm’ sant’ e qualità         

e sta mappat’ e disperat’ simm’ a luce e a verità

Grazie e benedizion’ song’ a quotidianità

Simm’ ruoss’ frisc’ e tuost’ e ch’ bbuò fa

STROFA 1 – S. Lucia

Me cecain’ ll’uocchje o ver’             

per la mia cristianità                

Gesu Crist’ je mo sentev’ fort’ dind’ all’anema

e sti fetient’ non contenti se pigliajen’ a part’ e cca

duje smerald’ ca tenevo p’ carità 

 

STROFA 2 – S. Antonio Abbate

Me ne stev’ sul’ sul’ 

mmiez’  a nir’ e Faraun’      

ch’ e  liun’ cammenav’ e ind’ o desert’ m’ addurmev’

Pest, diavul’ e ca…coll’ ch’ e priarie e ddev’ ncuoll’

Manc’ o ffuoc’ a sant’Antonio so po ffa 

INCISO ( in coro )

STROFA 3 – S. Gennaro

E di me che posso dire

Je song’ o mast’ a casa mia

della vita mia sapete ogni leggenda e verità

so G’nnar’ o sant’ vuost’ e mò o sapit’ ch’ bbo fa

nù ballett’ cu Lucia uè vien’ a ccà

SOLO STRUMENTALE ( strofa intera cioè 8 battute + 4 battute di inciso )

FINALE  ( in coro )

Grazie e benedizion’ song’ a quotidianità

Simm’ ruoss’ frisc’ e tuost’ e ch’ bbuò fa

SCENA QUINDICESIMA (‘a Smeralda, Febo, Quasimodo)

‘A SMERALDA (26)   (Entrando di corsa) Quasimodo, Quasì!

QUASIMODO   Smeralda, sapevo che saresti tornata…

‘A SMERALDA (26)   Quasì, hai già fatto assai pe’me… Ma t’aggia cercà n’atu favore, amico mio…

QUASIMODO (20)    Si, qualunque cosa…

‘A SMERALDA (26)   Grazie… (Esce e rientra velocemente con le lazzare che portano a spalla Febo) Lazzarelle, via libera…

LAZZARA  ZAFFIRA (32 Questo è Febo, è ferito e va fujuenno comm’a Smeralda! …

LAZZARA   (42)    Sappiamo che qui sarebbe al sicuro… …

LAZZARA GEMMA (33)   Ma sappiamo anche che per te è molto rischioso…

LAZZARA RUBINA (34)   Ti prego: lo puoi nascondere…?

QUASIMODO (20)   (Dopo una prima esitazione) Per di qua, andiamo…

SMERALDA  Mo’jatevenne: restare qua è pericoloso…

LAZZARA TOPAZIA (35)     Smerà’ noi ce ne andiamo, ma tu stai attenta…

LAZZARA AZZURRA (36)  Non ci far stare in pensiero…

LAZZARA  (43)  Se Frollo ti scopre, ti farà tagliare la testa…

LAZZARA ARGENTINA (37)   Già, e po’senza di te nuie comme facimmo?

LAZZARA CORALLA (38)   Napoli, senza di te, non sarebbe più la stessa…

LAZZARA DORATA (39)  E neanche noi… Mi raccomando, fai attenzione…

SMERALDA  Andate, ora… Diamante, prendi tu il mio posto…

LAZZARA  DIAMANTE (40)   Forza lazzarelle, avete sentito cosa ha detto ‘a Smeralda? Dobbiamo andarcene…

 (Tutte insieme) A presto Smeralda! (Escono)

 Febo, che si riprende.

FEBO (22)     (Rinviene dopo essere stato svenuto) Dove sono?

‘A SMERALDA (26)    Nun t’affaticà. Stai nel Duomo di Napoli, al sicuro nel campanile…

FEBO (22)    (Come sopra) Smeralda…!

‘A SMERALDA (26)    Ssst… Rimarrai nascosto qui finchè non avrai le forze per muoverti. (Estrae una bisaccia con dell’alcool per medicare Febo). Febo tu mi hai dimostrato che si può cercare di essere sempre migliori… (Prende 2 smeraldi  dalla tasca) E po’ a me sti ‘pprete nun so mai servite…  (Mette gli occhi a Santa Lucia)

MUSICA 13: Stacco breve sul quale Smeralda restituisce gli occhi a Santa Lucia.(15’’)

‘A SMERALDA  Chella famiglia dinto Forcella ti deve la vita… O sei il soldato più coraggioso che ho mai conosciuto, o sì ‘o chiù scemo…

FEBO (22)    In ogni caso, sono un ex-soldato oramai…

‘A SMERALDA (26)   (Medicando Febo) Sei stato fortunato, chella pallottola t’ha quasi colpito il cuore…

FEBO (22)    Ma forse lo ha fatto… (Ferma la mano di ‘a Smeralda sul proprio petto)

‘A Smeralda guarda Febo. Dopo una piccola pausa i due si baciano. Quasimodo, dapprima si volta contrariato dalla scena, poi si rassegna all’idea di non poter stare accanto a ‘a Smeralda come aveva immaginato.

MUSICA 14: Breve stacco del bacio (25’’)

FEBO (22)    Quasimodo, vieni qua…

QUASIMODO (20)    Chi ti ha ridotto così?

‘A SMERALDA (26)     Il tuo padrone….

QUASIMODO (20)    No, non è possibile!

‘A SMERALDA (26)   L’ho visto io, con i miei occhi… Frollo è asciuto pazzo! A Forcella stava dando fuoco ‘a nu basso cu dieci puverielli a’dinto… Febo si è opposto. ‘O padrone tuoie s’è fatto ‘na risata e l’ha sparato… Meno male che l’ha preso di striscio…

QUASIMODO (20)    La collera del padrone è enorme, nessuno, tranne il Re, sarebbe capace di fermarlo…

FEBO (22)     Solo il Re hai detto?

QUASIMODO (20)    Si, solo il Re in persona…

FEBO (22)    Allora tu puoi…

QUASIMODO (20) E ‘A SMERALDA (26)   Cosa?!?

FEBO (22)    Tu, tu lo puoi fare…

QUASIMODO (20)    Ma io sono solo un campanaro…!

FEBO (22)    Questo è quello che ti hanno fatto credere... Io so’ la verità: me l’ha confessato Frollo, quando era ubriaco…

‘A SMERALDA (26)    Cosa, che cosa ti ha detto?

FEBO (22)    Quasimodo è il fratello maggiore di Re Ferdinando IV, primo figlio di Carlo di Borbone…

QUASIMODO (20)    Mi stai prendendo in giro?!?

FEBO (22)    Me l’ha detto Frollo in persona…

‘A SMERALDA (26)    Vuoi dire che…

FEBO (22)   (Si alza ancora incerto per la ferita, per rendere omaggio a Quasimodo) Sissignore, ‘a Smeralda, davanti a te c’è il vero sovrano di questo Regno: Quasimodo I di Borbone, Re di Napoli! (Si inchina) Maestà…

‘A SMERALDA (26)   Vulesse vedè ‘a faccia e Re Ferdinando…

FEBO (22)     (Rialzandosi) C’è l’hai davanti!

‘A SMERALDA (26)     Chè?!?

FEBO (22)    Febo è il diminutivo di Ferdinando di Borbone. Quasimodo, è mio fratello…  

SCENA SEDICESIMA (Frollo, ballerini, ‘a Smeralda, Febo, Quasimodo)

Entra Frollo seguito dalle guardie, che immobilizzano ‘a Smeralda, Quasimodo e Febo.

FROLLO (21)   Eccomi qui per riscuotere il credito più grande che abbia mai riscosso… (Carezza Quasimodo, per poi pulirsi la mano addosso) Caro Quasimodo, dedicarti tante attenzioni per tutti questi anni ha finalmente maturato i suoi interessi… Mi hai servito la lazzarella su un piatto d’argento… (Guardando Febo) Oh, quale altro gradito regalo, capitano Febo. Ancora tra noi? (Minaccioso) Provvederò io stesso a mettere fine a tale irriverente attaccamento alla vita…

QUASIMODO    No, padrone, vi prego…

FROLLO (21)  (Alle guardie) Legatelo! Fate in modo che lo scognato col pizzo non causi altri problemi…

FEBO   Lasciatelo stare lui non centra…

Le guardie incatenano Quasimodo.

FROLLO (21) Silenzio! Domani mattina sarete giudicati per i vostri crimini… Portateli via…

Le guardie escono trascinando via Febo e ‘a Smeralda

FROLLO (21)   (Avvicinandosi a Quasimodo) Il mio storpietto preferito… Vedi Quasimodo… Ai miei occhi tu sarai sempre come un sovrano. Perciò il tuo posto è qui… Il tuo Regno è qui… E non sarai mai nulla al di fuori di queste mura… (Esce)

SCENA DICIASSETTESIMA (San Gennaro, Sant’Antonio, Santa Lucia, Quasimodo )

MUSICA 15: Rintocchi di campane.

La luce illumina le statue, che prendono vita nuovamente.

SANDIEGO  (19)   Coraggio, guagliò, scetate…

SANPASQUALE  (14)  So’ compagni tuoi quelli…

QUASIMODO (20)     E’ tutta colpa mia…

SANCIRO  (13)  Mò nun è ‘o mumento ‘e se disperà!

SANTARITA  (15)  Devi fare qualche cosa per aiutare i tuoi amici…

SANTARMANDO   (16)  Devi spezzare queste catene, jamme bello!

SANTANTONIO (12)  Bello poi… Simpatico!

QUASIMODO (20)      E che differenza farebbe…?

SANGIOVANNI (41)  Comme che differenza fa? Insomma, tu ‘a vuò dà vinta a Frollo!

QUASIMODO (20)     Frollo ha già vinto!

SANGENNARO  (11)  E così, è fernuto tuttecose?!? Tu hai sangue blu che ti scorre nelle vene, stai a sentire a uno che di sangue se ne intende: nun te può arrendere accussì!

SANTARITA  (15)  Non sono certo queste catene a trattenerti!
QUASIMODO (20)     (Rabbioso) Ma insomma, lasciatemi in pace! (Pausa) Cosa dovrei fare? Andare fuori, salvare la lazzara dalla morte, e magari tutto il Regno mi acclamerà come sovrano?!? Napoli ha già il suo re, senza averlo mai visto in faccia: mio fratello Ferdinando! Smeralda c’è l’ha già il suo re, e non sono io! Frollo aveva ragione… Frollo aveva ragione su tutto… Sono stanco di cercare di essere quello che non sono, vi prego, lasciatemi stare…

SANGENNARO  (11)  Comme vuò tu guagliò… (Si ferma nella posa di iniziale commedia e rimane immobile)

SANTAPAOLA  (17)   Dopo tutto, nuie simme fatte sulo ‘e marmo… (Come Gennaro, si immobilizza)

SANTALUCIA  (18)   Che ce vuò fa’, pensavamo che tu fossi fatto di una materia più nobile… (Si immobilizza come gli altri)

MUSICA 16: Cambio scena ed esecuzione lasciata a tappeto su Frollo.

SCENA DICIOTTESIMA (Frollo, ‘a Smeralda, Febo, Boia (25), Guardie)

FROLLO (21)   (Leggendo la sentenza) La lazzara nota a tutti come “a Smeralda”, è stata riconosciuta colpevole del crimine di istigazione alla rivolta. Il capitano Febo si è reso colpevole di alto tradimento… Per entrambi, la sentenza del giudice supremo, che oltetutto sarei sempre io, è la seguente: morte!

Frollo si avvicina ad ‘a Smeralda

FROLLO (21)   L’ora è giunta, lazzara… Sei affacciata sull’orlo dell’abisso. (Indicando il pubblico in sala) Guarda quanta gente è accorsa per assistere al tuo supplizio… Cionostante non è troppo tardi, posso salvarti dalle fiamme di questo mondo e comprare per te la salvezza per il prossimo… Scegli me… O il fuoco!

‘A SMERALDA (26)    (Sputa in faccia a Frollo) Puuh!

FROLLO (21)   Questa strega malefica ha messo a repentaglio l’anima di ogni cittadino di Napoli. Per il Regno e per la sua salvezza, è mio sacro dovere rispedire questo empio demone dall’inferno da cui proviene…

Sta per giustiziare i due, quando Quasimodo entra in scena

BOIA (48)   Egli castigherà i perversi e li precipiterà in una voragine di fuoco…

QUASIMODO (20)    Nooo!

FROLLO (21)   Stupido gobbo, dovevo aspettarmelo che avresti rischiato la vita per salvare la lazzara!

Quasimodo mette fuori gioco Frollo e libera ‘a Smeralda e Febo, tagliando le corde che li legano

FEBO (22)    (Liberatosi, si rivolge al pubblico come se stesse arringando una folla) Popolo di Napoli! Frollo ha perseguitato la nostra gente, saccheggiato le nostre tasche, ed ora vuole sostituirsi persino al potere del Re… E’ ora di dire basta a tutto questo! (Imbraccia la spada)

MUSICA : ‘Ndrezzata su duello Frollo-Febo.

Duello tra Febo e guardie, che si conclude con Frollo che, accerchiato, punta un coltello alla gola d‘a Smeralda.

FEBO (22)    Sei in trappola!

FROLLO (21)   (Punta un coltello alla gola d‘a Smeralda) Io invece credo che mi lascerete andare…

FEBO (22)    Lasciala stare, per carità!

FROLLO (21)   Posate le armi…

FEBO (22)     Fate come dice…

QUASIMODO (20)    Lasciatela stare!

Quasimodo, ingaggia una colluttazione con Frollo. Al termine della quale sono entrambe sull’orlo di una caduta potenzialmente mortale.

FROLLO (21)   Mantienimi… Cosa vuoi fare Quasimodo?!? Non vorrai mica fare del male al tuo padrone…?

QUASIMODO (20)   Tu non sei il mio padrone! Io sono Quasimodo di Borbone… L’unico mio padrone è il popolo di Napoli!

FROLLO (21)  (Ridendo) Ah-ah! Non riuscirai a fare niente per il tuo Regno se morirai!

QUASIMODO (20)   Ti sbagli, leverò di mezzo una delle piaghe di questa città! Addio, dolce ‘a Smeralda!

Quasimodo si lascia precipitare, abbracciato a Frollo che urla. Entrambi muoiono.

‘A SMERALDA (26)    Nooo! (Dopo un breve smarrimento, abbraccia Febo)

FEBO (22)    (Dopo l’abbraccio con ‘a Smeralda si rivolge alle guardie) Mio padre Carlo ha governato Napoli senza cuore. Suo figlio Quasimodo, mio fratello, ha dato la vita per amore… Io Febo, cioè Ferdinando di Borbone, rendo omaggio con la mia futura moglie (Indica ‘a Smeralda) a Quasimodo I di Borbone: il Re Scugnizzo!

Il sipario si chiude

SCENA DICIANNOVESIMA - FINALE (Pulcinella)

PULCINELLA    (Entra chiudendo il sipario) (27) E’ chest’è a città nosta… NotreNaple! / (28) Addò chella che pare vero è favezo, / (29) e chello che pare favezo è overo! / (30) Addò ‘na riggina po’essere ‘na lazzara, / (31) m’addò‘na lazzara, po’addivinì ‘rriggina! / (27) Addò te può abbuffà ‘na matina, / (28) e fernì pe’stennere ‘a mano ‘a matina appriesso! / (29) ‘Addò tra tanta, troppa confusione, una sola costante: / (30) ca’chi ‘a cummanda, Francise, Spagnuole, Tudesco ‘o Savoiardo, è sempe stato ‘na chiavica…! / (31) E addò ‘a gente è talmente attaccata ‘a vita, ca’ riesce ‘a fa fessa pure ‘a morte…

(Insieme) E tira ‘a campà!

MUSICA 17: stacco di saluti (‘a città ‘e pulecenella)

Pulcinella scompare dietro il sipario

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno