Il mago di Oz

Stampa questo copione

IL MAGO DI OZ

IL MAGO DI OZ

PERSONAGGI: Dorothy: D     Miss Gulch: M     Titta: T     Zia Emma: E     Professor Meraviglia: P     Glenda-Strega del Nord: G     Strega dell’Ovest: O     Leone: L     Spaventapasseri: S      Uomo di latta: U     Guardiano Todd: T

PRIMO TEMPO

Musica di sottofondo. Si apre il sipario. Fattoria.

1) - BALLETTO FATTORIA – GA1 e GA2

2) (Entra Titta che fa scappare pulcini e cavalli. Arriva di corsa Miss Gulch.)

M: Ancora tu!! Piccolo mostriciattolo insopportabile! Se ti prendo! (insegue Titta che le fa le linguacce) Vieni qui! (afferra Titta per un braccio e inizia a strattonarla) Devi piantarla di venire a disturbare i miei animali! Sei una piccola maleducata buona solo a combinare guai!! (entra Dorothy cercando Titta)

Se ti vedo un’altra volta vicino a casa mia ti faccio rinchiudere in collegio!

D: Lasci stare subito la mia sorellina!

M: Sorellina la chiami questa piccola peste?

D: Quando zio Henry e zia Emma sapranno come ha trattato Titta…

M: Non vedo l’ora di raccontare ai tuoi cari zii tutto quello che combina la tua sorellina! Allora vedrai se anche loro non mi daranno ragione!

(entra zia Emma. Mentre parla D. e M. cercano di interromperla senza risultato)

E: Finalmente vi ho trovate! E’ da un pezzo che vi stavo cercando! Ma dove vi eravate cacciate! Iniziavo a preoccuparmi.. e poi è quasi ora di cena e voi sapete che zio Henry non accetta ritardi! Devo ancora far cuocere il risotto, e tagliare le cipolle, e preparare il brodo, insomma mi volete spiegare cosa sta succedendo?!

D: Zia Emma, Miss Gulch ha picchiato Titta!

M: Non l’ho picchiata, le ho solo impedito di fare di nuovo guai!

E: E che guai farebbe questo angioletto?

M: Il suo “angioletto” viene tutti i giorni nella mia fattoria a correre dietro alle galline!

E: Titta è vero quello che dice Miss Gulch? (Titta fa cenno di sì e poi di no con la testa)

D: Non è vero che lo fa tutti i giorni! Solo una o due volte la settimana! E poi non riesce mai ad acchiapparle, le galline..

E: Ah beh, allora non vedo dov’è il problema.

M: Il problema è che le mie galline non fanno neanche più le uova da quanto sono spaventate!

E: Le sue galline non fanno le uova perché sono vecchie e decrepite e non certo per colpa di Titta! Comunque provvederò a mandarle un’abbondante fornitura di uova e qualche pulcino…

M: Sai che sforzo! Lei tira anche le orecchie ai conigli e fa scappare i maiali!

E: Dice davvero?

M: Crede forse che io mi inventi delle storie? Le sue nipoti sono delle impertinenti maleducate! E quella piccoletta è un pericolo per la comunità!

D: Non è vero! E sai cos’ha detto Miss Gulch? Ha detto che vuole far rinchiudere Titta in un collegio, ecco cos’ha detto!

M: Certo! Così almeno qualcuno penserà a darle una vera educazione!

D: Zia Emma dì qualcosa! E poi è colpa mia se Titta è entrata nella fattoria!

E: Beh, Titta è sempre stata buona, con la gente buona ovviamente!

M: Vedremo cosa ne pensa lo sceriffo!

D: Oh, lei è una vecchia strega!

E: Almira Gulch, il solo fatto di essere padrona di mezzo paese non le da il diritto di dettare legge! Sono anni che non vedo l’ora di dirle cosa penso veramente di lei! E adesso… ringrazi che sono una buona cristiana e non posso dirlo!

M: Non mi interessa cosa pensa una povera contadina di me! Ma non voglio più vedere questi mostriciattoli!!!

E: Beh, c’è una soluzione molto semplice! Loro non passeranno più vicino alla sua fattoria così lei non avrà più di che lamentarsi! Vero bambine? (annuiscono)

M: Sarà il caso! Altrimenti chiamerò veramente lo sceriffo! A non rivederci! (esce)

D: Ma zia Emma, noi..

E: Bambine basta, sarà meglio per tutti se non vi avvicinerete più alla fattoria di Miss Gulch, e poi ci sono così tanti posti dove potete stare senza cacciarvi nei guai! Il mondo è pieno di posti meravigliosi e molto più divertenti… Ora andiamo a preparare la cena altrimenti sì che zio Henry si arrabbierà veramente! Forza, sbrigatevi! (esce)

D: Forse zia Emma ha ragione.. come sarebbe bello andar via da qui, a conoscere posti nuovi, a vedere mari, montagne, prati…là, oltre l’arcobaleno…non credi?

3) - BALLETTO OVER THE RAINBOW – C1

4) D: Oh Titta! Non piacerebbe anche a te?

T: Beh, non lo so…

D: Sarebbe fantastico! Senza più nessuno che ci dicesse cosa fare, dove andare, potremmo giocare tutto il giorno… dai, forza, andiamo!! (escono)

(cambio scena – bosco – D. e T. rientrano – il professor Marvel sbuca dall’altro lato)

P: Bene, bene, bene, abbiamo visite oggi! Chi siete piccole? No, no, no, no, no! Non ditemelo voi siete.. vediamo un po’.. voi state viaggiando in incognito, no ho sbagliato… voi andate a fare una visita.. no, ho sbagliato ancora! Voi siete scappate di casa!

D: Sì, ha indovinato!

P: Certo il professor Meraviglia indovina sempre! E perché siete scappate di casa? No, non ditemelo, a casa non vi capiscono! Non vi apprezzano. Voi volete vedere altri paesi, grandi città, altissime montagne, oceani sconfinati!

D: Accidenti, sembra che lei sappia leggere nel nostro pensiero..

P: E’ così infatti. Beh, cosa posso fare per voi?

D: Lei può fare qualcosa per noi?

P: Certo, ma io non faccio mai niente senza prima consultare la mia sfera di cristallo! (scopre la sfera) Questa è l’unica, genuina, magica, autentica sfera di cristallo usata dai sacerdoti di Iside e Osiride ai tempi dei faraoni d’Egitto. La stessa nella quale Cleopatra vide l’arrivo di Giulio Cesare e Marcantonio e … eccetera eccetera. Ora scruteremo la sfera di cristallo, ma prima ho bisogno dei miei assistenti…

5) - BALLETTO – SFERA DI CRISTALLO – M2

6) P: Bene, potete andare, ora vediamo cosa dice di voi la mia sfera magica…io vedo una fattoria con una staccionata davanti..

T: Quella è la nostra fattoria!

P: Sì. C’è una donna che indossa un vestito a quadretti e mi sembra molto preoccupata…

D: Deve essere zia Emma..

P: Sì, mi sembra che si chiami Emma, ma non riesco a vedere bene… mi sembra che stia piangendo.. qualcuno le ha dato un dispiacere…qualcuno le ha spezzato il cuore…

D: Chi, noi?

P: Senz’altro qualcuno che le è molto caro. E col quale lei è stata molto buona. Qualcuno che lei ha curato e cresciuto..

D: Oh, quando ho avuto il morbillo zia Emma non mi ha mai lasciata, nemmeno per un attimo… che cosa fa adesso?

P: Vediamo…oh santo cielo! Si è messa una mano sul cuore ed è caduta sul letto..

D: Oh no! E adesso?

P: Non vedo più niente, la sfera è tutta scura!

D: Lei pensa che zia Emma stia davvero male?

P: Oh io non so, ma la mia sfera non ha mai sbagliato e…

D: Dobbiamo tornare a casa immediatamente!

P: Ma come, e le montagne e le grandi città e gli oceani?

D: Oh, no, dobbiamo tornare a casa immediatamente! Arrivederci professor Meraviglia, e grazie infinite!

P: A presto!…che brutto temporale sta arrivando, speriamo che quelle bimbe riescano ad arrivare a casa sane e salve..

7) - (escono tutti – scoppia il temporale – BALLETTO HIP-HOP)

(durante il balletto Dorothy e Titta vengono divise, Dorothy stà  in proscenio e sviene, chiusura sipario)

8) (Dorothy si risveglia, intanto cambio scenografia – mondo di oz)

D: Ho l’impressione di non essere più nel Kansas, devo essere oltre l’arcobaleno….

G: Tu sei una strega buona o una strega cattiva?

D: Chi io? Oh io non sono una strega, sono Dorothy e sono solo una bambina e poi le streghe sono brutte e vecchie.

G: Beh, veramente anch’io sono una strega. Sono Glenda, la strega del Nord.

D: Sei una strega? Oh, ti chiedo perdono ma io non sapevo che ci fossero anche delle streghe belle.

G: Solo le streghe cattive non sono belle! Comunque, i mastichini mi hanno chiesto di venire qui perché una nuova strega ha fatto cadere una casa addosso alla malvagia strega dell’Est. Ora, di là c’è una casa con la strega malvagia sotto,  qui ci sei solo tu, quindi quella casa deve essere per forza tua..

D: Oh sì, ma io non l’ho fatto apposta. La mia fattoria è stata trasportata fin qui dall’uragano e cadendo deve aver schiacciato la strega…

G: Beh, apposta o no, è successo e i mastichini ti sono grati, tu li hai liberati dalla schiavitù  e in cambio hanno deciso di regalarti le scarpette rosse che indossava la strega dell’Est. Tieni, indossale subito!

D: Oh, io vi ringrazio tanto, queste scarpette sono davvero belle!

G: Certo, e hanno anche dei poteri magici… mi raccomando, non dovrai toglierle fino a che sarai ospite del mondo di OZ, questo paese è bellissimo ma nasconde anche dei pericoli, e le scarpette ti aiuteranno in molte occasioni! E’ stato proprio un bel gesto da parte dei mastichini..

D: Ma chi sono questi mastichini?

G: Sono le

creature che vivono in questa terra. Sono molto simpatici e socievoli, ma sono timidissimi con le persone che non conoscono.. Ora vieni con me, (apertura sipario) andiamo a conoscerli..Ma dove si sono cacciati! Erani qui un attimo fa.. Coraggio amici, venite fuori a ringraziare.

9) - BALLETTO MASTICHINI – GA1 +D + G – ARRIVO STREGA DELL’OVEST

10) D: Non avevi detto che la strega era morta?

G: Quella era sua sorella, la malvagia strega dell’Est, questa è la perfida strega dell’Ovest, molto, molto più cattiva dell’altra!

O: Chi ha ucciso mia sorella? Chi ha ucciso la strega dell’Est? Sei stata tu?

G: Oh, è stato solo un incidente, Dorothy non voleva uccidere nessuno.

O: Allora sappiate che posso causare degli incidenti anch’io! E farò anche di peggio quando mi sarò presa le scarpette rosse di mia … Ma dove sono? Tu! Che ci fai con le mie scarpette? Ridammele immediatamente! Se non vuoi che io…

G: Troppo tardi, adesso sono ai suoi piedi e ci resteranno!

O: Ridammi le mie scarpette, io sono la sola che sa come usarle, a te non servirebbero a nulla, ridammele subito!

G: No, tienile ben strette, devono avere un potere eccezionale, altrimenti non ci terrebbe tanto ad averle,…

O: Tu non t’impicciare Glenda, altrimenti sistemo anche te!

G: Oh ma tu qui non hai nessun potere. Vattene, prima che qualcuno butti una casa in testa anche a te!

O: D’accordo me ne vado, ma mi rivedrete molto presto. E tu stai bene attenta ragazzina, qui non posso fare subito i conti con te come vorrei, ma è inutile che tu tenti di sfuggirmi! Non ti salverai! Io riuscirò a prenderti e ti pentirai di tutto quello che hai fatto! (esce)

G: Coraggio, se ne è andata. Va tutto bene. Temo che tu ti sia fatta una nemica e prima riuscirai ad andartene da Oz meglio sarà per te, mia cara!

D: Oh sì, lo so, io partirei anche in questo momento, ma quale sarà la strada per il Kansas? Non posso tornare come sono arrivata.

G: No, hai ragione, credo che l’unica persona che può dirti come devi fare sia il grande e meraviglioso Mago di Oz.

D: Il Mago di Oz? E’ un mago buono o cattivo?

G: E’ un mago buono ma molto misterioso. Lui vive nella città di Smeraldo che è molto lontana da qui. Non hai portato la tua scopa con te?

D: Oh no, mi dispiace.

G: Beh, allora dovrai per forza andarci a piedi. Io ti accompagnerò sana e salva fino al confine della città! D: Ma come troverò la città di Smeraldo?

G: E’ molto facile, non ti puoi sbagliare, dovrai soltanto seguire il lungo sentiero dorato.

11) - BALLETTO SENTIERO – Dorothy-Glenda

12) D: Segui il sentiero dorato..Ma qui c’è un bivio,  ora da che parte devo andare?

S: Io andrei da quella parte, è una strada molto carina!

D: Chi ha parlato? Qui c’è solo uno spaventapasseri, e gli spaventapasseri non parlano..

S: Ma anche quella è una strada carina!

D: Che strano, prima indicava dall’altra parte..

S: Tuttavia è difficile seguire le due strade insieme..

D: Ma allora sei stato tu, tu hai parlato! ..insomma, ti vuoi decidere a rispondere o no?

S: E’ questo il mio guaio, non posso mai decidere, io non ho cervello, ma solo paglia.

D: E come fai a parlare se non hai il cervello?

S: Ah non ne ho idea. Ma c’è un mucchio di gente senza cervello che chiacchiera sempre, non trovi?

D: Sì, credo che tu abbia ragione. Mi stai simpatico, potremmo diventare amici!

S: Ma certo.

D: Io sono Dorothy.

S: Piacere! Tu come stai?

D: Molto bene grazie!

S: Oh io invece non mi sento molto bene. Non è molto divertente starsene appesi quassù giorno e notte con la schiena inchiodata a questo palo.

D: Oh lo credo. Deve essere terribilmente scomodo, non puoi venire giù?

S: Giù? Vedi, io non posso, non so..

D: Aspetta che ti aiuto! Ecco!

S: Che bello essere liberi! (cade) Buh! Ti ho spaventata?

D: Oh no! Credevo che ti fossi fatto male!

S: Ecco, è quello che temevo. Non riesco a spaventare nemmeno un corvo. Gli uccelli vengono qui a mangiare nel mio campo e si prendono gioco di me..Oh, io sono un fallito perché non ho un cervello!

D: Poverino, e cosa vorresti fare se avessi un cervello?

S: Cosa farei?

13) - BALLETTO SPAVANTAPASSERI + M1

14) D: Incredibile! Se a casa mia nel Kansas gli spaventapasseri fossero come te gli uccelli sarebbero terrorizzati!

S: Dici davvero? Che cos’è il Kansas?

D: E’ il mio paese. E’ molto lontano. Per questo sto andando alla città di Smeraldo, per chiedere al Mago di Oz di farmi tornare.

S: Tu stai andando da un mago? E credi che quel mago potrebbe procurarmi un cervello?

D: Non saprei.. Ma anche se non potesse tu non staresti certo peggio di così.

S: Anche questo è vero..

D: E’ meglio che tu non venga, c’è una strega che è arrabbiata con me e potresti avere dei guai..

S: Una strega? Io non ho paura delle streghe, non ho paura di niente.. solo dei fiammiferi, ma ne affronterei una scatola intera se solo potessi avere un cervello! Senti, io non ti sarò di peso perché non mangio niente, e non combinerò guai perché non posso pensare a niente, posso venire con te?

D: Ma certo, con piacere!

S: Urra! Allora partiamo subito! (cade)

D: Questa non è una buona partenza!                

S: Oh, ma mi comporterò bene, te lo assicuro!

15) - BALLETTO – SENTIERO DORATO – DOROTHY+SPAVENTAPASSERI

16) D: Ma questo è un uomo! Guarda, un uomo di latta!

S: Cosa?

U: Olio, olio…

D: Ha detto olio, presto! Ecco, un po’ qui…Ti ho fatto male?

U: E’ meraviglioso! E’ tanto di quel tempo che ho in mano quest’ascia!

S: Ma come hai fatto a ridurti così?

U: Circa un anno fa ero qui a spaccare la legna, quando all’improvviso si è messo a piovere, ed è piovuto moltissimo, così mi sono tutto arrugginito e da allora sono rimasto bloccato.

D: Ora sei tornato perfetto!

U: Perfetto? Battimi sul petto e vedrai se sono perfetto! Forza, prova a bussare!

S: Che gran bell’eco!

U: Tutto vuoto! Lo stagnino si è dimenticato di farmi il cuore!

D e S: Niente cuore?

U: Niente cuore! E invece se avessi il cuore…

17) - BALLETTO UOMO DI LATTA – M2

18) S: Ascolta, noi volevamo proporti di andare tutti insieme alla città di Smeraldo per chiedere al mago di Oz di darti un cuore.

U: Siete molto gentili, ma se il mago non volesse darmi il cuore?

D: Oh no, te lo darà senz’altro! Deve aiutarti, abbiamo già fatto tanta strada...

O: Sei già stanca Dorothy? Hai ancora molta strada davanti a te! E voi, ridicoli fantocci, non avrete per caso intenzione di aiutarla! Dovrete vedervela con me! Con il tuo corpo imbottirò un materasso! E tu verrai trasformato in una padella! (esce)

S: Non ho paura di lei, io! Ti porterò sana e salva dal mago, mi procuri un cervello o no! Imbottire con e un materasso!

U: Ti accompagnerò io dal mago, che mi dia un cuore o non me lo dia! Trasformare me in una padella! Che soltanto ci provi!

D: Siete gli amici migliori che si possano desiderare! Andiamo!

19)BALLETTO SENTIERO DORATO–DOROTHY+LATTA+SPAVENTAPAS.

20) D: Non mi piace questa foresta…

S: Tu credi che incontreremo anche animali feroci?
U: Sì è possibile..

S: Animali che mangiano paglia?

U: Può darsi, ma soprattutto leoni, tigri e pantere.

(entra con un balzo il leone)..visto?!

L: Fatevi sotto, fatevi sotto! Avanti, chi si batte per primo? Posso picchiarvi con una zampa legata dietro, posso picchiarvi stando su un piede solo! Posso picchiarvi anche ad occhi chiusi! Vuoi colpirmi alle spalle? Provaci!

U: Ti prego, non farci del male…

L: Hai paura eh, ti sei messo in scatola per restare al fresco? Fatti sotto, rottame cigolante, barattolo arrugginito! Coraggio! E tu non credere di spaventarmi, sacco di paglia!

S: Hey, bada a come parli, leone!

U: Sì, dagli una bella lezione!

S: Ma io credevo che volessi dargliela tu…

U: Io lo conosco a malapena!

L: Adesso vi divoro in un boccone!

D: Vergognati! (gli da una sberla)

L: Perché mi hai picchiato,  non vi ho dato nemmeno un morso….

D: No ma  stavi per farlo!Già è una cosa brutta prendersela con un uomo di paglia ma aggredire un povero uomo di latta!

L: Ma io non volevo farvi niente…

S: Quante storie che fai grande e grosso come sei!

U: Del resto se te la prendi con degli esseri più piccole di te vuol dire che sei un codardo!

L: Io? Sì, sono un codardo! Non ho un briciolo di coraggio, ho paura pure di me stesso…guarda le borse che ho sotto gli occhi, sono settimane che non dormo!

U: Perché non provi a contare le pecore?

L: Ci ho provato ma è inutile, ho paura anche di loro!

S: Poverino, mi dispiace!

L: Sì, anche a me…io vorrei essere come quei leoni coraggiosi, fieri, sexy…come questi!!

21) - BALLETTO LEONE – M3

22) S: Perbacco, questi sì che sono leoni!

U: (a Dorothy) Non credi che il mago potrebbe aiutare anche lui?

D: Non saprei, forse.. (entra Glenda)

G: Non vedo perché no! Il grande mago di Oz non ha limiti! (entra la strega)

O: Lo dite voi, piccole pulci fastidiose! E poi la strada è ancora lunga… e potreste trovare mille pericoli!!!

L: Dice davvero?

U: Non ti preoccupare, è solo una vecchia strega isterica!

S: Parla tanto per dare aria alla sua boccaccia puzzolente!

L: Ma poi chi sarebbe questo mago?

23) - BALLETTO MAGO DI OZ – MUSICAL (chiusura sipario, cambio scena) FINE PRIMO TEMPO

SECONDO TEMPO

(in proscenio la strega dell’Ovest)

24) O: Io li avevo messi in guardia, ma loro non mi hanno voluta ascoltare! Tanto peggio per loro! E’ giunta la loro ora!

Quando avrò quelle scarpette rosse diventerò più potente di chiunque altro! E ora gli regalerò qualcosa che contenga del veleno ma che sia bello a vedersi e che abbia un dolce profumo..papaveri…papaveri..Li faranno addormentare e dormiranno un sonno profondamente eterno…. (sipario – città di Smeraldo)

U: Guardate, la città di Smeraldo!

L: Siamo quasi arrivati finalmente!

S: Evviva!

D: E’ meravigliosa, non è vero?

U: E’ proprio come me la immaginavo.

L: Deve essere proprio un mago fantastico per vivere in una città così bella!

S: Andiamo, cosa stiamo aspettando?

D: Sì, andiamo!

U: Di corsa!

25) - BALLETTO INCANTESIMO – C1

26) L: Ma che succede?

D: Ho tanto sonno..

S: Coraggio Dorothy, ti portiamo noi.

D: Vorrei riposare un pochino...

S: Non vorrai dormire adesso, siamo quasi arrivati

L: A pensarci bene un bel pisolino è proprio quello che ci vuole…

U: Hai proprio ragione…

S: Oh no, deve essere un incantesimo! Aiuto! Strega del Nord! Glenda! (si addormenta)

G: Chi mi ha chiamata? Guarda tu che pasticcio! Qui deve esserci lo zampino di quella brutta strega! Ma Glenda ha sempre una soluzione per tutto… qui ci vuole… ma certo, i fiori perdono il loro profumo con il freddo, quindi non mi resta che chiamare le mie ancelle del ghiaccio!

27) - BALLETTO – GHIACCIO – M3 (entra finestra)

28) (si svegliano e si stiracchiano)

L: Ora possiamo andare

D: Guardate, la città di Smeraldo è più bella che mai!                                 

S: Hai proprio ragione!

U: Proviamo a chiedere lì..

(si avvicinano alla porta e suonano)

T: Chi ha suonato il campanello?

Tutti: Siamo stati noi.

T: Non sapete leggere?

U: Leggere cosa?

T: Il cartello!

L: Quale cartello?

T: Quello appeso sulla porta! E’ ben visibile come il mio naso sulla mia faccia, è grande così…oh… (appende il cartello e chiude)

Tutti: (leggono) “Il campanello è guasto, si prega di bussare” (bussano)

T: Bravi, ci siamo capiti finalmente! Adesso ditemi che cosa volete!

D: Vogliamo vedere il mago di Oz.

T: Il mago? A nessuno è concesso di vedere il mago di Oz, nessuno può vedere il mago di Oz e lui non vuole vedere nessuno per nessun motivo! Io stesso non l’ho mai visto in vita mia!

U: Allora come fa a sapere che esiste davvero?

T : Perché lui è, io sono, insomma mi state facendo perdere tempo!

L: Per favore signore!

S: Noi dobbiamo vedere il mago.

D: Ci ha mandati la buona strega del Nord.

T: Ah sì? Provatelo!

S: Non vede che Dorothy porta le scarpette rosse che le ha dato la strega?

T: Ma allora è vero, perdindirindina! Perché non me lo avete detto subito? Mi avete rintronato con le vostre chiacchiere!

D: Allora possiamo vedere il mago?

T: Sì, cioè no, o meglio sì ma non potete certo presentarvi al mago conciati così!

U: In effetti siamo in viaggio da molto tempo e…

T: Avete bisogno di una bella sistemata! Venite con me!

29) - BALLETTO – BEAUTY – M1+D+L+S+U

30) T: Bene, ora sì che posso annunciarvi al mago!

S: Avete sentito amici? Va ad annunciarci al mago! Mi sento già il cervello in testa!

U: Io sento già il cuore che mi batte!

D: Io sarò a casa all’ora di pranzo!

L: Ancora un’oretta e io sarò il re della foresta! Lunga vita al re!

31) - BALLETTO – RE GIUNGLA – GA2+LEONE(tolgono finestra)

32) T: Via! Andatevene via! Il mago ha detto che dovete andare via!

U: Ci caccia via?

L: Poveri noi, abbiamo fatto tanta strada per niente!

D: E io che ero così contenta! Credevo di poter tornare a casa!

S: Su, su, non piangere. Vedrai che faremo di tutto per farti incontrare il mago!

U: E ci riusciremo!

D: Zia Emma è stata sempre molto buona, e io non ho saputo ricambiarla! Sono scappata e l’ho fatta soffrire! Il professor Meraviglia ha detto che è malata, e forse sta morendo.. ed è solo mia la colpa, non potrò mai perdonarmelo….

L: Non piangere, convinceremo noi il mago a riceverti

S: Anch’io una volta avevo una zia Emma!

O: Ah! Alla fine ce l’avete fatta ad arrivare fino a qui! Ma ora dovrete vedervela con il mio esercito!

A meno che tu non mi ridia le scarpette rosse!

D: Ma la buona strega del Nord mi ha detto di non toglierle per nessun motivo…

U: Non dargliele Dorothy!

S: Non farlo!

L: E lei se ne vada, brutta strega, altrimenti la divoro in un boccone, solo una cosa vi devo chiedere..

U e S: Cosa?

L: Impeditemi di farlo!

O: L’avete voluto voi!

L: Scappiamo!

33) - BALLETTO ESERCITO – HIP-HOP

34) O: E il bello viene adesso! La mia festicciola sta per incominciare! Circondateli! Ora ti faccio vedere come sistemo i tuoi compagni mia cara.. hey spaventapasseri, vuoi giocar col fuoco?

(D. lancia dell’acqua sul fuoco)

O: Maledetta, l’acqua mi uccide, mi sciolgo, mi liquefo, non immaginavo che la bontà di una bambina avrebbe potuto distruggere la mia stupenda cattiveria..aiuto...

T: La strega è morta. Tu l’hai uccisa..

D: Io non volevo ucciderla, lo giuro, non volevo, volevo solo spegnere il fuoco..

T: Evviva Dorothy! La strega cattiva è morta!

Tutti: Evviva Dorothy!

T: Ora sì che il grande mago avrà un buon motivo per ricevervi! Aspettate qui..

L: Ho pensato che forse non ci tengo poi così tanto a vedere il mago, credo che vi aspetterò di là…

S: Che ti prende ora?

U: Hai di nuovo una gran fifa eh?

D: Pensa che il mago ti darà il coraggio!

L: Lo so, lo so, ma ho troppa paura di chiederglielo!

D: Allora glielo chiederemo noi per te!

L: Qualcuno mi ha tirato la coda!

S: Te la sei tirata da solo!

M: (voce fuori campo) Venite avanti!Vanite avanti!Io sono Oz, il grande e potente mago! Chi siete voi? Chi siete voi?

D: Io sono Dorothy, sono solo una bambina, noi siamo venuti a chiederle...

M: Silenzio! Il grande e potente Oz sa perché siete qui! Un passo avanti, boscaiolo di latta. Come osi venire da me per chiedere un cuore? Tu ridicolo ammasso di secchi, secchielli e scodelle sfondate!

U: Vede signore, io tempo fa ho incontrato Dorothy sul lungo sentiero dorato, e..

M: Silenzio! E tu, spaventapasseri, come osi venire qui per chiedermi un cervello? Tu stupido pupazzo imbottito di paglia puzzolente!

S: Sì vostro onore, cioè no, vostra magia.

M: Allontanati! E tu, perché non parli?

L: (sviene)

D: Lei dovrebbe vergognarsi, caro signor mago! Spaventare così un povero leone che è venuto a chiederle aiuto!

M: Come ti permetti, piccola impertinente!

U: Ma grande mago, abbiamo fatto tanta strada fra mille pericoli per venire fino a qui ed esaudire i nostri desideri..

S: Abbiamo dimostrato coraggio, intelligenza, amore..

L: ..e inoltre Dorothy ha ucciso le perfide streghe dell’Est e dell’Ovest!

M: Beh, se le cose stanno così… ebbene, il benefico Oz ha deciso di esaudire le vostre richieste!(entra)

D: E lei chi è?

M: Come chi sono! Io sono il grande e potente mago di OZ!

U: Sul serio?

S: Tutto qui?

L: Non posso crederci!

M: E invece è la verità, qui non esiste altro mago oltre a me!

S: Brutto imbroglione!

M: Ma io sono davvero un mago!

35) - NUMERO MAGIA MAGICUS

36) M:Beh, in effetti sono un pessimo mago…

S:Avevi promesso di dare un cuore al boscaiolo di latta e di dare il coraggio al leone codardo!

M: Beh, in fondo tutti possono avere un cervello, tutti ce l’hanno, una sola cosa ti manca, un diploma! Così ti conferisco la laurea ad honorem in “D.P.”

S: In D.P. che?

M: Dottore in pensierologia!

S: La somma dei quadrati costruiti sui cateti di un  triangolo rettangolo è uguale al quadrato costruito sull’ipotenusa! Come è possibile? Ho il cervello!

M: E tu, leone, tu sei convinto di essere un codardo solo perché cerchi di evitare i pericoli, ma tu confondi il coraggio con la saggezza, una sola cosa ti manca.. una medaglia!

L: Una medaglia…

M:Dunque per straordinario valore io ti decoro con la medaglia del coraggio!

L: Oh, sono senza parole…

M: E ora veniamo a te, mio luccicante amico, io sono convinto che tu abbia già un cuore, la sola cosa che ti manca è un riconoscimento.. e dunque ti dono questo ciondolo come simbolo della tua grande bontà, e ricorda, un cuore non si giudica solo da quanto tu ami, ma da quanto tu riesci a farti amare dagli altri!

U: Grazie, grazie mille!

S: Ora deve aiutare Dorothy!

M: Ma io non posso fare nulla per te!

U: Ma come? (entra Glenda)

G: E’ vero, tu non hai bisogno dell’aiuto di nessuno, hai sempre avuto il potere di tornare a casa..

L: Ma perché non glielo hai detto subito?

G: Perché non mi avrebbe creduta. Doveva capirlo da sola..

S: Che cosa hai capito Dorothy?

D: Beh, in effetti ora so che se deciderò ancora di andare in cerca della felicità non dovrò cercarla oltre i confini del mio giardino, perché se non la trovo la, non la troverò mai da nessun altra parte…è così, vero?

G: Sì, è così!

U: Era talmente semplice..

S: Avrei dovuto pensarlo io per te..

L: E io sentirlo nel mio cuore..

G: Batti i tacchi delle tue scarpette tre volte e ti porteranno a casa in un attimo.

D: E’ troppo bello per essere vero! Ma sarà triste e difficile dirvi addio, vi voglio tanto bene, amici! Addio, boscaiolo di latta, non piangere o finirai con l’arrugginirti di nuovo..

U: Ora sono sicuro di avere un cuore, perché mi si sta spezzando..

D: Addio leone, mi mancherà il tuo modo di strillare per chiedere aiuto prima che trovassi il coraggio!

L: Non lo avrei mai trovato se non fosse stato per te..

D: Tu mi mancherai più di tutti..

S: Anche tu, bambina mia!

D: Addio, mi mancherete tutti, tutti! (batte i tacchi)

37) - BALLETTO – TUTTI I GRUPPI

38) (si chiude il sipario – Dorothy si riaddormenta – entrano in proscenio Emma e Miss Gulch)

E: Dorothy, eccoti qui… tesoro, svegliati,..

D: Oh zia Emma, sei tu?!

E: Sì sono io!

D: E stai bene?

E: Certo, sei tu che sei svenuta!

D: Ma cos’è successo?

E: E’ arrivato l’uragano, non ti trovavamo più e…pensavamo che non ti avremmo più rivista!

M: Già, ci hai fatto prendere un tale spavento!

P: Salve, sono venuto a chiedere notizie, le bambine devono essersi trovate in un brutto temporale.

E: Titta è corsa subito a casa, ma Dorothy si era persa e…

M: Per fortuna era solo svenuta ma pare che si stia rimettendo.

P: Questo tempaccio non ci voleva proprio, ha spazzato via case e animali, è un vero miracolo che non ci siano feriti..

M: Già, anche le mie galline sono volate via, ma l’importante è aver ritrovato Dorothy, tutto sommato la mia vita sarebbe troppo monotona se non ci fossero le sue nipotine a farmi disperare!!

P: Beh, tutti i bambini sono speciali, anche se a volte sono un po’ monelli!! Chissà com’era Miss Gulch da piccola!

M: Beh, forse ha ragione, comunque l’importante è essere di nuovo tutti insieme!

E: E a quanto pare Dorothy non era poi così lontana..

D: Oh no, io ero lontanissima! Mi sono ritrovata nel mondo di Oz e ho cercato invano per giorni e giorni di tornare a casa…

M: La sentite? Poi sono io che mi invento storie?!

E: Deve aver sbattuto la testa!.. cerca di restare calma..

P: Avrai fatto solo un brutto sogno..

D: No, era tutto vero! Ho trovato degli amici fantastici, c’era il leone, e l’uomo di latta, e il dolce spaventapasseri, e poi c’era Glenda, la strega buona ma anche quella perfida dell’Ovest, e c’era il guardiano, e poi c’era il grande mago di Oz! Era tutto meraviglioso, davvero, ma io volevo tornare a casa, perché mi siete mancati moltissimo e vi voglio tanto bene e poi…nessun posto è bello come casa mia, perchè è proprio qui, e da nessun altra parte, che brilla forte forte l’arcobaleno! (apertura sipario)

39) SALUTI - ringraziamenti

(chiusura sipario)

    Questo copione è stato visto
  • 3 volte nelle ultime 48 ore
  • 6 volte nell' ultima settimana
  • 24 volte nell' ultimo mese
  • 268 volte nell' arco di un'anno