Il malato straordinario

Stampa questo copione

Il Malato Straordinario

Il Malato Straordinario

di

Salvatore Macri

Autore Posizione SIAE 184727 - Codice Opera SIAE 904625A

mail: macrisa@libero.it - anno 2012

Personaggi:       

·Teresa di Castropignano sul Biferno                D

·Ernesto Vitiello, cerusico                      U

·Commendatore Michele Laudadio, medico                U                                                                                                                                               

·Caracciolo, cerimoniere di Corte                       U

·Virginia di Campolongo de’ Galbùli  D

·Carolina d’Asburgo   D

·Ferdinando IV di Borbone                   U

·Astrid di Baviera        D

·Gregorio di Montegioioso, cerusico                                U

· 

Comparse:

·n. 2 Nobildonne in costume

Scena:               Stanza con pareti decorate stile fine ‘700, piccolo tavolo con due sedie a braccioli, un altro eventuale tavolo e alcune sedie dall’altro, mobile a vetri stile Chippendale dietro il piccolo tavolo.

Nota:                 Pratiche mediche e ricettari desunti dal “Regimen Sanitatis” della Scuola Salernitana del tardo Duecento.

 



Atto primo, scena prima: Caracciolo, Michele, Ernesto

Caracciolo                        (entra e poi si volge verso le quinte) Potete trasire, accomodatevi… ma… m’arraccumanno, parlate chiano, sta durmenne!

Michele                            (entra, portando per una mano Ernesto) Vieni, simmo arrivati… posa ‘a borza e mò te puo’ leva’ ‘o cappiello!

Ernesto                            (depone a terra la sua capiente borsa e si toglie l’ampio sudovest che gli copriva anche gli occhi) Finalmente! Ma tutta ‘sta segretezza… me pare esagerata!

Caracciolo                        Prego assettateve… e scusatemi, vaco a vedere se si ‘o paziente s’è scetato… (uscendo gesticola esprimendo disperazione)

Ernesto                            Maestro, adesso posso sapere che sta succedendo?

Michele                            Non hai capito addò stai? Che hai visto, entrando?

Ernesto                            Chelle scale nun finivano cchiu’! I pavimenti li ho visti… belli, ma solo quelli!

Michele                            Siamo in una sala d’ ‘a Reggia… e ‘o paziente è ‘o Re!

Ernesto                            Ah! E perché non dovevo vedere?

Michele                            Il Re è fissato con i Giacobini… i rivoluzionari… e si nun te conosce prima buono, nun vo’ che sai qual è questa sala! Fa parte del suo appartamento privato, chiaramente nun vo’ che uno che nun se cunosce possa trasire qui di nascosto e…

Ernesto                            Beh, speriamo che le so’ simpatico… ma che malattia tene?

Michele                            La sua vera malattia è la vecchiaia… “senectus ipsa est morbus”!

Ernesto                            Mio dotto maestro… ma io non conosco bene il latino…

Michele                            Sienteme, guaglio’… se vuo’ cura’ ‘o Re… è meglio che t' ‘o ripassi! Chello che t’aggio ditto, significa che ‘a vecchiaia è carogna! Chillo nun tene quasi niente, calcoletti, infezioni urinarie, ‘o poco ‘e stitichezza, niente ‘e difficile… ma si nun sente parlare latino, ‘e cure nun s’è fa!

Ernesto                            Va bene… ma… voi siete un dotto, un maestro… come mai non è guarito ancora?

Michele                            Ohé, io so’ medico, nun faccio miracoli! E poi, se potessi guarirlo del tutto, doppo che faccio? Si fossimo capaci ‘e sana’ a tutti quanti… fosse bello, ma po’ jessimo cercanne ‘a lemmosina! E pure tu ‘e fa’ ‘a stessa cosa!

Ernesto                            Quindi dobbiamo alleviargli solo le sofferenze, curare le cose più gravi…

Michele                            No, nun ‘e capito niente, comm’ ‘o solito!  Io ci metto tutta la mia scienza… ma chillo sta ‘nguaiato! Nun s’è mai curato, nun se controlla, è vicchiariello, mò esce ‘na cosa e mò ne esce n’ata… è comme ‘na carrozza usata, perde piezzi p ‘ a via… nun se finisce mai!

Ernesto                            Ah, va bene… naturalmente sono onorato della preferenza che mi avete fatto, nello scegliere me!

Michele                            Forse tu nun ‘e capito ‘na cosa… eri l’unico disponibile! Il medico del Re deve stare qua giorno e notte, e tu sei l’unico dei miei allievi che ‘o po’ fa’! ‘O Re non vuole che un estraneo trase e jesce dalla Reggia… mò si’ trasuto? E ccà rimmani!

Ernesto                            Ma io questo… Maronna! Giorno e notte? Pe’ sempe? E che ci faccio?

Michele                            ‘O visiti tre volte al giorno, le fai i medicamenti e c’ ‘e fai piglia’ a ore precise, poi fai i salassi, gli prepari i clisteri e c’ ‘e fai, controlli le urine e le feci… e aggiorni ‘a terapia! Po’ pienzi pure ‘a Regina… ‘e Dame ‘e Corte, i Cavalieri, tutti gli altri nobili, pure chilli che vengono in visita, Ambasciatori, Cardinali, Generali e Consoli… po’ ce stanno i surdati, i famigli, i contadini che ogni tanto se rompono cocche cusarella, se tagliano, a chi le nasce ‘nu figlio… e quanti guagliuni che se fanno male! E tu m’addimanni che fai? Io nun ce la faccio cchiu’, tengo pure ‘e lezioni ‘a Scola Salernitana… ‘a sulo è impossibile!

Ernesto                            Ah… ‘e dame ‘e Corte nun ci avevo pensato… allora… si ce sta ‘na festa…

Michele                            Tu devi partecipare! Ce sta ‘o torneo d’ ‘e Cavalieri? E tu ci vai! Ce sta ‘o ballo a Corte? C’ ’e sta’! Vene n’Ambasciatore? T’ ‘e fa’ vede’! ‘E dame fanno ‘na partita a volano? Te le farai tutte quante… (guardando l’espressione di Ernesto) le feste, dico! Capiscimi buono! Te ricordi ‘o giuramento d’Ippocrate?

Ernesto                            E comme no? Me lo sono imparato pure in latino! Sentite, maestro… (si schiarisce la voce e declama)  “Est medicinali medici data regula talis, ut dicatur: ‹‹Da, da!›› dum profert languidus ‹‹Ha, ha››!”

Michele                            Giesu’, cheste so’ cos’ ‘e pazzi! Non è il giuramento d’Ippocrate, questo! ‘O sai che significa?

Ernesto                            Ma comme, ci hanno detto che questa era la regola principale, ‘a cchiu’ importante!

Michele                            Guaglio’, tu nun sai niente! Chello che hai detto significa: “Fatte pagare quanne ‘o malato se lamenta, se no, pierdi ‘e sorde!”

Ernesto                            Uh… overamente?

Michele                            Lasciamo perdere… comunque tu non devi fare lo scemo con le dame di Corte! Oh! E statte accorto ‘a Regina… chella è… tedesca!

Ernesto                            Da quello che aggio capito… ce sta ‘nu sacco ‘e fatica ‘a fa’! Ma… ‘o Re pava buono?

Michele                            E secondo te, ‘nu Re come te pava? Sì vede che le tue cure so’ bone, è capace che te nomina pure Conte o Barone! A me ha dato ‘na Commenda!

Ernesto                            Allora va buono… quanno ancuminciammo, maestro?

Caracciolo                        (entra di premura) Signori medici… il Re si è destato… oh, scusate, ho parlato ancora in dialetto fiorentino… ‘o Re s’è scetato, e sta facenne ‘a pipì!

Michele                            Jammucenne, Ernesto, bisogna controllare… accussì te presento ‘o Re… e ricuordate: quanne te vuo' fa capi', parla ‘a lingua d’ ‘o Regno, quanne adda fa’ chello che dici tu, parla latino!

Ernesto                            Ma se non capisce ‘o latino… come fa a ricordarsi, a prendere le medicine…

Michele                            E tu che ce stai a fa’? A isso ce ‘o dici in latino, ma ‘e cure… c’ ‘e fai tu! Jammuncenne… Cerimoniere… facitece trasi’!

Caracciolo                        (si inchina ed esce) Vi precedo, signori mierici… venite appriesso a me!


Atto primo, scena seconda: Caracciolo, Teresa

Teresa                              (entra di premura) Caracciolo! Marchesa d’Angelo! Conte Minutolo! Ammiraglio! Ma dove siete andati tutti?

Caracciolo                        (entra da destra) Contessa… io sono qui, scusate, aggio accompagnato i mierici da sua Maestà!

Teresa                              Ah, vero, ci sta ‘o cerusico nuovo… io non l’aggio incontrato ancora… e voi… che l’avite visto… comm’è?

Caracciolo                        Sapite comme se dice, Contessa… “Cerusico giovane e miedico attempato, chi se li piglia, è proprio furtunato”!

Teresa                              Allora… (aggiustandosi i capelli e facendo moine) è proprio ‘nu giovanotto?

Caracciolo                        Sì… ma isso ha fatto ‘o giuramento d’Ippocrate…

Teresa                              Ah… e che me ne ‘mporta se è ipocrite? (sospiro) Tanto… me diceno tutti quanti che me vonno bene! Uno ‘e cchiu’, uno ‘e meno… abbasta che tene denari! Ccà, ‘a quanne ‘o Re sta poco buono, nun se vede cchiu’ manco ‘nu ducato! E poi io mi devo accasare…

Caracciolo                        Chillo mò ha abbiato… datele almeno ‘nu poco ‘e tiempo!

Teresa                              (andandogli vicino, con aria complice) Caracciolo, diciteme ‘na cosa… ma è overamente ‘nu bravo cerusico? Sapite… io me vulesse fa’ cura’ chillo dito d’ ‘o pere… ce sta ‘na macchia nera ‘ncoppa e chell’ogna che s’è fatta scura! Nun me piace!

Caracciolo                        Contessa, e che ve ne ‘mporta? Mettitece ‘ncoppa ‘a cipria… ‘a solita tintura rossa … e tirate a campa’!

Teresa                              Nun va bona! Chella tintura… va pe’ tutte parti, pare che tengo ‘o pere chino ‘e sangue! E po’, nun se leva d’ ‘a pelle, ce vo’ ‘nu mese sano sano!

Caracciolo                        Contessa… ‘o sapimmo che lavarsi  fa male… ma ‘ate pruvato cu’ l’acqua e lisciva, pe’ leva’ ‘a tintura addo’ nun serve? Chella leva tutte cose, ‘a copp’ ‘e lenzola…

Teresa                              Nun voglia mai Iddio! State pazzianne? L’acqua e ‘a lisciva… ‘ncoppa a pelle mia, accussì delicata? Basta che tocco duie minuti sulamente l’acqua senza niente… se fa tutt’ ‘a pelle arrepecchiata e rugosa, comme chella ‘e ‘na vecchia! A vuie nun ve fa ‘a stessa cosa?

Caracciolo                        E comme, no? A me leva tutta chella bella cipria che tengo pe’ cuollo… specie ‘ncopp‘ ‘e pieri…  se vereno pure cierti macchie nere ‘a sotto… che schifezza! (rabbrividisce)

Teresa                              E allora ‘o vedite, che ce vo’ ‘o cerusico? Ma che dicite… è bravo?

Caracciolo                        Mò vedimmo… si ‘o Re nun le jetta ‘o vasino ‘nfaccia, comme ‘a fatto cu’ l’ati… è già ‘na cosa!

Teresa                              L’ultimo che è venuto s’ammeritava proprio! Ma dico io, comme l’he venuto ‘e dicere che senteva ‘a puzza… dint’ ‘a stanza d’ ‘o Re?

Caracciolo                        E chillo era d’ ‘a Trinacria… là stanno sempe dint’ ‘o mare, per via che ce fa cavuro… l’acqua nun le fa niente, a chella gente! Teneno ‘a pelle… diversa, è n’ata razza! Contessa… ‘o sapite che nun se mettono manco ‘o profumo? Ma proprio niente… l’abbasta l’acqua!

Teresa                              Che incivili! Ma comme se po’ fa’… ah! Chisto ‘a rò vene?

Caracciolo                        Saccio che è nato a Teramo… a doje leghe d’ ‘o confine… ‘a sturiato retorica e scolastica pe’ due anni nun me ricordo addò chi, e po’ ha fatto pure tutto ‘o corso ‘e medicina all’Università, addo’ sta ‘o Commendatore… n’anno sano sano a sturia’!

Teresa                              Allora stammo a posto! Adda essere ‘nu puzzo ‘e scienza!


Atto primo, scena terza: Caracciolo, Teresa, Ernesto, Michele, Virginia

(entrano prima Ernesto e poi Michele)

Ernesto                            (entra timidamente) Buongiorno… Cerimoniere… chi è questa dama?

Caracciolo                        (con voce stentorea) Contessa Teresa di Castropignano, il cerusico Ernesto Vitiello!

Ernesto                            Molto lieto di conoscervi, Contessa! (si inchina)

Teresa                              (accenna un breve cenno della testa) Così voi site ‘o cerusico nuovo… comme avete trovato nostra Maestà?

Ernesto                            Grazie alle cure del mio maestro, ho visto che la sua salute riprende!

Michele                            (entra) Oh, Contessa, buon giorno! Oggi… come state?

Teresa                              Io sto bene quando sta buono pure ‘o Re! Il cerusico, qui me steva dicenne che ‘o Re sta migliorando… quann’è che se sose n’ata vota? Verite ‘e ce da’ ‘na bella cura… nuie nun putimmo sta’ senza isso!

Michele                            Adesso ci consultiamo… e vedimmo che s’adda fa’! Caracciolo… (indicando il tavolino, totalmente sgombro) coccheduno ‘a miso n’ata vota ‘e manelle ccà ‘ncoppa! Purtateci carta e penna!

Caracciolo                        Ah, è stata ‘a cammarera… chella ce leva ‘a povere troppo spisso… ogni mese se fa tutt’ ‘a stanza! Aspettate ‘nu momento! (esce)

Michele                            Contessa Teresa… vuie nun ve scucciate ‘e senti’ chello che dicimmo?

Teresa                              Ah, nun ve preoccupate, Commendatore! Tanto io nun ce capisco niente… m’interessa sulo sape’ quanne se sose ‘o Re… stammo tutti preoccupati!

Virginia                             (entra, si pone in attesa, squadrando Teresa) Buon giorno, Commendatore Laudadio… Contessa Teresa… e voi… giovanotto… chi site? Addò sta ‘o cerimoniere di Corte? Nisciuno che mi presenti?

Teresa                              Contessa Virginia… (la affronta) che ve pensate, me ne songo accorta cha ‘ate salutato primma ‘o Commendatore e doppo a me! ‘Ate voglia ‘e ce pruva’, vuie non l’ate mai vinta cu’ me… nun ve ce mettite n’ata vota!

Virginia                             (sventagliandosi, con fare ipocrita) Uh, scusate… me songo distratta! Ma chi è chisto giovanotto?

Ernesto                            Sono Ernesto Vitiello, il nuovo cerusico di sua Maestà! (inchino) Per servirvi…

Teresa                              (strillando) Manco p’ ‘a capa! Nun ve permettite proprio! Vui ‘ata servi’ primma a me! Ccà ce stevo primma io… e poi ‘a Contea mia è cchiu’ grossa ‘e chella… ‘e certa gente!

Ernesto                            Non voglio fare torti a nessuno, mia Contessa… sono sicuro che riuscirò a servire, dopo sua Maestà, tutte le gentili dame che vorranno affidarsi alla mia scienza!

Teresa                              Eh? Ma pecchè parlate toscano? Chi ve capisce?

Michele                            Permettete, mie signore… ‘o cerusico ha sulamente ditto che, doppo ‘o Re, ce state tutte vuie… e che ve po’ da’ aurienza! Erne’… nun te scurda’ che stammo a Corte, ‘e parla’ ‘a lingua ufficiale… si nun ce sta ‘a Regina! Chella nun ‘a capisce ancora!

Ernesto                            Va buono, Maestro… (inchinandosi alle dame) ‘A scienza mia è a disposizione vosta!

Virginia                             Ah, meno male! Io tengo ‘na ‘mbolla sotto la scella che si deve schiattare! Me da fastirio!

Teresa                              E io tengo ‘o ditone d’ ‘o pere che sta facenne l’ogna nera e ce sta ‘na macchia vicino!

Michele                            Nobilissime dame, però nuie amma penza’ primma ‘o Re! Facitece fa’ ‘nu consulto, po’ ‘o cerusico vene addò vuie!

Teresa                              Primma addò me! (urla) Caracciolo!

Caracciolo                        (entra, con carta, calamaio e penna d’oca che deporrà sul tavolino) Eccomi, Contessa… v’aggio sentito!

Teresa                              Appena fernisce ‘o consulto, purtateme ‘o cerusico!

Virginia                             E pecchè non primma addò me? ‘A ‘mbolla me da fastidio assai!

Caracciolo                        Ma ce stanno duie mierici, ccà…

Virginia                             ‘O cummendatore nun ce vere buono! Voglio uno giovane!

Teresa                              E pure io nun ‘o voglio fa acala’, chillo è vicchiariello… c’essa rimmane’?

Michele                            Grazie pe’ l’augurio, Cuntessa!

Ernesto                            Scusate, gentili dame… io me faccio purta’ primma a chi ‘e vuie sta chiu’ vicina, e po’ vaco addò l’ata… nun facimmo preferenze! E nun ve preoccupate… l’arte mia nun se perde pe’ strada!

Teresa                              V’aspetto! (esce a sinistra dopo un inchino appena accennato)

Virginia                             V’aspetto pur’io… Caracciolo… ‘e stanze mie stanno cchiu’ vicine ‘e l’ate… (gli punta il ventaglio sotto la gola) o ve fossive scurdato?

Caracciolo                        (arretrando) Ma no, Contessa… sarete voi la prima! Lo giuro! E… levate ‘sto ventaglio… stateve accorta… chisto è ‘o ventaglio…

Virginia                             Ci conto! (esce a sinistra dopo un inchino appena accennato)

Michele                            ‘A cuntessa ‘a pigliato n’ata vota ‘o ventaglio animato?

Caracciolo                        (massaggiandosi il collo) Gnorsì, Commendatore… ma oggi sta cuntenta, ha pigliato sulo chillo cu’ l’ago a molla… pogne sulamente… si nun ce mette ‘o veleno ‘ncoppa!

Ernesto                            Maronna… ma songo tutte accussì… toste?

Michele                            E chesto è niente… m’ ‘o dici quanne incontri ‘a Rigina… ma ce fai ‘o callo pure tu, nun te preoccupa’!

Caracciolo                        Si è pe’ chesto, io tengo ‘e pieri chini ‘e calli!

Michele                            Ernesto, assettammoce, scrivimmo ‘a terapia! (si siede)

Ernesto                            (si siede e prende la penna) Dite, sommo maestro!

Caracciolo                        Permettete, se non avete bisogno di me, io vaco a cuntrulla’ ‘a llà… si ‘o Re s’addorme n’ata vota, stanotte nuie guardammo ‘e stelle! (inchino ed esce a destra)


Atto primo, scena quarta: Michele, Ernesto

Michele                            Allora, t’arricuordi ‘a pipì che ‘a fatto ‘o Re?

Ernesto                            Torbida assai e cu’ filamenti e sedimenti… ce vulesse ‘nu depurativo…

Michele                            Finalmente ‘na cosa l’he capita! Guagliò… ‘a vera arte medica ‘o sai addò sta?

Ernesto                            ‘N capo a vui, maestro!

Michele                            Manco p’ ‘a capa! Chisto è ‘o segreto nuosto… (si gira intorno) nun l’adda sapè nisciuno, si no se mettono a fa’ ‘e miedici tutti quanti… arricuordate chesto… ‘e mericine, i galenici… nun servono a niente! ‘A gente se cura ch’ ‘e salassi e c’ ‘o mangia’! ‘Nu munzu’ viecchio che sape ‘o fatto suoio, si se ‘mpara ‘e fa’ pure ‘e salassi e mettere ‘e sanguette… è meglio è ‘nu mierico!

Ernesto                            Voi che dicite, maestro?

Michele                            Dico che t’ è ‘mpara’ a parla’ c’ ‘o cuoco Reale… pe’ cura’ ‘o Re! Ma senza che isso se ne accorge che le sta facenne ‘a medicina! Tu dai sulo l’ordini… nun adda sape’ né comme né quanne… m’ è capito buono?

Ernesto                            Ah… aggio capito! Allora… che l’essa dicere ‘o cuoco, pe’ fa’ depura’ ‘o Re?

Michele                            Qual è ‘o depurativo principe?

Ernesto                            Ah… prugna… cipolla cotta…

Michele                            Va buono! E come ce lo dicessi ‘o Re?...

Ernesto                            Vedimmo… aspettate… sì, m’arricordo! Però… ecco… sicondo a vuje, capisce?

                                            “Maistà, magnate prugne rinfrescanti!

                                            So’ tanto profittevoli e purganti!”

Michele                            Sì, accussì ‘o capisce… e ‘o cuoco?

Ernesto                            Le dicessi… “Facite secca’ dint’ ‘o furno cinche o sei prugne e purtatamelle!”

Michele                            Benissimo! Po’ c’ è dai tu, ‘o Re… una ogni tre o quattro ore… ma levace l’uosso! E si cocche nobile t’addimanda pecchè ce dai ‘e prugne, tu che rispunni?

Ernesto                            Veramente… chesto non me l’avete ditto, maestro!

Michele                            T’aggio ditto che ‘e chiurere ‘a vocca ‘a gente c’ ‘o latino! Comme dice ‘a regola?

Ernesto                            Veramente nun m’ ‘a ricordo…

Michele                            Vattella a ripassa’ tutte quante! Se dice…

                                            “Infrigidant, laxant, multum prosunt tibi pruna!”

Ernesto                            Uh, è overo! Mò m’aggio arricurdata!

Michele                            E allora vedimmo si t’arricurdi pure ‘a cipolla!

Ernesto                            Maestro, ma chella è difficile! E po’ ce sta ‘o chillo parere contrario ‘e Galeno… ma pare che diceva che pe’ chilli collerici… o era p‘ ‘e flemmatici?

Michele                            Cioè… (declama)

“De cepis medici non consentire videntur;

                                            cholericis non esse bonas dicit Galienus”,             

                                            Però poi l’esperienza che ce dice… (declamando con molto fervore)

                                            “Phlegmaticis vero multum docet esse salubres,

                                            praesetim stomacho, pulcrumque creare colorem.

                                            Contritis cepis loca denudata capillis

                                            saepe fricans, poteris capitis reparare decorum”!

Ernesto                            Mamma d’ ‘o Carmine! Maestro… io me ce perdo!

Michele                            Guaglio’, tu una cosa ‘e fa’! Chisto è ‘o mestiere tuoio! Jammo, traduci p ‘ ‘o Re!

Ernesto                            Aspettate… chiano chiano… comm’ ‘a primma, eh?

                                            “Da’ ‘nu sacco di salute ai flemmatici abbattuti,

                                            dint’ ‘o stommaco pulisce e ‘o colore t’imbellisce!

                                            Leva pure ‘e primme zelle si t’ ‘a passi p’ ‘e capelli!”

Michele                            ‘Mparatella a memoria! Quanno ‘o viri depresso… falle fa’ ‘na bella frittata ‘e cepolle… e dinci chesta regola mentre s’ ‘a magna! ‘E capito? Allora mò scrivi… dialetto fiorentino, nun ‘anna capi’ tutte cose! Oh… ‘o cerusico si’ tu… io nun te dico niente, vai!

Ernesto                            Subito, maestro! (si china e scrive) “Il giorno nuvoloso ventotto del mese di aprile per l’anno Domini mille e settecento novantanove, Il medico Commendatore Michele Laudadio ed il cerusico Ernesto Vitiello, dopo un’accurata vista di sua Maestà il Re Ferdinando IV della Reale casata borbonica, effettuata con palpazione, stimolazione, percussione, osservazione e ricognizione dell’augusto paziente, prescrivono la terapia con prugne disseccate al forno e cipolle cotte a vapore…”

Michele                            Ma quanne mai! Fermati!

Ernesto                            Che aggio fatto, maestro?

Michele                            (prende il foglio) Primma ‘e tutto, tieni ‘na calligrafia che fa schifo! Guarda… se legge tutte cose! Nun va proprio buono! ‘E scrivere ‘e pressa, nisciuno adda sapè leggere! Manco ‘o speziale!

Ernesto                            Ah… ma si’ ‘o speziale nun capisce…

Michele                            Le dà ‘na cosa qualunque! Ma ‘e galenici nun servono a niente, te l’aggio ditto già! L’importante è chello che le fai mangia’… scrivi chello che ti dico io!

Ernesto                            Va buono, maestro…

Michele                            Doppo “augusto paziente”, cancielli tutte cose e scrivi accussì… “i due sapienti medici, dopo un lungo, illuminante, profondo e preciso consulto sulle condizioni generali e particolari di sua Maestà Ferdinando IV di Borbone…”

Ernesto                            Jate chiano, maestro!

Michele                            “…prescrivono che a Sua Maestà venga praticato un enteroclisma aromatico, per una settimana, mane et vespere, per depurare, rinfrescare e sbarazzare le delicate viscere di Sua Maestà; post, si applichino le lancette alla vena mediana della piega del gomito…”  tu t’arricuorde qual è, overo?

Ernesto                            Chiano chiano… ecco… e comme, nun me ricordo? Però… sommo maestro mio… ‘o sangue me fa impressione!

Michele                            Ma che stai dicenne? Chesto nun po’ essere! Guaglio’… si vuo’ fa’ ‘o cerusico, l’impressione t’ ‘a fai passa’!

Ernesto                            Maestro Michele… che v’aggia dicere… ce provo… però fino a quanne non me ‘mparo, io auso sulo ‘e sanguette!

Michele                            T’ ‘e ‘mpara’! Vene uno cu’ ‘nu vraccio rutto… che fai? Ce mietti ‘a sanguetta?

Ernesto                            Io… veramente nun m’è mai capitato… so’ cerusico sulo ‘a tre juorni!

Michele                            E allora quanne te capita, nun fa’ ‘o schizzinuso… penza che ‘o sangue ‘o tieni pure tu… e fa cunto che chello che vidi è ‘o tuoio!

Ernesto                            Ce provo, maestro…

Michele                            Continuammo… “…per trarre, singulis, mezza libbra di sangue, affinchè Sua Maestà possa sentirsi alleggerito, sgombrato e depurato dall’eccesso dei suoi potenti umori…  tandem, si introducano nella sua alimentazione, electus per medicus, prugne disseccate al sole del meriggio estivo e Allium Cepa nella composizione delle vivande.”

Ernesto                            Maestro… (finendo di scrivere) ma chisto è ‘nu capolavoro! Manco io ce avessi capito niente!

Michele                            Famme vede’… (prende il foglio) bravo, va buono… ‘a scrittura ‘e migliorata assaie, mò nun se capisce quasi niente… però nun te scurda’ che ce simmo ditti! Mò chisto foglio ce mietti ‘o sigillo tuoio e dai ‘o Cerimoniere che ‘o proclama pe’ tutta ‘a Reggia! Quanne ‘a fernuto, ‘o fai lassa’ ‘ncopp’ ‘o tavulino… e guai a chi ‘o toccasse! Falle ‘na sparata! Ogni vota che fai coccosa, scrivi ‘nu foglio comme a chisto… ‘ncapo a ‘nu mese, voglio vede’ che si’ stato capace ‘e fa’!

Ernesto                            Maestro… ma io ‘o sigillo nun ‘o tengo ancora…

Michele                            (si toglie un anello) Tiè, usa chisto, pe’ mò! Però appena fai denari te ne fai fa’ uno dall’orefice! (si alza) Mò io me ne vaco… e tu vai a truva’ chelli doie… però doppo rituorni addò ‘o Re e le fai ‘o clistere! E ricordate che io songo responsabile si tu nun vai buono!

Ernesto                            Mastro, vuie site ‘nu Michele! Cioè… me so’ ‘mpapucchiato, di fronte alla sapienza vostra! (preme il sigillo sul foglio, poi vedendo che non lascia tracce, lo inumidisce alitandoci sopra e premendolo poi sul foglio; alla fine si alza pure lui) Nun ve preoccupate, pure se io nun stongo all’altezza vostra, nun ve faccio fa’ brutta figura!

Atto primo, scena quinta: Michele, Ernesto, Caracciolo

Caracciolo                        (entra da destra) Illustri mierici, scusatemi si ve disturbo…

Michele                            Nun fa niente, il consulto è finito… pigliateve chesta carta e facite ‘o solito giro!

Caracciolo                        N’ata vota? Oh, poveri pieri miei… (prende il foglio e lo sbircia) ah… però… se vede che ‘ha scritto ‘o cerusico! Se legge quasi buono! Pe’ piacere… cercate ‘e nun cagna’ troppo ‘a scrittura…

Michele                            Ricurdateve, Caracciolo… quanne ‘ate fernuto… ‘a lassate ‘ncopp’ ‘a chisto tavulino, e nun facimmo che scumparono pure ‘e cure d’ ‘o cerusico! A proposito! L’ate appriparato ‘a stanza?

Caracciolo                        Gnorsì, Cummendatore! E’ ‘a stanza vicino ‘a vosta… chella cchiu’ piccerella…

Ernesto                            Pecchè piccerella?

Michele                            Pecchè se scarfa primma, ‘e vierno! Ccà ce fa ‘nu friddo ‘e cani… dint’ ‘e stanze grosse hai voglia ‘e tene’ fuoco appicciato… se gela sempe! Caracciolo… comme sta ‘o Re?

Caracciolo                        S’è addurmuto n’ata vota! M’ha ditto che se senteva meglio… s’è girato e… sta runfanne!

Michele                            Si is dormiente recuperabit! Chillo ‘a passato ‘na nuttataccia! M’ ‘a fatta fa’ janca janca!

Caracciolo                        Pecchè, ve site scurdato che ce stevemo pure nuie?

Ernesto                            Maestro, pecché non ve jate a riposare un poco ‘ncopp’ ‘o lietto?

Michele                            Farò di più… mò ce stai tu, e io me ne posso andare fuori di qua! Vaco ‘a casa mia, finalmente, me chiuro ‘e rento… e dormo ‘na semmana sana!

Ernesto                            Ah! E io… come faccio, maestro?

Michele                            ‘O mestiere ‘o sai, chello che t’eva dicere t’aggio ditto… statti buono! Caracciolo! Nun ve scurdate ‘o bullettino medico! Ce verimmo… nun saccio quanne! Arrivederci! (esce)

Caracciolo                        Poveri pieri miei… (dispiega il foglio) e jammucenne… mentre che dorme ‘o Re! (esce lentamente)

Ernesto                            E io mò ‘a sulo… che faccio? Ah… ce sta chella dama… (seguendo Caracciolo) Caracciolo… aspettate, qual è ‘a stanza ‘e chella Contessa?

Fine primo atto


Atto secondo, scena prima: Ernesto, Teresa, Ferdinando

Scena: simile alla precedente, sul tavolo sono presenti alcuni vecchi libri e pile disordinate di fogli; nell’armadio, numerosi vasi e vasetti con coperchio, ciascuno con un’etichetta.

Ernesto                            (seduto al tavolino, scrive, consultando velocemente alcuni libri) Mò so proprio sicuro! ‘O Re tene ‘o temperamento sanguigno… perciò l’influenza l’aria! Ecco pecchè ‘o maestro l’ha fatto fa’ tutte chelle fumigazioni! Mò ce ne scrivo ‘nu paro pure io…

Teresa                              (entra, sventagliandosi) Cerusico… ve site scurdato pure oggi! Chisto pere me fa assai male!

Ernesto                            (alzandosi) Contessa, scusatemi, stevo scrivenne ‘nu momento ‘a cura ‘e oggi p’ ‘o Re… ma nun m’ero scurdato! ‘O fatto che vui tenite ‘nu sacco ‘e cose ‘a fa’! Io ce aggio pruvato a veni’ addo’ vuie, ma primma ce steva ‘a sarta, po’ ‘o pittore… aiere steveve facenne ‘a lezione ‘e musica e po’ v’ ‘a chiammato ‘a Regina… facimmo ‘na cosa! Assettateve ccà e vedimmo subito!

Teresa                              (si siede) E che vulite vede’?

Ernesto                            Ma… ‘o pere! Levateve ‘nu momento ‘a scarpa e ‘a cazetta…

Teresa                              (si alza, innervosita, sventagliandosi) Ma vuie site pazzo! Sicondo voi io… me spoglio annanze a vuie, i’ sola, int’ ‘a ‘na stanza che nun è ‘a mia?

Ernesto                            Ma chisto è ‘o studio mio… pure ‘o Re se spoglia ccà, quann’ è ‘o mumento d’ ‘a visita… e po’, è sulo ‘nu piede!

Teresa                              ‘O Re nun è ‘na femmena! Io aggio bisogno d’ ‘a cameriera mia… pe’ levarmi ‘e cazette, io m’aggia leva’ primma ‘o corsetto, po’ ‘a gonna e ‘a vunnella, po’ ‘o culisson e ‘a sottoveste! Ce vo’ mez’ora… a doie! E ccà… ce fa friddo!

Ernesto                            Ah… e allora jate dint’ ‘a stanza vosta e accuminciate! Io vengo… e me porto ‘a medicina!

Ferdinando                     (entra in lunga camicia da notte, papalina, con una candela in una mano, un largo vaso da notte nell’altra e sbircia, non visto; prima di intervenire, spegnerà la candela)

Teresa                              (gli punta il ventaglio sotto il mento) V’aspetto tra mez’ora… nun ve scurdate o… ve faccio taglia’ ‘a capa! Me so’ spiegata?

Ernesto                            (arretrando) Nun ve preoccupate… stateve accorta cu’ chisto ventaglio… ecco… brava Contessa… vui state al centro dei miei pensieri! State sicura che io penso sulo a vuie… che site la mia paziente preferita… che tutta l’arte mia è pe’ vuie…

Teresa                              (lasciandolo libero ed uscendo) Vulesse proprio vede’… nun ve scurdate!

Ernesto                            (massaggiandosi la gola) Mamma d’ ‘o Carmine… certo che ‘a Cuntessa… è tosta!

Ferdinando                     (sorprendendolo alle spalle) E nun è sul’essa!

Ernesto                            (impaurito, si volta e riconosce il Re) Maestà… vi site degnato di ascire dalle stanze vostre…?

Ferdinando                     E pe’ forza! Tu nun è tenuto ‘a pacienza ‘e aspetta’! E aggio fatto buono a veni’! Tu stivi dicenne che ‘a Contessa è tosta… guarda ccà! (gli pone il vasino sotto il naso)

Ernesto                            (tossicchiando) Mamma d’ ‘o Carmine… Maistà… certo che… questo… queste… non sono galle di cane! Songo degli scibali… ma no caprini… chisti so’ elefantini! Eccezionale! Comm’ ‘ate fatta ‘sta cosa… straordinaria?

Ferdinando                     Ma io so’ ‘nu malato straordinario! E tu si’ ‘o cerusico mio… (puntandogli la candela sotto la gola) tu si’ chillo che deve pensare prima a me, sulo a me, ‘o massimo ‘a Rigina e poi alle dame di Corte, si ce sta tiempo! M’ è capito buono… o t’aggia fa’ appennere?

Ernesto                            (arretrando, seguito da Ferdinando) Maestà… sì, sicuro… avite ragione… io…

Ferdinando                     (continuando ad incalzarlo) Te voglio fa’ capi’ meglio… tu sì nuovo… si stai ccà è pecchè te ce tengo io! E io songo chillo che deve stare al centro dei pensieri tuoi, ‘e capito? Aggia essere io, ‘o paziente preferito tuoio… e l’arte toia ‘adda essere pe’ me!  

Ernesto                            (come sopra) Sì, sicuro, Maestà… ma chella, ‘a Contessa, me minaccia ‘e morte…

Ferdinando                     Nun te preoccupa’ ‘e chella… si t’accire, doppo le faccio ‘o prociesso… e ‘a faccio appennere! Va buono accussì? Si’ cuntiento?

Ernesto                            (come sopra) Sì, sicuro, Maestà… vuie site magnifico… ma si chella me fa’ accidere… chi ve cura, stanotte?

Ferdinando                     Hai ragione… (depone la candela sul tavolo) bravo… se vere che è sturiato! Allora… (agitando il vasino a due mani) sistemammo primma chesta robba… e po’ te faccio i’ addò ‘a Cuntessa!

Ernesto                            Certo, Maestà… però nun scutuliate troppo… essa asci’ fore?

Ferdinando                     E comme t’appauri ‘e niente! (posa il vasino a terra) Allora, che facimmo?

Ernesto                            Modifico subito la terapia per vostra maestà! Questo è stato ‘nu fatto… eccezionale… ex iniuriam cibum… ve site magnato coccosa ‘e astringente! Spero che nun v’ha lassato ‘o sfintero beante!

Ferdinando                     Ah… famme capi’ meglio… che è stato? E che d’è chisto… beante?

Ernesto                            V’arricurdate che aieri, quanne c’è stata ‘a parata d’ ‘e Lancieri, ‘ate magnato ‘na borza ‘e mele annurche? Io v’avevo ditto che no…

Ferdinando                     Ma chelle erano bone… sapurite! Pure ‘a Rigina… Maronna… allora pure a essa… allora mò vaco ‘a llà, e c’ ’e faccio vede’! (riprende il vasino e fa per uscire a sinistra) Accussì sape chello che l’aspetta e… s’appripara pure essa!

Ernesto                            Maistà… aspettate… forse ‘a Rigina… nun le piace ‘e vede’… ‘sti cose… e po’ essa se n’è magnate sulo doie o tre… e nun ‘a fatto ‘na jurnata a cavallo comme a vuie! Pure chello influisce! Po’… meglio che ve facite vesti’ primma, nun ve pare?

Ferdinando                     Uh, overo! (posa di nuovo il vasino a terra) Sperammo che nun le fanno chist’effetto… si no ‘a sentimmo pe’ ‘na jurnata sana! Ma mò che s’adda fa’?

Ernesto                            Ve dongo io ‘na medicina che ve piace… e facimmo ‘nu bello enteroclisma!

Ferdinando                     Eh, no! ‘A medicina m’ ‘a piglio… ma ‘o clistere no! (si avvicina a Ernesto) Me fa ancora ‘nu poco male…

Ernesto                            Ma io nun ve faccio male, Maestà… io uso ‘a ‘nzogna… abbiate a mettervi ‘ncopp’ ‘o lietto… cuccato sul fianco sinistro… piglio ‘a siringa… e vengo subito!

Ferdinando                     M’arraccumanno… niente menta, chella… abbrucia! Meglio l’eucalipoto! (si avvia per uscire; distrattamente inserisce un piede nel vasino) Mamma d’ ‘o Carmine… me’ so’ scurdato addo’ steva chisto coso… (andando verso sinistra, trascina via il vasino senza estrarre il piede, poi uscirà per la sua camera dall’altro lato) e nun se ne jesce! Caracciolo! Curri ccà, me serve ‘ma mano… anzi, tutt’ ‘e doie!

Ernesto                            (prende un’enorme siringa per enteroclisma dall’armadio ed un flaconcino ed esce seguendo Ferdinando nelle stanze Reali) Maestà… è meglio si jate dint’ ‘a stanza ‘e lietto vostra… (ad alta voce, verso la comune) Caracciolo… purtate pure ‘nu sicchio sano sano ‘e acqua cavura… e ‘nu vasino vacante… gruosso!

 


Atto secondo, scena seconda: Teresa, Virginia, Ernesto

Teresa                              (entra, in disabillée, con mutande al ginocchio e senza calze) Cerusico! Insomma, io tengo friddo… ma aro’ ve site ficcato? (gira dappertutto e si china anche a guardare sotto il tavolo)

Virginia                             (entra, sventagliandosi) Madonna d’ ‘o Carmine… che addore! Cerusico!

Teresa                              (rialzandosi) Nun ce sta, Contessa…

Virginia                             Ahhh… che ce facite… int’ ‘a stanza d’ ‘o cerusico? Addirittura annascosta sott’ ‘a tavula… tutta spugliata e senza cazette! Vuie site ‘na svergognata!

Teresa                              (minacciosa, ma sorridente) Contessa… io songo ‘na paziente… e comme tale, pozzo sta’ spugliata addò ‘o cerusico e nisciuno… proprio nisciuno… me po’ chiamma’ chella che io… (con enfasi) proprio io… nun songo… e nun voglio sape’ chelle che songo l’ate… me songo spiegata?

Virginia                             (si affrontano reciprocamente) Hm? E che ve sta visitanne, ‘o cerusico? Addò tenite ‘o male? Povera dolce mia Contessa… tenite o’ male dint’ ‘a… (pausa) capa?

Teresa                              Contessa… po’ essere che cocche vota me fa male ‘a capa… ma a vuie… (calcando sulla finale ed accennando un inchino) mia nobilissima Contessa di Campolongo de’ Galbùli… nun ve vene mai ‘o prurito gusto in…  (pausa) fronte?

Virginia                             E che vulesseve dicere, Contessa di Castropignano sul Biferno… facite ampressa, primma ‘e ghì all’… cioè, vi prego di spiegarvi meglio! Pecchè proprio… ‘nfronte?

Teresa                              Era pe’ dicere! Che ne saccio io addò… (pausa) ve prore?

Virginia                             Pe’ vostra informazione, a me, justo mò, m’abbiano a prorere ‘e mani! E solo per non trascendere… cierti vote… m’aggia sta’ ferma!

Ernesto                            (entra con la siringa in mano che deporrà nell’armadio, dopo un accenno di inchino) Uh, carissime Nobildonne, Contesse rispettabilissime…

Virginia                             Cerusico! Quanto tiempo v’aggia aspetta’ ancora?

Teresa                              E io, che me so’ addirittura spugliata?

Ernesto                            Mò subito vi servo… scusate ‘o Re non mi lasciava… ma pe’ n’ ‘a mezz’ora nun ave bisogno ‘e me! Allora, Contessa Teresa, visto che ve site spugliata, ancummincio ‘a vuie… me facite vede’ ‘o piedino vuosto?

Teresa                              (si siede, toglie la pantofola e protende il piede) Ecco ccà… che ve pare? Però… sta saglienne… ‘a ‘ncuminciato pure ‘ncopp‘ ‘a mano! Guardate!

Ernesto                            Contessa, nun è grave! Mò ce mettimmo ‘ncoppa ‘nu poco ‘e zolfo siciliano… e ve mettite ‘o sole pe’ mez’ora... pere aizato e mano tesa… facenne chesto pe’ ‘na semmana, scumpare tutte cose! (mentre parla, prende una spugna e ci versa sopra della polverina gialla, che poi strofinerà delicatamente sul piede e sulla mano di Teresa) Chisto ve fa’ asci’ ‘a pelle nova nova, comme chella ‘e ‘na criatura!

Virginia                             E ‘a ‘mbolla mia? Quanne m’ ‘a levate?

Ernesto                            Contessa… a vui è cchiu’… riservato… ‘a ‘mbolla vostra sta sotto ‘a scella… e io l’aggia vede’ bona… e forse aggia fa’ pure n’incisione… v’ata mettere annura!

Virginia                             Maronna d’ ‘o Carmine! Io chesto nun ‘o faccio! Io… me metto scuorno!

Ernesto                            A me abbasta che tenite ‘o vraccio libero… ‘o riesto ‘o putite tene’ cupierto…

Teresa                              E jammo, Contessa… facite finta che ‘o cerusico è ‘nu pittore… ve fa’ ‘o ritratto pure isso!

Virginia                             Ma io nun vaco giranne annura p’ ‘e stanze d’ ‘a Reggia! Venite dint’ ‘a stanza mia… e ve faccio vede’ ‘a ‘mbolla!

Ernesto                            Contessa… pure vui ce mettite mez’ora, per ve spuglia’?

Virginia                             E’ ‘o minimo! E po’ me serve pure ‘a cammarera… tengo ‘o corsetto e pure ‘o busto ch’ ‘e lacci!

Ernesto                            Allora abbiate a ghi’, anzi… faciteme ‘nu piacere… date ‘na mano a cammina’ ‘a Contessa Teresa… jate chiano e nun scutuliate ‘a mano e ‘o pere…  teniteli sempe aizati, si no ‘o zolfo se ne care!

Teresa                              Maronna! E comme faccio a cammena’… devo zompare a ogni passo?

Ernesto                            Ce vulesse ‘nu bastone… o coccheduno che ve mantenesse… perciò aggio chiesto ‘o favore ‘a Contessa! ‘O facesse io, ma tengo ‘a fa’ ‘na cosa urgente p’ ‘o Re, non mi posso allontanare…

Teresa                              Contessa Virginia… allora me pozzo appoiare a voi? I cavalieri miei  stanno tutti fore… pure si ‘e chiammo, nun me sentono!

Virginia                             E va buo’, però ‘a prossima vota, purtateve ‘nu chaperon, ‘nu paggetto… a cammerera! Jammucenne!

Teresa                              Jate chiano… fortuna che ce sta ‘nu poco ‘e sole…

(escono insieme, Teresa tende di lato la mano trattata con la polvere gialla)


Atto secondo, scena terza: Ernesto, Caracciolo

Ernesto                            (si siede) Almeno Virginia nun m’ha minacciato ‘e morte! Maronna d’ ‘o Carmine, e chi se l’immaginava? Ah… facimmo ‘o sciroppo ‘e prugne p’ ‘o Re…

Caracciolo                        (entra, munito di mazza cerimoniale) Cerusico… faciteve bello, sta arrivanne ‘na gran dama!

Ernesto                            Ma io tengo che fare… ‘o sciruppo…

Caracciolo                        (chinandosi verso di lui) Io ve cunsiglio ‘e lassa’ perdere… a chesta nun se po’ dicere che no… si no perdite ‘a lengua!

Ernesto                            Allora è ‘a Reg… (si alza di scatto)

Caracciolo                        Zitto! Pe’ carità, nun ve permettite ‘e chiammarla sulamente Rigina! S’offende!

Ernesto                            E comme l’aggia chiamma’, allora?

Caracciolo                        Chiammatela Maestà… nun ve scurdate! Pure ‘o Re, quanne se scorda e dice sulo “Rigina”, allave cierti liscia e bussa che nun v’è sunnate manco!

Ernesto                            Va buono… ma io aggia fa’ ‘o sciruppo…

Caracciolo                        Scurdatavillo! Sua Maestà va truvanne attenzione… cioè, l’ata da’ aurienzio!

Ernesto                            Allora… ‘o sciroppo ‘e prugne ‘o facite vuie! Jate addò ‘o Cuoco Reale e facite scafaccia' cinche o sei belle prugne secche cu’ ‘na butteglia… senza l’uosso! Anna essere ‘na libbra sana sana e l’adda passa’ pure int’ ‘o setaccio! Chello che jesce ‘o mettite int’ ‘a ‘nu bicchiere ‘e marsala e p’ ‘allunga’ 'o broro, ce mettite ‘nu cucchiaro ‘e miele… girate buono e purtatelo ‘o Re!

Caracciolo                        ‘A faccia d’ ‘o sciruppo! Io penzavo che era comme una ‘e chelli cose amare, che faceva fa’ ‘o Commendatore… ne faccio prepara’ ‘nu poco ‘e cchiu’ e m’ ‘o bevo pure io! Adda essere proprio buono!

Ernesto                            Poco… stateve accuorto… si no ve vene ‘a diarrea!

Caracciolo                        Allora io vaco… ce ‘o dongo subito, ‘o Re?

Ernesto                            Primma è, meglio è! Comme sta jenne…?

Caracciolo                        Sta assettato… dice che ce vo tiempo… mentre aspetta, sta pazzianne ch’ ‘e paparelle int’ ‘a bagnarola cu’ l’acqua… nun ve dico quanti schizzi pe’ terra!

Ernesto                            Meno male… quanto cchiu’ tiempo ce mette, meglio è!


Atto secondo, scena quarta: Ernesto, Caracciolo, Carolina, Astrid

(entrano due dame di compagnia e si pongono in silenzio ai lati della porta, inchinandosi al passaggio di Carolina)

Caracciolo                        Preparatevi, sta arrivanne! Nun facite guai, io appena aggio fernuto, vaco a vede’ pe’ chella pozione ‘o Re e torno subito… m’arraccumanno! (si schiarisce la voce e si mette di lato, battendo tre volte la mazza a terra) Sua Maestà la Regina Maria Carolina Luisa Giuseppina Giovanna Antonia d’Asburgo-Lorena! (si inchina a Carolina)

                                            Maestà, vi significo la presenza del cerusico Ernesto!  (esce)

Carolina                            (entra agitando il ventaglio, con Astrid al seguito) Cerusico! In mia patria io mai visto indecenza simile! Voi dato ordine… malefico! (si rivolge ad Astrid ) Si dice così, mein liber Marquis?

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

Ernesto                            Oh… scusate, Maestà, ma io non saccio che aggio cumbinato…

Carolina                            E non parlate lingua di Regno, io non capisce niente! Parlate tedesco, o francese… o spagnolo… (guardando l’espressione sconsolata di Ernesto) almeno inglese… o il dialetto veneziano!

Ernesto                            Ecco… vi va bene il dialetto di Firenze, mia Re… Maestà?

Carolina                            Appena passabile! (lo minaccia col ventaglio) Voi avete ordinato a contessa Teresa di Castropignano di rimanere a piede nudo, e anke mano al sole! Io visto lei seduta in stanza, kome stupida statua kon piede su finestra… piede senza talco! Bruttissimo, schifoso! Qvesto è nocivo, pericoloso, malefico!

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

Ernesto                            Veramente, vostra Maestà, era solo perché lo zolfo togliesse le macchie dalla pelle della vostra suddita… e il calore del sole agevola…

Carolina                            Nein! Non fa bene! Contessa così non si può muovere e non può essere valida dama di kompagnia! Questo no bene! Skomparsa anche Contessa Virginia, io non posso avere solo poke dame, non si può fare niente, pokissima ghente! No partite volano, no Bal Parée, no Biribisso… io proibisco foi di dare ordini kome qvesto!

Ernesto                            Scusate Maestà, questa era la migliore cura, vedrò di studiarne un’altra… e la Contessa Virginia si sta preparando per una mia cura…

Caracciolo                        (entra con un bicchiere in mano e corre nella stanza Reale)

Carolina                            (squadrandolo) Che kosa…? Voi messo sotto cura anke lei? Vorreste dare medizinische Versorgung Immobilisierung anke a mio Sovrano Consorte e tutta Corte?

Ernesto                            Veramente, Maestà… non ho capito molto bene, ma il Re è già sotto cura, per via di certi…

Carolina                            (minacciandolo con ventaglio) Voi… giofane, troppo giofane per essere cerusico… voi decimato mia Corte… voi intebolito governo di Regno… allora voi spia di Giacobini francesi! Io vi farò giustiziare in puppliko… impiccare e poi decapitare, ja!

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

Ernesto                            (indietreggiando sotto la minaccia del vantaglio) No, mia Regina… che pozzo dire pe’ farmi capi’?

Caracciolo                        (entra e dimostra sgomento alle parole di Ernesto)

Carolina                            (urla) Ahhh! Io figlia d’Imperatori d’Austria! Chiamare me Regina è insulto… malefico! (si rivolge ad Astrid ) Si dice così, mein liber Marquis?

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

Caracciolo                        (inchino) Maestà, perdonate il cerusico, egli non ha certamente voluto detrarre nulla alla vostra così augusta ascendenza! Per un povero provinciale quale egli è, il titolo di “Regina” è munifico, immenso…! Inoltre, se la vostra Maestà ha fiducia nelle mie povere parole… posso garantire che non ha amicizie giacobine e non ha mai frequentato locande sospette! Ho controllato Io, per ordine del Re!

Carolina                            Io non credo a foi! Mia povera sorella morta per kolpa Giacobini di Rivoluzione… lei  rovinata, strappato Regno di Francia da sue mani… barbaramente uccisa! Caracciolo!

Caracciolo                        Dite Maestà!

Carolina                            Chiamate guardie e boia! Condanno questo… uomo a morte! Esecuzione immediata!

Ernesto                            Maestà… ma se voi mi fate… impiccare, la cura del Re sarà interrotta… non svanisca dai vostri pensieri il pietoso stato del vostro regale consorte… è un malato straordinario! Ed anche la vostra Contessa Virginia, non guarirà… vi potrebbero attaccare la loro malattia!

Caracciolo                        Mi permetto di segnalare a vostra Maestà che il Commendatore Michele è tornato a casa sua… voi sapete che è lontano… dovreste affidarvi a un altro medico… che potrebbe essere davvero una spia!

Carolina                            (abbassa il ventaglio) Sie mögen Recht haben… Caracciolo, se non faccio impiccare cerusico è per vostra parola, ma vi ritengo responsabile! Sie verstehen?

Caracciolo                        Ja, ich verstehe Majestät!

Ernesto                            Io nun aggio capito niente!

Carolina                            Cosa avere detto voi?

Caracciolo                        Maestà, il cerusico solo ha detto che non ha capito che io ho capito e che io vi ho detto che ho capito!

Carolina                            Intanto io ordino… bisogno montare forca kon zwai posti… e ceppo per decapitazione dopo impiccagione, ja! In Regno occorre programmare, pianificare, prevedere!

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

Ernesto                            (a Caracciolo) Chesta pare ‘na cicciuvettola! E io nun ce capisco niente!

Carolina                            Di nuovo qvesto linguaccio?

Ernesto                            Maestà… perdonatemi, mi sono distratto un momento… non mi sento molto bene… e se volete subito la Contessa Virginia… dovrei andare a farle una veloce curetta… sapete… è già andata a prepararsi per la visita… adesso sarà anche pronta. Appena finito, potrò dedicarsi di nuovo a vostra Maestà!

Carolina                            Qvesto buona programmazione! Andiamo!

Ernesto                            Volete venire anche voi, Maestà? Ne siete proprio sicura… (rabbrividisce) forse dovrò incidere la pelle… (rabbrividisce) potrebbe uscire anche… (rabbrividisce) un poco di sangue…

Carolina                            Io non ho paura di sangue! Sono abituata da infanzia, ja! Da qvando piccola ho assistito a esecuzioni capitali e torturazioni pupplike con dekapitazioni e squartamenti vari ordinati da Imperatore mio padre! Io vengo per controllare kura! Se buona, allora bene per voi… se cattiva… allora siete dannata spia e vi aspetta forca e dekapitazione! (guardando Caracciolo) E qvesto vale anche per chi garantisce per voi! (urlando istericamente) Cerusico! Kosa fate ancora qvi? Raus! Schnell!

Ernesto                            (prende frettolosamente alcuni strumenti dall’armadio e un paio di vasetti, facendone cadere degli altri, si inchina ed esce di premura) Sì, mia Reg… Maestà… corro!

Carolina                            (con calma olimpica) Mie dame, wir gehen von der Gräfin Virginia, prego… e ordino che voi non avere paura di sangue!

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

(escono, prima le due dame, poi Carolina ed Astrid)


Atto secondo, scena quinta: Caracciolo, Ferdinando

Caracciolo                        Mamma d’ ‘o Carmine, s’era misa proprio brutta!

Ferdinando                     (entra in camicia da notte, papalina, con un largo vaso da notte nell’altra e sbircia, non visto)

                                            Ma io aggia vede’ comme pozzo difendermi! ‘Ncopp’ ‘a forca (massaggiandosi il collo) nun ce voglio ghi’… aggia truva' ‘nu sistema… m’aggia squaglia’… aggia mulla’ tutte cose…

Ferdinando                     (sorprendendolo alle spalle) E invece quanno è troppo muollo manco va buono! Aro’ sta ‘o cerusico?

Caracciolo                        (impaurito, si volta e riconosce il Re) Maestà… mi potevate chiamare… vi sentite meglio…? (guarda il vasino e si fa aria)

Ferdinando                     Me sento comme n’otre allerta! Nun me sento cchiu’ niente ‘a rento… manco l’ossa! Addò sta ‘o cerusico? Adda vede’ chesta robba! (agita il vasino)

Caracciolo                        Maestà… (sventagliandosi ancora con la mano) si ‘o scutuliate n’ato poco… sente l’addore pure ‘a luntano! ‘O cerusico è ghiuto addò ‘a Contessa Virginia… e ‘a Regina sta pur’essa llà… ‘o sta cuntrullanne!

Ferdinando                     Aggio capito tutte cose! Chiamma ‘o Cummendatore e dincelle che ce purtasse n’ato cerusico… ccà se ne cunsuma uno ‘o mese!

Caracciolo                        Stavota no, Maestà… pecchè si pure chisto l’appennite… (scoppiando a piangere) ‘a Rigina ‘a ditto che io le faccio cumpagnia!

Ferdinando                     (meditabondo, posando il vasino a terra) In effetti, te si’ fatto viecchio… ‘nu cerimoniere nuovo… cchiu’ giovane…  nun facesse male!

Caracciolo                        Maistà… nun pazziammo pe’ favore… io vengo addò vuie pe’ n’aiuto…

Ferdinando                     Ma io stongo malato! Malato grave! Che aiuto vai truvanno?

Caracciolo                        ‘A Rigina me vo’ fa’ appennere! Stongo dicenne overo! Maestà… si ce ‘o dicite vuie…

Ferdinando                     Nun va buono! Si io le dico ‘na cosa, chella fa ‘o cuntrario! Però aggio truvato ‘a soluzione! Appena che me so’ rimesso, te faccio ‘nu bello pruciesso e… te cundanno a morte… accussì essa te difende! Eh? Te piace accussì? E jammo, dici che si’ cuntiento!

Caracciolo                        Maestà, grazie… ma me vene ‘nu brutto pensiero… e si ‘a Rigina nun tenesse tiempo… nun me difendesse… o si pe’ ‘na vota tanto… ve desse ragione?

Ferdinando                     Quanto ‘a fai longa! Tanto… primma o poi… te lievi ‘o pensiero!

Caracciolo                        Maestà… lassammo perdere… io tengo famiglia… tengo ‘nu sacco ‘e pensieri… uno ‘e cchiu’ nun da fastidio!

Ferdinando                     Oh, insomma, nun te va mai buono niente! Va a chiammà ‘o cerusico… fa’ ampressa!

Caracciolo                        Maestà, io ce vaco… nun fa niente che ‘e pieri miei me fanno male… ma vui me capite… si ce sta ‘a Rigina…


Atto secondo, scena sesta: Caracciolo, Ferdinando, Carolina, Astrid, Teresa

(entrano le due dame di compagnia dei Carolina e si dispongono ai lati dell’ingresso)

Carolina                            (entrando velocemente alle spalle di Caracciolo) Marchesa Astrid! Fate preparare forca per qvesto indegno suddito! (minacciando Caracciolo col ventaglio) Voi… avete chiamata me Regina! Questa ultima volta! Foglio un esempio per tutti sudditi di Regno! Lesa Maestà… domani mattina voi… kaputt!

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

Caracciolo                        (si inchina)Maestà… chiedo umilmente perdono… ma io stavo solo dicendo al vostro consorte ed augustissimo sposo il Re che la sua compagna, Regina… del Regno e nostra Maestà, era impegnata… non ho avuto il tempo di finire la frase! Vi assicuro che non ho dimenticato il vostro titolo… vi prego di perdonarmi, Maestà! (si inchina più profondamente)

Ferdinando                     Caroli’…

Carolina                            (si porta di fronte a lui, con le mani sui fianchi, in atteggiamento minaccioso) Kosa avere tu detto?

Ferdinando                     (arretrando e cercando di nascondersi) Maestà…

Carolina                            Ferdinanto! Io sento terribile odore… viene di qvi… sei tu, verdammt! Usare subito profumo gelsomino… no… cuoio di Russia! Caracciolo, cosa fate, sfatikato? Prendete zucchero e bruciatelo, chiamate kameriere, ci vuole profumo, subito!

Caracciolo                        Subito, Maestà! Però come prima cosa io… (alza il vasino da terra) toglierei la sorgente dell’odore che ha colpito le vostre narici, Maestà!

Ferdinando                     Nun te permettere! Primma l’adda vede’ ‘o cerusico!

Carolina                            Portate subito via qvella roba! Mein Gott! Ferdinanto, tu hai Badezimmer! Qveste cose tiene in qvel posto!

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

Ferdinando                     Ma io sono un malato grave! Un malato straordinario! ‘O cerusico… che ‘o pozzano accidere… addo’ sta?

Teresa                              (entra saltellando su un piede solo e con il braccio sollevato) Venite subito! Ce serve ‘na mano… ‘o cerusico è svenuto!

Ferdinando                     Fermi tutti! Che è succieso?

Teresa                              Steva levanne ‘a ‘mbolla ‘a Contessa Virginia… all’improvviso è asciuta ‘na gucciulella ‘e sangue… e ‘o cerusico è svenuto! Currite!

(Teresa esce saltellando)

Fine secondo atto

Atto terzo, scena prima: Ernesto, Michele, Gregorio

Ernesto                            (scrive seduto al tavolino, poi smette, pensoso) Ecco qua… scritto in bellissima calligrafia… accussì ‘o capiscono proprio buono! Quanno è troppo, è troppo! (posa la penna, prende il sigillo, lo guarda attentamente, poi ci sputa sopra e lo preme sul foglio che poserà sul tavolo) Mò è meglio che m’appriparo primma ‘a valigia c’ ‘e panni, e poi ‘sto foglio… ‘o dongo a Caracciolo mentre che me ne esco… (si alza allargando le braccia) evviva la libertà! Me metto in carrozza… me ne vaco ‘o Stato Pontificio… e nun ‘e veco cchiu’! Uh… mò che ce penzo… ‘o foglio nun l’aggio firmato! Ma chi se ne ‘mporta… manco s’arricordano comme me chiammo… che gentaglia!

Michele                            (entra, portando per mano Gregorio, che ha in testa il sudovest coprente ed un ramo d’albero a mò di bastone) Simmo arrivati! Mò nun cari cchiu’! Lievete ‘o cappiello!

Ernesto                            Maestro, buon giorno… meno male che site turnato già!

Michele                            Eh, te l’avevo appromiso che facevo ampressa! Nun c’è vuluta manco ‘na semmana!

Gregorio                          (entra zoppicando, si toglie il cappello e mette il bastone in un canto) Finalmente, nun ne potevo cchiu’! Ma pecchè tutta ‘sta segretezza? Arò stammo?

Michele                            Stammo dint’ ‘a Reggia, addò sta ‘o paziente straordinario che t’aggio ditto!

Gregorio                          E chest’era? Ma io ce vengo spesso, ‘a Reggia, quanno ce stanno ‘e feste tengo n’amica… cioè m’invitano sempe!

Michele                            Guaglio’, io aggia fa’ accussi’ pe’ tutti chilli che faccio trasi’ io ccò dento! Nun pozzo fa’ differenze… ‘o Re ce tene! Allora ‘o cunusci a chisto? (indica Ernesto) E’ ‘o cerusico ufficiale!

Gregorio                          Ah! Me pare ‘na faccia cunusciuta… però nun me ricordo ‘o nomme!

Michele                            Ernesto… te presento a Gregorio… stammatina è asciuto d’ ‘a Scola ‘e Napoli!

Ernesto                            Ah, ‘nu cumpagno… maestro… io v’essa dicere ‘na cosa mia…

Michele                            Primma ‘e tutto m’ ‘e dicere comme sta ‘o Re! ‘Na semmana fa teneva ‘a freve… mò comme sta? (a Gregorio) E’ isso ‘o paziente… straordinario!

Ernesto                            Maestro… chillo nun è paziente! Nun se sta mai fermo, mò va a caccia, mò a pesca, dorme ‘e juorno e jesce ‘e notte! Mangia quanne le capita, piglia umidità, beve… appena che le passa ‘na cosa… le vene n’ata! E ‘a Rigina… appena ‘a saputo che aggio levato ‘e calli a Caracciolo… ogni juorno va truvanne coccosa ’a me! Nun ve dico che è stata capace ‘e fa’ quanno è venuto ‘o catarro ‘o figlio! ‘E dame ‘e Corte me chiammano ‘a tutte parti, e nun ne parlammo d’ ‘e servi! Mò s’abbrucia uno e mò se storce n’uosso n’ato! Ccà non me danno ‘o tiempo ‘e mangia’, dormo tre o quatto ore ‘a vota, jettato addò me trovo… nun ce ‘a faccio cchiu’!

Gregorio                          Uh, comm’ ‘e fatto, ch’ ‘e calli?

Ernesto                            Pummarole fracide e limoni verdi… e l’aggio fatto impacchi e strofinazioni… che ato vuo’ fa’?

Gregorio                          E tu ‘e si’ miso ch’ ‘e mani int’ ‘a chella schifezza…? Maronna… io sulo se ci penso… no, no… ce faccio ‘o precetto e s’ ‘a vereno loro! A proposito, maestro… che ce putesse mettere, addò me fa male?

Michele                            E tu si’ cerusico e nun ‘o sai?

Gregorio                          Ma vuie tenite cchiu’ esperienza ‘e me! Che ce pozzo mettere?

Ernesto                            Addò te si’ fatto male? Forse tengo già coccosa pronto…

Gregorio                          So’ caruto… m’ è asciuto ‘o sangue d’ ‘o genucchio! Però è robba ‘e poco!

Ernesto                            Ah… ‘a mericina ‘a tieni già tu… e po’… ‘nu poco ‘e filinia ‘e ragno… è overo, maestro?

Michele                            (prende il bastone e finge di raccogliere ragnatela in giro) Già… Gregorio, c’è fa’ pipì ‘ncoppa… e po’ ce mietti chesta… tiè! (gli porge il bastone)

Gregorio                          (esaminandolo) Maronna, che schifezza… ce sta ‘nu ragno muorto!

Michele                            L’aggio visto… s’è seccato tutto quanto e pure isso è buono! ‘E visto che esperienza s’è fatto Ernesto, subito subito?

Ernesto                            Sì, maestro, ma chilli me stanno accerenno! Io nun pozzo continua’…

Michele                            Statte zitto… ‘o saccio buono pur’ io! Ccà ce sta l’aiutante tuoio… si’ cuntiento?

Gregorio                          Aiutante… a chi? Chisto… (indica Ernesto) me po’ essere frate! Ma manco p’ ‘a capa!

Michele                            Ohé, te l’evo ditto che trasivi comme aiutante!

Ernesto                            Maestro… vulessimo fa’ ‘na prova? Io… m’arritiro… dicimmo pe’ ‘nu paro ‘e juorni… e isso fa tutte cose?

Gregorio                          Io faccio l’aiutante sulo a voi, maestro! Chisto… (indica Ernesto) principiante ‘e l’arte medica, che ausa pummarole fracide… nun me po’ insigna’ niente! Sciglite… io o isso!

Ernesto                            Principiante a chi? Io me’ stongo facenne nu’ cu… ‘na muntagna ‘e esperienza! E ogni juorno me ripasso l’Arte!

Michele                            Guagliu’… calmateve! Ce sta tanta gente ccà… ve la spartite, ve dico io comme ‘ata fa’: Gregorio, che è nobile, se cura ‘a famiglia Reale e tu, Ernesto, te fai tutt’ ‘ a Corte! E io vengo ogni tanto a vede’!

Ernesto                            Ah, pe’ me va buono, anzi benissimo! Gregorio, a parte ‘o Re, a Rigina e i figli stanno buoni, perciò nun ce sta niente che t’aggia dicere! ‘O Re… t’ho fai dicere ‘a Michele, che ‘o conosce meglio ‘e me!

Gregorio                          Io ce stongo! Specie si me chiamma ‘a Rigina! Saccio che è una che sturia assai… io me ce trovo, cu’ l’intellettuali!

Ernesto                            Sicuro… sulo spesso che ‘a Rigina tene cavuro…  se porta ‘o ventaglio appriesso, nun ce fa caso!


Atto terzo, scena seconda: Ernesto, Michele, Gregorio, Caracciolo, Carolina, Astrid

Caracciolo                        (entra) Pe’ favore… avasciate ‘a voce! Ah, bentornato a Corte, Commendatore… uh, e chi è ‘sto giovanotto?

Gregorio                          Io nun ve conosco e nun ve permetto ‘e chiammarmi giovanotto! Sono il nuovo cerusico d’ ‘a famiglia Reale! Io songo nobile e voi site… ‘nu servo, stateve ‘o posto vuostro!

Michele                            Gregorio… chisto è ‘o cerimoniere ufficiale… Caracciolo, Gregorio è ‘o cerusico nuovo.

Caracciolo                        Grazie Commendatore… vui sì che site ‘nu nobile… io ‘e perzone brave comme a vui ‘e canosco bone… aggio avuto l’onore ‘e fa’ ‘o cerimoniere a tre generazione d’ ‘a Casa d’ ‘e Borboni… e n’aggio vista ‘e gente… nova… che traseva dint’ ‘a Reggia e… perdeva ‘a capa!

Gregorio                          Io nun me ce metto a parla’ cu’ vuie!

Ernesto                            Caracciolo… comme vanno oggi ‘e pieri?

Caracciolo                        ‘Nu bisciu’! Stanno pure meglio ‘e aieri! ‘E vulite vede’? (fa per togliersi una scarpa)

Michele                            No, mò nun ‘e ‘o mumento… purtatece addò sua Maestà!

Caracciolo                        Subito! Cerusico… ‘o sapite? Doppo che se ne so’ carute chelle croste, se so’ levate pure chelle cose nere che tenevo ‘n copp’ ‘a pelle… me sento ‘nu guagliunciello… mò pozzo pure correre n’ata vota! (avviandosi verso l’uscita) Accomodatevi… chi vuole trasire?

Michele                            Tutti quanti… ma ‘o Re che sta facenne?

Caracciolo                        S’è scetato mò mò… ‘a fatto chello che ‘eva fa’… ormai è tutto a posto ‘a na semmana! S’è ripusato buono, nun s’è duvuto sosere stanotte, tene doie belle schiocche ‘nfaccia… è ‘o ritratto d’ ‘a salute! Sta cuntiento assai! (ritorna verso i tre) ‘O sapite… cerusico Ernesto… ‘a ditto che ve vo’ fa’ ‘nu regalo! Mò sta dint’ ‘o lietto e se sta magnanne ‘a marenna che l’ate ordinato e pure chiano chiano, comme avite ditto vuie… me pare ‘nu pascià! Jammucenne, venite cu’me!

(entrano le due dame di compagnia dei Carolina e si dispongono ai lati dell’ingresso)

Caracciolo                        Maronna! Sta arrivanne chella… e io nun tengo ‘o bastone cerimoniale! (gira confusamente per il palco, cercandola dovunque) Io nun ‘a pozzo annuncia’ senza ‘a mazza… chella già me vuleva fa’ appennere! Aiutateme… facite finta che nun ce state… che site muorti… annascunniteve!

Ernesto                            (prende il bastone che ha usato Gregorio in precedenza) Ausate chesta ccà!

Caracciolo                        Maronna! Ma chesta è chiena ‘e filinia… e ce sta pure ‘nu ragno muorto… che schifezza!

(le due dame di compagnia si  inchinano al passaggio di Carolina)

Caracciolo                        (si schiarisce la voce e si mette di lato, battendo tre volte la mazza a terra, cercando di nasconderla alla vista di Carolina) Sua Maestà la Regina Maria Carolina Luisa Giuseppina Giovanna Antonia d’Asburgo-Lorena! (si inchina a Carolina dopo che lei è entrata, mettendo il bastone dietro la schiena, che sporgerà impietosamente)

Carolina                            (entra agitando il ventaglio)

Astrid                                (la segue in silenzio)

Caracciolo                        Significo alla vostra eccelsa Maestà la presenza del Commendatore mierico Michele, del cerusico Ernesto e del nuovo cerusico Gregorio!

Ernesto                            (inchino) Maestà, i miei rispetti!

Michele                            (inchino) Riverisco la vostra Maestà! Il cerusico Gregorio di Montegioioso, di qui in avanti, se vostra Maestà è d‘accordo, curerà la salute vostra e della famiglia Reale!

Carolina                            Questo io controllare, verificare! Se nuovo cerisiko è meglio di vecchio, allora alles gutt! Fenite afanti, nuofo cerisiko!

Gregorio                          (inchino) Ai vostri comandi, Maestà!

Carolina                            Sie zittern! Foi… traballate! (si rivolge ad Astrid ) Si dice così, mein liber Marquis?

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

Gregorio                          Maestà… sono caduto per distrazione e mi sono ferito a un ginocchio! Ma lo medicherò subito e il male passerà presto!

Carolina                            Allora voi non paura di sangue… gut, gut!

Gregorio                          No, Maestà… neppure da bambino!

Carolina                            Qvesto molto buono, ja! Finalmente mio consorte potrà avere salutare salasso… senza skifosi animali succkia-succkia… Blutegel… kome kiamate voi… mignotte, vero?

Astrid                                Majestät, Sie meinen “mignatte”! Voi avete sempre ragione!

Carolina                            Ja, mignotte, Gut! Antiamo atesso a fare salasso a Re, mio povero konsorte sempre malato, no riposa, no mancia, sempre tebole e teperito… (un istante di pausa, poi si rivolge e Gregorio) Cerusiko!Afanti, muovere, scattare! Cosa fare voi ancora qvi! Schnell, bald, raus!

Gregorio                          Subito, Maestà… maestro Michele… tenite cocche lancetta? Io nun l’aggio purtate…

Michele                            Sicondo te, io me porto ‘e lancette dint’ ‘e sacche? Uh! M’ero scurdato ‘na cosa! (estrae un foglio di carta da una tasca e la va a mettere rapidamente sul tavolino)

Ernesto                            Grego’… per caso avresti bisogno di una lancetta?

Gregorio                          E me pare, che stai aspettanne? Cacciale fore tre o quatto!

Carolina                            Cerusiko Crikorio! Foi no parlate bene! Io non capisco fostra linguaccia! (isterica) Laufen! Korrere!

Ernesto                            Allora Gregorio… qui ci si aiuta tra di noi… per il benessere delle loro Maestà! (inchino a Carolina) le lancette ce le ho io, basta domandare… cortesemente!

Gregorio                          Te ne approfitti, eh? Vabbuò, per piacere, prestami ‘e lancette!

Ernesto                            Stanno nel bagno reale, vicino ‘o vaso d’ ‘e sanguette… Caracciolo, introducete il nuovo cerusico da sua Maestà!

Caracciolo                        Subito! Con il permesso di sua Maestà… (si inchina ed esce, occultando al meglio il bastone)

Gregorio                          (si inchina ed esce) Permettete, Maestà! Vi precedo, solo per iniziare i preparativi!

Michele                            (gridandogli dietro) Gregorio… vena mediana della piega del gomito! Nun sbaglia’!

Carolina                            (con calma olimpica) Mie dame, lasst uns zum König gehen, prego… dal mio pofero consorte malato, febbricitante, moriponto!

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

 (le dame di compagnia escono verso la stanza Reale)

Carolina                            (esce con Astrid, tra gli inchini di Michele e di Ernesto)


Atto terzo, scena terza: Ernesto, Michele, Virginia

Ernesto                            (si lascia cadere su una sedia) Maestro… chesta me fa veni’ ‘e palpitazioni!

Michele                            Mò s’ è calmata… l’eva vede’ ‘e primmi juorni quann’ era venuta fresca fresca ‘a Vienna! Nun le jeva buono niente, faceva correre a tutti quanti comme a pazzi, specie a chillo povero Caracciolo… le so’ venuti i calli proprio allora! Po’, nun parlammo d’ ‘o Re… se ne jeva fore pe’ sta’ tranquillo!

Ernesto                            Sì, ma io nun ce ‘a faccio… meno male che ‘ate purtato a Gregorio!

Michele                            Sienti, io vaco a cuntrullà chillo che sta facenne… tu nun vieni?

Ernesto                            No… ‘o sangue me fa’ ancora impressione! Jate vui, maestro… io m’arriposo ‘nu poco!

Michele                            Guarda che si ‘o Re nun te vede… po’ essere che le passa ‘a voglia ‘e te fa’ ‘o regalo!

Ernesto                            Maestro… ce credite? Nun me ne ‘mporta! So’ cuntiento che ‘o Re sta buono… ma voglio magna’ pace e cipolle ‘a casa mia!

Michele                            See… po’ vedimmo! (esce)

Ernesto                            (tra sé) Pane e cipolla… vabbè, ce metto pure ‘nu poco d’uoglio…

Virginia                             (entra)

Ernesto                            … però io ‘a ccà me ne vaco! E si perdo ‘o regalo d’ ‘o Re, nun me ne ‘mporta!

Virginia                             Che cosa? Tu ‘a ccà nun te ne vai! See… primma me compromette e po’ se vo’ squaglia’!

Ernesto                            (alzandosi) Io… che aggio fatto, Contessa?

Virginia                             E’ inutile che fai l’innocentino! Ci hanno visti a tanti… tu e io int’ ‘a stanza mia… e io stevo annura!

Ernesto                            Sì, ma io stevo… stiso! Ero svenuto! E voi… stavate… insomma… era per il foruncolo!

Virginia                             (gli va vicino e gli punta il ventaglio alla gola) Nun cumincia’ a mettere scuse! Tu m’è cumpromesso… e tu m’ è spusa'!

Ernesto                            Contessa… io… non mi sento pronto… è ‘nu passo importante…

Virginia                             Tu… si’ venuto ‘nu paro ‘e vote e po’ nun te sì fatto vedere cchiu’… che te pienzi, che pigli e lassi comme vuoi? ‘E sbagliato palazzo! (lo spinge all’indietro) Io ce metto poco… basta che dongo ‘na bottarella a chisto buttunciello… e nisciuno sape pecche’ si’ muorto!

Ernesto                            Ma io sì… e ‘o capisco pure buono! Contessa… pe’ piacere… io aggio fatto solo ‘o dovere mio… (continuando ad arretrare, incontra una sedia e si siede)

Virginia                             (fronteggiandolo, si china su di lui) E che è, ‘sta storia d’ ‘o pane e cipolle? Ma fussi asciuto pazzo? ‘O marito mio nun po’ puzza’ ‘e cipolle! E ‘o regalo d’ ‘o Re? Vai subbeto ‘a llà, fatte vede’ e dille che te desse ‘nu marchesato! ‘O marito mio nun po’ essere ‘nu pezzente! Anzi, dincello che ce spusammo subito, accussì ce jesce pure cocche prebenda!

Ernesto                            Ma io me metto scuorno… e poi…

Virginia                             E poi… si nun tuorni ccà almeno cu’ ‘na contea e ‘nu paro ‘e palazzi… fa’ cunto che si’ muorto! Guarda che io nun me ne voglio truva’ a n’ato… io te voglio bene… comme te voglio bene… e t’ ‘o dimostro pure… (abbassa il ventaglio) ‘o vi’? Nun t’acciro e te faccio scegliere pure tutte cose!

Ernesto                            Contessa… io già primma tenevo ‘e palpitazioni… mò me sento male…

Virginia                             Hm? E allora te faccio fa’ ‘nu bello salasso d’ ‘o cerusico nuovo… ‘o sanno già tutti quanti che è venuto uno che s’ ‘a pigliato ‘o posto tuoio… piezzo ‘e baccalà!

Ernesto                            Ma comme… stevemo sulo nuie… quanne ‘o maestro…

Virginia                             Ccà pure ‘e mura teneno ‘e recchie!


Atto terzo, scena quarta: Ernesto, Virginia, Caracciolo, Teresa, Carolina, Astrid

Caracciolo                        (entra, malfermo con le gambe, reggendosi al bastone che poi metterà a terra) Faciteme assetta’… io nun ce ‘a faccio cchiu’…

Virginia                             (non cessando di minacciare Ernesto col ventaglio) Che è succieso, Caracciolo, v’hanno fatto stanca’?

Caracciolo                        (lasciandosi cadere su una sedia) No… ‘o stommaco… a me ‘o sangue nun me faceva impressione… ma ‘a Rigina e chillo cerusico nuovo… se so’ misi insieme… Maronna… che l’hanno potuto combina’, ‘o Re… l’hanno aperto pure ‘a vena Saltarella…

Virginia                             ‘A vena Salvatella? ‘O Re steva ‘ncaz…  rugnuso? Faciteme ‘nu piacere, chiammate a chillo cerusico che sta ‘a là, facimmo ‘nu salasso pure a chisto ‘o stesso posto!

Ernesto                            Contessa… ma io stongo buono… nun me serve nisciuno salasso!

Teresa                              (entra di premura) Ernesto! Caracciolo! Marchesa d’Angelo! Conte Minutolo! Ammiraglio! Ma dove siete andati tutti?

Caracciolo                        (rialzandosi con difficoltà) Ai vostri comandi, Contessa!

Teresa                              Ah, finalmente… io vaco truvanne Ernesto… (vede Virginia incombente su Ernesto) Contessa! Che le state facenne, ‘o fidanzato mio?

Ernesto                            Che cosa?

Caracciolo                        (si alza, festante) Già è vero! Auguri… evviva gli sposi!

Virginia                             Brutto fetente! Tu t’eri fidanzato… e m’ è fatto mettere annura annanze a te? Puorco! (gli rimette il ventaglio alla gola) Confessa, primma che t’acciro!

Ernesto                            Ma quanno mai… Contessa Teresa… ma nui nun ce simmo mai fidanzati!

Teresa                              (va vicino ad Ernesto e anche lei gli punta il ventaglio alla gola) Contessa Virginia, facite ‘nu poco ‘e spazio pure ‘o ventaglio mio… Ernesto!  Te si’ scurdato tutt’ ‘e visite che m’ è fatto… primma ‘o pere, po’ ‘a coscia… po’ pure ‘e mani… e aieri pure  l’aniello?

Ernesto                            Ma che ci azzecca… io v’aggio levato l’aniello pe’ cuntrulla’ si pure là sotto ce steva ‘o zolfo… e po’ ve l’aggio miso n’ata vota! E pe’ chesto, me fossi fidanzato cu’ vuie?

Teresa                              Aieri era ‘o durici ‘e maggio! ‘A festa ‘e Pentecoste! Ce steva ‘o Re presente! Nun ‘e visto l’ate coppie che so’ venute, p’ ‘a cerimonia? ‘O Re, malato e buono, s’è susuto pe’ benericere ‘e fidanzati… ce stevemo pure nui… e tu m’ ‘e miso l’aniello, comme hanno fatto l’ati! Simmo fidanzati annanze ‘o Re! Po’ hammo pure abballato ‘nzieme! T’ ‘o vulissi nega’?

Caracciolo                        Ce stevo pure io, aggio visto tutte cose! Evviva gli sposi!

Ernesto                            Ma io nun sapevo che era ‘a cerimonia… ‘e fidanzamento ufficiale! Aggio abballato cu’ tutte quante… po’ m’ha chiammato ‘o Re… e m’ha tenuto dint’ ‘a stanza soia tutt’ ‘a nuttata! Nun m’ha ditto niente… io nun sapevo…

Caracciolo                        E’ ‘a legge d’ ‘o Regno… ‘a sanno bona tutti quanti!

Virginia                             Piezzo ‘e fetente! Primma me comprometti e po’ te vai fidanzanne c’ ‘a primma venuta!

Teresa                              (raddrizzandosi, con le mani sui fianchi) Contessa… io nun songo ‘a primma venuta… ‘a famiglia mia sta ‘a Corte d’ ‘e tiempi ‘e Federico II d’ ‘o Sacro Romano Impero!

Virginia                             (raddrizzandosi anche lei) S’ ‘o ricordano tutti quanti, chillo cafunciello scomunicato… hanno fatto buono a farlo muri’ ‘ngalera! Ma ‘a famiglia mia steva a Corte d’ ‘e tiempi ‘e Masaniello, quanne ‘a vostra se steva ancora arrampicanne ‘ncopp ‘ ‘e piante!

Caracciolo                        A proposito ‘e piante… io aggia ghi’ a piglia’ ‘o bastone cerimoniale…

Ernesto                            (massaggiandosi il collo) Caracciolo… nun me puteve dicere primma chesta cosa? M’ate fatto chisto piattino… ma io nun m’ o tengo… ve faccio veni’ n’ata vota ‘e calli!

 (entrano le due dame di compagnia di Carolina e si dispongono ai lati dell’ingresso)

Caracciolo                        Maronna! Sta arrivanne chella n’ata vota… e io nun tengo ‘a mazza! Chella me fa’ appennere overamente! Aiutateme… facite finta che nun ce state… che site muorti… annascunniteve!

Ernesto                            (indica il bastone) E chella nun va bona cchiu’?

Caracciolo                        Maronna! Me l’ero scurdata! Grazie, cerusico!

Ernesto                            (alzandosi) Faciteme aiza’, trase ‘a Rigina… e  ccà nun m’accire nisciuno ‘e vuie! M’avveleno, m’appenno, me votto ‘a copp’ ‘o balcone… ‘a sulo! Nun ne pozzo cchiu’ ‘e ventagli avvelenati, nuttate passate a vede’ ‘a pipì, minacce, palpitazioni… me ne voglio fui’! Ate capito? Basta! Me ne torno ‘a casa mia a Teramo… o me ne vaco ‘o Stato Pontificio… a magna’ cipolle!

Caracciolo                        (si schiarisce la voce e si mette di lato, battendo tre volte la mazza a terra, cercando di nasconderla alla vista di Carolina) Sua Maestà la Regina Maria Carolina Luisa Giuseppina Giovanna Antonia d’Asburgo-Lorena! (si inchina a Carolina dopo che lei è entrata, nascondendo il bastone dietro la schiena)

(le due dame di compagnia si  inchinano al passaggio di Carolina)

Carolina                            (entra agitando il ventaglio)

Caracciolo                        Maestà, significo a vostra altezza la presenza del cerusico Ernesto e delle Contesse Teresa e Virginia!

Astrid                                (la segue in silenzio)

Carolina                            Cerusico! Basta cipolle! In stanza di mio augusto consorte manka aria!

Ernesto                            Maestà, avete ragione… ma ormai la salute del vostro preziosissimo consorte e mio Sovrano è affidata alle mani del cerusico nuovo… io non posso più ordinare nulla… e poi stavo pensando, a malincuore, di… lasciare la Corte…

Teresa                              (inchino) Maestà… come voi certamente sapete, io e il cerusico Ernesto ci siamo fidanzati ieri… vi prego di darci la vostra benedizione, e di consentire che gli venga fatto subito un salasso… si sente male!

Carolina                            Che cosa? Nostro valido cerusiki, che ha guarito da mortale raffreddore mio figlio, sta male? Diventato anche lui straordinario, come mio consorte! E vuole lasciare Corte? Non sia mai! Caracciolo! Blokkate paziente su sedia!

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

Caracciolo                        (va dietro Ernesto e lo tira giù a forza sulla sedia, infilando la mazza tra i braccioli, per impedirgli di alzarsi) Scusate, cerusico… ecco fatto, Maestà!

Ernesto                            (a Caracciolo) Nun sulo ‘ncopp’ ‘e pieri… ‘e calli v’ è faccio veni’ pure a n’ato posto, a forza ‘e cavuci!

Carolina                            Caracciolo! Ora kiamate cerusico Crikorio, schnell! Ed anke mio consorte, defe assistere a cavamento di sangve e mia benedizione!

Caracciolo                        (si inchina ed esce) Subito Maestà!


Atto terzo, scena quinta: Ernesto, Virginia, Teresa, Carolina, Astrid, Caracciolo

Virginia                             Vostra Maestà… scusatemi, ma avete detto che il nuovo cerusico si chiama… Gregorio?

Carolina                            Sì, qvel nome Crikorio, ja! Però no rikordo casato!

Virginia                             Ah! Maestà… se fosse Gregorio di Montegioioso io ne avrei tanto piacere… lo conosco bene, molto bene… abbiamo ballato qui tante volte, forse anche vostra Maestà lo avrà notato… sarà una veramente bello rivederlo… sapete… ci siamo anche visti spesso, solo che abbiamo litigato qualche giorno fa… e non è ancora venuto a chiedermi scusa! (sbatte nervosamente il ventaglio chiuso sulla mano, poi s’inchina) Se vostra Maestà volesse… agevolare in qualche modo…

Carolina                            Contessa… io kapisco bene foi! Farò benetire da mio consorte ancke vostro fidanzamento, ja? Così lui incastrato… aeternum!

Virginia                             (si inchina) Soddisfare i desideri di vostra Maestà è un dovere per noi… ed in questo caso è un dovere piacevolissimo!

Teresa                              Anche a me… (andando vicino a Ernesto) a noi, farà molto piacere!

Ernesto                            (sorpreso mentre cercava di sfilare, non visto, il bastone che lo blocca) Ma nun te putive sta’ addo' stivi?

Carolina                            Foi fermo, cerusiko! Vista fostra krande capacità a salvare vita di mio primogenito Carlo Tito, farò nominare foi Cavaliere… anzi, no… avrete la Contea di Chiaromonte… ora libera… Conte giacobino impiccato zwai giorni fa! Ho deciso!

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

Teresa                              Maestà, io… noi non sappiamo come ringraziarvi! (inchino, poi si rivolge a Ernesto dandogli delle gomitate) Insomma, aizati, e ringrazia pure tu!

Ernesto                            (cercando di liberarsi) E’ ‘na parola… grazie vostra Maestà… è veramente un grande onore! (si inchina per quanto possibile con tutta la sedia)

Caracciolo                        (entra con agitazione) ‘A mazza! Cerusico, dateme ‘a mazza… me serve subito! (cerca di sfilarla dalla sedia con forza, causando perdite di equilibrio a Ernesto; rivolgendosi a Carolina) Scusate il mio impeto, Maestà… il vostro regale consorte vuole alzarsi, ha bisogno urgentemente di un appoggio e… non si trovano gli altri bastoni!

Teresa                              Che bello, il Re ci onora della sua presenza!

Caracciolo                        (riesce ad estrarre il bastone e imbocca l’uscita della stanza Reale)

Ernesto                            (stiracchiandosi) Finalmente!

Carolina                            Salassi fatto molto bene a mio consorte… già di nuofo in piedi, atletiko, skattante!

Virginia                             Ma il Re forse ha bisogno di una mano… vado ad aiutare… con il permesso di vostra Maestà! (fa un inchino veloce ed esce)

Teresa                              Contessa, fatevi aiutare anche dal cerusico Gregorio!


Atto terzo, scena sesta: Ernesto, Teresa, Carolina, Astrid, Caracciolo, Ferdinando, Michele, Gregorio, Virginia

(entrano Caracciolo e Michele che sorreggono Ferdinando, in un camicione da notte diverso dal precedente, si sorreggerà al bastone e dovrà avere un trucco molto pallido; dietro di loro anche Gregorio e Virginia)

Ferdinando                     Chiano… chiano, si no me rompo!

Michele                            Certo Maestà… però camminate, vi fa bene!

Carolina                            Vi sentite meglio, dolce konsorte?

Ferdinando                     Io… me sento ‘a capa liggiera liggiera… (incespica) pare che stongo camminanne ‘ncopp’ ‘e nuvole!

Caracciolo                        Allora ‘o cerusico ‘a levato ‘e calli pure a voi, Maestà?

Ferdinando                     No… m’hanno levato tutte cose, ma chilli, no!

Ernesto                            Maestro Michele… non avete prescritto un corroborante a sua Maestà?

(Ferdinando con Michele e Caracciolo arrivano al centro palco e fanno sedere il Re)

Michele                            Maestà, accomodatevi… Caracciolo, accostate ‘a seggia!

Virginia                             (lo anticipa) Ecco Maestà!

Gregorio                          (a Caracciolo) Jatevenne! Ma state sempe pe’ miezo?

Michele                            Maestà, è una splendida occasione vedere riunita la migliore parte della Corte Reale… e proprio per questo io intendo rivolgere il mio pensiero al mio Sovrano… ho fatto qualcosa per voi, Maestà…

Ernesto                            Un galenico… maestro?

Teresa                              Uh, che bel nome… lo voglio pure io!

Virginia                             E allora pure io… e ne voglio due!

Carolina                            Insomma, Contesse! Siete forse inferme… malate? Lasciate parlare il Commendatore!

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

Michele                            Dicevo, visto che il nostro Sovrano si è ristabilito…

Ferdinando                     (riesce solo ad obiettare a gesti)

Michele                            …intendo ringraziare solennemente le vostre Maestà e chiedervi di concedermi un piccolo periodo di riposo… ormai i due valenti cerusici mi sono subentrati ottimamente… comunque non cesserò di ritornare periodicamente a verificare il loro operato e a rendere omaggio alle vostre Maestà! Solo… vista la mia grande modestia… affiderei al Cerimoniere la lettura del mio messaggio… io mi commuoverei troppo!

Carolina                            Fa bene… vi concediamo pikkolo riposo, vostra preziosa opera ci ha conserfato in salute… ed anche i zwai cerusici, qvi… sono brafi, ja!

Michele                            Grazie, vostra Maestà! (si inchina e mentre esce si rivolge a Caracciolo) Caracciolo! Affido alla vostra voce stentorea il mio messaggio per le loro Maestà! L’ho scritto in bella calligrafia, così non avrete… insomma nun ve putite ‘mpapucchiare! Signori Nobili tutti… a rivederci presto! (si inchina ed esce)

Caracciolo                        Che brav’omme! Ah… fossero tutti accussì… (va al tavolino e prende il foglio scritto da Ernesto) Maestà… mi date licenza di iniziare la lettura?

Carolina                            Ja! Noi fogliamo capire tutto molto benissimo! Allora tutti fermi! Tutti zitti! Sollte nicht fliegen Fliegen! Niente moske! Cerimoniere… procedete… però andate subito a parte con succo, lasciate perdere incipit!

Caracciolo                        (distende il foglio, legge rapidamente e borbotta qualcosa di poco udibile del tipo “medico delle vostre Maestà”) Ah, ecco, ho trovato! (scorre velocemente il foglio e schiarisce la voce) E ci sta pure il sigillo del Commendatore! L’ha scritto proprio isso! Maestà… è diretta al Re… siete proprio sicura di voler ascoltare?

Carolina                            (con toni ascendenti) Insomma, schnell, schnell, schnell!

Caracciolo                        (schiarisce di nuovo la voce) “… ed è quindi con la massima soddisfazione che vi dico, preziosa Maestà, di andarvene… a chillo paese voi, che nun site pe’ niente malato ma sulo ‘nu viecchio ìnzallanuto…, chella… ‘nziriosa d’ ‘a Regina che nun saccio comme facite a suppurta’, chilli schifiltosi ‘e Cavalieri, Dame e Valletti vari, e ‘o riesto d’ ‘a cumpagnia ‘e chilli magnafranchi… a tradimento comme a vui! Concludendo, eccelsa Maestà, vi porgo i miei deferenti ed umili omaggi di ex devoto suddito che mò sta in viaggio per dove non mi putite fare acchiappare!”

Ferdinando                     (trasalendo) Maronna… era ‘nu Giacobino! Chiammate ‘e guardie… (si accascia sulla sedia)

Tutti                                   (lo circondano, nascondendolo alla vista del pubblico e lo incoraggiano, a soggetto; Carolina ed Astrid rimarranno isolate dal gruppo)

Carolina                            Ma insomma, ich habe nichts verstanden! Caracciolo! Traducete!

Astrid                                Sicherlich Majestät! Voi avete sempre ragione!

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno